Sei sulla pagina 1di 210

Analisi Matematica I

Università di Padova, Corsi di Laurea in Ingegneria

Paolo Guiotto
ii

Premessa

Questo materiale copre un primo corso di Analisi Matematica per corsi di Laurea di indirizzo scientifico. L’accento
è posto sullo sviluppo di abilità di Calcolo (con ciò s’intende il calcolo differenziale e integrale). Un utilizzo
abile del Calcolo richiede una buona comprensione della teoria generale, che è svolta in quasi tutti i dettagli.
Al netto delle dimostrazioni omesse perché naturali estensioni di altre (e quindi lasciate come esercizio) alcune
dimostrazioni sono omesse perché troppo tecniche e complesse senza aggiungere qualche idea in più che possa
essere sviluppata nel calcolo. Per esempio è omessa la costruzione dei numeri reali e delle funzioni elementari,
così come talvolta le ipotesi con cui vengono enunciati e dimostrati alcuni risultati non sono le più generali. Inoltre,
rispetto ad un corso di Analisi per matematici la topologia è ridotta all’essenziale.
Come detto sopra, lo scopo è quello di sviluppare abilità di utilizzo del Calcolo. Molti, purtroppo, studiano l’Analisi
scindendo la teoria generale dagli esercizi, come se gli esercizi si riferissero a qualcosa di diverso dalla teoria,
magari cercando "metodi standard". In questo modo la teoria viene assimilata passivamente o, peggio, a memoria.
Lo studente finisce per avere sensazione che l’Analisi sia un enorme prontuario di regole senza un senso preciso
e senza nessuna intuizione. Non è vero! Molti metodi che verranno presentati in questo corso si possono riferire
al concetto di limite: limite di una successione, di una funzione, somma di una serie numerica (somma di infiniti
numeri), derivata, integrale. Ciascuno di questi concetti risponde ad esigenze ben precise, come vedremo, che in
molti casi vanno anche oltre la Matematica. Il focus di questo corso è lo sviluppare il Calcolo per funzioni reali di
variabile reale, in un corso successivo verranno estese queste tecniche alle funzioni di più variabili.
Per quanto detto sopra è bene svolgere gli esercizi avendo una buona comprensione della teoria. Fondamentale è
conoscere bene definizioni e enunciati dei teoremi. Per capire bene le definizioni e i teoremi è molto utile provare a
fare le dimostrazioni dei risultati che sono lasciate in parte o del tutto come esercizio. Aiuta molto a imparare una
tecnica di ragionamento, spesso affrontata poco prima in un’altra dimostrazione. Ciò aiuta a capire qual è l’idea
della dimostrazione: piuttosto che imparare a memoria le dimostrazioni è più importante capire qual è la strategia
dimostrativa.
Il testo comprende una numerosa raccolta di oltre 600 esercizi. Gli esercizi segnati con (?) presentano difficoltà di
calcolo che richiedono un minimo di abilità, (??) sono più difficili e possono richiedere un po’ più d’inventiva.
Buon divertimento!
Indice

0 Preliminari: concetti di base 3


0.1 Insiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
0.2 Proposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
0.3 Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

1 Numeri Reali 7
1.1 Assiomi dei numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.2 Funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.2.1 Radici e potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.2.2 Esponenziali e logaritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.2.3 Funzioni trigonometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.2.4 Modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.3 Densità dei razionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
1.4 Principio delle scatole cinesi di Cantor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
1.5 Fattoriale, coefficienti binomiali e binomio di Newton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

2 Numeri complessi 27
2.1 Definizione di C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
2.2 Piano di Gauss . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2.3 Forma trigonometrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

3 Successioni 37
3.1 Modelli matematici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.1.1 Modelli demografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.1.2 Interessi composti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.2 La nozione di limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.2.1 Limite finito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.2.2 Limite infinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.2.3 Sotto-successioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.3 Proprietà fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3.4 Teorema di Bolzano–Weierstrass . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3.5 Regole di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
3.6 Confronto esponenziali/potenze/logaritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

iii
iv

3.7 Successioni monotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59


3.7.1 Il numero di Nepero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
3.8 Successioni definite per ricorsione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
3.9 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

4 Serie numeriche 69
4.1 Definizione ed esempi fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
4.2 Serie a termini di segno costante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
4.2.1 Criteri della radice e del rapporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
4.3 Serie a termini di segno variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
4.3.1 Serie a segno alternato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
4.3.2 Convergenza assoluta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
4.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

5 Limite 85
5.1 Topologia elementare della retta reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
5.2 Definizione di limite e di funzione continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
5.3 Località del limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
5.4 Proprietà fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
5.5 Calcolo dei limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
5.6 Limiti fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
5.6.1 Confronto esponenziali/potenze/logaritmi all’infinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
5.6.2 Funzioni trigonometriche circolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
5.6.3 Limite esponenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
5.7 Funzioni iperboliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
5.8 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104

6 Continuità 107
6.1 Operazioni su funzioni continue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
6.2 Continuità delle funzioni monotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
6.3 Teorema di Weierstrass . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
6.4 Teorema degli zeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
6.5 Teorema dell’inversa continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
6.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

7 Calcolo Differenziale 115


7.1 Definizione e prime proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
7.2 Derivate delle funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
7.3 Regole di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.4 Teoremi fondamentali del Calcolo Differenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.5 Regole di Hôpital . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
7.6 Segno della derivata e monotonia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
7.7 Derivata della funzione inversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
7.8 Convessità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
7.9 Lo studio di funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
7.10 Formula di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
7.11 Calcolo con infinitesimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
1

7.11.1 Limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146


7.11.2 Convergenza delle serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
7.12 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152

8 Primitive 161
8.1 Definizione, primitive elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
8.2 Regole di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
8.2.1 Formula di calcolo per parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
8.2.2 Formula di calcolo per sostituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
8.3 Primitive delle funzioni razionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
8.3.1 Sostituzioni standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
8.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176

9 Integrale di Riemann 179


9.1 Definizione di funzione integrabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
9.2 Classi di funzioni integrabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
9.3 Proprietà dell’integrale di Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
9.4 Teorema fondamentale del Calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
9.5 Formule d’integrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
9.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189

10 Integrali Generalizzati 191


10.1 Definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
10.2 Criterio del confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
10.3 Test della serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
10.4 Convergenza assoluta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
10.5 Criterio di Abel–Dirichlet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
10.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
2
Capitolo 0

Preliminari: concetti di base

La Matematica è, anzitutto, un linguaggio, e come ogni linguaggio ha un vocabolario e una grammatica. A


differenza del linguaggio comune la Matematica tratta con un numero limitato di oggetti e tra questi cerca di stabilire
connessioni che devono essere fondate su un ragionamento logico. Gli oggetti fondamentali sono insiemi e funzioni
(di fatto di può guardare ad una funzione come ad un insieme. . . ); il tipo di connessioni sono affermazioni che sono,
esclusivamente, o vere o false e si chiamano proposizioni. In questo breve Capitolo introduciamo/richiamiamo
questi concetti.

0.1 Insiemi
Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Se provassimo a definire "cos’è un insieme", dovremmo dire
qualcosa del tipo: "un insieme è una collezione di oggetti" oppure "un insieme è una famiglia di oggetti". Ci
troveremmo subito col problema di definire cos’è una collezione oppure una famiglia di oggetti. Cioè definiremmo
il concetto di insieme attraverso un sinonimo, creando così una catena senza un punto iniziale. Per questo dobbiamo
necessariamente dare alcuni concetti come primitivi, cioè senza una definizione.
Di solito gli insiemi sono denotati con lettere maiuscole A, B, C, X, Y, . . .. La notazione x ∈ X significa che x
è un elemento dell’insieme X, cioè che appartiene a X, mentre x < X significa che x non appartiene a X. Diciamo
che A è un sottoinsieme di X e scriviamo

A ⊂ X, se ogni elemento x ∈ A appartiene anche a X, cioè x ∈ X .

Molti insiemi sono definiti a partire da altri attraverso opportune operazioni. Le principali sono

• unione: dati A, B ⊂ X, l’unione di A con B è l’insieme degli elementi che stanno in A oppure in B, cioè

A ∪ B := x ∈ X : x ∈ A oppure x ∈ B .


• intersezione: dati A, B ⊂ X, l’intersezione di A e B è l’insieme degli elementi che stanno sia in A che in B,
cioè
A ∩ B := {x ∈ X : x ∈ A e x ∈ B} .
Nel caso in cui A e B non abbiano elementi in comune si scrive A ∩ B := ∅.

3
4

• differenza: dati A, B ⊂ X, la differenza tra A e B (in questo ordine) è l’insieme degli elementi di A che non
stanno in B, cioè
A\B := {x ∈ X : x ∈ A e x < B} .
In generale A\B , B\A come ci si può facilmente convincere.

Spesso operiamo all’interno di un insieme di riferimento che viene anche detto universo. Se X è l’universo
chiamiamo complementare di un insieme A ⊂ X l’insieme

Ac := X\A = {x ∈ X : x ∈ X e x < A} = {x ∈ X : x < A}.

È facile constatare che


A\B = A ∩ B c .
È conveniente pensare a ∅ come a un particolare insieme, detto insieme vuoto. Le operazioni insiemistiche
soddisfano certe semplici regole:
• (commutatività) A ∪ B = B ∪ A, A ∩ B = B ∩ A, per ogni A, B.
• (associatività) A ∪ (B ∪ C) = ( A ∪ B) ∪ C, A ∩ (B ∩ C) = ( A ∩ B) ∩ C, per ogni A, B, C.
• (distributività) A ∩ (B ∪ C) = ( A ∩ B) ∪ ( A ∩ C), per ogni A, B, C.
• (elemento neutro unione) A ∪ ∅ = A per ogni A.

0.2 Proposizioni
Le frasi che scriviamo in matematica sono affermazioni che possono essere solo vere o false. Tali affermazioni
prendono il nome di proposizioni. Per esempio

2 divide 6 è una proposizione vera, 2 divide 3 è una proposizione falsa.

Normalmente le proposizioni sono indicate con lettere come p, q, . . .. In alcuni casi una proposizione può essere
vera o falsa a seconda del valore di una variabile. Per esempio, se n ∈ N,

p(n) := 2 divide n, è vera se n è pari, falsa se n è dispari.

In questo caso diciamo che p è un predicato. I predicati sono molto utili per descrivere gli insiemi. Infatti spesso
è impossibile elencare tutti gli elementi di un dato insieme, ma è possibile trovare una proprietà caratterizzante gli
elementi di un insieme. Per esempio

S = {n ∈ N : p(n) è vera} = {n ∈ N : 2 divide n} = numeri pari .




In generale, se X è un universo e p è un predicato su X scriveremo

S = {x ∈ X : p(x) è vera} ≡ {x ∈ X : p(x)} ,

dove la seconda notazione è una abbreviazione della prima.


Anche sulle proposizioni sono definite alcune operazioni, dette operazioni logiche. Se p, q sono proposizioni,
allora
5

• la disgiunzione tra p e q è la proposizione

p o q (equivalentemente p ∨ q) è una proposizione vera se almeno una tra p e q è vera.

• la congiunzione tra p e q è la proposizione

p e q (equivalentemente p ∧ q) è una proposizione vera se p e q sono entrambe vere.

Per esempio
(2 divide 6) ∨ (2 divide 3) è vera, (2 divide 6) ∧ (2 divide 3) è falsa.
La congiunzione e la disgiunzione corrispondono a intersezione e unione, nel senso che

A ∪ B = {x ∈ X : p(x) ∨ q(x)} ,
se A = {x ∈ X : p(x)}, B = {x ∈ X : q(x)}, allora
A ∩ B = {x ∈ X : p(x) ∧ q(x)} .

Consideriamo ora un predicato p = p(x) dove x ∈ X, X universo. Spesso in Matematica si incontrano frasi del
tipo
esiste almeno un x ∈ X tale che p(x) è vera ≡ ∃ x ∈ X : p(x).
Oppure
per ogni x ∈ S si ha che p(x) è vera, ≡ ∀x ∈ X : p(x).
I simboli ∃ (esiste) e ∀ (per ogni) vengono detti quantificatori universali. Ancora:

esiste un unico x ∈ X tale che p(x) è vera, ≡ ∃!x ∈ X : p(x).

I quantificatori sono simboli che ricorrono praticamente in ogni affermazione matematica, ed è dunque bene
comprenderne il senso. Che può apparire semplice ma che così semplice non è. Per esempio:

la negazione di ∀x ∈ X : p(x), è ∃x ∈ X : p(x) falsa.

La confusione può inoltre generarsi quando i due quantificatori vengono utilizzati combinati. Per esempio:
consideriamo un predicato in due variabili p = p(x, y), x, y ∈ X e le due proposizioni

∀x ∈ X ∃y ∈ X : p(x, y), ∃x ∈ X, ∀y ∈ X : p(x, y).

La domanda è: dicono la stessa cosa? No! Per capirlo facciamo un esempio e consideriamo

p(x, y) := x ama y, su X = {esseri umani}.

Vediamo cosa significano le due proposizioni:

∀x ∈ X ∃y ∈ X : p(x, y) ≡ ogni essere umano ama almeno un altro essere umano,

∃x ∈ X, ∀y ∈ X : p(x, y) ≡ c’è almeno un essere umano che è ama ogni essere umano.

Dovrebbe essere chiara la differenza. È bene prestare attenzione: il principale concetto dell’Analisi Matematica,
quello di limite è fondato su una coppia ∀, ∃.
6

0.3 Funzioni
Una funzione f : X −→ Y è un modo di associare ad ogni x ∈ X un elemento f (x) ∈ Y . Anche questo è un concetto
primitivo. Normalmente X è detto dominio e Y co–dominio. L’elemento f (x) corrispondente a x attraverso f è
detto immagine di x. In generale, se A ⊂ X poniamo
f ( A) := { f (x) : x ∈ A} ,
e chiamiamo f ( A) immagine di A attraverso f . Alcune importanti proprietà delle funzioni sono:
• diciamo che f è iniettiva se f (x) = f (y) se e solo se (sse) x = y;
• diciamo che f è suriettiva se f (X ) = Y , cioè se ∀y ∈ Y , ∃x ∈ X tale che f (x) = y.
• diciamo che f è biiettiva se è iniettiva e suriettiva.
Attenzione! 0.3.1. Non va dimenticato che una funzione non è semplicemente un "regola" f : non vanno infatti
dimenticati dominio e codominio. La stessa "regola" può essere iniettiva o meno, suriettiva o meno, biiettiva o
meno a seconda di quali sono dominio e codominio. Per esempio, prendiamo f (n) = n2 . Possiamo pensare f nei seguenti
contesti:
• f : N −→ N, in questo caso è iniettiva ma non suriettiva;
• f : Z −→ Z, non è né iniettiva né suriettiva;
• f : N −→ f (N), è iniettiva e suriettiva (cioè biiettiva).

Se f è biiettiva abbiamo in particolare che


∀y ∈ Y, ∃!x ∈ X, : f (x) = y.
In altre parole, per ogni y ∈ Y c’è un unico x ∈ X per cui f (x) = y. Ciò definisce, di fatto, una funzione che viene
detta inversa di f :
f −1 : Y −→ X, f −1 (y) := x, dove x ∈ X : f (x) = y.
In particolare:
f ( f −1 (y)) = y, ∀y ∈ Y, f −1 ( f (x)) = x, ∀x ∈ X .
A questo proposito introduciamo un’importante operazione sulle funzioni: se
f : X −→ Y, g : Y −→ Z,
definiamo
g ◦ f : X −→ Z, (g ◦ f )(x) := g( f (x)), ∀x ∈ X,
che chiamiamo composizione di f e g. In particolare, se chiamiamo identità su X
IX : X −→ X, IX (x) := x, ∀x ∈ X,
se f è biiettiva
f ◦ f −1 = IY , f −1 ◦ f = IX .
Infine: un’utilissimo modo di descrivere una funzione è quello di associare ad essa un insieme, detto grafico e
definito come
G( f ) := {(x, f (x)) ∈ X × Y : x ∈ X } .
Qui X × Y è il cosiddetto prodotto cartesiano di X e Y , cioè l’insieme delle coppie (x, y) con x ∈ X e y ∈ Y .
Capitolo 1

Numeri Reali

Il concetto di numero ha una lunga storia e solo in epoca recente, verso la fine del XIX secolo, i matematici ne
hanno trovato una definizione soddisfacente. Soddisfacente non vuol dire semplice, anzi: si tratta di una definizione
piuttosto complessa e astratta che ci porterebbe subito fuori strada. Ci accontentiamo qui di un’idea più naïf, l’idea
che probabilmente ci facciamo quando incontriamo per la prima volta questi oggetti: i numeri sono oggetti su cui
sono definite alcune operazioni.
Ci sono diversi insiemi numerici: i naturali, gli interi relativi, i razionali. . . e ciascuno risponde ad una specifica
necessità. L’insieme dei numeri naturali N = {0, 1, 2, 3, . . .} risponde al bisogno di contare. Su N sono definite due
operazioni importanti: la somma e il prodotto che soddisfano alcune proprietà note sin dalle scuole elementari. I
numeri naturali sono sufficienti per la maggior parte delle applicazioni nella vita comune, ma non per tutte. In
alcuni casi è conveniente avere il concetto di numero negativo. Per esempio, pensando al bilancio di un’impresa è
fondamentale la differenza tra ricavi e costi. Se i costi sono superiori ai ricavi significa che l’impresa ha un debito,
che può essere pensato convenientemente come una somma negativa. Per questa ragione vengono introdotti i
numeri interi relativi (o più brevemente interi) Z = {0, ±1, ±2, ±3, . . .}. Anche su Z sono definite somma e prodotto
che verificano le stesse proprietà di somma e prodotto in N. Di fatto possiamo vedere N come un sottoinsieme di Z.
In Z possiamo sempre definire l’opposto di un numero, cosa che non possiamo fare mai in N (cioè non otteniamo
un numero che stia ancora in N). Quando ci poniamo il problema di dividere una quantità in un certo numero di
parti ci accorgiamo che Z non è sufficiente. Certo, in alcuni casi è possibile: 6 può essere diviso in 2 parti o in 3
parti ma non in 4 o in 5 parti. È così che nascono i numeri razionali denotati con Q = { qp : p, q ∈ Z, q , 0}.
I Greci, che occupano un ruolo di rilievo nella storia della conoscenza e della matematica in particolare,
trattavano coi numeri come con oggetti "geometrici". I numeri erano per loro lunghezze, aree e volumi. Le
operazioni che oggi definiremmo algebriche venivano costruite geometricamente. Si accorsero che oltre ai numeri
razionali dovevano esserci altri numeri: se √ si prende un√quadrato di lato 1 e si traccia la diagonale tutti sappiamo √
che, dal teorema di Pitagora, essa è lunga 12 + 12 = 2. Tuttavia i Greci erano in grado di dimostrare che 2
non è un numero del tipo m n , cioè che non esiste alcun modo di dividere l’unità in un certo numero n di parti tale
che prendendo m copie di questa parte si ottenga la diagonale del quadrato! La loro dimostrazione di questo fatto
è piccolo un capolavoro di eleganza e di profondità, perché è uno straordinario esempio di quel modo di ragionare
"per assurdo" che è fondamentale nella Matematica.

Teorema 1.0.1. Non esiste alcun x ∈ Q tale che x 2 = 2.


p
Dim. — Supponiamo per assurdo che tale x esista. Scriviamo x = q . Come noto possiamo eliminare i fattori comuni a p e q,

7
8

per cui possiamo supporre che non abbiano fattori in comune. Ora,

p2
x 2 = 2, ⇐⇒ = 2, ⇐⇒ p2 = 2q2 .
q2

Da ciò segue che p2 è pari. Vediamo che necessariamente p è pari. Infatti: p può essere pari o dispari. Se fosse dispari sarebbe
del tipo p = 2k + 1 per un certo k ∈ Z, e quindi

p2 = (2k + 1) 2 = 4k 2 + 1 + 2k = 2(2k 2 + k) + 1, =⇒ p2 dispari: impossibile!.

Dunque p = 2k, per cui


p2 = 2q2, ⇐⇒ 4k 2 = 2q2, ⇐⇒ q2 = 2k 2, =⇒ q pari.
Ma allora 2 divide p e q, il che contraddice che p e q non abbiano divisori comuni.

1.1 Assiomi dei numeri reali



Se 2 non è un numero razionale, allora. . . che numero è? Una delle intuizioni più efficaci fu quella di rappresentare
i numeri come punti su una retta. Si comincia fissando un punto a piacere, lo 0, un secondo punto a piacere, diverso
dal primo, l’1. In genere si disegna la retta orizzontalmente e si colloca 1 alla destra di 0. Dopodiché, si rappresenta
n > 0 come il punto che si ottiene prendendo n copie consecutive del segmento 01 disposte una dopo l’altra verso
destra a partire da 0, e n < 0 prendendo −n copie di 01 disposte una dopo l’altra verso sinistra a partire da 0.

-2 -1 0 1 2 3

Passando a Q, per rappresentare m n , con n > 0, si divide 01 in n parti uguali, dopodiché se ne contano m copie
verso destra se m > 0, −m copie verso sinistra se m < 0. A differenza dei punti di N e Z, i punti di Q sono
sparpagliati (vedremo in seguito una terminologia più precisa) in ogni pezzetto di retta. Questo perché se p, q ∈ Q
allora p+q
2 ∈ Q, tra p, q ∈ Q ci sono infiniti altri punti di Q. Dunque se N e Z sembrano "discreti", Q sembra un
continuo che occupa tutti i punti della retta. Ma è davvero così? Per capirlo, consideriamo gli insiemi
( ) ( )
S := q ∈ Q : q > 0, q2 > 2 , H S := q ∈ Q : q > 0, q2 < 2 .

Ž
0 S 2 S

Siccome non c’è nessun q ∈ Q tale che q2 = 2 possiamo dire che mettendo assieme S e H S abbiamo tutti i numeri
razionali positivi. In simboli
Q+ := {q ∈ Q : q > 0} = S ∪ H S.

Nella figura abbiamo
√ volutamente segnato anche il "punto"√ 2. Intuitivamente infatti
√ i numeri di S sono i razionali
q tali che q > 2 mentre quelli di H S sono quelli 0 6 q < 2. In altre parole, 2 rappresenta in qualche modo il
"confine" tra S e H
S. Notiamo che

i) 2 è a sinistra di S, in altri termini è un minorante per gli elementi di S;

ii) 2 è il miglior minorante di S, nel senso che nessun numero alla sua destra è più minorante.
9

Il concetto di miglior minorante è di fondamentale importanza e distingue i reali dai razionali.


Definizione 1.1.1. L’insieme dei numeri reali è un insieme R ⊃ Q con le seguenti proprietà:
• somma: su R è definita una somma + soddisfacente le proprietà seguenti:
i) (associativa): x + (y + z) = (x + y) + z, ∀x, y, z ∈ R.
ii) (commutativa): x + y = y + x, ∀x, y ∈ R.
iii) (zero): x + 0 = x, ∀x ∈ R.
iv) (opposto): ∀x ∈ R, ∃!y ∈ R : x + y = 0. Per definizione −x := y.
• prodotto: su R è definita un prodotto · soddisfacente le proprietà seguenti:
i) (associativa): x · (y · z) = (x · y) · z, ∀x, y, z ∈ R.
ii) (commutativa): x · y = y · x, ∀x, y ∈ R.
iii) (unità): x · 1 = x, ∀x ∈ R.
iv) (reciproco): ∀x ∈ R\{0}, ∃!y ∈ R : x · y = 1. Per definizione 1
x := y.
• proprietà distributiva: x · (y + z) = x · y + x · z, ∀x, y, z ∈ R.
• ordinamento: su R è definita una relazione d’ordine < tale che
i) (ordinamento totale): ∀x, y ∈ R si ha, esclusivamente, x < y, x = y, y < x.
Si scrive x 6 y se x < y o x = y. Le seguenti proprietà valgono:
ii) (transitività): se x 6 y e y 6 z allora x 6 z.
iii) (riflessività): se x 6 y e y 6 x allora y = x.
iv) (invarianza della somma): se x 6 y allora x + z 6 y + z, ∀z ∈ R.
v) (invarianza del prodotto): se x 6 y allora x · z 6 y · z, ∀z ∈ R, z > 0.
Scriviamo anche x > y sse y 6 x.
Infine, vale la seguente proprietà:
• (assioma di completezza): se un insieme S ⊂ R è inferiormente limitato, cioè se esiste m ∈ R per cui
m 6 s per ogni s ∈ S esiste allora un numero α =: inf S ∈ R tale che
i) α è un minorante per S, cioè α 6 s, ∀s ∈ S;
ii) α è il miglior minorante per S, cioè ∀ β > α, ∃s ∈ S tale che α 6 s 6 β.

S
Α Β

Osservazione 1.1.2. Talvolta è utile riscrivere la ii) delle proprietà caratteristiche dell’inf nella forma seguente

∀ε > 0, ∃s ∈ S : α 6 s 6 α + ε.
10

L’esistenza del miglior minorante (inf) equivale di fatto all’esistenza del miglior maggiorante:
Proposizione 1.1.3. Sia S ⊂ R superiormente limitato, cioè tale che esista un M ∈ R per cui s 6 M per ogni
s ∈ S. Esiste allora α =: sup S ∈ R tale che
i) α è un maggiorante di S: α > s, ∀s ∈ S;
ii) α è il miglior maggiorante di S: ∀ β < α, ∃s ∈ S tale che β 6 s 6 α.

Dim. — Esercizio.

Definizione 1.1.4. Diciamo che S ⊂ R è inferiormente illimitato (e scriviamo inf S = −∞) se non è inferiormente
limitato, cioè se
inf S = −∞, ⇐⇒ ∀m ∈ R, ∃s ∈ S, : s 6 m.
Analogamente si dice che S è superiormente illimitato e si pone sup S = +∞.
Definizione 1.1.5. Sia S ⊂ R. Diciamo che m = min S se
i) m 6 s, ∀s ∈ S;
ii) m ∈ S.
Definizione simile per max S.
È evidente che
Proposizione 1.1.6. Se esiste min S allora min S = inf S, se esiste max S allora max S = sup S.
Dim. — Esercizio.

Esempio 1.1.7. Sia ( )


1
S= : n ∈ N, n > 1 .
n
Determinare inf / sup e, se esistono, min / max.
Sol. — Si osserva subito che gli elementi di S, che sono i numeri del tipo n1 con n ∈ N, n > 1 (e non, come talvolta erroneamente
si crede, i numeri naturali > 1), sono tutti compresi tra 0 e 1, cioè 0 6 n1 6 1 per ogni n ∈ N, n > 1. Questo significa che S è
sia inferiormente che superiormente limitato (rispettivamente, ad esempio, da 0 e da 1).
inf / min. Un candidato naturale è il numero 0: infatti è un minorante (già visto) e "vicino" ad esso cadono elementi di S.
Precisamente: verifichiamo che è il miglior minorante, cioè che
1
∀ β > 0, ∃n ∈ N, n > 1 : 6 β.
n
Ma
1 1
6 β, ⇐⇒ n > .
n β
Quindi basta prendere un qualsiasi intero n maggiore di β1 e l’elemento n1 < β. Passiamo al min: se esiste coincide con l’inf,
quindi necessariamente il candidato è 0. Ma 0 < S (perché n1 , 0 quale che sia n) e quindi 0 non può essere minimo. Se ne
conclude che il minimo non esiste.
sup / max. Abbiamo già visto che 1 è un maggiorante. E siccome 1 ∈ S (perché l’elemento 11 ∈ S) si ha che ∃ max S = 1. Ma
allora, per un fatto generale, sup S = max S = 1.
11

Nel semplice esempio che abbiamo appena visto è nascosta una sottile insidia. Ad un certo punto si dice: preso un
intero n maggiore del numero reale β1 . . . . Ma siamo sicuri che esistano tali interi?
Lemma 1.1.8 (proprietà archimedea).
∀b > 0, ∃n ∈ N, : n > b.

Dim. — Supponiamo per assurdo che esista un numero b ∈ R tale che n 6 b, ∀n ∈ N.

N Α b

Dunque N sarebbe superiormente limitato in R e allora, in virtù dell’Assioma di completezza, ammetterebbe un estremo superiore

R 3 α := sup N

Ora: prendiamo β := α − 21 < α. Essendo α il miglior maggiorante, esiste H


n ∈ N tale che β 6 H
n 6 α.

N Β ñ Α ñ
+1 b

Ma allora N 3 Hn + 1 > β + 1 = α − 12 + 1 = α + 12 > α: dunque ci sarebbe un intero (H n + 1) maggiore di α che per ipotesi è
però il maggiorante di tutti gli interi: assurdo! Ma allora un b come quello assunto inizialmente non può esistere.

Definizione 1.1.9. Siano a, b ∈ R, a < b. Poniamo


[a, b] := {x ∈ R : a 6 x 6 b}. ]a, b] := {x ∈ R : a < x 6 b}.

[a, b[:= {x ∈ R : a 6 x < b}. ]a, b[:= {x ∈ R : a < x < b}.

] − ∞, b] := {x ∈ R : x 6 b}. ] − ∞, b[:= {x ∈ R : x < b}.

[a, +∞[:= {x ∈ R : x > a}. ]a, +∞[:= {x ∈ R : x > a}.

Ognuno dei precedenti insiemi è genericamente detto intervallo. Poniamo anche ] − ∞, +∞[:= R e

R+ := [0, +∞[, R− :=] − ∞, 0].

Attenzione! 1.1.10. ±∞ non sono numeri! Solo utili convenzioni.

Dalla proprietà archimedea segue che dato x > 0, prima o poi qualche intero n è maggiore di x, cioè x ∈ [0, n[. Ora

x ∈ [0, n[= [0, 1[∪[1, 2[∪[2, 3[∪ . . . ∪ [n − 1, n[.

E siccome tali intervalli sono disgiunti, x può stare in uno e uno solo di tali intervalli. È così introdotta correttamente
la
Definizione 1.1.11. Dato x > 0 si chiama parte intera di x il numero [x] ∈ N tale che

[x] 6 x < [x] + 1.

Si chiama invece parte frazionaria di x il numero x − [x] =: {x}.


12

1.2 Funzioni elementari


L’Assioma
√ di completezza è il fondamento di tutta l’Analisi: è lo strumento che consente di mostrare l’esistenza di
n
x per qualsiasi x > 0 e qualsiasi n ∈ N, che a sua volta permette di costruire le potenze ad esponente razionale
(x q , q ∈ Q) e reale x α (α ∈ R). Dalle queste si costruiscono esponenziali e logaritmi. In questa sezione vediamo,
senza dimostrare nulla, le principali proprietà di queste funzioni che sono, o che dovrebbero essere, in gran parte
note dalle Scuole Superiori.

1.2.1 Radici e potenze


Cominciamo col

Teorema 1.2.1.
∀n ∈ N, n > 2, ∀x > 0 ∃! y > 0, : y n = x.

Chiamiamo tale unico y radice n−esima di x e lo indichiamo col simbolo n x. Si ha che
√n
x = inf{y > 0 : y n > x}.

Pensando alla radice n−esima come una funzione,


√  √ n √
: [0, +∞[−→ [0, +∞[, x = x, x = x, ∀x ∈ [0, +∞[.
n n n
n

Come funzioni, n ] e ] n sono una l’inversa dell’altra pensate entrambe aventi dominio e codominio uguale a
p

[0, +∞[. Se n è dispari, possiamo definire anche la radice n−esima di un numero negativo
√ √
n
x := − n −x, se x < 0, (n dispari). (1.2.1)

Attenzione: questa è una nuova definizione, anche se utilizziamo lo stesso simbolo! Riassumendo:


n
 ∀x ∈ [0, +∞[, (n > 0 pari),


x, è definita 
 ∀x ∈] − ∞, +∞[, (n > 0 dispari).



Conviene introdurre la notazione x 1/n := n x. Questa notazione è motivata dal fatto che

(x 1/n ) n = x, ∀x > 0.

Inoltre ci permette di introdurre la potenza ad esponente razionale.

Teorema 1.2.2. Sia m


n ∈ Q, q , 0, n > 0. Se m > 0 definiamo

 1 m  ∀x ∈ [0, +∞[, (n, pari),


m 
x n := x n ,


 ∀x ∈] − ∞, +∞[, (n, dispari)


Se m < 0 la definizione è la stessa, con l’unica differenza che la potenza non viene definita per x = 0. Allora,
purché le quantità scritte abbiano senso, si ha
13

• x p+q = x p x q ;

• (x p ) q = x pq ;

• 0 p = 0, per ogni p > 0;

• 1 p = 1 per ogni q ∈ Q.

Inoltre valgono le seguenti proprietà di monotonia:


 x p < y p, p > 0; 
 x p < x q, x > 1;
se 0 < x < y, allora  se p < q, allora 

 

 x p > y p, p < 0.  x p > x q, x < 1.
 

È utile avere un’idea grafica della funzione potenza ]q con q ∈ Q. Come funzione avremo che

 xq : [0, +∞[−→ [0, +∞[, q > 0, n pari,


:]0, +∞[−→]0, +∞[, < 0,

m xq q n pari,


q= ∈ Q\Z, =⇒ 

n 
 xq :] − ∞, +∞[−→] − ∞, +∞[, q > 0, n dispari,
:] − ∞, +∞[\{0} −→] − ∞, +∞[\{0}, < 0,

xq q n dispari.

Siccome, quale che sia q, x q è sempre definita su ]0, +∞[ andiamo a tracciare un grafico su questo dominio.
y

y=xp Hp<0L

y=xp Hp>1L y=x

p
y=x Hp<1L

Formalizziamo un concetto importante per una funzione reale di variabile reale:

Definizione 1.2.3. Sia f : D ⊂ R −→ R. Diciamo che f è

• crescente (e scriviamo f %) se f (x) 6 f (y), ∀x, y ∈ D : x 6 y.

• strettamente crescente (e scriviamo f % stretta) se f (x) < f (y), ∀x, y ∈ D, : x < y.

Analogamente si definisce il concetto di funzione decrescente e decrescente stretta. Infine: una funzione che sia
crescente oppure (esclusivamente) decrescente si dice genericamente monotona.

Dunque x p % stretta se p > 0, x p & stretta se p < 0.

Esempio 1.2.4. Sia ( )


1
S := 2 − √ : n ∈ N, n > 2 .
n2 + 1 − 1
Determinare inf / sup S e, se esistono, min / max S.
14

Sol. — sup / max. Gli elementi di S sono i numeri


1
2− √ ,
n2 +1−1
al variare
√ di n ∈ N, n > 2 (attenzione! molti, sbagliando, credono che gli elementi di S siano i numeri n ∈ N, n > 2). Notiamo
che n2 + 1 > 1 per ogni n > 2. Pertanto √ 2 1 > 0 per ogni n > 2, per cui 2 − √ 2 1 < 2 per ogni n. Ne deduciamo che
n +1−1 n +1−1
S è superiormente limitato (da 2 per esempio) e quindi sup S ∈ R. Vediamo che sup S = 2. Intuitivamente sembra chiaro: per
n grande il numero √ 2 1 è piccolo, dunque 2 − √ 2 1 è un elemento di S "vicino" a 2. Precisamente: abbiamo già visto
n +1−1 n +1−1
che 2 è un maggiorante. Occorre verificare che è il migliore, cioè che
1
∀ β < 2, ∃n > 2 : 2 − √ > β.
n2 +1−1
Ma
1 1 p 1
2− √ > β, ⇐⇒ √ < 2 − β, ⇐⇒ n2 + 1 > 1 + =: b,
n2 + 1 − 1 n2 + 1 − 1 2− β
cioè q
n2 + 1 > (1 + b) 2, ⇐⇒ n> (1 + b) 2 − 1.
p
Quindi se n ∈ N è tale che n > (1 + b) 2 − 1 l’elemento corrispondente ad n in S, cioè 2 − √ 2 1 > β. Dunque 2 è sup. Per
n +1−1
quanto riguarda il max: se esiste coincide col sup, e dunque il candidato è 2. Ma
1 1
2 ∈ S, ⇐⇒ ∃n ∈ N, n > 2 : 2 − √ = 2, ∃n ∈ N, n > 2 : √ = 0,
n2 +1−1 n2 +1−1
che è impossibile: dunque @ max S.

√ / min. Notiamo che n + 1 cresce al crescere di n, scriviamo in breve n + 1 %. Per cui (come sembra ragionevole)
inf 2 2

n2 + 1 − 1 % e quindi √ 2 1 & da cui 2 − √ 2 1 %. Prendendo allora n = 2 abbiamo


n +1−1 n +1−1

1 1 1
S 3 2− √ < 2− √ , ∀n > 2, =⇒ 2− √ = min S = inf S.
22 + 1 − 1 n2 + 1 − 1 5−1

Le potenze si estendono ad esponenti reali (non razionali).


Teorema 1.2.5. Sia α ∈ R, x > 0. È allora ben definita la potenza x α (se α < 0 bisogna che x > 0) e soddisfa
le medesime proprietà della potenza ad esponente razionale. In particolare: x α è biiettiva tra I =]0, +∞[ e
J =]0, +∞[ con inversa x 1/α .

Il grafico delle potenze x α è del tutto analogo a quello delle potenze con esponente razionale.

1.2.2 Esponenziali e logaritmi


Fissiamo ora a > 0 e chiamiamo

expa :] − ∞, +∞[−→]0, +∞[, expa (x) := a x, x ∈ R,

esponenziale di base a. Chiaramente exp1 ≡ 1. Per le proprietà delle potenze abbiamo subito il
Teorema 1.2.6. Sia a > 0, a , 1. Allora
15

• expa % stretta se a > 1, expa & stretta se a < 1.


• a x+y = a x a y , per ogni x, y ∈ R.
• expa (0) = a0 = 1, per ogni a > 0.
In particolare: expa è biiettiva tra I =] − ∞, +∞[ e J =]0, +∞[.
Dim. — È una semplice conseguenza delle proprietà delle potenze.

y=ax H0<a<1L y=ax Ha>1L

y=ax Ha=1L

Esempio 1.2.7. Risolvere la disuguaglianza


1
5x − > 4.
5x−1

Sol. — Anzitutto, essendo 5 x−1 > 0 la disequazione ha senso per ogni x ∈ R. Inoltre,
1 1 2x 4 x
5 x − x−1 > 4, ⇐⇒ 52x−1 − 1 > 4 · 5 x−1, ⇐⇒ 5 − 5 − 1 > 0, ⇐⇒ 52x − 4 · 5 x − 5 > 0.
5 5 5
Per cui, ponendo y = 5 x , abbiamo
√ √
y=5 x 4 − 36 4 + 36
52x − 4 · 5 x − 5 > 0, ⇐⇒ y 2 − 4y − 5 > 0, ⇐⇒ y 6 = −1, ∨ y > = 5,
2 2
cioè sse 5 x 6 −1 o 5 x > 5. La prima, evidentemente non ha soluzioni. La seconda, essendo 5 > 1, produce 5 x > 5 = 51 sse
x > 1. La conclusione è che le soluzioni sono tutti gli x > 1.

Sia a > 0, a , 1. Il logaritmo è l’inverso dell’esponenziale. La sua definizione precisa è il contenuto del
Teorema 1.2.8. Sia a > 0, a , 1. Allora

∀x > 0, ∃!ξ ∈ R : a ξ = x.

Si pone loga x := ξ. La funzione loga :]0, +∞[−→] − ∞, +∞[ è l’inversa di expa , cioè

loga (a x ) = x, ∀x ∈ R, alog a y = y, ∀y ∈]0, +∞[.

e soddisfa le proprietà seguenti:


i) loga % stretta se a > 1, loga & stretta se a < 1.
16

ii) loga (x y) = loga x + loga y, per ogni x, y ∈]0, +∞[.


iii) loga (x y ) = y loga x, per ogni y ∈ R, x > 0.
iv) loga x = (loga b)(logb x), per ogni x > 0, a, b , 1.
v) loga 1 = 0, per ogni a > 0, a , 1.
vi) loga a = 1, per ogni a > 0, a , 1.
In particolare: loga è biiettiva tra I =]0, +∞[ e J =] − ∞, +∞[ con log−1
a = exp a .
Dim. — L’esistenza è la parte complessa (qui omessa) della dimostrazione. Le proprietà i),. . . , vi) si ottengono facilmente.

È utile osservare che, in virtù delle proprietà di esponenziali e logaritmi, che

 ∀x,

 se y 6 0,
a x > y, ⇐⇒  x > log y, se y > 0, (a > 1),
 x 6 loga y,

se y > 0, (a < 1).
 a
Ecco i vari grafici dei logaritmi:
y

y=loga x Ha<1L

y=loga x Ha>1L

x
1

Esempio 1.2.9. Risolvere la disequazione



log2 x − 1 + 2 > log4 (x + 4). (?)

Sol. — Anzitutto discutiamo il dominio di esistenza della disequazione. Affinché abbia senso occorre che

 x − 1 > 0,
√ 
 x > 1,
 x − 1 > 0, x > 1, ⇐⇒ x > 1,
 
⇐⇒ 
 x + 4 > 0,  x > −4,

 

Quindi il dominio è D =]1, +∞[. Ora, utilizzando le proprietà dei logaritmi,



(?) ⇐⇒ log2 x − 1 + 2 > (log4 2)(log2 (x + 4)).
Chiaramente log4 2 = log4 41/2 = 12 log4 4 = 21 , per cui

√ √ √ √ x−1
(?) ⇐⇒ log2 x − 1 + 2 6 log2 x + 4, ⇐⇒ log2 x − 1 − log2 x + 4 6 −2, ⇐⇒ log2 √ 6 −2. (?2 ).
x+4
Essendo la base 2 > 1, per la monotonicità dei logaritmi

2 x−1 1 √ √ 4
(? ) ⇐⇒ √ 6 2−2 = . ⇐⇒ 4 x − 1 6 x + 4, ⇐⇒ 16(x − 1) 6 x + 4, ⇐⇒ x 6 .
x+4 4 3
Pertanto le soluzioni (in D) sono ]1, 43 ].
17

1.2.3 Funzioni trigonometriche


Le funzioni trigonometriche sono anche dette funzioni circolari a causa del loro significato geometrico. Con-
sideriamo un punto (x, y) sulla circonferenza unitaria nel piano (cioè sulla circonferenza di raggio 1 centrata
nell’origine), per cui
x 2 + y 2 = 1.
Un punto su tale circonferenza può essere individuato anche tramite la lunghezza θ dell’arco di circonferenza
compresa tra il punto (1, 0) e il punto (x, y) stesso. È ben noto che la lunghezza totale della circonferenza è pari a
2π ≈ 3, 14. Per esempio
π 3π
θ = 0 ←→ (1, 0), θ = ←→ (0, 1), θ = π ←→ (−1, 0), θ = ←→ (0, −1).
2 2
Ancora: √ √ √ √
π 2 2 3π 2 2+
θ = ←→ * , +, θ = ←→ *− ,
4 , 2 2 - 4 , 2 2 -
In generale, ad ogni punto (x, y) sulla circonferenza unitaria corrisponde un’unica lunghezza θ ∈ [0, 2π[. Ovvia-
mente ciò andrebbe dimostrato (specie perché non è chiaro cosa sia effettivamente la lunghezza di un arco). Noi
accetteremo questa corrispondenza da un punto di vista intuitivo. Con questa convenzione, data la lunghezza θ
chiamiamo le coordinate corrispondenti
cos θ := x, sin θ := y.

sin Θ Hx,yL

cos Θ H1,0L

Abbiamo così definito due funzioni,


sin, cos : [0, 2π[−→ R.
Per molte ragioni pratiche è conveniente definire sin θ e cos θ per ogni valore reale di θ. Ovviamente quando θ < 0
o θ > 2π il senso di θ come lunghezza di arco di circonferenza viene meno. Tuttavia c’è un modo del tutto naturale
di procedere. Per esempio: un punto (x, y) corrispondente ad un arco θ ∈ [0, 2π[ può essere pensato corrispondere
anche a un arco del tipo
θ + k2π, k ∈ N.
Nel senso che se si immagina di avvolgere uno spago, partendo dal punto (1, 0) per una lunghezza θ + k2π significa
fare k giri della circonferenza (in senso antiorario) e poi aggiungere un pezzetto lungo θ: è chiaro che partendo da
(1, 0) dopo k giri ci troviamo ancora nel punto (1, 0) e con ancora un tratto θ ci troviamo esattamente nel punto
(x, y). Lo stesso ragionamento lo potremmo fare per k < 0, sempre intero: in tal caso k giri possono essere
interpretati come giri in senso orario. Allora partendo dal punto (1, 0) e girando −k volte in senso orario, dopo −k
giri siamo di nuovo al punto (1, 0) e percorrendo un tratto θ in senso orario ci troviamo di nuovo nel punto (x, y).
Tutto questo porta naturalmente ad avere che

sin(θ + k2π) = sin θ, cos(θ + k2π) = cos θ, ∀k ∈ Z.


18

Tutto questo è confezionato nel seguente


Teorema 1.2.10. Esistono due funzioni sin, cos : R −→ R tali che:
i) (cos 0, sin 0) = (1, 0), cos π2 , sin π2 = (0, 1).
 

ii) (identità fondamentale): (sin θ) 2 + (cos θ) 2 = 1, per ogni θ ∈ R. In particolare:

−1 6 sin θ 6 1, −1 6 cos θ 6 1, ∀θ ∈ R.

iii) (periodicità): sin(θ + 2π) = sin θ, cos(θ + 2π) = cos θ, per ogni θ ∈ R.
iv) (formule di addizione): valgono le identità

sin(θ 1 + θ 2 ) = sin θ 1 cos θ 2 + cos θ 1 sin θ 2, cos(θ 1 + θ 2 ) = cos θ 1 cos θ 2 − sin θ 1 sin θ 2 .

In particolare: sin(2θ) = 2 sin θ cos θ, cos(2θ) = (cos θ) 2 − (sin θ) 2 = 2(cos θ) 2 − 1


v) (simmetria): sin(−θ) = − sin θ e cos(−θ) = cos θ per ogni θ ∈ R.

y
1 y=sin x y=cos x

x
Π Π 3Π
-Π - Π 2Π
2 2 2

-1

Alcune proprietà delle funzioni trigonometriche meritano una definizione più generale.
Definizione 1.2.11. Una funzione f : R −→ R si dice T−periodica se

f (x + T ) = f (x), ∀x ∈ R,

ma non esiste S < T tale che la precedente valga.


Definizione 1.2.12. Sia f : D ⊂ R −→ R una funzione su D simmetrico rispetto all’origine (cioè tale che x ∈ D
sse −x ∈ D). Diciamo che f è
• pari se f (−x) = f (x) per ogni x ∈ D;
• dispari se f (−x) = − f (x) per ogni x ∈ D.
Queste proprietà sono molto utili nel tracciare grafici. Introduciamo infine due funzioni connesse alle funzioni
circolari: la tangente e la cotangente.
π  sin θ π 
tan : R\ + kπ : k ∈ Z −→ R, tan θ := , θ ∈ R\ + kπ : Z ,
2 cos θ 2
cos θ
cot : R\ {kπ : k ∈ Z} −→ R, cot θ := , θ ∈ R\ {kπ : Z}
sin θ

Dalle formule di addizione per sin e cos segue facilmente che tan e cot sono π−periodiche.
19
y

y=tan x

y=cot x

x
Π Π 3Π
-Π - Π 2Π
2 2 2

1.2.4 Modulo
Definizione 1.2.13 (modulo).
 x,

 se x > 0,
|x| := 
se x < 0.

 −x,

-ÈxÈ 0 x=ÈxÈ x=-ÈxÈ 0 ÈxÈ

Figura 1.1: A sx, |x| se x > 0, a dx |x| se x < 0.

Chiaramente |x| > 0 per ogni x ∈ R. Geometricamente |x| rappresenta la distanza tra il punto x e lo 0. Ecco alcune
proprietà fondamentali del modulo:

Proposizione 1.2.14. Valgono le seguenti proprietà:

• annullamento: |x| = 0 sse x = 0.

• omogeneità: |x y| = |x||y|, per ogni x, y ∈ R.

• disuguaglianza triangolare: |x + y| 6 |x| + |y|, per ogni x, y ∈ R.

Dim. — Le prime due sono semplici e le lasciamo per esercizio. Proviamo la disuguaglianza triangolare. Primo notiamo che,
come mostra la figura precedente

−|x| 6 x 6 |x|,
sommando
=⇒ −(|x| + |y|) 6 x + y 6 |x| + |y|.
−|y| 6 y 6 |y|,

Pertanto

 (se x + y > 0), = x + y 6 |x| + |y|,
|x + y| = 

 (se x + y < 0), = −(x + y) 6 − − |x| + |y| = |x| + |y|.



 

In ogni caso: |x + y| 6 |x| + |y|.

Il nome disuguaglianza triangolare deriva dal significato geometrico che ha. A tal fine introduciamo la distanza
tra due punti:
d(x, y) := |x − y|, x, y ∈ R, (distanza euclidea).
20

Allora si ha che d(x, y) 6 d(x, z) + d(z, y), per ogni x, y, z ∈ R. Se si visualizzano i tre punti x, y, z come punti
del piano, a meno di non prenderli allineati si forma un triangolo. La disuguaglianza triangolare dice allora che la
lunghezza di un lato è sempre inferiore alla somma delle lunghezze degli altri due.
Notiamo ancora, dalla definizione di modulo, che

 mai,

 a < 0,
 x = 0,
|x| = a, ⇐⇒  a = 0,
 x = ±a, a > 0.

Similmente, se a > 0,

|x| 6 a, ⇐⇒ −a 6 x 6 a, |x| > a, ⇐⇒ x 6 −a, ∨ x > a.

Esempio 1.2.15. Risolvere la disequazione



||x| + 1| 6 x + 2.

Sol. — Il dominio di definizione della disequazione è l’insieme {x ∈ R : x + 2 > 0} = [−2, +∞[. Poiché ambo i membri della
disequazione sono positivi, possiamo quadrare e dire che

||x| + 1| 6 x + 2, ⇐⇒ ||x| + 1| 2 6 x + 2, ⇐⇒ (|x| + 1) 2 6 x + 2, ⇐⇒ |x| 2 + 2|x| + 1 6 x + 2,



 x 2 + x − 1 6 0, x > 0,

⇐⇒ 

 x 2 − 3x − 1 6 0, x < 0.


Ora √ √
−1 − 5 −1 + 5
per x > 0, x 2 + x − 1 6 0, ⇐⇒ 6x6 ,
2 2
 √ 
e poiché x > 0, ne segue x ∈ 0, −1+2 5 . Inoltre,

√ √
3 − 13 3 + 13
per − 2 6 x < 0, x 2 − 3x − 1 6 0, ⇐⇒ 6x6 ,
2 2
√  √ √ 
che produce soluzioni 9−2 13 6 x < 0. In conclusione: le soluzioni sono x ∈ 3−2 13 , −1+2 5 .

Pensando al modulo come funzione il suo grafico è tracciato nella figura che segue.
y

x
21

1.3 Densità dei razionali


Riprendiamo ora il filo
√ del ragionamento su R. Abbiamo introdotto R come un’estensione di Q per comprendere
alcuni numeri (come 2) che non sono in Q. Nella rappresentazione geometrica della retta dunque Q non occupa
tutto lo spazio, ma lascia fuori alcuni buchi. Questi buchi non possono essere degli intervalli perché in ogni
intervallo di numeri reali cade almeno un numero razionale (e quindi infiniti).

Teorema 1.3.1.
∀[a, b] ⊂ R, ∃q ∈ Q : q ∈ [a, b].

Dim. — Per la proprietà archimedea


1
∃n ∈ N : 6 b − a.
n
1 . Per proseguire supponiamo che a > 0 (il caso a < 0 si fa allo stesso modo. Vediamo
Infatti esiste un intero n tale che n > b−a
che
1
∃m ∈ N, : a 6 m 6 b.
n
Infatti: consideriamo i numeri
1 2 3 m
0, , , , . . . , , . . .
n n n n
Se fosse sempre m n 6 a allora m 6 na per ogni m ∈ N e questo violerebbe la proprietà archimedea. Quindi almeno un m lo
troviamo. Prendiamo il più piccolo di questi in modo tale che
m−1 m
<a6 .
n n
Tale m è quello giusto. Infatti
m m−1+1 m−1 1 1
a6 = = + < a + 6 a + (b − a) = b.
n n n n n

Definizione 1.3.2. Diciamo che S ⊂ R è denso in R se

∀[a, b] ⊂ R, [a, b] ∩ S , ∅.

Dunque Q è denso in R e ne ricaviamo l’immagine dei razionali nei reali come di una polvere sparsa un po’ ovunque.
Si può dimostrare, più o meno allo stesso modo, che anche l’altra metà del cielo, gli irrazionali, sono densi in R:

Teorema 1.3.3. R\Q è denso in R.


Dim. — Omessa.

1.4 Principio delle scatole cinesi di Cantor


In un certo senso R è "completo", cioè non ci sono buchi. Questo è il senso del

Teorema 1.4.1 (Cantor). Sia [an, bn ], n ∈ N una famiglia di intervalli inscatolati arbitrariamente piccoli, cioè

i) [an+1, bn+1 ] ⊂ [an, bn ] per ogni n ∈ N;


22

ii) per ogni ε > 0 esiste [an, bn ] tale che bn − an 6 ε.

Una tale famiglia si dice di scatole cinesi. Esiste allora un unico punto x ∈ R comune a tutti gli intervalli [an, bn ],
cioè
∃!x ∈ R, : x ∈ [an, bn ], ∀n ∈ N.

Dim. — Esistenza: Da i),

a0 6 a1 6 . . . an 6 an+1 6 bn+1 6 bn 6 . . . b1 6 b0, ∀n ∈ N.

La seguente figura mostra la situazione:

a0 a1 a2 an an+1 bn+1 bn

Allora l’insieme degli an è superiormente limitato (per esempio da b0 ) mentre l’insieme dei bn è inferiormente limitato (per
esempio da a0 ). Dunque, per l’Assioma di completezza, sono ben definiti

a := sup{an : n ∈ N}, b := inf{bn : n ∈ N}

Vediamo che a = b. Infatti

a > an, ∀n ∈ N, b 6 bn, ∀n ∈ N, =⇒ b − a 6 bn − an, ∀n ∈ N.

Ma allora, se ε > 0, da ii) segue 0 6 b − a 6 ε e questo è possibile sse b − a = 0. Chiamiamo x = a = b. Per costruzione
x ∈ [an, bn ] per ogni n ∈ N.
Unicità: Se x, y ∈ [an, bn ] per ogni n e x , y, per esempio y > x, allora 0 < y − x 6 bn − an for all n ∈ N. Da ii) possiamo,
fissato a piacere ε > 0 trovare n tale che 0 < y − x 6 bn − an 6 ε. Ma questo è impossibile se y − x > 0. Necessariamente
y = x.

1.5 Fattoriale, coefficienti binomiali e binomio di Newton


Introduciamo ora alcune importanti notazioni partendo dal problema: trovare una formula generale per lo sviluppo
del binomio (a + b) n . Naturalmente

(a + b) n = (a + b)(a + b) · · · (a + b).

Immaginiamo di dover calcolare il prodotto, come procederemmo? Sceglieremmo da ogni fattore a o b e molti-
plicheremmo il tutto, ottenendo qualcosa del tipo a k bh . Siccome ci sono n fattori, k + h = n, cioè h = n − k.
Dunque otterremmo qualcosa del tipo
X n
(a + b) n = ck,n a k bn−k .
k=0

Ora:

ck,n := numero di scelte di a, k volte tra n fattori ≡ numero di scelte di b, n − k volte tra n fattori.

Come calcolare ck,n ? Nel calcolo di ck,n noi teniamo conto anche dell’ordine: cioè passiamo in "rassegna" i fattori
e scegliamo di volta in volta a o b. Se non fossimo vincolati all’ordine e dovessimo calcolare Ck,n il numero delle
23

scelte di a k volte su n fattori conteremmo molti più oggetti (perché prendere a dal primo e poi dal secondo sarebbe
lo stesso che prendere a dal secondo e poi dal primo etc.), ma il conto si semplificherebbe. Infatti: la prima volta
a lo possiamo scegliere tra n fattori, poi tra n − 1, poi tra n − 2, e così via, procedendo per k scelte. L’ultima verrà
fatta tra n − k + 1 fattori. Il numero totale delle possibilità è dunque

Ck,n := n(n − 1)(n − 2) · · · (n − k + 1).

Siccome quello che ci interessa è moltiplicare i fattori, il risultato finale è indifferente rispetto all’ordine con cui
abbiamo scelto i vari fattori. Certo, se si fosse trattato di formare parole con le lettere a e b magari molte di esse
sarebbero diverse. Ma siccome moltiplichiamo a e b il risultato non dipende dall’ordine. Pertanto

Ck,n = ck,n × ] possibili ordinamenti di k scelte.

Anche questo numero è facile da calcolare, cioè in quanti modi possono essere messi in fila k oggetti. Se prendiamo
il primo abbiamo per lui k posti disponibili, per il secondo ne resteranno k − 1 e quindi per le coppie sono k (k − 1);
per il terzo k − 2, quindi per le terne k (k − 1)(k − 2). E così via: l’ultimo avrà solo una possibilità nell’unico posto
rimasto libero. In totale avremo

] possibili ordinamenti di k scelte = k (k − 1)(k − 2) · · · 3 · 2 · 1 =: k!,

e questa quantità viene detta fattoriale di k. È utile assumere che, per convenzione,

0! := 1.

Allora
n(n − 1) · · · (n − k + 1)
n(n − 1) · · · (n − k + 1) = ck,n k!, ⇐⇒ ck,n = ,
k!

e scrivendo

n(n − 1) · · · (n − k + 1)(n − k)(n − k − 1) · · · 3 · 2 · 1 n!


n(n − 1) · · · (n − k + 1) = =
(n − k)(n − k − 1) · · · 3 · 2 · 1 (n − k)!

otteniamo
!
n! n
ck,n = =: .
k!(n − k)! k

Per ovvie ragioni questa quantità è detta coefficiente binomiale. In conclusione abbiamo dimostrato il

Lemma 1.5.1 (formula del binomio di Newton).

n !
X n
(a + b) =n
a n−k bk . (1.5.1)
k
k=0
24

1.6 Esercizi
Esercizio 1.6.1 (souvenir de jeunesse. . . ). Risolvere le seguenti disequazioni.
p √ √
1. x 2 + x − 1 > 1. 2. x + 2 − x − 1 < 1. 3. |x| + 1 > x − 1.
p

p √ √
4. |x(x − 1)| 6 x − 1. 5. x 2 + 3x + 2 6 x + 1. 6. x + 1 + x + 2 > 1.

8. 2 x +2x > 4.
2
p
7. x 2 + 1 > |x| − 2x. 9. 22x + 2 x−1 > 3.

2 2
10. + 2 x > 1. 11. + 22x > 1. 12. 2 x + 2−x > 2.
4x 2x
1
13. 2 x − 2−x > 2. 14. log2 (x 2 ) + log2 (2x) > 0. 15. (x − 1)2 x > 0.
  log10 (|x| − 1)
16. log2 22x − 2 x + 1 > 0. 17. < 0. 18. 2 |x−1| < 4−x .
x
5 2
18. 2 x + 2−x 6 . 19. log2 |x + 1| + log2 |x − 3| < 1. 20. 23+x 6 24x .
2
Esercizio 1.6.2. Trovare il dominio e il segno delle seguenti funzioni.
r q !
2 p 1
1. log2 x + . − 8 + 3 x +x+2 − 9. x
.
|x−3| 2
2. 2 3. log10 2 −
3 8
r
x+1
q
log2 (x − 2) + x 2 −4
4. log2 *2 − p . 5. 2 2x 2 −5x+3 . 6. log4 .
, 1 + log2 (x − 2) - x−1

Esercizio 1.6.3. Senza usare calcolatrici etc., stabilire se sono soddisfatte le seguenti disuguaglianze.
√ √ √ √ √ √
q q
1. 2 − 1 > 1. 2. 2 + 3 < 5. 3. 2 + 2 < 4 − 3.
s r
√ √ √ √3 √
q q q
4. 8 + 11 < 10 + 2. 5. 2+ 3+ 4 + 5 > 2. 6. 2 < 3.
q
√3 √3 √ √ √ √
1
7. 2 + 4 > 3. 8. 21+ 2 > 4 2−1 . 9. 3 3+ 5−2 < √ √ .
9 11− 10
√ √
2+ 3
10. 102 < 1004 .
√ √ √
Esercizio
√ 1.6.4. Mostrare che 3, 5 e 7 sono numeri irrazionali. Provare a formulare ed enunciare un risultato più generale:
n è irrazionale se n ∈ N e n è . . . .

Esercizio 1.6.5. Sia S ⊂ R inferiormente limitato e M := {m ∈ R : m 6 s, ∀s ∈ S}. Mostrare che inf S = max M.

Esercizio 1.6.6. Sia S ⊂ R e −S := {−s : s ∈ S}. Mostrare che


i) S è inferiormente limitato sse −S è superiormente limitato.
ii) min S esiste sse max(−S) esiste (e in tal caso. . . ).
iii) inf S = − sup(−S).
25

Esercizio 1.6.7. 
1. Sia S := √ n2 : n ∈ N, n > 1 , mostrare che min S = √1 e sup S = 1.
 n +1
2

2. Sia S := √ n : n ∈ Z, n 6 −2 , mostrare che min S = − √2 e sup S = −1.
n2 −1 3

3. Sia S := {n − n − 3 : n ∈ N, n > 3}, mostrare che min S = 3 e sup S = +∞.
 √ 
4. Sia S := 3 + √ 2 2 √ : n ∈ N, n > 0 , mostrare che inf S = 3 e max S = 4.
n +7n− 2

5. Sia S := {−n + n − 2 : n ∈ N, n > 2}, mostrare che max S = −2 e inf S = −∞.
 √  √
6. Sia S := 2 − √ 2 2 √ : n ∈ N, n > 0 , mostrare che min S = 2 − √ 2√ e sup S = 2.
n +2n− 2 3− 2
√  √
n+1 2
Esercizio 1.6.8. Sia S := √ : n ∈ N, n > 1 . Mostrare che min S = 2 e sup S = 1. Cosa si può dire di max S?
n+1
Esercizio 1.6.9. Per ciascuno dei seguenti insiemi discutere inf, sup, min, max.
( ) ( ) ( √ )
n−1 1 n− n
1. : n∈N . 2. (N\{0}) ∪ : n ∈ N, n > 1 . 3. √ : n ∈ N, n > 0 .
n n2 n+ n

n + (−1) n √
( ) ( )
( ) 2
4. : n ∈ N . 5. n − n − 1 : n ∈ N, n > 1 . 6. 1 + √ : n ∈ N .
n2 + 1 n2 + 3 + 4
Esercizio 1.6.10. Per ciascuno dei seguenti insiemi trovare inf S, sup S e dire se esistono (e quanto valgono) min S, max S.
2n2 + 1
( r ) ( )
n
1. S := 1 + :n∈N . 2. S := : n ∈ N, n > 0 .
n+1 2n2 + 2n + 1
(√
n + 3n + 3
( 2 ) )
n−1
3. S := : n ∈ N . 4. S := √ : n ∈ N, n > 1 .
n2 + 3n + 4 n+1

 n+1
( r ! )
  n
 √n + 1 : n ∈ N, n ≥ 1  . 6. S := log10 1 + : n∈N .

