Sei sulla pagina 1di 95

Matematica

Progetto editoriale
Carla Bonola per tutti
Coordinamento editoriale
Elisa Smaniotto
propone una raccolta di schede per lo
Progetto grafico, impaginazione, disegni
Alberto Sangiorgi per Studio Punto & Virgola studio degli argomenti fondamentali
di matematica affrontati nella scuola
Copertina
secondaria di primo grado.
Silvia Razzini
Le schede sono realizzate in modo da
Redazione facilitare la lettura e l’apprendimento.
Edilibri, Milano
Controllo qualità
Luca Federico Sintesi
I concetti fondamentali affrontati nel
Immagini di copertina
Image Source/Getty Images percorso didattico dei tre anni vengo-
no sintetizzati nelle schede con frasi
LI 0424 00737 B brevi, chiare ed efficaci.

Semplicità di lettura
Le sintesi realizzate in forma di tabel-
le sono facilmente consultabili e rico-
piabili.
I caratteri impiegati presentano una
elevata leggibilità.
Tutti i diritti riservati
© 2013, Pearson Italia, Milano – Torino
Per i passi antologici, per le citazioni, per le riproduzioni
Comunicazione visiva
grafiche, cartografiche e fotografiche appartenenti alla pro-
I testi sono corredati da disegni che
prietà di terzi, inseriti in quest’opera, l’editore è a dispo- aiutano una comprensione immediata
sizione degli aventi diritto non potuti reperire nonché per e una memorizzazione visiva.
eventuali non volute omissioni e / o errori di attribuzione nei
riferimenti. È vietata la riproduzione, anche parziale o ad
uso interno didattico, con qualsiasi mezzo, non autorizzata.
Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere
Esempi
effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro paga- La sintesi dei concetti è puntualmente
mento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, commi corredata da esempi, per facilitarne la
4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Le riproduzioni comprensione e l’assimilazione.
effettuate per finalità di carattere professionale, economi-
co o commerciale o comunque per uso diverso da quello
personale possono essere effettuate a seguito di specifica
autorizzazione rilasciata da CLEARedi, corso di Porta Ro- Formulario
mana n. 108, 20122 Milano, e-mail segreteria@clearedi.org Le ultime pagine del fascicolo sono
e sito web www.clearedi.org. dedicate a un Formulario ritagliabi-
le, che ciascun ragazzo può utilizzare
Stampato per conto della casa editrice presso come materiale di supporto da con-
Ecobook, Rho (Milano)
sultare durante il lavoro personale o
di verifica.
Ristampa Anno
0 1 2 3 4 5 13 14 15 16
INDICE

Schede numeri
SCHEDA N1 I numeri.................................................................................................................................................................................... 4
SCHEDA N2 Le quattro operazioni................................................................................................................................................. 6
SCHEDA N3 Le potenze............................................................................................................................................................................ 8
SCHEDA N4 Multipli e divisori............................................................................................................................................................. 10
SCHEDA N5 Le frazioni.............................................................................................................................................................................. 13
SCHEDA N6 Calcolo con le frazioni............................................................................................................................................... 17
SCHEDA N7 Numeri decimali e radici......................................................................................................................................... 20
SCHEDA N8 Rapporti e proporzioni.............................................................................................................................................. 23
SCHEDA N9 Proporzionalità................................................................................................................................................................. 25
SCHEDA N10 Dati e previsioni............................................................................................................................................................... 29
SCHEDA N11 Numeri relativi e calcolo.......................................................................................................................................... 31
SCHEDA N12 Calcolo letterale.............................................................................................................................................................. 36
SCHEDA N13 Equazioni............................................................................................................................................................................... 40
SCHEDA N14 Piano cartesiano e grafici...................................................................................................................................... 42
SCHEDA N15 Insiemi...................................................................................................................................................................................... 46
SCHEDA N16 Calcolo delle probabilità e indagini.............................................................................................................. 48

Schede figure
SCHEDA F1 Segmenti, angoli e rette.......................................................................................................................................... 51
SCHEDA F2 Poligoni.................................................................................................................................................................................... 55
SCHEDA F3 Triangoli................................................................................................................................................................................... 57
SCHEDA F4 Quadrilateri........................................................................................................................................................................... 60
SCHEDA F5 Area dei poligoni............................................................................................................................................................. 63
SCHEDA F6 Teorema di Pitagora.................................................................................................................................................... 67
SCHEDA F7 Circonferenza e cerchio........................................................................................................................................... 69
SCHEDA F8 Figure simili.......................................................................................................................................................................... 73
SCHEDA F9 Misura di circonferenza e cerchio.................................................................................................................. 75
SCHEDA F10 Solidi e misure.................................................................................................................................................................. 77
SCHEDA F11 Poliedri..................................................................................................................................................................................... 81
SCHEDA F12 Solidi di rotazione.......................................................................................................................................................... 84

Il mio formulario
Tavole di multipli e scomposizioni.......................................................................................................................................... 88
Perimetro dei poligoni........................................................................................................................................................................ 90
Area dei poligoni...................................................................................................................................................................................... 91
Sistema di misura decimale......................................................................................................................................................... 92
Volumi e aree dei solidi..................................................................................................................................................................... 94
Tavola dei numeri fissi........................................................................................................................................................................ 96

3
SCHEDA N1 I NUMERI

Definizioni e termini Significato di cifre e simboli


I numeri naturali sono quelli che si Le cifre che formano un numero
utilizzano per contare: naturale hanno un significato diverso
0, 1, 2, 3, 4, 5, … a seconda della loro posizione.
Il loro insieme si indica con la lettera N. Esempio
Ordinandoli dal minore al maggiore, Nel numero 2457 il significato delle
quello che viene prima di uno di essi cifre è:
si chiama suo precedente e quello • 7 unità (1): 7 × 1
Numeri che viene dopo si chiama suo • 5 decine (10): 5 × 10
naturali successivo. • 4 centinaia (100): 4 × 100
• 2 migliaia (1000): 2 × 1000
Esempio
Per il numero 3:
• 2 è il suo precedente;
• 4 è il suo successivo.

I numeri decimali sono formati da In un numero decimale anche le


una parte intera, che precede la cifre decimali hanno un significato
virgola, e da una parte decimale, diverso a seconda della loro
che la segue. posizione.
Esempio Esempio
Nel numero 43,578: Nel numero 43,578 il significato delle
Numeri • 43 è la parte intera; cifre decimali è:
decimali • 578 è la parte decimale. • 5 decimi (0,1): 5 × 0,1
• 7 centesimi (0,01): 7 × 0,01
• 8 millesimi (0,001): 8 × 0,001

I numeri interi sono lo 0 e gli altri I numeri interi negativi si devono


numeri naturali preceduti dal segno +, sempre far precedere dal segno
detti interi positivi, o dal segno –, detti meno.
interi negativi. I numeri interi positivi si possono
invece scrivere anche senza segno
Esempi
Numeri • +5, +1 sono interi positivi.
più.
interi • – 4, – 3 sono interi negativi. Esempio
+5 = 5

4 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


I NUMERI

Confronto e rappresentazione
I principali simboli per confrontare tutti i tipi di numeri sono:
≠ che significa diverso; < che significa minore; > che significa maggiore.
Esempi
• 3 ≠ 4 3 è diverso da 4
• 3 < 4 3 è minore di 4
Numeri • 4 > 3 4 è maggiore di 3
naturali
I numeri naturali si possono rappresentare sulla semiretta graduata:
u
0 1 2 3 4 5 6 7 8

Per confrontare i numeri decimali sono utili queste regole pratiche.


1) Se in un numero decimale si aggiungono o si tolgono quanti zeri si
vogliono dopo l'ultima cifra decimale, il suo valore non cambia.
Esempio
4,20 = 4,2 = 4,200

2) Se due numeri decimali hanno la parte intera diversa allora è maggiore


quello con la parte intera maggiore.
Numeri
decimali Esempio
8,92 > 7,95 perché 8 > 7.

3) Se due numeri decimali hanno la parte intera uguale allora, dopo aver
pareggiato le cifre decimali con gli zeri, è maggiore quello con la parte
decimale maggiore.
Esempio
4,2 > 4,15 perché, pareggiando le cifre decimali, si ha 4,20 > 4,15
essendo 20 > 15.

Per confrontare i numeri interi è utile rappresentarli sulla retta orientata:


u
–3 –2 –1 0 +1 +2 +3

Numeri
Se due numeri interi sono diversi allora è maggiore quello che sulla retta
interi orientata è più a destra o, viceversa, è minore quello più a sinistra.
Esempi
• –1 > – 3 perché – 1 è più a destra di –3.
• –3 < – 1 perché – 3 è più a sinistra di –1.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 5


SCHEDA N2 LE QUATTRO OPERAZIONI

Definizioni e termini Proprietà


1) Proprietà commutativa
Cambiando l’ordine degli addendi la
somma non cambia.
Esempio
L’addizione è l’operazione che serve 2+3=3+2=5
a trovare la somma di due numeri
detti addendi. 2) Proprietà associativa
Il suo simbolo è +. In una addizione con più addendi, si
possono “associare” due di essi in
Esempio qualsiasi ordine.
2+3=5
Addizione • 2 e 3 sono gli addendi; Esempio
• 5 è la somma. (2 + 3) + 4 = 2 + (3 + 4) = 9

Il risultato dell’addizione di due 3) Elemento neutro


numeri naturali è sempre un numero È 0 perché addizionandolo a un
naturale. addendo si ottiene l’addendo stesso.
Esempio
2+0=0+2=2

La sottrazione è l’operazione che 1) Proprietà invariantiva


serve a trovare la differenza tra due Aggiungendo o togliendo uno
numeri: il primo è detto minuendo e stesso numero ai due termini di una
il secondo è detto sottraendo. sottrazione il risultato non cambia.
Il suo simbolo è –.
Esempio
Esempio 5 – 3 = (5 + 7) – (3 + 7) = 12 – 10 = 2
5–3 =2 Prova: 2 + 3 = 5
• 5 è il minuendo; 2) Sottrazioni particolari
• 3 è il sottraendo; • La differenza tra due numeri uguali
• 2 è la differenza. è 0.
Sottrazione
Esempio
Il risultato della sottrazione di due
5–5=0
numeri naturali non sempre è un
numero naturale.
• La differenza tra un numero e 0 è
Esempio uguale al numero stesso.
3 – 5 = – 2 (numero intero negativo)
Esempio
5–0=5

6 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


LE QUATTRO OPERAZIONI

Definizioni e termini Proprietà


1) Proprietà commutativa: cambiando l’ordine dei
fattori il prodotto non cambia.
Esempio
2×3=3×2=6
2) Proprietà associativa: in una moltiplicazione
con più fattori, si possono “associare” due di essi
La moltiplicazione è in qualsiasi ordine.
l’operazione che serve a Esempio
trovare il prodotto di due (2 × 3) × 4 = 2 × (3 × 4) = 24
numeri detti fattori.
Il suo simbolo è × oppure · . 3) Elemento neutro: è 1 perché moltiplicandolo
per un fattore si ottiene il fattore stesso.
Moltipli- Esempio
2×3=6 Esempio
cazione 2×1=1×2=2
• 2 e 3 sono i fattori;
• 6 è il prodotto. 4) Elemento assorbente: è 0 perché
moltiplicandolo per un fattore si ottiene sempre 0.
Il risultato della moltiplicazione
di due numeri naturali è Esempio
sempre un numero naturale. 2×0=0×2=0
5) Proprietà distributiva: si applica rispetto
all’addizione o alla sottrazione “distribuendo” un
fattore sui loro termini.
Esempio
(5 + 2) × 4 = 5 × 4 + 2 × 4 = 20 + 8 = 28

La divisione è l’operazione che 1) Proprietà invariantiva: moltiplicando o dividendo


serve a trovare il quoziente tra per uno stesso numero (diverso da zero) i due
due numeri: il primo è detto termini di una divisione il risultato non cambia.
dividendo e il secondo è detto Esempio
divisore. Il suo simbolo è : . 16 : 8 = (16 × 2) : (8 × 2) = 32 : 16 = 2
Esempio 2) Proprietà distributiva: si applica rispetto
6:3 =2 Prova: 2 × 3 = 6 all’addizione o alla sottrazione “distribuendo” il
• 6 è il dividendo; dividendo sui loro termini.
Divisione • 3 è il divisore;
Esempio
• 2 è il quoziente.
(6 + 4) : 2 = 6 : 2 + 4 : 2 = 3 + 2 = 5
La divisione di due numeri
naturali non sempre è un 3) Il divisore è sempre diverso da zero
numero naturale. Esempio
Esempio 5 : 0 è impossibile perché non c’è nessun numero
4 : 5 = 0,8 (numero decimale) che moltiplicato per 0 dia 5.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 7


SCHEDA N3 LE POTENZE

Definizioni e termini Procedimenti


Elevare un numero alla seconda, Esempi
alla terza, alla quarta, … significa • 23 si legge “2 alla terza” ed
moltiplicarlo per se stesso due, tre, è uguale a 8 perché:
quattro, … volte. 23 = 2 × 2 × 2 = 8
Il risultato si chiama potenza.
• 32 si legge “3 alla seconda”
Elevamento Elevare 2 alla terza significa moltiplicarlo ed è uguale a 9 perché:
a potenza per se stesso per 3 volte e la potenza si 32 = 3 × 3 = 9
scrive:

23
base esponente
è il numero indica quante volte
da moltiplicare moltiplicare la base

Esempi
• Un numero elevato alla 1 è uguale al • 51 = 5
numero stesso.

• Un numero (tranne 0) elevato alla 0 è • 50 = 1


uguale a 1.
Potenze
particolari • Il numero 1 elevato a un qualsiasi • 15 = 1 × 1 × 1 × 1 × 1 = 1
esponente è sempre uguale a 1.

• Il numero 10 elevato a un esponente è • 100 = 1


uguale a 1 seguito da tanti zeri quanti 101 = 10
ne indica l’esponente. 102 = 10 × 10 = 100
103 = 10 × 10 × 10 = 1000
• Prodotto Esempi
Il prodotto di due potenze con uguale addizione
base è la potenza che ha la stessa i
3 2 3+2
base e per esponente la somma degli •2 ×2 =2 = 25 = 32
esponenti. h
base uguale
Proprietà • Quoziente sottrazione
di potenze Il quoziente di due potenze con uguale i
con uguale base è la potenza che ha la stessa • 25 : 23 = 25 – 3 = 22 = 4
base base e per esponente la differenza h
degli esponenti. base uguale
moltiplicazione
• Potenza di potenza i
2
La potenza di una potenza è la potenza • (23) = 23 × 2 = 26 = 64
che ha la stessa base e per esponente h
il prodotto degli esponenti. base uguale

8 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


LE POTENZE

Definizioni e termini Procedimenti


• Prodotto Esempi
Il prodotto di due potenze con esponente uguale
uguale esponente è la potenza i
che ha lo stesso esponente e per • 24 × 54 = (2 × 5)4 = 104 = 10 000
base il prodotto delle basi. ­h
Proprietà moltiplicazione
di potenze
con uguale • Quoziente esponente uguale
esponente Il quoziente di due potenze con i
4 4 4 4
uguale esponente è la potenza • 15 : 5 = (15 : 5) = 3 = 81
che ha lo stesso esponente e per ­h
base il quoziente delle basi. divisione

Esempi
• 70 000 in notazione scientifica si
scrive 7 × 104;
infatti:
70 000 = 7 × 10 000 = 7 × 104
Un numero molto grande si può
scrivere in notazione scientifica • 2,31 × 105 è la notazione scientifica
Applicazione
indicandolo come prodotto di un di 231000;
in scienze numero, anche decimale, compreso
infatti:
tra 1 e 10 e una potenza di 10. 2,31 × 105 = 2,31 × 100000 =
= 231000

Esempi

• Per calcolare l’area di un


quadrato si eleva alla seconda
(cioè con esponente 2) la misura
Applicazione del lato del quadrato. • Se la misura del lato di un quadrato
in è 5 cm, allora la sua area è:
geometria 52 cm2 = (5 × 5) cm2 = 25 cm2
• Per calcolare il volume di un
cubo si eleva alla terza (cioè con • Se la misura del lato di una faccia
esponente 3) la misura del lato di del cubo è 5 cm, allora il suo
una sua faccia. volume è:
53 cm3 = (5 × 5 × 5) cm3 = 125 cm3

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 9


SCHEDA N4 MULTIPLI E DIVISORI

Definizioni e termini Procedimenti


Un multiplo di un numero naturale si Esempio
ottiene moltiplicandolo per un altro I multipli di 6 sono 0, 6, 12, 18,
numero naturale. 24, ... perché:
6×0=0
Quindi i multipli di un numero naturale
Multipli sono 0, se stesso, il suo doppio, il suo
6×1=6
6 × 2 = 12
triplo, …
6 × 3 = 18
6 × 4 = 24

Un numero naturale Esempio


è divisibile per un altro, è divisibile per 6 è divisibile per 1, 2, 3, 6 che
chiamato suo divisore, 6 2 sono suoi divisori perché:
se il resto della loro
Divisori è divisore di 6:1=6 con resto 0
divisione è zero.
6:2=3 con resto 0
6:3=2 con resto 0
Quindi un numero naturale maggiore di
6:6=1 con resto 0
uno ha come divisori sicuramente 1 e se
stesso.

