Sei sulla pagina 1di 16

PLC

PROGRAMMABLE LOGIC
CONTROLLER
2a parte
CON RIFERIMENTO ALLE CPU SIEMENS
ST 200
ED AL SW STEP 7 MICRO/WIN 32

SOFTWARE DI PROGRAMMAZIONE
NORMATIVA IEC1131 - 3 - 1993
SCHEMI SEQUENZIALI FUNZIONALI
(SFC)
SCHEMI LADDER (LD-KOP)
DIAGRAMMI A BLOCCHI FUNZIONALI
(FBD)
LISTA ISTRUZIONI (AWL)
TESTO STRUTTURATO (ST)
www.webalice.it/s.pollini

SOFTWARE DI PROGRAMMAZIONE
NORMATIVA IEC1131 - 3 - 1993

www.webalice.it/s.pollini

Linguaggi di programmazione testuali


Questi modi di programmazione sono quelli pi "ostici" per chi si approccia al
mondo PLC dal settore elettrotecnico.
Tali sistemi di programmazione sono di provenienza prettamente elettronica
e/o informatica e quindi costituiscono dei veri linguaggi di programmazione
con enormi possibilit di sviluppare le necessit del progetto.
Lista Istruzioni - IL - Instruction List
Questo modo di programmazione praticamente il linguaggio macchina,
ossia un linguaggio che usa direttamente le istruzioni del microprocessore.
Tale sistema oltre che poco intuitivo e poco pratico, in quanto no ha alcuna
rappresentazione grafica e richiede molto tempo al programmatore per la
ricerca di errori nel programma o guasti all'impianto controllato.
Alcuni PLC non permettono l'uso di questo sistema, mentre con altri e
indispensabile per sfruttare appieno le potenzialit del PLC.
Testo Strutturato (ST)
Questo un linguaggio di programmazione ad alto livello, come lo sono il
Pascal, il Basic, il linguaggio C++, ecc.
Talvolta indispensabile determinate applicazioni e/o reti di comunicazione
www.webalice.it/s.pollini

Linguaggi di programmazione Grafici


Tuttaltro mondo quello dei linguaggi di programmazione grafici, che si
presentano al programmatore come veri e propri schemi elettrici o schemi a
blocchi.
Schema a contatti - LD - Ladder Diagram
Questo il linguaggio di programmazione pi usato, in quanto analogo ad
uno schema elettrico funzionale.Ladder significa letteralmente "scala a
pioli", dato che esteticamente lo schema ricorda appunto una scala; nel
mondo anglosassone ogni ramo orizzontale viene chiamato rung, ossia piolo.
Schema Blocchi di Funzione - FBD - Funcion Block Diagram
E' un linguaggio a "porte logiche" che permette di disegnare uno schema
classico dell'elettronica digitale
E' molto usato nei sistemi di controllo dei grossi impianti di processo
(centrali termoelettriche, impianti chimici, ecc).
Schema Funzionale in Seguenza - SFC - Sequential Funcion Chart
E' un linguaggio sviluppato in Francia con il nome di "Linguaggio Grafcet".
Rappresenta il funzionamento per passi di un processo automatico in modo
del tutto similare ad un Flow-chart, ma dove ogni blocco rappresenta uno
stato del processo di lavorazione della macchina.
www.webalice.it/s.pollini

Lo Schema Funzionale Europeo


Nelle norme del gruppo EN 61082 riguardanti la documentazione degli
impianti elettrici, il termine "schema funzionale" non esiste.
Il termine schema funzionale comunque ampiamente consolidato, e
consente di distinguere chiaramente lo schema di comando (tipicamente un
circuito FELV), dallo schema di potenza (tipicamente a 230/400Vac).
In esso si trovano i contatti e tutti i rel che compongono la parte elettrica,
cosicch talvolta nel gergo viene chiamato anche "Schema degli ausiliari".
Precisazione. Il pi simile al termine nella norma EN 61082-2/5 il termine
Circuit Diagram, che indica un disegno nel quale pu essere trascritto sia lo
schema di comando, sia lo schema di potenza.
Per completezza, nella norma si trova anche il termine logic-function
diagram, ma esso indica uno schema a porte logiche, ad uso abituale
nell'elettronica digitale, che corrisponde appunto al linguaggio FBD.

www.webalice.it/s.pollini

Lo Schema Funzionale Europeo


Lo schema funzionale, in ogni caso, un disegno che si
sviluppa con i rami disposti in senso verticale, e nel quale si
trova nella parte alta la sorgente di alimentazione dei
circuiti ausiliari, e nella parte bassa il conduttore "comune"
(detto anche di ritorno o anche neutro nel caso di circuiti a
230V).

www.webalice.it/s.pollini

Corrispondenza contatti NA/NC e stato


dellinformazione binaria

CONTATTO
NA
NC

NA a riposo

NC a riposo

NA azionato

NC azionato

STATO CONTATTO
A riposo

STATO PER IL PLC

Azionato

A riposo

Azionato

www.webalice.it/s.pollini

Guasti interni ad un sistema di


comando
- passivo, se si traduce in un circuito di uscita
aperto (non viene inviato alcun ordine agli
attuatori)
- attivo, se si traduce in un circuito di uscita
chiuso
In un comando di azionamento, un guasto attivo
provoca linserimento errato dellazionamento stesso
In un circuito di allarme, un guasto passivo impedisce
la segnalazione di una situazione di pericolo (blocco
della procedura di allarme)
www.webalice.it/s.pollini
9

AVVIAMENTO DIRETTO DI UN MOTORE


SCHEMA FUNZIONALE

SCHEMA DI POTENZA
L1
L2
L3
N

S1

S1

K1

RT

W1

K1
www.webalice.it/s.pollini

V1

U1

3 ac

10

LOGICA CON PLC

SCHEMA DI POTENZA
L1
L2
L3
N

K1
+24V

COM

I0.0

Q0.0

I0.1

Q0.1

I0.2

Q0.2

I0.3

Q0.3

V1

Q0.3

U1

3 ac

RT

S1

PLC

Q04

www.webalice.it/s.pollini

W1

11

MARCIA E ARRESTO CON AUTORITENUTA


SCHEMA FUNZIONALE

SCHEMA DI POTENZA
L1
L2

S1

L3
N

S2

K1

S1

S2

K1

RT

K1
W1

www.webalice.it/s.pollini

V1

U1

3 ac

12

LOGICA CON PLC

SCHEMA DI POTENZA
L1
L2
L3
N

K1

S1

S2

+24V

COM

I0.0

Q0.0

I0.1

Q0.1

I0.2

Q0.2

I0.3

Q0.3

V1

Q0.3

U1

3 ac

PLC

Q04

www.webalice.it/s.pollini

RT

W1

13

MARCIA AVANTI INDIETRO CON


INTERBLOCCO ELETTRICO
SCHEMA FUNZIONALE

SCHEMA DI POTENZA
L1
L2

RT

L3

S1

S2

K2

K1

K1

K2

K1

K2

K1

RT

K2

M
3 ac

www.webalice.it/s.pollini

14

LOGICA CON PLC

SCHEMA ELETTRICO

220V
0V

K1

+24V

COM

I0.0

Q0.0

I0.1

Q0.1

I0.2

Q0.2

I0.3

Q0.3

STOP
START A
START I

K2

TERMICA

PLC

Q0.3
Q04

www.webalice.it/s.pollini

15

FINE della II^ parte


www.webalice.it/s.pollini

16