Sei sulla pagina 1di 8

Maggio 2009 Periodico di informazione dell’Istituto Comprensivo Lamporecchio Anno II° Numero 2

Stampato in proprio presso la Scuola Secondaria di I° grado “F. Berni” di Lamporecchio.


Periodico autorizzato dal Dirigente Scolastico Ivo Torrigiani ai sensi della C.M. 242 del 02/09/89

INTERVISTA AD IVO TORRIGIANI


EDITORIALE DIRIGENTE DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DI LAMPORECCHIO

Fabio Fucentese – Gallerini Gabriele – Margherita Palese – Jacopo Spinelli – Chiara Volpi

Cari lettori,
Cosa insegnava quando era professore? L’importante è che ognuno abbia rispetto
siamo alla fine dell’anno scolastico e Ho insegnato per circa 15 anni italiano per il lavoro che viene svolto dagli
alla Scuola media e per 15 anni storia e insegnanti. Ognuno di noi ha delle
all’ultimo appuntamento con il nostro
filosofia al Liceo scientifico. caratteristiche diverse e quindi ognuno
periodico sul quale gli alunni di tutte le Quando aveva la nostra età s’impegnava a può essere predisposto più per una
classi della scuola media Berni hanno scuola? materia che per un’altra, ma la cosa
espresso le loro libere opinioni sulle varie Ero un alunno preparato! La scuola era essenziale è tenere conto del proprio
diversa da quella di oggi. Studiavo, ma lavoro e di quello altrui.
iniziative scolastiche e sugli avvenimenti
avevo cinque a matematica. Qual è il suo insegnante ideale?
più importanti della comunità di Come ho fatto a diventare preside? Per essere un professore modello bisogna
Lamporecchio. Ho fatto un esame per dirigenti che era aver rispetto per i ragazzi, amare la
molto complesso e selettivo. Non pensavo disciplina che si insegna e avere la
La redazione coglie l’occasione per
di essere stato molto più bravo degli altri capacità di trasmettere ciò che si
augurare a tutti candidati, sono soltanto stato più conosce altrimenti siamo solo persone
BUONE VACANZE!!! fortunato. Sono due anni che faccio il competenti.
preside. Ho deciso di diventare dirigente C’è qualche differenza, secondo lei, tra i
e
perché dopo trentaquattro anni ragazzi di oggi e di ieri?
BUONA LETTURA!!! d’insegnamento avevo voglia di fare cose Ci sono stati diversi cambiamenti fra la
diverse. scuola di oggi e quella di prima. Un tempo
Cosa comporta essere il preside di questa la scuola era molto selettiva e più lontana
scuola? dai ragazzi; alle medie il rapporto tra
Essendo un Istituto comprensivo ci sono professori e alunni era più freddo e
molte difficoltà, ma la bellezza è che ci severo per quanto riguarda le elementari
prendiamo in carico l’educazione dei il rapporto era come quello di oggi.
ragazzi dai tre ai quattordici anni. È una Cosa ne pensa del cinque in condotta?
grande responsabilità, ma è anche una Secondo me la valutazione in decimi è un
grande soddisfazione veder crescere gli modo più trasparente per rispecchiare il
alunni sia fisicamente che umanamente. comportamento dei ragazzi di oggi, però
Le piacerebbe continuare a insegnare? lo accompagnerei con una spiegazione alle
Sì, mi piacerebbe continuare ad famiglie.
insegnare perché mi manca il rapporto Secondo lei sono importanti i progetti
diretto con gli alunni. extrascolastici?
Qual è il suo tipo di alunno ideale? I progetti extrascolastici sono
L’alunno ideale non esiste. Da un punto di importanti se rappresentano un modo per
vista scolastico è vero che tutti approfondire le materie di studio.
vorrebbero un alunno creativo e che si
impegnasse.

IN QUESTO NUMERO

La scuola Media a Monaco di Baviera


Libri di pietra
Gitaaaaa
Urbino
Redazione classi 2° C, Il laboratorio di lettere e di inglese: due culture a confronto
2° A e 2° B Leggere nel 2009
Prof.ssa Monia Leone Sport
Giochi della Gioventù
Intervista a Antonio Nibali
Poesia e dintorni
Giochi
Ricette
Monaco di Baviera
di Giulia Pagnini

