Sei sulla pagina 1di 114

Enrique Barrios

AMI RITORNA
Una promessa dallo spazio

Enrique Barrios Ami ritorna Titolo originale: Ami regresa Traduzione di Itala Bellinato Copyright 1990 by Enrique Barrios Prima edizione originale pubblicata da Errepar S.A., Buenos Aires Prima edizione italiana pubblicata nel 2000 da Edizioni Il Punto d'Incontro s.a.s. Via Zamenhof 441, 36100 Vicenza Tel. 0444 239189, Fax 0444 239266 Sito Interner: web.tin.it/edpunto Posta elettronica: edpunto@tin.it Finito di stampare nel gennaio 2000 presso la CTO, Via Corbetta 9, Vicenza Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di quest'opera pu essere riprodotta in alcuna forma senza l'autorizzazione scritta dell'editore, ad eccezione di brevi citazioni destinate alle recensioni. ISBN 88-8093-169-5

Indice
Ricordo di Ami Parte Prima Capitolo 1 - Il dubbio Capitolo 2 - Sulla roccia Capitolo 3 - L'incontro Capitolo 4 - Una danza cosmica Capitolo 5 - Il difetto principale Capitolo 6 - La missione Capitolo 7 - Il Comandante Capitolo 8 - La caverna Capitolo 9 - Viaggio a Ka Capitolo 10 - Il Maestro Solare Parte Seconda Capitolo 11 - Krato e i terri Capitolo 12 - Arnvederci, Ka! Capitolo 13 - Calibur Capitolo 14 - La pergamena e le due possibilit Capitolo 15 - Bambola Galattica Capitolo 16 - I genitori di Ami Capitolo 17 - L'ammutinamento Capitolo 18 - Costosi armamenti Commiato Conclusione

"Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perch hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli". (Matteo 11: 25)

"C' un antico mistero nell'universo: Perch la vita? Perch la creazione? Gli intelletti si affannano, cercano e non trovano e dato che non trovano, inventano teorie; ma l'antico mistero si rivela solo all'amore, alla coscienza illuminata dall'amore, privilegio dei semplici e degli umili, come i bambini."

(Introduzione della pergamena del vecchio Krato, abitante del pianeta Ka)

Ricordo d i Ami
Il mio nome Pierre X. La ics significa 'mistero', perch non posso rivelare il mio cognome. Sapete gi il motivo. Sono un bambino, studente e scapolo, per ho scritto un libro che diventato molto popolare. Si intitola Ami, il bambino delle stelle. O meglio, l'ho dettato a un cugino appassionato di letteratura: Victor. Lo ha scritto lui. Lavora in banca e nei momenti liberi viene a casa mia a lavorare con la macchina portatile: cos abbiamo realizzato il libro Ami. Victor crede che il mio racconto sia una stupidaggine, una fantasia di bambino. Dice che se si degnato di scriverlo, stato solo per 'sgranchirsi la mano', perch pensa di pubblicare una novella, 'un libro vero', qualcosa di serio, relativo alla 'tortura della frustrazione mentale'... una scempiaggine di una noia mortale. Grazie al successo di Ami, libro che parla di stelle, 'ufo' e amore, anche Victor vuole ambientare il suo racconto nello spazio. Vorrebbe sapere come faccio a immaginare i mondi o le persone extraterrestri: io gli rispondo che racconto quello che ho visto, non quello che immagino. Ma lui pensa che il mio racconto non sia reale, che io abbia inventato tutto, dice che invento storie con molta facilit: tuttavia, quello che racconto in Ami non ha un pelo di fantasia. Ami esiste, un mio amico, un visitatore di un altro mondo. comparso in una spiaggia solitaria sul far della sera, alla fine dell'estate. Riusciva a indovinare i miei pensieri, a planare come un gabbiano e anche a ipnotizzare gli adulti. Sembrava non avere pi di otto anni, tuttavia pilotava un 'ufo' ed era capace di costruire apparecchi molto pi complicati di un televisore. Disse di essere una specie di messaggero o maestro. Forse era un adulto, ma con l'aspetto e il cuore di un bambino. A bordo del suo veicolo spaziale mi port in pochi minuti soltanto a conoscere vari paesi della Terra. Poi andammo sulla Luna: non mi piacque, troppo arida. Sembrava un formaggio secco visto con la lente di ingrandimento. Inoltre, era sempre notte, anche se c'era il sole, perch il cielo appariva nero. Ami invece, era felice mentre guardava la luna e qualsiasi altra cosa, si rallegrava di tutto; niente lo disgustava, tranne mangiare carne: gli facevano pena gli animaletti. Pi tardi mi port in un mondo bellissimo che si chiamava Ofir, o meglio, si chiama Ofir, perch esiste, reale. vicino a una stella rossa: un sole

quattrocento volte pi grande del nostro. L non si conosce il denaro: tutti prendono secondo le loro necessit e danno secondo la loro coscienza e la loro buona volont. Siccome non ci sono persone disoneste, non necessaria la polizia, non esistono lucchetti, catene, muri, cancelli, recinti o serrature e per lo stesso motivo non si complicano la vita con i documenti. Non sono divisi in nazioni: Ofir un'unica nazione di fratelli e siccome sono fratelli, non esistono gli eserciti, n la guerra. Non sono divisi nemmeno da religioni, pensano che Dio Amore: questo tutto. Vivono cercando di fare il bene e di superare se stessi ogni giorno, ma si divertono anche molto, in modo sano. L tutto libero, niente obbligatorio. Ami ha detto che la Terra potrebbe vivere cos. Per questo necessario che tutti conoscano quello che venuto a rivelare, cio che l'Amore la Legge Fondamentale dell'universo: con questo ben chiaro in tutti i cuori, il resto diventer molto facile. Ha detto anche che se non lo faremo, ci distruggeremo irrimediabilmente, perch un alto livello scientifico e poco amore nelle persone, la formula ideale perch un mondo si autoelimini. Questo quello che sta accadendo sulla Terra, perch non siamo civilizzati. Secondo Ami, sono civilizzati i mondi che hanno tre requisiti fondamentali: 1) Devono riconoscere che l'Amore la Legge Fondamentale dell'universo. 2) Devono smettere di essere divisi da frontiere e formare un unico Paese di fratelli. 3) L'Amore deve essere il fondamento di tutta l'organizzazione mondiale. Ami us l'esempio di una famiglia per spiegarmi quest'ultimo punto: le famiglie condividono tutto con affetto, perch sono unite dall'amore. Disse che tutti i mondi civilizzati vivono in questo modo. Mi fece anche sapere che esiste una Legge Universale che impedisce agli abitanti dei mondi superiori di intervenire in modo invasivo nell'evoluzione dei mondi non civilizzati: possono solo suggerire in modo molto sottile quello che dovremmo fare, in accordo con un misterioso 'piano di aiuto'. Mi chiese di scrivere un libro, riferendo tutto quello che avevo conosciuto e vissuto al suo fianco. Disse che avrei dovuto farlo come se si fosse trattato di un racconto, non per quello che : una realt. Per questo ho detto che tutto quello che ho riferito in 'Ami' una favola. A proposito, lo ripeto anche adesso: non ho mai conosciuto nessun extraterrestre e non sono nemmeno andato in un mondo superiore. Anche questo racconto un prodotto della mia fantasia... Se molte persone ritengono che quello che dice Ami tutto vero, perch

coincide con i messaggi telepatici che loro ricevono, un caso. Firmato: Pierre X

L'ultima cosa che visitammo, fu un mondo rosato. L c'ero io stesso, ma da grande, qualcosa del genere. C'era una donna che mi aspettava da molto tempo. Aveva il viso azzurro chiaro e lineamenti da giapponese, sentii che ci amavamo. Improvvisamente spar tutto. Ami disse che questo sarebbe accaduto nel futuro,dopo molte vite. Non compresi questo delicato argomento se non pi tardi. Io vivo solo con la mia nonnina. Andiamo sempre a passare le vacanze d'estate al mare, ma la stagione scorsa non abbiamo potuto farlo, per mancanza di denaro. Questo mi ha rattristato, perch Ami aveva detto che sarebbe tornato se avessi scritto il libro: pensavo che lo avrei rivisto sulla riva del mare. All'inizio, volevo raccontare la mia avventura a tutti, ma Ami e Victor mi raccomandarono di non farlo. Dissero che avrebbero pensato che sono pazzo (questo pensa di me mio cugino). Non ci badai e appena tornammo a scuola, cominciai a raccontare la mia meravigliosa storia a un compagno di classe, che era un mio caro amico. Non ero ancora arrivato al viaggio in 'ufo', che scoppi a ridere. Dovetti dirgli che era stato tutto uno scherzo, che stavo prendendolo in giro: cos tornai di nuovo un bambino normale. Per questo non posso rivelare la mia identit.

Parte Prima

1 . Il dubbio
Stavo aiutando mio cugino nel suo racconto, voleva scrivere una stupidaggine su una super civilt di pulci intelligenti che venivano da una lontana galassia a dominare telepaticamente tutti gli abitanti di questo mondo, per poi sfruttarli facendoli lavorare a estrarre uranio per loro... Siccome questo mi sembrava grottesco, trito, assurdo e dannoso, si arrabbi. Mi chiese se per caso non avevo mai pensato che la mia avventura con Ami fosse stato un sogno; all'inizio non ci badai, ma lui insistette, mi chiese delle prove. Gli parlai delle 'noci' extraterrestri che Ami mi aveva regalato e che la mia nonnina aveva assaggiato, andammo a chiederlo a lei. "Nonnina, Victor uno stupido, pensa che io abbia sognato la storia di Ami. Raccontagli tu: vero che hai mangiato 'noci' extraterrestri?" "Che noci, figliolo?" "Extraterrestri, nonnina." "Quando, Pierre?" Chiese con la bocca spalancata, mostrandosi sorpresa. A questo punto della conversazione Victor, trionfante, sorrideva ironico. "L'ultima estate che siamo stati al mare, ricordi? Raccontalo a Victor." "Sapete bene che mi manca la memoria, figlioli. Questa mattina, per esempio, ho dimenticato il portamonete al negozio di alimentari, me ne sono accorta quando arrivato il lattaio a riscuotere. L'ho cercato da tutte le parti e..." "Ma ricordati delle 'noci' extraterrestri che hai assaggiato. Hai detto che ti piacevano tanto..." "...Ho chiesto al lattaio di riaccompagnarmi in macelleria... no, credo che fosse il negozio di alimentari. S, meno male che don Saturnino cos onesto. Lo ha custodito per me..." Feci mille tentativi, ma la mia nonnina semplicemente non ricordava niente di niente. "Vedi?" Disse Victor con aria soddisfatta "non hai prove. Ammetti che stato tutto un sogno: bello, devo ammetterlo, altrimenti non lo avrei scritto, ma fantasia, in fin dei conti." Cercai una prova. Purtroppo, a parte quello delle 'noci', Ami non mi aveva lasciato nessun ricordo materiale, niente di tangibile. Continuai a pensare

finch si accese una luce nella mia memoria. "Ce l'ho!" "Che cos'hai?" "Quando Ami se ne and, tutta la gente dello stabilimento balneare vide l' 'ufo'!" Con questo era sconfitto... Ma lui non si impression. "So gi che c' stato un avvistamento quel giorno, ma sono sicuro che la storia ti venuta in mente l, vero?" "Non mi venuto in mente niente, ci sono testimoni..." "Testimoni degli oltre ventimila casi di luci nel cielo. Nessuno sa di cosa si tratta: plasma, rifrazione atmosferica, palloni-sonda, aerei. In sostanza, luci nel cielo. Da qui a dire che si tratta di astronavi... c' molta immaginazione in mezzo. Ma inventare che si avuto contatti con un essere di un altro pianeta... andiamo! Per di pi, dire che si andati in un altro mondo... questo significa spingersi troppo lontano. Puoi arrivare a essere un bravo scrittore di fantascienza, ma non confondere la realt con l'immaginazione. Ci sono manicomi..." "Ma vero. vero!" "Prove!" Pretese mio cugino "pu darsi che tu abbia sognato tutto. Pu darsi che ti sembri di ricordare una realt, invece di un sogno, pensaci..." Non volli ammetterlo. Dissi che ero stanco, che domani avremmo continuato a guardare il suo racconto, ma quella sera mi venne un dubbio: 'E se stessi ricordando un sogno?' Mi sembrava impossibile, ma che prove avevo, dopo tutto? Quella sera ero angosciato, dovetti ricorrere al libro, a Ami, in cerca di qualche indizio. Lo lessi, credo per la prima volta, con tanta attenzione, dall'inizio alla fine, ma fu solo alla fine che trovai quello che mi serviva come prova inconfutabile: il cuore alato inciso sulla roccia! Certo, eccolo! Ami portava un abito bianco e al centro del petto aveva un simbolo: un cuore dorato con le ali, circondato da un cerchio. Pi tardi mi spieg che stava a simboleggiare l'umanit unita nell'amore. Dopo la sua partenza, quel disegno apparve inciso nella roccia sulla quale avevo conosciuto il bambino spaziale. Sembrava essere stato fatto fondendo la pietra. Io lo avevo visto molte volte... o anche questo faceva parte del sogno? Non mi sentivo sicuro, perch ricordavo una zia che affermava di fare sogni lunghissimi, pieni di piccoli particolari, con un 'tema', perfino. Diceva che continuavano la notte successiva, dal punto nel quale era rimasta prima del risveglio, come le puntate di una telenovela. Che il mio incontro con Ami fosse qualcosa del genere?... Decisi che l'unica cosa in grado di darmi la prova definitiva era il cuore nella roccia sulla spiaggia. Se era l, anche Ami e il resto erano realt: se non

esisteva, tutto era stato un bel sogno. Quando rividi mio cugino, la prima cosa che gli dissi fu: "C' una prova." "Di che cosa?" "Del fatto che il mio incontro con Ami stato reale." "Qual ?" Chiese senza darmi troppa importanza. "Il cuore inciso sulla roccia della spiaggia." "Storie! Dimentica tutto e continuiamo a rivedere il mio racconto. Stavo pensando che, al posto delle pulci intelligenti ci starebbe meglio una razza di scorpioni telepatici..." "Ma prima andiamo alla spiaggia. Hai appena comprato un'automobile e..." "Cosa? Sei pazzo! La spiaggia a pi di cento chilometri e io sono un uomo molto occupato. Non mi interessano le fantasie di un bambino sognatore." "Ma ti interessa scriverle e..." "Questo molto diverso! Non mi piace l'insolenza! Io scrivo le tue storie per fare pratica, ma non confondo le cose: finzione, immaginazione e basta." "E realt!" Protestai disgustato. Mi lanci uno sguardo di rimprovero e poi disse: "Comincio a preoccuparmi seriamente della tua salute mentale, Pierre." Il suo tono protettivo mi lasci perplesso. Avevo veramente paura di essere pazzo, per questo volevo uscire dall'incertezza una volta per tutte. "Allora; facciamo una cosa, Victor: andiamo alla spiaggia e se il cuore non esiste, capir che stato tutto un sogno e non confonder nuovamente le cose. Ma se l..." "E dagli con questa stupidaggine!... Va bene, l'estate prossima ci andremo." "L'estate prossima! Mancano sei mesi!" "Abbi pazienza, quest'estate andremo a verificare che confondi le cose. Continuiamo con il mio racconto. Ascolta: degli scorpioni dotati di telepatia..." Mi sentii come prima di fronte a una muraglia crudele. Reagii violentemente: "Allora ci andr da solo! Fuggir, scapper, comunque sia, arriver alla spiaggia. Inoltre, non mi interessano i tuoi scorpioni telepatici, tutto cos ridicolo! Non ti aiuter mai pi!" " meglio che me ne vada" disse Victor, vedendo la mia alterazione "domani ti passer." Usc di casa augurandomi l buona notte. "Non tornare mai pi!" Gli gridai.

Poi mi chiusi nella mia stanza: steso sul letto, ero sul punto di piangere... beh... lo feci, ma non molto, perch noi uomini non dobbiamo piangere... Quella notte decisi di fare qualcosa di pi che lamentarmi e compiangermi piagnucolosamente e morbosamente per le mie difficolt. Nell'oscurit chiusi gli occhi e per pi di un'ora immaginai che andavo alla spiaggia. Il giorno successivo, nel pomeriggio, comparve Victor fischiettando. "Al lavoro, campioni!" Disse, come se non fosse successo niente. Io rimasi freddo e distante. "Ho sentito, ma ho una montagna di compiti da fare" finsi di studiare un libro di geografia. "Ma solo un'oretta... Mi venuta in mente una lotta fra due razze di extraterrestri: gli scorpioni telepatici contro quei 'bonaccioni' che hai immaginato tu, quelli di Ofir..." Questo mi fece ribollire il sangue, ma feci finta di niente. "Impossibile, scusami. Arrivederci." "Hummm... sospetto che tu sia ancora arrabbiato per quello che successo ieri." "Le steppe sono pianure incolte di grande estensione...' Scusa, cosa significa incolte?" "Non lo so. Humm... va bene. Stavo pensando che mi farebbe bene un riposino sulla spiaggia..." "E...?" La speranza si affacci per la prima volta. "Potremmo andarci venerd sera, portare la tenda e tutto il resto. Lungo il cammino, possiamo andare a verificare che non esiste nessun cuore su quella roccia. Ma se sei cos arrabbiato con me..." "Arrabbiato con te? Certo che no!" Esclamai felice."Ma a cosa dovuto questo cambiamento?" "Cambiamento? No, solo che stanotte non mi ha lasciato dormire per un'ora l'idea di portarti alla spiaggia. Quando ho deciso di farlo, solo allora sono riuscito a chiudere gli occhi. Credo di aver bisogno di un po' di riposo. Inoltre, non voglio che un giorno ti arrabbi tanto che il mio libro... volevo dire, i tuoi libri si fermino senza il mio aiuto..." Bene, non so cosa sia accaduto. Fatto sta che venerd sera preparammo i bagagli, salimmo sull'auto di Victor e in un paio d'ore arrivammo alla spiaggia. Respirai l'aria di mare come se fosse stato un balsamo vitale: tutto mi portava i ricordi del mio viaggio spaziale, di Ami. Scendendo dall'auto diedi un'occhiata verso le rocce. Mi sembr quasi di vedere l l' 'ufo' del bambino delle stelle, sospeso nell'aria, sopra la spiaggia...

2. Sulla roccia
Victor voleva montare la tenda, invece di andare a vedere la roccia, perch si faceva notte, ma lo convinsi ad andarci immediatamente. "Bene" disse "gi che siamo qui... Anche se sta facendo buio. Viene gi notte..." "E meravigliosamente chiaro. Andiamo." Lasciammo l'automobile sul sentiero che portava verso le rocce e camminammo in direzione del mare. La notte era arrivata, le nubi lasciarono il passo a una grande Luna che illuminava tutto. Ricordai la luna piena di 'quella notte': gli stessi riflessi sull'acqua, lo stabilimento balneare all'altro lato della baia, cosparso di punti luminosi, le rocce... era tutto uguale. L'emozione accelerava il mio cuore e le mie gambe, invece mio cugino avanzava con grande fatica. "E troppo buio, scivoloso..." "Bisogna camminare con sicurezza, uomo" dissi, molto pi avanti di lui. "Che stupidaggine! Sarebbe meglio tornare domani, di giorno. "Sarebbe una pazzia, siamo quasi arrivati." Sentii un rumore l dietro: mio cugino era nei guai. "Pierreee!" "Cosa succede?" "Sono caduto in acqua! Vieni, aiutami!" "Si deve camminare sulle pietre, non nell'acqua" dissi, mentre mi apprestavo a soccorrerlo. "Non riesco a vedere la differenza: qui tutto nero. Dammi la mano." "Se ti ostini a non voler vedere, tutto sar scuro per te..." "Guarda come sono ridotto: la gamba bagnata, la scarpa... Questa una pazzia, io non continuo, torniamo domani." Mi sembr assurdo dover aspettare fino al giorno seguente, dal momento che eravamo a pochi metri soltanto dalla roccia. "Stiamo gi arrivando, mancano solo pochi passi." "Pu darsi, ma qui viscido, pericoloso. Le pietre sono piene di muschio umido, la marea sta salendo, facile rompersi la spina dorsale. Ritorniamo alla spiaggia, prepariamo la tenda, dormiamo e domani torniamo. "Attento, Victor, arriva l'acqua! Salta su questa roccia pi alta!"

"Che acqua? Che roc...? Glub!" Questa volta si bagn fino al collo. Veramente mio cugino era un vecchio, malgrado non avesse pi di trent'anni. Montammo la tenda sulla sabbia. Victor si cambi d'abito, mentre io preparavo a malincuore uno stupido fuoco. "Mettersi con i bambini..." protest lui. "Mettersi con i vecchi..." protestai io. "Bene" dissi impaziente "sei gi asciutto. Adesso ti stendi, mentre io vado e torno..." Io vedevo cos facile la faccenda. Era cos, ma gli adulti hanno lo strano potere di complicare tutto, di rendere terribilmente difficoltose e complesse le cose pi semplici... "Questo mai! Ti metterai qui al mio fianco. Su quelle nere rocce potrebbe succederti qualunque cosa. Ho sonno, andiamo, stenditi." "Ma..." "Stenditi!" Decisi di assecondarlo, di stendermi, ma appena si sarebbe addormentato... "Va bene, dormiamo. molto divertente dormire..." Attesi l'oscurit come un serpente in agguato. Un'infinit di tempo pi tardi, la sua respirazione mi fece comprendere che dormiva. Cominciai a scivolare fuori dal sacco a pelo molto cautamente e raggiunsi l'uscita. Quando stavo per mettere fuori la testa, una mano mi afferr per il collo della camicia. "Dove vai?" Chiese Victor. "Ecco, l fuori, in bagno. Mi capisci..." La scusa perfetta! Mi era venuta come un'ispirazione: a nessuno si pu negare di andare in bagno. "Va bene, ma torna immediatamente." "Non preoccuparti, torno subito" questo lo credeva lui... Una volta fuori dalla tenda, corsi alla velocit del fulmine verso la 'mia' roccia. Una strana forza sembrava essersi impossessata di me, perch stavo saltando di pietra in pietra, come un coniglio. In pochi secondi mi trovai ai piedi del mio destino finale. Mi fermai emozionato, accarezzarla roccia: quanto avevo impiegato ad arrivare fin l! Ora bastava scalarla per vedere il cuore alato... E se non c'era? Tutto si oscur quando pensai a questa eventualit e persi tutta quella forza straordinaria. Cominciai a salire con grande difficolt, intriso di dubbi e di timori, come un adulto. Scivolai di qua e di l, ma alla fine (alla fine!) arrivai in cima. Camminai emozionato sulla superficie piatta: da lontano, a causa dell'oscurit, non si vedeva bene il punto nel quale doveva essere impresso. Mi avvicinai molto lentamente, come pregustando il momento, con una

sensazione di angoscia mista ad allegria. Arrivai al punto, cercai il simbolo da tutte le parti, ma non c'era. Non c'era! Non esisteva! "Non mai esistito" dissi con la disperazione nel cuore " stato tutto frutto dell'immaginazione... un sogno..." "Io non sono un sogno" disse una voce conosciuta alle mie spalle. Mi volsi molto lentamente, quasi temendo che quello che avevo sentito fosse un'illusione uditiva, o qualcosa del genere. Guardando, scorsi la bianca figura del mio piccolo e amato amico: era l, sorrideva come sempre. "Ami!"

3. L'incontro
Non riuscii a trattenere lacrime di gioia nell'abbracciarlo. Era reale, era solido: tutto era stato reale, tutto. "Sei pi alto, Pierre." " vero, o tu sei pi piccolo. Ti sei ristretto!" Ridemmo, come tante volte in passato. All'improvviso ricordai Victor che mi aspettava nella tenda. "Prima era la tua nonnina, adesso tuo cugino. Non puoi proprio vivere senza preoccuparti?" Ami percepiva sempre i miei pensieri. "Hai ragione, ma che..." " che niente. Lo tengo profondamente addormentato nella tenda: la notte nostra." "Davvero?" "Certo. Vuoi vederlo sullo schermo?" Chiese Ami prendendo il piccolo visore, televisore o come si chiamava l'apparecchio che teneva nel cinturone. "Non necessario, ti credo." "Ma va! Questo un progresso." "Che cosa?" "Che tu sia capace di credere qualcosa." "Non ti comprendo, Ami." "Il viaggio che hai fatto, non forse stato motivato dai tuoi dubbi?" Pensai un po' prima di rispondere. Ami aveva ragione: avevo messo in dubbio la sua esistenza. Questo mi aveva fatto desiderare di andare a verificare... " vero, ma ne valeva la pena, adesso sorto sicuro che esisti." "E quando me ne andr? Sei sicuro che dopo non penserai che stato solo un sogno?" "Assolutamente. Tu sei reale" gli toccai la spalla. "E prima? Non era reale? Tuttavia, hai dubitato..." "Hai di nuovo ragione. Perch a volte uno ha dei dubbi, Ami?" "Perch la mente funziona a vari livelli, scollegati gli uni dagli altri. A volte un uomo pu essere violento e crudele; altre volte, affettuoso e tranquillo. Se sei a un livello alto, puoi riuscire a vivere cose meravigliose, come incontrare me, comprendere grandi verit o fare dei tuoi desideri una realt... Se sei a un livello basso, non puoi collegarti con i livelli superiori: anche se li avessi conosciuti in precedenza, avresti dei dubbi." "Non accadr pi, Ami, ma perch non sei venuto l'estate scorsa? Io avevo

scritto il libro e..." "E hai pensato che io sarei venuto immediatamente?" Rise "non ti ho dato una data precisa. Devi sviluppare dentro di te la pazienza, la scienza di mantenerti nella pace interiore. L'impaziente non in armonia con l'universo: tutto ha la sua ora, il suo tempo. Inoltre, coi tuoi dubbi violi una serie di requisiti necessari per stabilire un contatto, ma tu sei un caso speciale... anche se a volte dubiti della mia esistenza." "Mi dispiace molto, Ami. Ti ripeto che non succeder pi." Aspir l'aria notturna guardando le luci dello stabilimento balneare situato all'altro lato della baia. "Ma tutto va perfettamente bene nell'universo. Andiamo, devo portarti a fare un giro per la galassia." "Fantastico! Dove hai la tua nave, sotto l'acqua?" "No, qui sopra" indic verso il cielo. Guardai, ma vidi solo stelle. "Non la vedo..." "E invisibile. Andiamo, voglio presentarti una persona." "Non sei venuto solo, questa volta?" "No" rispose tirando fuori uno degli apparecchi dal suo cinturone. All'inizio non mi piacque l'idea di condividere il viaggio con uno sconosciuto: mi sentivo pi in confidenza con lui solo. "Come saliremo sulla nave?" In quell'istante una luce gialla molto forte ci illumin e al tempo stesso mi sentii sollevare in aria. Questa volta non mi spaventai troppo, perch lo avevo gi sperimentato in precedenza. Sopra di noi apparve l' 'ufo' con un'apertura luminosa sotto lo scafo. Poco dopo eravamo in piedi nella nave, sulla piccola rampa di accesso che gi conoscevo. Non potei fare a meno di emozionarmi. "Cosa ti succede?" Chiese ridendo "sei come una vecchia piagnucolona." "Non so... che trovarmi di nuovo qui (snif) cos irreale... ma non fantasia, realt. Grazie (snif), Ami." "Smetti di dire stupidaggini. Se non fosse per i tuoi dubbi, questo ti sembrerebbe perfettamente normale, come sempre stato. Andiamo, qualcuno ci aspetta nella sala di comando. Vieni di qua." Lo seguii senza troppo entusiasmo. Immaginai che un signore con la faccia verde ci aspettasse: a Ofir avevo visto ogni genere di strani esseri. Entrando, vidi una curiosa creatura di aspetto pi o meno umano: un'esile bambina con la pelle chiara, occhi viola e lunghi capelli rosati, ornati da una ridicola farfalla di tela gialla, Indossava una tuta azzurra molto comoda. Mi guard intensamente e con seriet, come se fossi uno strano animaletto. Mi sembr antipatica e decisamente brutta. Ami le parl in una strana lingua, ma gli sentii fare il mio nome. "Ti presento Vinka" mi disse poi "andiamo, salutatevi" ci incoraggi sorridendo. Parl in entrambe le lingue.

