Sei sulla pagina 1di 2

SS.

MESSE
Lunedì 26/04 - S. L. M. Grignion de Montfort Venerdì 30/04 - S. Pio V
ore 8:30 (in S. Maria Assunta): Per Caduti e dispersi di tutte ore 8:30 (in S. Maria Assunta): Amati Piero – Rosanna e
le guerre Famiglia – Barzaghi Carlo, Anna, Mario e Gaetano

Martedì 27/04 - B. Caterina e Giuliana del S. Sabato 01/05 - S. Giuseppe Lavoratore


Monte di Varese ore 8:30 (in S. Maria Assunta): Adorazione Eucaristica e SS.
ore 8:30 (in S. Maria Assunta): Sala Elisa – Rota Lucia Confessioni
e Carlo - Invernizzi Giuseppe - Ronchi Eugenio e Santina – ore 11:00 (in S. Maria Assunta):
Lamperti Angelo e Francesca – Riva Bruno – Ceserani Rita, Matrimonio di GIOVANNI GIBILISCO e GLORIA CICERI
Maria Luigia e Ghezzi ore 17:00 (in S.Maria Ausiliatrice): - Foglio d’informazione delle parrocchie S. Maria Assunta e S. Maria Ausiliatrice di Inzago
ore 18:00 (in S.Maria Assunta): Condominio Via Diaz 5 Anno XXXII, n° 17 - 25 aprile 2021
per Fumagalli Egidio – Leva 1962 per Ronchi Giorgio - È possibile scaricare questa copia di Effatà dal sito internet www.oratorioinzago.weebly.com
Mercoledì 28/04 - S. Gianna Beretta Molla Scaramuzza Giovanni e Villa Angela – Famiglia Montanari

LE NOSTRE CHIESE
ore 8:30 (in S. Maria Assunta): Rota Franco, Massimiliano, e Zerbi – Buzzini Cleofe – Suor Maria Rosa Frasisti, Coniugi
Nonni Gina e Giovanni e Zii – Facchinetti Abramo Scarioni e Coniugi Frasisti - Rota Vittorio e Angela - Tresoldi
ore 18:00 (in S. Maria Assunta): Borgonovo Amalia – Luigia e Paolo

COME IL CENACOLO
Ronchi Giorgio – Corciolani Bianca – Motta Mario e
Scaramuzza Giuseppina – Famiglia Danelli – Monti Lucia – Domenica 02/05 - V Domenica dopo Pasqua
Suor Albina Mandelli
ore 8:30; 10:00 (in S. Maria Assunta): S. Messe
ore 10:00 (in S. Maria Ausiliatrice): S. Messa
Giovedì 29/04 - S. Caterina da Siena ore 12:00 (in S. Maria Ausiliatrice): S. Cresima Accogliamo l’augurio di Don Giorgio
ore 8:30 (in S. Maria Assunta): Don Angelo Iseni ore 15:00* e 17:00* (in S. Maria Assunta): S. Cresima
* verrà anche trasmessa in diretta streaming su sito web e sulla pagina facebook Il 12 ottobre 2000, ad Assisi nella Basilica ha scritto: ed ottenne di ricevere la prima
superiore di S. Francesco, è stato proclama- Comunione a 7 anni. Da allora tutti i giorni

