Sei sulla pagina 1di 60

NORMA 

Regole comuni per prodotti prefabbricati di UNI EN 13369 


EUROPEA  calcestruzzo 

MARZO 2008 

Common rules for precast concrete products 

La norma specifica la terminologia, i requisiti, i criteri prestazionali


di base, i metodi di prova e la valutazione della conformità cui
riferirsi nelle specifiche norme di prodotto, a meno che non siano
appropriati, e si applica a prodotti prefabbricati di calcestruzzo
realizzati in fabbrica e destinati ad essere impiegati in edifici ed
opere di ingegneria civile.

    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

TESTO ITALIANO 

La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della


norma europea EN 13369 (edizione luglio 2004) e
dell’aggiornamento A1 (edizione marzo 2006) e tiene conto
dell’errata corrige dell’ottobre 2007 (AC:2007).

La presente norma è la revisione della UNI EN 13369:2004.

ICS 9 1 .1 0 0 . 3 0

UNI  © UNI
Ente Nazionale Italiano  Riproduzione vietata. Tutti
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento 
di Unificazione  può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie,
fotocopie, microfilm o altro, senza 
Via Sannio, 2  il consenso scritto dell’UNI.
20137 Milano, Italia  www.uni.com 

UNI EN 13369:2008  Pagina I


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
PREMESSA NAZIONALE 
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana,
della norma europea EN 13369 (edizione luglio 2004 + errata
corrige AC:2007) e dell’aggiornamento A1 (edizione marzo 2006),
che assumono così lo status di norma nazionale italiana.

La presente norma è stata elaborata sotto la competenza della


Commissione Tecnica UNI
Ingegneria strutturale

La presente norma è stata ratificata dal Presidente dell’UNI ed è


entrata a far parte del corpo normativo nazionale il 27 marzo 2008.
2 008.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato 
dell’arte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dell’applicazione di questa norma, di poter fornire sug- 
-
-


  ,
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell’arte 
in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all’UNI, Ente Nazionale Italiano di

  ,

  ,
  ,

Unificazione, che li terrà in considerazione per l’eventuale revisione della norma stessa.
  ,




  ,
  ,





  ,

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o 
  ,


  ,
  ,

di aggiornamenti.
  ,

-

-

È importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso 
  ,
  ,

  ,
  ,

dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.


  ,

  ,
  ,

-

Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare l’esistenza di norme UNI corrispondenti alle 
-
-

norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina II


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
EUROPEAN STANDARD EN 13369
NORME EUROPÉENNE
EUROPÄISCHE NORM July 2004

ICS 9 1 .1 0 0 .3 0   Supersedes
EN 13369:2001
+A1 March 2006
+AC October 2007
English version

Common rules for precast concrete products 

Règles communes pour les produits préfabriqués en béton  Allgemeine Regeln für Betonfertigteile 

This European Standard was approved by CEN on 19 March 2004.


Amendment A1 modifies the European Standard EN 13369:2004; it was approved by CEN on 3 February 2006.

CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the Central Secretariat or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Central Secretariat has the same
status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland,
France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia,
Latvi a, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland,
Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION


COMITÉ EUROPÉEN DE NORMALISATION
EUROPÄISCHES KOMITEE FÜR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

© 2006 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide Ref. No. EN 13369:2004/ 
A1:2006: E
for CEN national Members.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina III


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
INDICE 

PREMESSA  1
INTRODUZIONE  2 
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE   2 
2 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 
2.1 Riferimenti generali.................................................................................................................................. 2 
2.2 Calcestruzzo ................................................................................................................................................
  3 
2.3 Acciaio ............................................................................................................................................................
  3 
2.4 Prestazioni al fuoco .................................................................................................................................
  3 
2.5 Isolamento acustico.................................................................................................................................
  3 
2.6 Resistenza termica ..................................................................................................................................
  3 
3 TERMINI E DEFINIZIONI 4 
3.1 Generalità......................................................................................................................................................
  4 
3.2 Dimensioni .................................................................................................................................................... 4 
3.3 Giunti ............................................................................................................................................................... 4 
3.4 Dispositivi particolari ............................................................................................................................... 4 
3.5 Elementi di supporto ...............................................................................................................................
  5 
3.6 Tolleranze .....................................................................................................................................................
  5 
3.7 Durabilità........................................................................................................................................................
  5 
3.8 Proprietà meccaniche.............................................................................................................................
  5 
3.9 Armatura (dei prodotti prefabbricati di calcestruzzo)............................................................. 6 
4 REQUISITI 6 
4.1 Requisiti dei materiali.............................................................................................................................. 6 
4.2 Requisiti di produzione...........................................................................................................................
  7 
prospetto 1 Resistenza minima del calcestruzzo al termine della protezione contro l'essiccamento ..... 8 
prospetto 2  Protezione contro l'essiccamento ............................................................................................................ 8 
prospetto 3  Condizioni per l'idratazione accelerata .................................................................................................. 9 
4.3 Requisiti del prodotto finito ...............................................................................................................
  11
prospetto 4  Tolleranze ammesse per le sezioni trasversali degli elementi strutturali................................ 12 

5 METODI DI PROVA   17 


-
-


  ,

  ,
5.1 Prove sul calcestruzzo ........................................................................................................................
  17 
5.2 Misurazione delle dimensioni e delle caratteristiche della superficie........................   17 

  ,
  ,

  ,


5.3 Peso dei prodotti .................................................................................................................................... 17 



  ,
  ,





  ,
  ,

6 VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ   18 


  ,
  ,

  ,

-

-

6.1 Generalità...................................................................................................................................................
  18 

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

6.2 Prove di tipo ..............................................................................................................................................


  18 

  ,
  ,

-
-
-

6.3 Controllo di produzione in fabbrica...............................................................................................


  19 
7 MARCATURA   22 
8 DOCUMENTAZIONE TECNICA   22 
APPENDICE A RICOPRIMENTO DI CALCESTRUZZO CON RIFERIMENTO ALLA 
(informativa) CORROSIONE  23 
prospetto A.1 Scala nominale delle condizioni ambientali ...................................................................................... 23 
prospetto A.2  Ricoprimento minimo (mm) .................................................................................................................... 23 

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina IV  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE B CONTROLLO DI QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO  25 
(informativa)
APPENDICE C CONSIDERAZIONI SULL'AFFIDABILITÀ  27 
(informativa)
prospetto C.1 Tolleranze strette ....................................................................................................................................... 27 
figura C.1 Tolleranze della sezione trasversale ................................................................................................... 28 

APPENDICE D SCHEMI DI ISPEZIONE   29 


(normativa)
prospetto D.1 Ispezione dell'attrezzatura ...................................................................................................................... 29 
prospetto D.2  Ispezione dei materiali ............................................................................................................................. 30 
prospetto D.3  Ispezione del processo ............................................................................................................................ 31
prospetto D.4  Ispezione del prodotto finito ................................................................................................................... 33 
prospetto D.5  Regole di variazione ................................................................................................................................. 33 
APPENDICE E VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ EFFETTUATA DA UNA TERZA PARTE  34 
(normativa)
APPENDICE F PROVE DI ACCETTAZIONE DI UNA PARTITA ALLA CONSEGNA  36 
(informativa)
APPENDICE G PROVA DELL'ASSORBIMENTO D'ACQUA  37 
(normativa)
figura G.1 Provino tagliati da un prodotto sottile .................................................................................................. 37 
prospetto G.1 ......................................................................................................................................................................... 38 
APPENDICE H COEFFICIENTE DI CORRELAZIONE DI FORMA DELLE CAROTE  40 
(informativa)
APPENDICE J MISURAZIONE DELLE DIMENSIONI 41
(informativa)
figura J.1 Punti di misurazione di lunghezza, altezza, larghezza e spessore ........................................... 41
figura J.2   Misurazione di distorsione e rettilineità .............................................................................................. 42 
figura J.3   Misurazione delle diagonali.................................................................................................................... 42 
figura J.4   Definizioni delle caratteristiche di superficie ..................................................................................... 43 
figura J.5   Misurazione delle caratteristiche di superficie ................................................................................. 44 
figura J.6   Misurazione dello scostamento angolare e della curvatura ........................................................ 45 

APPENDICE K PERDITE DI PRECOMPRESSIONE   46 


(informativa)
prospetto K.1 ......................................................................................................................................................................... 47 
APPENDICE L PROSPETTI DELLA CONDUTTIVITÀ TERMICA DEL CALCESTRUZZO  48 
(informativa)
prospetto L.1 Calcestruzzo con aggregato di argilla espansa ............................................................................... 48 
prospetto L.2  Calcestruzzo con aggregato pesante ................................................................................................. 49 

APPENDICE M DOCUMENTAZIONE TECNICA   50 


(informativa)
APPENDICE N PROPRIETÀ DELLE BARRE E DEI FILI INDENTATI 51
(normativa)
prospetto N.1 Limiti dei parametri di indentatura ........................................................................................................ 51

APPENDICE O RESISTENZA AL FUOCO: RACCOMANDAZIONI PER L'UTILIZZO 


(informativa) DELLA EN 1992-1-2  52 
BIBLIOGRAFIA  53 
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina V  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
PREMESSA 
Il presente documento (EN 13369:2004) è stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 229 "Prodotti prefabbricati di calcestruzzo", la cui segreteria è affidata
all'AFNOR.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
gennaio 2005, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro gennaio 2005.
Il presente documento sostituisce la EN 13369:2001.
Il presente documento include una bibliografia.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Cipro,
Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia,
Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo,
Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e
Ungheria.

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 1


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
INTRODUZIONE 
La presente norma europea è destinata a definire i requisiti generali comuni applicabili a
una grande varietà di prodotti prefabbricati di calcestruzzo realizzati in fabbrica. Essa
funge da norma di riferimento per le altre norme al fine di consentire un approccio più
coerente alla normalizzazione nel campo dei prodotti prefabbricati di calcestruzzo e di
ridurre le variazioni introdotte da un grande numero di norme redatte parallelamente da
diversi gruppi di esperti. Allo stesso tempo garantisce a tali esperti la flessibilità per
includere le variazioni eventualmente necessarie nelle norme di prodotto specifiche.
La presente norma è stata elaborata come parte del programma generale CEN per le
costruzioni ed è abbinata alle norme associate EN 206-1 per il calcestruzzo ed EN 1992
per la progettazione delle strutture di calcestruzzo. Siccome non è una norma
armonizzata non può essere utilizzata ai fini della marcatura CE dei prodotti di
calcestruzzo.
La progettazione dei prodotti strutturali dovrebbe essere verificata per assicurare
l'idoneità delle loro proprietà alla particolare applicazione, prestando particolare
attenzione al coordinamento della progettazione con altre parti della costruzione.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE  


La presente norma europea specifica la terminologia, i requisiti, i criteri prestazionali di
base, i metodi di prova e la valutazione di conformità a cui fanno riferimento le norme di
prodotto specifiche salvo i casi in cui non sono applicabili al prodotto specifico. Può anche
essere utilizzata per prodotti per i quali non esiste alcuna norma. Non tutti i requisiti
(punto 4) della presente norma sono pertinenti per tutti i prodotti prefabbricati.
Se esiste una norma specifica sul prodotto prefabbricato di calcestruzzo, questa ha la
precedenza sulla presente norma.
I prodotti prefabbricati trattati nella presente norma sono realizzati in f abbrica e destinati a
edifici e opere di ingegneria civile. La presente norma può anche essere applicata a
prodotti fabbricati in impianti temporanei in loco se la produzione è protetta da condizioni
meteorologiche avverse e controllata seguendo le disposizioni del punto 6.
L'analisi e la progettazione dei prodotti prefabbricati di calcestruzzo non rientrano nello
scopo e campo di applicazione della presente norma che però fornisce, per le zone non
sismiche, informazioni circa:
- la scelta dei coefficienti parziali di sicurezza definiti dall'Eurocodice pertinente;
- la definizione di alcuni requisiti per i prodotti di calcestruzzo precompresso.
La presente norma si applica al calcestruzzo compattato senza quantità apprezzabili di
aria intrappolata diversa da quella aggiunta e con una massa volumica a secco maggiore
o uguale a 800 kg/m3. Non copre i componenti prefabbricati armati di calcestruzzo
alleggerito con struttura aperta.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
I documenti richiamati di seguito sono indispensabili per l'applicazione del presente
documento. Per quanto riguarda i riferimenti datati, si applica esclusivamente l'edizione
citata. Per i riferimenti non datati, vale l'ultima edizione del documento al quale si fa
riferimento (compresi gli aggiornamenti).

2.1 Riferimenti generali


I documenti nazionali hanno la precedenza fino alla pubblicazione degli Eurocodici come
norme europee.
EN 1990 Eurocode - Basis of structural design
EN 1992-1-1:2004 Eurocode 2: Design of concrete structures - Parte 1-1: General
rules and rules for buildings

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 2  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
2.2 Calcestruzzo  
EN 206-1:2000 Concrete - Parte 1: Specification, performance, production and
conformity
EN 933-1 Tests for geometrical properties of aggregates - Parte 1:
Determination of particle size distribution - Sieving method
EN 934-2 Admixtures for concrete, mortar and grout - Parte 2: Concrete
admixtures - Definitions, requirements, conformity, marking and
labelling
EN 1008 Mixing water for concrete - Specification for sampling, testing and
assessing the suitability of water, including water recovered from
processes in the concrete industry, as mixing water for concrete
EN 1097-6 Tests for mechanical and physical properties of aggregates -
Parte 6: Determination of particle density and water absorption
EN 12390-2 Testing hardened concrete - Parte 2: Making and curing
specimens for strength tests
EN 12390-3 Testing hardened concrete - Parte 3: Compressive strength of test
specimens
EN 12390-7 Testing hardened concrete - Parte 7: Density of hardened concrete
EN 12504-1 Testing concrete in structures - Parte 1: Cored specimens -
Taking, examining and testing in compression

2.3 Acciaio  
prEN 10080:1999 Steel for the reinforcement of concrete - Weldable reinforcing
steel - Parte 1: General requirements
prEN 10138-1 Prestressing steels - Parte 1: General requirements
prEN 10138-2 Prestressing steels - Parte 2: Wire
prEN 10138-3 Prestressing steels - Parte 3: Strand
prEN 10138-4 Prestressing steels - Parte 4: Bars

2.4 Prestazioni al fuoco  


EN 13501-1 Fire classification of construction products and building elements -
Parte 1: Classification using test data from reaction to fire tests
EN 1991-1-2 Eurocode 1: Actions on structures - Parte 1-2: General actions -
Actions on structures exposed to fire     -
    -
    -

EN 1992-1-2 Eurocode 2: Design of concrete structures - Parte 1-2: General


        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `

rules - Structural fire design


  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,

2.5 Isolamento acustico  


  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `

EN ISO 140-3 Acoustics - Measurement of sound insulation in buildings and of


  ,
  ,
        `
        `
        `
        `

building elements - Parte 3: Laboratory measurements of airborne


  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `

sound insulation of building elements (ISO 140-3:1995)


  ,
        `
        `
    -
    -

EN ISO 140-6 Acoustics - Measurement of sound insulation in buildings and of


building elements - Parte 6: Laboratory measurements of impact
sound insulation of floors (ISO 140-6:1998)
EN ISO 717-1 Acoustics - Rating of sound insulation in buildings and of building
elements - Parte 1: Airborne sound insulation (ISO 717-1:1996)
EN ISO 717-2 Acoustics - Rating of sound insulation in buildings and of building
elements - Parte 2: Impact sound insulation (ISO 717-2:1996)

2.6 Resistenza termica  


EN ISO 10456:1999 Building materials and products - Procedures for determining
declared and design thermal values (ISO 10456:1999)

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 3  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini del presente documento, si applicano i termini e le definizioni seguenti.

3.1 Generalità  
3.1.1 prodotto di calcestruzzo :  Elemento di calcestruzzo fabbricato in serie in conformità a una
norma di prodotto o alla presente norma.
Nota  Esempi di prodotti di calcestruzzo sono le tegole, i blocchi, le lastre per pavimentazione, l'arredo da giardino 
ecc. mentre i prodotti prefabbricati sono solitamente elementi strutturali.

3.1.2 elemento prefabbricato :  Elemento di calcestruzzo gettato e maturato in un luogo diverso


dalla posizione finale nell'opera.

3.1.3 prodotto prefabbricato :  Elemento prefabbricato progettato e prodotto in conformità a una


norma di prodotto o alla presente norma.

3.1.4 ricoprimento (di calcestruzzo) :  Distanza fra la superficie dell'armatura e la più vicina
superficie di calcestruzzo.
    -
    -
    -
        `
  ,
  ,

3.1.5 ricoprimento (nominale) di progettazione :  Valore del ricoprimento indicato nella


        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,

documentazione di progetto (maggiore o uguale al ricoprimento minimo più lo


  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,

scostamento negativo consentito).


        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `

3.1.6 ricoprimento minimo : Valore minimo richiesto per il ricoprimento effettivo.


  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,

3.1.7 ricoprimento effettivo :  Ricoprimento misurato sul prodotto finito.


        `
        `
    -
    -

3.1.8 tipo di calcestruzzo : Calcestruzzo ottenuto mediante produzione continuativa in fabbrica e


realizzato con la stessa miscela di progetto e le stesse tecniche di dosaggio, di getto e di
maturazione, per la stessa classe di resistenza del materiale indurito.

