Sei sulla pagina 1di 29

Università degli Studi di Parma Pagina 1 di 13

Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

DISCIPLINARE DI GARA

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA
II plico contenente, la documentazione, l'offerta economica e l’offerta tecnica di cui al presente
disciplinare di gara, deve a pena di esclusione:
a) essere idoneamente chiuso e sigillato sui lembi di chiusura (preferibilmente con sigilli di
ceralacca);
b) essere controfirmato sui lembi di chiusura e recare esternamente la ragione sociale e
l’indirizzo della Ditta offerente;
c) pervenire all’Università degli Studi di Parma - Servizio Protocollo e Archivio Corrente,
via Università, 12 - 43100 PARMA entro le ore 12.00 del giorno 06 giugno 2006, in uno
dei seguenti modi:
a mezzo raccomandata del servizio postale di Stato;
a mezzo di agenzia di recapito autorizzata;
a mano, presso il Servizio Protocollo e Archivio Corrente – Via Università, 12 da
consegnarsi dalle ore 09.00 alle ore 13.00 di tutti i giorni feriali escluso il sabato.
Il plico deve recare all'esterno - oltre all'intestazione del mittente e all'indirizzo dello stesso la
seguente dicitura: PUBBLICO INCANTO PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI
VIGILANZA E PIANTONAMENTO, CONTROLLO NOTTURNO E CONVOGLIAMENTO
ALLARMI – EDIFICI UNIVERSITARI - TRIENNIO 01/07/2006 – 30/06/2009 – PARMA.
Il recapito tempestivo del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente ove, per qualsiasi
motivo, non esclusa la forza maggiore o il fatto di terzi, esso non giunga a destinazione entro il
termine previsto

A) DOCUMENTAZIONE
La "Documentazione" deve essere costituita, a pena di esclusione, dai seguenti documenti:
1) Istanza di ammissione alla gara, redatta preferibilmente sul modello (Allegato - A) di cui al
bando di gara - legalizzata con marca da bollo da € 14,62.
2) Dichiarazioni, di seguito indicate, sostitutive di certificazione o di atto di notorietà ex artt. 46,
47 e 77 bis D.P.R. 445/2000 così come modificato dalla legge 16 gennaio 2003 n. 3, redatte
preferibilmente su modello (Allegato - B) di cui al bando di gara, compilato in ogni parte, con le
quali il legale rappresentante del concorrente o suo procuratore, assumendone la piena
responsabilità:
a) Dichiara che l'impresa è iscritta alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed
Agricoltura riportante il numero di iscrizione, la data e la Camera di Commercio presso cui è
iscritta, nonché i nominativi, le date di nascita e la residenza degli eventuali titolari, soci,
direttori tecnici, amministratori muniti di poteri di rappresentanza e soci accomandatari;
al) Dichiara che la Cooperativa è iscritta nel Registro Prefettizio;
a2)Dichiara che il Consorzio di Cooperative è iscritto nello Schedario Generale della
Cooperazione;
b) Dichiara che l'Impresa possiede licenza di esercizio rilasciata dalla Prefettura, ai sensi
dell'art. 134 del R.D. 18/06/1931 n. 773 (T.U.L. P.S), per l'attività di vigilanza armata, nella
Provincia di Parma;
c) Dichiara che l'Impresa non si trova in nessuna delle condizioni ostative di cui all'art. 12
D.Lgs. 17/03/1995 n.157 e s.m.i.;
d) Dichiara che nei propri confronti e nei confronti di alcun legale rappresentante dell'Impresa,
negli ultimi cinque anni, non sono stati estesi gli effetti delle misure di prevenzione della
sorveglianza, di cui all'art. 3 L. 27/12/1956 n. 1423.
e) Dichiara che l'Impresa non è sottoposta alle sanzioni di interdizione della capacità a
contrattare con la pubblica amministrazione o alla interruzione, anche temporanea,
dell’attività, ai sensi degli artt. 14 e 16 del D.Lgs. 08/06/2001 n. 231.
Università degli Studi di Parma Pagina 2 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

f) Dichiara che l'Impresa è in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei
disabili, ai sensi dell'art. 17 Legge 12/03/99 n. 68, e possiede il relativo certificato di
ottemperanza, rilasciato dagli uffici competenti (per le imprese che occupano più di 35
dipendenti e per le imprese che occupano da 15 a 35 dipendenti che abbiano effettuato una
nuova assunzione dopo il 18/01/2000).
Ovvero:
Dichiara che l'Impresa non è assoggettata agli obblighi di assunzioni obbligatorie di cui alla
L. n. 68/99 (per le imprese che occupano non più di 15 dipendenti e da 15 a 35 dipendenti
che non abbiano effettuato nuove assunzioni dopo il 18/01/2000).
g) Dichiara che l'Impresa non si è avvalsa di piani individuali di emersione di cui alla L.
383/2001 e s.m.i. ovvero che l'Impresa se ne è avvalsa, ma che il periodo di emersione si è
concluso,
h) Dichiara che l'Impresa ha adempiuto al proprio interno agli obblighi di sicurezza previsti
dalla vigente normativa, ai sensi della L. 07/11/2000 n. 327.
i) Dichiara che l'Impresa non si trova nei confronti di alcuna Impresa nelle situazioni di
controllo di cui all'art. 2359 del Codice Civile, ovvero elenca le Imprese (denominazione,
ragione sociale e sede) rientranti nelle ipotesi previste dall'art. 2359 del C.C.
j) Dichiara che l'Impresa non partecipa a consorzi, ovvero, nel caso in cui appartenga a
consorzi, elenca i medesimi.
k) Dichiara (nel caso di consorzi di cui all'art. 10 comma 1 lett. b) e c) L. 109/94 e s.m.i.), per
quali consorziati il consorzio concorre; relativamente a questi ultimi consorziati opera il
divieto di partecipare alla gara in qualsiasi altra forma. In caso di aggiudicazione i soggetti
assegnatari dell'esecuzione del servizio non potranno essere diversi da quelli indicati.
l) Dichiara di aver preso visione e di accettare, senza condizioni e riserva alcuna, tutte le
norme e disposizioni contenute nei seguenti documenti:
Bando di gara, Disciplinare di gara, Capitolato Speciale d'Appalto;
m) Dichiara di essersi recato sul posto ove deve eseguirsi il servizio, di aver preso conoscenza
di tutte le circostanze generali, particolari e locali, nessuna esclusa ed eccettuata, che
possano aver influito o influire sia sulla esecuzione del servizio, sia sulla determinazione
della propria offerta e di giudicare, pertanto, remunerativa l'offerta economica effettuata.
L'Impresa per prendere visione dei luoghi dove dovrà essere eseguito il servizio oggetto
dell'appalto, dovrà contattare preventivamente il Settore Vigilanza e Logistica al seguente
numero telefonico: 0521/032912.
n) Menziona uno o più Istituti Bancari disposti ad attestare la capacità finanziaria dell'Impresa
o, in alternativa, produce attestazioni appositamente rilasciate da uno o più Istituti Bancari;
o) Dichiara di aver realizzato fatturato complessivo relativamente agli anni 2003 - 2004 - 2005
di importo non inferiore a € 1.200.000,00;
p) Dichiara quale parte dell’appalto l'Impresa intende, ai sensi dell'art. 18 L. 55/1990 e s.m.i.,
eventualmente subappaltare a terzi;
q) Dichiara (nel caso di concorrente costituito da Imprese da riunirsi o associarsi):
q1) a quale Impresa qualificata come capogruppo, in caso di aggiudicazione, sarà conferito
mandato collettivo speciale con rappresentanza;
q2) che, in caso di aggiudicazione della gara, le Imprese costituenti il raggruppamento si
conformeranno alla disciplina prevista dall'art. 11 D. Lgs. 157/95 e s.m.i..

3) Mandato (nel caso di associazione o consorzio già formalmente costituito) collettivo con
rappresentanza conferito alla mandataria per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero
l'atto costitutivo in copia autenticata del consorzio.
La scrittura privata autenticata relativa al mandato dovrà recare l'indicazione, a pena di
irricevibilità, degli estremi di registrazione ex art. 65 punto 2) D.P.R. 26/04/1986 n. 131.
Università degli Studi di Parma Pagina 3 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

La procura relativa al mandato dovrà risultare da atto pubblico (è ammessa la possibilità che il
mandato e la procura siano redatti in un unico documento). Nel caso di mancata costituzione
formale di raggruppamento, questa verrà richiesta a seguito di aggiudicazione.