5. S :=  
n+1
 
r
n + 1+ n2 + 3n + 3
  ( )
 log10 1 + . 8. S := (−1) n 2 : n∈N .
 
7. S :=  * : n ∈ N, n > 1 
 , n -  n + 3n + 4

log2 x + 1
  ( )
log x

 

: x > 0 . : x ∈ R, x > 2 .
 
9. S :=  q
 10. S :=
 1 + (log x) 2
 

 log2 x − 1
 
( ) ( )
2 − log2 x (−1) n n 2
11. S := : x ∈ R, 0 < x < 2 . 12. S := 2 n+1 : n∈N .
1 − log2 x
( )
n−1 nπ 1 nπ  n
 nπ  
13. S := cos + n sin : n∈N . 14. S := 2 (−1) n sin : n∈N .
n+1 2 2 2 3


1 + 32n
 

 log2 n 
  
. .
   
15. S :=  q : n ∈ N, n > 1 16. S := 

n : n ∈ N
 1 + (log n) 2

 

 3
 2   

2n 4x − 1
( ) ( )
17. S := √ : n ∈ N, n > 0 . 18. S := : x ∈ R .
4n − 1 4x + 2x + 1
26

Esercizio 1.6.11 (?). Dimostrare che gli irrazionali sono densi nei reali.
Capitolo 2

Numeri complessi

Come sappiamo, per ogni y > 0 esiste x := y > 0. Se y < 0, invece, non può esistere nei reali alcun x tale che
x = y. L’equazione x = y è un tipo particolare di equazione di secondo grado
2 2

αx 2 + βx + γ = 0.

È noto che se ∆ = β 2 − 4αγ > 0 allora le soluzioni sono reali e sono date dalla formula

−β ± ∆
x= .

Se ∆ < 0 l’equazione non ha soluzioni in R. I numeri complessi nascono dall’esigenza di estendere il campo
numerico di modo da poter calcolare la radice quadrata di qualsiasi numero reale, positivo o negativo. La prima
volta che probabilmente nacque questa esigenza fu intorno alla metà del ’500 quando Tartaglia, Cardano e Ferrari
risolsero le equazioni di terzo grado. Il fatto è che le equazioni di terzo grado hanno sempre almeno una radice
reale. La formula di calcolo di tale radice, oggi nota come formula di Cardano, prevede il calcolo radici quadrate
di numeri negativi. Per la loro natura un po’ misteriosa questi numeri presero il nome di numeri immaginari.
Qualche secolo più tardi si scoprirà che questi numeri hanno una straordinaria versatilità e sono un ente matematico
privilegiato, così come lo sono i vettori, per descrivere
√ molti fenomeni di natura fisica o ingegneristica.
L’idea alla base è la seguente. Chiamiamo i := −1 (un nuovo numero, non reale evidentemente), in modo che
i 2 = −1. Allora, almeno formalmente, se y < 0,
√ √ √ √
y = (−1)(−y) = −1 −y = i −y.
p

Un "numero" del tipo ib con b ∈ R viene detto numero immaginario. Dunque



x 2 = y, ⇐⇒ x = ±i −y.

Più in generale, le soluzioni di un’equazione di secondo grado con ∆ < 0 avranno la forma
√ √
−β ± ∆ β −∆
x= =− ±i .
2α 2α 2α
Essendo α, β, γ ∈ R, le soluzioni precedenti hanno la forma a + ib con a, b ∈ R. Questo tipo di oggetti vengono
detti numeri complessi. Nel chiamarli numeri, come detto nel Capitolo precedente, ci aspettiamo che su di loro

27
28

siano definite alcune operazioni, come una somma e un prodotto. La definizione di queste operazioni è semplice e
naturale perché segue le regole del calcolo letterale:

(a + ib) + (c + id) = (a + c) + i(b + d), (a + ib)(c + id) = ac + iad + ibc + i 2 bd = (ac − bd) + i(ad + bc),

essendo i 2 = −1. Vedremo che queste operazioni hanno proprietà del tutto analoghe a quelle di somma e prodotto
di numeri reali. A differenza dei reali però, sui numeri complessi non è possibile definire l’ordine.

2.1 Definizione di C
Definizione 2.1.1. Si chiama insieme dei numeri complessi l’insieme delle scritture formali a + ib con a, b ∈ R,
cioè
C := {a + ib : a, b ∈ R} .
I numeri complessi vengono usualmente denotati con lettere come z, w, . . .. Dato il numero complesso z = a + ib
(cioè a, b ∈ R) a viene detta parte reale di z (e si denota con Re (z)) mentre b viene detta parte immaginaria (e
si denota con Im (z)).
Su C sono definite le seguenti operazioni:

• somma
(a + ib) + (c + id) := (a + c) + i(b + d), ∀a, b, c, d ∈ R.

• prodotto
(a + ib)(c + id) := (ac − bd) + i(ad + bc), ∀a, b, c, d ∈ R

Osservazione 2.1.2. La selva dei segni + può trarre in confusione: proviamo a fare chiarezza! Nei numeri complessi
il segno + compare con tre significati diversi:
• il segno + nella scrittura a + ib è solo formale: avremmo potuto indicare un numero complesso anche tramite una coppia
(a, b) o un altro simbolo "di fantasia" (come a♥b) ma tale notazione sarebbe stata meno pratica, perché il calcolo coi
numeri complessi funziona come il cosiddetto calcolo letterale;
• il segno + nella somma del numero a + ib col numero c + id è la definizione di somma tra due numeri complessi: in tal
senso è una operazione del tutto nuova, che quindi per distinguerla dalla somma in R qualcuno indica col simbolo +C .
• il segno + che si trova nel risultato della somma, cioè quando si scrive a + c sommato a i volte c + d è l’ordinaria somma
di numeri reali (a, b, c, d sono reali): potremmo indicarlo col simbolo +R .
In questo modo la scrittura formalmente più pignola è

(a + ib) +C (c + id) := (a +R c) + i(b +R d).

Dopodiché è conveniente utilizzare sempre lo stesso segno + in tutti e tre i casi. Per esempio

(1 + i2) + (3 + i4) = (1 + 3) + i(2 + 4) = 4 + i6.

Un discorso simile si può fare per il prodotto. In questo caso è utile osservare che piuttosto che ricordare la definizione di
prodotto (un po’ articolata e di difficile memorizzazione) è più semplice ricordare che la formula origina dal calcolo letterale
con la convenzione che i 2 = −1. Per esempio:

(1 + i2)(3 + i4) = 3 + i4 + i6 + i 2 8 = 3 + i10 − 8 = −5 + i10.


29

Teorema 2.1.3. Su C munito delle operazioni di somma e prodotto definite sopra valgono le seguenti proprietà:
i) (associatività della somma): z + (w + ζ ) = (z + w) + ζ, ∀z, w, ζ ∈ C.
ii) (commutativa della somma): z + w = w + z, ∀z, w ∈ C.
iii) (zero): lo zero di C è il numero 0C = 0 + i0 e si ha z + 0C = z, ∀z ∈ C.
iv) (opposto): ∀z ∈ C, l’opposto di z = a + ib è il numero −z = (−a) + i(−b). Si scrive anche, per convenzione,
−z = −a − ib.
v) (associatività del prodotto): z · (w · ζ ) = (z · w) · ζ, ∀z, w, ζ ∈ C.
vi) (commutativià del prodotto): z · w = w · z, ∀z, w ∈ C.
vii) (unità): l’unità di C è il numero 1C := 1 + i1 e vale z · 1C = z, ∀z ∈ C.
viii) (reciproco): ∀z ∈ C\{0C }, ∃!w ∈ C : z · w = 1C . Per definizione 1
z := w.
ix) (proprietà distributiva): w · (z + ζ ) = w · z + w · ζ, ∀w, z, ζ ∈ C.

Dim. — i) Siano z = a + ib, w = c + id, ζ = e + i f . Allora

z + (w + ζ ) = (a + ib) + (c + id) + (e + i f ) = (a + ib) + (c + e) + i(d + f ) = (a + (c + e)) + i b + (d + f ) .


  

Analogamente

(z + w) + ζ = ((a + ib) + (c + id)) + (e + i f ) = ((a + c) + i(b + d)) + (e + i f ) = ((a + c) + e) + i (b + d) + f .




Ora, essendo la somma su R associativa si deduce che

a + (c + e) = (a + c) + e, b + (d + f ) = (b + d) + f , =⇒ z + (w + ζ ) = (z + w) + ζ .

ii) Verificare per esercizio. iii) Se z = a + ib allora

z + 0C = (a + ib) + (0 + i0) = (a + 0) + i(b + 0) = a + ib = z.

iv), v), vi) Esercizio. vii) Se z = a + ib allora

z1C = (a + ib)(1 + i0) = a + ib + ia · 0 + i 2 b · 0 = a + ib = z.

viii) Sia z = a + ib , 0C e cerchiamo w = c + id tale che zw = 1C = 1 + i0. Procediamo in maniera un po’ informale scrivendo
1 1 1 a − ib a − ib
= = = .
z a + ib a + ib a − ib (a + ib)(a − ib)
Ora
(a + ib)(a − ib) = a2 − i 2 b2 + iba − iab = a2 + b2 .
Notiamo che essendo z = a + ib , 0C = 0 + i0, a, b non possono essere entrambi nulli e quindi a2 + b2 > 0. Allora il conto
formale fatto sopra porge !
1 a − ib a b
= 2 = + i − .
z a + b2 a2 + b2 a2 + b2
Ora è facile verificare che se si chiama w il numero complesso appena ottenuto si trova zw = 1C .
ix) esercizio.
30

Definizione 2.1.4. Un numero complesso a + ib (a, b ∈ R) si dice reale se b = 0, immaginario e a = 0. I numeri


reali (in C) vengono indicati con a ≡ a + i0, i numeri immaginari con ib ≡ 0 + ib.

Osservazione 2.1.5. Alla luce della definizione precedente 0C = 0 + i0 ≡ 0R , dove 0R è lo zero di R. Per questo
motivo d’ora in poi scriveremo 0C ≡ 0. Analogamente, 1C = 1 + i0 ≡ 1R ≡ 1.

Come anticipato, su C non è possibile istituire un ordine coerente con le operazioni definite sopra:

Teorema 2.1.6. Su C è impossibile avere un ordine che soddisfi le proprietà di ordinamento totale, invarianza
rispetto a somma e prodotto per numeri positivi.
Dim. — Supponiamo per assurdo che tale ordine esista. Allora, essendo totale, una delle seguenti alternative vale: i > 0, i = 0
oppure i < 0. Chiaramente i , 0. Se i > 0, allora moltiplicando per i e considerata l’invarianza rispetto al prodotto per positivi
si ottiene
i > 0, =⇒ i · i > i · 0, ⇐⇒ i 2 > 0, ⇐⇒ −1 > 0.
Ma allora, moltiplicando ancora per i e sempre per l’invarianza rispetto al prodotto per positivi, si ottiene

−1 > 0, =⇒ (−1) · i > 0 · i, ⇐⇒ −i > 0, ⇐⇒ i < 0,

cioè da i > 0 segue obbligatoriamente che i < 0 e viceversa: assurdo!

2.2 Piano di Gauss


Il modo naturale per rappresentare il numero z = a + ib (qui, lo ricordiamo, a, b ∈ R) consiste nell’identificarlo
con il punto (a, b) nel piano cartesiano.
Im z Im z

z+w
b+d
Ha,bLšz=a+ib
b
w=c+id
d

z=a+ib
b

Re z
a
Re z
c a a+c

Figura 2.1: A sx il z = a + ib ≡ (a, b); a dx la somma di due numeri complessi.

In questa rappresentazione l’operazione di somma è la cosiddetta regola del parallelogramma per la somma di
vettori nel piano come si può facilmente verificare. In analogia col modulo di R definiamo

Definizione 2.2.1 (modulo). Sia z = a + ib, a, b ∈ R. Poniamo |z| := a2 + b2 .

Il modulo di numeri complessi gode di proprietà simili al modulo dei numeri reali. Per procedere agevolmente
introduciamo prima la

Definizione 2.2.2 (coniugato). Sia z = a + ib, a, b ∈ R. Poniamo z̄ := a − ib.

Geometricamente il coniugato di z è il riflesso di z rispetto all’asse reale.


31

Proposizione 2.2.3. Si ha che


i) z + w = z̄ + w̄, ∀z, w ∈ C.
ii) zw = z̄ w̄, ∀z, w ∈ C.
iii) z = z̄ sse z è reale.
iv) z + z̄ = 2Re (z), z − z̄ = i2Im (z) per ogni z ∈ C.
v) |z| 2 = z z̄ per ogni z ∈ C.
vi) |z + w| 2 = |z| 2 + |w| 2 + 2Re (z w̄).

Dim. — Sono delle semplici verifiche.


i) Siano z = a + ib, w = c + id. Allora

z + w = (a + c) + i(b + d) = (a + c) − i(b + d) = (a − ib) + (c − id) = z̄ + w̄.

ii), iii), iv), v) Esercizio. vi) Si ha

|z + w| 2 = (z + w)(z + w) = (z + w)( z̄ + w̄) = z z̄ + w w̄ + z w̄ + z̄w = |z| 2 + |w| 2 + z w̄ + z w̄

= |z| 2 + |w| 2 + 2Re (z w̄) .

Proposizione 2.2.4. Valgono le seguenti proprietà:


• annullamento: |z| = 0 sse z = 0.
• omogeneità: |zw| = |z||w|, per ogni z, w ∈ C.
• disuguaglianza triangolare: |z + w| 6 |z| + |w|, per ogni z, w ∈ C.

Dim. — Annullamento: |z| = 0 sse a2 + b2 = 0, cioè sse a2 + b2 = 0 cioè, essendo a2, b2 > 0, sse a2 = 0 e b2 = 0, cioè sse
a = b = 0.
Omogeneità: conviene eliminare le radici e mostrare che |zw| 2 = |z| 2 |w| 2 dopodiché la conclusione è evidente perché si avrebbe
|zw| = ±|z||w|, ma essendo |zw| > 0 può essere solo |zw| = |z||w|. Ora

|zw| 2 = (zw)(zw) = zw z̄ w̄ = (z z̄)(w w̄) = |z| 2 |w| 2 .

Disuguaglianza triangolare: ricordiamo che dalla vi) della proposizione precedente

|z + w| 2 = |z| 2 + |w| 2 + 2Re (z w̄) .

Ora, poiché
Re (z w̄) 6 |z w̄| = |z|| w̄| = |z||w|,
si ottiene
|z + w| 2 6 |z| 2 + |w| 2 + 2|z||w| = (|z| + |w|) 2,
da cui la conclusione.
32

Esempio 2.2.5. Risolvere, in C, l’equazione


z 2 + 2 z̄ = |z| 2 .
Sol. — Sia z = x + iy. Allora

z 2 = (x + iy) 2 = x 2 − y 2 + i2xy, z̄ = x − iy, |z| 2 = x 2 + y 2 .

L’equazione diventa

x 2 − y 2 + i2xy + 2(x − iy) = x 2 + y 2, ⇐⇒ (x 2 − y 2 + 2x) + i(2x y − 2y) = x 2 + y 2 .

Questa è un’uguaglianza tra numeri complessi per cui,



 x 2 − y 2 + 2x = x 2 + y 2, 

 x = y 2,
 ⇐⇒ 
 2x y − 2y = 0,  y(x − 1) = 0.

 

Dalla seconda equazione segue y = 0 e quindi, dalla prima, x = 0 che individuano la soluzione 0 + i0 = 0C ; oppure x = 1,
ed allora y 2 = 1 per la prima equazione, cioé y = ±1, da cui si hanno le soluzioni 1 ± i. In conclusione: sono soluzioni
dell’equazione 0C, 1 ± i (tre soluzioni).

Esempio 2.2.6. Mostrare che per ogni w , 0 esistono due radici quadrate complesse, cioè due numeri z1, z2 ∈ C
tali che z 2 = w.
Sol. — Sia w = a + ib con a, b non entrambi nulli. Cerchiamo z = x + iy con x, y ∈ R tale che


 x 2 − y 2 = a,
2 2 2 2
z = w, ⇐⇒ (x + iy) = a + ib, ⇐⇒ (x − y ) + i2x y = a + ib, ⇐⇒ 


 2x y = b.

Da un punto di vista grafico è facile capire che il sistema precedente ha sempre soluzione. Le soluzioni infatti rappresentano
le intersezioni tra le iperboli x 2 − y 2 = a e 2x y = b. Nella figura che segue è illustrato il caso a, b > 0. Procediamo a una

2xy=b x2 -y2 =a

giustificazione analitica. Distinguiamo il caso b = 0 da b , 0. Se b = 0 allora vuol dire che w = a con a ∈ R e in tal caso è
facile osservare che z 2 = a sse

• se a > 0 allora z1,2 = ± a;

• se a < 0 allora z1,2 = ±i −a.
(a = 0 non è possibile altrimenti w = 0). Quindi supponiamo b , 0. Allora, x, y , 0 e dalla seconda possiamo scrivere y = 2x
b
che immesso nella prima produce
b2
x 2 − 2 = a, ⇐⇒ 4x 4 − 4ax 2 − b2 = 0.
4x
33

Questa è un’equazione di secondo grado in x 2 (che, lo ricordiamo, è reale). Il discriminante è (−4a) 2 + 16b2 = 16(a2 + b2 ) =
16|w| 2 > 0 quindi p √
−4a ± 16|w| 2 −4a ± 4|w| −a ± a2 + b2
x2 = = = .
8 8 2

Ora x 2 = −a− 2a +b < 0 non ha soluzioni reali per cui resta
2 2

√ s√
−a + a 2 + b2 a2 + b2 − a
x2 = > 0, ⇐⇒ x = ± .
2 2

Osserviamo, per concludere, che x , 0 (altrimenti dovrebbe essere a2 + b2 − a = 0, cioè a2 + b2 = a2 e quindi b = 0, caso
già visto sopra), per cui avremo in corrispondenza di ogni valore di x uno e un solo valore di y = 2x
b . In conclusione:

s√
a2 + b2 − a b
z1,2 = ± . + i q√ /.
*. +/
2 a2 +b 2 −a
, 2 2 -

2.3 Forma trigonometrica


C’è un altro modo naturale di rappresentare un numero complesso z = a + ib, ovvero il vettore di vertice (a, b),
usando la sua distanza dall’origine ρ e l’angolo θ formato tra il vettore e l’asse reale positivo.
Im z

a+ib
b

Θ
Re z
a

Chiaramente, se z = 0 allora ρ = 0 e l’angolo θ non è univocamente definito. A parte questo caso particolare,
se z , 0 la distanza dall’origine ρ = |z| è chiaramente ben definita e altrettanto chiaramente è univocamente
determinato un angolo θ ∈ [0, 2π[. Tale θ viene detto argomento principale del numero z e viene denotato con la
scrittura arg z. Analiticamente,

arccos √ 2a 2 , se b > 0,
a +b
p 


z = a + ib, ρ = a2 + b2, θ ≡ arg z = 

 π + arccos √ a ,

 se b < 0.
 a2 +b 2

Più semplice esprimere la relazione tra forma trigonometrica e forma algebrica: dati ( ρ, θ)

a = ρ cos θ, b = ρ sin θ, =⇒ z = a + ib = ρ(cos θ + i sin θ).

Conviene considerare θ ∈ R. In tal caso non ci sarà più un unico θ associato al punto z = a + ib, ma infiniti valori
che però differiscono dall’argomento principale per un multiplo intero di 2π. In altre parole

ρ(cos θ + i sin θ) = ρ(cos(θ + k2π) + i sin(θ + k2π)), k ∈ Z.


34

Il numero u(θ) := cos θ + i sin θ è un numero unitario, nel senso che |u(θ)| = 1. Dunque

 ρ = %,


(principio d’identità) ρu(θ) = %u(ϑ), ⇐⇒ 
 θ − ϑ = k2π, k ∈ Z.


Proposizione 2.3.1. Si ha che
u(θ + ϑ) = u(θ)u(ϑ), ∀θ, ϑ ∈ R.
In particolare, se z = ρu(θ), w = %u(ϑ) allora:
i) zw = ρ%u(θ + ϑ);
ii) se w , 0 (cioè se % , 0), z
w = ρ% u(θ − ϑ);
iii) z n = ρn u(nθ), per ogni n ∈ N.

Dim. — È una semplice verifica: dalle formule di addizione di sin, cos


u(θ + ϑ) = cos(θ + ϑ) + i sin(θ + ϑ) = (cos θ cos ϑ − sin θ sin ϑ) + i (sin θ cos ϑ + cos θ sin ϑ) .
Guardando questa formula e ricordando la formula del prodotto di due numeri complessi si riconosce a destra il risultato del
prodotto di cos θ + i sin θ con cos ϑ + i sin ϑ, cioè u(θ)u(ϑ). Da ciò segue subito che
zw = ρu(θ) %u(ϑ) = ρ%u(θ + ϑ),
cioè la i). Similmente si prova ii). iii) segue immediatamente dalle precedenti.

Esempio 2.3.2. La formula iii) è molto utile nel calcolo delle potenze. Per esempio: calcolare (1 + i) 100
Sol. — Potremmo certo sviluppare il binomio (101 termini). Oppure osservare che
p √ π
1 + i = ρu(θ), con ρ = |1 + i| = 12 + 12 = 2, θ = .
4
Allora √  π  100  π
(1 + i) 100 = 2u = 2100/2 u 100 = 250 u (25π) = 250 u(π) = −250 .
4 4

Una delle applicazioni più efficaci della forma trigonometrica è il


Teorema 2.3.3 (De Moivre). Sia w = ρu(θ) con ρ > 0 (cioè w , 0). Allora, se n ∈ N (n > 2),


 % = ρ1/n,
z = w, ⇐⇒ z = %u(ϑ), con 
n 

θ
 ϑ = n + k n , k = 0, 1, 2, . . . , n − 1.
 2π

Dim. — Infatti: se z = %u(ϑ) si ha che

princ. id.

 %n = ρ, 

 % = ρ1/n,
z n = w, ⇐⇒ %n u(nϑ) = ρu(θ)
 
⇐⇒  ⇐⇒ 
 ϑ = θ + k 2π , k ∈ Z.
 nϑ = θ + k2π, k ∈ Z,

 

 n n

È facile mostrare che solo i valori k = 0, 1, . . . , n − 1 producono soluzioni diverse.


35

Esempio 2.3.4. Calcolare le radici quarte del numero i.


Sol. — Anzitutto scriviamo i in notazione trigonometrica ρu(θ). Evidentemente ρ = 1 e θ = π2 . Allora



 % = 11/4 = 1,
z = %u(ϑ), z 4 = i, ⇐⇒ 

 ϑ = π/2 + k 2π = π + k π , k = 0, 1, 2, 3,


 4 4 8 2

Le soluzioni dunque stanno sulla circonferenza unitaria. Quella per k ha un angolo di π8 , cioè metà dell’angolo (in gradi) di
45o . Le quattro soluzioni formano i vertici di un quadrato.

Esempio 2.3.5. Risolvere in C l’equazione


9iz 5 = 16 z̄.

Sol. — Anzitutto z = 0 è soluzione. Scriviamo z = ρu(θ). Allora z 5 = ρ5 u(5θ) e z̄ = ρu(−θ). Pertanto, l’equazione diventa

9i ρ5 u(5θ) = 16ρu(−θ).

Tenuto conto poi che i = u( π2 ), abbiamo


π π 
9u ρ5 u(5θ) = 16ρu(−θ), ⇐⇒ 9ρ5 u + 5θ = 16ρu(−θ).
2 2

L’equazione è stata riscritta come identità fra due numeri complessi in forma trigonometrica. Pertanto



 9ρ5 = 16ρ, 

 ρ(9ρ4 − 16) = 0,

 

⇐⇒ 
π π π
 
+ 5θ = −θ + k2π,  θ=− +k ,

k ∈ Z, k ∈ Z.


 

 2  12 3

Dalla prima equazione si legge ρ = 0 (che corrisponde alla soluzione z = 0 già determinate) e

16 2
ρ4 = , ⇐⇒ ρ = √ , (tenendo conto del fatto che ρ > 0).
9 3

Gli angoli effettivamente distinti si ottengono per k = 0, 1, . . . , 5, avendo diviso l’angolo giro in 6 parti.

z2

z1

z3

0C

z0

z4

z5
36

2.4 Esercizi
Esercizio 2.4.1. Determinare i valori di a ∈ R tali che sia immaginario il numero
i
z= .
a + 1 − ia
Esercizio 2.4.2. Risolvere le seguenti equazioni in C e disegnarne le soluzioni nel piano complesso:
1. z̄ 2 + 2iz + 2 z̄ = 0C . 2. z̄Im (z) − z|z| = 0.
 
3. iz( z̄ + 1) − |z|Re (z) = 0. 4. (Re (z))(Im z 2 ) + z 2 + |z| 2 = 0.
Esercizio 2.4.3. Disegnare, nel piano complesso, i seguenti insiemi:

2. z ∈ C : Im i(z−3)
( ) (   )
1. z ∈ C : z−4
z+4 > 3 .

z−1 <0 .
( )
3. z ∈ C : |z 2 − 1| < | z̄ 2 + 1| . 4. {z ∈ C : Im (z) − |z + z̄| 2 > 1, Re (z) > 0, Im (z) < 2}.
(    ) (   )
z z̄+1
5.(?) x ∈ C : Re z+1 6 Im z+1 . 6. (?) z ∈ C : Im z+1
z−i > 0, |z − 1 − i| ≤ 1 .

Esercizio 2.4.4. Trovare i numeri complessi z ∈ C tali che




 z 2 z̄ − z̄z = − z̄,


 (z 3 + z̄) 3 = 1.



Esercizio 2.4.5. Sia α ∈ R e
Sα := {z ∈ C : z z̄ + (−1 + i)z + (−1 − i) z̄ + α < 0}.
Dire per quali α ∈ R risulta che Sα non è vuoto e disegnarlo nel piano complesso.
Esercizio 2.4.6. Determinare il valore del parametro reale α di modo tale che il sistema

 Re ( z̄(z − 2i)) = α,


 Im (z) = Re (z) ,

ammetta una ed una sola soluzione.


Esercizio 2.4.7 (?). Risolvere l’equazione
|z|z 2 + Re (z) Im (z) − |z| 2 z = 0, z ∈ C.
Esercizio 2.4.8. Data la funzione f : C −→ C definita da
f (z) = −6i − |z| 2 i
calcolare le radici terze del numero complesso w = f (i + 1).
Esercizio 2.4.9. Determinare λ ∈ C in modo che z0 = −i sia radice del polinomio complesso
p(z) := z 8 + iz 7 + i2z 5 + λz 4 .
Per tale λ trovare tutte le radici di p.
Esercizio 2.4.10. Risolvere, in C, le seguenti equazioni:
1. z 8 = i z̄|z|. 2. z 4 |z| 2 = z. 3. z|z| 2 − i4 z̄ = 0. 4. 8z 3 |z| = z̄. 5. z̄ 3 | z̄| 2 = 2z 4 . 6. z 2 |i z̄| 4 + i|z 2 | z̄ 2 = 0.
Capitolo 3

Successioni

In questo Capitolo iniziamo l’introduzione dei concetti e metodi propri dell’Analisi. Tra questi centrale è la nozione
di limite, che qui studieremo nel caso delle successioni. Si tratta di un’idea profonda e che serve a rispondere a
questioni molto naturali che si pongono in problemi applicativi. Sebbene lo scopo di questo corso sia di sviluppare
strumenti e tecniche, è opportuno non perdere di vista anche il versante applicativo della materia. Per questo
inizieremo con alcuni semplici modelli nei quali le nozioni di successione e di limite emergono in modo naturale.

3.1 Modelli matematici


La nozione di modello matematico è molto ampia e complessa e sottende questioni molto delicate. Ci accontentiamo
qui di un’idea naïf: un modello matematico è una rappresentazione idealizzata, spesso semplificata, di un sistema
reale. Un modello matematico può servire a rispondere a questioni diverse come: fare una previsione sul
comportamento di un dato sistema reale (ad es.: un modello meteorologico serve a fare le previsioni del tempo);
trovare o confutare una legge quantitativa per descrivere un dato fenomeno (ad es.: le leggi della Fisica). In genere
il mondo reale è molto complesso e su un dato sistema intervengono moltissimi attori, alcuni dei quali magari
ignoti. Per questo si idealizza e si semplifica. Si idealizza per individuare i fattori più rilevanti, si semplifica per
rendere la trattazione abbordabile. L’avvento dei computer ha permesso la trattazione di modelli molto sofisticati.
Tuttavia il calcolatore più potente è inutile se non si sa cosa e come cercare. Per questo l’inquadramento teorico è
fondamentale.
In questa sezione vediamo alcuni semplici modelli che descrivono abbastanza bene questo tipo di processo e
complessità.

3.1.1 Modelli demografici


Si tratta di un modello molto semplificato per lo studio dell’evoluzione di una popolazione. Immaginiamo di voler
rispondere alle domande: quanti abitanti ci saranno sul nostro pianeta tra 50 anni? e tra 1 milione di anni?
Naturalmente sembra un problema complicatissimo perché si tratta di prevedere qualcosa che potenzialmente
dipende da molti fattori. Non solo fattori "soggettivi" (quale sarà la propensione a fare figli?) o territoriali (si sa
che la natalità cambia nelle varie aree del globo). Ci sono fattori imprevedibili quali catastrofi naturali, guerre,
invasione degli alieni. . . Questa complessità ci mette di fronte alla necessità di idealizzare e semplificare. Anzitutto
chiamiamo x n la popolazione all’anno n, supponendo che x 0 sia oggi. Ci interessano dunque x 50 e x 106 . Poi

37
38

cerchiamo di definire un tasso di crescita. Possiamo misurare la variazione tra due anni successivi, cioè prendere
x n+1 − x n e rapportare questa quantità ad x n , cioè calcolare
x n+1 − x n
r n := .
xn
Questa quantità viene detta tasso di crescita. Per esempio (i numeri sono del tutto indicativi) x 0 = 6mld,
x 1 = 6, 1mld abbiamo
x 1 − x 0 6, 1 − 6 0, 1
r0 = = = = 0, 016 . . . ,
x0 6 6
che in termini percentuali si legge: la popolazione è aumentata dell’1,6%. Ora è chiaro che se conosciamo i tassi
di crescita da qui a 50 o a 1ml di anni possiamo determinare x 50 e x 106 . Ma ovviamente questa informazione non è
disponibile in anticipo per gli stessi motivi annunciati sopra. Possiamo per fare un’ipotesi, cioè assumere a priori
che il tasso r n abbia una certa forma. Vediamo due esempi

Modello di Malthus
Il primo modello di questo tipo è stato proposto da un demografo, Malthus, nell’800. L’ipotesi è la più semplice
possibile: supponiamo che il tasso r n sia costante nel tempo, cioè r n ≡ r noto. Allora

x n+1 − x n = r x n, ∀n ∈ N.

Questa equazione viene detta equazione alle differenze, ed è in un certo senso molto simile ad un altro tipo di
equazioni che si studiano nel continuo: le equazioni differenziali. In questo caso si può facilmente determinare la
dipendenza esplicita di x n da n. Infatti, riscrivendo l’equazione come

x n+1 = (1 + r)x n,

si ha
x n = (1 + r)x n−1 = (1 + r)(1 + r)x n−2 = (1 + r) 2 x n−2 = (1 + r) 3 x n−3 = . . . = (1 + r) n x 0,
Intuitivamente è chiaro che se r > 0 la popolazione dovrebbe crescere senza alcuna limitazione, verrebbe naturale
cioè scrivere x n −→ +∞. Se invece r = 0 la popolazione resta invariata, cioè x n ≡ x 0 , mentre se r < 0 (e in
tal caso r > −1 altrimenti si ottengono valori negativi di x n essendo x n+1 = (1 + r)x n ) la popolazione tenderà a
decrescere fino all’estinzione, cioè verrebbe da dire che x n −→ 0. Come possiamo rigorosamente tradurre il primo
e l’ultimo concetto? Per esempio, nel primo caso si potrebbe dire che x n diventa arbitrariamente grande pur di
aspettare un tempo n sufficiente. In effetti
K (r >0, 1+r >1) K
x n > K, ⇐⇒ (1 + r) n x 0 > K, ⇐⇒ (1 + r) n > , ⇐⇒ n > log1+r := N0 (K ).
x0 x0
Dunque, quale che sia K si trova N0 (K ) tale che x n > K per n > N0 (K ), che sarà un modo di formalizzare
l’intuizione qualitativa nel corsivo precedente. Similmente potremmo dire che x n −→ 0 se x n diventa arbitraria-
mente piccolo pur di aspettare un tempo n sufficiente. In effetti, se ora −1 6 r < 0, abbiamo
ε (r <0, 1+r <1) ε
x n 6 ε, ⇐⇒ (1 + r) n x 0 6 ε, ⇐⇒ (1 + r) n 6 ⇐⇒ n > log1+r =: N0 (ε).
x0 x0
che è simile alla precedente: 0 6 x n 6 ε per ogni n > N0 (ε).
39

Modello logistico
Il modello di Malthus è troppo semplificato e prevede, di fatto, solo tre alternative: crescita illimitata, stazionarietà,
estinzione. Questo significa che il modello può funzionare per un tempo limitato, ma è irrealistico nel lungo
termine. Per esempio: la popolazione terrestre non può crescere indefinitamente perché lo spazio fisico e le risorse
naturali sono finite! In altre parole: il modello di Malthus può andare bene per calcolare x 50 ma è sicuramente
inadatto per prevedere x 106 . Occorre quindi fare un’ipotesi più accurata sulla forma di r n , che dovrà essere variabile
e, ragionevolmente, dipendere dalla popolazione x n . Infatti ci si attende che quando la popolazione è prossima ad
una certa soglia massima, la "capienza" del sito, il tasso di crescita si riduca di molto fino ad annullarsi. In altre
parole r n = r (x n ) dove r (x) è il tasso di crescita di una popolazione di dimensione x. La più semplice funzione
immaginabile con queste caratteristiche è  x
r (x) = r 0 1 − ,
M
x
dove M è una costante (capienza del sito). Si nota che quando M ≈ 0 (cioè x  M), il tasso è costante r (x) ≈ r 0 ,
x
e quindi la popolazione tenderà a crescere come nel modello di Malthus. Quando x ≈ M, cioè M ≈ 1 allora
r (x) ≈ 0, cioè la popolazione rallenterà la crescita fino a fermarsi. Il modello che otteniamo è
!
 xn  1 xn
x n+1 − x n = r 0 1 − x n, ⇐⇒ x n+1 = r 0 1 + − x n ≡ λ( β − x n )x n,
M r0 M
r0
 
dove abbiamo per brevità chiamato λ = M e β = M 1 + r10 . Questo modello prende il nome di modello logistico
ed è terribilmente complesso nonostante, apparentemente, possa sembrare solo una piccola estensione del modello
di Malthus. A differenza del modello di Malthus, ad esempio, non è possibile determinare un’espressione esplicita
di x n e la discussione sul comportamento della successione x n è a tal punto complicata che questo modello è
utilizzato come prototipo per sistemi dal comportamento caotico.

Numeri di Fibonacci
In questo modello si descrive l’evoluzione di una colonia (molto ideale) di conigli i quali si riproducono secondo
la seguente regola: ogni coppia produce, a partire dal secondo mese di vita, una nuova coppia di conigli. Se x n è
il numero di coppie di conigli all’n−esimo mese si assume che x 0 = 1. Quindi x 1 = 1, x 2 = 2 (la coppia iniziale
più una nuova coppia), x 3 = 3 (la coppia iniziale produce una nuova coppia), x 4 = 5 (tutte le coppie precedenti,
più una nata dalla prima coppia e una dalla seconda). E così via. La regola generale è riassunta dalla formula
x n+1 = x n + x n−1 .
Anche questo modello è facilmente studiabile in tutta la sua generalità. Assumiamo che x n = a n . Allora

1± 5
a n+1 = a n + a n−1, ⇐⇒ a2 = a + 1, ⇐⇒ a2 − a − 1 = 0, ⇐⇒ a = .
2
Ci sono solo due possibilità dunque
√ n √ n
1 + 5 1 − 5+
xn = * + , xn = * .
, 2 - , 2 -
Entrambe, per n = 0 valgono 1, ma per n = 1 nessuna delle due vale 1. Come si fa allora? Si osserva che anche
una combinazione lineare delle due è soluzione:
√ n √ n
1 + 5+ 1 − 5+
x n = c1 * + c2 * ,
, 2 - , 2 -
40

e questo perché l’equazione di evoluzione è lineare, cioè la dipendenza da x n, x n−1 è come un polinomio di primo
grado omogeneo. Ora basta determinare c1, c2 in modo tale che siano soddisfatte le due condizioni iniziali x 0 = 1,
x 1 = 1. Si trova:
c1 + c2 = 1, c + c2 = 1,
 1

1 1

 

⇐⇒ c1 = 1 + √ , c2 = − √ ,

 ⇐⇒ 
√ √
 √ 5 5
 5(c1 − c2 ) = 1
 c 1+ 5 + c 1− 5 = 1

 
 1 2 2 2

e quindi
√ n √ n
1 *1 + 5+
!
1 *1 − 5+
xn = 1 + √ −√ .
5 , 2 - 5, 2 -

3.1.2 Interessi composti


Consideriamo una certa somma s e supponiamo di investirla in qualche modo. Investire significa che dopo un certo
intervallo di tempo, per fissare le idee 1 anno, ci aspettiamo un certo ritorno economico, tradotto attraverso un
tasso di interesse annuo, cioè un numero r > 0 tale che a fine anno ci ritroveremo s + r s = (1 + r)s.
Immaginiamo ora che invece di ottenere il tasso r dopo un anno ci venga offerto il tasso r2 ogni 6 mesi. Ci
 
guadagniamo o ci perdiamo? In questo secondo caso, dopo 6 mesi ci ritroviamo con s + r2 s = 1 + r2 s. Dopo
altri 6 mesi
r2
!
 r r  r  r 2
1+ s+ 1+ s = 1+ s = 1+r + s > (1 + r)s.
2 2 2 2 4
Dunque la seconda soluzione è migliore. Possiamo analogamente considerare un tasso r3 che venga corrisposto in
tre intervalli di tempo uguali (cioè ogni 4 mesi). Non è difficile immaginare che alla fine ci ritroveremo con
r2 r3 r2 r2
! ! !
 r 3  r 2
1+ s = 1+r +3 + s > 1+r + s > 1+r + s = 1+ s.
3 9 27 3 4 2
Dividendo l’anno in 4, 5, . . . , n parti alla fine ritroveremo la somma
 r n
x n := 1 + s.
n
Sopra abbiamo visto che x 1 < x 2 < x 3 , per cui è naturale pensare che questo meccanismo sia valido sempre, cioè
che x n+1 > x n . Tuttavia trattare la cosa in generale è tutt’altro che semplice anche se non è impossibile usando
la formula del binomio di Newton. Ci torneremo più avanti. Il messaggio è che più n aumenta e più aumenta il
rendimento. A questo punto nasce spontanea una domanda: ma fino a che punto può aumentare il rendimento?
Cioè: è possibile che cresca "indefinitamente" oppure più n aumenta più x n si avvicina ad un valore finito?
Rispondere a questa domanda ci porterà a fare la conoscenza con una delle più importanti costanti dell’Analisi: il
numero di Nepero.

3.2 La nozione di limite


Abbiamo già raccolto diversi spunti per introdurre le fondamentali definizioni di questo capitolo.
Definizione 3.2.1 (successione). Una successione numerica (o, brevemente, una successione) è una funzione
a : N −→ R. Denoteremo una successione col simbolo (an ) ⊂ R, dove an := a(n), n ∈ N è chiamato elemento
della successione, n è chiamato indice.
41

1 n n+1

n
Figura 3.1: Grafico della successione an = n+(−1)
n+1 .

3.2.1 Limite finito


Vogliamo ora dare la definizione precisa di cosa s’intende per an −→ ` ∈ R per n che "diventa grande". L’idea è
semplice: la distanza tra an e ` è piccola quanto si vuole purché n sia sufficientemente grande:
Definizione 3.2.2. Sia (an ) ⊂ R. Diciamo che an −→ ` ∈ R per n −→ +∞ (si legge: (an ) tende a ` per n che
tende a +∞) se
∀ε > 0, ∃N (ε) ∈ N : |an − `| 6 ε, ∀n > N (ε). (3.2.1)
Scriviamo anche limn→+∞ an := `.
Proviamo a capire geometricamente il significato della (3.2.1). Riscrivendola come

∀ε > 0, ∃N (ε) ∈ N : ` − ε 6 an 6 ` + ε, ∀n > N (ε).

leggiamo che per ogni ε > 0 fissato (intuitivamente "piccolo") troviamo un indice iniziale N (ε) tale che, a partire
da questo i punti della successione giacciono nella striscia tra le quote ` − ε e ` + ε. Come la figura suggerisce, più
ε è piccolo più N (ε) è grande.

{+¶
{
{-¶

NH¶L

Esempio 3.2.3. Mostrare che


1
−→ 0, per n −→ +∞.
n
Sol. — Per provare che vale la (3.2.1) dobbiamo fissare ε > 0 e trovare N (ε) tale che
1
− 0 6 ε, ∀n > N (ε).
n
Ora,
1 1 1
− 0 6 ε ⇐⇒ 6 ε ⇐⇒ n > =: N (ε).
n n ε
f g
Ovviamente ε1 < N, me se prendiamo il primo intero più grande di ε1 , cioè N (ε) = ε1 + 1 siamo a posto.
42

Esempio 3.2.4. Mostrare che


n
−→ 1, n −→ +∞.
n+1
Sol. — Intuitivamente sembra naturale: se n è molto grande non è molta differenza tra n e n + 1 nel rapporto, cioè questo
rapporto è molto vicino a 1. Verifichiamo rigorosamente la (3.2.1) che in questo caso si traduce in
n
∀ε > 0, ∃N (ε) : − 1 6 ε, ∀n > N (ε).

n + 1
n − 1 6 ε. Abbiamo
Cerchiamo le soluzioni della disequazione n+1

n n 1
n + 1 − 1 6 ε, ⇐⇒ 1 − n + 1 6 ε, ⇐⇒ (n + 1) − n 6 ε(n + 1), ⇐⇒ 1 6 ε(n + 1), ⇐⇒ n > ε − 1.

f g
Ma allora, se N (ε) := ε1 − 1 (o meglio, N (ε) := ε1 − 1 + 1) allora è verificata la (3.2.1).

Esempio 3.2.5. Mostrare che


n
−→ 0, n −→ +∞.
n2 +1
Sol. — Sia ε > 0. Dobbiamo trovare N (ε) tale che
n
− 0 6 ε, ∀n > N (ε).

n +1
2
Studiamo la disequazione n2n+1 − 0 6 ε. Abbiamo
n n
− 0 6 ε, ⇐⇒ 2 6 ε, ⇐⇒ ε(n2 + 1) − n > 0, ⇐⇒ εn2 − n + ε > 0.

n +1 n +1
2
Questa è una disequazione di secondo grado in n, (qui n ∈ N). Ricordati i fatti fondamentali sulle disequazioni di secondo
grado, posto ∆ = 1 − 4ε abbiamo due casi:
• ∆ < 0 (e ciò accade sse 1 − 4ε 6 0, cioè ε > 14 ): la disequazione è soddisfatta per ogni n ∈ N. In questo caso possiamo
prendere N (ε) = 0.
• ∆ > 0 (sse 0 < ε < 41 ): le soluzioni della disequazione sono
√ √
1 − 1 − 4ε 1 + 1 − 4ε
n6 , n> .
2 2
La prima potrebbe non avere soluzioni intere, o se √
ce ne sono ce ne sono un numero finito. La seconda
 √invece contiene
sicuramente tutti gli interi più grandi di N (ε) = 1+ 21−4ε (come sempre, per la pignoleria, N (ε) := 1+ 21−4ε + 1).

Dr0

D<0

NH¶L
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

In ogni caso siamo in grado di trovare N (ε) per cui ogni n > N (ε) è soluzione della disequazione.
43

Esempio 3.2.6. Mostrare che √ √


n + 1 − n −→ 0, n −→ +∞.

Sol. — Sia ε > 0: dobbiamo trovare N (ε) tale che


√ √
| n + 1 − n| 6 ε, ∀n > N (ε).
√ √
Osservato che n + 1 > n, abbiamo
√ √ √ √
| n + 1 − n| 6 ε ⇐⇒ n + 1 − n 6 ε, (quadrando)

⇐⇒ n + 1 + n − 2 n(n + 1) 6 ε 2

⇐⇒ 2n + 1 − ε 2 6 2 n(n + 1).

Per eliminare la radice vorremmo ora quadrare. Per farlo occorre (per non alterare il segno della disuguaglianza) che anche il
membro sinistro sia positivo, in caso contrario la disequazione è ovviamente soddisfatta. Ora, 2n + 1 − ε 2 > 0 sse n > ε 2−1 ,
2

cioè per n sufficientemente grande. A questo punto, quadrando,

(1 − ε 2 ) 2
⇐⇒ (2n + (1 − ε 2 )) 2 6 4n(n + 1), ⇐⇒ 4(1 − ε 2 )n + (1 − ε 2 ) 2 6 4n, ⇐⇒ n > .

Pertanto, se
(1 − ε 2 ) 2 ε 2 − 1
( )
N (ε) := max , ,
4ε 2
√ √
allora per ogni n > N (ε) si ha | n + 1 − n| 6 ε.

3.2.2 Limite infinito


In alcuni casi una successione an diventa "grande" (positivamente o negativamente) senza limitazione.

Definizione 3.2.7. Sia (an ) ⊂ R. Diciamo che an −→ +∞ per n −→ +∞ se

∀K > 0, ∃N (K ) ∈ N : an > K, ∀n > N (K ). (3.2.2)

Scriviamo anche limn→+∞ an := +∞. Analogamente si definisce limn→+∞ an = −∞:

∀K < 0, ∃N (K ) ∈ N : an 6 K, ∀n > N (K ).

NHKL
44

Esempio 3.2.8. Mostrare che


n2 + 1
−→ +∞, n −→ +∞.
n+1
Sol. — Fissiamo K > 0: dobbiamo trovare N (K ) tale che

n2 + 1
> K, ∀n > N (K ).
n+1
2 +1
Studiamo le soluzioni della disequazione nn+1 > K con n ∈ N. Si ha

n2 + 1 n∈N, n>0
> K, ⇐⇒ n2 + 1 > K (n + 1), ⇐⇒ n2 − K n + (1 − K ) > 0,
n+1
che è una disequazione di secondo grado in n. Sia allora ∆ := K 2 − 4(1 − K ). Abbiamo che
• se ∆ < 0 la disequazione è vera per ogni n ∈ N: ciò significa che possiamo prendere N (K ) = 0.
• se ∆ > 0, le soluzioni sono √ √
K− ∆ K+ ∆
n6 , n> .
2 2

In particolare, se n > K+2 ∆ =: N (K ), n è soluzione.
Come si vede, in ogni caso abbiamo trovato un indice iniziale N (K ).

Esempio 3.2.9. Mostrare che


n
√ −→ −∞, n −→ +∞.
1− n

Sol. — Questa successione è definita per ogni n > 2. Dobbiamo provare che
n
∀K < 0, ∃N (K ), : √ 6 K, ∀n > N (K ).
1− n
Per n > 2,
n √ √
√ 6 K, ⇐⇒ n > (1 − n)K, ⇐⇒ n − K > −K n.
1− n

Ora: n − K > 0 (perché K < 0) e così pure −K n > 0. Pertanto, quadrando
n
√ 6 K, ⇐⇒ (n − K ) 2 > K 2 n, ⇐⇒ n2 + 2K n + K 2 − K 2 n > 0, ⇐⇒ n2 + (K 2 + 2K )n + K 2 > 0.
1− n

Abbiamo di nuovo una disequazione di secondo grado. Posto ∆ := (K 2 + 2K ) 2 − 4K 2 abbiamo che


• se ∆ < 0 ogni n è soluzione pertanto, essendo n > 2, possiamo prendere N (K ) := 2;
• se ∆ > 0 allora le soluzioni della disequazione sono
√ √
−(K 2 + 2K ) − ∆ −(K 2 + 2K ) + ∆
n6 , n> .
2 2

Prendendo N (K ) := −(K +2K
2 )+ ∆
2 , abbiamo che ogni naturale n > N (K ), 2 è soluzione.
Abbiamo quindi trovato, in ogni caso possibile, un N (K ) tale che n√ 6 K per ogni n > N (K ).
1− n
45

Due esempi notevoli di quantità infinite sono:


• potenze nα con α > 0: infatti
nα > K, ⇐⇒ n > K 1/α := N (K ).

• esponenziali a n con a > 1: infatti


(a>1)
a n > K, ⇐⇒ n > loga K =: N (K ).

3.2.3 Sotto-successioni
Una successione che ammette limite finito viene anche detta, brevemente, convergente, una che ammette limite
infinito divergente. Una successione è necessariamente convergente o divergente? La risposta è no! L’esempio più
naturale è fornito dalla successione

an := (−1) n, cioè + 1, −1, +1, −1, . . .

1 2 3 4 5 6 7 8 9

Sembra evidente che tale successione non possa avere limite. Cogliamo l’occasione per mostrare questo fatto
introducendo un concetto importante. Osserviamo che se "estraiamo" dalla successione gli elementi di posto (cioè
indice) pari, cioè a0, a2, a4, a6, . . . , a2k , . . . abbiamo che a2k ≡ 1 −→ 1; se viceversa "estraiamo" gli elementi di
posto dispari, cioè a1, a3, a5, . . . , a2k+1, . . ., allora a2k+1 ≡ −1 −→ −1. Le successioni (a2k ) e (a2k+1 ) sono casi
particolari della seguente
Definizione 3.2.10. Sia (an ) ⊂ R e sia (nk ) ⊂ N una successione strettamente crescente di indici, cioè in
particolare nk < nk+1 per ogni k ∈ N. La successione an1 , an2 , an3 , . . . , ank , ank+1 , . . . viene indicata con (ank ) e
viene detta sotto successione di (an ). Si scrive (ank ) ⊂ (an ).
Occorre fare attenzione: in una sottosuccessione l’ordine di posizione deve essere rispettato. Così, per esempio
a4, a1, a3, a8, a20, a15, . . . non è una sottosuccessione di (an ) perché la sequenza degli indici non
e crescente (non viene cioè rispettato l’ordine di posizione). Ecco alcuni esempi di sottosuccessioni:
• (a0, a2, a4, . . . , a2k , . . .) ≡ (a2k );
• (a1, a3, a5, . . . , a2k+1, . . .) ≡ (a2k+1 );
• (a0, a3, a6, a9, a12, . . . , a3k , . . .) ≡ (a3k );
• (a0, a1, a4, a9, a16, a25, . . . , ak 2 , . . .) ≡ (ak 2 );
• (a1, a2, a4, a8, a16, a32, . . . , a2k , . . .) ≡ (a2k );
Ora, la proprietà chiave è la seguente: se la successione "madre" ha un limite ` lo stesso accade per le sottosuccessioni
"figlie".
46

Proposizione 3.2.11. Sia an −→ ` ∈ R ∪ {±∞}. Allora, per ogni sottosuccessione (ank ) ⊂ (an ) si ha ank −→ `.
Dim. — Consideriamo il caso ` ∈ R (lasciando quello ` = ±∞ al lettore). Per ipotesi

∀ε > 0, ∃N (ε), : |an − `| 6 ε, ∀n > N (ε).

Ora, siccome nk %, è chiaro che nk > k. Pertanto

|ank − `| 6 ε, ∀k > N (ε).

Da questo risultato, un maniera del tutto evidente si ottiene il


Corollario 3.2.12 (criterio di non esistenza). Se esistono (ank ), (amk ) ⊂ (an ) tali che

ank −→ ` 1, amk −→ ` 2, con ` 1 , ` 2,

allora (an ) non può avere limite.


Esempio 3.2.13. La successione ((−1) n ) non ammette limite.
Sol. — Infatti, essendo a2k = 1 −→ 1 mentre a2k+1 = −1 −→ −1.

Citiamo le seguenti due successioni come altri importanti esempi di successioni che non ammettono limite: (sin n),
(cos n). È comunque molto difficile mostrare effettivamente non ammettono limite!

3.3 Proprietà fondamentali


Una prima questione è: è possibile che una successione abbia due o più limiti?
Teorema 3.3.1 (unicità del limite). Se limn an esiste (finito o meno) è anche unico.
Dim. — Supponiamo che an −→ ` 1 e an −→ ` 2 con ` 1, ` 2 ∈ R ∪ {±∞} e ` 1 , ` 2 .
Caso ` 1, ` 2 ∈ R. L’idea è semplice: essendo an −→ ` 1 , prima o poi an sarà così vicino a ` 1 da non poter essere vicino a ` 2 .
Precisamente: sia d := |` 1 − ` 2 | la distanza tra ` 1 e ` 2 e poniamo ε := d4 . Per definizione di limite

∃N1 (ε), : |an − ` 1 | 6 ε, ∀n > N1 (ε), e ∃N2 (ε), : |an − ` 2 | 6 ε, ∀n > N2 (ε).

Ma allora, se N (ε) := max{N1 (ε), N2 (ε)} le due precedenti sono vere per ogni n > N (ε) e
d d
|` 1 − ` 2 | 6 |` 1 − an | + |an − ` 2 | 6 ε + ε = 2ε = 2 = < d = |` 1 − ` 2 |,
4 2
che è chiaramente impossibile. Ne segue ` 1 = ` 2 .
Casi ` 1 ∈ R, ` 2 = ±∞ e ` 1 = −∞, ` 2 = +∞: esercizio.

Il limite di una successione ha lo stesso segno della successione. Precisamente


Proposizione 3.3.2 (permanenza del segno). Sia an −→ ` ∈ R ∪ {±∞}. Allora
• se ` > 0 (compreso ` = +∞) esiste N ∈ N tale che an > 0 per ogni n > N.
47

• se esiste N ∈ N tale che an > 0 per ogni n > N allora ` > 0.

Dim. — Sebbene i due enunciati sembrino l’uno l’inverso dell’altro bisogna stare attenti alle sottili differenze.
Primo enunciato: supponiamo ` ∈ R e ` > 0 (il caso ` = +∞) è simile e lo lasciamo per esercizio. Prendiamo ε := `2 nella
(3.2.1): esiste allora N (ε) =: N tale che
` − ε 6 an 6 ` + ε, ∀n > N .
In particolare
` `
an > ` − ε = ` − = > 0, ∀n > N .
2 2

Secondo enunciato: supponiamo, per assurdo, che ` < 0. Dal primo enunciato allora seguirebbe an < 0 per tutti gli n > N
H
H Ma ciò è in contraddizione con l’ipotesi visto che an > 0 per ogni n > N, così se n > max{N, N
per qualche N. H} avremmo
an < 0 < an .

Osservazione 3.3.3. Ovviamente una successione può essere positiva ma il limite essere nullo: un semplice esempio
è n1 −→ 0.

Introduciamo una terminologia utile:


Definizione 3.3.4. Sia p = p(x) un certo predicato e (an ) ⊂ R sia una successione. Diciamo che p è definitiva-
mente vera per (an ) se esiste N ∈ N tale che
p(an ) è vera ∀n > N .
In tal caso scriviamo p(an ) definitivamente.
Per esempio: possiamo riformulare la permanenza del segno nel modo seguente: se an −→ `, allora
• se ` > 0 allora (an ) è definitivamente positiva;
• se (an ) è definitivamente > 0 allora ` > 0.
Teorema 3.3.5 (due carabinieri). Siano (an ), (bn ), (cn ) ⊂ R tali che
i) an 6 bn 6 cn definitivamente;
ii) an −→ `, cn −→ `, ` ∈ R.
Allora anche bn −→ `.
Dim. — Dobbiamo provare che
∀ε > 0, ∃N (ε) : |bn − `| 6 ε, ∀n > N (ε), ⇐⇒ ` − ε 6 bn 6 ` + ε, ∀n > N (ε).
Per ipotesi
an −→ `, =⇒ ∃N1 (ε) : ` − ε 6 an 6 ` + ε, ∀n > N1 (ε) ,

cn −→ `, =⇒ ∃N2 (ε) : ` − ε 6 cn 6 ` + ε, ∀n > N2 (ε) ,


Inoltre, per la i) esiste N tale che an 6 bn 6 cn per ogni n > N. Allora, se N (ε) := max{N1 (ε), N2 (ε), N } le proprietà
precedenti sono vere per n > N. Si deduce che
` − ε 6 an 6 bn 6 cn 6 ` + ε, ∀n > N (ε).
48

Esempio 3.3.6. Mostrare che


(−1) n
lim = 0.
n→+∞ n

Sol. — Infatti −1 6 (−1) n 6 1 per ogni n ∈ N, per cui

1 (−1) n 1
− 6 6 , ∀n > 1.
n n n
n
Ora: − n1 e n1 sono i due carabinieri che tendono a 0. Pertanto, (−1)
n −→ 0 as n −→ 0.

L’esempio precedente suggerisce una regola generale. Premettiamo due definizioni importanti:

Definizione 3.3.7. Diciamo che (an ) ⊂ R è

• limitata se esiste M tale che |an | 6 M per ogni n ∈ N.

• infinitesima se an −→ 0.

Allora,

Corollario 3.3.8 (limitata×infinitesima=infinitesima). Siano (an ), (bn ) ⊂ R tali che (an ) sia limitata e (bn ) sia
infinitesima. Allora (an bn ) è infinitesima (quindi an bn −→ 0).
Dim. — Esercizio.

Esempio 3.3.9. Mostrare che


sin n
lim = 0.
n→+∞ n

Sol. — Scrivendo sinn n = (sin n) · n1 , | sin n| 6 1 per ogni n ∈ N e n1 è infinitesima.

Teorema 3.3.10 (due carabinieri, limiti infiniti). Siano (an ), (bn ) ⊂ R. Supponiamo che

i) an 6 bn definitivamente;

ii) an −→ +∞.

Allora bn −→ +∞.
Dim. — Esercizio.

Esempio 3.3.11. Mostrare che


lim (n + sin n) = +∞.
n→+∞

Sol. — Basta osservare che n + sin n > n − 1 −→ +∞ per n −→ +∞.


49

3.4 Teorema di Bolzano–Weierstrass


Occorre non essere indotti in errore dalle parole: limitata non significa che ammette limite. Infatti (−1) n è
ovviamente limitata ma non ammette limite. Le due proprietà sono però in qualche modo collegate.
Proposizione 3.4.1. Ogni successione che ammette limite finito è anche limitata.
Dim. — Esercizio.

Il viceversa, come abbiamo osservato, è falso. Tuttavia si può dimostrare l’importante


Teorema 3.4.2 (Bolzano–Weierstrass). Una successione limitata ammette almeno una sottosuccessione conver-
gente.
Dim. — Sia (an ) la successione. Essendo limitata potremo dire che

∃α, β ∈ R : α 6 an 6 β, ∀n ∈ N.

Sia ora S := {an : n ∈ N}. Abbiamo due possibilità: S finito o infinito.


Caso S è finito: allora almeno uno dei suoi elementi s deve essere uguale ad an per infiniti valori di n: si forma così naturalmente
una sotto successione costante (quindi convergente) e il teorema è dimostrato;
Caso S è infinito: significa che esiste una sotto successione (ank ) con ank , anh se h , k. Chiamiamo questa sotto successione
con (bk ) (che è la (an ) senza "doppioni") e mostriamo che esiste una sua sotto successione convergente (è chiaro che si tratta
di una sotto successione della madre (an )). Procediamo così: dividiamo [α, β] in due parti uguali. Almeno una delle due parti
deve contenere infiniti elementi di S (altrimenti, se ciascuna ne contenesse un numero finito, S sarebbe finito). Chiamiamo

[α1, β1 ] ⊂ [α, β], la parte per cui [α1, β1 ] ∩ S =: S1 è infinito

Sia n1 tale che bn1 ∈ [α1, β1 ] ∩ S ≡ S1 . Notiamo che


β−α
α 6 α1 6 bn1 6 β1 6 β, 0 6 β1 − α1 6 .
2
Dividiamo [α1, β1 ] in due nuove parti. Almeno una delle due contiene infiniti elementi di S1 . Come sopra, chiamiamo

[α2, β2 ] ⊂ [α1, β1 ], la parte per cui [α2, β2 ] ∩ S1 =: S2 è infinito

Sia n2 > n1 tale che bn2 ∈ [α2, β2 ] ∩ S1 ≡ S2 . Notiamo che


β−α
α 6 α1 6 α2 6 bn2 6 β2 6 β1 6 β, 0 6 β2 − α2 6 .
22
Iteriamo il procedimento: si costruisce una sotto successione (bnk ) ⊂ (bn ) tale che
β−α
α 6 α1 6 α2 6 . . . 6 α k 6 bnk 6 βk 6 . . . β2 6 β1 6 β, 0 6 βk − α k 6 .
2k
Ora: la famiglia [α k , βk ] è una famiglia di scatole cinesi e quindi esiste ` ∈ k [α k , βk ]. Affermiamo che
T

bnk −→ `.

Infatti: siccome bnk , ` ∈ [α k , βk ]


β−α
|bnk − `| 6 βk − α k = −→ 0,
2k
e la conclusione ora segue dal teorema dei carabinieri.
50

3.5 Regole di calcolo


Come accade spesso in Matematica, buone definizioni non sono necessariamente pratiche. Ci sono tuttavia una
serie di regole che permettono di fatto di ridurre il calcolo di un limite
Proposizione 3.5.1. Siano (an ), (bn ) ⊂ R tali che an −→ ` 1 e bn −→ ` 2 con ` 1, ` 2 ∈ R. Allora
i) an ± bn −→ ` 1 ± ` 2 .
ii) an · bn −→ ` 1 · ` 2 .
an `1
iii) if ` 2 , 0, bn −→ `2 .

Dim. — Dimostriamo solo la i). Dobbiamo provare che

∀ε > 0, ∃N (ε) : |(an + bn ) − (` 1 + ` 2 )| 6 ε, ∀n > N (ε).

Osserviamo che,
dis. 4
|(an + bn ) − (` 1 + ` 2 )| = |(an − ` 1 ) + (bn − ` 2 )| 6 |an − ` 1 | + |bn − ` 2 |.
Ora: fissato ε > 0 si ha
an −→ ` 1, =⇒ ∃N1 ε2 : |an − ` 1 | 6 ε2 , ∀n > N1 ε2 ,
   

bn −→ ` 2, =⇒ ∃N2 ε2 : |bn − ` 2 | 6 ε2 , ∀n > N2 ε2 .


   

Pertanto, se  ε  ε  ε ε
N (ε) := max N1 , N2 , =⇒ |an − ` 1 | 6 , |bn − ` 2 | 6 , ∀n > N (ε),
2 2 2 2
così
ε ε
|(an + bn ) − (` 1 + ` 2 )| 6 |an − ` 1 | + |bn − ` 2 | 6 + = ε, ∀n > N (ε),
2 2
che è la conclusione.

