Sei sulla pagina 1di 8

Esilio e trasmissione psichica

"Sulla strada"
Una conferenza di Andrée Herbin / Psicoanalista / riprodotta per Génasens con il consenso
del suo autore
Lione, 6 novembre 2007 / Conferenza alla Biblioteca St Fons.
 
Di dove sei  A che posto appartieni?  Il luogo geografico  è anche  storia  , nel senso di una storia
di esseri umani concreti con i loro antenati, e i loro discendenti, vivi e morti, sepolti o
dissotterrati, con il loro bataclan, armi e bagagli e questo dalla notte del temp.
Iréna TALABAN  psicoanalista (nell'antenato figlio Tobie Nathan e connettivo)
L'esilio è allo stesso tempo un evento psico-affettivo, socio-economico e politico. È vissuto
nella sfera privata e nella sfera sociale. Attraversa l'intimo e il culturale. Riecheggia anche il
nostro primo esilio, quello della nostra prima terra, il ventre di nostra madre. Siamo tutti esuli,
essendo l'esilio costitutivo della nostra identità, della nostra vita . Il lavoro del lutto,
dell'integrazione della perdita è una delle condizioni della vita, è il processo stesso della vita
dalla nascita.
Siamo sempre più o meno esiliati: dal grembo di nostra madre, poi da tutta la famiglia, poi dal
luogo, poi dalla memoria
Elie Wiesel
Tuttavia, le persone che vivono in esilio, volontario o forzato, porteranno una storia unica in
cui questa volta è sinonimo, almeno inizialmente, di sopravvivenza.. Parliamo molto oggi, con
lo sconvolgimento della globalizzazione, dei migranti, ma ogni epoca e ogni società ha
conosciuto i suoi movimenti migratori all'interno di un paese stesso, ad esempio tra campagna
e città o tra la patria e il suo colonie tra paesi poveri e paesi ricchi, tra paesi sotto il dominio
autoritario e paesi liberi. Come un vasto movimento di vasi comunicanti. L'esilio non riguarda
solo gli altri, gli stranieri! In Francia, un abitante su quattro ha un nonno nato all'estero, due
abitanti su tre hanno un nonno nato in campagna. La migrazione è un evento psicologico che
sconvolge i punti di riferimento psichici e i legami esterni, culturali, familiari e sociali. Può
semplicemente essere una svolta nella storia personale e familiare o diventare un evento
scioccante. In questo movimento di allontanamento, di sradicamento, le forze psichiche
saranno mobilitate molto fortemente per legare e tenere insieme questi diversi livelli di
esperienza che sono tutti essenziali per la costruzione della personalità. Questo lavoro
coinvolgerà l'intera stirpe degli esiliati, sia consapevolmente nel tentativo di adattarsi alle
nuove condizioni di vita che inconsciamente nel lavoro di riconoscimento di ciò che è stato
vissuto e non poteva essere detto. Ma l'esilio pur essendo in grado di generare ferite,
sofferenza, con un certo costo umano, si rivela contemporaneamente un'opportunità per gli
esiliati di sviluppare talenti, una grande creatività per affrontare lo shock. Questo doppio
movimento si ritrova, con la singolarità di ogni corso, nella biografia di un esule. Quando la
memoria può essere lenita, il contributo degli esiliati sembra essere molto ricco. Abbiamo nella
nostra storia un'infinità di esempi dello straordinario contributo di queste persone e durante
tutta la vita del miscuglio culturale che questo rappresenta. Ma non può esserci
generalizzazione su “l'esilio o il migrante” la storia è vissuta da un soggetto e l'ascolto deve
essere personale,"Ciascuno, ciascuno".  Una società senza esiliati sarebbe una società noiosa e
morta, chiusa in se stessa, incestuosa. Una delle prime ingiunzioni che riceviamo è:
Lascia il tuo paese, i tuoi parenti e la casa di tuo padre per il paese  che ti mostrerò
Genesi 12 Abrahamo
Gli effetti dell'esilio sulla trasmissione.
Come potrebbe circolare la parola sulla terra d'origine?
