Sei sulla pagina 1di 155

Materiale didattico di

supporto al corso di
Macchine 4
a cura di Michele Manno
Anno Accademico 2010/2011
Indice
Introduzione 4
Nomenclatura 7
I Componenti 10
1 La similitudine 11
1.1 Generalit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.2 I parametri della similitudine geometrica e cinematica . . . . 14
1.2.1 Indici di similitudine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.2.2 Numero caratteristico di giri . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.2.3 Numero caratteristico di cavitazione . . . . . . . . . . . 19
1.3 Gruppi di variabili adimensionali . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.3.1 Numero di Reynolds . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.3.2 Numero di Mach . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.3.3 Numero di Prandtl . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
1.3.4 Numero di Peclet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
1.3.5 Numero di Nusselt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
1.4 Parametri caratteristici di similitudine . . . . . . . . . . . . . . 29
1.4.1 Coecienti di portata e di pressione . . . . . . . . . . . 29
1.4.2 Condizioni di similitudine per un turbocompressore . . 30
1.4.3 Condizioni di similitudine per una turbopompa . . . . 32
1.4.4 Parametri corretti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
1.5 Esempi applicativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
1.5.1 Funzionamento in similitudine di un turbocompressore 35
1.5.2 Funzionamento in similitudine di uno scambiatore di
calore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
2 Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 42
2.1 Curva caratteristica ideale di una turbomacchina . . . . . . . 42
2.1.1 Curva caratteristica ideale per numero di pale innito 42
2.1.2 Curva caratteristica ideale per numero di pale nito . 45
2.2 Caratterizzazione delle perdite energetiche nelle turbomacchine 48
1
INDICE 2
2.2.1 Perdite per attrito nei condotti mobili . . . . . . . . . . 49
2.2.2 Perdite per attrito nei condotti ssi . . . . . . . . . . . 49
2.2.3 Perdite per urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2.2.4 Perdite volumetriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
2.3 Curva caratteristica reale di un turbocompressore . . . . . . . 51
2.3.1 Curve dei rendimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
2.3.2 Curva caratteristica espressa in funzione dei parametri
corretti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.3.3 Curva caratteristica espressa in funzione dei parametri
eettivi di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.3.4 Curve caratteristiche di compressori centrifughi e assiali 59
2.4 Curva caratteristica reale di una turbopompa . . . . . . . . . . 59
2.5 Curva caratteristica reale di una turbina . . . . . . . . . . . . . 60
2.6 Regolazione delle turbomacchine operatrici . . . . . . . . . . . 63
2.6.1 Generalit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
2.6.2 Variazione della velocit`a di rotazione . . . . . . . . . . 65
2.6.3 Laminazione del usso alla mandata . . . . . . . . . . . 66
2.6.4 Laminazione del usso allaspirazione . . . . . . . . . . 68
2.6.5 Riusso di portata allaspirazione o bypass . . . . . . . 71
2.6.6 Variazione dellangolo di calettamento delle pale . . . . 72
2.7 Esempi applicativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2.7.1 O design di un turbocompressore . . . . . . . . . . . . 72
2.7.2 Dimensionamento di un compressore e verica del fun-
zionamento fuori progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
3 Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 86
3.1 Generalit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
3.2 Comportamento fuori progetto di scambiatori di calore a su-
percie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
3.2.1 Comportamento del coeciente di scambio termico
nel fuori progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
3.2.2 Esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
3.3 Condensatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
3.3.1 Variazione della portata di vapore . . . . . . . . . . . . 99
3.3.2 Variazione del titolo del vapore . . . . . . . . . . . . . . 101
3.3.3 Variazione della portata dacqua di rareddamento . . 102
3.3.4 Variazione della temperatura dingresso dellacqua di
rareddamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
3.4 Esempi applicativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
3.4.1 Dimensionamento di un condensatore e verica del
funzionamento fuori progetto . . . . . . . . . . . . . . . 106
INDICE 3
II Impianti e sistemi 112
4 Impianto di turbina a gas 113
4.1 Equazioni per la verica del funzionamento fuori progetto . . 113
4.1.1 Turbina a gas monoalbero . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
4.1.2 Turbina a gas bialbero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
4.2 Inuenza delle condizioni ambiente sulle prestazioni . . . . . . 119
4.2.1 Pressione ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
4.2.2 Temperatura ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
4.3 Regolazione di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
5 Generatore di vapore a combustibile (GVC) 126
5.1 Principi generali della regolazione dei GVC . . . . . . . . . . . 126
5.2 Equazioni per la verica del funzionamento dei GVC . . . . . 130
6 Generatore di vapore a recupero (GVR) 135
6.1 Principi generali della regolazione dei GVR . . . . . . . . . . . 135
6.2 Equazioni per la verica del funzionamento dei GVR . . . . . 136
6.3 Funzionamento in sliding pressure . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
7 Impianto di turbina a vapore 143
7.1 Principi generali della regolazione degli impianti a vapore . . 143
7.1.1 Generatore di vapore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
7.1.2 Turbina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
7.1.3 Condensatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
7.1.4 Rigeneratori a supercie . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
7.1.5 Degassatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
7.2 Equazioni per lo design di un impianto a vapore . . . . . . . 149
Bibliograa 154
Introduzione
Lo studio delle macchine a uido e delle apparecchiature di scambio termi-
co prevede di norma diverse fasi (tralasciando lanalisi del funzionamento
in transitorio della macchina stessa), in quanto una qualsiasi macchina o
apparecchiatura pu`o essere esaminata sotto diversi punti di vista, in modo
da analizzare le dierenti problematiche connesse al dispositivo stesso. Le
principali fasi che possono essere individuate sono le seguenti:
Progetto: si aronta il problema del calcolo della macchina, cio`e del suo
dimensionamento al ne di ottenere la massima ecienza in corrispon-
denza delle condizioni di funzionamento indicate come dati di targa
della macchina; pertanto esso non considera tutte quelle variazioni di
regime a cui essa sar`a sottoposta durante la sua vita utile.
Verica progettuale: si eettua la verica che la macchina, dimensiona-
ta nella fase di progetto, fornisca le prestazioni desiderate (calcolo
inverso della macchina).
Verica predittiva: (detta anche fuori progetto o o design) si studia il
comportamento dellapparecchiatura al variare di uno o pi` u parametri
caratteristici di funzionamento. Ad esempio, rientra in questa fase pro-
gettuale il calcolo della portata di uido smaltita da un compressore,
al variare delle condizioni del uido in aspirazione.
Verica strumentale: si determina leettivo funzionamento dellappa-
recchiatura mediante misure strumentali eseguite sul campo.
Regolazione: si aronta il problema di come intervenire sulla macchina
al ne di variarne in maniera pressata le prestazioni. Ad esempio,
in questa fase si determina come si debba intervenire sui parametri
caratteristici di un compressore al ne di ottenere una portata diversa
da quella prevista in sede di progetto.
Controllo, monitoraggio, diagnostica: lapparecchiatura sar`a dotata di
opportuni strumenti di misura e di interfacce che consentano di ese-
guire i necessari interventi di regolazione e controllo, di monitorare
4
Introduzione 5
landamento delle grandezze signicative e, nel caso in cui siano pre-
senti sistemi di controllo evoluti, di eettuare una diagnosi dellassetto
energetico e delle prestazioni dellimpianto, segnalando eventuali ano-
malie funzionali o strumentali e valutando le prestazioni di ciascun
componente rispetto a quelle attese, tenendo conto delle correzioni da
apportare a causa di eventuali variazioni nelle condizioni al contorno
(condizioni ambientali, caratteristiche del combustibile, etc).
Lo studio delle macchine a uido, come trattato solitamente negli altri
corsi universitari di Macchine, si limita quasi integralmente ed esclusivamen-
te allanalisi delle condizioni nominali di funzionamento della macchina o
del componente in esame, ovvero alle fasi di progetto e di verica progettuale
sopra descritte.
In questo modo di procedere si trascura il fatto per cui la macchina pro-
gettata si trover`a nelle condizioni di targa soltanto per una piccola per-
centuale della sua vita utile, mentre nella maggior parte dei casi funzioner`a
fuori da queste condizioni di progetto.
Per meglio comprendere questa aermazione, basti pensare al regime di
funzionamento di un motore a combustione interna di unautomobile: esso si
trover`a raramente nelle condizioni di potenza erogata indicate dalleditoria
specializzata!
In generale il funzionamento di una macchina in condizioni diverse da
quelle di progetto pu`o essere causato da diversi fattori, tra i quali:
1. derating ambientale, cio`e variazione delle condizioni ambiente come
pressione o temperatura;
2. variazione di carico, cio`e funzionamento della macchina, dellapparec-
chiatura o dellimpianto a potenza ridotta;
3. variazione dei parametri di assetto (regolazione, degrado, fouling, ano-
malie);
4. variazione di congurazione del sistema.
Nel caso di un impianto complesso, le dierenti cause dellinsorgere di
condizioni di funzionamento fuori progetto devono essere esaminate compo-
nente per componente. Di seguito `e riportato il comportamento di alcuni
componenti tipici in un sistema energetico nei riguardi di ciascuna delle
quattro cause di funzionamento fuori progetto sopra citate, al ne di illu-
strare quanto numerose e diverse possano essere le condizioni che possono
determinare lo design in un impianto.
a. Turbina
1. Al variare delle condizioni ambientali pu`o cambiare la tempera-
tura del condensatore a valle di essa, comportando la variazione
del salto entalpico smaltito.
Introduzione 6
2. La portata elaborata varia con il variare della potenza.
3. Le condizioni di ingresso in turbina possono cambiare, ad esempio
per la sostituzione del combustibile.
4. Pu`o variare la congurazione, per esempio con la chiusura di
alcuni spillamenti.
b. Generatore di vapore a recupero
1. Il derating ambientale ha poca inuenza.
2. Il GVR risente delle variazioni di carico, dovendo adeguare la
portata di vapore prodotto al carico richiesto.
3. Pu`o rendersi necessario produrre vapore a pressioni dierenti,
oppure le tubazioni possono sporcarsi oppure ancora potrebbe
esservi acqua in ingresso a temperatura diversa.
4. Ci pu`o essere del vapore spillato per alimentare un degasatore.
c. Condensatore
1. Al variare delle condizioni climatiche cambia la temperatura di
condensazione.
2. Il usso termico scambiato pu`o subire delle variazioni se la tur-
bina a monte ha variato il carico.
3. Il funzionamento cambia se alcuni tubi sono stati chiusi per revi-
sione oppure se viene regolata lacqua di rareddamento.
4. Generalmente non esistono situazioni in cui cambi la congura-
zione del condensatore.
In questo corso si focalizzer`a allora lattenzione sul funzionamento fuori
progetto, cio`e sulla previsione del comportamento della macchina lontano
dalle condizioni di progetto (verica predittiva), nonche sulle modalit`a di
regolazione della macchina o apparecchiatura in esame (regolazione).
Il percorso formativo prevede anzitutto lintroduzione del concetto di
similitudine nella progettazione, con particolare attenzione ai casi pratici
(giranti di compressori ed elementi di scambio termico); passando poi per la
formulazione delle equazioni tipiche del funzionamento fuori progetto delle
turbomacchine e degli scambiatori di calore, si perviene quindi al caso pi` u
generale dei problemi di matching, cio`e di correlazione del fuori progetto tra
i vari componenti di un sistema complesso, come ad esempio un impianto
di turbina a gas, un generatore di vapore combustibile (inteso come siste-
ma costituito da pi` u apparecchiature di scambio termico interconnesse) e,
ancora, un impianto termoelettrico con turbina a vapore.
Nomenclatura
Simbolo Spiegazione Unit` a di misura
a accelerazione ms
2
b larghezza dei condotti delle turbomacchine m
c velocit`a ms
1
c calore specico massico Jkg
1
K
1
c calore specico molare Jkmol
1
K
1

C capacit`a termica di usso WK


1
D diametro m
D diusivit`a termica m
2
s
1
E modulo di elasticit`a Pa
Fr numero di Froude
g accelerazione di gravit`a ms
2
Gr numero di Grashof
h entalpia massica Jkg
1
H
p
prevalenza m
H
i
potere calorico inferiore Jkg
1
k rapporto calori specici c
p
]c
v
K coeciente di scambio termico globale Wm
2
K
1
l lunghezza m
L lavoro specico Jkg
1
m massa kg
m portata massica kg s
1
Ma numero di Mach
n velocit`a di rotazione s
1
Nu numero di Nusselt
p pressione Pa
P potenza W
Pe numero di Peclet
Pr numero di Prandtl
q usso termico per unit`a di supercie Wm
2
Q portata volumetrica (macchine idrauliche) m
3
s
1
r raggio m
7
Nomenclatura 8
R costante specica gas perfetto Jkg
1
K
1

R costante universale gas perfetto Jkmol


1
K
1
Re numero di Reynolds
s entropia massica Jkg
1
K
1
S numero caratteristico di cavitazione
S supercie m
2
t tempo s
T temperatura K
u umidit`a relativa
u velocit`a periferica ms
1
v volume massico m
3
kg
1
v velocit`a ms
1
V volume m
3

V portata volumetrica (macchine termiche) m


3
s
1
x titolo del vapore
Y perdite di carico m
w velocit`a relativa ms
1
Wb numero di Weber
z quota m
coeciente di scambio termico convettivo Wm
2
K
1
angolo tra le velocit`a c e u
rapporto aria/combustibile
rapporto di compressione/espansione
angolo tra tra le velocit`a w e u
coeciente di dilatazione termica K
1
indice di similitudine geometrica
rapporto R]c
p
(gas perfetto)
ecienza di uno scambiatore di calore
costante di similitudine geometrica
rendimento
costante di similitudine cinematica
conduttivit`a termica Wm
1
K
1
costante di similitudine di massa
viscosit`a dinamica Pas
viscosit`a cinematica m
2
s
1
densit`a kg m
3
tensione superciale Pam
1
costante di similitudine temporale
costante di similitudine dinamica
indice di similitudine cinematica
coeciente di portata
usso termico W
Nomenclatura 9
indice di similitudine cinematica
coeciente di pressione
velocit`a di rotazione s
1
supercie m
2
Pedici, abbreviazioni, acronimi
a aria; aspirazione
c combustibile; corretto; uido caldo; costruttivo
ECO economizzatore
f fumi (gas combusti); uido freddo
g girante
i ingresso
id ideale
is isoentropico
l liquido
lc lato caldo di uno scambiatore di calore in controcorrente
lf lato freddo di uno scambiatore di calore in controcorrente
m componente meridiana; meccanico
ml media logaritmica
n riferito a condizioni normali
nom riferito a condizioni nominali
NPSH Net Positive Suction Head
NTU Number of Transfer Units (numero di unit`a di trasporto)
p a pressione costante
RH risurriscaldatore, risurriscaldamento
s sonico; saturo
sat condizioni di saturazione
st condizioni stechiometriche
SH surriscaldatore, surriscaldamento
u uscita
t componente tangenziale
th teorico
v a volume costante, volumetrico; vapore
VAP vaporizzatore
w acqua
y politropico
Parte I
Funzionamento fuori
progetto e regolazione di
componenti
10
Capitolo 1
La similitudine
1.1 Generalit`a
La teoria della similitudine `e di fondamentale importanza nel calcolo delle
macchine, poiche il progettista, per far fronte a prestazioni che non siano gi`a
adeguatamente coperte da macchine gi`a esistenti, pu`o sfruttare lesperienza
accumulata mettendo a punto apparecchiature simili a quelle esistenti in
grado di soddisfare le nuove esigenze funzionali.
Inoltre, la similitudine permette di studiare ecacemente il problema del
fuori progetto di una macchina.
Generalmente, nello studio delle macchine a uido si pongono in evidenza
tre tipi di similitudine:
1. similitudine geometrica: due elementi rispettano la similitudine geo-
metrica quando il rapporto tra due lunghezze omologhe `e costante,
ovvero quando sono uguali a meno di un fattore di scala. Nel caso
del fuori progetto, la similitudine geometrica `e ovviamente sempre
realizzata, in quanto unapparecchiatura `e in scala 1:1 con se stessa.
2. similitudine cinematica: rappresenta luguaglianza, a meno di un fat-
tore di scala, del campo delle velocit`a. Nel caso delle turbomac-
chine, la similitudine cinematica implica che i triangoli di velocit`a
delle due macchine sono simili. La similitudine geometrica `e condi-
zione necessaria, ma non suciente, anche sussista la similitudine
cinematica.
3. similitudine dinamica: si verica quando nelle apparecchiature in esa-
me le forze scambiate tra uido e macchina sono uguali a meno di un
fattore di scala. Come si vedr`a in seguito, questa condizione `e realizza-
ta, in generale, quando sussistono sia la similitudine geometrica, sia la
similitudine cinematica, sia luguaglianza, a meno di un fattore di sca-
la, tra le masse di uido presenti in un qualsiasi volume, condizione che
si verica ovviamente quando i campi di densit`a del uido sono simili
11
1. La similitudine 12
tra le varie macchine. In particolare, per le macchine operanti su uidi
incomprimibili, ci`o signica che per ottenere la similitudine dinamica
sono sucienti la similitudine geometrica e la similitudine cinemati-
ca, in quanto la similitudine sul campo di densit`a `e automaticamente
vericata.
Sulla base di queste denizioni, `e possibile introdurre le costanti di similitu-
dine, ovvero i fattori di scala esistenti tra lunghezze, tempi, velocit`a , masse
e forze omologhi in gioco nelle due macchine simili:
similitudine geometrica =
l
l
0
similitudine temporale =
t
t
0
similitudine cinematica =
c
c
0
similitudine di massa =
m
m
0
similitudine dinamica =
F
F
0
=

Si deve per`o tener presente che le costanti di similitudine non sono sucienti
a far s` che due macchine o apparecchiature operino eettivamente in con-
dizioni di similitudine: ad esempio, nel caso della similitudine cinematica
occorre che siano uguali le direzioni delle velocit`a. La similitudine tra due
macchine `e vericata dunque se esiste una costante di similitudine e se `e
rispettata luguaglianza di forma (geometrica, del campo di velocit`a o del
campo di forze a seconda del caso).
Esempi
Ugello semplicemente convergente
Nel caso rappresentato in gura 1.1 la similitudine geometrica `e ovviamen-
te vericata, poiche si tratta dello stesso apparecchio in due condizioni di
funzionamento diverse.
La similitudine cinematica non pu`o per`o essere rispettata: infatti, a
parit`a di condizioni di ingresso del uido (velocit`a c
1
e pressione p
1
), e
nellipotesi di rimanere in funzionamento subsonico, la maggior espansione
che ha luogo nel secondo caso comporta una minore densit`a
2
in uscita
e, conseguentemente, una maggior velocit`a c
2
. Pertanto, il rapporto tra
velocit`a omologhe non `e costante, come dovrebbe invece essere nel caso di
similitudine cinematica:
c

1
c
1

2
c
2
.
1. La similitudine 13
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 1

8
a
b
Si deve per tener presente che le costanti di similitudine non sono sufficienti
a determinare la similitudine tra due macchine: ad esempio, nel caso della
similitudine cinematica occorre che siano uguali le direzioni delle velocit. La
similitudine tra due macchine verificata dunque se esiste una costante di
similitudine e se rispettata luguaglianza di forma (geometrica, del campo di
velocit o del campo di forze a seconda del caso).
Esempi
Ugello semplicemente convergente
Nel caso rappresentato in figura la
similitudine geometrica ovviamente
verificata, poich si tratta dello stesso
apparecchio in due condizioni di
funzionamento diverse.
La similitudine cinematica non pu per
essere rispettata: infatti, a parit di
condizioni di ingresso del fluido (velocit
1
c
e pressione
1
p ), e nellipotesi di rimanere
in funzionamento subsonico, la maggior
espansione che ha luogo nel secondo caso
comporta una minore densit
2
in uscita
e, conseguentemente, una maggior velocit
2
c . Pertanto, il rapporto tra velocit
omologhe non costante, come dovrebbe
invece essere nel caso di similitudine cinematica:
1 1 2 2
c c c c .
Deviatore di flusso
Nelle due situazioni descritte in figura, la similitudine
geometrica sempre rispettata.
Per quanto riguarda invece la similitudine cinematica, essa
verificata nel caso (a), in cui le velocit omologhe hanno
la medesima direzione e il rapporto dei loro moduli rispetta
la costante di similitudine cinematica 2 = , mentre non
verificata nel caso (b), dove, pur essendo costante il
rapporto tra i moduli delle velocit, la direzione della
velocit dingresso
1
c varia.
Girante
Si consideri il caso di una girante di un
turbocompressore, funzionante in
condizioni di progetto con un rapporto di
compressione , che si trovi a dover
operare con una diversa contropressione
imposta dallutilizzatore: ci comporta un
diverso rapporto di compressione e un
diverso lavoro specifico richiesto alla
macchina
( )
1
1
p is
L c T



= .
Supponendo che la componente tangenziale
della velocit del fluido in ingresso sia nulla
per entrambe le condizioni di
funzionamento, il lavoro specifico
determinato dai triangoli di velocit:
p
1
p
2
p
1
a
p p
2 2
a

Figura 1.1. Ugello semplicemente convergente
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 1

8
a
b
Si deve per tener presente che le costanti di similitudine non sono sufficienti
a determinare la similitudine tra due macchine: ad esempio, nel caso della
similitudine cinematica occorre che siano uguali le direzioni delle velocit. La
similitudine tra due macchine verificata dunque se esiste una costante di
similitudine e se rispettata luguaglianza di forma (geometrica, del campo di
velocit o del campo di forze a seconda del caso).
Esempi
Ugello semplicemente convergente
Nel caso rappresentato in figura la
similitudine geometrica ovviamente
verificata, poich si tratta dello stesso
apparecchio in due condizioni di
funzionamento diverse.
La similitudine cinematica non pu per
essere rispettata: infatti, a parit di
condizioni di ingresso del fluido (velocit
1
c
e pressione
1
p ), e nellipotesi di rimanere
in funzionamento subsonico, la maggior
espansione che ha luogo nel secondo caso
comporta una minore densit
2
in uscita
e, conseguentemente, una maggior velocit
2
c . Pertanto, il rapporto tra velocit
omologhe non costante, come dovrebbe
invece essere nel caso di similitudine cinematica:
1 1 2 2
c c c c .
Deviatore di flusso
Nelle due situazioni descritte in figura, la similitudine
geometrica sempre rispettata.
Per quanto riguarda invece la similitudine cinematica, essa
verificata nel caso (a), in cui le velocit omologhe hanno
la medesima direzione e il rapporto dei loro moduli rispetta
la costante di similitudine cinematica 2 = , mentre non
verificata nel caso (b), dove, pur essendo costante il
rapporto tra i moduli delle velocit, la direzione della
velocit dingresso
1
c varia.
Girante
Si consideri il caso di una girante di un
turbocompressore, funzionante in
condizioni di progetto con un rapporto di
compressione , che si trovi a dover
operare con una diversa contropressione
imposta dallutilizzatore: ci comporta un
diverso rapporto di compressione e un
diverso lavoro specifico richiesto alla
macchina
( )
1
1
p is
L c T



= .
Supponendo che la componente tangenziale
della velocit del fluido in ingresso sia nulla
per entrambe le condizioni di
funzionamento, il lavoro specifico
determinato dai triangoli di velocit:
p
1
p
2
p
1
a
p p
2 2
a

Figura 1.2. Deviatore di usso
Deviatore di usso
Nelle due situazioni descritte in gura 1.2, la similitudine geometrica `e
sempre rispettata.
Per quanto riguarda invece la similitudine cinematica, essa `e vericata
nel caso (a), in cui le velocit`a omologhe hanno la medesima direzione e il
rapporto dei loro moduli rispetta la costante di similitudine cinematica = 2,
mentre non `e vericata nel caso (b), dove, pur essendo costante il rapporto
tra i moduli delle velocit`a, la direzione della velocit`a dingresso c
1
varia.
Girante di un turbocompressore
Si consideri il caso di una girante di un turbocompressore, funzionante in
condizioni di progetto con un rapporto di compressione , che si trovi a
dover operare con una diversa contropressione imposta dallutilizzatore (-
1. La similitudine 14
Figura 1.3. Girante di un turbocompressore
gura 1.3): ci`o comporta un diverso rapporto di compressione

e un diverso
lavoro specico richiesto alla macchina L

= c
p
T
1
(

1) ]
is
.
Supponendo che la componente tangenziale della velocit`a del uido in
ingresso sia nulla per entrambe le condizioni di funzionamento, il lavoro
specico `e determinato dai triangoli di velocit`a: L = u
2
c
2u
.
Pertanto, a parit`a di velocit`a di rotazione (n

2
= n
2
u

2
= u
2
), anche la
macchina si adegui alla diversa contropressione richiesta, la componente tan-
genziale di velocit`a in uscita dalla girante deve variare, con un conseguente
cambiamento dei triangoli di velocit`a. Perci`o il nuovo punto di funziona-
mento non si trova in similitudine cinematica con il punto di funzionamento
nominale.
1.2 I parametri della similitudine geometrica e ci-
nematica
1.2.1 Indici di similitudine
Per studiare il comportamento delle giranti di macchine motrici o operatri-
ci, `e utile fare ricorso ad alcuni parametri adimensionali che deniscono la
macchina in esame dal punto di vista geometrico e cinematico. Con riferi-
1. La similitudine 15
mento alla generica girante rappresentata in gura 1.4, si possono denire i
parametri adimensionali indicati in tabella 1.1.
Gli indici elencati in tabella sono costanti per giranti geometricamente
simili, che operino in condizioni di similitudine cinematica. A tal proposi-
to pu`o essere utile osservare che due giranti possono essere intrinsecamente
geometricamente simili, ma la stessa cosa non si pu`o dire per la similitu-
dine cinematica: le due giranti possono vericare tale requisito con certe
condizioni di funzionamento, e non esserne pi` u in possesso con altre.
1.2.2 Numero caratteristico di giri
Gli indici di similitudine geometrica e cinematica sono ecacemente rias-
sunti dal numero caratteristico di giri n
s
, un parametro che permette di
correlare le grandezze che deniscono le prestazioni della macchina (velocit`a
di rotazione n, portata volumetrica Q, prevalenza H
p
) con i parametrici
geometrici e cinematici caratteristici della macchina stessa.
Per ricavare lespressione di n
s
, si ricorre allequazione di continuit`a e
allequazione di Eulero:
Q =
v
c
m
=
v
c
2m
b
2
D
2
=
v
c
2m
u
2
u
2

b
2
D
2
D
2
2
=
v

2
D
2
2

2
u
2
(1.1)
L =
gH
p

is
= (u
2
c
2t
u
1
c
1t
) =
2
u
2
2

1
u
2
1
(1.2)
Ricordando che la velocit`a periferica `e funzione della velocit`a di rotazione
e del diametro:
u = Dn (1.3)
si ottiene:
Q =
1

2
u
3
2
n
2
(1.4)
gH
p
=
is
{
2

2

1
) u
2
2
(1.5)
Dallespressione della prevalenza ora ottenuta si pu`o ricavare il termine
u
3
2
, da sostituire nellequazione di continuit`a:
u
3
2
= _
1

is
gH
p

2

2

1
_
3
2
(1.6)
Lequazione di continuit`a pu`o quindi essere posta in una forma che con-
tiene soltanto, oltre ad alcune costanti, le grandezze che caratterizzano le
prestazioni della macchina (n, Q, H
p
) e gli indici di similitudine:
Q =
g
3
2

3
2
is

2
(
2

2

1
)
3
2
H
3
2
p
n
2
(1.7)
1. La similitudine 16

b
1
b
2
c
1
c
2
D
1
D
2
u
1
u
2
w
1
w
2
Figura 1.4. Girante di turbomacchina centrifuga con indicazione dei
principali parametri geometrici e cinematici
Indici di similitudine geometrica Indici di similitudine cinematica

1
=
b
1
D
1

1
=
c
1m
u
1

2
=
b
2
D
2

1
=
c
1t
u
1
=
D
1
D
2

2
=
c
2m
u
2

2
=
c
2t
u
2
Tabella 1.1. Denizione degli indici di similitudine
1. La similitudine 17
Il numero caratteristico di giri (anche detto numero di giri specico) si
ottiene raggruppando a primo membro i termini n, Q e H, ovvero i parame-
tri rappresentativi delle prestazioni della macchina, ed estraendo la radice
quadrata:
n
s
= n
Q
1
2
H
3
4
p
(1.8)
Il numero caratteristico di giri, denito secondo lequazione precedente,
non `e un parametro adimensionale; per determinarne il valore, occorre inse-
rire nellequazione 1.8 il numero di giri reale in [rpm], la portata volumetrica
in [m
3
/s] e la prevalenza in [m]. Ci`o nonostante, esso pu`o essere considerato
un parametro caratteristico della macchina in quanto pu`o essere espresso in
funzione esclusivamente degli indici di similitudine geometrica e cinematica:
n
s
=
g
3
4

1
2

1
2
v

3
4
is
(
2

2
)
1
2
(
2

2

1
)
3
4
(1.9)
Ci`o signica che una data macchina, funzionante in condizioni di proget-
to o, quanto meno, in condizioni di similitudine cinematica con il punto di
funzionamento nominale, `e univocamente identicata da un unico numero
caratteristico di giri. Inoltre, come si vede dalla gura 1.5, da quanto ora
evidenziato emerge che la forma della girante e il numero caratteristico di
giri sono strettamente correlati. Di conseguenza, il numero caratteristico di
giri svolge unimportante funzione progettuale e di indirizzo nella scelta del-
la macchina adatta a un particolare scopo; ad esempio, per le turbopompe
vale la seguente classicazione:
n
s
= 1540 giranti centrifughe
n
s
= 50150 giranti a usso misto
n
s
=120300 giranti a usso assiale
Occorre per`o tener presente che un elevato numero caratteristico di giri
non implica unelevata velocit`a di rotazione nel funzionamento della mac-
china; al contrario, solitamente a valori di n
s
elevati corrispondono basse
velocit`a di rotazione. Per spiegare questo apparente paradosso, si conside-
ri che le macchine radiali sono normalmente in grado di smaltire portate
modeste a fronte di unelevata prevalenza; per contro, le macchine assiali
elaborano grandi portate con modeste prevalenze. In base alla denizione
1.8 del numero caratteristico di giri, si comprende quindi il motivo per il
quale numero caratteristico di giri e velocit`a di rotazione eettiva non sono
in diretta correlazione.
Esempio: pompa di alimentazione di un GVC
Si consideri una turbopompa destinata ad un impianto a vapore la cui
turbina debba fornire una potenza P = 10MW.
1. La similitudine 18
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 1

11
Il numero di giri specifico pu essere espresso in funzione esclusivamente
dagli indici di similitudine geometrica e cinematica:

( )
( )
1
1 3
2
2 4
1 3 3
2 4 4
2 2
2
2 1
60
v
s
is
g
n



=

(2.9)
Ci significa che una data macchina, funzionante in condizioni di progetto o,
quanto meno, in condizioni di similitudine cinematica con il punto di
funzionamento nominale, univocamente identificata da un unico numero di
giri specifico. Inoltre, come si vede nella figura riportata, la forma della girante
e il numero di giri specifico sono strettamente correlati. Di conseguenza, il
numero di giri specifico svolge unimportante funzione progettuale e di
indirizzo nella scelta della macchina adatta a un particolare scopo: ad
esempio, per le turbopompe vale la seguente classificazione:
1540
s
n =
giranti centrifughe
50150
s
n =
giranti a flusso misto
120300
s
n =
giranti a flusso assiale
Inoltre, occorre tener presente che un elevato numero caratteristico di giri non
implica unelevata velocit di rotazione nel funzionamento della macchina; al
contrario, solitamente a
s
n elevati corrispondono bassi n . Per spiegare questo
apparente paradosso, si tenga presente che le macchine radiali sono
normalmente in grado di smaltire portate modeste a fronte di unelevata
prevalenza; per contro, le macchine assiali elaborano grandi portate con
modeste prevalenze. Tenendo presente la definizione del numero caratteristico
di giri, si comprende quindi il motivo per il quale numero caratteristico di giri e
velocit di rotazione effettiva non sono in diretta correlazione.
Esempio: pompa di alimentazione di un GVC
La turbopompa destinata ad un impianto a vapore la cui turbina debba
fornire una potenza 10 MW P = . Tenendo presente che la portata di vapore
necessaria a produrre una potenza
1
1 MW P = pari a circa
1
3 t/h
v
m = , la
portata richiesta nel caso in esame sar pari a 30 t/h 8,33 kg/s
v
m = = .
Infatti, unespansione del vapore dalle condizioni 500C
SH
T = e 55 bar
SH
p =
fino alla pressione 0,05 bar
cond
p = consente un salto entalpico dellordine di
1200 kJ/kg h = , e conseguentemente la portata di vapore
v
m necessaria a
produrre la potenza
1
P di circa 1000 1200 kg/s 3 t/h = .
Conseguentemente la portata volumetrica Q elaborata dalla pompa di
alimentazione del GVC vale:

-3
9,110 m/s
v
w
m
Q

= =


La prevalenza necessaria determinata dalla pressione richiesta in turbina,
maggiorata delle perdite di carico nel GVC stimate pari a 5 bar:
3060
s
n = 50100
s
n = 100150
s
n = 120300
s
n = 1540
s
n =
Figura 1.5. Correlazione tra numero di giri specico e forma della girante
Tenendo presente che la portata di vapore necessaria a produrre una
potenza di 1 MW `e pari a circa 3 t/h, la portata richiesta nel caso in esame
sar`a pari a m
w
= 30t]h = 8, 33kg]s.
Infatti, il salto entalpico disponibile in turbina pu`o essere valutato nel-
lordine di h = 1200kJ]kg (si consideri ad esempio unespansione dalle
condizioni di 500