AVVISI
to beato un adolescente di appena 15 anni: partecipava alla Messa, con la Comunio-
Carlo Acutis. ne, poi faceva un po’ di compagnia a Gesù
Perché beato, cosa aveva fatto di straordi- (adorazione) e pregava il Rosario.
• Ogni sabato: Ai genitori, padrini e ma- • Indicazioni ai fedeli per le SS. Messe: nario? Diceva: “Il rosario è la scala più corta per
drine: il mattino ed il pomeriggio è 1. Non partecipare alla celebrazione con
Ha vissuto ogni giorno in modo straordina- salire in cielo”, “si va diritti in paradiso, se ci
possibile accostarsi alla Confessione. temperatura corporea superiore a 37,5°C,
con sintomi influenzali o se si è stati a con- rio, mettendo Dio al primo posto. si accosta tutti i giorni all’Eucaristia”.
• Domenica 25 aprile e 2 maggio: nel- tatto con persone positive al Coronavirus Nasce a Londra il 3 maggio 1991 ed è bat- Ogni settimana si accostava alla Confessio-
la chiesa S.M. Ausiliatrice la S. Mes- 2. Indossare sempre la mascherina tezzato con i nomi: Carlo Maria Antonio. ne, affermando: “La confessione è come il
sa è anticipata alle ore 10.00 per 3. É necessario tenere sempre la distanza Pochi mesi dopo la famiglia si trasferisce a fuoco che fa’ salire in cielo la mongolfiera.
meglio preparare le Prime Comu- interpersonale di almeno 1 metro Milano. Questa, per salire in alto, ha bisogno di sca-
nioni e le S. Cresime delle ore 12.00 4. Sedersi nei posti indicati dagli adesivi Carlo frequentò le scuole presso le Suore ricare i pesi, così come l’anima per elevarsi
(tutti i membri dello stesso nucleo familiare
Marcelline, dimostrandosi aperto, genero- al cielo”.
• Domenica 2 maggio nella chiesa di possono sedersi vicini)
S. Maria Assunta per meglio prepara- 5. Ricevere la comunione solo sulle mani so, vivace, socievole, ma non sempre parti- Era felice di stare con gli amici, o in orato-
re ed accogliere le due celebrazioni di 6. Non riporre il foglietto della Messa sulla colarmente interessato alle lezioni. Non fu rio, o nel parco, o nel cortile della scuola.
S. Cresima nel pomeriggio (ore 15.00 e panca o alle porte della chiesa, ma portarlo mai il primo della classe e non desiderava Amava il calcio e giocava discretamente.
17.00), viene sospesa la S. Messa del- a casa esserlo: così concluse la scuola media con Amava soprattutto girare il bicicletta per
la ore 18.00. Invitiamo i fedeli a distri- un ‘distinto’; a 14 anni viene iscritto al Liceo andare a conoscere e a parlare con i poveri
buirisi nelle celebrazioni agli altri orari MESE DI MAGGIO: S. ROSARIO classico presso i Padri Gesuiti, il Leone XIII. che dormivano sotto i portici. Li conosceva
A partire dal 1° maggio, tutte le sere “Una vita sarà veramente bella, solo se si tutti e, quando poteva, dava loro qualche
• Sabato 1 maggio - Memoria di S. Giu- alle ore 20.30, nella chiesa di S. Maria
seppe Lavoratore e festa del lavoro: arriverà ad amare Dio sopra ogni cosa e il soldo della sua paghetta, o portava loro da
Assunta, preghiamo il S. Rosario, acco- prossimo come noi stessi”. “La vita è vera- mangiare. Aiutava anche alla mensa dei po-
a disposizione, davanti alla statua di S. gliendo la proposta di Papa Francesco.
Giuseppe nella sua cappella, la lettera di mente bella solo se si riesce a mettere Dio veri presso i padri Francescani.

Papa Francesco per l’anno a lui dedicato. I ragazzi che riceveranno la S. Cresima al primo posto”; “Non io, ma Dio”. “Trova Per aiutare in parrocchia divenne aiuto ca-
sono tutti invitati sabato 1° maggio. Dio e troverai il senso della tua vita”: sono techista per la Cresima. Poiché i ragazzi si
• Nuova modalità di trasmissione le scoperte, che danno grande valore alla distraevano, inventò per loro una mostra
delle celebrazioni in S. Maria Assun- Ogni domenica il S. Rosario avrà un’in- sua vita, anche se è stata molto breve.
ta: consultare il volantino allegato tenzione missionaria. “L’Eucaristia è la mia autostrada per il cielo”, 
sui miracoli eucaristici in tutto il mondo “Santo potresti divenire anche tu: devi vo- La suora inzaghese scomparsa a 93 anni ha dedicato la sua vita
(una mostra ancora disponibile anche per lerlo con tutto il cuore e, se non lo desideri al servizio della Chiesa e all’educazione dei bambini
le parrocchie). ancora, devi chiederlo con insistenza al Si-

