Sei sulla pagina 1di 5

Divina Commedia/Paradiso/Canto XVI - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XVI

Divina Commedia/Paradiso/Canto XVI


Da Wikisource. < Divina Commedia | Paradiso
Dante Alighieri - Divina Commedia (XIV secolo)

Paradiso Canto sedicesimo


Paradiso - Canto XV
Paradiso - Canto XVII

Canto XVI, nel quale il sopradetto messer Cacciaguida racconta intorno di quaranta famiglie onorabili al suo tempo ne la cittade di Fiorenza, de le quali al presente non ricordo n fama.

O poca nostra nobilt di san!"e# se !lor$ar di te la !ente %ai &"a !i' do(e l)a%%etto nostro lan!"e# *irabil cosa non *i sar *ai+ c,- l do(e appetito non si torce# dico nel cielo# io *e ne !loriai. /en se) t" *anto c,e tosto raccorce+ s0 c,e# se non s)appon di d0 in die# lo te*po (a dintorno con le %orce. 1al )(oi) c,e pri*a a 2o*a s)o%%erie# in c,e la s"a %a*i!lia *en perse(ra# rico*inciaron le parole *ie3 onde /eatrice# c,)era "n poco sce(ra# ridendo# par(e &"ella c,e tossio al pri*o %allo scritto di 4ine(ra. Io co*inciai+ 5Voi siete il padre *io3 (oi *i date a parlar t"tta balde66a3 (oi *i le(ate s0# c,)i) son pi' c,)io. Per tanti ri(i s)e*pie d)alle!re66a la *ente *ia# c,e di s- %a leti6ia perc,- p"7 sostener c,e non si spe66a. 1ite*i d"n&"e# cara *ia pri*i6ia# &"ai %"or li (ostri antic,i e &"ai %"or li anni c,e si se!naro in (ostra p8eri6ia3

12

15

18

21

24

1 di 5

13/11/2013 21.13

Divina Commedia/Paradiso/Canto XVI - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XVI

dite*i de l)o(il di ;an 4io(anni &"anto era allora# e c,i eran le !enti tra esso de!ne di pi' alti scanni<. Co*e s)a((i(a a lo spirar d)i (enti carbone in %ia**a# cos0 (id) io &"ella l"ce risplendere a) *iei blandi*enti3 e co*e a li occ,i *iei si %- pi' bella# cos0 con (oce pi' dolce e soa(e# *a non con &"esta *oderna %a(ella# disse*i+ 51a &"el d0 c,e %" detto )=(e) al parto in c,e *ia *adre# c,)> or santa# s)alle($7 di *e ond) era !ra(e# al s"o ?eon cin&"ecento cin&"anta e trenta %iate (enne &"esto %oco a rin%ia**arsi sotto la s"a pianta. ?i antic,i *iei e io nac&"i nel loco do(e si tr"o(a pria l)"lti*o sesto da &"ei c,e corre il (ostro ann8al !ioco. /asti d)i *iei *a!!iori "dirne &"esto+ c,i ei si %osser e onde (enner &"i(i# pi' > tacer c,e ra!ionare onesto. @"tti color c,)a &"el te*po eran i(i da poter ar*e tra Aarte e )l /atista# eran il &"into di &"ei c,)or son (i(i. Aa la cittadinan6a# c,)> or *ista di Ca*pi# di Certaldo e di Be!!,ine# p"ra (ediesi ne l)"lti*o artista. O, &"anto %ora *e!lio esser (icine &"elle !enti c,)io dico# e al 4all"66o e a @respiano a(er (ostro con%ine# c,e a(erle dentro e sostener lo p"66o del (illan d)=!"!lion# di &"el da ;i!na# c,e !i per barattare ,a l)occ,io a!"66oC ;e la !ente c,)al *ondo pi' trali!na non %osse stata a Cesare no(erca# *a co*e *adre a s"o %i!lio beni!na# tal %atto > %iorentino e ca*bia e *erca# c,e si sarebbe (7lto a ;i*i%onti# l do(e anda(a l)a(olo a la cerca3

29

3:

33

36

39

42

45

48

51

54

59

6:

63

2 di 5

13/11/2013 21.13

Divina Commedia/Paradiso/Canto XVI - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XVI

sariesi Aonte*"rlo ancor de) Conti3 sarieno i Cerc,i nel pio(ier d)=cone# e %orse in Valdi!rie(e i /"ondel*onti. ;e*pre la con%"sion de le persone principio %" del *al de la cittade# co*e del (ostro il cibo c,e s)appone3 e cieco toro pi' a(accio cade c,e cieco a!nello3 e *olte (olte ta!lia pi' e *e!lio "na c,e le cin&"e spade. ;e t" ri!"ardi ?"ni e Orbisa!lia co*e sono ite# e co*e se ne (anno di retro ad esse C,i"si e ;ini!a!lia# "dir co*e le sc,iatte si dis%anno non ti parr no(a cosa n- %orte# poscia c,e le cittadi ter*ine ,anno. ?e (ostre cose t"tte ,anno lor *orte# s0 co*e (oi3 *a celasi in alc"na c,e d"ra *olto# e le (ite son corte. D co*e El (ol!er del ciel de la l"na c"opre e disc"opre i liti san6a posa# cos0 %a di Bioren6a la Bort"na+ per c,e non dee parer *irabil cosa ci7 c,)io dir7 de li alti Biorentini onde > la %a*a nel te*po nascosa. Io (idi li F!,i e (idi i Catellini# Bilippi# 4reci# Or*anni e =lberic,i# !i nel calare# ill"stri cittadini3 e (idi cos0 !randi co*e antic,i# con &"el de la ;annella# &"el de l)=rca# e ;oldanieri e =rdin!,i e /ostic,i. ;o(ra la porta c,)al presente > carca di no(a %ellonia di tanto peso c,e tosto %ia iatt"ra de la barca# erano i 2a(i!nani# ond) > disceso il conte 4"ido e &"al"n&"e del no*e de l)alto /ellincione ,a poscia preso. G"el de la Pressa sape(a !i co*e re!!er si ("ole# e a(ea 4ali!aio dorata in casa s"a !i l)elsa e )l po*e. 4rand) era !i la colonna del Vaio#

66

69

92

95

98

81

84

89

9:

93

96

99

1:2

3 di 5

13/11/2013 21.13

Divina Commedia/Paradiso/Canto XVI - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XVI

;acc,etti# 4i"oc,i# Bi%anti e /ar"cci e 4alli e &"ei c,)arrossan per lo staio. ?o ceppo di c,e nac&"ero i Cal%"cci era !i !rande# e !i eran tratti a le c"r"le ;i6ii e =rri!"cci. O, &"ali io (idi &"ei c,e son dis%atti per lor s"perbiaC e le palle de l)oro %iorian Bioren6a in t"tt) i s"oi !ran %atti. Cos0 %acieno i padri di coloro c,e# se*pre c,e la (ostra c,iesa (aca# si %anno !rassi stando a consistoro. ?)oltracotata sc,iatta c,e s)indraca dietro a c,i %"!!e# e a c,i *ostra )l dente o (er la borsa# co*) a!nel si placa# !i (en0a s'# *a di picciola !ente3 s0 c,e non piac&"e ad Fbertin 1onato c,e po$ il s"ocero il %- lor parente. 4i era )l Caponsacco nel *ercato disceso !i' da Biesole# e !i era b"on cittadino 4i"da e In%an!ato. Io dir7 cosa incredibile e (era+ nel picciol cerc,io s)entra(a per porta c,e si no*a(a da &"ei de la Pera. Ciasc"n c,e de la bella inse!na porta del !ran barone il c"i no*e e )l c"i pre!io la %esta di @o**aso ricon%orta# da esso ebbe *ili6ia e pri(ile!io3 a((e!na c,e con popol si ra"ni o!!i col"i c,e la %ascia col %re!io. 4i eran 4"alterotti e I*port"ni3 e ancor saria /or!o pi' &"$eto# se di no(i (icin %osser di!i"ni. ?a casa di c,e nac&"e il (ostro %leto# per lo !i"sto disde!no c,e (),a *orti e p"ose %ine al (ostro (i(er lieto# era onorata# essa e s"oi consorti+ o /"ondel*onte# &"anto *al %"!!isti le no66e s8e per li altr"i con%ortiC Aolti sarebber lieti# c,e son tristi# se 1io t)a(esse conced"to ad D*a

1:5

1:8

111

114

119

12:

123

126

129

132

135

138

141

4 di 5

13/11/2013 21.13

Divina Commedia/Paradiso/Canto XVI - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XVI

la

pri*a

(olta

c,)a

citt

(enisti.
144

Aa con(eniesi# a &"ella pietra sce*a c,e !"arda )l ponte# c,e Bioren6a %esse (itti*a ne la s"a pace postre*a. Con &"este !enti# e con altre con esse# (id) io Bioren6a in s0 %atto riposo# c,e non a(ea ca!ione onde pian!esse. Con &"este !enti (id) io !lor$oso e !i"sto il popol s"o# tanto c,e )l !i!lio non era ad asta *ai posto a ritroso# n- per di(is$on %atto (er*i!lio<.

149

15:

153

Altri progetti

Paradiso - Canto XV

Paradiso - Canto XVII

Estratto da "http://it.wikisource.org/w/index.php?title=Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XVI& oldid=959406" Categoria: Testi SAL 75% Questa pagina stata modificata per l'ultima volta il 26 set 2011 alle 03:14. Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.

5 di 5

13/11/2013 21.13