4) Cauzione provvisoria di cui all’art. 10 del capitolato speciale di appalto, valida per almeno
centottanta giorni successivi al termine di presentazione delle offerte, di Euro 13.650,00 pari al 2%
dell'importo complessivo dell'appalto, costituita secondo le modalità indicate all'art. 1 della L.
348/1982 e s.m.i.
La cauzione provvisoria dovrà contenere l'impegno, in caso di aggiudicazione, a rilasciare cauzione
definitiva con i contenuti di cui all’art. 10 del capitolato speciale di appalto.
La cauzione provvisoria costituita dalle Imprese non aggiudicatarie sarà svincolata mediante
apposita comunicazione inviata d'ufficio entro 30 giorni dall'aggiudicazione; la cauzione
provvisoria versata dall'Impresa aggiudicataria sarà invece trattenuta fino alla stipulazione del
contratto, momento in cui verrà costituita la cauzione definitiva.
Si richiede che, ove la cauzione provvisoria sia costituita con polizza fidejussoria o fidejussione
bancaria, risulti in modo chiaro l'indirizzo dell'Agenzia della Società assicurativa o bancaria presso
la quale la garanzia è stata costituita.

L'istanza di ammissione di cui al punto 1), le dichiarazioni di cui al punto 2) dovranno essere
prodotte e sottoscritte, a pena di esclusione, dal legale rappresentante dell'Impresa concorrente,
ovvero, nel caso di partecipazione sotto forma di Raggruppamento Temporaneo d'Imprese o
Consorzio, prodotte da parte di ciascuna delle Imprese da riunirsi o associarsi e sottoscritte dai
relativi legali rappresentanti; L'istanza e le dichiarazioni su indicate potranno essere sottoscritte
anche da un procuratore del/dei legale/i rappresentante/i ed in tal caso va trasmessa la relativa
procura (in originale o copia autenticata).

Le dichiarazioni di cui al punto 2) dovranno essere sottoscritte, a pena di esclusione, con le modalità
di cui all’art. 38 del D.P.R. n. 445/2000, ossia con allegata copia fotostatica non autenticata di un
documento di identità, in corso di validità, del/dei sottoscrittore/i.
Fermo restando l’art. 13 punto 15 D.P.R. 26/10/72 n. 642 e s.m.i., la mancata regolarizzazione
fiscale, ove richiesta, non comporta l’esclusione dalla gara, ma l’Amministrazione Universitaria
provvederà a trasmettere i documenti all’Ufficio del Registro per i provvedimenti di competenza.

Si richiede inoltre che l'Impresa indichi con chiarezza il proprio indirizzo comprensivo di numero di
telefono e fax, ai quali si farà riferimento anche per richiedere la documentazione al fine degli
accertamenti previsti dalla normativa vigente.

B) OFFERTA ECONOMICA
L’offerta economica deve, a pena di esclusione:
a) essere contenuta in separata apposita busta denominata “B – OFFERTA ECONOMICA”;
b) essere idoneamente chiusa e sigillata sui lembi di chiusura (preferibilmente con sigilli di
ceralacca);
c) essere controfirmata sui lembi di chiusura e sigillata con timbro recante la ragione sociale e
l’indirizzo della Ditta;
d) essere redatta in lingua italiana su carta legale o resa legale, mediante applicazione della
marca da bollo di € 14,62;
e) contenere l’indicazione del prezzo offerto:
costo orario del servizio di piantonamento;
costo mensile convogliamento gestione allarmi;
Università degli Studi di Parma Pagina 4 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

f) compilare il modulo denominato “offerta economica” in ogni sua parte e sottoscritto dal
legale rappresentante della Ditta. (Allegato “C”);
g) essere sottoscritta dal legale rappresentante della Ditta concorrente.
Qualora risultassero discordanze tra il prezzo in cifre e quello in lettere, sarà ritenuto valido quello
più favorevole all’Amministrazione (art. 72, secondo comma, R.D. 23/05/1924 n° 827).
L'offerta economica dovrà essere formulata tenendo conto delle modalità di svolgimento del
servizio indicate nel Capitolato Speciale d'Appalto e che l'Impresa, a pena di esclusione, deve
dichiarare di accettare integralmente.
L'offerente dovrà specificare, a pena di esclusione:
a) che l'offerta economica è stata formulata tenendo conto degli obblighi connessi alle disposizioni
in materia di sicurezza e protezione dei lavoratori, nonché dalle condizioni di lavoro, ai sensi
dell'art. 19, comma 2, del D.Lgs. n. 157/95 e s.m.i.;
b) che l'Impresa osserva le disposizioni contenute nel C.C.N.L. di categoria e le eventuali intese
intervenute in sede provinciale;
L’offerta economica dovrà essere sottoscritta a pena d’esclusione dal titolare o legale rappresentante
dell’Impresa con firma leggibile e per esteso, posta preferibilmente sul timbro, ovvero sulla dicitura
che individua il titolare o il legale rappresentante dell’Impresa.
Nel caso di partecipazione sotto forma di raggruppamento temporaneo di imprese, l’offerta dovrà
essere sottoscritta, come sopra indicato, a pena di esclusione, dal legale rappresentante di ciascuna
delle imprese da riunirsi o associarsi e recare la specificazione delle parti del servizio che saranno
eseguite dalle singole imprese, nonché contenere l’impegno che, in caso di aggiudicazione, le stesse
imprese si conformeranno alla disciplina prevista, ai sensi dell’art. 11 D.Lgs. 17/03/1995 n. 157,
come modificato dalla L. 25/02/2000 n. 65.
Le offerte contenenti condizioni o riserve saranno considerate nulle. Si considerano inammissibili le
offerte presentate da Imprese concorrenti aventi la stessa sede legale o amministratori in comune, in
applicazione del principio di segretezza delle offerte.
Gli offerenti hanno facoltà di svincolarsi dalla propria offerta decorso il termine di 180 giorni dalla
data di scadenza per la presentazione della stessa.

C)OFFERTA TECNICA
Busta denominata “C - OFFERTA TECNICA”
L’offerta tecnica deve, a pena di esclusione:
a) essere contenuta in separata apposita busta denominata “C– OFFERTA TECNICA”;
b) essere idoneamente chiusa e sigillata sui lembi di chiusura (preferibilmente con sigilli di
ceralacca);
c) essere controfirmata sui lembi di chiusura e sigillata con timbro recante la ragione sociale
e l’indirizzo della Ditta;
d) contenere le proposte migliorative;
e) contenere lo schema organizzativo e il numero di persone messo a disposizione;

PARAMETRI DI AGGIUDICAZIONE
L'Amministrazione procederà all'aggiudicazione in favore dell'offerta economicamente più
vantaggiosa, determinata ai sensi dell'art. 23, comma 1, lett. b) del D. Lgs. 157/1995 e s.m.i., in
base ai seguenti parametri di aggiudicazione:

a) Prezzo max 70 punti di cui:


a1) costo orario del servizio di piantonamento
max 55 punti;
Università degli Studi di Parma Pagina 5 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

a2) costo mensile convogliamento e gestione


allarmi max 15 punti;
b) proposte migliorative max 20 punti;
c) schema organizzativo e il numero di persone messo a disposizione max 10 punti

a) Prezzo
La valutazione di tale parametro prevede l'assegnazione di un punteggio massimo di 70 (settanta)
punti e sarà effettuata mediante l'utilizzo della seguente formula matematica:
P minimo
P a1) =- - - - - - - - - - - - - - - - - X 55
P a1)

P minimo
P a2) =- - - - - - - - - - - - - - - - - X 15
P a2)

P = P a1) + P a2)

b) Proposta migliorativa
La valutazione di tale parametro prevede l'assegnazione di un punteggio di 20 (venti) punti,
assegnati sulla base della proposta migliorativa
c) schema organizzativo e il numero di persone messo a disposizione
La valutazione di tale parametro prevede l'assegnazione di un punteggio di 10 (dieci) punti.

PROCEDURA DI AGGIUDICAZIONE
I1 giorno 08/06/2006 ore 09.30 nella sala riunioni del Dipartimento di Ingegneria Industriale
dell’Università degli Studi di Parma, la Commissione di gara all'uopo nominata, in seduta pubblica
procede a:
verificare la regolarità dei plichi pervenuti;
aprire i plichi e verificare che i concorrenti abbiano inserito all'interno del plico principale:
A) “Documentazione”;
B) “Offerta economica”;
C) “Offerta tecnica”;
alla verifica della “Documentazione” di cui ai punti 1), 2), 3) e 4) del disciplinare di gara, ed in caso
negativo all'esclusione dalla gara;
verificare che non abbiano presentato offerte, Imprese che siano fra di loro in situazioni di controllo
ed in caso positivo, ad escluderle entrambe dalla gara;
verificare che i consorziati - per conto dei quali i consorzi hanno indicato che concorrono - non
abbiano presentato offerta in qualsiasi altra forma ed in caso positivo ad escludere il consorziato
dalla gara.

Si precisa che, qualora si rendessero necessari aggiornamenti, della seduta di gara, verrà data notizia
mediante pubblicazione sul sito internet d'Ateneo: www.unipr.it/bandi.

