Sei sulla pagina 1di 30

ASSESSORATO

ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA

GUIDA
ALLA SCELTA DELLA SCUOLA
SECONDARIA DI II GRADO

Anno scolastico 2012-2013

Assessorato alle Politiche della Scuola 1


RINGRAZIAMENTI

Si ringraziano i Dirigenti Scolastici Sara


Manasse, Maria Francesca Montana, Ernesto Totaro
per la preziosa collaborazione offerta e tutti coloro
che hanno contribuito alla realizzazione di questo
opuscolo.

Assessorato alle Politiche della Scuola 2


INDICE

Presentazione Pag. 5
Linee guida per la scelta degli indirizzi di studio per Pag. 7
la Scuola secondaria di II grado

A. Guida alla scelta della Scuola secondaria di II grado con


allegato CD per la interrogazione su: Tipologia Scuole,
Municipi/Distretti scolastici, POF, Lingue straniere ecc.
A I - Raccordo tra il precedente ordinamento e il Pag. 10
nuovo riassetto della Scuola secondaria di II
grado entrato in vigore dall’a.s. 2010/2011
A II - Le lingue straniere e il loro insegnamento Pag. 17
nei vari indirizzi del Nuovo Ordinamento
A III - Gli attestati di Qualifica Regionale al Pag. 19
termine del terzo anno degli Istituti Professionali
e le ultime integrazioni introdotte dal MIUR e
dall’accordo Stato-Regioni
A IV - Gli sbocchi professionali dopo il Pag. 21
conseguimento del diploma di Scuola secondaria
di II grado
B. Ulteriore offerta formativa statale:
B I - L’educazione per gli adulti - i Corsi Serali Pag. 25
B II - L’alta formazione post diploma - gli Istituti Pag. 26
Tecnici Superiori (ITS)
C. Link utili Pag. 28
D. Procedura sul portale della Provincia di Roma Pag. 29

E. Istruzioni per l’uso del software Pag. 29

Assessorato alle Politiche della Scuola 3


Assessorato alle Politiche della Scuola 4
Presentazione

Questa pubblicazione è parte di un insieme di azioni messe in


atto dalla Provincia di Roma a sostegno del sistema scolastico, della
formazione e della Scuola pubblica, per promuovere occasioni di
innovazione e migliorare la qualità dei servizi che, nell’ambito delle
nostre competenze, possiamo offrire ai cittadini del nostro territorio.
E’ una scelta che si inserisce in una chiara visione strategica.
Siamo convinti che la formazione sia e sarà sempre di più la chiave per
non avere paura ad affrontare la nuova competizione globale e per
guardare con fiducia alle sfide della vita, sapendo di avere in mano gli
strumenti e le risorse per raggiungere i propri obiettivi.
Orientarsi, conoscere e scegliere, sono tre azioni fondamentali
per costruire un futuro solido, ed è per questo che noi vogliamo fornire
gli strumenti giusti ai nostri ragazzi e alle nostre ragazze per poter
attuare in maniera cosciente queste tre mosse.
I giovani che oggi studiano nelle nostre Scuole, saranno domani
cittadini di un mondo nuovo. Di questo mondo noi vediamo oggi la
concorrenza serrata, spesso giocata sulla riduzione dei costi e sulla
contrazione dei diritti ma, proprio per questo, siamo convinti che sia
necessario cambiare, fare spazio a nuove opportunità per crescere e
per affermarsi.
In un momento di crisi economica, sociale e culturale come
quello che stiamo vivendo, investire nel nostro sistema educativo,
nella qualità e nell’efficienza della nostra Scuola, è una scelta
fondamentale. I nostri studenti devono essere messi nella condizione
di farcela e, in questo senso, anche l’orientamento diventa sempre più
una attività strategica ed indispensabile per studenti e famiglie.

Presidente della Provincia di Roma


On. Nicola Zingaretti

Assessorato alle Politiche della Scuola 5


Presentazione

I dati sulla dispersione scolastica e sull’abbandono, soprattutto


nei primi due anni delle Scuole secondarie di II grado, ci inducono ad
una riflessione profonda, così come fa riflettere la notizia dell’aumento
di iscrizioni ai licei classici e scientifici a discapito dell’istruzione tecnica
e professionale. Un fenomeno che ci porterà negli anni ad avere una
carenza di tecnici e professionisti preparati e contemporaneamente
una schiera di disoccupati diplomati e laureati.
Per questi motivi come Assessorato alle Politiche Scolastiche
della Provincia di Roma abbiamo pensato che fosse necessaria una
guida agile che permettesse una ricerca semplice, veloce e il più
possibile esaustiva per aiutare studenti e famiglie nella scelta del loro
futuro. Tale guida, in formato opuscolo e software, si pone l’obiettivo
di fornire le principali informazioni utili sulle Scuole secondarie di II
grado di Roma e Provincia e sulla loro offerta didattica e formativa.
Abbiamo cercato di dare anche le notizie utili sulla logistica e il
trasporto, sugli strumenti e sulla tipologia dei laboratori, sulle
certificazioni per lingue straniere e computer. Vengono inoltre forniti
dati e riferimenti utili sui corsi di qualifica professionale con
certificazione regionale e sulle principali attività previste dal piano
dell’offerta formativa degli istituti. Una sezione particolare, inoltre,
viene dedicata alla ulteriore offerta formativa costituita dagli Istituti
Tecnici Superiori e dai Corsi serali.
Tutte le informazioni hanno l’obiettivo di individuare il percorso
di studio più idoneo alle aspettative e alle attitudini delle nostre
ragazze e ragazzi e più utile ad offrire percorsi formativi coerenti con
alcune macro aree di interesse per il mercato del lavoro.
La guida all’orientamento, con relativo software, sarà
disponibile anche on line e verrà distribuita in tutte le Scuole
secondarie di primo e secondo grado del territorio di Roma e Provincia
per una ricerca più mirata dei percorsi di studio. Lo stesso materiale
potrà essere scaricato o utilizzato on line sul sito della Provincia.
Per la buona riuscita dell’iniziativa è auspicabile la
collaborazione tra Istituzioni al fine di rendere disponibili e puntuali
tutte le informazioni necessarie ad aiutare i nostri studenti a scegliere
la strada giusta sfruttando al meglio i loro talenti.