Martedì, 21 aprile 2009, le classi terze che il viaggio era andato benissimo che soprattutto siamo entrati nell’”Hard Rock
della scuola media “F. Berni” sono partite eravamo arrivati. Alle 19:30, ci siamo Cafè”, sia noi alunni sia i professori, e tutti,
per Monaco di Baviera. ritrovati giù, nella hall dell’ hotel, poi siamo o quasi, ci siamo comprati la maglia dell’Hard
Contemporaneamente, ma con un altro Rock Cafè di Monaco. La sera, come al
pullman e un programma un po’ diverso dal solito, siamo andati a cena, abbiamo fatto la
nostro, sono venute anche le classi terze nostra passeggiata abituale, scherzando e
della scuola media di Larciano, infatti ridendo a più non posso, e poi siamo andati
questa gita di quattro giorni, ovvero tutti nelle proprie camere. Io e Giada ci
martedì 21, mercoledì 22, giovedì 23 e siamo messe a fare la valigia e, alla fine, ci
venerdì 24 Aprile, è stato organizzato dal siamo addormentate. L’indomani mattina,
Comune e dalla scuola di Lamporecchio, e dal abbiamo preso tutte le nostre cose,
Comune e da scuola di Larciano. abbiamo fatto colazione e abbiamo lasciato
In questa nostra avventura ci hanno l’albergo poiché era l’ultimo giorno della
accompagnato cinque docenti, il Dirigente, nostra piccola, ma fantastica esperienza.
un assessore comunale: Pistolesi Marta, Cioli saliti sul pullman siamo andati al ristorante. Verso mezzogiorno, siamo ripartiti per
Tiziana, Francesconi Renza, Cammarata Dopo cena, abbiamo fatto una piccola Lamporecchio, e alle 20:00 siamo,
Lidia, Alderotti Sandra, Torrigiani Ivo passeggiata per tornare in hotel. E così è finalmente arrivati, stanchi ma contenti di
preside, Carla Bollettini assessore. La successo tutte le sere. essere tornati nel “nostro piccolo, grande
compagnia del nostro pullman era la Il giorno seguente, il 22 Aprile, dopo la mondo”, Lamporecchio, dai nostri genitori e
“Florentia bus”, e il nostro autista si è prima colazione, siamo partiti per visitare il da tutti i nostri amici. A dire la verità, mi è
dimostrato molto socievole e ci ha fatto castello di Neushwastein e la villa di dispiaciuto che la gita sia durata poco, cioè
divertire. Linderhg, accompagnati da una simpatica e quattro gironi in terza media sono più che
socievole guida turistica. sufficienti, ma sono passati velocemente,
I castelli erano molto belli, però, ad essere troppo velocemente. In questi quattro giorni
sincera, Linderhg, cioè la residenza da abbiamo riso, scherzato e ci siamo divertiti
caccia di Ludwing, re di Baviera, mi piaciuta come non mai, ma, vedendo il Campo di
di più. Concentramento di Dachau, ci siamo resi
Finite le nostre visite, siamo rientrati in conto di come può essere crudele l’essere
albergo, ed abbiamo avuto un’oretta per umano, ma sopratutto io mi chiedo dove i
rinfrescarci e per cambiarci, e poi ci siamo Tedeschi abbiamo trovato la forza di
rincamminati verso il ristorante, scherzando sterminare milioni di persone, senza tener
e ridendo, sia tra noi ragazzi, che con i conto dell’età o del sesso. E’ una cosa
professori. La sera, quando eravamo in giro orribile, e dobbiamo pensare che questa è
per Monaco, ci divertivamo moltissimo, storia vicina a noi, e ci dobbiamo rendere
tanto che non ho parole per raccontarlo, conto che, se non vogliamo che tutto ciò
La mattina del 21 aprile ci siamo ritrovati erano risate continue. In hotel, prima di riaccada, bisogna riuscire a convivere, a
alle 6:00 davanti alla scuola, eravamo mezzi andare a letto, ci riunivamo tutte in una dialogare, a cercare la pace.
addormentati, ma era difficile rendersene camera per giocare a carte e per parlare un Comunque, tutto sommato, è stata
conto, da quanto eravamo agitati. Ognuno di po’. un’esperienza indimenticabile e
noi usciva dalla macchina con la propria Il programma del penultimo giorno della insostituibile, e per questo ringrazio tutti i
valigia, ma, soprattutto, con il sorriso nostra fantastica avventura era: - miei amici, ma soprattutto i professori, il
stampato sulle labbra. Finalmente, alle 6:30, escursione di quattro ore per visitare il preside e l’assessore che sono stati
siamo partiti; durante il viaggio di andata, Campo di Concentramento di Dachau; tempo disponibili a farci “vivere” questa bellissima
sono stata accanto ad una delle mie migliori libero nel pomeriggio. E così è stato, infatti esperienza.
amiche, Martina. Ci siamo fatte le foto, la mattina siamo andati a Dachau.
abbiamo ascoltato musica, ma, soprattutto, Appena entrati dentro il campo, non ci siamo
abbiamo scherzato con tutti gli altri amici. resi ben conto di ciò che accadde molti anni
Prima di raggiungere la Germania, ci siamo fa in quel luogo. Ma, quando la guida ci ha
fermati a Innsbruck, in Austria. Abbiamo portato a vedere i forni crematori e la
visitato un po’ la città e siamo entrati nei camera a gas, ci siamo accorti della
negozi più tipici del posto. Verso le 16:30 sofferenza di tutte le persone che in quel
circa, siamo ripartiti per la nostra meta, luogo hanno trovato la morte. Siamo rimasti
verso le 18:45, siamo arrivati in albergo, tutti scioccati. Usciti da Dachau, ci siamo
“hotel Atlas”. Le professoresse ci hanno riuniti in un grande cerchio con la scuola di
chiamato e ci Larciano, e i due presidi
hanno dato le chiavi della nostra camera. Io delle rispettive scuole e gli assessori
ero insieme a Giada. Appena prese le chiavi, comunali hanno espresso un giudizio e
siamo andate, veloci, su al nostro piano e… io un pensiero su ciò che accadde a tutta
e Giada ci siamo chiuse subito fuori di quella povera gente.
camera. Dopo abbiamo chiamato i nostri Nel pomeriggio siamo andati a fare un po’ di
genitori per tranquillizzarli, dicendo loro shopping nei vari negozi di Monaco, ma

