Sei sulla pagina 1di 98

IOLMaster

(Versione Software 3.xx)

Manuale di istruzioni
0
Copyright 1

La conoscenza di quanto contenuto nel presente manuale è indispenĆ


sabile per il corretto funzionamento dello strumento. Per tale ragione,
l'utente è invitato a leggere attentamente il presente manuale, in partiĆ
colare le parti relative alla sicurezza nell'utilizzo dello strumento.
Le specifiche tecniche sono soggette a modifica e non è previsto alcun
servizio di aggiornamento del manuale.

 Senza previa ed espressa autorizzazione, la duplicazione e l'inoltro


del presente documento nonché l'utilizzo e la comunicazione del
suo contenuto sono severamente proibiti. Qualsiasi violazione preĆ
vede il pagamento di un indennizzo.
Tutti i diritti sono riservati in caso di concessione di brevetto o di
registrazione di un modello.

Windows 95® è un marchio della Microsoft Corporation, Inc.

IOLMasterTM è un marchio della Carl Zeiss Jena GmbH.

SRK® è un marchio della CTI (Computational Technology Inc.).

Gli ulteriori marchi e denominazioni di software e hardware utilizzati in


queste Istruzioni per l'uso sono, in generale, sotto la protezione della
legislazione relativa ai marchi di commercio od ai brevetti. La menzione
di prodotti serve soltanto per finalità informative e non costituisce nesĆ
sun abuso di merci.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


2 Indice

Copyright . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Nota relative alla sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Standard e normative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Nota sull'installazione e sull'utilizzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Funzionamento in sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Sicurezza elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Emissione luminosa dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Requisiti operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Corretto utilizzo dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Utilizzo previsto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Descrizione dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Comandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Accessori facoltativi disponibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Inizializzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Descrizione funzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Controllo del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Osservazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Funzionamento tramite touchpad e tastiera . . . . . . . . . . . . . 13
Funzionamento tramite tastiera opzionale e mouse . . . . . . . 13
Disposizione dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Panoramica dei pulsanti e dei tasti abbreviati . . . . . . . . . . . . . . . 15
Riassunto delle visualizzazioni dei risultati in modalità
lunghezza assiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Panoramica dei menu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Database degli utenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Backup dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Submenu Setup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Preparazione per le misurazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Accensione dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Inserimento dei dati dei pazienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Allineamento dello strumento al paziente . . . . . . . . . . . . . . . 27
Misurazione della lunghezza assiale [ALM] . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Misurazione della curvatura corneale [KER] . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Misurazioni cheratometriche multiple . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Misurazione della profondità della camera anteriore [ACD] . . . 33
Determinazione del White-To-White" [WTW] (opzionale) . . . . 35
Misurazione dell'altro occhio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Stampa dei risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Calcolo IOL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Inserimento dati delle lentine nel database IOLmaster . . . . . 38
Calcolo della IOL dopo la chirurgia rifrattiva (opzionale) . . . 39
000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003
Contents 3

Calcolo della IOL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


Ottimizzazione delle costanti delle lenti . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Nuovo paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Utilizzare il database del paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Richiamare i risultati di misurazioni precedenti . . . . . . . . . . . 52
Cancellare un paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Rinominare un paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Esportazione dei dati (opzionale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Spegnimento dello IOLMaster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
Valutazione dei risultati ALM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Esempio di curve di segnale delle misurazioni della lunghezza
assiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Curve di segnale valide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Curve di segnale non valide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Zoomata del display grafico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Editing post-elaborazione delle misurazioni della lunghezza
assiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Categorie dell'SNR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Spostamento del cursore di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Interpretazione delle misurazioni della lunghezza assiale . . . . . . 63
Segnali provenienti dalla membrana limite interna (ILM) . . . 65
Segnali dalla coroide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
Suggerimenti per la misurazione cheratometrica . . . . . . . . . . 68
Come regolare i segni di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Errori di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Cattiva regolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Altre situazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Suggerimenti per la misurazione della profondità della
camera anteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Come regolare lo strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Errori di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Regolazione difettosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Situazioni patologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
Suggerimenti per la misurazione della WTW (opzionale) . . . . 83
Come regolare lo strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Cura e manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Che cosa fare in caso di problemi o di errore del sistema? . . . . 84
Controllare le funzioni di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Rimedi ai problemi di stampante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
Cura dello strumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
Dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
Manufacturer's Declaration . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Legge sui prodotti medicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003
4 Nota relative alla sicurezza

Generalità
Questo strumento è stato sviluppato e testato in base agli standard di
sicurezza di Carl Zeiss Meditec, nonché alle normative nazionali e
internazionali. Lo strumento garantisce un elevato livello di sicurezza.
Osservare tutte le note e le informazioni sulla sicurezza contenute in
questo manuale e sulle etichette dello strumento. Queste note vengono
contrassegnate dai seguenti pittogrammi.

Attenzione!

Pericolo per lo strumento!

Scollegare il cavo di alimentazione prima di aprire lo


strumento!

Strumento di tipo B secondo le norme EN 60601-1


(IEC 60601-1).

Attenzione:
Il corretto funzionamento dello strumento è obbligatorio per il suo
funzionamento in sicurezza. Perciò, si prega di leggere attentamente
questo manuale di istruzioni prima di utilizzare lo strumento.
È possibile ricevere ulteriori informazioni dalla nostra organizzazione di
assistenza o dai rappresentanti autorizzati.

