Sei sulla pagina 1di 5

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXVIII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXVIII

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXVIII


Da Wikisource. < Divina Commedia | Paradiso
Dante Alighieri - Divina Commedia (XIV secolo)

Paradiso Canto ventottesimo


Paradiso - Canto XXVII
Paradiso - Canto XXIX

Canto XXVIII, nel quale Beatrice distingue a lauttore li nove ordini de li angeli gloriosi che sono nel nono cielo e il loro offizio.

Poscia che ncontro a la vita resente di !iseri !ortali a erse l vero "#ella che ! aradisa la !ia !ente$ co!e in lo s ecchio %ia!!a di do iero vede col#i che se nall#!a retro$ ri!a che la&&ia in vista o in ensiero$ e s' rivol(e er veder se l vetro li dice il vero$ e vede chel saccorda con esso co!e nota con s#o !etro) cos* la !ia !e!oria si ricorda chio %eci ri(#ardando ne &elli occhi onde a i(liar!i %ece +!or la corda, - co! io !i rivolsi e %#ron tocchi li !iei da ci. che are in "#el vol#!e$ "#and#n"#e nel s#o (iro &en sadocchi$ #n #nto vidi che ra((iava l#!e ac#to s*$ che l viso chelli a%%oca chi#der conviensi er lo %orte ac#!e) e "#ale stella ar "#inci i/ oca$ arre&&e l#na$ locata con esso co!e stella con stella si coll.ca, 0orse cotanto "#anto are a resso alo ci(ner la l#ce che l di i(ne "#ando l va or che l orta i/ 1 s esso$

12

15

18

21

24

1 di 5

13/11/2013 21.17

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXVIII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXVIII

distante intorno al #nto #n cerchio di(ne si (irava s* ratto$ chavria vinto "#el !oto che i/ tosto il !ondo ci(ne) e "#esto era d#n altro circ#!cinto$ e "#el dal ter4o$ e l ter4o oi dal "#arto$ dal "#into il "#arto$ e oi dal sesto il "#into, 5o ra se(#iva il setti!o s* s arto (i6 di lar(he44a$ che l !esso di I#no intero a contenerlo sare&&e arto, Cos* lottavo e l nono) e chiasched#no i/ tardo si !ovea$ secondo chera in n#!ero distante i/ da l#no) e "#ello avea la %ia!!a i/ sincera c#i !en distava la %avilla #ra$ credo$ er. che i/ di lei sinvera, 7a donna !ia$ che !i ved8a in c#ra %orte sos eso$ disse9 :;a "#el #nto de ende il cielo e t#tta la nat#ra, <ira "#el cerchio che i/ li 1 con(i#nto) e sa i che l s#o !#overe 1 s* tosto er la%%ocato a!ore ond elli 1 #nto=, - io a lei9 :5e l !ondo %osse osto con lordine chio ve((io in "#elle rote$ sa4io !avre&&e ci. che !1 ro osto) !a nel !ondo sensi&ile si #ote veder le volte tanto i/ divine$ "#ant elle son dal centro i/ re!ote, >nde$ se l !io disir dee aver %ine in "#esto !iro e an(elico te! lo che solo a!ore e l#ce ha er con%ine$ #dir convien!i ancor co!e lesse! lo e lesse! lare non vanno d#n !odo$ ch' io er !e indarno a ci. conte! lo=, :5e li t#oi diti non sono a tal nodo s#%%ic?enti$ non 1 !aravi(lia9 tanto$ er non tentare$ 1 %atto sodo@=, Cos* la donna !ia) oi disse9 :Pi(lia "#el chio ti dicer.$ se v#o sa4iarti) e intorno da esso tassotti(lia, 7i cerchi cor orai sono a! i e arti