2
LIBRI DI PIETRA
Di Ginevra Carli e Annalisa Pancani

Finalmente anche questo anno scolastico appunti e chi registrava ogni singola nostro progetto, intitolato “Libri di
è terminato ma noi della 1°a non siamo parola della giuda per non perdere pietra”, abbiamo creato insieme alle
rimasti con le mani in mano. Grazie alle neanche una virgola della materia che ci professoresse un powerpoint con parti
nostre professoresse, Vanda Vescovi e piace più di tutte, la storia. Alla fine del sia inglese che in italiano accompagnato
Rossella Quirini, abbiamo conosciuto un da animazioni e fotografie; ma non ci
altro modo di studiare, non stando seduti siamo limitati solo a questo perché il
ad un banco ma all’aria per le strade nostro progetto ha dato un frutto ancor
della nostra magnifica regione. Abbiamo più grande. Infatti ogni alunno ha
fatto diverse uscite a Pistoia, Firenze ma trattato e studiato un argomento diverso
soprattutto a Lucca tra le vie, le chiese e in italiano e inglese, riguardante Lucca, la
gli edifici più antichi, per rivivere la città murata dove porteremo in seguito i
storia personalmente, senza annoiarsi. nostri genitori per riferire loro tutto il
Tutti hanno dato il meglio di sè, ognuno nostro studio come delle vere guide.
aveva un compito diverso, c’era chi
scattava magnifiche foto, chi prendeva

Gitaaaaa
Classe II A

che in molti non hanno ascoltato. Una cosa assaporato la libertà anche se abbiamo
13 maggio 2009: finalmente gita! però l'abbiamo imparata. Ma voi, prima, lo finito di fare le solite cose come giocare a
Destinazione Urbino. Ore 6.30: ritrovo nel sapevate che Urbino è nelle Marche? E' pallone, (fino a che la prof. Buti non ce l'ha
piazzale della scuola. In un solo istante sicuro! sequestrato) un pò di shopping, un salto in
abbiamo visto: zaini multicolori, occhi Giunti alla meta ci siamo diretti verso il gelateria. Le gite sono sempre troppo brevi.
arrossati (in pochi abbiamo dormito), palazzo Ducale, che è davvero bello. E' Un attimo dopo eravamo già sul pullman per
bocche sorridenti e mamme ansiose grandissimo e diverso da tutti quelli che il rientro…Ah… dimenticavamo…le gite sono
traboccanti di raccomandazioni. avevamo visto fino ad allora. La guida ci ha brevi ma soprattutto troppo poche.
Saliamo di corsa per accaparrarci i posti in dato tutte le indicazioni sull'architettura
fondo al pullman, tanto per intendersi, quelli del palazzo. Poi abbiamo visitato la casa di
più lontani dai proff. Nelle quattro ore di Raffaello e il centro storico di Urbino:
viaggio abbiamo fatto di tutto: ascoltato piccolo ma carino. Finalmente i proff ci
musica, giocato a carte, cantato, hanno sguinzagliato per i vicoli del centro
chiacchierato. Poi qualcuno molto coraggioso liberi! Qualcuno diceva che ci seguivano a
ha pensato di leggerci la vita di Raffaello, distanza, senza farsi vedere. Abbiamo

