Sei sulla pagina 1di 15

Pianificazione di reti IP Subnetting e CIDR

A.A. 2005/2006 Walter Cerroni

Pianificazione di reti IP
Lenorme successo di Internet ha reso gli indirizzi IP una risorsa preziosa (quindi costosa) In attesa di implementare soluzioni definitive al problema (IPv6) opportuno pianificare unallocazione efficiente degli indirizzi agli host Le classi di indirizzi A, B e C vincolano ad usare reti di dimensioni prefissate, in termini di indirizzi disponibili:
Classe A: 224 = 16.777.216 Classe B: 216 = 65.536 Classe C: 28 = 256

In molti casi una rete di classe A o B troppo grande (molti indirizzi inutilizzati) e una di classe C troppo piccola Le grandi organizzazioni devono distribuire gli indirizzi su molte reti fisiche distinte e/o distanti tra loro
2

Rete ALMANET 137.204.X.Y (classe B)

http://www2.reti.unibo.it/almanet.htm
3

Rete ALMANET sedi e collegamenti

http://www2.reti.unibo.it/almanet.htm

Bologna area del CeSIA

http://www2.reti.unibo.it/almanet.htm

Bologna area dIngegneria

http://www2.reti.unibo.it/almanet.htm

Area di Cesena

http://www2.reti.unibo.it/almanet.htm

Subnetting (RFC 950)


Tecnica di ripartizione di una rete IP in sottoreti
tutte della stessa dimensione di dimensioni differenti comunicanti tra loro attraverso un router (o gateway)

La sezione host dellindirizzo divisa in due parti


la prima identifica una porzione della rete in questione la seconda identifica i singoli host della sottorete

Network ID

Subnetwork ID

Host ID

137

204

57

174

La suddivisione indicata dalla netmask, una sequenza di 4 byte associata allindirizzo, in cui
i bit a 1 corrispondono ai bit dedicati a Net-ID e Subnet-ID I bit a 0 corrispondono ai bit dedicati allHost-ID
8

Netmask: notazioni
Es. 3byte di un indirizzo di classe B per il Subnet-ID
Binaria: Dotted decimal: CIDR: 11111111.11111111.11111111.00000000 255.255.255.0 /24 ( il numero di bit a 1 della netmask)

Netmask di default delle classi di indirizzi:


Classe A: Classe B: Classe C: 255.0.0.0 255.255.0.0 255.255.255.0 /8 /16 /24

Altri esempi:
192.168.10.13/255.255.255.128 130.14.11.6/20 10.10.127.40/30
9

Valori possibili
Per definizione, una netmask ha sempre tutti i bit a 1 a sinistra e tutti quelli a 0 a destra Non esistono netmask con degli 0 tra gli 1
11111011.11011111.11100000.00010000 non valida!!!

Di conseguenza, i singoli byte di una netmask non possono assumere tutti i 256 valori possibili, ma solo 9
00000000 = 0 10000000 = 128 11000000 = 192 11100000 = 224 11110000 = 240 11111000 = 248 11111100 = 252 11111110 = 254 11111111 = 255

10

Quanti host?
Il numero massimo di host che una sottorete pu contenere 2h2 (dove h il numero di bit di Host-ID)
Host-ID = tutti 0 Host-ID = tutti 1 indirizzo che identifica la sottorete indirizzo broadcast della sottorete

In sottoreti non isolate almeno uno di questi deve essere assegnato al Default Gateway, che il router verso cui instradare tutto il traffico diretto al di fuori della sottorete
Host-ID = broadcast1 indirizzo tipico del default gateway

Esempio
Netmask = 255.255.255.0 h=8 282 = 254 host 137.204.57.0/24 identifica la sottorete 57 di una rete di classe B 137.204.57.255 lindirizzo broadcast di tale sottorete 137.204.57.254 lindirizzo del suo default gateway Indirizzi di host validi da 137.204.57.1 a 137.204.57.253
11

Quante sottoreti?
In passato erano stati dichiarati riservati i Subnet-ID di tutti 1 e tutti 0 (come per gli Host-ID) In seguito stato permesso lutilizzo di tutti i possibili Subnet-ID (RFC 1878) Il numero di sottoreti possibili quindi dato da 2s (dove s il numero di bit di Subnet-ID) Esempi:
137.204.57.0/24 una delle 256 possibili sottoreti a 24 bit di una rete di classe B 192.168.10.192/26 una delle 4 possibili sottoreti a 26 bit di una rete di classe C 10.128.0.0/9 una delle 2 possibili sottoreti a 9 bit di una rete di classe A
12

Regole del subnetting


A seconda del numero di bit del Subnet-ID, la rete originaria viene suddivisa per multipli di 2
1 bit 2 bit 3 bit ecc. divido a met divido in 4 parti divido in 8 parti

Sottoreti diverse sono disgiunte, vietata qualsiasi sovrapposizione


137.204.0.12/23 e 137.204.1.12/23 devono appartenere alla stessa sottorete

Nel caso di sottoreti con netmask diverse (di dimensioni variabili) bisogna fare attenzione ad evitare di definire sottoreti non consentite (perch non disgiunte)
13

Esempio
LAN A
50 host 100 host

LAN B

Rete IP a disposizione: 192.168.1.0/24 LAN A ha 50 host


mi basta una sottorete da 61 indirizzi host 192.168.1.0/26 un Subnet-ID valido

LAN B ha 100 host


mi basta una sottorete da 125 indirizzi host 192.168.1.64/25 NON un Subnet-ID valido
64 = 01000000