Per orientarsi tra queste diverse dimensioni e seguire il processo psichico di simbolizzazione di
questo esilio che avverrà nell'arco di diverse generazioni, suggerisco innanzitutto di tornare
alle nozioni generali che chiariranno l'argomento:
1. Processi di trasmissione
2. Le diverse forme di esilio
3. Il processo di simbolizzazione nel corso di diverse generazioni
4. Soluzioni per supportare questa integrazione psichica.
1. Trasmissione
 L'intergenerazionale si gioca tra le generazioni in contatto, e si esercita sia in direzione
discendente che ascendente che interagiscono costantemente.
 Il transgenerazionale si gioca tra le generazioni "a distanza" e si esercita in direzione
discendente dalle generazioni passate a quelle presenti. Si passa dall'inconscio
all'inconscio, attraverso le percezioni del bambino e il funzionamento della famiglia, il
posto assegnato a ciascuno. Può riguardare affetti e zone di divisione nel genitore nella
sua relazione inconscia con i propri ascendenti, madre, padre.
 L'ereditarietà è ciò che viene ricevuto passivamente, consciamente o
inconsciamente. Può essere giusto in ciò che è stato visibilmente dato: parole, segni
d'amore, azioni, denaro, trasmissione di valori, è un fatto, positivo. Ma può anche
essere alienante perché statico e immutabile. E ' in  cava quando è negativo, la
mancanza che sembra invadere. Questo porterà a inventare, costruire. Tuttavia, ciò
che sembra doloroso si rivelerà molto creativo e dinamico. L'erede dovrà impegnarsi in
una vera opera di trasmissione che, da parte sua, passa attraverso l'argomento.
 La trasmissione è il lavoro di trasformazione intrapreso nella coscienza o attraverso gli
eventi della vita dai discendenti, un lavoro di selezione.

Invia l'eredità all'inventario


P Ricoeur
Questo interrogatorio consisterà nel differenziare tra le forze della vita e le forze della morte,
le forze della connessione e le forze del dissolvimento. Risulta nella ri-scelta
Cosa faccio con quello che ho ricevuto?
2. Esilio
Un viaggio in tre tappe:
1. La partenza, la via di mezzo, la fine
2. Prima, durante, dopo,
3. Emigrazione, migrazione, immigrazione
 
Le mie radici, d'ora in poi, saranno sempre da nessuna parte, da nessuna parte ovunque: nello
sradicamento in ogni caso
Jorge Semprun
È questo divenire che caratterizza l'esilio. Cosa sarà portato via? guinzaglio? perduto ? il
processo di movimento è completato? alcuni sono rimasti nel mezzo senza riuscire a mettere
radici. Questo complesso processo si svolge in realtà su diverse generazioni.
Una grande diversità di situazioni costituisce questo evento.
Queste diverse modalità colorano la dimensione pubblica dell'esilio, ciascuno che vive questo
esilio in un modo unico che non possiamo presumere.
 Esilio solitario o collettivo.
 La modalità di spostamento nel registro del desiderio: esuli volontari o forzati.
 Le diverse cause dell'esilio : economico, El Dorado (colonizzazione, conquista
dell'Occidente) politico.
 Il clima dell'esilio : in tempo di pace o di guerra
 Spostamento della popolazione in caso di guerre, genocidi
 L'immigrazione si riferisce all'ingresso in un paese di stranieri che vengono lì per
restare e lavorare. La parola immigrazione deriva dal latino immigrare che significa
"entrare". L'immigrazione è una migrazione vista dal lato del paese di
destinazione. Corrisponde, visto dal lato del paese di partenza, all'emigrazione.
Emigrare, partire, è abbandonare le orme originarie
Migrare, essere in entrambi i paesi, è ora di viaggiare
Immigrare, arrivare, è cercare di trovare nuovi punti di riferimento
 L' esilio politico di dover lasciare il proprio paese d'origine a causa della repressione o
del rischio di repressione contro se stesso o la sua famiglia.
 Un rifugiato è una persona che si trova fuori dal Paese di cui ha la cittadinanza e che
non si sente al sicuro in esso, a seguito di persecuzioni per vari motivi (politici, religiosi,
ecc.) Persone che cercano di ottenere il lo status di rifugiato viene talvolta
definito richiedente asilo . L'accoglienza di queste persone si chiama asilo politico . Le
richieste di asilo presentate nei paesi industrializzati sono spesso basate su criteri e
motivi politici e religiosi. Il rifugiato si sente tradito dalla sua stessa terra. È lì
temporaneamente per andarsene? o restare? è isolato o si è unito per combattere con
gli altri?