Urbino
Classe II B

Le classi 2° della nostra scuola il giorno che tuttavia il professor Succi è Raffaello (La Madonna col bambino), di
13 maggio 09 sono state a Urbino che è riuscito a far suonare avvicinandosi Piero della Francesca (La Flagellazione),
la città natale di Raffaello. troppo a un bellissimo quadro! di Masaccio ed alcuni dipinti medievali
Urbino si è presentato a noi come una Successivamente siamo andati a visitare con il tipico sfondo d'oro.
bella città rinascimentale. La prima cosa la casa di Raffaello: il chiostro era
che noi ragazzi abbiamo fatto è stata bellissimo: interamente affrescato e
visitare il Palazzo Ducale. con le colonne di ordine dorico; abbiamo
All'interno c'erano tante opere di anche visto che la casa di Raffaello era
inestimabile valore, tanto che c'era un anche la sua bottega. Dopo siamo andati
sistema dall'allarme molto sofisticato, a fare una passeggiata, ognuno per conto
proprio per Urbino comprando dei
souvenir.
Il viaggio è stato molto lungo, ma sul
pullman ci siamo divertiti, ed è stato
molto bello visitare la città di Urbino e
vedere dal vivo opere che abbiamo
studiato a scuola, come quelle di

3
Tra le cose più simpatiche, ci piace latte e biscotti, ma uova e pancetta…
Il laboratorio di lettere e di ricordare che per Natale abbiamo sarà pure il loro piatto principale, ma è
inglese: due culture a costruito un tipico giochino inglese, il molto lontano dalla nostra dieta
confronto cracker, una specie di caramellona mediterranea, conosciuta in tutto il
contenente dolcetti, che gli inglesi usano mondo.
Classe I B aprire in modo un po’ originale: Inoltre, noi italiani siamo famosi per il
Noi sì che siamo fortunati!! Ogni disponendosi in cerchio, i componenti caffè, mentre gli inglesi hanno il rituale
settimana, alla 3°ora, affrontiamo una della famiglia tirano l’estremità del del tè, che non è chiaro come il nostro,
lezione un po’ speciale: il laboratorio di cracker delle persone accanto, con le ma scurissimo, profumato e servito con
Lettere e Inglese, con le prof. Arenare e braccia incrociate… che esperienza l’aggiunta di latte, da gustare nella pausa
Bardi. divertente!!! pomeridiana.
Non si tratta di una normale ora di Nella seconda parte dell’anno, invece, Riguardo i monumenti tipici, l’Italia è
lezione, a volte un po’ noiosa, ma di un abbiamo sviluppato in modo più specifico riconosciuta per il Colosseo, la Torre di
momento divertente, interessante e e approfondito le differenze culturali tra Pisa, il Duomo di Milano, mentre gli inglesi
istruttivo che ci coinvolge e ci stimola. Italia e Regno Unito, abbiamo imparato hanno il Big Ben, il palazzo di Buckingham
Durante quella lezione, mettiamo a e Stonenge.
confronto la cultura italiana con quella Poi, non possiamo non menzionare la
inglese, realizzando cartelloni, lavoretti, nostra passione, il calcio, mentre in
biglietti culturali, ricerche si Internet e Inghilterra giocano a baseball, a rugby e
di gruppo, oltre ad avere in classe a cricket.
stimolanti discussioni durante le quali Durante le nostre discussioni, abbiamo
impariamo tante cose nuove. approfondito un argomento che ci ha
Nella prima parte dell’anno scolastico, interessato molto: il rispetto degli inglesi
abbiamo approfondito le origini, simboli e per le regole; sono disciplinati, ben
le tradizioni di numerose festività educati, pazienti, e a differenza degli
(Halloween, Natale, San Valentino, l’8 italiani, rispettano sempre il loro turno.
Marzo, Pasqua). Ci sarebbe tanto ancora da dire, ma ci
Siamo riusciti a realizzare anche alcuni tante curiosità che non conoscevamo, fermiamo qui, contenti di questa
cartelloni e biglietti di auguri, utilizzando dalle loro abitudini alla forma di governo, esperienza che ci ha fatto conoscere
frasi e immagini cercate da noi alunni e dal cibo ai monumenti. meglio una nuova cultura e ci ha permesso
poi rielaborate con l’aiuto delle Ad esempio, a proposito del cibo, di approfondire la nostra.
insegnanti. possiamo dire che gli inglesi hanno
un’alimentazione meno corretta della
nostra, infatti a colazione non mangiano

