Sei sulla pagina 1di 7

\~,

!\ I ,TR 1 'I'I·:R M 1NI


Quadcrlli illtl'l'llaziollali di Icttcratura

'1\-(\ Ilughes Shimpci K lIsallO

Midld Leiris Eugenio Lucrc/,¡

N ¡cola Paniccia Octavio Paz


,
.1acq ucs Roubaud Claudc Roy

Hdo;lrdo Sanguineti Sandro Sproccati • I


I

1.ISt\ JesÚs Villa Pelayo Louis ~ukor;-.k 'v


~

~,

Lirc 15.000 l'\!Ulllcro 2 - IV Serie


GCl1l1aio-Aprile 1991

- ... --- - _..:


Michel Leiris 7

Shimpei Kusano » 44
74
.24
29
33
91
34
39
57
68
78
80
85
89
17

Louis Zukofsky »»»

Octavio Paz
Hanno collaborato a Altri Termini:
Edoardo Sanguineti
Guido Almansi, Giorgio Barberi Squarotti,
Roland Barthes, Franco Beltrametti, Gerald Claude Roy
Bisinger, Nanni Cagnone, Franco Capasso, Franco CavaBo
Alessandro Carandente, Marcello Carlino,
Franco Cavallo, Renzo Chiapperini, Grego- Ted Hughes
ry Corso, Corrado Costa, Michel Deguy, Jacques Roubaud
Gillo Dorfles, Flavio Ermini, Roberto Espo-
sito, Jean Pierre Faye, Lawrence Ferlinghet- Nicola Paniccia
ti, Gio Ferri, Gilberto Finzi, Giovanni Fon- Giovanni Fontana
tana, Luigi Fontanella, Javier Heraud, An-
gelo Jacomuzzi, Tomaso Kemeny, Francesco Alessandro Carandente
Leonetti, Jacques Lepage, Mario Lunetta,
Sandro Sproccati
Luigi Malerba, Cesare Milanese, Franco
Mogni, Francesco Muzzioli, Giulia Niccolai, Eugenio Lucrezi
Luca Patella, Giorgio Patrizi, Octavio Paz,
Eugenio De Signoribus
Raffaele Perrotta, Felice Piemontese, Lam-
berto Pignotti, Antonio Porta, Folco Porti- Jose Jesus Villa Pelayo
nari, Jacqueline Risset, Jerome Rothenberg,
" Gerhard Rtihm, Roberto Sanesi, Nathaniel In copertina:
\ Tarn, Gianni Toti, Sebastiano Vassalli, William Xerra, Senza tiloto (1990).
\ Jean-Charles Vegliante, Cesare Viviani, Wil-
\ , liam Xerra, Giuseppe Zagarrio, etc.
, f .\
;,tv.C/"
SUk7V\((
Sovvertendo una volta tanto uno schema alquanto consolidato,
che e quello di suddividere ogni fascicolo di Altri Termini in aree di
intervento equamente distribuite, abbiamo deciso di dedicare questo
primo numero del 1991 interamente alla poesia, anzi ai poeti. E lo

