Sei sulla pagina 1di 6

http://jworgit.blogspot.

com/ Guide di ricerca biblica 1


Ripasso della Scuola di Ministero Teocratico Aprile 2014
Riferimenti per Ripasso della Scuola di Ministero Teocratico Aprile 2014

Le seguenti domande saranno considerate alla Scuola di Ministero Teocratico della settimana che inizia
il 28 aprile 2014.

1. Cosa permise a Giuseppe di evitare di commettere immoralit con la moglie di Potifar? (Gen.
39:7-12). [3 mar., w13 15/2 p. 4 par. 6; w07 15/10 p. 23 par. 16]
^ (Gen. 39:7-12) Ora, dopo queste cose, accadde che la moglie del suo padrone alzava gli occhi su
Giuseppe e diceva: Giaci con me.
8
Ma egli rifiutava e diceva alla moglie del suo padrone: Ecco, il
mio signore non sa che cos presso di me nella casa, e mi ha dato in mano tutto ci che ha.
9
In questa
casa non c nessuno maggiore di me, e non mi ha vietato nulla eccetto te, perch sei sua moglie. Come
potrei dunque commettere questo grande male e peccare realmente contro Dio?
10
Avvenne dunque
che, mentre essa parlava a Giuseppe di giorno in giorno, egli non lascolt mai per giacerle accanto, per
restare con lei.
11
Ma quel giorno accadde che come gli altri giorni egli entr nella casa per fare le sue
faccende, e in casa non cera nessuno degli uomini della casa.
12
Quindi essa lo afferr per la veste,
dicendo: Giaci con me! Ma egli le lasci la veste in mano e si diede alla fuga, e usc fuori.
^ ***w13 15/2 p. 4 Questa la nostra eredit spirituale!***
6
La nostra eredit spirituale comprende una gran quantit di accurate e preziose informazioni
tramandate dal passato. Prendiamo il caso di Abraamo, Isacco e Giacobbe: nelle famiglie di questi
patriarchi sicuramente si parlava di cosa fare per essere graditi a Geova. Forte di questo bagaglio, il
giusto Giuseppe rifiut di commettere immoralit sessuale per non peccare realmente contro Dio
(Gen. 39:7-9). Anche i cristiani si tramandavano tradizioni oralmente o con lesempio. questo il caso
delle informazioni che Paolo trasmise alle congregazioni circa il Pasto Serale del Signore (1 Cor.
11:2, 23). Ai nostri giorni, ci che abbiamo bisogno di sapere per adorare Dio con spirito e verit si
trova nella sua Parola scritta. (Leggi Giovanni 4:23, 24.) La Bibbia esiste per illuminare lintera
umanit, ma noi servitori di Geova lapprezziamo in modo particolare.
^ ***w07 15/10 p. 23 Ascoltiamo la voce della coscienza***
16
Ci che accadde a Giuseppe quandera nella casa di Potifar ne un esempio. La moglie di Potifar
tent di sedurre Giuseppe ma lui, bench vivesse in un tempo in cui non era stato ancora scritto nessun
libro della Bibbia e non erano ancora stati dati i Dieci Comandamenti, reag dicendo: Come potrei . . .
commettere questo grande male e peccare realmente contro Dio? (Genesi 39:9) Se Giuseppe rispose
cos non fu per piacere alla sua famiglia, che era lontana. Voleva soprattutto piacere a Dio. Conosceva
la norma divina riguardante il matrimonio: un solo uomo per una sola donna, che divengono una sola
carne. E probabilmente aveva udito di come si era sentito Abimelec nellapprendere che Rebecca era
sposata: questi si era reso conto che sarebbe stato sbagliato prenderla e che ci avrebbe fatto ricadere la
colpa sul suo popolo. Geova aveva benedetto lesito di quella vicenda, mostrando cosa pensava
delladulterio. Giuseppe era a conoscenza di tutti questi fatti e probabilmente ci rese pi forte la voce
della sua coscienza ereditata, spingendolo a rifiutarsi di commettere immoralit sessuale. Genesi
2:24; 12:17-19; 20:1-18; 26:7-14.


