Sei sulla pagina 1di 3

MERCOLED 8 FEBBRAIO 2012

Il personaggio

La cultura

Lascesa di Xi Jinping la Cina trova il nuovo Mao


GIAMPAOLO VISETTI

Vecchia e brutta Auslander fa rivivere Anna Frank


SUSANNA NIRENSTEIN

I 47

Canali generalisti, tematici e reality non godono di buona salute Ora il nuovo fenomeno Internet dove ognuno pu costruirsi programmi e show fatti su misura

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FEDERICO RAMPINI NEW YORK a tv moribonda. Lagonia avviene cos in fretta che non ci sar il tempo per celebrarne i funerali. Sta accadendo proprio qui in America, nel regno dei network, nella culla del cable, delle news 24 ore su 24 e dei canali tutto-sport, dei reality, delle serie a puntate che hanno plasmato la cultura di massa nel mondo intero. Non si tratta solo del tramonto della tv generalista (archeologia industriale...), ma anche dei canali tematici, del satellite, dei bouquet per abbonati via cavo. Tutto ci che chiamiamo televisione, anche nei suoi formati e sviluppi pi recenti, in via di estinzione. Non i contenuti: quelli si stanno trasferendo su Internet, ma cos facendo lintero settore cambia pelle e adotta nuovi linguaggi, mentre le gerarchie di potere sono sconvolte, il modello di business rivoluzionato. Lequivalente delle attuali reti tv si chiameranno Google (YouTube), Apple, Amazon, Netflix. I numeri di questa transizione sono impressionanti. Nel dicembre 2011 per la prima volta YouTube ha oltrepassato la soglia di 1.000 miliardi di contatti per i suoi video, e questanno prevede un balzo verso vette ancora pi stratosferiche, anche grazie allelezione presidenziale: perch cresce il numero di contenitori e contenuti di attualit politica che prendono direttamente la via di Internet senza neppure transitare attraverso i vecchi network tv. SEGUE NELLE PAGINE SUCCESSIVE CON UN ARTICOLO DI ALESSANDRO LONGO

Personal

Tv
O

OGGI SU REPUBBLICA.IT
Tecno Cinema

MERCOLED

FILIPPO CECCARELLI

IL TEMPO DELLA TRUFFA


cchiali luminol per barare al casin, blocchi di tufo spediti al posto di iPad, virus telematici che chiedono il pizzo, concorsi fasulli per lavorare a Montecitorio o in villaggi turistici, profughi libici su cui fare la cresta, vendita di finti prodotti bio... Poche attivit umane restituiscono, meglio delle truffe, il significato autentico dei tempi e il loro dissennato segreto. Da questo punto di vista, il mix di macroscopico scientismo e devota superstizione che ha portato un certo Gruppo di Ricerca Idrofrequenziale per il Riequilibrio Bioenergetico dellIndividuo e dellAmbiente a commercializzare pretesa acqua santa proveniente da Lourdes, Fatima e Medjugorje a scopo terapeutico dice abbastanza sul genio truffaldino, ma ancora di pi dice quale e quanta risorsa credulona pu essere accesa dal futuro remoto delleterna paura.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Blackberry nuovo sistema per il riscatto


Viaggi

A qualcuno piace Reynolds

Immersioni nel verde della Thailandia


Sport Immagini iPad

Lo speciale sul 6 Nazioni di rugby


Interattivit

Venezia latelier del Carnevale

LITALIA SONO ANCHIO: LA RACCOLTA DELLE FOTO

la Repubblica
MERCOLED 8 FEBBRAIO 2012

LINCHIESTA R2MONDO

I 48

La televisione generalista in crisi

Ma anche i canali tematici e i reality non godono di buona salute. Perch


oggi il nuovo fenomeno Internet dove chiunque pu scegliere, in qualsiasi momento della giornata, il programma preferito. Pu

piazzare le sue immagini e farle vedere al mondo. Cos ognuno di noi


diventa produttore di se stesso

tv fai da te
(segue dalla copertina)