Ci guardammo senza troppa allegria n cordialit e mi tese una mano lunga e sottile. Provai una specie di repulsione che quasi mi imped di toccarla, ma per buona educazione gliela strinsi, dopo averle contato le dita di nascosto (erano cinque). Aveva un calore e una dolcezza gradevole... Dissi 'molto piacere' avvicinandomi per darle un bacio sul viso, come si usa fra i bambini e le bambine della mia citt. Lei borbott qualcosa di incomprensibile e ritrasse la guancia sorpresa. Ami era piegato in due dalle risate, ma le spieg nella sua lingua (da quello che seppi dopo), che per me era normale salutare cos. "Nel mio mondo questo non si fa... Questione di usanze" mi disse ridendo. Io ricordai che a Ofir il bacio era molto comune, per questo dedussi: "Allora il suo pianeta non civilizzato." "Hai ragione, lei proviene da un mondo non civilizzato, come la Terra. Bene, sarebbe meglio che riusciste a parlare fra di voi: prendi, metti questo nel tuo orecchio, un traduttore." Ami teneva in mano un piccolo oggetto simile a un apparecchio acustico, ma senza filo. N trov anche uno che si adattava agli occhi viola. "Adesso" disse Ami parlando nell'altra lingua, ma nell'apparecchio io sentivo la traduzione "conversate fra voi." "Ciao" disse l'umanoide. Sebbene le sue labbra emettessero strani suoni, attraverso l'apparecchio io la comprendevo. "Ciao" risposi. "Come si chiama il tuo pianeta?" Mi chiese. "Terra. E il tuo?" Km rispose. Adesso, dopo averla sentita parlare ed essere riuscito a mettermi in comunicazione con lei, non mi dispiaceva pi tanto la sua presenza. "Quanti anni hai, Vinka?" Chiesi. "Duecentoquarantacinque anni" rispose. Io rimasi scioccato: non sembrava essere cos terribilmente vecchia... "Aspettate, aspettate" ci ferm Ami, divertito da quel dialogo "mentre il pianeta Ka fa pi di venti giri intorno al suo sole, la Terra ne fa solo uno, ma in definitiva, avete pi o meno la stessa et." Osservai Vinka molto attentamente: aveva gli orecchi a punta molto graziosi, si adattavano bene ai suoi capelli, sottili come quelli dei pulcini appena nati. "Sicch nel tuo mondo non ci si pu baciare in viso..." "Solo fra innamorati, fidanzati o sposi" spieg "voi sembrate essere molto moderni, sulla Terra." "Non tanto quanto su Ofir." "Cos' Ofir?" "Un mondo civilizzato. Ascolta, Ami, non hai portato Vinka a spasso per l'universo?" "S, ma non a Ofir. Preparatevi, ora vedrete uno spettacolo molto

interessante: la danza della galassia." Lo sollecitammo a spiegarsi meglio. "Bene, voi sapete che le stelle si muovono..." Volevo impressionare Vinka con le mie conoscenze astronomiche: "I pianeti si muovono, ma le stelle sono fisse" dissi. Ami rise un po', prima di spiegare: "Sembrano essere fisse, ma si muovono a grande velocit intorno alla galassia. Adesso andiamo a guardare come se fossimo fuori dalla dimensione spazio-tempo che conosciamo. Da l osserveremo la Via Lattea. Sar come vedere una pellicola molto accelerata, comprendete?" Ambedue dicemmo di s, anche se non sembravamo molto sicuri. "Inoltre, ogni stella emette una vibrazione, muovendosi: l'ascolteremo sotto forma di suono e al tempo stesso percepiremo come risuona ogni corpo celeste della galassia. Andiamo." Ci invit a sederci mentre azionava i comandi. Sullo schermo centrale apparve lo stabilimento balneare: vidi la tenda e l'auto di Victor. Sulla roccia si stagliava nitidamente il cuore alato... "Eccolo l il simbolo! Quando l'ho cercato non sono riuscito a trovarlo..." " stato uno scherzo, Pierre. sempre stato l, ma ti ho ipnotizzato perch non lo vedessi." "Ma come hai potuto ipnotizzarmi? Non ho sentito nessun ordine da te." " stato un ordine telepatico." "Ipnosi a distanza!" Esclam Vinka ammirata. "Deve essere favoloso" dissi, pensando a tutte le possibilit che avrei avuto se fossi riuscito a fare qualcosa del genere. Per esempio, ordinare a un venditore di giocattoli di regalarmi tutto quello che volevo, oppure convincere il professore che il mio compito era perfetto, anche se tenevo davanti al suo naso un foglio bianco. Avrei potuto,.." "Chi disponesse di un tale potere" disse Ami "potrebbe fare trucchi di ogni genere. Per questo, poteri cos grandi sono fuori dalla portata di chi li potrebbe usare per fare il male. La Legge universale dirige questi livelli." Mi sentii autorizzato a ottenere quel potere. "Io conosco quella Legge, l'Amore..." "E credi sia sufficiente solo conoscerla?" "Cosa ci vuole ancora, Ami?" "Metterla in pratica." "Hai ragione: per questo io la metto sempre in pratica." Ci credevo sinceramente, mentre lo dicevo, ma le parole di Ami furono come un secchio d'acqua gelata: "Ti sembra che mandare in rovina un venditore di giocattoli per soddisfare i tuoi capricci sia amore? Ritieni che obbligare una persona ad agire contro la sua volont sia amore? Pensi che ingannare e fare trucchi sia amore?" Ami aveva percepito i miei pensieri, che erano passati cos rapidamente che quasi non me n'ero accorto. Le sue dure parole mi fecero stramazzare sullo schienale della poltrona: era come se mi avesse spaccato in due, mi vergognai. Non riuscivo a parlare, ero completamente privo di energia vitale.

Inoltre, Vinka era stata testimone della mia disonest mentale e della sgridata... In tono molto affettuoso, Ami cerc di consolarmi. "Non preoccuparti, Pierre, lei la tengo in una specie di leggra trance, non ha sentito niente." Questo mi tranquillizz un poco, come il tono affettuoso di Ami, ma non ero ancora capace di muovermi e di parlare. Mi ero sempre considerato una specie di bambino esemplare, ma ora verificavo che con l'immaginazione ero solito tramare cose poco pulite. Ami era riuscito a farmelo notare ed era crollata l'opinione che avevo di me stesso: ero piuttosto disonesto. Non so perch, ma poco a poco cominciai a sentire una gran rabbia nei confronti di Ami. Quest'ira mi dava la forza di sostenermi, cos che non la ostacolai. "Questo l'aspetto peggiore del mio lavoro: a nessuno fa piacere che gli si mostrino aspetti che pensava di non avere, ma se qualcuno non lo facesse, non saprebbe mai di averli e non li ripulirebbe mai. Nessuno cerca mai di superare un difetto che non crede di avere, ma bisogna saper dire le cose poco a poco." Sentii che ogni parola di Ami era un attacco, un'accusa, una condanna, una calunnia. La mia rabbia stava crescendo: chi era lui per venire a condannarmi? Non poteva giudicarmi cos ferocemente per uno scherzo della mia immaginazione. Pensai che non avrei mai usato il potere di ipnotizzare a distanza per scopi malvagi, no, perch non ero mai stato un bambino cattivo, anzi... "Si ripreso il tuo ego?" Chiese Ami ridendo come sempre, ma la sua risata mi sembr sardonica e crudele. "Continui a offendermi?" Il mio era un tono di sfida: "voglio tornare a casa, alla tenda, tutto questo mi ha stancato." Mi alzai, mi ero ripreso, la mia opinione di me stesso era di nuovo buona: solo Ami era ingiusto, una canaglia, un calunniatore... Lo guardai con aria di scherno e dissi: "Tu, il bambino meraviglioso, l'extraterrestre... pur parlando di amore, vantando amore, nel momento della verit sai soltanto condannare i piccoli errori della gente. Tu non hai neanche un po' di amore. Sei un prete falso, che predica, ma non mette in pratica. Da una persona disonesta come te non pu venire niente di buono: per questo me ne vado. Me ne vado!" Ami ascoltava in perfetta tranquillit le mie aggressioni verbali, ma credetti di notare una certa tristezza nel suo sguardo. "So che ti fa male, Pierre, ma per il tuo bene. Scusami." "Non ci sono scuse che tengano, me ne vado." Vinka si svegli. "Non puoi andartene cos presto, Pierre. Vorrei parlare un po' di pi con te, sapere di te, del tuo mondo..." Le sue parole mi sorpresero, mi addolcirono, stavo tornando alla realt.

Sospirai. "Beh, nemmeno io volevo andarmene, Vinka, ma che..." "Cosa c', Pierre?" Chiese, guardandomi dal fondo dei suoi luminosi occhi viola... Era molto bella, ma solo adesso lo notavo... "Perch vuoi andartene, Pierre?" "Andarmene? Io? E dove?" "Hai detto che volevi andartene, perch?" Allora ricordai il 'colpevole'. " che Ami ce l'ha con strane cose, mi ha offeso." "Mi sembra di essermi addormentata, non ho sentito niente. Ami, vero che hai offeso Pierre?" "Dire la verit, offendere?" Chiese lui. "Ho voluto solo fargli vedere che un appoggio al quale si sosteneva era falso. Questo gli ha ferito l'ego, ma gli passer." Mi sembr di cogliere uno sguardo affettuoso negli occhi di Vinka, quando mi disse: "Non andartene, Pierre. Credo che abbiamo molte cose da dirci..." Io sentivo la stessa cosa, volevo sapere tutto di lei. Ami se ne usc con un altro dei suoi scherzi: "Basta coi romanzi d'appendice. Andiamo a vedere la danza della galassia. Voi avete la vostra rispettiva controparte. Credo di aver mostrato a entrambi la vostra anima gemella, in un incontro del futuro: dovete essere fedeli, anche se ancora non l'avete incontrata." curioso, ma provai qualcosa di simile a gelosia, quando seppi che lei aveva un altro ragazzo... "Non pensare male, Ami, con Pierre solo amicizia." " difficile essere fedeli a una persona che non si conosce" considerai. "S che la conosci, anche se soltanto attraverso un'occhiata nel futuro; ma c' un senso, oltre ai cinque che voi conoscete, che permette, fra le altre cose, di percepire, sentire una persona, per quanto lontana si trovi." "Telepatia?" "La telepatia ha a che vedere con i pensieri, il senso di cui sto parlando si collega di pi ai sentimenti. Non hai sentito la presenza della tua compagna, Pierre?" Questo era troppo intimo. "Beh, s. A volte, quando sono solo, di notte, penso che c' qualcuno per me, da qualche parte." "Pensi, o senti la sua presenza?" "In quei momenti... credo di sentirla." "E sei capace di amarla, in quegli istanti?" "Beh, s... non so. Credo... di s." "Allora stai sviluppando quel senso superiore. Per evolvere di pi come persona, dobbiamo farlo. Ci permette anche di percepire le cose spirituali, senza bisogno di utilizzare gli altri sensi o il pensiero. Cos distinguiamo fra persone buone e meno buone, fra verit e menzogna, cos percepiamo il vero

amore e la presenza di Dio." "A Ka ci sono molte persone che non hanno fede in Dio" disse Vinka. "Quando non si ha sviluppato quel senso, necessaria la fede. Poi, non pi questione di credere o di non credere: semplicemente, si percepisce la Sua meravigliosa Presenza. Cos possiamo offrirGli il nostro amore, senza bisogno di vederLo. Questo senso superiore quello che ci permette di percepire la nostra anima gemella ed esserle fedele, anche se ancora non presente." Io pensai alla 'giapponese' del mio futuro, ma non provai niente. Non capivo se non avevo sviluppato bene il senso di cui parlava Ami o se la presenza di Vinka stava creando in me una... un'interferenza. "Bene, andiamo a vedere qualcosa di molto bello, ma prima necessario che non ci siano impurit su questa nave, altrimenti le cattive vibrazioni mentali potrebbero produrre una... un'interferenza..." Ami era stato testimone della mia infedelt mentale nei confronti della 'giapponese'! Mi sentii colpevole. " necessario che tu lasci da parte questo, Pierre." "Va bene, Ami, non lo far pi." "Mi riferisco al fatto che non mi porti rancore..." Cos, si riferiva a questo! Io pensavo si trattasse della forte attrazione che la presenza di Vinka stava creando in me. Fortunatamente, Ami non se ne era accorto... "Amici?" Sorrise tendendomi la mano. "Amici" risposi, senza trovare un solo motivo per non esserlo. Vinka mi aveva fatto dimenticare il mio risentimento. Ci demmo la mano amichevolmente. "Bravo!" Esclam contenta la bambina "adesso andiamo a vedere il concerto delle galassie." "La danza della galassia" corresse Ami "bench sia anche un concerto. Puoi sederti, Pierre."

4. Una danza, cosmica


La nave vibr: una luce gialla molto forte riemp la sala di comando, da gialla divent rosata, pi tardi viola, poi un bell'azzurro chiaro e finalmente bianco abbagliante; poi si spense, lasciando la sala illuminata solo da bei riflessi guizzanti, provenienti dall'esterno. "Guardate attraverso gli obl." Ci alzammo e andammo a vedere. Lo spettacolo faceva rizzare i capelli, era meraviglioso! Una moltitudine di stelle multicolori si stava disponendo in spirali per tutto il firmamento. Ogni particella luminosa si spostava lentamente: questo dava l'impressione di spire di fumo colorate, luminose. Stelle, comete, soli e pianeti, nubi multicolori di qualcosa che sembrava zucchero filato o gas incandescente, splendenti filamenti si tendevano, formando riccioli e si dissolvevano. La gigantesca spirale si stava facendo sempre pi grande. Si espandeva come se avesse vita. Alcuni punti producevano esplosioni di luce molto fugaci, come se fossero lustrini. "Stiamo osservando il movimento della nostra galassia, la Via Lattea. Ora ascolteremo il suono che produce ogni particella in movimento." Ami premette un pulsante nel quadro di comando e la nave si riemp di suoni indescrivibili: ronzii acuti, gravi, sibili, tuoni sordi e prolungati. I bagliori fugaci producevano uno scampanellio che ricordava la lira: il risultato finale era un concerto impressionante. "Cos suona la galassia. Ora aumenteremo la velocit." Premette dolcemente un bottone e tutto quell'insieme acceler in modo incredibile, si estendeva, cresceva. Sempre pi mi sembrava che tutta la galassia fosse un essere vivente, cosciente, un essere che danzava, una scintillante medusa cosmica che tendeva luminose appendici al ritmo della sua stessa melodia. S, perch accelerando il movimento verificai che il concerto e la danza avevano un'armonia melodiosa e un ritmo, una pulsazione, una cadenza, un'oscillazione... "Mio Dio, che meraviglia!" Esclam Vinka emozionata. Le lacrime inumidirono i suoi begli occhi, ancora pi belli e luminosi cos, con i vari colori della galassia danzante riflessi nelle sue pupille, bagnate dallo scintillio stellare... La voce di Ami espresse un sentimento reverenziale: "Qui siamo un po' pi vicini alla prospettiva di Dio, ma Lui si compiace di tutte le galassie che

danzano insieme. Non contempla dall'esterno, come stiamo facendo noi: Lui che danza, trasformato in milioni e milioni di ammassi stellari... Di pi: Lui contempla dall'interno di ogni essere, da quelli straordinari come una galassia, fino ai pi infimi, come noi e quelli ancora pi piccoli. Per amore condivide il Suo meraviglioso Spirito con tutte le Sue creature." Di fronte a quel sorprendente spettacolo, Vinka proruppe in un pianto accorato. Io, con un nodo in gola, mi trovavo in una condizione analoga. Volevo offrirle un appoggio, la abbracciai. Lei pos la testa sulla mia spalla, sentii il suo profumo delicato. Accarezzai la leggera peluria dei suoi capelli, pi soffice della spuma, ornata da quella deliziosa farfalla di tela gialla... "Basta per oggi" interruppe Ami "tutto dannoso, quando in eccesso, compresa la bellezza, Venite." Ci condusse per un braccio ai sedili laterali. Non mi fu facile lasciar andare Vinka... Cosa mi stava succedendo? Seduto, mentre le intense luci illuminavano di nuovo la stanza, mi chiedevo se Ami sarebbe stato capace di mostrarmi qualcos'altro che riuscisse a impressionarmi. Dopo tutto questo, pensai, ogni altra cosa sarebbe stata pallida e fredda. "Niente freddo, quando c' amore nel cuore" disse Ami "guardate fuori." Eravamo di nuovo sopra lo stabilimento balneare. Tutto era come al solito: le rocce, la tenda, le luci, la luna. Questo mi deluse. "Andare cos lontano, fuori dalla galassia, per tornare nello stesso luogo... Io avrei voluto visitare mondi lontani..." Ami sorrise. "Non siamo andati da nessuna parte, siamo sempre stati qui." "Ma io ho visto la galassia dall'esterno!" "Avete visto una proiezione computerizzata di molti miliardi di anni di movimento in pochi minuti, qualcosa come una visione molto accelerata." "Ma le stelle erano l, oltre l'obl!..." "I vetri delle nostre navi servono anche come schermi, sui quali si proiettano o si creano immagini. simile a una pellicola filmata, ma in un sistema iper-reale, tridimensionale. impossibile per voi distinguere una visione registrata da un'altra reale. Guardate." Ami effettu delle manovre sul quadro di comando. Immediatamente il panorama al di l dei vetri cambi: la notte si trasform in giorno... il sole cominciava a nascondersi nel mare vicino. Apparve un bosco, il luogo mi sembrava conosciuto... "Osserva bene, Pierre," Riuscii a vedere un uomo che si avvicinava in mezzo al fogliame. " il cacciatore!" Esclamai sorpreso. Nel mio viaggio precedente eravamo stati in Alaska. Ci eravamo andati allo scopo di essere avvistati da quel cacciatore, secondo le istruzioni di un 'super-computer' situato al centro della galassia, che ha il compito di coordinare i movimenti di tutte le navi dei mondi civilizzati.

In quell'occasione, l'uomo si era spaventato nel vedere il nostro 'ufo' e ci aveva puntato contro il suo fucile. Adesso stava accadendo la stessa cosa. " una registrazione. Tutto quello che appare attraverso i nostri obl rimane registrato, poi possiamo rivedere le immagini in qualsiasi momento, con la stessa nitidezza della realt." Mi sembrava impossibile che quella fosse una registrazione video: gli alberi erano l, l. L'uomo, il cielo... ma questo era successo quasi due anni prima... Quando l'uomo punt la sua arma, come la volta precedente sentii l'impulso di nascondermi, ma mi fermai: invece Vinka corse a nascondersi dietro un sedile. Ami e io ridemmo. " una registrazione, Vinka. Osservate" manovr sul quadro di comando e apparve di nuovo la spiaggia di notte. Immediatamente dopo ravamo di nuovo in Alaska: questa volta il cacciatore non ci aveva ancora visti, stava scendendo ignaro il sentiero, ma subito ci scorse e voleva attaccarci. "Adesso lo vedremo al rovescio" l'uomo camminava all'indietro... "Vieni a vedere, Vinka, molto comico." Lei venne a guardare il nostro amico che giocava con l'immagine del cacciatore. "Come si pu sapere quando un'immagine reale o quando una registrazione?" Chiesi. "Gli esseri viventi emettono delle energie che io percepisco attraverso il senso di cui vi ho parlato, le registrazioni no." Tornammo alla spiaggia, ma questa volta non era ancora notte... "Osserva, Pierre" mi raccomand Ami. Quando lo feci, quasi caddi all'indietro: l c'ero io stesso! Scendevo dalla macchina di Victor: la mia gioia era evidente, ma la cosa pi sorprendente fu guardare me stesso per un istante. Cio voglio dire che guardai verso l' 'ufo', ma non lo vidi. "S, lo hai visto, ma con il senso che stai sviluppando. Con questo potere interno l'invisibilit delle nostre navi non funziona,.." Ami fece apparire nuovamente la galassia danzante. "Se noi abbiamo piccoli poteri, immaginate quelli che potr avere questo meraviglioso essere che stiamo osservando..." Vinka sembrava confusa. "Una galassia non un essere." "Cos', allora?" Chiese Ami con un sorriso. " una cosa, un ammasso di stelle, ma non ha vita." "Non ha vita!" Ripet, come chi ha sentito uno sproposito "se una cellula del tuo fegato potesse uscire e vederti, secondo le vostre unit di tempo, in una frazione di secondo, direbbe che tu sei una massa inerte, qualcosa di strano, senza membrana, cellulare, senza nucleo, comprendi?" "Credo di s, allora?..."

"Allora, la galassia un grande essere del quale siamo particelle microscopiche, un essere infinitamente pi cosciente e intelligente di noi." Questo mi sembr assurdo. "Intelligente?!" "La stessa sorpresa dimostrerebbe una cellula dell'unghia del tuo dito mignolo, se un'altra cellula le dicesse che tu sei intelligente. Tu, quella massa morta, che vive soltanto per dare origine 'alla pi grande creazione dell'universo': la cellula dell'unghia del dito mignolo della mano destra di Pierre." Credo di non aver compreso la spiegazione, ma la risata di Ami era contagiosa. Lui cominci a mostrare a Vinka alcune scene del nostro viaggio a Ofir: quando apparve il luogo nel quale la gente proiettava la sua immaginazione su uno schermo, lei manifest la sua ammirazione. "Voi avete un livello scientifico e delle conoscenze impressionanti!" "Paragonate a quelle del vostro mondo, pu darsi, ma a noi interessa di pi il livello spirituale: questo l'essenziale, il resto solo un mezzo, non un fine. Utilizziamo la scienza per offrire maggior soddisfazione alle persone, ma non dimentichiamo che la massima felicit si ottiene dalla spiritualit. Uno potrebbe essere padrone di un mond intero, dominare grandi conoscenze tecnologiche, ma se nella sua testa regna l'ignoranza per le cose dello spirito e nel suo cuore non c' amore, la sua vita sar pi miserabile di quella di un accattone." "Perch?" "Perch l'amore la fonte della felicit." "Hai ragione, Ami" disse Vinka guardandomi di sfuggita. Poi abbass lo sguardo arrossendo un po'. Ami percep la situazione e scoppi a ridere. "Non si tratta solo di romanticismo, ma di vivere nell'amore, di amare la vita, la natura, l'aria che si respira, amare il Creatore perch ci offre la splendida opportunit di esistere, amare tutte le persone, tutte le manifestazioni della vita." Mentre Ami parlava, Sentivo che aveva pienamente ragione: le sue parole accendevano in me i sentimenti che esprimevano. "Quando si possiede il dono di amare, la felicit sempre presente, anche se i nostri beni materiali sono scarsi. Se cercheremo soltanto l'amore, otterremo tutto il resto in sovrappi, ma se cercheremo solo i beni materiali, forse li otterremo, ma non otterremo sempre la felicit, perch la felicit il frutto dell'amore." Vinka sembr aver compreso. "La felicit si compra con l'amore." Ami, con la gioia negli occhi disse: "Hai ragione. La felicit si raggiunge a forza di amare." "E l'amore? Con che cosa si compra l'amore?" Chiesi. "Buona domanda. Sai la risposta, Vinka? Sai come si ottiene l'amore? Sai

qual il prezzo dell'amore?" "Credo non debba essere qualcosa di materiale." "Certo che no: l'oro non si compra con la latta. Andiamo a conoscere una persona interessante, abita nel tuo mondo, a Ka. Questa persona pu dirvi come si ottiene l'amore." "Evviva!" Manifestai il mio entusiasmo non tanto per come ottenere l'amore, ma perch stavo per conoscere un mondo non civilizzato... Pensandoci, un dubbio attravers la mia mente. "Ami, come far a sapere se quello che vedr la realt o una registrazione? Forse tutto quello che ho visto a Ofir era registrato..." "Sempre cos pieno di fiducia e di fede" scherz. Mi vergognai. " che..." "Impara ad aver fede, Pierre. Quello che hai visto a Ofir era realt e anche quello che vedrai presto. Dovresti avere fiducia in me, io non sono solito mentire." "Mai?" Vinka era interessata da questo argomento. Ami cerc il modo migliore di spiegare qualcosa di complesso. "Sapete, a volte non conviene mostrare troppa luce a chi abituato all'oscurit... Potrebbe abbagliarlo, accecarlo. Cos come non utile mostrare oscurit molto grandi a chi vive abituato alla luce... Potrebbe morire di spavento." Gli dicemmo che non avevamo capito bene. "Eccesso di oscurit o di luce impedisce di vedere. A volte conviene parlare ai bambini della cicogna." "Cos' la cicogna?" Chiese Vinka. "Quella che porta i bambini da Lutis, secondo la tradizione di Ka." "Ah, ma questa una stupidag..." "...Pi tardi parleremo loro di un semino nella pancina. Solo quando il bambino un po' pi grande possiamo spiegarglielo chiaramente." Volevo approfittare dell'occasione per chiarire alcuni dubbi. "E meglio che me lo spieghi adesso: ho un vero imbroglio al riguardo." Vinka si entusiasm. "Anch'io!" Ami rise di noi fino alle lacrime, tanto che contagi anche noi. "Ogni cosa a suo tempo" disse alla fine il nostro amico "tutto alla sua ora e alla sua et. Per comprendere l'algebra bisogna saper sommare e sottrarre." "Noi sappiamo sommare e sottrarre" protest Vinka, un po' offesa. Ami si divertiva ancora di pi. "Non mi riferisco a quelle somme e sottrazioni" guard verso l'alto, come cercando un esempio "vediamola in questo modo, allora: per comprendere la teoria della spiralit della ripercussione multidimensionale degli avvenimenti, necessario prima comprendere la teoria della relativit... Come vi trovate con questo argomento?" Chiese, osservandoci molto interessato. Io e Vinka ci guardammo: le nostre facce sembravano un grande punto

interrogativo. Ci mettemmo a ridere tutti e tre.

5. Il difetto principale
"Questo lo posso capire" dissi, sapendo che lui percepiva i miei pensieri "ma l'altro no, quello di non mostrare oscurit a chi abituato alla luce." Vinka intervenne, provocando in me una grande sorpresa. "Potrebbe morire di spavento." "Tu, tu comprendi il senso di questo?." "No." "Allora...?" "Ho ricordato semplicemente le parole di Ami, lo ha detto lui. Cosa volevi dire, Ami?" "Che se una persona non conosce certe miserie della vita, meglio non mostrargliele all'improvviso, ma gradatamente. La vista di un cadavere, per esempio." "Beh, questo non poi cos terribile" disse Vinka, ostentando coraggio. "E decomposto...?" "Che orrore!... Adesso capisco." "A volte si riferisce a oscurit interiori..." Talvolta Ami era snervante. "Smetti di fare il misterioso e spiegaci bene, per favore." "Bene, molte persone hanno una splendida opinione di se stessi, non sono capaci di vedersi certi difetti. A volte sono gravi, ma succede sempre che difetti che noi non vediamo in noi stessi, sono proprio quelli che pi condanniamo negli altri. Se all'improvviso ci mostrano questo difetto ignorato, possiamo morire per l'impressione. Conoscete la storia del nano deforme che era felice credendosi molto bello?" "No." "Non si era mai guardato in uno specchio. La prima volta che lo fece, cominci la sua tragedia... Comprendete?" Questa volta dicemmo di s. "L'ego, questa parte brutta di noi, che ci allontana dall'amore, ha un pilastro d'appoggio, una radice che gli d stabilit." "Qual questa radice?" "Il nostro principale difetto. Tutti abbiamo un difetto principale, ma come le radici di un albero nascosto, non facile per noi vederlo. pi facile che gli altri lo scoprano, ma se ce lo mostrano all'improvviso, pu succederci come al nano che si credeva bello. Se d'un tratto il nostro povero ego resta senza appoggio, senza radici, semplicemente possiamo morire..." Questo non concordava con le mie opinioni. "Io penso che se restassimo senza ego saremmo felici: puro amore,.." "S, ma non si pu togliere subito il salvagente a chi non sa nuotare..."

"Ancora qui coi tuoi misteri. Cosa vuoi dire?" "Che a certi livelli di vita l'ego una protezione, una specie di salvagente; ma se vogliamo salire a livelli pi alti, non possiamo entrare l con questo pesante 'salvagente', con questo ego: dobbiamo imparare a nuotare. Arriva il momento nel quale si deve scegliere: una cosa o l'altra..." "Cosa significa in questo caso 'imparare a nuotare'?" "Significa imparare come regolarsi nella vita, in sintonia con le leggi universali. Se viveste nell'amore, non avreste bisogno di nient'altro, ma voi non sapete nemmeno come si ottiene: per questo andiamo a Ka." Gli chiesi se conosceva il mio difetto principale. "Naturalmente" rispose ridendo " pi brutto di una 'mambachd" "Una che...?" "Mambacha'... Un esemplare piuttosto brutto di un mondo preistorico." Vinka esit un po' prima di chiedere: "Anch'io ho un difetto bestiale?" "Principale" corresse Ami sorridendo. "Naturalmente. Se non ne avessi uno brutto come una 'chachaca' (questo un altro animaletto di quel mondo), non saresti in missione a Ka..." "Io, in missione? Che missione, Ami?" "Quale il mio difetto principale, Ami?" Chiesi nel frattempo. Il bambino delle stelle emise una risatina soave come il gorgoglio di un bimbo. "Andiamo con ordine, non posso rispondere a due domande per volta. Prima, quella del difetto, poi quella della missione che ognuno di voi realizza nel suo rispettivo pianeta..." "Missione, io? Quale missione, Ami?" "Adesso le domande sono tre" rideva. "Non posso dirvi i vostri difetti principali, perch non siete pronti a sopportare questa brutta e inattesa verit: non posso lasciarvi senza 'salvagente', tuttavia, devo mostrarvi a poco a poco difetti secondari, derivati dal principale. Questo lavoro molto delicato e doloroso per tutti e tre. Poco fa ti ho mostrato qualcosa di brutto su di te, vero Pierre?" "Ah, 'la calunnia'," dissi irritato, ricordando le accuse di Ami. Lui rise di nuovo. "La reazione di autodifesa sempre la stessa: 'calunnia', 'cattiveria', 'offesa', 'accusa', ma il colpo gi stato dato. La coscienza ha visto, si prodotta un'incrinatura in un ramo dell'ego. Poco a poco un difetto secondario finir per essere superato: una volta che avremo visto e accettato, potremo gi lottare contro di lui... bench a volte questa accettazione ritardi un po'," disse guardandomi "cos ci stiamo avvicinando al difetto principale, ma al tempo stesso stiamo imparando a 'nuotare'." "E adesso, quella della missione" disse Vinka impaziente. Non comprendevo molto di quello che Ami diceva dei miei difetti e del

mio ego, ma intuivo che continuava a offendermi e questo non mi piaceva. "Quello che ho detto, vale per tutte le persone e non unicamente ed esclusivamente per Pierre" aveva percepito il mio pensiero e questo lo faceva ridere. Vinka non si dava per vinta. "E adesso, quella della missione... Che missione abbiamo, Ami?" "Hai scritto il libro come ti avevo chiesto, vero?" "S" rispondemmo Vinka e io. "Cosa? Anche tu?" dicemmo in coro. "Tutti e due avete scritto un libro che racconta i vostri rispettivi incontri con me" disse Ami, divertito della nostra sorpresa. Guardai Vinka con curiosit. "Come si intitola il tuo?" "Ami, il bambino delle stelle" rispose. "Questo plagio!" Esclamai molto seccato. Ami, come al solito, stava morendo dal ridere. "Perch plagio?" Lo sguardo di Vinka sembrava innocente. "Perch questo il titolo del mio libro, quello che ho scritto io." "Che bella coincidenza! Di cosa parla il tuo?" "Beh, del mio incontro con Ami, della mia nonnina..." "Anche il mio parla del mio incontro con Ami, ma io non ho nessuna nonnina. Io sono stata a Devashtan, un mondo civilizzato. Ho visitato Rukna, Filus e un mondo color..." "Silenzio!" Ordin Ami, sentendo un suono acuto che proveniva dal quadro di comando: una luce rossa scintillava." "Allarme rosso, magnifico!" Vinka si spavent. "Come pu ssere magnifico il fatto che suoni un allarme? Che significa?" "Che si avvicina un movimento sismico: che grande opportunit!" "Un terremoto?" Chiesi con grande inquietudine. "S, sulla Terra, ma lo ridurremo a un tremore. Andiamo, voglio che lo vediate. Torneremo sulla Terra, vedremo i lavori di protezione e poi andremo a Ka." "Vuoi dire che voi potete evitare i terremoti?" Chiesi con grande curiosit. "Solo alcuni, solo a volte. Lo vedrai. Molte navi della Fratellanza sono assegnate a questo tipo di lavoro di protezione." "Quale Fratellanza?" "La Confraternita dei Mondi Civilizzati" rispose Ami azionando i comandi. Mi grattai la testa. "Questo complica tutto" Vinka era d'accordo. " naturale: questo secondo viaggio un altro corso per voi, pi avanzato, ma andiamo con ordine. Eravamo al discorso delle vostre missioni. Dovete sapere che voi non siete originari dei vostri pianeti di nascita. Tu Vinka non

sei di Ka e tu Pierre non sei terrestre." Si accomod meglio, dicendo questo, per divertirsi a vedere le nostre facce. "Questo non possibile" protest Vinka "io sono nata a Ka, ho il mio certificato di nascita. Mia zia Clorka ha detto che mi cambiava i pannolini..." "Io sono nato sulla Terra: la mia nonnina..." Ami ci interruppe sorridendo. "E vero, siete nati in quei mondi, ma non siete originari di l..." "Questo non chiaro" dissi "se qualcuno nasce in un luogo, originario di l..." "Non necessariamente: voi siete nati in mondi non civilizzati, ma le vostre anime provengono da mondi della Fratellanza. Voi state solo compiendo una missione in quei pianeti non civilizzati..."

