Sei sulla pagina 1di 9

Chi siamo, da Dove Veniamo, Dove Andiamo?

Samael Aun Weor


-----------------------------------------------------------------------------------------------Istituto Culturale Quetzalcoatl di Antropologia Psicoanalitica, A.C. www.samaelgnosis.net e www.samaelgnosis.org

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

Chi siamo, da dove veniamo, Dove andiamo?


giunta lora di auto-esplorarci per conoscerci davvero e sapere chi siamo, da dove veniamo e qual lo scopo della nostra esistenza. Voi siete qui seduti ad ascoltarmi e io sono qui disposto a parlarvi. Tra voi e me devesserci una vera comunione di anime, se vogliamo capirci davvero. Chi siamo realmente? Ognuno di noi un enigma per se stesso. Da dove veniamo, perch esistiamo? A me sembra, fratelli, a me sembra, amici, che vivere cos, tanto per vivere, senza sapere chi siamo, n da dove veniamo, n perch esistiamo, non vale la pena. necessario essere chiari con se stessi e capirci davvero, a fondo, conoscerci. Quando uno si auto-conosce, pu anche auto-scoprirsi. La Gnosi insegna che il corpo fisico non tutto. Un corpo formato da organi, gli organi da cellule e queste da atomi. Se frazioniamo un qualsiasi atomo, otterremo energia. In ultima sintesi, il corpo fisico si riduce in determinati tipi e sottotipi di energia. Poco tempo fa i russi hanno scoperto il corpo vitale; gli hanno dato il nome di corpo bioplastico (possiedono lenti potentissime per vedere tale corpo). ovvio che gli indostani denominano tale veicolo fisico-eterico Lingam Sarira. In ogni caso, il meccanismo fisiologico, lorganismo in generale, non potrebbe funzionare se non avesse un corpo vitale. Gli scienziati hanno studiato il meccanismo della cellula viva, per nulla sanno, in verit, sul corpo vitale. Don Alfonso Herrera, il saggio messicano, gloria della nostra patria, riusc a fabbricare una cellula artificiale, per questa cellula non ebbe mai vita. Gli scienziati potrebbero fabbricare il seme di qualsiasi vegetale, per sarebbe un seme morto, non germinerebbe. Si sa che in Germania fabbricano uova artificiali. Fabbricare uova artificiali sembra in verit uno scherzo, per le fabbricano e le esportano. Senza dubbio, non mai uscito un pollo da un uovo di questi. Gli scienziati giocano con i trapianti, fanno esperimenti di ogni spece, per non fabbricano la vita. Innestare una pianta non fabbricare vita, giocare con ci che gi stato fatto. Esiste linseminazione artificiale, per questo non fabbricare vita. Io porrei sul tavolo di un laboratorio gli elementi chimici necessari per fabbricare uno spermatozoo e un ovulo, ma sono sicuro che, se si uniscono, se si fabbrica lo spermatozoo e si unisce con lovulo (se si uniscono, per essere pi chiaro), non nascer da l una creatura. Gli scienziati possono estrarre uno spermatozoo da una ghiandola sessuale e unirlo ad un ovulo, in una matrice, affinch nasca una creatura; per questo giocare con la meccanica dei fenomeni, questo giocare con la vita. Sarebbe interessante che essi fabbricassero un paio di gameti e quindi, unendoli, facessero nascere una creatura umana. Fino ad ora non ci sono riusciti, e non ci riusciranno mai. Dunque le teorie materialiste in voga, non hanno basi di nessuna specie, sono vuote, artificiose, assurde. Nella stessa Russia Sovietica il materialismo dialettico passato di moda, la maggior produzione di Parapsicologia viene ora dallUnione Sovietica. La Russia sta entrando in unepoca di esperimenti psichici. Fortunatamente con quelle potenti lenti che hanno ora, possono vedere il corpo vitale. Sanno che il corpo fisico non tutto, sanno che il corpo fisico non pu esistere senza un corpo vitale. Per non soffermiamoci solo qui, andiamo pi in fondo... Indubbiamente, tutti pensiamo e sentiamo, desideriamo, amiamo, ecc. Quando bussiamo a una porta e ci chiedono Chi ?, Noi rispondiamo: Io. Questo Io della Psicologia degno di autoesplorazione, di autoconoscenza.
Istituto Culturale Quetzalcoatl Pagina 2 www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

