Sei sulla pagina 1di 129

riquadri Le Rime

Sanna

Ettore

froris de bentu

poesia campidanesa

aipsa edizioni

indice
4 6 8 10 12 14 16 20 22 24 26 30 32 34 36 40 44 46 50 52 56 60 62 64 66 68 A ISCUSI A ISCUSI ANTONI MIU BIDDA MIA SA DOMU DE BABBU ANTONICCU SANNA SARDIGNA TERRE FOGU PROMISSAS ATTONGIU BARUMINESU PITIOLUS E CAMPANAZZUS SA SPOSA AMIGU IMBIAU ISSU MALUS BIXINUS SA TRAITORIA GUSTE MELA FEMMINA CAMPIDANESA ARREMUNDU E MARIANTONIA OGUS BISAUS LUNA PRENA SEMINI NO! SA MUSA MIA ALAS DE ORU SA CURRISPUNDENZIA AMOROSA UNA PAMPA PO ALLUI SES

70 72 74 76 78 80 82 84 88 90 92 94 96 98 100 102 104 106 108 110 116 118 120 122 124

NOTTI BIANCA SES POESIA LUNA GIOIOSA MURA DE ARRU TEMPORAS BIANCA VENTANA AUSTU PAXIOSU COGAS E BUGINU SES TORRADA CAPINERA MUDAS OGHIADAS TEMPUS DE IMPRENIMENTU CANZONI DE SU MARI DE FRIAXU PEIS A SA BECCESA URTIMA PENITENZIA SU CASSADORI ATONGIU AMARGURA NO SEU IN VENA SU MORI PERDOSU PUBAS SA LAMPADINA FULMINADA ADIOSU NOTTI DURCI DE BERANU FRORIS DE BENTU

A ISCUSI A ISCUSI
Mamma tiollu nai a iscusi a iscusi tranzendi is pilus biancus de soriga ca prus su tempus approntat distacu prus torru pippieddu a ti circai. Omini fattu mi lassu cundusi carignendi sa manu cara e amiga attesattesu de custu mundu macu ma sempri a fiancu po no ti lassai. Chi no fazzas fatiga in su camminu po baculeddu ti dongu custamori cuncordu unu lettu de spume mari e a cuscinu is arrosas de beranu. Musica durci de antigu violinu chi ddagradessat puru su Signori. Ita cosa bella est su essi impari, non dda lessis prus sola custa manu.

Ettore Sanna

SOTTOVOCE
Mamma ti voglio dire sottovoce scostando i capelli bianchi dallorecchio che pi il tempo prepara il distacco pi torno bambino a cercarti. Uomo adulto mi lascio condurre carezzando la mano cara e amica molto lontano da questo pazzo mondo ma sempre al tuo fianco per non lasciarti. Perch non faccia fatica lungo strada per bastoncino ti dar il mio amore, far un letto di schiuma di mare e per cuscino rose di primavera. Una musica dolce di antico violino che sia gradita anche al Signore. Che cosa bella lo stare insieme, non lasciarla pi sola questa mano.

Froris de bentu

ANTONI MIU
Ita mhas postu in menti, vida mia chi candu curru hia boli bolai abrexu is ogus ma feti po bisai pichiat su coru a sonu de poesia. Respiru in su mari prus fungudu chistionendi cun sa razza marina e appicu in sa stella mattutina sa primu spera e su primu saludu. Stugiu in pungius alidu de bentu po carignai sa folla a una una no creu ma no befu sa fortuna pagu mabastat po essi cuntentu: su fragu de una viola de beranu Antoni miu impenniau in giogus chi nat arriendi cun is ogus ca est siguro donendim sa manu.

Ettore Sanna

ANTONIO MIO
Cosa mi hai messo in mente, vita mia se quando corro vorrei volare apro gli occhi ma solo per sognare batte il cuore a ritmo di poesia. Respiro nel mare pi profondo parlando con i suoi abitanti e appendo sulla stella mattutina la prima speranza e il primo saluto. Nascondo in pugno un alito di vento per carezzare le foglie ad una ad una non credo ma non beffo la fortuna mi basta poco per esser felice: lodore di una viola di primavera Antonio mio impegnato in giochi che dice con gli occhi ridenti dessere sicuru quando mi d la mano.

Froris de bentu

BIDDA MIA
Sempri in su burdelle sa cittadi mi torras a sa menti bidda cara undi su bentu calendi de sa Jara tragat unu silenziu chenza eddi. In cussu celu sarrundili lesta sighendi musca o una mariposa, su columbu affrachillendi sa sposa cruculeus carraxeris fendi festa. Agoa is nottis craras de atongiu passdas de bixinau in cumpanga e sa boxi amorosa de mamma mia sempri pronta a su minimu bisongiu. Is contus de babbu in cassa manna, su fragu bellu de latti abruxau, su picchiai in su stangu arregiolau de su baculedde olia de aiaiu Sanna. Cuddus amigus de sa primu scola chi giognt in dome palla a trintunu si funti sistemaus a unu a unu atrus bolaus in celu che una folla. Forzis una d deu puru hapa torrai e sezziu cun is atrus pensionaus arrexonendi de is tempus passaus mai prus, bidda mia, thapa lassai.

Ettore Sanna

AL PAESE
Sempre nel chiasso della citt mi ritorni alla mente paese caro dove il vento scendendo dalla Giara trascina un silenzio senza et. In quel cielo la rondine veloce insegue una mosca o una farfalla, il colombo stuzzica la sposa, i passeri ciarlieri fanno festa. Poi le notti chiare dautunno passate in compagnia dei vicini, e la voce amorosa di mia madre sempre pronta al minimo bisogno. I racconti di babbo a caccia grossa, il buon odore di latte bruciato, il ticchettio del bastone dulivo di nonno Sanna sul pavimento del tabacchino piastrellato. I compagni delle elementari che giocavano a trentuno nel pagliaio, uno alla volta si sono sistemati altri volati in cielo come foglie. Forse un giorno anchio torner e seduto in piazza con gli altri pensionati discorrendo dei tempi passati mai pi, paese mio, ti lascer.

Froris de bentu

SA DOMU DE BABBU
Cussa fiat sa domu de babbu miu prena de bestiamini e de lori in donnia stampe muru unu niu pagarrichesa fatta cun sudori. Su puddecu fogosu e segua murra sconchiendi in sa ventanedda annigrnt aspetendi chi sa turra bessessit prena de sa mesuredda. Cantt a boxi sterria su caboni affrachillendi is puddas a criai, de saccorru prantu de sangioni zerrit sa titta po si sustentai. A trattori ndi ddhapu sciusciada ca sa laurera non est arti mia ma in funde coru est abarrda sa domu de babbu in Santa Luxia.

10

Ettore Sanna

LA CASA DI BABBO
Quella era la casa di mio padre piena di bestiame, fave e grano, in ogni buco del muro un nido, poca ricchezza fatta col sudore. Il puledro focoso e la cavalla baia affacciandosi alla finestrella nitrivano aspettando che il mestolo uscisse colmo dal recipiente. Cantava il gallo a voce piena incitando le galline a far le uova, e dal recinto il pianto dellagnello invocava il latte per nutrirsi. Lho buttata gi con il trattore ch lavorare la terra non mio mestiere ma in fondo al cuore rimasta in piedi la casa di mio padre a Santa Lucia.

11

Froris de bentu

ANTONICU SANNA
A babbu mortu hapu strintu sa manu cosa chi pagu fadia essendi biu su stori fiat bolendis de su niu lassendi unu silenziu grai e arcanu. Totta unorta mi ndi seu acatau ca siat murrungius che istraullus mancai gia portessi pilus murrus ddus fadit po mi olli migliorau. De itamigu mhas privau: Destinu! Cantoras bellas, in manus sa tassa chistionendi de femminas o de cassa, poetendi a su teatru o a su binu. De sa scola pagu hiat imparau nasciu in tempus malus, orfaneddu omini de grandu coru e de cerbeddu in sa vida cumbattenti decorau. Ollu nai, chi mascurtas, Caru miu ca ogna d dda bivu a sumbra tua mancai pagu candelas ndallua e mhas lassau solu in cuddu niu. Bai in bonora, Antonicu Sanna tendidda sa manu de ancastessi candholis zerria, andu de pressi ca in tui est sa sorti mia manna.

12

Ettore Sanna

ANTONICU SANNA
Ho stretto la mano a mio padre morto. Non lo facevo spesso quando era in vita. Il falco volava via dal nido lasciando un silenzio pesante e misterioso. Dimprovviso mi sono accorto che borbottii e rimproveri anche se avevo gi i capelli bianchi li faceva per pretendermi migliore. Di che amico mi hai privato, Destino! Quante ore belle con il bicchiere in mano a parlar di donne o di caccia o poetando al teatro e al vino. Dalla scuola poco aveva appreso nato in tempi duri, orfanello, uomo di gran cuore e cervello nella vita combattente decorato. Voglio dire, se mi ascolti, mio Caro che ogni giorno lo vivo alla tua ombra anche se non taccendo le candele e mi hai lasciato solo in quel nido. Vai in buonora Antonicu Sanna, tendimi la mano ovunque sia, chiamami quando vuoi e ti raggiunger perch solo in te la mia grande fortuna.
13 Froris de bentu

SARDIGNA
Perda niedda de vulcanu antigu cungiat montis e pranus che in corti testimongia de bentus e de vidas fortis che silenzius de pastori. Fruminis de aqua crara a isprigu onori in pettus finzas a sa morti, mammas in pensamentu sempri scidas sinnant attittidendu su dolori. E in su mari, custu mari obertu renniu arcanu de alegusta e murena ninnat eterna fama de balenta de sanguni in azza de lama pattadesa. Est in su coru de semigrau fertu arroliendi i nduna ruga allena salidu tristu de sa Sardigna mia e su refudu de bregungiosa resa.