Lera della
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FEDERICO RAMPINI

Web
I
NEW YORK primi sintomi di questo fenomeno erano stati avvistati da tempo: sotto i 20 anni, esiste unintera generazione senza telespettatori di tipo tradizionale, cio quelli abituati a sedersi davanti a uno schermo e a fare zapping col telecomando in mano. Tanti giovani americani ignorano dalla nascita quella dipendenza passiva dai palinsesti: si fanno la loro tv su misura, la carte, selezioto lo stratega di YouTube Robert Kyncl al Consumer Electronic Show di Las Vegas un dato che dovrebbe far riflettere lindustria dello spettacolo. Sempre secondo le previsioni elaborate nel quartier generale di Google, entro il prossimo decennio il 75% di tutti i canali tv saranno creati su Internet. Canali! Non singoli video. Il Nordamerica continua ad essere allavanguardia nelle rivoluzioni tecno-sociali, e anche in questo caso probabile che il resto del mondo finisca per imitare il modello pi avanzato. Gi oggi in media ogni canadese guarda online 251 video al mese tra film, sport, musica, informazione. Negli Stati Uniti il consumo raggiunge 204 video ogni mese. YouTube ne sta traendo le conseguenze: ha lanciato 100 milioni di investimenti in produzioni video originali, alleandosi con grandi

Ben presto il 90% di tutto il traffico online sar occupato dai video
nando su YouTube i programmi che li interessano e passandoseli fra amici grazie a Facebook e altri siti sociali. Ma adesso YouTube e gli altri non si accontentano pi di essere dei motori di ricerca. Diventano i nuovi centri della produzione e distribuzione di programmi tv, oltre che della raccolta pubblicitaria. Scordatevi lepoca in cui YouTube era sinonimo di video virali con beb che sghignazzano, gattini esilaranti, e video musicali di modesta qualit acustica. Ben presto il 90% di tutto il traffico online sar occupato dai video ha annuncia-

nomi che spaziano da Disney allagenzia stampa Reuters, passando per la casa cinematografica Lionsgate e il rapper Jay-Z. Le tv si affannano a rincorrere questa tendenza, e a loro volta moltiplicano le offerte in streaming, cio via Internet: programmi che si possono scaricare in diretta sul pc, sulliPad, sul telefonino. E una lotta contro il tempo, anche perch nel mondo dei video online gli spot pubblicitari stanno crescendo al ritmo del 42% annuo. La velocit con cui i grandi network televisivi sono avviati al declino, ispira qualcuno a celebrare con toni nostalgici la fine di unepoca. Lesperto di tecnologia del Wall Street Journal, Kevin Sintumuang, ha trasformato la sua column in una ironica lettera di addio. I toni sono quelli con cui ci separa dopo la fine di un lungo amore: Cara tv via cavo, lasciami dire che non colpa tua, dipende tutto da me. Sono cambiato in questi anni. Raramente sto a casa. E quando ci sono, non ho lo sguardo incollato ai programmi tv in diretta. Ho arretrati di settimane da smaltire, nel mio videoregistratore. Ma soprattutto, se mi rilasso su un divano con un telecomando, su Internet che vado a cercare lo show o il film che mi interessa. Mi dispiace. Questa semplicemente la realt. Ti lascio, cable-tv. Nella lettera daddio c una verit tecnologica. La morte della tv soppiantata dallo streaming online, non significa la fine dello schermo a cristalli liquidi o Hd-plasma, non comporta la rinuncia alla qualit dellimmagine, non co-

la Repubblica
MERCOLED 8 FEBBRAIO 2012

PER SAPERNE DI PI www.nytimes.com wwitv.com

I 49

Il caso

Nel 2011 un vero e proprio boom con un business in crescita: 10 milioni di fatturato

