Sei sulla pagina 1di 1

Si tratta del 

comune più popoloso d'Italia e il terzo dell'Unione europea dopo Berlino e Madrid[3], mentre


con 1287,36 km² è il comune più esteso d'Italia e la quinta città più estesa
d'Europa dopo Mosca, Istanbul, Londra e San Pietroburgo, nonché la prima dell'Unione europea.
Dotata di un ordinamento amministrativo speciale, denominato Roma Capitale, disciplinato da
una legge dello Stato[7], è inoltre il comune europeo con la maggiore superficie di aree verdi[8].
Fondata secondo la tradizione il 21 aprile del 753 a.C. da Romolo (sebbene scavi recenti nel Lapis
niger farebbero risalire la fondazione a 2 secoli prima [9][10]), nel corso dei suoi tre millenni di storia è
stata la prima metropoli dell'Occidente,[11] cuore pulsante di una delle più importanti civiltà antiche, che
influenzò la società, la cultura, la lingua, la letteratura, l'arte, l'architettura, l'urbanistica, l'ingegneria
civile, la filosofia, la religione, il diritto e i costumi dei secoli successivi. Luogo di origine della lingua
latina, fu capitale dell'antico Stato romano che estendeva il suo dominio su tutto il bacino del
Mediterraneo e gran parte dell'Europa, dello Stato Pontificio, sottoposto al potere temporale dei papi e
del Regno d'Italia (dal 1871 al 1946). Per antonomasia, è definita l'Urbe, Caput Mundi e Città eterna.
Cuore della cristianità cattolica, è l'unica città al mondo ad ospitare al proprio interno un intero Stato,
l'enclave della Città del Vaticano:[12] per tale motivo è spesso definita capitale di due Stati. [13][14] Il
suo centro storico, delimitato dal perimetro delle mura aureliane, sovrapposizione di testimonianze di
quasi tre millenni, è espressione del patrimonio storico, artistico e culturale del mondo
occidentale europeo[15] e, nel 1980, insieme alle proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città, è
stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, provvedimento esteso nel 1990 ai
territori compresi all'interno delle mura gianicolensi.[16] Luogo di fondazione della Comunità economica
europea e dell'Euratom[17], ospita anche le sedi di tre organizzazioni delle Nazioni Unite:
l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), il Fondo internazionale per lo sviluppo
agricolo (IFAD) e il Programma alimentare mondiale (PAM).