Sei sulla pagina 1di 230

L.

Pandol
APPUNTI DI
ANALISI MATEMATICA 1
L. Pandol: Dipartimento di Matematica, Politecnico di Torino
i
Premessa
Questi appunti presentano il materiale del corso di Analisi Matematica 1,
senza alcuna pretesa di approfondimento e nemmeno di mostrarne le applica-
zioni. Chi fosse interessato a vedere le applicazioni del materiale qui presentato
(e ad ulteriori approfondimenti) potr`a guardare il testo L. Pandol, Analisi
Matematica 1, Bollati-Boringhieri.
Lo studio di questo testo va accompagnato da quello di un testo di esercizi.
Si segnala il testo S. Lancelotti, Esercizi di Analisi Matematica 1, Celid.
ii
Indice
1 Richiami e preliminari 3
1.1 Notazioni insiemistiche e logiche . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2 Le implicazioni e i quanticatori and . . . . . . . . . . . . 5
1.3 Insiemi di numeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.4 Ordine tra i numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.4.1 Operazioni algebriche e punti della retta . . . . . . . . 8
1.4.2 Lordine ed il valore assoluto . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.5 Insiemi limitati di numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.6 Estremi superiori ed inferiori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.6.1 Conseguenze della propriet`a di Dedekind . . . . . . . . 14
1.7 Le funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.7.1 Funzioni composte e funzioni inverse . . . . . . . . . . 17
1.8 Funzioni da R in R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.8.1 Le successioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.8.2 Funzioni ed operazione di somma e prodotto . . . . . . 20
1.8.3 Funzioni e relazione dordine . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.8.4 I punti di estremo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.8.5 La convessit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
1.8.6 Graci di funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . 26
1.8.7 Graci di funzioni inverse luna dellaltra . . . . . . . . 30
1.8.8 Le inverse delle funzioni trigonometriche . . . . . . . . 32
1.9 Alcuni esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2 I limiti e la continuit`a 37
2.1 Limiti per x + e per x . . . . . . . . . . . . . . . 37
2.1.1 I limiti inniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
2.1.2 I limiti niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
2.2 I limiti per x tendente ad x
0
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
2.2.1 I limiti inniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
2.2.2 I limiti niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
iii
iv INDICE
2.2.3 Regole di calcolo e forme indeterminate . . . . . . . . . 58
2.2.4 Limiti direzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
2.2.5 Gli innitesimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2.2.6 Gli asintoti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.2.7 Alcuni errori concettuali importanti . . . . . . . . . . . 63
2.2.8 Il numero e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.2.9 Limiti da ricordare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
2.3 La continuit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.3.1 Classicazione delle discontinuit` a . . . . . . . . . . . . 70
2.3.2 Il teorema delle funzioni composte . . . . . . . . . . . . 71
2.4 Confronto di funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
2.4.1 Inniti e innitesimi di confronto fondamentali e formule
da ricordare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2.5 Le funzioni iperboliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
3 Velocit`a, tangenti e derivate 85
3.1 La derivata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
3.1.1 La funzione derivata e le derivate successive . . . . . . 89
3.2 La prima formula degli incrementi niti . . . . . . . . . . . . . 90
3.3 Regole di calcolo per le derivate prime . . . . . . . . . . . . . 92
3.4 Il teorema di Fermat ed i punti di estremo . . . . . . . . . . . 96
4 Funzioni su intervalli 99
4.1 Il teorema delle funzioni monotone e le sue conseguenze . . . . 99
4.2 Il teorema di esistenza degli zeri . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
4.2.1 Una conseguenza sulle funzioni iniettive . . . . . . . . 105
4.3 Il teorema di Weierstrass . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
4.4 Funzioni derivabili su intervalli . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
4.4.1 Conseguenze del Teorema di Lagrange . . . . . . . . . 111
4.5 Le primitive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
4.5.1 Primitive generalizzate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
5 Teoremi di lHospital e di Taylor 125
5.1 Teorema di lHospital . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
5.1.1 Calcolo di derivate direzionali . . . . . . . . . . . . . . 129
5.2 La formula di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
5.2.1 La formula di Taylor con resto in forma di Peano . . . 131
5.2.2 La formula di Taylor con resto in forma di Lagrange . . 133
5.3 Estremi e convessit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
5.3.1 Derivate successive ed estremi . . . . . . . . . . . . . . 134
INDICE v
5.3.2 Convessit` a e punti di esso . . . . . . . . . . . . . . . . 134
6 Ricapitolazioni 137
6.1 le successioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
6.2 Studi di funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
7 Numeri complessi 149
7.1 La denizione dei numeri complessi . . . . . . . . . . . . . . . 149
7.2 Operazioni tra i numeri complessi . . . . . . . . . . . . . . . . 152
7.2.1 Somma di numeri complessi . . . . . . . . . . . . . . . 152
7.2.2 Il prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
7.3 Il coniugato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
7.4 Radici di numeri complessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
7.5 Rappresentazione esponenziale dei numeri complessi . . . . . . 157
7.6 Continuit` a e derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
7.7 Il teorema fondamentale dellalgebra . . . . . . . . . . . . . . 161
7.7.1 Polinomi a coecienti reali . . . . . . . . . . . . . . . . 162
7.7.2 Il metodo di completamento dei quadrati . . . . . . . . 163
8 Equazioni dierenziali 165
8.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
8.1.1 Le classi di equazioni dierenziali che studieremo . . . 167
8.2 Equazioni a variabili separabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
8.2.1 Problema di Cauchy per le equazioni dierenziali a
variabili separate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
8.3 Le equazioni dierenziali lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
8.3.1 Equazioni dierenziali lineari del primo ordine . . . . . 179
8.3.2 Problema di Cauchy per le equazioni dierenziali lineari
del primo ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
8.3.3 Lequazione dierenziale lineare del secondo ordine . . 185
8.3.4 Problema di Cauchy per le equazioni dierenziali lineari
del secondo ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
8.3.5 Il comportamento in futuro e la stabilit`a . . . . . . . . 191
9 Integrali deniti ed impropri 195
9.1 La denizione dellintegrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
9.1.1 Propriet`a dellintegrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
9.1.2 Classi di funzioni integrabili . . . . . . . . . . . . . . . 202
9.1.3 La media integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
9.2 Integrale orientato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
INDICE 1
9.3 Il teorema fondamentale del calcolo integrale . . . . . . . . . . 207
9.4 Integrale improprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
9.4.1 Lintegrale su una semiretta . . . . . . . . . . . . . . . 210
9.4.2 Lintegrale in presenza di un asintoto verticale . . . . . 210
9.4.3 Casi pi` u generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
9.5 Criteri di convergenza per gli integrali impropri . . . . . . . . 212
9.5.1 Criteri di convergenza: funzioni positive su semirette . 213
9.5.2 Criteri di convergenza: funzioni positive su intervalli . 215
9.5.3 Il caso delle funzioni che cambiano segno . . . . . . . . 217
A Glossario 219
Indice analitico 221
2 INDICE
Capitolo 1
Richiami e preliminari
In questo capitolo si richiamano brevemente nozioni note dai corsi preceden-
ti sottolineando alcune propriet`a che verranno utili. Inoltre, si introducono
alcune propriet`a nuove almeno per alcuni studenti.
1.1 Notazioni insiemistiche e logiche
Di regola indicheremo un insieme con una lettera maiuscola, per esempio A,
B.
Un insieme si identica specicandone gli elementi, o elencandoli espli-
citamente oppure mediante la propriet`a che li caratterizza. Per esempio
scriveremo
A = x [ x > 0
per indicare linsieme i cui elementi sono i numeri positivi; oppure A =
1, 2, 3 per indicare linsieme i cui elementi sono i numeri 1, 2 e 3.
In questa notazione si noti:
luso della parentesi graa. La notazione `e una delle nume-
rose notazioni matematiche che hanno pi` u signicati. In seguito
vedremo altri usi della medesima notazione.
Il simbolo [ si legge tale che e pu`o venir sostituito da : o
,.
Per indicare che un elemento a appartiene ad A si scrive a A oppure
A a. Per dire che a non appartiene ad A si scrive a / A oppure A , a.
3
4 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Se ogni elemento di B appartiene ad A si dice che B `e contenuto in A, o
che B `e un sottoinsieme di A, e si scrive B A oppure A B.
E importante notare che a ed a sono oggetti diversi: il primo indica un
elemento di un insieme e il secondo indica linsieme il cui unico elemento `e
a. Quindi sono corrette le scritture a A, a a ed a A mentre sono
sbagliate le scritture a A ed a A.
Col simbolo si indica l insieme vuoto , ossia linsieme privo di elementi.
Le operazioni tra insiemi sono:
l intersezione di insiemi: A B `e linsieme i cui elementi sono tutti
e soli quelli comuni ad A e B. Se A e B sono disgiunti, ossia privi di
elementi comuni, lintersezione dei due `e linsieme vuoto.
Si noti che A B = B A.
l unione di insiemi: A B `e linsieme i cui elementi sono sia quelli di
A che quelli di B.
Si noti che A B = B A.
Lunione di due insiemi `e linsieme vuoto se e solo se ambedue sono vuoti.
la dierenza di insiemi. Si indica con la notazione A B oppure AB:
`e linsieme degli elementi di A che non appartengono a B. Dunque,
A B ,= B A e inoltre:
a) A B = A (A B) = A (B A).
b) se A e B sono disgiunti, AB = A e BA = B; se A = B allora
A B = B A = .
il prodotto cartesiano di due insiemi A e B, presi in questordine, prima
A e poi B, `e linsieme i cui elementi sono le coppie ordinate (a, b), con
a A e b B:
A B = (a, b) [ a A, b B .
Dunque, A B ,= B A, salvo nel caso in cui A = B.
Gli insiemi vengono sempre a coppie: nel momento stesso in cui si de-
nisce A se ne denisce anche il complementare , ossia linsieme di tutti
gli elementi che non appartengono ad A.
Il complementare di A si indica con uno dei simboli A
C
, cA oppure

A.
Ovviamente, A

A = .
1.2. LE IMPLICAZIONI E I QUANTIFICATORI AND 5
Lavorando in un insieme ambiente R pressato, e quindi solo con suoi
sottoinsiemi, usa denire il complementare di A relativamente ad R
c
R
A = a R [ a / A .
Ovviamente,
A c
R
A = , A c
R
A = R.
Molto spesso si sottintende linsieme R e, per indicare il complementare
rispetto al (sottinteso) insieme R si usano i simboli A
C
, cA oppure

A.
1.2 Le implicazioni e i quanticatori and
Per dire che una propriet`a ne implica unaltra si usa il simbolo . Per esempio
a A a > 0 (1.1)
si legge se a `e un elemento di A allora a `e un numero positivo. Per esempio,
ci`o vale se gli elementi di A sono numeri pari positivi (ovviamente, non solo
in questo caso); non vale se A contiene anche il numero 1.
La doppia freccia si usa per indicare che due propriet`a sono equivalenti.
Per esempio
a A a > 0
si legge a appartiene ad A se e solo se `e un numero positivo e signica che
gli elementi di A sono tutti e soli i numeri positivi.
Il simbolo si legge esiste. Per esempio,
a A [ a > 0
si legge esiste a in A che `e maggiore di zero e vuol dire che linsieme A
contiene almeno un numero positivo. Niente si dice degli altri elementi di A,
che potrebbero anche non essere numeri.
Il simbolo si legge qualsiasi o per ogni. Per esempio,
a A a > 0
si legge per ogni elemento a di A segue che a `e un numero positivo o, pi` u
semplicemente, ogni elemento di A `e un numero positivo ed `e una notazione
pi` u precisa di (1.1).
6 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
1.3 Insiemi di numeri
La maggior parte del corso user`a insiemi di numeri reali.
1
Linsieme dei numeri
reali si indica col simbolo R e suoi sottoinsiemi notevoli sono:
linsieme dei numeri razionali relativi Q.
linsieme dei numeri interi relativi Z.
linsieme dei numeri naturali N.
Luso di questi insiemi numerici `e noto dai corsi precedenti. Notiamo per`o
esplicitamente che come insieme N, dei naturali, si intende linsieme dei nume-
ri che si usano per contare: 1, 2,. . . A seconda dellopportunit`a introdurremo
anche 0 in questinsieme, oppure talvolta considereremo come primo elemen-
to dei naturali un numero maggiore di uno. Molto spesso se 0 si considera o
meno come elemento di N viene implicitamente dedotto dalle notazioni usate.
Per esempio, se deniamo
A = 1/n [ n N
implicitamente escluderemo 0 dallinsieme N, perche la divisione per 0 non
pu`o farsi.
Si sa che i numeri reali si possono porre in corrispondenza biunivoca con
i punti di una retta orientata ossia, come anche si dice, si rappresentano me-
diante i punti di una retta orientata. In questa rappresentazione, il numero
pi` u grande tra due corrisponde al un punto pi` u a destra.
2
Avendo identicato i numeri reali mediante punti di una retta, un numero
reale verr`a anche chiamato punto (di una retta precedentemente specicata,
o sottintesa, spesso un punto dellasse delle ascisse o delle ordinate).
E utile vedere il signicato geometrico delle operazioni algebriche.
1.4 Ordine tra i numeri reali
Si sa che i numeri reali sono un insieme ordinato; ossia, dati due numeri reali
`e sempre possibile stabilire che uno `e maggiore o uguale allaltro:
r s , equivalentemente s r .
1
I numeri complessi verranno introdotti al Cap. 7 e usati al Capitolo 8.
2
La corrispondenza si costruisce come segue: si ssa un punto O della retta, che si chiama
origine, e ununit`a di misura per le lunghezze. Ad un numero a > 0 corrisponde il numero
che dista a dallorigine, a destra di essa; ad a < 0 si fa corrispondere il numero che dista a
dallorigine, a sinistra di essa. Il numero 0 corrisponde allorigine delle coordinate.
1.4. ORDINE TRA I NUMERI REALI 7
La propriet`a di ordine verica:
per ogni r R si ha r r.
se vale r s ed anche s r allora r = s.
se r s ed anche s t allora r t.
Grazie alla relazione dordine si pu`o denire il concetto di intervallo .
Linsieme x R [ a < x < b si chiama intervallo aperto di
estremi a e b e si indica col simbolo (a, b). Il numero a si chiama
estremo sinistro dellintervallo e il numero b si chiama estremo
destro.
Linsieme x R [ a x b si chiama intervallo chiuso di
estremi a e b e si indica col simbolo [a, b]. Il numero a si chiama
estremo sinistro dellintervallo e il numero b si chiama estremo
destro.
Si introducono anche gli intervalli semiaperti (a destra o a
sinistra) [a, b) e (a, b], deniti da
[a, b) = x R [ a x < b , (a, b] = x R [ a < x b .
chiameremo intervalli aperti anche gli insiemi illimitati (superior-
mente il primo, inferiormente il secondo)
(a, +) = x [ x > a , (, b) = x [ x < b
chiameremo intervalli chiusi anche gli insiemi illimitati (superior-
mente il primo, inferiormente il secondo)
[a, +) = x [ x a , (, b] = x [ x b
Geometricamente, si tratta di semirette verso destra o verso
sinistra, che includono o meno il loro estremo.
Osservazione 1 Si noti che nella notazione degli intervalli il simbolo +
oppure indica solamente che lintervallo che si sta considerando `e illimitato
8 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
superiormente oppure inferiormente. Il simbolo , che si legge innito,
ha vari signicati e comunque non indica mai un numero.
PROPRIET
`
A CRUCIALE DEGLI INTERVALLI
La propriet`a cruciale che distingue gli intervalli da altri insiemi di nu-
meri `e la seguente: se x ed y sono due elementi di un intervallo I e se
z verica x < z < y allora anche z `e un elemento di I. In simboli:
I `e un intervallo se e solo se
(x I , y I, z [ x < z < y) z I .
Sia I un intervallo aperto e sia x
0
I. Per dire brevemente che I `e
aperto e che x
0
I, si dice che I `e un intorno di x
0
.
Se accade che I ha forma (x
0
a, x
0
+ a) allora lintervallo aperto I si
chiama intorno simmetrico di x
0
.
Per esempio, lintervallo (2, 6) `e intorno di 5 ed `e `e intorno simmetrico di 4.
Un intervallo aperto (a, +) si chiama anche intorno di + . Un
intervallo aperto di forma (, b) si chiama anche intorno di .
Inne, osserviamo una propriet`a importante, che lega lordine con lope-
razione di calcolo del reciproco: i due numeri a e b abbiano il medesimo
segno. Allora vale
a > b
1
a
<
1
b
. (1.2)
1.4.1 Operazioni algebriche e punti della retta
Rappresentiamo i numeri reali mediante punti dellasse delle ascisse (quindi,
orizzontale) e indichiamo con P
r
il punto che rappresenta il numero reale r
(ricordiamo che il numero 0 corrisponde ad O, origine delle coordinate)
In questa rappresentazione, il numero pi` u grande tra due corrisponde al un
punto pi` u a destra. In particolare, P
r
`e a destra di O se r > 0; `e a sinistra se
r < 0; P
r+h
`e ottenuto spostando P
r
verso destra se h > 0, verso sinistra se
h < 0.
Il punto P
r
`e il simmetrico rispetto ad O del punto P
r
.
1.4. ORDINE TRA I NUMERI REALI 9
1.4.2 Lordine ed il valore assoluto
Per denizione, si chiama valore assoluto di r il numero [r[ cos` denito
[r[ =
_
r se r 0
r se r < 0 .
(1.3)
Va osservato che:
il numero r pu`o essere sia positivo che negativo. Se r < 0 allora r > 0.
Per esempio, se r = 5 allora [ 5[ = (5) = +5 > 0.
E [0[ = 0 e quindi il segno di uguale in (1.3) pu`o mettersi nella riga di
sopra, o in quella di sotto, o in ambedue senza cambiare la denizione.
La notazione [r + a[ `e una notazione abbreviata per [(r + a)[; ossia, per
calcolare r + a si segue questo schema:
r (r + a) [(r +a)[ .
In particolare, [r + a[ ,= [r[ + a anche se a > 0. Per esempio, se r = 5
si ha
[r + 2[ = [(r + 2)[ = [(5 + 2)[ = [ 3[ = 3
[r[ + 2 = 5 + 2 = 7 ,= [r + 2[ .
Le relazioni tra il valore assoluto e le operazioni sono le seguenti
[r s[ = [r[ [s[ .
[r + s[ [r[ +[s[ (disuguaglianza triangolare).
Usando la disuguaglianza triangolare, si pu`o provare che vale anche:

[r[ [s[

[r s[ .
10 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Osservazione importante Usando il segno di valore assoluto, si
possono scrivere in modo breve delle coppie di disequazioni: la scrittura
[a[ < b
equivale a dire che b > 0 e inoltre che
b < a < b .
Invece, la scrittura
[a[ > b > 0
equivale a scrivere che
a > b oppure a < b .
Si esamini il signicato delle espressioni [a[ b e [a[ b.
Valore assoluto e distanza
Sia P
a
il numero che rappresenta a sullasse delle ascisse. Il numero [a[ rap-
presenta la distanza di P
a
dallorigine O. Se b `e un secondo numero e P
b
il
punto dellasse delle ascisse che gli corrisponde,
[a b[ = [b a[
rappresenta la distanza dei due punti P
a
e P
b
.
Notiamo ora un modo complicato per dire che un numero a `e nullo:
basta dire che [a[ = 0, ossia basta richiedere che P
a
si sovrapponga allorigine
O. Ci`o pu`o anche esprimersi richiedendo che [a[ sia pi` u piccolo di ogni numero
positivo; ossia
Lemma 2 Vale a = 0 se e solo se per ogni > 0 si ha
0 [a[ .
In simboli:
a = 0 ( > 0 0 [a[ < ) .
1.5. INSIEMI LIMITATI DI NUMERI REALI 11
1.5 Insiemi limitati di numeri reali
Sia A un sottoinsieme di R. Linsieme A si dice limitato superiormente se
esiste un numero M tale che
a A a M .
Ossia, A `e limitato superiormente se esiste un numero M maggiore o uguali a
tutti gli elementi di A. Il numero M si chiama un maggiorante di A.
Ovviamente, se un maggiorante esiste ne esistono inniti: se M `e un
maggiorante, M + 1, M + 2,. . . lo sono.
Pu`o accadere che un maggiorante di A appartnga allinsieme A. Per
esempio, se
A = 1 , 2
allora sia 2 che 2, 5 che 3 ecc. sono maggioranti di A. Il numero 2 `e lunico
maggiorante che appartiene ad A.
Invece, linsieme
A = x [ 0 < x < 1
ammette maggioranti. Per esempio 1, 1 +1/2 ecc., ma nessuno gli appartiene.
Un insieme contiene al pi` u uno dei suoi maggioranti.
Se esiste, il maggiorante di A che appartiene ad A si chiama il massimo
di A.
Esistono insiemi che non sono limitati superirmente, ossia che non
ammettono maggioranti.
Un insieme A non ammette maggioranti quando per ogni M
R esiste a A tale che a > M. Un tale insieme si dice
illimitato superiormente .
In simboli, linsieme A `e superiormente illimitato quando
M R a A [ a > M .
Lelemento a `e un opportuno elemento di A che dipende da M. per
sottolineare ci`o spesso lo indichiamo col simbolo a
M
.
Si chiama minorante di A un numero reale m tale che per ogni a A si
abbia
m a .
12 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Un insieme che ammette minoranti si chiama limitato inferiormente . Se
invece minoranti non esistono, linsieme si chiama illimitato inferiormente .
Un insieme pu`o contenere al pi` u uno dei suoi minoranti, il quale, se esiste,
si chiama il minimo dellinsieme.
Un insieme che `e limitato sia superiormente che inferiormente si dice
limitato .
La propriet`a seguente `e ovvia, ma va notata esplicitamente per luso che
ne faremo in seguito:
Lemma 3 Siano A e B due sottoinsiemi di R. Se ambedue sono superiormen-
te limitati (oppure inferiormente limitati, oppure limitati) anche la loro unione
`e superiormente limitata (oppure inferiormente limitata, oppure limitata).
Dim. Per ipotesi, esistono due numeri M
1
ed M
2
tali che:
a A = a M
1
; b B = b M
2
.
Sia M = maxM
1
, M
2
; ossia M `e il maggiore tra i due numeri M
1
ed M
2
.
Dunque si ha contemporaneamnete M
1
M ed M
2
M.
Per denizione un elemento c A B appartiene ad A oppure a B (o ad
anbedue). Se c A allora c M
1
M; se c B allora c M
2
M . In
ogni vale c M e quindi A B `e superiormente limitato.
Illimitatezza di N
Linsieme dei numeri naturali `e limitato inferiormente ma non superiormente.
Il fatto che sia superiormente illimitato si esprime come segue:
Per ogni numero reale r esiste un numero naturale n = n
r
tale che
n
r
> r .
In simboli:
r R n
r
N [ n
r
> r .
Questa propriet`a si chiama propriet`a di Archimede .
Naturalmente, la propriet`a di Archimede pu`o riformularsi dicendo che per
ogni > 0 esiste un numero n N tale che
1
n
< .
Combinando questosservazione col Lemma 2 possiamo enunciare:
1.6. ESTREMI SUPERIORI ED INFERIORI 13
Lemma 4 Vale a = 0 se e solo se per ogni n N si ha
0 [a[
1
n
.
1.6 Estremi superiori ed inferiori
Consideriamo un insieme A di numeri reali, che `e superiormente limitato.
Come si `e detto, al pi` u uno dei maggioranti di A pu`o appartenere ad A e in
tal caso tale maggiorante si chiama il massimo di A.
Se A `e superiormente limitato, `e certamente non vuoto linsieme dei
maggioranti di A. La propriet`a cruciale che distingue R da Q `e la
seguente:
Propriet`a di Dedekind: linsieme dei maggioranti dellinsieme superior-
mente limitato A ammette minimo in R.
Ci`o giustica la denizione seguente:
Denitione 5 Il minimo dei magioranti di A si chiama estremo superiore
di A e si indica col simbolo
sup A.
Dunque, si ha
L = sup A
quando L `e il pi` u piccolo dei maggioranti di A e ci`o pu`o esprimersi
richiedendo le due propriet`a seguenti:
L `e uno dei maggioranti di A; ossia:
a A a L;
L `e il pi` u piccolo dei maggioranti di A; ossia, se > 0 allora L non
`e un maggiorante. Dobbiamo quindi richiedere che per ogni > 0 esista
un elemento a = a

di A tale che
L < a

L.
In modo analogo si denisce l estremo inferiore di A come il massimo
dei minoranti di A.
Lesistenza dellestremo inferiore `e equivalente a quella dellestremo
superiore ossia alla propriet`a di Dedekind.
14 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Introduciamo ora una notazione: se linsieme A non `e limitato superior-
mente, esso non ammette maggioranti e quindi non ammette estremo superiore.
Introduciamo allora la notazione
sup A = +,
che si legge estremo superiore di A uguale a pi` u innito come notazione
breve per dire che A `e illimitato superiormente.
Analogamente, per dire che A `e illimitato inferiormente scriveremo
inf A = .
Osservazione 6 Sottolineiamo che sup A ed inf A in generale sono numeri
reali anche se A Q; ossia, la propriet`a di Dedekind non vale in Q.
Notiamo anche che la denizione di estremo, data per insiemi generici, `e
consistente con quella gi`a introdotta nel caso particolare degli intervalli:
a = inf(a, b) , b = sup(a, b) ,
a = inf[a, b] = min[a, b] , b = sup[a, b] = min[a, b] .
1.6.1 Conseguenze della propriet`a di Dedekind
La propriet`a di Dedekind `e particolarmente importante perche permette di
denire certi numeri che non esistono se non si lavora in R.
Per esempio, se a > 0
b =
n

a = a
1/n
indica un numero b 0 tale che b
n
= a. Ma, chi garantisce lesistenza di b?
Per esempio, se si decide di lavorere solamente con numeri razionali, b
2
= 2 `e
unequazione priva di soluzioni. E infatti, in Q la propriet`a di Dedekind non
vale.
Invece, in R il numero b esiste e si denisce come
b = supx [ x
n
a .
Senza entrare in dettagli ulteriori, diciamo che `e grazie alla propriet`a di
Dedekind che in R si possono denire i numeri a
r
(per qualsiasi esponente
reale r, se a > 0) e (per a positivo e diverso da 1 ed r > 0) si denisce il
numero log
a
r. Per denizione,
= log
a
r
1.7. LE FUNZIONI 15
`e il numero che risolve lequazione
a

= r .
Ripetiamo, `e grazie alla propriet`a di Dedekind che questi numeri si possono
denire.
Usando la denizione di logaritmo, si provi che (per r > 0 ed a > 0,
a ,= 1) valgono le due uguaglianze seguenti:
log
a
r = log
1/a
r , log
a
r =
1
log
r
a
.
1.7 Le funzioni
Col termine funzione si intende una trasformazione tra due insiemi A e B,
non vuoti, che ad ogni punto di A associa al pi` u un punto di B.
3
Dunque, `e possibile che un certo elemento di A non abbia corrispondente
in B. Per`o, assumiamo esplicitamente che almeno un elemento di A venga
trasformato in un elemento di B.
Le funzioni si indicano con una lettera minuscola: f, g, . . . .
Diciamo che A `e linsieme di partenza della funzione mentre B `e linsieme
di arrivo.
Quindi, `e possibile che alcuni punti di A non abbiano corrispondente, o
come si dice pi` u comunemente, immagine, in B. Linsieme dei punti di A che
ammettono corrispondente si chiama il dominio della funzione e si indica
col simbolo domf (se f indica la funzione). La denizione di funzione
implica che domf non `e vuoto.
Per dire che la funzione f trasforma a in b si scrive
a
f
b o, pi` u comunemente, b = f(a) .
Linsieme
f(a) , a domf B
si chiama l immagine o il codominio della funzione f. Limmagine di f si
indica col simbolo imf.
3
pi` u precisamente, una tale funzione si chiama funzione univoca .
16 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Fare attenzione al termine codominio: in certi testi questo termine
indica linsieme di arrivo B.
Una funzione la cui immagine `e linsieme di arrivo B si dice suriettiva .
E importante notare che la denizione di funzione `e dissimmetrica: un
elemento di A deve avere al pi` u un corrispondente, ma un elemento di B pu`o
provenire anche da pi` u elementi di A.
Si chiama controimmagine di K linsieme
f
1
(K) = a A [ f(a) K
Se K imf = allora per denizione f
1
(K) = .
Ovviamente, f
1
(B) = domf.
Niente vieta che linsieme K sia costituito da un solo punto b. Come si `e
detto, la controimmagine di b `e un sottoinsieme di A che pu`o contenere pi` u
di un elemento. Esso andrebbe indicato col simbolo f
1
(b), ma usa scrivere
pi` u semplicemente f
1
(b).
Fare attenzione al simboli f
1
. Questo simbolo ha numerosi signicati.
Uno si `e appena visto: f
1
(K) ed indica un certo insieme.
Pi` u avanti vedremo che indica una particolare funzione associata alla
funzione f, quando questa ha una propriet`a particolare. Se f opera
tra numeri, f
1
(a) potrebbe anche indicare 1/f(a). Generalmente il
signicato va capito dal contesto.
Inne, si chiama graco di f linsieme
((f) = (a, f(a) ) [ a domf = A B.
Osservazione 7 Notiamo una propriet`a del graco: se due coppie (a, b) e
(a, c), con i medesimi primi elementi, appartengono al graco, allora `e anche
c = b, perche la funzione `e univoca. Inoltre, `e chiaro che un s.insieme (
di A B con questa propriet`a `e graco di funzione:la funzione il dominio `e
costituito dai primi elementi delle coppie di ( e se (a, b) ( allora ad a A
corrisponde b B. Dunque, una funzione potrebbe essere denita a partire
dal suo graco.
1.7. LE FUNZIONI 17
Esempio 8 Sia A = a, b, c, d, e, f, g, B = x, y, z e consideriamo la
funzione
c
f
z
b
f
x
d
f
x
e
f
x.
E:
domf = b , c , d , e A, imf = x, z B
f
1
(x) = b , d , e f
1
(z) = c
f
1
(x, z) = f
1
(B) = domf A
((f) = (c, z) , (b, x) , (d, x) , (e, x) .
Siano ora f e g due funzioni da A in B, e sia
H = domf domg = K .
Se accade che
a H = domf f(a) = g(a)
si dice che f `e la restrizione di g ad H o anche che g `e estensione di f
a K. Ovviamente, se f `e data, essa ammette pi` u estensioni ad un insieme
K H = domf (salvo il caso in cui B contiene un unico elemento). Invece,
se g `e data, essa ammette ununica restrizione ad H K = domg.
Sia ora H A un sottoinsieme che interseca K = domf, ma che non
`e necessariamente ivi contenuto. In questo caso si denisce la restrizione
di f ad H. Chiamiamola provvisoriamente g. A g si assegna come dominio
linsieme H domf e, su questinsieme si pone g(a) = f(a).
La restrizione di f ad H si indica col simbolo f
|
H
. Dunque, ricapitolando:
domf
|
H
= H (domf) , f
|
H
(a) = f(a) .
1.7.1 Funzioni composte e funzioni inverse
Siano ora f e g due funzioni, con f da A in B e g da B in C:
A
f
B, B
g
C .
Se accade che
(imf) (domg) ,= ,
18 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
`e possibile denire la funzione composta di g con f, che si indica con g f,
in questo modo
(g f)(a) = g(f(a)) ,
denita sugli elementi a A tali che abbia senso calcolare g(f(a)); ossia:
dom(g f) = a [ f(a) domg .
Il simbolo che useremo pi` u comunemente per la funzione composta `e proprio
g(f(a)), lasciando sottinteso il dominio.
Consideriamo ora una generica funzione f da A in B. Si `e notato che nella
denizione di funzione A e B non giuocano ruoli simmetrici, nel senso che
se (a, b) ed (a

, b

) sono elementi del graco e a = a

allora necessariamente
b = b

. Invece, `e ben possibile che sia b = b

con a ,= a

. Si chiamano iniettive
le funzioni con questa propriet`a: un elemento dellimmagine proviene da
un solo elemento del dominio; ossia tali che se (a, b) ed (a

, b) sono nel
graco, allora a = a

.
Le funzioni (univoche ed) iniettive vengono sempre a coppie: se (a, b) `e
nel graco di una funzione iniettiva, una prima funzione trasforma a in b; una
seconda funzione (anchessa univoca ed iniettiva) trasforma b in a. Queste due
funzioni si dicono inverse luna dellaltra.
In pratica, una delle due funzioni si intende data e laltra deve determinarsi.
In questo caso si assegna il simbolo f alla funzione data e la sua inversa si indica
col simboli f
1
.
Si noti che in questo caso f
1
indica una funzione; e quindi f
1
(b) si
user`a per indicare la funzione inversa di f, calcolata nel punto b.
Ricapitolando, f opera da A in B mentre f
1
opera da B in A con
domf
1
= imf imf
1
= domf
e inoltre,
a domf = f
1
(f(a)) = a ; b domf
1
= f
_
f
1
(b)
_
= b .
Funzioni inverse ed equazioni
Sia f una funzione da H in K e si consideri lequazione
f(x) = y .
1.8. FUNZIONI DA R IN R 19
Ossia, dato y K si vogliono trovare le x H che vericano luguaglianza. In
questo contesto, y si chiama il dato del problema (notare, anche f `e data)
ed x si chiama lincognita. Le x che vericano lequazione si chiamano le
soluzioni dellequazione.
E possibile che non esistano soluzioni. Ci`o avviene se e solo se y / imf.
Inoltre, le soluzioni, se esistono, appartengono a domf.
Pu`o essere che ci sia pi` u di una soluzione. Per certe funzioni f invece
accade che lequazione ammette al pi` u una soluzione per ogni dato y. Sono
queste le funzioni univoche, e per esse `e possibile denire la funzione inversa
x = f
1
(y) .
La funzione inversa fa corrispondere al dato y lunica soluzione
dellequazione f(x) = y.
Questa `e linterpretazione della funzione inversa dal punto di vista di chi
deve risolvere equazioni.
1.8 Funzioni da R in R
Le funzioni che si studiano nel corso di Analisi Matematica 1 operano dallin-
sieme dei numeri reali nellinsieme dei numeri reali, ossia sono funzioni da R
in se. Dato che R ha sottoinsiemi notevoli ed `e dotato di operazioni e rela-
zione dordine, si introducono delle particolari denizioni atte ad identicare
propriet`a notevoli delle funzioni.
Osservazione sui domini
Il dominio di una funzione da R in se pu`o essere un insieme qualsiasi.
Noi di regola penseremo al dominio come ad un intervallo, chiuso o
meno, limitato o meno. Esistono funzioni importanti che non hanno
tale propriet`a, per esempio la funzione tan x oppure le successioni, che
introdurremo al paragrafo 1.8.1. E compito dello studente riadattare
ci`o che andiamo a dire a questi casi pi` u generali.
Il graco di una funzione reale di variabile reale si rappresenta usualmente
rispetto ad un sistema di assi cartesiani ortogonali, con linsieme di partenza
che sta sullasse delle ascisse.
20 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
1.8.1 Le successioni
Un primo caso importante `e quello in cui la funzione ha per dominio i numeri
naturali. Una funzione il cui dominio `e N si chiama successione . Dunque,
una successione dovrebbe indicarsi col simbolo f(n). Si usa invece scrivere (f
n
)
oppure f
n
per indicare una successione e la variabile n in questo contesto si
chiama indice .
La notazione pi` u usata per indicare le successioni `e f
n
ma questa no-
tazione `e pericolosa perche la parentesi graa indica anche un insieme;
e infatti il simbolo f
n
indica sia la successione, ossia una funzione,
che la sua immagine, ossia un insieme. Il signicato del simbolo va
capito dal contesto.
Sui numeri naturali ripetiamo la stessa osservazione fatta al paragrafo 1.3.
Talvolta far`a comodo partire dal primo elemento 0, talvolta dal primo elemento
1, talvolta magari scegliere di lavorare con i soli indici maggiori di un certo n
0
.
1.8.2 Funzioni ed operazione di somma e prodotto
I numeri reali si sommano e la somma con un numero h ssato `e una funzione:
la funzione x x + h.
Sia ora f(x) una funzione che per semplicit`a pensiamo denita su R. Si
pu`o quindi calcolare la funzione composta x f(x+h). Dal punto di vista del
graco, il graco di f(x + h) si ottiene traslando quello di f(x) verso destra
se h < 0; verso sinistra se h > 0.
Pu`o accadere che per un certo valore di T ,= 0 i graci di f(x) e di f(x+T)
siano indistinguibili; ossia potrebbe accadere che esista un numero T > 0 tale
che
f(x +T) = f(x) per ogni x domf.
In questo caso la funzione f(x) si dice periodica di periodo T.
Si noti che:
esistono funzioni periodiche il cui dominio non `e R, per esempio la
funzione tan x;
se una funzione `e periodica, essa ammette inniti periodi: T, T, 2T,
2T ecc. Se esiste un minimo periodo positivo questo si dice il
periodo di f(x). Per esempio, tan x ha periodo mentre sin x ha periodo
2.
1.8. FUNZIONI DA R IN R 21
Figura 1.1: Sinistra: f(x), f(x 1) (rosso), f(x +1) (verde); destra: funzione
periodica
f(x)
x
y
f(x)
f(x1)
f(x+1)
x
y
Tra i numeri reali si pu`o fare anche il prodotto. Si pu`o quindi conside-
rare la trasformazione x ax che, se a `e positivo corrisponde niente altro
che a un cambiamento dellunit`a di misura. Quindi il graco della funzione
f(ax) si ottiene da quello di f(x) allargandolo o comprimendolo, in senso
orizzontale. Pi` u interessante `e la moltiplicazione per numeri negativi, e basta
considerare la moltiplicazione per 1. Il graco di f(x) si ottiene da quello
di f(x) facendone il simmetrico rispetto allasse delle ordinate.
Figura 1.2: sinistra: f(x) e f(x); destra: f(x) ed f(x)
x
y
x
y
Pu`o accadere che i due graci, di f(x) e di f(x), coincidano; ossia che
valga
f(x) = f(x) per ogni x domf.
22 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
In questo caso la funzione si dice una funzione pari .
Il graco di una funzione pari `e simmetrico rispetto allasse delle
ordinate.
Consideriamo invece g(x) = f(x). Il graco di g(x) si ottiene da quello
di f(x) facendone il simmetrico rispetto allasse delle ascisse. Si accade che
questo coincide col graco di f(x) la funzione si chiama dispari . Ossia,
una funzione dispari `e una funzione che verica
f(x) = f(x) per ogni x domf.
Il graco di una funzione dispari `e simmetrico rispetto allorigine.
I due casi sono illustrati nella gura 1.3.
Ripetiamo che le funzioni che si considerano potrebbero non essere denite
su R; per`o:
una funzione periodica ha dominio illimitato;
una funzione pari oppure dispari ha dominio simmetrico rispetto ad O.
Figura 1.3: sinistra: funzione pari; destra: funzione dispari
x
y
x
y
1.8.3 Funzioni e relazione dordine
Luso della relazione dordine conduce ai concetti importantissimi di fun-
zione limitata, funzione monotona (crescente o decrescente) e funzione
convessa .
1.8. FUNZIONI DA R IN R 23
Le funzioni limitate
Una funzione f(x) si dice limitata superiormente quando `e limitata supe-
riormente la sua immagine; ossia quando esiste un numero M tale che per
ogni x domf si ha
f(x) M .
Dunque, una funzione `e limitata superiormente se e solo se i punti (x, f(x))
del suo graco appartengono al semipiano
(x, y) [ y M .
Analogamente, una funzione `e limitata inferiormente se `e limitata infe-
riormente la sua immagine; ossia se e siste m tale che f(x) > m per ogni
x domf; ed `e limitata se limitata `e la sua immagine, ossia se esistono m
ed M tali che m < f(x) < M per ogni x domf. Inoltre:
Lemma 9 Una funzione `e:
limitata superiormente se e solo se il suo graco `e contenuto in un semipiano
(x, y) [ y < M;
limitata inferiormente se e solo se il suo graco `e contenuto in un semipiano
(x, y) [ y > m;
`e limitata se e solo se il suo graco `e contenuto in una striscia orizzontale
(x, y) [ m < y < M.
Inne, notiamo questa propriet`a, conseguenza del Lemma 3:
Lemma 10 Siano f
1
(x) ed f
2
(x) due funzioni limitate e supponiamo che
(domf
1
) (domf
2
) = . Sia
f(x) =
_
f
1
(x) se x domf
1
f
2
(x) se x domf
2
.
La funzione f(x) `e limitata.
Dim. Si noti che imf = (imf
1
) (imf
2
), ambedue insiemi limitati, e si usi il
Lemma 3.
Analogo enunciato vale se si considera la sola limitatezza da sopra o da
sotto.
In particolare:
Corollario 11 Sia x
0
domf(x) e sia g(x) = f(x) per x ,= x
0
. Se g(x) `e
limitata, anche f(x) lo `e.
Ossia: il valore che la funzione prende in un solo punto non inuisce
sulla propriet`a della funzione di essere o meno limitata.
24 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
La monotonia
Una funzione si dice monotona crescente quando:
x
1
, x
2
domf tali che x
1
> x
2
= f(x
1
) f(x
2
) ;
Si dice monotona decrescente quando:
x
1
, x
2
domf tali che x
1
> x
2
= f(x
1
) f(x
2
) .
Si noti che le disuguaglianze tra i punti x
i
sono strette, mentre a destra po-
trebbe valere anche luguaglianza. Si parla di funzioni strettamente monotone
quando sono monotone ed inoltre x
1
,= x
2
implica f(x
1
) ,= f(x
2
).
Un modo apparentemente pi` u complicato, ma pi` u utile, di denire la mo-
notonia `e il seguente: una funzione `e crescente se (f(x
1
) f(x
2
)) ha lo stesso
segno di (x
1
x
2
); decrescente se i segni sono opposti.
Usando la regola dei segni:
Una funzione `e crescente su I se
x
1
I , x
2
I tali che x
1
,= x
2
si ha
f(x
1
) f(x
2
)
x
1
x
2
0 ;
Una funzione `e decrescente su I se
x
1
I , x
2
I tali che x
1
,= x
2
si ha
f(x
1
) f(x
2
)
x
1
x
2
0 .
In queste relazioni va richiesto x
1
,= x
2
(non si pu`o dividere per 0) ma lordine
in cui si susseguono x
1
ed x
2
non interviene.
Osservazione 12 E bene osservare quanto segue:
la funzione tan x non `e monotona sul suo dominio.
Ogni funzione strettamente monotona `e iniettiva e quindi invertibile.
Esistono funzioni iniettive e non monotone.
Un esempio `e la funzione f(x) = tan x denita sullinsieme [0, )/2.
Questa funzione trasforma il suo dominio, che non `e un intervallo, in
modo biunivoco su R. Si possono anche trovare funzioni iniettive e non
monotone, che trasformano intervalli in intervalli, come per esempio la
funzione
f(x) =
_
x se 0 x < 1
3 x se 1 x 2 .
I graci sono in gura 1.4
1.8. FUNZIONI DA R IN R 25
Figura 1.4: Funzioni iniettive ma non monotone
0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5
10
8
6
4
2
0
2
4
6
8
10
x
y
0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5
0.5
0
0.5
1
1.5
2
2.5
x
y
MONOTONIA E FUNZIONE INVERSA
Naturalmente, una funzione strettamente monotona `e iniettiva
e quindi ammette funzione inversa. Una funzione strettamen-
te crescente (decrescente) ha funzione inversa strettamente
crescente (decrescente). Infatti,
f(x
1
) = y
1
, f(x
2
) = y
2
=
f(x
1
) f(x
2
)
x
1
x
2
=
y
1
y
2
f
1
(y
1
) f
1
(y
2
)
e quindi i due rapporti hanno il medesimo segno.
Gli esempi in gura 1.4 mostrano che esistono funzioni non
monotone ed invertibili.
1.8.4 I punti di estremo
Se vale f(x
0
) f(x) per ogni x domf, il numero f(x
0
) `e il massimo
dellimmagine della funzione ed il punto x
0
si chiama punto di massimo per
la funzione f(x).
Se vale f(x
0
) f(x) per ogni x domf, il numero f(x
0
) `e il minimo
dellimmagine della funzione ed il punto x
0
si chiama punto di minimo per
la funzione f(x).
Supponiamo che esista un intorno I di x
0
e che x
0
sia punto di massimo
oppure di minimo per la restrizione di f(x) a tale intorno.
26 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Allora, il punto x
0
si dice rispettivamente punto di massimo relativo
oppure punto di minimo relativo della funzione f(x).
I punti di massimo oppure di minimo si chiamano punti di estremo della
funzione. Invece che estremo relativo si dice anche estremo locale .
Per distinguere i punti di massimo o di minimo dai punti di massimo o di
minimo relativo i primi si chiamano anche estremi assoluti o estremi globali
della funzione: massimi o minimi assoluti, equivalentemente massimi o minimi
globali.
Inne, notiamo questa propriet`a:
Lemma 13 Sia f(x) denita su un intervallo [a, b] e sia c (a, b). Supponia-
mo che la restrizione di f(x) ad [a, c] sia crescente e che la restrizione ad [c, b]
sia decrescente. Allora, il punto c `e punto di massimo per la funzione f(x).
Invece, il punto c `e punto di minimo se f(x) decresce su [a, c] e decresce
su [c, b].
Facendo opportuni esempi, si mostri che niente pu`o dirsi se f(x) `e crescente
su [a, c) e decrescente su (c, b].
1.8.5 La convessit`a
A dierenza delle denizioni di funzione limitata e di funzione mo-
notona, la denizione di funzione convessa si applica solo a funzioni
denite su intervalli.
Sia f(x) una funzione denita su un intervallo [a, b]. Per ssare le idea,
richiediamo che lintervallo sia chiuso e limitato, ma ci`o non `e importante. Per
la denizione di funzione convessa, `e importante che il dominio sia
un itervallo.
Siano x
1
ed x
2
due punti in [a, b]. Si chiama corda il segmento che unisce
i punti (x
1
, f(x
1
)) ed (x
2
, f(x
2
)). La funzione f(x) si dice convessa se la
propriet`a seguente vale per ogni coppia di punti x
1
ed x
2
in [a, b]: il graco
della restrizione di f(x) ad [x
1
, x
2
] `e sotto la corda che unisce (x
1
, f(x
1
)) con
(x
2
, f(x
2
)). Non si esclude che il graco possa almeno in parte coincidere con
la corda stessa.
Se f(x) `e convessa, la funzione f(x) si dice concava . La gura 1.5
riporta il graco di una funzione convessa e di una ne concava ne convessa.
1.8.6 Graci di funzioni elementari
Si riportano i graci di alcune funzioni elementari, ossia:
1.8. FUNZIONI DA R IN R 27
Figura 1.5: sinistra: funzione convessa; destra: ne concava ne convessa
x
y
x
y
le funzioni f(x) = x
2
ed f(x) =

x in gura 1.6, a sinistra e f(x) = x
3
ed f(x) =
3

x in gura 1.6, a destra;