Sit-com e sprechi della politica la carica dei 590 canali italiani


ALESSANDRO LONGO ROMA la web tv che ha fatto una sit-com per promuovere il territorio. E quella che vuole favorire lintegrazione in un quartiere degradato. C chi si occupa di inchieste sugli sprechi della politica locale e chi fa un documentario sul G8 di Genova dieci anni dopo. Nel 2011 cresciuto luniverso delle web tv italiane (canali accessibili con qualsiasi connessione internet, da un sito o unapplicazione cellulare): ora sono 590, ben distribuite da Nord a Sud. Tutte nate dal basso: dallentusiasmo di semplici utenti e con i loro soldi. E i soldi ora cominciano pure a farli, grazie alle proprie piccole tv: la novit che emerge dal rapporto Netizen 2011, pubblicato pochi giorni fa dallosservatorio Altratv. tv. Ha fatto un censimento: le regioni con il maggior numero di web tv attive sono Lazio (102), Lombardia (85), Puglia (63) e Emilia-Romagna (53). Ovviamente sono canali visibili ovunque nel mondo, via Internet, ma si occupano perlopi di fatti locali: un po come le tv di strada degli anni passati. Questanno hanno cominciato a vedere il business: stimo in 10 milioni di euro il fatturato complessivo delle web tv italiane, dice Giampaolo Colletti, fondatore di Altratv.tv. Nel conto si considerano solo le iniziative dal basso; non quelle di gruppi editoriali o comunque di carattere industriale (come le web tv di Rai, La7 o Floptv della Fox). Esempi di successo 2011: Pnbox. tv, che a Pordenone racconta fatti locali

stringe ad affaticare gli occhi sullo schermo pi piccolo di un computer. No, il grande schermo che avete installato in salotto a Natale non da buttare via. Taglio il cordone ombelicale: questo slogan lanciato sul Wall Street Journal si riferisce a un altro pezzo di hardaware che rischia di finire in soffitta, il cavo coassiale insieme con la scatoletta nera del decoder per i segnali cable o satellitari. Ti ho amato davvero scrive ancora Sintumuang Da bambino. Da adolescente. Anche alluniversit ho continuato a esserti fedele. Dai programmi per linfanzia di Nickelodeon alla musica di Mtv, dallo sport su Espn ai film di Hbo. Dal giorno in cui i miei genitori mi lasciarono guardare la tv fino a quando litigavo con mia moglie per il controllo del telecomando, la mia vita dentro la pop culture sarebbe stata sminuita senza di te. Ma ora lo stesso telespettatore non sa pi che farsene di quelle centinaia di canali, affollati a tutte le ore con dozzine di cloni di AmericanIdolo Ballando con le stelle, Isola dei famosi e Jersey Shore pi gli chef con le ricette di cucina, i documentari sul regno animale, la fitness. O troppo o troppo poco. Quando una cosa tinteressa davvero, puoi essere sicuro di trovarla su Internet. La prova: da questanno perfino il SuperBowl levento sportivo pi seguito in assoluto andato in onda in streaming. La tecnologia ha gi liberato da tempo Internet dalla schiavit del computer. Nelle case degli americani hanno

Su siti come YouTube gli spot pubblicitari stanno crescendo al ritmo del 42% annuo

fatto il loro ingresso delle scatolette nuove. Hanno il logo della Apple, o quello della Sony. Possono servire per collegarsi con Internet, trasferendo le immagini su qualsiasi schermo (nel caso della Sony, lo stesso apparecchio che serve come console per i videogiochi scarica in streaming film e programmi televisivi). Ma il cambiamento non solo tecnico. Il medium il messaggio anche in questo caso. Tutti i paradigmi della televisione saltano, se Internet il vettore dei contenuti. Lo hanno capito i nuovi protagonisti che si affacciano con prepotenza in questo business. Netflix, il leader nellaffitto di Dvd, si sta riconvertendo a gran velocit verso la vendita online: non solo film, anche serie televisive.