3. Il processo di simbolizzazione nel corso di diverse generazioni
La meccanica quantistica parla del periodo di 50 anni Questo è il tempo necessario affinché gli
sconvolgimenti nelle strutture interne o epistemologiche riguardanti lo studio critico della
scienza raggiungano il pubblico. Possiamo anche osservare questo ritardo nel processo di
simbolizzazione collettiva o privata, vediamo il tempo necessario per pronunciare un discorso
pubblico su eventi storici, guerre o genocidi.
Diverse componenti si trovano in queste storie di sradicamento e coloreranno l'esperienza
personale:
 Nostalgia per il paese perduto
Tutti gli esiliati avranno in comune una forma di nostalgia per il paese perduto, che non è
senza l'eco del paradiso perduto, un luogo fantastico da cui "non ci saremmo dovuti
separare" come se avessimo potuto stare nel grembo della nostra famiglia. madre ed evitare la
castrazione ombelicale. Le strategie per riportare in vita questo paese perduto nella creatività
personale o collettiva parteciperanno alla simbolizzazione di questa partenza o, al contrario,
manterranno questa terra perduta trapiantata ma sterile, senza che essa possa nutrire nuovi
raccolti. Questo processo si riferisce alla caduta dell'oggetto che l'oggetto perso ha a causa del
desiderio, nella teoria lacaniana .
 Lingua e patois o dialetto
Sarà lo stesso con la lingua e il patois o dialetto , sono ancora parlati nella sfera privata o
comunitaria o sono banditi? La lingua si troverà "sepolta" in chi se n'è andato o darà luogo ad
una trasmissione che poi trasmetterà anche la cultura di origine per permettere l'incrocio.
 La separazione dai morti
Un punto molto importante e spesso molto sepolto è quello della separazione dai morti lasciati
indietro e dell'impossibilità quindi di compiere i riti della memoria intorno alle tombe. Ciò avrà
indubbiamente un effetto su come i discendenti continueranno a seppellire i morti oppure
no. Può il fenomeno della cremazione e soprattutto della dispersione delle ceneri senza targa
commemorativa essere un'eco di questi sradicamenti?
In tutti i casi, se gli emigranti emigrano e si affezionano alla loro terra o paese ospitante, la
domanda sarà se è con le forze della vita o con le forze della morte che avrà luogo questo
nuovo radicamento. Da ciò dipenderà la possibilità di un vero e proprio incrocio che non sia
solo una convivenza.
Integrazione o amputazione della storia che ha preceduto l'esilio?
Le prime due generazioni costruiranno da sole ciò che diverse generazioni hanno costruito. È
umanamente possibile? Come per qualsiasi perdita, il processo del lutto  richiede molto
tempo. Permette dolcemente di integrare nella vita psichica del lutto ciò che manterrà
dal rapporto con l'oggetto o soggetto perduto. Quando questo processo non avrà luogo,
l'oggetto smarrito rimarrà racchiuso nella persona come una zona morta: questo problema è
ovviamente al centro della trasmissione nelle famiglie i cui membri hanno vissuto in esilio.