C e 55bar no alla pressione di 0, 05bar), e conseguente-


mente la portata di vapore necessaria a a produrre la potenza di 1 MW `e di
circa
1000kW
1200kJkg
= 3t]h.
La portata volumetrica che dovr`a essere elaborata dalla pompa di ali-
mentazione del GVC vale quindi:
Q =
m
w

w
= 9, 1 10
3
m
3
s
1
La prevalenza necessaria `e determinata dalla pressione richiesta in tur-
bina, maggiorata delle perdite di carico nel GVC. Considerando dunque una
pressione richiesta a valle della pompa di 60bar, si ottiene:
H
p
=
p

w
g
600m
Il rapporto tra numero caratteristico di giri e numero di giri eettivo
vale quindi:
n
s
n
=
Q
1
2
H
3
4
p
= 7, 87 10
4
Poiche la prevalenza imposta alla pompa `e elevata a fronte di una portata
relativamente modesta, `e possibile orientare la scelta della macchina verso
una girante centrifuga. Assumendo quindi un numero caratteristico di giri
pari a:
n
s
= 20rpm
si otterrebbe una velocit`a di rotazione, necessaria a fornire alla portata
dacqua la prevalenza richiesta in un unico stadio, pari a:
n = n
s
H
3
4
p
Q
1
2
= 25417rpm
1. La similitudine 19
che risulta evidentemente eccessiva. Occorre pertanto suddividere la com-
pressione in pi` u stadi. Imponendo una velocit`a di rotazione n = 3000rpm,
ogni stadio sarebbe in grado di fornire una prevalenza pari a:
H
p,st
=

nQ
1
2
n
s

4
3
= 34, 74m
che a sua volta determinerebbe un numero di stadi eccessivo:
N
st
=
H
p
H
p,st
= 18
Aumentando la velocit`a di rotazione no a n = 6000rpm si ottiene un
compromesso adeguato con il numero di stadi della macchina:
H
p,st
=

nQ
1
2
n
s

4
3
= 87, 54m
N
st
=
H
p
H
p,st
= 7
1.2.3 Numero caratteristico di cavitazione
Con il termine cavitazione si fa riferimento al fenomeno della violenta for-
mazione di bolle di vapore allinterno di un liquido, dovuta alla diminuzione
della pressione al di sotto di un valore soglia, che con buona approssimazione
coincide con la tensione del vapor saturo corrispondente alla temperatura
del uido. Tali bolle di vapore possono essere riassorbite quando il uido
attraversa una zona a pressione maggiore.
La cavitazione `e un fenomeno dannoso principalmente per due motivi:
il riassorbimento delle bolle di vapore comporta un rilascio concentrato
di una grande quantit`a di energia, che comporta sia il danneggiamento
delle superci solide a contatto con il uido, sia unelevata rumorosit`a;
la presenza di bolle di vapore provoca un netto peggioramento del-
le propriet`a acustiche del uido, rendendolo un cattivo vettore ener-
getico; inoltre, la presenza di bolle di vapore fa s` che la capacit`a
di trasporto di massa sia molto ridotta, determinando un calo di
prestazioni.
Per studiare il comportamento di una turbopompa rispetto alla cavita-
zione, si introduce la grandezza NPSH (Net Positive Suction Head, ovvero
carico idraulico netto allaspirazione), che rappresenta la dierenza tra il
carico idraulico allingresso della macchina e il carico corrispondente alla
1. La similitudine 20
tensione di vapore del uido. La valutazione dellNPSH pu`o essere condotta
secondo il procedimento esposto di seguito.
Imponendo la conservazione dellenergia tra la sezione corrispondente
al livello del uido nel serbatoio di aspirazione (dove laltezza cinetica pu`o
essere ritenuta trascurabile) e lingresso della macchina, si ottiene:
H
0
=
p
0
g
+
c
2
0
2g
+ z
0
= H
a
Y
a
=
p
a
g
+ z
a
Y
a
(1.10)
Nellequazione precedente, il pedice a indica le grandezze proprie del serbato-
io e del condotto di aspirazione, mentre il pedice 0 rappresenta le grandezze
allimbocco della pompa.
Il carico piezometrico allingresso della pompa risulta quindi:
p
0
g
=
p
a
g
+ (z
a
z
0
) Y
a

p
a
g
+ z Y
a

c
2
0
2g
(1.11)
dove il termine z = z
a
z
0
rappresenta il dislivello tra il serbatoio di aspi-
razione e la sezione di aspirazione della pompa, che risulta dunque positivo
nel caso di installazione della pompa sotto battente.
Allinterno della macchina si potranno poi avere ulteriori perdite di ca-
rico (Y
p
), nonche una diminuzione di pressione dovuta sia allaccelerazio-
ne del uido imposta dai condotti della girante, sia alla depressione locale
allingresso delle pale p]g:
p
min
g
=
p
0
g
Y
p

p
g
=
p
a
g
+ z Y
a

c
2
0
2g
Y
p

p
g
(1.12)
Anche non si verichi il fenomeno della cavitazione, la pressione mini-
ma nella macchina dovr`a essere superiore alla tensione di vapore:
p
min
> p
v
(1.13)
da cui si ricava la disuguaglianza:
p
a
g
+ z Y
a

p
v
g
>
c
2
0
2g
+ Y
p
+
p
g
(1.14)
Il primo termine della disequazione 1.14 coincide con il carico idraulico
netto disponibile allaspirazione della macchina (NPSH):
NPSH =
p
a
g
+ z Y
a

p
v
g
(1.15)
mentre il secondo termine rappresenta una grandezza, denita come de-
pressione dinamica totale della pompa h
dt
, dipendente esclusivamente dalle
caratteristiche della macchina (in particolare della girante), che determina
1. La similitudine 21
il minimo valore richiesto di NPSH anche non si verichi il fenomeno del-
la cavitazione, e che per questo motivo viene anche indicata con il simbolo
NPSH
r
:
h
dt
= NPSH
r
=
c
2
0
2g
+ Y
p
+
p
g
(1.16)
La depressione dinamica totale pu`o essere espressa in funzione delle velo-
cit`a assoluta e relativa allingresso della girante, per mezzo di due coecienti
e che dipendono dallarchitettura della girante, e quindi, secondo quanto
aermato al paragrafo precedente, dal numero caratteristico di giri:
h
dt
=
c
2
1
2g
+
w
2
1
2g
(1.17)
Si `e a questo punto in grado di introdurre il numero caratteristico di
cavitazione:
S =
nQ
1
2
NPSH
3
4
r
=
nQ
1
2
h
3
4
dt
(1.18)
che, rispetto alla denizione 1.8 del numero caratteristico di giri, presenta
il valore di h
dt
= NPSH
r
in luogo della prevalenza H
p
; ma, dal momento
che anche la depressione dinamica totale, in virt` u dellequazione 1.17, pu`o
essere posta in correlazione con opportuni parametri geometrici e cinematici
caratteristici del funzionamento della girante, si pu`o concludere che anche il
numero caratteristico di cavitazione S rappresenta un parametro invariante
per una determinata famiglia di macchine geometricamente simili e funzio-
nanti in condizioni di similitudine cinematica. Pertanto anche nel caso del
numero caratteristico di cavitazione `e possibile riferirsi a valori orientativi
tipici, dettati dallesperienza, per ciascuna classe di turbopompe:
S = 5070 piccole pompe centrifughe di costruzione non accurata
S = 80120 piccole pompe centrifughe di costruzione accurata
S =120180 medie e grandi pompe centrifughe di costruzione accurata
S =110140 pompe ad elica
Si deve peraltro notare come il numero caratteristico di cavitazione pos-
sa in eetti essere espresso in funzione di parametri geometrici e cinematici
relativi esclusivamente alla sezione dingresso della girante (in particolare
grazie al fatto che la depressione dinamica totale dipende dalla velocit`a che
il uido possiede in tale sezione e non in quella duscita, poiche il punto di
minor pressione si trova evidentemente proprio allingresso della girante).
Questo signica che il numero caratteristico di cavitazione mantiene lo stes-
so valore anche qualora le condizioni di similitudine geometrica e cinematica
siano vericate solo nella sezione dingresso e non in tutta la girante.
Lutilit`a pratica della denizione del numero caratteristico di cavitazione
risiede nella possibilit`a di calcolare, a partire da un valore di S tipico della
1. La similitudine 22
famiglia di turbopompe presa in considerazione, la massima velocit`a di ro-
tazione ammissibile assegnati leettivo carico idraulico netto allaspirazione
(che dipende esclusivamente dallimpianto in cui `e collocata la pompa) e la
portata da elaborare:
NPSH > NPSH
r
=

nQ
1
2
S

4
3
n
max
= S
NPSH
3
4
Q
1
2
(1.19)
oppure per individuare il minimo carico idraulico NPSH
min
che `e necessa-
rio assicurare al ne di evitare linsorgere del fenomeno della cavitazione,
qualora siano assegnate la velocit`a di rotazione e la portata:
NPSH
min
=

nQ
1
2
S

4
3
= NPSH
r
(1.20)
Esempio: pompa di alimentazione di un GVC
Riprendendo lo stesso esempio trattato a proposito del numero caratteristico
di giri (pag. 17), per la pompa centrifuga scelta si pu`o ipotizzare un numero
caratteristico di cavitazione S = 150. Il carico idraulico netto richiesto per
questa applicazione risulta:
NPSH
r
=

nQ
1
2
S

4
3
= 6m
Inoltre, si pu`o vericare che non sarebbe stato possibile utilizzare una
macchina monostadio anche a causa della necessit`a di evitare il fenomeno
della cavitazione. Infatti, per ottenere la prevalenza richiesta la macchina
dovrebbe girare con una velocit`a di rotazione pari a n

25500rpm, e in
queste condizioni il carico idraulico netto richiesto sarebbe eccessivo:
NPSH
r
=

Q
1
2
S

4
3
= 41m
1.3 Gruppi di variabili adimensionali
Lo studio del comportamento delle turbomacchine mediante la teoria della
similitudine si basa su una serie di parametri adimensionali, in aggiunta a
quelli gi`a introdotti nei precedenti paragra, che rappresentano di norma
il rapporto tra due grandezze omogenee (solitamente si tratta delle forze
agenti sul uido oppure dei ussi termici trasmessi dal uido). Tali variabili
adimensionali permettono quindi da un lato di capire quali siano le azioni
pi` u rilevanti in gioco in una macchina, e dallaltro consentono di vericare
1. La similitudine 23
Parametro Grandezze siche coinvolte Espressione analitica
Froude
azioni di inerzia
azioni gravitazionali
Fr =
c
2
lg
Grashof
azioni convettive naturali
azioni viscose
Gr =
l
3
gT

2
Weber
azioni di inerzia
tensione superciale
Wb =
c
2
L

Mach
azioni di inerzia
azioni elastiche
Ma =
c
c
s
Reynolds
azioni di inerzia
azioni viscose
Re =
cD

=
cD

Prandtl
viscosit`a cinematica
diusivit`a termica
Pr =

c
p
=
c
p

Peclet
trasporto di massa
conduzione termica
Pe =
c
p
c l

Nusselt
convezione
conduzione termica
Nu =
l

Tabella 1.2. Parametri adimensionali


se due diverse macchine operino in condizione di similitudine dinamica e
termica.
In tabella 1.2 sono elencati i principali gruppi adimensionali di interesse
in ambito termodinamico.
Di questi parametri, i numeri di Froude e Grashof sono importanti nello
studio della convezione naturale, che per`o riveste scarso interesse nel campo
delle turbomacchine. Anche il numero di Weber, utile nellanalisi delleus-
so attraverso materiali porosi, non `e di particolare interesse nellambito di
questo corso.
Molto importanti sono invece gli ultimi quattro numeri, che consentono
di denire le propriet`a termouidodinamiche allinterno della macchina o
1. La similitudine 24
apparecchiatura in esame.
1.3.1 Numero di Reynolds
Il numero di Reynolds stabilisce un rapporto tra le azioni di inerzia e le azioni
viscose; dal punto di vista dimensionale dunque esso pu`o essere ricavato nel
modo seguente:
Re =
m
dc
dt

dc
ds
=
l
ds
dt

=
cl

(1.21)
La lunghezza caratteristica usata nel caso di usso allinterno di un condotto
`e il diametro interno D; perci`o si ritrova lespressione riportata in tabella
1.2.
Il numero di Reynolds fornisce indicazioni sul moto del uido nella mac-
china. Il usso sar`a laminare per bassi numeri di Reynolds, turbolento per
elevati valori di tale parametro. Nel campo delle turbomacchine solitamente
il moto `e turbolento, e lintervallo di variazione del numero di Reynolds tra
diverse macchine non `e molto ampio, perche nelle macchine pi` u piccole si
hanno velocit`a maggiori e viceversa.
Il numero di Reynolds pu`o anche fornire indicazioni sulla capacit`a della
macchina di deviare il uido. Infatti linterazione tra le pale della macchina
e il uido avviene attraverso le forze viscose, senza le quali non vi potrebbe
essere scambio di lavoro (ci` o comporta che, paradossalmente, in un moto
ideale inviscido, caratterizzato da Re , pur non vericandosi perdite
per eetto della viscosit`a, non si pu`o ottenere lavoro dalla macchina). Per-
tanto, in generale, maggiore `e il numero di Reynolds, minore `e la capacit`a
di deviare il usso da parte della macchina.
A conferma di ci`o, si consideri una macchina attraversata, con le mede-
sime velocit`a, da aria o da acqua. Il valore della viscosit`a e della densit`a
dellaria e dellacqua in condizioni ambiente `e indicativamente il seguente:

a
= 18, 4 10
6
Pas

w
= 890 10
6
Pas

a
= 1, 17 kg m
3

w
= 1000 kg m
3
Si pu`o immediatamente osservare che le forze viscose esercitate sullacqua
sono circa 50 volte superiori rispetto a quelle esercitate sullaria, ma agisco-
no su una massa circa 1000 volte superiore. Pertanto le forze viscose hanno
uninuenza maggiore e consentono di deviare pi` u agevolmente il uido nelle
macchine termiche (agenti su uidi comprimibili) piuttosto che nelle mac-
chine idrauliche. Ci`o `e confermato dallesame del numero di Reynolds nelle
1. La similitudine 25
due situazioni, che risulta circa 20 volte superiore per lacqua, indicando per
questa una preminenza delle forze dinerzia sulle forze viscose.
Inne, `e utile osservare che `e possibile ricorrere ad un unico parametro,
ovvero la viscosit`a cinematica, per descrivere leetto delle propriet`a termo-
siche del uido sul numero di Reynolds. La viscosit`a cinematica `e infatti
denita come rapporto tra viscosit`a dinamica e densit`a ( = ]), e da questa
denizione si ottiene la seconda espressione del numero di Reynolds riporta-
ta in tabella 1.2, ovvero Re = cD]. Il rapporto delle viscosit`a cinematiche
di due uidi `e pertanto pari allinverso del rapporto del numero di Reynolds
valutato per i due uidi che scorrono alla stessa velocit`a nella medesima
macchina. Riprendendo lesempio del confronto tra aria ed acqua, si ha

a
= 15, 7 10
6
m
2
s
1
e
w
= 0, 89 10
6
m
2
s
1
, per cui
a
]
w
= Re
w
]Re
a
18.
1.3.2 Numero di Mach
Lelasticit`a di un uido `e misurata dal suo modulo di elasticit`a che pu`o
essere denito, per una generica trasformazione, come segue:
E =
dp
d
(1.22)
La velocit`a del suono di un uido `e strettamente legata alla sua compri-
mibilit`a, misurata in particolare in una trasformazione isoentropica:
c
2
s
= _
p

_
s
=
E
s

(1.23)
Pertanto il numero di Mach, denito come rapporto tra velocit`a del uido
e velocit`a del suono del uido stesso, rappresenta il rapporto tra le forze di
inerzia agenti sul uido e le azioni dovute allelasticit`a del uido stesso:
forze di inerzia
azioni elastiche
=
ma
E
s
l
2
=
l
3
c]t
c
2
s
l
2
=
cl]t
c
2
s
=
c
2
c
2
s
= Ma
2
(1.24)
La velocit`a del suono `e una propriet`a termosica del uido, e non dipende
dal campo di moto; in particolare, per un gas perfetto, la velocit`a del suono
dipende solo dalla temperatura e dal peso molecolare del gas, come si evince
dalla relazione seguente:
c
s
=

kRT (1.25)
Per laria in condizioni ambiente standard (T = 25

C), la velocit`a del suono


vale 340ms
1
.
A parit`a di velocit`a, la comprimibilit`a del gas aumenta se aumenta il
numero di Mach (e quindi se diminuisce la velocit`a del suono), nel senso che a
parit`a di lavoro fornito dalla macchina, aumenta il rapporto di compressione
ottenuto, perche le azioni elastiche opposte dal uido sono inferiori:
= _
L
c
p
T
1
+ 1_
1
= _
L
RT
1
+ 1_
1
= _
k 1
c
2
s1
L+ 1_
k(k1)
(1.26)
1. La similitudine 26
Dalla relazione ora ricavata si deduce che, a parit`a di lavoro fornito, il rap-
porto di compressione aumenta al diminuire della velocit`a del suono, nel caso
in cui sia possibile considerare il rapporto tra i calori specici k invariato.
Daltra parte, la diminuzione della velocit`a del suono comporta ovviamente
laumento del numero di Mach.
La dipendenza della comprimibilit`a del uido dal numero di Mach con-
sente di aermare che un uido caldo `e pi` u dicilmente comprimibile ri-
spetto ad un uido freddo, cos` come un gas a basso peso molecolare (ad
esempio, lidrogeno) richiede un lavoro di compressione molto maggiore ri-
spetto ad un gas ad alto peso molecolare: infatti in entrambi questi casi la
velocit`a del suono risulta maggiore e quindi il numero di Mach minore.
Questo risultato pu`o essere facilmente ricavato anche senza il ricorso
al numero di Mach, in quanto la relazione precedente pu`o essere riscritta
evidenziando il peso molecolare del gas perfetto:
= _
L
c
p
T
1
+ 1_
1
= _
LP
m
c
p
T
1
+ 1_
1
(1.27)
Poiche il calore specico molare c
p
e il rapporto = R]c
p
di un gas perfetto
dipendono in prima approssimazione (secondo la teoria cinetica dei gas)
soltanto dalla struttura molecolare del gas stesso (per i gas biatomici ad
esempio si ha c
p
=
7
2

R), ne risulta che tra due diversi gas con ugual struttura
molecolare ma con diverso peso molecolare, a parit`a di lavoro (massico) di
compressione fornito si otterr`a un rapporto di compressione pi` u alto per il
gas a maggior peso molecolare.
1.3.3 Numero di Prandtl
Il numero di Prandtl rapporta la viscosit`a dinamica del uido alla sua
diusivit`a termica D =

c
p
, che rappresenta la velocit`a con cui il uido `e in
grado di trasmettere al suo interno una variazione di temperatura per eetto
della conduzione termica.
Lespressione del numero di Prandtl `e dunque la seguente:
Pr =
c
p

(1.28)
dalla quale risulta che il numero di Prandtl `e un parametro esclusivamente
termosico, cio`e non dipende dalle condizioni operative ma soltanto dalle
propriet`a del uido.
Per comprendere il signicato sico del parametro D, e quindi del nu-
mero di Prandtl, si consideri il bilancio energetico (unidimensionale) di un
volume innitesimo di uido in quiete, rappresentato in gura 1.6, in cui q
rappresenta il usso termico per unit`a di supercie scambiato attraverso le
pareti del volume.
1. La similitudine 27
( ) q x
( ) d q x x +
dx

v
T
c V
t

d V x =
Figura 1.6. Bilancio energetico di un volume innitesimo di uido in quiete
La variazione nel tempo dellenergia interna contenuta nel volume `e data
dallespressione:
V
u
t
= V c
v
T
t
=
1
k
V c
p
T
t
Questa dovr`a essere uguale al usso termico ricevuto (o ceduto) dal
volume di controllo:
| q(x) q(x + dx)| =
q
x
dx = V
q
x
Il usso termico scambiato per conduzione `e legato tramite la legge di Fourier
al gradiente della temperatura:
q =
T
x
e pertanto lequazione di bilancio `e data da:
T
t
= k

c
p

2
T
x
2
= kD

2
T
x
2
(1.29)
Dallespressione precedente, in cui compare appunto la diusivit`a ter-
mica del uido D, si evince chiaramente che la trasmissione del calore nel
uido `e tanto pi` u rapida quanto maggiore `e D (cio`e se prevale la condu-
cibilit`a termica, rappresentata da , sullinerzia termica, rappresentata da
c
p
). E utile notare che lequazione ottenuta `e valida sia per un gas perfetto
sia per un liquido perfetto, per il quale il rapporto dei calori specici k `e
unitario, in quanto c
p
= c
v
= c
l
.
1.3.4 Numero di Peclet
Il prodotto tra numero di Prandtl e numero di Reynolds, indicato come
numero di Peclet, `e un parametro che misura il rapporto tra usso termico
associato al trasporto di massa e usso termico trasmesso per conduzione:
Pe = Re Pr =
cl

c
p

=
c
p
c l

(1.30)
1. La similitudine 28
Il signicato sico del numero di Peclet pu`o essere compreso riprendendo
in esame il bilancio di energia termica di un volume di uido e rimuovendo
lipotesi che il uido sia in quiete: in questo caso il bilancio dovr`a tener conto
anche del trasporto di energia associato al movimento del uido. Assumendo
quindi un moto stazionario, il primo principio applicato al volume in esame
si scrive:
c
v
T
t
+ c c
p
T
x
=

2
T
x
2
(1.31)
ovvero:
T
t
+ kc
T
x
= kD

2
T
x
2
(1.32)
Le grandezze che determinano quale sia il meccanismo di trasmissione
dellenergia pi` u ecace sono dunque la velocit`a del uido c (per il traspor-
to di energia associato al movimento del uido) e la diusivit`a termica D
(per il trasporto di energia associato alla conduzione termica). Il numero
adimensionale ottenibile dal rapporto tra queste due grandezze coincide con
il numero di Peclet:
cl
D
=
cl

cp
=
c
p
cl

(1.33)
Dallanalisi dellespressione del numero di Peclet risulta dunque che al
crescere della turbolenza del uido aumenta il usso termico associato al
trasporto di massa (proporzionale alla capacit`a termica e alla velocit`a del
uido) rispetto al usso termico trasmesso per conduzione, proporzionale
alla conduttivit`a termica.
1.3.5 Numero di Nusselt
Il numero di Nusselt e il numero di Prandtl correlano le grandezze che de-
terminano la trasmissione del calore, escludendo lirraggiamento. Il numero
di Nusselt in particolare rapporta il usso termico trasmesso per convezione
al usso termico trasmesso per conduzione:
Nu =
l

(1.34)
Si `e detto che i numeri di Reynolds e Prandtl danno unindicazione delle
caratteristiche del moto del uido, della sua capacit`a di trasmissione per
mezzo del trasporto di massa, e della trasmissione per eetto della condu-
zione; poiche daltra parte la convezione forzata `e strettamente legata a tutti
questi fenomeni, `e naturale supporre che esista un legame analitico tra il nu-
mero di Nusselt e i numeri di Reynolds e Prandtl. In eetti `e generalmente
considerata valida una relazione del tipo:
Nu Re
x
Pr
y
(1.35)
1. La similitudine 29
Gli esponenti x e y sono coecienti, valutabili empiricamente, che dipendono
dal uido considerato, dal tipo di moto e dalla geometria del sistema. Essi
risultano di norma variabili nellintervallo:
x = 0, 6 0, 8
y = 0, 3 0, 4
(1.36)
Ad esempio, nel caso di scambio termico allinterno di tubi `e considerata
valida la seguente relazione:
Nu = 0, 024Re
0,8
Pr
0,3
(1.37)
mentre nel caso di scambio termico allesterno di tubi si pu`o considerare
valida la relazione:
Nu = 0, 33Re
0,6
Pr
0,33
(1.38)
1.4 Parametri caratteristici di similitudine
1.4.1 Coecienti di portata e di pressione
Rispetto alle grandezze adimensionali introdotte e descritte in 1.2.1, nel
campo delle turbomacchine sono di uso comune due ulteriori parametri
adimensionali che risultano costanti per macchine operanti in similitudine
cinematica: si tratta del coeciente di portata:
=
c
1m
u
1
(1.39)
e del coeciente di pressione:
=
L
u
2
2
(1.40)
E immediato vericare che due macchine cinematicamente simili hanno
lo stesso coeciente di portata, perche si tratta di un rapporto tra velocit`a,
coincidente per altro con lindice di similitudine
1
introdotto in precedenza;
per vericare che anche il coeciente di pressione `e costante per macchine
simili, si deve innanzitutto ricordare la relazione 1.2, che permette di espri-
mere il lavoro specico in funzione degli indici di similitudine geometrica
della macchina, dalla quale si ottiene:
L = {
2

2

1
) u
2
2
(1.41)
Il coeciente di pressione vale quindi:
=
2

2

1
(1.42)
e pertanto risulta anchesso funzione esclusivamente degli indici di similitu-
dine della macchina.
1. La similitudine 30
1.4.2 Condizioni di similitudine per un turbocompressore
Da un punto di vista operativo pu`o essere importante stabilire quali siano le
relazioni esistenti tra lavoro specico, portata e velocit`a di rotazione per due
turbomacchine operanti in condizioni di similitudine (o anche per la stessa
turbomacchina in due punti di funzionamento dierenti ma caratterizzati
da condizioni di similitudine). A tal ne, le espressioni seguenti illustrano
la correlazione tra i parametri di similitudine (geometrica, cinematica e alla
comprimibilit`a) e le prestazioni della macchina:
=
c
1m
u
1
=

V

nD


V
nD
3
(1.43)
=
L
u
2
=
L
(nD)
2

L
n
2
D
2
(1.44)
Ma =
c
c
s
=
u
c
s
=
nD

kRT

nD
_
kT]P
m
(1.45)
Come si pu`o notare dalle relazioni sopra riportate, intervengono quattro
gruppi di variabili:
1. parametri di similitudine: , , Ma;
2. parametri di prestazione della macchina: L,

V , n;
3. parametri di taglia della macchina: D;
4. parametri legati al uido di lavoro: k, P
m
.
Imponendo luguaglianza tra i parametri di similitudine si perviene alle
seguenti relazioni, che correlano lavoro, portata e velocit`a di rotazione per i
diversi punti di funzionamento in similitudine:

=

V
n

n

3
(1.46)
L

= L_
n

n
_
2

2
(1.47)
n

= n
_

k
T

1
T
1
P
m
P

m
1

(1.48)
Per quanto riguarda la portata massica si ha:
m



V
n

n

3
= m
p

p
T
T

m
P
m
n

n

3
(1.49)
1. La similitudine 31
Il lavoro specico dipende, in un turbocompressore, dal rapporto di
compressione :
L =
1

is
c
p
T
1
(

1) = c
p
T
1
{

y
1) (1.50)
Pertanto, nel caso di un uido comprimibile che obbedisce alla legge
dei gas perfetti, il lavoro di compressione dipende solo dal rapporto tra
pressione di aspirazione e di mandata, e non dalla prevalenza imposta al
turbocompressore: in altre parole, comprimere un gas da 1 a 5 bar richiede
lo stesso lavoro della compressione da 100 a 500 bar.
Poiche il rendimento isoentropico pu`o essere considerato costante tra
due condizioni di funzionamento in similitudine, il rapporto di compressione
varier`a secondo la legge:

= _1 +
L

p
T

1
_
1

1 + _
n

n
_
2

2
L
c

p
T

1 + _
n

n
_
2

2
c
p
T
1
c

p
T

1
(

1)

(1.51)
dando luogo ovviamente ad una pressione di mandata per condizioni di
funzionamento in similitudine pari a p

2
=

1
.
Osservazioni
La pressione di mandata p
2
`e imposta dallutilizzatore, e non diretta-
mente dalla macchina (che invece, a fronte del carico richiesto, impone
la portata inviata allutilizzatore). Pertanto il calcolo del nuovo rap-
porto di compressione

sviluppato non fornisce in generale la nuova


pressione di mandata, ma d`a solo lindicazione che, se lutilizzatore
imporr`a eettivamente la pressione p

2
, allora la macchina si trover`a a
funzionare in condizioni di similitudine con il punto di funzionamento
nominale.
Nel caso in cui la stessa macchina ( = 1) debba comprimere uidi
dierenti girando alla stessa velocit`a di rotazione, il lavoro specico
risulter`a uguale, ma cambier`a il rapporto di compressione.
Un uido `e tanto meglio comprimibile quanto maggiore `e il suo peso
molecolare e minore la temperatura di aspirazione (si veda a tal riguar-
do quanto aermato a proposito della similitudine alla comprimibilit`a,
paragrafo 1.3.2).
1.4.3 Condizioni di similitudine per una turbopompa
Nellanalisi delle turbopompe, `e in generale valida lipotesi che il uido di
lavoro possa essere considerato incomprimibile (liquido perfetto). In questo
1. La similitudine 32
caso particolare pertanto la similitudine alla comprimibilit`a `e automatica-
mente rispettata a prescindere dalla velocit`a di rotazione della macchina (ne
`e prova il fatto che la velocit`a del suono di un uido incomprimibile tende a
innito, e quindi il numero di Mach `e sempre nullo).
Le relazioni che determinano la similitudine tra due macchine si riducono
quindi alle due seguenti:
Q

= Q
n

n

3
(1.52)
H

p
= H
p
_
n

n
_
2

2
(1.53)
In questo caso, ovviamente, la portata massica segue la stessa legge di
variazione valida per la portata in volume:
m

= m
n

n

3
(1.54)
Dalle equazioni 1.52 e 1.53 si ricava che nel piano Q H
p
i punti in
similitudine con il funzionamento nominale di una determinata pompa ( =
1) sono individuabili su una parabola passante per lorigine e per il punto
di funzionamento nominale:
H

p
= H
p
_
Q

Q
_
2
(1.55)
In una turbopompa il lavoro specico non dipende dal rapporto di com-
pressione ma dalla prevalenza della pompa H
p
, che `e determinata dalla die-
renza di pressione e dalleventuale dislivello (normalmente trascurabile) tra
ambiente di aspirazione e ambiente di mandata (nellipotesi che le velocit`a
di eusso siano le medesime a monte e a valle della macchina):
L = gH
p
=
1

idr
_
p

+ gz_ (1.56)
1.4.4 Parametri corretti
Prendendo in considerazione una singola macchina operante su uno stes-
so uido rispondente allipotesi di gas perfetto, i coecienti di portata e
pressione possono essere correlati ai parametri operativi della macchina in
diverse condizioni di funzionamento come segue:
=
c
1m
u
1
=
m

1
u
1
m
T
1
p
1
1
n
=
m

T
1
p
1
n

T
1
(1.57)
=
L
u
2
2
=
c
p
T
1
(

1)
u
2
2

1
{
n

T
1
)
2
(1.58)
1. La similitudine 33
Nelle relazioni precedenti sono stati semplicati tutti i parametri dipendenti
dalla geometria della macchina (ad esempio, D) e dal uido (ad esempio,
P
m
), al ne di mettere in rilievo alcune grandezze fondamentali che sono
indicate come parametri corretti della macchina, ovvero la portata corretta:
m
c
=
m

T
1
p
1
(1.59)
il numero di giri corretto:
n
c
=
n

T
1
(1.60)
e inne il rapporto di compressione corretto, che coincide con il rapporto di
compressione eettivo:

c
= (1.61)
Il pedice
1
indica che le condizioni di pressione e temperatura utili alla de-
nizione dei parametri corretti sono quelle relative allingresso della macchina
(aspirazione per un turbocompressore, ammissione per una turbina).
Poiche nel derivare le espressioni analitiche dei parametri corretti si sono
tralasciate le informazioni relative alle dimensioni della macchina () e le
caratteristiche del gas (c
p
, ), i parametri corretti si rivelano utili nello studio
del comportamento di una determinata macchina operante su uno stesso
uido in condizioni di similitudine uidodinamica. Infatti, derivando dai
coecienti di portata e pressione, anche i parametri corretti si mantengono
costanti al variare del punto di funzionamento purche siano soddisfatte le
condizioni di similitudine uidodinamica.
In altre parole, il punto di funzionamento nominale determina una terna
univoca di parametri corretti m
c
, n
c
e
c
, ma da questi si ottengono inniti
valori eettivi di portata m, di numero di giri n e di rapporto di compressione
al variare di pressione e temperatura allingresso della macchina.
Per concludere la presentazione dei parametri corretti, `e opportuno sot-
tolineare come il numero di giri corretto determini il comportamento della
macchina rispetto alla comprimibilit`a, in quanto, come mostrato dalle se-
guenti relazioni, esso risulta proporzionale al numero di Mach attraverso il
coeciente di portata:
Ma =
c
c
s
=
c
1m
c
s
=
u
c
s
=
nD

kRT
Ma n
c
(1.62)
Per ottenere una completa similitudine uidodinamica, in termini di
uguaglianza di coecienti di portata e di pressione (similitudine geome-
trica e cinematica) e di uguaglianza di numero di Mach (similitudine alla
comprimibilit`a), `e pertanto necessario imporre luguaglianza dei parametri
corretti tra i due punti di funzionamento considerati:

=
Ma

= Ma

c
= m
c

c
=
c
n

c
= n
c
(1.63)
1. La similitudine 34
Nel caso invece in cui sia possibile limitarsi a considerare soltanto la
similitudine geometrica e cinematica, ignorando la variazione del numero
di Mach, allora le condizioni di similitudine sono garantite da relazioni,
analoghe alle 1.52 e 1.53 che permettono ai parametri di corretti di variare
secondo le seguenti leggi:

c
= m
c
n

c
n
c

c
1 = (

c
1) _
n

c
n
c
_
2 (1.64)
Esempio
Una girante di compressore dia luogo alle seguenti prestazioni nominali:
aria aspirata nelle condizioni p
1
= 760mm
Hg
e T
1
= 15

C
portata elaborata m = 5kg]s
rapporto di compressione = 2, 20
velocit`a di rotazione n = 3000rpm
Volendo mantenere le condizioni di similitudine geometrica e cinematica,
quali sono le nuove prestazioni della macchina se le condizioni in aspirazione
diventano p

1
= 0, 8atm e T

1
= 48

C?
Poiche sia il uido sia la macchina sono le medesime nei due punti di
funzionamento, `e possibile imporre luguaglianza dei parametri corretti. Si
ottiene:
m

_
T

1
p

1
=
m

T
1
p
1
m

= m
_

T
1
T

1
p

1
p
1
= 3, 79kg]s
n

= n

1
T
1
= 3167rpm

= = 2, 20
In questo caso, luguaglianza del numero di giri corretto garantisce che la
macchina abbia lo stesso comportamento rispetto alla comprimibilit`a (ugua-
le numero di Mach). Il numero di Reynolds risulter`a invece dierente, ma
questo aspetto non `e particolarmente importante perche ci`o che conta `e
soltanto il suo ordine di grandezza, per stabilire se il usso `e laminare, di
transizione o turbolento.
1. La similitudine 35
1.5 Esempi applicativi
1.5.1 Funzionamento in similitudine di un turbocompressore
Si voglia realizzare un compressore centrifugo che elabori metano nelle con-
dizioni date in tabella 1.3; in quali condizioni si dovr`a provare un prototipo
in scala 1:2 funzionante con aria a condizioni ambiente in aspirazione per
rispettare le condizioni di similitudine?
Compressore
vero
Prototipo
Fluido CH
4
Aria
Fattore di scala 1 0,5
Peso molecolare P
m
[kg kmol
1
] 16 28,96
Pressione aspirazione p
1
[bar] 1 1
Temperatura aspirazione T
1
[

C] 0 20
Portata volumetrica aspirata

V
1
[m
3
s
1
] 10
2
?
Densit`a allaspirazione
1
[kg m
3
] ? ?
Calore specico c
p
[kJ kg
1
K
1
] 2,135 1,006
Rapporto = R]c
p
? ?
Viscosit`a [Pa s] 1, 031 10
5
1, 813 10
5
Velocit`a di rotazione n [rpm] 6000 ?
Rapporto di compressione 3,5 ?
Tabella 1.3. Dati relativi allesempio 1.5.1
E innanzitutto opportuno determinare la densit`a allaspirazione e la
portata, volumetrica e massica, elaborata dal compressore vero:

1
=
n
T
n
T
1
p
1
p
n
=
16
22, 414
273, 15
273, 15
1
1, 01325
kg m
3
= 0, 705kg m
3
m =
1

V
1
= 7, 05 10
3
kg s
1
La densit`a dellaria in aspirazione vale invece:

1
=

n
T
n
T

1
p

1
p
n
=
28, 96
22, 414
273, 15
293, 15
1
1, 01325
kg m
3
= 1, 188kg m
3
1. La similitudine 36
La costante R e gli esponenti e k valgono, per il metano:
R =

R
P
m
=
8, 314
16
kJkg
1
K
1
= 0, 520kJkg
1
K
1
=
R
c
p
= 0, 2434
k =
1
1
= 1, 322
e per laria:
R

=

R
P

m
=
8, 314
28, 96
kJkg
1
K
1
= 0, 287kJkg
1
K
1

=
R

p
= 0, 2854
k

=
1
1

= 1, 399
Il lavoro di compressione richiesto dal compressore vero, assumendo
un rendimento politropico pari a
y
= 0, 85, risulta:
L = c
p
T
1
{

y
1) = 251, 6kJkg
1
La pressione di mandata vale:
p
2
= p
1
= 3, 5bar
La potenza assorbita dal compressore `e dunque pari a:
P = mL = 1, 77kW
Per quanto riguarda invece il prototipo, non `e possibile ricorrere allu-
guaglianza dei parametri corretti, perche le due macchine non sono in scala
1:1, e inoltre `e diverso anche il uido di lavoro. Pertanto, occorre sfruttare
le equazioni pi` u generali 1.46-1.48.
Imponendo la similitudine alla comprimibilit`a (eq. 1.48), si ricava la
velocit`a di rotazione del prototipo:
n

= n
_

k
T

1
T
1
P
m
P

m
1

= 9508rpm
Dalluguaglianza dei coecienti di portata, eq. 1.46, si ottiene la portata
volumetrica:

