Sei sulla pagina 1di 11

Marco viene ritenuto

oggi come il pi antico


dei vangeli e quindi
colui che ha coniato
anche un genere
letterario nuovo, quello
del vangelo scritto.

Non si sa perch Marco
collocato al secondo posto.
La pi antica testimonianza
che noi abbiamo, che di
Papia, un autore cristiano di
Gerpoli, nell'Asia minore,
che della prima met del
secondo secolo, comincia a
parlare di Marco prima di
Matteo.

Il problema
della datazione
sempre
qualcosa di
discutibile per
tutti e quattro i
vangeli.

Le notizie pi antiche degli antichi
scrittori ecclesistici:
Ireneo e Clemente Alessandrino.
Marco ha scritto a Roma.
L'uno dice mentre Pietro era
ancora vivo, l'altro dice dopo la
morte di Pietro.
Che cosa il vangelo
di Marco?
Non una lettera,
non un trattato,
non una
descrizione teorica.
E' una narrazione.
Narrazione vuole dire:
un racconto dove c' un
protagonista chiaro e tondo,
attorno a cui converge tutta
l'attenzione.

Ma una biografia? Questo
il problema: non sembra
corrispondere al genere
della biografia.

una narrazione di FEDE!
Unesperienza COMUNITARIA di FEDE.

lo scrittore esprime l'atteggiamento di fede
di una comunit che gli sta alle spalle.

Alcune parole di Ges sono adattate alle
situazione nuove in cui la comunit credente
viene a trovarsi dopo che Ges e vissuto e
dopo che Ges ha pronunciato le sue parole.

Come imposta Marco il suo
racconto?
Nell'insieme della sua
composizione il racconto della
passione riceve un interesse del
tutto speciale.

C una vecchia definizione dei
vangeli, che vale soprattutto per
Marco, secondo cui il vangelo scritto
sarebbe un racconto della passione,
con una introduzione.