14

Ettore Sanna

SARDEGNA
Roccia nera di antico vulcano racchiude monti e valli in recinto, testimone di venti e di vite forti come i silenzi del pastore. Fiumi dacqua chiara a specchio e onore in petto fino alla morte, madri in pensiero sempre sveglie segnano con sattittidu il dolore. E il mare, questo mare aperto arcano regno daragoste e murene, culla leterna fama di balenta di sangue in punta di lama pattadesa. E nel cuore ferito dellemigrante errabondo in strade sconosciute il respiro triste della mia Sardegna e il rifiuto di una vergognosa resa.

15

Froris de bentu

TERRE FOGU
Inviudada de marrana e accugucida po hai perdiu santiga dignidadi acat sa facci intre mudu mantu straviendi ogus spantaus de sa luna Lena e penosa pregadora assicda, in totu doma foras che in piedadi, pesat a celu e in lastimosu cantu attittat is criaturas a una una: Crachinis de arrolis mannus e olia tupas eternas de sparau e moddizzi lepuris, conillus nous e arruscionis nius ciarreris de topis e carrogas. Longala de morti cumossada in frara shat a pesai cras a mengianu chizzi e i cuddas nais cantoras de pillonis sicaus brazzus isprupaus de cogas.

16

Ettore Sanna

TERRA DI FUOCO
Vedova di codardia e ranicchiata per aver perso lantica dignit cela il viso in silente manto evitando gli occhi sbalorditi della luna. Una lenta, penosa preghiera spaventata, in tutto doma tranne che in piet leva al cielo e in appassionato canto piange creature morte, ad una ad una. Boschi di grandi querce e olivi macchie eterne dasparago e lentischio lepri, conigli nuovi e porcospini nidi ciarlieri di cornacchie e topi. Lunga ala di morte impastata a cenere si alzer domani allalba e quei rami cantori di uccelli saranno braccia stecchite di streghe.

17

Froris de bentu

Agoa su soli disapiedosu de austu avesu ma non domau a sa violenzia hat a pintai intra miseria e famini is fruttus nous de sumana fana. Tristu disenniu o pretocau gustu spraxit in terra custa pestilenzia torrendidda a su bentu che ladamini: de meri arrica a zeracca meschina. Cantai de Campidanu a Brabagia Cantoris sardus de ottavas e mutus po chin prazza de onnia feste bidda siat avvilida cussa manu peccadora. Chi torrit burda sa razza malvagia dispensadora de lagrimas e lutus e perra de coru in punta de frucdda portit foras de pettus i ndunora.

18

Ettore Sanna

Poi il sole impietoso dagosto avvezzo ma non domo alla violenza dipinger tra miseria e fame i nuovi frutti del lavoro umano. Infame progetto o pervertito gusto spargono in terra questa pestilenza restituendola come letame al vento: da ricca dama a serva meschina. Cantate dal Campidano alla Barbagia cantori sardi di ottavas e mutus affinch in piazza di ogni festa paesana sia resa vile la mano peccatrice. Che sia bastarda la razza malvagia dispensatrice di lacrime e lutti e met cuore in punta di forcone abbia fuori dal petto entro unora.

19

Froris de bentu

PROMISSAS
Sinnus de nou beranu bolant in punte alas de rundilis furisteras torradas a bidda mia. De sa terra sarcanu cuau in cidas malas in pranus e costeras frorit in sarmonia. Bessint po is frocus che a usu baruminesu obreris e preurissas de su Santu protettori. Picciocas e picciocus castiendis de tesu si scambiat promissas cun oghiadas de amori.

20

Ettore Sanna

PROMESSE
Segni di una nuova primavera volano in punta dala di rondini forestiere tornate al mio paese. Il mistero della terra nascosto nelle settimane dinverno in pianure e colline fiorisce nellarmonia. Escono per la questua come duso a Barumini obreris e preurissas del Santo Protettore. Ragazzi e ragazze guardandosi da lontano si scambiano promesse e sguardi damore.

21

Froris de bentu

ATONGIU BARUMINESU
Torrat satongiu stracu che sordau de sa gherra unu celu basciu e fracu spraxit manus in terra. In conca portat folla de castangia e arenada e accorrat in sa lolla sa linna beni segada. Is angionis a isfida brinchidant in sa ia sest fatta giai frida sora de sAve Maria. Su gattu indromiscau sempri crocau in mesu unu cani abbandonau guluriat de attesu. Sa vida in custa bidda non hat a cambiai mai, intra frara e cincidda magabu de imbecciai.

22

Ettore Sanna

AUTUNNO A BARUMINI
Torna lautunno stanco come soldato dalla guerra, un cielo bianco e fiacco stende le mani in terra. Gli copron la testa foglie di castagno e melograno e accumula nel loggiato la legna ben tagliata. Gli agnellini in sfida balzellano nella strada ormai si fatta fredda lora dellAve Maria. Il gatto assonnato sdraiato dappertutto un cane abbandonato ulula da lontano. La vita in questo paese non cambier mai tra cenere e scintille finisco ad invecchiare.

23

Froris de bentu

PITIOLUS E CAMPANAZZUS
Firmu che monumentu ogus scidus de stori millannus est pastori pistau de aqua e bentu. Unu saccu de obraci de arroca sa cadira e sruccus chi sa vida ddhat arau in faci. In sa tanca frora parendi lobus e lazzus pitiolus e campanazzus ddi faint cumpagnia. Unu cani imbecciau incotillendi brobeis carignendiddi is peis no movit de su costau.

24

Ettore Sanna

CAMPANELLE E CAMPANACCI
Fermo come un monumento occhi svegli di falco da mille anni pastore pestato da acqua e vento. Un sacco di orbace, di roccia la sedia e solchi che la vita gli ha arato in faccia. Nella tanca fiorita tendendo trappole e lacci campanelle e campanacci gli fanno compagnia. Un cane invecchiato a radunar le pecore uggiola accucciato ai suoi piedi.

25

Froris de bentu

SA SPOSA
Unargalla inserrda in su medau de unu stampu bit sazza de su monti arta, umbrosa, luxenti de arrosu cun froris, arrizzolus e friscura. Ita tristu destinu mhat sinnau a tottu vida custu muru in fronti, seu finzas in edadi po unu sposu, bella de lana, boxi e de bisura. Onnia mengianu portendi sa brovenda su meri ddi cunsillat passienzia ca feti inserrda in su presoni de mrexani si dda podit scampai. In cuddu boscu onnia gioiosa prenda scioberat sa propria cumbenienza e deu trista po una loca arrexoni no conosciu in sa vida su gosai. Unu brinchidu - ca gei est capassa e lompit giusta a i cudda feritoia, agoa libera in su pizzu prus artu a saludai su soli in sa friscura. Unu crabitu, chi hat sighu sa trassa lestru ddi fait sa proposta de coia testimongius is froris de su sartu cun mesu luna pesendi de basciura.
26 Ettore Sanna

LA SPOSA
Una capretta chiusa nella stalla da un buco vede i fianchi del monte alti, ombrosi, brillanti di rugiada con fiori, ruscelli e frescura. Quale triste destino mi ha dannata per la vita a questo muro in fronte, sono persino in et per uno sposo bella di lana, di voce e daspetto. Ogni mattina, portando il pasto il padrone le consiglia pazienza ch solo rinchiusa in prigione dalla volpe si potr salvare. In quel bosco ogni gioiosa vita sceglie la propria occasione mentre io misera per stupida ragione non conosco cosa sia felicit. Un salto poich ne capace ed arriva a quella finestrella poi libera sul cucuzzolo pi alto a salutare il sole e la frescura. Un capretto che ha seguito il fatto svelto avanza la proposta di nozze testimoni i fiori della campagna e mezza luna che sale dal basso.

27

Froris de bentu

Trudus e meurras a trivas cantendi bolant in tundu po alligrai su logu e in saraxi ddi faint singrazida puntioleddas fragosas de padenti. Ma atupau in crachini aspettendi unu mrexani mannu a ogus de fogu si lingit sa bucca beni sparrancda siguru de su momentu cumbenienti. Calat sa notti e zerriat a ninna criaturas de celu e de saxrola, lestru si fuit su crabitu cuntentu mazziendinnoi una folla ingui ufrori. Una repente, profunda timoria daffracat trista agatendis sola, in su scuriu est prus de unu lamentu su belidu a i cuddu sposu traitori. Imoi mrexani sest fattu arriscau. Spadulendi sa coa fatta a tutturu si ddu i parat inantis malezosu presentendi su contu de is oras bellas. Su destinu de sargalla sest firmau candu mrexani ddagafat a su gutturu penzat sa pobura ca po pagu gosu est pintendi de sanguni is stellas.

28

Ettore Sanna

Tordi e merli cantando a gara volano in tondo per rallegrare il luogo e nella brezza le fanno linchino le punte profumate degli alberi. Ma nascosta nella boscaglia in attesa una grande volpe con occhi di fuoco si lecca tutta la bocca spalancata sicura delloccasione propizia. Scende la notte e chiama al riposo le creature del cielo e dei campi, veloce corre via il capretto appagato masticando qui una foglia l un fiore. Un improvviso profondo terrore laggredisce nel trovarsi sola, nel buio pi di un lamento il richiamo a quello sposo traditore. Ora la volpe si fatta audace. Sbattendo la coda a mattarello le si ferma dinanzi minacciosa chiedendo il conto per le ore belle. Il destino della capra si fermato, quando la volpe lazzanna alla gola pensa la povera che per un po di gioia sta dipingendo di sangue le stelle.