Esempio 3.5.2. Calcolare √


n−1
lim √ .
n→+∞ n + 1

Sol. — Abbiamo
√  
√ n 1− √1 1 − √1
n−1 n n
√ = √   = .
n+1 n 1+ √1 1 + √1
n n

Ora, chiaramente
1− √1
1 1 n 1
1 − √ −→ 1, 1 + √ −→ 1, =⇒ −→ = 1.
n n 1+ √1 1
n

Le regole di calcolo funzionano anche in molti casi in cui i limiti coinvolti siano infiniti.
Proposizione 3.5.3. Siano (an ), (bn ) ⊂ R tali che an −→ ` 1 , bn −→ ` 2 . Allora
i) se ` 1 = ±∞ e ` 2 ∈ R allora an + bn −→ ±∞ (con lo stesso segno di ` 1 ).
51

ii) se ` 1 = ` 2 = ±∞ (stesso segno) allora an + bn −→ ±∞ (con il segno comune a ` 1 e ` 2 ).

Dim. — Esercizio.

Osservazione 3.5.4 (Importante!). Nel caso in cui ` 1 = +∞ e ` 2 = −∞ non si può dire nulla a priori: si tratta
di una forma indeterminata. Possiamo infatti trovare esempi nel quali più o meno qualsiasi cosa può accadere. Vediamo
alcuni casi semplici:
• an = n2 −→ +∞, bn = −n −→ −∞. Allora an + bn = n2 − n. È facile vedere che n2 − n −→ +∞. Per esempio: n2 > 2n
per n > 2, per cui
n2 − n > 2n − n = n −→ +∞,
e la conclusione segue per il teorema dei carabinieri.
• an = n −→ +∞, bn = −n2 −→ −∞. Qui
an + bn = n − n2 −→ −∞.
• an = n + 1 −→ +∞, bn = −n −→ −∞. Qui

an + bn = (n + 1) − n = 1 −→ 1.

• an = n + (−1) n > n − 1 −→ +∞, bn = −n −→ −∞. Qui

an + bn = (n + (−1) n ) − n = (−1) n,

che non ammette limite


Analogamente (+∞) − (+∞) o (−∞) + (+∞) o (−∞) − (−∞) sono forme indeterminate.

Introduciamo una notazione efficace per ricordare i risultati precedenti:

(±∞) + ` = ±∞, (+∞) + (+∞) = +∞, (−∞) + (−∞) = −∞.

Simile è il ragionamento col prodotto:


Proposizione 3.5.5. Siano (an ), (bn ) ⊂ R tali che
i) an −→ ±∞, bn −→ ` 2 ∈ R\{0}. Allora an bn −→ sgn(`) ± ∞.
ii) an, bn −→ ±∞. Allora an bn −→ ±∞, dove il segno è determinato con le usuali regole dei segni (+∞)(+∞) =
(−∞)(−∞) = +∞ e (+∞)(−∞) = −∞.

Dim. — Esercizio.

Osservazione 3.5.6. Il caso "disgraziato" per il prodotto è ±∞ · 0. Anche in questo caso non si può dire nulla a
priori e si tratta quindi di una forma indeterminata. Ecco alcuni esempi:
an = n −→ +∞, bn = n1 −→ 0, an bn = n n1 = 1 −→ 1.

an = n2 −→ +∞, bn = n1 −→ 0, an bn = n2 n1 = n −→ +∞,
n n
an = n −→ +∞, bn = (−1)
n −→ 0, an bn = n (−1)
n = (−1) , non esiste.
n
52

Infine, per quanto concerne il rapporto,


Proposizione 3.5.7. Siano (an ), (bn ) ⊂ R tali che
an
i) an −→ ` 1 ∈ R, bn −→ ±∞. Allora bn −→ 0.
an
ii) an −→ ±∞ ∈ R, bn −→ ` 2 ∈ R\{0}. Allora bn −→ ±sgn(` 2 )∞.

Dim. — Esercizio.

Osservazione 3.5.8. Le forme indeterminate per il rapporto sono 0


0 e ∞.

Le formule mnemoniche per il rapporto sono


` +∞ −∞
= 0, (` ∈ R), = sgn(`)∞, (` , 0), = −sgn(`)∞, (` , 0).
±∞ ` `

Il caso 0 è particolare: se siamo in grado di stabilire il "segno" dello 0 possiamo concludere.
Definizione 3.5.9. Diciamo che an −→ `+ (o `−) se an è definitivamente > ` (o < `).
Allora
+∞ −∞ +∞ −∞
= = +∞, = = −∞.
0+ 0− 0− 0+
Riassumendo: sono forme indeterminate
0 ±∞
(±∞) + (∓∞), (segni opposti), (±∞) · 0,
, .
0 ±∞
Queste, assieme ad altre, sono le "brutte bestie" con cui dobbiamo imparare a trattare nel calcolo dei limiti.
Cominciamo da qualche esempio
Esempio 3.5.10. Calcolare
n3 − n2 + 2
lim
n→+∞ n3 − n − 5
Sol. — A prima vista ci sono parecchie forme indeterminate. Al numeratore abbiamo (+∞) − (+∞) + 2 = (+∞) − (+∞).
È comunque facile risolvere il problema: osservando i vari termini, per n grande è chiaro che il termine dominante è n3 che
dovrebbe "guidare" il tutto vero +∞. Precisamente, osserviamo che se scriviamo
!
1 2
n3 − n2 + 2 = n3 1 − + 3 ,
n n
il termine in parentesi tende facilmente a 1 poiché n1 , n23 −→ 0 (da cui 1 − n1 + n23 −→ 1 − 0 + 0 = 1). Allora abbiamo trasformato
l’espressione in una forma (+∞) · 1 che non è più indeterminata:
!
1 2 (+∞) ·1
n3 − n2 + 2 = n3 1 − + 3 −→ +∞.
n n
Similmente al denominatore !
1 5 (+∞) ·1
n3 − n − 5 = n3 1 − 2 − 3 −→ +∞.
n n
Fatto questo, la frazione si presenta quindi come +∞
+∞ . Tuttavia, per quanto appena visto
 
n3 − n2 + 2 n3 1 − n1 + n23 1 − n1 + n23
= = −→ 1, n → +∞.
n3 − n − 5
 
n3 1 − 12 − 53 1 − 12 − 53
n n
n n
53

Esempio 3.5.11. Calcolare


(n + 2)! + (n + 1)!
lim .
n→+∞ (n + 2)! − (n + 1)!

Sol. — Naturalmente n! −→ +∞ (per esempio n! > n −→ +∞), e similmente (n + 2)!, (n + 1)! −→ +∞. Pertanto
(n + 2)! + (n + 1)! −→ +∞ mentre (n + 2)! − (n + 1)! è una forma indeterminata (+∞) − (+∞). D’altra parte è naturale che
(n + 2)! sia più grande di (n + 1)! e, osservato che (n + 2)! = (n + 2)(n + 1)!, abbiamo

(n + 1)!
! !
1
(n + 2)! + (n + 1)! = (n + 2)! 1 + = (n + 2)! 1 + ,
(n + 2)! n+2
 
e similmente (n + 2)! − (n + 1)! = (n + 2)! 1 − n+2 1 , così

1
(n + 2)! + (n + 1)! 1 + n+2
= −→ 1, n → +∞.
(n + 2)! − (n + 1)! 1 − 1
n+2

Notiamo un principio generale. Supponiamo di studiare un’espressione del tipo an − bn dove an −→ +∞,
bn −→ +∞, di modo tale che sia una forma indeterminata (+∞) − (+∞). Il termine "più grande" (se c’è) è quello
che decide nel senso che, scrivendo, !
bn
a n − bn = a n 1 − .
an

se bann −→ 0 (allora an deve essere di un ordine di grandezza maggiore di bn ) si toglie l’indecisione. Formalizziamo
questo concetto introducendo una definizione molto importante:

Definizione 3.5.12. Siano (an ), (bn ) ⊂ R, an, bn , 0. Diciamo che

• bn è di ordine inferiore rispetto ad an (scriviamo bn = o(an )) o, equivalentemente, an è di ordine superiore


rispetto a bn (scriviamo an  bn ) se
bn
−→ 0, n −→ +∞.
an

• bn è dello stesso ordine di an (scriviamo bn  an ) se

bn
−→ C ∈ R\{0}, n −→ +∞.
an
Nel caso particolare in cui
bn
−→ 1, n −→ +∞,
an
diciamo che an e bn sono asintotiche, e scriviamo an ∼ bn .

Notiamo che se an ∼ bn la trasformazione precedente


!
bn
a n − bn = a n 1− ,
an

trasforma la forma (+∞) − (+∞) nella forma (+∞) · 0: dalla padella alla brace.
54

Esempio 3.5.13. Calcolare √ √ 


lim n+1− n .
n→+∞
√ √
Dim. — √Chiaramente n +√1, n −→
√ √ +∞ per cui√abbiamo√una forma indeterminata del tipo (+∞) − (+∞). Anche se
n + 1 > n non è vero che n = o( n + 1). Anzi: n + 1 ∼ n come suggerisce l’intuizione. Infatti
√ r r
n n 1
√ = = 1− .
n+1 n+1 n+1
q √
1 −→ 1 allora 1 − 1 −→ 1 = 1. Più in generale, ammesso abbiano senso, sembra
Sembra evidente che siccome 1 − n+1 n+1
√ √
naturale che an −→ ` se an −→ `. Questa proprietà si chiama continuità della funzione ] e sarà oggetto del Capitolo
p

sulle funzioni continue. Per il momento accettiamo che sia vero. Pertanto

n √ √
√ −→ 1, ⇐⇒ n ∼ n + 1.
n+1
Dunque nessuno dei due termini "domina" e quindi è inutile raccogliere. E allora? In questo caso ce la possiamo cavare con
una trasformazione algebrica:
√ √
n+1+ n (n + 1) − n
√ 1
√ √ √  1 +∞
n+1− n = n+1− n · √ √ = √ √ = √ √ −→ 0.
n+1+ n n+1+ n n+1+ n

Nell’ultimo esempio abbiamo incontrato la seguente situazione:


√ √
an −→ `, =⇒ an −→ `.

Chiamando f (x) := x, la precedente si scrive così:

an −→ `, =⇒ f (an ) −→ f (`).

Questo è, come vedremo in uno dei prossimi capitoli (ved. 6), il concetto di funzione continua in qualche punto
`. Siccome questo tipo di situazione la incontreremo frequentemente con le successioni anticipiamo un risultato
importante
Proposizione 3.5.14. Le funzioni elementari (potenze, esponenziali, logaritmi, funzioni trigonometriche, modulo)
sono continue ove definite, cioè detto D il dominio della funzione, allora

se (an ) ⊂ D, : an −→ ` ∈ D, =⇒ f (an ) −→ f (`).

Dim. — Ved. Teorema 5.2.4.

3.6 Confronto esponenziali/potenze/logaritmi


Come abbiamo visto è importante stabilire confronti (nel senso del rapporto) tra quantità diverse per stabilire qual
è la più grande. Tra le quantità fondamentali che vanno all’inifinito per n −→ ∞ ci sono gli esponenziali a n (con
a > 1), le potenze nα (con α > 0) e i logaritmi logb n (con b > 1). Il prossimo risultato mette a confronto questi
tre:
55

Teorema 3.6.1.
a n  nα  logb n, ∀a > 1, α > 0, b > 1.

Dim. — i) a n  nα . Primo passo: caso α < 1. Mostriamo che

an
−→ +∞.

Il punto chiave è il

Lemma 3.6.2 (disuguaglianza di Bernoulli).

(1 + h) n > 1 + nh, ∀h > 0, ∀n ∈ N, n > 1. (3.6.1)

Dim. — Segue dalla formula di Newton:


n ! ! ! n ! n !
X n n n X n X n
(1 + h) n = hk 1n−k = h0 + h1 + hk = 1 + nh + hk > 1 + nh
k 0 1 k k
k=0 k=2 k=2
! !
Pn n n
essendo h > 0 e quindi k=2
hk > 0 (ricordare che > 0).
k k

Applicando la disuguaglianza di Bernoulli con a = 1 + h (h > 0 essendo a > 1) abbiamo

an 1 + nh 1
> = α + hn1−α −→ +∞
nα nα n
per i due carabinieri essendo 1 − α > 0.
Secondo passo: caso generale α > 1. Osserviamo che
n 2α ! 2α
a n * a 2α + (a1/2α ) n β n 2α
!
= = =: ,
nα , n1/2 - n1/2 n1/2

dove β := a1/2α > 1, essendo a > 1. Ma allora β n  n1/2 per il caso precedente e quindi

βn an β n 2α
!
−→ +∞, =⇒ = −→ +∞.
n1/2 nα n1/2

ii) nα  logb n. Omessa.

Esempio 3.6.3. Calcolare


2n − n2
lim .
n→+∞ 3n − n100 2n

Sol. — Discutiamo preliminarmente numeratore e denominatore. Essendo 2n  n2 abbiamo

n2
!
N := 2n − n2 = 2n 1 − n = 2n · 1n,
2
56

2
dove abbiamo denotato, per comodità, 1n := 1 − 2nn −→ 1. Al denominatore apparentemente n100 2n è più grande di 3n , tuttavia,

n100 2n n100 +
!
D := 3n − n100 2n = 3n 1 − = 3n *.1 −   n / = 3 n · 1 n,
3n 3
, 2 -
 n
essendo 23  n100 . Pertanto
2n · 1n 2 n
!
N
= n = · 1n −→ 0,
D 3 · 1n 3
essendo 23 < 1.

Esempio 3.6.4. Calcolare in funzione di a > 0 il


a n − n2 a−n + (−1) n n4
lim .
n→+∞ a2n + n3

Sol. — Trattiamo separatamente numeratore e denominatore. Ricordiamo anzitutto che



 0, 0 6 a < 1,
a n −→  a = 1,

1,
 +∞, a > 1.


 n
Consideranto il numeratore N sembra conveniente distinguere i casi a < 1, a = 1, a > 1. Se a < 1 il termine n2 a−n = n2 a1
con a1 > 1 sembra dominare. Raccogliendo

an (−1) n n4 a2n n2
!
N = −n2 a−n 1 − 2 −n − 2 −n = −n2 a−n *.1 − 2 − (−1) n   n +/ .
n a n a n 1
, a -
Ora:
a2n
a2n −→ 0, (a < 1), =⇒ −→ 0.
n2
Inoltre, essendo a < 1, cioè a1 > 1, si ha

1 n n2 n2
!
 n2, =⇒   n −→ 0, =⇒ (−1) n   n −→ 0, (limitata×infinitesima)
a 1 1
a a

così N = −n2 a−n · 1n . Nel caso a = 1 abbiamo


!
2 n 4 n 4 1 n 1
N = 1 − n + (−1) n = (−1) n 1 + (−1) 4 − (−1) 2 = (−1) n n4 · 1n,
n
n n
ancora in virtù della regola limitata×infinitesima. Infine, se a > 1 il termine dominante è a n e infatti
n2 a−n nn
4! n2 nn
4!
N = an 1 − + (−1) = a n
1 − + (−1) = a n · 1n
an an a2n an
4
essendo a2n = (a2 ) n  n2 (a > 1) e a n  n4 mentre (−1) n ann −→ 0 per la regola limitata×infinitesima. Riassumendo:


 −n2 a−n · 1n, a < 1,





N= (−1) n n4 · 1n, a = 1,






 = a · 1 n, a > 1.
n


57

Passiamo al denominatore. Abbiamo ancora i casi a < 1, a = 1, a > 1.


 2n



 n3 1 + an3 = n3 · 1n, (a2n −→ 0), a < 1,







 3 
D=  n 1 + n13 = n3 · 1n, a = 1,




  
 a2n 1 + n3 = a2n · 1n, (a2n = (a2 ) n  n3 ),

a > 1.


 a 2n

Mettendo assieme,  n
 n 1
1 n
−n2 a−n ·1 n
 a
=− n a < 1,
 a
· 1n −→ −∞,


n3 ·1 n






N 

=

(−1) n n4 ·1 n
D 

 n3 ·1 n
= (−1) n n · 1n, non esiste, a = 1,





a n ·1 n

= a1n · 1n −→ 0, a > 1.



 a2n ·1 n

Due altre importanti quantità infinite sono nn e n!. Abbiamo


Proposizione 3.6.5.
nn  n!  a n, ∀a > 1.

Dim. — Proviamo che nn!n −→ 0. Abbiamo

n! n(n − 1) · · · 3 · 2 · 1 n n − 1 3 2 1 1 1 n! 1
06 n = = · · · · · · 6 1 · 1 · · · 1 · 1 · = , ⇐⇒ 0 6 n 6 .
n n · n··· · n · n · n n n n n n n n n n
Ma allora la conclusione segue dal teorema dei carabinieri.
n
Proviamo ora che an! −→ 0. Ragionando in modo simile,

an a · a···a · a a a a a
06 = = · ··· · .
n n · (n − 1) · · · 2 · 1 n n − 1 2 1
Ora, per n −→ +∞ definitivamente n > a, cioè per n > N. Allora
a a a a a a a a a a a a a a
· ··· · 6 · 1···1 · · · · · · =: b · , dove b := · ··· · ,
n n−1 2 1 n N −1 N −2 2 1 n N −1 N −2 2 1
è fisso. In altre parole
an a
066 b , n > N,
n! n
e da qui la conclusione segue dal teorema dei carabinieri.

C’è un’altra importante forma indeterminata che spesso ricorre. Consideriamo un limite del tipo

lim a bn .
n→+∞ n

Qui assumiamo che (an ) ⊂]0, +∞[ e (bn ) ⊂ R. Osseriamo che


bn
anbn = alog a (an )
= a bn log a (an ), (a , 1, a > 0).
58

Scegliamo, ad esempio, a > 1. Supponiamo di aver calcolato

lim bn loga (an ).


n→+∞

Allora, per le proprietà di continuità della funzione esponenziale



 +∞, se ` = +∞,



 `

se lim bn loga (an ) =: `, =⇒  a, se ` ∈ R,
n→+∞ 




se ` = −∞.

 0,

Ora bn loga (an ) può dare origine ad una forma del tipo ∞ · 0 o 0 · ∞ e

 bn −→ ±∞,

  bn −→ ±∞,


bn loga (an ) = ∞ · 0, ⇐⇒ 
 ⇐⇒ 

 log a −→ 0,  a −→ 1,
 a n  n
ovvero
 bn −→ 0,

 
 bn −→ 0,
bn loga (an ) = 0 · ∞, ⇐⇒ 

⇐⇒ 

 log a −→ ±∞,  a −→ 0+, ∨ a −→ +∞.

 a n  n n

Conclusione:
1±∞, (0+) 0, (0+) +∞
sono forme indeterminate. La trasformazione (algebrica)

anbn = a bn log a an ,

è la via maestra per trattare questo tipo di forme.


Esempio 3.6.6. Calcolare
! logn2 n
1
lim .
n→+∞ n

log2 n
Sol. — Sappiamo che n  log2 n, quindi n −→ 0 mentre n1 −→ 0+. Abbiamo cioè una forma del tipo (0+) 0 , che è
indeterminata. Osserviamo allora che
! log2 n
1 n log2 n (log2 n) 2
log2 n
=2 n =2 n ,
n
(log2 n) 2
e calcoliamo limn n , che è una forma ∞
∞ . Scrivendo

(log2 n) 2 log2 n log2 n n1/2 log2 n


= 1/2 −→ 0,
n n n1/2
per cui
! log2 n
1 n (log2 n) 2
=2 n −→ 20 = 1.
n
59

3.7 Successioni monotone


Abbiamo sinora visto il problema del calcolo del limite di una successione esplicitamente nota. Come abbiamo visto
nella sezione introduttiva iniziale sui modelli matematici, non sempre si riesce ad avere un’espressione esplicita di
una successione. Si pone così il problema: come si fa a stabilire se esiste il limite in questi casi? Una proprietà
molto importante è la monotonia:

Definizione 3.7.1. Diciamo che (an ) ⊂ R è crescente (notazione: an %) se

an 6 an+1, ∀n ∈ N.

Similmente si definisce una successione decrescente (an &). Tali successioni vengono dette monotone.

Una delle più importanti conseguenze dell’esistenza dell’inf / sup per insiemi di numeri reali è il

Teorema 3.7.2. Ogni successione monotona ammette limite. Precisamente:

se an %, =⇒ ∃ lim an = sup {an : n ∈ N} ∈ R ∪ {+∞}.


n

Similmente,
se an &, =⇒ ∃ lim an = inf {an : n ∈ N} ∈ R ∪ {−∞}.
n

In particolare: se an è monotona e limitata allora ∃ limn an ∈ R.


Dim. — Consideriamo il caso an % e sia
` := sup{an : n ∈ N}.
Ci sono due possibilità: i) ` ∈ R, ii) ` = +∞.
i) ` ∈ R. Sia ε > 0. Per le proprietà caratteristiche del sup, si trova un N = N (ε) ∈ N tale che

` − ε 6 a N 6 `.

Ma an %, così
` − ε 6 a N 6 an 6 `, ∀n > N, =⇒ |an − `| 6 ε, ∀n > N,
e questa è la definizione di limite (ε è arbitrario).
ii) ` = +∞. In questo caso {an : n ∈ N} è superiormente illimitato. Pertanto, fissato K > 0, troviamo N = N (K ) tale che

aN > K .

Ma an %, così
an > a N > K, ∀n > N,
e di nuovo questa è la definizione di limite +∞.

3.7.1 Il numero di Nepero


Un’applicazione notevole del teorema visto sopra è il
60

Teorema 3.7.3. !n
1
∃ lim 1+ =: e ∈]2, 3[. (3.7.1)
n→+∞ n
 n
Dim. — Proviamo anzitutto che 1 + n1 %. Per mostrare ciò osserviamo che dalla formula di Newton
n n
1 n X n(n − 1) · · · (n − k + 1) 1
! !
n 1 X
1+ = = . (3.7.2)
n k n k nk k!
k=0 k=0

Ora,
n(n − 1) · · · (n − k + 1)
! ! !
1 2 k −1
= 1− 1− ··· 1−
nk n n n
! ! !
1 2 k −1
6 1− 1− ··· 1−
n+1 n+1 n+1

(n + 1)n · · · (n + 1 − k + 1)
=
(n + 1) k
per cui
n n
1 n (n + 1)n · · · (n + 1 − k + 1) 1 n+1
! !
X X 1
1+ 6 =
n
k=0
(n + 1) k k!
k=0
k (n + 1) k

n+1
n+1 1 n+1
! !
X 1
6 = 1 + .
k (n + 1) k n+1
k=0
Con ciò si è provato che an %.
Sia ora e il limite. Siccome
an %, =⇒ an > a1 = 2, ∀n ∈ N.
Il difficile è mostrare che an 6 3 per ogni n. Guardando attentamente alla (3.7.2) e osservato che

n(n − 1) · · · (n − k + 1)
! ! !
1 2 k −1
= 1 − 1 − · · · 1 − 6 1,
nk n n n
possiamo scrivere
n n
X 1 X 1
an 6 =1+1+ .
k! k!
k=0 k=2
Ora: se k > 2, k! = 1 · 2 · 3 · · · (k − 1)k > 1 · 2 · 2 · · · 2 · 2 = 2k−1 , per cui
n n−1
1 k
!
X 1 X
an 6 2 + =2+ .
k=2
2k−1 k=1
2

La somma può essere facilmente calcolata utilizzando l’identità algebrica


(q,1) 1 − qn
1 − q n = (1 − q)(1 + q + q2 + . . . + q n−1 ), ⇐⇒ 1 + q + q2 + . . . + q n−1 = .
1−q
Pertanto  n
n−1
X 1
n−1
X 1 !k 1 − 12 1
!
= − 1 = − 1 = 2 1 − −1
2k k=0 2 1 − 21 2n
k=1
61

così !
1 1
an 6 2 + 2 1 − n − 1 = 3 − n−1 < 3, ∀n ∈ N.
2 2

D’ora in poi chiameremo log il logaritmo in base e (cioè loge ), che viene anche detto logaritmo naturale (e per
questo in alcuni libri è indicato col simbolo ln).

3.8 Successioni definite per ricorsione


Abbiamo introdotto all’inizio successioni definite tramite un’equazione di evoluzione del tipo

an+1 = f (an ),

dove f è una certa funzione. Laddove sia possibile determinare esplicitamente an possiamo procedere al calcolo
del limite. Ma non sempre ciò è possibile. Vedremo in questa sezione alcune idee e tecniche che possono essere
utilizzate in questi casi.
Esempio 3.8.1. Sia (an ) ⊂ R definita da


 a0 = 2,


 an+1 = an
, n > 0.


 1+a2n

Studiare il comportamento della successione (an ).


Sol. — Osserviamo i primi valori:
2 10
2 2 5 10 29 290
a0 = 2, a1 = = , a = = , a3 = = , ....
1+4 5 2 1+ 4 29 10
1 + 292 841
25

Da questi primi valori possiamo fare alcune congetture:


i) 0 6 an 6 2 per ogni n > 0.
ii) an &.
Se i) e ii) fossero vere allora potremmo dire che: a) esiste ` := limn an (in quanto successione monotona), b) il limite è finito
essendo (per i)) (an ) limitata. Partiamo da i). Immaginiamo di aver dimostrato che

0 6 an 6 2, ∀n = 0, 1, 2, . . . , N .

Ci chiediamo se riusciamo a dire se anche 0 6 a N +1 6 2. La prima è evidente:


aN
a N +1 = > 0, essendo a N > 0.
1 + a2N

Ma anche la seconda non è difficile. Infatti, dobbiamo mostrare che


aN
a N +1 = 6 2, ⇐⇒ a N 6 2 + a2N , sapendo solo che 0 6 a N 6 2.
1 + a2N

Ma è evidente che a N 6 2 + a2N : a sinistra infatti a N 6 2, a destra 2 + a2N > 2 + 0 = 2. Dunque abbiamo mostrato che

se 0 6 an 6 2, ∀n = 0, 1, 2, . . . , N, allora 0 6 a N +1 6 2. (3.8.1)
62

Questo sembra naturale implichi che 0 6 a N 6 2 per ogni N. Infatti:


(3.8.1) (3.8.1) (3.8.1) (3.8.1)
0 6 a0 6 2, (vera), =⇒ 0 6 a1 6 2, (vera) =⇒ 0 6 a2 6 2, (vera) =⇒ 0 6 a3 6 2, (vera) =⇒ . . .

Similmente dimostriamo ii). Dobbiamo dimostrare che

an+1 6 an, ∀n ∈ N.

I primi valori mostrano che a0 > a1 , a1 > a2 e a2 > a3 . Ora, ragionando come sopra, supponiamo che

an+1 < an, ∀n = 0, 1, 2, . . . , N .

Proviamo che a N +2 < a N +1 . Infatti


a N +1
a N +2 < a N +1, ⇐⇒ < a N2 , ⇐⇒ a N +1 (1 + a2N ) < a N (1 + a2N +1 ),
1+a2N +1 1+a N

⇐⇒ a N +1 + a2N a N +1 < a N + a N a2N +1, ⇐⇒ a N a N +1 (a N − a N +1 ) < a N − a N +1,

⇐⇒ a N a N +1 < 1.

Ma
aN a2N
a N a N +1 = a N = < 1, evidentemente.
1 + a2N 1 + a2N
Dunque: si è mostrato che
se an+1 < an, ∀n = 0, 1, 2, . . . , N, allora a N +2 6 a N +1 . (3.8.2)
Con lo stesso ragionamento fatto sopra si deduce an+1 < an per ogni n.
Dunque sia an −→ ` ∈ [0, 2]. Vediamo ora come determinare esplicitamente `. Torniamo all’equazione ricorsiva che definisce
an e "passiamo al limite in n" in tale equazione:
an ` `
` ←− an+1 = −→ , da cui ` = .
1 + an2 1 + `2 1 + `2

Questa è un’equazione in ` che può essere facilmente risolta. O ` = 0 oppure 1 = 1+` 1 , ovvero 1 + ` 2 = 1, cioè ` = 0. Quindi
2
c’è un’unica possibilità. Siccome il limite esiste e deve risolvere quella equazione non può che esserne l’unica soluzione: si
conclude che ` = 0.

Abbiamo incontrato un importante schema dimostrativo. Dovevamo dimostrare che una certa affermazione pn era
vera per ogni n e abbiamo utilizzato il
Principio di induzione: se quando una certa affermazione pn è vera per n = 1, . . . , N allora si riesce a mostrare
che è vera anche per n = N + 1, allora quell’affermazione è vera per ogni intero n ∈ N.
Questo schema è stato utilizzato sia per dimostrare che (an ) era limitata che per dimostrare che era monotona (nel
caso decrescente).
Esempio 3.8.2. Sia (an ) ⊂ R definita da


 a0 = 1,


 q

 n+1 = 2 an + an,
 1 2
 a n > 0.
63

Mostrare che i) 1
3 6 an 6 1 ∀n ∈ N e ii) an &. Dedurre esistenza e valore del limite della (an ).
Sol. — i) Sia pn : 31 6 an 6 1. Chiaramente p0 perché a0 = 1. Ora, supponiamo che p0, p1, . . . , pn siano vere, cioè
1 6 a , a , . . . , a 6 1. Allora,
3 0 1 n
r
1 1 4 1 1 4 12 1
q
an2 + an > + = , =⇒ an+1 = an2 + an > = = .
9 3 9 2 2 9 23 3
Essendo poi an 6 1, √
1p 2 2
an+1 6 1 +1= < 1.
2 2
Ma allora pn+1 è vera: per induzione tutte le pn sono vere e quindi 13 6 an 6 1 ∀n ∈ N.
ii) Sia pn : an+1 < an . Confrontiamo a1 e a0 :

1 1√ 2
q
a1 = a02 + a0 = 1+1= < 1 = a0 .
2 2 2
Dunque p0 è vera. Siano ora p0, p1, . . . , pn vere, cioè a0 > a1 > a2 > . . . > an > an+1 e proviamo che an+1 > an+2 . Essendo
an, an+1 > 0
1 1
q q
2
an+1 + an+1 < an2 + an, =⇒ an+2 = 2
an+1 + an+1 < an2 + an = an+1 .
2 2

Da i) e ii) si ha che (an ) è decrescente e limitata, quindi esiste limn an =: ` ∈ R. Inoltre, sempre da i), essendo 13 6 an 6 1
dalla permanenza del segno si deduce 13 6 ` 6 1. Ora: an2 + an −→ ` 2 + ` per cui, per la continuità delle potenze,

1 1p 2
q
` ←− an+1 = an2 + an −→ ` + `,
2 2
e quindi
1p 2 1
`= ` + `, ⇐⇒ 4` 2 = ` 2 + `, ⇐⇒ 3` 2 = `, ⇐⇒ ` = 0, ` = .
2 3
Essendo ` > 13 l’unica possibilità è ` = 13 .


Il prossimo raffinato esempio è un classico e antichissimo algoritmo per il calcolo di 2.

Esempio 3.8.3. Sia (an ) ⊂ R definita da



 a0 = 2,


 
 an+1 =

 1
an + 2
, n > 0.
 2 an
  √ √
Mostrare che: i) 21 x + x2 > 2 per ogni x > 0; ii) 2 6 an 6 2, per ognin ∈ N; iii) (an ) è monotona. Dedurre
esistenza e valore di limn an .
Sol. — i) Se x > 0
√ √ √ √
!
1 2 2
x+ > 2, ⇐⇒ x + > 2 2, ⇐⇒ x 2 − 2 2x + 2 > 0, ⇐⇒ (x − 2) 2 > 0,
2 x x

evidentemente vera.
64

√   √
ii) Per dimostrare che an > 2 per ogni n basta mostrare che an > 0 per ogni n. Infatti da i) segue che an+1 = 12 an + a2n > 2
per ogni n. Sia allora pn : an > 0. Per definizione p0 è vera. Supponendo a0, a1, . . . , an > 0,
!
1 2
an+1 = an + > 0, =⇒ pn+1 è vera.
2 an

Dunque pn è vera per ogni n.

√ n ∈ N. Sia pn : an 6 2. Per definizione p0 è vera. Supponiamo a0, a1, . . . , an 6 2.


Mostriamo ora che an 6 2 per ogni
Allora, ricordato anche che an > 2,
! !
1 2 1 2 1
an+1 = an + 6 2 + √ = 1 + √ < 2.
2 an 2 2 2
Dunque pn+1 e quindi la conclusione segue per induzione.
iii) Per capire se an % o an & confrontiamo a1 e a0 = 2. Abbiamo
!
1 2 1
a1 = 2 + √ = 1 + √ < 2 = a0 .
2 2 2
Dunque sembra naturale scommettere su an &. Sia pn : an+1 6 an . Per quanto visto p0 è vera. Supponiamo che p0, p1, . . . , pn
siano vere, cioè a0 > a1 > . . . > an > an+1 e mostriamo che an+1 > an+2 . Abbiamo
! !
1 2 1 2 2
an+2 < an+1, ⇐⇒ an+1 + < an + , ⇐⇒ an an+1 + 2an < an2 an+1 + 2an+1
2 an+1 2 an

⇐⇒ an an+1 (an − an+1 ) > 2(an − an+1 ), ⇐⇒ an an+1 > 2,



√ che an − an+1 > 0√vista
(si ricordi infatti √ l’ipotesi di induzione). Ora, abbiamo mostrato anche che an > 2 per ogni n, dunque
an, an+1 > 2, per cui an an+1 > 2 2 = 2. Si conclude dunque che an &.
√ √
Conclusione: essendo an & esiste limn an =: `. Inoltre, per ii) 2 6 an 6 2, e quindi 2 6 ` 6 2. Passando al limite
nell’equazione di evoluzione ! !
1 2 1 2
` ←− an+1 = an + −→ `+ ,
2 an 2 `
da cui

!
1 2 2
`= `+ , ⇐⇒ 2` = ` + , ⇐⇒ 2` 2 = ` 2 + 2, ⇐⇒ ` 2 = 2, ⇐⇒ ` = 2.
2 ` `

3.9 Esercizi
Esercizio 3.9.1. Utilizzando la definizione, mostrare che

n+2
!
1 n
1. lim 1 + n = 1. 2. lim = 1. 3. lim = 1.
n→+∞ 2 n→+∞ n + 1 n→+∞ n+1

n+2 n+ n 1
4. lim 2 = 0. 5. lim √ = 1. 6. lim = 0, (α > 0).
n→+∞ n + 3n n→+∞ n − n n→+∞ nα

2n2 + 1 2n − 2−n
log10 (n + 1) − log10 n = 0. = 2. = 1.

7. lim 8. lim 9. lim
n→+∞ n→+∞ n2+n+1 n→+∞ 2n + 2−n
65

Esercizio 3.9.2. Utilizzando la definizione, mostrare che

 √  n2 + 1 1−n
1. lim n − n − 1 = +∞. 2. lim = +∞. 3. lim √ = −∞.
n→+∞ n→+∞ n + 1 n→+∞ 1+ n
!
n 1
4. lim √ = −∞. 5. lim n+ .
n→+∞ 1 − n n→+∞ n

Esercizio 3.9.3. Stabilire se le seguenti successioni ammettono limite oppure no.

1, n pari,


 2
. 2. (−1) n n2 . . 4. (−1) n − (−1) n .

1. an :=  3. sin
 1 4
 n, n dispari

1 + (−1) n 3n + 1
5. . 6. (−2) n . 7. (−1) n .
2 n

Esercizio 3.9.4. Per ciascuna delle seguenti sequenze determinare due carabinieri e calcolare il limite n −→ +∞:

n + cos n n2 + (−1) n n (−1) n n n sin n n sin(n!)
1. . 2. . 3. 2 . 4. 2 . 5. .
n+1 n +1
2 n +1 n +1 n+1

Esercizio 3.9.5. Calcolare i seguenti limiti:


√3 √
2 − 3n 3 n + 5n
! √ √ 
1. lim . 2. lim n − 3n . 3. lim √ .
n→+∞ 2n + 1 n→+∞ n→+∞ n−1

√3 √ p √  ((n + 1)!) 2 (2n)!


4. lim n + a − 3 n, (a > 0). 5. lim 2n2 + n − 1 − n 2 . 6. lim .
n→+∞ n→∞ n→+∞ (2(n + 1))!(n!) 2

n! n + sin n √
7. lim . 8. lim . 9. lim (n + (−1) n n).
(n + 1)! − n!
n→+∞ n→+∞ n − cos n n→+∞
s
2*
2
3 n − 1+ n3 + n2 sin n1
10. lim n .1 − /. 11. lim .
n→+∞ n2 + 1 n→+∞ n3 + 1
, -

Esercizio 3.9.6. Discutere, in funzione del parametro α ∈ R, esistenza e valore dei seguenti limiti:

nα − n + 1 √ √ √ 
. 2. lim nα + 5 − n + 1. 3. lim nα n + 1 − n .
√
1. lim
n→+∞ n + 1
2 n→+∞ n→+∞

Esercizio 3.9.7. Calcolare

2n n2 2n 2n + n5
1. lim . 2. lim . 3. lim .
n→+∞ (n + 2) n n→+∞ 5n n→+∞ 3n − n2
2
n2 2n + n10 − 5n n7 + 2n − 5n 2n
4. lim . 5. lim . 6. lim .
n→+∞ n2 5n + 10n n→+∞ n5000 − 3n n→+∞ n4 + 1

n! 2n + (sin n)(log2 n) (log2 n) 4 + (log4 n) 2


7. lim . 8. lim . 9. lim √ .
n→+∞ n n/2 n→+∞ n n→+∞ 10
n+1
66

Esercizio 3.9.8. Discutere, al variare del parametro reale a > 0, esistenza e valore di

n2 a n − n2n + n3 2n n a − 2n n3 + 2−n cos nn


1. lim . 2. lim .
n→+∞ n8 3−n + n2 2n + n3 (sin n) n n→+∞ 2n n4 − 2−n n8 + n10

a n + n2 3n a n − n4 32n + 3n cos(n!)
3. lim . 4. lim .
n→+∞ (−3) n + n2 2n − a2n n→+∞ n4 9n + 9−n 42n − n9

3n 2−n + a−n n (−3) n + n2 4n − (a + 1) n


5. lim . 6. lim
n→+∞ n3 a −n − (2a) n + a 2n n→+∞ n2 4n + (3a) n
n
a n − n2n + 4n! sin n 2n nα − 2n n3 + (2 cos n) −n
7. lim . 8. lim .
n→+∞ an + n2n − 3n n→+∞ 2n n − 2−n n3 + n3

n4 4n − (4a) n + 4n n2 cos(n!) n−n − 32n n12 + 12n


9. lim . 10. lim .
n→+∞ n−n − n4 23n + 12n n→+∞ 6n n2 sin(n!) − (3a) n + n3 6n

Esercizio 3.9.9. Calcolare, in funzione di a ∈ R, il limite


!n
2a2
 
lim  2 − n−5a  .
n→+∞  a + 1 

Esercizio 3.9.10. Calcolare, al variare del parametro reale α > 0, esistenza e valore del

α n − log n
lim .
n→+∞ α n + e n

Esercizio 3.9.11. Per ciascuna delle seguenti coppie stabilire quali relazioni valgono (∼, , o(. . .), )
1. n, e n .
√ √
2. n + (log n) 3 , n + 1.
√ √3
3. n + sin n, n2 .
4. n log n, n2 .

Esercizio 3.9.12. Ordinare le seguenti quantità nell’ordine :

√ n n 1+ √ 1
n n, n2 , 2log2 n+log4 n, 22 , n log2 n
.

Esercizio 3.9.13. Riconducendosi al limite di Nepero calcolare


! 3
1 3n 1 n 1 n
! !
1. lim 1+ . 2. 1+ 2
lim . 3. lim 1+ , (k ∈ N).
n→+∞ n n→+∞ n n→+∞ n+k

(n + 1) n 1 n+3 n
!
4. lim . 5. lim .
n→+∞ n n+1 n→+∞ n n + 2

Esercizio 3.9.14 (??). Calcolare:


n+ log1 n
(n − 1)
lim √ .
n→+∞
(n + 1) 1+n
2
67

Esercizio 3.9.15. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:


 a0 = 1,



 an+1 = 2an, n > 0.

Mostrare che i) 1 6 an 6 2, ∀n ∈ N; ii) an %. Dedurre esistenza e valore del limn an .

Esercizio 3.9.16. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:


 a0 = 3,



 an+1 = 15 + 2an, n > 0.

Mostrare che i) 3 6 an 6 5, ∀n ∈ N; ii) an %. Dedurre esistenza e valore del limn an .

Esercizio 3.9.17. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:


 a0 = 1,


1 2
 an+1 = 4 an + 1, n > 0.

Mostrare che i) 0 6 an 6 2, ∀n ∈ N; ii) an %. Dedurre esistenza e valore del limn an . Cosa succede se a0 = 3?

Esercizio 3.9.18. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:




 a0 = 0,


7 1
 n+1 = 8 an + 8 , n > 0.

 a

Mostrare che i) 0 6 an 6 1, ∀n ∈ N; ii) (an ) è monotona. Dedurre esistenza e valore del limn an . Cosa succede se a0 = 2?

Esercizio 3.9.19. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:

a0 = π,


 2

= an + sin an, n > 0.

 an+1

Provare che i) 0 6 an 6 π, ∀n ∈ N; ii) (an ) è monotona. Dedurre esistenza e valore del limn an . Cambia qualcosa se
a0 = α ∈]0, π[? E se a0 = 0?

Esercizio 3.9.20. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:




 a0 = 2,


 q √
 an+1 = an (3 + 2 an ), n > 0.




Provare che i) 1 6 an 6 9, ∀n ∈ N; ii) (an ) è monotona. Dedurre esistenza e valore del limn an . Cosa succede se a0 = 12 ?

Esercizio 3.9.21. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:




 a0 = α ∈ [0, +∞[,


( )
 an+1 = max 1 , a2 , n > 0.


 4 n

Provare che:
68

i) se α > 1 allora an > 1 per ogni n ∈ N, an % e il limite è . . . ;


ii) se α = 1 la successione è . . . ;
iii) se α < 1 allora 0 6 an 6 1 per ognin ∈ N, an & e il limite è . . . .

Esercizio 3.9.22. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:



 a0 = 1.


 an+1 = a n , n > 0.


 a n +1

Provare che: i) 0 6 an 6 1 per ogni n ∈ N; ii) (an ) è monotona. Dedurre esistenza e valore del limn an .

Esercizio 3.9.23. Sia (an ) ⊂ R definita come segue:



 a0 = 2.



2
 an+1 = 3a2 n , n > 0.



 2a n +1

Provare che: i) 1 6 an 6 2 per ogni n ∈ N; ii) (an ) è monotona. Dedurre esistenza e valore del limn an .

Esercizio 3.9.24. Due amici decidono di fare il seguente gioco: ogni giorno prendono i loro soldi (anche negativi, cioè debiti) e
se ne scambiano una frazione, rispettivamente 0 < α < 1 dal primo al secondo e 0 < β < 1 dal secondo al primo. Ovviamente
ognuno dei due vorrebbe capire se ci guadagnerà o ci perderà nel lungo periodo.
Scrivere un modello matematico per la coppia (pn, qn ) che rappresenta i rispetti averi. Mostrare che è possibile ridurre
l’evoluzione ad un’unica opportuna quantità an : scrivere l’equazione di evoluzione di (an ) e determinare an . Dedurne il
comportamento asintotico (per n grande) del sistema al variare di 0 < α, β < 1. Cosa succede se i due sono disposti a
scambiarsi interamente o tutto il loro patrimonio? (cioè se α o β o tutti e due sono > 1)?

Esercizio 3.9.25. Una malattia genetica è legata al cromosoma X, il che vuol dire che una femmina è portatrice mentre un
maschio può esserne affetto. Con eguale probabilità, una coppia che generi una femmina la può quindi generare portatrice o
sana al 50% delle possibilità; nel caso invece venga generato un maschio questi può essere sano o ammalato al 50%. Sia pn la
percentuale di maschi ammalati all’n−esima generazione. Trovare un’equazione di evoluzione per pn (si assume che tutte le
possibili combinazioni precedenti siano equiprobabili), dedurne esplicitamente pn e studiarne il comportamento asintotico in
funzioni delle condizioni iniziali necessarie.

Esercizio 3.9.26. Sia f : R −→ R e (an ) una successione tale che

an+1 = f (an ).

Mostrare che
i) se f %, (an ) conserva la monotonia dei primi due termini;
ii) se f (x) > x per ogni x ∈ D (oppure f (x) 6 x per ogni x ∈ D) an % (rispettivamente an &).

Esercizio 3.9.27. Completare tutte le dimostrazioni del Capitolo nelle quali la dimostrazione è lasciata per esercizio. . .
Capitolo 4

Serie numeriche

In alcuni problemi si ha la necessità di dare un senso all’operazione di somma di infiniti numeri,



X
a0 + a1 + . . . + ak + ak+1 + . . . ≡ ak , dove (ak ) ⊂ R.
k=0

Tutti impariamo, fin da bambini, a sommare due numeri. Grazie alle proprietà associativa e commutativa poi
impariamo a sommare un numero qualunque di numeri. Per esempio

a0 + a1 + . . . + an = (. . . ((a0 + a1 ) + a2 ) + . . .) + an−1 ) + an .

Per quanto n sia grande, almeno concettualmente, questa operazione può essere fatta in un tempo finito. Quando
però il numero di termini da sommare è infinito questa operazione non termina mai, e dunque non si capisce che
senso possa avere. Al tempo in cui questo problema fu posto, l’Analisi Matematica era lontana da fondamenta
teoriche solide e dunque non c’era una definizione rigorosa di cosa significasse sommare infiniti numeri e spesso
si ottenevano risultati bizzarri. Ad esempio, scrivendo

S = 1 + 2 + 4 + 8 + 16 + . . . = 1 + 2(1 + 2 + 4 + 8 + . . .) = 1 + 2S

da cui S = −1. Ciò fu’ origine di molte speculazioni che andavano al di là della matematica producendo paradossi
di varia natura. Il più celebre è indubbiamente quello di Zenone di Elea.
Esempio 4.0.1 (paradosso di Achille e della tartaruga). In una corsa, il corridore più veloce che parta in svantaggio
rispetto a quello più lento non potrà mai raggiungerlo poiché dovrà prima raggiungere la sua posizione e quando
l’avrà fatto il più lento si troverà un po’ più innanzi.
Sol. — Vediamo cosa c’entra questo paradosso con le somme infinite. Assumiamo che Achille debba percorrere 1.000 m e
una tartaruga si trovi a metà trada, a 500 m dall’arrivo. Per semplicità supponiamo che Achille corra alla velocità di 1.000 m/h,
mentre la tartaruga viaggi a 500 m/h. Sembra ovvio che Achille raggiungerà la tartaruga dopo un’ora dal via, cioè alla fine dei
1.000 m. Ma. . . consideriamo il seguente argomento: anzitutto Achille dovrà percorrere i primi 500m, e questo verrà fatto in
1/2h. A quel punto la tartaruga avrà percorso 250m e si troverà a 750m dal via. Quindi Achille dovrà percorrere altri 250m, il
ché avverrà in 1/4h, e la tartaruga si trovertà 125m più in la. E così via.
Il tempo totale impiegato da Achille per raggiungere la tartaruga è quindi
1 1 1 1 1
h+ h+ h+ h+ h+...
2 4 8 16 32

69
70

A questo punto Zenone dice: siccome Achille non può raggiungere mai la tartaruga (perché essa si troverà sempre più avanti)
tale somma deve essere infinita! Eppure, ricordando la formula
1 − qn
1 + q + q2 + . . . + q n−1 = , (q , 1),
1−q
si ha
1
1 2 1 n−1 + 1 1 − 2 n
! !
1 1 1 1 1 1
+ 2 + . . . + n = *1 + + +...+ = 1
= 1 − n,
2 2 2 2, 2 2 2 2 1 − 2
- 2
da cui sembra naturale poter dire che
1 1 1 1 1
+ + + + + . . . = 1,
2 22 23 24 25
che è esattamente il valore che ci aspettiamo! Notiamo che in questo modo
∞ n
X 1 X 1
k
= lim .
k=1
2 n→+∞
k=1
2k

4.1 Definizione ed esempi fondamentali


Definizione 4.1.1. Sia (an ) ⊂ R. Diciamo che la serie ( 1 ) n an è convergente, divergente o indeterminata a
P
seconda che il
XN
lim an
N →+∞
n=0
esista finito, esista infinito o non esista. Se la serie è convergente il limite prende il nome di somma della serie. Le
somme finite s N := n=0 an, N ∈ N si dicono somme parziali (o ridotte) della serie.
PN

Osservazione 4.1.2. In altre parole: la serie converge/diverge/indeterminata a seconda che la successione delle
somme parziali (s n ) abbia limite finito/limite infinito/non ammetta limite.

Esempio 4.1.3 (serie geometrica).



 = 1−q
1
∈ R (converge), se |q| < 1.


X∞ 


qn  = +∞, (diverge), se q > 1,

 (4.1.1)
n=0




 indeterminata, se q 6 −1.

1Il termine usato in Matematica è serie, che nel linguaggio comune è sinonimo di successione il ché può indurre una fatale confusione da
cui occorre guardarsi.
71

Sol. — Calcoliamo le somme parziali anzitutto. Ricordando la solita identità notevole

1 − q N +1
N
1 − q N +1 = (1 − q)(1 + q + q2 + . . . + q N ), =⇒ s N =
X
qn = , se q , 1.
1−q
n=0

Se q = 1 banalmente s N = 1n = 1 = N + 1. Pertanto
PN PN
n=0 n=0

1 − q N +1
,

N q , 1,



1−q
X 
sN = qn = 



n=0 
 N + 1, q = 1.

Evidentemente, se q = 1, s N = N + 1 −→ +∞. Studiamo ora il caso q , 1. Dobbiamo calcolare

1 − q N +1 1 1
lim s N = lim = − lim q N +1 .
N →+∞ N →+∞ 1 − q 1 − q 1 − q N →+∞

Ma q N +1 è un’esponenziale, per cui


 −→ 0, |q| < 1,
q N +1 

−→ +∞, q > 1,


 non ammette limite, q 6 −1.

Da questo è facile concludere.

Esempio 4.1.4 (la curva di Koch). La curva di Koch è una curva piana bordo di una figura detta "fiocco di neve"
costruita nel seguente modo. Si prende un triangolo equilatero (di lato 1 per convenzione). Ogni suo lato viene
diviso in tre parti uguali e sul terzo centrale viene costruito un triangolo equilatero rivolto verso l’esterno del
triangolo iniziale. Si ottiene così una stella a 6 punte. Si itera la procedura ripetendo la costruzione su ogni lato
della stella, che viene diviso in tre parti uguali e sul terzo centrale si costruisce un triangolo equilatero rivolto
all’esterno della stella e così via senza fine. Si pongono due problemi: l’area della figura sarà finita o meno? E la
lunghezza del suo bordo, il suo "perimetro" cioè?


Sol. — Il conto dell’area non è difficile. Per un triangolo equilatero di lato ` l’area è 43 ` 2 . Ora:
• inizialmente, al passo zero, abbiamo 1 triangolo di base ` = 1;
• al primo passo aggiungiamo 3 triangoli di base 13 ;

• al secondo passo aggiungiamo 12 triangoli di base 19 ;


72

Ci vuole la regola generale: il numero di triangoli è uguale al numero di lati del perimetro, e questi, da un passo al successivo
aumenta di 4 per ogni lato. Quindi possiamo dire che il numero di lati è 3, 3 · 4, 3 · 4 · 4, . . . , 3 · 4n−1 al passo n. Al passo n,
inoltre, la base è 31n . Morale le aree che aggiungiamo al passo n > 1 sono
√ √ √
3 1 2 3 3 4n 3 3 4 n
! !
n−1
3·4 × = = .
4 3n 16 32n 16 9
Quindi l’area totale sarà
√ ∞ √ √ √ ∞ √ √ √
3 X3 3 4 n 3 3 34X 4 n
! ! !
3* 1 1 + 3 3 2 3
+ = + = 1+ = 1 + = .
4 16 9 4 16 9 9 4 , 31− 4- 4 5 5
n=1 n=0 9

Quanto al perimetro: ogni volta che aggiungiamo lati è come se moltiplicassimo ogni lato precedente per 43 , quindi il perimetro
 n
aumenta nell’ordine di 34 −→ +∞.

Purtroppo talvolta non basta calcolare le somme parziali e poi determinarne il limite.
Esempio 4.1.5 (serie armonica).

X 1
= +∞.
n=1
n
PN 1 1 1 1 1
Sol. — Sia s N = n=1 n = 1 + 2 + 3 + 4 + . . . + N . Per quanto ci si provi non si riesce a scrivere questa somma in modo
in cui sia semplice calcolarne il limite. Mostreremo che s N −→ +∞ grazie ad un astuto stratagemma inventato da Cauchy.
Consideriamo il caso in cui N = 2m e scriviamo
! ! ! !
1 1 1 1 1 1 1 1 1
s2m = 1 + + + + +...+ + +...+ + . . . + m−1 +...+ m .
2 3 4 5 8 9 16 2 +1 2
Notiamo che: la prima parentesi ha 2 termini più grandi di 14 ; la seconda parentesi ha 4 termini più grandi di 18 ; la terza ha 8
1 . . . l’ultima parentesi ha 2m−1 termini più grandi di 1 . Dunque
termimini più grandi di 16 2m
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 m
s2m > 1 + + 2 + 4 + 8 + . . . + 2m−1 m = 1 + + + + + . . . = 1 + m = 1 + .
2 4 8 16 2 2 2 2 2 2 2 2
Ora si comincia a credere che s N −→ +∞. Infatti, se n è un intero generico, sicuramente 2m 6 n 6 2m+1 per qualche m, cioè
m 6 log2 n 6 m + 1. Ma allora, essendo tutti i termini della serie positivi,
m log2 n − 1
s n > s2m > 1 + > 1+ −→ +∞.
2 2

Questo esempio è rilevante per due ragioni: anzitutto mostra un caso in cui non siamo in grado di applicare la
definizione alla lettera (cioè calcolare la somma parziale s N e poi farne il limite) ma sappiamo solo stimare le
somme parziali (in modo comunque utile alla fine); la seconda è che ci mostra che non basta sommare numeri
"sempre più piccoli" perché la somma sia finita. Come si intuisce, tuttavia, è necessario che i numeri da sommare
tendano a zero affinché la somma sia finita.
Proposizione 4.1.6 (condizione necessaria di convergenza). Sia (an ) ⊂ R.
X
an ∈ R, =⇒ an −→ 0.
n

Allora s N −→ s ∈ R per cui, a N = s N − s N −1 −→ s − s = 0.


PN
Dim. — Semplicissima. Sia s N := a .
n=0 n
73

Attenzione! 4.1.7 (errore frequente). Spesso si crede che la condizione necessaria sia anche sufficiente: è falso,
come mostrato dalla serie armonica n n1 dove n1 −→ 0 ma la serie diverge.
P

Esempio 4.1.8 (serie di Mengoli).



X 1
= 1.
n=1
n(n + 1)

Sol. — Calcolando la somma parziale N−esima


N N ! ! ! !
X 1 X 1 1 1 1 1 1 1 1
sN = = − = 1− + − +...+ − =1− −→ 1.
n(n + 1) n n+1 2 2 3 N N +1 N +1
n=1 n=1

Una proprietà spesso utile è la cosiddettà


Proposizione 4.1.9 (linearità). Siano n an e n bn convergenti. Allora n (αan + βbn ) converge per ogni
P P P
α, β ∈ R e X X X
(αan + βbn ) = α an + β bn .
n n n

+ βbn ) è
P
Dim. — Basta osservare che la somma parziale N−esima per la serie n (αan

N
X N
X N
X X X
S N := (αan + βbn ) = α an + β bn −→ α an + β bn .
n=0 n=0 n=0 n n

4.2 Serie a termini di segno costante


Le serie a termini di segno costante, cioè

X
an, con (an ) ⊂ [0, +∞[≡ R+, oppure (an ) ⊂] − ∞, 0] ≡ R−,
n=0

godono di proprietà notevoli. Il punto chiave è la seguente


Proposizione 4.2.1. Ogni serie a termini di segno costante è convergente o divergente (cioè: non può essere
indeterminata).
Dim. — Consideriamo il caso (an ) ⊂ R+ . Allora le somme parziali sono crescenti. Infatti
N
X +1 N
X
s N +1 = an = an + a N +1 = s N + a N +1 > s N ,
n=0 n=0

essendo a N +1 > 0 per ogni N ∈ N. Ma allora, per il Teorema 3.7.2, esiste il lim N s N ∈ R ∪ {+∞}.

Osservazione 4.2.2. Se (an ) ⊂ R+ scriviamo anche an < +∞ per una serie convergente.
P
n
74

Dunque basta sapere che una serie non può divergere per concludere che converge. Fondamentale è il

Teorema 4.2.3 (confronto). Siano (an ), (bn ) ⊂ R+ tali che

an 6 bn, definitivamente.

Allora X X
bn converge =⇒ an converge.
n n

Chiamiamo (bn ) una maggiorante sommabile di (an ).


Dim. — Per semplicità assumiamo che sia an 6 bn, ∀n ∈ N (lasciamo al lettore il caso generale). Allora
N
X N
X
sN = an 6 bn =: H
s N 6 K, ∀N .
n=0 n=0
P
essendo n bn convergente, quindi (H
s N ) limitata. Dunque (s N ) è limitata per cui non può divergere.

Esempio 4.2.4.

X 1
< +∞.
n=1
n2

Sol. — Anche questa è una serie armonica e presenta lo stesso tipo di problemi di quella già incontrata per calcolarne la somma.
Tuttavia può facilmente essere confrontata con una serie di Mengoli se si osserva che

1 1 1
2
= 6 , ∀n > 2.
n n · n n(n − 1)

Essendo
P∞ 1 =
P∞ 1 = 1 si conclude.
n=2 n(n−1) n=1 n(n+1)

Esempio 4.2.5.

X 1
α
< +∞, ∀α > 2.
n=1
n

Sol. — Sia α > 2 (α = 2 è l’esempio precedente). Allora

1 1
6 2 , ∀n > 1.
nα n

Siccome
P 1 < +∞ si deduce che
P 1 < +∞.
n n2 n nα

Si può applicare il test del confronto "alla rovescia" per mostrare che una serie è divergente. Ecco come

Esempio 4.2.6.

X 1
α
= +∞, ∀α 6 1.
n=1
n
75

Sol. — Sia α < 1 (α = 1 è già noto). Osservato che nα 6 n per ogni n > 1, si ha
1 1
6 α , ∀n > 1.
n n

Ora: se n n1α convergesse, allora n1α sarebbe una maggiorante sommabile per n1 , e quindi per confronto questa dovrebbe
P
convergere. Impossibile, dunque la serie iniziale diverge.

Riassumendo gli esempi precedenti abbiamo mostrato che

∞ converge se α > 2,
1
X 

,



n=1
 diverge se α 6 1.


Cosa si può dire nel caso 1 < α < 2? Non è semplice, ma è possibile mostrare che

Teorema 4.2.7.

X 1
< +∞, ⇐⇒ α > 1. (4.2.1)
n=1

Dim. — Vedi Esempio 10.3.2.

Esempio 4.2.8. Stabilire se converge o meno



X √
e− n
.
n=0


Sol. — Attenzione: non si tratta di una serie geometrica!√
Sia an := e− n > 0. Chiaramente an −→ 0 ma questo non è
sufficiente per la convergenza. È naturale pensare che e− n tenda a zero molto velocemente, per esempio valga
√ 1
e− n 6 2 , definitivamente. (?)
n
Se è vero, allora per confronto si conclude che la serie è convergente. Come dimostrare dunque che vale la (?)? Osservato che
√ 1 √
e− n 6 2 , definitivamente, ⇐⇒ n2 e− n 6 1, definitivamente, (??)
n
mostriamo che √
lim n2 e− n = 0,
n→+∞
e quindi (??) sarà vera. Ora:
√ √ √
!
2 √ √ 2 log n
n2 e− n = elog(n ) e− n = e2 log n− n −→ 0, essendo 2 log n − n = − n 1 − √ −→ −∞
n

poiché n1/2  log n (confronto esponenziali potenze). Dunque la serie data è convergente.

Una conseguenza del confronto è che se i termini generali di due serie sono asintotici allora le serie hanno lo stesso
carattere:
76

Teorema 4.2.9. Siano (an ), (bn ) ⊂ R+ tali che an ∼ bn . Allora


X X
an converge ⇐⇒ bn converge.
n n

Dim. — Sappiamo che


an
−→ 1, per n −→ +∞.
bn
Dunque, esiste N tale che
1 an 1
6 6 2, ∀n > N, ⇐⇒ bn 6 an 6 2bn, ∀n > N . (4.2.2)
2 bn 2
P P
Mostriamo, per esempio, che se n an converge allora n bn converge. Per la (4.2.2) abbiamo

bn 6 2an, definitivamente,

e ovviamente essendo n an < +∞ anche n (2an ) < +∞. Pertanto 2an è una maggiorante sommabile di bn : la conclusione
P P
segue dal confronto. Il viceversa si ottiene in modo simile.

Grazie a questo test è possibile confrontare una serie data con alcune serie notevoli per le quali è noto il carattere,
come ad esempio le serie armoniche (4.2.1) e le serie geometriche (4.1.1).

Corollario 4.2.10. Sia (an ) ⊂ R. Se

• an ∼ C
per qualche C , 0 e α ∈ R, allora an converge sse α > 1.
P
nα n

• an ∼ Cq n per qualche C , 0 e q > 0, allora an converge sse q < 1.


P
n

Osservazione 4.2.11. Si noti che se an ∼ bn e (bn ) è a segno costante, allora an è definitivamente a segno costante.
Ciò rende superflua la verifica del segno nell’applicazione del contronto asintotico. Infatti, supponiamo bn > 0.
Allora
an an 1 1
−→ 1, =⇒ > , definitivamente, ⇐⇒ an > bn > 0, definitivamente.
bn bn 2 2

Esempio 4.2.12. Discutere la converenza della serie



X n+1
α+1
, α ∈ R.
n=0
n

Sol. — Sia an := nn+1


α +1 . Chiaramente (a n ) ⊂ R+ . Osservato che

n+1 n · 1n 1n 1
an = α = = α−1 ∼ α−1 ,
n + 1 nα · 1n n n
P 1
converge, cioè sse α − 1 > 1 da cui α > 2.
P
per cui, per confronto asintotico, n an converge sse n nα−1

Le possibilità di determinare il comportamento asintotico di una successione saranno amplificate col calcolo
differenziale come vedremo.
77

4.2.1 Criteri della radice e del rapporto


Se an ∼ Cq n allora, supponendo per esempio C > 0,

an+1 Cq n+1
an1/n ∼ C 1/n q −→ q, e ∼ = q −→ q,
an Cq n
per cui si può dire che
an+1
q = lim an1/n = lim
,
an n n

e a seconda che q < 1 o q > 1 la serie converge o diverge in virtù del confronto asintotico. In realtà il risultato vale
lo stesso anche senza che an ∼ Cq n .
Teorema 4.2.13 (criterio della radice). Sia (an ) ⊂ R+ e supponiamo che

∃ lim n an ≡ lim an1/n =: q (∈ R+ ∪ {+∞}).
n→+∞ n→+∞

Allora:
• se q < 1 la serie an converge.
P
n

• se q > 1 (compreso il caso q = +∞) la serie an diverge e an −→ +∞.