Il ricordo di Suor
Esperto in informatica in aiuto alla parroc- gnore.
chia (S. Maria Segreta), la scuola Leone XIII Ragazze e ragazzi della Messa di prima

Maria Grazia Cerea


e i suoi amici; anche gli universitari che Comunione e della Cresima, Carlo ha
studiavano informatica lo cercavano per vissuto tutti i giorni della sua vita, par-
farsi spiegare cose ritenute difficili: si parla tendo da Gesù. Voi, che intenzioni ave-
di nominarlo patrono di internet. te? Potete parlarne con don Peppino o
Vita intensa. Vita breve, vita vissuta straor- con me.
dinariamente nella sua ordinarietà. La settimana scorsa al termine delle cele- come venivano allora chiamate le educatri-
Agli amici che si vantavano di aver trovato Con affetto per tutti e con una preghiera brazioni della Santa Pasqua, se n’è andata ci. Era una persona solare e gioiosa”, la ri-
una ragazzina, diceva: “Nella mia vita c’è per ciascuno! in punta di piedi, come ha ricordato la con- cordano Piera e Angela. “Molto brava nel
stata una sola donna: la Beata Vergine Ma- sorella Madre dell’Istituto delle Suore della confezionare e cucire le camicie, disponibile
ria, la Mamma di Gesù”. Don Giorgio Beata Vergine di Cremona, la nostra concit- nell’ oratorio luogo dove ha dedicato il suo
tadina Suor Maria Grazia Cerea di anni 93. tempo, nell’educare le nuove generazioni ai
Apparteneva ad un ordine conventuale fem- valori dell’iniziazione cristiana.”