29

Froris de bentu

AMIGU
Cun su mari tengiu cunfianza cascurtat che amigu cuntentu e sempri prontu a fai in manera de liberai sa menti de su mali. E sighit gioiosu in sa danza a sa musica sonda de su bentu carignendi sazza de scogliera cun didu delicau de aqua e sali. Is bortas chi no arrespundit sunt po su chi hat a cuntessi poita conoscit feti su passau tenendisiddu stugiau in su sinu. Faula cun beridadi no cunfundit chistionendi craru chene pressi in sunda unu stampu mhat lassau undi fuliu su refudu de su destinu. Cun passienzia candu is delusionis po su tropu ghetai ddhant ingrussda dda trisinat a fundu de sorizzonti isperdendidda in peis de sa luna. Agoa cuncordat unu bolide pillonis chi gioghitendu in saria asselida a punte ala mi frandgant sa fronti e torrant sa speranzia in sa fortuna.

30

Ettore Sanna

AMICO
Ho confidenza con il mare che ascolta come amico contento e sempre pronto ad agire per liberare la mente dal male. E continua gioioso nella danza di una musica suonata dal vento carezzando i bordi della scogliera con dita delicate di acqua e sale. Quando non mi risponde su quel che accadr perch conosce solo il passato e lo tiene riposto in seno. Non mischia bugie a verit parla con voce chiara senza fretta e in unonda mi ha lasciato un buco dove butto via il rifiuto del destino. Con pazienza poi quando troppe delusioni gettate dentro lhanno ingrossata la trascina in fondo allorizzonte disperdendola ai piedi della luna. Quindi prepara un volo di uccelli che giocando nellaria tornata serena con punta dala mi carezzano la fronte e riportano la speranza nella fortuna.

31

Froris de bentu

IMBIAU ISSU
Unu procu cun sa coa fatta berrina dus oghixeddus braxus de imbranau intra murrungiu e atru est affatigau a si preni de frutta, cixiri e coxina. Tottu ndi boddit de funde su lachitu cun is barras allurpas de spadulai, de obrescidroxu fanteriau a pappai Custu narat est su miu diritu. Mhant fattu grandu sazzagoni arguai a su chi sessit attrivu de sacostai a su prexeri miu siat gattu o cani, topi o pilloni. Mi funti crexius bellu lardu e pezza totta a f molia, soru i ebra frisca, mi donant pisci mancai feti sa lisca de frumini o de mari, piscau a rezza. Po su discansu ci tengiu dduas stoias e mi frandgant de su pippu a su nonnu mancai custorta mi strubint su sonnu acuzzendi in sa perda is arresoias.

32

Ettore Sanna

BEATO LUI
Un maiale con la coda a trivella due occhietti semi chiusi da imbranato tra un borbottio e laltro impegnato a riempirsi di frutta, ceci e pastone. Raccoglie tutto dal fondo del trogolo con le mascelle avide di sbattere, dallalba occupato a mangiare Questo dice il mio diritto. Mi han fatto grande mangione guai a chi osasse avvicinarsi al mio piacere fosse gatto o cane, topo o uccello. Mi son cresciuti lardo e bella carne grazie a fave macinate, siero ed erba fresca, mi danno pesci anche se solo lische di fiume o di mare, pescati con la rete. Per il riposo mi han messo due stuoie e mi coccolano tutti dal bambino al nonno anche se questi giorni mi disturbano il sonno affilando i coltelli sui sassi.

33

Froris de bentu

MALUS BIXINUS
E citidi! nat su topi a su grillu ca prus de milli bortas a sa d mamacchias cun costumau cri-cri: lassam in silenziu e tranquillu. Finzas su lepuri cun sa tostoina si funti chesciaus ca donnia notti baliant custa trista e mala sotti de intendi sa pibincosa battorina. E a su mancu, po non essi schivu chi non ci dda fais a ti tupai n tenis delicadesa de ti ndandai circa chi podis, de cambiai motivu. Perdonami de thai tanti strubau: est su chi mhat imparau mamma mia sa luna ascurtat e nat chest poesia, arrit in celu e non mhat straulau. Issa castiat serena in su lugori totu cuntenta de sa canzoni mia nat ca ponit intna-de allirghia e ca praxit finzas a su Signori. Candis stellas si torrantallui mhapa tranz a ingudenis, attesu po ti ndi liberai de custu pesu e chi non bastat, ins baidindi tui.

34

Ettore Sanna

CATTIVI VICINI
Taci! dice il topo al grillo che pi di mille volte al giorno mi ossessioni con il solito cri-cri: voglio stare in silenzio e tranquillo. Anche la lepre con la tartaruga si lamentano perch ogni notte devono sopportare la mala sorte di sentire la noiosa cantilena. O almeno per non essere sdegnoso se proprio non riesci a stare zitto n hai la finezza dandar via cerca se puoi di cambiar motivo. Perdonami se ti ho tanto disturbato questo ci che mi ha insegnato mia madre la luna ascolta e dice che poesia ride in cielo e non mi ha mai sgridato. Essa guarda serena nel chiarore tutta contenta della mia canzone, afferma che persino la rallegra e che piace molto anche al Signore. Quando le stelle si riaccenderanno mi sposter pi in l, lontano per liberarti da questa noia e se non ti basta, allora vai via tu.

35

Froris de bentu

SA TRAITORIA
Su stori pappapuddas arrodiendi in celu de beranu intebidu cosistrana non si ndest accatau de una calixeta in sarr paxendi. Issa comodamenti assetida gosendis su mengianu calenti ignorat su perigulu presenti e sighit tranquilla sa pappada. Totta unorta sogu scrutadori abillat sa sozza indromiscda e che raiu a sa prima pichida ddagafat cun su biccu cassadori. Ohi, pobera mei zerriat issa ses sperrendim giusta metdi, chi tenis unu pagu de cariddi ti fazzu una solenni promissa.

36

Ettore Sanna

TRADIMENTO
Il falco delle galline roteando nel cielo intiepidito di primavera sembra strano non si sia accorto di una lucertola che pascola sul rovo. Lei comodamente sistemata si gode il caldo mattino ignora il pericolo incombente e continua tranquilla la mangiata. Dimprovviso locchio indagatore si blocca su quellassonnata e come un fulmine al primo schianto lafferra col becco cacciatore. Ahi, povera me! si lamenta mi stai spaccando giusto a met, se avrai un po di carit ti faccio una solenne promessa.

37

Froris de bentu

Onnia mengianu zerriu is amigas, cun chistionis ddas fazzu firmai chi tui ddas pozzas affarruncai e bociri, mancai tottus, a bigas. Po salvai sa vida tua sinnda ses disposta a sa tratoria, ca fiast lissinda ddu scida ma non diaici mala e spudorda. Su soli de nuis si fait corona, issu si ddassetiat conca ananti e artu in celu, a bolidu costanti dda surbit intera, manna e bona.

38

Ettore Sanna

Ogni mattina chiamer le amiche, con pettegolezzi le far fermare cos che tu le possa afferrare e uccidere, anche tutte, a mucchi. Per salvare la tua vita segnata sei disposta anche al tradimento. Che fossi viscida lho sempre saputo ma non cos cattiva e spudorata. Il sole sincorona di nuvole quando se la sistema con la testa avanti e alto in cielo a volo costante tutta la inghiottisce intera e buona.

39

Froris de bentu

GUSTE MELA
De una mela apicda in puntioledda scnchiat su bremineddu indromiscau si stendiat e trotoxat ca est biau grassu e amerau de una follixedda. Absta e intenzionda a su fiancu una cardellina noa est abetendi, bincit su sghinzu a sa vida cantendi tali chi non ddhessit biu nemancu. Est ca sallogateri non sincarat su tanti giustu de abbasti a su bicu ma si scit, cantu prus unest arricu, prus sinsrrat in domu e sarreparat. Toccat subitu a pensai una trassa nat sa cardellinedda canta-canta accostendisidda ancora prus acanta e sempri prus decidia a fai cassa.

40

Ettore Sanna

GUSTO DI MELA
Da una mela appesa in cima allalbero si affaccia un vermino assonnato, si stira e contorce il beato, grasso e allombra di una fogliolina. Attenta e intenzionata l a fianco una cardellina nuova sta aspettando vince la fame cantando alla vita, indifferente come non lavesse visto. che linquilino non si affaccia il tanto giusto da bastare al becco ma si sa che quanto uno pi ricco pi si chiude in casa e si protegge. Bisogna pensar subito ad un tranello, dice cantando la cardellina mentre gli si avvicina ancor di pi e sempre pi decisa a far caccia.

41

Froris de bentu

Cun dus o tres pintas de su creau sinnat i nduna punta de fustigu de breminedda unu sorrisu amigu de lassai su bremineddu amainau. Nau e fattu, luegus si ddamstat e i cuddu affrachillau a sa bista stupat lestu che currendi in pista e imbideau tottu si ddu i acostat. Sparendi su biccu che una tela issa ddafraccat, i est papau, agoa, cuntenta de su pastu refinau cantat su bremineddu a guste mela.

42

Ettore Sanna

Con due o tre colori del creato dipinge sulla punta di un fuscello un dolce sorriso di vermina da lasciare il verme estasiato. Detto e fatto, subito glielo mostra e lui emozionato a quella vista esce veloce come correndo in pista e ben intenzionato le si accosta. Chiudendo il becco come una trappola, lei lo afferra ed mangiato, poi contenta del pasto raffinato canta al vermino che sa di mela.

43

Froris de bentu

FEMMINA CAMPIDANESA
Su beni chi ti frorit in piturras Campidanesa bella, ogus de luna che is costeras friscas de beranu ti fait armoniosa e disigiada. Soru de is pilus fuliau a turras cantat su gosu miu e sa fortuna e apprettda si tendit sa manu a carignai sa peddi profumda. Centu e prus abis de sa scussura non hant a seberai mai su meli de unarrisu in sa buca gioiosa candu ti stringis forti cun amori. Vida in coru e in benas calentura torras paxi i ndunu mundu de feli agoa cansada de is giogus de isposa sa fronti singhirlandat de sudori. Femmina chi ses tui digna de bantu de laudi e onori a boxi modulada de amenidadi de is undas de mari de bentu de alas de una capinera. Che terra Sarda scis donai tantu ti fais radiosa cantu prus amda passat su tempus e imbecendu impari a onnia stagioni torrat primavera.