6. La missione.
Una volta ripresi dalla sorpresa, Ami si prepar a spiegarci molte cose. "Presto nei vostri pianeti accadranno cose piuttosto sgradevoli..." "Quali cose, Ami?" "Molti cambiamenti geologici, meteorologici, biologici, cataclismi, piaghe, oltre a nuove malattie che milioni di persone contrarranno, ma che non colpiranno coloro che manterranno una certa purezza interiore..." "Per quale motivo accadr tutto questo?" Chiese Vinka con gli occhi sbarrati. "A causa di due fattori. Primo, che la scienza stata utilizzata in modo distruttivo nei confronti della natura e questo sta producendo squilibri molto gravi. Anche le radiazioni mentali negative che emettono gli esseri umani si accumulano pericolosamente in una cappa di energia psichica che circonda i vostri mondi. Tutto questo sta ammalando gravemente quei due esseri viventi che sono la Terra e Ka. Il secondo fattore non ha a che vedere con la partecipazione umana: si tratta dello sviluppo evolutivo naturale dei vostri pianeti." L'interesse di Vinka si attenu. "E da che mondo civilizzato provengo io, Ami?" "Andiamo per gradi, sto rispondendo alla tua prima domanda. Questo processo, che dovrebbe essere naturale, stato accelerato prematuramente dalle cattive azioni, dai sentimenti e dai pensieri umani. I cambiamenti, che dovrebbero essere dolci, saranno distruttivi, violenti, a meno che la gente non cominci a vivere in sintonia con l'armonia universale. Si pu fare ancora molto per diminuire le perdite di vite, o la rovina totale..." "La fine del mondo?" "O l'inizio: dipende proprio da voi. Se non riuscirete a superare questa prova finale, se non cambierete, sar la fine, vi autodistruggerete; ma se vi unirete e comincerete a vivere come Dio comanda, allora sar l'inizio di un vero paradiso." "A voi non costerebbe niente aiutarci per evitare la distruzione..." disse Vinka in tono di rimprovero. Ami, allegro come sempre, rispose: "Vi ho gi spiegato che non possiamo intervenire in modo massiccio e aperto: lo impedisce una legge universale che dobbiamo rispettare. Vi piacerebbe che un allievo pi avanzato desse gli esami a scuola per voi?" Questo mi entusiasm. "Sarebbe fantastico! Non dovrei studiare niente, avrei buoni voti e..."

"Questo sarebbe un trucco" Vinka fece un gesto di rimprovero che Ami non prese molto sul serio. "Inoltre, se tu volessi passare al corso successivo, non capiresti niente, saresti un disturbo per i tuoi compagni e per tutta la classe... Per di pi, perderesti l'orgoglio legittimo di essere riuscito a salire di livello grazie al tuo sforzo personale." "Hai ragione, Ami" dissi con vergogna. Anche Vinka aveva compreso. " vero, sarebbe brutto se voi faceste tutto per noi." "Sarebbe brutto anche se non facessimo niente: non si pu lasciare che un bambino corra verso un precipizio senza aiutarlo per evitare che cada. Forse non ci permesso trattenerlo, ma possiamo avvertirlo che sta percorrendo una cattiva strada. proprio questa la missione che voi svolgerete." "Non capisco molto bene..." dissi. "Io s" disse Vinka. "Allora, spiegamelo per favore." "Ci incarniamo in mondi non civilizzati per aiutarli a evitare che si distruggano." "Perfetto!" Esclam Ami "come lo hai capito, Vinka?" "Non so..." " il senso di cui vi ho parlato: ci sono cose che si presagiscono, bastano due o tre dati e il resto chiaro." Vinka torn alla carica. "Allora, da che mondo provengo io?" "Questo ha poca importanza. Non serve a niente tornare al passato: il meraviglioso nel presente." "Ma mi piacerebbe molto visitare il mio pianeta d'origine, il mio vero focolare..." "Quando l'amore ci rivela il senso dell'esistenza, tutto l'universo il nostro focolare e tutti gli esseri sono nostri fratelli" disse Ami "voi fate parte di una missione di pace che sta arrivando ai vostri pianeti per servire da appoggio e da collegamento nel compito di trasformare, civilizzare, umanizzare i vostri mondi; per far s che smettano di essere teatro di guerre, competizioni, ingiustizie e divisioni, perch si trasformino in luoghi di pace, di fratellanza, di allegria e di amore come il resto dell'universo civilizzato." Un'ombra oscur lo sguardo di Vinka. "Quando penso ai terri, mi sembra che a Ka questo sar impossibile." "Chi sono i terri?" Chiesi. "Nel mondo di Vinka" spieg Ami "esistono due specie umane: una quella degli swama (lei appartiene a questa), l'altra quella dei terri. Questi ultimi sono divisi in due fazioni che si combattono continuamente: i terri wacos contro i terri zumbos. I terri sono degli esseri umani piuttosto bellicosi..." "Non sono umani!" Protest Vinka, visibilmente alterata "sono scimmie! Sono scimmie intelligenti."

"Scimmie intelligenti?" Non capivo "come pu una scimmia essere intelligente?" "Sono molto intelligenti, astuti, ma non hanno bont. Sono criminali, bugiardi, cinici, disonesti, immorali, materialisti e tiranni" Vinka era molto arrabbiata. Sentendola, Ami si mise a ridere e disse: "Che scarica di fiori! Ma fai male a parlare cos dei tuoi fratelli: dovresti comprendere, invece di giudicare. Non tutti i terri sono come dici tu. Alcuni hanno un livello superiore a settecento gradi." Ami si riferiva al livello di evoluzione. Aveva un apparecchio con lo schermo capace di vedere il grado di luce spirituale di qualsiasi persona o animale: lo chiamava 'sensometro'. Disse che bastava 'misurare' settecento gradi per essere riscattati dagli extraterrestri nel caso si fosse prodotto un disastro irrimediabile. A settecento gradi una persona gi sufficientemente buona per meritare di vivere in un mondo civilizzato. Quella volta non aveva voluto dirmi quanto 'misuravo' io, perch, se la mia evoluzione fosse stata bassa, avrei potuto demoralizzarmi e se fosse stata alta avrei potuto inorgoglirmi e se una persona diventa vanitosa, l'ego cresce e le sue 'misure' calano. Non mi interessava molto l'argomento dei terri, volevo saperne di pi delle 'misure'. Cercai di cavargli qualche informazione al riguardo. "Allora Vinka e io dobbiamo avere una quantit favolosa di

'gradi'..."
"Perch, Pierre?" "Perch proveniamo da mondi civilizzati..." "Ti ho gi detto che molte persone del tuo mondo 'misurano' pi di me: la differenza che loro non sanno quello che so io, non sono stati educati in ambienti adatti e non stata data loro l'informazione adeguata; ma le loro anime, in molti casi, hanno livelli molto alti e non provengono necessariamente da mondi civilizzati. I missionari come voi, durante le loro vite precedenti, hanno commesso degli errori, delle mancanze contro l'amore. Dato che questi errori si devono pagare con il servizio, stata data loro la possibilit di scegliere il tipo di lavoro che avrebbero dovuto svolgere per purificarsi. Voi avete scelto liberamente il compito che state eseguendo." "Che mancanza ho commesso io?" Chiedemmo contemporaneamente. "Questo non ha importanza. Non si deve mai ritornare sugli errori del passato, che siano propri o altrui. Se voi vi dedicate con sforzo ad adempiere alla promessa che avete fatto, diventerete puliti e brillanti. Poi potrete ritornare a un mondo buono e fraterno, quando avrete portato a termine la vostra missione, che consiste nell'aiutare a civilizzare i vostri mondi per evitare che scompaiano." "Nel mio pianeta non ci sono i terri" dissi "ma mi sembra comunque un lavoro quasi impossibile. Come potremo fare qualcosa?"

"Non sar cos impossibile come sembra. In primo luogo, gli avvenimenti che si avvicinano vi aiuteranno, perch molti comprenderanno che non possono continuare cos. In secondo luogo, le persone che aspirano a un cambiamento positivo costituiscono la stragrande maggioranza, hanno solo bisogno di orientamento. In terzo luogo, ultimi proprio per questo, ci sono i missionari come voi... Sono migliaia e migliaia." "Migliaia e migliaia!" "Una vera 'invasione extraterrestre', ma a scopo di pace. Sono da tutte le parti, in tutti i lavori, in tutte le imprese, vicino alla stampa, alla radio, alla televisione, nelle cariche pubbliche... In ogni luogo ce n' almeno uno." " incredibile!" Esclamammo, perch noi non ne conoscevamo neanche uno. "Come si possono riconoscere?" "Dalle loro opere. La gente si riconosce sempre dalle sue opere e i missionari sono sempre in luoghi nei quali prestano servizio." "Esiste qualche sistema per riconoscerli fisicamente?" "Nessuno. Solo dai loro frutti, tutti parlano con le loro opere." "Non va contro la legge che vieta di intervenire nei mondi non civilizzati, il fatto che tanti esseri provenienti da mondi superiori stiano dando il loro aiuto?" Chiesi. "C' una misura lecita. D'altro canto, voi non ricordate l'informazione che avevate prima, almeno non coscientemente." Pensando a tutto questo, mi sembrava impossibile di essere venuto da un mondo migliore della Terra. "Ami, tu dici che io provengo da un mondo civilizzato, ma riconosco che ho molti difetti: invece la gente che ho visto a Ofir era molto superiore a me..." "Beh, che hai un difetto brutto come una 'mambacha'," rise "inoltre, l'ambiente non civilizzato ti ha deformato ancora di pi; ma col servizio disinteressato potrai recuperare e superare il tuo livello precedente. Poco a poco, ti allontanerai dal tuo lupo interiore." "Cos' un lupo?" Chiese Vinka. "Un animale simile a un chug, ma con il pelo invece delle piume" rispose Ami. Stupidamente mi trovai a chiedere: "Che cos' un chug?" "Un animale simile al lupo, ma con le piume invece del pelo" rispose Ami ridendo a crepapelle.

7. Il Comandante.
Attraverso gli obl apparve il mio pianeta azzurro, con le sue nuvole bianche, i suoi mari, i suoi boschi e i suoi deserti. La Terra si ingrandiva rapidamente, stavamo scendendo nella parte oscura, dove c'era notte. Si vedevano macchie luminose: erano citt, ma 'al rovescio', la citt 'sopra' e le stelle 'sotto', ma dentro la nave io sentivo che il vero 'sotto' era il pavimento del veicolo. "Abbiamo una gravit artificiale" spieg Ami "adesso andiamo a vedere come si organizzano i nostri amici per evitare un grande terremoto." Avanzammo sopra il mare illuminato dalla luna, o per meglio dire 'sotto' il mare, perch eravamo ancora al rovescio. Distinsi le luci di una citt costiera pi i n l. "Questo il punto" disse Ami, osservando uno schermo laterale "entriamo". Tutto si oscur al di l dei vetri. "Andiamo vers il fondo. Guardate su questo schermo per vedere meglio." Come nel viaggio precedente, lo schermo di fronte a noi mostrava con chiarezza tutto quello che c'era intorno, malgrado l'oscurit che regnava. Ami raddrizz la nave: mi sembrava di volare sopra la Terra. L sotto si vedevano montagne e valli molto aride, ma quando vidi che di tanto in tanto incontravamo gli 'uccelli' del luogo, cio pesci, balene, branchi di sardine, mi ricordai che eravamo sotto l'acqua del mare, bench tutto fosse trasparente come nell'aria. " molto bello, Ami" disse Vinka. "Tutto bello, in ogni istante... per chi lo sa vedere." Sul fondo, da lontano, apparve un oggetto allungato, come un sigaro in posizione orizzontale. Si ingrandiva rapidamente. Molto presto mi resi conto che si trattava di un'imponente nave spaziale sommersa sotto le acque, sospesa vicino al fondale: era impressionante, sembrava una citt gigantesca. Quando ci avvicinammo, non fu pi possibile vedere i suoi contorni, si stavano facendo confusi, da quanto erano lontani. Migliaia e migliaia di obl illuminati indicavano che c'erano decine di piani o livelli. "Mio Dio, cos' questo?!" Esclam Vinka con gli occhi sgranati. " una nave madre, la pi importante di quelle che partecipano al piano di aiuto alla Terra. Per qualche strana circostanza discesa, normalmente nello

spazio. E una specie di 'portaerei', solo che invece di aeroplani trasporta navi spaziali; pu anche ospitare vari milioni di esseri umani. Deve mantenersi sempre vicina... Non si sa mai quando sar necessario salvare molta gente. L viaggia il Comandante di tutto il piano di aiuto alla Terra, abita permanentemente in questa nave. Vedremo perch qui." Ami manovr sul quadro di comando: apparve il viso di un uomo sullo schermo. Compresi subito che quell'essere non era terrestre, perch il suo aspetto ricordava le immagini dei grandi Maestri dell'umanit. La sua serenit interiore traspariva dai suoi lineamenti, molto pi belli di quelli consueti dei terrestri. Quella tranquilla felicit, quell'armonia, quella dolcezza e pace... neppure a Ofir ero riuscito a vedere un viso come quello: tuttavia, sembrava un vero terrestre, per quello che riguardava le sue fattezze, tranne per lo sguardo, per gli occhi straordinariamente grandi e pieni di bont. Sentii un'immediata simpatia per quell'essere. "Vi presento il nostro fratello Comandante." L'uomo dello schermo ci salut in una strana lingua, ma nell'auricolare ricevetti la traduzione. "Benvenuti alla nostra nave, Vinka e Pierre. Io sono incaricato della supervisione di tutto il piano di aiuto al pianeta Terra. "Mo-molto piacere" dicemmo intimoriti. Un tenue sorriso illumin il suo volto quando disse: "Vi aspetto con affetto alla mia dimora" la sua immagine sfum. Guardai attraverso i vetri, ci stavamo avvicinando a un'apertura sotto la gigantesca nave. Entrammo verticalmente e arrivammo in un recinto non molto grande e perfettamente asciutto. Altre navi, piccole come quella di Ami, erano parcheggiate l. Mentre atterravamo, riuscii a vedere che una saracinesca chiudeva l'apertura dalla quale eravamo entrati. Ami si alz in piedi. "Scendiamo." "Vuoi dire che usciremo all'esterno?" "Naturalmente, andiamo a conoscere il Comandante." Avrei voluto fare un milione di domande, ma non c'era il tempo, perch Ami ci condusse verso l'uscita. Quando si apr la porta, questa volta c'era una scala. Mentre scendevamo, vidi che la nostra nave era appoggiata su tre gambe: quella era la prima volta che 'atterrava' con me a bordo, prima era sempre stata sospesa nell'aria. Andammo verso una porta e quando arrivammo l, si apr. Apparve un lungo corridoio luminoso, il soffitto altissimo era concavo; aveva luce propria, emanava un delicato color crema. Il pavimento, di un materiale soffice e morbido, simile a gomma, mandava anche lui una luce di un bell' azzurro chiaro; le pareti sembravano fatte di un metallo leggero e opaco: varie porte di grandi dimensioni completavano il panorama. Alcune di esse avevano delle scritte luminose a caratteri a me sconosciuti. " la lingua della Fratellanza" spieg Ami.

"Io pensavo che ogni mondo avesse la sua." "Ce l'ha, ma usiamo anche un linguaggio comune per comprenderci tutti, specialmente per iscritto. una lingua artificiale e tutti dobbiamo studiarla da bambini: ci pi facile scriverla che parlarla." "Perch?" "Perch non tutte le specie umane hanno la stessa forma della lingua, della gola e delle corde vocali; per alcuni pi facile emettere certi suoni, ad altri riesce difficile. come per i cinesi, che fanno fatica a pronunciare la lettera erre." "Chi sono i cinesi?" Chiese Vinka. "Un popolo del mio mondo, che hanno gli occhi cos" me li tirai per spiegarle. "Che belli!" Disse. Ridemmo tutti e tre. Arrivammo alla fine del corridoio, di fronte a noi c'era una porta abbastanza larga: si apr, era un ascensore ed entrammo. Cercai una pulsantiera, ma non c'era. Ami disse semplicemente 'Comandante' e la porta si chiuse. Percepimmo un leggero movimento, salivamo, ma improvvisamente avanzammo in senso orizzontale. Pi che un ascensore, quello era un veicolo che poteva andare in varie direzioni. "Questa nave emette delle radiazioni che uccidono tutti i germi che si trovano nell'aria o in qualsiasi superficie: per questo non c' il pericolo che i vostri microbi infettino i membri dell'equipaggio. Inoltre, voi sarete... per dirlo in qualche modo, 'disinfettati', prima di entrare in qualsiasi mondo della Fratellanza." Si apr la porta, ma non era quella dalla quale eravamo entrati, era un'altra, alle nostre spalle. Apparve un salone bello come un sogno: era decorato con piante naturali di vari tipi e colori. Non so perch, ma non avrei mai immaginato che ci fossero piante in una nave spaziale... Una serie di sorgenti di luce nascoste, di diverse tonalit, producevano un'atmosfera giallo-dorata. Varie zone del salone erano divise da cristalli. Vidi una fonte con un corso d'acqua che imitava una cascata canterina scendendo tra pietre, muschi e alghe naturali e ci saltellavano alcuni pesci e altri animaletti a me sconosciuti. Vinka non riusc a nascondere la sua emozione: " squisito!" "Le anime evolute hanno bisogno di circondarsi di bellezza" spieg Ami "e niente pu essere pi bello della natura." Ci condusse dentro. A sinistra, dietro un corto corridoio c'era in piedi ad aspettarci l'uomo che avevamo salutato dallo schermo: il Comandante. Dietro di lui vidi un enorme finestrone che dava su un ruscello che correva leggero fra pietre e vegetazione; in fondo, un sole azzurro si nascondeva fra le colline... Non capivo se quello era un paesaggio artificiale, costruito in un grande reparto della nave o se si trattava di qualcos'altro. Pi tardi Ami ci spieg che al Comandante piace ricordare i paesaggi del suo mondo d'origine, per questo si sintonizza su scorci della natura che ha lasciato dietro di s: quel

grande finestrone, in sostanza, era uno schermo. Vestiva di bianco, portava un abito simile a quello di Ami, ma pi comodo, che lasciava scoperti il collo e una parte del petto. La sua statura era impressionante: non doveva misurare meno di un metro e novantacinque. Sembrava irradiare uno splendore... pareva brillare... Ami ci fece avvicinare a lui. Io avanzavo pieno di rispetto, di timore quasi, perfino di vergogna... che io sapevo, grazie a Ami, di essere pieno di imperfezioni. Quell'essere, invece, era circondato da un alone di tale purezza, che io in confronto ero a livello di un maiale... almeno cos mi sentivo. Parl con voce dolce e rasserenante: "Paragonarci a volte ci aiuta, altre ci danneggia." Per di pi... come Ami, captava i pensieri... Vinka era caduta in una specie di trance, alla presenza del Comandante. Avanz verso di lui, gli prese la mano, la baci e cerc di mettersi in ginocchio. "Non farlo" disse sollevandola per un braccio "io sono un servitore come te, fratello tuo e di quelli che amano Dio. Solo davanti a Lui l'essere umano pu prostrarsi." Impressionata da quell'essere, Vinka aveva le lacrime agli occhi. "C' sempre qualcuno pi in alto e pi in basso di noi. Di chi sta sopra dobbiamo ascoltare i consigli, chi sta sotto dobbiamo guidarlo. Io eseguo le istruzioni del mio fratello maggiore." " 'Sopra' e 'sotto' in questo caso indicano il livello evolutivo" spieg Ami. Il Comandante si diresse verso un mobile molto moderno, dalle linee aerodinamiche: sembrava una scrivania 'cosmica'. Seduto l dietro, cominci a dire: "Sono sceso su questo pianeta con il solo scopo di stabilire questo contatto." In quel momento non percepii l'importanza di quello che diceva, non riuscivo a concepire la grandezza dell'evento: il Comandante di un'operazione gigantesca, portata a termine da esseri extraterrestri, che scendeva sulla Terra in una nave delle dimensioni di una citt, con migliaia o forse milioni di uomini d'equipaggio a bordo, solamente per comunicare con due bambini... Ami intervenne: "Voi porterete il suo messaggio ai vostri mondi. Quello che dir serve tanto per la Terra che per Ka, perch il Comandante in contatto col nostro fratello che dirige il piano di aiuto a Ka. Ambedue questi mondi si trovano in una situazione simile: prestate attenzione." Il Comandante prese la parola: "Come vi hanno detto, voi siete inseriti nel gigantesco Piano Evolutivo Cosmico per i vostri mondi. A questo Piano partecipiamo in gran numero noi servitori. Alcuni, incarnati in questi mondi, partecipano per il momento in modo incosciente, altri lo fanno coscientemente. Anche fratelli di pianeti superiori ai vostri lavorano in questa missione di aiuto e infine altri fratelli che non sono pi soggetti alle limitazioni di un corpo densamente materiale, collaborano strettamente al

Piano. Tutti lo facciamo a tempo pieno, fino all'ultimo alito di vita del corpo che occupiamo, fino a che l'Intimo non ci chiama a servirlo in altri piani. Da questo lavoro disinteressato non aspettiamo altra ricompensa che quella di adempiere all'impulso della nostra coscienza: ci muove soltanto l'Amore. Dovete sapere che si avvicinano cambiamenti molto importanti e profondi. Noi stiamo facendo quello che possiamo per evitare l'impatto negativo di questi avvenimenti, il resto dovrete farlo voi stessi. Dovete comprendere che colui che dirige il fluire della vita nell'universo lo Spirito della Forza Creativa, che amore totale. Se non vi sostenete sull'amore, state agendo contro il senso naturale dell'universo, pertanto, non potete avere armonia nelle vostre vite personali, n nelle vostre relazioni sociali o internazionali. Il disconoscimento della Legge di Dio da parte della stragrande maggioranza, la causa, la radice della dolorosa situazione che state attraversando e che pu portarvi alla distruzione totale. Stiamo ispirando molte persone in tutti i paesi. Inviamo messaggi con insegnamenti e istruzioni, ma non possiamo evitare che alcuni di questi siano distorti dalle particolari credenze di chi li riceve. Questo genera confusione e scoraggiamento, ma di giorno in giorno, tutto diventer sempre pi chiaro. Stiamo anche ispirando opere letterarie, musicali, film e altre manifestazioni culturali. Faremo quanto pi possibile perch siano largamente diffuse, perch sono un semino d'amore per le coscienze e anche una preparazione al 'grande incontro'." Ami intervenne per spiegare a cosa si riferiva: "Non resterete sempre separati dai vostri fratelli dell'universo. Quando smetterete di essere divisi, nell'ingiustizia e nella violenza, ignorando il Rettore dell'universo, l'Amore, entrerete nella Fratellanza." "Qualcosa come nell'anno 5500" pensai, ricordando la gente delle contrade del mio mondo. Il Comandante naturalmente mi 'sent'. "Se non accadesse qualcosa di diverso, il processo potrebbe tardare millenni, o non realizzarsi mai, ma si avvicinano fenomeni che non potranno essere spiegati da nessuna teoria. In quei momenti dovrete ricordare le nostre parole, espresse anche da Maestri del passato e contemporanei. Dovrete comprendere che l'unica cosa che pu salvarvi dalla distruzione imminente riconoscere l'universalit dell'amore e farvi sostenere da lui in tutti i settori della vostra vita. Se non lo farete, non lo meriterete e non potrete neppure sopravvivere. Salveremo coloro che lo avranno fatto. Il 'grano' sar separato dalla 'zizzania'. Il piano nel quale ci troviamo a servire un Piano Divino, decretato dai disegni del Creatore dall'eternit: noi siamo i suoi esecutori." Si alz in piedi.

"Questo tutto, cari bambini. Ora vi lascio nelle mani del Capitano che dirige i lavori che stiamo effettuando per evitare grandi perdite di vite in questo punto del pianeta." In quel momento entr l'uomo del quale parlava. Vestito come il nostro piccolo amico, non cos alto come il Comandante, ci disse: "Vi mostrer come faremo a diminuire gli effetti di un sisma che si avvicina, seguitemi per favore" ci guid con affetto e grande dolcezza. "Andate con Dio" disse il Comandante, mentre poneva le sue grandi mani sopra le nostre spalle "e ricordate che siete protetti, non abbiate mai paura. Noi vi salveremo da tutti i pericoli, ma non abusate di questa protezione commettendo violenze contro la natura e il buon senso: in questo caso non potremmo fare niente. Non dimenticate di far stampare il mio messaggio nei vostri libri. Se potessimo, lo proclameremmo dagli altoparlanti delle nostre navi, ci introdurremmo nelle vostre trasmissioni radiofoniche e televisive, ci renderemmo pienamente visibili: ma non ci permesso farlo. Possiamo solo inviare la nostra fraterna parola mediante dei canali che possono essere testimoniati soltanto dal senso interno, proprio quello che dovete sviluppare per evolvere e salvarvi. Questo un altro importantissimo motivo che ci impedisce di mostrarci apertamente e pienamente... Meditate su questo." Ci lasci sulla porta dell'ascensore... L'ultima cosa che ci disse fu: "Il mio amato Fratello Maggiore mi incarica di trasmettervi il suo grande amore per tutti coloro che penano e soffrono. Vuole che sappiate che non ha riposato un solo giorno dalla comparsa dell'uomo e non lo far fino a che non vivrete nella pace e nella felicit; ma nemmeno voi dovete riposare, perch voi tutti siete le Sue mani e la Sua bocca. A presto, amici."

8. La caverna
Dopo essere scesi dall'ascensore e aver percorso un altro corridoio, si apr una porta e apparve l'immensa nave del Capitano. Aveva molte file di obl e riuscii a scorgere delle figure umane attraverso i vetri. Era posata su tre enormi zampe e l'entrata era sotto lo scafo del 'disco volante'. Camminammo sotto l'immenso velivolo, Vinka e io guardavamo impressionati verso l'alto; arrivammo a una scala e il primo a posarvi un piede sopra fu il Capitano. Quando lo fece, la scala si mise in movimento e, una volta saliti tutti, la velocit aument, per frenare poi dolcemente prima di introdurci all'interno dell' 'ufo'. A bordo della sua nave, il Capitano ci inform: "Da qui vengono diretti i lavori di protezione geologica. Altre navi, con altri Capitani, hanno missioni diverse." Entrammo in un salone dove incontrammo varie persone di diverse specie umane. Ci sorrisero, ma nessuno disse niente. Il fatto che si parlasse cos poco richiam la mia attenzione. Ami lo percep e quando fummo in ascensore, disse: "L'intelletto simile a un vostro parlottare che non conosce un istante di silenzio. Ci spinge sempre a parlare, anche se raramente diciamo qualcosa che valga la pena. Queste persone percepiscono meglio la realt: non usano tanto l'intelletto, ma altre funzioni superiori della mente... Inoltre, noi abbiamo sviluppato la telepatia." "Per tu non sei come loro" dissi. "A cosa ti riferisci?" "Al fatto che tu parli abbastanza, come noi. Inoltre, ridi molto: loro sono pi sereni..." Invece di sentirsi sminuito da queste osservazioni, rise ancora di pi, provocando il sorriso del Capitano, poi ci disse: "In primo luogo, devo mettermi alla vostra altezza. Chi di voi due comunica telepaticamente?... In secondo luogo, vi ho gi detto che il mio livello evolutivo molto simile al vostro. In terzo luogo, io provengo da un mondo nel quale noi anime amiamo giocare. Siamo una specie di folletti birichini, anche se non facciamo mai del male, anzi, al contrario." "Allora, perch ci sei tu a insegnarci? Perch non qualcuno pi evoluto?" Chiese Vinka con una nota di delusione. Ami stava di nuovo ridendo. Il Capitano guardava dei manuali e non ci prestava troppa attenzione, anche se mi sembr di cogliere un leggerissimo

sorriso sulle sue labbra. "Qualcuno come il Fratello Maggiore del Comandante, per esempio?" Ami si stava divertendo con Vinka, ma lei, con un guizzo negli occhi disse: "Perch no?" Questa volta il Capitano lasci da parte le sue carte e osserv la bambina con un franco sorriso, ma un po' sorpreso. Ami scoppi in un'altra delle sue risate. Quando riusc a parlare, disse: "Per meritare istruzioni da qualcuno cos, necessario avere il livello interiore del Comandante..." "Comprendo" disse Vinka "allora, perch non potrebbe essere la nostra guida uno come quel meraviglioso Comandante?" Ami era divertito dal dialogo. Con un sorriso sulle labbra, chiese: "Vi siete sentiti a vostro agio in sua presenza? Avete provato la confidenza necessaria per manifestargli le vostre inquietudini come fate con me? Avete compreso le sue parole, o comprendete meglio me?" Vinka assunse un'aria di sufficienza. "Io l'ho compreso benissimo. Al suo fianco mi sentivo in un altro mondo..." "Cosa ha detto?" Lo sguardo di Ami era malizioso. "Beh, che dobbiamo essere buoni... per andare in Cielo..." Ridendo mi chiese: " questo quello che ha detto?" "S, e anche che viene la fine del mondo, ma se siamo buoni, lui ci salver..." Il Capitano lasci definitivamente da parte le sue carte e ci accarezz teneramente la testa, mentre Ami ci spiegava: "Vedete? Questo quello che succede: avete captato la millesima parte delle sue parole. Per questo, quando l'energia molto alta sono necessari dei 'trasformatori'. Se si collega direttamente un televisore alla linea dell'alta tensione, si fonde; non stato fatto per quell'energia, ha bisogno di un trasformatore che riduca l'elettricit a un livello sopportabile per il ricevitore. Il livello del Comandante molto elevato per voi; lui parla, ma voi non lo comprendete bene, invece io posso spiegarvi le stesse cose in modo tale che riusciate a capirmi. Voi adesso dovete scrivere un altro libro che riferisca tutto ci che state vivendo, ma non ricordate bene quello che il Comandante vi ha detto; per questo, quando starete scrivendo, io e altri saremo collegati con voi telepaticamente per attivare in voi il ricordo." "Questa la sala di comando" disse il Capitano quando si apr la porta dell'ascensore. Entrammo in un immenso recinto nel quale lavorava molta gente di mondi diversi, a giudicare dalle loro sembianze. Il luogo era pieno di schermi, apparecchi, strumenti con quadri luminosi; alcune persone ci diedero un'occhiata, ma non facemmo loro uno strano effetto: apparentemente, erano abituati a ricevere visite da ogni tipo di mondo, civilizzato e no. Ad un ordine del Capitano, la nave vibr, si alz di alcuni metri inclinandosi dolcemente su un fianco, poi discese per un'apertura del pavimento, entrando nell'acqua.