1. La prima generazione:
Sono quelli che vivono in esilio. Vivono un trauma, un vero colpo mentre lo ignorano. È
un disastro in senso stretto: una rottura nella continuità . C'è una rottura nella
filiazione. Nell'antichità, era in quei momenti che veniva dato il simbolo (symbolon: gettare
insieme nella stessa direzione) Al momento di una partenza, una ceramica testimone
dell'evento veniva spezzata in più parti date a ogni persona da cui ci siamo separati. Quindi, ciò
che ha reso la simbolizzazione è stata la riunione successiva o nella generazione successiva
delle due parti separate che si sono adattate come meglio potevano, ma potevano poi
tracciare le tracce della rottura. Ma quelli che devono affrontare il viaggio. Questo èuna crisi,
una  perdita che stanno attraversando nella realtà. L'azione mobilita le energie fisiche e
permette loro di essere vivi e di continuare a trasmettere la vita. Pagano un prezzo psicologico
e fisico, ma sono nella lotta. Questi sono quelli che sono sopravvissuti. Provano dolore che può
essere espresso anche da disturbi fisici o psicologici. Nel loro discorso spiccano due
atteggiamenti:
 Quelli silenziosi per i quali le parole sono rare. Sopravvivono, anche se hanno
successo, purché non guardino indietro. Molto spesso si prendono la responsabilità di
risparmiare le generazioni successive, non dicono nulla, mettono da
parte. Organizzano quello che viene chiamato un clivaggio . La personalità sarà
separata tra una pseudonormalità e un'insensibilità paradossalmente legata a una
catastrofe. È questo difetto che i discendenti percepiranno inconsciamente e che
creerà un puzzle . Questo processo non è sempre volontario, può essere inconscio per
l'impossibilità di dire o addirittura provare qualcosa al riguardo perché anche queste
persone vivono affetti misti a senso di colpa, tradimento, vergogna. Può anche essere
molto cosciente, come " una cura per l'amnesia deliberata per sopravvivere "
Sono diventato un altro, quindi potevo essere me stesso
Jorge Semprun (scrittura o vita)
 I chiacchieroni che, nel tentativo di bloccare il trabocco delle emozioni, riversano
storie di prove passate su coloro che li circondano. I discendenti sono invasi da
immagini senza ritirarsi, come in un mondo virtuale. Gli ascoltatori o gli spettatori di
queste storie o scene ripetute riceveranno l'impatto traumatico senza parole che lo
elaborino. Pochi degli esiliati sono stati in grado di usare semplicemente parole che
sdrammatizzano il dramma tenendo le distanze dalla scrittura (ad eccezione di creatori
o scrittori che sono stati in grado di trasmettere attraverso l'arte o la musica). È quindi
il percorso di altre generazioni e questo lavoro inconscio che attraverserà la
trasmissione fino all'integrazione del lutto.
2. La seconda generazione:
È quello che vive e continua a costruire. Solidifica le fondamenta della generazione
precedente. Esso gode di un maggiore comfort rispetto alla generazione precedente. Ha i
risultati dell'esilio: migliore situazione finanziaria, sicurezza, nella maggior parte dei casi
un miglioramento rispetto alla situazione che aveva innescato l'esilio. I figli di coloro che se ne
sono andati potrebbero aver sperimentato l'esilio. Inoltre, nelle famiglie, c'è chi è nato "prima"
e chi è nato "dopo". È a questa generazione, ma più in generale al 3 ° o 4 ° che può apparire
il trauma che è la rappresentazione . del reale all'improvviso.
 Nel caso dell'esilio volontario e verbale , anche se ci sono ancora zone problematiche,
la vita farà la sua opera di integrazione con talvolta fallimenti di
successo , l'impossibilità di trarre profitto dal successo o dalla ricchezza, legati alla
difficoltà per superare i propri genitori e al sentimento di tradimento di "lasciarli nelle
loro disgrazie o nella durezza della loro vita "
 D'altra parte, nei casi più traumatici , sono i bambini che saranno in grado di rilevare
le aree pietrificate in coloro che dovrebbero prendersene cura. Alcuni bambini
diventano allora i soggetti della sofferenza dell'altro. Un membro del lignaggio può
esprimere un sintomo o una lamentela che spesso apparirà in occasione di un evento
genealogico, nascita, matrimonio, morte . Qualcuno si ostina a dimostrare che
qualcosa non va. Il sintomo è una chiamata a dare un senso. Una persona può
diventare un memoriale vivente a sua insaputa, un testimone che garantisce che ciò
sia effettivamente avvenuto. Paradossalmente, ricorda ciò che non si può dimenticare,
dove il tempo a volte si è fermato per diverse generazioni con effetti di bizzarro o
disadattamento. Ilil trauma è al secondo colpo, all'indomani. Potrebbe anche esserci
confusione tra i vivi e i morti.