Conclusa la prima seduta pubblica di gara e, allontanati i presenti, il Presidente della Commissione,
d'intesa con gli altri membri, stabilirà le opportune direttive per la prosecuzione dei lavori ai fini
della valutazione dell'offerta tecnica di ogni singolo concorrente ammesso, e dell'attribuzione dei
relativi punteggi, in riferimento ai parametri di aggiudicazione b) Proposte migliorative, c) Schema
organizzativo e il numero di persone messo a disposizione
Al termine di tali lavori la Commissione fisserà data, ora e luogo della seconda seduta pubblica di
gara, della quale verrà data comunicazione ai concorrenti mediante pubblicazione sul sito Internet di
Università degli Studi di Parma Pagina 6 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

Ateneo. In apertura di tale seduta saranno resi noti i risultati delle valutazioni effettuate fino a quel
momento dalla Commissione.
Si procederà quindi all'apertura della busta relativa all'OFFERTA ECONOMICA.
La Commissione procederà alla verifica delle offerte anormalmente basse ai sensi dell'art. 25 del
D.Lgs. 157/95 e s.m.i..
Si procederà poi all'attribuzione del punteggio alle offerte economiche non anomale di ogni singolo
concorrente, in osservanza della formula riportata alla lett. a) dei parametri di aggiudicazione.
La Commissione procederà quindi a sommare, relativamente a ciascun concorrente, il punteggio
attribuito ai parametri b) e c) con quello attribuito al parametro di cui al punto a) (a1 + a2), ai fini
dell'individuazione del punteggio finale complessivo di ogni singolo concorrente ed a formulare la
graduatoria finale.
Il servizio sarà aggiudicato all'Impresa che avrà conseguito il maggior punteggio totale, quale
sommatoria dei punteggi attribuiti ai parametri di cui alle precedenti lettere a) b) e c).
In caso di parità di punteggio si procederà all'individuazione dell'Impresa aggiudicataria mediante
sorteggio.
L'Amministrazione si riserva di aggiudicare il presente appalto anche nel caso in cui pervenga o
rimanga valida una sola offerta, purché la stessa abbia i requisiti di legge.
L’Amministrazione si riserva il diritto di sospendere, non aggiudicare o modificare la presente gara,
per motivi di interesse pubblico, senza che i concorrenti nulla abbiano a pretendere.
L’amministrazione universitaria, entro 10 giorni dall’approvazione degli atti di gara, invierà
comunicazione del relativo esito all’aggiudicatario ed al concorrente che segue in graduatoria (ex.
art. 23 comma 5 D. Lgs. 157/1995 e s.m.i.)
I concorrenti, ad eccezione dell’aggiudicatario, possono richiedere a questa amministrazione la
restituzione della documentazione presentata al fine della partecipazione alla gara, tranne la
cauzione provvisoria di cui al punto 5) del presente disciplinare, che verrà svincolata d'ufficio.
La stipulazione del contratto è, comunque, subordinata al positivo esito delle verifiche della
documentazione prevista dalla normativa vigente, con riferimento in particolare alle norme
antimafia e all'accertamento dell'assenza di cause ostative previste dall'art. 12 del D.Lgs. 157/1995 e
s.m.i..
Tutte le spese di bollo, tassa di registro, ecc. sono a carico dell'Impresa aggiudicataria, senza diritto
di rivalsa.
La partecipazione alla gara implica, da parte dei concorrenti, l'accettazione incondizionata di quanto
prescritto dal bando di gara, dal presente disciplinare di gara, dal capitolato speciale d'appalto
nonché dalla normativa vigente in materia di contratti della pubblica amministrazione.
I concorrenti consentono il trattamento dei propri dati,anche personali, ex D.Lgs. n. 196/2003.
Ai sensi del citato D.Lgs. n. 196/2003, il trattamento dei dati personali sarà improntato a liceità e
correttezza, nella piena tutela dei diritti dei concorrenti e della loro riservatezza; il trattamento dei
dati ha la finalità di consentire l'accertamento dell'idoneità dei concorrenti a partecipare alla
procedura di affidamento per il servizio in oggetto.
I dati personali dei concorrenti (relativi alla persona giuridica o alle persone fisiche) acquisiti
nell'ambito del procedimento di gara vengono raccolti dall'Università e, in parte, registrati in
appositi verbali.
I dati personali raccolti nell'ambito del procedimento di gara in oggetto saranno inoltre diffusi
mediante la pubblicazione dei risultati di gara nelle forme prescritte dalla legge.
Infine i dati personali relativi all'impresa aggiudicataria, potranno essere comunicati alle Autorità
competenti (Casellario giudiziale, INPS, Prefettura, ecc.) per l'acquisizione degli accertamenti
dovuti con riguardo a taluni dei presupposti per la sottoscrizione del contratto.
Per ulteriori informazioni e/o per esercitare il diritto di accesso agli atti e documenti del
procedimento, ai sensi della Legge 241/90, rivolgersi al Settore Appalti e Contratti
Per chiarimenti inerenti la gestione del servizio rivolgersi al: Dott. Carlo Orsini, tel. 0521-032912
Università degli Studi di Parma Pagina 7 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

(ALLEGATO – «A» del Disciplinare)

(Legalizzare con marca


da bollo da € 14,62)

N.B. L'istanza di ammissione alla gara in oggetto, redatta in conformità al presente modello, va
effettuata previa lettura del Bando di gara, del Disciplinare di gara e del Capitolato speciale
d'appalto; in caso di Associazione Temporanea di Imprese o Consorzio non ancora formalmente
costituiti, dovrà essere sottoscritta, a pena di esclusione, dal legale rappresentante o procuratore1 di
ciascuna Impresa che costituirà la predetta Associazione o Consorzio.

Spett.le
Università degli Studi di Parma
via Università n. 12
43100 PARMA

OGGETTO: istanza di ammissione pubblico incanto per l’affidamento del servizio di vigilanza e
piantonamento, controllo notturno e convogliamento allarmi – edifici universitari - triennio
01/07/2006 – 30/06/2009 – Parma

Il sottoscritto____________________________________nato a____________________il_______

in qualità di __________________________________ (titolare, legale rappresentante, procuratore,

institore, o altro) dell'Impresa_________________________________________ con sede legale in

________________________________________________________________________________

Il sottoscritto____________________________________nato a____________________il_______

in qualità di __________________________________ (titolare, legale rappresentante, procuratore,

institore, o altro) dell'Impresa_________________________________________ con sede legale in

CHIEDE/CHIEDONO
di essere ammesso/i al pubblico incanto per l’affidamento del servizio di vigilanza e piantonamento,
controllo notturno e convogliamento allarmi – edifici universitari - triennio 01/07/2006 –
30/06/2009 – Parma

(Firma del/i legale/i rappresentante/i) 2

Indicare di seguito il recapito presso cui si desidera ricevere comunicazioni relative alla procedura:

Indirizzo e mail: _______________________________________


1
Nel caso di sottoscrizione da parte di un procuratore va allegata la relativa procura in originale o copia autenticata.
2
In caso di associazione temporanea di impresa o consorzio non ancora formalmente costituiti, firma del legale rappresentante o procuratore di
ciascuna impresa che costituirà la predetta associazione o consorzio
Università degli Studi di Parma Pagina 8 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

(ALLEGATO - «B» del Disciplinare)

N.B. Le dichiarazioni, redatte in conformità al presente modello, vanno effettuate previa lettura del
Bando di gara, del Capitolato speciale d'appalto e del Disciplinare di gara-prescrizioni per
l'ammissione alla gara e la presentazione dell'offerta; in caso di Associazione Temporanea di
Imprese o Consorzio non ancora formalmente costituiti, dovranno essere prodotte, a pena di
esclusione, da ciascuna Impresa che costituirà la predetta Associazione o Consorzio e sottoscritte
dal relativo legale rappresentante (o procuratore1).
Spett.le
Università degli Studi di Parma
via Università n. 12
43100 PARMA

OGGETTO: PUBBLICO INCANTO PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA


E PIANTONAMENTO, CONTROLLO NOTTURNO E CONVOGLIAMENTO ALLARMI –
EDIFICI UNIVERSITARI - TRIENNIO 01/07/2006 – 30/06/2009 – PARMA

Il sottoscritto____________________________________nato a____________________il_______

in qualità di __________________________________ (titolare, legale rappresentante, procuratore,

institore, o altro) dell'Impresa_________________________________________ con sede legale in

________________________________________________________________________________

Posizione INPS:_____________________presso2________________________________________

Posizione INAIL:_____________________presso2_______________________________________

Posizione IVA:______________________Codice attività:_________________________________

DICHIARA

Che l'impresa partecipa alla gara (barrare la voce che interessa):


singolarmente
come capogruppo/mandante (barrare la voce che non interessa) dell'Associazione Temporanea
di Imprese costituito da (indicare ragione/denominazione sociale delle Imprese associate):

________________________________________________________________________________

________________________________________________________________________________

a) che l'Impresa è regolarmente iscritta nel REGISTRO DELLE IMPRESE istituito presso la
C.C.I.A.A. di ______________________________________come segue:

numero di iscrizione__________________________data di iscrizione________________________

denominazione____________________________________codice fiscale_____________________

forma giuridica attuale:_____________________________________________________________


Università degli Studi di Parma Pagina 9 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

con sede in_________________________prov.______Via/C.so/Piazza_______________________

n._____CAP.___________costituita con atto in data______________________________________

totale quote in euro3:_______________________________________________________________

capitale sociale in euro4:____________________________________________________________

deliberato:____________________sottoscritto_______________________versato______________

fondo consortile in euro5:____________________________________________________________

durata della Società:_______________________________________________________________

oggetto dell'attività6: _______________________________________________________________

Solo per le Imprese individuali:


Titolare dell'Impresa:

cognome/nome_________________________________________nato a_____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

Solo per le Società di capitali7:

1) cognome/nome________________________________________nato a____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

carica______________________________________________nominato il____________________

fino al ______________poteri (risultanti da statuto o da patti sociali)_________________________

2) cognome/nome________________________________________nato a____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

carica______________________________________________nominato il____________________

fino al ______________poteri (risultanti da statuto o da patti sociali)_________________________

3) cognome/nome________________________________________nato a____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

carica______________________________________________nominato il____________________

fino al ______________poteri (risultanti da statuto o da patti sociali)_________________________


Università degli Studi di Parma Pagina 10 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

(se occorre allegare elenchi supplementari, essi devono essere debitamente firmati a pena di
esclusione dal rappresentante legale dell'Impresa).