I criteri di divisibilità sono delle regole per Esempi


capire se un numero naturale è divisibile
per un altro senza fare la divisione.

• Criterio di divisibilità per 2 • 127 338 è divisibile per 2


Un numero naturale è divisibile per 2 se perché termina con la cifra 8.
termina con la cifra 0, o 2, o 4, o 6, o 8.

• Criterio di divisibilità per 3 • 1308 è divisibile per 3 perché


Un numero naturale è divisibile per 3 se 1 + 3 + 0 + 8 = 12 e 12 è un
la somma delle sue cifre è un multiplo multiplo di 3.
Criteri di di 3.
divisibilità
• Criterio di divisibilità per 5 • 477 325 è divisibile per 5
Un numero naturale è divisibile per 5 se perché termina con la cifra 5.
termina con la cifra 5 o 0.

• Criterio di divisibilità per 10, 100, • 12 500 è divisibile sia per 10


1000, … che per 100 perché termina
Un numero naturale è divisibile con due zeri.
per 10, 100, 1000, … se termina,
rispettivamente, con almeno uno zero,
almeno due zeri, almeno tre zeri, …

10 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


MULTIPLI E DIVISORI

Definizioni e termini Procedimenti


Un numero naturale maggiore di Per stabilire se un numero è
uno si chiama: composto si possono applicare i
• primo se ha come divisori solo criteri di divisibilità.
1 e se stesso;
• composto se ha altri divisori Esempio
oltre 1 e se stesso. 267 è un numero composto perché
ha come divisori, oltre 1 e 267,
Numeri primi
Esempi anche 3.
e composti Infatti è divisibile per 3 dato che
• 29 è un numero primo perché i
suoi divisori sono solo 1 e 29. 2 + 6 + 7 = 15
• 28 è un numero composto che è un multiplo di 3.
perché i suoi divisori sono, oltre
1 e 28, anche 2, 4, 7, 14.

Per scomporre un numero in fattori


primi si può usare il metodo delle
divisioni successive dividendo il
numero per i suoi divisori primi, dal
Un numero si dice scomposto minore al maggiore.
in fattori primi se è scritto come
prodotto di fattori che sono Esempio
numeri primi. 168 2 (168 : 2 = 84)
I fattori uguali si scrivono in 84 2 (84 : 2 = 42)
Scomposizione forma di potenza. 42 2 (42 : 2 = 21)
21 3 (21 : 3 = 7)
Esempio 7 7 (7 : 7 = 1)
Il numero 28 scomposto in fattori 1
primi è:
La scomposizione del numero 168 in
28 = 2 × 2 × 7 = 22 × 7 fattori primi è:

168 = 2 × 2 × 2 × 3 × 7 = 23 × 3 × 7

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 11


MULTIPLI E DIVISORI

Definizioni e termini Procedimenti


Per ricercare il M.C.D. si può scomporre
ogni numero in fattori primi e poi
calcolare il prodotto dei fattori primi
comuni, presi una sola volta, con il
minimo esponente.
Il Massimo Comun Divisore di
due o più numeri naturali è
Esempio
il maggiore tra i loro divisori
Calcolare il M.C.D.(54, 90).
comuni.
Si indica con il simbolo M.C.D. 54 2 90 2
Massimo 27 3 45 3
Comun Esempio 9 3 15 3
Divisore Il M.C.D. tra 8 e 12 è 4 perché 3 3 5 5
i divisori comuni ai due numeri 1 1
sono 1, 2, 4 e, tra questi, quello
maggiore è 4. 54 = 2 × 33 90 = 2 × 32 × 5
Si scrive: Si prendono solo i fattori che sono
M.C.D. (8, 12) = 4 contenuti in entrambe le scomposizioni:
2 e 32 (con esponente minore).
Quindi:
M.C.D.(54, 90) = 2 × 32 = 18

Per ricercare il m.c.m. si può scomporre


ogni numero in fattori primi e poi
calcolare il prodotto dei fattori primi
comuni e non comuni, presi una sola
volta, con il massimo esponente.
Il minimo comune multiplo di
due o più numeri naturali è il
Esempio
minore tra i loro multipli comuni.
Calcolare il m.c.m.(24, 60).
Si indica con il simbolo m.c.m.
(si calcola escludendo lo 0). 24 2 60 2
Minimo 12 2 30 2
comune Esempio 6 2 15 3
multiplo Il m.c.m. tra 4 e 6 è 12 perché 3 3 5 5
i multipli comuni ai due numeri 1 1
sono 12, 24, 36, 48, … e, tra
questi, quello minore è 12. 24 = 23 × 3 60 = 22 × 3 × 5
Si scrive: Si prendono tutti i fattori anche se
m.c.m. (4, 6) = 12 non sono contenuti in entrambe le
scomposizioni: 23 (con esponente
maggiore), 3 e 5.
Quindi:
m.c.m.(24, 60) = 23 × 3 × 5 = 120

12 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N5 LE FRAZIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Una frazione è formata da due Esempi
numeri naturali che si chiamano: • La frazione con numeratore 3 e
denominatore 5 si legge “tre quinti”;
numeratore 3 e 5 sono i termini della frazione
3
• La frazione con numeratore 5 e
5 5
Frazione denominatore denominatore 3 si scrive e si
3
legge “cinque terzi”.

Numeratore e denominatore si
dicono termini della frazione.

Esempi
3
• I di un rettangolo si ottengono
5
suddividendolo in 5 parti uguali e
considerandone 3 parti:
Una frazione rappresenta parti di
un intero, cioè parti di una figura o
di una quantità.
Significato
come Operare con una frazione su un 3
• I di 10 palline si ottengono
operatore intero significa dividerlo in tante 5
parti uguali quante ne indica il dividendole in 5 gruppi uguali e
denominatore e considerarne prendendone 3 gruppi:
quante ne indica il numeratore.

10 : 5 × 3 = 6
Una frazione indica il risultato Esempi
della divisione tra il numeratore e il 3
denominatore. • = 3 : 5 = 0,6
5
Quindi il numeratore può essere 0
ma il denominatore non può esserlo 5
Significato • = 5 : 3 = 1,66666…
mai perché altrimenti la divisione 3
come
sarebbe impossibile. 6
quoziente • = 6 : 3 = 2
3
Dalla divisione si ottiene un numero
decimale o un numero naturale. 0
• = 0 : 3 = 0
3

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 13


LE FRAZIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Esempio
3
è una frazione propria perché
4
Una frazione propria è una frazione con 3 è minore di 4.
il numeratore (diverso da 0) minore del 3
denominatore. = 3 : 4 = 0,75 < 1
4
Frazioni
proprie Come quoziente indica un numero
minore di 1.
a
Rappresenta meno di un intero.
3
di a
4

Esempio
5
è una frazione impropria
4
Una frazione impropria è una frazione perché 5 è maggiore di 4.
con il numeratore maggiore o uguale al
denominatore. 5
= 5 : 4 = 1,25 > 1
4
Frazioni
Come quoziente indica un numero
improprie naturale o decimale maggiore o
uguale a 1. a

Rappresenta un intero o più di un intero. 5


di a
4

Esempio
8
è una frazione apparente
4
Una frazione apparente è una perché 8 è multiplo di 4.
particolare frazione impropria che ha il
numeratore (diverso da zero) multiplo del 8
=8:4=2
denominatore. 4
Frazioni
apparenti Indica un numero naturale maggiore o
uguale a 1. a

Rappresenta un multiplo di un intero. 8


di a
4

14 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


LE FRAZIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Due frazioni sono equivalenti Proprietà fondamentale delle frazioni:
se hanno lo stesso valore. moltiplicando o dividendo entrambi i
termini di una frazione per uno stesso
Esempio numero diverso da zero, si trasforma la
3 6 frazione in una equivalente.
è equivalente a ; infatti:
4 8
Frazioni 3 : 4 = 0,75 e 6 : 8 = 0,75 Esempi
equivalenti 3 3×2 6
• = =
Si scrive: 4 4×2 8
3 6 6 6:2 3
= • = =
4 8 8 8:2 4 3
6 3
abbreviando si scrive: =
84 4

Una frazione è semplificata Per semplificare una frazione si applica la


ai minimi termini proprietà fondamentale con successive
se il numeratore e il divisioni fino a che è ridotta, cioè
denominatore hanno come trasformata, ai minimi termini.
divisore comune solo 1.
Esempio
Semplificazione
Esempio 54 54 : 2 27 27 : 3 9
= = = =
9 24 24 : 2 12 12 : 3 4
è ai minimi termini perché
4 27
9

9 e 4 hanno come divisore 54 9


abbreviando si scrive: =
comune solo 1. 24 12 4 4

Il minimo comun Per ridurre più frazioni allo stesso minimo


denominatore di più frazioni comun denominatore (m.c.d.) si riscrivono
è il minimo comune multiplo trasformando ognuna così:
tra i loro denominatori. – al denominatore: il loro m.c.d.;
Si indica con il simbolo – al numeratore: il risultato ottenuto
m.c.d. dal calcolo indicato dalle frecce
nell’esempio.
Esempio
Esempio
Minimo comun 1 5
1 5
denominatore 4 6 e diventano:
4 6
4 = 22 6=2×3 = =
1 3 5 10
× = × =
m.c.d. (4, 6) = 22 × 3 = 12 4 : 12 6 : 12

– al denominatore 12 perché è il loro m.c.d;
– al numeratore 3 e 10 perché, seguendo
le frecce:
12 : 4 × 1 = 3 12 : 6 × 5 = 10

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 15


LE FRAZIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Si calcolano i quozienti indicati da ogni
frazione e si confrontano tra loro.
Esempio
Confrontare due frazioni non 7 18
e
Confronto equivalenti significa stabilire se 2 5
di frazioni una è minore o maggiore 7 18
dell’altra. = 7 : 2 = 3,5 = 18 : 5 = 3,6
2 5
7 18
Risulta 3,5 < 3,6 quindi <
2 5

Si divide il valore dell’intero per il


denominatore della frazione e poi si
moltiplica il risultato per il numeratore.
Esempio
Se una strada è lunga 30 km, quanto è
Problema 3
lunga una parte che è i suoi ?
In questo tipo di problema è
“diretto” 5
dato l’intero e si vuole trovare 30 km
con le una sua parte.
frazioni

?
La parte di strada è lunga:
(30 : 5 × 3) km = 18 km

Si divide il valore della parte per


il numeratore della frazione e
poi si moltiplica il risultato per il
denominatore.
Esempio
3
Problema Se i di una strada sono lunghi 18 km,
In questo tipo di problema è 5
“inverso” quanto è lunga tutta la strada?
data una parte e si vuole trovare
con le l’intero.
frazioni 18 km

?
L’intera strada è lunga:
(18 : 3 × 5) km = 30 km

16 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N6 CALCOLO CON LE FRAZIONI

Procedimenti Calcolo
Esempi
5 2 5+2 7
• Per addizionare due frazioni con • + = =
uguale denominatore si riscrive 3 3 3 3
il denominatore e si addizionano
i numeratori.
Addizione • Per addizionare due frazioni
5 3 20
• + = +
9
=
20 + 9 29
=
con diverso denominatore si 3 4 12 12 12 12
riducono le frazioni al minimo
comun denominatore e poi
si procede come nel caso
precedente.

Esempi
5 5 5
• Se si addiziona 0 a una frazione • + 0 = 0 + =
(o viceversa) si ottiene la frazione 3 3 3
stessa.
Addizioni 1
particolari 3 2 3+2 5
• Se addizionando due frazioni • + = = =1
proprie si ottiene 1, allora 5 5 5 51
le due frazioni si dicono
3 2
complementari. e sono complementari.
5 5

Esempi
5 1 5–1 4
• Per sottrarre due frazioni con • – = =
uguale denominatore si riscrive 3 3 3 3
il denominatore e si sottraggono
i numeratori.
Sottrazione • Per sottrarre due frazioni con 5 3 20 9
• – = – =
20 – 9
=
11
diverso denominatore si 3 4 12 12 12 12
riducono le frazioni al minimo
comun denominatore e poi
si procede come nel caso
precedente.

Esempi
5 5
• Se si sottraggono tra loro due • – = 0
Sottrazioni frazioni uguali si ottiene 0. 3 3
particolari
5 5
• Se a una frazione si sottrae 0 si • – 0 =
ottiene la frazione stessa. 3 3

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 17


CALCOLO CON LE FRAZIONI

Procedimenti Calcolo
Esempi
5 2 5 × 2 10
• Per moltiplicare due frazioni si • × = =
moltiplicano tra loro i numeratori 3 3 3×3 9
e i denominatori.
Moltiplicazione 1
5 62 1×2 2
• Prima di calcolare il prodotto si • × = =
possono semplificare le frazioni 3
9 25 5 3×5 15
“in croce” dividendo per uno
stesso numero un numeratore e
un denominatore.

Esempi
5 5
• Se si moltiplica per 0 una frazione • × 0 = 0 × = 0
(o viceversa) si ottiene 0. 3 3

5 5 5
• Se si moltiplica una frazione • × 1 = 1 × =
per 1 (o viceversa) si ottiene la 3 3 3

Moltiplicazioni frazione stessa.


particolari 1
5 31
• Se si moltiplica una frazione • × =1
(diversa da zero) per la frazione 1
3 51
che si ottiene scambiando di
5 3
posto il suo numeratore e il suo e sono reciproche.
denominatore si ottiene 1. 3 5
Le due frazioni si chiamano
reciproche.

Esempio
Per dividere una frazione per reciproca
un’altra (diversa da zero) si
Divisione 5 2 5 31 5
moltiplica la prima per la reciproca : = × =
della seconda. 3 3 13 2 2
da “diviso” a “per”

Esempi
5 5 15 3 1
• Se si dividono due frazioni uguali • : = × =1
(diverse da zero) si ottiene 1. 3 3 13 5 1

Divisioni 5 3
• Se 0 è diviso da una frazione • 0 : =0× =0
particolari (diversa da zero) si ottiene 0. 3 5

• Non si può mai dividere una 5


• : 0 è impossibile.
frazione per 0. 3

18 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


CALCOLO CON LE FRAZIONI

Procedimenti Calcolo
Esempio
2 2
Per calcolare la potenza di  5  = 5 = 25
una frazione si eseguono la  3 32 9
Potenza
potenza del numeratore e la
potenza del denominatore.