Simbolizzazione
Ciò che non si può dire, non possiamo tacere, né impedirci di  mostrare ciò che non si può
dire.  "
Françoise Davoine, psicoanalista.  Storia e trauma
Il disastro sfugge alla trasmissione e non può essere inscritto nel tempo. Il processo di
simbolizzazione è infatti un ingresso nel tempo, che non avviene senza crisi . Ciò che si
ripete è sempre ciò che non è ancora nel passato, o nella memoria, è nello "stato", come è
nell'inconscio, come se aspettasse un lettore, un decifratore che sa leggere la parola che cerca
di parlare. È questo lavoro di simbolizzazione che ripristinerà il posto di ogni persona
nell'insieme umano. L'eventuale vittima verrà reintegrata nel mondo dei vivi. Laddove l'esilio
ha rotto la discontinuità nella storia, qualcuno potrà testimoniare che ognuno rimane
un'unità, qualunque cosa accada.. Si tratta anche di restituire una dignità umana che non può
essere ridotta a situazioni o comportamenti. I bambini, i discendenti vengono a mostrare la
debolezza che i loro antenati non si permettevano e non potevano manifestare. È il divario che
ci consente anche di poter resistere alla violenza dello shock senza fallire.
Il soggetto non è ridotto alla sua cultura e la cultura al soggetto
Georges Devereux psicoanalista ed etnologo
Non possiamo riparare i legami transgenerazionali, ma la ricostruzione della nostra storia
permette di potervi fare riferimento, di rielaborare legami e di consentirne altri. La persona
trova quindi una famiglia con un destino difficile, ma non una famiglia di fantasmi . Può
trasmettere legami viventi alle generazioni successive e arricchire la comunità con i suoi
talenti.
La risoluzione: separazione integrata.
Tutti i soggetti vengono a se stessi solo quando sono stati in grado di raccogliere
simultaneamente la voce dei loro antenati e distaccarsi da loro.
J. Psicoanalista altouniano.  Sopravvivenza
Dove c'è stato l'esilio, la separazione che è nell'ordine delle cose potrebbe non essere stata
fatta dall'istinto di sopravvivenza e dall'attaccamento vitale ai primi oggetti d'amore , per
mantenere dei parametri di riferimento. Questa situazione finale incontra poi i problemi
psicoaffettivi di tutti, vale a dire la buona distanza dai loro antenati e discendenti, la differenza
tra generazioni e sessi. Tuttavia, spesso subisce una doppia ingiunzione dal suo ascendente:
Separati da me per poter vivere "ed" esprimere cio  'che sono sopravvissuto per non morire
J Altounian La sopravvivenza
In esilio, infatti, si manifestano problemi intergenerazionali ordinari, ma a volte con uno shock
generazionale più aspro perché sembra essere stato accelerato, a causa della differenza
culturale tra, ad esempio, il paese di origine e il paese ospitante. di lealtàInfurierà: fedele alla
cultura dei miei genitori o alla cultura del mio paese di nascita? Questa domanda attraversa
violentemente, ad esempio, gli esuli arabo-musulmani. Ad esempio: il padre ha un forte
legame con l'Algeria coltiva la mitologia del ritorno, fa riferimento a referenti religiosi, vive
sempre in situazione migratoria (nella comunità migrante), il figlio è in Francia, non religioso, in
una situazione culturale (in contatto con una nuova cultura). Il figlio avrà difficoltà a
identificarsi con suo padre. Dovrà fare i conti con una duplice appartenenza prima di poter
costituire un'identità integrata. È anche da questa generazione che si formeranno coppie miste
e incroci. È allora alla nascita del bambino Métis che possono sorgere interrogativi nel
tentativo di compromettere la trasmissione delle usanze legate alla nascita. Il fatto di essere in
un Paese di 3 ° cultura è facilitante perché questo interverrà come terza parte nel conflitto di
lealtà e permetterà una soluzione.
4. Le diverse soluzioni
Tutti sono destinati a riconquistare la fiducia, la possibilità di un contratto di fiducia nell'altro,
dove a volte era stato sconfitto. Consentono la circolazione delle forze viventi.
 Fai una tregua : un posto dove respiriamo e possiamo stare in pace. È uno spazio in cui
si può rivivere il contratto di fiducia con altri che non hanno vissuto la situazione ma
possono stare con essa. Questo luogo può essere uno spazio terapeutico, o
semplicemente uno spazio in cui la persona si sente accolta. La scuola, le associazioni
culturali sono luoghi privilegiati.