Figura 1.6: Graci di f(x) = x
n
ed f(x) =
n

x: n = 2 a sinistra ed n = 3 a
destra
x
y
x
2

x
1/2

x
x
3

x
1/3

y
la funzione f(x) = [x[ e la funzione H(x)
H(x) =
_
+1 se x > 0
0 se x 0
La funzione H(x) si chiama funzione di Heaviside . I graci sono in
gura 1.7.
28 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Figura 1.7: Valore assoluto, a sinistra, funzione di Heaviside (graco
punteggiato), a destra
x
y
|x|
2.5 2 1.5 1 0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
x
y
la funzione segno . E la funzione cos` denita
sgn (x) =
_
_
_
+1 se x > 0
0 se x = 0
1 se x < 0
Il graco `e in gura 1.8, a sinistra.
(si noti che in certi testi la funzione sgn x non viene denita in x = 0.
In tal caso si ottiene la funzione x/[x[).
la funzione parte intera . Questa funzione si indica col simbolo [x] e ad
ogni x reale fa corrispondere il pi` u grande intero minore od uguale ad x.
Il graco `e in gura 1.8, a destra.
la funzione mantissa . Questa funzione si indica col simbolo M(x) e
per denizione `e
M(x) = x [x]
(ove [] indica parte intera). Il graco `e in gura 1.9, a sinistra.
la funzione sinc . Si tratta della funzione
sincx =
sin x
x
.
Il graco `e in gura 1.9, a destra.
1.8. FUNZIONI DA R IN R 29
Figura 1.8: Funzione sgn (x) a sinistra e funzione [x] (segno di x) a destra
2 1.5 1 0.5 0 0.5 1 1.5 2
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
x
y
3 2 1 0 1 2 3
4
3
2
1
0
1
2
3
x
y
Figura 1.9: Mantissa di x, a sinistra, e funzione sinc x, a destra
x
y
x
y
le due funzioni di Fresnel . Le funzioni di Fresnel sono le funzioni sin x
2
e cos x
2
. I graci sono in gura 1.10.
A partire da una data funzione f(x) si deniscono inoltre le funzioni
seguenti:
f
+
(x) = maxf(x) , 0 =
_
f(x) se f(x) 0
0 altrimenti,
f

(x) = minf(x) , 0 =
_
f(x) se f(x) 0
0 altrimenti.
30 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Figura 1.10: Le due funzioni di Fresnel: sinx
2
a sinistra e cos x
2
a destra
10 8 6 4 2 0 2 4 6 8 10
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
10 8 6 4 2 0 2 4 6 8 10
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
Si faciano alcuni esempi e si noti che:
f(x) = f
+
(x) + f

(x) , [f(x)[ = f
+
(x) f

(x) .
Osservazione 14 Sia f(x) una funzione il cui dominio `e contenuto in [0, +).
La sua estensione pari `e denita imponendo f(x) = f(x). La sua
estensione dispari `e denita imponendo f(x) = f(x). Si possono trovare
espressioni esplicite per queste estensioni: lestensione pari `e f([x[). Invece,
lestensione dispari ha unespressione pi` u complicata: essa `e esprimibile come
(sgn (x)) f (x (sgn (x))) .
1.8.7 Graci di funzioni inverse luna dellaltra
Premettiamo unosservazione: consideriamo il punto P(a, b) del piano carte-
siano e vogliamo disegnare il punto Q(b, a). Questo coincide con P se a = b;
altrimenti ne `e il simmetrico
4
rispetto alla prima bisettrice. Ossia si ottiene
considerando la retta per P ortogonale alla prima bisettrice; prendendo il pun-
to Q su tale retta, dalla parte opposta di P e che ha la medesima distanza
dalla bisettrice.
Si studi in particolare come i punti (t, 0), con a t b, si ottengono dai
punti (0, t); i punti (t, 2t) dai punti (2t, t).
Siano f e g = f
1
due funzioni inverse luna dellaltra. Allora, se f ope-
ra dallasse delle ascisse ed ha immagine sullasse delle ordinate, la g opera
4
simmetria ortogonale
1.8. FUNZIONI DA R IN R 31
dallasse delle ordinate ed ha immagine sullasse delle ascisse. Il punto y ap-
partiene al dominio di g quando y = f(x) (per una unica x) e in tal caso il
corrispondente di y = f(x) `e proprio g(y) = x.
Quindi, se abbiamo il graco di f, abbiamo anche il graco di g, ma con
linsieme di partenza rappresentato dallasse delle ordinate. In pratica voglia-
mo rappresentare g nel modo usuale, ossia con linsieme di partenza sullasse
delle ascisse. Per questo notiamo che il punto (y, g(y)) del graco di g, dise-
gnato con linsieme di partenza sullasse delle ascisse, ha coordinate (f(x), x),
punto simmetrico, rispetto alla prima bisettrice, di (x, f(x)).
Ci`o vale per tutti i punti del graco e quindi il graco di g si ottiene
a partire da quello di f, facendone il simmetrico rispetto alla prima
bisettrice, come in gura 1.11.
Figura 1.11: Graci di funzioni luna inversa dellaltra
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
4 3 2 1 0 1 2
3.5
3
2.5
2
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
x
y
log x
e
x

Particolari funzioni inverse sono la funzione esponenziale e la funzione lo-
garitmo (con la medesima base a > 0 e diversa da 1). Infatti, la funzione log
a
x
si ottiene risolvendo rispetto ad y lequazione
a
y
= x.
La funzione a
x
ha dominio R ed immagine (0, +). Dunque, log
a
x ha dominio
(0, +) ed immagine R. La gura 1.12 riporta i graci delle funzioni logaritmo
ed esponenziale nel caso 0 < a < 1 (a sinistra) e nel caso a > 1 a destra.
Pu`o accadere che certe funzioni non siano invertibili, ma che le loro restri-
zioni ad opportuni insiemi lo siano. In tal caso si potr`a considerare la funzione
32 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Figura 1.12: Funzione esponenziale e logaritmo
x
y
e
0,6x

log
[e
(0,6)
]
x
1 0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
1
0.5
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
y
x
log
1/e
x
(1/e)
x

inversa di tali restrizioni. Per esempio, la funzione

y, con y 0, si ottiene
risolvendo lequazione
x
2
= y
e imponendo lulteriore condizione x > 0. La soluzione, con la condizione
x > 0, `e unica e quindi la restrizione ad x > 0 di f(y) = x
2
`e invertibile.
Per esercizio, si traccino i graci di queste funzioni. Quindi si tracci il
graco della funzione f(x) = x
2
denita su x 0, e il graco della sua
funzione inversa, che `e g(x) =

x.
1.8.8 Le inverse delle funzioni trigonometriche
Le funzioni trigonometriche, essendo periodiche, non sono iniettive e quindi
nemmeno invertibili. E per`o possibile trovare degli intervalli su cui le re-
strizioni delle funzioni trigonometriche sono iniettive e quindi invertibili. Le
funzioni che si ottengono mediante restrizioni ad intervalli particolari si
incontrano spesso in pratica, ed hanno nomi particolari. I loro graci sono in
gura 1.13.
La funzione arctan x La restrizione della funzione tan x allinterval-
lo (/2, /2) ha immagine R, `e monotona strettamente crescente e quindi
invertibile. La sua funzione inversa ha dominio R ed immagine (/2, /2).
La funzione inversa della restrizione di tan x allintervallo (/2, /2) si
chiama arcotangente e si indica col simbolo arctan x.
1.9. ALCUNI ESERCIZI 33
La funzione arcsin x La restrizione di sin x allintervallo [/2, /2]
ha immagine [1, 1], `e strettamente crescente e quindi invertibile. La sua
funzione inversa ha dominio [1, 1] ed immagine [/2, /2].
La funzione inversa della restrizione di sin x allintervallo [/2, /2] si
chiama arcoseno e si indica col simbolo arcsin x.
La funzione arccos x La restrizione di cos x allintervallo [0, ] ha im-
magine [1, 1], `e strettamente decrescente e quindi invertibile. La sua funzione
inversa ha dominio [1, 1] ed immagine [0, ].
La funzione inversa della restrizione di cos x allintervallo [0, ] si chiama
arcoCOseno e si indica col simbolo arccos x.
La funzione arccotg x La restrizione funzione cot x allintervallo (0, )
ha immagine R, `e monotona strettamente decrescente e quindi invertibile. La
sua funzione inversa ha dominio R ed immagine (0, ).
La funzione inversa della restrizione di cot x allintervallo (0, ) si chiama
arcoCOtangente e si indica col simbolo arccotg x.
1.9 Alcuni esercizi
Si diano esempi, analitici o anche solamente graci, per illustrare i quesiti
seguenti e le risposte date.
1. Dire se `e possibile che A B oppure A B siano limitati, con A e B
ambedue illimitati.
2. si dica se `e possibile che f(x) sia contemporaneamente pari e dispari.
3. si dica se `e possibile che valga f(x) = [f(x)[, f(x) = f([x[), f(x) =
f([x[) = [f(x)[.
4. si dica se una funzione pari pu`o essere iniettiva.
5. si dica se una funzione pari pu`o essere monotona oppure strettamente
monotona.
6. si dica se una funzione dispari pu`o essere iniettiva oppure non iniettiva;
monotona crescente oppure decrescente.
7. il dominio di una funzione periodica deve essere invariante per traslazio-
ni; ossia, se T `e un periodo e se x domf, deve essere x +T domf.
Mostrare che anche x + rT domf per ogni intero r.
34 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Figura 1.13: Le funzioni trigonometriche (punteggiate) e le relative inverse
2 1.5 1 0.5 0 0.5 1 1.5
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
sin x
arcsin x
x
y
2 1.5 1 0.5 0 0.5 1 1.5
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
sin x
arcsin x
x
y
10 8 6 4 2 0 2 4 6 8 10
8
6
4
2
0
2
4
6
x
y
arctan x
tan x
5 4 3 2 1 0 1 2 3 4 5
10
8
6
4
2
0
2
4
6
8
x
y
cotan x
arccotan x
8. si dica se una funzione periodica pu`o essere monotona, strettamente o
meno.
9. Disegnare il graco di una funzione f(x) e, a partire da esso, si disegnino
i graci di f
+
(x), f

(x), f([x[), [f(x)[, sgn (f(x)), f(sgn (x)) , H(f(x))


ed f(H(x)) ove H indica la funzione di Heaviside.
10. mostrare che la somma ed il prodotto di funzioni limitate sono funzioni
limitate.
11. Sia f(x) una funzione limitata. Mostrare che 1/f(x) pu`o non essere
limitata.
12. mostrare che 1/f(x) pu`o essere limitata anche se f(x) non `e limitata.
13. dare una condizione su f(x) che implichi che 1/f(x) `e limitata.
14. dire se una funzione pu`o avere pi` u di un punto di minimo assoluto.
1.9. ALCUNI ESERCIZI 35
15. dire se una funzione pu`o avere estremi relativi ma non assoluti.
16. dire se un punto pu`o essere contemporaneamente di massimo relativo ed
assoluto per una funzione.
17. dire se una funzione monotona pu`o avere massimi assoluti o relativi.
18. dire se una funzione strettamente monotona pu`o avere pi` u di un punto
di massimo, assoluto oppure relativo.
19. sia f(x) denita su (0, 2) ed ivi crescente. Dire se `e possibile che la sua
restrizione a (0, 1) sia illimitata inferiormente oppure superiormente.
36 CAPITOLO 1. RICHIAMI E PRELIMINARI
Capitolo 2
I limiti e la continuit`a
In questo capitolo si studia il comportamento delle funzioni al variare della
variabile x, per x che prende valori via via pi` u grandi (diremo per x tendente
a +) o negativi, via via pi` u piccoli, (e diremo per x tendente a ),
oppure per x che approssima un numero x
0
(e diremo per x tendente ad
x
0
). Non `e necessario che x
0
appartenga al dominio della funzione; anzi, se
gli appartiene, non studiamo la funzione f(x) ma la restrizione di f(x) ad
R x
0
. Ossia, leventuale valore che f(x) prende in x
0
non deve
intervenire.
Per dire x tendente a + useremo la notazione x +; signicato
analogo hanno le notazioni x oppure x x
0
.
Richiederemo:
il dominio di f(x) deve essere illimitato superiormente se vogliamo
studiare il caso x +; il dominio di f(x) deve essere illimitato
inferiormente se vogliamo studiare il caso x ;
il dominio di f(x) deve intersecare ogni intorno di x
0
in punti diversi
da x
0
se vogliamo studiare il caso x x
0
.
Queste condizioni saranno sempre sottintese e non pi` u ripetute.
Inoltre `e inteso che quando scriveremo f(x) dovr`a essere x domf. Anche
questa condizione verr`a spesso sottintesa.
2.1 Limiti per x + e per x
Studieremo esplicitamente il caso x + lasciando come esercizio di
adattare ci`o che diremo al caso x .
Vanno considerati due casi distinti.
37
38 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
2.1.1 I limiti inniti
La denizione `e la seguente:
Denitione 15
lim
x+
f(x) = +
quando accade che per ogni esiste N tale che se x > N si ha f(x) > .
In simboli
si ha lim
x+
f(x) = + se
N [ x (domf) (N, +) = f(x) > .
In questa denizione il numero N dipende dal particolare scelto e usa indicare
tale dipendenza scrivendo N

invece che semplicemente N.


Come notazione, quando `e sottinteso che si lavora per x +, per dire
che vale lim
x+
f(x) = +, si scrive brevemente f(x) + e si dice che
f(x) tende a + o anche che diverge a +.
Per dire che una funzione tende a + si dice anche che la funzione `e un
innito positivo .
Per dire che una funzione tende a si dice anche che la funzione `e un
innito negativo .
E immediato dalla denizione:
Teorema 16 (di permanenza del segno per gli inniti) Sia
lim
x+
f(x) = +.
Sia inoltre a > 0. Esiste una semiretta (N, +) su cui f(x) > a.
Come si `e detto, il numero x deve appartenere al dominio della funzione e
niente vieta che la funzione sia una successione. In questo caso la denizione
precedente si trascrive come segue:
si ha lim
n+
x
n
= + se
N [ n > N = x
n
> .
2.1. LIMITI PER X + E PER X 39
Nel caso delle successioni i limiti per n e per n x
0
(questi
verranno introdotti pi` u avanti) non possono studiarsi e quindi nel caso delle
successioni si pu`o anche scrivere limx
n
invece di lim
n+
x
n
.
Lasceremo come esercizio di adattare ci`o che andiamo a dire al caso delle
successioni.
Ricapitolando, la verica della propriet`a
lim
x+
f(x) = + (2.1)
si riduce a questo: si considerano tutte le disequazioni
f(x) > , (2.2)
una disequazione per ogni valore di . La (2.1) `e vericata quando ciascuna di
queste disequazioni `e soddisfatta per tutti i punti del dominio della funzione
che appartengono ad una opportuna semiretta (verso destra).
Naturalmente, se (2.2) `e vericata per un certo
0
, essa `e automaticamente
soddisfatta per ogni <
0
e quindi ci si pu`o limitare a studiare le disequazioni
con > 0 (o > 5 oppure di qualsiasi altro numero ssato).
Osserviamo le seguenti propriet`a:
Lemma 17 Sia lim
x+
f(x) = +. Allora limmagine della funzione non
`e superiormente limitata.
Dim. Infatti, se f(x) < M per ogni x, la (2.2) non ha soluzioni quando
> M.
Lemma 18 Sia K R e sia
g(x) = f
|
[k,+)
(x) ,
la restrizione di f(x) a [K, +). La (2.1) vale se e solo se
lim
x+
g(x) = +.
Dim. La condizione per avere lim
x+
f(x) = + `e che per ogni la (2.2)
sia soddifatta per x > N (x nel dominio di f).
Lanalogo di (2.2) per g(x) `e che
se x > K allora g(x) > ossia f(x) > . (2.3)
Quindi le due condizioni (2.2) e (2.3) si equivalgono.
Conseguenza: per lo studio dei limiti per x + possiamo limitarci a
considerare la restrizione delle funzioni ad una semiretta verso destra. E per
questo che le propriet`a di limite si chiamano propriet`a locali.
40 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Teorema 19 (Teorema del confronto per gli inniti) Valga:
a) le funzioni f(x) e g(x) hanno il medesimo dominio;
b) lim
x+
f(x) = +;
c) g(x) f(x) .
Allora, lim
x+
g(x) = +.
Dim. Le disequazioni da studiare per provare la tesi sono
g(x) > (2.4)
Essendo
g(x) > f(x) ,
la (2.4) `e certamente soddisfatta quando vale
f(x) > .
Lipotesi fatta su f(x) mostra che questa disequazione, e quindi la (2.4), vale
su unopportuna semiretta (N

, +).
Osservazione 20 Va notato che la (2.4) potrebbe essere soddisfatta anche su
un insieme pi` u grande di (N

, +), ma a noi ci`o non interessa. A noi basta


trovare una semiretta (verso destra) su cui vale (2.4). Non `e richiesto di
individuare linsieme di tutte le sue soluzioni.
Lemma 21 Per ogni M R vale:
lim
x+
f(x) = + lim
x+
(f(x) + M) = +.
Dim. Per provare che
lim
x+
(f(x) + M) = +
vanno studiate le disequazioni
f(x) + M > ossia f(x) > = M .
Essendo lim
x+
f(x) = +, esiste un intorno di + su cui vale f(x) > .
Combinando questo Lemma col Teorema 19 si ha:
2.1. LIMITI PER X + E PER X 41
Teorema 22 Se f(x) e g(x) hanno il medesimo dominio e inoltre valgono
ambedue le condizioni
lim
x+
f(x) = +;
g(x) `e inferiormente limitata su una semiretta [a, +)
allora si ha
lim
x+
[f(x) + g(x)] = +.
Dim. Infatti, su [a, +) si ha g(x) > M, per un opportuno valore di M; e
quindi
f(x) + g(x) > f(x) + M +.
Combinando questo teorema con quello di permanenza del segno si ha
anche:
Corollario 23 Se, per x +, ambedue le funzioni f(x) e g(x) divergono
a +, anche la funzione f(x) + g(x) diverge a +.
Conseguenza del Corollario 23: se calcolando formalmente si trova
unespressione
lim
x+
[f(x) + g(x)] = ++
allora vale
lim
x+
[f(x) + g(x)] = +.
Ossia, come regola mnemonica, si pu`o scrivere
++ = +.
Esempio 24 E immediato vericare che
a > 0 = lim
x+
ax = +; a < 0 = lim
x+
ax = .
Dunque, dal Teorema del confronto, se a > 0 oppure se a < 0 si ha
rispettivamente
lim
x+
(ax + sin x ) = + oppure lim
x+
(ax + sin x ) = .
Si noti che che la funzione f(x) = sin x, che `e limitata, non diverge ne a
+ ne a . Infatti, la disequazione [ sin x[ > = 2 non ha soluzione.
42 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Losservazione seguente `e importantissima. Essa richiede di sapere che
lim
x+

x = +.
Si lascia per esercizio la verica di questo limite.
Osservazione 25 Consideriamo le due funzioni divergenti a +, f(x) = x e
g(x) = x. La funzione f(x) + g(x) diverge a +, mentre la funzione f(x) +
(g(x) ) non `e un innito. Quindi la condizione di limitatezza inferiore nel
Teorema 22 non si pu`o eliminare.
Consideriamo ora f(x) = x e g(x) =

x. Essendo
f(x) + g(x) = x

x =

x(

x 1)
1
2

x
(lultima disuguaglianza vale per esempio se x > 10) per il Teorema del
confronto si ha
lim
x+
_
x

= +.
Invece
lim
x+
_
x x

= .
Dunque, se si trova unespressione del tipo
lim
x+
[f(x) + g(x)] = ++ () ,
che scriveremo semplicemente come
+,
niente pu`o dirsi del comportamento della somma f(x) + g(x): non si pu`o
attribuire un signicato allespressione formale
+.
E questo il primo esempio in cui i teoremi sui limiti non permettono di
dedurre niente sul comportamento di una funzione, il cui limite va studiato
con metodi particolari. Per questo quando si incontra lespressione +
si dice che si incontra una forma indeterminata .
Consideriamo ora il quoziente delle funzioni f(x) e g(x). E:
lim
x+
f(x)
g(x)
= lim
x+

x = +
2.1. LIMITI PER X + E PER X 43
mentre invece g(x)/f(x) = 1/

x, essendo limitata su [1, +) non `e un


innito. Dunque, anche se si incontra formalmente lespressione

niente pu`o dirsi in generale del limite del quoziente delle funzioni e il limite
va studiato con tecniche particolari. Quindi, / `e un secondo esempio di
forma indeterminata. Altri esempi vedremo in seguito.
Passiamo ora ad esaminare le relazioni tra le funzioni divergenti a +
oppure e loperazione di prodotto.
Chiaramente, la funzione 0 f(x) non `e un innito, mentre:
Lemma 26 Se f(x) `e un innito positivo ed a > 0 allora af(x) `e un innito
positivo; se f(x) `e un innito positivo ed a < 0 allora af(x) `e un innito
negativo.
Combinando questaermazione col teorema di permanenza del segno e col
teorema di confronto si ha:
Teorema 27 Sia lim
x+
f(x) = +. Sia ha:
se g(x) > M > 0 allora lim
x+
g(x)f(x) = +;
se g(x) < M < 0 allora lim
x+
g(x)f(x) = .
In particolare:
Corollario 28 Se f(x) e g(x) sono due inniti (per x +) anche f(x)g(x)
lo `e; precisamente, `e un innito positivo se f(x) e g(x) divergono ambedue a
+ oppure a . Altrimenti `e un innito negativo.
Le condizioni g(x) > M > 0 oppure g(x) < M < 0 non possono sostituirsi
con le condizioni g(x) > 0 oppure g(x) < 0. Infatti, f(x) = x `e un innito
positivo e g(x) = 1/x `e positiva per ogni valore di x; ma f(x)g(x) 1 non `e
un innito.
Invece,
lim
x+
x
1

x
=

x = +.
Ossia,
la sola condizione [g(x)[ > 0, invece di [g(x)[ > m > 0, non permette
di dire niente del prodotto f(x)g(x), quando f(x) `e un innito.
La tabella 2.1 ricapitolale regole e le forme indeterminate che abbiamo
trovato:
44 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Tabella 2.1: Regole di calcolo, a sinistra, forme indeterminate a destra
regole forme indeterminate
++ = + +
=

2.1.2 I limiti niti


La denizione `e:
Denitione 29
lim
x+
f(x) = l R (2.5)
e si dice che f(x) tende ad l per x tendente a + quando accade che per
ogni > 0 esiste N con questa propriet`a: ogni x (appartenente al dominio
di f(x)) e tale che x > N verica [f(x) l[ < .
In simboli:
> 0 N [ x (domf) x [ x > N = [f(x) l[ < .
Il numero N dipende da e per sottolineare ci`o si scrive anche N = N

.
Ripetiamo che questa denizione pu`o darsi solo se il dominio della funzione
`e superiormente illimitato e naturalmente, niente vieta che la funzione che si
considera sia una successione. Inoltre, la denizione si adatta facilmente per
denire
lim
x
f(x) = l .
La denizione `e
> 0 N [ x (domf) x [ x < N = [f(x) l[ < .
Si esprima questa denizione a parole.
Una funzione che ammette limite l si dice che tende ad l.
2.1. LIMITI PER X + E PER X 45
Esempio 30 Sia f(x) costante, f(x) l. Si provi che
lim
x+
f(x) = l .
Teorema 31 ( della limitatezza locale ) Se
lim
x+
f(x) = l R
allora esistono numeri M ed N tali che se x > N allora [f(x)[ < M; ossia,
f(x) `e limitata sulla semiretta [N, +).
Dim. Si scelga = 1 (per esempio) nella denizione di limite e sia N il numero
tale che se x > N valga
[f(x) l[ < 1 .
Per x > N si ha:
[f(x)[ < [f(x) l + l[ [f(x) l[ +[l[ < 1 + l
ossia, il risultato vale con M = 1 + l.
Una funzione pu`o essere o meno dotata di limite, nito o innito. Per` o, se
il limite esiste esso `e unico:
Teorema 32 ( unicit`a del limite ) Se
lim
x+
f(x) = l , lim
x+
f(x) = m.
Allora, l = m.
Dim. Non si pu`o avere l R ed m = + perche se m = + la funzione `e
illimitata su ogni semiretta (N, +), mentre se l R deve esistere una di tali
semirette su cui f(x) `e limitata.
Dunque, siano l ed m ambedue numeri. Valutiamo la distanza [l m[ tra
i due, e mostriamo che `e nulla. Infatti,
[l m[ = [l f(x)+f(x)m[ [l f(x)[+[f(x)m[ = [f(x)l[+[f(x)m[ .
Scegliamo un qualsiasi numero > 0. Essendo f(x) l, vale [f(x) l[ <
su una semiretta (N, +); essendo f(x) m, vale [f(x) m[ < su una
semiretta (M, +). Lintersezione di queste due semirette non `e vuota (`e
ancora una semiretta verso destra) e su tale intersezione vale
[l m[ = [l f(x) + f(x) m[ [l f(x)[ +[f(x) m[
= [f(x) l[ +[f(x) m[ + = 2 .
46 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Il numero 2 `e un arbitrario numero positivo e quindi [l m[ = 0, ossia l = m,
per la propriet`a di Archimede, si veda il paragrafo 1.5.
Per vericare se vale (2.5) vanno studiate le innite disequazioni
[f(x) l[ < ,
una disequazione per ciascun valore di , e va provato che ciascuna di esse vale
in tutti i punti del dominio di f(x) che appartengono anche ad unopportuna
semiretta (N, +). Queste disequazioni coincidono con quelle da studiare se
vogliamo provare che
lim
x+
g(x) = 0 ove g(x) = f(x) l .
Dunque:
Teorema 33 Vale
lim
x+
f(x) = l
se e solo se
lim
x+
(f(x) l) = 0 .
Questosservazione suggerisce di dare un nome particolare alle funzioni che
tendono a zero:
Denitione 34 Una funzione f(x) tale che
lim
x+
f(x) = 0
si dice un innitesimo (per x +).
Proviamo
Teorema 35 (Teorema di confronto ) Siano f(x), g(x) ed h(x) denite
sul medesimo insieme e sia
f(x) h(x) g(x),
lim
x+
f(x) = lim
x+
g(x) = m.
Allora si ha anche
lim
x+
h(x) = m.
2.1. LIMITI PER X + E PER X 47
Dim. Sottraendo m ai tre membri della disuguaglianza si ha
f(x) m h(x) m g(x) m.
Lipotesi `e che esistano due numeri r
1
ed r
2
tali che
r > r
1
= [f(x) m[ < ossia m < f(x) < m +
r > r
2
= [g(x) m[ < ossia m < g(x) < m + .
Dunque, ambedue le disequazioni valgono per r > R con R il maggiore dei
numeri r
1
ed r
2
. Per x > R si ha quindi anche
m < f(x) l h(x) m g(x) m <
e quindi lassero.
Proviamo ora:
Teorema 36 Le due funzioni f(x) e g(x) abbiano il medesimo dominio e valga
lim
x+
f(x) = l R, lim
x+
g(x) = m R.
Allora vale:
lim
x+
(f(x) + g(x)) = l + m;
lim
x+
f(x)g(x) = lm.
Dim. Si sa che f(x) l e g(x) m sono innitesimi (per x +) e quindi,
per ogni > 0 esitono due numeri r
1
ed r
2
tali che:
r > r
1
= [f(x) l[ < /2 , r > r
2
= [g(x) m[ < /2 .
Dunque, ambedue le disequazioni valgono per r > R con R il maggiore dei
numeri r
1
ed r
2
.
La prima aermazione del teorema segue perche per x > R si ha
0 [(f(x) + g(x)) (l + m)[ = [(f(x) l) + (g(x) m)[
[f(x) l[ +[g(x) m[ < .
La seconda aermazione si ottiene come segue:
[f(x)g(x) lm[ = [f(x)g(x) (f(x)mf(x)m) lm[
[f(x)[ [g(x) m[ +[m[ [f(x) l[ .
48 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
IIl teorema della limitatezza locale aerma che f(x) `e limitata su unopportuna
retta (a, +):
x > a = [f(x)[ < M .
Dunque, se x `e pi` u grande sia di a che di R vale
[f(x)g(x) lm[
M +[m[
2
.
Questo `e un numero tanto arbitrario quanto e ci`o prova lasserto.
Le relazioni con le operazioni di quoziente sono pi` u complicate. Per
studiarle, dobbiamo premettere un risultato importante:
Teorema 37 (della permanenza del segno) Sia lim
x+
f(x) = l > 0
(disuguaglianza stretta). Esiste > 0 (disuguaglianza stretta) ed esiste una
semiretta (r, +) su cui vale la disuguaglianza
f(x) > > 0 .
Sia invece lim
x+
f(x) = l < 0 (disuguaglianza stretta). Esiste <
0 (disuguaglianza stretta) ed esiste una semiretta (r, +) su cui vale la
disuguaglianza
f(x) < < 0 .
Dim. Consideriamo il caso l > 0. Si scelga nella denizione di limite come
valore di il numero l/2. Allora, esiste una semiretta (R, +) su cui vale
[f(x) l[ < =
l
2
ossia
l
2
< f(x) l <
l
2
.
Sommando l ai tre membri si trova
l
2
< f(x) <
3
2
l .
La disuguaglianza richiesta `e quella di sinistra.
Osservazione 38 Si noti che la disuguaglianza di destra d`a nuovamente la
dimostrazione del Teorema di limitatezza locale.
Possiamo ora enunciare:
Teorema 39 Sia ha:
2.1. LIMITI PER X + E PER X 49
1. se lim
x+
[f(x)[ = + allora lim
x+
1
f(x)
= 0;
2. se lim
x+
f(x) = 0 e se f(x) non `e identicamente nulla su nessuna
semiretta (R, +), allora lim
x+
1
|f(x)|
= +;
3. se lim
x+
[f(x)[ = l R, l ,= 0 allora lim
x+
1
f(x)
=
1
l
;
4. se lim
x+
[f(x)[ = l R, l ,= 0 e se lim
x+
g(x) = m allora
lim
x+
g(x)
f(x)
=
m
l
.
Dim. Proviamo la propriet`a 3, lasciando le altre per esercizio.
Per ipotesi, per ogni > 0 esiste una semiretta (r, +) su cui vale
[f(x) l[ < .
Su questa semiretta vale (il numero ,= 0 `e quello del teorema di permanenza
del segno)

1
f(x)

1
l

=
[l f(x)[
[lf(x)[
<
[l f(x)[
[l[


l
.
Lasserto segue perche /(l), al variare di > 0, `e un arbitrario numero
positivo.
Inne, mostriamo che la regola sul limite del prodotto pu`o rendersi pi` u
precisa quando una delle due funzioni `e un innitesimo.
Teorema 40 Le due funzioni f(x) e g(x) abbiano lo stesso dominio. Se
lim
x+
f(x) = 0
e g(x) `e limitata su una semiretta (r, +) allora vale anche
lim
x+
f(x)g(x) = 0 .
Dim. Essendo, per un opportuno numero M , [g(x)[ < M per x > r, si ha
0 [f(x)g(x)[ < M[f(x)[
Sia > 0. Vale M[f(x)[ < se [f(x)[ < M/ e ci`o avviene su una semiretta
(L, +), perche f(x) 0 per x +. Allora, se x > L ed anche x > r si
ha
0 [f(x)g(x)[ < M[f(x)[ < ;
Ossia, la funzione f(x)g(x) tende a zero per x +.
Si noti che questo teorema non richiede che g(x) abbia limite nito,
ma, grazie al teorema della limitatezza locale, vieta che abbia limite
+ oppure .
50 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Relazioni tra limiti niti e inniti Combinando i risultati dei Teo-
remi 36 e 39 si trova in particolare: se [f(x)[ + e g(x) 0
allora:

f(x)
g(x)

+,
g(x)
f(x)
0 .
Invece, niente pu`o dirsi in generale del prodotto di un innito e di in inni-
tesimo e del quoziente di due innitesimi, come si vede esaminando f(x)g(x)
con
f(x) = x e g(x) = 1/x, oppure = 1/x
2
, oppure = 1/

x.
Si hanno quindi quattro ulteriori regole di calcolo e due ulteriori forme
indeterminate, riassunte nella tabella 2.2.
Tabella 2.2: Ulteriori regole e forme indeterminate
regole forme indeterminate
[[ /0 = + 0 ()
0/() = 0 0/0
_
l + (+) = l + = +
l + () = l =
l(+) =
_
+ se l > 0
se l < 0
2.2 I limiti per x tendente ad x
0
Anche in questo caso, conviene dividere lo studio in due sottocasi, il caso degli
inniti ed il caso dei limiti niti. Ricordiamo prima di tutto:
il fatto cruciale `e che il concetto di limite vuol rappresentare il com-
portamento della funzione, quando x si avvicina ad x
0
. Leventuale
valore della funzione in x
0
non deve essere considerato.
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
51
2.2.1 I limiti inniti
Una funzione si chiama un innito positivo per x x
0
se accade quanto
segue:
Denitione 41 Per ogni esiste un numero > 0 con questa propriet`a:
per ogni x (appartenente al dominio della funzione) tale che
x ,= x
0
e inoltre tale che [x x
0
[ <
vale
f(x) > .
Ossia,
> 0 [ x ,= x
0
, x domf , [x x
0
[ < = f(x) > .
Quando ci`o accade si dice anche che la funzione tende a +per x tendente
a x
0
e si scrive
lim
xx
0
f(x) = +.
La denizione di innito negativo (per x x
0
) `e analoga:
lim
xx
0
f(x) =
se per ogni esiste un numero > 0 con questa propriet`a: per ogni x
(appartenente al dominio della funzione) tale che
x ,= x
0
e inoltre tale che [x x
0
[ <
vale
f(x) < .
Il numero dipende dalla scelta di . Per sottolineare ci`o talvolta si scrive
semplicemente

invece che semplicemente .


