Sei sulla pagina 1di 9

Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.

0 in didattica
Brivio – 2011

Dispensa 4
Amministrare un blog: le funzionalità per l’amministratore
N.B. le istruzioni seguenti si riferiscono al servizio offerto dalla piattaforma Blogger (google), scelta per
l’equilibrio presente tra difficoltà e funzionalità offerte, direttamente o collegate all’account. Le procedure
però sono molto simili anche per altre piattaforme.

Dopo essere entrati nel blog, con le credenziali da amministratore, in alto appare una striscia di linguette per
selezionare le impostazioni e tutti gli altri aspetti rilevanti del blog. Di seguito prenderò in esame quelli più
importanti per un blog didattico.
Dopo aver selezionato una linguetta, nella striscia immediatamente sotto appare una serie di sotto-sezioni
tra cui orientarsi, come nell’immagine seguente

Modificare, Modificare i, Avere report


eliminare ecc. titolo, invitare sulle visite, le
i post di tutti o cancellare chiavi di
gli autori autori ricerca, ecc

Accettare, Impostare la Vedere il blog,


modificare, grafica del come lettore
eliminare ecc. blog
i commenti

Nella spiegazione delle varie schede a disposizione dell’amministrazione, seguirò la sequenza che consiglio
di seguire, in fase di creazione. Le parte che sarebbe opportuno controllare e, nel caso, modificare sono
scritte in colore diverso.
Ricordarsi, dopo aver apportato delle modifiche alle impostazioni, di scorrere la pagina fino in basso
e cliccare sul pulsante apposito per salvare il nostro lavoro.

L’impostazione del blog


Accedendo alla scheda sulle impostazioni si hanno nell’ordine le seguenti sottoschede:
Generale:
- è possibile eliminare il blog oppure (per i più esperti) trasferire i contenuti da un blog ad un altro.
- Si può cambiare il titolo (visualizzato, ricordo non l’indirizzo)
- Aggiungere una descrizione, che apparirà sotto al titolo, in piccolo
- Le successive opzioni possono essere lasciate invariate

1
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011

Linguette per
selezionare le schede

Sottosezioni per ogni


scheda

Pubblicazione
- Si può cambiare l’indirizzo, con uno acquistato e più corto.
- Si può tentare di cambiare l’indirizzo, se fosse disponibile quello di nostro interesse. Ma un blog
avviato non sarebbe più raggiungibile dai suoi lettori.

Formattazione
- Scegliere quanti post
visualizzare per pagina. Se si
pensa di mettere post con
contenuti “pesanti”, come
molte immagini, video, ecc è
consigliabile diminuire il
numero da 7 a 3-4, per non
rallentare troppo il
caricamento della pagina
- Scegliere il modo di
visualizzare la data (di default
è anglosassone)
- Scegliere il fuso orario
- Scegliere la lingua dei vari
elementi

2
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011
Commenti
Mostrare o nascondere i commenti
Scegliere chi abilitare a scrivere commenti. Se vogliamo essere più liberali, lasciamo pure chiunque,
altrimenti possiamo restringere la possibilità, magari consentendoli ai soli autori registrati, per
esempio possiamo impostare che siano gli alunni stessi.
Moderare i commenti: il consiglio è di moderare sempre, a costo di un piccolo impegno aggiuntivo
per il controllo. Ma, scrivendo nel campo successivo un indirizzo mail, si può essere avvisati della
presenza di nuovi commenti.
Verifica parole: selezionare sì, verranno così mostrati i famosi caratteri captcha per evitare fenomeni
di spam

3
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011

Archiviazione
Frequenza con cui vengono raggruppati i post: per esperienza posso consigliare di scegliere mensile

Feed sito: lasciare pure invariato, i nostri lettori potranno essere avvisati automaticamente quando
inseriremo un nuovo post.
Email e cellulare: consente di impostare l’invio di post tramite mail o telefonino
openId: con un solo nickname si potrà accedere a diversi siti

autorizzazioni: in questa sezione è possibile “controllare” gli accessi.


- Cliccando sul pulsante aggiungi autori si invia una mail con il link per attivare la procedura di
registrazione. Quando la persona avrà completato questo passo, potrà scrivere i post.
- Ogni autore può essere rimosso o elevato di grado
- In basso è possibile rendere “privato” il blog, consentendone la visualizzazione solo a persone
invitate o agli autori, ma non mi pare il caso per un blog didattico
amministratore
Gli autori possono
essere cancellati
Autori attivi

Gli autori possono diventare


amministratori

Autori invitati, ma
non ancora registrati

4
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011

Il design del blog


Accedendo alla scheda sul design si hanno tre sottoschede

Elementi pagina:

Qui è possibile modificare un elemento e definire come visualizzarlo. I vari elementi in colore più chiaro non
possono essere spostati, mentre quelli in colore più intenso possono essere trascinati nella posizione
desiderata, cancellati o se ne possono aggiungere altri.
Per modificare un elemento bisogna
cliccare sulla scritta Modifica e lavorare
nella finestra che si apre. Vedere ad
esempio l’immagine a lato, dove è
possibile modificare l’aspetto
dell’intestazione (titolo).
Oltre a cambiare la parole, si può
aggiungere un’immagine che faccia da
sfondo o sostituisca completamente il
titolo. Ricordarsi di salvare!
In questa sezione ci sono moltissime
opzioni e sarebbe impossibile spiegarle
tutte. Mi limiterò a cercare di dare alcuni
consigli utili ai fini didattici.
Ad esempio spostare in alto l’archivio
blog, cancellare pure l’elenco dei lettori e
dei collaboratori

Aggiungere gadget: semplici


applicazioni JavaScript e HTML che
possono essere incorporate in pagine
web e in altre applicazioni. Alcune sono
solo carine e divertenti (ricordate i
pesciolini?), altre sono utili ed interessanti
(la libreria di Anobii, la tag-cloud). Non
bisogna però essere degli esperti per
inserire dei gadget. Nella maggior parte
dei casi sono già disponibili.

