Sei sulla pagina 1di 198

Il progetto Gutenberg EBook di The Art of Perfumery, di GW Septimus Piesse

Questo eBook è per l'uso di chiunque, ovunque, senza costi e con


quasi senza restrizioni di sorta. Puoi copiarlo, darlo via o
riutilizzarlo secondo i termini della licenza Project Gutenberg inclusa
con questo eBook o online su www.gutenberg.net

Titolo: The Art of Perfumery


E metodi per ottenere gli odori delle piante

Autore: GW Septimus Piesse

Data di rilascio: 28 luglio 2005 [EBook # 16378]

Lingua inglese

Codifica set di caratteri: ISO-8859-1

*** INIZIO DI QUESTO PROGETTO GUTENBERG EBOOK L'ARTE DELLA PROFUMERIA ***

Prodotto da The Online Distributed Proofreading Team presso


http://www.pgdp.net.

L'arte
DI

PROFUMERIA,
E METODO DI OTTENIMENTO

GLI ODORI DELLE PIANTE.


CASA DI ASCIUGATURA PER ERBE.
Dalle travi del tetto della Drying House sono sospese a grappolo tutte le erbe che coltiva
il coltivatore. Per accelerare l'essiccazione delle foglie di rosa e di altri petali, la Drying
House è dotata di grandi armadietti, leggermente riscaldati con una canna fumaria
rotante, riscaldata da un fuoco sottostante.
I boccioli dei fiori sono collocati su vassoi di tela tesa su un telaio, non meno di dodici
piedi di lunghezza e quattro di larghezza. Quando vengono caricati, vengono posti sugli
scaffali negli armadi caldi fino a quando non si asciugano.

L'ARTE DELLA PROFUMERIA,


E IL METODO DI OTTENERE GLI ODORI DELLE PIANTE,

CON ISTRUZIONI PER LA FABBRICAZIONE DI PROFUMI PER IL


FAZZOLETTO, POLVERI PROFUMATE, ACETI ODORI, DENTIFRI,
POMATUM, COSMETIQUES, SAPONE PROFUMATO, ECC.

CON UN APPENDICE SUI COLORI DEI FIORI, ESSENZE DI FRUTTA


ARTIFICIALE, ECC. ECCETERA.
DI GW SEPTIMUS PIESSE,
AUTORE DEGLI "ODORI DEI FIORI", ETC. ECCETERA.

FILADELFIA : LINDSAY E BLAKISTON. 
1857. 

STAMPATO DA C. SHERMAN & SON,


19 St. James Street.

Prefazione.
Per consenso universale, le facoltà fisiche dell'uomo sono state divise in cinque sensi:
vedere, udire, toccare, gustare e odorare. È di competenza della facoltà di Smelling che
tratta principalmente questo libro. Dei cinque sensi, quello dell'olfatto è il meno
valorizzato e, di conseguenza, il meno istruito; ma non dobbiamo concludere da questo,
dal nostro atto, che è di importanza insignificante per il nostro benessere e felicità.
Trascurando di tutor il nervo olfattivo, siamo costantemente portati a respirare aria
impura, e quindi avvelenare il corpo trascurando l'avvertimento dato alla porta dei
polmoni. Le persone che usano i profumi sono più sensibili alla presenza di un'atmosfera
viziata rispetto a coloro che considerano la facoltà di annusare come un dono quasi
inutile.
Nelle prime ere del mondo l'uso dei profumi era in costante pratica e aveva l'alta
sanzione dell'autorità scritturale.
I patroni della profumeria sono sempre stati considerati le persone più civili e raffinate
della terra. Se la raffinatezza consiste nel saper godere delle facoltà che possediamo,
allora dobbiamo imparare non solo come distinguere l'armonia di colore e forma, per
compiacere la vista, la melodia di suoni dolci per deliziare l'orecchio; il comfort di
tessuti appropriati per coprire il corpo, e per compiacere il tatto, ma la facoltà olfattiva
deve essere mostrata come si gratifica con i prodotti odorosi del giardino e della foresta.
Considerato patologicamente, l'uso dei profumi è al massimo grado profilattico; le
qualità rinfrescanti degli odori citrini a un invalido sono ben note. La salute è stata
spesso restaurata quando la vita e la morte tremavano nell'equilibrio, con la semplice
spolverata di essenza di cedrato in una camera malata.
Il valore commerciale dei fiori non ha alcuna importanza per la ricchezza delle
nazioni. Ma, per quanto vasto sia il consumo di profumi da parte del popolo sotto il
dominio dell'Impero Britannico, poco è stato fatto in Inghilterra verso la creazione di
fattorie fiorite, o la produzione delle sostanze odorose crude richieste dai produttori di
profumieri della Gran Bretagna ; di conseguenza quasi il tutto sono prodotti di paesi
stranieri. Tuttavia, ho ogni speranza che prima che il soggetto attiri l'attenzione della
Society of Arts, e senza dubbio seguiranno risultati favorevoli. Gran parte dei terreni
abbandonati in Inghilterra, e specialmente in Irlanda, potrebbeessere molto redditizio se
coltivato con piante con odore.
Il clima di alcune colonie britanniche si adatta in particolare alla produzione di odori di
fiori che richiedono temperature elevate per portarli alla perfezione.
Ma per la triste morte del signor Charles Piesse, [A] Segretario coloniale per l'Australia
occidentale, ho tutte le ragioni per credere che i vivai sarebbero stati stabiliti in quella
colonia per molto tempo prima della pubblicazione di questo lavoro. Sebbene
personalmente frustrato nell'adattare una nuova e utile descrizione del lavoro alle
imprese britanniche, non sono meno ottimista del risultato finale in altre mani.
Il signor Kemble, della Giamaica, ha recentemente inviato in Inghilterra alcuni bei
campioni di olio di Behn. La Moringa, da cui è prodotta, è stata coltivata con successo
da lui. L'olio di Behn, essendo un olio grasso perfettamente profumato, è un prezioso
agente per estrarre gli odori dei fiori dal processo di macerazione.
In nessun periodo lontano spero di vedere, né al Crystal Palace, a Sydenham, al Royal
Botanical Gardens, a Kew, né altrove, un luogo per illustrare l'uso commerciale delle
lezioni di fiori-occhio sui metodi per ottenere gli odori delle piante e i loro vari usi.Gli
orticultori inglesi, che generalmente non conoscono i metodi per economizzare i profumi
dai fiori che coltivano, perdono completamente quella che sarebbe una fonte di reddito
molto redditizia. Per molti secoli il minerale di rame fu gettato sulle scogliere in mare
dai minatori della Cornovaglia che lavoravano i flussi di stagno; quanta ricchezza è stata
gettata via dall'ignoranza che non conosciamo, ma c'è un perfetto parallelo tra i vecchi
minatori e i giardinieri moderni.
Molti lettori del "Gardeners 'Chronicle" e degli "Annals of Pharmacy and Chemistry"
riconosceranno nelle pagine seguenti molta materia che è già passata sotto i loro occhi.
Per essere del servizio previsto, tale materia deve comunque avere un modulo di
libro; Ho quindi raccolto dai suddetti periodici tutto ciò che ho ritenuto utile al lettore.
Per Sir Wm. Hooker, il dottor Lindley, il signor W. Dickinson e il signor W. Bastick,
ringrazio rispettosamente i miei ringraziamenti per l'assistenza che mi hanno dato così
liberamente ogni volta che ho avuto occasione di chiedere il loro consiglio.

Contenuto.
Prefazione

SEZIONE I.

INTRODUZIONE E STORIA.

Profumi in uso dai periodi più antichi - Origine persa nella profondità della sua antichità
- Possibilmente derivata da osservanze religiose - Incenso o incenso bruciati in onore
delle Divinità - I primi cristiani messi a morte per aver rifiutato di offrire l'incenso agli
idoli - L'uso dei profumi di i Greci e i Romani - Plinio e Seneca osservano che alcune
delle persone lussuose si profuma tre volte al giorno - Uso di incenso nella Chiesa
Romana - Autorità scritturale per l'uso del Profumo - Composizione del Sacro Profumo -
La similitudine del Profeta - St. La Volontà di Ephræm - Taper fragranti - Costantino
fornisce olio profumato da bruciare agli Altari - Frangipanni - Commercio in Oriente in
Droghe dei Profumi - L'arte della profumeria della piccola distinzione in Inghilterra -
Solly

SEZIONE II.

Consumo di metodi di profumeria per ottenere gli odori: -Espressione, Distillazione,


Macerazione, Assorbimento

SEZIONE III.

Pan-Ottos Steam-Still-Macerating esposto al Crystal Palace del 1851-Simple Extracts:


-Aspitico, Mandorla, Artificiale Otto di Mandorle, Anice, Balsamo, Balsamo, Baia,
Bergamotto, Benzoino, Cumino dei prati, Cascarilla, Cassia, Cassie, Cedro , Cedrat,
Cannella, Citron, Citronella, Chiodi di garofano, Aneto, Eglantine o Brier dolce, Elder,
Finocchio, Bandiera, Geranio, Eliotropio, Honeysuckle, Hovenia, Gelsomino, Jonquil,
Laurel, Lavanda, Lemon-grass, Lilla, Lily, Mace, Magnolia, maggiorana, dolce-prato,
melissa, mignonette, miribano, menta, mirto, neroli, noce moscata, olibano, arancia, iris,
palma, patchouly, pisello dolce (teoria degli odori), ananas, rosa, rodio (la rosa produce
due odori ), Rosmarino, Salvia, Santal, Sassafras, Spike, Storax, Syringa, Timo,
Tonquin, Tuberosa, Vaniglia, Verbena o Verbena, Viola, Vitivert, Volkameria,
Wallflower,Winter-Green-Duty on Essential Oils-Quantity imported-Statistics, & c.,

SEZIONE IV.

PROFUMI ANIMALI.

Ambergris-Civet-Musk

SEZIONE V.

Sali profumati: -Ammonia, Sali di Preston, Sali inesauribili, Eau de Luce, Acido acetico
volatile e suo uso in profumeria. -Aceto aromatico, Aceto di Enrico, Vinaigre à la Rose,
Aceto di quattro ladri, Aceto igenico, Aceto violetto, Toilette Aceto, Vinaigre de
Cologne

SEZIONE VI.

MAZZI E NOSOGHI.

Uso proposto del termine "Otto" per indicare il principio odoroso delle piante
Odori composti: -Il profumo dell'Alhambra-Il Bosforo Bouquet-Bouquet d'Amour-
Bouquet dei Fleurs du Val d'Andorre-Buckingham Palace Bouquet-Délices-La Corte
Nosegay-Eau de Chypre-L'imperatrice Eugenie's Nosegay-Esterhazy-Ess Bouquet-
Acqua di colonia. (Spirito francese e inglese.) Fiori di Erin-Royal Hunt Bouquet-Estratto
di fiori-Il mazzo delle guardie-Italian Nosegay-English Jockey Club-French Jockey
Club. (Differenza dell'odore dei profumi inglesi e francesi a causa dello spirito dell'uva e
dello spirito del mais.) Un profumo giapponese - Il giardino di Kew Nosegay-
Millefleurs-Millefleurs et Lavender-Lavanda del Delcroix-Marechale-Mousselaine-
Bouquet de Montpellier-Caprice de la Mode-May Flowers-Neptune, o Nosegay Naval-
Bouquet di tutte le nazioni-Bouquet di Isola di Wight-Bouquet du Roi-Bouquet de la
Reine Victoria-Rondeletia.

SEZIONE VII.

Gli antichi profumi erano solo odorose Gomme-Astenersi dall'uso dei profumi un segno
di umiliazione-Il vaso al castello di Alnwick-Sachet Powders-Sachet au Chypre-Sachet à
la Frangipanne-Eliotropio Sachet-Lavanda Sachet-Sachet à la Maréchale-Mousselaine-
Millefleur-Portogallo Sachet-Patchouly Sachet-Pot Pourri-Olla Podrida-Rose Sachet-
Santal-Sachet-Sachet (senza nome) -Vervain Sachet-Vitivert-Violet Sachet-Perfumed
Leather-Russia Leather-Peau d'Espagne-Perfumed Letter Libro-Marcatori profumati di
carta-Cassolettes e Printaniers
Pastils-The Censer-Vase nel British Museum-Metodo di utilizzo dell'incenso-incensiere
per il servizio d'altare-Pastelli gialli-Dr. Pastiglie di Parigi - Pastelli per profumi -
Pastiglie di Piesse - Fumigazione - Lampada per profumi - Platino incandescente - Eau à
Bruler - Eau pour Bruler - Carta fumigante - Spumanti profumati - Accendini odorosi

SEZIONE VIII.

SAPONE PROFUMATO.

Sapone profumato - Antica origine del sapone - Primi documenti del commercio di
sapone in Inghilterra - Profumatori non saponatori - Rimedi - Saponi primari - Sapone
curvo con olio - Sapone di soia - Sapone marino - Sapone giallo - Sapone di palma -
Accise su sapone - Fico Soft Soap-Naples Soft Soap-Il processo di rifusione-Soap
cutting-Soap stamping-Saponi profumati
Sapone-Sapone-Canfora Sapone-Sapone-Sapone-Bianco Sapone-Sapone-Marrone
Sapone-Sapone-Sapone-Fuller Terra Sapone-Sapone-Sapone Sapone caldo-Sapone
Sapone colorito: -Rosso, Verde, Blu, Sapone-Sapone Ottone di Rosa- Sapone Soave-
Sapone-Sapone-Sapone-Sapone Santal-legno Sapone-Sapone-Sapone-Sapone-Sapone-
Sapone-Sapone-Patchouly Sapone-Sapone-Sapone-Sapone-Sapone Sapone-Sapone-
Sapone-Sapone-Sapone-Ambrosial-Sapone Trasparente-Trasparente Sapone-Trasparente
Sapone medicato saponificato - Sapone di catrame di ginepro - Sapone allo iodio -
Sapone di zolfo - Sapone di bromo - Sapone al creosoto - Sapone di sapone al mercurio -
Sapone di croton - Il loro uso nelle malattie cutanee

SEZIONE IX.

EMULSINES.

Formare emulsioni o latti in miscela con acqua a rischio di ammendarsi-Amandine-


Olivina-Miele e pasta di mandorle-Paste di mandorle pure-Pasto di mandorle-Pistacchio
Dado-Emulsione di gelsomino-Emulsione viola

SEZIONE X.

LATTE O EMULSIONI.

L'avviso di Liebig di latte di mandorla-latte di rose-latte di mandorle-latte di sambuco-


latte di tarassaco-latte di cetriolo-essenza di cetriolo-latte di pistacchio noci-lait estratto
vergine di fiori di sambuco

SEZIONE XI.

CREMA FREDDA.
Manipolazione-crema fredda di mandorle-viola crema fredda-imitazione viola freddo
crema-crema fredda di vari fiori-canfora fredda crema-cetriolo crema fredda-pomata di
Piver di cetriolo-pomata divina-palle di mandorle-palle di canfora-pasta di canfora-
glicerina balsamo- Rose Lip Salve-White Lip Salve-Common Lip Salve

SEZIONE XII.

POMPE E OLI.

Pomatum, come suggerisce il nome, originariamente fatto con mele-Scentless grasso-


Enfleurage e processo di macerazione-Acacia, o Pomata Cassie-Pomodoro Benzoino e
Olio-Olio di vaniglia e Pomade Pomade chiamato grasso dell'orso-Crema circasso-
Balsamo di fiori-oli cristallizzati -Castor Oil Pomatum-Balsam di Neroli-Midollo
Cream-Marrow Pomatum-Violet Pomatum-Pomade Double, Millefleurs-Pomade à la
Heliotrope-Huile Antique-Philocome-Pomade Hongroise-Pomata dura o Stick-Black and
Brown Cosmetique

SEZIONE XIII.

COLORANTI E DEPILATORI PER CAPELLI.

Dipingendo il Volto universale tra le donne di Egitto-Kohhl, il fumo di Gum Labdanum,


usato dalle ragazze della Grecia per colorare le ciglia e le cavità della tintura dei capelli
occhio-turco - Rastikopetra colorante a colorante a lume - coloranti a tinture per capelli
argentati, con colorante a tinta unita-inodore, colorante per capelli neri e capelli neri,
colorante a piombo, depilatorio, Rusma

SEZIONE XIV.

POLVERI ASSORBENTI.

Polvere viola-cipria-polvere perlata-Blanc liquido per uso talcale-Talco calcinato-Rouge


e tinte rosse-Bloom di rose-Carmine Toilette Rouge-Carthamus fiori-Piattini rosa-
Crépon Rouge

SEZIONE XV.

DENTI POLVERI E BOCCA LAVAGGI.

Polvere del dente di Mialhi Polvere di canapa-chinino-chinino-Preparato carboncino-


polvere di corteccia peruviana-Polvere di gesso-seppia-cipollina Polvere-borace e mirra-
Farina Pietà dentifricio-dentifricio in polvere-Paste in polvere-Bisturi viola-Eau Botot-
Botanic Styptic -Tensione di mirra e borace-mirra con Eau de Cologne-Eau de Cologne
campata

SEZIONE XVI.
LAVAGGIO DEI CAPELLI.

Rosemary Hair Wash-Athenian Water-Vegetable or Botanic Hair Wash-Estringent


Estratto di rose e rosmarino-Saponaceous Wash-Egg Julep-Bandolines-Rose e mandorla
Bandoline

Contenuto dell'appendice.
Pagina.
Produzione di glicerina, 249
Test per l'alcol negli oli essenziali, 251
Rilevamento di papavero e altri oli essiccanti in olio di mandorle e olio
252
d'oliva,
Sostanza colorante di oli volatili, 253
Preparazione artificiale di Otto di cannella, 254
Rilevazione di olio di punta e trementina nell'olio di lavanda, 255
Le acque del commercio di fiori d'arancio, 255
Acqua anziana concentrata, 256
Arnall su Spirits of Wine, 256
Purificazione degli alcolici per filtrazione, 259
Cobb su Otto of Lemons, 260
Bastick sull'acido benzoico, 263
Sulle questioni di colorazione dei fiori, 267
Cera per sbiancamento delle api, 274
Esame chimico del sapone di Napoli, 275
Fabbricazione di sapone, 275
Come accertare il valore commerciale del sapone, 277
Sui grassi naturali 281
Profumi come prevenzione della muffa, 284
Bastick on Fusel Oil, 285
Sapore di mela di Bastick's Pine, 286
Wagner's Essence of Quince, 288
Preparazione di Rum-etere, 289
Essenze di frutta artificiale, 289
Olio volatile di Gaultheria, 291
Applicazione della chimica alla profumeria, 293
Corrispondenza dal Journal of the Society of Arts, 298
Quantitativi di Ottos forniti da varie piante, 303
Pesi e misure francesi e inglesi a confronto, 304

Illustrazioni.
Pagina
Drying House, Mitcham, Surrey, ( Frontespizio .)
Odorando, dalla Galleria di Dresda, ( Vignetta .)
Pipetta, per estrarre piccole porzioni di Otto dall'acqua, 36
Tocca Imbuto per separare Ottos dalle Acque e Spiriti da
37
Olio,
La mandorla, 43
Stirace Benzoino, 48
Cassie Buds, 50
Il chiodo di garofano, 55
Il gelsomino, 66
L'arancia, 78
La pianta di Patchouly, 83
Santal-Wood, 96
Tonquin, 101
Vaniglia, 103
Vitivert, 109
Gatto dello zibetto, 117
Baccello muschiato, 120
Cervi muschiati, 121
L'incensiere, 166
Lampada profumata, 171
Calibro del sapone della lastra, 180
Barring Gauge, 180
Squaring Gauge, 181
Sapone, 181
Soap Press, 182
Muffe, 182
Piano di sapone, 187
Oil Runner, 196

L'ARTE DELLA PROFUMERIA.

INTRODUZIONE E STORIA.
SEZIONE I.

"Per la mano di lavoro rapida e segreta della NaturaIl giardino risplende e riempie l'aria
liberaleCon odori sontuosi,lascio che attiri l'anima eterea, qui bevobagliori
vivificanti,respira profusamente dai boschetti speziatie valli di fragranza." - THOMSON .
Tra le numerose gratificazioni derivate dalla coltivazione dei fiori, quella di allevarli per
il gusto dei loro profumi è preminente. È dimostrato dai documenti più antichi, che i
profumi sono stati in uso fin dai primi periodi. L'origine di questo, come quella di molte
altre arti, si perde nella profondità della sua antichità; sebbene abbia avuto la sua ascesa,
senza dubbio, nelle osservanze religiose. Tra le nazioni dell'antichità, un'offerta di
profumi era considerata un segno del più profondo rispetto e omaggio. Incenso, o
incenso, che trasuda per incisione easciuga come una gomma, da Arbor-thurifera , era
precedentemente bruciato nei templi di tutte le religioni, in onore delle divinità che erano
lì adorato. Molti dei cristiani primitivi furono messi a morte perché non avrebbero
offerto incenso agli idoli.
"Dell'uso di questi lussi da parte dei greci, e in seguito dai romani, Plinio e Seneca danno
molte informazioni riguardo ai profumi, al metodo di raccolta e ai prezzi a cui sono
venduti. Gli oli e la profumeria in polvere sono stati usati generosamente, anche per tre
volte al giorno alcune delle persone lussuose si uniscono e profumano, portando con sé i
loro preziosi profumi ai bagni in scatole costose ed eleganti chiamate NARTHECIA . "
Nella Chiesa Romana l'incenso è usato in molte cerimonie, in particolare nei solenni
funerali della gerarchia e in altri personaggi di alto rango.
Plinio annota l'albero dal quale si ricava l'incenso, e alcuni passaggi delle sue opere
indicano che i fiori essiccati erano usati a suo tempo per via del profumo, e che erano,
come ora, mescolati con spezie, un composto che il moderno il profumiere chiama pot-
pourri , usato per profumare gli appartamenti, e generalmente messo in un vaso
ornamentale.
Non era raro tra le donne egiziane portare sulla persona una piccola sacca di gomme
odorose, come nel caso dei nostri giorni tra i cinesi, e indossare perline fatte di legno
profumato. Il "bdellium" menzionato da Mosè nella Genesi è una gomma profumata,
simile all'incenso, se non identica ad essa.
Diversi passaggi in Exodus dimostrano l'uso dei profumi in un periodo molto antico tra
gli ebrei. Nel trentesimo capitolo di Esodo il Signore disse a Mosè: "1. E farai un altare
per bruciare incenso, di legno di Shittim lo farai". 7. E Aaronne brucerà su ogni dolce
profumo ogni mattina, quando si vestirà le lampade, brucerà incenso su di esso. 34.
Prendi dolce spezie, stacte e onycha e galbano, queste spezie dolci con puro incenso: di
ognuna ce ne sarà un uguale. "35. E farai un profumo, una confezione dopo l'arte del
farmacista, temperato insieme puro e santo." 36. E ne batterai un po 'molto piccolo, e ne
metti davanti alla testimonianza nel tabernacolo della congregazione, dove io ti
incontrerò, sarà per te santissimo. " "37. E in quanto al profumo che farai, non farai a te
stesso secondo la sua composizione; sarà per te santo per il Signore "." 38. Chiunque
farà simile a quello per odorare ciò, sarà anche tagliato fuori dal suo popolo ".
"Fu da questa consuetudine religiosa, che impiegava l'incenso negli antichi templi, che il
profeta reale disegnò quella sua bella similitudine, quando fece la petizione che le sue
preghiere potessero salire davanti al Signore come incenso, Luca 1:10. la moltitudine
stava pregando senza, nell'ora dell'incenso, che apparve a Zaccaria un angelo del
Signore, in piedi sul lato destro dell'altare dell'incenso, che le nazioni attribuivano un
significato non solo di rispetto personale, ma anche di religione omaggio, a un'offerta di
incenso, è dimostrabile dall'istanza dei Magi, che, essendo caduto per adorare il Gesù
appena nato, e riconosciuto la sua Divinità, Gli presentò oro, mirrae incenso. I cristiani
primitivi imitarono l'esempio degli ebrei e adottarono l'uso dell'incenso nella
celebrazione della liturgia. S. Ephræm, padre della Chiesa siriaca, ha diretto nel suo
testamento che nessun profumo aromatico gli sarebbe stato conferito al suo funerale, ma
che le spezie dovrebbero essere date al santuario. L'uso dell'incenso in tutte le chiese
orientali è perpetuo e quasi quotidiano; nessuno di loro celebra mai la propria Liturgia
senza di essa, a meno che non sia costretto dalla necessità. Il copto, così come altri
cristiani orientali, osservano lo stesso cerimoniale della Chiesa latina nell'incensare il
loro altare, i vasi sacri e personaggi ecclesiastici. "- Hierurgia di DR. ROCK .
I profumi erano usati nel servizio della Chiesa, non solo sotto forma di incenso, ma
anche mescolati nell'olio e nella cera per le lampade e le luci comandate per essere
bruciate nella casa del Signore. Lo splendore e la fragranza che spesso venivano versati
attorno al sepolcro di un martire, alla celebrazione della sua festa, da una moltitudine di
lampade e candele, alimentati con aromatici, sono stati notati da San Paolino:
"Con le lampade affollate questi altari luminosi sono incoronati,e le candele si
accartocciano, spargendo profumoda stoppini profumati, raggio calmo un raggio
profumato,Per allietare la notte, e la gioia è un giorno radioso."
Hierurgia di DR. ROCK .
Costantino il Grande forniva oli profumati, da bruciare agli altari delle maggiori chiese
di Roma; e San Paolino, di Nola, uno scrittore della fine del quarto e dell'inizio del V
secolo, ci dice come, ai suoi tempi, le candele di cera venivano fatte per uso in chiesa, in
modo da versare fragranza mentre bruciavano:
"Lumina cerates adolentur odora papyris".
Un profumo di uso comune, fino ad oggi, fu l'invenzione di uno dei primi nobili romani,
chiamato Frangipani, e porta ancora il suo nome; è una polvere, o una bustina, composta
da ogni spezia conosciuta, in proporzioni uguali, a cui si aggiunge l'iride macinata o
radice di iris, in peso uguale al tutto, con l'1%. di muschio o zibetto. Un liquido con lo
stesso nome, inventato da suo nipote Mercutio Frangipani, è anche di uso comune,
preparato digerendo la polvere di Frangipane in spiriti rettificati, che dissolve i principi
fragranti. Questo ha il merito di essere il profumo più duraturo realizzato.
"Il commercio per l'oriente nelle droghe per i profumi ha spinto molte navi a spargere le
vele sul Mar Rosso e molti cammelli a scavalcare quel tratto che ha dato alla Grecia e
alla Siria la loro importanza come mercati e vitalità per la città rocciosa di Petra, l'Italia
meridionale non era da molto prima che si occupasse del lusso dei ricchi, producendo
unguenti profumati e profumi, così numerosi erano gli UNGUENTARII , o profumieri, che
si dice che avessero riempito la grande strada dell'antica Capua. "- HOFMANN .
Come arte, in Inghilterra, la profumeria ha ottenuto poca o nessuna distinzione. Ciò è
emerso da coloro che lo seguono come un mestiere, mantenendo un segreto misterioso
sui loro processi. Nessuna produzione può mai diventare grande o importante per la
comunità che si svolge sotto un velo di mistero.
"Per quanto riguarda il mistero del commercio, osserverò solo che sono convinto che
sarebbe molto più interessante per i produttori se fossero più disposti a trarre profitto
dall'esperienza degli altri e meno timorosi e gelosi dei presunti segreti di loro mestiere. È
un grave errore pensare che sia un successo il produttore è colui che ha accuratamente
preservato i segreti del suo mestiere, o che i modi peculiari di effettuare le cose semplici,
i processi sconosciuti in altre fabbriche e i misteri oltre la comprensione del volgare,
sono in qualche modo essenziali per l'abilità di un produttore o per successo come
commerciante. "- PROFESSOR SOLLY .
Se gli orticoltori dell'Inghilterra venissero istruiti su come raccogliere gli odori dei fiori,
un nuovo ramo di manifattura sarebbe sorto per competere con l'abilità dei nostri vicini
al di là della Manica.
Dei nostri cinque sensi, quello di SMELLING è stato trattato con indifferenza
comparativa. Tuttavia, man mano che la conoscenza progredisce, le varie facoltà con le
quali il Creatore ha pensato nella sua saggezza di dotare l'uomo si svilupperanno, e la
facoltà di Smelling incontrerà la sua parte di insegnamento oltre a Vista, Udito, Tocco e
Gusto.
I fiori producono profumi in tutti i climi, ma quelli che crescono nelle latitudini più calde
sono più prolifici nel loro odore, mentre quelli più freddi sono i più dolci. Hooker, nei
suoi viaggi in Islanda, parla della deliziosa fragranza dei fiori nella valle di
Skardsheidi; sappiamo che qui si trovano il verde-inverno, le violette e le primule, e il
timo selvatico, in grande abbondanza. Il signor Louis Piesse, in compagnia del capitano
Sturt, esplorando le selvagge regioni dell'Australia Meridionale, scrive: "Le piogge
hanno rivestito la terra di un verde bello come un prato dello Shropshire a maggio, e
anche con fiori, dolci come un Viola inglese: il puro anemone bianco ricorda quello del
profumo. The Yellow Wattle, quando è in fiore, è splendido ed emette un odore più
fragrante ".
Anche se molti dei migliori profumi provengono dalle Indie Orientali, da Ceylon, dal
Messico e dal Perù, il Sud Europa è l'unico vero giardino di utilità per il
profumiere. Grasse e Nizza sono le sedi principali dell'arte; dalla loro posizione
geografica, il coltivatore, entro distanze relativamente brevi, ha al comando che il
cambiamento climatico è più adatto a portare alla perfezione le piante necessarie per il
suo commercio. Sulla costa i suoi Cassiæ crescono senza paura del gelo, una notte di cui
distruggerebbe tutte le piante per una stagione; mentre, più vicino alle Alpi, le sue viole
si trovano più dolci di quelle cresciute nelle situazioni più calde, dove l'arancio e la
mignolina fioriscono alla perfezione. L'Inghilterra può rivendicare la superiorità nella
crescita della lavanda e della menta piperita; gli oli essenziali estratti da queste piante
coltivate a Mitcham, nel Surrey,
Gli odori delle piante risiedono in parti diverse di loro, a volte nelle radici, come
nell'iride e nel vitivert; il gambo o il legno, in cedro e sandalo; le foglie, in menta,
patchouly e timo; il fiore, nelle rose e nelle viole; i semi nel fagiolo e nel cumino
Tonquin; la corteccia, nella cannella, ecc.
Alcune piante producono più di un odore, che sono piuttosto distinte e
caratteristiche. L'arancio, ad esempio, ne dà tre, dalle foglie che si chiamano petit
grain ; dai fiori procuriamo i neroli ; e dalla scorza del frutto, olio essenziale di
arancia, essenza del Portogallo . Per questo, forse, questo albero è il più prezioso di tutti
per il profumiere operante.
La fragranza o l'odore delle piante è dovuto, in quasi tutti i casi, a un olio perfettamente
volatile, contenuto in piccoli vasi o sacche al loro interno, o generato di volta in volta,
durante la loro vita, come in fiore. Alcuni trasudano, per incisione, gomme odorose,
come benzoino, olibano, mirra, ecc .; altri danno, con lo stesso atto, quelli che sono
chiamati balsami, che sembrano essere miscele di un olio odoroso e una gomma
antiossidante. Alcuni di questi balsami vengono acquistati nel paese in cui la pianta è
indigena, bollendola in acqua per un po ', sforzandosi, e poi bollendo di nuovo, o
evaporandola fino a quando assume la consistenza della melassa. In quest'ultimo modo il
balsamo del Perù si procura dal Myroxylon peruiferum e il balsamo di Tolu
dal Myroxylon toluiferum. Anche se i loro odori sono gradevoli, non sono molto
utilizzati in profumeria per uso fazzoletto, ma da alcuni sono mescolati con sapone, e in
Inghilterra sono apprezzati più per le loro proprietà medicinali che per la loro fragranza.
SEZIONE II.
"Non erano rimaste distillazioni estiveUn prigioniero liquido, con pareti di vetro,l'effetto
di bellezza con la bellezza era privo,Né, né ricordo di cosa fosse,Ma i fiori erano
distillati, anche se con l'inverno si incontrano,Leese ma il loro spettacolo, la loro
sostanza vive ancora dolce ".
SHAKESPEARE .
Le estese piantagioni di fiori nei quartieri di Nizza, Grasse, Montpellier e Cannes, in
Francia, ad Adrianopoli (Turchia in Asia), a Broussa e Uslak (Turchia in Asia) ea
Mitcham, in Inghilterra, in una misura indicano importanza commerciale di quel ramo
della chimica chiamato profumeria.
L'India britannica e l'Europa consumano annualmente, alla stima più bassa, 150.000
galloni di alcolici profumati, sotto vari titoli, come l'acqua di Colonia, essenza di
lavanda, esprit de rose, ecc. L'arte della profumeria, tuttavia, non si limita alla
produzione di profumi per il fazzoletto e il bagno, ma si estende a conferire l'odore ai
corpi inodori, come sapone, olio, amido e grasso, che vengono consumati nella toilette
della moda . Qualche idea dell'importanza commerciale di quest'arte può essere formata,
quando affermiamo che uno dei grandi profumieri di Grasse e di Parigi impiega
annualmente 80.000 libbre. di fiori d'arancio, 60.000 libbre. di fiori di cassia, 54.000
libbre. di foglie di rosa, 32.000 libbre. di fiori di gelsomino, 32.000 libbre. di violette,
20.000 libbre. di tubereuse, 16.000 libbre. di lillà, oltre al rosmarino, menta, limone,
cedro, timo,grande proporzione. In effetti, la quantità di sostanze odorose usate in questo
modo va ben oltre la concezione di quelle che sono state usate anche per le statistiche
astratte.
Per il filosofo chimico, lo studio della profumeria apre un libro ancora non letto; per il
pratico profumiere, sugli scaffali del suo laboratorio, sono esposti molti oli essenziali
rari, come l'olio essenziale del fiore dell'acacia farnesiana , olio essenziale di violetta,
tubereuse, gelsomino e altri, le cui composizioni devono ancora essere determinate.
Il piacere squisito derivato dall'odore dei fiori profumati indurrà quasi istintivamente
l'uomo a tentare di separare il loro principio odoroso da essi, così da avere il profumo
quando la stagione nega i fiori. Così troviamo gli alchimisti del passato, che torturano le
piante in ogni modo che la loro invenzione potrebbe escogitare per questo fine; ed è sui
loro esperimenti che tutta l'arte della profumeria è stata allevata. Senza ricapitolare quei
fatti che possono essere trovati diffusi attraverso quasi tutti i vecchi autori di botanica
medica, chimica, farmacia e opere di questo personaggio, dai tempi di Paracelso a
Celnart, possiamo affermare subito la modalità operativa adottata dalla pratica
profumiere dei giorni nostri per preparare i vari estratti o essenze, acque, oli, pomate,
ecc., usati nella sua vocazione.
I processi sono divisi in quattro operazioni distinte; cioè.-
1. Espressione ; 2. Distillazione ; 3. Macerazione ; 4. Assorbimento .
1. L' espressione viene adottata solo quando la pianta è molto prolifica nel suo olio
volatile o essenziale, ovveroil suo odore; tale, ad esempio, come si trova nella pellicola o
nella buccia esterna dell'arancio, del limone e del cedro e in pochi altri. In questi casi, le
parti della pianta che contengono il principio odorifero vengono messe a volte in un
sacchetto di stoffa e altre volte da sole in una pressa, e per semplice forza meccanica
viene spremuta. La pressa è un vaso di ferro di immensa forza, di dimensioni variabili da
sei pollici di diametro, e dodici in profondità, e verso l'alto, per contenere un centinaio di
chili o più; ha una piccola apertura nella parte inferiore per consentire al materiale
espresso di funzionare per la raccolta; all'interno è posto un falso fondo forato, e su
questo viene posta la sostanza da spremere, coperta da una piastra di ferro che si adatta
all'interno; questo è collegato con una vite potente, che, girando, forza la sostanza così
strettamente insieme, che i piccoli vasi che contengono gli olii essenziali sono scoppiati,
e così sfugge. La pressa a tintura comune è davvero un modello di tale strumento. Gli oli
così raccolti sono contaminati da estratti acquosi, che emanano allo stesso tempo e da cui
deve essere separato; questo fa da solo in una misura, stando in un posto tranquillo, e poi
viene versato e teso.

Pipettare per prelevare piccole porzioni


di otto dall'acqua.
2. Distillazione. -La pianta, o parte di essa, qualecontiene il principio odorifero, è posto
in una pentola di ferro, rame o vetro, di dimensioni variabili da quella capace di
contenere da uno a venti litri e ricoperta d'acqua; nella padella è montato un coperchio a
forma di cupola, che termina con un tubo, che è a forma di cavatappi a spirale, e fissato
in un secchio, con l'estremità che fa capolino come un rubinetto in un barile. L'acqua
nell'ancora per tale è il nome dell'apparato - è fatta bollire; e non avendo altra uscita, il
vapore deve passare attraverso il tubo a spirale; che, essendo circondato dall'acqua
fredda nel secchio, condensa il vapore prima che possa arrivare al rubinetto. Con il
vapore, gli oli volatili, cioèil profumo sale e si liquefa allo stesso tempo. I liquidi che si
riversano così, stando in piedi per un certo tempo, si separano in due parti e sono infine
divisi con un imbuto che ha un rubinetto nella parte più stretta di esso. Con questo
processo,la maggior parte degli oli volatili o essenziali vengono acquistati. In alcuni casi
l'alcool, cioè lo spirito di vino rettificato, viene posto sui materiali odorosi al posto
dell'acqua, che, essendo distillata, si allontana con la sostanza profumante dissolta in
essa. Ma questo processo è ormai quasi obsoleto, poiché è più vantaggioso attingere
prima l'olio o l'essenza con l'acqua, e successivamente per dissolverlo nello spirito. La
bassa temperatura alla quale lo spirito bolle, rispetto all'acqua, provoca una grande
perdita di olio essenziale, il calore non è sufficiente a svincolarlo dalla pianta,
specialmente quando si impiegano semi come chiodi di garofano o cumino. Succede,
tuttavia, che i migliori odori, il ricercatocome dicono i parigini, questo metodo non può
essere procurato; quindi si fa ricorso al processo successivo.

Tocca l'imbuto per separare gli ottoni


dall'acqua e dagli alcolici dall'olio.
3. Macerazione. -Di tutti i processi per procurarsi i profumi dei fiori, questo è il più
importante per il profumiere ed è il meno capito in Inghilterra; poiché questa operazione
produce non solo il più squisitole essenze indirettamente, ma anche quasi tutte quelle
pomate fini conosciute qui come "pomate francesi", tanto ammirate per la forza della
fragranza, insieme agli "oli francesi" altrettanto profumati. L'operazione è così condotta:
-Per quella che viene chiamata pomata, una certa quantità di carne di montone o di cervo
purificata viene messa in una pentola di metallo o porcellana pulita, che viene sciolta dal
calore del vapore; il tipo di fiori richiesto per l'odore desiderato viene accuratamente
raccolto e messo nel grasso liquido e lasciato riposare dalle dodici alle quarantotto ore; il
grasso ha una particolare affinità o attrazione per l'olio dei fiori, e così, per così dire, lo
estrae da loro, e diventa se stesso, con il loro aiuto, altamente profumato; il grasso viene
filtrato dai fiori spesi e freschi vengono aggiunti quattro o cinque volte, finché la pomata
non ha la forza richiesta; questi vari punti di forza delle pomate sono notati dai
produttori francesi come i numeri 6, 12, 18 e 24, i numeri più alti indicano la quantità di
fragranza in essi contenuta. Per gli oli profumati viene seguita la stessa operazione; ma,
al posto della sugna, si usa olio d'oliva fine o olio di ben, derivato dai ben nut del
Levante, e si ottengono gli stessi risultati. Questi oli sono chiamati "Huile Antique" di
tale e un tale fiore.
Quando nessuno dei suddetti processi dà risultati soddisfacenti, il metodo di procedura
adottato è di: -
4. Assorbimento o Enfleurage. - Gli odori di alcuni fiori sono così delicati e volatili, che
il calore richiesto nei processi precedentemente nominatigrandemente modificare, se non
del tutto rovinarli; questo processo è, quindi, condotto a freddo, quindi: - I telai quadrati,
profondi circa tre pollici, con un fondo di vetro, diciamo due piedi di larghezza e tre
piedi di lunghezza, vengono procurati; sopra il vetro si spalma uno strato di grasso,
spesso circa mezzo pollice, con una specie di coltello o spatola; in questo i boccioli dei
fiori sono incastrati, coppa verso il basso e disposti completamente al di sopra di esso, e
li lasciò dalle dodici alle settantadue ore.
Alcune case, come quella dei signori Pilar e Figli; Pascal Brothers; H. Herman, e pochi
altri, hanno 3000 fotogrammi di questo tipo al lavoro durante la stagione; quando sono
riempiti, sono ammucchiati l'uno sull'altro, i fiori sono cambiati fino a quando le piante
continuano a fiorire, che di tanto in tanto supera i due o tre mesi.
Per gli olii delle stesse piante, i panni di lino grezzi sono impregnati con l'olio d'oliva più
fine o con l'olio di ben, e teso su una cornice di ferro; su questi i fiori sono posati e
sofferti per rimanere alcuni giorni. Questa operazione viene ripetuta più volte, dopo di
che i panni sono sottoposti ad una grande pressione, per rimuovere l'olio ormai
profumato.
Poiché non possiamo dare alcuna regola generale per lavorare, senza fuorviare il lettore,
preferiamo spiegare il processo richiesto per ciascuno quando arriviamo a parlare del
singolo fiore o pianta.

SEZIONE III.
Ogni volta che viene chiamato un Still, o si dice che un articolo è distillato o
"disegnato", deve essere inteso che viene fatto da un apparecchio a vapore, poiché questa
è l'unica modalità che può essere adottata per ottenere qualcosa come un odore
delicato; il vecchio piano di avere il fuoco immediatamente sotto l'ancora, trasmettendo
un odore empireumatico o bruciato al risultato, è diventato obsoleto in ogni profumato
ben regolato.
Il vapore-still differisce da quello descritto solo nella parte inferiore, o padella, che è
fatto doppio, in modo da consentire al vapore di una caldaia di circolare attorno alla
pentola allo scopo di far bollire il contenuto, invece del fuoco diretto. Nella
macerazione, il calore viene applicato allo stesso modo, o con un accorgimento come la
comune pentola di colla, usata oggi.
Questa descrizione di apparati si rivelerà molto utile per esperimenti che suggeriremo
by-and-by.
I profumi per il fazzoletto, che si trovano nei negozi di Parigi e Londra, sono semplici o
composti; i primi sono chiamati estratti, extraits , esprits , o essenze e questi
ultimi mazzi e nosegays, che sono miscele degli estratti così composti in quantità che
nessuno dei fiori o degli odori può essere scoperto come predominante su un altro; e
quando sono fatti dei fiori delicati profumati accuratamente mescolati, producono una
sensazione squisita sulnervo olfattivo, e sono quindi molto apprezzati da tutti coloro che
possono permettersi di acquistarli.
Per prima cosa spiegheremo la modalità per ottenere i semplici estratti di fiori.  Seguirà il
processo di preparazione dell'ambra grigia, del muschio e dello zibetto, sostanze che,
sebbene di origine animale, sono della massima importanza in quanto formano gran
parte dei mazzi più approvati; e concluderemo questo dipartimento dell'arte con le ricette
per tutti i mazzi e i mazzi alla moda, il cui valore, dubitiamo di no, sarà stimato in base
al lavoro conferito alla loro analisi.
Per rendere il lavoro più facile da consultare, abbiamo adottato la disposizione alfabetica
in una classificazione più scientifica.
Tra la collezione di ottoni della Compagnia delle Indie Orientali all'Esposizione del
1851, vi erano parecchi sconosciuti in questo paese e che avevano molto interesse.
Ci si deve rammaricare che nessuna persona che abbia una conoscenza pratica della
profumeria sia stata posta nella giuria di classe IV o XXIX. Se così fosse stato, i desideri
degli espositori sarebbero stati probabilmente realizzati, e i profumieri europei hanno
beneficiato dell'introduzione di nuovi odori dall'Oriente. Alcuni degli ottoni inviati da un
profumiere nativo di Benares furono ritenuti degni di menzione
d'onore. Come Chumeylee , Beyla , Begla , Moteya e molti altri delle Molucche, ma
senza alcuna informazione che li riguardi .
Non parleremo, forse, più di una decima delle piante che hanno un profumo - solo quelle
saranno menzionate che sono usate dal profumiere operante, e come sono imitate da lui
in conseguenza di una richiesta per l'articolo, quali circostanze gli impediscono di
ottenere nella sua genuina stato. Il primo che viene notificato è-
PEPE DI GIAMAICA. -Il principio odoroso di pimento, comunemente chiamato pimento, si
ottiene distillando la frutta secca, prima che sia abbastanza matura, dell'Eugenia
pimenta e del Myrtus pimenta con acqua. Si procura così come olio essenziale; è poco
usato in profumeria, e quando è così, solo in combinazione con altri olii di spezie; per
profumare il sapone, tuttavia, è molto gradevole e ricorda molto l'odore dei chiodi di
garofano e merita più attenzione di quanto non abbia ricevuto finora. Mescolato nella
proporzione di due once di olio di pimento con un litro di spirito di vino rettificato,
forma quello che può essere definito estratto di pimento, che si troverà molto utile nella
produzione di mazzi a basso prezzo.
MANDORLE.
"Segna bene le mandorle che scorrono nel bosco:se l'odorosa fioritura dei rami portanti
si caricano,la gleba risponderà al regno dei silvani,seguiranno grandi calori e grandi
raccolti di grano".
VIRGILIO.
Questo profumo è stato molto apprezzato per molte età. Può essere procurata distillando
le foglie di una qualsiasi tribù di alloro e i chicchi di nocciolo; per scopi commerciali, è
ottenuto dalmandorle amare, ed esiste nella pelle o nella pellicola che copre il seme dopo
che è stato bombardato. Nel modo ordinario, le mandorle vengono messe in stampa allo
scopo di ottenere l'olio delicato o grasso dal dado; la torta che viene lasciata dopo questo
processo viene quindi mescolata con sale e acqua e lasciata rimanere insieme per circa
ventiquattro ore prima della distillazione. Il motivo per inumidire la torta è ben noto al
chimico pratico, e anche se non trattiamo l'argomento della profumeria in senso chimico,
ma solo in modo pratico, potrebbe non essere inappropriato qui osservare che l'olio
essenziale di le mandorle non esistono già pronte in alcun modo nella noce, ma sono
prodotte da una specie di fermentazione, dall'amigdalina e dalle emulsioni contenute
nelle mandorle, insieme all'acqua che viene aggiunta. Esistono sostanze analoghe nelle
foglie di alloro e quindi lo stesso corso deve essere perseguito quando vengono
distillate. Alcuni produttori mettono la torta inumidita in un sacchetto di rozzezzastoffa,
o stenderla su un setaccio, e quindi forzare il flusso attraverso di esso; in entrambi i casi,
l'olio essenziale di mandorla sale con il vapore acqueo e si condensa nel verme. In questa
forma concentrata, l'odore delle mandorle è tutt'altro che gradevole; ma quando è diluito
con lo spirito, nella proporzione di circa un grammo e mezzo di olio in un gallone di
spirito o alcol, è molto piacevole.

Mandorla.
L'olio essenziale di mandorle, entra in combinazione con sapone, crema fredda e molti
altri materiali preparati dal profumiere; per cui vedere i rispettivi titoli.
Quattordici chili della torta producono circa un grammo di olio essenziale.
In esperimenti con questa sostanza, bisogna ricordare con cura che è
estremamente velenoso e, quindi, è necessaria una grande cautela nella sua miscela con
sostanze usate come cosmetici, altrimenti potrebbero derivarne risultati pericolosi.
Ottone artificiale di mandorle. - Cinque o sei anni fa, il signor Mansfield, di Weybridge,
ottenne un brevetto per la produzione di otto di mandorle dal benzolo. (Il benzolo è
ottenuto dall'olio di catrame). Il suo apparato, secondo il rapporto delle giurie
dell'esposizione del 1851, è costituito da un grande tubo di vetro a forma di bobina, che
all'estremità superiore si divide in due tubi; ognuno dei quali è dotato di un imbuto. Un
flusso di acido nitrico scorre lentamente in uno degli imbuti e il benzolo nell'altro. Le
due sostanze si incontrano nel punto di unione dei tubi e si ottiene una combinazione con
l'evoluzione del calore. Come ilil composto appena formato scorre attraverso la bobina
diventa freddo e viene raccolto all'estremità inferiore; richiede quindi di essere lavato
con acqua e infine con una soluzione diluita di carbonato di sodio, per renderlo idoneo
all'uso. Il nitro-benzolo, che è il nome chimico di questo otto di mandorle artificiali, ha
un odore diverso dal vero otto di mandorle, ma può comunque essere usato per
profumare il sapone. Il signor Mansfield mi scrive sotto il gennaio 3d, 1855: - "Nel
1851, i signori Gosnell, della Three King Court, iniziarono a produrre questo profumo
con la mia licenza, e da ultimo ritirai la licenza da loro con il loro consenso, e da allora
quindi non è fatto di cui sono a conoscenza. " Tuttavia, è abbastanza comune a Parigi.
ANICE. -Il principio odoroso si ottiene distillando i semi della pianta Pimpinella
anisum ; il prodotto è l'olio di anice del commercio. Come si congela ad una temperatura
di circa 50 ° Fahr., È spesso adulterato con un po 'di spermaceti, per dare una certa
solidità ad esso, per cui altri oli essenziali più economici possono essere aggiunti ad esso
con meno possibilità di rilevamento. Poiché l'olio di anice è abbastanza solubile nello
spirito e gli spermaceti insolubili, la frode è facilmente rilevabile.
Questo profumo è straordinariamente forte ed è, quindi, ben adattato per la miscelazione
con sapone e per pomate profumate, ma non fa bene nei composti per uso fazzoletto.
BALSAMO , olio di balsamo, chiamato anche olio di Melissa, si ottiene distillando le
foglie del Melissa officinalis con acqua; viene dal rubinetto ancora con il
condensatovapore o acqua, da cui è separato con l'imbuto rubinetto. Ma è molto poco
usato in profumeria, se non la sua combinazione in Aqua di Argento .
BALSAMO. -In questo titolo ci sono due o tre sostanze usate in profumeria, come il
balsamo del Perù, il balsamo di Tolu e il balsamo dello storax (chiamato anche ambra
liquida). Il primo nome viene ottenuto dal Myroxylon peruiferum ; si trasuda dall'albero
quando viene ferito e si ottiene anche facendo bollire la corteccia e i rami
nell'acqua. Quest'ultimo è il metodo più comune per procurarselo. Ha un forte odore,
come il benzoino.
Il balsamo di Tolu scorre dal balsammico di Toluifera . Assomiglia alla resina comune
(colofonia); con il minimo calore, tuttavia, corre verso un liquido, come la melassa
marrone. L'odore di esso è particolarmente gradevole, e il fatto di essere solubile in
alcool costituisce una buona base per un bouquet, dando in questo senso una permanenza
di odore ad un profumo che la semplice soluzione di un olio non avrebbe. A questo
scopo tutti questi balsami sono molto utili, anche se non così tanto usati come potrebbero
essere.
" ULEX ha scoperto che il balsamo di Tolu è spesso adulterato con resina comune: per
rilevare questa adulterazione versa acido sulfurico sul balsamo e riscalda la miscela,
quando il balsamo si dissolve in un liquido rosso ciliegia, senza evolvere acido
solforoso, ma con la fuga dell'acido benzoico o cinnamico, se non è presente una resina
comune, al contrario, le schiume di balsamo, anneriscono e molto acido solforoso sono
liberate, se è adulterato con resina comune. "- Archives der Pharmacie .
Il balsamo di storax, comunemente chiamato styrax di gomma, si ottiene nello stesso
modo e possedendo simili le proprietà, con una leggera variazione di odore, sono
applicabili allo stesso modo di quanto sopra.
Sono tutti importati dal Sud America, dal Cile e dal Messico, dove gli alberi che li
producono sono autoctoni.
LA BAIA , olio di baia dolce, anche chiamata olio essenziale di bacche di alloro, è una
sostanza molto profumata, procurata dalla distillazione dalle bacche dell'alloro. Anche se
molto piacevole, non è molto usato.
BERGAMOTTO. -Questo profumo più utile è ottenuto dal Citrus Bergamia , espresso dalla
buccia del frutto. Ha un odore dolce e soffice, troppo noto per essere descritto
qui. Quando è nuovo e buono ha una tonalità giallo-verde, ma perde il suo verde per età,
soprattutto se conservato in bottiglie imperfezionatamente tappate. Diventa quindi
torbido dal deposito di materia resinosa, prodotto dal contatto dell'aria, e acquista un
odore di trementina.
Si conserva meglio in bottiglie ben tappate, conservate in una cantina fresca e al buio; la
luce, specialmente la luce diretta del sole, ne deteriora rapidamente l'odore.  Questa
osservazione può essere applicata, in effetti, a tutti i profumi, ad eccezione della rosa,
che non è così rovinata.
Quando il bergamotto è mescolato con altri oli essenziali, aumenta notevolmente la loro
ricchezza e conferisce una dolcezza agli olii speziati ottenibili in nessun altro modo, e
tali composti sono molto usati nei saponi più profumati. Mescolato con lo spirito
rettificato nelle proporzioni di circa quattro once di bergamotto in un gallone, forma ciò
che viene chiamato "estratto di bergamotto", e in questo stato viene usato per il
fazzoletto. Anche seben ricoperto di estratto di iris e altre materie, è l'ingrediente
principale di Bayley e Blew's Ess. Bouquet (vedi MAZZI ).
Stirace Benzoino.
BENZOINO , chiamato anche Benjamin. Questa è una sostanza molto utile per i
profumieri. Si trasuda dal benzoino Styrax ferendo l'albero e asciugandosi diventa una
dura resina gommosa. È principalmente importato dal Borneo, Java, Sumatra e Siam. Il
miglior tipo proviene da quest'ultimo luogo, e si chiamava Amygdaloides, a causa del
suo essere intervallato da diverse macchie bianche, che assomigliano a mandorle
spezzate. Quando riscaldati, questi granelli bianchi si alzano come un fumo, che si
condensa facilmente sulla carta. Il materiale così separato dal benzoino è chiamato fiori
di benzoino in commercio e dai chimici è chiamato acido benzoico. Ha tutto, o quasi,
l'odore della resina da cui deriva.
L'estratto, o tintura di benzoino, forma un bene base per un bouquet.[B] Come il balsamo
di Tolu, dà permanenza e corpo a un profumo fatto con un olio essenziale nello spirito.
Il consumo principale di benzoino è nella produzione di pastiglie (vedi PASTIGLIE ), e
per la preparazione di finte POMATE ALLA vaniglia (vedi POMATUM ).
CUMINO. -Questo principio odorifero è disegnato per distillazione dai semi del Carum
carui . Ha un odore molto gradevole, abbastanza familiare senza descrizione. È ben
adattato al profumo di sapone, per il quale è molto usato in Inghilterra, anche se
raramente se non sul continente; se dissolto in spirito può essere usato in combinazione
con olio di lavanda e bergamotto per la produzione di essenze economiche, in modo
simile ai chiodi di garofano (vedi CLOVES ). Se i semi di cumino sono macinati, sono
ben adattati per la miscelazione per formare una bustina in polvere (vedere BUSTINE ).
CASCARILLA. -La corteccia viene utilizzata nella formazione delle pastiglie e entra anche
nella composizione nota come Eau à Bruler , per profumare gli appartamenti, a cui ci
riferiamo.
La sola corteccia di questa pianta viene utilizzata dal profumiere di produzione e solo
nella fabbricazione delle pastiglie. Il graticcio di Cascarilla è tuttavia così fragrante che,
secondo Burnett, le sue foglie sono raccolte dal Corano del Capo di Buona Speranza
come un profumo, e sia il C. fragrans sia il C. fragilis sono odorosi. È necessario che i
profumieri, quindi,che sono alla ricerca di novità, per ottenere queste foglie e accertare il
risultato della loro distillazione.
I signori Herring and Co., alcuni anni fa, hanno estratto l'olio di cascarilla, ma è stato
offerto al commercio solo come una curiosità.
CASSIA. -L'olio essenziale di cassia si ottiene distillando la corteccia esterna della cassia
di Cinnamomum . 1 cwt della corteccia produce più di tre quarti di libbra di petrolio; ha
un colore giallo pallido; nell'odore ricorda molto la cannella, sebbene sia molto
inferiore. Viene principalmente utilizzato per profumare il sapone, in particolare quello
che viene chiamato "sapone militare", poiché è più aromatico o speziato di un odore
fiorito; non trova quindi spazio per l'uso del fazzoletto.
CASSIE.-
"Il corto narciso e giustamente narciso,viole del pensiero per compiacere la vista,
e cassie dolce per gonfiarsi."
Virgilio  DI DRYDEN .
Questo è uno di quei bei odori che entra nella composizione dei migliori mazzi di
fazzoletti.