Ci allontanammo alcuni chilometri dalla nave madre. Pi avanti vidi qualcosa di spaventoso: una voragine nera spalancava la sua bocca sul fondo del mare. Poco dopo stavamo... entrandoci dentro! Aveva le dimensioni di una montagna, da lato a lato. Avanzammo fra sinistre sporgenze di roccia nera, scendendo sempre pi verso le viscere della Terra. Pi sotto, l'immensa voragine si trasform in un tunnel perfettamente circolare, quasi liscio nelle pareti. Era tanto largo, che la nave passava comodamente. Mi sembr un'opera di ingegneria. " cos, Pierre, questo tunnel lo hanno fatto i nostri ingegneri. un passaggio verso un punto nel quale c' un pericoloso scontro di placche continentali." "Che placche?" Chiese Vinka. "Continentali. I continenti poggiano su vere e proprie 'zattere' di roccia: queste sono le placche continentali. Si muovono molto lentamente, a volte in direzioni opposte, si spingono le une con le altre, come qui. Entro breve tempo la forza accumulata sar tale, che una placca si romper in qualche punto, si spaccher la roccia: questo produrr una vibrazione che produrr un terremoto in superficie, ma noi ne diminuiremo gli effetti." Mi sembr terrificante essere nell'epicentro, anzi, nel cuore stesso di un terremoto, nelle viscere della Terra, circondato da rocce per vari chilometri! Ami non riusc a evitare di sorridere di fronte ai miei timori. "Questa nave sopporta cose che non immagini nemmeno..." Avanzando nel tunnel, questo dopo un po' si allarg e apparve ai miei occhi uno spettacolo inatteso e fantastico: ci trovavamo in una volta, grotta o caverna di proporzioni gigantesche, incalcolabili. Una cinquantina di navi spaziali illuminatissime erano l, sospese nelle acque della monumentale caverna sottomarina. "Nel punto d'urto delle placche continentali, noi irradieremo la roccia con un'energia che la polverizzer: questo liberer la tensione dolcemente. Si produrr un movimento sismico in superficie, ma non sar di grande magnitudo" spieg il Capitano. Passammo in mezzo a quelle navi, tutte di dimensioni pi piccole della nostra, fino a fermarci in un punto particolare della caverna sottomarina e sotterranea. Al segnale di un operatore con la testa a uovo (non mancanza di rispetto, ma quell'uomo aveva la pelle bianchissima, la testa ovale, appuntita nella parte superiore ed era assolutamente privo di capelli), il Capitano fece un gesto che doveva essere un ordine. In quell'istante furono diretti verso l'alto dei raggi luminosi di colore verde: provenivano da ogni nave. Quando accadde, sentimmo una forte vibrazione nel pavimento. "Guardate quegli schermi" disse Ami, indicando un pannello che ne aveva parecchi, sorvegliati da molte persone. Si vedevano colorite immagine di paesi, citt, luoghi deserti: perfino l'interno di alcune case, i cui abitanti

sembravano addormentati. "In quelle case abitano persone che partecipano al Piano, dobbiamo proteggerle." "Sanno che partecipano al Piano?" "Se lo sapessero, sarebbero all'aperto! Li avremmo avvertiti del pericolo, ma ancora non sanno di partecipare a tutto questo, n che lo faranno in futuro. Ora si avvicina il sisma, osservate senza paura." I raggi verdi diventarono gialli, poi di un bianco abbagliante. In quell'istante si sent un rumore assordante, come quello prodotto dall'urto di milioni di rocce sotterranee. Attraverso gli schermi riuscimmo a vedere gli effetti del terremoto: i pali oscillarono, alcune persone uscirono nelle strade, gli alberi piegarono i loro rami e nello stesso tempo una montagna di pietrisco cominci a cadere sulle nostre navi. Vinka, piena di paura, si aggrapp a me. Anch'io ero molto spaventato, ma Ami ci tranquillizz: "Non preoccupatevi, non ci accadr niente. Guardate, il terremoto gi passato." Il movimento e il rumore erano cessati, ma attraverso gli obl non si riusciva a vedere niente: eravamo sepolti dalle rocce polverizzate... "Come usciremo di qui?" Chiese Vinka ancora spaventata. Il Capitano, vicino a noi, sent la bambina di Ka. "Avanzeremo attraverso la polvere che ci avvolge" si avvicin a lei e le pos la mano sui capelli rosati "non avere paura, non avere mai paura. Noi siamo qui per proteggere la gente buona come voi. Voglio congratularmi, ambedue state compiendo molto bene la vostra missione di diffondere informazione alle masse. Ora dovete continuare questo lavoro scrivendo tutto quello che state vedendo. Pi tardi vi daremo dei nuovi lavori. Quello che fate sta portando a prendere coscienza della Legge Universale dell'Amore, della nostra esistenza e del nostro sostegno. Abbiate fede, fiducia e forza, perch ogni giorno diventeranno sempre pi numerosi i nostri amici nei vostri mondi. Le porte della conoscenza salvatrice sono state aperte perch molti possano ricevere l'informazione che permetter loro di superare i duri momenti che si avvicinano e anche di contribuire a seminare gli eterni valori dell'amore. Lavorate senza paura, noi vi stiamo guidando, proteggendo e sostenendo in ogni istante." Quando il Capitano fin di parlare, non seppi come, ma eravamo usciti dalla caverna e dal tunnel. Procedevamo lungo la fenditura verso il fondo del mare, dato che ci trovavamo molto al di sotto di esso. "Secondo i quadri di comando" disse Ami "resta ancora molta energia accumulata. Domani si dovr ripetere l'operazione; a volte si deve lavorare per mesi, provocando piccoli sismi per liberare a poco a poco l'energia che, se si liberasse in un solo terremoto naturale, provocherebbe una catastrofe spaventosa. Molte volte non riusciamo a evitare un terremoto di grande magnitudine: per questo, prima scateniamo molte piccole scosse e poi

calcoliamo tutto perch il movimento inevitabile si produca in giornate di riposo, quando non ci sono grandi assembramenti umani nel centro delle citt che ci interessa proteggere." Apparve la nave gigante ed entrammo in essa. Ci congedammo molto affettuosamente dal Capitano e poi Ami ci guid verso il suo veicolo spaziale. Abbandonammo l'immensa nave-madre. "Emergeremo davanti a un'imbarcazione e saremo visibili: una testimonianza. E' necessario che l qualcuno ci veda" disse Ami.

9 . Viaggio a Kia
La nostra nave si illumin completamente all'esterno: cinquecento metri pi in l si distinguevano le luci di una nave da carico. Ami indic uno schermo: "Osservate le facce dell'equipaggio." Sul ponte di comando, i marinai sembravano contemplare uno spettro. Uno di loro prese un fucile. Mi sembr di cogliere un'ombra di tristezza nello sguardo di Ami. "L'essere umano dei mondi inferiori cos: pieno di aggressivit e di violenza, pensa che tutto l'universo sia come la Terra. Non riesce a comprendere che se nel suo mondo la vita dura, non che in tutto l'universo sia cos, ma che questo dovuto al fatto che la Terra e i suoi abitanti si trovano a un livello poco avanzato. Ma tutto sommato, ognuno vive nell'universo che capace di immaginare..." Il marinaio cominci a spararci, questa volta per non provammo paura, ma pena e tristezza per l'atteggiamento ingiustamente aggressivo di quell'uomo verso coloro che vivono solo per servirci... Siccome gli spari continuavano, dalla tristezza passai alla rabbia. "Ami, non ti viene mai voglia di lanciare un raggio distruttore a un animale come questo e farlo secco?" Rise un po', prima di spiegare: "Beh, sapete gi che il mio livello non quello del Comandante. Pu darsi che per qualche secondo mi passi per la mente qualcosa del genere... residuo della mia parte animale, ma immediatamente ricordo che gli esseri senza una grande evoluzione sono come i bambini: si pu perdonare a una creatura che ci minaccia con un'arma giocattolo." "Non capisco" disse Vinka. "Ma molto chiaro" dissi. "Ma non per me. Nel viaggio precedente hai detto che le anime evolute sono come i bambini e adesso dici che quelle poco evolute sono come i bambini..." "Fra 'bambino' e 'bambino' c' un giro completo della spirale evolutiva, comprendi?" "Neanche mezza parola." "L'uomo saggio parla poco, l'uomo brutale parla poco, ma fra i due c' tutto un processo evolutivo, capite?" "No."

"La parola bambino pu essere utilizzata per riferirsi a un essere capriccioso, testardo, impaziente, irritabile, pauroso e capace di commettere 'monellerie' che danneggiano gli altri. In questo caso 'bambino' quell'essere poco evoluto. La stessa parola pu essere usata per indicare esseri buoni, sensibili e ben intenzionati. Dopo una lunga evoluzione, le anime arrivano a essere come quei bambini." "Adesso chiaro" disse Vinka. "I vostri libri sono dedicati a questi ultimi. Le verit spirituali possono essere percepite solo da quella parte positivamente infantile. Coloro che non la possiedono, gli 'adulti', si fanno guidare dall'intelletto, da quello che accettato da tutti, dalle abitudini, dalla moda o dalle teorie in voga e se quello che si presenta loro non corrisponde ai loro schemi mentali, basati su ci che transitorio, lo rifiutano. Cos perdono il succo, la sostanza." Dopo aver scambiato uno sguardo interrogativo con Vinka, dissi: "Di che diavolo stai parlando?" "Pi avanti comprenderete. Guardate, adesso andiamo a Ka!" Sui vetri era apparsa la tipica nebbiolina bianca. Durante il viaggio Ami and a cercare un manuale, o qualcosa del genere, in un armadio fra i sedili. Notai che fece un salto molto strano, come al rallentatore. "Come hai fatto?" "Come ho fatto cosa?" Chiese con l'aria di non capire. "Quel salto. Mi sembrato che fluttuassi, come abbiamo fatto una volta sulla spiaggia." "Ah, osserva" chiuse gli occhi, concentrandosi. Cominci a sollevarsi dal suo sedile, a fluttuare. Una volta in alto, apr gli occhi e ammicc: cadde pesantemente sul sedile. "Potere e scherzi non vanno d'accordo" disse mentre si alzava. "Come fai?" Chiese Vinka affascinata. "Lo faccio... come spiegarlo... semplicemente volendolo ottenere e sentendomi capace di realizzarlo. Volere un modo di amare e l'amore il potere pi grande dell'universo. Inoltre, la fede muove le montagne, le montagne di potere che tutti noi abbiamo. Guardate!" si alz dal sedile e and vicino all'obl. Ci guard, si diede una spinta e cominci a volare nell'aria molto lentamente, fino ad arrivare vicino a noi. Vinka era assolutamente sbalordita. " incredibile! Insegnami, per favore!" Prese il nostro amico per il braccio, lui rideva. "Ma cos facile! Volere potere..." Cercammo di farlo, ma riuscimmo solo a saltare pesantemente e questo ci fece ridere come matti. "Io so che ci sono riuscito, sulla spiaggia con te, ma adesso mi impossibile, perch?" Chiesi. "Quella sera ci tenevamo per mano, io ti ho trasmesso energia." "Energia? Come si pu trasmettere energia da una persona all'altra?"

"In futuro, nelle vostre scuole si studieranno queste cose, come si fa nei mondi civilizzati, ma prima dovete smettere di ammazzarvi come animaletti feroci. Per il momento la cosa pi importante ottenere la pace e non c' modo di conseguirla se prima non si raggiungono la giustizia e l'unione. Fino

che esisteranno paesi poveri

paesi ricchi non ci sar pace; fino

che

esister una sola frontiera, non ci sar pace; fino a che esisteranno differenze religiose, non ci sar pace. Lavorare in cerca di poteri, senza fare niente per coloro che soffrono, come cercare di costruire un edificio Senza aver prima posto le fondamenta. Dopo che avrete risolto questo, potrete fare cose simili a quelle che fa il mio stimato amico Kus." "Chi Kus?" Chiedemmo. "Un amico divertente, pu realizzare stupendi prodigi." "Di che tipo?" "Lo chiamiamo, cos lo conoscerete." "Per radio? Per telefono?" "No, lo chiameremo mentalmente. pi veloce... venite. Ci sediamo sul pavimento formando un triangolo: tu l, tu qui. Adesso concentriamoci su di lui, chiudete gli occhi pensando a Kus e chiediamogli di venire." Facemmo cos. Dopo alcuni istanti, Ami ci disse di osservare: di fronte noi fluttuava una nebbiolina bianca che si trasform in un turbine

e acquist

forma umana. Vinka voleva alzarsi e scappare, ma le risa di Ami la calmarono. "Qualcuno richiede la mia presenza?" Disse l'essere apparso dal nulla: era un giovane uomo vestito di bianco. Io rimasi gelato. "Spero tu abbia un valido motivo per avermi fatto venire dalla Terra fino

questo antiquato rottame" disse il giovane con un sorriso, guardando il nostro amico. "Veramente no, Kus. Volevo solo insegnare

a questi bambini come si fa

a chiamare un amico."
"Ah, allora questo un valido motivo. Tutto ci che si fa per insegnare a un bambino costituisce un valido motivo." Kus si esprimeva scherzando, era molto simpatico. "I nostri amichetti hanno milioni di domande nelle loro testoline. E va bene, come sapete, il mio nome Kus. Partecipo a tempo pieno 'full time' al lavoro di 'disanimalizzazione' della Terra. Posso attraversare l'universo senza bisogno di inutili trabiccoli come questo. Un giorno, se vi comportate bene, voi sarete come me... spero migliori di me... e

che non vi castighino mettendovi a prestare servizio in un piano cos basso come un mondo non civilizzato. Ha, ha, ha, ha! Se per voi, che venite solo da un piccolo mondo civilizzato, ma di terza dimensione, difficile sopportare il luogo nel quale abitate, immaginatevi come mi sentir io, che vengo dalla quarta dimensione: come un palombaro con la tubatura rotta! Ha, ha, ha, ha!" "Non ho ancora parlato molto con loro delle dimensioni, mio caro amico. Non confondermeli ancora di pi" protest scherzosamente Ami. "Dimentichi che lo so gi, piccolo fratello e, dato che lo so, ho pensato che il momento buono perch comincino ad abituarsi all'idea che ci sono molte dimore in questi universi... Volete vedere qualcosa di fantastico, piccolini?" Trovammo appena il coraggio di muovere leggermente il capo, assentendo. "Allora, 'voil'!" Disse Kus in francese, mentre faceva un 'clap' con le dita e spariva, lasciando nell'aria un fumetto rosa meravigliosamente profumato. Ami rideva incantato. "Questo Kus tutto un programma! Se nel mio pianeta siamo giocherelloni, lui ci d mille anni di vantaggio: mi considera serioso e noioso..." "Centomila anni di vantaggio, socio" disse il coniglio dei cartoni animati, s, Bugs Bunny, seduto sulla spalliera del sedile di comando, mentre rosicchiava una carota. Poi aggiunse: "Sei veramente serio e noioso. Questo tutto, piccoli. Sayonara!" Disse scomparendo, dopo aver lanciato la carota in mezzo a noi. Questa cadde fluttuando molto dolcemente e si trasform in un bel fiore. Gli occhi di Vinka sembravano rapiti da un racconto di fate fatto realt: beh, era proprio quello che stava accadendo. "Come pu fare queste cose?" "Lo immagina semplicemente, ma con tale forza, che ci proietta la sua immaginazione." "Questo fiore non immaginazione" dissi aspirando il suo delicato profumo. "Questa una materializzazione. Chi possiede la coscienza di quarta dimensione pu fare cose per voi incredibili, ma con la pratica e la fede, tutto possibile..." "Dov' la quarta dimensione?" Chiese Vinka. "E da tutte le parti, qui, nella tua stanza, dovunque: non un luogo, ma un livello di coscienza. Coloro che hanno questo livello possono rendersi visibili o invisibili, come preferiscono. Possono attraversare le pareti, cambiare il loro aspetto persino: sono retti da altre leggi." "Allora, non li governa la Legge dell'Amore?" Chiesi. "Uff! Che stupidaggine!" Disse Ami, fingendo irritazione. "Niente, in tutto l'universo, sfugge alla Legge dell'Amore: non esiste niente che sia superiore a essa, nessun'altra legge, o forza, n in questo universo visibile a noi, n in quelli che

non lo sono, n nella terza dimensione, n nella cinquemillesima, perch la forza che regge la Creazione intera l'Amore, cio Dio. Dico che sono governati da altre leggi, perch non sono soggetti, per esempio, alla forza di gravit, n allo spazio o al tempo: essi hanno un altro livello vibratorio, ma si dedicano totalmente all' 'edificazione dell'universo'." Questo mi sembr strano. "Io credevo che fosse Dio, Colui che edifica l'universo..." "S, ma attraverso noi, sue creature. Lui traccia i piani, noi li eseguiamo: sarebbe piuttosto noioso se tutto lo facesse Lui... Stiamo arrivando a Ka."

10. Il Maestro Solare.


"Questo pianeta la Terra" dissi un po' deluso, perch attraverso gli obl era apparso il nostro mondo, o almeno lo credevo io. Vinka mi trasse dall'errore: " Ka. L c' Lubinia, un deserto." Fu proprio quella landa deserta che mi confuse. Pensavo si trattasse della costa settentrionale dell'Africa, ma vedendo due enormi isole equatoriali, inesistenti sulla Terra, compresi che mi trovavo in un altro mondo. Dopo il mio viaggio con Ami studiai abbastanza bene la geografia, questo mi permise di percepire le differenze; ma il resto, il colore del mare, le abbondanti nubi bianche, le foreste e i deserti, sembravano assolutamente terrestri. "Che delusione" dissi, un po' per scherzo "io speravo di trovare finalmente un pianeta con mari rossi o gialli, con foreste azzurre o arancione..." "Mondi di evoluzione simile, sono simili quasi in tutto: le stesse leggi generano le stesse cose" spieg Ami. "Ma sono solo simili, Pierre" disse Vinka "poi vedrai." "L'obiettivo della nostra visita a Ka quello di incontrare una persona che pu dirvi come si ottiene l'amore. La cercheremo sullo schermo... Humm... Il suo codice questo, ecco qua, venite a vedere." Apparve un uomo piuttosto anziano, seduto su una rustica sedia a dondolo sotto una tettoia curva, in una casa di campagna molto antica e povera. Si dondolava placidamente, mentre con una pipa in bocca contemplava il paesaggio che si estendeva davanti ai suoi occhi: una bella valle, tappezzata da molteplici sfumature di verde. La sua casa si trovava sul fianco di una collina solitaria. Alcune differenze indicavano che quella non era la Terra. In primo luogo, l'uomo aveva i capelli di un colore rosato, anche se gi abbastanza bianchi e anche la barba aveva lo stesso colore. A causa degli abbondanti e disordinati capelli, non riuscii a vedere i suoi orecchi, ma pensai che fossero a punta, come quelli di Vinka. Indossava un mantello grigio: mi ricord gli antichi profeti. Al suo fianco un 'cane' sonnecchiava... Se si pu chiamare cos un ammasso di lana con collo di struzzo e muso da gatto... Sul ramo di un piccolo arbusto c'era una coppia di... non sapevo: sembravano lucertoloni a due zampe, con piume di canarino. "Questa non la Terra" ammisi. L intorno svolazzavano numerosi animali delle dimensioni di un

aquilotto, con la pelle come quella dei pesci o dei rettili, ali grandi, arrotondate, coda come di manta o di razza e due zampe molto lunghe. Quegli animali erano capaci di immergersi nelle acque di una grande laguna vicina, camminare sulla terra con le due zampe e volare come uccelli. Alcuni riposavano sui rami degli alberi vicini. "Qui ci sono animaletti molto strani..." Vinka si sorprese. "Strani? E cosa mi dici di quelli del tuo mondo?" "Mi sembra che non ce ne siano..." "No?! E quei terrificanti 'ometti con le ali'?" "Quali 'ometti con le ali'? Da noi, gli animali pi simili agli esseri umani sono le scimmie, ma non hanno le ali, quelli che volano hanno le piume!" "Ma gli 'ometti con le ali' hanno il pelo, non le piume..." "Allora non volano, nessun animale col pelo capace di volare..." "Ma quei demoni volano, col pelo e tutto: sono orripilanti! I loro musi mostruosi sono veramente spaventosi!" "Sei sicura che ti riferisci ad animali della Terra? L non c' niente di simile... fortunatamente!" Ami si godeva silenzioso il nostro dialogo. "... E come se non bastasse, si nutrono di sangue!" "Di cosa stai parlando, Vinka?" In quel momento non riuscivo a ricordare nessun animale come quello che stava descrivendo. Ami intervenne: "Si riferisce ai vampiri." "E se ancora non basta, Ami dice che volano nell'oscurit assoluta, che hanno un radar e che possono passare fra le eliche di un ventilatore in movimento senza farsi male: non strano?" Trovai che Vinka aveva ragione, ma io non avrei mai pensato a loro. Ami spense lo schermo, stavamo scendendo lentamente verso il pianeta Ka. "Ci che incredibile e meraviglioso sempre davanti ai nostri occhi, ma ci siamo cos abituati che non ce ne accorgiamo... Bene, andiamo a parlare con quest'uomo, ha qualcosa da insegnarvi." Vinka sospir piena di speranza. "Deve essere un saggio..." "Saggio quel vecchio montanaro? Ma va! Ha compreso alcune cose, altre non le ha ben chiare: un uomo normale." La spiegazione modific l'espressione sul viso della bambina. "Penso che per insegnarmi qualcosa, questa persona dovrebbe avere un livello evolutivo molto superiore al mio." Ami sorrise. "La tipica arroganza dei non civilizzati! Bene, vedr se possibile che il Maestro del Comandante ti accolga come suo discepolo..."

Vinka arross, ma cerc di aggiustare la situazione: "Era un modo di dire... Siccome tu hai detto che non ha chiare alcune cose, ho pensato che non avrebbe potuto insegnarmi bene..." "Vinka, Pierre, il sistema universale di insegnamento progettato in modo da essere graduale. Chi su una scala, pu aiutare a salire chi si trova immediatamente sotto di lui e, al tempo stesso, pu essere aiutato da quello immediatamente sopra. Ci sono quelli che hanno un livello basso, ma pretendono un Maestro delle dimensioni del Comandante, o pi ancora: pretendono Dio in persona e disprezzano quelli che si trovano uno o due scalini pi in alto di loro." "Hai ragione, Ami, ma anche Vinka ha ragione quando pensa che una guida non molto superiore ignora troppe cose." "Ignora le cose dello scalino molto pi in alto, ma questo non riguarda chi si trova pi sotto ed guidato da lui. A costoro deve essere sufficiente assimilare bene ci che colui che sta appena un po' pi sopra sta loro insegnando. Se un allievo non sa ancora sommare e sottrarre, non gli deve interessare che il suo professore conosca la matematica superiore o no." Questa volta non ci rimase alcun dubbio. "Questo amico sa qualcosa che voi ignorate, sa come si ottiene l'amore: imparate prima questo. Poi, quando avrete il livello del Comandante, potrete avere un Maestro come il suo." "Chi questo Maestro, Ami?" "E' l'anima pi evoluta del Sistema Solare nel quale si trova la Terra: uno degli Esseri Solari dei quali vi ho parlato nel viaggio precedente." "Ma come si chiama?" "Pierre, si deve fare molta attenzione con i nomi, perch confondono molte persone. Un Maestro pu essere molto venerato in una regione, ma in altri luoghi possono venerarne un altro: questo provoca conflitti religiosi e quello che noi cerchiamo sono la pace e l'unit, vero?" "S, ma qualcuno deve essere il vero..." "Tutti sono veri." "Va bene, d'accordo, ma qualcuno deve essere il pi grande..." "Tutti i raggi del sole sono luminosi, illuminano l'oscurit e provengono dalla stessa fonte: il sole." Compresi il paragone, ma non ne rimasi molto soddisfatto. Io volevo riuscirci, volevo che Ami facesse il nome del mio Maestro, ponendolo sopra tutti gli altri, ma lui mi trasse dal mio errore. "Questo grande Essere il rettore della spiritualit per il tuo mondo. Di tanto in tanto un uomo illuminato dalla sua saggezza, allora quell'uomo si trasforma in un Grande Maestro, perch trasmette gli insegnamenti dello Spirito Solare. Cos nasce una religione, passano i millenni e l'umanit si evoluta un poco. il momento di affidare un'altra lezione e allora un altro uomo viene illuminato dallo stesso Spirito. Cos appare un altro Maestro, un'altra religione, ma lo stesso Spirito che ispira tutte le religioni. Passa un

millennio, un altro ancorale di nuovo un uomo viene scelto per trasmettere una lezione, secondo l'evoluzione e la necessit dell'umanit: cos nascono un altro Maestro e un'altra religione. Gli uomini si confondono con i nomi! Arrivano a fare guerre religiose, senza comprendere che con questo atteggiamento feriscono quel Grande Spirito che Amore assoluto e che per amore invia loro dei Maestri per illuminare il cammino." "Non lo sapevo, Ami. Allora, come si chiama questo Spirito?" "Nomi, nomi. Questo il problema: i nomi, le etichette, ma nelle cose dello spirito non ci sono tessere di riconoscimento, i limiti e le divisioni vanno scomparendo. Sono gli uomini che dividono, separano, incasellano, mettono limiti e frontiere, ma quando c' amore nel cuore si comprende che tutto l'universo un'immensa unit..." "Ma deve pur avere un nome, questo Maestro..." Ami non riusc a trattenere le risa. "Va bene, vuoi un nome: allora lo chiameremo Maestro Solare." "Adesso comprendo meglio: il Maestro Solare colui che ispira tutti i grandi Maestri." " cos, Pierre. Finch questo non sar ben chiaro, non si pu pensare in termini di pace sulla Terra. La divisione per religioni tanto pericolosa, se non di pi, quanto la divisione per frontiere o per idee. Deve essere chiaro che il senso della religione praticare l'amore, non si ottiene niente lottando per le religioni o i nomi dei Maestri. Tutti loro ci hanno spinto ad agire con bont, onest, pace: con Amore, in sostanza." "Il Maestro Solare, ha forma umana?" "S, perch non Dio, anche se agisce secondo la Sua Volont. Pi in alto c' il Rettore della spiritualit per tutta la galassia; ancora pi su si trova lo Spirito che regge tutte le galassie di questo universo." "Dio?" Ami fece finta di non aver sentito. "...Sopra quest'ultimo c' Colui che regge la quarta dimensione. Poi, Quello che dirige la quinta e cos via..." "E Dio?" Ami lo stava collocando sempre pi lontano. "Lui sempre nel tuo cuore. Siccome ti piacciono i nomi, puoi chiamarlo l'Intimo. Adesso scendiamo." "Scendiamo con la nave a Ka o scendiamo noi dalla nave?" Chiesi speranzoso, dato che non ero mai uscito a camminare in un altro mondo. "Faremo tutte due le cose." "Evviva!" "Questo un mondo 'fratello' del tuo. I nostri ingegneri genetici si sono incaricati del fatto che ci siano gli stessi germi su ambedue i pianeti: non c' pericolo per te, n per Ka." In pochi secondi arrivammo vicino alla capanna; una luce sul quadro di comando indicava che non eravamo visibili dall'esterno.

Guardando dall'obl, verificai che gli animali intuivano la nostra presenza, perch il 'cane' si mise a latr..., emise come degli ululati, le 'lucertole' si rannicchiarono impaurite stringendosi fra loro e gli animali volanti si immersero nella laguna. Il vecchio alz la pipa verso di noi in segno di saluto e sorrideva. "E un vecchio amico. Sa che quando vengo parcheggio la nave in questo punto del suo cielo." "Come sa che stiamo arrivando? Siamo invisibili..." "Dalla reazione degli animali: gli ho fatto visita varie volte." "In che paese siamo?" Chiese Vinka. "A Utna." "Allora non riuscir a comunicare con quel signore, qui non si parla la mia lingua..." Ami sorrise e mi fece l'occhietto. "Non ti sembra che la nostra amichetta sia una sciocca?" Non sapevo a cosa si riferisse. "Dice che non riuscir a comprendere il vecchio..." "Ha ragione, non parlano la stessa lingua." Ci guard come se non ci credesse. "Questo" disse indicando col dito la tempia. Pensai che intendesse dire che eravamo matti. Siccome non reagivamo, dovette venire verso di noi, toglierci i traduttori auricolari e metterceli davanti agli occhi dicendo 'questo' in due lingue. Solo allora comprendemmo. Scoppiammo a ridere della nostra ottusit, ma Ami rimase serio. Fingendo irritazione, disse: "Questi necrofagi sono molto tardi di comprendonio..." "Cosa significa necrofago?" Chiedemmo. "Mangiatore di cadaveri." Vinka si sent offesa. "Io non mangio cadaveri..." "Mangi carne di animali morti, vero?" "Ah, questo! S, ma..." "Allora sei necrofaga. Andiamo." Ci port alla saletta di uscita. Apparve una luce abbagliante: scendemmo per l'aria fino ad arrivare sul suolo di Ka, il mondo che, come la Terra, non viveva in sintonia con la Legge Universale dell'Amore e pertanto, non era civilizzato.

Parte Seconda

11. Krato e i terri


La prima cosa che mi colp, fu un profumo sconosciuto: l'odore tipico di Ka, mi piacque. Camminai sul suolo di quest' altro mondo come se si fosse trattato di un luogo sacro; non mi possibile descrivere la gioia che provai nel sentirmi sulla superficie di un pianeta diverso. Mentre ci avvicinavamo alla capanna del vecchio, lui ci guardava amichevolmente, non era sorpreso. Il 'cane' venne verso di noi dondolando il lungo collo, sembrava immenso. Mi spaventai un po', ma Vinka si avvicin all'animale e cominci ad accarezzargli il lungo pelo lanoso. Il quadrupede extraterrestre strofin la sua testa contro la bambina, un po' come i gatti quando fanno le fusa. Mi stup la confidenza di Vinka nei confronti di quell'esemplare e pensai che forse questi animali non erano aggressivi. "Ti sbagli" disse Ami "alcuni sono molto feroci, come i cani." "Come sapevi che non era aggressivo, Vinka?" "Perch veniva avanti dondolando la testa." Pensai che come i cani manifestano la loro gioia scodinzolando, questi animali lo fanno muovendo il lungo collo. "Come si chiama questo animale?" Chiesi. "Bugo, molto bello" disse Vinka. "Trask, Trask, vieni qui" il vecchio chiam lo strano essere "smetti di molestare i nostri ospiti!" "Hai detto che si chiama Bugo, ma lui lo chiama Trask... non capisco..." Vinka mi guard come un mentecatto. "Questo animale un bugo, ma il nome che hanno dato a questo bugo, Trask." Aveva ragione, ero un idiota. Poco a poco apparvero gli animali 'aeroanfibi', alcuni si azzardarono a volare sopra di noi e uno di essi venne a posarsi sulla spalla di Ami. Affascinata,Vinka cerc di avvicinarsi all'animale, ma lui si alz in volo. " incredibile!" Disse, ma io non capivo a cosa si riferisse "i garaboli sono molto timidi, non si avvicinano mai alle persone, ma questo non ha paura di Ami..." Quando lei si allontan dal nostro amico, l'animaletto pos nuovamente le sue lunghe zampe sulla spalla di Ami. "Io sono amico di tutti gli animali" spieg, parlando una nuova lingua. "Per questo siete venuti a trovarmi, no?" Disse Krato. Ridemmo tutti alla battuta del vecchio. Quando arrivammo al suo fianco, il garabolo fugg sul tetto della capanna.

