Sei sulla pagina 1di 5

Gerarchia delle arie (Torino 1742)

Semiramide (S) 2Sol, 2Mi, Fa, sol = 5 A + 1 U (+ 2 Obbligati)


Scitalce (S) Mib, 2Sol, Sib, Re =5A
Ircano (T) Do, 2Re, La, Sol =5A
Tamiri (S) Re, Fa, Sol, Mi =4A
Mirteo (A) 2Fa, Sol, Mi =4A
Sibari (S) Sib La =2A

Gerarchia delle arie (Piacenza 1753)

Semiramide (S) 4Sol, Do, sol = 5 A + 1 U (+ 1 Obbligato)


Scitalce (S) 2Fa, Sol, Sib =4A
Ircano (T) Do, 2Sol, La =4A
Tamiri (S) 2La, Sol =3A
Mirteo (S) Re, Do =2A
Sibari (S) Mi La =2A
Distribuzione delle tonalità per atto (Torino 1742)

Re – Sol Mib Re Do Fa | Sib Sol Fa Mi Re Sol


Re – Sol Sib La Fa | Re Mi sol Sol
Sol La | Sol Re Mi Fa | Mi – Re

Distribuzione delle tonalità per atto (Piacenza 1753)

Re – Sol Fa La Do | Sol Do Sol Re


Re – Sol Sib La Sol | Mi sol
Sol La | Sol La Do | Sol – Sol
Arie con fiati: Torino 1742: 11 (3 Semiramide, 3 Scitalce, 3 Ircano, Tamiri, Mirteo)
Piacenza 1753: 11 (4 Semiramide, 2 Scitalce, 2 Ircano, 2 Tamiri, Mirteo)

Arie con cambiamento di tempo e di metro


Torino 1742: 6 (2 Semiramide, 2 Ircano, Scitalce, Tamiri)
Piacenza 1753: 10 (3 Semiramide, 3 Scitalce, 2 Ircano, Tamiri, Mirteo)
«Non so se più t’accendi» (I,3)
«Vorrei spiegar l’affanno» (I,4) «Vorrei spiegar l’affanno» (I,4)
«Maggior follia non v’è» (I,6) «Maggior follia non v’è» (I,6)
«Se intende sì poco» (I,11)
«Se amor volete» (I,13)
«Rondinella rapir se si vede» (I,15)
«Saper bramate» (II,4) «Saper bramate» (II,4)
«Il pastor se torna aprile» (II,6)
«Fuggi dagl’occhi miei» (III,7) «Fuggi dagl’occhi miei» (III,7)
«Pupille adorate» (III,9)
«D’un genio che m’accende» (III,10) «D’un genio che m’accende» (III,10)
Usi suggestivi dei fiati

- quadri naturalistici
«Talor se il vento freme», 1742 e 1753, I,14
«Il pastor se torna aprile», 1742 e 1753, II,6

- realizzazione dei versi fra sé


«Se intende sì poco», 1742 e 1753, I,12
- riempimento dei varchi della voce
- attenzione verso parole chiave «Non so se più t’accendi», 1742 e 1753, I,3
«Il ciel mi vuole oppresso», 1742, III,1 «Tu mi disprezzi, ingrato», 1742, II,2
«Pupille adorate», 1753, III,9 «Non ho più pace», 1742, II,13
«Fuggi dagl’occhi miei», 1742, III,7
«Che quel cor, quel ciglio altero», 1753, I,5
«Fra tanti affetti miei», 1753, III,12
Assetto metrico degli esordi

- aa o aa’ - abab o abab’


«Il pastor se torna aprile», 1742, II,6 «Se intende sì poco», 1742, I,12
«Voi che le mie vicende», 1753, II,3 «Non ho più pace», 1742, II,13

- abb o abb’
«Che quel cor, quel ciglio altero», 1742, I,5
«Voi non sapete quanto», 1742, I,13
«Tu mi disprezzi, ingrato», 1742 e 1753, II,2
«Voi che le mie vicende», 1742, II,3
«Fuggi dagl’occhi miei», 1742 e 1753, III,7
«Se amor volete», 1753, I,13