1
=

V
1
n

n

3
= 1, 98 10
3
m
3
s
1
1. La similitudine 37
Inne, luguaglianza dei coecienti di pressione, eq. 1.47, consente il
calcolo del lavoro specico e quindi del rapporto di compressione e del-
la pressione di mandata del prototipo, assumendo invariato il rendimento
politropico:
L

= L_
n

n
_
2

2
= 158, 0kJkg
1

= _1 +
L

p
T

1
_

= 3, 588
p

2
=

1
= 3, 588bar
Pertanto, la portata massica elaborata dal prototipo e la potenza assor-
bita risultano:
m

1

V

1
= 2, 35 10
3
kg s
1
P

= m

= 0, 372kW
E utile precisare che per il prototipo il numero di Reynolds sar`a diverso
da quello del compressore vero, ma, come gi`a accennato in precedenza,
ci`o non costituisce un problema purche entrambi i valori abbiano lo stesso
ordine di grandezza, in modo da garantire che il tipo di moto sia lo stesso
per il compressore vero e il prototipo:
Re

Re
=

1
n

n

2

= 0, 380 1
1.5.2 Funzionamento in similitudine di uno scambiatore di
calore
Si deve realizzare il rareddamento della supercie interna di un tubo con
diametro D = 2in e lunghezza l = 2m, che si pu`o assumere ad una tem-
peratura costante T
h
= 100

C e di capacit`a termica innitamente grande,


tramite un usso di idrogeno con velocit`a c = 10ms
1
, pressione p = 30bar
e temperatura T = 15

C.
Si vuole condurre una prova con un prototipo in scala 1:2, utilizzando
come uido aria a pressione e temperatura ambiente (p

= 1atm e T

= 15

C).
Si individuino le condizioni di prova che realizzino:
1. linvarianza del numero di Nusselt;
2. linvarianza del coeciente di scambio termico convettivo .
Calcolare inoltre, per ogni condizione, le portate massiche e i ussi
termici scambiati, con lausilio degli ulteriori dati riportati in tabella 1.4.
1. La similitudine 38
Idrogeno Aria
Calore specico c
p
[kJ kg
1
K
1
] 14,37 1,006
Viscosit`a [Pa s] 8, 79 10
6
1, 84 10
5
Conduttivit`a termica [Wm
1
K
1
] 0,1760 2, 634 10
2
Tabella 1.4. Propriet`a siche di idrogeno e aria
Conviene innanzitutto calcolare la portata massica di idrogeno nellap-
parecchiatura reale:
=
n
p
p
n
T
n
T
=
2
22, 414
30
1, 01325
273, 15
288, 15
kg m
3
= 2, 504kg m
3
m = c = 5, 08 10
2
kg s
1
dove = D
2
]4 = 2, 03 10
3
m
2
`e la sezione di eusso del tubo. Il usso
termico scambiato nellapparecchiatura reale pu`o essere calcolato mediante
la relazione
= KST
ml
Il coeciente di scambio termico globale in questo caso coincide con il coef-
ciente di scambio termico per convezione (K = ), mentre il parametro
T
ml
`e denito dalla relazione:
T
ml
=
(T
h
T) (T
h
T
u
)
log
T
h
T
T
h
T
u
=
T
h
T
u
log
T
h
T
T
h
T
u
=
T
log
T
h
T
T
h
T
u
dove T
u
rappresenta la temperatura di uscita dellidrogeno dal tubo, per ora
incognita, e T la variazione di temperatura subita dal uido che scorre
allinterno del tubo.
La supercie di scambio termico vale:
S = Dl = 0, 3192m
2
Il usso termico pu`o essere valutato tramite lequazione di conservazione
dellenergia:
= mc
p
(T
u
T) = mc
p
T
Uguagliando le due espressioni relative al usso termico, si ottiene:
ST
ml
= mc
p
T
log
T
h
T
T
h
T
u
=
S
mc
p
Per procedere al calcolo della temperatura T
u
, occorre quindi valutare
il coeciente di scambio termico . A tal ne, si determina innanzitutto
1. La similitudine 39
il numero di Nusselt, legato mediante relazioni empiriche ai numeri di Rey-
nolds e Prandtl. Prendendo quindi in considerazione lequazione 1.37, nello
scambiatore reale si avr`a:
Re =
cD

= 144735
Pr =
c
p

= 0, 7177
Nu = 0, 024Re
0,8
Pr
0,3
= 292, 0
Il numero di Nusselt ottenuto determina un coeciente di scambio ter-
mico per convezione pari a:
= Nu

D
= 1011, 8Wm
2
K
1
La temperatura di uscita dellidrogeno dallapparecchiatura e il usso
termico scambiato valgono quindi:
T
u
= T
h
(T
h
T) exp_
S
mc
p
_ = 44, 36

C
= mc
p
(T
u
T) = 21, 43kW
Si pu`o ora procedere a determinare le condizioni che consentono al pro-
totipo di funzionare in similitudine con lapparecchiatura reale.
Invarianza del numero di Nusselt
Il rapporto tra il numero di Nusselt per lapparecchiatura reale e per il
prototipo dipende dal rapporto tra i numeri di Reynolds e i numeri di
Prandtl:
Nu

Nu
= _
Re

Re
_
0,8
_
Pr

Pr
_
0,3
Sviluppando le espressioni dei numeri di Reynolds e Prandtl si ottiene:
Re

Re
=

c
D

=
m

m
D
D

=
m

m
1

Pr

Pr
=
c

p
c
p

Il rapporto tra i numeri di Nusselt pu`o quindi essere espresso mediante


la relazione:
Nu

Nu
= _
m

m
_
0,8

0,8
_

_
0,5
_
c

p
c
p
_
0,3
_

_
0,3
1. La similitudine 40
Imponendo luguaglianza del numero di Nusselt tra lapparecchiatura
reale e il prototipo si ottiene:
Nu

Nu
= 1 m

= _

_
0,625
_
c

p
c
p
_
0,375
_

_
0,375
m
Il prototipo dovr`a essere in grado di elaborare una portata pari a:
m

= 0, 5_
18, 37
8, 788
_
0,625
_
1, 006
14, 37
_
0,375
_
0, 02634
0, 1760
_
0,375
m = 5, 35 10
2
kg s
1
La densit`a dellaria nelle condizioni indicate vale:
=

n
p

p
n
T
n
T

=
28, 96
22, 414
1, 01325
1, 01325
273, 15
288, 15
kg m
3
= 1, 225kg m
3
Si pu`o notare come la portata nel prototipo sia molto simile alla portata
nellapparecchiatura vera ( m

= 1, 054 m); il prototipo per`o ha dimensioni


pari alla met`a dellapparecchiatura reale, e inoltre la densit`a dellaria nel
prototipo `e inferiore a quella dellidrogeno nelle condizioni indicate, pertanto
ci si deve aspettare una velocit`a dellaria nel prototipo molto superiore a
quella dellidrogeno nellapparecchiatura reale.
La velocit`a dellaria infatti risulta essere pari a:
c

=
m

= 86, 28ms
1
dato che la sezione di eusso nel prototipo vale:

=
2
= 5, 07 10
4
m
2
Il coeciente di scambio termico per convezione nel prototipo risulta
essere pari a:

= Nu

= Nu

= 302, 9Wm
2
K
1
La supercie di scambio termico del prototipo `e pari a:
S

=
2
S = 0, 0798m
2
La temperatura di uscita dellaria dal prototipo vale quindi:
T

u
= T
h
{T
h
T

) exp_

p
_ = 45, 7

C
Inne, il usso termico scambiato nel prototipo vale:

= m

p
{T

u
T

) = 1, 66kW
1. La similitudine 41
Invarianza del coeciente di scambio termico per convezione
Il rapporto tra i coecienti di scambio termico convettivo pu`o essere espresso
come segue:

=
Nu

Nu

D
D

= _
m

m
_
0,8

1,8
_

_
0,5
_
c

p
c
p
_
0,3
_

_
0,7
Imponendone luguaglianza si ottiene:

= 1 m

=
2,25
_

_
0,625
_
c

p
c
p
_
0,375
_

_
0,875
m
Nel caso in esame si avr`a:
m

= 0, 5
2,25
_
18, 4

8, 79
_
0,625
_
1, 006
14, 37
_
0,375
_
0, 02634
0, 176
_
0,875
m = 0, 242kg s
1
e la velocit`a dellaria nel prototipo dovr`a essere pari a:
c

=
m

= 389, 7ms
1
Tenendo presente luguaglianza dei coecienti di scambio termico, per
cui

= = 1011, 8Wm
2
K
1
, la temperatura di uscita dellaria dal proto-
tipo vale:
T

u
= T
h
{T
h
T

) exp_

p
_ = 39, 0

C
Inne, il usso termico scambiato nel prototipo in queste condizioni vale:

= m

p
{T

u
T

) = 5, 84kW
Capitolo 2
Funzionamento fuori
progetto delle turbomacchine
2.1 Curva caratteristica ideale di una turbomac-
china
2.1.1 Curva caratteristica ideale per numero di pale innito
E possibile ricavare un legame analitico tra il coeciente di pressione e il
coeciente di portata , in cui compaiono soltanto i parametri costruttivi
della macchina, come ad esempio gli angoli di uscita delle palettature
e . Tale funzione, che permette di correlare tra loro le prestazioni della
macchina, anche in condizioni di funzionamento diverse da quelle nominali,
viene denominata curva caratteristica della macchina.
Lespressione analitica della curva caratteristica sar`a di seguito ricavata
introducendo le seguenti ipotesi:
numero di pale della girante innito: il uido sar`a pertanto perfet-
tamente guidato, cosicche le velocit`a di uscita del uido dalle pale
avranno direzione tangente alle pale stesse, ovvero langolo di usci-
ta del uido dalla palettatura della girante
2
coincider`a con langolo
costruttivo
2c
;
assenza di perdite.
In queste condizioni, il lavoro fornito dalla macchina risulta, con riferi-
mento alle convenzioni adottate in gura 2.1:
L = u
2
c
2t
u
1
c
1t
= u
2
(u
2
c
2m
cot
2
) u
1
c
1m
cot
1
(2.1)
Tenendo presente luguaglianza della portata in massa tra ingresso e
uscita della girante:
m =
1
b
1
D
1
c
1m
=
2
b
2
D
2
c
2m
(2.2)
42
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 43
JK
2 w
2t
c
K
2 u
2m
c
K
1 c
JK
1 w
K
1 u
2 c
K
2

Figura 2.1. Triangoli di velocit`a allingresso e alluscita di una girante di


turbocompressore centrifugo
si perviene alla seguente espressione:
L = u
2
2
_1
c
1m
u
1
_
D
1
D
2
_
2
_

2
b
1
b
2
cot
2
+ cot
1
__ (2.3)
Ricordando quindi le denizioni dei coecienti di portata e di pressione
(equazioni 1.39 e 1.40), con riferimento alla sezione di uscita si ottiene inne
la seguente correlazione:
= 1
2
_

2
b
1
b
2
cot
2
+ cot
1
_ (2.4)
Si tratta quindi, trascurando la variazione del rapporto
1
]
2
con e
1
,
di una correlazione lineare tra il coeciente di pressione e di portata del tipo
= 1 q , in cui compaiono soltanto parametri adimensionali legati alla
geometria della macchina. Ci`o signica che la relazione ottenuta `e valida per
una famiglia di turbomacchine geometricamente simili, indipendentemente
dal uido di lavoro considerato.
1
ci` o `e ovviamente del tutto lecito nel caso si considerino macchine idrauliche, operanti
per denizione sui uidi incomprimibili per i quali tale rapporto `e sempre unitario; nel caso
invece di turbocompressori si tratta di unapprossimazione tanto migliore quanto minore
risulta la comprimibilit` a del uido.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 44

operatrice
motrice
Figura 2.2. Curva caratteristica ideale di macchine operatrici e motrici
<
2
90
=
2
90
>
2
90
Figura 2.3. Congurazione della girante di turbocompressori centrifughi al
variare dellangolo
2
Come mostrato in gura 2.2, la pendenza della retta che denisce il
legame teorico tra i coecienti di pressione e di portata `e generalmente
positiva per le macchine motrici, e negativa per le macchine operatrici.
Infatti, nel caso delle macchine operatrici, supponendo per semplicit`a
nulla la componente tangenziale di velocit`a allingresso della girante (c
1t
=
0), la pendenza della retta () dipende dal segno della funzione cot
2
e quindi dalla congurazione della sezione di uscita della girante (gura
2.3); in particolare, si avr`a pendenza negativa per pale rivolte allindietro
(
2
< 90

), pendenza nulla per pale ad uscita radiale (


2
= 90

), e inne una
pendenza positiva per pale rivolte in avanti (
2
> 90

), come si pu`o osservare


in gura 2.4.
Nella pratica, la grande maggioranza delle macchine operatrici centrifu-
ghe presenta pale rivolte allindietro, perche questa congurazione permette
di ottenere minori velocit`a alluscita della girante e conseguentemente di
diminuire le perdite nei condotti diusori; inoltre, le pale rivolte allindie-
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 45

2
> 90

2
= 90

2
< 90

Figura 2.4. Curve caratteristiche ideali di macchine operatrici al variare


dellangolo
2
tro determinano una congurazione dei condotti della girante caratterizzata
da una minore divergenza, e questo si traduce in minori perdite idrauliche
dovute a vortici o distacchi di vena.
In questo modo, inoltre, si ottengono macchine operatrici in grado di
fornire una prevalenza maggiore al diminuire della portata, il che `e positivo
nei riguardi della stabilit`a di funzionamento allinterno di un circuito idrau-
lico; al contrario, la macchina motrice fornir`a un lavoro maggiore quando la
portata aumenta, che `e ci`o che normalmente si vuole ottenere.
2.1.2 Curva caratteristica ideale per numero di pale nito
Nel paragrafo precedente si `e assunto che non ci fossero dierenze tra lan-
golo di uscita del uido dalla palettatura della girante e langolo costruttivo
caratteristico della palettatura stessa; in altri termini, `e stata assunta lu-
guaglianza
2
=
2c
, con
2c
appunto rappresentativo dellangolo costruttivo.
Questa assunzione `e chiaramente tanto pi` u valida quanto pi` u numerosi sono
i condotti interpalari e dunque le palettature presenti nella macchina.
Nella realt`a esister`a invece uno scostamento
2
=
2c

2
> 0 tra le
direzioni dellangolo costruttivo e del usso alluscita della girante, tanto
pi` u accentuato quanto minore sar`a il numero di condotti e quindi di pale
presenti nella girante; questo fenomeno prende il nome di scorrimento. La
gura 2.5 mostra i triangoli di velocit`a per un usso perfettamente guidato
(numero innito di pale: c
2
, w
2
,
2
) ed il usso attraverso una girante
con un numero di pale pari a z ( c
2z
, w
2z
,
2z
).
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 46
K
2 u

2z

2
2t
c
2tz
c
G
2z
c

G
2
c

G
2
w
G
2z
w
Figura 2.5. Deviazione della corrente uida in uscita dalla girante per eetto
dello scorrimento
Per comprendere perche tale scostamento risulti positivo (
2
> 0)
occorre considerare la variazione della pressione allinterno di un condot-
to interpalare lungo la direzione tangenziale, ovvero il segno del gradiente
p].
A tal ne, si consideri lequilibrio in direzione tangenziale di un elemento
di uido di massa dm (gura 2.6); le forze a cui questo `e soggetto nella
direzione considerata sono due:
la forza derivante dalla presenza del gradiente di pressione p];
la forza inerziale determinata dalla presenza dellaccelerazione di Co-
riolis a
c
= 2 w.
Laccelerazione di Coriolis risulta avere verso concorde con la velocit`a
di trascinamento u (infatti si ha u = r; poiche r e w hanno lo stesso
verso, lo stesso deve valere evidentemente per il loro prodotto vettoriale con
); poiche nel sistema di riferimento solidale alla girante la forza apparente
legata allaccelerazione di Coriolis `e

F
a
= dm a
c
, lequilibrio tangenziale
dellelemento uido sar`a garantito da una forza di pressione

F
p
=

F
a
=
dm a
c
parallela e con verso concorde allaccelerazione di Coriolis e quindi
alla velocit`a di trascinamento u. Ci`o signica che la pressione dovr`a essere
crescente in direzione opposta al verso di rotazione, per cui p] < 0;
conseguentemente ciascuna pala sar`a caratterizzata da un lato in pressione
ed uno in depressione, contraddistinti con PS (pressure side) e SS (suction
side) in gura 2.6, in analogia con quanto avviene nel caso di un prolo
alare.
Lesistenza di una dierenza di pressione nita tra il uido che scorre
lungo il lato in pressione e quello che invece scorre sul lato in depressione `e
naturalmente permessa dalla presenza della pala; ma alluscita della girante
non vi `e pi` u questo elemento sico di separazione tra i due ussi, e pertanto
dovr`a aver luogo unespansione del uido dal lato in pressione verso quello
in depressione, che permetta di stabilire lequilibrio delle pressioni in seno
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 47
SS
PS SS
PS
p/
= cost.
w
a
c
Figura 2.6. Elemento uido soggetto allaccelerazione di Coriolis nel moto
attraverso il condotto interpalare [5]
al uido, con una conseguente accelerazione del uido in direzione opposta
al verso di rotazione.
Pertanto la velocit`a relativa w
2
sar`a caratterizzata da una componen-
te tangenziale w
2t
in valore assoluto maggiore di quella teorica, o, in altri
termini, da un angolo di uscita
2
minore dellangolo costruttivo
2c
, che `e
appunto quanto si intendeva dimostrare.
Come anticipato, il fenomeno descritto `e tanto pi` u accentuato quanto
meno numerose sono le pale, in quanto al diminuire di queste la dierenza
di pressione tra pressure side e suction side aumenta, e conseguentemen-
te aumenta anche la deviazione del usso rispetto al usso perfettamente
guidato (che potrebbe idealmente essere ottenuto con un numero innito di
pale).
Dal punto di vista dello scambio di lavoro, leetto della deviazione del
usso comporta in denitiva una riduzione della componente tangenziale del-
la velocit`a assoluta c
2t
(gura 2.5) e conseguentemente una riduzione del la-
voro ceduto al uido, di cui si tiene conto attraverso il fattore di scorrimento
(slip factor):
=
H
th,z
H
th,
=
c
2tz
c
2t
(2.5)
dove si `e indicato con H
th
la prevalenza teorica fornita dalla macchina:
infatti in entrambi i casi (numero innito o nito di pale) la prevalenza
cos` calcolata `e teorica in quanto la diminuzione di lavoro osservata per
eetto dello scorrimento non `e da imputarsi ad un fenomeno di dissipazione
energetica, ma alle eettive condizioni di funzionamento della schiera di pale
anche assumendo condizioni di usso ideali (assenza di perdite).
Per la valutazione del fattore di scorrimento sono state introdotte
diverse formulazioni empiriche, sulle quali non ci si soermer`a in questa sede:
sar`a suciente sottolineare che, indipendentemente dalle ipotesi adottate,
la curva caratteristica ideale mantiene landamento rettilineo ricavato nel
paragrafo precedente e descritto in gura 2.4.
Da un punto di vista pratico, una delle formulazioni pi` u comunemente
adottate per determinare leetto dello scorrimento sulla curva caratteristica
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 48

th,

th,z

2
< 90

Figura 2.7. Curva caratteristica ideale di una macchina operatrice con


2
<
90

per numero di pale nito e innito


conduce ad una rappresentazione del tipo seguente:

z
= k

= k (1 q ) (2.6)
con k < 1 (gura 2.7).
2.2 Caratterizzazione delle perdite energetiche nel-
le turbomacchine
Per passare dalla caratteristica ideale ottenuta alla caratteristica reale, oc-
corre introdurre leetto delle dissipazioni energetiche che hanno luogo nella
macchina. Le voci pi` u importanti di perdita sono le seguenti:
perdite per attrito nei condotti, legate al quadrato della velocit`a che
il uido possiede rispetto alle pareti del condotto;
perdite per urto, legate allo scostamento dei triangoli di velocit`a rea-
li da quelli di progetto, con conseguente urto della corrente uida
sulle pale: sono minime in corrispondenza della portata nominale, e
aumentano allallontanarsi dalle condizioni di progetto.
perdite volumetriche, dovute ai tralamenti di uido dallambiente di
alta pressione (mandata nelle macchine operatrici, ammissione nelle
macchine motrici) allambiente di bassa pressione (aspirazione nelle
macchine operatrici, scarico nelle macchine motrici) dopo aver ricevuto
energia dalla girante (nel caso di macchine operatrici) o senza aver
compiuto lavoro (nel caso di macchine motrici).
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 49
2.2.1 Perdite per attrito nei condotti mobili
Nel moto del uido attraverso i condotti mobili (rotore), le perdite per attrito
saranno proporzionali al quadrato della velocit`a relativa w:
L
p
rot
w
2
= (u c
t
)
2
+ c
2
m
= u
2
_1 2
c
t
u
+ _
c
t
u
_
2
+ _
c
m
u
_
2
_ (2.7)
Nella relazione precedente non sono stati indicati gli indici relativi alla
sezione considerata, per evidenziare il legame qualitativo (che `e ci`o che si sta
cercando) tra le perdite per attrito e i coecienti di pressione e di portata.
Richiamando le denizioni 1.39 e 1.40, nellipotesi di usso in ingresso alla
girante puramente meridiano (c
1t
= 0) il coeciente di pressione diventa

g
= c
t
]u, mentre per il coeciente di portata si avr`a
g
= c
m
]u. Pertanto,
per quanto riguarda le perdite per attrito nei condotti mobili, si ottiene:

p
rot
=
L
p
rot
u
2
1 2
g
+
2
g
+
2
g
(2.8)
Il pedice
g
indica che le grandezze in questione sono riferite alla girante, in
quanto si tratta della portata e/o del lavoro eettivamente elaborati dalla
girante della macchina, che per`o non sono caratteristiche del uido allu-
scita (nel caso di macchina operatrice) o allingresso (nel caso di macchina
motrice) proprio a causa delle perdite sopra elencate.
2.2.2 Perdite per attrito nei condotti ssi
Nel moto del uido attraverso i condotti ssi (statore) le perdite per attrito
sono proporzionali alla velocit`a assoluta del uido c:
L
p
stat
c
2
= c
2
t
+ c
2
m
= u
2
{
2
g
+
2
g
) (2.9)
e pertanto si ottiene:

p
stat

2
g
+
2
g
(2.10)
2.2.3 Perdite per urto
Le perdite per urto hanno luogo allingresso della girante quando la velocit`a
relativa del uido presenta un angolo diverso da quello costruttivo, il che
avviene ogni qual volta ci si discosta dalle condizioni nominali. Osservando
la gura 2.8 ci si pu`o infatti rendere conto di come un incremento di portata
rispetto alle condizioni nominali, con conseguente aumento della velocit`a
meridiana, porti i triangoli di velocit`a a modicarsi rispetto alle condizioni
di progetto. In particolare, la velocit`a relativa w
1
si trova a non essere pi` u
orientata secondo la direzione del bordo dattacco della pala.
La gura 2.8 `e anche utile per vericare gracamente che, nel caso di
macchine operatrici centrifughe con pale rivolte allindietro, un aumento
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 50
di portata comporta una diminuzione di lavoro (diminuisce la componente
tangenziale di velocit`a c
2t
) e viceversa, il che giustica la pendenza negativa
della curva caratteristica (gura 2.2) per questo tipo di macchine.
JK
2 w
2t
c
K
2 u
K
1 c
JK
1 w
K
1 u
2 c
K
1 1,nom
i =
'
2 c
K
'
2 w
JK
'
1 c
K
'
1 w
JK
Figura 2.8. Triangoli di velocit`a allingresso e alluscita di una girante di
turbocompressore centrifugo in condizioni nominali e di fuori progetto
Lentit`a della perdita per urto risulter`a quindi proporzionale al quadrato
della velocit`a relativa di ingresso w
1
e al quadrato della dierenza i tra angolo
di ingresso reale e angolo costruttivo:
i =
1

1
nom
= arctan
c
1m
u
1
arctan_
c
1m
u
1
_
nom
(2.11)
L
p
urto
w
2
1
i
2
= {c
2
1
+ u
2
1
) (arctan arctan
nom
)
2
(2.12)
Nellultima equazione `e stata imposta una velocit`a di ingresso del uido
puramente meridiana (c
1t
= 0). Le perdite per urto rispetto al coeciente
di pressione seguono quindi la legge:

p
urto
{1 +
2
g
) (arctan
g
arctan
nom
)
2
(2.13)
2.2.4 Perdite volumetriche
La portata che ricircola nei tralamenti pu`o essere considerata proporzio-
nale, secondo il teorema di Bernoulli, alla radice quadrata della dierenza
di pressione tra ambiente di mandata e ambiente di aspirazione, e quindi in
ultima analisi alla radice quadrata del coeciente di pressione:

r

_

g
(2.14)
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 51
2.3 Curva caratteristica reale di un turbocompres-
sore
Determinata (almeno qualitativamente) la dipendenza delle varie voci di
perdita rispetto ai coecienti di portata e di pressione, `e ora possibile indi-
viduare landamento della curva caratteristica reale di una turbomacchina:
nel caso di macchina operatrice, infatti, il lavoro eettivamente ceduto al
uido (proporzionale a ) risulter`a pari al lavoro speso nella girante (pro-
porzionale a
g
e dipendente da
g
) diminuito delle perdite per attrito e
per urto (dipendenti da
g
e
g
):
=
g
(
g
)
p
rot
(
g
,
g
)
p
stat
(
g
,
g
)
p
urto
(
g
) (2.15)
Per ottenere la curva caratteristica reale, che deve correlare il coecien-
te di pressione , proporzionale allenergia ceduta al uido, al coeciente
di portata , proporzionale alla portata utile inviata allutenza, occorrer`a
quindi, nellespressione precedente, sostituire al coeciente di portata
g
,
che `e invece proporzionale alla portata eettivamente elaborata dalla girante
della macchina, tramite la relazione:

g
= +
r
(
g
) (2.16)
In ultima analisi, dunque, nel caso di turbomacchina operatrice la curva
caratteristica reale `e ottenuta traslando quella ideale verso il basso (il lavoro
eettivamente ceduto al uido sar`a inferiore a quello speso nella girante a
causa delle perdite per attrito e per urto) e verso sinistra (la portata utile
sar`a inferiore alla portata elaborata dalla girante a causa dei tralamenti).
Naturalmente, lentit`a di queste traslazioni dipende dal punto considerato,
in quanto tutte le voci di perdita non sono costanti ma dipendono dalle con-
dizioni di usso; in particolare, poiche le perdite per urto sono per denizione
nulle nel punto di funzionamento nominale (almeno nellipotesi di numero di
pale innito), e crescono rapidamente quanto pi` u il punto di funzionamento
eettivo si discosti dal punto di funzionamento nominale, questultimo sar`a
caratterizzato da minori perdite complessive e sar`a pertanto quello meno di-
stante dal punto di funzionamento corrispondente sulla curva caratteristica
ideale.
In gura 2.9 `e mostrato landamento della curva caratteristica ideale e
reale per una turbomacchina operatrice: si pu`o osservare come le perdite per
urto, minime nel punto di funzionamento nominale, crescano rapidamente
allallontanarsi della macchina dalle condizioni di progetto, mentre le perdite
per attrito risultano crescenti con il crescere della portata.
2.3.1 Curve dei rendimenti
E a questo punto possibile denire i rendimenti caratteristici di una tur-
bomacchina operatrice, e precisamente il rendimento isoentropico
is
che
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 52

g
(
g
)

p
rot
(
g
)

p
stat
(
g
)

p
urto
(
g
)

p
(
g
)
()
Figura 2.9. Andamento delle curve caratteristiche ideale e reale e delle
principali perdite energetiche relative ad una turbomacchina operatrice
rapporta il lavoro eettivamente ricevuto dal uido al lavoro speso nella
girante:

is
=

g
(2.17)
e il rendimento volumetrico
v
, che esprime il rapporto tra la portata utile
e la portata elaborata dalla girante:

v
=

g
(2.18)
Naturalmente, i rendimenti isoentropico e volumetrico possono essere
espressi in funzione dei parametri operativi della macchina (L e m) piuttosto
che dei coecienti di pressione e portata:

is
=
L
L
g
(2.19)

v
=
m
m
g
(2.20)
avendo indicato le grandezze utili senza alcun pedice. Pertanto il rapporto
tra la potenza utile fornita al uido e la potenza richiesta dalla girante
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 53
della turbomacchina `e dato dal prodotto del rendimento isoentropico e del
rendimento volumetrico:
P
P
g
=
m
m
g
L
L
g
=
is

v
(2.21)
E evidente dallesame delle curve caratteristiche che sia
is
sia
v
risul-
tano variabili in funzione delle condizioni operative della macchina, e che il
rendimento isoentropico presenter`a un massimo in corrispondenza del punto
di funzionamento nominale.
Ai rendimenti sopra deniti, che sono caratteristici della trasformazio-
ne termouidodinamica subita dal uido nel passaggio attraverso i condotti
della turbomacchina, e sono quindi dipendenti dalle condizioni del usso
attraverso la macchina stessa, si aggiunge un ulteriore rendimento, che per-
mette di tener conto di perdite indipendenti dal processo termouidodina-
mico, quali ad esempio le perdite per attrito nei cuscinetti dellalbero che
trascina in rotazione la girante della turbomacchina. Indicando quindi con
P
mo
la potenza persa per attrito meccanico o per altra causa si potr`a de-
nire il rendimento meccanico/organico della macchina operatrice il rapporto
tra la potenza richiesta dalla girante e la potenza complessiva richiesta:

mo
=
P
g
P
tot
= 1
P
mo
P
tot
(2.22)
Il rendimento totale di una macchina operatrice, denito come rapporto
tra potenza utile fornita al uido P = mL e potenza totale assorbita P
tot
, `e
pertanto dato dal prodotto dei tre rendimenti sopra deniti:

tot
=
P
P
tot
=
is

mo
(2.23)
Per determinare landamento del rendimento meccanico/organico al va-
riare delle condizioni di funzionamento, occorre necessariamente specicare
quale sia la tipologia di perdita in questione e da quali parametri operativi
essa dipenda.
Nel caso in cui il rendimento meccanico/organico sia riferito esclusiva-
mente alle perdite per attrito nei cuscinetti, queste evidentemente non sono
inuenzate ne dalla portata elaborata ne dal lavoro compiuto sul uido, ma
dipendono essenzialmente dalla velocit`a di rotazione della macchina. In par-
ticolare, `e generalmente lecito assumere una dipendenza dal quadrato della
velocit`a di rotazione:
P
m
= P
m,nom
_
n
n
nom
_
2
(2.24)
Nellipotesi di considerare la velocit`a di rotazione costante, le perdite
meccaniche saranno dunque costanti al variare della portata elaborata e del
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 54
lavoro compiuto, e saranno in particolare pari alle perdite meccaniche nel
punto di funzionamento nominale:
P
m
= P
m,nom
= (1
m,nom
) P
tot,nom
(2.25)
Pertanto il rendimento meccanico, sotto le ipotesi specicate, varia se-
condo lespressione:

m
= 1
P
m
P
tot
= 1
(1
m,nom
) P
tot,nom
P
tot
(2.26)
La gura 2.10 illustra landamento dei rendimenti sopra deniti al va-
riare del coeciente di portata (o del coeciente di pressione, poiche questi
sono legati dal legame funzionale espresso dalla curva caratteristica della
turbomacchina), avendo assunto rendimenti nominali pari a
is,nom
= 0, 88;

v,nom
= 0, 96;
m,nom
= 0, 96.
Si pu`o osservare come il rendimento totale sia caratterizzato da un anda-
mento sostanzialmente parabolico, con il massimo ovviamente in corrispon-
denza del punto di funzionamento nominale. Alle basse portate (e bassi
carichi) lo scadimento del rendimento totale `e essenzialmente determinato
dal peggioramento sia del rendimento volumetrico (per una macchina ope-
ratrice laumento del carico produce la diminuzione della portata utile e un
contemporaneo incremento dei tralamenti) sia di quello meccanico (le per-
dite meccaniche, costanti sotto le ipotesi indicate, sono rapportate ad una
potenza totale via via decrescente). Alle alte portate invece i rendimenti
volumetrico e meccanico sono prossimi allunit`a e pertanto lo scadimen-
to del rendimento totale `e determinato dal comportamento del rendimento
isoentropico, che diminuisce fortemente allallontanarsi dal punto di funzio-
namento nominale sia per la forte incidenza delle perdite per urto sia perche
le elevate portate conducono ad elevate perdite per attrito.
2.3.2 Curva caratteristica espressa in funzione dei parametri
corretti
Nella pratica pu`o senzaltro essere pi` u comoda una descrizione del compor-
tamento fuori progetto di una turbomacchina in termini di variazione dei
parametri corretti piuttosto che in funzione dei parametri caratteristici di
similitudine (coecienti di portata e di pressione e numero di Mach).
A tal ne `e utile richiamare e rielaborare le espressioni che deniscono
il legame tra parametri di similitudine e parametri corretti (eq. 1.57, 1.58,
1.62):
=
c
m
u
=
m
u
=
4

2
D
3
m
RT
p
1
n
=
4R

2
D
3
m
c
n
c
=
L
u
2
=
c
p
T
1
(

1)
u
2
=
c
p

2
D
2

c
1
n
2
c
Ma =
c
c
s
=
u
c
s
=
D

kR
n
c
(2.27)
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 55
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1

tot

is

m
Figura 2.10. Rendimenti di una turbomacchina operatrice
Nelle tre equazioni precedenti si pu`o osservare come il legame di pro-
porzionalit`a tra parametri di similitudine e parametri operativi dipenda da
coecienti che sono a loro volta funzione della taglia della macchina con-
siderata (poiche compare il diametro D) e del uido (poiche compaiono
propriet`a del uido stesso quali R e c
p
).
Questo signica che, mentre la curva caratteristica espressa in funzione
dei parametri di similitudine `e valida per unintera famiglia di macchine
geometricamente simili operanti su qualsiasi uido, la curva caratteristica
espressa in funzione dei parametri corretti `e valida per una macchina di una
ben determinata taglia allinterno della famiglia di macchine considerate,
operante su un ben determinato uido.
Tuttavia, grazie al fatto che i suddetti coecienti di proporzionalit`a non
dipendono dalle grandezze allaspirazione della macchina (p e T, che sono
infatti racchiuse nella denizione dei parametri corretti), la curva caratteri-
stica espressa in funzione dei parametri corretti `e in grado di descrivere il
comportamento di una macchina di una determinata taglia, operante su un
determinato uido, qualsiasi siano le condizioni allaspirazione, e pertanto
anche per pressioni e temperature di aspirazione diverse dai valori nominali.
In conclusione, una volta ssata la taglia della macchina e il uido su cui
questa deve operare, `e possibile descrivere il comportamento della macchina
stessa con una famiglia di curve
c
( m
c
) parametrizzate rispetto a n
c
(gura
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 56
m
c

c
taglia e uido ssati
condizioni allaspirazione (p, T) variabili
n
c
Figura 2.11. Curve caratteristiche di una turbomacchina operatrice in
funzione dei parametri corretti
2.11), piuttosto che con la curva caratteristica ().
La gura 2.12 mostra una mappa di funzionamento di un turbocompres-
sore centrifugo per la sovralimentazione di un motore alternativo a combu-
stione interna. Tale mappa `e costituita dallinsieme delle curve caratteristi-
che, parametrizzate rispetto al numero di giri corretto e limitate a sinistra
dalla linea di pompaggio (surge line), e dal cosiddetto diagramma colli-
nare, che riporta sul piano dei parametri corretti le curve isorendimento.
Tali curve possono concettualmente essere derivate da curve del tipo 2.10 al
variare della velocit`a di rotazione: infatti dalla curva 2.10 si ricava che, s-
sata la velocit`a di rotazione, esistono due punti di funzionamento (e quindi
due punti nel piano dei parametri corretti) a cui corrisponde un determinato
valore di rendimento (tranne che per il rendimento massimo a cui corrispon-
de evidentemente soltanto un punto di funzionamento); individuando allora
queste coppie di punti per ogni velocit`a di rotazione, si riesce a costruire
la curva isorendimento corrispondente al rendimento impostato. Il luogo
dei punti di funzionamento caratterizzati dal massimo rendimento si ottiene
dalle equazioni 1.55 per una turbopompa e 1.64 per un turbocompressore:
in entrambi i casi si ha un andamento sostanzialmente parabolico.
E inne utile osservare che le denizioni di portata corretta e numero
di giri corretto adottate nella rappresentazione di gura 2.12 sono diverse
da quelle rappresentate dalle equazioni 1.59 e 1.60; in realt`a la dierenza `e
solo apparente, come di seguito mostrato.
La prima dierenza, che riguarda entrambi i parametri corretti cita-
ti, `e relativa alla presenza della temperatura di aspirazione nominale (in-
dicata con T
0
in gura, mentre leettiva temperatura di aspirazione `e
rappresentata da T
1
). Il numero di giri corretto `e dunque rappresentato
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 57
come:
n
c
=
n
_
T
1
]T
0
(2.28)
Poiche la temperatura T
0
`e una costante, dal punto di vista concettuale que-
sta denizione `e del tutto equivalente a quella fornita dallequazione 1.60:
infatti i legami di proporzionalit`a 1.57 e 1.58 tra i coecienti di portata e
pressione e i parametri corretti non sono ovviamente inuenzati dallaggiun-
ta o rimozione di parametri costanti nella denizione dei parametri corretti
stessi. Lutilit`a principale della denizione 2.28 consiste nella normalizza-
zione delle unit`a di misura dei parametri corretti: il numero di giri corretto
potr`a infatti essere espresso nelle stesse unit`a di misura usate per il nu-
mero di giri eettivo. Analogamente anche la portata corretta pu`o essere
normalizzata rispetto alle condizioni nominali di aspirazione:
m
c
= m
_
T
1
]T
0
p
1
]p
0
(2.29)
Lulteriore dierenza (solo apparente) che si pu`o riscontrare riguarda
proprio la portata corretta, che in gura `e denita attraverso la portata
volumetrica:
m
c
= m
_
T
1
]T
0
p
1
]p
0
= m
T
1
]T
0
p
1
]p
0
1
_
T
1
]T
0