La cosa importante da notare in queste denizioni `e la seguente:
non si richiede che la funzione sia denita in x
0
e anzi se essa in x
0
`e
denita si impone esplicitamente di non considerare il valore di f(x) nel
punto x
0
; ossia, in queste denizioni non si lavora con la funzione f(x)
ma con la restrizione di f(x) a (domf(x)) x
0
. Ribadiamo per`o che
`e necessario, per poter dare questa denizione, che ogni intorno di x
0
contenga punti del il dominio di f(x) diversi da x
0
stesso.
52 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Per denizione, un punto x
0
si dice punto di accumulazione per un
insieme A se ogni suo intorno contiene punti di A diversi da x
0
.
Dunque, per vericare se una funzione `e un innito positivo si devono
studiare le disequazioni
f(x) > ,
una disequazione per ogni valore di , e vericare se ciascuna di esse risulta
soddisfatta in un opportuno intorno di x
0
, escluso al pi` u il valore x
0
. Non
`e richiesto ne di determinare tutte le soluzioni della disequazione,
ne di determinare il pi` u grande intorno di x
0
sul quale ogni singola
disequazione `e soddisfatte.
Come notazione, quando `e sottinteso che si lavora per x x
0
, per dire
che vale lim
xx
0
f(x) = +, si scrive brevemente f(x) + e si dice
che f(x) diverge a +.
La novit` a importante della denizione di innito per x x
0
`e laver esclu-
so dalle nostre considerazioni il punto x
0
, se esso appartiene al dominio della
funzione. Un problema analogo non si incontrava lavorando per x +
perche + non `e un numero e quindi automaticamente non appartiene al
dominio della funzione. A parte questa importante dierenza, le due de-
nizioni possono esprimersi in modo unicato. Per questo basta ricordare che
con intorno di + si intende una semiretta (r, +) e intorno di `e
una semiretta (, r). Avremo quindi, con che pu`o essere x
0
oppure
oppure +,
lim
x
f(x) = +
se per ogni esiste un intorno di tale che
x I (domf ) = f(x) > .
Ovviamente, (domf ) = domf se / domf; in particolare se
indica il simbolo + oppure .
Notato ci`o `e facile vericare che tutti i risultati che abbiamo provato al
paragrafo 2.1.1 valgono anche per x x
0
, e con la medesima dimostrazione,
purche non si faccia intervenire il valore di f(x) nel punto x
0
.
Per esempio:
Teorema 42 (di permanenza del segno per gli inniti) Sia
lim
x+
f(x) = +.
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
53
Sia inoltre a > 0. Esiste > 0 tale che se [x x
0
[ < e inoltre x ,= x
0
si ha
f(x) > a.
Dim. Si scelga come numero nella denizione di innito positivo il numero
a.
Osservazione 43 Dobbiamo sottolineare nuovamente che il teorema prece-
dente non d`a informazioni sul valore della funzione in x
0
, se essa `e ivi denita.
Per esempio, la funzione
f(x) =
1
[sgn(x)[ +[x[ 1
verica
f(0) = 1 , lim
x0
f(x) = +.
Figura 2.1: graco di f(x) = 1/([sgn(x)[ +[x[ ) 1
x
y
Vale inoltre, opportunamente riformulato, il teorema di confronto e le sue
conseguenze:
Teorema 44 (del confronto per gli inniti ) Se:
a) (domf) x
0
= (domg) x
0

b) lim
x+
f(x) = +;
c) per x ,= x
0
si ha g(x) f(x) .
54 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Allora, lim
x+
g(x) = +.
Dim. Le disequazioni da studiare per provare la tesi sono
g(x) > , (2.6)
una disequazione per ogni valore di .
Essendo
g(x) > f(x) ,
la (2.6) `e certamente soddisfatta quando x ,= x
0
e
f(x) > .
Lipotesi fatta su f(x) mostra che questa disequazione vale su in un opportuno
intorno di x
0
, escluso al pi` u il punto x
0
.
Inoltre:
Lemma 45 Per ogni M R vale:
lim
xx
0
f(x) = + = lim
xx
0
(f(x) + M) = +.
Combinando questo Lemma col Teorema 44 si ha:
Teorema 46 Se, a parte eventualmente il punto x
0
, le due funzioni f(x) e
g(x) hanno il medesimo dominio e inoltre valgono ambedue le condizioni
lim
xx
0
f(x) = +;
g(x) `e inferiormente limitata in un intorno di x
0
;
allora si ha
lim
xx
0
[f(x) + g(x)] = +.
Combinando questo teorema col teorema di permanenza del segno si ha
anche:
Corollario 47 Se, per x x
0
, ambedue le funzioni f(x) e g(x) divergono a
+, anche la funzione f(x) + g(x) diverge a +.
Passiamo ora ad esaminare le relazioni tra le funzioni divergenti a +
oppure e loperazione di prodotto.
Teorema 48 Lavorando per x x
0
vale: Sia lim
xx
0
f(x) = +. Sia ha:
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
55
se g(x) > M > 0 allora lim
xx
0
g(x)f(x) = +;
se g(x) < M < 0 allora lim
xx
0
g(x)f(x) = .
Osservazione 49 Le condizioni g(x) > M > 0 oppure g(x) < M < 0 non
possono sostituirsi con le condizioni g(x) > 0 oppure g(x) < 0. Si diano
opportuni esempi per mostrare ci`o.
In particolare:
Corollario 50 Se f(x) e g(x) sono due inniti (per x x
0
) anche f(x)g(x)
lo `e; precisamente, `e un innito positivo se f(x) e g(x) divergono ambedue a
+ oppure a . Altrimenti `e un innito negativo.
2.2.2 I limiti niti
Deniamo ora:
Denitione 51 Si dice che la funzione f(x) tende ad l per x tendente ad x
0
,
e si scrive
lim
xx
0
f(x) = l
se per ogni > 0 esiste > 0 con questa propriet`a: se x verica [xx
0
[ < ,
appartiene al dominio della funzione e inoltre x ,= x
0
allora si ha
[f(x) l[ < . (2.7)
Ricordiamo che la (2.7) `e un modo compatto per scrivere le due disequazioni
< f(x) l < ossia l < f(x) < l + . (2.8)
Il punto x
0
pu`o vericare o meno queste disequazioni.
In simboli, la denizione di limite si scrive:
lim
xx
0
f(x) = l
e vuol dire che
> 0 > 0 [ 0 < [x x
0
[ < , x domf = [f(x) l[ < .
56 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Per i limiti niti per x x
0
valgono tutte le propriet`a elencate al para-
grafo 2.1.2, con lavvertenza che se x
0
domf allora la conoscenza del limite
niente permette di dire del valore della funzione in x
0
. Per questo,
limitiamoci ad enunciare i teoremi, lasciando le dimostrazioni per esercizio.
Teorema 52 ( della permanenza del segno ) Sia
lim
xx
0
f(x) = l > 0 .
Esistono un numero > 0 ed un intorno I di x
0
tali che se x I
ed inoltre x ,= x
0
si ha
f(x) > .
Teorema 53 ( della limitatezza locale ) Se
lim
xx
0
f(x) = l R
allora esistono numeri M e > 0 tali che se [x x
0
[ < allora [f(x)[ < M;
ossia, f(x) `e limitata in un intorno di x
0
.
Si faccia attenzione al fatto che in questo teorema non `e necessario escludere
il punto x
0
: la denizione di limite d`a la limitatezza in un intorno di x
0
, escluso
il punto x
0
. Ma, come si `e notato al Corollario 11, il valore che la funzione ha
in un punto non altera la sua propriet`a di essere limitata o meno.
Teorema 54 ( unicit`a del limite ) Se
lim
xx
0
f(x) = l , lim
xx
0
f(x) = m.
Allora, l = m.
Teorema 55 Vale
lim
x+
f(x) = l
se e solo se
lim
x+
(f(x) l) = 0 .
Ancora, ci`o suggerisce di dare un nome particolare alle funzioni che tendono
a zero:
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
57
Denitione 56 Una funzione f(x) tale che
lim
xx
0
f(x) = 0
si dice un innitesimo (per x x
0
).
Teorema 57 Le funzioni che compaiono in questo teorema hanno il medesimo
dominio. Valga
lim
xx
0
f(x) = l R, lim
xx
0
g(x) = m R.
Allora vale:
lim
xx
0
(f(x) + g(x)) = l + m;
lim
xx
0
f(x)g(x) = lm;
se
f(x) h(x) g(x)
e se lim
xx
0
f(x) = lim
xx
0
g(x) = m allora si ha anche
lim
xx
0
h(x) = m.
Lultima aermazione si chiama ancora Teorema di confronto .
Teorema 58 Sia ha:
se lim
xx
0
[f(x)[ = + allora lim
xx
0
1
f(x)
= 0;
se lim
xx
0
f(x) = 0 e se f(x) non `e identicamente nulla in un intorno di
x
0
, allora lim
xx
0
1
|f(x)|
= +;
se lim
xx
0
[f(x)[ = l R, l ,= 0 allora lim
xx
0
1
f(x)
=
1
l
;
se lim
xx
0
[f(x)[ = l R, l ,= 0 e se lim
xx
0
g(x) = m allora
lim
xx
0
g(x)
f(x)
=
m
l
.
Inne, enunciamo lanalogo del Teorema 40.
58 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Teorema 59 Le due funzioni f(x) e g(x) abbiano lo stesso dominio. Se
lim
xx
0
f(x) = 0
e g(x) `e limitata in un intorno di x
0
, allora vale anche
lim
xx
0
f(x)g(x) = 0 .
Notiamo ancora che questo teorema non richiede che g(x) abbia limite
nito, ma, grazie al teorema della limitatezza locale, vieta che abbia
limite + oppure .
Relazioni tra limiti niti e inniti Anche nel caso dei limiti per x
x
0
si hanno le regole se [f(x)[ + e g(x) 0 allora:

f(x)
g(x)

+,
g(x)
f(x)
0 .
Invece, niente pu`o dirsi in generale del prodotto di un innito e di in inni-
tesimo e del quoziente di due innitesimi, come si vede esaminando f(x)g(x)
con
f(x) = x e g(x) = 1/x, oppure = 1/x
2
, oppure = 1/

x.
2.2.3 Regole di calcolo e forme indeterminate
Abbiamo gi`a visto le tabelle delle regole di calcolo che si usano quando nel
calcolo di un limite compare il simbolo , e le forme indeterminate, ossia
quei casi nei quali nessun teorema fornisce risposte generali. Le abbiamo viste
per casi particolari della denizione di limite, ma esse si applicano a ciascuna
delle denizioni. Per questo le ripetiamo nuovamente, inserendo per memoria
nelle colonne delle regole e delle forme indeterminate due casi che incontreremo
al paragrafo 2.3.2 e che nascono nel calcolare limiti di funzioni del tipo f(x)
g(x)
.
Spieghiamo come vanno intese le regole e le forme indeterminate di tipo
esponenziale.
Le formule di tipo esponenziale si incontrano calcolando limiti di funzioni
della forma f(x)
g(x)
. La tabella dice che se ambedue le funzioni tendono a
+, anche f(x)
g(x)
+ mentre se f(x) 1 e g(x) + niente pu`o dirsi
in generale: si ha una forma indeterminata.
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
59
Tabella 2.3: Regole di calcolo e forme indeterminate
Regole ++ = + =

= +
0

= 0
0
+
= 0
(+)
+
= +
(+)

= 0
_
l + (+) = l + = +
l + () = l =
l(+) =
_
+ se l > 0
se l < 0
Forme indeterminate + 0 ()

0
0
0
0
1

Le due regole
(+)
+
= +, (+)

= 0
sono state scritte nella medesima casella perche in realt`a sono la medesima
regola. Infatti, la regola (+)
+
= + va intesa come
se
_
f(x) +
g(x) +
allora limf(x)
g(x)
= +.
Se g(x) ,
f(x)
g(x)
=
1
f(x)
g(x)
0 .
60 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Infatti, il denominatore tende a + e quindi la frazione `e un innitesimo.
Naturalmente, luso della tabella richiede qualche cautela: per esempio,
non si pu`o calcolare il limite di 1/f(x) se la funzione f(x) `e identicamente
nulla; non si pu`o calcolare f(x)
g(x)
se f(x) `e negativa.
2.2.4 Limiti direzionali
Supponiamo che una funzione sia denita nellintervallo (x
0
, b) ed anche nel-
lintervallo (a, x
0
). In x
0
la funzione potr`a essere denita o meno. Allora, per
rappresentare il graco della funzione, potr`a convenire studiare separatamente
le due restrizioni di f(x) a sinistra di x
0
, ossia per x (a, x
0
), ed a destra di
x
0
, ossia per x (x
0
, b). I limiti per x x
0
di tali restrizioni si chiamano i
limiti direzionali di f(x) per x x
0
, rispettivamente da sinistra e da destra.
Ossia, limite destro, rispettivamente limite sinistro di f(x) per x x
0
sono i due limiti
lim
xx
0
f
|
(a,x
0
)
(x) , lim
xx
0
f
|
(x
0
,b)
(x) .
Questi due limiti, se esistono, si indicano con simboli particolari:
lim
xx
0
f
|
(a,x
0
)
(x) si indica con uno dei due simboli seguenti
lim
xx
0

f(x) oppure f(x


0
) ;
lim
xx
0
f
|
(x
0
,b)
(x) si indica con uno dei due simboli seguenti
lim
xx
0
+
f(x) oppure f(x
0
+) .
(talvolta si scrive f(x

0
) ed f(x
+
0
), col e + ad esponente).
I due limiti possono esistere, niti o meno, oppure pu`o esisterne uno solo.
Se ambedue esistono, possono concidere o meno. Per`o vale:
Teorema 60 Se esiste, nito o meno,
lim
xx
0
f(x)
allora esistono i due limiti direzionali, ambedue uguali al limite.
Se esistono ambedue i limiti direzionali, niti o meno, e questi coincidono,
allora esiste anche il limite di f(x) e vale
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) = f(x
0
+) .
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
61
2.2.5 Gli innitesimi
Abbiamo gi`a detto che si chiama innitesimo (per x oppure per
x x
0
) una funzione che ammette limite uguale a zero. Tali funzioni sono
di importanza centrale nelle applicazioni della matematica e inoltre si usano
spesso per calcolare limiti niti. Infatti, per vericare che f(x) l conviene
spesso vericare che f(x) l 0. Per questo conviene raccogliere qui le
propriet`a degli innitesimi. Scriveremo genericamente x per intendere
x oppure x x
0
. Ricordiamo che un intorno di + (rispettivamente,
di ) `e una semiretta verso destra (rispettivamente, verso sinistra).
Una prima propriet`a, ovvia, `e la seguente. che si vede immediatamente
perche la denizione di innitesimo dipende dalle disequazioni
[f(x)[ < :
Lemma 61 La funzione f(x) `e un innitesimo (per x ) se e solo se [f(x)[
lo `e.
Il risultato fondamentale `e il seguente.
Teorema 62 Le funzioni che gurano in questo teorema hanno tutte il
medesimo dominio.
Valgono le seguenti propriet`a:
a) se f(x) e g(x) sono due innitesimi (per x ) anche f(x) + g(x) lo `e;
b) siano f(x) ed h(x) innitesimi (per x ). Valga inoltre
f(x) h(x) g(x) .
Allora anche h(x) `e un innitesimo (per x ).
c) Se f(x) `e un innitesimo (per x ) e g(x) `e limitata in un intorno di
allora anche f(x)g(x) `e un innitesimo per x .
Queste propriet`a sono gi`a state provate sia per R che per = .
Lasserto b) si chiama teorema del confronto . Lasserto c) combinato col
teorema della limitatezza locale ha il corollario seguente:
Corollario 63 Sia
lim
x
f(x) = 0 , lim
x
g(x) = l R.
Allora,
lim
x
f(x)g(x) = 0 .
62 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Osservazione 64 Il teorema del confronto si usa spesso in questa forma: si
sa che
0 [h(x)[ g(x) , lim
x
g(x) = 0 .
Allora vale anche
lim
x
h(x) = 0 .
Infatti, si scelga f(x) 0, che `e un innitesimo (per x ). Il teorema del
confronto dice che [h(x)[ `e un innitesimo e ci`o equivale a dire che h(x) `e un
innitesimo.
2.2.6 Gli asintoti
Supponiamo che esista almeno uno dei due limiti direzionali f(x
0
) oppure
f(x
0
+) e che questo sia innito. In tal caso la retta verticale x = x
0
si chiama
asintoto verticale per la funzione f(x).
Notiamo che niente vieta che ambedue i limiti direzionali esistano, e che
siano inniti, magari di segno opposto; o che uno solo esista, o che uno sia
innito e laltro nito.
Se accade che
lim
x+
f(x) = l
allora la retta orizzontale y = l si chiama asintoto orizzontale destro di f(x).
Si dice che y = l `e asintoto orizzontale sinistro se
lim
x
f(x) = l .
Nel caso che sia
l = lim
x
f(x) = lim
x+
f(x)
si dice che la retta orizzontale y = l `e asintoto orizzontale bilatero.
Consideriamo ora una retta
y = mx + n
e consideriamo lo scarto in verticale tra il punto del graco e il corrispondente
punto della retta; ossia consideriamo per ogni x la funzione
f(x) (mx + n) .
Se accade che questa funzione tende a zero per x +, la retta si chiama
asintoto obliquo destro; se tende a zero per x si parla di asintoto
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
63
obliquo sinistro e un asintoto obliquo sia destro che sinistro si chiama asintoto
obliquo bilatero.
Un modo per trovare i coecienti m ed n `e il seguente, che illustriamo per
gli asintoti obliqui destri: prima si calcola m, dato da
m = lim
x+
f(x)
x
nel caso in cui il limite esista e sia nito. Altrimenti lasintoto obliquo non c`e.
Calcolato m si calcola
n = lim
x+
(f(x) mx) ,
ancora nel caso in cui il limite esista e sia nito. Altrimenti, non c`e asintoto
obliquo.
Calcolati m ed n, lasintoto obliquo risulta identicato.
SI noti che lasintoto orizzontale `e il caso particolare dellasintoto obli-
quo, nel caso del coeciente angolare nullo, m = 0, ed n ,= . Dun-
que, se si `e trovato che esite lasintoto orizzontale, lasintoto obliquo
(con m ,= 0) non esiste e non bisogna perdere tempo a ricercarlo.
E appena il caso di notare che un asintoto obliquo (destro) pu`o esistere
solo se
lim
x+
f(x) = +.
E quindi, se c`e asintoto obliquo, non c`e asintoto orizzontale.
Si riadattino queste considerazioni al caso degli asintoti obliqui sinistri.
2.2.7 Alcuni errori concettuali importanti
Lo studio dei limiti inizia spesso nella Scuola Media Superiore, dove per`o
laccento `e posto principalmente sulle funzioni razionali, ossia sui quozienti di
polinomi, oltre che sulle funzioni esponenziali, logaritmo e trigonometriche.
Le funzioni razionali hanno alcune propriet`a particolari, e lo studente si
abitua a dare per scontate alcuni fatti che non valgono in casi pi` u generali.
Tra questi, due errori vanno sottolineati in modo particolare.
Errore 1) Se una funzione `e denita su un intervallo aperto (a, b) ma non
nellestremo a, allora la funzione ha un asintoto verticale x = a. Que-
staermazione `e vera per le funzioni razionali ed anche per le funzioni
log x, tan x, cotan x ma non `e vera in generale.
Ci`o `e mostrato allesempio 65.
64 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Errore 2) se x = x
0
`e un asintoto verticale per una funzione f(x), allora la
funzione non `e denita in x
0
. Questaermazione `e vera per le funzioni
razionali ed anche per le funzioni log x, tan x, cotan x ma non `e vera
in generale.
Ci`o `e mostrato allesempio 66.
Esempio 65 Si consideri la funzione
f(x) = 2
1/x
2
.
Questa funzione `e denita su R 0, per`o `e limitata
0 2
1/x
2
1 .
Dunque non `e vero che lim
x0
[f(x)[ = +e quindi x
0
= 0 non `e asintoto
verticale.
Si cerchi di provare per esercizio che vale
lim
x0
2
1/x
2
= 0 .
Il graco di questa funzione `e in gura 2.2, a sinistra.
Un altro esempio importante `e quello delle funzioni
f(x) = arctan
1
x
, g(x) =

arctan
1
x

.
Anche queste funzioni sono denite su R 0 e vericano

2
f(x) <

2
, 0 g(x)

2
.
Quindi, il loro limite per x 0 non pu`o essere innito; ossia x = 0
non `e asintoto verticale di queste funzioni.
Il graco della funzione g(x) `e in gura 2.2, a destra.
Esempio 66 Ricordiamo che la denizione di limite (per x x
0
) non risente
del valore della funzione in x
0
; e quindi il limite non cambia ridenendo in
modo arbitrario la funzione in x
0
. Per esempio, la funzione
f(x) =
_
1
|x|
se x ,= 0
5 se x = 0
2.2. I LIMITI PER X TENDENTE AD X
0
65
Figura 2.2: Funzioni non denite in un punto, prive di asintoto verticale.
Sinistra: f(x) = 2
1/x
2
; destra: f(x) = [ arctan(1/x)[
x
y
y
x
ammette asintoto verticale in x = 0, pur essendo denita in x = 0. Un
esempio pi` u naturale `e il seguente.
Si ricordi che la funzione mantissa `e la funzione
M(x) = x [x] , ([] indica la parte intera).
sia x
0
= 1 e sia
f(x) = M(x)1 =
_
x 1 se 0 x < 1
x 2 se 1 x < 2 ,
1
f(x)
=
_
1
x1
se 0 x < 1
1
x2
se 1 x < 2 .
Sia g(x) = 1/f(x). Allora,
g(1) = 1 , lim
x1+
g(x) = 1 , lim
x1
g(x) = .
Questa funzione `e denita in x
0
= 1 e inoltre la retta x = 1 `e asintoto
verticale. Il suo graco `e in gura 2.3.
2.2.8 Il numero e
E importante sapere che la funzione
h(x) = (1 + x)
1/x
ammette limite per x 0. Il limite `e un numero irrazionale che si indica
col simbolo e (iniziale di Eulero
1
) ed `e circa 2,7:
lim
x0
(1 + x)
1/x
= e , 2, 718 < e < 2, 719 .
1
Il numero e si chiama numero di Eulero o anche costante di Nepero .
66 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Figura 2.3: graco di 1/(M(x) 1)
1
x
y
Il numero e `e quindi anche il limite della successione ottenuta segliendo
x = 1/n:
e = lim
_
1 +
1
n
_
n
.
Usando il teorema delle funzioni composte e la continuit` a della funzione
log x si vede che
lim
x0
1
x
log
a
(1 + x) = log
a
e .
In particolare, scegliendo a = e,
lim
x0
1
x
log
e
(1 + x) = 1 .
E per questa ragione che, se non altrimenti detto, i logaritmi che useremo
sono sempre logaritmi in base e, e verranno indicati semplicemente col simbolo
log x, omettendo lindicazione della base. Talvolta si usa il simbolo ln x, dato
che i logaritmi in base e si chiamano anche logaritmi naturali .
Analogamente, col termine funzione esponenziale , se non si specica
esplicitamente la base, si intende la funzione x e
x
. Usando il teorema
delle funzioni composte (che verr` a visto in seguito) e la denizione del numero
e, si pu`o mostrare che
lim
x0
e
x
1
x
= 1 .
2.2.9 Limiti da ricordare
Elenchiamo i limiti che vanno imparati subito a memoria. Si chiamano limiti
notevoli quelli della tabella 2.4.
2.3. LA CONTINUIT
`
A 67
Tabella 2.4: I limiti notevoli
lim
x0
sin x
x
= 1 lim
_
1 +
1
n
_
n
= e lim
x0
log(1+x)
x
= 1 lim
x0
e
x
1
x
= 1
I limiti notevoli hanno questo nome perche `e da essi che si calcolano alcune
delle derivate importanti. Ulteriori limiti da conoscere sono i seguenti.
Tabella 2.5: Ulteriori limiti
lim
xx
0
1
x
[log x log x
0
] =
1
x
0
lim
xx
0
e
x
e
x
0
xx
0
= e
x
0
lim
xx
0
sin x = sin x
0
lim
xx
0
cos x = cos x
0
lim
x+
log x
x

= 0 (per ogni > 0) lim


x0+
x

log x = 0 (per ogni > 0)


lim
x+
e
x
x

= + (per ogni ) lim


x
[x[

e
x
= 0 (per ogni )
lim
n

a = 1 (per ogni a > 0) lim


n

n = 1
lim
x+
a
x
=
_
_
_
+ se a > 1;
1 se a = 1;
0 se 0 a < 1;
lim
x+
x
a
=
_
_
_
+ se a > 0;
1 se a = 0;
0 se a < 0 .
2.3 La continuit`a
Ricordiamo che la denizione di limite per x x
0
non richiede che la funzione
sia denita in x
0
. Anzi, se anche lo fosse, dovremmo escludere dalle nostre
68 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
considerazioni il punto x
0
. Per`o ci`o non vieta che f(x) sia denita in x
0
. In
tal caso
Denitione 67 la funzione si dice
continua da sinistra in x
0
se accade che
lim
xx
0

f(x) = f(x
0
) .
continua da destra in x
0
se accade che
lim
xx
0
+
f(x) = f(x
0
) .
si dice continua in x
0
se
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) ;
ossia, la funzione `e continua in x
0
se `e continua sia da destra
che da sinistra in x
0
.
Se la funzione `e denita solo a destra (o a sinistra) di x
0
ed `e continua (da
destra o da sinistra) si dice ancora che `e continua in x
0
.
I teoremi sui limiti niti per x x
0
si riformulano per le funzioni continue
come segue. Li enunciamo per la continuit`a lasciando per esercizio gli enunciati
analoghi per la continuit` a direzionale.
Teorema 68 Siano f(x) e g(x) due funzioni continue in x
0
. Sono continue
le funzioni
f(x) + g(x)
f(x)g(x)
Se g(x
0
) ,= 0, `e continua la funzione f(x)/g(x).
Inoltre, vale il teorema di permanenza del segno, nella formulazione
seguente:
Teorema 69 ( limitatezza locale e permanenza del segno funzioni continue)
Se f(x) `e continua in x
0
allora:
esite un intorno I di x
0
su cui f(x) `e limitata;
2.3. LA CONTINUIT
`
A 69
se f(x
0
) > 0 allora esistono > 0 ed un intorno I di x
0
tali che
x I = f(x) >
(si dia lenunciato analogo se f(x
0
) < 0).
Dim. La denizione di continuit` a in x
0
`e, in simboli:
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) .
Dunque, in modo esplicito, f(x) `e continua in x
0
quando per ogni > 0
esiste =

> 0 tale che ogni x (x


0

, x
0
+

), incluso il punto x
0
, si
ha
f(x
0
) < f(x) < f(x
0
) + .
Lasserto relativo alla limitatezza locale segue scegliedo, per esempio, = 1.
Lasserto relativo alla permanenza del segno si ottiene (quando f(x
0
) > 0)
scegliendo = = f(x
0
)/2.
Osservazione 70 Si noti la dierenza di questenunciato da quello del teo-
rema relativo ai limiti di funzioni, che potrebbero essere discontinue in x
0
.
Se f(x) non `e continua in x
0
, la conoscenza del limite niente permette di
concludere sul segno di f(x
0
).
Inne:
Denitione 71 Una funzione continua in ciascun punto di un insieme A si
dice continua su A. Se A = domf, la funzione si dice continua sul suo
dominio o anche semplicemente continua.
Continuit`a di alcune funzioni importanti
Sono continue le funzioni della lista seguente, ovviamente nei punti in cui sono
denite:
i polinomi
2
;
le potenze x x

con reale qualsiasi;


le funzioni razionali;
2
si ricordi che i polinomi sono somme di monomi. I monomi sono le funzioni ax
n
con n
intero non negativo. Quindi f(x) = 2x

+ 3x
3
non `e un polinomio.
70 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
la funzione [x[;
le funzioni trigonometriche: sin x, cos x, tan x e cotan x;
la funzione logaritmo, x log
a
x, per ogni base a (positiva e diversa da
1);
la funzione esponenziale x a
x
per ogni base a 0.
2.3.1 Classicazione delle discontinuit`a
Sia f(x) denita in x
0
, ma non continua. Il punto x
0
si dice:
una discontinuit`a eliminabile di f(x) se
lim
xx
0
f(x)
esiste nito e diverso da f(x
0
).
Il termine discontinuit`a eliminabile (o discontinuit`a rimuovibile ) si
spiega da solo: cambiando la denizione della funzione nel solo punto x
0
, e
ridenendo
g(x) =
_
f(x) se x ,= x
0
lim
xx
0
f(x) se x = x
0
,
si trova una funzione continua.
Il punto x
0
si chiama salto di f(x), o anche discontinuit`a di prima specie
se esistono niti ambedue i limiti direzionali
lim
xx
0

f(x) , lim
xx
0
+
f(x) diversi tra loro.
Non si esclude che uno dei due limiti possa coincidere col valore della funzione;
ossia che la funzione sia continua o da destra o da sinistra.
ogni altro caso di discontinuit`a si chiama discontinuit`a di seconda specie .
Inne, consideriamo una funzione f(x) che non `e denita in x
0
.
Supponiamo per`o che esista nito
l = lim
xx
0
f(x) .
In questo caso, la funzione
g(x) =
_
f(x) se x ,= x
0
l se x = x
0
`e continua: `e lunica estensione per continuit`a di f(x) ad x
0
.
2.3. LA CONTINUIT
`
A 71
2.3.2 Il teorema delle funzioni composte
Siano f(y) e g(x) due funzioni tali che domf(y) img(x) cos` che si pu`o
calcolare la funzione composta f(g(x)). Supponiamo inoltre che sia
lim
xx
0
g(x) = l , lim
yl
f(y) = m. (2.9)
Ci si pu`o chiedere se sia vero che
lim
xx
0
f(g(x)) = m. (2.10)
La risposta `e in generale negativa. Per esempio, niente vieta a g(x) di
prendere il valore l, proibito dalla denizione di limite per y l. La risposta
`e per`o positiva se l / domf(x) oppure se f(x) `e denita e continua in
l. Ossia vale
Teorema 72 Sia domf(y) img(x) e valga (2.9). Supponiamo inoltre che
f(y) sia denita e continua in l oppure che g(x) non prenda il valore l.
Allora vale (2.10).
Corollario importante di questo risultato `e:
Corollario 73 Una funzione composta di funzioni continue `e continua.
Illustriamo ora luso di questi risultati, che `e sia in positivo, per garantire
la continuit`a e lesistenza di limiti, che in negativo, per vericare che certi
limiti non esistono.
Risultati in positivo
Come si `e detto, la funzione composta di funzioni continue `e continua. Quindi
sono funzioni continue in ciascun punto del loro dominio per esempio le funzioni
della tabella 2.6 (nella quale p(x) e q(x) indicano generici polinomi).
Le funzioni della tabella sono solo alcuni degli esempi di funzioni la cui
continuit`a segue immediatamente usando il Corollario 73. La tabella va letta
in questo modo. Consideriamo per esempio la prima funzione, sin (log
a
x). La
funzione
3
(log
a
x) `e denita per x > 0 e prende valori nel dominio di sin y.
Dunque la funzione composta `e denita per ogni x > 0. Sia log
a
x che sin y
sono funzioni continue, e quindi sin (log
a
x) `e una funzione continua.
3
ovviamente con a > 0 e diverso da 1
72 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Tabella 2.6: Esempi di funzioni composte
sin (log
a
x) log
a
(sin x) tan (log
a
x) log
a
(tan x) log
p(x)
q(x)
sin a
x
a
sin x

sin x sin

x tan e
x
sin

x sin x
2
e

x

log x log [x[
Consideriamo la seconda funzione, log
a
(sin x). Appartengono al suo domi-
nio le sole x per le quali sin x `e positivo. Ambedue le funzioni sin x e log y
sono continue; e quindi la funzione composta `e continua.
Guardiamo ancora la seconda funzione della tabella, log
a
(sin x), ma questa
volta per x 0. Il punto y = 0 non appartiene al dominio di log y ed `e
lim
x0
sin x = 0 , lim
y0
log y = .
Dunque, il Teorema 72 permette di aermare che
lim
x0
log
a
(sin x) = .
Per capire invece il comportamento per x 0 della prima funzione,
sin (log
a
x), applichiamo il Teorema 72 in negativo come ora illustriamo.
Risultati in negativo
Il Teorema 72 si pu`o applicare quando in particolare la funzione pi` u interna
ha dominio N, ossia `e una successione. In tal caso lenunciato del teorema si
riformula come segue:
Teorema 74 Sia
lim
n+
x
n
= , lim
x
g(x) =
(con i limiti e niti o meno).
Nel caso in cui R assumiamo che g(x) sia continua in oppure che
non sia uno dei valori della successione. Allora,
lim
n+
g(x
n
) = .
2.3. LA CONTINUIT
`
A 73
Questo teorema si usa pi` u spesso in negativo: se si trovano due successioni
x
n
e
n
ambedue convergenti a (che non prendono valore ) tali che
lim
n+
g(x
n
) ,= lim
n+
g(
n
) ,
allora non esiste lim
x
g(x).
Consideriamo ora la funzione
sin (log
a
x) .
Vogliamo provare che questa funzione non ammette limite per x 0. Per
questo consideriamo le due successioni cos` denite:
log
a
x
n
= 2k , ossia x
n
= a
2k
, log
a
x
n
= (2k+/2) , ossia x
n
= a
2k+/2
.
Si ha
lim
n+
sin (log
a
x
n
) = 0 ,= lim
n+
sin (log
a

n
) = 1
e quindi
lim
x0
sin (log
a
x) non esiste.
Regole di calcolo e forme indeterminate di tipo esponenziale
Si voglia studiare il comportamento della funzione
f(x)
g(x)
.
Il modo pi` u semplice per farlo consiste nello scrivere la funzione come
f(x)
g(x)
= e
g(x) log f(x)
;
studiare il comportamento dellesponente ed usare il teorema della funzione
composta. Per esempio, se
f(x) +, g(x) +
allora
f(x) log g(x) + e quindi f(x)
g(x)
= e
f(x) log g(x)
= +.
Se per`o
f(x) 1 , g(x) +, g(x) log f(x) `e una forma indeterminata
e cos` nasce la forma indeterminata 1
+
.
Analoga origine hanno le altre regole o forme indeterminate di tipo
esponenziale.
74 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
2.4 Confronto di funzioni
In presenza di forme indeterminate, in particolare quando si debba calcola-
re il limite di un quoziente, si cerca di individuare, se esistono, i termini
dominanti, come nei due esempi seguenti:
Esempio 75 Si voglia calcolare
lim
x0
x
2
3x
x
3
x
.
E chiaro che per x prossimo a 0 sia x
2
che x
3
saranno via via meno
importanti rispetto ad x. Quindi scriveremo, per x ,= 0
x
2
3x
x
3
x
=
3x
x
1 x/3
1 x
2
= 3
1 x/3
1 x
2
e da qui si vede facilmente che
lim
x0
x
2
3x
x
3
x
= 3 .
Daltra parte, sia da calcolare
lim
x+
x
2
3x
x
3
x
.
In questo caso dominano a numeratore laddendo x
2
ed a denominatore
laddendo x
3
. Quindi scriveremo
x
2
3x
x
3
x
=
x
2
x
3
1 3/x
1 1/x
2
=
1
x
1 3/x
1 1/x
2
e quindi
lim
x+
x
2
3x
x
3
x
= 0 .
Vogliamo introdurre delle denizioni che permettano di seguire questidea in
casi pi` u generali di quelli dellesempio precedente. Per questo si considerano
due funzioni f(x) e g(x) (con lo stesso dominio). Supponiamo inoltre g(x) non
zero.
Si dice che f `e o piccolo di g se accade che
lim
x
f(x)
g(x)
= 0 .
Come notazione, si scrive
f = o(g)
2.4. CONFRONTO DI FUNZIONI 75
Si noti che la notazione o non fa comparire . La denizione riguarda
il limite per x , ma chi sia va dedotto dal contesto. Ovviamen-
te, in un breve esercizio ci`o sar`a impossibile e andr`a esplicitamente
specicato.
In questa denizione, non si richede che f oppure g siano inniti o
innitesimi. Per esempio, se g(x) 1, la notazione
f = o(1) signica lim
x
f(x) = 0 .
Ossia, si scriver`a
f = o(1)
per scrivere che f(x) `e un innitesimo per x . Per`o, a parte questo singolo
caso, di regola luso del simbolo di Landau o si incontra quando le due
funzioni sono inniti o innitesimi per x , ossia come si dice, sono inniti
o innitesimi contemporanei.
Linterpretazione del signicato del simbolo di Landau varia a seconda che
si lavori con inniti oppure con innitesimi. Infatti:
Siano f(x) e g(x) due inniti per x . Allora, la condizione
lim
x
f(x)
g(x)
= 0
intuitivamente signica che f(x) diverge pi` u lentamente di g(x).
Per questo, quando f = o(g) ed f(x) e g(x) sono inniti si
dice che f(x) `e innito di ordine inferiore a g(x) o che g(x) `e
innito di ordine superiore ad f(x) (sottinteso: per x ).
Invece:
Siano f(x) e g(x) due innitesimi per x . Allora, la condizione
lim
x
f(x)
g(x)
= 0
intuitivamente signica che f(x) tende a zero pi` u velocemente di g(x).
Per questo, quando f = o(g) ed f(x) e g(x) sono innitesimi si
dice che f(x) `e innitesimo di ordine superiore a g(x) o che g(x) `e
innitesimo di ordine inferiore ad f(x) (sottinteso: per x ).
76 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Se accade che
lim
x
f(x)
g(x)
= l R, l ,= 0 (2.11)
si dice che i due inniti (o innitesimi) f(x) e g(x) hanno lo stesso ordine
di grandezza (brevemente, diremo che hanno lo stesso ordine) per x e
scriveremo
f g sottinteso, per x .
Se il limite in (2.11) non esiste, si dice che i due inniti o innitesimi f(x)
e g(x) non sono confrontabili per x . Se invece il limite esiste, nito o
meno, si dice che essi sono confrontabili .
Siano ancora f(x) e g(x) due inniti oppure due innitesimi (per x ).
Si dice che essi sono equivalenti se
f(x) = g(x) + o(g) .
In tal caso si scrive
f g ,
al solito sottintendendo per x . Dividendo i due membri per g(x) e
passando al limite, si vede che
Teorema 76 I due inniti o innitesimi contemporanei f(x) e g(x) sono
equivalenti (per x ) se e solo se
lim
x
f(x)
g(x)
= 1 .
Daltra parte,
lim
x
f(x)
g(x)
= 1 = lim
x
g(x)
f(x)
= 1 .
Dunque,
Corollario 77 Vale f g se e solo se g f e ci`o accade se e solo se
g(x) = f(x) + o(f) .
Inne, pu`o accadere che esistano numeri reali c e con c ,= 0 e tali che
f(x) c[g(x)]

.
In questo caso si dice che:
2.4. CONFRONTO DI FUNZIONI 77
f(x) `e un innito oppure un innitesimo di ordine rispetto a g(x);
la funzione c[g(x)]

`e la parte principale di f(x) rispetto a g(x).


Osservazione 78 Va notato che due innitesimi o inniti possono essere con-
frontabili, senza che esista lordine delluno rispetto allaltro, ossia senza che
esista la parte principale delluno rispetto allaltro. Per fare un esempio,
consideriamo le due funzioni
f(x) = log x, g(x) = x.
Si tratta di due inniti per x + e usando i risultati nella tabella 2.5 si
vede che
lim
x+
f(x)
g(x)
= 0 .
Dunque i due inniti sono confrontabili, e g(x) `e di ordine superiore rispetto
ad f(x). Per` o, ancora dalla tabella 2.5, si vede che
lim
x+
f(x)
g

(x)
= lim
x+
log x
x

=
_
0 se 0
+ se < 0 .
Quindi, non esiste lordine di log x rispett a g(x) = x e dunque nemmeno la
parte principale.
Simboli di Landau
I simboli ed o si chiamano simboli di Landau dal nome del matematico
tedesco che li ha introdotti. Esistoni altri simboli di Landau. In particolare si
dice che f `e O grande di g (per x ) se esistono numeri strettamente
positivi m ed M ed un intorno I di tali che
x I = m[g(x)[ < [f(x)[ < M[g(x)[ .
Se ci`o accade si scrive
f = O(g) .
2.4.1 Inniti e innitesimi di confronto fondamentali e
formule da ricordare
Se non c`e ragione di fare diversamente, usa confrontare un innito o un in-
nitesimo f(x) con funzioni g(x) particolari, dette gli inniti o gli innitesimi
di confronto fondamentali. Questi sono riportati nella tabella 2.7.
78 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Tabella 2.7: Inniti e innitesimi di confronto fondamentali
x tende a innito fondamentale innitesimo fondamentale
0
1
[x[
[x[
x
0
1
[x x
0
[
[x x
0
[
+ x
1
x
[x[
1
[x[
Alcuni dei limiti elencati al paragrafo 2.2.9 si possono riformulare come
segue: Ciascuno degli inniti seguenti `e di ordine minore del
successivo:
(log n) , (n
b
) , (a
n
) , (n!) , (n
n
)
perche
_
lim
log n
n
a
= 0 se a > 0;
lim
n
b
a
n
= 0 se a > 1, b > 0;
_
lim
a
n
n!
= 0 se a > 1;
lim
n!
n
n
= 0 .
Formule di McLaurin Vanno ricordate subito le formule della tabel-
la 2.8, che sono casi particolari della formula di McLaurin che si studier`a pi` u
avanti. Le ultime due righe della tabella si riferiscono a funzioni probabil-
mente note ad alcuni studenti, ma non a tutti. Esse verranno introdotte al
paragrafo 2.5.
Per interpretare queste formule, vanno conosciuti i simboli seguenti:
2.4. CONFRONTO DI FUNZIONI 79
il simbolo n! che si legge n fattoriale . il numero n deve essere
intero non negativo.
Per denizione, 0! = 1 ed 1! = 1. Il simbolo n! per n > 1 si denisce per
ricorrenza:
n! = n(n 1)! ;
e quindi,
2! = 2 1! = 2 1 = 2 , 3! = 3 2 1 = 6 , 4! = 4 3 2 1 = 24 , . . .
il simbolo
_

k
_
, che si chiama coeciente binomiale . il numero k
deve essere intero non negativo mentre il numero pu`o essere
reale qualsiasi.
Per denizione,
_

0
_
= 1 ,
_

1
_
=
( 0)
1!
=

1
Quindi si denisce
_

k
_
=
( 1)( 2) ( (k 1))
k!
.
Per esempio,
_
1/2
2
_
=
(1/2) ((1/2) 1)
2!
=
_

1
4
_
1
2
=
1
8
_
1/2
3
_
=
(1/2) ((1/2) 1) ((1/2) 2)
3!
=
3
8
_
1
6
_
=
1
16
.
Si noti che se = n, intero positivo, allora
_
n
n
_
= 1 ,
_
n
n + 1
_
= 0
e quindi
_
n
k
_
= 0 , k n.
Ci`o detto, le formule da ricordare sono nella tavola 2.8.
80 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
La formula e) si chiama formula del binomio o formula di Newton . Nel
caso particolare in cui sia intero, = n, allora
(1 + x)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
x
k
+ o(x
n
) =
n+1

k=0
_
n
k
_
x
k
+ o(x
n+1
)
perche si `e visto che
_
n
n+1
_
= 0. In questo caso vale di pi` u: si ha
(1 + x)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
x
k
; (2.12)
ossia, in questo caso lerrore o(x
n
) `e in realt`a identicamente zero. Anche la
formula (2.12) si chiama formula di Newton .
2.5 Le funzioni iperboliche
Si chiamano funzioni iperboliche la funzioni
sinh x =
e
x
e
x
2
, cosh x =
e
x
+ e
x
2
.
I graci di queste funzioni sono riportati in gura 2.4, a sinistra.
Figura 2.4: I graci delle funzioni iperboliche. Sinistra: le funzioni sinh x e
cosh x; destra: le funzioni tanh x e cotgh x
sinh x
cosh x
x
y
6 4 2 0 2 4 6
5
4
3
2
1
0
1
2
3
4
5
x
y
tanh x
cotanh x
Si deniscono quindi le funzioni
tanh x =
sinh x
cosh x
=
e
x
e
x
e
x
+ e
x
, cotgh x =
cosh x
sinh x
=
e
x
+ e
x
e
x
e
x
.
2.5. LE FUNZIONI IPERBOLICHE 81
I graci sono in gura 2.4, a destra.
Spieghiamo la ragione del termine funzioni iperboliche.
Le funzioni circolari sono le usuali funzioni trigonometriche sin x e cos x.
Si chiamano funzioni circolari perche la coppia (x, y) = (cos , sin )
verica lequazione della circonferenza
x
2
+y
2
= 1 ;
e, viceversa, ogni punto della circonferenza trigonometrica si rap-
presenta come (cos , sin ). Le funzioni iperboliche hanno questo nome per-
che la coppia (x, y) = (cosh , sinh ) verica lequazione delliperbole
equilatera
x
2
y
2
= 1
e, viceversa, ogni punto di questiperbole ha coordinate (cosh x, sinh x)
per unopportuna scelta di x. La verica `e immediata calcolando i quadrati
di cosh e sinh e sottraendo.
Questa formula va ricordata:
cosh
2
x sinh
2
x = 1 .
Dal punto di vista dei limiti, si ha:
x + x x 0 x x
0
,= 0
sinh x + sinh x sinh x 0 sinh x sinh x
0
cosh x + cosh x + cosh x 1 cosh x cosh x
0
tanh x 1 tanh x 1 tanh x 0 tanh x tanh xx
0
cotgh x 1 cotgh x 1 [cotgh x[ + cotgh x cotanh x
0
82 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Dunque, le funzioni iperboliche sono continue.
Le funzioni sinh x e tanh x sono strettamente crescenti e quindi inver-
tibili. Ammettono funzioni inverse che si chiamano settore seno iperbolico e
settore tangente iperbolica . Le funzioni cosh x e cotanghx sono strettamen-
te crescenti su [0, +). Le funzioni inverse delle loro restrizioni a tale inter-
vallo si chiamano settore coseno iperbolico e settore cotangente iperbolica .
Queste quattro funzioni si indicano con i simboli sh x sc x st x e sct x.
I graci delle quattro funzioni inverse sono in gura 2.5.
Figura 2.5: Le funzioni iperboliche inverse. sinistra: le funzioni sh x e sc x;
destra: le funzioni st x e sct x
x
y
sch x
sh x
3 2 1 0 1 2 3
2
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
2
x
y
sth x
scth x
scth x
2.5. LE FUNZIONI IPERBOLICHE 83
Tabella 2.8: Formule di McLaurin
a) sin x = x
x
3
3!
+
x
5
5!
+ + (1)
k x
2k+1
(2k+1)!
+ o(x
2k+2
)
b) cos x = 1
x
2
2!
+
x
4
4!
+ + (1)
k x
2k
(2k)!
+ o(x
2k+1
)
c) tan x = x +
1
3
x
3
+
2
15
x
5
+ o(x
7
)
d) arctan x = x
x
3
3
+ + (1)
n x
2n+1
2n+1
+ o(x
2n+1
)
e) (1 + x)

n
k=0
_

k
_
x
k
+ o(x
n
)
f) log
e
(1 + x) = x
x
2
2
+
x
3
3
+ + (1)
(n1) x
n
n
+ o(x
n
)
g) e
x
= 1 +
x
1!
+
x
2
2!
+ +
x
n
n!
+ o(x
n
)
h) sinh x = x +
x
3
3!
+
x
5
5!
+ +
x
2k+1
(2k+1)!
+ o(x
2k+2
)
i) cosh x = 1 +
x
2
2!
+
x
4
4!
+ +
x
2k
(2k)!
+ o(x
2k+1
)
84 CAPITOLO 2. I LIMITI E LA CONTINUIT
`
A
Capitolo 3
Velocit`a, tangenti e derivate
In questo capitolo proseguiamo nello studio delle propriet`a locali delle funzioni,
studiandone la propriet`a di derivabilit`a, suggerita dalla meccanica per il calcolo
della velocit`a istantanea e dellaccelerazione istantanea, e dalla geometria per
la denizione della retta tangente al graco di una funzione.
3.1 La derivata
Supponiamo che un punto si muova lungo lasse delle ascisse, e che allistante t
la sua posizione sia x(t). Abbiamo cio`e una funzione t x(t) che rappresenta
il moto del punto
1
.
Fissiamo un intervallo di tempo di estremi t
0
e t
0
+h (a destra o a sinistra
di t
0
). Si chiama velocit`a media del punto su questintervallo il numero
x(t
0
+ h) x(t
0
)
h
.
Pu`o accadere che esista nito
lim
h0
x(t
0
+h) x(t
0
)
h
.
In sica, questo numero si chiama velocit`a istantanea del punto allistante
t
0
e si indica col simbolo v(t
0
) oppure con uno dei simboli
2
x