3.2 Dimensioni
3.2.1 dimensioni principali : Lunghezza, larghezza, altezza o spessore.
3.2.2 dimensione critica : Dimensione avente un'influenza critica su una prestazione essenziale
del prodotto, quale la resistenza del prodotto e/o la stabilità dell'edificio.

3.2.3 dimensione nominale di progetto :  Dimensione prevista nella documentazione di progetto.


3.2.4 dimensione effettiva (del prodotto) :  Dimensione rilevata mediante misurazione (sul
prodotto finito).

3.3 Giunti
3.3.1 giunto: Qualsiasi
  tipo di interfaccia tra componenti adiacenti.

3.3.2 giunto strutturale : Qualsiasi tipo di collegamento tra i prodotti in grado di trasmettere forze
(per esempio forze di trazione, di compressione, di flessione o di taglio).

3.3.3 giunto di dilatazione : Giunto che permette un movimento relativo.


3.3.4 giunto di espansione : Giunto di dilatazione per l'espansione (per esempio termica) di parti
adiacenti.

3.4 Dispositivi particolari


3.4.1 connettore a taglio : Dispositivo di collegamento che trasmette forze di taglio.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 4  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
3.4.2 ancoraggio (struttura post-tesa) :  Dispositivo che collega l'estremità di un cavo al
calcestruzzo di un prodotto strutturale e mantenendo il cavo stesso in tensione.

3.4.3 tirante: Armatura


  tesa per il collegamento delle parti di una struttura.

3.4.4 attacco: Dispositivo


  di collegamento di un elemento all'altro.

3.5 Elementi di supporto  


3.5.1 appoggio: Supporto
  su cui sono collocati i prodotti prefabbricati.

3.5.2 cuscinetto di appoggio :  Elemento interposto tra l'elemento sostenuto e l'elemento


portante.

3.5.3 letto di malta :  Cuscinetto di appoggio composto di malta.


3.6 Tolleranze  
3.6.1 tolleranza:  Variazione dimensionale consentita.
3.6.2 scostamento:  Differenza tra la dimensione effettiva e la corrispondente dimensione di
progetto.

3.6.3 tolleranza di produzione :  Tolleranza di spessore, lunghezza, rettilineità, planarità o altre


dimensioni risultante dalla produzione dell'elemento prefabbricato.

3.6.4 tolleranza di montaggio :  Tolleranza di posizionamento locale, di verticalità, di orizzontalità


o di altre caratteristiche della costruzione dopo l'installazione.

3.6.5 tolleranza di costruzione :  Tolleranza di una misura derivante da una combinazione di


tolleranze di produzione, tracciamento, completamenti in opera e montaggio.

3.7 Durabilità  
3.7.1 durabilità:  Capacità di una struttura o di un componente di mantenere livelli adeguati di
stabilità e di funzionalità durante la sua vita utile di progetto secondo l'utilizzo e la
manutenzione previsti ma senza una eccessiva manutenzione imprevista.

3.7.2 vite utile:  Periodo di tempo durante il quale la prestazione del prodotto nell'opera è
mantenuta a un livello compatibile con la soddisfazione dei requisiti prestazionali
dell'opera, a condizione che sia sottoposto a corretta manutenzione.

3.7.3 vita utile di progetto : Vita utile assunta in progetto.


3.7.4 condizione ambientale :  Azioni ambientali sulla costruzione che influiscono sulla sua
durabilità.

3.8 Proprietà meccaniche  


3.8.1 resistenza potenziale (del calcestruzzo) :  Resistenza del calcestruzzo ricavata da prove su
cubi o cilindri conformi alla EN 12390-3, realizzati e maturati in condizioni di laboratorio in
conformità alla EN 12390-2.

3.8.2 resistenza (effettiva) strutturale (del calcestruzzo) :  Resistenza del calcestruzzo ricavata da
prove su provini (carote o prismi) estratti dal prodotto finito (resistenza strutturale diretta)
o dedotta da prove su provini di riferimento (realizzati come per la resistenza potenziale)
ma maturati in condizioni il più vicino possibile a quelle dell'elemento strutturale
(resistenza strutturale indiretta).

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 5  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
3.8.3 resistenza caratteristica :  Valore di resistenza al di sotto del quale si prevede che ricada il
5% della popolazione di tutte le possibili misure della resistenza del volume di
calcestruzzo considerato.

3.8.4 resistenza di progetto (del materiale) :  Valore ottenuto dividendo la resistenza caratteristica
per il pertinente coefficiente parziale di sicurezza.

3.9 Armatura (dei prodotti prefabbricati di calcestruzzo)  


3.9.1 armatura precompressa :  Acciaio da precompressione (filo, trefolo o barre) soggetto a
pre-tensionamento o post-tensionamento.

3.9.2 armatura:   Acciaio (barre, filo, trefolo, rete elettrosaldata, traliccio) non soggetto a
pre-tensionamento o post-tensionamento.

4 REQUISITI
4.1 Requisiti dei materiali
4.1.1 Generalità  
Si devono utilizzare solo materiali la cui idoneità sia accertata.
Per un materiale particolare, la definizione dell'idoneità può risultare da una norma
europea che si riferisca specificamente all'utilizzo di questo materiale nel calcestruzzo o
nei prodotti di calcestruzzo; in assenza di una norma europea può anche risultare, alle
stesse condizioni, da una norma ISO.
Quando il materiale non è coperto da una norma europea o internazionale, o se si scosta
dai requisiti di tali norme, l'idoneità può essere stabilita in base a:
- norme o disposizioni nazionali pertinenti valide nel luogo di utilizzo del prodotto che
si riferiscono specificamente all'utilizzo di questo materiale nel calcestruzzo o nei
prodotti di calcestruzzo;
oppure
- un'approvazione tecnica europea specifica per l'utilizzo di questo materiale nel
calcestruzzo o nei prodotti di calcestruzzo.

4.1.2 Materiali componenti del calcestruzzo  


Si applicano i punti da 5.1.2 a 5.1.6 della EN 206-1:2000.

4.1.3 Acciaio per armatura  


L'acciaio per armatura (barre, rotoli e rete elettrosaldata) deve essere conforme al
prEN 10080, soddisfare i requisiti della classe tecnica specificata per il prodotto
prefabbricato e, ove applicabile, essere conforme alle proprietà indicate dalla
EN 1992-1-1, quando il presente codice è utilizzato nella progettazione.
Le barre e i fili indentati, con diametri da 6 mm a 14 mm (inclusi), conformi alle proprietà
fornite nell'appendice N, possono essere utilizzati congiuntamente alla EN 1992-1-1 e
alle disposizioni nazionali per quanto concerne ampiezza delle fessure, lunghezza di
trasmissione e rottura da scheggiatura (splitting failure).
Altri tipi di acciaio per armatura possono essere utilizzati secondo le norme o le
disposizioni nazionali pertinenti valide nel luogo di utilizzo del prodotto, a condizione che
siano idonei all'utilizzo previsto e che abbiano le proprietà richieste.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 6  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
4.1.4 Acciaio da precompressione  
L'acciaio da precompressione (filo, barre e trefolo) deve essere conforme ai
prEN 10138-1, prEN 10138-2, prEN 10138-3, prEN 10138-4 e, quando applicabile, alle
proprietà fornite nella EN 1992-1-1, quando il presente codice è utilizzato nella
progettazione.
Altri tipi di acciaio da precompressione possono essere utilizzati secondo le norme o alle
disposizioni nazionali pertinenti valide nel luogo di utilizzo del prodotto.
Informazioni sul rilassamento dell'acciaio da precompressione sono fornite nel punto
3.3.2 della EN 1992-1-1:2004.

4.1.5 Inserti e connettori


Gli inserti e i connettori meccanici devono:
a) resistere alle azioni di progetto;
b) disporre della necessaria duttilità;
-
-


  ,

  ,
c) mantenere queste proprietà per tutta la vite utile del prodotto.

  ,
  ,

  ,

4.2 Requisiti di produzione  






  ,
  ,





  ,
  ,

4.2.1 Produzione del calcestruzzo  



  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,

4.2.1.1 Generalità  
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

Per la composizione del calcestruzzo, il tipo di cemento, l'utilizzo di aggregati, additivi e


aggiunte, per la resistenza alla reazione alcali-silice, il contenuto in cloruri e la
temperatura del calcestruzzo, si deve applicare il punto 5.2 della EN 206-1:2000.
Per la specificazione del calcestruzzo si deve applicare la EN 206-1:2000.
Nota  Quando il calcestruzzo è specificato dal fabbricante, i requisiti base (punto 6.2.2 della EN 206-1:2000) sono 
riportati nella documentazione di progetto mentre requisiti aggiuntivi (punto 6.2.3 della EN 206-1:2000) non 
sono normalmente applicati al calcestruzzo prefabbricato.

4.2.1.2 Getto del calcestruzzo  


Il calcestruzzo deve essere gettato in modo da non conservare quantità apprezzabili di
aria intrappolata diversa da quella aggiunta e da evitare una nociva segregazione.

4.2.1.3 Maturazione (protezione contro l'essiccamento)


Tutte le superfici del calcestruzzo appena gettato devono essere protette contro
l'essiccamento, mediante almeno uno dei metodi elencati nel prospetto 2, a meno che
non si possa dimostrare mediante prove sul prodotto, o in altro modo, che nell'ambiente di
produzione non si verificano perdite di resistenza o fessurazione superficiale.
La protezione contro l'essiccamento deve essere mantenuta fino al raggiungimento della
resistenza minima del calcestruzzo (espressa dal grado di indurimento o dalla resistenza
cilindrica/cubica al termine della maturazione) fornita nel prospetto 1. Per elementi per
ponti, per una vita utile di progetto maggiore di 50 anni, o per particolari condizioni
ambientali, si possono indicare altri valori tenendo conto dei requisiti della loro
destinazione indicati nella documentazione di progetto.
La resistenza del calcestruzzo deve essere misurata sottoponendo a prova un campione
di calcestruzzo maturato allo stesso modo del prodotto.
Il grado di indurimento può essere misurato sottoponendo a prova un campione di
calcestruzzo o determinato mediante calcolo utilizzando una legge di indurimento b asata
su una prova iniziale e un ipotesi di maturazione.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 7  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
prospetto 1 Resistenza minima del calcestruzzo al termine della protezione contro l'essiccamento 
Condizioni di esposizione nel luogo di utilizzo  Resistenza minima del calcestruzzo al termine della protezione contro l'essiccamento 
(classi di esposizione EN 206-1)
Grado di indurimento in % della resistenza  Resistenza cilindrica/cubica 
richiesta a 28 d 
N/mm 2 
Per il calcestruzzo privo di X0 si applica solo il requisito 12/15  
armatura o inserti metallici: tutte le 
esposizioni eccetto gelo/disgelo,
abrasione o attacco chimico.
Per il calcestruzzo con armatura o 
inserti metallici: asciutto 
o permanentemente bagnato XC1 di resistenza del cilindro/cubo  
Bagnato, raramente asciutto XC2, XD2 
Umidità moderata XC3 40 oppure 16/20  
Saturazione moderata 
Senza agente antigelo XF1
Altre condizioni di esposizione  60 oppure 25/30  
(ciclicamente bagnato e asciutto)

prospetto 2  Protezione contro l'essiccamento 


Metodo Mezzi tipici di esecuzione  
A - Senza aggiunta di acqua - mantenere il calcestruzzo in un ambiente con un'umidità relativa maggiore del 75%;
- non rimuovere la cassafo rma;
- coprire la superficie del calcestruzzo con fogli resistenti al vapore fissati lungo i bordi e le 
giunzioni per impedire perdite di vapore.
B - Mantenere umido il calcestruzzo  - mantenere coperture bagnate sulla superficie del calcestruzzo;
aggiungendo acqua  - mantenere la superficie del calcestruzzo visibilmente bagnata spruzzando acqua;
- immergere la superficie del calc estruzzo in acqua.
C - Utilizzo di additivi di maturazione Nota L'efficacia di questo metodo dovrebbe essere valutata mediante prove iniziali che dimostrino 
che la resistenza raggiunta con gli additivi di maturazione è ugualmente efficace a quella 
ottenuta mediante uno dei mezzi di maturazione accettati di cui sopra.

4.2.1.4 Idratazione accelerata mediante trattamento termico  


Dove al calcestruzzo si applica un trattamento termico a pressione atmosferica durante la
produzione per accelerarne l'indurimento, si deve dimostrare mediante prove iniziali che
si raggiunge la resistenza richiesta per ciascuna famiglia di calcestruzzo.
Al fine di evitare microfessure e/o difetti di durabilità, si devono soddisfare le condizioni
seguenti a meno che una precedente esperienza positiva non abbia dimostrato che tali
requisiti non siano necessari:
- si deve applicare un adeguato periodo di preriscaldamento quando la temperatura
media massima del trattamento termico T eccede 40 °C;
- dove T eccede 40 °C, la differenza di temperatura tra parti adiacenti degli elementi
-
-


  ,
durante le fasi di riscaldamento e raffreddamento deve essere limitata a 20 °C.

Il periodo di preriscaldamento e la velocità di riscaldamento devono essere documentati.


  ,

  ,
  ,

  ,


Durante l'intero periodo di riscaldamento e raffreddamento la temperatura media



  ,
  ,



massima T deve essere limitata ai valori del prospetto 3. Tuttavia si possono accettare

  ,
  ,


  ,
  ,

temperature superiori a condizione che la durabilità del calcestruzzo nell'ambiente



  ,

-

-

specificato sia dimostrata mediante esperienza positiva a lungo termine.



  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 8  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
prospetto 3  Condizioni per l'idratazione accelerata 
Ambienti del prodotto Temperatura media massima del calcestruzzo  T a)
Prevalentemente asciutto o umidità moderata  -  T  ≤85 °C b)
Bagnato e ciclicamente bagnato  -  T  ≤65 °C 
a) T  è la temperatura media massima all'interno del calc estruzzo, singoli valori possono essere maggiori di 5 °C.
b) Quando 70 °C <  T  ≤85 °C, prove iniziali devono dimostrare che la resistenza richiesta è raggiunta a 90 d.

Per ambienti bagnati e ciclicamente bagnati, in assenza di esperienze positive a lungo


termine, l'idoneità del trattamento a temperatura superiore deve essere dimostrata; i limiti
seguenti possono costituire la base per tale dimostrazione: per il calcestruzzo, contenuto
di Na2Oeq ≤ 3,5 kg/m3, per il cemento, contenuto di SO 3 ≤ 3,5% in massa.
In questo caso, a seconda del materiale e delle condizioni climatiche, al trattamento termico
di elementi per esterni in determinate aree si possono applicare requisiti più stretti. Tali
requisiti devono essere introdotti nell'appendice nazionale della presente norma.
Si può modificare il valore dei limiti suddetti per il contenuto di Na 2Oeq ed SO3 oppure si
possono imporre limiti per altri componenti secondo i risultati dell'esperienza scientifica o
tecnica. Si dovrebbero prendere in considerazione le conoscenze più recenti.

4.2.2 Calcestruzzo indurito  


4.2.2.1 Classi di resistenza  
Per le classi di resistenza a compressione del calcestruzzo si applica il punto 4.3.1 della
EN 206-1:2000. Ai fini della progettazione, le proprietà delle classi di resistenza del
calcestruzzo fino a C90/105 sono fornite nel prospetto 3.1 della EN 1992-1-1:2004.
Il produttore può selezionare classi intermedie, con incrementi di 1,0 N/mm 2 della
resistenza caratteristica cilindrica. In questo caso le proprietà del calcestruzzo sono
ottenute mediante interpolazione lineare.
Per i prodotti prefabbricati armati o precompressi, la classe di resistenza minima del
calcestruzzo deve essere:
- C20/25 per i prodotti armati;
- C30/37 per i prodotti precompressi.

4.2.2.2 Resistenza a compressione  


4.2.2.2.1 Generalità  
La resistenza a compressione per verificare la classe di resistenza del calcestruzzo è
definita mediante la resistenza potenziale; il fabbricante può utilizzare la resistenza
strutturale diretta o indiretta per confermarla.

4.2.2.2.2 Resistenza potenziale  


La resistenza a compressione potenziale del calcestruzzo è sottoposta a prova a 28 d.
Prove supplementari di resistenze precedenti possono essere effettuate prima dei 28 d,
quando richiesto dal processo di produzione (precompressione, sformatura,
sollevamento, ecc.).
Il fabbricante può eseguire prove prima di 28 d per valutare la resistenza a compressione
potenziale.
Per la determinazione della resistenza potenziale si deve applicare il punto 5.5.1.1 e il punto
5.5.1.2 della EN 206-1:2000. Il punto 5.1.1 della presente norma fornisce requisiti aggiuntivi.

4.2.2.2.3 Resistenza strutturale diretta  


La resistenza a compressione strutturale diretta deve essere determinata sul prodotto
finito mediante carote in conformità alla EN 12504-1 o mediante prismi riportati a cubi o
cilindri con il coefficiente di correzione appropriato.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 9  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
4.2.2.2.4 Resistenza strutturale indiretta  
Per processi di produzione stabilizzati in cui la composizione del calcestruzzo e i metodi
di maturazione non cambiano, la resistenza a compressione strutturale indiretta può
essere determinata mediante provini, ottenuti dal calcestruzzo fresco, maturati e
conservati in condizioni il più vicine possibile a quelle del prodotto, a condizione che una
prova iniziale abbia determinato la corrispondenza con la resistenza strutturale diretta.