Il vecchio e Ami si abbracciarono, felici di rivedersi. "Questa volta dividerai con me lo squisito stufato che ti ho preparato. Ho una pentola piena di garaboli 'al dente', li ho lasciati tutta la notte in salsa piccante. Mmmm... una delizia! Inoltre, l dentro ci aspetta una bottiglia intera di succo fermentato: fa bene di tanto in tanto rallegrare il cuore. Andiamo." "Neanche per sogno, vecchio cannibale! Quei poveri animaletti hanno ragione se non si avvicinano a voi: sanno che se li prendete, vanno a finire nel fondo del vostro stomaco." Provai un po' di rabbia nei confronti del vecchio. Come poteva uccidere quelle simpatiche e affettuose creature per mangiarsele? "Ma sono squisiti, Ami" disse... non il vecchio, ma... Vinka! Anche lei li mangiava! come se non bastasse, aggiunse: "le zampe arrostite sono la parte pi saporita. Mi piace molto anche il brodo di ali..." L'immagine di Vinka croll al suolo in un istante. La guardai come se fosse una specie di aborigeno selvaggio, mangiatore d'immondizia. Come potevo essermi sentito attratto da lei? Rendendosi conto dei miei pensieri, mentre metteva un traduttore auricolare nell'orecchio del vecchio, Ami disse a Vinka: "Fate molto male ad ammazzare e a mangiare quegli animaletti! Il nostro amico terrestre molto arrabbiato per questo!" Lei mi guard sorpresa, poi cerc di spiegarmi: "Qui tutti mangiamo carne di garabolo, un'abitudine che abbiamo da bambini. Sono molto appetitosi... dovresti provare..." "Giammai!" Dissi con le braccia incrociate, guardandola un'altra parte. "Bravo! Cos si parla!" Disse Ami "lui non capace di mangiare carne di garabolo, sarebbe una cattiveria per lui, per questo molto deluso da te. Lui mangia un altro genere di cose! Ricordi quegli animaletti della Terra che ti sono piaciuti tanto, che volevi portartene via uno come mascotte?" Lo sguardo della bambina si illumin. "Oh, s, com'erano teneri! Come si chiamavano?" "Agnelli. Quello uno dei piatti preferiti del tuo amichetto..." Mi guard come se io fossi un criminale, uno psicopatico, un sadico, una bestia umana. Provai a difendermi: "M-ma un agnellino arrosto..." Vinka scoppi in lacrime. "Arrosto!... Che malvagit! Che schifo! Che delusione!" Nascondendo le risa, Ami and a consolarla. "Vedi? Questo succede quando vediamo gli errori altrui e non i nostri: voi tre fate la stessa cosa. Non peggiore, n migliore, mangiare carne di agnello o di garabolo: la stessa cosa. un errore che io non commetto, ma non vi condanno, perch comprendo. Invece voi vi condannate a vicenda per le stesse colpe. Questi incivili... andiamo, datevi la mano... da buoni amici." Ci guardammo timidamente, con un po' di vergogna. Compresi la lezione di Ami, ci demmo la mano.

"Bene, cos si fa!" Disse felice il vecchio "adesso celebriamo la riconciliazione con un bicchiere, andiamo!" "Questi montanari non hanno buone maniere" scherz Ami "la gente educata, prima si presenta. Questo Pierre, vive in un altro mondo." "Ha ragione. Ha, ha, ha! Con un nome come il suo, anch'io andrei a nascondermi in un altro mondo. Ha, ha, ha!" Non mi piacque assolutamente la sua battuta. "Questa Vinka." Il vecchio la guard con affetto e disse: "Anche lei deve venire da un altro mondo: non ci sono bambine cos belle, a Ka." Questo mi piacque ancora meno, ma lei rispose al complimento con un sorriso. "E questo Krato, un contadino di Ka." "Ha, ha, ha!" Mi burlai del suo nome, ma lo feci per prendermi la rivincita: la mia risata non era molto naturale. "Di che cosa fa finta di ridere questo bambino, Ami?" "Del tuo nome. In realt, cerca di vendicarsi perch tu ti sei burlato del suo." "Ma va, che suscettibile! Non arrabbiarti, 'Bietr'! Era solo una battuta, ma 'Bietr' un nome molto bello..." Prima che protestassi per il modo in cui Krato storpiava il mio nome, Ami spieg: "Lui non pu pronunciare bene i suoni del tuo nome, Pierre. Nemmeno tu riesci a pronunciare correttamente il suo. E una stupidaggine, mettersi a litigare per i nomi e per i suoni... Inoltre, Krato significa pietra, in fondo, e..." "Pietra! Ha, ha, ha! Come pu uno chiamarsi pietra!..." Questa volta la mia risata fu sincera. "... Voi siete omonimi,.." "A cosa ti riferisci, Ami?" Chiesi. "Al fatto che Pierre significa pietra: anche tu ti chiami pietra!" Tutti risero... tranne io. Cominciarono a parlare. Io mi misi in disparte e mi chiedevo perch tutto mi andasse storto. Ami si avvicin: "Sai cosa ti sta succedendo, Pierre? che agisci un po' al di sotto del tuo vero livello." Lo guardai, come chiedendo una spiegazione pi precisa. "Un bambino piccolo si sporca tutto il vestito e la faccia quando mangia, ma nessuno gliene fa una colpa: lui agisce secondo il suo livello. Ma se un adulto fa la stessa cosa, lo si rimprovera, perch non sta agendo secondo il suo livello." "E che cos'ha questo a che vedere con me?" " che non agisci in sintonia con te stesso; per questo, ogni volta che fai o pensi qualcosa che al di sotto di quello che tu ti aspetti da te stesso, ricevi immediatamente la correzione: per questo soffri. Se agissi da quello che sei,

dalla parte migliore di te, la tua vita sarebbe sempre un paradiso." Meditai un bel po' sulle sue parole e compresi che aveva ragione: decisi di fare uno sforzo per essere un'altra persona... "Basta che tu sia te stesso" disse Ami "tutto qui. Andiamo a parlare col vecchio amico." Krato era nell'orto dietro la capanna, insieme a Vinka; le mostrava la sua piccola piantagione di ortaggi, i suoi alberi da frutto e tutto quello che costituiva il suo mondo. Un'interfernza attravers la mia mente quando li vidi assieme, ma la mandai via immediatamente: dovevo essere migliore nelle azioni e nei pensieri. "Bravo! Questo un vero progresso!" Esclam Ami soddisfatto. "A cosa ti riferisci?" "Stai progredendo, cominci a sorvegliare i tuoi pensieri e non sei tanto addormentato. Le persone in genere, non prestano mai attenzione ai loro pensieri, anche se ogni sorta di cattivi pensiri attraversa la loro mente; siccome non se ne accorgono, hanno una magnifica opinione di se stessi: cos non possono progredire. Tu cominci a osservarti, cos cominci a conoscerti meglio, inoltre, stai acquisendo il potere di eliminare dalla tua mente quello che non ti si addice." "Ehi, voi, venite a vedere le dimensioni di questi mufli" ci chiam il vecchio, mostrandoci delle brillanti bottiglie rosse, fatte di un materiale che sembrava plastica. Vinka ne prese una, avvicin la bocca al collo della bottiglia e... gli diede un morso! Poi mastic deliziata il pezzo di bottiglia... Ami rise della mia confusione. "Non sono bottiglie di plastica, ma frutti che hanno la forma delle bottiglie terrestri." "Prova" disse Vinka tendendomi un frutto. Io guardai verso Ami chiedendogli se potevo mangiarlo. "Solo un pezzetto" raccomand. Gli diedi un morso: la sua consistenza ricordava quella della mela. Mi piacque immediatamente per la sua dolcezza, bench non somigliasse a niente di conosciuto. "Come riesce a produrre mufli cos grandi?" Chiese Vinka al vecchio. " facile: tutte le notti canto una canzone all'albero. Questo gli piace molto, contento e chi contento lavora con amore." "Tutto ci che si fa con amore riesce bene e d buoni frutti" disse Ami. Guardai incuriosito l'albero. Pensavo avesse bocca, occhi e orecchie per comunicare con Krato, ma quello era un albero normale, aveva solo foglie, rami, frutti e tronco. Vinka disse ridendo: "Che follia... cantare a un albero..." Ma Ami era d'accordo, disse che Krato aveva ragione.

"Gli alberi e le piante sono esseri coscienti: hanno una coscienza piccolina, ma sono molto sensibili alla tenerezza, alle vibrazioni d'affetto, possono essere tristi o contenti e sentono la paura o la fiducia." Krato sollecitava Vinka: "Mangiane ancora un po', i mufli danno forza. Mangia, diventerai forte... cos" il vecchio fece finta di diventare muscoloso, con le braccia ad anfora, i pugni stretti e le guance gonfie. Vinka era molto divertita. "Non proprio cos che vogliamo essere, noi signorine di citt..." Ami si divertiva alle stupidaggini di Krato. "Non far caso a questo vecchio montanaro, non sa niente di moda." Mentre Krato scherzava, Ami sembr concentrarsi intensamente, poi disse: "Credo si avvicinino dei terri..." "Allora correte a nascondervi nel trabiccolo invisibile!" Raccomand allarmato l'uomo di Ka. Ami rimase assorto, poi avvert: "Non c' tempo, sono gi qui. Corriamo nella capanna" ci costrinse a seguirlo. Tutto questo mi spavent abbastanza, ma Vinka era ancora pi alterata e si aggrapp a me con forza. Sentimmo il rumore di un motore che si avvicinava e Krato and a sedersi sulla sua sedia a dondolo, fingendo una grande tranquillit. Ami trov una fessura attraverso la quale si poteva vedere all'esterno: ci invit a guardare, mentre con l'indice sulle labbra ci ordinava di restare in silenzio. Riuscii a vedere il veicolo che si avvicinava: sembrava un cassone di metallo nero molto liscio, con le ruote e molte inferriate intorno. Dietro le grate c'erano vetri, ma neri anche quelli, per cui era impossibile guardare all'interno. La tetra vettura emetteva cos tanto rumore e fumo, che tutti gli animali del luogo corsero a nascondersi. Pensai che non avessero ancora inventato il silenziatore, andava a scappamento libero. Ami sussurr: "S, lo conoscono, ma a loro piace far paura." Quando il cassone nero arriv vicino alla capanna, quattro esseri ne uscirono: il solo vederli provocava il panico. Si trattava di una specie di gorilla giganteschi, corpulenti e pelosi. Portavano caschi pieni di punte, spallacci con le punte, scarpe con le punte, bracciali con le punte e ginocchiere con le punte. Usavano corazze metalliche invece di abiti e tutti avevano in mano lunghi oggetti: armi, sicuramente. I loro volti non assomigliavano a quelli delle scimmie, ma a quelli umani. Peli verdi coprivano tutte le parti visibili dei loro corpi, tranne il volto: l, avevano la pelle rosata. "Andiamo, vecchio stupido, mostraci i tuoi documenti!" Krato, senza guardarli, estrasse meccanicamente una scheda dalle pieghe del suo mantello e la porse.

Uno dei terri prese bruscamente il documento e lo esamin. "Hai visto passare dei wacos da queste parti?" "Ho visto terri, ma non so distinguere un terri waco da un terri zumbo. Per me sono tutti uguali: terri." Rispose con grande tranquillit, guardando il paesaggio. "Insolente! Non sai distinguere fra un essere umano e una bestia?" "Questo s. Gli esseri umani amano e costruiscono, le bestie odiano e distruggono." La risposta del vecchio non piacque all'armato e peloso essere. "Che facciamo, capo? Gli diamo un fracco di botte?" "Lascialo stare, uno swama morto di fame e sognatore... come tutti. Ha, ha, ha!" And tutto bene, fino a che il capo ordin: "Vai a dare un'occhiata alla capanna." Sentii un colpo allo stomaco. Vinka si aggrapp a me con pi forza, ma Ami, sorridente e con le mani tese verso di noi, ci sollecit a mantenere la calma. Krato cerc di sviarli: "Non troverete niente che vi interessi, n armi, n zumbos... scusate, gli zumbos siete voi... che mi confondo... volevo dire, n armi, n wacos..." "Se non stai zitto immediatamente, ti porteremo ai lavori forzati. Ci servono wacos e swama per le nostre fabbriche di armi." Il terri entr nella capanna, ispezion ogni lato, guard in ogni angolo... tranne dove eravamo noi. Era impossibile che non ci scoprisse, ma non lo fece. "Non c' niente, capo." "Bene, andiamo. Vecchio inutile, sai gi che se vedi un waco da queste parti ci devi avvisare. Ti faremo dei bei regali." Tornarono al loro veicolo e si allontanarono rumorosamente.

12. Arrivederci, Ka!


Ami, con un sorriso da un orecchio all'altro ci disse: "Prima che diciate qualcosa, vi spiegher: ipnosi a distanza." Io feci una domanda sciocca: "Funziona anche con i terri?" "Con loro pi facile. Quanto pi basso il livello di coscienza di una persona, tanto pi ipnotizzarle, sia a distanza che per suggestione. Per questo la pubblicit commerciale ottiene grandi risultati con questo tipo di gente. Quanto pi alto il livello evolutivo, tanto pi sveglia la coscienza." Krato entr nella capanna ridendo e Vinka gli chiese perch non aveva avuto paura che quei terri ci scoprissero. "Conosco gli stratagemmi del nostro amichetto." Poi raccont come una volta Ami protesse quattro wacos o zumbos fuggiaschi (non ricordava bene a che banda appartenessero) da una pattuglia che li cerc da tutte le parti senza vederli, bench fossero davanti ai loro occhi. "Io non avrei protetto un terri" disse Vinka "pi velocemente si elimineranno fra loro, meglio sar per la pace di Ka." "Terri e swama sono fratelli" intervenne Ami "il dovere degli swama quello di guidare e proteggere i terri." Krato alz le braccia al cielo come se avesse appena sentito una sconsideratezza. "Guidare e proteggere i terri! Sembra che non ti renda conto, loro ci tengono soggiogati, possiedono armi, noi siamo pacifici. Pensano che siamo degli stupidi imbelli perch non cerchiamo il potere o il denaro, sono materialisti e ci considerano una razza inferiore. impossibile che un giorno noi li possiamo guidare! L'unica cosa importante per loro combattere: i terri wacos contro i terri zumbos. Per questa guerra ci tengono nella miseria e tutte le risorse del pianeta vanno a finanziare armamenti: una volta o l'altra li useranno e Ka scoppier." "Se voi non farete niente, sar cos" disse Ami. "Ma cosa possiamo fare?" "Insegnare, parlare loro della pace, dell'unit e dell'amore." Scettico, Krato scherz: "Proporre questo a un terri... ti porterebbe dritto al manicomio. Per loro l'amore significa sesso, la loro famiglia, tutt'al pi. Contro il resto del mondo fanno la guerra e mostrano i denti, anche se si tratta di un altro terri."

Vinka disse che Krato aveva ragione. "Voi siete pi at-terri-ti degli stessi terri!" Disse Ami ridendo. "Siamo realisti." Di nuovo Ami rise. "Realisti? I terri sono sul punto di far scoppiare il vostro mondo, voi ve ne state con le braccia incrociate e vi sembra di essere realisti! Non fate niente per il vostro futuro e vi credete realisti..." " che non ci ascolteranno mai..." "S, vi ascolteranno. Molto presto i terri avranno delle batoste cos terribili, che cominceranno ad ascoltare, ma se voi non sarete l, allora non sapranno cosa fare, se non distruggersi e distruggere anche voi." "Ma la Fratellanza Cosmica ci salver con le sue navi..." disse Vinka. "Si salveranno solo coloro che non lavorano per la propria salvezza, ma per quella del proprio mondo" disse Ami. "Io non capisco molto delle cose del mondo" disse Krato uscendo dalla capanna "io capisco solo ci che riguarda la felicit." Ami ci prese per le spalle e ci condusse all'esterno. "Anche questo importante: l'amore per noi stessi ci spinge a cercare la nostra felicit, mentre l'amore verso gli altri ci porta a servire e a lavorare per quella altrui. Ambedue le forze devono essere in equilibrio." Krato rimase pensoso e si gratt la testa. "Sembra che io non abbia pensato molto agli altri, chiuso fra queste montagne... cosa ne pensi, Ami?" "Non si tratta di pensare, ma di fare. In ogni caso, tu hai gi fatto molto per gli altri... anche se non te ne sei accorto." "Io? Ha, ha, ha! Non vedo come." "Quello che hai scritto un giorno, una pergamena che mi hai fatto leggere qualche tempo fa. Siamo venuti proprio per questo: l tu spieghi come si ottiene l'amore e Vinka e Pierre non conoscono la ricetta. Loro scrivono libri che saranno letti da molte persone e pi tardi riprodurranno il tuo manoscritto nelle loro opere, cos molta gente sar aiutata da te." Krato sembrava non credere a quello che Ami diceva, pensava fosse tutto uno scherzo. "Ma... io non credo sia tanto importante quello che ho scritto, sono cose che tutti sanno..." Vinka lo trasse dal suo errore: "Se l parla di come si ottiene l'amore, allora ti sbagli: non lo sanno tutti, io non lo so." "Nemmeno io" dissi, con una gran voglia di leggere la ricetta di Krato. "Ma se cos facile!" Il vecchio non riusciva a convincersi dell'importanza della sua conoscenza. "Facile per te, ma non per la maggioranza. Ritorna l dentro e prendi la pergamena, voglio che questi bambini la conoscano." "Va bene, va bene, ma non ricordo dove l'ho lasciata. Forse se la sono

mangiata i chumi-chum... Ha, ha, ha!" Entr nella capanna, mentre Ami lo guardava con simpatia. "C' gente che non sa valorizzare quello che fa o che ha, altri pensano che valga pi di quanto meriti: ambedue agiscono male. Per molti difficile trovare il giusto mezzo in tutte le cose." Krato torn col suo polveroso rotolo fra le mani. "Eccolo qui, lo tenevo fra la legna da ardere il prossimo inverno: la pergamena aiuta ad accendere il fuoco. Ha, ha, ha!" Ami prese lo scritto con una mano, con l'altra estrasse un apparecchio dal suo cinturone e lo fece passare sul rotol dopo averlo steso. Pensai che lo stesse fotografando. "Lo sto registrando. L'immagine della pergamena sta finendo di passare alla memoria del 'super-computer' che vi ho nominato. Prendi, Krato, adesso puoi bruciarla!" "Che barbarie! No!" Esclam Vinka "voglio vederla!" "Qui hai una copia pi pulita e pi limpida dell'originale." Da una fenditura dell'apparecchio cominciarono a uscire dei fogli bianchi, una specie di fotocopia dello scritto, ma di dimensioni inferiori. Vinka volle leggerlo e Ami le tese un foglio ridendo. "Non comprendo questa lingua!" Esclam delusa. "Dovr fare una traduzione a mano. Non mi sar facile, non ho una bella calligrafia, ma avrete una copia nella vostra lingua, perch possiate metterla nei vostri libri." Molto pi tardi, mentre preparavo questo libro, non sapevo se Ami voleva che si pubblicasse direttamente quello che aveva scritto di suo pugno, con la sua calligrafia, o se bastava trascrivere il contenuto a caratteri di stampa. Per non sbagliare, ho fatto tutte due le cose: la prima parte della pergamena di Krato stata stampata all'inizio di questo libro, il resto del manoscritto stato fotografato e appare pi avanti, cos potrete vedere la scrittura di Ami. L'originale lo conservo come se fosse qualcosa di sacro: l'unica prova tangibile che ho della reale esistenza di Ami. Victor pensa che lo abbia scritto io stesso, alterando la mia calligrafia. Bene, se lui non capace di vedere in tutto questo niente di pi di una fantasia, mi fa pena, lui quello che ci perde... "Se la mia calligrafia non bella, scusami" disse Ami "pensa se tu dovessi scrivere nella lingua dei cinesi." "Chi sono i cinesi?" Chiese Krato. Vinka si affrett a rispondere: " un popolo del mondo di Pierre, hanno gli occhi molto belli: cos" e se li tir. Ami e io ridemmo, ma il vecchio si fece pensieroso. "Se mi portassi nel tuo apparecchio volante, Ami, forse potrei trovare una vecchietta con gli occhi cos... i cinesi mangiano il garabolo piccante?" Quando finimmo di ridere, Ami disse: "Se i cinesi non mangiano

garabolo, solo perch l non si trovano facilmente; in caso contrario, lo preparerebbero in mille modi: mangiano di tutto, di tutto!" "Allora i cinesi hanno buon gusto" disse Krato "un altro buon motivo per andare l!" Mi sembr che il vecchio fosse troppo attaccato al cibo. "Se questa la spiritualit degli swama, chiss come saranno i terri..." "I terri non si godono la vita" spieg Krato "sono troppo occupati nelle loro guerre o nella loro ricerca di potere o di denaro. Quando lo ottengono, continuano a essere molto occupati a difendere quello che hanno, o cercando di ottenere di pi, ma non hanno mai il tempo di godere la vita: non hanno buon senso, sprecano resistenza miseramente. A proposito, l dentro ci aspetta una pentola piena di garabolo in salsa piccante e una frizzante bottiglia. Andiamo!" Ami rise della filosofia di Krato. "Questo vecchio ghiottone pensa solo al piacere e ha ragione, in parte... solo in parte... si dimentica degli altri. Ignora che colui che serve il prossimo come se stesso, riesce alla fine a godere di pi di coloro che pensano solo in termini egoistici: questo vecchio lo swama meno spirituale che conosco..." "Pu essere, ma ora che il mio scritto far del bene a migliaia di persone, ho il diritto di allietare il mio palato con questo garabolo 'al dente'! Ha, ha, ha! Andiamo dentro... ho fame!" Si preparava a entrare nella capanna, ma Ami lo interruppe: "Io non mangio carne, vecchio amico, mi addolora. Inoltre, ora noi andiamo." "Io non mangio garabolo" dissi io, deciso a non guardare nemmeno il contenuto di quella ripugnante pentola. "Io sono sazia dei mufli del tuo orto, grazie mille, Krato." "Bene, voi lo disprezzate e io ne approfitto! Ha, ha, ha! Peccato che ve ne andiate cos presto, spero di rivedervi, un giorno." "Tu sai che io vengo sempre a fare un giro. Forse in futuro porter di nuovo questi amichetti." Ci congedammo affettuosamente da Krato, il vecchio eremita di Ka: oggi lo ricordo con affetto, mi piaciuto il suo modo spontaneo di essere. Era un uomo senza doppiezze, senza misteri, non sono riuscito a dargli il giusto valore quando ero vicino a lui: solo dopo ho percepito una sua dimensione che non facile captare in un breve incontro. Vinka gli baci la mano in segno di saluto; credetti di vedere il luccichio fugace di una lacrima negli occhi del vecchio, tuttavia, forse per dissimulare l'emozione, lui usc con una battuta finale: "Attenta bimba, attenta, non baciarmi cos! Le mie ammiratrici mi circondano a branchi e sono molto gelose... la tua vita in pericolo!" Io, stupidamente, diedi un'occhiata intorno: regnava la pi desolata solitudine.

13. Calibur
"Bene, ragazzi, mentre aspettiamo che questo apparecchio ci 'collochi' in un luogo che per il momento una sorpresa, io vado a copiare nelle vostre lingue quello che Krato ha consegnato alla posterit. Adesso potete andare a fare un giro in cortile" disse ridendo. Mi interessava sapere cosa mi sarebbe accaduto se mi fosse capitato di aprire la porta mentre passavamo nello spazio-tempo e lo chiesi. Ami finse di avere i capelli dritti solo al pensarci; guard Vinka come per dire 'che matto', ma lei era vivamente interessata alla risposta: eravamo due contro uno. "Bene, adesso che lo nominate, non so neanch'io cosa succederebbe. Buona idea! Apriremo la porta per vedere cosa accade" disse alzandosi dal sedile. Aveva gli occhi sbarrati, si avvicin alla sala d'ingresso fermamente deciso ad aprire la porta, ma noi volammo a impedirglielo. Quando si pieg in due dalle risa, capimmo che aveva scherzato. "Andate di l a raccontarvi le vostre storie e lasciatemi scrivere queste copie prima di arrivare a... dove stiamo andando. Ma non toccate niente, perch non voliamo in pezzi per le dimensioni... ha, ha, ha. Sar difficile per me... dover scrivere in lingue indecifrabili..." Davanti a lui uno schermo mostrava l'alfabeto della mia lingua nei vari metodi di scrittura e vicino a ogni segno conosciuto ce n'era uno molto strano. Mentre scriveva, premeva dei bottoni; io ero assorto nel suo lavoro, ma la mano di Vinka si pos sulla mia spalla. "Lasciamolo lavorare tranquillo, ti va di andare a ispezionare la nave?" "Buona idea! Non mi piace essere spiato da dietro" scherz. Fino ad allora non avevo notato certi dettagli del veicolo spaziale, con Vinka facemmo un giro. Qui accludo una pianta che ho disegnato secondo i miei ricordi.

La nave di Ami
Strumenti

Serie di obl
Dietro alla sala di comando c'era un'area posteriore e ci fermammo l a chiacchierare. Attraverso i vetri degli obl si vedeva solo il riflesso della nebbiolina bianca. "Vorrei sapere cosa c' dietro gli obl" disse con lo sguardo sognante. Guardandola attentamente, mi sembr incredibile conversare con un essere di un altro mondo; lei si avvicin a me e mi chiese: "Cos'hai provato la prima volta che mi hai vista?" "Beh... la verit?" "S." Siccome non mi facile mentire, dovetti ammettere quello che avevo provato: "Non mi sei piaciuta... E io a te?" "Nemmeno, ma subito i miei sentimenti sono cambiati, adesso diverso..." "Cosa provi ora Vinka?" "Sento che tu sei quello che ho sempre sognato." Le sue parole riflettevano esattamente quello che io sentivo per lei, ma non sarei riuscito a esprimermi in modo cos semplice. "Sento la stessa cosa dentro di me, qualcosa di profondo che cresce, cresce." I suoi occhi viola sembravano irradiare luce: era troppo bella. Solo a guardarci, eravamo caduti in una trance che ci trasportava in altre dimensioni...

"Attenti coi romanzi proibiti" disse Ami dalla sala di comando. Non ci badammo e continuammo cos, a guardarci. "Vorrei poter restare con te per sempre" dissi prendendole le mani. Ami intervenne di nuovo da lontano. "Ricordate che ambedue avete la vostra vera anima gemella, dovete essere fedeli." Questo ci fece pensare. Dopo un po' lei mi chiese: "Senti che il nostro rapporto sia qualcosa di proibito?" "Veramente no, ma se lo fosse, non mi importerebbe. Come potrei smettere di sentire quello che sento? Non dipende dalla mia volont." "Ricordate l'incontro del futuro, ricordate quella persona..." Pensai alla donna dal viso orientale: ero sicuro che quando feci quell'esperienza provavo un amore molto grande per lei, ma ora... Beh, Vinka era reale e l'altra solo un ricordo." "Scelgo Vinka per sempre" dissi con grande sicurezza. "E io Pierre," Ami rideva dalla sala attigua. "Entusiasmi passeggeri, fiamme che qualunque vento pu spegnere... come la carne di garabolo o di agnello..." Ami aveva messo il dito sulla piaga. Ci guardammo pentiti per esserci reciprocamente giudicati duramente. Dopo un istante, mentre ci tenevamo per mano, Vinka disse: "Pierre, qualunque cosa accada, qualunque cosa sapr di te, non dubiter mai pi del mio amore. Sarai sempre l'unico per me, anche se la distanza ci separer, anche se tutto ci separer..." Piccole lacrime le salirono agli occhi, credo di aver provato la stessa emozione e per questo le mie parole sgorgarono dal pi profondo del cuore: "Vinka, quando non ti conoscevo mi sentivo solo, ma da oggi in avanti, anche se non sarai con me, sarai sempre dentro di me. So che questo per sempre, con te non sono pi vuoto... Non riesco a spiegarmi meglio, ma sei in me e ci sarai per sempre." Ci abbracciammo: fu la cosa pi bella di tutta la mia vita. Sentimmo che da quel momento saremmo stati un solo essere. Dopo un certo tempo, non seppi quanto, Ami, col suo solito buon umore disse: "Basta con gli amori peccaminosi. Venite qui, le copie sono pronte e per di pi stiamo arrivando a Calibur." Aprimmo gli occhi e vicino a noi, dietro i vetri, le stelle si stagliavano contro il firmamento di un azzurro scurissimo. Corremmo alla sala di comando. L davanti, dietro gli obl, apparve una visione sconvolgente: due enormi soli, uno azzurro, pi grande e l'altro bianco, pi piccolo. L c ' Sirio." "Sirio? Quale dei due Sirio?" Chiesi. "Tutti e due. Dalla Terra vedete questi due soli come se fossero uno solo, questo dovuto al fatto che sono molto vicini fra loro, ma lontani dalla Terra.

