Sei sulla pagina 1di 1

ESERCIZI 3.

CAMBIAMENTI DI RIFERIMENTO AFFINE

Es. 0.1. Sernesi: Esercizi 8,9 e 10 p.163 (vedi File Teoria4)

Es. 0.2. Determinare la formula del cambiamento di coordinate affini in R3 dal riferimento
E, e1 , e2 , e3 , dove E = (1, 0, −1) e1 = (1, 1, −1), e2 = (0, 1, 1), e3 = (1, 0, 1), al riferimento
F, f1 , f2 , f3 , dove F = (1, 0, 0) f1 = (0, 1, −1), f2 = (0, 1, 1), f3 = (1, 0, 0).
(Nelle risposte lasciate indicati, senza calcolare, eventuali prodotti del tipo AB, AB −1 , A−1 B, dove
A e B sono esplicite matrici).

Es. 0.3. Sia S lo spazio affine (reale) delle soluzioni (reali) dell’equazione x+y−z = 1. Determinare
la formula del cambiamento di coordinate affini in S dal riferimento E, e1 , e2 , dove E = (1, 0, 0)
e1 = (1, 0, 1), e2 = (0, 1, 1), al riferimento F, f1 , f2 , dove F = (1, 1, 1) f1 = (1, 1, 2), f2 = (1, −1, 0).
(Nelle risposte lasciate indicati, senza calcolare, eventuali prodotti del tipo AB, AB −1 , A−1 B, dove
A e B sono esplicite matrici).
(Attenzione: si tratta di uno spazio affine di dimensione 2. Dunque nella formula del cambiamento
di coordinate la matrice deve essere 2 × 2, e anche il vettore deve essere una 2-upla)

Es. 0.4. Si consideri il piano M di R3 di equazione cartesiana x + 2y − z = 1. Su M consideriamo


i riferimenti affini R = (E, e1 , e2 ) e S = (F, f1 , f2 ), dove:
E = (1, 1, 2) e1 = (1, 0, 1) e2 = (0, 1, 2) e F = (0, 1, 1) f1 = (1, −1, −1) f2 = (1, 1, 3)
Scrivere la formula del cambiamento di coordinate affini dal riferimento R al riferimento S.

Es. = {F, f1 , f2 } di 2
 0.5. Determinare il riferimento 
affine
0
 R  R tale che le coordinate di una coppia
x x 2x + 3y + 2
rispetto al riferimento R sono =
y y0 −x + y − 5

Es. 0.6. Determinare il riferimento affine R = (F, v1 , v2 ) di R2 tale che le coordinate del punto
(x, y) ∈ R2 rispetto al riferimento R sono (x − y + 3, x + 2y − 1).