P
n

Dim. — Partiamo dal caso q < 1. Per definizione di limite

∀ε > 0, ∃N = N (ε), q − ε 6 an1/n 6 q + ε, ∀n > N (ε). (4.2.3)

Sia ε > 0 piccolo tale che q + ε < 1 (ciò è possibile perché q < 1). Pertanto, da (4.2.3)

an1/n 6 q + ε, definitivamente, ⇐⇒ an 6 (q + ε) n, definitivamente.

Ora, essendo q + ε < 1, la serie n (q + ε) n converge (serie geometrica), e quindi per confronto converge anche n an < +∞.
P P

Consideriamo ora q > 1, q ∈ R (lasciamo il caso q = +∞ al lettore). La (4.2.3) continua a valere: sia ε > 0 tale che q − ε > 1
(ciò è possibile perché q > 1). Allora

an1/n > q − ε, definitivamente, ⇐⇒ an > (q − ε) n, definitivamente.

Essendo q − ε > 1, sappiamo che (q − ε) n −→ +∞, pertanto, per i due carabinieri, an −→ +∞. Dunque la condizione necessaria
non vale, quindi la serie è divergente.

Esempio 4.2.14. Discutere la convergenza di


∞ 2
X (n − 1) n
2+ 1
.
n=1 nn n

n 2
Sol. — Chiaramente, se an = (n−1)
n2 + 1
, (an ) ⊂ R+ (n > 1), quindi abbiamo una serie a termini di segno costante. Applicando
n n
il criterio della radice,
2 1/n
(n − 1) n + (n − 1) n 1 1 1 1 1 1
an1/n = * = =  =  =   1/n2 .
n n 1 n n1/n2
, nn + n -
2 1 1 2  n−1 
 
n
n+
n2 n−1
n1/n 1 + n−1 1
1 + n−1 1
1 + n−1 n
78

Ora
1 n−1 log n n2 log n
! !
1 2
1+ −→ e, 1+ −→ 1, n1/n = e n2 −→ e0 = 1,
n−1 n−1

così an1/n −→ e1 < 1. La serie è dunque convergente.

Attenzione! 4.2.15. Cosa succede se q = 1? Il test non fornisce indicazioni, nel senso che ci sono casi in cui q = 1
e la serie converge, casi in cui q = 1 e la serie diverge. Per esempio:
P 1
• la serie n n diverge e
1 1/n
!
1 1 log n
an1/n = = 1/n = n− n = e− n −→ 1;
n n

• la serie
P 1 converge e
n n2
1 1/n
!
1 2 log n
an1/n = 2 = 1/n 2 = n− n = e−2 n −→ 1.
n (n )

Teorema 4.2.16 (criterio del rapporto). Sia (an ) ⊂]0, +∞[ e supponiamo che
an+1
∃ lim =: q (∈ R+ ∪ {+∞}).
n→+∞ an

Allora:

• se q < 1 la serie an converge.


P
n

• se q > 1 (compreso il caso q = +∞) la serie an diverge e an −→ +∞.


P
n

Nel caso in cui q = 1 non si può, con questo test, stabilire se an converga o meno.
P
n

Dim. — È molto simile a quella del test della radice, esercizio (ma non banale!).

Esempio 4.2.17. Discutere la convergenza della serie



X 2n n!
.
n=1
nn

n
Sol. — Chiaramente an := 2n nn! > 0 per ogni n > 1. Applichiamo il test del rapporto:

2 n+1 (n+1)!
an+1 (n+1) n+1 (n + 1)! nn  n n 1  n n 2 2
= = 2 = 2(n + 1) = 2 =   n −→ < 1.
an n
2 n! n! (n + 1) n+1 n + 1 n + 1 n + 1 1+ n1 e
nn

Dunque la serie converge.


79

Osservazione 4.2.18. Sostanzialmente i due test radice e rapporto sono equivalenti. Si può, per l’esattezza, mostrare che se
vale quello del rapporto vale anche quello della radice. In alcuni casi può valere quello della radice ma non quello del rapporto.
Ad esempio se si considera la serie

n
X
2 (−1) −n,
n=0
è facile vedere che
n+1
an+1 2 (−1) −(n+1) n 1 1
= (−1) n −n = 2−2(−1) −1 = , 2, , 2, . . . ,
an 2 8 8
non ammette limite, mentre
(−1) n −n (−1) n 1
an1/n = 2 n =2 n −1
−→ 2−1 = ,
2
da cui si deduce che la serie converge (per il criterio della radice).

4.3 Serie a termini di segno variabile


P
Con una serie a termini di segno non costante, cioè n an con (an ) ⊂ R, la discussione sulla convergenza si fa più
complicata.

4.3.1 Serie a segno alternato


Consideriamo il caso in cui i segni non siano costanti ma seguano una regola rigida: siano alternati +, −, +, −, . . ..
Una serie di questo tipo si chiama serie a termini di segno alternato e può essere scritta nella forma

X
(−1) n an, (an ) ⊂ R+ = [0, +∞[.
n=0

Per queste serie la condizione necessaria di convergenza è "quasi" sufficiente:


Teorema 4.3.1 (Leibniz). Sia (an ) ⊂ R+ . Supponiamo che an & 0 (cioè (an ) è decrescente e tende a 0 per
n −→ +∞). Allora la n (−1) n an è convergente. Inoltre, detta s la somma della serie e s N la somma parziale N
P
esima, vale la stima
|s − s N | 6 a N +1 .

Dim. — Si basa sull’osservazione che le somme pari diminuiscono e quelle dispari aumentano. Infatti

s2n+2 = s2n − a2n+1 + a2n+2 = s2n − (a2n+1 − a2n+2 ) 6 s2n,

essendo an &. Similmente


s2n+3 = s2n+1 + (a2n+2 − a2n+3 ) > s2n+1 .
Inoltre
s2n+1 = s2n − a2n+1 6 s2n = s2n−1 + a2n .
Siccome s2n+1 % per il teorema sulle successioni monotone s2n+1 % σ, similmente s2n & s ma allora, essendo anche
a2n −→ 0 si ottiene
σ 6 s 6 σ, =⇒ σ = s,
e da qui facilmente tutta la s n −→ s. Infine la stima: siccome s2n+1 & s, dalla precedente abbiamo che

s2n − a2n+1 = s2n+1 6 s, =⇒ 0 6 s2n − s 6 a2n+1,


80

e analogamente
s2n+1 + a2n+2 = s2n+2 > s, =⇒ 0 6 s − s2n+1 6 a2n+2 .

Esempio 4.3.2. Stabilire se converge la serie



X (−1) n
.
n=1
n

na dove an := n1 > 0. Chiaramente an & 0, quindi la serie


P
Sol. — Abbiamo una serie a termini di segno alterno n (−1) n
converge per il criterio di Leibniz.

Esempio 4.3.3. Discutere la convergenza di



X log n
(−1) n .
n=3
(log n) 2 − 1

log n
Sol. — Sia an := (log n) 2 −1 , n > 3. Essendo log n > log e = 1 per n > 3, (log n) 2 − 1 > 0 per n > 3, quindi an > 0. Abbiamo
dunque una serie a termini di segno alterno. Chiaramente poi
log n log n 1 1
an = =  = −→ 0.
(log n) 2 − 1 (log n) 2 1 − 1

log n 1n
(log n) 2

Vediamo se an &. Ad occhio non è evidente: se n cresce log n % ma anche (log n) 2 − 1 %, e quindi non è chiaro cosa succeda
alla frazione. Tuttavia
log(n + 1) log n
an+1 6 an, ⇐⇒ 6 ,
(log(n + 1)) 2 − 1 (log n) 2 − 1
   
⇐⇒ (log(n + 1)) (log n) 2 − 1 6 (log n) (log(n + 1)) 2 − 1

⇐⇒ (log n)(log(n + 1)) log(n + 1) − log n > log n − log(n + 1),




⇐⇒ (log n)(log(n + 1)) > −1, (essendo log(n + 1) − log n > 0)

Quest’ultima è evidente perché n > 3 implica log n, log(n + 1) > 0. Pertanto an & e il criterio di Leibniz permette di concludere
che la serie converge.

4.3.2 Convergenza assoluta


La discussione nel caso generale è spesso basata sul
Teorema 4.3.4. Sia (an ) ⊂ R. Allora:

X ∞
X
|an | converge =⇒ an converge.
n=0 n=0

Una serie an tale che |an | converge si dice assolutamente convergente.


P P
n n
81

Dim. — Chiamiamo
an+ := max{an, 0}, an− := max{−an, 0}.
È evidente che an± > 0, che an+ + an− = |an | mentre an+ − an− = an . In particolare

0 6 an± 6 |an |.

Per confronto, allora,


P
ak± sono entrambe convergenti e allora, per linearità, lo è
P + − ak− ) =
P
ak .
k k (ak k

(−1) n+1
Osservazione 4.3.5. Tuttavia non vale il viceversa. La serie
P∞
n=1 n è convergente (criterio di Leibniz) ma non
P 1
assolutamente convergente perché la serie dei valori assoluti è la serie armonica n n.

La convergenza assoluta è dunque una condizione sufficiente (ma non necessaria come mostra l’osservazione
P
precedente). Dunque, per studiare la convergenza di una serie generica n an disponiamo di

• condizione necessaria: an −→ 0;

• Êcondizione sufficiente: n |an | < +∞ (per lo studio di questa serie, essendo a segno costante, possiamo
P
applicare i criteri appositi).

Può accadere che sia verificata la condizione necessaria ma non quella sufficiente, nel qual caso non si può
concludere niente sulla convergenza della serie.

!"#$%&'(%)*"+,)+$'(%'-
#
!!". " !

/0
#
!!". $" !$%&##

+++++++++12
#
+++++++ !!". " !
3"#4'(5'+)$$",67)*'#7'+ +++++++/0
+++++8'+$'*9,%3'*'#7': "! ' . #

++++++++12

#
!!". " !
#"#+3"#4'(5'
8&%4'(5'+"+%#&'7'(*%#)7):

Il "fulmine" sta a indicare il caso disgraziato in cui i due test combinati falliscano.

Esempio 4.3.6. Discutere, in funzione del parametro x ∈]0, +∞[, convergenza semplice e assoluta della serie

X (log x) n
√ .
n=1 n(n + 1)

x) n
Sol. — Sia an := (arctan
√ . Cominciamo con la convergenza assoluta, cioè con la serie
n(n+1)

∞ ∞
X X | log x| n
|an | = √ .
n=1 n=1
n(n + 1)
82

Applichiamo il test della radice:


1 | log x| 1
|an | n = = | log x| −→ | log x|
(n(n + 1))
1
2n (n1/n ) 2 ((n + 1) 1/n ) 2
log n
essendo n1/n = e n −→ 1 e, similmente,
log(n+1) nlog(n+1) 0
(n + 1) 1/n = e n −→ e = 1.
Pertanto:

X 

 converge, se | log x| < 1, ⇐⇒ −1 < log x < 1, ⇐⇒ e−1 < x < e,

|an |, 
n  diverge e |an | → +∞,


se | log x| > 1, ⇐⇒ log x < −1, ∨ log x > 1, ⇐⇒ x < e−1, ∨ x > e.

Nel caso | log x| = 1 (cioè x = e−1, e) il test non fornisce indicazioni. Dai fatti precedenti si deduce che

X 

 converge assolutamente (quindi semplicemente), se e1 < x < e,
a n, 

se x < e1 , ∨ x > e.

n  non converge (semplicemente e assolutamente) essendo a 6−→ 0,

 n

Per finire dobbiamo analizzare i casi x = e1 , e. Andiamo a vedere direttamente la serie:


• se x = e1 = e−1 abbiamo log x = −1, per cui
∞ ∞
X X (−1) n
an = √ ,
n=1 n=1
n(n + 1)

che è una serie a termini di segno alterno. Applichiamo il test di Leibniz: evidentemente √ 1 & 0, per cui la serie
n(n+1)
converge. È anche assolutamente convergente? Ciò accade sse
∞ n ∞
X
(−1) =
X 1

n(n + 1) √ converge.
n=1 n=1
n(n + 1)

Ma √ 1 = q1 ∼ n1 , per cui la serie diverge per confronto asintotico.


n(n+1) n 1+ n1
• se x = e abbiamo log x = 1, per cui
∞ ∞
X X 1
an = √ .
n=1 n=1
n(n + 1)
Si tratta di una serie a termini di segno costante per cui convergenza semplice e assoluta coincidono. Siccome abbiamo
visto in precedenza che questa serie diverge si conclude.
f f g f
Conclusione: la serie converge simplicemente sse x ∈ e1 , e , converges assolutamente sse x ∈ e1 , e .

4.4 Esercizi
Esercizio 4.4.1 (?). Per ciascuna delle seguenti serie calcolare la somma parziale N−esima e determinare direttamente se
convergono o meno:
∞ ∞ p ∞ !
X 1 X  X 1
. 2. n(n + 1) − n(n − 1) − 1 . 3. log 1 − 2 .
p
1.
(2n − 1)(2n + 1) n
n=0 n=0 n=2
83

Esercizio 4.4.2. Dopo aver verificato che si tratta di serie a termini di segno costante, determinare delle maggioranti sommabili
per le seguenti serie:
∞ ∞ ∞ √
X 1 X 1 + sin n X
1. n ; 2. , 3. 2 n 3−n
n3+(−1) 2n
n=1 n=0 n=0

Esercizio 4.4.3. Sia


1
an := √ √ √ , n > 2.
n2 − n( n + 1 − n)
Trovare α, C tali che an ∼ nCα . Utilizzare questo fatto per discutere la convergenza di
P∞
n=2 an .

Esercizio 4.4.4. Sia s


n3 +
an := nβ .1 −
* / , β ∈ R.
n3 + 1
, -
Trovare α, C tali che an ∼ nCα . Discutere la convergenza di n an al variare del parametro reale β.
P

Esercizio 4.4.5. Applicando il confronto asintotico, discutere la convergenza delle seguenti serie:
∞ ∞ ∞
X 1 X (n + 2) n X 1
1. √ . 2. . 3. √ .
n=0 n2 + n n=1
nn+2 n=1
n n
n

∞ √ ∞ ∞
n + log n 1 n+2 n
!
X 3 √ X X
4. ( n + 1 − 3 n). 5. . 6. .
(n − log n) 3 n n+3
n=0 n=1 n=1

Esercizio 4.4.6. Applicando uno tra i test della radice o del rapporto, determinare se converge o meno la serie
∞ ∞ ∞ k
X n
X (n!) 2 X n
1. 5 (−1) −n . 2. . 3. .
n=0 n=1
n2 (2n)! n!
n=1

∞ ∞ nx ∞
X nn+1 X n X (n!) x
4. . 5. , (x ∈ R). 6. , (x ∈ R).
3n (n + 1)! n! nn
n=0 n=1 n=1


X ∞
X ∞
X −n 2 x
7. x n!, (x > 0). 8. n! x n, (x > 0). 9. 2 n+x 2 , (x ∈ R).
n=1 n=0 n=1

Esercizio 4.4.7. Applicando il test di Leibniz stabilire la convergenza o meno della serie:
∞ ∞ ∞
X n X n+1 X √
n
1. (−1) n 2 . 2. (−1) n . 3. (−1) n ( 3 − 1).
n=1
n +1 n=1
4n
n=1

∞ ∞ √ √ ∞ 1
n+1− n
!
X 1 X X en −1
4. (−1) n 1 − cos √ . 5. (−1) n . 6. .
n=0 n+1 n=1
n cos(nπ)
n=1

∞ ∞ ∞
1 n
r r !
X n X 1 X
7. (−1) n+1 . 8. (−1) n * 1 + − 1+ . 9. (−1) n 1 − .
n=1
n2 + 1 n=1 , n - n=1
n

∞ ∞ ∞
X (n!) 2 X log n X 1
10. (−1) n 2 . 11. (−1) n . 12. (−1) n sin .
n (2n)! n n
n=1 n=1 n=1
84

Esercizio 4.4.8. Per ciascuna delle seguenti serie discutere convergenza semplice e assoluta.
∞ ∞
X X x2 + n
1. (x 2 − x − 1) n, (x ∈ R). 2. (−1) n , (x ∈ R).
n=0 n=1
n2

∞ ∞
X xn X xn
3. , (x ∈ R). 4. , (x ∈ R).
n=0
n + ex
2
n=1
1 + x 2n

! 2n+n 2
∞ ∞
X 1 x2 + 1 X n 2
5. , (x ∈ R\{±2}). 6. 2+1
(x 2 − 1) n , (x ∈ R).
n x2 − 4 n
n=1 n=1

∞ ∞ √ 3
X (sin x) n X 1 − x 2n
7. √ , (x ∈ R). 8. .
n=1
n + n log n n=1
3n

∞ !n ∞
X 1 ex + 1 X xn
9. , x , 0. 10. , (x ∈ R)
2n (n + 1) ex − 1 n + arctan n
n=0 n=1

Esercizio 4.4.9 (?). Due specchi rettilinei formano tra loro un angolo α < 45o . Conveniamo che l’origine O del piano sia
posta nel punto di contatto tra i due specchi. Un raggio laser (che per semplicità supponiamo rettilineo e giacente su un piano
perpendicolare ai due specchi) parte in un punto P0 sito nel primo specchio a distanza d da O verso il secondo specchio dove
giunge nel punto P1 . La direzione del raggio è tale per cui il raggio viene riflesso verso O. Quindi riparte verso il primo
specchio e così via. Stabilire se la lunghezza totale del percorso del raggio è finita o meno.

Esercizio 4.4.10 (the "John von Neumann" problem ( 2 ) ). Due treni partono contemporaneamente da New York e da Boston
l’uno in direzione dell’altro. Si suppone viaggino ad una velocità media di 100 km/h. Nel momento della partenza una super
mosca appoggiata sulla motrice del primo treno si mette in volo ad una velocità di 200 km/h in direzione del secondo treno.
Quando lo raggiunge inverte la direzione e torna al primo treno e così via. Sapendo che le due cittĹ distano circa 600km, quanta
strada avrà percorso la mosca fino al momento in cui i due treni si incrociano? Calcolare la somma di tutti i tratti di volo dal
primo al secondo treno e viceversa.

2Questo è un problema che venne posto a von Neumann, grande matematico del ’900, il quale, sebbene vi sia una soluzione del tutto
elementare, lo risolse come qui viene proposto
Capitolo 5

Limite

Ora che abbiamo preso confidenza con la nozione di limite per le successioni, ci proponiamo di estenderne
notevolmente le potenzialità passando dal caso della variabile "discreta" n ∈ N che tende all’infinito, a quello di
una variabile continua x ∈ R che può andare ovunque: non solo all’infinito, ma anche al finito, e in modi molto più
flessibili della variabile discreta. L’obiettivo, in altre parole, è di dare un senso a

lim f (x) = `,
x→x0

dove f è una funzione di variabile reale x. L’idea è tuttavia sempre la stessa: la quantità f (x) si "avvicina" ad `
quando x si avvicina a x 0 .
La rilevanza dell’operazione di limite si deve, oltre che per l’interesse intrinseco, alla connessione con importanti
concetti quali quello di funzione continua e quello di derivata di una funzione.

5.1 Topologia elementare della retta reale


Per definire limx→x0 f (x) il punto x 0 non può essere un punto qualsiasi. Bisogna che, in qualche senso, x 0 sia
arbitrariamente vicino al dominio D della funzione:

Definizione 5.1.1 (punto di ccumulatione). Sia S ⊂ R e x 0 ∈ R∪ {±∞}. Diciamo che x 0 è punto di accumulazione
per S se
∃ (an ) ⊂ S\{x 0 }, : an −→ x 0 . (5.1.1)
L’insieme dei punti di accumulazione di S sarà indicato con Acc(S). Una (an ) soddisfacente la (5.1.1) sarà detta
successione approssimante x 0 in D.

x0 an a1 a0 S

Figura 5.1: S è colorato in rosso.

Osservazione 5.1.2. È opportuno riflettere attentamente su questa Definizione. Anzitutto la definizione non esclude che
x 0 ∈ S. Il punto chiave è che x 0 ∈ Acc(S) sse esiste una successione an −→ x 0 in S di punti distinti da x 0 . Ciò serve a evitare

85
86

il caso in cui an ≡ x 0 (quindi chiaramente an −→ x 0 ) così che ogni punto di S sarebbe punto di accumulazione, anche se non
ha altri punti di S vicini a lui!

Esempio 5.1.3. Abbiamo


• 0 ∈ Acc(]0, 1]), 0 ∈ Acc([0, 1]); precisamente Acc(]0, 1]) = [0, 1] = Acc(]0, 1[) = Acc([0, 1[) = Acc([0, 1]).
( )   ( )
• 0 ∈ Acc n1 : n ∈ N, n > 1 : infatti la stessa successione n1 ⊂ n1 : n ∈ N, n > 1 , n1 −→ 0 e n1 , 0 per ogni n.
( )
Più difficile è mostrare che Acc n1 : n ∈ N, n > 1 = {0} (anche se intuitivamente dovrebbe essere chiaro!
• +∞ ∈ Acc(R), +∞ ∈ Acc([a, +∞[) per ogni a ∈ R.
• +∞ ∈ Acc(N), −∞ ∈ Acc(Z).
Similmente:
( )
• 0 < Acc([1, 2]), 0 < Acc([1, 2] ∪ {0}), 1 < Acc 1 : n ∈ N, n > 1 .
n
• +∞ < Acc(] − ∞, a]) per ogni a ∈ R.
• −∞ < Acc(N).

Un secondo fondamentale concetto è quello di intorno. Intuitivamente, è un insieme di punti vicini a un dato x 0 :
precisamente

Definizione 5.1.4. Ogni intervallo aperto contenente x 0 ∈ R si dice intorno di x 0 . Ogni semiretta del tipo ]a, +∞[
è detto intorno di +∞ e similmente ogni semiretta del tipo ] − ∞, b[ è detto intorno di −∞.

Indicheremo gli intorni di x 0 con Ix0 . Un fatto molto importante è la seguente

Proposizione 5.1.5.
x 0 ∈ Acc(S), ⇐⇒ S ∩ (Ix0 \{x 0 }) , ∅, ∀Ix0 .

A parole: x 0 è punto di accumulazione per S sse in ogni intorno di x 0 cade almeno un punto di S diverso da x 0 .
Dim. — Facciamo la dimostrazione solo nel caso x 0 ∈ R, invitando caldamente il lettore a fare gli altri casi.
=⇒ Sia x 0 ∈ Acc(S) e prendiamo Ix0 =]x 0 − ε, x 0 + ε[. Per ipotesi esiste una (an ) approssimante x 0 in D: in particolare,
essendo an −→ x 0 , dovrà essere |an − x 0 | 6 ε definitivamente (definizione di limite), per cui an ∈ Ix0 . Inoltre, essendo (an )
approssimante, an , x 0 , dunque an ∈ S ∩ (Ix0 \{x 0 }) definitivamente. La figura che segue illustra la situazione:

I x0

x0 an a1 a0 S

g f
⇐= Costruiamo una successione approssimante: prendendo come intorno Ix0 = x 0 − n1 , x 0 + n1 si ha che

  1
∀n : ∃an ∈ S ∩ Ix0 \{x 0 } , ⇐⇒ an ∈ S, an , x 0, |an − x 0 | 6 .
n

Ma allora è evidente che (an ) è una successione approssimante x 0 in S.


87

5.2 Definizione di limite e di funzione continua


Abbiamo ora tutto il necessario per la
Definizione 5.2.1 (Limite). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D). Diciamo che f (x) −→ ` ∈ R ∪ {±∞} per
x −→ x 0 (a parole: f ha limite ` per x che tende a x 0 ) se
∀ (an ) ⊂ D\{x 0 }, an −→ x 0, =⇒ f (an ) −→ `. (5.2.1)
Scriviamo anche limx→x0 f (x) := `.
y

f Han L

f Ha1 L

f Ha0 L
x
x0 an a1 a0 D

Osservazione 5.2.2 (Importante!). Nella (5.2.1) c’è un piccolo ma importante dettaglio: consideriamo f (an ) per successioni
(an ) approssimanti x 0 in D. Il fatto che siano in D assicura che f (an ) abbia senso; il fatto che siano approssimanti, e in
particolare an , x 0 significa che nel limite non si considera il valore (ammesso esista) della funzione nel punto x 0 , dove
cioè si calcola il limite. Questo perché f potrebbe non essere definita, come nel caso
sin x
lim ,
x→0 x
oppure f potrebbe anche essere definita ma il valore f (x 0 ) non avere nulla a che fare col lim x→x0 f (x). Per esempio

 1, x , 0,
f (x) = 

x = 0.

 0,

Vediamo che lim x→0 f (x) = 0. Infatti: se (an ) è approssimante 0 in D = R, vuol dire che an , 0 e an −→ 0. Allora f (an ) = 0
(essendo an , 0), per cui f (an ) = 0 −→ 0. Ma f (0) = 1, così lim x→0 f (x) , f (0).

Definizione 5.2.3 (funzione continua). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ D ∩ Acc(D) ( 1 ) . Diciamo che f è continua


nel punto x 0 se
lim f (x) = f (x 0 ).
x→x0

Se f è continua in ogni punto x 0 ∈ D scriviamo f ∈ C (D).


1Cioè x0 è in D e ha senso calcolarvi il limite di f . In particolare, a differenza della nozione di limite, x0 = ±∞ non ha senso.
88

La nozione di continuità è di fondamentale importanza per il prosieguo e di fatto l’abbiamo già incontrata per i limiti
di successioni, quando abbiamo anticipato (per ragioni tecniche) la Proposizione 3.5.14. Ora possiamo enunciare
nuovamente questo risultato in forma più precisa. La dimostrazione verrà data in varie parti nel prosieguo. È
importante sottolineare che non c’è nessun "vizio logico" nell’averla anticipata già nel capitolo sulle successioni e
ora, nel senso che per dimostrarla (cosa che faremo più avanti) non avremo bisogno di assumere che sia vera. La
anticipiamo esclusivamente per poter aver già in mano qualcosa con cui operare altrimenti saremmo molto limitati
con gli esempi.

Teorema 5.2.4. Si ha che

• x n ∈ C (R) per ogni n ∈ N; x −n = 1


xn ∈ C (R\{0}) per ogni n ∈ N, n > 0; x α ∈ C ([0, +∞[) se α > 0 reale,
x α ∈ C (]0, +∞[) se α < 0 reale.

• expa ∈ C (R), per ogni a > 0, loga ∈ C (]0, +∞[) per ogni a > 0, a , 1.

• sin, cos ∈ C (R), tan ∈ C (R\{ π2 + kπ : k ∈ Z}), cot ∈ C (R\{kπ : k ∈ Z}).

Dim. — Ved. sez. ??.

Introduciamo anche il concetto di limite unilaterale.

Definizione 5.2.5 (limite unilaterale). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D ∩ [x 0, +∞[) ( 2 ) . Diciamo che


f (x) −→ ` ∈ R ∪ {±∞} per x −→ x 0 + (letteralmente f ha limite ` per x che tende a x 0 da destra) se

∀ (an ) ⊂ D\{x 0 }, an −→ x 0 +, =⇒ f (an ) −→ `. (5.2.2)

Spesso utilizzeremo la notazione f (x 0 +) ≡ limx→x0 + f (x) := `.

Una definizione simile la si può dare per f (x 0 −) ≡ limx→x0 − f (x).

Attenzione! 5.2.6. Ovviamente x 0 ± non sono punti! Così f (x 0 ±) non è f valutata nel punto x 0 ±, ma semplice-
mente una notazione di comodo per indicare i limiti destro e sinistro.

Proposizione 5.2.7. Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D ∩ [x 0, +∞[), Acc(D∩] − ∞, x 0 ]) (di modo che abbia senso
parlare di limiti destro e sinistro). Allora

∃ lim f (x) = `, ⇐⇒ ∃ lim f (x) = `, ∃ lim f (x) = `.


x→x0 x→x0 + x→x0 −

Dim. — Esercizio.

Infine: diremo che f è continua da destra in x 0 ∈ D se f (x 0 +) = f (x 0 ), e similmente continua da sinistra.


Ovviamente: f è continua in x 0 sse è ivi continua da destra e da sinistra.

2Quindi, necessariamente, x0 ∈ R. Letteralmente, significa che esiste (a n ) ⊂ D\{x0 } tale che a n −→ x0 +.


89

5.3 Località del limite


L’operazione di limite coinvolge i valori della funzione "vicino" al punto nel quale si calcola il limite. Vicino, come
sempre, è riferito al linguaggio degli intorni. Questo significa che se due funzioni sono uguali in un intorno di x 0
si comporteranno allo stesso modo rispetto al limite in x 0 :
Proposizione 5.3.1. Se f ≡ g in qualche intorno Ix0 di x 0 (cioè: f (x) = g(x) per ogni x ∈ Ix0 ) allora

∃ lim f (x), ⇐⇒ ∃ lim g(x),


x→x0 x→x0

ed in tal caso i due valori sono uguali (finiti o infiniti). In particolare: f è continua in x 0 sse lo è g.
y

I x0
x
x0

Dim. — Esercizio.

Occorre però stare attenti: l’esistenza del limite e la continuità sono sì "proprietà locali" ma non si "propagano" da
un punto ad un altro. Ad esempio può accadere che una funzione sia continua in un punto x 0 senza che lo sia in
nessun altro punto.
Esempio 5.3.2. Sia f : R −→ R definita come

 x,

 x , 0, x ∈ Q,
f (x) :=  −x, x , 0, x < Q,
x = 0.

 0,

Allora f è continua solo in x = 0.
Sol. — Primo: f è continua in 0. Il calcolo del limite non è tuttavia banale. Possiamo però osservare che

| f (x)| = |x|, ∀x ∈ R, =⇒ −|x| 6 f (x) 6 |x|, ∀x ∈ R.

Quindi, per i carabinieri, f (x) −→ 0 per x −→ 0, cioè

lim f (x) = 0 = f (0).


x→0

Ora passiamo a x 0 , 0. Affermiamo che lim x→x0 f (x) non esiste perché riusciamo a trovare due successioni (an ), (bn ) ⊂
R\{x 0 } t.c. x −→ x 0 e f (an ) −→ ` 1 , f (bn ) −→ ` 2 con ` 1 , ` 2 . Le due successioni le costruiamo così: sia

(an ) ⊂ Q, an −→ x 0, (bn ) ⊂ R\Q, bn −→ x 0 .

L’esistenza di tali successioni è garantita dalla densità di razionali e irrazionali nei reali. Allora

f (an ) = an −→ x 0, f (bn ) = −bn −→ −x 0 , x 0 .


90

Vediamo come usare la località del limite.

Esempio 5.3.3. Discutere quali valori di a, b ∈ R è continua su R la funzione f : R −→ R,

 0,

 x 6 0,
f (x) := 
 ax + b, 0 < x < 1,
 1, x > 1.

Sol. — Se x 0 < 0, allora f ≡ 0 localmente e le funzioni costanti sono ovviamente continue, quindi f è continua in x 0 .
Similmente se x 0 ∈]0, 1[ si ha f ≡ ax + b localmente, quindi essendo evidentemente x 7−→ ax + b continua su tutto R ne segue
che f è continua in x 0 . Stesso ragionamento se x 0 > 1. Conclusione: f ∈ C (] − ∞, 0[∪]0, 1[∪]1, +∞[). Ora vediamo i casi
x = 0, 1. Qui dobbiamo applicare la definizione e vedere se lim x→0 f (x) = f (0). Abbiamo

lim f (x) = lim 0 = 0, lim f (x) = lim (ax + b) = b.


x→0− x→0− x→0+ x→0+

Quindi f è continua in x = 0 sse f (0−) = f (0+) = f (0), cioè sse b = 0. In x = 1 similmente abbiamo

f (1−) = lim f (x) = lim (ax + b) = a + b, f (1+) = lim f (x) = lim 1 = 1,


x→1− x→1− x→1+ x→1+

per cui f è continua in x = 1 sse a + b = 1 = f (1) = 1. Dunque f ∈ C (R) sse b = 0 e a = 1.

Un problema importante che spesso si pone è il seguente:


Sia f : D\{x 0 } −→ R, con x 0 ∈ Acc(D). Sotto quali condizioni è possibile definire f anche in x 0 di modo tale che
sia continua in x 0 ? Formalizzando: determinare ` ∈ R (ammesso esista) affinché

 f (x),

 x ∈ D\{x 0 },
fH : D −→ R, fH(x) :=  sia continua in x 0 .
 `, x = x 0,

La funzione fHsi dice prolungamento per continuità di f in x 0 . Un tipico esempio è la funzione

sin x
f : R\{0} −→ R, f (x) := , x , 0.
x

In generale, affinché fHsia continua bisogna che

lim fH(x) = fH(x 0 ) = `.


x→x0

Poiché fH ≡ f per x , x 0 si ha limx→x0 fH(x) = limx→x0 f (x) per cui ` = limx→x0 f (x) (ammesso il limite esista).
Nel caso esempio
sin x
lim = 1,
x→0 x

dunque c’è un unico modo di estendere sin x


x anche in x = 0 di modo che sia una funzione continua su tutto R:
assegnare il valore 1 ad x = 0.
91

5.4 Proprietà fondamentali


Le proprietà fondamentali dei limiti di funzioni seguono alla lettera quelle dei limiti di successioni.
Teorema 5.4.1 (unicità). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D). Se limx→x0 f (x) esiste è unico.
Dim. — Facciamo la dimostrazione per illustrare anche la maniera standard di dimostrare questi fatti riducendosi agli analoghi
per le successioni.
Supponiamo ci siano due limiti ` 1, ` 2 . Per la (5.2.1) ciò vuol dire

∀ (an ) ⊂ D\{x 0 }, an −→ x 0, =⇒ f (an ) −→ ` 1,

∀ (an ) ⊂ D\{x 0 }, an −→ x 0, =⇒ f (an ) −→ ` 2 .

Ma per le successioni vale l’unicità e da

` 1 ←− f (an ) −→ ` 2, =⇒ ` 1 = ` 2 .

Direttamente dalla (5.2.1) segue la


Proposizione 5.4.2 (criterio di non esistenza). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D). Se

∃ (an ), (bn ) ⊂ D\{x 0 } : f (an ) −→ ` 1, f (bn ) −→ ` 2, ` 1 , ` 2,

allora il limx→x0 f (x) non esiste.


Dim. — Evidente.

Esempio 5.4.3.
@ lim sin x, @ lim cos x.
x→+∞ x→+∞

Sol. — Vediamo per il sin, per cos è analogo (esercizio). Prendiamo an = 2nπ e bn = π2 + 2nπ. Chiaramente an, bn −→ +∞
ma π 
sin an = sin(2nπ) = 0 −→ 0, sin bn = sin + 2nπ = 1 −→ 1.
2

Esempio 5.4.4.
1 1
@ lim sin , @ lim cos .
x→0+ x x→0+ x
1 −→ 0+, e 1 = π + 2nπ, cioè b :=
Sol. — Vediamolo per il coseno: sia a1n = 2nπ, cioè an = 2nπ 1 −→ 0+. Allora
n π
b 2 n 2 +2nπ

1 1 π 
cos = cos(2nπ) = 1 −→ 1, cos = cos + 2nπ = 0 −→ 0.
an bn 2

Ricordiamo che una successione (an ) ha lo stesso segno del proprio limite definitivamente, cioè per n "grande".
Nel caso dei limiti di funzioni f ha lo stesso segno del proprio limite in un intorno del punto ove questo è calcolato.
Proposizione 5.4.5 (permanenza del segno). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D) tale che esista limx→x0 f (x).
Allora
92

• se limx→x0 f (x) > 0, esiste Ix0 tale che f (x) > 0, ∀x ∈ D ∩ (Ix0 \{x 0 }).
• se esiste Ix0 tale che f (x) > 0, ∀x ∈ D ∩ (Ix0 \{x 0 }), allora limx→x0 f (x) > 0.

Dim. — Facciamo la dimostrazione nel caso x 0 ∈ R (lasciando x 0 = ±∞ per esercizio).


Primo enunciato. Supponiamo sia falso: allora

∀ Ix0 , ∃x ∈ D ∩ (Ix0 \{x 0 }) : f (x) 6 0.


g f
Se allora prendiamo, al solito, Ix0 = x 0 − n1 , x 0 + n1 , la precedente diventa che
# " !
1 1
∀n ∈ N, ∃an ∈ D ∩ x 0 − , x 0 + \{x 0 } , : f (an ) 6 0.
n n
Ma allora (an ) è approssimante x 0 in D per cui f (an ) −→ ` = lim x→x0 f (x) > 0, da cui f (an ) è definitivamente > 0: assurdo,
visto che è sempre 6 0.
Secondo enunciato. Supponiamo, per assurdo, che lim x→x0 f (x) < 0. Allora, per il primo enunciato, esiste Jx0 tale che

f (x) < 0, ∀x ∈ D ∩ (Jx0 \{x 0 }).

Ma allora se x ∈ Ix0 ∩ Jx0 (l’intersezione non è sicuramente vuota: perché?) si avrebbe f (x) > 0 (per ipotesi) e f (x) < 0 (per
la proprietà di Jx0 ): assurdo!

Osservazione 5.4.6. Si noterà che i due enunciati non sono perfettamente l’uno l’inverso dell’altro. In effetti nel
secondo enunciato non si possono mettere i segni >. Ad esempio: se f (x) = x 2 chiaramente f (x) > 0 in ogni I0 \{0}
ma ovviamente lim x→0 x 2 = 0 non è positivo! Al tempo stesso mettendo il segno > nel primo si comprende il caso in cui
lim x→x0 f (x) = 0, che potrebbe aversi con f > 0, f 6 0 o a segno variabile (facili esempi).

Con gli opportuni "aggiornamenti" dalle successioni abbiamo il


Teorema 5.4.7 (dei due carabinieri). Siano f , g, h : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D). Supponiamo che
i) f (x) 6 g(x) 6 h(x) ∀x ∈ D ∩ (Ix0 \{x 0 }).
ii) f (x) −→ `, h(x) −→ `, per x −→ x 0
Allora g(x) −→ ` per x −→ x 0 .
Dim. — Esercizio.

Esempio 5.4.8. Mostrare che


sin x
lim = 0.
x→+∞ x
Sol. — Abbiamo che −1 6 sin x 6 1 per ogni x, e quindi
1 sin x 1
− 6 6 , ∀x ∈]0, +∞[= I+∞ .
x x x
Ora: − x1 e x1 sono due carabinieri che tendono a 0 per x −→ +∞ (ovvio). Pertanto sinx x −→ 0.
93

Come per le successioni, abbiamo anche la regola limitata×infinitesima=infinitesima.

Definizione 5.4.9. Diciamo che f : D ⊂ R −→ R è limitata su D se

∃ M > 0, : | f (x)| 6 M, ∀x ∈ D.

Definizione 5.4.10. Diciamo che f : D ⊂ R −→ R, è infinitesima in x 0 ∈ Acc(D) se

lim f (x) = 0.
x→x0

Corollario 5.4.11 (limitata×infinitesima=infinitesima). Siano f , g : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D), tali che i) f sia


limitata in Ix0 \{x 0 }; ii) g sia infinitesima in x 0 . Allora f · g infinitesima in x 0 .
Dim. — Esercizio.

Esempio 5.4.12. Mostrare che


1
lim x sin = 0.
x→0+ x

Sol. — Siano f (x) := sin x1 , definita su R\{0} e g(x) := x definita su R, dunque entrambe definite su D := R\{0}. Chiaramente
0 ∈ Acc(D), f è limitata su D ( sin x1 6 1) e g è infinitesima in 0. Allora f · g è infinitesima in 0

Un risultato importante sull’esistenza del limite, similmente alle successioni, è il

Teorema 5.4.13. Sia f : D ⊂ R −→ R una funzione crescente e x 0 ∈ Acc(D). Allora

∃ f (x 0 −) = sup{ f (y) : y ∈ D, y < x 0 }, ∃ f (x 0 +) = inf{ f (y) : y ∈ D, y > x 0 },

e f (x 0 −) 6 f (x 0 +).
Dim. — Proviamo la prima uguaglianza. Sia α := sup{ f (y) : y ∈ D, y < x 0 }. Dobbiamo provare che

∀(an ) ⊂ D∩] − ∞, x 0 [, an −→ x 0, =⇒ f (an ) −→ α.

Supponiamo, ad esempio, α ∈ R (lasciamo il caso α = +∞ come esercizio). Fissato ε > 0, per definizione di sup, esiste un
elemento dell’insieme { f (y) : y ∈ D, y < x 0 }, cioè un f (x ε ) per un certo x ε < x 0 , tale che

f (x ε ) > α − ε.

Siccome an −→ x 0 , definitivamente an > x ε per n > N, per cui, essendo f %,

f (an ) > f (x ε ) > α − ε, ∀n > N .

Ma siccome an < x, f (an ) 6 α, quindi | f (an ) − α| 6 ε, ∀n > N, il che vuol dire f (an ) −→ α, c.v.d.

Ragionamento analogo per le funzioni decrescenti.


94

5.5 Calcolo dei limiti


Le regole di calcolo funzionano pari pari come quelle per i limiti di successioni e dipendono solo dal valore dei
limiti coinvolti e non dal fatto che x −→ x 0 ∈ R, ±∞, x 0 ±. Cominciamo coi limiti finiti:
Proposizione 5.5.1. Siano f , g : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D) tali che f (x) −→ ` 1 ∈ R e g(x) −→ ` 2 ∈ R per
x −→ x 0 . Allora
i) f (x) ± g(x) −→ ` 1 ± ` 2 per x −→ x 0 .
ii) f (x)g(x) −→ ` 1 ` 2 per x −→ x 0 .
f (x) `1
iii) se ` 2 , 0, g(x) −→ `2 per x −→ x 0 .

Dim. — Esercizio.

Quando uno o entrambi i limiti sono infiniti vi sono alcune circostanze in cui si può comunque concludere. La
proposizione che segue, nelle notazioni abbreviate introdotte al Capitolo 3, tratta tutti questi casi:
Proposizione 5.5.2.
(±∞) + ` = ±∞, (+∞) + (+∞) = +∞, (−∞) + (−∞) = −∞,

(+∞) · ` = sgn(`)∞, (` , 0), (−∞) · ` = −sgn(`)∞, (` , 0),

(+∞) · (+∞) = +∞, (+∞) · (−∞) = −∞, (−∞) · (−∞) = +∞,

` +∞ −∞
= 0, (` ∈ R), = sgn(`)∞, (` , 0), = −sgn(`)∞, (` , 0).
±∞ ` `
+∞ −∞ +∞ −∞
= = +∞, = = −∞.
0+ 0− 0− 0+

Dim. — Esercizio.

Chiariamo il senso di f (x) −→ 0+.


Definizione 5.5.3. Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D). Diciamo che f (x) −→ `+ (qui ` ∈ R) per x −→ x 0 se
f (x) −→ `, x −→ x 0, e f > `, in qualche Ix0 \{x 0 }.
Sono forme indeterminate:
0 ±∞
(±∞) + (∓∞), (segni opposti), (±∞) · 0, , .
0 ±∞
Considerando il limx→x0 f (x) g(x) abbiamo inoltre le forme
1±∞, (0+) 0, (0+) +∞,
che si riducono alla forma 0 · ∞ tramite l’identità
f (x) g(x) = eg(x) log f (x) .
95

Esempio 5.5.4. Calcolare √ √


1+x− 1−x
lim .
x→0 x
Sol. — Il limite è una forma indeterminata 00 . Invero, 1 + x, 1 − x −→ 1 per x −→ 0 e, per la continuità delle potenze (la radice
√ √ √ √
è una potenza di esponente 1/2) abbiamo che 1 + x −→ √ 1 = 1, √ 1 − x −→ 1 = 1.
Al numeratore c’è una sorta di "competizione" tra 1 + x e 1 − x. Qual è il termine dominante (cioè più importante)? Si
può osservare che nessuno dei due sembra dominare sull’altro essendo
√ r r
1+x 1+x 1 √
√ = −→ = 1, x −→ 0.
1−x 1−x 1
Per risolvere il problema ricorriamo ad un trucco algebrico:
√ √ √ √ √ √
1+x− 1−x 1+x− 1−x 1+x+ 1−x (1 + x) − (1 − x) 2x
= √ √ = √ √  = √ √ 
x x 1+x− 1−x x 1+x+ 1−x x 1+x+ 1−x

2 2
= √ √ −→ √ √ = 1.
1+x+ 1−x 1+ 1
Con i limiti di funzioni possiamo abbiamo uno strumento spesso utilissimo: il cambio di variabili. Supponiamo
che nel calcolo del
lim f (x),
x→x0
sia naturale introdurre una nuova variabile y = ϕ(x). Quando parliamo di "nuova" variabile intendiamo, in genere,
che y è in corrispondenza 1 − 1 con x, cioè che la relazione y = ϕ(x) è invertibile
y = ϕ(x), x = ϕ−1 (y) =: g(y).
Ammettiamo che
x −→ x 0, ⇐⇒ y −→ y0 .
Possiamo allora dire che
?
lim f (x) = lim f (g(y)).
x→x0 y→y0
Purché g(y) , x 0 per y ∈ Iy0 sì:
Proposizione 5.5.5. Siano f , g tali che
i) x 0 ∈ Acc(D( f )) e limx→x0 f (x) = `;
ii) y0 ∈ Acc(D(g)) e limy→y0 g(y) = x 0 ;
iii) g(y) ∈ Ix0 \{x 0 } per ogni y ∈ Iy0 \{y0 }.
Allora ∃ limy→y0 f (g(y)) = `.
Dim. — Applichiamo la definizione: sia (yn ) ⊂ D(g)\{y0 }, yn −→ y0 . Da ii)
g(yn ) −→ x 0 .
Inoltre, da iii), g(yn ) , x 0 definitivamente (perché definitivamente yn ∈ Iy0 \{y0 }). Ma allora (g(yn )) è una successione
approssimante x 0 in D( f ): da i) segue allora che
f (g(yn )) −→ `.
Essendo (yn ) arbitraria approssimante y0 in D(g) la dimostrazione è terminata.
96

Omettendo la iii) la conclusione è falsa.


Esempio 5.5.6. Siano

 0, x , 0,
g : R −→ R, g(y) = 0, ∀y ∈ R.

f : R −→ R, f (x) := 
x = 0.

 1,

Evidentemente
lim f (x) = 0, ma lim f (g(y)) = lim f (0) = lim 1 = 1.
x→0 y→0 y→0 y→0

Esempio 5.5.7. Calcolare √


log x
e
lim √ .
x→+∞ x

Sol. — Naturalmente log x −→ +∞, quindi log x −→ +∞ per cui e log x −→ +∞. Dunque abbiamo una forma ∞
p
√ √ √ ∞.
√ √
Attenzione: e log x , x!! (qualcuno potrebbe sostenere che e log x = elog x = x, il che è completamente sbagliato!). Per
calcolare il limite cambiamo variabile:
√ √ 2
e log x y:= log x−→+∞, y 2 =log x, x=e y ey ey y2
√ = p = 2 = ey− 2 .
x ey
2 y
e2
y2 y2
  +∞·1
Siccome y − 2 = 2 1 − y2 −→ +∞,
√ √
e log x y= log x−→+∞ y2
lim √ = lim ey− 2 −→ e−∞ = 0.
x→+∞ x y→+∞

5.6 Limiti fondamentali


Come già visto con i limiti di successioni, anche nei limiti di funzioni si presentano le stesse problematiche. In
particolare, è importante confrontare quantità diverse tra loro tramite il rapporto. In questa sezione vediamo le
principali, al finito e all’infinito. In alcuni casi si tratta di generalizzazioni di quanto visto per le successioni e
quindi spesso omettiamo i dettagli. In altri casi si tratta di limiti nuovi e fondamentali perché, come vedremo più
avanti, sono alla base del calcolo differenziale. Partiamo con la
Definizione 5.6.1. Siano f , g : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Acc(D), f , g , 0 in Ix0 \{x 0 }. Diciamo che
• f è di ordine inferiore a g per x −→ x 0 (scriviamo f (x) = o(g(x)) per x −→ x 0 ) if
f (x)
−→ 0, x −→ x 0 .
g(x)
Si scrive anche f x0 g ovvero g x0 f .
• f è asintotica a g per x −→ x 0 (scriviamo f (x) ∼x0 g(x)) se
f (x)
−→ 1, x −→ x 0 .
g(x)
97

5.6.1 Confronto esponenziali/potenze/logaritmi all’infinito


È evidente che
x α −→ +∞, x −→ +∞, ∀α > 0, a x −→ +∞, x −→ +∞, ∀a > 1.
Facilmente si verifica anche che

x α +∞ x β, ∀α > β > 0, a x +∞ bx, ∀a > b > 1.

Infatti

!x
1 bx b b
α
= α−β
−→ 0, (perché α − β > 0), x
= −→ 0, (perché 0 < < 1).
x x a a a
Come per le successioni abbiamo il

Teorema 5.6.2.
x x +∞ a x +∞ x α +∞ logb x, ∀a > 1, α > 0, b > 1.

Dim. — Si ottiene con alcuni argomenti tecnici non difficili che non introducono niente di nuovo: omessa.

Esempio 5.6.3. Calcolare


! logx x
1
lim .
x→+∞ log x

log x
Sol. — Essendo x +∞ log x, x −→ 0, e siccome log1 x −→ 0+, abbiamo la forma indeterminata (0+) 0 . Osservato che

! log x
1 x log x
log 1 (log x)(log(log x))
=e x log x = e− x ,
log x

siamo ricondotti al calcolo di


(log x)(log log x)
lim ,
x→+∞ x
∞ . Cambiando variabili,
che è una forma ∞

(log x)(log log x) y=log x−→+∞ y log y y 2 log y


= = −→ 0, because ey +∞ y 2, y +∞ log y.
x ey ey y

In particolare all’infinito le potenze vincono sui logaritmi. Questo accade, in un certo senso, anche in 0:

Proposizione 5.6.4.
lim x α | log x| β = 0, ∀α, β > 0.
x→0+

Dim. — Il limite si presenta come una forma indeterminata 0 · ∞. Cambiando variabile


|y| β z=−αy−→+∞ β 1 zβ
α
lim x | log x| β y=log x−→−∞
= lim e αy β
|y| = lim −αy = lim αz = β lim z = 0.
x→0+ y→−∞ y→−∞ e z→+∞ e α z→+∞ e
98

Esempio 5.6.5. Calcolare !x


1
lim .
x→0+ x

Sol. — Abbiamo una forma indeterminata (+∞) 0 , e

1 x
!
1
= e x log x = e−x log x −→ e−0 = 1.
x

5.6.2 Funzioni trigonometriche circolari


Cominciamo con un fatto che è alla base di tutte le dimostrazioni di questa sotto sezione e che è illustrato dalla
seguente figura:

sin x x tan x

Si tratta della disuguaglianza  π


0 6 sin x 6 x 6 tan x, ∀x ∈ 0, . (5.6.1)
2
Proposizione 5.6.6. Valgono
lim sin x = 0, lim cos x = 1. (5.6.2)
x→0 x→0

Inoltre, le funzioni sin e cos sono continue su tutto R.


Dim. — Il primo limite segue facilmente dalla (5.6.1). Infatti
due car ab.
0 6 sin x 6 x, =⇒ lim sin x = 0.
x→0+

D’altro canto
y=−x−→0+
lim sin x = lim sin(−y) = lim − sin y = 0,
x→0− y→0+ y→0+
e mettendo assieme si ha lim x→0 sin x = 0.
Passiamo al secondo. Anzitutto osserviamo che

1 + cos x 1 − (cos x) 2 (sin x) 2


1 − cos x = (1 − cos x) = = . (5.6.3)
1 + cos x 1 + cos x 1 + cos x

Ora (ved. la figura seguente), per x ∈]0, π4 ] si ha cos x > cos π4 = 22 = √1 .
2
Pertanto, dalla (5.6.3) abbiamo
√  π
(sin x) 2 2
0 6 1 − cos x 6 1
= √ (sin x) 2, ∀x ∈ 0, .
1+ √ 2+1 4
2
99

1
cos x
2

Per il teorema dei carabinieri ne segue che

lim (1 − cos x) = 0, ⇐⇒ lim cos x = 1.


x→0+ x→0+

Passando a sinistra,
y=−x−→0+
lim cos x = lim cos(−y) = lim cos y = 1,
x→0− y→0+ y→0+
da cui la conclusione.
Infine la continuità. I limiti (5.6.2) dicono che sin e cos sono continue in x = 0. In un generico x 0 abbiamo che

sin(x 0 + h) = sin x 0 cos h + sin h cos x 0 −→ sin x 0, h −→ 0,

e similmente per il coseno.

Dunque sin x è una funzione infinitesima in 0. È naturale confrontare sin x con le potenze x n :
Teorema 5.6.7.
sin x 1 − cos x 1
lim = 1, lim = . (5.6.4)
x→0 x x→0 x2 2
x2
In particolare: sin x ∼0 x e cos x ∼0 1 − 2 .

Dim. — Per la (5.6.1) abbiamo che, per x ∈ 0, π2 ,


g f

sin x sin x>0 x 1


0 6 sin x 6 x 6 tan x, ⇐⇒ 0 6 sin x 6 x 6 , ⇐⇒ 0 6 1 6 6 ,
cos x sin x cos x
cioè  π
sin x
cos x 6 6 1, ∀x ∈ 0, . (5.6.5)
x 2
Mandando x −→ 0+, per i carabinieri abbiamo
sin x
lim = 1.
x→0+ x
A sinistra,
sin x y=−x−→0+ sin(−y) sin y
lim = lim = lim = 1,
x→0−x y→0+ −y y→0+ y
e questo prova la prima delle (5.6.4) (che ovviamente significa sin x ∼0 x). Per la seconda, notiamo che

1 − cos x 1 − cos x 1 + cos x 1 − (cos x) 2  sin x  2 1 1


= = = −→ , x −→ 0.
x2 x2 1 + cos x x 2 (1 + cos x) x 1 + cos x 2
Infine
cos x − cos x 1 − cos x − 1 1 − cos x x 2 1 1 0 1
= = = − 2 −→ − = 1.
1− x2 x2 −1 x2 −1 x2 x2 − 1 x −1 2 −1 −1
2 2 2 2 2
100

Esempio 5.6.8. Calcolare


(1 − cos(3x)) 2
lim .
x→0 x 2 (1 − cos(x))

Sol. — Chiaramente abbiamo una forma del tipo 00 . Riconduciamo l’espressione a limiti noti:

(1 − cos(3x)) 2 1 − cos(3x) 2 1 (3x) 4 1 − cos(3x) 2 1 − cos(x) −1


" # " # " #
1
= (3x) 2 =
x 2 (1 − cos(x)) (3x) 2 x 2 x 2 1−cos(x) x4 (3x) 2 x2
x2

1 − cos(3x) 2 1 − cos(x) −1
" # " #
4
=3 .
(3x) 2 x2
Ora
1 − cos(3x) y=3x−→0 1 − cos y 1
lim 2
= lim = ,
x→0 (3x) y→0 y2 2
così ! 2 ! −1
(1 − cos(3x)) 2 4 1 1 81
lim = 3 = .
x→0 x 2 (1 − cos(x)) 2 2 2

5.6.3 Limite esponenziale


Cominciamo dall’estensione del limite che definisce il numero di Nepero e:
Proposizione 5.6.9. !x !x
1 1
lim 1+ = e, lim 1+ = e, lim (1 + x) 1/x = e. (5.6.6)
x→+∞ x x→−∞ x x→0

In particolare  a x
lim 1+ = e a, ∀a ∈ R. (5.6.7)
x→+∞ x
Dim. — Il primo è ottenibile con qualche manipolazione tecnica dal limite notevole (3.7.1). Omettiamo questa parte perché
non aggiunge nessuna idea particolare. Il secondo e il terzo sono invece dedotti per sostituzione dal primo. Il secondo

1 x y=−x−→+∞ 1 −y y − 1 −y y y
! ! ! !
lim 1 + = lim 1 − = lim = lim
x→−∞ x y→+∞ y y→+∞ y y→+∞ y − 1

1 y−1 1 z
! ! ! !
1 z=y−1−→+∞ 1
= lim 1+ 1+ = lim 1 + 1+ = e · 1 = e.
y→+∞ y−1 y−1 z→+∞ z z
Per il terzo
y= x1 −→+∞ 1 y
!
lim (1 + x) 1/x = lim 1+ = e,
x→0+ y→+∞ y

y= x1 −→−∞ 1 y
!
lim (1 + x) 1/x = lim 1+ = e,
x→0− y→−∞ y
e da ciò segue la conclusione. Infine, se a > 0 per esempio
! !a
a  x y= ax −→+∞ 1 ay 1 y
 !
lim 1+ = lim 1 + = lim 1+ .
x→+∞ x y→+∞ y y→+∞ y
101
 y
Ora: 1 + y1 −→ e. Per la continuità delle potenze (che verrà dimostrata in seguito e che è indipendente da questo risultato)
abbiamo che ! !a
1 y
1+ −→ e a .
y

Utilizzando la continuità di logaritmi, esponenziali e potenze (che verrà dimostrata in seguito e non dipende dal
prossimo risultato) abbiamo
Corollario 5.6.10.
log(1 + x) ex − 1 (1 + x) α − 1
lim = 1, lim = 1, lim = α, ∀α , 0. (5.6.8)
x→0 x x→0 x x→0 x
In particolare: log(1 + x) ∼0 x, e x ∼0 1 + x e (1 + x) α ∼0 1 + αx.
Dim. — Per il primo:
log(1 + x) 1
lim = lim log(1 + x) = lim log(1 + x) 1/x = log e = 1.
x→0 x x→0 x x→0
Il secondo,
e x − 1 y=e x −1−→0 y 1
lim = lim = lim log(1+y) = 1.
x→0 x y→0 log(1 + y) y→0
y
Infine il terzo
(1 + x) α − 1 eα log(1+x) − 1 y=α log(1+x)−→0 ey − 1 ey − 1 y/α
lim = lim = lim y/α = lim α = 1 · 1 · α = α.
x→0 x x→0 x y→0 e − 1 y→0 y ey/α − 1

Esempio 5.6.11. Calcolare


log(1 + (sin x) 2 )
lim .
x→0 1 − cos x

Sol. — Per x −→ 0 sin x −→ 0, per cui 1 + (sin x) 2 −→ 1, quindi log(1 + (sin x) 2 ) −→ log 1 = 0 (continuità del logaritmo).
Anche il denominatore tende a 0, quindi abbiamo una forma indeterminata 00 . Il numeratore è del tipo log(1 + y) con y −→ 0.
Ricordati i limiti fondamentali (5.6.8) e (5.6.4) è naturale scrivere
log(1 + (sin x) 2 ) log(1 + (sin x) 2 ) (sin x) 2 x2
= .
1 − cos x (sin x) 2 x 2 1 − cos x
Ora
log(1 + (sin x) 2 ) y=(sin x) 2 −→0 log(1 + y)
lim 2
= lim = 1,
x→0 (sin x) y→0 y
per cui
log(1 + (sin x) 2 ) log(1 + (sin x) 2 ) (sin x) 2 x2 1
= 2 2
−→ 1 · 12 · = 2.
1 − cos x (sin x) x 1 − cos x 1/2

Esempio 5.6.12. Calcolare


2
lim (cos x) 1/x .
x→0

Sol. — Si vede subito che abbiamo una forma indeterminata 1+∞ . Trasformando in un esponenziale
2 1
log(cos x)
(cos x) 1/x = e x 2 ,
102

siamo ridotti a calcolare


log(cos x) 00 log (1 + (cos x − 1)) log (1 + (cos x − 1)) cos x − 1
lim = lim = lim .
x→0 x2 x→0 x2 x→0 cos x − 1 x2
Osservato che
log (1 + (cos x − 1)) y=cos x−1−→0 log 1 + y

lim = lim = 1,
x→0 cos x − 1 y→0 y
si ha
log (1 + (cos x − 1)) cos x − 1
!
1 1
2
−→ 1 · − =− .
cos x − 1 x 2 2
Per la continuità dell’esponenziale si conclude che
2 1
log(cos x)
(cos x) 1/x = e x 2 −→ e−1/2 .

Esempio 5.6.13. Calcolare √5 √


1 + 3x 4 − 1 − 2x
lim √3 √ .
x→0 1+x− 1+x

Sol. — Facilmente si vede che si tratta di una forma 00 . Scrivendo le radici come potenze
√5 √    
1 + 3x 4 − 1 − 2x (1 + 3x 4 ) 1/5 − (1 − 2x) 1/2 (1 + 3x 4 ) 1/5 − 1 − (1 − 2x) 1/2 − 1
√3 √ = = 
(1 + x) 1/3 − (1 + x) 1/2
  
1+x− 1+x (1 + x) 1/3 − 1 − (1 + x) 1/2 − 1

(1+3x 4 ) 1/5 −1 4 1/2 −1 (1+3x 4 ) 1/5 −1 3 1/2 −1

3x 4
3x − (1−2x)
−2x (−2x) 3x 4
3x − (1−2x)
−2x (−2)
= =
(1+x) 1/3 −1 (1+x) 1/2 −1 (1+x) 1/3 −1 1/2
x x− x x x − (1+x)x −1
Ora
(1 + 3x 4 ) 1/5 − 1 y=3x 4 (1 + y) 1/5 − 1 1
lim 4
= lim = ,
x→0 3x y→0 y 5
e similmente
(1 − 2x) 1/2 − 1 1 (1 + x) 1/3 − 1 1 (1 + x) 1/2 − 1 1
−→ , −→ , −→ .
−2x 2 x 3 x 2
Mettendo tutto assieme √5 √ 1 · 0 − 1 (−2)
1 + 3x 4 − 1 − 2x
√3 √ −→ 5 1 21 = 6.
1+x− 1+x 3 − 2

5.7 Funzioni iperboliche


È giunto il momento di introdurre due importanti funzioni:
e x − e−x e x + e−x
sinh x := , x ∈ R, (seno iperbolico), cosh x := , x ∈ R, (coseno iperbolico).
2 2
Le funzioni iperboliche hanno molte analogie con le funzioni circolari. Anzitutto vengono dette iperboliche in
virtù della seguente identità notevole (di facile verifica diretta)
(cosh x) 2 − (sinh x) 2 = 1, ∀x ∈ R. (5.7.1)
Ciò significa che il punto (cosh x, sinh x) appartiene all’iperbole ξ 2 − η 2 = 1 nel piano (ξ, η).
103

Proposizione 5.7.1. Valgono le seguenti proprietà


i) cosh 0 = 1, sinh 0 = 1.
ii) cosh è pari, sinh è dispari
iii) formule di addizione: per ogni x, y ∈ R,

sinh(x + y) = sinh x cosh y + sinh y cosh x, cosh(x + y) = cosh x cosh y − sinh x sinh y.

ex e−x −x
iv) cosh x, sinh x ∼+∞ 2 , cosh x ∼−∞ 2 , sinh x ∼−∞ − e 2 .
v) limiti notevoli:
sinh x cosh x − 1 1
lim = 1, lim = .
x→0 x x→0 x2 2
x2
In particolare: sinh x ∼0 x e cosh x ∼0 1 + 2 .

cosh x sinh x
1

Dim. — Le i),ii) e iii) si provano per verifica diretta. Per la iv) abbiamo che
ex   ex
1 + e−2x ∼ , perché 1 + e−2x −→ 1, x −→ −∞.



e x + e−x 
 2 2


cosh x = =
2 
 e−x   e−x
1 + e2x ∼ , perché 1 + e2x −→ 1 x −→ −∞.