Esempi
1
• Se si eleva una frazione a  5 51 5
•   = 1 =
esponente 1 si ottiene la 3 3 3
Potenze frazione stessa.
particolari  5
0
50 1
• Se si eleva una frazione •   = 0 = = 1
3 3 1
(diversa da zero) a esponente
0 si ottiene 1.

Valgono le stesse proprietà Esempi


delle potenze viste per i numeri
naturali.
3 2 3+2 5
 1  1  1 1 15 1
• Prodotto di potenze con •   ×   =   =  = 5 =
2 2 2  2 2 32
uguale base:
si riscrive la base e si
addizionano gli esponenti.
3 2 3−2 1
 1  1  1 1 11 1
• Quoziente di potenze con •   :   =   =  = 1 =
2 2 2  2 2 2
uguale base:
si riscrive la base e si
Proprietà sottraggono gli esponenti.
2 3×2
delle  1 3   1 1
6
16 1
• Potenza di potenza: •    =   =  = 6 =
potenze  2  2  2 2 64
si riscrive la base e si
moltiplicano gli esponenti.
2 2 2 2
 1  3  1 3  3 32 9
• Prodotto di potenze con •   ×   =  ×  =   = 2 =
2 5 2 5 10 10 100
uguale esponente:
si moltiplicano le basi e si
riscrive l’esponente.
2
1
2
3
2
1 3
2
 1 2 1
• Quoziente di potenze con •   :   =  :  =  × =
 2  2  2 2  12 3 
uguale esponente:
si dividono le basi e si riscrive 1
2
12 1
l’esponente. =  = 2 =
 3 3 9

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 19


CALCOLO CON LE FRAZIONI

Dalla frazione al numero Dal numero alla frazione


Dalla divisione dei termini di Un numero decimale limitato si
una frazione si può ottenere trasforma in frazione così:
un numero decimale limitato, al numeratore
cioè con un numero limitato numero senza la virgola
di cifre decimali. i
Numero
65 13
decimale Esempio 6,5 = =
10 2
limitato 13
= 13 : 2 = 6,5 i h
2
10 g al denominatore
1 seguito da tanti 0 quante
sono le cifre decimali

Oppure si può ottenere un numero Un numero periodico semplice si


decimale con infinite cifre decimali, trasforma in frazione così:
alcune delle quali, dette periodo, al numeratore
si ripetono all’infinito. sottrazione tra il numero senza
Un numero periodico semplice ha
Numero virgola e quello formato dalle
il periodo che inizia subito dopo la
decimale virgola.
cifre prima del periodo
illimitato i
periodico 13 – 0 13
Esempio 0,13 = =
99 99
semplice 13 i i h
= 13 : 99 = 0,13131313…
99 99 g al denominatore
• 13 è il periodo tanti 9 quante sono le cifre
Abbreviando si scrive: 0,13 del periodo

Un numero periodico misto ha il Un numero periodico misto si trasforma


periodo che non inizia subito dopo in frazione così:
la virgola.
La parte decimale prima del al numeratore
periodo si chiama antiperiodo. sottrazione tra il numero senza
virgola e quello formato dalle
Numero
Esempio cifre prima del periodo
decimale 2 i
illimitato = 2 : 15 = 0,133333…
15 13 – 1 12 2
periodico 0,13 = = =
• 1 è l’antiperiodo 90 90 15
misto • 3 è il periodo i i h
09 g al denominatore
Abbreviando si scrive: 0,13
tanti 9 quante sono le cifre
del periodo seguiti da tanti 0
quante sono le cifre dell’antiperiodo

20 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N7 NUMERI DECIMALI E RADICI

Definizioni e termini Procedimenti


Calcolare la radice quadrata o Esempi
cubica di un numero significa
• 3 8 = 2 perché 23 = 8
trovare il numero che elevato al
quadrato o al cubo dà il numero
di partenza.
• 25 = 5 perché 52 = 25
La radice cubica di 8 si scrive:
2
25 5  5  = 25
Radici • = perché
9 3  3 9
quadrate
e cubiche
3
8
indice numero
della radice di cui si vuole
trovare la radice

Nella radice quadrata l’indice è 2


ma non lo si scrive.

Esempi
• La radice quadrata (o cubica) di • 1= 1 perché 12 = 1
1 è uguale a 1. 3
1 = 1 perché 13 = 1

• La radice quadrata (o cubica) di • 0 = 0 perché 02 = 0


0 è uguale a 0. 3 3
0 = 0 perché 0 = 0
Radici
particolari 25 25 5
• La radice quadrata (o cubica) • = =
di una frazione si può eseguire 9 9 3
calcolando la radice quadrata (o
27 3
27 3
cubica) dei suoi termini. • 3 = =
8 3
8 2

Esempi
• Un quadrato perfetto è un • 49 è un quadrato perfetto, infatti:
numero naturale la cui radice 2
49 = 7 perché 7 = 49
quadrata è un numero naturale.
Quadrati
e cubi • Un cubo perfetto è un numero • 64 è un cubo perfetto, infatti:
perfetti naturale la cui radice cubica è un 3
3
64 = 4 perché 4 = 64
numero naturale.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 21


NUMERI DECIMALI E RADICI

Definizioni e termini Procedimenti


Dal calcolo di una radice si può Con il metodo del troncamento si può
ottenere un numero decimale approssimare un numero decimale
illimitato non periodico, cioè con trascrivendo solo una, o due, o tre, ...
infinite cifre decimali che non si cifre decimali.
ripetono.
Quindi è un numero che non si Esempio
Numeri può trasformare in una frazione.
3 = 1,7 troncato al decimo
decimali
Esempio
illimitati 3 = 1,73 troncato al centesimo
non 3 = 1,7320508…
periodici 3 = 1,732 troncato al millesimo
Questo tipo di numero si indica
con un valore approssimato al
decimo (una cifra decimale), o al
centesimo (due cifre decimali), o al
millesimo (tre cifre decimali) ecc.

Tutti i numeri decimali o naturali Se un numero si può trasformare in


che conosciamo si chiamano frazione, allora è razionale assoluto;
anche numeri reali assoluti. altrimenti è irrazionale assoluto.

Questi si suddividono in: Esempi


• numeri razionali assoluti che • 3 è razionale assoluto perché si può
sono: 3
trasformare in .
– i numeri naturali; 1
– i numeri decimali limitati;
• 0,3 è razionale assoluto perché si può
– i numeri decimali illimitati 3
periodici; trasformare in .
10
Numeri • 0,33333… è razionale assoluto
• numeri irrazionali assoluti che
reali 31 1
sono: perché si può trasformare in = .
assoluti – i numeri decimali illimitati non 93 3
periodici. • 1,7320508… è irrazionale assoluto
perché ha infinite cifre decimali
numeri reali assoluti non periodiche e quindi non si può
trasformare in frazione.

numeri numeri
razionali irrazionali
assoluti assoluti

22 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N8 RAPPORTI E PROPORZIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Il rapporto tra due numeri (naturali Esempio
o decimali) a e b è dato dal loro Il rapporto con antecedente 3 e
quoziente e si indica così: conseguente 5 si scrive:
3
oppure 3 : 5 che si legge “tre a
antecedente 5
a cinque”.
oppure a:b
Rapporto b 3 e 5 sono i termini del rapporto.
conseguente
Il valore del rapporto si stabilisce
I due numeri si dicono termini del eseguendo la divisione:
rapporto. 3 : 5 = 0,6
Il conseguente è sempre diverso
da zero.

Esempi
• Se il rapporto tra maschi e femmine in
3
un gruppo è allora vuol dire che ci
5
sono 3 maschi ogni 5 femmine.
Un rapporto indica un confronto
Significato • Se il rapporto tra due segmenti è
tra due quantità o due figure.
3 : 5 allora vuol dire che si possono
suddividere in parti uguali in modo
che il primo ne contenga 3
e il secondo 5.

La percentuale è un particolare Per scrivere in forma di percentuale un


rapporto che ha come rapporto si esegue la divisione in modo
conseguente 100. da avere un numero con due cifre
Si indica scrivendo solo decimali (troncandolo o aggiungendo
Rapporto l’antecedente seguito dal zeri) e poi lo si trasforma in un nuovo
particolare simbolo %. rapporto con conseguente 100.
a = a% Esempio
100 3 60
= 3 : 5 = 0,6 = 0,60 = = 60%
5 100
Proprietà invariantiva Esempio
Moltiplicando o dividendo 60 60 : 20 3
= =
entrambi i termini di un rapporto 100 100 : 20 5
Proprietà
per uno stesso numero diverso da
zero si ottiene un rapporto uguale.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 23


RAPPORTI E PROPORZIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Una proporzione è l’uguaglianza di Esempio
due rapporti e si indica così: 3 : 5 = 60 : 100

estremi • 3 e 100 sono gli estremi;


• 5 e 60 sono i medi;
a:b=c:d • 3 e 60 sono gli antecedenti;
• 5 e 100 sono i conseguenti.
medi
Proporzione 3, 5, 60, 100 sono i termini della
I quattro numeri di una proporzione si
dicono termini della proporzione. proporzione.
Inoltre il primo e il terzo si chiamano
antecedenti. Il secondo e il quarto,
sempre diversi da zero, si chiamano
conseguenti.
Se una proporzione ha i medi Esempio
uguali, allora si chiama proporzione 9:6=6:4
Proporzione
continua.
particolare Ogni medio si chiama medio • 6 è il medio proporzionale;
• 9 e 4 sono gli estremi.
proporzionale.
Esempi
• In 3 : 5 = 60 : 100 vale la proprietà
Proprietà fondamentale fondamentale, infatti:
Proprietà In una proporzione il prodotto dei 3 × 100 = 5 × 60 = 300
medi è uguale a quello degli estremi. • In 9 : 6 = 6 : 4 vale la proprietà
fondamentale, infatti:
9 × 4 = 6 × 6 = 36

Risolvere una proporzione significa Il termine incognito si indica di solito


trovare il valore di un termine con x e lo si ricerca applicando la
incognito di cui, cioè, non si conosce proprietà fondamentale.
il valore.
Esempi
• Estremo incognito • Se x : 5 = 60 : 100 allora
Si trova dividendo il prodotto dei 1
5 × 60
3

medi per l’estremo conosciuto. x= =3


Risoluzione 100 5 1
• Medio incognito • Se 3 : x = 60 : 100 allora
Si trova dividendo il prodotto degli 5
estremi per il medio conosciuto.
1
3 × 100
x= =5
60 3 1
• Medio proporzionale incognito
• Se 9 : x = x : 4 allora
Si trova calcolando la radice
quadrata del prodotto degli estremi. x = 9 × 4 = 36 = 6

24 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N9 PROPORZIONALITÀ

Funzioni tra variabili Dalla tabella al grafico


Se al variare di una quantità varia La tabella rappresenta una relazione tra
in corrispondenza un’altra quantità due quantità che variano:
allora si dice che tra di esse c’è
una relazione. x 1 2 3 4

I valori della prima quantità si y 3 6 9 12


indicano con x che si chiama
variabile indipendente. • x è la variabile indipendente e indica
Definizione i valori 1, 2, 3, 4;
I valori della seconda quantità
• y è la variabile dipendente e indica
si indicano con y che si chiama
i valori 3, 6, 9, 12, che sono il triplo
variabile dipendente.
di x.
Se ad un valore della variabile x
Le coppie di valori corrispondenti si
corrisponde un solo valore della
indicano così:
variabile y allora la relazione si
chiama funzione. (1; 3), (2; 6), (3; 9), (4; 12)

Se una funzione tra le variabili x e Dalla tabella si ricava che “y è uguale a


y si può indicare con una formula 3 volte x” e quindi la sua legge è:
matematica allora questa indica la y=3·x
Legge legge della funzione.
Questa relazione è una funzione perché
a ogni valore x corrisponde un solo
valore y.
Il grafico è formato dai punti che hanno
per coordinate le coppie di valori
corrispondenti (1; 3), (2; 6), (3; 9), (4; 12).

y
12

Una funzione tra le variabili x


e y si può rappresentare sul 9
piano cartesiano con un grafico
Grafico
tracciando i punti che hanno per
coordinate le coppie di valori 6
corrispondenti e poi unendoli.

O 1 2 3 4 x

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 25


PROPORZIONALITÀ

Proporzionalità diretta Dalla tabella al grafico


La proporzionalità diretta è una
particolare funzione tra due variabili x 0 1 2 3 4 5
x e y tali che se una raddoppia, y 0 2 4 6 8 10
o triplica, …, allora anche l’altra
raddoppia, o triplica, … La tabella rappresenta una
proporzionalità diretta perché il
Proprietà rapporto tra i valori di y e x (diversi
In una proporzionalità diretta il da 0) è sempre uguale a 2.
rapporto tra coppie di valori (y e x) Infatti:
Definizione corrispondenti (diversi da zero)
y 2 4 6 8 10
è costante (k), cioè non cambia. = = = = = =2
In simboli questa proprietà si scrive: x 1 2 3 4 5
Quindi:
y =k y =2
x x
k indica il valore della costante di 2 è la costante di proporzionalità
proporzionalità diretta. diretta.

Dalla proprietà della proporzionalità La legge della proporzionalità diretta


Legge diretta si ricava la sua legge: indicata nella tabella è:
y=k·x y=2·x

Dalla tabella si ricavano i punti:


(0; 0), (1; 2), (2; 4), (3; 6), (4; 8), (5; 10)
che sono allineati e appartengono
alla stessa semiretta.

Il grafico della proporzionalità y


diretta è una semiretta che ha inizio 10
nell’origine O (0; 0). 9
Grafico 8
Per disegnare la semiretta basta
7
unire con il righello il punto O con un 6
solo altro punto della tabella. 5
4
3
2
1

O 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
11 x

26 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


PROPORZIONALITÀ

Proporzionalità inversa Dalla tabella al grafico


La proporzionalità inversa è
una particolare funzione tra due x 1 2 3 5 10 20
variabili x e y tali che se una y 60 30 20 12 6 3
raddoppia, o triplica, …, allora
l’altra diventa la metà, un terzo, … La tabella rappresenta una
proporzionalità inversa perché il
Proprietà prodotto tra y e x è sempre uguale a 60.
In una proporzionalità inversa il Infatti:
Definizione prodotto tra coppie di valori (y e x)
corrispondenti è costante (k), cioè y · x = 60 · 1 = 30 · 2 = 20 · 3 = 12 · 5 =
non cambia. = 6 · 10 = 3 · 20 = 60
In simboli questa proprietà si
scrive: Quindi:
y·x=k y · x = 60
k indica il valore della costante di 60 è la costante di proporzionalità
proporzionalità inversa. inversa.

Dalla proprietà della proporzionalità La legge della proporzionalità inversa


inversa si ricava la sua legge: indicata nella tabella è:
Legge
y= k y = 60
x x
Dalla tabella si ricavano i punti: (1; 60),
(2; 30), (3; 20), (5; 12), (10; 6), (20; 3) che
appartengono alla stessa curva.

y
60

Il grafico della proporzionalità 50


inversa è una parte di una curva
che si chiama iperbole equilatera. 40
Grafico
Per disegnare l’iperbole si devono
tracciare tutti i punti della tabella e 30
unirli con un arco.
20

12
10
6
3

O 1 2 3 5 10 15 20 x

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 27


PROPORZIONALITÀ

Applicazioni della
Procedimenti
proporzionalità
Esempio
Se per 7 ore di lavoro un operaio riceve 126 €, quanto
riceverà per 9 ore di lavoro?
– Si costruisce una tabella con i valori corrispondenti
indicando con x quello dei quattro che non si conosce.