Vedete quel punto luminoso?" Ami indicava un piccolo globo azzurro delle dimensioni di un acino d'uva "quello Calibur, stiamo andando l. un pianeta che utilizziamo per creare specie vegetali, come se fosse un enorme Vivaio cosmico'. stato tutto coltivato da noi: quando otteniamo qualche specie eccezionale, la portiamo nei mondi che possono averne bisogno." "Quante persone abitano l?" "Solo alcuni ingegneri genetici nella stazione di controllo." Ci avvicinammo rapidamente al cerchio luminoso. Quando si trasform in un disco immenso che occupava tutto il campo visivo dei nostri obl, verificai che quel mondo non assomigliava al mio pianeta, perch i suoi colori erano diversi: tutto tendeva a un delicato azzurro. Stavamo volando su un'ampia spiaggia di sabbia viola, vicina a un tranquillo mare di acqua lilla. Vinka espresse con gioia la sua emozione: " bellissimo!... Non potremmo scendere?" "Non c' problema; fra l'altro ho promesso a Pierre di portarlo su queste spiagge..." Era vero, nel mio viaggio precedente lo aveva fatto. "Qui le condizioni dell'ossigeno, della gravit, della temperatura e della flora, non vi possono assolutamente danneggiare e nemmeno voi danneggerete il pianeta." La nave si ferm nell'aria, poi si pos sul terreno. "Io devo preparare l'itinerario per il nostro prossimo viaggio, voi potete andare a passeggiare fuori. Non temete, qui non esiste niente che possa farvi male, ma non mangiate niente." La porta si apr, scendemmo per la scala e camminammo sulla delicata sabbia illuminata da un sole azzurrino, grande come quello che avevo visto a Ofir. "Mmmm! Com' gradevole quest'aria!" Esclam Vinka, inspirando profondamente "sembra una mescolanza di fiori e di alghe marine..." L'intensit della luce, malgrado l'enorme sole, risultava inferiore a quella della Terra, di Ka o di Ofir, a causa di una densa cappa di nebbia: ricordava una spiaggia sul far della sera, ma con colori infinitamente pi delicati del mio pianeta; inoltre, le spiagge terrestri non sono viola, n il mare lilla... Camminavamo tenendoci per mano, arrivammo a una svolta e apparve un delizioso giardino pieno di piante fiorite che arrivavano fino al mare. Vinka era raggiante. "Questo un paradiso!" Ci addentrammo fra le piante allontanandoci dalla spiaggia. Pi in l trovammo un bosco di piccoli alberi che non avevano foglie, ma sottili filamenti e quasi sembravano artificiali, con la loro corteccia liscia. Il gigantesco sole cominciava a scendere sopra le acque, illuminando il volto di Vinka, conferendole tonalit di un celeste brillante. Ci sedemmo sotto gli

alberi, i cui filamenti caduti formavano un morbido cuscino fra i fiori. Per lunghi istanti contemplammo i riflessi sulle acque tranquille: non avevo mai visto un tramonto cos strano e bello. Notai che i capelli di Vinka erano illuminati da una luce dietro di lei: un secondo sole apparve dietro gli alberi, alle nostre spalle. "Guarda, l'altro sole!" " meraviglioso! Tramonto e alba contemporaneamente!" Ridemmo allegramente. Pass un certo tempo e Vinka mi disse, con un'ombra di tristezza: "Credo non sia giusto..." "A cosa ti riferisci?" "Noi sappiamo che qualcuno ci aspetta, nel futuro..." Rimanemmo un attimo in silenzio, aveva ragione. "Credo che Ami abbia fatto male permettendo che ci incontrassimo. Avrebbe potuto calcolare che ci saremmo sentiti attratti, avrebbe potuto evitare tutto questo..." disse. Sembrava voler fermare l'attimo. "Tuttavia, questa la cosa pi bella della mia vita... grazie, Ami," Anche adesso aveva ragione, l'unica cosa che turbava la nostra gioia era il ricordo di un incontro del futuro, Provai la curiosit di sapere chi fosse l'anima gemella di Vinka. Forse con una punta di gelosia le chiesi: "Questo tuo eroe, com'era?" " meglio che dimentichiamo per sempre tutto questo e pensiamo soltanto a noi." "Magnifica idea, io dimentico la donna con il neo in fronte e tu dimentichi il tuo principe azzurro." "Come sai che era azzurro?" "Perch me lo dici, Vinka?" "Perch aveva la pelle azzurra..." "Allora, forse tutte le anime gemelle hanno la pelle di quel colore, perch anche la donna che io ho visto ce l'aveva cos." Questo la interess vivamente e mi chiese maggiori dettagli. "Io volavo nell'aria, vicino a una laguna con dei cigni che mi salutavano. I prati, i fiori e i giunchi cantavano e lei mi aspettava fra..." "...Fra rampicanti rosati e grandi cuscini con frange colorate?" Rimasi stupefatto: come poteva saperlo? "Credo che tu abbia letto il mio libro..." "Se leggessi il mio, troveresti la stessa situazione, ma dal punto di vista della donna che aspetta..." "Eri tu!" Ci abbracciammo, quasi volendo fonderci in un solo essere, adesso senza sensi di colpa. La felicit ci invase: ebbi sensazioni molto simili a quelle che avevo vissuto in quell'incontro del futuro.

"Basta romanzi" ci interruppe la voce di Ami che ci stava osservando sorridendo, in piedi fra i fiori. "Sei un bugiardo" Vinka finse irritazione; si riferiva al fatto che ci aveva detto che le nostre anime gemelle si trovavano nella Terra e a Ka e aveva anche detto che il nostro amore era proibito. "Volevo che lo scopriste da soli, non stato meglio cos?" "Ma mentivi..." "Se vi avessi detto qualcosa come 'ti presento la tua partner', ci sarebbe stato qualcosa di forzato, obbligatorio, senza mistero: invece cos stato tutto spontaneo. Vi ho messo intenzionalmente degli ostacoli per vedere se li superavate e lo avete fatto molto bene. Mentre tornavamo verso la nave, chiesi: "Quando avverr questo incontro nel mondo rosato?" "Dopo alcune unioni e separazioni. Da ora in poi voi vi cercherete sempre, di vita in vita e vi incontrerete sempre. Alla fine, molto dopo l'incontro che vivrete nel mondo rosato, voi vi fonderete in un solo essere: allora sarete completi. Per ora siete due met di uno stesso essere e state evolvendo separatamente." "E adesso, dobbiamo separarci?" Chiese Vinka rattristata. "S, presto tornerai a Ka e Pierre sulla Terra. Ricordate che avete una missione di aiuto ai vostri mondi, se non servirete i vostri fratelli, dimostrerete egoismo. Chi egoista non ha un buon livello e chi non ha un buon livello, non merita di incontrare la sua anima gemella: questo un premio, bisogna guadagnarlo, cos come si deve meritare un mondo migliore. Se non servirete l'amore, il destino vi separer, ma quanto pi utili sarete agli altri, tanto pi velocemente il destino vi avviciner." Salimmo tristi la scalinata della nave. "Sar duro separarci..." "Sar facile, perch adesso sapete che il vostro complementare esiste, sapete che vi ricorda e che vi aspetta. Inoltre, potrete comunicare..." "Come? Ci lascerai qualche microfono?" "Non necessario: quando due anime sono unite dall'amore, la comunicazione supera il tempo e lo spazio."

1 4 . La pergamena e le due possibilit


Mentre ci 'collocavamo' in qualche luogo sconosciuto, cominciai a leggere la pergamena di Krato, cos come l'aveva scritta Ami di suo pugno e con la sua calligrafia. Eccola:

L'Amore una componente sottile della coscienza. in grado di svelare il senso profondo dell'esistenza. L'Amore l'unica 'droga' legale. Alcuni cercano erroneamente nel liquore e in altre droghe quello che produce l'Amore. L'Amore la cosa pi necessaria della vita. I saggi conoscono il segreto e cercano solo l'Amore. Gli altri lo ignorano, per questo cercano all'esterno. Come si ottiene l'Amore? Nessuna tecnica pu servire, perch l'Amore non materiale. Non sottomesso alle leggi del pensiero e della ragione:esse sono sottomessi a Lui. Per ottenere l'Amore, prima si deve sapere che l'Amore non un sentimento, ma un modo di essere. Amore un essere, uno Spirito Vivo e Reale, e quando si risveglia in noi, arriva la felicit, arriva tutto. Come farlo venire? Prima bisogna credere che esiste (perch non si vede, si sente soltanto e qualcuno lo chiama Dio), poi deve cercarlo nella sua intima dimora: il cuore. Non occorre chiamarlo, perch e gi in noi. Non dobbiamo chiedergli di venire, ma lasciarlo uscire, liberarlo, offrirlo. Non si tratta di chiedere amore, ma di dare Amore,

Come si ottiene l'Amore? Dando Amore, AMANDO.


"Allora l'amore un essere, questo non c' in nessuno dei libri che ho letto" dissi. Ami sorrise mentre azionava i comandi.

"Si, c' in uno."


"In quale, Ami? Io non l'ho letto." Il bambino dello spazio cominciava a divertirsi. "S, lo hai letto. Ti dir di pi: lo hai scritto tu. L c'." "In Ami?" "In Ami" rispose Ami. "Non ricordo..." "Rileggilo, allora. Alcuni parlano di 'possessione diabolica': quando una persona commette atrocit, potete pensare che le forze negative sono un essere, ma quando qualcuno nell'amore, a nessuno viene in mente di parlare di 'possessione divina'. Siete molto strani, voi... Pensaci, ma ancora pi utile mettere in pratica il consiglio di Krato." Vinka venne al mio fianco. "Per me sar molto facile... adesso..." "E magari riuscirai a estendere il tuo affetto al di l di Pierre: la tua gente ha bisogno di te, a Ka. Bene, prima di tornare l vi mostrer delle registrazioni..." "Ma torniamo di nuovo a Ka?!" Chiesi allarmato. "Non ho detto che stiamo andando proprio a Ka, ma quel momento arriver." "Allora... non c' rimedio?" "Vinka non pu restare qui per sempre, deve tornare al suo mondo, scrivere un altro libro, continuare a servire e tu devi fare altrettanto nel tuo pianeta, ma prima guardate questo." Attraverso i vetri apparve un mondo grigio scuro: non mi interessava, e nemmeno a Vinka. Continuavamo a tenerci per mano e a guardarci con tristezza. "Basta drammi dozzinali!" Esclam sorridendo il nostro amico. "Ma ci separeremo..." "E qual il problema? Non starete per sempre divisi, ora avrete l'opportunit di restare uniti per l'eternit. Andiamo, guardate questo, la distruzione di un mondo!" Cerc di coinvolgerci. Neppure quell'annuncio ci entusiasm, eravamo molto tristi. Vedendoci cos, Ami spense l'immagine, poi ci disse: "Imparare a superare il distacco fa parte dell'evoluzione, perch lo spirito cerca la libert." "Ma noi vogliamo..."

"Il vero amore non attaccamento, non incatena e non si incatena: libera e si libera. Coloro che si amano davvero non hanno bisogno di stare attaccati come siamesi... ha, ha, ha! Volete ricevere questo castigo, nella prossima incarnazione?" Non sapevamo se scherzava o se diceva la verit, ma le sue parole ci aiutarono a risollevarci. Accese di nuovo il sistema che proiettava immagini sui vetri e ci spieg: "Quello che vedrete accaduto in un mondo che non riuscito a superare la sua violenza e la sua malvagit, malgrado tutti gli sforzi che fecero coloro che parteciparono al piano di aiuto per questo pianeta. Guardate: L'atmosfera era oscurata da una spessa cappa di nubi grigie e notammo una grande quantit di navi spaziali che scendevano sul pianeta. "State vedendo l' 'operazione salvataggio': le navi scendono a cercare coloro che hanno un livello di settecento o pi per salvarli, perch lo meritano. Questo, in realt molto triste, un fallimento, tutti gli sforzi sono stati vani." Le immagini si susseguivano come in una specie di documentario filmato: la terra tremava quasi dappertutto e le citt costiere erano spazzate da ondate gigantesche. Apparve una nave-madre uguale a quella del Comandante. " necessario ospitare vari milioni di persone..." "Vari milioni!" "La gente buona molto pi numerosa di quello che si pensa: molto spesso la malvagit semplice ribellione di fronte all'ingiustizia, solo espressa in modo errato. Altre volte, si tratta di cattive abitudini collettive, provocate da cattivi sistemi organizzativi. Generalmente, l'abitudine o la necessit obbligano ad agire male: per questo necessario che si diffondano i messaggi che stiamo inviando. Quanto pi intensamente lavorate, minori sono le probabilit che nei vostri mondi accada quello che vedete qui." Si vide dettagliatamente il lavoro di una nave sopra una citt: molte persone venivano 'issate' mediante raggi luminosi. I loro volti esprimevano sorpresa o paura, in molti casi allegria. "Perch tutto cos scuro?" "Perch hanno appena finito di far esplodere migliaia di bombe nucleari; presto comincer la pioggia radioattiva, poi il pianeta si raffredder cos tanto, che sar impossibile sopravvivere." Una nave pass sopra una montagna: sotto, un gruppo di persone fecero dei cenni, ma non si ferm per salvare quella gente. "Perch non li raccolgono?" "Non hanno un buon livello" rispose Ami. "Ah, hanno osservato il loro livello di evoluzione attraverso il 'sensometro'..." "Non necessario, in questo caso: questa una comunit lontana dalla civilt, tutte queste prsone hanno deciso di scappare dai loro problemi, invece di collaborare per risolverli, non hanno un buon livello. Ora, per aver

voluto salvare soltanto le 'loro' vite, perderanno la vita... Dovranno aspettare una nuova opportunit, in un altro mondo, sar per una nuova esistenza..." Le parole di Ami, la visione di un mondo completamente oscurato da nubi di polvere contaminata, lo spettacolo di esseri umani morenti in un pianeta che non smetteva di tremare, con montagne d'acqua che andavano verso i continenti distruggendo tutto al loro passaggio, mentre migliaia di navi sceglievano solo poche migliaia di persone, lasciando la maggioranza condannata a morte, tutto questo ci diede una terribile angoscia. Vinka aveva le lacrime agli occhi. "Mi sembra spaventosamente crudele lasciare l abbandonate quelle persone che si sono ritirate a vivere un'esistenza pi in contatto con la natura, quando hanno visto che tutto era perduto." "Ti sbagli, non sono scappati quando tutto era perduto, ma molto prima, quando c'era ancora la possibilit di fare qualcosa: forse sarebbe bastato il loro lavoro per salvare questo mondo. Ricorda che la brocca con una goccia trabocca..." Malgrado le spiegazioni di Ami, mi sembr vendicativo lasciare l quella povera gente. "Non si tratta di vendetta, ma di scegliere la 'buona semenza'. Solo con gente buona si crea una civilt nella quale si pu dormire in pace con la porta aperta, o lasciare i beni di consumo a completa disposizione delle persone. Coloro che sono scappati non sarebbero una 'buona semenza', perch se si desse loro l'opportunit di arrivare in un mondo come quello che si vuole costruire, non avrebbero disposizione per il servizio e la cooperazione: semplicemente, manca loro l'amore. In fondo, stato il loro egoismo che li ha spinti a fuggire, un egoismo che pu mascherarsi in qualunque modo: vita sana, salute, purificazione, persino evoluzione spirituale, ma alla fine semplice egoismo. come se un medico fuggisse dall'ospedale per paura del contagio e dicesse che la sua salute l'unica cosa importante: se tutti i medici la pensassero cos... poveri malati!" Le spiegazioni di Ami riuscirono a farmi comprendere meglio la situazione, ma ancora mi addolorava il destino di quella gente e per questo gli chiesi: "Ma non esiste la possibilit di creare un mondo buono, senza la necessit di eliminare tanti milioni di persone?" "Eccellente domanda!" "Perch?" "Perch possibile! Adesso vi mostrer altre registrazioni, ho il resoconto di quello che accaduto in un altro luogo, vediamo..." Ami azion di nuovo i comandi e sui vetri apparvero altre immagini. Questa volta si trattava di un mondo molto simile alla Terra o a Ka, perfino le persone erano quasi uguali a noi, erano di varie razze. In un'importante citt c'era una grande moltitudine di gente davanti alle porte di un enorme edificio.

"State assistendo a un momento storico: si appena formato il Governo Mondiale. I rappresentanti scelti in ogni paese non sono politici normali..." "Chi sono, allora?" "Servitori del Piano Cosmico: questo mondo comincia a reggersi sulla Legge di Dio, sui principi universali." Vinka sembrava affascinata. "Che meraviglia!" "Qui si realizzata l'unione di molti gruppi spirituali, religiosi, ecologisti e pacifisti. Hanno proposto la convivenza fraterna, praticata in tutti i mondi civilizzati e la gente ha deciso di credere in loro... non hanno avuto altra via..." "Perch?" "Perch hanno avuto un tracollo economico a livello mondiale; inoltre, a causa di una moltitudine di esperimenti atomici, della contaminazione e dell'eccessivo sfruttamento delle risorse naturali, ci sono stati gravi squilibri ecologici. I cambiamenti climatici hanno compromesso la produzione alimentare, sono apparse nuove epidemie, pestilenze, piaghe e come se non bastasse, ci sono state guerre in tutto il mondo. Guerre fra sistemi sociali, per le frontiere, per le differenze religiose: tutto il denaro finiva in armamenti e ci furono fame, miseria, paura... La gente si stanc e siccome c'era un'unica possibilit di fermare la follia collettiva, pacificamente e di comune accordo decisero di provarla." Attraverso i vetri si vedevano strane scene. "Adesso vediamo il momento in cui si esegue il primo provvedimento del Governo Mondiale." In tutte le citt migliaia e migliaia di persone erano raggruppate davanti a tonnellate di macchine da guerra: mitragliatrici, fucili, cannoni e tutti quegli elementi distruttivi che inorgogliscono tanto alcune persone del mio pianeta. "Cosa stanno facendo?" "In questo momento in ogni paese, o meglio, 'ex paese', in ogni provincia di questo mondo si proceder alla trasformazione degli armamenti." Vedemmo che grandi fiammate fondevano i metalli, nei porti le navi da guerra venivano trasformate in navi da carico, negli aeroporti gli aerei da guerra in aerei passeggeri e i carri armati in trattori... Ricordai le parole scritte dal profeta Isaia, quelle che compaiono all'inizio del mio libro precedente. Le ripeter qui, cos come sono nella Bibbia: '...E trasformeranno le loro spade in aratri e le loro lance in asce: non alzer la spada nazione contro nazione, n si addestreranno pi alla guerra. ' Mentre le fiamme fondevano i metalli, in un gesto simbolico di fraternit e di pace, la gente intonava canzoni e molti piangevano per l'emozione.

"Ora osservate attentamente, adesso viene la parte migliore:" Nel cielo apparvero migliaia e migliaia di oggetti luminosi che cominciarono a girare in cerchio intorno ai roghi. La gente li salutava con emozione e allegria. Alcune navi scesero e i loro occupanti andarono a unirsi a coloro che partecipavano a quel gesto che ripudiava per sempre la violenza e la distruzione. Attraverso gli altoparlanti, i visitatori spaziali si presentavano alla moltitudine. 'Vi salutiamo, fratelli di questo pianeta! Il meraviglioso gesto che voi realizzate oggi stato ispirato dalle forze costruttive dell'universo, si ripercosso nella parte migliore dei vostri cuori e vi ha spinto a lottare per salvare il vostro futuro. Siete riusciti a superare l'egoismo, l'ignoranza, la sfiducia e la violenza: questo significa che siete arrivati al livello che vi serve per entrare nella Fratellanza Cosmica. Da ora in poi non ci sar pi sofferenza per voi, siamo venuti a offrirvi tutto il nostro bagaglio di conoscenze scientifiche e spirituali affinch entro il pi breve tempo possibile vi organizziate in sintonia con l'armonia cosmica retta dall'Amore Universale...' La gente si abbracciava, tendeva le mani verso le navi con gesti meravigliati e felici. Anche se lo spettacolo era emozionante (Vinka piangeva apertamente), riuscii a superare i sentimenti che si affollavano nel mio petto e chiesi: "Com' possibile che queste persone non si spaventino alla comparsa delle navi?" "La risposta molto semplice" disse Ami sorridendo "questo dovuto alla diffusione di informazioni che hanno fatto preventivamente i nostri amici, i missionari in questo mondo. Tutti i gruppi motivati dall'amore riconoscevano la nostra esistenza e il nostro aiuto: tutti loro profetizzavano, in sintonia con i nostri messaggi, che una volta creata l'unit ed eliminati gli armamenti, sarebbero apparse le navi dei loro fratelli dello spazio. Questo ha creato a poco a poco una coscienza universalista in questa umanit: per questo la vostra missione importante."

Vinka, sorpresa dallo spettacolo di fraternit che si sviluppava davanti ai suoi occhi, espresse il suo entusiasmo: "Vorrei essere l! Portaci, per favore..." Ami cominci a ridere.

"Non sai quello che chiedi! Queste immagini sono state registrate talmente tanto tempo fa, che nel momento in cui si realizzavano questi avvenimenti l'uomo dei vostri mondi non conosceva ancora la scrittura!" "Non pu essere..." " meglio che ci crediate." "Perch hai usato immagini cos antiche? Forse nessun altro mondo si salvato da allora?" La risata di Ami ci fece comprendere che ci sbagliavamo. "Il motivo per cui vi ho mostrato questo mondo e non un altro, che qui la gente molto simile a voi: cos vi sembra tutto pi familiare, ma potrei mostrarvi lo stesso spettacolo in parecchie migliaia di mondi di questa galassia e in tutte le epoche." "Ad ogni modo mi piacerebbe andarci, vedere come si evoluto in tanti millenni" disse Vinka. "Vorrei potervi portare, ma non abbiamo tempo. Posso per dirvi che questo mondo oggi molto simile ai pianeti civilizzati che avete conosciuto, esiste una sola razza umana e..." "Una sola razza umana? Io qui ne vedo diverse..." "S, ma con gli anni si sono fuse. Oggi ce n' una sola, la risultante della mescolanza di tutte le altre e non esistono pi soggetti umani delle razze originarie." Vinka sembr rattristarsi. "Allora... tutte le persone che vediamo... sono morte?" L'allegria sul volto di Ami ci fece presentire che non era cos. "Sono tutti vivi e vegeti'!" I nostri sguardi penetranti esigevano una spiegazione. A Ofir mi era stato detto che un signore che dimostrava sessant'anni ne aveva in realt circa cinquecento, ma questa gente avrebbe dovuto averne migliaia e migliaia... "Una volta che un mondo entra nella Fratellanza, tutta la gente resta in vita per sempre..." Le nostre bocche e i nostri occhi spalancati fecero ridere Ami. "...Scusate se rido, male vostre facce... Vi capisco, una sorpresa molto grande, ma vero. Le nostre scoperte nel campo scientifico e spirituale ci permettono di fermare l'invecchiamento cellulare: quando un mondo entra nella Fratellanza, gli offriamo tutta la nostra conoscenza." Non capivo. Bench l'uomo di Ofir avesse cinquecento anni, sembrava pi vecchio degli altri e pertanto, c'era un invecchiamento cellulare. "Perch allora, l'uomo di Ofir non appariva giovane?" "Perch il suo corpo non era tanto giovane..." disse maliziosamente. "Non comprendo." "Accade che non tutti vogliono sottoporsi indefinitamente al processo di arresto dell'invecchiamento. Alcuni si sono evoluti pi del resto dei loro fratelli, allora il mondo nel quale vivono ormai 'stretto' per loro. Devono andarsene in mondi ancora pi elevati, ma prima devono restituire il corpo che stanno usando, non possono andare con questo nei mondi superiori. Cos

lasciano invecchiare il vecchio corpo fino a che non funziona pi..." "Finch muore?" "Solo il corpo: nei mondi della Fratellanza la gente sa come rimanere coscientemente fuori dal corpo fisico, sono sempre con la coscienza sveglia. Cos passano dal vecchio corpo al nuovo, senza perdere n la coscienza, n la memoria... La vita eterna un fatto reale, garantita da coloro che riescono ad arrivare in un mondo civilizzato." "Garantita?" "Basta saper interpretare le Sacre Scritture dei vostri mondi: l si promette la vita eterna a coloro..." "Allora la morte..." "La morte non esiste da nessuna parte: credi che Dio sia cos cattivo da permettere qualcosa del genere? Esistono solo cambiamenti dell'essere, ma lo spirito eterno. Alla gente dei mondi non civilizzati non si consente di cambiare il corpo conservando il ricordo della vita precedente. Questo provoca l'illusione della 'morte', ma nei mondi civilizzati tutti ricordano le loro esperienze passate. Vinka ascoltava affascinata. "Allora vale la pena di arrivare in un mondo superiore!" " cos, ma ripeto: bisogna guadagnarselo, non si ottiene niente senza sforzo. Non si raccolgono 'ambrochite' senza seminarle." "Cosa sono le 'ambrochite'?" "Dei deliziosi frutti del mio mondo..." Ricordai che nella sua visita precedente aveva promesso di portarmi sul suo pianeta. "A proposito..." "S, a proposito" disse Vinka "ricorda che mi hai promesso di portarmi a casa tua." "A casa mia?" Finse di essere sorpreso "io ho detto soltanto che avreste conosciuto il mio pianeta, ma ricordate che per il momento non potete scendere dalla nave nei mondi civilizzati. Andiamo proprio l, a Bambola Galattica." "Cos' questa Bambola Galattica?" "Il pianeta in cui vivo si chiama proprio cos, presto ci arriveremo." "Che bel nome!" Disse Vinka. "Beh, almeno suona meglio di Ka o di Terra, queste parole sono prive di poesia." Volevamo sapere se tutti i mondi civilizzati avevano nomi come quello. "Quasi tutti, anche se alcuni vogliono conservare i loro nomi primitivi. In genere cerchiamo nomi poetici per tutto, mondi, regioni, fiumi, montagne, laghi, localit, strade." "A Ka ricorriamo ai nomi degli eroi." "Dei guerrieri, vuoi dire" precis Ami "dato che i vostri mondi sono violenti e bellicosi. Se foste pi evoluti usereste nomi di artisti, scienziati e

Maestri e quando lo sarete ancora di pi, ricorrerete a immagini pi belle." Entusiasta di quello che aveva appena sentito, Vinka si avvicin a me dicendo: "Andiamo, Pierre, ti invito a fare una passeggiata su questi prati: andiamo per la via degli uccelli azzurri fino alla piazza dello specchio magico..." Mi prese per mano portandomi verso il recinto posteriore della nave. Mi piaceva la fantasia che aveva proposto, ma non riuscivo a tenerle il gioco: l'immaginazione non mi funziona, quando ci sono altre persone presenti, la timidezza mi blocca. "Se quello che hai da mostrare va bene per te, mettiti in tasca l'opinione degli altri" disse Ami dalla sala di comando "impara a essere te stesso, senza chiedere il permesso. Cerca di comprendere cosa significa un cuore con le ali, con le ali!" A Vinka non sembr andare a genio che Ami si immischiasse nei nostri giochi usando la telepatia. Perci disse, fingendo di parlare su un altoparlante: "Si prega l'equipaggio di non intervenire nelle faccende private degli altri membri della nave." "Hai perfettamente ragione" disse Ami "nei mondi civilizzati un terribile delitto mancare di rispetto all'intimit delle persone." Vinka trov il pretesto per una battuta: "Allora, com' che non sei in prigione?" Ami rispose ridendo: "Mi dispiace, ho il grave diftto di essere capace di captare il pensiero e voi, da buoni incivili, pensate a un volume atrocemente rumoroso. difficile non sentire il suono di un apparecchio radio messo a tutto volume! che ancora non avete imparato a calmare i vostri pensieri: se noi non lo facessimo, immaginate la spaventosa cacofonia che dovremmo sopportare, dato che siamo dotati di telepatia! Per questo, quando andiamo a svolgere qualche lavor nei vostri mondi, preferiamo passare per zone nelle quali il 'rumore' minore." Questo mi interessava molto, ma non volevo contrariare Vinka: evidentemente lei voleva conversare solo con me, per questo chiesi mentalmente: 'In che zona della Terra il 'rumore' dei pensieri minore?' "Ci sono punti nei vostri mondi che corrispondono a zone pi sottili del grande organismo chiamato pianeta..." 'Non uguale dappertutto?' "Una cellula dei capelli non uguale a una del cervello: cos ci sono luoghi speciali anche nei pianeti. In quei punti le radiazioni sono pi sottili, quindi la gente che vi abita meno 'rumorosa', per questo ci pi sopportabile passare per quelle regioni." "Sarebbe ancora pi sopportabile che ci lasciassi chiacchierare in pace, una buona volta!" Disse Vinka fra il serio e il faceto. "Va bene, ma cercate di non fare troppo 'rumore' coi vostri pensieri caotici

e le vostre emozioni incontrollate." 'Anche le emozioni fanno 'rumore'?' Chiesi mentalmente. "Le emozioni negative e incontrollate sono la peggior fonte di 'rumore'. Ma non dir pi niente, Vinka potrebbe farmi sloggiare dalla nave" rise "anche se non avrete molto tempo per le vostre telenovele a buon mercato: siamo arrivati a Bambola Galattica."

15 . Bambola Galattica
Mi sembrava di guardare un mondo-giocattolo. Vidi un paese simile a quello dei folletti nei cartoni animati dei bambini: molte case avevano la forma di funghi multicolori, altre erano sfere che fluttuavano nell'aria, con finestrelle piene di piante e fiori. Tutti gli abitanti che vidi erano bambini, assolutamente tutti. "Non tutti siamo bambini, anche se ci piace mantenere questo aspetto; che interiormente siamo giocherelloni, infantili nel senso buono della parola: per questo che il nostro mondo si chiama 'Bambola', una cosa che serve ai piccoli." "Io pensavo che i mondi civilizzati fossero uguali in tutto" dissi. "Certo che no, sarebbe noioso! Ogni mondo si differenzia nello 'stile' e questo dipende dalle inclinazioni particolari dei suoi abitanti." "Guarda l!" Esclam Vinka vedendo un veicolo volante che ci passava vicino; aveva la forma di un frutto, una mela o qualcosa del genere ed era ornato da disegni che riproducevano volti sorridenti di animaletti, fiori, stelle e nuvole. "I nostri veicoli non spaziali sono fatti seguendo la nostra fantasia: se li vedeste all'interno, diventereste matti!" "Perch questa nave non cos?" "Perch le navi spaziali devono essere fatte secondo le norme della Fratellanza. Questo viene fatto per evitare il disordine visivo; in certe citt e paesi dei vostri mondi si crea una vera 'cacofonia ottica': un grattacielo di acciaio e vetro vicino a una cattedrale medievale, cartelli, cavi, paracarri... roba da far ammalare i nervi a un 'guarapodattilo'..." Non ci fu il tempo di chiedere di cosa si trattasse, perch da lontano si stava avvicinando un gigantesco animale bianco, simile a un orso di peluche: aveva le dimensioni di un edificio... Ami ci avvert ridendo: "Non preoccupatevi anche se ci ingoia, un gioco divertente." Effettivamente, quando il tremendo 'orso' arriv di fronte a noi, alz una zampa che blocc la nostra nave, ma senza toccarla: forse attraverso una specie di magnetismo. Poi apr la mastodontica bocca e ci ingoi. Ami rideva della nostra sorpresa. Ci sembrava di essere in una specie di parco dei divertimenti, per questo non ci inquietammo troppo quando tutto si oscur e ci addentrammo nella bocca del pupazzo gigante.