Leggere nel 2009


Di Francesca Nucci
in una nuova avventura. Infatti, leggere di un libro rende più soddisfatti di un
un libro è un po’ come salpare con una semplice clik sul mouse. Io non sono una
“Nessun vascello c’è che, come un libro,
nave, esplorare le parti sconfinate della lettrice assidua, ma ho notato che, come
possa portarci in contrade lontane”.
terra, o arrivare semplicemente a prima di una vacanza può succedere che
Questa frase della poetessa Emily
credere di fare qualcosa di avventuroso uno non voglia partire, a volte non si vuole
Dickinson, che ci “saluta” tutte le
che, come una dolce ninna nanna, ci fa iniziare a leggere , ma una volta “a bordo”
mattine sulla porta della nostra scuola, mi
cadere in un sonno-sogno, dove il libro del nostro vascello non vorremmo mai
ha fatto riflettere.
prende vita e con sé tutti i suoi scendere.
E’ vero, il libro è l’unico mezzo per farci
personaggi. Ecco perché, secondo me, la A volte la nostra lettura non procede
sognare, per farci provare una
lettura può essere assimilata ad un perché non riusciamo a trovare un libro
moltitudine di fantastiche emozioni, per
viaggio, perché con essa tutto ciò che c’è che ci piaccia veramente, quando però ciò
farci staccare la spina e materializzarsi
di bello al mondo prende vita e con quel accade, che soddisfazione, che svago!
vascello siamo trasportati nel posto Ultimamente sto leggendo “la
incantato che sono i libri. matematica spiegata alle mie figlie”, che
Ogni volta che apro un libro mi sento racconta la storia di Lola e della sua
come obbligata ad immedesimarmi nei incomprensione di questa disciplina, che
personaggi e mi diverto a ritrovare nelle lei assimila ad un linguaggio segreto, che
loro caratteristiche quelle dei miei inspiegabilmente non riesce a decifrare.
compagni, rendendo ancora più piacevole Forse è vero che anche un libro ha
e divertente la lettura. dentro di sé un codice segreto, spesso
Ormai, però, con l’evoluzione dei mezzi riferito al messaggio che vuole farci
informatici, tendono a diminuire le captare l’autore e che non riusciamo a
persone che acquistano libri o giornali e decifrare, ma se non iniziamo mai a
così succede anche a noi ragazzi: come leggere, non iniziamo nemmeno il nostro
biasimare questo comportamento, è così viaggio, il viaggio che ci farà scoprire il
più economico e comodo! Tuttavia, anche vero enigma, NOI.
il solo sfogliare le ruvide o sottili pagine

4
NOTIZIE SPORTIVE

Giochi della gioventù

Cecilia Fagni, Alessia Caruso, Erica Ciurli, Sharon Caponi, Lorenzo Occiopiti

Dilettandosi nelle seguenti discipline: importante abbiamo riportato una


Giunti Pietro, Pacini Simone, Ciurli Erica e splendida medaglia nel lancio del Vortex
Lisi Costanza negli 80 metri piani; De grazie a Cecilia Fagni.
Lucia Emiliano, Ciobotaru Iulian, Bonfanti
Alessia e Bindi Ellison nel salto in lungo.
Coletta Gabriele, Quilici Leonardo, Fagni
Cecilia e Moroni Simona nel lancio del
voltex. Occiopiti Lorenzo, Calugi Lorenzo,
Caruso Alessia e Mele Giada nei 1000
metri piani. Cappellini Jacopo, Zini
Leonardo, Giunti Pietro, Ciobutaro Iulian,
Giovedì 21 Maggio, alcuni ragazzi/e della
nostra scuola selezionati in base ai Ancillotti Martina, Tafi Greta, Ciurli
Erica e Bonfanti Alessia per la staffetta.
risultati sportivi ottenuti, hanno
partecipato all’olimpiade scolastica Tutti sono rimasti soddisfatti
dell’esperienza e cosa non meno
tenutasi al campo scuola di Pistoia.