 2 2
Simile per sinh. Per la vi),
sinh x e x − e−x e2x − 1
= = e−x −→ 1, x −→ 0, per (5.6.8).
x 2x 2x
Inoltre
cosh x − 1 cosh x − 1 cosh x + 1 (cosh x) 2 − 1 1 (5.7.1) (sinh x)
2 1 1
= = = −→ .
x2 x2 cosh x + 1 x2 cosh x + 1 x2 cosh x + 1 2

Esempio 5.7.2. Calcolare


log(2 − cos x)
lim
x→0 cosh x − 1

Sol. — Il limite si presenta come una forma 00 : cos x −→ 1, quindi 2 − cos x −→ 1, così log(2 − cos x) −→ log 1 = 0; il
denominatore tende a cosh 0 − 1 = 1 − 1 = 0. Riconducendoci ai limiti noti,

log(2 − cos x) log(1 + (1 − cos x))) log(1 + (1 − cos x)) 1 − cos x x2 1


= = 2
−→ 1 · · 2 = 1.
cosh x − 1 cosh x − 1 1 − cos x x cosh x − 1 2
104

5.8 Esercizi
Esercizio 5.8.1. Per ciascuna delle seguenti affermazioni stabilire se è vera o falsa, giustificando con cura la risposta.
1. Acc(N) = ∅.
2. Acc(R) = R.
3. Sia (an ) ⊂ R tale che an −→ ` e sia S := {an : n ∈ N} l’insieme formato dai punti della successione. Allora ` ∈ Acc(S).
4. 0 ∈ Acc(Q).
5. se x ∈ Acc(S) allora x < Acc(S c ).
6. se S è un insieme finito allora Acc(S) = ∅.
7. se S è un insieme infinito allora Acc(S) , ∅.

Esercizio 5.8.2. Sia S := {2n : n ∈ Z}. Allora Acc(S) =

 ∅.  2n : n ∈ Z, n < 0 .  {0}.  {0, +∞}.




Giustificare con cura la risposta, spiegando perché quella giusta è vera e le altre sono false.
( )
Esercizio 5.8.3. Sia S := (−1) n n1 : n ∈ Z . Allora Acc(S) =

 ∅.  [0, 1].  {0}.  {−1, 0, 1}.

Giustificare con cura la risposta, spiegando perché quella giusta è vera e le altre sono false.

Esercizio 5.8.4. Sia S := [a, b] con a < b. Allora Acc(S) =

 [a, b].  ]a, b[.  R.  nessuna delle precedenti.

Giustificare con cura la risposta, spiegando perché quella giusta è vera e le altre sono false.
( )
Esercizio 5.8.5. Sia S := (1 + cos(nπ)) n−1n+1 : n ∈ N, n > 2 . Allora Acc(S) =

 {0, 1, 2}.  {0, 1}.  {0, 2}.  {2}.

Giustificare con cura la risposta, spiegando perché quella giusta è vera e le altre sono false.

Esercizio 5.8.6. Sia S := {n + 2n : n ∈ Z}. Allora Acc(S) =

 {−∞, +∞}.  {0, +∞}.  {−∞, 0, +∞}.  {−∞, 0}.

Giustificare con cura la risposta, spiegando perché quella giusta è vera e le altre sono false.

Esercizio 5.8.7. Sia x 0 ∈ R punto di accumulazione per S. Allora


 se x 0 ∈ S necessariamente x 0 < Acc(S c ).
 se x 0 ∈ S c necessariamente x 0 ∈ Acc(S c ).
 se [x 0 − r, x 0 + r] ⊂ S per qualche r > 0 allora x 0 < Acc(S c ).
 nessuna delle precedenti
Giustificare con cura la risposta, spiegando perché quella giusta è vera e le altre sono false.
105

Esercizio 5.8.8. Classificare le eventuali forme indeterminate e calcolare

√ √
x 3 − 5x + 1 3x − 2 2− x
1. lim . 2. lim √ √ . 3. lim .
x→−∞ x+2 x→+∞ 4x + 1 + x + 1 x→2+ x−2
 p  x+1 p
4. lim 2x + 4x 2 + x . 5. lim √ . 6. lim ( 9x 2 + 1 − 3x).
x→−∞ x→−1 6x 2 + 3 + 3x x→+∞

√ √ √3 √
2x 2 + 3 x4 + 1 + x5 + x2 x
7. lim 8. lim √4 √ . 9. lim r .
x→−∞ 4x + 2 x→+∞ x 9 − 2x − 1 − 5 x 7 − x 5 x→+∞ q √
x+ x+ x

|x − 2| 1 x2 − 1
10. lim . 11. lim . 12. lim .
x→2+ (x 2 + 1)(x − 2) x→0− 1+x+ |x | x→1 x 3 − 1
x
√ √
1 + sin x − 1 − sin x √ √ 
13. lim . 14. lim x + 1 − x x.
x→π sin x x→+∞

Esercizio 5.8.9 (?). Determinare i possibili valori a, b ∈ R tali che

p 
lim x 4 + x 2 + 1 − (ax 2 + bx) ∈ R.
x→+∞

Esercizio 5.8.10. Calcolare i limiti

e x + e2x
1. lim . 2. lim x x . 3. lim x 1/x .
2x + e x
x→+∞ 2 x→+∞
x→0+

log x + x 2 x log x log(log(log x))


4. lim √ . 5. lim . 6. lim , (α > 0).
x→+∞ x + x log x + x 2 x→+∞ (log x − 1) 2 x→+∞ (log(log x)) α
2
log x − 1 x log(x ) + cos x (log x) x + sin(x x )
7. lim √ 8. lim . 9. lim .
x→0+ x log4 x x→+∞ 4x + π x x→+∞ 6 x + x 2 log x
x
xx log x 1/x
!
1 −x 2 log x
10. lim . 11. lim e 12. lim .
x→0+ x x→0+ x x→+∞ x

xe x − e2 x +1
2

13. lim
x→+∞ e2x + x 4

Esercizio 5.8.11. Mettere in ordine crescente rispetto +∞ le seguenti quantità:

2x x √ 1+ √ 1
22 , x 2 , x x, 2log x+log(log x), x log x
.
106

Esercizio 5.8.12. Reducing to fundamental limits compute the following limits:

1 − cos x 1 − (cos x) 3 sin(πx 2 )


1. lim x. 2. lim . 3. lim .
x→0 1 − cos 2 x→0 (sin x) 2 x→1 x − 1


x2 − x + 1 − 1 log(1 + x) x3
4. lim 5. lim . 6. lim .
x→0 sin x x→0 tan x x→0 tan x − sin x

esin(3x) − 1 x+2 x
!
cos x − cos(2x)
7. lim . 8. lim . 9. lim .
x→0 sinh(2x) x→0 1 − cos x x→+∞ x + 1

! log x
1 tan x
!
2 1 x
10. lim x x−1 . 11. lim . 12. lim .
x→1 x→+∞ log x x→0+ x
 1 
x xx −1 x
13. lim . 14. lim (log x)(log(1 − x)). 15. lim x x−1 .
x→+∞ log x x→0+ x→1

x+1 x
!
1
16. lim e x tan x. 17. limπ (1 + cos x) tan x . 18. lim 1+ .
x→0+ x→ 2 x→+∞ x2

 arctan x  x log cos x 1 + x + x2 − 1
19. lim 1+ . 20. lim √4 . 21. lim .
x→+∞ x x→0 1 + x 2 − 1 x→0 sin(4x)

esin(3x) − 1 log(2 − cos(2x)) 1 + sin(3x) − 1
22. lim . 23. lim . 24. lim .
x→0 x x→0 x2 x→0 log(1 + tan(2x))
√ √4
1 + x2 − 1 cos x − 1 log(1 + 2x − 3x 2 + 4x 3 )
25. lim . 26. lim 27. lim .
x→0 1 − cos x x→0 log(1 + x sin x − x 3 ) x→0 log(1 − x + 2x 2 − 3x 3 )

!x
(e2x +x − 1) sin x
2 3
x+1 x x2 + x + 1
!
28. lim 1+ . 29. lim . 30. lim √3 .
x→+∞ x2 x→+∞ x2 + 1 x→0 1 + x3 − 1
xx − 1
31.(?) lim . 32.(?) lim (1 − e x ) sin x .
x→1+ (log x − x + 1) 2 x→0−
Capitolo 6

Continuità

In questo Capitolo studieremo più in profondità la proprietà di essere funzione continua. La continuità ha importanti
conseguenze in molti problemi di grande interesse, come nel problema di trovare massimi e minimi di una funzione
o nella risoluzione di equazioni. Per questo è importante sapere se una funzione sia continua o meno, disporre di
classi di funzioni continue e di regole che ci dicano se e come la continuità si preservi.

6.1 Operazioni su funzioni continue


Immediatamente dalle regole di calcolo dei limiti si ha il
f
Corollario 6.1.1. Siano f , g : D ⊂ R −→ R continue in x 0 ∈ D. Allora f ± g, f · g e g (quest’ultima purché
g(x 0 ) , 0) è continua in x 0 .
Dim. — Evidente, basta ricordare le regole di calcolo dei limiti.

Proposizione 6.1.2. Ogni polinomio è funzione continua su tutto R. Ogni funzione razionale p/q con p, q polinomi
è continua ove definita.
Dim. — Evidentemente x ∈ C (R). Quindi x n = x · · · x ∈ C (R). Le costanti sono ovviamente continue, per cui cx n ∈ C (R),
cioè i monomi sono funzioni continue su R. Un polinomio è somma di monomi, cioè di funzioni C (R) ed è quindi C (R).
p
Prendiamo ora una funzione razionale f = q con p, q polinomi. Chiaramente D = {x ∈ R : q(x) , 0} = R\F dove F è
p
un insieme finito (gli zeri del polinomio q). Allora f = q è continua dove definita, cioè su D.

Più difficile è la continuità delle potenze ad esponente frazionario o reale, torneremo in seguito.

Esempio 6.1.3.  π 
tan ∈ C R\ + kπ : k ∈ Z , cot ∈ C (R\ {kπ : k ∈ Z}) .
2
sin . Poiché sin, cos ∈ C (R) si ha tan ∈ C (R\{cos = 0}), da cui la conclusione.
Sol. — Ad esempio tan := cos

107
108

Una seconda operazione fondamentale è la composizione

(g ◦ f )(x) = g( f (x)).

Abbiamo il

Teorema 6.1.4 (regola della catena per la composizione). Sia f : D( f ) ⊂ R −→ R, g : D(g) ⊂ R −→ R.


Supponiamo che

i) f sia continua in x 0 ;

ii) g sia continua in f (x 0 ).

Allora g ◦ f è continua in x 0 .
Dim. — Basta applicare il cambio variabili nei limiti (Proposizione 5.5.5), esercizio.

Esempio 6.1.5. Determinare dominio D e insieme di continuità della funzione h(x) = cot x1 .
Sol. — Chiaramente D(h) = {x ∈ R : x , 0, x1 , kπ, k ∈ Z}. Dunque x , 0 e x , kπ
1 con k ∈ Z, cioè

( )!
1
D(h) = R\ {0} ∪ : k ∈ Z, k , 0 .

Dopodiché h è la composizione di due funzioni:


f 1 g 1
x 7−→ 7−→ cot .
x x
Pertanto: se f è continua in x 0 (e qui bisogna che x 0 , 0) e g = cot è continua in f (x 0 ) = x10 (e qui bisogna che x10 , kπ)
allora h = g ◦ f è continua in x 0 . Se ne deduce che h è continua in tutto il proprio dominio.

Attenzione! 6.1.6. Può sembrare un po’ sottile, ma la regola della catena è solo una condizione sufficiente, cioè
può benissimo verificarsi che la composizione sia continua senza che le due funzioni che si compongono lo siano!
Per esempio, f può essere una funzione qualsiasi, discontinua in ogni punto, e g ≡ 0. Allora g ◦ f ≡ 0 è globalmente continua.

6.2 Continuità delle funzioni monotone


Cominciamo col risultato chiave:

Teorema 6.2.1. Ogni funzione monotona e suriettiva f : I −→ J = f (I) con I, J intervalli è continua su I. ( 1 )
Dim. — Sia f : I −→ J, per esempio f % e I, J ⊂ R intervalli con f (I) = J (suriettività). Supponiamo per assurdo che f
non sia continua in un certo x 0 ∈ I, cioè che
lim f (x) , f (x 0 ).
x→x0
Per raffigurarci la situazione consideriamo il caso in cui x 0 sia interno a I. Essendo f %

∃ f (x 0 −) = lim f (x) = sup{ f (x) : x < x 0 }, f (x 0 +) = lim f (x) = inf{ f (x) : x > x 0 },
x→x0 − x→x0 +
109

f Hx0 L

f Hx0 -L

I
x0

e f (x 0 −) 6 f (x 0 ) 6 f (x 0 +). Siccome f è discontinua almeno una delle disuguaglianze f (x 0 −) 6 f (x 0 ) 6 f (x 0 +) è <. La


figura che segue illustra la situazione:
È chiaro che c’è qualcosa che non va: nel grafico di f s’è prodotto uno strappo: nell’intervallo ] f (x 0 −), f (x 0 +)[⊂ J = f (I)
ci sono punti che non dovrebbero provenire tramite f da nessun x ∈ I: questo contraddice che J = f (I). Precisamente: se
y ∈] f (x 0 −), f (x 0 )[ e y , f (x 0 ) allora non ci può essere x ∈ I tale che f (x) = y. Questo perché
• se x < x 0 allora f (x) 6 f (x 0 −) < y;
• se x = x 0 allora f (x) = f (x 0 ) , y;
• se x > x 0 allora f (x) > f (x 0 +) > y.
Ma questo è impossibile perché y per costruzione sta in J = f (I).

Corollario 6.2.2. La potenza ad esponente reale x α ∈ C ([0, +∞[) per ogni α ∈ R, α > 0, x α ∈ C (]0, +∞[) per
ogni α ∈ R, α < 0. Esponenziali expa ∈ C (R), per ogni a > 0 e logaritmi loga ∈ C (]0, +∞[) per ogni a > 0,
a , 1. In particolare: sinh, cosh ∈ C (R).
Dim. — Segue dalle proprietà di potenze (Teor. 1.2.5), esponenziali (Teor. 1.2.6) e logaritmi (Teor. 1.2.8).

6.3 Teorema di Weierstrass


Per preparare la discussione introduciamo la

Definizione 6.3.1. Sia f : D ⊂ R −→ R. Diciamo che x max ∈ D è punto di massimo globale per f su D se

f (x max ) > f (x), ∀x ∈ D.

Similmente è definito il punto di minimo globale per f su D.

Se f ha punti di min/max globale sse l’insieme dei valori assunti da f , cioè l’insieme

f (D) := { f (x) : x ∈ D} ,

ha, rispettivamente, min/max. Poniamo, in questo caso

min f := min { f (x) : x ∈ D} , max f := max { f (x) : x ∈ D} ,


D D

Uno dei più bei risultati della Matematica è indubbiamente il


1Notare bene l’enunciato: le ipotesi su f sono la monotonia e la suriettività, nonché che sia definita su I intervallo a valori in J intervallo.
In qualche modo il fatto che il grafico di f non abbia "strappi" si lega al fatto che I e J non possono avere "strappi" come sottoinsiemi di R.
110

Teorema 6.3.2 (Weierstrass). Ogni funzione continua definita su un intervallo chiuso e limitato ammette punto di
min/max globale.
Dim. — La dimostrazione è sottile e si basa sul teorema di Bolzano–Weiestrass 3.4.2, la facciamo per il massimo (per il minimo
è simile). Sia
M := sup f = sup{ f (x) : x ∈ D}.
D
In genere sarà M 6 +∞. Vediamo che M < +∞. Se per assurdo fosse M = +∞ allora

∀n > 0, ∃x n ∈ [a, b], : f (x n ) > n.

Ora (x n ) ⊂ [a, b] e per il teorema di Bolzano–Weierstrass 3.4.2 essa ammette una sottosuccessione (x nk ) ⊂ (x n ) tale che
x nk −→ ξ. Ma allora, per continuità

f (ξ) ←− f (x nk ) −→ +∞, =⇒ f (ξ) = +∞.

Proviamo che esiste x max ∈ [a, b] tale che f (x max ) = M, da cui seguirà la conclusione. Siccome M è il sup,
1
∀n ∈ N, ∃x n ∈ [a, b], : M − 6 f (x n ) 6 M.
n
Essendo (x n ) ⊂ [a, b], per il teorema di Bolzano–Weierstrass esiste (x nk ) ⊂ (x n ) tale che x nk −→ x max ∈ [a, b]. Allora
f (x nk ) −→ f (x max ) e quindi per i carabinieri

M 6 f (x max ) 6 M, =⇒ f (x max ) = M.

È facile vedere con esempi che le ipotesi del teorema non si possono rimuovere. In particolare sul dominio: se
l’intervallo I non è chiuso o non è limitato il teorema è falso.

6.4 Teorema degli zeri


Dalla cima di una montagna al fondo del mare prima o poi bisogna entrare in acqua!
Teorema 6.4.1 (Bolzano). Sia f ∈ C ([a, b]) tale che f (a) e f (b) abbiano segni opposti. Allora

∃ c ∈ [a, b] : f (c) = 0.

Dim. — Supponiamo, per esempio, f (a) < 0 < f (b). Prendiamo il punto medio tra a e b, cioè a+b
2 . Si presenta la seguente
alternativa:
 
i) f a+b2 = 0, abbiamo finito.
 
ii) f a+b
2 > 0: cerchiamo lo zero nell’intervallo [a, a+b
2 ] =: [a1, b1 ].
 
iii) f a+b2 < 0: cerchiamo lo zero nell’intervallo [ a+b
2 , b] =: [a1, b1 ].
Nei casi ii) iii), posto a0 = a e b0 = b, abbiamo
b − a0
a0 6 a1 6 b1 6 b0, b1 − a1 = 0 , f (a1 ) < 0 < f (b1 ).
2
Ripetiamo il ragionamento su [a1, b1 ]. O il punto medio è uno zero (e allora abbiamo finito) oppure c’è un intervallo [a2, b2 ]
tale che
b − a1 b −a
a0 6 a1 6 a2 6 b2 6 b1 6 b0, b2 − a2 = 1 = 0 2 0 , f (a2 ) < 0 < f (b2 ).
2 2
111

Continuando o ci si ferma dopo un certo numero di passi, oppure si costruisce una successione di intervalli [an, bn ] tale che
b −a
a0 6 . . . 6 an−1 6 an 6 bn 6 bn−1 6 . . . 6 b0, bn − an = 0 n 0 , f (an ) < 0 < f (bn ).
2
La successione ([an, bn ]) è una famiglia di scatole cinesi: per il Teorema di Cantor esiste c ∈ [an, bn ] ∀n ∈ N e

c = lim an = lim bn .
n n

Allora f (c) = limn f (an ) 6 0 per permanenza del segno, e similmente, f (c) = limn f (bn ) > 0, cioè f (c) = 0.

Si noti che la dimostrazione costituisce, di fatto, un algoritmo per la ricerca approssimata degli zeri: all’n−esimo
passo si trova un intervallo di lunghezza 21n entro il quale cade uno zero di f .

Corollario 6.4.2 (teorema dei valori intermedi). L’immagine di un intervallo tramite una funzione continua è
ancora un intervallo. In particolare: se α, β ∈ f (I) (sono cioè valori assunti da f ) allora [α, β] ⊂ f (I).
Dim. — Sia I intervallo, f ∈ C (I). Supponiamo che J := f (I) non sia intervallo. Esistono allora α < y < β con α, β ∈ J ma
y < J. Siccome α, β ∈ J, α = f (a) e β = f (b) per qualche a, b ∈ I. Non è restrittivo supporre a < b (altrimenti si scambiano
le parti). Sia
g : [a, b] ⊂ I −→ R, g(x) := f (x) − y.
Evidentemente g ∈ C ([a, b]), g(a) = f (a) − y = α − y < 0, g(b) = f (b) − y = β − y > 0: per il teorema degli zeri esiste
c ∈ [a, b] ⊂ I tale che g(c) = 0, ovvero f (c) = y: assurdo!

6.5 Teorema dell’inversa continua


Incollando il teorema dei valori intermedi col teorema 6.2.1 abbiamo il

Teorema 6.5.1. Sia f : I −→ J = f (I) strettamente monotona e continua su I intervallo. È allora ben definita
f −1 : J −→ I e risulta che f −1 ∈ C (J).
Dim. — Essendo f continua e I intervallo, per il teorema dei valori intermedi f (I) =: J è un intervallo. Inoltre f è strettamente
monotona, quindi è iniettiva. Ma allora f : I −→ f (I) = J è biiettiva, dunque invertibile. Ne segue che f −1 : J −→ I è ben
definita. Chiaramente ha la stessa monotonia di f , cioè è monotona e suriettiva (per costruzione): dal teorema 6.2.1 segue che
è continua.

Su quest’ultimo risultato è basata la costruzione delle funzioni inverse di alcune importanti funzioni elementari.

Arcotangente
Consideriamo la funzione  π π
f = tan : − , −→] − ∞, +∞[.
2 2
Su 0, π2 abbiamo sin % stretta e cos & stretta: è allora chiaro che tan = cos
f f
sin % stretta. Inoltre tan(−x) = − tan x per cui
π
g g
anche su − 2 , 0 abbiamo tan % stretta. Conclusione: f % stretta. Sia
 π π 
J := tan − , =] − ∞, +∞[.
2 2
112

Per il teorema dell’inversa continua


 π π
arctan := tan−1 :] − ∞, +∞[−→ − , , arctan ∈ C (R).
2 2
Chiaramente arctan 0 = tan−1 0 = 0, e
y=arctan x, x=tan y π π
lim arctan x = lim y = − , lim arctan x = .
x→−∞ y→− π2 2 x→+∞ 2

Π
2

Π
-
2

Arcoseno e arcocoseno
Consideriamo ora la funzione  π π
f := sin : − , −→ [−1, 1].
2 2
− π2 , π2
f g
Come prima: f % stretta e f = [−1, 1]: per il teorema dell’inversa continua,
 π π
arcsin := sin−1 : [−1, 1] −→ − , , arcsin ∈ C ([−1, 1]).
2 2
In modo simile si costruisce l’arccos, invertendo a f := cos : [0, π] −→ [−1, 1].
y y

Π Π
2

x
-1 1 Π
2

Π
-
2

x
-1 1

Settsinh e Settcosh
La funzione sinh : R −→ R è strettamente crescente come si verifica facilmente. La sua inversa è chiamata settore
seno-iperbolico sett sinh : R −→ R ed è continua grazie al teorema dell’inversa continua. Possiamo di fatto
scrivere l’espressione analitica di sett sinh :

e x − e−x 1
sett sinh y = x, ⇐⇒ sinh x = y, ⇐⇒ = y, ⇐⇒ e x − x = 2y, ⇐⇒ e2x − 2ye x − 1 = 0.
2 e
Dunque
2y ± 4y 2 + 4
p q
e =
x
= y ± y 2 + 1.
2
113

y 2 + 1 è comunque negativo (evidente per y < 0, facile per y > 0) dunque l’unica possibilità è
p
Ora, y −
q !
sett sinh y = log y + y + 1 .
2 (6.5.1)

Per il coseno iperbolico il discorso è quasi simile. L’unica differenza è che cosh non è iniettiva (essendo pari), però
restringendola all’intervallo [0, +∞[ è una funzione crescente e suriettiva su [1, +∞[. Per il teorema dell’inversa
continua è ben definita cosh−1 =: sett cosh : [1, +∞[−→ [0, +∞[. Facilmente si verifica che
q !
sett cosh y = log y + y 2 − 1 . (6.5.2)

x x

Figura 6.1: A sx sett sinh , a dx sett cosh .

6.6 Esercizi
Esercizio 6.6.1. Per ciascuna delle seguenti funzioni i) determinare il dominio di definizione D; ii) il sottoinsieme S ⊂ D dov’è
continua; iii) se S ⊂ D, come potrebbe essere definita f nei punti di D\S di modo da risultare continua?

cos π2 x
 
x2 − 1 sin x tan(2x)
1. f (x) := , 2. f (x) := . 3. f (x) := . 4. f (x) := .
x−1 x tan x x2 − 1
|x| 1 x
5. f (x) := . 6. f (x) := . 7. f (x) := sin π . 8. f (x) := x log |x|.
x 1 + x + |xx | |x|

Esercizio 6.6.2. Determinare a, b ∈ R di modo che f ∈ C (R) dove

 sin x, x < π2 ,
π 6 x < 2,

ax 2 + b,

f (x) := 
 2
 3, x > 2.

Esercizio 6.6.3. Determinare a, b ∈ R di modo che f ∈ C (R) dove

 −2 sin x, x < − π2 ,
− π2 6 x < π2 ,

a sin x + b,

f (x) := 
x > π2 .

 cos x,

Esercizio 6.6.4. Determinare x 0 ∈ R di modo che f ∈ C (R) dove

x + 1, x < x 0,
(
f (x) :=
x 2 − 2x − 1, x > x0 .
114

Esercizio 6.6.5. Determinare x 0 ∈ R di modo che f ∈ C (R) dove



 |x| b cos x, x < 0,
x = 0,

f (x) :=  0,

 x a sin 1 ,

x > 0.
 x

Esercizio 6.6.6. Per ciascuna delle seguenti funzioni i) determinare il dominio di definizione D; ii) il sottoinsieme S ⊂ D dov’è
continua; iii) il segno.

x 4 − 3x 2 + 2 x log x p 
1. f (x) := . 2. f (x) := . 3. f (x) := log 1 + x 2 − x .
x x−1
√ ex
!
x
4. f (x) := xe x−1 . 5. f (x) := x + 1 − 2x + 1. 6. f (x) := sin 2x .
e − ex + 1

Esercizio 6.6.7. Sia f : R −→ R, f (x) := [x] + x − [x]. Mostrare che f ∈ C (R).

Esercizio 6.6.8. La funzione


f (x) := e1/x sin x, x , 0,
può essere prolungata con continuità in x = 0?

Esercizio 6.6.9. Sia f : R\{0} −→ R definita come



 a cos x + log(1 − x), x < 0,

f (x) := 
 sinh 2x − a cos √1 ,

 x > 0.
 x +1 x

Ci sono valori di a ∈ R tali che f sia prolungabile con continuità in x = 0?

Esercizio 6.6.10. Determinare dov’è definita e continua la funzione


x 2n − 1
f (x) := lim .
n→+∞ x 2n + 1

Esercizio 6.6.11. Sia f ∈ C (R). Mostrare che | f | ∈ C (R). Vale anche il viceversa, cioè: se | f | ∈ C (R) allora f ∈ C (R)? In
caso affermativo, dimostrarlo, in caso negativo esibire un controesempio.

Esercizio 6.6.12. Consideriamo l’equazione 3x 3 − 8x 2 + x + 3 = 0. Mostrare che ha una soluzione in ] − ∞, 0[, una in ]0, 1[ e
1 .
una in ]1, +∞[. Determinare la soluzione in ]0, 1[ con un errore di approssimazione inferiore a 10

Esercizio 6.6.13. Sia p un polinomio di grado dispari, p(x) = k=0 ck x k con cn , 0. Mostrare che lim x→−∞ p(x) = ±∞ e
Pn
lim x→+∞ p(x) = ∓∞ (segni opposti). Dedurre che p ha almeno uno zero R.

Esercizio 6.6.14. Sia p un polinomio di grado pari. Si sa che p(0) = −1. Mostrare che p ha almeno due zeri in R.

Esercizio 6.6.15 (?). Sia f ∈ C (R) tale che lim x→±∞ f (x) = −∞. Allora f ha un massimo globale su R. (sugg.: usare
la definizione di limite per dimostrare che il massimo deve essere assunto in un intervallo del tipo [−R, R], poi applicare
opportunamente il teorema di Weierstrass. . . )
Capitolo 7

Calcolo Differenziale

Il calcolo differenziale (o Calcolo) può a giusto titolo ritenersi una delle maggiori invenzioni dell’ingegno umano.
La sua sterminata quantità di applicazioni ne è anzitutto prova evidente dell’importanza: da quelle che vedremo in
questo corso a quelle più avanzate che pervadono l’intera Analisi Matematica, la Fisica, nonché tutte le discipline
applicate, dall’Ingegneria all’Economia. Il nostro scopo è sviluppare le tecniche e i metodi ed illustrarne la
versatilità.
Uno dei problemi che diede origine al Calcolo è il problema di determinare la tangente ad una curva piana.
Consideriamo il caso in cui questa sia il grafico di una certa funzione f : D ⊂ R −→ R e sia (x 0, f (x 0 )) un punto
del suo grafico. L’equazione di una generica retta (non verticale) passante per tale punto ha la forma
y = m(x − x 0 ) + f (x 0 ).
Un problema è: determinare il coefficiente angolare m in modo che questa sia "tangente" al grafico. L’idea
geometrica è semplicissima: posto che per individuare univocamente una retta occorrono due punti, consideriamo
un secondo punto sul grafico di f , del tipo (x 0 + h, f (x 0 + h)) dove h , 0 (di modo che questo punto sia distinto
dal precedente).
y

Hx0 +h,f Hx0 +hLL

Hx0 ,f Hx0 LL

x
x0 x0 +h

Il coefficiente angolare della retta passante per (x 0, f (x 0 )) e (x 0 + h, f (x 0 + h)) è dato da


variazione ordinate f (x 0 + h) − f (x 0 )
m= = .
variazione ascisse h
Evidentemente tale m dipende da h e in genere questa retta non sarà tangente ma taglierà il grafico come illustrato in
figura. È tuttavia naturale pensare che quando si fa tendere h a zero la retta così costruita si sposti fino ad assumere
una posizione limite che, appunto dovrebbe essere quella della retta tangente. In altre parole il coefficiente angolare
m che cerchiamo dovrebbe essere assegnato dalla formula
f (x 0 + h) − f (x 0 )
lim .
h→0 h

115
116

Questo limite, se esiste, prende il nome di derivata di f nel punto x 0 e viene indicata con f 0 (x 0 ).
L’interesse pratico della derivata va oltre questo problema geometrico. Si noti infatti che la conoscenza di
f 0 (x 0 ) anticipi una serie di proprietà della funzione. Per esempio f 0 (x 0 ) > 0 dovrebbe naturalmente voler dire f
crescente (almeno vicino a x 0 ), e similmente f 0 (x 0 ) < 0 dovrebbe voler dire f decrescente. Quindi il segno della
derivata diventa uno strumento fondamentale per la monotonia. Ma non solo: dalla monotonia possiamo affrontare
il problema di trovare massimi e minimi. In questo Capitolo ci proponiamo di introdurre tutto ciò (e molto altro),
cercando di non perdere di vista il senso geometrico delle cose.

7.1 Definizione e prime proprietà


D’ora in poi diremo che x 0 è punto interno a D ⊂ R se ∃Ix0 ⊂ D. Scriveremo x 0 ∈ Int(D).

Definizione 7.1.1 (derivata). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Int(D). Diciamo che f è derivabile in x 0 se


f (x 0 + h) − f (x 0 )
∃ lim =: f 0 (x 0 ) ∈ R.
h→0 h
Il numero f 0 (x 0 ) si dice derivata di f nel punto x 0 .

La derivabilità è una proprietà di una funzione in un punto x 0 , similmente alla continuità. A questa è connessa
dalla

Proposizione 7.1.2. Se f è derivabile in x 0 allora è anche continua in x 0 .


Dim. — Immediata:
f (x) − f (x 0 ) h=x−x0, x→x0, h→0 f (x 0 + h) − f (x 0 )
f (x) − f (x 0 ) = · (x − x 0 ) = · h −→ f 0 (x 0 ) · 0 = 0.
x − x0 h

Attenzione! 7.1.3. Nonostante tutti gli avvisi del caso, non c’è niente da fare: c’è sempre qualcuno che si ostina
a credere che sia la continuità ad implicare la derivabilità e non il viceversa: non è inutile ripetere che non è così!
Il classico esempio è la funzione
f (x) := |x|, x ∈ R.
Si vede subito che @ f 0 (0).
y

Infatti:
f (h) − f (0) |h|
lim = lim ,
h→0 h h→0 h
che non esiste essendo
|h| h |h| −h
lim = lim = 1, lim = lim = −1.
h→0+ h h→0+ h h→0− h h→0− h
117

f HxL-Hf Hx0 L+f 'Hx0 LHx-x0 LL=oHx-x0 L

x
x0 x

La retta di equazione
y = f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + f (x 0 ),
prende il nome di retta tangente al grafico di f in x = x 0 . Chiariamo in che senso è tangente. A tal fine prendiamo
una generica retta passante per (x 0, f (x 0 )) non verticale

y = m(x − x 0 ) + f (x 0 ).

Il "gap" tra la funzione e la retta è quantificato dalla differenza

ε(x) := f (x) − (m(x − x 0 ) + f (x 0 )) .

Se f è derivabile in x 0 allora è ivi continua dunque facilmente si vede che

ε(x) −→ 0, x −→ x 0, ∀m ∈ R.

Ma
Teorema 7.1.4. f è derivabile in x 0 se e solo se esiste m ∈ R tale che

f (x) − (m(x − x 0 ) + f (x 0 )) = o(x − x 0 ). (7.1.1)

Si ha in tal caso m = f 0 (x 0 ). In particolare, se f è derivabile in x 0 vale la formula di Taylor al primo ordine

f (x) = f (x 0 ) + f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ).

Dim. — =⇒ Supponiamo f derivabile. Allora, ponendo m = f 0 (x 0 ) abbiamo


f (x) − f (x 0 ) − f 0 (x 0 )(x − x 0 )
f (x) − f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + f (x 0 ) = o(x − x 0 ), ⇐⇒ −→ 0, x −→ x 0 .

x − x0
Ma
f (x) − f (x 0 ) − f 0 (x 0 )(x − x 0 ) f (x) − f (x 0 )
= − f 0 (x 0 ) −→ f 0 (x 0 ) − f 0 (x 0 ) = 0.
x − x0 x − x0
⇐= Supponiamo ora che valga la (7.1.1) e proviamo che f è derivabile. Dalla (7.1.1) abbiamo che
f (x) − f (x 0 ) − m(x − x 0 ) f (x) − f (x 0 )
−→ 0, ⇐⇒ − m −→ 0.
x − x0 x − x0
Necessariamente dunque
f (x) − f (x 0 ) f (x 0 + h) − f (x 0 )
∃ lim = lim = m.
x→x0 x − x0 h→0 h

Il caso della funzione modulo mostra che talvolta può aver senso parlare di derivata unilaterale.
118

Definizione 7.1.5. Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Int(D ∩ [x 0, +∞[). Diciamo che f è derivabile da destra in x 0 se


f (x 0 + h) − f (x 0 )
∃ lim =: f +0 (x 0 ) ∈ R.
h→0+ h
Analogamente si definisce f −0 (x 0 ).
Evidentemente, ricordando le proprietà dei limiti unilaterali si ha la
Proposizione 7.1.6. Una funzione f : D ⊂ R −→ R è derivabile in x 0 ∈ Int(D) se e solo se è derivabile da destra
e da sinistra e le due derivate unilaterali coincidono.

7.2 Derivate delle funzioni elementari


Sostanzialmente le funzioni elementari sono derivabili laddove definite. Diciamo che una funzione f : D ⊂ R −→ R
è derivabile su D se esiste f 0 (x) per ogni x ∈ D. In questo caso è definita una funzione

f 0 : D ⊂ R −→ R

che prende appunto semplicemente il nome di derivata di f . Il calcolo della derivata delle funzioni elementari è
conseguenza dei limiti notevoli presentati nel capitolo precedente:
Proposizione 7.2.1. Si ha
• le funzioni costanti sono derivabili su tutto R con derivata nulla.
• exp è derivabile su tutto R e exp0 = exp.
• log è derivabile su ]0, +∞[ e log0 = 1] .

• sin e cos sono derivabili su tutto R e sin0 = cos mentre cos0 = sin.
• sinh e cosh sono derivabili su tutto R e sinh0 = cosh mentre cosh0 = sinh.
• ] n , n ∈ N è derivabile su tutto R e (] n ) 0 = n] n−1 .
• ] m , m ∈ Z, m < 0 è derivabile su R\{0} e (] m ) 0 = m] m−1 .
• ]α , α ∈ R, è derivabile su ]0, +∞[ (ed anche in 0 da destra se α > 1) e (]α ) 0 = α]α−1 .
• |]| è derivabile su R\{0} e |]| 0 = sgn.

Dim. — Sia x ∈ R. Se f è costante uguale a C allora


f (x + h) − f (x) C −C 0
lim = lim = lim = 0.
h→0 h h→0 h h→0 h

Passando all’esponenziale si ha
e x+h − e x eh − 1
lim = e x lim = ex .
h→0 h h→0 h
Per il logaritmo     
log(x + h) − log x log x 1 + hx − log x log 1 + hx 1 1
lim = lim = lim = .
h→0 h h→0 h h→0 h/x x x
119

Similmente si ha

sin(x + h) − sin x sin x cos h + sin h cos x − sin x


!
cos h − 1 sin h
lim = lim = lim sin x h + cos x = cos x.
h→0 h h→0 h h→0 h2 h

Un calcolo simile mostra che cos 0 = − sin. Analoghe dimostrazioni per le derivate di sinh e cosh. Per la potenza abbiamo

n n n
(x + h) n − x n
! ! !
1 X n 1X n X n
= *. x n−k hk − x n +/ = x n−k hk = x n−k hk−1 .
h h k h k k
,k=0 - k=1 k=1

Per k > 2 si ha hk−1 −→ 0 per h −→ 0. Dunque

(x + h) n − x n
!
n
lim = x n−1 = nx n−1 .
h→0 h 1

Se m ∈ Z, m = −n con n > 0, allora, se x , 0,

(x + h) m − x m 1 x n − (x + h) n x n − (x + h) n
!
1 1 1 1
= − = =
h h (x + h) n x n h (x + h) n x n (x + h) n x n h

1  
−→ 2n −nx n−1 = −nx −n−1 = mx m−1 .
x
Un po’ più complicata l’ultima: se x > 0

h α
 
(x + h) α − x α 1+ − 1 t= hx , h=t x (1 + t) α − 1
α
x α lim = x α−1 α.
x
lim = lim x =
h→0 h h→0 h t→0 tx

Se x = 0 ed α > 1 allora il limite del rapporto incrementale diventa


lim = lim hα−1 = 0,
h→0+ h h→0+

che conferma la formula α]α−1 per x = 0. Infine il conto della derivata del modulo è lasciato per esercizio.

7.3 Regole di calcolo


Attraverso alcune semplici regole possiamo ricondurre il calcolo della derivata di una funzione composta a quello
delle sue componenti:

Proposizione 7.3.1. Siano f , g due funzioni derivabili in x 0 interno ai rispettivi domini. Allora

i) f ± g è derivabile in x 0 e ( f ± g) 0 (x 0 ) = f 0 (x 0 ) ± g 0 (x 0 ).

ii) f · g è derivabile in x 0 e ( f · g) 0 (x 0 ) = f 0 (x 0 )g(x 0 ) + f (x 0 )g 0 (x 0 ).


 f 0 f 0 (x0 )g(x0 )− f (x0 )g0 (x0 )
iii) se g(x 0 ) , 0 allora f /g è derivabile in x 0 e g (x 0 ) = g(x0 ) 2
.
120

In particolare !0
1 g 0 (x 0 )
(x 0 ) = − , (se g(x 0 ) , 0).
g g(x 0 ) 2

Dim. — La dimostrazione è davvero elementare. Per esempio la somma:

( f + g)(x 0 + h) − ( f + g)(x 0 ) f (x 0 + h) + g(x 0 + h) − f (x 0 ) + g(x 0 )



=
h h
f (x 0 + h) − f (x 0 ) g(x 0 + h) − g(x 0 )
= +
h h

−→ f 0 (x 0 ) + g 0 (x 0 ).

Il prodotto invece richiede un minimo di maggiore attenzione:


( f · g)(x 0 + h) − ( f · g)(x 0 ) f (x 0 + h)g(x 0 + h) − f (x 0 )g(x 0 )
=
h h
f (x 0 + h) − f (x 0 ) g(x 0 + h) − g(x 0 )
= g(x 0 + h) + f (x 0 )
h h
Ricordato ora che una funzione derivabile in un punto è anche ivi continua, per h −→ 0 si ha evidentemente che
f (x 0 + h) − f (x 0 ) g(x 0 + h) − g(x 0 )
g(x 0 + h) + f (x 0 ) −→ f 0 (x 0 )g(x 0 ) + f (x 0 )g 0 (x 0 ).
h h
L’ultima è simile. I casi particolari sono evidenti.

Siccome le costanti hanno derivata nulla, applicando le regole di somma e prodotto otteniamo che

(α f + βg) 0 = α f 0 + βg 0, ∀α, β ∈ R,

proprietà che viene detta linearità della derivata.


Consideriamo ora una composizione tra due funzioni. Procedendo "alla buona" si ha

g ◦ f (x 0 + h) − g ◦ f (x 0 ) g( f (x 0 + h)) − g( f (x 0 )) g( f (x 0 + h)) + g( f (x 0 )) f (x 0 + h) − f (x 0 )
= = ,
h h f (x 0 + h) − f (x 0 ) h

che, se assumiamo f derivabile in x 0 e g derivabile in f (x 0 ) sembra porgere

(g ◦ f ) 0 (x 0 ) = g 0 ( f (x 0 )) f 0 (x 0 ).

La formula è giusta ma quella scritta sopra non ne è una dimostrazione. Infatti dovremmo richiedere, per giustificare
i passaggi, che f (x 0 + h) , f (x 0 ) per h −→ 0 (di modo da evitare la divisione per 0). Poiché questa necessità
non rientra nella formula finale sembra ragionevole bypassare questo ostacolo con una dimostrazione alternativa.
Questa è basata sulla formula di Taylor:

Teorema 7.3.2 (regola della catena). Siano f : D ⊂ R −→ R, g : D H tali


H ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Int(D), f (x 0 ) ∈ Int( D)
che esistano f 0 (x 0 ) e g 0 ( f (x 0 )). Allora

∃ (g ◦ f ) 0 (x 0 ) = g 0 ( f (x 0 )) f 0 (x 0 ). (7.3.1)
121

Dim. — Essendo g derivabile in f (x 0 ) possiamo scrivere, per la formula di Taylor,

g(y) = g( f (x 0 )) + g 0 ( f (x 0 ))(y − f (x 0 )) + o(y − f (x 0 )).

Prendendo y = f (x) abbiamo allora

g( f (x)) = g( f (x 0 )) + g 0 ( f (x 0 ))( f (x) − f (x 0 )) + o( f (x) − f (x 0 )).

Ma
f (x) = f (x 0 ) + f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ),
per cui

= g( f (x 0 )) + g 0 ( f (x 0 )) f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ) + o f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 )


 
g( f (x))

= g( f (x 0 )) + g 0 ( f (x 0 )) f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + g 0 ( f (x 0 ))o(x − x 0 ) + o f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ) .




Ricordate le proprietà degli o−piccoli abbiamo subito che

g 0 ( f (x 0 ))o(x − x 0 ) = o(x − x 0 ), e o f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ) = o(x − x 0 ),




e quindi, infine
g( f (x)) = g( f (x 0 )) + g 0 ( f (x 0 )) f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ),
che è appunto equivalente a dire che g ◦ f è derivabile in x 0 e vale la (7.3.1).

Osservazione 7.3.3 (Importante!). Occorre sempre osservare che le regole di calcolo sono condizioni sufficienti.
Per esempio: se si verificano le condizioni del teorema precedente allora la funzione composta è derivabile. Ma se
non si verificano? Be’ può esserlo lo stesso. Ecco un semplice esempio. Prendiamo la seguente composizione

x 7−→ |x| 7−→ |x| 2, cioè f (x) = |x|, g(y) = y 2 .

Allora g ◦ f (x) = |x| 2 = x 2 che è chiaramente derivabile su tutto R. Tuttavia la regola della catena non può essere applicata nel
punto x 0 = 0. Infatti f non è derivabile in questo punto, mentre g è derivabile in f (x 0 ) = 0.

Esempio 7.3.4. Stabilire dov’è derivabile (e calcolarne la derivata) la funzione



x 7−→ 1 + sin x.

Sol. — La funzione è definite per 1 + sin x > 0, e questo si verifica per ogni x ∈ R. Possiamo vedere la funzione come
composizione di due funzioni:
f g √ √
x 7−→ 1 + sin x 7−→ 1 + sin x, f (x) = 1 + sin x, g(y) = y.

Sia x ∈ R (dominio della funzione composta). Allora se i) f è derivabile in x e ii) g è derivabile in f (x), dalla regola della
catena segue che g ◦ f è derivabile in x. Ora: i) f è derivabile in ogni punto x ∈ R (somma di funzioni derivabili su tutto R); ii)
g è derivabile in f (x) se e solo se f (x) > 0, cioè se e solo se 1 + sin x > 0, ovvero sin x > −1. Ora sin > −1 e sin x = −1 se e
solo se x = 32 π + k2π con k ∈ Z. Ne segue che si può applicare la regola della catena in ogni punto x ∈ R\{ 23 π + k2π : k ∈ Z}.
Inoltre, essendo
1
f 0 (x) = cos x, g 0 (y) = √ ,
2 y
122

ne segue che ( )
1 3
∃ (g ◦ f ) 0 (x) = √ cos x, ∀x ∈ R\ π + k2π : k ∈ Z .
2 1 + sin x 2
Cosa possiamo dire dei punti 32 π + k2π? In effetti in questi punti saltano le ipotesi della regola della catena, quindi formalmente
non possiamo concludere niente. In questo caso (al momento) l’unica strada è ricorrere alla definizione. Per periodicità basta
considerare il caso x 0 = 32 π. Si tratta di calcolare
q
    
1 + sin 23 π + h
 √
f 23 π + h − f 23 π 1 − cos h
lim = lim = lim .
h→0 h h→0 h h→0 h
Ricordato che
h2 h2 |h|
cos h = 1 − + o(h2 ), =⇒ 1 − cos h = + o(h2 ), =⇒ (1 − cos h) 1/2 = √ + o(h),
2 2 2
per cui
√ |h |
√ + o(h)
1 − cos h 2 1 o(h)
= = √ sgn(h) +
h h 2 h
e come si vede il limite non esiste. Tuttavia esistono i limiti destro e sinistro e valgono rispettivamente ± √1 . Se ne deduce che
2
g ◦ f è derivabile da destra e da sinistra anche nei punti del tipo 32 π + k2π, k ∈ Z sebbene non sia derivabile in detti punti.

7.4 Teoremi fondamentali del Calcolo Differenziale


I risultati di questa sezione sono, per quanto apparentemente semplici, molto profondi e hanno una serie di ricadute
su risultati più raffinati. Il primo risultato che vediamo è il teorema di Fermat il quale afferma che in un punto di
massimo o minimo locale interno al dominio di una funzione, la derivata deve essere nulla. Locale significa che è
estremante in un suo opportuno intorno:
Definizione 7.4.1. Sia f : D ⊂ R −→ R. Un punto x min ∈ D si dice minimo locale per f su D se

∃ Ixmi n : f (x min ) 6 f (x), ∀x ∈ D ∩ Ixmi n .

Analogamente si definisce un punto di massimo locale.


Va da sé che un estremante globale è anche locale ma non ovviamente il viceversa. Ciò premesso:
Teorema 7.4.2 (Fermat). Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Int(D) estremante locale. Allora, se f è derivabile in x 0 si
ha f 0 (x 0 ) = 0.
Dim. — Molto semplice: consideriamo ad esempio il caso di un minimo locale. Siccome x min ∈ Int(D) possiamo assumere
(a meno di restringerlo) che l’intorno su cui vale

f (x min ) 6 f (x), ∀x ∈ D ∩ Ux mi n

sia contenuto in D. Dunque avremo


f (x min ) 6 f (x), ∀x ∈]x min − r, x min + r[.
In particolare,
se |h| < r, f (x min + h) > f (x min ), ⇐⇒ f (x min + h) − f (x min ) > 0.
123

Ma allora
f (x min + h) − f (x min )
f 0 (x min ) = f −0 (x min ) = lim > 0,
h→0− h

f (x min + h) − f (x min )
f 0 (x min ) = f +0 (x min ) = lim 6 0,
h→0+ h
da cui f 0 (x min ) = 0.

Osservazione 7.4.3. Si noti che si è di fatto dimostrato che, come suggerisce l’intuizione, se x min è un estremo,
per esempio l’estremo sinistro e f è derivabile da destra allora f +0 (x min ) > 0, mentre se è l’estremo destro e f è
derivabile da sinistra allora f −0 (x min ) 6 0.

Definizione 7.4.4. Se f 0 (x 0 ) = 0 si dice che x 0 è un punto stazionario per f .


Osservazione 7.4.5. Così come un punto stazionario può essere un massimo o un minimo può altresì essere
nessuno dei due! per esempio se f (x) = x 3 , allora f 0 (x) = 3x 2 e f 0 (0) = 0, ma evidentemente x = 0 non è né min né max.

Il secondo teorema fondamentale, detto teorema di Rolle, esprime un fatto intuitivamente evidente non appena si
effettua un disegno: se una funzione f è derivabile su un intervallo ed agli estremi dello stesso assume lo stesso
valore allora da qualche parte la retta tangente al grafico deve essere orizzontale.

Teorema 7.4.6 (Rolle). Sia f : [a, b] −→ R continua su [a, b] e derivabile su ]a, b[ ( 1 ) . Allora

se f (a) = f (b), =⇒ ∃ξ ∈]a, b[ : f 0 (ξ) = 0.

Dim. — Siccome f è continua su [a, b] compatto, per il teorema di Weierstrass ammette massimo e minimo assoluti. Chiamiamo
x min e x max due punti, rispettivamente, di minimo e massimo assoluti. Se f (x min ) = f (x max ) allora f è costante, e quindi in
ogni punto ξ ∈]a, b[ si ha f 0 (ξ) = 0. Altrimenti, se f (x min ) < f (x max ) almeno uno dei due punti appartiene ad ]a, b[ (visto
che f (a) = f (b)). Ma allora, se per esempio è x min ∈]a, b[, per il teorema di Fermat si ha f 0 (x min ) = 0.

Il teorema di Rolle ha un importantissimo corollario, il teorema di Lagrange noto anche come formula dell’incremento
finito. Esprime un fatto relativamente immediato. Prendiamo una funzione f : [a, b] −→ R continua e derivabile
(non è necessario che lo sia negli estremi). Congiungiamo con una retta i punti (a, f (a)) e (b, f (b)). Si vede subito
che esiste almeno una tangente al grafico che è parallela a questa retta.

Teorema 7.4.7 (Lagrange). Sia f : [a, b] −→ R continua su [a, b] e derivabile su ]a, b[. Allora

f (b) − f (a)
∃ ξ ∈]a, b[ : = f 0 (ξ). (7.4.1)
b−a
Nella forma
∃ ξ ∈]a, b[ : f (b) − f (a) = f 0 (ξ)(b − a). (7.4.2)
si dice formula dell’incremento finito.
1N.B.: con questo si intende che non è richiesto che lo sia anche in a (da destra) e in b (da sinistra).
124

I x0
x
a Ξ Ξ b

Figura 7.1: Il teorema di Lagrange.

Dim. — Sia
f (b) − f (a)
h : [a, b] −→ R, h(x) := f (x) − (x − a), x ∈ [a, b].
b−a
Chiaramente h è continua in [a, b] e derivabile in ]a, b[. Inoltre
f (b) − f (a)
h(a) = f (a), h(b) = f (b) − (b − a) = f (b) − ( f (b) − f (a)) = f (a).
b−a
Dunque per il teorema di Rolle esiste ξ ∈]a, b[ tale che h 0 (ξ) = 0. Ma
f (b) − f (a)
h 0 (ξ) = f 0 (ξ) − ,
b−a
da cui la conclusione.

Una prima conseguenza del teorema di Lagrange è un utile test per l’esistenza della derivata:
Proposizione 7.4.8. Sia f una funzione derivabile su ]x 0, +∞[∩D, continua da destra in x 0 . Allora


 se ` ∈ R ∃ f +0 (x 0 ) = `,
se ∃ lim f (x) := ` ∈ R ∪ {±∞}, =⇒ 
0 

x→x0 +  se ` ∈ {±∞} @ f 0 (x ).
 + 0

Analogo discorso per la derivata sinistra.


Dim. — Ricordiamo che
f (x 0 + h) − f (x 0 )
f +0 (x 0 ) = lim .
h→0+ h
Per il teorema di Lagrange, che si può applicare essendo tutte le ipotesi soddisfatte, sull’intervallo [x 0, x 0 + h] abbiamo che
esiste ξh ∈]x 0, x 0 + h[ tale che
f (x 0 + h) − f (x 0 )
= f 0 (ξh ).
h
Ma siccome x 0 < ξh < x 0 + h implica che ξh −→ x 0 +, per ipotesi f (ξh ) −→ `. Da qui è facile concludere.

Esempio 7.4.9. Sia f : R\{0} −→ R definita come




 a arctan x1 + (b + 1) log(1 − x), x < 0,

f (x) := 
 sinh bx − a cos √1x , x > 0.


 x 2 +1

i) Dire se esistono a, b ∈ R tali che f sia prolungabile con continuità in x = 0. ii) Per tali a, b dire se si ha che è
anche derivabile in x = 0.
125

Sol. — i) Ricordiamo che f è prolungabile con continuità in x = 0 se e solo se f (0−) = f (0+). In tal caso il valore comune
definisce il prolungamento. Ora,
π
!
1
f (0−) = lim a arctan + (b + 1) log(1 − x) = −a ,
x→0− x 2

2 +1 = 0, si ha che
mentre, tenendo conto che lim x→0+ sinh xbx
!
bx 1
∃ lim sinh 2 − a cos √ , ⇐⇒ a = 0,
x→0+ x +1 x

visto che @ lim x→0+ cos √1 . In tal caso f (0+) = 0 ed f (0−) = 0, dunque f è prolungabile per continuità, qualunque sia b ∈ R.
x
ii) Dunque, dal punto precedente, a = 0 e b ∈ R. In tal caso


 (b + 1) log(1 − x), x < 0,




x = 0,

f (x) =  0,






 sinh x 2 +1 , x > 0,

 bx

è il prolungamento. Tale prolungamento è derivabile per x , 0 e


 b+1 ,
− 1−x x < 0,



f 0 (x) = 

  b(x 2 +1)−2bx 2
 cosh bx , x > 0.



x 2 +1 (x 2 +1) 2

Da questo si vede subito che
b+1 b(x 2 + 1) − 2bx 2
!
bx
f 0 (0−) = lim − = −b − 1, f 0 (0+) = lim cosh 2 = b.
x→0− 1 − x x→0+ x +1 (x 2 + 1) 2
Per il criterio di esistenza della derivata ne segue che ∃ f −0 (0) = −b − 1 e ∃ f +0 (0) = b. Ma allora ∃ f 0 (0) se e solo se
f −0 (0) = f + (0), cioè se e solo se −b − 1 = b da cui b = − 21 .

Attenzione! 7.4.10. Il tipico errore, come al solito legato ad una confusione logica tra condizione sufficiente e
condizione necessaria, è quello di ritenere che se se il limite di f 0 non esiste allora non esiste nemmeno f 0. Ciò
è falso! Se ci si pensa, di fatto la conclusione della proposizione è che la derivata è continua. Abbiamo visto, seppur non è
immediatissimo, esempi di funzioni con derivata non continua. Per esempio sia



 x 2 sin x1 , x , 0,
f (x) := 

 0, x = 0.

Facilmente (regola limitata×infinitesima=infinitesima) si ottiene che f è continua in x = 0 ed inoltre

f (h) − f (0) h2 sin h1 1


f 0 (0) = lim = lim = lim h sin = 0,
h→0 h h→0 h h→0 h
sempre in virtù della medesima regola. Eppure
!
0 1 1 1
lim f (x) = lim 2x sin − cos = − lim cos ,
x→0 x→0 x x x→0 x
che chiaramente non esiste!
126

7.5 Regole di Hôpital


In questa sezione illustreremo delle efficaci tecniche di calcolo dei limiti note come regole di Hôpital. Esse derivano
da un corollario del teorema di Rolle che è, di fatto, un’estensione del teorema di Lagrange:

Teorema 7.5.1 (Cauchy). Siano f , g : [a, b] −→ R continue su [a, b] e derivabili in ]a, b[, con g(a) , g(b) e
g 0 (x) , 0 per ogni x ∈]a, b[. Allora

f (b) − f (a) f 0 (ξ)


∃ ξ ∈]a, b[ : = 0 . (7.5.1)
g(b) − g(a) g (ξ)

f (b)− f (a)
Dim. — Si applica il teorema di Rolle alla funzione h(x) := f (x) − g(b)−g(a) (g(x) − g(a)). Esercizio.

In molti casi ci troviamo con una forma indeterminata del rapporto


!
f (x) 0 ∞
lim , , .
x→x0 g(x) 0 ∞

Tramite il teorema di Cauchy questo problema può essere trasformato in quello di calcolare lo stesso limite per il
0
rapporto gf 0 . Le regole sono quattro a seconda della forma indeterminata e del fatto che x 0 ∈ R o x 0 = ±∞. Di
fatto occorrono quattro dimostrazioni sebbene gli enunciati siano molto simili. Una volta compresa la "filosofia"
del primo non è difficile capire e memorizzare i rimanenti.

Teorema 7.5.2 (prima regola, 00 al finito). Siano f , g : D ⊂ R −→ R, funzioni infinitesime in x 0 , dove x 0 ∈ Acc(D).
Supponiamo inoltre che

i) f , g siano derivabili in Ix0 \{x 0 };

ii) g, g 0 , 0 in Ix0 \{x 0 };


f 0 (x)
iii) esista limx→x0 g0 (x) = ` ∈ R ∪ {±∞}.

Allora
f (x)
∃ lim = `.
x→x0 g(x)

Dim. — Facciamo la dimostrazione per il limite x −→ x 0 +, per x −→ x 0 − è analoga poi basta combinare i risultati. La
prima osservazione è che possiamo ritenere f , g definite anche per x = x 0 prolungandole per continuità ponendo, ovviamente,
f (x 0 ) = g(x 0 ) = 0. Sia x ∈]x 0, x 0 + r[ e osserviamo che

f (x) f (x) − f (x 0 ) Cauchy 7.5.1 f 0 (ξ x )


= = ,
g(x) g(x) − g(x 0 ) g 0 (ξ x )

dove ξ x ∈]x 0, x[. Per x −→ x 0 + si ha che ξ x −→ x 0 +. Ma allora, in virtù della iii),

f (x) f 0 (ξ x )
lim = lim = `.
x→x0 + g(x) x→x0 + g 0 (ξ x )
127

Esempio 7.5.3. Calcolare il


sinh x − x
lim .
x→0 sin(x 3 )

Sol. — Siano f (x) := sinh x − x, g(x) := sin(x 3 ). Chiaramente f e g sono infinitesime per x −→ 0 e sono anche funzioni
derivabili su tutto R (quindi in particolare in un intorno di 0). Inoltre
g 0 (x) = 3x 2 cos(x 3 ),
da cui g 0 = 0 sse x = 0 oppure x 3 = π2 + kπ, k ∈ Z. In particolare g 0 , 0 in un intorno di 0 eccetto x = 0, il che verifica
l’ipotesi ii). A questo punto
f 0 (x) cosh x − 1 1 cosh x − 1 1 1 1
lim = lim = lim = · = .
x→0 g 0 (x) x→0 3x 2 cos(x 3 ) x→0 3 cos(x 3 ) x2 3 2 6
Ma allora, in virtù della prima regola, esiste anche il limite proposto e vale 16 .

Osservazione 7.5.4. Nella pratica, la regola di applica scrivendo


f (x) H f 0 (x)
lim = lim 0 ,
x→x0 g(x) x→x0 g (x)

indicando così che l’uguaglianza è valida se sono valide le ipotesi della regola. Non va mai dimenticato che l’esistenza del
limite del rapporto delle derivate implica l’esistenza del limite del rapporto, ma non vale il viceversa! Anzi: il limite del
rapporto delle derivate può non esistere ma il limite del rapporto iniziale esistere benissimo. Ecco un esempio semplice. Si
consideri
x 2 sin x1
lim .
x→0 sin x
Immediatamente si riconosce che si tratta di una forma 00 e che il limite è 0 poiché

x 2 sin x1 1
x x 2 sin x 1
= = 1 x · x sin −→ 0,
sin x sin x x x
per la regola limitata×infinitesima=infinitesima. Tuttavia se applichiamo la regola di Hôpital otteniamo
x 2 sin x1 H 2x sin x1 − cos x1 1
lim = lim = − lim cos ,
x→0 sin x x→0 cos x x→0 x
che chiaramente non esiste.

Osservazione 7.5.5. La regola di Hôpital può essere anche applicata iterativamente. Per esempio: calcoliamo il
!
1 1
lim − .
x→0 log x x−1
Nessuno dei due termini ammette limite singolarmente. Tuttavia chiaramente
!
1 1 x − 1 − log x
lim − = lim
x→0 log x x−1 x→0 (x − 1) log x

si presenta come una forma 00 . Ora, applicando la prima regola,

x − 1 − log x H 1 − x1 x−1 0, H
0
1 1 1
lim = lim = lim = lim = lim = .
x→0 (x − 1) log x x→0 log x + (x − 1) 1 x→0 x log x + x − 1 x→0 log x + 1 + 1 x→0 2 + log x 2
x
L’esistenza dell’ultimo limite implica l’esistenza di quello precedente con egual valore, il quale a sua volta implica l’esistenza
del primo con il medesimo valore.
128

Teorema 7.5.6 (seconda regola, ∞


∞ al finito). Siano f , g : D ⊂ R −→ R, funzioni infinite in x 0 ∈ Acc(D).
Supponiamo inoltre che

i) f , g siano derivabili in Ix0 \{x 0 };

ii) g 0 , 0 in Ix0 \{x 0 };


f 0 (x)
iii) esista il limx→x0 g0 (x) = ` ∈ R ∪ {±∞}.

Allora
f (x)
∃ lim = `.
x→x0 g(x)

Dim. — Omessa.

Osservazione 7.5.7. Sebbene si possa applicare la regola di Hôpital iterativamente, occorre agire con cognizione
di causa, altrimenti è una regola "stupida". Il rischio è di iterare senza fine l’applicazione della stessa. Se per
esempio scriviamo
1 −1/x 1 −1/x
e−1/x 0, 2e e−1/x 0, 2e e−1/x
0 0
H H
lim = lim x = lim = lim x 2 = lim = ...
x→0+ x x→0+ 1 x→0+ x 2 x→0+ x x→0+ x 4

si vede che questo procedimento iterativo comporta l’aumento della difficoltà e non ha termine. Notiamo che se invece scriviamo

e−1/x x
1
∞,

H − x12 1 1
+∞
lim = lim 1/x = lim = lim = 0.
x→0+ x x→0+ e x→0+ − 1 e1/x x→0+ e1/x
x2

0 ∞
La terza e la quarta regola riguardano i casi 0 e ∞ all’infinito.