/ Leiris,
abbiamol'ultimo grande protagonista
fatto aprendo - come ci edell'avanguardia
parso doveroso storica
- con france-
Michel
() se, scomparso nell'ottobre dello scorso anno,
____., Nel desiderio, talvolta avventuroso, di voler proporre, e magari
imporre, le nostre idee e la nostra visione della letteratura e del mon-
do, spesso ci capita di dimenticare chi queste idee e questa visione ha
cercato di proporle, e di difenderle (anche se in contesti storici pro-
fondamente diversi), prima di noi. Uno di questi e certamen te Michel
Leiris, poeta, narratore, saggista, etnologo di fama internazionale, la
cui morte e passata quasi del tutto inosservata.
AL TRI TERMINI
- . Altri due 'recuperi ' storici che a noi sembrano molto importan-
Quaderni internaz~,onali di letteratura ti: quello di Shimpei Kusano, il grande poeta giapponese di cui l'edi-
tQre Guanda, nellontano 1969, pubblico a cura di Cid Corman un
Comitato di redazione: Alessandro Carandente, Franco Cavallo,
Giovaiuli Fontana, Eugenio Lucrezi, GiorgioMoio, Nicoia Paniccia, ~~ poeta .Rane
volumetto,
YUkofsky, deIla egenerazione
altre cose, passato
successivasottoa quella
silen'zio, e el¡ Louis
di Pound, di
Sandro Sproc~ati, William Xerra,' Eliot, di Marianne Moore, con i quali tuttavia collaboro attivamente,
anch 'egli ¡[ressoché'sconosciuto in Italia (a parte, anche in qu~sto c~-
Quarta Serie - Numero 2 so, uno 'smilzo"líbretto apparso presso lo stesso editore),
Gennaio - Aprile 1991 ' '------ ~
A Octavio Paz avremmo voluto dedicare un inserto monografi-
Costo di un numero L. 15,000.
co: ma la difficolta di,ieperirecollaboratori adeguati ci ha fatto desi-
stere, almeno per il m~nto, da questoprogetto. 1 due testi che qui
Abbonamento per tre numeri L. 45.000; per l'estero L. 60.000; si pubblicano apparvero sul numero 3 di Colibn' (maggio 1979), An-
sostenitore L. 80.000 da inviare su c/c n. 16378804 intestato a:
che in questo caso vogliamo rendere un duplice omaggio: a Paz, poe-
Altri Términi, Via VecchiaLicola, 18 - 80072 Arco'Felice (Napoli) ta da noi sempre ammirato e amato, e al suo traduttore, Franco Mo-
Tel. 081/8678710 '
gni, che fu un grandissimo amico di Altri Termini e di Colibn'; la sua
tragica scomparsa ha lasciato un vuoto non ancora colmato in molti
Responsabile: Franco Cavallo di noi. '
Dei due testi, il secondo - Ilfuoco d'ogni giorno - entro a far
Autorizzazionedel Tribmlale di Napoli n. 2350 del 10/10/1972 ; parte del volume mondadoriano Vento Cardinale e altre poesie

1,
_ ..- -- -~"""--=-"'-'.="..

(1984); mentre del primo, 3 AnnotazionicRotazioni, scritto per colla-


borare a un progetto grafico del pittore giapponese Toshi Katayama,
si fa menzione nel saggio introduttivo allo stesso libro.
E qui non sara inopportuna una brevissima digressione per ri-
cordare l'amico scomparso.
Tutte le volte che veniva a trovarci, a Cuma, Mogni parlava di
questo suo lavoro, gia pronto verso la fine del '78, con una dolorosa
apprensione; la causa di un tale stato d'animo consisteva nel fatto
che la pubblicazione del libro gli veniva continuamente differita; iI
male che lo aveva colpito lo stava gia divorando in fretta; e difatti
non riusci mai a vederne la luce.
Sul!ri;0It6 - si legge tra l'altro: « Vento Cardina/e e
~ di topértin"a
---
un'antolc@á molto anij5iache comprende testi scritti a partire dal '58
ed e stata curata con amQre dal compianto Franco Mogni ... ». Anco- POETI
ra oggi ci chiediamo: fohIpianWda chi? Non certo dai consuleÍit¡'edi-
toriali che curavano la-éOllana)dello 'Specchio' in qu'erperiod~, re-
sponsabili d'uno @icid1~-durato sei anni.
Mogni era andie un dignitosissimo poeta che si muoveva
nelI'ombra, con umiIta e discrezione; e presto lo ricorderemo proprio
sotto questa veste.
Sempre a proposito di Paz: desideriamo rivolgere un particolare
ringraziamento a Edoardo Sanguineti, che, da noi invitato, ci ha fat-
'--
to pervenire un sonetto\/acufloso,con una postilla esplicativa.
.

L'area, ci teniamo a sottolinearlo, e prevalentemente sperimen-


tale; anche se un tale concetto non viene applicato in modo burocra-
tico e fiscale, come spesso accade. Ed ecco dunque altri poeti, da
Claude Roya Ted Hughes, da Jacques Roubaud a Nicola Paniccia,
da Giovanni Fontana a Eugenio De Signoribus, ai piu giovani San-
dro Sproccati, Alessandro Carandente, Eugenio Lucrezi, Jose Jesus
Villa Peloyo ..
Una voIta tanto soItanto poesia, dunque. Anzi: poeti. Anche se
siamo ben coscienti che i nodi teorici che la poesia (e i linguaggi crea-
tivi in general e) dovra affrontare, per la propria sopravvivenza, son o
moItissimi e di capitale importanza. E éiifaulJdi questi problemi ci oc-
cuperemo adeguatamente nei prossimi~meri.
'-
Intanto e"Scopp'fata'"laguerra.
--.---
f.c.