Solo per le società di persone8:

1) cognome/nome________________________________________nato a____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

carica______________________________________________nominato il____________________

fino al ______________poteri (risultanti da statuto o da patti sociali)_________________________

2) cognome/nome________________________________________nato a____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

carica______________________________________________nominato il____________________

fino al ______________poteri (risultanti da statuto o da patti sociali)_________________________

3) cognome/nome________________________________________nato a____________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

carica______________________________________________nominato il____________________

fino al ______________poteri (risultanti da statuto o da patti sociali)_________________________

(se occorre allegare elenchi supplementari, essi devono essere debitamente firmati a pena di
esclusione dal rappresentante legale dell'Impresa).

Per tutte le Imprese9:


Responsabili/Direttori Tecnici:

1) cognome/nome_________________________________________nato a___________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

2) cognome/nome_________________________________________nato a___________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

3) cognome/nome_________________________________________nato a___________________

il_____________________Codice Fiscale:_____________________________________________

- che NULLA OSTA, ai fini dell'art. 10 L. 31/5/1965 n. 575 e s.m.i.;


a) che la Cooperativa è iscritta nel Registro Prefettizio;
b) che il Consorzio di Cooperative è iscritto nello Schedario Generale della Cooperazione;
Università degli Studi di Parma Pagina 11 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

c) che l'Impresa possiede licenza di esercizio rilasciata dalla Prefettura, ai sensi dell'art. 134 del
R.D. 18/06/1931 n. 773 (T.U.L. P.S), per l'attività di vigilanza armata, nella Provincia di Parma;
d) che l'Impresa non si trova in nessuna delle condizioni ostative di cui all'art. 12 D.Lgs.
17/03/1995 n. 157 e s.m.i10.
e) che nei propri confronti e nei confronti di alcun legale rappresentante dell'Impresa negli ultimi
cinque anni, non sono stati estesi gli effetti delle misure di prevenzione della sorveglianza, di
cui all'art. 3 L. 27/12/1956 n. 1423, irrogate nei confronti di un convivente;
f) che l'Impresa non è sottoposta alle sanzioni di interdizione della capacità a contrattare con la
pubblica amministrazione o alla interruzione, anche temporanea, dell'attività, ai sensi degli artt.
14 e 16 del D. Lgs. 08/06/2001 n. 231.
g) che l'Impresa è in regola con quanto disposto dall'art. 17 della L. 12/03/1999 n. 68 sul diritto al
lavoro dei disabili, nonché dichiarazione (barrare la voce che interessa):
di possedere il certificato di ottemperanza alle norme della citata legge, rilasciato dagli uffici
competenti (nel caso in cui l’Impresa occupi più di 35 dipendenti, oppure occupi da 15 a 35
dipendenti ed abbia effettuato una nuova assunzione dopo il 18/01/2000);
ovvero
di non essere assoggettata agli obblighi di assunzione obbligatoria di cui alla L. 12/3/1999 n. 68
(per le imprese che occupano non più di 15 dipendenti e da 15 a 35 dipendenti che non abbiano
effettuato nuove assunzioni dopo il 18/01/2000);
h) che l'Impresa: (barrare la voce che interessa)
non si è avvalsa di piani individuali di emersione di cui alla Legge 383/2001;
ovvero
si è avvalsa di piani individuali di emersione ma il periodo di emersione si è concluso;
i) che l'Impresa ha adempiuto, al proprio interno, agli obblighi di sicurezza previsti dalla vigente
normativa, ai sensi della L. 07/11/2000 n. 327;
j) che l'Impresa: (barrare la voce che interessa):
non si trova nei confronti di alcuna Impresa nelle situazioni di controllo di cui all'art. 2359 del
Codice Civile;
ovvero
elenca le Imprese rientranti nelle ipotesi previste dall'art. 2359 del Codice Civile: (precisare
denominazione, ragione sociale e sede):
_____________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________
k) che l'Impresa non partecipa a Consorzi.
Nel caso in cui l'Impresa faccia parte di Consorzi, elencare i medesimi:
_____________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________
l) (nel caso di consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro costituiti a norma della
legge 25 giugno 1909, n. 422, e successive modificazioni, e i consorzi tra imprese artigiane di
cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443, sulla base delle disposizioni di cui agli articoli 8 e 9 della
presente legge o di consorzi stabili costituiti anche in forma di società consortili ai sensi
dell'articolo 2615- ter del codice civile, tra imprese individuali, anche artigiane, società
commerciali, società cooperative di produzione e lavoro, secondo le disposizioni di cui
all'articolo 12 della presente legge) di concorrere per i seguenti consorziati:
_____________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________
m) di aver preso visione e di accettare, senza condizioni e riserve alcuna, tutte le norme e
disposizioni contenute nei seguenti documenti:
Bando di gara, Disciplinare e Capitolato Speciale d’Appalto
n) di essersi recato sul posto ove deve eseguirsi il servizio, di aver preso conoscenza di tutte le
circostanze generali, particolari e locali, nessuna esclusa ed eccettuata, che possano aver influito
Università degli Studi di Parma Pagina 12 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

o influire sia sulla esecuzione del servizio, sia sulla determinazione della propria offerta e di
giudicare, pertanto, remunerativa l'offerta economica effettuata.
(L'impresa per prendere visione dei luoghi dove dovrà essere eseguito il servizio oggetto
dell'appalto, dovrà contattare preventivamente la Segreteria del Settore Vigilanza e Logistica al
numero di telefono: 0521-032912)
o) Menziona uno o più Istituti Bancari disposti ad attestare la capacità finanziaria dell'Impresa:
(in alternativa dovranno essere prodotte attestazioni appositamente rilasciate da uno o più Istituti
Bancari);
p) di aver realizzato un fatturato complessivo, relativamente agli anni 2003-2004-2005, di importo
pari a €11 ___________________.
q) (barrare la voce che interessa) 12:
che l'Impresa intende eventualmente subappaltare, ai sensi dell'art. 18 L. 55/90, le seguenti
lavorazioni:
ovvero
che l'Impresa non intende effettuare subappalti;
r) nel caso di concorrente costituito da imprese da riunirsi o associarsi:
• che, in caso di aggiudicazione, sarà conferito mandato collettivo speciale con rappresentanza
all'Impresa_________________________________________________________________
la quale stipulerà il contratto in nome e per conto proprio e delle mandanti;
• che, in caso di aggiudicazione, le Imprese costituenti il Raggruppamento si conformeranno
alla disciplina prevista dall'art. 11 del D.Lgs. 157/1995 e s.m.i.;

N.B. Nel caso in cui al presente modulo di domanda siano allegati ulteriori fogli, essi dovranno
essere ugualmente datati e sottoscritti a pena di esclusione.

Consapevole della responsabilità penale cui può andare incontro il caso di dichiarazione mendace o
contenente dati non più rispondenti a verità (art. 76 D.P.R. n. 445/2000), la presente dichiarazione è
sottoscritta in data____________________________
__________________________
(Firma del legale rappresentante)

Si allega copia fotostatica di documento di identità, in corso di validità, del sottoscrittore.