4.2.2.2.5 Coefficiente di conversione  


Lo scostamento della resistenza strutturale diretta dalla resistenza potenziale è coperto
dal coefficiente di conversione η  = 0,85 che è incluso nel valore del coefficiente di
sicurezza γ c fornito nel punto 2.4.1.4 della EN 1992-1-1:2004, per gli stati limite ultimi
(vedere anche appendice C).
Quando si utilizza la resistenza strutturale, il confronto con la classe di resistenza
richiesta moltiplicando il valore di prova per 1/ η .

4.2.3 Armatura strutturale  


4.2.3.1 Lavorazione dell'acciaio di armatura  
L'acciaio per armatura per scopi strutturali che sia raddrizzato o saldato in fabbrica deve
rimanere in conformità al punto 4.1.3 dopo tale trattamento.
Si possono utilizzare connessioni saldate delle barre di armatura solo quando la
saldabilità dell'acciaio è pienamente documentata.

4.2.3.2 Tesatura e precompressione  


4.2.3.2.1 Sollecitazioni iniziali di tesatura  
La forza di precompressione massima applicata ad un'unità subito dopo il rilascio dei cavi
deve soddisfare le condizioni seguenti:
- assenza di fessurazione longitudinale incontrollata, distacco o scoppio del
calcestruzzo;
- la tensione nel calcestruzzo non deve portare a eccessivo ritiro o eccessive
deformazioni del prodotto.
Quando la conformità del prodotto ai requisiti pertinenti della norma di prodotto è
dimostrata mediante prove di tipo iniziale e controllo di produzione in fabbrica e le
tolleranze strette del punto 4.2.3.2.2 sono soddisfatte, il valore massimo della
sollecitazione di tesatura σ 0max può essere considerato come:
σ 0max = min (0,85 f pk o 0,95 f p0,1k) classe 1
Se le condizioni menzionate nel paragrafo precedente non sono soddisfatte, si deve
applicare il punto 5.10.2.1 della EN 1992-1-1:2004:
σ 0max = min (0,80 f pk o 0,90 f p0,1k) classe 2

4.2.3.2.2 Accuratezza della tesatura  


Lo scostamento tra la forza di tesatura applicata e quella di riferimento (vedere appendice K) in
corrispondenza dell'estremità attiva, immediatamente dopo la compressione, deve rimanere
entro le tolleranze seguenti:
Classe A - tolleranze normali
- cavo/forza singola: ±7%;
- forza totale: ±5%.
Classe B - tolleranze strette
- cavo/forza singola: ±4%.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 10  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
4.2.3.2.3 Resistenza minima del calcestruzzo al trasferimento 
Al trasferimento della forza di precompressione, il calcestruzzo deve avere una resistenza
minima f cm,p pari a 1,5 volte la tensione di compressione massima nel calcestruzzo e non
minore di 25 N/mm 2.
In ogni caso la resistenza deve essere adeguata per ancoraggio dei trefoli.

4.2.3.2.4 Scorrimento dei cavi


Lo scorrimento, vale a dire l'accorciamento del cavo dopo il trasferimento della forza di
precompressione, deve essere limitato ai valori seguenti:
- per singoli cavi (trefoli o fili): 1,3 ΔL 0;
- per il valore medio di tutti i cavi in un elemento: ΔL 0.
Per i trefoli si deve tenere conto del valore medio di tre fili posizionati sulla circonferenza.
Il valore di ΔL 0, in millimetri, deve essere calcolato da:
σ pmo
ΔL0= 0,4 l pt2 -----------
E p

dove:
l pt2 è il valore limite superiore della lunghezza di trasmissione = 1,2 l pt, in millimetri
secondo il punto 8.10.2.2 della EN 1992 1-1;
σ pmo è la tensione iniziale nell'acciaio precompresso immediatamente dopo il rilascio, in
Megapascal;
-
-
E p è il modulo di elasticità dell'acciaio da precompressione, in Megapascal.

In generale, lo scorrimento è misurato solo nei prodotti segati.


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,

4.3 Requisiti del prodotto finito  


  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

4.3.1 Proprietà geometriche  



-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,

4.3.1.1 Tolleranze di produzione  


  ,

-
-
-

Le tolleranze di produzione dei parametri strutturali, che influiscono sulla capacità


portante dell'elemento nel suo utilizzo previsto, non devono superare i valori forniti nel
presente punto. Per altri parametri si possono specificare tolleranze diverse.
Per le dimensioni della sezione trasversale L, la tolleranza ammessa è ΔL, e per la
posizione dell'acciaio di armatura, dell'acciaio da precompressione e del ricoprimento di
progetto c  la tolleranza ammessa è Δc .

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 11


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
prospetto 4  Tolleranze ammesse
ammesse per le sezioni trasversali degli elementi strutturali
Dimensione di riferimento della sezione trasversale nella direzione da verificare  ΔL Δc 

(mm) (mm)
L ≤150 mm +10   ± 5 
-5 
L = 400 mm ± 15 +15  
-10 
L ≥2 500 mm ± 30 +30  
-10 
Interpolazione lineare per valori intermedi.
Nota 1 ΔL e i valori positivi di Δc  (tolleranza superiore ammessa) sono forniti per garantire che gli scostamenti nelle 
dimensioni della sezione trasversale e nella posizione dell'armatura non eccedano i valori coperti dai coefficienti di
sicurezza pertinenti negli Eurocodici.
Nota
Nota 2 I val
valori
ori negati
negativi
v i di
di Δc  (tolleranza inferiore ammessa) sono indicati ai fini della durabilità.
Nota 3 Particolari
Particolari esigenze
esigenze funzionali
funzionali dei prodotti
prodotti possono
possono richiedere
richiedere tolleranze
tolleranze più strette
strette..
Nota 4 I valori
valori indicati
cati possono
possono essere
essere modificati
modificati da norme di prodotto.
prodotto.

La tolleranza superiore ammessa per la posizione dell'armatura può essere determinata


come il valore medio delle barre o dei trefoli in una sezione trasversale
tra sversale o su una larghezza
di 1 m (per esempio
esempio lastre
lastre e muri).
Il ricoprimento di progetto c dell'armatura deve essere almeno il ricoprimento minimo c min
più la tolleranza inferiore ammessa - Δc  o la tolleranza garantita dal produttore,
scegliendo il valore inferiore.
Per dimensioni principali diverse dalle dimensioni della sezione trasversale:
ΔL = ± (10 + L / 1 000)
000) ≤ ±40
±40 mm
-
-


dove:
  ,

è la dimensione di riferimento della misura lineare espressa in millimetri.


  ,

L

  ,
  ,

  ,


Le norme di prodotto possono fornire altri tipi di tolleranze insieme ai valori dei relativi

  ,
  ,


scostamenti ammessi (per esempio freccia di travi, ecc.). Tali valori non includono gli


  ,
  ,


  ,

effetti delle deformazioni di un qulasiasi carico applicato o della precompressione. Nella


  ,

  ,

-

-

verifica degli scostamenti misurati, si deve tenere conto di tali deformazioni calcolandone

  ,
  ,

  ,
  ,

il valore per la situazione di prova (includendo tutti gli effetti pertinenti relativi al tempo).

  ,

  ,
  ,

-
-
-

4 .3 .1 .2 Dimensioni nominali minime  


Nota  I ricoprimenti di calcestruzzo forniti nell'appendice informativa A sono valori minimi (vedere punto 3.1.6).
Le caratteristiche geometriche dei prodotti prefabbricati strutturali devono essere
conformi alle dimensioni nominali minime richieste.
I valori delle dimensioni nominali minime devono essere ricavati dai punti pertinenti della
EN 1992-1-1:2004. Tali valori possono essere essere ridotti a condizione che esista una
giustificazione pienamente documentata per l'utilizzo di valori inferiori.
Le norme di prodotto possono specificare valori differenti delle dimensioni nominali
minime secondo le caratteristiche specifiche dei prodotti.

4.3.2 Caratteristiche della superficie  


Per la specifica delle caratteristiche della superficie di un prodotto finito, si dovrebbe fare
riferimento al punto J.4.

4.3.3 Resistenza meccanica  


4 .3 .3 .1 Generalità  
Tutte le proprietà strutturali pertinenti del prodotto devono essere considerate nello stato
limite ultimo e nello stato limite di esercizio.
Per le perdite di precompressione, si può fare riferimento all'appendice informativa K, per
i casi specificati in tale appendice.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 12  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
Nota 1 Le azioni e i coefficienti di sicurezza delle azioni sono soggetti a regolamentazioni nazionali o altre regole 
valide nel luogo di utilizzo del prodotto. Si assume che i carichi di progetto siano valori dati, in funzione 
dell'utilizzo previsto del prodotto.
Nota 2  Per gli elementi prefabbricati con funzione strutturale, la progettazione strutturale dovrebbe essere verificata 
espressamente per garantirne l'idoneità alla particolare applicazione. Si dovrebbe prestare particolare 
attenzione alla Sicurezza Pubblica e al coordinamento della progettazione con le altre parti della costruzione 
e, ove pertinente, alle condizioni dei periodi transitori.

4.3.3.2 Verifica mediante calcolo  


I valori di progetto delle resisitenze ottenuti mediante calcolo devono essere verificati
secondo i punti pertinenti della EN 1992 1-1, alle regole complementari pertinenti indicate
nelle norme di prodotto o alle regole nazionali valide nel luogo di utilizzo.

4.3.3.3 Verifica mediante calcolo supportata da prove  


Le prove sui prodotti finiti sono necessarie per confermare il calcolo nei casi seguenti:
- regol
regolee di proge
progettttoo alt
alter
erna
natitive
ve risp
rispett
ettoo al
al pun
punto
to 4.3.3
4.3.3.2
.2;;
- config
configuraz
urazion
ionii strutt
struttural
uralii con modell
modellii di proge
progetto
tto inso
insolit
litii non copert
copertii dal punto
punto 4.3.3.
4.3.3.2.
2.
In questi casi sono necessarie prove su un numero limitato di provini in scala reale prima
di avviare la produzione per verificare l'affidabilità del modello di progetto assunto per il
calcolo. Questo deve essere effettuato con prove di carico fino alle condizioni di progetto
ultime.
Le prove non sono necessarie nel caso di una verifica teorica affidabile secondo i principi pr incipi
della
della EN 1992-1-
1992-1-1. 1.

4.3.3.4 Verifica mediante prove  


In caso di verifica mediante prove, i valori dichiarati devono essere verificati mediante
prove di carico diretto eseguite su campioni prelevati seguendo corretti criteri statistici
(per esempio
esempio EN 1990).

4.3.3.5 Coefficienti di sicurezza  


La EN 1990 e la EN 1992-1-1
1992-1-1 forniscono
forniscono valori raccomandat
raccomandatii per i coefficienti
coefficienti parziali di
sicurezza. In determinate condizioni esse consentono anche valori inferiori.
L'appendice
L'appendice C fornisce informazioni
informazioni al riguardo.

4.3.3.6 Situazioni transitorie  


Si devono considerare i seguenti casi particolari di azioni concernenti situazioni tr ansitorie
degli elementi prefabbricati.
Si devono considerare gli effetti dinamici verticali durante il sollevamento, la
movimentazione, il trasporto e il montaggio.
    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,

Quando pertinente per il tipo di elemento, per le situazioni transitorie si deve considerare
        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `

una forza trasversale orizzontale nominale che copra gli effetti nel piano dovuti ad azioni
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,

dinamiche o a scostamenti di verticalità. Questa può essere assunta come pari all'1,5%
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `

del peso proprio dell'elemento.


        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,

4.3.4 Resistenza e reazione al fuoco  


        `
  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

4.3.4.1 Generalità  
La resistenza e la reazione al fuoco devono essere dichiarate quando pertinenti per il tipo
di prodotto.
La resistenza al fuoco è solitamente dichiarata come resistenza al fuoco normalizzata per
mezzo di classi. In alternativa, può essere dichiarata come resistenza al fuoco parametrico.
Le raccomandazioni relative all'utilizzo della EN 1992-1-2 sono fornite nell'appendice O.
Nota  La classe richiesta per la resistenza al fuoco normalizzata, o in alternativa la resistenza al fuoco parametrico,
dipende dalle regolamentazioni antincendio nazionali.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 13  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
4 .3 .4 .2 Classificazione de
della re
resistenza al
al fu
fuoco no
normalizzata  
Per la verifica della resistenza al fuoco normalizzata si può scegliere uno dei metodi
seguenti.
a) Clas
Classi
sififica
cazi
zion
onee medi
median
ante
te pro
prove
ve
Possono essere prese in considerazione le prove eseguite precedentemente in
conformità ai requisiti della EN 13501-2 (cioè stesso prodotto, stesso metodo di
prova o metodo di prova più oneroso e stesso sistem a di attestazione di conformità).
La validità dei risultati di prova può essere estesa ad altre lunghezze, sezioni
trasversali e carichi mediante metodi di calcolo appropriati [(vedere per esempio c)
sottostante].
b) Clas
Classi
sififica
cazi
zione
one medi
median
ante
te dat
datii tabel
tabella
lari
ri
Per la classificazione utilizzando i dati tabellari si applica la EN 1992-1-2. Quando
applicabile possono essere indicate nelle norme di prodotto regole complementari.
c) Clas
Classi
sififica
cazi
zion
onee medi
mediant
antee calc
calcololoo
Per la classificazione basata su metodi di calcolo, si applica la EN 1992-1-2.

4 .3 .4 .3 Verifica della resistenza al fuoco parametrico  


Le curve antincendio parametriche devono essere come indicato
indicato nella EN 1991-1-2. La
resistenza al fuoco parametrico può essere verificata mediante i metodi di calcolo
secondo la EN 1992-1-2
1992-1-2 o mediante prove.
prove.

4 .3 .4 .4 Reazione al fuoco  
Si può dichiarare che i prodotti prefabbricati di calcestruzzo con legante cementizio senza
materiali organici appartengono alla Classe A.1 di reazione al fuoco senza necessità di
prove. I prodotti prefabbricati con legante cementizio che includono materiali organici in
misura maggiore dell'1% in massa o in volume devono essere sottoposti a prova e
classificati
classificati secondo
secondo la EN 13501-1.
13501-1.
Nota  Vedere la Decisione della Commissione 96/603/CEE, materiali da considerare appartenenti alla Classe A di
reazione al fuoco senza necessità di prove, aggiornata dalla Decisione della Commissione 2000/605/CE.

4.3.5 Proprietà acustiche  


Le proprietà di isolamento acustico sono l'isolamento acustico per via aerea e
l'isolamento dal rumore di calpestio.
Quando richiesto, si devono fornire le proprietà acustiche pertinenti per il tipo di prodotto.
L'isolamento acustico per via aerea di un prodotto deve essere stimato mediante calcolo
o misurato secondo
secondo la EN ISO 140-3. Deve Deve essere espresso
espresso in banda di terzi
terzi d'ottava da
100 Hz a 3 150 Hz e come come quantità
quantità singola
singola con termini
termini di adattamento
adattamento dello
dello spettro
spettro
secondo
secondo la EN ISO 717-1. 717-1.
L'isolamento dal rumore di calpestio di un prodotto deve essere stimato mediante calcolo
o misurato
misurato secondo la EN ISO 140-6. Deve Deve essere espresso
espresso in banda
banda di terzi di ottava,
ottava,
100-3 150 Hz, e come quantità singola con termini di adattamento dello spettro secondo
la EN
EN ISO
ISO 717-
717-2.2.
Quando i valori di isolamento acustico sono stimati mediante calcolo, si devono fornire
dettagli dei modelli di calcolo e dei dati immessi.
Informazioni complementari sono disponibili nelle norme di prodotto pertinenti.
Nota 1 Le stime mediante calcolo possono essere eseguite secondo l'appendice l'appendice B della EN 12354-1:2000,
12354-1:2000, e 
l'appendice
l'appendice B della EN 12354-2:2000.
12354-2:2000.
Nota 2  I valori possono
possono essere forniti nell'int
nell'intervallo
ervallo di frequenza
frequenza esteso di 50-5 000 Hz secondo la EN ISO 717-1 e 
la EN ISO
ISO 717-2.
717-2.
Nota 3  I valori in bande di terzi d'ottava sono adatti per il calcolo dell'isolamento acustico nelle opere secondo il
modello dettagliato
dettagliato della
della EN 12354.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 14  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
4.3.6 Proprietà termiche  
Le proprietà termiche devono essere dichiarate quando pertinenti per il tipo di prodotto.
Le proprietà termiche di un prodotto devono essere espresse in funzione di una delle
seguenti serie di quantità:
a) la conduttività termica del materiale, insieme alla geometria del prodotto;
b) la resistenza termica del prodotto.
Quando pertinente, si possono indicare la capacità termica specifica del materiale o il
calore specifico del prodotto completo.
La conduttività termica del materiale può essere determinata mediante prove in
conformità alla EN 12664. La determinazione dei valori termici dichiarati per lo stato
asciutto deve essere secondo la EN ISO 10456, che fornisce anche i procedimenti per
convertire i valori termici dichiarati in valori termici di progetto.
La conduttività termica di progetto e la capacità termica specifica dei materiali possono
anche essere ottenute dai valori tabellari della EN 12524 o della EN 1745.
La resistenza termica e la trasmittanza termica dei componenti di calcestruzzo possono
essere calcolati in conformità alla EN ISO 6946 o misurati in una camera calda in
conformità alla EN ISO 8990 o alla EN 1934.
-
-

Nota  I prospetti con i dati pertinenti della EN 12524 e della EN 1745 sono forniti nell'appendice informativa L.