V
1
_
T
1
]T
0
(2.30)
2.3.3 Curva caratteristica espressa in funzione dei parametri
eettivi di funzionamento
Si `e visto nel paragrafo precedente come si possa descrivere il compor-
tamento di un dato turbocompressore in funzione dei parametri corretti,
perdendo generalit`a rispetto alla taglia della macchina e al uido conside-
rato, ma conservandola rispetto alle grandezze allaspirazione (pressione e
temperatura).
Rinunciando anche a questultimo grado di generalizzazione, `e possibile
ottenere una descrizione del comportamento della macchina in funzione di
curve caratteristiche che legano il rapporto di compressione alla portata m,
parametrizzate rispetto al numero di giri n (gura 2.13), ottenendole dalle
curve caratteristiche
c
( m
c
, n
c
) una volta ssate le condizioni di pressione e
temperatura allaspirazione.
La famiglia di curve ottenuta potr`a quindi essere utilizzata per determi-
nare quale sia la portata (di un determinato uido) che un turbocompressore
(di una determinata taglia) `e in grado di elaborare ad una certa velocit`a di
rotazione n, ssate le condizioni di aspirazione (p
1
e T
1
), a fronte di una con-
tropressione p
2
e quindi di un rapporto di compressione = p
2
]p
1
imposto
dallutilizzatore collegato alla macchina.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 58
Figura 2.12. Mappa di funzionamento di un turbocompressore centrifugo per
sovralimentazione di motori alternativi a combustione interna
m

taglia e uido ssati


condizioni allaspirazione (p, T) ssate
n
Figura 2.13. Curve caratteristiche di una turbomacchina operatrice in
funzione dei parametri eettivi di funzionamento
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 59
Figura 2.14. Confronto tra le curve caratteristiche tipiche di un
turbocompressore centrifugo (a sinistra) e assiale (a destra) [6]
2.3.4 Curve caratteristiche di compressori centrifughi e as-
siali
Sebbene da un punto di vista generale landamento della curva caratteristica
individuato nei paragra precedenti sia comune a tutte le tipologie di turbo-
compressori, `e tuttavia utile esaminare le dierenze esistenti tra macchine
centrifughe e assiali in relazione al loro comportamento in condizioni di fuori
progetto.
La gura 2.14 mostra appunto un confronto tra le curve caratteristiche
tipiche di queste macchine, nel quale si riscontra una pendenza nettamente
pi` u ripida per le macchine assiali rispetto a quelle centrifughe (nei compres-
sori assiali la pendenza della curva assume un andamento pressoche verticale
in un campo piuttosto esteso). Questa particolarit`a delle macchine assia-
li, che `e ulteriormente accentuata nel caso dei compressori di un impianto
di turbina a gas (che rappresenta peraltro lapplicazione principe per i
compressori assiali), deriva dal notevole carico aerodinamico a cui sono sot-
toposte, che determina la presenza di molti stadi transonici. Si pu`o inoltre
osservare come il campo di utilizzazione dei compressori centrifughi (la linea
tratteggiata in gura individua il limite di funzionamento imposto dalla li-
nea di stallo o pompaggio) sia conseguentemente pi` u esteso rispetto a quello
dei compressori assiali.
2.4 Curva caratteristica reale di una turbopompa
Le curve caratteristiche reali tipiche delle macchine operatrici idrauliche
hanno un andamento del tutto simile a quello ricavato nel paragrafo 2.3 per
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 60
i turbocompressori, in quanto leetto generale delle diverse voci di perdita
esaminate `e il medesimo anche per i uidi incomprimibili.
Naturalmente, le curve caratteristiche saranno espresse in funzione delle
grandezze tipiche delle macchine idrauliche, ovvero prevalenza H
p
e portata
volumetrica Q.
La gura 2.15 mostra le curve caratteristiche fornite dal costruttore re-
lative ad una famiglia di pompe centrifughe: ciascuna curva fa infatti riferi-
mento ad una determinata taglia di macchina, piuttosto che ad una velocit`a
di rotazione (che `e invece comune a tutte le curve, e precisamente pari a
2900rpm).
Nel campo delle macchine operatrici idrauliche il costruttore fornisce ge-
neralmente, oltre alla curva caratteristica, anche landamento del parametro
NPSH
r
in funzione della portata, nonche la potenza assorbita (P
p
in gura),
che, ove presente, sostituisce linformazione riguardante il rendimento della
macchina (`e comunque usuale anche il ricorso a mappe di funzionamento di
turbopompe con indicazione diretta del rendimento, sia nella forma di curva
(Q) come in gura 2.10 sia nella forma di curve isorendimento come in
gura 2.12).
2.5 Curva caratteristica reale di una turbina
Le curve caratteristiche ideali di una turbina sono caratterizzate da una
pendenza positiva nel diagramma (), ovvero da un aumento del lavoro
allaumentare della portata elaborata, come indicato in gura 2.2.
Le curve caratteristiche reali di una turbina rappresentano gracamente
il legame analitico che intercorre tra i parametri corretti o i parametri di
funzionamento eettivi:
p
p
0
= f _
m

T
p
,
n

T
_ (2.31)
dove p e T rappresentano le condizioni del uido allammissione della mac-
china, p
0
la pressione allo scarico della stessa, m la portata massica elaborata
e n il regime di rotazione.
Tali curve, rispetto al comportamento ideale, mantengono la caratteri-
stica della pendenza positiva, il che signica che una turbina determina una
contropressione crescente allaumentare della portata elaborata, a parit`a di
condizioni allo scarico. Le curve caratteristiche delle turbine presentano
generalmente altre due peculiarit`a chiaramente osservabili in gura 2.16, e
precisamente:
1. un limite massimo al valore della portata elaborata (il che determina
un asintoto verticale della curva nel piano dei parametri corretti);
2. una scarsa inuenza del numero di giri corretto, tranne che per bassi
valori del rapporto di espansione.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 61
32
Lowara
SERIE FCE-FC SERIE FCE-FC SERIE FCE-FC SERIE FCE-FC SERIE FCE-FCS SS SS
CARA CARA CARA CARA CARAT TT TTTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO A 50 Hz, 2 POLI TERISTICHE DI FUNZIONAMENTO A 50 Hz, 2 POLI TERISTICHE DI FUNZIONAMENTO A 50 Hz, 2 POLI TERISTICHE DI FUNZIONAMENTO A 50 Hz, 2 POLI TERISTICHE DI FUNZIONAMENTO A 50 Hz, 2 POLI
I valori di NPSH sono di laboratorio; nellimpiego pratico si consiglia di aumentare il valore di 0,5 m.
Le prestazioni valgono per liquidi con densit = 1,0 Kg/dm
3
ed una viscosit cinematica = 1 mm
2
/sec.
Figura 2.15. Curve caratteristiche fornite dal costruttore (ITT Lowara) per
una turbopompa centrifuga
Per quanto riguarda in particolare il primo punto, il raggiungimento
delle condizioni di eusso critico (choking) in una delle schiere di pale
della turbomacchina impedisce che un ulteriore aumento del rapporto di
espansione possa inuire sulla portata corretta. In eetti `e possibile valu-
tare il comportamento di una turbina assimilando gli stadi della stessa ad
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 62
Figura 2.16. Curve caratteristiche di una turbina in funzione dei parametri
corretti [8]
una successione di condotti espansori (ugelli), il che appunto giustica los-
servazione precedente e permette un tracciamento semplicato delle curve
caratteristiche.
Infatti, nel caso di un singolo condotto, la curva caratteristica `e costituita
da un tratto in prima approssimazione ellittico no al raggiungimento del
rapporto di espansione critico, dopo il quale si ha il blocco della portata e
quindi un tratto verticale nel piano m

T]p .
Quando si hanno invece due condotti in successione, il rapporto di espan-
sione `e dato dal prodotto dei rapporti di espansione caratteristici di ciascun
condotto ( =
1

2
), mentre il blocco della portata dovuto al raggiungimen-
to delle condizioni di eusso critico si ottiene quando anche uno soltanto
dei due condotti diventa critico: poiche il rapporto di espansione `e per de-
nizione maggiore dellunit`a, questo comporta che la turbina raggiunge le
condizioni di blocco della portata quando il rapporto di espansione comples-
sivo `e maggiore del rapporto di espansione critico. Infatti, se ad esempio si
ha
1
=
cr
, per la turbina si ottiene =
1

2
>
cr
in quanto
2
> 1.
Il raggiungimento delle condizioni di eusso critico si ottiene dunque per
rapporti di espansione via via maggiori allaumentare del numero di stadi
della macchina; la curva caratteristica risultante `e pertanto rappresentata
da un primo tratto ellittico, a cui segue in generale un asintoto verticale nel
caso di turbina con un elevato numero di stadi, mentre per un basso numero
di stadi la curva pu`o eettivamente assumere un andamento propriamente
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 63
m
p
a
m
m
p
sc
= cost.
T
amm
= cost.
Figura 2.17. Curva caratteristica di una turbina in funzione dei parametri
eettivi di funzionamento
verticale anche in un campo di rapporti di espansione di interesse pratico.
Gli andamenti descritti sono eettivamente riscontrabili in gura 2.16.
Dal punto di vista pratico `e utile esaminare il comportamento delle cur-
ve caratteristiche nel piano dei parametri eettivi di funzionamento, evi-
denziando in particolare il legame tra la pressione allammissione p
amm
,
corrispondente alla contropressione generata dalla macchina, e la portata
massica elaborata m, a parit`a di pressione allo scarico p
sc
e temperatura
di ammissione T
amm
. Poiche la portata corretta risulta essere sostanzial-
mente costante per elevati valori del rapporto di espansione, ci`o signica
che m]p
amm
= cost. e pertanto la contropressione dovr`a essere direttamente
proporzionale alla portata m per rapporti di espansione prossimi o superio-
ri al critico (nel caso di turbine multistadio la proporzionalit`a diretta sar`a
raggiunta in via asintotica), mentre per le basse portate si avr`a invece un
andamento in prima approssimazione ellittico (gura 2.17).
2.6 Regolazione delle turbomacchine operatrici
2.6.1 Generalit`a
Il funzionamento di una turbomacchina operatrice `e determinato, come si `e
visto in precedenza, dalla curva caratteristica della macchina stessa, che, una
volta ssata la velocit`a di rotazione, denisce un preciso legame funzionale
tra la portata elaborata e il carico.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 64
Leettivo punto di funzionamento dovr`a allora essere determinato te-
nendo in considerazione le caratteristiche dellutenza servita dalla macchina
operatrice, in quanto anche per questa potr`a essere denita una curva ca-
ratteristica (esterna rispetto alla macchina operatrice) che correli il carico
generato sulla macchina operatrice (prevalenza per le macchine idrauliche,
contropressione nelle macchine termiche) alla portata smaltita dallutenza.
Si pensi ad esempio alla situazione di una pompa adibita alla circolazione
di acqua attraverso un circuito idraulico chiuso: il carico generato dalluten-
za (il circuito) `e costituito dalle perdite di carico attraverso i condotti del
circuito, e pertanto la curva caratteristica dellutenza, rappresentata nel pia-
no Q H, `e una parabola passante per lorigine, poiche le perdite di carico
sono proporzionali al quadrato della portata elaborata.
Il punto di funzionamento del sistema sar`a quindi individuato incrocian-
do le curve caratteristiche della macchina operatrice e dellutenza (gura
2.18): in particolare si osserver`a che la macchina operatrice sar`a in grado di
fornire una certa portata a fronte della prevalenza (o della contropressione)
generata dallutenza.
Q
H
p
Figura 2.18. Punto di funzionamento di una turbopompa inserita in un
circuito idraulico chiuso
Dunque `e evidente che, anche si possa avere il controllo su uno dei pa-
rametri operativi di funzionamento (ad esempio, per far circolare una deter-
minata portata nellimpianto), si rende necessario introdurre un sistema di
regolazione che, sulla base dellosservazione della grandezza controllata (ad
esempio, la portata), sia in grado di attuare un intervento sulla macchina
che, in generale, dovr`a rispondere ad uno dei seguenti criteri:
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 65
1. determinare una modica nel funzionamento della macchina in modo
da variare la curva caratteristica della stessa;
2. disaccoppiare il funzionamento della macchina operatrice e dellu-
tenza, attraverso linserimento di un componente (ad esempio, una
valvola di laminazione) che sia in grado di modicare la curva carat-
teristica esterna.
Alla prima categoria appartengono gli interventi nalizzati alla variazio-
ne della velocit`a di rotazione o dellorientamento delle pale della turbomac-
china, mentre nella seconda categoria ricadono i sistemi di regolazione basati
sulla laminazione del usso attraverso una valvola (che, nel caso dei turbo-
compressori, potr`a essere posta allaspirazione o alla mandata della macchi-
na, mentre nel caso delle macchine idrauliche dovr`a essere necessariamente
posta alla mandata per evitare problemi di cavitazione) o sul riusso della
portata eccedente a quella richiesta verso la mandata.
Nei paragra seguenti sono illustrate le principali modalit`a di regolazio-
ne, facendo riferimento per semplicit`a (ma senza perdita di generalit`a) ad
unutenza ideale che presenti una curva caratteristica orizzontale, cio`e un
carico costante al variare della portata.
2.6.2 Variazione della velocit`a di rotazione
La variazione della velocit`a di rotazione `e certamente un modo molto ecace
di regolazione, ma richiede ovviamente la possibilit`a di variare il numero di
giri del motore che aziona la macchina operatrice. Sono possibili tre diverse
situazioni:
macchina trascinata da un motore elettrico: si adotta un sistema di
variazione della velocit`a di rotazione di questultimo (tramite inver-
ter);
macchina trascinata da un motore alternativo a combustione interna:
si ricorre ad un collegamento tra il motore e la macchina operatrice a
rapporto di trasmissione variabile;
macchina trascinata da una turbina: la velocit`a di rotazione del gruppo
si adatter`a alla diversa richiesta di portata.
Lintervallo di regolazione della portata `e limitato in alto dalla massima
velocit`a di rotazione ammessa dal motore che aziona la macchina, (o even-
tualmente dalla massima velocit`a ammessa da una turbopompa nei confronti
del fenomeno della cavitazione, oppure da un turbocompressore nei riguardi
delle sollecitazioni ammissibile dalla girante), e in basso dal minimo numero
di giri da garantire alla macchina operatrice per evitare problemi di stallo.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 66
p
a
T
a
u
p
M
misuratore
di portata
Figura 2.19. Schema ideale di regolazione per variazione della velocit`a di
rotazione
m

nom
reg
n
nom
n
reg
Figura 2.20. Regolazione di un turbocompressore per variazione della velocit`a
di rotazione
La modalit`a di intervento `e semplice (gure 2.19 e 2.20): nel caso in cui
si intenda inviare allutenza una portata m
reg
diversa dalla portata m
nom
che si avrebbe in condizioni nominali, il sistema di regolazione agisce sul mo-
tore variandone il numero di giri in modo tale da permettere alla macchina
operatrice di funzionare secondo la curva caratteristica desiderata, ovvero
quella che interseca la curva caratteristica esterna proprio in corrispondenza
di m
reg
.
2.6.3 Laminazione del usso alla mandata
Il sistema di regolazione deve in questo caso prevedere la presenza di unop-
portuna valvola di laminazione, posta alla mandata della macchina opera-
trice e comandata in funzione della dierenza tra la portata eettiva rilevata
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 67
da un opportuno misuratore e la portata desiderata, che permetta di mo-
dicare in maniera opportuna la curva caratteristica esterna (gura 2.21).
In gura `e rappresentata una schematizzazione ideale del sistema di regola-
zione, poiche in pratica si pu` o sostituire alla misurazione della portata (che
rappresenta comunque la grandezza regolata) una pi` u semplice e precisa mi-
sura della pressione alla mandata che, nota la pressione allaspirazione, `e
direttamente correlata alla portata elaborata tramite la curva caratteristica
della macchina.
p
a
T
a
m
p
u
p
M
Figura 2.21. Schema ideale di regolazione per laminazione alla mandata
Nel caso di laminazione alla mandata, come si vede in gura 2.22, la mac-
china operatrice, a dierenza del metodo di regolazione precedente, continua
a funzionare secondo la propria curva caratteristica; il controllo della porta-
ta `e ottenuto introducendo attraverso la valvola di laminazione una perdita
di carico suciente a modicare il rapporto di compressione (o la prevalen-
za per macchine idrauliche) sentito dalla macchina dal valore nominale al
valore
reg
= f( m
reg
) corrispondente alla portata desiderata m
reg
, avendo
indicato con f la relazione funzionale corrispondente alla curva caratteristi-
ca della macchina. Questo sistema di regolazione permette di controllare
la portata entro il limite inferiore imposto dalla stabilit`a di funzionamento
della macchina.
E opportuno notare che il punto di funzionamento in regolazione si
trova sulla stessa curva caratteristica corrispondente al funzionamento senza
regolazione, in quanto la modalit`a di intervento del sistema di controllo
non modica le condizioni allaspirazione della macchina (ne, tanto meno, il
uido o le dimensioni della macchina).
La laminazione alla mandata consente evidentemente di realizzare un
sistema di regolazione molto semplice (e per questo `e molto diuso), uti-
lizzabile sia per macchine idrauliche sia per turbocompressori, ma anche
signicativamente dissipativo, in quanto la perdita di carico attraverso la
valvola determina un incremento del lavoro richiesto che `e appunto integral-
mente dissipato poiche non richiesto dallutenza, senza contare il fatto che,
se la regolazione `e eettuata a partire dalle condizioni nominali, la modi-
ca del punto di funzionamento introduce un sensibile peggioramento del
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 68
m

nom
reg
Figura 2.22. Regolazione di un turbocompressore per laminazione alla
mandata
rendimento della macchina. A riprova della scarsa convenienza energetica
di questo tipo di regolazione, si pu`o osservare il diverso risultato ottenuto
in termini di potenza richiesta dalla macchina nel caso di laminazione al-
la mandata rispetto alla variazione del numero di giri: a parit`a di portata
elaborata ( m
reg
), il carico `e maggiore nel primo caso, come si pu`o notare
dai graci di gura 2.20 e gura 2.22 (questo vale indipendentemente dalla
scelta di considerare una curva caratteristica esterna ideale).
Inoltre, `e opportuno tenere presente che, se si intende consentire una
variazione della portata sia in diminuzione sia in aumento rispetto al fun-
zionamento nominale, `e necessario che la massima apertura della valvola (e
quindi la minima perdita di carico) corrisponda non alla portata nominale
ma alla portata massima ammessa dal sistema di regolazione: ci`o fa s` che
anche in condizioni nominali il sistema introduca una dissipazione.
2.6.4 Laminazione del usso allaspirazione
La regolazione per laminazione allaspirazione (che, giova ricordarlo, `e am-
missibile soltanto per turbocompressori e non per macchine idrauliche per
via del fenomeno della cavitazione) `e concettualmente simile a quella per
laminazione alla mandata: in entrambi i casi infatti si introduce un elemen-
to dissipativo (valvola di laminazione) che consente di variare in maniera
opportuna la curva caratteristica esterna, ferma restando invece la curva
caratteristica della macchina. E pertanto utile esaminare questo sistema
di regolazione alla luce delle dierenze rispetto al caso di laminazione alla
mandata.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 69
Innanzitutto occorre notare che il posizionamento della valvola a mon-
te del compressore (gura 2.23) determina una variazione delle condizioni
del uido allaspirazione: sar`a perci`o necessario fare riferimento alla cur-
ve caratteristica della macchina espressa in funzione dei parametri corretti.
Tuttavia la valvola di laminazione comporta una trasformazione isoentalpica
che, nellipotesi che il uido si comporti come un gas perfetto, non determi-
na una variazione della temperatura attraverso la valvola: la temperatura
di aspirazione `e dunque invariata rispetto alla situazione precedente allin-
tervento di regolazione (che nel seguito si supporr`a coincidere con il punto
di funzionamento nominale). In denitiva il numero di giri corretto risulta
invariato, ed `e pertanto possibile fare adamento ad una sola curva carat-
teristica ( m
c
) per il funzionamento sia in condizioni nominali sia a seguito
della regolazione.
p
a
,T
a
,
a a
p T
u
p
M
Figura 2.23. Schema ideale di regolazione per laminazione allaspirazione
Indicando allora con p
a
la pressione allaspirazione in condizioni nomi-
nali, con p

a
la pressione a monte del compressore nel caso di regolazione
allaspirazione, con p
u
la contropressione determinata dallutenza ed in-
ne con m
reg
la portata che si intende ottenere a seguito dellintervento di
regolazione, il punto di funzionamento del sistema sar`a individuato dalle
coordinate:

reg,a
=
p
u
p

a
=
p
a
p

a
p
u
p
a
= x
nom
(2.32)
m
c,reg,a
= m
reg
p
a
p

a
= x m
reg
(2.33)
dove il parametro (incognito) x rappresenta il rapporto p
a
]p

a
, correlato al
grado di apertura della valvola.
Sebbene il valore di x non sia noto a priori, `e comunque possibile indi-
viduare il punto di funzionamento relativo alla laminazione allaspirazione
con un semplice procedimento graco: dalle espressioni ora ricavate per le
coordinate di tale punto, si ottiene infatti la relazione:

reg,a

nom
=
m
c,reg,a
m
reg
(2.34)
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 70
Ci`o signica che il punto in questione deve giacere sulla retta passante per
lorigine e per il punto di coordinate ( m
reg
,
nom
), che `e indicato con una
losanga in gura 2.24. Il punto di funzionamento `e quindi individuato dallin-
tersezione della curva caratteristica della macchina con la retta cos` ottenuta,
ed `e indicato con un punto e la scritta reg, a in gura.
m
c

nom
reg, m
reg, a
Figura 2.24. Regolazione di un turbocompressore per laminazione
allaspirazione
Dal punto di vista analitico occorre invece risolvere lequazione ottenuta
dallespressione della curva caratteristica ( m
c
) nella quale si sostituiscano
le coordinate del punto di funzionamento denite in 2.32 e 2.33:

reg,a
= f ( m
c,reg,a
) x
nom
= f (x m
reg
) (2.35)
equazione nella quale lunica incognita `e rappresentata dal grado di apertura
della valvola x.
In gura 2.24 `e riportato anche il punto di funzionamento relativo alla
regolazione per laminazione alla mandata, indicato con reg, m. Si osserva
che, a parit`a di portata elaborata m
reg
, la laminazione alla mandata com-
porta una maggiore contropressione rispetto alla laminazione allaspirazione:
questultima dunque rappresenta una soluzione meno dissipativa.
La laminazione allaspirazione presenta inoltre lulteriore vantaggio di
permettere un intervallo di regolazione della portata pi` u ampio: infatti le-
stremo sinistro della curva caratteristica impone un limite alla portata cor-
retta che pu`o essere elaborata dalla macchina prima dellinsorgere di proble-
mi di instabilit`a o di stallo, ma alla medesima portata corretta corrispon-
de una portata eettiva, nel caso di laminazione allaspirazione, inferiore
rispetto alla laminazione alla mandata (eq. 2.33).
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 71
2.6.5 Riusso di portata allaspirazione o bypass
Nel caso della regolazione per riusso di parte della portata dalla mandata
allaspirazione, il disaccoppiamento tra la macchina e lutenza `e permesso
dalla presenza di una valvola a tre vie, comandata in funzione della dierenza
tra la portata eettiva e la portata desiderata, che determina il ricircolo
della portata eccedente alla richiesta verso lambiente di aspirazione (gura
2.25). La macchina operatrice continua pertanto a funzionare secondo la
propria curva caratteristica, elaborando una portata che `e funzione del carico
imposto dallutenza, la quale invece riceve soltanto la portata m
reg
di cui
ha bisogno. Ci`o signica che, a pari contropressione generata dallutenza,
una regolazione con bypass in prima approssimazione non comporta una
variazione del punto di funzionamento della macchina (in realt`a la riduzione
di portata sul circuito esterno determiner`a minori perdite di carico e dunque
un punto di funzionamento spostato verso destra sulla caratteristica della
macchina), che pertanto assorbe una potenza circa pari a quella assorbita
nelle condizioni precedenti alla regolazione.
p
a
T
a
u
p
M
Figura 2.25. Schema ideale di regolazione per bypass
Anche questo tipo di regolazione comporta evidentemente delle perdite
energetiche, che per`o sono determinate non da un funzionamento con carico
maggiore rispetto a quello richiesto (come avviene per la laminazione alla
mandata o allaspirazione), ma dallelaborazione di una portata maggiore di
quella necessaria.
E chiaro dunque che si tratta di un metodo di regolazione estremamen-
te dissipativo: nel caso di laminazione del usso infatti la potenza richiesta
a seguito di una riduzione della portata inviata allutenza `e inferiore alla
situazione precedente alla regolazione, in quanto generalmente prevale lef-
fetto della riduzione della portata elaborata sullaumento del carico e sul
peggioramento del rendimento.
Ulteriore aspetto negativo da tenere in considerazione nei confronti del-
la regolazione per riusso allaspirazione, nel caso di macchine operanti su
uidi comprimibili, riguarda laumento della temperatura allaspirazione del-
la macchina, determinato dal miscelamento del usso esterno con il usso
di bypass che si trova sostanzialmente alla temperatura della mandata (la
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 72
temperatura del usso non cambia infatti attraverso la valvola di bypass
nellipotesi di gas perfetto). Ci`o determina in eetti una ulteriore causa di
variazione del punto di funzionamento ed un aumento della potenza assor-
bita rispetto al funzionamento nominale tanto maggiori quanto minore `e la
richiesta di portata dellutenza.
Di contro, la regolazione per bypass ha il pregio di consentire un interval-
lo di regolazione pi` u ampio rispetto ai metodi precedenti (poiche la portata
eettivamente elaborata dalla macchina `e disaccoppiata dalla portata allu-
tenza, sono meno rilevanti i rischi legati al raggiungimento delle condizioni
di funzionamento limite).
2.6.6 Variazione dellangolo di calettamento delle pale
Il metodo pi` u ecace di regolazione, ma che al contempo rende pi` u compli-
cata la realizzazione della macchina, `e quello che prevede la disposizione di
palettature statoriche ad angolo di calettamento variabile (cosiddette IGV,
inlet guide vanes o VGV, variable guide vanes). La gura 2.26 mostra un
esempio di questo tipo di palettature, nel caso di un compressore assiale per
applicazione aeronautica; si pu`o chiaramente osservare il collegamento delle
palettature alla cassa che ne permette la rotazione. In gura 2.27 `e invece
rappresentato uno schema di un compressore centrifugo a due stadi, facente
parte di un impianto di refrigerazione, con lindicazione delle IGV presenti a
monte del 1 stadio (numero 6 in gura) e del 2 stadio (numero 1 in gura).
Lo scopo delle palettature IGV `e di restringere la sezione di passaggio al
diminuire della portata, e contemporaneamente di permettere un corretto
accoppiamento tra la direzione del usso allingresso della girante e quella
delle pale rotoriche, in modo da limitare signicativamente le perdite per
urto e quindi lo scadimento del rendimento (paragrafo 2.2.3).
Lintroduzione delle palettature ad angolo di calettamento variabile evi-
dentemente comporta una modica della curva caratteristica della macchina:
si ha pertanto una situazione analoga a quella relativa alla variazione della
velocit`a di rotazione, con curve caratteristiche che, al crescere dellinclina-
zione delle pale, traslano verso portate via via inferiori, come mostrato in
gura 2.28, dove rappresenta langolo di calettamento delle palettature.
2.7 Esempi applicativi
2.7.1 O design di un turbocompressore
Si consideri un turbocompressore centrifugo che, operando su aria alla velo-
cit`a di rotazione n = 9000rpm con condizioni in aspirazione p
1
nom
= 1bar e
T
1
nom
= 18

C, presenti la curva caratteristica rappresentata in gura 2.29,


rispondente alla seguente equazione:
= 0, 1253 m
2
+ 0, 5232 m+ 1, 258
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 73
Figura 2.26. Esempio di pale statoriche a calettamento variabile (IGV):
applicazione ad un motore aeronautico (http://www.jetpower.co.uk/avon01.htm)
Figura 2.27. Compressore centrifugo a due stadi (Berg Chilling System Inc.):
1-IGV 2 stadio; 2-palettatura 1 stadio; 3-palettatura 2 stadio; 4-motore; 5-
basamento; 6-IGV 1 stadio; 7-tenute a labirinto; 8-connessione; 9-attuatore
IGV; 10-volute; 11-cuscinetti
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 74
m
c

Figura 2.28. Curve caratteristiche in presenza di VGV


In condizioni nominali, il compressore elabora una portata m
nom
= 3, 20kg]s.
1. Determinare la portata elaborata qualora la pressione imposta alla
mandata del compressore sia p

2
= 1, 50bar
E innanzitutto opportuno calcolare il rapporto di compressione nomi-
nale e la conseguente pressione alla mandata:

nom
= ( m
nom
) = 1, 65
p
2
nom
=
nom
p
1
nom
= 1, 65bar
Poiche le condizioni allaspirazione e la velocit`a di rotazione del com-
pressore non variano, per determinare le prestazioni della macchina
nel nuovo punto di funzionamento `e possibile fare uso della curva ca-
ratteristica fornita. La portata elaborata nelle condizioni assegnate
andr`a dunque cercata su tale curva in corrispondenza del rapporto di
compressione assegnato

= p

2
]p
1
= 1.50:
m

= m(

) = 3, 65kg]s
Si assiste pertanto, come `e necessario per una macchina con cur-
va caratteristica a pendenza negativa, ad un aumento della portata
elaborata determinato da una diminuzione del carico (ovvero della
contropressione generata dallutilizzatore).
2. Determinare la portata elaborata qualora la pressione imposta alla
mandata sia la medesima del punto precedente ma la pressione al-
laspirazione diventi p

1
= 0, 93bar
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 75
2 2.5 3 3.5 4
1
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
1.6
1.7
1.8
1.9
2
m

nom
Figura 2.29. Curva caratteristica del turbocompressore centrifugo
In questo caso risultano variate le condizioni allaspirazione e pertan-
to non `e pi` u possibile fare uso della curva caratteristica assegnata.
Per determinare il comportamento della macchina `e quindi necessario
ricostruire la curva caratteristica espressa in funzione dei parametri
corretti, in modo da poter prescindere da cambiamenti nelle condi-
zioni di aspirazione. A tal ne, pu`o essere comodo fare ricorso ad
una denizione dei parametri corretti leggermente dierente da quella
stabilita in precedenza (eq. 1.59 e 1.60):
m
c
= m
_
T]T
nom
p]p
nom
n
c
=
n
_
T]T
nom
Lutilit`a di questa denizione alternativa, che concettualmente `e del
tutto equivalente a quella gi`a fornita in quanto dierisce soltanto per il
valore dei parametri costanti p
nom
e T
nom
, risiede nel fatto che, quan-
do le condizioni allaspirazione coincidono con quelle per le quali `e
assegnata una curva caratteristica ( m), la curva caratteristica nei
parametri corretti
c
( m
c
) si sovrappone a questultima (ovvero il le-
game funzionale tra
c
e m
c
`e lo stesso che sussiste tra e m nelle
condizioni di aspirazione assegnate).
Nel caso in esame, si avr`a dunque una curva caratteristica nei parame-
tri corretti, valida per il numero di giri corretto n
c
= n
nom
rispondente
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 76
allequazione:

c
= 0, 1253 m
2
c
+ 0, 5232 m
c
+ 1, 258
Poiche ne la temperatura allaspirazione ne il numero di giri risulta-
no variati, il numero di giri corretto `e anchesso invariato e pertanto
rimane valida la curva caratteristica ottenuta.
Il rapporto di compressione vale, nelle nuove condizioni di funziona-
mento:

c
=
p

2
p

1
= 1, 61
La corrispondente portata corretta sar`a fornita dalla curva caratteri-
stica in corrispondenza del valore appena calcolato per il rapporto di
compressione:
m

c
= m
c
{

c
) = 3, 32kg]s
Per ottenere inne leettiva portata elaborata dal compressore si
applica la denizione utilizzata di portata corretta:
m

= m

c
p

1
]p
1
nom
_
T

1
]T
1
nom
= m

c
p

1
p
1
nom
= 3, 09kg]s
La portata elaborata risulta quindi diminuita rispetto alle condizioni
nominali, nonostante il carico (rapporto di compressione) sia inferio-
re (infatti la portata corretta aumenta), perche prevale leetto della
diminuzione di densit`a del uido allaspirazione (la portata eettiva `e
inferiore alla portata corretta).
2.7.2 Dimensionamento di un compressore e verica del fun-
zionamento fuori progetto
Dati per il progetto e la verica
Si debba dimensionare un compressore in grado di elaborare aria a condi-
zioni ambiente (p
1
= 1atm, T
1
= 15

C) e comprimerla no alla pressione di


mandata p
2
= 2, 1bar con una portata nominale m = 2, 4kg s
1
.
Si preveda inoltre il comportamento del compressore in caso di fun-
zionamento alla stessa velocit`a di rotazione, con condizioni in aspirazione
p

1
= 1bar e T

1
= 40

C, con pressione alla mandata p

2
= 1, 6bar.
Per quanto riguarda le propriet`a termosiche dellaria, `e possibile assu-
mere i seguenti valori:
calore specico c
p
= 1007Jkg
1
K
1
peso molecolare medio P
m
= 28, 96kg kmol
1
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 77
densit`a normale
n
= P
m
]22, 414 = 1, 292kg m
3
costante R =