(t
0
) oppure x(t
0
).
Va detto subito che la velocit`a media esiste sempre, mentre la velocit`a
istantanea pu`o esistere o meno. Per esempio non esiste negli istanti nei quali
si vericano degli urti.
1
e che in sica si chiama legge oraria del moto
2
altre notazioni si vedranno in seguito. Notiamo che lultima, col punto sovrapposto, si
usa quasi solamente in problemi di meccanica ed `e la notazione introdotta da Newton.
85
86 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
Se la velocit`a istantanea esiste per ogni valore di t, allora si pu`o denire
laccelerazione media sullintervallo di estremi t
0
e t
0
+ h come
v(t
0
+ h) v(t
0
)
h
.
Se il limite seguente esiste, questo si chiama laccelerazione istantanea
allistante t
0
:
lim
h0
v(t
0
+h) v(t
0
)
h
.
In ambedue i casi, si incontra quindi un rapporto con al numeratore lin-
cremento di una certa funzione su un intervallo [t
0
, t
0
+ h] e al denominatore
lincremento h della variabile indipendente. Lincremento h pu`o essere po-
sitivo oppure negativo. Questo rapporto si chiama rapporto incrementale
della funzione che si sta considerando; e del rapporto incrementale si deve fare
il limite per h 0.
Un problema analogo si incontra in geometria, quando si cerca di denire
la tangente al graco di una funzione f(x) denita su un intervallo [a, b]. Sia
x
0
(a, b). Si vuol denire la tangente al graco della funzione nel punto
(x
0
, f(x
0
)). Per questo consideriamo la secante che congiunge i due punti
(x
0
, f(x
0
)), considerato sso, e il punto (x
0
+h, f(x
0
+h)), variabile sul graco.
Il coeciente angolare della secante `e
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
e quindi la secante `e la retta
y = f(x
0
) +
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
(x x
0
) .
Se esiste il limite per h 0 di questi coecienti angolari,
m
0
= lim
h0
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
,
la retta
y = f(x
0
) + m
0
(x x
0
)
si chiama retta tangente al graco di f(x) nel punto (x
0
, f(x
0
)). Si veda la
gura 3.1.
Si vede da qui che il limite del rapporto increnentale compare in applicazio-
ni diverse, e ce ne sono ancora molte altre. Quindi, questo limite va studiato
in generale.
3.1. LA DERIVATA 87
Figura 3.1: Secanti e tangente (rossa) ad un graco
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2
0.5
0
0.5
1
1.5
2
Denitione 79 Sia f(x) denita su un intervallo (a, b) e sia x
0
(a, b). Se
esiste nito il numero
lim
h0
f(x
0
+h) f(x
0
)
h
,
questo si chiama la derivata della funzione f(x) in x
0
e si indica con uno
dei simboli
f

(x
0
) , D
x
0
f , Df(x
0
) ,
d
dx
f(x
0
) .
Unaltra notazione si vedr`a pi` u avanti.
Il simbolo
d
dx
f(x
0
) `e dovuto a Leibniz e ricorda che la derivata `e il limite di
un quoziente. NON `e un quoziente e quindi il simbolo non indica una frazione.
La notazione
d
dx
, di proposito evidenziata in colore, va letta come simbolo
unico.
Si osservi che la derivata deve essere un numero. Non pu`o essere +
oppure . Infatti, molte delle propriet`a delle funzioni derivabili che vedremo
NON valgono quando il limite del rapporto incrementale esiste, ma non `e
nito. Per esempio:
Teorema 80 Se la funzione f(x) `e derivabile in x
0
essa `e continua in x
0
.
Dim. Infatti,
f(x
0
+ h) f(x
0
) = h
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
.
Per ipotesi, il limite del rapporto incrementale esiste nito e quindi
0 = lim
h0
h
_
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
_
= lim
h0
[f(x
0
+h) f(x
0
)] ;
88 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
ossia, posto x = x
0
+h ed usando il teorema dei limiti delle funzioni composte,
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) .
Esempio 81 Il risultato precedente non vale se il limite del rapporto incre-
mentale `e +. Per vederlo, si consideri la funzione sgn x in x
0
= 0. Essa `e
discontinua. Il limite del rapporto incrementale esiste, ma non `e un numero:
lim
h0
sgn h
h
= +.
Unaltro punto a cui fare attenzione `e questo: la derivata si denisce solo
nei punti interni allintervallo
3
. Se x
0
= a oppure x
0
= b si possono studiare i
due limiti
lim
h0+
f(a + h) f(a)
h
, oppure lim
h0
f(b + h) f(b)
h
.
Se uno dei limiti esiste, nito o meno, esso si chiama la derivata direzionale
in a oppure in b.
La derivata direzionale si pu`o talvolta denire anche in punti x
0
di non
derivabilit`a. Se esiste, nito o meno, uno dei due limiti
lim
h0+
f(x
0
+h) f(x
0
)
h
, oppure lim
h0
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
questo si chiama la derivata direzionale , rispettivamente destra oppure
sinistra, di f(x) in x
0
.
La derivata direzionale destra o sinistra si indica con uno dei simboli
D
+
f(x
0
) , f

+
(x
0
) , D

f(x
0
) , f

(x
0
) .
Sottolineiamo che, a dierenza della derivata, la derivata direzionale
non `e necessariamente nita.
Concludiamo con una denizione il cui interesse apparir`a nei corsi
successivi. Si chiama dierenziale della funzione f(x) in x
0
la funzione
h f

(x
0
)h.
Il signicato geometrico del dierenziale `e illustrato al paragrafo 3.2.
3
anche se questo `e meno importante del fatto che la derivata debba essere nita.
3.1. LA DERIVATA 89
3.1.1 La funzione derivata e le derivate successive
Ricordiamo che la derivata `e un numero che si associa ad un punto x
0
: f

(x
0
).
Pu`o essere per`o che tale numero esista per ogni x (a, b) o per ogni x
(a, c) (a, b). In tal caso si costruisce una funzione
x f

(x)
che si chiama la funzione derivata di f(x).
Pu`o accadere che la funzione derivata sia ulteriormente derivabile (come
deve essere per denire laccelerazione). In questo caso, si pu`o calcolare il
numero
lim
h0
f

(x
0
+ h) f

(x
0
)
h
che si chiama la derivata seconda di f(x) in x
0
.
In questo contesto, la derivata si chiama anche derivata prima .
La derivata seconda si indica con uno dei simboli
f

(x
0
) , D
2
x
0
f , D
2
f(x
0
) ,
d
2
dx
2
f(x
0
) .
In meccanica, si usa anche il simbolo di Newton
..
f (x
0
).
Ovviamente:
Teorema 82 Se la funzione f(x) ammette derivata seconda in ogni punto di
(a, b) allora sia f(x) che f

(x) sono continue su (a, b).


Quanto detto si pu`o ora ripetere: se la derivata seconda esiste in ogni punto
si pu`o cercare di derivarla, denendo, se esiste, la derivata terza, quarta, n-ma
ecc.
Le derivate successive si indicano con i simboli
D
n
x
0
f , D
n
f(x
0
) ,
d
n
dx
n
f(x
0
) .
Ovviamente, le notazioni con gli apostro o i punti non sono pratiche oltre
al terzo ordine. In certe formule, conviene indicare la derivata n-ma in x
0
col
simbolo
f
(n)
(x
0
)
e in questo contesto si denisce
f
(0)
(x
0
) = f(x
0
) .
90 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
Sottolineiamo che se esiste la derivata n-ma in ogni punto di (a, b),
esistono le derivate precedenti, e sono continue su (a, b).
Una funzione che ammette tutte le derivate no allordine n incluso su
(a, b), tutte continue, si dice di classe C
n
e si scrive
f C
n
(a, b) .
Scrivendo
f C
0
(a, b) o anche f C(a, b)
si intende dire che f(x) `e continua su (a, b).
Scrivendo f(x) C

(a, b) (leggi f(x) di classe C

su (a, b)) si intende


che la funzione ammette derivate di ogni ordine in ciascun punto di (a, b).
3.2 La prima formula degli incrementi niti
La sostituzione h = x x
0
mostra che
f

(x
0
) = lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
ossia, essendo f

(x
0
) un numero,
lim
xx
0
_
f(x) f(x
0
)
x x
0
f

(x
0
)
_
= 0 .
Dunque, usando il simbolo di Landau,
f(x) = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) + (x x
0
)o(1) .
Ma,
(x x
0
)o(1) = o(x x
0
) .
Dunque,
3.2. LA PRIMA FORMULA DEGLI INCREMENTI FINITI 91
la derivata f

(x
0
), se esiste, `e quel numero m tale che
f(x) = f(x
0
) + m(x x
0
) + o(x x
0
) .
Dunque, f

(x
0
) verica
f(x) = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) + o(x x
0
) .
Questa formula si chiama prima formula degli incrementi niti .
Viceversa, se esiste m R tale che
f(x) = f(x
0
) + m(x x
0
) + o(x x
0
) (3.1)
allora
m = lim
xx
0
_
f(x) f(x
0
)
x x
0
+
o(x x
0
)
x x
0
_
= lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
= f

(x
0
) .
Quindi, la prima formula degli incrementi niti `e anche una equivalente
denizione di derivata: la derivata `e quel numero m per il quale `e verica-
ta luguaglianza (3.1). Ci`o ha una conseguenza utile per il calcolo di certe
derivate:
Teorema 83 Sia f(x) denita su (a, b) e continua in x
0
(a, b). Se per
x x
0
vale f(x) = o(x x
0
) allora f

(x
0
) esiste e
f

(x
0
) = 0 .
Dim. Infatti, la continuit`a di f(x) in x
0
implica f(x
0
) = 0 e quindi si ha
f(x) = o(x x
0
) = f(x
0
) + o(x x
0
) .
Ossia, (3.1) vale con m = 0.
Nella prima formula degli incrementi niti compare la funzione
(x x
0
) f

(x
0
)(x x
0
)
che abbiamo chiamato il dierenziale della funzione f(x) in x
0
. La prima
formula degli incrementi niti combinata con lequazione della retta tangente
al graco di f(x) in (z
0
, f(x
0
)), ossia
y = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) ,
92 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
mostra il signicato geometrico del dierenziale: f(x) f(x
0
) `e lincremento
della quota del punto del graco della funzione, quando si passa da x
0
ad
x. Invece,
f

(x
0
)(x x
0
) = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) f(x
0
) .
Dunque, il dierenziale indica lincremento dellordinata del punto della
tangente quando ci si sposta da x
0
ad x e questo incremento dierisce dal
corrispondente incremento di ordinata sul graco della funzione per innitesimi
di ordine superiore al primo rispetto ad (x x
0
), ossia rispetto allincremento
dato allascissa.
Ci`o `e illustrato in gura 3.2.
Figura 3.2: Signicato geometrico del dierenziale
0.5 0 0.5 1 1.5 2 2.5
1
0
1
2
3
4
5
6
7
x
y
x
0

x
0
+h
f (x
0
)h
3.3 Regole di calcolo per le derivate prime
Ci sono quattro regole per il calcolo delle derivate: la derivata della somma,
del prodotto, della funzione composta e della funzione inversa.
Il limite di una somma `e uguale alla somma dei limiti (quando ambedue
esistono niti). Dunque, se f e g sono derivabili in x
0
vale
D
x
0
(f(x) + g(x)) = f

(x
0
) + g

(x
0
) .
3.3. REGOLE DI CALCOLO PER LE DERIVATE PRIME 93
La formula per la derivata del prodotto si chiama formula di Leibniz e
si vede meglio partendo dalla prima formula degli incrementi niti. Se f(x) e
g(x) sono derivabili in x
0
vale
4
f(x) = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) + o
1
(x x
0
) ,
g(x) = g(x
0
) + g

(x
0
)(x x
0
) + o
2
(x x
0
) .
Moltiplicando membro a membro si ha
f(x)g(x) = f(x
0
)g(x
0
) + [f

(x
0
)g(x
0
) + f(x
0
)g

(x
0
)] (x x
0
)
[f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
)] o
2
(x x
0
)
+[g(x
0
) + g

(x
0
)(x x
0
)] o
1
(x x
0
)
+o
1
(x x
0
)o
2
(x x
0
) .
La parentesi graa `e o(x x
0
) e quindi
lim
xx
0
f(x)g(x) f(x
0
)g(x
0
)
(x x
0
)
= f

(x
0
)g(x
0
) + f(x
0
)g

(x
0
) .
Vale quindi la formula di Leibniz
D
x
0
(f(x)g(x)) = f

(x
0
)g(x
0
) + f(x
0
)g

(x
0
) .
Supponiamo che g(x) c sia costante. Allora,
g

(x
0
) = lim
h0
g(x
0
+ h) g(x
0
)
h
= lim
h0
c c
h
= 0 .
Dunque,
d
dx
(cf(x
0
)) = cf

(x
0
) .
Combinando questosservazione con la regola di derivazione della somma, si
trova, quando c e d sono numeri,
D
x
0
(cf(x) + dg(x)) = cf

(x
0
) + dg

(x
0
) .
4
la notazione o
1
(xx
0
), o
1
(xx
0
) `e sovrabbondante. Non ha alcun interesse distinguere
gli o luno dallaltro. Ma in questo caso aiuta a seguire i calcoli.
94 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
Questa regola si chiama linearit`a della derivata.
Siano ora f(x) e g(x) due funzioni e supponiamo che la funzione composta
f(g(x)) sia denita su un intervallo (a, b). Sia x
0
(a, b) e supponiamo che
g(x) sia derivabile in x
0
mentre f(x) sia derivabile in y
0
= g(x
0
). Allora vale
D
x
0
f(g(x)) = f

(g(x
0
))g

(x
0
) .
I colori sono stati usati per evidenziare il fatto che la derivata della funzione
composta si calcola iniziando col derivare la funzione pi` u esterna.
La dimostrazione `e semplice: per ipotesi valgono le due formule degli
incrementi niti
g(x) = g(x
0
) + g

(x
0
)(x x
0
) + o(x x
0
)
f(y) = f(y
0
) + f

(y
0
)(y y
0
) + o(y y
0
)
e inoltre
y
0
= g(x
0
)
Si tenga conto di ci`o e si sostituisca y con g(x). Si trova
f(g(x)) = f(g(x
0
)) + f

(g(x
0
))g

(x
0
)(x x
0
)
+f

(y
0
)o(x x
0
) + o(y y
0
) .
E
lim
xx
0
o(y y
0
)
x x
0
= lim
xx
0
o(y y
0
)
y y
0
y y
0
x x
0
= 0 .
Dunque, la parentesi graa `e o(x x
0
) e la prima formula degli incrementi
niti vale in x
0
per f(g(x)), con coeciente
f

(g(x
0
))g

(x
0
) ,
che `e quindi la derivata della funzione composta.
La regola per il calcolo della derivata della funzione inversa `e pi` u compli-
cata e richiede unipotesi in pi` u: si deve avere una funzione f(x) iniettiva e
continua su un intervallo (a, b). Inoltre, la funzione deve essere deri-
vabile in x
0
(a, b) e deve essere f

(x
0
) ,= 0. Sia f
1
(y) la funzione inversa
di f(x) e sia y
0
= f(x
0
). Sotto queste condizioni vale la formula:
D
y
0
f
1
(y) =
1
f

(x
0
)
, y
0
= f(x
0
) ossia x
0
= f
1
(y
0
) .
3.3. REGOLE DI CALCOLO PER LE DERIVATE PRIME 95
Limitiamoci ad illustrare geometricamente questa formula. Ricordiamo che
il graco di una funzione e della sua funzione inversa devono partire ambedue
dallasse delle ascisse e che luno `e il simmetrico dellaltro rispetto alla prima
bisettrice.
Le tangenti, quindi, sono simmetriche rispetto alla prima bisettrice.
Sia y = y
0
+m(x x
0
) una retta passante per (x
0
, y
0
). La sua simmetrica
rispetto alla prima bisettrice ha coeciente angolare 1/m. E ora ricordiamo
che il coeciente angolare della tangente, quando essa non `e verticale, `e la
derivata della funzione nel punto che stiamo considerando.
Questi argomenti sono illustrati in gure 3.3.
Figura 3.3: Derivata della funzione inversa
1 0 1 2 3 4 5
0
1
2
3
4
5 y
x
0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
y
x
Vediamo come si usa questa regola per calcolare la derivata della funzione
arctan x, funzione inversa della restrizione a (/2, /2) della funzione tan x.
E:
Dtan x = 1 + tan
2
x.
Se y
0
= tan x
0
, la derivata di arctan x in y
0
`e
1
D
x
0
tan x
=
1
1 + tan
2
x
0
=
1
1 + y
2
0
.
La tabella 3.1 riassume le regole di derivazione ed elenca le derivate prin-
cipali che vanno ricordate. Le regole di calcolo sono state appena dimostrate
mentre e formule delle derivate fondamentali si deducono dai limiti notevoli,
combinati con le regole di calcolo.
Notiamo che la tabella non riporta una formula per la derivata di f(x)
g(x)
,
perche invece di ricordare questa formula conviene notare che
f(x)
g(x)
= e
g(x) log f(x)
.
96 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
La derivata dellespressione a destra si calcola semplicemente usando la regola
di derivazione delle funzioni composte e quella del prodotto.
3.4 Il teorema di Fermat ed i punti di estremo
Consideriamo una funzione f(x) denita su un intervallo (a, b) e sia x
0
(a, b).
punto importante da sottolineare: x
0
`e interno allintervallo. NON
`e uno degli estremi.
Vale il teorema seguente:
Teorema 84 (di Fermat) Se:
f(x) `e denita in (a, b);
x
0
(a, b) `e punto di massimo oppure di minimo locale di f(x)
la funzione f(x) `e derivabile in x
0
,
allora f

(x
0
) = 0.
Dim. Per assurdo, sia
f

(x
0
) > 0 , f

(x
0
) = lim
h0
f(x
0
+h) f(x
0
)
h
.
Il teorema di permanenza del segno asserisce che esiste > 0 tale che
< h < =
f(x
0
+h) f(x
0
)
h
> 0 ,
ossia,
f(x
0
+ h) f(x
0
) ed h hanno segno concorde.
Dunque, se h > 0 vale f(x
0
+h) > f(x
0
) mentre se h < 0 vale f(x
0
+h) < f(x
0
)
e quindi f(x
0
) non `e ne punto di massimo ne punto di minimo di f(x).
Il caso f

(x
0
) < 0 si tratta in modo analogo.
Linterpretazione geometrica di questo teorema: ricordiamo che f

(x
0
) `e la
pendenza della tangente al graco della funzione nel punto (x
0
, f(x
0
)). Dun-
que, se esiste la tangente al graco di f(x) in (x
0
, f(x
0
)) ed x
0
`e un
punto di massimo o di minimo INTERNO AL DOMINIO DELLA
FUNZIONE, la tangente `e orizzontale.
3.4. IL TEOREMA DI FERMAT ED I PUNTI DI ESTREMO 97
Tabella 3.1: Derivate fondamentali e regole di calcolo
D
x
0
(hf(x) + kg(x)) hf

(x
0
) + kg

(x
0
)
D
x
0
f(x)g(x) f

(x
0
)g(x
0
) + f(x
0
)g

(x
0
)
D
x
0
f
1
(x)
1
f

(f
1
(x
0
))
D
x
0
f(x)
g(x)
f

(x
0
)g(x
0
) f(x
0
)g

(x
0
)
1/g
2
(x
0
)
D
x
0
log [f(x)[
f

(x
0
)
f(x
0
)
funzione derivata
x
a
ax
a1
D
x
0
[x[
x
0
[x
0
[
sin x cos x
cos x sin x
tan x
1
cos
2
x
= 1 + tan
2
x
cot x
1
sin
2
x
= 1 cot
2
x
funzione derivata
arcsin x
1

1x
2
arccos x
1

1x
2
arctan x
1
1+x
2
arccotanx
1
1+x
2
e
x
e
x
log [x[ 1/x
sinh x cosh x
cosh x sinh x
tanh x
1
cosh
2
x
= 1 tanh
2
x
coth x
1
sinh
2
x
= 1 coth
2
x
sett shx
1

1+x
2
sett chx
1

x
2
1
sett thx
1
1x
2
sett cthx
1
1x
2
98 CAPITOLO 3. VELOCIT
`
A, TANGENTI E DERIVATE
Osservazione 85 Il teorema di Fermat NON si applica alle derivate direzio-
nali. La funzione f(x) =

1 x
2
, denita su [1, 1], ha minimo nei punti
1 e +1. Le derivate direzionali in tali punti non sono nulle; anzi sono + e
.
La funzione f(x) = x denita su [0, 1] ha minimo in x = 0 e massimo in
x = 1. Le derivate direzionali in ambedue questi punti valgono 1.
Il teorema di Fermat ha questa conseguenza importante:
i punti di massimo e di minimo relativo di una funzione vanno cercati
tra i punti nei quali la derivata prima non esiste; i punti nei quali la
derivata prima si annulla e, se ivi denita, gli estremi del dominio della
funzione.
Vediamo alcuni esempi:
Esempio 86 Sia f(x) = [x[, denita su [1, 1]. La funzione non `e derivabile
in x = 0 e, dove derivabile, ha derivata
f

(x) =
_
+1 se x > 0
1 se x < 0 .
Dunque, f

(x) non si annulla mai. Quindi, i punti di massimo e di minimo


vanno ricercati tra i punti 1, 0, +1 .
Sia invece f(x) = x
2
, f

(x) = 2x, denita su R. La derivata si annulla nel


solo punto x = 0 e quindi la funzione ha al pi` u un solo punto o di massimo o
di minimo, nel punto x = 0. Nel caso specico x = 0 `e punto di minimo ma
questo non si deduce dallannularsi della derivata prima. Infatti:
la funzione f(x) = x
2
ha nulla la derivata nel solo punto x = 0 che
per`o ora `e un punto di massimo;
Non `e detto che la condizione f

(x
0
) = 0 implichi che x
0
`e punto di
massimo o di minimo. Per esempio la funzione f(x) = x
3
, denita su R,
ha derivata f

(x) = 3x
2
, nulla per x = 0. Il punto x = 0 non `e ne punto
di massimo ne punto di minimo di f(x) perche x
3
< 0 per x < 0 mentre
x
3
> 0 per x > 0.
I punti nei quali si annulla la derivata prima sono quindi solamente can-
didati ad essere esaminati nella ricerca dei punti di estremo. per questo si
chiamano punti estremali o punti critici della funzione.
Capitolo 4
Funzioni su intervalli
Fino ad ora abbiamo studiato le propriet`a locali delle funzioni, che dipen-
dono solamente dal comportamento della funzione in un intorno del punto
x
0
. Ora invece studiamo le propriet`a delle funzioni in relazione a tutto il loro
dominio, che frequentemente (ma non sempre) sar`a un intervallo.
4.1 Il teorema delle funzioni monotone e le sue
conseguenze
La denizione di limite permette solamente di vericare che il limite `e eet-
tivamente ci`o che lintuizione ci ha suggerito. In particolare, non asserisce che
un limite debba esistere o meno. Invece:
Teorema 87 Sia f(x) una funzione crescente sullintervallo (a, x
0
) con x
0

+. Esiste il limite lim
xx
0

f(x) e inoltre
lim
xx
0

f(x) = supf(x) [ x<x


0
.
Se la funzione `e denita e crescente su (x
0
, b) con x
0
, allora esiste
lim
xx
0
+
f(x) e vale
lim
xx
0
+
f(x) = inff(x) [ x>x
0
.
Per esercizio, si formuli il risultato analogo per le funzioni decrescenti.
Prima di provare il teorema, vediamone alcune conseguenze.
Prima di tutto va notato che il segno di disuguaglianza `e stato scritto
in colore, per sottolineare che le disuguaglianze sono strette. Anche se
la funzione `e denita in x
0
, il valore che essa prende in x
0
non compare
nellenunciato del teorema.
99
100 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Se f(x) `e crescente in (a, b) e se x
0
(a, b) allora si ha
lim
xx
0

f(x) f(x
0
) lim
xx
0
+
f(x) .
niente vieta che lim
xx
0

f(x) = +. In questo caso la funzione, se deve


essere crescente, non pu`o essere denita a destra di x
0
. Analogamente, se
lim
xx
0
+
f(x) = , la funzione, se crescente, non pu`o essere denita
a sinistra di x
0
.
In particolare: se la funzione (crescente) `e denita in x
0
, i limiti dire-
zionali esistono e sono niti. Ossia: i punti di discontinuit`a di
funzioni monotone sono tutti salti.
di conseguenza, limmagine di una funzione monotona su un
intervallo e discontinua NON `e un intervallo.
Lultima aermazione `e importante perche permette di provare la conti-
nuit`a di certe funzioni senza fare calcoli. Per esempio:
la funzione f(x) =

x `e continua. Infatti `e la funzione inversa della
restrizione a [0, +) di g(x) = x
2
. E monotona e la sua immagine `e
[0, +), un intervallo; e pertanto `e continua;
la funzione log
a
x `e la funzione inversa della funzione a
x
, denita su R.
Dunque, log
a
x `e monotona e ha immagine R. Quindi non ha salti e
pertanto `e continua.
La dimostrazione del teorema delle funzioni monotone
Proviamo il teorema per i limiti destri di funzioni crescenti. Inoltre, studiamo
il caso x
0
< + lasciando per esercizio il caso in cui x tenda a + oppure
.
Conviene distinguere due casi:
Il caso supf(x) [ x < x
0
= +, ossia f(x) superiormente
illimitata
Come si `e notato, in questo caso x
0
`e lestremo destro del dominio della
funzione e bisogna provare
lim
xx
0

f(x) = +.
4.1. IL TEOREMADELLE FUNZIONI MONOTONE E LE SUE CONSEGUENZE101
Dunque vanno considerate le disequazioni
f(x) >
e va provato che ciascuna di esse `e soddisfatta in un intervallo (c, x
0
), con
c = c

< x
0
.
Essendo la funzione superiormente illimitata, esiste un particolare x

tale
che
f(x

) > .
La funzione `e crescente e quindi per x (x

, x
0
) si ha
f(x) f(x

) > .
Dunque, si pu`o scegliere c

= x

.
Il caso supf(x) [ x < x
0
= l < +
In questo caso va provato
lim
xx
0

f(x) = l
e quindi vanno considerate le disequazioni
l < f(x) < l + .
Va mostrato che ciascuna di esse `e soddisfatta in un intervallo (c

, x
0
).
La denizione di estremo superiore mostra che esiste x

per cui
l < f(x

) .
La funzione `e crescente e quindi
x (x

, x
0
) = f(x

) f(x) l .
Lultima disuguaglianza discende dalla denizione di l.
Lasserto segue scegliendo c

= x

.
102 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Lipotesi che il dominio sia un intervallo non `e stata usata nella di-
mostrazione del teorema delle funzioni monotone. Esso vale per fun-
zioni denite su un qualsiasi insieme. In particolare, vale per le
successioni.
Nel caso delle successioni, il teorema delle funzioni monotone pu`o
enunciarsi come segue:
Teorema 88 Se x
n
`e una successione monotona, essa ammette
limite, nito o meno, e vale:
se la successione `e crescente allora limx
n
= supx
n
, n N;
se la successione `e decrescente allora limx
n
= infx
n
, n N.
Prendiamo loccasione oerta dal Teorema 88 per introdurre un nuovo ter-
mine: una successione che ammette limite per n +, nito oppure +
oppure , si chiama successione regolare .
4.2 Il teorema di esistenza degli zeri
Il contenuto di questo teorema sembra intuitivo, ma non `e per niente cos`.
Infatti, si consideri lequazione
x
3
= 2 .
Per provare lesistenza di soluzioni, si pu`o ragionare cos`: la funzione f(x) = x
3
vale 8 per x = 2 e vale +8 per x = +2. Inoltre `e continua. Quindi, il suo
graco non fa salti e da qualche parte deve tagliare la retta y = 2; ossia
lequazione ammette almeno una soluzione.
Questo discorso, dallapparenza convincente, `e sostanzialmente falso: pen-
siamo di lavorare con valori di x solamente razionali. Le condizioni su f(x)
dette sopra valgono in Q, ma nessun numero razionale verica x
3
= 2.
Dunque, il ragionamento `e sbagliato se si lavora in Q. Proviamo che il
ragionamento `e corretto se si lavora in R.
Ricordiamo la dierenza essenziale tra Q e R: in R vale la propriet`a di
Dedekind: ogni insieme superiormente limitato ammette estremo
superiore.
Teorema 89 Si consideri lequazione
f(x) = c , x [a, b] R. (4.1)
4.2. IL TEOREMA DI ESISTENZA DEGLI ZERI 103
Questequazione ammette almeno una soluzione se:
(f(a) c) (f(b) c) 0
la funzione f(x) `e continua su [a, b].
Dim. Se (f(a) c) (f(b) c) = 0 allora x = a oppure x = b risolve
lequazione. Quindi consideriamo il caso
(f(a) c) (f(b) c) < 0
(disuguaglianza stretta). ossia il caso in cui f(a) ed f(b) sono da parti opposte
del valore c. Per ssare le idee, sia
f(a) < c , f(b) > c .
La funzione f(x) `e continua e quindi, per il teorema di permanenza del segno,
esiste > 0 tale che
f(x) < c x [a, a + ] , f(x) > c x [b , b] . (4.2)
Consideriamo linsieme
I = x [a, b] [ f(x) < c
ed il suo estremo superiore x
0
che, a causa di (4.2), verica
x
0
= sup I [a + , b ]
e inoltre
x > x
0
= f(x) > c . (4.3)
Notiamo:
La funzione `e denita in x
0
perche x
0
`e compreso tra a e b e il do-
minio della funzione `e tutto lintervallo [a, b]. Lipotesi che la
funzione `e denita su un intervallo viene eettivamente usata in questa
dimostrazione.
Mostriamo che
f(x
0
) = c
provando che non pu`o aversi ne f(x
0
) < c ne f(x
0
) > c.
104 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
se fosse f(x
0
) < c, per il teorema di permanenza del segno per le
funzioni continue si troverebbe tale che
x (x
0
, x
0
+ ) = f(x) < c .
In particolare si avrebbe f(x) < c in (x
0
, x
0
+ ) contro la (4.3).
se fosse f(x
0
) > c, per il teorema di permanenza del segno per le
funzioni continue si troverebbe tale che
x (x
0
, x
0
+ ) = f(x) > c .
Combinando questa con la (4.3) si vede che
x (x
0
, b] = f(x) > c .
Dunque, I (a, x
0
], contro la denizione di x
0
= sup I.
Di conseguenza, il punto x
0
, la cui esistenza `e assicurata dalla propriet`a
di Dedekind valida per R, verica f(x
0
) = c.
Il Teorema 89 si chiama teorema dei valori intermedi . La versio-
ne del teorema che si ottiene ponendo c = 0 si chiama Teorema di
esistenza degli zeri .
Noto questo teorema possiamo anche estendere le considerazioni da cui
siamo partiti:
Corollario 90 Se f(x) `e continua su R ed inoltre i due limiti (niti o meno)
lim
x
f(x) , lim
x+
f(x)
hanno segni opposti, la funzione ammette almeno uno zero.
In particolare, tutti i polinomi di grado dispari hanno uno zero in R.
Dim. Infatti, il teorema di permanenza del segno garantisce lesistenza di R
tale che
f(R) f(R) < 0 .
Si applica quindi il teorema 89 allintervallo [R, R].
Questo risultati si applica in particolare ai polinomi di grado dispari perche
essi sono inniti di segno opposto per x + e per x .
Interpretiamo ora questi risultati dal punto di vista del graco di due
funzioni:
4.2. IL TEOREMA DI ESISTENZA DEGLI ZERI 105
Corollario 91 Siano f(x) e g(x) due funzioni continue su [a, b] e supponiamo
che
f(a) < g(a) , f(b) > g(b)
(o viceversa).
I graci delle due funzioni hanno almeno un punto comune.
Dim. I graci hanno un punto comune quando esiste una soluzione x [a, b]
dellequazione
f(x) = g(x) ossia di f(x) g(x) = 0 .
Lesistenza di (almeno) una soluzione di questequazione segue dal Teorema 89,
notando che
f(a) g(a) < 0 , f(b) g(b) > 0 .
.
4.2.1 Una conseguenza sulle funzioni iniettive
Una funzione strettamente monotona `e iniettiva e quindi invertibile. Il con-
trario non vale. Si sono visti esempi di funzioni invertibili ma non monotone.
Per`o gli esempi che abbiamo visto sono
esempi di funzioni continue ma non denite su un intervallo;
esempi di funzioni denite su un intervallo ma non continue.
Il teorema seguente mostra la ragione:
Teorema 92 Sia f(x) una funzione continua su un intervallo [a, b]. Se essa
`e iniettiva, allora `e strettamente monotona.
Dim. Liniettivit`a implica che f(a) ,= f(b). Consideriamo il caso
f(a) < f(b) .
Proviamo che ci`o implica che la funzione `e strettamente crescente, ossia
che per ogni x
1
ed x
2
di [a, b] con x
1
< x
2
si ha
f(x
1
) < f(x
2
)
(luguaglianza non pu`o aversi perche la funzione `e iniettiva). Consideriamo
prima di tutto i tre punti a, x
1
e b e proviamo che f(a) < f(x
1
) < f(b).
106 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Sia per assurdo
f(x
1
) < f(a) < f(b) .
Il teorema dei valori intermedi applicato a [x
1
, b] implica che esiste d (x
1
, b)
tale che f(d) = f(a). Ci`o non pu`o darsi perche la funzione `e iniettiva.
Dunque,
f(a) < f(x
1
)
e procedendo in modo analogo si vede anche che
f(x
1
) < f(b) .
Sia ora x
2
(x
1
, b].
Sullintervallo [x
1
, b] si pu`o lavorare come si `e fatto prima sullintervallo
[a, b] e si trova
f(x
1
) < f(x
2
) < f(b) .
In denitiva, qualsiasi coppia di punti x
1
, x
2
di [a, b] tali che x
1
< x
2
verica
anche f(x
1
) < f(x
2
). E quindi la funzione `e crescente su [a, b].
Il caso f(a) > f(b) si tratta in modo analogo.
4.3 Il teorema di Weierstrass
Il teorema di Weierstrass `e estremamente importante, ma non ne presentiamo
la dimostrazione.
Notiamo che esistono funzioni continue prive di punti di massimo e di
minimo. Sono esempi le funzioni arctan x, denita su R, la funzione f(x) = 1/x
denita su (0, +) ma anche la funzione f(x) = 1/x denita su (0, 1], che
ammette punto di minimo (x = 1) ma non punto di massimo.
In questi esempi le funzioni sono continue su intervalli che non sono chiusi
oppure non sono limitati. Invece:
Teorema 93 (di Weierstrass) Una funzione f(x) continua e denita su
un intervallo limitato e chiuso ammette sia punti di massimo che punti di
minimo assoluti.
Il teorema non aerma lunicit`a dei punti di massimo o di minimo.
E importante notare che questo teorema si pu`o riadattare per dimostrare
lesistenza di punti di massimo e/o di minimo anche in casi in cui le ipotesi
non sono soddisfatte. Consideriamo lesempio seguente:
4.4. FUNZIONI DERIVABILI SU INTERVALLI 107
Esempio 94 Supponiamo che la funzione f(x) sia continua su R e verichi
lim
x
f(x) = lim
x+
f(x) = c . (4.4)
Esista un punto x
0
tale che d = f(x
0
) > c. Allora, la funzione ammette punto
di massimo.
Infatti, sia = (d c)/2. Per denizione di limite, esiste R > 0 tale che
[x[ > R = f(x) < c +
d c
2
=
d + c
2
< d .
Dunque, se [x[ > R vale f(x) < d = f(x
0
). Quindi, gli eventuali massimi di
f(x) vanno ricercati su [R, R].
La funzione f(x) `e continua in particolare su [R, R], intervallo limitato e
chiuso, e quindi ammette ivi un punto di massimo x
1
:
f(x
1
) f(x) x [R, R] .
In particolare si ha anche f(x
1
) f(x
0
).
Se x / [R, R] si ha
f(x) < f(x
0
) f(x
1
) .
Dunque, il punto x
1
`e punto di massimo (assoluto) per la funzione f(x)
considerata su R.
Questo caso `e illustrato nei graci della gura 4.1. Si noti che il graco
a sinistra mostra anche lesistenza di un punto di minimo, che per`o non `e
conseguenza della propriet`a (4.4). Infatti, la funzione a destra non ha punti
di minimo.
In modo analogo si provi che se f(x) `e denita su (a, b) e se
lim
xa
f(x) = lim
xb
f(x) = +
allora la funzione ammette punti di minimo (assoluti).
4.4 Funzioni derivabili su intervalli
I due teoremi principali che riguardano le funzioni derivabili in tutti i punti di
un intervallo sono il Teorema di Rolle e il Teorema di Lagrange .
Teorema 95 (di Rolle) Sia f(x) una funzione con le seguenti propriet`a:
108 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Figura 4.1:
10 8 6 4 2 0 2 4 6 8 10
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
1.4
1.6
1.8
2
5 4 3 2 1 0 1 2 3 4 5
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
`e continua nellintervallo limitato e chiuso [a, b];
`e derivabile nei punti dellintervallo aperto (a, b);
vale f(a) = f(b).
Allora, esiste c (a, b) tale che f

(c) = 0.
Dim. Se la funzione `e costante, la sua derivata `e nulla in ogni punto e quindi
un qualsiasi punto di (a, b) pu`o scegliersi come punto c.
Sia f(x) non costante. La funzione `e continua su [a, b], limitato e chiuso,
e quindi per il Teorema di Weierstrass ammette un punto di minimo x
0
e un
punto di massimo x
1
e vale
f(x
0
) ,= f(x
1
) ,
perche la funzione non `e costante.
Dunque non pu`o essere che x
0
ed x
1
siano gli estremi a e b dellintervallo,
perche in tali punti la funzione prende lo stesso valore.
Quindi almeno uno dei due punti x
0
oppure x
1
`e interno allintervallo: si
tratta di un punto c di estremo, interno allintervallo, e in cui la funzione `e
derivabile. Dunque si ha f

(c) = 0 per il Teorema di Fermat.


Esempio 96 Osserviamo che le tre ipotesi del Teorema di Rolle non possono
essere eliminate, come provano gli esempi seguenti:
4.4. FUNZIONI DERIVABILI SU INTERVALLI 109
la funzione
f(x) = x per 0 x < 1, f(1) = 0
non `e continua su [0, 1] ma verica le altre ipotesi del Teorema di Rolle.
La sua derivata non si annulla su (0, 1);
la funzione f(x) = [x[ non `e derivabile su (1, 1) ma verica le altre
ipotesi del Teorema di Rolle su [1, 1]. In nessuno dei punti in cui
esiste, la derivata prima si annulla;
la funzione f(x) = x, denita su [1, 1], verica le prime due ipotesi del
Teorema di Rolle, ma non la terza. La sua derivata prima non `e mai
nulla.
Se si rimuove la terza ipotesi del Teorema di Rolle si trova:
Teorema 97 (Teorema di Lagrange) La funzione f(x) verichi le seguen-
ti ipotesi:
`e continua sullintervallo limitato e chiuso [a, b];
`e derivabile in ogni punto di (a, b).
Allora, esiste c (a, b) tale che
f

(c) =
f(b) f(a)
b a
.
Dim. Si noti che
y = f(a) +
f(b) f(a)
b a
(x a)
`e lequazione della corda che congiunge i punti del graco
(a, f(a)) , (b, f(b)) .
Dunque, la funzione
g(x) = f(x)
_
f(a) +
f(b) f(a)
b a
(x a)
_
verica le tre ipotesi del Teorema di Rolle. Dunque, esiste c (a, b) tale che
g

(c) = 0 ossia f

(c) =
f(b) f(a)
b a
.
110 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Ricordando che f

(c) `e la pendenza della tangente al graco della funzione


in (c, f(c)) si vede il signicato geometrico del Teorema di Lagrange: esiste
un punto del graco in cui la tangente al graco stesso `e parallela
alla corda congingente i suoi estremi.
Il punto c che gura nel Teorema di Lagrange si chiama punto di Lagrange
per f(x) su (a, b). Il teorema asserisce lesistenza, sotto le opportune ipotesi,
del punto di Lagrange ma non lunicit`a: potrebbero esistere inniti punti di
Lagrange per f(x) sullintervallo (a, b).
Osservazione 98 Va osservato che:
il teorema di Rolle implica il Teorema di Lagrange che, a sua volta, si
riduce al Teorema di Rolle se vale f(a) = f(b). Ossia, i due teoremi sono
equivalenti. Usa tenerli distinti solo per chiarezza di esposizione;
come il Torema di Rolle, il Teorema di Lagrange non vale se la funzione
con cui si lavora non `e continua;
se la funzione `e derivabile su (a, b), allora le ipotesi del Teorema di La-
grange valgono su ogni sottointervallo [x
1
, x
2
] di (a, b), e anzi vale di pi` u:
le ipotesi valgono in [x
1
, x
2
] se f(x) `e derivabile su (a, b), anche se non
`e continua negli estremi. Quindi: sia f(x) derivabile su (a, b). Per ogni
coppia di punti x
1
, x
2
di (a, b) esiste c tale che
f

(c) =
f(x
2
) f(x
1
)
x
2
x
1
. (4.5)
Il punto c dipende sia da x
1
che da x
2
.
Applicando il teorema di Rolle alla funzione f(x) g(x) si pu`o anche
provare la seguente generalizzazione del teorema di Lagrange: se le due
funzioni sono continue su [a, b] e derivabili su (a, b) e se inoltre
f(a) = g(a) , f(b) = g(b)
allora esiste c (a, b) con questa propriet`a: le tangenti ai graci di f(x)
e g(x) rispettivamente nei punti (c, f(c)) e (c, g(c)) (con la medesima
ascissa c) sono parallele. Si veda la gura 4.2.
La formula (4.5) si chiama seconda formula degli incrementi niti o
anche formula della media . La formula della media si scrive anche
f(x
2
) f(x
1
) = f

(c)(x
2
x
1
) ossia f(x
2
) = f(x
1
) + f

(c)(x
2
x
1
) .
(4.6)
4.4. FUNZIONI DERIVABILI SU INTERVALLI 111
Figura 4.2: Il teorema di Lagrange, a sinistra, e la sua generalizzazione, a
destra
x
y
x
y
4.4.1 Conseguenze del Teorema di Lagrange
Elenchiamo due conseguenze importanti del Teorema di Lagrange. Assumiamo
di lavorare con una funzione f(x) continua in un intervallo [a, b].
112 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Conseguenza 1)
Se f

(x) = 0 in ogni punto dellintervallo (a, b), allora f(x) `e costante su (a, b).
Infatti, si ssi un punto x
0
(a, b). Facciamo vedere che in ogni altro
punto vale
f(x) = f(x
0
) .
Per questo, basta notare che la (4.6) implica lesistenza di c tale che
f(x) = f(x
0
) + f

(c)(x x
0
) .
Lasserto segue perche f

(c) = 0.
Di conseguenza:
Lemma 99 Siano F(x) e G(x) denite sul medesimo intervallo (a, b) e
derivabili in ciascun punto di (a, b). Se per ogni x (a, b) si ha
F

(x) = G

(x)
allora esiste c R tale che
F(x) = G(x) + c .
Dim. Infatti, la funzione F(x) G(x) ha derivata nulla su (a, b) e quindi `e
costante,
F(x) G(x) c .
Se F(x) = G(x) +c con c costante, si dice che le due funzioni dieriscono
per una costante.
Osservazione 100 Lipotesi che il dominio delle funzioni sia un intervallo
`e essenziale. Per esempio, si considerino le due funzioni F(x) e G(x) denite
su (2, 1) (1, 2) con F(x) 0 e invece G(x) = sgn x. Ambedue le funzioni
hanno derivata nulla in tutti i punti del loro dominio, ma la loro dierenza
non `e costante.
Conseguenza 2)
Se f(x) `e derivabile su (a, b) e se f

(x) 0, allora f(x) `e crescente su (a, b);


se f(x) `e derivabile su (a, b) e se f

(x) 0, allora f(x) `e decrescente su (a, b).