Indubbiamente, siamo pieni di molteplici difetti: Ira, avarizia, lussuria, orgoglio, invidia, pigrizia, gola, ecc., ecc., ecc. Tutti questi difetti ci fanno capire che lIo non esiste in forma meramente individuale, ci fanno capire che non abbiamo un Io autonomo, che lIo un mucchio di Io; cio, abbiamo un Io pluralizzato. Voglio dire, in altro modo, che il corpo fisico manipolato da molteplici Io: io amo, io odio, io invidio, io voglio, io non voglio, ecc., ecc., ecc. Dentro ogni persona vivono molte persone e questo dimostrato. Nessuno rimane lo stesso nemmeno per mezzora. LIo che oggi giura amore eterno a una moglie, pi tardi rimpiazzato da un altro Io che non ha niente a che vedere con tale giuramento; Allora il soggetto si ritira e la povera moglie rimane delusa. LIo che oggi giura amore eterno per una causa, domani rimpiazzato da un altro Io e la persona si ritira. Questo ci invita a comprendere che dentro ogni persona vi sono molte persone; ognuna di esse ha una propria mente, una propria volont, un proprio sentimento. Dunque, la nostra persona fisica non nientaltro che una marionetta, un fantoccio, un robot controllato da molte persone che portiamo dentro. Tali persone interiori lottano per la supremazia, combattono fra loro, si odiano reciprocamente. Quando una di esse arriva a controllare il cervello, il cuore e il sesso, totalmente, allora crede di essere lunica. Non abbiamo, quindi, senso di responsabilit morale, siamo delle macchine controllate da molta gente. Molte volte succede che, nel cosmo infinito, un pianeta si scontra con un altro e questo una catastrofe. Le onde che arrivano sulla terra ci colpiscono, e come macchine ci lanciamo nei campi di battaglia sventolando bandiere, slogan, ecc. Milioni di macchine si lanciano contro milioni di macchine; questa la guerra. La cosa pi grave che noi crediamo di avere una vera individualit e non ce labbiamo; siamo macchine. E cos la morte? Ecco qui lenigma. Ben vale la pena sapere che cosa ci aspetta dallaltra parte. Ci stato detto, ed vero, che la morte un resto di conti; terminata loperazione matematica, restano i valori, i risultati, gli io. Essi continuano nella dimensione sconosciuta, se li prende leternit. Ovviamente, al cimitero vanno tre cose: innanzitutto, il corpo di carne e ossa, che imputridisce nella tomba; in secondo luogo, il corpo vitale o corpo bioplastico, come lo chiamano i russi, che fluttua vicino al cadavere e si decompone poco a poco, come il corpo fisico. C' poi un'altra cosa che va al cimitero, mi riferisco, chiaramente, alla personalit. La personalit non il corpo fisico, la personalit energetica, non si pu vedere con gli occhi fisici, per esiste. Quando uno viene al mondo, non ha personalit. Questa si forma con l'esempio dei padri, con quello che si apprende a scuola, con le esperienze della vita, ecc. In realt, la personalit si forma durante i primi sette anni di infanzia e si irrobustisce con il tempo e con le esperienze. Giunta l'ora della morte, anche la personalit umana va al sepolcro, entra ed esce dallo stesso, visibile dai chiaroveggenti (qualsiasi persona che abbia un po' di extra percezione potr vedere la ex personalit) e si dissolve lentamente nel cimitero. Mi viene in mente in questo caso, ora, parlando qui con voi, un fatto insolito. Ad una festa popolare, durante un ballo, nel Distretto Federale, alcuni giovani stavano danzando allegramente con una certa dama molto vanitosa. Ballarono con lei fino alle tre del mattino; a quell'ora la dama disse che voleva andare a casa sua. Loro, molto galanti, si offrirono di accompagnarla in macchina, ma ella disse che aveva freddo e che non poteva andare in strada con quel freddo. Uno di loro le offr il suo mantello; la dama se lo mise indosso e sal in
Istituto Culturale Quetzalcoatl Pagina 3 www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