22

33

33

36

39

42

45

48

51

54

52

63

63

2 di 5

13/11/2013 21.17

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXVIII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXVIII

secondo il i/ e l !en de la virt#te che si distende er t#tte lor arti, <a((ior &ont6 v#ol %ar !a((ior sal#te) !a((ior sal#te !a((ior cor o ca e$ selli ha le arti i(#al!ente co! i#te, ;#n"#e cost#i che t#tto "#anto ra e laltro #niverso seco$ corris onde al cerchio che i/ a!a e che i/ sa e9 er che$ se t# a la virt/ circonde la t#a !is#ra$ non a la arven4a de le s#stan4e che ta aion tonde$ t# vederai !ira&il conse"#en4a di !a((io a i/ e di !inore a !eno$ in ciasc#n cielo$ a sAa intelli(en4a=, Co!e ri!ane s lendido e sereno le!is erio de laere$ "#ando so%%ia Borea da "#ella (#ancia ond 1 i/ leno$ er che si #r(a e risolve la ro%%ia che ria t#r&ava$ s* che l ciel ne ride con le &elle44e do(ne s#a aro%%ia) cos* %ec?o$ oi che !i rovide la donna !ia del s#o ris onder chiaro$ e co!e stella in cielo il ver si vide, - oi che le arole s#e restaro$ non altri!enti %erro dis%avilla che &olle$ co!e i cerchi s%avillaro, 7incendio s#o se(#iva o(ne scintilla) ed eran tante$ che l n#!ero loro i/ che l do iar de li scacchi sin!illa, Io sentiva osannar di coro in coro al #nto %isso che li tiene a li #&i$ e terr6 se! re$ ne "#ai se! re %#oro, - "#ella che ved8a i ensier d#&i ne la !ia !ente$ disse9 :I cerchi ri!i thanno !ostrato 5era%i e Cher#&i, Cos* veloci se(#ono i s#oi vi!i$ er so!i(liarsi al #nto "#anto onno) e osson "#anto a veder son so&li!i, C#elli altri a!ori che ntorno li vonno$ si chia!an Droni del divino as etto$

66

69

22

25

28

81

84

82

93

93

96

99

132

3 di 5

13/11/2013 21.17

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXVIII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXVIII

er

che

ri!o

ternaro

ter!inonno)
135

e dei sa er che t#tti hanno diletto "#anto la s#a ved#ta si ro%onda nel vero in che si "#eta o(ne intelletto, C#inci si #. veder co!e si %onda lesser &eato ne latto che vede$ non in "#el cha!a$ che oscia seconda) e del vedere 1 !is#ra !ercede$ che (ra4ia artorisce e &#ona vo(lia9 cos* di (rado in (rado si rocede, 7altro ternaro$ che cos* (er!o(lia in "#esta ri!avera se! iterna che nott#rno +r?ete non dis o(lia$ er etAale!ente >sanna s&erna con tre !elode$ che s#onano in tree ordini di leti4ia onde sinterna, In essa (erarcia son laltre dee9 ri!a ;o!ina4ioni$ e oi Virt#di) lordine ter4o di Podestadi 1e, Poscia ne d#e en#lti!i tri #di Princi ati e +rcan(eli si (irano) l#lti!o 1 t#tto d+n(elici l#di, C#esti ordini di s/ t#tti sa!!irano$ e di (i/ vincon s*$ che verso ;io t#tti tirati sono e t#tti tirano, - ;?onisio con tanto disio a conte! lar "#esti ordini si !ise$ che li no!. e distinse co! io, <a Ere(orio da l#i oi si divise) onde$ s* tosto co!e li occhi a erse in "#esto ciel$ di s' !edes!o rise, - se tanto secreto ver ro%erse !ortale in terra$ non vo(lio cha!!iri9 ch' chi l vide "#a s/ (liel disco erse con altro assai del ver di "#esti (iri=,

138

111

114

112

123

123

126

129

132

135

138

Altri progetti

4 di 5

13/11/2013 21.17

Divina Commedia/Paradiso/Canto XXVIII - Wikisource

http://it.wikisource.org/wiki/Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXVIII

Paradiso - Canto XXVII

Paradiso - Canto XXIX

Estratto da "http://it.wikisource.org/w/index.php?title=Divina_Commedia/Paradiso/Canto_XXVIII& oldid=961633" Categoria: Testi SAL 75% Questa pagina stata modificata per l'ultima volta il 30 set 2011 alle 03:14. Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.

5 di 5

13/11/2013 21.17