Compaiono due quantità N° ore 7 9


variabili direttamente
Problemi proporzionali. y 126 x
del tre Di due coppie di valori – Si applica la proprietà della proporzionalità diretta
semplice corrispondenti se ne per cui i rapporti tra due valori corrispondenti sono
diretto conoscono, in tutto, uguali:
tre e si vuole trovare il 7 9
=
quarto. 126 x
– Si scrive la proporzione e si ricava il valore di x:
7 : 126 = 9 : x
9 · 126
x= = 162
7
Per 9 ore di lavoro un operaio riceverà 162 €.

Esempio
Se 6 operai compiono un certo lavoro in 4 giorni, in
quanti giorni compiranno lo stesso lavoro 8 operai?
– Si costruisce una tabella con i valori corrispondenti
indicando con x quello dei quattro che non si conosce.

N° operai 6 8
Compaiono due quantità
variabili inversamente N° giorni 4 x
Problemi proporzionali.
– Si applica la proprietà della proporzionalità inversa
del tre Di due coppie di valori
semplice corrispondenti se ne per cui i prodotti tra due valori corrispondenti sono
inverso conoscono, in tutto, uguali:
tre e si vuole trovare il 6·4=8·x
quarto.
– Si scrive l’uguaglianza e si ricava il valore di x con il
grafo:
8 · x = 24 ·8
x 24
x = 24 : 8 = 3 8:
Gli 8 operai compiranno il lavoro in 3 giorni.

28 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N10 DATI E PREVISIONI

Definizioni e termini Procedimenti


Quando si osserva un dato in un Esempio
certo numero di casi, di esso si può Su 20 ragazzi 4 hanno gli occhi
calcolare: azzurri, 8 castani, 6 neri e 2 verdi.

• la frequenza assoluta (f ) che è il Per il dato “occhi azzurri”


numero di volte che il dato si ripete. la frequenza assoluta è f = 4,
Frequenze
la frequenze relativa è:
di dati • la frequenza relativa (F) che è il
rapporto tra il numero di volte che il 4 20
F= = 4 : 20 = 0,20 = = 20%
dato si ripete (f ) e il numero di casi 20 100
esaminati (n).
f
In simboli: F =
n
• Con un ortogramma o un 8
istogramma a rettangoli si può 7
rappresentare la frequenza assoluta 6
di un dato. 5
4
3
Rappre- 2
sentazione 1
0
di dati azzurri castani neri verdi

10%
• Con un areogramma a settori si 30% azzurri
può rappresentare la frequenza 20% castani
relativa di un dato in percentuale. neri
verdi
40%

Di una serie di dati numerici si Esempio


possono calcolare tre valori medi. In questa serie di cinque dati:
• La media aritmetica 3, 4, 6, 8, 8
È il valore che si ottiene dividendo • la media aritmetica è 5,8 perché:
la somma di tutti i dati per il loro (3 + 4 + 6 + 8 + 8) : 5 = 29 : 5 = 5,8;
numero.
Valori medi • La moda
di dati È il valore con la maggiore • la moda è 8 perché è il dato che si
frequenza. ripete di più rispetto agli altri;
• La mediana
È il valore centrale di una serie • la mediana è 6 perché è al centro
ordinata di dati se il numero dei dati della serie ordinata dei cinque dati.
è dispari (altrimenti è la media dei
due valori centrali).

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 29


DATI E PREVISIONI

Definizioni e termini Procedimenti


La probabilità di un evento E è Esempio
il rapporto tra il numero dei casi Qual è la probabilità che in un’urna
favorevoli e il numero dei casi con 6 palline gialle e 4 rosse esca
possibili: una pallina rossa?
p = 10 (numero totale di palline)
numero di casi
f = 4 (numero di palline rosse)
Probabilità favorevoli
classica Quindi:
P(E) = f P (E ) =
4
2
2
p =
10 5 5
probabilità numero di casi o in percentuale:
dell’evento E possibili 40
P (E) = 2 : 5 = 0,40 = = 40%
100

• Un evento certo è un evento che Esempi


accadrà sicuramente. • La probabilità che esca o testa o
La sua probabilità è uguale a 1. croce lanciando una moneta è 1.

• Un evento impossibile è un evento • La probabilità che non esca né


Tipi di che non accadrà mai. testa né croce lanciando una
La sua probabilità è uguale a 0. moneta è 0.
eventi
• Un evento casuale (o aleatorio) è • La probabilità che esca testa
un evento che può accadere. 1
lanciando una moneta è .
La sua probabilità è un numero 2
maggiore di 0 e minore di 1.

La probabilità statistica di un evento Esempio


E è la sua frequenza relativa se il Un macchinario ha prodotto 40 pezzi
numero dei casi esaminati è molto difettosi su 2000 prodotti.
grande: Qual è la probabilità che il
macchinario produca pezzi difettosi?
numero di volte
f = 40 (numero dei pezzi difettosi)
che E si ripete
p = 2000 (numero totale di pezzi)
Probabilità
statistica F(E) = f Quindi:
n 40
1
1
F (E ) = =
frequenza numero dei 2000 50 50
dell’evento E casi esaminati
o in percentuale:
2
F (E) = 1 : 50 = 0,02 = = 2%
100

30 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA N11 NUMERI RELATIVI E CALCOLO

Definizioni e termini Procedimenti


I numeri relativi o numeri reali sono Esempi
i numeri positivi, i numeri negativi • –1,4 è un numero relativo che ha:
e lo 0. segno: negativo;
valore assoluto valore assoluto: 1,4.
Numeri –3 +5 3
• + è un numero relativo che ha:
relativi 4
segno segno: positivo;
3
valore assoluto: .
4
Il segno + si può anche non scrivere.
Il numero 0 non ha segno.

Esempi
• Due numeri concordi sono numeri 5
• – 3 e – sono concordi perché
relativi con lo stesso segno. 7
hanno lo stesso segno.
• Due numeri discordi sono numeri 5
• – 3 e + sono discordi perché
relativi con segno diverso. 7
Particolari hanno segno diverso.
coppie • Due numeri opposti sono • – 3 e +3 sono opposti perché
di numeri particolari numeri discordi che hanno lo stesso valore assoluto (3)
relativi hanno lo stesso valore assoluto. e segno diverso.

• Due numeri reciproci sono 5 7


• – e – sono reciproci perché
particolari numeri concordi con 7 5
hanno i termini scambiati di posto
il numeratore e il denominatore
e lo stesso segno.
scambiati di posto.

Esempi
• Ogni numero positivo è maggiore • +3 è maggiore di 0.
di 0. In simboli: +3 > 0

• Ogni numero negativo è minore • – 72 è minore di 0.


di 0. In simboli: – 72 < 0

• Ogni numero positivo è maggiore • +3 è maggiore di – 72.


Confronto di ogni numero negativo. In simboli: +3 > – 72

• Tra due numeri positivi è maggiore • + 54 è maggiore di +3.


quello con valore assoluto In simboli: + 54 > +3
maggiore.

• Tra due numeri negativi è maggiore • – 2 è maggiore di – 54.


quello con valore assoluto minore. In simboli: – 2 > – 54

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 31


NUMERI RELATIVI E CALCOLO

Procedimenti Calcolo
Per addizionare due numeri Regola dei segni
relativi si scrivono in fila i numeri
e poi: addendo addendo risultato
+ + +
– se i numeri sono concordi
si addizionano i loro valori – – –
assoluti e si mantiene il loro Il segno è quello
segno; + –
dell’addendo che
ha valore assolu-
Addizione – + to maggiore
– se i numeri sono discordi (non
algebrica opposti) si sottraggono i loro Esempi
valori assoluti e si scrive il • +7 + 3 = +10
segno del numero con valore
assoluto maggiore. • – 7 – 3 = –10
• +7 – 3 = + 4 perché +7 ha valore
assoluto (7) maggiore di quello di – 3 (3).
• – 7 + 3 = –4 perché – 7 ha valore
assoluto (7) maggiore di quello di +3 (3).

• Se si addiziona a un numero Esempi


relativo il suo opposto si • – 7 + 7 = 0
ottiene 0.
Addizioni
algebriche • Se a un numero relativo si • – 7 + 0 = – 7
particolari addiziona o si sottrae 0 si –7 – 0 = –7
ottiene il numero stesso.

Per eliminare una parentesi che Esempi


racchiude un numero relativo si
segue questa regola:

– se la parentesi è preceduta dal • +(+3) = +3 +(– 3) = – 3


segno + (o da nessun segno)
si trascrive il numero con il
Eliminare proprio segno;
le parentesi
– se la parentesi è preceduta dal • –(+3) = – 3 – (– 3) = +3
segno – si trascrive il numero
con il segno cambiato.

Prima di eseguire un’addizione • (+3) + (– 5) = +3 – 5 = – 2


algebrica si devono togliere, se –(+3) – (– 5) = – 3 + 5 = + 2
ci sono, le parentesi.

32 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


NUMERI RELATIVI E CALCOLO

Procedimenti Calcolo
Regola dei segni

fattore fattore risultato


Per moltiplicare due numeri relativi
+ + +
si moltiplicano i loro valori assoluti e
poi: – – +
+ – –
– se i numeri sono concordi il
Moltiplicazione – + –
risultato è positivo;
Esempi
– se i numeri sono discordi il risultato • (+7) × (+3) = +21
è negativo.
• (– 7) × (– 3) = +21
• (+7) × (– 3) = – 21
• (– 7) × (+3) = – 21

• Se si moltiplica un numero relativo Esempi


Moltiplicazioni per 0 (o viceversa) si ottiene 0. • (– 4) × 0 = 0 × (– 4) = 0
particolari • Se si moltiplica un numero relativo 1
• (– 4) ×  –  = +1
per il suo reciproco si ottiene +1.  4

Regola dei segni

dividendo divisore risultato


+ + +
Per dividere due numeri relativi si
dividono i loro valori assoluti e poi: – – +
+ – –
– se i numeri sono concordi il
Divisione – + –
risultato è positivo;
Esempi
– se i numeri sono discordi il • (+12) : (+3) = +4
risultato è negativo.
• (–12) : (– 3) = +4
• (+12) : (– 3) = – 4
• (–12) : (+3) = – 4

• Se si dividono due numeri relativi Esempi


uguali (diversi da zero) si ottiene +1. • (+3) : (+3) = +1 (– 3) : (– 3) = +1
Divisioni • Se 0 è diviso da un numero relativo • 0 : (+3) = 0 0 : (– 3) = 0
particolari (diverso da zero) si ottiene 0.
• Non si può dividere un numero • (– 3) : 0 è impossibile
relativo per 0.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 33


NUMERI RELATIVI E CALCOLO

Procedimenti Calcolo
Per calcolare questa potenza si Regola dei segni
moltiplica tante volte il numero,
cioè la base, quante ne indica il suo potenza risultato
esponente e poi: (+)
pari
+
dispari
– se la base è positiva il risultato è (+) +
Potenza con sempre positivo; (–) pari
+
esponente dispari

(–)
intero – se la base è negativa il risultato è
positivo positivo quando l’esponente è pari, Esempi
negativo quando l’esponente è
dispari. • (+ 2)2 = (+ 2) × (+ 2) = + 4
• (+ 2)3 = (+ 2) × (+ 2) × (+ 2) = +8
• (– 2)2 = (– 2) × (– 2) = + 4
• (– 2)3 = (– 2) × (– 2) × (– 2) = – 8

Per calcolare questa potenza la si


deve trasformare in una potenza
con esponente intero positivo
trascrivendo il reciproco del numero,
cioè la base, e l’opposto del suo Esempio
3

Potenza con
esponente.
(−2)−3 =  − 1 =
2
esponente opposto dell’esponente
1 1 1
intero = −  × −  × −  =
3  2  2  2
1
negativo (– 2)– 3 = −  1
 2 =−
8
reciproco della base

Poi si applica il procedimento


precedente.
Esempi
• Se si eleva +1 a un qualsiasi • (+1)2 = +1 (+1)3 = +1
esponente si ottiene +1.

• Se si eleva – 1 a un esponente pari • (–1)2 = +1 (–1)3 = –1


Potenze si ottiene +1, se lo si eleva a un
particolari esponente dispari si ottiene –1.

• Se si eleva un numero relativo • (– 2)0 = +1


(diverso da zero) a esponente 0
si ottiene +1.

34 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


NUMERI RELATIVI E CALCOLO

Procedimenti Calcolo
• Prodotto di potenze con uguale Esempi
base: si riscrive la base e si • (– 2)3 × (– 2)2 = (– 2)3 + 2 = (– 2)5 = – 32
addizionano gli esponenti.

• Quoziente di potenze con uguale • (– 2)3 : (– 2)2 = (– 2)3 – 2 = (– 2)1 = – 2


base: si riscrive la base e si
sottraggono gli esponenti.
Proprietà
[ ]
2
• Potenza di potenza: si riscrive la • (– 2)3 = (– 2)3 × 2 = (– 2)6 = +64
delle base e si moltiplicano gli esponenti.
potenze
• Prodotto di potenze con uguale • (– 2)4 × (+5)4 = (– 2 × 5)4 = (–10)4 =
esponente: si moltiplicano le basi e = +10 000
si riscrive l’esponente.

• Quoziente di potenze con uguale • (–15)4 : (+5)4 = (–15 : 5)4 = (– 3)4 =


esponente: si dividono le basi e si = +81
riscrive l’esponente.

Regola dei segni

radice risultato
+ +
Per calcolare la radice di un numero è
importante osservare il suo segno: − impossibile
3
+ +
– se il numero è positivo la sua radice
quadrata o cubica è positiva;
3
− –
Radici
Esempi
– se il numero è negativo la sua
radice quadrata non esiste mentre • + 9 = + 3 perché (+3)2 = +9
la sua radice cubica è negativa. • − 9 è impossibile perché non
esiste un numero relativo che
elevato al quadrato dia – 9.
• 3 + 27 = + 3 perché (+3)3 = +27
• 3 − 27 = − 3 perché (–3)3 = – 27

Esempi
• Se si estrae la radice quadrata • +1 = +1 perché (+1)2 = +1
Radici (o cubica) di +1 si ottiene +1.
particolari
• Se si estrae la radice quadrata • 0 = 0 perché 02 = 0 × 0 = 0
(o cubica) di 0 si ottiene 0.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 35


SCHEDA N12 CALCOLO LETTERALE

Definizioni e termini Procedimenti


Un monomio è un’espressione Esempi
letterale che indica un prodotto.
• Il monomio 4x2 ha:
Le parti di un monomio sono:
– coefficiente: 4;
– parte letterale: x2.
parte numerica
o coefficiente parte letterale 1 3 2
• Il monomio – a b c ha:
4
Monomio –5 a2b 1
– coefficiente: – ;
4
Tra il coefficiente e ogni lettera c’è
l’operazione di moltiplicazione che – parte letterale: a3b2c.
non si indica.

Esempi
• Se il coefficiente di un monomio è • a2b ha coefficiente +1.
+1 (o 1), non lo si scrive.

• Se il coefficiente di un monomio è • – a2b ha coefficiente – 1.


Particolari – 1, si scrive solo il segno –.
monomi
• Se il coefficiente di un monomio è • 0a2b = 0 perché 0 × a2 × b = 0
0, si scrive solo il numero 0.

Esempio
–5a2b è di 3°grado perché
Il grado di un monomio è la somma l’esponente di a è 2 e quello di b è 1,
Grado
degli esponenti di tutte le sue lettere. quindi la loro somma è 2 + 1 = 3

Esempi
• Due monomi simili sono due • –5a2b e +3a2b sono simili perché
monomi con la stessa parte hanno stessa parte letterale.
letterale.
Monomi
simili • Due monomi opposti sono due • –5a2b e +5a2b sono opposti perché
particolari monomi simili che hanno stessa parte letterale e
hanno i coefficienti opposti. coefficienti opposti: –5 e + 5.