192.168.1.128/25 un Subnet-ID valido


128 = 10000000
14

Subnetting: ripartizione logica e fisica


Loperazione di subnetting di una rete IP solamente logica : host di diverse subnet possono essere sulla medesima rete fisica
ma devono dialogare tramite un gateway

host della medesima subnet possono essere su diverse reti fisiche


ma possono dialogare direttamente perch appartengono ad un unico dominio broadcast (reti LAN connesse da bridge/switch)

15

Subnetting: ripartizione logica e fisica


no s

137.204.57.0/24

137.204.59.0/24

16

Subnetting: ripartizione logica e fisica

137.204.57.0/24

137.204.59.0/24

17

Subnetting: esempio
Unazienda possiede tre siti distribuiti su una grande area urbana: S1, S2, S3. Ciascun sito aziendale dotato di infrastrutture informatiche comprendenti, tra l'altro, una LAN ed un router di uscita verso il mondo esterno. Tutti i siti devono essere interconnessi tra loro con una rete MAN a maglia completa M. I siti sono cos divisi: S1, S2: 50 host S3: 20 host Si richiede di progettare una rete di classe C a cui viene assegnato lindirizzo 196.200.96.0 comprensiva della numerazione dei router, definendo le relative netmask.

18

Architettura

S1

S2

M LAN LAN MAN S3


19

Una possibile scelta della netmask


Ultimo byte netmask 00000000 10000000 11000000 11100000 11110000 11111000 11111100 # indirizzi 256 128 64 32 16 8 4 # subnets 1 2 4 8 16 32 64
20

10

Soluzione 1
Subnets: 196.200.96.0 196.200.96.64 196.200.96.128 196.200.96.192 255.255.255.192 (S1) (S2) (S3) (M)
21

(S1) (S2) (S3) (M)

Netmask:

Broadcast: 196.200.96.63 196.200.96.127 196.200.96.191 196.200.96.255

Soluzione 1
196.200.96.0/26 196.200.96.64/26

196.200.96.192/26

196.200.96.128/26
22

11

Soluzione 1
Routers LAN: 196.200.96.62 (S1) 196.200.96.126 (S2) 196.200.96.190 (S3) qualunque indirizzo tra: 196.200.96.193 e .254 (M)

Routers MAN:

IP Hosts:

qualunque indirizzo tra: 196.200.96.1 e .61 (S1) 196.200.96.65 e .125 (S2) 196.200.96.129 e .189 (S3)
23

Scelta di netmask diverse


Ultimo byte netmask 00000000 10000000 11000000 11100000 11110000 11111000 11111100 # indirizzi 256 128 64 32 16 8 4 # subnets 1 2 4 8 16 32 64
24

12

Soluzione 2
Subnet 196.200.96.0/26 196.200.96.64/26 196.200.96.128/27 196.200.96.160/27 196.200.96.192/27 196.200.96.224/28 196.200.96.240/30 196.200.96.244/30 196.200.96.248/30 196.200.96.252/30 # indirizzi Range IP 64 64 32 32 32 16 4 4 4 4 1 62 65 126 129 158 161 190 193 222 225 238 241 242 245 246 249 250 253 254 Broadcast 63 127 159 191 223 239 243 247 251 255
25

Soluzione 2
196.200.96.0/26
196.200.96.240/30

196.200.96.64/26

196.200.96.244/30

196.200.96.248/30

196.200.96.128/27
26

13

CIDR e Supernetting
Indirizzamento IP pi flessibile senza luso delle classi: CIDR Classless Inter-Domain Routing Es. Un ente ha bisogno di circa 2000 indirizzi IP
una rete di classe B troppo grande (64K indirizzi) meglio 8 reti di classe C (8 256 = 2048 indirizzi) dalla 194.24.0.0 alla 194.24.7.0

Supernetting: si accorpano le 8 reti contigue in ununica super-rete:


Identificativo: Supernet mask: Indirizzi: Broadcast: 194.24.0.0/21 255.255.248.0 194.24.0.1 194.24.7.254 194.24.7.255
27

Supernetting
Operazione inversa rispetto al subnetting n bit del Net-ID diventano parte dellHost-ID
Supernetting Subnetting

Net-ID

Host-ID

Accorpamento di N reti IP (N = 2n)


contigue:
194.24.0.0/24 + 194.24.1.0/24 = 194.24.0.0/23 194.24.0.0/24 + 194.24.2.0/24 = non contigue

allineate secondo i multipli di 2n


194.24.0.0/24 + .1.0/24 + .2.0/24 + .3.0/24 = 194.24.0.0/22 194.24.2.0/24 + .3.0/24 + .4.0/24 + .5.0/24 = non allineate
28

14

Indirizzamento senza classi (CIDR RFC 1519)


Generalizzazione del subnetting/supernetting
reti IP definite da Net-ID/Netmask

Allocazione di reti IP di dimensioni variabili


utilizzo pi efficiente dello spazio degli indirizzi

Accorpamento delle informazioni di routing


pi reti contigue rappresentate da ununica riga nelle tabelle di routing

Miglioramento di due situazioni critiche


limitatezza di reti di classe A e B crescita esplosiva delle dimensioni delle tabelle di routing
29

15