R]P
m
= 287, 1Jkg
1
K
1
costante = R]c
p
= 0, 285
costante k = 1] (1 ) = 1, 399
Dimensionamento
Poiche la macchina richiesta ha un rapporto di compressione nominale =
2, 1, la scelta della tipologia potr`a essere orientata verso una macchina cen-
trifuga monostadio: infatti i massimi valori ammessi per il rapporto di com-
pressione sono indicativamente 3 per uno stadio centrifugo e 1, 5 per
uno stadio assiale (mentre un valore usuale per il compressore multistadio
assiale di un impianto di turbina a gas `e = 12).
Fissata quindi la classe di appartenenza della macchina in esame, la
geometria e i triangoli di velocit`a della girante possono essere considerati
analoghi a quelli mostrati in gura 2.1.
Per procedere al dimensionamento della macchina occorre formulare una
serie di assunzioni:
velocit`a c
1
allingresso della girante puramente meridiana (c
1t
= 0 o
anche
1
= 90

angolo costruttivo di uscita dalle palettature


2c
= 30

dierenza tra angolo eettivo di uscita e angolo costruttivo dovuta allo


slip factor
2
= 6

rapporto b
2
]D
2
= 0, 03 (limite minimo)
rapporto b
1
]D
1
= 0, 2 0, 5
rapporto D
1
]D
2
= 0, 2 0, 4
coeciente di portata in uscita dalla girante c
2m
]u
2
= 0, 15 (conviene
limitare questo rapporto da un lato per avere maggiore energia di
pressione in uscita dalla girante, dallaltro per non smagrire troppo
la macchina allesterno)
coeciente di portata allingresso della girante c
1m
]u
1
= 0, 8 (conviene
un valore abbastanza elevato per poter smaltire la portata richiesta
con sezioni di eusso contenute)
rendimento isoentropico
is
= 0, 88
rendimento volumetrico
v
= 0, 96
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 78
rendimento meccanico
m
= 0, 96
Sulla base delle assunzioni sopra riportate, `e possibile procedere alla
denizione della geometria, e quindi al dimensionamento, della girante.
Innanzitutto, si determina langolo di attacco della girante:

1
= arctan
c
1m
u
1
= 38, 7

Il lavoro di compressione richiesto risulta:


L
g
=
1

is
c
p
T
1
(

1) = 76, 15kJkg
1
Il pedice
g
ricorda che questo `e il lavoro compiuto dalla girante, mentre il
lavoro utile eettivamente ricevuto dal uido `e pari al lavoro di compres-
sione diminuito delle perdite idrauliche, valutate mediante il rendimento
isoentropico
is
:
L =
is
L
g
= c
p
T
1
(

1) = 67, 01kJkg
1
Il lavoro richiesto `e legato ai triangoli di velocit`a della girante secondo
lequazione di Eulero:
L
g
= u
2
c
2t
u
1
c
1t
= u
2
c
2t
La velocit`a tangenziale in uscita c
2t
`e legata alla componente meridiana
secondo la relazione:
c
2t
= u
2
|w
2t
| = u
2
w
2
cos
2
= u
2
c
2m
cot
2
= u
2
_1
c
2m
u
2
cot
2
_
dove langolo eettivo di uscita del uido dalla girante `e determinato dal-
langolo costruttivo e dallo slip factor:

2
=
2c

2
= 24

Pertanto si pu`o direttamente ricavare la velocit`a periferica alluscita della


girante:
u
2
=
_

L
g
1
c
2m
u
2
cot
2
= 338, 9ms
1
La componente tangenziale di velocit`a vale dunque:
c
2t
= _1
c
2m
u
2
cot
2
_u
2
= 224, 7ms
1
La densit`a dellaria in aspirazione vale:

1
=
n
p
1
p
n
T
n
T
1
= 1, 225kg m
3
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 79
Le condizioni dellaria in uscita dalla girante sono:
T
2
= T
1
+
L
g
c
p
= 90, 62

2
=
n
p
2
p
n
T
n
T
2
= 2, 011kg m
3
La portata realmente elaborata dalla girante deve tenere conto dei ri-
ussi di uido dallambiente di mandata a quello di aspirazione, e quindi del
rendimento volumetrico:
m
g
=
m
v

v
= 2, 50kg s
1
Le portate volumetriche in ingresso e in uscita dalla girante valgono:

V
1
=
m
g

1
= 2, 041kg m
3

V
2
=
m
g

2
= 1, 243kg m
3
La portata volumetrica in uscita dalla girante permette il calcolo della
velocit`a di rotazione:

V
2
= D
2
b
2
c
2m
= D
2
2
b
2
D
2
c
2m
u
2
u
2
=
1

b
2
D
2
c
2m
u
2
u
3
2
n
2

n =
_

b
2
D
2
c
2m
u
2
u
3
2

V
2
= 211, 8s
1
= 12707rpm
La geometria della girante nella sezione di uscita `e quindi denita dai
parametri:
D
2
=
u
2
n
= 509mm
b
2
=
b
2
D
2
D
2
= 15, 3mm
Nella sezione di ingresso della girante si avr`a invece:

V
1
=
b
1
D
1
D
2
1
c
1m
u
1
u
1
=
2
b
1
D
1
D
3
1
c
1m
u
1
n
Prendendo in considerazione un rapporto b
1
]D
1
= 0, 4 la geometria della
sezione di ingresso risulta cos` denita:
D
1
=
3
_

V
1

2
b
1
D
1
c
1m
u
1
n
= 145mm
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 80
b
1
=
b
1
D
1
D
1
= 58, 0mm
La velocit`a periferica allingresso della girante vale:
u
1
= D
1
n = 96, 5ms
1
La velocit`a assoluta del uido allingresso della girante, che coincide con
la sua componente meridiana in quanto per ipotesi c
1t
= 0, vale:
c
1
= c
1m
=

V
1
b
1
D
1
= 77, 2ms
1
Per concludere la parte dedicata al dimensionamento, e quindi al funzio-
namento nominale della macchina, si calcolano le potenze in gioco: innan-
zitutto, la potenza utile fornita al uido `e:
P = mL = 160, 8kW
La potenza richiesta alla girante tiene conto delle perdite idrauliche e delle
fughe:
P
g
=
P

is

v
= m
g
L
g
= 190, 4kW
Inne, la potenza complessivamente assorbita dalla macchina tiene conto
delle perdite meccaniche (per attrito nei cuscinetti, etc.):
P
tot
=
P
g

m
=
P

tot
= 198, 3kW
dove il rendimento totale della macchina `e il prodotto dei tre rendimenti
stimati:

tot
=
is

m
= 0, 811
Verica del funzionamento fuori progetto
Per procedere alla verica del funzionamento fuori progetto, occorre innan-
zitutto determinare la curva caratteristica del compressore in esame. Le-
quazione 2.4 fornisce lespressione analitica della curva caratteristica ideale
in termini di coecienti di portata e pressione:

g
= 1
2
_

2
b
1
b
2
cot
2
+ cot
1
_
g
= 1
2

2
b
1
b
2
cot
2

g
= 1 q
g
La pendenza della curva caratteristica ideale (assumendo in prima appros-
simazione costante il rapporto
1
]
2
al variare dei coecienti di portata e
di pressione) vale quindi:
q =
2

2
b
1
b
2
cot
2
= 0, 4211
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 81
Il punto di funzionamento teorico nominale corrisponde ai valori:

g,nom
= _
c
1m
u
1
_
nom
= 0, 8

g,nom
= _
L
g
u
2
2
_
nom
= _
c
2t
u
2
_
nom
= 0, 6631
Per passare, nel caso nominale, dal punto di funzionamento ideale a
quello eettivo, occorre tenere in considerazione tutte le perdite energetiche e
volumetriche che hanno luogo nella girante, tramite i rendimenti isoentropico
e volumetrico:

nom
=
is,nom

g,nom
= 0, 5835

nom
=
v,nom

g,nom
= 0, 7680
Si ottiene quindi, nel passaggio dalla situazione ideale a quella reale,
uno spostamento del punto di funzionamento nel piano caratteristico verso
il basso (per eetto delle perdite energetiche) e verso sinistra (per eetto
delle perdite volumetriche).
Lo stesso avviene per tutti gli altri punti della curva caratteristica ideale,
con la dierenza che le varie voci di perdita racchiuse nei due rendimenti
is
e
v
dovranno essere stimate punto per punto, secondo quanto delineato al
paragrafo 2.2.
Per quanto riguarda il rendimento isoentropico, le perdite energetiche
che hanno luogo nella macchina sono imputabili a tre cause principali:
perdite per urto;
perdite per attrito nei condotti mobili (rotore);
perdite per attrito nei condotti ssi (statore).
Le perdite per urto hanno luogo allingresso della girante quando la velo-
cit`a relativa del uido presenti un angolo diverso da quello costruttivo, il che
avviene ogni qual volta ci si discosti dalle condizioni nominali. Lentit`a della
perdita risulter`a quindi proporzionale al quadrato della velocit`a relativa di
ingresso w
1
e al quadrato della dierenza i tra angolo costruttivo e angolo
di ingresso eettivo del uido, secondo lequazione 2.13:

p
urto
= k
p
urto
{1 +
2
g
) (arctan
g
arctan
nom
)
2
Un valore ragionevole dettato dallesperienza per il coeciente di propor-
zionalit`a presente nellequazione precedente `e k
p,urto
= 1, 5 10
4
quando gli
angoli sono espressi in gradi.
Le perdite per attrito nel rotore sono proporzionali al quadrato della
velocit`a relativa del uido, secondo lequazione 2.8:

p
rot
= k
p
rot
{1 2
g
+
2
g
+
2
g
)
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 82
Il coeciente di proporzionalit`a pu`o essere in questo caso ricavato agevol-
mente dal rendimento isoentropico nominale rapportando le perdite per at-
trito in un punto di funzionamento qualsiasi rispetto al punto di funziona-
mento nominale:

p
rot

p
rot,nom
=
1 2
g
+
2
g
+
2
g
1 2
g,nom
+
2
g,nom
+
2
g,nom

k
p
rot
=

p
rot,nom
1 2
g,nom
+
2
g,nom
+
2
g,nom
ed ipotizzando quindi che le perdite complessive siano egualmente ripartite
tra rotore e statore:

p
rot,nom

p,nom
= = 0, 5

p
rot,nom
=
p,nom
= (1
is,nom
)
g,nom
cosicche in denitiva il coeciente di proporzionalit`a k
p
rot
pu`o essere valu-
tato secondo lespressione:
k
p
rot
=
(1
is,nom
)
g,nom
1 2
g,nom
+
2
g,nom
+
2
g,nom
= 0, 0528
Le perdite nei condotti ssi sono invece proporzionali al quadrato della
velocit`a assoluta del uido, secondo lequazione 2.10:

p
stat
= k
p
stat
{
2
g
+
2
g
)
Procedendo in maniera analoga a quanto fatto per le perdite nel rotore, si
ricava il coeciente di proporzionalit`a per le perdite nello statore:

p
stat

p
stat,nom
=

2
g
+
2
g

2
g,nom
+
2
g,nom
k
p
stat
=
(1 ) (1
is,nom
)
g,nom

2
g,nom
+
2
g,nom
= 0, 0368
Inne, si assumono le perdite volumetriche proporzionali alla radice qua-
drata del coeciente di pressione, secondo lequazione 2.14, che pu`o essere
riscritta come segue:

r
=
r,nom
_

g,nom
In questo caso il coeciente di proporzionalit`a coincide con le perdite volu-
metriche che hanno luogo nel funzionamento nominale:

r,nom
= (1
v,nom
)
g,nom
= 0, 0320
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 83
A questo punto sono disponibili tutti gli strumenti per poter tracciare la
curva caratteristica reale della macchina (): dal punto di vista analitico
si dovr`a sottrarre alla caratteristica ideale
g
(
g
) le varie voci di perdita
considerate, ed inne sostituire al coeciente di portata
g
il coeciente di
portata eettivo secondo la relazione
g
= +
r
:
() =
g
(
g
)
p
urto
(
g
)
p
rot
(
g
,
g
)
p
stat
(
g
,
g
)
La gura 2.30 mostra appunto landamento della curva caratteristica e
delle perdite energetiche nel caso in esame. La curva caratteristica ottenu-
ta si presta ad essere interpolata con ottima approssimazione mediante un
polinomio del tipo:
= k
3

3
+ k
2

2
+ k
1
+ k
0
con i seguenti valori per i coecienti k
i
:
k
3
= 0, 0362
k
2
= 0, 5025
k
1
= 0, 1486
k
0
= 0, 7508
Per quanto riguarda invece i rendimenti della macchina al variare del-
le condizioni operative, come descritto nel paragrafo 2.3.1 landamento del
rendimento isoentropico e di quello volumetrico sono deniti come segue:

is
=

v
=

g
Riguardo invece al rendimento meccanico, occorre tener conto che la
potenza persa non dipende dalle nuove condizioni di aspirazione e mandata
(le perdite per attrito meccanico dipendono essenzialmente dalla velocit`a
di rotazione), pertanto il valore assoluto `e invariato rispetto alle condizioni
di funzionamento nominale. Conseguentemente lespressione generale del
rendimento meccanico pu`o essere posta nella seguente forma:
1

m
= 1 + _
1

m,nom
1_

g,nom

g,nom

g
La gura 2.31 mostra landamento dei tre rendimenti parziali e del ren-
dimento totale della macchina al variare delle condizioni di funzionamento.
Terminato il calcolo della curva caratteristica e dei rendimenti del com-
pressore, `e a questo punto possibile procedere con la verica del funziona-
mento fuori progetto nelle condizioni assegnate.
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 84
0 0.5 1 1.5 2
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1



nom

g
(
g
)

p
rot
(
g
)

p
stat
(
g
)

p
urto
(
g
)

p
(
g
)
()
Figura 2.30. Andamento della curva caratteristica e delle perdite energetiche
per il compressore dellesempio 2.7.2
0 0.5 1 1.5 2
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1



nom

tot

is

m
Figura 2.31. Andamento dei rendimenti per il compressore dellesempio 2.7.2
2. Funzionamento fuori progetto delle turbomacchine 85
Si pu`o determinare innanzitutto il rapporto di compressione:

= 1, 6
Il lavoro utile ricevuto dal uido `e pari a:
L

= c
p
T

1
{

1) = 45, 22kJkg
1
Il coeciente di pressione vale pertanto, essendo rimasta invariata la
velocit`a di rotazione e quindi la velocit`a periferica u
2
:

=
L

u
2
2
= 0, 3938
Al valore di coeciente di pressione ora ricavato, corrisponde sulla curva
caratteristica reale un coeciente di portata pari a:

= 1, 0513
e una coppia di rendimenti pari a:

is
= 0, 725

v
= 0, 9776
La densit`a dellaria nelle nuove condizioni vale:

1
=
n
p

1
p
n
T
n
T

1
= 1, 112kg m
3
La nuova portata aspirata risulta in denitiva:
m

g
=

1
D
1
b
1

u
1
= 2, 984kg s
1
mentre la portata utile vale:
m

v
m

g
= 2, 917kg s
1
La potenza utile risulta quindi:
P

= m

= 131, 9kW
La potenza fornita dalla girante al uido dipende dai rendimenti isoentro-
pico e volumetrico valutati nelle condizioni di funzionamento fuori progetto
assegnate:
P

g
=
P

is

v
= 186, 1kW
Inne si pu`o calcolare la potenza complessivamente assorbita, mante-
nendo il valore delle perdite meccaniche invariato rispetto alle condizioni di
funzionamento nominale:
P

ass
= P

g
+ (P
ass,nom
P
g,nom
) = P

g
+ _
1

m,nom
1_P
g,nom
= 194, 0kW
Capitolo 3
Funzionamento fuori
progetto degli scambiatori di
calore
3.1 Generalit`a
Considerando una semplice apparecchiatura di scambio termico in contro-
corrente, le temperature dei uidi in funzione del usso termico scambiato
hanno in generale un andamento simile a quello riportato in gura 3.1. La
pendenza dei diagrammi di scambio termico dipende dal prodotto di portata
massica e calore specico:
d = mc
p
dT
dT
d
=
1
mc
p
(3.1)
Il funzionamento nominale di uno scambiatore di calore `e regolato dai
bilanci energetici per i uidi e dallequazione di scambio termico:
= m
c
h
c
(3.2)
= m
f
h
f
(3.3)
= KST
ml
(3.4)
avendo indicato con il pedice
c
le grandezze caratteristiche del uido caldo
e con il pedice
f
le grandezze relative al uido freddo.
E opportuno ricordare che la variazione di entalpia di un uido in un
processo isobaro pu`o sempre essere calcolata come prodotto del calore spe-
cico a pressione costante (eventualmente valutato come media integrale
nellintervallo di temperature considerato, se dipendente dalla temperatura)
per la variazione di temperatura, a meno che il uido non subisca un pas-
saggio di fase nello scambiatore in esame (il paragrafo seguente, dedicato
86
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 87

T
l
c

T
l
f
T
ci
T
fu
T
cu
T
fi
Figura 3.1. Diagramma di scambio termico relativo a uno scambiatore di
calore a supercie con disposizione in controcorrente
al funzionamento fuori progetto di un condensatore, aronta proprio una
situazione di questo tipo). Pertanto le equazioni di bilancio potranno essere
riscritte come segue:
= m
c
c
pc
T
c
(3.5)
= m
f
c
pf
T
f
(3.6)
Per quanto riguarda invece lequazione di scambio termico, lespressione
della dierenza media logaritmica delle temperature `e:
T
ml
=
T
lc
T
lf
log
T
lc
T
lf
(3.7)
dove si `e indicato, facendo sempre riferimento ad uno scambiatore in con-
trocorrente perfetta, con T
lc
= T
ci
T
fu
la dierenza di temperatura tra
uido caldo e freddo in corrispondenza del lato caldo dello scambiatore,
mentre T
lf
= T
cu
T
fi
rappresenta la dierenza di temperature sul lato
freddo.
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 88
Il coeciente di scambio termico globale dipende dai coecienti di scam-
bio termico convettivo dei due uidi, e dalla conduttivit`a termica del mate-
riale che costituisce i condotti dello scambiatore:
K =
1
1

c
+
s

+
1

f
(3.8)
dove si `e fatto riferimento allespressione del coeciente di scambio termi-
co globale valido per una lastra piana di spessore s; lestensione al caso di
scambio termico in tubi cilindrici introduce alcuni parametri geometrici ag-
giuntivi. Facendo riferimento alla supercie di scambio interna dei tubi, il
coeciente K risulta:
K
i
=
1
1

i
+
r
i
log
r
e
r
i

+
1

e
r
i
r
e
(3.9)
dove si `e indicato con il pedice
i
i parametri relativi alla supercie interna,
e con il pedice e i parametri relativi alla supercie esterna. Per altro, si pu`o
notare che, nel caso s = r
e
r
i
r
i
, lespressione di K valida per i tubi
(eq. 3.9) coincide con la pi` u semplice espressione valida per le lastre piane
(eq. 3.8). Pertanto, dora in poi, per arontare il problema dello scambio
termico fuori progetto, si far`a riferimento, senza perdita di generalit`a, a
questultimo caso. Inoltre, nella grande maggioranza dei casi il termine
legato alla conduttivit`a termica del materiale s] `e di almeno un ordine di
grandezza inferiore a quelli che coinvolgono i coecienti di scambio termico
convettivo. E lecito allora fare uso della seguente relazione semplicata:
K
1
1

c
+
1

f
(3.10)
E noto che il comportamento di uno scambiatore di calore pu`o esse-
re ecacemente descritto secondo il metodo NTU, dove il parametro
rappresenta lecienza dello scambiatore, ovvero il rapporto tra il usso
termico eettivamente scambiato e il usso termico che potrebbe essere teo-
ricamente scambiato nel caso in cui il uido a capacit`a termica minore fosse
portato alla temperatura di ingresso del uido a capacit`a termica maggio-
re (questultimo `e il usso termico massimo che potrebbe essere scambiato
in unapparecchiatura di area innita con congurazione in controcorrente
perfetta).
E perci`o utile riscrivere le equazioni di bilancio dello scambiatore facendo
riferimento non pi` u alla distinzione tra uido caldo e uido freddo, ma al
valore della capacit`a termica di usso, denita come prodotto di portata
massica e calore specico a pressione costante del uido:

C = mc
p
(3.11)
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 89
Poiche il prodotto tra capacit`a termica di usso e dierenza di tem-
peratura imposta al uido nello scambiatore `e pari alla potenza termica
scambiata, ne consegue che il uido caratterizzato dalla capacit`a termica di
usso minore subir`a la dierenza di temperatura maggiore, e viceversa:
=

C
min
T
max
=

C
max
T
min
(3.12)
T
max
= max{T
c
, T
f
) (3.13)
T
min
= min{T
c
, T
f
) (3.14)
Lecienza dello scambiatore di calore in controcorrente pu`o dunque essere
espressa come:
=

th
=

C
min
T
max

C
min
{T
ci
T
fi
)
=
T
max
T
ci
T
fi
(3.15)
Il parametro NTU `e il cosiddetto numero di unit`a di trasporto (Number
of Transfer Units) ed `e denito dalla relazione:
NTU =
KS

C
min
(3.16)
Combinando la denizione precedente con le equazioni 3.4 e 3.12 si ricava
unespressione alternativa e particolarmente utile per il parametro NTU:
NTU =
T
max
T
ml
(3.17)
Lecienza dello scambiatore di calore pu`o essere a questo punto de-
terminata in funzione delle capacit`a termiche di usso dei due uidi e del
numero di unit`a di trasporto. Omettendo i passaggi intermedi, nel caso di
scambiatore di calore in controcorrente si perviene alla seguente relazione:
=
1 exp__1

C
min

C
max
_NTU_
1

C
min

C
max
exp__1

C
min

C
max
_NTU_
(3.18)
Il valore dellecienza dello scambiatore consente direttamente il cal-
colo del usso termico scambiato una volte note le portate in gioco e le
temperature di ingresso dei due uidi (equazione 3.15).
3.2 Comportamento fuori progetto di scambiatori
di calore a supercie
Nel funzionamento fuori progetto di uno scambiatore di calore, le equazioni
che regolano il comportamento dello scambiatore rimangono le equazioni
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 90
di bilancio energetico e lequazione di scambio termico, adattate alle nuove
condizioni di funzionamento:

= m

c
h

c
(3.19)

= m

f
h

f
(3.20)

= K

ml
(3.21)
Una prima considerazione sul funzionamento fuori progetto dello scam-
biatore di calore riguarda landamento del diagramma delle temperature: se
la portata di uido m (caldo o freddo) aumenta, diminuisce la pendenza
della relativa curva T() (rappresentata da una retta se il calore specico
non varia con la temperatura). Ad esempio, se lapparecchiatura in esame
`e un condensatore, il usso termico scambiato `e determinato dalla portata
di vapore condensante e dal calore latente di vaporizzazione. Se la portata
e il titolo del vapore non variano, il usso termico scambiato sar`a sempre
lo stesso anche al variare della portata di acqua di rareddamento (si ve-
da pi` u avanti una trattazione dettagliata della situazione): di conseguenza,
se la portata di acqua di rareddamento aumenta, rimanendo invariata la
temperatura di ingresso nel condensatore, dovr`a in questo caso diminuire la
temperatura di uscita, come conseguenza della diminuzione della pendenza
del diagramma T
f
().
Se si considera il fuori progetto di uno stesso scambiatore, la supercie
di scambio risulta invariata, consentendo di esprimere il rapporto tra i ussi
termici in funzione esclusivamente del rapporto tra i coecienti globali di
scambio e del rapporto tra le dierenze medie logaritmiche di temperatura:

=
K

K
T

ml
T
ml
(3.22)
Naturalmente, la variazione del T
ml
deve essere valutata tenendo in
considerazione le equazioni di bilancio 3.19 e 3.20, che legano il nuovo us-
so termico scambiato ai nuovi salti entalpici dei uidi che percorrono lo
scambiatore.
Supponendo di conoscere le portate e le temperature in ingresso allo
scambiatore, nonche le caratteristiche termosiche dei due uidi, le incogni-
te risultano tre, e precisamente il usso termico scambiato e le temperature
di uscita dei due uidi; le tre equazioni 3.19, 3.20 e 3.22 sono pertanto suf-
cienti a risolvere completamente il problema del fuori progetto dello scam-
biatore, purche si individui una correlazione tra la variazione del coeciente
di scambio termico globale K e le variazioni delle altre grandezze in gioco.
Il paragrafo seguente `e appunto dedicato a questo problema.
Il metodo NTU si rivela per altro particolarmente utile quando si cono-
scano le dimensioni dello scambiatore, le portate e le temperature di ingresso
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 91
dei due uidi, per determinare la potenza termica scambiata e le tempera-
ture di uscita: ed `e proprio questa la situazione tipica di un funzionamento
fuori progetto dello scambiatore.
Pertanto da un punto di vista pratico la soluzione del sistema di tre
equazioni che determina il comportamento fuori progetto dello scambiatore
di calore pu`o essere ottenuta secondo il procedimento seguente:
1. calcolo del coeciente di scambio termico K

sulla base delle conside-


razioni svolte al paragrafo seguente;
2. calcolo del numero di unit`a di trasporto NTU

= K

S]

C

min
;
3. calcolo dellecienza dello scambiatore

tramite lequazione 3.18;


4. calcolo del usso termico scambiato nelle condizioni di fuori progetto:

min
{T

ci
T

fi
);
5. calcolo della temperatura di uscita del uido caldo secondo lequazione
T

cu
= T

ci

] m

c
c

pc
;
6. calcolo della temperatura di uscita del uido freddo secondo lequazio-
ne T

fu
= T

fi
+

] m

f
c

pf
.
3.2.1 Comportamento del coeciente di scambio termico nel
fuori progetto
Ricordando lequazione 3.10 che pone in relazione il coeciente di scam-
bio termico globale con i coecienti di scambio termico convettivo dei due
uidi, conviene innanzitutto introdurre un parametro per rappresentare
il rapporto tra il coeciente di scambio termico per convezione migliore e
quello peggiore tra i due uidi:
=

m

p
(3.23)
Il rapporto K

]K pu`o allora essere scritto come segue:


K

K
=
1

m
+
1

p
1

m
+
1

p
=
1

m
1

m
+
1

p
+
1

p
1

m
+
1

p
=
_

_
m
1 +
+
_

_
p
1 +
1

(3.24)
ovvero in denitiva:
K

K
=
1
1 +
_

_
m
+

1 +
_

_
p
(3.25)
La relazione ottenuta comporta che, in presenza di uidi con coecienti
di scambio termico per convezione molto diversi, il rapporto K

]K coincide
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 92
con ottima approssimazione con il rapporto

] del uido che scambia


peggio:
1
K

K
_

_
p
(3.26)
Questa situazione `e tuttaltro che rara, perche frequentemente negli
scambiatori di calore si trovano uidi con capacit`a di scambio termico con-
vettivo molto diverse fra loro, come mostrano i seguenti ordini di grandezza:
10
4
Wm
2
K
1
per un uido soggetto a cambio di fase;
10
3
Wm
2
K
1
per un liquido;
10
2
Wm
2
K
1
per un vapore surriscaldato;
10Wm
2
K
1
per un gas.
Il problema `e dunque ricondotto alla denizione dei fattori che determi-
nano la variazione del coeciente ; considerando, come gi`a detto, il fuori
progetto di uno stesso scambiatore (fattore di scala pari a 1), richiamando
la denizione del numero di Nusselt (equazione 1.34) e facendo uso della
relazione tra Nu, Re e Pr (equazione 1.37), si ottiene:

Nu

Nu
=

_
Re

Re
_
0.8
_
Pr

Pr
_
0.3
(3.27)
ed esplicitando i numeri di Reynolds e Prandtl:

= _

c
_
0,8
_
c

p
c
p
_
0,3
_

_
0,5
_

_
0,7
(3.28)
Il prodotto c `e direttamente proporzionale alla portata in massa di
uido, pertanto:

= _
m

m
_
0,8
_
c

p
c
p
_
0,3
_

_
0,5
_

_
0,7
(3.29)
Se le condizioni di fuori progetto non prevedono uidi diversi rispetto
al funzionamento nominale, e nel caso in cui si trascuri la variazione delle
propriet`a termosiche dei uidi nelle nuove condizioni di funzionamento, lo
scambio termico varia allora soltanto in ragione della variazione di portata
massica:

= _
m

m
_
0,8
(3.30)
Pertanto, si pu`o aermare in conclusione che, nel caso di fuori progetto
di un medesimo scambiatore di calore (fattore di scala unitario) con uidi
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 93
invariati rispetto alle condizioni di progetto, se i due uidi hanno coe-
cienti di scambio termico molto diversi, `e la variazione di portata del uido
caratterizzato dal peggior coeciente di scambio termico convettivo a
determinare la variazione del coeciente di scambio termico globale K:
1
K

K
_
m

m
_
0,8
p
(3.31)
Se invece i coecienti di scambio termico convettivo hanno lo stesso
ordine di grandezza, occorrer`a valutare separatamente per ciascun uido la
variazione del coeciente di scambio termico convettivo in funzione della
variazione di portata massica secondo lequazione 3.30, e successivamente
determinare il coeciente di scambio termico globale nelle condizioni di
funzionamento fuori progetto (equazione 3.10).
3.2.2 Esempio
In uno scambiatore di calore in controcorrente circolano acqua, con una
portata m
w
= 3kg]s e temperatura di ingresso T
wi
= 15

C, e una portata
daria m
a
= 10kg]s, con temperatura dingresso T
ai
= 160

C e temperatura
di uscita T
au
= 50

C.
I calori specici medi valgono c
pa
= 1, 00kJkg
1
K
1
per laria e c
w
=
4, 17kJkg
1
K
1
per lacqua.
In condizioni nominali, il usso termico ceduto dallaria calda allacqua
vale:
= m
a
c
pa
(T
ai
T
au
) = m
a
c
pa
T
a
= 1100kW
Il salto termico dellacqua vale:
T
w
=

m
w
c
w
= 87, 9

C
e la temperatura di uscita dellacqua `e:
T
wu
= T
wi
+ T
w
= 102, 9

C
Il T
ml
nelle condizioni nominali vale:
T
ml
=
T
lc
T
lf
log
T
ci
T
wu
T
cu
T
wi
= 45, 15

C
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 94
Nelle condizioni di progetto, le capacit`a termiche di usso, il numero di
unit`a di trasporto e lecienza dello scambiatore risultano quindi:

C
min
= min( m
a
c
pa
, m
w
c
w
) = m
a
c
pa
= 10kW]K

C
max
= max( m
a
c
pa
, m
w
c
w
) = m
w
c
w
= 12, 51kWK
1
NTU =
T
max
T
ml
=
110
45, 14
= 2, 437
=
T
max
T
ci
T
fi
=
110
145
= 0, 7586
Si pu`o vericare che lequazione 3.18 fornirebbe ovviamente lo stesso
risultato:
=
1 exp__1

C
min

C
max
_NTU_
1

C
min

C
max
exp__1

C
min

C
max
_NTU_
= 0, 7586
In condizioni di fuori progetto, la portata e la temperatura dingresso
dellacqua rimangono invariate ( m

w
= m
w
e T

wi
= T
wi
), mentre la portata
e la temperatura dingresso dellaria diminuiscono rispettivamente ai valori
m
a
= 8kg]s e T

ci
= 130

C.
Poiche il coeciente di scambio termico convettivo dellaria `e molto mi-
nore di quello dellacqua, sar`a la variazione di portata daria a determinare
il nuovo coeciente di scambio termico globale:
K

K
= _
m

a
m
a
_
0,8
Per quanto riguarda le capacit`a termiche di usso, il valore inferiore
compete allaria anche nelle condizioni di fuori progetto, poiche la portata
di questultima `e diminuita rispetto al funzionamento nominale mentre la
portata dacqua `e invariata, e pertanto risulta:

min

C
min
=
m

a
m
a
= 0, 8

max

C
max
= 1
Il numero di unit`a di trasporto varia secondo il rapporto:
NTU

NTU
=
K

C
min

min
= _
m

a
m
a
_
0,2
= 1, 0456
Si avr`a quindi:

min
= 8kW]K

max
= 12, 51kW]K
NTU

= 2, 548
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 95
0 400 800 1200
0
20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
[kW]
T
[

C
]


T
a
T
w
T

a
T

w
0 0.25 0.5 0.75 1
0
20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
/
tot
T
[

C
]
Figura 3.2. Diagramma di scambio termico relativo allo scambiatore
dellesempio 3.2.2
Lecienza dello scambiatore nelle nuove condizioni risulta pertanto:

=
1 exp__1

C

min

max
_NTU

_
1

C

min

max
exp__1

C

min

max
_NTU

_
= 0, 8068
La potenza termica scambiata nel funzionamento fuori progetto vale:

min
{T

ai
T

wi
) = 742, 29kW
da cui si ottengono le nuove temperature di uscita dei due uidi:

=
m

a
m
a
T

a
T
a
T

a
=

m
a
m

a
T
a
= 92, 8

C
T

au
= T

ai
T

a
= 37, 2

C
T

w
=

T
w
= 59, 3

C
T

wu
= T

wi
+ T

w
= 74, 3

C
In gura 3.2 sono presentati i diagrammi di scambio termico nelle con-
dizioni nominali e di fuori progetto. Nella gura di sinistra `e riportato il
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 96
diagramma di scambio in funzione della potenza termica scambiata; si os-
serva chiaramente che la pendenza della curva relativa al lato freddo (acqua)
rimane invariata, perche la portata dacqua m
w
rimane costante, mentre ci`o
non avviene per laria: essendo diminuita la portata daria, `e aumentata la
pendenza del diagramma T
a
(), come imposto dallequazione 3.1.
Nel graco di destra lascissa `e invece normalizzata rispetto alla potenza
termica totale scambiata in ciascuna condizione di funzionamento, cosicche
in entrambi i casi lascissa massima vale 1. Dunque in questo secondo caso
la pendenza della curva non `e pi` u fornita dallequazione 3.1.
3.3 Condensatore
Lesame del comportamento fuori progetto di un condensatore si rivela pi` u
agevole rispetto al caso generale in quanto il uido caldo (e cio`e il vapore
condensante) entra nellapparecchiatura di scambio termico gi`a in condizioni
di saturazione e subisce un cambiamento di fase senza sottorareddamento:
questo comporta che la temperatura del uido caldo `e costante (e pari alla
temperatura di saturazione) lungo tutto il condensatore, e che la capacit`a
termica di usso del uido caldo `e innita.
Sulla base di queste considerazioni, le equazioni fondamentali 3.2-3.4
possono essere riscritte come segue:
= m
v
xr (3.32)
= m
w
c
w
T
w
(3.33)
= KST
ml
= KS
T
w
log
T
sat
T
wi
T
sat
T
wu
(3.34)
dove si `e indicato con T
sat
la temperatura di condensazione, con x il titolo del
vapore in ingresso e con r il calore latente di vaporizzazione corrispondente
alla temperatura T
sat
.
Uguagliando le ultime due equazioni si ottiene:
T
sat
T
wu
T
sat
T
wi
= exp_
KS
m
w
c
w
_ (3.35)
Il numero di unit`a di trasporto risulta:
NTU =
KS
m
w
c
w
=
T
w
T
ml
(3.36)
mentre lecienza dello scambiatore vale:
=

th
=
m
w
c
w
T
w
m
w
c
w
(T
sat
T
wi
)
=
T
w
T
sat
T
wi
(3.37)
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 97
La temperatura di condensazione risulta, risolvendo lequazione 3.35:
T
sat
=
T
wu
e
NTU
T
wi
1 e
NTU
= T
wi
+
T
w
1 e
NTU
(3.38)
Confrontando le due equazioni precedenti si pu`o vericare che lecienza
di scambio, per uno scambiatore in cui uno dei due uidi mantenga costante
la propria temperatura, vale, come `e noto:
= 1 e
NTU
(3.39)
Lequazione precedente pu`o infatti essere ricavata dalla pi` u generale eq. 3.18
considerando una capacit`a termica di usso innita per il vapore sottoposto
a passaggio di fase (

C
max
).
Lespressione della temperatura di condensazione pu`o dunque essere ri-
scritta pi` u sinteticamente come segue:
T
sat
= T
wi
+
T
w