Boccioli di fiori
di Acacia Farnesiana.
Quando ha un odore da solo, ha un intenso odore violetto, ed è piuttosto malaticcio
dolce.
È ottenuto per macerazione dall'Acacia farnesiana . Il grasso purificato viene sciolto, in
cui i fiori vengono lanciati e lasciati digerire per diverse ore; i fiori spesi vengono
rimossi e aggiunti freschi, otto o dieci volte, fino a quando si ottiene una sufficiente
ricchezza di profumo. Come molti fiori sono usati come il grasso coprirà, quando sono
messi in esso, in uno stato liquido.
Dopo essere stato filtrato, e la pomata è stata mantenuta ad un calore sufficiente solo per
mantenere la sua liquidità, tutte le impurità si placheranno stando in piedi per alcuni
giorni. Finalmente raffreddato, è la pomata del commercio. L' Huile de Cassie , o olio
grasso di cassia, viene preparato in modo simile, sostituendo l'olio di noce di oliva
egiziana, olio d'oliva o olio di mandorle, al posto della sugna. Entrambi questi preparati
sono ovviamente solo una soluzione del vero olio essenziale di fiori di cassia nel corpo
grasso neutro. L'Europa potrebbe in attesa di importare una simile pomata profumata
dall'Australia meridionale, derivata dal Wattle, una pianta appartenente allo stesso
genere della A. farnesiana.e che cresce rigogliosamente in Australia. Il grasso di
montone è a buon mercato, e il canniccio abbondante, un commercio proficuo può essere
anticipato nella cura dei fiori, ecc.
Per preparare l'estratto di cassie, prendi sei libbre di pomata n. 24 (migliore qualità), e
ponici sopra un gallone del miglior spirito rettificato, come inviato da Bowerbank, di
Bishopsgate. Dopo aver digerito per tre settimane o un mese, a una calura estiva, è
adatto per attingere dalla pomata e, se è buono, ha un bel colore verde e ricco di
fioriodore del fiore di cassia. Tutti gli estratti fatti da questo processo - macerazione , o,
come si può chiamare, infusione a freddo , danno un profumo più naturale dei fiori al
risultato, piuttosto che semplicemente dissolvendo l'olio essenziale (procurato dalla
distillazione) nello spirito; inoltre, dove l'odore del fiore esiste solo in quantità
minuscole, come nel caso presente, e con la viola, il gelsomino, ecc., è l'unico modo
pratico di procedere.
In questo, e in tutti gli altri casi simili, la pomata deve essere tagliata in pezzi molto
piccoli, dopo il modo domestico di "tagliare la carne", prima di essere infusa
nell'alcol. L'azione della miscela è semplicemente un cambiamento di luogo nella
materia odorosa, che lascia il corpo grasso per l'attrazione superiore, o affinità, come
dicono i chimici, degli spiriti del vino, in cui si dissolve liberamente.
La maggior parte dell'estratto può essere versata o tirata fuori dalla pomata senza
problemi, ma conserva comunque una porzione negli interstizi, che richiede tempo per
drenare via, e questo deve essere aiutato ponendo la pomata in un grande imbuto,
supportato da una bottiglia, al fine di raccogliere il resto. Infine, tutta la pomata, che ora
viene chiamata pomata lavata , deve essere messa in una scatola, che deve essere messa
in acqua calda, allo scopo di scioglierne il contenuto; quando la pomata diventa così
liquefatta, qualsiasi estratto che è ancora in essa sale in superficie e può essere scremato,
oppure quando la pomata diventa fredda può essere versata da essa.
La pomata lavata è conservata per l'uso nel fabbricazione di condimenti per i capelli, per
cui è estremamente adatto, a causa della purezza del grasso da cui è stato
originariamente preparato, ma più in particolare per una certa parte di odore che
conserva ancora; e se non fosse stato usato in questo modo, sarebbe consigliabile
metterlo per una seconda infusione nello spirito, e quindi un estratto più debole potrebbe
essere reso utile per articoli di prezzo inferiore.
Non posso lasciare Cassie senza raccomandarlo più in particolare alla notizia di
profumieri e farmacisti, come un articolo ben adattato allo scopo della produzione di
essenze per il fazzoletto e le pomate per i capelli. Una volta diluito con altri odori,
conferisce all'insieme una tale fragranza fiorita, che è l'ammirazione di tutti coloro che la
odorano, e non ha contribuito un po 'alla grande vendita che alcuni articoli proprietari
hanno raggiunto.
Avvertiamo l'inesperto di non confondere la cassia con la cassia, che ha un odore
totalmente diverso. Vedi POMATA ALL'ACACIA .
CEDAR WOOD trova di tanto in tanto un posto nel magazzino di un profumiere; quando è
a terra, fa bene a formare un corpo per la polvere bustina. Scivoli di legno di cedro sono
venduti come fiammiferi per lampade di illuminazione, perché mentre si sviluppa un
odore gradevole si evolve; alcune persone lo usano anche, in questa condizione,
distribuito tra i vestiti nei cassetti per "prevenire la falena". Alla distillazione produce un
olio essenziale che è estremamente profumato.
I signori Rigge and Co., di Londra, lo usano ampiamente per profumare il sapone.

LEGNO DI CEDRO DEL LIBANO . ( Per il fazzoletto. )

Otto di cedro, 1 oncia.


Spirito
1 pinta
rettificato,
Esprit rose trip, 1/4 pinta.

La tintura odora gradevolmente del legno, dal quale può essere facilmente preparato. Il
suo colore cremisi, tuttavia, vieta di essere utilizzato per il fazzoletto. Forma
un'eccellente tintura per i denti ed è la base del celebre dentifricio francese "eau Botot".
CEDRAT. -Questo profumo è ottenuto dalla scorza del frutto del cedro ( Citrus medica ),
sia per distillazione che per espressione; ha un odore di limone molto bello ed è molto
ammirato. Viene principalmente utilizzato nella produzione di essenze per il fazzoletto,
essendo troppo costoso per profumare grasso o sapone. Quello che viene chiamato
estratto di cedro si ottiene sciogliendo due once del suddetto olio essenziale di cedro in
una pinta di alcolici, a cui alcuni profumieri aggiungono mezza oncia di bergamotto.
CANNELLA. -Diverse specie della pianta Laurus cinnamomum producono la cannella e la
cassia del commercio. Si dice che il suo nome derivi dalla Cina Amomum , essendo la
corteccia una delle spezie più apprezzate dell'Oriente. I profumieri usano sia la corteccia
che l'olio, che si ottiene per distillazione da esso. La corteccia macinata entra nella
composizione di alcune pastiglie, polveri di denti e bustine. L'olio essenziale di cannella
viene principalmente portato in questo paese da Ceylon; è estremamente potente e
deveessere usato con parsimonia In tali composti come risposta di chiodi di garofano,
così sarà la cannella.
CITRON . Sulla distillazione dei fiori del Citrus medica , si ottiene un olio molto
profumato, che è una specie di neroli, ed è principalmente consumato dai produttori di
acqua di Colonia.
CITRONELLA. -Sotto questo nome c'è un olio nel mercato, principalmente derivato da
Ceylon e dalle Indie Orientali; la sua vera origine non siamo in grado di decidere; in
odore assomiglia un po 'al frutto di cedro, ma è molto inferiore. Probabilmente è
procurato da una delle erbe del genere Andropogon . Essendo economico, è ampiamente
usato per profumare il sapone. Quello che ora viene ampiamente venduto come sapone
"miele", è un sapone giallo fine leggermente profumato con questo olio. Alcuni lo usano
per profumare il grasso, ma non è molto ammirato in questo modo.
CHIODI DI GAROFANO . Ogni parte della pianta di chiodi di garofano ( Caryophyllus
aromaticus ) abbonda di olio aromatico, ma è la più fragrante e abbondante nel non
espansobocciolo di fiori, che sono i chiodi di garofano. I chiodi di garofano sono stati
introdotti nel mercato europeo per oltre 2000 anni. La pianta è originaria delle Molucche
e di altre isole nei mari della Cina. "Il raccolto annuale medio di chiodi di garofano",
dice Burnett, "è, da ciascun albero, 2 o 2-1 / 2 libbre., Ma un albero pregiato è noto per
produrre 125 libbre di questa spezia in una singola stagione, e come 5000 chiodi di
garofano pesano solo una sterlina, ci devono essere almeno 625.000 fiori su questo
singolo albero ".

Chiodo di garofano.
L'olio di chiodi di garofano può essere ottenuto per mezzo dell'espressione dei boccioli
di fiori freschi, ma il metodo usuale per procurarselo è la distillazione, che viene portata
in gran parte in questo paese. Pochi oli essenziali hanno un uso più ampio in profumeria
di quello dei chiodi di garofano; si combina bene con il grasso, il sapone e lo spirito e,
come si vedrà nelle ricette per i vari bouquet riportati qui di seguito, forma una
caratteristica principale in alcune delle più famose essenze di fazzoletti, Rondeletia,
Guard's Bouquet, ecc., e sarà trovato dove meno previsto. Per l'essenza di chiodi di
garofano, sciogliere olio di chiodi di garofano nella proporzione di due once di olio per
un litro di spirito.
DILL . I profumieri vengono a volte chiesto "acqua di aneto"; è, tuttavia, più un articolo
di un farmacista di un profumiere, in quanto è più utilizzato per le sue qualità medicinali
che per il suo odore, che, a proposito, è piuttosto piacevole che altro. Alcune donne
usano una miscela di mezza acqua di aneto e metà di acqua di rose, come un semplice
cosmetico, "per cancellare l'incarnato".
L'olio di aneto viene acquistato inviando il frutta schiacciata di aneto ( Anethum
graveolens ) con acqua a distillazione. L'olio galleggia sulla superficie del distillato, dal
quale è separato dall'imbuto nel modo consueto; dopo la separazione dell'olio, l'acqua è
in vendita. L'olio di aneto può essere usato con vantaggio, se in piccole proporzioni, e
mescolato con altri oli, per profumare il sapone.
EGLANTINE , o SWEET BRIAR , nonostante quello che dice il poeta Robert Noyes-
"Nelle produzioni di fragranze,superando i cedri o i campi speziati"
non trova posto nella "stanza dei profumi" del profumiere eccetto che nel nome. Questo,
come molte altre piante profumate, non ripaga il lavoro di raccogliere il suo odore. La
parte fragrante di questa pianta viene distrutta più o meno sotto ogni trattamento a cui
viene sottoposta e quindi viene scartata. Poiché, tuttavia, l'articolo è richiesto dal
pubblico, una specie di frode viene praticata su di loro, imitandolo così:

IMITAZIONE EGLANTINA, O ESSENZA DI SWEET BRIAR.

Estratto di estratto di pomata rosa


1 pinta
francese,
     "" Cassie, 1/4 "
     "" fleur d'orange, 1/4 "
Esprit de rose, 1/4 "
Olio di neroli, 1/2 dracma.
Olio di citronella (olio di verbena), 1/2 "

ELDER ( Sambucus nigra ) .- L'unica preparazione di questa pianta per la sua qualità


odorosa usata dal profumiere è l'acqua di fiori di sambuco. Per prepararlo, prendinove
libbre di fiori di sambuco, libere dal gambo, e introdurle nell'ancora con quattro litri
d'acqua; i primi tre galloni che vengono sopra è tutto ciò che è necessario preservare per
l'uso; un'oncia di spirito rettificato dovrebbe essere aggiunta a ogni gallone di "acqua"
distillata, e una volta imbottigliata è pronta per la vendita. Altre preparazioni di fiori di
sambuco sono fatte, come latte di sambuco, estratto di sambuco, ecc., Che si troverà al
loro posto sotto Cosmetici. Due o tre nuovi materiali realizzati con questo fiore saranno
anche indicati qui di seguito, che probabilmente incontreranno una vendita molto grande
a causa delle rinomate qualità di raffreddamento degli ingredienti; di questi
chiameremmo più attenzione alla crema fredda di fiori di sambuco e all'olio di sambuco
per i capelli.
Le preparazioni di fiori di sambuco, se fatte secondo le Farmacopie, sono perfettamente
inutili, poiché le forme ivi contenute mostrano una totale mancanza di conoscenza delle
proprietà dei materiali impiegati.
FINOCCHIO ( Fœniculum vulgare ) .- L'erba di finocchio essiccata, quando è macinata,
entra nella composizione di alcune polveri per bustine. L'olio di finocchio, in
combinazione con altri oli aromatici, può essere usato per profumare il sapone. È
procurabile per distillazione.
BANDIERA ( DOLCE ) ( Acorus calamus ) .- Le radici, o rizoma, della bandiera dolce,
rendono per distillazione un olio dall'odore gradevole; 1 cwt del rizoma produrrà così un
chilo di olio. Può essere utilizzato secondo il piacere del produttore in grasso profumato,
sapone o estratti, ma richiede altri oli dolci per nascondere la sua origine.
GERANIO ( Pelargonium odoratissimum , geranio a foglie di rosa) .- Le foglie di questa
pianta producono per distillazione un olio dall'odore rosato molto gradevole, tanto
somigliante a un vero otto di rosa, che è usato molto estesamente per l'adulterazione di
quel prezioso olio, ed è cresciuto molto in gran parte per quello scopo espresso. Viene
principalmente coltivato nel sud della Francia e in Turchia (dai coltivatori di rose). Nel
dipartimento di Seine-et-Oise, a Montfort-Lamaury, in Francia, si possono vedere
crescere centinaia di acri. 1 cwt di foglie produrrà circa due once di olio
essenziale. Usato per adulterare otto di rosa, è a sua volta adulterato con olio di zenzero
( Andropogon), e quindi in precedenza era molto difficile procurarsi genuini; a causa
della maggiore coltivazione della pianta, ora è, tuttavia, facilmente procurato
puro. Alcuni campioni sono di colore verdastro, altri quasi bianchi, ma preferiamo quello
di un colore brunastro.
Quando si dissolve in spirito rettificato, nella proporzione di circa sei once al gallone,
forma "l'estratto di geranio a foglia di rosa" dei negozi. È necessaria una parola o due
sull'olio di geranio, poiché si crea molta confusione rispettandola, in conseguenza del
fatto che esiste un olio sotto il nome di geranio, ma che in realtà è
derivatodall'Andropogon nardus , coltivato nelle Molucche. Questo detto olio di
andropogon (geranio!) Può essere usato per adulterare il vero geranio, e quindi
supponiamo che la sua nomenclatura nei mercati della droga. Il genuino olio di geranio a
foglie di rosa recupera circa 6 s. per oncia, mentre l'olio di andropogon non vale più di
quellosomma per libbra. E possiamo osservare qui, che gli oli essenziali profumati sono
acquistati al meglio attraverso i profumieri all'ingrosso, poiché dalla natura del loro
commercio hanno una migliore conoscenza e mezzi per ottenere l'articolo reale rispetto
al mediatore di droga. A causa del gradevole odore del vero olio di geranio a foglia di
rosa, è un prezioso articolo per profumare molti materiali e sembra dare al pubblico
grandi soddisfazioni.
ELIOTROPIO. -Ogni per macerazione o enfleurage con grasso chiarificato, possiamo
ottenere questo odore fine dai fiori del Heliotrope Peruvianum o H.
grandiflorum. Squisito come l'odore di questa pianta è, al momento non è applicato per
l'uso dal profumiere di fabbricazione. Questo pensiamo piuttosto un fatto singolare,
soprattutto perché il profumo è potente e i fiori abbondanti. Vorremmo sapere di alcuni
esperimenti che sono stati provati con questa pianta per procurarsi il suo odore in questo
paese, e per questo scopo ora suggerisco la modalità di funzionamento che molto
probabilmente porterà a risultati positivi. Per una piccola prova in prima istanza, che può
essere gestita da chiunque abbia la corsa di un giardino, diremo, procuriamo una comune
pentola per colle ora in uso comune, che scioglie il materiale con l'ebollizione
dell'acqua; in effetti è un bagno d'acqua, in un linguaggio chimico, capace di contenere
una libbra o più di grasso fuso. Nella stagione in cui i fiori sono in fiore, ottieni mezzo
chilo di carne di montone fine,questa operazione granula e lava via il sangue e la
membrana. Per iniziare con un grasso perfettamente profumato, il processo di fusione e
granulazione può essere ripetuto tre o quattro volte; alla fine, lavati il grasso e gettalo in
una padella per liberarlo dall'acqua aderente.
Ora metti il sugna chiarificato nel recipiente di macerazione e mettilo in una posizione
simile vicino al fuoco della serra, o altrove che lo mantenga abbastanza caldo da essere
liquido; nel grasso getta quanti più fiori che puoi e li lasci riposare per ventiquattro
ore; in questo momento filtrare il grasso dai fiori spesi e aggiungere quelli
freschi; ripetiamo questa operazione per una settimana: ci aspettiamo che alla fine il
grasso sia diventato molto profumato, e quando il freddo può essere giustamente
definito Pomade à la Heliotrope .
La pomata fredda tagliata a pezzetti, come la sugna per un budino, deve ora essere messa
in una bottiglia a bocca larga e ricoperta di alcolici altamente rettificati che possono
essere ottenuti e lasciati digerire per una settimana o più; lo spirito poi teso sarà
altamente profumato; in realtà sarà estratto di eliotropio , un delizioso profumo per il
fazzoletto. La logica dell'operazione è abbastanza semplice: il corpo grasso ha una forte
affinità o attrazione per il corpo odoroso, o olio essenziale dei fiori, e quindi lo assorbe
per contatto e diventa esso stesso profumato. Nella seconda operazione, lo spirito ha una
maggiore attrazione per il principio fragrante rispetto alla materia grassa; il primo,
quindi, diventa profumato a spesedi quest'ultimo. Lo stesso esperimento può essere
ripetuto con olio di mandorle sostituito per il grasso.
L'esperimento qui accennato, può essere variato con qualsiasi fiore che ci sia da
risparmiare; infatti, avendo il bagno macerante più grande di quello sopra menzionato,
un'eccellente pomata millefleur e l'essenza potrebbero essere prodotte da ogni
conservatorio del regno, e così potremmo ricevere un altro godimento dalla coltivazione
dei fiori oltre la loro bellezza di forma e colore.
Speriamo che quelli dei nostri lettori che si sentono inclini a provare esperimenti di
questa natura non saranno scoraggiati dicendo "non valgono la pena". Va ricordato, che
le essenze finissime si realizzano nei magazzini di profumeria di Londra 16 s. per mezzo
litro di 16 once, e quelle pomate fiorite e profumate vanno a prendere la stessa somma
per libbra. Se gli esperimenti hanno successo, dovrebbero essere pubblicati, poiché
potremmo sperare di stabilire una nuova e importante produzione in questo paese. Ma
stiamo divagando.
L'odore di eliotropio ricorda una miscela di mandorle e vaniglia, ed è ben imitato così:

ESTRATTO DI ELIOTROPIO.

Estratto di estratto di vaniglia, 1/2 pinta.


     "" Pomatum alla rosa 1/4 "
francese,
     "" pomatum ai fiori d'arancio, 2 once
     "" ambra grigia, 1 oncia.
Olio essenziale di mandorle, 5 gocce

Una preparazione fatta in questo modo sotto il nome di Extract de Heliotrope è quello


che viene venduto nei negozi di Parigi e Londra, ed è davvero un profumo molto bello,
passando bene con il pubblico per un vero estratto di eliotropio.
HONEYSUCKLE o WOODBINE : -
"Copioso di fiori, la pallida, pallida e pallida,ma compensa bene i suoi sguardi
malaticcicon odori mai stucchevoli."
Ciò che dice il poeta Cowper qui è del tutto vero; tuttavia, è un fiore che non viene usato
nella pratica della profumeria, anche se non vi è alcun motivo per abbandonarlo. Gli
esperimenti suggeriti per ottenere l'odore di Eliotropio e Millefleur (mille fiori) sono
applicabili anche a questo, come anche a Biancospino. Una buona IMITAZIONE DI
HONEYSUCKLE è fatta così: -
Estratto spiritoso di pomata rosa, 1 pinta
       "" viola " 1"
        "" tubereuse " 1"
Estratto di vaniglia, 1/4 "
      "Tolu, 1/4 "
Otto neroli, 10 gocce.
   " mandorle, 5"

Il costo principale di un profumo prodotto in questo modo sarebbe probabilmente troppo


alto per soddisfare la domanda di un farmacista al dettaglio; in questi casi può essere
diluito con spirito rettificato nella misura in cui "per farlo pagare" e sarà ancora un buon
profumo. La formula generalmente qui indicata per gli odori è in previsione che quando
imbottigliati saranno venduti al dettaglio per almeno diciotto-pencel'oncia fluida! che è il
prezzo medio messo sulla profumeria più fine dai produttori di Londra e Parigi.
HOVENIA. Un profumo con questo nome è venduto in misura limitata, ma se non avesse
un odore migliore della pianta Hovenia dulcis o H. inequalis , originario del Giappone,
non venderebbe affatto. L'articolo sul mercato è fatto così: -
Spirito rettificato, 1 quarto.
Acqua di rose, 1/2 pinta.
Limoni di Otto, 1/2 oz.
Otto di rosa, 1 dracma.
    " Chiodi di
1/2 "
garofano,
    "neroli, 10 gocce.

Per prima cosa dissolvi gli ottos nello spirito, quindi aggiungi l'acqua di rose. Dopo la
filtrazione è pronto per la vendita. Quando composti di questo tipo non diventano
brillanti passando attraverso la carta assorbente, l'aggiunta di un po 'di carbonato di
magnesia prima del filtraggio li cancella in modo efficace. L'acqua nella ricetta di cui
sopra viene aggiunta solo affinché l'articolo prodotto possa essere venduto al dettaglio a
un prezzo moderato e, naturalmente, sarebbe meglio senza quell'amico universale.
GELSOMINO. -
"Lussureggiante soprattutto,il gelsomino che spalanca i suoi eleganti dolci."
Questo fiore è uno dei più apprezzati dal profumiere. Il suo odore è delicato e dolce, e
così peculiare che non ha paragone, e come tale non può essere imitato. Quando i fiori
del Jasminum odoratissimumvengono distillati, ripetutamente usando l'acqua di
distillazione sopra i fiori freschi, si può ottenere l'olio essenziale di gelsomino. È,
tuttavia, estremamente raro, a causa degli enormi costi di produzione. C'era un bel
campione di sei once esposto nel dipartimento tunisino del Crystal Palace, il cui prezzo
era di 9 l. l'oncia fluida! La pianta è il Yasmyn degli arabi, da cui deriva il nostro nome.
Nel laboratorio del profumiere, il metodo per ottenere l'odore è per assorbimento o,
come il termine francese, per enfleurage ; cioè, stendendo su un vassoio di vetro una
miscela di strutto e strutto puro, e incollandovi sopra i fiori appena raccolti, lasciandoli
riposare un giorno o più, e ripetendo l'operazione con fiori freschi, il grasso assorbe
l'odore . Infine, la pomata viene raschiata via dal vetro o dall'ardesia, sciolta alla
temperatura più bassa possibile e tesa.
Anche gli oli fortemente impregnati con la fragranza vengono preparati allo stesso
modo. Strati di cotone idrofilo, precedentemente immersi nell'olio di ben (ottenuto per
pressione dalle noci sbollentate della Moringa oleifera ) sono ricoperti di fiori di
gelsomino, che si ripete più volte; infine, i panni di cotone o di lino usati da alcuni
profumieri vengono spremuti sotto una pressa. L'olio di gelsomino così prodotto è
l' antico gelsomino Huile delle case francesi.
L '"estratto di gelsomino" è preparato versando lo spirito rettificato sulla pomata di
gelsomino o olio, e permettendo loro di rimanere insieme per due settimane al caldo
estivo. L'estratto di migliore qualità richiede due chili di pomatum per ogni litro di
spirito. Lo stesso può essere fatto con l'olio di gelsomino. Se si usa la pomata, bisogna
prima tagliarla bene per essere messa nello spirito; se l'olio è usato, deve essere agitato
bene insieme ogni due o più ore, altrimenti, a causa della sua gravità specifica, l'olio si
separa, ma una piccola superficie è esposta allo spirito. Dopo che l'estratto è stato
filtrato, la pomata "lavata" o olio è ancora utile, se rifusa, nella composizione della
pomata per i capelli, e dà più soddisfazione ad un cliente rispetto a qualsiasi "crema e
balsamo", ecc. & c., confezionato e profumato con olii essenziali; l'uno odora del fiore,
l'altro "un anonimo".
Gelsomino.
L'estratto di gelsomino entra nella composizione di un gran numero di profumi
fazzoletto più approvati venduti dai profumieri inglesi e francesi. L'estratto di gelsomino
viene venduto per il fazzoletto spesso puro, ma è uno di quei profumi che, seppur molto
gratificanti in un primo momento, diventa quello che la gente chiama "malaticcio" dopo
l'esposizione all'influenza ossidante dell'aria, ma se giudiziosamente mescolato con altri
profumi di un personaggio opposto è sicuro di soddisfare il cliente più esigente.
JONQUIL . - Il profumo del giunchiglia è molto bello; per scopi di profumeria è tuttavia
poco coltivato rispetto al gelsomino e alla tuberosa. È preparato esattamente come il
gelsomino. I profumieri parigini vendono una miscela che chiamano "estratto di
giunchiglia". La pianta, tuttavia, interpreta solo la parte di un padrino per la prole,
dandole il suo nome. Il cosiddetto jonquil è fatto così: -
Estratto spiritoso di pomata di
1 pinta
gelsomino,
          "" tubereuse " 1"
          "" fleur d'orange, 1/2 "
Estratto di vaniglia, 2 once fluide.

LAUREL . -Da distillazione dalle bacche dei Laurus nobilis e dalle foglie del Laurus
cerasus , un olio e acqua profumata sono procurabili di un carattere molto bello e
fragrante. Commercialmente, tuttavia, non viene preso in considerazione, poiché dalla
somiglianza dell'odore all'olio distillato dalla mandorla amara, è raramente, se non mai,
usato dal profumiere, quest'ultimo essendo più economico.
LAVANDA . Il clima dell'Inghilterra sembra essere meglio adattato per il perfetto
sviluppo di questobuon vecchio profumo preferito di qualsiasi altro al mondo. "Gli
antichi", dice Burnett, "impiegavano i fiori e le foglie per aromatizzare i loro bagni e per
dare un profumo dolce all'acqua in cui si lavavano, da qui il nome generico della
pianta, Lavandula ".
La lavanda è cresciuta in misura enorme a Mitcham, nel Surrey, che è la sede della sua
produzione, dal punto di vista commerciale. Anche in Francia si producono quantità
molto elevate, ma l'odore fine dei prodotti britannici realizza sul mercato quattro volte il
prezzo di quello della crescita continentale. Burnett dice che l'olio di Lavandula spica è
più piacevole di quello derivato dalle altre specie, ma questa affermazione non deve
indurre l'acquirente a comprare la spiga di lavanda francese, poiché non vale un decimo
di quella derivata dalla Lavandulæ veræ . Il mezzo peso di buoni fiori di lavanda cede,
per distillazione, da 14 a 16 once. di olio essenziale.
Tutte le descrizioni inferiori dell'olio di lavanda sono usate per profumare saponi e
grassi; ma il meglio, quello ottenuto dalla lavanda Mitcham, è interamente utilizzato
nella produzione di quella che viene chiamata acqua di lavanda, ma che, più
propriamente, dovrebbe essere chiamata essenza o estratto di lavanda, per essere in linea
con la nomenclatura delle altre essenze preparate con spirito
Il numero di formule pubblicate per fare un profumo liquido di lavanda è quasi infinito,
ma l'insieme di esse può essere risolto in essenza di lavanda, semplice; essenza di
lavanda, composto; e acqua di lavanda.
Esistono due metodi per creare l'essenza di lavanda: -1. Distillando una miscela di olio
essenziale di lavanda e spirito rettificato; e l'altro-2. Semplicemente mescolando l'olio e
lo spirito insieme.
Il primo processo produce la migliore qualità: è quello adottato dalla ditta Smyth and
Nephew, la cui reputazione per questo articolo è tale da conferire un buon carattere nei
mercati esteri, in particolare in India, a tutti i prodotti di lavanda di manifattura
inglese . L'essenza di lavanda, quella che è fatta dall'ancora, è abbastanza bianca, mentre
quella per miscela ha sempre una tinta giallastra, che per età diventa più scura e resinosa.

LA LAVANDA DI SMYTH.

Per produrre un distillato molto fine, prendi


Otto di lavanda inglese, 4 once.
Spirito rettificato (60 over
5 pinte
proof),
Acqua di rose, 1 pinta

Mescola e distilla cinque pinte in vendita. Tale essenza di lavanda è costosa, ma a


10 s. una pinta di 14 once! c'è un margine di profitto. Non essendo conveniente per il
commerciante generale vendere essenza di lavanda distillata, la seguente forma, per
miscela, produrrà un articolo di prim'ordine, e quasi bianco come sopra.

ESSENZA DI LAVANDA.
Otto di lavanda, 3-1 / 2 oz.
Spirito
2 quarti.
rettificato,

Il prezzo al dettaglio del profumiere per tale qualità è di 8 secondi. per pinta di 14 once.
Molti profumieri e droghieri nel produrre acqua o essenza di lavanda usano una piccola
porzione di bergamotto, con l'idea di migliorarne la qualità - un parere molto
errato; inoltre, tale lavanda si scolora rapidamente.

ACQUA DI LAVANDA -Prendere:

Olio di lavanda
4 once.
inglese,
Spirito, 3 quarti.
Acqua di rose, 1 pinta

Filtra come sopra, ed è pronto per la vendita.


ACQUA DI LAVANDA COMUNE. -Come forma come sopra, sostituendo la lavanda francese
per gli inglesi.
Le ricette per Rondeletia, Mazzo di lavanda e altri composti di lavanda verranno date
quando veniamo a parlare di profumi composti, che saranno riservati fino a quando non
avremo finito di spiegare il metodo per preparare le essenze semplici.
LIMONE. -Questo fine profumo è estratto dal Limone del Citrus , per espressione, dalla
scorza del frutto. L'otto di limoni nel mercato proviene principalmente da Messina, dove
ci sono centinaia di ettari di "limoneti". Otto di limoni, come tutti gli ottos della famiglia
Citrus, è rapidamente incline all'ossidazione a contatto con l'aria e l'esposizione alla
luce; anche l'alta temperatura è dannosa e, come tale, dovrebbe essere conservata in una
fresca cantina. La maggior parte dei campioni dei ripiani riscaldati a gas delle drogherie
sono tanto simili all'essenza di trementina, all'odore, come quello dei limoni; l'olio
rancido di limoni può, in grande misura, essere purificatoper agitazione con acqua calda
e decantazione finale. Quando è nuovo e buono, il limone otto può essere usato
liberamente in combinazione con rosmarino, chiodi di garofano e carvi, per profumare le
polveri per il vivaio. Dalla sua rapida ossidazione, non dovrebbe essere usato per
profumare il grasso, in quanto aiuta piuttosto che altrimenti tutti i grassi a diventare
rancidi; quindi pomate così profumate non staranno bene. Nella produzione di altri
profumi composti, dovrebbe essere sciolto nello spirito, nella proporzione di 6-8 once di
olio per un litro di spirito. C'è un grande consumo di otto di limoni nella produzione di
Eau de Cologne; che Farina lo utilizza è facilmente individuabile aggiungendo alcune
gocce di Liq. Ammonie fort. a mezzo oncia della sua Eau de Cologne, l'odore del limone
viene così esaltato in maniera notevole.
Forse non è fuori luogo qui osservare, che nel tentativo di scoprire la composizione di
certi profumi, siamo molto aiutati dall'uso del Liq forte. Ammoniæ. Alcuni degli olii
essenziali che si combinano con l'ammoniaca permettono a quelli che non lo fanno, se
presenti nel composto, di essere odorati.
CITRONELLA. -Secondo Pereira, l'otto nel mercato sotto questo nome
deriva dall'Andropogon schœnanthus una specie di erba che cresce abbondantemente in
India. Viene coltivato in larga misura a Ceylon e nelle Molucche appositamente per
l'otto, che dalla pianta viene facilmente procurato per distillazione. Lemon grass otto, o,
come viene talvolta chiamato, olio di verbena, a causa della sua somiglianza di odore per
quella pianta preferita, viene importato in questo paese in vecchie porter inglesi e
bottiglie robuste. È molto potente, ben adattato per profumare saponi e grassi, ma il suo
consumo principale è nella produzione di essenza artificiale di verbena. Dal suo prezzo
relativamente basso, dalla grande forza e dal profumo fine (se diluito), la citronella otto
può essere molto più utilizzata di adesso, con un vantaggio considerevole per il
negoziante al dettaglio.
LILLA . -LA fragranza dei fiori di questo arbusto ornamentale è ben nota. L'essenza di
lillà è ottenuta sia con il processo di macerazione, sia con l'enfleurage con grasso, e
successivamente trattando la pomata così formata con spirito rettificato, nello stesso
modo descritto in precedenza per la cassia; l'odore tanto somiglia al tubereuse, da essere
frequentemente usato per adulterare quest'ultimo, la richiesta di tubereuse è sempre
maggiore della fornitura. Una bella IMITAZIONE DI ESSENZA DI LILLÀ BIANCOpuò essere
composta in questo modo:
Estratto spiritoso da pomata
1 pinta
tubereuse,
    "di pomata di fiori d'arancio, 1/4 "
Otto di mandorle, 3 gocce.
Estratto di zibetto, 1/2 oz.

Lo zibetto è usato solo per dare permanenza al profumo del fazzoletto.


LILY . - Il profumiere manifatturiero rifiuta il consiglio dello scrittore ispirato, di
"considerare i gigli del campo". Ricchi come sono nell'odore, non sono coltivati per il
loro profumo. Se i gigli sono gettati dentroolio di mandorle dolci, o ben olio, gli danno il
loro profumo dolce; ma per ottenere qualcosa come la fragranza, l'infusione deve essere
ripetuta una dozzina di volte con lo stesso olio, usando fiori freschi per ogni infusione,
dopo un giorno di riposo. L'olio viene scosso con una pari quantità di spirito per una
settimana, cede il suo odore all'alcol, e così si può fare l' estratto di gigli . Ma
come è fatto è così: -

IMITAZIONE "LILY OF THE VALLEY".

Estratto di
1/2 pinta.
tubereuse,
   "gelsomino, 1 oncia.
   "fleur d'orange, 2 once
   " vaniglia, 3 once
   "cassie, 1/4 pinta.
   " rosa, 1/4 "
Otto di mandorle, 3 gocce.

Mantieni insieme questa miscela per un mese, quindi imbottigliala per la vendita. È un
profumo che è molto ammirato.
MAZZA. -La sabbia macinata viene utilizzata nella produzione di alcune di quelle polveri
profumate chiamate Sacchetti. Un olio essenziale dall'odore forte può essere ottenuto da
esso per distillazione, ma è usato raramente.
MAGNOLIA. -Il profumo di questo fiore è superbo; in pratica, tuttavia, è di scarsa utilità
per il produttore, le grandi dimensioni dei fiori e la loro relativa scarsità ne impediscono
l'uso, ma un'imitazione molto eccellente del suo odore è fatta come sotto, ed è ciò che si
trova nei profumieri 'negozi di Londra e Parigi.

IMITAZIONE "ESSENZA DI MAGNOLIA".

Estratto di estratto di pomata di fiori


1 pinta
d'arancio,
      "" pomata rosa, 2 pinte
      "" tubereuse pomatum, 1/2 pinta.
      "" pomata viola, 1/2 "
Olio essenziale di cedro, 3 drs.
      " " mandorle, 10 gocce.

MAGGIORANA . - L'otto procurato distillando l' Origanum majorana , comunemente


chiamato olio di oringeat dai francesi, è estremamente potente, e sotto questo aspetto
ricorda tutti gli ottos delle diverse specie di timo, di cui la maggiorana è una.  Un
centinaio di chili di erba secca fruttano circa dieci once di otto. L'olio di oringeat è
ampiamente usato per profumare il sapone, ma più in Francia che in Inghilterra. È
l'ingrediente principale usato da Gelle Frères, di Parigi, per profumare il loro "Tablet
Monstre Soap", così comune nei negozi di Londra.
MEADOW Sweet. -Un otto profumato può essere prodotto distillando la Spiræa ulmaria ,
ma non viene usato dai profumieri.
MELISSA . Vedi BALSAMO .
MIGNONETTE. -Ma per l'odore squisito di questo piccolo fiore, non si saprebbe se non
come un'erbaccia. Dolce com'è nel suo stato naturale e prolifico nell'odore, non siamo in
grado di mantenere il suo odore caratteristico come essenza. Come molti altri, durante la
separazione dalla pianta, la fragranza è più o meno modificata; sebbene non perfetto,
ricorda ancora il senso dell'odore dei fiori. Per dargli quella dolcezza che sembra volere,
auna certa quantità di violetto viene aggiunta per portarlo all'odore del mercato.
Poiché questa pianta è così molto prolifica in odore, pensiamo che si potrebbe fare
qualcosa in Inghilterra, specialmente perché fiorisce in questo paese come in Francia; e
desideriamo vedere le Flower Farms e le Perfumatori organizzate nelle Isole
Britanniche, per l'estrazione di essenze e la produzione di pomate e oli, di fiori come
quelli indigeni o che prosperano nei campi aperti del nostro paese. Oltre ad aprire un
nuovo campo imprenditoriale e buoni investimenti per il capitale, darebbe un impiego
salutare a molte donne e bambini. Il lavoro all'aria aperta per i giovani non ha alcuna
importanza per mantenere la resistenza della generazione futura; perché non si può
negare che il nostro sistema di fabbrica e le città confinate sono pregiudizievoli per le
condizioni fisiche della famiglia umana.
Per tornare dalla nostra digressione. L'essenza di Mignonette, o, come viene più spesso
venduto con il nome di Extrait de Rézéda, viene preparata infondendo la pomata rézéda
in spirito rettificato, nella proporzione di un chilo di pomata a una pinta di spirito,
permettendo loro di digerire insieme per una quindicina di giorni, quando l'essenza viene
filtrata dalla pomata. Un'oncia di extrait d'ambré viene aggiunta a ogni pinta. Questo è
fatto per dare permanenza all'odore sul fazzoletto e non altera in alcun modo il suo
odore.
MIRIBANE. -Il nome francese per l'essenza artificiale di mandorla (vedi MANDORLA ).
MENTA. -Tutti i Menthidæ producono ottos fragranti di distillazione. L'otto della spear-
mint ( M. viridis ) è estremamente potente e molto prezioso per profumare il sapone, in
combinazione con altri profumi. I profumieri usano gli ottos della zecca nella
fabbricazione di detersivi e liquidi dentali. L'ingrediente principale della famosa "eau
Botot" è l'olio di menta piperita in alcool. Una buona imitazione può essere fatta così:

EAU DE BOTOT.

Tintura di legno di cedro, 1 pinta


     "mirra, 1 oncia.
Olio di menta piperita, 1/2 dr.
   "spear mint, 1/4 dr.
    " Chiodi di garofano, 10 gocce.
    " Rose, 10 "

Le modifiche di questa formula possono essere prontamente suggerite, ma l'obiettivo


principale è quello di conservare i pezzi di menta, poiché hanno più potere di qualsiasi
altro aromatico per superare l'odore del tabacco. I lavaggi della bocca, va ricordato, sono
tanto usati per il risciacquo della bocca dopo il fumo che per un dentifricio.
MIRTO . Un otto profumatissimo può essere procurato distillando sia i fiori che le foglie
del mirto comune; un centinaio di peso produrrà circa cinque once di olio volatile. La
richiesta di essenza di mirto è molto limitata, l'odore che si trova nei negozi di
profumieri è molto raramente un articolo genuino, ma è così imitato:
IMITAZIONE DI ESSENZA DI MIRTO.

Estratto di vaniglia, 1/2 pinta.


     " Rose 1"
Estratto di fleur
1/2 pinta.
d'orange,
     "tubereuse, 1/2 "
     "gelsomino, 2 once

Mescolare e lasciare riposare per una quindicina di giorni: è quindi adatto


all'imbottigliamento ed è un profumo che regala grandi soddisfazioni.
L'acqua di mirto è venduta in Francia con il nome di eau d'ange e può essere preparata
come rosa, sambuco o altre acque fiorite.
NEROLI O FIORI D'ARANCIO. -Due aromi distinti sono procurabili dal fiore d'arancio,
variando secondo i metodi adottati per procurarseli. Questa differenza di profumo dallo
stesso fiore è un grande vantaggio per il produttore. Questo fatto curioso è degno di
indagine dal filosofo chimico. Non è peculiare del fiore d'arancio, ma si applica a molti
altri, in particolare alla rosa, probabilmente a tutti i fiori.
Quando i fiori d'arancio vengono trattati con il processo di macerazione, cioè mediante
infusione in un corpo grasso, otteniamo pomata di fiori d'arancio, la cui forza e qualità
sono regolate dal numero di infusi del fiore fatto nello stesso grasso.
Digestando questa pomata di fiori d'arancio in spiriti rettificati nelle proporzioni da sei
libbre a otto libbre di pomata a un gallone di spirito, per circa due settimane a una calura
estiva, otteniamo l'extrait de fleur d'orange, o estratto di fiori d'arancio, un profumo di
fazzoletto superato da nessuno. In questo stato il suo odore assomiglia tanto all'originale,
che con gli occhi chiusi il miglior giudice non riusciva a distinguere il profumo
dell'estratto da quello del fiore. Il particolarel'odore floreale di questo estratto lo rende
prezioso per i profumieri, non solo per vendere allo stato puro, ma leggermente
modificato con altri passaggi extra per "pisello dolce", "magnolia", ecc., che assomiglia
leggermente alla fragranza.
Arancia.
Ora, quando i fiori d'arancio vengono distillati con acqua, procuriamo l'otto del fiore, che
è conosciuto commercialmente come olio di neroli. Il neroli procurato dai fiori del Citrus
aurantium è considerato la migliore qualità e viene chiamato "neroli petale". La qualità
successiva, "neroli bigarade", deriva dai fiori del Citrus bigaradia , o arancia di
Siviglia. Un'altra qualità, che è considerata inferiore alla precedente, è il neroli petit
grain,ottenuto distillando le foglie e il frutto giovane acerbo delle diverse specie di
agrumi.
Il "petalo" e il "bigarade" neroli sono utilizzati in misura enorme nella fabbricazione di
eau de Cologne e altri profumi di fazzoletti. Il petit grain viene principalmente
consumato per profumare il sapone. Per formare l'esprit de neroli, sciogliere 1-1 / 2
oz. di neroli petale in un gallone di spiriti rettificati. Benché molto gradevole e
ampiamente utilizzato nella produzione di bouquet, non ha alcuna relazione con l'odore
floreale dell'extra de fleur d'orange, derivato dagli stessi fiori dalla macerazione;  infatti,
ha un odore tanto diverso da quello ottenuto da un'altra pianta, ma in teoria entrambi
questi extra sono solo soluzioni alcoliche dell'otto del fiore.
L'acqua utilizzata per la distillazione nell'acquisto dei neroli, quando è ben liberata
dall'olio, viene importata in questo paese con il nome di eau de fleur d'orange, e può
essere usata, come il fiore di sambuco e l'acqua di rose, per la pelle e come una lozione
per gli occhi. È notevole per la sua fragranza fine, ed è stupefacente che non sia più
usato, essendo di prezzo moderato. (Vedi Syringa .)
NOCE MOSCATA . Il meraviglioso odore della noce moscata è familiare a tutti. Anche se
si può trarre un otto da un personaggio molto profumato, raramente viene usato in
profumeria. Le noci macinate sono, tuttavia, utilizzate vantaggiosamente nelle
combinazioni di polveri profumate usate per sacchetti di profumo. Vedi "Polveri di
Sachet".
L'OLIBANO è una resina gommosa, usata in misura limitata in questo paese, nella
fabbricazione di incenso e pastiglie. È principalmente interessante come uno diquei corpi
odoriferi di cui si fa frequente menzione nel Santo volume. [C]
"Si crede," dice Burnett, "di essere stato uno degli ingredienti nel dolce incenso degli
ebrei, ed è ancora bruciato come incenso nelle chiese greche e romane, dove la
diffusione di tali odori attorno all'altare forma un parte del servizio religioso prescritto. "
L'olibano è parzialmente solubile in alcool e, come la maggior parte dei balsami,
probabilmente deve il suo profumo ad un corpo odorifero particolare, associato all'acido
benzoico che contiene.
Per fare la tintura o l'estratto di olibano, prendi 1 libbra di gomma a 1 litro di spirito.
ARANCIA. -Con il titolo "Neroli" abbiamo già parlato del principio odorifero del fiore
d'arancio. Ora dobbiamo parlare di ciò che è noto nel mercato come Essence of Orange,
o, come viene più spesso chiamato, Essence of Portugal, -un nome, tuttavia, che non
possiamo ammettere in una lista riservata degli "odori delle piante". ".
L'otto di buccia d'arancia, o principio odorifero del frutto arancione, si procura per
espressione e per distillazione. La buccia è raspata per schiacciare i piccoli vasi o sacche
che imprigionano l'otto.
La sua abbondanza nella buccia è mostrata pizzicando un pezzo vicino alla fiamma di
una candela; l'otto che si spegne si accende con una brillante illuminazione.
Ha molti usi in profumeria e dalla sua fragranza rinfrescante trova molti ammiratori.
È l'ingrediente principale di ciò che viene venduto come "Acqua di Lisbona" e "Eau de
Portugal". Il seguente è un modulo molto utile per la preparazione

ACQUA DI LISBONA.

Spirito rettificato (non inferiore a 60 su


1 gallone.
prova),
Otto di buccia d'arancia, 3 once
     " scorza di limone, 3 once
     " rosa 1/4 oz.

Questo è un modulo per

EAU DE PORTUGAL.

Spirito rettificato (60 over proof), 1 gallone.


Olio essenziale di buccia d'arancia, 6 once
     " scorza di limone, 1 oncia.
     " citronella, 1/4 oz.
     "bergamotto, 1 oncia.
     "otto di rosa, 1/4 oz.

Va notato che questi profumi non devono mai essere riempiti in bottiglie bagnate, poiché
se in qualche modo sono umidi dall'acqua, una piccola parte degli ottos viene separata, il
che conferisce un aspetto opalescente alla miscela. Infatti, tutte le bottiglie dovrebbero
essere risciacquate con spirito prima di essere riempite con qualsiasi profumo, ma
soprattutto con quelle contenenti essenze di buccia di arancia o di limone.
ORRIS , correttamente IRIS . - Il rizoma essiccato di Iris florentina ha un odore molto
gradevole che, per mancanza di un paragone migliore, assomiglia all'odore delle
violette; è tuttavia estremamente dispregiativo per l'affascinante aroma di quel modesto
fiore quando si fanno paragoni così insidiosi. Tuttaviail profumo della radice di iris è
buono e ben degno del luogo che ha ottenuto come sostanza profumante. La polvere di
radice di iris è ampiamente utilizzata nella produzione di polveri per bustine, polvere di
denti, ecc. E 'padri che celebra "erba orientale" noto come "Odonto". Per la tintura di
iris, o, come lo chiamano i profumieri,

ESTRATTO DI IRIS,

Prendi la radice di iris,


7 libbre.
schiacciata,
Spiriti rettificati, 1 gallone.

Dopo essere rimasto insieme per circa due settimane, l'estratto è pronto per
decollare. Richiede molto tempo per drenare e, per evitare perdite, il resto dell'ris deve
essere posto nella pressa a tintura. Questo estratto entra nella composizione di molti dei
bouquet più celebri, come "Jockey Club" e altri, ma non viene mai venduto da solo,
perché il suo odore, sebbene grato, non è sufficientemente buono per sostenere
l'opinione pubblica sui propri meriti; ma in combinazione il suo valore è molto
grande; possiede un piccolo aroma in sé, tuttavia ha il potere di rafforzare l'odore di altri
corpi fragranti; come la selce e l'acciaio, che sebbene siano relativamente incombustibili,
facilmente infiammano i corpi infiammabili.
PALMA. -L'odore dell'olio di palma, l'olio grasso del commercio, è dovuto a un principio
fragrante che contiene. Per infusione nell'alcool, il corpo odoroso si dissolve e
assomiglia, in una certa misura, alla tintura di iris o all'estratto di viola, ma è molto
indifferente e non è probabile che venga messo in uso,sebbene diversi tentativi siano
stati fatti per renderlo di servizio quando la coltivazione delle violette ha fallito dalle
cattive stagioni.
PATCHOULY .- Pogostemon patchouly ( LINDLEY ), Plectranthus
crassifolius ( BURNETT ), è un'erba che cresce ampiamente in India e Cina. In qualche
modo assomiglia al nostro giardino saggio nella sua crescita e forma, ma le foglie non
sono così carnose.
Patchouly.
L'odore di patchouly è dovuto ad un otto contenuto nelle foglie e nei gambi, ed è
facilmente procurato dalla distillazione. 1 cwt di erba buona produrrà circa 28
once. dell'olio essenziale, che è di un colore marrone scuro, e di una densità all'incirca
uguale a quella dell'olio di sandalo, che assomiglia al suo carattere fisico. Il suo odore è
il più potente di qualsiasi derivato dal regno botanico; quindi, se mischiatola proporzione
di misura per misura, copre completamente l'odore di tutti gli altri corpi.

ESTRATTO DI PATCHOULY.

Spirito rettificato, 1 gallone.


Otto di
1-1 / 4 oz.
patchouly,
     " rosa, 1/4 oz.

L'essenza del patchouly così realizzato è quella che si trova nelle profumerie di Parigi e
Londra. Anche se pochi profumi hanno avuto una corsa così alla moda, eppure quando
hanno un odore al suo stato puro, è tutt'altro che piacevole, con una specie di odore
muschioso o di muffa, analogo al Lycopodium, o, come alcuni dicono, odora di "vecchi
cappotti". ".
L'odore caratteristico dell'inchiostro cinese o indiano è dovuto a un misto di questa erba.
L'origine dell'uso di patchouly come profumo in Europa è curiosa. Qualche anno fa i veri
scialli indiani avevano un prezzo stravagante, e gli acquirenti potevano sempre
distinguerli per il loro odore; infatti, erano profumati di patchouly. I produttori francesi
avevano per qualche tempo imitato con successo il tessuto indiano, ma non riuscivano a
trasmettere l'odore.
Alla fine scoprirono il segreto e iniziarono a importare la pianta per profumare gli
articoli della loro marca, e così toglievano gli scialli di casa come veri indiani! Da questa
origine i profumieri l'hanno messo in uso. L'erba Patchouly è ampiamente usata per
profumare i cassetti in cui viene tenuta la biancheria; per questo scopo è meglio in
polvere le foglie e metterle in sacchi di mussola, ricoperti di seta, secondo la maniera del
vecchio stilelavanda-bag. In questo stato è molto efficace nel prevenire che i vestiti
vengano attaccati dalle tarme. Diverse combinazioni di patchouly saranno fornite nelle
ricette per "bouquet e mazzi".
PEA ( SWEET ) .- Un odore molto fine può essere estratto dai fiori della vellutata dalla
macerazione in qualsiasi corpo grasso, e quindi digerire la pomata prodotta in
spirito. Tuttavia, è prodotto raramente, perché molto vicino

IMITAZIONE DELL'ESSENZA DI PISELLO DOLCE.

può essere preparato così: -


Estratto di tuberosa, 1/2 pinta.
     "fleur d'orange, 1/2 "
     "è aumentato da pomatum, 1/2 "
     " vaniglia, 1 oncia.

I profumi, come i suoni, sembrano influenzare il nervo olfattivo in certi gradi


definiti. C'è, per così dire, un'ottava di odori come un'ottava nella musica; certi odori
coincidono, come i tasti di uno strumento. Come mandorla, eliotropio, vaniglia e fiori
d'arancio si fondono insieme, ognuno dei quali produce diversi gradi di un'impressione
quasi simile. Ancora una volta, abbiamo cedro, limone, buccia d'arancia e verbena,
formando un'ottava superiore di odori, che si fondono in modo simile. La metafora è
completata da ciò che ci piace chiamare semi-odori, come il geranio rosa e rosa per la
mezza nota; meschino, neroli, una chiave nera, seguita da fleur d'orange. Poi abbiamo
patchouli, sandalo-legno e vitivert, e molti altri si incontrano l'un l'altro.
Dagli odori già noti possiamo produrre, unendoli in proporzioni adeguate, l'odore di
quasi tutti i fiori, eccetto il gelsomino.
L'odore di alcuni fiori assomiglia ad altri così quasi che siamo quasi indotti a credere che
siano la stessa cosa, o, almeno, se non evoluti dalla pianta in quanto tale, a farlo
diventare dall'azione dell'ossidazione dell'aria. È noto che alcuni in realtà sono identici
nella composizione, sebbene prodotti da piante totalmente diverse, come la canfora, la
trementina, il rosmarino. Quindi possiamo presumere che la chimica prima o poi
produrrà l'una dall'altra, poiché con molti essa è semplicemente un atomo d'acqua o un
atomo di ossigeno che causa la differenza. Sarebbe una cosa grandiosa produrre otto di
rose dall'olio di rosmarino, o dall'olio di geranio rosa, e la teoria indica la sua possibilità.
L'olio essenziale di mandorle in una bottiglia che contiene una buona dose di aria-
ossigeno, e ma un pochino di olio, passa spontaneamente in un altro corpo odorifero,
acido benzoico; che si vede nei cristalli per formare sopra le parti asciutte del
pallone. Questa è un'illustrazione naturale di questa idea. Nel dare la ricetta per il
"pisello dolce" come sopra, lo formiamo con l'impressione che il suo odore assomigli al
fiore d'arancio, cui si avvicina la somiglianza con l'aggiunta della rosa e della tuberosa.
La vaniglia è usata semplicemente per dare permanenza all'olfatto sul fazzoletto, e
quest'ultimo corpo è scelto preferibilmente per l'estratto di muschio o ambra grigia, che
risponderebbe allo stesso scopo di dare permanenza agli ingredienti più volatili; perché
la vaniglia colpisce la stessa chiave del nervo olfattivo come il fiore d'arancio, e quindi
nessuna nuova idea di un diverso profumo viene prodotta mentre il profumo muore dal
fazzoletto. Quando i profumi non sono mescolati su questo principio, allora sentiamo
che tale e tale profumo diventa "malaticcio" o "debole" dopo che sono stati sul fazzoletto
in breve tempo.
ANANAS.-Che il Dr. Hoffman e il Dr. Lyon Playfair hanno commesso un errore nelle
loro inferenze riguardo all'applicazione di questo odore in profumeria. Dopo varie
esperienze pratiche condotte in un grande profumatore, siamo giunti alla conclusione che
non può essere applicato così, semplicemente perché quando l'essenza della mela di pino
viene odorata, il vapore produce un'azione involontaria della laringe, producendo tosse,
quando eccessivamente diluito. Persino nelle porzioni infinitesimali produce ancora
un'irritazione sgradevole dei tubi dell'aria, che, se prolungati, come è previsto se usati su
un fazzoletto, sono seguiti da intenso mal di testa. È ovvio, quindi, che l'uso legittimo
dell'essenza di pino mugo (etere butirrico) non può essere adattato con beneficio al
profumiere di fabbricazione, sebbene sia inestimabile per il pasticcere come materiale
aromatizzante. Quello che abbiamo qui detto si riferisce all'essenza artificiale di mela
moscata, o butirrato di etilossido, che, se molto diluito con l'alcol, ricorda l'odore della
mela di pino, e quindi il suo nome; ma fino a che punto le stesse osservazioni sono
applicabili al vero olio essenziale dal fruttoo l'epidermide del pino, rimane da
vedere quando lo procuriamo. Dato che le mele di pino dell'India occidentale ora stanno
arrivando liberamente sul mercato, il giorno probabilmente non è distante quando si
possono provare esperimenti dimostrativi; ma finora deve essere ricordato che i nostri
esperimenti sono stati eseguiti solo con un corpo che assomiglia all'odore del vero olio
essenziale del frutto. L'azione fisica di tutti gli eteri sul corpo umano è del tutto
sufficiente per impedire la loro applicazione in profumeria, tuttavia utile in pasticceria,
che si comprende ha a che fare con un altro dei sensi, non di odore, ma di gusto. La
"essenza commerciale di pino mugo" o "olio di pino mugo" e "olio di pera jargonelle"
sono ammesse solo per essere etichettate tale, ma in realtà sono certi eteri dell'acido
organico. Per il momento, quindi, i profumieri devono guardare solo a questi corpi come
a tante righe nella "Poesia della Scienza", che, per ora, sono prive di applicazione pratica
nella sua arte.
ROSA. - Dianthus Caryophyllus. -Il chiodo di garofano emette un odore più fragrante,
"specialmente di notte", dice Darwin.
"Il rosa sontuoso che profuma il giardino rotondo"
non è, tuttavia, attualmente applicato in profumeria, tranne nel nome.

IMITATION ESSENCE OF CLOVE PINK.

Esprit si alzò, 1/2 pinta.


     "fleur d'orange, 1/4 "
     "" de cassie, 1/4 "
     " vaniglia, 2 once
Olio di chiodi di
10 gocce.
garofano

È notevole quanto questa miscela assomigli all'odore del fiore, e il pubblico non dubita
mai che sia la "cosa reale".
RODIO. -Quando viene distillata la rosa, il lignum del Convolvulus scoparius , si ottiene
un olio profumato, che assomiglia in una certa misura al profumo della rosa, e quindi al
suo nome. Un tempo, cioè prima della coltivazione del geranio con foglie di rosa, i
distillati di legno di rosa e la radice del Genista canariensis (legno di rosa canaria) erano
principalmente disegnati per l'adulterazione del vero otto di le rose, ma siccome l'olio di
geranio risponde molto meglio, l'olio di rodio è caduto in disuso, quindi la sua relativa
scarsità nel mercato al giorno d'oggi, sebbene i nostri nonni lo sapessero bene. Uno
cwt. di legno produce circa tre once di olio.
Il rosé di terra è prezioso come base per la produzione di polveri per bustine per
profumare il guardaroba.
I francesi hanno dato il nome di jacaranda al legno di rosa, con l'idea che la pianta
chiamata jacaranda dai brasiliani lo ceda, il che non è il caso; "La stessa parola è forse
stata l'origine del palissandro-palixander, scritto male." - Burnett .
ROSA.-
"Vai, ritaglia la fioritura del vermeil della rosa gay, e alza ilsuo bottino, un profumo
dolce,nell'incenso ai cieli".
OGILVIE.
Questa regina del giardino non perde il suo diadema dentro il mondo profumato. L'olio
di rose, o, come viene comunemente chiamato, l'otto, o l'attar, delle rose, viene procurato
(contrariamente a tante affermazioni opposte) semplicemente distillando le rose con
l'acqua.
L'otto, o attar, della rosa del commercio deriva dalla Rosa centifolia
provincialis . Allevamenti di rose molto estesi si trovano ad Adrianopoli (Turchia in
Europa); a Broussa, ora famosa come residenza di Abd-el-Kader; e a Uslak (Turchia in
Asia); anche a Ghazepore, in India.
I coltivatori in Turchia sono principalmente gli abitanti cristiani dei paesi bassi dei
Balcani, tra Selimno e Carloya, fino a Filippopoli, in Bulgaria, a circa 200 miglia da
Costantinopoli. Nelle buone stagioni, questo distretto produce 75.000 once; ma nelle
cattive stagioni si ottengono solo da 20.000 a 30.000 once d'oro. Si stima che occorra
almeno 2000 fioriture di rose per produrre una dracma di otto.
L'otto varia leggermente in odore da diversi distretti; molti luoghi forniscono un otto che
si solidifica più facilmente di altri e, quindi, questa non è una guida sicura di purezza,
anche se molti la considerano tale. Quello che fu esposto nel Crystal Palace del 1851,
come "da Ghazepore", in India, ottenne il premio.
"L'attar delle rose, prodotto in cashmere, è considerato superiore a qualsiasi altro, una
circostanza che non sorprende, poiché, secondo Hugel, il fiore è qui prodotto sia di
superba fragranza che di bellezza: una grande quantità di acqua di rose distillata due
volte è permesso di scappare in una nave aperta, posizionata durante la notte in un
ruscello freddo, e al mattino l'olio si trova galleggiare sulla superficie in piccoli granelli,
che vengono tolti molto accuratamente per mezzo di una lama di giglio di spada. Quando
è freddo è di un colore verde scuro e duro come resina, non diventa liquido a una
temperatura rispetto a quella dell'acqua bollente. Per produrre un'oncia di attar è
necessario un peso di foglie tra le 500 e le 600 libbre ". - Encyclopædia indiana.
Pure otto di rose, dalla sua dolcezza stucchevole, non ha molti ammiratori; quando è
diluito, tuttavia, non c'è nulla che possa eguagliarlo nell'odore, specialmente se
mescolato nel sapone, per formare un sapone alla rosa, o in puro spirito, per formare
l'esprit de rose. Il sapone non permette al profumo di evaporare molto velocemente, non
possiamo essere confusi con l'odore dell'otto.
La migliore preparazione di rosa come un odore è fatta a Grasse, in Francia.  Qui i fiori
non sono trattati per l'otto, ma sono sottoposti al processo di macerazione in grasso, o in
olio, come descritto sotto gelsomino, eliotropio, ecc.
La pomata rosa così prodotta, se digerita in alcool, dice 8 libbre. della Pomade n. 24 a un
gallone di spirito, produce un esprit de rose del primo ordine, molto superiore a quello
che è fatto dall'aggiunta di otto allo spirito. È difficile spiegare questa differenza, ma è
sufficientemente caratteristico da formare un odore distinto. Vedi l'articolo su fleur
d'orange e neroli (pp. 77, 78), che hanno qualità simili, precedentemente
descritte. L'esprit de rose ottenuto dalla pomata francese alla rosa non viene mai venduto
al dettaglio dal profumiere; lo riserva per far parte dei suoi mazzi di recherche .
Alcuni farmacisti all'ingrosso, tuttavia, lo hanno venduto per un po 'di tempo ai
praticanti del paese, perché formassero l'acqua di rose estemporanea, che fa alla grande
perfezione. Le rose sono coltivate in larga misura in Inghilterra, vicino a Mitcham, nel
Surrey, per uso dei profumieri, per fare acqua di rose. Nella stagione in cui le colture
successive possono essere ottenute, che è verso la fine di giugno, o all'inizio di luglio,
vengono raccolte appena la rugiada è spenta e inviate in città in sacchi. Quando arrivano,
vengono immediatamente distesi su un pavimento fresco: altrimenti, se lasciati in un
mucchio, si riscaldano a tal punto, in due o tre ore, da essere abbastanza viziati. Non c'è
sostanza organica che assorbe così rapidamente l'ossigeno e si riscalda spontaneamente,
come una massa di rose appena raccolte.
Per preservare queste rose, i profumieri di Londra le mettono subito a dura prova; per
questo scopo, le foglie sono separate dai gambi, e ad ogni moggio di fiori, pari a circa sei
libbre di peso, viene spalmata una libbra di sale comune. Il sale assorbe l'acqua esistente
nei petali e diventa rapidamente salamoia, riducendo il tutto ad una massa pastosa, che
viene infine riposta in botte. In questo modo manterranno quasi ogni periodo di tempo,
senza che la fragranza venga gravemente ferita. Una buona acqua di rose può essere
preparata distillando 12 libbre. di rose in salamoia e 2-1 / 2 litri d'acqua. "Disegna" da
due litri; il prodotto sarà l'acqua di rose bidistillata dei negozi. L'acqua di rose che viene
importata dal sud della Francia è, tuttavia, molto superiore all'odore di tutto ciò che può
essere prodotto qui.sembra inimitabile con rose coltivate in inglese. Ci sono quattro
modifiche dell'essenza della rosa per il fazzoletto, che sono la non plus ultra dell'arte del
profumiere. Sono, -esprit de rose triple, essenza di rose bianche, essenza di rosa tea e
essenza di rosa muschio. Le seguenti sono le ricette per la loro formazione: -

ESPRIT DE ROSE TRIPLE.