 Un altro luogo privilegiato di tregua: luogo analitico
e  analisi  transgénérationnell  e  come supporti di risoluzione per i discendenti.  È
piuttosto interessante notare che la psicoanalisi e l'inizio dell'analisi
transgenerazionale furono concettualizzati da esiliati o figli di esiliati: Freud , Abraham
& Torok , Yvan Boszormenyi-Nagy o
persone direttamente o indirettamente interessate la guerra e la questione dei confini.
In Histoire et trauma, La folie des guerres, Françoise Davoine e Jean –Max Gaudillière ci
trasmettono che:    “qualunque sia la sofferenza, qualunque sia il silenzio, c'è una necessità
che porta a dire storie precluse, se per per qualche motivo, non possono essere trasmessi,
verranno dette da un altro.  " E il fatto che " il discorso psicoanalitico è uno strumento
antitotalitario per eccellenza poiché pone il luogo dell'Altro libero qualunque sia la
situazione di reclusione  " e che la clinica è sempre caso per caso  salva la persona che porta
l'enigma familiare (sotto forma di un sintomo che richiede traduzione) dall'essere ancora una
volta rinchiusa in uno stato di vittima che lo renderebbe l'oggetto della situazione e non più il
soggetto del dramma. Potrà quindi dedicare del tempo allo sviluppo della storia familiare a suo
nome. Tuttavia, questo particolare ascolto impegna lo stesso psicoanalista nella sua capacità di
essere in collegamento con la propria storia, comprese le storie di esilio, di guerre che hanno
attraversato la sua stessa famiglia (vedi i fantasmi dell'analista). incrociare elementi storici con
il lavoro psichico inconscio di distacco dalle prime immagini (processo edipico, castrazione
simbologenica). Tieni insieme i due campi senza escluderne uno.
 Il legame sociale: la professione, il lavoro ovviamente che ridà posto nella nuova
comunità. Posso essere utile e dare un contributo in modo da poter saldare il mio
debito di ospitalità
 L'impegno nella vita sociale ed emotiva, l'impegno militante, l'impegno politico
significa il fatto che il soggetto può nuovamente mobilitare energie fisiche e psichiche
e lasciare questa migrazione intermedia dove non c'è più nessuna Da nessuna parte.
 La testimonianza permette di riappropriarsi della propria storia o di quella dei propri
antenati come una storia che fa parte dell'umanità. Chi testimonia rende testimoni gli
altri stessi, rendendosi co-vivi di questa storia, anche se lontana dalla loro. Questo ci
permette di uscire dal confino di una storia impossibile da condividere se non per
gli stessi nella comunità della sfortuna.
 La riscrittura della storia può essere il culmine del viaggio dei discendenti. Uno di loro
saprà inscrivere la realtà a volte troppo dolorosa in un'opera simbolica e
allontanante. Questa condivisione per mezzo della scrittura interposta avrà anche un
valore liberatorio per i lettori.
 Creatività , musica, teatro, pittura ecc . permetterà di instaurare nuove forme di
espressione e di arricchire la società con creazioni che sublimano esperienze indelebili.

L'esilio sradica il sé, nel senso che lo strappa dalla terra a cui si tiene con tutte le sue fibre
biologiche.  Momento drammatico, di terribile gravità, dice, perché l'esule non potrà mai
mettere radici in altri terreni.  Le sue radici rimarranno nude, esposte nel vuoto, e in un certo
modo si potrebbe dire che d'ora in poi non avranno altro che il cielo per crescere, questo vuoto
dove si estenderanno cercando di ritoccare la terra "
Shmuel Trigano ai tempi dell'esilio
 
In ogni caso, gli esiliati perché hanno attraversato questo calvario e mobilitato forze fisiche e
psichiche essenziali, sono archetipi dell'uomo pronto a morire per vivere , indicando quanto sia
l'integrazione dell'esperienza di perdita. costitutivi della nostra identità di soggetto parlante. Ci
invitano anche ad andare in esilio:
Un'esperienza di ospitalità
Shmuel Trigano ai tempi dell'esilio
In questo senso e attraverso tutte le opere sociali, personali e artistiche di cui testimoniano nel
loro desiderio di continuare la storia, ci rappresentano nella nostra tragica e singolare umanità.