1 Nel caso di sottoscrizione da parte di un procuratore va allegata la relativa procura in originale o copia autenticata.
2 Indicare indirizzo dell'Ufficio di competenza.
3 Solo per le Società di persone.
4 Solo per le Società di capitali.
5 Solo per i Consorzi.
6 Nell’attività dell’Impresa deve essere necessariamente ricompresa quella oggetto della gara cui si partecipa
7 Devono essere indicati tutti i nominativi dei rappresentanti legali e altri titolari della capacità di impegnare l’Impresa verso terzi.
8 Per le società in nome collettivo: devono essere indicati tutti i soci; per le società in accomandita semplice: devono essere indicati tutti i soci
accomandatari
9 Devono essere indicati tutti i responsabili/direttori tecnici
10 Le condizioni di cui all'art. 12 D.Lgs. 157/95 sono le seguenti:
- stato di fallimento, di liquidazione. di amministrazione controllata. di concordato preventivo o di qualsiasi altra situazione equivalente secondo
la legislazione del Paese in cui l'Impresa è stabilita. di procedimento in corso per la dichiarazione di una di tali situazioni e di stato di
sospensione dell'attività commerciale;
- pronuncia di una condanna. con sentenza passata in giudicato. per qualsiasi reato che incida sulla moralità professionale o per delitti finanziari;
- errore grave nell'esercizio della propria attività professionale;
- mancato assolvimento degli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori, secondo la
legislazione italiana o quella del Paese in cui sono stabiliti;
- mancato assolvimento degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse. secondo la legislazione italiana o quella del Paese in cui
l'Impresa è stabilita;essersi resi gravemente colpevoli di false dichiarazioni nel fornire informazioni che possono essere richieste ai sensi dell'art.
11 del D.Lgs. 358/92 o degli articoli 12, 13. 14. 15 e 18 del medesimo.
11 Il fatturato complessivo relativo agli anni 2003-2004-2005 dovrà essere di importo non inferiore a € 1.200.000,00, a pena di esclusione.
12 L'omessa dichiarazione di subappalto in questa sede implica la decadenza dalla facoltà di avvalersi del subappalto.
Università degli Studi di Parma Pagina 13 di 13
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

(ALLEGATO – «C» del Disciplinare)

MODULO OFFERTA ECONOMICA

(Legalizzare con marca


da bollo da € 14,62)

OFFERTA ECONOMICA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA E


PIANTONAMENTO, CONTROLLO NOTTURNO E CONVOGLIAMENTO ALLARMI –
EDIFICI UNIVERSITARI - TRIENNIO 01/07/2006 – 30/06/2009 – PARMA.

Il sottoscritto____________________________________nato a____________________il_______

in qualità di __________________________________ (titolare, legale rappresentante, procuratore,

institore, o altro) dell'Impresa_________________________________________ con sede legale in

________________________________________________________________________________

DICHIARA

- di impegnarsi a praticare i sottoindicati prezzi:

- costo orario del servizio di piantonamento:

Euro___________________ Euro___________________________ oltre IVA di legge


(in cifre) (in lettere)

- costo mensile del convogliamento e gestione allarmi :

Euro___________________ Euro___________________________ oltre IVA di legge


(in cifre) (in lettere)

- che l'offerta economica è stata formulata tenendo conto delle modalità di svolgimento del servizio indicate nel Capitolato Speciale
d'Appalto;
- che l'offerta economica è stata formulata tenendo conto degli obblighi connessi alle disposizioni in materia di sicurezza e protezione
dei lavoratori, nonché delle condizioni di lavoro ai sensi dell'art. 19, comma 2, del D.Lgs. n. 157/95 e s.m.i.
- che l'Impresa osserva le disposizioni contenute nel C.C.N.L. di categoria e le eventuali intese intervenute in sede provinciale;
- che, in caso di A.T.I., le parti del servizio che saranno eseguite dalle singole Imprese sono le seguenti:

Impresa capogruppo: _________________________________________________

Impresa mandante: ___________________________________________________

Firma Titolare Impresa


o Legale Rappresentante della Società

Nel caso di partecipazione sotto forma di associazione temporanea di imprese o consorzio, il modulo offerta dovrà essere, a pena di
esclusione, sottoscritto dal legale rappresentante o procuratore di ciascuna delle imprese da riunirsi o associarsi
Università degli Studi di Parma Pagina 1 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

CAPITOLATO SPECIALE D’APPALTO

ART. 1 - OGGETTO E DURATA DELL'APPALTO


L'appalto ha per oggetto tutte le prestazioni per svolgere i servizi di:
• Sorveglianza armata n. 26.280 ore;
• Ispezioni diurne e notturne.
• Collegamento ponte radio alla Centrale Operativa di n. 62 sedi.
Il prezzo offerto si dovrà intendere comprensivo, del canone mensile del servizio e dell’eventuale
adeguamento degli apparati di radiotrasmissione alle frequenze assegnate alla ditta che risulterà
aggiudicataria.
La durata del servizio è fissata in anni tre dal 01.07.2006 al 30.06.2009.

ART. 2 - IMPORTO BASE


L'importo a base di gara fissato, per l'intera durata del periodo contrattuale, in € 819.014,97 (Euro
ottocentodiciannovemilazeroquattordici/97) I.V.A. di legge compresa. L'importo a base di gara
tiene conto delle previsioni indicate all’art. 1 del presente capitolato.
Oltre le previsioni indicate nel presente Capitolato potranno essere richiesti piantonamenti ed
ispezioni integrative o contingenti.

ART. 3 - MODALITÁ
L'appaltatore dovrà fornire un servizio di vigilanza armata e di ispezioni notturne secondo quanto
indicato agli articoli 1 e 2 del presente capitolato, fatte salve eventuali modifiche o integrazioni
predisposte dal Capo Settore Vigilanza e Logistica.
Per quanto riguarda tutte le sedi universitarie, il servizio sarà effettuato da guardie giurate presso le
sedi e secondo gli orari e le modalità che saranno di volta in volta indicati dall'Amministrazione
Universitaria .- Settore Vigilanza e Logistica. Le guardie avranno lo specifico compito di
rappresentare un elemento di sorveglianza tendente ad evitare presenze estranee ed atti sconsiderati
o comunque tesi a turbare l’attività istituzionale. Il servizio dovrà essere effettuato nella fascia
oraria di utenza delle strutture universitarie (dalle ore 08.00 alle ore 20.00 da lunedì al venerdì e
sabato dalle ore 08.00 alle ore 13.00). Potranno essere richieste ispezioni sia diurne che notturne nei
giorni feriali e/o festivi.
Qualora nel corso di esecuzione del contratto occorra un aumento od una diminuzione delle ore, dei
controlli e delle sedi fornite da servizio di radiocollegamento, l'appaltatore è obbligato ad
assoggettarvisi alle stesse condizioni.
La formalizzazione potrà avvenire anche mediante scambio di corrispondenza.
L’appaltatore dovrà fornire un servizio di gestione allarmi a mezzo trasmettitore radio bidirezionale
collegato con la propria Centrale Operativa dotata di back-up.
Il sistema utilizzato dovrà prevedere la possibilità di inviare in modo autonomo molteplici
informazioni tra le quali: furto, inserimento/disinserimento impianto d’allarme, mancanza/ripristino
rete locali, segnalazioni anomalie quali calore, incendio, fughe di gas, umidità, segnalazione rapina,
segnalazione funzionamento guasto dell'impianto. Il dialogo tra l'unità di controllo centrale e le
stazioni remote dovrà avvenire mediante un canale radio e/o linea telefonica. La Centrale Operativa,
interrogando ciclicamente la stazione periferica per controllare lo stato del collegamento, nel caso in
cui la periferica non rispondesse, dovrà evidenziare questa anomalia e trattarla come una
segnalazione d'allarme alla quale dovrà seguire un tempestivo intervento da parte della radio
pattuglia secondo il protocollo di intervento che sarà concordato tra il Settore Vigilanze, Ditta
appaltatrice e Ditta addetta alla manutenzione.
Ogni operazione dovrà essere memorizzata in un archivio storico del calcolatore e allo stesso tempo
su carta dalla stampante di sistema. Tali dati su carta potranno essere consultabili da parte del
Università degli Studi di Parma Pagina 2 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

Committente – Settore Vigilanza e Logistica, entro una settimana dal ricevimento di una richiesta
scritta.
I rapporti di servizio dei controlli e verifiche effettuati dovranno essere trasmessi al Capo Servizio
Vigilanza entro le ore 09.00 del giorno successivo.

ART. 4 - SOPRALLUOGO
Il sopralluogo degli immobili oggetto del servizio di vigilanza devono essere direttamente espletato
dai partecipanti all’appalto.

ART. 5 - VARIAZIONI DEL SERVIZIO E SERVIZI NON PREVISTI


La Stazione Appaltante si riserva l'insindacabile facoltà di introdurre, all'atto esecutivo, quelle
varianti che riterrà opportune nell'esclusivo interesse della buona riuscita del servizio medesimo,
senza che l'appaltatore possa trarne motivi per avanzare pretese di compensi e di indennizzi di
qualsivoglia natura.
Per l'esecuzione e le modalità dei servizi complementari non previsti, la Stazione Appaltante si
riserva la facoltà di procedere ai sensi dell'art. 7 comma 2 lett. e del D.lgs. 157/1995.

ART. 6 - QUALITÁ DEL SERVIZIO


Il servizio deve essere eseguito conformemente a quanto è stabilito nell’art. 3 del presente
capitolato.
Le guardie addette a tale servizio devono comportarsi con educazione, sensibilità civile e
comprensione nei riguardi di tutti coloro che frequentano le sedi suddette.

ART. 7 - CONTROLLI DELL'UNIVERSITÀ


I controlli tesi a verificare la conformità del servizio prestato a quanto previsto e disposto
dall’Amministrazione Universitaria verranno effettuati dal Responsabile del Settore Vigilanza e
Logistica.