Assessore alle Politiche della Scuola


On. Paola Rita Stella

Assessorato alle Politiche della Scuola 6


ASSESSORATO
ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DEGLI INDIRIZZI DI STUDIO


PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

La presente guida ha lo scopo di facilitare le famiglie e gli


studenti nella scelta della Scuola secondaria di II grado e dell’indirizzo
di studi al quale iscrivere i ragazzi in uscita dalla Scuola secondaria di I
grado (conosciuta come Scuola Media).
Sono varie le problematiche che i genitori e gli alunni si
trovano ad affrontare in questo momento particolarmente delicato e
importante.

1. Iscrivere il figlio alla Scuola che egli stesso ha scelto, potrebbe


essere una buona soluzione, evita discussioni e accontenta il
figlio; ma, spesso, questa decisione è basata su elementi
emotivi e non razionali del ragazzo: ad esempio si sceglie una
Scuola perché ci va un compagno o perché la Scuola ha una
bella palestra o tanti computer oppure perché si trova vicino
alla propria abitazione, senza tener conto delle reali capacità e
attitudini allo studio e delle successive scelte;
2. iscrivere il figlio ad una Scuola che il genitore ritiene più
formativa rispetto ad altre;
3. concordare con il figlio di fare lo stesso percorso scolastico che
ha fatto il genitore;
4. tener conto di cosa fare dopo i cinque anni di Scuole superiori:
continuare con l’università o con corsi post diploma o rivolgersi
subito al mondo del lavoro;
5. cercare di fare i cinque anni con un percorso netto – per
percorso netto intendiamo un percorso scolastico che non
incorra in ripetenze di anni o cambi di tipo di Scuola: tutte
potenziali situazioni di demotivazione, abbassamento
dell’autostima individuale, ritardo nell’inserimento nel lavoro o
nel prosieguo degli studi o della formazione e, non ultimo, un
aggravio economico per le famiglie.

Assessorato alle Politiche della Scuola 7


Da qualsiasi lato lo si affronti, il problema relativo alla scelta di
un settore e indirizzo di studi coerente al termine della Scuola
secondaria di I grado è certamente un momento difficile per le famiglie
perché esiste un ulteriore elemento di complessità: non sempre i
genitori potranno far riferimento ai percorsi scolastici sperimentati che
loro conoscono per averli già percorsi. Il recente riassetto della Scuola
secondaria di II grado (Scuola superiore) ha infatti introdotto nuove
denominazioni ed aggregazioni, nuovi indirizzi e articolazioni dei corsi
di studio.

Nell’intento di facilitare e supportare le famiglie in questo


particolare e delicato momento, l’Assessorato alle Politiche della Scuola
ha avviato la presente iniziativa che si articola come di seguito
illustrato:

A. Guida alla scelta della Scuola secondaria di II grado con


allegato CD per la interrogazione su: Tipologia di Scuole,
Municipi/Distretti scolastici, POF, Lingue straniere ecc.

I. Raccordo tra il precedente ordinamento e il nuovo riassetto


della Scuola secondaria di II grado entrato in vigore dall’anno
scolastico 2009/2010 per i tre settori: Liceale, Tecnico e
Professionale
II. Le lingue straniere e il loro insegnamento nei vari indirizzi
del Nuovo Ordinamento
III. Gli attestati di Qualifica Regionale al termine del terzo
anno degli Istituti Professionali e le ultime integrazioni
introdotte dal MIUR e dall’accordo Stato-Regioni
IV. Gli sbocchi professionali dopo il conseguimento del
diploma di Scuola secondaria di II grado

B. Ulteriore offerta formativa statale:

I. L’Educazione per gli adulti: i Corsi serali


II. L’istruzione specialistica post diploma - gli Istituti Tecnici
Superiori (ITS)

C. Link utili

Assessorato alle Politiche della Scuola 8


D. Procedura sul portale della Provincia di Roma come
indicato
alla lettera A per la ricerca della Scuola, del
distretto/municipio, dell’indirizzo di studi, della lingua
insegnata ecc. contenente inoltre:

I. Profili professionali, quadri orario e discipline di


insegnamento nei vari settori, indirizzi e articolazioni
nei quali è strutturato il Nuovo Ordinamento;
a) on-line, sul sito delle Politiche della Scuola
della Provincia di Roma, all’indirizzo:
http://assessoratoallepolitichedellascuola.pr
ovincia.roma.it/sceltaistituto/index.html.
Opportuno rimando sarà presente anche
nella home page: www.provincia.roma.it.
b) scaricando il medesimo dal sito:
http://assessoratoallepolitichedellascuola.pr
ovincia.roma.it/sceltaistituto/SWCD.zip per
uso personale.

E. Istruzioni per l’uso del software

N.B. AGGIORNAMENTO CONTINUO

Sarà cura dell’Assessorato alle Politiche della Scuola


della Provincia di Roma, in collaborazione con le Scuole
superiori di II grado, aggiornare puntualmente le informazioni
riportate sul sito relative alla panoramica formativa della
provincia di Roma e alle eventuali novità che verranno
introdotte a livello normativo.

Assessorato alle Politiche della Scuola 9


A I - Raccordo tra il precedente ordinamento e il nuovo
riassetto della Scuola secondaria di II grado entrato in vigore
dall’anno scolastico 2010/2011

Nella tabella seguente è illustrato il Nuovo Impianto


Organizzativo della Scuola secondaria di II grado (Scuola superiore):
NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO
a partire dalle classi prime dell’a.s. 2010-2011
NUOVI IST.
NUOVI LICEI NUOVI IST. TECNICI
PROFESSIONALI
2 settori – 11
6 nuovi licei 2 settori – 6 indirizzi
indirizzi
1. Liceo artistico SETTORE DEI SERVIZI SETTORE ECONOMICO
2. Liceo classico 1. Servizi per l’agricoltura 1. Amministrazione,
3. Liceo linguistico e finanza e marketing
4. Liceo musicale e lo sviluppo rurale 2. Turismo
coreutico 2. Servizi socio-sanitari
5. Liceo scientifico e SETTORE
3. Servizi per l’enogastrono TECNOLOGICO
Liceo scientifico mia e l’ospitalità
opzione 1. Meccanica,
alberghiera meccatronica
scienze applicate 4. Servizi commerciali
6. Liceo delle scienze ed energia
umane e SETTORE INDUSTRIA E 2. Trasporti e logistica
Liceo delle scienze ARTIGIANATO 3. Elettronica ed
umane opzione 1. Produzioni artigianali e elettrotecnica
economico sociale industria 4. Informatica e telecomu
2. Manutenzione e nicazioni
assistenza tecnica 5. Grafica e
comunicazione
6. Chimica, materiali e bio
tecnologie
7. Sistema moda
8. Agraria, agroalimentare
e agroindustria
9. Costruzioni, ambiente e
territorio
Presso il link seguente è possibile approfondire Regolamenti, Profili, Orari, Confluenze:
http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesuperiori/index.html