5
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011
Vediamo come si fa. Dove si vuole inserire il gadget, cliccare sulla scritta “Aggiungi un gadget” . Si pare una
finestra con i gadget predisposti dalla piattaforma. Si possono leggere delle semplici descrizioni e ciccando
sulla crocetta azzurro si configurano ed aggiungono al proprio blog.

Configurare ed
aggiungere un
gadget

Scegliendo il gadget seguente, sarà possibile inserire dei link a siti o blog ritenuti interessanti. Nel mio blog
ho messo i collegamenti agli altri blog che gestisco. Naturalmente con molti link è meglio ricorrere ad un
servizio di social bookmarking, ma è un altro discorso.

Come spiegato nella dispensa 2, ad ogni post è consigliabile associare un’etichetta per catalogarne il
contenuto. Come reperire velocemente post con la stessa etichetta? Con un gadget apposito, ovviamente.
Basta cercare quello seguente

6
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011
Si può visualizzare un elenco, con accanto ad ogni etichetta il numero relativo di post, oppure rendere il tutto
molto gradevole con una tag-cloud, cioè una “nuvola” di parole, con dimensioni diverse a seconda
dell’importanza. Quello seguente è la schermata per la configurazione. Come per molti altri gadget è
necessario qualche esperimento: cambiare impostazioni, salvare e visualizzare il blog fino a essere
soddisfatti del risultato.

Aggiungere un gadget non di blogger. Io ho aggiunto la libreria di Anobii, che non è nell’elenco dei gadget
disponibili. Come fare?
Prima di tutto bisogna andare sul sito di interesse e creare lì il gadget (o widget, come viene chiamato da
alcuni) e selezionare il codice embedded. Poi tornare nel blog e selezionare il gadget seguente

Nella schermata successiva scrivere


il titolo del nostro gadget e incollare
nello spazio bianco il codice copiato.
Questa funzionalità richiede un
minimo di conoscenza di HTML o
javascript, per modificare eventuali
difetti. Nella lezione sul codice
embedded darò qualche dritta utile

7
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011
Designer modelli
Accedendo alla scheda design viene aperto il designer di modelli di blogger. È molto semplice usarne le
funzionalità, anche perché in basso appare l’anteprima dei cambiamenti. Una volta ottenuto l’effetto
desiderato bisogna ricordarsi di salvare le modifiche!
Le possibilità di scelta sono davvero molte e, in più, si possono effettuare modifiche personalizzate,
conoscendo un po’ di codice. Qui è tutta questione di tempo, per provare e riprovare i vari stili e trovare
quello più adatto a noi e ai nostri scopi. Un consiglio spassionato è quello di preferire la semplicità, con pochi
elementi e un aspetto “pulito”. Meglio un blog semplice e leggibile che uno complesso, ma che stanca gli
occhi.

Salvare le modifiche

Possibili scelte per ogni


categoria
Categorie di modifiche

anteprima

Modelli: sono presenti molteplici modelli, con varie opzioni. I colori e i caratteri sono modificabili in
seguito
Sfondo: potete scegliere un’immagine invece di un colore unico, selezionandola tra quelle offerte o
caricandone una personale, basta cliccare nel rettangolino colorato
Modifica larghezze: con delle barre a scorrimento si possono modificare le larghezze delle colonne dedicate
ai post e alle barre laterali. È meglio intervenire dopo aver modificato il layout
Layout: potete impostare cosa mettere nel blog. Solo post o aggiungere spazi laterali per i gadget
Avanzato: sezione per modificare colori e caratteri dei vari spazi

I commenti del blog


Accedendo a questa scheda si hanno a disposizione 3 sezioni ove controllare i commenti. Se non abbiamo
attivato la moderazione è possibile comunque rimuovere commenti sgraditi, se invece è stata attivata nelle
impostazioni la moderazione, dobbiamo consentire la visualizzazione dei vari commenti pervenuti. Consiglio
di attivare nelle impostazione l’avviso via mail dell’inserimento dei commenti: in questo modo non si deve
andare ogni giorno a controllarli.
Questo compito non è particolarmente gravoso per i blog “documentaristici”, mentre diventa più impegnativo
per quelli che prevedono conversazioni e discussioni tra alunni o con i genitori. In questo caso, oltre alla
semplice rimozione di commenti “non educativi”, è necessario possedere competenze nella CMC
(comunicazione mediata dal computer) per prevenire, smorzare o indirizzare flame, polemiche, discussioni
fuori tema, messaggi prolissi e autocelebrativi ecc.

8
Percorso di formazione sugli strumenti del web 2.0 in didattica
Brivio – 2011

I post del blog


Accedendo a questa scheda si hanno a disposizione 3 sezioni ove controllare i post.

Post: serve per inserire un nuovo post


Modifica post: permette di modificare o cancellare i post di tutti gli autori
Modifica pagine: permette di creare, modificare o eliminare le pagine “statiche” aggiungibili al blog.

Le statistiche del blog


Accedendo a questa scheda è possibile conoscere quante persone visualizzano il nostro blog.

La presente dispensa è stata creata appositamente per il corso in oggetto.


L’autrice la rilascia con licenza Commons Creative Attribuzione - Non commerciale - Non opere
derivate 2.5
Brivio, 16 marzo 2011 Isa Sozzi

La presente dispensa è stata creata appositamente per il corso in oggetto.


L’autrice la rilascia con licenza Commons Creative Attribuzione
9 - Non commerciale - Non opere
derivate 2.5
Brivio, 13 marzo 2011 Isa Sozzi