http://jworgit.blogspot.com/ Guide di ricerca biblica 2
2. Perch Giuseppe un buon esempio per chi subisce ingiustizie e avversit? (Gen.
41:14, 39, 40). [10 mar., w04 15/1 p. 29 par. 6; w04 1/6 p. 20 par. 4]
^ (Gen. 41:14) E Faraone mandava a chiamare Giuseppe, perch lo conducessero presto dalla buca
della prigione. Perci egli si rase e si cambi i mantelli e and da Faraone.
^ (Gen. 41:39, 40) Dopo ci Faraone disse a Giuseppe: Giacch Dio ti ha fatto sapere tutto questo,
non c nessuno discreto e saggio come te.
40
Tu sarai personalmente sopra la mia casa, e tutto il mio
popolo ti ubbidir senza riserve. Solo in quanto al trono io sar pi grande di te.
^ ***w04 15/1 p. 29 par. 6 Punti notevoli del libro di Genesi II***
41:14-16, 39, 40. Geova pu capovolgere la situazione di quelli che lo temono. In tempo di avversit
facciamo bene a riporre fiducia in Geova e rimanergli fedeli.
^ ***w04 1/6 p. 20 Le circostanze controllano la vostra vita?***
Mentre era schiavo in Egitto, Giuseppe dovette resistere alle proposte immorali della moglie del suo
padrone. In collera per essere stata respinta, essa lo accus falsamente di aver tentato di violentarla.
Giuseppe fu consegnato alla casa di prigionia, dove afflissero con i ceppi i suoi piedi, [e] la sua
anima entr nei ferri. (Genesi 39:7-20; Salmo 105:17, 18) Che prova deve essere stata quella!
Nellarco di circa 13 anni divenne schiavo e prigioniero a causa di ingiustizie commesse a suo danno
da altri, compresi membri della sua famiglia. Genesi 37:2; 41:46.

3. Quali ragioni aveva Giuseppe per mostrare misericordia ai suoi fratelli? [17 mar., w99 1/1
p. 30 parr. 6-7]
^ ***w99 1/1 p. 30 Un atto di perdono rende possibile la salvezza***
Giuseppe non mostr misericordia senza una base. Aveva gi notato nei fratellastri segni di pentimento.
Per esempio, quando li aveva accusati di essere spie, li aveva uditi dire fra loro: Senza dubbio siamo
colpevoli riguardo a nostro fratello . . . Perci questa angustia venuta su di noi. (Genesi 42:21)
Inoltre Giuda si era offerto di divenire schiavo al posto di Beniamino purch il giovane potesse tornare
da suo padre. Genesi 44:33, 34.
Perci Giuseppe aveva buone ragioni per mostrare misericordia. Si rese conto che cos facendo avrebbe
potuto salvare tutta la sua famiglia. Pertanto disse ai fratellastri di tornare dal padre Giacobbe e di
dirgli: Tuo figlio Giuseppe ha detto questo: Dio mi ha costituito signore di tutto lEgitto. Scendi da
me. Non tardare. E dovrai dimorare nel paese di Gosen, e dovrai stare presso di me, tu e i tuoi figli e i
figli dei tuoi figli e i tuoi greggi e le tue mandrie e tutto ci che hai. E l di certo ti provveder il
sostentamento. Genesi 45:9-11.

4. In che modo la profezia di Genesi 49:27 fu infine adempiuta dalla trib di Beniamino? [24
mar., w12 1/1 p. 29, riquadro]
^ (Gen. 49:27) Beniamino continuer a sbranare come un lupo. La mattina manger lanimale
afferrato e la sera divider le spoglie.

http://jworgit.blogspot.com/ Guide di ricerca biblica 3
^ ***w12 1/1 p. 29 Ag con saggezza, coraggio e altruismo***
Si adempie una profezia
Lottando per il popolo di Dio, Ester e Mardocheo adempirono unaltra profezia biblica. Oltre 1.200
anni prima, Geova aveva ispirato il patriarca Giacobbe a predire riguardo a uno dei suoi figli:
Beniamino continuer a sbranare come un lupo. La mattina manger lanimale afferrato e la sera
divider le spoglie. (Genesi 49:27) Durante la mattina della storia del regno dIsraele, tra i
discendenti di Beniamino ci furono il re Saul e altri potenti guerrieri che combatterono a favore del
popolo di Geova. Durante la sera della storia di quel regno, dopo che il sole era tramontato sulla
discendenza regale dIsraele, Ester e Mardocheo, entrambi della trib di Beniamino, combatterono con
successo contro i nemici di Geova. In un certo senso si divisero anche le spoglie, in quanto limmensa
fortuna di Aman and a loro.