I Regolamenti definiscono la finalità del corso di studi


I Profili individuano gli strumenti culturali e metodologici che devono fornire agli
studenti (analizzano l’identità di ogni figura che la Scuola si propone di formare
scendendo nel dettaglio del Settore e dell’Indirizzo)
I Quadri orario rivestono particolare importanza, in quanto definiscono il tempo che lo
studente annualmente trascorrerà a Scuola (dividendo il numero di ore annue, di
ciascuna disciplina, per 33 che sono le settimane annue di lezione, si otterrà il numero di
ore settimanali per ciascuna disciplina)
La Tabella delle confluenze ci aiuta a comprendere in quale Settore e Indirizzo sono

Assessorato alle Politiche della Scuola 10


andati a finire i diplomi dell’ordinamento precedente la riforma.

La tabella seguente facilita la scelta perché consente di


individuare nella colonna “Vecchio ordinamento” i percorsi di studio
conosciuti perché in vigore fino all’anno scolastico 2008/2009.
Individuato in tal modo il settore desiderato si passa ad analizzare la
colonna di sinistra “Nuovo Ordinamento” suddivisa in indirizzi ed
articolazioni.

TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI LICEALI


NUOVO ORDINAMENTO

NUOVO ORDINAMENTO VECCHIO ORDINAMENTO


Settore Indirizzo Articolazione Indirizzo Tipologia
L.A. (Accademia) e
Arti figurative Sezioni ISA, I.S.A.
sperimentale
Architettura e
Michelangelo,
ambiente L.A. (Architettura)
Leonardo, Liceo
ARTISTICO design e I.S.A.
Arte-Brocca
grafica
Audiovisivo e Sezioni ISA e
multimediale sperimentale L.A. e I.S.A.
scenografia Michelangelo
LICEO CLASSICO classico LICEO CLASSICO
LINGUISTICO linguistico L. LINGUISTICO
MUSICALE E Sezione coreutica Sperimentazioni musicali e/o
COREUTICO Sezione musicale coreutiche, artistico musicali autonome
Sperimentale:
LICEO
SCIENTIFICO Opzione scienze informatico, lo
SCIENTIFICO
applicate gico, tecnologico
Sperimentale a
ISTITUTO
SCIENZE UMANE Opzione economico indirizzo
MAGISTRALE
sociale magistrale

TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI


TECNICI - NUOVO ORDINAMENTO

NUOVO ORDINAMENTO VECCHIO ORDINAMENTO


Settore Indirizzo Articolazione Indirizzo Tipologia
ECONOMICO AMMINISTRAZIO Ragioniere perito
NE FINANZA E commerciale ISTITUTO
MARKETING Ragioniere perito TECNICO
Servizi informativi
commerciale e COMMERCIALE
aziendali
programmatore
Relazioni Perito aziendale ISTITUTO
internazionali per il corrispondente in TECNICO PER
marketing lingue estere PERITI AZIENDALI
E
CORRISPONDENTI
IN LINGUE ESTERE

Assessorato alle Politiche della Scuola 11


Economo-dietista ISTITUTO
TECNICO PER LE
Dirigente di ATTIVITA’ SOCIALI
comunità
ISTITUTO
TURISMO Perito turistico TECNICO PER IL
TURISMO
Meccanica
Fisica industriale
Industria ottica
Meccanica e
MECCANICA Metallurgia
Meccatronica
MECCATRONICA Materie plastiche
ISTITUTO TECNICO
ED ENERGIA Industria
INDUSTRIALE
navalmeccanica
Termotecnica
Energia
Energia nucleare
Costruzione del Costruzioni
mezzo aeronautiche
Costruzioni navali
ISTITUTO TECNICO
Capitani
TRASPORTI E NAUTICO
Conduzione del Macchinisti
LOGISTICA
mezzo Navigaz. aerea
ISTITUTO TECNICO
Assistenza alla
AERONAUTICO
navig. aerea
Logistica Sperimentale IST. TECNICI
Elettrotecnica e
Elettrotecnica
ELETTRONICA automazione ISTITUTO TECNICO
ED ELETTRO Elettronica e INDUSTRIALE
Elettrotecnica
TECNICA telecomunicazioni
Automazione Sperimentale IST. TECNICI
INFORMATICA E IST. TECNICO
Informatica Informatica
TELECOMUNICA INDUSTRIALE
TECNOLOGI
ZIONI Telecomunicazioni Sperimentale IST. TECNICI
CO
GRAFICA E Arti fotografiche
COMUNICAZIO Arti grafiche
NE Industria cartaria ISTITUTO TECNICO
Chimico INDUSTRIALE
Chimica e materiali Chimico conciario
CHIMICA Industria tintoria
MATERIALI E Biotecnologie
Sperimentale IST. TECNICI
BIOTECNOLOGIE ambientali
Biotecnologie
Sperimentale IST. TECNICI
sanitarie
Tessile, settore
confezione
Tessile
industriale ISTITUTO TECNICO
abbigliamento e
SISTEMA MODA Tessile, settore INDUSTRIALE
moda
prod. tessuti
Disegno di tessuti
Calzature e moda Sperimentale IST. TECNICI
AGRARIA Tecnologie IST. TECNICO
Produzioni e
AGROALIMENTA alimentari INDUSTRIALE
trasformazioni
RE E AGRO Indirizzo generale ISTITUTO TECNICO
INDUSTRIA Gestione AGRARIO
dell’ambiente e del Sperimentale
territorio
Viticoltura ed Corso per
enologia viticoltura ed

Assessorato alle Politiche della Scuola 12


enologia
IST. TECNICO PER
COSTRUZIONI Geometra
GEOMETRI
AMBIENTE E
IST. TECNICO
TERRITORIO Edilizia
INDUSTRIALE