Teorema 7.5.8. Siano f , g definite e derivabili in I±∞ , entrambe infinite o infinitesime in ±∞ e tali che g , 0 in
I±∞ . Allora
f 0 (x) f (x)
∃ lim 0 = ` ∈ R ∪ {±∞}, =⇒ ∃ lim = `.
x→±∞ g (x) x→±∞ g(x)

Dim. — Caso x −→ +∞: cambiando variabile


 
f (x) y:= x1 , x→+∞, y→0+ f y1
lim = lim  .
x→+∞ g(x) y→0+ g 1
y
   
Posto F (y) := f y1 e similmente G(y) := g y1 si vede facilmente che verificano le ipotesi delle prime due regole. Inoltre
 
− y12 f 0 y1
 
F 0 (y) f 0 y1 x= y1 f 0 (x)
lim 0 = lim   = lim   = lim 0 = `,
y→0+ G (y) y→0+ − 1 g 0 1 y→0+ g 0 1 x→+∞ g (x)
y2 y y

per ipotesi. La conclusione segue ora dalle prime due regole di Hôpital.
129

7.6 Segno della derivata e monotonia


Intuitivamente, quando la derivata f 0 (x) > 0 significa che la tangente al grafico è crescente mentre se f 0 (x) < 0
si ha il contrario. Siccome la retta tangente "assomiglia" al grafico di una funzione almeno vicino al punto in
cui si calcola la derivata è naturale attendersi che tale proprietà sia ereditata dalla funzione stessa. Con alcune
precisazioni ciò è conseguenza della formula di Lagrange

Teorema 7.6.1. Sia f : I ⊂ R −→ R, I intervallo, f derivabile su I (unilateralmente negli eventuali estremi).


Allora
f è crescente su I ⇐⇒ f 0 (x) > 0, ∀x ∈ I.
Analogamente
f è decrescente su I ⇐⇒ f 0 (x) 6 0, ∀x ∈ I.
Se poi f 0 > 0 ( f 0 < 0) su I allora f è strettamente crescente (decrescente) su I.
Dim. — =⇒ Supponiamo f (x) 6 f (y) per ogni x, y ∈ I, x 6 y. Allora

f (x + h) − f (x)
f (x + h) > f (x), ∀h > 0, =⇒ f 0 (x) = f +0 (x) = lim > 0,
h→0+ h

f (x + h) − f (x)
f (x + h) 6 f (x), ∀h < 0, =⇒ f 0 (x) = f −0 (x) = lim >0
h→0− h
in virtù della permanenza del segno nei limiti.
⇐= Supponiamo ora f 0 > 0 su I e prendiamo x, y ∈ I, x < y. Allora l’intervallo [x, y] ⊂ I (perché I è intervallo). Essendo
f derivabile su I è ivi continua, quindi: f è sicuramente continua su [x, y] e derivabile su ]x, y[. Ma allora, per la formula di
Lagrange dell’incremento finito (7.4.2) abbiamo che esiste un punto ξ ∈]x, y[ tale che

f (y) − f (x) = f 0 (ξ)(y − x) > 0.

In altre parole: f (x) 6 f (y) per ogni x < y. Se poi f 0 > 0 su I allora f 0 (ξ) > 0 dunque si ottiene f (x) < f (y), cioè f è
strettamente crescente.

Osservazione 7.6.2. Si può avere che f è strettamente crescente su I senza che f 0 > 0. L’esempio tradizionale è
f (x) = x 3 . Chiaramente è strettamente crescente su tutto R ma f 0 (0) = 0. Ciò potrebbe far pensare che i punti dove f 0 = 0
devono essere comunque "isolati". Non è così: riflettiamo sulla seguente funzione

In particolare abbiamo il

Corollario 7.6.3. Sia f : I −→ R, I intervallo, derivabile su I salvo (al più) che nel punto x 0 ∈ Int(I) ma ivi
continua (ovviamente se è derivabile anche in x 0 questa richiesta è superflua). Se

f 0 6 0, per x ∈ I∩] − ∞, x 0 [, f 0 > 0, per x ∈ I∩]x 0, +∞[, =⇒ x 0 è punto di minimo per f su I.

Analogo enunciato per un punto di massimo.


Dim. — Se f 0 6 0 su I∩] − ∞, x 0 [ (che è ovviamente un intervallo) allora, in virtù del teorema precedente è ivi decrescente.
Notiamo allora che se x ∈ I e x < x 0 allora

f (x) > f (y), ∀ x < y < x 0, =⇒ f (x) > lim f (x) = f (x 0 ).


y→x0 −
130

Similmente f (x) > f (x 0 ) per x > x 0 . Se ne deduce


f (x) > f (x 0 ), ∀x ∈ I,
cioè x 0 è un minimo per f su I.

Osservazione 7.6.4. È conveniente enunciare il corollario precedente in questa forma più debole piuttosto che richiedere la
derivabilità su tutto I, questo perché può accade che gli estremanti siano punti dove√una funzione è continua ma non è derivabile,
come quando f ha un punto angoloso (come |x| in x = 0) o una cuspide (come |x| in x = 0).

7.7 Derivata della funzione inversa


Talvolta l’intuizione fa cilecca: di primo acchito verrebbe da dire che se f 0 (x 0 ) , 0 allora la funzione f è monotona
stretta almeno in un intorno di x 0 (e quindi almeno localmente sia invertibile). Non è così!
Esempio 7.7.1. Sia


 x + 2x 2 cos x1 , x , 0,
f (x) := 
x = 0.

 0,

Si vede subito che ∃ f (0) = 1 ma f non è monotona in nessun intorno di 0.


0

Infatti evidentemente f è continua su tutto R e


!
f (h) − f (0) 1
f 0 (0) = lim = lim 1 + 2h cos = 1.
h→0 h h→0 h
D’altra parte, per x , 0,
1 1
f 0 (x) = 1 + 4x cos
− 2 sin ,
x x
e siccome per x −→ 0 si ha 4x cos x1 mentre 2 sin x1 oscilla tra −2 e 2 e dunque f 0 assumerà continuamente valori positivi e
negativi man mano che ci si avvicina a x = 0. Per esempio:
! π 3, k pari,
1  

f0 π = 1 − 2 sin + kπ = 1 + 2(−1) k = 

2 + kπ 2 
 −1, k dispari.

131

Essendo f 0 continua su R\{0} ne deduciamo che per ogni k ∈ N esiste un intorno di π2 + kπ dove f è crescente (k pari) o
decrescente (k) dispari. Dunque in nessun intorno di x = 0 si può affermare che f sia crescente o decrescente!

Nell’esempio precedente f 0 non è continua in x = 0. Se f 0 è anche continua allora tutto funziona.


Definizione 7.7.2 (classe C 1 ). Diciamo che f ∈ C 1 (D) se f è derivabile su D con f 0 ∈ C (D).
Teorema 7.7.3. Sia f ∈ C 1 (I), I intervallo, con f 0 , 0 su I. Allora f è invertibile tra I e J := f (I), f −1 ∈ C 1 (R)
e
1
( f −1 ) 0 (y) = 0 −1 , ∀y ∈ J. (7.7.1)
f ( f (y))

Dim. — Notiamo che essendo f 0 ∈ C (I) deve essere sempre f 0 > 0 o f 0 < 0 perché se f 0 cambiasse segno, per il teorema
degli zeri dovrebbe annullarsi da qualche parte (essendo continua), contraddicendo l’ipotesi f 0 , 0 su I. Supponiamo, ad
esempio, f 0 > 0 su I. In virtù del Teorema 7.6.1 abbiamo che f % strettamente su I per cui
f : I −→ f (I) =: J, è biiettiva, =⇒ ∃ f −1 : J −→ I.
Per il teorema dell’inversa continua f −1 ∈ C (J). Calcoliamone la derivata in un punto y ∈ J. Dobbiamo calcolare

f −1 (y + h) − f −1 (y)
lim .
h→0 h
Poniamo
x := f −1 (y), x + k := f −1 (y + h), ⇐⇒ k = f −1 (y + h) − f −1 (y).
Chiaramente k , 0 se h , 0 ed essendo f −1 continua, per h −→ 0 si ha k −→ 0. Pertanto, per il cambiamento di variabili nei
limiti,
f −1 (y + h) − f −1 (y) k 1 1 1
lim = lim = lim f (x+k)− f (x) = 0 = 0 −1 .
h→0 h k→0 f (x + k) − f (x) k→0 f (x) f ( f (y))
k
Da questa si deduce, in particolare, essendo f −1 ∈ C (J) e f 0 ∈ C (I) che ( f −1 ) 0 ∈ C (J), cioè f −1 ∈ C 1 (J).

Applichiamo il Teorema 7.7.3 alla costruzione e proprietà delle inverse delle funzioni elementari.
Esempio 7.7.4 (Arcoseno, Arcocoseno).
1 1
∃ arcsin0 y = p , ∃ arccos0 y = − p , ∀y ∈] − 1, 1[.
1− y2 1 − y2

Sol. — Ricordiamo che se f (x) = sin x, allora f −1 (y) =: arcsin y è una funzione continua e ben definita da [−1, 1] in [− π2 , π2 ].
Notiamo che f 0 , 0 su ]− π2 , π2 [ mentre f 0 ± π2 = 0, per cui il teorema 7.7.3 si può applicare ad f −1 su ]−1, 1[= f ] − π2 , π2 [ .
   

Dalla (7.7.1) si ha
1 1
arcsin 0 (y) = = .
sin 0 (arcsin y) cos(arcsin y)
Ora: per x ∈ − π2 , π2 si ha cos x > 0, dunque
g f

1 1
q
cos x = 1 − (sin x) 2, =⇒ arcsin 0 (y) = q = q , ∀y ∈] − 1, 1[.
1 − (sin(arcsin y)) 2 1 − y2

Similmente si procede con l’arcocoseno (esercizio).


132

Esempio 7.7.5 (Arcotangente).


1
∃ arctan0 y = , y ∈ R.
1 + y2
sin : − π , π −→ R. Su tale intervallo tan ∈ C e
g f
Sol. — In questo caso prendiamo la funzione tan := cos 2 2

cos x cos x + sin x sin x 1 2


 π π
tan 0 (x) = = ≡ 1 + (tan x) > 0, ∀x ∈ − , ,
(cos x) 2 (cos x) 2 2 2

dunque tan % strettamente. Essendo anche tan ∈ C 1 − π2 , π2 si ha che arctan := tan−1 ∈ C 1 , dove arctan = tan−1 : R −→
g f

− π2 , π2 . Inoltre
g f

1 1 1
arctan 0 (y) = = = , ∀y ∈ R.
tan 0 (arctan y) 1 + (tan(arctan y)) 2 1 + y2

Esempio 7.7.6 (sett sinh , sett cosh ).


1 1 1 1
sett sinh 0 (y) = = = q = q ,
sinh 0 (sett sinh y) cosh(sett sinh y)
(sinh(sett sinh y)) 2 + 1 y2 + 1

where we have chosen the positive root because cosh > 0. Similarly,
1
sett cosh 0 (y) = q .
y2 − 1

7.8 Convessità
La derivata ci permette l’osservazione e studio di altre proprietà notevoli di una funzione. Infatti osservando un
grafico possiamo notare, oltre alla monotonia, la sua curvatura, intuitivamente "verso l’alto" o "verso il basso".
Meno evidente è come definire precisamente questa caratteristica. Guardando la figura di un grafico piegato verso
l’alto possiamo notare la seguente proprietà geometrica: presi due punti (x, f (x)) ed (y, f (y)) sul grafico, la corda
che li congiunge sta sopra al grafico di f tra x ed y.

f HyL - f HxL
Hz,f HxL+ Hz-xLL
y-x

Hz,f HzLL

x z y x z y

Analiticamente possiamo descrivere questa situazione tramite la


Definizione 7.8.1. Sia f : I ⊂ R −→ R, I intervallo. Diciamo che f è convessa su I se
f (y) − f (x)
∀x, y ∈ I, f (z) 6 f (x) + (z − x), ∀z ∈ [x, y]. (7.8.1)
y−x
Se invece vale il > per ogni coppia x, y ∈ I diciamo che f è concava su I.
133

La convessità è una proprietà ricca di senso geometrico. Per esempio si può notare che nel caso di una funzione
convessa le corde hanno pendenza crescente spostando i punti x ed y verso destra. Ciò è suggerito per esempio
dalla figura precedente a destra.

Proposizione 7.8.2. Sia f : I ⊂ R −→ R, I intervallo. Allora f è convessa su I se e solo se

f (z) − f (x) f (y) − f (z)


∀x, z, y ∈ I, x < z < y, 6 . (7.8.2)
z−x y−z

Dim. — Si osserva facilmente che la (7.8.1) e la (7.8.2) sono la stessa cosa. Infatti:
f (y) − f (x) f (z) − f (x) f (y) − f (x)
f (z) 6 f (x) + (z − x), ⇐⇒ 6 .
y−x z−x y−x

Ora, essendo
f (y) − f (x) f (y) − f (z) + f (z) − f (x) f (y) − f (z) y − z f (z) − f (x) z − x
= = + ,
y−x y−x y−z y−x z−x y−x
si ha
f (z) − f (x) f (y) − f (x) f (z) − f (x) f (y) − f (z) y − z f (z) − f (x) z − x
6 , ⇐⇒ 6 + ,
z−x y−x z−x y−z y−x z−x y−x
cioè !
f (z) − f (x) z−x f (y) − f (z) y − z f (z) − f (x) f (y) − f (z)
1− 6 , ⇐⇒ 6 .
z−x y−x y−z y−x z−x y−z

Finora non abbiamo avuto bisogno di coinvolgere la derivata. Un’altra osservazione geometrica ci porta però a
considerarla. Supponiamo che il grafico sia "liscio", cioè che f ammetta tangenti. Allora tracciandone un po’ ci
si accorge che man mano ci si sposta verso destra è come se la retta ruotasse in senso antiorario. Numericamente
significa che la pendenza aumenta, cioè che f 0 %.
y

x
x x+h y+k y

Vediamo che è effettivamente così:

Teorema 7.8.3. Sia f : I ⊂ R −→ R, I intervallo, f convessa su I. Allora

se x < y, e ∃ f +0 (x), f −0 (y), =⇒ f +0 (x) 6 f −0 (y).

In particolare:
se f è derivabile su I allora f è convessa se e solo se f 0 % su I.

Dim. — Osserviamo la figura a destra nella precedente. Traducendola nel linguaggio dei coefficienti angolari si ha che

f (x + h) − f (x) f (y + k) − f (x + h) f (y + k) − f (y)
6 6 ,
h (y + k) − (x + h) k
134

Dimenticando il termine di mezzo e facendo tendere h −→ 0+ e k −→ 0− si ottiene la prima conclusione. Se f è derivabile,


f 0 (x) = f +0 (x) 6 f −0 (y) = f 0 (y) per x 6 y, cioè f 0 %.
Viceversa: supponiamo f 0 % e proviamo che vale la (7.8.2). Fissiamo x < z < y. Allora, per il teorema di Lagrange applicato
sui due intervalli [x, z] e [z, y] abbiamo che

∃ ξ ∈]x, z[ : f (z) − f (x) = f 0 (ξ)(z − x), ∃ η ∈]z, y[ : f (y) − f (z) = f 0 (η)(y − z).

Ma allora
f (z) − f (x) f (y) − f (z)
= f 0 (ξ) 6 f 0 (η) = ,
z−x y−z
da cui la (7.8.2).

Ovviamente si ha un enunciato analogo per le funzioni concave. Nel caso in cui la funzione sia derivabile in
un intervallo I, la convessità può essere caratterizzata anche in altro modo in connessione con le tangenti come,
nuovamente, suggerisce l’intuizione: il grafico della funzione giace "sopra" ogni tangente. Precisamente:

Proposizione 7.8.4. Sia f : I ⊂ R −→ R derivabile su I intervallo. Allora f è convessa su I sse

f (y) > f (x) + f 0 (x)(y − x), ∀y ∈ I, ∀x ∈ I. (7.8.3)

Dim. — =⇒ Prendiamo la (7.8.2) con i punti x < x + h < y. Abbiamo


f (x + h) − f (x) f (y) − f (x + h)
6 .
x y−x−h

Mandando h −→ 0+ e ricordato che se f d̀erivabile allora è anche continua, si ottiene subito


f (x + h) − f (x) f (y) − f (x + h) f (y) − f (x)
f 0 (x) = f +0 (x) = lim 6 lim = ,
h→0+ h h→0+ y − x − h y−x
che altro non è che la (7.8.3).
⇐= Proviamo la (7.8.2). Siano x < z < y. Per ipotesi allora (x − z < 0)

f (x) > f (z) + f 0 (z)(x − z),


f (x) − f (z) f (y) − f (z)
=⇒ 6 f 0 (z) 6 ,
x−z y−z
f (y) > f (z) + f 0 (z)(y − z),

che è appunto la (7.8.2).

Dunque: se f è derivabile,
f convessa ⇐⇒ f 0 % su I.
Come abbiamo visto, la derivata, o meglio il suo segno, è uno strumento importante per determinare la monotonia
di una funzione. In questo caso la funzione di cui vogliamo sapere se è crescente è f 0, la sua derivata ( f 0 ) 0 prende
il nome di derivata seconda. Vediamo una definizione precisa:

Definizione 7.8.5 (derivata seconda). Sia f : D ⊂ R −→ R una funzione derivabile in un intorno Ix0 di x 0 ∈ Int(D).
È definita pertanto una funzione f 0 : Ix0 −→ R. Diciamo che f è due volte derivabile in x 0 ∈ D se

∃ ( f 0 ) 0 (x 0 ) =: f 00 (x 0 ). (derivata seconda nel punto x 0 ).


135

Pertanto, il combinato disposto dei Teoremi 7.6.1 e 7.8.3 produce immediatamente il

Teorema 7.8.6. Sia f : I ⊂ R −→ R, I intervallo. Supponiamo f due volte derivabile su I. Allora

f è convessa su I ⇐⇒ f 00 > 0 su I.

Definizione 7.8.7 (punto di flesso). Sia f : I ⊂ R −→ R, I intervallo con x 0 ∈ Int(I), derivabile in x 0 . Se f è


convessa (concava) per x < x 0 e concava (convessa) per x > x 0 si dice che x 0 è un punto di flesso per f .

Evidentemente, sulla base del teorema precedente,

Corollario 7.8.8. Se f è due volte derivabile su I e cambia di segno nel punto x 0 , allora il punto x 0 è un punto di
flesso.

7.9 Lo studio di funzione


Un classico problema di applicazione del calcolo differenziale è lo studio dell’andamento di una funzione, con
l’obiettivo di tracciarne un grafico qualitativo. In genere si tratta di un problema composto da molti passi che
devono produrre un risultato coerente. Normalmente si procede per gradi successivi che possiamo raggruppare in:

• informazioni preliminari — con ciò si intende: la determinazione del dominio della funzione, l’eventuale
segno e zeri (non sempre è possibile risolvere la disequazione f > 0), il comportamento agli estremi del
dominio di definizione (limiti e asintoti, di cui parleremo di seguito), continutià della funzione, eventuali
punti dove la funzione è prolungabile con continuità;

• studio della monotonia — con ciò si intende: derivabilità della funzione, comportamento della derivata agli
estremi del proprio dominio di definizione (che, bisogna ricordarlo, è sempre un sottoinsieme del dominio
della funzione, sebbene magari l’espressione analitica della derivata sia definita anche altrove), lo studio del
segno della derivata, la deduzione degli intervalli di monotonia e degli estremanti, ivi compresa la natura
locale o globale degli stessi;

• studio della convessità — con ciò si intende: derivabilità di f 0, studio del segno della derivata seconda,
intervalli di concavità/convessità, eventuali punti di flesso.

Una volta raccolte tutte queste informazioni in genere si può procedere a disegnare un grafico qualitativo
dell’andamento della funzione.
È utile precisare la nozione di asintoto. Intuitivamente, un asintoto è una retta cui somiglia il grafico della
funzione. Si possono avere due situazioni: asintoti al finito (ed in questo caso possono essere asintoti verticali)
oppure asintoti all’infinito (e si parla di asintoti orizzontali o asintoti obliqui). Vediamo le definizioni:

Definizione 7.9.1. Se limx→x0 f (x) = ±∞ (anche unilateralmente) si dice allora che la retta x = x 0 è asintoto
verticale per f .

Definizione 7.9.2. Se limx→+∞ f (x) =: ` ∈ R (o a −∞) si dice che la retta y = ` è asintoto orizzontale per f .

Definizione 7.9.3. Se limx→+∞ f (x) = ±∞ (o a −∞) si dice che la retta y = mx + q è asintoto obliquo per f se

f (x) − (mx + q) = 0.

lim
x→+∞
136

Figura 7.2: Da sinistra, asintoto verticale, orizzontale e obliquo.

In quest’ultimo caso è utile capire come trovare m e q naturalmente. Notiamo che


f (x) − (mx + q)
f (x) − (mx + q) = 0, =⇒ = 0.

lim lim
x→+∞ x→+∞ x
Ma
f (x) − (mx + q) f (x) f (x)
0 = lim = lim − m, ⇐⇒ m = lim .
x→+∞ x x→+∞ x x→+∞ x
Notiamo che tale limite deve essere necessariamente diverso da zero, altrimenti limx→+∞ f (x) − (mx + q) = ±∞.

Una volta trovato (ammesso esista finito e diverso da zero il limite precedente) m, q può essere ricavato per differenza
come
q = lim ( f (x) − mx) .
x→+∞
In conclusione: affinché y = mx + q sia asintoto obliquo a +∞ occorre che
f (x)
∃ lim =: m ∈ R\{0}, ∃ lim ( f (x) − mx) =: q ∈ R. (7.9.1)
x→+∞ x x→+∞

Vediamo alcuni esempi.


Esempio 7.9.4. Data la funzione
f (x) = arctan(e x − 1) + log |e x − 4|
i) trovarne l’insieme di definizione; ii)]calcolare limiti ed eventuali asintoti; iii) determinare crescenza e de-
crescenza; iv) determinare eventuali punti di massimo e minimo, locali e globali; v) abbozzarne il grafico.
Sol. — i) Chiaramente D( f ) = {x ∈ R : e x − 4 , 0} = {x , log 4} =] − ∞, log 4[∪] log 4, +∞[.
ii) Abbiamo che
π
f (−∞) = lim arctan(e x − 1) + log |e x − 4| = arctan(−1) + log | − 4| = − + log 4,

x→−∞ 4
da cui la retta y = − π4 + log 4 è asintoto orizzontale.
f (x) log(e x − 1) y=e x −1 log y
f (+∞) = +∞, lim = lim = lim = 1.
x→+∞ x x→+∞ x y→+∞ log(y + 1)

Ci può essere un asintoto obliquo. In tal caso y = mx + q dove m = 1 e


 π ex − 4 π
q = lim f (x) − x = lim arctan(e x − 1) + log |e x − 4| − x = + lim log = ,

x→+∞ x→+∞ 2 x→+∞ ex 2
(si è usato il fatto che x = log e x ). Dunque la retta y = x + π2 è asintoto obliquo a +∞. Resta il comportamento in x = log 4.
Poiché |e x − 4| −→ 0+ per x → log 4 abbiamo che
lim f (x) = −∞.
x→log 4
137

Dunque la retta x = log 4 è asintoto verticale per f .


iii) f è continua e derivabile su tutto il proprio dominio come si vede facilmente. Si ha che

ex
!
1 1 1
f 0 (x) = + x sgn(e x − 4)e x = e x + x
1 + (e − 1)
x 2 |e − 4| 1 + (e − 1)
x 2 e −4

e x − 4 + 1 + (e x − 1) 2 e x − 4 + 1 + e2x − 2e x + 1 e2x − e x − 2
= ex = ex = ex
(1 + (e − 1) )(e − 4)
x 2 x (1 + (e − 1) )(e − 4)
x 2 x (1 + (e x − 1) 2 )(e x − 4)
Da ciò si evince che
e2x − e x − 2
f 0 (x) > 0, ⇐⇒ > 0.
ex − 4
Ora: se y = e x , y 2 − y − 2 > 0, tenuto conto che ∆ = (−1) 2 + 8 = 9 > 0 se e solo se y 6 1−3 1+3
2 = −1, ovvero y > 2 = 2,
x x x
dunque se e solo se e 6 −1 (mai) o se e > 2, cioè x > log 2. Mentre e − 4 > 0 se e solo se x > log 4. Abbiamo pertanto la
seguente tabella per i segni di f 0 :

−∞ log 2 log 2 log 4 log 4 +∞


sgn(e2x − e x − 2) - + +
sgn(e x − 4) - - +
sgn( f 0 ) + − +
f % & %

Essendo f continua in x = log 2 se ne deduce, dalla tabella precedente, che x = log 2 è punto di massimo locale (relativo). Non
ci sono estremanti assoluti perché f è illimitata sia superiormente che inferiormente.

x
log 2 log 4

Esempio 7.9.5. Sia


x log x
f (x) = .
(log x − 1) 2
i) Determinare il dominio di f , il segno ed il comportamento agli estremi dello stesso (compresi eventuali asintoti).
ii) Dire dove f è continua e dove è derivabile e calcolare f 0. Esistono punti esterni al dominio di f nei quali
f è prolungabile con continuità (anche unilaterale)? In detti eventuali punti, è vero che il prolungamento di f
così ottenuto è anche derivabile? iii) Determinare gli eventuali estremanti precisandone la natura (se assoluti o
relativi). iv) Con le informazioni a disposizione tracciare un grafico qualitativo di f .
Sol. — i) Anzitutto, chiaramente D( f ) = x ∈ R : x > 0, log x , 1 = {x ∈ R : x > 0, x , e} =]0, e[∪]e, +∞[. Il segno è

immediato:
f > 0, ⇐⇒ log x > 0, ⇐⇒ x > 1,
e f = 0 se e solo se log x = 0, cioè x = 1. Dobbiamo ora studiare il comportamento di f in 0+, e±, +∞. È opportuno ricordare
i seguenti limiti notevoli (confronto potenze esponenziali):

lim x α | log x| β = 0, (∀α > 0, ∀ β), lim x α | log x| β = +∞, (∀α > 0, ∀ β).
x→0+ x→+∞
138

Abbiamo che
0− e
x log x +∞ x log x
f (0+) = lim = = = +∞,
0+
0−, f (e±) lim
x→0+ (log x − 1) 2 x→e± (log x − 1) 2

+∞
x log x +∞ x 1
f (+∞) = lim 2
= lim 2 = +∞,
x→+∞ (log x − 1) x→+∞ log x 
1 − log1 x
−→1
da cui concludiamo che: la retta x = e è asintoto verticale per f e potrebbe inoltre esserci un asintoto obliquo y = mx + q a +∞
(con m , 0 e q ∈ R). Essendo
f (x) log x
m = lim = lim = 0,
x→+∞ x x→+∞ (log x − 1) 2

ne segue che f non ha asintoto a +∞.


ii) È immediato osservare che f ∈ C(D( f )) utilizzando il fatto che f è ottenuta componendo funzioni continue su D( f ).
Inoltre, per le regole di calcolo, per x , e
   
x log x
!0 log x + x x1 (log x − 1) 2 − x log x 2(log x − 1) x1
0
f (x) = =
(log x − 1) 2 (log x − 1) 4

log x + 1 (log x − 1) − 2 log x



=
(log x − 1) 3

(log x) 2 − 2 log x − 1
= .
(log x − 1) 3
Osserviamo che f è prolungabile per continuità anche in 0, ponendo f (0) = 0 (il prolungamento risulta continuo da destra).
Vediamo se tale prolungamento è anche derivabile. Osservato che

(log x) 2 − 2 log x − 1 ξ:=log x ξ 2 − 2ξ − 1


lim f 0 (x) = lim = lim = 0−,
x→0+ x→0+ (log x − 1) 3 ξ→−∞ (ξ − 1) 3

come si vede subito, per un noto corollario della regola di Hôpital segue che il prolungamento è anche derivabile in x = 0 da
destra con derivata nulla.
iii) Studiamo anzitutto il segno di f 0 . Poiché f 0 = D N andiamo a studiare il segno di N e D separatamente. N (x) =

(log x) − 2 log x − 1, per cui posto ξ = log x abbiamo che ξ 2 − 2ξ − 1 > 0 se e solo se
2

√ √
2− 4+4 2−2 2 √ √
ξ6 = = 1 − 2, oppure ξ > 1 + 2,
2 2
√ √
ovvero, in termini di x, se e solo se x 6 e1− 2 oppure x > e1+ 2 . Per quanto riguarda D(x) = (log√x − 1) 3 abbiamo √ che
D(x) > 0 se e solo se log x > 1 cioè se e solo se x > e. Mettendo tutto in una tabella (ed osservato che 1 − 2 < 0 < 1 < 1 + 2)
√ √ √ √
0 e1− 2 e1− 2 e e e1+ 2 e1+ 2 +∞
sgn(N ) + − − +
sgn(D) − − + +
sgn( f 0 ) − + − +
f & % & %
√ √
Ora: f è continua nel punto

x = e1− 2 , decrescente a sinistra, crescente a destra (almeno

su tutto [e1− 2, e[): pertanto, per un
noto teorema, x = e1− 2 è punto di minimo locale. Similmente lo è anche √
x = e1+ 2 . La funzione non può avere massimi
assoluti (perché illimitata superiormente), mentre vediamo che x = e 1− 2 è minimo assoluto. È infatti, per il discorso fatto
139
y

x
1 ã ã1+ 2


sopra, il minimo sull’intervallo ]0, e[. Su ]e, +∞[

abbiamo ancora un minimo assoluto in x = e1+ 2 dove,√per lo studio del
segno, sappiamo che f è positiva mentre f (e 1− 2 ) < 0. È immediato ora concludere sulla natura di x = e1− 2 .

Lo studio di funzione può essere utile nella risoluzioni di disequazioni non elementari.
Esempio 7.9.6. Risolvere la disequazione
2x log x + 1 > x 2 .

Sol. — Consideriamo la funzione f (x) := 2x log x + 1 − x 2 . Chiaramente D( f ) =]0, +∞[. Inoltre


 
f (0+) = lim 2x log x + 1 − x 2 = 1,
x→0+
!
  1 2
f (+∞) = lim 2x log x + 1 − x 2 = lim −x 2 1 − 2 − log x = −∞
x→+∞ x→+∞ x x
essendo log x +∞ x. Ora, f è continua e derivabile su ]0, +∞[ e
1
f 0 (x) = 2 log x + 2x − 2x = 2 log x + 2 − 2x = 2 log x + 1 − x .

x
Dunque
f 0 > 0, ⇐⇒ g(x) := log x − x + 1 > 0.
Studiamo il segno di g studiando g come funzione. Abbiamo g(0+) = −∞ e g(+∞) − ∞. Inoltre g è continua e derivabile su
]0, +∞[ e
1
g 0 (x) = − 1.
x
Pertanto
1 1 (x>0)
g 0 (x) > 0, ⇐⇒ − 1 > 0, ⇐⇒ > 1, ⇐⇒ x 6 1.
x x
Essendo g continua, x = 1 è punto di massimo globale per g. Essendo g(1) = 0 se ne deduce g 6 0 per ogni x ∈]0, +∞[ (e
g(x) = 0 sse x = 1). Di seguito il grafico sommario di g (non ci interessano ovviamente troppi dettagli visto che dobbiamo
solo determinarne il segno). Dunque f 0 6 0 su ]0, +∞[ (e f 0 = 0 sse g = 0 sse x = 1). Ne segue che f & stretta. Essendo
y y

x
1

x
1

f (0+) = 1, f (+∞) = −∞ ne segue che

∃! ξ ∈]0, +∞[ : f (ξ) = 0, =⇒ f (x) > 0 su ]0, ξ[, f (ξ) = 0, f (x) < 0 su ]ξ, +∞[.
140

Essendo f (1) = 0 come si vede immediatamente, si conclude che f (x) > 0 sse x ∈]0, 1[.

Vediamo qualche applicazione.

Esempio 7.9.7. Determinare raggio r e altezza h di una lattina cilindrica che abbia volume V prefissato e superficie
S minima possibile.
Sol. — La superficie della lattina è S = 2πr 2 + 2πr h, il volume è V := πr 2 h. Siccome V è fisso
V V 2V
h= , =⇒ S = 2πr 2 + 2πr 2 = 2πr 2 + .
πr 2 πr r
Ora r
2V 4πr 3 − 2V 3 3 V 3 V
dS = 4πr − 2 = 2
> 0, ⇐⇒ 4πr − 2V > 0, ⇐⇒ r > , ⇐⇒ r > .
r r 2π 2π
q q q
V ], S % per r ∈ [ 3 V , +∞[. Ne segue che r = 3 V è punto di minimo per S. In tal caso
Dunque S & su r ∈]0, 3 2π 2π 2π
r r
3 V V 3 4V
r= , h= 2 = .
2π πr π

A titolo di curiosità: se V = 0, 33 dm3 ≡ 333 cm3 (come nel caso delle lattine delle bevande in commercio), si trova r = 3, 75 cm
e h = 7, 51 cm. Queste sono le misure che fanno risparmiare sul consumo di lamiera necessaria per fabbricare la lattina.

Teorema 7.9.8 (legge di rifrazione di Snellius). Il rapporto tra i seni degli angoli di incidenza e di rifrazione di un
raggio di luce che attraversi due differenti mezzi omogenei è uguale al rapporto delle velocità di propagazione:
sin α v1
= .
sin β v2

Dim. — La dimostrazione si basa sull’assioma fondamentale della teoria della luce: la luce attraversa un mezzo secondo
un cammino che minimizza il tempo di attraversamento. Ad esempio, in un mezzo omogeneo la luce viaggia in linea retta.
Consideriamo ora un mezzo non omogeneo che per semplicità assumiamo diviso in due regioni separate da una retta e un raggio
di luce emesso da una sorgente collocata in un punto A nel primo mezzo. Consideriamo poi un secondo punto B nel secondo
mezzo e ci poniamo il problema di determinare la traiettoria del raggio di luce emesso da A a B. Siano v1, v2 le velocità di
propagazione nei due mezzi. È chiaro che entro ciascuno dei due il raggio viaggerà in linea retta. Possiamo quindi pensare che
la traiettoria tipo andrà in linea retta da A ad un punto X sulla retta di confine, quindi ancora in linea retta da X a B. Il tempo
totale che impiega la luce lungo un tragitto di questo tipo è

AX XB
T= + .
v1 v2
141

Possiamo collocare la retta divisoria sull’asse ascisse, cioè A = (a1, a2 ), B = (b1, b2 ) e X = (x, 0). Allora
q q
(a1 − x) 2 + a22 (x − b1 ) 2 + b22
T (x) = + .
v1 v2

Non è difficile mostrare che T ha un unico minimo. In un punto di minimo per Fermat T 0 (x min ) = 0, cioè
a1 − x min x min − b1
T 0 (x min ) = q + q = 0.
v1 (a1 − x min )2 + a22 v2 (x min − b1 ) 2 + b22

A meno di traslare tutto x min = 0 da cui


a1 b1
0 = T 0 (0) = q − q .
v1 a12 + a22 v2 b21 + b22

D’altro canto,
a1 b1
q = sin α, q = sin β,
a12 + a22 b21 + b22
per cui
sin α sin β sin α v
T 0 (0) = 0, ⇐⇒ − = 0, ⇐⇒ = 1.
v1 v2 sin β v2

7.10 Formula di Taylor


In questa sezione vediamo ora uno strumento fondamentale del calcolo differenziale: la formula di Taylor. Abbiamo
già visto un primo caso di questa formula: se f è derivabile in x 0 ∈ Int(D) allora

f (x) = f (x 0 ) + f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + o(x − x 0 ).

Ci interessa ora osservare questa formula da un punto di vista più "quantitativo" che geometrico. Essa esprime
il seguente fatto: in prima approssimazione f coincide con un polinomio di primo grado a meno di un termine
infinitesimo di ordine superiore all’incremento della variabile. Vedremo ora che sotto certe ipotesi è possibile
sostituire il polinomio con un polinomio di grado n ottenendo un grado di approssimazione via via crescente, cioè
scrivere
n
X
f (x) = ck (x − x 0 ) k + o((x − x 0 ) n ).
k=0

La forma del polinomio è facilmente determinabile. Supponiamo che f sia proprio un polinomio, cioè
n
X
f (x) = ck (x − x 0 ) k .
k=0

Allora c0 = f (x 0 ), e derivando si ottiene


n
X
f 0 (x) = kck (x − x 0 ) k−1, =⇒ f 0 (x 0 ) = c1 .
k=1
142

Poiché f 0 è ancora un polinomio possiamo ulteriormente derivare per ottenere


X f 00 (x 0 ) f 00 (x 0 )
f 00 (x) = k (k − 1)ck (x − x 0 ) k−2, =⇒ f 00 (x 0 ) = 2 · 1 · c2, ⇐⇒ c2 = = ,
k=2
2·1 2!

e derivando ulteriormente
X f 00 (x 0 )
f 000 (x) = k (k − 1)(k − 2)ck (x − x 0 ) k−3, =⇒ f 00 (x 0 ) = 3 · 2 · 1 · c3, ⇐⇒ c3 = ,
k=3
3!

0000
così allo stesso modo avremo c4 = f 4!(x0 ) e così via. Le f 0 (x 0 ), f 00 (x 0 ), f 000 (x 0 ), f 0000 (x 0 ), . . . sono le derivate
successive di f in x 0 . Come f 00 = ( f 0 ) 0, f 000 = ( f 00 ) 0, f 0000 = ( f 000 ) 0 così in generale definiremo

Definizione 7.10.1. Sia f : D ⊂ R −→ R, x 0 ∈ Int(D), k ∈ N, k > 2. Diciamo che f è k−volte derivabile in x 0


se la derivata di ordine k − 1 è derivabile in x 0 . In altre parole, indicata con f (k) (x) la derivata di ordine k,
 0
f (k) (x 0 ) = f (k−1 ) (x 0 ).

Per comodità si scrive f (0) ≡ f .

Da un punto di vista formale occorre fare attenzione al fatto che, così come per definire f 0 (x 0 ) occorre che f
sia definita in un Ix0 , così per definire f (k) (x 0 ) occorre che f (k−1) sia definita in Ix0 . Nelle applicazioni che noi
incontreremo non ci saranno comunque problemi di questo tipo. Con queste notazioni dunque
n
X f (k) (x 0 )
f (x) = (x − x 0 ) k .
k=0
k!

La forma del polinomio resta la stessa con una f qualsiasi (purché abbia le derivate successiva) a patto, ovviamente,
di aggiungere un correttivo che però è molto piccolo e, in un certo senso, trascurabile.

Teorema 7.10.2 (formula di Taylor con resto di Peano). Sia f definita e derivabile n − 1 volte in un intorno del
punto x 0 ed esista f (n) (x 0 ). Allora
n
X f (k) (x 0 )
f (x) = (x − x 0 ) k + o((x − x 0 ) n ). (7.10.1)
k=0
k!

Il punto x 0 si dice centro dello sviluppo. Se x 0 = 0 la formula prende il nome di formula di McLaurin.
Dim. — Ci limitiamo al caso n = 2, il caso generale è analogo ma con maggiore complessità formale. Occorre dunque
dimostrare che
2
X f (k) (x 0 )
f (x) − (x − x 0 ) k = o((x − x 0 ) 2 ),
k!
k=0
ovvero, per definizione di o−piccolo
 
f 00 (x )
f (x) − f (x 0 ) + f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + 2 0 (x − x 0 ) 2
lim = 0.
x→x0 (x − x 0 ) 2
143

Notiamo che il limite si presenta come una forma 00 . Applicando la prima regola di Hôpital
 
f 00 (x )
f (x) − f (x 0 ) + f 0 (x 0 )(x − x 0 ) + 2 0 (x − x 0 ) 2 f 0 (x) − f 0 (x 0 ) + f 00 (x 0 )(x − x 0 )

H
lim = lim
x→x0 (x − x 0 ) 2 x→x0 2(x − x 0 )

f 0 (x) − f 0 (x 0 )
!
1
= lim − f 00 (x 0 ) = 0,
2 x→x0 x − x0

per definizione di f 00 (x 0 ) = ( f 0 ) 0 (x 0 ).

Gli sviluppi di McLaurin hanno grande importanza nelle applicazioni. Per comodità scriviamo la formula di
McLaurin
n
X f (k) (0) k
f (x) = x + o(x n ).
k=0
k!

Esempio 7.10.3 (esponenziale).


n
X xk
ex = + o(x n ), ∀n ∈ N. (7.10.2)
k=0
k!

Sol. — Sia f (x) := e x . Chiaramente f è derivabile infinite volte perché f 0 = f e quindi, iterando, si può derivare f quante
volte si vuole (ottenendo, peraltro, sempre f ). Dunque la formula di McLaurin può essere scritta per qualunque ordine n e
abbiamo
k f (k) (x) f (k) (0)
0 e x 1
1 (e x ) 0 = e x 1
2 (e x ) 0 = e x 1
3 (e x ) 0 = e x 1
.. .. ..
. . .
Si capisce che f (k) (0) = 1 per ogni k da cui la (7.10.2).

Esempio 7.10.4 (sinh, cosh).


m m
X x 2j+1 X x 2j
sinh x = + o(x 2m+1 ), cosh x = + o(x 2m ), ∀m ∈ N (7.10.3)
j=0
(2 j + 1)! j=0
(2 j)!

Sol. — Sia f = sinh, g = cosh. Essendo f 0 = g, g 0 = f si deduce facilmente che f e g sono derivabili infinite volte, quindi gli
sviluppi di McLaurin possono essere scritti fino ad un’ordine qualsiasi. Calcoliamone i coefficienti:

k f (k) (x) f (k) (0) k g (k) (x) g (k) (0)


0 sinh x 0 0 cosh x 1
1 (sinh x) 0 = cosh x 1 1 (cosh x) 0 = sinh x 0
2 (cosh x) 0 = sinh x 0 2 (sinh x) 0 = cosh x 1
3 (sinh x) 0 = cosh x 1 3 (cosh x) 0 = sinh x 0
.. .. .. .. .. ..
. . . . . .
144

Prendiamo f : si vede che f (k) (0) = 0, 1 a seconda che k sia pari o dispari. Lo sviluppo di McLaurin contiene quindi solo
le potenze di grado dispari. Scrivendolo fino ad un ordine n = 2m + 1 dispari otteniamo facilmente la prima delle (7.10.3).
Discorso simile per g, con la sola differenza che lo sviluppo di McLaurin contiene solo le potenze di grado pari.

Esempio 7.10.5 (sin, cos).


m m
X x 2j+1 X x 2j
sin x = (−1) j + o(x 2m+1 ), cos x = (−1) j + o(x 2m ), ∀m ∈ N. (7.10.4)
j=0
(2 j + 1)! j=0
(2 j)!

Sol. — Sia f = sin, g = cos. Anche in questo caso sia f che g sono derivabili infinite volte essendo f 0 = (sin x) 0 = cos x = g
e g 0 = (cos x) 0 = − sin x = − f . Dunque la formula di McLaurin può essere scritta fino ad un ordine n qualsiasi. Vediamo la
tabella delle derivate per calcolare i coefficienti:

k f (k) (x) f (k) (0) k g (k) (x) g (k) (0)


0 sin x 0 0 cos x 1
1 (sin x) 0 = cos x 1 1 (cos x) 0 = − sin x 0
2 (cos x) 0 = − sin x 0 2 (− sin x) 0 = − cos x −1
3 (− sin x) 0 = − cos x −1 3 (− cos x) 0 = sin x 0
4 (− cos x) 0 = sin x 0 4 (sin x) 0 = cos x 1
5 (sin x) 0 = cos x 1 5 (cos x) 0 = − sin x −1
.. .. .. .. .. ..
. . . . . .

Si vede che f (k) (0) = 0 per k pari (quindi non ci sono i termini di grado pari), f (k) (0) = ±1 se k è dispari con i segni
+, −, +, −, . . . per k = 1, 3, 5, 7, . . .. Ciò fa sì che lo sviluppo di McLaurin di ordine n non contiene il termine in x n se n è pari,
mentre lo contiene se n è dispari. Per comodità prendiamo n dispari, diciamo n = 2m + 1. Come detto i coefficienti dei termini
x 2j sono nulli, ci sono quindi solo le potenze del tipo x 2j+1 con f (2j+1) (0) = ±1. Osservando la successione dei segni si
deduce f (2j+1) (0) = (−1) j . Mettendo assieme le cose si deduce la prima delle (7.10.4). In modo simile si ottiene la seconda
delle (7.10.4) (esercizio).

Esempio 7.10.6 (logaritmo).


n
X xk
log(1 + x) = (−1) k−1 + o(x n ). (7.10.5)
k=1
k

Sol. — Sia f (x) = log(1 + x) e determiniamo lo sviluppo di McLaurin di f . Chiaramente f è definita in x = 0 e derivabile.
Scrivendo la tabella delle derivate successive si vede che f ammette derivate di ogni ordine, per cui la formula di McLaurin si
può scrivere per ogni ordine n. Calcoliamo i coefficienti dello sviluppo:

k f (k) (x) f (k) (0)


0 log(1 + x) 0
1 (log(1 + x)) 0 = 1+x1 = (1 + x) −1 1
2 ((1 + x) ) = −(1 + x) −2
−1 0 −1
3 (−(1 + x) −2 ) 0 = 2(1 + x) −3 2
4 (2(1 + x) −3 ) 0 = −3 · 2(1 + x) −4 −3 · 2
5 (−3 · 2(1 + x) −4 ) 0 = 4 · 3 · 2(1 + x) −4 4·3·2
.. .. ..
. . .
145

A parte il primo coefficiente, nullo, tutti gli altri hanno segno alternato (+, −, +, −, . . .) e valore assoluto 1, 1, 2, 3 · 2, 4 · 3 · 2, . . ..
Precisamente: f (k) (0) = (−1) k−1 (k − 1)! per cui
n n
X (−1) k−1 (k − 1)! k X (−1) k−1 k
log(1 + x) = x + o(x n ) = x + o(x n ).
k! k
k=1 k=1

Attenzione! 7.10.7. Occorre fare molta attenzione perché con sviluppo del logaritmo non si tratta dello sviluppo
di McLaurin della funzione f (x) = log x poiché né f né, tantomeno, le sue derivate sono definite in x = 0 per cui
la formula di McLaurin non ha nemmeno senso per questa funzione.

Esempio 7.10.8 (potenza).


n
α α α(α − 1)(α − 2) · · · (α − k + 1)
! !
α
X
(1+ x) = 1+ x k +o(x n ), dove := , ∀α ∈ R, ∀n ∈ N. (7.10.6)
k k k!
k=1

Sol. — Sia f (x) = (1 + x) α . Costruiamo la tabella delle derivate successive di f :


k f (k) (x) f (k) (0)
0 (1 + x) α 1
1 ((1 + x) α ) 0 = α(1 + x) α−1 α
2 (α(1 + x) α−1 ) 0 = α(α − 1)(1 + x) α−2 α(α − 1)
0
α(α − 1)(1 + x) α−2 = α(α − 1)(α − 2)(1 + x) α−3

3 α(α − 1)(α − 2)
.. .. ..
. . .
A questo punto è facile concludere la (7.10.6).

Attenzione! 7.10.9. Anche in questo caso, come nel caso del logaritmo, con sviluppo della potenza non s’intende lo sviluppo
di x α !che potrebbe anche essere definita (se α > 0) per x = 0, ma potrebbero non esserlo le sue derivate. Inoltre la notazione
α
è qui usata poiché questa quantità è uguale al coefficiente binomiale se α ∈ N. Occorre tuttavia tener presente che in
k
questo esempio α ∈ R.

Quando occorre ci si può procurare lo sviluppo della funzione tramite la formula di Taylor naturalmente.
Esempio 7.10.10. Calcolare lo sviluppo di McLaurin arrestato al quarto ordine della funzione
f (x) = log(1 + e x )
Sol. — Calcoliamo le prime quattro derivate di f :
ex
f 0 (x) = ,
1 + ex
e x (1 + e x ) − e x e x ex
f 00 (x) = = ,
(1 + e )x 2 (1 + e x ) 2

e x (1 + e x ) 2 − e x 2(1 + e x )e x 1 + e x − 2e x e x − e2x
f 000 (x) = = ex = ,
(1 + e )x 4 (1 + e )
x 3 (1 + e x ) 3

(e x − 2e2x )(1 + e x ) 3 − (e x − e2x )3(1 + e x ) 2 e x x (1 − 2e )(1 + e ) − 3(1 − e )


x x x
f 0000 (x) = = e
(1 + e x ) 6 (1 + e x ) 4
146

Ora:
1 1 1
f (0) = log 2, f 0 (0) = , f 00 (0) = , f 000 (0) = 0, f 0000 (0) = − .
2 4 8
Pertanto, lo sviluppo cercato è
1 1/4 2 0 3 −1/8 4 1 1 1 4
log(1 + e x ) = log 2 + x+ x + x + x + o(x 4 ) = x + x 2 − x + o(x 4 ).
2 2! 3! 4! 2 8 224

7.11 Calcolo con infinitesimi


Le formule di McLaurin hanno importanti applicazioni a numerosi problemi. Qui ne illustreremo due: un nuovo
metodo per il calcolo dei limiti, studio della convergenza di serie numeriche.

7.11.1 Limiti
Partiamo da un esempio che abbiamo già visto.

Esempio 7.11.1. Calcolare


(1 − cos(3x)) 2
lim .
x→0 x 2 (1 − cos x)

Sol. — Chiamiamo N e D numeratore e denominatore. Visto che cos(3x) è di fatto il coseno col suo argomento che va a zero
sostituiamo a cos(3x) lo sviluppo asintotico:
!! 2 !2
(3x) 2   9 2 81 4
N (x) = (1 − cos(3x)) 2 = 1 − 1 − + o (3x) 2 = x + o(9x 2 ) = x + 9x 2 o(9x 2 ) + o(9x 2 ) 2 .
2 2 4

Ora, guardiamo l’espressione e proviamo a far funzionare l’intuizione. In ogni espressione conta (ai fini del limite) il termine
"più grande" (nel senso del rapporto). Abbiamo tre termini: 81 4 2 2 2 2
4 x , 9x o(x ) e o(9x ) . Il primo è dello stesso ordine di
grandezza di x ; il secondo è, a parte costanti, x moltiplicato per qualcosa che è più piccolo di x 2 . Sembra ragionevole che
4 2

9x 2 o(9x 2 ) = o(x 4 ).

Ma è vero? Ricordiamo che f = o(g) significa f /g −→ 0. Dunque dobbiamo controllare se

9x 2 o(9x 2 ) 9x 2 o(9x 2 ) o(9x 2 ) o(9x 2 )


4
−→ 0. Ma: 4
=9 2
= 81 −→ 0,
x x x 9x 2

perché o(♥)
♥ −→ 0 se ♥ −→ 0. Per la stessa intuizione sembra ragionevole che

o(9x 2 ) 2 o(9x 2 ) o(9x 2 ) o(9x 2 ) o(9x 2 )


o(9x 2 ) 2 = o(x 4 ), e invero, = = −→ 0 · 0 = 0.
x2 x2 x2 9x 2 9x 2
In altre parole:
81 4 81 4
N (x) = x + o(x 4 ) + o(x 4 ) = x + o(x 4 ),
4 4
perché è chiaro che o(x 4 ) + o(x 4 ) = o(x 4 ). Possiamo allora dire che N (x) ∼ 81 4
4 x perché evidentemente

4 o(x 4 )
!
81 4 81 4
N (x) = x 1+ = x · 1x .
4 81 x 4 4
147

L’essenza di quello che abbiamo fatto è di aver ridotto un’espressione complessa ad una potenza!
Facciamo ora lo stesso col denominatore:

x2 x2 x4
!! !
1 1
D(x) = x 2 (1 − cos x) = x 2 1 − 1 − + o(x 2 ) = x2 + o(x 2 ) = x 4 + x 2 o(x 2 ) = x 4 + o(x 4 ) = · 1x .
2 2 2 2 2

Pertanto
81 x 4 · 1
N (x) x 81
= 44 = · 1 x −→ 1.
D(x) x ·1
x
2
2

Nell’esempio abbiamo incontrato alcune regole di calcolo con gli o−piccoli. Vediamole sistematicamente. Sono
molto semplici da memorizzare, ma si fa ancora prima a far lavorare l’intuizione.

Proposizione 7.11.2. Per x −→ 0:

• o(x) + o(x) = o(x);

• co(x) = o(cx) = o(x) se c ∈ R\{0};

• x n = o(x m ) se n > m (nel caso n, m reali, per x −→ 0+);

• o(x n ) = o(x m ) se n > m (nel caso n, m reali, per x −→ 0+);

• x n o(x m ) = o(x n+m );

• o(x n )o(x m ) = o(x n+m );

• (x + o(x)) n = x n + o(x n ) (nel caso n reale, per x −→ 0+);

• o(x + o(x)) = o(x).


Attenzione! 7.11.3. Tutte queste proprietà hanno la forma seguente: ♦ = o(♥). Ciò vuol dire ♦
♥ −→ 0 per ♥ −→ 0.
L’ordine non può essere inverito! Per esempio: o(x 2 ) = o(x) ma o(x) = o(x 2 ) è falso!

n
Dim. — i) e ii) sono facilissime (esercizio). iii): x n = o(x m ) per n > m sse xxm −→ 0. Ma

xn
= x n−m −→ 0, (n > m).
xm
iv). v) e vi) sono simili. Per la vii) vediamo il caso n ∈ N. Per la formula di Newton
n ! n−1 !
X n X n
(x + o(x)) n = x k o(x n−k ) = x n + o(x n ) = x n + o(x n ),
k k
k=0 k=0

in virtù delle proprietà precedenti. Nel caso α ∈ R si può usare il limite notevole della potenza (provare a farlo per esercizio,
non è difficile ma nemmeno banale!).
vii) è più delicato. Dobbiamo provare che o(x+o(x))
x −→ 0. Sarebbe naturale scrivere

o(x + o(x)) o(x + o(x)) x + o(x)


= −→ 0,
x x + o(x) x
148

ma occore stare attenti alla divisione per 0. Ciò si risolve facilmente osservando che
!
o(x)
x + o(x) = x 1 + = x · 1x,
x
e siccome 1 x −→ 1 è , 0 in I0 \{0}: ma allora x · 1 x = x + o(x) , 0 per x ∈ I0 \{0}, e ciò autorizza formalmente i passaggi
precedenti.

Esempio 7.11.4. Calcolare


√4 2
cos x − e−x
lim √ √ .
x→0+ x log(1 + x sin x) − x 3 + x(e x − 1)

Sol. — Forma 00 . Determiniamo l’ordine di grandezza del numeratore. Ricordato che

t2
cos t = 1 − + o(t 2 ), et = 1 + t + o(t), (1 + t) α = 1 + αt + o(t),
2
abbiamo
! 1/2
x2 x2
!
√4 2
N (x) = cos x − e−x = 1 − + o(x 2 ) − 1− + o(x 2 )
2 2

x2 x2 x2
! !!
1
= 1+ − + o(x 2 ) + o − + o(x 2 ) − 1 + + o(x 2 ).
2 2 2 2

x2 x2
!
2 2
= + o(x ) + o − + o(x ) .
4 2
 2  2 2
Per le regole degli infinitesimi, o − x2 + o(x 2 ) = o(x 2 ), quindi N (x) = x2 + o(x 2 ) = x2 · 1 x .

Passiamo al denominatore: ricordato ancora che

sin t = t + o(t), log(1 + t) = t + o(t),

abbiamo √  √ √ 
D(x) = x log 1 + x x + o( x) − x 3 + x (1 + x + o(x) − 1)
 
= x 1/2 log 1 + x 3/2 + o(x 3/2 ) − x 3 + x 2 + o(x 2 )
  
= x 1/2 x 3/2 + o(x 3/2 ) + o x 3/2 + o(x 3/2 ) − x 3 + x 2 + o(x 2 )

= x 2 + o(x 2 ) − x 3 + x 2 = 2x 2 + o(x 2 ) = 2x 2 · 1 x ,
essendo x 3 = o(x 2 ). In conclusione
2
x ·1
N (x) x 1
= 22 = · 1 x −→ 1 x .
D(x) 2x · 1 x 4

Esempio 7.11.5. Calcolare il seguente limite:


q √ √
x
3
1 − sin x − e x + 3
lim √ √ .
x→0+ arctan 3 x − 3 x
149

Sol. — Si vede subito che il limite si presenta come una forma del tipo 00 . Adottiamo gli sviluppi asintotici:

ξ3 ξ2
sin ξ = ξ + o(ξ) = ξ − + o(ξ 3 ), e ξ = 1 + ξ + o(ξ) = 1 + ξ + + o(ξ 2 ).
6 2
Allora, detto N il numeratore, si ha
1 1
 1 1 3 x2
N (x) = 1 − (x 2 + o(x 2 )) − (1 + x + o(x)) + .
3
Ricordato lo sviluppo della radice
 
1 −2
1 1 1 3 3 ξ ξ2
(1 + ξ) = 1 + ξ + o(ξ) = 1 + ξ +
3 ξ 2 + o(ξ 2 ) = 1 + − + o(ξ 2 ),
3 3 2 3 9
da cui
1
1 1 1
 x2 1 1
N (x) = 1 + −x 2 + o(x 2 ) − 1 − x + o(x) + = −x + o(x) + o(x 2 ) = o(x 2 ),
3 3
1 √3
che non è sufficiente per calcolare il limite. Giacché l’o(x 2 ) deriva dalla combinazione degli sviluppi di sin e consideriamo
gli sviluppi allungati di questi. Abbiamo che
1
3 3
q √ 1 x2 3
3
1 − sin x = *1 − x 2 + + o(x 2 ) +
, 6 -
3 3 2 3 2
1 1 x2 3 1 1 x2 3 1 x2 3
= 1 + *−x 2 + + o(x 2 ) + − *−x 2 + + o(x 2 ) + + o *.*−x 2 + + o(x 2 ) + +/
3, 6 - 9 , 6 - 6
,, - -
1 3
x2 x2 3 1
=1− + + o(x 2 ) − x + o(x)
3 6 9
1
x2 x
=1− − + o(x).
3 9
Da ciò segue che
1 1
x2 x x2 10
N (x) = 1 − − + o(x) − (1 + x + o(x)) + = − x + o(x).
3 9 3 9
Quanto al denominatore procuriamoci anzitutto lo sviluppo di McLaurin dell’arcotangente, almeno per quanto riguarda i primi
termini utili. Posto f (x) = arctan x si ha
1 ,
f 0 (x) = 1+x f 0 (0) = 1,
2

2x ,
f 00 (x) = − (1+x f 00 (0) = 0,
2 )2

2 2 −2x2(1+x 2 )2x
f 000 (x) = − 2(1+x )(1+x 2 )4 , f 000 (0) = −2.

da cui
ξ3
arctan ξ = ξ − + o(ξ 3 ).
3
Allora √
√ √ √ ( 3 x) 3 √ √ x
D(x) = arctan 3 x − 3 x = 3 x − + o(( 3 x) 3 ) − 3 x = − + o(x).
3 3
150

Pertanto
10
N (x) − 9 x + o(x) 10
= −→ .
D(x) − x3 + o(x) 3

Esempio 7.11.6. Calcolare, al variare del parametro α > 0, il seguente limite

log (1 + x α ) − sin(x 8 )
lim+
x→0 e x 2α − 1
Sol. — Osserviamo anzitutto che, essendo α > 0, x α → 0+ per x → 0+, per cui sia il numeratore che il denominatore tendono
a 0, prefigurando una forma indeterminata del tipo 00 . Ricordati gli sviluppi asintotici fondamentali,

ξ2 ξn
log(1 + ξ) = ξ − + . . . + (−1) n+1 + o(ξ n ),




2 n 






ξ3 ξ 2n+1



sin ξ = ξ − + . . . + (−1) n + o(ξ 2n+1 ),  per ξ → 0.

3! (2n + 1)! 







ξ2 ξn


eξ = ξ + + o(ξ n ),

+...+



2! n! 

andiamo a determinare gli sviluppi asintotici di numeratore e denominatore, cominciando a sostituire gli sviluppi più semplici.
Cominciamo col numeratore:

N (x) = x α + o(x α ) − (x 8 + o(x 8 )) = x α − x 8 + o(x α ) + o(x 8 ).

Abbiamo tre casi, pertanto: α < 8, α = 8 e α > 8. Nel primo caso

x 8 + o(x 8 ) = o(x α ), =⇒ N (x) = x α + o(x α ).

Se α = 8 abbiamo che N (x) = o(x 8 ) che può non essere sufficiente nel successivo calcolo del limite. Aumentiamo, pertanto,
l’espansione di log e sin (basta solo del primo come si vedrà) di un termine:

(x 8 ) 2 (x 8 ) 3 x 16
!
N (x) = x 8 − + o((x 8 ) 2 ) − x 8 − + o((x 8 ) 3 ) = − + o(x 16 ).
2 3! 2

Per α > 8, invece, è x α + o(x α ) = 0(x 8 ), per cui

N (x) = x 8 + o(x 8 ).