Alcol rettificato, 1 gallone.


Otto di rosa, 3 once

Mescolare a una calura estiva; nel giro di un quarto d'ora tutto l'otto è sciolto, ed è quindi
pronto per l'imbottigliamento e la vendita. Nella stagione invernale, i bei cristalli
dell'otto, se è bello, si diffondono attraverso l'esprit.

ESSENCE OF MOSS ROSE.

Estratto di estratto di rosa pomata


1 quarto.
francese,
Esprit de rose triple, 1 pinta
Estratti di pomata d'arancia, 1"
      "di ambra grigia, 1/2 "
      "muschio, 4 once.

Lascia che gli ingredienti rimangano insieme per una quindicina di giorni; quindi filtrare,
se richiesto, ed è pronto per la vendita.

ESSENZA DI ROSA BIANCA.

Esprit de rose from


1 quarto.
pomatum,
     "" triplo, 1"
     "violette, 1"
Estratti di gelsomino 1 pinta
      "patchouly, 1/2 "

ESSENZA DI TEA ROSE.

Esprit de rose pomade, 1 pinta


    "" triplo, 1"
Estratto di geranio a foglia di
1"
rosa,
    "legno di sandalo, 1/2 "
    "neroli, 1/4 "
    "Iris, 1/4 "

ROSMARINO. -
"C'è il rosmarino, è per il ricordo."
SHAKESPEARE.
Distillando il Rosmarinus officinalis si ottiene un sottile otto limpido, con l'odore
caratteristico della pianta, che è più aromatico che dolce. Uno cwt. l'erba fresca produce
circa ventiquattro once di olio. Otto di rosmarino è molto usato in profumeria,
specialmente in combinazione con altri accenti per sapone profumato. L'acqua di
Colonia non può essere prodotta senza di essa e nella famosa "acqua dell'Ungheria" è
l'ingrediente principale. Quanto segue è la composizione di

UNGHERIA ACQUA.

Alcol rettificato, 1 gallone.


Otto di rosmarino
2 once
inglese,
    " scorza di limone, 1 oncia.
    "balsamo ( Melissa ), 1 oncia.
    " menta, 1/2 dracma.
Esprit de rose, 1 pinta
Estratto di fleur d'orange, 1 "

Viene messo in vendita in modo simile all'acqua di Colonia e si dice che abbia preso il
nome da uno dei regine dell'Ungheria, che si ritiene abbia tratto grandi benefici da un
bagno che la contiene, all'età di settantacinque anni. Non vi è dubbio che sacerdoti e
oratori, pur parlando per un certo periodo di tempo, trarrebbero grande beneficio dal
profumare il fazzoletto con l'acqua o l'acqua di Colonia, poiché il rosmarino che
contengono eccita la mente ad un'azione vigorosa, sufficiente allo stimolante che viene
inalato da ogni tanto asciugandosi il viso con il fazzoletto bagnato con queste
"acque". Shakespeare ci dà la chiave, possiamo capire come si dice che tali profumi
contenenti rosmarino siano universalmente "così rinfrescanti!"
SAGGIO . Un otto potente che odora può essere ottenuto per distillazione da una qualsiasi
delle Salvieæ . È usato raramente, ma è comunque molto prezioso in combinazione per il
sapone profumato.
Le foglie di salvia essiccate, macinate, si mescoleranno bene per le bustine.
SANTAL .- Album di Santalum .
"I profumi dell'albero di santal, quando sono spaccati,l'ascia che lo
haabbassato." CAMERON.
Questo è un vecchio preferito dagli amanti del profumo; è il legno che possiede
l'odore. Il più pregiato legno di santal cresce nell'isola di Timor e nelle isole di Santal-
wood, dove viene coltivato estesamente per il mercato cinese. Nelle cerimonie religiose
dei Brahmins, degli Hindoos e dei cinesi, il legno santal viene bruciato, per mezzo
dell'incenso, in misura quasi incredibile. La Santala è cresciuta abbondantemente in
Cina, male continue offerte ai Buddah hanno quasi sterminato la pianta dall'Impero
Celeste; e tale è la domanda, che sta per essere coltivata nell'Australia occidentale,
nell'aspettativa di un proficuo ritorno, che dubitiamo non si realizzerà; L'Inghilterra da
sola avrebbe consumato dieci volte la quantità che faceva il suo prezzo all'interno della
gamma di altre sostanze profumanti. L'otto che esiste nel legno santal viene prontamente
procurato dalla distillazione; 1 cwt di buon legno produrrà circa 30 once di otto.

Santal-legno.
La formica bianca, che è così comune in India e in Cina, mangia in ogni sostanza
organica che incontra, sembra non avere gusto per il legno santal; quindi è spesso fatto
in cofanetti, scatole di gioielli, casi-di-articoli, & c. Questa qualità, insieme alla sua
fragranza, la rende un prezioso articolo per i maestri ebanisti dell'Est.
L'otto di santal è straordinariamente denso, ed è soprattutto oleaginoso nel suo aspetto, e,
quando è buono, ha un colore paglierino scuro. Quando si dissolve in spirito, entra nella
composizione di molti dei mazzi vecchio stile, come "Marechale", e altri, i cui formule
saranno dati qui di seguito. I profumieri fanno così ciò che viene chiamato

EXTRAIT DE BOIS DE SANTAL.

Spiriti rettificati, 7 pinte.


Esprit de rose, 1 pinta
Olio essenziale, cioè otto, di santal, 3 once

Tutti quegli ESTRATTI , fatti sciogliendo l'otto in alcool, sono quasi bianchi, o almeno
solo leggermente colorati dal colore dell'olio usato. Quando un profumiere deve
impartire un delicato odeur ad una signora mouchoir, che in alcuni casi costa "senza fine
di denaro" ed è un oggetto, ad ogni costo, da conservare immacolato, conviene alla sua
reputazione di vendere un articolo che non macchia un delicato tessuto bianco. Ora,
quando un profumo è fatto in modo diretto da qualsiasi legno o erba, come le tinture
sono fatte, cioè, mediante infusione in alcool, si ottiene, oltre alla sostanza odorosa, una
soluzione di colorante e di materia estrattiva, che è estremamente dannoso per la sua
fragranza, oltre a macchiare seriamente qualsiasi fazzoletto cambrico su cui possa essere
usato; e per questo motivo quest'ultimoil metodo non dovrebbe mai essere adottato,
tranne che per l'uso su fazzoletti di seta.
L'odore di santal si integra bene con la rosa; e quindi, prima della coltivazione del
geranio a foglie di rosa, era usato per adulterare otto di rose; ma ora è usato raramente
per quello scopo.
Con un errore "fonetico", santal viene spesso stampato "sandalo" e "sandel".
SASSAFRAS. -Alcuni profumieri della Germania usano una tintura del legno
del sassofrasso Laurus per la produzione di lavaggi per capelli e altre narici; ma come, a
nostro avviso, ha piuttosto un odore "fisico" che floreale, non possiamo raccomandare le
ricette tedesche. L' Eau Athenienne , tuttavia, ha una certa reputazione come acqua per
capelli, ma è poco più che una debole tintura di sassofrasso.
SPIKE. -Olio francese di lavanda, che viene ottenuto dallo spica di Lavandula , viene
generalmente chiamato olio di spiga. (Vedi Lavanda.)
STORAX e TOLU sono usati in profumeria allo stesso modo del benzoino, cioè per
soluzione nello spirito come tintura. Un'oncia di tintura di storax, tolu o benzoino,
aggiunta a una libbra di un qualsiasi profumo molto volatile, conferisce un grado di
permanenza ad esso, e la fa durare più a lungo sul fazzoletto di quanto non sarebbe
altrimenti: così, quando un qualsiasi profumo è fatto dalla soluzione di un otto in spirito,
è solito aggiungere ad esso una piccola porzione di una sostanza che è meno volatile,
come l'estratto di muschio, estratto di vaniglia, ambra grigia, storax, tolu, iris, vitivert o
benzoino ; il fabbricante che usa il suo giudizio e la sua discrezione riguardo a quale
diquesti materiali devono essere impiegati, scegliendo, ovviamente, quelli che sono più
compatibili con l'odore che sta facendo.
Il potere che questi corpi hanno di "fissare" una sostanza volatile, li rende preziosi per il
profumiere, indipendentemente dal loro aroma, che in molti casi è dovuto all'acido
benzoico, leggermente modificato da un olio essenziale specifico di ogni sostanza, e che
è assorbito dall'alcol, insieme a una porzione di resina. Quando il profumo viene messo
su un fazzoletto, i corpi più volatili scompaiono prima: così, dopo che l'alcol è
evaporato, l'odore degli ottos appare più forte; se contiene un corpo resinoso, gli ottos
sono tenuti in soluzione, per così dire, dalla resina, e quindi trattenuti sul
tessuto. Supponendo che un profumo sia fatto solo di otto, senza alcuna sostanza "fissa",
allora, mentre il profumo "muore", il nervo olfattivo, se istruito, ne rileverà la
composizione, poiché si analizza spontaneamente, non ci sono due ottoni con la stessa
volatilità: quindi, crea una miscela di rosa, gelsomino e patchouly; il gelsomino
predomina per primo, poi la rosa e, infine, il patchouly, che sarà trovato ore dopo che gli
altri sono scomparsi.
SYRINGA. -I fiori del Philadelphus coronarius , o comune siringa da giardino, hanno un
odore intenso che ricorda il fiore d'arancio; tanto che in America la pianta viene spesso
definita "finta arancione". Una grande quantità di pomatum venduta come pommade
surfin, à la fleur d'orange, dai produttori di Cannes, non è altro che una raffinata sugna
profumatacon i fiori di siringa con il processo di macerazione. Una raffinata pomata di
siringa potrebbe essere prodotta in Inghilterra a un quarto del costo di quello che viene
pagato per la cosiddetta pomata arancione.
TIMO. -Tutte le diverse specie di timo, ma più in particolare il timo limone, il serpillo
del Timo , così come i maggiorana, origano, ecc., Producono per distillazione piselli
profumati, che sono ampiamente utilizzati dalla produzione di profumieri per profumare
saponi; benché adatti a questo scopo, non rispondono affatto in nessuna altra
combinazione. Sia in grasso che in spirito tutti questi pappagalli conferiscono un odore
di erbaccia (molto naturalmente) piuttosto che floreale, e, di conseguenza, non sono
considerati ricercati .
Quando una di queste erbe viene essiccata e macinata, entra utilmente nella
composizione delle polveri per bustine.
TONQUIN , o TONKA . I semi del Dipterix odorata sono i fagioli tonachi
o coumarouma del commercio. Quando sono freschi sono estremamente fragranti, con
un intenso odore di fieno appena fatto. L' Anthoxanthum odoratum , o erba primaverile
odorosa, a cui il nuovo fieno deve il suo odore, probabilmente produce identicamente lo
stesso principio fragrante, ed è notevole che sia i fagioli tonquin sia l'erba verace, mentre
in realtà crescono, sono quasi senza profumo, ma diventano rapidamente aromatico
quando separato dal ceppo madre.
Considerati chimicamente, i fagioli tonquin sono molto interessanti, contenenti, quando
freschi, un volatile fragrante otto (a cui il loro odore è dovuto principalmente), acido
benzoico, un olio grasso e un principio neutro - cumarina . In profumeria sono preziosi,
poiché, quando sono macinati, formano con altri corpi una bustina eccellente e
permanente, e per infusione nello spirito, la tintura o l'estratto di tonquin entra in un
migliaio di essenze composte; ma a causa della sua grande forza deve essere usato con
cautela, altrimenti la gente dice che il tuo profumo è "snuffy", a causa della
predominanza dell'odore e del suo ben noto uso nelle scatole di coloro che si concedono
la polvere titillante.

Tonquin.

ESTRATTO DI TONQUIN .

Fagioli tonquin, 1 libbra


Spirito
1 gallone.
rettificato,

Digest per un mese a una calura estiva. Anche dopo questa macerazione sono ancora
utili quando essiccati e macinati in quei composti noti come POT POURRI , OLLA
PODRIA , & c. L'estratto di tonquin, come l'estratto di iris e l'estratto di vaniglia, non
viene mai venduto puro, ma viene utilizzato solo nella produzione di profumi
composti. È l'ingrediente principale di Bouquet du Champ - Il campo Bouquet - la
grande somiglianza di cui all'odore del campo di fieno, lo rende un favorito per gli
amanti della pastorale.
TUBEROSA . Uno degli odori più squisiti con cui siamo a conoscenza è
ottenuto dall'enforaggio del fiore tuberoso. È, per così dire, un mazzo di fiori in sé e
ricorda uno di quel delizioso profumo osservato in un giardino fiorito ben fornito alla
sera; di conseguenza è molto richiesto dai profumieri per la composizione di essenze
dolci.

ESTRATTO DI TUBEROSA .

Otto libbre di n. 24 tuberose pomatum, tagliate molto bene, devono essere poste in 1 litro
di spirito migliore rettificato. Dopo essere rimasto in piedi per tre settimane o un mese al
caldo estivo, e con frequenti agitazioni, è in grado di sguainare, ed essere filtrato
attraverso l'ovatta, è pronto sia per la vendita che per l'uso nella produzione di mazzi di
fiori.
Questa essenza di tuberosa, come quella del gelsomino, è estremamente volatile, e se
venduta allo stato puro rapidamente "vola via" il fazzoletto; è quindi necessario
aggiungere qualche ingrediente di fissaggio, e con questo scopo è meglio usare un'oncia
di estratto di iris, o mezzo oncia di estratto di vaniglia, ad ogni litro di tuberosa.
VANIGLIA. -Il baccello o il fagiolo della vaniglia planifoliaproduce un profumo di rara
eccellenza. Quando è buono, e se conservato per un po 'di tempo, diventa coperto da una
efflorescenza di cristalli di aghi che possiedono proprietà simili all'acido benzoico, ma
differiscono da esso nella composizione. Pochi oggetti sono più belli da vedere di
questo, se visti da un microscopio con l'aiuto della luce polarizzata.

Vaniglia.

ESTRATTO DI VANIGLIA .

Baccelli di
1/2 libbra
vaniglia,
Spirito rettificato, 1 gallone.
Tagliare i baccelli da un capo all'altro, in modo da aprire l'interno, quindi tagliarli di
lunghezza di circa un quarto di pollice, macerare con agitazione occasionale per circa un
mese; la tintura così formata richiederà solo lo sforzo attraverso il cotone per essere
pronti per qualsiasi uso richiesto. In questo stato è raramente venduto per un profumo,
ma viene consumato nella fabbricazionedi odori composti, mazzi o nosegays, come
vengono chiamati.
L'estratto di vaniglia è anche usato in gran parte nella produzione di lavaggi per capelli,
che sono prontamente fatti mescolando l'estratto di vaniglia con acqua di rosa, arancia,
sambuco o rosmarino, e successivamente filtrando.
Non abbiamo bisogno di menzionare che la vaniglia è molto usata dai cuochi e dai
pasticceri per aromatizzare.
VERBENA , o VERVAINE. -La specie profumata di questa pianta, la verbena di
limone, Aloysia citriodora (Hooker), dà uno dei migliori profumi con cui siamo a
conoscenza; è noto per dare una deliziosa fragranza semplicemente disegnando la mano
sulla pianta; alcuni dei piccoli vasi o sacchi contenenti l'otto devono essere schiacciati in
questo atto, in quanto c'è poco o nessun odore semplicemente annusando la pianta.
L'otto, che può essere estratto dalle foglie per distillazione con acqua, a causa del suo
alto prezzo, non è mai, se non mai, usato dal profumiere di fabbricazione, ma è imitato
con maggior successo mescolando l'otto di citronella, Andropogon schœanthus , con
spirito rettificato, il cui odore ricorda il primo ad una bellezza. Quanto segue è una
buona forma per creare il

ESTRATTO DI VERBENA .

Spirito rettificato, 1 pinta


Otto di citronella, 3 dracme.
      " scorza di limone, 2 once
      "buccia d'arancia, 1/2 oz.

Dopo essere rimasto insieme per alcune ore e poi filtrato, è pronto per la vendita.
Un altro miscuglio di questo tipo, presunto dal pubblico per essere prodotto dalla stessa
pianta, ma di una qualità più fine, è composto così - è venduto sotto il titolo

EXTRAIT DE VERVEINE .

Spirito rettificato, 1 pinta


Otto di buccia
1 oncia.
d'arancia,
      " scorza di limone, 2 once
      "cedro, 1 dracma.
      " citronella, 2-1 / 2 dracme.
Extra de fleur d'orange, 7 once
      "" tubereuse, 7 once
Esprit de rose, 1/2 pinta.

Questa miscela è estremamente rinfrescante ed è uno dei profumi più eleganti che viene
prodotto. Essendo bianco, non macchia il fazzoletto. E 'meglio se venduto fresco fatto,
come per età gli oli citrini si ossidano, e il profumo acquista un odore etereo, e poi i
clienti dicono "è acido". La vervaine così preparata entra nella composizione di molti dei
mazzi preferiti che vengono venduti con il titolo di "Court Bouquet", e altri che sono
miscele di violetta, rosa e gelsomino, con verbena o vervaine in diverse proporzioni. In
questi preparativi, come anche in Eau de Portugal, e in effetti dove viene utilizzato uno
degli ottos citrini, un prodotto molto più fine si ottiene usando l'acquavite o il brandy in
preferenza allo spirito di mais inglese come solvente per loro. Né si deteriorano così
rapidamente nello spirito francese come in inglese. Se questo è dovutoper l'olio di vino
(œantico etere) o no non possiamo dire, ma penso che sia così.
VIOLA .-
"Il viola in avanti così mi ha rimproverato:dolce ladro, da dove hai rubato il tuo dolce
odore,se non dal respiro del mio amore?"
Il profumo esalato dalla viola odorata è così universalmente ammirato, che parlare a suo
favore sarebbe più che superfluo. La domanda per l '"essenza delle violette" è molto più
grande di quella che i profumatori di produzione sono attualmente in grado di fornire e,
di conseguenza, è difficile procurarsi l'articolo autentico attraverso le normali fonti di
commercio.
La vera viola è, tuttavia, venduta da molti profumieri al dettaglio del West End di
Londra, ma a un prezzo che ne proibisce l'uso se non per i ricchi o stravaganti votanti
della moda. Le fattorie di viola da cui provengono i fiori per rendere questo profumo
sono molto estesi a Nizza e Grasse, anche nel quartiere di Firenze. Il vero principio
dell'odore o otto delle violette non è mai stato ancora isolato: una soluzione molto
concentrata nell'alcool impressiona il nervo olfattivo con l'idea della presenza di acido
cianidrico, che è probabilmente una vera impressione. Burnett dice che la pianta Viola
tricolore (facilità del cuore), quando lividi, odora di chicchi di pesca, e senza dubbio,
quindi, contiene acido prussico.
I fiori della facilità del cuore sono inodori, ma la pianta contiene evidentemente un
principio che in altre specie della Viola viene eliminato come "dolce che odora" a cui
allude splendidamente Shakespeare.
Per scopi commerciali, l'odore del violetto è ottenuto in combinazione con lo spirito,
l'olio o la sugna, precisamente secondo i metodi precedentemente descritti per ottenere
l'aroma di alcuni altri fiori prima menzionati, come quelli per cassie, gelsomino, fiori
d'arancio cioè con macerazione o enfleurage , il primo metodo viene principalmente
adottato, seguito da, quando è richiesta "essence", digerendo la pomata in alcool
rettificato.
La buona essenza delle violette, così realizzata, è di un bel colore verde, e, sebbene di
una ricca tinta profonda, non ha il potere di macchiare un tessuto bianco, e il suo odore è
perfettamente naturale.
L'essenza di viola, come preparato per la vendita al dettaglio, è così fatta, in base alla
qualità e alla forza della pomata: -Prendere da sei a otto chili di pomata viola,
sminuzzare bene e metterlo in un litro di perfettamente pulire (senza olio di fusoli) lo
spirito rettificato, lasciarlo digerire per tre settimane o un mese, quindi filtrare l'essenza,
e ad ogni pinta di esso aggiungere tre once di tintura di radice di iris e tre once di esprit
de cassie; è quindi in vendita.
Abbiamo spesso visto in vendita nei negozi di drogherie la semplice tintura di radice di
iris, confezionata in belle bottiglie, con etichette che indicavano il contenuto come
"Estratto di viola"; i clienti quindi, una volta "accolti", non saranno probabilmente una
seconda volta.

Una buona IMITAZIONE DI VIOLETTE è meglio preparata in tal modo-

Estratto spiritoso di pomata, 1 pinta


Esprit de rose, dalla pomata, 1/2 "
Tintura di iris, 1/2 "
Estratto spiritoso di pomata
1/2 "
tuberosa,
Otto di mandorle, 3 gocce.

Dopo la filtrazione è adatto per l'imbottigliamento. In questa miscela, è l'estratto di


cassie che ha l'odore principale, ma modificato dalla rosa e la tuberosa diventa molto
simile alla viola. Inoltre, ha un colore verde, come l'estratto di viola; e come l'occhio
influenza il giudizio dal senso del gusto, così fa con il senso dell'olfatto. L'estratto di
viola entra ampiamente nella composizione di molti dei più famosi bouquet, come
l'estratto di fiori primaverili e molti altri.
VITIVERT , o Kus-Kus, è il rizoma di un'erba indiana. Nel quartiere di Calcutta, e in città,
questo materiale ha un ampio uso essendo fabbricato in tende da sole, tende e
ombrelloni, chiamato Tatty. Durante le stagioni calde un inserviente spruzza acqua su di
loro; questa operazione raffredda l'appartamento per evaporazione dell'acqua e, allo
stesso tempo, profuma l'atmosfera, in un modo molto piacevole, con il principio
odorifero del vitivert. Ha un odore tra l'odore aromatico o speziato e quello dei fiori, se
una tale distinzione può essere ammessa. Lo classifichiamo con radice di giaggiolo, non
che abbia un odore simile ad esso, ma perché ha un effetto simile in uso in profumeria, e
perché è preparato come una tintura per ottenere il suo odore.
Circa quattro chili del vitivert essiccato, così com'è importati, tagliati di piccole
dimensioni e posti in scia in un gallone di spiriti rettificati per una quindicina di giorni,
producono il
ESSENZA DI VITIVERT dei negozi. In questo stato è raramente usato come profumo,
anche se a volte è richiesto da coloro che, forse, hanno imparato ad ammirare il suo
odore dalla loro precedente residenza nel "clima orientale". L'estratto, l'essenza o la
tintura di vitivert, entra nella composizione di molti dei più ammirati e vecchi mazzi
fabbricati nei primi giorni della profumeria in Inghilterra, come " Mousselaine des
Indies ", per la quale la preparazione di M. Delcroix, in lo zenith della sua fama, ha
creato abbastanza furore nel mondo alla moda.

Vitiv
ert.
L'essenza di vitivert è fatta anche dissolvendo 2 once. di otto di vitivert in 1 gallone di
spirito; questa preparazione è più forte della tintura, come sopra.
MARECHALE e BOUQUET DU ROI , profumi che hanno anche "fatto il loro tempo",
devono molto della loro peculiarità al vitivert contenuto in loro.
I fardelli di vitivert vengono venduti per profumare la biancheria e prevenire la tignola e,
quando sono macinati, vengono utilizzati per produrre determinate polveri per bustine.
Otto di vitivert è procurabile per distillazione; un cento-peso di resa vitivert circa 14
once. di otto,che in apparenza somiglia molto a otto di santal. Ne ho messo un esempio
nel museo di Kew.
VOLKAMERIA. -Un profumo squisito viene venduto con questo nome, presumibilmente,
ovviamente, derivato dalla Volkameria inermis ( LINDLEY ). Se ha un odore simile al
fiore di quella pianta, o se la pianta sboccia, non siamo in grado di dire. È originario
dell'India e sembra essere poco conosciuto anche nei giardini botanici di questo
paese; tuttavia, la pianta ha un nome, e questo è abbastanza per il versatile profumiere
parigino, e se la miscela che fa "prende" con il mondo alla moda - la pianta che lo batte
ha un buon profumo per una certezza!

ESSENZA DI VOLKAMERIA .

Esprit de
1 pinta
violette,
     "tubereuse, 1"
     "gelsomino, 1/4 "
     " rosa, 1/2 "
Essence de muse, 2 once

WALLFLOWER ( Cherianthus ) .- Squisita come l'odore di questo fiore, non è usata in


profumeria, anche se senza dubbio potrebbe essere, e con molto successo anche, la
pianta coltivata per questo scopo. A questo fiore rivolgeremmo particolare attenzione, in
quanto ben adattato agli esperimenti per ottenere il suo principio odoroso in questo
paese, il nostro clima è buono per la sua produzione. La modalità per ottenere il suo
odore è stata indicata quando abbiamo parlato di eliotropio, pagina 60. E se risponde su
piccola scala, ci sono pochi dubbi sul successo nel modo ampio, e non c'ètemo ma che il
profumo del vecchio wallflower inglese incontrerà una domanda.

Un'Essenza IMITATIVA DI WALLFLOWER può essere composta in questo modo: -

Estratto fleur d'orange, 1 pinta


     " vaniglia, 1/2 "
Esprit de rose, 1"
Estratto di iris 1/2 "
     "cassie, 1/2 "
Olio essenziale di
5 gocce
mandorle,

Lasciare riposare questa miscela per due o tre settimane prima di metterla in vendita.
WINTER GREEN ( Trientalis Europœa ) .- Si può ottenere un otto profumato distillando le
foglie di questa pianta: è principalmente consumato nella profumazione dei saponi. Sulla
forza del nome di questa pianta odorosa si produce un bel profumo di fazzoletto.

ISLANDA INVERNO VERDE .

Esprit de rose, 1 pinta


Essenza di
1/4 "
lavanda,
Estratto di neroli, 1/2 "
     " vaniglia, 1/4 "
     "vitivert, 1/4 "
     "cassie, 1/2 "
     "ambra grigia, 1/4 "

Abbiamo ora descritto tutti i corpi odoriferi importanti che sono usati dal profumiere di
fabbricazione, come derivato dal regno botanico; si può capire che dove è un materiale
odoriferoinosservato, non ha qualità abbastanza particolari da essere osservato, e che i
metodi adottati per preparare la sua essenza, estratto, acqua o olio, sono analoghi a quelli
che sono già stati notati, cioè dai processi di macerazione , assorbimento ,
o enfleurage per i fiori, per la tintura per le radici, e per distillazione per i semi,
modificati in determinate circostanze.
Vi sono, tuttavia, altri tre importanti odori derivati: ambra grigia, zibetto e muschio, i
quali, provenienti dal regno animale, sono trattati separatamente dagli odori delle piante,
al fine, si ritiene, di rendere l'intera questione meno confusa ai produttori che può
riferirsi a loro. L'ammoniaca e l'acido acetico, che hanno una posizione indefinita
nell'ordine che abbiamo stabilito, possono anche entrare qui senza molte critiche,
essendo considerati come odori primitivi.
Terminando le nostre osservazioni relative ai semplici preparativi degli odori delle
piante, e prima che parliamo di profumi di origine animale, o di
quegli odoricomposti venduti come mazzi, mazzi, ecc., Potrebbe essere probabilmente
interessante dare alcuni fatti e statistiche, che mostrano il consumo, in Inghilterra, delle
varie sostanze precedentemente citate.

QUANTITÀ DI OLI ESSENZIALI, O OTTOS, PAGANTI 1 S.  PER POUND DUTY, INSERITO
PER CONSUMO A DOMICILIO NELL'ANNO 1852.

lbs.
Otto di bergamotto, 28.574
     "cumino, 3.602
     " Cassia, 6163
     " Chiodi di garofano, 595
Otto di lavanda, 12.776
     " Limone, 67.348
     "menta piperita, 16.059
     " Rose, 1.268
     "menta verde, 163
     "timo, 11.418
     " citronella, }
     " citronella, } 47.380
E altri ottos non altrimenti descritti, }
----
Totale oli essenziali o OTC importati in un anno, 195.346

al dovere di 1 s. per libbra, produce un reddito annuo di 9.766 l. 16 s.


Sembrerebbe dal ritorno di cui sopra che il nostro consumo di otto di chiodi di garofano
era estremamente piccolo; mentre probabilmente è dieci volte quella quantità. Il fatto è
che molti dei farmacisti all'ingrosso inglesi sono grandi distillatori di questo otto,
lasciando poco o nessun spazio per la vendita e l'importazione di otto distillati stranieri
di chiodi di garofano. Di nuovo, otto di caraway, la produzione inglese di quell'articolo è
abbastanza uguale a quella straniera; inoltre, otto di lavanda, che è disegnato in questo
paese probabilmente nella misura di 6000 libbre. annualmente.
Sono stati anche passati attraverso la dogana per il consumo domestico, nel 1852-
Pomatati, procurati con enfleurage, macerazione, ecc., Comunemente chiamati
"Pomatums francesi"
valore medio di 6 s. per libbra, e pagando un dazio di 1 s. per libbra, valutato dagli £
importatori di 1.306
£
Profumeria non altrimenti descritta; valore
1.920
Numero di bottiglie di acqua di Colonia, che pagano un dazio di 1 s. ogni,[D] 19.777

I proventi della eau de Cologne fabbricati fuori dall'Inghilterra, dicono 20.000 flaconi a
8 giorni. = 8.000 l. annualmente.
Il reddito totale derivato da varie fonti, anche su questa bassa scala di dazi, dalle
sostanze con cui "Britannia profuma il suo fazzoletto da taschino", non può essere
stimato a meno di 40.000 l. per anno. Questo, naturalmente, include il dovere sugli
spiriti usati nella fabbricazione domestica della profumeria.

SEZIONE IV.
PROFUMI DI ORIGINE ANIMALE.

Negli articoli precedenti abbiamo parlato solo degli odori delle piante; ora entriamo in
quei materiali usati in profumeria di origine animale. Il primo sotto la nostra attenzione
è-
AMBRA GRIGIA . Questa sostanza si trova nel mare, galleggiante vicino alle isole di
Sumatra, Molucca e Madagascar; anche sulle coste di America, Brasile, Cina, Giappone
e Coromandel. La costa occidentale dell'Irlanda si trova spesso per produrre grandi pezzi
di questa sostanza. Le rive delle contee di Sligo, Mayo, Kerry e le isole di Arran, sono le
principaliluoghi in cui è stato trovato. Nelle "Transazioni filosofiche" vi è un resoconto
di un grumo trovato sulla spiaggia della contea menzionata per la prima volta, nell'anno
1691, che pesava 52 once., E fu comprato sul posto per 20 litri. , ma che
successivamente è stato venduto a Londra per oltre 100 l. (Philos. Trans. No. 227, P.
509). Siamo abbastanza al limite nell'affermare che sono stati scritti molti volumi
riguardanti l'origine dell'ambra grigia, ma la questione che la riguarda è ancora in
discussione. Si trova nello stomaco dei pesci più voraci, questi animali che ingoiano, in
momenti particolari, tutto ciò che incontrano. Si è trovato particolarmente negli intestini
della balena spermaceti e più comunemente nei pesci malati, da cui si suppone che sia la
causa o l'effetto della malattia.
Alcuni autori, tra cui Robert Boyle, ritengono che sia di produzione vegetale e analogo
all'ambra; da qui il nome ambrato grigio (grigio) ambra grigia. Tuttavia, non è compito
di questo lavoro discutere le varie teorie sulla sua produzione, che potrebbero
probabilmente essere spiegate in modo soddisfacente se i nostri apparecchi moderni
fossero stati portati sull'argomento. Il campo è aperto a qualsiasi appassionato
scientifico; tutti gli autori recenti che ne parlano, limitandosi a citare i fatti noti più di un
secolo fa.
Un moderno compilatore, parlando di ambra grigia, dice: "Puzza di sterco di vacca
essiccato". Non avendo mai sentito l'odore di quest'ultima sostanza, non possiamo dire
se la similitudine sia corretta; ma lo consideriamo certamenteil suo profumo è
incredibilmente sopravvalutato; né possiamo dimenticare che HOMBERG trovò che "una
nave in cui aveva fatto una lunga digestione delle fatiche umane aveva acquisito un
odore molto forte e perfetto di ambra grigia, tanto che qualcuno avrebbe pensato che una
grande quantità di essenza di ambra grigia avesse Il profumo ( odore! ) era così forte che
la nave fu costretta a lasciare il laboratorio. " (Mem. Acad, Parigi, 1711.)
Tuttavia, poiché l'ambra grigia è ampiamente usata come profumo, in ossequio a coloro
che ammirano il suo odore, presumiamo che abbia molti odori gradevoli.
Come corpi di questo tipo sottoposti a una lenta decomposizione e con scarsa volatilità,
esso, se mescolato con altri profumi fugaci, dà loro la permanenza sul fazzoletto, e per
questa qualità il profumiere lo stima molto.

ESSENZA DI AMBRA GRIGIA

Viene mantenuto solo per la miscelazione; quando viene venduto al dettaglio deve essere
addolcito fino al naso pubblico; è quindi chiamato dopo il nome parigino

EXTRA D'AMBRE.

Esprit de rose triple, 1/2 pinta.


Estratto di ambra
1"
grigia,
Essenza di muschio, 1/4 "
Estratto di vaniglia, 2 once.

Questo profumo ha un odore così duraturo, che un fazzoletto ben profumato con esso,
manterrà ancora un odore anche dopo che è stato lavato.
Il fatto è che sia il muschio che l'ambra grigia contengono una sostanza che si aggrappa
in modo pertinace ai tessuti e che, non essendo solubile in liscivia alcaline deboli, si
trova ancora sul materiale dopo aver attraversato il calvario del bagno.
L'ambra grigia in polvere è utilizzata nella fabbricazione di cassolette - piccole scatole di
avorio o di ossa perforate - che sono fatte per contenere una pasta di sostanze dall'odore
forte, da portare nella tasca o nel reticolo; anche nella realizzazione di peau d'Espagne, o
pelle spagnola, usata per profumare carta da lettere e buste, e che sarà descritta qui di
seguito.

Zibetto
ZIBETTO . Questa sostanza è secreta dalla civetta Viverra , o zibetto. È formato in un
grande doppio ricettacolo ghiandolare tra l'ano e il pudendo della creatura. Come molte
altre sostanze di origine orientale, è stato portato per la prima volta in questo paese dagli
olandesi.
Quando i gatti zibetto sono tenuti in uno stato di reclusione, che era comune ad
Amsterdam, sono posti in gabbie forti, costruite in modo tale da impedire all'animale di
girarsi e mordere la persona impiegata nella raccolta della sostanza secreta. Si dice che
questa operazione venga eseguita due volte a settimana, e si fa estraendo lo zibetto con
un cucchiaino: si ottiene così circa una dracma alla volta. Una buona parte dello zibetto
ora portato sui mercati europei è da Calicut, capitale della provincia di Malabar, e da
Bassora sull'Eufrate.
Nel suo stato puro, lo zibetto ha, per quasi tutte le persone, un odore molto
disgustoso; ma quando viene diluito in una porzione infinitesimale, il suo profumo è
gradevole. È difficile accertare il motivo per cui la stessa sostanza, modificata solo dalla
quantità di materia presentata al naso, dovrebbe produrre un effetto opposto sul nervo
olfattivo; ma questo è il caso di quasi tutti i corpi odorosi, specialmente degli ottos che,
se odorati, sono tutt'altro che carini e, in alcuni casi, decisamente cattivi - come otto di
neroli, otto di timo, otto di patchouly; ma se diluito con mille volte il suo volume di olio,
spirito, ecc., allora la loro fragranza è deliziosa.
Otto di rosa per molti ha un odore malato, ma quando viene eliminato nelle quantità
omeopatiche mentre sale da una singola rosa, chi è che non ammetterà che "la rosa è
dolce?" L'odore di zibetto è meglio impartito, non dal contatto effettivo, ma dall'essere
posto in prossimità di materiali assorbenti. Così, quando si spalma su una pelle, che,
essendo coperta di seta e posta in una scrivania, profuma deliziosamente la carta e le
buste, e così tanto,che mantengono l'odore dopo aver attraversato il posto.
L'ESTRATTO DI ZIBETTO viene preparato sfregando in un mortaio un'oncia di zibetto con
un'oncia di polvere di radice di giaggiolo o con qualsiasi altro materiale simile che possa
aiutare a rompere o dividere lo zibetto; e poi mettendo il tutto in un gallone di spiriti
rettificati; dopo aver macerato per un mese, è in grado di filtrare. Viene principalmente
utilizzato come ingrediente "fissante", mescolando essenze di odore delicato. I
profumieri francesi usano l'estratto di zibetto più dei produttori inglesi, che sembrano
preferire l'estratto di muschio. Da un quarto di litro a mezzo litro è il massimo che
dovrebbe essere mescolato con un litro di qualsiasi altro profumo.
IL CASTORE è una secrezione della fibra di Castore , o castoro, molto simile allo
zibetto. Anche se abbiamo spesso sentito parlare della sua utilizzazione in profumeria,
non sappiamo personalmente che sia così.
MUSCHIO . Questa straordinaria sostanza, come lo zibetto, è una secrezione animale; è
contenuto in follicoli escretori circa l'ombelico dell'animale maschio. Nel commercio
della profumeria questi piccoli sacchetti sono chiamati "baccelli" e, come importato, si
chiama "pod musk". Quando il muschio viene separato dalla pelle o dal sacco in cui è
contenuto, viene chiamato "muschio di grano".
Il cervo muschiato ( Moschus moschatus ) è un abitante della grande catena montuosa
che cinge il nord dell'India e si dirama in Siberia, Thibet e Cina. E si trova anche nella
gamma Altaic, vicino al lago Baikal, e in alcune altre catene montuose,ma sempre ai
margini della linea di neve perpetua. È solo dall'animale maschile che viene prodotto il
muschio.

Musk Pod, dimensioni reali.


In passato era considerato molto famoso come medicina e lo è ancora tra le nazioni
orientali. Il muschio di Boutan, Tonquin e Thibet, è molto stimato, che dal Bengala è
inferiore, e dalla Russia è ancora di qualità inferiore. La forza e la quantità prodotta da
un singolo animale varia con la stagione dell'anno e l'età dell'animale. Un singolo
muschio contiene solitamente da due a tre dracme di muschio di grano. Il muschio è
importato in Inghilterra dalla Cina, in caddy da 50 a 100 once ciascuno. Quando
adulterato con il sangue dell'animale, che è spesso il caso, si forma in grumi o coaguli;  a
volte è anche mescolato con una terra scura e friabile. Quei baccelli in cui vengono
scoperti piccoli pezzi di piombo, come regola generale, producono la migliore qualità
del muschio; su questa regola, presumiamo che il miglior muschioè il più degno di
adulterazione. Il muschio è notevole per la diffusività e la sottigliezza del suo
profumo; tutto nelle sue vicinanze ne risente presto e a lungo conserva il suo odore,
anche se non in contatto reale con esso.
È una moda del giorno d'oggi per le persone dire "che a loro non piace il
muschio"; tuttavia, grazie alla grande esperienza in uno dei più grandi produttori di
profumi d'Europa, riteniamo che il gusto del pubblico per il muschio sia grande quanto
qualsiasi desiderio di profumiere. Quelle sostanze che lo contengono prendono sempre la
preferenza in pronta vendita, a patto che il venditore si preoccupi di assicurare al suo
cliente "che non c'è muschio in esso".

Il muschio dei cervi.


Il profumiere usa il muschio principalmente per profumare sapone, bustina in polvere e
mescolare per profumeria liquida. La giusta reputazione del sapone Windsor originale di
Parigi è dovuta, in sostanza, al suo delizioso odore. Il sapone è, senza dubbio, della
migliore qualità,ma il suo profumo lo imprime nell'élite - la sua fragranza deve al
muschio.
La reazione alcalina del sapone è favorevole allo sviluppo del principio odorifero del
muschio. Se, tuttavia, si versa una potente soluzione di potassio sul muschio del grano, si
sviluppa l'ammoniaca invece del vero odore di muschio.
ESTRATTO DI MUSCHIO

Muschio di grano, 2 once


Spirito rettificato, 1 gallone.

Dopo un periodo di riposo di un mese, a una temperatura estiva, è in grado di


attecchire. Tale estratto è ciò che viene usato per mescolare in altri profumi. L'estratto di
muschio che è preparato per la vendita al dettaglio è preparato così:

EXTRAIT DE MUSC.

Estratto di muschio (come


1 pinta
sopra),
     "ambra grigia, 1/2 "
     "rosa tripla, 1/4 "

Mescolare e filtrare; è quindi adatto per l'imbottigliamento.


Questa preparazione è più dolce del puro estratto di muschio realizzato secondo la nostra
prima formula ed è anche più redditizia per il venditore. Si vedrà in seguito che l'estratto
originale di muschio è principalmente utilizzato come ingrediente fissante in altri
profumi, per conferire permanenza a un odore volatile; i clienti che richiedono, in modo
generale, ciò che è incompatibile, vale a dire, che un profumo deve essere forte da
annusare, vale a diremolto volatile, e che rimarrà sul fazzoletto per un lungo
periodo, ergo , non volatile! Piccole porzioni di estratto di muschio, mescolate con esprit
de rose, violetta, tuberosa e altre, fanno, in una certa misura, raggiungere questo
oggetto; cioè, dopo che la violetta, ecc., è evaporata, il fazzoletto conserva ancora un
odore che, sebbene non quello dell'odore originale, tuttavia dà soddisfazione, perché è
piacevole all'organo nasale.

SEZIONE V.
AMMONIACA. -Sotto i vari titoli di "Sali odoranti", "Sali di Preston", "Sali inesauribili",
"Eau de Luce", "Sal Volatile", l'ammoniaca, mescolata con altri corpi odorosi, è stata
consumata molto estesamente come materiale per gratificante il nervo olfattivo.
Il profumiere usa liq. amm. fortis, cioè forte ammoniaca liquida, e il sesqui-carbonato di
ammoniaca, per preparare i vari "sali" che vende. Questi materiali non tenta di fare; in
effetti, è abbastanza fuori dalla sua provincia, ma le procura alla mano attraverso un
chimico industriale. La migliore preparazione per profumare le bottiglie è ciò che si
chiama INESAURIBILE SALI , che viene così preparato:
Ammoniaca liquida, 1 pinta
Otto di rosmarino, 1 dracma.
     "Lavanda inglese, 1"
     "bergamotto, 1/2 "
     " Chiodi di
1/2 "
garofano,

Mescolare il tutto insieme con l'agitazione in una bottiglia molto forte e ben tappata.
Questa miscela viene utilizzata riempiendo i flaconi odorosi di qualsiasi materiale
assorbente poroso, come l'amianto, o, cosa più importante, talee di spugna, che sono
state ben battute, lavate e asciugate. Queste talee possonoessere procurato ad un prezzo
nominale da uno qualsiasi dei venditori di spugne, essendo la guarnizione o le radici
della spugna di tacchino, che vengono tagliate prima che i commercianti la inviino nel
mercato al dettaglio. Dopo che le bottiglie sono state riempite con la spugna, è
completamente satura di ammoniaca profumata, ma non viene versato più di quanto la
spugna non possa trattenere, quando le bottiglie vengono invertite; come, se per caso
l'ammoniaca si esaurisce e viene versato su determinati tessuti colorati, provoca una
macchia. Quando accade un incidente del genere, la persona che lo ha venduto è sempre
stata incolpata.
Quando la spugna è satura correttamente, manterrà l'odore ammoniacale più a lungo di
qualsiasi altro materiale; quindi, presumiamo, le bottiglie riempite in questo modo sono
chiamate "inesauribili", il cui nome, tuttavia, non sostengono più di due o tre mesi con
alcun credito; la mano calda dissipa presto l'ammoniaca in qualsiasi circostanza, e
richiedono di essere riempiti.
Per le bottiglie colorate trasparenti, invece della spugna, i profumieri usano quello che
chiamano i sali di cristallo insolubili (solfato di potassio). Le bottiglie vengono riempite
di cristalli, sono coperte o con l'ammoniaca liquida, profumata come sopra, o con
ammoniaca alcolica. I colli delle bottiglie sono riempiti con un pezzo di cotone
bianco; altrimenti, invertito, dalla qualità non assorbente dei cristalli, l'ammoniaca si
esaurisce e provoca lamentele. I cristalli sono più carini di bottiglie colorate rispetto alla
spugna; ma in semplici bottiglie la spugna appare altrettanto bella e, come prima
osservato, contiene ilammoniaca migliore di qualsiasi altro materiale. I profumieri
vendono anche i cosiddetti SALI profumati BIANCHI e i SALI DI PRESTON . Il White
Smelling Salt è il sesqui-carbonato di ammoniaca in polvere, con il quale si mescola
ogni otto profumato che si ritenga opportuno, -lavender otto dando, come regola
generale, la massima soddisfazione.
PRESTON SALI, che è il più economico di tutti i composti ammoniacali, è composto da
alcuni sali facilmente decomponibili di ammoniaca e calce, come parti uguali di muriato
di ammoniaca, o di sesqui-carbonato di ammoniaca, e di calce spenta fresca. Quando le
bottiglie sono riempite con questo composto, speronate in modo molto duro, una goccia
o due di otto economici vengono versati sulla parte superiore prima di tappare.  A tal
fine, otto di lavanda francese, o otto di bergamotto, rispondono molto bene. Non
abbiamo bisogno di menzionare che i tappi sono immersi nella cera fusa sciolta, o
spazzolati con cera liquida, cioè cera rossa o nera sciolta in alcool, a cui viene aggiunta
una piccola porzione di etere. L'unico altro composto di ammoniaca che viene venduto
nel commercio di profumeria è l'Eau de Luce, sebbene appartenga correttamente al
farmacista.

EAU DE LUCE.

Tintura di benzoino:
}
o
     "balsamo del Perù, } 1 oncia.
Otto di lavanda, 10 gocce.
Olio di ambra, 5"
Liquore ammoniaca, 2 once

Se necessario, filtrare attraverso l'ovatta, ma non deve essere filtrato, in quanto dovrebbe
avere l'aspetto di un'emulsione di colore bianco latte.
L'ACIDO ACETICO E IL SUO USO IN PROFUMERIA . La pungenza dell'odore dell'aceto lo
portò naturalmente al primo utilizzo nell'arte della profumeria.
L'acido acetico, evoluto dalla distillazione dell'acetato di rame (verderame), è il vero
aceto "aromatico" dei vecchi alchimisti.
Il moderno aceto aromatico è l'acido acetico concentrato aromatizzato con vari petti,
canfora, ecc., Quindi-

ACETO BALSAMICO .

Acido acetico concentrato, 8 once


Otto di lavanda inglese, 2 dracme.
     "" rosmarino, 1 dracma.
     " Chiodi di garofano, 1"
     "canfora, 1 oncia.

Prima dissolvi la canfora contusa nell'acido acetico, quindi aggiungi i profumi; dopo


essere rimasti insieme per alcuni giorni, con agitazione occasionale, deve essere teso e
pronto per l'uso.
Sono state pubblicate diverse forme per la preparazione di questa sostanza, quasi tutte,
tuttavia, sembrano complicare e mistificare un processo che è tutta semplicità.
L'articolo più popolare di questo tipo è-

L'ACETO DI HENRY.
Foglie essiccate di rosmarino, ruta, assenzio, salvia, menta e fiori di lavanda,
1/2 oz.
ognuna,
Noce moscata ammaccata, chiodi di garofano, radice di angelica e canfora, ciascuno, 1/4 oz.
Alcol (rettificato), 4 once.
Acido acetico concentrato, 16 once

Macerare i materiali per un giorno nello spirito; quindi aggiungere l'acido e digerire per
una settimana in più, a una temperatura di circa 14 ° C. o 15 ° C. Infine, estrarre il nuovo
acido aromatizzato e filtrarlo.
Poiché questa miscela non deve entrare nell'ordinaria pressa a tintura metallica, per
l'ovvia ragione dell'azione chimica che ne deriverebbe, è meglio scolare quanto più
liquore possibile, mediante un imbuto comune, e poi a salvare il residuo dagli interstizi
delle erbe, legandoli in un panno di lino e sottoponendoli a pressione mediante un
normale spremiagrumi o un dispositivo simile.

VINAIGRE A LA ROSE.

Acido acetico concentrato, 1 oncia.


Otto di rose, 1/2 dracma.

Ben agitato insieme.


È ovvio che gli aceti diversamente profumati possono essere fatti in modo simile a
quanto sopra, usando altri ottus al posto dell'otto di rose. Tutti questi aceti concentrati
sono usati allo stesso modo dell'ammoniaca profumata, cioè versando tre o quattro
dracme in una bottiglia ornamentale "odorante", precedentemente riempita di cristalli di
solfato di potassio, che forma il "sel de vinaigre" del negozi; o su spugna in piccole
scatole d'argento, chiamate vinaigrette, dalla loro origine francese. L'uso di questi aceti
aveva la sua origine nella presunzione di tenere coloro che li trasportavano dagli effetti
della malattia infettiva, senza dubbio scaturendo dalla storia dell'aceto dei "quattro
ladri", che viene così reso nel Dispensario di Lewis:
"Si dice che durante la pestilenza a Marsiglia, quattro persone, con l'uso di questo
conservante, hanno assistito, senza tergiversare, moltitudini di coloro che ne sono stati
colpiti, che sotto il colore di questi servizi hanno derubato sia gli ammalati che i morti;
dopo essere stato arrestato, uno di loro si è salvato dalla forca rivelando la composizione
della profilattica (una storia molto probabile !!), che era la seguente: -

VINAIGRE DES QUATRE VOLEURS, OVVERO L'ACETO DEI QUATTRO LADRI .

Prendi cime fresche di assenzio romano, assenzio romano, rosmarino, salvia, menta e
3/4 oz.
ruta, di ognuna,
Fiori di lavanda, 1 oncia.
1
Aglio, calamus aromaticus, cannella, chiodi di garofano e noce moscata, ciascuno,
dracma.
Canfora, 1/2 oz.
Alcool o brandy, 1 oncia.
Aceto forte, 4 pinte

Ripassa tutti i materiali, tranne la canfora e lo spirito, in una nave coperta da una buca
per due settimane, a una calura estiva; quindi esprimi e filtra il vinaigre prodotto e
aggiungi la canfora precedentemente dissolta nel brandy o nello spirito. "
Una preparazione molto simile e abbastanza efficace può essere fatta dissolvendo il
principio odoroso delle piante indicate in una miscela di alcool e acido acetico. Tali
preparazioni, tuttavia, sono più all'interno del farmacista di profumiere. Esistono tuttavia
diverse preparazioni di aceto che vengono vendute in una certa misura per mescolarsi
con l'acqua per scopi igienici e il bagno, i loro venditori si sforzano metterli in
competizione con l'Eau de Cologne, ma con scarso successo. Tra loro possono essere
elencati

ACETO IGIENICO O PREVENTIVO.

Brandy, 1 pinta
Otto di chiodi di garofano, 1 dracma.
   "lavanda, 1"
   " Maggiorana, 1/2 dracma.
Gomma benzoina, 1 oncia.
Macera questi insieme per alcune ore, quindi
aggiungi
Aceto marrone, 2 pinte

e filtrare o filtrare, se necessario, per essere luminosi.

ACETO DELLA TOLETTA ( à la Violette ).

Estratto di cassie, 1/2 pinta.


      "Iris, 1/4 "
Esprit de rose, triple, 1/4 "
Aceto di vino bianco, 2 pinte

ACETO DELLA TOLETTA ( à la Rose ).

Foglie di rosa
4 once.
essiccate,
Esprit de rose, triple, 1/2 pinta.
Aceto di vino bianco, 2 pinte
Macerare in una nave vicina per due settimane, quindi filtrare e imbottigliare in vendita.

VINAIGRE DE COLOGNE.

Per l'acqua di Colonia, 1 pinta,


Aggiungi, acido acetico
1/2 oz.
forte,

Filtra se necessario.
Senza ripetere inutilmente formule simili, sarà ovvio al lettore che l'aceto di qualsiasi
fiore può essere preparato in modo simile a quelli sopra notato; così, per vinaigre à la
gelsomino, o per vinaigre à la fleur d'orange, dobbiamo solo sostituire l'esprit de
jasmine, o l'esprit de fleur d'orange, al posto dell'Eau de Cologne, per produrre fiori
d'arancio o aceti di gelsomino; tuttavia, questi ultimi articoli non sono richiesti, e la
nostra unica ragione per spiegare come tali preparazioni possono essere fatte, è per
suggerire i metodi di procedura a chiunque desideri renderli leader degli articoli nel loro
mestiere.
Forse potremmo osservare, en passant , che quando l'economia nella produzione di uno
qualsiasi degli aceti per la toilette è una questione di considerazione, devono solo essere
diluiti con acqua di rose fino alla forza redditizia richiesta.
Tutti gli aceti profumati che sono richiesti per la produzione di opalescenza, se miscelati
con acqua, devono contenere una resina gengivale, come l'aceto igienico, come
sopra. Mirra, benzoino, storax o tolu rispondono ugualmente bene.

SEZIONE VI.
MAZZI E NOSOGHI.

Negli articoli precedenti abbiamo cercato di spiegare il modo di preparare i profumi


primitivi, gli odori originali delle piante. Si sarà osservato che mentre la maggior parte
può essere ottenuta sotto forma di otto o olio essenziale, ce ne sono altri che finora non
sono stati isolati, ma esistono solo in soluzione nell'alcool o in un corpo grasso. Di questi
ultimi sono inclusi tutti quelli più pregiati, con l'eccezione di otto di rosa, quel diamante
tra le gemme odorose. Praticamente, non abbiamo oli essenziali o pomi di gelsomino,
vaniglia, acacia, tuberosa, cassia, siringa, violette e altri. Ciò che sappiamo di questi
odori deriva dagli esprit, ottenuti da oli o grassi, in cui i numerosi fiori sono stati
ripetutamente infusi, e successivamente infondendo tali grassi o oli in
alcool. Indubbiamente, questi odori sono i più generalmente gradevoli,cioè otto),
dissolto in spirito, sono di carattere secondario. Gli odori semplici, quando isolati, sono
chiamati OLI ESSENZIALI o OTTOS ; quando dissolti o esistenti in soluzione in alcool,
dagli inglesi sono definiti ESSENZE , e dai francesi EXTRAITS o ESPRIT ; alcune eccezioni
dimostrano questa regola. Olio essenziale di buccia d'arancia e di scorza di limone, sono
spesso definiti nel commercio "Essenza"di arancio e "Essenza" di limoni, invece di olio
essenziale o otto di limoni, ecc. Quanto prima la nomenclatura corretta viene utilizzata in
profumeria, così come nelle arti alleate, tanto meglio e meno errori saranno fatti nel
dispensario. Sembra allo scrittore che se la nomenclatura di queste sostanze fosse rivista,
sarebbe utile; e suggerirebbe che, come termine significativo, breve e completo, Otto
fosse usato come prefisso per indicare che tale e tale corpo è il principio odorifero della
pianta. Dovremmo quindi avere otto di lavanda invece di olio essenziale di lavanda,
ecc. & c. In questo lavoro si vedrà che lo scrittore ha generalmente usato la
parola OTTOal posto di "olio essenziale", secondo le sue opinioni. Dove esiste una
soluzione di un olio essenziale in un olio grasso, la necessità di una tale significativa
distinzione è resa evidente, poiché commercialmente tali articoli sono ancora chiamati
"oli" - olio di gelsomino, olio di rose, ecc. Non ci si può aspettare che il pubblico utilizzi
le parole olio "grasso" e olio "essenziale" per distinguere queste differenze di
composizione.
Ci sono diversi buoni motivi per cui il principio odorifero delle piante non dovrebbe
essere denominato olio. In primo luogo, è un cattivo principio dare a qualsiasi classe di
sostanze lo stesso significato di quelli che appartengono a un altro. Sicuramente, ci sono
abbastanza qualità distintive nella loro composizione, il loro carattere fisico e la reazione
chimica, per garantire l'applicazione di un nome significativo a quella grande classe di
sostanze note come l'aroma delle piante!
Quando la nomenclatura chimica è stata rivista per l'ultima volta, i corpi organici sono
stati poco trattati. Sappiamo che dobbiamo questo "olio" universale al vecchio
alchimista, allo stesso modo in cui è stato usato lo "spirito", ma una piccola
considerazione indica rapidamente la follia del suo uso continuato. Non possiamo più
chiamare otto di rosmarino, o otto di noce moscata, olio essenziale di rosmarino o noce
moscata, con più proprietà di quanti possiamo definire "olio" di vetriolo di acido
solforico. Tutte le opere chimiche parlano dei corpi odorosi come oli "essenziali" o
"volatili" e dei corpi grassi come oli "grassi" o "untuosi". Gli oli, propriamente detti, si
uniscono con basi salificabili e formano sapone; considerando che gli oli essenziali o
volatili, vale a direquello che vorremmo chiamare gli OTTO, non fare nulla del
genere. Al contrario, si uniscono con gli acidi nella maggior parte dei casi.
La parola olio deve in seguito essere confinata a quei corpi a cui si riferisce il suo
significato letterale - grasso, untuoso, inodore (quando puro), sostanze unte - e non può
più essere applicato a quei materiali odoriferi che possiedono qualità diametralmente
opposte all'olio. Abbiamo lottato con lo "spirito" e abbiamo fissato il suo significato in
senso chimico; non abbiamo più "spirito" di sale, o "spirito" di hartshorn. Non dobbiamo
più avere olio di mandorle "essenziale", olio di mandorle "untuoso" e simili.
Resta solo per noi per completare il ramo della profumeria che si riferisce agli odori per
il fazzoletto, dando le formule per la preparazione dei "bouquet" e dei "mazzi" preferiti. I
mariprima, sono solo miscele di ottus semplici nello spirito, che, opportunamente
miscelati, producono un odore gradevole e caratteristico, un effetto sul nervo odoroso
simile a quello che la musica o la miscela di suoni armoniosi produce sul nervo
dell'udito, quello del piacere.