44

Ettore Sanna

DONNA CAMPIDANESE
Il bene che ti fiorisce in petto bella campidanese occhi di luna come colline fresche di primavera ti fa armoniosa e desiderata. Loro dei capelli versato a mestoli canta il mio piacere e la fortuna mentre la mano si tende vogliosa a carezzare la pelle profumata. Cento e pi api dellalveare mai secerneranno il miele del sorriso della bocca gioiosa se mi stringi forte con amore. Vita nel cuore e calore nelle vene riporti pace in un mondo di rabbia poi stanca dei giochi di sposa la fronte singhirlanda di sudore. Donna che sei degna di vanto di lodi e onore a voce intonata dellamenit delle onde del mare del vento dali di una capinera. Come la terra Sarda sai dare tanto ti fai radiosa quanto pi sei amata passa il tempo e invecchiando insieme ad ogni stagione torna primavera.
45 Froris de bentu

ARREMUNDU E MARIANTONIA
Arremundu Costalla est galerau chat puntu sa femmina a frucidda. Pagu bistiu su prus poburu de bidda onnia mali in sa vida hiat poderau. Ma no soffesa manna de i cudda sa sola chi ddhiat donu cunfortu milliortas shiat essi bofiu mortu che dda b a coa pesda che sa pudda. E poi cun chini? Cun i cussu traitri de Giuanni Pisteddu, carnazzeri marriu e biancu che folliu de paperi bruttu e pudesciu de sanguni e sudori. Coiau feti tres mesis e una xida cun Mariantonia de Biddaperdosa n mai hiat disigiau unatra sposa cumpangia de poburesa in sa vida. Deu puru nart fraizza issa ollu a tui e nisciunatru mai a i custa luna ddu pozzu giurai in facci sua ti fazzu promissa. Mancu unu mesi fiat durau samori candu Arremundu ci bogt is procus Maria bisendi bistiris e frocus respirt fraghe sanguni e sudori.
46 Ettore Sanna

ARREMUNDU E MARIANTONIA
Arremundu Costalla carcerato perch ha ucciso la sua donna con un forcone. Mal vestito, il pi povero del paese, dalla vita tutto aveva sopportato. Ma non loffesa grave di colei, la sola che gli aveva dato conforto, mille volte si sarebbe voluto morto che vederla a coda alzata come le galline. E poi, con chi? Con quel traditore di Giuanni Pisteddu il macellaio bianco e magro come un foglio di carta sporco e puzzolente di sangue e sudore. Sposato da tre mesi e una settimana con Mariantonia di Biddaperdosa, n mai aveva desiderato unaltra sposa compagna di povert per la vita. Anchio diceva falsa lei voglio te e nessun altro mai, a questa luna lo posso giurare davanti a lei ti faccio promessa. Nemmeno un mese era durato lamore, quando Arremundu pascolava i maiali Maria, sognando vestiti e trine respirava odore di sangue e sudore.

47

Froris de bentu

E che procus affoxendi in su ludu ddus hiat bius sa d de mesu austu strintus e zunchiendi po su gustu, torrau a domu in punte peis e mudu. Lassendu cudda faina a metadi Giuanni si fuit che su guettu. Issa in terra serrda a sonettu a manu tendia domandt pieddi. A is puntas chi has giai provau ndacciungeus atras, ma de ollastu aici zerrit fendiddi guastu a totu boxi Arremundu indemoniau. De centu buccas obertas de sa linna cont sanguni e de ogus prantu a cosa fatta coberta de unu mantu fiat in terra che pudda chene pinna. In presoni de su Bonu Caminu si spaciat custa storia treulda de unomini chi a conca frorigiada shiat scrittu a frucidda su destinu.

48

Ettore Sanna

E come maiali che giocano nel fango li aveva visti il giorno di Ferragosto stretti e mugugnando dal piacere tornato a casa in punta di piedi e silenzioso. Lasciando il lavoro a met, Giuanni scappa via come un razzo. Lei in terra chiusa come un organetto a mani tese chiedeva piet. Alle punte che hai gi provato ne aggiungiamo altre ma dolivastro cos urlava facendole male a tutta voce Arremundu indemoniato. Da cento bocche aperte dal legno scendeva il sangue e dagli occhi il pianto a cosa fatta coperta da un manto era in terra come una gallina senza penne. Nella prigione di Buon Cammino si chiude questa storia pasticciata di un uomo che con la testa fiorita scrisse con il forcone il suo destino.

49

Froris de bentu

OGUS BISAUS
Mariassunta est torrendi de sciaquai in aqua de frumini lenzorus e tiallas prus a innantis sighit a camminai sa mamma zerriendu a boxis malas. Cussu dimoniu chi thas scioberau no est pegus po tui i est mandroni, sest fuiu de a nca fiat accordau barrosu, perdulariu e lazzaroni. Che su babbu, de abritius scumpudiu feminaxu, trampasseri e tentadori ca fiat boinaxu cun su meri miu e onnia notti mi oliat fai sarrori. Dona a menti a giogus e gioghitus e chi si stugit is manus in busciacca seis sempri in su strintu che pisitus cussus sunt peccaus, no siast macca. Issa sighendi muda a ogus bisaus passat sa crobi de conca a su costau arrit sigura ca non sunt peccaus is cosas prus bellas chi hat provau.

50

Ettore Sanna

OCCHI SOGNANTI
Mariassunta rientra dal fiume, dove ha lavato lenzuola e tovaglie, pi avanti continua a camminare la mamma che grida male parole. Quel demonio che ti sei scelta non fa per te ed un poltrone scappato da casa del padrone perch testardo, sfaticato e lazzarone. Come il padre vizioso e sfacciato donnaiolo, bugiardo e tentatore che accudendo i buoi del mio padrone ogni notte mi voleva combinare il guaio. Stai attenta a giochi e giochetti e che tenga le mani bene in tasca, siete sempre nel viottolo come i gatti, quelli son peccati, non esser matta. Lei, che segue muta con occhi sognanti, passa la corbula dalla testa al fianco e sorride convinta che non sono peccato le cose pi belle che ha provato.

51

Froris de bentu

LUNA PRENA
Sa debilesa de sa carri umana Luisica dda portat in sa brenti de d in d si stringit sa suttana e sempri prus scnchiat sa genti. Sa notti bella de su foghidoni asute una luna manna e luminosa lassendi a parti avvisus e arrexoni si fiat arrendia tottu che isposa. Issu fiat bellu, giovunu e ddoliat ma su nomini non ddhiat intendiu innantis schizzinosa ddu timiat agoa prexeri e dolori de incendiu. Sexi annus, dus mesis e una xida ddi fiat durda sana sa virtudi infinis si ddu hiat essi dormida ma timiat sa mamma po dda scudi.

52

Ettore Sanna

LUNA PIENA
La debolezza della carne umana Luisica la custodisce in pancia di giorno in giorno si restringe la sottana e sempre pi curioso lo sguardo della gente. Era la notte bella del fal che sotto una luna grande e luminosa lasciando sullerba consigli e ragione si era concessa tutta come una sposa. Lui era bello, giovane e la voleva e del suo nome poco le importava, prima schizzinosa lo temeva poi piacere e dolore di un incendio. Sedici anni, due mesi e una settimana le era durata sana la virt e ci si sarebbe anche addormentata ma temeva le botte della madre.

53

Froris de bentu

Lestra pesendis de sebra noa ddhiat basau in urtimu saludu. Chene isc ita ddi lasst in coa issu dda castit arrendiu e mudu. In su lettu sa notti non hiat dormiu carignendis sa brenti e is piturras che ddu i fessit stetiu unu pipiu pagu dimportt finzas de is surras. Femmina mala e de pagu criteriu zerrit sa mamma de santarrexoni su babbu i ndunu cungoni e seriu torrt a preni de binu su tassoni. Luisica fendi crei de ascurtai cun is fiancus che unu carradeddu tenit in coru feti gana de giogai e circat nominis po su pippieddu.

54

Ettore Sanna

Alzandosi lesta dallerba nuova lo aveva baciato in ultimo saluto, senza sapere cosa le lasciava in grembo lui la guardava stanco e muto. Nel letto quella notte non aveva dormito carezzandosi il ventre ed il petto, e se ci fosse stato un bambino non le sarebbe importato nemmeno delle botte. Donnaccia e di poco criterio urlava la madre di santa ragione mentre il padre in un canto e serio riempiva di vino il bicchierone. Luisica facendo finta di ascoltare con i fianchi come un caratello ha in cuore solo voglia di giocare e cerca nomi per il bambinetto.

55

Froris de bentu

SEMINI NO!
Sa terra sest mudada in birdi i ebra noa cun gosu de is brobeis e de sogu de su meri. Aici thapu mirda pighendid in coa, tui in fidi mi creis e mi olis in poderi. Fmmina chi has giurau e domandas intregu mancai in atra lolla hapas fattu su niu. Su coru mhas cassau ma bivis in sarrennegu pretendendi a marolla de no b su chi sciu. Deu che brobei e tottu ti pozzu gosai e pasci ca seidu ndavanzat chi ateri non acudit.

56

Ettore Sanna

SEME NO!
La terra si vestita di verde ed erba nuova con gioia delle pecore e dellocchio del padrone. Cos ti ho vista prendendoti sulle ginocchia perch hai fede in me e vuoi che io sia tuo. Donna che hai giurato e chiedi complicit anche se hai fatto il nido sotto unaltra loggia. Hai preso il mio cuore ma vivi nella rabbia pretendendo ad ogni costo che io non veda quello che so. Anchio come la pecora ti posso godere e pascere perch lerba abbondante e gli altri non la consumano.