TABELLA DI CONFLUENZA DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI


PROFESSIONALI – NUOVO ORDINAMENTO

NUOVO ORDINAMENTO VECCHIO ORDINAMENTO


Articolazione/
Settore Indirizzo Op. aree Indirizzo Tipologia
indirizzo
SERVIZI PER
L’AGRICOLTURA AGRARIO-
Area Agraria Agrotecnico
E LO SVILUPPO AMBIENTALE
RURALE
Tecnico dei servizi
Area Servizi sociali
SERVIZI SOCIO- sociali SERVIZI SOCIO-
SANITARI Ottico Ottico SANITARI
Odontotecnico odontotecnico
Tecnico dell’arte INDIRIZZI
bianca ATIPICI
SERVIZI PER Enogastronomia
SERVIZI L’ENOGASTRO
SERVIZI
NOMIA E
Servizi di sala e di Tecnico dei servizi ALBERGHIERI E
L’OSPITALITA’
vendita della ristorazione DELLA
ALBERGHIERA
Accoglienza RISTORAZIONE
turistica
Tecnico dei servizi
turistici
SERVIZI
SERVIZI Tecnico della gest.
COMMERCIALI E
COMMERCIALI aziendale
TURISTICI
Tecnico della
grafica pubblicit.
INDUSTRIA E Elettrica Tec. ind. elettriche
ARTIGIANATO Tec.Ind.
MANUTENZIONE Elettronica
elettroniche
E ASSISTENZA
Tec. Industrie
TECNICA Meccanica
meccaniche
INDUSTRIA E
Termica Tec. sist. energetici
ARTIGIANATO
PRODUZIONI Indu Edile Tecnico dell’edilizia
INDUSTRIALI E stria Moda e Tec. abbigliamento
ARTIGIANATO abbigl. e moda
Chimico Tec. Chimico
e biol. biologico
Mare Tecnico del mare INDIRIZZI
Mobile e Tec. dell’industria ATIPICI
arred. del mobile e arred.
Cerami Tec. dei processi
ca ceramici (industr.)
Audiovi Tec. dell’industria
siva audiovisiva
Grafica Tec. industria
grafica

Assessorato alle Politiche della Scuola 13


Tec. del marmo
Tec. orafo
Tec. Prod. Fotog.
Artigianato
Tec. Processi
ceramici (artig.)
Tec. di liuteria
Come si può desumere dalla tabella relativa all’Istruzione
Professionale, il Nuovo Ordinamento non prevede la esplicitazione delle
articolazioni anche se sono operanti le opzioni che fanno capo alle
macroaree (si intende in questo caso la esplicitazione di opzioni legate
a specifici settori di produzione ad esempio elettrico, elettronico,
meccanico, termico, chimico, moda, mare, grafico, fotografico,
audiovisivo). Al fine di facilitare la ricerca di tali opzioni è stata creata
un’ulteriore finestra “IPSIA – opzioni per le aree d’indirizzo” al fine di
poter scegliere tra le varie possibilità sopra riportate che
rappresentano, peraltro, la vocazione delle Scuole nel territorio.
È da tenere inoltre presente che una recentissima direttiva del
Ministero dell’Istruzione ha introdotto alcune novità riguardanti
l’Istruzione Professionale - settore Servizi - dell’indirizzo Servizi
commerciali.
In base alla suddetta norma tali Istituti potranno potenziare la
propria offerta formativa negli ambiti Commerciale, Turistico e della
Comunicazione per renderla più adeguata alle esigenze del territorio.

Le opzioni negli Istituti Tecnici e Professionali

Con la Direttiva n. 4 del 16 gennaio 2012 sono state fornite dal


MIUR le Linee Guida per il secondo biennio degli Istituti Tecnici e degli
Istituti Professionali di seguiti indicati con IT ed IP.
Con tale intervento il Ministero ha inteso fornire un supporto
all’autonomia delle istituzioni scolastiche per sostenere il passaggio al
nuovo ordinamento degli istituti tecnici, a partire dalle terze classi
funzionanti dall’anno scolastico 2012/2013, con particolare riferimento
agli aspetti innovativi introdotti dal riordino di questi due settori
dell’istruzione secondaria di II Grado.
In base a tale normativa è bene che gli studenti e le famiglie
siano messe al corrente delle ulteriori opzioni che gli IT e gli IP
potranno attivare in seguito ad autorizzazione del MIUR.
Di seguito sono riportate le due tabelle per i due percorsi.

Elenco nazionale delle ulteriori articolazioni delle aree di


indirizzo dei percorsi degli istituti tecnici in opzioni

Assessorato alle Politiche della Scuola 14


Indirizzo: Chimica, materiali e biotecnologie - Articolazione:
Chimica e materiali - Opzione: TECNOLOGIE DEL CUOIO
Indirizzo: Costruzione, ambiente e territorio - Opzione:
TECNOLOGIE DEL LEGNO NELLE COSTRUZIONI
Indirizzo: Grafica e comunicazione - Opzione: TECNOLOGIE
CARTARIE
Indirizzo: Meccanica, meccatronica ed energia - Articolazione:
Meccanica e meccatronica - Opzione: TECNOLOGIE
DELL'OCCHIALE
Indirizzo: Meccanica, meccatronica ed energia - Articolazione:
Meccanica e meccatronica - Opzione TECNOLOGIE DELLE
MATERIE PLASTICHE
Indirizzo: Trasporti e logistica - Articolazione: Costruzioni del
mezzo - Opzione:COSTRUZIONI AERONAUTICHE
Indirizzo: Trasporti e logistica - Articolazione: Costruzioni del
mezzo - Opzione COSTRUZIONI NAVALI
Indirizzo: Trasporti e logistica - Articolazione: Conduzione del
mezzo - Opzione: CONDUZIONE DEL MEZZO AEREO
Indirizzo: Trasporti e logistica - Articolazione: Conduzione del
mezzo - Opzione: CONDUZIONE DEL MEZZO NAVALE
Indirizzo: Trasporti e logistica - Articolazione: Conduzione del
mezzo - Opzione: CONDUZIONE DI APPARATI E IMPIANTI
MARITTIMI
Indirizzo: Agraria, agroalimentare e agroindustria - Articolazione:
Viticoltura ed enologia - Opzione: ENOTECNICO - VI ANNO

Elenco nazionale delle ulteriori articolazioni delle aree di


indirizzo dei percorsi degli istituti professionali in opzioni

Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:


APPARATI, IMPIANTI E SERVIZI TECNICI INDUSTRIALI E
CIVILI
Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:
MANUTENZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO
Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali - Articolazione:
Industria - Opzione: ARREDI E FORNITURE D'INTERNI
Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali - Articolazione:
Industria - Opzione: PRODUZIONI AUDIOVISIVE
Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali - Articolazione:
Artigianato - Opzione: PRODUZIONI ARTIGIANALI DEL
TERRITORIO

Assessorato alle Politiche della Scuola 15


Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali - Articolazione:
Artigianato - Opzione: PRODUZIONI TESSILI-SARTORIALI
Indirizzo: Servizi commerciali - Opzione: PROMOZIONE
COMMERCIALE E PUBBLICITARIA
Indirizzo: Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale - Opzione:
GESTIONE RISORSE FORESTALI E MONTANE
Indirizzo: Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale - Opzione:
VALORIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI
PRODOTTI AGRICOLI DEL TERRITORIO
Indirizzo: Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità alberghiera -
Articolazione: Enogastronomia - Opzione: PRODOTTI DOLCIARI
ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Nel software allegato o nel sito consultabile on line, tali opzioni


vanno ricercate nell’elenco a tendina denominato “Opzioni delle
articolazioni”.