36 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


CALCOLO LETTERALE

Procedimenti Calcolo
L’addizione algebrica di due Esempi
monomi simili si esegue così: stessa parte letterale
– parti numeriche: si i
addizionano; • –12a + 4a = (–12 + 4)a = –8a
­h
Addizione – parte letterale: è uguale per i addizione
algebrica due monomi e si riscrive.
• –12a + 4a2 non si può eseguire
L’addizione algebrica si può
perché i due monomi non sono
eseguire solo se i due monomi
simili.
sono simili.

La moltiplicazione tra due Esempi


monomi si esegue così: addizione
– parti numeriche: si i
3 2 3+2
moltiplicano; • (–12a ) × (4a ) = (–12 × 4)a = – 48a5
Moltiplicazione ­­h
– parti letterali: si addizionano moltiplicazione
gli esponenti delle lettere
uguali. • (3a4b2c) × (a2b) = (3 × 1)a4 + 2b2 + 1c =
= 3a6b3c

La divisione tra un primo Esempi


monomio e un secondo sottrazione
monomio (diverso da zero) si i
3 2 3–2
esegue così: • (–12a ) : (4a ) = (–12 : 4)a = –3a
– parti numeriche: si divide la ­­h
Divisione prima per la seconda; divisione

– parti letterali: si sottraggono • (3a4b3c) : (a2bc) = (3 : 1)a4 – 2b3 – 1c1 – 1 =


gli esponenti delle lettere = 3a2b2c0 = 3a2b2
uguali. La lettera c non c’è perché c0 = 1

La potenza di un monomio si Esempi


esegue così: moltiplicazione
– parte numerica: si calcola la i
• (–4a2) = (–4)3a2 × 3 = – 64a6
3
potenza;
­­h
Potenza – parte letterale: si moltiplicano potenza
gli esponenti di ogni lettera
per l’esponente a cui è • (–3a4b3c)2 = (–3)2a4 × 2b3 × 2c1 × 2 =
elevato il monomio. = 9a8b6c2

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 37


CALCOLO LETTERALE

Definizioni, termini e regole Procedimenti


Un polinomio è un’espressione Esempi
letterale che indica un’addizione • 7a2b – 4a + 15ab – 3
algebrica di monomi. Il polinomio ha come termini:
7a2b, –4a, +15ab, –3.
–5a2 + 2a – 3b
3 2 7
Polinomio • x − 3 xy +
termini 4 2
Il polinomio ha come termini:
I termini del polinomio sono i monomi 3 2 7
x , − 3 xy , + .
che lo formano e che possono anche 4 2
essere numeri relativi.

Un polinomio può avere: Esempi

• due termini e allora si chiama • 2x – 3y è un binomio perché è


binomio; formato da due termini.
Particolari • tre termini e allora si chiama • 5x2 + 2x – 3y è un trinomio
polinomi trinomio; perché è formato da tre termini.

• quattro termini e allora si chiama • 5x2 + 2x – 3y + 7 è un


quadrinomio. quadrinomio perché è formato
da quattro termini.

Esempio
–5a2 + 2a3 – 3b è di 3° grado
perché 3 è il maggiore dei gradi
Il grado di un polinomio è il maggiore dei suoi termini dato che:
Grado
dei gradi dei suoi termini. –5a2 è di 2° grado;
+2a3 è di 3° grado;
–3b è di 1° grado.

Per eliminare una parentesi che Esempi


racchiude un polinomio si segue
questa regola:

– se la parentesi è preceduta dal segno • +(–4x + 5y – 3) = –4x + 5y – 3


Eliminare + (o da nessun segno) si trascrive
le parentesi ogni termine del polinomio con il
proprio segno;

– se la parentesi è preceduta dal • –(–4x + 5y – 3) = +4x – 5y + 3


segno – si trascrive ogni termine del
polinomio con il segno cambiato.

38 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


CALCOLO LETTERALE

Procedimenti Calcolo
L’addizione algebrica di due o Esempio
più polinomi simili si esegue
così: (3x – 5y + 2) – (–5x – 4y) =
– si tolgono le parentesi con la = 3x – 5y + 2 + 5x + 4y =
Addizione regola precedente;
algebrica – si addizionano, se ci sono,
i termini simili e questa riduzione
operazione si dice riduzione = 8x – 1y + 2
dei termini simili.

• La moltiplicazione tra un Esempi


monomio e un polinomio si
esegue così: • (2x) · (3x – 5y + 2) = 6x 2 – 10xy + 4x
– si moltiplica il monomio per
ogni termine del polinomio.
moltiplicazione

Moltiplicazione • La moltiplicazione tra due


polinomi si esegue così:
• (2x – y) · (x + 3y) = 2x2 + 6xy – yx – 3y 2
– si moltiplica ogni termine del
primo polinomio per ogni
termine del secondo. moltiplicazione

La divisione tra un polinomio e Esempio


un monomio (diverso da zero)
si esegue così: (6x3 – 12x2y + 3x2) : (3x) = 2x2 – 4xy + x
Divisione
– si divide ogni termine del
polinomio per il monomio.
divisione

Il quadrato di un binomio, Esempio


cioè un binomio elevato alla (a + b)2 = a2 + 2ab + b2 perché:
seconda, si esegue così:
– si eleva al quadrato il primo – il quadrato di a è a2;
Quadrato termine;
di un binomio – si moltiplica per 2 il prodotto – il prodotto di a e b moltiplicato per 2
del primo termine per il è: 2 · (a) · (b) = 2ab;
secondo;
– si eleva al quadrato il secondo – il quadrato di b è b2.
termine.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 39


SCHEDA N13 EQUAZIONI

Definizioni, termini e regole Procedimenti


Una equazione è un’uguaglianza tra Esempi
due espressioni di cui almeno una • 3x + 4 = 5x – 2
letterale. – incognita: x;
Le parti di un’equazione sono: – termini incogniti: 3x e 5x;
– termini noti: 4 e –2.
I membro II membro È di 1° grado perché i termini
incogniti sono di 1° grado.
Equazione 3x + 4 = 5x – 2
• 2x = 6
L’incognita è la lettera che compare. – incognita: x;
I termini incogniti contengono la – termine incognito: 2x;
lettera e i termini noti no. – termine noto: 6.
Un’equazione è di 1° grado se i termini È di 1° grado.
incogniti sono tutti di 1° grado.

Esempio
La soluzione dell’equazione
3x + 4 = 5x – 2 è il numero 3,
perché sostituendo 3 al posto di x
La soluzione di un’equazione è quel si ottiene un’uguaglianza vera:
Soluzione valore che, sostituito all’incognita, dà
un’uguaglianza numerica vera. 3x + 4 = 5x – 2

3 · (3) + 4 = 5 · (3) – 2
9 + 4 = 15 – 2
13 = 13 è vera

Un’equazione si può semplificare Esempio


applicando queste regole. 3x + 4 = 5x – 2

• Regola del trasporto 3x – 5x = – 4 – 2


Si può trasportare un termine da un riducendo i termini simili
membro all’altro di un’equazione l’equazione diventa:
purché lo si cambi di segno. – 2x = – 6

• Regola del cambio di segno – 2x = – 6 diventa:


Regole
Si può cambiare segno a ogni 2x = 6
termine di un’equazione.

• Regola del “moltiplicare o dividere” 2x = 6 dividendo entrambi i


Si possono moltiplicare o dividere membri per 2 si ottiene:
entrambi i membri di un’equazione 2x 6
= che quindi diventa:
per uno stesso numero diverso da 2 2
zero. x=3

40 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


EQUAZIONI

Procedimenti Calcolo
Per risolvere un’equazione, cioè per Esempio
trovare la sua soluzione, la si semplifica
seguendo i seguenti passi, anche se 4(3x + 2) = 8 – 2(1 – x) – 4x
non tutti sono sempre necessari.
1) Si eliminano le parentesi. 1) 12x + 8 = 8 – 2 + 2x – 4x
2) Si riducono i termini simili. 2) 12x + 8 = 6 – 2x
3) Si applica la regola del trasporto 3) 12x + 2x = – 8 + 6
raggruppando i termini incogniti al I
membro e i termini noti al II membro.
4) Si riducono i termini simili fino ad 4) 14x = – 2 forma normale
avere un solo termine incognito
Risoluzione al I membro e uno solo noto al
II membro.
Si dice allora che l’equazione è in
forma normale, cioè nella forma più
semplificata possibile.
5) Si dividono entrambi i membri per il 14x 2
5) =–
coefficiente (la parte numerica) del 14 14
termine incognito.
6) Il valore ottenuto è la soluzione 1
6) x = –
dell’equazione. 7
1
Il valore – è la soluzione
7
dell’equazione.

Esempio
Il doppio dell’età di Sara aumen-
tato di 5 anni è uguale a 21 anni.
Quanti anni ha Sara?

Le equazioni si utilizzano per risolvere Età di Sara (in anni): x


alcuni tipi di problemi seguendo questo Testo In simboli
procedimento: Doppio dell’età di Sara: 2x
– si indica con x (o con un’altra lettera) aumentato di 5 anni: +5
Problemi
la quantità da trovare; è uguale a 21 anni: = 21
– si trasforma il testo del problema in
L’equazione è: 2x + 5 = 21
una equazione;
Si risolve: 2x = 21 – 5
– si risolve l’equazione.
2x = 16
2x 16
=
2 2
x=8
Sara ha 8 anni.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 41


SCHEDA N14 PIANO CARTESIANO E GRAFICI

Definizioni e termini Grafico


Il piano cartesiano è
suddiviso da due assi positivi u
y
perpendicolari in quattro
parti chiamate quadranti. II quadrante I quadrante
(–; +) (+; +)
L’asse delle ascisse si negativi positivi
Piano indica con x. O x
L’asse delle ordinate si III quadrante IV quadrante
indica con y. (–; –) (+; –)
L’origine è il punto di
incontro degli assi e si negativi
indica con O.
La posizione di un punto Per tracciare un punto si osservano i segni
A nel piano cartesiano delle coordinate e si segue questo percorso:
è indicata dalle sue – si parte da O e ci si sposta a destra (+), o a
coordinate che sono due sinistra (–) o si rimane fermi (0) considerando
numeri: il primo numero;
– si prosegue in alto (+), o in basso (–) o si
A(–2; +3) rimane fermi (0) considerando il secondo
numero.
Punto ascissa ordinata
Esempio y u
A
L’ascissa, cioè il valore • +3
Per tracciare
che si trova sull’asse x, è A(–2; +3) si parte da O
sempre al primo posto. e si procede di 2 unità a
L’ordinata, cioè il valore –2 O x
sinistra (–), poi si prosegue
che si trova sull’asse y, è di 3 unità in alto (+).
sempre al secondo posto.

Esempio
y u
A(+1; +1)
B
B(+4; +5) +5 •

La misura di un segmento
AB che ha come estremi i A
punti A ( x A ; y A ) e B ( xB ; yB )
+1 •
Segmento La misura del segmento
si trova con questa formula: O +1 +4 x
AB, rispetto a u, è:
AB = ( xA − xB )2 + ( y A − yB )2
AB = (+1 − 4)2 + (+1 − 5)2 =
= (− 3)2 + (− 4)2 = 9 + 16 =
= 25 = 5 ( u )

42 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


PIANO CARTESIANO E GRAFICI

Equazione Grafico
L’equazione di una Per tracciare una retta si costruisce una tabella in
retta è di questo tipo: questo modo:
– si assegnano a x due valori (ad esempio 0 e 1);
y=m·x+q – si ricavano i valori corrispondenti di y sostituendoli
nell’equazione;
coefficiente termine – si ricavano le coordinate dei due punti.
di x noto
Esempio
u
x e y sono variabili, L’equazione della retta y
Retta cioè valori che è y = 2x + 1.
cambiano; +3 B•
La tabella è:
m e q sono costanti,
cioè valori che non x y +1 • A
cambiano. 0 +1
O +1 x
+1 +3
La retta passa per
A(0; +1) e B(+1; +3).
La costante m Esempio y u
si chiama anche L’equazione della retta +8 •r
coefficiente angolare r è y = 2x + 6.
perché dal suo valore +6 • s
dipende l’inclinazione x y
della retta rispetto 0 +6
all’asse x. +1 +8

Costante m A coefficienti angolari L’equazione della retta


uguali corrispondono s è y = 2x – 3. O +1
inclinazioni uguali e x y
x
–1 •
quindi rette parallele.
0 –3
–3 •
+1 –1
Le due rette hanno lo stesso coefficiente angolare
m, che è 2; infatti le due rette sono parallele.

La costante q indica Esempio


il punto in cui la retta L’equazione della retta u
y
incontra l’asse y. r è y = 2x.
+2 •
x y
Costante q Se il termine noto
q non c’è, cioè è 0, 0 0 •
O +1 x
allora la retta passa +1 +2
per l’origine O.
La costante q è 0 e infatti la retta passa per l’origine.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 43


PIANO CARTESIANO E GRAFICI

Equazione Grafico
È formato da due rami simmetrici rispetto all’origine O.
Si disegna costruendo una tabella assegnando a x più
di due valori (tranne 0).
Esempio
24
L’equazione dell’iperbole è: y =
x
La tabella è:
L’equazione
di un’iperbole x –24 –8 –1 +1 +8 +24
equilatera è di
questo tipo: y –1 –3 –24 +24 +3 +1

y= k
Iperbole
y u
x • D(+1; +24)

y e x sono variabili; E(+8; +3)


k è costante.
• F(+24; +1)


A(–24; –1) • O x

B(–8; –3)

C(–1; –24) •

k positivo k negativo

y y
I quadrante
II quadrante

O
Il segno della x O x
costante k indica in
quali quadranti si III quadrante IV quadrante
Costante k
trovano i due rami Esempi
dell’iperbole 6
equilatera. • y = è l’equazione di un’iperbole equilatera il cui
x
grafico è nel I e III quadrante perché k (6) è positivo.
6
• y = – è l’equazione di un’iperbole equilatera il
x
cui grafico è nel II e IV quadrante perché k (–6) è
negativo.

44 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


PIANO CARTESIANO E GRAFICI

Equazione Grafico
È formato da una curva passante per l’origine O e
simmetrica rispetto all’asse y.
Si disegna costruendo una tabella assegnando a x più
di due valori (anche 0).