57

Froris de bentu

Ma de su miu in sottu semini non podit nasci su logu no discansat mancai disigius furit. Cuntentad potanti de su rolu chin vida sa natura donosa that nomau a reina. Scis di ess importanti e ti fais presumda casi ca onnia cosa ti passat in coxina. Bivi in sa realidadi pighendi cuscienzia ca de mancu has a boli e pru thap hai donau. Chest in sa calidadi e non cun prepotenzia chi sa luxe su soli salabat a su creau.

58

Ettore Sanna

Il mio seme per in quellorto non pu nascere la terra non lo permette bench rubi il desiderio. Accontentati dunque del ruolo che in vita la natura generosa regina ti ha coronato. Sai di essere importante e ti fai presuntuosa perch sai che ogni cosa passa fra le tue mani. Vivi nella realt e sii pur sicura che meno chiederai e pi ti avr dato. Poich nella qualit e non nella prepotenza che la luce del sole accudisce il creato.

59

Froris de bentu

SA MUSA MIA
Unu d camminendi in su padenti de macchinas, boxis e casinu sest studda sa facci de sa genti feti a Issa dont luxi su destinu. Mhat nau luegus cun boxi modulada: Mhant generau su Soli cun sa Terra po metdi pani e frutta delicada de aqua crara est fatta satra perra. Pozzu pintai su mundu cun sa manu pighendindi de sarcu is coloris agoa a soriga ti scoviu custarcanu ca de su passu miu nascint is froris. Portu po tui in sa manu de su coru una crai chi mhat donau sa Luna cun issa oberis de menti unu tesoru po podi scr de amori e de fortuna.

60

Ettore Sanna

LA MIA MUSA
Un giorno mentre andavo per il bosco di macchine, voci e chiasso si spenta la faccia della gente solo a Lei dava luce il destino. Mi ha subito detto con voce melodiosa Mi ha generato il Sole con la Terra per met sono pane e frutta delicata dacqua chiara laltra met. Posso dipingere il mondo con la mano prendendo i colori dellarcobaleno poi allorecchio ti svelo larcano che dai miei passi nascono i fiori. Ho per te nella mano del cuore una chiave che mi ha dato la Luna, con lei puoi aprire il tesoro della mente per scrivere damore e di fortuna.

61

Froris de bentu

ALAS DE ORU
Intramindi, o soli, in funde coru e maduraddu beni che una frutta, pruna suciosa o pressiu de atongiu ma chi siat durci e prontu a pappai. Sa cardellina mia, alas de oru lompat a gosai de una fulana gruta chi fatigda tengat su bisongiu de onnia cunfortu po si discansai. De ogus mius lambichendi prantu hat a calai unaqua crara de arriu de furriai longu sciutori a gosu undi cantendi si pozzat sprigai. Raius tessius fezzant unu mantu, is prabaristas prus longas a niu, chi lenu e imbiau siat su reposu de no torrai affrachillu de bolai.

62

Ettore Sanna

ALI DORO
Entra o sole in fondo al cuore e maturalo bene come un frutto, una succosa susina, una pesca dautunno, ma che sia dolce e pronto da mangiare. La cardellina dalle ali doro possa godere di unaccogliente grotta se stanca avr bisogno di conforto per potersi riposare. Dai miei occhi distillando il pianto scender acqua chiara di ruscello che lunga sete muter in piacere e poi cantando vi si potr specchiare. Raggi di sole intessuti facciano un manto ciglia pi lunghe un nido che se beato e sereno sar il riposo non le torner pi la voglia di volare.

63

Froris de bentu

SA CURRISPUNDENZIA AMOROSA
Chi siant maladitus is topis de onnia gena e a tui, prus arriscau, ti zachit sa brenti. De follius e follitus de currispundenzia mia su cadsciu est torrau fti a pruini indecenti. Centu litteras de amori scrittas in notte luna unu mucadori profumau e finzas unu diploma. Has cumbinau sarrori de no nddi lassai una e mhas tottu arroiau unarregodu de Roma. Ita chi ddu scidessint Assuntedda e Lucia e cuddatra franzesa chi fiat prus amurda. De samori ndi bessint muntonis de porchera e tottu cudda bellesa imoi bolit fuliada.
64 Ettore Sanna

LA CORRISPONDENZA AMOROSA
Che siano maledetti i topi di ogni razza e a te il pi audace, ti si spacchi la pancia. Dei fogli e foglietti della corrispondenza mia il cassetto ridotto solo a polvere indecente. Cento lettere damore scritte in notti di luna un fazzoletto profumato e persino un diploma. Hai combinato il danno di non salvarne una e mi hai persino bagnato un ricordo di Roma. Chiss se lo sapessero Assuntedda e Lucia e quellaltra francese, la pi innamorata. Degli amori ora avanzano mucchi di porcheria e tutta quella bellezza ora devessere buttata.

65

Froris de bentu

UNA PAMPA PO ALLUI


A i custa vida abisongias tui che a camba su pei po camminai a brazzu sa manu po aguantai a su truncu pampa po ddallui. Podis negai luxi a su mengianu? A is pipius su latti de su sustentu? Firmai in celu sala de su bentu o scrariai de sa morti sarcanu? Seu terra serrada a muru artu undi sa matta chi has prantau donat a fruttu unu coru seberau chi non scit madurai in atru sartu. Ma che sonu de campana afrigu lompit a messadori in Barigau giungit sadiosu chi has lassau e movit arrexonis chi no isciu. De su canriu chi olis inzurpai prus tristu e durci adessi su cantu po tinfundi in sanima unu spantu chi atra boxi mai hat a cunfortai.

66

Ettore Sanna

UNA VAMPA PER ACCENDERE


Questa vita ha bisogno di te come la gamba del piede per camminare come il braccio della mano per afferrare come il tronco della vampa per accendersi. Puoi negare luce al mattino? Ai bambini il latte del nutrimento? Fermare in cielo lala del vento o far chiaro il mistero della morte? Sono una terra chiusa da un alto muro dove lalbero che hai piantato d per frutto un cuore prelibato che non sa maturare in altro sito. Come il suono triste della campana arriva al mietitore in Barigadu giunge laddio che mi hai lasciato e fa nascere motivi che non so. Del canarino che vuoi accecare sar pi triste e dolce il canto da infonderti nellanimo uno stupore che altra voce mai conforter.

67

Froris de bentu

SES
Su mari fiat lisu che una manta de seda, a is primus de atongiu. Che in gioiosu bisu mancai impaciau meda de tui tenia bisongiu. Muda mhas nau ca giai, mudu in celu su cau, e is froris de sa tira. Bintannus po ti stimai bintannus chi ti ddu nau ca ses tui sa sposa mia.

68

Ettore Sanna

SEI
Il mare era piatto come una coperta di seta ai primi giorni dautunno. Come in un gioioso sogno anche se confuso di te avevo bisogno. In silenzio mi hai detto s, silenzioso il gabbiano ed i fiori della ginestra. Ventanni per amarti, ventanni che te lo dico che sei tu la mia sposa.

69

Froris de bentu

NOTTI BIANCA
Unu stiddiu lentu de grifoni in su scuru, aisc ita ora adessi de una notti bianca chene pressi passda in circa de unarrexoni. Arrexoni! Ma ita est custu fueddu? Forzis una nui manna e luntana? O signoranzia de sa menti umana? O unu grumu bidu in su cerbeddu? Arrexoni chi movit is cosas scriendu in sa vida su destinu a bortas traitora che su binu mudat oras bellas in penosas. E su stiddiu sighit a calai inesorabili che una penitenzia sinnendi su tempus de sassenzia de una sposa chi non torrat mai.

70

Ettore Sanna

NOTTE BIANCA
Una goccia lenta del rubinetto nel buio, chiss che ora sar di una notte bianca senza fretta passata alla ricerca di una ragione. Ragione! Ma cos questa parola? Forse una nuvola grande e lontana? O lignoranza della mente umana? O una tana vuota nel cervello? Ragione che muove le cose scrivendo nella vita il destino, a volte traditrice come il vino, trasforma le ore belle in penose. E la goccia continua a cadere inesorabile come una penitenza, segnando il tempo dellassenza di una sposa che mai fa ritorno.

71

Froris de bentu

SES POESIA
Ses tui chi mi donas poesia cun is ogus chi bint su chi biu candu che pippieddu scumpudu fais sacostacosta acanta mia. Delicada e maliziosa in su fueddai tallutas in chistionis proibidas e sentimentus cun disigius scidas chi aterus non podint pensai. Marrodias in menti che su cau, eternu e fideli amigu de su mari, prus mi circas e prus seus impari prus mi torrat a gosu su peccau. Ses poesia e mi ndi parit spantu candu scabllia de cussus bistiris ses bella e frisca comuncas ti giris e donat boxi a unu gioiosu cantu.

72

Ettore Sanna

SEI POESIA
Sei tu che mi dai poesia con gli occhi che vedono quel che vedo, quando come una monella ti avvicini sempre di pi. Delicato e malizioso il tuo parlare, brillano gli occhi per le parole proibite e risvegli sentimenti e desideri che gli altri non osano pensare. Mi rotei nella mente come il gabbiano eterno e fedele amico del mare e pi mi cerchi e pi stiamo insieme pi viene la voglia di peccare. Sei poesia e mi lasci incantato quando liberata dai vestiti sei bella e fresca in ogni posa e sai dar voce ad un gioioso canto.

73

Froris de bentu

LUNA GIOIOSA
Mira ita bella luna arrit in su creau, che reina gioiosa sincarat de su monti. Sa stelle sa fortuna po isshat cuncordau unu velu de isposa de ddarrimai n fronti. De sa terra spantda si pesat sa melodia de grillus a isfda fendi su canta-canta. Cun sa porta serrada bisat sangioni mia o forzis est iscida ca non ddi seu acanta.