(3.40)
dove si pu`o osservare che la temperatura di condensazione `e tanto maggio-
re rispetto alla temperatura di uscita dellacqua di rareddamento quanto
peggiore `e lecienza di scambio; nel caso ideale di ecienza unitaria le due
temperature vengono a coincidere, come `e ovvio in base alla denizione di
ecienza 3.37.
Il comportamento fuori progetto di un condensatore pu`o dunque essere
studiato determinando innanzitutto lecienza dello stesso tramite le equa-
zioni 3.39 e 3.36, e quindi risolvendo il sistema di tre equazioni costituito
dalle equazioni di bilancio lato vapore 3.32 e lato acqua di rareddamen-
to 3.33, nonche dallequazione 3.40 che lega la temperatura di saturazione
allincremento di temperatura dellacqua di rareddamento.
La soluzione del sistema pu`o essere ottenuta in maniera molto agevole
tenendo presente che, per modeste variazioni della temperatura di satura-
zione (quali sono sicuramente quelle di interesse nel caso in esame), il calore
latente di vaporizzazione r pu`o essere considerato con ottima approssima-
zione costante. Infatti, sebbene in gura 3.3 si possa osservare come il calore
latente di vaporizzazione sia soggetto in generale a variazioni molto consi-
stenti, partendo da valori dellordine di 2 500 kJ/kg per arrivare ad annul-
larsi in corrispondenza del punto critico (p
c
= 220, 64bar; T
c
= 373, 946

C),
la gura 3.4 mostra daltro canto che, restringendo il campo a temperature
comprese tra 10 e 80

C (intervallo di temperature comunque amplissimo


per quanto concerne il funzionamento anche fuori progetto di un condensa-
tore), la variazione del calore latente di vaporizzazione rispetto ad un valore
di riferimento corrispondente ad una comune situazione di funzionamento
(p
ref
= 0, 05bar; T
ref
= 32, 88

C) si mantiene al di sotto del 5%, e pu`o essere


pertanto considerato, in prima approssimazione, trascurabile.
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 98
0 50 100 150 200 250 300 350 400
0
1000
2000
3000
r
[
k
J
/
k
g
]


r
p
sat
0 50 100 150 200 250 300 350 400
0
100
200
300
T
sat
[

C]
p
s
a
t
[
b
a
r
]
Figura 3.3. Calore latente di vaporizzazione e pressione di condensazione al
variare della temperatura
0 10 20 30 40 50 60 70 80
5
4
3
2
1
0
1
2
3
4
5
T
sat
[

C]
r

r
r
e
f
r
r
e
f

1
0
0
ref: p = 0, 05 bar; T = 32, 88

C
Figura 3.4. Variazione percentuale del calore latente di vaporizzazione
rispetto alla condizione di riferimento p
ref
= 0, 05bar
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 99
Richiamando lequazione di bilancio lato vapore 3.32, ci`o signica che in
condizioni di fuori progetto si ottiene:

v
m
v
x

x
(3.41)
e pertanto il usso termico scambiato nelle condizioni di fuori progetto di-
pende sostanzialmente soltanto dalla portata e dal titolo del vapore. Poiche
generalmente queste ultime risultano essere due condizioni al contorno del
problema, il usso termico pu`o essere determinato immediatamente, il che
consente la risoluzione in cascata delle equazioni 3.33 e 3.40 per la determina-
zione rispettivamente dellaumento di temperatura dellacqua di raredda-
mento T
w
e della temperatura di saturazione T
sat
(dalla quale ovviamente
dipende direttamente la pressione di condensazione, cio`e le condizioni allo
scarico della turbina).
Nei paragra seguenti si prender`a in considerazione il comportamento
in fuori progetto del condensatore determinato dalla variazione di una sola
grandezza in ingresso alla volta, e precisamente:
portata di vapore m
v
titolo del vapore x
portata dacqua di rareddamento m
w
temperatura di ingresso dellacqua di rareddamento T
wi
3.3.1 Variazione della portata di vapore
Un aumento della portata di vapore comporta un corrispondente aumento
del usso termico scambiato:

=
m

v
m
v
(3.42)
Considerando la portata dacqua invariata, la dierenza di temperatura
dellacqua di rareddamento T
w
deve aumentare per far fronte al maggior
usso termico:
T

w
T
w
=
m

v
m
v
(3.43)
Nel diagramma di scambio termico la linea relativa alla temperatura
dellacqua T
w
() mantiene tuttavia la stessa pendenza, secondo lequazione
3.1.
In questo caso il coeciente globale di scambio termico K rimane so-
stanzialmente invariato, perche la capacit`a di scambio termico del vapore
in condensazione `e molto maggiore di quella dellacqua, e quindi K dipende
essenzialmente dalla portata dacqua che rimane costante. Ci`o signica che
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 100
laumento di usso termico `e garantito esclusivamente da un corrispondente
aumento del T
ml
:
T

ml
T
ml
=
m

v
m
v
(3.44)
Il parametro NTU e lecienza di scambio rimangono invariati per via
dellequazione 3.36; ci`o nonostante, secondo lequazione 3.40 la temperatura
di condensazione T
sat
aumenta perche aumenta la temperatura di uscita
dellacqua T
wu
. Daltra parte ci`o `e comprensibile anche gracamente, perche
il contemporaneo aumento di T
wu
e della dierenza media logaritmica delle
temperature tra vapore e acqua non pu`o che spostare verso lalto la retta
orizzontale corrispondente al diagramma di scambio termico del vapore.
In denitiva, laumento della temperatura di condensazione produce un
aumento della pressione al condensatore, e quindi della pressione allo scari-
co della turbina, con un conseguente peggioramento delle prestazioni della
turbina. Ci`o si spiega facilmente perche laumento della portata di vapore ri-
chiederebbe, per mantenere le stesse condizioni di vuoto nel condensatore,
una maggior capacit`a di rareddamento da parte dellacqua.
Esempio
Si consideri un condensatore progettato per elaborare una portata di vapore
m
v
= 25 kg/s, il cui titolo sia x = 0, 9, prelevando una portata dacqua pari a
Q
w
= 2m
3
]s alla temperatura T
wi
= 20

C. La pressione al condensatore nel


funzionamento nominale `e p
sat
= 0, 05bar: la temperatura di condensazione
`e conseguentemente T
sat
= 32, 9

C, e il calore latente di vaporizzazione vale


r = 2423, 0kJ]kg. Dalle equazioni 3.32 e 3.33 si ricava quindi il usso termico
scambiato nellapparecchiatura in condizioni nominali, = 54, 52MW, e il
salto termico dellacqua di rareddamento, T
w
= 6, 5K. La temperatura
di uscita dellacqua `e quindi T
wu
= 26, 5

C. La dierenza media logaritmica


delle temperature risulta T
ml
= 9, 2K, il numero di unit`a di trasporto
NTU= 0, 704, lecienza di scambio = 0, 506.
Si supponga quindi di dover smaltire una portata di vapore maggiora-
ta del 10%, ossia m

v
= 27, 5kg]s. Il usso termico aumenta quindi an-
chesso del 10% (supponendo invariato il calore latente di vaporizzazione):

= 59, 97kg]s, e lo stesso aumento percentuale si riette sia sul salto ter-
mico dellacqua di rareddamento: T

w
= 7, 2K, sia sulla dierenza media
logaritmica delle temperature: T
ml
= 10, 2K. Dallequazione 3.40 ottenia-
mo quindi la nuova temperatura di condensazione T

sat
= 34, 2

C, alla quale
corrisponde una pressione di saturazione p

sat
= 0, 054bar, con un aumento
percentuale del 7,46%.
I diagrammi di scambio termico nel funzionamento nominale e fuori
progetto sono riportati in gura 3.5.
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 101
0 10 20 30 40 50 60
15
20
25
30
35
[MW]
T
[

C
]


vapore (nom.)
vapore (o des.)


acqua (nom.)
acqua (o des.)
Figura 3.5. Variazione della portata di vapore
3.3.2 Variazione del titolo del vapore
Il usso termico aumenta in ragione dellaumento del titolo del vapore:

=
x

x
(3.45)
Seguendo quanto gi`a visto a proposito della variazione della portata di
vapore, si ottiene un corrispondente aumento del salto termico dellacqua di
rareddamento:
T

w
T
w
=
x

x
(3.46)
e, poiche anche in questo caso la portata dacqua non varia e dunque il
coeciente globale di scambio termico pu`o essere considerato costante, si
ottiene anche un aumento del T
ml
:
T

ml
T
ml
=
x

x
(3.47)
Il parametro NTU e lecienza di scambio rimangono invariati, ma
la temperatura di condensazione aumenta perche aumenta T
w
(eq. 3.40).
Perci`o la pressione al condensatore aumenta comportando un peggioramento
delle prestazioni della turbina: anche in questo caso ci`o `e dovuto al fatto che
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 102
0 10 20 30 40 50 60
15
20
25
30
35
[MW]
T
[

C
]


vapore (nom.)
vapore (o des.)


acqua (nom.)
acqua (o des.)
Figura 3.6. Variazione del titolo del vapore
il condensatore non ha a disposizione la maggiore capacit`a di rareddamento
che sarebbe invece richiesta dallaumento del titolo del vapore, in quanto le
condizioni dellacqua di rareddamento non sono variate.
Esempio
Mantenendo le stesse condizioni di funzionamento nominale viste nellesem-
pio precedente, si supponga ora di aumentare del 5% il titolo del vapore
allingresso del condensatore. Si avr`a quindi x = 0, 945.
Il nuovo usso termico richiesto risulta quindi

= 57, 24MW (sempre


supponendo costante r), con un nuovo salto termico dellacqua di rared-
damento pari a T

w
= 6, 8K. Risulta inoltre T

ml
= 9, 7K. La nuova
temperatura di condensazione risulta T

sat
= 33, 5

C e comporta una pres-


sione al condensatore p

sat
= 0, 052bar, con un aumento percentuale pari al
3,67%. Il diagramma di scambio termico risultante `e riportato in gura 3.6.
3.3.3 Variazione della portata dacqua di rareddamento
In questo caso il usso termico scambiato `e sostanzialmente invariato. Per-
tanto, un aumento della portata dacqua di rareddamento provoca una
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 103
diminuzione del salto termico dellacqua:
T

w
T
w
= _
m

w
m
w
_
1
(3.48)
Il coeciente globale di scambio termico migliora allaumentare della
portata dacqua, secondo lequazione 3.31:
K

K
= _
m

w
m
w
_
0,8
(3.49)
Dunque la dierenza media logaritmica delle temperature diminuisce
anchessa, dato che il usso termico scambiato `e il medesimo:
T

ml
T
ml
= _
m

w
m
w
_
0,8
(3.50)
Il parametro NTU in questo caso varia, ed in particolare diminuisce
allaumentare della portata dacqua di rareddamento:
NTU =
KS
m
w
c
w

NTU

NTU
=
K

K
_
m

w
m
w
_
1
= _
m

w
m
w
_
0,2
(3.51)
Lecienza di scambio varia, diminuendo (ma non linearmente) allau-
mentare della portata dacqua:

= 1 e
NTU

= 1 exp

NTU_
m

w
m
w
_
0,2

(3.52)
La temperatura di condensazione dovr`a diminuire, non solo perche `e di-
minuita la temperatura di uscita dellacqua T
wu
(fatto che comporterebbe
gi`a di per se una riduzione di T
sat
a parit`a di T
ml
), ma anche perche `e
diminuita la dierenza media logaritmica delle temperature. Ci`o `e confer-
mato dallequazione 3.40: infatti entrambi i termini T
w
e diminuiscono
con laumentare della portata dacqua, ma il primo linearmente, il secondo
meno che linearmente.
Ci`o naturalmente comporta una diminuzione della pressione di conden-
sazione, e quindi un aumento delle prestazioni in turbina. Questo avviene
perche la capacit`a di rareddamento del condensatore `e aumentata, e per-
tanto a parit`a di usso termico scambiato si riesce a ottenere un vuoto pi` u
spinto nel condensatore.
Esempio
Con riferimento alle condizioni di funzionamento nominale degli esempi pre-
cedenti, si consideri un aumento della portata dacqua di rareddamento del
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 104
0 10 20 30 40 50 60
15
20
25
30
35
[MW]
T
[

C
]


vapore (nom.)
vapore (o des.)


acqua (nom.)
acqua (o des.)
Figura 3.7. Variazione della portata dacqua di rareddamento
10%, a parit`a di tutte le altre condizioni. Si ha quindi Q

w
= 2, 2m
3
]s, con
un salto termico dellacqua di rareddamento T

w
= 5, 9K, una dierenza
media logaritmica T

ml
= 8, 6K e NTU

= 0, 692. Lecienza di scam-


bio risulta

= 0, 499. La nuova temperatura di condensazione `e pertanto


T

sat
= 31, 9

C, con una pressione al condensatore pari a p

sat
= 0, 047bar.
La diminuzione della pressione di saturazione rispetto al funzionamento
nominale `e del 5,56%.
In gura 3.7 `e riportato il diagramma di scambio termico corrispondente
al funzionamento nominale e al funzionamento fuori progetto: si pu`o no-
tare la diminuzione della pendenza del diagramma relativo allacqua di raf-
freddamento, dovuta allaumento della portata dacqua, secondo lequazione
3.1.
3.3.4 Variazione della temperatura dingresso dellacqua di
rareddamento
In questo caso rimangono invariati il usso termico scambiato, il salto termi-
co dellacqua di rareddamento (poiche la portata dacqua di rareddamento
`e per ipotesi invariata), il coeciente di scambio termico e quindi la die-
renza media logaritmica delle temperature, il parametro NTU e lecienza
di scambio .
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 105
0 10 20 30 40 50 60
15
20
25
30
35
[MW]
T
[

C
]


vapore (nom.)
vapore (o des.)


acqua (nom.)
acqua (o des.)
Figura 3.8. Variazione della temperatura dingresso dellacqua di
rareddamento
Di conseguenza, si ottiene una semplice traslazione (verso lalto se la
temperatura di ingresso dellacqua aumenta, verso il basso se avviene il
contrario) di entrambi i diagrammi di scambio termico di una quantit`a pari
alla variazione di temperatura T

wi
subita dalla temperatura di ingresso
dellacqua.
Infatti, per quanto riguarda la temperatura di condensazione, si ottiene
per il fuori progetto:
T

sat
= T

wi
+
T

= T
wi
+ T

wi
+
T
w

= T
sat
+ T

wi
(3.53)
Pertanto al diminuire della temperatura dellacqua di rareddamento si
ottiene un miglioramento delle prestazioni in turbina, perche aumentano le
potenzialit`a del condensatore.
Esempio
Sempre con riferimento alle condizioni nominali riportate negli esempi pre-
cedenti, si supponga che le condizioni ambientali siano tali da fornire acqua
alla temperatura T

wi
= 15

C anziche T
wi
= 20

C. La nuova temperatura
di condensazione sar`a quindi di 5

C inferiore rispetto a quella nominale:


3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 106
T

sat
= 27, 9

C. La pressione di saturazione risulta p

sat
= 0, 038bar, con un
miglioramento rispetto alle condizioni nominali del 24,89%.
Il corrispondente diagramma di scambio termico `e riportato in gura 3.8.
3.4 Esempi applicativi
3.4.1 Dimensionamento di un condensatore e verica del fun-
zionamento fuori progetto
Dati per il progetto e la verica
Si debba progettare un condensatore a fascio tubiero, inserito in un impianto
a vapore, rispondente ai seguenti dati di progetto:
portata di vapore m
v
= 100t]h
titolo del vapore x = 0, 90
pressione di condensazione p = 0, 05bar
temperatura di ingresso dellacqua di rareddamento T
wi
= 21

C
dierenza di temperatura ammissibile per lacqua di rareddamento
T
w
= 8

C
Di questo condensatore si preveda poi il funzionamento in condizioni di
fuori progetto con i dati seguenti:
m

v
= 110t]h
x

= 0, 93
T

wi
= 27

C
Q

w
= 1, 9m
3
s
1
Per le propriet`a termosiche dellacqua di rareddamento, si considerino
i seguenti valori:

w
= 1000kg m
3
c
w
= 4, 187kJkg
1
K
1
= 978 10
6
Pa s
= 0, 60Wm
1
K
1
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 107
Dimensionamento
Il usso termico che il vapore deve cedere allacqua di rareddamento vale:
= m
v
(h
v
h
ls
)
dove h
v
rappresenta lentalpia del vapore alluscita della turbina, e h
ls
len-
talpia del liquido saturo in corrispondenza della pressione di scarico. Poiche
allo scarico della turbina si ottiene vapore saturo umido, la sua entalpia pu`o
essere valutata come segue:
h
v
= h
ls
+ x(h
vs
h
ls
) = h
ls
+ xr
dove h
vs
e r sono rispettivamente lentalpia del vapore saturo secco e il calore
latente di vaporizzazione alla pressione p.
Le propriet`a del vapore in corrispondenza della pressione assegnata sono:
h
ls
= 137, 8kJkg
1
h
vs
= 2560, 8kJkg
1
r = 2423, 0kJkg
1
La temperatura di condensazione vale:
T = 32, 88

C
Il usso termico scambiato nel condensatore `e pari a:
= m
v
xr =
100
3, 6
0, 9 2423, 0MW = 60, 575MW
La portata dacqua necessaria alla condensazione della portata di vapore
assegnata risulta:
Q
w
=

w
c
w
T
w
=
60575
1000 4, 187 8
m
3
s
1
= 1, 81m
3
s
1
La dierenza media logaritmica delle temperature risulta pari a:
T
ml
=
T
w
log
T T
wi
T T
wu
=
8
log
11, 88
3, 88

C = 7, 14

C
Il prodotto tra supercie di scambio necessaria e coeciente globale di
scambio termico risulta dallequazione seguente:
KS =

T
ml
=
60575
7, 14
kWK
1
= 8479kWK
1
Per poter valutare separatamente le grandezze K e S, occorre denire
preventivamente alcuni parametri geometrici del sistema.
Si supponga quindi di realizzare un condensatore a fascio tubiero con le
seguenti caratteristiche:
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 108
numero di passaggi nel lato freddo N
p
= 2;
diametro dei tubi: D = 1in = 25, 4mm;
passo adottato per distanziare i tubi pari a due volte il diametro
esterno dei tubi: p = 2D
e
= 2(D+ 2s);
coeciente globale di scambio termico coincidente con il coeciente di
scambio per convezione lato acqua
w
, che risulta di un ordine di gran-
dezza inferiore rispetto al coeciente di scambio termico convettivo
lato vapore e alla conduttivit`a termica delle pareti dei condotti;
spessore dei tubi s = 4mm;
velocit`a media dellacqua nei tubi pari a v
w
= 1, 5ms
1
(si tenga pre-
sente che valori accettabili di questo parametro sono 1 2ms
1
per
lacqua e 10 20ms
1
per un gas).
In questo modo, `e possibile innanzitutto stimare il coeciente di scambio
termico mediante la relazione 1.37, e quindi determinare la supercie di
scambio necessaria.
Per lacqua che scorre allinterno dei tubi del fascio il numero di Reynolds
vale:
Re =

w
v
w
D

w
=
1000 1, 5 0, 0254
978 10
6
= 38957
Il numero di Prandtl vale invece:
Pr =
c
w

w
=
4, 187 10
3
978 10
6
0, 60
= 6, 825
Si ottiene quindi un numero di Nusselt pari a:
Nu = 0, 024Re
0,8
Pr
0,3
= 200, 9
Il coeciente di scambio termico risulta pari a:
K
w
=
Nu
w
D
=
200, 8 0, 60
0, 0254
Wm
2
K
1
= 4745Wm
2
K
1
Come si vede, i parametri progettuali che determinano il coeciente di
scambio termico sono essenzialmente la velocit`a dellacqua e il diametro dei
tubi, che inuenzano il numero di Reynolds; il numero di Prandtl invece
dipende esclusivamente dalle propriet`a siche dellacqua.
In queste condizioni, la supercie di scambio termico necessaria risulta:
S =

KT
ml
= 1787m
2
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 109
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 1

56

137,7 kJ/kg
2560,7 kJ/kg
2423 kJ/kg
ls
vs
h
h
r
=
=
=

La temperatura di condensazione :
32,88C T =
Il flusso termico scambiato nel condensatore quindi pari a:

100
0,92423 kW 60,575 MW
3,6
v
m x r = = =
La portata dacqua necessaria alla condensazione della portata di vapore
assegnata risulta:

60575
m/s 1,81 m/s
10004,1878
w
w w w
Q
c T

= = =


Il diagramma di scambio termico nel condensatore visibile in figura. La
differenza media logaritmica delle temperature risulta in questo caso:

( ) ( ) 8
7,14C
11,88
log log log
3,88
wi wu w
ml
wi wi
wu wu
T T T T T
T
T T T T
T T T T

= = = =



Il prodotto di superficie di scambio per coefficiente globale di scambio termico,
KS , risulta dallequazione:

60575
kW/K 8479 kW/K
7,14
ml
KS
T

= = =


Per poter valutare separatamente i termini K e S , occorre definire
preventivamente alcuni parametri della geometria del sistema.
Si supponga quindi di realizzare un condensatore a fascio tubiero con le
seguenti caratteristiche:
2
p
N = passaggi nel lato freddo;
diametro dei tubi 2 ( 50,8 mm D = );
passo adottato per distanziare i tubi pari a due volte il diametro esterno
dei tubi ( ( ) 2 2 2
e
p D D s = = + );
coefficiente globale di scambio termico coincidente con il coefficiente di
scambio per convezione lato acqua
w
(risulta infatti di un ordine di
grandezza inferiore rispetto al coefficiente di scambio per convezione di
Figura 3.9. Rappresentazione schematica di un condensatore a fascio turbiero
E utile a questo punto valutare il parametro NTU e lecienza di scam-
bio del condensatore:
NTU =
KS
m
w
c
w
= 1, 120
= 1 e
NTU
=
T
w
T T
wi
= 0, 674
Il numero di tubi necessari a convogliare la portata dacqua richiesta `e:
N =
Q
w
v
w
=
1, 81
5, 07 10
4
1, 5
= 2380
dove = D
2
]4 = 5, 07 10
4
m
2
`e la sezione di passaggio oerta da ciascun
tubo.
La supercie di scambio pu`o quindi essere ottenuta con tubi di lunghezza
pari a:
l =
S
N
p
ND
=
1786
2 2382 0, 0254
m = 4, 71m
Volendo disporre i tubi su unarea approssimativamente quadrata, si
deve sistemare un ugual numero di tubi sui due lati; poiche il numero di
sezioni di passaggio sulla base del condensatore `e pari al prodotto tra
numero di tubi e numero di passaggi, ciascun lato della base dovr`a contenere
approssimativamente
_
N
p
N 69 sezioni di passaggio. Conseguentemente,
le dimensioni della base del condensatore (indicate con a e h in gura 3.9)
dovranno essere prossime a a
_
N
p
N (D
e
+ p) 5, 75m.
Poiche le dimensioni del condensatore risultano sostanzialmente con-
gruenti con una geometria sucientemente compatta, in cui non vi sia una
dimensione nettamente prevalente sulle altre, si pu`o considerare terminato
il dimensionamento dellapparecchiatura di scambio termico e procedere a
vericarne il comportamento in condizioni di fuori progetto.
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 110
Verica del funzionamento fuori progetto
Seguendo le indicazioni riportate nel paragrafo 3.3, e considerando in parti-
colare il calore latente di vaporizzazione in prima approssimazione invariato
nel funzionamento in o design, `e possibile calcolare il usso termico scam-
biato, la variazione di temperatura e la temperatura di uscita dellacqua di
rareddamento:

=
m

v
m
v
x

x
= 68, 854MW
T

w
=

w
Q

w
c
w
= 8, 66K
T

wu
= T

wi
+ T

w
= 35, 66K
Il coeciente di scambio termico risulta variato rispetto alle condizioni
nominali perche `e disponibile una diversa portata dacqua di rareddamento:
K

= K_
Q

w
Q
w
_
0,8
= 4936Wm
2
K
1
La dierenza media logaritmica delle temperature risulta pertanto:
T

ml
=

S
= 7, 81K
Conseguentemente il numero di unit`a di trasporto e lecienza di scam-
bio risultano:
NTU

= NTU
K

K
Q
w
Q

w
= 1, 109

= 1 e
NTU

= 0, 670
Dunque la temperatura e la pressione di condensazione nelle condizioni
di fuori progetto assegnate valgono:
T

= T

wi
+
T

= 39, 92

C
p

= p
sat
{T

) = 0, 0735bar
Si osserva dunque un aumento della pressione di scarico dalla turbina, il
che determina un peggioramento delle prestazioni, per via del minor salto
entalpico disponibile in turbina rispetto alle condizioni nominali. Ci`o av-
viene perche, a fronte dellaumento della portata di vapore scaricato dalla
turbina, laumento di portata dacqua di rareddamento non `e suciente
a garantire le stesse condizioni di rareddamento rispetto alle condizioni di
progetto, soprattutto in considerazione del fatto che anche la temperatura
di ingresso dellacqua di rareddamento `e sensibilmente superiore rispetto
alle condizioni nominali. Il diagramma di scambio termico, relativo alle con-
dizioni nominali e di fuori progetto, `e riportato in gura 3.10 (la variazione
3. Funzionamento fuori progetto degli scambiatori di calore 111
0 10 20 30 40 50 60 70
10
15
20
25
30
35
40
45
50
[MW]
T
[

C
]


vapore (nom.)
vapore (o des.)


acqua (nom.)
acqua (o des.)
Figura 3.10. Diagramma di scambio termico per il condensatore dellesempio
3.4.1
molto limitata del valore di Q
w
tra la condizione di fori progetto e quella
di o design fa s` che la variazione della pendenza della linea T
w
() sia
scarsamente apprezzabile in gura).
Per concludere, si pu`o osservare che lassunzione di calore latente di
vaporizzazione costante risulta pi` u che giusticata, in quanto in corrispon-
denza della nuova temperatura di condensazione ora calcolata si ha r

=
2406, 2kJkg
1
, con una dierenza dello 0,7% rispetto ai dati di progetto.
A riprova di ci`o, se si eseguisse un calcolo iterativo, impostando die-
renti valori di primo tentativo per r

, ripetendo il calcolo di tutte le gran-


dezze da

a p

, e quindi vericando di ottenere un valore di r

(p

) con-
gruente con quello ipotizzato, le dierenze ottenute sarebbero minime: si
otterrebbe infatti

= 68, 38MW, T

= 39, 84

C e p

= 0, 0732bar, con
r

= 2406, 4kJkg
1
.
Parte II
Funzionamento fuori
progetto e regolazione di
impianti e sistemi
112
Capitolo 4
Impianto di turbina a gas
4.1 Equazioni per la verica del funzionamento
fuori progetto
4.1.1 Turbina a gas monoalbero
Con riferimento allo schema semplicato mostrato in gura 4.1, lanalisi
delle prestazioni di un impianto di turbina a gas pu`o essere condotta impo-
stando le equazioni che consentono il calcolo delle propriet`a termodinamiche
dei quattro punti caratteristici del ciclo (e in particolare pressione e tempe-
ratura in ciascuno di questi punti), delle portate di uido (aria comburente,
combustibile, gas combusti), nonche di alcune grandezze globali quali po-
tenza erogata e redimenti. Pi` u specicamente, le principali variabili di cui
`e necessario tener conto sono le seguenti:
7 variabili relative al compressore: portata daria aspirata m
1
, pressio-
ne p
1
e temperatura T
1
di aspirazione, pressione p
2
e temperatura T
2
al-
la mandata, rendimento del compressore
c
, rapporto di compressione

c
;
4 variabili relative alla camera di combustione: portata di combustibile
m
c
, potere calorico H
i
e rapporto stechiometrico
st
del combustibile,
rendimento della camera di combustione
cc
;
7 variabili relative alla turbina: pressione p
3
e temperatura T
3
di
ammissione, portata m
3
, pressione p
4
e temperatura T
4
di scarico,
rendimento della turbina
e
e rapporto di espansione
e
;
4 variabili globali: regime di rotazione del gruppo turbogas n, potenza
elettrica erogata P
el
, rendimento meccanico/elettrico
me
, rendimento
globale
tot
.
Si tratta pertanto di 22 grandezze, delle quali 8 sono ssate dalle con-
dizioni al contorno dellimpianto:
113
4. Impianto di turbina a gas 114
Figura 4.1. Schema semplicato di impianto di turbina a gas
le condizioni ambiente ssano la pressione di aspirazione p
1
e la pres-
sione allo scarico p
4
, nonche la temperatura allaspirazione T
1
;
il tipo di combustibile utilizzato determina il potere calorico H
i
e il
rapporto stechiometrico
st
;
le caratteristiche della camera di combustione ne deniscono il rendi-
mento
cc
;
il regime di rotazione n `e imposto, nel caso di produzione di energia
elettrica, dalla frequenza di rete;
il carico determina inne una variabile (direttamente la potenza ero-
gata P
el
oppure indirettamente la portata di combustibile m
c
).
Lanalisi del comportamento dellimpianto di turbina a gas richiede per-
tanto la soluzione di 14 equazioni. Innanzitutto `e possibile scrivere le de-
nizioni del rapporto di compressione e di espansione:

c
=
p
2
p
1
(4.1)

e
=
p
3
p
4
(4.2)
Si pu`o quindi fare ricorso alle equazioni caratteristiche del fuori progetto
delle turbomacchine a partire dalle mappe del compressore e della turbi-
na, che consentono di correlate la portata e il rendimento in funzione dei
parametri e n:
m
1
= f(
c
, n) (4.3)
4. Impianto di turbina a gas 115

c
= f(
c
, n) (4.4)
m
3
= f(
e
, n) (4.5)

e
= f(
e
, n) (4.6)
Si utilizzano poi le equazioni che forniscono le temperature di ne com-
pressione e ne espansione in funzione dei rendimenti delle turbomacchine
e delle condizioni allingresso:
T
2
T
1
= f (
c
,
c
) (4.7)
T
4
T
3
= f (
e
,
e
) (4.8)
Si utilizzano ancora il bilancio di energia e di massa della camera di com-
bustione, imponendo inoltre luguaglianza delle pressioni p
2
e p
3
, nellipotesi
di poter trascurare le perdite di carico nella camera di combustione:
T
3
= f (T
2
, m
1
, m
c
, H
i
,
cc
) (4.9)
m
3
= m
1
+ m
c
(4.10)
p
3
= p
2
(4.11)
Inne si riesce a determinare le variabili globali, a partire dalla potenza
meccanica utile generata dallimpianto:
P =
e
m
3
c
pf
(T
3
T
4
)
1

c
m
1
c
pa
(T
2
T
1
)
Tenendo quindi presente che le perdite sono sostanzialmente invariate
in questo tipo di impianto al variare del punto di funzionamento, si otten-
gono il rendimento meccanico/elettrico, la potenza elettrica generata e il
rendimento globale:
P
p,nom
= {1
me,nom
) P
nom

me
= 1
P
p
P
= 1
P
p,nom
P
= 1 {1
me,nom
)
P
nom
P
(4.12)
P
el
= P P
p
=
me
P (4.13)

tot
=
P
el
m
c
H
i
(4.14)
Le 14 equazioni 4.1-4.14 permettono quindi di determinare il comporta-
mento di un impianto di turbina a gas, in particolare in condizioni di fuori
progetto o di regolazione.
4. Impianto di turbina a gas 116
E per`o possibile eettuare alcune valutazioni di massima, basate sul-
le peculiarit`a delle curve caratteristiche delle turbomacchine facenti parte
dellimpianto, che permettono di semplicare notevolmente lanalisi.
In particolare, richiamando quanto osservato nei paragra 2.3 e 2.5, `e
lecito assumere che sia il compressore sia la turbina dellimpianto si trovino
ad operare in condizioni soniche, ovvero di blocco della portata corretta
(curve caratteristiche verticali nel piano dei parametri corretti). Tenendo
conto anche che la velocit`a di rotazione `e ssata ad un valore costante dalla
frequenza della rete elettrica, le precedenti osservazioni si traducono nella
possibilit`a di usare correlazioni molto semplici per caratterizzare la portata
elaborata: per quanto concerne il compressore, in assenza di specici organi
di regolazione (ad esempio valvole IGV, par. 2.6.6), si pu`o ritenere costante
la portata volumetrica (la portata massica dipende pertanto esclusivamente
dalle condizioni allaspirazione), mentre nel caso della turbina `e possibile
fare ricorso allequazione della portata smaltita da un ugello in condizioni di
blocco sonico. Pi` u specicamente, `e possibile ritenere valide con suciente
approssimazione le seguenti equazioni:

V
1
= cost. m
1

p
1
T
1
(4.15)
m
3

T
3
p
3
= cost. (4.16)
Ci`o signica che il compressore elabora una portata daria costante se non
variano le condizioni allaspirazione (ovvero le condizioni ambiente), o anche
che la portata volumetrica aspirata `e costante (indipendentemente dalle con-
dizioni ambiente): dunque la variazione del rapporto di compressione non
ha uninuenza signicativa sulla portata elaborata, e conseguentemente il
funzionamento del compressore `e in ultima analisi disaccoppiato da quello
della turbina.
La turbina dunque riceve una portata di uido sostanzialmente indi-
pendente dalla proprie condizioni di funzionamento, e determina una con-
tropressione proporzionale ad essa (e allinverso della radice quadrata della
temperatura).
Inne, la camera di combustione si trover`a ad operare su portate di uido
e a pressioni stabilite dal comportamento delle turbomacchine, determinan-
do a sua volta il valore della temperatura allammissione in turbina.
4.1.2 Turbina a gas bialbero
Le turbine a gas aeroderivative sono caratterizzate dalla presenza di due al-
beri distinti per il gruppo turbocompressore ed il gruppo turbina-alternatore;
come si vedr`a nel seguito, questa dierenza si traduce in un notevole van-
taggio nella regolazione di potenza.
4. Impianto di turbina a gas 117
Figura 4.2. Schema semplicato di impianto di turbina a gas aeroderivativa
Il compressore `e collegato alla turbina di alta pressione mediante un al-
bero che ruota alla velocit`a angolare n
ap
, che non `e vincolata ad un valore
pressato, mentre la turbina di bassa pressione `e connessa allalternatore
mediante un albero dierente che ruota alla velocit`a angolare n
bp
. Natu-
ralmente per la velocit`a n
bp
vale la stessa osservazione fatta per la velocit`a
angolare della turbina a gas monoalbero: essa dovr`a essere necessariamente
invariante per assicurare una frequenza di rete costante.
Con riferimento alla gura 4.2, le grandezze pi` u signicative per lim-
pianto di turbina a gas aeroderivativa sono le seguenti ventiquattro:
6 variabili relative al compressore: p
1
, T
1
, m
1
,
c
, p
2
, T
2
;
6 variabili relative alla camera di combustione: m
c
, H
i
,
cc
, p
3
, T
3
,
m
3
;
5 variabili relative alla turbina di alta pressione: p
4
, T
4
,
T,ap
, P
p,ap
,
n
ap
;
5 variabili relative alla turbina di bassa pressione: p
5
, T
5
,
T,bp
, P
p,bp
,
n
bp
;
2 variabili globali: P
el
,
tot
.
In condizioni di funzionamento fuori progetto, sette di queste variabili
possono essere considerate assegnate:
le condizioni allaspirazione: p
1
, T
1
;
la pressione allo scarico p
5
;
il tipo di combustibile utilizzato, che determina il potere calorico H
i
,
e il rendimento della camera di combustione
cc
;
un dato relativo alla potenza come P
el
4. Impianto di turbina a gas 118
Si avr`a allora bisogno di diciassette correlazioni indipendenti per risolvere
il problema.
Sei di queste possono essere derivate dalle mappe del compressore e delle
turbine di alta e bassa pressione:
m
1
= f (
c
, n
ap
) (4.17)

c
= f (
c
, n
ap
) (4.18)
m
3
= f (
T,ap
, n
ap
) (4.19)

T,ap
= f (
T,ap
, n
ap
) (4.20)
m
3
= f {
T,bp
, n
bp
) (4.21)