5. Cosa ci insegna Esodo 3:7-10 riguardo a Geova? [31 mar., w091/3 p. 15 parr. 3-6]
^ (Eso. 3:7-10) E Geova aggiunse: Incontestabilmente ho visto lafflizione del mio popolo che in
Egitto, e ho udito il grido a causa di quelli che lo costringono al lavoro; perch conosco bene le pene
che soffre.
8
E mi accingo a scendere per liberarlo dalla mano degli egiziani e per farlo salire da quel
paese a un paese buono e spazioso, a un paese dove scorre latte e miele, al luogo dei cananei e degli
ittiti e degli amorrei e dei ferezei e degli ivvei e dei gebusei.
9
E ora, ecco, il grido dei figli dIsraele
giunto a me, e ho anche visto loppressione con cui gli egiziani li opprimono.
10
E ora vieni e lascia che
io ti mandi da Faraone, e tu fa uscire il mio popolo, i figli dIsraele, dallEgitto.
^ ***w09 1/3 p. 15 Conosco bene le pene che soffre***
LIddio di santit aveva un motivo per parlare a Mos. Gli disse: Incontestabilmente ho visto
lafflizione del mio popolo che in Egitto, e ho udito il grido a causa di quelli che lo costringono al
lavoro; perch conosco bene le pene che soffre. (Versetto 7) Dio non era cieco da non vedere le
sofferenze del suo popolo n sordo alle sue suppliche. Al contrario il dolore che questo provava era
diventato il suo dolore. Si noti che Dio disse: Conosco bene le pene che soffre. In merito al verbo
conosco, unopera di consultazione spiega: Il termine chiama in causa i sentimenti, la tenerezza e la
compassione. Le parole che Geova rivolse a Mos rivelano che un Dio molto premuroso e attento ai
nostri bisogni.
Cosa avrebbe fatto Dio? Non si limit semplicemente a guardare o ad ascoltare con compassione. Fu
spinto ad agire. Decise di liberare il suo popolo dallEgitto e di portarlo in un paese dove scorreva latte
e miele. (Versetto 8) A tal fine, Geova disse a Mos: Fa uscire il mio popolo . . . dallEgitto.
(Versetto 10) Adempiendo fedelmente quellincarico, nel 1513 a.E.V. Mos condusse Israele fuori
dallEgitto.
Geova non cambiato. I suoi odierni adoratori possono essere sicuri che egli vede le loro avversit e
ode le loro grida di aiuto. Conosce bene le pene che soffrono. Ma Geova non solo prova compassione
per i suoi devoti servitori. un Dio amorevole eagisce a loro favore perch egli ha cura di loro.
1 Pietro 5:7.
La compassione di Dio ci d motivo di sperare. Con il suo aiuto, pur essendo esseri umani imperfetti
possiamo raggiungere un certo grado di santit e avere la sua approvazione. (1 Pietro 1:15, 16) Una
cristiana che ha dovuto fare i conti con la depressione e lo scoraggiamento stata confortata da ci che

http://jworgit.blogspot.com/ Guide di ricerca biblica 4
accadde a Mos presso il roveto. Ha detto: Se Geova pu rendere santo persino il suolo, forse c
qualche speranza anche per me. Questo pensiero mi ha aiutato moltissimo.

6. Al tempo di Mos, in che modo Geova ag in armonia con un aspetto del significato del suo
nome? (Eso. 3:14, 15). [31 mar.,w13 15/3 pp. 25-26 parr. 5-6]
^ (Eso. 3:14, 15) A ci Dio disse a Mos: IO MOSTRER DESSERE CI CHE MOSTRER
DESSERE. E aggiunse: Devi dire questo ai figli dIsraele: IO MOSTRER DESSERE mi ha
mandato a voi.
15
Quindi Dio disse ancora una volta a Mos: Devi dire questo ai figli dIsraele:
Geova lIddio dei vostri antenati, lIddio di Abraamo, lIddio di Isacco e lIddio di Giacobbe, mi ha
mandato a voi. Questo il mio nome a tempo indefinito, e questo il memoriale di me di generazione
in generazione.
^ ***w13 15/3 pp. 25-26 Onoriamo il grande nome di Geova***
5
Quale fu la risposta di Geova alla domanda di Mos? Devi dire questo ai figli dIsraele: IO
MOSTRER DESSERE mi ha mandato a voi. Mos doveva inoltre dire: Geova lIddio dei vostri
antenati [...] mi ha mandato a voi. Con queste parole Dio rivel qualcosa di molto importante: egli
diventer qualunque cosa decida per adempiere il suo proposito e manterr sempre la sua parola. Ecco
perch nel versetto 15 leggiamo che egli stesso disse: Questo il mio nome a tempo indefinito, e
questo il memoriale di me di generazione in generazione. Quelle parole sicuramente rafforzarono la
fede di Mos e lo riempirono di un profondo timore reverenziale.
GEOVA STATO COERENTE CON IL SIGNIFICATO DEL SUO NOME
6
Di l a poco, Geova ag coerentemente con il significato del suo nome [mostrando] dessere il
Liberatore di Israele. Umili lEgitto con dieci piaghe devastanti, rendendo chiaro nello stesso tempo
che gli di egizi, incluso il faraone, erano privi di qualsiasi potere (Eso. 12:12). Dopodich apr le
acque del Mar Rosso, vi fece passare gli israeliti e fece annegare il faraone con le sue forze militari
(Sal. 136:13-15). Durante tutti gli anni trascorsi nel grande e tremendo deserto Geova diede prova di
essere Colui che conserva in vita provvedendo cibo e acqua al suo popolo, che ammontava a due o tre
milioni di persone, se non di pi. Fece addirittura in modo che i loro abiti e i loro sandali non si
consumassero (Deut. 1:19; 29:5). Non c proprio nulla che possa impedire a Geova di rivelarsi
allaltezza del suo incomparabile nome. Secoli dopo, egli disse a Isaia: Io, io sono Geova, e oltre a me
non c salvatore (Isa. 43:11).