Intervista ad Antonio Nibali


A cura di Sabrina Rubino e Greta Tafi

Da cosa è nata questa passione per il Che emozioni si prova ad ottenere una
ciclismo? vittoria? Spesso il ciclismo viene accusato per uso
Fin da bambino vedendo mio fratello Sono emozioni indescrivibili perché di doping, pensi sia giusto doparsi?
maggiore. Un vero campione! quando fai le volate non pensi di vincere I ciclisti vengono spesso purtroppo
Quanto tempo è che pratichi questo ma poi quando vedi l'arrivo e davanti a te trovati positivi al doping, perché è uno
sport ? non c'è nessuno provi emozione e felicità dei pochi sport più faticosi. E secondo
Otto anni. Qual è stata la tua prima vittoria? me quando una persona viene trovata
Senti che questo sport sia il tuo futuro? La mia prima vittoria coincide con la mia positiva al doping e vince delle gare non
Beh lo spero, anche perché mio fratello prima corsa. trova
è arrivato nella categoria dei A chi hai dedicato la tua prima gara soddisfazione
professionisti, non mi dispiacerebbe vinta? come quando le
gareggiare “contro” di lui al Giro d’Italia La mia prima gara vinta l'ho dedicata alla vince con le
o magari al Tour de France. mia famiglia, che mi ha sempre sole proprie
Quali sono stati i momenti più belli e più incoraggiato e sostenuto nel seguire forze.
brutti della tua carriera? questo sogno. In quale
Il momento più bello naturalmente è Chi è la persona che ti ha più seguito nel squadra corri?
stata la mia prima vittoria, mentre il ciclismo? Io corro nel Gruppo Sportivo Grassi di
momento più brutto è stato quando sono Fino ad ora la persona che mi ha più Stabbia
caduto procurandomi una bella contusione seguito nel ciclismo è stato mio padre. Ti trovi bene nella tua squadra?
al ginocchio, tra l'altro era una gara Qual è il tuo ruolo durante le gare? Sì, mi trovo molto bene
molto importante per gli allievi. Dipende dallo stato fisico che ho durante
Quante vittorie hai ottenuto? la gara, il direttore sportivo mi
Beh sono molte! Scherzi a parte, sono suggerisce quale è la tattica migliore.
quattordici nei giovanissimi, tre negli
esordienti, otto vittorie allievi, mentre
nelle juniores ho avuto due secondi posti.

1, 2, 3 … volley
Torneo di minivolley organizzato
dalla Kinder al quale ha partecipato
la classe IB

5
POESIE E DINTORNI

L’immensità dell’universo unica, brillante, splendente Apro gli occhi


e dei ricordi mi tornano in mente.
L’Universo ci protegge Più giù troviamo le stelle Alzo gli occhi all’universo
come il pastore il suo gregge. del cielo buio son le cose più belle.
Noi giochiamo e ci divertiamo Ma di una cosa sono sicura e vedo riflessi
però il mondo si indebolisce pian piano. nella notte nessuno ha paura indomabili sentimenti
Impariamo a rispettare sono le stelle che danno coraggio dell’animo umano
ciò che il mondo ci può dare. e della paura non vedo il miraggio. come perle sulla sabbia.
Samuele Telesca Feliciarosa Boccia
Vedo l’infinito abbandonare
I miei sogni… Vedo innumerevoli lacrime versate
Nello spazio infinito tra bene e male.
E alzo gli occhi per guardare lassù il
cielo, Ma grande è la voglia di sognare
che dalla terra sembra un lieve velo. Che ci spinge ad andare
I nostri sogni rifugiamo nelle stelle, Verso la libertà
ma poi svaniscono come macchie sulla Con l’infinito passo della vita.
pelle. 2°A
Il nostro cammino dalla luna è illuminato,
che per la bellezza appare fatato.
Lassù nel cielo la luna a spicchi appare,
pronta a farci di nuovo sognare. Sentimenti
Valentina Desideri
Sentimenti
come sogni nella notte
Il senso di un sogno ti ricordi di averli vissuti
ma non sai quando
Sogno di notte e guardo di giorno non sai dove.
ma vedo le stelle che non fanno ritorno.
in questo cielo tutto aperto Sentimenti
questo cielo blu e immenso momenti indomabili della vita
fa capire alla gente che la vita ha un Esperienze continue
senso. emozioni infinite
Florian Lecini come un amore vissuto

Ragazzi della Scuola F. Berni al


Sentimenti
Attimi unici che toccano
Concorso Sfera Creativa a Pistoia
la tua anima.
Marcelo Villalba

L’infinito La notte, il buio intorno a me

L’infinito è come il mare Tutto dorme intorno a me,


non ha fine, ma solo la civetta è sveglia,
all’orizzonte, e mi tiene sveglia con lei,
c’è morte e risveglio. cullata nei miei pensieri,
La pace dell’universo Edoardo Meacci nei miei sogni,
nei miei desideri.
Vedo l’universo, L’amore
che come me si è perso. E come lei anch’io
Vedo le stelle, Infinito è l’amore Volo,
che si stanno spegnendo come le stelle del firmamento alla ricerca della luce,
come una candela, che vagano in un cielo di gioia. della vita.
che sta dormendo. Vincenzo Mazzei Del perché dell’esistenza…
Igli Xhafa
Una stella mi osserva,
L’infinito rimango in silenzio nella solitudine,
Il cielo è di stelle la guardo;
L’infinito è come un cielo azzurro ormai ogni luce si è spenta,
È sera e il mondo dorme con i gabbiani che volano lassù percepisco il vuoto.
della gente non vedo ombre
vedo solo un cielo oscuro L’infinito sei tu L’aria che respiro è gelida,
e delle orme di gatto sul muro. che hai voglia di sognare gelida come la paura
Alzo lo sguardo e vedo la luna sempre più. che la notte non mi abbandoni,
riflessa in una laguna Jakup Hika che il buio non lasci spazio alla luce,