Esempio
2
L’equazione della parabola è: y = x

L’equazione di La tabella è:
una parabola è di
questo tipo: x y y u
–4 +16
Parabola 2
y = x2
y=a·x –3 +9
+16
–1 +1 A• •F
y e x sono variabili;
0 0
a è costante.
+1 +1 +9
B• •E
+3 +9
+4 +16

–4 C• •D +4
O
–3 –1 +1 +3 x

a positivo a negativo

II quadrante y I quadrante y
O
x

Il segno della
costante a indica in
Costante a
quali quadranti si O x
III quadrante IV quadrante
trova la parabola.
Esempi
• y = 6x2 è l’equazione di una parabola il cui grafico è
nel I e II quadrante perché a (6) è positivo.
• y = – 6x2 è l’equazione di una parabola il cui grafico è
nel III e IV quadrante perché a (– 6) è negativo.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 45


SCHEDA N15 INSIEMI

Definizioni, termini e simboli Rappresentazione


Un insieme è un gruppo di oggetti Esempio
chiamati elementi. Con i diagrammi di Eulero-Venn:

In simboli A
Per indicare che un elemento 1• •3
appartiene o non appartiene a un •4
insieme si scrive: 2•
•5
Insieme
• ∈ e si legge “appartiene a”;
1∈A 6∉A
• ∉ e si legge “non appartiene a”.
Per elencazione:
A = {1, 2, 3, 4, 5}

Esempi
• Un insieme vuoto è un insieme • L’insieme A dei numeri naturali
senza alcun elemento. negativi è vuoto:
In simboli: ∅
A=∅={ }

Insiemi • Un insieme infinito ha un numero • L’insieme N dei numeri naturali è


particolari illimitato di elementi. infinito:
N = {0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, …}

Una parte di un insieme si chiama Esempio


sottoinsieme. Con i diagrammi di Eulero-Venn:

In simboli A
Per indicare che un insieme è B
1• •3
contenuto o non è contenuto in un •4
altro insieme si scrive: 2• •5
Sottoinsieme • ⊂ e si legge “è contenuto in”;
• ⊄ e si legge “non è contenuto in”. B⊂A

Per elencazione:
{3, 4, 5} ⊂ {1, 2, 3, 4, 5}

46 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


INSIEMI

Definizioni, termini e simboli Rappresentazione


L’intersezione di due insiemi è Esempio
l’insieme formato solo dagli elementi Con i diagrammi di Eulero-Venn:
comuni sia all’uno che all’altro
insieme. A B
1• ••33 •6
In simboli ••44
Per indicare l’insieme intersezione tra 2• • 5 •7
• ­5
Intersezione due insiemi si scrive questo simbolo
tra essi:
∩ e si legge “intersezione”. A∩B

Per elencazione:
A ∩ B = {3, 4, 5}

L’unione di due insiemi è l’insieme Esempio


formato da tutti gli elementi sia Con i diagrammi di Eulero-Venn:
dell’uno che dell’altro insieme.
A B
In simboli 1• ••33 •6
Per indicare l’insieme unione tra due ••44
insiemi si scrive questo simbolo tra 2• • 5 •7
•5
Unione essi:
∪ e si legge “unione”.
A∪B

Per elencazione:
A ∪ B = {1, 2, 3, 4, 5, 6, 7}

La differenza tra un insieme e un Esempio


suo sottoinsieme è formato da tutti Con i diagrammi di Eulero-Venn:
gli elementi dell’insieme che non
appartengono al sottoinsieme. A
­ B
1• •3
In simboli •4
Per indicare l’insieme differenza tra 2• •5
Differenza un insieme e un suo sottoinsieme si
scrive questo simbolo tra essi:
− e si legge “meno”. A−B

Per elencazione:
A − B = {1, 2}

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 47


SCHEDA N16 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E INDAGINI

Definizioni e termini Calcolo

numero casi favorevoli


P(E) =
numero casi possibili
Esempio
Qual è la probabilità che lanciando
Un evento E casuale o aleatorio è un dado esca un numero pari?
un fatto che può verificarsi, cioè che
Evento può accadere. numero dei casi
favorevoli che sono:
casuale La sua probabilità si indica con P(E)
ed è un numero maggiore di 0 e 2, 4, 6.
3
minore di 1. P(E) =
6
numero dei casi possibili
che sono: 1, 2, 3, 4, 5, 6.

1
Semplificando: P(E) =
2
• Un evento E certo accadrà P(E certo) = 1
sicuramente.
Esempio
Qual è la probabilità che lanciando
un dado esca un numero minore
di 7?
6
P(E) = = 1
Eventi 6
particolari • Un evento E impossibile non P(E impossibile) = 0
accadrà mai. Esempio
Qual è la probabilità che lanciando
un dado esca un numero maggiore
di 7?
0
P(E) = = 0
6

Due eventi sono contrari tra loro se P(E contrario di E) = 1 – P(E)


uno accade soltanto quando non
accade l’altro.
Esempio
Se un evento si indica con E il suo
Qual è la probabilità che lanciando
contrario si indica con E.
Eventi un dado non esca il numero 5?
contrari Esempio 1 6–1 5
P(E) = 1 – = =
Nel lancio di un dado l’uscita del 6 6 6
numero 5 (evento E) ha come evento
contrario la non uscita del numero 5
E: “Esce il numero 5”­
(evento E ).

48 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E INDAGINI

Definizioni e termini Calcolo


Due eventi A e B sono incompatibili Regola della somma
se non possono accadere insieme.
P(A o B) = P(A) + P(B)
Esempio
Nel lancio di un dado se esce il Esempio
numero 5 (evento A) allora vuol Qual è la probabilità che nel lancio di
Eventi dire che non esce un numero pari un dado esca il 5 o un numero pari?
incompatibili (evento B): quindi A e B sono
1 3 42 2
eventi incompatibili. P( A o B) = + = =
6 6 63 3

A: “Esce il B: “Esce un
numero 5” numero pari”

Due eventi A e B sono compatibili P(A o B) = P(A) + P(B) – P(A e B)


se possono accadere insieme.
Esempio
Esempio
Qual è la probabilità che nel lancio di
Nel lancio di un dado se esce un
un dado esca un numero minore di 5
numero minore di 5 (evento A)
o un numero pari?
Eventi allora vuol dire che può anche
compatibili uscire un numero pari (evento B)
P( A o B) =
4 3 2 5
+ − =
come il 4 e il 2: quindi A e B sono 6 6 6 6
eventi compatibili.
A: “Esce B: “Esce A e B:
un numero un numero “Esce un
minore di 5” pari” numero minore
di 5 e pari”

Due eventi A e B indipendenti Regola del prodotto


possono accadere in modo slegato
l’uno dall’altro. P(A e B) = P(A) · P(B)
Si osservano in prove ripetute
come più lanci di dadi o più Esempio
estrazioni da urne. Qual è la probabilità che lanciando
due volte un dado esca la prima
Eventi Esempio volta 5 e la seconda un numero pari?
indipendenti Lanciando due volte un dado
1 3 31 1
l’uscita del numero 5 la prima volta P( A e B) = ⋅ = =
6 6 36 12 12
(evento A) non è legata all’uscita
del numero 1 la seconda volta
(evento B): quindi A e B sono eventi A: “Esce la prima B: “Esce la
indipendenti. volta il numero 5” seconda volta
un numero pari”

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 49


CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E INDAGINI

Fasi di un’indagine statistica Esempio di indagine


In questa fase si raccolgono i dati. In una giornata sportiva si effettua
una gara di lancio del peso in cui si
Nella rilevazione completa si consi- effettuano 25 lanci.
1. derano tutti i casi che formano la Vengono raccolte le misure di
Rilevazione popolazione statistica da esaminare. tutti i 25 lanci effettuati e quindi la
Nella rilevazione per campione si rilevazione è completa.
considerano solo una parte dei casi
della popolazione.

In questa fase i dati vengono classi


sistemati in una tabella in cui si (in m) f F
calcolano le frequenze.
6-7 2 2 : 25 = 0,08 = 8%
I dati numerici osservati, se 7-8 7 7 : 25 = 0,28 = 28%
numerosi, si possono anche 8-9 9 9 : 25 = 0,36 = 36%
suddividere in gruppi detti classi.
9-10 6 6 : 25 = 0,24 = 24%
Di ogni classe di dati si calcola:
2. 10-11 1 1 : 25 = 0,04 = 4%
Elaborazione – la frequenza assoluta (f ) cioè 25 100%
quante volte si presenta;
– la frequenza relativa (F) che
si ottiene dividendo f per il I lanci, a seconda delle loro misure,
numero (n) totale di dati raccolti sono suddivisi in cinque classi:
e indicando il risultato in – da 6 m a meno di 7 m in cui ci
percentuale. sono 2 lanci e quindi f = 2;
– da 7 m a meno di 8 m in cui ci
sono 7 lanci e quindi f = 7; ecc.
In questa fase i dati elaborati frequenza f
vengono rappresentati con un 9
grafico. 8
7
• Per rappresentare le frequenze 6
assolute si può utilizzare un 5
4
istogramma.
3
3. 2
Rappresen- 1
tazione 0
6 7 8 9 10 11 classi dei lanci (m)
• Per rappresentare le frequenze 4%
8%
relative si può utilizzare 24% 6-7
un’areogramma. 7-8
28% 8-9
9-10
10-11
36%

50 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F1 SEGMENTI, ANGOLI E RETTE

Definizioni e termini Figure e simboli

A B
Un segmento è una parte di retta
Segmento limitata da due punti detti estremi Segmento con estremi A e B.
del segmento. In simboli: AB
AB indica invece la sua misura.

La misura di un segmento dipende


dalla sua lunghezza.
L’unità di misura fondamentale della
km
lunghezza è il metro (m). : 10 hm 10
Unità superiori al metro: dam 10
m 10
• decametro (dam) dm 10
• ettometro (hm) cm 10
• chilometro (km) mm 10 × 10
Misura
Unità inferiori al metro:
• decimetro (dm)
• centimetro (cm)
• millimetro (mm) Esempi
• 2 cm = (2 × 10) mm = 20 mm
Data un’unità, per trasformarla • 2 cm = (2 : 10) dm = 0,2 dm
nell’unità inferiore la si moltiplica
per 10 e per trasformarla nell’unità
superiore la si divide per 10.

• Un multiplo di un segmento
C D A B
si ottiene raddoppiandolo, o
triplicandolo, o quadruplicandolo, …
Multiplo • AB è il doppio di CD.
e In simboli: AB = 2CD
• Un sottomultiplo di un segmento
sottomultiplo si ottiene dividendolo in due, o in
• CD è la metà di AB.
tre, … parti congruenti, cioè con la
1
stessa lunghezza. In simboli: CD = AB
2

A M B

Il punto medio di un segmento è il M è il punto medio di AB.


Punto punto che divide un segmento in In simboli: AM = MB
medio due parti congruenti.
Esempio
Se AB = 12 cm,
allora AM = MB = 6 cm

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 51


SEGMENTI, ANGOLI E RETTE

Definizioni e termini Figure e simboli


B

Un angolo è una parte di piano limitata


da due semirette che hanno l’origine in
a
comune.
Angolo O A
I lati dell’angolo sono le due semirette.
Il vertice dell’angolo è l’origine delle due Angolo con vertice O e lati OA e
semirette. OB.
In simboli: AOB
Si può anche scrivere solo a o O.
La misura di un angolo dipende dalla sua
: 60
ampiezza.
grado
L’unità di misura fondamentale primo
dell’ampiezza è il grado (°). secondo
Unità inferiori al grado:
× 60
• il primo (' ) che è la sessantesima parte
Misura del grado;
• il secondo (" ) che è la sessantesima Esempi
parte del primo. • 4° = (4 × 60)' = 240'
• 120" = (120 : 60)' = 2'
Data un’unità, per trasformarla nell’unità
inferiore la si moltiplica per 60 e per
trasformarla nell’unità superiore la si
divide per 60.

• Un multiplo di un angolo si ottiene b a


raddoppiandolo, o triplicandolo, o
Multiplo quadruplicandolo, … • a è il doppio di b.
e sotto- In simboli: a = 2b
multiplo • Un sottomultiplo di un angolo si ottiene
• b è la metà di a.
dividendolo in due, o in tre, … parti
1
congruenti, cioè con la stessa ampiezza. In simboli: b = a
2
B
C

a
La bisettrice di un angolo è la semiretta O A
Bisettrice che divide l’angolo in due angoli OC è la bisettrice di AOB.
congruenti.
In simboli: AOC = COB

Esempio
Se AOB = 60°,
allora AOC = COB = 30°.

52 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SEGMENTI, ANGOLI E RETTE

Definizioni e termini Figure e simboli


• Un angolo piatto è un angolo
con i lati che sono semirette B O A AOB = 180°
opposte.
La sua misura è 180°. B
• Un angolo retto è la metà di un
angolo piatto. AOB = 90°
La sua misura è 90°. O A

• Un angolo acuto è minore di B


un angolo retto.
La sua misura è minore di 90°. AOB < 90°
Angoli O
• Un angolo ottuso è maggiore A
particolari
di un angolo retto e minore di
un angolo piatto. B
La sua misura è maggiore di 90° < AOB < 180°
90° e minore di 180°.
O A
• Un angolo giro è formato da
tutti i punti del piano. O B≡A AOB = 360°
La sua misura è 360°.

• Un angolo nullo è formato solo


O B≡A
dai punti dei suoi lati. AOB = 0°
La sua misura è 0°.

• Due angoli si dicono C


complementari se la loro B
somma è un angolo retto e
quindi misura 90°. In simboli:
O A AOB + BOC = 90°
Esempio
Se AOB = 35°,
Angoli allora BOC = 55° perché
complementari 35°+ 55° = 90°.
e B
supplementari • Due angoli si dicono
supplementari se la loro C O A
somma è un angolo piatto e In simboli:
quindi misura 180°. AOB + BOC = 180°
Esempio
Se AOB = 35°,
allora BOC = 145° perché
35°+ 145° = 180°.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 53


SEGMENTI, ANGOLI E RETTE

Definizioni e termini Figure e simboli


a
90° 90°
Due rette perpendicolari tra loro b
Rette sono due rette che si incontrano e 90° 90°
perpendicolari dividono il piano in quattro angoli
retti.
Il simbolo di perpendicolarità è ^.
a ^ b si legge “la retta a è
perpendicolare alla retta b”.

b
Due rette parallele tra loro sono a
Rette parallele due rette di uno stesso piano che
non hanno punti in comune. Il simbolo di parallelismo è ⁄⁄ .
a ⁄⁄ b si legge “la retta a è parallela
alla retta b”.

Asse L’asse di un segmento è la retta


di un perpendicolare al segmento e che A M B
segmento passa per il suo punto medio.
a è asse del segmento AB.
In simboli: a ^ AB e AM = MB

H
• La distanza tra due punti si P
disegna tracciando il segmento
• PH è la distanza di P da H.
che ha per estremi i due punti.

P
• La distanza di un punto da una
retta si disegna tracciando il
segmento di perpendicolare dal H r
Distanze
punto alla retta.
• PH è la distanza di P da r.

P
• La distanza tra due rette s
parallele si disegna tracciando il
segmento di perpendicolare da
un punto qualsiasi di una delle H r
due rette all’altra. • PH è la distanza tra le rette
parallele r e s.

54 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F2 POLIGONI

Definizioni e termini Figure e simboli


Un poligono è una parte di piano D
E
limitata da una spezzata chiusa
non intrecciata.
Il contorno del poligono è la Poligono con
spezzata. vertici A, B, C, A
I lati del poligono sono i segmenti D, E e lati AB,
Poligono del contorno. BC, CD, DE, EA.
I vertici del poligono sono gli B
In simboli: ABCDE
estremi dei lati. C
Esempio
Due lati si dicono consecutivi se AB e BC sono lati consecutivi perché
hanno un vertice in comune. hanno in comune B.

Un poligono ha almeno tre lati e


prende il nome dal numero n dei
suoi lati.
• Triangolo: tre lati (n = 3) 3 4 5
Nomi dei
• Quadrilatero: quattro lati (n = 4)
poligoni
• Pentagono: cinque lati (n = 5)
• Esagono: sei lati (n = 6)
• Ettagono: sette lati (n = 7)
• Ottagono: otto lati (n = 8) ecc. 6 7 8
Il perimetro di un poligono è la C
misura della lunghezza del
contorno.
Perimetro Il perimetro si indica con 2p. B
Il semiperimetro, cioè la metà del A
perimetro, si indica con p. In simboli: p = AB + BC + CA

E C
Una diagonale di un poligono è un
segmento che congiunge due suoi
vertici non consecutivi. A B
Diagonali Le diagonali del pentagono sono
Il numero di tutte le diagonali di un AD, AC, BE, BD, CE.
poligono con n lati è:
n × (n – 3) : 2 Esempio
Se un poligono è un esagono (n = 6),
allora il numero delle sue diagonali è:
6 × (6 – 3) : 2 = 6 × 3 : 2 = 18 : 2 = 9

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 55


POLIGONI

Definizioni e termini Figure e simboli


Un angolo interno o,
semplicemente, un angolo di un
poligono è formato da due suoi Esempio angolo
interno
lati consecutivi. Se un poligono è un
Angoli a
pentagono (n = 5),
interni La misura della somma degli allora la misura della somma
angoli interni di un poligono con dei suoi angoli interni è:
n lati è: 180° × (5 – 2) = 180° × 3 = 540°
180° × (n – 2)
Un angolo esterno di un poligono
angolo
è formato da un suo lato e esterno
dal prolungamento di un lato b
consecutivo a esso.
Esempio
Angoli La misura della somma degli Per tracciare gli
esterni angoli esterni (uno solo per ogni angoli esterni si
vertice) di un qualsiasi poligono è fissa un verso e
sempre: si prolungano i
360° lati come in una
“girandola”.