7. Secondo Esodo 7:1, in che senso Mos fu costituito Dio per Faraone? [7 apr., w04 15/3 p. 25
par. 7]
^ (Eso. 7:1) Di conseguenza Geova disse a Mos: Vedi, ti ho costituito Dio per Faraone, e Aaronne
tuo proprio fratello diverr il tuo profeta.
^ ***w04 15/3 p. 25 par. 7 Punti notevoli del libro di Esodo***
7:1: In che senso Mos fu costituito Dio per Faraone? Mos ricevette da Dio potenza e autorit su
Faraone. Quindi non cera nessun motivo di temere quel re.


http://jworgit.blogspot.com/ Guide di ricerca biblica 5
8. Pur avendo visto il potere salvifico di Geova quando erano stati liberati dallEgitto, quale
atteggiamento ebbero in seguito gli israeliti, e che lezione possiamo trarne? (Eso. 14:30, 31). [14
apr., w12 15/3 pp. 26-27 parr. 8-10]
^ (Eso. 14:30, 31) Cos quel giorno Geova salv Israele dalla mano degli egiziani, e Israele vide gli
egiziani morti sulla spiaggia del mare.
31
Israele vide anche la grande mano che Geova mise allopera
contro gli egiziani; e il popolo temeva Geova e riponeva fede in Geova e in Mos suo servitore.
^ ***w12 15/3 pp. 26-27 Non guardiamo alle cose che sono dietro***
8
Riusciamo a immaginare la gioia degli israeliti quando lasciarono il paese della loro schiavit da
persone libere? Avevano visto una manifestazione spettacolare della potenza divina quando Geova
aveva colpito larrogante faraone e il suo popolo con le dieci piaghe. (Leggi Esodo 6:1, 6, 7). Alla fine
gli egiziani avevano lasciato andare gli israeliti, anzi, li avevano sollecitati ad andarsene e avevano dato
loro tanto oro e argento che nella narrazione biblica si legge che gli israeliti spogliarono gli egiziani.
(Eso. 12:33-36) Gli israeliti esultarono nuovamente quando il faraone e le sue forze militari furono
distrutti nel Mar Rosso. (Eso. 14:30, 31) Assistere a tali avvenimenti emozionanti avrebbe senzaltro
dovuto rafforzare la loro fede.
9
Incredibilmente, per, poco dopo questa miracolosa liberazione il popolo cominci a mormorare.
Perch? Per via del cibo! Insoddisfatti di ci che Geova provvedeva, gli israeliti si lamentarono: Ci
ricordiamo del pesce che mangiavamo in Egitto per nulla, dei cetrioli e dei cocomeri e dei porri e delle
cipolle e dellaglio! Ma ora la nostra anima si inaridita! I nostri occhi non sono su nientaltro che la
manna. (Num. 11:5, 6) Il loro punto di vista non era pi obiettivo, tanto che desideravano addirittura
ritornare nel paese in cui erano stati schiavi. (Num. 14:2-4) Gli israeliti guardarono alle cose che sono
dietro e persero il favore di Geova. Num. 11:10.
10
Qual la lezione per noi oggi? Quando affrontiamo difficolt e problemi, cerchiamo di non fissarci
su cose del passato che ci sembra siano state positive, cose che magari appartengono a un tempo in cui
neppure conoscevamo la verit. Anche se non sbagliato meditare sulle lezioni imparate da esperienze
precedenti e rievocare cari ricordi, dobbiamo mantenere un punto di vista equilibrato e realistico del
passato. Altrimenti rischiamo di sentirci ancor pi insoddisfatti delle nostre circostanze attuali e
potremmo essere tentati di tornare al nostro precedente stile di vita. Leggi 2 Pietro 2:20-22.