  ,

  ,

  ,

4.3.7 Durabilità  
  ,

  ,




  ,
  ,




4.3.7.1 Requisiti di durabilità  


  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

Le specifiche seguenti si riferiscono ai prodotti strutturali di calcestruzzo con una vita utile
-

-

  ,
  ,

di progettazione prevista conforme alla EN 1992-1-1.


  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-

La durabilità degli elementi prefabbricati di calcestruzzo è garantita dai seguenti requisiti,


-
-

quando pertinenti:
- contenuto minimo di cemento (vedere punto 4.2.1.1);
- rapporto massimo acqua/cemento (vedere punto 4.2.1.1);
- contenuto massimo di cloruri nel calcestruzzo (vedere punto 4.2.1.1);
- contenuto massimo di alcali (vedere punto 4.2.1.1);
- protezione dall'essiccamento del calcestruzzo appena gettato (vedere punto
4.2.1.3);
- idratazione adeguata mediante trattamento termico (quando applicabile, vedere
punto 4.2.1.4);
- resistenza minima del calcestruzzo (vedere punto 4.2.2.1);
- ricoprimento minimo di calcestruzzo e qualità del calcestruzzo del ricoprimento
(vedere punto 4.3.7.4);
- quando applicabili, requisiti specifici per garantire l'integrità della superficie (vedere
punto 4.3.7.3);
- quando applicabili, requisiti specifici per garantire l'integrità interna (vedere punto
4.3.7.2);
- quando applicabile, utilizzo del metodo di progetto delle prestazioni come definito
nella EN 206-1.
Nota  Nel caso di prodotti di calcestruzzo non strutturali o quando la vita prevista dei prodotti di calcestruzzo è più 
corta o più lunga del valore corrispondente della EN 1992-1-1 (50 anni), le specifiche della durabilità possono 
essere adattate dal fabbricante allo specifico campo di applicazione del prodotto.
Ciò si può applicare a strutture temporanee, a prodotti di calcestruzzo con una vita utile prevista limitata e a 
prodotti di calcestruzzo con un programma specifico finalizzato a mantenerne la durabilità.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 15  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
4.3.7.2 Integrità interna  
La stabilità chimica deve essere garantita mediante la scelta corretta dei materiali, la cui
idoneità è stabilita seguendo il punto 4.1.1.
Si deve evitare l'eccessiva propagazione di microfessure limitando le tensioni di
compressione del calcestruzzo (vedere punto 5.10.2.2 e punto 7.2 della EN 1992-1-1:2004).
Per limitare le fessure precoci del calcestruzzo vedere punto 4.2.1.3 e punto 4.2.1.4.

4.3.7.3 Integrità della superficie  


Quando pertinente, la resistenza superficiale del calcestruzzo rispetto a processi di
deterioramento quali reazioni chimiche, effetti di gelo-disgelo, abrasione meccanica ecc.
deve essere garantita mediante misure opportune.
I requisiti tecnici per l'integrità della superficie possono essere quelli del punto 5.3 della
EN 206-1:2000 e, per quanto possibile, dovrebbe essere utilizzato il metodo di progetto
relativo alle prestazioni (vedere punto 5.3.3 e appendice J della EN 206-1:2000) per
facilitare il controllo delle prestazioni.
Nota  In base alle disposizioni valide nel luogo di utilizzo del prodotto, uno di questi metodi può essere la combinazione 
-
-
di valori limite per ciascuna classe di esposizione in relazione a rapporto massimo acqua/cemento, classe di
resistenza minima e massimo assorbimento d'acqua del calcestruzzo del prodotto finito.


  ,

  ,

  ,
  ,

Per esempio per la classe XC3 (umidità moderata, calcestruzzo all'interno di edifici con umidità dell'aria 
  ,




  ,

moderata o elevata, calcestruzzo esterno riparato dalla pioggia) la combinazione potrebbe essere: rapporto 
  ,





  ,

massimo acqua/cemento 0,50, classe di resistenza minima 35/45, assorbimento d'acqua massimo 6%.
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,

4.3.7.4 Resistenza alla corrosione dell'acciaio  


  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

La resistenza contro la corrosione dell'acciaio si deve ottenere seguendo i principi del


-
-
-

punto 4.1 della EN 1992-1-1:2004. Per soddisfare tali principi, l'appendice informativa A
della presente norma fornisce una scala di condizioni ambientali relative ai ricoprimenti di
calcestruzzo adottati nella progettazione del prodotto prefabbricato.
La fessurazione dovuta alle azioni deve essere controllata seguendo i criteri indicati nel
punto 7.3 della EN 1992-1-1:2004. In particolare indicando l'area di armatura minima, i
cavi pretesi aderenti possono essere inclusi come definito nel punto 7.3.2(3) della
EN 1992-1-1:2004.
L'area minima dell'armatura deve essere controllata se la tensione di trazione eccede
σ ct,p, dove σ ct,p è la tensione di trazione ammissibile nel calcestruzzo con la
combinazione caratteristica di carichi e il valore caratteristico di precompressione. Il
valore σ ct,p è indicato nell'appendice nazionale, altrimenti σ ct,p = f ct,eff.
La resistenza alla corrosione è ottenibile anche proteggendo l'armatura, per esempio
mediante l'utilizzo di acciaio inossidabile, ecc.

4.3.7.5 Assorbimento di acqua  


Quando l'assorbimento d'acqua è specificato, deve essere misurato secondo il punto 5.1.2.

4.3.8 Altri requisiti


4.3.8.1 Sicurezza di movimentazione  
Il prodotto deve essere progettato e realizzato in modo da potere essere movimentato in
sicurezza, senza effetti dannosi sul prodotto stesso. Le limitazioni relative alla
movimentazione in loco devono essere fornite dal produttore. Vedere anche il punto 9.4
della EN 13670-1:2000.

4.3.8.2 Sicurezza nell'impiego  


Le proprietà di un prodotto, relative alla sicurezza nel suo utilizzo finale previsto,
dovrebbero essere considerate quando pertinenti (per esempio: regolarità della
superficie, resistenza allo scivolamento, bordi taglienti, ecc.).

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 16  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
5 METODI DI PROVA  
5.1 Prove sul calcestruzzo  
5.1.1 Resistenza a compressione  
La resistenza del calcestruzzo deve essere sottoposta a prova su provini rappresentativi
come specificato nella EN 12390-2 e nella EN 12390-3. I diversi tipi di provini
rappresentativi forniscono valori diversi della resistenza del calcestruzzo. Si devono
applicare coefficienti di forma appropriati per ottenere la resistenza cilindrica o cubica.
Per le prove di compressione sul calcestruzzo sono consentiti anche cubi di 100 mm e
cilindri di 113 mm di diametro × 226 mm di lunghezza e si assume che i risultati
corrispondenti siano equivalenti rispettivamente a cubi di 150 mm e a cilindri di 150 mm di
diametro × 300 mm di lunghezza.
Si può assumere che carote di lunghezza e diametro nominale uguali da 100 mm fino a
150 mm forniscano un valore di resistenza equivalente al valore di resistenza di un cubo
di 150 mm maturato nelle stesse condizioni.
Si può assumere che carote con un diametro nominale di almeno 100 mm e non
maggiore di 150 mm e con un rapporto tra lunghezza e diametro uguale a 2,0 forniscano
un valore di resistenza equivalente al valore di resistenza di un cilindro di (150 × 300) mm
maturato nelle stesse condizioni.
Per altre dimensioni, devono essere stabiliti coefficienti di conversione mediante prove
iniziali.
Non si devono utilizzare carote con un diametro minore di 50 mm.
Nota  L'appendice H fornisce informazioni sui coefficienti di correlazione di forma.
Per la resistenza indiretta, i coefficienti di conversione per il rapporto tra i provini e la
resistenza nel prodotto devono essere definiti mediante prove iniziali, in cui i risultati delle
prove sui cubi sono confrontati con quelli su carote.

5.1.2 Assorbimento di acqua  


Quando si misura l'assorbimento d'acqua del calcestruzzo, si deve applicare il metodo di
prova riportato nell'appendice normativa G.

5.1.3 Massa volumica a secco del calcestruzzo  


Quando è richiesta la massa volumica a secco del calcestruzzo, la prova deve essere
eseguita su provini rappresentativi secondo la EN 12390-7.

5.2 Misurazione delle dimensioni e delle caratteristiche della superficie 


Il metodo per misurare dimensioni e caratteristiche della superficie del prodotto finito è
indicato nelle norme di prodotto specifiche.
Nota  In assenza di un metodo nella norma di prodotto specifica, si può utilizzare l'appendice informativa J.
Le dimensioni sono rilevate a temperature di riferimento tra 10 °C e 30 °C e a 28 d. Se
necessario, si devono effettuare correzioni teoriche per scostamenti inerenti le dimensioni
in caso di misurazione ad altre temperature o età.
L'attrezzatura utilizzata per controllare gli scostamenti deve avere accuratezza pari a 1/5
o migliore dello scostamento da controllare.

5.3 Peso dei prodotti


Quando è richiesta la misurazione del peso dei prodotti, questa deve essere eseguita con
accuratezza pari a ±3%.

© UNI Pagina 17  
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione


UNI EN 13369:2008 
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
6 VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ  
6.1 Generalità  
6.1.1 Nota generale  
Nota  L'assegnazione dei compiti per il fabbricante e per l'organismo notificato ai fini della marcatura CE è definita 
nella relativa appendice ZA della norma di prod otto. Si dovrebbe considerare il fatto che alcuni compiti descritti
nel presente punto non sono rilevanti per la marcatura CE.

6.1.2 Dimostrazione di conformità  


La conformità del prodotto ai requisiti pertinenti della presente norma e ai valori specificati
o dichiarati (livelli o classi) per le proprietà del prodotto deve essere dimostrata
eseguendo entrambi i compiti seguenti:
a) prove di tipo incluso il calcolo quando pertinente (vedere punto 6.2);
b) controllo di produzione in fabbrica (vedere punto 6.3), inclusa ispezione sul prodotto.

6.1.3 Valutazione di conformità  


6.1.3.1 Generalità  
In aggiunta ai requisiti del punto 6.1.2, la conformità può essere valutata da una terza
parte (vedere appendice E) i cui compiti dipendono dal prodotto specifico.

6.1.3.2
-
-
Valutazione del controllo di produzione in fabbrica  

Quando necessario, la conformità del controllo di produzione in fabbrica può essere



  ,

  ,

  ,

valutata da una terza parte. In questo caso si deve basare su entrambi i compiti seguenti:
  ,

  ,




  ,
  ,

a) ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di produzione in fabbrica;







  ,
  ,

b) sorveglianza continua, valutazione e approvazione del controllo di produzione in


  ,
  ,

  ,

-

fabbrica (inclusi supervisione delle misurazioni e prove su materiali, processo e


-

  ,
  ,

  ,

prodotti).
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

6.1.3.3 Valutazione del prodotto  


Quando necessario, la conformità del prodotto può essere valutata da una terza parte. In
questo caso si deve basare su uno o entrambi i compiti seguenti, che si aggiungono ai
compiti a) e b) del punto 6.1.3.1:
a) supervisione, valutazione e approvazione delle prove di tipo del prodotto (vedere
punto 6.2);
b) prove di audit sui campioni prelevati in fabbrica o possibilmente dal cantiere di
costruzione.

6.1.4 Prove di accettazione  


La conformità del prodotto ai requisiti pertinenti della presente norma può essere valuta ta
mediante prove di accettazione di una partita alla consegna (vedere appendice F).
Se la conformità è stata valutata secondo il punto 6.1.2, le prove di accettazione non sono
necessarie.

6.2 Prove di tipo  


6.2.1 Generalità  
Una caratteristica particolare dei prodotti prefabbricati è la possibilità di eseguire prove su
prodotti in scala reale prima della consegna. Tuttavia non è previsto che tali prove
debbano essere eseguite regolarmente.
Le prove di tipo (prove iniziali di tipo o ulteriori prove di tipo) consistono nel sottoporre un
campione rappresentativo del prodotto e/o dei provini alle prove e/o ai calcoli pertinenti
per le proprietà da sottoporre a prova.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 18  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
Quando la progettazione di un prodotto è stata fornita dall'acquirente, le prove di tipo non
sono necessarie.
Per le proprietà del prodotto valutate sulla base di metodi di progettazione generalmente
accettati (per esempio regole di progettazione della EN 1992-1-1 o norme di prodotto),
con configurazioni comuni e modelli di progettazione usuali o basati su esperienza a
lungo termine documentata, non sono necessarie ulteriori prove di tipo sul prodotto. Negli
altri casi le prove devono essere eseguite per verificare l'affidabilità del metodo di
progettazione (vedere punto 4.3.3.3).
I tipi di prodotti o di calcestruzzi possono essere raggruppati in famiglie documentate ai
fini delle prove di tipo. Non deve tuttavia essere necessario sottoporre a prove di tipo sia
il prodotto sia il calcestruzzo.
Il fine delle prove di tipo è quello di dimostrare che il prodotto soddisfa i requisiti.
Se il fabbricante ha a disposizione attrezzature di prova appropriate e tarate, le prove di
tipo possono essere eseguite con tali attrezzature.
I risultati delle prove di tipo devono essere registrati.

6.2.2 Prove iniziali di tipo  


Le prove iniziali di tipo devono essere eseguite per dimostrare la conformità al requisito
prima di immettere sul mercato un nuovo tipo di prodotto. Devono essere eseguite anche
per prodotti in produzione alla data in cui diventa disponibile la norma di prodotto
pertinente. Prove precedenti eseguite prima di questa data sullo stesso prodotto possono
essere considerate se soddisfano i requisiti della norma di prodotto pertinente.
Per le prove iniziali di tipo del calcestruzzo si devono applicare i requisiti pertinenti
dell'appendice A della EN 206-1:2000.
Quando i risultati delle prove iniziali di tipo dimostrano che il prodotto non è conforme ai
requisiti, i prodotti non devono essere consegnati finché ulteriori prove di tipo, a seguito di     -
    -
    -
        `
  ,

appropriate modifiche, non dimostrano che il prodotto è conforme ai requisiti.


  ,
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -

6.2.3 Ulteriori prove di tipo  


        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `

Ulteriori prove di tipo appropriate del prodotto devono essere eseguite ogniqualvolta si
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `

apporta una modifica alla progettazione, alla composizione del calcestruzzo, al tipo di
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,

acciaio o al metodo di fabbricazione o qualsiasi altra modifica che potrebbe variare


  ,
        `
  ,
        `
  ,
        `
        `

significativamente alcune proprietà del prodotto.


    -
    -

6.3 Controllo di produzione in fabbrica  


6.3.1 Generalità  
Si ritiene che un fabbricante che attui un sistema di qualità in conformità alla EN ISO 9001
e che tenga conto dei requisiti della presente norma soddisfi i requisiti di controllo di
produzione in fabbrica descritti di seguito.

6.3.2 Organizzazione  
I compiti, le responsabilità e l'autorità del personale coinvolto nel controllo di produzione
in fabbrica devono essere documentati, gestiti e implementati, incluse le procedure per le
attività seguenti:
a) dimostrazione della conformità del prodotto nelle fasi appropriate;
b) identificazione e registrazione di qualsiasi istanza di non conformità;
c) gestione delle istanze di non conformità;
d) definizione delle cause di non conformità e possibile azione correttiva
(progettazione, materiali o processi di produzione).
Uno schema organizzativo deve chiarire le attività indicate nei punti da a) a d) del
personale interessato.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 19  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
6.3.3 Sistema di controllo  
Il fabbricante deve definire, documentare, gestire e implementare un sistema di controllo
di produzione in fabbrica per garantire che il prodotto immesso sul mercato soddisfi i
requisiti della presente norma e sia conforme ai valori specificati o dichiarati.
Il sistema di controllo di produzione in fabbrica deve consistere di procedimenti, istruzioni,
ispezioni regolari, prove e utilizzo dei risultati per controllare attrezzature, materie prime e
altri materiali in entrata, processo di produzione e prodotti.

6.3.4 Controllo dei documenti


I documenti devono essere controllati in modo che sul posto di lavoro siano disponibili
solo copie valide. Tali documenti sono procedimenti, istruzioni di lavoro, norme, rapporti
di costruzione, disegni e procedure di controllo di produzione in fabbrica.
I disegni e i documenti di produzione devono fornire le specifiche e tutti i dati necessari
per la fabbricazione (vedere punto 6.3.5) del prodotto. Devono essere datati e approvati
per la produzione da parte di una persona designata dal fabbricante.

6.3.5 Controllo del processo  


Il fabbricante deve identificare le caratteristiche pertinenti dell'impianto e/o del processo di
produzione. Deve definire i criteri e pianificare i processi di produzione che influiscono
direttamente sulla conformità del prodotto.

