Sei sulla pagina 1di 2

Una norma è un documento tecnico che aiuta a gestire il lavoro in un determinato campo

Uni è l’organismo tecnico nazionale italiano per la gestione dei rischi

Il rischio bisogna identificarlo e lo si fa attraverso determinarti strumenti che lo analizzano e


valutano, poi lo si tratta.

Il loss control è una metodologia che si traduce in: Safety prevenzione e security risoluzione

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il rischio

È un concetto che viene percepito e che quindi dipende molto dalla casualità, di conseguenza ogni
paese ha il proprio concetto di esso. Un paese meno sviluppato potrebbe non individuare i rischi per
l’ambiente o per l’uomo dovuti ad un materiale che invece potrebbe essere compreso da uno più
avanzato.

Il rischio può portare ad una perdita ed è valutato in base alle nostre azioni, ad esempio il rischio
durante la guida di un’automobile aumenta all’aumentare della velocità che è gestita da noi.

Perciò al rischio è legato la possibilita di una perdita e la mancanza di conoscenza.

La possibiità di una perdita si verifica a causa dell’esposizione dell’idividuo al pericolo. Il difetto di


conoscenza comporta l’insicurenza sull’entità della perdità se esista o meno.

Il rischio può essere associato a dei parametri: in termini probabilistici R = P x M ; P casi/anno ; M


danni/caso

Non esiste un rischio uguale a zero, ma può tendere ad esso.

Può essere distinta una magnitudo uguale alla possibilità di perdita e una probabilità causata
dall’ignoranza.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il rischio si distingue in naturale o antropico.

Per rischio sismico si definisce il prodotto fra la pericolosità di un’area, la vulnerabilità degli edifici e
l’esposizione alla popolazione che dipenda dalla concentrazione delle persone in una determinata
area.

Il rischio vulcanico è il rapporto fra la probabilità che un vulcano erutti e la quantità di danni
provocabili dalla possibile eruzione.

Il rischio idrogeologico causato da eventi meteorici estremi come frane e inondazioni, ma in generale
sono legati quegli eventi che causano la perdita di risorse idriche o che derivano dalla dgradazione
del terreno. Di esso dipende molto l’attività antropica.

Il rischio domestico è la conseguenza indesiderata di una attività domestica ed è il rischio più grande
che di conseguenza ci fa capire che la casa non è il posto più sicuro nella vita di un uomo.
Rischio industriale è detto anche rischio di incidente rilevante può essere causa di danni all’uomo
all’industria o all’ambiente.

Il rischio nucleare è legato agli effetti nocivi causati dall’esposizione di sostanze ionizzanti in dose
eccessiva e dipende dal tipo di uso sei pacifici o aggressivi.

Il rischio trasporti legato alla possibilità di danno dovuto ai mezzi di trasporto.

Infine il rischio naturale.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

L’ambiente è l’insieme delle condizioni fisiche, chimiche e biologiche in cui si svolge la vita di una
comunità di organismi. Comprende una gamma di beni che non coincidono più col solo ambiente
naturale ma includono la qualità della vita, le risorse non rinnovabili, i valori oggettivamente
patrimoniali, i beni artistici, culturali e paesaggistici, le tradizioni culturali e i beni soggettivi.

L’ambiente si presenta con caratteristiche diverse nelle diverse regioni della biodfera che è
compresa un po’ anche in tutte le altre sfere. La biosfera è costituita da elementi non viventi o
abiotici e gli organismi produttori, consumatori e decompositori. Quindi l’ambiente è un sistema
aperto in grado di ricevere e trasmettere energia dotato di meccanismi di autoregolazione e capace
di mantenere degli equilibri. I fattori influenzano gli ecosistemi sono la morfologia, la geochimica, il
clima, la variazione della temperatura e pressione, tipologia degli esseri viventi.

L'ambiente è distinto in terrestre o acquatico, questo a sua volta in marino o delle acque dolce o
interne.

Per quanto riguarda l’acqua è importante la durezza definita calcolando la concentrazione di


bicarbonati di calcio e magnesio cui si distinguono durezza temporanea e permanente.

All'interno dell’ambiente gli organismi competono per la sopravvivenza operando severi meccanismi
generati a causa della quantità di risorse limitate.

Si distinguono gli organismi autotrofi, eterotrofi e decompositori.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Lo sviluppo interagisce con l’ambiente e lo influenza insieme alla società e l’industria.

Il rischio derivante da un processo industriale influenza la società e l’ambiente.