Riassumendo:

 x α · 1x, α < 8,





 1 16
N (x) = 
 − 2 x · 1x, α = 8,




 x · 1x, α > 8.
 8

Per il denominatore ci sono meno difficoltà bastando lo sviluppo breve dell’esponenziale,

D(x) = x 2α + o(x 2α ) = x 2α · 1 x .
151

Possiamo ora affrontare il calcolo del limite.


x α ·1 x


 x 2α ·1 x
= x −α · 1 x −→ +∞, α < 8,





N (x)  − 1 x 16 ·1

= = x2 16 ·1 x = − 21 · 1 x −→ − 12 , α = 8,

D(x) 


x


 8
= xx2α·1·1x = x 8−2α · 1 x −→ +∞,

α > 8.


 x

7.11.2 Convergenza delle serie


Attraverso un’applicazione intelligente del test del confronto asintotico, gli sviluppi di McLaurin si applicano alla
discussione della convergenza di diversi tipi di serie numeriche. Piuttosto che vedere regole generali vediamo come
funziona su un esempio.
Esempio 7.11.7. Sia ! !
1 1 1
an := n2 1 − cos − sin , n > 0,
n nα n
ove α è un numero reale positivo. Determinare i) al variare di α, due costanti C = C(α), β = β(α) ∈ R tali che
an ∼ nCβ ; ii) i valori di α tali che la serie ∞n=1 an sia convergente.
P

Sol. — i) Anzitutto osserviamo che, tenendo conto degli sviluppi asintotici


x2 x3
cos x = 1 − + o(x 2 ), sin x = x + o(x) = x − + o(x 3 ), x → 0,
2 6
si ha
(1/n) 2 1 2+
! !
1 1 1 1
1 − cos = + o* = 2 + o 2 ∼ 2 , n → +∞,
n 2 , n - 2n n 2n
mentre !! !
1 1 1 1 1 1 1 1
− sin = − + o = − + o .
nα n nα n n nα n n
Abbiamo allora tre casi: 0 < α < 1, α = 1 ed α > 1. Se α < 1 allora
! ! !
1 1 1 1
= o α , =⇒ o =o α ,
n n n n
per cui !
1 1 1 1 1
− sin = + o ∼ α.
nα n nα nα n
Quindi,
1 1 1
a n ∼ n2 = α , per 0 < α < 1.
2n2 nα 2n
Se α = 1 lo sviluppo impiegato per sin non è sufficiente: infatti in questo caso risulterebbe
!
1 1 1
− sin = o ,
n1 n n

che non ci da un preciso ordine di grandezza per la quantità n11 − sin n1 . Impiegando lo sviluppo fino al terzo ordine per sin
otteniamo !3
1 1 * 1 (1/n) 3
!
1 * 1 ++ = 1 + o 1 ∼ 1 ,
− sin = − − + o
n1 n n ,n 6 , n -- 6n
3 n3 6n3
152

da cui
1 1 1
a n ∼ n2 = .
2n2 6n3 12n3
Se, infine, α > 1, abbiamo che ! !
1 1 1 1 1 1 1
=o , =⇒ α − sin = − + o ∼− ,
nα n n n n n n
da cui !
1 1 1
a n ∼ n2 2
− =− .
2n n 2n
ii) Dal punto precedente bisogna distinguere tre casi. Se 0 < α < 1 si ha che
1
an ∼ ,
2nα
per cui è definitivamente an > 0 (pertanto la serie è, definitivamente, a termini di segno costante) ed asintotica alla serie
armonica generalizzata n 2n1α che converge se e solo se α > 1. Quindi per α < 1 la serie n an è divergente per confronto
P P
asintotico.
Se α = 1 si ha che
1
an ∼ ,
12n3
P 1
quindi, nuovamente, definitivamente dev’essere an > 0. Poiché la serie n 12n
P
3 è convergente, converge anche la serie n an
per confronto asintotico.
Se α > 1 si ha che
1
an ∼ − ,
2n
quindi è an < 0 definitivamente (e di conseguenza la serie n an è definitivamente a termini di segno costante). D’altra parte
P
P 1 P
n 2n è divergente, quindi diverge anche n an per confronto asintotico.
In conclusione: la serie n an converge se e solo se α = 1.
P

7.12 Esercizi
Esercizio 7.12.1. Sia
1
x sin , x ∈ R\{0},





f (x) :=  x


x = 0.

 0,

Mostrare che i) f è continua su tutto R ed, in particolare, in x 0 = 0; ii) non è derivabile in x 0 = 0.

Esercizio 7.12.2. Sia


1
x 2 sin , x ∈ R\{0},





f (x) := 
 x

x = 0.

 0,

i) Mostrare che f è continua su tutto R ed, in particolare, in x 0 = 0. ii) È vero che f è derivabile in x 0 = 0? (dimostrare o
confutare)

Esercizio 7.12.3. Sia




 sin x, −1 6 x < 0,



f (x) := 
(sin x 2 ) 5

, 0 < x 6 1.



 (tan x 3 ) 2

153

Dire se f è prolungabile con continuità in x 0 = 0. In tal caso dire se il prolungamento è anche derivabile e, se così, determinare
f 0 (0).

Esercizio 7.12.4. Facendo uso delle regole di calcolo, dire dove sono derivabili e determinare le derivate delle seguenti funzioni:

x 2 − 2x − 1
. 3. (1 + e x ) 3 . 4. (sin x) cos x . 5. log 1 + | log |x|| .

1. 2. sin(log x).
x−1

q q
x
6. |x| 3 + 1. 7. |x + 1| x−1 . 8. sin x. 9. cosh |x|. 10. sinh |x|.

Esercizio 7.12.5. Per ciascuna delle seguenti funzioni stabilire se è continua e derivabile in x = 0:

1. e− |x | . 2. x|x|. 3. |x sin x|. 4. x[x − 1]. 5. [x](x − 1).

Esercizio 7.12.6. Calcolare le derivate delle seguenti funzioni:


 4
1. x 6 − 2x 3 + 6x. 2. x43 + 5x 4 − x75 + x18 . 3. x 3 − x13 + 3 .

 5 √ √
4. 1+x 2 . 5. x 2 + 1 − x. 6. √ x+1−1 .
1+x x+1+1
r q
√ √
x 4
7. √
3 √ . 8. x 3 x x. 9. (sin x) 3 − 3 sin x.
1+ x

2
x .
10. cos x 11. tan x + cos1 x . 12. x 2 tan(x 2 + x + 1).

x2
x + tan 2 .
13. 1+cos x 14. x arcsin x. 15. sin(2 arctan x).

x − arctan x.
16. 1+x 2 17. arcsin(sin x). 18. arctan 1−cos
sin x .
x

 √   
19. arctan x − 1 + x 2 . 20. x(log x − 1). 21. log tan x2 .
 
22. log log x. 23. x tan x + log(cos x). 24. arctan log x12 .

x x
25. ee . 26. xe1−cos x . 27. 2 log x .

28. log(sinh x − 1). 29. cosh(sinh x). 30. √ 1 √ .


1+e− x

q   x
31. arctan sinh x3 . 32. x x . 33. x x .

  1
34. (x x ) x . 35. sin x log x . 36. (cos x) x .

Esercizio 7.12.7. Trovare a, b ∈ R affinché la funzione f : [−1, 1] → R definita da


 (a + 1) arcsin x − 6(b + 3) sin x, se − 1 6 x 6 0,
f (x) = 


 2a(x + x) − (b + 3)( x + tan x), se 0 < x 6 1,
4

sia derivabile in x 0 = 0.
154

Esercizio 7.12.8. Trovare a, b ∈ R affinché la funzione f : [−1, 1] → R definita da


1
 b(x + 3x) + (2 − a) cos x , se − 1 6 x < 0,
 4

f (x) = 
 (2b + 3)(e − 1) + (2 − a) tan 3x,
x

se 0 6 x 6 1,

sia derivabile in x 0 = 0.

Esercizio 7.12.9. Determinare a ∈ R di modo tale che la funzione


π
cos 2x
log x , 0 < x < 1, x > 1,




f (x) := 

x = 1,

 a,

sia continua per x = 1. Per tale valore stabilire poi se è vero che f è derivabile in x = 1 (ed in tal caso determinare f 0 (1)).

Esercizio 7.12.10. Classificare l’eventuale forma indeterminata e calcolare, applicando correttamente le regole di Hôpital, i
seguenti limiti:

2 − 2 cos x − (sin x) 2 e x − e−x − 2x sin x − log cos x


1) lim . 2) lim . 3) lim .
x→0 x4 x→0 x − sin x x→0 x sin x

sin(sin(sin(x))) sin x cos(2x) − cos x


4) lim . 5) lim . 6) lim .
x→0 x x→+∞ x x→+∞ x2

tan x − sin x x 3 (log x) 2 1


7) lim . 8) lim . 9) lim (e x + 1) x .
x→0 x3 x→+∞ ex x→+∞

x 2 sin x1 1
10) lim . 11) lim log x (e x − 1). 12) lim x 1−x .
x→0 sin x x→0+ x→1
!
1 1 1 x − sin x
13) lim − . 14) lim x 2 e x 2 . 15) lim .
x→1 log x x−1 x→0 x→0 x3
Esercizio 7.12.11 (?). Calcolare i seguenti limiti
1 √
e − (1 + x) x −x x + x x sin x + x 2
1) lim . 2) lim . 3) lim √ .
x→0 x x→1+ log x − x + 1 x→0+ e x − 1 log(x + 1)
!1
1 − log(x + 1)
! 1
1 2 x
4) lim − 2 . 5) lim (1 + x 2 ) (sin x)2 . 6) lim .
x→0+ 1 − cos x x x→0 x→0 1 + sin x
2
(1 + x) x − e2 2x + 1 6x
!
x
   
7) lim x 2 log +x . 8) lim . 9) lim x  − e3  .
x→+∞ x+1 x→0+ x x→+∞  2x 

Esercizio 7.12.12. Per ciascuna delle seguenti funzioni determinare: dominio, eventuali simmetrie, comportamento agli estremi
del dominio, segno (ove possibile), continuità e derivabilità, limiti di f 0 agli estremi del proprio dominio di definizione, segno
di f 0 e monotonia, eventuali estremanti locali e globali, concavità ed eventuali punti di flesso:
1. f (x) := x 5 + x 4 − 2x 3 .
2. f (x) := x 2 log |x|.
q
3. f (x) := x x−1x+1 .
155

4. f (x) := log 1 − log1|x | .




 √ 
5. f (x) := arcsin 2x 1 − x 2 .
6. f (x) := 2x + arctan x 2x−1 .
sinh x .
7. f (x) := 2x + sinh x−1
p
8. f (x) := x | log x|.
9. f (x) := x x .

Esercizio 7.12.13. Sia


1 sinh x
f (x) = arctan − .
sinh x 3
Determinare: dominio, limiti e eventuali asintoti, continuità e derivabilità, calcolare f 0 , eventuali punti ove f è prolungabile
con continuità/derivabilità, monotonia, estremanti e tracciare un grafico approssimativo.

Esercizio 7.12.14. Data la funzione


f (x) = arctan(e x − 1) + log |e x − 4|
Determinare: dominio, limiti e eventuali asintoti, continuità e derivabilità, calcolare f 0 , eventuali punti ove f è prolungabile
con continuità/derivabilità, monotonia, estremanti e tracciare un grafico approssimativo.

Esercizio 7.12.15. Sia  


1
f (x) = arctan (x + 1)e x .
Determinare: dominio, segno, limiti e eventuali asintoti, continuità e derivabilità, calcolare f 0 , eventuali punti ove f è
prolungabile con continuità/derivabilità, monotonia, estremanti e tracciare un grafico approssimativo. Dire poi per quali valori
α ∈ R l’equazione
f (x) = α,
ha una ed una sola soluzione. Giustificare rigorosamente la risposta.

Esercizio 7.12.16. Studiare la funzione f definita da Sia

(x + 1) 1/3
,


 se x , −1,
log3 (x + 1)


f (x) = 




se x = −1.

 0,

Determinare dominio, segno, limiti ed eventuali asintoti, continuità, derivabilità e eventuali limiti della derivata prima, mono-
tonia, eventuali punti di estremo relativo ed assoluto, eventuali punti di flesso orizzontale, abbozzo del grafico.

Esercizio 7.12.17. Sia


x
f (x) = 2x + arctan 2 .
x −1
Determinare: dominio, simmetrie, limiti e eventuali asintoti, continuità e derivabilità, calcolare f 0 , eventuali punti ove f è
prolungabile con continuità/derivabilità, monotonia, estremanti e tracciare un grafico approssimativo. Dedurre, dopo aver
studiato la monotonia, il segno di f .

Esercizio 7.12.18. Studiare la funzione f definita da


√ p
f (x) = 3x − 3x 2 + 2x .

Determinare dominio, segno, limiti ed eventuali asintoti, continuità, derivabilità e eventuali limiti della derivata prima, mono-
tonia, punti di estremo relativo ed assoluto, abbozzo del grafico.
156

Esercizio 7.12.19. Sia


1
f (x) := 2 arcsin + x.
cosh(x − 1)
Determinare: dominio, segno, limiti e eventuali asintoti, continuità e derivabilità, calcolare f 0 , eventuali punti ove f è
prolungabile con continuità/derivabilità, monotonia, estremanti e tracciare un grafico approssimativo. Può essere utile ricordare
che (cosh x) 2 − (sinh x) 2 = 1.

Esercizio 7.12.20. Studiare la seguente funzione

f (x) = log sinh2 x + 2 sinh x + 4 .




Determinare dominio, segno, limiti ed eventuali asintoti, continuità ed eventuali prolungamenti per continuità, derivata, mono-
tonia, punti di estremo relativo ed assoluto, abbozzo del grafico. Non è richiesto lo studio della derivata seconda.

Esercizio 7.12.21. Studiare le seguenti disequazioni:

√ x−1 x2 x − 2 log |x + 1|
1. log x < x. 2. log x − > 0, 3. e x > 1 + x + . 4. √ 6 0.
x 2 e x − 2x − 1
Esercizio 7.12.22 (?). Determinare per quali α > 0 l’equazione

ey = αy, y ∈ R,

ammette una soluzione.

Esercizio 7.12.23 (?). Determinare i possibili valori del parametro reale α di modo che la funzione

x3
f (x) := αx −
1 + x2
sia crescente su R.

Esercizio 7.12.24 (??). Per quali valori del parametro reale α la funzione f α (x) := eαx − α 2 x è monotona su [0, +∞[?

Esercizio 7.12.25 (?). Sia p > 1. Provare la disuguaglianza

tp + 1
21−p 6 6 1, ∀t > 1.
(t + 1) p
Dedurne la disuguaglianza
xp + yp
21−p 6 6 1, ∀x, y > 0.
(x + y) p

Esercizio 7.12.26 (??). Per quali valori α ∈ R si ha che la funzione f α (x) := e x − αx 3 è convessa su tutto R?

Esercizio 7.12.27. Determinare raggio r e altezza h di una lattina cilindrica che abbia una superficie di lamiera S prefissata e
volume massimo possibile.

Esercizio 7.12.28. Tra tutti i rettangoli iscritti in una circonferenza di raggio r determinare quelli di area massima.

Esercizio 7.12.29. Determinare tra tutti i coni a base circolare e altezza perpendicolare alla base contenuti in una sfera di raggio
r quelli di superficie minima.

Esercizio 7.12.30. Determinare, tra tutti i possibili poligoni convessi aventi i vertici su una circonferenza quelli di perimetro
massimo.
157

Esercizio 7.12.31. Una barca a vela risale il vento su un campo di regata di lunghezza `. Il vento, di intensità F e direzione
costante, esercita una pressione sulla vela per cui la velocità della barca è F sin θ dove θ è l’angolo formato tra la direzione
della barca e la direzione del vento. Supponendo che la rotta della barca sia formata da due tratti rettilinei con angolo iniziale α
qual è l’istante in cui la barca deve virare per impiegare meno tempo possibile? In secondo luogo, qual è l’angolo α che rende
minimo il tempo totale?

Esercizio 7.12.32. Calcolare i seguenti limiti utilizzando gli sviluppi asintotici

e x + e−x − 2 x cos x − sin x


1. lim . 2. lim .
1 + x 2 − e x + (sin x) 3
2
x→0 1 − cos x x→0

x 3 + x 2 (sin x) 2 + sin x 2
!!
1
3. lim x − x 2 log 1 + . 4. lim .
x→+∞ x x→0 x 4 + x 3 + x sin x
2
log(1 + x 2 ) + x 2 + (tan x) 2 + sin x (sin x) 3 + x 3
5. lim . 6. lim √ .
x→0 x 3 + log(1 + x) x→0+ 1 − cos x + (tan x) 2 + arctan x

log(2 − cos(2x)) esin x − 1 − x


7. lim  .
x→0 log(sin(3x) + 1) 2
8. lim .
x→0 x2

3 2
e (sin x) − 1 − (tan x) 3 log(1 + x arctan x) − e x + 1
9. lim   . 10. lim √ .
x→0 x 3 e x 2 − e (sin x) 2 x→0 1 + 2x 4 − 1

2
log(1 + sin x) − x + x2
7
xe x − cos(x 4 ) + 1 − x
11. lim . 12. lim .
x→0 (tan x) 3 + x 5 x→0+ sinh x 4 − log(1 + x 4 )

x2
e 2 − cosh x + (sinh x) 3
13. lim .
x→0+ x log cosh x + (x log x) 4

Esercizio 7.12.33. Calcolare, al variare di α > 0, il valore dei seguenti limiti


α
log(cos x) ln(1 + x α ) − sin x e x − 1 − x α − 12 sin x
1) lim . 2) lim+ . 3) lim .
x→0 xα x→0 1 − cos(x α ) x→0+ ln(1 + x) − x
α
cos(x α ) − e x x 2 − arctan(x 2 ) e x − 1 + x log x
4) lim . 5) lim+ . 6) lim+  .
x→0+ x log(1 + x α ) − x α
  
x→0 e x 2 − cos x 2α x→0 sin x 2α + 1 − cos x 2

Esercizio 7.12.34. Calcolare, al variare di α > 0, il valore dei seguenti limiti

sin(x α ) − sinh(x 2 )
2
cos x − e−x
1. lim . 2. lim .
x→0+ log(1 + 2x 2 ) − (cos(2x) − 1) x→0+ cosh x + cos(x α ) − 2

α 3
log(1 + x 3 ) − e x − 1 xe x − cos(x 2 ) + 1 − x
3. lim . 4. lim .
x→0+ x sinh(x 2 ) − sin x(cos x − 1) x→0+ sinh x α − log(1 + x 4 )

2
e−αx − cos x + log(1 + x) 2

5. lim .
x→0+ x3
158

Esercizio 7.12.35 (?). Calcolare il seguente limite:


q √ √
x
3
1 − sin x − e x + 3
lim .
x→0+ arctan x
Esercizio 7.12.36 (?). Stabilire per quali valore di α > 0 esiste finito e non nullo il
 √  √
log x + e x − sin x − x
lim .
x→0+ xα
Esercizio 7.12.37. Determinare per quali a, b ∈ R il limite

a sin x − 2b log(1 + x) + 32 (a − 2)x 3


lim
x→0 x2
esiste finito e diverso da 0.

Esercizio 7.12.38 (?). Calcolare il


√ !
−2
3
1+sin x 2 log 2
lim (sin x) 2 −2− sin x .
x→0 3
Esercizio 7.12.39 (?). Sia f definita in un intorno di x 0 punto stazionario per f (cioè f 0 (x 0 ) = 0) ed ivi due volte derivabile
(quindi: esista f 0 in Ix0 ed f 00 in x 0 ). Dimostrare che
• se x 0 è punto di minimo locale allora f 00 (x 0 ) > 0;
• se f 00 (x 0 ) > 0 allora x 0 è punto di minimo locale.
Sugg.: si scriva la formula di Taylor al secondo ordine in x 0 . . .

Esercizio 7.12.40. Sia


f (x) := x − arctan x.
i) Studiando brevemente la funzione f su [0, +∞[ mostrare che x > arctan x per ogni x > 0.
ii) Scrivere lo sviluppo asintotico di f in x = 0+ arrestato al primo termine polinomiale utile. Dedurne C, α tali che
f (x) ∼ C x α per x → 0+.
iii) Determinare per quali β > 0 è convergente la serie
∞ !
1 1

X
− arctan .
n n
n=1

Esercizio 7.12.41. Stabilire se le seguenti serie sono convergenti o meno


1. +∞ 1
P
n=1 sin n .
 
2. +∞
1 1
n=1 1 + e − 2e
P
n 2n .

√  2 
2n +3 .
3. +∞
P
n=1 n log 2n2 +2
P+∞ log(n+1)−log n
4. n=1
√ .
n+log n
!
√1
P+∞  
5. n=1 e n − 1 log 1 + √1 .
n
!
√1 
sin n1 − n1 .
P∞
6. n=1 e n −1
159

Esercizio 7.12.42. Determinare per quali α > 0 converge ciascuna delle serie seguenti:
+∞ √ ∞ !
X 2 1 X 1 1
1. n cos
* − e− n α + . 2. (n + sin n) α − sin α .
n n n
n=1 , - n=1

∞ ! ! +∞ !
X 1 1 X 1 1
3. log cos − α . 4. n e 2n α − cosh .
n n n
n=1 n=1

+∞ !! +∞ !
X √ 1 1 X 1 1
5. n sinh − log 1 + α . 6. n2 sin α − sinh 3 .
n n n n
n=1 n=1

+∞ !
X
3 1 1
7. n sin 4 − e n α +1 .
n=1
n

Esercizio 7.12.43 (?). Stabilire per quali valori dei parametri α, β ∈ R converge la serie

1 2 
 β !! 
1
nα e n2 − cos + log 1 +
X
 n n  .
n=0 
Esercizio 7.12.44 (?). Discutere convergenza semplice e convergenza assoluta per le seguenti serie numeriche:
+∞ +∞ ∞
(−1) n (−1) n 1 n
X X ! X ! !
1. sin . 2. log 1 + . 3. (−1) n 1+ −e .
n n n
n=1 n=1 n=1

Esercizio 7.12.45 (?). Si consideri la serie



X 1
(−1) n .
n + (−1) n
n=2
i) Si può applicare il criterio di Leibniz per studiarne la convergenza?
1 = (1 + x) −1 = 1 − x + x 2 + o(x 2 ) . . .)
ii) Dimostrare che la serie è convergente. (sugg.: può essere utile osservare che 1+x

Esercizio 7.12.46 (??). Sia a > 0. Stabilire se converge o meno la serie



X  p 
sin π n2 + a2 .
n=1
160
Capitolo 8

Primitive

Il problema che ci poniamo ora è quello di invertire l’operazione di derivata:

data f su D trovare F derivabile su D tale che F 0 = f su D.

La funzione F viene detta primitiva di f . A cosa serve risolvere questo problema? Ci sono applicazioni importan-
tissime. Tra queste la prima verrà illustrata nel prossimo Capitolo al calcolo degli integrali. La stretta relazione tra
questi due problemi ha fatto sì che per il calcolo delle primitive venissero utilizzate notazioni molto simili a quelle
impiegate nel calcolo degli integrali. Occorrerà tuttavia tenere ben distinti i vari concetti poiché si tratta di entità
diverse: una primitiva è una funzione, un integrale è un numero. Un altro importantissimo esempio di applicazione
del calcolo delle primitive è la risoluzione di equazioni differenziali, che non verranno trattate in questo corso ma
che sono importantissime nelle applicazioni della Matematica alla Fisica, Ingegneria, Biologia, etc.
Come si vedrà il contenuto teorico di questo Capitolo è sostanzialmente molto ridotto e molto spazio verrà
lasciato ad esempi. C’è una ragione: a differenza del calcolo delle derivate, da un certo punto di vista molto
"meccanico", il calcolo delle primitive è tutt’altro che meccanico. Certo, ci sono categorie di primitive che possono
essere calcolate seguendo un algoritmo, ma in genere si tratta di problemi difficili ed anche semplicissime funzioni
hanno una primitiva molto complessa o addirittura troppo complessa che è impossibile scriverla in termini di un
numero finito di funzioni elementari.

8.1 Definizione, primitive elementari


Definizione 8.1.1. Data una funzione f : D ⊂ R −→ R, D aperto, una funzione F : D ⊂ R −→ R derivabile su D
e tale che F 0 = f su D (cioè F 0 (x) = f (x) per ogni x ∈ D) si dice primitiva di f .
Se F è una primitiva di f , allora (F + c) 0 = F 0 + c 0 = f , per cui F + c è primitiva di f per ogni c ∈ R. Sugli
intervalli queste sono anche tutte le possibili primitive:
Proposizione 8.1.2. Due primitive di una funzione f su un intervallo I differiscono per una costante additiva.
Quindi, se F è una primitiva di f su I allora tutte le primitive di f sono della forma F + c dove c ∈ R.
Dim. — Siano F, G due primitive di f su I. Allora

F 0 = f , G 0 = f , su I, =⇒ F 0 − G 0 = (F − G) 0 = 0, su I.

A questo punto mostriamo il

161
162

Lemma 8.1.3. Sia h derivabile su I intervallo tale che h 0 = 0 su I. Allora h è costante.


Dim. — Segue subito dalla formula dell’incremento finito di Lagrange: siano x, y ∈ I, per esempio x < y. Allora [x, y] ⊂ I
(perché I è intervallo), e h è derivabile su I: quindi è derivabile su ]x, y[ e continua su [x, y]. Per il teorema di Lagrange allora

∃ξ ∈]x, y[ : h(y) − h(x) = h 0 (ξ)(y − x) = 0.

Dunque h(x) = h(y) per ogni x, y ∈ I, cioè h è costante.

In virtù del lemma quindi F − G = c.

Useremo la notazione Z Z
f (x) dx ≡ f,

per indicare una particolare primitiva di f . C’è una certa ambiguità in questa notazione, tuttavia se siamo su un
intervallo questa ambiguità si limita ad una costante additiva. Passiamo a scrivere una prima "tabella di primitive".
Per fare ciò basta leggere alla rovescia la tabella delle derivate fondamentali. Ad esempio
Z
(e ) = e , ⇐⇒
x 0 x
e x dx = e x .

Ancora Z
(sin x) = cos x, ⇐⇒
0
cos x dx = sin x,

mentre Z
(cos x) 0 = − sin x, ⇐⇒ (− cos x) 0 = sin x, ⇐⇒ sin x dx = − cos x.

Sappiamo che tutte le potenze si derivano allo stesso modo:

xα xα x β+1
!0 Z Z
α 0 α−1 α−1 α−1
(x ) = αx , ⇐⇒ =x , ⇐⇒ x dx = , ⇐⇒ x β dx = .
α α β+1

Questa formula fornisce una primitiva della potenza x β quale che sia β purché, ovviamente, β , −1. In questo
caso x β = x −1 = x1 . Ora, sappiamo che
Z
1 1
(log x) 0 = , x > 0, ⇐⇒ dx = log x, x ∈> 0[.
x x

D’altra parte 1
x ha senso anche per x < 0 mentre log x no. Osservato che (log(−x)) 0 = −1
−x = 1
x si ha
Z
1
dx = log(−x), x < 0.
x

In conclusione Z
1
dx = log |x|.
x
163

Procedendo così con tutte le funzioni elementari arriviamo alla seguente tabella:
Z Z
e x dx = e x, sin x dx = − cos x,

Z Z
cos x dx = sin x, sinh x dx = cosh x,

x α+1
Z Z
cosh x dx = sinh x, x α dx = ,
α+1
Z Z
1 1
dx = log |x|, dx = arctan x,
x 1 + x2
Z Z Z
1 1
√ dx = arcsin x, dx = (1 + (tan x) 2 ) dx = tan x,
1 − x2 (cos(x)) 2
Z Z
1 1
√ dx = sett sinh x, √ dx = sett cosh x.
x2 +1 2
x −1
In questa tabella non compaiono le primitive di alcune funzioni elementari come log, arcsin, arctan che sono
funzioni elementari su cui torneremo in seguito. Con poca fatica possiamo ottenere un’estensione di questa tabella
sostituendo x con una funzione di x. Ad esempio
 0 Z
e f (x) = e f (x) f 0 (x), ⇐⇒ e f (x) f 0 (x) dx = e f (x) .

Procedendo allo stesso modo con tutte le altre funzioni otteniamo la tabella
Z Z 0
f (x)
e f (x) f 0 (x) dx = e f (x), dx = log | f (x)|,
f (x)
Z Z
sin( f (x)) f 0 (x) dx = − cos( f (x)), cos( f (x)) f 0 (x) dx = sin( f (x)),

Z Z
sinh( f (x)) f (x) dx = cosh( f (x)),
0
cosh( f (x)) f 0 (x) dx = sinh( f (x)),

f (x) α+1 f 0 (x)


Z Z
α 0
f (x) f (x)dx = , dx = arctan f (x),
α+1 1 + f (x) 2

f 0 (x) f 0 (x)
Z Z
dx = arcsin f (x), dx = tan f (x),
(cos f (x)) 2
p
1 − f (x) 2

f 0 (x) f 0 (x)
Z Z
dx = sett sinh f (x), dx = sett cosh f (x).
f (x) 2 + 1
p p
f (x) 2 − 1
La difficoltà maggiore nell’applicare queste formule è, di fatto, di riconoscere la struttura della funzione di cui si
vuole calcolare la primitiva.
164

8.2 Regole di calcolo


Un po’ impropriamente chiamiamo regole di calcolo delle formule che permettono, almeno in linea di principio, di
trasformare il calcolo di una primitiva in quello di una (si spera!) più semplice. Queste regole provengono da una
rilettura, nel linguaggio delle primitive, delle proprietà della derivata. Una prima semplice regola ad esempio è la
cosiddettà linearità. Ricordiamo che per la derivata si ha che
(αF + βG) 0 = αF 0 + βG 0, α, β ∈ R.
Se allora F 0 = f e G 0 = g, cioè se
Z Z Z Z Z
F= f, G = g, =⇒ α f+β g= (α f + βg).

In altre parole abbiamo la


Z Z Z
(α f (x) + βg(x)) dx = α f (x) dx + β g(x) dx, ∀α, β ∈ R. (8.2.1)

In altre parole il calcolo di una primitiva di una combinazione lineare può essere ridotto al calcolo delle primitive
dei singoli termini della combinazione.

8.2.1 Formula di calcolo per parti


Le vere due regole di calcolo sono quella che vediamo ora e quella del prossimo paragrafo. Cominciamo con la
cosiddetta formula di calcolo per parti. Sappiamo che
Z Z Z
( f g) 0 = f 0 g + f g 0, ⇐⇒ f g = f 0 g + f g 0 , ⇐⇒ f 0g = f g − f g 0,


ovvero Z Z
f 0 (x)g(x) dx = f (x)g(x) − f (x)g 0 (x) dx. (8.2.2)
Anche in questo caso il senso della formula non è tanto quello di dare una regola per calcolare una primitiva, quanto
per trasformare un problema in un altro (con l’ottica che quest’ultimo sia più semplice). Ciò richiede una serie di
accortezze nell’applicazione della formula che vediamo esemplificate di seguito. Anzitutto: talvolta riconoscere la
forma f 0 g è una "scelta obbligata".
Esempio 8.2.1. Calcolare Z
x log x dx.

 2 0
Sol. — Possiamo osservare che x = x2 , mentre non viene in mente niente tale che log x = (. . .) 0 . Applicando la formula
per parti dunque abbiamo
!0
x2 x2
Z 2
x2
Z 2
x2
Z Z Z
x x 1 1
x log x dx = log x dx = log x 0 dx = dx =

log x − log x − log x − x dx
2 2 2 2 2 x 2 2

x2 x2
= log x − .
2 4
Questo esempio mostra bene anche cosa s’intenda per "trasformare un problema in un più semplice": come si vede, dopo
l’applicazione della formula il problema si è ridotto al calcolo di una primitiva elementare.
165

Altre volte occorre creare "ad artificio" un prodotto.

Esempio 8.2.2. Calcolare Z


log x dx.

Sol. — Possiamo scrivere log x = 1 · log x = (x) 0 · log x. Allora


Z Z Z Z
1
log x dx = (x) 0 log x dx = x log x − x · dx = x log x − 1 dx = x log x − x.
x

Altre volte la scelta non è obbligata ma non è nemmeno indifferente.

Esempio 8.2.3. Calcolare Z


x sin x dx.

 2 0
Sol. — Possiamo scrivere x sin x = x2 sin x = x(− cos x) 0 . Nel primo caso abbiamo

!0
x2 x2 x2 x2
Z Z Z Z
1
x sin x dx = sin x dx = sin x − cos x dx = sin x − x 2 cos x dx,
2 2 2 2 2

e si direbbe che il nuovo problema non solo non è immediato


 3 0 ma sembra più complicato di quello iniziale. Naturalmente
potremmo iterare il metodo, pensando che x cos x = 3 cos x = x 2 (sin x) 0 . Appare chiaro che la seconda ipotesi è del tutto
2 x

inutile poiché riporta alla formula iniziale:

x2 x2
Z Z Z
1 1
x sin x dx = sin x − x 2 cos x dx = sin x − x 2 (sin x) 0 dx
2 2 2 2

x2
Z ! Z
1 2
= sin x − x sin x − 2x sin x dx = x sin x dx,
2 2
 3 0
identità d’indubbio fascino ma purtroppo inutile. Se invece si opta per l’altra ipotesi, cioè x 2 cos x = x3 cos x si scopre che
le cose si complicano ancora di più perché si ottiene

x2 x2 1 x3 x3
Z Z Z !
1
x sin x dx = sin x − x 2 cos x dx = sin x − cos x + sin x dx = . . .
2 2 2 2 3 3

da cui non è difficile immaginare un percorso senza fine. Se invece torniamo all’inizio e optiamo per la scrittura x sin x =
x(− cos x) 0 tutto si semplifica drasticamente:
Z Z
x sin x dx = −x cos x + cos x dx = −x cos x − sin x.

Questo esempio mostra quindi che la scelta della forma non è un fatto automatico.

Altre volte ancora la primitiva viene ottenuta iterando il procedimento per parti fino ad ottenere un’"equazione"
nella quantità che si vuole trovare.
166

Esempio 8.2.4. Calcolare Z


e2x sin(3x) dx.

Sol. — Possiamo scrivere


!0
e2x e2x
Z Z Z
3
e2x sin(3x) dx = sin(3x) dx = sin(3x) − e2x cos(3x) dx
2 2 2
!0
e2x e2x e2x 3 e2x
Z Z !
3 3
= sin(3x) − cos(3x) dx = sin(3x) − cos(3x) + e2x sin(3x) dx
2 2 2 2 2 2 2

e2x
! Z
3 9
= sin(3x) − cos(3x) − e2x sin(3x) dx,
2 2 4
da cui
4 e2x
Z ! !
3 2 2x 3
e2x sin(3x) dx = sin(3x) − cos(3x) = e sin(3x) − cos(3x) .
13 2 2 13 2

8.2.2 Formula di calcolo per sostituzione


L’operazione di sostituzione ha come sempre lo scopo di semplificare la scrittura di una certa espressione intro-
ducendo una nuova variabile costituita da un certo "pacchetto" fisso contenente la variabile. Facciamo un esempio.
Supponiamo di voler calcolare

Z
x
e dx.

Sarebbe bello chiamare y = x e dire che
√ √
Z Z
e x
dx = ey dy = ey = e x
.

Purtroppo spesso quelle che sembrano regole naïf sono palesi castronate. In effetti
√ √ 1 √
x 0
 
e =e x
√ , e x.
2 x
Se ci si pensa un secondo si scopre il perché ciò non funzioni. Supponiamo infatti, in generale, di dover calcolare
la primitiva di una certa funzione, Z
f (x) dx

e di voler introdurre una nuova variabile y = ϕ(x). Quando facciamo un cambio di variabile è naturale riferirsi ad
una situazione in cui x (vecchia variabile) ed y (nuova variabile) siano legate 1 − 1, in corrispondenza biunivoca
cioè. Se allora chiamiamo x = ψ(y) (cioè ψ = ϕ−1 ) allora possiamo notare che
Z
F (x) = f (x) dx, =⇒ (F (ψ(y))) 0 = F 0 (ψ(y))ψ 0 (y) = f (ψ(y))ψ 0 (y),

da cui Z
F (ψ(y)) = f (ψ(y))ψ 0 (y) dy.
167

Ma allora è come dire che Z Z


f (x) dx = f (ψ(y))ψ 0 (y) dy. (8.2.3)

y=ϕ (x), x=ψ (y)

Questa formula prende il nome di formula di calcolo per sostituzione. A parole dice che: calcolare la primitiva di
f (x) è come calcolare la primitiva di f (ψ(y))ψ 0 (y) dove y = ψ(x). Vediamo sull’esempio di cui sopra come si
procede normalmente (un po’ di pratica aiuta facilmente a comprendere lo schema di funzionamento).
Esempio 8.2.5. Calcolare

Z
x
e dx.


Sol. — Poniamo y = x. Ciò vuol dire x = y 2 =: ψ(y). Quindi ψ 0 (y) = 2y. Allora
Z √ √ Z
y= x, x=y 2
e x dx = ey 2y dy.

Quest’ultima è molto semplice e può facilmente essere calcolata per parti. Infatti
Z Z Z
ey y dy = (ey ) 0 y dy = ey y − ey · 1 dy = ey y − ey ,

quindi
√ √
√ √ √
Z
y= x, x=y 2 y
e x dx = e y − ey = xe x − e x .

Esempio 8.2.6. Calcolare Z p


e2x − 1 dx.


Sol. — Poniamo y = e2x − 1, ovvero y 2 = e2x − 1, cioè 2x = log(1 + y 2 ), ovvero x = 12 log(1 + y 2 ) =: ψ(y). Abbiamo
2y y
ψ 0 (y) = 12 1+y 2 = 1+y 2 , per cui

y= e2x −1, x= 12 log(1+y 2 ) y2 y2 + 1 − 1
Z p Z Z Z
y
e2x − 1 dx = y· dy = dy = dy
1 + y2 1 + y2 1 + y2
Z Z
1 p p
= 1 dy − dy = y − arctan y = e2x − 1 − arctan e2x − 1.
1+y 2

Osservazione 8.2.7. Spesso si usa scrivere così: se y = ϕ(x), x = ψ(y) allora dx = ψ 0 (y) dy per cui
Z Z
f (x) dx = f (ψ(y)) ψ 0 (y) dy.

Ci sono alcuni casi particolari in cui invece di definire una "nuova" variabile come funzione di quella iniziale, la
sostituzione è già nella forma "vecchia variabile = funzione della nuova". In altre parole, invece che definire la
sostituzione come y = ϕ(x) si pone x = ψ(y). In tal caso, ovviamente, non si deve "invertire" la corrispondenza
poiché si può già dire dx = ψ 0 (y) dy. Vediamo alcuni esempi notevoli che utilizzano le identità

cos2 + sin2 = 1, cosh2 − sinh2 = 1.


168

Esempio 8.2.8. Calcolare Z p


1 − x 2 dx.

Sol. — Poniamo x = sin y (ovvero y = arcsin x). Allora dx = cos y dy per cui
Z p Z q Z q Z
(∗)
1 − x 2 dx = 1 − (sin y) 2 cos y dy = (cos y) 2 cos y dy = | cos y| cos y dy =

Ora: siccome y = arcsin x ∈ [− π2 , π2 ], ne segue che cos y > 0, per cui possiamo proseguire le identità precedenti
Z Z Z Z
(∗)
= (cos y) 2 dy = (cos y)(sin y) 0 dy = cos y sin y − (− sin y)(sin y) dy = cos y sin y + (1 − (cos y) 2 ) dy,

cioè Z
1
(cos y) 2 dy = cos y sin y − y ,

2
e quindi Z p
1 1 p 
1 − x 2 dx = (cos(arcsin x)x − arcsin x) = x 1 − x 2 − arcsin x .
2 2

Esempio 8.2.9. Calcolare Z p


1 + x 2 dx.

Sol. — Poniamo x = sinh y (cioè y = sett sinh x) per cui dx = cosh y dy. Allora
Z p Z q Z q Z Z
1 + x 2 dx = 1 + (sinh y) 2 cosh y dy = (cosh y) 2 cosh y dy = | cosh y| cosh y dy = (cosh y) 2 dy,

essendo cosh y > 1 > 0. Ora


Z Z Z
(cosh y) 2 dy = cosh y sinh y − (sinh y) 2 dy = cosh y sinh y − (cosh y) 2 − 1 dy

da cui Z
1
(cosh y) 2 dy = cosh y sinh y + y

2
ed infine Z p
1
1 + x 2 dx = (x cosh(sett sinh x) + sett sinh x) .
2
q p √
Si può ancora osservare che essendo cosh(y) = 1 + (sinh y) 2 si ha cosh(sett sinh x) = 1 + sinh(sett sinh x) 2 = 1 + x 2 .

8.3 Primitive delle funzioni razionali


Per le funzioni razionali esiste un algoritmo di calcolo delle relative primitive. Questo algoritmo è basato sul
calcolo di primitive in alcuni casi particolari e poi, in generale, ad un metodo di riduzione ai casi particolari. I casi
particolari sono i seguenti:
αx + β
Z Z
1
dx, dx, (a , 0, n ∈ N).
(ax + b) n (ax 2 + bx + c) n
Vediamoli in dettaglio. Un’avvertenza. Non è opportuno memorizzare formule, quanto comprendere la procedura
che è estremamente semplice!
169
R 1
Primitive di (ax+b) n dx
Questo è molto semplice trattandosi di una primitiva quasi elementare:
1

 log |ax + b|, n = 1,
a
Z Z 

1 1 a


dx = =

dx 
(ax + b) n a (ax + b) n 
 1 (ax + b) −n+1 1 1
=− , n > 1.



−n + 1 a (n − 1)(ax + b) n−1

 a

αx+β
R
Primitive di (ax 2 +bx+c) n
dx.
Cominciamo col caso particolare del calcolo di Z
1
dx.
ax 2 + bx + c
In questo caso si hanno tre alternative a seconda che ∆ := b2 − 4ac sia positivo, nullo o negativo.
• ∆ > 0. Allora
ax 2 + bx + c = a(x − ξ)(x − η), con ξ , η.
Allora !
1 1 1 1 A B
= = +
ax 2 + bx + c a (x − ξ)(x − η) a x−ξ x−η
dove A e B possono essere facilmente determinati in modo che l’identità sia vera: bisogna che


 A + B = 0, 

 B = −A,
A(x − η) + B(x − ξ) ≡ 1, ⇐⇒ 
 
⇐⇒ 
 A= 1 .
 −Aη − Bξ = 1,

 

 ξ−η

Come si vede questo sistema ha sempre un’unica soluzione ( A, B) se ∆ > 0. Ma allora


Z Z !
1 1 A B 1
= + dx = A log |x − ξ | + B log |x − η| .

dx
ax 2 + bx + c a x−ξ x−η a

• ∆ = 0. In questo caso
Z Z
1 1 1 −1 1
ax 2 + bx + c = a(x − ξ) 2, =⇒ dx = dx = =− .
ax + bx + c
2 a(x − ξ) 2 a x−ξ a(x − ξ)

• ∆ < 0. In questo caso le due radici sono complesse. L’idea è di ricondursi al caso prototipo x 21+1 dx = arctan x.
R

Vediamo come: anzitutto mostriamo che il polinomio può essere riscritto nella forma 1+quadrato. Abbiamo

b 2 b2 b 2 4ac − b2 +
! ! !
b c c
ax 2 + bx + c = a x 2 + 2 x + = a* x + − 2 + + = a* x + + .
2a a , 2a 4a a- , 2a 4a2 -
2
Notiamo che α := 4ac−b
4a2
> 0, e se scriviamo β := 2a
b allora

x+β 2
  !
ax 2 + bx + c = a (x + β) 2 + α = aα * √ + 1+ ,
, α -
per cui

1/ α x+β
Z Z Z
1 1 1 1 1
dx =  dx = √  dx = √ arctan √ .
ax 2 + bx + c aα x+β 2 a α x+β 2 a α α
 
1+ √ 1+ √
α α
170

Passiamo ora al caso


αx + β
Z
dx.
ax 2 + bx + c
Questo si riconduce facilmente al precedente. Anzitutto si trasforma il numeratore in modo da far comparire la derivata del
denominatore. Essendo
(ax 2 + bx + c) 0 = 2ax + b,
allora
2aβ 2aβ
αx + β α 2ax + α α 2ax + b α α −b
Z Z Z Z
dx = dx = dx + dx
ax 2 + bx + c 2a ax 2 + bx + c 2aax 2 + bx + c 2a ax 2 + bx + c

α α 2a β
!Z
1
= log |ax 2 + bx + c| + −b dx,
2a 2a α ax 2 + bx + c
ed ora si procede come nel punto precedente.

Esempio 8.3.1. Calcolare


x+3
Z
dx.
x2 + 2x + 2

Sol. — Riduciamo anzitutto il numeratore ricostruendo la derivata del denominatore (x 2 + 2x + 2) 0 = 2x + 2. Abbiamo

x+3 2x + 6 2x + 2
Z Z Z Z !
1 1 4
dx = dx = dx + dx
x 2 + 2x + 2 2 x 2 + 2x + 2 2 x 2 + 2x + 2 x 2 + 2x + 2
Z
1 2 1
= log |x + 2x + 2| + 2 dx.
2 x 2 + 2x + 2

Ora: ∆ = 22 − 4 · 1 · 2 = 4 − 8 = −4 < 0. Dobbiamo quindi "completare" il quadrato. Qui è particolarmente semplice perché
Z Z
1 1
x 2 + 2x + 2 = x 2 + 2x + 1 + 1 = (x + 1) 2 + 1, =⇒ dx = dx = arctan(x + 1),
x 2 + 2x + 2 1 + (x + 1) 2
per cui

x+3
Z
1 1
dx = log |x 2 + 2x + 2| + 2 arctan(x + 1) ≡ log(x 2 + 2x + 2) + 2 arctan(x + 1).
x 2 + 2x + 2 2 2

Infine consideriamo il caso


αx + β
Z
dx, n > 2.
(ax 2 + bx + c) n
L’idea è, tramite un’integrazione per parti, di abbassare progressivamente n e di ricondursi al caso precedente.
Omettiamo i noiosi dettagli e vedremo in seguito qualche esempio concreto.

Caso Generale
Siamo ora pronti per il caso generale. Consideriamo il problema di calcolare
Z
p(x)
dx, dove p, q ∈ R[x].
q(x)
171

La prima osservazione è che ci possiamo ricondurre subito al caso in cui il grado di p sia minore di quello di q. Infatti, in caso
contrario, possiamo effettuare la divisione ed ottenere che

p(x) pH(x)
= r (x) + , con r ∈ R[x], deg pH < deg q.
q(x) q(x)

Quindi supponiamo deg p < deg q. Ora il denominatore q si potrà sempre scrivere nella forma

q(x) = a(x − x 1 ) m1 · · · (x − x k ) mk (x 2 + b1 x + c1 ) n1 · · · (x 2 + bh x + ch ) nh

dove a ∈ R, x j ∈ R e x i , x j , m j ∈ N, b j , c j ∈ R con ∆ j := b2j − 4c < 0, nh ∈ N. Vale allora la seguente decomposizione di


Hermite:
m1 mk n1 nh
p(x) 1 X A1, j X Ak, j X B1, j x + C1, j X Bh, j x + Ch, j +
= *. + . . . + + + . . . +
j j (x + b1 x + c1 )
2 (x + bh x + ch ) j
2
/
q(x) a (x − x 1 ) (x − x k ) j
, j=1 j=1 j=1 j=1 -
R p(x)
quindi per linearità il calcolo di q(x) dx è ricondotto ai casi precedenti. Quanto ai coefficienti A, B, C essi vengono
determinati imponendo che l’identità precedente valga. Non dimostriamo questo fatto, invece illustriamo con qualche esempio
la sua semplice applicazione.

Esempio 8.3.2. Calcolare


x2 + 1
Z
dx.
x3 + 1

Sol. — Osserviamo che


x 3 + 1 = (x + 1)(x 2 − x + 1),
e questa formula non è ulteriormente riducibile poiché il discriminante della parte di secondo grado è negativo. Quindi

x2 + 1 x2 + 1
= .
x + 1 (x + 1)(x 2 − x + 1)
3

La decomposizione di Hermite è
x2 + 1 A Bx + C
= + .
(x + 1)(x 2 − x + 1) x + 1 x2 − x + 1
Ora
A Bx + C A(x 2 − x + 1) + (Bx + C)(x + 1) ( A + B)x 2 + (B + C − A)x + ( A + C)
+ 2 = = ,
x+1 x −x+1 x +1
3 x3 + 1
per cui dovrà essere

 A+ B = 1
 B + C − A = 0,

 A + C = 1,

che produce A = 13 , B = 32 , C = 23 . Pertanto

x +1 x+1 2x − 1 + 3
Z 2 Z Z Z
1 1 2 1 1
dx = + = log |x + 1| + dx
x3 + 1 3 x+1 3 x2 − x + 1 3 3 x2 − x + 1
Z
1 1 1
= log |x + 1| + log |x 2 − x + 1| + dx.
3 3 x −x+1
2
172

Resta l’ultimo pezzo, che è un integrale del tipo di quelli già trattati e che da luogo all’arcotangente. Quindi bisogna operare
per completare il quadrato:
2
1
1 2 1 2 3 3 *.*. x − 2 +/
! !
2 1 + 3
x −x+1= x− +1− = x− + = ... q / + 1/// = (y 2 + 1),
2 4 2 4 4 3 4
,, 4 - -
avendo posto
x − 21
r
3 1
y := q , x = y+ .
3 4 2
4
Quindi
*x − 1 +
Z Z r r
1 4 1 3 4 2
dx = dy = arctan y + c = √ arctan .. q 2 // .
x2 − x + 1 3 y2 + 1 4 3 3 3
, 4 -
In conclusione:
1
x2 + 1 x−
Z
1 1 2
dx = log |x + 1| + log |x 2 − x + 1| + √ arctan *. √ 2 +/ .
x3 + 1 3 3 3 3
, 2 -

Esempio 8.3.3. Calcolare


2x 4 + x 3 + 3x 2 + 1
Z
dx.
x(x 2 + 1) 2

Sol. — La decomposizione di Hermite è

2x 4 + x 3 + 3x 2 + 1 A Bx + C Dx + E
= + 2 + 2 ,
x(x 2 + 1) 2 x x +1 (x + 1) 2
da cui, svolgendo i calcoli, otteniamo il sistema

 A + D = 2,
= 1,




 E
 2A + B + D = 3,

C + E = 0,





 A = 1,

che risolto produce: A = 1, B = 0, C = −1, D = 1 e E = 1. Pertanto

2x 4 + x 3 + 3x 2 + 1 x+1
Z Z
1 1
dx = − + dx.
x(x 2 + 1) 2 x (x 2 + 1) 2 x 2 + 1
Ora Z
1
dx = log |x| + c,
x
mentre
x+1
Z Z Z
1 2x 1 1
dx = dx + dx = log |x 2 + 1| + arctan x + c.
x2 + 1 2 x2 + 1 x2 + 1 2
1
R
Resta da calcolare (x 2 +1) 2
dx. Operando l’artificio visto sopra si ha

x2 + 1 − x2 x2 x2
Z Z Z Z Z
1 1
dx = dx = − dx = arctan x − dx.
(x + 1) 2
2 (x 2 + 1) 2 x +1
2 (x 2 + 1) 2 (x 2 + 1) 2
173

Quest’ultimo integrale è calcolabile per parti, osservato che


!0
x 1 1
= ,
(x 2 + 1) 2 2 x2 + 1
per cui
!0
x2
Z Z Z
x 1 1
dx = x dx = x dx
(x + 1) 2
2 (x 2 + 1) 2 2 x2 + 1
Z !
1 1 1 0
= x − (x) dx
2 x2 + 1 x2 + 1

1 x 
= − arctan x + c .
2 x2 + 1
Mettendo assieme i vari pezzi si ottiene il risultato finale.

8.3.1 Sostituzioni standard


Vediamo ora alcuni casi particolari di primitive il cui calcolo è riconducibile a quello di primitive di funzioni
razionali tramite sostituzioni standard.

ax + b) dx
R n
Primitive del tipo R(x,
Consideriamo una primitiva del tipo Z √
n
R(x, ax + b) dx
p(x,y)
dove R è razionale (cioè R(x, y) = q(x,y) , con p e q polinomi), allora

√ yn − b
Z Z !
n n n−1
R(x, ax + b)dx √ n n = R , y y dy,
y= ax+b, x= y a−b a a
e la funzione
yn − b
!
y 7−→ R , y y n−1,
a
è una funzione razionale di y, cui può essere applicata la procedura vista nel paragrafo precedente.
√ Alla fine si otterrà,
naturalmente, una primitiva nella variabile y: per tornare alla variabile x basterà sostituire y = ax + b. Vediamo il metodo in
n

un esempio:

Esempio 8.3.4. Calcolare Z √


x
√ dx.
x+1

Sol. — Poniamo y = x, x = y 2 . Quindi

y −1+1
Z Z Z 2 Z Z !
x y 1
√ dx √ = 2y dy = 2 dy = 2 (y − 1)dy + dy
x + 1 y= x, x=y 2 y+1 y+1 y+1

(y − 1) 2 ( x − 1) 2
! !

=2 + log |1 + y| = 2 + log |1 + x| .
2 2
174
R
Primitive del tipo R(e x ) dx
Consideriamo ora il problema di determinare Z
R(e x )dx,

p(ξ )
dove R è un’opportuna funzione razionale, cioè R(ξ) = q(ξ ) con p e q polinomi. È naturale provare ad effettuare la sostituzione
y = e x , cioè x = log y. Allora Z Z
1
R(e x )dx x = R(y) dy.
y=e , x=log y y
R(y)
La funzione y 7−→ y è razionale, a cui può essere applicato il metodo di calcolo delle primitive per funzioni razionali.

Esempio 8.3.5. Calcolare


cosh x + sinh x
Z
dx.
1 + 2 cosh x

Sol. — Notiamo che se scriviamo cosh x = e +e


x −x x −x
2 , sinh x = e −e
2 , allora

Z e x +e−x e x −e−x
cosh x + sinh x + ex e2x
Z Z Z
2 2
P := dx = dx = dx = dx,
1 + 2 cosh x 1 + 2 e +e e2x + e x + 1
x −x
2 1 + e x + e1x

chiaramente una funzione razionale di e x . Posto allora y = e x , x = log y =: ψ(y), ψ 0 (y) = y1 , allora

y2 2y + 1 − 1 2y + 1
Z Z Z Z Z
1 y 1 1 1 1
P = dy = dy = dy = dy − dy
y +y+1 y
2 y +y+1
2 2 y +y+1
2 2 y +y+1
2 2 y2 +y+1
Z
1 1 1
= log |y 2 + y + 1| − dy.
2 2 y2 +y+1

Ora ∆ = 12 − 4 · 1 · 1 = −3 < 0, per cui bisogna completare il quadrato al denominatore:

1 2 1 1 2 3 3* 2y + 1 2 +
! ! !
y2 + y + 1 = y + − +1= y+ + = 1+ √
2 4 2 4 4, 3 -
per cui
2y + 1
Z Z
1 4 1 4
dy =  2 dy = √ arctan √ .
y +y+1
2 3 
2y+1 3 3
1+ √
3
Pertanto
1 2 2e x + 1
P= log(e2x + e x + 1) − √ arctan √ .
2 3 3

R
Primitive del tipo R(sin x, cos x) dx
Consideriamo ora il problema di determinare Z
R(sin x, cos x)dx,
175

p(ξ,η)
dove R è un’opportuna funzione razionale, cioè R(ξ, η) = q(ξ,η) con p e q polinomi nelle variabili ξ ed η. In questo caso è
possibile ricondurre il calcolo della primitiva in esame al calcolo della primitiva di una opportuna funzione razionale, ma la
sostituzione è meno evidente. Infatti consiste nel porre

x
y = tan , x = 2 arctan y.
2

Questo perché valgono le formule


 2
2 tan x2 1 − tan x2
sin x =   2 , cos x =  2 . (8.3.1)
1 + tan x2 1 + tan x2

Queste formule vengono dette formule parametriche per il seno ed il coseno e sono verificabili a partire dalle proprietà di seno
e coseno. Con tali formule abbiamo che

2y 1 − y 2
Z Z !
2
R(sin x, cos x)dx = R , dy,
y=tan x2 , x=2 arctan y 1 + y2 1 + y2 1 + y2

che, per quanto complesso possa apparire, è comunque la primitiva di una funzione razionale.

Esempio 8.3.6. Calcolare


Z
1
dx.
sin x − cos x

Sol. — Operando la sostituzione standard dobbiamo calcolare:


Z Z
1 2 1
dy = 2 dy.
2y 1−y 2 1 + y 2 2y − 1 + y 2
1+y 2
− 1+y 2

Abbiamo che
√ √
y 2 + 2y − 1 = (y − (−1 − 2))(y − (−1 + 2)).

Pertanto,
1 α β
= √ + √ ,
2y − 1 + y 2 y+1+ 2 y+1− 2

dove α = − √1 e β = √1 . Allora
2 2


√ √ |y + 1 − 2|
Z
1 1 1 1
dy = − √ log |y + 1 + 2| + √ log |y + 1 − 2| = √ log √ .
2y − 1 + y 2 2 2 2 |y + 1 + 2|

Tornando alla x abbiamo, infine,



| tan x2 + 1 − 2|
Z
1 1
dx = √ log √ .
sin x − cos x 2 | tan x2 + 1 + 2|
176

8.4 Esercizi
Esercizio 8.4.1 (Prim. quasi–elementari). Calcolare le seguenti primitive:

Z √
1 + tan x f p g Z
1. dx, 2 (1 + tan x) 3 2. tan x dx,

− log | cos x|

(cos x) 2 3

e x − e−x
Z   Z
2
3. xe x dx, 1 x2 4.

log(e x + e−x )

2e e x + e−x
dx,

1 + sin x e x arctan e x
Z   Z f g
5. 1
− 3(x−cos 6. 1 x 2
(x − cos x) 4
dx, x) 3 1 + e2x
dx, 2 (arctan e )

2
2x + 3 x x x(2 log x + 1)
Z f g Z
log |x 2 + 3x + 4| arcsin x x
 
7. dx, 8. dx,
x 2 + 3x + 4
p
2
1 − xx
Z f g Z f g
9. e−2x+5 dx, − 12 e−2x+5 10. (cos x) 3 dx, sin x − 31 (sin x) 3

Z   Z
2sin x
f g
11. 2sin x cos x dx, log 2 12. (sinh x) 3 dx, 1
3 (cosh x)
3 − cosh x

Z √
ex
Z f √
x − log x g
log(e x + 1) 2 x − 12 (log x) 2
 
13. dx, 14. dx,
e +1
x x
Z Z
1   sin x − cos x
− log1 x − log | sin x + cos x|
 
15. dx, 16. dx,
x(log x) 2 sin x + cos x

Esercizio 8.4.2 (per parti). Calcolare le seguenti primitive:


Z Z
[x sin x + cos x]
 
1. x cos x dx, 2. log x dx, x log x − x

Z Z
x α+1
 
x α log x dx, (α , −1), ex
 f g
3. α+1
1
log x − α+1 4. e x sin x dx, 2 (sin x − cos x)

Z f √ g Z
x arcsin x + 1 − x 2 xe x dx, xe x − x
 
5. arcsin x dx, 6.

Z f g Z √ f √ √ g
7. arctan x dx, x arctan x − 21 log(1 + x 2 ) 8. e x dx, 2e x x − 1

Z f Z
g f g
9. sin(log x) dx, x
2 sin log x − cos log x 10. (sin x) 2 dx, 1
2 (x − sin x cos x)

Z
(log x) 2 
(log x) 2 log x
 Z
x arcsin x f √ g
11. dx, − x − 2 x − x2 12. √ dx, x − 1 − x 2 arcsin x
x2 1 − x2
177

Esercizio 8.4.3 (per parti). Calcolare le seguenti primitive:


√ f √ √ g R √  √ 2

log(x + 1 + x 2 ) dx, x log(x + 1 + x 2 ) − 1 + x 2 x a2 − x 2 + a2 arcsin ax
R
1. 2. a2 − x 2 dx, 2

e α x (α cos( βx)
 
eαx cos( βx) dx, x2
f g
+ β sin( βx)) 1 arctan x − x 2x+1
R R
3. α2 +β 2
4. x 2 +1
dx, 2

√ f  √ √ g
x − 12 arcsin x + 21 1 − x 2
R
5. arcsin x dx,

Esercizio 8.4.4 (per sostituzione). Calcolare le seguenti primitive:


Z √ f √ √
Z
g 1 f √ g
1. e x − 1 dx, 2 e x − 1 − arctan e x − 1 2. √ dx, 2 log | x + 1|
x+ x
Z
√ f  √ √ g Z
1 f √ g
3. arcsin x dx, x − 21 arcsin x + 12 1 − x 2 4. √ dx, 2 arctan 2x − 1
x 2x − 1
Z p f  √ g Z
1
5. a2 − x 2 dx, 1 a2 arcsin ax + x a2 − x 2 6. dx,

arcsin(log x)

2 q
x 1 − (log x) 2
Z Z √ f √ √ g
e x log(1 + e x ) dx, (e − 1) log(1 + e x ) − e x e x dx,
 x
2e x ( x − 1)

7. 8.

√ √
x3 f √ 1+e x √ g
Z Z
2 √ √ g f √
9. dx, x 3 − 2 x + 2 arctan x 10. √ dx, 2( x + e x )
1+x 3 x
Z
xe2x f √ √ g
11. √ dx, (x − 1) e2x − 1 + arctan e2x − 1
e2x −1

Esercizio 8.4.5. Calcolare le seguenti primitive:


3x + 1
Z
 
1. dx, 10 log |x − 3| − 7 log |x − 2|
x − 5x + 6
2

5x + 9 √
Z  
2. dx, 5 log(x 2 + 2x + 3) + 2 2 arctan x+1

x 2 + 2x + 3 2 2
Z
3x − 1 f
3
g
3. dx, 2 log(x 2 − 2x + 5) + arctan x−1
2
x 2 − 2x + 5
Z
x f
1 7 log x−6
g
4. dx, 2 log |x 2 − 7x + 6| + 10 x−1
x − 7x + 6
2

x2
Z f g
5. dx, x + 25 4
3 log |x − 5| − 3 log |x − 2|
x2 − 7x + 10

x 2 − 5x + 9
Z f
6. dx, x + 3 log x−3 g
x 2 − 5x + 6 x−2
178

Esercizio 8.4.6. Calcolare le seguenti primitive di funzioni razionali:


15x 2 − 4x − 81
Z
3 log |x − 3| + 5 log |x + 4| + 7 log |x − 1|
 
1. dx,
(x − 3)(x + 4)(x − 1)

x3 + 1
Z  
2. dx, x
2 log |x − 1| − log |x| − (x−1) 2
x(x − 1) 3
Z
1 f g
3. dx, arctan x + x1 − 3x1 3
x6 + x4
Z
x−1  
4. dx, 3 log |x| − 32 log(x 2 + x + 1) − √1 arctan 2x+1

x 2 (x 2 + x + 1) 3 3
Z
x f g
5. dx, − 12 log |x + 2| − 23 x+2
1 + 1 log |x − 1|
9
(x + 2) 2 (x − 1)

x2 + 2 √
Z  
6. dx, log |x + 1| − 12 log(x 2 + x + 1) − x+1
3 − 3 arctan 2x+1

(x 2 + x + 1)(x + 1) 2 3

Esercizio 8.4.7. Calcolare


Z f √
1 √ √ g
1. √ √ dx, 2 x − 4 4 x + log( 4 x + 1)
x + 4x
√ √
Z
1 f
1
g
2. √ dx, 2 log | 2x + 3 − 1| + 32 log( 2x + 3 + 3)
x + 2x + 3

1+ x+1 √ √
Z f g
3. √ dx, x + 1 + 4 x + 1 + 4 log( x + 1 − 1)
x+1−1
√ √
Z r
1 1−x  q 
4. dx, 2 arctan 1−x + log √1+x−√1−x
x 1+x 1+x 1+x+ 1−x

Z r !3
x  q
x − 3 arctan
q
x

5. dx, (3 − x) 1−x 1−x
1−x

Esercizio 8.4.8. Calcolare


   
ex 1 e2x log(e2x + e x + 1) − 13 arctan 2e√ +1
x
+ 12 arctan e x
R cosh x+sinh x 1
,
R
1. (1+e2x ) 2 2 1+e2x 2. 1+2 cosh x dx, 2 3

2 +1
 x 
1 2 tanh
√2
R
3. sinh x+2 cosh x dx, arctan √
3 3

Esercizio 8.4.9. Calcolare


2 + cos x
Z Z
1 f
x
g f
sin x
g
1. dx, log tan 2. dx, log 1+2
sin x 2 (1 + 2 cos x) sin x cos x

5 + cos x
Z Z
sin x 
2
  1+tan x 
1

x + 1+tan x
2

3. dx, x 4. dx, log 1−tan x − arctan 2 tan 2
1 + sin x 2 (5 + 3 cos x) cos x 2
Capitolo 9

Integrale di Riemann

La teoria dell’integrazione si pone l’obiettivo di fornire una metodo sufficientemente generale per il calcolo di aree
di figure piane. Per fissare le idee consideriamo una funzione f : [a, b] −→ [0, +∞[. Vogliamo "misurare" l’area
della porzione di piano compresa tra il grafico di f e l’asse delle ascisse, cioè l’area dell’insieme (detto trapezoide)

Trap( f ) := {(x, y) : a 6 x 6 b, 0 6 y 6 f (x)} .