IL PROFUMO DI ALHAMBRA .

Estratto di
1 pinta
tubereuse,
    "geranio, 1/2 "
    "acacia, 1/4 "
    "fleur d'orange, 1/4 "
    "zibetto, 1/4 "

IL BOUQUET DEL BOSFORO .

Estratto di acacia, 1 pinta


     "gelsomino, }
     "rosa tripla, }di ciascun, 1/2 "
     "fleur
}
d'orange,
     "tubereuse, }
     "zibetto, 1/4 "
Otto di mandorle, 10 gocce.

BOUQUET D'AMOUR .

Esprit de rose, }
    "gelsomino, } da pomata, di ciascuno, 1 pinta
    "violette, }
    "cassie, }
} di
Estratto di muschio, 1/2 "
ciascun,
    "ambra grigia, }

Mescolare e filtrare

BOUQUET DELLE FLEURS DU VAL D'ANDORRE .

Extrait de jasmine, }
     " rosa, } da pomata, di ciascuno, 1 pinta
     "violette, }
     "tuberosa, }
Estratto di iris 1"
Otto di geranio, 1/4 oz.

MAZZO DEL BUCKINGHAM PALACE .

Extra de fleur
}
d'orange,
     "cassie, } da pomata, di ciascuno, 1 pinta
     "gelsomino, }
     " rosa, }
Estratto di iris } di ciascun, 1/2 "
     "ambra grigia, }
Otto di Neroli, 1/2 dracma.
     "lavanda, 1/2 "
     " rosa, 1"

BOUQUET DE CAROLINE; ANCHE CHIAMATO BOUQUET DES DELICES .

Extra de rose, }
     "violette, } da pomata, di ciascuno, 1 pinta
     "tuberosa,} }
} di
Estratto di iris 1/2 "
ciascun,
     "ambra grigia, }
Otto di
}
bergamotto,
     "Limette, } di ciascun, 1/4 oz.
     "cedret, }

THE COURT NOSEGAY .

Extra de rose, }
    "violette, } di ciascun, 1 pinta
    "gelsomino, }
Esprit de rose
1"
triple,
Estratto di muschio, } di ciascun, 1 oncia.
    "ambra grigia, }
Otto di limone, } di ciascun, 1/2 oz.
    "bergamotto, }
    "neroli, 1 dracma.

EAU DE CHYPRE .

Si tratta di un profumo francese vecchio stile, presumibilmente derivato dal Cyperus


esculentus di alcuni, e da altri che prendono il nome dall'isola di Cipro; l'articolo
venduto, tuttavia, è realizzato in tal modo-
Estratto di muschio, 1 pinta
    "ambra grigia, }
     " vaniglia, } di ciascun, 1/2 "
    "fagiolo tonquin, }
    "Iris, }
Esprit de rose
2 pinte
triple,

La miscela così formata è uno degli odori più duraturi che possono essere prodotti.

IMPERATRICE EUGENIE'S NOSEGAY .

Estratto di
}
muschio,
    " vaniglia, } di ciascun, 1/4 pinta.
    "tonquin, }
    "neroli, }
    "geranio, }
    "rosa tripla, } di ciascun, 1/2 "
    "santal, }

BOUQUET DI ESTERHAZY .

Extra d'arancio (dalla


1 pinta
pomata),
Esprit de rose triple, 1"
Estratto di vitivert, }
    " vaniglia, } di ciascun, 2 "
    "Iris, }
    "tonquin, }
Esprit de neroli, 1"
Estratto di ambra grigia, 1/2 "
Otto di santal, 1/2 dracma.
   " Chiodi di garofano, 1/2 "

Nonostante la miscela complessa qui data, è il vitivert che conferisce a questo bouquet il
suo carattere peculiare. Pochi profumi hanno suscitato maggiore furore mentre nella
moda.

ESS BOUQUET.

La reputazione di questo profumo ha dato origine a numerose imitazioni dell'articolo


originale, in particolare sul continente. In molti dei negozi in Germania e in Francia si
vedranno bottiglie etichettate in stretta imitazione di quelle spedite da Bayley and Co.,
Cockspur Street, Londra, che sono, in realtà, i produttori originali.
Esprit de rose triple, 1 pinta
Estratto di ambra
2 once
grigia,
    "Iris, 8"
Otto di limoni, 1/4 "
   "bergamotto, 1"

Il nome "Ess" bouquet, che sembra ingannare alcune persone, è solo una mera
contrazione di "essenza" del bouquet.

ACQUA DI COLONIA. ( La première qualité. )

Spirito (da uva), 60 over


6 galloni.
proof,
Otto di Neroli , Petale , , 3 once
    ""       Bigarade , 1"
    "rosmarino, 2"
    "buccia d'arancia, 5"
    "buccia di cedro, 5"
    "buccia di bergamotto, 2"

Mescolare con agitazione; quindi lasciare riposare per qualche giorno in silenzio, prima
di imbottigliare.

ACQUA DI COLONIA. ( La deuxième qualité. )

Spirito (dal mais), 6 galloni.


Otto di neroli, Petit-grain , 2 once
   ""     Petale , 1/2 "
    "rosmarino, 2"
    "buccia d'arancia, }
    " Limone, } di ciascun, 4 "
    "bergamotto, }

Sebbene l'Eau de Cologne sia stata inizialmente presentata al pubblico come una specie
di "toccasana", un "elisir di vita" regolare, ora prende il suo posto, non come un prodotto
farmaceutico, ma tra i profumi. Delle sue qualità correttive non possiamo dire nulla,
essendo tale questione irrilevante rispetto allo scopo di questo libro. Considerato,
tuttavia, come un profumo, con il gusto del pubblico è molto alto; e sebbene sia
estremamente volatile ed evanescente, tuttavia ha quell'eccellente qualità che è chiamata
"rinfrescante". Che questo sia dovuto al rosmarino o allo spirito, non possiamo dire, ma
pensare che qualcosa possa essere attribuito ad entrambi. Una cosa importante relativa
all'Eau de Cologne non deve tuttavia passare inosservata, e cioè la qualità dello spirito
usato nella sua fabbricazione. L'assoluta impossibilità di rendere il brandy con lo spirito
inglese in qualche modo simile al vero Cognac, è ben noto. Allo stesso modo è
impossibile rendere Eau de Cologne con spirito inglese, per assomigliare all'articolo
originale. Parlare della "purezza" dello spirito francese o della "impurità" dello spirito
inglese è ugualmente assurdo. Il fatto è che quello spirito derivato dall'uva e lo spirito
ottenuto dal grano hanno ciascuno di questi aspetti distinti e caratteristiciun aroma, che
l'uno non può essere scambiato per l'altro. Si dice che l'odore dello spirito d'uva sia
dovuto all'etere œantico che contiene. Lo spirito inglese, invece, deve il suo odore
all'olio di fuselli. Così potente è l'etere œantico nello spirito francese, che nonostante
l'aggiunta di sostanze così intensamente odorose come gli ottos di neroli, rosmarino e
altri, dà ancora un profumo caratteristico ai prodotti fatti che lo contengono, e quindi la
difficoltà di preparare l'Eau de Cologne con qualsiasi spirito privo di questa sostanza.
Benché l'Eau de Cologne sia molto raffinata, spesso viene fatta mescolando
semplicemente gli ingredienti come indicato nella ricetta come sopra, tuttavia è meglio,
prima, mescolare tutti gli ottini di agrumi con lo spirito, e poi distillare la miscela, quindi
aggiungere al distillato il rosmarino e i neroli, tale processo è quello adottato dalla casa
più popolare di Colonia.
Sono state pubblicate molte forme per la fabbricazione di Eau de Cologne, gli autori di
alcune ricette evidentemente prive di conoscenza, in senso pratico, di ciò che stavano
mettendo in teoria sulla carta; altri partecipanti, per mostrare le loro tradizioni, hanno
cercato tutti gli aromatici della botanica di Lindley e ci avrebbero persuadermi ad usare
assenzio, issopo, anice, ginepro, maggiorana, cumino, finocchio, cumino, cardamomo,
cannella, noce moscata, serpolet, angelica, chiodi di garofano, lavanda, canfora,
balsamo, menta piperita, galanga, timo limone, ecc. & C. & C.
Tutti questi, tuttavia, sono solo hum! Dove è una semplice questione di profitto, e la
formula che noiaver dato è troppo costoso per produrre l'articolo richiesto, è meglio
diluire la detta Colonia con uno spirito debole, o con acqua di rose, piuttosto che
alterarne la forma; perché, sebbene debole, viene mantenuto il vero aroma dell'articolo
originale.
Viene data la ricetta della seconda qualità di Eau de Cologne, per dimostrare che un
articolo molto decente può essere prodotto con lo spirito inglese.

FIORI DI ERIN.

Estratto di rosa bianca (vedi Rosa


1 pinta
bianca),
    " vaniglia, 1 oncia.

BOUQUET DI CACCIA REALE .

Esprit de rose triple, 1 pinta


    "neroli, }
    "acacia, }
    "fleur d'orange, } di ciascun 1/4 "
    "muschio, }
    "Iris, }
    "tonquin, 1/2 "
Otto di cedro 2 dracme.

BOUQUET DE FLORA; ALTRIMENTI, ESTRATTO DI FIORI.

Esprit de rose, }
    "tubereuse, } da pomata, di ciascuno, 1 pinta
    "violette, }
Estratto di
1-1 / 2 oz.
benzoino,
Otto di bergamotto, 2"
   " Limone, }
   " arancia, } di ciascun, 1/2 "

IL MAZZO DELLE GUARDIE.

Esprit de rose, 2 pinte


    "neroli, 1/2 pinta.
Estratto di vaniglia, 2 once
    "Iris, 2"
    "muschio, 1/4 pinta.
Otto di chiodi di
1/2 dracma.
garofano,

FLEUR D'ITALIE; O NOSEGAY ITALIANO.

Esprit de rose, dalla


2 pinte
pomata,
    "rosa tripla, 1 pinta
    "gelsomino, }
} da pomata,
    "violette, 1"
ciascuno,
Estratto di cassie, 1/2 "
    "muschio, }
    "ambra grigia, } di ciascun, 2 once

MAZZO DEL JOCKEY CLUB. ( Formula inglese. )

Estratto di radice di
2 pinte
iris,
Esprit de rose, triple, 1 pinta
    "rose de pomade, 1"
Extrait de cassie, }
    "tubereuse, } de pomade, di ciascuno 1/2 "
    "ambra grigia, } 1/2 "
Otto di bergamotto, 1/2 oz.

MAZZO DEL JOCKEY CLUB. ( Formula francese. )

Esprit de rose, de
1 pinta
pomade,
    "tubereuse, 1"
    "cassie, 1/2 "
    "gelsomino, 1/4 "
Estratto di zibetto, 3 once

Indipendentemente dai materiali impiegati che sono diversi dalla ricetta inglese
originale, deve essere ricordava che tutti i profumi francesi sono fatti di
brandy, cioèspirito di uva; mentre i profumi inglesi sono fatti con lo spirito del mais, che
da solo modifica il loro odore. Anche se buono per alcune miscele, eppure per altri lo
spirito dell'uva è molto discutibile, a causa della predominanza del suo aroma.
Abbiamo parlato della differenza nell'odore tra lo spirito inglese e quello francese; la
marcata distinzione dei profumi britannici e parigini realizzati secondo le stesse ricette è
interamente dovuta ai diversi alcolici impiegati. A causa del forte "bouquet", come
dicono i francesi, del loro spirito rispetto al nostro, i profumieri continentali rivendicano
una superiorità nella qualità dei loro profumi. Ora, anche se ammettiamo candidamente
che alcuni odori sono migliori se preparati con spirito d'uva piuttosto che con quello di
mais, tuttavia ce ne sono altri che sono indubbiamente i migliori se preparati con lo
spirito derivato da quest'ultima fonte. Muschio, ambra grigia, zibetto, violetta, tuberosa e
gelsomino, se abbiamo bisogno di conservare il loro vero aroma quando in soluzione in
alcool, deve essere fatto con lo spirito britannico.
Tutti gli odori citrini, la verveina, le acque vulnerabili, l'Eau de Cologne, l'Eau de
Portugal, l'Eau d'Arquebuzade e la lavanda possono essere portati alla perfezione solo
usando lo spirito francese nella loro fabbricazione. Se l'estratto di gelsomino, o estratto
di violetta, ecc., Viene prodotto con lo spirito del francese o del brandy, il vero odore
caratteristico del fiore viene perso dal nervo olfattivo, così l'etere œantico dello spirito
dell'uva nasconde completamente l'aroma floreale dell'otto di violetta in soluzione con
esso. Questo risolve il paradosso che l'estratto inglese dila viola e i suoi composti, "fiori
primaverili", ecc., sono sempre richiesti sul continente, sebbene i fiori stessi con cui lo
facciamo siano cresciuti lì.
Al contrario, se un profumiere inglese tenta di far sì che Eau de Portugal, ecc., Non
abbia alcun paragone come odore fine a quello prodotto da Lubin, di Parigi, senza usare
lo spirito dell'uva, i suoi tentativi si dimostreranno un fallimento. È vero, egli fa l'Eau de
Portugal anche con lo spirito del mais inglese, ma i giudici dell'articolo - e solo loro
possono stamparne il merito - scoprono istantaneamente la stessa differenza che
l'intenditore scopre tra "Patent British" e brandy straniero.
Forse potrebbe non essere fuori luogo qui osservare che ciò che viene venduto in questo
paese come il brandy britannico è in realtà lo spirito dell'uva, cioè il brandy straniero
largamente diluito dallo spirito inglese! Con questo schema, viene mantenuta una vera
parvenza al sapore del brandy straniero; la differenza di dovere sull'inglese e sullo spirito
straniero permette ai produttori dell'articolo "capovolto" di sottomettere coloro che
vendono il Cognac non sofisticato.
Alcuni chimici, non essendo molto profondi nei "trucchi del mestiere", hanno pensato
che qualche aroma, o quell'etere etico, fosse usato per conferire allo spirito britannico
l'aroma del Cognac. Un articolo è anche nel mercato chiamato "Essence of Cognac", ma
che non è altro che un etere butirrico molto mal fatto.
Nel continente una grande quantità di spirito viene procurata dalla fermentazione della
melassa dalla radice di barbabietola; questo, naturalmente, trova la sua strada nel
mercato, ed è spesso mescolato con lo spirito dell'uva; così, anche, in Inghilterra
abbiamo lo spirito delle patate, che è mescolato nelspirito di mais. Queste adulterazioni,
se così possiamo definirlo, modificano gli odori relativi degli alcoli primitivi.

UN PROFUMO GIAPPONESE.
Estratto di rosa tripla, }

    "vitivert, }
    "patchouly, } di ciascun, 1/2 pinta.
    "cedro, }
    "santal, }
    "vervaine, 1/4 "

KEW GARDEN NOSEGAY.

Esprit de neroli
1 pinta
( Petale ),
    "cassie, }
    "tubereuse, } da pomata, di ciascuno, 1/2 "
    "gelsomino, }
    "geranio, 1/2 "
    "muschio, } di ciascun, 3 once
    "ambra grigia, }

EAU DES MILLEFLEURS

Esprit de rose triple, 1 pinta


    "rose de pomade, }
    "tubereuse, }
    "vjasmine, } da pomata, di ciascuno, 1/2 "
    "fleur d'orange, }
    "cassie, }
    "violette, }
Estratto di cedro, 1/4 "
Estratto di vaniglia, }
    "ambra grigia, } di ciascun, 2 once
    "muschio, }
Otto di mandorle, }
   "neroli, } di ciascun, 10 gocce.
   " Chiodi di
}
garofano,
   "bergamotto, 1 oncia.
Questi ingredienti devono rimanere insieme per almeno una quindicina di giorni, quindi
filtrati prima della vendita.

MILLEFLEURS ET LAVENDER

Essenza di lavanda
1/2 pinta.
( Mitcham ),
Eau des millefleurs, 1"

DECROIX'S MILLEFLOWER LAVENDER.

Distillati di uva, 1 pinta


Otto di lavanda
1 oncia.
francese,
Estratto di ambra grigia, 2 once

L'originale "lavender aux millefleurs" è quello di Delcroix; il suo odore particolare è


dovuto all'ottava francese di lavanda, che, sebbene a qualcuno piace, è molto inferiore
all'ottava inglese di lavanda; quindi la formula data per prima è di gran lunga superiore a
quella dell'inventore, e ha quasi sostituito i preparativi originali.
Ci sono molti altri composti o mazzi di cui la lavanda è l'ingrediente principale, e da cui
prendono il nome, come la lavanda e l'ambra grigia, la lavanda e il muschio, la lavanda e
il maresciallo, ecc., Tutti composti da pregiate essenze spirituali di lavanda, con circa il
15 per cento. di uno qualsiasi degli altri ingredienti.

BOUQUET DU MARECHALE.

Esprit de rose triple, } di ciascun, 1 pinta


Extra de fleur d'orange, }
    "vitivert, }
    " vaniglia, }
    "Iris, } di ciascun, 1/2 "
    "tonquin, }
Esprit de neroli, }
Estratto di muschio, } di ciascun, 1/4 pinta.
    "ambra grigia, }
Otto di chiodi di
} di ciascun, 1/2 dracma.
garofano,
   "santal, }

EAU DE MOUSSELAINE.
Bouquet maréchale, 1 pinta
Extrait de cassie, }
    "gelsomino, } da pomata, di ciascuno, 1/2 "
    "tubereuse, }
    " rosa, }
Otto di santal, 2 dracme.

BOUQUET DE MONTPELLIER.

Extrait de tubereuse, 1 pinta


    "rose de pomade, 1"
    "rosa tripla, 1"
Estratto di muschio, } di ciascun, 1/4 "
    "ambra grigia, }
Otto di chiodi di
1-1 / 2 dracme.
garofano,
   "bergarmotto, 1/2 oz.

CAPRICE DE LA MODE.

Extrait de jasmine, }
} di
    "tubereuse, 1/2 pinta.
ciascun,
    "cassie, }
    "fleur d'orange, }
Otto di mandorle, 10 gocce.
   " Noce moscata, 10 "
Estratto di zibetto, 1/4 pinta.

MAGGIO FIORI.

Estratto di rosa (de


}
pomade),
    "gelsomino, } di ciascun, 1/2 pinta.
    "fleur d'orange, }
    "cassie, }
    " vaniglia, 1"
Otto di mandorle, 1/4 di dracme.
NEPTUNE, O NOSEGAY NAVALE .

Extrait de rose,
}
tripla,
    "santal, } di ciascun, 1/2 pinta.
    "vitivert, }
    "patchouly, }
    "verbena, 1/8 "

MAZZO DI TUTTE LE NAZIONI .

Paesi in cui sono prodotti gli odori.


Tacchino, Esprit de rose triple, 1/2 pinta.
Africa, Estratto di gelsomino 1/2 "
Inghilterra,     "lavanda, 1/4 "
Francia,     "tubereuse, 1/2 "
Sud
    " vaniglia, 1/4 "
America,
Timor,     "santal, 1/4 "
Italia,     "viola, 1"
Hindoostan,     "patchouly, 1/4 "
Ceylon, Otto di citronella, 1 dracma.
Sardegna,    " limoni, 1/4 oz.
Tonquin, Estratto di muschio, 1/4 pinta.

MAZZO DELL'ISOLA DI WIGHT .

Estratto di iris 1/2 pinta.


    "vitivert, 1/4 "
    "santal, 1"
    " rosa, 1/2 "

BOUQUET DU ROI .

Estratto di gelsomino }
    "viola, } da pomata, di ciascuno, 1 pinta
    " rosa }
    " vaniglia, } di ciascun, 1/4 pinta.
    "vitivert, }
    "muschio, } di ciascun, 1 oncia.
    "ambra grigia, }
Otto di bergamotto, 1 oncia.
   " Chiodi di
1 dracma.
garofano,

BOUQUET DE LA REINE .

} da pomata, di
Esprit de rose, 1 pinta
ciascuno,
Extrait de violette, }
    "tubereuse, 1/2 "
    "fleur d'orange, 1/4 "
Otto di
1/4 oz.
bergamotto,

RONDELETIA .

Il profumo che porta il nome di cui sopra è senza dubbio uno dei più gratificanti per il
nervo odore che sia mai stato fatto. I suoi inventori, i signori Hannay e Dietrichsen,
hanno probabilmente preso il nome di questo odore dalla Rondeletia , il Chyn-lendei
cinesi; o dalla R. odorata delle Indie Occidentali, che ha un odore dolce. Abbiamo già
osservato che esiste una somiglianza di effetti sul nervo olfattivo prodotto da certi odori,
sebbene derivati da fonti totalmente diverse: che, per esempio, otto di mandorle possono
essere mescolati con l'estratto di viola in proporzione tale che, nonostante l'odore è
aumentato, eppure il carattere peculiare del violetto non viene distrutto. Ancora una
volta: ci sono certi odori che, una volta miscelati nelle debite proporzioni, producono un
nuovo aroma, perfettamente distinto e peculiare di se stesso. Questo effetto è
esemplificato dal confronto con l'influenza di certi colori quando miscelati, sul nervo
della visione: tale, ad esempio, come quando il giallo e il blu sono mescolati, il risultato
che chiamiamo verde; o quando blu e rosso sono uniti, il colore composto è noto come
puce o viola.
Ora quando l'odore della lavanda e l'odore dei chiodi di garofano si mescolano,
producono una nuova fragranza, vale a dire la Rondeletia!Sono tali combinazioni che
costituiscono in realtà "un nuovo profumo", che, sebbene spesso pubblicizzato, è
raggiunto molto raramente. Il gelsomino e il patchouly producono un aroma nuovo e
molti altri allo stesso modo; la proporzione e la forza relativa, se così mescolate, devono
naturalmente essere studiate e le sostanze utilizzate di conseguenza. Se la stessa quantità
di un dato otto si scioglie in una proporzione simile di spirito, e la soluzione si mescola
in proporzioni uguali, l'odore più forte viene immediatamente indicato coprendo o
nascondendo la presenza dell'altro. In questo modo scopriamo che il patchouly, la
lavanda, il neroli e la verbena sono il più potente degli odori vegetali, e che viola,
tubereuse e gelsomino sono i più delicati.
Molte persone considereranno inizialmente che stiamo chiedendo troppo, quando
esprimiamo il desiderio di avere la stessa deferenza pagata al nervo olfattivo, come agli
altri nervi che influenzano i nostri piaceri e dolori fisici. Tutorando il nervo olfattivo, è
in grado di percepire la materia nell'atmosfera della natura più sottile: non solo ciò che è
piacevole, ma anche ciò che è malsano. Se un odore sgradevole è un avvertimento per
cercare un'atmosfera più pura, sicuramente vale la pena coltivare quel potere che ci
consente di agire fino a quell'ammonizione per il beneficio generale della salute.
Per tornare, tuttavia, alla Rondeletia: sarà visto dalle formule annesse, che, oltre agli
ingredienti principali a cui deve il suo carattere peculiare - cioè, chiodi di garofano e
lavanda - contiene muschio, vaniglia, ecc. Queste sostanze sono usate in queste come
inquasi tutti gli altri mazzi con l'unico scopo di fissare gli odori più volatili al fazzoletto.

ESSENZA DI RONDELETIA .

Spirito (brandy 60 op), 1 gallone.


Otto di lavanda, 2 once
   " Chiodi di garofano, 1 oncia.
   " Rose, 3 dracme.
   "bergamotto, 1 oncia.
Estratto di muschio, }
}
    " vaniglia, 1/4 pinta.
ogni,
    "ambra grigia, }

La miscela deve essere prodotta almeno un mese prima che sia in vendita. Rondeletia
molto eccellente può anche essere fatta con spirito inglese.

BOUQUET ROYAL .

Estratto di rosa (dalla


1 pinta
pomata),
Esprit de rose, triple, 1/2 "
} da pomata,
Estratto di gelsomino 1/2 "
ciascuno,
    "viola, }
    "verbena, } ogni, 2-1 / 2 oz.
    "cassie, }
Otto di limoni, } ogni, 1/4 oz.
   "bergamotto, }
Estratto di muschio, } ogni, 1 oncia.
    "ambra grigia, }

SUAVE .

Estratto di tubereuse, }
    "gelsomino, } da pomata, ciascuno, 1 pinta
    "cassie, }
     " rosa, }
    " vaniglia, 5 once
    "muschio, } ogni, 2 once
    "ambra grigia, }
Otto di bergamotto, 1/4 oz.
   " Chiodi di
1 dracma.
garofano,

SPRING FLOWERS .

Estratto di rosa, } da pomata, ciascuno, 1 pinta


    "viola, }
    "rosa, tripla, 2-1 / 2 oz.
    "cassie, 2-1 / 2 oz.
Otto di bergamotto, 2 dracme.
Estratto di ambra
1 oncia.
grigia,

La giusta reputazione di questo profumo la colloca al primo posto tra le migliori miscele
che siano mai state create da un qualsiasi profumiere di produzione. Il suo odore è
veramente fiorito, ma peculiare a se stesso. Essendo diverso da qualsiasi altro aroma,
non può essere imitato, soprattutto perché non c'è nulla che conosciamo che assomigli
all'odore dello spirito di rosa, derivato dalla macerazione della pomata rosa nello spirito,
a cui e all'estratto di violetto, ben contornato, in modo che nessuno degli odori
predomina, il carattere peculiare di "Fiori di primavera" è dovuto; la piccola ambra
grigia che è presente dà permanenza all'odore sul fazzoletto, sebbene dalla natura stessa
degli ingredienti si possa dire che sia un odore fugace. "Spring Flowers" è un'invenzione
inglese,

TULIP NOSEGAY .

Quasi tutte le tribù dei tulipani, anche se belle da vedere, sono inodori. La varietà
denominata Duc Van Thol, tuttavia, produce un profumo squisito, ma non viene
utilizzata dal produttore per estrarne l'odore. Tuttavia, prende in prestito la suanome
poetico, e rende così un'ottima imitazione:
Estratto di
} da pomata ciascuno, 1 pinta
tubereuse,
    "viola, }
    " rosa, 1/2 "
    "Iris, 3 once
Otto di mandorle, 3 gocce.

VIOLETTE DES BOIS .

Sotto la testa di Violet, abbiamo già spiegato il metodo per preparare l'estratto o
l'essenza di quel fiore modesto. I profumieri parigini vendono una miscela di viola, che è
molto bella, con il titolo di Violet des Bois, o Wood Violet, che è fatta così: -
Estratto di viola, 1 pinta
    "Iris, 3 once
    "cassie, 3 once
    "rosa (dalla
3 once
pomata)
Otto di mandorle, 3 gocce.

Questa miscela, in generale, dà più soddisfazione al cliente rispetto alla viola pura.

MAZZO DEL CASTELLO DI WINDSOR .

Alcol, 1 pinta
Otto di Neroli, }
   " rosa, } ogni, 1/4 oz.
   "lavanda, }
   "bergamotto, }
   " Chiodi di
8 gocce.
garofano,
Estratto di iris 1 pinta
    "gelsomino, } ogni, 1/4 "
    "cassie, }
    "muschio, } ogni, 2-1 / 2 oz.
     "ambra grigia, }

YACHT CLUB BOUQUET .


Estratto di santal, 1 pinta
    "neroli, 1"
    "gelsomino, } ogni, 1/2 "
    "rosa tripla, }
    " vaniglia, 1/4 "
Fiori di
1/4 oz.
benzoino,

Ora abbiamo completato il ramo dell'Arte della Profumeria che si riferisce ai profumi del
fazzoletto o alla profumeria umida. Sebbene abbiamo piuttosto invaso troppo lo spazio
di questo lavoro nel dare la composizione di tanti mazzi, eppure molti sono rimasti
inosservati che sono popolari. Quelli che vengono dati sono noti più in particolare per il
carattere peculiare del loro odore, e sono selezionati tra più di mille ricette che sono state
praticamente provate.
Quei lettori che hanno bisogno di sapere qualcosa sui semplici estratti di fiori sono
riferiti a loro sotto i loro rispettivi titoli alfabetici.

SEZIONE VII.
Gli articoli precedenti hanno trattato esclusivamente di Wet Perfumes; la presente
questione si riferisce a Profumi secchi, polveri in bustina, pastiglie, pastiglie,
fumigazione con l'aiuto del calore di resine odorose volatili, ecc. & C. I profumi usati
dagli antichi erano, indubbiamente, nient'altro che le gomme odorose che emanano
naturalmente da vari alberi e arbusti indigeni dell'emisfero orientale: che erano molto
usati estensivamente e molto apprezzati, dobbiamo solo leggere le Scritture per le prove:
- "Chi è questo che viene ... profumato di mirra e incenso, con tutte le polveri del
mercante?" (Cantico dei Cantici, 3: 6). L'astensione dall'uso del profumo nei paesi
dell'est è considerata un segno di umiliazione: "Il Signore porterà via le
compresse,Palazzi , in Salmo 14: 8: - "Tutte le tue vesti profumano di mirra, aloe e
cassia, fuori dai palazzi d'avorio, per cui ti hanno reso felice". Da quanto si dice in
Matt. 2:11, sembrerebbe che i profumi fossero considerati tra i doni più preziosi che
l'uomo potesse donare; - "Equando essi (i saggi) avevano aperto i loro tesori, essi
presentarono a lui (Cristo) i doni; oro, e incenso e mirra. "Per quanto siamo in grado di
imparare, tutti i profumi usati dagli Egizi e dai Persiani durante il primo periodo del
mondo erano profumi secchi , costituiti da spikenard ( Nardostachys jatamansi ), mirra,
olibano, e altre resine gengivali, quasi tutte tuttora utilizzate dai produttori di odori.Tra
le curiosità mostrate al castello di Alnwick c'è un vaso che è stato prelevato da una
catacomba egiziana.È pieno di una miscela di gomma-resina, & c ., che evolve un odore
gradevole ai giorni nostri, anche se probabilmente 3000 anni. Non abbiamo dubbi che
l'uso originale di questo vaso e del suo contenuto fosse per profumare gli appartamenti,
nello stesso modo in cui ora si usa il pot pourri.

POLVERI BUSTINE .

I profumieri francesi e inglesi preparano una grande varietà di queste sostanze, che
vengono messe in sacchi di seta o buste ornamentali, trovano una vendita pronta, che sia
al tempo stesso olfattiva ed economica come mezzo per impartire un odore gradevole
alla biancheria e ai vestiti giacciono nei cassetti. La seguente formula mostra la loro
composizione. Ogni materiale deve essere macinato in un mulino o polverizzato in un
mortaio e successivamente setacciato.

SACHET AU CYPRE .

Legno di rose macinato, 1 libbra


     "legno di cedro, 1 libbra
     "legno santal, 1 libbra
Otto di rodio, o otto di
3 dracme.
rosa,

Mescolare e setacciare; è quindi in vendita.

SACHET A LA FRANGIPANNE .

Polvere di radice di
3 libbre.
iris,
Vitivert in polvere, 1/4 libbre
Polvere di legno Santal, 1/4 libbre
Otto di Neroli, }
   " rosa, } di ciascun, 1 dracma.
   "santal, }
Muschio-baccelli, terra, 1 oncia.

Il nome di questa bustina ci è stato tramandato come derivato da un romano della nobile
famiglia dei Frangipani. Mutio Frangipani era un alchimista, evidentemente di una certa
reputazione, come abbiamo un altro articolo chiamato rosolis, o ros-solis, sole-rugiada ,
un liquore alcolico aromatico, usato come stomachico, di cui si dice che sia l'inventore,
composto da vino, in cui è corroborato il coriandolo, il finocchio, l'anice e il muschio.

ELIOTROPIO BUSTINA .

Iris in polvere, 2 libbre.


Rose lascia, terra, 1 libbra
Fagioli tonquin,
1/2 libbra
macinati,
Baccelli di vaniglia, 1/4 libbre
Muschio di grano, 1/4 oz.
Otto di mandorle, 5 gocce

Ben miscelato setacciando in un setaccio grezzo, è in vendita.


È uno dei migliori sacchetti prodotti, ed è così perfettamente au naturel nel suo odore al
fiore da cui deriva il suo nome, che nessuna persona che non conoscesse la sua
composizione, per un istante, crederebbe che sia qualcosa di diverso dal " cosa vera."

LAVANDA SACHET .

Fiori di lavanda, macinati, 1 libbra


Gomma benzoina, in
1/4 libbre
polvere,
Otto di lavanda, 1/4 oz.

SACHET A LA MARECHALE .

Polvere di legno santal, 1/2 libbra


    " radice di giaggiolo, 1/2 libbra
Foglie di rosa, terra, 1/4 libbre
Chiodi di garofano, macinato, 1/4 libbre
Corteccia di cassio, 1/4 libbre
Muschio di grano, 1/2 dracma.

SACHET A LA MOUSSELAINE .

Vitivert, in polvere, 1 libbra


Santal-legno, }
iris, } ogni, 1/2 libbra
Foglie di ribes nero
1/2 libbra
( casse ),
Benzoino, in polvere, 1/4 libbre
Otto di timo, 5 gocce
   " Rose, 1/2 dracma.

MILLEFLEUR SACHET .
Fiori di lavanda, terra, }
iris, } ogni, 1 libbra
Rose-foglie, }
benzoino, }
Tonquin, }
}
Vaniglia, 1/4 libbre
ogni,
Santal, }
Muschio e zibetto, 2 dracme.
Chiodi di garofano,
1/4 libbre
macinato,
Cannella, } ogni, 2 once
Pepe di Giamaica, }

BUSTINA DI PORTOGALLO.

Buccia d'arancia essiccata, 1 libbra


    " scorza di limone, 1/2 libbra
    " radice di giaggiolo, 1/2 libbra
Otto di buccia d'arancia, 1 oncia.
   "neroli, 1/4 di dracme.
   " citronella, 1/4 "

PATCHOULY SACHET.

Patchouly alle erbe,


1 libbra
macinato,
Otto di patchouly, 1/4 di dracme.

L'erba Patchouly viene spesso venduta allo stato naturale, come importata, legata in fasci
di mezzo chilo ciascuno.

POT POURRI.

Questa è una miscela di fiori secchi e spezie non macinati.


Lavanda secca, 1 libbra
Intere foglie di rosa, 1 libbra
Orris schiacciato (grossolano), 1/2 libbra
Chiodi di garofano rotti }
}
    " cannella, 2 once
ogni,
    " Pepe di Giamaica, }
Sale da tavola, 1 libbra

Abbiamo bisogno di osservare a malapena che il sale viene utilizzato solo per aumentare
la massa e il peso del prodotto, al fine di venderlo a buon mercato.

OLLA PODRIDA.

Questa è una preparazione simile a pot pourri. Nessuna forma regolare può essere data
per questo, come è generalmente fatta, o "rovesciata", con i rifiuti e spesimateriali
derivati da altri processi nella fabbricazione di profumeria; come la vaniglia esaurita
dopo la produzione di tintura o estratto di vaniglia, o del muschio di grano dall'estratto di
muschio, iris dalla tintura, fagioli tonquin, dopo la tintura, ecc. & c., mescolato con
foglie di rosa, lavanda o erbe odorose.

BUSTINA DI ROSE.

Tacchi rosa o
1 libbra
foglie,
Legno Santal, terra, 1/2 libbra
Otto di rose, 1/4 oz.

BUSTINA DI LEGNO SANTAL.

Questa è una bustina buona ed economica e consiste semplicemente nel legno


macinato. Il legno Santal deve essere acquistato da alcuni dei drysalters all'ingrosso; i
tossicodipendenti sono le persone a ridurlo in polvere per te - qualsiasi tentativo di farlo
a casa sarà ritenuto non disponibile, a causa della sua durezza.

BUSTINA ( senza nome )

Timo essiccato, }
    "limone timo, } di ciascun, 1/4 libbre
    " menta, }
    " Maggiorana, }
    "lavanda, 1/2 libbra
    "tacchi rosa, 1 libbra
Chiodi di garofano, 2 once
Pepe di Giamaica, 2 once
Muschio nel grano, 1 dracma.
BUSTINA VERBENA.

Buccia di limone, essiccata e


1 libbra
macinata,
    "timo, 1/4 libbre
Otto di citronella, 1 dracma.
   " " sbucciare, 1/2 oz.
   "bergamotto, 1 oncia.

BUSTINA VITIVERT.

Le radici fibrose del Anthoxantum muricatum che sono macinate costituiscono la bustina


che porta il nome come sopra, derivato dal nome di Tamool , vittie vayer e
dal vetiver parigino . Il suo odore ricorda la mirra. Vitivert è più spesso venduto legato in
mazzi, come importato dall'India, che macinato, ed è usato per la prevenzione della
tignola, piuttosto che come profumo.

VIOLETTA SACHET.

Foglie di ribes nero ( casse ), 1 libbra


Tacchi rosa o foglie, 1 libbra
Polvere di radice di iris, 2 libbre.
Otto di mandorle, 1/4 di dracme.
Muschio di grano, 1"
Gomma benzoina, in
1/2 libbra
polvere,

Bene mescoli gli ingredienti setacciando; tenerli insieme per una settimana in un


barattolo di vetro o porcellana prima di offrire in vendita.
Esistono molte altre bustine prodotte oltre a quelle già fornite, ma per gli scopi
commerciali attuali non vi è alcun vantaggio nel mantenere una varietà maggiore rispetto
a quelle indicate. Esistono, tuttavia, molte altre sostanze utilizzate in modo simile; il più
popolare è il

PEAU D'ESPAGNE .

Peau d'Espagne, o pelle spagnola, non è altro che una pelle altamente profumata.  Buoni
pezzi sonori di pelle lavata devono essere immersi in una miscela di ottoni, in cui
vengono sciolte alcune gomme odorose, così: -Otto di neroli, otto di rosa, santal, di ogni
mezzo oncia; otto di lavanda, verbena, bergamotto, di ciascuno un quarto di oncia; otto
di chiodi di garofano e cannella, di ogni due dracme; con tutti gli altri ritenuti idonei. In
questa miscela sciogliere circa due once di gomma benzoina; ora posiziona la pelle in
modo che ripida per un giorno o giù di lì, quindi appendila su una linea per asciugarla. Si
fa ora una pasta sfregando in un mortaio una dracma di zibetto con una dracma di
muschio di grano, e una sufficiente soluzione di gomma d'acacia o gomma adragante per
darle una consistenza dilagante; un po 'di tutti gli ottos che possono essere lasciati dalla
ripida agitazione con lo zibetto, ecc., assiste molto nel rendere tutto un corpo uguale; la
pelle tagliata in pezzi di circa quattro pollici quadrati deve poi essere stesa, intonacata,
con l'ultimo composto; due pezzi messi insieme, con dentro l'intonaco di zibetto, devono
essere messi tra fogli di carta, pesati o pressati e lasciati asciugare per una
settimana; infine, ogni doppia pelle, ora chiamata peau d'Espagne, deve essere avvolta in
una bella seta o raso, e rifinita al gusto del venditore. e lasciato ad asciugare così per una
settimana; infine, ogni doppia pelle, ora chiamata peau d'Espagne, deve essere avvolta in
una bella seta o raso, e rifinita al gusto del venditore. e lasciato ad asciugare così per una
settimana; infine, ogni doppia pelle, ora chiamata peau d'Espagne, deve essere avvolta in
una bella seta o raso, e rifinita al gusto del venditore.
La pelle o la pelle così preparate evolvono un odore gradevole per anni, e quindi
vengono spesso chiamati"la bustina inesauribile". Essendo piatti, sono molto usati per
profumare la carta da lettere.
L'odore duraturo della pelle russa è familiare a tutti e gradito a molti; il suo profumo è
dovuto al legno aromatico dei saunders con cui viene conciato e all'olio empireumatico
della corteccia dell'albero di betulla, con cui è stagionato. L'odore della pelle russa non è
tuttavia abbastanza ricercabile da essere considerato un profumo; ma, tuttavia, la pelle
può essere impregnata dalla macerazione nei vari pomi con qualsiasi profumo dolce, e
che conserva in misura notevole, specialmente con otto di santal o citronella
( Verbena ). In questo modo l'odore del peau d'Espagne può essere molto vario e dà
grandi soddisfazioni, a causa della permanenza del suo profumo.

CARTA DA LETTERA PROFUMATA.

Se un pezzo di peau d'Espagne viene posto a contatto con la carta, quest'ultimo assorbe
un odore sufficiente da essere considerato "profumato"; è ovvio che la carta per la
scrittura non deve essere toccata con nessuna delle tinture odorose odorose, a causa di
tali questioni che interferiscono con la fluidità dell'inchiostro e l'azione della
penna; quindi, dal processo di infezione, per così dire, solo la carta da lettere può essere
profumata a proprio vantaggio.
Oltre alle bustine citate ci sono molte altre sostanze applicate come profumi secchi,
come l'ovatta profumata, usata per il trapuntatura in tutti i tipi di articoli adatti per l'uso
nel boudoir di una signora. Puntaspilli, gioiello casi, e simili sono allineati con esso. Il
cotone, così profumato, è semplicemente immerso in una forte essenza di muschio, ecc.

MARCATORI DI LIBRI PROFUMATI .

Abbiamo visto che la pelle può essere impregnata di sostanze odorose, nella
fabbricazione di peau d'Espagne; solo così viene trattato il cartoncino prima di essere
inserito in un libro. Nel finirli in vendita, solo il gusto impone il loro design; alcuni sono
decorati con perline, altri con ricami.
CASSOLETTES E PRINTANIERS .

Cassolettes e Printaniers sono piccole scatole di avorio, di vari disegni, traforate per
consentire la fuoriuscita degli odori in esse contenuti. La pasta usata per riempire questi
"palazzi d'avorio per cui siamo resi felici" è composta da parti uguali di muschio di
grano, ambra grigia, semi del baccello di vaniglia, otto di rose e polvere di orris, con
abbastanza gomma d'acacia, o gomma adragante , per lavorare il tutto insieme in una
pasta. Queste cose sono ora principalmente utilizzate per profumare la tasca o il reticolo,
proprio come le vinagrettes ornamentali in argento e oro.

CIALDE .

Non vi è alcun dubbio che l'origine dell'uso dei pastelli, o pastiglie, come sono più
spesso chiamati dai francesi, è stata derivata dall'uso dell'incenso agli altari dei templi
durante i servizi religiosi: - Secondo secondo l'usanza dell'ufficio del sacerdote, il suo
destino (Zaccaria) era di bruciare incenso quando entrò nel tempio del Signore. "(Luca 1:
9)." E farai un altare per bruciare incenso .... E Aaronne brucerà su di esso incenso ogni
mattina quando veste le lampade, e persino quando accende le lampade, brucerà incenso
su di esso ". (Esodo 30).
Una pratica analoga è in uso ai giorni nostri nelle chiese cattoliche, ma, invece di essere
consumata su un altare, l'incenso viene bruciato in un incensiere, come senza dubbio
molti dei nostri lettori hanno visto. "Appena il segnale è stato dato dal sommo sacerdote,
l'incenso si è acceso, il luogo santo è stato riempito di profumo e la congregazione non si
è unita alle preghiere". ( Servizio del tempio dei falegnami degli ebrei ) .

L'INCENSIERE.

"Sulle pareti di ogni tempio in Egitto, da Meröe a Memphis, l'incensiere è raffigurato


mentre fuma davanti alla divinità presiedente del luogo, sulle pareti delle tombe
risplendono di colori vivaci la preparazione di spezie e profumi". Nel British Museum
c'è un vaso (n. 2595) il cui corpo è destinato a contenere una lampada, i lati sono
perforati per ammettere il calore della fiamma per agire sui tubi sporgenti; che sono
intesi a contenere ottoni di fiori posti nei piccoli vasi all'estremità dei tubi; il calore
volatilizza gli ottos e rapidamente profuma un appartamento. Questo vaso o incensiere
proviene da una catacomba egiziana.
L'incensiere.
L'Incensiere, usato nei "luoghi santi", è fatto di ottone, argento tedesco o metalli
preziosi; la sua forma ricorda un piattino e una tazza rovesciata, che è perforata per
permettere la fuga del profumo. Nel piattino esterno è collocato uno interno di rame, che
può essere estratto e riempito con carbone acceso. Quando è in uso, il carbone incendiato
viene posto nell'incensiere e viene quindi coperto con l'incenso; il calore rapidamente si
volatilizza in fumi visibili. L'effetto è assistito dal portatore di incenso che fa oscillare
l'incensiere, attaccato a tre lunghe catene, nell'aria. La maniera di oscillare l'incensiere
varia leggermente nelle chiese di Roma, in Francia e in Inghilterra, alcune delle quali la
tengono sopra la testa. Alla MADELEINE il metodo è sempreregala al turibolo un pieno
movimento alla massima lunghezza delle catene con la mano destra, e afferralo corto
con la mano sinistra.
Diversi esempi di "incenso preparato per il servizio di altare", come inviato dal signor
Martin, di Liverpool, sembra essere nient'altro che gomma olibanum, di qualità
indifferente, e per niente simile alla composizione come particolarmente comandata da
Dio, la forma per il quale è dato in pieno in Exodus.
I pastelli dei moderni non sono altro che una leggera modifica dell'incenso degli
antichi. Per molti anni furono chiamati Osselets di Cipro. Nei vecchi libri sulla farmacia
una certa miscela delle resine di gomma conosciute era chiamata Suffitus, che essendo
gettata su ceneri calde produceva un vapore che era considerato salutare in molte
malattie.
È sotto la stessa impressione che i pastelli sono ora usati, o almeno per coprire il mal
odeur della camera malata.
Non c'è molta varietà nella formula dei pastelli che sono attualmente in uso; abbiamo
prima il

PASTELLI INDIANI O GIALLI .

Legno Santal, in polvere, 1 libbra


Gomma benzoina, 1-1 / 2 libbre
    "Tolu, 1/4 libbre
Otto di santal, }
}
    " Cassia, 3 dracme.
ogni,
    " Chiodi di garofano, }
Nitrato di potassio, 1-1 / 2 oz.
Mucillagini di
qs per rendere il tutto in una pasta rigida.
tragacantha,

Il benzoino, il legno santale e Tolu devono essere polverizzati e mescolati setacciandoli,


aggiungendo gli ottos. Viene quindi aggiunto il nitro che si scioglie nella
mucillagine. Dopo aver ben battuto in un mortaio, i pastelli sono formati in forma con
uno stampo pastigliato e gradualmente asciugati.
I jostick cinesi hanno una composizione simile, ma non contengono Tolu. I jostick sono
bruciati come incenso nei templi dei Budda nell'impero celeste, e in misura tale da
migliorare notevolmente il valore del legno santal.

PASTIGLIE DEL DR. PARIS.

benzoino, }
cascarilla, } di ciascun, 1/4 libbre
Mirra, 1-1 / 4 oz.
Carbone, 1-1 / 2 libbre
Otto di noce moscata, } di ciascun, 3/4 oz.
    " Chiodi di
}
garofano,
Nitro, 2 once

Mescolare come nel precedente.

PASTELLI PER PROFUMI.

Carbone ben bruciato, 1 libbra


benzoino, 3/4 libbre
Tolu, }
Baccelli di vaniglia, } di ciascun, 1/4 libbre
Chiodi di garofano, }
Otto di santal, }
   "neroli, } di ciascun, 2 dr.
Nitro, 1-1 / 2 oz.
Tritacantha di
qs
mucillagini,

I PASTELLI DI PIESSE.

Carbone di salice, 1/2 libbra


Acido benzoico, 6 once
Otto di timo, }
   "cumino, }
   " rosa, } di ciascun, 1/2 dr.
   "lavanda, }
   " Chiodi di
}
garofano,
   "santal, }

Prima di mescolare, sciogliere 3/4 oz. nitro in mezzo pinta di acqua di rose distillata o
ordinaria; con questa soluzione bagnare a fondo il carbone, quindi lasciarlo asciugare in
un luogo caldo.
Quando il carbone, così nitrato, è abbastanza secco, versateci sopra gli antipasti misti e
mescolate con i fiori di benzoino. Se miscelato con il setaccio (il setaccio è uno
strumento migliore per miscelare le polveri rispetto al mortaio e al pestello), viene infine
battuto in un mortaio, con una mucillagine sufficiente a legare il tutto insieme, e meno è
usato meglio è.
Una grande varietà di formule è stata pubblicata per la produzione di pastelli; nove
decimi contengono legno o corteccia o semi aromatici. Ora, quando tali sostanze
vengono bruciate, il chimico sa che se la fibra legnosa in esse contenuta subisce una
combustione, si producono i materiali a combustione lenta che non hanno un odore
gradevole; infatti, l'odore del legno acceso predomina sugli ingredienti aromatici
volatili; è solo per questa ragione che il carbone viene utilizzato al posto di altre
sostanze. L'uso del carbone in un pastil è solo per bruciare,produrre, durante la sua
combustione, il calore necessario per volatilizzare rapidamente il materiale profumante
con cui è circondato. Il prodotto della combustione del carbone è inodore e quindi non
interferisce in alcun modo con la fragranza del pastillo. Tale, tuttavia, non è il caso con
qualsiasi ingrediente che può essere utilizzato che non sia di per sé perfettamente volatile
con l'aiuto di un piccolo incremento di calore. Se avviene la combustione, come sempre
accade per tutti i legni aromatici che vengono introdotti nei pastelli, abbiamo, oltre
all'ottone volatilizzato contenuto nel legno, tutti i composti naturalmente prodotti dalla
lenta combustione della materia legnosa, rovinando il vero odore degli altri ingredienti
volatilizzati.
Ci sono, è vero, certi tipi di fumigazioni adottate occasionalmente dove questi prodotti
sono i materiali ricercati. Con tale fumigazione, come quando la carta marrone viene
lasciata bruciare senza fiamma (subisce una combustione lenta) in una stanza allo scopo
di coprire i cattivi odori. Dalla rapida combustione del tabacco, cioè dalla combustione
con la fiamma, non si sviluppa alcun odore, ma dalla sua lenta combustione, secondo il
metodo adottato da coloro che si concedono "l'erba", l'aroma familiare, "la nuvola", è
generato, e non esisteva pronto formato nel tabacco. Ora un pastillo ben fatto non
dovrebbe sviluppare alcun odore, ma semplicemente volatilizzare quella materia
profumata, qualunque essa sia, usata nella sua fabbricazione. Pensiamo che la quarta
formula sopra riportata esegua quell'oggetto.
Non segue che le formule che sono qui date producono in ogni momento l'odore che è
più approvato; è evidente che nei pastelli, come in altri profumi, molto dipende dal
gusto. Molte persone si oppongono molto all'aroma del benzoino, mentre ammirano
molto i fumi della cascarilla.

LA LAMPADA DEL PROFUMO.

Poco dopo la scoperta della peculiare proprietà del platino spugnoso che rimane
incandescente nel vapore dell'alcool, il defunto signor I. Deck, di Cambridge, ne fece
un'applicazione molto geniale allo scopo di profumare gli appartamenti. Una lampada
spiritica ordinaria è riempita con Eau de Cologne e "rifilata" con uno stoppino nel solito
modo. Sopra il centro dello stoppino, e in piedi circa l'ottavo di pollice sopra di esso,
viene posta una piccola palla di platino spugnoso, mantenuta nella sua posizione fissata
ad una sottile bacchetta di vetro, che viene inserita nello stoppino.

Lampada del profumo.


Così sistemata, la lampada deve essere accesa e lasciata bruciare fino a quando il platino
diventa incandescente; la fiamma può quindi essere spenta, tuttavia il platino rimane
incandescente per un tempo indefinitoperiodo. La vicinanza di una palla incandescente a
un materiale della qualità fisica di Eau de Cologne, diffusa su una superficie di stoppino
di cotone, provoca naturalmente la sua rapida evaporazione e, di conseguenza, la
diffusione dell'odore.
Invece della lampada che viene caricata con Eau de Cologne, possiamo usare Eau de
Portugal, vervaine o qualsiasi altra essenza spirituale. Diversi profumieri fanno una
miscela particolare per questo scopo, che è chiamato

EAU A BRULER .

Acqua di colonia, 1 pinta


Tintura di benzoino, 2 once
     " vaniglia, 1 oncia.
Otto di timo, }
} di
    " menta, 1/2 dracma.
ciascun,
    " Noce moscata, }

Un'altra forma, chiamata

EAU POUR BRULER .

Spirito
1 pinta
rettificato,
Acido benzoico, 1/2 oz.
Otto di timo, } di ciascun, 1 dracma.
    "cumino, }
    "bergamotto, 2 once

Le persone che hanno l'abitudine di usare le lampade per profumo, tuttavia, spesso
osservano che, qualunque differenza ci possa essere nella composizione del fluido
introdotto nella lampada, vi è un grado di somiglianza nell'odore del risultato quando il
platino è in azione. Questo deriva dal fatto, quellofinché c'è il vapore di alcool,
mescolato con ossigeno-aria, passando sopra il platino arroventato, si ottengono sempre
determinati prodotti, vale a dire acido acetico, aldeide e acetale, che sono formati più o
meno e conferiscono un aspetto peculiare e profumo piuttosto gradevole al vapore, ma
che sopraffà qualsiasi altro odore presente.

CARTA FUMIGANTE.

Ci sono due modalità di preparazione di questo articolo: -


1. Prendi dei fogli di cartoncino leggero e immergili in una soluzione di allume, ad
esempio un allume, un'oncia; acqua, una pinta di birra Dopo che sono completamente
inumiditi, lasciali ben essiccati; su un lato di questo foglio si diffonde una miscela di
parti uguali di gomma benzoina, olibano e balsamo di Tolu o balsamo peruviano, oppure
il benzoino può essere usato da solo. Per diffondere la gomma, ecc., È necessario che
siano sciolti in un recipiente di terracotta e versati finemente sulla carta, lisciando infine
la superficie con una spatola calda. Quando richiesto per l'uso, i foglietti di questo
documento sono conservati su una candela o una lampada, per far evaporare la sostanza
odorosa, ma non per accenderla. L'allume nella carta impedisce di bruciare in una certa
misura.
2. I fogli di buona carta leggera devono essere immersi in una soluzione di salnitro, nelle
proporzioni di due once di sale a una pinta di acqua, per essere poi asciugati
completamente.
Qualsiasi delle gomme odorose, come la mirra, l'olibano, il benzoino, ecc., Devono
essere dissolte fino alla saturazione in spirito rettificato, e con un pennello spalmato su
un lato del foglio, che, riattaccando, si asciuga rapidamente.
I foglietti di questo foglio devono essere arrotolati come spandimenti, per essere accesi e
poi fatti saltare.
Il nitro nella carta provoca una continuazione della combustione lenta, diffondendo
durante quel tempo il gradevole profumo delle gomme odorose. Se due di questi fogli di
carta vengono premuti insieme prima che la superficie sia asciutta, si uniranno e
diventeranno una cosa sola. Quando tagliati in pezzi, formano quelli che sono chiamati
accendini odoriferi o perdite profumate.

SEZIONE VIII.
SAPONE PROFUMATO.