Un angolo interno di un poligono


angolo
e un angolo esterno angolo esterno
Relazione con lo stesso vertice sono a e b sono interno
b
tra angoli supplementari, cioè la misura supplementari. a
della loro somma è:
interni ed In simboli: a + b = 180°
esterni 180°
Esempio
Se a = 120°, allora b = 60°.

Un poligono regolare è un F E
poligono con tutti i lati e gli angoli ABCDEF è un
congruenti. esagono regolare.
A D
Il perimetro di un poligono
regolare si ottiene moltiplicando
Poligoni la misura di un suo lato (l) per il B C
regolari numero dei lati (n):
In simboli: AB = BC = CD = DE = EF = FA
2p = l × n A =B=C=D=E =F
Esempio
Se l = 15 cm, allora il perimetro
dell’esagono regolare è:
2p = (15 × 6) cm = 90 cm

56 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F3 TRIANGOLI

Definizioni e termini Figure e simboli


Un triangolo è un poligono con C
tre lati e tre angoli. In simboli:
In ogni triangolo la misura della A + B + C = 180°
somma degli angoli è sempre A
Triangolo 180°. B
Due angoli che hanno in comune
un lato si dicono adiacenti a tale Esempio
lato. A e B sono adiacenti al lato AB.

1) Un triangolo scaleno ha i tre C


lati non congruenti. In simboli:
AB ≠ BC ≠ AC

A B
C

2) Un triangolo isoscele ha due In simboli:


Classificazione lati congruenti. AB ≠ BC = AC
rispetto ai lati
A B
C
In simboli:
3) Un triangolo equilatero ha i tre AB = BC = AC
lati congruenti.
A B
1) Un triangolo acutangolo ha tre C
angoli acuti. In simboli:
A, B, C < 90°

A B
2) Un triangolo rettangolo ha un C
angolo retto. In simboli:
Classificazione A = 90°
rispetto
agli angoli A B

3) Un triangolo ottusangolo ha C
un angolo ottuso. In simboli:
A > 90°

A B

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 57


TRIANGOLI

Definizioni e termini Figure e simboli


L’altezza di un triangolo relativa a un
C
lato è la parte di perpendicolare che
va dal lato (o il suo prolungamento) al
vertice opposto.

Altezza Un triangolo ha tre altezze che


si incontrano (prolungandole se
necessario) in un punto detto A H B
ortocentro.
CH è l’altezza relativa al lato AB.
In simboli: CH ^ AB

La mediana di un triangolo relativa a


un lato è il segmento che va dal punto C
medio del lato al vertice opposto.

Un triangolo ha tre mediane che


Mediana si incontrano in un punto detto
baricentro.
A M B

CM è la mediana relativa al lato AB.


In simboli: AM = MB

La bisettrice di un triangolo relativa C


a un angolo è la parte di bisettrice
che va dal vertice dell’angolo al lato G
opposto.
Bisettrice Un triangolo ha tre bisettrici che
si incontrano in un punto detto A B
incentro.
AG è la bisettrice dell’angolo Â.
In simboli: BÂG = GÂC

L’asse di un triangolo relativo a un


C a
lato è la retta perpendicolare al lato
nel suo punto medio.

Un triangolo ha tre assi che si


Asse incontrano in un punto detto
circocentro. A M B

a è l’asse relativo al lato AB.


In simboli: a ^ AB e AM = MB

58 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


TRIANGOLI

Definizioni e termini Figure e simboli


C
angolo al vertice
In un triangolo isoscele i due lati
congruenti formano l’angolo al lato lato
vertice. altezza relativa alla base
Il terzo lato si chiama base e gli
Triangolo angoli congruenti adiacenti a essa angoli alla base
isoscele si chiamano angoli alla base. A H B
base
Esempio
• Un triangolo isoscele può
Se AC = 10 cm e AB = 3 cm,
essere acutangolo, ottusangolo,
allora il perimetro del triangolo
rettangolo.
isoscele ABC è:
2p = (10 × 2 + 3) cm = 23 cm

60°
In un triangolo equilatero ciascun
angolo misura 60°.
Triangolo
equilatero • Un triangolo equilatero può essere Esempio
60° 60°
A B
solo acutangolo. Se AC = 10 cm,
allora il perimetro di ABC è:
2p = (10 × 3) cm = 30 cm
ABC è scaleno. ABC è isoscele.
C
C

ipotenusa ipotenusa
cateto cateto
In un triangolo rettangolo i due
lati che formano l’angolo retto si
chiamano cateti e il terzo lato si A cateto
B A cateto
B
chiama ipotenusa.
Triangolo L’altezza relativa all’ipotenusa divide CH è la proiezione
C del cateto AC
rettangolo l’ipotenusa in due segmenti chiamati H sull’ipotenusa CB
proiezioni dei cateti sull’ipotenusa.
HB è la proiezione
• Un triangolo rettangolo può essere del cateto AB
A B sull’ipotenusa CB
o isoscele o scaleno.
Esempio
Se nel triangolo scaleno ABC
2p = 12 cm, AB = 4 cm, AC = 3 cm,
allora la misura dell’ipotenusa è:
CB = (12 – 4 – 3) cm = 5 cm

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 59


SCHEDA F4 QUADRILATERI

Definizioni e termini Figure e simboli


Un quadrilatero è un poligono con C
D
quattro lati e quattro angoli.
B
Due lati si dicono consecutivi
se hanno un vertice in comune,
altrimenti si dicono opposti.

Quadrilatero Due angoli che hanno in comune


un lato si dicono adiacenti A
a tale lato. Esempio
• AB e AD sono lati consecutivi.
• AB e DC sono lati opposti.
• A e B sono i due angoli adiacenti
al lato AB.

C
D

B
Ogni quadrilatero ha due diagonali.
Proprietà
La misura della somma degli angoli
di ogni quadrilatero è sempre 360°.
A

In simboli: A + B + C + D = 360°

I principali tipi di quadrilateri sono: Esempio


– trapezi;
• trapezio
– parallelelogrammi e, tra questi,
quadrati, rombi e rettangoli.
• parallelogramma

Quadrilateri
Particolari
quadrilateri Trapezi • rettangolo

Parallelogrammi
• rombo

• quadrato

60 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


QUADRILATERI

Definizioni e termini Figure e simboli

D b1 C

l1 l2
h
Un trapezio è un particolare
quadrilatero con due lati
opposti paralleli. A H b2 B
I lati paralleli si chiamano
Trapezio base maggiore e base • Le basi sono parallele.
minore e gli altri due si In simboli: AB // CD
chiamano lati obliqui. • L’altezza è perpendicolare alle basi.
La distanza tra le basi si In simboli: DH ^ AB e DH ^ DC
chiama altezza.
• La misura della somma degli angoli adiacenti
a ciascun lato obliquo è 180°.
In simboli: A + D = 180°
B + C = 180°
D C

Trapezio Un trapezio scaleno ha i lati


scaleno obliqui non congruenti.
A B
In simboli: AD ≠ BC
D C
Un trapezio rettangolo è un
h = l1
Trapezio particolare trapezio scaleno
rettangolo con un lato perpendicolare
alle basi. A B
In simboli: AD ^ AB e AD ^ DC
D C

l l

Trapezio Un trapezio isoscele ha i lati A B


isoscele obliqui congruenti.
• In simboli: AD = BC
• Le diagonali sono congruenti.
In simboli: AC = DB
• Gli angoli adiacenti alle basi sono congruenti.
In simboli: A = B e D = C

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 61


QUADRILATERI

Definizioni e termini Figure e simboli


D C
O
h • l
Un parallelogramma è un
A b B
particolare quadrilatero con
i lati opposti paralleli. • I lati opposti sono paralleli e congruenti.
Parallelo-
Uno dei lati si chiama base In simboli: AB // DC e AB = DC
gramma e l’altezza relativa è la AD // BC e AD = BC
distanza tra la base e il lato
• Gli angoli opposti sono congruenti.
opposto.
In simboli: A = C e B = D
• Le diagonali si incontrano nel punto medio.
In simboli: AO = OC e BO = OD

Un rettangolo è un particolare • I quattro angoli D C


parallelogramma con gli angoli misurano 90°.
congruenti. In simboli: h
Le dimensioni di un A = B = C = D = 90°
Rettangolo rettangolo sono due suoi lati A b B
consecutivi: uno si chiama • Le diagonali sono
base e l’altro altezza. congruenti.
In simboli: AC = DB

• I quattro lati sono D


congruenti.
In simboli: d2
Un rombo è un particolare AB = BC = CD = DA O
Rombo parallelogramma con i lati A d1
C
• Le diagonali sono
congruenti. perpendicolari.
In simboli: AC ^ DB
B

Un quadrato è un particolare • I quattro angoli misurano D C


parallelogramma con i 90°.
lati congruenti e gli angoli In simboli:
congruenti. A = B = C = D = 90°
Quindi un quadrato è anche • I quattro lati sono A B
Quadrato un particolare rettangolo e un congruenti.
particolare rombo. In simboli: AB = BC = CD = DA
• Le diagonali sono congruenti e
perpendicolari.
In simboli: AC = DB e AC ^ DB

62 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F5 AREA DEI POLIGONI

Definizioni e termini Figure e simboli


Esempio

A
La misura della superficie di una
Area figura si chiama area.
L’area si indica con la lettera !.
2
Se ogni quadratino è 1 cm ,
allora l’area di A è: ! = 3 cm2.

L’unità di misura fondamentale


della superficie è il metro
quadrato (m2). km2
2
: 100 hm 100
Unità superiori al metro 2
dam 100
quadrato: m2 100
• decametro quadrato (dam2) dm2
2
100
• ettometro quadrato (hm2) cm 100
2 mm2 100 × 100
• chilometro quadrato (km )
Unità inferiori al metro quadrato:
Misura • decimetro quadrato (dm2)
• centimetro quadrato (cm2)
• millimetro quadrato (mm2)

Data un’unità, per trasformarla Esempi


nell’unità inferiore la si moltiplica • 32 dm2 = (32 × 100) cm2 = 3200 cm2
per 100 e per trasformarla • 400 dm2 = (400 : 100) m2 = 4 m2
nell’unità superiore la si divide
per 100.

A B

Figure Due figure che hanno la stessa


equivalenti area si dicono equivalenti.
Il simbolo dell’equivalenza è 8
A 8 B si legge:
“A è equivalente a B”.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 63


AREA DEI POLIGONI

Definizioni e termini Figure e simboli

h
L’area di un rettangolo si
ottiene moltiplicando la misura
Area del della base (b) per la misura b
rettangolo dell’altezza (h):
Esempio
!=b×h Se b = 10 cm e h = 4 cm,
allora l’area del rettangolo è:
! = (10 × 4) cm2 = 40 cm2

d
L’area di un quadrato si può l
ottenere in due modi:

Esempi
1) elevando al quadrato la misura 1) Se l = 5 cm,
di un suo lato (l): allora l’area del quadrato è:
Area del
! = 52 cm2 = 25 cm2
quadrato ! = l2

2) elevando al quadrato la misura 2) Se d = 7,1 cm (valore approssimato),


di una sua diagonale (d) e allora l’area del quadrato è:
dividendo il prodotto per 2:
! = (7,12 : 2) cm2 = (50,41 : 2) cm2 =
d2 = 25 cm2 (troncato all’unità)
!=
2

L’area di un qualsiasi h
parallelogramma si ottiene
Area del moltiplicando la misura della
parallelo- base (b) per la misura della b
gramma relativa altezza (h):
Esempio
Se b = 10 cm e h = 2,5 cm,
!=b×h
allora l’area del parallelogramma è:
! = (10 × 2,5) cm2 = 25 cm2

64 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


AREA DEI POLIGONI

Definizioni e termini Figure e simboli

d1

L’area di un rombo si ottiene d2


moltiplicando la misura delle due
diagonali (d1 e d2) e dividendo il
Area del Esempio
prodotto per 2:
rombo Se d1 = 8 cm e d2 = 6 cm,
d1× d2 allora l’area del rombo è:
!=
2 ! = (8 × 6 : 2) cm2 = (48 : 2) cm2 =
= 24 cm2

d1
d2
L’area di un qualsiasi quadrilatero
con le diagonali perpendicolari
Area di un si ottiene moltiplicando la misura Esempio
quadrilatero delle due diagonali (d1 e d2) e Se d1 = 10 cm e d2 = 3,2 cm,
con diagonali dividendo il prodotto per 2: allora l’area del quadrilatero è:
perpendicolari d × d2
! = (10 × 3,2 : 2) cm2 = (32 : 2) cm2 =
!= 1 = 16 cm2
2

b2

h
L’area di un qualsiasi trapezio si
ottiene moltiplicando la somma
delle misure delle basi (b1 e b2) b1
Area del per la misura dell’altezza (h) e
Esempio
trapezio dividendo il prodotto per 2:
Se b1 = 10 cm, b2 = 6 cm, h = 3 cm,
(b1 + b2) × h allora l’area del trapezio è:
!=
2 ! = [(10 + 6) × 3 : 2] cm2 =
= (16 × 3 : 2) cm2 = (48 : 2) cm2 =
= 24 cm2

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 65


AREA DEI POLIGONI

Definizioni e termini Figure e simboli


L’area di un triangolo
qualunque si ottiene
moltiplicando la misura
della base (b) per la misura h
della relativa altezza (h) e
Area del dividendo il prodotto per 2: b
triangolo
b×h Esempio
!=
2 Se b = 15 cm e h = 8 cm,
allora l’area del triangolo è:
! = (15 × 8 : 2) cm2 = (120 : 2) cm2 = 60 cm2

L’area di un triangolo
rettangolo si ottiene
moltiplicando le misure dei
cateti (b e c) e dividendo il c
prodotto per 2:
Area del
triangolo b×c b
!=
2
rettangolo
Esempio
Se b = 12 cm e c = 5 cm,
allora l’area del triangolo rettangolo è:
! = (12 × 5 : 2) cm2 = (60 : 2) cm2 = 30 cm2

66 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F6 TEOREMA DI PITAGORA

Definizioni e termini Figure e simboli


Il teorema di Pitagora afferma
che in ogni triangolo rettangolo
l’area del quadrato costruito
sull’ipotenusa è uguale alla
somma delle aree dei quadrati
costruiti sui cateti. c
a

Se la misura dell’ipotenusa è c e b
quelle dei due cateti sono b e a,
Il teorema allora il teorema si indica così:
c2 = b2 + a2
Esempio
Se le misure dei lati di un triangolo sono
area del area del area del c = 5 cm, b = 4 cm, a = 3 cm, allora
quadrato quadrato quadrato
il triangolo è rettangolo perché vale il
con lato con lato con lato
lungo c lungo b lungo a teorema di Pitagora; infatti:
c2 = 25 cm2
b2 + a2 = 16 cm2 + 9 cm2 = 25 cm2

La misura dell’ipotenusa (c)


di un triangolo rettangolo è c
uguale alla radice quadrata della a
somma dei quadrati delle misure
Misura dei cateti (a e b): b
della Esempio
ipotenusa c = b2 + a2 Se le misure dei cateti sono a = 5 cm e
b = 12 cm, allora la misura dell’ipotenusa è:

c = 12 2 + 5 2 cm = 144 + 25 cm =
= 169 cm = 13 cm

La misura di un cateto (a o b)
di un triangolo rettangolo è a b
uguale alla radice quadrata della
differenza tra i quadrati delle
c
misure dell’ipotenusa (c)
Misura e dell’altro cateto (b o a): Esempio
dei Se la misura dell’ipotenusa è c = 10 cm
cateti a = c2 − b2 e quella di un cateto è b = 8 cm, allora la
misura dell’altro cateto è:
b = c 2 − a2
a = 10 2 − 8 2 cm = 100 − 64 cm =
= 36 cm = 6 cm

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 67


TEOREMA DI PITAGORA

Definizioni e termini Figure e simboli

c c
a a=b

b b

Il teorema di Pitagora si
può applicare anche in
Applicazioni una qualsiasi figura in cui b
c
b
c
è possibile osservare un
triangolo rettangolo.
a a

c
a
b c
b

Applicando il teorema di
Pitagora a un triangolo
rettangolo isoscele con angoli 45°
c
acuti di 45° si ricava che: a=b
Triangolo
con angoli misura ipotenusa =
90°
45°
di = misura cateto × 2 b
45°, 45°, 90° Esempio
Se la misura di un cateto è b = 10 cm,
Per 2 si usa il valore 1,41.
allora la misura c dell’ipotenusa è:
c = b × 2 = (10 × 1,41) cm = 14,1 cm

Applicando il teorema di
Pitagora a un triangolo
rettangolo scaleno con angoli 30°
acuti di 30° e 60° si ricava b c
che:
Triangolo 90°
60°
con angoli misura cateto minore = a
= misura ipotenusa : 2 Esempio
di
Se la misura dell’ipotenusa è c = 10 cm,
30°, 60°, 90° allora la misura a del cateto minore è:
misura cateto maggiore =
= misura ipotenusa : 2 × 3 a = c : 2 = (10 : 2) cm = 5 cm
la misura b del cateto maggiore è:
Per 3 si usa il valore 1,73.
b = c : 2 × 3 = (10 : 2 × 1,73) cm = 8,65 cm

68 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F7 CIRCONFERENZA E CERCHIO

Definizioni e termini Figure e simboli


• Una circonferenza è una
linea formata da tutti i Circonferenza Cerchio
punti del piano che hanno
la stessa distanza, detta
raggio, da un punto fisso O O
detto centro. r r
Circonferenza
e cerchio • Un cerchio è la parte di
piano limitata da una
circonferenza.
Il centro O è un punto che appartiene al
cerchio ma non alla circonferenza.