Assessorato alle Politiche della Scuola 16


A II - Le lingue straniere e il loro insegnamento nei vari
indirizzi del Nuovo Ordinamento

Le considerazioni e le informazioni di seguito esposte in ordine


alle lingue straniere favoriscono sicuramente una riflessione
consapevole del giovane, sollecitando uno sforzo di chiarificazione di
quali siano, in effetti, le proprie predisposizioni e aiutandolo ad
elaborare un percorso educativo e formativo il più vicino possibile al
proprio progetto di vita.
Uno degli aspetti del Nuovo Ordinamento riguarda il legame che
viene affermato tra la conoscenza e lo sviluppo reale del Paese,
secondo le conclusioni di Lisbona del 2000 (per approfondimenti:
http://archivio.pubblica.istruzione.it/buongiorno_europa/lisbona.shtml)
e, quindi, l’affermazione delle competenze quali obiettivi finali del
percorso di istruzione.
La Scuola, in questi termini non solo conferma, ma rafforza il
suo ruolo orientativo che si esplica, ancor prima che nell’ambito
squisitamente didattico, già nell’impianto ordinamentale.
Esso, infatti, recependo i mutamenti e le evoluzioni della
società, è stato impostato in modo da rispondere alle esigenze del
mondo della cultura, del mondo delle scienze, del mondo
dell’economia, di quello dell’arte e, nello stesso tempo, in modo da
accompagnare la scelta degli studenti e delle famiglie in modo chiaro e
leggibile anche al fine di assicurare loro la possibilità di inserirsi
proficuamente in un mercato del lavoro che è divenuto globale.
Lo studio delle lingue straniere è stato notevolmente potenziato
in tutti gli indirizzi della Scuola secondaria.
Nel sistema dei Licei la Lingua Straniera, pur contemplando in
modo accurato le funzioni vive della lingua stessa, è legata soprattutto
alla letteratura, alla storia delle civiltà, con un uso della lingua
modulato nella accezione più vasta ed articolata per rappresentare le
forme artistiche, i movimenti letterari, le sfumature del pensiero e i
moti dell’animo.
In particolare nei licei linguistici lo studio di tre lingue
comunitarie ( ad es. inglese, francese, spagnolo o tedesco o russo…)
consente di approfondire la conoscenza, attraverso la lingua, della
cultura dei paesi di riferimento, sia nella veste letteraria sia nella più
ampia accezione comunicativa e di uso quotidiano. La presenza dei
Docenti madrelingua di conversazione consente infatti di approfondire
le conoscenze delle tre lingue comunitarie mediante l’uso pratico delle

Assessorato alle Politiche della Scuola 17


funzioni linguistiche; in tal modo, lo studente sarà in grado, al termine
del ciclo di studi, non solo di conoscere la cultura dei Paesi, ma anche
di usarne le lingue con fluidità nelle varie situazioni di vita e
professionali.
Se invece pensiamo all’apprendimento delle lingue straniere in
modo più orientato verso un uso professionale, legato a determinati
ambiti di conoscenze e di competenze, non abbiamo che da esaminare
tutte le possibilità che ci vengono offerte dal Sistema degli Istituti
Tecnici e da quello degli Istituti Professionali.
In ambito Tecnico e Professionale si viene a contatto con uno
studio linguistico che, se nel primo biennio si attesta su standard
comuni a tutti gli indirizzi ed è mirato all’utilizzo della lingua straniera
prevalentemente per scopi comunicativi ed operativi, al termine
dell’intero percorso di studi esso deve portare lo studente a
padroneggiare la lingua straniera e, ove prevista, un’altra lingua
comunitaria, per scopi comunicativi e ad utilizzare i linguaggi settoriali
relativi ai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti e contesti
professionali, ad un livello stabilito del quadro comune europeo di
riferimento per le lingue.
Se, dunque, l’interesse dello studente è quello di impadronirsi di
una lingua che gli consenta di esprimere interessi e aspetti
professionali legati al Turismo, troverà la risposta alla sua esigenza
nell’Istituto Tecnico per il Turismo; se invece pensa ad un uso della
lingua legato al marketing, troverà la risposta alle sue esigenze
nell’Istituto Tecnico del settore economico, indirizzo”Relazioni
internazionali per il Marketing”. L’importanza delle lingue straniere in
questi due percorsi, a spiccata vocazione internazionale, è sottolineata
dalla presenza di tre lingue straniere nell’Istituto Tecnico per il Turismo
e di due lingue straniere nell’indirizzo finalizzato al Marketing.
Proseguendo nell’analisi avremo inoltre una microlingua legata
ai vari settori elettrico, elettronico, informatico, meccanico, chimico,
logistico e marittimo, aeronautico e del sistema Moda degli Istituto
Tecnici e Professionali.