Una luce rosa illumin la sala di comando; invece di viscere, costole o l'interno di uno stomaco, si present a noi uno spettacolo affascinante: un'infinit di personaggi simili a quelli delle fiabe scivolavano in mezzo a decorazioni assolutamente fantastiche, boschi irreali, castelli di sogno e paesaggi da favola. Era una sfilata di sorridenti personcine, ma non riuscivo a capire se quegli esseri erano vivi, se si trattava di un film o forse di pupazzi meccanici. "Sono personaggi di antiche fiabe, questo un filmato di gente mascherata. Ora vediamo la proiezione con il sistema tridimensionale o 'iperreale'." Scendemmo all'interno del corpo del pupazzo e tutto acquist un gradevole colore verde chiarissimo. Ora la visione era ancora pi fantastica: fra decorazioni senza forma precisa (erano piuttosto delle sagome a colori cangianti), fluttuavano degli esseri simili a fate, i loro corpi erano trasparenti... "Questo un filmato di esseri che abitano altri piani vibratori, altre dimensioni: ci sono fate, gnomi, ondine, elfi e salamandre." Vinka era impressionata. "Allora questi esseri esistono veramente!..." "Naturale che esistono, sono reali come te, me e i 'tripping'..." Ormai non chiedevamo pi niente quando Ami nominava strane parole: capivamo che scherzava, anche se non ne ero poi tanto sicuro... "Adesso entreremo nella parte finale, non fatevi intimorire da quello che vedrete." Questa volta una luce ambrata color topazio inond l'interno della nave. Guardando attraverso i vetri vedemmo una sfilata ancora pi incredibile: gli esseri che la componevano avevano corpi incandescenti, corpi di fuoco. Ce n'erano a fiamma rossa, violetta, gialla, azzurra, verde e bianca; avevano forma umana, anche se privi di lineamenti definiti, dato che erano tutto fuoco, tranne gli occhi. Che occhi! Sguardi affascinanti, penetranti, ma pieni di dolcezza e di forza. Uno degli esseri ci guard fissamente, si avvicin alla nostra nave e poi... meraviglia!... attravers l'obl ed entr nella sala di comando!... Pensai che si sarebbe bruciato tutto, che si sarebbe provocato un incendio: avevo paura che quell'essere di fuoco rosso incandescente venisse a toccarmi, a bruciarmi. "Non temete" disse Ami vedendo che Vinka contemplava con gli occhi sgranati quell'essere fiammeggiante che danzava in mezzo a noi, illuminando l'interno della nave del colore delle sue fiamme " tutto un gioco" disse. Il fiammeggiante personaggio rosso se ne and attraversando l'obl, ma un altro, di colore giallo, si apprest a fare il suo ingresso nel nostro veicolo: esegu una danza meravigliosa! "Se riusciste a comprendere il linguaggio racchiuso nei suoi movimenti, scoprireste grandi verit universali" spieg Ami. Quando l'essere giallo si ritir, un altro fece la sua rappresentazione: cos,

uno alla volta, passarono tutti quei personaggi incandescenti. Quando l'ultimo, di colore bianco, si ritir, si apr una grande porta e uscimmo all'esterno attraverso la schiena dell' 'orso' gigante. Ami aspettava divertito le nostre domande. "Chi erano quegli esseri?" "Quelli sono gli abitanti dei soli, ma sia chiaro, stato solo un film, una proiezione." "Non pu essere stata una proiezione, sono entrati all'interno della nave e qui non c'era nessuno schermo..." "Un raggio di luce si pu proiettare attraverso i vetri..." Non capimmo il meccanismo, ma non avevamo altra alternativa che quella di credere alle parole di Ami. "Se uno di loro fosse effettivamente penetrato nella nostra nave, ci saremmo liquefatti, disintegrati..." "Hanno una temperatura molto alta?" "Non solo la temperatura, ma anche un livello vibratorio insopportabile per noi... Bene, ora andiamo nel luogo in cui abito io." La nave acquist una velocit incalcolabile e in pochi secondi arrivammo vicino a uno dei due poli di quel pianeta: tutto era completamente innevato e si stava facendo notte. "L c' la mia casa, venite." Notammo un paesino veramente affascinante. All'improvviso ricordai un soprammobile che avevamo in casa una volta: una sfera di cristallo piena d'acqua. Al suo interno c'era una casetta in un paesaggio campestre; quando la si capovolgeva, cominciavano a cadere piccole particelle bianche che sembravano fiocchi di neve. Intorno alla nave lo spettacolo era uguale: la neve cadeva in abbondanti e silenziose falde, grandi e delicate; tutto era coperto di bianco, alberi, colline e case; queste ultime erano tutte sferiche e molte non toccavano neppure il terreno, ma fluttuavano a vari metri di altezza. Avevano ampie finestre illuminate dall'interno e alcune erano addirittura trasparenti, di un materiale simile al vetro; non vidi tende, ma compresi che i finestroni potevano essere oscurati od opacizzati secondo il volere degli abitanti: comunque, uno poteva osservare tutta l'attivit del paese attraverso gli obl. "Non abbiamo molto da nascondere" disse sorridendo Ami. "Qui le case non sono come giocattoli" osserv Vinka. "Questione di stili, adottiamo il tipo di costruzione che si adatta alle caratteristiche geografiche e climatiche. I paesi che avete visto prima sono situati in zone calde, in una regione come questa non sarebbe armonioso un paesino come quello." Chiesi se gli abitanti delle regioni fredde erano meno giocherelloni di quelli delle zone calde. "Nelle regioni pi calde le persone sono di solito pi inclini all'allegria: nelle regioni pi fredde i giochi sono pi tranquilli, ma tutto gioco nell'universo" spieg Ami "ognuno segue la sua inclinazione... i mondi, i paesi, le istituzioni e le persone. Alcuni sono inclini a giochi terribili, come

nei mondi non civilizzati: questi sono lontani dal 'Gioco di Dio'. Altri sono portati verso giochi pi elevati, pi inclini alla pace, al bene di tutti, all'amore: questi sono pi vicini al vero senso dell'universo." Vinka rimase pensierosa. "Non avrei mai pensato che Dio giocasse: io lo immaginavo molto serio, pieno di amore, ma severo, e tu parli del 'Gioco di Dio'. Cos' questo gioco?" "L'universo una creazione dell'immaginazione di Dio: questa un'arte, una specie di gioco. Le anime vanno imparando, vita dopo vita, le 'regole del gioco', fino a che riescono a percepire il suo vero senso, perch la vita ha un solo segreto, una sola formula che porta direttamente alla felicit." "Comportarsi bene" dissi senza troppo entusiasmo, ricordando i consigli della mia nonnina. Ami e Vinka risero; poi il nostro amico ci spieg: " 'Comportarsi bene' pu significare molte cose. Se ti riferisci all'obbedire ai regolamenti e agli ordirli per paura del castigo, questo non porta alla felicit, ma esiste un 'comportarsi bene' che porta infallibilmente alla felicit." "Allora dicci una buona volta di cosa si tratta" disse impaziente Vinka. "L'unico segreto, l'unica formula o ricetta per vivere una vita felice, consiste nel vivere nell'amore" disse Ami, alzandosi dal sedile di comando. "Mi sembra che questo tu lo abbia gi detto..." "Certo che l'ho detto! In un modo o nell'altro stato gi detto, migliaia di volte: tutti i grandi Maestri di tutti i mondi non hanno parlato d'altro; ogni vera religione lo dice e se non lo dice non vera, non basata sulla Legge Fondamentale dell'universo. Non c' niente di nuovo nell'amore: la cosa pi antica del cosmo, ma sono milioni e milioni quelli che pensano che l'amore sentimentalismo, una debolezza umana, che parlare d'amore una cosa da sciocchi, che se qualcosa di buono c' nell'essere umano, per merito dell'intelletto e delle teorie, per l'astuzia, per il reddito materiale o per la forza bruta. Sono come un uomo che sta asfissiando in una caverna e si prende gioco dell'aria pura: per questo non sar mai abbastanza quello che si dice sulla necessit fondamentale degli esseri umani: l'amore. Ci sono quelli che lo conoscono, ma non lo mettono in pratica nella loro vita, o non lo fanno a sufficienza e per questo non raggiungono la felicit. Non sar mai abbastanza tutto quello che si far per ricordare alla gente qual la necessit fondamentale delle persone, della societ e dei mondi." "Dei mondi?" "Solo quando un mondo riconosce nell'amore l'unica forza che pu salvarlo dalla distruzione, solo allora pu sopravvivere. Fino a che l'umanit di un pianeta non considerer l'amore come il fondamento della sua civilt, corre il pericolo di autoannientarsi, perch ci sono confusione e rivalit: questo sta accadendo nei vostri mondi. Per questo la vostra missione importante: in realt, in questi momenti critici non esiste lavoro pi importante di quello di contribuire a salvare l'umanit."

16 . I genitori di Ami
In uno schermo apparve una sorridente bimbetta di circa otto anni e ci guard amichevolmente. Ami mormor delle parole nella sua lingua, che sembrava consistere solo in una variet di soffi, sibili e sussurri dolcissimi. La bambina dello schermo rispose allo stesso modo e attraverso il traduttore auricolare ci arriv il significato del dialogo: "Ciao mamma" disse Ami lasciandoci di stucco. " bello che tu sia tornato, figliolo. Ho finito in questo momento di preparare un dolce di cereali, puoi venire con i tuoi amichetti: di dove sono?" "Vengono da mondi non civilizzati che cercano di raggiungere il livello necessario per entrare nella Fratellanza, loro partecipano al piano di aiuto. Lei Vinka." "Ciao, Vinka" salut la bambina che, a quanto sembrava, era la madre di Ami. "E questo Pierre." "Ciao, Pierre. Humm... vedo che tu e Vinka siete due anime gemelle, anche se provenite da mondi diversi. Com' possibile, figliolo?" "Partecipano alla missione di aiuto per i due pianeti dai quali provengono, ma sono originari di mondi della Fratellanza." "Allora deve essere duro per loro stare cos separati, sono cos giovani..." disse guardandoci con tenerezza. Mi sembr strano sentire una bimbetta dire che noi eravamo tanto giovani... Ami guard in silenzio sua madre: capii che stavano comunicando telepaticamente. La bambina sembr aver compreso qualcosa, perch disse: "Lottate bambini, lottate per portare la pace, l'unione e l'amore nei vostri mondi. Avrete molte difficolt, incomprensioni, ma il pi grande potere dell'universo sar al vostro fianco: alla fine, il seme germoglier, portando pace e unit. State molto attenti alle tentazioni dei vostri mondi materiali, cercate di ricordare da dove venite, perch siete dove siete, evitate che le vostre anime siano inclini verso ci che transitorio. Nei vostri mondi regna l'illusione, la menzogna. Voi mantenetevi nella realt, nella verit, nell'amore, siate innocenti come bambini, non imprudenti, ma cauti. Dovrete mantenere un difficile equilibrio fra innocenza e prudenza, fra pace e autodifesa. Che la malvagit che vi circonda non vi faccia perdere il vostro spirito infantile, perch solo mantenendo questo spirito potrete salvare voi stessi e l'umanit dei vostri mondi, ma che la vostra naturale innocenza non vi faccia chiudere gli occhi alla malvagit che vi insidia da tutte le parti,

perch non ne siate ingannati e indeboliti. Mantenetevi nel giusto equilibrio: 'I piedi sulla terra, lo sguardo verso l'alto e il cuore nell'amore.' Questo il segreto!" "Basta per oggi" disse Ami allegramente "se continui a dar loro dei consigli, otterrai soltanto che dimentichino tutto: non intossicarmeli di informazioni!" "Questi bambini mi hanno entusiasmato: molto bello poter servire tanti milioni di anime che si trovano nell'oscurit, avete un grande privilegio!" "S, ma ricorda i mondi non civilizzati, gli insetti, i serpenti, i ragni e le 'mambachas'... no, queste appartengono a mondi preistorici. Ricorda la tortura, i fucili e le mitragliatrici, l'energia atomica che annienta gli esseri umani e distrugge la natura, la contaminazione, quelli che muoiono di fame, gli addormentati, i grandi intellettuali che non sanno niente dell'amore." "E i terri" disse Vinka disgustata. Per lei tutto il male della vita era rappresentato da quel popolo. "Chi sono i terri?" "Sono coloro che frenano il processo evolutivo di Ka. In tutti i pianeti non civilizzati ci sono esseri equivalenti ai terri" spieg Ami "anche se non tutti i terri sono terri..." "S, ora li ricordo... ricordo anche tutto quello che hai nominato prima: per questo cos bello dedicare un'incarnazione al servizio, quando cos necessario." "Ma ricorda che a questa incarnazione di servizio si arriva dimentichi di tutto, compresa l'importanza dell'amore. Inoltre, da bambini si ricevono insegnamenti errati, cattive abitudini, superstizioni... tutto questo un ostacolo che pu far cadere pi in basso, una missione pericolosa." "Hai ragione, figliolo, molto pericoloso se non si ha la forza adeguata; per questo voi dovete stare molto attenti: agite sempre guidati dall'amore e non potrete smarrirvi." Ami volle passare a un altro argomento. "Bene, ora conoscete mia madre." "Sembra proprio una bimbetta, ma quando parla, si capisce che non lo ..." disse Vinka. "Non fatevi guidare dall'aspetto esteriore. Volete conoscere mio padre?" "Naturalmente" dicemmo, sperando di veder apparire un altro bambino come Ami. "Vedr se riesco a inquadrarlo nello schermo. Lo hai visto ultimamente, madre?" "S, tutte le notti si mette in contatto con me. E' a Kyria, a sperimentare un nuovo condensatore di onde cerebrali." "Allora deve essere in laboratorio. Mio padre uno scienziato" ci spieg. "Tutti siamo 'scienziati'," precis la madre del nostro amico "anche voi: praticate e studiate la scienza del vivere."

"Ciao, pap" disse Ami a un uomo che era apparso su uno schermo laterale. Pensammo a uno scherzo, perch l'individuo apparteneva a una variet umana completamente diversa da quella di Ami e di sua madre: era un pallido adulto privo di capelli, aveva il cranio grosso e lo sguardo molto penetrante. "Come stai, figliolo? Humm... questi tuoi amici appartengono a mondi di terzo livello. La bambina proviene sicuramente dal secondo pianeta della Farfalla Cristallina, il bambino del terzo pianeta dell'Aquila Dorata." "Hai perfettamente ragione, padre." "Il mio mondo si chiama Terra e il nostro sole non si chiama Aquila Dorata..." "Nella Fratellanza abbiamo catalogato ogni corpo celeste con un nome e con un codice speciale" spieg il padre di Ami. "Non confondere i nostri amici, vecchio. Li ha gi confusi abbastanza mia madre!" "Non creer loro troppi problemi sapere che ogni oggetto e ogni essere umano sono catalogati con un codice e con un nome..." Vinka non nascose la sua sorpresa. "Ogni essere umano!" "Vi ho parlato di un 'super-computer' che si trova nel centro della galassia" disse Ami. "S, e hai anche detto che sa tutto." "Qualcosa del genere. Un altro dei motivi per cui la Fratellanza sta continuamente osservando i mondi non civilizzati, quello di fornire dati al 'super-computer'." "Allora siamo tutti 'schedati'," dedussi. "'Perfino i vostri capelli sono contati', per non si tratta di una vigilanza di tipo poliziesco, ma di protezione. Vi osserviamo come un fratello maggiore il fratello minore." "Io pensavo che facesse tutto Dio" disse Vinka. "Dio non fa niente" spieg il padre di Ami. Ci sembrava di sentire un'eresia... Ami si divertiva a osservare le nostre reazioni e dopo aver riso un po', disse: "Se un contadino vuole un buon raccolto, ma si dedica soltanto a pregare Dio e non semina la terra, non la innaffia, n la concima, per quanto preghi, otterr un raccolto?" "Beh, in questo caso no, ma uno spera sempre nell'aiuto di Dio..." "Se tiri una pietra verso l'alto, cadr sulla tua testa, anche se chiedi l'aiuto divino." L'uomo dello schermo intervenne: "Se semini fiori, otterrai fiori, ma se semini spine, queste otterrai." "Allora" chiesi "cosa fa Dio?" Il bambino di Bambola Galattica spieg: "Disegna tutto questo gioco cosmico, con le leggi che lo governano e mette l'energia fondamentale: il suo

Spirito d'Amore in tutte le cose e in tutte le anime, ma da quel momento in poi, siamo noi che agiamo, non Lui." "Perch Dio permette le guerre e le ingiustizie?" Chiese Vinka. "Non Dio che le permette" rispose Ami. "Chi, allora?" "Siete voi stessi che create e permettete le guerre e l'ingiustizia." Provai a cercare mille obiezioni a questa affermazione, ma non ne trovai nessuna: aveva ragione. Avevo sentito tante volte nel mio mondo questa domanda, molti dicevano 'castigo divino'; la spiegazione di Ami mi sembr molto pi credibile, soprattutto dopo che aveva detto che Dio non fa niente, che siamo noi che dobbiamo agire. Vinka indag su qualcosa che aveva lasciato perplesso anche me: "Com' possibile che lui sia tuo padre? Sembrate appartenere a mondi molto diversi." "Hai ragione, io sono nato qui e mio padre nato a Kyria." "Allora, un matrimonio fra esseri di mondi diversi." "Errore: quella che vedete di mio padre la sua nuova incarnazione. Poco dopo la mia nascita, lui era pronto per andare a nascere a Kyria: ha lasciato il vecchio corpo, nato, cresciuto e adesso uno scienziato. Ci siamo messi in contatto, come puoi vedere; questa volta mio padre molto pi giovane di me..." "E di me" disse la madre di Ami "ancora non riesco ad abituarmi a questo suo aspetto da kyriano, bench in fondo lui sia lo stesso..." Vinka chiese se si erano risposati con altre persone. Ambedue, dal loro rispettivo schermo, dimostrarono stupore alla domanda della bambina e guardarono il nostro amico con aria interrogativa; Ami, come al solito si mise a ridere. "Voi dimenticate che nei mondi inferiori tremendamente raro che i matrimoni si realizzino fra anime gemelle, per questo l normale parlare di separazioni, tradimenti, o sposarsi con pi persone durante la vita. Loro non sanno nemmeno cosa accade quando due anime complementari si incontrano, ecco il motivo della sua domanda." "Cosa accade in questo caso?" Chiesi. "Che non possono unirsi ad altre persone." "Perch? Qualche legge lo proibisce?" "S, la Legge dell'Amore, ma non qualcosa di imposto, che semplicemente non si pu sostituire l'anima gemella con nessun'altra in tutto l'universo." Vinka mi guard: eravamo perfettamente d'accordo. Il padre di Ami guard dal suo schermo verso l'altro, nel quale c'era l'immagine della madre del nostro amico. "A proposito, quando ti farai vedere a Kyria? Tutti i giorni siamo uniti nello spirito, ma vorrei stare con te anche fisicamente, formare una famiglia, averti sempre al mio fianco" la sua voce era affettuosa e il suo sguardo

irradiava tenerezza. "Tu sai che non chiedo nient'altro che questo, essere di nuovo con te, ma non sono ancora riuscita ad adattare la mia anima al livello giusto per incarnare a Kyria. Se lascio ora questo corpo, potrei non arrivare al tuo fianco, ma in un altro mondo: per questo sto facendo continuamente gli esercizi che mi permetteranno di arrivare a Kyria. Credo mi manchi molto poco, ma ho gi smesso, amore mio, di sottopormi al ringiovanimento cellulare... dobbiamo avere pazienza." Il dialogo continu in questo modo per alcuni minuti. Ambedue manifestavano il reciproco amore in modo cos aperto, che mi sentii a disagio nell'essere partecipe di una conversazione cos intima. Guardai a terra sentendomi un intruso, ma Vinka era cos affascinata, che le salirono le lacrime agli occhi. Mi guard e provai una grande emozione: compresi i genitori di Ami, perch qualcosa di molto solido, bello e profondo stava unendo anche noi. "Questo significa essere complementari" disse Ami percependo quello che ci stava succedendo. "Cosa intendi dire?" Chiesi. "Che lei ha quello che manca a te e tu quello che manca a lei: uniti, formate un essere umano completo." "Cosa offro io a Vinka?" "Tu le attivi l'intelletto, lei ti risveglia l'emozione... Il tempo sta scadendo, dobbiamo andarcene." "Ma volevamo conoscere il tuo mondo..." "Avete gi visto delle localit della sua parte esterna, avete conosciuto i miei genitori, il mio paese, ma ricordate che la vostra gente vi aspetta." "Cosa intendevi dire con 'la parte esterna'? C' qualcos'altro?" Ami sorrise, poi disse: "Nella Terra siete in grado di percorrere milioni di chilometri verso lo spazio, verso l'esterno, ma non sapete cosa accade solo pochi chilometri sotto i vostri piedi, dentro il pianeta. Lo stesso succede con le persone: guardano verso l'esterno di loro stessi, ma non danno mai un'occhiata al loro interno. Sono sempre 'gli altri' i colpevoli o i responsabili di ci che accade loro. Ignorano l'Essere Interno, non gli prestano mai attenzione, anche se lui che va tessendo i loro destini. Un altro giorno vi parler di questo. Per il momento, i vostri mondi sono sul punto di saltare in aria: la salvezza dei vostri pianeti ha la precedenza assoluta. Quando tutto si sar sistemato, quando i bambini avranno pane e non saranno minacciati dalla guerra, allora avrete il tempo per addentrarvi nelle profondit dell'essere e del cosmo, dello spirito e della scienza. Per ora, quello che sapete gi sufficiente per costruire un mondo pi umano. Rifiutare il proprio sforzo in questa lotta, con qualsiasi scusa, compresa quella spirituale, ha qualcosa di egoistico e di complice." Il padre di Ami, attento alle parole del figlio, intervenne: "S, perch 'spirituale' si riferisce all'Essere Interno che amore assoluto e siccome amore, non rimane indifferente di fronte alla sofferenza altrui."

"Per questo spiritualit significa semplicemente amore" disse Ami. " necessario dire una cos cos evidente?" Chiese sua madre. "Nei mondi non civilizzati non cos evidente. Molti pensano che spiritualit significhi complicati esercizi spirituali e nient'altro; altri, che voglia dire ritirarsi dal mondo, mortificarsi, purificare il corpo, vivere pregando o avere qualche fede, ma niente pi. Tutto questo, quando non c' amore, non vale niente: se c' amore, questo deve trasformarsi in opere di servizio disinteressato. Ora che i vostri mondi corrono il rischio di annientarsi, nessun servizio pu essere pi utile di quello di cercare la pace e l'unit." Mi sentii bene, perch avevo il privilegio di essere in un altro mondo a ricevere insegnamenti da parte di esseri extraterrestri, anche perch conoscevo la Legge Fondamentale dell'universo ed ero un missionario che prestava servizio sulla Terra. Il fatto di essere l, a parlare con quegli esseri, mi faceva pensare di essere uno di loro, quasi altrettanto evoluto: pensai al pianeta nel quale avrei dovuto tornare, a mio cugino e mi sentii superiore a lui. In quel momento, Ami disse: "Sulla strada del perfezionamento, l'ultimo nemico da sconfiggere il pi subdolo di tutti. E difficile scoprirlo, perch si mimetizza come quell'animaletto della Terra... come si chiama? Uno che assume il colore del luogo nel quale si sta nascondendo..." "Il camaleonte" risposi. "Proprio lui! L'ultimo difetto che si perde come il camaleonte: il suo nome orgoglio spirituale o ego spirituale. Attacca proprio coloro che si sentono molto avanzati nel cammino ed molto difficile scoprirlo, ma c' una formula." "Qual questa formula?" "Ogni volta che ti sorprendi a disprezzare qualcuno pensando che ha 'poca evoluzione spirituale', lui l: l'ego spirituale ci fa sentire molto evoluti e sottilmente ci porta a disprezzare gli altri. Ma l'amore non disprezza nessuno e vuole servire tutti: questa la differenza." "Allora, quelli che hanno molto ego spirituale sono alquanto disprezzabili" dissi, ricordando un compagno di scuola che critica quelli che non vanno molto a messa e si crede un santo. Ami rise per quello che avevo detto, sua madre sorrise, guardandomi con tenerezza, m a n io n Vinka capivamo cosa ci fosse di comico nelle mie parole. Il padre di Ami mi guardava col suo sguardo luminoso, mostrando simpatia per me. Mi sentii arrossire. "Cosa ho detto di male?" " 'Sono disprezzabili quelli che disprezzano'. Questo come dire che bisogna uccidere quelli che uccidono, o rubare a quelli che rubano, castigare con la povert i poveri e con l'ignoranza gli ignoranti." Non riuscivo a comprendere chiaramente quello che voleva dirmi. "Pierre, l'amore non pu disprezzare nessuno, nemmeno coloro che hanno vanit spirituale: l'amore comprensivo. Cerca di servire e non di condannare, come un padre non condanna suo figlio per i suoi piccoli errori. La vanit

spirituale soltanto uno dei gradini che si devono superare per arrivare al 'livello' di settecento. D'altronde, qual la parte di te che disprezza l'ego spirituale negli altri? Non proprio il tuo ego spirituale? Se invece di vedere imperfezioni condannabili negli altri, vedi errori superabili, allora sei pulito, ma finch hai qualcosa da condannare, non sei pulito." Vinka protest; "Ma i terri sono veramente condannabili! Noi, gli swama, vogliamo vivere in pace, ma loro, a causa della loro ambizione, egoismo, violenza e disonest, tengono Ka sull'orlo della distruzione. Questa una cosa da applaudire o da condannare?" "I terri, come tutti coloro che hanno vanit spirituale, si trovano pi in alto o pi in basso nel processo di perfezionamento: siamo tutti studenti nella scuola della vita. Non condannando gli errori del passato che si costruisce un mondo nuovo, ma proponendo soluzioni nuove, buone per tutti e lottando per realizzarle. Cos si ottenuta la salvezza di tutti i mondi che sono entrati nella Fratellanza, anche se forse Vinka convinta di poter eliminare da Ka i terri, vero, amichetta?" Chiese ridendo Ami. Lei arross, comprendendo che il nostro amico era al corrente dei suoi pensieri pi intimi. "Un'altra che vuole occhio per occhio" rideva il bambino delle stelle. Vinka si difese: "Finch esister un terri, non potremo costruire un mondo di pace, loro non lo permetteranno. Non si pu stabilire un sistema basato sull'onest fintanto che esister gente disonesta." La veemenza di Vinka fece ridere Ami e suscit la mia ammirazione: era cos bella, un po' arrabbiata... "Ka si trova, come la Terra, sul punto di passare dal terzo al quarto livello evolutivo" disse Ami. Suo padre intervenne: "Mondi di primo livello sono quelli che non hanno vita, quelli del secondo livello hanno vita, ma ancora non umana. Nel terzo livello evolutivo appare l'uomo e in questo livell si trovano i vostri mondi." "E qual il quarto livello?" Chiesi. "In quei mondi la specie umana si unita e forma una grande famiglia che vive in sintonia con i principi universali. Non tutti i mondi riescono a superare la prova, alcuni si distruggono nel tentativo." "Che prova?" "Quella che deve superare ogni umanit per entrare nel quarto livello evolutivo. Le prove sono state fatte perch alcuni le passino e altri falliscano: una selezione." "Cosa ha a che vedere tutto questo con ci che ho detto circa l'impossibilit di formare un mondo pacifico con gente disonesta come i terri?" "Ogni volta che un pianeta cerca di passare da un livello all'altro, si producono fenomeni che prima non si conoscevano" spieg Ami " come se il mondo intero si scuotesse e si stirasse: questo genera energie e vibrazioni

nuove, pi sottili e pi elevate. Queste radiazioni hanno un duplice effetto, fanno impazzire qualcuno e coloro che si trovano in bassi livelli evolutivi finiscono per commettere errori mortali: cos gli esseri negativi si vanno autoeliminando. Ad altri, invece, queste nuove energie permettono di salire a un livello superiore. cos che i pianeti si liberano delle creature che non sono pi utili, ne adatte alla loro evoluzione. Come credi che siano spariti dal vostro mondo i grandi rettili preistorici e le piante carnivore? Questo accaduto quando apparso l'essere umano, quando si passati dal secondo al terzo livello evolutivo. La teoria dice che i pi forti sopravvivono: quei rettili erano i pi potenti, tuttavia, sono scomparsi tutti..." La spiegazione di Ami mi incurios. "Perch scomparvero? Erano i pi forti..." "S, per gli artigli, i muscoli e le zanne, ma l'intelligenza superiore e l'essere umano, malgrado sia pi debole in quanto a forza fisica, pi forte per l'intelligenza: sopravvissuto il forte, l'uomo. Ora il processo si ripeter, ma non saranno n i muscoli, n l'intelletto i pi forti." "Cosa sar, allora?" "La forza dello spirito, l'amore. Al resto succeder quello che accaduto ai dinosauri... e quando le forze pacifiche si uniranno, arriveranno a essere il potere pi solido dei vostri mondi, semplicemente perch non c' altro in grado di evitare l'annientamento delle vostre civilt. Non essere pessimista, Vinka, l'amore trionfer, perch l'Amore il potere pi grande dell'universo."

