Sei sulla pagina 1di 4

Grilli Valentina VA

Agenda 2030
17 obiettivi per uno sviluppo sostenibile
Goal 13: lotta contro il cambiamento climatico
Adottare misure urgenti per combattere il
cambiamento climatico e le sue conseguenze

Il goal 13 dell’Agenda 2030 si propone di ridurre


l’impatto del cambiamento climatico così da
limitare i devastanti effetti che renderebbero il
nostro pianeta inadatto alla vita umana.
Gli effetti di questo drammatico processo sono
sotto gli occhi di tutti noi e appaiono molto
preoccupanti, basti pensare al processo di
desertificazione o di innalzamento del livello dei
mari.
Si rende dunque fondamentale contrastare
repentinamente con azioni significative al fine di
evitare scenari catastrofici nel nostro futuro.
Target 13.2
“Migliorare l’istruzione, la
sensibilizzazione e la capacità umana e
Con uno sguardo sul futuro possiamo
istituzionale riguardo ai cambiamenti comprendere come sia importante
climatici in materia di mitigazione, sensibilizzare bambini e ragazzi sulle
adattamento, riduzione dell’impatto e questioni riguardanti i cambiamenti
allerta precoce” climatici: saranno infatti i giovani coloro
che risentiranno degli effetti negativi del
riscaldamento globale, pur avendo meno
colpe delle generazioni passate.
Fondamentale è dunque far capire loro
che possono contribuire a limitare i danni
di questo processo innanzitutto
prendendo coscienza dell’urgenza del
problema.
Target 13.b
“Promuovere meccanismi per aumentare la Si può parlare dunque a buon diritto di
capacità di una efficace pianificazione e
“ingiustizia climatica”: sono infatti le nazioni più
gestione connesse al cambiamento climatico
ricche a causare le maggiori emissioni di gas
nei paesi meno sviluppati e nei piccoli Stati
serra e pertanto le zone tropicali, dove si
insulari in via di sviluppo concentrandosi,
trovano i paesi più poveri, saranno in futuro
tra l’altro, sulle donne, i giovani e le
quelle maggiormente colpite dal riscaldamento
comunità locali ed emarginate”
globale.
Occorre dunque attuare piani al fine di
fronteggiare le problematiche legate al
cambiamento climatico nei paesi più poveri.
Un esempio è dato dal COP 21 ovvero il piano
di 43 paesi vulnerabili al cambiamento climatico,
i quali hanno avanzato una richiesta ambiziosa:
istituire l’obbligo di limitare l’aumento delle
temperature globali a 1,5 °C entro il 2100 al fine
di limitare l’insorgere delle problematiche future.