ART. 8 - ONERI, OBBLIGHI E RESPONSABILITÁ A CARICO DELL'APPALTATORE


Sono a carico dell'appaltatore i seguenti oneri, obblighi e responsabilità:
a) tutte le spese di gara, di contratto, di bollo, accessorie e conseguenti;
b) applicazione ai lavoratori dipendenti del trattamento economico e giuridico nonché previdenziale
e assistenziale stabilito dal C.C.N.L. della categoria e dell'eventuale contratto integrativo;
c) adozione, da parte del personale impiegato, di una divisa di tipo unico recante chiaramente la
dicitura dell'Istituto;
d) la piena responsabilità di tutti i danni che possono capitare a persone (ivi compresa l'Università)
o a cose, in conseguenza di fatti dolosi o colposi dei propri dipendenti. A questo fine l'Impresa
affidataria avrà l'obbligo di stipulare una polizza assicurativa, stipulata esclusivamente per i
servizi in questione, con massimale di € 5.000.000,00 a garanzia di tutti i danni a persone o a
cose, ivi compresa l'Università;
e) obbligo di comunicare ogni variazione relativa alla sede sociale ed all'assetto societario durante
la decorrenza del contratto, entro 30 giorni dal suo verificarsi;
f) obbligo di trasmettere mensilmente all'Università copia della documentazione attestante il
versamento dei contributi obbligatori previdenziali e assistenziali;
g) obbligo di procedere all’erogazione del servizio, qualora se ne presentasse la necessità, nelle
more della formale stipulazione del contratto;

ART. 9 – PAGAMENTI
I pagamenti verranno effettuati alla fine di ogni mese sulla base delle fatture mensili relative ai
servizi effettivamente forniti nel mese in esame.
Università degli Studi di Parma Pagina 3 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

Le fatture, in tre esemplari in regola con le vigenti disposizioni di legge, saranno ammesse al
pagamento dall'Università entro 90 giorni dal ricevimento.

ART. 10 - CAUZIONI
I concorrenti dovranno prestare cauzione provvisoria nella misura del 2% dell'importo netto a base
di gara, costituita ai sensi della legge 348/82 per una somma di Euro 13.650,25. L'appaltatore, a
garanzia del rispetto delle condizioni contrattuali e della buona esecuzione dei servizi, deve
costituire cauzione definitiva, calcolata in ragione del 10% dell'importo netto del contratto, ai sensi
dell'art. 1 della Legge 348/1982. Entrambe le cauzioni, dovranno contenere la clausola "a prima
richiesta" e dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del
debitore principale. La cauzione definitiva sarà restituita alla scadenza del contratto e dopo che,
adempiuti tutti gli obblighi contrattuali, siano state risolte eventuali contestazioni.
L'appaltatore ha l'obbligo di reintegrare la cauzione definitiva di cui l'Amministrazione abbia
dovuto eventualmente valersi, in tutto o in parte, durante l'esecuzione del contratto.

ART. 11 – PENALITÁ
Per ogni giorno, e per un massimo di tre giorni, in cui il Settore Vigilanza e Logistica, constati che
il servizio non è stato fornito o non è stato effettuato con le modalità indicate nel presente
capitolato, sarà detratto dalla somma mensile dovuta l'importo di € 500,00 (Euro cinquecento/00).
Qualora l'appaltatore non ottemperi nel termine all'obbligo di comunicazione di cui alla. lettera e)
dell'art. 8 del presente capitolato, sarà applicata una penale di € 250,00 (Euro
duecentocinquanta/00).
E' fatto salvo il diritto dell'ente al risarcimento del maggior danno.

ART. 12 – DIRITTI DELL’UNIVERSITÁ


L’Università si riserva il diritto di:
a) recedere anticipatamente dal contratto senza alcun preavviso qualora il servizio di vigilanza
non si reputi più necessario;
b) risolvere anticipatamente il contratto ai sensi dell’art. 1456 c.c. nei seguenti casi:
- mancata o incompleta fornitura del servizio stesso per più di tre giorni ovvero nel caso in
cui il totale delle penali superi, mensilmente, il 40% dell'importo netto contrattuale
mensile;
- venir meno dei requisiti e delle autorizzazioni richieste in sede di gara;
- qualora intervengano, a carico dei soggetti indicati nell'art. 2 comma 3 del D.P.R. n.
252/1998, procedimenti o provvedimenti di cui all'art. 10, Legge 575/65 e/o elementi dai
quali siano desumibili infiltrazioni mafiose ex art. 10 comma 7 D.P.R. 252/98. -
assunzione di personale in violazione della normativa vigente in materia di contratti di
categoria e di obblighi contributivi previdenziali ed assistenziali. Nei casi di risoluzione
sopra citati l'Amministrazione incamererà la cauzione definitiva di cui all'art. 10 del
presente Capitolato, fatto salvo il diritto di richiedere il risarcimento del maggior danno
subito.
c) controllare in corso di contratto, attraverso i competenti organi dello Stato, che permangano
i requisiti e le necessarie autorizzazioni prefettizie richieste in sede di gara;
d) richiedere in qualsiasi momento l'immediata sostituzione di quel personale che per qualsiasi
motivo non risulterà di gradimento all'Ente stesso.

ART. 13 - REVISIONE PREZZI


É ammessa revisione del prezzo ai sensi dell'art. 44, Legge 724/1994.

ART. 14 - MODALITÁ DI PRESENTAZIONE DELL'OFFERTA


Le modalità sono analiticamente riportate nel disciplinare di gara.
Università degli Studi di Parma Pagina 4 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

ART. 15 – AGGIUDICAZIONE
L’aggiudicazione avverrà a favore del concorrente che avrà presentato l’offerta economicamente
più vantaggiosa ai sensi dell’art. 23, comma 1, lettera b), D.Lgs. 17/03/1995 n. 157.
Si procederà all’aggiudicazione anche qualora sia pervenuta una sola offerta.

ART. 16 – SUBAPPALTO E CESSIONE DEL CONTRATTO


Il subappalto è consentito a norma dell’art. 18 del D.Lgs. 17.03.1995 n. 157 e secondo le modalità
previste dall'articolo 18 19.03.1990 n. 55 e successive modifiche ed integrazioni.
É fatto divieto di cessione totale o parziale del contratto.

Art. 17 - SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO


(art. 7 del D.Lgs. 626/94 integrato dal D.Lgs. 242/96)
L'Università fornirà all'Impresa Appaltatrice dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti
nell'ambiente in cui il personale dovrà operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza da
adottare in relazione all'attività normalmente esercitata nell'ambiente di lavoro.
L'Università e l'Impresa Appaltatrice si impegnano a cooperare all'attuazione delle misure di
prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro che possano incidere sulle attività lavorative oggetto
dell'appalto.
L'Università e l'Impresa Appaltatrice coordinano gli interventi di prevenzione e protezione dai
rischi cui sono esposti i lavoratori, cooperando ed informandosi reciprocamente anche al fine di
eliminare i rischi dovuti alle interferenze tra i lavoratori coinvolti nell'esecuzione delle attività
lavorative oggetto dell'appalto.
La promozione di tale cooperazione e coordinamento spetta all'Università.
L'Impresa Appaltatrice dà atto di essere responsabile dei rischi specifici propri delle attività
lavorative oggetto dell'appalto.
In particolare si segnala quanto indicato nell'allegato 1

ART. 18 - TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI


I dati personali sono trattati in conformità a quanto previsto dal D.Lgs. 196/2003.

ART. 19 – FORO COMPETENTE


Tutte le controversie che dovessero insorgere tra le parti saranno deferite alla competenza del Foro
di Parma.

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO


(Dott. Carlo Orsini)
Università degli Studi di Parma Pagina 5 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

ALLEGATO N. 1
SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO
1 - NORME GENERALI
• Vietato fumare in tutti gli ambienti universitari.
• In caso di evacuazione di locali il prestatore d'opera deve eseguire le indicazioni dei cartelli
con simboli bianchi in campo verde per raggiungere l'esterno e tassativamente non fare uso
degli ascensori e dei montacarichi.
• Ogni intervento richiede un margine di preavviso da concordare con il Responsabile del
Settore Vigilanza e Logistica.
• Il Responsabile dell'Impresa Appaltatrice, con sopralluogo preventivo dovrà valutare
l'eventuale necessità di dotare i propri dipendenti dei D.P.I. (Dispositivi di Protezione
individuale) idonei, la copertura profilattica antitetanica è obbligatoria.
• L'inizio degli interventi e le presenze degli addetti all'interno dei locali deve essere
segnalata. Evitare l'uso di fiamme libere e lavorazioni a caldo; qualora l'intervento ne
richieda l'utilizzo, informare preventivamente il responsabile della Struttura.
• Evitare l'uso di materiali e di indumenti da lavoro con capacità di accumulo di elettricità
statica nei locali ove esistano solventi o gas infiammabili.
• Dovendo intervenire su parti murarie verificare l'eventuale presenza di canalizzazioni
sottotraccia di acqua e linee elettriche.
• Dovendo operare in locali interrati munire gli addetti di mezzi di illuminazione autonoma.
• Prima di sospendere l'erogazione di acqua, gas ed energia elettrica informare il Responsabile
della struttura per consentire un'adeguata informazione agli utenti, e verificare l'esistenza di
gruppi di continuità od elettrogeni.
• Dovendo intervenire in controfittature contenti fibre di vetro non imbustate, si dovranno
utilizzare i DPI appropriati.
• Rispettare la cartellonistica esistente.
• L’accesso ai tetti e alle coperture è vietato. Può essere consentito l’accesso previa richiesta
scritta e conseguente autorizzazione scritta del Capo Settore Prevenzione e Protezione.
• Nello svolgimento di lavori con rischio di caduta dall’alto (h. > 1,5 mt.) è obbligatorio l’uso
di imbracature di sicurezza certificate.
• Il medico competente dell'impresa appaltatrice può effettuare un sopralluogo nei locali in
cui si deve intervenire.
• E' vietata la manipolazione di qualunque bene strumentale dell'Università o ad essa in uso.