6.3.6 Ispezione e prove  


6.3.6.1 Generalità  
Ispezioni e prove devono essere eseguite su attrezzature, materie prime e altri materiali in
entrata, processo di produzione e prodotti. Oggetti, criteri, metodi e frequenze relative a
ispezione e prove devono essere definiti in schemi di ispezione. La frequenza de i controlli
e delle ispezioni e i metodi che non sono specificati nella presente norma devono essere
definiti in modo da ottenere una conformità permanente del prodotto.
Gli schemi di ispezione forniti nei prospetti da D.1 a D.4 servono come riferimento. Il
fabbricante deve applicare le parti pertinenti di tali schemi a meno che non possa
dimostrare che eventuali modifiche apportate a tali schemi non raggiungano un'uguale
confidenza nella conformità del prodotto.
Le regole di variazione della frequenza degli oggetti di ispezione indicata negli schemi di
ispezione sono fornite nel prospetto D.5.
I risultati di ispezione espressi in termini numerici, tutti i risultati delle ispezioni che
richiedono un'azione correttiva e i risultati delle prove devono essere registrati e
disponibili.
Le prove devono essere eseguite in conformità ai metodi menzionati nella norma
pertinente o applicando metodi di prova alternativi con una correlazione dimostrata o una
relazione sicura con i metodi di riferimento.
I risultati delle prove devono soddisfare i criteri di conformità specificati ed essere
disponibili.

6.3.6.2 Attrezzature  
Le attrezzature per la pesatura, la misurazione e le prove utilizzate in fabbrica devono
essere tarate e ispezionate seguendo gli schemi di riferimento forniti nel prospetto D.1.

6.3.6.3 Materiali
La conformità delle materie prime e dei materiali in entrata alla documentazione tecnica
deve essere verificata secondo il punto 6.3.4.
Gli schemi di riferimento per le ispezioni, le misurazioni e le prove sono forniti nel
prospetto D.2.

UNI EN 13369:2008 
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

© UNI Pagina 20  
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
6.3.6.4 Processo di produzione  
Gli schemi per le ispezioni, le misurazioni e le prove sono forniti nel prospetto D.3.

6.3.6.5 Prodotti finiti


Un piano di campionamento e di prove per i prodotti finiti deve essere preparato e
implementato per tutte le proprietà (inclusa la marcatura) da controllare.
Lo schema di ispezione di riferimento del prodotto finito è fornito nel prospetto D.4.

6.3.7 Prodotti non conformi


Se i risultati del controllo di produzione in fabbrica o i reclami dopo la consegna rivelano
la non conformità di una o più proprietà del prodotto alla presente norma o alle specifiche
tecniche del fabbricante, il fabbricante deve intraprendere i passi necessari per
correggere la non conformità.
Se una non conformità indica effetti pertinenti sulla resistenza, l'utilizzo, l'aspetto e la
durabilità o l'installazione e la compatibilità dell'assemblaggio, si deve produrre un
resoconto. Il resoconto deve valutare la possibilità di accettazione dopo appropriate
misure correttive o dopo il declassamento del prodotto per utilizzi idonei nell'ambito dello
scopo e campo di applicazione della presente norma. Se non è possibile individuare
misure correttive soddisfacenti o alcun declassamento, il prodotto difettoso deve essere
scartato.
I prodotti non conformi ai requisiti devono essere accantonati e marcati di conseguenza.
Le procedure che trattano la non conformità del prodotto rispetto alle proprietà dichiarate
nella norma o nelle specifiche devono essere documentate.

6.3.8 Criteri di conformità del calcestruzzo indurito  


Quando la resistenza meccanica del prodotto è un requisito e il prodotto finito non è
sottoposto a prova in merito a tale proprietà, la resistenza del calcestruzzo deve essere
sottoposta a controllo di qualità.
I requisiti del calcestruzzo indurito e dei metodi di prova utilizzati per il suo controllo di     -

qualità sono forniti nel punto 4.2.2 e nel punto 5.1.


    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,

I criteri di conformità della resistenza a compressione a 28 d devono essere ricavati dal


  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `

metodo del punto 8.2.1 della EN 206-1:2000. La resistenza del calcestruzzo può essere
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,

sottoposta a prova prima dei 28 d con lo stesso metodo.


        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `

Per una produzione continua il periodo per il campionamento del gruppo di "n" campioni
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,

consecutivi non sovrapposti può essere ridotto a tre settimane, di FPC tenendo conto che
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,

siano garantiti un minimo di 15 risultati.


        `
        `
    -
    -

I calcoli statistici, per la valutazione del valore medio corrente e del valore caratteristico
corrente (normalmente con riferimento alla produzione degli ultimi 15 d di produzione)
possono essere formalmente registrati seguendo l'appendice B.
In alternativa, la valutazione della conformità della produzione continua può essere
controllata utilizzando una carta di controllo conforme a una delle norme seguenti:
ISO 7870, ISO 7873, ISO 7966, ISO 8258 a condizione che la probabilità di accettazione
sia equivalente a quella risultante del punto 8.2.1 della EN 206-1:2000.

6.3.9 Metodo di prova indiretto o alternativo  


Per proprietà specifiche può essere utilizzato qualsiasi metodo di prova indiretto o
alternativo, per esempio sclerometro e velocità del suono per le prove delle proprietà del
calcestruzzo, a condizione che sia stabilita e mantenuta una correlazione sicura con il
metodo diretto.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 21


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
7 MARCATURA  
Ogni unità prodotta deve essere marcata o etichettata come segue:
- identificazione del produttore;
- identificazione del luogo di produzione;
- numero identificativo dell'unità (quando necessario);
- data del getto;
- peso dell'unità (quando maggiore di 800 kg);
- altre possibili informazioni per l'installazione (per esempio orientamento) quando
necessarie.
Per alcuni tipi di prodotti (per esempio elementi in serie) il procedimento suddetto può
essere semplificato o sostituito da un'etichettatura generale riferita a lotti di unità.
In aggiunta ai dati suddetti, si devono fornire le seguenti informazioni di
accompagnamento:
- nome del produttore;
- indirizzo della fabbrica;
- identità del prodotto (nome commerciale);
- numero della norma di prodotto;
- numero di posizione della documentazione tecnica (quando applicabile).
Nota  Quando applicabile, per la marcatura CE fare riferimento all'appendice ZA della norma di prodotto pertinente.

8 DOCUMENTAZIONE TECNICA  
Per la documentazione tecnica dei prodotti prefabbricati di calcestruzzo strutturali si può
fare riferimento all'appendice M.

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 22  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE A RICOPRIMENTO DI CALCESTRUZZO CON RIFERIMENTO ALLA CORROSIONE 
(informativa)

A.1 Ricoprimento minimo per condizioni di base  


Facendo riferimento alla durabilità dei prodotti prefabbricati di calcestruzzo in termini di
protezione contro la corrosione dell'acciaio, il prospetto A.1 fornisce la scala delle
condizioni ambientali e le classi di esposizione corrispondenti.
prospetto A.1 Scala nominale delle condizioni ambientali
Condizioni ambientali Aggressività Classi di esposizione della EN 206-1:2000  
A  Nulla  XO 
B  Bassa  XC1
C  Moderata  XC2-XC3 
D  Normale  XC4 
E  Alta  XD1-XS1
F  Molto alta  XD2-XS2 
G  Estrema  XD3-XS3 

Facendo riferimento alle classi nominali del prospetto A.1, il prospetto A.2 indica il
ricoprimento minimo in millimetri, differenziato per classi di calcestruzzo superiori e
inferiori (vedere il punto 4.4.1.2 della EN 1992-1-1:2004).
prospetto A.2  Ricoprimento minimo (mm) 
Barre di armatura per  Altre barre di armatura Cavi pretesi per lastre Altri cavi pretesi
lastre 
C min  C 0  Condizioni ≥C 0  < C 0  ≥C 0  < C 0  ≥C 0  < C 0  ≥C 0  < C 0 
ambientali
C20/25  C30/37  A  10  10  10  10  10  10  10  10 
C20/25  C30/37  B  10  10  10  10  15  15  15  20 
C25/30  C35/45  C  10  15  15  20  20  25  25  30 
C30/37  C40/50  D  15  20  20  25  25  30  30  35 
C30/37  C40/50  E  20  25  25  30  30  35  35  40 
C30/37  C40/50  F  25  30  30  35  35  40  40  45 
C35/45  C45/55  G  30  35  35  40  40  45  45  50 

Le condizioni delle lastre sono destinate a essere utilizzate quando solo una superficie è
esposta agli agenti esterni.
Nel prospetto A.2, C min è la classe minima del calcestruzzo necessaria per la classe di
esposizione data e C 0 è la classe del calcestruzzo di due classi di resistenza superiore
rispetto a C min. Quando si prevedono gelo/disgelo o attacco chimico del calcestruzzo
(classi XF ed XA della EN 206-1:2000), si dovrebbe prestare particolare attenzione alla
composizione del calcestruzzo. I ricoprimenti in conformità al prospetto A.2 sono
generalmente sufficienti per tali situazioni.
Nota  I ricoprimenti del prospetto A.2 si applicano ai prodotti prefabbricati di calcestruzzo sottoposti a un controllo 
-
-


qualità particolare seguendo i criteri del punto 6 della presente norma.
  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,

A.2 Condizioni alternative  






  ,
  ,


  ,
  ,

Nell'applicare il punto 4.4.1.2 (11) della EN 1992-1-1:2004, si possono applicare le



  ,

-

-

condizioni alternative seguenti.


  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,

Quando si utilizza un acciaio dotato di protezione o resistenza propria alla corrosione, il


  ,

-
-
-

ricoprimento di calcestruzzo indicato nel prospetto A.2 può essere ridotto di 5 mm;
tuttavia il ricoprimento di calcestruzzo minimo dovrebbe essere di 10 mm.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 23  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
Quando la classe del calcestruzzo è ≥C40/50 e il suo assorbimento d'acqua è minore del
5,0%, il ricoprimento di calcestruzzo indicato nel prospetto A.2 può essere ridotto di
5 mm; in ogni caso, il ricoprimento di calcestruzzo minimo non può essere minore di
10 mm.
Per le classi di calcestruzzo maggiori di C50/60 e con un assorbimento d'acqua minore
del 4,0%, la riduzione può essere portata a 10 mm, con lo stesso valore minimo di 10 mm
del ricoprimento di calcestruzzo.
Altre condizioni possono essere indicate nelle norme di prodotto.
Quando l'unità non è un prodotto strutturale e/o la vita prevista è più breve del valore
corrispondente nella EN 1990, il ricoprimento di calcestruzzo può essere ridotto di
conseguenza.
Quando è garantita una protezione sufficiente della superficie esposta del calcestruzzo, la
classe di esposizione può essere ridotta.

    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 24  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE B CONTROLLO DI QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO 
(informativa)

B.1 Valori statistici rappresentativi


La resistenza di prova dovrebbe essere sottoposta ad analisi statistica per valutare il
valore caratteristico corrente in riferimento alla produzione continuativa.
Assumendo che la meccanizzazione e l'automazione dell'impianto di dosaggio
garantiscano una produzione uniforme, dovrebbero essere prelevati per ogni giorno di
produzione del calcestruzzo uno o due campioni di due provini ciascuno. I campioni
dovrebbero essere prelevati a orari diversi per coprire gli scostamenti dell'impianto.
Gli scostamenti della qualità sono principalmente dovuti a variazioni:
-

- dei materiali di base (cemento, aggregati, ecc.);


-


  ,

  ,

  ,
  ,

- dell'accuratezza di dosaggio (principalmente rapporto a/c, ecc.);



  ,




  ,
  ,

- delle condizioni ambientali (termo - igrometriche, ecc.);







  ,
  ,

- di eventi occasionali (manutenzione dell'impianto, ecc.).


  ,
  ,

  ,

-

-

L'analisi statistica dovrebbe essere applicata a un gruppo mobile di campioni, abbastanza


  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

lungo da comprendere un numero adeguato di campioni ma sufficientemente corto da



  ,
  ,

-
-
-

conferire sensibilità alle variazioni di qualità.


Si assume un periodo di riferimento di tre settimane (per esempio 15 d di produzione di un
tipo di calcestruzzo) per il gruppo di riferimento della statistica per l'ispezione normale; i
campioni disponibili inclusi in questo periodo possono fornire un numero maggiore o
minore di valori di prova del gruppo corrente, in funzione dei giorni di produzione effettiva
e del numero (1 o 2) di campioni giornalieri.
Se necessario, possono essere eseguite nello stesso modo prove supplementari
effettuate prima del periodo di maturazione di riferimento per le statistiche precoci, a
condizione che sussista una correlazione uniforme dei valori. Queste prove non possono
sostituire quelle eseguite nel periodo di riferimento.

B.2 Prove di resistenza su carote  


Le prove di resistenza sulle carote possono essere eseguite per verificare la conformità
della resistenza strutturale diretta alla resistenza di provini rappresentativi prelevati
giornalmente durante la produzione e maturati in condizioni di laboratorio (resistenza
potenziale) o in condizioni di fabbrica (resistenza strutturale indiretta). Generalmente a
meno di specifiche diverse per questo calcestruzzo, le prove devono seguire la procedura
di seguito:
- due carote sono prelevate da posizioni diverse nel prodotto (cioè: una ad
un'estremità e una in posizione centrale);
- la resistenza di riferimento delle carote è misurata come specificato nell'appendice
H, ottenendo due valori f °1 ≤ f °2 ;
- il confronto è effettuato facendo riferimento ai dati di prova del giorno di produzione
corrispondente (resistenza potenziale o resistenza strutturale indiretta - vedere
punto 4.2.2.2);
- si assume che i risultati di prova siano conformi se:
° ° °
α  f  1 ≥ f k e α  ( f  1 + f  2 ) / 2 ≥ f  -3,0 (MPa)
dove:
f  è la resistenza di riferimento del giorno;
f k è la resistenza caratteristica corrente nello stesso giorno (vedere punto B.1) e si
assume che α  = 1/0,85 se i valori suddetti f  e f k si riferiscono alla resistenza
potenziale, α  = 1 se si riferiscono alla resistenza strutturale indiretta.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 25  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
B.3 Criteri di conformità  
La resistenza precoce, quando sottoposta a controllo statistico continuo, è verificata sulla
base del corrispondente valore caratteristico previsto f k della resistenza a compressione
equivalente stimata nel periodo di riferimento di 28 d sulla base di una legge di
indurimento dimostrata.
Quando dalle prove risulta
α f k < f ck (per i valori di α  vedere punto B.2)
dove:
f ck è la resistenza caratteristica prevista assunta nella progettazione.
Le unità prodotte devono essere immagazzinate, in attesa dei risultati delle prove a 28 d.
Nel frattempo si devono adottare misure correttive quali:
- regolazione provvisoria delle proporzioni di miscelazione (per esempio: contenuto di
cemento più elevato) per la produzione ad interim;
- taratura dell'attrezzatura di dosaggio principale (attrezzatura di pesatura, contatore
per acqua, sonda igrometrica, ecc.);
- possibile revisione della miscelazione di progetto all'inizio di un nuovo ciclo di
produzione.
La resistenza a 28 d è calcolata statisticamente come definito nel punto B.1. Quando,
dalle prove, un valore caratteristico scende al di sotto di quello assunto nella
progettazione (α f k < f ck), oltre alle misure correttive elencate sopra, si richiede una
valutazione diretta della produzione. Questa valutazione deve avvenire sottoponendo a
prova carote ottenute dai prodotti stessi, con il procedimento seguente:
- tre carote sono prelevate da posizioni diverse nel prodotto (cioè: due ad un'estremità
e una in posizione centrale);
- la resistenza a compressione è misurata come specificato nel punto B.1 ottenendo i
tre valori f 1 ≤ f 2 ≤ f 3;
- un valore di progettazione equivalente f d = (f m - Δf )/ γ 
- è calcolato dalla media f m = (f 1 + f 2 + f 3)/3
- e dallo scostamento totale Δf  = f 3 - f 1 (≥2,0 MPa)
- il prodotto è accettato se f d ≥ f cd/ α cc
dove:
f cd è la resistenza di progetto prevista assunta nel calcoli di resistenza (stato limite
ultimo), α cc è il relativo coefficiente di effetto a lungo termine [vedere punto
3.1.6(1) della EN 1992-1-1:2004] e γ  è il coefficiente di sicurezza relativo alla
valutazione diretta della resistenza strutturale (si raccomanda il valore γ  = 1,2);
- in caso contrario il prodotto deve essere scartato, qualora non possa essere
adeguatamente rinforzato, o declassato per altri utilizzi idonei.
Nota  In conformità alla EN 1992-1-1, α cc è un parametro determinato a livello nazionale (NDP) del luogo di utilizzo.
Anche il coefficiente γ  rientra nelle competenze della regolamentazione nazionale.

-
-


  ,

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 26  
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
  ,

  ,

Provided by IHS under license with UNI


  ,

  ,
Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS



Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT

  ,
APPENDICE C CONSIDERAZIONI SULL'AFFIDABILITÀ 
(informativa)

C.1 Generalità  
Seguendo il punto a A.3 della EN 1992-1-1:2004, si possono assumere valori dei
coefficienti parziali di sicurezza dei materiali come indicato nei punti da C.2 a C.4.
Se i valori raccomandati nella sezione 2 della EN 1992-1-1:2004 sono modificati
nell'appendice nazionale, i coefficienti di sicurezza ridotti indicati nel punto C.2 e nel
punto C.3 dovrebbero essere modificati in proporzione.
Tali valori dovrebbero essere utilizzati solo quando il controllo di produzione in fabbrica è
valutato da una terza parte.