Assessorato alle Politiche della Scuola 18


A III - Gli attestati di Qualifica Regionale al termine del terzo
anno degli Istituti Professionali e le ultime integrazioni
introdotte dal MIUR e dall’accordo Stato-Regioni

Gli Istituti Professionali di Stato, in base al nuovo ordinamento,


hanno struttura quinquennale come tutte le Scuole secondarie di II
grado e possono arricchire il Piano dell’Offerta Formativa offrendo la
possibilità agli studenti iscritti e frequentanti i propri corsi di
conseguire un Attestato di Qualifica Professionale rilasciato dalla
Regione Lazio in base all’accordo tra Ufficio Scolastico Regionale e
Regione Lazio.
Gli Istituti Professionali realizzano i percorsi di Istruzione e
Formazione Professionale in via sussidiaria, nel rispetto di quanto
previsto in materia di assolvimento dell’obbligo di istruzione.
In base alla normativa vigente i percorsi di Qualifica devono
riferirsi alle figure professionali ed ai relativi standard formativi minimi
delle competenze tecnico professionali di cui all’Accordo in sede di
Conferenza Stato-Regioni.
Recentemente il repertorio riguardante le 21 qualifiche è stato
arricchito di un ulteriore profilo professionale definito “Operatore del
mare e delle acque interne”.
Il Repertorio pertanto è costituito dai seguenti profili
professionali di Qualifica:

1 OPERATORE DELL'ABBIGLIAMENTO
2 OPERATORE DELLE CALZATURE
3 OPERATORE DELLE PRODUZIONI CHIMICHE
4 OPERATORE EDILE
5 OPERATORE ELETTRICO
6 OPERATORE ELETTRONICO
7 OPERATORE GRAFICO
8 OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI
9 OPERATORE DELLE LAVORAZIONI ARTISTICHE

Assessorato alle Politiche della Scuola 19


10 OPERATORE DEL LEGNO
11 OPERATORE DEL MONTAGGIO E DELLA MANUTENZIONE DI
IMBARCAZIONI DA DIPORTO
12 OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE
13 OPERATORE MECCANICO
14 OPERATORE DEL BENESSERE
15 OPERATORE DELLA RISTORAZIONE
16 OPERATORE AI SERVIZI DI PROMOZIONE ED ACCOGLIENZA
17 OPERATORE AMMINISTRATIVO - SEGRETARIALE
18 OPERATORE AI SERVIZI DI VENDITA
19 OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI
20 OPERATORE DELLA TRASFORMAZIONE AGROALIMENTARE
21 OPERATORE AGRICOLO
22 OPERATORE DEL MARE E DELLE ACQUE INTERNE

Gli studenti interessati possono pertanto iscriversi presso gli


Istituti Professionali di Stato ricercando la qualifica desiderata nel
campo: “Corsi di Qualifica Professionale con certificazione regionale”.
Tale ricerca, come spiegato al precedente punto I, quartultimo
comma, potrà consentire, in linea di massima, anche la individuazione
dello specifico settore/indirizzo del percorso di studi quinquennale.

Assessorato alle Politiche della Scuola 20


A IV - Gli sbocchi professionali dopo il conseguimento del
diploma di Scuola secondaria di II grado

Al fine di operare una scelta consapevole e orientata al mercato


del lavoro, è importante che sia chiaro lo sbocco professionale –
lavorativo che lo studente potrà intraprendere alla fine del
quinquennio.

Questo ultimo punto merita una particolare riflessione.


Nonostante sia ben nota la difficoltà dei giovani a trovar lavoro, in un
momento in cui la disoccupazione giovanile – tra i 19 e 24 anni - è
quasi al 30%, pochi sanno che le imprese hanno difficoltà a trovare
diplomati tecnici e professionali.

Guardando una tabella, frutto di una ricerca della Unioncamere


svolta nel Lazio nel 2010, le imprese non trovano sul mercato circa
110.000 diplomati tecnici e professionali

Nel 2011 la situazione non sembra essere molto differente. Le


imprese segnalano quote ancora consistenti di “introvabili”. Tra i
diplomati, i più richiesti sono gli indirizzi amministrativo e commerciale
(al quale le imprese destinano il 28% delle assunzioni previste, un
punto percentuale in meno dello scorso anno), seguiti dagli indirizzi

Assessorato alle Politiche della Scuola 21


industriali (25,7% del totale, oltre due punti percentuali in più del
2010), dagli indirizzi terziari (7% delle assunzioni totali, in linea con lo
scorso anno) e dagli indirizzi liceali e artistici (3% circa).

I diplomati sono soprattutto richiesti come commessi di negozio


(oltre 11mila le assunzioni programmate per questo profilo
professionale), segretari, (quasi 11mila), addetti alla contabilità
(10.500), addetti alle vendite della grandi distribuzione (8.700 e
addetti all’amministrazione (circa 7mila richieste).

Introvabili risultano diplomati dell’indirizzo aeronautico e


nautico (160 su 560 le assunzioni difficili), dell’indirizzo legno, mobile e
arredamento (330 su 1.160 le assunzioni difficili) e dell’indirizzo
meccanico (7mila su 25mila). Indipendentemente dal titolo di studio,
fra le competenze trasversali richieste ai candidati, la maggioranza
delle imprese intervistate segnala la capacità di lavorare in gruppo
(52%) e l’autonomia (46%).

Assessorato alle Politiche della Scuola 22


Si stenterà a credere che sia vero, ma è proprio così. Allora ci si
chiederà: di chi è la colpa se i giovani non trovano lavoro? Di loro
stessi che non accettano certi lavori o delle famiglie che non li aiutano
nella scelta?
In realtà le ragioni sono molteplici e tra queste non è
secondaria la responsabilità delle istituzioni formative che non
intercettano e livellano la domanda delle imprese, dando a questa
un’adeguata risposta. Ma certamente deve essere anche considerata la
tendenza, di questi ultimi anni, ad iscrivere massivamente i figli ad
indirizzi liceali.
Questi sono i dati degli ultimi anni nel Lazio (fonte Miur):

% Iscrizioni a.s 2009/2010 a.s. 2010/2011 Variazione


Liceo 56,9 % 59,8 % + 2,9
Professionale 17,6 % 16,0 % - 1,6
Tecnico 26,4 % 24,2 % - 2,2

E’ senz’altro il caso di chiedersi, quindi, come mai variano in


positivo le iscrizioni ai licei e diminuiscono negli altri tipi di Scuole
anche se queste portano più facilmente all’inserimento nel mondo del
lavoro. A nostro avviso ciò avviene perché le famiglie hanno poco
opportunità di avere a portata di mano dati esaustivi e chiari sul
panorama formativo e su come tale panorama si sposa con il
fabbisogno professionale del territorio.
Le famiglie hanno un compito importante a cui dovranno
rispondere col massimo impegno. Dovranno essere severe e sincere
con loro stesse e con i propri figli se vorranno veramente e
concretamente aiutarli a costruire un futuro e un progetto di vita
piuttosto che vederli, dopo cinque anni di studi superiori, disorientati

Assessorato alle Politiche della Scuola 23


alla ricerca di una facoltà o di un lavoro dignitoso. Spesso i ragazzi
sono costretti a terminare faticosamente un quinquennio, scelto senza
eccessiva convinzione; forse le famiglie hanno fatto questa scelta
perché i figli non hanno ancora manifestato particolari attitudini o
perché loro stessi non avevano elementi di conoscenza utili. Sanno le
famiglie che i diplomati dei tecnici e professionali sono quelli che più
facilmente trovano lavoro dopo il diploma?