macchina! La portarono esattamente fino a casa sua, e l la lasciarono; ma il Cavaliere si dimentic di chiederle il mantello e se ne ricord solo il mattino. Allora, insieme ai suoi amici, ritorn a casa della dama. Una signora anziana si present; il giovane disse: C qui una certa signorina? Sono venuto a prendere il mio mantello, mi ero dimenticato di chiederglielo... La signora, una anziana molto notevole, gli rispose: Allora, giovanotto, dovr andare a cercare il suo mantello al cimitero, perch mia figlia morta molto tempo fa... Impossibile, signora, non ci posso credere, mi sta mentendo. No signore, non le sto mentendo; se mi vuole credere, mi creda, e se no, allora non mi creda. Se ne vada!. La cosa certa fu che quel giovane, confuso, si decise ad andare al cimitero insieme ai suoi amici e, certamente, disseppell la dama e trov il suo mantello. Questo sembrer (agli increduli, agli scettici) un racconto per bambini piccoli, per non sembrato lo stesso a colui il quale ha sperimentato questa terribile realt. Perch una cosa discutere su qualcosa a cui non si crede, e altra cosa sperimentarla sulla propria pelle. Ci che successo, successo. Ordunque, che cosa si reso visibile e tangibile a quei giovani ? Cosera che ha danzato con loro, l, in mezzo alla festa ? Era, realmente, la ex personalit. Questa suole a volte farsi visibile e tangibile, e, sebbene voi non vi crediate, vero. Veramente, non tutto va al cimitero, c' qualcosa che non va al cimitero. Ci che non va al cimitero sono i valori, tanto i positivi quanto i negativi, gli Io buoni e gli Io cattivi. Vi ho gi spiegato che dentro ogni persona vi sono molte persone, cio, molti Io. Perch una cosa io invidio e altra io non invidio; Una cosa io amo e altra io non amo; una cosa io odio e altra cosa io non odio. Tutti questi Io non vanno al cimitero; vi sono anche alcuni Io buoni che non vanno al cimitero. Conclusione: ci che continua oltre il sepolcro un mucchio di Io. Questi si sommergono nell'eternit, si attraggono e si respingono in accordo alle leggi di magnetismo universale. Se volete comprovarlo, facile, imparate a uscire dal corpo fisico a volont. Noi abbiamo metodi per investigare ci che si chiama aldil; Uno di questi metodi si chiama sdoppiamento. facile sdoppiarsi a volont, basta coricarsi con la testa verso il Nord, convertirsi in una spia del proprio sogno, rilassare il corpo fisico e, quando ci si trova in quello stato di transizione che esiste tra veglia e sonno, allora bisogna identificarsi con lo spirito, sentirsi spirito, sentirsi anima, e soavemente (in quello stato di dormiveglia) alzarsi dal letto. Quello che ho detto: alzarsi, deve tradursi in fatti. Non bisogna pensare che ci si deve alzare; bisogna farlo con i fatti: alzarsi. E se vi alzate e poi vi girate a guardare il vostro letto, vedrete che il vostro corpo fisico rimasto l addormentato. Questo qualcosa di simile a quello che farebbe lautista di un automobile che, dopo essere arrivato dove doveva arrivare, esce dalla macchina e la guarda da fuori. fondamentale non temere, non spaventarsi, non avere paura. Quindi, inseguito uscire dalla stanza con coraggio, uscire in strada, fluttuare nellambiente circostante nella dimensione sconosciuta, nella quinta coordinata. Chi fa ci, potr investigare da s quello che stiamo dicendo sulla morte; vedr i defunti, coloro che hanno abbandonato il corpo fisico; potr conversare con loro di persona, vederli, toccarli, palparli. Gli scettici rideranno di tutto questo, per che importa alla scienza e che importa a noi? Colui che ride di ci che non conosce sulla via dellidiozia. Cos, vi invito a sperimentare,