La parola soap, o sope, dal greco sapo , compare per la prima volta nelle opere di Plinio
e Galeno. Plinio ci informa che il sapone fu scoperto per la prima volta dai Galli, che era
composto di sego e cenere e che il sapone tedesco era considerato il migliore. Secondo
Sismondi, lo storico francese, un soapmaker fu incluso nel seguito di Carlo Magno.
A Pompei (sopraffatti da un'eruzione del Vesuvio AD 79), negozio di una soap-caldaia
con sapone in è stato scoperto durante alcuni scavi ci ha fatto non molti anni fa. ( Le
lettere di Starke dall'Italia ) .
Da queste affermazioni è evidente che la produzione di sapone è di origine molto
antica; infatti, Geremia in modo figurato lo menziona: "Perchè tu ti lavi con il natron e ti
prenda molto sapone, eppure la tua iniquità è segnata dinanzi a me". (Ger 2:22).
Il signor Wilson dice che la prima registrazione del commercio di sapone in Inghilterra
si trova in un opuscolo nel British Museum, stampato nel 1641, intitolato "A short
account of the Soap Business". Parla più in particolare del dovere, che è stato poi
riscosso per la prima volta, e di alcuni brevetti che sono stati concessi a persone,
principalmente populiste, per una presunta nuova invenzione del biancosapone ", che in
verità non era così". Sufficiente è detto qui per dimostrare che in quel momento la
produzione del sapone non era arte sconsiderata.
Sarebbe fuori luogo qui entrare nei dettagli della fabbricazione del sapone, perché i
profumieri non fabbricano quella sostanza, ma sono semplicemente "rimedi" per usare
un termine commerciale. Il tintore acquista le sue tinture dai drysalters già fabbricati, e
questi sono semplicemente modificati sotto le sue mani per i vari scopi che richiede; così
con il profumiere acquista i vari saponi allo stato grezzo dai saponieri, questi si mescola
con rifusione, profumi e colori in base all'articolo da produrre.
I saponi primari si dividono in saponi duri e morbidi: i saponi duri contengono la soda
come base; quelli che sono morbidi sono preparati con cloruro di potassio. Questi sono
di nuovo divisibili in varietà, secondo la materia grassa impiegata nella loro
fabbricazione, anche secondo la proporzione di alcali. Il più importante di questi al
profumiere è quello che viene definito sapone di cagliata, in quanto forma la base di tutti
i saponi altamente profumati.
CURD SOAP è un sapone quasi neutro, di pura soda e fine sego.
OIL SOAP , come fatto in Inghilterra, è una combinazione incolore di olio d'oliva e soda,
dura, a grana stretta e contiene solo poca acqua in combinazione.
IL SAPONE DI CASTILE , importato dalla Spagna, è una combinazione simile, ma è
colorato da protosolfato di ferro. La soluzione del sale viene aggiunto al sapone dopo
che è stato prodotto, dalla presenza di alcali, avviene la decomposizione del sale e il
protossido di ferro viene diffuso attraverso il sapone del suo ben noto colore nero,
conferendogli l'aspetto marmorizzato familiare. Quando il sapone viene tagliato in barre
e esposto all'aria, il protoxide passa per assorbimento di ossigeno nel perossido; quindi,
una sezione di una barra di sapone Castiglia mostra il bordo esterno marmorizzato,
mentre l'interno è marmorizzato. Alcuni saponi di Castiglia non sono colorati
artificialmente, ma un aspetto simile è prodotto dall'uso di una barilla o di una soda
contenente solfuro della base alcalina, e altre volte dalla presenza di un sale di ferro.
MARINE SOAP è un sapone all'olio di cocco, di soda contenente un grande eccesso di
alcali e molta acqua.
IL SAPONE GIALLO è un sapone di sodio, di sego, resina, strutto, ecc. & c.
PALM SOAP è un sapone alla soda di olio di palma, mantenendo inalterato l'odore e il
colore peculiari dell'olio. Il principio odorifero dell'olio di palma che assomiglia a quello
della radice di iris, può essere sciolto da esso mediante la tintura con alcool;  come ottos
generalmente, rimane intatto in presenza di un alcali, quindi, il sapone fatto con olio di
palma trattiene l'odore dell'olio.
Il pubblico richiede un sapone che non si contrarrà e cambierà forma dopo
l'acquisto. Deve fare una schiuma abbondante durante l'atto del lavaggio. Non deve
lasciare la pelle ruvida dopo averla usata. Deve essere o abbastanza profumato o avere
un aroma gradevole. Nessuno dei suddetti saponi possiede tutte queste qualità in unione
e, quindi, produrre un tale articolo è l'oggetto del profumiere nel suo processo di
rifusione.
Prima della rimozione delle accise sul sapone, nel 1853, era impossibile per un
profumiere fare un sapone commerciale perché la legge non
permetteva di produrremeno di una tonnellata di sapone alla volta. Questa legge, che
con alcune modifiche era in vigore dal regno di Carlo I, confinò la produzione effettiva
di quell'articolo nelle mani di pochi capitalisti. Tale legge, tuttavia, era di poca
importanza per il profumiere, poiché una pianta e un apparecchio che bollivano il sapone
non erano molto compatibili con un laboratorio di fiori; eppure, in alcuni casi
eccezionali, questi regolamenti sulle accise interferivano con lui; tale, ad esempio, come
quello nel fare sapone morbido di lardo e potassio, conosciuto, quando profumato,
come Crême d'Amande; o inodore, come una crema saponacea, che, in conseguenza di
quella legge, è stata interamente gettata nelle mani dei nostri vicini continentali.
FIG SOFT SOAP è una combinazione di olii, principalmente olio d'oliva del tipo più
comune, con sali di potassio.
NAPLES SOFT SOAP è un olio di pesce (mescolato con olio di Lucca) e potassa, di colore
marrone per i rasoi londinesi, che conserva, quando è puro, il suo odore "di pesce" non
sofisticato.
I saponi di cui sopra costituiscono il vero corpo o base di tutti i saponi profumati di
fantasia realizzati dai profumieri, che sono mescolati e rifusi secondo la seguente
formula: -
Il processo di rifusione è estremamente semplice. La saponetta viene prima tagliata in
sottili lastre, premendole contro un filo fissato sul banco di lavoro. Questo filo da taglio
(il filo del pianoforte è il tipo) è fattotesa sulla panca, essendo fissata a due viti.  Queste
viti regolano l'altezza del filo dal banco e quindi lo spessore delle lastre dalle barre. Il
sapone viene tagliato in lastre sottili, perché sarebbe quasi impossibile fondere una barra
intera, perché il sapone è uno dei peggiori conduttori di calore.
La vasca di fusione è una nave di ferro, di varie dimensioni, in grado di trattenere da 28
libbre. a 3 cwt., riscaldato da una giacca a vapore, o da un bagno d'acqua. Il sapone viene
messo in padella per gradi, o quello che è in vernacolo chiamato "round", cioè le sottili
lastre sono poste perpendicolarmente su tutto il lato della padella; vengono
contemporaneamente introdotte poche once di acqua, il cui vapore aiuta lo
scioglimento. La padella si copre, in circa mezz'ora il sapone si "cola". Viene quindi
introdotto un altro giro, e così continuato ogni mezz'ora fino a quando l'intero
"scioglimento" è finito. Più acqua contiene un sapone, più è facile sciogliersi; quindi un
giro di sapone marino, o di nuovo sapone giallo, si scaricherà in metà del tempo che
richiede per il vecchio sapone.
Quando diversi saponi vengono rifusi per formare un tipo al termine, i vari tipi devono
essere inseriti nel piatto in turni alternati, ma ogni round deve essere costituito da un solo
tipo, per assicurare l'uniformità delle condizioni. Quando il sapone si scioglie, per
mescolarlo e rompere i grumi, ecc., È di tanto in tanto " stampigliato ". La "stampella" è
uno strumento o uno strumento per mescolare il sapone; il suo nome è indicativo della
sua forma, una lunga maniglia con una croce trasversale'T' invertita, curva per adattarsi
alla curva del piatto. Quando i saponi sono tutti sciolti, viene poi colorato, se richiesto, e
quindi il profumo viene aggiunto, l'intero è completamente incorporato con la stampella.

Calibro per telaio e


lastra.
Il sapone viene quindi trasformato nella "cornice". Il telaio è una scatola fatta in sezioni,
in modo che possa essere fatta a pezzi, in modo che il sapone possa essere tagliato a
freddo; le sezioni o "sollevamenti" sono spesso fatte della larghezza della barra di
sapone desiderata.

Barring Gauge.
Due o tre giorni dopo che il sapone è stato nel telaio, è abbastanza freddo da tagliare in
lastre della dimensione degli ascensori o delle sezioni del telaio; queste lastre sono
disposte in modo che si raffreddino per un giorno o due; èquindi barrato per mezzo di un
filo. Gli ascensori del telaio regolano le larghezze delle barre; il calibro regola la loro
larghezza. Essendo abbastanza nota la densità del sapone, i calibri sono fatti in modo che
il taglia-sapone possa tagliare le barre a quattro, sei o otto; cioè, in quadrati di quattro,
sei o otto per il peso della sterlina. Inoltre, sono state introdotte varie disposizioni
meccaniche per il taglio del sapone, che in stabilimenti molto grandi, come quelli di
Marsiglia in Francia, sono grandi economisti del lavoro; ma in Inghilterra il "filo" è
ancora usato.

Calibro di
squadratura.

Sapone
Per creare forme per tablet, il sapone viene prima tagliato quadrati, e viene poi messo in
uno stampo, e infine sotto una pressa - una modifica di un normale dado o moneta.  Le
palline vengono tagliate a mano, con l'aiuto di un piccolo attrezzo chiamato "scoop",
fatto di ottone o di avorio, essendo, di fatto, un coltello a forma di anello.  Anche le
palline sono fatte nella stampa con uno stampo di forma appropriata. La forma grottesca
e la forma del frutto sono anche ottenute dalla stampa e da appositi stampi. I saponi a
forma di frutta, dopo aver lasciato lo stampo, vengono immersiin cera fusa, e vengono
poi colorati secondo le regole dei produttori di frutta artificiale.
Pressa di sapone.

Muffe.
I saponi colorati "variegati" sono prodotti aggiungendo i vari colori, come lo smalto e il
vermiglio, precedentemente miscelati con acqua, al sapone allo stato fuso; questi colori
sono leggermente incastonati, quindi l'aspetto striato o il colore della festa del
sapone; questo tipo è anche chiamato sapone "marmorizzato".

SAPONE ALLA MANDORLA .

Questo sapone, da alcune persone "supposto" essere fatto di "olio di mandorle dolci", e
da altri per essere una combinazione mistica di mandorle dolci e amare, è in realtà
costituito così:
Sapone di cagliata più fine, 1 cwt
    "sapone per olio, 14 libbre.
    "marino, 14 libbre.
Otto di mandorle, 1-1 / 2 libbre
   " Chiodi di garofano, 1/4 libbre
   "cumino, 1/2 libbra

Nel momento in cui metà del sapone si scioglie, si aggiunge il sapone marino;  quando
questa è ben lavorata, aggiungi il sapone per l'olio e finisci con la rimanente
cagliata. Quando il tutto è ben fuso, e appena prima di trasformarlo nel telaio, la
stampella nel profumo misto.
Alcune delle "case" di sapone cercavano di usare il Mirabane o l'essenza artificiale di
mandorle (vedi MANDORLA ) per profumare il sapone, essendo molto più economico del
vero otto di mandorle; ma l'applicazione si è dimostrata così insoddisfacente nella
pratica, che è stata abbandonatadai signori Gibbs, Pineau (di Parigi), Gosnell e altri che
lo hanno usato.

SAPONE DI CANFORA .

Sapone alla cagliata, 28 libbre


Otto di rosmarino, 1-1 / 4 lb.
Canfora, 1-1 / 4 lb.

Ridurre la canfora in polvere strofinandola in un mortaio con l'aggiunta di un'oncia o più


di olio di mandorle, quindi setacciarla. Quando il sapone è sciolto e pronto per la cottura,
aggiungi la canfora e il rosmarino, usando la stampella per la miscelazione.

SAPONE AL MIELE .

Il miglior sapone
1 cwt
giallo
Fico sapone morbido, 14 libbre.
Otto di citronella, 1-1 / 2 libbre

SAPONE BIANCO DI WINDSOR .

Sapone alla cagliata, 1 cwt


Sapone marino, 21 libbre
Sapone all'olio, 14 libbre.
Otto di cumino, 1-1 / 2 libbre.
   "timo, }
} di
   "rosmarino, 1/2 libbra
ciascun
    " Cassia, }
    " Chiodi di
} di ciascun 1/4 libbre
garofano,

SAPONE BROWN WINDSOR .

Sapone alla cagliata, 3/4 cwt.


Sapone marino, 1/4 "
Sapone giallo, 1/4 "
Sapone all'olio, 1/4 "
Colorazione marrone
1/2 pinta.
(caramello),
Otto di cumino, }
    " Chiodi di garofano, }
    "timo, } ogni, 1/2 libbra
    " Cassia, }
    "petit grain, }
    "Lavanda francese, }

SAPONE DI SABBIA .

Sapone alla cagliata, 7 libbre.


Sapone marino, 7 libbre.
Sabbia argentata setacciata, 28 libbre
Otto di timo, }
   " Cassia, }
   "cumino, } ogni, 2 once
   "Lavanda francese, }

FULLER'S EARTH SOAP .

Sapone alla cagliata, 10-1 / 2 libbre.


Sapone marino, 3-1 / 2 libbre.
La terra di Fuller (cotta), 14 libbre.
Otto di lavanda
2 once
francese,
   "origano, 1 oncia.

Le suddette forme sono indicative del metodo adottato per profumare saponi quando
sono caldi o sciolti.
Tutti i saponi molto profumati sono, tuttavia, profumati a freddo, al fine di evitare la
perdita di profumo, il 20 per cento. di profumo che viene evaporato dal processo a caldo.
I vari saponi, dalla sublime "Sultana" al ridicolo "Midollo della Tartaruga", non possono
ovviamente essere notati; il lettore può, tuttavia, essere certo che non ha perso nulla a
causa della sua omissione.
Le ricevute fornite producono solo la migliore qualità dell'articolo chiamato. Dove sono
richiesti saponi economici, non è necessario molto acume per discernere che, omettendo
i profumi costosi, o diminuendo la quantità, si raggiunge l'oggetto desiderato. Le qualità
ancora inferiori di sapone profumato vengono prodotte usando una maggiore quantità di
sapone giallo e impiegando una cagliata molto comune, omettendo del tutto il sapone per
l'olio.

SAPONE PROFUMATO CALDO .

Nelle osservazioni precedenti, i metodi spiegati del sapone profumato implicavano la


necessità di scioglierlo. L'alta temperatura del sapone in queste circostanze comporta
l'ovvia perdita di una grande quantità di profumo per evaporazione. Con saponi molto
profumati e con profumi di un personaggio costoso, la perdita di oggetti ottusi è troppo
grande per essere sostenuta in senso commerciale; da qui l'adozione del piano di

SAPONE AL PROFUMO FREDDO .

Questo metodo è estremamente conveniente ed economico per profumare piccoli lotti,


coinvolgendo solo il lavoro meccanico, gli strumenti necessari per essere semplicemente
un normale piano da falegname, e una buona malta di marmo e un pestello di lignum
vitæ.
La falegnameria dell'aereo deve essere modellata alle due estremità, in modo che quando
viene posizionata sopra la malta rimanga ferma e non facilmente spostata dalla pressione
parallela del sapone contro la sua lama sporgente.
Per iniziare le operazioni, prendiamo prima 7 libbre., 14 libbre., O 21 libbre. delle barre
del sapone che è destinatoper profumare. L'aereo è ora messo sottosopra attraverso la
parte superiore della malta.
In questo modo le cose vengono sistemate, l'intero sapone deve essere spinto attraverso
l'aereo fino a quando non è tutto ridotto in trucioli fini. Come il francese "Charbonnier",
che non ha visto il legno, ma i boschi la sega, così sarà percepito che in questo processo
non si pianifica il sapone, ma che si insapona l'aereo, i cui trucioli cadono leggermente
nel malta così rapidamente come prodotta.
Soaping the Plane.
Il sapone, come generalmente ricevuto dal produttore, è la condizione appropriata per
lavorare così; ma se è stato in magazzino in qualsiasi momento diventa troppo difficile, e
deve avere da uno a tre once di acqua distillata cosparsa nella rasatura per ogni chilo di
sapone impiegato, e deve giacere per almeno ventiquattro ore prima di essere assorbito
prima il profumo è aggiunto.
Quando si determina quale taglia debbano essere le torte di sapone, a cosa servono per
venderle e a cosa è destinato a costare, allora il fabbricante può misurare il suo profumo.
In generale, i saponi profumati in questo modo vendono al dettaglio da 4 s. a 10 s. per
libbra, pari a circa il 100 per cento. profitto, che non è troppo considerando la loro
vendita limitata. Il sapone che si trova in una condizione fisica adeguata per quanto
riguarda l'umidità, ecc., È ora di avere il profumo ben agitato in esso.  Il pestello viene
quindi impostato per funzionare per il processo di incorporazione. In genere, dopo un
paio d'ore di "esercizio caldo", si prevede che il sapone sia privo di strisce e che abbia
una consistenza uniforme.
Per profumare il sapone in grandi porzioni mediante il processo a freddo, invece di usare
il pestello e la malta come incorporatore, è più conveniente ed economico impiegare un
mulino simile nella costruzione ad un mulino per dolci al cioccolato o un mulino a cacao
in scaglie; qualsiasi apparecchio meccanico che risponde per la miscelazione della pasta
e dei grumi di frantumazione servirà piuttosto bene per mescolare il sapone insieme.
Prima di entrare nel mulino, il sapone deve essere ridotto a trucioli, e il profumo e il
colore si sono mescolati; dopo averlo lasciato, i fiocchi o le scaglie di sapone devono
essere infine uniti insieme dal pestello e dal mortaio in un'unica massa solida; viene poi
pesato in quantità per le compresse richieste e modellato dalla mano in masse a forma di
uovo; ogni pezzo lasciato in questa condizione, disposto separatamente in file su un
foglio di carta bianca, asciuga sufficientemente in un giorno o giù di lì per essere in
forma per la stampa, che è la stessa di quella precedentemente citata. È normale, prima
di mettere le torte di sapone nella pressa, spolverarle con un po 'di polvere d'amido,
oppure oliare leggermente lo stampo;l'uno o l'altro di questi piani impedisce al sapone di
aderire alle lettere o al lavoro in rilievo dello stampo, una condizione essenziale per la
realizzazione di una compressa pulita e ben attaccata.
Il corpo di tutti i saponi fini menzionati di seguito dovrebbe consistere del sapone di
cagliata più fine e più bianco o di un sapone precedentemente fuso e colorato all'ombra
richiesta, quindi:
SAPONE COLOR ROSA è sapone di cagliata macchiato di vermiglio, macinato in acqua,
completamente incorporato quando il sapone si scioglie e non molto caldo.
GREEN SOAP è una miscela di sapone all'olio di palma e sapone di cagliata, a cui viene
aggiunto lo smalto in polvere macinato con acqua.
SAPONE BLU , sapone cagliato colorato con smaltino.
SAPONE MARRONE , sapone di cagliata con caramello, cioè zucchero bruciato.
L'intensità del colore varia, ovviamente, con la quantità di colorazione.
Alcuni tipi di sapone si colorano o si tingono in misura sufficiente con la semplice
aggiunta degli ottos usati per il profumo, come "spermaceti soap", "lemon soap", ecc.,
Che diventano di un bel color limone pallido per la semplice miscelazione del profumo
con il sapone di cagliata.

OTTO DI ROSE SOAP .

( Per la vendita al dettaglio a 10 s per libbra .)

Sapone di cagliata (precedentemente colorato con


4-1 / 2 libbre.
vermiglio),
Otto di rosa, 1 oncia.
Estratto di muschio spiritoso, 2 once
Otto di santal, 1/4 oz.
    "geranio, 1/4 oz.

Mescolare i profumi, mescolarli ai trucioli di sapone e battere insieme.

SAPONE DI MUSCHIO TONQUIN .

Sapone di cagliata di color marrone


5 libbre.
pallido,
Muschio di grano, 1/4 oz.
Otto di bergamotto, 1 oncia.

Strofinare il muschio con il bergamotto, quindi aggiungerlo al sapone e picchiare.

SAPONE AI FIORI D'ARANCIO .


Sapone alla cagliata, 7 libbre.
Otto di Neroli, 3-1 / 2 oz.

SAPONE IN LEGNO SANTAL .

Sapone alla cagliata, 7 libbre.


Otto di santal, 7 once
    "bergamotto, 2 once

SAPONE SPERMACETI .

Sapone alla cagliata, 14 libbre.


Otto di bergamotto, 2-1 / 2 libbre.
    " Limone, 1/2 libbra

SAPONE AL CEDRO .

Sapone alla cagliata, 6 libbre.


Otto di cedro, 3/4 libbre
    "verbena (erba di
1/2 oz.
limone),
    "bergamotto, 4 once.
    " Limone, 2 once

Uno dei migliori saponi fantasia che è fatto.

SAPONE ALLA FRANCESE .

Sapone di cagliata (precedentemente colorato marrone


7 libbre.
chiaro),
Civet, 1/4 oz.
Otto di Neroli, 1/2 oz.
   "santal, 1-1 / 2 oz.
   " rosa, 1/4 oz.
   "vitivert, 1/2 oz.

Sfrega lo zibetto con i vari petti, mescola e batti nel solito modo.

SAPONE PATCHOULY .

Sapone alla cagliata, 4-1 / 2 libbre.


Otto di patchouly, 1 oncia.
    "santal, }
    "vitivert, } di ciascun, 1/4 oz.

CREMA SAPONACEA DI MANDORLE .

La preparazione venduta con questo titolo è un sapone di lardo alla soia. Ha un


bell'aspetto perlato e ha incontrato una grande richiesta come sapone da barba. Essendo
utilizzato anche nella produzione di EMULSIONI , è un articolo di consumo non
trascurabile da parte del profumiere. È fatto così: -
Lardo chiarificato, 7 libbre.
Potassio di liscivia (contenente il 26% di cloruro di caustico), 3-3 / 4 libbre.
Spirito rettificato, 3 once
Otto di mandorle, 2 dracme.

Manipolazione . - Sciogliere il lardo in un recipiente di porcellana con un bagno di acqua


salata o con un vapore a temperatura inferiore a 15 libbre. pressione; quindi correre nella
liscivia, molto lentamente , agitandotutto il tempo; quando circa metà della liscivia è
dentro, la miscela inizia a cagliare; tuttavia, diventerà così fermo da non poter essere
mosso. Il crême è quindi finito, ma non è perlaceo; tuttavia, assumerà quell'apparenza
mediante una lunga triturazione in un mortaio, aggiungendo gradualmente l'alcool, in cui
è stato sciolto il profumo.

POLVERI DI SAPONE .

Questi preparati sono venduti a volte come dentifricio e altri per la rasatura; sono fatti
riducendo il sapone in trucioli da un piano, quindi asciugandoli completamente in una
situazione calda, poi macinando in un mulino, quindi profumando con qualsiasi otto
desiderato.

SAPONE DI RYPOPHAGON .

Il miglior sapone
}
giallo
Fico sapone morbido, } parti uguali si sono fuse insieme.

Profumo con anice e citronella.

CREMA AMBROSIA .

Colorare il grasso molto fortemente con la radice di alcanale, quindi procedere come per
la produzione di crema saponacea. La crema colorata in questo modo ha una tonalità
blu; quando è richiesto un colore viola dobbiamo semplicemente macchiare la crema
bianca saponacea con una miscela di vermiglio e smaltino all'ombra desiderata. Profumo
con otto di oringeat.
SAPONE MORBIDO TRASPARENTE .

Soluzione caustica di potassio ( Lond. Ph .), 6 libbre.


Olio d'oliva, 1 libbra
Profumo da gustare.

Prima di iniziare a fare il sapone, ridurre la liscivia di potassio alla metà della sua massa
continuando a bollire. Ora procedere come per la produzione di crema saponacea. Dopo
aver riposato qualche giorno, versare il liquame di scarto.

SAPONE DURO TRASPARENTE .

Ridurre il sapone ai trucioli e asciugarli il più possibile, quindi scioglierli in alcool,


usando il minimo di alcol in grado di effettuare la soluzione, quindi colorare e profumare
secondo necessità e colare il prodotto in appositi stampi; finalmente asciutto in una
situazione calda.
Fino a quando la Legislatura non consentirà l'uso dello spirito per scopi di produzione,
senza dazio, non possiamo competere con i nostri vicini in questo articolo.

SAPONE DI CATRAME DI GINEPRO .

Questo sapone è fatto dal catrame del legno del Juniperus communis , sciogliendolo in
un olio vegetale fisso, come la mandorla o l'olio d'oliva, o in fine sego, e formando un
sapone per mezzo di una debole liscivia, dopo il modo abituale. Questo produce un
sapone moderatamente solido e chiaro, che può essere facilmente utilizzato
dall'applicazione su parti interessate da eruzioni notturne, mescolato con un po 'd'acqua e
lavato accuratamente la mattina seguente. Questo sapone è stato recentemente usato
molto per i disordini eruttivi, in particolare sul continente e con vari gradi di successo. Si
pensa che l'elemento efficiente nella sua composizione sia un idrocarburo meno impuro
di quello conosciuto a Parigi sotto il nome di huile de cade. A causa della sua pronta
miscibilità con l'acqua, possiede un grande vantaggio rispetto alla pomata comune.

TELENOVELAS MEDICATI .

Sei anni fa ho iniziato a produrre una serie di saponi medicati, come  SAPONE DI ZOLFO,
SAPONE DI IODIO, SAPONE DI BROMO, SAPONE DI CREOSOTO, SAPONE MERCURIALE,
SAPONE ALL'OLIO DI CROTON e molti altri. Questi saponi sono preparati aggiungendo il
medicante al sapone della cagliata e poi facendo in una forma compressa per l'uso. Per il
sapone di zolfo, il sapone di cagliata può essere sciolto e vengono aggiunti fiori di zolfo
mentre il sapone è in condizioni morbide. Per il sapone di antimonio e il sapone
mercuriale, i bassi ossidi dei metalli impiegati possono anche essere miscelati nel sapone
di cagliata in uno stato fuso. Iodio, bromo, sapone di creosoto e altri che contengono
sostanze molto volatili, si preparano meglio a freddo radendo il sapone di cagliata in un
mortaio e mescolando il medicinale con esso mediante una lunga percussione.
In alcune malattie cutanee l'autore ha motivo di ritenere che dimostreranno un servizio
infinito come ausiliari al trattamento generale. È ovvio che i vasi assorbenti della pelle
sono molto attivi durante il processo di lavorazione; tale sapone non deve quindi essere
usato se non per il consiglio speciale di un medico. Probabilmente questi saponi saranno
utili per l'applicazione interna. Il precedente dell'uso del sapone di Castiglia (contenente
ossido di ferro) rende probabile che quando i pregiudizi siano scomparsi, tali saponi
troveranno un posto nella farmacopea. La scoperta della solubilità, in certe condizioni,
degli alcaloidi attivi, del chinino, della morfina, ecc., Nell'olio, del sig. W. Bastick,
favorisce notevolmente la supposizione di composti analoghi nel sapone.

SEZIONE IX.
EMULSINES.

Dai saponi appropriati passiamo ora a quei composti usati come sostituti del sapone, che
sono classificati insieme sotto un unico titolo generale come sopra, per il motivo che tutti
i cosmetiques qui adottati hanno la proprietà di formare emulsioni con acqua.
Considerati chimicamente, sono una classe di composti estremamente interessante e
sono degni di studio. Essendo inclini alla decomposizione, come ci si potrebbe aspettare
dalla loro composizione, dovrebbero essere fatti solo in piccole porzioni o, almeno, solo
in quantità per soddisfare una pronta vendita.
Mentre sono in magazzino dovrebbero essere tenuti il più freschi possibile e liberi da
un'atmosfera umida.

AMANDINE .

Olio di mandorle fine, 7 libbre.


Sciroppo semplice,[E] 4 once.
Sapone bianco o crema saponosa , ovvero Crême d'Amande, 1 oncia.
Otto di mandorle, 1 oncia.
   "bergamotto, 1 oncia.
   " Chiodi di garofano, 1/2 oz.

Strofinare lo sciroppo con il sapone morbido fino al composto è omogeneo, quindi


sfregato nell'olio di gradi; il profumo è stato precedentemente miscelato con l'olio.
Oil-Runner in Emulsine
Process.
Nella produzione di amandina (e olivina) la difficoltà è di ottenere la quantità di olio
indicata, senza la quale non assume l'aspetto di gelatina trasparente che dovrebbe avere
una buona amandina. Per raggiungere questo scopo, l'olio viene messo in "un corridore",
cioè un vaso di latta o di vetro, in fondo al quale c'è un piccolo rubinetto e rubinetto, o
rubinetto. L'olio che viene immesso in questa nave viene lasciato scorrere lentamente nel
mortaio in cui viene preparata l'amandina, con la stessa rapidità con cui il produttore
scopre di poterlo incorporare con la pasta di sapone e sciroppo; e finché ciò avviene, il
risultato avrà sempre una texture gelatinosa sulla mano. Se, tuttavia, l'olio viene messo
nel mortaio più rapidamente di quanto l'operaio possa miscelarlo con la pasta, la pasta
diventa "oliata" e può essere considerata come "fatta per", a meno che, in effetti,olio
puro. Questa responsabilità di "sparire" aumenta quando l'amandina si avvicina al
traguardo; quindi si deve usare molta cautela e abbondanza di "olio di gomito" durante
l'aggiunta degli ultimi due chili di olio. Se l'olio non è perfettamente fresco, o se la
temperatura dell'atmosfera è al di sopra della media del calore estivo, sarà quasi
impossibile ottenere l'intero olio dato nella formula in combinazione; quando la massa
diventa luminosa e di una lucentezza cristallina, sarà bene fermare l'ulteriore aggiunta di
petrolio ad essa.
Questo e composti simili devono essere conservati in vaso tanto velocemente quanto
fatti, e i coperchi dei vasi sono legati con strisce di carta stagnola o di carta, per
escludere l'aria. Quando l'amandina viene riempita nei barattoli, la parte superiore o la
faccia di esso è segnata o ornata con uno strumento fatto per le dimensioni di metà del
diametro dell'interno del vaso, in modo simile a una sega; un pezzo di piombo o guscio
di tartaruga, essendo seghettato con un file angolare, o pezzo di una "vecchia sega",
andrà molto bene; posiziona il marcatore sulla amandina e gira delicatamente il
barattolo.

OLIVINA .
Gomma acacia, in
2 once
polvere,
Miele, 6 once
Tuorlo d'uovo, in numero, 5.
Sapone morbido bianco, 3 once
Olio d'oliva, 2 libbre.
Olio verde, 1 oncia.
Otto di bergamotto, 1 oncia.
    " Limone, 1 oncia.
   " Chiodi di garofano, 1/2 oz.
   "timo e cassia, ciascuno, 1/2 dracma.

Strofina la gomma e il miele insieme fino a incorporarli, quindi aggiungi il sapone e


l'uovo. Dopo aver mescolato l'olio verde e i profumi con l'olio d'oliva, la miscela deve
essere collocata nel corridore, e il processo ha seguito esattamente come indicato per
l'amandina.

MIELE E PASTA DI MANDORLE . ( Pâte d'Amande au Miel .)

Mandorle amare, sbollentate e


1/2 libbra
macinate,
Miele, 1 libbra
Tuorlo d'uovo, in numero, 8.
Olio di mandorle, 1 libbra
Otto di bergamotto, 1/4 oz.
   " Chiodi di garofano, 1/4 oz.

Strofina prima le uova e il miele, poi aggiungi gradualmente l'olio e infine le mandorle
tritate e il profumo.

PASTA DI MANDORLE .

Mandorle amare, sbollentate e


1-1 / 2 libbre
macinate,
Acqua di rose, 1-1 / 2 pinta.
Alcool (60 op), 16 once
Otto di bergamotto, 3 once

Metti le mandorle tritate e una pinta di acqua di rose in un pentolino; con un fuoco lento
e costante, cuocere le mandorle fino a quando la loro consistenza granulare assume una
forma pastosa, mescolando costantemente la miscela per tutto il tempo, altrimenti le
mandorle bruciano rapidamente sul fondo della padella e conferiscono all'insieme un
odore empireumatico.
La grande quantità di otto di mandorle che viene volatilizzata durante il processo, lo
rende essenziale che l'operatore dovrebbe evitare il vapore il più possibile.
Quando le mandorle sono quasi cotte, l'acqua rimanente deve essere aggiunta; infine la
pasta viene messa in un mortaio e ben strofinata con il pestello; poi si aggiungono il
profumo e lo spirito. Prima di impregnare questa pasta, così come la pasta di miele, deve
essere passata attraverso un setaccio a media fine, per assicurare uniformità di
consistenza, specialmente se le mandorle non si macinano gentilmente.
Altre paste, come la Pâte de Pistache , la Pâte de Cocos , il Pâte de Guimauve , sono
preparate in modo simile a quanto sopra che non è necessario dire di più su di esse qui,
che non devono essere confuse con preparazioni che hanno un simile nome fatto dai
pasticceri.

PASTO DI MANDORLE .

Mandorle tritate, 1 libbra


Farina di frumento, 1 libbra
Polvere di radice di
1/4 libbre
iris,
Otto di limone, 1/2 oz.
    " mandorle, 1/4 di dracme.

PASTO DI PISTACCHIO O QUALSIASI ALTRO DADO .

Pistacchi (decorticati come le mandorle sono


1 libbra
sbiancati),
Polvere di Orris, 1 libbra
Otto di Neroli, 1 dracma.
    " limoni, 1/2 oz.

Altri pasti, come farina d'avena profumata, crusca profumata, ecc., Sono
occasionalmente richiesti e sono preparati come sopra.
Tutti i preparativi precedenti sono usati nel processo del bagno come sostituti del sapone
e per "rendere la pelle morbida, morbida e giusta!"

EMULSIN AU JASMIN .

Crema saponacea, 1 oncia.


Sciroppo semplice, 1-1 / 2 oz.
Olio di mandorle, 1 libbra
Il miglior olio di
1/2 libbra
gelsomino

EMULSIN A LE VIOLETTE .

Crema saponacea, 1 oncia.


Sciroppo di violette, 1-1 / 2 oz.
Il miglior olio di
1-1 / 2 libbre
viola,

Emulsina di altri odori può essere preparata con olio di tubereuse, rose o cassie (acacia)
(preparato con enfleurage o macerazione).
Per i metodi di miscelazione degli ingredienti, vedi "Amandine", p. 195.
A causa del prezzo elevato degli oli francesi, questi preparati sono costosi, ma sono
indubbiamente i più squisiti dei cosmetiques.

SEZIONE X.
LATTE, O EMULSIONI.

Nel commercio di profumi, pochi articoli incontrano una vendita più pronta di quella
classe di latte denominati cosmetiques. È noto da tempo che quasi tutti i semi di piante
dette noci, decorticate e liberate dalla loro pellicola, ridotte a una massa polposa e
massaggiate con circa quattro volte il loro peso d'acqua, producono un fluido che ha ogni
analogia al latte di mucca. L'aspetto lattiginoso di queste emulsioni è dovuto alla minuta
divisione meccanica dell'olio derivato dai dadi che viene diffuso attraverso l'acqua. Tutte
queste emulsioni possiedono un grande interesse chimico a causa della loro rapida
decomposizione e dei prodotti che emanano dalla loro fermentazione, in particolare
quella prodotta con mandorle dolci e pistacchi ( Pistachia vera ).
Nella produzione di vari tipi di latte in vendita, un'attenta manipolazione è della massima
importanza, altrimenti queste emulsioni "non manterranno"; quindi più perdita che
profitto.
"La trasformazione avviene negli elementi della caseina vegetale (presente nei semi)
dal momento stesso in cui le mandorle dolci vengono trasformate in latte di mandorle."
- LIEBIG . Questo spiega la difficoltà che molte persone trovano nel fare il latte di
mandorle che non si divide spontaneamente, un giorno o due dopo la sua produzione.

LATTE DI ROSES .
Mandorle di Valencia (sbollentate), 1/2 libbra
Acqua di rose, 1 quarto.
Alcool (60 op), 1/4 pinta.
Otto di rosa, 1 dracma.
Cera bianca, spermaceti, sapone per olio,
1/2 oz.
ciascuno,

Manipolazione. -Radersi il sapone e metterlo in un recipiente che può essere riscaldato a


vapore o con un bagno d'acqua; aggiungere ad essa due o tre once di acqua di
rose. Quando il sapone è perfettamente fuso, aggiungi la cera e gli spermaceti, senza
dividerli più del necessario per ottenere il peso corretto; ciò assicura il loro scioglimento
lentamente e lascia il tempo per la loro parziale saponificazione dal sapone liquido;  è
necessario mescolare occasionalmente. Mentre questo sta succedendo, sbollentare le
mandorle, escludendo attentamente ogni particella che sia minimamente
danneggiata. Ora procedete a sbattere le mandorle in un mortaio scrupolosamente pulito,
permettendo all'acqua di rose di gocciolare nella massa di gradi; il corridore, come usato
per l'olio nella produzione di olivina, è molto conveniente per questo scopo. Quando
l'emulsione di mandorle è così finita, deve essere tesa,senza pressione ,
attraverso mussola lavata pulita (la nuova mussola contiene spesso amido, farina,
gomma o destrina).
La miscela saponacea precedentemente formata deve ora essere posta nella malta, e
l'emulsione già formata nel corridore; il composto insaponato e l'emulsione viene quindi
miscelato accuratamente insieme. Mentre l'ultima emulsione entra nel mortaio, lo spirito,
in cui l'otto di rose è stato dissolto, deve prendere il suo posto e
essere gradualmente gocciolato nelaltri ingredienti. Un'aggiunta troppo improvvisa dello
spirito coagula spesso il latte e lo fa cagliare; così com'è, la temperatura della miscela
sale, e ogni mezzo deve essere preso per tenerlo giù; l'agitazione costante e la malta
fredda che agiscono abbastanza bene su quell'oggetto. Infine, il latte ormai formato delle
rose deve essere teso.
Il residuo di mandorla può essere lavato con poche once di acqua di rose fresca, al fine
di evitare qualsiasi perdita in massa per l'intera quantità data. Il latte appena formato
dovrebbe essere posto in una bottiglia con un rubinetto in esso a circa un quarto di
pollice dal fondo. Dopo essere rimasto perfettamente calmo per ventiquattro ore, è
pronto per la bottiglia. Tutte le precauzioni di cui sopra, il latte delle rose non mancherà
di tenere in qualsiasi momento senza precipitazione o sopranaturazione cremosa. Queste
indicazioni si applicano a tutte le altre forme di latte ora fornite.

LATTE DI MANDORLE .

Mandorle amare (sbollentate), 10 once


Acqua distillata (o rosa), 1 quarto.
Alcool (60 op), 3/4 pinta.[F]
Otto di mandorle, 1/2 dracma.
    "bergamotto, 2 dracme.
Cera, spermaceti, }
Olio di mandorle, sapone di
} ogni, 1/2 oz.
cagliata,

LATTE DI SAMBUCO .

Mandorle dolci 4 once.


Acqua di sambuco, 1 pinta
Alcool (60 op), 8 once
Olio di fiori di sambuco, preparato con
1/2 oz.
macerazione,
Cera, sperma, sapone, ciascuno, 1/2 oz.

LATTE DI DENTE DI LEONE .

Mandorle dolci 4 once.


Acqua di rose, 1 pinta
Succo espresso di radice di
1 oncia.
tarassaco,
Esprit tubereuse, 8 once
Olio verde, cera, }
Sapone alla cagliata, } ogni 1/2 oz.

Lascia che il succo del dente di leone sia pressato perfettamente fresco; poiché è di per
sé un'emulsione, può essere messa nel mortaio dopo che le mandorle sono state spezzate
e mescolata con l'acqua e lo spirito nel solito modo.

LATTE DI CETRIOLO .

Mandorle dolci 4 once.


Espresso succo di cetrioli, 1 pinta
Spirito (60 op), 8 once
Essenza di cetrioli, 1/4 pinta.
Olio verde, cera, }
Sapone alla cagliata, } ogni 1/2 oz.

Sollevare il succo dei cetrioli fino al punto di ebollizione per mezzo minuto, raffreddarlo
il più rapidamente possibile, quindi filtrare con una mussola fine; procedere alla
manipolazione nel modo usuale.

ESSENZA DI CETRIOLI .
Rompere in un mortaio 28 libbre. di buoni cetrioli freschi; con la polpa prodotta
mescolare 2 spirali rettificate per pinte (sp.gr.883) e lasciare che la miscela rimanga per
un giorno e una notte; poi distillare il tutto e trarne una pinta e mezzo. La distillazione
può essere proseguita in modo da ottenere un'altra pinta adatta per ulteriori scopi.

CREME DE PISTACHE . ( Latte di pistacchio .)

Pistacchi, 3 once
Acqua di fiori
3-1 / 4 pinte.
d'arancio,
Esprit neroli, 3/4 pinta.
Sapone di palma, }
Olio verde, cera, } ogni, 1 oncia.
Spermaceti, }

LAIT VIRGINAL .

Acqua di rose, 1 quarto.


Tintura
1/2 oz.
benzoina,

Aggiungere l'acqua molto lentamente alla tintura; così facendo viene prodotto un fluido
latteo opalescente, che manterrà la sua consistenza per molti anni; invertendo questa
operazione, versando la tintura nell'acqua, ne consegue un precipitato nuvoloso della
materia resinosa, che non torna a essere facilmente sospesa nell'acqua.

ESTRATTO DI FIORI DI SAMBUCO .

Acqua di sambuco, 1 quarto.


Tintura benzoina, 1 oncia.

Manipola come per il latte della vergine.


Composti simili possono, ovviamente, essere fatti con fiori d'arancio e altre acque.

SEZIONE XI.
CREMA FREDDA.

Galeno, il famoso medico di Pergamo, in Asia, ma che si distinse ad Atene, Alessandria


e Roma, circa 1700 anni fa, fu l'inventore di quel particolare unguento, una miscela di
grasso e acqua, che ora si distingue come crema fredda in profumeria, e come Ceratum
Galeni in Farmacia.
La moderna formula per la crema fredda è, tuttavia, una cosa abbastanza diversa da
quella data nelle opere di Galen in termini di odore e qualità, sebbene sostanzialmente lo
stesso grasso e acqua. In profumeria ci sono diversi tipi di crema fredda, distinti dal loro
odore, come quello di canfora, mandorla, violetta, rose, ecc. La crema fredda, prodotta
dai profumieri inglesi, gode di un'ottima reputazione, non solo a casa, ma in tutta
Europa; la quantità esportata, e che può essere calcolata solo in centinaia di dozzine, e
gli annunci ripetuti che possono essere visti nei negozi del continente, in Germania,
Francia e Italia, di "Cold Crême Anglaise", sono una buona prova della stima in cui è
detenuto.

ROSA COLD CREAM .

Olio di mandorle, 1 libbra


Acqua di rose, 1 libbra
Cera bianca,}
spermaceti,} ciascuno, 1 oncia.
Otto di rose, 1/2 dracma.

Manipolazione.-In un recipiente di porcellana spesso ben vetrato, che dovrebbe essere


profondo in preferenza per poco profondo, e capace di contenere il doppio della quantità
di crema che deve essere prodotta, posizionare la cera e lo sperma; ora metti il vaso in un
bagno d'acqua bollente; quando questi materiali sono sciolti, aggiungere l'olio e
sottoporre nuovamente il tutto al calore fino a quando i greggi di cera e sperma non si
liquefanno; ora togli il barattolo e il contenuto e mettilo sotto un corridore contenente
l'acqua di rose: il corridore può essere un barattolo di latta, con un piccolo rubinetto in
basso, lo stesso usato per la fabbricazione del latte di rose. Deve essere fornito un
agitatore, realizzato in legno di lanceta, piatto e perforato con fori della dimensione di
sei pence, simile a una grande spatola. Non appena l'acqua di rose è messa in moto, la
crema deve essere tenuta in agitazione fino a quando tutta l'acqua non vi è passata; di
tanto in tanto il flusso d'acqua deve essere fermato, e la crema che si deposita ai lati del
barattolo raschia via e incorporata a quella che rimane fluida. Quando l'intera acqua è
stata incorporata, la crema sarà abbastanza fresca da versare nei vasi per la vendita; a
quel tempo si aggiunge l'otto di rosa. La ragione per cui il profumo viene immesso
all'ultimo momento è ovvia: il calore e la conseguente agitazione causerebbero una
perdita inutile per evaporazione. La crema fredda fatta in questo modo si fissa
abbastanza saldamente nei vasi in cui viene versata, e trattiene "una faccia" che
assomiglia alla pura cera, sebbene una metà sia trattenuta dall'acqua negli interstizi della
crema. Quando i vasi sono ben vetrificati, rimarrà buono per uno o due anni. Se
desiderato per l'esportazione e incorporato con ciò che rimane fluido. Quando l'intera
acqua è stata incorporata, la crema sarà abbastanza fresca da versare nei vasi per la
vendita; a quel tempo si aggiunge l'otto di rosa. La ragione per cui il profumo viene
immesso all'ultimo momento è ovvia: il calore e la conseguente agitazione causerebbero
una perdita inutile per evaporazione. La crema fredda fatta in questo modo si fissa
abbastanza saldamente nei vasi in cui viene versata, e trattiene "una faccia" che
assomiglia alla pura cera, sebbene una metà sia trattenuta dall'acqua negli interstizi della
crema. Quando i vasi sono ben vetrificati, rimarrà buono per uno o due anni. Se
desiderato per l'esportazione e incorporato con ciò che rimane fluido. Quando l'intera
acqua è stata incorporata, la crema sarà abbastanza fresca da versare nei vasi per la
vendita; a quel tempo si aggiunge l'otto di rosa. La ragione per cui il profumo viene
immesso all'ultimo momento è ovvia: il calore e la conseguente agitazione causerebbero
una perdita inutile per evaporazione. La crema fredda fatta in questo modo si fissa
abbastanza saldamente nei vasi in cui viene versata, e trattiene "una faccia" che
assomiglia alla pura cera, sebbene una metà sia trattenuta dall'acqua negli interstizi della
crema. Quando i vasi sono ben vetrificati, rimarrà buono per uno o due anni. Se
desiderato per l'esportazione a quel tempo si aggiunge l'otto di rosa. La ragione per cui il
profumo viene immesso all'ultimo momento è ovvia: il calore e la conseguente
agitazione causerebbero una perdita inutile per evaporazione. La crema fredda fatta in
questo modo si fissa abbastanza saldamente nei vasi in cui viene versata, e trattiene "una
faccia" che assomiglia alla pura cera, sebbene una metà sia trattenuta dall'acqua negli
interstizi della crema. Quando i vasi sono ben vetrificati, rimarrà buono per uno o due
anni. Se desiderato per l'esportazione a quel tempo si aggiunge l'otto di rosa. La ragione
per cui il profumo viene immesso all'ultimo momento è ovvia: il calore e la conseguente
agitazione causerebbero una perdita inutile per evaporazione. La crema fredda fatta in
questo modo si fissa abbastanza saldamente nei vasi in cui viene versata, e trattiene "una
faccia" che assomiglia alla pura cera, sebbene una metà sia trattenuta dall'acqua negli
interstizi della crema. Quando i vasi sono ben vetrificati, rimarrà buono per uno o due
anni. Se desiderato per l'esportazione Quando i vasi sono ben vetrificati, rimarrà buono
per uno o due anni. Se desiderato per l'esportazione Quando i vasi sono ben vetrificati,
rimarrà buono per uno o due anni. Se desiderato per l'esportazionenelle Indie orientali o
occidentali, dovrebbe sempre essere spedito in bottiglie tappate.

CREMA FREDDA DI MANDORLE

È preparato esattamente come sopra; ma al posto di otto di rose si usa otto di mandorle.

CREMA FREDDA VIOLA.

Huile violette, 1 libbra


Acqua di rose, 1 libbra
Cera e spermaceti,
1 oncia.
ciascuno,
Otto di mandorle, 5 gocce

CREMA FREDDA VIOLA. IMITAZIONE.

Olio di
3/4 libbre
mandorle,
Huile cassie, 1/4 libbre
Acqua di rose, 1 libbra
Sperma e cera, 1 oncia.
Otto di
1/4 di dracme.
mandorle,

Questa è una preparazione elegante ed economica, generalmente ammirata.

TUBEREUSE, JASMINE E FLEUR D'ORANGE CREME FREDDE.

Sono preparati in modo simile al violetto (prima forma); sono tutte preparazioni molto
squisite, ma poiché costano più della crema fredda alla rosa, i profumieri non sono molto
propensi a introdurle al posto di quest'ultima.

CREMA FREDDA ALLA CANFORA. ( Altrimenti Camphor Ice .)

Olio di mandorle, 1 libbra


Acqua di rose, 1 libbra
Cera e Spermaceti, 1 oncia.
Canfora, 2 once
Otto di rosmarino, 1 dracma.

Sciogliere la canfora, la cera e lo sperma, nell'olio, quindi manipolare come per la crema
fredda di rose.

CREMA FREDDA AL CETRIOLO . ( Crême de Concombre .)

Olio di mandorle, 1 libbra


Olio verde, 1 oncia.
Succo di cetriolo, 1 libbra
Cera e sperma, ciascuno, 1 oncia.
Otto di Neroli, 1/4 di dracme.

Il succo di cetriolo si ottiene facilmente sottoponendo il frutto a pressione nella pressa di


tintura ordinaria. Deve essere innalzato ad una temperatura abbastanza alta da coagulare
la piccola porzione di albume che contiene e poi filtrare attraverso il lino fino, poiché il
calore è dannoso per l'odore a causa della grande volatilità dell'ottavo di cetriolo. Il
seguente metodo può essere adottato con vantaggio: -Asciare il frutto molto fine con un
cetriolo e metterli nell'olio; dopo essere rimasti insieme per ventiquattro ore, ripetere
l'operazione, usando frutta fresca nell'olio teso; nessun calore è necessario, o al massimo,
non più di un caldo estivo; poi procedete a fare la crema fredda nel solito modo, usando
l'olio di mandorle così odorato, l'acqua di rose e gli altri ingredienti in modo regolare,
profumando, se necessario, con un po 'di neroli.
Un altro e più comune preparato di cetriolo si trova tra i parigini, che è il lardo
semplicemente profumato con il succo del frutto, quindi: -Il lo strutto è liquefatto dal
calore in un recipiente soggetto a un bagno d'acqua; il succo di cetriolo viene quindi
mescolato bene in esso; la nave contenente gli ingredienti viene ora posta in una
posizione tranquilla per rinfrescare. Il lardo salirà in superficie e quando il freddo deve
essere rimosso dal succo liquido; la stessa manipolazione si ripete tutte le volte che è
necessario, in base alla forza dell'odore del frutto desiderato nel grasso.

POMATA DI CETRIOLO DI PIVER.

Lardo benzoinato, 6 libbre.


Spermaceti, 2 libbre.
Essenza di
1 libbra
cetrioli,

Sciogliere la stearina con il lardo, quindi tenerlo costantemente in movimento mentre si


raffredda, ora battere il grasso in un mortaio, aggiungendo gradualmente l'essenza dei
cetrioli; continua a battere il tutto fino a quando lo spirito è evaporato, e la pomata è
splendidamente bianca.
I meloni e altri frutti simili profumano il grasso allo stesso modo. (Vedi "Essenza di
cetrioli", pagina 204.)

POMADE DIVINE.

Tra le mille e una ciarlatana, la pomata divina, come la polvere di James, ha ottenuto una
reputazione molto al di sopra delle aspettative più sanguigne dei suoi
concociatori. Questo articolo appartiene strettamente al farmacista, essendo venduto
come agente di riparazione; tuttavia, ciò che viene venduto viene quasi sempre venduto
dal profumiere. È preparato così: -
Spermaceti, 1/4 libbre
Lardo, 1/2 libbra
Olio di mandorle, 3/4 libbre
Gomma benzoina, 1/4 libbre
Baccelli di
1-1 / 2 oz.
vaniglia,

Digestare il tutto in un recipiente riscaldato con un bagnomaria a una temperatura non


superiore a 90 ° C. Dopo cinque o sei ore è adatto allo sforzo e può essere versato nelle
bottiglie per la vendita. (Deve essere timbrato se le sue qualità medicinali sono
dichiarate.)

ALMOND BALLS .
Sugna purificata, 1 libbra
Cera bianca, 1/2 libbra
Otto di mandorle, 1 dracma.
    " Chiodi di
1/4 di dracme.
garofano,

PALLE DI CANFORA .

Sugna purificata, 1 libbra


Cera bianca, 1/2 libbra
Canfora, 1/4 libbre
Otto di lavanda francese o rosmarino, 1/2 oz.

Entrambi gli articoli di cui sopra sono venduti sia bianchi che colorati con radice
alkanet. Quando completamente fuso, il materiale viene fuso in uno stampo; i gallipots
dell'oncia con fondo liscio rispondono molto bene per la fusione. Alcuni distributori
usano solo grandi scatole di pillole.

CANFORA INCOLLA .

Olio di mandorle
1/2 libbra
dolci
Lardo purificato, 1/4 libbre
Cera e spermaceti, }
Canfora, } ogni, 1 oncia.

BALSAMO ALLA GLICERINA .

Cera bianca, }
Spermaceti, } ogni, 1 oncia.
Olio di
1/2 libbra
mandorle,
Glicerina, 2 once
Otto di rose, 1/4 di dracme.

Dell'azione correttiva di uno dei suddetti preparativi non possiamo qui discutere; nel
dare le formule, per noi è sufficiente che siano vendute dai profumieri.

ROSE LIP SALVE .

Olio di mandorle, 1/2 libbra


Spermaceti e cera, ciascuno, 2 once
Radice di Alkanet, 2 once
Otto di rose, 1/4 di dracme.

Metti la cera, lo sperma e l'olio sulla radice di alcanide in un recipiente riscaldato a


vapore o con un bagno d'acqua; dopo che i materiali si sono sciolti, devono digerire
sull'alcanet per estrarne il colore per almeno quattro o cinque ore; infine, filtrare con una
mussola fine, quindi aggiungere il profumo appena prima che si raffreddi.

LIP SALVE BIANCO .

Olio di mandorle, 1/4 libbre


Cera e Spermaceti,
1 oncia.
ciascuno,
Otto di mandorle, 1/2 dracma.
    "geranio, 1/4 "

Dopo che il balsamo per le labbra è stato versato nei vasi e si è raffreddato, un ferro
arroventato deve essere tenuto su di loro per un minuto o così, in modo che il calore
irradiato da i ferri possono sciogliere la superficie dell'unguento e darle una faccia
uniforme.

LIP SALVE COMUNE

È fatto semplicemente di parti uguali di lardo e strutto, colorato con radice di alcanide, e
profumato con un'oncia di bergamotto per ogni chilo di salve.

SEZIONE XII.
POMPE E OLI.

Il nome di pomata deriva dal pomum , una mela, perché originariamente era stato
ottenuto macerando delle mele troppo mature con il grasso.
Se una mela si conficca dappertutto con spezie, come i chiodi di garofano, poi viene
esposta all'aria per alcuni giorni e successivamente macerata in strutto fuso purificato, o
qualsiasi altra materia grassa, il grasso si profumherà. Ripetendo più volte l'operazione
con lo stesso grasso, si produce una vera "pomata".
Secondo una ricetta pubblicata più di un secolo fa, la forma data è: "Grasso di capretto,
un fettone d'arancia, rape, un bicchiere di acqua di rose e mezzo bicchiere di vino
bianco, bollito e tostato, e infine cosparso di olio di mandorle dolci. " L'autore, il Dr.
Quincy, osserva che "la mela non ha alcun significato nella ricetta" e, come molti autori
dei nostri giorni, conclude che il lettore conosce bene l'argomento come scrittore, e
ritiene quindi che i pesi o la maggior parte dei materiali nella sua ricetta non siano, allo
stesso modo, privi di significato. Secondo antichi scrittori, unguento, pomata, pomata,
sono sinonimi di grassi medicati e profumati. Tra gli interpreti biblici, la parola
significativa è per lo più resa "unguento"; così abbiamo in Prov. 27: 9, "il cuore ", in
Eccles 9: 8," La tua testa non ha bisogno di unguento ".
I profumieri, che agiscono per conto proprio o del dott. Quincy, non badano alle mele
nella preparazione del pomatum, ma lo fanno profumando strutto o strutto o una miscela
di cera, spermaceti e olio, o alcuni di essi o tutti mescolato, per produrre un risultato
particolare, secondo il nome che porta.
La cosa più importante da considerare nella produzione di pomata, ecc., È iniziare con
un grasso perfettamente profumato , qualunque sia il grasso.
Lo strutto inodore si ottiene così: -Prendete, diciamo 28 libbre. di lardo perfettamente
fresco , mettetelo in un recipiente ben vetrato, che può essere sottoposto al calore di un
bagno di acqua salata bollente o al vapore sotto una leggera pressione; quando il lardo è
sciolto, aggiungeteci un'oncia di allume in polvere e due once di sale da
tavola; mantenere il calore per un po 'di tempo, infatti fino a quando una schiuma si
solleva, consistente in una grande quantità di composti di proteine coagulati, membrana,
ecc., che devono essere rimossi; quando il grasso liquido appare di natura uniforme è
permesso che si raffreddi.
Il lardo deve essere lavato. Questo viene fatto in piccole porzioni alla volta, ed è
un'opera di molto lavoro, che, tuttavia, è ampiamente ripagato dal risultato. Circa un
chilo di grasso viene ora posto su una lastra di ardesia un po 'sulla pendenza, una riserva
di acqua buona che viene posizionata su di essa; la superficie del grasso viene quindi
costantemente rinnovata da un operatore che lavora su di esso, proprio come un colorista
macina le vernici nell'olio. In questo modo l'acqua rimuove ogni traccia diallume o sale,
anche le ultime tracce di materia azotata. Infine, il grasso, quando il tutto viene lavato in
questo modo, viene rifuso, mantenendo il calore sufficiente a rimuovere l'acqua
aderente. A freddo è finito.
Anche se il grasso purificante in questo modo è fastidioso e richiede molto tempo, ma a
meno che non lo faccia, è totalmente inadatto alla profumazione con i fiori, perché un
cattivo grasso costerà di più nel profumo per coprire il suo mal inode della spesa di
deodorandolo Inoltre, se si usa il lardo per "odori del maiale", è quasi impossibile
imparargli qualche odore delicato; e se fortemente profumato dall'aggiunta di ottos, il
grasso non purificato non si conserverà, ma diventerà rapidamente rancido. In ogni caso,
quindi, il grasso che non è perfettamente profumato è un materiale molto costoso da
utilizzare nella produzione di pomate.
Nel sud e nei paesi florovivai, dove le raffinate pomate sono fatte da ENFLEURAGE , o
dalla MACERAZIONE[G] (vedi pp. 37, 38), la purificazione del grasso ai fini di questi
produttori è di importanza sufficiente per diventare un commercio separato.
La purificazione della carne di manzo e di montone è in larga misura la stessa di quella
del lardo: la maggiore solidità delle proprietà richiede una disposizione meccanica per
lavarle di una natura più potente di quella che può essere applicata con il lavoro
manuale. Il signor Ewen, che è indubbiamente il miglior depuratore di grassi a Londra,
impiega un rullo di pietra che ruota su una lastra circolare; movimento è datoal rullo da
un asse che passa attraverso il centro della lastra, o piuttosto letto di pietra, su cui è posto
il grasso; essendo più in alto nel centro che ai lati, il flusso dell'acqua scorre via dopo
che una volta è passato sopra il sugna; per altri aspetti il trattamento è lo stesso del
lardo. Questi grassi usati dai profumieri hanno un titolo generale di "corpo", equivalente
alla nomenclatura francese dei corpi ; quindi abbiamo pomate di hard corps (sugna),
pomate di soft body (lardo). Per fare degli extra , come extra de violette, gelsomino, le
pomate di hard corps sono da preferire; ma quando la pomata profumata deve essere
usata nella fabbricazione di unguenti per i capelli, le pomate di morbido corpo sono le
più utili.
Il metodo di profumare il grasso con il processo diretto con i fiori che sono già stati
descritti con i rispettivi nomi dei fiori che conferiscono l'odore a ciò, rimane ora solo per
descrivere quei composti che sono fatti da loro, insieme a tale materia accidentale
connessa con questo ramo della profumeria come non è stato precedentemente
menzionato.
LA POMATA ALL'ACACIA , comunemente chiamata CASSIE POMATUM , è fatta con un
grasso per il corpo purificato, mediante macerazione con le piccole gemme rotonde
gialle dell'Acacia Farnesiana .
Foglie di ribes nero, e che il termine francese cassie , hanno un odore molto simile a
cassie (acacia), e sono ampiamente utilizzati per adulterare le vere pomate di acacia e
oli. La quasi somiglianza di nome, il loro odore analogo (sebbene le piante non abbiano
alcuna connessione botanica), insieme alla parola cassia , un profumo familiare in
Inghilterra, ha prodotto idee generalmente confuse in questo paese sulla vera origine
dell'odore ora in discussione. Cassie, casse, cassia, si capirà ora, sono tre sostanze
distinte; e al fine di rendere la materia più perspicua in futuro, i materiali saranno sempre
denominati ACACIA , se preparati dall'Acacia Farnesiana ; CASSE , quando da ribes
nero ; e CASSIA , se derivata dalla corteccia della Cinnamomum Cassia .

POMATA E OLIO DI BENZOINO.

