Sei sulla pagina 1di 5

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXII

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXII


Da Wikisource. < Divina Commedia | Paradiso
Dante Alighieri - Divina Commedia (XIV secolo)

Paradiso Canto ventiduesimo


Paradiso - Canto XXI
Paradiso - Canto XXIII

Canto XXII, nel quale si tratta di quelli medesimi che nel precedente capitolo, qui sotto il titolo di Santo Maccario e di Santo Romoaldo; e infine dispitta il mondo e la sua picciolezza e le cose mondane, ripetendo e mostrando tutti li pianeti per li quali intrato; ed entra con Beatrice nel segno di emini; e qui prende lotta!a parte di questa terza cantica"

Oppresso di stupore, a la ia !uida i "olsi, co e par"ol c#e ricorre se pre col$ do"e pi% si con&ida' e (uella, co e adre c#e soccorre s%)ito al &i!lio palido e anelo con la sua "oce, c#e *l suol )en disporre, i disse+ ,-on sai tu c#e tu se* in cielo. e non sai tu c#e *l cielo / tutto santo, e ci0 c#e ci si &a "ien da )uon 1elo. Co e t*a"re))e tras utato il canto, e io ridendo, o pensar lo puoi, poscia c#e *l !rido t*#a osso cotanto' nel (ual, se *nteso a"essi i prie!#i suoi, !i$ ti sare))e nota la "endetta c#e tu "edrai innan1i c#e tu uoi2 3a spada di (ua s% non ta!lia in &retta n4 tardo, a* c#*al parer di colui c#e dis5ando o te endo l*aspetta2 6a ri"ol!iti o ai in"erso altrui' c#*assai illustri spiriti "edrai, se co * io dico l*aspetto redui72 Co e a lei piac(ue, li occ#i ritornai,

12

15

18

21

1 di 5

13/11/2013 21.14

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXII

e "idi cento sperule c#e *nsie e pi% s*a))elli"an con ut;i rai2 Io sta"a co e (uei c#e *n s4 repre e la punta del disio, e non s*attenta di do andar, s< del troppo si te e' e la a!!iore e la pi% luculenta di (uelle ar!#erite innan1i &essi, per &ar di s4 la ia "o!lia contenta2 Poi dentro a lei udi*+ ,=e tu "edessi co * io la carit$ c#e tra noi arde, li tuoi concetti sare))ero espressi2 6a perc#4 tu, aspettando, non tarde a l*alto &ine, io ti &ar0 risposta pur al pensier, da c#e s< ti ri!uarde2 >uel onte a cui Cassino / ne la costa &u &re(uentato !i$ in su la ci a da la !ente in!annata e al disposta' e (uel son io c#e s% "i portai pri a lo no e di colui c#e *n terra addusse la "erit$ c#e tanto ci so)li a' e tanta !ra1ia sopra e relusse, c#*io ritrassi le "ille circunstanti da l*e pio c?lto c#e *l ondo sedusse2 >uesti altri &uoc#i tutti conte planti uo ini &uoro, accesi di (uel caldo c#e &a nascere i &iori e * &rutti santi2 >ui / 6accario, (ui / @o oaldo, (ui son li &rati iei c#e dentro ai c#iostri &er ar li piedi e tennero il cor saldo72 A io a lui+ ,3*a&&etto c#e di ostri eco parlando, e la )uona se )ian1a c#*io "e!!io e noto in tutti li ardor "ostri, cos< *#a dilatata ia &idan1a, co e *l sol &a la rosa (uando aperta tanto di"ien (uant* ell* #a di possan1a2 Per0 ti prie!o, e tu, padre, *accerta s*io posso prender tanta !ra1ia, c#*io ti "e!!ia con i a!ine sco"erta72 Ond* elli+ ,Brate, il tuo alto disio s*ade pier$ in su l*ulti a spera,

28

29

3:

33

36

39

82

85

88

51

58

59

6:

2 di 5

13/11/2013 21.14

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXII

o"e

s*ade pion

tutti

li

altri

*l

io2
63

I"i / per&etta, atura e intera ciascuna dis5an1a' in (uella sola / o!ne parte l$ o"e se pr* era, perc#4 non / in loco e non s*i pola' e nostra scala in&ino ad essa "arca, onde cos< dal "iso ti s*in"ola2 In&in l$ s% la "ide il patriarca Iaco))e por!er la superna parte, (uando li appar"e d*an!eli s< carca2 6a, per salirla, o nessun diparte da terra i piedi, e la re!ola ia ri asa / per danno de le carte2 3e ura c#e solieno esser )adia &atte sono spelonc#e, e le cocolle sacca son piene di &arina ria2 6a !ra"e usura tanto non si tolle contra *l piacer di Cio, (uanto (uel &rutto c#e &a il cor de* onaci s< &olle' c#4 (uantun(ue la C#iesa !uarda, tutto / de la !ente c#e per Cio di anda' non di parenti n4 d*altro pi% )rutto2 3a carne d*i ortali / tanto )landa, c#e !i% non )asta )uon co incia ento dal nascer de la (uercia al &ar la !#ianda2 Pier co inci0 san1* oro e san1* ar!ento, e io con ora1ione e con di!iuno, e Brancesco u il ente il suo con"ento' e se !uardi *l principio di ciascuno, poscia ri!uardi l$ do"* / trascorso, tu "ederai del )ianco &atto )runo2 Vera ente Iordan "0lto retrorso pi% &u, e *l ar &u!!ir, (uando Cio "olse, ira)ile a "eder c#e (ui *l soccorso72 Cos< i disse, e indi si raccolse al suo colle!io, e *l colle!io si strinse' poi, co e tur)o, in s% tutto s*a""olse2 3a dolce donna dietro a lor i pinse con un sol cenno su per (uella scala,

66

69

92

95

98

81

88

89

9:

93

96

99

3 di 5

13/11/2013 21.14

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXII

s<

sua

"irt%

la

ia

natura

"inse'
1:2

n4 ai (ua !i% do"e si onta e cala natural ente, &u s< ratto oto c#*a!!ua!liar si potesse a la ia ala2 =*io torni ai, lettore, a (uel di"oto tr5un&o per lo (uale io pian!o spesso le ie peccata e *l petto i percuoto, tu non a"resti in tanto tratto e esso nel &oco il dito, in (uant* io "idi *l se!no c#e se!ue il Dauro e &ui dentro da esso2 O !lor5ose stelle, o lu e pre!no di !ran "irt%, dal (uale io riconosco tutto, (ual c#e si sia, il io in!e!no, con "oi nasce"a e s*asconde"a "osco (uelli c#*/ padre d*o!ne ortal "ita, (uand* io senti* di pri a l*aere tosco' e poi, (uando i &u !ra1ia lar!ita d*entrar ne l*alta rota c#e "i !ira, la "ostra re!5on i &u sortita2 E "oi di"ota ente ora sospira l*ani a ia, per ac(uistar "irtute al passo &orte c#e a s4 la tira2 ,Du se* s< presso a l*ulti a salute7, co inci0 FGatrice, ,c#e tu dei a"er le luci tue c#iare e acute' e per0, pri a c#e tu pi% t*inlei, ri ira in !i%, e "edi (uanto ondo sotto li piedi !i$ esser ti &ei' s< c#e *l tuo cor, (uantun(ue pu0, !iocondo s*appresenti a la tur)a tr5un&ante c#e lieta "ien per (uesto etera tondo72 Col "iso ritornai per tutte (uante le sette spere, e "idi (uesto !lo)o tal, c#*io sorrisi del suo "il se )iante' e (uel consi!lio per i!liore appro)o c#e l*#a per eno' e c#i ad altro pensa c#ia ar si puote "era ente pro)o2 Vidi la &i!lia di 3atona incensa san1a (uell* o )ra c#e i &u ca!ione

1:5

1:8

111

118

119

12:

123

126

129

132

135

138

4 di 5

13/11/2013 21.14

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXII

per

c#e

!i$

la

credetti

rara

densa2
181

3*aspetto del tuo nato, Iper5one, (ui"i sostenni, e "idi co * si o"e circa e "icino a lui 6aia e C5one2 >uindi *appar"e il te perar di Hio"e tra *l padre e *l &i!lio' e (uindi i &u c#iaro il "ar5ar c#e &anno di lor do"e' e tutti e sette i si di ostraro (uanto son !randi e (uanto son "eloci e co e sono in distante riparo2 3Iaiuola c#e ci &a tanto &eroci, "ol!endo I io con li etterni He elli, tutta Iappar"e daI colli a le &oci' poscia ri"olsi li occ#i a li occ#i )elli2

188

189

15:

153

Altri progetti

Paradiso - Canto XXI

Paradiso - Canto XXIII

Estratto da "http://it.wikisource.org/w/index.php?title=Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXII& oldid=960910" Categoria: Testi SAL 75% Questa pagina stata modificata per l'ultima volta il 28 set 2011 alle 03:14. Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.

5 di 5

13/11/2013 21.14

Potrebbero piacerti anche