6
all’aurora, è cominciare a pensare a cosa fare da Per tornare a vivere
che il sonno non si trasformi in vita, grande.
in gioia, Il loro invece è prendere un’arma in mano Meglio dare che ricevere
in felicità. e uccidere i nemici. per aiutarti a vivere
La paura di svegliarmi e non riconoscermi Questa non è una vita come la nostra
più. è un inferno che non è meritato da Meglio dare che ricevere per poter
nessuno. sorridere.
Il mio respiro si fa sempre più lieve, Con questo vi invito a fare un gesto Donare per bontà per chi parole non
più lento, d’amore troverà
meno affannoso, per far diventare il mondo a forma di donare per divertimento
si affievolisce… cuore. e ricevere un sentimento
Ginevra Carli un sentimento che si prova
E come gli occhi di un bambino i miei si Premio internazionale di poesia “Coluccio aiutando chi non lo trova
chiudono. Salutati” Borgo a Buggiano
Meglio dare che ricevere
Finisce così la magia della notte, per tornare a vivere
che ora non è che buio, in un mondo vario
semplicemente buio. c’è chi spera in un dizionario
Costanza Lisi per una persona più completa
3° classificata concorso ex-tempore di sarà una corsa senza meta.
poesia Monsummano 2008
Meglio dare che ricevere
per parlare tutti insieme
per parlare in una maniera
La Toscana ed essere uniti in amicizia sincera.
Gianluca Giannotti
La Toscana per l’Italia
è il fiore all’occhiello
dove artisti di grande fama per anni L’ambiente che vorrei in futuro
hanno potuto far gioire il pennello
come quel maestro di nome Leonardo Il futuro che io desidererei
che tutti rammentano senza sapere e sull’ambiente che vorrei
Questa è la mia poesia
neanche dov’è nato. senza una carta dopo aver mangiato
È nato a tre chilometri da casa mia è lasciarlo pulito ed adeguato
Ciò che voglio ora dire
e l’aria che è stata sua ora è mia.. senza bottiglie di nuovo gettate
E voi statemi a sentire
Non c’è paragone all’orgoglio che si ha ma un bel campo di rose dorate
È un inno all’amore
sapendo di esser vissuto e nato qua,
Che non vede né colore
e dovete sapere che anche i turisti che Io desidero un mondo pulito
E né razza o religione.
arrivano senza cestini di ferro ingiallito
Perché siamo tutti uguali
in questa regione per qualche giorno niente lattine gettate per strada
Abbiamo tutti occhi e mani.
vorrebbero aver fatto un viaggio senza non solo lì ma anche in autostrada
Bianchi, gialli, rossi o neri
ritorno, desidero un mondo tutto a colori
Ma comunque tutti veri.
perché in questo paradiso a se stante senza né carte né tanti rumori
Con un cuore grande e forte
sembra che il tempo non si muova di un Che ci aiuta nella sorte
istante, Ma la cosa più importante sono i motori
Nelle ingiustizie e nelle difficoltà
vigneti, ulivi e campi accompagnano il che sono i più grandi inquinatori
uccidono l’ambiente e con il loro fumo Che troviamo in questa grande umanità.
viale
cancellano dei fiori il loro delicato Lorenzo Balducci
e se pensassi anche solo una volta
di andarmene mi sentirei male. profumo
Annalisa Pancani la natura è molto colorata
Premio internazionale di poesia “Coluccio ma non solo per questo va rispettata
Salutati” Borgo a Buggiano
Spero che tutto questo succederà
ma se ne dovrà occupare l’umanità
cominciamo già da oggi a rispettare
La guerra l’ambiente
non solo a parole ma ragionando con la
Le guerre son brutte mente
terribili tutte. basta solo un po’ di buona volontà
Fra noi c’è amore e libertà e il futuro dell’ambiente sicuramente
tra gli altri c’è odio e infelicità. migliorerà.
Pensate adesso ai bambini sfortunati Serenella Baldacci
e a quante volte noi siamo stati elogiati. Premio internazionale di poesia “Coluccio
Riflettete ora a tutte le malattie Salutati” Borgo a Buggiano
e a come ingiustamente loro non possono
curarle.
Il nostro primo pensiero verso la nostra
età