Sia f

(x) 0 su (a, b). Si scelgano x


1
ed x
2
arbitrari in (a, b). La (4.5)
mostra che
f(x
2
) f(x
1
)
x
2
x
1
= f

(c) .
4.5. LE PRIMITIVE 113
Il punto c `e un opportuno punto, che non `e noto; ma comunque f

(c) 0:
f(x
2
) f(x
1
)
x
2
x
1
0 .
Poiche ci`o vale per ogni coppia di punti x
1
ed x
2
in (a, b), segue che la funzione
`e crescente.
In modo analogo si tratta il caso f

(x) 0.
Riassumiamo quanto abbiamo detto nel primo enunciato del teorema
seguente:
Teorema 101 vale:
se f(x) `e derivabile su (a, b) con derivata positiva, la funzione `e crescente
su (a, b); se la derivata `e negativa la funzione `e decrescente su (a, b);
se f(x) `e:
continua su (a, b)
derivabile su (a, x
0
) con derivata positiva (oppure: negativa)
derivabile su (x
0
, b) con derivata negativa (oppure: positiva)
la funzione ha punto di massimo (oppure: minimo) in x
0
.
Dim. La prima aermazione `e gi`a stata provata. Proviamo la seconda.
La funzione `e crescente in (a, x
0
) ed essendo continua in x
0
si ha
f(x
0
) f(x) x < x
0
.
La funzione `e decrescente in (x
0
, b) ed essendo continua in x
0
si ha ancora
f(x
0
) f(x) x > x
0
.
In denitiva, f(x
0
) f(x) per ogni x (a, b), ossia x
0
`e punto di massimo.
In modo analogo si tratta il caso del minimo.
4.5 Le primitive
Siano F(x) e f(x) due funzioni denite su un medesimo intervallo (a, b). La
funzione F(x) si dice primitiva di f(x) su (a, b) se `e derivabile in ogni
x (a, b) e vale
F

(x) = f(x) x (a, b) .


114 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Dunque, una primitiva `e sempre una funzione continua.
Fatto importante: mentre la derivata, se esiste, `e unica, la primitiva, se
esiste, non `e mai unica. Infatti, se c R, per ogni x
0
(a, b) vale:
D
x
0
(F(x) + c) = F

(x
0
) .
Dunque, F(x) ed F(x)+c sono primitive della medesima funzione. Vale anche
il viceversa:
Teorema 102 Siano F
1
(x) ed F
2
(x) due primitive della funzione f(x) sul
medesimo intervallo (a, b). Esse dieriscono per una costante, ossia esiste
c R tale che
F
1
(x) = F
2
(x) + c .
Dim. Si veda il Lemma 99.
Di conseguenza:
Corollario 103 Supponiamo che f(x) ammetta primitive su (a, b). Esiste
ununica primitiva F(x) che si annulla in un ssato x
0
(a, b).
Dim. Sia infatti F
1
(x) una qualsiasi primitiva di f(x) su (a, b). La primitiva
che si annulla in x
0
`e
F(x) = F
1
(x) F
1
(x
0
) .
Linsieme di tutte le primitive della funzione f(x) su un intervallo (a, b) si
indica col simbolo
_
f(x) dx
e si chiama l integrale indenito di f(x). Si noti che:
lintervallo (a, b) non compare esplicitamente nel simbolo ma viene
sottinteso;
il colore rosso `e stato usato per sottolineare il fatto che
_
dx
`e un unico simbolo, e non va separato.
Noi useremo il simbolo
_
x
x
0
f(x) dx
per intendere quella particolare primitiva che si annulla in x
0
.
4.5. LE PRIMITIVE 115
VARIABILE MUTA DI INTEGRAZIONE
Il simbolo
_
f(x) dx
indica un insieme di funzioni denite su un (sottinteso) intervallo (a, b).
La lettera che si usa per indicare la variabile indipendente non ha alcuna
inuenza sul concetto di primitiva. Per questo potremmo cambiarla
arbitrariamente scrivendo per esempio
F(x) + c =
_
f(x) dx =
_
f(s) ds =
_
f() d
ecc.
Analogamente, per indicare la primitiva che si annulla in x
0
potremo
scrivere
_
x
x
0
f(x) dx =
_
x
x
0
f(s) ds =
_
x
x
0
f() d .
Per questa ragione la lettera che indica la variabile sotto il segno di
primitiva si chiama variabile muta dintegrazione .
Sebbene questo non sia esplicitamente richiesto dalla denizione di primi-
tiva, nella maggior parte dei casi le primitive di f(x) su (a, b) sono denite e
continue sullintervallo [a, b]. In tal caso,
_
x
a
f(x) dx
indicher`a quella particolare primitiva che si annulla in a. Se F(x) `e una
qualsiasi primitiva (continua in a) di f(x), sar`a
_
x
a
f(x) dx = F(x) F(a)
Attenzione che il simbolo
_
dx e il termine integrale hanno vari
signicati concettualmente diversi. Il signicato di primitiva `e solo
uno di essi.
Inne, notiamo questo teorema, che proveremo in seguito (si veda il
Teorema 155):
116 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Teorema 104 Ogni funzione continua su un intervallo ammette ivi primitive.
Si faccia attenzione che per`o non `e vero che sia possibile esprimere in
modo elementare le primitive di funzioni anche semplici. Per esempio, non
`e possibile rappresentare le primitive di e
x
2
oppure di sin x
2
o di (sin x)/x
mediante funzioni elementari.
Regole di calcolo per le primitive
NOTAZIONE
In questo paragrafo, useremo lettere maiuscole e le corrispondenti lette-
re minuscole, F ed f, per indicare funzioni. Intenderemo che tra queste
coppie di funzioni valga
f(x) = F

(x) .
Le primitive si calcolano leggendo alla rovescia la tabella delle derivate e
usando le regole di calcolo che ora vediamo e che sono conseguenza della linea-
rit`a della derivata, della regola di Leibniz e della regola di derivazione
della funzione composta.
Esaminiamo separatamente i tre casi.
Conseguenza della linearit`a della derivata `e la linearit`a dellintegrale
ossia
c
_
f(x) dx + d
_
g(x) dx =
_
(cf(x) + dg(x)) dx
(c e d sono numeri).
Conseguenza della regola di Leibniz `e una regola che si chiama
integrazione per parti .
Siano F(x) e G(x) primitive rispettivamente di f(x) e g(x) su (a, b). Allora
vale
_
f(x)G(x) dx = F(x)G(x)
_
F(x)g(x) dx
Questa regola si ricorda facilemte intendendo che d indichi la derivata,
cos` che dx indica 1. Con questa convenzione, la regola di integrazione per
parti si scrive
_
F(x) dG(x) = F(x)G(x)
_
G(x) dF(x) .
4.5. LE PRIMITIVE 117
La regola di integrazione per parti `e utile quando `e dato da calcolare lintegrale
di sinistra, che non si sa calcolare direttamente, mentre invece si riesce a
calcolare quello di destra.
Conseguenza della regola di derivazione della funzione composta
`e la regola di integrazione per sostituzione . Sia F(y) una primitiva di f(y)
su (a, b) e sia G(x) denita su (, ). Allora vale
_
f(G(x))G

(x) dx = F(G(x)) + c .
Anche questa regola si ricorda meglio se si integrpreta d come segno di
derivata perche cos` essa prende la forma
_
f(G(x))dG(x) = F(G(x)) + c
e si pu`o interpretare come segue: alla G(x) si sostituisce la variabile u e si
calcola
_
f(u) du = F(y) + c .
Quindi ad y si sostituisce G(x).
La semplice formulazione non inganni. Questa `e la pi` u dicile delle regole
da usare e presenta due casi distinti.
Caso 1) Lintegrando ha forma f(G(x))g(x).
In questo caso, si calcola F(y) e al posto di y si sostituisce G(x).
Esempio 105 Si voglia calcolare
_
(sin x)
2
cos x dx.
Si scriva questintegrale come
_
(sin x)
2
d sin x.
Si sostituisca sin x = u e si noti che
_
u
2
du =
1
3
u
3
+ c .
Si sostituisca ora u con sin x. Si ottiene
_
(sin x)
2
cos x dx =
1
3
sin
2
x + c .
118 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Caso 2) La sostituzione va inventata.
In questo caso `e data da calcolare la primitiva di una funzione f(x) e labitudine
o la fantasia porta ad immaginare una funzione G(x) tale che sia facile il
calcolo delle primitive di f(G(x))G

(x). Le formule di trigonometria, circolare


o iperbolica, spesso suggeriscono la sostituzione.
Esempio 106 Si vogliono le primitive della funzione
f(x) =

1 x
2
.
Ovviamente x (1, 1).
Non `e aatto evidente come si possano calcolare queste primitive. Per`o si
nota che
y =

1 x
2
`e la met`a superiore della circonferenza trigonometrica e, come si `e notato al
paragrafo 2.5, ciascun punto della circonferenza trigonometrica si rappresenta
come (cos , sin ). La rappresentazione `e unica se si sceglie [0, 2) e si ha
la semicirconferenza superiore se si sceglie (0, ).
Ci`o suggerisce la trasformazione
x = G() = cos = g() = G

() = sin .
Sostituendo
x cos
dx d cos = sin
si trova lintegrale

_
sin
2
d .
Ricordando la formula di bisezione,
sin
2
=
1
2
[1 cos 2] .
Quindi

_
sin
2
d =
1
2
+
1
4
sin 2 +c , (0, ) .
Il calcolo per`o non `e concluso. Questa `e la primitiva di F(G()) mentre noi
vogliamo F(x). La funzione cos su [0, ] `e invertibile: la sua funzione inversa
4.5. LE PRIMITIVE 119
`e arccos x. Al posto di si sostituisce ora arccos x e si trova
F(x) =
1
2
arccos x +
1
4
sin 2 (arccos x)
=
1
2
arccos x +
1
2
sin (arccos x) cos (arccos x)
=
1
2
arccos x + x
_
1 (cos (arccos x) )
2
=
1
2
arccos x + x

1 x
2
.
Usando la formula
cosh
2
x sinh
2
x = 1
si calcolino le primitive di
f(x) =

1 + x
2
.
Primitive di funzioni razionali
Dalla tabella delle derivate si vede che
_
x
n
dx =
1
n + 1
x
n+1
+c .
Combinando questosservazione con la linearit`a dellintegrale, segue che ogni
polinomio ammette primitive, e queste sono polinomi.
La tabella delle derivate mostra che
_
1
x a
dx = log [x a[ + c ,
_
1
1+x
2
dx = arctan x + c ,
_
1
x
2
dx =
1
x
+ c .
Dunque, integrando funzioni razionali si possono trovare funzioni pi` u
complicate; si possono trovare logaritmi ed arcotangenti.
Proviamo ora che funzioni razionali, logaritmo ed arcotangente bastano ad
integrare tutte le funzioni razionali.
120 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Osservazione sulla notazione
Le primitive devono essere denite su intervalli. Dunque, log [x a[ ed
1/x non sono funzioni primitive. Sono funzioni primitive le funzioni
log(x a) x > a , log(a x) x < a ,
1
x
x > 0 ,
1
x
x < 0 .
Per non appesantire la notazione, in genere si lascia al lettore di
determinare lintervallo su cui lavorare.
Questosservazione, che sembra qui un po capziosa, assumer`a un
signicato sico importante quando studieremo le equazioni
dierenziali.
Ricordiamo che come funzione razionale si intende il quoziente di due
polinomi,
R(x) =
p(x)
d(x)
.
Se il grado di p(x) `e maggiore o uguale di quello del denominatore, si pu`o
dividere ottenendo
R(x) =
p(x)
d(x)
= p
0
(x) +
q(x)
d(x)
e il grado di q(x) `e minore di quello di d(x). Dato che le primitive dei polinomi
si sanno calcolare, basta calcolare le primitive di
q(x)
d(x)
, grado di q < grado di d.
Il calcolo delle primitive ora si fa identicando i poli della funzione raziona-
le; ossia i punti in cui si annulla il denominatore, che possono essere reali o
complessi.
I numeri complessi si studieranno in seguito, ma per i calcoli che ora
andiamo a fare non ne abbiamo realmente bisogno.
Il calcolo delle primitive si fa seguendo la falsariga degli esempi seguenti.
Poli reali semplici
E il caso in cui d(x) ha grado n ed inoltre ha n radici distinte. Se ci`o vale si
dice che la funzione f(x) ha n poli semplici .
4.5. LE PRIMITIVE 121
In questo caso si procede come nellesempio che segue:
r(x) =
x
2
4x + 1
x(x 2)(x + 3)
.
Si scrive r(x) come somma:
r(x) =
A
x
+
B
x 2
+
C
x + 3
Riducendo allo stesso denominatore si trova che i tre numeri A, B, C devono
vericare
A(x 2)(x + 3) + Bx(x + 3) + Cx(x 2)
= x
2
(A + B + C) + x(A + 3B 2C) + (6A) = x
2
4x + 1 .
Quindi, i valori di A, B, C si trovano risolvendo il sistema
_
_
_
6A = 1
A + 3B 2C = 4
A + B + C = 1
da cui
_
_
_
A =
1
6
B =
13
30
C =
8
5
.
Noti i valori delle costanti A, B e C, il calcolo della primitiva `e immediato.
Questo metodo pu`o usarsi tutte le volte che il denominatore ha tutte le
radici reali e distinte.
Poli reali semplici o meno
Se un polinomio P(x) si fattorizza come
P(x) = (x x
0
)
r
Q(x) , Q(x
0
) ,= 0 ,
si dice che x
0
`e uno zero di molteplicit`a r di P(x); e se P(x) `e il denominatore
di una funzione razionale il cui numeratore non si annulla in x
0
, si dice che x
0
`e un polo di molteplicit`a r della funzione razionale.
In questo caso si procede come nellesempio seguente:
r(x) =
x
2
4x + 1
(x 2)
2
(x + 3)
.
Il polo semplice 3 si tratta come sopra: gli si fa corrispondere unaddendo
C
x + 3
.
122 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Invece al polo doppio 2 si fa corrispondereladdendo
Ax + B
(x 2)
2
Imponendo
x
2
4x + 1
(x 2)
2
(x + 3)
=
Ax +B
(x 2)
2
+
C
x + 3
Riducendo allo stesso denominatore si trova che i numeri A, B e C devono
vericare lidentit` a
(A + C)x
2
+ (3A + B 4C)x + 3B + 4C = x
2
4x + 1 .
e quindi si trova che deve essere
A =
39
17
, B =
9
17
, C =
22
17
.
A questo punto si nota che
Ax + B
(x 2)
2
=
A(x 2) + (2A + B)
(x 2)
2
=
A
x 2
+
2A +B
(x 2)
2
.
La primitiva di questi addendi si trova direttamente dalla tavola delle derivate.
il caso generale
In generale, il denominatore av`a anche zeri non reali. Noi ci limitiamo al
caso in cui gli zeri non reali sono semplici. Il prototipo `e il caso
1
x
2
+bx +c
, c
1
4
b
2
=
2
> 0 .
In questo caso, si pu`o completare il quadrato, scrivendo
1
_
x +
b
2
_
2
+
2
=
1

2
1
1 +
_
x

+
b
2
_
2
le cui primitive sono
1

arctan
_
x

+
b
2
_
+ c .
E ora, nel caso in cui ci siano anche poli reali, semplici o meno, si decompone
la funzione razionale in una somma di termini del tipo
p(x)
(x x
0
)
n
4.5. LE PRIMITIVE 123
se x
0
`e radice reale del denominatore, di molteplicit`a n. Il polinomio p(x) deve
avere grado n 1.
A ciascuno dei fattori x
2
+ bx + c del denominatore, con discriminante
negativo, si fa corrispondere un addendo della forma
Ax + B
x
2
+bx +c
.
La decomposizione appena descritta delle funzioni razionali si chiama
decomposizione in fratti semplici .
4.5.1 Primitive generalizzate
Supponiamo che F(x) sia continua su (a, b) e che valga
F

(x) = f(x)
in tutti i punti di (a, b), salvo un numero nito di essi. In tal caso si dice che
F(x) `e una primitiva generalizzata di f(x).
Si noti che F(x) potrebbe non essere derivabile in alcuni punti di (a, b) (in
numero nito) e quindi la continuit` a va imposta esplicitamente.
Le primitive generalizzate si calcolano facilmente procedendo come nelle-
sempio seguente.
Esempio 107 Sia
f(x) =
_
x
2
se x < 0
cos x se x > 0 .
Le funzioni
F
1
(x) = (1/3)x
3
+ c , F
2
(x) = sin x +d
vericano rispettivamente
_
F

1
(x) = f(x) se x < 0
F

2
(x) = f(x) se x > 0 .
La funzione F(x) = F
1
(x) per x < 0 ed F
2
(x) = F
2
(x) per x > 0 NON `e una
primitiva di f(x) perche non `e denita in 0; e non lo `e in generale nemmeno
se si assegna ad essa un valore in 0 perche in generale non sar`a continua. Per` o
vale
_
lim
x0
F
1
(x) = c
lim
x0+
F
2
(x) = d .
124 CAPITOLO 4. FUNZIONI SU INTERVALLI
Si imponga allora prima di tutto luguaglianza dei limiti ossia in
questesempio si imponga
c = d .
Quindi si estenda F(x) per continuit` a anche nel punto 0 ossia, in questesempio
si imponga
F(0) = c = d .
Si `e trovata cos` una primitiva generalizzata di f(x).
Dunque, linsieme di tutte le primitive generalizzate di f(x) `e
_
1
3
x
3
+ c se x 0
c + sin x se x > 0 .
Si noti che la f(x) non era denita in x = 0, mentre F(x) deve essere
denita su un intervallo, e quindi anche in 0. Se si fosse assegnato
f(0) = 7 ,
o qualsiasi altro numero, niente sarebbe cambiato nella procedura descritta.
Infatti, non si richiede ne che F(x) sia derivabile in 0 ne, se derivabile, si
richiede F

(0) = f(0). Dunque, le funzioni


F(x) =
_
1
3
x
3
+ c se x 0
c + sin x se x > 0
sono anche le primitive di
f(x) =
_
_
_
x
2
se x < 0
f(x) = 7 se x = 0
cos x se x > 0 .
Lesempio precedente si adatta in generale e in particolare si potrebbe
provare che linsieme delle primitive generalizzate, se non `e vuoto,
dipende da una (sola) costante arbitraria.
Capitolo 5
Teoremi di lHospital e di Taylor
In questo capitolo si presentano i Teoremi di lHospital e la formula di Taylor e
le loro conseguenze, concludendo lo studio sia locale che globale delle funzioni.
Il Teorema di LHospital serve per il calcolo dei limiti quando si incontrano
forme indeterminate di tipo fratto mentre la formula di Taylor estende la prima
e la seconda formula degli incrementi niti al caso in cui una funzione f(x)
ammette pi` u derivate.
5.1 Teorema di lHospital
E un teorema che `e utile per il calcolo di limiti nel caso che si incontri una
forma indeterminata di tipo fratto,
0
0
oppure

,
nel calcolo di un limite per x dove pu`o essere un numero oppure +
oppure . Anzi, se R il Teorema di lHospital si pu`o usare anche per il
calcolo dei limiti direzionali x + oppure x . Illustriamolo nel caso
del limite per x intendendo che se = + questo sar`a il limite per
x +.
Ricordiamo lo scopo: calcolare
lim
x
f(x)
g(x)
quando si incontra la forma indeterminata 0/0 oppure /.
Le ipotesi sono le seguenti:
125
126 CAPITOLO 5. TEOREMI DI LHOSPITAL E DI TAYLOR
per x ambedue le funzioni [f(x)[ e [g(x)[ tendono a 0 oppure a
+;
ambedue le funzioni sono derivabili a sinistra di . Niente si richiede alle
funzioni per x = , se R.
esiste un intorno sinistro
1
di su cui g

(x) non si annulla.


esiste
lim
x
f

(x)
g

(x)
= (5.1)
ove pu`o essere un numero, pu`o essere + oppure pu`o essere .
Il teorema asserisce:
Teorema 108 (di lHospital ) Se valgono le ipotesi enunciate sopra, esiste
lim
x
f(x)
g(x)
e inoltre, con dato da (5.1),
lim
x
f(x)
g(x)
= .
La dimostrazione, alquanto complessa, viene omessa.
Esempio 109 Illustriamo alcuni esempi ed alcuni problemi che possono
incontrarsi nelluso di questo teorema.
1. Consideriamo il limite
lim
x+
log x
x
.
Le funzioni a numeratore e denominatore vericano le ipotesi del
Teorema di lHospital e inoltre
lim
x+
D[log x]
Dx
= lim
x+
1
x
= 0 .
Quindi si ha anche
lim
x+
log x
x
= 0 .
In modo analogo si provi che
lim
x+
e
x
x
= +.
1
ossia una semiretta (r, +) se = + oppure in intervallo ( , )
5.1. TEOREMA DI LHOSPITAL 127
2. Consideriamo ora
lim
x+
e
x
x
2
.
Proviamo a fare il quoziente delle derivate. Si trova
e
x
x
.
Dato che, grazie ad un preventivo uso del teorema di lHospital, questo
limite si conosce, ed `e +, e le altre ipotesi del teorema valgono, si pu`o
concludere che
lim
x+
e
x
x
2
= +.
Ossia, il teorema di lHospital si pu`o applicare pi` u volte in sequenza.
3. Non `e detto che il Teorema di LHospital permetta sempre di calcolare il
limite, nemmeno se le ipotesi sono soddisfatte. Per esempio, sia f(x) =
sinh x e g(x) = cosh x. E immediato dalla denizione delle funzioni
iperboliche che
lim
x+
sinh x
cosh x
= 1 .
Tutte le ipotesi del teorema di lHospital valgono per questo quoziente,
ma il teorema stesso non serve al calcolo del limite perche derivando
numeratore e denominatore si trova alternativamente
cosh x
sinh x
,
sinh x
cosh x
,
cosh x
sinh x
. . .
Ossia, usando quante volte si voglia il teorema di lHospital si nisce
sempre sulla medesima forma indeterminata.
4. Pu`o anche essere che il limite del quoziente delle funzioni esista, ma che
non esista quello del quoziente delle derivate. Notando che

sin
1
x

< 1
si vede che
lim
x0
x
2
sin 1/x
sin x
= 0 .
Se si calcola il quoziente delle derivate si trova
2x sin 1/x cos 1/x
cos x
,
privo di limite per x 0, nonostante che le altre condizioni del teorema
di lHospital siano soddisfatte.
128 CAPITOLO 5. TEOREMI DI LHOSPITAL E DI TAYLOR
5. Se si usa il teorema di LHospital quando le ipotesi non sono soddisfatte,
si possono trovare risultati sbagliati. Per esempio,
lim
x0+
1
x
= +.
Le ipotesi del teorema di LHospital non sono soddisfatte da questo
quoziente, che non conduce ad una forma indeterminata.
Facendo il limite del quoziente delle derivate si trova
lim
x0+
0
1
= 0 ,= +.
6. Il teorema di LHospital talvolta pu`o applicarsi e conduce al risultato
corretto, ma il calcolo fatto `e fallace perche tautologico; ossia perche
usa proprio linformazione che si sta cercando. Per esempio, usando il
teorema di LHospital,
lim
x0
sin x
x
= lim
x0
cos x
1
= 1 .
Sembra quindi di aver trovato un modo molto veloce per il calcolo del
limite notevole. Ci`o `e per`o falso perche in questo calcolo si `e usato
Dsin x = cos x, formula che si dimostra proprio a partire dal limite
notevole di (sin x)/x.
7. Inne, notiamo che col teorema di lHospital si possono anche calcolare
certi limiti che apparentemente non sono nella forma di quoziente.
Per esempio, si voglia studiare
lim
x0
x log x.
Scrivendo questo limite come
lim
x0
log x
1/x
si ha una forma indeterminata ()/(+) a cui il Teorema di lHospital
pu`o applicarsi. Il quoziente delle derivate `e
lim
x0
1
x
1
(1/x
2
)
= lim
x0
(x) = 0
5.1. TEOREMA DI LHOSPITAL 129
e quindi
lim
x0
log x
1/x
= 0 .
Di consequenza si deduce anche
lim
x0
x
x
= lim
x0
e
log x
x
= lim
x0
e
xlog x
= 1 .
Inne, osserviamo la seguente conseguenza del Teorema di lHospital. Sia
F(x) la primitiva di f(x) sullintervallo [a, b] e supponiamo che
f(x) = o(x a) .
Usiamo il Teorema di lHospital per calcolare
lim
xa
F(x) F(a)
(x a)
2
= lim
xa
F

(x)
2(x a)
2
= lim
xa
f(x)
2(x a)
= lim
xa
o(x a)
2(x a)
= 0 .
Pi` u in generale,
Teorema 110 Sia F(x) primitiva di f(x) sullintervallo (a, b) e supponiamo
che
f(x) = o (x a)
n
.
Allora,
F(x) F(a) = o(x a)
n+1
.
5.1.1 Calcolo di derivate direzionali
Un argomento analogo a quello usato nella dimostrazione del Teorema 110 d`a
anche un modo molto utile che pu`o usarsi per il calcolo di derivate direzionali.
Il problema `e questo: talvolta si pu`o provare che una funzione `e derivabile su
(a, x
0
) e su (x
0
, b) e usando le regole di derivazione se ne calcola facilmente la
derivata. E invece dicile vedere se esistono le derivate direzionali in x
0
. Una
condizione suciente per lesistenza di f

(x
0
) `e la seguente:
Teorema 111 Sia f(x) continua in x
0
e inoltre derivabile in (x
0
, b). Se
esiste il limite direzionale f

(x
0
+), ossia se siste
lim
xx
0
+
f

(x) ,
allora esiste anche la derivata direzionale f

+
(x
0
) e inoltre si ha luguaglianza
f

+
(x
0
) = lim
xx
0
+
f

(x) = f

(x
0
+) .
130 CAPITOLO 5. TEOREMI DI LHOSPITAL E DI TAYLOR
Dim. Per denizione,
f

+
(x
0
) = lim
xx
0
+
f(x) f(x
0
)
x x
0
.
Il limite `e una forma indeterminata 0/0, perche la funzione `e continua in
x
0
. Per il calcolo di questo limite si pu`o usare il teorema di lHospital,
lim
xx
0
+
f(x) f(x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
+
f

(x)
1
= lim
xx
0
+
f

(x) ,
ovviamente se lultimo limite scritto esiste.
Asserto analogo vale per la derivata sinistra:
Teorema 112 Sia f(x) continua in x
0
e inoltre derivabile in (a, x
0
). Se
esiste
lim
xx
0

(x)
allora esiste f

(x
0
) e inoltre
f

(x
0
) = lim
xx
0

(x) = f

(x
0
) .
E quindi:
Teorema 113 Se f(x) `e
derivabile in (a, x
0
)
derivabile in (x
0
, b)
continua in x
0
esiste lim
xx
0
f

(x)
allora la funzione f(x) `e derivabile in x
0
e vale
f

(x
0
) = lim
xx
0
f

(x) .
Osservazione 114 Lipotesi che f(x) sia continua in x
0
`e essenziale nel teore-
ma precedente. Se non vale, le tangenti nei punti (x, f(x)) tendono a diventare
parallele quando x x
0
, senza sovrapporsi per x = x
0
, si veda la gura 5.1.
5.2. LA FORMULA DI TAYLOR 131
Figura 5.1:
x
y
5.2 La formula di Taylor
La formula di Taylor `e unestensione della prima o della seconda formula degli
incrementi niti. Vediamo separatamente i due casi.
5.2.1 La formula di Taylor con resto in forma di Peano
La formula di Taylor (con resto in forma di Peano) `e unestensione della prima
formula degli incrementi niti a funzioni che in un punto x
0
hanno pi` u di
una derivata.
Notiamo che:
il punto x
0
`e indicato in colore, x
0
, per sottolineare che `e considerato
ssato, mentre la variabile si indica con x;
se una funzione ha n derivate in x
0
allora ha n1 derivate in un intorno
di x
0
.
Supponiamo che in x
0
esista la derivata seconda. Allora, si pu`o scrivere la
prima formula degli elementi niti in x
0
per la funzione f

(x):
f

(x) = f

(x
0
) + (x x
0
)f

(x
0
) + o(x x
0
) . (5.2)
Per denizione, f

(x) ammette primitive e x (x x


0
)f

(x
0
) ammette
primitive. Dunque anche o(x x
0
) ammette primitive.
132 CAPITOLO 5. TEOREMI DI LHOSPITAL E DI TAYLOR
Le primitive che si annullano in x
0
di f

(x), di f

(x
0
) e di (x x
0
)f

(x
0
)
(funzioni della variabile x) sono rispettivamente
f(x) f(x
0
) ,
f

(x
0
)(x x
0
) ,
1
2
f

(x
0
)(x x
0
)
2
.
Come si `e notato, da (5.2) si vede che anche o(x x
0
) ammette primitive e,
per il Teorema 110,
_
x
x
0
o(s x
0
) ds = o(x x
0
)
2
.
Uguagliando le primitive che si annullano in x
0
dei due membri di (5.2) si trova
f(x) = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) +
1
2
f

(x
0
)(x x
0
)
2
+ o(x x
0
)
2
.
Questargomento si pu`o ripetere se ci sono derivate di ordine successivo. Per
esempio, se c`e la derivata terza in x
0
, si pu`o scrivere la prima formula degli
incrementi niti per f

(x),
f

(x) = f

(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) + o(x x
0
) .
Prendendo due volte le primitive dei due membri che si annullano in x
0
si trova
f(x) = f(x
0
)+f

(x
0
)(xx
0
)+
1
2
f

(x
0
)(xx
0
)
2
+
1
3!
f

(x
0
)(xx
0
)
3
+o(xx
0
)
3
.
In generale, se f(x) ammette n derivate in x
0
, si trova
2
f(x) =
n

k=0
f
(k)
(x
0
)(x x
0
)
k
+ o(x x
0
)
n
.
Questa formula si chiama formula di Taylor con resto in forma di Peano
e, pi` u precisamente:
il punto x
0
si chiama il centro della formula di Taylor;
il polinomio, della variabile x,
n

k=0
f
(k)
(x
0
)(x x
0
)
k
si chiama il polinomio di Taylor di ordine n di f(x), di centro x
0
;
2
ricordiamo che f
(k)
(x
0
) indica la derivata k-ma in x
0
e che f
(0)
(x
0
) indica f(x
0
).
5.3. ESTREMI E CONVESSIT
`
A 133
o(x x
0
)
n
si chiama il resto in forma di Peano .
E particolarmente importante il caso in cui x
0
= 0:
f(x) =
n

k=0
f
(k)
(0)x
k
+ o(x)
n
.
Questa formula si chiama formula di McLaurin . Ovviamente, la
formula di McLaurin `e solamente un caso particolare della formula di
Taylor.
Per esercizio, si mostri che le formule degli innitesimi fondamentali nella
tavola 2.8 sono particolari formule di McLaurin.
5.2.2 La formula di Taylor con resto in forma di
Lagrange
La formula di Taylor (con resto in forma di Lagrange) `e unestensione della
seconda formula degli incrementi niti a funzioni che hanno pi` u di una
derivata in un intorno di x
0
. Limitiamoci ad enunciarla.
Sia f(x) denita su (a, b) ed ivi dotata di n derivate. Sia x
0
(a, b).
Supponiamo che f
(n+1)
(x) esista in (x
0
, b). Allora esiste c (x
0
, b) tale
che
f(x) =
n

k=0
f
(k)
(x
0
)(x x
0
)
k
+
1
(n + 1)!
f
(n+1)
(c)(x x
0
)
n+1
.
Analogo risultato vale, con c (a, x
0
) se f
(n+1)
(x) esiste in (a, x
0
).
Lerrore
1
(n + 1)!
f
(n+1)
(c)(x x
0
)
n+1
si chiama resto in forma di Lagrange .
5.3 Estremi e convessit`a
Al Teorema 101 abbiamo visto che i punti di massimo o di minimo possono
individuarsi studiando la monotonia della funzione a destra e a sinistra del
punto. Qui mostriamo che si possono anche studiare esaminando le derivate
successive nel punto stesso. Inoltre, mostreremo come studiare la convessit`a
di una funzione.
134 CAPITOLO 5. TEOREMI DI LHOSPITAL E DI TAYLOR
5.3.1 Derivate successive ed estremi
Sia f(x) derivabile due volte in x
0
. Se f

(x
0
) ,= 0 allora certamente x
0
non `e
ne punto di massimo ne punto di minimo (si ricordi il Teorema di Fermat).
Supponiamo quindi f

(x
0
) ,= 0. Si ha:
Teorema 115 Se f

(x
0
) = 0 e f

(x
0
) > 0 allora il punto x
0
`e punto di
minimo; Se f

(x
0
) = 0 e f

(x
0
) < 0 il punto x
0
`e punto di massimo per f(x).
Dim. Scriviamo la formula di Taylor di centro x
0
arrestata al secondo ordine,
con resto in forma di Peano. Ricordando che f

(x
0
) = 0 si vede che
f(x) f(x
0
) =
1
2
f

(x
0
)(x x
0
)
2
+ o(x x
0
)
2
= (x x
0
)
2
_
1
2
f

(x
0
) + o(1)
_
.
Per x x
0
, la funzione
1
2
f

(x
0
)+o(1) tende ad f

(x
0
)/2 e quindi in un intorno
di x
0
ha il segno di f

(x
0
)/2; il fattore (x x
0
)
2
`e maggiore o uguale a zero e
quindi in tale intorno
f

(x
0
) > 0 = f(x) f(x
0
) > 0 ; f

(x
0
) < 0 = f(x) f(x
0
) < 0 .
Niente pu`o dirsi se f

(x
0
) = 0. Per`o, una dimostrazione in tutto analoga
prova che:
Teorema 116 Esista f
(2n)
(x
0
) e sia f
(k)
(x
0
) = 0 per ogni k < 2n. Se
f
(2n)
(x
0
) > 0 il punto x
0
`e punto di minimo; se f
(2n)
(x
0
) < 0 il punto x
0
`e punto di massimo per f(x).
5.3.2 Convessit`a e punti di esso
Ricordiamo la denizione di convessit` a data al paragrafo 1.8.3: una funzione
`e convessa su un intervallo [a, b] quando per ogni coppia di punti x
1
ed x
2
di
[a, b], la corda che unisce (x
1
, f(x
1
)) ed (x
2
, f(x
2
)) sta sopra al graco della
restrizione della funzione ad (x
1
, x
2
) .
Se la funzione f(x) `e derivabile su (a, b) allora vale:
Teorema 117 La funzione f(x) derivabile su (a, b) e convessa su [a, b] se e
solo se per ogni (a, b) e per ogni x [a, b] si ha
f(x) f() + f

()(x ) .
5.3. ESTREMI E CONVESSIT
`
A 135
Figura 5.2: Funzione convessa e tangenti
x
y
Ricordando lequazione della tangente, si vede che la funzione derivabile
f(x) `e convessa su [a, b] se e solo se il suo graco `e ovunque sopra a
ciascuna delle tangenti nei punti del graco stesso.
Supponiamo ora che la funzione f(x) ammetta derivata seconda in (a, b).
Allora, scrivendo la formula di Taylor con resto in forma di Lagrange:
f(x) [f() + f

()(x )] =
1
2
f

(c)(x x
0
)
2
(5.3)
e quindi
3
Teorema 118 Sia f(x) dotata di derivata seconda in (a, b). La funzione `e ivi
convessa se e solo se f

(c) 0 per ogni c (a, b). E concava se e solo se


f

(c) 0 per ogni c (a, b).


Pi` u ancora, vale:
Teorema 119 Se f(x) `e derivabile su (a, b) essa `e ivi convessa se e solo se
la funzione f

(x) `e crescente su (a, b).