74

Ettore Sanna

LUNA GIOIOSA
Guarda che bella luna ride nel creato una regina gioiosa che si affaccia dal monte. La stella della fortuna ha preparato per lei un velo da sposa da poggiarle sulla fronte. Dalla terra stupita si alza una melodia di grilli che cantano a gara. Dietro la porta chiusa sogna lagnella mia o forse ancora sveglia perch non le sono accanto.

75

Froris de bentu

MURA DE ARRU
Unassoliau mericeddu de atongiu si sprrat arrubiu che arenada, avatu de sa macchina in bia sarda artu unu frumini de pruini biancu. De una birra hia tenni abbisongiu po scapiai sa lingua mia impastda, seu pistau che apustis de una carda de ti pensai no pozzu fai de mancu. E nai ca fia siguru de iscaresci, de ti perdi che unu granu de trigu, de no ti olli prus mancu po amiga, de ti strecai che una mura de arr. Ma torras a sa menti cun sobresci e ti biu castiendim in su sprigu, cuddu granu sest fattu una spiga e tengiu famini de su pani s.

76

Ettore Sanna

MORA DI ROVO
Un assolato pomeriggio dautunno si spalanca rosso come una melagrana, dietro la macchina nella strada bianca corre un alto fiume di polvere. Avrei bisogno di una birra per sciogliere la lingua impastata, sono pesto come dopo una bastonata e non posso fare a meno di pensarti. E dire che ero certo di dimenticarti, di perderti come un chicco di grano, di non volerti pi nemmeno come amica, di schiacciarti come una mora di rovo. Ma con lalba torni nella mente e vedo te guardandomi nello specchio, quel chicco di grano si fatto una spiga e ho fame del suo pane.

77

Froris de bentu

TEMPORAS
Tui ses tempus e coloris de sa vida, Beranu e arrisu i nduna pedde seda, ceresia in frori frisca e presumda ca su ti rimirai non est mai meda. Istadi cun sabori de pane trigu, fruttus madurus de lassai in spantu gradessius che lemusina a mendigu, boxi de spera intonada a cantu. Atongiu sinnau appena de amargura e chi sa manu si stesiat de sa mia cambias tonu e repente de bisura che arrundili po stcchidu fuia. Ses ierru amantau de tristu velu candu pregontas a su tempus arcanu novas de su destinu e de su celu chi su essi impari a fura siat vanu.

78

Ettore Sanna

STAGIONI
Tu sei tempi e colori della vita. Primavera e sorrisi in una pelle di seta, ciliegio in fiore fresco e vanitoso che non mai tanto il guardarti. Estate con sapore di pane di frumento frutti maturi da stupire graditi come lelemosina al mendico, voce di speranza intonata a canto. Autunno appena segnato di malinconia e se la mano si allontana dalla mia rapida cambi umore ed espressione come rondine spaventata dallo sparo. Sei inverno coperto da triste velo quando chiedi al tempo misterioso notizie dal cielo e dal destino se sia vano il nostro rubato stare insieme.

79

Froris de bentu

BIANCA VENTANA
Mai hat a mudai, bianca ventana sa brama de tagatai sparrancda, cornissa a i cudda cara preziosa chi oliat feti sa scusa po mirai. Araxi de una ligera tramuntana moviat pilus de conca indorda giustu intonu a peddi folle rosa chi furt sogu po si discansai. Beru disigiu in alas de poesia psat fogus de terra a sa luna scriendin artu celu cun is nuis istorias bellas ma de pagu vida. Agoa sa ventana bella e froria sest serrda che finia fortuna e tui trista chimera oi arruis che durci fazenda incumprida.

80

Ettore Sanna

BIANCA FINESTRA
Mai cambier bianca finestra il desiderio di trovarti spalancata cornice a quel prezioso viso che voleva solo una scusa per guardare. Vento di una leggera tramontana muoveva i capelli della testa dorata raro accordo alla pelle petalo di rosa che rapiva locchio per allietarlo. Vero desiderio in ali di poesia muoveva fuochi dalla terra alla luna scrivendo in alto cielo con le nuvole storie belle ma di breve vita. Poi la finestra bella e fiorita si chiusa come la finita fortuna e tu triste chimera oggi cadi come una dolce faccenda incompiuta.

81

Froris de bentu

AUSTU PAXIOSU
Ebra mala a bogai est sa memoria tua rexinada in menti mia e sighis arrodiai bianca che latte lua barrosa e scurrega. In nottis che i custa de austu paxiosu e mari indromiscau mi parit cosa giusta e donat finzas gosu sidea de thai lassau.

82

Ettore Sanna

AGOSTO DI PACE
Erba difficile da sradicare il pensiero di te radicato nel cuore e continui a turbinare bianca come latte deuforbia dispotica e insolente. In notti come questa dagosto di pace e di mare assonnato mi sembra giusto e mi d persino gioia lidea di averti lasciato.

83

Froris de bentu

COGAS E BUGINU
In sa notti steddda tebida e luminosa si spraxit unarmonia chi agbat de intristai. Sa rundili stimada cun boxi lamentosa lassat sa lolla mia pesendis a bolai. Cun is alas spartas che unarcu tirau segat sairi serena perdendis in celu. Che giogadore cartas mi lassat spilossau e giai sa notti amena samantat de unu velu.

84

Ettore Sanna

STREGHE E BOIA
Nella notte stellata tiepida e luminosa si spande unarmonia che finisce di rattristare. La rondinella cara con voce lamentosa fugge dal mio loggiato alzandosi in volo. Le ali aperte come un arco teso tagliano laria serena perdendosi nel cielo. Come un giocatore di carte mi lasciano spennato e gi la notte limpida si ammanta di un velo.

85

Froris de bentu

Nuis de onnia gena che fuias de su sacu faint sinnus nodus de cogas e buginu. Bola rundili mia, crescendi su distacu cun montis e arrius marcaddu su destinu. In facci de sa luna una frezza luxenti po chi onniora bia is ogus tuus sinnaus. Rundili a conca bruna chi su core sa genti non tengat atra allirghia che si b scumpangiaus.

86

Ettore Sanna

Nuvole di ogni forma come in fuga da un sacco mostrano figure truci di streghe e di boia. Vola rondine mia, e accrescendo il distacco con montagne e fiumi traccia il destino. In faccia alla luna lancia una freccia luminosa perch io possa vedere sempre i tuoi occhi segnati. Rondine dal capo bruno che nel cuore della gente altra gioia non viva che vederci separati.

87

Froris de bentu

SES TORRADA
Che columba chi torrat a sa lolla de una mala sorti sciuscida a domu mia oi tui ses torrda trista e cansda de abarrai sola. Tenast a contu tuu tottu sa terra su mari sconfinau, montis e pranus assuconendi mi ses calda in manus gioiosa che sordau torru de gherra. Una lagrima sinzilla che unu frori in su silenziu arcanu sest fuda forzis po nai ca non esistit vida chi non serrdin brazzus de samori. Vida, ohi vida chi contra bentu curris, candu samori est berus che su nostu depit bivi a marolla, a onnia costu e non ddu firmant n domus e n turris.

88

Ettore Sanna

SEI TORNATA
Come la colomba torna al loggiato, diroccato dalla fortuna avversa, tu oggi sei tornata a casa mia triste e stanca di star sola. Avevi a disposizione tutta la terra il mare sconfinato, monti e pianure, singhiozzando sei scesa fra le mie mani gioiosa come soldato che torna dalla guerra. Una lacrima sincera come un fiore nel silenzio misterioso fuggita forse per dire che non esiste vita se non chiusa fra le braccia dellamore. Vita, ahi vita che corri contro vento, quando lamore vero come il nostro deve vivere per forza, ad ogni costo non lo fermano n case, n torri.

89

Froris de bentu

Froris de bentu

CAPINERA
Cantam in sa menti, o capinera chest una tupa undi tristu e solu finzas su bentu de tropu est citu. De su celu ingannosu unica spera spraxi in pettus froris de cunsolu e canta ca aprontendi seu su niu. Sa notti iscuriosa has istampau cun sonu amenu de sa boxi amiga e in su pizzu raius de beranu. Po tui su binu durci hapu stugiau cun moddizzosus de assolada spiga e un aneddu de oru in custa manu.

90

CAPINERA
Canta nella mia mente o capinera, poich essa un bosco dove triste e solo anche il vento da troppo si zittito. Unica speranza di un cielo bugiardo spargi in petto fiori di conforto e canta mentre preparo il nido. Hai bucato il buio della notte con suono gioioso di voce amica nel becco raggi di primavera. Per te ho conservato il vino dolce con pane bianco di assolate spighe ed un anello doro nella mano.

91

Froris de bentu

MUDAS OGHIADAS
Custas sunt oras bellas che pagatras passadas cun su coru cuntentu. Is ogus de is stellas de mudas oghidas prenint su firmamentu. No serbint fueddus ca su cuccu cantadori est calau de costera. Cussus ogus nieddus frorus in su lugori nant ca ses sinzera.

92

Ettore Sanna

MUTI SGUARDI
Queste sono ore belle trascorse come poche altre con il cuore contento. Gli occhi delle stelle di muti sguardi riempiono il firmamento. Non servono parole giacch il cuculo cantore sceso dalla collina. Quegli occhi neri fioriti nel chiarore lunare dicono che sei sincera.

93

Froris de bentu

TEMPUS DE IMPRENIMENTU
Torrat su tempus de simprenimentu. Sa terra sciusta est che una sposa chi abettat semini po si madurai. P is bingias fascinas de sermentu unicu restu de annada prosperosa a muntoneddus prontus a seidai. Cruculeus citius in sairi frida bolant de su pirastu a una nui bascia e sterria a colori de ludu. Una mela pirongia giai frungida nat a su bentu ca ndi olit arrui e scambiat cun sa nai su saludu. A passu lentu su pastori camminendi si furriat a is brobeis attenzionau in su saccu de orbaci beni strintu. Su tallu conca a terra est pascendi una si lingit sangioneddu generau, murrungiat tronu in su celu stintu.