C.2 Riduzione basata sul controllo di qualità e tolleranze ridotte  


Se il controllo di produzione in fabbrica (vedere punto 6.3 e appendice D) assicura che le
tolleranze sfavorevoli delle dimensioni delle sezioni trasversali sono comprese entro le
tolleranze strette fornite nel prospetto C.1, il coefficiente di sicurezza parziale
dell'armatura può essere ridotto a:
γ s = 1,10
Nella condizione suddetta, e se si dimostra che il coefficiente di variazione della
resistenza del calcestruzzo non eccede il 10%, il coefficiente di sicurezza parziale del
calcestruzzo può essere ridotto a:
γ c = 1,4
prospetto C.1 Tolleranze strette 
h  o b  (mm) Tolleranze strette (mm)
Dimensione della sezione trasversale Posizione dell'armatura  
± Δh , Δb  (mm) +Δc  (mm) 
≤150 5 5  
400 10 10  
≥2 500 30 20  
Con interpolazione lineare per valori intermedi.
+ Δc  si riferisce al valore medio delle barre di armatura o dei cavi da precompressione nella sezione trasversale o per una 
larghezza di un metro (per esempio lastre e muri).

C.3 Riduzione basata sull'utilizzo nel progetto di parametri geometrici ridotti o misurati     -
    -
    -

Se il calcolo della resistenza di progetto si basa su dimensioni critiche, inclusa l'altezza


        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,

effettiva (vedere figura C.1), che sono:


  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `

- ridotte del valore delle tolleranze, o


  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `

- misurate sulla struttura finita


        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `

si possono utilizzare i valori seguenti


        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,

γ s = 1,05, γ c = 1,45


        `
        `
    -
    -

Nella condizione suddetta e purché si dimostri che il coefficiente di variazione della


resistenza del calcestruzzo non eccede il 10%, il coefficiente parziale del calcestruzzo
può essere ridotto a γ c = 1,35.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 27  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
figura C.1 Tolleranze della sezione trasversale 
Legenda
a) Sezione trasversale
b) Posizione dell'armatura (direzione sfavorevole per la profondità effettiva)

C.4 Riduzione basata sulla valutazione della resistenza del calcestruzzo nella struttura 
finita 
Per valori della resistenza del calcestruzzo basati sulle prove della resistenza strutturale
diretta come definita nel punto 4.2.2, γ c può essere ridotto con il coefficiente di
conversione η ; solitamente si può assumere η  = 0,85.
Il valore di γ c a cui questa riduzione è applicata può essere già ridotto secondo il punto
C.2 o il punto C.3. Tuttavia, il valore risultante di γ c non dovrebbe essere minore di 1,30.

C.5 Riduzione di γ G  basata sul controllo del peso proprio 


Il coefficiente di sicurezza parziale per il peso proprio del prodotto prefabbricato γ G può
essere ridotto con un coefficiente 0,95 quando il peso del prodotto misurato o valutato con
il volume non supera quello utilizzato nei calcoli di progetto. Il peso valutato con il volume
è calcolato dalle dimensioni nominali, dal valore medio della massa volumica del
calcestruzzo misurata dai provini per la prova di resistenza e dalla quantità di armatura
(espressa in kilogrammi al metro cubo).
Il coefficiente di sicurezza parziale per il peso proprio del prodotto prefabbricato γ G può
essere ridotto del coefficiente 0,90 quando il frattile del 95% statistico del peso misurato
o valutato non eccede quello utilizzato nei calcoli di progettazione.
Le tolleranze strette dovrebbero essere utilizzate e controllate sistematicamente, vedere
prospetto C.1.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 28  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE D SCHEMI DI ISPEZIONE 
(normativa)

D.1 Ispezione dell'attrezzatura  


Gli oggetti delle ispezioni non si applicano se non sono pertinenti per il prodotto specifico
o se il loro scopo è soddisfatto da altra ispezione appropriata.
prospetto D.1 Ispezione dell'attrezzatura 
Oggetto Metodo Scopo Frequenzaa)  
D.1.1 - Attrezzatura di prova e di misurazione 
1 Attrezzatura di prova  Salvo quanto indicato nel metodo di prova, Corretto funzionamento e  - Alla (re)installazione o dopo 
della resistenza  taratura rispetto ad attrezzatura che è stata  accuratezza  riparazioni importanti
2 Attrezzatura di pesatura  tarata in base a specifiche nazionali e che  - Una volta all'a nno 
è utilizzata esclusivamente per questo 
3 Attrezzatura di scopo 
misurazione delle 
dimensioni
4 Attrezzatura di
misurazione della 
temperatura e 
dell'umidità 
D.1.2 - Attrezzature di produzione e stoccaggio 
1 Stoccaggio dei materiali Ispezione visiva o altro metodo appropriato Assenza di contamin azione - All 'i nstallazione 
- Settimanale 
2 Attrezzaturra di pesatura  Ispezione visiva Corretto funzionamento Giornaliera  
3 o di dosaggio volumetrico  Taratura rispetto ad attrezzatura che è   Accuratezza dichiarata dal - Alla (re)installazione o dopo 
stata tarata in base a norme nazionali e  fabbricante  riparazioni importanti
che è utilizzata esclusivamente per questo  - Pesatura: una volta all'anno 
scopo  - Volumetrica: due volte all'anno 
- In caso di dubbio 
4 Attrezzatura per la  Confronto tra la quantità effettiva e la  Accuratezza dichiarata dal - Alla (re)installa zione 
misurazione in continuo  lettura del misuratore  fabbricante  - Due volte all'a nno 
del contenuto d'acqua  - In caso di dubbio 
degli aggregati finib} 
5 Mescolatori Ispezione visiva Usura e corretto   Settimanale 
funzionamento 
6 Casseforme Ispezione visiva Condizione (per esempio   Regolarmente in funzione del tipo di
usura e deformazione) materiale e della frequenza di utilizzo 
7 Attrezzatura di Taratura rispetto ad attrezzatura che è  Corretto funzionamento e  - Alla (re)installa zione 
precompressione  stata tarata in base a norme nazionali e  accuratezza  - Due volte all'a nno 
che è utilizzata esclusivamente per questo  - In caso di dubbio 
scopo 
8 Ispezione visiva Usura dell'attrezzatura di Settimanale per tutte le attrezzature 
ancoraggio  utilizzate 
9 Macchina/attrezzatura di Istruzioni di ispezione del fabbricante Corretta compattazione del Istruzioni di ispezione del fabbricante 
getto  calcestruzzo 
a) Le regolamentazioni nazionali prevalgono se richiedono una frequenza superiore.
b) Solo se lattrezzatura è disponibile e lo scopo non è coperto da ispezione/i appropriata/e in base al punto D.3.1.

UNI EN 13369:2008 
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`--- © UNI Pagina 29  
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
D.2 Ispezione dei materiali
prospetto D.2  Ispezione dei materiali
Oggetto Metodo Scopo Frequenza  
D.2.1 - Tutti i materiali
1 Tutti i materiali Ispezione prima dello scarico del Valutare che la partita  Ad ogni consegna 
documento di consegna e/o dell'etichetta  corrisponda a quanto ordinato 
sull'imballaggio che dimostri la conformità  e provenga dalla provenienza 
all'ordine b) corretta 
D.2.2 - Materiali non sottoposti a una valutazione di conformità prima della consegna c) 
1 Cemento e altri materiali Metodi di prova appropriati Conformità ai requisiti (vedere   Ad ogni consegna 
cementizie  punto 4.1.2)a)
2 Aggregati Ispezione visiva prima dello scarico in   Conformità ai requisiti (vedere  - Ad ogni consegna 
merito alla forma granulometrica e alle  punto 4.1.2)a) - Quando la consegna avviene 
impurità  mediante nastro trasportatore e 
dalla stessa provenienza,
periodica in funzione delle 
condizioni locali o di consegna 
3 Stacciatura secondo la EN 933-1 Conformità alla granulometria   - 1a consegna da parte di una 
concordata  nuova provenienza 
4 Metodo di prova appropriato Valutazione delle impurità o   - In caso di dubbio, dopo 
della contaminazione  l'ispezione visiva 
- Periodica in funzione delle 
condizioni locali o di consegna 

5 Prova di assorbimento d'acqua secondo la   Valutazione del contenuto  - 1a consegna da parte di una 
EN 1097-6 d) d'acqua reale del nuova provenienza 
calcestruzzo (vedere punto  - In caso di dubbio, dopo 
5.4.2 della EN 206-1:2000)d) l'ispezione visiva 
6 Additivif) Ispezione visiva Conformità all'aspetto   Ad ogni consegna 
normale 
7 Prova secondo la EN 934-2 Uniformità della massa  
volumica 
8 Prove di identificazione secondo la   Conformità ai dati dichiarati In caso di dubbio 
EN 934-2, per esempio massa volumica, dal fornitore 
prova agli infrarossi, ecc.
9 Aggiunte/pigmentif) Ispezione visiva Conformità all'aspetto   - Ad ogni consegna 
normale  - Periodica durante la produzione 
10 Metodo di prova appropriatoh)  Uniformità della massa  del calcestruzzo 
volumica h)
11 Prova di perdita all'accensioneg)  Identificare cambiamenti nel Ogni consegna da utilizzare per il
contenuto di carbone che  calcestruzzo con aria aggiunta 
possono influire sul
calcestruzzo con aria 
aggiunta g)
12 Acqua non prelevata da  Prova secondo la EN 1008 Accertare che l'acqua sia   - 1° utilizzo di una nuova 
un sistema di priva di sostanze dannose  provenienza 
distribuzione pubblico  - Acqua da un corso d'a cqua 
aperto: 3 volte all'anno o più in 
base alle condizioni locali
- Altre fonti: una volta all'anno 
- In caso di dubbio 

UNI EN 13369:2008 
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`--- © UNI Pagina 30  
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
prospetto D.2  Ispezione dei materiali (Continua)
Oggetto Metodo Scopo Frequenza  
13 Acqua di riciclo Ispezione visiva Controllo del contenuto di Settimanale 
14 Prova secondo la EN 1008 sostanze solide e di In caso di dubbio  
contaminanti (vedere punto 
4.1.2)a)
15 Acciaio Ispezione visiva Conformità ai requisiti (vedere  Ad ogni consegna 
16 Metodo di prova appropriato   punto 4.1.3 e punto 4.1.4)a)

17 Inserti e connettori Metodo del fabbricante Conformità ai requisiti (vedere   Ad ogni consegna 
punto 4.1.5)a)
a) I requisiti della presente norma possono essere completati dai requisiti del fabbricante.
b) L'o rdine deve menzionare la/e specifica/e.
c) Materiali non verificati prima della consegna dal fabbricante del prodotto prefabbricato o da una terza parte accettata da questo.
d) Non necessaria se lo scopo è soddisfatto da altra/e ispezione/i appropriata/e in base al punto D.3.1 o al punto D.4.1.
e) Si raccomanda di prelevare e conservare i campioni una volta alla settimana per ogni tipo di cemento per effettuare prove in caso di dubbio.
f) Si raccomanda di prelevare i campioni ad ogni consegna e di conservarli per effettuare prove in caso di dubbio.
g) Solo per aggiunte di polvere sfusa da utilizzare per il calcestruzzo con aria aggiunta.
h) Solo per aggiunte in sospensione.

D.3 Ispezione del processo  


prospetto D.3  Ispezione del processo 
Oggetto Metodo Scopo Frequenza  
D.3.1 - Calcestruzzo a) 
1 Composizione della   - Visivo sull'attrezzatura di pesatura  Conformità alla composizione  - Giornaliera per ogni
miscela (eccetto il - Controllo in base ai documenti di prevista (peso o dosaggio  composizione utilizzata 
contenuto d'acqua) produzione  volumetrico) - Dopo ogni variazione 
2 Analisi appropriata Conformità ai valori della   Mensile per ogni composizione 
miscela previsti (solo  utilizzata 
dosaggio volumetrico)
3 Contenuto d'acqua nel Metodo appropriato Fornire dati per il rapporto   - Giornaliera per ogni
calcestruzzo fresco  acqua/cemento  composizione utilizzata 
- Dopo ogni variazione 
- In caso di dubbio 
4 Contenuto di cloruri nel Calcolo Garantire che non sia   In caso di un aumento nel contenuto 
calcestruzzo  superato il contenuto  di cloruri dei componenti
massimo di cloruri
5 Rapporto acqua/c emento   Calcolo (vedere punto 5.4.2 della  Valutare il rapporto  Giornaliera, se specificata 
del calcestruzzo fresco  EN 206-1:2000) acqua/cemento specificato 
6 Contenuto d'aria del Prova secondo la EN 12350-7 per il Valutare la conformità al Primo impasto di ogni giorno di
calcestruzzo fresco  calcestruzzo normale e pesante, alla  contenuto specificato di aria  produzione fino alla stabilizzazione 
quando specificato b) ASTM C 173 per il calcestruzzo leggero  aggiunta  dei valori
7 Miscela di calcestruzzo Controllo visivo Miscelazione corretta Giornaliera per ogni betoniera  
8 Resistenza potenziale Prove secondo il punto 5.1.1 Valutare la conformità al Giornaliera per ogni tipo di
valore previsto c) calcestruzzo f)
9 Resistenza strutturalee)  Valutare la conformità al Ogni 5 d di produzione per tipo di
valore previsto d) calcestruzzo utilizzato f)
10 Massa volumica del Prova secondo la EN 12390-7 Valutare la massa volumica   Stessa frequenza della prova di
calcestruzzo leggero o  specificata (vedere punto  resistenza potenziale 
pesante indurito e) 4.2.2, ecc.)
a) Le prove e le frequenze indicate possono essere adattate o addirittura cancellate quando si ottengono informazioni equivalenti direttamente o 
indirettamente dal prodotto (vedere punto 6.3.9).
b) Solo per il calcestruzzo contenente aria aggiunta (vedere il prospetto F.1 della EN 206-1:2000).
c) Per esempio classe di resistenza richiesta nel caso di resistenza a compressione (vedere punto 4.2.2.1).
d) Secondo i requisiti di processo del fabbricante.
e) Solo se la proprietà è specificata.
f) In alternativa si può applicare il punto 8.2.1.2 della EN 206-1:2000.

© UNI Pagina 31
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione


UNI EN 13369:2008 
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
prospetto D.3  Ispezione del processo (Continua)
Oggetto Metodo Scopo Frequenza  
D.3.2 - Altri oggetti di processo a) 
1 Armatura e possibili Ispezione visiva b) Conformità al tipo richiesto, Giornaliera 
2 inserti di sollevamento  Misurazioneb)   quantità, forma, dimensioni e  In base al prodotto e/o al processo 
posizione 
3 Saldatura Ispezione visiva Qualità delle saldature Giornaliera  
4 Metodo/i di prova appropriato/i Conformità dell'acciaio   In base al prodotto e/o al processo 
saldato (vedere punto 4.2.3.1)
5 Raddrizzatura Ispezione visiva Qualità della raddrizzatura Giornaliera  
6 Metodo/i di prova appropriato/i Conformità dell'acciaio   In base al prodotto e/o al processo 
raddrizzato (vedere punto 
4.2.3.1)
7 Casseforme e banchi Ispezione visiva Pulizia e presenza di olio Giornaliera  
8 Controllo di usura e   In funzione del materiale di getto e 
deformazione  della frequenza di utilizzo 
9 Misurazione Determinazione delle   Ogni cassaforma nuova o dopo 
dimensioni modifiche importanti
10 Precompressione Misurazione della forza o dell'allungamento Forza corretta (vedere punto  In base al prodotto e/o al processo 
4.2.3.2)
11 Prima del getto Ispezione visiva Conformità ai disegni di Giornaliera con frequenza in 
produzione  funzione del processo di getto 
12 Getto del calcestruzzo Ispezione visiva Compattazione corretta Giornaliera  
13 Protezione contro  Ispezione visiva Conformità alle specifiche   Giornaliera 
14 l'essiccamento  Verifica delle condizioni pertinenti (vedere punto 4.2.1.3) e alle  Settimanale  
procedure di fabbrica 
documentate 
15 Indurimento accelerato Verifica delle condizioni pertinenti Conformità alle specifiche e  Giornaliera 
16 Misurazione delle temperature alle procedure di fabbrica  In base al processo  
documentate 
17 Lavorazione post-getto Come appropriato Conformità alle specifiche e   In base al processo e alle specifiche 
alle procedure di fabbrica 
documentate 
18 Scorrimento dei cavi Controllo/misurazione appropriati Conformità alle specifiche  In base al prodotto e/o al processo c)
(vedere punto 4.2.3.2)
a) Questo schema di ispezione può essere adattato o completato per fini specifici del prodotto.
b) Controllo rispetto ai disegni di produzione approvati.
c) La frequenza di misurazione effettiva può dipendere dalla possibilità di controllare visivamente le sezioni segate.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 32  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
D.4 Ispezione del prodotto finito  
prospetto D.4  Ispezione del prodotto finito 
Oggetto Metodo Scopo Frequenza  
D.4.1 - Prove del prodotto a) 
1 Assorbimento d'acqua b) Prove secondo l'appendice G Valore previsto (vedere punto  Ogni 5 d di produzione per tipo di
4.3.7.5 e appendice G) calcestruzzo indurito utilizzato 
2 Ispezione finale Prove di riferimento come descritto nella   Conformità ai requisiti della  In base al prodotto e alla proprietà 
norma di prodotto (o prove indirette  presente norma e ai requisiti
correlate) delle proprietà dichiarate dal
fabbricante 
3 Marcatura/etichettatura Controllo visivo Conformità ai requisiti della   Giornaliera 
presente norma 
4 Stoccaggio Controllo visivo Conformità ai requisiti della   Giornaliera 
presente norma 
Segregazione dei prodotti non 
conformi
5 Consegna Controllo visivo Età di consegna, carico e   Giornaliera 
documenti di carico corretti
a) Questa ispezione può essere adattata e/o completata per fini specifici del prodotto.
b) Solo se la proprietà è specificata.