L'acido benzoico è perfettamente solubile nel grasso caldo. Mezzo grammo di acido


benzoico si scioglie in mezzo pinta di olio di oliva caldo o di mandorle, depositi sul
raffreddamento di bellissimi cristalli aciculari, simili ai cristalli che emanano effluenti di
baccelli di vaniglia; una parte dell'acido, tuttavia, rimane dissolta nell'olio alla
temperatura ordinaria e gli conferisce l'aroma particolare del benzoino; su questa idea si
basa il principio di profumare il grasso con gomma benzoina mediante il processo
diretto, cioè macerando il benzoino di gomma in polvere su strutto o strutto fuso per
alcune ore, ad una temperatura di circa 80 ° C fino a 90 ° C. Quasi tutte le gomme-resine
abbandonano il loro principio odorifero ai corpi grassi, se trattati allo stesso
modo; questo fatto, diventando generalmente noto, probabilmente darà luogo alla
preparazione di alcuni nuovi unguenti correttivi, comeUnguentum myrrhæ , Unguentum
assafœtida , e simili.
TONQUIN POMADE e TONQUIN OIL si preparano macerando i fagioli tonquin macinati in
entrambigrasso fuso o olio caldo, da dodici a ventotto ore, nella proporzione di
Fagioli
1/2 libbra
tonquin,
Grasso o olio, 4 libbre.

Filtrare attraverso fine mussola; quando è freddo, il grasso avrà un buon odore dei
fagioli.

OLIO E POMATA ALLA VANIGLIA.

Baccelli di
1/4 libbre
vaniglia,
Grasso o olio, 4 libbre.

Macerare a una temperatura di 25 ° C per tre o quattro giorni; alla fine ceppo.


Questi pomati e oli, insieme alle pomate francesi e alle huiles già descritte, costituiscono
il fondamento della preparazione di tutti i migliori grassi per capelli venduti dai
profumieri. Pomate e oli profumati di qualità inferiore vengono preparati profumando
lardo, sugna, cera, olio, ecc., Con vari ottoni; i risultati, tuttavia, in molti casi più costosi
di quelli precedenti, sono in realtà inferiori nel loro odore o bouquet - per il grasso,
anche se leggermente profumato dalla macerazione o enfleurage con fiori, è molto più
gradevole al nervo olfattivo di quando profumato dagli ottos.
I grassi sotto elencati hanno ottenuto grande popolarità, soprattutto perché il loro
profumo è persistente e fiorito.

POMADE CHIAMATO BEAR'S GREASE.

Il grasso più popolare e "originale" per orsi è così realizzato:

Huile de rose, }

    "fleur d'orange, }
    "acacia, } di ciascun, 1/2 libbra
    "tubereuse e gelsomino, }
Olio di mandorle, 10 libbre.
Lardo, 12 libbre.
Pomata di acacia, 2 libbre.
Otto di bergamotto, 4 once.
    " Chiodi di garofano, 2 once

Sciogli i grassi solidi e gli oli insieme con un bagnomaria, quindi aggiungi gli ottos.
Il grasso degli orsi così preparato è appena abbastanza difficile da "mettere" nei vasi a
una calura estiva. In tempo molto caldo, o se richiesto per esportazione nelle Indie
orientali o occidentali, è necessario usare in parte pomate francesi invece di oli, o più
strutto e meno olio di mandorle.

CREMA CIRCASSO .

Lardo purificato, 1 libbra


Sugna di benzoino, 1 libbra
Pomata rosa francese, 1/2 libbra
Olio di mandorle, colorato con
2 libbre.
alkanet,
Otto di rosa, 1/4 oz.

BALSAMO DI FIORI .

Pomata rosa francese, 12 once


    "pomata viola, 12 once
Olio di mandorle, 2 libbre.
Otto di bergamotto, 1/4 oz.

OLIO CRISTALLIZZATO . ( Prima qualità ).

Huile de rose, 1 libbra


    "tubereuse, 1 libbra
    "fleur
1/2 libbra
d'orange,
Spermaceti, 8 once

OLIO CRISTALLIZZATO . ( Seconda qualità .)

Mandorla, 2-1 / 2 libbre.


Spermaceti, 1/2 libbra
Otto di
3 once
limone,

Sciogliere gli spermaceti in un recipiente riscaldato con un bagnomaria, quindi


aggiungere gli oli; continua il calore fino a quando tutti i greggi scompaiono; lascia che i
vasi in cui è versato si scaldino; raffreddare il più lentamente possibile, per assicurare
buoni cristalli; se raffreddato rapidamente, la massa si congela senza la comparsa di
cristalli. Questa preparazione ha un aspetto molto bello, e finora vende bene; ma il suo
uso continuo per ungere i capelli rende la testa scafata; infatti, i cristalli di sperma
possono essere pettinati dai capelli in scaglie dopo che è stato usato una settimana o due.

POMODORO ALL'OLIO DI RICINO .

Tuberosa pomata, 1 libbra


Olio di ricino, 1/2 libbra
Olio di mandorle, 1/2 libbra
Otto di
1 oncia.
bergamotto,

BALSAMO DI NEROLI .

Pomata rosa francese, 1/2 libbra


    "pomatum di gelsomino, 1/2 libbra
Olio di mandorle, 3/4 libbre
Otto di Neroli, 1 dracma.

MARROW CREMA .

Lardo purificato, 1 libbra


Olio di mandorle, 1 libbra
Olio di palma, 1 oncia.
Otto di chiodi di
1/2 dracma.
garofano,
   "bergamotto, 1/2 oz.
   " Limone, 1-1 / 2 oz.

MARROW POMATUM .

Lardo purificato, 4 libbre.


     "suet, 2 libbre.
Otto di limone, 1 oncia.
    "bergamotto, 1/2 oz.
    " Chiodi di
3 dracme.
garofano,

Sciogliere i grassi, quindi batterli con una frusta o una spatola di legno piatta per
mezz'ora o più; quando il grasso si raffredda, piccole vescicole d'aria sono inclinate dalla
pomata, che non solo aumenta la massa delle miscele, ma impartisce una peculiare
aggregazione meccanica, rendendo la pomata leggera e spugnosa; in questo stato è ovvio
che si riempie più proficuamente che in altro modo.

POMATA VIOLA COMUNE .

Lardo purificato, 1 libbra


Pomatum
6 once
di acacia lavato ,
    "pomata rosa, 4 once.

Manipolare come pomata di midollo.


In tutte le preparazioni economiche per i capelli, i profumieri di produzione usavano le
pomate francesi lavate e gli oli francesi lavati per fare i loro grassi. Pomate lavate e oli
lavati sono quei grassi che in origine erano i migliori pomatum e huiles preparati
dall'enfleurage e dalla macerazione con i fiori; quali pomate e huiles sono stati sottoposti
a digestione in alcool per la produzione di essenze per il fazzoletto. Dopo che lo spirito è
stato sulle pomate, ecc., Viene versato via; il residuo viene quindi
chiamato pomata lavata ,e conservano ancora un odore abbastanza forte per la
produzione della maggior parte dei grassi per capelli.
Per pomate di altri odori è necessario sostituire solo la rosa, il gelsomino, la tuberosa e
altre, al posto della pomatania di acacia nella suddetta formula.

POMADE DOUBLE, MILLEFLEURS .

Rosa, gelsomino, fleur d'arancio, viola, tubereuse, ecc., Sono tutti fatti in inverno, con
due terzi di pomata francese, un terzo dei migliori oli francesi; in estate, parti uguali.

POMADE A LA HELIOTROPE .

Pomata francese alla


1 libbra
rosa,
Olio di vaniglia, 1/2 libbra
Huile de jasmine, 4 once.
    "tubereuse, 2 once
    "fleur d'orange, 2 once
Otto di mandorle, 6 gocce
   " Chiodi di garofano, 3 gocce.

HUILE ANTIQUE . ( A la Heliotrope .)

Come sopra, sostituendo l'olio di rosa per la pomata.

FILOCOME .
Il nome di questa preparazione, che è un composto di greco e latino, che significa "un
amico per i capelli", fu introdotto per la prima volta dai profumieri parigini; e un nome
molto buono, dato che Philocome è indubbiamente uno dei migliori unguenti per i
capelli.

FILOCOME . ( Prima qualità .)

Cera bianca, 10 once


Olio di rose fresco 1 libbra
    "olio di acacia, 1/2 libbra
    "olio di
1/2 libbra
gelsomino,
    "fleur d'orange oil, 1 libbra
    "olio di tubereuse, 1 libbra

Sciogliere la cera nei huiles con un bagno d'acqua, alla temperatura più bassa
possibile. Mescola la miscela mentre si raffredda; non versare il Philocome fino a
quando non è abbastanza freddo da impostare; lasciare che i barattoli, le bottiglie o le
pentole in cui è riempito per la vendita siano leggermente riscaldati, o almeno della
stessa temperatura del Philocome, altrimenti le bottiglie raffreddano il materiale mentre
viene versato e lo fanno apparire di una consistenza irregolare .

FILOCOME . ( Seconda qualità .)

Cera bianca, 5 once


Olio di mandorle, 2 libbre.
Otto di bergamotto, 1 oncia.
   " Limone, 1/2 oz.
   "lavanda, 2 dracme.
   " Chiodi di garofano, 1 dracma.

PHILOMOME FLUIDO .

Prendi 1 oncia di cera a 1 libbra di olio.

POMMADE HONGROISE . ( Per i baffi .)

Intonaco di piombo, 1 libbra


Acacia huile, 2 once
Otto di rose, 2 dracme.
   " Chiodi di garofano, 1 dracma.
   " mandorle, 1 dracma.
Colore alla tinta richiesta con ambra macinata e terra di Siena in olio; mescolare gli
ingredienti sciogliendo prima l'intonaco in un recipiente in acqua bollente. L'intonaco di
piombo è fatto con ossido di piombo bollito con olio d'oliva: è meglio procurarlo
preparato dai farmacisti all'ingrosso.

POMATUM DURO O STICK .

Sugna purificata, 1 libbra


Cera bianca, 1 libbra
Pomata al gelsomino, 1/2 libbra
Tuberosa pomata, 1/2 libbra
Otto di rosa, 1 dracma.

UN'ALTRA FORMA , - più economica .

suet, 1 libbra
Cera, 1/2 libbra
Otto di
1 oncia.
bergamotto,
   " Cassia, 1 dracma.

Le ricette di cui sopra producono BASTONI BIANCHI . Sono richiesti anche


i MANGANELLI BROWN e BLACK . Sono fatti nello stesso modo di quanto sopra, ma
colorati con nero lampo o terra d'ombra in olio. Questi colori sono acquistati meglio su
un colorman di artisti.

COSMÉTICA NERA E MARRONE .

Come viene venduto da RIMMEL , viene preparato con un sapone dal profumo
gradevolmente colorato con una lampada nera o con la terra d'ombra. Il sapone si
scioglie e la colorazione si aggiunge mentre il sapone è morbido; quando è freddo viene
tagliato in pezzi oblunghi.
È usato come colorante temporaneo per i baffi, applicato con una piccola spazzola e
acqua.

SEZIONE XIII.
COLORANTI PER CAPELLI E DEPILATORI.
A titolo di ornamento personale, poche pratiche sono di origine più antica di quella di
dipingere il viso, tingere i capelli e annerire le sopracciglia e le ciglia.
È una pratica universale tra le donne delle classi alte e medie in Egitto, e molto comune
tra quelle degli ordini inferiori, per annerire il bordo delle palpebre, sia sopra che sotto
l'occhio, con una polvere nera, che chiamano kohhl . Il kohhl viene applicato con una
piccola sonda di legno, avorio o argento, che si assottiglia verso la fine, ma
smussata. Questo viene inumidito a volte con acqua di rose, poi immerso nella polvere e
disegnato lungo i bordi delle palpebre. Si pensa di dare un'espressione molto morbida
all'occhio, la cui dimensione, in apparenza, si ingrandisce; a quali circostanze
probabilmente Geremia si riferisce quando scrive: "Benché tu affidi la tua faccia (oi tuoi
occhi) con la pittura, invano ti rendi giusto". - Ger. 04:30. Vedi anche LANE Egiziani
moderni , vol. io, p. 41, e seguenti.
Un'abitudine singolare è osservabile sia tra le donne arabe che moresche - quella di
ornare il viso tra gli occhi con grappoli di macchie bluastre o altri piccoli dispositivi, e
che, essendo macchiati, diventa permanente. Il mento è anche macchiato in modo simile,
e da esso si estende una linea blu strettail punto di esso, ed è continuato in gola. Le
ciglia, le sopracciglia, e anche le punte e le estremità delle palpebre, sono colorate di
nero. Le suole, e talvolta altre parti dei piedi, alte come le caviglie, i palmi delle mani e
le unghie, sono tinte di un rosso-giallastro, con le foglie di una pianta chiamata Henna
( Lawsonia inermis ), la foglia di cui assomiglia un po 'al mirto, ed è essiccato per gli
scopi sopra menzionati. Anche il dorso della mano è spesso colorato e decorato in questo
modo con diversi dispositivi. Durante le vacanze dipingono le loro guance di un colore
rosso mattone, una linea rossa stretta che viene anche disegnata lungo le tempie.
In Grecia, "per colorare le ciglia e le orbite dell'occhio si lanciano incenso o gomma
labdanum su alcuni carboni ardenti, si intercetta il fumo che sale con un piatto e si
raccoglie la fuliggine, che ho visto applicata. con le gambe come al solito su un divano e
chiudendo uno dei suoi occhi, prese le due ciglia tra l'indice e il pollice della mano
sinistra, le tirò in avanti e poi, spingendo verso l'angolo esterno una sorta di corpetto o
sonda che era stata immersi nella fuliggine e ritirarla, le particelle che precedentemente
aderivano alla sonda rimanevano all'interno delle ciglia. "- Viaggi  DI CHANDLER in
Grecia.
La dottoressa Shaw afferma che tra le altre curiosità che furono sottratte alle tombe del
Sahara in relazione alle donne egiziane, vide una canna comune delle ance comuni, che
conteneva uno di questi corpini e un'oncia o più di questa polvere.
In Inghilterra la stessa pratica è adottata da molti persone che hanno i capelli grigi; ma
invece di usare il materiale nero sotto forma di polvere, viene impiegato come un
pastello, il colore viene mescolato con un corpo untuoso, come i pomatums di bastone
marrone e nero, descritti nell'articolo precedente.

TINTURA PER CAPELLI TURCA .

A Costantinopoli ci sono alcune persone, in particolare gli armeni, che si dedicano alla
preparazione di cosmetici e ottengono ingenti somme di denaro da coloro che desiderano
imparare quest'arte. Tra questi cosmetici c'è una tintura nera per i capelli, che, secondo
Landerer, è preparata nel modo seguente:
Le galle finemente polverizzate sono impastate con un po 'di olio in una pasta, che viene
tostata in una padella di ferro fino a che i vapori dell'olio cessano di evolvere, su cui il
residuo viene triturato con acqua in una pasta e riscaldato nuovamente a secco. Allo
stesso tempo viene impiegata una miscela metallica, che viene portata dall'Egitto ai
mercati commerciali dell'Est, e che viene definita in turco Rastiko-petra , o Rastik-
Yuzi . Questo metallo, che assomiglia alle scorie, è di alcuni armeni intenzionalmente
fusi, e consiste di ferro e rame. Ottiene il suo nome dal suo uso per la colorazione dei
capelli, e in particolare le sopracciglia - per rastik significa sopracciglia e yuzipietra. La
polvere fine di questo metallo è il più intimamente mescolata possibile con la massa
gallica inumidita in una pasta, che viene conservata in un luogo umido, con il quale
acquisisce la proprietà di annerimento. In alcuni casi questola massa è mescolata con la
polvere di sostanze odorose che vengono usate nel serraglio come profumi e
chiamate harsi, cioè, odore gradevole; e di questi l'ingrediente principale è l'ambra
grigia. Per annerire i capelli un po 'di questo colorante viene triturato nella mano o tra le
dita, con cui i capelli o la barba sono ben strofinati. Dopo pochi giorni i capelli
diventano molto belli di nero, ed è un vero piacere vedere così belle barbe nere che si
incontrano in Oriente tra i turchi che usano questa tintura nera. Un altro vantaggio
importante nell'uso di questo colorante consiste in esso, che i capelli rimangono morbidi,
morbidi e per lungo tempo neri, quando sono stati tinti una volta con questa
sostanza. Che le proprietà coloranti di questa tintura debbano essere principalmente
attribuite all'acido pirogallico, che può essere trovato trattando la massa con acqua, può
essere assunto con certezza.

TINTURA PER CAPELLI A RICARICA .

Litigato in polvere, 2 libbre.


calce viva, 1/2 libbra
Magnesia
1/2 libbra
calcinata,

Sbucciare la calce, usando meno acqua possibile per farla disintegrare, quindi mescolare
il tutto con un setaccio.

UN ALTRO MODO .

Calce spenta, 3 libbre.


Piombo bianco in
2 libbre.
polvere,
litargirio, 1 libbra

Mescolare setacciando, bottiglia e bene sughero.


Indicazioni da vendere con quanto sopra .- "Mescolare ilpolvere con abbastanza acqua
per formare un liquido denso e cremoso; con l'aiuto di un piccolo pennello; coprire
completamente i capelli da tingere con questa miscela; per tingere un marrone chiaro,
lasciare che rimanga sui capelli per quattro ore; marrone scuro, otto ore; nero, dodici
ore. Poiché il colorante non agisce a meno che non sia umido, è necessario tenerlo in
modo da indossare una seta oleata, gomma india o un altro cappuccio impermeabile.
"Dopo che i capelli sono tinti, i rifiuti devono essere lavati accuratamente dalla testa con
acqua pura, quando saranno asciutti i capelli devono essere oliati".

SEMPLICE COLOR ARGENTO . ( Altrimenti "Vegetable Dye " . )

Nitrato
1 oncia.
d'argento,
Acqua di rose, 1 pinta

Prima di usare questo colorante è necessario liberare i capelli dal grasso lavandolo con
soda o acqua e perla. I capelli devono essere abbastanza asciutti prima di applicare la
tintura, che è meglio posare con un vecchio spazzolino da denti. Questo colorante non
"colpisce" per diverse ore. Non è necessario osservare che i suoi effetti si producono più
rapidamente esponendo i capelli al sole e all'aria.

TINTURA PER CAPELLI, CON MORDANT . ( Marrone. )

Nitrato d'argento, 1 oz., Bottiglie blu.


Acqua di rose, 9 once "
Il mordente. -Sulphuret di potassio, 1 oz., Bottiglie bianche.
      " Acqua, 8 once "

TINTURA PER CAPELLI, CON MORDANT . ( Nero. )

Nitrato d'argento, 1 oz., Bottiglie blu.


Acqua, 6 once "
Il mordente. -Sulphuret di potassio, 1 oz., Bottiglie bianche.
     " Acqua, 6 once "

Il mordente deve essere applicato prima sui capelli; a secco, la soluzione d'argento.
Bisogna fare molta attenzione che il solfuro sia fatto fresco, o almeno, ben conservato in
bottiglie chiuse, altrimenti, al posto del mordente che agisce per rendere i capelli neri,
tenderà ad impartire una tonalità gialla . Quando il mordente è buono, ha un odore
sgradevole e, sebbene questa sia la tintura più veloce e migliore, il suo odore sgradevole
ha dato origine al

INODORE DYE .
Bottiglie blu -Disolvere il nitrato di argento nell'acqua come sopra, quindi aggiungere
ammoniaca liquida di gradi fino a quando la miscela diventa torbida dal precipitato
dell'ossido di argento, continuare ad aggiungere ammoniaca in piccole porzioni fino a
quando il fluido diventa nuovamente luminoso dall'ossido di argento viene ridisciolto.
Bottiglie bianche . Versa una mezza pinta di acqua di rose bollente su tre once di noci di
gallina in polvere; quando freddo, ceppo e bottiglia. Questo forma il mordente e viene
usato allo stesso modo del colorante nominato per primo, come il mordente
sulfureo. Non è così bello come il precedente.

FRENCH BROWN DYE .

Bottiglie blu . -Soluzione satura di solfato di rame; a questo aggiungete ammoniaca


sufficiente a far precipitare l'ossido di rame e ridissolvelo (come nel caso dell'argento in
alto), producendo il liquido azzurro.
Bottiglie bianche .- Mordente . Soluzione satura di prussiato di potassio.
I capelli artificiali, per la fabbricazione di perukes, sono tinti allo stesso modo della lana.
Nel mercato ci sono molte altre tinture per capelli, ma tutte sono solo modificazioni di
quanto sopra, senza alcun vantaggio significativo.

TINTURA AL PIOMBO .

La tintura per capelli liquidi, per non annerire la pelle, può essere così preparata:
-Dissolve in un'oncia di liquore potassæ quanto ossido di piombo appena precipitato in
quanto assorbirà e diluire la soluzione limpida risultante con tre once di acqua
distillata. Bisogna fare attenzione a non bagnare inutilmente la pelle con essa.

DEPILATORIA RAPIDA O RUSMA . ( Per rimuovere i capelli. )

Poiché le donne di questo paese considerano la crescita dei capelli sul labbro superiore,
sulle braccia e sul retro del collo, per essere dannosi per la bellezza, coloro che sono
turbati con tali indicazioni fisiche di buona salute e resistenza vitale hanno da tempo ha
fatto ricorso a rusma o depilatoria per rimuoverlo.
Questo o simili preparativi furono introdotti in questo paese dall'Est, essendo rusma in
uso negli harem dell'Asia per molte epoche.
La migliore calce spenta, 3 libbre
Orpimento, in polvere, 1/2 libbre

Mescolare il materiale con un setaccio a tamburo; conservalo stesso per la vendita in


bottiglie ben tappate o tappate.
Indicazioni da vendere con quanto sopra. Mescolare la polvere depilatoria con acqua a
sufficienza per renderla di consistenza cremosa; stendilo sui capelli per circa cinque
minuti, o fino a quando la sua azione caustica sulla pelle rende necessario essere
rimosso; un processo simile alla rasatura deve essere fatto, ma invece di usare un rasoio,
operare con un coltello da carta d'avorio o d'osso; quindi lavare la parte con abbondante
acqua e applicare una piccola crema fredda.
Non si può dare il tempo preciso di lasciare la depilazione sulla parte da depilare, perché
c'è una differenza fisica nella natura dei capelli. "Le trecce di corvo" richiedono più
tempo di "serrature di lino"; anche la sensibilità della pelle deve essere presa in
considerazione. Una piccola piuma è un ottimo test per la sua azione.
Forse alcuni lettori saranno delusi nel constatare che ho dato solo una formula per la
depilazione. Le entrate potrebbero essere state facilmente aumentate in numero, ma non
in qualità. L'uso di composti arsenicali è discutibile, ma aumenta indubbiamente l'azione
depilatoria dei composti. Alcuni compilatori di "Receipt Books", "Supplements to
Pharmacopie" e altri, aggiungono al lime "carboncino in polvere", "carbonato di potass",
"amido", ecc .; ma quale azione hanno questi materiali, chimicamente, sui capelli? Il più
semplice depilatorio è inumidito calce viva, ma è meno energetico della miscela
raccomandata sopra; risponde molto bene per conciatori e cagnolini, con i quali il tempo
non è oggetto.

SEZIONE XIV.
POLVERI ASSORBENTI.

Il tavolino da toilette di una donna è incompleto senza una scatola di polvere


assorbente; infatti, fin dalla prima infanzia, la polvere viene utilizzata per asciugare la
pelle con il massimo beneficio; non c'è da meravigliarsi se il suo uso è continuato negli
anni avanzati, se, con lievi modifiche nella sua composizione, può essere impiegato non
solo come assorbente, ma come mezzo di "ornamento personale". Siamo abbastanza nei
limiti affermando che molti pesi in tonnellate di tali polveri vengono utilizzati ogni anno
in questo paese. Sono composti principalmente da vari amidi, preparati con grano, patate
e varie noci, mescolati più o meno con talco in polvere di Haüy, steatite (pietra di
sapone), gesso francese, ossido di bismuto e ossido di zinco, ecc. Il più popolare è ciò
che viene definito

POLVERE VIOLA .

Amido di grano, 12 libbre.


Polvere di radice di
2 libbre.
iris,
Otto di limone, 1/2 oz.
    "bergamotto, 3/4 oz.
    " Chiodi di garofano, 2 dracme.

POLVERE DI CIPRIA .

Amido di grano, 7 libbre.


Rosa Rosa, 1/2 dracma.
Otto di rosa, 2 dracme.
   "santal, 2"

POLVERE PER CAPELLI NORMALE O NON PROFUMATA

È puro amido di frumento.

CIPRIA .

Amido, 1 libbra
Ossido di Bismuto, 4 once.

POLVERE PERLE .

Gesso francese, 1 libbra


Ossido di bismuto, 1 oncia.
Ossido di zinco, 1 oncia.

BLANC DE PERLE

È puro ossido di bismuto in polvere.

BLANC FRANCESE

Il talco levigato passa attraverso un setaccio di seta.

Questo è il miglior viso in polvere, in particolare in quanto non scolorisce per


l'emanazione della pelle o l'atmosfera impura.

LIQUID BLANC (PER USO TEATRALE) .

L'uso di una vernice bianca da parte di attrici e ballerini è assolutamente necessario; un


grande sforzo produce una carnagione florida, che è incompatibile con certi effetti
scenici, e richiede un cosmetico per sopprimerla.
Madame V--, durante la sua carriera teatrale, ha probabilmente consumato più di mezzo
centesimo di ossido di bismuto, preparato così:
Acqua di rose o fiori
1 pinta
d'arancio,
Ossido di bismuto, 4 once.

Mescolato da una lunga triturazione.

TALCO CALCINATO

È anche ampiamente usato come una toilette in polvere, ed è venduto con vari nomi; non
è così untuoso come il tipo ordinario.

ROUGE E RED PAINTS .

Questi preparativi sono richiesti non solo per uso teatrale, ma da privati. Varie tonalità di
colore sono fatte, per soddisfare le carnagioni della bionda e bruna. Uno dei migliori tipi
è quello definito

BLOOM OF ROSES .

Forte ammoniaca
1/2 oz.
liquida,
Il miglior carmine, 1/4 oz.
Acqua di rose, 1 pinta
Esprit de rose (tripla), 1/2 oz.

Metti il carminio in una bottiglia da una pinta e versaci sopra l'ammoniaca; permettere


loro di rimanere insieme, con agitazione occasionale, per due giorni; quindi aggiungi
l'acqua di rose e l'esprit e mescola bene. Metti la bottiglia in una situazione tranquilla per
una settimana; qualsiasi precipitato di impurità dal carminio diminuirà; il supernatante
"Bloom of Roses" sarà poi messo in vendita. Se il carminio fosse perfettamente puro,
non ci sarebbe precipitato; quasi tutto il carmine acquistato dai produttori è più o meno
sofisticato, il suo enorme prezzo è un premio alla sua adulterazione.
Il carmine non può essere fabbricato in modo redditizio su piccola scala per scopi
commerciali; quattro o cinque produttori forniscono l'intera Europa! M.Titard, Rue
Grenier St. Lazare, a Parigi, produce, senza dubbio, l'articolo più bello; abbastanza
singolare, tuttavia, il principale agente nello stabilimento è un vecchio inglese.
"La preparazione del carminio più fine è ancora un mistero, perché, da un lato, il suo
consumo è molto limitato, poche persone sono impegnate nella sua fabbricazione e,
dall'altra, la materia prima è costosa, non ci sono esperimenti su di esso. essere
convenientemente fatto. "- DR. URE .
Nella Encyclopédie Roret sarà trovato non meno di una dozzina di ricette per preparare
carminio; il numero di formule convincerà il lettore più superficiale che la vera forma è
ancora nascosta.
L'analisi ci ha insegnato la sua esatta composizione; ma una certa destrezza nella
manipolazione e nella giusta temperatura sono indispensabili per completare il successo.
La maggior parte delle ricette fornite dal Dr. Ure e da altre fonti provengono da questa
fonte; ma poiché non possiedono alcun valore pratico, ci asteniamo dal ristamparli.

ROUGES TOILETTE .

Sono preparati di diverse tonalità mescolando fine carminio con polvere di talco, in
diverse proporzioni, ad esempio una dracma di carminio a due once di talco, o una di
carminio a tre di talco, e così via. Questi rouges sono venduti in polvere, e anche in torte
o in vasi di porcellana; per quest'ultimo, il rouge viene mescolato con una porzione
minuta di soluzione di gomma adragante. M. Titard prepara una grande varietà di
rouges. In alcuni casi si diffonde la materia colorante della coccinigliacarta spessa e
asciugata molto gradualmente; assume quindi una bella tonalità verde. Questo curioso
effetto ottico è anche osservato in "dischi rosa". Ciò che è noto come il libro rosso cinese
è evidentemente fatto allo stesso modo, ed è stato importato in questo paese per molti
anni.
Quando le carte verdi in bronzo vengono inumidite con un batuffolo di cotone umido e
applicate sulle labbra o sulle guance, il colore assume una bella tonalità rosea. I comuni
tipi di rouge, chiamati "teatro rouge", sono fatti dal lago di legno del Brasile;  un altro
tipo è derivato dal cartamo ( Carthamus tinctorius ); da questa pianta è anche fatto

PIATTINI ROSA .

Il cartamo viene lavato in acqua fino a rimuovere la sostanza colorante gialla;  il
principio della cartamo o del colore viene quindi dissolto da una debole soluzione di
carbonato di sodio; la colorazione viene quindi precipitata nei piattini mediante
l'aggiunta di acido solforico alla soluzione.
La lana di cotone e il crape colorati allo stesso modo vengono usati per lo stesso scopo,
il primo viene venduto come lana spagnola, il secondo come Crépon rouge.

SEZIONE XV.
DENTI POLVERI E BOCCA LAVAGGI.

Le polveri dentali, considerate come un mezzo puramente di pulizia dei denti, sono più
comunemente poste tra i cosmetici; ma questo non dovrebbe essere, in quanto aiutano
notevolmente a preservare una condizione sana e regolare del macchinario dentale, e
quindi aiutano a perfezionare il più possibile l'atto di masticazione. In questo modo,
possono essere considerati più utili, anche se è vero, agenti medicinali
subordinati. Mediante un uso attento e prudente di questi, alcune delle cause più
frequenti di perdita precoce dei denti possono essere prevenute; questi sono, la
deposizione di tartaro, il gonfiore delle gengive e un'indebita acidità della
saliva. L'effetto derivante dall'accumulo del tartaro è ben noto alla maggior parte delle
persone, ed è stato chiaramente dimostrato che il gonfiore della sostanza delle gengive
accelererà l'espulsione dei denti dalle loro cavità; e l'azione della saliva, se
eccessivamente acido, è nota per essere almeno dannosa, se non distruttiva. Ora,
l'impiego quotidiano di un dente in polvere sufficientemente duro, in modo da esercitare
un grado di frizione tollerabile sui denti, senza, allo stesso tempo, ferire lo smalto dei
denti, nella maggior parte dei casi, quasi sempre impedisce il tartaro accumularsi in
misura tale da provocare lesioni successive ai denti; e una condizione flaccida, spugnosa
e rilassata delle gengive può essere prevenuta o superata quasi sempre impedisce al
tartaro di accumularsi in modo tale da provocare una successiva lesione ai denti; e una
condizione flaccida, spugnosa e rilassata delle gengive può essere prevenuta o
superata quasi sempre impedisce al tartaro di accumularsi in modo tale da provocare una
successiva lesione ai denti; e una condizione flaccida, spugnosa e rilassata delle gengive
può essere prevenuta o superataaggiungendo a tale dente in polvere, alcuni ingredienti
tonico e astringente. Un dente in polvere contenente carbone di legna e corteccia di china
può raggiungere questi risultati nella maggior parte dei casi, e quindi i dentisti in genere
lo raccomandano. Tuttavia, ci sono obiezioni all'uso del carbone; è troppo duro e
resistente, il suo colore è discutibile, ed è perfettamente insolubile dalla saliva, è
suscettibile di essere alloggiata tra i denti, e lì per raccogliere materia animale e vegetale
in decomposizione attorno a tali particelle che possono essere fissate in questa
posizione . Anche la corteccia di Cinchona è spesso fibrosa e ha un gusto amaro e
sgradevole. M. Mialhe raccomanda caldamente la seguente formula: -

MIALHE'S TOOTH POWDER .

Zucchero di latte, mille parti; lago, dieci parti; tannino puro, quindici parti; olio di


menta, olio di semi di anice e olio di fiori d'arancio, tanto da conferire un sapore
gradevole alla composizione.
Le sue indicazioni per la preparazione di questo dente in polvere, sono, per strofinare
bene il lago con il tannino, e aggiungere gradualmente lo zucchero di latte,
precedentemente in polvere e setacciato; e infine, gli olii essenziali devono essere
accuratamente miscelati con le sostanze in polvere. L'esperienza lo ha convinto
dell'efficacia di questo dente in polvere, il cui impiego abituale, sarà sufficiente per
preservare le gengive e i denti in uno stato di salute. Per coloro che sono turbati
dall'eccessivo rilassamento e dalla spugnosità delle gengive, raccomanda la seguente
preparazione astringente:

IL DENTIFRICIO DI MIALHE .

Alcool, mille parti; kino genuino, cento parti; radice di Rhatany, cento parti; tintura di


balsamo di tolu, due parti; tintura di gomma benzoina, due parti; olio essenziale di
canella, due parti; olio essenziale di menta, due parti; olio essenziale di anice, una parte.
Il kino e la radice di Rhatany devono essere macerati nell'alcool per sette o otto giorni;  e
dopo la filtrazione, gli altri articoli devono essere aggiunti. Un cucchiaino di questa
preparazione mescolata in tre o quattro cucchiai di acqua, dovrebbe essere usato per
sciacquare la bocca, dopo l'uso del dente in polvere.

GESSO CAMPOGRAFATO.

Gesso precipitato, 1 libbra


Radice di iris in polvere, 1/2 libbra
Canfora in polvere, 1/4 libbre

Ridurre la canfora in polvere strofinandola in un mortaio con un po 'di spirito, quindi


setacciare il tutto bene insieme. A causa della volatilità della canfora, la polvere
dovrebbe sempre essere venduta in bottiglie, o almeno in scatole rivestite di carta
stagnola.

POLVERE DI DENTI DI CHININO.

Gesso precipitato, 1 libbra


Polvere di amido, 1/2 libbra
Polvere di Orris, 1/2 libbra
Solfato di
1 dracma.
chinino,

Dopo aver setacciato, è pronto per la vendita.

CARBONE PREPARATO .

Carbone di recente produzione in polvere


7 libbre.
fine,
Gesso preparato, 1 libbra
Radice di giaggiolo, 1 libbra
catechu, 1/2 libbra
Corteccia di cassio, 1/2 libbra
Mirra, 1/4 libbre

Vagliare.

POLVERE PERUVIANA DELLA CORTECCIA .

Corteccia peruviana in
1/2 libbra
polvere,
Bole Ammoniac, 1 libbra
Polvere di Orris, 1 libbra
Corteccia di cassio, 1/2 libbra
Mirra in polvere, 1/2 libbra
Gesso precipitato, 1/2 libbra
Otto di chiodi di garofano, 3/4 oz.

GESSO OMEOPATICO .

Gesso precipitato, 1 libbra


Polvere di
1 oncia.
ginestra,
    "amido, 1 oncia.

POLVERE DI SEPPIE .

Seppie in polvere, 1/2 libbra


Gesso precipitato, 1 libbra
Polvere di
1/2 libbra
ginestra,
Otto di limoni, 1 oncia.
   "neroli, 1/2 dracma.

POLVERE DI BORACE E MIRRA .

Gesso precipitato, 1 libbra


Borace in
1/2 libbra
polvere,
Mirra in polvere, 1/4 libbre
iris, 1/4 libbre

FARINA PIESSE'S POWDER.

Gesso precipitato, 2 libbre.


Radice di giaggiolo, 2 libbre.
Rosa Rosa, 1 dracma.
Zucchero a velo
1/2 libbra
finissimo,
Otto di Neroli, 1/2 dracma.
   " limoni, 1/4 oz.
   "bergamotto, 1/4 oz.
   "buccia d'arancia, 1/4 oz.
   "rosmarino, 1 dracma.

POLVERE DEI DENTI DI ROSA.

Gesso
1 libbra
precipitato,
iris, 1/2 libbra
Rosa Rosa, 2 dracme.
Otto di rosa, 1 dracma.
   "santal, 1/4 di dracme.

PASTA PER DENTI OPPIACEI.

Miele, 1/2 libbra


Gesso, 1/2 libbra
iris, 1/2 libbra
Rosa Rosa, 2 dracme.
Otto di chiodi di
}
garofano,
   " Noce moscata, } ogni, 1/2 dracma.
   " rosa, }
Sciroppo semplice, abbastanza per formare una pasta.

LAVAGGIO DI BOCCA.

VIOLET MOUTH WASH.

Tintura di iris, 1/2 pinta.


Esprit de rose, 1/2 pinta.
Spirito, 1/2 pinta.
Otto di
5 gocce
mandorle,

EAU BOTOT.

Tintura di legno di
1 pinta
cedro,
    "mirra, 1/4 pinta.
    "rhatany, 1/4 pinta.
Otto di menta piperita, 5 gocce
Tutte queste tinture dovrebbero essere fatte con spirito d'uva, o almeno con brandy
pallido non zuccherato.

BOTANICO STITTICO.

Spirito rettificato, 1 quarto.


Radice di Rhatany,}
Gomma mirra,} di
2 once
ciascuno,
Chiodi di garofano interi,}

Macerare per quattordici giorni e filtrare.

TINTURA DI MIRRA E BORACE.

Liquori di vino, 1 quarto.


Borace, }
Miele, } di ciascun, 1 oncia.
Gomma mirra, 1 oncia.
Legno rosso
1 oncia.
levigatore,

Strofina bene il miele e il borace in un mortaio, quindi aggiungi gradualmente lo spirito,


che non dovrebbe essere più forte di .920, cioè spirito di prova, mirra e legno di sabbia e
macerare per quattordici giorni.

TINTURA DI MIRRA CON EAU DE COLOGNE.

Acqua di
1 quarto.
colonia,
Gomma mirra, 1 oncia.

Macerare per quattordici giorni e filtrare.

EAU DE COLONIA CAMPOGRAFATA.

Acqua di
1 quarto.
colonia,
Canfora, 5 once
SEZIONE XVI.
LAVAGGIO DEI CAPELLI.

ACQUA DI ROSMARINO .

Rosmarino libero dal gambo, 10 libbre.


Acqua, 12 galloni.

Estrarre dalla distillazione dieci galloni per l'uso nella produzione di profumeria.

ROSEMARY HAIR WASH .

Acqua di
1 gallone.
rosmarino,
Spirito rettificato, 1/2 pinta.
Pearlash, 1 oncia.

Colorato con colorazione marrone.

ATENIESE ACQUA .

Acqua di rose, 1 gallone.


Alcol, 1 pinta
Legno di sassafras, 1/4 libbre
Pearlash, 1 oncia.

Lessare il legno nell'acqua di rose in una nave di vetro; poi, quando fa freddo, aggiungi
la perla e lo spirito.

ESTRATTO VEGETALE O BOTANICO .

Acqua di rose, }
Spiriti rettificati, } di ciascun, 2 quarti.
Extra de fleur
}
d'orange,
    "gelsomino, }
    "acacia, } di ciascun, 1/4 pinta.
    " rosa, }
    "tubereuse, }
Estratto di vaniglia, 1/2 pinta.
Questo è un lavaggio dei capelli molto profumato. Si vende al dettaglio ad un prezzo
commisurato al suo costo.

ESTRATTO ASTRINGENTE DI ROSE E ROSMARINO.

Acqua di rosmarino, 2 quarti.


Esprit de rose, 1/2 pinta.
Spirito rettificato, 1-1 / 2 pinta.
Estratto di vaniglia, 1 quarto.
Magnesia per
2 once
eliminarlo,

Filtra attraverso la carta.

SAPONACEO WASH.

Spirito rettificato, 1 pinta


Acqua di rose, 1 gallone.
Estratto di
1/2 pinta.
rondeletia,
Sapone trasparente 1/2 oz.
Zafferano di fieno, 1/2 dracma.

Rasare il sapone molto bene; bollire e lo zafferano in un litro di acqua di rose; quando si


scioglie, aggiungi il resto dell'acqua, poi lo spirito, infine la rondeletia, che viene usata
come profumo. Dopo essere rimasto in piedi per due o tre giorni, è adatto per
l'imbottigliamento. Con la luce trasmessa è trasparente, ma con la luce riflessa il liquido
ha un aspetto ondulato perlaceo e singolare quando viene scosso. Una preparazione
simile si chiama Egg Julep.

BANDOLINE .

Vari preparati sono usati per aiutare a vestire i capelli in una forma particolare. Alcune
persone usano a tale scopo una pomata dura contenente cera, confezionata in rotoli,
chiamata Thence Baton Fixeteur. Le piccole "penne" di capelli, con cui alcune donne
sono turbate, sono aiutate da questi manganelli fatti per sdraiarsi liscio. Per la loro
formula, vedi p. 224, 225.
Le bandoline liquide sono principalmente di natura gommosa, essendo fatte con muschio
islandese, o semi di lino e acqua variamente profumata, anche facendo bollire il seme di
cotogna con acqua. I profumieri, tuttavia, producono principalmente la bandolina dalla
gomma adragante, che trasuda da un arbusto con quel nome che cresce abbondantemente
in Grecia e in Turchia.

BANDOLINA ROSA.
Gomma adragante, 6 once
Acqua di rose, 1 gallone.
Otto di rose, 1/2 oz.

Metti la gomma in acqua per un giorno o due. Quando si gonfia e forma una massa
gelatinosa spessa, di tanto in tanto deve essere ben agitata. Dopo circa quarantotto ore di
macerazione, si deve spremere attraverso un panno di lino grezzo pulito, e di nuovo
lasciato riposare per alcuni giorni, e passare un panno di lino una seconda volta, per
assicurare uniformità di consistenza; quando questo è il caso, l'otto di rosa deve essere
completamente incorporato. La bandolina economica è fatta senza l'otto; per la banda
colorata, deve essere coloratosoluzione ammoniacale di carminio, cioè Bloom of
Roses . Vedi p. 236.

BANDOLINA DI MANDORLE

È fatto esattamente come sopra, profumando con un quarto di un'oncia di otto di


mandorle al posto delle rose.
"Né l'odore dolcedi fiori diversi nell'odore e nella tonalitàpuò farmi raccontare una storia
più lunga."
Shakespeare.

APPENDICE.

FABBRICAZIONE DI GLICERINA.

La glicerina viene generalmente prodotta su larga scala, da un lato, direttamente dall'olio


saponificante con l'ossido di piombo, o, dall'altro, dai "liquori di scarto" dei produttori di
sapone. Ottenere la glicerina mediante il primo di questi metodi è il contrario del
semplice, e allo stesso tempo piuttosto costoso; e attraverso il secondo processo, la
difficoltà di separare completamente le sostanze saline del liquame di scarto rende quasi
impossibile ottenere un risultato perfettamente puro. Per soddisfare entrambe queste
difficoltà e per soddisfare la crescente domanda di glicerina, il dott. Campbell Morfit
raccomanda il seguente processo, che, afferma, ha trovato, per esperienza, unendo i
vantaggi desiderabili dell'economia in termini di tempo, problemi, e spese. Cento chili di
olio, sego, strutto, o stearina devono essere collocati in un barile pulito di ferro, e sciolto
dall'applicazione diretta di una corrente di vapore. Mentre è ancora fluido e caldo,
aggiungi ad esso quindici libbre di calce, precedentemente spennellate, e fatte in una
miscela lattiginosa con due galloni e mezzo di acqua; quindi coprire la nave e continuare
la cottura a vapore per diverse ore, o fino a quando la saponificazione non sarà
completata. Questo può essere noto quando ail campione di sapone a freddo dona una
superficie liscia e luminosa all'essere raschiato con l'unghia e allo stesso tempo rompe
con un rumore scoppiettante. Con questo processo il grasso o l'olio si decompongono, i
suoi acidi si uniscono con la calce per formare un sapone di calce insolubile, mentre la
glicerina eliminata rimane in soluzione nell'acqua insieme all'eccesso della calce. Dopo
che è stato sufficientemente bollito, è permesso di raffreddarsi e di depositarsi, e quindi
deve essere filtrato.
Il liquido teso contiene solo la glicerina e l'eccesso di calce, e richiede di essere
attentamente concentrato dal vapore riscaldato. Durante l'evaporazione, una parte della
calce viene depositata, a causa della sua minore solubilità in acqua calda rispetto a quella
fredda. Il residuo viene rimosso trattando il liquido evaporato con una corrente di gas di
acido carbonico, facendo bollire mediante vapore riscaldato per convertire un
bicarbonato di calce solubile che può essere stato formato in carbonato neutro insolubile,
decantando o filtrando il liquido supernatante trasparente dal carbonato precipitato di
calce, e evaporando ulteriormente, come prima, se necessario, in modo da eliminare
l'eccesso di acqua. Poiché in questo processo non viene impiegato nulla di fisso o
dannoso, la glicerina, preparata in questo modo, può essere utilizzata per la sua quasi
assoluta purezza.
Il processo di M. Jahn è il seguente:
Prendi un litro in polvere finemente di cinque sterline e l'olio d'oliva nove
sterline. Lessateli insieme su un fuoco delicato, mescolando costantemente, con
l'aggiunta occasionalmente di una piccola quantità di acqua tiepida, finché il composto
non avrà la consistenza dell'intonaco. Jahn fa bollire questo intonaco per mezz'ora con
un uguale peso d'acqua, mantenendolo allo stesso tempo costantemente
mescolato. Quando fa freddo, versa il liquido surnatante e ripete l'ebollizione tre volte
almeno con una nuova porzione d'acqua. I fluidi dolci che risultano vengono miscelati,
evaporati a sei chili e solfitatil'idrogeno viene condotto attraverso di loro fino a quando il
solfuro di piombo viene precipitato. Il liquido filtrato dal solfuro del piombo deve essere
ridotto ad una sottile consistenza sciropposa per evaporazione. Per rimuovere la
colorazione marrone, deve essere trattato con carbone animale purificato. Tuttavia,
questo agente non impedisce alla glicerina di diventare leggermente colorata dopo
un'ulteriore evaporazione. Possiede anche un leggero odore e sapore di intonaco di
piombo, che può essere rimosso diluendo con acqua, e mediante digestione con carbone
animale, e un po 'di carbone di legna bruciata fresca. Dopo la filtrazione, questo liquido
deve essere evaporato fino a quando non ha acquisito un peso specifico di 1,21, quando
sarà risultato privo di odore e di un colore giallo pallido. Per la preparazione della
glicerina, è necessaria acqua distillata, per evitare che venga contaminato dalle impurità
dell'acqua comune. Con questo metodo, Jahn ottenne dalla quantità sopra di gesso di
piombo, verso l'alto di sette once di glicerina.-Archivi di Pharmacie .

PROVA DI ALCOOL IN OLI ESSENZIALI.

JJ Bernoulli raccomanda per questo scopo l'acetato di potassio. Quando a un olio etereo,


contaminato con alcol, si aggiunge acetato secco di cloruro di potassio, questo sale si
dissolve nell'alcool e forma una soluzione dalla quale separa l'olio volatile. Se l'olio è
privo di alcol, questo sale rimane asciutto in esso.
Wittstein, che parla molto di questo test, ha suggerito il seguente metodo di applicarlo
come il migliore: -In una provetta asciutta, di circa mezzo pollice di diametro, e lunga
cinque o sei pollici, non mettere più di otto grani di in polvere acetato secco di
potassio; quindi riempire il tubo per due terzi con l'olio essenziale da esaminare. Il
contenuto del tubo deve essere ben mescolato con una bacchetta di vetro, facendo
attenzione a non lasciare che il sale salga sopra l'olio; in seguito mettere da parte per un
breve periodo. Se il sale si trova sul fondo del tubo asciutto, è evidente che l'olio non
contiene spirito. Spesso, invece del sale secco, sotto l'olio si trova un fluido sciropposo
chiaro, che è una soluzione del sale nello spirito, con cui l'olio è stato miscelato.  Quando
l'olio contiene solo un po 'di spirito, una piccola porzione del sale solido si troverà sotto
la soluzione sciropposa. Molti olii essenziali contengono spesso una traccia di acqua, che
non interferisce materialmente con questo test, perché, sebbene l'acetato di potassio
diventi umido, mantiene comunque la sua forma pulverente.
Un risultato ancora più certo può essere ottenuto per distillazione in un bagno
d'acqua. Tutti gli oli essenziali che hanno un punto di ebollizione più alto dello spirito,
rimangono nella storta, mentre lo spirito passa nel ricevitore con solo una traccia di olio,
dove l'alcol può essere riconosciuto dall'odore e dal sapore. In caso di dubbio,
aggiungere al distillato un po 'di acetato di potassio e acido solforico forte e riscaldare la
miscela in una provetta fino al punto di ebollizione, quando l'odore caratteristico
dell'etere acetico si manifesterà, se del caso essere presente l'alcol

RILEVAMENTO DI PAPAVERO E ALTRI OLI ESSENZIALI IN MANDORLA


E OLI DI OLIVA.
È noto che l'oleina degli oli essiccanti può essere distinta dall'oleina di quegli oli che
rimangono grassi nell'aria dal primo non essendo convertibili in elaidico acido, di
conseguenza non diventa solido. Il professor Wimmer ha recentemente proposto un
metodo conveniente per la formazione di elaidin, che è applicabile allo scopo di rilevare
l'adulterazione degli oli di mandorle e di oliva con oli essiccanti. Produce acido nitroso
trattando limature di ferro in una bottiglia di vetro con acido nitrico. Il vapore di acido
nitroso viene condotto attraverso un tubo di vetro in acqua, sul quale viene collocato
l'olio da testare. Se l'olio di mandorle o di olive contiene solo una piccola quantità di olio
di papavero, quando viene trattato, viene interamente convertito in elaidina cristallizzata,
mentre l'olio di papavero nuota in cima in gocce.

COLORANZA DEGLI OLI VOLATILI.

DI GE SACHSSE.

È noto che la maggior parte degli olii eterei sono incolori; tuttavia, ci sono molti numeri
colorati, alcuni dei quali sono blu, alcuni verdi e altri gialli. Fino ad ora non è stata
decisa la questione, se sia la proprietà necessaria di oli eterei per avere un colore, o se il
loro colore non è dovuto alla presenza di alcune sostanze coloranti che possono essere
rimosse. È molto probabile che il loro colore derivi dalla presenza di una sostanza
estranea, poiché gli oli eterici colorati possono inizialmente, mediante accurata
distillazione, essere ottenuti incolori, mentre in seguito la porzione colorata passa
sopra. Le apparenze successive portano alla soluzione della domanda e sono prove certe
che gli olii eterei, quando sono colorati, devono il loro colore a sostanze particolari che,
a determinate condizioni, possono essere comunicate da un olio all'altro. Quando una
misceladi olii di assenzio, limoni e chiodi di garofano è sottoposto a distillazione, l'olio
precedentemente precedentemente colorito di assenzio passa all'inizio, incolore, mentre,
verso la fine della distillazione, dopo che il ricevitore è stato frequentemente caricato,
l'olio di chiodi di garofano si distende in gocce molto densi di un colore verde
scuro. Sembra quindi che la colorazione verde dell'olio di assenzio sia stata trasferita
all'olio di chiodi di garofano.- Zeitschrift für Pharmacie.

PREPARAZIONE ARTIFICIALE DELL'OLIO DI CANNELLA.

DI A. STRECKER.

Da alcuni anni, Strecker ha dimostrato che lo stirene, che si ottiene quando la stiracina
viene trattata con cloruro di potassio, è l'alcol dell'acido cinnamico. Wolff ha trasformato
questo alcol ossidando gli agenti in acido cinnamico. L'autore ha ora dimostrato che
nelle stesse condizioni in cui l'alcol normale fornisce l'aldeide, lo stirene fornisce
l'aldeide dell'acido cinnamico, cioè l'olio di cannella. È solo necessario inumidire il
platino nero con lo stirone e lasciarlo rimanere nell'aria qualche giorno, quando per
mezzo del bisolfito di cloruro di potassio si può ottenere il doppio composto aldeidico in
cristalli, che devono essere lavati in etere. Con l'aggiunta di acido solforico diluito,
l'aldeide dell'acido cinnamico viene in seguito procurato puro. Questi cristalli si
dissolvono anche nell'acido nitrico e poi formano dopo pochi istanti i cristalli del nitrato
dell'iduratore di cinnamyle.
C 18 H 10 O 2 + 2 O = C 18 H 8 O 2 + 2 HO.- Comptes Rendus.

RILEVAMENTO DI OLIO DI SPIKE E DI POMODORIERA IN OLIO DI


LAVANDA

DAL DR. J. GASTELL.

Ci sono due tipi di olio di lavanda conosciuti in commercio; uno, che è molto caro, ed è
ottenuto dai fiori della Lavandula vera ; l'altro è molto più economico, ed è preparato dai
fiori dello spica di Lavandula . Quest'ultimo è generalmente chiamato olio di punta. Nel
sud della Francia, se l'olio viene distillato dai fiori dellaLavandula vera o del Lavandula
spica , è chiamato olio di lavanda.
Dalla distillazione di tutta la pianta o solo del gambo e delle foglie, si ottiene una piccola
quantità di olio, che è ricco di canfora, ed è chiamato olio di spiga. L'olio di lavanda
puro dovrebbe avere un peso specifico compreso tra .876 e .880 ed essere
completamente solubile in cinque parti di alcol con un peso specifico di .894. Un
maggiore peso specifico mostra che è mescolato con olio di picco; e una meno solubilità,
che contiene olio di trementina.

DIVERSE ACQUE ARANCIA-FIORE TROVATE IN COMMERCIO

DI M. LEGUAY.

Ci sono tre tipi di acque di fiori d'arancio trovati in commercio. Il primo è distillato dai
fiori; il secondo è fatto con acqua distillata e neroli; e il terzo è distillato dalle foglie,
dagli steli e dal frutto giovane acerbo dell'arancio. Il primo può essere facilmente distinto
dall'aggiunta di alcune gocce di solforicoacido ad una parte dell'acqua in un tubo; un bel
colore rosa viene quasi immediatamente prodotto. Anche il secondo dà lo stesso colore
quando è appena preparato; ma dopo un certo tempo, due o tre mesi al massimo, questo
colore non viene più prodotto e l'aroma scompare completamente. Il terzo non è
scolorito dall'aggiunta dell'acido solforico; non ha quasi nessun odore, e piuttosto un
odore della pianta di limone che di fiori d'arancio.- Bulletin de la Société
Pharmaceutique d'Indre et Loire.

UNA FORMULA PER ACQUE DI FIORI ANZIANI CONCENTRATI.

Krembs raccomanda il seguente processo per la produzione di un'acqua concentrata di


fiori di sambuco, dalla quale afferma che l'acqua ordinaria può essere preparata
estemporaneamente, di ottima qualità e di forza uniforme: -2 libbre. dei fiori devono
essere distillati con acqua finché ciò che passa nel ricevitore ha perso quasi tutto il
profumo. Ciò accade generalmente quando sono passati da 15 a 18 sterline. Al distillato,
2 libbre. di alcool devono essere aggiunti e la miscela distillata fino a circa 5 libbre.  sono
raccolti Questo liquore contiene tutto l'odore dei fiori. Per fare l'acqua ordinaria, 2 once
di acqua concentrata devono essere aggiunti a 10 once di acqua distillata.- Rapporto
Buchner.

COMMENTI PRATICI SULLO SPIRITO DEL VINO.

DI THOMAS ARNALL.

La forza dello spirito del vino è, per legge, regolata dallo spirito di prova (sp.gr. .920)
come standard; e di conseguenzapoiché è più forte o più debole di quanto sopra, è
chiamato così tanto per cento. sopra o sotto la prova. Il termine per cento. è usato in
questo caso in un senso piuttosto particolare. Così, spirito del vino al 56%. overproof,
significa che 100 galloni di esso sono uguali a 156 galloni di spirito della prova; mentre
uno spirito al 20%. underproof, significa che 100 galloni sono uguali a 80 galloni a
prova. Lo spirito rettificato della Farmacopea è del 56%. troppo resistente e può essere
ridotto a prova attenendosi rigorosamente alle indicazioni fornite, vale a dire, mischiare
cinque misure con tre di acqua. Il risultato, tuttavia, non sarà otto misure di spirito di
prova; in conseguenza della contrazioneche ne consegue, ci sarà una carenza di circa ℥iv
in ogni gallone. Questo deve essere tenuto presente nella preparazione delle tinture.
Durante una lunga serie di esperimenti sulla preparazione degli eteri, apparve un
desiderio di trovare un metodo pronto per accertare quanto lo spirito di qualsiasi densità
sarebbe uguale a un equivalente chimico di alcol assoluto. Con una modifica di una
regola impiegata dall'accisa, questa domanda può essere facilmente risolta. La regola
Excise è la seguente: -
Ridurre da qualsiasi forza di qualsiasi gradazione desiderata, aggiungere l'overproof per
centuale di 100, o sottrarre l'underproof per centuale da 100. Moltiplicare il risultato per
la quantità di spirito, e dividere il prodotto del numero
ottenuto aggiungendo la richiesta per overproof tuale o sottraendo il necessario per
centuale underproof, da o 100, come il caso. Il risultato darà la misura dello spirito alla
forza richiesta.
Quindi, supponendo di voler ridurre 10 galloni di spirito, a 54 overproof, fino a prova,
aggiungi da 54 a 100 = 154; moltiplicare per la quantità, 10 galloni (154 × 10) = 1540.
Illa forza richiesta è la prova, naturalmente non c'è nulla da aggiungere o da prendere da
100; quindi, 1540 diviso per 100 = 15,4 litri a prova; mostrando che 10 galloni devono
essere fatti per misurare 15 galloni, 3 pinte, 4 fl. oz., con l'aggiunta di acqua.
Accertare quale quantità di spirito di una determinata forza conterrà un equivalente di
alcol assoluto. Aggiungi la percentuale di sovraperformance dello spirito dato a 100,
come prima; e con il numero così ottenuto dividere 4062.183. Il risultato dà in galloni la
quantità uguale a quattro equivalenti (46 × 4).
Esempio. -Quanto spirito al 54%. overproof equivale a 1 equivalente di alcol assoluto?
Qui,
54 + 100 = 154 e 4062.183 = 26.3778 galle., O 26 galle. 3 punti 
---- 
154
che, diviso per 4, dà 6 galloni, 4 pinte, 15 once.
Supponiamo che lo spirito sia 60 overproof, -
4062.183 {un quarto dei quali è uguale a
----- = 25.388 galloni, {a 6 galloni, 2 pinte, 
(100 + 60) {15-1 / 2 oz.
Questa regola è fondata sui seguenti dati. Poiché un gallone d'acqua pesa 10 libbre, è
ovvio che il peso specifico di qualsiasi liquido moltiplicato per 10 darà il peso di un
gallone. Il peso specifico dell'alcol assoluto è 0,793811; quindi, il peso di un gallone sarà
7,93811 libbre, e la sua resistenza è stimata a 75,25 sovra-resistente.
4 equivalenti di alcol = 46 × 4 = 184 

23,17936 galloni × 7,93811 libbre. per gallone, anche = 184.0003094.