9. In che modo lespressione portarvi su ali di aquile esprime appropriatamente il modo
amorevole in cui Geova tratt la giovane nazione di Israele? (Eso. 19:4). [28 apr., w96 15/6 p. 10
par. 5p. 11 par. 2]
^ (Eso. 19:4) Voi stessi avete visto ci che feci agli egiziani, per portarvi su ali di aquile e condurvi a
me.
^ ***w96 15/6 pp. 10-11 Saliranno con ali come aquile***
Allombra delle ali di unaquila
Uno dei momenti pi pericolosi della vita di unaquila quando deve imparare a volare. Non poche
aquile muoiono in questo tentativo. Come un aquilotto, anche la neonata nazione di Israele era in
pericolo quando lasci lEgitto. Perci le parole che Geova rivolse agli israeliti furono molto
appropriate: Voi stessi avete visto ci che feci agli egiziani, per portarvi su ali di aquile e condurvi a
me. (Esodo 19:4) Si sa di aquile che per breve tempo hanno portato un aquilotto sul dorso affinch

http://jworgit.blogspot.com/ Guide di ricerca biblica 6
non si schiantasse al suolo nei suoi primi tentativi di volare. Commentando notizie del genere, Godfrey
R. Driver disse: La figura [in Deuteronomio 32:11] non dunque un semplice volo della fantasia ma
si basa su fatti reali. Palestine Exploration Quarterly.
Le aquile sono genitori esemplari anche sotto altri aspetti. Non solo provvedono allaquilotto pasti
regolari, ma mamma aquila spezzetta anche la carne che il maschio porta al nido affinch laquilotto
possa inghiottirla. Dato che di solito i nidi sono costruiti sulle cime rocciose o su alberi alti, i piccoli
sono esposti agli elementi. (Giobbe 39:27, 28) Se non fosse per la cura dei genitori, il sole cocente dei
paesi biblici potrebbe provocare la morte degli aquilotti. Laquila adulta distende le ali, a volte per ore
di seguito, per proteggere con la sua ombra il suo piccolo delicato.
quindi molto appropriato che le ali dellaquila siano usate nelle Scritture come simbolo della
protezione divina. Deuteronomio 32:9-12 descrive il modo in cui Geova protesse gli israeliti durante la
peregrinazione nel deserto: Poich la porzione di Geova il suo popolo; Giacobbe la parte assegnata
che egli eredita. Lo trov in una terra desertica, e in un deserto vuoto, ululante. Lo circondava, ne
aveva cura, lo salvaguardava come la pupilla del suo occhio. Proprio come laquila scuote il suo nido,
volteggia sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende, li porta sulle sue penne remiganti, Geova solo
lo guidava. Geova ci assicura la stessa amorevole protezione se confidiamo in lui.

10. In che senso Geova reca la punizione per lerrore dei padri sulle generazioni future? (Eso.
20:5). [28 apr., w04 15/3 p. 27 par. 1]
^ (Eso. 20:5) Non devi inchinarti davanti a loro n essere indotto a servirle, perch io, Geova tuo Dio,
sono un Dio che esige esclusiva devozione, recando la punizione per lerrore dei padri sui figli, sulla
terza generazione e sulla quarta generazione, nel caso di quelli che mi odiano;
^ ***w04 15/3 p. 27 par. 1 Punti notevoli del libro di Esodo***
Risposta a domande bibliche:
20:5: In che senso Geova reca la punizione per lerrore dei padri sulle generazioni future? Ciascun
individuo, una volta diventato adulto, giudicato in base alla sua condotta e al suo atteggiamento. Ma
quando la nazione di Israele divenne idolatra, ne sub le conseguenze per generazioni. Persino gli
israeliti fedeli ne sentirono gli effetti perch a causa dellinfedelt religiosa della nazione fu difficile
per loro mantenere lintegrit.

Pubblicato in: Studi delle Scritture