7
GIOCHI PALOMBARO . P I H G A R F U A N T I
Cinelli Alessio – Giacomo Marcelloni – Edoardo Pacini
PESCHERECCIO .
V E E O R A B M O L A P
QUADRATO MAGICO
PLANCTON . REMI O D S A L O I L G O S P
Cancella dallo schema le parole che trovi
qui a fianco. Possono essere scritte in SABBIA . SCOGLI
I C S C O A T I T A L C
orizzontale, verticale o diagonale, anche H O C C H H U N I A A S
al contrario o a testa in giù. Quando le SOGLIOLA . C R O M P E E Q N P A A
hai trovate tutte, leggi una dopo l’altra
SOTTOMARINO N A G O U M R C S B T R
le lettere rimaste e troverai i tre nomi A L L I I R T E B S R O
di pesci. SQUALO. TIMONE R L I T B O E I C R E C
ANCORA . BASTIMENTO . G O S O N D A N A C M N
TONNO
CORALLO . GRANCHIO . MURENA . N A E N O M I T A O I A
B S O T T O M A R I N O
NAUFRAGHI . ONDA .

Sudoku
Istruzioni:
Si deve riempire la griglia così che ogni ***** "Dovevate essere in ufficio alle
riga, ogni colonna e ogni riquadro 09:00!" e lei risponde:"Perché? E'
contengano le cifre da 1 a 9 una sola Un signore entra in un cinema con un successo qualcosa?"
volta. elefantino e chiede alla cassiera:"Mi
può dare 2 biglietti per lo spettacolo *****
delle 22:30?" La cassiera gli Il mare e' calmo, liscio come un olio.
risponde:"Signore, gli animali "Pensa come sono contente le
all'interno del cinema non sono sardine!"
ammessi!!". Il signore se ne va e
ritorna dopo 20 minuti circa. Ha con *****
sé l'elefantino messo in mezzo a due
fette grosse di pane. La cassiera Un'albicocca va a pescare sul molo.
spazientita sta per riprendere di Arrivano due nespole e chiedono:
nuovo il signore ma lui l'anticipa e le "Pesca?". "No! Albicocca!"
dice:"Oh, io dentro il panino ci metto
quello che mi pare!". *****

Barzellette ***** Cosa dicono gli sgombri agli altri


pesci? Sgombrare! Sgombrare!
Un direttore in collera, vede la sua
"Perche' i pesci hanno le spine?"
segretaria arrivare alle 10:00.
"Perche' nel mare c'e' la corrente"

L’angolo delle ricette


Di Arianna Ferreri – Grande Lisa

calore delle mani scalda troppo il burro e 180° per 30 minuti circa. Se volete invece
questo avrebbe l'effetto di rendere l'impasto una crostate di frutta, seguite questo
elastico, mentre la pasta frolla della crostata procedimento: srotolate la sfoglia sulla
deve essere molto friabile. Impastate quindi teglia imburrata, quindi rivestite l'impasto
Ingredienti per 6 persone:
Ingredienti :
velocemente fatene una pallina ed alla fine con carta da forno ricoperta da ceci in modo
avvolgetela in una pellicola trasparente, da controllarne la lievitatura in fase di
riponendola in frigorifero per almeno cottura. Cuocete sempre a 180° per 25-30
• 300 gr. di farina 00
mezz'ora circa. Nel frattempo preparate la minuti. Fate raffreddare, quindi rivestite
• 120 gr. di zucchero
teglia imburrandola o rivestendola di carta prima con uno strato di crema pasticcera
• 3 uova
da forno e portate il forno a temperatura poi con i pezzi di frutta a scelta. La frutta
• 150 gr. di burro
media. Prendete l'impasto, stendetene deve essere passata pezzo per pezzo
• 1 pizzico di sale velocemente i 3/4 col matterello ed nella gelatina per dolci scaldata sul fuoco,
• 1 limone avvolgete la sfoglia intorno ad esso. oppure, in alternativa, disponete la frutta e
• marmellata a piacere o frutta Stendete anche l'impasto rimanente che poi versate sulla crostata ultimata la
andrà a formare le strisce superiori. gelatina, stando attenti a non esagerare.
Preparazione : Srotolate la sfoglia direttamente sulla teglia
Preparate la farina sulla spianatoia con un imburrata ed eliminate la pasta in eccesso,
pizzico di sale e la scorza del limone che utilizzerete per decorare i bordi.
grattugiato. Fate un buco al centro e Coprite questa base con la marmellata
versateci 1 uovo intero e due tuorli, lo (200 gr. dovrebbero essere sufficienti).
zucchero ed il burro a scaglie. Per Tagliate una decina di strisce dalla sfoglia
realizzare una buona crostata occorre rimasta ed intrecciatele sulla marmellata.
lavorare velocemente l'impasto, perché il Ripiegate leggermente i bordi esterni
dell'impasto verso l'interno ed infornate a
8