94

Ettore Sanna

TEMPO DI SEMINA
Torna il tempo della semina. La terra bagnata come una sposa che aspetta il seme per maturare. Nelle vigne le fascine di sarmento unico avanzo di unannata rigogliosa ammucchiate e pronte da trasportare. Passeri silenziosi nellaria fredda volano dal perastro ad una nuvola bassa e distesa del colore di fango. Una mela cotogna ormai rugosa dice al vento che vuole cadere e scambia con il ramo il saluto. A passo lento il pastore camminando si volta vigile verso le pecore ben stretto nel sacco di orbace. Il gregge pascola a testa bassa, una pecora lecca lagnellino appena nato, brontola un tuono nel cielo stinto.

95

Froris de bentu

CANZONI DE SU MARI DE FRIAXU


Est una di de friaxu curza, scuriosa, frida pistda de is bentus: in memoria a carraxu sammuntnant a isfida bigas de pensamentus. Su mari si scumponit in frara de cristallu scudendis a sa rocca: parit chi no arrexonit che picciocheddu mallu andendi tocca tocca. Su cau marinu, fieru cargnat su mantu biancu de saqua tempestosa, che un amigu sinzeru chi abrrat a fiancu in sora prus penosa.

96

Ettore Sanna

CANZONE DEL MARE DI FEBBRAIO


un giorno di febbraio corto, buio, freddo, pestato dal vento: nella mente, in disordine, sammucchiano a gara cumuli di pensieri. Il mare si scompone in polvere di cristallo frangendosi sulla roccia: sembra che non ragioni, come un monello che allunga le mani su tutto. Un gabbiano, altero carezza il manto bianco dellacqua tempestosa, come un amico sincero che rimane al fianco nellora pi penosa.

97

Froris de bentu

PEIS A SA BECCESA
Silenziosa armonia de sa notti serena e custarrogu de mari chi no si movit prus. Stellas de onnia gena luxint in sairi prena, agoa calendindi impari arrint in ogus tuus. Sa manu de sa fortuna carignat sa luna noa cun sonus de ghitarra de grandu sonadori. Sa conca tua bruna assetida in coa e sa peddi che farra est crara in su lugri. Deu in custarricchesa mai hiapai isperau e torru a castiai cun prexeri onnia cosa. Peis a sa beccesa mi ndi seu scidau e pesendi a bolai tarregalu una rosa.

98

Ettore Sanna

ALLE SOGLIE DELLA VECCHIAIA


Silenziosa armonia di una notte serena e questo pezzo di mare che non si muove pi. Piccole e grandi stelle brillano nellaria piena poi scendendo insieme ridono nei tuoi occhi. La mano della fortuna carezza la luna nuova con il suono di chitarra di un grande suonatore. La tua testa bruna qui sulle mie ginocchia e la pelle come farina chiara sotto la luna. Io in una ricchezza simile mai avrei sperato e ricomincio a guardare con piacere ogni cosa. Alle soglie della vecchiaia mi sono risvegliato e librandomi in volo ti regalo una rosa.

99

Froris de bentu

URTIMA PENITENZIA
Serrda in sa corti unarmoniosa luna de istellas in tundu brullat in su creau. Caladessi sa sorti de cudda conca bruna chi su coru de fundu mi ndhiat irrexinau? Trasint mesis e annus e in sa vida camminu che umbra silenziosa chene mi furriai. Solu cun is ingannus bofius de su destinu e sa pena ismaniosa sighit a trumentai. Currint in sa memoria feti storias antigas de bella cuntentesa bivias in nossenzia. Cussa fiat bera gloria e a pagus oras amigas penzu in sa beccesa po urtima penitenzia.

100

Ettore Sanna

ULTIMA PENITENZA
Chiusa in un recinto di stelle la luna armoniosa scherza con il creato. Quale sar la sorte di quella testa bruna che mi aveva strappato il cuore dal profondo? Passano mesi e anni e nella vita cammino come unombra silenziosa senza mai voltarmi. Solo con gli inganni voluti dal destino mentre una pena smaniosa continua a tormentare. Corrono nella mente soltanto antiche storie di rara felicit vissute nellinnocenza. Quella era vera gloria ed alle poche ore amiche penso nella vecchiaia come ultima penitenza.

101

Froris de bentu

SU CASSADORI
Su dolori non fragat n tenit trassa o pesu ma infaddibili mira de abistu cassadori. Che binu imbrigat scerendit de tesu agoa unu gira-gira e ndi calat che stori. In coru fait su niu e ci perdit is alas chi non pozzat torrai bolendi conca sus. Che impiedosu pippiu usu a trassas malas arrit in su trumentai e no ti lassat prus.

102

Ettore Sanna

IL CACCIATORE
Il dolore non ha odore non ha forma, n peso, ma infallibile mira dabile cacciatore. Ti ubriaca come il vino scegliendoti da lontano poi un roteare e viene gi come falco. In cuore fa il nido e vi perde le ali, s da non poter tornare a volare verso lalto. Come bimbo impietoso uso a cattive maniere ride nel tormentare e non ti lascia pi.

103

Froris de bentu

ATONGIU
Tempus de atongiu e de sadiosu chi onnia folla de grogu toccda lassat a sa matta sua materna prima de terra in terra si mudai. Sobrescidroxu nou luxente arrosu che mantae prata in lea siccda torrat a contai sa storia eterna de sa stagioni pronta si cambiai. In sisca giai de chizzi scuriosa una boxi accorda de rusignolu segat sausteridadi de samargura che in partenzia urtimu saludu. Crescit cuscenzia de cantest penosa e treulada sa vida de somini solu candu is ogus traviant onnia bisura e su cabu si fait sempri prus canudu.

104

Ettore Sanna

AUTUNNO
Tempo dautunno e delladdio che ogni foglia macchiata di giallo lascia alla sua materna pianta prima di mutarsi in terra sulla terra. Lalba nuova brillante di rugiada come coperta dargento sulla secca zolla racconta ancora la storia eterna della stagione pronta a cambiare. Nel canneto scuro gi da presto una voce accorata di usignolo rompe lausterit della malinconia come lultimo saluto alla partenza. Cresce la consapevolezza di quanto sia penosa e disordinata la vita delluomo solo quando gli occhi falsano ogni sembianza e il capo si fa sempre pi canuto.

105

Froris de bentu

AMARGURA
Notti de primu austu: munton'e oras clidas de una strint'amargura intessint sa luna prena cun is isteddus in sus. In bucca un'antigu gustu de bidda e stulas arridas de strias in crobetura, de contus apusti xena e genti chi no c'est prus. Cust'alidu ingraiau est s'unica beridadi e spraxit in su lugori sa realidadi treulda de unu tempus tuvudu. Seu lompiu fadigau a prus de sa mes'edadi e onnia bisau sabori est che fund'e pingiada de atra genti refudu.

106

Ettore Sanna

MALINCONIA
Notte di primo agosto cumuli di ore grevi di una intensa malinconia intessono la luna piena con le stelle lass. In bocca un gusto antico di paese e stoppie secche, di barbagianni sul tetto di favole dopo cena, e di gente che non c' pi. Quest'alito appesantito l'unica verit e spande nel chiarore la realt disordinata di un tempo sterile. Sono arrivato stanco oltre la mezzet e ogni vagheggiato sapore come un fondo di pentola rifiutato dagli altri.

107

Froris de bentu

NO SEU IN VENA
Nottesta bessu arreulu no circu cumpanga n amori ni fortuna poita no seu in vena. Mingolu su treulu de custa vida mia e ddamostu a sa luna a facci tunda e prena. Silenziu e no fueddus no faulas n contus, ollu ascurtai su mari de pizzus de una rocca. Sinzulu e zurrundeddus cun pensamentus tontus sunt arrodiendi impari e mi faint su tocca-tocca. Fumu de una sigaretta si pesat biancu e lentu che unu fantasma mudu chi no scit undi andai. Sa luna est perfetta che scudu de argentu, mi torrat su saludu cita po no strubai.

108

Ettore Sanna

NON SONO IN VENA


Stanotte vado in giro non cerco compagnia n amore n fortuna perch non sono in vena. Mi carico il disordine di questa vita mia e lo mostro alla luna dalla faccia tonda e piena. Silenzio, non parole non bugie n racconti voglio ascoltare il mare da sopra una roccia. Moscerini, pipistrelli e stupidi pensieri insieme mi girano attorno e ogni tanto mi sfiorano. Il fumo di una sigaretta si alza bianco e lento come un fantasma muto che non sa dove andare. La luna perfetta come scudo dargento risponde al mio saluto in silenzio per non disturbare.