D.5 Regole di variazione  


Le regole di variazione si applicano solo a oggetti di ispezione (vedere i prospetti da D.1
a D.4) correlati alle prove di prodotti, unità o provini campionati che forniscano risultati
quantificati, verificati rispetto a valori specificati o dichiarati.
Le regole di variazione si applicano separatamente per ogni oggetto selezionato.
In base all'oggetto, il risultato considerato per l'applicazione delle regole di variazione può
essere un risultato singolo o può essere correlato a un gruppo di risultati ottenuti da un
campione.
prospetto D.5  Regole di variazione 
D.5.1 - Ispezione normale 
-
-


  ,

La frequenza di ispezione deve essere in conformità ai prospetti da D.1 a D.4.
  ,

D.5.2 - Ispezione da normale a ridotta 


  ,
  ,

  ,




  ,

L'ispezione ridotta corrisponde a metà della frequenza di ispezione normale. Può essere utilizzata quando l'ispezione 
  ,




normale è in vigore e i 10 risultati consecutivi precedenti sono stati accettati.


  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

D.5.3 - Ispezione da ridotta a normale 


-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

Quando è in vigore l'ispezione ridotta, si deve ripristinare l'ispezione normale se si verifica uno dei casi seguenti:

  ,

  ,
  ,

- un risultato non è accettato;


-
-
-

- OPPURE la produzione diventa irregolare o ritardata;


- OPPURE altre condizioni richiedono che sia istituita l'ispezione normale.
D.5.4 - Ispezione da normale a stretta 
L'ispezione stretta corrisponde a due volte la frequenza di ispezione normale. Deve essere utilizzata quando nel corso 
dell'ispezione normale di cinque risultati consecutivi o un numero inferiore, due non sono stati accettati.
D.5.5 - Ispezione da stretta a normale 
L'ispezione stretta continua fino all'accettazione di cinque risultati consecutivi. Quindi può riprendere l'ispezione 
normale.
D.5.6 - Arresto della produzione 
Quando l'ispezione deve rimanere stretta per 10 risultati consecutivi, la produzione deve essere arrestata. Si deve 
ricercare la causa dell'anomalia e si devono attuare tutte le azioni correttive necessarie per ripristinare la conformità del
prodotto. La produzione deve riprendere utilizzando l'ispezione stretta.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 33  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE E VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ EFFETTUATA DA UNA TERZA PARTE 
(normativa)

E.1 Generalità  
E.1.1 Conformità del controllo di produzione in fabbrica  
Quando la conformità del controllo di produzione in fabbrica è valutata da una terza parte,
i compiti della terza parte devono essere:
a) ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di produzione in fabbrica;
b) sorveglianza continua, valutazione e approvazione del controllo di produzione in
fabbrica.

E.1.2 Conformità del prodotto  


Inoltre, quando la conformità del prodotto è valutata da una terza parte, i compiti della
terza parte (oltre a quelli elencati sopra) devono essere:
a) supervisione, valutazione e approvazione delle prove di tipo del prodotto;
b) prove di audit sui campioni prelevati in fabbrica o possibilmente dal cantiere di
costruzione.
    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,

E.2 Ispezione iniziale  


        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `

L'ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di produzione in fabbrica ha lo scopo di


  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `

determinare se sono soddisfatti i requisiti del punto 6.3.


  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,

Tutti i risultati dell'ispezione iniziale, specialmente quelli relativi al sistema di controllo di


        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,

produzione in fabbrica messo in atto dal fabbricante e alla valutazione dell'accettabilità


  ,
        `
  ,
        `
  ,
        `

del sistema, devono essere documentati in un resoconto.


        `
    -
    -

E.3 Sorveglianza periodica  


Per la sorveglianza periodica, la valutazione e l'approvazione del controllo di produzione
in fabbrica, l'obiettivo principale della terza parte è di controllare se è mantenuta la
conformità ai requisiti pertinenti del punto 6.3 e dell'appendice D.
La terza parte deve definire e attuare un programma periodico tale per cui tutti gli aspetti
pertinenti del controllo di produzione in fabbrica siano ispezionati almeno una volta
all'anno per gli aspetti del sistema e almeno due volte all'anno per gli altri aspetti.
Durante l'ispezione periodica si devono esaminare anche i risultati del controllo di
produzione del fabbricante per accertare che le prove necessarie siano state eseguite
secondo la frequenza appropriata e che sia stata attuata l'azione corretta, incluse la
taratura e la manutenzione delle attrezzature di prova. Inoltre si dovrebbero controllare i
requisiti dei punti concernenti la marcatura.
Durante l'ispezione periodica, la terza parte può assistere all'esecuzione delle prove di
resistenza periodiche sui campioni di calcestruzzo e ai controlli delle tolleranze e di altre
caratteristiche particolari del prodotto che fanno parte degli schemi di ispezione del
sistema di controllo di produzione in fabbrica.
La terza parte deve controllare ogni anno che le correlazioni o le relazioni a favore di
sicurezza per le prove indirette stabilite dal fabbricante siano ancora valide.
I risultati delle ispezioni periodiche devono essere documentati nelle registrazioni di
ispezione.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 34  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
E.4 Prove di tipo  
La terza parte deve assistere o eseguire direttamente le prove ed effettuare le verifiche
necessarie per valutare e approvare i risultati delle prove iniziali di tipo seguendo i
requisiti del punto 6.2.2.

E.5 Prove di audit  


Poichè la base della valutazione della conformità è il controllo di produzione in fabbrica, le
prove di audit hanno lo scopo di controllare l'affidabilità dei risultati del controllo di
produzione in fabbrica.
Le prove di audit devono essere effettuate solo su prodotti dichiarati conformi alla
presente norma. Le prove di audit sono solitamente eseguite utilizzando le attrezzature
tarate del fabbricante.
La terza parte deve definire e attuare un programma di prove di audit tale da garantire che
un intervallo rappresentativo di prodotti sia verificato e/o sottoposto a prova nel corso di
ogni periodo di tre anni.
Se necessario, la terza parte può prelevare campioni non danneggiati dal cantiere o dal
mercato.

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 35  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE F PROVE DI ACCETTAZIONE DI UNA PARTITA ALLA CONSEGNA 
(informativa)
Le prove di accettazione di un prodotto, quando necessarie, possono essere applicate a
tutte o ad alcune proprietà selezionate fra quelle definite nella presente norma.
Il procedimento di campionamento e i criteri di conformità di una partita alla consegna
dovrebbero essere definiti tenendo in considerazione di un'eventuale valutazione della
conformità già effettuata sul prodotto da una terza parte.
L'ispezione degli aspetti visivi dovrebbe essere effettuata prima delle ispezioni e delle
prove per le altre proprietà. La prova dovrebbe essere eseguita unitamente
dall'acquirente e dal fabbricante in un luogo concordato, ma di preferenza in fabbrica.
Le prove, diverse da quelle per gli aspetti visivi, dovrebbero essere eseguite in un
laboratorio concordato dall'acquirente e dal fabbricante. A entrambi dovrebbe essere data
una ragionevole opportunità di presenziare al campionamento e alle prove. Le prove
possono essere eseguite con le attrezzature di prova del fabbricante, che devono essere
tarate in modo affidabile.

UNI EN 13369:2008  --``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---


© UNI Pagina 36  
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE G PROVA DELL'ASSORBIMENTO D'ACQUA 
(normativa)

G.1 Metodo  
Dopo il condizionamento a (20 ± 3) °C, il provino deve essere immerso in acqua fino a
raggiungere una massa costante (vedere definizione nel punto G.6) e quindi essiccato in
forno [a una temperatura di (105 ± 5) °C] fino a massa costante. La perdita di massa deve
essere espressa in percentuale della massa del provino secco.

G.2 Campionamento  
La prova può essere eseguita con un provino segato o carotato dal prodotto, o con un
provino gettato con lo stesso calcestruzzo del prodotto in condizioni simili.
Il provino deve avere una massa compresa tra 1,5 kg e 5,0 kg (a secco) e soddisfare i
requisiti dimensionali indicati qui di seguito.
Provino tagliato mediante sega o carotato
Il provino può essere un cilindro ottenuto con un carotaggio o un prisma (a sezione
quadrata) tagliato con una sega dal prodotto.
Le dimensioni del provino dipendono dallo spessore del prodotto
Si devono considerare due tipi di prodotto:
- prodotti sottili (spessore tra 30 mm e 100 mm);
- prodotti spessi (spessore maggiore di 100 mm).
Prodotti sottili
Il provino è tagliato (mediante sega o carotato) attraverso l'intero spessore del prodotto. I
lati tagliati devono essere protetti con una resina (vedere la preparazione nel punto G.5).
I due lati opposti che non sono tagliati devono rimanere non protetti.
figura G.1 Provino tagliato da un prodotto sottile 
Legenda
a) Cilindro
b) Prisma
Lati tagliati protetti con una resina
Lati esposti non protetti
-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

Prodotti spessi
Un campione è tagliato (mediante sega o carotato) attraverso l'intero spessore del prodotto.
Questo provino può essere accorciato, se necessario, tagliando il campione, facendo in
modo che la superficie esposta sia inclusa nel provino e che i requisiti dimensionali indicati
qui di seguito siano tenuti in considerazione. Solo i lati tagliati corrispondenti all'area
circostante il provino devono essere protetti con una resina (vedere la preparazione nel
punto G.5). Le due facce opposte rimanenti devono rimanere non protette.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 37  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
Provino gettato (cilindro o cubo)
Il provino gettato può essere un cilindro avente diametro D e altezza H  uguale al
diametro o un cubo con lati di lunghezza  A.
La superficie corrispondente all'area circostante il provino deve essere protetta con una
resina (vedere la preparazione nel punto G.5). Le due facce opposte rimanenti devono
rimanere non protette. Per i cubi, le facce non protette dovrebbero essere due lati di getto
opposti.
Requisiti dimensionali dei provini
I requisiti relativi alle dimensioni dei provini sono indicati nel prospetto G.1 seguente:
prospetto G.1

Spessore del prodotto Cilindro Prisma  


(mm) H D H A

(mm) (mm) (mm) (mm)


Provino tagliato  Prodotto sottile  30 ≤ E  < 50  E  200 ≤ D  < 250  E  200 ≤ H  < 250 
dal prodotto  50 ≤ E  < 70  E  160 ≤ D  < 200  E  160 ≤ H  < 200 
70 ≤ E  < 100  E  140 ≤ D  < 160  E  140 ≤ H  < 160 
Prodotto spesso  E  ≥ 100 100 ≤  H  < 160  D  = H  100 ≤ H  < 160  A = H 
Provino gettato 100 ≤ H   < 160  D  = H  100 ≤ H  < 160  A = H 

G.3 Materiali
Si utilizza acqua potabile.

G.4 Apparecchiatura  
Si devono utilizzare le attrezzature seguenti:
- forno ventilato con un rapporto tra capacità in litri e area dei canali di ventilazione in
millimetri quadrati minore di 2 000, in cui la temperatura può essere controllata fino
a (105 ± 5) °C. Deve avere un volume almeno 2 1/2 volte maggiore rispetto al volume
dei provini da essiccare in una volta;
- recipiente a fondo piatto con una capacità pari ad almeno 2,5 volte il volume dei
provini da immergere e una profondità almeno 50 mm maggiore dell'altezza dei
provini nell'orientamento di immersione;
- bilancia con lettura in grammi e accurata allo 0,1% della lettura;
- spazzola rigida;
- spugna o strofinaccio.

G.5 Preparazione  
Rimuovere tutta la polvere, i residui, ecc. con una spazzola e accertare che ogni provino
sia a una temperatura di (20 ± 3) °C. Proteggere i lati tagliati con una resina in grado di
resistere al procedimento di prova.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 38  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
G.6 Procedimento  
Immergere i provini in acqua potabile a una temperatura di (20 ± 5) °C utilizzando il
recipiente. I provini devono essere distanziati l'uno dall'altro di almeno 15 mm ed essere
coperti da almeno 20 mm di acqua. Il periodo minimo di immersione deve essere di 3 d
fino al raggiungimento della massa costante M1. Si ritiene che la massa costante sia
raggiunta quando due pesature effettuate con un intervallo di 24 h presentano una
differenza in massa del provino minore dello 0,1%.
Prima di ogni pesatura, pulire il provino con lo strofinaccio o la spugna che siano stati
inumiditi e strizzati per rimuovere l'acqua in eccesso. La condizione è corretta quando la
superficie del calcestruzzo è opaca. La massa M1 del provino è quindi registrata.
Prima di avviare il programma della temperatura, collocare ogni provino all'interno del
forno in modo che la distanza tra ogni provino sia di almeno 15 mm. Essiccare i provini a
una temperatura di (105 ± 5) °C fino a massa costante. Il periodo minimo di essiccazione
deve essere di 3 d e si ritiene che la massa costante sia raggiunta quando due pesature
effettuate con un intervallo di 24 h presentano una differenza in massa del pro vino minore
dello 0,1%. Si deve consentire ai provini di stabilizzarsi a temperatura ambiente prima di
pesarli e si deve registrare la massa M2.

G.7 Risultati
Calcolare il valore della percentuale di assorbimento 100 × (M1-M2)/M2 per ogni provino.
Il resoconto di prova deve indicare la natura del provino (gettato, segato o carotato), le
sue dimensioni, l'età e la massa a secco e indicare i valori dell'assorbimento d'acqua per
ognuno dei provini, nonché il valore medio.
Nota  Se lo stesso provino è utilizzato per la determinazione della massa volumica, il volume minimo richiesto dalla 
EN 12390-7 è di 1 l.

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 39  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE H COEFFICIENTE DI CORRELAZIONE DI FORMA DELLE CAROTE 
(informativa)
Quando la resistenza strutturale diretta del calcestruzzo è sottoposta a prova mediante
carote, si dovrebbero utilizzare carote con un diametro d  ≥ 50 mm; la lunghezza h non
dovrebbe essere minore di 0,7 d ; le facce di estremità del campione dovrebbero essere
rettificate; in funzione del rapporto tra le dimensioni h / d  un'adeguata correlazione di
forma per la resistenza misurata f ' può essere calcolata dall'equazione:
f  ° = f  ' / {1,20 - 0,20[1 - e -1,7(h/d-1)]} 
al fine di ottenere la resistenza (del cilindro) di riferimento f  °.
La presente equazione non fornisce la correlazione tra i diametri delle carote.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 40  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE J MISURAZIONE DELLE DIMENSIONI
(informativa)

J.1 Lunghezza, altezza, larghezza e spessore  


Le dimensioni non dovrebbero essere misurate lungo i bordi.
figura J.1 Punti di misurazione di lunghezza, altezza, larghezza e spessore 
Legenda
1 oppure o
Dimensioni in millimetri

    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 41


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
J.2 Distorsione e rettilineità  
figura J.2   Misurazione di distorsione e rettilineità 

J.3 Assenza di ortogonalità  


figura J.3   Misurazione delle diagonali

Il requisito di tolleranza dovrebbe essere indicato come la differenza in lunghezza tra due
diagonali:
d 1 - d 2
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 42  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
J.4 Caratteristiche della superficie  
Per la specifica delle caratteristiche della superficie di un prodotto finito, si dovrebbe fare
riferimento alla terminologia definita nella figura J.4.
figura J.4   Definizioni delle caratteristiche di superficie 
Legenda
1 Rientranza
2 Protuberanza
3 Scanalatura
4 Cresta
5 Discontinuità a gradini
6 Ondulazione

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 43  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
figura J.5   Misurazione delle caratteristiche di superficie 
Legenda
1 Protuberanza: d 2 - d 0
Rientranza: d 3 - d 0
Il righello dovrebbe essere spostato per trovare la protuberanza e la rientranza maggiore
2 Cresta: d 1 - d 2
Scanalatura: d 3 - d 1
Il valore maggiore delle differenze è determinante
3 Discontinuità a gradini: d 2 - d 1
4 Ondulazione: d 1 - d 2
Da misurarsi in corrispondenza del punto massimo e minimo del righello
Dimensioni in millimetri

La distanza d 0 indicata in figura J.5 va dalla superficie del calcestruzzo nella posizione
dell'appoggio del righello di riferimento al righello. Nella maggior parte dei casi questa è
l'altezza dell'elemento di appoggio.

--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 44  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
J.6 Scostamento angolare e curvatura  
figura J.6   Misurazione dello scostamento angolare e della curvatura 

UNI EN 13369:2008  --``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---


© UNI Pagina 45  
Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE K PERDITE DI PRECOMPRESSIONE 
(informativa)

K.1 Generalità  
Nota  La presente appendice è riferita alle tecniche di pre-tensionamento e contiene informazioni aggiuntive per il
calcolo delle perdite di precompressione.
Per il calcolo della perdita finale in caso di elementi pre-tesi si dovrebbero considerare tre fasi:
- prima del trasferimento della forza di precompressione al calcestruzzo;
- al trasferimento;
- dopo il trasferimento.

