Sei sulla pagina 1di 5
COPIA COMUNE DI BINAGO (Provincia di Como) (Cod. Ente 10479) NO 192 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONDONO EDILIZIO ANNO 2003-2004. DEFINIZIONE TERMINI E MODALITA DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE E INDENNITA PECUNIARIA AI FINI PAESAGGISTICI. L’anno duemilaquattro, il giorno quattro del mese di Dicembre alle ore 10:00 nella sala delle adunanze. Previa Vosservanza di tutte le formalita prescritte dalla legge, dallo statuto ¢ dai regolamenti, vennero oggi convocati a seduta i componenti della Giunta Comunale. All’appello risultano: LURATI PIER GERARDO Sindaco Presente RIMOLD} PIERLUIGI Vice Sindaco Assente LANZAROTTI ROBERTA. Assessore: Presente USLENGHI MAURO. Assessore Presente SPELTONI MASSIMO Assessore Presente Partecipa il Segretario Comunale TORRE DOTT.SSA ASSUNTA il quale provvede alla redazione de\ seguente verbale. Essendo legale il numero degli intervenut, i\ Sindaco LURATI PIER GERARDO, assume 1a presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell’ oggetto segnato all’ordine del giorno. Verbale di deliberazione della Giunts Comunale n° 192 del 04/12/2004 OGGETTO: Condono Edilizio anno 2003-2004. Definizione termini e modalita di versamento dct contributo di costruzione c indennita pecuniaria ai fini paesaggistici, LA GIUNTA COMUNALE. Premessa : ~ Che in data 30 settembre 2003 con Decreto Legge n. 269, all’art. 32 sono state dettate nuove norme € sono stati riaperti i termini relativi alla presentazione di istanze di condono edilizio da presentarsi entro i 31 marzo 2004; = Che in data 24 novembre 2003 con Ia Legge n. 326 stato convertito in legge con modificazioni il Decreto Legge n. 269/03; = Che in data 24 dicembre 2003 con la Legge n. 350/03 (finanziariz 2004) sono state abrogate alcune norme contenute nella legge 326/03 e specificate alcune norme in merito al versamento dell’ ICI relativamente ad immobili oggetta di condono edilizio; ~ Che in data 31 marzo 2004 con Decreto Legge n. 82 ¢ stato prorogato il termine ultimo per la presentazione delle istanze di condono edilizio a tutto il 31 luglio 2004; ~ Che in data 28 giugno 2004 la Corte Costituzionale ha con la sentenza n, 196 e con Vordinanza 197 ha dichiarato V'illegittimita costituzionale di alcuni articoli della legge 326/03, tinviando ad apposita disciplina regionale 1a possibilita di procedere alla formalizzazione delle istanze di condono editizio; - Che in data 12 luglio 2004 con Deereto Legge n, 168 & stato prorogato il termine ultimo per la presentazione delle istanze di condono edilizio a tutto it 31 luglio 2004, in attesa della formalizzazione di idonee leggi regionali in materia; ~ Che in data 30 lugtio 2004 con la Legge n. 191 & stato convertito in legge con modificazioni il Decreto Legge n. 168/04; ~ Che in data 27 ottobre 2004 con Legge Regionale n. 31 — pubblicata sul B.U.R.L. in data 5 Novembre 2004 ~ ta Regione Lombardia ha promulgato la Legge contenente “disposizioni regionali, in materia di illeciti edilizi”. = Che il quadro normativo relativo al condono edilizio 2003/2004 risulta, quindi, ora definito € necessita, di conseguenza, approvare con urgenza le disposizioni di competenza comunale in ‘materia di condono edilizio, in ottermperanza @ quanto previsto dall’art. 4 della L.R. 31/04; ~ Che alls luce di quanto previsto dalla Legge Regionale n, 31/04, il Comune pud disporre che ‘gli oneri di urbanizzazione relativi alla realizzazione delle opere abusive ricenducibili alle tipologie di illecito numeri 1, 2 ¢ 3, di cui all’allegato 1 al D.L. 269/03, convertito dalla L.326/03, siano incrementati, rispettivamente, fino al massimao del 50%, 30% e 20% ed inoltre pud stabilire che una quota non superiore al $0 per cento degli oneri di urbanizzazione, calcolati in via presuntiva dai richiedenti ta sanatoria, sia versata, a titolo di anticipazione, all’atto della presentazione della domtanda di sanatoria; - Che in assenza della presente deliberazione, it contributo di costruzione & corrisposto pet ‘ntera all’atto del perfezionamento del provvedimento in sanatoris ¢ che quinti