109

Froris de bentu

SU MORI PERDOSU
Tui ses nascia in notti de ierru fridu. Cun ungas de stori has stampau sa luna furau silenziu, umbras e trassas po ti movi lesta, sigura, barrosa e scunda. Sa vida est feti su chi ti lompit a manus. De ogus ti bessit su lugori po movi passus in su mori tuu perdosu e basta! Ti ndi ses posta meri de sa boxi de su tronu po zerriai prus de totis atrus e chi mancai de tesu appubas una cumbenienzia sezzis su lampu po lompi sa prima

110

Ettore Sanna

IL SENTIERO CIOTTOLOSO
Tu sei nata in una notte di freddo inverno. Con unghie di falco hai bucato la luna rubato silenzi, ombre e abitudini per muoverti lesta, sicura, prepotente e insolente. La tua vita solo ci che puoi afferrare. Dagli occhi solo viene fuori la luce per camminare nel tuo sentiero ciottoloso e basta! Ti sei impossessata della voce del tuono per gridare pi di tutti gli altri e, se pur da lontano, intravedi una convenienza cavalchi il lampo per arrivare la prima

111

Froris de bentu

e ti ndimpossessai. Pagu tincuras chi cun is lavuras, cun is carignus o cun isiscarrafius, pagas cun tottu su chi tatruessat: bastat chi siat sa tua. Insaras, podis finzas furriai su mundu a simbressi poita has giurau ca nuddatru podit esisti chi no sarrexoni tua. E bivis diaci atrepillendi is cosas craras e no conoscis sarena bianca de su mari, sa primaqua de atongiu chi giogat in sa ventana, sa passioni timorosa de sa manu chi ti carignat su sinu. Agoa, candu asuta de una luna de austu has agatau

112

Ettore Sanna

ed impossessartene. Poco importa se con le labbra con le carezze o con i graffi paghi con tutto ci che ti capita: purch sia tua. Allora, puoi anche rivoltare il mondo alla rovescia poich hai giurato che nientaltro pu esistere se non la tua ragione. Vivi cos, calpestando le cose chiare, e non conosci la bianca sabbia del mare, la prima acqua dautunno che gioca sui vetri, la passione tremante di una mano che ti accarezza il seno. Poi, quando sotto una luna dagosto hai trovato

113

Froris de bentu

sumbra mia e ddhas bofia imprassai tottu pariat in paxi. Sa notti allichida fragt de bragamonti friscu i ebra messda e movat passu liggera azzuvendu is peis in saqua de sarriu. Insaras si ndest scidau su tronu e sa foga de su bentu e thant arregordau ca in su mundu tuu no ddu i podiat hai logu chi no po tui. Sest fuda sumbra mia assustrda e tui, sola has sighu a bandai a sa sola, sola cun sumbra tua.

114

Ettore Sanna

la mia ombra e lhai voluta stringere tutto sembrava in pace. La notte fattasi bella profumava di menta fresca ed erba falciata e camminava lieve bagnandosi i piedi nellacqua del fiume. Allora si risvegliato il tuono e la furia del vento e ti hanno ricordato che nel tuo mondo non ci poteva essere posto se non per te. fuggita la mia ombra spaventata e tu, sola hai continuato ad andare da sola con la tua ombra.

115

Froris de bentu

PUBAS
Che in lacana de tanca smesurda movint pubas chi no sebrat sogu mancai parrat sa bisura nodia, torrant a sa memria ingraiada, che alluinus de unattesu fogu umbras scoidadas de sa vida mia. Sartendi murus cun arrius e coras in baddi sola, obertus o pesaus, istuvionant sa nappa de sa menti. Istrama danza faint caras e oras, tramposa spera de giogus passaus, bidea prdia de scorriolada genti. Tempus baianu undi sa promitenzia biviat feti cantalidu de una rosa, che unu bisu de is nottis de beranu. Tottu si fuit sarvu sa penitenzia de hai isperau una vida prexosa bidendi buida sa pagu firma manu.

116

Ettore Sanna

OMBRE
Come ai confini di smisurata campagna si muovon ombre che locchio non riconosce bench nota sembri la sembianza, ritornano alla mente appesantita come guizzi di lontane fiamme, ombre dimenticate della vita mia. Saltando muri, fiumi e fossati aperti o eretti in solitaria valle, bucano le ragnatele della mente. Danzano sgraziati visi e ore, fatue speranze di giochi passati, pensieri perduti di gente sbriciolata. Tempi folli nei quali la promessa viveva quanto il respiro di una rosa quanto il sogno delle notti di primavera. Tutto fugge via fuorch la penitenza daver sognato la felicit, vedendo vuota lormai tremante mano.

117

Froris de bentu

SA LAMPADINA FULMINADA
In saposentu undi sassenzia tua ancora prus bia est abarrda, sunica lampadina est fulminda: inutili chi intrendi deu ddallua. Sempri cudda, sa piticheddedda chi ti praxat po sa pagu luxi bofia no prus manna de una nuxi po giogai in sumbra che pippiedda. Onnia movimentu appassionau de su corpus tuu in allirghia e de sa manu chi circt sa mia sarrepitat in su muru incroxau. Fueddus suspiraus a ogus bascius che froris in tanca de giovunesa profumnt sa vida de seguresa prenendu coru, lettu e cadascius. Ma una d de repente ses bolada che arrundili chi timit sierru lassendim in domu custinferru e i cudda lampadina fulminada.

118

Ettore Sanna

LA LAMPADINA FULMINATA
Nella stanza dove la tua assenza rimasta ancora pi viva, lunica lampadina fulminata: inutile che entrando io laccenda. Sempre quella, la piccolina che ti piaceva per la poca luce voluta non pi grande di una noce per giocare nellombra come bambina. Ogni movimento appassionato del tuo corpo in allegria e della mano che cercava la mia si ripeteva sul muro allisciato. Parole sospirate a occhi bassi come fiori in terra di giovent profumavano la vita di certezza riempiendo cuore, letto e cassetti. Ma un giorno allimprovviso sei volata, come rondine che teme linverno lasciandomi in casa questinferno e quella lampadina fulminata.

119

Froris de bentu

ADIOSU
Un'unda fideli sposa de su mari si fuit guluriendu de scogliera unfrda de su carrigu de dolori chi de ogus mi nd'hat allixerau. Notti e pensus calendindi impari saminudant che bentu de bufera in menti stravida de su sentori de hai in terra e celu scuncordau. Ma in su mundu liquidu e spumosu undi su passu 'nci 'olit trisini no si ddu i bint moris de sigh e n luxis de imbonai su pei. Adiosu a sa vida mia, adiosu a pagus cosas chi depu lassai a su mellus chi no sciu scr a is faulas chi mi faint crei.

120

Ettore Sanna

ADDIO
Unonda fedele sposa del mare fugge, ululando, dalla scogliera gonfia del carico di dolore del quale ha alleggerito i miei occhi. Notte e pensieri scendendo insieme si sminuzzano come in bufera di vento nella mente stravolta nel sentire di aver rotto con la terra e col cielo. Ma nel mondo liquido e schiumoso dove il passo mi vorrebbe trascinare non si scorgono sentieri da seguire non luci per guidare il piede. Addio alla mia vita, addio alle poche cose che devo lasciare, al meglio che non so scrivere, alle bugie che mi fanno credere.

121

Froris de bentu

NOTTI DURCI DE BERANU


Est una notti serena de beranu avanzau. Luxit in su lugori sa terra tottu prena de trigu seminau cun fadiga e sudori. De tesu sarrizolu cantat una canzoni cun boxi armoniosa, deu sempri prus solu mi circu sarrexoni de sa vida ingannosa. Istellas de su celu cosdas a ghirlanda de manu sapenti, ghetaindi unu velu po chi onnia domanda sparessat de sa menti. Candu somini tristu chistionat a is cosas cumenti a genti bera, toccat a Ges Cristu cun manus piedosas a calmai sa bufera.

122

Ettore Sanna

DOLCE NOTTE DI PRIMAVERA


una notte serena di primavera inoltrata. Brilla sotto la luna la terra tutta piena di grano seminato con fatica e sudore. Da lontano il ruscello canta una canzone con voce armoniosa, mentre io, sempre pi solo vo cercando la ragione dellingannevole vita. Stelle del cielo cucite a ghirlanda da mano esperta, buttate gi un velo perch ogni domanda sparisca dalla mente. Quando luomo triste parla alle cose come fosse alla gente, compito di Ges Cristo con mani pietose calmare la bufera.

123

Froris de bentu

FRORIS DE BENTU
Po tui sa matta chi crea siccada hat torrau a bogai froris e folla e pilloneddus cantoris in carignu sunt diciosus de approntai su niu. Frori de beranu, arrundili stimada boxis noas has donau a cudda lolla e cun subitanu e apprettau signu scidau ogus in aqua crara de arru. Giungis sa manu bianca a sa mia e impari strintas in suavi frandigu che amesturu de grazia e passioni apprettant passus conca saposentu. Finzas sa bovida a celu sest fuia pagus fueddus in su silenziu amigu undi su spantu hat bintu sarrexoni respiru de bucca tua froris de bentu.

124

Ettore Sanna

FIORI DI VENTO
Per te lalbero che credevo secco ha rigermogliato fiori e foglie, e uccelletti garruli in carezze sono smaniosi di preparare il nido. Fiore di primavera, rondine amata, nuove voci hai donato a quel loggiato, e con improvviso e inaspettato cenno hai svegliato gli occhi con acqua chiara di rio. Congiungi la bianca mano alla mia e insieme strette in soave carezza, come un fondersi di grazia e passione affrettan passi verso la stanza. Anche il soffitto volato in cielo, poche parole nel silenzio amico, dove lincanto ha vinto la ragione respiro dalla tua bocca fiori di vento.

125

Froris de bentu

Prossime pubblicazioni Edizioni Aipsa

Aipsa Studio

Una Citt sottovoce


girovagando per Cagliari tra fantasia e realt volume 2 Anselmo continua il suo viaggio della Citt.

Giuseppe Podda

Cagliari al cinema
dalla Seconda Guerra Mondiale ai giorni nostri La seconda parte degli scritti di Giuseppe Podda sul cinema a Cagliari. Dal primo neorealismo ai tardi anni 90.

Ettore Sanna

Sa folla e su bentu
poesia campidanesa in rima Dallautore di Froris de bentu una nuova raccolta di versi in lingua campidanesa.

Stefano Serri / Manuel Usai / Aesse

La strada del Re
un viaggio binario sulla s.s.131 Immagini nuove e parole antiche per descrivere e narrare la pi importante strada della Sardegna.

Prima Edizione Print Editrice Sassari 1993

Seconda Edizione

Aipsa Edizioni
via Scano 47 Cagliari tel/fax 070306954

1997

progetto editoriale

Aipsa Studio
copertina, grafica e impaginazione

Aipsa Studio

impianti

Graphic
stampa

Grafiche Ghiani

Finito di stampare nel mese di settembre 1997 presso

Grafiche Ghiani
Monastir (CA)