2 - TIPOLOGIA DELLE STRUTTURE UNIVERSITARIE


· Laboratori Chimici
· Laboratori Biologici
· Laboratori di Medicina e Chirurgia, di Medicina Veterinaria e sale operatorie
· Laboratori Meccanici
· Laboratori di Fisica
· Laboratori di Elettronica
· Stabulari
· Locali adibiti a deposito
· Biblioteche
· Uffici
3 - NORME SPECIFICHE DA SEGUIRE DOVENDO OPERARE INTERVENTI IN:
3.1 - Laboratori Chimici e Biologici nei quali esiste la presenza dei seguenti agenti di rischio
chimico:
· Tossici
· Nocivi
Università degli Studi di Parma Pagina 6 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

· Corrosivi
· Irritanti
· Cancerogeni
· Infiammabili
· Esplosivi
· Asfissianti

Le possibili vie di contatto ai sopracitati agenti possono essere:


· Per ingestione
· Per via cutanea
· Per inalazione (polveri, fumi, nebbia, gas, vapori)

N.B. Per evitare eventuali rischi chimici si devono adottare le seguenti disposizioni:
• E’ fatto divieto di manipolare qualsiasi contenitore (flaconi, bottiglie, bombole, siringhe,
ecc.) ed apparecchiature (strumentazioni, frigoriferi, celle climatiche, ecc.)
• Assicurarsi inoltre della possibilità di aerare il locale.

Nei sopracitati laboratori esiste inoltre la possibile presenza dei seguenti agenti di rischio fisico:
Radiazioni ionizzanti e Radiazioni non ionizzanti:
• Radiofrequenza (con potenza superiore a 10 kW)
• Microonde
• Radiazioni IR
• Radiazioni UV
• Luce laser (classe 3)
• Raggi X
Rumore:
• Ultrasuoni (con potenza superiore a 300 W e frequenza superiore 10 kHz)

Sorgenti termiche:
• Superfici ad elevata temperatura
• Forni
• Stufe termostatiche

N.B. : Per evitare eventuali rischi fisici si devono adottare le seguenti disposizioni:
· Assicurarsi tramite il Responsabile della Struttura che le emissioni summenzionate
avvengano in sistema chiuso o coibentato; in caso contrario richiederne la disattivazione prima di
accedere alle aree interessate:

Nei laboratori chimici e biologici si possono riscontrare i seguenti agenti di rischio biologico:
Sperimentazione in vitro:
· Batteri e organismi simili
· Alghe
· Virus
· Rickettsie
· Muffe
· Protozoi

Sperimentazione in vivo:
• Impiego di agenti infettanti e infestanti
• Animali (cavie, ratti)
Università degli Studi di Parma Pagina 7 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

N.B.: per evitare eventuali rischi biologici si devono adottare le seguenti disposizioni:
•E' fatto divieto di manipolare qualsiasi contenitore (flaconi, bottiglie, bombole, siringhe, ecc.) ed
apparecchiature (strumentazioni, frigoriferi, celle climatiche, ecc.)
E' indispensabile la presenza del Responsabile della Struttura per poter accedere/intervenire nei
summenzionati locali.

3.2 - Laboratori Meccanici


Nei laboratori meccanici si possono riscontrare i seguenti agenti
di rischio fisico derivanti da:
· Presenza di macchine utensili a norma con organi in movimento
· Presenza di liquidi emulsivi sui pavimenti
· Presenze di lastre e profilati taglienti
· Presenza di argani per movimentazione materiali

N.B.: Per evitare eventuali rischi meccanici si devono adottare le seguenti disposizioni:
- Divieto assoluto di accesso se vengono svolte operazioni con macchine utensili in movimento o
comunque nelle aree di azione di queste.
- Non passare o sostare sotto i carichi sospesi.

3.3 - Stabulari
Negli stabulari si possono riscontrare seguenti agenti di rischio derivanti da:
- Condizioni di lavoro difficili per la presenza di animali siano esse di piccola taglia (cavie, ratti,
conigli, ecc.) o di grande taglia (bovini, equini, suini, ovini, ecc.). In questo caso si dovrà
provvedere ad aerare sufficientemente il locale onde evitare l'eccessivo accumulo di ammoniaca
dovuta alle deiezioni animali e comunque evitare lavorazioni che possano arrecare danni a
questi ultimi.

3.4.1 - Laboratori di Medicina Veterinaria e sale operatorie


Valgono le norme per i laboratori chimici/biologici, stabulari e le norme generali.
3.4.2 - Laboratori di medicina e sale operatorie
Valgono le norme per i laboratori chimici/biologici e le norme generali.
3.5 - Locali adibiti a deposito
Valgono le norme per i laboratori chimici/biologici, stabulari e le norme generali.
3.6 - Biblioteche
Valgono le norme generali.
3.7 - Uffici
Valgono le norme generali.
Università degli Studi di Parma Pagina 8 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

(ALLEGATO – «A» del Capitolato Speciale)

SEDE CENTRALE Via Università


FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA Via Università
PLESSO VIA S. MICHELE Via S. Michele
PLESSO BORGO CARISSIMI Borgo Carissimi
ISTITUTO STORIA DELL’ARTE P.le della Pace
CENTRO STUDI E ARCHIVIO DELLA Via Catania
COMUNICAZIONE – C.S.A.C.
PLESSO S. FRANCESCO Via del Prato
ABBAZIA DI VALSERENA Via Paradigna
FACOLTÁ DI VETERINARIA Via del Taglio
PLESSO AULE PARCO DUCALE Via Pasini
FACOLTÁ DI ECONOMIA Via Kennedy
PALAZZINA FEROLDI Via Kennedy
PLESSO AULE ROSSE Via Kennedy
SEGRETERIA FACOLTÁ DI ECONOMIA Via Kennedy
DIPARTIMENTO DI STORIA Via Kennedy
FACOLTÁ DI MEDICINA E CHIRURGIA Via Gramsci
FACOLTÁ DI MEDICINA E CHIRURGIA Via Volturno
CENTRO SERVIZI STUDENTI P.le Barezzi
ORTO BOTANICO Via Farini
CAMPUS UNIVERSITARIO
FACOLTÁ DI AGRARIA
FACOLTÁ DI ARCHITETTURA
FACOLTÁ DI FARMACIA
FACOLTÁ DI INGEGNERIA
FACOLTÁ DI SCIENZE MM. FF. NN.
STETTORE TECNICO
CENTRALE SISMICA
SERVIZIO SEGRETERIA STUDENTI
CENTRALE TECNOLOGICA

N.B.: le indicazioni per Facoltà si intendono comprensive di Dipartimenti e Centri


Università degli Studi di Parma Pagina 9 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

(ALLEGATO – «B» del Capitolato Speciale)

ALLARMI PRESSO SEDI UNIVERSITARIE

BID.406 UNIVERSITÁ SEDE CENTRALE SEDE


1) STATO RETE CENTRALZNA TELEFONICA
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID. 72 UNIVERSITÁ SEDE CENTRALE SEDE


1) INCENDIO ARCHIVIO STORICO
2) INCENDIO S.I.S.A. + ARCHIVIO STUDENTI
3) ALLARME ASCENSORI
4) ALLARME TEMPERATURA C.E.DA.
5) ALLARME TEMPERATURA UFFICI OPERATORI
6) ALLARME POMPE ANTINCENDIO
7) ALLARME INCENDIO C.E.DA.
8) ALLARME INCENDIO ARCHIVIO NUOVO

BID. 201 MUSEO DI STORIA NATURALE SEDE


1) ANTIFURTO
2) STATO RETE
3) STATO BATTERIE
4) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.119 PALAZZO DELLE CARROZZE V. SAN MICHELE


1) ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO
3) STATO RETE
4) STATO BATTERIE

BID.89 ISTITUTO DI STORIA DELL'ARTE P.LE DELLA PACE


1) ANTIFURTO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO
3) ANTINCENDIO

