Sei sulla pagina 1di 1

..

Sabato 26 marzo 2011

RICORDANDO
ANNAPOLlTKOVSKAIA
AOSTA(fedI Anna ..J>olitkov-
skaja è la giornalista bar-
baramente uccisa a Mosca
nel 2006 che lo Stato mag-
giore. russo ha definito <<in-
correggibile, impossibile a
condurre alla ragione», in
una parola, citando il titolo
della pièce di scena al Gia-
I cosa martedì scorso, 22 mar-
zo, «non rééducable». Uno
spettacolo particolarmente
\
intenso e greve che rientra in
un filone definito dall' attrice
protagonista, Mireille Per-
rier, «théatre politique». Il
realismo portato all' estremo
è stato essenziale per coin-
volgere lo spettatore nel
dramma interiore di una
donna che ha voluto costan- ..
temente mettersi in gioco.
Anna Politkovskaja, nei suoi
anni di attività giornalistica,
ha avuto come riferimento il Mireille Penier al Giacosa di Aosta
rispetto profondo per la pro-
pria deontologia professio- nalista russa ha imparato nel
nale, cercando, specialmen- tempo a conoscere e ad ama-
te nel periodo di lavoro alla re; una simbiosi totale che
«Novaja Gazeta», di far porta alla pubblicazione di
emergere le voci degli op- libri e articoli di denuncia
pressi. Lo scenario è quello contro lo sterminio etnico
della guerra in Cecenia, una della popolazione.
«te.-a inquieta» che la gior- ColTéldo FelTélrese
---