K.2 Calcolo delle perdite (metodo generale)  


K.2.1 Perdite prima del trasferimento della forza di precompressione 
Prima del trasferimento, la perdita di precompressione è dovuta a:
- rientro dell'ancoraggio. Questa perdita, ΔP s1, è molto ridotta per banchi di getto lunghi;
- il rilassamento dell'acciaio a breve termine:
quando si applica l'indurimento accelerato, questa perdita, ΔP P1, è accelerata dalla
temperatura del trattamento. Si dovrebbero applicare metodi appropriati che
tengano conto di questa accelerazione;
in loro assenza, si può assumere che questa perdita di rilassamento sia uguale al
75% del rilassamento totale a 20 °C del cavo sottoposto alla stessa tensione, se il
grado di indurimento raggiunto dal calcestruzzo dopo 10 h o meno è almeno il 50%
della resistenza richiesta dopo 28 d;
- il ritiro del calcestruzzo;
Questa perdita può essere ignorata se durante la fabbricazione è mantenuta la protezione
contro l'evaporazione dell'acqua.
- la perdita di tensione nei cavi e la dilatazione vincolata del calcestruzzo dovuti alla
temperatura in caso di indurimento accelerato. Quando si applica un'ispezione della
produzione, questa perdita [ ΔP θ] può essere stimata con l'espressione seguente:
[ΔP θ] = 0,5  Ap E s α c (θ max − θ 0)
dove:
 Ap è la sezione trasversale dei cavi;
E s è il modulo elastico dei cavi;
α c è l'espansione termica del calcestruzzo (10 × 10-6/°C);
θ max − θ 0 è la differenza tra la temperatura massima e iniziale nel calcestruzzo
vicino ai cavi, in gradi centigradi;
in caso di compensazione dell'allungamento dovuto alla maturazione termica o al
preriscaldamento dei cavi prima del getto, la perdita [ ΔP θ] è trascurabile;
-
-
- il possibile attrito su deflettori o guide. Questa perdita ΔP μ(x) si dovrebbe basare su
dati sperimentali.


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,


K.2.2 Perdita al trasferimento della forza di precompressione 



  ,
  ,





  ,
  ,

Prima del trasferimento, la forza nei cavi e è uguale a:




  ,
  ,

  ,

-

P o - {ΔP s1 + ΔP p1 + [ΔP θ] + [ΔP μ(x)]} 



-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

trascurando il ritiro sul banco di getto.



  ,
  ,

-
-
-

La perdita al trasferimento della forza di precompressione ΔP c è dovuta all'accorciamento


elastico del calcestruzzo. Il suo valore dovrebbe essere calcolato tenendo conto del modulo
elastico del calcestruzzo al momento del trasferimento secondo il rapporto n = E s/ E cm.

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 46  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
K.2.3 Perdite dopo il trasferimento della forza di precompressione 
Dopo il trasferimento, la perdita ΔP  è dovuta alla combinazione delle perdite associate
alle proprietà a lungo termine dei materiali (scorrimento viscoso, ritiro, rilassamento
rimanente nei cavi). Il suo valore dovrebbe essere calcolato secondo l'equazione (5.46)
della EN 1992-1-1:2004 con la considerazione seguente:
- in caso di indurimento accelerato, se il grado di indurimento raggiunto dal
calcestruzzo dopo 10 h o meno è almeno il 50% della resistenza richiesta dopo 28 d;
il ritiro e lo scorrimento viscoso del calcestruzzo possono essere ridotti al 25% e al
15% rispettivamente e la velocità di rilassamento può essere considerata come
ridotta dal trattamento.

K.2.4 Perdita di precompressione finale a tempo infinito  


La perdita di precompressione finale a tempo infinito è uguale alla somma delle perdite
ottenute prima, durante e dopo il trasferimento a tempo infinito.
    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,

K.3 Metodo semplificato  


  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,

Per elementi correnti prodotti per scorte (per esempio: travetti per sistemi a travetti e
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `

blocchi con una lunghezza minore di 6 m, lastre sottili, lastre alveolari con h t ≤ 320 mm,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `

ecc.) il valore della perdita finale a tempo infinito può essere stimato mediante il prospetto
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `

seguente, se tutte le condizioni seguenti da a) ad e) sono soddisfatte:


  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

a) il calcestruzzo è di tipo normale e la sua consistenza è rigida;


b) il rilassamento dell'acciaio di precompressione è molto basso: classe 2;
c) l'indurimento del calcestruzzo è accelerato dal trattamento termico e raggiunge
almeno il 50% della resistenza a 28 d dopo 10 h o meno;
d) la tensione di compressione nel calcestruzzo dopo il trasferimento a livello dei cavi
non è maggiore di 12 N/mm 2;
e) la tensione di compressione nel calcestruzzo adiacente i cavi dovuta alla
precompressione, al peso proprio e a qualsiasi altra azione permanente non è
maggiore di 4 N/mm 2.
Le condizioni c), d) ed e) possono essere adattate per prodotti specifici.
prospetto K.1

Tensione iniziale nei cavi Perdita finale a tempo infinito in percentuale della forza di
precompressione iniziale 
( σ 0max ) ( ΔP  / P 0 %)
min (0,85 f pk ; 0,95 f p0,1k ) 22%  
0,80 f pk  21% 
0,75 f pk  20% 
0,70 f pk  19% 
0,65 f pk  17% 

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 47  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE L PROSPETTI DELLA CONDUTTIVITÀ TERMICA DEL CALCESTRUZZO 
(informativa)
Nella EN 1745 sono forniti prospetti con i valori della conduttività termica relativi alla massa
volumica del calcestruzzo con aggregato pesante e del calcestruzzo con aggregato di
argilla espansa. Poiché la presente norma tratta il calcestruzzo con massa volumica ≥800
kg/m3, i due prospetti seguenti sono ricavati dalla EN 1745. Per il calcestruzzo con
aggregato pesante, il prospetto A.3 della EN 1745:2000 è riportato come prospetto L.2 e
per il calcestruzzo leggero la parte del prospetto A.6 della EN 1745:2000, che tratta delle
masse volumiche ≥800 kg/m3, è riportato come prospetto L.1.
Le conduttività termiche indicate nella presente appendice sono per condizioni a secco e
devono essere convertite in base all'umidità pertinente in funzione dell'applicazione
(conduttività termica di progetto). Tali correzioni sono apportate in conformità al punto 7
della EN ISO 10456:1999.
prospetto L.1 Calcestruzzo con aggregato di argilla espansa 
Massa volumica del λ 10,dry  Coefficiente di diffusione del c 
materiale  vapore acqueo  μ 
[kg/m 3 ] [W/(m × K)]  - [kJ/(kg K)]
P  = 50%  P  = 90% 
800 0,22 0,25 5/15 1,0  
900 0,26 0,28 5/15 1,0  
1 000 0,30 0,32 5/15 1,0  
1 100 0,34 0,36 5/15 1,0  
1 200 0,39 0,41 5/15 1,0  
1 300 0,43 0,46 5/15 1,0  
1 400 0,48 0,51 5/15 1,0  
1 500 0,53 0,56 5/15 1,0  
1 600 0,60 0,63 5/15 1,0  
1 700 0,67 0,70 5/15 1,0  
f u  = 4 kg/kg se l'argilla espansa è l'aggregato predominante.
f u  = 2,6 kg/kg se l'argilla espansa è l'unico aggregato.
Nota Per gli aggregati leggeri diversi dall'argilla espansa, si possono utilizzare i prospetti appropriati della EN 1745.

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 48  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
prospetto L.2  Calcestruzzo con aggregato pesante 
Massa volumica del λ 10,dry  Coefficiente di diffusione del c 
materiale  vapore acqueo  μ 
[kg/m 3 ] [W/(m × K)]  - [kJ/(kg K)]
P  = 50%  P  = 90% 

1 600 0,69 0,88 5/15 1,0  


1 700 0,75 0,93 5/15 1,0  
1 800 0,82 1,01 5/15 1,0  
1 900 0,90 1,09 5/15 1,0  
2 000 1,00 1,19 5/15 1,0  
2 100 1,11 1,30 5/15 1,0  
2 200 1,24 1,42 30/100 1,0  
2 300 1,37 1,56 50/150 1,0  
2 400 1,52 1,72 50/150 1,0  
3  3 
f ψ  = 4 m  /m 

I simboli utilizzati nei prospetti L.1 ed L.2 sono:


λ 10,dry conduttività termica a secco ad una temperatura media di 10 °C W/(m × K)
P  frattile di popolazione %
 μ  coefficiente di diffusione del vapore acqueo 1
c  calore specifico kJ/(kg K)
f u coefficiente di conversione dell'umidità, massa per massa kg/kg
f ψ  coefficiente di conversione dell'umidità, volume per volume m 3/m3

    -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `
  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 49  


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE M DOCUMENTAZIONE TECNICA 
(informativa)

M.1 Generalità  
Per i prodotti prefabbricati di calcestruzzo strutturali, la documentazione tecnica o di
progetto comprende quanto segue:
a) calcoli di progetto, con le condizioni di carico e le conseguenti verifiche ultime e di
esercizio principali e i coefficienti di sicurezza utilizzati;
b) specifiche tecniche comprendenti:
1) le specifiche di produzione dei processi di fabbrica,
2) le istruzioni di movimentazione, stoccaggio e trasporto,
3) le specifiche di montaggio per l'installazione.

M.2 Specifica di produzione  


Le specifiche di produzione consistono in:
a) disegni di produzione con i dettagli dei prodotti prefabbricati (dimensioni, acciaio di
armatura e di precompressione, dispositivi di sollevamento, inserti, ecc.);
b) dati di produzione con le necessarie proprietà dei materiali, le tolleranze dei prodotti
e i pesi.

M.3 Specifica di montaggio  


Le specifiche di montaggio consistono in:
a) disegni di installazione costituiti da schemi e sezioni che indichino la posizione e i
collegamenti dei prodotti nell'opera completa;
b) dati di installazione con le proprietà dei materiali necessarie in situ;
c) istruzioni di installazione con i dati necessari per la movimentazione, lo stoccaggio,
il bloccaggio, la regolazione, il collegamento e le opere di complete.

M.4 Informazioni tecniche  


Le informazioni tecniche consistono di dati generali che descrivono il prodotto e la sua
destinazione per edifici e altre opere di ingegneria civile. Contengono schizzi con
dimensioni principali, indicazioni sulle prestazioni pertinenti e qualsiasi altra informazione
utile per definire l'utilizzo del prodotto.

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,

© UNI Pagina 50  
  ,

UNI EN 13369:2008 
  ,

-

-

Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione



  ,
  ,

Provided by IHS under license with UNI



  ,
  ,
Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT

  ,

  ,
  ,
APPENDICE N PROPRIETÀ DELLE BARRE E DEI FILI INDENTATI
(normativa)
Le barre e i fili indentati, da utilizzare nei prodotti prefabbricati di calcestruzzo strutturali,
devono essere conformi all'appendice normativa C della EN 1992-1-1:2004, ad
eccezione delle proprietà di aderenza che sono fornite nel prospetto C.2N.
Secondo il prEN 10080, l'acciaio indentato deve presentare valori dei parametri di
indentatura compresi nell'intervallo indicato nel prospetto N.1, dove d  è il diametro
nominale della barra o del filo.
Le indentature devono formare un angolo di inclinazione con l'asse longitudinale,  β  di
almeno 45°.
Si può ottenere una resistenza di aderenza sufficiente (in alternativa al prospetto N.1) se
le barre o i fili, sottoposti a prova utilizzando la prova su travetto definita nell'appendice
informativa C del prEN 10080:1999, presentano tensioni di aderenza conformi alle
espressioni:
τ m ≥ 0,098 (80 − 1,2 φ  ) (N.1)
τ r ≥ 0,098 (130 − 1,9 φ ) (N.2)
dove:
φ  è la dimensione nominale della barra (mm);
τ m è il valore medio della tensione di aderenza (MPa) per scorrimenti di 0,01 mm,
0,1 mm e 1 mm;
τ r è la tensione di aderenza alla rottura per scorrimento.
prospetto N.1 Limiti dei parametri di indentatura      -
    -
    -
        `
  ,
  ,
        `

Diametro nominale d  Profondità delle indentature Larghezza  b  Distanza di indentatura c  Somma dello spazio 
  ,
        `
  ,
  ,
        `

Σe 
  ,
  ,
        `
    -
        `
    -
        `
  ,
        `
  ,
  ,

(mm) (mm) (mm) (mm)


        `


        `
  ,
  ,
        `
        `
        `
        `
        `
  ,
  ,

(mm) (min.) (min.) (max.) (max.)


        `
        `
        `
        `
  ,
        `
  ,
  ,
        `

5 0,20 1,0 7,0 3,1


  ,
        `
  ,
        `
        `
    -
    -

6 0,25 1,2 7,8 3,8  


7 0,30 1,4 10,5 4,4  
8 0,30 1,6 11,0 5,0  
9 0,35 2,0 11,0 5,7  
10 0,35 2,0 11,0 6,3  
12 0,35 2,4 11,0 7,5  
14 0,35 3,0 11,0 8,8  

UNI EN 13369:2008  © UNI Pagina 51


Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
APPENDICE O RESISTENZA AL FUOCO: RACCOMANDAZIONI PER L'UTILIZZO DELLA EN 1992-1-2 
(informativa)

O.1 Utilizzo dei dati tabellari


I dati tabellari sono una soluzione di progettazione riconosciuta per la classificazione di
resistenza al fuoco. Una progettazione meno conservativa si può ottenere per esempio
utilizzando il livello di carico di progettazione effettiva in una situazione di incendio μfi
(colonne e muri) o la tensione effettiva dell'acciaio σ s,fi (travi e solette).
Dati tabellari più specifici sono disponibili nelle norme di prodotto per alcuni tipi particolari
di prodotti di calcestruzzo o possono essere messi a punto sulla base di metodi di calcolo
(vedere nota nel punto 5.1 della EN 1992-1-2:2004).

O.2 Utilizzo dei metodi di calcolo  


Si raccomanda l'utilizzo del limite inferiore di conduttività termica (punto 3.3.3 della
EN 1992-1-2:2004) e delle mappature termiche dell'appendice A della EN 1992-1-2:2004. Il
limite inferiore è stato verificato confrontando le temperature calcolate con quelle misurate
in un grande numero di tipi diversi di strutture di calcestruzzo.
Nota  Il limite superiore di conduttività termica è principalmente destinato alle strutture composite di
acciaio-calcestruzzo nelle quali la modellazione del comportamento termico risulta più difficoltosa.
In alternativa, le mappature termiche possono essere ricavati da prove, vedere punto
4.2.2 della EN 1992-1-2:2004.

© UNI Pagina 52  
--``,`,`,,`,````,,`````,,``,,`,`-`-`,,`,,`,`,,`---

Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione


UNI EN 13369:2008 
Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
BIBLIOGRAFIA 
EN 1745:2000 Masonry and masonry products - Methods for determining design
thermal values
EN 1934:1998 Thermal performance of buildings - Determination of thermal
resistance by hot box method using heat flow meter - Masonry
EN 12354-1:2000 Building acoustics - Estimation of acoustic performance of
buildings from the performance of elements - Parte 1: Airborne
sound insulation between rooms
EN 12354-2:2000 Building acoustics - Estimation of acoustic performance of
buildings from the performance of elements - Parte 2: Impact
sound insulation between rooms
EN 12524:2000 Building materials and products - Hygrothermal properties -
Tabulated design values
EN 12664:2001 Thermal performance of building materials and products -
Determination of thermal resistance by means of guarded hot
plate and heat flow meter methods - Dry and moist products of
medium and low thermal resistance
EN 13501-2:2003 Fire classification of construction products and building elements -
Parte 2: Classification using data from fire resistance tests,
excluding ventilation services
ENV 13670-1:2000 Execution of concrete structures - Parte 1: Common rules
prEN 13791:1999 Assessment of concrete compressive strength in structures or in
structural elements
EN ISO 6946:1996 Building components and building elements - Thermal resistance
and thermal transmittance - Calculation method (ISO 6946:1996)
EN ISO 8990:1996 Thermal insulation - Determination of steady-state thermal
transmission properties - Calibrated and guarded hot box
(ISO 8990:1994)
EN ISO 9001:2000 Quality management systems - Requirements (ISO 9001:2000)
ISO 1803:1997 Building construction - Tolerances - Expression of dimensional
accuracy - Principles and terminology
ISO 7870:1993 Control charts - General guide and introduction
ISO 7873:1993 Control charts for arithmetic average with warning limits
ISO 7966:1993 Acceptance control charts
ISO 7976-1:1987 Tolerances for building - Methods of measurement of buildings
and building products - Parte 1: Methods and instruments
ISO 8258:1991 Shewhart control charts

-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,

© UNI Pagina 53  

UNI EN 13369:2008 

  ,
  ,

Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione


  ,
  ,

Provided by IHS under license with UNI


  ,

-
Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001

No reproduction or networking permitted without license from IHS


-

  ,
Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT
  ,
-
-


  ,

  ,

  ,
  ,

  ,




  ,
  ,





  ,
  ,


  ,
  ,

  ,

-

-

  ,
  ,

  ,
  ,

  ,

  ,
  ,

-
-
-

Copyright Ente Nazionale Italiano di Unificazione


Provided by IHS under license with UNI Licensee=Universita Bologna - related to 5972936/5935522001
No reproduction or networking permitted without license from IHS Not for Resale, 05/03/2010 07:08:51 MDT