17. L'ammutinamento
Ci congedammo molto affettuosamente dai genitori di Ami per far rotta verso non si sa quale sorpresa. Volevo conoscere la velocit della nave, ricordando che la luce viaggia a trecentomila chilometri al secondo. "A che distanza dalla Terra Ofir?" Chiesi. "A circa ottocento miliardi di chilometri" rispose Ami. Provai a cercare un sistema per calcolare la velocit, dato che per quel viaggio avevamo impiegato una diecina di minuti, ma mi si ingarbugli il cervello con quelle cifre cos grandi. "Se cerchi di calcolare la velocit alla quale ci muoviamo, perdi il tuo tempo: noi ci 'collochiamo' istantaneamente." "Tuttavia, anche se pochi minuti, un po' di tempo ci vuole per andare da un luogo all'altro; perch dici che non impieghiamo niente?" "Non ho detto questo" rispose ridendo "ma che noi ci 'collochiamo' istantaneamente. Il tempo che impieghiamo utilizzato dai meccanismi di questa nave per calcolare la distanza, la posizione del luogo nel quale vogliamo andare e il modo migliore per uscire dalla dimensione 'non-spazio non-tempo', per poi apparire nel punto desiderato. Certo, stando attenti a non andare a sbattere su un aerolito... Ha, ha, ha! un po' come scendere dalla giostra per arrivare prima al cavallo situato sull'altro lato: aspetti che venga e poi sali, questo per ancora pi rapido..." Vinka, mostrando poco interesse per l'argomento, chiese: "Dove ci porti ora, Ami?" "A casa tua, a Ka." "Cos presto!" Disse allarmata. Io sentii un peso allo stomaco: sapeva di patibolo, di ora fatale. Fra pochi minuti avrei perso una compagnia cos tenera... come se fosse qualcosa di me stesso. Ebbi una sensazione peggiore che se mi avessero tagliato un braccio. Ero come colui che ha patito il freddo per molto tempo e all'improvviso viene invitato in una casa col caminetto acceso e la cioccolata calda in tazza, ma quando comincia a gustare la situazione... fuori!... Non potevo permetterlo!" "Se Vinka resta a Ka, resto anch'io!" Dissi, ben deciso a non separarmi da lei. La mia bravata provoc solo un gran ridere al nostro amico. Us un tono paternalistico che non mi piacque per niente: "Pierre, Vinka,

dovete abituarvi al distacco. La vita non come noi la vogliamo dal punto di vista del nostro io superficiale, ma da quello del nostro Essere Interno, che in perfetta armonia con Dio." "In me esiste un solo io: io!" Dissi in tono di sfida "e io non voglio separarmi da Vinka perch un bambino pi piccolo di me me lo ordina. Sarai tanto di un altro mondo, tanto pilota di astronavi, ma sei pi piccolo di me, quindi io comando la mia vita e resto con Vinka. E se non resto a Ka, allora lei viene con me sulla Terra, vero Vinka?" "Vero, Pierre" disse con molta forza "cos si parla! Continueremo insieme e nessun bambino da biberon ce l'impedir..." Ami ci guard con occhi grandi e sereni; un sorriso si dipinse sulle sue labbra e disse: "Io pensavo che i terri fossero a Ka..." Questo ci paralizz e immediatamente comprendemmo che stavamo agendo come i terri: non poteva essere... Quando allentai la tensione, guardai vergognoso il pavimento e poco dopo alzai gli occhi. Ami non era pi Ami: si era trasformato in un essere luminoso, di una purezza meravigliosa... Mi sentii sporco, nano, insetto e microbo... Abbassai lo sguardo, incapace di sopportare la forza di quegli occhi pieni di luce: Ami si era trasfigurato, si era tolto la maschera che lo faceva apparire un bambino normale per mostrarci il vero Ami, un essere splendente, forse divino... Vinka singhiozzava vicino a me, neppure lei era capace di alzare lo sguardo, le era accaduta la stessa cosa. "Perch non hai mai mostrato chi eri realmente?" Chiesi, guardando il pavimento, cercando invano di giustificare la mia sporca e irrispettosa bravata. La risata di Ami tolse drammaticit alla situazione. "Non so di che fulmini stai parlando... guardami, dimmi se vedi qualcosa di strano in me." Lentamente e con grande timore cominciammo a sollevare lo sguardo: l c'era lui, e sorrideva con naturalezza. Non era pi quel bambino splendente, ma semplicemente Ami, il nostro amichetto spaziale... ma no, non era pi lo stesso: ancora perdurava il ricordo dell' 'altro'. Ora i suoi lineamenti di sempre offrivano una porta di accesso verso l' 'altro': per questo, sebbene il suo aspetto non avesse niente di anormale, inevitabilmente mi ricordava che dietro si nascondeva un essere dalle qualit straordinarie. Vinka avanz verso di lui, cercando di inginocchiarsi ai suoi piedi. "E dagli con l'idolatria!" Esclam ridendo, mentre le impediva di cadere in ginocchio. "Solo davanti a Dio possiamo inginocchiarci, non davanti a un fratello, anche se maggiore e siccome Dio non visibile agli occhi, solo nell'intimit, nella solitudine della comunicazione interiore, nella meditazione o nella preghiera possiamo inginocchiarci davanti alla sua presenza invisibile. Venite, voglio che conosciate un altro spazio di questa nave: l potrete mettervi in comunicazione con la Divinit Suprema." Ci guid verso una porta e l'apr, era scorrevole. La stanza era in

penombra, tranne per un'unica luce piccolissima che brillava sul fondo: entrammo. "Tutte le nostre navi hanno sale come queste, piccole o grandi, dipende dalla quantit di persone per le quali la nave stata costruita." Ami chiuse la porta. Una volta abituato alla poca luce, notai quattro sedie appoggiate al pavimento con una base sottile, due a ogni lato della stanza. Sul fondo, davanti alla piccola luce, distinsi una specie di cuscino piuttosto allungato: mi sembrava di essere in una cappella. La voce di Ami acquist un tono pi solenne. "Potete inginocchiarvi laggi in fondo, ma se preferite, potete stare seduti su una sedia. Qui ci dedichiamo alla meditazione o alla preghiera, La prima la migliore: nella preghiera siamo due, nella meditazione siamo uno con la Divinit, ci fondiamo con Lei." Scegliemmo di inginocchiarci, credo ne avessimo bisogno. Una volta sistemati sul cuscino, Ami azion qualcosa, il recinto si illumin dolcemente con i colori pi belli che uno possa immaginare, una grande variet di rosa, oro, lilla e viola che danzavano sulla parete mescolandosi fra loro: ebbi l'impressione di essere in un'altra dimensione. Vinka osservava con un sorriso incantato sulle labbra. Poco a poco, l'influenza dei colori mi fece sentire un po' strano, provavo una specie di desiderio di rifugiarmi in me stesso, di chiudere gli occhi e affidarmi a una presenza che cominciavo a sentire... qualcosa di molto grande e bellissimo... non sapevo se dentro o fuori di me... Forse l'ultimo pensiero che ebbi fu quello di rendermi conto di essere su una nave cosmica, fuori dallo spazio e dal tempo, perso nell'universo, ma al tempo stesso, nel suo centro, perch mi stavo mettendo in comunicazione con il cuore stesso della Creazione. Poi, non furono i miei pensieri quelli che riempirono la mia coscienza, ma consapevolezze che non passavano attraverso il mio intelletto, che arrivavano direttamente in fondo al mio essere: non stavo pi pensando, ma vivendo intensamente tutto questo. Una luce dorata mi avvolse, ma questa luce era un essere: mi sentii grande, sempre pi grande, infinito, eterno, pura felicit cosciente... non c'erano pi domande nella mia mente, perch io avevo tutte le risposte. Oggi non ricordo come, n perch, ma in quegli istanti io sapevo tutto, passato, presente e futuro, mio e dell'universo... Di pi: io ero il centro del Cosmo, io ero al comando, da me emanavano le galassie e le anime, poi diventavano una specie di ritmo, di pulsazione che sembrava essere la mia respirazione, ma io ero al di l di questo. Dentro di me c'era una grande quiete, piena di felicit, pienezza e saggezza: l c'era la mia pace... molto difficile descrivere tutto questo, ma sapevo che tutto era buono da tutte le parti, tutto perfetto, tutto meraviglioso: perfino la sofferenza era buona. Alla fine, visto da molto in alto, abbracciando un grande periodo di tempo, stavo bene: ero insegnamento, purificazione, conseguenza dell'errore, rafforzamento; potevo comprendere che la sofferenza causata dall'oblio,

l'oblio... Di che cosa? Non avevo la risposta... la mia coscienza stava tornando al suo normale livello. Entr in gioco il mio intelletto ordinario con le sue domande... l persi le risposte... L'oblio di che cosa? Sentii il mio corpo, le ginocchia pesanti sul cuscino: una parte di me non voleva tornare a questo piccolo corpo, ma un'altra mi spingeva a farlo. Volevo smettere di essere l e tornare 'al comando', a quel punto centrale pieno di saggezza illimitata per ottenere la risposta. 'La sofferenza causata dall'oblio di...' di cosa? Riuscivo per qualche attimo a ripetere l'esperienza, ma una forza mi toglieva di l, riportandomi alla nave e al mio pesante corpo. 'Ricorda la tua missione' sembrava dire una voce 'la tua missione gi'. Io lo sapevo, ma non volevo ricordare, mi ribellavo, volevo salire. 'Per poter salire necessario prima scendere' diceva la voce interiore. Non riuscivo a ricordare quale fosse l'oblio che causava la sofferenza. "L'oblio del vero Io, dell'Essere Interno" disse Ami vicino a me. Era la risposta di cui avevo bisogno: questo riusc a farmi decidere di tornare definitivamente alla nave, al recinto, al mio corpo. Quando aprii gli occhi, gli splendidi colori erano scomparsi: rimaneva soltanto la piccola luce davanti ai miei occhi. Vinka mi aspettava in piedi vicino al bambino delle stelle, con gli occhi umidi di commozione. Poco a poco mi riadattai alla mia solita realt, alla mia solita ignoranza, coi miei soliti errori. "L'oblio dell'Essere Interno" dissi, per cercare di ricordare il senso di quelle parole che andavano perdendo significato. "Questa la causa dei nostri errori" disse Ami "poi, questi errori dobbiamo pagarli con la sofferenza." "Non comprendo... Qual il mio Essere Interno?" "La Divinit" rispose aiutandomi ad alzarmi. Mentre lasciavamo quella specie di cappella spaziale, cercai di ricordare quello che avevo vissuto, il punto centrale di felicit e di saggezza illimitate. "Proprio questo, cerca di non dimenticarlo mai: questo l'Essere Interno. Se riuscissi ad agire sempre guidato da questa parte di te stesso, non commetteresti errori e pertanto non soffriresti." "Hai ragione, Ami, ho sperimentato una condizione in cui ero assoluta saggezza." "In cui io ero perfetto amore" disse Vinka commossa. "Saggezza e Amore, vedete? Per questo siete una coppia complementare: ognuno di voi manifesta una parte della Divinit." Ami si diresse verso i comandi della nave. "Guardate, stiamo gi arrivando a Ka: spero non facciate un nuovo ammutinamento... ha, ha, ha!" Le sue parole ci fecero ricordare il nostro comportamento offensivo nei suoi confronti e il suo successivo cambiamento da bambino normale a essere

risplendente di luce. "Spiegaci, per favore, come si prodotto questo cambiamento in te?" "Il cambiamento maggiore si prodotto in voi: siete riusciti a vedere per un istante le cose cos come sono, al di l delle apparenze. Tutti siamo pi di quello che sembriamo, tutti siamo esseri luminosi, ma solo in certi momenti possiamo percepire la nostra vera dimensione e quella degli altri. Siccome vi stavate comportando molto male, il vostro Essere Interno vi ha fatto vedere che stavate procedendo in modo errato, anche se voi volevate solo difendere il vostro amore e non volevate separarvi. L'amore una delle maggiori fonti di violenza..." Vinka e io ci guardammo, confusi di fronte a una affermazione apparentemente cos assurda. "Per amore una lupa diventa una belva davanti a coloro che possono aggredire i suoi cuccioli. Per amore dei loro cari, gli uomini sono abitualmente crudeli ed egoisti nei confronti degli altri. Per questo tipo di amore nascono le guerre e per questo tipo di amore i vostri mondi sono in pericolo." " un falso amore" dissi, credendo di aver compreso. "Non falso, amore, solo in una forma pi bassa, a un grado inferiore. Noi lo chiamiamo attaccamento: per attaccamento si ruba, si mente e si uccide. Voler sopravvivere una forma di amore, ma solo verso se stesso, verso il proprio piccolo gruppo familiare, verso il partito al quale si appartiene. Purtroppo questa battaglia per la vita che molti combattono fra loro, li tiene tutti sul punto di perderla, la vita... queste sono le conseguenze dell'eccessivo attaccamento." "Hai ragione, Ami, disse Vinka pensosa" credo che perfino i terri agiscano motivati da questo tipo di amore e non da malvagit." "Eccellente, Vinka! Solo con questa comprensione si possono cambiare le cose: da un elevato punto di vista, al di fuori delle fazioni che lottano con violenza." "Purtroppo, la lotta fra i terri wacos e i terri zurribos mette in pericolo il mio popolo, gli swama." "Esiste un solo popolo a Ka: quello formato da terri e swama, questo il tuo popolo!" Per Vinka, quest'idea era troppo nuova, io la comprendevo. " naturale che lei tenga per gli swama, sono la sua gente..." "Di nuovo l'amore inferiore, l'attaccamento, la propria fazione contro gli altri. L'attaccamento amore limitato, il vero amore non ha limiti. Fino a questo momento, i popoli dei vostri mondi sono sopravvissuti attraverso l'attaccamento, ma ora cercate di passare dal terzo al quarto livello evolutivo. Se volete sopravvivere, dovete lasciare da parte l'attaccamento e farvi guidare dal Vero amore, altrimenti vi distruggerete senza scampo: questa la legge universale. L'attaccamento funziona pi o meno bene nei mondi divisi, ma solo finch questa divisione non mette in pericolo l'umanit intera, finch il livello

scientifico non molto alto. Poi, come nel caso di vostri mondi, o lasciate da parte l'egoismo, o vi distruggerete. Non possibile arrivare a costruire un mondo giusto e in pace senza rinunciare a qusto amore squilibrato ed egoista che l'attaccamento." "Perch squilibrato?" "Perch l'amore ha due direttive: verso se stessi e verso gli altri. come la respirazione: l'aria viene e va. Quando c' attaccamento, come se si inspirasse pi di quanto si espira: 'Tutto per me', pi verso il proprio, la famiglia, la fazione e meno verso gli altri, questo non equilibrato." "Ama il tuo prossimo come te stesso" dissi, ripetendo una lezione di religione. "Questo lo ha detto il Giusto. Com' che lo sai?" Chiese Vinka. "Chi il Giusto?" Chiesi. "Un grande Maestro della storia di Ka." "Questa una Legge Universale, quello che cerco di spiegarvi, il vero amore, quello equilibrato: tanto verso se stessi e tanto verso gli altri e sempre nella stessa misura, perch non esista squilibrio." Chiesi cosa accade quando c' pi amore verso gli altri e meno verso se stessi. "Anche l c' squilibrio, come emettere tutta l'aria senza inspirare: in pochi minuti diventi rigido..." "Equilibrio sembra essere una parola molto importante" disse Vinka. "Ama i terri tanto quanto gli swama" disse Ami sorridendo. "Cercher, prover veramente." Il quadro di comando indicava che la nave non era visibile agli occhi della gente di Ka. Ci trovavamo sospesi nei pressi di una citt molto simile a una qualsiasi citt della Terra. Non mi interessava guardare: si avvicinava il momento di separarci! 'Chiss fino a quando', pensai con tristezza e con un senso di oppressione nel petto. "Finch avrai terminato il prossimo libro" disse Ami "potrebbe intitolarsi qualcosa come 'Ami ritorna di nuovo'." "Avrai molte conoscenze e poteri" dissi "ma a quanto pare la grammatica non il tuo forte." "Perch, Pierre?" "Perch si dice 'ritorna', non necessario dire 'di nuovo', sottinteso, basta dire 'Ami ritorna'." "Hai ragione, il linguaggio non il mio forte. Questo perch noi praticamente non lo utilizziamo, preferiamo la telepatia, pi sicura e pi precisa." "Ma tu parlavi con i tuoi genitori..." "S, ma per cortesia verso di voi. Quando arriva un ospite che non parla la nostra lingua, dobbiamo usare il linguaggio del visitatore, se lo conosciamo." Oggi non so come ricordo questi dettagli della conversazione: la mia

attenzione era tutta volta al triste distacco, ma quando detto a Victor, i ricordi arrivano. Bene, Ami aveva detto che mi avrebbe aiutato telepaticamente...

18 . Costosi armamenti
"Ti aspettano, laggi, la tua famiglia" ricord Ami a Vinka. "La mia famiglia mi importa meno di Pierre" disse lei mentre ci prendevamo per mano. "Non parlo della tua piccola famiglia, ma della tua grande famiglia: l'umanit di Ka. Ricorda la tua missione, la promessa che hai fatto prima di venire su questo mondo. Se le persone come te non diffondono la buona novella sulla nostra presenza in un piano cosmico e divino, motivato dall'amore, continueranno a pensare che siamo mostri invasori e noi saremmo molto addolorati se la nostra presenza provocasse terrore e infarti cardiaci. Se nessuno contribuisce a seminare Amore, come potrete evitare la distruzione?" "Hai ragione, Ami, ma il mio nuovo legame con Pierre..." "Non nuovo, eterno e avete l'eternit per realizzarlo. Per il momento, dovete adempiere alle vostre promesse, pi tardi vi rivedrete." "In un'altra incarnazione, sicuramente" dissi, piuttosto pessimista e depresso. "Vi ho detto una volta che avrete scritto il prossimo libro, o pensate che io sia un bugiardo?" Ci guardammo con un lampo negli occhi. "Davvero?" "Certo, un giorno verr a cercarti, andremo a Ka a prendere Vinka e andremo a conoscere cose che neppure immaginate..." "Che cose? Dicci, per favore" disse impaziente Vinka. "Beh... conoscerete un pianeta abitato al suo esterno da una civilt di terzo livello, come la Terra e Ka, e all'interno da una civilt di quarto livello: la prima non sa che esiste la seconda..." "Fantastico!" Le promesse di Ami ci facevano dimenticare la separazione che avremmo dovuto sopportare. "Che cos'altro ci mostrerai?" "Una civilt sotto un mare e anche un mondo artificiale, costruito da esseri umani: queste sono cose che non riuscite nemmeno a immaginare." Le nostre bocche spalancate fecero ridere il nostro ospite. "Ce ne sono milioni nell'universo, questa la forma superiore di civilt: in realt sono gigantesche navi..." Dopo aver meditato un po', dissi: "Io pensavo che vivere in contatto con la natura fosse la forma superiore di civilt: ma tu dici che qualcosa di artificiale

lo ..." "Tutto quello che l'essere umano crea o esegue in armonia con la Legge dell'Amore, naturale. Quando l'uomo agisce in armonia con i principi eterni, l'universo intero il suo patrimonio e pu disporne per la sua felicit, utilizzando tutta l'immaginazione e la tecnologia che in grado di raggiungere. Lo stesso vale per ogni singola persona: quello che la tua anima immagina, lo puoi e lo devi realizzare, con sforzo, costanza e fede... Ma se voi non sognate nemmeno di sradicare gli armamenti che pagate con fame e sofferenza... Sapete quanto denaro si spreca in armi, nei vostri mondi, in soli quindici giorni?" "Non ne ho la pi pallida idea" risposi. "Denaro sufficiente ad alimentare la met della popolazione mondiale per... sapete quanto tempo?" Cercai di fare un po' di calcoli: in quindici giorni si impiega in armamenti denaro sufficiente ad alimentare la met della gente della Terra per... beh... tante bocche... Non sapevo. "Io penso per un tempo corrispondente. Se non si sprecasse denaro in armi per quindici giorni, tutti potrebbero mangiare per questo periodo di tempo... Se non si sprecasse denaro in armi, nessuno soffrirebbe la fame!" Disse Vinka. "Ti sbagli. In quindici giorni voi sprecate denaro sufficiente ad alimentare la met della popolazione mondiale per... non quindici giorni, ma dieci anni!... Solo in spese di guerra." "Non pu essere!" Dicemmo fra allarmati e indignati "solo in armi?" "In tutto ci che significa guerra: armi, ricerche di nuove armi, macchine da guerra e tutto il resto. Ancora di pi, perch molte delle grandi spese, mascherate da 'progetti scientifici', sono destinate, in fin dei conti, a cercare di dominare l'avversario. Se non si spendesse denaro nelle armi, non solo non ci sarebbe nessun affamato, ma vivrebbero tutti da ricchi, tutti! Nessuno soffrirebbe fame o freddo, gli ospedali sarebbero sufficienti e comodi, non esisterebbero paesi poveri e paesi ricchi, tutti starebbero come re. Inoltre, potrebbero dormire in pace, senza temere un futuro terribile per i loro figli." "Allora, io proporrei che il mio paese non avesse armi" disse Vinka. "Questo non si pu ancora fare. La soluzione sta nel fatto che tutti i paesi, di comune accordo, decidano di unirsi pacificamente. Per questo necessario andare a presentare questo grande ideale, che sia un sogno che cresce e cresce, anche se per il momento ci sono ostacoli. I paesi ricchi si alimentano dei paesi poveri e..." "Dio non pu continuare a permettere cose cos malvagie" disse Vinka con ardore. "E dagli con Dio che deve fare le cose! Dio amore e l'amore abita nei vostri cuori. Questo amore si incaricher di cercare di raddrizzare i vostri mondi, ma dovete farlo voi stessi e attraverso l'uso di mezzi pacifici: si tratta

di insegnare, piuttosto che imporre. Si tratta di indicare una strada, perch poi pacificamente e in reciproco accordo tutti la seguano. Non si tratta di sperare che Dio o altri lo facciano, ma di agire. Aspettando, l'unica cosa che accadr sar che qualcuno premer il bottone..." "E se questo dovesse succedere, voi non lo potreste paralizzare con un fulmine, perch non prema il bottone?" "Se voi lo permetterete, lo avrete meritato. Noi non possiamo intervenire: possiamo solo salvare i pacifici, ma solo coloro che servono, coloro che cercano di fare qualcosa per diffondere e irradiare unit, pace e amore. In questi momenti critici, queste sono le necessit pi importanti." "Allora, lavorare a qualcos'altro, per esempio maggiori quantit di alimenti, non molto utile?" "Tutto necessario, ma ogni cosa a suo tempo. Se tuo figlio ha fame, la prima cosa da fare cercargli da mangiare, ma se oltre ad avere fame sul punto di cadere in un precipizio mortale, qual la prima cosa che devi fare, cercargli da mangiare o salvarlo dal precipizio?" "Salvarlo dal precipizio, naturalmente." "Cos stanno le cose nei vostri mondi! Un bambino ha bisogno di cibo e vestiario, ma anche di cultura, arte, un ambiente accogliente, cure mediche, certe comodit, saggezza, affetto, ma se sul punto di morire, la prima cosa che gli serve che si salvi la sua vita. Quando la sua vita non corre pi pericoli, allora potrete ottenere cose meravigliose per lui." "Che probabilit ci sono che 'il bambino' non muoia?" Chiesi, sapendo che si parlava dell'umanit. "Dipende proprio da voi. Continuiamo con l'esempio della creatura sul precipizio: supponiamo che tre fratellini riescano a portare al bambino dei teli che lo tengano sospeso sull'abisso, ma che non abbiano la forza sufficiente per tirarlo su, cosa devono fare?" "Beh... gridare aiuto, chiamare i genitori, gli altri fratelli..." "I vostri libri servono un po' per questo: sono un richiamo di avvertimento e di aiuto, ma se uno dei tre bambini si scoraggia, dice che tutto perduto e poi si allontana, cos'accadr?" "Che forse anche gli altri due si stancano e il bambino scivola loro dalle mani..." "Per questo, quante pi persone si ritirano da questo lavoro, tante pi possibilit ci sono di un disastro... Forse la tua partecipazione che incliner la bilancia da un lato o dall'altro. Forse il tuo mondo dipende da te. Tu, che leggi questo libro, a seconda delle tue azioni ti si potr giudicare per la sorte di tutto il tuo pianeta." (Ami ci chiese di scrivere esattamente cos nel nostro libro queste ultime parole. Disse che questo rifletteva un sistema superiore di cose. Non ho compreso, ma l'ho scritto proprio come lui mi ha detto: con un richiamo al lettore).

"Avete fame?" Chiese Ami. Ci sembr quasi un insulto: eravamo pieni di malinconia. "Allora avete bisogno di 'ricaricare le batterie'. Venite, sedetevi." Ci mise alla base del collo l'apparecchio che produceva l'effetto di otto ore di sonno in soli quindici secondi. Quando mi svegliai, era tutto a posto, non c'era tristezza in me, anzi; ma poco a poco mi ricordai della separazione, anche se adesso mi affliggeva un po' meno. "Quando vi rivedr, vi racconter molte altre cose." Vinka mi guard con una dolce tristezza nello sguardo, poi si volse verso Ami e disse: "La principale motivazione che mi far aspettare il tuo ritorno non tanto ottenere nuove conoscenze o visitare altri mondi, ma rivedere Pierre." Venne al mio fianco e ci prendemmo le mani. "Voi fate molto 'rumore' " disse Ami alzandosi "vado a meditare qualche minuto per sgomberare la mia testa. Avete a disposizione questo tempo per salutarvi, lamentarvi, strapparvi le vesti, graffiare il pavimento, tentare ammutinamenti e suicidi. Dopo tutte queste inutili imbecillaggini, Vinka scender e Pierre torner sulla Terra." And a chiudersi nella stanza per meditare. Malgrado la tristezza, non riuscimmo a trattenere un sorriso per le parole di Ami: credo che ci consolarono.

Commiato
Quest'ultima parte molto intima e triste per me: per questo eviter di entrare in dettagli. Scusatemi, faccio appello alla vostra comprensione. Se questi libri fossero letti solo da noi bambini, non ci sarebbero problemi, ma non si sa mai, potrebbe esserci da quelle parti un adulto accovacciato nell'ombra, sveglio a ore sconvenienti e gli adulti si sa, ridono di tutto: della possibilit che esistano esseri extraterrestri buoni e pacifici, dell'intenzione di lottare per un mondo unito, giusto e in pace, di tutto. Se si dice loro che l'Amore la Legge Fondamentale dell'Universo, si torcono dalle risate: per questo preferibile non parlare davanti a loro di cose profonde come la verit e i sentimenti. Lo ha gi detto un antico adagio cinese che ho letto in un libro di Victor, non so se ricordo bene, ma credo dicesse pi o meno cos: 'Quando a un adulto si parla dell'amore, ride a crepapelle, e se non ride a crepapelle, non gli si parlato del vero amore.' Vinka se n' andata e io mi sento solo, anche se di notte, prima di addormentarmi, chiudo gli occhi, calmo la mente e dopo alcuni istanti, mi sembra che lei entri in me. Beh... sono cose da bambini... Durante il viaggio di ritorno alla Terra, Ami voleva mostrarmi immagini del passato: Ges in azione, Giulio Cesare e non ricordo chi altro. Cercava persino di sedurmi con immagini di me stesso, quando ero piccolo, ma niente mi interessava. Andai a chiudermi nella sala della meditazione e rimasi l finch Ami venne a cercarmi. "Siamo arrivati nel mondo che stiamo preparando per ospitare quelli che salveremo in caso di distruzione della Terra, vieni a vedere." Pi per cortesia che per curiosit, andai a dare un'occhiata: eravamo sopra la spiaggia dello stabilimento balneare... albeggiava... "Questa la Terra!" Esclamai senza comprendere. "Certo, questo il pianeta che ospiter i sopravvissuti." "Ma... io pensavo che sarebbe stato un altro mondo..." "E sar un altro mondo, in pace, giustizia e amore. Se la distruzione avr luogo, noi eviteremo che sia totale. Salveremo quelli che lo meritano, prima

che inizino le grandi tragedie, poi puliremo il pianeta da ogni contaminazione e impurit. Poi installeremo l quelli che avremo salvato, perch costruiscano un mondo armonioso, anche se preferibile che questo si raggiunga senza nessuna distruzione..." "Tu hai detto che stavate preparando un altro pianeta per questa evenienza..." "Non ho detto altro: ho parlato di un mondo, ma non ho detto il suo nome. questo. I lavori geologici che hai visto, fanno anch'essi parte della preparazione che stiamo effettuando. Su con la vita! Non ci sar la distruzione totale del pianeta Terra!" Questo n mi rallegr, n mi rattrist: pensavo solo a Vinka. Ami cercava di sembrare ottimista, per contagiarmi con il suo buon umore. "Allora, nel prossimo viaggio ti mostrer quelle immagini: Pierre col pannolino! Ci pensi? Come rider Vinka!" Gli chiesi scusa per la mia mancanza di spirito. Lui disse che questa era una sciocchezza inutile, che mi sarebbe passata presto, ma mi comprendeva. La porta si apr e apparve la luce gialla: ci abbracciammo con molta forza, gli dissi addio ed entrai nel raggio che mi avrebbe portato verso la spiaggia. "Non addio, ma a molto presto" sentii la sua voce incoraggiante mentre scendevo. Come la volta precedente, quando arrivai sulla spiaggia e guardai verso l'alto, non vidi niente nel cielo: l' 'ufo' era invisibile. In quel momento sentii un gran chiasso nella tenda di Victor. "Che diavolo succede!? ...Ahhhh!" Mio cugino apparve all'entrata e scapp a gambe levate, un po' pi in l si ferm. Questo mi fece tornare rapidamente alla realt. "Che succede, Victor?" "Pierre, l dentro c' un enorme..." si gratt la testa. "Cosa c', Victor?" "Un... Elefante..." "Cosa, un elefante? impossibile! In questa piccola tendina?" "Ma l, enorme! Mi sono svegliato all'improvviso quando ho sentito la sua immensa zampa sopra il mio petto. Fortunatamente sono riuscito a scappare..." Compresi quello che era accaduto: Ami aveva usato l'ipnosi a distanza per giocare con Victor e farmi uscire dalla mia tristezza: ci riusc, in parte. Con fare deciso mi diressi verso la tenda. "Attento, non farlo!" Alzai i teli dell'apertura di entrata: la tenda era vuota. "Guarda, qui non c' niente" mio cugino era perplesso. "M-ma..." "Stavi sognando." Accendemmo un fuoco e preparammo la colazione. "Perch sei cos strano, cos triste?" Mi chiese, accorgendosi del mio stato d'animo. Immediatamente mi venne in mente il modo per chiudere per sempre quell'argomento.

" che sono stato a vedere la roccia..." "Quando?" "Prima che ti svegliassi: per questo mi hai visto fuori dalla tenda, ero di ritorno." "Sei disobbediente!... Va bene... E..?" "Perch credi che sia triste?" Pensasse quello che voleva, non avevo pi bisogno di convincere nessuno sulla realt dell'esistenza di Ami: la mia fede mi sarebbe bastata, da quel momento in poi. "Hai visto, non te l'avevo detto? stato un sogno." "Come il tuo elefante?" "Quello! Proprio quello: ci sono sogni che sembrano reali, ma sono solo sogni. Non va bene confondere l'immaginario con il reale."

Conclusione
'Non va bene confondere l'immaginario con il reale', ma Ami aveva detto: 'Ognuno vive nell'universo che capace di immaginare'. Mi aveva anche insegnato: 'Quello che la tua anima immagina, lo puoi e lo devi realizzare, con sforzo, costanza e fede.' Invece di credere in un mondo governato dalle armi, io credo in un mondo retto dall'amore e se siamo in molti a sognare lo stesso sogno, inevitabile farlo realizzare. Lasciamo agli adulti i loro inganni, le loro armi e i loro 'impossibile': noi, i bambini del cuore, saremo come il calabrone, questo grasso animaletto, pesante e con le ali corte. Secondo le regole dell'aerodinamica, non pu volare, 'scientificamente provato', ma dato che non conosce l'opinione degli scienziati, l'ignorantone va e si azzarda imprudentemente a volare... e lo fa come la migliore delle api... Una bella manciata di calabroni e il 'bambino' non cade nel precipizio... Almeno, quello del mio racconto, no.

Contro-conclusione.
(bisogna dare un nome a tutto...) In una spiaggia non molto lontana c' una solida e alta roccia. Sulla sua cima una strana magia ha inciso un cuore alato: si dice che soltanto giocando sempre pulito lo si pu trovare. Purtroppo, solo alcuni bambini sono riusciti a trovarlo. Questo perch i bambini, a parte il fatto che sono pi agili e leggeri degli adulti, giocano pulito; invece gli altri lo fanno in modo terribile e siccome questa roccia il punto di partenza verso un mondo meraviglioso (e lo , proprio perch i suoi abitanti fanno sempre il gioco della verit), non si pu correre il rischio di ammettere una persona che giochi sporco, e nemmeno una che a volte giochi pulito e a volte si addormenti e giochi sporco: questo provocherebbe l'immediata distruzione di questo mondo meraviglioso.

Ri-contro-conclusione
Raccontano quelli che sanno, che un vecchio dallo sguardo giocoso riuscito a salire sulla roccia. Gli abitanti del luogo hanno notato strane luci nel cielo notturno... Il giorno dopo lo hanno visto ringiovanito fare rotta verso un'oscura e misteriosa citt. Con passo estremamente deciso e allegro si allontanato mormorando qualcosa circa un bambino da salvare...

Fine? Finch l'umanit continuer a essere divisa, a vivere nell'ingiustizia con la spada in mano, a distruggere la sua eredit lontana dall'amore... ...No!