Se f

(x
0
) = 0 mentre f

(x) cambia segno quando x traversa il punto x


0
allora la funzione `e convessa da una parte di x
0
e concava dallaltra.
Esista la derivata terza in x
0
. Scrivendo la formula di Taylor con resto in
forma di Peano si vede che
f(x) [f() + f

()(x )] = (x x
0
)
3
_
1
3!
f(3)() + o(1)
_
.
3
la condizione suciente `e ovvia da (5.3) mentre la parte necessaria non `e ovvia perche
niente dice che ogni c (a, b) debba comparire in (5.3). La dimostrazione della parte
necessaria `e pi` u complicata.
136 CAPITOLO 5. TEOREMI DI LHOSPITAL E DI TAYLOR
Se f
(3)
() ,= 0, luguaglianza precedente mostra che il graco della funzione
taglia la tangente e in particolare Il graco `e sopra alla tangente da una
parte di e sotto dallaltra.
Denitione 120 Se il graco di f(x) `e sopra alla tangente in (, f()) da
una parte di e sotto dallaltra, si dice che `e punto di esso per f(x).
Dunque:
Teorema 121 Se esiste f
(3)
(x
0
) e f
(2)
(x
0
) = 0 mentre f
(3)
(x
0
) ,= 0 allora x
0
`e punto di esso.
Naturalmente, pu`o accadere che anche f
(3)
() sia zero. Cos` come fatto per
gli estremi, si possono guardare (se esistono) le derivate successive e si ha:
Teorema 122 Se la prima derivata non nulla di f(x) in successiva alla
prima `e di ordine dispari, la funzione ha punto di esso in .
Pu`o accadere in particolare che anche f

() = 0 e che la prima derivata


non nulla sia di ordine dispari. In tal caso c`e un esso, che chiameremo
esso a tangente orizzontale .
Capitolo 6
Ricapitolazioni
In questo capitolo ricapitoliamo alcuni dei concetti fondamentali incontrati
no ad ora. Ossia, ricapitoliamo i concetti relativi alle successioni, incontra-
ti in particolare nei capitoli 1 e 2. La ricapitolazione relativa alle funzioni
si otterr`a mostrando come i concetti studiati si possano usare per tracciare
qualitativamente i graci di funzioni.
Naturalmente, denizioni e teoremi vanno studiati ciascuno nel proprio
capitolo.
6.1 le successioni
Ricordiamo che N indica linsieme dei numeri naturali (incluso o meno 0, come
generalmente si deduce dal contesto) e che una successione `e una funzione il
cui dominio `e N. Il simbolo usato per indicare una successione, invece di f(n),
`e (f
n
) oppure f
n
. Quando, come spesso accade, si intende che la successione
prenda valori sullasse delle ascisse, scriveremo (x
n
) oppure x
n
.
Il simbolo x
n
`e ambiguo perche indica sia la successione, ossia la
funzione n x
n
, che linsieme dei numeri x
n
, ossia limmagine della
successione. Il signicato va capito dal contesto.
Il graco di una successione `e linsieme delle coppie (n, x
n
), che si rappre-
senta sul piano cartesiano come nellesempio della gura 6.1, a sinistra. Si noti
che in questa gura abbiamo indicato con n lasse delle ascisse e con x quello
delle ordinate, per coerenza con il simbolo x
n
usato per la successione. Que-
stesempio aiuta anche a capire la dierenza tra i due signicati del simbolo
137
138 CAPITOLO 6. RICAPITOLAZIONI
Figura 6.1: Sinistra:graco della successione
_
(1)
N
/n
_
; destra: la sua
immagine
5 0 5 10 15 20 25
1.5
1
0.5
0
0.5
n
x
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
x
n
x
n
. La gura 6.1, a sinistra riporta il graco della funzione x
n
mentre a
destra ne riporta limmagine, ossia linsieme x
n
.
In pratica per`o tracciare il graco di una successione non `e molto utile
perche di una successione interessa il comportamento asintotico, ossia il
comportamento per n + e questo non si vede disegnando pochi punti del
graco.
Una successione `e crescente se n > m implica x
n
x
m
(se n > m implica
x
n
> x
m
la successione si dice strettamente crescente). Si diano le denizioni
di successione decrescente e strettamente decrescente.
Una successione strettamente monotona (crescente o decrescente) `e una
trasformazione iniettiva e quindi invertibile.
Gli unici limiti che possono studiarsi per una successione sono i limiti per
n +. In particolare una successione si dice
regolare se lim
n+
x
n
esiste, uguale a +, a oppure ad l R.
altrimenti, la successione si dice indeterminata o oscillante .
Le denizioni di limite di una successione sono state studiate al paragra-
fo 2.1.
Dato che lunico caso di limite che pu`o studiarsi per una successione `e quello
per n +, invece di scrivere lim
n+
x
n
, si pu`o scrivere piu` u brevemente
limx
n
.
Inne, ricordiamo che per le successioni vale il teorema delle funzioni
monotone, che pu`o enunciarsi come segue:
6.2. STUDI DI FUNZIONE 139
Teorema 123 Ogni successione monotona `e regolare e precisamente vale:
se la successione x
n
`e crescente,
limx
n
= supx
n
;
se la successione x
n
`e decrescente,
limx
n
= infx
n
.
Per interpretare lenunciato questo teorema, `e importante aver capito i due
signicati diversi della notazione x
n
.
Inne, ricordiamo il limite notevole
lim
_
1 +
1
n
_
n
= e .
Combinando questo limite col teorema sui limiti di funzioni composte, si trova:
lim
_
1 +
a
n
_
n
= e
a
,
lim
_
1
1
n
_
n
= lim
_
1 +
1
n
_
n
=
1
e
.
6.2 Studi di funzione
Si chiama studio di funzione il processo che conduce a tracciare qualitati-
vamente il graco di una funzione, individuandone dei punti particolarmente
signicativi. Nel fare ci`o, si devono usare tutte le nozioni che abbiamo incon-
trato no ad ora e conviene procedere con un certo metodo. Elenchiamone i
punti salienti e poi commentiamoli.
A) il primo passo consiste nel determinare il dominio della funzione.
B) si determinano eventuali simmetrie e periodicit`a
C) Determinazione dei limiti (per x tendente agli estremi del dominio o ad
altri punti notevoli) e degli eventuali asintoti.
D) Si studia quindi la continuit` a della funzione, identicando gli eventuali
punti di discontinuit` a.
140 CAPITOLO 6. RICAPITOLAZIONI
E) Si studia la derivabilit` a della funzione, individuando gli eventuali punti
di non derivabilit` a.
F) Si determinano gli intervalli di monotonia ed i punti di estremo della
funzione.
G) Si studia la convessit`a della funzione.
NOTA IMPORTANTE
In un compito desame usualmente viene proposta una funzione e ven-
gono richieste solamente alcune delle propriet`a del graco. Per esempio,
lo studio della convessit` a potrebbe non essere richiesto. Ci`o non solo
perche `e dicile, ma anche perche si valuta che porti via del tempo da
dedicare invece ad altre domande.
Per questo si sconsiglia di fare studi non richiesti. Infatti:
1. parti in pi` u oltre a quelle richieste non hanno punteggio, ma gli
eventuali errori possono venir valutati;
2. parti in pi` u di una parte del compito non compensano eventuali
parti non svolte. Il punteggio delle parti non svolte non viene
comunque attribuito.
Il graco della funzione va tracciato qualitativamente solo sulla base
degli elementi richiesti, ed `e importante che sia coerente con i ri-
sultati trovati, anche se sono sbagliati. Un graco corretto ma non
coerente con gli errori fatti viene considerato incoerente e penalizzato.
Talvolta certi errori rendono impossibile tracciare un graco (per esem-
pio, se si trova che la funzione decresce per x > 0 e contemporanea-
mente che diverge positivamente per x + il graco non pu`o farsi).
In questo caso una delle informazioni trovate `e sbagliata. Se possibile,
conviene correggerla. Se non c`e tempo di correggerla, al momento di
tracciare il graco, NOTARE ESPLICITAMENTE lincoerenza dei ri-
sultati trovati, dicendo quali si conservano nel tracciare il graco. Ci`o
per evitare penalizzazioni dovute al graco incoerente.
Inoltre, un compito desame pu`o fare altre domande, per esempio di
individuare il numero delle intersezioni tra il graco tracciato e certe
famiglie di curve, per esempio rette; di dedurre dal graco tracciato
quello di altre funzioni (per esempio, dal graco di f(x) quello di 1/f(x)
o di [f(x)[).
6.2. STUDI DI FUNZIONE 141
Ora commentiamo i vari passi.
A) Determinazione del dominio della funzione. Ricordiamo che questo `e un
problema puramente scolastico. Il dominio della funzione fa parte
della descrizione del processo sico che si intende studiare, e quindi `e
assegnato insieme alla funzione stessa. Invece, come puro esercizio sco-
lastico, si intende che la funzione `e denita in ciascuno dei punti nei quali
possono eettuarsi le operazioni mediante le quali viene assegnata.
B) Simmetrie e periodicit`a. Ricordiamo che una funzione `e pari o dispari
se il suo dominio `e simmetrico rispetto allorigine ed inoltre `e pari se
f(x) = f(x) (graco simmetrico rispetto allasse delle ordinate) ed `e
dispari se f(x) = f(x) (graco simmetrico rispetto allorigine).
Se una funzione `e pari o dispari ci si pu`o limitare a studiare la funzione
per x > 0 e ottenerne il graco su tutto il dominio usandone la simmetria.
Non va dimenticato di studiare esplicitamente la natura che il punto x =
0 ha rispetto alla funzione (continuit`a, derivabilit` a, punto di estremo. . . ).
Una funzione `e periodica se esiste T > 0 tale che f(x) = f(x + T).
Il numero T si chiama periodo della funzione. Se esiste un minimo
periodo che `e strettamente positivo, generalmente `e tale numero che si
chiama periodo.
Naturalmente, una funzione periodica ha dominio illimitato sia superior-
mente che inferiormente ed `e priva di limite per x + ed x ,
salvo il caso in cui sia costante.
Se una funzione `e periodica di periodo T, ci si pu`o limitare a studiarne
la restrizione allintervallo [0, T] e quindi tracciarne il graco per perio-
dicit`a (senza dimenticare di studiare la continuit` a, derivabilit` a, massimi
o minimi. . . in 0 e in T).
C) Determinazione dei limiti e degli asintoti. Se il dominio `e illimitato, si
calcolano i limiti per x + e per x .
Se uno di questi limiti `e nito, e vale l, la retta y = l si chiama asintoto
orizzontale (destro, sinistro oppure bilatero).
Se invece la funzione `e un innito del primo ordine rispetto allinnito
di confronto x, pu`o esistere o meno un asintoto obliquo. Questo va
determinato.
Si calcolano quindi i punti x
0
tali che uno almeno dei due limiti
lim
xx
0

[f(x)[ = +.
142 CAPITOLO 6. RICAPITOLAZIONI
In tal caso, la retta x = x
0
si chiama asintoto verticale per la funzione.
Ricordiamo che se x = x
0
`e un asintoto verticale, il punto x
0
pu`o
appartenere o meno al dominio della funzione.
D) Continuit` a della funzione, ed eventuali punti di discontinuit`a.
Conviene anche studiare se la funzione ammette o meno estensione
continua a punti che non appartengono al dominio.
La funzione `e continua in x
0
se
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) .
Pu`o accadere che f(x) non sia denita in x
0
ma che esista
lim
xx
0
f(x) = l R.
In tal caso, la funzione
g(x) =
_
f(x) se x ,= 0
l se x = 0
`e continua in x
0
e si chiama l estensione per continuit`a di f(x) ad x
0
.
Per esempio, la funzione
f(x) = e
1/x
2
non `e denita in 0 ma pu`o essere estesa per continuit` a a 0 perche
lim
x0
e
1/x
2
= 0 .
Naturalmente, pu`o accadere che si possa denire unestensione della fun-
zione che `e continua o solo da destra o solo da sinistra, come accade per
la funzione
f(x) = e
1/x
.
Questa funzione `e priva di limite per x 0 e si ha
lim
x0
f(x) = 0 , lim
x0+
f(x) = +.
Lestensione
g(x) =
_
f(x) se x ,= 0
0 se x = 0
non `e continua in 0, ma `e continua da sinistra in 0.
Se f(x) non `e continua in x
0
si possono avere i tre casi seguenti:
6.2. STUDI DI FUNZIONE 143
discontinuit`a eliminabile: se il limite lim
xx
0
f(x) = l R, con
l ,= f(x
0
).
Un esempio `e in gura 6.2, a sinistra.
Figura 6.2: Sinistra: discontinuit`a eliminabile; destra: salto
x
y
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
1
0.5
0
0.5
1
1.5
x
y
discontinuit`a di prima specie o salto se ambedue i limiti dire-
zionali seguenti esistono niti, ma diversi tra loro. Non si esclude
che uno dei due possa essere uguale ad f(x
0
), si veda la gura 6.2,
a destra.
discontinuit`a di seconda specie ogni altro caso. Esempi sono in
gura 6.3.
Figura 6.3: Due discontinuit` a di seconda specie
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
10
8
6
4
2
0
2
x
y
0.5 0.4 0.3 0.2 0.1 0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
50
40
30
20
10
0
10
x
y
E) Si studia la derivabilit`a della funzione ed eventuali punti di non
derivabilit` a.
144 CAPITOLO 6. RICAPITOLAZIONI
Supponiamo che esista, nito o meno, il limite seguente:
lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
Si hanno i due casi seguenti:
il limite `e nito In tal caso la funzione `e continua in x
0
e il limite,
che si chiama derivata di f(x) in x
0
, si indica col simbolo f

(x
0
).
La retta
y = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) (6.1)
si chiama retta tangente al graco di f(x) nel punto (x
0
, f(x
0
)).
Un esempio `e in gura 6.4
Figura 6.4: Rette tangenti
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
0.5
0
0.5
1
1.5
2
x
y
il limite `e + oppure . In tal caso la funzione pu`o essere
discontinua in x
0
. Se per`o la funzione `e continua in x
0
allora si
dice che la retta verticale x = x
0
`e tangente al graco di f(x) in
(x
0
, f(x
0
)).
I due casi sono illustrati in g 6.5.
Supponiamo ora che il limite (6.1) non esista, ma che esistano, niti o
meno, ambedue i limiti direzionali
lim
xx

0
f(x) f(x
0
)
x x
0
= f

(x
0
) , lim
xx
+
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
= f

+
(x
0
) .
I due limiti si chiamano derivate direzionali (destra o sinistra) in x
0
.
Si ha:
6.2. STUDI DI FUNZIONE 145
Figura 6.5: Il limite del rapporto incrementale `e +. A sinistra: funzione
discontinua; a destra: funzione continua
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
0.5 0 0.5 1 1.5 2
0.5
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
x
y
se la derivata destra `e nita, la funzione `e continua in x
0
da destra;
analoga aermazione per la derivata sinistra.
Se una derivata direzionale `e + oppure , la funzione pu`o
essere continua o meno.
Se le due derivate direzionali sono ambedue nite e diverse tra
loro, il punto (x
0
, f(x
0
)) si dice punto angoloso e le due rette
y = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) ,
y = f(x
0
) + f

+
(x
0
)(x x
0
)
si chiamano le tangenti al graco di f(x) da sinistra o da destra
in x
0
(pi` u correttamente, sono le tangenti in (x
0
, f(x
0
)) ai graci
delle restrizioni di f(x) a x x
0
, rispettivamente a x x
0
).
Un esempio `e in gura 6.6, a sinistra.
se la funzione `e continua in x
0
e se le due derivate direzionali in x
0
sono una + e laltra , il punto (x
0
, f(x
0
)) si dice cuspide .
La retta x = x
0
si dice ancora tangente al graco in (x
0
, f(x
0
)).
Un esempio `e in gura 6.6, a destra mentre la gura 6.5 mostra due
casi in cui il rapporto incrementale ha limite +.
Inne, supponiamo che f(x) sia denita su un intervallo [a, b] e
x
0
= a (oppure x
0
= b). Se esiste la derivata, rispettivamente destra
o sinistra, in x
0
, si pu`o ancora parlare di tangente al graco della
funzione in (x
0
, f(x
0
)). Naturalmente, se la derivata direzionale `e
+ oppure allora dovremo preventivamente richiedere che la
funzione sia continua in x
0
.
146 CAPITOLO 6. RICAPITOLAZIONI
Figura 6.6: Sinistra: punto angoloso; destra: cuspide
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
12
10
8
6
4
2
0
2
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
0.5
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
3.5
x
y
Osservazione 124 Supponiamo f(x) denita su (a, b), continua
in x
0
(a, b). Supponiamo che le due derivate direzionali in x
0
esitano e siano ambedue + oppure . Allora, x = x
0
`e tan-
gente verticale al graco di f(x) nel punto (x
0
, f(x
0
)). Il graco
taglia la tangente nel solo punto (x
0
, f(x
0
)), perche la funzione `e
univoca. Quindi, il graco sta da una parte della tangente per
x < x
0
e dallaltra per x > x
0
. Se accade che la funzione `e con-
vessa da una parte di x
0
e concava dallaltra, il punto x
0
si chiama
esso a tangente verticale .
Questo caso `e illustrato nella gura 6.5, a destra.
Lo studio della derivabilit` a nei punti in cui non si possono applicare le for-
mule di derivazione, si fa studiando esplicitamente il limite del rapporto
incrementale, generalmente mediante il Teorema di LHospital.
F) Gli intervalli di monotonia ed i punti di estremo della funzione.
Gli intervalli di monotonia si determinano studiando il segno del-
la derivata prima e quindi conducono alla risoluzione di opportune
disequazione.
Lo studio della monotonia pu`o portare ad identicare immediatamente
alcuni punti di estremo: quei punti x
0
nei quali la funzione `e continua
e monotona di senso opposto dalle due parti del punto.
In generale, i punti di estremo della funzione vanno cercati tra i punti
in cui si annulla la derivata prima e tra i punti nei quali la funzione non
`e derivabile (inclusi gli estremi del dominio, se la funzione vi `e denita).
6.2. STUDI DI FUNZIONE 147
Alternativamente, invece di dedurre le propriet`a di estremo dallo studio
della monotonia, si pu`o studiare il segno delle derivate successive (ma
spesso ci`o conduce a calcoli pi` u complessi e inoltre non si pu`o fare negli
estremi del dominio e nei punti in cui le derivate non esistono).
G) Convessit` a della funzione. Quando la funzione `e derivabile, conviene
studiare la monotonia della derivata prima, ossia il segno della derivata
seconda.
Supponiamo ora x
0
(a, b) e che esista f

(x
0
). Confrontiamo il graco
di f(x) con la retta tangente in (x
0
, f(x
0
)). Si hanno tre casi:
esiste un intorno di x
0
in cui vale
f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) .
In tal caso la funzione si dice convessa in x
0
.
esiste un intorno di x
0
in cui vale
f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) .
In tal caso la funzione si dice concava in x
0
. La gura 6.7 mostra
il graco di una funzione che `e convessa in alcuni punti, concava in
altri.
Figura 6.7: Una funzione ne concava ne convessa
0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2
0.4
0.6
y
x
esiste un I intorno di x
0
tale che
x I , x x
0
= f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) ,
x I , x x
0
= f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
)
148 CAPITOLO 6. RICAPITOLAZIONI
(o le analoghe, con i versi delle disuguaglianze a destra scambiati
tra loro).
In tal caso si dice che x
0
`e punto di esso.
Un esempio `e in gura 6.8, a sinistra.
Figura 6.8: Sinistra: punto di esso; destra: la convessit`a canbia, ma non c`e
esso
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
2
1
0
1
2
3
4
x
y
1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
4
3
2
1
0
1
2
3
4
5
y
x
La gura 6.8, a destra, mostra una funzione che cambia di concavit`a
in corrispondenza di un punto che non `e di esso, perche in tale
punto non esiste la tangente al graco della funzione.
Naturalmente, pu`o darsi che nessuno dei casi descritti si verichi. Si
consideri lesempio della funzione
f(x) =
_
x
2
sin(1/x) se x ,= 0
0 se x = 0 .
Capitolo 7
Numeri complessi
In questo capitolo introduciamo le propriet`a essenziali di una nuova classe di
numeri che si chiamano numeri complessi . Per quanto storicamente falso,
conviene pensare ai numeri complessi come introdotti per risolvere lequazione
x
2
+ 1 = 0 ,
ovviamente priva di soluzioni in R.
7.1 La denizione dei numeri complessi
In sica un punto P(x, y) del piano cartesiano si considera un vettore, ossia
un segmento orientato congiungente O con P e diretto da O verso P. Le due
coordinate del punto si chiamano le sue componenti e usa indicare i vettori
con lettere scritte in grassetto, come
v = x(1, 0) + y(0, 1) = xi + yj
e i e j sono i vettori
i = (1, 0) , j = (0, 1) .
I particolari vettori i e j si chiamano i versori degli assi coordinati.
Linsieme dei numeri complessi `e linsieme dei vettori del piano, dotato di
due operazioni suggerite dalla sica. Per`o, usa rappresentarli in modo diverso.
Prima di tutto, invece di usare lettere in grassetto, come v, i numeri complessi
si rappresentano con una lettera non in grassetto, per esempio z o w (si cerca
di evitare x, y o t che generalmente si usano per indicare numeri reali).
Poi si sottintende il versore i e non si scrive j in grassetto, ossia si scrive
semplicemente j cos` che un numero complesso si scriver` a come
z = x + jy .
149
150 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
Dunque, x `e una forma abbreviata di
x(1, 0)
mentre jy `e una forma abbreviata per
y(0, 1) .
La notazione usuale `e di scrivere j prima della componente y, ma questo
non ha inuenza e niente vieta di scriverlo dopo. Quindi, x + jy e x + yj
rappresentano lo stesso numero. Inoltre, anche lordine dei due addendi si
pu`o variare, dato che la componente del versore (0, 1) si riconosce comunque,
essendo quella che ha j per fattore:
x + jy = x + yj = yj + x = jy +x.
Unultima modica alla notazione `e questa: invece di scrivere j si scrive
i, ossia nel contesto dei numeri complessi `e
i = (0, 1)
ed i si chiama unit`a immaginaria .
ATTENZIONE
Uneccezione importante si incontra quando i numeri complessi vengono
usati per analizzare reti elettriche. In tal caso i indica la corrente e
quindi lunit`a immaginaria si indica col simbolo j.
Inne si fa unaltra semplicazione alla notazione: i numeri complessi
a +i0
si indicano semplicemente con a e si chiamano i numeri complessi reali .
In particolare, 0 + i0 si indica semplicemente col simbolo 0.
Se z = a + ib, il simbolo z indica il numero a + i(b) che si scrive pi` u
semplicemente a ib. Ossia,
z = a ib .
Linsieme dei numeri complessi si chiama anche piano complesso o
piano di Argand-Gauss . I numeri complessi si chiamano anche i punti
del piano complesso.
7.1. LA DEFINIZIONE DEI NUMERI COMPLESSI 151
Per esercizio, si indichi un numero complesso z sul piano complesso, e
quindi z.
Linsieme dei numeri complessi, dotato delle operazioni che vedremo, si
indica col simbolo C.
Inne, diciamo che se
z = a + ib
il numero a si chiama la parte reale di z ed il numero b si chiama la
parte immaginaria di z, e questi si indicano con i simboli
1e z , 1mz .
Dunque, sia la parte reale che la parte immaginaria di un numero
complesso sono numeri reali.
La rappresentazione x + iy si chiama rappresentazione algebrica dei nu-
meri complessi. E importante anche una seconda rappresentazione, che si
chiama trigonometrica.
Rappresentazione trigonometrica dei numeri complessi Conside-
riamo unaltra rappresentazione dei punti del piano cartesiano, e quindi anche
dei punti del piano complesso, che si ciama la rappresentazione polare .
Si congiunga il punto P(x, y), ossia il numero complesso x+iy, con lorigine
delle coordinate. Si trova un segmento la cui lunghezza `e
r =
_
x
2
+ y
2
.
Il numero r si chiama il modulo del numero complesso.
Il segmento fa unangolo con lasse reale positivo.
Il numero si considera positivo se il semiasse reale positivo gira in
senso antiorario per sovrapporsi al segmento PO, orientato da O verso
P; negativo altrimenti.
Questangolo si chiama argomento od anomalia .
La coppia (r, ) si chiama rappresentazione polare ed univocamente
identica il punto P.
152 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
Si noti per`o che la corrispondenza tra P e la sua rappresentazione polare
non `e biunivoca: langolo `e determinato a meno di multipli di 2 se
r > 0. Infatti,
(r, ) e (r, + 2)
identicano il medesimo punto P.
Se r = 0, tutte le coppie (0, ) identicano lorigine delle coordinate.
Si ritrova una corrispondenza biunivoca, ma solamente per r > 0, se
si impone di scegliere [0, 2). Largomento cos` scelto si chiama
argomento principale .
Noti r e , si ha
x = r cos , y = r sin
e quindi il numero complesso x + iy si scrive come
r cos + ir sin
che usa scrivere come
r(cos + i sin ) .
Si chiama questa la rappresentazione trigonometrica dei numeri complessi .
7.2 Operazioni tra i numeri complessi
Per ora abbiamo descritto linsieme dei numeri complessi. Descriviamo ora le
operazioni tra essi, che sono due: la somma e il prodotto (che daranno anche
la sottrazione e la divisione).
7.2.1 Somma di numeri complessi
E loperazione di somma di vettori con la regola del parallelogramma, ossia
essa si fa sommando le componenti corrispondenti:
(a + ib) + (c + id) = (a + b) + i(c + d) .
Si osservi che
z + 0 = z
z + (z) = 0
(v + z) + w = v + (z + w)
z + w = w + z.
7.2. OPERAZIONI TRA I NUMERI COMPLESSI 153
Figura 7.1: sinistra: somma (1 + i) + (1 + 2i); destra [(cos /4 +
i sin /4)][2(cos /3 + i sin /3)]
x
y
z
w
z+w

r=1
x
y
r=2
r=2
7.2.2 Il prodotto
Il prodotto di due numeri complessi si indica con z w (o anche semplicemente
come zw) e si capisce meglio rappresentando i numeri in forma trigonometrica.
Deniamo
[r(cos + i sin )] [(cos +i sin )] = r (cos( + ) + i sin( + )) .
Ossia, il prodotto opera in questo modo: prima si sommano gli argomenti, e
quindi il primo punto viene ruotato di tanto quanto `e largomento del secondo,
e poi si fa il prodotto dei moduli.
Per chi conosce un po di elettrotecnica: `e questa la forma che assume la
legge di Ohm per le correnti alternate!
Il numero
1 = 1 + i0 = 1(cos 0 + i sin 0)
`e lelemento neutro rispetto al prodotto:
z 1 = 1 z = z
per ogni z C.
Il numero w = 1/z deve vericare
wz = 1 .
Quindi, se z = r(cos +i sin ),
1
z
=
1
r
(cos() + i sin()) =
1
r
(cos i sin ) .
154 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
Denito il prodotto, si possono denire le potenze ad esponente intero:
z
2
= z z , z
1
=
1
z
, z
2
=
_
1
z
_
2
, . . .
Il prodotto in notazione algebrica Usiamo i colori per distinguere un
numero complesso dallaltro: sia
z = a + ib , w = c + id
quando i due numeri sono rappresentati in notazione algebrica e, corrispon-
dentemente
z = r (cos +i sin ) , w = (cos + i sin ) .
Dunque
a = r cos , b = r sin ,
c = cos , d = sin .
Il prodotto `e:
z w = r (cos + i sin ) (cos + i sin )
(r) (cos( +) + i sin( + ))
= (r) [(cos cos sin sin ) + i (sin cos + cos sin )]
= [( (r cos )( cos ) (r sin )( sin ) ) + i ( (r sin )( cos ) + (r cos )( sin ) )]
= (ac bd) + i (ad + bc) .
Abbiamo quindi la seguente formula per il prodotto di numeri complessi in
notazione algebrica:
z w = (a + ib) (c + id) = (ac bd) + i (ad + bd) . (7.1)
Non `e necessario ricordare questa formula, perche si pu`o ottenerla
facilmente in questo modo: distribuiamo i prodotti sulle somme, ottenendo
(a +ib) (c + id)
= ac + ibc + aid + ibic
Ora si proceda con le usuali regole algebriche, scambiando i simbili i nei
prodotti e raccogliendoli. Si trova
(a +ib) (c + id)
= ac + ibc + aid + ibic
= ac + ibc + iad + (i i)bc
= ac + i (bc +ad) + (i i)bc . (7.2)
7.3. IL CONIUGATO 155
Confrontiamo (7.1) con (7.1). Si vede che la seconda restituisce la prima se
1
ad i i = i
2
si sostituisce 1. Infatti, con questultima sostituzione si trova la
formula del prodotto:
(a +ib) (c + id) = (ac bd) + i (ad + bd) .
Segue da qui che le operazioni algebriche tra i numeri complessi si
fanno operando con le usuali regole algebriche, alle quali va aggiunta
lulteriore regola
i
2
= 1 .
7.3 Il coniugato
Sia z = a +ib = r(cos + i sin ). Il coniugato del numero z `e il numero
z = a ib ,
simmetrico di z rispetto allasse reale. In notazione trigonometrica,
z = r(cos i sin ) .
Si noti che
z z = r
2
= [z[
2
.
Il coniugato `e utile per esempio per scrivere in modo semplice lespressione
di 1/z in rappresentazione algebrica:
1
z
=
1
z
z
z
=
x iy
[z[
2
=
x iy
x
2
+ y
2
;
e quindi
w
z
w z
[z[
2
.
Si verica immediatamente che il coniugato di una somma `e la somma
dei coniugati e il coniugato di un prodotto `e il prodotto dei coniugati,
ossia,
z + w = z + w, z w = z w.
Si suggerisce di vericare la regola relativa al prodotto sia usando la
rappresentazione algebrica che quella trigonometrica.
Notiamo inne che se z = a + ib,
1e z = a =
z + z
2
, 1mz = b =
z z
2i
.
1
si noti che questa sostituzione `e consistente col fatto che i
2
= (1 + i0), numero che
abbiamo deciso di indicare semplicemente con 1.
156 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
7.4 Radici di numeri complessi
Ricordiamo che la radice nma di un qualsiasi numero z `e un numero w che
risolve lequazione
w
n
= z .
Vogliamo studiare questequazione tra i numeri complessi.
Ricordiamo il signicato geometrico del prodotto w w: `e quel numero il
cui modulo `e [w[
2
ed il cui argomento `e il doppio dellargomento di w. In
generale, se
w = r(cos + i sin ) = w
n
= r
n
(cos n +i sin n) ;
ossia, w
n
ha per modulo [w[
n
e per argomento n.
In particolare, se w ,= 0 allora w
n
,= 0. Dunque, lequazione
w
n
= 0
ha la sola radice w = 0.
Sia invece
z = (cos +i sin ) = (cos( + 2k) + i sin( + 2k)) ,= 0 .
Si ricercano numeri
w = r(cos + i sin )
tali che
w
n
= z ossia r
n
(cos(n) + i sin(n)) = (cos( + 2k) + i sin( + 2k)) .
Questuguaglianza vale se e solo se r
n
= , ossia r =
n

e inoltre
n = + 2k
ove k `e un qualunque numero intero. Dunque, deve essere uno dei numeri
=
+ 2k
n
.
Sono questi inniti argomenti; ma a causa della periodicit`a delle funzioni tri-
gonometriche, solamente gli argomenti che si ottengono per k = 0, 1, . . . , n1
danno valori diversi di w.
Ricapitolando:
se z = 0 allora w
n
= z = 0 ha lunica soluzione w = 0;
7.5. RAPPRESENTAZIONE ESPONENZIALE DEI NUMERI COMPLESSI157
se z ,= 0 allora esistono n numeri complessi w che risolvono w
n
= z =
(cos + i sin ) e questi sono i numeri
n

_
cos
+ 2k
n
+ i sin
+ 2k
n
_
0 k n 1 . (7.3)
Questi numeri si chiamano le radici nme di z.
Geometricamente, le radici nme di z sono i vertici di un poligono regolare
di n lati, i cui vertici giacciono sulla circonferenza di centro lorigine e raggio
n
_
[z[.
La formula (7.3) talvolta si chiama anche formula di Moivre .
7.5 Rappresentazione esponenziale dei numeri
complessi
Consideriamo un numero complesso non nullo, rappresentato in forma
trigonometrica
z = r(cos + i sin ) .
Dato che r > 0, si potr`a scrivere
r = e
a
(con a = log r). Dunque avremo
z = e
a
(cos + i sin ) .
Questuguaglianza suggerisce di denire
e
i
= cos + i sin
cos` che
z = e
a
e
i
.
Deniremo poi
e
a+i
= e
a
e
i
cos` che
z = e
a+i
.
Si `e cos` denita lesponenziale di esponente complesso,
e
+i
= e

(cos +i sin ) (7.4)


158 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
Questo `e niente altro che un simbolismo diverso per la rappresentazione trigo-
nometrica di numeri complessi. Per` o, lesponenziale di numeri complessi cos`
denita gode delle propriet`a caratteristiche dellesponenziale reale. Infatti,
siano z e w due numeri complessi non nulli,
z = [r(cos + i sin )] , w = [(cos + i sin )] .
I moduli sono positivi e quindi si pu`o scrivere
r = e

, = e

.
Dunque, il prodotto `e
zw = e

(cos( +) + i sin( + )) = e
++i(+)
.
Si trova quindi
e
+i
e
+i
= e
(+)+i(+)
.
Ed inoltre,
e
0
= e
0+i0
= e
0
(cos 0 + i sin 0) = 1 + i0 = 1 .
Ossia, le propriet`a cruciali dellesponenziale reale continuano a valere per
lesponenziale complesso.
La (7.4) denisce una funzione che ad un numero complesso associa un
numero complesso, che si chiama lesponenziale di numeri complessi . Le sue
propriet`a essenziali sono:
[e
i
[ =

cos
2
+ sin
2
= 1;
[e
+i
[ = [e

e
i
[ = e

. In particolare, lesponenziale di numeri complessi


non si annulla;
e
0
= 1;
e
+i
e
+i
= e
(+)+i(+)
;
e
+i0
= e

+ i0;
Queste propriet`a sono le ovvie estensioni delle corrispondenti propriet`a delle-
sponenziale di numeri reali. Le seguenti propriet`a invece non hanno analogo
tra i numeri reali:
e
+i
= e
i
;
e
(+i)+2i
= e
+i
.
7.6. CONTINUIT
`
A E DERIVATE 159
Lultima propriet`a mostra che lesponenziale di numeri complessi `e pe-
riodica di periodo 2i. E quindi la denizione di logaritmo tra i numeri
complessi, che non trattiamo, sar`a alquanto delicata.
Notiamo inne le formule seguenti:
e
i
= e
i
= 1 , e
2i
= 1 ,
e
i/2
= i , e
i/2
= i .
Luguaglianza
e
2i
= 1
si chiama formula di Eulero .
La (7.4), che `e la rappresentazione trigonometrica dei numeri complessi
scritta in modo pi` u compatto, `e la forma pi` u semplice e maneggevole quando
si debbano fare operazioni di prodotto, quoziente, potenza e radice di numeri
complessi. Per questo gli si d`a il nome di rappresentazione esponenziale dei
numeri complessi.
Usando la rappresentazione esponenziale dei numeri complessi, le radici
n-me di
e
+i
sono rappresentano come
e
(+i)/n
e
(2ki)/n
, 0 k n 1
(ed ovviamente k intero). I numeri

k
= e
(2ki)/n
, 0 k n 1
sono le n radici n-me di 1.
7.6 Continuit`a e derivate
Consideriamo ora una funzione a valori complessi di una variabile reale che
indichiamo con t:
t z(t) = f(t) + ig(t) .
Supponiamo che t appartenga ad un intervallo (a, b).
Limiti e continuit`a si deniscono per componenti, ossia, per la denizione
di limite,
lim
tt
0
z(t) = lim
tt
0
[f(t) + ig(t)] =
_
lim
tt
0
f(t)
_
+i
_
lim
tt
0
g(t)
_
.
160 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
E quindi, in particolare, z(t) `e continua in t
0
se e solo se sia f(t) che g(t) lo
sono.
La derivata si denisce come il limite del rapporto incrementale,
lim
h0
z(t
0
+ h) z(t
0
)
h
= lim
h0
(f(t
0
+ h) + ig(t
0
+ h)) (f(t
0
) + ig(t
0
))
h
= lim
h0
f(t
0
+h) f(t
0
)
h
+ i lim
h0
_
g(t
0
+ h) g(t
0
)
h
_
.
Dunque, anche la derivata si denisce per componenti e z(t) `e derivabile se e
solo se sono derivabili sia f(t) che g(t). In tal caso si ha:
se z(t) = f(t) + ig(t) allora z

(t) = f

(t) + ig

(t) .
A noi interessa calcolare la derivata dellesponenziale. Per essa vale una
forma in tutto analoga a quella che si ha per lesponenziale reale:
Teorema 125 Vale:
d
dt
e
z
0
t
= z
0
e
z
0
t
.
Dim. Sia
z
0
= a +ib cos` che e
z
0
t
= e
at
(cos bt +i sin bt) .
Dunque,
e
z
0
t
= f(t) + ig(t) , con
_
f(t) = e
at
cos t
g(t) = e
at
sin t .
Calcoliamo la derivata della parte reale e della parte immaginaria:
f

(t) = e
at
[a cos bt b sin bt] ,
g

(t) = e
at
[a sin bt +b cos bt] .
Quindi:
d
dt
e
z
0
t
= f

(t) + ig

(t) = e
at
[a cos bt b sin bt] + ie
at
[a sin bt +b cos bt]
(a +ib)
_
e
at
(cos bt + i sin bt)

= z
0
e
z
0
t
.
7.7. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELLALGEBRA 161
7.7 Il teorema fondamentale dellalgebra
Lesistenza delle radici permette di risolvere le equazioni della forma
z
n
+ a = 0
ove a `e il termine noto e z `e lincognita: Questequazione ha la sola soluzione
nulla se a = 0. Altrimenti ammette n soluzioni.
Consideriamo ora lequazione che si ottiene uguagliando a zero un generico
polinomio
2
0 = a
n
z
n
+ a
n1
z
n1
+ a
1
z + a
0
=
n

r=0
a
r
z
r
. (7.5)
Se n = 1 oppure n = 2 allora questequazione ammette soluzioni (rispetti-
vamente, una soluzione oppure due soluzioni) ed esiste una formula per rappre-
sentare le soluzioni. Formule risolutive per le equazioni di terzo e quarto grado
esistono, e sono state scoperte nel XVI secolo. Naturalmente, in generale le
soluzioni sono numeri complessi.
Tra il XVIII e il XIX secolo `e stato provato che non esistono formule
risolutive per equazioni di grado superiore al quarto (espresse mediante un
numero nito di operazioni algebriche). Ci`o nonostante, `e stato provato il
teorema seguente:
Teorema 126 ( fondamentale dellalgebra ) Ogni equazione di grado n > 0
ammette almeno una soluzione complessa.
Ora, si sa che se z = z
0
risolve lequazione (7.5) allora si pu`o scrivere
a
n
z
n
+ a
n1
z
n1
+ a
1
z +a
0
= (z z
0
)
n1

r=0
b
r
z
r
.
ossia, z z
0
divide il polinomio.
Il teorema 126 pu`o ora applicarsi al polinomio
n1

r=0
b
r
z
r
.
Se n > 1 si trova un numero z
1
che annulla questo polinomio e che quindi
risolve (7.5).
2
si ricordi: in un polinomio gli esponenti di z devono essere INTERI. Ricordiamo inol-
tre che il polinomio in (7.5) si dice di grado n se il coeciente a
n
`e diverso da zero.
Unequazione si dice di grado n se `e ottenuta uguagliando a zero un polinomio di grado n.
162 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
Ovviamente, pu`o accadere che sia z
1
= z
0
.
Iterando questo procedimento, si viene a scrivere
n

r=0
a
r
z
2
= (z z
0
)
r
0
(z z
1
)
r
1
(z z

)
r

e
n = r
1
+ r
2
+ + r
n
. (7.6)
I numeri z
j
, che sono tutte e sole le soluzioni di (7.5) si dicono radici o
anche zeri del polinomio e si dice che la radice z
j
di (7.5), equivalentemente
lo zero z
j
del polinomio, ha molteplicit`a r
j
, ove r
j
`e lesponente del fattore
(z z
j
).
La (7.6) vuol dire che il numero totale delle radici, ciascuna contata
secondo la propria moltaplicit`a, `e uguale al grado del polinomio.
7.7.1 Polinomi a coecienti reali
Ricordiamo queste propriet`a delloperazione di coniugio: il coniugato di una
somma `e la somma dei coniugati e il coniugato di un prodotto `e il
profotto dei coniugati. Ossia
z + w = z + w, z w = z w.
Dunque, z
k
= (z)
k
= z
k
. Ricordiamo inoltre che un numero `e reale se e solo
se coincide col suo coniugato.
Consideriamo ora un polinomio a coecienti reali
n

k=0
a
k
z
k
e supponiamo che esso si annulli in z
0
,
0 =
n

k=0
a
k
z
k
0
.
Prendendo i coniugati dei suoi membri, e notando che

0 = 0, si trova
0 =
n

k=0
a
k
z
k
0
=
n

k=0
a
k
z
k
0
.
Dunque,
7.7. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELLALGEBRA 163
Teorema 127 Sia P(z) un polinomio a coecienti reali e sia z
0
un suo zero
di molteplicit`a r. In tal caso, anche z
0
`e uno zero di P(z), della medesima
moltiplicit`a r.
Di conseguenza, le radici non reali di un polinomio a coecienti reali
vengono a coppie, e quindi esse sono in numero pari. Ricordiamo ora che il
numero totale delle radici di un polinomio `e il grado del polinomio, e quindi
un polinomio di grado dispari ha un numero dispari di radici. Di conseguenza,
se i coecienti di un polinomio di grado dispari sono reali, almeno una delle
sue radici deve essere reale:
Teorema 128 Il numero delle radici reali di un polinomio di grado dispari e
a coecienti reali `e dispari. In particolare, ogni polinomio a coecienti reali
di grado dispari ha almeno una radice reale.
Questo risultato si `e gi`a provato in altro modo, si veda il Corollario 90.
7.7.2 Il metodo di completamento dei quadrati
E utile ricordare come si ottiene la formula risolutiva di
az
2
+ bz + c = 0 con a ,= 0 . (7.7)
Si nota che questequazione si sa risolvere se b = 0. In questo caso le soluzioni
sono le due radici di c/a.
Se questequazione pu`o ricondursi alla forma
a(z )
2
= 0 (7.8)
allora essa `e ancora immediatamente risolubile,
z = +
_

a
(si ricordi che la radice nel campo complesso prende due valori, e quindi questa
espressione rappresenta due soluzioni).
Mostriamo che ogni equazione della forma (7.7) pu`o ricondursi alla
forma (7.8) mediante il metodo del completamento dei quadrati .
Prima di tutto si nota che risolvere (7.7) equivale a risolvere
z
2
+ 2
_
b
2a
_
z +
c
a
= 0 .
164 CAPITOLO 7. NUMERI COMPLESSI
Vogliamo considerare il secondo addendo come il doppio prodotto di z
con b/2a. Dunque sommiamo e sottraiamo (b/2a)
2
. Si trova
_
z +
b
2a
_
2
+
_
c
a

b
2
4a
2
_
= 0 .
E ora immediato vedere che lequazione ammette due soluzioni, date da

b
2a
+

_
c
a

b
2
4a
2
_
=
b +

b
2
4ac
2a
.
Capitolo 8
Equazioni dierenziali
In questo capitolo studiamo due tipi di equazioni dierenziali, ossia equazioni
in cui lincognita `e una funzione, e che coinvolgono, insieme alla funzione
incognita, anche le sue derivate.
ATTENZIONE
Nello studio delle equazioni dierenziali abbiamo bisogno di questo
risultato, che proveremo in seguito (al Teorema 155): ogni funzione
continua su un intervallo ammette primitive.
8.1 Introduzione
Si chiama equazione dierenziale unequazione del tipo
x
(n)
(t) = f(t, x(t), x

(t), x

(t), . . . , x
(n1)
(t)) . (8.1)
Lincognita `e la funzione x(t).
Pi` u propriamente questequazione si dice:
di ordine n perch`e nellequazione gura, insieme allincognita x(t), an-
che la sua derivata di ordine n (le derivate di ordine inferiore possono
comparire o meno);
in forma normale, perche `e risolta rispetto alla derivata di ordine
massimo della funzione incognita.
165
166 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
NOTAZIONE IMPORTANTE
Abbiamo indicato in colore la dipendenza dalla variabile indipendente
perche di regola la dipendenza della funzione incognita dalla variabile
indipendente viene sottintesa. Ossia, lequazione dierenziale (8.1) si
scive
x
(n)
= f(t, x, x

, x

, . . . , x
(n1)
) .
Si chiama soluzione di unequazione dierenziale una funzione t x(t)
che
`e denita su un intervallo aperto I, limitato o meno
ivi verica lequazione dierenziali. Ossia tale funzione sostituita al pri-
mo e a secondo membro di (8.1) rende vericata luguaglianza per ogni
t I.
Il fatto che le soluzioni di equazioni dierenziali siano funzioni deni-
te su un intervallo e non su insiemi qualsiasi, per esempio lunione di
due intervalli, `e cruciale nelle applicazioni e nella teoria delle equazioni
dierenziali.
Unequazione dierenziale:
pu`o essere priva di soluzioni, come per esempio lequazione
(x

)
2
+ 1 = 0 ossia (x

(t))
2
+ 1 = 0.
pu`o avere una sola soluzione, come per esempio lequazione
_
(x

)
2
+ 1
_
x = 0 ossia
_
(x

(t))
2
+ 1

x(t) = 0
che ha lunica soluzione x(t) 0.
in generale per`o unequazione dierenziale ha innite soluzioni, e ci`o
avviene sempre nei casi che studieremo. Per esempio, lequazione
dierenziale
x

= f(t) ossia x

(t) = f(t)
con f(t) continua ha innite soluzioni: tutte le primitive di f(t); tut-
te le funzioni x(t) = ce
t
con c numero arbitrario risolvono lequazione
dierenziale x

= x.
8.1. INTRODUZIONE 167
Noi studieremo solamente casi particolari di equazioni dierenziali del pri-
mo ordine e del secondo ordine e, per queste equazioni particolari, studieremo
il problema di Cauchy che illustreremo solo per le equazioni che andiamo a
studiare.
Inne, un commento sulla terminaologia: la variabile indipendente t `e sta-
ta chiamata tempo (e indicata con la lettera t) perche spesso le equazioni
dierenziali si incontrano in problemi di sica e t eettivamente indica il tem-
po. Per` o le equazioni dierenziali nascono anche da problemi di geometria
e allora usa introdurre altre notazioni. Per esempio, la medesima equazione
dierenziale si potr`a scrivere come
x

= tx + sin t oppure y

= ty + sin t .
In questo caso, la variabile indipendente si indica con t; ma, la stessa equazione
dierenziale si potr`a scrivere come
y

= xy + sin x
e con questa notazione la variabile indipendente si indica con x.
Introduciamo ora la terminologia relativa alle tre classi di equazioni
dierenziali che studieremo.
8.1.1 Le classi di equazioni dierenziali che studieremo
Studieremo due classi particolari di equazioni dierenziali del primo ordine: le
equazioni dierenziali a variabili separabili e le equazioni dierenziali lineari.
Equazioni a variabili separabili. Le equazioni a variabili separabili
sono equazioni dierenziali del primo ordine di forma
x

(t) = f(x(t))g(t)
usualmente scritta
x

= f(x)g(t) .
Il secondo membro di queste equazioni `e il prodotto di una funzione
della sola x con una funzione della sola t.
Se g(t) 1, lequazione dierenziale si dice autonoma .
168 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Equazioni dierenziali lineari del primo ordine. Le equazioni
lineari del primo ordine sono equazioni dierenziali della forma
x

(t) = a(t)x(t) + f(t)


usualmente scritte
x

= a(t)x + f(t) . (8.2)