AHf L

a b

L’idea in fondo è molto semplice e si può far risalire ad Archimede: si tratta di approssimare l’area del trapezio
tramite aree elementari quali quelle dei rettangoli. La definizione formale è però complessa, anche se l’idea di
fondo e le dimostrazioni delle proprietà sono spesso lunghe e molto "burocratiche", per cui saranno in parte omesse
senza minare la comprensione.

9.1 Definizione di funzione integrabile


Cominciamo con la

Definizione 9.1.1 (suddivisione). Una suddivisione di un intervallo [a, b] è un insieme di punti π := {x 0, x 1, . . . , x N }


tali che
a = x 0 < x 1 < . . . < x N = b.
Si pone
|π| := max |x k+1 − x k |.
k=0,..., N −1

L’insieme di tutte le suddivisioni dell’intervallo [a, b] viene indicato con Π[a, b].

179
180

Definizione 9.1.2 (somma inferiore e superiore). Sia f : [a, b] −→ R sia una funzione limitata. Se π ∈ Π[a, b] si
chiama somma inferiore di f relativa alla suddivisione π
N
X −1
S(π) := mk (x k+1 − x k ), mk := inf f (x).
x ∈[x k , x k+1 ]
k=0

Si chiama somma superiore di f relativa alla suddivisione π


N
X −1
S(π) := Mk (x k+1 − x k ), Mk := sup f (x).
k=0 x ∈[x k , x k+1 ]

a=x0 x1 x2 xk xk+1 xN-1 b=xN a=x0 x1 x2 xk xk+1 xN-1 b=xN

Figura 9.1: L’area a sx corrisponde ad una somma inferiore, a destra a una somma superiore.

Proposizione 9.1.3. Sia f : [a, b] −→ R sia una funzione limitata. Allora


i) S(π) 6 S(π) per ogni π ∈ Π[a, b];

ii) S(π1 ) 6 S(π2 ), S(π2 ) 6 S(π1 ), per ogni π1, π2 ∈ Π[a, b] con π1 ⊂ π2 .

Dim. — Esercizio.

Per una funzione positiva una somma inferiore è un’approssimazione per difetto dell’area A( f ) mentre una somma
superiore ne è un’approssimazione per eccesso. Definiamo ora le migliori approssimazioni per eccesso e per
difetto:
Definizione 9.1.4 (area inferiore e superiore). Sia f : [a, b] −→ R limitata. Si chiamano rispettivamente area
inferiore e area superiore le quantità

A( f ) := sup S(π), A( f ) := inf S(π).


π ∈Π[a,b] π ∈Π[a,b]

Proposizione 9.1.5. Sia f : [a, b] −→ R limitata. Allora

−∞ 6 A( f ) 6 A( f ) 6 +∞. (9.1.1)

Dim. — Esercizio.

Quando la migliore approssimazione per difetto coincide con la migliore approssimazione per eccesso diciamo che
il valore comune è l’area di A( f ), che prende il nome di integrale.
181

Definizione 9.1.6 (funzione Riemann integrabile). Sia f : [a, b] −→ R limitata. Si dice che f è Riemann
integrabile su [a, b] se A( f ) = A( f ) ∈ R. In tal caso si pone
Z b
f (x) dx := A( f ) ≡ A( f ).
a

L’insieme delle funzioni Riemann integrabili su [a, b] è indicato col simbolo R ([a, b]).

Esempio 9.1.7. Le funzioni costanti sono integrabili e


Z b
C dx = C(b − a).
a

Sol. — Infatti in questo caso


X X
S(π) = mk (x k+1 − x k ) = C(x k+1 − x k ) = C(b − a),
k k

e analogamente S(π) = C(b − a), per cui A( f ) = A( f ) = C(b − a).

9.2 Classi di funzioni integrabili


È vero che ogni funzione limitata è integrabile? La risposta è no come mostra il seguente celebre

Esempio 9.2.1 (la funzione di Dirichlet). La funzione

 0,

 x ∈ Q ∩ [0, 1],
f (x) := 
x ∈ Qc ∩ [0, 1]

 1,

non è integrabile su [0, 1].
Sol. — Sia π = {x 0, x 1, . . . , x N } una suddivisione qualunque di [0, 1]. Notiamo che, per la densità di razionali e irrazionali nei
reali
mk = inf f (x) = 0, Mk := sup f (x) = 1.
x ∈[x k ,x k+1 ] x ∈[x k , x k+1 ]
Pertanto
N
X −1 N
X −1 N
X −1
S(π) = mk (x k+1 − x k ) = 0, S(π) = Mk (x k+1 − x k ) = (x k+1 − x k ) = 1.
k=0 k=0 k=0
Dunque
A( f ) = sup S(π) = 0, A( f ) = inf S(π) = 1.
π ∈Π[0,1] π ∈Π[0,1]

Non è semplice fornire una caratterizzazione diretta delle funzioni Riemann–integrabili. È tuttavia possibile testare
l’integrabilità di ampie classi di funzioni. Un esempio importante è fornito dal
182

Teorema 9.2.2. Sia f : [a, b] −→ R limitata e monotona. Allora f ∈ R ([a, b]). Inoltre, se (πn ) ⊂ Π[a, b] è una
sequenza di suddivisioni tali che |πn | −→ 0 allora
Z b n −1
NX
f (x) dx = lim f (x kn )(x k+1
n
− x kn ). (9.2.1)
a n→+∞
k=0

Dim. — Supponiamo, ad esempio, f %. Se π è una suddivisione, allora

mk := inf f (x) = f (x k ), Mk := sup f (x) = f (x k+1 ),


x ∈[x k , x k+1 ] x ∈[x k , x k+1 ]

per cui
N
X −1 N
X −1
S(π) = f (x k )(x k+1 − x k ), S(π) = f (x k+1 )(x k+1 − x k ).
k=0 k=0
Ricordate le definizioni di A( f ), A( f ),
N
X −1 N
X −1
 
0 6 A( f ) − A( f ) 6 S(π) − S(π) 6 f (x k+1 ) − f (x k ) (x k+1 − x k ) 6 |π| f (x k+1 ) − f (x k )
k=0 k=0

= |π| f (b) − f (a) .




Prendendo una suddivisione con |π| piccolo a piacere (per esempio tutti punti equidistanziati con |π| = b−a
N ), si trova che
A( f ) = A( f ). Infine: la somma nella (9.2.1) altro non è che S(πn ).

Esempio 9.2.3 (Archimede).


b
b3
Z
x 2 dx = , ∀b > 0.
0 3

Sol. — La funzione f (x) := x 2 , x ∈ [0, b] è crescente quindi integrabile. Utilizziamo la (9.2.1) prendendo come suddivisione
di [0, b] quella in n parti uguali, cioè
b
x k = k , k = 0, 1, . . . , n.
n
Allora
n−1
X b !2 b n−1
b3 (n − 1)n(2(n − 1) + 1)
Z b
b3 X 2 b3
x 2 dx = lim k = lim 3 k = lim 3 = .
0 n→+∞ n n n→+∞ n n→+∞ n 6 3
k=0 k=0

Esempio 9.2.4.
Z b
e x dx = eb − 1, ∀b > 0.
0

Sol. — Anche in questo caso la funzione f (x) := e x x ∈ [0, b] è monotona, quindi integrabile in base ad uno dei due teoremi
precedenti. Applicando di nuovo la (9.2.1) prendendo come suddivisione di [0, b] quella in n parti uguali, cioè x k = k bn
otteniamo
Z b n−1 n−1
b X kb b X  b/n  k b 1 − eb 1 − eb
e x dx = lim e n = lim e = lim b/n
= lim b/n
= e b − 1.
0 n→+∞ n n→+∞ n n→+∞ n 1 − e n→+∞ 1−e
k=0 k=0 b/n
183

La classe delle funzioni monotone è ampia ma ovviamente un po’ restrittiva.


Teorema 9.2.5. Se f ∈ C ([a, b]) allora f ∈ R ([a, b]) (cioè: le funzioni continue su [a, n] sono ivi integrabili).
Dim. — Facciamo la dimostrazione aggiungendo una richiesta in più, cioè che f ∈ C 1 ([a, b]). Ciò, lo ricordiamo, vuol dire
f , f 0 ∈ C ([a, b]). Prendiamo una qualsiasi partizione π ∈ Π[a, b]. Notiamo che,
N
X −1 N
X −1 N
X −1
0 6 A( f ) − A( f ) 6 S(π) − S(π) = Mk (x k+1 − x k ) − mk (x k+1 − x k ) = (Mk − mk )(x k+1 − x k ).
k=0 k=0 k=0

Per il teorema di Weierstrass esistono ξk , η k ∈ [x k , x k+1 ] tali che

Mk = sup f (x) = max f (x) = f (η k ), mk = inf f (x) = min f (x) = f (ξk ),


x ∈[x k , x k+1 ] x ∈[x k , x k+1 ] x ∈[x k , x k+1 ] x ∈[x k ,x k+1 ]

per cui
N
X −1

0 6 A( f ) − A( f ) 6 f (η k ) − f (ξk ) (x k+1 − x k ).
k=0
Ora, per la formula dell’incremento finito di Lagrange

f (η k ) − f (ξk ) = f 0 (ck )(η k − ξk ) 6 K |π|,

dove K := max[a,b] | f 0 | (finito in virtù del teorema di Weierstrass). Si conclude che


N
X −1
0 6 A( f ) − A( f ) 6 K |π| (x k+1 − x k ) = K |π|(b − a),
k=0

che può essere reso piccolo a piacere prendendo |π| piccolo. Si conclude che A( f ) = A( f ).

9.3 Proprietà dell’integrale di Riemann


L’integrale di Riemann gode di una serie di proprietà semplici e naturali riassunte nella
Proposizione 9.3.1. Valgono le seguenti proprietà:
i) (linearità) se f , g ∈ R ([a, b]) allora α f + βg ∈ R ([a, b]) per ogni α, β ∈ R e vale
Z b Z b Z b
(α f (x) + βg(x)) dx = α f (x) dx + β g(x) dx. (9.3.1)
a a a

ii) (isotonia) se f , g ∈ R ([a, b]) e f 6 g su [a, b] allora


Z b Z b
f (x) dx 6 g(x) dx. (9.3.2)
a a
b
In particolare: se f > 0 su [a, b] allora
R
a
f (x) dx > 0.
iii) (disuguaglianza triangolare) se f ∈ R ([a, b]) allora | f | ∈ R ([a, b]) e
Z b Z b
f (x) dx 6 | f (x)| dx. (9.3.3)
a a
184

iv) (decomposizione) se f ∈ R ([a, b]), R ([b, c]) allora f ∈ R ([a, c]) e


Z c Z b Z c
f (x) dx = f (x) dx + f (x) dx.
a a b

In particolare: se f ∈ C ([a, b]\{ξ1, . . . , ξ N }) ed continua da destra e da sinistra in ciascuno dei punti


ξ1, . . . , ξ N , allora f ∈ R ([a, b]).

v) (restrizione) se f ∈ R ([a, b]) allora f ∈ R ([c, d]) per ogni [c, d] ⊂ [a, b] e vale

d b
 1, x ∈ [c, d],
Z Z 

f (x) dx = f (x) χ[c,d] (x) dx, dove χ[c,d] (x) = 
c a

 0,
 x < [c, d].

vi) se f , g ∈ R ([a, b]) allora f g ∈ R ([a, b]) ( 1 )

vii) se f ∈ R ([a, b]) allora se f + := max{ f , 0} e f − := max{− f , 0} (rispettivamente dette parte positiva e parte
negativa di f ) si ha f +, f − ∈ R ([a, b]).

Dim. — Omessa.

Per scopi futuri è conveniente estendere la definizione di integrale nel seguente modo:

Definizione 9.3.2. Se f ∈ R ([a, b]) si pone


Z a Z b
f (x) dx := − f (x) dx.
b a

In questo senso si dice che f ∈ R ([b, a]).

Utilizzando la proposizione 9.3.1 è facile estendere le proprietà dell’integrale quale che sia l’ordine degli estremi
con ovvie accortezze: la linearità resta invariata; l’isotonia si inverte nel senso che
Z a Z a
f 6 g, =⇒ f (x) dx > g(x) dx.
b b

Di conseguenza anche la disuguaglianza triangolare si trasforma in

Z a Z a Z b
f (x) dx 6
| f (x)| dx = | f (x)| dx.
b b a

Una proprietà molto importante è il teorema della media, il quale afferma che l’area sotto al grafico di una funzione
continua f equivale all’area di un rettangolo avente per base l’intervallo [a, b] e per altezza un opportuno valore
della funzione f :
R  R 
b b b
f (x)g(x) dx =
R
1Ma attenzione!! Non è vero che a a
f (x) dx a
g(x) dx .
185

Teorema 9.3.3. Sia f ∈ C ([a, b]). Allora esiste c ∈ [a, b] tale che
Z b
f (x) dx = f (c)(b − a).
a
b
La quantità f (x) dx si chiama media integrale di f su [a, b].
1
R
b−a a
Dim. — La dimostrazione è semplicissima. Osserviamo anzitutto che per il Teorema di Weierstrass f ammette minimo e
massimo assoluti su [a, b]. Siano, rispettivamente, m ed M il valore minimo e il valore massimo, cioè
m = min f (x), M = max f (x).
x ∈[a,b] x ∈[a,b]

Allora Z b Z b Z b
isotonia
m 6 f (x) 6 M, ∀x ∈ [a, b], =⇒ m dx 6 f (x) dx 6 M dx,
a a a
cioè Z b Z b
1
m(b − a) 6 f (x) dx 6 M (b − a), ⇐⇒ m 6 f (x) dx 6 M.
a b−a a
Ma allora, per il Teorema dei valori intermedi, esiste c ∈ [a, b] tale che
Z b
1
f (c) = f (x) dx.
b−a a

9.4 Teorema fondamentale del Calcolo


In questa sezione presentiamo il risultato più importante e profondo di questa teoria. Cominciamo con la
Definizione 9.4.1 (Funzione integrale). Sia f ∈ R ([a, b]) e sia c ∈ [a, b] fissato. Si chiama funzione integrale
centrata in c la funzione Z x
Fc : [a, b] −→ R, Fc (x) := f (y) dy, x ∈ [a, b].
c
Se f ∈ R ([a, b]) allora f ∈ R ([c, x]) per ogni x ∈ [a, b] quindi la funzione integrale è ben definita. Una funzione
integrale è un oggetto naturale che misura l’area (con segno) delimitata da un grafico scegliendo c come "punto di
area 0". Per capire meglio il senso, consideriamo una funzione generica
Rc f (tracciata in blu nella figura che segue).
Possiamo facilmente intuire il grafico di Fc . Anzitutto Fc (c) = c f (y) dy = 0. Inoltre aumentando x (a partire
da c, essendo f > 0 le proprietà dell’integrale dicono che l’area parziale Fc (x) tenderà a crescere.

f HxL

x Fc HxL
à f HyLdy
c

c x c

Ciò continua fintanto che f > 0 dopodiché, quando f 6 0, continuando ad aumentare x andiamo ad aggiungere
aree negative, pertanto l’area parziale Fc (x) inizia a diminuire. Quando poi f torna positiva, cominciamo ad
aggiungere nuovamente aree positive e quindi Fc (x) comincia a crescere di nuovo. In sostanza
Fc % ⇐⇒ f > 0.
186

Dal punto di vista del segno, f funziona come Fc0 . In realtà vale molto di più:

Teorema 9.4.2. Sia f ∈ C ([a, b]). Ogni sua funzione integrale Fc ne è una primitiva, cioè

Fc0 (x) = f (x), ∀x ∈ [a, b], ∀c.

Dim. — Evidentemente basta mostrare che Fc è derivabile (perché allora è anche continua) e vale Fc0 = f (perché allora
Fc0 ∈ C , cioè Fc ∈ C 1 ). A tal fine sia h > 0 (ragionamento analogo per h < 0) e osserviamo che

Fc (x + h) − Fc (x) 1 * x+h
Z Z x Z x Z x+h Z x
1
= f (y) dy − f (y) dy + = * f (y) dy + f (y) dy − f (y) dy +
h h, c c - h, c x c -
Z x+h
1
= f (y) dy.
h x

Quest’ultima è una media integrale (la media di f sull’intervallo [x, x + h]): essendo f continua, per il teorema della media
esiste un punto ξh ∈ [x, x + h] tale che

Fc (x + h) − Fc (x)
Z x+h
1 T . media
= f (y) dy = f (ξh ).
h h x

Chiaramente per h −→ 0+ si ha ξh −→ x+ quindi, essendo f continua

Fc (x + h) − Fc (x)
lim = lim f (ξh ) = f (x).
h→0+ h h→0+

In altre parole la derivata destra di Fc in x e vale f (x). Similmente si ottiene la stessa conclusione con la derivata sinistra e
quindi si conclude.

In particolare: ogni funzione continua ammette una primitiva (la funzione integrale). Dal teorema fondamentale
segue anche la connessione tra primitive e calcolo degli integrali:

Corollario 9.4.3 (formula fondamentale del calcolo). Sia f ∈ C ([a, b]) ed F una primitiva di f su [a, b]. Allora
Z b x=b
f (x) dx = F (b) − F (a) =: F (x) . (9.4.1)
a x=a

Dim. — Infatti: consideriamo la funzione integrale Fa . Per il teorema fondamentale del Calcolo Integrale essa è una primitiva
di f . Ma allora Fa − F è costante in virtù della Proposizione 8.1.2, ovvero Fa − F ≡ k ∈ R. Allora

Fa (a) − F (a) = k, Fa (b) − F (b) = k.

D’altra parte
Z a Z b
Fa (a) = f (x) dx = 0, Fa (b) = f (x) dx,
a a
per cui
Z b
f (x) dx = Fa (b) = F (b) + k = F (b) + (Fa (a) − F (a)) = F (b) − F (a).
a
187

Esempio 9.4.4. Calcolare


log 4

ex − 1
Z
dx.
0 8e−x + 1

Sol. — Si tratta di una funzione continua su [0, +∞[ ed in particolare sull’intervallo [0, log 4]. Dunque, come noto, f è
Riemann–integrabile. Cominciamo col calcolo di una primitiva dell’integranda.

ex − 1 2y 2 y2 + 9 − 9
Z Z Z Z
y 2y
dx √ = dy = dy = 2 dy
8e−x + 1 y= e x −1, x=log(1+y 2 ) 1
8 1+y 2 + 1 1 + y2 y +9
2 y2 + 9

  √
√ x
"Z Z # Z
1 1  y x − 1 − 6 arctan e − 1 .
=2 = = =
 
dy − 9 dy 2 y − dy 2 y − 3 arctan 2 e
y +9
2   y 2  3 3
 3 +1 

Quindi, per la formula fondamentale del calcolo integrale, avremo che

Z log 4 √ x √

x x=log 4 √
e −1 x − 1 − 6 arctan e − 1
dx = 2 e = 2 3 − π.
0 8e + 1
−x 3

x=0

Consideriamo ora una funzione del tipo


Z β(x)
Φ(x) := f (y) dy.
α(x)

Se α(x) ≡ c e β(x) = x otteniamo Fc (x). Si tratta dunque di una estensione del concetto di funzione integrale.
Funzioni come la Φ ricorrono talvolta in alcuni problemi per cui è utile avere qualche strumento di calcolo. Il
seguente risultato estende il teorema fondamentale del calcolo:

Proposizione 9.4.5. Sia f ∈ C ([a, b]), α, β : I ⊂ R −→ R tali che α(x), β(x) ∈ [a, b] per ogni x ∈ I intervallo.
Supponiamo che α e β siano funzioni derivabili su I. Allora
Z β(x)
Φ(x) := f (y) dy, x ∈ I,
α(x)

è derivabile e
Φ0 (x) = f ( β(x)) β 0 (x) − f (α(x))α 0 (x), x ∈ I.

Dim. — Sia c ∈ [a, b] fissato. Allora per la proprietà di decomposizione


Z β(x) Z c Z β(x) Z α(x) Z β(x)
Φ(x) = f (y) dy = f (y) dy + f (y) dy = − f (y) dy + f (y) dy = −Fc (α(x)) + Fc ( β(x)),
α(x) α(x) c c c

dove Fc è la funzione integrale di f centrata in c. Essendo f continua, per il teorema fondamentale del calcolo e la regola della
catena,
Φ 0 (x) = −Fc0 (α(x))α 0 (x) + Fc0 ( β(x)) β 0 (x) = − f (α(x))α 0 (x) + f ( β(x)) β 0 (x).
188

Esempio 9.4.6. Calcolare il


Z 2x
1 sin y
lim dy.
x→0 x x y
sin y
Sol. — Possiamo considerare la funzione f (y) := y definita e continua su tutto R con f (0) = 1. Chiaramente
Z 2x Z 0 Z 2x
sin y sin y sin y
dy = dy + dy −→ 0,
x y x y 0 y

per x −→ 0. Dunque il limite si presenta come una forma 00 . Applicando la regola di Hôpital e ricordando la formula di
derivazione della Proposizione precedente, abbiamo che
R 2x sin y
sin(2x)
x y dy (H ) · 2 − sinx x · 1 sin(2x) − sin x (H ) 2 cos(2x) − cos x
lim = lim 2x = lim = lim = 1.
x→0 x x→0 1 x→0 x x→0 1

9.5 Formule d’integrazione


Notiamo che dalla (9.4.1) segue che se f ∈ C 1 ([a, b]) allora
Z b
f 0 (x) dx = f (b) − f (a). (9.5.1)
a

Da questa deduciamo subito la versione per gli integrali di Riemann delle formule di calcolo per parti e per
sostituzione.
Proposizione 9.5.1 (formula d’integrazione per parti). Siano f , g ∈ C 1 ([a, b]). Allora
Z b Z b
x=b
f (x)g 0 (x) dx = f (x)g(x) − f 0 (x)g(x) dx. (9.5.2)
a x=a a

Dim. — Basta osservare che


Z b Z b
( f g) 0 (x) = f 0 (x)g(x) + f (x)g 0 (x), =⇒ f g 0 (x) dx = f 0 (x)g(x) + f (x)g 0 (x) dx.
 
a a
Ma per la (9.5.1) si ha
Z b
x=b
f g 0 (x) dx = f (x)g(x) ,

a x=a
da cui facilmente si conclude.

Proposizione 9.5.2 (formula di cambio di variabili). Sia f ∈ C ([a, b]), ψ : [c, d] −→ [a, b], ψ ∈ C 1 , biiettiva con
inversa ψ −1 ∈ C 1 . Allora
Z b Z d
f (x) dx = f (ψ(y))|ψ 0 (y)| dy. (9.5.3)
a c

Dim. — Anzitutto: affermiamo che ψ 0 > 0 o ψ 0 < 0 su tutto [c, d]. Infatti: se ψ 0 cambiasse segno allora da qualche parte
dovrebbe annullarsi. Ma essendo

ψ −1 (ψ(y)) = y, ∀y ∈ [c, d], =⇒ (ψ −1 ) 0 (ψ(y))ψ 0 (y) = 1, ∀y ∈ [c, d]


189

questo è evidentemente impossibile. Supponiamo per esempio che ψ 0 > 0 su [c, d], cioè che ψ sia crescente. Allora, se F è una
primitiva di f (che c’è perché f è continua),
Z d Z d Z d Z d
f (ψ(y))|ψ 0 (y)| dy = f (ψ(y))ψ 0 (y) dy = F 0 (ψ(y))ψ 0 (y) dy = F (ψ(y)) 0 dy

c c c c
Z b Z b
= F (ψ(d)) − F (ψ(c)) = F (b) − F (a) = F 0 (x) dx = f (x) dx.
a a

Esempio 9.5.3 (Area del cerchio). Calcolare l’area di un cerchio di raggio r.


Sol. — Evidentemente Z rp
 
Area x 2 + y 2 6 r 2 = 2 r 2 − x 2 dx.
−r

La funzione f (x) := r 2 − x 2 è continua su [−r, r], quindi integrabile. Calcoliamo l’integrale. Anzitutto
Z rp Z rr Z 1q Z 1q
 x 2 y:= rx , x=r y=:ψ(y)
r 2 − x 2 dx = r 1− dx = r 1 − y 2 r dy = r 2 1 − y 2 dy.
−r −r r −1 −1

A questo punto poniamo y = sin θ =: ψ(θ), ψ è un cambio di variabili C 1 e crescente tra [− π2 , π2 ] e [−1, 1]. Quindi
Z 1q Z π q Z π Z π
2 2 2
1 − y 2 dy = 1 − (sin θ) 2 cos θ dθ = | cos θ| cos θ dθ = (cos θ) 2 dθ.
−1 − π2 − π2 − π2

Integrando per parti


Z π π π π
θ= π
Z Z Z
2 2 2 2
(cos θ) 2 dθ = (cos θ)(sin θ) 0 dθ = [(cos θ)(sin θ)]θ=−2 π − (− sin θ)(sin θ) dθ = (sin θ) 2 dθ
− π2 − π2 2 − π2 − π2

Z π Z π
2 2
= 1 − (cos θ) 2 dθ = π − (cos θ) 2 dθ
− π2 − π2

da cui π π
π
Z Z
2 2
2 (cos θ) 2 dθ = π, ⇐⇒ (cos θ) 2 dθ = .
− π2 − π2 2
Dunque Area(x 2 + y 2 6 r 2 ) = 2 · π2 r 2 = πr 2 .

9.6 Esercizi
Esercizio 9.6.1. Dei seguenti integrali definiti mostrare che esistono e determinarne il valore:
Z 1 Z π/3
1 1
1. dx. 2. dx.
0 1+x
4 (cos x) 3
0

Z 3√ Z e2 √
x+1+1 log x
q
2
3. √ dx. 4. (log x) 2 − 1 e (log x) −1 dx.
1 x+1−1 e x
Z log 4 √ x Z 4
e −1 log x
5. −x + 1 dx. 6. √ √ dx.
0 8e 1 x x + 2x + x
190

e2x + e x
Z 1 Z − log 2
x−1
7. √ √ dx. 8. dx.
1/4 ( x + 1)( x − 2) − log 3 e2x − 4e x + 3

Z 2 log 2 Z 2 sinh plog x  2


x 1
9. e arctan √ dx. 10. dx.
log 2 ex − 1 1 x

2 y2
Esercizio 9.6.2. Calcolare l’area della regione piana delimitata dall’ellisse di equazione cartesiana ax 2 + b2 = 1.

Esercizio 9.6.3 (?). Calcolare i seguenti limiti:


Z x Z 2
x 2 1 * x y√ √
1. lim ey dy. 2. lim e y cos y dy − x cos x + x + .
x→0 1 − ex
2
0 x→0 x 2
, 0 -
Rx  
2
0
et − 7 sin(t 2 ) dt − 12 sin x + 11x
3. lim .
x→0 x7

Esercizio 9.6.4. Siano Z x Z sin x


cos t 1
f (x) := dt, g(x) := dt,
0 1+t 0 2 + et
f (x)
definite per x in un opportuno intervallo contenente x = 0. Determinare se g(x) può essere prolungata in x = 0 per continuità.

Esercizio 9.6.5 (??). Sia


Z 2x 2
log t
f (x) := dt.
x2 1+t
i) Determinare a, b, c ∈ R tali che f (x) ∼+∞ cx a (log x) b . ii) Stabilire se f è limitata su [1, +∞[.

Esercizio 9.6.6 (?). Dimostrare che per ogni x > 1 si ha


Z x
sin t
dt 6 1 + log x.
0 t
Rx
(sugg.: studiare la funzione f (x) := 0 sint t dt − 1 − log x. . . )

Esercizio 9.6.7. Mostrare che Z x


sin t x2
dt 6 , ∀x ∈ R.
0 1+t
2 2
Capitolo 10

Integrali Generalizzati

Per molte applicazioni la nozione di integrale di Riemann risulta troppo restrittiva. Come sappiamo, essa richiede
che la funzione di cui si vuol calcolare l’integrale sia limitata (e ciò comunque non è sufficiente, come ad esempio la
funzione di Dirichlet illustra). Inoltre, la "base" della regione di cui si calcola l’area deve essere un intervallo chiuso
e limitato. Dunque non sono ricompresi casi come i) funzione illimitata; ii) intervallo di integrazione illimitato.
Ad esempio non ha senso calcolare
Z 1 Z 1 Z +∞ Z +∞
1 1 1
dx, √ dx, e−x dx, dx.
0 x 0 x 0 −∞ 1 + x2

La nozione di integrale generalizzato, che introdurremo in questo capitolo, risponde a questa esigenza. L’idea,
come vedremo, è semplicemente quella di usare opportunamente l’integrale di Riemann così come si usano le
somme finite per le serie numeriche.

10.1 Definizioni
Cominciamo dal problema di voler dare un senso al simbolo
Z +∞
f (x) dx.
a
RR
La cosa più naturale da fare è definire questo come limite di integrali di Riemann ordinari del tipo a f (x) dx
quando R −→ +∞. Per avere un senso quindi sarà necessario che f ∈ R ([a, R]) per ogni R > a. È utile premettere
al tutto la seguente

Definizione 10.1.1 (funzione localmente integrabile). Sia f : D ⊂ R −→ R. Diciamo che f è localmente


integrabile su D se f ∈ R ([a, b]) per ogni [a, b] ⊂ D. In tal caso scriviamo f ∈ Rloc (D).
Osservazione 10.1.2. Ovviamente Rloc ([a, b]) = R ([a, b]). Inoltre, C (D) ⊂ Rloc (D). Infatti se f ∈ C (D) allora
f ∈ C ([a, b]) ⊂ R ([a, b]) per ogni [a, b] ⊂ D.

Possiamo ora introdurre la

191
192

Definizione 10.1.3. Sia f ∈ Rloc ([a, +∞[). Diciamo che f è integrabile in senso generalizzato su [a, +∞[ se
Z R
∃ lim f (x) dx ∈ R.
R→+∞ a

In tal caso il valore del limite si chiama integrale generalizzato di f su [a, +∞[ e viene indicato col simbolo
Z +∞
f (x) dx.
a

b
Definizione analoga per
R
−∞
f (x) dx.

a R

RR
Figura 10.1: In colore l’area a f (x) dx.

Esempio 10.1.4. Sia a > 0. Allora Z +∞


1
∃ dx ⇐⇒ α > 1.
a xα

Sol. — Infatti. Ovviamente f (x) := x1α è localmente integrabile su [a, +∞[ perché è continua. Chiaramente, se R > a,

 x −α+1 x=R = R−α+1 − a−α+1 , α , 1,


Z R Z R  −α+1 x=a −α+1 −α+1
1


α dx = x −α dx = 

a x a  log x x=R = log R − log a,

α = 1.


 x=a
Da questo è evidente che
Z R a1−α , α > 1,
α−1

1


dx = 

lim α

R→+∞ a x  +∞, α 6 1.


R +∞ 1−α
In particolare: per α > 1 si ha a x1α dx = aα−1 .

Esempio 10.1.5. Z +∞
∃ eβx dx, ⇐⇒ β < 0.
a

Sol. — Anche in questo caso il conto è semplice: anzitutto f (x) := eβx essendo continua su [0, +∞[ è ivi localmente integrabile.
Inoltre
Z R e β x x=R = e β R − e β a , β , 0,
β x=a β β


βx

e dx = 


a
β = 0.

 R − a,

193

È chiaro allora che se esiste finito lim R→+∞ 0 eβx dx sse β < 0. In tal caso
RR

Z +∞
eβR eβa eβa
!
eβx dx = lim − =− .
a R→+∞ β β β

Sarà utile per il seguito ricordare questi esempi fondamentali.

RDefinizione
a R +∞ Sia f ∈ Rloc (R). Diciamo che f è integrabile in senso generalizzato su R se esistono
10.1.6.
−∞
f (x) dx e a
f (x) dx per qualche a ∈ R. In tal caso si pone
Z +∞ Z a Z +∞
f (x) dx := f (x) dx + f (x) dx.
−∞ −∞ a

Osservazione 10.1.7. È facile mostrare che la definizione non dipende dallo specifico a.

È evidente che vale la seguente

Proposizione 10.1.8. Siano f , g ∈ Rloc ([a, +∞[). Allora, se f e g sono integrabili in senso generalizzato su
[a, +∞[ allora anche α f + βg lo è per ogni α, β ∈ R e
Z +∞ Z +∞ Z +∞
(α f (x) + βg(x)) dx = α f (x) dx + β g(x) dx.
a a a

Dim. — Esercizio.

Con la stessa filosofia vogliamo ora trattare il caso di una funzione non necessariamente limitata.

a r b

Rb
Figura 10.2: In colore l’area r f (x) dx.

Definizione 10.1.9. Sia f ∈ Rloc (]a, b]). Diciamo che f è integrabile in senso generalizzato su ]a, b] se
Z b
∃ lim f (x) dx ∈ R.
r→a+ r

b b
In tal caso si pone
R R
a
f (x) dx := limr→a+ r
f (x) dx.

Occorre subito chiarire la possibile ambiguità nelle notazioni, visto che utilizziamo lo stesso simbolo per l’integrale
di Riemann e per quello generalizzato. L’ambiguità in realtà non sussiste. Infatti:
194

Proposizione 10.1.10. Se f ∈ R ([a, b]) allora è anche integrabile in senso generalizzato e i due integrali (quello
di Riemann e quello generalizzato) coincidono.
Dim. — Mostriamo che Z b Z b
lim f (x) dx = f (x) dx,
r→a+ r a
dove quest’ultimo è l’integrale di Riemann. Per le regole di calcolo degli integrali (decomposizione)
Z b Z b Z r
f (x) dx − f (x) dx = f (x) dx,
a r a
quindi, ricordando anche che f è limitata quindi | f | 6 M su [a, b], abbiamo, per la disuguaglianza triangolare
Z b Z b Z r Z r
f (x) dx − f (x) dx =
f (x) dx 6 | f (x)| dx 6 M (r − a) −→ 0, r −→ a + .
a r a a

Esempio 10.1.11. Se b > a,


Z b
1
∃ dx, ⇐⇒ α < 1.
a (x − a) α
1
Sol. — Infatti: f (x) := (x−a) α ∈ C (]a, b]), quindi f ∈ Rloc (]a, b]). Inoltre

(x−a) −α+1 x=b (b−a) −α+1 −α+1


Z b 
 −α+1 x=r = −α+1 − (r−a)
−α+1 , α , 1,
1


dx = 

r (x − a) α  log(x − a) x=b = log(b − a) − log(r − a),


α = 1.

 x=r
Da questo è immediato concludere che
(b−a) −α+1
−α+1 , α < 1,
Z b 
1


=

lim dx
(x − a) α

r→a+ r

 +∞, α > 1.

b
f (x) dx con f ∈ Rloc ([a, b[).
R
In modo simile si definisce a
Definizione 10.1.12. Sia f ∈ Rloc (]a, b[). Diciamo che f è integrabile in senso generalizzato su ]a, b[ se
Rc Rb
esistono a f (x) dx e c f (x) dx per qualche c ∈]a, b[. In tal caso si pone
Z b Z c Z b
f (x) dx := f (x) dx + f (x) dx.
a a c

Osservazione 10.1.13. Anche in questo caso è semplice verificare che la definizione non dipende da c ∈]a, b[.
Anche in questo caso si ha la linearità dell’integrale generalizzato:
Proposizione 10.1.14. Siano f , g ∈ Rloc (]a, b]). Allora, se f e g sono integrabili in senso generalizzato su ]a, b]
allora anche α f + βg lo è per ogni α, β ∈ R e
Z b Z b Z +∞
(α f (x) + βg(x)) dx = α f (x) dx + β g(x) dx.
a a a

Dim. — Esercizio.
195

10.2 Criterio del confronto


Formalmente il problema di stabilire l’esistenza di un integrale generalizzato è rimandato al calcolo di un integrale
di Riemann facendo poi tendere un estremo ad un certo valore limite. Questa definizione ne ricorda un’altra, quella
di convergenza di una serie numerica. In quel caso si calcolano le somme parziali s N = n=0
PN
an e poi se ne fa il
limite per N −→ +∞. Come in quel caso non è in genere possibile calcolare s N in modo utile per poterci calcolare
semplicemente un limite, così nel caso degli integrali generalizzati non è sempre possibile calcolare esplicitamente
un integrale. Questo perché siamo legati al calcolo di primitive, che talvolta è un problema impossibile da risolvere
in termini finiti. Un esempio classico e importante è l’integrale di Gauss
Z +∞
x2
e− 2 dx.
−∞

x2
In questo caso non si riesce a trovare una primitiva della funzione e− 2 in termini di un numero finito di funzioni
elementari e dunque si pone il problema di come calcolare l’integrale. In analogia con le serie appare allora
importante fornire delle condizioni affinché si possa decidere se un integrale generalizzato è finito oppure no.
Importando il linguaggio delle serie si parla anche di convergenza.
Il parallelismo con le serie è tutt’altro che estemporaneo e suggerisce simili risultati e metodi. Ricordiamo che
se (an ) ⊂ [0, +∞[ allora n an può essere solo convergente o divergente a +∞. Questo perché le somme parziali
P
sono crescenti e le successioni monotone ammettono limite finito o +∞. Similmente abbiamo la
Proposizione 10.2.1. Sia f ∈ Rloc ([a, +∞[) a segno costante f > 0. Allora
Z R
∃ lim f (x) dx ∈ R ∪ {+∞}.
R→+∞ a

R]
Dim. — Infatti basta osservare che a f (x) dx % perché se R2 > R1 allora
Z R2 Z R1 Z R2 Z R1
isotonia
f (x) dx = f (x) dx + f (x) dx > f (x) dx.
a a R1 a

Quindi il limite esiste perché le funzioni monotone hanno sempre limite (eventualmente uguale a +∞).

È chiaro che non cambia di molto se f > 0 definitivamente, cioè per f (x) > 0 per x > R. Infatti l’esistenza
dell’integrale generalizzato non dipende dall’estremo iniziale per cui
Z +∞ Z +∞
∃ f ⇐⇒ ∃ f,
a R

e questo esiste (eventualmente +∞) in virtù della proposizione precedente. Per questo tutti gli enunciati che
vedremo possono essere indeboliti leggermente richiedendo che le funzioni coinvolte siano a segno definitivamente
costante. Continuando il parallelo con le serie, lo strumento chiave è il
Teorema 10.2.2 (confronto). Siano f , g ∈ Rloc ([a, +∞[) tali che 0 6 f 6 g definitivamente. Allora:
Z +∞ Z +∞
se ∃ g(x) dx ∈ R, =⇒ ∃ f (x) dx ∈ R.
a a

La funzione g viene detta maggiorante integrabile di f .


196

Dim. — Cambiando eventualmente l’estremo iniziale, possiamo assumere che sia 0 6 f (x) 6 g(x) per x ∈ [a, +∞[. Allora,
per l’isotopia dell’integrale,
Z R Z R
f (x) dx 6 g(x) dx,
a a
per cui
Z +∞ Z R Z R Z +∞
f (x) dx = lim f (x) dx 6 lim g(x) dx = g(x) dx < +∞,
a R→+∞ a R→+∞ a a
dopodiché si conclude in virtù della proposizione precedente.

La difficoltà nell’applicare il criterio del confronto sta nell’individuare correttamente una maggiorante integrabile.

Esempio 10.2.3. L’integrale di Gauss Z +∞


x2
e− 2 dx
−∞
è convergente.
R +∞ x 2 x2
Sol. — Studiamo la convergenza di 0 e− 2 dx (l’altra metà è analoga). È evidente che f (x) := e− 2 ∈ Rloc ([0, +∞[) (è
infatti una funzione continua) ed è positiva. Sembra naturale comparare questa funzione con qualcosa del tipo g(x) := e−x .
Abbiamo
x2 x2 x2 x>0
e− 2 6 e−x , ⇐⇒ e− 2 +x 6 1, ⇐⇒ − + x 6 0, ⇐⇒ x(x − 2) > 0, ⇐⇒ x > 2.
2

2 ‘2
y=e-x

y=e-x

x
Ξ

Dunque 0 6 f 6 g definitivamente e g è nota come funzione integrabile su [0, +∞[: ne segue che è una maggiorante integrabile
per f .

Come per le serie abbiamo il

Corollario 10.2.4 (confronto asintotico). Siano f , g ∈ Rloc ([a, +∞[), f , g > 0 definitivamente su [a, +∞[. Allora
se f ∼+∞ g si ha Z +∞ Z +∞
∃ f (x) dx ⇐⇒ ∃ g(x) dx.
a a

Dim. — Infatti, se f ∼+∞ g significa che


f (x)
lim = 1.
x→+∞ g(x)
In particolare, esiste R > a tale che
1 f (x) 1
6 6 2, ∀x > R, ⇐⇒ g(x) 6 f (x) 6 2g(x), ∀x > R.
2 g(x) 2
197

R +∞ R +∞ R +∞
Se allora esiste g(x) dx chiaramente esiste 2g(x) dx per cui, per confronto, esiste f (x) dx e quindi esiste
R +∞
f (x) dx. Invertendo le parti in commedia si ottiene l’altra metà dell’implicazione.

Il confronto asintotico è spesso più semplice da applicare rispetto al confronto poiché il comportamento asintotico
delle funzioni elementari è in genere ben conosciuto e spesso, come già illustrato nel caso delle serie, gli sviluppi
asintotici aiutano molto.

Esempio 10.2.5. Dire per quali α > 0 esiste finito


Z +∞
1
(x − 1) arctan dx.
1 xα

Sol. — La funzione f α (x) := (x − 1) arctan x1α ∈ C ([1, +∞[) per cui f α ∈ Rloc ([1, +∞[). Evidentemente poi f > 0 su
[1, +∞[. Andiamo a vedere il comportamento di f a +∞. Tenendo conto del fatto che, per α > 0, x1α −→ 0+ per x −→ +∞ e
che arctan ξ ∼0 ξ, abbiamo che
1 x 1
f α (x) ∼+∞ (x − 1) α ∼+∞ α = α−1 ,
x x x
1 lo è, e questo è vero se e solo se α − 1 > 1, cioè
ed essendo f α > 0 su ]1, +∞[, si ha che f α è integrabile a +∞ se e solo se x α−1
se e solo se α > 2.

Osservazione 10.2.6 (utile!). Spesso non è necessario conoscere esattamente il segno della funzione per cui si
vuole stabilire se un integrale generalizzato converge. Infatti: supponiamo di aver mostrato che f ∼+∞ g e g è a segno
costante. Allora anche f è a segno costante in un intorno di +∞. Il ragionamento è lo stesso della dimostrazione precedente
poiché, se per esempio g > 0, f > 21 g per x > R, implica in particolare che f > 0 per x > R.

Ecco le versioni del confronto e del confronto asintotico per gli intervalli limitati:

Teorema 10.2.7 (confronto). Siano f , g ∈ Rloc (]a, b]) tali che 0 6 f 6 g in un intorno destro di a. Allora
Z b Z b
se ∃ g(x) dx ∈ R, =⇒ ∃ f (x) dx ∈ R.
a a

Dim. — Esercizio.

Corollario 10.2.8 (confronto asintotico). Siano f , g ∈ Rloc (]a, b]), f , g > 0 in un intorno destro di a. Allora se
f ∼a+ g si ha
Z b Z b
∃ f (x) dx ⇐⇒ ∃ g(x) dx.
a a

Dim. — Esercizio.
198

Esempio 10.2.9. Sia


Z 2x
2
F (x) := e−y dy.
x
Determinarne il dominio, segno, eventuali simmetrie, limiti e asintoti, continuità, derivabilità, monotonia, estre-
manti locali e globali, convessità e tracciarne un grafico qualitativo.
Sol. — Dominio: Essendo l’integranda continua su tutto R è immediato rilevare che D(F) =] − ∞, +∞[.
2
Segno: osserviamo anzitutto che l’integranda è sempre positiva ( f (y) := e−y > 0). La proprietà di monotonia dice che se
x < 2x allora l’integrale è positivo, viceversa negativo. Ora x < 2x se e solo se x > 0. Quindi, nuovamente

F (x) > 0 ⇐⇒ x > 0.

F (0) = 0 ed x 0 = 0 è l’unico zero di F.


Simmetrie: prendiamo x > 0: allora x < 2x per cui −2x < −x, e quindi
Z −2x Z −x Z 2x
2 2 2
F (−x) = e−y dy = − e−y dy =− e−(−z) dz = −F (x).
−x −2x
z=−y x

Quindi F è dispari, per cui basta dedicarsi allo studio di F su [0, +∞[.
Comportamento agli estremi — Per calcolare F (+∞) (per disparità avremo automaticamente il comportamento a −∞)
osserviamo che Z 0 Z 2x Z x Z 2x
2 2 2 2
F (x) = e−y dy + e−y dy = − e−y dy + e−y dy.
x 0 0 0
La funzione integranda è integrabile in senso generalizzato a +∞, per cui
Z x Z 2x
2 2
e−y dy −→ `, e−y dy −→ `, x −→ +∞,
0 0

per cui, chiaramente,


F (x) −→ −` + ` = 0, x −→ +∞.
Quindi la retta y = 0 è asintoto orizzontale per F a +∞ (ed a −∞ per simmetria).
Continuità e derivabilità: essendo l’integranda continua e gli estremi funzioni continue, la funzione integrale è continua.
Inoltre essendo anche derivabili gli estremi, F è derivabile e si ha
2 2 2 2 2
 2

F 0 (x) = (2x) 0 e−y − (x 0 )e−y = 2e−4x − e−x = e−x 2e−3x − 1 .

y=2x y=x

Monotonia e estremanti: F 0 (x) > 0 se e solo se


r
−3x 2 1 log 2 log 2
2e − 1 > 0 ⇐⇒ −3x > log = − log 2 ⇐⇒ x 2 <
2
⇐⇒ |x| < .
2 3 3
Possiamo riassumere lo studio del segno di F 0 nella seguente tabella:
q q q q
log 2 log 2 log 2 log 2
−∞ − 3 − 3 3 3 +∞
sgn(F ) 0 − + −
F & % &
q q
log 2 log 2
Da questa tabella emerge che x = − 3 è minimo assoluto e x = 3 è massimo assoluto.
0
Concavità: Dall’espressione di F risulta che F è derivabile due volte e
2 2 2
 2

F 00 (x) = 2e−4x (−8x) − e−x (−2x) = 2xe−x 1 − 8e−3x
199
 
2 2
Essendo e−x > 0 per ogni x, abbiamo che F 00 (x) > 0 ⇐⇒ x 1 − 8e−3x > 0. Il segno di x è facile: positivo se x > 0,
2
negativo se x < 0. Viceversa 1 − 8e−3x > 0 se e solo se

2 1
e−3x < ⇐⇒ −3x 2 < − log 8 = −3 log 2 ⇐⇒ x 2 > log 2 ⇐⇒ |x| > log 2.
p
8
Dunque avremo:

log 2 + ∞
p p p p
−∞ − log 2 − log 2 0 0 log 2
sgn(x) − − + +
2
sgn(1 − 8e−3x ) + − − +
0
sgn(F ) − + − +
F ↓ ↑ ↓ ↑

Da questa tabella emerge che x = ± log 2 sono punti di flesso, così come x = 0 (la cui tangente è F 0 (0) = 0, quindi orizzontale).
p
q
log 2
Osservato che log 2 >
p
3 , il grafico di F è il seguente:

x
log 2 log 2
-
3 3

Figura 10.3: Il grafico di F.

10.3 Test della serie


La connessione tra integrali generalizzati e serie è ulteriormente confermata dal seguente

Teorema 10.3.1. Sia f ∈ Rloc ([1, +∞[), f & 0 (in particolare: f > 0). Allora
Z +∞ ∞
X
∃ f (x) dx, ⇐⇒ f (n) < +∞.
1 n=1

1 2 3 n n+1 1 2 3 n n+1

f (n + 1), quella a destra


P∞ P∞
Figura 10.4: L’area a sx è n=1 n=1 f (n).
200

Dim. — Osserviamo che per decomposizione


Z N N
X −1 Z n+1
f (x) dx = f (x) dx
1 n=1 n

ed essendo f &, si ha f (n) > f (x) > f (n + 1) per x ∈ [n, n + 1], per cui, per isotonia
Z n+1
f (n + 1) 6 f (x) dx 6 f (n),
n

da cui
N
X −1 Z N N
X −1
f (n + 1) 6 f (x) dx 6 f (n).
n=1 1 n=1
R +∞
Da questo la conclusione è immediata. Se esiste 1 f (x) dx, allora

N
X −1 N
X Z N Z +∞
f (n + 1) = f (n) 6 f (x) dx 6 f (x) dx, ∀N ∈ N,
n=1 n=2 1 1

f (n) < +∞ allora


P∞ P∞
ed essendo f (n) > 0 per ogni n si deduce che la serie n=1 f (n) è convergente. Vicerversa, se n=1
Z N N
X −1 ∞
X Z R ∞
X
f (x) dx 6 f (n) 6 f (n), ∀N, =⇒ f (x) dx 6 f (n), ∀R > 1,
1 n=1 n=1 1 n=1

da cui la conclusione in virtù della proposizione 10.2.1.

Esempio 10.3.2. Dimostriamo che



X 1
α
, converge sse α > 1.
n=1
n

Sol. — Sia f : [1, +∞[−→ R, f (x) := x1α . Chiaramente per α > 0 f & e f ∈ Rloc ([1, +∞[). Dunque,
∞ Z +∞ Z +∞
X 1 1
, converge ⇐⇒ f (x) dx = α dx < +∞.
nα 1 1 x
n=1

Ma ciò accade sse α > 1.

10.4 Convergenza assoluta


Come per le serie, quando l’integranda ha segno variabile le cose si complicano e il confronto non funziona più.
Mantenendo l’analogia con le serie introduciamo la
Definizione 10.4.1. Sia f ∈ Rloc ([a, +∞[). Diciamo che f è assolutamente integrabile su [a, +∞[ se
Z +∞
∃ | f (x)| dx.
a

Analoga definizione nel caso f ∈ Rloc (]a, b]) etc.


201

Come per le serie

Proposizione 10.4.2. Sia f ∈ Rloc ([a, +∞[). Se f è assolutamente integrabile allora è integrabile su [a, +∞[.
Dim. — Osserviamo che
0 6 f + = max{ f , 0} 6 | f |, 0 6 f − = max{− f , 0} 6 | f |.
Per il teorema del confronto, essendo | f | una maggiorante integrabile per f + e f − si ha che queste sono entrambe integrabili.
Ma allora, per linearità, anche f lo è essendo f = f + − f − .

Come per le serie la convergenza assoluta è più forte (e non equivalente) alla convergenza semplice, così
l’integrabilità assoluta è più forte e non equivalente all’integrabilità. Possiamo di fatto importare lo stesso es-
empio delle serie.

Esempio 10.4.3. La funzione

n, x ∈ [n, n + 1[, n pari,


1

(−1) n

 X
f : [1, +∞[−→ R, f (x) :=  = χ[n,n+1[ (x),

n
 − n, x ∈ [n, n + 1[, n dispari,
 1

n=1

è integrabile su [1, +∞[ ma non assolutamente integrabile.


Sol. — È facile osservare che f ∈ Rloc ([1, +∞[). Infatti su ogni intervallo [a, b] ⊂ [1, +∞[ f è continua salvo in un numero
finito di punti dove, comunque, ammette limite da destra e da sinistra. Vediamo ora che è integrabile: dobbiamo calcolare
RR
1
f (x) dx. Sia N 6 R < N + 1. Allora

Z R Z N Z R N −1 Z R N −1
X (−1) n (−1) N X (−1) n (−1) N
f (x) dx = f (x) dx + f (x) dx = + dx = + (R − N ).
1 1 N n N N n N
n=1 n=1

N
Se R −→ +∞ allora N −→ +∞ e 0 6 R − N 6 1. Quindi (−1)
N (R − N ) −→ 0 (limitata per infinitesima) mentre

N −1 ∞
X (−1) n X (−1) n
−→ convergente.
n n
n=1 n=1

Dunque
Z R ∞
X (−1) n
∃ lim f (x) dx = .
R→+∞ 1 n
n=1
Vediamo che f non è assolutamente integrabile. Infatti, per lo stesso ragionamento
Z R N −1 ∞
X 1 1 X 1
| f (x)| dx = + (R − N ) −→ = +∞.
1 n N n
n=1 n=1

La strategia generale, come per le serie, sarà quindi quella di verificare se si abbia convergenza assoluta.

Esempio 10.4.4. Stabilire l’esistenza di Z +∞


cos x
dx.
0 x2 + 1
202

Sol. — L’integranda è continua su [0, +∞[, quindi localmente integrabile. Inoltre


cos x 1
6 =: g(x).
x + 1 x2 + 1
2
R +∞
x=+∞ = π . Quindi f è assolutamente integrabile e
Ora g è positiva ed integrabile su [0, +∞[, poiché 0 g(x) dx = arctan x| x=0 2
quindi integrabile.

10.5 Criterio di Abel–Dirichlet


Il criterio che ora illustriamo (e che potrebbe essere enunciato in versione opportuna anche per le serie) è di fatto
un’estensione del test di Leibniz:
Teorema 10.5.1 (criterio di Abel–Dirichlet). Siano f , g ∈ C 1 ([a, +∞[). Supponiamo che
i) g sia limitata;
ii) f sia infinitesima per x −→ +∞;
iii) f 0 sia assolutamente integrabile su [a, +∞[.
Allora Z +∞
∃ f (x)g 0 (x) dx.
a

Dim. — Si basa sulla formula di integrazione per parti (9.5.2):


Z R Z R Z R
x=R
f (x)g 0 (x) dx = f (x)g(x) − f 0 (x)g(x) dx = f (R)g(R) − f (a)g(a) − f 0 (x)g(x) dx.
a x=a a a
Ora, per i) e ii) si ha che f (R)g(R) −→ 0 per R −→ +∞ quindi
Z R Z R
∃ lim f (x)g 0 (x) dx, ⇐⇒ ∃ lim f 0 (x)g(x) dx,
R→+∞ a R→+∞ a
R +∞
cioè sse esiste a f 0 (x)g(x) dx. Ma | f 0 (x)g(x)| 6 M | f 0 (x)|, dove M è tale che |g(x)| 6 M per ogni x ∈ [a, +∞[ essendo g
limitata. Per cui M | f 0 | è una maggiorante integrabile per | f 0 g|. In virtù di iii) M | f 0 | è integrabile e quindi f 0 g è assolutamente
integrabile, quindi integrabile.

Esempio 10.5.2. Stabilire se l’integrale


+∞
x 3 sin x
Z
dx
0 1 + x4
è convergente o meno.
3
sin x ∈ C ([0, +∞[), quindi è localmente integrabile su [0, +∞[. Si ha che ϕ(x) = f (x)g 0 (x),
Sol. — La funzione ϕ(x) := x1+x 4
3
dove f (x) = 1+x
x , g 0 (x) = (− cos x) 0 . Chiaramente le condizioni i) e ii) del criterio di Abel–Dirichlet sono verificate. Per
4
quanto riguarda la iii) abbiamo
3x 2 (1 + x 4 ) − x 3 4x 3 x 6 − 3x 2 x6 1
f 0 (x) = = − ∼ +∞ − = − 2,
(1 + x 4 ) 2 (1 + x 4 ) 2 x8 x
e quest’ultima è assolutamente integrabile su [1, +∞[. Quindi l’integrale richiesto esiste finito su [1, +∞[, e siccome la funzione
è integrabile anche su [0, 1] se ne deduce che ϕ è integrabile in senso generalizzato su [0, +∞[.
203

Esempio 10.5.3. La funzione ϕ(x) := sin x


x è integrabile ma non assolutamente integrabile su [0, +∞[.
Sol. — La funzione ϕ ∈ C (]0, +∞[) ed è prolungabile R +∞ con continuità anche in x = 0. Quindi è localmente integrabile su
[0, +∞[. Mostriamo, per esempio, l’esistenza di π sinx x dx (evitiamo lo 0 che comunque, per quanto appena detto, non è un
problema). Applicando il criterio di Abel–Dirichlet ϕ(x) = f (x)g 0 (x) dove f (x) = x1 e g 0 (x) = sin x, cioè g(x) = − cos x.
Evidentemente f è infinitesima e g è limitata. Inoltre f 0 (x) = − x12 è integrabile assolutamente su [π, +∞[. Da questo si deduce
che ϕ è integrabile. R +∞
La non esistenza di π sinx x dx è un po’ più delicata. Anzitutto osserviamo che una maggiorante elementare per sinx x
è x1 che però non è integrabile a +∞, quindi non si può concludere nulla. Ora osserviamo che
Z Nπ N −1 Z (k+1)π
sin x X | sin x| (?)
x dx = x
dx >
π kπ k=1

1
Quando kπ 6 x 6 (k + 1)π, si ha che (k+1)π 6 x1 6 kπ
1 , per cui

(?) N −1 Z (k+1)π N −1 Z (k+1)π N −1


X | sin x| X X 1
> dx = | sin x| dx = C ,
kπ (k + 1)π kπ (k + 1)π
k=1 k=1 k=1
R (k+1)π
dove C = kπ | sin x| dx è una costante vista la periodicità di | sin x| (si può facilmente determinare del resto e risulta valere
2). Ma allora
Z Nπ N −1
sin x X 2
x dx > −→ +∞, N → +∞.
π π(k + 1)
k=1
R +∞
Di conseguenza non può esistere π sinx x dx.

Le analogie con le serie presentano però un’importante differenza. Si ricorderà che condizione necessaria
R +∞ affinché
P
la serie n an è che sia an −→ 0. Si potrebbe immaginare che condizione necessaria affiché esista a f (x) dx
è che sia f (x) −→ 0. Questo è falso come mostrano i seguenti esempi.

Esempio 10.5.4. Esiste Z +∞


cos(x 2 ) dx.
0

Sol. — Infatti: se chiamiamo ϕ(x) := cos(x 2 ), ϕC ([0, +∞[), quindi ϕ ∈ Rloc ([0, +∞[). Osserviamo che
1 1  0
ϕ(x) = 2x cos(x 2 ) = sin(x 2 ) = f (x)g 0 (x).
2x 2x

Le funzioni f e g soddisfano le ipotesi di applicabilità del criterio di Abel–Dirichlet. Infatti: g(x) = sin(x 2 ) è chiaramente
limitata essendo |g(x)| 6 1; f è invece infinitesima a +∞ con f 0 (x) = − 2x1 2 assolutamente integrabile. Pertanto esiste
R +∞
1
ϕ(x) dx.

Addirittura la funzione può essere illimitata!

Esempio 10.5.5. Esiste Z +∞


x cos(x 3 ) dx.
0
204

Sol. — Infatti, ovviamente la funzione integranda è continua e quindi localmente integrabile. Scriviamo poi
1 2
ϕ(x) = x cos(x 4 ) = 3x cos(x 3 ) =: f (x)g 0 (x),
3x

dove f (x) = 3x1 , g(x) = sin(x 3 ). Chiaramente f è infinitesima per x −→ +∞ e g è limitata. Inoltre f 0 (x) = − 1 è
3x 2
assolutamente integrabile a +∞. Per il criterio di Abel–Dirichlet ϕ è integrabile su [0, +∞[.

10.6 Esercizi
Esercizio 10.6.1. Applicando la definizione, stabilire se i seguenti integrali generalizzati esistono e determinarne il relativo
valore:
Z +∞ Z +∞ Z +∞ Z +∞
1 1 2x log x 1
1. dx. 2. √ dx. 3. dx. 4. dx.
2 x(log x) 3 1 (1 + x) x 1 (1 + x 2 ) 2 −∞ x + 3x + 4
2

1
3x + 2
Z Z 2 Z 1 2 Z 3
2 1 1 1
5. √ √ dx. 6. √ dx. 7. dx. 8. √ dx.
0 x 2x + 1 0 x(2 − x) 0 x 3/2 0 3 + 2x − x 2
Z 1/2
1
9. dx.
0 x(log x) 2
Esercizio 10.6.2. Sia α > 0 ed
e2x + e x
f α (x) := , x ∈ R.
(e2x − 2e x + 2) α
i) Calcolare le primitive di f 1 (cioè α = 1).
R0
ii) Dimostrare che esiste e calcolare −∞ f 1 (x) dx.
R +∞
iii) Per quali α > 0 esiste 0 f α (x) dx ?

Esercizio 10.6.3. Sia α > 0 e


1
f α (x) := (x − 1) arctan α , x ∈ I :=]0, +∞[.
x
i) Determinare le primitive di f 1 (α = 1) su I.
R1
ii) Servirsi del risultato precedente per dire se esiste (e, in tal caso, quanto vale) 0 f (x) dx.
R +∞
iii) Dire per quali α > 0 esiste finito 1 f α (x) dx.

Esercizio 10.6.4. Sia !


1
f α (x) = x α log 1 + .
x
R +∞
Dire per quali valori di α ∈ R f α è integrabile a +∞. Dire quindi se esiste, ed in tal caso quanto vale 1 f − 1 (x) dx.
2

Esercizio 10.6.5. Determinare gli α ∈ R tali che esista

(arctan x) α+ 2
Z 1 1

√ α dx,
0 (1 − x)

e calcolarne il valore per α = − 12 .


205

Esercizio 10.6.6. Stabilire per quali valori α > 0 è convergono i seguenti integrali generalizzati:
Z π2 √ Z +∞
sin x x arctan x
xα α
dx, α
.
0
2 2
(π − x ) 0 x (1 + x) 2α
Del secondo, calcolarlne il valore per α = 1.

Esercizio 10.6.7. Determinare gli α, β ∈ R tali che l’integrale

arctan(x α )
Z 1
2
dx
0 (1 − cos x) β
sia convergente.

Esercizio 10.6.8. Sia


1
f α (x) := e x arctan , x ∈∈]0, +∞[.
(e x − 1) α
i) Calcolare le primitive di f 1/2 (cioè α = 21 ) su ]0, +∞[.
ii) Calcolare, se esiste
Z 1
1
e x arctan √ dx.
0 ex − 1
iii) Determinare Rgli α > 0 tali che f α sia integrabile in x = 0+ e quelli per cui è integrabile a +∞. Esistono dei valori di α
+∞
per i quali ∃ 0 f α (x) dx ?

Esercizio 10.6.9. Sia


1 √
f α (x) := α log(1 + 3 x), x ∈ [0, +∞[.
x
i) Calcolare le primitive di f 0 (cioè α = 0) su ]0, +∞[.
ii) Determinare gli α > 0 tali che f α sia integrabile in 0+.
iii) (??) Determinare gli α > 0 tale che f α sia integrabile a +∞.

Esercizio 10.6.10. Determinare per quali valori del parametro reale α &