Una corda è il segmento


che unisce due punti di una
circonferenza.
O
Un diametro è una C D
particolare corda che passa A
per il centro.
La sua misura (d) è il doppio B
di quella del raggio (r):
Corde AB è una corda, CD è un diametro.
d=2×r

Quindi la misura del raggio Esempio


è la metà di quella del Se la misura del diametro è d =12 cm,
diametro: allora la misura del raggio è:

r=d:2 r = (12 : 2) cm = 6 cm

Un arco è una parte di semicirconferenza


circonferenza e i due punti
che lo limitano si chiamano
estremi dell’arco. O
C D
A
Archi Una semicirconferenza è un
particolare arco che ha per
estremi quelli di un diametro. B
Arco con estremi A e B.
In simboli: 
AB

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 69


CIRCONFERENZA E CERCHIO

Definizioni e termini Figure e simboli


• Un semicerchio è la metà di un Semicerchio Settore circolare
cerchio.

• Un settore circolare è la parte


di cerchio limitata da due raggi.

• Un segmento circolare a una Segmento circolare


base è la parte di cerchio a una base a due basi
limitata da una corda.
Parti
di un cerchio • Un segmento circolare a
due basi è la parte di cerchio
limitata da due corde parallele.

• Una corona circolare è la Corona circolare


parte di piano limitata da due
circonferenze con lo stesso
centro.

Tracciando una retta e una 1) La retta s


circonferenza può accadere che: è esterna. O
1) la retta non incontra la
circonferenza e allora si s
dice che è esterna alla
circonferenza;
2) La retta s
2) la retta incontra la è secante
in A e B. O
circonferenza in due punti e s
Circonferenza allora si dice che è secante la
A B
e retta circonferenza;

3) la retta incontra la 3) La retta s


circonferenza in un solo punto è tangente
e allora si dice che è tangente nel punto O
la circonferenza. Il punto in di tangenza A.
comune si chiama punto di s
tangenza. A
Il raggio OA è perpendicolare a s.
In simboli: OA ^ s

70 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


CIRCONFERENZA E CERCHIO

Definizioni e termini Figure e simboli


Se si unisce il centro di una
circonferenza con gli estremi
di un arco si ottiene un O
angolo chiamato angolo al
Angolo centro. B
A
al centro Si dice allora che l’angolo al
centro insiste sull’arco.
AOB è un angolo al centro con vertice
nel centro O, lati AO e BO;
esso insiste sull’arco 
AB .

Se si unisce un punto di una C


circonferenza con gli estremi
di un arco si ottiene un
angolo chiamato angolo alla O
Angolo alla circonferenza.
A B
circonferenza Si dice allora che l’angolo
alla circonferenza insiste
sull’arco. ACB è un angolo alla circonferenza
con vertice in C, lati AC e BC;
esso insiste sull’arco AB .

1) Un angolo alla 1) ACB è la metà di AOB. C


circonferenza è la metà In simboli:
dell’angolo al centro che 1
insiste sullo stesso arco. ACB = AÔB O
2

A B

Esempio
Se AOB = 96°, allora ACB = 48°.

Proprietà C D

2) Tutti gli angoli alla 2) ACB, ADB e AEB E


circonferenza che sono congruenti.
insistono sullo stesso O
In simboli:
arco sono congruenti. ACB = ADB = AEB A B

Esempio
Se ACB = 48°, allora anche
ADB = AEB = 48°.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 71


CIRCONFERENZA E CERCHIO

Definizioni e termini Figure e simboli


Un poligono inscritto in una
circonferenza ha tutti i suoi c = 100°
vertici sulla circonferenza.
Il raggio della circonferenza si d = 110°
chiama raggio del poligono. raggio b = 70°

• Un triangolo si può sempre a = 80°


Poligoni
inscrivere in una circonferenza.
inscritti
Esempio
• Un quadrilatero si può
Il quadrilatero è inscritto nella circonferenza
inscrivere in una circonferenza
e risulta infatti che:
solo se sono uguali le misure
delle somme delle due coppie a +c =b+d
di angoli opposti.
80° + 100° = 70° + 110°

Un poligono circoscritto a una d = 2 cm


circonferenza ha tutti i suoi lati
c = 3 cm
tangenti alla circonferenza.
apotema
Il raggio della circonferenza si a = 3 cm
chiama apotema del poligono.

• Un triangolo si può b = 4 cm
Poligoni
sempre circoscrivere a una Esempio
circoscritti circonferenza. Il quadrilatero è circoscritto alla
circonferenza e risulta infatti che:
• Un quadrilatero si può
circoscrivere a una a+c=b+d
circonferenza solo se sono
uguali le misure delle somme 3 cm + 3 cm = 4 cm + 2 cm
delle due coppie di lati opposti.

Per calcolare l’area di un


poligono regolare è utile
tracciare l’apotema che è la
distanza del centro del poligono apotema a
da un suo lato.

Area di un L’area di un poligono regolare si l


poligono ottiene moltiplicando il perimetro Esempio
regolare (2p) per la misura dell’apotema Se l = 4 cm e a = 3,5 cm,
(a) e dividendo il prodotto per 2: allora il perimetro del pentagono regolare è:
2p = (4 × 5) cm = 20 cm
2p × a
!=
2 e l’area è:
! = (20 × 3,5 : 2) cm2 = (70 : 2) cm2 = 35 cm2

72 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F8 FIGURE SIMILI

Definizioni e termini Figure e simboli


Il simbolo della similitudine è ~.
F' ~ F si legge “F' è simile a F”.
Esempio

Due figure che hanno la stessa l1'


forma si dicono simili. F'
Figure l1 F
In due figure simili i rapporti tra le
simili misure di segmenti corrispondenti l l'
sono uguali. I rettangoli sono simili e infatti sono
uguali i rapporti tra le misure dei lati
corrispondenti:
l' 6 l1' 4
= =2 = =2
l 3 l1 2
Esempio

56°
l1'
l1 56°
Se due poligoni sono simili allora: 34° 34°
– le misure degli angoli l l'
Proprietà corrispondenti sono uguali; I triangoli sono simili e infatti hanno:
– le misure dei lati corrispondenti – le misure degli angoli corrispondenti
sono in proporzione. uguali;
– le misure dei lati corrispondenti in
proporzione:
l' : l = l1' : l1
6:3=4:2
Il rapporto tra le misure (l' e l) Esempi
di segmenti corrispondenti di
due figure simili F' e F si chiama
rapporto di similitudine e il suo F'
valore si indica con k: F

Rapporto l' l l'


di =k
l • F' è un ingrandimento di F con k = 2.
similitudine
• Se F' è ingrandita rispetto a F, F F'
allora l' è maggiore di l e k > 1.
l l'
• Se F' è ridotta rispetto a F, allora 1
• F' è una riduzione di F con k = .
l' è minore di l e k < 1. 2

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 73


FIGURE SIMILI

Definizioni e termini Figure e simboli


Il rapporto tra i perimetri di due Esempio
figure simili è uguale al rapporto di
similitudine k: F'
Perimetri F
di figure 2p' F' è simile a F con k = 2.
= k da cui 2p' = k × 2p
simili 2p Se il perimetro di F è 12 cm,
allora il perimetro di F' è:
2p' = (2 × 12) cm = 24 cm

Il rapporto tra le aree di due figure Esempio


simili è uguale al quadrato del
rapporto di similitudine k: F F'
Aree !' 2
= k da cui !' = k × !
2
di figure !
F' è simile a F con k = 2.
simili
Se l’area di F è 9 cm2,
allora l’area di F' è:
!' = (22 × 9) cm2 = 36 cm2

In un triangolo rettangolo la Esempio


misura di un cateto (b o c) è Se b1 = 16 cm b c
media proporzionale tra le misure e a = 25 cm,
dell’ipotenusa (a) e della proiezione allora per il primo b1 c1
Primo del cateto sull’ipotenusa (b1 o c1): teorema di Euclide: a
teorema
a : b = b : b1 a : c = c : c1 25 : b = b : 16
di Euclide
­­ da cui: b2 = 25 × 16 = 400
medi (b) medi (c) La misura del cateto maggiore è:
b = 400 cm = 20 cm

In un triangolo rettangolo la misura Esempio


dell’altezza relativa all’ipotenusa Se b1 = 16 cm
(h) è media proporzionale tra le e c1 = 9 cm, h
misure delle proiezioni dei cateti allora per il
sull’ipotenusa (b1 e c1). secondo teorema b1 c1
Secondo di Euclide:
teorema b1 : h = h : c1 16 : h = h : 9
di Euclide ­­
da cui: h2 = 16 × 9 = 144
medi (h) La misura dell’altezza relativa
all’ipotenusa è:
h = 144 cm = 12 cm

74 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F9 MISURA DI CIRCONFERENZA E CERCHIO

Definizioni e termini Figure e simboli


Il rapporto tra la misura di una
circonferenza (C) e quella del
suo diametro (d) è costante,
cioè è un numero che non
cambia mai e si indica con C1 C2 C3
la lettera: d1 d2 d3
Il numero p (pi greco)
pi greco Pi greco ha infinite cifre decimali
che non si ripetono mai:
3,141592… C1 C C
= 2 = 3 =p
quindi nei calcoli o lo si lascia d1 d2 d3
indicato o lo si approssima al
valore 3,14.

La misura di una circonferenza


si ottiene: C
r
– moltiplicando la misura del
diametro (d) per p:
C=d×p
Misura
della oppure: Esempio
circonferenza – moltiplicando il doppio della Se r = 4 cm, allora la misura della
misura del raggio (r) per p: circonferenza è:
C=2×r×p C = (2 × 4 × p) cm = 8p cm
o, approssimando:
C = (8 × 3,14) cm = 25,12 cm

A ogni arco corrisponde un l


angolo al centro con misura a°. C

La misura l di un arco si
può trovare conoscendo
l’ampiezza a° e la misura C
Misura della circonferenza con questa Esempio
formula: Se a° = 60° e C = 12p cm,
di un arco
allora la misura l dell’arco è:
C × a°
l= 12p × 60
2
12 π × 60
1
360° l= cm = = 2p cm
360 360 6 1
o, approssimando:
l = (2 × 3,14) cm = 6,28 cm

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 75


MISURA DI CIRCONFERENZA E CERCHIO

Definizioni e termini Figure e simboli

r
L’area di un cerchio si ottiene
Area moltiplicando il quadrato della
del misura del raggio (r) per p: Esempio
cerchio Se r = 10 cm, allora l’area del cerchio è:
2
!=r ×p
! = (102 × p) cm2 = 100p cm2
o, approssimando:
2 2
! = (100 × 3,14) cm = 314 cm
Ogni settore circolare è limitato da l
un arco e da un angolo al centro r a°
con misura a°.
!S

L’area !S di un settore si può Esempio


trovare conoscendo la misura l Se l = 2p cm, r = 6 cm, allora l’area del
dell’arco e quella r del raggio con settore circolare è:
questa formula: 1
2π × 6
Area !S =
2
cm = 6p cm
2

di un 21
l×r
!S = o, approssimando:
settore 2
circolare !S = (6 × 3,14) cm2 = 18,84 cm2.

Oppure si può trovare conoscendo Esempio


2
l’ampiezza a° e l’area ! del Se ! = 36p cm , a°= 60°, allora l’area del
cerchio con questa formula: settore circolare è:
6
1
36 π × 60
! × a° !S = cm2 = 6p cm2
!S = 360 10 1
360°
2
o, approssimando, 18,84 cm .

r
L’area di una corona circolare si r'
indica con !cor .
Area
Si ottiene sottraendo all’area
di una del cerchio maggiore quella del
Esempio
corona cerchio minore:
Se r' = 6 cm, r = 4 cm, allora l’area della
circolare corona circolare è:
!cor = r' 2 × p – r 2 × p !cor = (62 × p – 42 × p) cm2 = 20p cm2
o, approssimando:
!cor = (20 × 3,14) cm2 = 62,8 cm2

76 Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A.


SCHEDA F10 SOLIDI E MISURE

Definizioni e termini Figure e simboli


vertice
spigolo
Un poliedro è un solido limitato da
poligoni chiamati facce. faccia
Gli spigoli del poliedro sono i lati
Poliedro
delle facce.
I vertici del poliedro sono i vertici
delle facce.

spigolo di base base

Un prisma è un particolare poliedro


con due basi che sono due facce
congruenti poste su piani paralleli. a
altezza
Prisma Le altre facce si chiamano facce spigolo
laterali. laterale faccia
L’altezza è la distanza tra i piani base laterale

delle basi. b

Un prisma retto è un particolare


prisma che ha gli spigoli laterali
Prisma perpendicolari alle basi.
retto Le facce laterali di un prisma retto
sono dei rettangoli.
L’altezza è uno spigolo laterale.

esagono triangolo
regolare equilatero

Un prisma regolare è un particolare


prisma retto cha ha per basi due
Prisma
poligoni regolari.
regolare Le facce laterali di un prisma
regolare sono rettangoli congruenti. Esempio
Se un prisma è regolare triangolare,
allora le tre facce laterali F1, F2, F3 sono
rettangoli e F1 = F2 = F3.

Testo a cura di Manuela Zarattini © 2013 Pearson Italia S.p.A. 77


SOLIDI E MISURE

Definizioni e termini Figure e simboli


spigolo laterale V
vertice
Una piramide è un particolare
spigolo
poliedro che ha una base e le facce di base altezza
laterali triangolari tutte con un vertice
Piramide comune chiamato vertice della
piramide. piede
L’altezza è la distanza del vertice dal dell’altezza
a H
piano della base.