Quindi sembra che 23.17936 litri di alcool assoluto sono uguali a 4
equivalenti. Aggiungendo la percentuale di sovraffollamento (75,25) a 100 e
moltiplicando per la quantità (23,17936 galloni) otteniamo il numero costante 4062,183.
La regola potrebbe essere stata calcolata in modo da
mostrare immediatamente l'equivalente, senza dividere per 4; ma avrebbe richiesto molti
più posti di decimali; darà la quantità necessaria a una frazione di una dracma fluida.

PURIFICAZIONE DEGLI SPIRITI PER FILTRAZIONE.

PER MR. W. SCHAEFFER.

Invece di ricorrere a ripetute distillazioni per effettuare la purificazione degli spiriti,


Schaeffer propone l'uso di un filtro. In un recipiente adatto, la cui forma non è materiale,
un letto filtrante è costruito nel modo seguente: -In un falso fondo perforato, coperto con
lana o altro tessuto, uno strato di circa sei pollici di ben lavato e molto pulito la sabbia
del fiume è posizionata; dopo circa dodici pollici di carbone granulare, preferendo quello
fatto dalla betulla; sul carbone di legna è posto uno strato di circa un pollice di grano,
bollito in misura tale da farlo gonfiare il più grande possibile, e in modo che possa
facilmente schiacciare tra le dita. Sopra questo è posto circa dieci pollici di carbone, poi
circa un pollice di gusci di ostriche rotte, e poi circa due pollici in più di carbone di
legna, sopra il quale è posto uno strato di lana o altro tessuto, e sopra una partizione
perforata, sulla quale viene versato lo spirito da filtrare; il filtro è tenuto coperto, e
affinché lo spirito possa fluire liberamente nello scomparto del filtro sotto i materiali
filtranti, un tubo collega tale vano inferiore con il compartimento superiore del filtro, in
modo che l'ariapuò passare liberamente tra i compartimenti inferiore e superiore del
filtro. Su ciascuno dei diversi strati sopra descritti, è opportuno posizionare uno strato di
carta filtrante.
Il carbone adatto per lo scopo di cui sopra non è come si ottiene nel modo ordinario di
preparazione. Viene posto in una storta o in un forno e riscaldato a fuoco rosso finché la
fiamma blu non si spegne e la fiamma diventa rossa. Il carbone viene quindi raffreddato
in acqua, in cui il carbonato di cloruro di potassio è stato precedentemente disciolto,
nella proporzione di due once di carbonato a cinquanta litri d'acqua. Il carbone che viene
privato dell'acqua viene quindi ridotto a uno stato granulare, in cui è pronto per l'uso.

SU OLIO ESSENZIALE O OTTO DI LIMONI.

DI JOHN S. COBB.

( Leggi prima della Chemical Discussion Society. )


Ho recentemente fatto alcuni esperimenti con olio di limoni, di cui il seguente è un breve
racconto: -
Essendo costantemente infastidito dal deposito e dall'alterazione nella mia essenza di
limoni, ho provato vari metodi per rimediare all'inconveniente.
Per prima cosa ho provato a ridistillarlo, ma oltre alla perdita conseguente alla
distillazione di piccole quantità, il sapore è quindi compromesso. Mentre l'olio diventava
più luminoso una volta riscaldato, previsi che tutta la sua materia precipitosa sarebbe
stata gettata a bassa temperatura, e ho applicato una miscela gelata, mantenendo l'olio a
zero per alcune ore. Tuttavia, nessun cambiamento di questo tipo ha avuto luogo.
Il piano che alla fine ho deciso come il migliore al quale ero arrivato, era di scuotere
l'olio con un po 'di acqua bollente e di lasciare l'acqua nella bottiglia;  una preparazione
mucillaginosa si forma sulla sommità dell'acqua e acquisisce una certa tenacia, in modo
che l'olio possa essere versato quasi fino all'ultimo, senza disturbare il deposito. Forse
l'acqua fredda avrebbe risposto egualmente bene, se fosse stata agitata con cura con l'olio
e avesse lasciato un po 'di tempo per sistemarsi. Una considerazione della sua origine e
costituzione, infatti, rafforza questa opinione; perché sebbene il limone otto sia ottenuto
sia per distillazione che per espressione, quello che si trova solitamente in commercio
viene preparato rimuovendo il "flavedo" di limoni con una raspa, e poi esprimendolo in
un sacco di capelli, permettendo al filtrato di stare in piedi, che esso può depositare
alcune delle sue impurità, decantare e filtrare. Così ottenuto contiene ancora una certa
quantità di materia mucillaginosa, che subisce una decomposizione spontanea, e quindi
(agendo, in breve, come un fermento) accelera un cambiamento simile nell'olio
stesso. Se questa visione della sua decomposizione è corretta, evidentemente,
rimuovendo questa materia per mezzo dell'acqua, eliminiamo una grande fonte di
alterazione e otteniamo lo stesso risultato che dovremmo ottenere dalla distillazione,
senza il suo spreco o il suo deterioramento. gusto.
Tuttavia, sono consapevole che alcuni considerano il deposito come resina modificata.
[H]
 Alcuni curiosi esperimenti di Saussure hanno dimostrato che gli oli volatili assorbono
ossigeno immediatamente dopo essere stati prelevati dalla pianta e sono parzialmente
convertitiin una resina, che rimane dissolta nel resto dell'essenza.
Ha osservato che questa proprietà di assorbire ossigeno aumenta gradualmente, fino a
raggiungere il massimo, e di nuovo diminuisce dopo un certo lasso di tempo. Nell'olio di
lavanda questo massimo rimase solo sette giorni, durante ciascuno dei quali assorbì sette
volte il suo volume di ossigeno. Nell'olio di limoni il massimo non fu raggiunto fino alla
fine di un mese; durò quindi ventisei giorni; durante ciascuno dei quali ha assorbito il
doppio del suo volume di ossigeno. L'olio di trementina non raggiunse il massimo per
cinque mesi, quindi rimase per un mese, durante il quale assorbì giornalmente il proprio
volume di ossigeno.
È la resina formata dall'assorbimento di ossigeno, e rimane dissolta nell'essenza, che
distrugge il suo sapore originale. L'olio di limoni presenta un'analogia molto grande con
quella dell'olio di trementina, per quanto riguarda le sue trasformazioni, e il suo potere di
ruotare un raggio di luce polarizzata. Le autorità differiscono per quanto riguarda
quest'ultima proprietà. Pereira afferma che l'olio di trementina ottenuto per distillazione
con acqua, dalla trementina americana, ha un potere molecolare di rotazione destrorsa,
mentre l'olio di trementina francese ha una rotazione mancina. L'olio dei limoni fa
ruotare un raggio di luce verso destra, ma in Francia un olio distillato di limoni, venduto
come gocce sgrassanti per rimuovere macchie di grasso, possiede un potere di rotazione
piuttosto opposto, e ha perso tutto il sapore peculiare originale dell'olio . L'olio di limoni
si combina con l'acido cloridrico per formare una canfora artificiale, proprio come l'olio
di trementina, ma il suo atomo è solo la metà di quello della trementina. La canfora
artificiale dell'olio di limoni è rappresentata dalla formula, C 10 H 8 HCl; la canfora
artificiale di olio di trementina di C 20 H 16 HCl.
Secondo M. Biot, la canfora formata dall'olio di limoni non esercita alcuna azione sulla
luce polarizzata, mentre l'olio dei limoni stesso ruota un raggio verso destra. La canfora
di olio di trementina, al contrario, esercita sul raggio polarizzato la stessa potenza
dell'olio posseduto mentre è isolato, di ruotare a sinistra. Queste proprietà molecolari
stabiliscono una differenza essenziale tra gli oli di trementina e limoni e possono servire
ad individuare l'adulterazione e la frode. È anche un fatto curioso, che dalla
decomposizione di questi camphés artificiali con la calce, si possano ottenere oli volatili
per distillazione, isomeri con gli olii originali da cui sono stati formati i camphub; ma in
nessun caso il nuovo prodotto ha alcuna azione sulla luce polarizzata.
In conclusione, consiglierei che questo olio, così come tutti gli altri oli essenziali, siano
conservati in un luogo fresco e buio, dove non si verificano grandi cambiamenti di
temperatura.

ACIDO BENZOICO E PROVE PER LA SUA PUREZZA.

DI W. BASTICK.

Il processo del Dr. Mohr per l'ottenimento dell'acido benzoico, adottato dalla
Pharmacopea prussiana, ha indubbiamente la reputazione di essere il migliore. Secondo
questo procedimento, il benzoino di gomma a polvere grossolana deve essere sparso sul
fondo piatto di un vaso di ferro rotondo che ha un diametro di nove pollici e un'altezza di
circa due pollici. Sulla superficie della pentola si stende un pezzo di carta filtrante, che
viene fissata al bordo con pasta di amido. Un cilindro di carta molto spessa è attaccato
per mezzo di una corda nella parte superiore dila pentola di ferro. Il calore viene quindi
applicato mettendo la pentola su un piatto coperto di sabbia, sopra la bocca di una
fornace. Deve rimanere esposto a un fuoco delicato da quattro a sei ore. Di solito, Mohr
ottiene circa un'oncia e mezzo di acido benzoico da dodici once di gomma benzoina
dalla prima sublimazione. Poiché la gomma non si esaurisce durante la prima
operazione, può essere ammaccata dal freddo e sottoposta nuovamente all'azione del
calore, quando una porzione fresca di acido benzoico si sublima da esso. Questo acido
così ottenuto, non è perfettamente puro e bianco, e Mohr afferma che è una domanda,
dal punto di vista della medicina e della profumeria, se sia così prezioso quando è
perfettamente puro, come quando contiene una piccola porzione di un volatile fragrante
olio, che sale con esso dalla gomma nel processo di sublimazione.
La Farmacopea di Londra ordina che sia preparata per sublimazione e non prescrive che
sia esente da questo olio, al quale deve principalmente il suo gradevole odore.
Con la seconda sublimazione l'intero acido benzoico non viene volatilizzato. Ciò che
rimane nella resina può essere separato bollendolo con calce caustica e facendo
precipitare l'acido dal risultante benzoato di calce con acido cloridrico. L'acido benzoico
può essere ottenuto anche nel modo umido, e la resina produce un prodotto maggiore in
questo processo rispetto al primo; eppure ha un valore meno profumato, perché è esente
dall'olio volatile che, come sopra detto, gli conferisce il suo odore particolare. Il metodo
a umido ideato da Scheele è il seguente: - Fai un grammo di calce appena bruciata in un
latte con da quattro a sei once di acqua calda. Al latte di calce si aggiungono quattro
once di benzoino in polvere e trenta once di acqua, e il composto fa bollire per mezz'ora,
e si agita durante questa operazione, e poi si strappa attraverso il lino. Ilil residuo deve
essere una seconda volta bollito con venti once di acqua e filtrato, e una terza volta con
dieci once; i prodotti fluidi devono essere miscelati ed evaporati a un quarto del loro
volume e viene aggiunto acido cloridrico sufficiente a renderli leggermente
acidi. Quando sono abbastanza freddi, i cristalli devono essere separati dal fluido per
mezzo di un filtro di lino, sul quale devono essere lavati con acqua fredda, e pressati, e
quindi sciolti in acqua distillata calda, da cui i cristalli si separano per
raffreddamento. Quando l'acido cloridrico viene aggiunto ad una soluzione concentrata a
freddo dei sali di acido benzoico, viene precipitato come una polvere bianca. Se la
soluzione dei sali di questo acido è troppo diluita e calda, nessuna o solo una parte
dell'acido benzoico sarà separata. Tuttavia, più debole è la soluzione e più lentamente si
raffredda, più grandi saranno i cristalli di questo acido. Nella preparazione di questo
acido nel modo umido, la calce deve essere preferita a qualsiasi altra base, poiché forma
combinazioni insolubili con i costituenti resinosi del benzoino e perché impedisce alla
resina gengivale di conglomerarsi in una massa adesiva, e anche perché un eccesso di
questa base è solo leggermente solubile.
Stoltze ha raccomandato un metodo mediante il quale tutto l'acido può essere rimosso
dal benzoino: -La resina deve essere dissolta nello spirito, a cui va aggiunta una
soluzione acquosa di carbonato di sodio, precedentemente decomposta dall'alcol. Lo
spirito deve essere rimosso per distillazione e la restante soluzione acquosa, dalla quale
la resina è stata separata per filtrazione, trattata con acido solforico diluito, per
precipitare l'acido benzoico. Questo metodo dà la maggior quantità di acido, ma è
accompagnato da un sacrificio di tempo e alcol, che lo rende in un punto di vista
economico inferiore al processo sopra descritto di Scheele. È così prezioso, che il
contenuto totale di acido della resina può essere determinato da esso.
Il dott. Gregory considera il seguente processo per ottenere l'acido benzoico il più
produttivo. Sciogliere benzoino in alcol forte, con l'aiuto di calore, e aggiungere alla
soluzione, mentre l'acido cloridrico è caldo, in quantità sufficiente a far precipitare la
resina. Quando la miscela viene distillata, l'acido benzoico passa sotto forma di etere
benzoico. La distillazione deve essere continuata finché passa l'etere. L'acqua aggiunta
verso la fine dell'operazione faciliterà l'espulsione dell'etere dalla storta. Quando l'etere
cessa di passare, l'acqua calda nella storta viene filtrata, che deposita acido benzoico
durante il raffreddamento. L'etere benzoico e tutti i liquidi distillati sono ora trattati con
potassa caustica fino a decomposizione dell'etere, e la soluzione viene riscaldata fino
all'ebollizione e super-saturata con acido cloridrico, che successivamente, al
raffreddamento,
L'acido benzoico, come esiste nella resina, è la produzione naturale della pianta da cui
deriva la resina. Può anche essere prodotto artificialmente. Abel ha scoperto che quando
cumole (C 18 H 12) è stato trattato con acido nitrico, così diluito che nessun vapori rosso
si è evoluto per diversi giorni, questo idrocarburo è stato convertito in acido
benzoico. Guckelberger ha, mediante l'ossidazione della caseina con perossido di
manganese e acido solforico, ottenuto come uno dei prodotti acido benzoico. L'albume,
la fibrina e la gelatina hanno dato risultati simili se trattati come sopra. Wöhler ha
rilevato l'acido benzoico nel ricino canadese, insieme alla salicina. È anche formato
dall'ossidazione dell'olio volatile delle mandorle amare. Il benzoato di cloruro di potassio
risulta quando il cloruro di benzoile viene trattato con cloruro di potassio
caustico. L'acido benzoico nell'economia animale viene convertito in acido ippurico, che
può, mediante l'azione degli acidi, essere riconvertito in acido benzoico.
L'acido benzoico dovrebbe essere completamente volatile, senza lasciare ceneri o
carbonizzato se riscaldato. Quando sciolto in acqua calda, a cui è stato aggiunto un po 'di
acido nitrico, il nitrato di argento e il cloruro di bario non devono produrre
precipitati. L'ossalato di potassio non dovrebbe dare torbidità a una soluzione
ammoniacale di questo acido. Se riscaldato con un eccesso di potassa caustica non
dovrebbe evolvere nessun odore di ammoniaca, altrimenti è stato adulterato con sale
ammoniacale. Nello spirito, l'acido benzoico è facilmente solubile e richiede 200 parti di
acqua fredda e 20 parti di acqua bollente per dissolverne una parte.

SULLE MATERIE DEL COLORANTE DEI FIORI.

DI FREMY E CLOEZ.

I chimici possiedono solo una conoscenza molto incompleta delle questioni coloranti dei
fiori. La loro indagine comporta difficoltà che non possono essere confuse. Le cose che
colorano i fiori sono non cristallizzate; cambiano frequentemente per l'azione dei
reagenti impiegati per la loro preparazione; e anche i fiori dai colori molto brillanti
devono il loro colore a piccolissime quantità di sostanze coloranti.
Sulla natura delle questioni coloranti dei fiori sono state espresse diverse
opinioni. Alcuni osservatori hanno ipotizzato che i fiori debbano il loro colore solo a due
sostanze coloranti, una delle quali è denominata antocian, e l'altra anthoxantina. Altri
troveranno una relazione tra la colorazione verde delle foglie, il clorofilo e le sostanze
coloranti dei fiori. Sostengono la loro opinione in generale sui risultatidell'analisi
elementare di quei diversi corpi; ma tutti i chimici sanno che il clorofilo non è ancora
stato preparato in una condizione pura. Probabilmente, conserva varie quantità di corpi
grassi e albuminosi. Inoltre, le materie coloranti dei fiori sono scarsamente conosciute,
così che è impossibile stabilire relazioni supportate dalla composizione necessariamente
incerta dei corpi impuri.
Qualche tempo da quando il colore blu dei fiori è stato attribuito alla presenza di
indaco; ma Chevreul ha mostrato, in un certo modo, che la sostanza blu dei fiori è
sempre arrossata dagli acidi; e quello con l'indaco è abbastanza diverso, che, come è
noto, mantiene il suo colore blu anche quando gli acidi più forti sono autorizzati ad agire
su di esso.
Si vede quindi che le sostanze coloranti dei fiori sono state esaminate solo in modo
superficiale e che è importante riprendere il loro esame completo, poiché questi corpi
sono interessanti per il chimico, perché sono impiegati come reagenti in laboratorio per
il riconoscimento degli alcali; e con una migliore conoscenza di loro il fioraio potrebbe
trovare il modo con cui poteva dare ai fiori coltivati vari colori.
Abbiamo creduto che prima di intraprendere la loro analisi elementare, i metodi debbano
essere attentamente ricercati per i quali si possa seguire l'ottenimento delle sostanze
coloranti dei fiori e che si debba dimostrare se tali sostanze debbano essere considerate
come organismi indipendenti o se esse procediamo da una stessa materia, che viene
cambiata in vari modi dai succhi della pianta.
Pubblichiamo ora i risultati delle nostre prime indagini.
Blue Coloring Matter of Flowers (cianina). -La colorazione blu dei fiori che
proponiamo di chiamare cianina. Per ottenere questa sostanza trattiamo i petali
di Centauria cyanus , Viola odorata , o Iris pseudacorus , con alcool bollente, con cui i
fiori sono decolorati; e il liquido acquista immediatamente un bel colore blu.
Se si lascia che la materia colorante rimanga un po 'di tempo a contatto con l'alcool, si
percepisce che il blu del liquido scompare gradualmente e presto si verifica una
colorazione giallo-marrone. La materia colorante ha in questo caso subito una riduzione
effettiva dell'azione prolungata dell'alcol, ma assumerà nuovamente il suo colore
originario quando l'alcool è lasciato evaporare nell'aria. Tuttavia, non si deve permettere
che l'alcol rimanga a contatto troppo a lungo con la sostanza colorante, perché l'estratto
alcolico non assumerà nuovamente la sua colorazione blu dall'azione dell'ossigeno.
Il residuo rimanente dall'evaporazione dell'alcool viene trattato con acqua, che separa
una sostanza grassa e resinosa. La soluzione acquosa che contiene le sostanze coloranti
viene quindi precipitata con acetato neutro di piombo. Il precipitato, che possiede un bel
colore verde, può essere lavato con abbondante acqua e quindi decomposto con idrogeno
solforato; la materia colorante passa nella soluzione acquosa, che viene accuratamente
evaporata a bagnomaria; il residuo è di nuovo sciolto in alcool assoluto; e infine, la
soluzione alcolica viene miscelata con etere, che precipita la cianina sotto forma di
greggi blu.
La cianina è incristallizzabile, solubile in acqua e alcool, insolubile in etere; acidi e sali
acidi colorano immediatamente il rosso; per alcali è, come noto, di colore verde. La
cianina sembra comportarsi come un acido, almeno si forma con calce, barite, strontia,
ossido di piombo, ecc., Composti verdi insolubili in acqua.
Corpi che assorbono ossigeno, come acido solforoso, fosforo l'acido e gli alcoli lo
decolorano; sotto l'influenza dell'ossigeno il suo colore è ripristinato.
Dobbiamo qui ricordare che Moroz ha preparato una bella sostanza blu da Centauria
cyanus mediante trattamento con alcool assoluto.
Materia da colorare rosa-rosso. -Abbiamo usato l'alcol per estrarre la sostanza che
colora rosa-rosso certe dalie, rose, pœonie, ecc. Per la procura di questa sostanza
colorante il metodo perseguito è esattamente come quello per la preparazione della
cianina.
Da un attento confronto delle proprietà di questa materia colorante con quelle della
cianina, abbiamo trovato che la materia colorante rosa-rosso è la stessa del blu, o almeno
risulta da una modifica dello stesso principio indipendente. Appare nella modifica rosa-
rossa, quando il succo della pianta, con cui esiste in contatto, possiede una reazione
acida. Abbiamo sempre osservato questa reazione acida nei succhi delle piante con
colorazione rosso o rosa-rosso, mentre i succhi blu delle piante hanno sempre mostrato
una reazione alcalina.
Abbiamo esposto la maggior parte dei fiori rosa-rosso o rosso che sono coltivati nel
Museo di Parigi per l'influenza degli alcali, e hanno visto che prima diventano blu e poi
verdi per la loro azione.
Spesso si percepisce che certi fiori rosa-rosso, come quelli della Malva , e in particolare
quelli dell'Hibiscus Syriacus , acquisiscono sfumando una colorazione blu e poi verde,
che cambiano, come abbiamo trovato, dipende dalla decomposizione di una sostanza
organica azotata, che si trova molto frequentemente nei petali. Questo corpo genera
come decompone l'ammoniaca, che comunica ai fiori il colore blu o verde. Per azione di
acidi deboli, i petali possono essere riportati al loro colore rosso rosato.
L'alterazione del colore di certi fiori rosa-rosso può anche essere osservata quando i
petali si asciugano molto rapidamente, per esempio, nel vuotocon la quale non si può
facilmente ipotizzare che un corpo azotato abbia subito una decomposizione
all'evoluzione dell'ammoniaca. Ma, prima di tutto, va detto che in questo caso la
modifica del colore passa in viola e non arriva mai al verde; e, inoltre, che è sempre
accompagnato dall'evoluzione dell'acido carbonico, che abbiamo rilevato da un
esperimento diretto. Petali che prima erano rosso rosato e diventati viola per leggera
essiccazione, sviluppano acido carbonico, e per questo motivo si può presumere che il
colore rosso rosato sia prodotto nei petali da questo acido carbonico, e che con la sua
espulsione il i petali assumono il colore blu, con cui sono caratterizzati i fiori con succhi
neutri.
Crediamo di essere in grado di parlare con certezza che i fiori di colore rosso-rosato,
violetto o blu debbano la loro colorazione ad una sola e stessa sostanza, ma che venga
modificato in vari modi dall'influenza dei succhi delle piante.
I fiori rosso scarlatto contengono anche la cianina arrossata da un acido, ma in questi
casi questa sostanza è mescolata con una sostanza colorante gialla che descriveremo ora.
Materia colorante gialla. - Gli esperimenti più semplici mostrano che non esiste
analogia tra la sostanza che colora i fiori gialli e quella di cui abbiamo già parlato. Gli
agenti che generano così facilmente con la cianina, la colorazione rosa-rosso, viola o
verde, non possono in ogni caso impartire questi colori alla sostanza gialla ottenuta dai
fiori.
Con l'esame dei vari fiori di colore giallo, abbiamo accertato che essi devono la loro
colorazione a due sostanze, che differiscono l'una dall'altra nelle loro proprietà, e
sembrano non derivare dallo stesso principio indipendente. Uno è completamente
insolubile in acqua,che abbiamo chiamato xantina, un nome che Runge ha dato a una
materia gialla da più folle. Poiché questo nome non è stato accettato nella scienza, lo
abbiamo impiegato per denotare una delle questioni coloranti dei fiori gialli. L'altra
sostanza è molto solubile in acqua ed è da noi definita xantheina.
Xanthine, o la materia colorante gialla insolubile in acqua. -Abbiamo preparato questa
materia colorante da molti fiori gialli, ma principalmente da Helianthus annuus.
Per ottenerlo trattiamo i fiori con alcool assoluto bollente, che scioglie la materia
colorante nel calore, e raffreddandosi quasi completamente consente nuovamente di
precipitare. Il deposito giallo che si ottiene in questo modo non è puro xantina, in quanto
contiene una quantità piuttosto considerevole di olio. Per separare questo olio facciamo
ricorso a una moderata saponificazione; così, riscaldiamo il precipitato giallo con una
piccola quantità di alcali per saponificare il corpo grasso mescolato con la xantina, che
contiene anche la xantina disciolta. Poiché la sostanza colorante è solubile nella
soluzione di sapone, non trattiamo la massa con acqua, ma la scomporiziamo con un
acido che isola la xantina e gli acidi grassi derivanti dalla saponificazione. Questo
precipitato viene trattato con alcol freddo, che lascia dietro di sé gli acidi grassi e
scioglie la xantina. Questa sostanza è di un bel colore giallo, insolubile in acqua, ma
solubile in alcool ed etere, che sono quindi colorati di giallo dorato. Sembra essere
incristallizzabile e possiede le proprietà generali delle resine.
La xantina, in combinazione con la cianina, modificata dai vari succhi di piante,
comunica in proporzioni variabili di colore giallo-arancio, rosso scarlatto e rosso ai fiori.
Xantheine, o la materia da colorare solubile in acqua. -Dila preparazione della sostanza
che colora certe dalie gialle, si percepisce subito che non ha alcuna analogia con la
xantina. Quest'ultimo è noto come insolubile in acqua, mentre le sostanze coloranti
considerate sono facilmente solubili in acqua.
Per ottenere la xantina trattiamo i petali delle dalie dal fiore giallo con l'alcol, che
scioglie rapidamente la sostanza colorante gialla, oltre al grasso e alla resina. La
soluzione viene evaporata a secco e il residuo viene trattato con acqua, per cui il grasso e
la resina vengono separati. L'acqua viene nuovamente evaporata a secchezza e il residuo
viene trattato con alcool assoluto. La soluzione risultante diluita con acqua viene
mescolata con acetato neutro di piombo, che fa precipitare le sostanze coloranti. Il
precipitato di piombo viene quindi decomposto con acido solforico, sul quale la
xantheina che rimane disciolta nell'acqua viene purificata dall'alcool.
Xantheine è solubile in acqua, alcool ed etere, ma cristallizza da nessuna di queste
soluzioni. Gli alcali colorano intensamente il marrone. Il suo potere di colorazione è
notevole. Tinge vari tessuti di un tono giallo, che è senza brillantezza. Gli acidi
distruggono nuovamente la colorazione marrone prodotta dagli alcali. Xantheine si
combina con la maggior parte delle basi metalliche e si forma con laghi insolubili gialli o
marroni.
I fatti qui correlati concordano con tutto ciò che è stato precedentemente osservato in
merito alle sostanze coloranti dei fiori. È noto che i fiori blu possono diventare rossi, e
persino bianchi, dove la loro materia colorante viene distrutta, ma mai gialla
e viceversa . Queste tre materie coloranti possono generare i colori da soli o per
addizione, che si vedono nei fiori; ma se siano le sole cose che colorano i fiori, al
momento non siamo in grado di determinare.- Journal de Pharmacie.

PROCESSO MIGLIORATO PER LA CERA D'API DI CANDEGGIO E GLI


ACIDI GRASSI.

PER MR. GF WILSON.

Questo processo migliorato consiste di due parti: -1st, l'applicazione di vapore altamente
riscaldato per riscaldare le materie grasse in trattamento, con cui si ottiene il calore
necessario per fondere queste sostanze e allo stesso tempo viene esclusa l'atmosfera; il
vapore riscaldato così applicato nel suo passaggio, porta con sé gli odori offensivi
emessi dalle materie grasse, e viene fatto attraversare un tubo o un passaggio su o lungo
il quale il cloro gassoso è permesso di fluire, una completa disinfezione dei prodotti
offensivi viene quindi effettuato. 2dly, il trattamento della cera d'api in una miscela di
grasso acido e cera d'api, con composti di cloro e ossigeno, preferendo impiegare quello
disimpegnato dal clorato di cloruro di potassio trattandolo con acido solforico. A questo
scopo, il signor Wilson prende al ritmo, diciamo, di una tonnellata di cera d'api gialla,  e
si scioglie e lo fa bollire a vapore libero per circa mezz'ora. Viene quindi lasciato
riposare per un breve periodo e viene quindi decantato in un'altra nave provvista di un
tubo di vapore per emettere vapore libero; circa 20 libbre. di clorato di potassio viene
aggiunto, e il vapore acceso; 80 libbre di acido solforico, diluito con un simile peso
d'acqua, viene quindi aggiunto gradualmente. Gli oggetti sono lasciati riposare per un
breve periodo e vengono quindi decantati in un'altra nave, e nuovamente bolliti con
vapore libero, e trattati con una quantità analoga di acido solforico diluito. La cera delle
api viene quindi decantata in un ricevitore ed è pronta per l'uso. La cera d'api può, prima
di subire questi processi, essere combinata e fatta bollire con un acido grasso duro, e
quindi trattata come sopra descritto. Viene quindi lasciato riposare per un breve periodo
e viene quindi decantato in un'altra nave provvista di un tubo di vapore per emettere
vapore libero; circa 20 libbre. di clorato di potassio viene aggiunto, e il vapore
acceso; 80 libbre di acido solforico, diluito con un simile peso d'acqua, viene quindi
aggiunto gradualmente. Gli oggetti sono lasciati riposare per un breve periodo e vengono
quindi decantati in un'altra nave, e nuovamente bolliti con vapore libero, e trattati con
una quantità analoga di acido solforico diluito. La cera delle api viene quindi decantata
in un ricevitore ed è pronta per l'uso. La cera d'api può, prima di subire questi processi,
essere combinata e fatta bollire con un acido grasso duro, e quindi trattata come sopra
descritto. Viene quindi lasciato riposare per un breve periodo e viene quindi decantato in
un'altra nave provvista di un tubo di vapore per emettere vapore libero; circa 20
libbre. di clorato di potassio viene aggiunto, e il vapore acceso; 80 libbre di acido
solforico, diluito con un simile peso d'acqua, viene quindi aggiunto gradualmente. Gli
oggetti sono lasciati riposare per un breve periodo e vengono quindi decantati in un'altra
nave, e nuovamente bolliti con vapore libero, e trattati con una quantità analoga di acido
solforico diluito. La cera delle api viene quindi decantata in un ricevitore ed è pronta per
l'uso. La cera d'api può, prima di subire questi processi, essere combinata e fatta bollire
con un acido grasso duro, e quindi trattata come sopra descritto. e il vapore si accese; 80
libbre di acido solforico, diluito con un simile peso d'acqua, viene quindi aggiunto
gradualmente. Gli oggetti sono lasciati riposare per un breve periodo e vengono quindi
decantati in un'altra nave, e nuovamente bolliti con vapore libero, e trattati con una
quantità analoga di acido solforico diluito. La cera delle api viene quindi decantata in un
ricevitore ed è pronta per l'uso. La cera d'api può, prima di subire questi processi, essere
combinata e fatta bollire con un acido grasso duro, e quindi trattata come sopra
descritto. e il vapore si accese; 80 libbre di acido solforico, diluito con un simile peso
d'acqua, viene quindi aggiunto gradualmente. Gli oggetti sono lasciati riposare per un
breve periodo e vengono quindi decantati in un'altra nave, e nuovamente bolliti con
vapore libero, e trattati con una quantità analoga di acido solforico diluito. La cera delle
api viene quindi decantata in un ricevitore ed è pronta per l'uso. La cera d'api può, prima
di subire questi processi, essere combinata e fatta bollire con un acido grasso duro, e
quindi trattata come sopra descritto. -la cera viene quindi decantata in un ricevitore ed è
pronta per l'uso. La cera d'api può, prima di subire questi processi, essere combinata e
fatta bollire con un acido grasso duro, e quindi trattata come sopra descritto. -la cera
viene quindi decantata in un ricevitore ed è pronta per l'uso. La cera d'api può, prima di
subire questi processi, essere combinata e fatta bollire con un acido grasso duro, e quindi
trattata come sopra descritto.

ESAME CHIMICO DEL SAPONE DI NAPOLI.

A. Faiszt ha sottoposto questo celebre sapone da barba all'analisi. Afferma di essere fatto


saponificando grasso di montone con la calce, e quindi separando gli acidi grassi dal
sapone così formato, per mezzo di un acido minerale. Questi acidi grassi vengono in
seguito combinati con normali sali di potassio caustico per produrre il sapone di
Napoli. Ha trovato che contenevano 100 parti di questo sapone

Parti.
Acidi grassi, 57.14
Potassa combinata con gli acidi grassi, 10.39
Solfato di potassio, cloruro di potassio, con una traccia di carbonato di
4.22
potassio,
Silica, ecc., 0.46
Acqua, 27.68
---
99.89
Gewerbeblatt aus Wurttemberg.

FABBRICAZIONE DI SAPONE.

La rimozione del dazio dal sapone e la conseguente emancipazione di questo ramo


dell'industria dalle teneri misericordie delle accise, ha dato un nuovo impulso alla
fabbricazione di questo importante articolo di uso quotidiano e ha permesso di realizzare
praticamente alcuni processi in Inghilterra, che, prima della rimozione del dovere, non
poteva essere adottato in questa parte dei domini di sua Maestà.
Sembrerà indubbiamente strano a coloro che non conoscono date le circostanze, a causa
del modo di imporre il dazio attraverso l'ammissione, e non con il peso reale, il
produttore di un particolare tipo di sapone aveva il privilegio di fabbricare in questo
paese. Fortunatamente per lui, la produzione di sapone essendo libera da tutte le
restrizioni di Excise in Irlanda, gli fu permesso di portare avanti il suo processo nel
regno gemello, da dove fu esportato in Inghilterra, e qui ammesso dietro pagamento del
dazio doganale, che era lo stesso delle accise sulla sua produzione qui. Tutto questo
metodo di fare affari rotondi è stato abolito, e non esiste alcuna restrizione per marcare
la pace del produttore di sapone.
Tra i vari nuovi processi introdotti ultimamente c'è quello di HC Jennings, che viene
praticamente realizzato nel modo seguente:
Combina 1000 libbre. di acido stearico o margarico, esente da elaina o oleina il più
possibile, o palmatina, o qualsiasi vegetale o animale stearina o margarina, alla
temperatura di 212 ° Fahr., con una soluzione di bicarbonato di potassa o soda, peso
specifico 1500. Continuate a mescolare o mescolare fino a quando non si ottiene una
combinazione intima, e che gli elementi non si separeranno se provati sul vetro o su
qualsiasi altra sostanza simile. Quando la massa si raffredda a circa 60 ° Fahr. aggiungi
un chilo per cento. di liquore ammoniæ, gravità specifica 880 e una libbra per
cento. della soluzione più forte di potassa caustica; questi devono essere aggiunti
gradualmente e mescolati o mescolati completamente fino a quando non sono
perfettamente combinati. Sciogliere da 15 a 18 libbre per cento. di comune resina di
commercio, bollendolo con una soluzione di subcarbonato di cloruro di potassio e soda
di commercio comune, in parti uguali, tanto quanto darà alla soluzione un peso specifico
di circa 1800, quando bollente. Mescoli perfettamente con gli acidi stearico o margarico
sopra menzionati e gli alcali carbonati; quindi aggiungi un fortesoluzione di potassa
caustica o soda, fino a quando non si produce una saponificazione perfetta. La dose di
alcali caustici dipenderà molto dalla purezza della stearina o della margarina
impiegata. La separazione viene ora effettuata usando sale comune, o solfato di soda,
ecc., Come è noto e praticato dai fabbricanti di sapone. Se il sapone destinato ad essere
prodotto deve essere incolore, non si deve impiegare alcuna resina e si deve usare una
dose maggiore di ammonio di liquore e di alcali caustici, a seconda dell'essiccamento
delle materie stearine su cui operare.

UN SEMPLICE E CERTO METODO PER DETERMINARE IL VALORE


COMMERCIALE DEL SAPONE.

DAL DR. ALEXANDER MÜLLER.

In conseguenza del processo cerimoniale mediante il quale gli acidi grassi sono
determinati in una porzione del sapone e l'alcali mediante l'incenerimento di un altro,
ritengo che il seguente metodo non sia indegno della pubblicazione, perché sembra
offrire risultati più rapidi e più corretti a causa della maggiore semplicità della
manipolazione. È disponibile principalmente per i saponi di soda, che sono i più
comuni; ma può anche essere impiegato con corrispondenti alterazioni per saponi che
hanno altre basi.
Un pezzo di sapone del peso di due o tre grammi viene disciolto in un bicchiere a
bicchiere tarato della capacità di circa 160 centimetri cubici con 80 a 100 centimetri
cubici di acqua, a caldo, in un bagno d'acqua, e quindi tre o quattro volte la quantità di
diluito acido solforico o quanto necessario per decomporre il sapone, aggiunto da una
buretta. Quando,dopo ripetuta agitazione, gli acidi grassi si sono separati in uno strato
trasparente trasparente dalla soluzione acquosa, si lascia raffreddare, e quindi il
contenuto del bicchiere di becher viene posto in un filtro inumidito, che è stato
precedentemente essiccato a 212 ° Fahr. e pesato. Il contenuto del filtro viene lavato fino
alla scomparsa della reazione acida. Nel frattempo il bicchiere di becher viene posto in
un bagno di vapore, in modo che, essendo già asciutto, possa supportare il filtro lavato e
parzialmente asciutto, che viene posto sulla bocca del bicchiere come se fosse
nell'imbuto. Gli acidi grassi passano presto attraverso la carta, e per la maggior parte
fluiscono fino in fondo al bicchiere del bicchiere; l'aumento di peso di cui, dopo il
raffreddamento, e la sottrazione del peso del filtro, dà la quantità di acidi grassi presenti
nel sapone. Una seconda asciugatura e pesatura non è necessaria, se sui lati freddi
dell'interno del vetro non si osserva umidità, che è causata da una traccia d'acqua ancora
presente. Se la quantità di ossido di ferro aggiunta al marmo è considerevole, il sapone
può essere facilmente trovato incenerendo il filtro e determinando il peso del residuo.
Il liquido scorre dagli acidi grassi sul filtro che, con i lavaggi, è stato conservato in un
bicchiere di vetro sufficientemente grande, è colorato con tintura di tornasole e
decomposto con una soluzione alcalina di prova fino a quando non appare il colore
blu. La differenza tra la quantità di alcali necessaria per neutralizzare l'acido solforico e
la quantità di acido solforico utilizzato in prima istanza consente di effettuare un calcolo
della quantità di alcali efficace nel sapone, ad esempio:
23,86 grammi. di sapone (parzialmente sapone all'olio di cacao). 
17,95 "acidi grassi con filtro 
04.44" filtro. 
----- 
13,51 grammi. di idrati di acidi grassi = 56,62 per cento. 

28,00 cub. cent. dell'acido solforico diluito applicato per il


decomposizione del sapone, di cui 100 cub. cent. 
rappresentano 2982 grammi. di carbonato di sodio. 

17,55 cub. cent. di fluido alcalino, che sono stati utilizzati per la 
saturazione dell'acido sopra, e di cui 100 cub. 
cent. saturare una quantità uguale di quell'acido. 
---- 
10,45 cub. cent. del solforico necessario per gli alcali 
contenuti nel sapone, che rappresenta 0,1823 gr. di 
soda = 7,64 per cento.
Una determinazione dell'alcali come solfato offerto in un'altra porzione di sapone al
9,57%. di soda, perché il solfato di soda e cloruro di sodio presente nel sapone ha
rinunciato al loro alcali.
Il liquido alcalino da me applicato era una soluzione saccarida di calce, che può essere
naturalmente sostituita da una soluzione di soda, e deve essere se il cloruro di sodio e
solfato di sodio mescolato con il sapone deve essere determinato nel modo seguente:
Il liquido di nuovo esattamente neutralizzato con alcali viene evaporato a secchezza, e il
residuo riscaldato delicatamente a rossore. Come nella precedente manipolazione, il
fluido non è stato riscaldato fino al punto di ebollizione, il cloruro originale di sodio e
solfato di soda sono contenuti nel residuo pesato, oltre alla soda del sapone e quella che
è stata aggiunta con l'acido solforico, formando solfato di soda. Una seconda esposizione
ad un calore rosso con acido solforico converte l'intero residuo in solfato di soda, e
dall'aumento di peso, mediante un confronto degli equivalenti di NaCl e NaO, SO 3 si può
decidere la quantità del primo. Secondo gli equivalenti che Kopp ha fornito nel 1850,
l'aumento di peso per il cloruro di sodio è pari a 1: 4,68. Il solfato originale di soda deve
essere, infine, trovatomediante la sottrazione dello stesso sale formato più il cloruro
calcolato di sodio dal primo residuo riscaldato.
In pratica, raramente è necessario procedere alla determinazione del cloruro di sodio e
solfato di soda, tranne che con saponi di olio di agitazione e olio di cacao;  certamente
meno della verità si vede se, dopo la suddetta determinazione degli acidi grassi e
l'efficace alcali, nel calcolo si introduce l'assenza percentuale di acqua, che se si calcola
l'acqua, che non è mai completamente evoluta dal sapone, anche preparato tecnicamente
a 302 ° Fahr., e un'altra determinazione fatta di acidi grassi o alcali in blocco gli acidi
grassi, o anche il contenuto alcalino.
Il metodo qui presentato assorbe le solite imperfezioni, che gli acidi grassi e il sapone
insaponificato sono ugualmente stimati, e l'idrato misto o il carbonato degli alcali e
l'alcali combinato. La presenza del carbonato può essere facilmente riconosciuta dalla
schiumatura della soluzione di sapone, sull'aggiunta dell'acido solforico. Queste
imperfezioni, tuttavia, hanno poca importanza.
Bisogna riconoscere che la determinazione minutamente corretta della costituzione del
sapone deve essere sempre ceduta a coloro che sono tecnicamente competenti con questo
dipartimento di chimica, la stima degli alcali liberi e dei grassi immodificati esclusi,
almeno, da certe età del sapone. Inoltre, un considerevole eccesso di uno o un altro
ingrediente si traduce presto in una corrispondente dispersione nel sapone delle proprietà
caratteristiche di un buon prodotto, e un piccolo eccesso può essere giudicato
sufficientemente esatto dalla proporzione degli alcali, che, supponendo la soda presente ,
non dovrebbe ammontare a più del 13 per cento. con un sapone all'olio di puro cacao,
non meno dell'11,5%. con un sapone di sego; ma con olio di palma e saponi misti l'uno o
l'altro limite si avvicina. - Journal für Praktische Chemie.

SUI GRASSI NATURALI.

DAL DR. CHARLES LÖWIG.

I grassi che esistono in natura possono essere divisi in generale e speciale; il primo esiste
in quasi tutte le piante e parti di piante; quest'ultimo include solo alcune sostanze
vegetali, come la laurostearina , l' miristicina e la palmatina . La consistenza dei grassi
di tipo generale dipende dalle proporzioni di margarina, stearina e oleina in essi
contenute. L'ex preponderato nei grassi solidi (burro, strutto e sego); e il secondo in
quelli fluidi o oli. Come un olio contiene acido oleico o acido olinico, viene definito un
olio grasso o essiccante. Alla classe degli oli grassi appartengono oliva, mandorla,
nocciola, faggio, olio di colza, ecc .; a quello di essiccare olii, semi di lino, noce, canapa,
papavero, semi d'uva, olii, ecc .; che sono usati per le vernici.
Nel regno vegetale i grassi sono principalmente nei semi e nelle loro coperture,
raramente nel perispemium (papavero), e nella sostanza carnosa che circonda il seme
(oliva). Il grasso nel seme è per lo più racchiuso in cellule con un composto
proteico. Nel regno animale alcune parti del corpo sono piene di cellule grasse, in
particolare sotto la pelle ( Paniculus adiposus ), nelle cavità dell'addome, nel
cosiddetto omento , nei reni e nei canali tubulati delle ossa . Il grasso è anche racchiuso
nelle cellule (globuli grassi) nel latte.
È stabilito, senza dubbio, che una parte maggiore del grasso che esiste nel regno animale
proviene dal regno vegetale, poiché è introdotto nel corpo in modo temporaneo con i
composti proteici di quel regno. Si forma una parte del grasso e della ceral'organismo
animale, come dimostrato da numerose osservazioni, e nella maggior parte dei casi è
indiscutibile che i nutrimenti non azotati, come amidi, servono per la formazione di
grasso mediante un processo di disossidazione; tuttavia, la formazione di grasso nel
corpo animale sembra avvenire solo quando le sostanze contenenti amido entrano nel
corpo contemporaneamente al grasso.
Se il grasso esistente nel corpo animale è contenuto nel tessuto cellulare, la sua
separazione può essere semplicemente effettuata posizionando il tessuto inciso in acqua
calda. Le cellule scoppiano e il grasso si raccoglie sulla superficie dell'acqua. Se le
sostanze vegetali contengono grasso in grande quantità, come per esempio i semi, può
essere ottenuto per espressione. I semi essiccati sono contusi ed espressi tra piastre
metalliche fredde o calde. Le olive vengono deposte in cumuli prima
dell'espressione; quando iniziano a fermentare, possono essere completamente
espressi. Se le sostanze animali e vegetali contengono solo un po 'di grasso, deve essere
estratto dall'etere.
Nella condizione pura i grassi sono per lo più inodori e insipidi; quando possiedono un
odore, sorge principalmente dalla presenza di piccole quantità di acidi grassi volatili,
come acido butirrico, acido caprico, ecc .; che diventa libero attraverso la
decomposizione del loro ossido di combinazioni gliciliche. Ciò è dovuto alla presenza di
acqua e aria attraverso una sorta di fermentazione e, come appare, dalla presenza di una
sostanza azotata. I grassi sono insolubili in acqua e, ad eccezione dell'olio di ricino,
vengono assorbiti dall'alcol freddo in piccolissime quantità, tuttavia, più in proporzione
in quanto contengono l'oleina. In alcool bollente vengono disciolti, ma sono, per la
maggior parte, nuovamente separati per raffreddamento, in particolare quelli ricchi di
stearina. Tutti i grassi sono assorbiti dall'etere, ma quelli contenenti la stearina nella
quantità più piccola.
La loro gravità specifica fluttua tra .91 e .93. Quando riscaldati, i grassi assumono un
colore scuro e fanno bollire tra 482 ° e 572 ° Fahr., Ma il punto di ebollizione aumenta
continuamente, mentre procede una decomposizione ininterrotta. Dall'ossido di glicile
deriva l'acrolina; l'acido oleico fornisce un acido grasso, e tra i prodotti di
decomposizione dei grassi contenenti stearina e margarina si trovano acido margarico
puro e, allo stesso tempo, si formano alcuni idrocarburi. Quando esposti rapidamente ad
una temperatura elevata, i grassi sono completamente decomposti. (Gas di petrolio.) Nei
vasi chiusi i grassi puri non subiscono alcun cambiamento, ma, posti in strati sottili
nell'aria, i grassi contenenti oleina e olina assorbono rapidamente l'ossigeno sotto la forte
evoluzione del calore, che infiammerà i corpi porosi, come il cotone . Più puri sono i
grassi, più rapidamente ne risultano i risultati di ossidazione. Quando i grassi
contengono materiali viscosi, questi ultimi possono essere distrutti con un po 'di ossido
di piombo e acqua. (Preparazione per l'applicazione di vernici.) L'azione dell'acido
nitrico, dell'acido nitroso, del cloro, dell'acido solforico, ecc., Sui grassi è la stessa di
quella di questi corpi sugli acidi grassi. Gli oli grassi sciolgono lo zolfo nel calore, che è
di nuovo parzialmente precipitato sul raffreddamento. Quando lo zolfo viene riscaldato
con oli grassi, vale a dire con olio di lino, si scioglie di un grado e si forma una densa
massa scura, il cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si verifica una reazione
violenta sotto l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso tempo, un olio che
assomiglia all'olio di aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a 160 ° Fahr., Ma il
suo punto di ebollizione aumenta continuamente. questi ultimi possono essere distrutti
con un po 'di ossido di piombo e acqua. (Preparazione per l'applicazione di vernici.)
L'azione dell'acido nitrico, dell'acido nitroso, del cloro, dell'acido solforico, ecc., Sui
grassi è la stessa di quella di questi corpi sugli acidi grassi. Gli oli grassi sciolgono lo
zolfo nel calore, che è di nuovo parzialmente precipitato sul raffreddamento. Quando lo
zolfo viene riscaldato con oli grassi, vale a dire con olio di lino, si scioglie di un grado e
si forma una densa massa scura, il cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si
verifica una reazione violenta sotto l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso
tempo, un olio che assomiglia all'olio di aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a
160 ° Fahr., Ma il suo punto di ebollizione aumenta continuamente. questi ultimi
possono essere distrutti con un po 'di ossido di piombo e acqua. (Preparazione per
l'applicazione di vernici.) L'azione dell'acido nitrico, dell'acido nitroso, del cloro,
dell'acido solforico, ecc., Sui grassi è la stessa di quella di questi corpi sugli acidi
grassi. Gli oli grassi sciolgono lo zolfo nel calore, che è di nuovo parzialmente
precipitato sul raffreddamento. Quando lo zolfo viene riscaldato con oli grassi, vale a
dire con olio di lino, si scioglie di un grado e si forma una densa massa scura, il
cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si verifica una reazione violenta sotto
l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso tempo, un olio che assomiglia all'olio di
aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a 160 ° Fahr., Ma il suo punto di
ebollizione aumenta continuamente. acido solforico, ecc., sui grassi è uguale a quello di
questi corpi sugli acidi grassi. Gli oli grassi sciolgono lo zolfo nel calore, che è di nuovo
parzialmente precipitato sul raffreddamento. Quando lo zolfo viene riscaldato con oli
grassi, vale a dire con olio di lino, si scioglie di un grado e si forma una densa massa
scura, il cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si verifica una reazione
violenta sotto l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso tempo, un olio che
assomiglia all'olio di aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a 160 ° Fahr., Ma il
suo punto di ebollizione aumenta continuamente. acido solforico, ecc., sui grassi è
uguale a quello di questi corpi sugli acidi grassi. Gli oli grassi sciolgono lo zolfo nel
calore, che è di nuovo parzialmente precipitato sul raffreddamento. Quando lo zolfo
viene riscaldato con oli grassi, vale a dire con olio di lino, si scioglie di un grado e si
forma una densa massa scura, il cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si
verifica una reazione violenta sotto l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso
tempo, un olio che assomiglia all'olio di aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a
160 ° Fahr., Ma il suo punto di ebollizione aumenta continuamente. e si forma una
spessa massa oscura, il cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si verifica una
reazione violenta sotto l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso tempo, un olio
che assomiglia all'olio di aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a 160 ° Fahr.,
Ma il suo punto di ebollizione aumenta continuamente. e si forma una spessa massa
oscura, il cosiddetto balsamo di zolfo. Sollevando il calore, si verifica una reazione
violenta sotto l'evoluzione dell'idrogeno solforato e, allo stesso tempo, un olio che
assomiglia all'olio di aglio volatilizzato. Questo olio inizia a bollire a 160 ° Fahr., Ma il
suo punto di ebollizione aumenta continuamente.

PROFUMI COME PREVENTIVI DI MULTA.

Un documento interessante su questo argomento è stato pubblicato dal Dr.


Macculloch. Presumiamo che i nostri lettori siano consapevoli che la muffa è causata
dalla crescita di verdure minute. Inchiostro, pasta, cuoio e semi sono le sostanze che più
frequentemente ne soffrono. L'effetto dei chiodi di garofano nella conservazione
dell'inchiostro è ben noto; uno qualsiasi degli oli essenziali risponde altrettanto bene. La
pelle può essere tenuta libera dalle muffe dalle stesse sostanze. Così il cuoio russo, che è
profumato con il catrame di betulla, non diventa mai ammuffito; in effetti impedisce che
si verifichi in altri corpi. Alcune gocce di qualsiasi olio essenziale sono sufficienti anche
per tenere i libri completamente liberi da esso. Per l'imbragatura si consiglia l'olio di
trementina. I rilegatori, in generale, impiegano allume per conservare la loro pasta; ma si
modella spesso su di esso. calzolai la resina è talvolta usata anche per lo stesso
scopo; ma è meno efficace dell'olio di trementina. I migliori preventivi, tuttavia, sono gli
olii essenziali, anche in piccole quantità, come quelli di menta piperita, anice o cassia,
con cui la pasta può essere conservata quasi per un certo periodo di tempo; in effetti, è
stato preservato per anni. La pasta raccomandata dal Dr. Macculloch è fatta nel solito
modo, con farina, zucchero di canna e un po 'di sublimazione corrosiva; lo zucchero
mantenendolo flessibile all'asciutto e il sublime che gli impedisce di fermentare e di
essere attaccato dagli insetti. Dopo averlo fatto, vengono aggiunte alcune gocce di uno
qualsiasi degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo modo si asciuga se esposta
all'aria e può essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se necessario per essere
tenuto sempre pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi coperti. Anche i semi
potrebbero essere ma è meno efficace dell'olio di trementina. I migliori preventivi,
tuttavia, sono gli olii essenziali, anche in piccole quantità, come quelli di menta piperita,
anice o cassia, con cui la pasta può essere conservata quasi per un certo periodo di
tempo; in effetti, è stato preservato per anni. La pasta raccomandata dal Dr. Macculloch
è fatta nel solito modo, con farina, zucchero di canna e un po 'di sublimazione
corrosiva; lo zucchero mantenendolo flessibile all'asciutto e il sublime che gli impedisce
di fermentare e di essere attaccato dagli insetti. Dopo averlo fatto, vengono aggiunte
alcune gocce di uno qualsiasi degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo modo si
asciuga se esposta all'aria e può essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se
necessario per essere tenuto sempre pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi
coperti. Anche i semi potrebbero essere ma è meno efficace dell'olio di trementina. I
migliori preventivi, tuttavia, sono gli olii essenziali, anche in piccole quantità, come
quelli di menta piperita, anice o cassia, con cui la pasta può essere conservata quasi per
un certo periodo di tempo; in effetti, è stato preservato per anni. La pasta raccomandata
dal Dr. Macculloch è fatta nel solito modo, con farina, zucchero di canna e un po 'di
sublimazione corrosiva; lo zucchero mantenendolo flessibile all'asciutto e il sublime che
gli impedisce di fermentare e di essere attaccato dagli insetti. Dopo averlo fatto, vengono
aggiunte alcune gocce di uno qualsiasi degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo
modo si asciuga se esposta all'aria e può essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se
necessario per essere tenuto sempre pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi
coperti. Anche i semi potrebbero essere I migliori preventivi, tuttavia, sono gli olii
essenziali, anche in piccole quantità, come quelli di menta piperita, anice o cassia, con
cui la pasta può essere conservata quasi per un certo periodo di tempo; in effetti, è stato
preservato per anni. La pasta raccomandata dal Dr. Macculloch è fatta nel solito modo,
con farina, zucchero di canna e un po 'di sublimazione corrosiva; lo zucchero
mantenendolo flessibile all'asciutto e il sublime che gli impedisce di fermentare e di
essere attaccato dagli insetti. Dopo averlo fatto, vengono aggiunte alcune gocce di uno
qualsiasi degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo modo si asciuga se esposta
all'aria e può essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se necessario per essere
tenuto sempre pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi coperti. Anche i semi
potrebbero essere I migliori preventivi, tuttavia, sono gli olii essenziali, anche in piccole
quantità, come quelli di menta piperita, anice o cassia, con cui la pasta può essere
conservata quasi per un certo periodo di tempo; in effetti, è stato preservato per anni. La
pasta raccomandata dal Dr. Macculloch è fatta nel solito modo, con farina, zucchero di
canna e un po 'di sublimazione corrosiva; lo zucchero mantenendolo flessibile
all'asciutto e il sublime che gli impedisce di fermentare e di essere attaccato dagli
insetti. Dopo averlo fatto, vengono aggiunte alcune gocce di uno qualsiasi degli oli
essenziali. La pasta prodotta in questo modo si asciuga se esposta all'aria e può essere
utilizzata semplicemente bagnandola. Se necessario per essere tenuto sempre pronto per
l'uso, dovrebbe essere messo in vasi coperti. Anche i semi potrebbero essere con il quale
la pasta può essere conservata per quasi tutto il tempo; in effetti, è stato preservato per
anni. La pasta raccomandata dal Dr. Macculloch è fatta nel solito modo, con farina,
zucchero di canna e un po 'di sublimazione corrosiva; lo zucchero mantenendolo
flessibile all'asciutto e il sublime che gli impedisce di fermentare e di essere attaccato
dagli insetti. Dopo che è stato fatto, vengono aggiunte alcune gocce di uno qualsiasi
degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo modo si asciuga se esposta all'aria e può
essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se necessario per essere tenuto sempre
pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi coperti. Anche i semi potrebbero
essere con il quale la pasta può essere conservata per quasi tutto il tempo; in effetti, è
stato preservato per anni. La pasta raccomandata dal Dr. Macculloch è fatta nel solito
modo, con farina, zucchero di canna e un po 'di sublimazione corrosiva; lo zucchero
mantenendolo flessibile all'asciutto e il sublime che gli impedisce di fermentare e di
essere attaccato dagli insetti. Dopo averlo fatto, vengono aggiunte alcune gocce di uno
qualsiasi degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo modo si asciuga se esposta
all'aria e può essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se necessario per essere
tenuto sempre pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi coperti. Anche i semi
potrebbero essere lo zucchero mantenendolo flessibile all'asciutto e il sublime che gli
impedisce di fermentare e di essere attaccato dagli insetti. Dopo che è stato fatto,
vengono aggiunte alcune gocce di uno qualsiasi degli oli essenziali. La pasta prodotta in
questo modo si asciuga se esposta all'aria e può essere utilizzata semplicemente
bagnandola. Se necessario per essere tenuto sempre pronto per l'uso, dovrebbe essere
messo in vasi coperti. Anche i semi potrebbero essere lo zucchero mantenendolo
flessibile all'asciutto e il sublime che gli impedisce di fermentare e di essere attaccato
dagli insetti. Dopo che è stato fatto, vengono aggiunte alcune gocce di uno qualsiasi
degli oli essenziali. La pasta prodotta in questo modo si asciuga se esposta all'aria e può
essere utilizzata semplicemente bagnandola. Se necessario per essere tenuto sempre
pronto per l'uso, dovrebbe essere messo in vasi coperti. Anche i semi potrebbero
essereconservato dagli olii essenziali; e questo è di grande importanza quando devono
essere inviati a distanza. Ovviamente l'umidità deve essere esclusa il più possibile,
poiché gli oli o gli ottoni prevengono solo gli effetti negativi della muffa.

FUSEL OIL.

DI W. BASTICK.