Istituto Culturale Quetzalcoatl

Pagina 4

www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

affinch possiate vedere, toccare o palpare quello che c dallaltra parte, quello che si chiama aldil. Continuando con questo, diremo: leternit si prende quelli che muoiono in questo mondo, per alla lunga li vomita. Perch li vuole di l? Per caso noi sappiamo maneggiare le forze universali? Al momento giusto ritorniamo a questo mondo. Non sar molto bello ritornare, vero?, per ritorniamo. Questa la legge delleterno ritorno di tutte le cose. Ritornano i pianeti al loro punto di partenza, dopo molti anni. Gli atomi, dentro le molecole, ritornano al loro punto originale di partenza. Le stagioni primavera, estate, autunno e inverno, ritornano ogni anno. Tutto ritorna, tutto si ripete; perch noi dovremmo essere uneccezione? Senza dubbio, ritorniamo, ci reincorporiamo in un nuovo organismo. Succede che allora della morte esce dalla nostra psiche un disegno, un disegno elettromagnetico. Tale disegno dellex-personalit viene pi tardi a prendere forma, a cristallizzare nelluovo fecondato, ed cos come ricostruiamo, nel tempo, il nostro proprio corpo. Cio, rinasciamo, ritorniamo ad avere un nuovo corpo di carne ed ossa. Non vi sto parlando di reincarnazione, questo pi elevato, vi sto parlando della legge delleterno ritorno di tutte le cose e questa legge dimostrata. Ritornando a questo mondo, dobbiamo creare una nuova personalit; questa si forma con il tempo e le esperienze. Ritornando ad avere un corpo fisico, lego si reincorpora unaltra volta; voglio dire, gli Io ritornano a prendere possesso del nuovo corpo e allora si ripetono le stesse scene, gli stessi drammi, le stesse commedie, le stesse tragedie. Che bello un bambino! Durante i primi anni di vita del bambino esiste solamente, dentro il suo organismo, una piccola parte dellanima dellinnocente. Infatti gli Io non hanno ancora lopportunit di entrare dentro questo corpo, questi girano intorno alla culla, vanno e vengono, aspettando il momento. Pi tardi, senza dubbio, i distinti Io ritornano a prendere parte nella scena della vita, entrano dentro il corpo e il bambino comincia a diventare iracondo, geloso, ecc., ecc., ecc., e alla fine tutti questi Io, che hanno abbandonato il corpo passato, ritornano ad esprimersi tali come sono; si ripetono gli stessi drammi, le stesse scene, le stesse commedie. Questa la legge di ricorrenza. necessario che voi capiate cos questa grande legge. Tutto quello che ci sta succedendo nella vita ci gi successo nel passato. Qui siamo tutti riuniti, in questa grande sala di cultura del nostro paese. Qui ci incontriamo, e non c dubbio che anche in un passato molto remoto ci siamo incontrati. La vita unincessante ripetizione di avvenimenti, di fatti. Il destino degli esseri umani si deve, precisamente, agli Io. Supponiamo che nella passata esistenza, allet di trentanni, abbiamo avuto unavventura amorosa. LIo di tale avventura, per il fatto di aver partecipato alla stessa, sicuramente continuer ad esistere dopo la morte. Al ritorno, riprendendo un nuovo corpo fisico, tale Io aspetter lansiosa et dei trentanni e, esattamente, al compiersi di quellet uscir a cercare la moglie dei suoi sogni. A sua volta, lIo di tale moglie, al giungere di quellet, uscir a cercare luomo dei suoi desideri e telepaticamente i due si metteranno in contatto, fino a rincontrarsi fisicamente. Allora si ripeter la stessa avventura amorosa. Supponiamo che allet di quarantanni abbiamo avuto un litigio in una cantina. Poi giunta la morte e nella nuova esistenza al ritorno anche lIo della cantina ritorner e,
Istituto Culturale Quetzalcoatl Pagina 5 www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