La funzione a(t) si chiama il coeciente dellequazione dierenziale (lineare
del primo ordine) mentre f(t) si chiama il termine noto .
Lequazione dierenziale del primo ordine si dice a coeciente costante
quando a(t) `e costante e si chiama omogenea quando f(t) = 0.
Quando f(t) ,= 0 lequazione si dice completa o anche ane .
Data lequazione ane (8.2), la sua equazione omogenea associata `e
x

= a(t)x.
Notiamo che unequazione dierenziale lineare omogenea del primo ordine
x

= a(t)x
`e anche unequazione dierenziale a variabili separabili.
Il problema di Cauchy per le equazioni dierenziali del primo ordine
Nel caso delle equazioni dierenziali del bf primo ordine, il problema di Cauchy
consiste in questo: si ssano un istante
1
t
0
ed un numero x
0
e si ricerca una
funzione x(t) di classe C
1
tale che
`e denita in un intervallo (t
0
a, t
0
+ b)
verica lequazione dierenziale
verica la condizione di Cauchy x(t
0
) = x
0
.
Quindi, il problema di Cauchy per lequazione a variabili separabili `e
x

= f(x)g(t)
x(t
0
) = x
0
;
quello per lequazione lineare del primo ordine `e
x

= a(t)x + f(t)
x(t
0
) = x
0
.
1
che convenzionalmente si chiama istante iniziale
8.1. INTRODUZIONE 169
Come vedremo, nel caso delle equazioni lineari con termine noto denito
su R, le soluzioni del problema di Cauchy sono denite su R. Nel
caso delle equazioni a variabili separabili in generale il dominio sar`a un
intervallo (diverso da R) anche se il membro destro `e denito per ogni
x e per ogni t.
Equazioni dierenziali lineari del secondo ordine. Sono le equazio-
ni di forma
x

+ bx

+ cx = f(t) . (8.3)
In questequazione, f(t) si chiama il termine noto e b, c si chiamano i coe-
cienti. Noi studieremo solamente le equazioni dierenziali lineari del secondo
ordine a coecienti costati, mentre il termine noto potr`a essere costante o
meno.
Ancora, lequazione si dice omogenea se il termine noto `e nullo; si dice
ane o completa altrimenti; e lequazione lineare omogenea del secondo
ordine associata alla (8.3) `e
x

+ bx

+ cx = 0 .
Il problema di Cauchy per le equazioni dierenziali del secondo
ordine
Nel caso delle equazioni dierenziali del secondo ordine, il problema di Cauchy
consiste nel risolvere
x

+ bx

+cx = f(t) ,
x(t
0
) = x
0
,
x

(t
0
) = x
1
.
Ossia, si ricerca una funzione x(t) di classe C
2
e tale che
`e denita in un intervallo (t
0
a, t
0
+ b)
verica lequazione dierenziale
verica la condizione di Cauchy x(t
0
) = x
0
e x

(t
0
) = x
1
.
Ossia, si richiede una soluzione e che in un istante t
0
ha il valore x
0
e anche
tale che la sua derivata nel medesimo istante t
0
vale x
1
.
170 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Ricordando linterpretazione della derivata come velocit`a istantanea, il pro-
blema di Cauchy consiste nel trovare una traiettoria t x(t) che ad un certo
istante t
0
passa per la posizione x
0
ed ha velocit`a x
1
.
Anche nel caso delle equazioni dierenziali lineari del secondo
ordine, con termine noto denito su R, le soluzioni sono denite
su R.
8.2 Equazioni a variabili separabili
Ricordiamo che queste sono le equazioni della forma
x

= f(x)g(t) ossia x

(t) = f(x(t))g(t) . (8.4)


Le funzioni f(x) e g(t) sono continue (pi` u avanti richiederemo la derivabilit`a
di f(x)).
Studiamo prima come trovare tutte le soluzioni dellequazione, e poi come
trovare le soluzioni del problema di Cauchy
x

= f(x)g(t) , x(t
0
) = x
0
. (8.5)
Il primo passo nella ricerca delle soluzioni consiste nel ricercare le eventuali
soluzioni costanti.
Unequazione a variabili separabili pu`o ammettere o meno soluzioni
costanti.
Naturalmente, se f(x) 0 oppure g(t) 0 lequazione si riduce a
x

= 0
e le sue soluzioni sono tutte e sole le funzioni costanti. In generale, una funzione
x(t) k ha derivata nulla e quindi essa risolve la (8.4) se per ogni t vale
luguaglianza seguente:
0 = f(k)g(t) .
Ci`o accade se il numero k `e uno zero della funzione f(x). Si ha quindi:
Primo passo della ricerca di soluzioni: si risolve lequazione
f(x) = 0 .
Se il numero k risolve questequazione, allora la funzione costante
x(t) = k
`e soluzione di (8.5).
8.2. EQUAZIONI A VARIABILI SEPARABILI 171
Ora ricerchiamo soluzioni non costanti. Se f(x(t)) ,= 0 per un valore t = t
0
,
la disuguaglianza continua a valere in un intorno di t
0
, grazie al teorema di
permanenza del segno per le funzioni continue. Dunque, in un intorno di t
0
si
pu`o scrivere
1
f(x(t))
x

(t) = g(t) . (8.6)


Le due funzioni
g(t) , h(x) =
1
f(x)
sono continue. Dunque ammettono primitive G(t) ed H(x). Ricordando la
formula per la derivata delle funzioni composte, si vede che la (8.6) `e niente
altro che
d
dt
H(x(t)) = g(t) =
d
dt
G(t) .
Abbiamo cos` due funzioni della variabile t, denite sl medesimo intervallo
e con la medesima derivata. Dunque, la dierenza di queste due funzioni
`e costante:
H(x(t)) = G(t) + c . (8.7)
Questespressione si chiama integrale primo o integrale generale dellequa-
zione a variabili separabili. Ogni soluzione non costante dellequazione si trova
assegnando a c un opportuno valore. E anche possibile che certi valori di c
portino ad identicare soluzioni costanti, ma ci`o non `e garantito perche il pro-
cedimento che abbiamo fatto (in particolare la divisione per f(x(t))) non `e
lecito se x(t) `e una soluzione costante.
Per trovare le soluzioni x(t) dellequazione, bisogna risolvere la (8.7) rispet-
to ad x. Si noti che questo in generale non si riesce a fare: potrebbe essere
che la funzione H(x) non ammetta funzione inversa, oppure che la funzione
inversa ci sia, ma che non si riesca ad esprimerla in modo semplice.
8.2.1 Problema di Cauchy per le equazioni dierenziali
a variabili separate
Se vogliamo risolvere il problema di Cauchy
x(t
0
) = x
0
,
dobbiamo sostituire t
0
nei due membri di (8.7). Ci`o ssa il valore della costante
c. Ossia, c deve avere il valore
c
0
= H(x(t
0
)) G(t
0
) .
172 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Ci`o fatto, si risolve rispetto ad x lequazione
H(x(t)) = G(t) + c
0
.
Osservazione 129 Essendo H

(x
0
) = H

(x(t
0
)) = 1/f(x(t
0
)) = 1/f(x
0
) ,= 0,
la funzione H(x) `e crescente oppure decrescente in un intorno di x
0
, e quindi
monotona. Dunque, invertibile. Ci`o garantisce lesistenza della soluzione x(t),
x(t) = H
1
(G(t) + c)
Per`o non `e detto che sia sempre possibile esprimere la funzione inversa
mediante funzioni elementari. Spesso dovremo contentarci dellespressione
implicita (8.7).
Lesempio seguente mostra che il problema di Cauchy (8.5) in generale ha
pi` u soluzioni:
Esempio 130 Si consideri il problema di Cauchy
x

=
3

x, x(1) = 0 .
Ovviamente,
x(t) = 0
Risolve questo problema. Si verichi che anche la funzione
x(t) =
_
2
3
(t 1)
_
3/2
risolve il medesimo problema di Cauchy.
E per`o importante sapere che:
Teorema 131 (Teorema di Cauchy) Se la funzione g(t) `e continua e la
funzione f(x) `e derivabile, il problema di Cauchy (8.5) ammette una ed una
sola soluzione.
Il signicato geometrico di questo risultato va capito bene: esso asserisce
che, se valgono le ipotesi del teorema, i graci di soluzioni diverse della me-
desima equazione dierenziale non si intersecano. La gura 8.1 mostra, in
azzurro, i graci di alcune soluzioni dellequazione dierenziale
x

= sin x. (8.8)
Il graco in rosso interseca le soluzioni dellequazione dierenziale e quindi
non `e graco di una soluzione di (8.8).
8.2. EQUAZIONI A VARIABILI SEPARABILI 173
Figura 8.1: un graco che non `e graco di soluzione
2 1.5 1 0.5 0 0.5 1 1.5 2
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
3.5
4
4.5

Osservazione 132 Si sa, dalla tavola delle derivate fondamentali, che
d
dt
e
t
= e
t
,
d
dt
e
at
= ae
at
.
Quindi, la funzione ce
at
risolve il problema di Cauchy
x

= ax, x(0) = c .
Il Teorema 131 garantisce che non ci sono altre funzioni che vericano queste
condizioni.
Vediamo ora unapplicazione del Teorema 131, che conduce a risolvere
unequazione dierenziale lineare omogenea del primo ordine.
Esempio 133 Sia a(t) una funzione continua e consideriamo lequazione
dierenziale
x

= a(t)x.
Vogliamo trovarne tutte le soluzioni.
Come sempre quando si studiano equazioni a variabili separabili, se ne
cercano prima di tutto le soluzioni costanti.
In questo caso lunica soluzione costante `e x(t) 0.
Se x(t) `e una soluzione non costante, essa rimane o sempre positiva
o sempre negativa. Infatti, essendo continua e denita su un intervallo, se
174 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
cambiasse segno dovrebbe annullarsi in un certo istante t
0
e quindi x(t) sarebbe
una soluzione non costante del problema di Cauchy
x

= a(t)x, x(t
0
) = 0 .
Cio`e, questo problema avrebbe sia la soluzione non costante x(t) che la so-
luzione identicamente nulla. Il Teorema 131 mostra che ci`o non pu`o essere,
e quindi che x(t) non si annulla: o prende valori solamente positivi oppure
prende valori solamente negativi.
Dunque, possiamo dividere per x(t) ottenendo
a(t) =
x

(t)
x(t)
=
d
dt
log [x(t)[ .
Sia ora A(t) una primitiva di a(t). Allora vale
log [x(t)[ = A(t) + c ossia [x(t)[ = e
c
e
A(t)
.
Il numero c `e qualsiasi e quindi il numero k = e
c
`e un numero positivo
qualsiasi:
[x(t)[ = ke
A(t)
, k > 0 .
Ma, x(t) ha segno costante, e quindi abbiamo
per ogni t vale x(t) = [x(t)[ oppure x(t) = [x(t)[.
Dunque avremo
x(t) = +ke
A(t)
oppure x(t) = ke
A(t)
.
In denitiva,
x(t) = ke
A(t)
con k = e
c
reale qualsiasi, non nullo.
Si noti che la soluzione x(t) 0 non si `e ritrovata.
Per` o, noi sappiamo che x(t) 0 `e una soluzione dellequazione e quindi
possiamo permettere a k di prendere il valore 0, trovando
x(t) = ke
A(t)
k reale qualsiasi (8.9)
Come espressione di tutte le soluzioni.
8.2. EQUAZIONI A VARIABILI SEPARABILI 175
Si noti il ruolo particolare delle soluzioni costanti: talvolta queste non si
ritrovano nellintegrale generale. Pu`o essere possibile farvele comparire for-
zando la costante ad assume dei valori che non potrebbe assumere. Talvolta
invece ci`o non pu`o farsi. Per questa ragione, le soluzioni costanti si chiamano
anche soluzioni singolari .
Unaltra applicazione importante del Teorema 131 `e che spesso permette di
tracciare qualitativamente il graco delle soluzioni, senza risolvere lequazione
dierenziale, come mostra lesempio seguente:
Esempio 134 Consideriamo lequazione dierenziale
2
y

= (1 x
2
) sin y
Il Teorema 131 permette immediatamente di concludere che le soluzioni sono
tutte funzioni limitate. Infatti, questequazione ha innite soluzioni costanti,
che aettano il piano in strisce parallele:
y(x) = k , k Z.
Ovviamente queste soluzioni sono limitate.
Sia y(x) unaltra soluzione. Il punto (x
0
, y(x
0
)) del suo graco star`a in una
striscia
(x, y) , x R, k < y < (k + 1) .
Il graco della soluzione non pu`o uscire da questa striscia altrimenti, per il teo-
rema dei valori intermedi, dovrebbe intersecare il graco di una delle soluzioni
costanti; e ci`o non pu`o essere per il Teorema 131.
In realt`a pu`o dirsi anche di pi` u: consideriamo una soluzione il cui graco
sta nella striscia 0 < y < (le altre strisce si trattano in modo analogo). In
questa striscia, sin y > 0 e quindi avremo
y

(x) > 0 se e solo se (1 < x < 1) .


Dunque, una soluzione y(x) (il cui graco `e in questa striscia) decresce per
x < 1 e per x > 1. In particolare, x = 1 `e punto di minimo ed x = +1 `e
punto di massimo delle soluzioni.
Note queste informazioni, non `e dicile disegnare qualitativamente il
graco della soluzione.
I graci di alcune soluzioni sono in gure 8.2.
2
di proposito qui cambiamo le lettere usate per la soluzione e per la variabile
indipendente.
176 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Figura 8.2: Graci di soluzioni dellequazione dellesempio 134
2 1.5 1 0.5 0 0.5 1 1.5 2
8
6
4
2
0
2
4
6
8
Domini massimali di soluzione
Per denizione, il dominio di una soluzione di unequazione dierenziale deve
essere un intervallo. Pu`o venire il dubbio che, nel caso in cui il membro destro
sia regolare il dominio debba essere R. E importante sapere che ci`o `e falso.
Esempio 135 Consideriamo il problema di Cauchy
x

= 1 + x
2
, x(t
0
) = x
0
.
Ricordando che
d
dt
tan(t + c) = 1 + tan
2
(t + c)
si vede immediatamente che la soluzione di questo problema di Cauchy `e
x(t) = tan ((t t
0
) + arctan x
0
)
denita sullintervallo
t
0


2
arctan x
0
< t < t
0
+

2
arctan x
0
.
La soluzione ha per dominio un intervallo limitato, nonostante il fatto che il
secondo membro dellequazione non dipenda esplicitamente da t, e sia una
funzione di classe C

.
Il dominio della soluzione cambia al variare di t
0
, e questo `e ovvio;
ma, ssato il valore di t
0
, cambia anche al variare del valore di x
0
.
8.2. EQUAZIONI A VARIABILI SEPARABILI 177
Naturalmente, una soluzione denita su un intervalloo (a, b) `e anche solu-
zione su qualsiasi sottointervallo (c, d) (a, b). Linteresse di questosserva-
zione `e se la si legge al contrario: pu`o essere che si riesca ad identicare un
intervallo (c, d) su cui la soluzione `e denita, ma che questo non sia il massi-
mo intervallo su cui la soluzione `e denita. Tale massimo intervallo si chiama
dominio massimale della soluzione.
E molto facile vericare se un intervallo su cui abbiamo trovato una solu-
zione `e massimale o meno. Torniamo a considerare le soluzioni dellequazione
dellEsempio 135. Queste divergono per x tendente agli estremi dellintervallo
su cui sono denite. Ci`o avviene sempre:
Teorema 136 Si consideri lequazione dierenziale
x

= g(t)f(x)
e valgano le ipotesi del Teorema 131. Sia x(t) una soluzione il cui dominio
massimale `e limitato superiormente, con estremo superiore b. Allora,
lim
tb
[x(t)[ = +.
Se il dominio massimale `e limitato inferiormente ed ha estremo inferiore a,
vale:
lim
ta
[x(t)[ = +.
Di conseguenza:
se troviamo una soluzione denita su (a, b) con < a < b < +e che
non diverge per t tendente ad uno dei due estremi dellintervallo, questo
non `e il dominio massimale della soluzione;
le soluzioni dellequazione dierenziale dellEsempio 134, essendo limita-
te, sono denite su R.
Una soluzione denita su R pu`o avere limite o meno per t + oppure
per t .
Per tracciare qualitativamente il graco di soluzioni di equazioni dieren-
ziali, `e utile conoscere il risultato seguente:
Teorema 137 Sia f(x) una funzione continua e consideriamo unequazione
dierenziale del primo ordine autonoma
x

= f(x) .
178 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Sia x(t) una sua soluzione denita su una semiretta. Se
lim
t+
x(t) = l R (oppure lim
t
x(t) = l R) .
Allora,
f(l) = 0 .
Ossia, le soluzioni di equazioni dierenziali autonome del primo
ordine, con secondo membro continuo, se ammettono limite per x
+ oppure x , convergono al valore di una soluzione costante.
8.3 Le equazioni dierenziali lineari
La seconda classe di equazioni che vogliamo trattare `e quella delle equazioni
dierenziali lineari, limitandoci ai casi:
equazioni dierenziali lineari del primo ordine
x

= a(t)x + f(t)
col coeciente a(t) e termine noto f(t) funzioni anche non costanti (assu-
meremo continue, ma basta che siano dotate di primitiva anche in senso
generalizzato);
equazioni dierenziali lineari del secondo ordine a coecienti costanti
x

+bx

+ cx = f(t)
con b e c costanti (mentre f(t) non `e costante; assumeremo per semplicit`a
che sia continua, ma basta che sia dotata di primitiva anche in senso
generalizzato).
Il metodo che vedremo per le equazioni del secondo ordine si appli-
ca anche ad equazioni dierenziali lineari di ordine pi` u alto, purche a
coecienti costanti:
x
(n)
+ a
1
x
(n1)
+ + a
n1
x

+ a
n
x = f(t) .
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 179
8.3.1 Equazioni dierenziali lineari del primo ordine
Studiamo lequazione
x

= a(t)x + f(t) . (8.10)


Ricordiamo che questequazione si dice completa o ane se f(t) ,= 0 e che
lequazione dierenziale lineare omogenea ad essa associata `e quella che si
ottiene ponendo f(t) = 0, ossia `e
x

= a(t)x. (8.11)
Questequazione `e unequazione a variabili separabili e si `e gi`a risolta
allEsempio 133. Ogni sua soluzione ha forma
x(t) = ke
A(t)
ove A(t) `e una qualsiasi primitiva di a(t). Per risolvere la (8.10) partiamo
proprio da questa soluzione dellequazione omogenea associata. Prima di tutto
scriviamo la (8.10) come
x

a(t)x = f(t) .
Poi moltiplichiamo i due membri per e
A(t)
:
e
A(t)
x

a(t)e
A(t)
x = e
A(t)
f(t) .
Lespressione a sinistra `e la derivata di un prodotto:
d
dt
e
A(t)
x(t) = e
A(t)
f(t) .
Dunque, una primitiva del membro destro e una del membro sinistro
dieriscono per una costante (ricordiamo che stiamo lavorando su un
intervallo):
e
A(t)
x(t) = k +
_
t
c
e
A(s)
f(s) ds
ossia
x(t) = e
A(t)
k + e
A(t)
_
t
c
_
e
A(s)
f(s)

ds . (8.12)
Osserviamo ora questa formula, notando in particolare tre fatti importanti:
180 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
fatto 1
Notiamo che
_
t
c
_
e
A(s)
f(s)

ds
`e quella particolare primitiva di e
A(s)
f(s) che si annulla in c. La primitiva
che si annulla in un altro istante d si indica con
_
t
d
_
e
A(s)
f(s)

ds ,
diversa primitiva della medesima funzione e
A(s)
f(s). Dato che stiamo
lavorando su intervalli, le due primitive dieriscono per una costante:
_
t
c
_
e
A(s)
f(s)

ds = k
0
+
_
t
d
_
e
A(s)
f(s)

ds ;
ossia, cambiare il punto c `e come cambiare il valore di k in (8.12).
fatto 2
La formula (8.12) mostra che x(t) `e somma di due addendi. Il primo `e
e
A(t)
k .
Al variare della costante arbitraria k questaddendo d`a tutte le soluzioni
dellequazione dierenziale lineare omogenea associata. Il secondo `e
e
A(t)
_
t
c
_
e
A(s)
f(s)

ds . (8.13)
Questa `e una particolare soluzione dellequazione completa (quella che si
annulla per t = c).
Dunque: lintegrale generale di (8.10) si ottiene scegliendo una soluzio-
ne particolare dellequazione (8.10) stessa e sommandogli tutte le soluzioni
dellomogenea associata (8.11).
fatto 3
Se accade che il termine ane `e combinazione lineare di due funzioni
f(t) + g(t)
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 181
allora
_
t
c
e
A(s)
(f(s) + g(s)) ds =
_
t
c
e
A(s)
f(s) ds +
_
t
c
e
A(s)
g(s) ds
si ricordi la propriet`a di linearit`a del calcolo delle primitive.
Dunque, quando il termine noto `e somma di funzioni pi` u semplici, per
trovare una soluzione particolare si possono trovare soluzioni particolari dei
singoli addendi, e poi sommarle.
Introduciamo ora i termini seguenti: il membro destro di (8.12) si chia-
ma integrale generale di (8.10) mentre la funzione in (8.13) si chiama
integrale particolare di (8.10).
Ci`o che abbiamo notato `e particolarmente importante, e vale la pena di
evidenziarlo:
Per trovare lintegrale generale dellequazione completa (8.10) si calco-
la, in qualunque modo, anche semplicemente per tentativi, una solu-
zione particolare dellequazione (8.10) stessa e le si sommano tutte le
soluzioni dellomogenea associata (8.11).
Quando il termine noto `e somma di pi` u addendi, una soluzione partico-
lare si trova ricercando soluzioni particolari relative ai singoli addendi,
e quindi sommandole.
8.3.2 Problema di Cauchy per le equazioni dierenziali
lineari del primo ordine
Ricordiamo che il problema di Cauchy per le equazioni dierenziali lineari del
primo ordine `e il problema
x

= a(t)x +f(t) , x(t


0
) = x
0
. (8.14)
Supponiamo che f(t) sia denita su R. Allora, questo problema
ammette soluzione unica, denita su R. Essa si ottiene imponendo
luguaglianza
x(t
0
) = c ossia x
0
= e
A(t
0
)
k + e
A(t
0
)
_
t
0
c
_
e
A(s)
f(s)

ds .
In particolare, se si `e scelto c = t
0
e come primitiva A(t) quella che si annulla
in t
0
, basta scegliere k = x
0
.
182 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
CASO SPECIALE IMPORTANTE
Notiamo un caso speciale particolarmente importante: il caso in cui
a(t) a `e costante. In questo caso si pu`o scegliere A(t) = a(t t
0
) e
la soluzione del problema di Cauchy `e
x(t) = e
a(tt
0
)
x(t
0
) + e
at
_
t
t
0
e
as
f(s) ds .
Ci`o completa quanto si pu`o dire in generale sullequazione dierenziale
lineare del primo ordine. per`o in pratica `e importantissimo saper trattare col
minimo di calcoli alcuni casi particolari, che ora andiamo a vedre. Si tratta
di equazioni col coeciente costante e termine noto di tipo particolare, che si
incontra frequentemente nelle applicazioni alla sica.
Casi particolari di equazioni dierenziali lineari del primo ordine, a
coecienti costanti
Vogliamo dare dei metodi semplici per calcolare una soluzione particolare
dellequazione
x

= ax + f(t)
(con coeciente a costante) quando il termine noto f(t) ha forma particolare.
Esaminiamo i casi che interessano:
Il caso f(t) = 1 ed a ,= 0. In questo caso, si ricerchi una soluzione di
forma x(t) = c, costante. Sostituendo nei due membri dellequazione si vede
che deve essere
0 = ac + 1 ossia c = 1/a .
Dunque, se f(t) = , costante, una soluzione particolare `e
x(t) =

a
.
La forma esplicita della soluzione non va ricordata, n`e in questo caso
ne nei successivi. Bisogna invece capire il procedimento in modo da po-
terlo usare correttamente, ricavando volta per volta lespressione della
soluzione particolare.
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 183
Il caso f(t) = t ed a ,= 0. Si ricerchi una soluzione di forma
x(t) = ct +d .
Sostituendo nei due membri dellequazione si vede che deve aversi
c = act + ad + t e quindi c = 1/a, d = 1/a
2
.
Il caso f(t) polinomio ed a ,= 0. Procedendo per sostituzione, come
nei casi precedenti, si vede che una soluzione `e un polinomio dello stesso
grado di f(t).
Il caso f(t) = 1 ed a = 0. In questo caso lequazione `e
x

= 1
e le sue soluzioni si ottengono semplicemente calcolando primitive, x(t) = t+c.
Conviene per`o cercare di procedere come nei casi precedenti, per capire meglio
il metodo.
In questo caso, f(t) = non risolve lequazione completa, infatti, f(t) =
risolve lequazione omogenea. Sostituendo si trova infatti
0 = a + 1 = 0 + 1
e luguaglianza non pu`o valere. Per`o, se si prova a sostituire
x(t) = t
si trova
= 0 (t) + 1
e ora luguaglianza vale con = 1. Ossia in questo caso la soluzione `e un
polinomio, di grado 1 invece che di grado 0.
Il caso f(t) polinomio ed a = 0. Procedendo come sopra, si vede che
una soluzione particolare `e un polinomio, di grado n+1 se il termine noto f(t)
ha grado n.
I coecienti del polinomio si ricavano sostituendo nei due membri e ri-
chiedendo che i due membri siano uguali (alternativamente ed in modo pi` u
semplice, calcolando le primitive dei due membri).
184 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Il caso f(t) = e
bt
con b ,= a. In questo caso, una soluzione particolare
ha forma
x(t) = e
bt
= a + 1/b
come si vede immediatamente sostituendo nei due membri dellequazione.
Il caso f(t) = e
bt
con b = a. In questo caso, x(t) = e
bt
= e
at
ri-
solve lequazione omogenea associata, e quindi non pu`o risolvere lequazione
completa. Infatti, sostituendo si trova
ae
at
= ae
at
+ e
at
ossia 0 = e
at
uguaglianza ovviamente falsa. Una soluzione particolare per`o si trova
scegliendo
x(t) = te
at
,
come si vede immediatamente sostituendo nei due membri dellequazione.
Il caso f(t) = p(t)e
bt
con p(t) polinomio. Vanno esaminati separata-
mente due casi:
caso a ,= b: una soluzione particolare dellequazione completa `e
x(t) = q(t)e
bt
ove q(t) `e un polinomio dello stesso grado di p(t).
caso a = b: una soluzione particolare dellequazione completa `e
x(t) = q(t)e
at
ove q(t) `e un polinomio di grado n + 1 se n `e il grado di p(t).
I coecienti del polinomio si ricavano sostituendo nei due membri e
richiedendo che i due membri siano uguali.
Notiamo ci`o che hanno in comune i casi particolari precedenti: il ter-
mine noto appartiene ad un insieme o di funzioni, che gode di questa pro-
priet`a: le derivate di elementi di o sono ancora elementi dellinsieme; e inoltre,
moltiplicando elementi di o si trovano altri elementi di o.
Linsieme o = sin t con R, R non ha questa propriet`a
di invarianza, perche la derivata di sin t `e cos t. Per` o, linsieme o =
sin t + cos t (con e reali qualsiasi) gode della propriet`a detta
sopra. E quindi:
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 185
Il caso f(t) = sin t. In questo caso una soluzione particolare `e
x(t) = sin t + cos t
come si vede sostituendo nellequazione: per avere una soluzione, luguaglianza
seguente deve valere per ogni t:
cos t sin t = asin t + a cos t + sin t .
Ci`o accade se
_
= a
= a + 1
ossia
_
=
a

2
+a
2
=

2
+a
2
.
In modo analogo si tratta il caso f(t) = cos t ed i casi in cui il termine
noto `e combinazione lineare di polinomi moltiplicati per seni e coseni.
8.3.3 Lequazione dierenziale lineare del secondo ordi-
ne
Premettiamo unosservazione importante sullequazione dierenziale lineare
omogenea del primo ordine, a coeciente costante:
Si `e gi`a notato che le soluzioni dellequazione
x

= ax
sono tutte e sole le funzioni x(t) = ke
at
. Qui, a `e costante. Losserva-
zione che ci interessa `e che sia a che la costante k possono essere sia
reali che complessi, si veda il paragrafo 7.6.
Consideriamo ora le soluzioni di
x

= ax +be
ct
con a, b e c numeri complessi ed a diverso da c . Un calcolo
analogo a quello fatto nel caso reale mostra che le soluzioni sono le
funzioni
ke
at
+ e
ct
(sostituendo nellequazione si trova = b/(c a)).
Passiamo ora a capire come sia possibile risolvere equazioni lineari del se-
condo ordine, a coecienti costanti, omogenee o meno. Per questo indichiamo
186 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
con D loperazione di fare la derivata e consideriamo unequazione data in
questa forma
(D m
1
)(D m
2
)x = f(t) . (8.15)
Spieghiamo cosa si intende con questa notazione. Con (Dm
2
)x intendiamo
(D m
2
)x(t) = Dx(t) m
2
x(t) = x

(t) m
2
x(t)
A questespressione applichiamo D m
1
, ossia
(D m
1
) [(D m
2
)x] = (D m
1
) [x

(t) m
2
x(t)]
= D[x

(t) m
2
x(t)] m
1
[x

(t) m
2
x(t)]
= [x

(t) m
2
x

(t)] [m
1
x

(t) m
1
m
2
x(t)] .
Dunque, la (8.15) `e niente altro che lequazione di secondo ordine
x

(m
1
+ m
2
)x

+ m
1
m
2
x = f . (8.16)
Come risolvere la (8.15) `e immediatamente evidente. Si introduca il
simbolo y(t) per indicare la funzione (ancora incognita)
y(t) = (D m
1
)x(t) .
Allora, la funzione y(t) deve risolvere lequazione dierenziale
y

m
2
y = f(t) , (8.17)
equazione che sappiamo risolvere.
Calcolata y(t), la soluzione x(t) di (8.15) si ottiene semplicemente
risolvendo
x

m
1
x = y(t) . (8.18)
Questi sono calcoli che gi`a sappiamo fare, con m
1
, m
2
sia reali che
complessi.
Ma ora, se lequazione da risolvere `e data nella forma
x

+bx

+ cx = f(t) , (8.19)
si sa come ridurla alla forma (8.15): si risolve lequazione

2
+ b + c = 0 (8.20)
ottenendo le due soluzioni m
1
ed m
2
, che saranno numeri reali oppure
complessi. Si sa che queste soluzioni vericano
m
1
+ m
2
= b , m
1
m
2
= c
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 187
e quindi la (8.19) `e niente altro che la (8.15), con questi numeri m
1
ed m
2
; e
quindi si sa come risolvere tutte le equazioni dierenziali lineari a coecienti
costanti, del secondo ordine.
In questo contesto, lequazione (8.20) si chiama l equazione caratteristica
dellequazione dierenziale e le sue soluzioni si chiamano autovalori delle-
quazione dierenziale.
Si ricordi che se i coecienti b e c sono reali, gli autovalori possono
essere sia reali che complessi, coniugati luno dellaltro.
E del tutto ovvio che un metodo di fattorizzazione analogo si pu`o appli-
care a tutte le equazioni dierenziali lineari a coecienti costanti, di qualsiasi
ordine.
A noi non interessa scrivere esplicitamente una formula per le soluzioni del-
lequazione (8.19). La (8.19) in generale si risolve risolvendo prima la (8.17) e
poi la (8.18). Interessa piuttosto conoscere il risultato seguente, che `e semplice
conseguenza dei fatti 13 studiati per le equazioni del primo ordine:
fatto A) le soluzioni di (8.19) si ottengono sommando ad una soluzione partico-
lare dellequazionecomunque trovatatutte le soluzioni dellequazione
dierenziale lineare omogenea associata;
fatto B) se il termine noto f(t) `e combinazione lineare di due funzioni,
f(t) = g(t) + h(t)
una soluzione particolare di (8.19) si ottiene trovando soluzioni partico-
lari con termine noto g(t) ed h(t) e poi combinandole linearmente con i
medesimo coecienti e .
Oltre a questo fatto, interessa:
saper risolvere con prontezza i casi particolari che si incontrano pi` u
frequentemente nelle applicazioni
saper trovare soluzioni reali nel caso in cui gli autovalori siano numeri
complessi e coniugati.
Esaminiamo separatamente questi due problemi.
188 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Casi particolari di equazioni dierenziali lineari del secondo ordine,
omogenee
Esaminiamo i seguenti casi, che si risolvono applicando i metodi visti per le
equazioni lineari del primo ordine con termine noto di tipo particolare:
caso 1: autovalori reali e distinti. In questo caso, risolvendo una dopo
laltra le due equazioni del primo ordine (8.17) e (8.18), si vede che lintegrale
generale dellequazione `e
e
m
1
t
+ e
m
2
t
con e arbitrari numeri reali.
caso 2: autovalori coincidenti. Sia m = m
1
= m
2
il valore comune
degli autovalori In questo caso, risolvendo una dopo laltra le due equazioni
del primo ordine (8.17) e (8.18), si vede che lintegrale generale dellequazione
`e
e
mt
+ te
mt
con e arbitrari numeri reali.
Si noti il caso particolare in cui m
1
= m
2
= 0. In questo caso la soluzione
generale `e
+t .
caso 3: autovalori complessi e coniugati. In questo caso gli auto-
valori sono distinti e quindi, risolvendo una dopo laltra le due equazioni del
primo ordine (8.17) e (8.18), si vede che lintegrale generale dellequazione `e
x(t) = e
m
1
t
+ e
m
2
t
(8.21)
con e arbitrari numeri che ora potranno essere o reali o complessi.
Nella maggior parte delle applicazioni i coecienti dellequazione sono reali
e quindi m
1
ed m
2
sono tra loro coniugati
m
1
= + i , m
2
= i .
In tal caso, la (8.21) prende forma
x(t) = e
t
_
e
it
+ e
it
_
.
Se e sono numeri complessi qualsiasi, queste soluzioni prendono valori
complessi. Spesso interessa identicare quelle che prendono valori reali. Dato
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 189
che e
it
ed e
it
sono tra loro coniugate, ci`o si ottiene scegliendo anche e
tra loro coniugati:
= c + id , = c id .
Con questa scelta si trova
x(t) = e
t
_
21e
_
(c + id)e
it
_
= 2e
t
c cos t d sin t .
Nei corsi di sica si preferisce scrivere questespressione in una forma diversa.
Prima di tutto questa si scrive
e
t

c
2
+ d
2
_
c

c
2
+ d
2
cos t
d

c
2
+ d
2
sin t
_
.
I numeri
c

c
2
+ d
2
,
d

c
2
+d
2
sono le coordinate di un punto della circonferenza trigonometrica e quindi
esiste un angolo tale che
c

c
2
+ d
2
= cos ,
d

c
2
+ d
2
= sin .
Dunque,
x(t) = Ae
t
(cos ) cos t (sin ) sin t = Ae
t
cos(t + ) . (8.22)
In questespressione, A `e un numero non negativo arbitrario. Anche
`e un numero arbitrario ma naturalmente basta scegliere [0, 2).
Quando la soluzione x(t) `e scritta in forma (8.22), si usa la seguente
terminologia:
il numero A si chiama ampiezza
il numero si chiama fase
il numero si chiama frequenza angolare
il numero (notare il segno!) si chiama costante di tempo del sistema.
190 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Casi particolari di equazioni dierenziali lineari del secondo ordine
complete
Nel caso ane, le soluzioni si trovano risolvendo a catena le due equazioni
dierenziali del primo ordine (8.17) e (8.18), con calcoli che sappiamo gi`a
fare. Interessano per`o i casi in cui il termine noto ha forma particolare, ossia
il caso f(t) = t
n
e
t
Come nel caso di unequazione del primo ordine, ricercheremo solu-
zioni particolari di forma t
n
e
t
, se queste funzioni non risolvono lequazione
dierenziale lineare omogenea associata; altrimenti ricercheremo soluzioni di
forma P(t)e
t
con P(t) di grado maggiore di n.
DIFFERENZA rispetto al caso del primo ordine: questo procedi-
mento ora va fatto due volte, una per lEquazione (8.17) e una seconda volta
per (8.18). Quindi, `e possibile che il grado debba essere aumentato di due
unit`a invece che di una.
il caso f(t) = t
n
sin t oppure f(t) = t
n
cos t. Nel caso delle equazioni
del primo ordine (a coecienti reali) queste non sono mai soluzioni e
quindi si ricerca una soluzione particolare in forma
t
n
sin t + t
n
cos t .
SOMIGLIANZA col caso del primo ordine: si ricerca una solu-
zione di questa stessa forma se t
n
sin t e t
n
cos t non sono soluzioni
dellequazione
3
; DIFFERENZA rispetto al caso del primo ordi-
ne: nel caso del secondo ordine, `e possibile che e
t
sin t, e quindi an-
che e
t
cos t, risolvano lomogenea associata. In questo caso, dovremo
aumentare il grado di 1, ricercando una soluzione particolare di forma
t
n+1
sin t + t
n+1
cos t .
8.3.4 Problema di Cauchy per le equazioni dierenziali
lineari del secondo ordine
Ricapitolando, nel caso di un generico termine noto f(t) (e non solo quando
f(t) ha forma particolare) lintegrale generale di (8.16) `e
x(t) = u
1
(t) + u
2
(t) + F(t)
3
ci`o accade in particolare se gli autovalori sono reali.
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 191
con F(t) integrale particolare dellequazione completa ed u
1
(t), u
2
(t) integrali
particolari dellequazione omogenea associata (questi avranno forme diverse a
seconda che gli autovalori siano reali o meno, coincidenti o meno).
Il problema di Cauchy per lequazione del secondo ordine (8.16) consiste nel
determinarne una soluzione che soddisfa alle ulteriori condizioni di Cauchy
x(t
0
) = x
0
, x

(t
0
) = x
1
.
Non `e dicile mostrare
Teorema 138 Il problema di Cauchy ammette soluzione unica qualunque sia-
no t
0
, x
0
ed x
1
e questa soluzione `e denita su tutto lintervallo su cui f(t) `e
denita.
In particolare, se f(t) `e denita su R anche la soluzione `e denita su R.
8.3.5 Il comportamento in futuro e la stabilit`a
Le applicazioni alla sica delle equazioni dierenziali, lineari o meno, richiedo-
no spesso di poter dedurre informazioni sul comportamento delle soluzioni in
futuro, ossia per t +, senza dover preventivamente risolvere lequazione.
Noi ci limitiamo a considerare questo problema per le soluzioni dei
problemi di Cauchy
x