la mancata adozione del presente provvedimento costituisce ritardato incasso del contributo in argomento; = Che al fine di completare le disposizioni comunali in materia di condono edilizio ¢ da sottolineare che l'art. 32 comma 40 del D.L. 269/03 cosi come convertito in Legge n. 326/03 prevede che ai fini dell’istruttoria delle domande di sanatoria edilizia pud essere determinato dall’amministrazione comunale un inctemento dei diritti e degli oneri previsti per il rilascio dei titoli abilitativi fino ad un massimo del 10 per cento, da utilizzare sia per far fronte ai costi di istrwttoria delle istanze di sanatoria che per interventi di demolizione delle opese abusive; - Che in ordine agli abusi commessi in zona soggetta a vincolo paesaggistico, secondo quanto previsto dall’art. 2 comma 46 della Legge 62/1996, occorre infine evidenziare che il versamento dell’oblazione non esime dall’applicazione dell’indennita risarcitoria prevista dall’art. 167 del DiLgs 42/04 e, alla luce di quanto previsto dal Decreto del Ministero dei Beni Culturali & Ambientali del 26 settembre 1997, i parametri e le modalita per la quantificazione dell’indennita risarcitoria per le opere abusive realizzate nelle aree sottoposte a vincolo paesaggistico, Pamministrazione comunale potri prevedere un incremento fino al 100 per cento della aliquota forfettaria relativa alla determinazione in via semplificata di tale indennita, in relazione sia alle tipologie di abuso che alle norme di tutela; tutto cid premesso: Visto il disposto dell’art. 4 della L.R. 31/04; Visto il disposto dell’art, 32 comma 40 D.L, 269/03 cosi come convertito in Legge 0. 326/03; Visto il disposto dell’art. 2 comma 46 della Legge 662/1996 ¢ quanto previsto dal Decreto del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali del 26 settembre 1997; Preso atto che sulla proposta di deliberazione sono stati espressi i pareri favorevoli ai sensi delW'art.49 del D.Les. 267/2000 ed é stata altresi attestata dal responsabile di ragioneria la copertura finanziaria della spesa, ai sensi dell’art.151, comma 4, del D.Lgs. 267/2000; Visto lo Statuto Comunale ed i regolamenti di contabilita e per la disciplina dei contratti; Visto last. 134, comma quarto, del d.lgs. 267/200; Con voti unanisni legalmente resi ed accertati, DELIBERA 1) di incrementare, ai sensi di quanto disposto dall'art. 4 della LR. 31/04, gli oneri di uurbanizzazione approvati con delibera consiliare n° 20 del 12 maggio 2000, telativi alla realizzazione delle apere abusive riconducibili alle tipologie di illecito numeri 1, 2 € 3, di cui all’allegato 1 al D.L. 269/03, coavertito dalla 1326/03, rispettivamente, del 50%, 30% ¢ 20%. A tal, fine alla presente & allegata la vigente tabella (allegato n. 1) degli oneri di urbanizzazione ed i rispettivi aumenti, da utilizzarsi per il conteggio analitico; 2) di determinare che una quota pari al 30 per cento degli oneri di urbanizzazione, calcolati in vit presuntiva dai richiedenti la sanatoria, dovra essere versata, a titolo di anticipazione, all’atto delta presentazione della domanda di sanatoria; 3) di determinare che I'intero importo del contributo di castruzione (oneri di urbanizzazione contributo relativo al costo di costruzione), cosi come determinato neli'istanza di condono edilizio, dovra essere versato entro ¢ non oltre il termine del 30 giugno 2005; 4) di determinare che per i versamenti da effettuarsi in via di anticipazione, potranno essere utilizzate le tariffe forfettarie indicate nella tabella riportata Nell’allegato 1 al D.L. 269/03, convertito dalla 1326/03, quantificati comprendendo sia la quota riferita agli oneri di urbanizzazione che quella del contributo sul costo di costruzione; 5) di determinare che, a scelta del richiedente, potranno essere utilizzati per i versamenti da effettuarsi a conguaglio da effettuarsi entro il 30 giugno 2005, le tariffe forfettarie indicate nella tabella riportata Nell’allegato 1 al D.L. 269/03, convertito dalla L.326/03, quantificati comprendendo sia la quota riferta agli oneri di urbanizzazione che quella del contributo sul costo di