allet di quarantanni, trover la cantina unaltra volta se non la stessa, per lo meno unaltra. Dir: Vado a cercare quelluomo col quale ho avuto un litigio alla cantina; lo trover e telepaticamente si incontrer con lui e torneranno a ripetersi gli stessi avvenimenti, lo stesso litigio. Per ogni scena, per ogni dramma, per ogni tragedia, per ogni commedia, esistono attori. Se noi dissolvessimo questi Io, questi attori, la ripetizione di commedie, drammi e tragedie diventerebbe praticamente impossibile. Disgraziatamente, noi non ci preoccupiamo mai di dissolvere tali Io. Veniamo qui, a questo mondo, molte volte, a ripetere le stesse cose e ogni volta in forma sempre pi decadente. Dagli albori della vita, noi non siamo evoluti. Se studiamo la Genesi, in principio troviamo bellezza (il paradiso terrestre, ecc.) e poi vediamo come lumanit si involuta, degenerata sempre e sempre pi. Se dissolvessimo questi attori che portiamo dentro: lIo dellira, quello dellavarizia, quello della lussuria, quello dellinvidia, quello dellorgoglio, quello della pigrizia, quello della gola, ecc., la ripetizione di tali commedie, drammi e tragedie, diverrebbe impossibile. Allora la nostra vita si convertirebbe in unopera maestra. Disgraziatamente, viviamo come macchine, siamo vittime delle circostanze, non abbiamo imparato a determinare circostanze. Anzi, siamo vittime di queste, siamo come legni gettati nel mare furioso dellesistenza, andiamo qua e l, senza sapere da dove veniamo, n dove andiamo. Questa la cruda realt della vita: lavoriamo, lottiamo, guadagnamo il denaro per mangiare, per vivere, per sostenere la famiglia, ecc., e alla fine muoriamo infelicemente, senza sapere realmente il motivo per cui abbiamo vissuto e perch abbiamo vissuto. arrivato il momento in cui noi dobbiamo diventare pi seri, perch fino ad ora non abbiamo imparato ad essere seri. Siamo il prodotto dellambiente, ripetiamo quello che gli altri dicono, facciamo quello che fanno gli altri; siamo vere macchine senza tono n suono, legni gettati nel furioso mare dellesistenza. Noi abbiamo metodi, nella nostra scuola, per mezzo dei quali voi potrete vedere, udire, toccare e palpare quello che stiamo dicendovi. Vi invitiamo, in verit, a partecipare ai nostri studi. Se parteciperete ai nostri studi, non vi peser, perch conoscerete voi stessi e potrete trasformarvi radicalmente. Un uomo quello che la sua vita. Se un uomo non cambia la sua vita, sta perdendo tempo miserabilmente. Uno non pu cambiare la sua vita, se non lavora sulla sua propria vita. possibile cambiare solamente quando dissolviamo tutti quegli Io che portiamo dentro, tutte quelle altre persone che vivono dentro la nostra persona. Se procediamo cos, vedremo come finir la LEGGE DI RICORRENZA per noi. La cosa pi degna, la cosa pi decente che abbiamo in fondo a noi stessi, lessenza, la coscienza. Disgraziatamente, questa si trova imbottigliata dentro tutti quegli Io, dentro quelle altre persone che vivono dentro la nostra stessa persona. Quando noi elimineremo questi Io, allora la coscienza sar liberata. Una coscienza liberata pu vedere, udire, toccare o palpare le grandi realt che stanno aldil della morte. Una coscienza liberata pu scatenare tempeste, provocare gli uragani, camminare sul fuoco senza bruciarsi, ecc. Una coscienza liberata una coscienza illuminata, la coscienza di un superuomo, la coscienza di un Dio potente, con poteri terribili sulla vita e sulla morte. Disgraziatamente, oggi, noi non siamo altro che macchine, macchine e nientaltro che questo. arrivato il momento di smettere di essere macchine, arrivato il momento di autoosservarci per auto-conoscerci.
Istituto Culturale Quetzalcoatl Pagina 6 www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