T,bp
= f {
T,bp
, n
bp
) (4.22)
Si utilizzano poi le equazioni che forniscono le temperature di ne com-
pressione e ne espansione in funzione dei rendimenti e delle condizioni
iniziali:
T
2
T
1
= f (
c
,
c
) (4.23)
T
4
T
1
= f (
T,ap
,
T,ap
) (4.24)
T
5
T
4
= f {
T,bp
,
T,bp
) (4.25)
Si hanno quindi a disposizione lequazione di continuit`a e di bilancio
energetico per la camera di combustione:
m
3
= m
1
+ m
c
(4.26)
T
3
= f (T
2
, m
1
, m
c
, H
i
,
cc
) (4.27)
Sar`a poi possibile scrivere unequazione relativa alle perdite di carico
nella camera di combustione; ad esempio, si potr`a considerare una perdita
percentuale costante:
p
3
p
2
=
p
3,nom
p
2,nom
(4.28)
La potenza persa per attriti meccanici sullalbero del gruppo di alta
pressione pu`o essere ritenuta variabile proporzionalmente al quadrato della
velocit`a di rotazione:
P
p,ap
P
p,ap,nom
= _
n
ap
n
ap,nom
_
2
(4.29)
La potenza persa allalbero della turbina di bassa pressione `e invece
invariata perche la velocit`a di rotazione n
bp
`e imposta dalla frequenza di
rete:
P
p,bp
= P
p,bp,nom
(4.30)
4. Impianto di turbina a gas 119
I bilanci di potenza possono quindi essere scritti come segue:

T,ap
m
3
c
p
(T
3
T
4
)
1

c
m
1
c
p
(T
2
T
1
) P
p,ap
= 0 (4.31)
P
el
=
T,bp
m
3
c
p
(T
4
T
5
) P
p,bp
(4.32)
Inne, il rendimento globale dellimpianto `e fornito dallequazione:

tot
=
P
el
m
c
H
i
(4.33)
Rispetto allimpianto di turbina a gas industriale esaminato nel paragrafo
precedente, la turbina a gas aeroderivativa presenta limportante peculiarit`a
della possibilit`a di variazione della velocit`a di rotazione del compressore: ci`o
signica che la portata daria da esso elaborata non dipender`a soltanto dal-
le condizioni ambiente (eq. 4.15), ma anche dalla velocit`a di rotazione del
gruppo di bassa pressione, con importanti e beneci eetti nel comporta-
mento in condizioni di fuori progetto, che saranno esaminati pi` u in dettaglio
nel seguito.
4.2 Inuenza delle condizioni ambiente sulle pre-
stazioni
Le condizioni ambientali, e in particolare la pressione e la temperatura, eser-
citano uninuenza tuttaltro che marginale sulle prestazioni dellimpianto:
la pressione ambiente interviene sia sulla portata daria aspirata sia sulle con-
dizioni allo scarico della turbina, mentre la temperatura ambiente interviene
sulla portata daria aspirata.
4.2.1 Pressione ambiente
La pressione ambiente pu`o variare non soltanto in conseguenza di mutate
condizioni climatiche, ma anche per variazioni della quota a cui `e installato
limpianto.
Una variazione della pressione ambiente inuenza in misura signicativa
la portata daria aspirata e, conseguentemente, la potenza prodotta dallim-
pianto, ma non altera in misura apprezzabile il ciclo termodinamico, e quindi
il rendimento, come mostrato in gura 4.3. Infatti, uneventuale diminuzio-
ne della pressione allaspirazione `e controbilanciata da una corrispondente
diminuzione della pressione allo scarico: il ciclo termodinamico nel piano
T s rimane pertanto in prima approssimazione inalterato, risultando spo-
stato verso destra, ovvero verso isobare corrispondenti a pressioni inferiori,
a parit`a di temperature. Infatti, la riduzione della pressione ambiente com-
porta una diminuzione della portata massica elaborata dal compressore (eq.
4.15), alla quale fa riscontro unanaloga diminuzione della contropressione
4. Impianto di turbina a gas 120
s
T
1
2
3
4
Figura 4.3. Variazione del ciclo termodinamico di riferimento per limpianto
di turbina a gas a seguito di una diminuzione della pressione ambiente
generata dalla turbina (eq. 4.16), cosicche il rapporto di compressione risulta
in prima approssimazione invariato.
4.2.2 Temperatura ambiente
La temperatura ambiente ha uninuenza diretta e notevole sulla portata
massica elaborata dal compressore: si consideri ad esempio che unescursio-
ne di 10

C (e precisamente da 15

C a 25

C) comporta una diminuzione


della portata massica di oltre il 3%. Si comprende quindi come le condi-
zioni climatiche inuenzino in maniera notevole la potenza prodotta da un
impianto di turbina a gas.
Esaminando pi` u in dettaglio le modiche che una variazione di tempe-
ratura ambiente determina sul ciclo termodinamico di riferimento, si pu`o
osservare che un aumento della temperatura ambiente comporta una dimi-
nuzione della portata, alla quale fa riscontro, se sullimpianto `e presente un
sistema di regolazione in grado di mantenere la temperatura di ingresso in
turbina invariata (v. paragrafo seguente), una proporzionale diminuzione
della contropressione determinata dalla turbina, secondo lequazione 4.16
valida per il comportamento fuori progetto della turbina. Di conseguenza
anche il rapporto di compressione diminuisce (considerando la pressione am-
biente invariata e le perdite di carico trascurabili), mentre la temperatura
allo scarico della turbina aumenta. Il ciclo termodinamico `e dunque modi-
4. Impianto di turbina a gas 121
s
T
1
2
3
4
Figura 4.4. Variazione del ciclo termodinamico di riferimento per limpianto
di turbina a gas a seguito di un aumento della temperatura ambiente
cato come mostrato in gura 4.4, con leetto di un peggioramento sensibile
del rendimento.
La gura 4.5 mostra landamento della potenza elettrica e del rendimento
totale dellimpianto, oltre che della portata e della temperatura dei gas di
scarico, al variare della temperatura ambiente per un impianto dotato di
sistema di controllo della temperatura di ingresso in turbina.
4.3 Regolazione di potenza
Poiche la potenza elettrica generata da un impianto dipende, in ultima ana-
lisi, dal rendimento totale del ciclo
tot
, dalla portata m
c
e dal tipo di com-
bustibile, in quanto P
el
=
tot
m
c
H
i
, un sistema di regolazione ideale della
potenza dovrebbe essere in grado di modulare la portata di combustibile
senza al contempo modicare le caratteristiche del ciclo termodinamico, in
modo da non causare un peggioramento del rendimento
tot
. Poiche la po-
tenza `e anche data da P
el
=
mo
mL, un sistema di controllo ideale sarebbe
dunque in grado di determinare, tramite la modulazione della portata di
combustibile, una variazione della portata di uido m senza che il lavoro
specico L ne sia inuenzato.
Purtroppo queste condizioni ideali di regolazione non possono essere in
generale ottenute, in quanto le caratteristiche di accoppiamento tra le
macchine e le apparecchiature di cui `e costituito un impianto di potenza so-
4. Impianto di turbina a gas 122
10 0 10 20 30 40
20
15
10
5
0
5
10
15
T
amb
[

C]

P
e
l
/
P
e
l
(
%
)
;

m
3
/

m
3
(
%
)
;

T
4
[

C
]


10 0 10 20 30 40
2
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5

t
o
t
(
%
)
P
el
/P
el

tot
T
4
m
3
/ m
3
Figura 4.5. Inuenza della temperatura ambiente sulle prestazioni di un
impianto di turbina a gas
no tali che una variazione di portata sia necessariamente accompagnata da
una modica del ciclo termodinamico, e quindi del lavoro specico e del ren-
dimento totale (ovviamente nel senso di un peggioramento di questultimo
al variare delle condizioni di carico). Se questo inconveniente si manifesta
in maniera limitata nel caso degli impianti a vapore (vedi capitolo 7), il
problema `e invece molto evidente per gli impianti di turbina a gas, come le
considerazioni seguenti dimostrano.
Si consideri inizialmente un impianto di tipo heavy duty, basato su unar-
chitettura monoalbero, privo di sistema di regolazione della portata elabo-
rata dal compressore tramite IGV (inlet guide vanes, paragrafo 2.6.6).
Nel caso qui esaminato di produzione di potenza elettrica, la velocit`a di
rotazione `e imposta dalla frequenza di rete, come gi`a osservato in precedenza:
pertanto, in assenza di IGV, la portata elaborata dal compressore risulta in
prima approssimazione costante (o, meglio, dipendente esclusivamente dalle
condizioni ambiente, eq. 4.15).
Conseguentemente, la diminuzione della portata di combustibile compor-
ta un corrispondente decremento della temperatura di uscita dal combustore
T
3
; ci`o a sua volta comporta una riduzione della contropressione generata
dalla turbina proporzionale alla radice quadrata della temperatura T
3
, in
accordo con lequazione 4.16, in considerazione del fatto che la portata m
3
4. Impianto di turbina a gas 123
`e in prima approssimazione invariata:
m

3
cost. p

3

_
T

3
(4.34)
La diminuzione della pressione massima del ciclo determiner`a una riduzione
della temperatura T
2
alluscita del compressore, e per quanto riguarda la
temperatura di uscita dei gas combusti T
4
si ottiene una forte diminuzione
determinata dal comportamento della temperatura T
3
. In denitiva, il ciclo
termodinamico risulta fortemente inuenzato dallintervento di regolazione,
come visibile in gura 4.6, con la conseguenza di un forte decadimento del
rendimento globale.
Nella pratica, proprio per ovviare a questa limitazione, gli impianti heavy
duty sono forniti, oltre che del sistema primario di regolazione della potenza
basato sulla modulazione della portata di combustibile, anche di un sistema
secondario basato sulla modulazione dellangolo di calettamento delle IGV
del compressore che permette di controllare, diminuendo la portata di aria
elaborata dal compressore, il valore di una delle variabili termodinamiche
del ciclo in modo da limitare lo scostamento del ciclo stesso dalle condizioni
di funzionamento nominale.
Si potrebbe pertanto controllare la temperatura di uscita dal combustore
T
3
, che rappresenta, come `e noto, una variabile di fondamentale importanza
nei riguardi delle prestazioni di un impianto di turbina a gas. Tuttavia, `e
evidente come in pratica tale controllo risulti poco agevole date le condizioni
estreme in cui si troverebbe ad operare il sensore di temperatura. Peraltro,
si pu`o anche osservare che mantenendo la temperatura T
3
al valore nomi-
nale, la contropressione generata dalla turbina risulterebbe in questo caso
proporzionale alla portata elaborata:
T

3
= cost. p

3
m

3
(4.35)
Data la riduzione del rapporto di compressione, la temperatura di uscita dal
compressore T

2
sarebbe perci`o inferiore al valore nominale, cosicche, sulla
base del bilancio energetico del combustore, la riduzione della portata daria
necessaria a mantenere costante la temperatura T
3
dovrebbe essere pi` u che
proporzionale alla riduzione della portata di combustibile. In denitiva, la
diminuzione del rapporto di compressione risulterebbe molto maggiore che
nel caso di assenza di controllo della portata daria: pertanto il ciclo ter-
modinamico, pur mantenendo la stessa temperatura massima, risulterebbe
ancora piuttosto lontano dal ciclo nominale.
Dunque il controllo `e solitamente eettuato sulla temperatura di uscita
dei gas combusti T
4
, anziche sulla temperatura T
3
. In questo caso la tempe-
ratura T

3
diminuisce rispetto al funzionamento nominale a causa della dimi-
nuzione del rapporto di espansione in turbina a sua volta determinato dalla
riduzione della portata di gas combusti. Pertanto, in prima approssimazione
potranno essere considerate valide le seguenti relazioni:
T

3
= T
4
{p

3
]p
4
)

T
T

3
p

T
3
(4.36)
4. Impianto di turbina a gas 124
m
3

T
3
p
3
= cost. m

3
p
1
1
2

T
3
(4.37)
m

3
c
p
{T

3
T

2
)
cc
m
c
H
i
(4.38)
La diminuzione del usso termico di combustibile `e perci`o ripartita tra una
diminuzione della temperatura massima del ciclo e una riduzione della por-
tata di gas combusti, con la variazione di T
3
controllata indirettamente dal
sistema di regolazione della temperatura di uscita dei gas di scarico.
In denitiva, la regolazione di potenza su un impianto di turbina a gas
heavy duty determina un sensibile peggioramento del rendimento globale
al diminuire del carico, peggioramento che risulterebbe molto pronunciato
qualora non si facesse ricorso alla modulazione della portata daria tramite
il sistema IGV del compressore. In gura 4.7 `e appunto riportato landa-
mento del rendimento elettrico ai carichi parziali di un impianto di turbina
a gas heavy duty
1
per le diverse strategie di regolazione sopra illustrate: si
pu`o osservare come il rendimento diminuisca eettivamente in misura signi-
cativa (con il carico al 50% il rendimento diminuisce a circa l80% del suo
valore nominale), ma la possibilit`a di controllare la portata daria consente
di limitare questo peggioramento delle prestazioni. E utile inne precisare
che la regolazione tramite IGV `e utilizzabile soltanto entro un certo limite
di modulazione (indicativamente il 50%) della potenza; al di sotto di tale
limite, le valvole IGV hanno raggiunto il massimo livello di chiusura, e lul-
teriore regolazione `e necessariamente eettuata agendo esclusivamente sulla
portata di combustibile.
Per concludere lanalisi del comportamento degli impianti di turbina a
gas nei riguardi della regolazione di potenza, occorre prendere in conside-
razione gli impianti di tipo aeroderivativo. La presenza del gruppo turbo-
compressore di alta pressione a velocit`a di rotazione variabile fa s` che la
modulazione della portata di combustibile sia naturalmente seguita da una
diminuzione della portata daria elaborata: supponendo infatti di ridurre
lapporto di combustibile, si otterr`a un comportamento in transitorio in cui,
non essendo ancora diminuita la portata daria, la temperatura massima si
riduce, dunque la turbina eroga minor potenza e conseguentemente si avr`a
una decelerazione dellalbero del gruppo turbocompressore, in virt` u della
quale la portata daria elaborata dal compressore diminuisce.
Limpianto `e inoltre normalmente dotato anche di un sistema di regola-
zione tramite IGV grazie al quale, come visto sopra per gli impianti heavy
duty, `e possibile limitare lo scostamento del ciclo termodinamico rispetto
alle condizioni di funzionamento nominale. Pertanto gli impianti di tipo
aeroderivativo sono caratterizzati in generale da un miglior comportamento
1
i risultati riportati nelle gure 4.6 e 4.7 sono stati ottenuti, tramite il software di
simulazione GateCycle, sulla base di dati relativi agli impianti General Electric MS7001EA
(impianto heavy duty da 85, 4MW) e LM2500 (impianto aeroderivativo da 22MW).
4. Impianto di turbina a gas 125
ai carichi parziali rispetto agli impianti heavy duty, come testimoniato dagli
andamenti riportati in gura 4.7.
s
T

Nominale
Reg., no IGV
Reg., IGV, T
4
cost.
Figura 4.6. Variazione del ciclo termodinamico di riferimento per un impianto
heavy duty in seguito ad un intervento di regolazione della potenza
50 60 70 80 90 100
82
84
86
88
90
92
94
96
98
100
P
el
/P
el,nom
(%)

t
o
t
/

t
o
t
(
%
)


Heavy Duty (no IGV)
Heavy Duty (IGV, T
4
cost.)
Aeroderivativa (T
4
cost.)
Figura 4.7. Andamento del rendimento totale ai carichi parziali
Capitolo 5
Generatore di vapore a
combustibile (GVC)
5.1 Principi generali della regolazione dei GVC
Ogni caldaia, destinata tanto ad un impianto di potenza quanto alla pro-
duzione di vapore per uso tecnologico, ha bisogno di dispositivi atti alla
variazione del carico, cio`e della portata di vapore prodotto (al variare della
richiesta dellutenza), adeguando contemporaneamente tutte le condizioni
di funzionamento (portata dacqua di alimento, di combustibile e di aria
comburente). A ci`o viene sempre associata la necessit`a di disporre di dispo-
sitivi di controllo e regolazione dei parametri tecnici di esercizio, destinati a
mantenere una serie di grandezze prossime a valori prestabiliti.
Dal punto di vista generale la regolazione di una caldaia che alimenta
un impianto motore pu`o essere di due tipi:
caldaia segue turbina: quando sia ssata la potenza erogata dalla turbi-
na e la caldaia si debba adeguare alle variazioni di richiesta di vapore,
agendo sullapporto termico del combustibile;
turbina segue caldaia: allorche la produzione di vapore in caldaia `e s-
sata e la turbina si adegua variando la potenza erogata.
La variabile di controllo `e in entrambi i casi la pressione del vapore: in-
fatti se il sistema di controllo avverte una diminuzione della pressione del
vapore rispetto al valore pressato, ci`o signica che la produzione di vapore
sar`a minore di quella istantaneamente richiesta e pertanto il sistema di con-
trollo dovr`a intervenire in modo da ripristinare una situazione di equilibrio,
agendo per`o in modo diverso a seconda del tipo di regolazione adottato:
caldaia segue turbina: il sistema di regolazione ha il compito di mante-
nere la portata di vapore prodotto al livello richiesto della turbina, e
126
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 127
pertanto ovvier`a al decit rilevato con un aumento della portata di
combustibile inviata ai bruciatori;
turbina segue caldaia: il sistema di regolazione, al ne di mantenere la
portata prodotta dal GVC, dovr`a ridurre lapertura delle valvole di
ammissione in turbina, comportando una diminuzione della potenza
meccanica generata.
Il discorso `e del tutto analogo per caldaie per produzione di vapore tec-
nologico: nel caso di caldaia segue lapporto di combustibile sar`a variato
in funzione della richiesta di vapore dellutenza, mentre nel caso di utenza
segue si provveder`a a modulare la valvola di ammissione del vapore in rete,
per adeguare la portata a quella prodotta in caldaia, oppure si potr`a avere
un funzionamento della caldaia stessa a pressione variabile.
Nella maggior parte dei casi i generatori di vapore a combustibile degli
impianti motori a vapore sono caratterizzati da un funzionamento di tipo
caldaia segue.
La regolazione turbina segue `e attuata quando non sia possibile ade-
guare la portata di combustibile: a questa categoria appartengono le caldaie
a recupero tanto sottoposte ad impianti di turbina a gas, quanto alimentate
da gas di recupero senza integrazione di combustibili di acquisto.
Il principio fondamentale di regolazione dei generatori di vapore a com-
bustibile si basa dunque sul controllo della pressione del vapore, ma ad esso
`e associata una serie di regolazioni, di seguito descritte, tra le quali la re-
golazione del livello del corpo cilindrico e della depressione in camera di
combustione possono essere certamente annoverate tra le pi` u critiche in me-
rito alla sicurezza di esercizio ed ai possibili danneggiamenti dellimpianto.
Uno schema generale dei sistemi di regolazione presenti di norma in un ge-
neratore di vapore a combustibile `e rappresentato in gura 5.1, mentre in
tabella 5.1 `e fornito un quadro riassuntivo di tali sistemi, con lindicazione
della grandezza controllata e delle modalit`a di intervento caratteristiche di
ciascuno di questi.
Controllo della temperatura nale di surriscaldamento del
vapore
Il controllo della temperatura nale di surriscaldamento del vapore `e
di centrale importanza per mantenerla prossima al valore pressato.
In sede di progetto infatti i banchi di tubi surriscaldatori sono nor-
malmente sovradimensionati, e pertanto potrebbero essere raggiunte
temperature superiori a quelle nominali nel caso in cui non fosse pre-
visto uno specico sistema di regolazione (generalmente indicato come
attemperamento).
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 128
Figura 5.1. Schema dei sistemi di regolazione attivi in un GVC [2]
Circuito Grandezza Metodo Azione
controllata di regolazione di regolazione
Acqua
Vapore
Pressione del
vapore
Master caldaia
Caldaia segue: modulazione della portata di combustibile
Turbina segue: modulazione della portata di vapore
Temperatura
del vapore
Attemperamento Modulazione della portata dacqua iniettata a monte dei
banchi SH e RH
Livello corpo
cilindrico
Variazione
portata dacqua
di alimento
1. laminazione a valle della pompa di alimento
2. modulazione della velocit`a di rotazione della pompa di
alimento
Aria
Comb.
Fumi
Tenore di O
2
nei fumi
Variazione
portata aria
comburente
1. Modulazione delle serrande del ventilatore premente
2. Modulazione della velocit`a di rotazione del ventilatore
premente
Depressione
in camera di
combustione
Variazione
portata fumi
estratta
1. Modulazione delle serrande del ventilatore aspirante
2. Modulazione della velocit`a di rotazione del ventilatore
aspirante
Tabella 5.1. Sistemi di regolazione attivi in un GVC
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 129
Lattemperamento consiste nelliniettare, in diversi punti del percorso
del vapore nei banchi surriscaldatori, acqua prelevata a valle della
pompa di alimento, che vaporizza al contatto del vapore, riducendone
la temperatura.
Questa regolazione consente soltanto di evitare temperature eccessive
di surriscaldamento; nel caso in cui la regolazione debba invece au-
mentare la temperatura T
SH
si dispone di solito un by-pass dei fumi
modulabile, per aumentare la portata di fumi caldi nella zona convet-
tiva. Questa soluzione non solo serve ai bassi carichi con basse velocit`a
dei fumi che deprimono lo scambio convettivo, ma `e necessaria per le
caldaie alimentate da miscele di pi` u combustibili per cui si ha unampia
variabilit`a della portata di fumi prodotta.
Controllo del livello del corpo cilindrico
Il controllo del livello dellacqua nel corpo cilindrico rappresenta uno
degli aspetti pi` u delicati della regolazione delle caldaie a basso con-
tenuto di acqua, in quanto un abbassamento del contenuto di acqua
nei tubi del vaporizzatore porterebbe ad un arrostimento dei tubi,
mentre un eccesso di acqua potrebbe causare un dannoso ingresso di
acqua in turbina. Il mantenimento del livello `e assicurato dallugua-
glianza tra portata di alimento e portata di vapore estratto, quindi il
sistema di controllo agisce modulando la portata di alimento del corpo
cilindrico.
Controllare soltanto il livello del corpo cilindrico potrebbe per`o pro-
vocare condizioni di funzionamento instabili, nelle quali il sistema di
regolazione determinerebbe un comportamento opposto alle necessit`a:
si pensi infatti di incrementare la portata di vapore estratto dal gene-
ratore; si avrebbe una diminuzione della pressione nel corpo cilindrico
che comporterebbe la diminuzione della temperatura di saturazione e,
conseguentemente, laumento del livello dellacqua a causa dellebolli-
zione. Il servocomando interverrebbe pertanto con il ne di diminuire
la portata di alimento, poiche il sistema di regolazione sta osservando
un aumento del livello del corpo cilindrico (aumento determinato, giova
ripeterlo, non da un eettivo aumento della quantit`a dacqua presente
nel corpo cilindrico ma da una rapida diminuzione di densit`a indot-
ta dallaumento dellebollizione). Questo comportamento causerebbe
per`o, evidentemente una cosiddetta retroazione positiva, in quanto la
diminuzione della portata dalimento causerebbe un ulteriore aumento
dellebollizione, con il pericolo di arrostimento dei tubi del vaporiz-
zatore per via dellaumento di volume occupato dalla fase aeriforme
della miscela in essi contenuta, con conseguente drastica riduzione del
coeciente di scambio termico convettivo.
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 130
Per ovviare a questa limitazione si ricorre pertanto usualmente ad
una regolazione a tre vie, basata sulla misura dierenziale della por-
tata estratta dal generatore e di quella di alimento, corretta con un
opportuno ritardo dal segnale del livello acqua nel corpo cilindrico.
Controllo del rapporto aria/combustibile
Il controllo dellossigeno residuo nei fumi `e nalizzato al mantenimen-
to del corretto rapporto aria-combustibile ed `e attuato attraverso la
modulazione della portata di aria elaborata dal ventilatore premente.
Controllo della depressione in camera di combustione
Il controllo della depressione in camera di combustione ha lo scopo
di mantenere la pressione nella camera di combustione di poco al di
sotto di quella atmosferica. Questa regolazione (condotta agendo sul
ventilatore aspirante per variare la portata dei fumi scaricati) richiede
rapidit`a di intervento per evitare il blocco dellesercizio del generatore.
5.2 Equazioni per la verica del funzionamento dei
GVC
Al ne di individuare le equazioni che permettano il calcolo di verica di un
generatore di vapore a combustibile, `e innanzitutto necessario identicare le
variabili di progetto e le relazioni che tra di esse intercorrono.
Con riferimento alla gura 5.2, le grandezze caratteristiche di un gene-
ratore di vapore a combustibile possono essere convenientemente divise in
gruppi come segue:
3 variabili relative allaria comburente: la portata m
a
, la temperatura
dingresso nel GVC T
a
(normalmente pari alla temperatura ambiente)
e la temperatura allauscita del preriscaldatore daria T
ap
;
4 variabili relative al combustibile: la portata m
c
, il potere calorico
H
i
, la temperatura dingresso T
c
e il rapporto stechiometrico
st
;
1 variabile relativa alla camera di combustione: la temperatura adia-
batica di amma T
adf
;
7 variabili relative ai gas combusti (fumi): la portata m
f
, le temperatu-
re nelle diverse sezioni del relativo circuito (T
fu,V AP
, T
fu,SH
, T
fu,RH
,
T
fu,ECO
), la temperatura al camino T
ff
) e il tenore di ossigeno nei
fumi [O
2,f
];
5 variabili relative allacqua: la portata di alimento m
w
, la tempe-
ratura dingresso dellacqua di alimento T
wi
, la temperatura allu-
scita delleconomizzatore T
wu,ECO
, le portate necessarie ai banchi di
attemperamento m
att
SH
e m
att
RH
;
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 131
PA
VAP
CC
RH SH
att
att
ECO
T
ap
m
a
T
a
T
fu,ECO
m
att
SH
x
att
SH
T
wu,ECO

st
T
wi
T
adf
T
fu,VAP
T
VAP
p
VAP
m
RH
m
w
T
RH
p
RH
T
RH,i
m
att
RH
T
fu,SH
T
fu,RH
[O
2,f
]
m
RH,i
p
RH,i
H
i
T
c
m
c m
f
T
ff
m
SH
p
SH
T
SH
Figura 5.2. Schema dei circuiti acqua-vapore e aria-fumi di un GVC
2 variabili del vaporizzatore: pressione p
V AP
e temperatura T
V AP
;
4 variabili del surriscaldatore: portata m
SH
, temperatura T
SH
e pres-
sione p
SH
del vapore surriscaldato prodotto, oltre al titolo x
att
SH
del
vapore prodotto nel banco di attemperamento eventualmente presente
a monte del surriscaldatore;
7 variabili del risurriscaldatore: portata m
RH
, temperatura T
RH
e
pressione p
RH
del vapore risurriscaldato prodotto, temperatura T
att
RH
del vapore prodotto nel banco di attemperamento eventualmente pre-
sente a monte del risurriscaldatore, portata m
RH,i
, temperatura T
RH,i
e pressione p
RH,i
del vapore di ritorno al risurriscaldatore;
2 variabili globali del GVC: usso utile
u
e rendimento globale
GV C
.
Si ha quindi un totale di 35 variabili, delle quali 11 possono essere consi-
derate ssate dalle condizioni al contorno, rendendo quindi indispensabile
luso di 24 equazioni indipendenti per progettare un GVC o denire un punto
di funzionamento di o-design.
Nel caso in cui si intenda studiare il comportamento in o-design del
GVC le 11 variabili ssate o assunte sono le seguenti (lapice contraddistin-
gue le grandezze siche caratteristiche di un punto di fuori progetto):
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 132
temperatura ambiente, e conseguentemente temperatura di ingresso
dellaria comburente T

a
;
una grandezza relativa al carico del GVC (possono essere alternati-
vamente a seconda dei casi il usso termico utile

u
, la portata di
combustibile m

c
oppure la portata di vapore prodotto m

SH
);
per quanto riguarda il combustibile, la temperatura dingresso in came-
ra di combustione T

c
, il potere calorico H

i
e il rapporto stechiometrico

st
;
la temperatura dingresso dellacqua di alimento T

wi
;
la temperatura di ritorno del vapore da risurriscaldare T

RH,i
;
le grandezze controllate da ciascun sistema di regolazione attivo nel
GVC (vedi tabella 5.1): pressione p

V AP
, temperatura del vapore sur-
riscaldato T

SH
e risurriscaldato T

RH
, il tenore di ossigeno nei fumi
[O
2
]

;
Le correlazioni di tipo sico e termodinamico che possono essere intro-
dotte per risolvere il problema sono classicabili come segue:
8 equazioni di bilancio termico dei componenti presenti nel GVC (gu-
ra 5.2): preriscaldatore di aria, camera di combustione, vaporizzatore,
surriscaldatore, risurriscaldatore, economizzatore e i due dispositivi di
attemperamento;
5 equazioni di fuori progetto per gli altrettanti scambiatori a supercie
(in cui non avviene miscelamento);
3 equazioni di continuit`a:
m

RH
= m

RH,i
+ m
att

RH
(5.1)
m

SH
= m

w
+ m
att

SH
(5.2)
m

f
= m

c
+ m

a
(5.3)
1 equazione che lega la pressione del vapore al valore della temperatura
del uido in uscita dal vaporizzatore:
p

V AP
= f {T

V AP
) (5.4)
2 equazioni che individuano le perdite di carico nei banchi surriscal-
datori e risurriscaldatori:
p

SH
p

V AP
=
p
SH
p
V AP
_
m

SH
m
SH
_
2
(5.5)
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 133
p

RH
p

RH,i
=
p
RH
p
RH,i
_
m

RH
m
RH
_
2
(5.6)
1 equazione che esprime il usso termico utile:

u
= m

SH
h

SH
+ m

RH
h

RH
(5.7)
1 equazione che esprime la concentrazione di ossigeno nei fumi:
|O
2
|

= f { m

c
, m

a
,

st
) (5.8)
1 equazione che esprime il rendimento globale:

GV C
=

u
m

c
H

i
(5.9)
A questo punto per concludere il progetto o la previsione di funziona-
mento in condizioni di fuori progetto mancano le due equazioni che legano
la pressione e la portata della corrente in entrata nel risurriscaldatore alle
stesse grandezze in uscita dal surriscaldatore; queste per`o non riguardano
soltanto il generatore di vapore, ma si riferiscono al ciclo termodinamico in
cui esso `e inserito.
In verit`a anche le due grandezze T

wi
e T

RH,i
considerate come note dipen-
dono dal ciclo a vapore che la caldaia alimenta, ma mentre queste devono
essere conosciute propriamente, i rapporti p

RH,i
]p

SH
e m

RH,i
] m

SH
sono
piuttosto indipendenti dal ciclo. Si pu`o quindi scrivere:
p

RH,i
p

SH
= f _
p
RH,i
p
SH
, carico_ (5.10)
m

RH,i
m

SH
= f _
m
RH
m
SH
, carico_ (5.11)
Per considerare esaurito lesame del generatore di vapore bisogna appro-
fondire il tema delle equazioni di scambio termico in fuori progetto; chiara-
mente esse non possono essere scritte per gli elementi con miscelamento (la
camera di combustione e i due dispositivi di attemperamento), ma solo per
gli scambiatori a supercie.
Inoltre di questi soltanto tre sono caratterizzati da scambio termico pu-
ramente convettivo (surriscaldatore, risurriscaldatore ed economizzatore) e
solo per questi vale lequazione del fuori progetto:

= _
m

f
m
f
_
0,8
T

ml
T
ml
(5.12)
5. Generatore di vapore a combustibile (GVC) 134
in cui la portata considerata `e quella del lato fumi, poiche `e quella che
scambia certamente in modo peggiore.
Il vaporizzatore `e situato nella parte del generatore ad alta temperatura
in cui lo scambio termico avviene fondamentalmente per irraggiamento. La
temperatura dei tubi vaporizzanti `e pressoche coincidente con quella dellac-
qua che subisce il passaggio di stato al loro interno, grazie allelevatissimo
coeciente di scambio convettivo che caratterizza i uidi in cambio di fa-
se. Lequazione tipica del fuori progetto per lo scambio termico in camera
di combustione pu`o quindi essere scritta tenendo presente che il usso ter-
mico varia in ragione della dierenza tra le temperature della amma e
della parete dei tubi elevate alla quarta potenza, e inoltre che esso `e ov-
viamente inuenzato anche da eventuali variazioni dellapporto termico da
combustibile:

V AP

V AP
=
m

c
H

i
m
c
H
i
T
4
adf
T
4
V AP
T
4
adf
T
4
V AP
(5.13)
dove il primo termine a secondo membro individua la fonte irraggiante, men-
tre il secondo deriva dalla legge di Stefan-Boltzmann sullemissione di un
corpo nero.
La temperatura di amma adiabatica T
adf
varia con leccesso diaria, di-
minuendo al suo aumentare; se leccesso di aria cresce, incrementa la perdita
al camino, si abbassa di conseguenza il rendimento e si produce meno vapore.
Il preriscaldatore di aria `e di tipo convettivo-capacitivo e quindi nulla
cambia nelle leggi della convezione a meno di una diminuzione del coeciente
di scambio termico K

, di poco inferiore a quello semplicemente convettivo,


e del fatto che T

ml
dipende dal tempo.
Se si conduce unanalisi globale e non puntuale lequazione di fuori
progetto pu`o essere scritta come per lo scambio convettivo:

PA

PA
=
K

K
T

ml
T
ml
(5.14)
e, considerando che le variazioni di portata dei fumi e dellaria comburente
sono collegate tra loro, si pu`o anche scrivere:
K

K
= _
m

f
m
f
_
0,8
(5.15)
Questultima correlazione consente di completare il quadro delle equazio-
ni che regolano il comportamento di un generatore di vapore a combustibile
in condizioni di fuori progetto.
Capitolo 6
Generatore di vapore a
recupero (GVR)
6.1 Principi generali della regolazione dei GVR
La regolazione dei generatori di vapore a recupero presenta aspetti note-
volmente meno critici rispetto ai generatori di vapore a combustibile, per i
quali, come si `e visto nel capitolo precedente, esistono numerosi sistemi di
regolazione volti a controllare in maniera precisa altrettante grandezze, che,
se lasciate variare in modo signicativo, potrebbero arrecare problemi ope-
rativi e anche di integrit`a dellimpianto. Basti pensare al principale sistema
di regolazione, destinato al controllo della pressione in caldaia: nel GVC
una diminuzione di pressione pu`o comportare unebollizione diusa nei tubi
del vaporizzatore, no a causare larrostimento degli stessi, esposti alla
amma e quindi a temperature elevatissime, a causa della diminuzione del
coeciente di scambio termico dovuta allaumento del titolo.
Il generatore di vapore a recupero, a dierenza dei generatori di vapore
a combustibile, presenta minori criticit`a legate alla variazione dei parame-
tri operativi in condizioni di fuori progetto. Per quanto riguarda infatti la
pressione del vapore, i tubi del vaporizzatore non sono esposti alle eleva-
tissime temperature tipiche dei GVC, e pertanto la variazione di pressione
del vapore non costituisce un pericolo: `e dunque possibile permetterne una
variazione in accordo con le esigenze della turbina (o in generale delluten-
za) alimentata dal GVR, secondo la logica di regolazione cosiddetta sliding
pressure.
Procedendo con il confronto tra GVR e GVC, nei generatori di vapore
a recupero mancano ovviamente i circuiti di regolazione della pressione in
camera di combustione e del tenore di ossigeno nei fumi, mentre il livello
del corpo cilindrico `e regolato come nel GVC, anche se risulta meno delicato
perche i tubi del vaporizzatore non sono esposti alla amma. Per quanto
riguarda inne la temperatura di surriscaldamento, se necessario essa vie-
135
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 136
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 2