Questo composto organico fu scoperto per la prima volta da Scheele, come uno dei
prodotti di distillazione del mosto ottenuto dalla fermentazione delle
patate. Successivamente è stato esaminato da Pelletier, Dumas, Cahours e
altri. Generalmente viene definito l'idrato dell'ossido di amile, poiché si suppone che
l'amile sia la sua base o radicale, poiché il cianogeno è considerato il radicale di un'altra
serie di composti.
Passa verso la fine del processo di distillazione in un fluido torbido bianco, che consiste
in una soluzione acquosa e alcolica dell'olio di fusoli. Il petrolio grezzo, costituito da
circa la metà del suo peso di alcol e acqua, può essere purificato, agitato con acqua e
distillato, con la precedente aggiunta di cloruro di calcio. Quando la temperatura del
contenuto della storta raggiunge 296 ° Fahr., L'olio di fusel puro si distilla.
L'olio di Fusel è un fluido oleoso incolore, che in un primo momento non possiede un
odore sgradevole, ma alla fine è molto disgustoso, producendo oppressione al petto ed
eccitante tosse. Ha un forte sapore piccante e brucia con una fiamma blu bianca. Si bolle
a 296 ° Fahr., E alla temperatura di -4 ° Fahr. diventa solido e forma cristalli. La sua
gravità specifica a 59 ° Fahr. è 0.8124 e la sua formula C 10 H 12 O 2. Sulla carta produce
una macchia grassa, che scompare dal calore, e quando esposta all'azione dell'aria
acquista una reazione acida. L'olio di fusilli è leggermente solubile in acqua, a cui
conferisce il suo odore; e solubile in tutte le proporzioni in alcool, etere, oli volatili e
fissi e acido acetico. Scioglie fosforo, zolfo e iodio senza alcun cambiamento evidente e
si mescola anche con soda caustica e cloruro di potassio. Assorbe rapidamente l'acido
cloridrico, con il disimpegno del calore. Quando miscelato con acido solforico
concentrato, la miscela diventa di un colore rosso-violetto e si forma il bisolfato
dell'amiloxide. L'acido nitrico e il cloro si decompongono. Con la sua distillazione con
acido fosforico anidro, si ottiene una combinazione fluida e oleosa di idrogeno e
carbonio. Per ossidazione con bicromato di potassio e acido solforico, l'olio di fusoli
produce acido valerianico,

ESSENZA DI MELA-PINO.

DI W. BASTICK.

L'essenza di cui sopra è, come già noto, etere butirrico più o meno diluito con l'alcol; per
ottenere quale puro, su larga scala ed economicamente, si raccomanda il seguente
processo: -
Sciogliere 6 libbre. di zucchero e mezza oncia di acido tartarico, in 26 libbre. di acqua
bollente. Lasciare riposare la soluzione per diversi giorni; quindi aggiungere 8 once di
formaggio putrid rotto con 3 libbre. di latte acido scremato e cagliato e 3 libbre. di gesso
levigato. La miscela deve essere conservata e mescolataquotidianamente in un luogo
caldo, alla temperatura di circa 92 ° Fahr., a condizione che il gas si evolva, che è
generalmente il caso per cinque o sei settimane.
Il liquido così ottenuto viene mescolato con un uguale volume di acqua fredda e 8
libbre. di carbonato cristallizzato di soda, precedentemente disciolto in acqua,
aggiunto. Viene quindi filtrato dal carbonato precipitato di calce; il filtrato deve essere
evaporato fino a 10 libbre., quando 5-1 / 2 libbre. di acido solforico, precedentemente
diluito con un uguale peso di acqua, devono essere attentamente aggiunti. L'acido
butirrico, che si separa sulla superficie del liquido come un olio di colore scuro, deve
essere rimosso e il resto del liquido distillato; il distillato è ora neutralizzato con
carbonato di sodio e l'acido butirrico separato come prima, con acido solforico.
L'intero acido grezzo deve essere rettificato con l'aggiunta di un'oncia di acido solforico
per ogni chilo. Il distillato viene quindi saturato con cloruro di calcio fuso e distillato. Il
prodotto sarà di circa 28 once di acido butirrico puro. Per preparare l'acido butirrico o
l'essenza di pino mugo, da questo acido procedere come segue: -Mescolare, in peso, tre
parti di acido butirrico con sei parti di alcol e due parti di acido solforico in una storta, e
sottoporre l'intero , con sufficiente calore, ad una leggera distillazione, fino a quando il
fluido che passa non cessa di emettere un odore fruttato. Trattando il distillato con
cloruro di calcio e con la sua ridistillazione, si può ottenere l'etere puro.
Il punto di ebollizione dell'etere butirrico è 238 ° Fahr. Il suo peso specifico, 0,904 e la
sua formula,
C 12 H 12 O 4 o C 4 H 5 O + C 8 H 7 O 3 .
Il processo di Bensch, descritto sopra, per la produzione di acido butirrico, offre una
notevole esemplificazione delle straordinarie trasformazioni che i corpi organici
subiscono a contatto con il fermento o per azione catalitica. Quando bastonelo zucchero
è trattato con acido tartarico, soprattutto sotto l'influenza del calore, viene convertito in
zucchero d'uva. Questo zucchero d'uva, in presenza di sostanze azotate in
decomposizione, come il formaggio, viene trasformato in primo luogo in acido lattico,
che si combina con la calce del gesso. L'acido del lattato di calce, così prodotto, è per
l'ulteriore influenza del fermento cambiato in acido butirrico. Quindi, il butirrato di calce
è il risultato finale dell'azione catalitica nel processo che abbiamo qui raccomandato.

PREPARAZIONE DEL PELARGONATO GREGGIO DI ETIL-OSSIDO


(ESSENZA DI QUINCE).

DAL DR. R. WAGNER.

Si è creduto, fino al periodo più recente, che la buccia delle mele cotogne contenga
œnantilato di etil-ossido. Nuove ricerche, tuttavia, hanno portato alla supposizione che il
principio odoroso delle cotogne sia derivato dall'etere dell'acido pelargonico. Nella mia
ultima ricerca sull'azione dell'acido nitrico sull'olio di rue, ho scoperto che oltre agli
acidi grassi, che Gerhardt aveva già scoperto, si forma l'acido pelargonico. Questo
processo può essere vantaggiosamente impiegato per la preparazione del gregoronato
grezzo di ossido di etile, che, a causa del suo odore estremamente gradevole, può essere
applicato come essenza di frutta allo stesso modo con quelli preparati da Dobereiner,
Hofmann e Fehling. Per la preparazione del liquido, che può essere chiamato l'essenza
della mela cotogna, l'olio di rue viene trattato con una doppia quantità di acido nitrico
molto diluito, e la miscela riscaldata fino a quando non inizia a bollire. Dopo un po 'di
tempo si osservano due strati nel liquido: la tomaiauno è brunastro, e quello inferiore è
costituito dai prodotti dell'ossidazione dell'olio di rue e dell'eccesso di acido nitrico. Lo
strato inferiore viene liberato dalla maggior parte del suo acido nitrico per evaporazione
in un bagno di cloruro di zinco. I greggi bianchi che si trovano frequentemente nel
liquido acido, che sono probabilmente acidi grassi, sono separati per filtrazione. Il
filtrato viene mescolato con lo spirito e a lungo digerito con un calore delicato, mediante
il quale si forma un fluido, che ha l'odore gradevole della mela cotogna nel grado più
alto e può essere purificato per distillazione. La soluzione alcolica di etere pelargonico
può anche essere preparata con profitto dall'acido oleico, secondo il metodo di
Gottlieb. Journal für Praktische Chemie.
PREPARAZIONE DEL RUM-ETER.

Prendi dell'ossido nero di manganese, dell'acido solforico, ogni dodici libbre; di alcol,
ventisei sterline; di acido acetico forte, dieci libbre. Mescolare e distillare dodici
pinte. L'etere, come sopra preparato, è un articolo di commercio in Austria, essendo il
corpo al quale il rum deve il suo particolare sapore. Austrian Journal of Pharmacy.

ESSENZE DI FRUTTA ARTIFICIALE.

DI FEHLING.

L'olio di pino è una soluzione di una parte di etere butirrico, in otto o dieci parti di
alcol. Per la preparazione di questo etere, l'acido butirrico puro deve essere prima
ottenuto dalla fermentazione dello zucchero, secondo il metodo di Bensch.Un chilo di
questo acido viene sciolto in una libbra di alcol forte e mescolato con da un quarto a
mezzo oncia di acido solforico; la miscela viene riscaldata per alcuni minuti, per cui
l'etere butirrico si separa come strato leggero. Il tutto viene mescolato con metà del suo
volume d'acqua e lo strato superiore viene rimosso; il fluido pesante viene distillato, con
il quale si ottiene più etere butirrico. Il distillato e il liquido oleoso rimosso vengono
scossi con un po 'd'acqua, la parte più leggera del liquido rimossa, che alla fine, essendo
agitata con acqua e una piccola soda, viene liberata dall'acido aderente.
Per la preparazione dell'essenza della mela di pino, una libbra di questo etere viene
sciolta in 8 o 10 libbre di alcol. 20 o 25 gocce di questa soluzione sono sufficienti per
dare a un chilo di zucchero un forte sapore di mela di pino, se è stato aggiunto un po 'di
acido citrico o tartarico.
Pera-olio.-Questa è una soluzione alcolica di acetato di amiloxide e acetato di
etilossido. Per la sua preparazione, un chilo di acido acetico glaciale viene aggiunto ad
un peso uguale di olio di fusel (che è stato preparato lavato con soda e acqua, e quindi
distillato a una temperatura tra 254 ° e 284 ° Fahr.), E mescolato con mezza libbra di
acido solforico. La miscela viene digerita per alcune ore ad una temperatura di 254 °,
con la quale si separa l'acetato di amiloide, in particolare con l'aggiunta di
acqua. L'acetato grezzo di amiloxide ottenuto per separazione e per distillazione del
liquido a cui è stata aggiunta l'acqua, viene infine purificato mediante lavaggio con soda
e acqua. Quindici parti di acetato di amiloxide sono sciolte con mezza parte di etere
acetico in 100 o 120 parti di alcol; questa è l'essenza della pera, che,
Mela-oilè una soluzione alcolica di valerianato dell'amiloxide. Si ottiene impuro, come
prodotto per prodotto, quando per la preparazione dell'acido valerianico l'olio di fuselli
viene distillato con bicromato di potassio e acido solforico. Si prepara meglio nel
seguente modo: -Per la preparazione dell'acido valerianico, 1 parte di olio di fusoli viene
miscelata gradualmente con 3 parti di acido solforico e 2 parti di acqua aggiunte. Una
soluzione di 2-1 / 4 parti di bicromato di potassio, con 4-1 / 2 parti di acqua, viene
riscaldata in una storta tubulata, e in questo fluido la prima miscela viene versata
gradualmente, in modo che l'ebollizione non sia troppo rapida . Il distillato viene saturo
di carbonato di soda e riscaldato quando viene aggiunta una soluzione di 3 parti di
carbonato cristallizzato di soda, 2 parti di acido solforico forte, diluite con una uguale
quantità di acqua.
Una parte, in peso, di puro olio di fuselli viene accuratamente miscelata con un uguale
peso di acido solforico. La soluzione fredda viene aggiunta a 1-1 / 4 parti del suddetto
acido valerianico; la miscela viene riscaldata per alcuni minuti (non troppo lungo o
troppo) in un bagno d'acqua, e quindi mescolata con un po 'd'acqua, con la quale si
separa il valerianato impuro dell'amiloxide, che viene lavato con acqua e carbonato di
sodio. Per l'uso come essenza di mele, una parte di questo valerianato di amiloxide viene
sciolto in 6 o 8 parti di alcol.

OLIO VOLATILE DI PROCESSO DI GAULTHERIA.

DI W. BASTICK.

La storia chimica di questo olio è di grande importanza e interesse, offrendo, come fa,
uno degli esempi dove il progresso della chimica moderna è riuscito a produrre
artificialmente un corpo organico complesso, precedentemente noto solo come il
risultato di una forza vitale.
Questo olio volatile è ottenuto dal verde-inverno, un arbusto americano della famiglia
della brughiera, per distillazione. Quando questa pianta viene distillata, dapprima passa
un olio che consiste in C 10 H 8 , ma quando la temperatura raggiunge 464 ° Fahr., Un
olio puro si distilla nel ricevitore. Quindi l'olio essenziale di questa pianta, come molti
altri, è costituito da due parti: una un idrocarburo e l'altra un composto
ossigenato; quest'ultimo è il principale costituente del petrolio, e ciò che è di tanto
interesse chimico, dal fatto che è stato preparato artificialmente.
Si chiama, quando così preparato, lo spiroilato dell'ossido di metile, ed è ottenuto
quando due parti di spirito di legno, una parte e mezza di acido spiraglio e una parte di
acido solforico sono distillate insieme. È un liquido incolore, di un gradevole odore e
sapore aromatico; si dissolve leggermente nell'acqua, ma in tutte le proporzioni in etere e
alcol; bolle tra 411 ° e 435 ° Fahr. e ha un peso specifico di 1.173. Questo composto
espelle l'acido carbonico dalle sue combinazioni e forma una serie di sali, che
contengono un atomo di base e un atomo di spiroilato dell'ossido di metile. Si comporta
quindi come un acido coniugato. La sua formula è C 14 H 5 O 5 + C 2 H 3O.
L'acido spiraglio può essere separato dall'olio naturale trattandolo con una soluzione
concentrata di potassa caustica ad una temperatura di 113 ° Fahr., Quando si forma
l'essenza di legno ed evapora, e la soluzione contiene lo spiroilato di potassio, da cui,
quando decomposto con acido solforico, l'acido spiraglio si separa e si attenua nel fluido.
L'acido spiraglio è formato anche dall'ossidazione dell'acido spiroiligenico e quando la
saligenina, la salicina, la courmacina o l'indaco vengono riscaldate con cloruro di sodio
caustico.

SULL'APPLICAZIONE DELLA CHIMICA ORGANICA ALLA PROFUMERIA.

DAL DR. AW HOFMANN,

Professore al Royal College of Chemistry, Londra .


Eccellenti ricerche di Cahours sull'olio essenziale di Gaultheria procumbens (pianta
nordamericana dell'ordine naturale delle Ericine di Jussieu), che ammette così tante
applicazioni in profumeria,[I] ho aperto un nuovo campo in questo settore
industriale. L'introduzione di questo olio tra gli eteri composti deve necessariamente
indirizzare l'attenzione dei profumieri [J] verso questo importante ramo di composti, il cui
numero aumenta ogni giorno per le fatiche di coloro che si applicano alla chimica
organica. La sorprendente somiglianza dell'odore di questi eteri con quello del frutto non
era sfuggita all'osservazione della chimica; tuttavia, era riservato agli uomini pratici
scoprire con quale scelta e combinazioni fosse possibile imitare il profumo di frutti
particolari a una tale finezza, che rende probabile che il profumo del frutto sia dovuto ad
una combinazione naturale identica a quella prodotto dall'arte; così tanto da permettere
al chimico di produrre dai frutti le suddette combinazioni, a condizione di poter disporre
a sua disposizione di una quantità sufficiente per operare. La fabbricazione di oli
aromatici artificiali ai fini della profumeria [K] è, ovviamente, un recente ramo
dell'industria; tuttavia, è già caduto nelle mani di diversi distillatori, che producono
quantità sufficienti per rifornire il commercio; un fatto, che hanon è sfuggito
all'osservazione della giuria al London Exhibition. Visitando le bancarelle dei profumieri
inglesi e francesi al Crystal Palace, abbiamo trovato una grande varietà di questi profumi
chimici, le cui applicazioni erano allo stesso tempo praticamente illustrate dai dolciumi
aromatizzati da loro. Tuttavia, poiché la maggior parte dei campioni degli oli inviati alla
mostra erano piccoli, mi è stato impedito, in molti casi, di fare un'analisi accurata di
essi. I campioni più grandi erano quelli di un composto etichettato "olio di pera", che,
per analisi, ho scoperto di essere una soluzione alcolica di acetato puro di
amiloxide. Non avendo una quantità sufficiente per purificarlo per la combustione, l'ho
sciolto con cloruro di potassio, mediante il quale è stato separato l'olio di fuselli libero, e
ho determinato l'acido acetico sotto forma di un sale d'argento.
0,3080 grammi. di sale d'argento = 0,1997 grammi. di argento.
La percentuale di argento in acetato di argento è, secondo
Teoria, 64.68 
Esperimento, 64.55
L'acetato di amiloxide, che, secondo il solito modo di prepararlo, rappresenta una parte
di acido solforico, una parte di olio di fusoli e due parti di acetato di cloruro di potassio,
ha un forte odore di frutta, ma ha acquisito il piacevole sapore di la pera jargonelle solo
dopo essere stata diluita con sei volte il suo volume di spirito di vino.
Dopo un'ulteriore indagine ho appreso che quantità considerevoli di questo olio sono
prodotte da alcuni distillatori, da quindici a venti sterline settimanali, e vendute ai
pasticceri, che la impiegano principalmente in gocce aromatiche pera, che altro non sono
che zucchero d'orzo, aromatizzato con questo olio
Ho trovato, oltre all'olio di pera, anche un olio di mele , che, secondo la mia analisi, non
è altro che valerianato dell'amiloxide. Ognuno deve ricordare l'odore insopportabiledi
mele marce che riempiono il laboratorio mentre si produce acido valerianico.  Operando
su questo distillato crudo prodotto con cloruro di potassio diluito, l'acido valerianico
viene rimosso, e un etere rimane indietro, che, diluito in cinque o sei volte il suo volume
di alcolici di vino, possiede il sapore più gradevole delle mele.
L'olio essenziale[L] più abbondante dell'Esposizione era l'olio di pino mugo, che, come
ben sai, non è altro che il butirrato dell'etilossido. Anche in questa combinazione, come
nella prima, il piacevole sapore o profumo si ottiene solo diluendo l'etere con
l'alcol. L'etere butirrico che viene impiegato in Germania per insaporire rum cattivo,
viene impiegato in Inghilterra per insaporire una bevanda acidula chiamata ale di mele di
pino. A tale scopo generalmente non impiegano acido butirrico puro, ma un prodotto
ottenuto dalla saponificazione del burro e successiva distillazione del sapone con acido
solforico concentrato e alcol; quale prodotto contiene, oltre all'etere butirrico, altri eteri,
ma tuttavia può essere usato per gli alcolici aromatizzanti. Il campione che ho analizzato
era più puro e sembrava essere stato prodotto con etere butirrico puro.
Scomposto con cloruro di potassio e trasformato in sale d'argento, lo ha dato
0,4404 grammi. di sale d'argento = 0,2437 grammi. di argento.
La percentuale di argento nel butirrato di argento è secondo
Teoria, 55,38 
Esperimento, 55,33
Sia gli espositori inglesi che francesi hanno anche inviato campioni di olio di cognac e di
olio d'uva, utilizzati per insaporire i tipi comuni di brandy. Come questi campioni
eranomolto piccolo, mi è stato impedito di fare un'analisi accurata. Tuttavia, sono certo
che l'olio d'uva è una combinazione di amile, diluito con molto alcool; poiché, agendo
con acido solforico concentrato e con l'olio liberato dall'alcol lavandolo con acqua,
forniva l'acido amilsolforico, che veniva identificato dall'analisi del sale dei bariti.
1.2690 grammi di amylsulphate di baritoni ha dato 0,5825 grammi. di solfato di
barytes. Questo corrisponde al 45,82 per cento. di solfato di barytes.
L'amilsolfato di barite, cristallizzato con due equivalenti di acqua, contiene, secondo
l'analisi di Cahours e Kekule, il 45,95%. di solfato di barytes. È curioso trovare qui un
corpo che, a causa del suo odore nocivo, viene rimosso con grande cura dai liquori
spirituali, per essere applicato sotto una forma diversa allo scopo di impartire loro un
sapore gradevole.
Devo anche qui menzionare l'olio artificiale di mandorle amare. Quando Mitscherlich,
nell'anno 1834, scoprì il nitrobenzolo, non avrebbe mai immaginato che questo prodotto
sarebbe stato fabbricato a scopo di profumeria e, dopo vent'anni, apparire in campioni
ben etichettati al London Exhibition. È vero che, anche al momento della scoperta del
nitrobenzolo, ha sottolineato la sorprendente somiglianza del suo odore con quello
dell'olio di mandorle amare. Tuttavia, a quel tempo, le uniche fonti conosciute per
ottenere questo corpo erano i gas compressi e la distillazione dell'acido benzoico, di
conseguenza l'enormità del suo prezzo bandiva qualsiasi idea di utilizzare il benzolo
come sostituto dell'olio delle mandorle amare. Tuttavia, nell'anno 1845, riuscii per
mezzo della reazione all'anilina nell'accertare l'esistenza del benzolo nell'olio di catrame
di carbone comune;il benzolo può essere vinto senza difficoltà in grande quantità
dall'olio di catrame di carbone. Nel suo saggio, che contiene molti dettagli interessanti
sull'uso pratico del benzolo, parla anche della possibilità di ottenere presto il
nitrobenzolo profumato in grande quantità. La mostra ha dimostrato che la sua
osservazione non è stata lasciata inosservata dai profumieri. Tra le profumerie francesi
abbiamo trovato, sotto il nome di olio artificiale di mandorle amare, e sotto il nome
ancora più poetico di "essence de mirbane", diversi campioni di oli essenziali, che non
sono né più né meno di nitrobenzolo. Non sono stato in grado di ottenere dettagli
accurati sull'estensione di questo ramo di produzione, che sembra essere di una certa
importanza. A Londra, questo articolo è prodotto con successo. L'apparato utilizzato è
quello di Mansfield, che è molto semplice. È costituito da un grande verme di vetro, la
cui estremità superiore si divide in due rami o tubi, che sono dotati di imbuti.  Attraverso
uno di questi imbuti passa un flusso di acido nitrico concentrato; l'altro è destinato a
ricevere il benzolo, che, per questo scopo, non richiede di essere puramente
puro; all'angolo in cui i due tubi si diramano, i due corpi si incontrano, e istantaneamente
avviene la combinazione chimica, che si raffredda sufficientemente passando attraverso
il verme di vetro. Successivamente il prodotto viene lavato con acqua e una soluzione
diluita di carbonato di sodio; è quindi pronto per l'uso. Nonostante la grande somiglianza
fisica tra nitrobenzolo e olio di mandorle amare, c'è ancora un po ' che sono forniti con
imbuti. Attraverso uno di questi imbuti passa un flusso di acido nitrico
concentrato; l'altro è destinato a ricevere il benzolo, che, a tale scopo, non richiede di
essere puramente puro; all'angolo in cui i due tubi si diramano, i due corpi si incontrano,
e immediatamente avviene la combinazione chimica, che si raffredda sufficientemente
passando attraverso il verme di vetro. Successivamente il prodotto viene lavato con
acqua e una soluzione diluita di carbonato di sodio; è quindi pronto per l'uso. Nonostante
la grande somiglianza fisica tra nitrobenzolo e olio di mandorle amare, c'è ancora un po
' che sono forniti con imbuti. Attraverso uno di questi imbuti passa un flusso di acido
nitrico concentrato; l'altro è destinato a ricevere il benzolo, che, a tale scopo, non
richiede di essere puramente puro; all'angolo in cui i due tubi si diramano, i due corpi si
incontrano, e immediatamente avviene la combinazione chimica, che si raffredda
sufficientemente passando attraverso il verme di vetro. Successivamente il prodotto
viene lavato con acqua e una soluzione diluita di carbonato di sodio; è quindi pronto per
l'uso. Nonostante la grande somiglianza fisica tra nitrobenzolo e olio di mandorle amare,
c'è ancora un po ' all'angolo in cui i due tubi si diramano, i due corpi si incontrano, e
immediatamente si verifica la combinazione chimica, che si raffredda sufficientemente
passando attraverso il verme di vetro. Successivamente il prodotto viene lavato con
acqua e una soluzione diluita di carbonato di sodio; è quindi pronto per l'uso. Nonostante
la grande somiglianza fisica tra nitrobenzolo e olio di mandorle amare, c'è ancora un po
' all'angolo in cui i due tubi si diramano, i due corpi si incontrano, e immediatamente si
verifica la combinazione chimica, che si raffredda sufficientemente passando attraverso
il verme di vetro. Successivamente il prodotto viene lavato con acqua e una soluzione
diluita di carbonato di sodio; è quindi pronto per l'uso. Nonostante la grande somiglianza
fisica tra nitrobenzolo e olio di mandorle amare, c'è ancora un po 'differenza di odore
che può essere rilevata da un naso esperto .[M] Tuttavia, il nitrobenzolo è molto utile nel
profumare il sapone e potrebbe essere impiegato con grande vantaggio dai pasticceri e
dai cuochi, in particolare per la sua sicurezza, essendo completamente privo di acido
prussico.
C'erano, oltre a quanto sopra, molti altri oli artificiali; tutti, tuttavia, erano più o meno
complicati, e in così piccole quantità, che era impossibile accertare la loro natura esatta,
ed era dubbio se avessero la stessa origine del primo.
L'applicazione della chimica organica alla profumeria è abbastanza nuova; è probabile
che lo studio di tutti gli eteri o delle combinazioni eteree già conosciuti, e di quelli che
l'ingegnosità del chimico sta scoprendo quotidianamente, allargherà la sfera delle loro
applicazioni pratiche. I capryl-ether scoperti recentemente da Bouis sono notevoli per i
loro odori aromatici (l'acetato di caprilossido possiede l'odore più intenso e gradevole) e
promettono un grande raccolto ai produttori di profumi.- Annalen der Chemie.

CORRISPONDENZA DALLA "JOURNAL OF THE SOCIETY OF ARTS". [N]

CHIMICA E PROFUMERIA .

SIGNORE,
Quando tali periodici come "Parole di famiglia" e "Araldo di famiglia" contengono
argomenti scientifici, trattati in modo da divulgare la scienza, tutti i veri amanti della
filosofia devono sentirsi gratificati; una piccola finzione, una piccola metafora, è
prevista, ed è accettata con le buone intenzioni con cui è data, in stampe così
popolari; ma quando il "Journal of the Society of Arts" ristampa citazioni da tali fonti,
senza modificare o correggere le loro espressioni, trasmetteai suoi lettori un tessuto di
finzione piuttosto troppo fragile per portare un'analisi veritiera. [O]
Nell'articolo su Chemistry and Perfumery, al n. 47, lei cita che "alcuni dei profumi più
delicati sono ora realizzati con artificio chimico, e non, come in passato, distillandoli dai
fiori". Ora, signore, questa affermazione trasmette al pubblico un'idea molto
errata; perché le sostanze di cui si parla in seguito sono chiamate essenze di frutta, e non
essenze di fiori, e le essenze di frutti citate nel tuo articolo non sono mai, e mai possono
essere, usate in profumeria. Questa affermazione si basa sull'esperienza pratica. Le
essenze artificiali dei frutti sono etere: quando vengono versate su un fazzoletto e portate
al naso, agiscono, come è noto, come il cloroformio. Osi un profumiere vendere una
bottiglia di una tale preparazione a una "donna non protetta?"
Ancora una volta, si cita che "i drenaggi delle case di mucche sono la fonte principale
alla quale il produttore si rivolge per la produzione dei suoi profumi più delicati e
ammirati".
Ombra di Munchausen! devo confutare ciò richiamando la vostra attenzione sul fatto che
nel sud della Francia più di 80.000 persone sono impiegate, direttamente e
indirettamente, nella coltivazione dei fiori e nell'estrazione dei loro odori per l'uso dei
profumieri? che l'Italia coltiva i fiori per lo stesso scopo in una misura che impiega un
territorio vasto come l'insieme di alcune contee inglesi? che i tratti di fattorie fiorite
esistono nei Balcani, in Turchia, più estesi di tutto lo Yorkshire? Le nostre fattorie di
fiori a Mitcham, nel Surrey, non hanno bisogno di essere menzionate a confronto,
sebbene importanti. Queste, signore, sono le principali fonti diprofumi. Ci sono altre
fonti a Thibet, Tonquin e nelle Indie Occidentali; ma è stato detto abbastanza, spero, per
confutare la storia della casa delle mucche. Questa storia è fondata sul fatto che l'acido
benzoico può essere ottenuto dal drenaggio delle stalle e che l'acido benzoico ha
piuttosto un odore gradevole. Alcuni dei maggiori profumieri all'ingrosso usano cinque o
sei libbre di benzoina di gomma all'anno, ma nessuno usa l'acido benzoico. I produttori
di losanghe consumano la maggior parte di questo articolo quando sono preparati per
scopi commerciali; come anche le essenze di frutta. Quelli dei tuoi lettori interessati a
ciò che viene realmente usato in profumeria, sono riferiti agli ultimi sei numeri degli
"Annali della farmacia e della chimica pratica", articolo "Profumeria".
Il tuo obbediente servitore,SEPTIMUS PIESSE.
CHIMICA E PROFUMERIA.[P]
SIGNORE,
La discussione sulla chimica e la profumeria in realtà equivale a questo: Mr. Septimus
Piesse confina il termine "profumeria" con cose come Eau de Cologne, & c .; saponi
profumati, generi alimentari, ecc., non sembra classificare come "profumeria". Ora i
profumi artificiali sono ancora principalmente usati per queste ultime sostanze, che nel
linguaggio comune, e, dovrei dire, anche nella nomenclatura di un profumiere,
verrebbero incluse in profumeria. L'autorità per l'urina delle mucche usata per la
profumeria si trova in un piccolo lavoro francese chiamato, credo, "La Chimie de
l'Odorat" in cui viene fornita una descrizione completa della raccolta di urina fresca e
della sua applicazione a questo scopo. Non ho bisogno di dire, che è l'acido benzoico
delle urine che è il principio odorifero.
Il tuo servo ubbidiente,UN PROFUMIERE.
[Quando l'acido benzoico viene preparato da uno qualsiasi dei processi umidi, è esente
dall'olio fragrante e profumato che lo accompagna quando preparato dalla sublimazione
dalla resina, e a quale olio l'acido di commercio deve il suo odore particolare. Questo
fatto annulla completamente la precedente affermazione. SEPTIMUS PIESSE. ]
CHIMICA E PROFUMERIA.[Q]
Signore,
Se l'autore della Lettera sulla chimica e profumeria, pubblicato nel n. 50 del tuo diario, e
inteso come una risposta alla mia - sebbene nessuno fosse necessario - che apparve nel n.
49, sarebbe davvero un profumiere, come suggerisce la sua firma, avrebbe saputo che
non potevo, sebbene mai così incline, "limitare il termine profumeria" a varie sostanze
odorifere ed escludere saponi profumati; perché sarebbe consapevole che un terzo dei
ritorni di ogni profumiere di produzione è derivato dal sapone profumato. Escludo
tuttavia con enfasi dal termine profumeria, "generi alimentari, ecc.", Il significato di et
cætera , presumo, "confetteria", perché la profumeria ha a che fare con uno dei sensi,
l' ODORE , mentre le drogherie, ecc., Sono distinguibili da un altro, GUSTO; e se le nostre
facoltà fisiche non avessero fatto chiaramente la distinzione, il commercio e le
manifatture le avrebbero definite: ripeto, pertanto, che le essenze artificiali dei frutti non
sono usate in profumeria, come affermato nel n. 47, dalle autorità quotate. Se qualcuno
può negare questa affermazione, lascia che lo faccia ora, "o per sempre dopo aver
taciuto", aalmeno su questo argomento. Il "Journal of the Society of Arts" non è un
mezzo di semplice polemica. Se una dichiarazione è fatta per errore, lascia che sia la
verità a correggerla, che, se si dice, dovrebbe essere fatta, non sotto il velo di un
corrispondente anonimo, ma con un nome per sostenere l'asserzione. La scienza ha a che
fare con fatti e cifre tangibili, alla sola politica appartiene l'anonimo spillatore
d'inchiostro.
Sono, signore, vostro fedelmente,SEPTIMUS PIESSE .42 Chapel Street, Edgware Road.
[Se la parola sapore fosse stata usata dai vari autori che hanno scritto su questo
argomento, al posto della parola profumo , sarebbe stata impedita la diffusione di un'idea
errata: la parola profumo, applicata all'olio di pera, al pino olio, ecc., implica, e il tenore
generale delle osservazioni degli scrittori porta il lettore a dedurre che queste sostanze
sono usate dai profumieri, che non solo non lo fanno, ma non possono usarli nel loro
mestiere.
Ma per aromatizzare nettare, losanghe, dolciumi, ecc., Questi eteri, o oli come li
chiamano gli scrittori, sono ampiamente usati, e del tutto in accordo con le affermazioni
di Hoffman, Playfair, Fehling e Bastick. Tuttavia, le gloriose conquiste della chimica
moderna non hanno perso nulla con questa errata applicazione di un termine
commerciale. SEPTIMUS PIESSE. ]
OTTONE DALLE PIANTE.

QUANTITÀ DI OTTOS, ALTRIMENTI OLII ESSENZIALI, OTTENUTI DA VARIE PIANTE.

sterline Di otto.
Buccia d'arancia, 10 rendimento circa 1 oncia.
Erba secca maggiorana, 20 " 3 once
Fresco "" 100 " 3 once
"Peppermint, 100 " 3 a 4 once.
Secco " 25 " 3 a 4 once.
"Origanum, 25 " 2-3 once
"Timo, 20 " 1 a 1-1 / 2 oz.
"Calamo, 25 " 3 a 4 once.
Seme d'anice, 25 " 9 a 12 once.
Cumino, 25 " 16 once
Chiodi di garofano, 1" 2-1 / 2 oz.
Cannella, 25 " 3 once
Cassia, 25 " 3 once
Legno di cedro, 28 " 4 once.
Mazza, 2" 3 once
Noce moscata, 2" 3 a 4 once.
Erba fresca, 60 " 1 a 1-1 / 2 oz.
Torta di mandorle amare, 14 " 1 oncia.
Radice di bandiera dolce, 112 " 16 once
Foglie di geranio, 112 " 2 once
Fiori di lavanda, 112 " 30 a 32 once.
Foglie di mirto, 112 " 5 once
Erba Patchouly, 112 " 28 once
Fiore di rosa della
112 " 1-1 / 2 a 2 dracme.
provincia,
Rodio-legno, 112 " 3 a 4 once.
Santal-legno, 112 " 30 once
Vitivert o kus-kus-root, 112 " 15 once
PESI E MISURE.

PESI E MISURE FRANCESI CONFRONTATI CON L'INGLESE .

Imperiale Troy Chilo- Libbre.


Litri
Galloni. Grammes. Grani. grammi. Avoird.
.
1, 0,22,01 mila 1, 15,434 1, 2,20,486 mila
2, 0,44,019 mila 2, 30,868 2, 4,40,971 mila
3, 0,66,029 mila 3, 46,302 3, 6,61,457 mila
4, 0,88,039 mila 4, 61,736 4, 8,81,943 mila
5, 1,10,048 mila 5, 77,170 5, 11,02,429 mila
6, 1,32,058 mila 6, 92,604 6, 13,22,914 mila
7, 1,54,068 mila 7, 108,038 7, 15,43,4 mila
8, 1,76,077 mila 8, 123,472 8, 17,63,886 mila
9, 1,98,087 mila 9, 138,906 9, 19,84,371 mila

PESI E MISURE INGLESI CONFRONTATI CON IL FRANCESE .

Imp. Troy Libbre. Chilo-


Galloni
Litri. Grani. Grammes. Avoird. grammi.
.
0,06,479
1, 4,54,346 mila 1, 1, 0,45,354 mila
mila
0,12,958
2, 9,08,692 mila 2, 2, 0,90,709 mila
mila
0,19,438
3, 13,63,038 mila 3, 3, 1,36,063 mila
mila
0,25,917
4, 18,17,384 mila 4, 4, 1,81,418 mila
mila
0,32,396
5, 22,71,73 mila 5, 5, 2,26,772 mila
mila
0,38,875
6, 27,26,076 mila 6, 6, 2,72,126 mila
mila
0,45,354
7, 31,80,422 mila 7, 7, 3,17,481 mila
mila
0,51,834
8, 36,34,768 mila 8, 8, 3,62,835 mila
mila
0,58,313
9, 40,89,114 mila 9, 9, 4,08,19 mila
mila
NOTE:

[A]Fratello dell'autore.
[B]Vedi Appendice "Acido benzoico".
[C]Vedi "Incenso".
[D]Il dazio sull'acqua di Colonia è ora, secondo l'ultima tariffa, 8 giorni. per flacone di 4 once o
20  s.  per gallone.
[E] Losciroppo semplice consiste di 3 libbre. di zucchero filato, bollito per un minuto in una pinta,
imperiale, di acqua distillata.
[F]La misura imperiale è riconosciuta solo tra i profumieri.
[G]Annals of Pharmacy, vol. ii, pp. 168, 169.
[H]Il deposito è quasi insolubile in acqua, è acido e astringente al gusto, dà una reazione acida con
tornasole. Lo spirito del vino si dissolve in una piccola porzione che, per evaporazione, lascia una
spessa sostanza oleo-resinosa, dall'odore rancido. L'etere lascia una resina dall'odore gradevole, un
po 'simile alla canfora. Il resto è quasi insolubile in liq. ammoniæ, liq. potassa, più solubile in acido
nitrico e merita di essere ulteriormente esaminata.
[I]Qy. Confetteria?
[J]Qy. Pasticceri?
[K]Confetteria.
[L]Lo scrittore significa etere!
[M]Vedi "Almond".
[N]No. 49.
[O]Se il nostro corrispondente avesse letto attentamente l'articolo che attaccava così ferocemente,
avrebbe visto che le autorità erano la conferenza del dottor Lyon Playfair e il professore Fehling,
nel "Wurtemberg Journal of Industry". - ED.
[P]No. 50.
[Q]No. 52.

Fine del progetto The Art of Perfumery di Gutenberg, di GW Septimus Piesse

*** FINE DEL PROGETTO GUTENBERG EBOOK L'ARTE DELLA PROFUMERIA ***

***** Questo file deve essere denominato 16378-h.htm o 16378-h.zip *****


Questo e tutti i file associati di vari formati saranno trovati in:
http://www.gutenberg.org/1/6/3/7/16378/

Prodotto da The Online Distributed Proofreading Team presso


http://www.pgdp.net.
Le edizioni aggiornate sostituiranno la precedente: le vecchie edizioni
sarà rinominato.

La creazione di opere da edizioni di stampa di dominio pubblico significa che no


uno possiede un copyright degli Stati Uniti in queste opere, quindi la
Fondazione
(e tu!) puoi copiarlo e distribuirlo negli Stati Uniti senza
permesso e senza pagare i diritti d'autore. Regole speciali,
esposto nelle Condizioni Generali d'Uso parte di questa licenza, applicare a
copiando e distribuendo le opere elettroniche del progetto Gutenberg-tm
proteggere il concetto e il marchio PROJECT GUTENBERG-tm. Progetto
Gutenberg è un marchio registrato e non può essere utilizzato se tu
addebito per gli eBook, a meno che non riceviate un permesso specifico. Se tu
non addebitare nulla per le copie di questo eBook, in conformità con
le regole sono molto semplici Puoi usare questo eBook per quasi tutti gli scopi
come la creazione di opere derivate, relazioni, spettacoli e
ricerca. Possono essere modificati e stampati e dati via - si può fare
praticamente TUTTO con eBook di dominio pubblico. La ridistribuzione è
soggetto alla licenza del marchio, in particolare commerciale
ridistribuzione.

*** INIZIO: LICENZA COMPLETA ***

LA LICENZA GUTENBERG DEL PROGETTO PIENO


LEGGERE QUESTO PRIMA DI DISTRIBUIRE O UTILIZZARE QUESTO LAVORO

Per proteggere la missione del Progetto Gutenberg-tm di promuovere il libero


distribuzione di opere elettroniche, utilizzando o distribuendo questo lavoro
(o qualsiasi altro lavoro associato in qualche modo con la frase "Progetto
Gutenberg "), accetti di rispettare tutti i termini del progetto completo
Licenza Gutenberg-tm (disponibile con questo file o online all'indirizzo
http://gutenberg.net/license).

Sezione 1. Condizioni generali d'uso e ridistribuzione del progetto Gutenberg-tm


lavori elettronici

1.A. Leggendo o usando qualsiasi parte di questo Progetto Gutenberg-tm


lavoro elettronico, si indica di aver letto, compreso, accettato
e accetta tutti i termini di questa licenza e proprietà intellettuale
(marchio / copyright) accordo. Se non sei d'accordo di rispettare tutti
i termini di questo accordo, è necessario interrompere l'utilizzo e restituire o
distruggere
tutte le copie delle opere elettroniche di Project Gutenberg-tm in tuo possesso.
Se hai pagato una commissione per ottenere una copia o accesso a un Progetto
Gutenberg-tm lavoro elettronico e tu non sei d'accordo di essere vincolato dal
termini di questo accordo, è possibile ottenere un rimborso dalla persona o
entità a cui hai pagato la commissione come previsto al paragrafo 1.E.8.

1.B. "Project Gutenberg" è un marchio registrato. Potrebbe essere solo


utilizzato o associato in qualsiasi modo con un lavoro elettronico da parte di
persone che
accetta di essere vincolato dai termini di questo accordo. Ci sono alcuni
cose che puoi fare con la maggior parte delle opere elettroniche di Project
Gutenberg-tm
anche senza rispettare i termini completi di questo accordo. Vedere
paragrafo 1.C di seguito. Ci sono molte cose che puoi fare con Project
Gutenberg-tm funziona elettronicamente se si seguono i termini di questo accordo
e contribuire a preservare il libero accesso futuro al progetto Gutenberg-tm
elettronico
lavori. Vedere il paragrafo 1.E di seguito.

1.C. The Project Gutenberg Literary Archive Foundation ("la Fondazione"


o PGLAF), possiede un copyright di compilazione nella raccolta di Project
Gutenberg-tm lavori elettronici. Quasi tutti i singoli lavori nel
la raccolta è di pubblico dominio negli Stati Uniti. Se uno
il lavoro individuale è di dominio pubblico negli Stati Uniti e tu lo sei
situato negli Stati Uniti, non rivendichiamo il diritto di impedirvi
copia, distribuzione, esecuzione, visualizzazione o creazione di derivata
lavora in base al lavoro purché rimandi a Project Gutenberg
sono stati rimossi Naturalmente, speriamo che sosterrai il Progetto
Gutenberg-tm missione di promuovere l'accesso gratuito alle opere elettroniche
di
condividere liberamente Project Gutenberg-tm funziona in conformità con i
termini di
questo accordo per mantenere il nome del progetto Gutenberg-tm associato
il lavoro. Puoi facilmente rispettare i termini di questo accordo
mantenendo questo lavoro nello stesso formato con il suo progetto completo
allegato
Licenza Gutenberg-tm quando la condividi gratuitamente con altri.

1.d. Governano anche le leggi sul copyright del luogo in cui ti trovi
cosa puoi fare con questo lavoro Le leggi sul copyright nella maggior parte dei
paesi sono in
uno stato costante di cambiamento. Se sei fuori dagli Stati Uniti, controlla
le leggi del tuo paese in aggiunta ai termini di questo accordo
prima di scaricare, copiare, visualizzare, eseguire, distribuire o
creare lavori derivati basati su questo lavoro o su qualsiasi altro progetto
Gutenberg-tm funziona. La Fondazione non rilascia dichiarazioni in merito
lo stato del copyright di qualsiasi lavoro in qualsiasi paese al di fuori dello
United
Stati.

1.e. A meno che non siano stati rimossi tutti i riferimenti a Project Gutenberg:

1.E.1. La seguente frase, con collegamenti attivi o altri immediati


accesso a, la completa Licenza Project Gutenberg-tm deve apparire in modo
prominente
ogni volta che una copia di un progetto Gutenberg-tm funziona (qualsiasi lavoro
su cui il file
viene visualizzata la frase "Progetto Gutenberg" o con la frase "Progetto
Gutenberg "è associato) è accessibile, visualizzato, eseguito, visualizzato,
copiato o distribuito:

Questo eBook è per l'uso di chiunque, ovunque, senza costi e con


quasi senza restrizioni di sorta. Puoi copiarlo, darlo via o
riutilizzarlo secondo i termini della licenza Project Gutenberg inclusa
con questo eBook o online su www.gutenberg.net

1.E.2. Se viene derivato un singolo lavoro di Project Gutenberg-tm elettronico


dal pubblico dominio (non contiene un avviso che indica che lo è
pubblicato con il permesso del detentore del copyright), il lavoro può essere
copiato
e distribuito a chiunque negli Stati Uniti senza pagare alcuna commissione
o spese. Se stai ridistribuendo o fornendo l'accesso a un'opera
con la frase "Progetto Gutenberg" associata o visualizzata sul
lavoro, è necessario rispettare i requisiti dei paragrafi 1.E.1
attraverso 1.E.7 o ottenere il permesso per l'uso del lavoro e il
Progetto Gutenberg-tm marchio di fabbrica come stabilito ai paragrafi 1.E.8 o
1.E.9.
1.E.3. Se viene pubblicata una singola opera elettronica di Project Gutenberg-tm
con il permesso del detentore del copyright, il tuo uso e la distribuzione
deve rispettare entrambi i paragrafi da 1.E.1 a 1.E.7 e qualsiasi altro
termini imposti dal titolare del copyright. I termini aggiuntivi saranno
collegati
alla licenza Project Gutenberg-tm per tutte le opere pubblicate con
permesso del detentore del copyright trovato all'inizio di questo lavoro.

1.E.4. Non scollegare o scollegare o rimuovere il progetto completo Gutenberg-tm


Termini di licenza da questo lavoro o qualsiasi file che contiene una parte di
questo
lavoro o qualsiasi altro lavoro associato a Project Gutenberg-tm.

1.E.5. Non copiare, visualizzare, eseguire, distribuire o ridistribuire questo


lavoro elettronico, o qualsiasi parte di questo lavoro elettronico, senza
mostrando in modo visibile la frase di cui al paragrafo 1.E.1 con
collegamenti attivi o accesso immediato ai termini completi del Progetto
Licenza Gutenberg-tm.

1.E.6. Puoi convertire e distribuire questo lavoro in qualsiasi binario,


modulo compresso, marcato, non proprietario o proprietario, compreso qualsiasi
elaborazione di testi o modulo ipertestuale. Tuttavia, se si fornisce l'accesso
a o
distribuire copie di un progetto Gutenberg-tm funzionano in un formato diverso
da
"Plain Vanilla ASCII" o altro formato utilizzato nella versione ufficiale
pubblicato sul sito web ufficiale del Progetto Gutenberg-tm (www.gutenberg.net),
devi, senza costi aggiuntivi, commissioni o spese per l'utente, fornire un
copia, un mezzo per esportare una copia o un mezzo per ottenerne una copia
richiesta, del lavoro nel suo originale "Plain Vanilla ASCII" o altro
modulo. Qualsiasi formato alternativo deve includere il progetto completo
Gutenberg-tm
Licenza come specificato al paragrafo 1.E.1.

1.E.7. Non addebitare una commissione per l'accesso, la visualizzazione, la


visualizzazione,
eseguire, copiare o distribuire qualsiasi progetto Gutenberg-tm funziona
a meno che non si rispetti il paragrafo 1.E.8 o 1.E.9.

1.E.8. È possibile addebitare un costo ragionevole per copie o fornitura


accesso o distribuzione di opere elettroniche Project Gutenberg-tm fornite
quella

- Si paga una commissione di royalty del 20% dei profitti lordi da cui si
ottiene
l'uso di Project Gutenberg-tm funziona calcolato utilizzando il metodo
usi già per calcolare le tasse applicabili. La tassa è
dovuto al proprietario del marchio di progetto Gutenberg-tm, ma lui
ha accettato di donare royalties ai sensi del presente paragrafo al
Fondazione Gutenberg per l'archivio letterario. Pagamenti di royalty
deve essere pagato entro 60 giorni dopo ogni data in cui tu
preparare (o sono legalmente obbligati a preparare) la tassa periodica
ritorna. I pagamenti di diritti dovrebbero essere chiaramente indicati come
tali e
inviato alla Fondazione per l'archivio letterario del Progetto Gutenberg al
indirizzo specificato nella Sezione 4, "Informazioni sulle donazioni a
la Fondazione per l'archivio letterario del Progetto Gutenberg. "

- Fornisci un rimborso completo di tutti i soldi pagati da un utente che avvisa


tu per iscritto (o per e-mail) entro 30 giorni dal ricevimento che lui /
lui
non è d'accordo con i termini dell'intero progetto Gutenberg-tm
Licenza. È necessario richiedere all'utente di restituire o
distruggere tutte le copie delle opere possedute su un supporto fisico
e interrompere l'uso di tutti e tutti gli accessi ad altre copie di
Il progetto Gutenberg-tm funziona.

- Fornisci, in conformità al paragrafo 1.F.3, un rimborso completo di qualsiasi


soldi pagati per un lavoro o una copia sostitutiva, se un difetto nel
il lavoro elettronico viene scoperto e segnalato all'utente entro 90 giorni
di ricevuta del lavoro.

- Rispetti tutti gli altri termini del presente accordo gratuitamente


la distribuzione del progetto Gutenberg-tm funziona.

1.E.9. Se si desidera addebitare una commissione o distribuire un progetto


Gutenberg-tm
lavoro elettronico o gruppo di lavori a condizioni diverse da quelle stabilite
avanti in questo accordo, è necessario ottenere il permesso per iscritto da
sia il Project Gutenberg Literary Archive Foundation che Michael
Hart, il proprietario del marchio Project Gutenberg-tm. Contatta il
Fondazione come indicato nella Sezione 3 di seguito.

1.f.

1.F.1. I volontari del progetto Gutenberg e gli impiegati spendono considerevoli


sforzo per identificare, fare ricerche sul copyright, trascrivere e correggere
le bozze
dominio pubblico funziona nella creazione del progetto Gutenberg-tm
collezione. Nonostante questi sforzi, Project Gutenberg-tm electronic
funziona e il supporto su cui possono essere memorizzati può contenere
"Difetti", come, a titolo esemplificativo, incompleto, inaccurato o
dati corrotti, errori di trascrizione, un copyright o altro intellettuale
violazione della proprietà, disco difettoso o danneggiato o altro supporto, a
virus informatico o codici informatici che danneggiano o non possono essere
letti da
la tua attrezzatura.

1.F.2. GARANZIA LIMITATA, ESCLUSIONE DI DANNI - Tranne per il "Diritto"


di sostituzione o rimborso "descritto nel paragrafo 1.F.3, il Progetto
Gutenberg Literary Archive Foundation, il proprietario del progetto
Marchio Gutenberg-tm e qualsiasi altra parte che distribuisce un Progetto
Gutenberg-tm lavoro elettronico nell'ambito di questo accordo, disconoscere
tutti
responsabilità nei confronti dell'utente per danni, costi e spese, anche legali
tasse. L'UTENTE ACCETTA DI NON AVERE RIMEDI PER LA NEGLIGENZA, RIGOROSAMENTE
RESPONSABILITÀ, VIOLAZIONE DELLA GARANZIA O VIOLAZIONE DEL CONTRATTO TRANNE
QUESTI
FORNITO NEL PARAGRAFO F3. ACCETTI CHE LA FONDAZIONE, IL
IL PROPRIETARIO DEL MARCHIO E QUALSIASI DISTRIBUTORE SOTTO IL PRESENTE CONTRATTO
NON SARANNO
RESPONSABILE PER VOI EFFETTIVI, DIRETTI, INDIRETTI, CONSEQUENZIALI, PUNITIVI O
DANNI INCIDENTALI ANCHE SE DARE AVVISO DELLA POSSIBILITÀ DI TALI
DANNO.

1.F.3. DIRITTO LIMITATO DI SOSTITUZIONE O RIMBORSO - Se scopri un


difetto in questo lavoro elettronico entro 90 giorni dal ricevimento, è
possibile
ricevere un rimborso del denaro (se presente) che hai pagato per l'invio di un
spiegazione scritta alla persona da cui hai ricevuto il lavoro. Se tu
ricevuto il lavoro su un supporto fisico, è necessario restituire il mezzo con
la tua spiegazione scritta. La persona o entità che ti ha fornito
il lavoro difettoso può scegliere di fornire una copia sostitutiva al posto di a
rimborso. Se hai ricevuto il lavoro per via elettronica, la persona o entità
fornendolo a voi potrebbe scegliere di darvi una seconda opportunità
ricevere il lavoro elettronicamente in sostituzione di un rimborso. Se la
seconda copia
è anche difettoso, è possibile richiedere un rimborso per iscritto senza
ulteriore
opportunità per risolvere il problema.

1.F.4. Tranne il diritto limitato di sostituzione o rimborso stabilito


nel paragrafo 1.F.3, questo lavoro è fornito "COSÌ COM'È", SENZA ALTRO
GARANZIE DI ALCUN TIPO, ESPLICITE O IMPLICITE, INCLUSE, MA NON LIMITATE A
GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ O IDONEITÀ PER QUALSIASI SCOPO.

1.F.5. Alcuni stati non consentono disclaimer di determinate implicite


garanzie o l'esclusione o la limitazione di determinati tipi di danni.
Se una qualsiasi dichiarazione di non responsabilità o limitazione stabilita in
questo accordo viola il
legge dello stato applicabile al presente accordo, l'accordo deve essere
interpretato per fare la massima limitazione di responsabilità o limitazione
consentita da
la legge statale applicabile. L'invalidità o inapplicabilità di qualsiasi
la fornitura del presente accordo non annulla le restanti disposizioni.

1.F.6. INDENNITÀ - Accetti di indennizzare e mantenere la Fondazione, il


proprietario del marchio, qualsiasi agente o dipendente della Fondazione,
chiunque
fornire copie delle opere elettroniche di Project Gutenberg-tm in conformità
con questo accordo e tutti i volontari associati alla produzione,
promozione e distribuzione di opere elettroniche di Project Gutenberg-tm,
innocuo da ogni responsabilità, costi e spese, comprese le spese legali,
che derivano direttamente o indirettamente da una delle seguenti azioni
o perché si verifichi: (a) distribuzione di questo o di qualsiasi Progetto
Gutenberg-tm
lavoro, (b) alterazione, modifica, o aggiunte o cancellazioni a qualsiasi
Il progetto Gutenberg-tm funziona, e (c) qualsiasi difetto che causi.

Sezione 2. Informazioni sulla missione del progetto Gutenberg-tm

Project Gutenberg-tm è sinonimo di distribuzione gratuita di


lavori elettronici in formati leggibili dalla più ampia varietà di computer
compresi computer obsoleti, vecchi, di mezza età e nuovi. Esiste
a causa degli sforzi di centinaia di volontari e donazioni da parte di
persone in tutti i ceti sociali.

Volontari e supporto finanziario per fornire volontari al


l'assistenza di cui hanno bisogno è fondamentale per raggiungere Project
Gutenberg-TM
obiettivi e garantire che la raccolta del progetto Gutenberg-tm lo farà
rimangono liberamente disponibili per le generazioni a venire. Nel 2001, il
Progetto
La Fondazione per l'archivio letterario di Gutenberg è stata creata per fornire
sicurezza
e futuro permanente per Project Gutenberg-tm e le generazioni future.
Per saperne di più sulla Fondazione per l'archivio letterario del Progetto
Gutenberg
e come i tuoi sforzi e le tue donazioni possono aiutare, vedi le sezioni 3 e 4
e la pagina web della Fondazione su http://www.pglaf.org.

Sezione 3. Informazioni sull'Archivio Letterario del Progetto Gutenberg


Fondazione
Il Project Gutenberg Literary Archive Foundation non ha scopo di lucro
501 (c) (3) corporazione educativa organizzata secondo le leggi del
stato del Mississippi e concesso lo status di esenzione fiscale dall'Interno
Agenzia delle entrate. EIN della Fondazione o identificazione fiscale federale
il numero è 64-6221541. La sua lettera 501 (c) (3) è pubblicata su
http://pglaf.org/fundraising. Contributi al progetto Gutenberg
La Fondazione per l'archivio letterario è fiscalmente deducibile
permesso dalle leggi federali degli Stati Uniti e dalle leggi del vostro stato.

L'ufficio principale della Fondazione si trova a 4557 Melan Dr. S.


Fairbanks, AK, 99712., ma i suoi volontari e impiegati sono sparsi
in numerose località. Il suo ufficio commerciale si trova a
809 North 1500 West, Salt Lake City, UT 84116, (801) 596-1887, email
business@pglaf.org. Link di contatti email e contatti aggiornati
informazioni possono essere trovate sul sito web della Fondazione e ufficiali
pagina su http://pglaf.org

Per ulteriori informazioni di contatto:


Dr. Gregory B. Newby
Amministratore delegato e direttore
gbnewby@pglaf.org

Sezione 4. Informazioni sulle donazioni al progetto Gutenberg


Fondazione per l'archivio letterario

Il progetto Gutenberg-tm dipende e non può sopravvivere senza ampiezza


diffondere il sostegno pubblico e le donazioni per svolgere la sua missione di
aumentare il numero di opere pubbliche e autorizzate che possono essere
distribuito liberamente in forma leggibile dalla macchina accessibile dal più
ampio
gamma di attrezzature comprese attrezzature obsolete. Molte piccole donazioni
($ 1 a $ 5,000) sono particolarmente importanti per mantenere esentasse
stato con l'IRS.

La Fondazione si impegna a rispettare le leggi che regolano


enti di beneficenza e donazioni di beneficenza in tutti e 50 gli stati uniti
Stati. I requisiti di conformità non sono uniformi e richiede un
uno sforzo considerevole, molta documentazione e molte spese per incontrarsi e
stare al passo
con questi requisiti. Non sollecitiamo donazioni in luoghi
dove non abbiamo ricevuto conferma scritta di conformità. A
INVIA DONAZIONI o determina lo stato di conformità per qualsiasi
particolare visita statale http://pglaf.org

Mentre non possiamo e non sollecitare contributi da parte degli Stati in cui
siamo
non hanno soddisfatto i requisiti di sollecitazione, non conosciamo alcun
divieto
contro l'accettazione di donazioni non richieste da donatori in tali stati che
contattaci con offerte da donare.

Le donazioni internazionali sono accettate con gratitudine, ma non possiamo fare


eventuali dichiarazioni relative al trattamento fiscale delle donazioni ricevute
da
fuori dagli Stati Uniti. Le leggi degli Stati Uniti da sole inondano il nostro
piccolo personale.

Si prega di controllare le pagine Web del Progetto Gutenberg per la donazione


corrente
metodi e indirizzi. Le donazioni sono accettate in un numero di altre
modi tra cui controlli, pagamenti online e carte di credito
donazioni. Per donare, visitare: http://pglaf.org/donate

Sezione 5. Informazioni generali sul progetto Gutenberg-tm electronic


lavori.

Il professor Michael S. Hart è il creatore del progetto Gutenberg-tm


concetto di una biblioteca di opere elettroniche che possono essere liberamente
condivise
con chiunque. Per trent'anni ha prodotto e distribuito Project
EBook Gutenberg-tm con solo una rete di supporto volontario.

Gli eBook di Gutenberg-tm del progetto sono spesso creati da diversi stampati
edizioni, tutte confermate come dominio pubblico negli Stati Uniti
a meno che non sia inclusa una nota di copyright. Quindi, non necessariamente
mantenere gli eBook in conformità con qualsiasi edizione cartacea particolare.

La maggior parte delle persone inizia dal nostro sito Web che ha la principale
funzione di ricerca PG:

http://www.gutenberg.net

Questo sito Web include informazioni su Project Gutenberg-tm,


incluso come fare donazioni al Progetto Gutenberg Literary
Archive Foundation, come aiutare a produrre i nostri nuovi eBook e come
iscriviti alla nostra newsletter per conoscere nuovi eBook.

*** FINE: LICENZA COMPLETA ***