Nella vita pratica, in casa, in strada, a acuola o nel tempio, ecc., possiamo auto-scoprirci. Se uno si trova in stato di allerta percezione, di allerta novit, vedr che, nelle diverse circostanze della vita, i difetti che teniamo nascosti affiorano spontaneamente e allora li vediamo. Difetto scoperto, deve essere giudicato analiticamente e, una volta giudicato, dobbiamo disintegrarlo, ridurlo a polvere cosmica. Fondamentalmente, la mente non pu alterare nessun difetto. La mente pu identificarlo con distinti nomi, farlo passare da un dipartimento a un altro, per mai alterarlo radicalmente. Abbiamo bisogno di un potere che sia superiore alla mente. Fortunatamente questo potere esiste in fondo ad ognuno di noi, voglio riferirmi in forma enfatica al potere della Kundalini parola nuova per molti che non hanno mai letto nulla sullesoterismo o sullo yoga, o su quel genere. In ogni caso, Kundalini, fra gli indostani, il fuoco sacro. Dentro ognuno di noi c un fuoco sacro che pu entrare in attivit. Tale fuoco, nei tempi antichi, era rappresentato da Iside, Maria, Adonia, Insoberta, Rea, Cibele, Tonantzin, ecc. Questo fuoco materno, la Divina Madre Cosmica in noi, Dio Madre nel profondo pi intimo del nostro cuore. Se facciamo appello a questo fuoco divino, se facciamo appello a questa Kundalini degli indostani, allora possiamo chiederle che elimini il difetto che abbiamo osservato e giudicato anticipatamente. Kundalini, la Madre Cosmica simboleggiata dalla vergine di tutte le antiche religioni, proceder eliminando dalla nostra psiche tale difetto, distruggendo lIo che lo personifica, riducendolo in cenere, a polvere cosmica. Quando ci avviene, la percentuale di coscienza l imbottigliata, imprigionata, si liberer, si emanciper. E se continuiamo con questo procedimento psicologico trascendentale, rivoluzionario, potremo in verit disintegrare tutte quelle molteplici persone che portiamo dentro di noi. Quando ci si compie, quando tutta la totalit dellIo viene ridotta in cenere, convertita in polvere cosmica, lessenza (la coscienza) sar liberata e sar allora che godremo della vera e autentica felicit; sar allora che in verit conosceremo la libert, sar allora che in verit saremo illuminati, sar allora che potremo sperimentere, da noi stessi e in forma diretta, quello che la Verit. Molte teorie sono state scritte sulla Verit. Alcuni dicono che la Verit quella, o questaltra, ma la Verit la pu sperimentare solamente colui che morto in se stesso, qui ed ora; la Verit conseguibile solamente per colui che riuscito a risvegliarsi. Oggi, tutti voi, senza eccezione, avete la coscienza addormentata; questa si trova imprigionata, imbottigliata dentro il me stesso, dentro il se stesso, dentro lego. Coloro che rendono culto allego, sono egolatri. Ci sono molte scuole che enfatizzano, in forma definitiva, che dentro ognuno di noi esiste un Io superiore e un Io inferiore. C chi suppone che lIo superiore deve controllare lIoinferiore, fino a trionfare, e che allora ci convertiremo in Mahatma, in di. Coloro che procedono cos non sanno che inferiore e superiore sono due sezioni di una stessa cosa. Lego ha un principio, lego ha una fine. Limportante, per noi non lego, lio, ma lEssere. LEssere lEssere e la ragione dessere dellEssere, lo stesso Essere. Il Nostro Essere divino, il nostro Essere Dio stesso, il nostro Essere non ha n principio n fine. Nel nostro Essere c pienezza, c la perfezione, c il senso della felicit. Il Nostro Essere pu darci quella felicit inesauribile, quella gioia inconfondibile, che non ha niente a che vedere con i vani piaceri della vita.
Istituto Culturale Quetzalcoatl Pagina 7 www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

Il Nostro Essere pu condurci a quella fonte dacqua di vita, e chi bevesse di questa acqua non potr mai pi avere sete, e fiumi di acqua pura sgorgheranno dal suo ventre. Per questo disse il Cristo che Egli la luce, che Egli la vita... Il Cristo, realmente, bisogna cercarlo nelle profondit di noi stessi, nel profondo del Nostro Essere. Egli il Salvatore, per non si trova da altre parti, ma nelle profondit dellEssere. Gli adoratori dellego, coloro che rendono culto al me stesso gli egolatri, i mitomani, pensano il meglio dellego. C chi si dedica a fortificare tutti quegli Io che nellinsieme costituiscono il me stesso. Questi, inevitabilmente, si convertono in potenze tenebrose. Non troppo dirvi, in nome della verit, che a noi ad ognuno di noi, vengono assegnate sempre 108 esistenze. Se durante queste 108 esistenze non dissolviamo lIo, se durante queste 108 esistenze non ci risvegliamo, allora non ci vengono pi assegnati corpi fisici e successivamente entriamo nellinvoluzione sommersa dei mondi inferni. Dante scrisse unopera straordinaria, voglio riferirmi in forma enfatica alla Divina Commedia. I nove circoli danteschi sono reali; linferno di Dante certo, per simbolico, allegorico. Le anime involuzionano nei mondi inferni. Se in vita non siamo stati capaci di ridurre in polvere lego, lio, il me stesso, il se stesso nelle 108 esistenze, dopo la morte entriamo dentro le viscere della Terra, nelle infradimensioni della natura e del cosmo. L, nel mondo sommerso, soffriamo lindicibile; l dobbiamo involuzionare nel tempo fino a che le forze centrifughe disintegrano il me stesso, riducano in polvere lego. Tra i nhuatls, saggi come nessuno, si parlava del Mictln, si diceva che c'erano nove cerchi, che i defunti passassero per questi nove cerchi che li fossero provati, per entrare pi tardi nei paradisi elementali della natura. Il Messico Antico possiede la saggezza dell'eternit. Qui, nella terra sacra dei nhuatls, dei toltecas, dei maya, degli zapotecas, esistono verit trascendentali che devono essere studiate, analizzate, conosciute comprese. Chi passa per i nove cerchi danteschi, dopo la Morte Seconda, si emancipa. Lanima, l'essenza pura, risorge in superficie, alla luce del Sole, per riiniziare un nuovo processo evolutivo che comincia con il regno minerale, continua nel regno vegetale, prosegue nel regno animale, fino a riconquistare lo stato umano che in precedenza era stato perduto. Allora viene assegnato all'anima un nuovo ciclo di esistenze ancora 108 esistenze affinch si autorealizzi. Se non ci riesce, si ripete lo stesso processo. In tutto ci sono 3.000 cicli. Quelle anime che in 3.000 eoni o periodi di tempo non conseguono la maestria, dopo la Morte Seconda nel ciclo 3000 si sommergeranno per sempre nel seno dello Spirito Universale di Vita, convertiti in semplici elementali; non in mahatma, non in guru, non in di, non in angeli, ma in semplici elementali della natura. Per torniamo a noi. Siamo qui tutti riuniti, ovunque ci sono guerre e rumori di guerre, e ci saranno guerre fintanto che dentro ognuno di noi esistono gli elementi della discordia e dellegoismo. Dentro ognuno di noi esiste un inferno, noi portiamo dentro linferno. Dobbiamo lavorare su noi stessi, abbiamo bisogno di trasformarci radicalmente, di convertirci in esseri ineffabili. Quindi allora, tutti coloro qui presenti devono capire la necessit di autoconoscersi profondamente e in tutti i livelli della mente. Venendo al mondo ci viene data lopportunit per trasformarci. Dentro noi stessi portiamo la cosa pi decente, la cosa pi degna, che lessenza, ci che si chiama anima. Ripeto: la teniamo imprigionata nellego. Questa essenza, questa anima, in origine proviene dalla Via Lattea. L risuona splendidamente la nota La. Prosegue poi, questa anima, con la nota Sol, mentre attraversa il disco solare. Prosegue discendendo e
Istituto Culturale Quetzalcoatl Pagina 8 www.samaelgnosis.net/it/