NUMERO ALUNNI CHE CERCANO E TROVANO LAVORO


Professionali Tecnici Liceo
Un anno dopo 61% 45,3% 26,7%
diploma
Tre anni dopo 73,7% 57,9% 33,5%
diploma
Dati Miur 2011

Questi sono alcuni dei dati da tenere presente. Un dettaglio più


analitico si trova nei link che segnaliamo più avanti e che
raccomandiamo all’attenzione di genitori e studenti. Inoltre i genitori e
gli alunni che vogliono approfondire la conoscenza del percorso che
andranno ad affrontare per i 5 anni successivi, potranno visitare il
seguente sito (si riporta alla pagina iniziale):

http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesuperiori/i
ndex.html

Per un approfondimento specifico dei nuovi indirizzi Tecnici e


Professionali:

http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/ac78d40
9-0a19-47a2-9187-b6117e69d704/orientam_tec_prof_2011.pdf

Assessorato alle Politiche della Scuola 24


B. Ulteriore offerta formativa statale

Presso gli Istituti Secondari di II grado, gli studenti, oltre agli


indirizzi di studio diurni descritti nel paragrafo AI, possono trovare
ulteriori percorsi formativi. Nello specifico andremo di seguito ad
approfondire due tipologie di istruzione offerte:
I. l’Istruzione serale, dedicata agli adulti e agli studenti
lavoratori che, in possesso del diploma di Scuola media di I
grado, intendano acquisire un diploma di Scuola superiore;
II. l’alta formazione (al momento presente nella Provincia di
Roma con sole tre tipologie di percorsi formativi) che
consente una specializzazione dell’indirizzo di studio
secondario di II grado intrapreso, atta ad integrare
l’istruzione con il lavoro. Particolare attenzione alla scelta di
indirizzo superiore deve quindi essere esercitata dallo
studente che intenda successivamente iscriversi ad un
percorso di specializzazione ITS.

B I – L’educazione degli adulti: i Corsi Serali

In attesa della costituzione dei Centri Provinciali per


l’Educazione degli Adulti (C.P.I.A.) che si dovranno interessare del
settore, raccogliendo e unificando in singole istituzioni autonome gli
attuali Corsi Serali funzionanti presso le Scuole secondarie di II grado
e i Centri Territoriali Permanenti (CTP), la scelta degli studenti
lavoratori o degli alunni che hanno compiuto il quindicesimo anno di
età e per motivi diversi non possono seguire i corsi diurni, può essere
rivolta ai corsi serali. Tali corsi sono di norma attivati presso Istituti
Tecnici e Istituti Professionali.
La tipologia di questi corsi e dei relativi indirizzi di studio
possono essere ricercati con l’aiuto del software allegato o scaricabile
dal sito della Provincia, selezionando nel “tipo di sede” l’opzione
“serale” e perfezionando la ricerca nei siti web delle Scuole.

Assessorato alle Politiche della Scuola 25


B II – L’ alta formazione post-diploma: gli Istituti Tecnici
Superiori (ITS)

Il sistema Istruzione si è recentemente arricchito di una nuova


possibilità: sono stati creati gli Istituti Tecnici Superiori che
rappresentano il nuovo canale di istruzione non universitaria che
integra istruzione, formazione e lavoro secondo i modelli internazionali
più avanzati. Trattasi di Scuole di Alta Formazione alle quali si accede
dopo aver conseguito il Diploma di Scuola secondaria di II grado.
Nella struttura degli ITS sono presenti istituti tecnici e
professionali, imprese, Enti territoriali, quali Province e Comuni,
Università e Centri di ricerca, strutture di Alta Formazione ed altri
soggetti pubblici e privati, comprese le Camere di Commercio.
Dallo scorso autunno, dopo una fase organizzativa hanno
iniziato lo svolgimento delle attività didattiche.
Attualmente le Fondazioni ITS sono 59, dislocate in 16 Regioni,
con lo scopo di formare "Super-Tecnici" che potranno operare nelle sei
aree tecnologiche del piano di intervento "Industria 2015".
In Italia i giovani non trovano facilmente lavoro, eppure si
registra un deficit annuo di tecnici intermedi di circa 110 mila unità. Le
aziende non riescono sempre a soddisfare il fabbisogno di
professionalità tecniche di cui necessitano. E' necessario, quindi, far
incontrare domanda ed offerta di lavoro per sopperire a questa
carenza e la risposta può essere fornita dalle Fondazioni ITS.
Importante è l'orientamento: è necessario che gli studenti e,
soprattutto, le loro famiglie, all'atto delle iscrizioni ai percorsi del
secondo ciclo di istruzione e formazione, compiano una scelta di
indirizzo di studio consapevole e coerente con i percorsi ITS, anche in
relazione ai fabbisogni formativi espressi dal mondo del lavoro e delle
professioni.
Occorre che la scelta del percorso scolastico guardi con
interesse all'istruzione tecnica e professionale, in cui l'attenzione al
lavoro è massima per superare la vecchia contrapposizione fra le “due
culture”.
 
Quali sono le Fondazioni ITS attive nella Provincia di Roma?

Nella Provincia di Roma sono state costituite e avviate, in


attuazione dei piani di riforma e programmazioni territoriale, tre
Fondazione ITS che operano con progetti ed iniziative coerenti nei

Assessorato alle Politiche della Scuola 26


settori tecnologici e professionali: Nuove Tecnologie della Vita,
Turismo, Comunicazione.