BIDI.144 CENTRO SERVIZI STUDENTI P.LE BAREZZI


1) INCENDIO ARCHIVI
2) MANOMISSIONE RADIO
3) ANTINTRUSIONE SCHEDARI
4) SITUAZIONE IMPIANTO SCHEDARI

BID.32 PALAZZO DELLE SCUDERIE V. VERDI


1) SITUAZIONE IMPIANTO
2) ALLARME ANTINTRUSIONE
3) ALLARME ANTINCENDIO
4) ALLARME ANTIRAPINA
5) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.67 C.S.A.C. PADIGLIONE NERVI V. TONALE


1) STATO IMPIANTO
Università degli Studi di Parma Pagina 10 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

2) ANTIFURTO
3) ALLARME GAS
4) ANTINCENDIO
5) ANTINTRUSIONE

BID.177 ORTO BOTANICO V. FARINI


1) STATO IMPIANTO
2) ANTIFURTO
3) ANTINCENDIO
4) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.252 ISTITUTO DI MUSICOLOGIA V. CAVOUR


1) STATO IMPIANTO
2) ANTIFURTO
3) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.253 AULE UNIVERSITARIE PARCO DUCALE


1) ANTIFURTO PIANO TERRA
2) ANTIFURTO PRIMO PIANO
3) ANTIFURTO SECONDO PIANO

BIB.527 AULE PLESSO SAN FRANCESCO V. DEL PRATO


1) ANTIFURTO
2) ANTINCENDIO

BID.384 FACOLTÁ DI LETTERE V. KENNEDY


1) ALLARME ASCENSORE 1
2) ALLARME ASCENSORE 2
3) MANOMISSIONE IMPIANTO
4) ANTINCENDIO ARCHIVIO SEGRETERIA ECONOMIA
5) STATO IMPIANTO SEGRETERIA
6) ANTIFURTO SEGRETERIA

BID.100 FACOLTÁ DI ECONOMIA V.KENNEDY


1) ANTINTRUSIONE
2) STATO IMPIANTO
3) MANOMISSIONE IMPIANTO
4) STATO RETE
5) STATO BATTERIE
6) ALLARME ASCENSORE

BID.121 BIBLIOTECA DI FILOSOFIA V. KENNEDY


1) STATO IMPIANTO
2) ANTIFURTO
3) MANOMISSIONE IMPIANTO
4) ANTINCENDIO

BID.383 BIBLIOTECA DI MEDICINA 00. RR.


1) ALLARME ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO
Università degli Studi di Parma Pagina 11 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

MONO.351 CENTRO AUDIOVISIVI 00. RR.


1) ANTIFURTO PRIMO PIANO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO
3) SOPRAVVIVENZA
4) STATO BATTERIE
5) ANTIFURO PIANO TERRA

BID.254 ANATOMIA UMANA (AULA CANUTO) 00. RR.


1) ANTINCENDIO
2) ANTIFURTO
3) MANOMISSIONE IMPIANTO
4) ANTIFURTO C/O MEDICINA LEGALE

BID.523 PRIMA CLINICA MEDICA 00. RR.


1) ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.524 NEFROLOGIA 00. RR.


1) ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.525 CLINICA DERMOSIF. (SALA OPERATORIA) 00. RR.


1) ANTINCENDIO
2) FUGA GAS (SALA OPERATORIA)
3) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.526 MEDICINA LEGALE (LABORATORI) 00. RR.


1) ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.236 PLESSO BIOTECNOLOGICO V. VOLTURNO


1) STATO IMPIANTO
2) ANTIFURTO
3) ALLARME TECNICO ELETTRICISTA SIRAM
4) ALLARME TECNICO IDRAULICO SIRAM

BID.915 OFFICINA DIP. FISICA CAMPUS


1) ALLARME ANTINCENDIO E ANTIGAS
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.912 DIPARTIMENTO DI FISICA CAMPUS


1) STATO IMPIANTO
2) APERTURA PORTE
3) //////////////////////////////
4) ALLARME ASCENSORE
5) ALLARME ANTINCENDIO

BID.908 FARMACIA CIM - CIB CAMPUS


1) RILEVATORE FUMO CERBERUS
2) RILEVATORE GAS ONIWELL
3) ///////////////////////////////
Università degli Studi di Parma Pagina 12 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

4) ALLARME FRIGO LABORATORIO 647 PORTA 4


5) ALLARME FRIGO LABORATORIO 685

BID 909 INGEGNERIA SCIENTIFICA CAMPUS


1) MANOMISSIONE IMPIANTO
2) ALLARME FUGA GAS E ANTINCENDIO
3) ALLARME ANTINTRUSIONE
4) STATO RETE

MONO 910 FACOLTÁ DI FARMACIA CAMPUS


1) STATO IMPIANTO
2) ANTIFURTO
3) ALLARME ASCENSORE DI FARMACOLOGIA
4) ALLARME ASCENSORE CORPO B
5) ALLARME ASCENSORE CORPO C
6) MANOMISIONE IMPIANTO
7) SOPRAVVIVENZA
8) STATO BATTERIE

BID.911 FACOLTÁ DI FARMACIA CAMPUS


1) ANTINCENDIO
2) FUGA GAS CORPI B. D. E. PIANO TERRA
3) //////////////////////////////////////////
4) ALLARME FUGA GAS CORPO C PIANO TERRA
5) ALLARME FUGA GAS CORPO A PRIMO PIANO
6) ALLARME FUGA GAS CORPO B PRIMO PIANO
7) ALLARME FUGA GAS CORPO C PRIMO PIANO

MONO 913 CENTRO GRAFICO CAMPUS


1) ANTINCENDIO
2) SOPRAVVIVENZA
3) STATO RETE
4) STATO BATTERIE

MONO 914 SEGRETERIA STUDENTI CAMPUS


1) ANTIFURTO
2) STATO RETE
3) STATO BATTERIE

BID.916 FACOLTÁ DI FARMACIA (AULA H) CAMPUS


1) ANTIFURTO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.59 ISTITUTO DI CHIMICA CAMPUS


1) ANTINCENDIO GENERALE
2) ALLARME GAS GENERALE
3) ALLARME GRUPPO DI CONTINUITÁ
4) ANTINTRUSIONE CENTRO DI CALCOLO
5) ANTINCENDIO ALON
6) ALLARME ASCENSORE
7) ALLARME SONDE ACQUA
Università degli Studi di Parma Pagina 13 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

8) REP

BID.60 SCIENZE DELLA TERRA CAMPUS


1) ANTINCENDIO
2) ALLARME FUGA GAS
3) ALLARME APERTURA PORTE
4) STATO IMPIANTO
5) ALLARME PERIMETRALE
6) ANTIFURTO LABORATORIO DENTE E
7) /////////////////////////////////////////
8) REP

BID.901 CENTRO LINGUISTICO CAMPUS


1) ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.925 SIRAM CAMPUS


1) TEMPERATURA BASSA ACQUA RISCALDAMENTO
2) BLOCCO FRIGO ALTA TEMPERATURA ACQUA
3) MANCANZA RETE
4) TRASFORMATORE CABINA M. T
5) MANCATA TENSIONE CENTRALE TERMICA
6) FUGA GAS

BID.903 DIPARTIMENTO BIOLOGICO CAMPUS


1) ///////////////////////////////////////////
2) INCENDIO GAS GENETICA
3) INCENDIO GAS FISIOLOGIA
4) INCENDIO GAS BOTANICA
5) STATO RETE FRIGORIFERO + CAMERA FREDDA
6) ALLARME ASCENSORE BIOLOGIA
7) ALLARME DIFFERENZIALE CABINA

BID.904 SCIENZE AMBIENTALI CAMPUS


1) MANCANZA ALIMENTAZIONE IMPIANTO FUMO GAS
2) ALLARME GAS
3) ALLARME ANTINCENDIO
4) ALLARME ASCENSORI

BID.905 INGEGNERIA SCIENTIFICA CAMPUS


1) ALLARME ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.906 INGEGNERIA DIDATTICA CAMPUS


1) ALLARME ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO

BID.918 INGEGNERIA DIDATTICA CAMPUS


1) ALLARME ANTINCENDIO
2) MANOMISSIONE IMPIANTO
Università degli Studi di Parma Pagina 14 di 14
Settore Tecnico
Viale G.P. Usberti, 47A
43100 PARMA
Tel: 0521.90.55.00

BID.919 APPARATO BIOLOGIA (B) CAMPUS


1) /////////////////////////////////////////
2) FRIGO LAB. 1.6
3) FRIGO LAB. 1.9
4) FRIGO LAB. 1.11
5) CELLA FREDDA 1.12
6) CELLA FREDDA C2 PRIMO PIANO
7) FRIGO -80 GENETICA PRIMO PIANO
8) CELLA FREDDA B 1 PRIMO PIANO

BID.926 INGEGNERIA INFORMATICA (LAB. M.O.V.P.E.) CAMPUS


1) ALLARME ANTINCENDIO
2) ALLARME IDROGENO
3) ALLARME RILEVAMENTO GAS TOSSICI