Chi Siamo, da dove Veniamo, dove Andiamo?

Samael Aun Weor

attraversa la nota Fa, che fa vibrare i pianeti intorno al Sole e, continuando nella sua discesa, con la nota Mi, entra in un nuovo corpo fisico. Nel ritornare in questo mondo, allessenza viene data unopportunit per scoprire, persino, il Raggio Psicologico Principale che la caratterizza. Se riusciremo a scoprirlo, non falliremo nella vita. Disgraziatamente, la gente non conosce nemmeno il raggio psicologico principale che la caratterizza e ci lamentevole. Alcune persone si distinguono per lira, altre per lodio, altre per la passione sessuale, altre ancora per linvidia, ecc. Se almeno conoscessimo il Raggio Psicologico Principale e disintegrassimo lIo che gli corrisponde, ovvio che disincarneremmo trionfalmente, avremmo fatto un passo nel cammino dellemancipazione. Disgraziatamente, non ci preoccupiamo nemmeno di conoscere quale sia il nostro raggio psicologico principale. Quando uno scopre qual il suo difetto pi grosso, diventa facile, in verit, disintegrare gli altri. Non voglio dire che questo sia come soffiare e fare bottiglie, per in verit pi facile disintegrare i distinti elementi che costituiscono lIo quando si scopre il Raggio Psicologico Principale. Disgraziatamente, la gente se ne va dopo aver fatto sforzi inutili, se ne va dopo aver sofferto molto in questa valle di lacrime, se ne va dopo aver perso tempo inutilmente; Leternit se li divora e quindi ritornano per ripetere la stessa storia. La vita come una pellicola; la morte il ritorno al principio della vita, al punto di partenza originale. Allora della morte ci togliamo questo rotolo che la vita, e quando ritorniamo proiettiamo unaltra volta la stessa vita. Cos ogni uomo vive la sua propria vita; ogni uomo, nel ritornare a questo mondo, ripete la sua stessa vita, e se non lavora sulla sua vita, se non la trasforma, se non fa della stessa unopera maestra, sta perdendo tempo miserabilmente. La cosa pi importante per noi, ripeto, la nostra vita. Fin qui le mie parole. -----------------------------------------------------------------------------------------------Istituto Culturale Quetzalcoatl di Antropologia Psicoanalitica, A.C. www.samaelgnosis.net e www.samaelgnosis.org

Istituto Culturale Quetzalcoatl

Pagina 9

www.samaelgnosis.net/it/