Le tre fondazioni sono:

 Fondazione I.T.S. per le Nuove Tecnologie della Vita


(presso Istituto Cavazza-Largo Brodolini di Pomezia) che
agisce sull’omonima area tecnologica "Nuove Tecnologie della
Vita" e prevede due macro ambiti di intervento:
o Biotecnologie  industriali e ambientali
o Produzione di apparecchi, dispositivi diagnostici e
biomedicali.
I principali settori di riferimento sono: chimico, chimico
farmaceutico, biotecnologie, benessere – salute, alimenti
funzionali (medical food). Indirizzo internet:
http://www.fondazioneits-ntv.it info@fondazioneits-ntv.it
Indirizzo e-mail: presidenza@fondazioneits-ntv.it

 Fondazione I.T.S. per le tecnologie innovative per i beni e


le attività culturali – Turismo (Presso Istituto Via
Domizia Lucilla di Roma) che si occupa della formazione
nell’area della valorizzazione delle risorse culturali, delle
produzioni tipiche e della filiera turistica.
Indirizzo internet: http://itsturismoulisse.blogspot.com
Indirizzo e-mail: its.turismo@gmail.com

 Fondazione I.T.S. per le Tecnologie della informazione e


della comunicazione (presso Istituto R. Rossellini di
Roma) che opera per la formazione di tecnici esperti per
l’organizzazione e la fruizione dell’informazione e della
conoscenza con competenze in Ripresa Digitale, Visual Effects,
Produzione Multiplatform (online content producer).
Indirizzo internet: http://www.itsrossellini.it/site/it-IT/
Indirizzo e-mail: info@itsrossellini.it

Assessorato alle Politiche della Scuola 27


C - Link utili

 Guida alla riforma sulla Scuola:


http://www.istruzione.it/web/hub/riforma_istruzione

 La Riforma delle Scuole secondarie superiori - Nuovo


ordinamento:
http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesu
periori/index.html
e dettaglio sui nuovi tecnici e professionali (regolamenti,
finalità, profili, quadri orario, tabelle delle confluenze per ogni
tipo di Scuola):
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/a
c78d409-0a19-47a2-9187-
b6117e69d704/orientam_tec_prof_2011.pdf

 Sul link del MIUR è possibile scaricare una Guida alla “nuova
Scuola secondaria superiore” dove sono ben spiegati i
regolamenti, le finalità (ovvero i Profili), i Quadri Orario, le
Tabelle delle confluenze per ogni tipo di Scuola. Si consiglia
l’attenta lettura/studio di questo materiale perché lo sforzo
aiuterà voi ed i vostri figli ad una scelta più consapevole:
http://www.istruzione.it/web/istruzione/dettaglio-
news/-/dettaglioNews/viewDettaglio/9741/11210

 Ricerca delle informazioni inerenti tutte le Scuole di ogni ordine


e grado in Italia:
http://cercalatuascuola.istruzione.it/cercalatuascuola/

 Sito Regione Lazio per approfondimenti sull’istruzione seconda


ria di I e II grado, ITS e normativa:
http://www.sirio.regione.lazio.it/default.asp?id=243

 Sito del Miur:


http://www.istruzione.it/web/istruzione/home

Assessorato alle Politiche della Scuola 28


D - Procedura sul portale della Provincia di Roma

L’utente potrà accedere alla ricerca della Scuola secondaria di II


grado e dell’offerta formativa desiderata, accedendo al seguente link:
http://assessoratoallepolitichedellascuola.provincia.roma.it/sceltaistitut
o/index.html che troverà nel sito delle Politiche della Scuola della
Provincia di Roma e, quale rimando, direttamente nell’home page
www.provincia.roma.it tra le notizie in primo piano.
Le ricerche potranno essere effettuate indicando uno o più
criteri di scelta (Nome Istituto, Tipo Sede, Distretto, Municipio,
Indirizzo, Cap, Comune, Tipologia – Settori – Indirizzi – Articolazioni –
Opzioni – Ipsia Opzioni di istruzione, Lingue insegnate, Trasporto, POF,
Corsi certificati, Corsi di qualifica, Tipo laboratori ed altro) e
selezionando il tasto “Ricerca gli Istituti”.
Nel caso si desideri effettuare ricerche diverse, si consiglia di
utilizzare il tasto “Pulisci campi” per cancellare tutte le voci
precedentemente inserite.
La voce “Nuovo ordinamento” permette di visionare, ed
all’occorrenza stampare, un elenco complessivo e chiaro dei nuovi
indirizzi di studio oggi presenti nel panorama formativo e delle
corrispondenze di questi stessi rispetto al precedente ordinamento
scolastico.
Infine, si segnala che, al link di seguito indicato è anche
possibile scaricare il seguente opuscolo e maggiori dettagli relativi ai
profili, quadri orario, regolamento e confluenze degli indirizzi liceali,
tecnici e professionali (fonte Miur):
http://assessoratoallepolitichedellascuola.provincia.roma.it/sceltaistituto/S
WCD.zip.

E - Istruzioni per l’uso del software

Dopo l’inserimento del CD nel lettore del PC viene avviata


l’applicazione con il browser di default (Firefox, Chrome, Opera,
Internet Explorer o altro).
Nel caso in cui il sistema non permetta l’avvio automatico
(come per Windows 7), al fine di attivare la procedura, è necessario
selezionare con il mouse, mediante “esplora risorse”, il file
“index.html” che aprirà il browser di default (Firefox, Chrome, Opera,
Internet Explorer o altro).

Assessorato alle Politiche della Scuola 29


La maschera che viene visualizzata è composta da due parti: la
prima contiene i parametri di ricerca per gli istituti mentre nella
seconda parte sono elencati gli istituti risultato della ricerca.
La ricerca può essere effettuata per uno o più campi. La ricerca
viene eseguita anche per parte di testo: ad esempio digitando “savo”
nel campo nome istituto vengono visualizzati gli istituti “Margherita di
Savoia”, “Luisa di Savoia” e “Amedeo di Savoia”. I campi di ricerca
non fanno distinzione tra lettere maiuscole o minuscole.
Dopo aver impostato i parametri di ricerca cliccare sul pulsante
“Ricerca gli istituti”.
Nella seconda parte della pagina vengono mostrati gli istituti
rispondenti ai parametri di ricerca impostati.
Per annullare i filtri di ricerca cliccare sul pulsante “Pulisci i
campi”.
Per visualizzare la scheda completa dell’istituto cliccare su
“Scheda” che aprirà una nuova pagina nel browser con i dati completi
dell’istituto.
Il pulsante “Visualizza Nuovo ordinamento” apre un file pdf con
il nuovo ordinamento degli istituti.
Per ulteriori informazioni è presente un help in linea che viene
aperto cliccando sul pulsante “Help”.
Il CD contiene anche 3 cartelle consultabili contenenti i profili, i
quadri orario, i regolamenti e le confluenze del nuovo ordinamento
scolastico e relative agli indirizzi di studio liceali, tecnici e professionali
(fonte Miur).

Assessorato alle Politiche della Scuola 30