16

( ) ( ) ECO f pf fuVAP fu w wuECO wi
m c T T m h h

= = (1.47)
Per ciascuna sezione del generatore di vapore a recupero inoltre possibile scrivere
unequazione di scambio termico, tenendo presente che si tratta in ogni caso di
scambio termico convettivo (mancano le zone irraggiate):

0,8
f f pf fi fuSH
SH ml
SH f ml f pf fi fuSH
SH
m m c T T
T
m T m c T T




= =






(1.48)

0,8
f f pf fuSH fuVAP
VAP ml
VAP f ml f pf fuSH fuVAP
VAP
m m c T T
T
m T m c T T




= =






(1.49)

0,8
f f pf fuECO fu
ECO ml
ECO f ml f pf fuECO fu
ECO
m m c T T
T
m T m c T T




= =






(1.50)
Unequazione di continuit definisce il legame tra la portata di vapore prodotto e la
portata dacqua di alimentazione (la loro differenza costituita da perdite e dal
necessario reintegro per lo spurgo, che rappresentano una percentuale nota della
portata totale):

SH SH
w
w
m m
m
m

(1.51)
Si ha inoltre a disposizione unequazione per le perdite di carico lungo il generatore:
,
SH SH SH
sat SH
sat
p p m
f
p m
p

=

(1.52)
Queste ultime due equazioni vengono spesso semplificate trascurando le perdite:

SH w
m m



SH sat
p p


SH
p
SH
T
wi
T
f i
T
SH
m
f
m
f u
T
f uS H
T
f uV A P
T
sat
p
sat
T
w
m
Figura 6.1. Schema di GVR ad un livello di pressione
ne regolata mediante attemperamento come avviene nei GVC, ma non `e
inusuale che questo tipo di controllo sia assente (la temperatura di surriscal-
damento risulta quindi anchessa libera di variare in funzione delle condizioni
operative).
6.2 Equazioni per la verica del funzionamento dei
GVR
Facendo riferimento allo schema di GVR ad un livello di pressione riportato
in gura 6.1, le variabili necessarie a descrivere il comportamento del GVR
sono 22 (considerando per semplicit`a trascurabili le perdite di carico nel
circuito acqua-vapore, p
SH
= p
sat
= p
wi
; qualora ci`o non fosse possibile sar`a
suciente introdurre opportune equazioni sul modello della 5.5):
lato fumi: portata m
f
, temperatura di ingresso T
fi
, temperature allu-
scita del surriscaldatore T
fuSH
, del vaporizzatore T
fuV AP
e del GVR
T
fu
;
lato acqua: portata m
w
, temperatura T
wi
ed entalpia h
wi
dellac-
qua in ingresso, temperatura T
wuECO
ed entalpia h
wuECO
alluscita
delleconomizzatore;
lato vapore: portata m
SH
, pressione p
SH
, temperatura T
SH
ed ental-
pia h
SH
del vapore prodotto, temperatura T
sat
nel corpo cilindrico,
entalpia del vapore saturo h
vs
;
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 137
ussi termici e rendimento: usso termico utile
u
, ussi termici scam-
biati nelle tre sezioni del GVR
SH
,
V AP
,
ECO
, rendimento del
GVR
GV R
;
condizioni ambiente: temperatura T
amb
.
Le condizioni al contorno sono generalmente 4:
1. la portata disponibile di gas combusti m
f
;
2. la temperatura dei gas combusti in ingresso T
fi
;
3. la temperatura dellacqua in ingresso T
wi
;
4. la temperatura ambiente T
amb
.
Occorre quindi denire 18 equazioni per determinare il comportamento
fuori progetto o in regolazione del GVR.
Innanzitutto, si hanno a disposizione 6 equazioni derivanti dai bilanci
energetici di ciascuna sezione del GVR:

SH
= m

f
c

pf
{T

fi
T

fuSH
) = m

SH
{h

SH
h

vs
) (6.1)

V AP
= m

f
c

pf
{T

fuSH
T

fuV AP
) = m

SH
{h

vs
h

wuECO
) (6.2)

ECO
= m

f
c

pf
{T

fuV AP
T

fu
) = m

w
{h

wuECO
h

wi
) (6.3)
Per ciascuna sezione del generatore di vapore a recupero `e inoltre possi-
bile scrivere unequazione di scambio termico, tenendo presente che in ogni
sezione lo scambio termico avviene pressoche esclusivamente per via con-
vettiva (mancano le zone irraggiate) e i gas combusti presentano il peggior
coeciente di scambio:

SH

SH
= _
m

f
m
f
_
0,8
_
T

ml
T
ml
_
SH
(6.4)

V AP

V AP
= _
m

f
m
f
_
0,8
_
T

ml
T
ml
_
V AP
(6.5)

ECO

ECO
= _
m

f
m
f
_
0,8
_
T

ml
T
ml
_
ECO
(6.6)
Le equazioni di stato dellacqua/vapore forniscono 5 ulteriori correlazioni
(si ricordi che sono considerate trascurabili le perdite di carico):
T
sat
= f(p
sat
) = f(p
SH
) (6.7)
h
SH
= f(p
SH
, T
SH
) (6.8)
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 138
h
vs
= f(p
SH
) (6.9)
h
wuECO
= f(p
SH
, T
wuECO
) (6.10)
h
wi
= f(p
SH
, T
wi
) (6.11)
Unequazione di continuit`a denisce il legame tra la portata di vapore
prodotto e la portata dacqua di alimentazione (la loro dierenza `e costi-
tuita da perdite e dal necessario reintegro per lo spurgo, che rappresentano
generalmente una percentuale nota della portata totale):
m

SH
m

w
=
m
SH
m
w
(6.12)
Le espressioni che forniscono il usso termico utile e il rendimento inne
concludo il quadro delle equazioni disponibili per determinare le condizioni
di funzionamento del GVR:

u
=
SH
+
V AP
+
ECO
(6.13)

GV R
=
T
fi
T
fu
T
fi
T
amb
(6.14)
Risultano perci`o in totale 17 equazioni disponibili contro 18 incognite:
ci`o signica che il GVR presenta un grado di libert`a nel funzionamento,
secondo la logica sliding pressure introdotta nel paragrafo precedente, e che
sar`a ulteriormente approfondita in quello seguente.
Naturalmente, qualora il GVR sia gestito invece in modo da controllare
la pressione del vapore ad un valore pressato, come avviene per il GVC,
questo grado di libert`a viene meno: lequazione aggiuntiva che chiude
il problema sarebbe in questo caso quella caratteristica del sistema di re-
golazione, che dovr`a prevedere una chiusura progressiva dellammissione in
turbina al diminuire della portata richiesta, controllando il grado di chiusura
in modo da mantenere appunto costante la pressione a monte della valvola
di ammissione.
In maniera del tutto equivalente da un punto di vista algebrico, si pu`o
semplicemente inserire il valore richiesto della pressione del vapore tra le
condizioni al contorno del problema, cos` come era stato fatto per il GVC
(paragrafo 5.2), ma `e chiaro che ci`o richiede necessariamente lesistenza di
un sistema di regolazione specico, che `e in questo caso considerato ideale
(cio`e in grado di mantenere la grandezza controllata al valore desiderato in
ogni condizione di funzionamento) e di cui si sceglie di ignorare i dettagli di
funzionamento.
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 139
6.3 Funzionamento in sliding pressure
Per comprendere la natura della logica sliding pressure, `e necessario osser-
vare che il grado di libert`a esistente nel funzionamento del GVR signica
sostanzialmente che, denite le condizioni al contorno, ovvero il usso ter-
mico disponibile (attraverso la portata e la temperatura di ingresso dei gas
combusti e la temperatura ambiente) e la temperatura di ingresso dellac-
qua di alimentazione, la portata e la pressione del vapore prodotto risultano
strettamente correlate, e in particolare aumentando la portata si ottiene
vapore a minor pressione, e viceversa.
Infatti, al crescere della pressione, a parit`a delle condizioni dei gas com-
busti in ingresso, deve inevitabilmente aumentare la temperatura di scarico
T
fu
e conseguentemente diminuire il usso termico utile, che `e legato a sua
volta alla portata e al salto entalpico del vapore:
u
= m
SH
(h
SH
h
wi
).
Considerando invariate le condizioni dellacqua in ingresso, la diminuzione
del usso termico pu`o riettersi soltanto sulla portata o sullentalpia del
vapore prodotto; ma questultima non `e fortemente inuenzata dal livello
di pressione, e pertanto la diminuzione del usso termico utile comporta
in ultima analisi una diminuzione della portata di vapore prodotto, come
del resto `e lecito attendersi in quanto laumento della pressione permette
di ottenere vapore di maggior qualit`a (si ottiene infatti un maggior sal-
to entalpico in turbina, a parit`a di condizioni al condensatore), e questo si
traduce naturalmente in una minor quantit`a di vapore prodotto.
Per esaminare pi` u in dettaglio da un punto di vista quantitativo il com-
portamento di un GVR in o design, si consideri un generatore di vapore a
recupero che presenti le seguenti condizioni di progetto:
m
f
= 110kg s
1
T
fi
= 510

C
T
wi
= 105

C
p
SH
= 30bar
T
SH
= 450

C
T
pp
= 15K
T
sc
= 20K
La portata di vapore prodotto dal GVR in condizioni nominali `e pari a
m
SH
= 13, 04kg s
1
, con un rendimento
GV R
= 63, 43% (temperatura dei
gas combusti allo scarico del GVR T
fu
= 196

C) e un usso termico utile

u
= 37, 86MW.
La gura 6.2 riporta la portata di vapore prodotto (in ascissa) in con-
dizioni di funzionamento in o design da parte del GVR rispondente alle
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 140
10 11 12 13 14 15 16 17
0
10
20
30
40
50
60
70
m
SH
[kg s
1
]
p
S
H
[
b
a
r
]
m
f
Figura 6.2. Curve caratteristiche di un GVR al variare della portata m
f
condizioni di progetto sopra descritte, ottenuta risolvendo il sistema di equa-
zioni riportate nel paragrafo precedente al variare della pressione del vapore
p
SH
, riportata in ordinata, e della portata di gas combusti m
f
(le curve si
riferiscono a portate da 90 a 130 kg s
1
).
Le curve rappresentate in gura 6.2 rappresentano a tutti gli eetti un
insieme di curve caratteristiche di funzionamento del GVR: nel funziona-
mento in sliding pressure, infatti, le eettive condizioni di funzionamento
saranno determinate dallintersezione della caratteristica del GVR con la
curva caratteristica della turbina alimentata dal GVR.
Questultima `e normalmente riportata in un piano in cui lascissa `e la
portata di vapore e lordinata `e la pressione di ammissione (paragrafo 2.5),
e per questo motivo lo stesso piano `e stato adottato per il GVR, anche se
in questo caso la scelta pi` u naturale sarebbe stata quella di riportare la
pressione, e non la portata, in ascissa, perche in realt`a il GVR risponde
alle variazioni di contropressione generate a valle adeguando la portata di
vapore (in maniera analoga a quanto avviene per una macchina operatrice).
Pertanto, in condizioni nominali laccoppiamento tra GVR e turbina
risulta dallintersezione delle relative curve caratteristiche: il punto A nel
graco riportato in gura 6.3 individua la pressione e la portata di vapore
nel funzionamento nominale.
E utile far notare che, in sede di progetto, la scelta del punto di funzio-
namento del GVR normalmente viene eettuata mediante un compromesso
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 141
5 10 15
0
10
20
30
40
50
60
70
m
SH
[kg s
1
]
p
S
H
[
b
a
r
]


caratt. GVR
caratt. TV
funz. nom.
Figura 6.3. Punto di funzionamento nominale del sistema GVR-turbina
tra la potenza ottenibile in turbina e lecienza del GVR. Infatti, per quanto
riguarda la turbina, al crescere della pressione p
SH
aumenta il salto entalpico
in turbina (non perche aumenta lentalpia del vapore in ingresso, ma perche
diminuisce, a parit`a di pressione di condensazione, lentalpia del vapore allo
scarico della turbina), ma contemporaneamente diminuisce la portata ela-
borata. Di conseguenza, la potenza fornita risulta avere un massimo, che
denisce un punto di funzionamento ottimale per la turbina. Daltra parte,
lecienza del GVR `e massima quando `e minima la temperatura di usci-
ta dei gas combusti, e questultima grandezza `e direttamente correlata alla
pressione di saturazione, quindi alla pressione p
SH
: in particolare, al cresce-
re della pressione, aumenta la temperatura allo scarico e quindi peggiora il
rendimento di recupero del GVR. Pertanto pu`o presentarsi una situazione
in cui risulti conveniente penalizzare la potenza erogata dalla turbina al ne
di migliorare lecienza di recupero del GVR.
Considerando invece una condizione di fuori progetto del GVR deter-
minata, ad esempio, da una diminuzione della portata dei gas combusti, il
nuovo punto di funzionamento del sistema GVR-turbina dipende dal tipo di
regolazione scelto, come mostra la gura 6.4, in cui A `e il punto di funzio-
namento nominale, A

il punto di funzionamento fuori progetto adottando


la logica di regolazionesliding pressure, e inne A

GV R
e A

TV
i punti di fun-
zionamento nel caso di mantenimento della pressione costante nel GVR. Il
disaccoppiamento tra il GVR e la turbina a vapore `e ottenuto, in questulti-
6. Generatore di vapore a recupero (GVR) 142
10 11 12 13 14
20
25
30
35
m
SH
[kg s
1
]
p
S
H
[
b
a
r
]
A
A

GV R
A

TV

S
H
Figura 6.4. Funzionamento in o design del sistema GVR-turbina
mo caso, da un organo di laminazione che determina la caduta di pressione
necessaria p

SH
= p

SH,GV R
p

SH,TV
.
Dalla gura risulta in maniera evidente la convenienza, dal punto di
vista energetico, di operare secondo la regolazione sliding pressure, perche
non solo si evitano le perdite connesse alla laminazione, ma si riesce anche
ad ottenere una potenza maggiore dalla turbina perche sia la portata sia la
pressione sono superiori rispetto alla regolazione a pressione costante.
Capitolo 7
Impianto di turbina a vapore
7.1 Principi generali della regolazione degli im-
pianti a vapore
Come si pu`o evincere dalla gura 7.1, la trattazione del comportamento fuori
progetto e della regolazione degli impianti a vapore deve tenere in conto
la compresenza di numerosi componenti, le cui caratteristiche di matching
determinano le prestazioni dellimpianto nel suo complesso.
7.1.1 Generatore di vapore
Il generatore di vapore `e caratterizzato dalle propriet`a descritte nel capitolo
5; in particolare, i sistemi di regolazione di cui `e dotato fanno s` che la
pressione di mandata del vapore surriscaldato sia mantenuta costante al
variare delle condizioni di funzionamento dellimpianto.
Il funzionamento della caldaia inuenza anche direttamente la portata
elaborata dalla pompa di alimentazione: nel caso in cui il generatore di
vapore sia gestito secondo la logica caldaia segue turbina (v. par. 5.1), ad
esempio, i sistemi di controllo permettono di adeguare il funzionamento della
caldaia in modo da garantire la produzione di una portata di vapore pari
alla richiesta della turbina, agendo in particolare modulando la portata di
combustibile; dunque la portata dacqua di alimento seguir`a di conseguenza,
essendo pari alla portata di vapore da produrre pi` u i necessari reintegri.
7.1.2 Turbina
Il gruppo turbina-alternatore `e regolato in potenza agendo sulle valvole di
ammissione in turbina del vapore surriscaldato e risurriscaldato. La po-
tenza trasferita allalbero dalla turbina pu`o infatti essere espressa come
P =
T
mh
is
; quindi per modularla `e ovvio agire sulla portata di vapore,
che, secondo quanto osservato al paragrafo 2.5, `e proporzionale alla supercie
143
7. Impianto di turbina a vapore 144
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 2

19

( )
( )
0,8
,
,
ml
ml
m n
m n
T m
m T


=
=

(1.55)
Caldaia
La caldaia influisce sulla pressione di mandata del vapore e sulla portata di acqua
elaborata dalla pompa di alimentazione.
Turbina
Il gruppo turbina-alternatore regolato in potenza agendo sulle valvole di
ammissione in turbina del vapore SH ed RH. La potenza trasferita allalbero in
turbina pu infatti essere espressa come
T is
P m H = ; quindi per modularla ovvio
agire sulla portata di vapore, proporzionale ad altre grandezze fisiche secondo
lespressione
m
m c A p T . La regolazione verr allora condotta variando larea
(parzializzazione) oppure variando la pressione del vapore (laminazione).
La parzializzazione un tipo di regolazione discontinuo attraverso cui, come si
intuisce dal nome, si parzializza larea di ammissione del vapore in turbina divisa in
settori circolari; al contrario la laminazione un tipo di regolazione continuo che
consiste nel correggere la pressione di ammissione agendo sulle valvole, ma
comporta delle perdite di rendimento.
La laminazione comporta una diminuzione del salto entalpico in turbina, come si
vede nella figura seguente, perch la diminuzione di pressione allammissione della
turbina determina una maggior entalpia allo scarico della stessa, considerando
invariata la pressione al condensatore.
Nel caso di funzionamento caldaia-segue, il set di potenza assicurato dalla
regolazione delle suddette valvole e automaticamente la caldaia risponde con una
modulazione dellapporto di combustibile.
Nel caso di funzionamento turbina-segue non c un set di potenza e, se diminuisce
la portata di combustibile, si abbassa la pressione
SH
p : si chiudono allora un po le
valvole, apportando una diminuzione alla potenza della turbina. Con i generatori di
vapore a combustibile possibile anche avere una turbina ad ammissione totale,
variando per la pressione di produzione del vapore.
Figura 7.1. Schema semplicato di impianto di turbina a vapore con
risurriscaldamento, linea rigenerativa e degassatore
di eusso e alla pressione di ammissione in turbina:
m p]T (7.1)
I principali sistemi di regolazione sono classicabili conseguentemente
secondo due dierenti strategie:
parzializzazione: si interviene variando larea disponibile alleusso
del vapore;
laminazione: si agisce su unopportuna valvola di laminazione per
controllare la pressione di ammissione in turbina.
La parzializzazione `e un tipo di regolazione discontinuo attraverso cui,
come si intuisce dal nome, larea di ammissione del vapore in turbina, op-
portunamente divisa in settori circolari dotati di organi mobili in grado di
determinarne la chiusura o lapertura, viene resa disponibile pi` u o meno
parzialmente al usso. Al contrario la laminazione `e un tipo di regolazio-
ne continuo che consiste nel correggere la pressione di ammissione agendo
sulle valvole di ammissione; si tratta quindi evidentemente di un intervento
dissipativo che peggiora il ciclo termodinamico.
Entrambi i metodi di regolazione permettono quindi la regolazione del-
la potenza agendo principalmente sulla portata di vapore elaborata dalla
turbina, ma al contempo producono degli eetti anche sulle propriet`a ter-
modinamiche del vapore e sul funzionamento della turbina che modicano
il salto entalpico disponibile e il rendimento di espansione.
7. Impianto di turbina a vapore 145
0 2 4 6 8 10
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
s [kJ kg
1
K
1
]
h
[
k
J
k
g

1
]
Figura 7.2. Regolazione dellimpianto a vapore per laminazione: inuenza
sul ciclo termodinamico
La laminazione comporta una diminuzione del salto entalpico in turbina,
come si vede in gura 7.2, perche la diminuzione di pressione allammissione
della turbina determina una maggior entalpia allo scarico della stessa, a
parit`a di pressione al condensatore (gura 7.2).
Nel caso (pi` u comune) di funzionamento caldaia segue, il controllo della
potenza erogata `e assicurato dalla regolazione delle valvole di laminazione;
automaticamente la caldaia risponde con una modulazione dellapporto di
combustibile volta ad assicurare la produzione della portata di vapore voluta
mantenendo invariata la pressione. Gli organi di laminazione permettono in
questo caso il disaccoppiamento tra caldaia e turbina.
Anche nel caso di funzionamento turbina segue gli organi di laminazione
permettono tale disaccoppiamento, in modo che la pressione in caldaia possa
essere mantenuta costante anche al variare della portata di vapore prodotta
(indipendentemente quindi dalla contropressione determinata dalla turbina,
7. Impianto di turbina a vapore 146
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 2

20
Un fatto importante su cui focalizzare lattenzione riguarda la pressione a monte di
ogni stadio dellespansore: essa infatti dipende dalla portata in quanto al suo
variare cambiano i salti di pressione del singolo stadio.
Parzializzando lammissione in turbina aumenta lo stress del primo stadio, poich in
esso sar concentrata unespansione maggiore, mentre le pressioni a monte degli
altri stadi decrescono sensibilmente. Dunque anche con questo metodo di
regolazione si ha un peggioramento del ciclo termodinamico di partenza, visto che
si induce uno spanciamento della curva di espansione.
Condensatore
Il condensatore si regola in maniera automatica e la portata di acqua di
raffreddamento di solito sempre massima per garantire il raggiungimento del
miglior vuoto possibile. Lunica regolazione fatta sullacqua di reintegro immessa
nel pozzo caldo da un serbatoio di acqua demineralizzata con pompa o valvola; si
rende necessario luso della pompa soltanto se il serbatoio sottovuoto, altrimenti
si ha unattrazione naturale del reintegro. Il reintegro si rende necessario a causa
delle perdite lungo il ciclo imputabili alleiettore del condensatore, al degassatore ed
allo spurgo continuo del corpo cilindrico per eliminare i sali che formerebbero
altrimenti una salamoia.
In alcuni casi si pu avere reintegro nel degassatore e regolazione del pozzo caldo
s
h
%h
laminazione
Figura 7.3. Variazione dei salti di pressione sugli stadi della turbina a vapore
in seguito alla regolazione della potenza erogata
che `e proporzionale alla portata elaborata). La dierenza `e data dalla logica
di funzionamento, per la quale non `e previsto il controllo della potenza
erogata dalla turbina (v. par. 5.1).
Un fatto importante su cui focalizzare lattenzione riguarda la pressione
a monte di ogni stadio dellespansore: infatti per ogni singolo stadio vale
la legge 7.1, e pertanto la pressione a monte dello stadio `e determinata
dalla portata che uisce nello stadio stesso. Gli interventi di regolazione,
determinando una variazione della portata, modicano pertanto anche i salti
di pressione su ogni stadio.
In gura 7.3 si pu`o osservare come la regolazione della potenza erogata,
attuata tramite la variazione della portata di vapore elaborata dalla turbina,
determini una variazione della pressione a monte di ciascuno stadio, in pri-
ma approssimazione direttamente proporzionale alla variazione di portata e
quindi di potenza. Mentre per`o nel caso della regolazione per laminazione
questo vale per tutti gli stadi, nel caso della regolazione per parzializzazio-
ne la pressione a monte del primo stadio della turbina `e costante (coincide
infatti con la pressione in caldaia, a meno delle perdite di carico). Parzia-
lizzando lammissione in turbina aumenta perci`o lo stress del primo stadio,
poiche in esso sar`a concentrata unespansione maggiore, mentre le pressioni
a monte degli altri stadi decrescono sensibilmente. Dunque anche con questo
metodo di regolazione si ha un certo peggioramento del ciclo termodinamico
di partenza, a causa del peggioramento del rendimento di espansione cui
consegue uno spanciamento della curva di espansione (gura 7.4).
7.1.3 Condensatore
Il condensatore si regola in maniera automatica (v. par. 3.3) e la porta-
ta di acqua di rareddamento di solito `e sempre massima per garantire il
7. Impianto di turbina a vapore 147
0 2 4 6 8 10
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
s [kJ kg
1
K
1
]
h
[
k
J
k
g

1
]
Figura 7.4. Regolazione dellimpianto a vapore per parzializzazione: inuenza
sul ciclo termodinamico
7. Impianto di turbina a vapore 148
raggiungimento del miglior vuoto possibile.
Lunica regolazione attiva `e condotta sullacqua di reintegro immessa nel
pozzo caldo da un serbatoio di acqua demineralizzata; si rende necessario
luso di una pompa di reintegro soltanto se il serbatoio `e sottovuoto, al-
trimenti si ha unattrazione naturale della portata di reintegro, che uisce
attraverso una valvola. Il reintegro si rende necessario a causa delle perdite
lungo il ciclo imputabili alleiettore del condensatore, al degassatore ed allo
spurgo continuo del corpo cilindrico.
In alcuni casi si pu`o avere reintegro nel degassatore e regolazione del
pozzo caldo mediante la pompa di estrazione.
7.1.4 Rigeneratori a supercie
Per lanalisi del comportamento fuori progetto dei rigeneratori a supercie
vale in generale quanto riportato per gli scambiatori di calore a supercie
(v. par. 3.2).
In particolare, per quanto concerne gli interventi di regolazione, nel caso
dei rigeneratori si pu`o osservare che il vapore proveniente dagli spillamenti
`e a bocca aperta e la regolazione `e eettuata sul livello di condensa; se
il livello di condensa aumenta viene aperta la valvola, viceversa se il livello
decresce (gura 7.5). Questa regolazione inuisce anche sul vapore auente
dallo spillamento; infatti se nel rigeneratore dovesse entrare acqua pi` u fredda
o se ne aumentasse la portata, si genererebbe maggiore condensa. Questo
causerebbe lapertura della valvola e la conseguente depressione richiame-
rebbe una portata maggiore del vapore spillato in turbina. Altrimenti se la
temperatura dellacqua fosse circa eguale a quella del vapore, non si avreb-
be scambio termico e il usso di massa si arresterebbe nche laumento del
livello della condensa non determinasse lapertura della valvola.
Nella trattazione del fuori progetto del rigeneratore a supercie si pu`o
pertanto considerare ssata larea di scambio
SRF
relativa alla zona di
sottorareddamento, per eetto del sistema di regolazione sopra esposto, e
quindi la somma delle aree di scambio
DSH
di desurriscaldamento e
COND
di condensazione `e costante.
Si possono perci`o utilizzare le seguenti equazioni:

DSH
+

COND
=
DSH
+
COND
(7.2)

DSH

DSH
=
K

DSH
K
DSH

DSH

DSH
T

ml,DSH
T
ml,DSH
(7.3)

COND

COND
=
K

COND
K
COND

COND

COND
T

ml,COND
T
ml,COND
(7.4)

SRF

SRF
=
K

SRF
K
SRF
T

ml,SRF
T
ml,SRF
(7.5)
7. Impianto di turbina a vapore 149
Materiale didattico di supporto al corso di MACCHINE 4 parte 2

21
mediante la pompa di estrazione.
Rigeneratori a superficie
Per i rigeneratori a superficie, il vapore proveniente dagli spillamenti a bocca
aperta e la regolazione effettuata sul livello di condensa; se il livello di condensa
aumenta viene aperta la valvola, viceversa se il livello decresce. Questa regolazione
influisce anche sul vapore affluente dallo spillamento; difatti se nel rigeneratore
dovesse entrare acqua pi fredda o se ne aumentasse la portata, si genererebbe
maggiore condensa. Questo causerebbe lapertura della valvola e la conseguente
depressione richiamerebbe una portata maggiore del vapore spillato in turbina.
Altrimenti se la temperatura dellacqua fosse circa eguale a quella del vapore, non
si avrebbe scambio termico e il flusso di massa rimarrebbe fermo finch non
aumenti la condensa e si riapra la valvola.
Nella trattazione del fuori progetto del rigeneratore a superficie si considera fissata
larea di scambio
SRF
S di sottoraffreddamento, per la regolazione vista prima, e
quindi la somma delle aree di scambio
DSH
S di desurriscaldamento e
COND
S di
condensazione costante.
s
h
%h
Figura 7.5. Schema della regolazione del livello della condensa in un
rigeneratore a supercie
Il rapporto tra i coecienti di scambio pu`o essere assunto eguale al rap-
porto tra le portate di acqua elevate allesponente 0,8, tranne per la zo-
na DSH nella quale dovrebbe essere il vapore ad avere lo scambio termico
peggiore.
7.1.5 Degassatore
Il sistema di regolazione del degassatore agisce sulla pompa di estrazione dal
pozzo caldo per regolare il livello di liquido al suo interno.
7.2 Equazioni per lo design di un impianto a
vapore
Per denire il sistema di equazioni necessario a risolvere il problema del fuori
progetto di un impianto a vapore, occorre denire innanzitutto il numero di
variabili presenti nel problema.
Si consideri allora un impianto generico con:
n spillamenti;
p corpi turbina (ad esempio, p = 3 se limpianto prevede un corpo di
alta pressione, uno di media e uno di bassa pressione);
m = n + p tronchi di espansione;
r risurriscaldamenti.
7. Impianto di turbina a vapore 150
Il numero di punti dellimpianto in cui `e necessario specicare le propriet`a
termodinamiche del uido `e:
p +r +1 per il vapore (ciascun ingresso in turbina deve essere caratte-
rizzato, e questi ovviamente dipendono dal numero di corpi ma anche
dal numero di risurriscaldamenti, e inoltre occorre contare lingresso
nale al condensatore);
2n per gli spillamenti (per ciascuno spillamento si contano linizio e la
ne del condotto che porta il vapore al rigeneratore);
n + 3 per lacqua di alimento (in assenza di spillamenti bisogna tener
conto dellingresso alla pompa di estrazione, e dellingresso e uscita
dalla pompa di alimento; ciascuno spillamento aggiunge poi un punto
da tener in considerazione);
2(n 1) per la condensa secondaria.
Il totale dei punti `e dunque 5n+p+r+2. Le variabili del sistema saranno
quindi:
3(5n + p + r + 2) perche ciascun punto richiede che siano specica-
te 3 variabili termouidodinamiche (ad esempio, portata, pressione e
temperatura);
n + 3 rendimenti di espansione
is
;
2 per la denizione della potenza dellimpianto (P,
mel
);
2 per i rendimenti di ciascuna pompa.
Il totale delle variabili nellimpianto `e quindi:
N
var
= 16n + 4p + 3r + 10 (7.6)
I dati a disposizione nel fuori progetto sono soltanto 3 + r:
carico (potenza P

oppure portata di vapore surriscaldato m

SH
;
pressione e temperatura del vapore surriscaldato p

SH
e T

SH
(sono
regolate dal GVC e normalmente sono invariate);
temperatura del vapore risurriscaldato T

RH
per ciascun risurriscal-
damento (la pressione dipende dalla linea di espansione e non dal
GVC).
Pertanto, per denire il comportamento in condizioni di o design del-
limpianto `e necessario individuare il seguente numero di equazioni:
N
eq
= N
var
(3 + r) = 16n + 4p + 2r + 7 (7.7)
7. Impianto di turbina a vapore 151
Innanzitutto, si hanno a disposizione una serie di correlazioni, valide
anche per il funzionamento nominale dellimpianto, che possono essere cos`
suddivise:
4n + p + r + 1 bilanci di massa, cos` ripartiti:
p + r per i corpi turbina
n per gli spillamenti
2(n 1) per i rigeneratori a supercie
1 per il degassatore
1 per il condensatore
2 per le pompe
n-1 per le condense secondarie
3n + p + 1 processi termodinamici, cos` ripartiti:
n + p per i tronchi di espansione
n per le laminazioni agli spillamenti
n 1 per le laminazioni alle condense secondarie
2 compressioni (pompe di estrazione e di alimento)
n + 1 bilanci di pressione, cos` ripartiti:
1 per il condensatore: p
cond
= p
scarico,TV
n 1 per i p alle condense secondarie
1 per il degassatore: p
deg,u
= p
deg,i
n bilanci termici per ciascun rigeneratore
1 bilancio di potenza
2 relazioni termosiche:
condensatore: p
sat
= f(T
sat
)
degassatore: p
sat
= f(T
sat
)
Il totale delle correlazioni sopra elencate `e:
N
eq1
= 9n + 2p + r + 6 (7.8)
A queste si aggiungono tutte le equazioni di o design dei vari compo-
nenti presenti nellimpianto:
n equazioni per le pressioni di spillamento (allinizio del tronco di
espansione): p

sp
= f(p
sp
, m

j
] m
j
)
7. Impianto di turbina a vapore 152
n equazioni per i p di spillamento (generalmente si assume costante
la perdita percentuale): p

sp
= f(p
sp
, m

sp
] m
sp
)
p + r 1 equazioni per la pressione di risurriscaldamento:
2r equazioni del tipo p

RH
= f(p
RH
, m

] m) e p

RH
= f(p
RH
, m

] m)
(questultima equazioni si riferisce alle perdite di carico nellat-
traversamento del risurriscaldatore)
p r 1 equazioni del tipo p

MPBP
= f(p
MPBP
, m

] m) per le
pressioni di ammissione nei corpi di media e bassa pressione
1 equazione di scambio termico al condensatore risultante dalle condi-
zioni di o design del condensatore stesso, secondo quanto riportato
al paragrafo 3.3
2(n1) equazioni per le perdite di carico nei rigeneratori a supercie:
p

lato vapore
= p

v
= f(p
v
m
sp

] m
sp
)
p

lato acqua
= p

w
= f(p
w
m
w

] m
w
)
1 equazione per il rendimento meccanico/elettrico:

me
= f(
me
, P

]P)
n + p equazioni per i rendimenti di ciascun tronco di espansione:

j
=
f(
j
, m

] m, p

]p, T

]T)
4 equazioni per le pompe, ovvero, per ciascuna pompa:
p

= f(tipo di regolazione)

= f(tipo di regolazione)
Abbiamo quindi a disposizione un numero di equazioni di o design pari
a:
N
eq2
= 5n + 2p + r + 3 (7.9)
Resta dunque da denire ancora il seguente numero di equazioni:
N
eq3
= N
eq
N
eq1
N
eq2
= 2(n 1) (7.10)
ovvero, sono necessarie 2 equazioni per ciascuno degli n 1 rigeneratori a
supercie.
Per quanto visto in precedenza, in condizioni di o design del rigenera-
tore a supercie `e possibile scrivere:
1 equazione sulle superci di scambio, eq. 7.2;
3 equazioni di scambio termico, eq. 7.3-7.5;
2 equazioni indipendenti di bilancio (lequazione di bilancio globale `e
gi`a stata messa in conto in precedenza).
7. Impianto di turbina a vapore 153
Dunque si hanno a disposizione 6 equazioni per ciascun rigeneratore,
ovvero in totale 6(n 1) equazioni; sono per`o state introdotte delle nuove
variabili, che sono quelle presenti nelle equazioni 7.2-7.5 che non sono state
elencate nel computo delle variabili dimpianto. Queste nuove incognite sono
4 per ciascun rigeneratore, ovvero le due temperature di uscita dellacqua
dalle sezioni SRF e COND del rigeneratore, oltre alle due superci di scambio

COND
e
DSH
. Pertanto le nuove variabili introdotte sono in totale 4(n
1): la dierenza tra il numero di equazioni per ciascun rigeneratore, 6(n1),
e le nuove variabili corrisponde proprio al numero di equazioni mancanti per
chiudere il problema dello design dellimpianto a vapore.
Bibliograa
[1] O. Acton, Turbomacchine, UTET, Torino, 1986, ISBN-13:
9788802039787.
[2] O. Acton e C. Caputo, Impianti Motori, UTET, Torino, 1986, ISBN-13:
9788802046686.
[3] A. Bejan, Advanced engineering thermodynamics, John Wiley And Sons
Ltd, New York, 3
a
edizione, 2006, ISBN-13: 9780471677635.
[4] A.E. Catania, Complementi di Macchine, Levrotto & Bella, Torino,
1979.
[5] L.A. Catalano e M. Napolitano, Elementi di macchine operatrici a
uido, Pitagora Editrice, Bologna, 2001, ISBN-13: 9788837112417.
[6] R. della Volpe, Macchine, Liguori Editore, Napoli, 2002, ISBN-13:
9788820723170.
[7] G. Lozza, Turbine a gas e cicli combinati, Societ`a Editrice Esculapio,
Bologna, 2
a
edizione, 2006, ISBN-13: 9788886524087.
[8] S.M. Yahya, Turbines Compressors and Fans, Tata McGraw-Hill, New
Delhi, 3
a
edizione, 2005, ISBN-13: 9780070597709.
154