4
(al capotribu) Jose Jesus Villa Pelayo

nella tua testa s'annida un vezzo strano, NUOV A YORK


sembra scritto per te «che assassina
era l' anima tua se non la mano» ...

dirti: hai umiliato a lungo, lasciato segni Jessie Lincoln 18.


che non si possono cancellare, hanno dovuto Nuova Amsterdam sie trasformata
i tuoi aspiranti portare borse piene di pegni nella Nuova Babilonia
Una chiamata / Un taxi / Una vetrina.
fare voti con occhi acquosi... hanno voluto Washington Square.
scalarti il petto, la fronte alata, levare Infiniti sguardi scorrono su Flatbush.
il naso al cielo, nel sacro mai goduto ... Jessie Lincoln 18.
La sesta strada e la quattordicesima.
ad altezza d'ascella un' aura si respira un po' In dnque boroughs si divide la sua immensita.
affollata, tu lo sai, ma il controllo dei nervi " Manhattan: Dos Passos.
ti compiace, il passo piu lungo ti adira :Bronx : Negri.
Queens : Long Island.
finché la carda reggera, finché i tuoi servi Richmond : Flutter.
non la consumeranno, per asfissia per coltivata «Ve'd Danced the Whole Night Through»
arte d 'incensatoio ... ah, vederli... Jessie Lincoln 18.
Central Park / Citta rovine / Misteriosi paraggi/
dentro abiti da penitenti, con la zucca rasata, Brodway / decessi / Finestrini / Times.
liberi finalmente di vendere i loro aneddoti!. .. Li mori Jessie Lincoln,
ma lo sapevi che assassina e l'anima, e la mano lavata prima che il poeta di Chicago lo desse alla luce,
come son morti tutti,
tranne quelli di New Sky.
Jessie Lincoln 18.

Jose Jesus Villa Pelayo e nato a Caracas nel 1962. Insegna presso la Escuela de
Comunicación Social ed e professore esterno presso la Facolta di lettere dell'Universi-
ta Centrale del Venezuela a Caracas. Nel 1990 ha pubblicato Una hiedra negra para
Sashne.

90 91
FRAGILI DIT A NOIR

A Marguerite Yourcenar

Se tu vivessi dove sto navigheresti verso di me.


Sto in India o in Indocina, aspettando,
seduta e tenendo nella mia mano una penna. «Cara prozia, gli occhi neri di Margherita sempre furono grigi.
Spero di scriverti presto, senza fragili dita Sono contenta.
e impaurita. La mia unione con Hervé Bazin e impallidita.
Sto li, dove le oche e le lucciole si vestono di bianco; Tuttavia oggi batto alla porta di Bazin sperando di trovarti.
tra i rovi neri, come direbbe Saint John Perse. Scusami se rido, ma i miei occhi non sono piu verdi come quelli
E ti amo. [di Hervé.
E desidero che sia tu a giungere fino a me. Lo amo ancora.
Per caso, l'estate scorsa, appoggiata al muro di pietre rosse, So che la morte si e avvicinata e sono sicura che vedro le ali
pensai di andare fino all'esilio, in cui tu stai . . ~~
E le segrete mi parvero grigie e i sotterranei verdi. di Roger Nimier nel teatro di Madame Florence.
Per te so che sono libera. Dal canto degli uccelli Sono triste.
sento che l'estate verra. E so, so profondamente Se immaginassi come mi sono mancate le tue mani, oggi mi
che andare alla guerra mai lascera in te una traccia. [ameresti un poco di piu.
Lo sguardo di un condor senile si e frantumato in migliaia di Se tu sapessi.
[piccoli sguardi. André non e piu tra noi. Ando a Murcia
lo andro fin li, e lascio i suoi occhi nelI' Augeau.
fino alI'esilio, con le mie fragili dita. Se tu comprendes si il mio andare per la via di
[Saint-Paul-Hervé,
Marie, 1965 preferiresti non ritornare, ma tu ritorni.
Ti sento accanto a me ogni giorno e non ti vedo.
Cara prozia, se puoi, ritorna alIa dimora di Murcia
e troverai André steso sul divano.
Se muori prima, ti diro delI'arrivo del treno di ArIes.

Non mentire mai.


Ti ricordero quando piove».
Ti ama,
Marie Bazin, 1963

(Traduzione di Lisabetta Serra)


92 93
" '.

ir

Finito di stampare nel mcse di gennaio 1991


presso la (; PRINT SERVICE s,a.s.» - Napoli