Testimoni del Risorto minile molto antico. Nato a Cremona nel


1568 che da oltre 400 anni, opera al servizio
dell’educazione dei bambini, delle giovani
Il suo impegno è prevalente nell’educazione
dei bambini nelle scuole materne, dove sa-
peva esprimere al meglio le sue doti di gran-
La nostra comunità nelle prossime setti- passare inascoltato. Un’opportunità da non generazioni nell’insegnamento scolastico, e de organizzatrice di eventi di festa ed era
mane vivrà il tempo forte delle prime co- perdere non solo come occasione di pre- nella preparazione dei bambini e adolescenti promotrice delle attività degli oratori e dei
munioni e delle cresime. È un periodo che ghiera per i nostri giovani, ma anche per a vivere da adulti la fede cristiana. gruppi di giovani e adolescenti.
spesso rischiamo di vivere senza esserne riscoprire che significato hanno il dono del- Con la prima presenza a Cremona l’istituto “Suor Maria Grazia”, raccontano le consorel-
particolarmente toccati, a meno che diret- lo Spirito e dell’Eucarestia nella nostra vita nel corso degli anni ha ampliato la propria le, “era una persona apparentemente riser-
tamente interessati a motivo di qualche fi- oggi. Così sarebbe bene provare a chieder- missione. Oltre all’educazione alla prima in- vata, con la capacità di esprimere una gioia
glio o nipote coinvolto. Eppure questi sono ci: «Dopo tanti anni, cos’è per me l’Euca- fanzia, è oggi presente nelle istituzioni scola- interiore, una grande ed allegra serenità, ca-
eventi di Grazia per ciascuno di noi, perché restia? Come cambia la mia vita nell’essere stiche medie e superiori, in Italia e nel mon- pace con i bambini e con gli adulti, di diffon-
segno tangibile di una comunità che, no- abitato dallo Spirito Santo?». Lasciandomi do. dere sicurezza e gioia e una grande serenità
nostante tante difficoltà, continua a cresce- provocare da queste suggestioni ho prova- Suor Maria Grazia nasce a Inzago nel 1928, d’animo”.
re e generare alla fede. to anch’io a darmi una risposta. con nome di battesimo Antonia, entra nella “La zia”, dice la nipote Mariuccia, “quando ci
Ma di che cosa, in concreto, stiamo par- Ci sarebbe molto da dire, tante cose belle congregazione agli inizi anni ‘60, pronuncia si incontrava, ringraziava sempre Dio per il
lando? Ecco cosa ci consegna il Magistero: che in questi anni di seminario sono emerse la professione religiosa il giorno 8 dicembre dono grande ricevuto”.
«Col sacramento della confermazione [i fe- nel mio cuore. Condivido solo un pensiero: 1962 e festeggia i suoi 50 anni di vita religio- Una persona che era ormai prossima al ses-
deli] vengono vincolati più perfettamente più proseguo il mio cammino, più cresce in sa nell’anno 2012 circondata dai numerosi santesimo, che ha testimoniato il senso vero
alla Chiesa, sono arricchiti di una speciale me la consapevolezza della preziosità del nipoti e parenti. di appartenenza alla Chiesa ed alla causa di
forza dallo Spirito Santo e in questo modo mistero che riceviamo. Qualcosa di troppo Con il papà Giuseppe e la mamma Grazio- Cristo, vivendo fino all’ultimo istante della
sono più strettamente obbligati a diffon- grande per essere capito ma che, se accol- sa, la famiglia è composta da 4 fratelli e 2 sua lunga vita, il valore di essere figlia della
dere e a difendere la fede con la parola e to davvero, ha il potere di trasformare le sorelle. Antonia, forte della fede e degli in- comunità inzaghese e della chiesa e testimo-
con l’opera, come veri testimoni di Cristo. nostre giornate, curare le nostre ferite, pro- segnamenti famigliari aderisce con slancio ne della sua bontà.
Partecipando al sacrificio eucaristico, fon- spettarci un futuro di speranza e di bene. giovanile alla sua vocazione alla vita religiosa Anche la nostra comunità parrocchiale, con
te e apice di tutta la vita cristiana, offrono Un mistero troppo grande per essere com- ed ai valori attraverso i quali ha consacrato la congregazione delle Suore della Beata
a Dio la vittima divina e se stessi con essa preso, ma che non richiede di esserlo: non tutta la sua vita, al servizio della chiesa e del Vergine di Cremona, l’istituto dentro il quale
così tutti, sia con l’offerta che con la san- si tratta infatti di qualcosa da capire, ma di prossimo. ha condiviso pienamente la vocazione a vi-
ta comunione, compiono la propria parte una relazione da vivere! E anche se non ar- Gli inzaghesi oggi in età avanzata la ricorda- vere e testimoniare la bellezza del Vangelo,
nell’azione liturgica, non però in manie- riveremo mai neppur lontanamente vicini no con affetto per il suo impegno nell’Azione ringrazi Dio e la famiglia con i nipoti, per il
ra indifferenziata, bensì ciascuno a modo ad esaurire il mistero che ci viene donato, Cattolica e negli oratori, portato avanti con dono della sua splendida vocazione.
suo» (Lumen gentium 11). continuiamo a gustarlo con fede, testimoni passione fino alla sua entrata in convento.
Ecco cosa stiamo per vivere: Gesù che si per i nostri ragazzi del Risorto, come loro lo “È stata la nostra maestra di catechismo, Pierangelo Barzaghi
dona in un modo nuovo ai nostri ragaz- saranno per noi nelle prossime settimane.
zi, alla nostra comunità e alla chiesa tut-
ta. Qualcosa di grande, che non merita di Andrea Giuliani