= ax, x(t
0
) = x
0
(8.23)
x

+ bx

+ cx = 0 , x(t
0
) = x
0
, x

(t
0
) = x
1
, (8.24)
con coecienti reali e costanti.
Si noti: abbiamo esplicitamente assunto che il termine ane sia nullo.
Diamo quindi alcune denizioni in forma semplicata, valida sola-
mente per le equazioni dierenziali (8.23) e (8.24).
la soluzione x(t) si dice oscillante se per t > t
0
si annulla solamente
nei punti t
n
con
limt
n
= +
e inoltre se ove si annulla cambia segno
4
.
4
questultimo fatto, nel caso delle equazioni dierenziali di primo o di secondo ordine, `e
conseguenza del teorema di unicit`a di soluzione.
192 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
lequazione dierenziale si dice stabile se ogni sua soluzione rimane
limitata su [t
0
, +). In tal caso si dice anche che la soluzione nulla
dellequazione dierenziale `e stabile.
lequazione dierenziale si dice asintoticamente stabile (o anche
esponenzialmente stabile ) se ogni sua soluzione verica
lim
t+
x(t) = 0 .
In tal caso si dice anche che la soluzione nulla dellequazione
dierenziale `e asintoticamente (o esponenzialmente) stabile.
Ripetiamo che se lequazione da studiare non fosse lineare a coecienti
costanti, queste denizioni andrebbero precisate meglio.
Le soluzioni della (8.23) sono le funzioni
x(t) = e
at
x
0
.
Dunque, ricordando che a `e reale, si hanno i risultati compendiati nella
tabella 8.1.
Tabella 8.1: Equazioni dierenziali del primo ordine omogenee, con coeciente
reale e costante
soluzioni oscillanti mai
stabilit`a se a 0
stabilit`a asintotica se a < 0
Consideriamo ora lequazione dierenziale (8.24) a coecienti reali. Intro-
duciamo le notazioni nella tabella 8.2. Ricordiamo infatti che se i coecienti
sono reali, si ha in ogni caso
1e
1
= 1e
2
.
Con queste notazioni, le soluzioni (in forma reale) si esprimono come scritto
nella tabella 8.3.
8.3. LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI LINEARI 193
Tabella 8.2: Secondo ordine, coecienti reali e costanti: notazioni
= b
2
4c > 0 allora
1
=
b+

b
2
4c
2
,
2
=
b

b
2
4c
2
= b
2
4c = 0 allora
1
=
2
=
= b
2
4c < 0 allora
1
= + i =

2
.
Tabella 8.3: Equazioni del secondo ordine omogenee, soluzioni
> 0 e

1
t
+ e

2
t
= 0 e
t
+te
t
< 0 Ae
t
cos(t +)
194 CAPITOLO 8. EQUAZIONI DIFFERENZIALI
Tenendo conto di ci`o, i risultati sulla stabilit`a per lequazione (8.24),
quando i coecienti sono reali, sono nella tabella 8.4.
Tabella 8.4: Secondo ordine, coecienti reali e costanti
(e quindi 1e
1
= 1e
2
. Se gli autovalori sono reali allora
1
= 1e
1
,
2
= 1e
2
)
soluzioni oscillanti se < 0
stabilit`a se
_
_
_
1e
1
0 1e
2
< 0
oppure
1e
1
= 1e
2
= 0 ma
1
,=
2
stabilit`a asintotica se
1e
1
< 0 , 1e
2
< 0
(non si esclude
1
=
2
< 0)
Capitolo 9
Integrali deniti ed impropri
Lintegrale `e un numero che si associa ad una funzione denita su un intervallo
(e dotata di opportune propriet`a). Nel caso che la funzione prenda valori
positivi, il suo integrale denisce larea della parte di piano compresa tra il
graco e lasse delle ascisse.
9.1 La denizione dellintegrale
Sia f(x) una funzione limitata e denita su un intervallo [a, b]. Dunque,
assumiamo che esista un numero M tale che [f(x)[ < M per ogni x [a, b].
Si noti che non richiediamo che la funzione f(x) prenda valori maggiori
o uguali a zero.
Chiamiamo trapezoide individuato dalla funzione f(x) linsieme dei punti
(x, y) tali che
a x b , e
_
f(x) y 0 se f(x) 0
0 y f(x) se f(x) 0 ,
si veda la gura 9.1, nella quale [a, b] = [0, 6]. Il trapezoide `e la parte di piano
tratteggiata.
Vogliamo denire un numero che corrisponda al concetto intuitivo di area
del trapezoide di f(x), se f(x) prende valori non negativi; oppure, in generale,
alla dierenza tra le aree della parte di trapezoide sopra lasse delle ascisse
e di quella che sta sotto. Per questo, suddividiamo lintervallo [a, b] con un
195
196 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Figura 9.1:
1 0 1 2 3 4 5 6 7
4
2
0
2
4
6
8
numero nito di punti equidistanti
1
.
a = x
0
< x
1
< x
2
< < x
n2
< x
n1
< x
n
= b ,
con x
k
= a + k
ba
n
, 0 k n .
In questo modo,
[a, b] = [x
0
, x
1
) [x
1
, x
2
) [x
n2
, x
n1
) [x
n1
, x
n
] .
Abbiamo cio`e costruito una partizione di [a, b] di tipo particolare: abbiamo
rappresentato [a, b] come unione di intervalli (disgiunti) chiusi a sinistra ed
aperti a destra (salvo lultimo che `e anche chiuso a destra).
Indichiamo con T
n
la partizione introdotta sopra e chiamiamo nezza
della partizione il numero
n
= (b a)/n, che `e la distanza tra due punti
consecutivi della partizione.
Data la partizione T
n
, indichiamo con m
i
ed M
i
i due numeri
m
i
= inf
x[x
i
,x
i+1
)
f(x) ,
M
i
= sup
x[x
i
,x
i+1
)
f(x) .
Si noti che in queste denizioni gli intervalli sono chiusi a sinistra ed aperti
a destra.
Ricordiamo che la funzione f(x) `e limitata: [f(x)[ < M. Dunque, per ogni
indice i si ha:
M m
i
M
i
M .
1
Stiamo presentando una denizione semplicata di integrale. La semplicazione consiste
nel richiedere che i punti siano equidistanti. Vedremo in seguito che questa condizione, che
semplica le denizioni (ma non le dimostrazioni), `e poco appropriata per il calcolo numerico
degli integrali.
9.1. LA DEFINIZIONE DELLINTEGRALE 197
Associamo ora alla partizione T
n
due numeri, s
n
ed S
n
,
s
n
=

n1
i=0
m
i
(x
i+1
x
i
) =
ba
n

n1
i=0
m
i
,
S
n
=

n1
i=0
M
i
(x
i+1
x
i
) =
ba
n

n1
i=0
M
i
.
(9.1)
Questi numeri rappresentano somme di aree di rettangoli, larea essendo
presa col segno negativo se il rettangolo `e sotto lasse delle ascisse. La
gura 9.2 illustra i rettangoli che si usano per costruire la s
n
quando i punti
di divisione x
i
sono i numeri interi i. Si faccia la gura analoga per S
n
.
Figura 9.2:
1 0 1 2 3 4 5 6 7
4
3
2
1
0
1
2
3
4
0 1
2 3 4 5 6
E chiaro che
M(b a) s
n
S
n
M(b a) (9.2)
(la disuguaglianza intermedia segue dal fatto che ciascun addendo di s
n
`e
minore o uguale alladdendo corrispondente di S
n
).
Per per la propriet`a di Dedekind esistono i numeri
s = sup
n
s
n
, S = inf
n
S
n

e per essi vale


s S ossia S s 0 . (9.3)
Pi` u precisamente:
M(b a) s
n
s = sup
n
s
n
inf
n
S
n
= S S
n
M(b a) .
198 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN
Sia f(x) una funzione denita su un intervallo [a, b] e limitata. Se
accade che
s = S ossia s = sup
n
s
n
= inf
n
S
n
= S
il numero s = S si chiama integrale di Riemann (o semplicemente
integrale ) di f(x) su [a, b]; e la funzione f(x) si dice integrabile su
[a, b].
Lintegrale di Riemann si chiama anche integrale denito .
Lintegrale di Riemann di f(x) su [a, b] si indica col simbolo
_
b
a
f(x) dx.
Osservazione 139 Si noti il contrasto tra i termini integrale denito ed inte-
grale indenito. Il primo indica un numero mentre il secondo indica linsieme
di tutte le primitive di f(x).
Usando la denizione, si verichi che una funzione costantemente uguale a
c su [a, b] ha integrale uguale a c(ba), ossia uguale allarea del rettangolo
di base [a, b] ed altezza c, se c 0; allopposto dellarea se c < 0.
Lintegrale
_
b
a
f(x) dx si interpreta come area del trapezoide quando accade
che f(x) 0; come dierenza tra larea della parte di trapezoide che sta sopra
lasse delle ascisse e quella che sta sotto altrimenti.
Osservazione 140 (Sulla notazione)
La notazione
_
b
a
f(x) dx ha una ragione storica e va presa come unico bloc-
co: non si possono separare
_
b
a
e dx. Anzi, sarebbe anche lecito scrivere
semplicemente
_
b
a
f invece di
_
b
a
f(x) dx. Si continua ad usare il simbolo pi` u
complesso perche questo aiuta a ricordare certe formule che vedremo, sia in
questo che in corsi successivi.
Inoltre, sottolineiamo che
_
b
a
f(x) dx `e un numero. La variabile x non
ha alcun ruolo e si chiama la variabile muta dintegrazione. Muta nel senso
che il simbolo prescelto per essa non inuisce sul valore dellintegrale, e pu`o
essere cambiato a piacere. Quindi,
_
b
a
f(x) dx =
_
b
a
f(s) ds =
_
b
a
f(y) dy =
_
b
a
f() d . . .
9.1. LA DEFINIZIONE DELLINTEGRALE 199
E per`o importante capire subito un uso della variabile muta dintegrazione
e del simbolo dx. Talvolta si ha una famiglia di funzioni x f(x, y), una
funzione di x [a, b] per ogni valore di y. Pu`o essere necessario integrare
ciascuna di queste funzioni, ottenendo un numero per ogni valore di y; ossia
ottenendo una funzione della variabile y:
(y) =
_
b
a
f(x, y) dx.
E la presenza della notazione dx che ci dice quale `e la variabile muta
dintegrazione e quale `e il parametro.
Esempio 141 Questesempio mostra la debolezza della denizione che abbia-
mo scelto: per calcolare
_
b
a
c dx = c(b a)
basta usare un solo rettangolo. Non c`e nessun bisogno di suddividere il
trapezoide in tanti rettangoli. Ci`o fa capire che dovendo calcolare nume-
ricamente lintegrale di una funzione il cui graco `e quello in gura 9.3, a
sinistra, converr` a usare una partizione non uniforme dellintervallo [a, b], met-
tendo pochi punti di suddivisione dove la funzione `e circa costante e tanti punti
dove varia velocemente. La gura 9.3, a destra, mostra che un metodo ancora
pi` u eciente consiste nellapprossimare larea da calcolare mediante trapezi,
invece che mediante rettangoli.
Nella gura a destra abbiamo disegnato i trapezi usando meno punti di
suddivisione di quanti ne avessimo usati per i rettangoli per non confondere
il lato del trapezio col graco della funzione; e ci`o nonostante `e evidente che
lapprossimazione mediante pochi trapezi `e migliore di quella con tanti
rettangoli.
Una denizione pi` u generale. Lesempio 141 mostra lutilit`a per il
calcolo numerico di approssimare il valore dellintegrale mediante partizioni
dellintervallo [a, b] ottenute con punti non equidistanti. Si potr`a quindi cer-
care di ripetere la costruzione dellintegrale usando partizioni con punti non
equidistanti, costruendo le somme s ed S con formule analoghe a quelle delle
s
n
ed S
n
e mandando a zero la nezza della partizione, ossia la massima delle
distanze tra i punti consecutivi della partizione. Potrebbe venire il dubbio che
in questo modo si ottenga un numero diverso da quello che si trova mediante
partizioni con punti equidistanti. Senza indugiare a provarlo, diciamo che ci`o
non accade.
200 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Figura 9.3:
0 1 2 3 4 5 6
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
0 1 2 3 4 5 6
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
9.1.1 Propriet`a dellintegrale
Le propriet`a cruciali dellintegrale sono la linearit`a, monotonia e additi-
vit`a.
Linearit`a dellintegrale. In generale si chiama lineare una trasfor-
mazione che si distribuisce sulla somma e da cui si portano fuori le costanti
moltiplicative; ossia una trasformazione, diciamo , con questa propriet`a:
(f +g) = f + g .
Lintegrale di Riemann ha questa propriet`a. Infatti, vale:
Teorema 142 Siano f(x) e g(x) due funzioni integrabili sul medesimo
intervallo [a, b] e siano e due numeri reali.
In tal caso la funzione f(x) + g(x) `e integrabile su [a, b] e inoltre vale
_
b
a
[f(x) + g(x)] dx =
_
b
a
f(x) dx +
_
b
a
g(x) dx.
La dimostrazione non `e dicile ma un po macchinosa.
Questa propriet`a si chiama linearit`a dellintegrale .
Ricordiamo che
f
+
(x) = maxf(x), 0 , f

(x) = minf(x), 0
da cui
f(x) = f
+
(x) + f

(x) , [f(x)[ = f
+
(x) f

(x) .
Si potrebbe provare:
9.1. LA DEFINIZIONE DELLINTEGRALE 201
Teorema 143 La funzione f(x), limitata su (a, b), `e integrabile se e solo se
sono integrabili ambedue le funzioni f
+
(x) ed f

(x).
Ci`o combinato con la propriet`a di linearit`a dellintegrale d`a:
Teorema 144 Se f(x) `e integrabile su [a, b] allora [f(x)[ `e integrabile su [a, b].
Inoltre, valgono le uguaglianze
_
b
a
f(x) dx =
_
b
a
f
+
(x) dx +
_
b
a
f

(x) dx,
_
b
a
[f(x)[ dx =
_
b
a
f
+
(x) dx
_
b
a
f

(x) dx .
Monotonia dellintegrale. E pressoche immediato dalla denizione di
integrale:
Teorema 145 Sia f(x) integrabile e positiva. Allora,
_
b
a
f(x) dx 0 .
Sia ora
g(x) f(x) ossia f(x) g(x) 0 .
Usando la linearit`a si vede che
0
_
b
a
[f(x) g(x)] dx =
_
b
a
f(x) dx
_
b
a
g(x) dx.
Dunque:
Corollario 146 Se f(x) e g(x) sono integrabili sul medesimo intervallo [a, b]
e se g(x) f(x) per ogni x [a, b], allora si ha
_
b
a
g(x) dx
_
b
a
f(x) dx.
Questa propriet`a si chiama monotonia dellintegrale .
Usando lintegrabilit` a del valore assoluto (Teorema 144) e la disuguaglianza
[f(x)[ f(x) [f(x)[
si trova

_
b
a
f(x) dx


_
b
a
[f(x)[ dx.
202 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Additivit`a dellintegrale. Sia f(x) denita su [a, b] e sia c (a, b).
Vale
Teorema 147 La funzione f(x) `e integrabile su [a, b] se e solo se `e integrabile
sia su [a, c] che su [c, d] e si ha
_
b
a
f(x) dx =
_
c
a
f(x) dx +
_
b
c
f(x) dx.
Questa propriet`a si chiama additivit`a dellintegrale .
Grazie a questo teorema, possiamo denire la funzione integrale di f(x).
Sia f(x) integrabile su [a, b]. Per ogni x (a, b] calcoliamo la funzione
F(x) =
_
x
a
f(s) ds .
Poniamo inoltre
F(a) = 0
cos` che F(x) `e denita su [a, b]. La funzione F(x) si chiama la funzione integrale
di f(x).
Integrale ed operazioni. La propriet`a di linearit`a mostra le relazioni
tra le operazioni di somma e di moltiplicazione per costanti e il calcolo dellin-
tegrale. Il Teorema 144 mostra che se f(x) `e integrabile allora f
+
(x), f

(x) e
[f(x)[ sono integrabili, senza dare modo di calcolarne lintegrale. Vale anche:
Teorema 148 Si ha:
se f(x) e g(x) sono integrabili su [a, b] anche f(x)g(x) `e integrabile su
[a, b];
se f(x) e g(x) sono integrabili su [a, b] e inoltre se g(x) `e continua e non
si annulla su [a, b], allora anche f(x)/g(x) `e integrabile su [a, b].
Va detto per`o che non c`e alcuna relazione semplice tra gli integrali di due
funzioni e quello del loro prodotto o del loro quoziente.
9.1.2 Classi di funzioni integrabili
Valgono i due teoremi seguenti:
Teorema 149 Se f(x) `e continua sullintervallo limitato e chiuso [a, b], essa
`e integrabile su [a, b] e quindi su ciascun suo sottointervallo.
9.1. LA DEFINIZIONE DELLINTEGRALE 203
Teorema 150 Se f(x) `e monotona sullintervallo limitato e chiuso [a, b],
essa `e integrabile su [a, b] e quindi su ciascun suo sottointervallo.
Combinando questi teoremi con la propriet`a di additivit`a dellintegrale,
segue che se lintervallo [a, b] `e unione di due o pi` u sottointervalli su ciascuno dei
quali la funzione ha restrizione continua oppure monotona, allora la funzione
f(x) `e integrabile su [a, b].
Dim. del Teorema 150.
Supponiamo per ssare le idee che la funzione sia crescente su [a, b].
Notiamo che la funzione `e limitata su [a, b]. Infatti vale
f(a) f(x) f(b) .
Suddividiamo lintervallo [a, b] in n parti uguali [x
i
, x
i+1
) e consideriamo le
somme (9.1), ossia
s
n
=
n1

i=0
m
i
(x
i+1
x
i
) ove m
i
= inf
x[x
i
,x
i+1
)
f(x),
S
n
=
n1

i=0
M
i
(x
i+1
x
i
) ove M
i
= sup
x[x
i
,x
i+1
)
f(x).
cos` che
m
i
= f(x
i
) , M
i
f(x
i+1
) .
Ricordiamo che lintegrale esiste se
s = sup
n
s
n
inf
n
S
n
= S
e che in generale (si veda la (9.3)):
0 S s .
Dobbiamo quindi provare che la dierenza S s non `e strettamente
positiva. Ossia
2
, dobbiamo provare che per ogni > 0 vale
0 S s < .
Notiamo che
s
n
s S S
n
= 0 S s S
n
s
n
.
2
si ricordi la propriet`a di Archimede.
204 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Dunque, basta provare che per ogni > 0 esiste un opportuno N

tale che
S
n
s
n
< .
Si ricordi che lintervallo [a, b] si `e diviso in n parti uguali, ossia x
i+1
x
i
=
(b a)/n. Dunque si ha
S
n
s
n
=
n1

i=0
(M
i
m
i
)(x
i+1
x
i
) =
b a
n
n1

i=0
(M
i
m
i
)
=
b a
n
n1

i=0
(M
i
f(x
i
))
b a
n
n1

i=0
(f(x
i+1
) f(x
i
))
=
b a
n
_
(f(x
1
) f(x
0
)) + (f(x
2
) f(x
1
)) +
+(f(x
n1
) f(x
n2
)) + (f(x
n
) f(x
n1
))
_
=
b a
n
[f(b) f(a)] .
Queste relazioni valgono per ogni n. Fissato > 0 esiste N tale che
b a
N
[f(b) f(a)] <
e quindi vale
0 S s S
N
s
N
,
come volevamo.
9.1.3 La media integrale
Sia f(x) integrabile su [a, b] e sia
m = inf
[a,b]
f(x) , M = sup
[a,b]
f(x) .
Consideriamo le due funzioni
h(x) m, k(x) M
cos` che
h(x) f(x) k(x) .
La monotonia dellintegrale mostra che
m(b a) =
_
b
a
h(x) dx
_
b
a
f(x) dx
_
b
a
k(x) dx = M(b a) ;
9.2. INTEGRALE ORIENTATO 205
ossia esiste c (m, M) tale che:
c(b a) =
_
b
a
f(x) dx.
Il numero c `e ovviamente denito da
c =
1
b a
_
b
a
f(x) dx.
La sua propriet`a essenziale `e di essere compreso tra inf
[a,b]
f(x) e sup
[a,b]
f(x).
Il numero c si chiama la media integrale di f(x). e quindi si ha
inff(x) x [a, b] c =
1
b a
_
b
a
f(x) dx supf(x) x [a, b] .
Sia ora f(x) continua su [a, b]. Ricordando il teorema dei valori intermedi
si ha:
Teorema 151 Se f(x) `e continua su [a, b], la sua media integrale `e uno dei
valori della funzione; ossia esiste x
0
[a, b] tale che
(b a)f(x
0
) =
_
b
a
f(x) dx ossia f(x
0
) =
1
b a
_
b
a
f(x) dx .
Se f(x) 0, il signicato del numero c, media integrale di f(x) su [a, b], `e
il seguente: il numero c `e laltezza del rettangolo di base [a, b], la cui
area `e uguale a quella del trapezoide. Ci`o `e illustrato in gura 9.4. La
gura mostra anche la bisettrice del primo quadrante che non ha alcun ruolo
nella media integrale. E disegnata solo per sottolineare il fatto che lunit`a di
misura `e la medesima sui due assi.
9.2 Integrale orientato
Nel simbolo dellintegrale di Riemann
_
b
a
necessariamente a b. Vogliamo ora denire questo simbolo anche nel caso
a > b. Ci`o si fa semplicemente ponendo
_
b
a
=
_
a
b
.
206 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Figura 9.4: La media integrale
x
y
Uno dei due membri `e denito e luguaglianza denisce laltro.
Lintegrale
_
b
a
f(x) dx
cos` introdotto, senza che debba essere a b, si chiama integrale orientato .
Per esso valgono tutte le propriet`a viste per lintegrale di Riemann, salvo la
monotonia che richiede un po di cautela, perche le disuguaglianze cambiano
verso quando si cambia segno ai due membri. Quindi:
la disuguaglianza

_
b
a
f(x) dx


_
b
a
[f(x)[ dx
NON VALE PER LINTEGRALE ORIENTATO perche il secondo
membro pu`o essere negativo ed il primo positivo. Essa va sostituita
da

_
b
a
f(x) dx

_
b
a
[f(x)[ dx

.
Invece, per lintegrale orientato vale la propriet`a di additivit`a
_
b
a
f(x) dx =
_
c
a
f(x) dx +
_
b
c
f(x) dx
9.3. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE 207
senza alcun vincolo sullordine dei tre numeri a, b e c.
Usando ci`o, si pu`o denire la funzione integrale
F(x) =
_
x
a
f(s) ds
sia per x a che per x < a (ovviamente, se `e denita f(x)). Infatti
F(x) =
_
x
a
f(s) ds =
_

_
_
x
a
f(s) ds se x a
(
_
x
a
indica lintegrale di Riemann),

_
a
x
f(s) ds se x < a
(
_
a
x
indica lintegrale di Riemann).
In particolare,
Teorema 152 Se f(x) 0 `e denita su R e positiva, la funzione
F(x) =
_
x
a
f(s) ds
`e crescente su R.
9.3 Il teorema fondamentale del calcolo inte-
grale
Ricordiamo che se f(x) `e integrabile su [a, b] essa `e integrabile su ogni sot-
tointervallo. In particolare `e integrabile su [a, x] e quindi possiamo denire la
funzione
F(x) =
_
x
a
f(s) ds x (a, b] , F(a) = 0
che si chiama la funzione integrale di f(x). Notiamo che la funzione f(x),
che deve essere limitata, pu`o non essere continua. Ci`o nonostante:
Teorema 153 La funzione F(x) `e continua su [a, b].
Dim. Proviamo la continuit` a da destra in x
0
(a, b), lasciando per esercizio
la continuit` a da sinistra sia in x
0
che in b. Dobbiamo provare che
lim
xx
0
+
__
x
a
f(s) ds
_
x
0
a
f(s) ds
_
= 0 .
208 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Ladditivit`a dellintegrale permette di scrivere
_
x
a
f(s) ds
_
x
0
a
f(s) ds =
_
x
0
a
f(s) ds+
_
x
x
0
f(s) ds
_
x
0
a
f(s) ds =
_
x
x
0
f(s) ds .
La funzione f(x) `e limitata e quindi [f(x)[ < M. Dunque,

_
x
a
f(s) ds
_
x
0
a
f(s) ds

_
x
x
0
f(s) ds


_
x
x
0
[f(s)[ ds

_
x
x
0
M ds = M(x x
0
) 0 ,
come si voleva.
In modo del tutto analogo si prova che:
Teorema 154 Vale
lim
xa+
F(x) = 0 .
Cos`, la funzione integrale viene ad essere denita e continua su [a, b].
Se f(x) `e una funzione integrabile qualsiasi, la funzione F(x) pu`o non essere
derivabile, ma:
Teorema 155 (Teorema fondamentale del calcolo integrale) Se f(x) `e
continua su [a, b], la funzione F(x) `e derivabile su (a, b) e vale
F

(x) = f(x) x (a, b) .


Di conseguenza, ogni funzione continua ammette primitive.
Dim. Proviamo che
3
f(x) = lim
h0
1
h
[F(x + h) F(x)] = lim
h0
1
h
__
x+h
a
f(s) ds
_
x
a
f(s) ds
_
lim
h0
1
h
_
x+h
x
f(s) ds .
Notiamo che (il colore vuol sottolineare che la variabile muta di integrazione
`e s, non x)
1
h
_
x+h
x
f(x) ds = f(x)
3
Facciamo i calcoli per h 0+. Calcoli analoghi valgono per h 0.
9.3. IL TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE 209
perche lintegranda `e la funzione costante s f(x). Dunque,
f(x)
1
h
[F(x +h) F(x)] =
1
h
_
x+h
x
f(x) ds
1
h
_
x+h
x
f(s) ds
1
h
_
x+h
x
[f(x) f(s)] ds .
La funzione f(s) `e continua nel punto x. Dunque, per ogni > 0 esiste h
tale che se x s < x + h si ha
[f(x) f(s)[ < .
Dunque, per tale scelta di h si ha

f(x)
1
h
[F(x +h) F(x)]


1
h
_
x+h
x
[f(x) f(s)[ ds .
Ci`o prova lasserto.
Limportanza pratica di questo risultato sta nel fatto che, se f(x) `e con-
tinua, il calcolo dellintegrale denito pu`o ottenersi tramite il calcolo delle
primitive. Ossia, la F(x), funzione integrale, `e una particolare primitiva di
f(x): `e quella primitiva che si annulla in a.
Ricordiamo ora che due primitive diverse su un intervallo (a, b) di una me-
desima funzione hanno dierenza costante. Quindi, se mediante le tecniche di
calcolo delle primitive, si `e trovata una qualsiasi primitiva F(x) della funzione
continua f(x), si ha:
_
b
a
f(x) dx = F(b) F(a) .
Lo scarto F(b) F(a) si indica anche col simbolo
F

b
a
e quindi si scrive
_
b
a
f(x) dx = F

b
a
.
Osservazione 156 Per chiarezza, abbiamo calcolato i limiti da destra. Cal-
coli analoghi valgono anche per i limiti da sinistra. In realt`a, usan-
do le propriet`a dellintegrale orientato, si potrebbero trattare i due casi
contemporaneamente.
210 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
9.4 Integrale improprio
Si chiama integrale improprio quello che si ottiene estendendo lintegrale di
Riemann a funzioni dotate di asintoto verticale oppure denite su una semi-
retta (o ambedue le cose) mediante il calcolo di un limite. Conviene vedere
separatamente i due casi seguenti, che verranno poi combinati insieme.
Introduciamo un termine: sia f(x) denita su un intervallo (a, b), limitato
o meno. Non si richiede che la funzione sia limitata. La funzione f(x) si dice
localmente integrabile quando `e integrabile (nel senso di Riemann e quindi
anche limitata) su ogni intervallo [c, d] limitato e chiuso contenuto in (a, b).
9.4.1 Lintegrale su una semiretta
Consideriamo una funzione f(x) denita sulla semiretta [a, +) ed integrabile
(nel senso di Riemann e quindi limitata) su ogni semiretta [a, T]. E cos`
possibile denire la funzione
F(T) =
_
T
a
f(x) dx
Consideriamo
lim
T+
F(T) .
Se questo limite esiste, nito o meno, si scrive
_
+
a
f(x) dx = lim
T+
F(T)
e si chiama integrale improprio (su (a, +)) di f(x). Si hanno i casi elencati
nella tabella 9.1
Quando lintegrale improprio non esiste, si dice anche che `e indeterminato
o oscillante .
9.4.2 Lintegrale in presenza di un asintoto verticale
Supponiamo che la funzione f(x) sia denita su (a, b] ed abbia asintoto
verticale x = a:
lim
xa
[f(x)[ = +.
9.4. INTEGRALE IMPROPRIO 211
Tabella 9.1: I casi dellintegrale improprio
se lintegrale si dice si scrive
lim
T+
_
T
a
f(x) dx = l R integrale convergente
_
+
a
f(x) dx = l
lim
T+
_
T
a
f(x) dx = integrale divergente
_
+
a
f(x) dx =
lim
T+
_
T
a
f(x) dx non esiste
Supponiamo inoltre che sia localmente integrabile su (a, b]. In questo caso, si
pu`o denire la funzione
F() =
_
b

f(x) dx
per ogni (a, b] e si pu`o studiarne il limite per a+. Se questo limite
esiste lo indicheremo col simbolo
_
b
a
f(x) dx = lim
a+
_
b

f(x) dx
e lo chiameremo ancora integrale improprio su (a, b). Se il limite `e nito
diremo che lintegrale improprio converge; se `e + oppure diremo che
diverge. Se il limite non esiste, diremo che lintegrale improprio non esiste
(equivalentemente, oscilla o `e indeterminato).
9.4.3 Casi pi` u generali
I due casi precedenti possono combinarsi tra loro. Per esempio:
se f(x) `e localmente integrabile su (a, +), si possono studiare i due
limiti
lim
a
_
c

f(x) dx, lim


T+
_
T
c
f(x) dx
212 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
con lo stesso c. Usando ladditivit`a dellintegrale, si mostra che se i due
limiti esistono niti o inniti di segno concorde la loro somma non
dipende dalla scelta di c (a, +) e si scrive
_
+
a
f(x) dx =
_
lim
a
_
c

f(x) dx
_
+
_
lim
T+
_
T
c
f(x) dx
_
.
in modo analogo si procede se la funzione ha pi` u asintoti verticali;
in modo analogo, se accade che f(x) `e localmente integrabile su R
scriveremo
_
+

f(x) dx = lim
S
_
c
S
f(x) dx + lim
T+
_
T
c
f(x) dx.
E importante sottolineare che i due limiti, per S e per T
+, vanno calcolati indipendentemente. Per esempio, la funzione
arctan x non ha integrale improprio su R perche i due limiti precedenti
sono il primo e il secondo +. Per` o,
lim
T+
_
T
T
f(x) dx = 0
perche la funzione `e dispari e quindi
_
T
T
f(x) dx = 0
per ogni T.
9.5 Criteri di convergenza per gli integrali
impropri
In pratica, il calcolo di un integrale improprio `e dicile e non si riesce a
fare esplicitamente. Si danno per`o dei criteri che assicurano la convergenza
o divergenza dellintegrale, che conviene esaminare prima nel caso di funzioni
positive.
9.5. CRITERI DI CONVERGENZA PER GLI INTEGRALI IMPROPRI213
9.5.1 Criteri di convergenza: funzioni positive su semi-
rette
Per ssare le idee, supponiamo di lavorare su una semiretta verso destra,
[a, +) e di avere una funzione che prende valori maggiori o uguali a
zero e che `e integrabile su ogni intervallo limitato [a, b]. Consideriamo
la funzione
T
_
T
a
f(x) dx.
Questa `e una funzione crescente di T perche la f(x) `e positiva. Quindi, per
il teorema delle funzioni monotone,
lim
T+
_
T
a
f(x) dx
esiste, nito o meno. Dunque,
Teorema 157 Se la funzione f(x) prende valori maggiori o uguali a zero,
lintegrale improprio
_
+
a
f(x) dx
converge oppure diverge. Esso non pu`o essere oscillante.
Quindi, se possiamo dire che esiste M tale che
_
T
a
f(x) dx < M
per ogni T allora lintegrale converge; se invece la funzione di T `e minorata da
una funzione divergente a +, lintegrale improprio diverge.
Questosservazione si usa confrontando la funzione f(x) con funzioni di
forma pi` u semplice il cui integrale si sa calcolare. Infatti:
Teorema 158 ( di confronto per gli integrali impropri ) Siano f(x) e g(x)
localmente integrabili su [a, +). Valga inoltre
0 f(x) g(x) .
Allora:
_
+
a
g(x) dx < + =
_
+
a
f(x) dx < +;
_
+
a
f(x) dx = + =
_
+
a
g(x) dx = +.
214 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Siamo quindi ridotti a cercare delle funzioni di confronto g(x) abbastanza
semplici. Ricordando che gli innitesimi fondamentali di confronto per x
+ sono le funzioni
g(x) =
1
x

`e naturale confrontare con queste funzioni, i cui integrali si calcolano


facilmente:
_
se ,= 1
_
T
a
1
x

dx =
1
1
_
1
T
1

1
a
1

se = 1
_
T
a
1
x
dx = log T log a
Dunque, si ha la situazione riassunta nella tabella 9.2.
Tabella 9.2: integrali impropri su una semiretta
0 f(x) M
1
x

> 1
_
+
a
f(x) dx < +
f(x) M
1
x

1 e M > 0
_
+
a
f(x) dx = +
Inoltre,
Teorema 159 la funzione f(x) (non negativa) abbia parte principale
M
x

per
x +. I due integrali impropri di f(x) e di 1/x

hanno lo stesso
comportamento.
Dim. Infatti, lipotesi implica che M ,= 0 e inoltre
f
M
x

per x +.
e quindi in particolare, per x abbastanza grande, vale
1
2
M
x

f(x) 2
M
x

.
Si noti che la condizione
0 f(x) < M
1
x

si verica in particolare se f(x) `e (positiva ed) un innitesimo per x +,


di ordine maggiore di 1/x

. Dunque,
9.5. CRITERI DI CONVERGENZA PER GLI INTEGRALI IMPROPRI215
Teorema 160 Se f(x) 0 ed inoltre per x + la funzione f(x) `e
un innitesimo di ordine maggiore di 1/x
1+
con > 0 , allora lintegrale
improprio
_
+
a
f(x) dx
`e convergente.
E importante notare che nellenunciato precedente la condizione > 0 `e
cruciale. La condizione che f(x) sia innitesima di ordine maggiore ad
1/x, con esponente esattamente 1, non implica la convergenza
dellintegrale. Per esempio,
f(x) =
1
x log x
= o
_
1
x
_
ma una primitiva di 1/(x log x) `e log(log x) e quindi
lim
T+
_
T
2
1
x log x
dx = lim
T+
(log(log T) log(log 2)) = +.
9.5.2 Criteri di convergenza: funzioni positive su inter-
valli
Consideriamo il caso in cui f(x) 0 su (a, b], con asintoto verticale x = a. In
questo caso, la funzione

_
b

f(x) dx
`e decrescente e quindi dotata di limite per x a+, nito o meno. E quindi
si pu`o ancora enunciare il teorema del confronto, come segue:
Teorema 161 ( di confronto per gli integrali impropri ) Siano f(x) e g(x)
localmente integrabili su (a, b]. Valga inoltre
0 f(x) g(x) .
Allora:
_
b
a
g(x) dx < + =
_
b
a
f(x) dx < +;
_
b
a
f(x) dx = + =
_
b
a
g(x) dx = +.
216 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Tabella 9.3: integrali impropri su un intervallo
0 f(x) M
1
(xa)

< 1
_
c
a
f(x) dx < +
f(x) M
1
(xa)

1 e M > 0
_
c
a
f(x) dx = +
Naturalmente, `e ancora naturale scegliere come funzione di confronto gli
inniti campione f(x) = 1/(x a)

. Vale anche in questo caso


Teorema 162 la funzione f(x) (non negativa) abbia parte principale
M
(xa)

per x a. I due integrali impropri di f(x) e di 1/(x a)

hanno lo stesso
comportamento.
Quindi, va capito quando diverge oppure converge lintegrale imprioprio di
1
(xa)

. E ancora vero che lintegrale improprio divergente se = 1, per`o ora


le due condizioni > 1 e < 1 hanno ruolo scambiato:
_
_
b
a
1
(xa)

dx < + se < 1 ,
_
b
a
1
(xa)

dx = + se 1 .
Quindi, si pu`o ancora dare una tavola analoga alla 9.2, ma con versi delle
disuguaglianze scambiate. Si veda la tabella 9.3 (dove c > a e si intende
che f(x) `e integrabile nel senso di Riemann su [a + , c] per ogni > 0).
Si noti che la condizione
0 f(x) < M
1
x

si verica in particolare se f(x) `e (positiva ed) un innito per x +, di


ordine inferiore ad 1/(x a)

. Dunque,
Teorema 163 Se f(x) 0 ed inoltre per x + la funzione f(x) `e
un innito di ordine inferiore ad 1/(x a)
1
con > 0 , allora lintegrale
improprio
_
b
a
f(x) dx
`e convergente.
9.5. CRITERI DI CONVERGENZA PER GLI INTEGRALI IMPROPRI217
Ripetiamo ancora che se f(x) `e un innito di ordine inferiore
esattamente ad 1 (ossia se nellenunciato precedente si ha = 0)
niente pu`o aermarsi dellintegrale improprio di f(x).
9.5.3 Il caso delle funzioni che cambiano segno
Ricordiamo le notazioni
f
+
(x) = maxf(x) , 0 , f

(x) = minf(x) 0
cos` che
f(x) = f
+
(x) + f

(x) , [f(x)[ = f(x) f

(x) .
Dunque, se [f(x)[ ha integrale improprio convergente, anche le due funzioni
f
+
(x) e f

(x) hanno integrale improprio convergente. E quindi la loro somma


f(x) ha integrale improprio convergente. Si pu`o quindi enunciare
Teorema 164 Una funzione localmente integrabile il cui valore assolu-
to ha integrale improprio convergente, ha essa stessa integrale improprio
convergente.
E si noti che questasserto vale sia su semirette che su intervalli.
In sostanza, questo `e lunico criterio (ovviamente solo suciente) di cui
disponiamo per provare che una funzione di segno variabile ha integrale im-
proprio convergente: si prova che `e assolutamente integrabile (ossia che il
suo valore assoluto `e integrabile) usando i criteri noti per le funzioni di segno
costante. Se ne deduce che lintegrale improprio della funzione converge.
218 CAPITOLO 9. INTEGRALI DEFINITI ED IMPROPRI
Appendice A
Glossario
limitazione superiore di un insieme signica maggiorante; limitazione inferiore
signica minorante.
La notazione (x
n
) indica la successione n x
n
. Il simbolo x
n
pu`o
indicare sia la successione n x
n
che linsieme degli elementi x
n
, ossia
limmagine della successione.
Successione indeterminata o successione oscillante `e una successione
priva di limite (per n +).
Si noti che invece soluzione oscillante di unequazione dierenziale in-
dica una soluzione con inniti cambiamenti di segno, anche se dotata di
limite, come per esempio e
x
sin x.
Funzione indeterminata (per x ) si usa per dire che lim
x
f(x)
non esiste.
Il punto x
0
si dice
punto estremale ,
punto critico ,
punto singolare ,
punto stazionario ,
di stazionariet`a
219
220 APPENDICE A. GLOSSARIO
per una funzione f(x) se `e un punto interno al dominio di f(x), la f(x)
`e derivabile in x
0
e si ha f

(x
0
) = 0.
Si equivalgono i termini integrale denito ed integrale di Riemann .
Sia (a, b) un intervallo, limitato o meno. Una funzione si dice
localmente integrabile su (a, b) quando e integrabile (nel senso dellinte-
grazione di Riemann) su ogni intervallo limitato e chiuso [c, d] contenuto
in (a, b).
Un integrale improprio si dice indeterminato quando non esiste il li-
mite mediante il quale esso `e denito; ossia se per esempio lintegrale
improprio da considerare `e lim
T+
_
T
a
, questintegrale `e indeterminato
quando il limite non esiste.
Indice analitico
arccos x, 33
arcsin x, 33
arctan x, 32
n fattoriale, 79
arccotg x, 33
o piccolo, 74
punto critico, 219
punto stazionario, 219
tangenti, 145
a coeciente costante, 168
additivit`a dellintegrale, 202
ane, 168, 169, 179
ampiezza, 189
anomalia, 151
argomento, 151
argomento principale, 152
asintoticamente stabile, 192
asintoto obliquo, 62
asintoto orizzontale, 62
asintoto verticale, 62
assolutamente integrabile, 217
autonoma, 167
autovalori, 187
centro, 132
classe C

, 90
codominio, 15
coeciente, 168
coeciente binomiale, 79
complementare, 4
complementare di A relativamente
ad R, 5
completa, 168, 169, 179
completamento dei quadrati, 163
concava, 26
concava in x
0
, 147
condizione di Cauchy, 168, 169
condizioni di Cauchy, 191
confrontabili, 76
confronto per gli inniti, 53
coniugato, 155
continua, 68
continua da destra, 68
continua da sinistra, 68
controimmagine, 16
convessa, 22, 26
convessa in x
0
, 147
corda, 26
costante di Nepero, 65
costante di tempo, 189
cuspide, 145
decomposizione in fratti semplici,
123
della limitatezza locale, 45, 56
della permanenza del segno, 56
derivata, 87, 144
derivata direzionale, 88
derivata prima, 89
derivata seconda, 89
derivate direzionali, 144
di classe C
n
, 90
di confronto, 46
di confronto per gli integrali impro-
pri, 213, 215
221
222 INDICE ANALITICO
di ordine n, 165
di stazionariet`a, 219
dierenziale, 88, 91
discontinuit`a di prima specie, 70
discontinuit`a di seconda specie, 70
discontinuit`a eliminabile, 70
discontinuit`a rimuovibile, 70
dispari, 22
dominio, 15
dominio massimale, 177
equazione caratteristica, 187
equazione dierenziale, 165
equazione omogenea associata, 168
equivalenti, 76
esistenza degli zeri, 104
esponenzialmente stabile, 192
estensione, 17
estensione dispari, 30
estensione pari, 30
estensione per continuit`a, 70, 142
estremi assoluti, 26
estremi globali, 26
estremo inferiore, 13
estremo locale, 26
estremo superiore, 13
fase, 189
nezza, 196
esso a tangente orizzontale, 136
esso a tangente verticale, 146
fondamentale dellalgebra, 161
forma di Peano, 132
forma indeterminata, 42
formula del binomio, 80
formula della media, 110
formula di Eulero, 159
formula di Leibniz, 93
formula di McLaurin, 133
formula di Moivre, 157
formula di Newton, 80
formula di Taylor, 132
frequenza angolare, 189
funzione, 15
funzione composta, 18
funzione derivata, 89
funzione esponenziale, 66
Funzione indeterminata, 219
funzione integrale, 202, 207
funzione pari, 22
funzione razionale, 120
funzione univoca, 15
funzioni di Fresnel, 29
funzioni iperboliche, 80
graco, 16
Heaviside, 27
illimitato inferiormente, 12
illimitato superiormente, 11
immagine, 15
indeterminata, 138
indeterminato, 210, 220
indice, 20
innitesimo, 46, 57, 61
innitesimo di ordine inferiore, 75
innitesimo di ordine superiore, 75
innito di ordine inferiore, 75
innito di ordine superiore, 75
innito negativo, 38, 51
innito positivo, 38, 51
iniettive, 18
insieme vuoto, 4
integrabile, 198
integrale, 198
integrale convergente, 211
integrale denito, 198, 220
integrale di Riemann, 198, 220
integrale divergente, 211
integrale generale, 171, 181
INDICE ANALITICO 223
integrale improprio, 210, 211
integrale indenito, 114
integrale orientato, 206
integrale particolare, 181
integrale primo, 171
integrazione per parti, 116
integrazione per sostituzione, 117
intersezione, 4
intervalli semiaperti, 7
intervallo, 7
intervallo aperto, 7
intervallo chiuso, 7
intorno, 8
intorno di +, 8, 52
intorno di , 8, 52
intorno simmetrico, 8
inverse, 18
lHospital, 126
limitata, 23
limitata inferiormente, 23
limitata superiormente, 23
limitata,, 22
limitatezza locale e permanenza del
segno, 68
limitato, 12
limitato inferiormente, 12
limitato superiormente, 11
limitazione inferiore, 219
limitazione superiore, 219
limiti direzionali, 60
linearit`a, 94
linearit`a dellintegrale, 116, 200
localmente integrabile, 210, 220
logaritmi naturali, 66
maggiorante, 11
mantissa, 28, 65
massimo, 11, 13
media integrale, 205
minimo, 12
minorante, 11
modulo, 151
molteplicit`a, 162
monotona, 22
monotona crescente, 24
monotona decrescente, 24
monotonia dellintegrale, 201
non esiste, 211
non sono confrontabili, 76
numeri complessi, 149
numeri complessi reali, 150
numero di Eulero, 65
O grande, 77
omogenea, 168, 169
omogenea ad essa associata, 179
ordine, 77
oscillante, 138, 191, 210
parte immaginaria, 151
parte intera, 28
parte principale, 77
parte reale, 151
partizione, 196
periodica, 20
periodo, 20
permanenza del segno, 52
piano complesso, 150
piano di Argand-Gauss, 150
poli, 120
poli semplici, 120
polinomio di Taylor, 132
polo di molteplicit`a r, 121
prima formula degli incrementi ni-
ti, 91
primitiva, 113
primitiva generalizzata, 123
problema di Cauchy, 167
prodotto cartesiano, 4
224 INDICE ANALITICO
propriet`a di Archimede, 12
Propriet`a di Dedekind, 13
punti critici, 98
punti di estremo, 26
punti estremali, 98
punto angoloso, 145
punto di accumulazione, 52
punto di esso, 136
punto di Lagrange, 110
punto di massimo, 25
punto di massimo relativo, 26
punto di minimo, 25
punto di minimo relativo, 26
punto estremale, 219
punto singolare, 219
radici, 162
radici nme, 157
rapporto incrementale, 86
rappresentazione algebrica, 151
rappresentazione polare, 151
rappresentazione trigonometrica dei
numeri complessi, 152
regolare, 138
resto in forma di Lagrange, 133
resto in forma di Peano, 133
restrizione, 17
retta tangente, 86, 144
salto, 70
seconda formula degli incrementi
niti, 110
segno, 28
settore coseno iperbolico, 82
settore cotangente iperbolica, 82
settore seno iperbolico, 82
settore tangente iperbolica, 82
simboli di Landau, 77
simbolo di Landau, 75
sinc, 28
soluzione di unequazione dieren-
ziale, 166
soluzione oscillante, 219
soluzioni singolari, 175
stabile, 192
stesso ordine, 76
strettamente monotone, 24
successione, 20
Successione indeterminata, 219
successione oscillante, 219
successione regolare, 102
suriettiva, 16
tangente, 144, 145
teorema dei valori intermedi, 104
teorema del confronto, 61
Teorema di confronto, 57
Teorema di Lagrange, 107
Teorema di Rolle, 107
termine noto, 168, 169
trapezoide, 195
unicit`a del limite, 45, 56
unione, 4
unit`a immaginaria, 150
valore assoluto, 9
variabile muta dintegrazione, 115
velocit`a media, 85
zeri, 162
zero di molteplicit`a r, 121