Amazon sta facendo la stessa cosa con la sua colossale libreria di Dvd. E ovviamente Apple in grado grazie alla scatoletta di cui sopra di offrire il suo ipermercato virtuale iTunes: film, programmi tv, musica. Anzich essere vincolati dai palinsesti dei network, la tv ce la facciamo noi, scegliendo di volta in volta da un catalogo che si espande alla velocit della luce. Il passo successivo, quello gi intrapreso da YouTube che presto sar impegnato a produrre 25 ore al giorno di nuovi contenuti originali. Lunico problema, per il momento, riguarda quelle zone sprovviste di collegamenti Internet ad alta velocit: un servizio lento pu significare che il film richiesto ci mette parecchi minuti ad essere scaricato; o peggio ancora, la scena si ferma sul pi bello mentre lo schermo aspetta la ricarica. Un inconveniente reale, ma destinato a scomparire, tanto pi che il collegamento wi-fi pu offrire le stesse prestazioni senza investimenti in reti di cavi a fibre ottiche. La direzione di marcia questa. Su YouTube e altri protagonisti di Internet stanno migrando a gran velocit non solo i creatori di contenuti di nicchia, ma gran parte dei nuovi canali. Compresi i pi popolari tra i giovani, come i tre canali creati da Ray William Johnson, una nuova star dei teenager, un attore-autore e anchorman la cui specialit proprio il commento sui video virali del momento. Audience: un miliardo di contatti, e 5,3 milioni di abbonati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LESPERTO
In alto, Giampaolo Colletti fondatore di Altratv.tv

allinterno di un ristorante (500 mila euro di fatturato); Vallesina Tv, basata a Jesi (300 mila euro); Board tv, dedicata agli sport estremi (100 mila euro). cresciuta molto Varese News, nato come giornale online nel 1997 e diventata web tv nel 2005: oggi conta dieci giornalisti professionisti, sette collaboratori, e fattura un milione di euro. Come guadagna una web tv? I modi sono tantissimi. Molti sfruttano la pubblicit: sul sito, in forma di banner, o allinterno dei video. Altri ricavano dalle commesse di aziende o pubbliche amministrazioni, che richiedono servizi televisivi a pagamento, continua Colletti. C chi riesce a fondere il business della web tv con quello di unaltra attivit: il ristorante (Pnbox) o unagenzia di comunicazione (Vallesina Tv). Ultima novit, c chi comincia a sfruttare il boom degli smartphone e dei tablet, fornendo applicazioni per accedere ai video. Bari Tv ne offre alcuni gratuiti e altri a pagamento, dallapplicazione, aggiunge Colletti. Aumenta anche il pubblico di queste tv in miniatura: nel 2011 il 30 per cento di loro ha avuto tra i 7 mila e i 10 mila visitatori mensili (era soltanto il 20 per cento nellanno precedente). Cresce anche il numero di quelle con oltre 10 mila contatti (ora sono il 28 per cento). Se trasmettessero a reti unificate, avrebbero un totale di 800 mila visitatori, stima Colletti. E qualche volta lhanno fatto: alcuni programmi prodotti da Altratv sono stati trasmessi in contemporanea da tutte o quasi. capitato con un documentario sul G8, un video celebrativo su Paolo Borsellino e uno sul terremoto dellAquila. Ma il programma tipico delle web tv nostrane si occupa di temi pi vicini al territorio e meno roboanti. Tra quelli di maggiore successo nel 2011: TamTam, di R-nord tv, che si occupa dei problemi di convivenza in un quartiere disagiato di Modena. La sitcom 84100, di Salernotravel. tv, per la promozione del territorio. E La libert di, programma di PolarTv di Bergamo, fatta da ragazzi massimo 30enni, con lobiettivo di liberare da regole non scritte del comportamento che nessuno vieta di infrangere.
RIPRODUZIONE RISERVATA