Standard e normative

q Lo strumento è stato progettato nel rispetto degli standard e delle


normative specificate a pagina 93 di questo manuale.
q L'Assicurazione di Qualità di Carl Zeiss soddisfa i requisiti riportati
nelle norme ISO 9001/ EN ISO 13485.
q La Direttiva Europea sugli Apparecchi Medicali (MDD) classifica
questo apparecchio come un apparecchio di Classe IIa.
q L'apparecchio è conforme alla Direttiva CE sugli Apparecchi Medicali
93/42/CEE e al loro equivalente nazionale secondo la Legge Tedesca
sui Prodotti Medicali (MPA) (ĆĆ> Dichiarazione del Fabbricante a
pagina 93).

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Nota relative alla sicurezza 5

Nota sull'installazione e sull'utilizzo

q Non fare funzionare lo strumento


Ć in zone che presentano rischi di esplosione
Ć in presenza di anestetici infiammabili e di solventi volatili come
alcol, benzina o prodotti chimici simili.
q Non conservare né utilizzare questo strumento in ambienti umidi.
Evitare di far gocciolare o di schizzare dei fluidi vicino allo strumento.
q Questo strumento può essere modificato e riparato soltanto dai
tecnici addetti all'assistenza dipendenti di, o autorizzati da, Zeiss.
q Il produttore non è responsabile per eventuali danni causati da
persone non autorizzate che manomettono lo strumento; tale
manomissione renderà nulli gli eventuali diritti di sporgere reclamo
in base alla garanzia.
q Utilizzare questo strumento soltanto con gli accessori forniti da Carl
Zeiss Meditec.
q Lo strumento può essere fatto funzionare soltanto da personale
istruito e addestrato.
q Tenere sempre a portata di mano i manuali di istruzioni.
q Lo strumento può essere aperto soltanto da tecnici addetti
all'assistenza dipendenti o autorizzati da Zeiss.
q Utilizzi soltanto delle stampanti autorizzate da noi.
q Se posizionerà le stampanti nella vicinanza del paziente (1,5 m inĆ
torno alla sedia del paziente presso lo strumento) dovrà assicurare
che:
Ć il paziente non ha la possibilità di toccare le parti metalliche della
stampante e
che l'utente non può toccare, allo stesso tempo, le parti metalliche
ed il paziente o
Ć s'inserisce un trasformatore di separazione fra la rete e la stamĆ
pante.
q Se impiegherà una stampante della classe di sicurezza II (senza conĆ
tatto di terra), dovrà garantire che in caso dell'istallazione della stamĆ
pante vicino al paziente si riempiono le esigenze suddette.
q Se impiegherà una stampante della classe di sicurezza I (con contatto
di terra), dovrà garantire che l'operazione si effettua solamente atĆ
traverso un trasformatore di separazione o una presa separata fissa
dell'istallazione elettrica del locale.
q Il trasformatore di separazione necessario potrà essere acquisto via
la nostra organizzazione di vendita.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


6 Nota relative alla sicurezza

Funzionamento in sicurezza

Sicurezza elettrica

q L'alimentatore incorporato è protetto contro i cortocircuiti e non


contiene fusibili accessibili dall'esterno.
q Se lo strumento viene utilizzato correttamente, non esistono rischi
elettrici per i pazienti e per gli operatori.
q Lo strumento può essere aperto soltanto da persone autorizzate dal
fabbricante.

Light emission from the instrument

q Lo strumento emette luce nelle regioni spettrali della luce visibile e


infrarossa. Mantiene i valori limite specificati dallo standard
ENĂISOĂ15004 Requisiti fondamentali degli strumenti oftalmici e
metodi di prova".
Apparecchio laser q I valori limite specificati per gli strumenti laser di Classe 1 dallo
standard EN 60825-1 vengono rispettati se lo strumento viene fatto
di Classe 1 funzionare come previsto (limitandolo a 20 misurazioni della
lunghezza assiale per occhio e per giorno).
q Con lo IOLMaster sono consentite 20 misure della lunghezza assiale
per occhio e per giorno. Per un funzionamento corretto dello
IOLMaster, questo valore non può essere superato.

Requisiti o perativi

Si prega di fare attenzione a rispettare i seguenti requisiti operativi


quando si utilizza lo IOLMaster:
q Utilizzare il cavo di alimentazione fornito con lo strumento. Se lo
strumento viene montato su un tavolino porta strumenti Zeiss, riceve
corrente attraverso questo tavolo.
q Lo strumento è dotato di una presa di corrente con un sistema di
messa a terra debitamente collegato.
q Tutti i cavi e tutte le spine, qualora siano fornite, sono perfettamente
fissate e funzionanti.
q Evitare l'utilizzo di una prolunga. Se la protezione viene ridotta o i cavi
elettrici vengono danneggiati, sospendere l'utilizzo e assicurarsi che
lo strumento non venga fatto funzionare inavvertitamente. Quindi,
chiamare il servizio di assistenza Carl Zeiss Meditec.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Nota relative alla sicurezza 7

Corretto utilizzo dello strumento

q Per prima cosa, inserire sempre i dati del paziente (cognome, nome
e data di nascita).
q Prima di misurare la profondità della camera anteriore, informare il
paziente che nel corso della misurazione la luce tremolerà.
q Se si verificano problemi di cui non si conoscono le cause, spegnere
immediatamente l'interruttore generale dello strumento e scollegare
il cavo di alimentazione.
q Se lo strumento non risponde ai comandi, spegnere l'interruttore di
alimentazione e poi riavviare.
q Per uscire dal programma una volta terminato l'utilizzo, cliccare sul
pulsante della barra degli strumenti.
Spegnere lo strumento per mezzo dell'interruttore di alimentazione.

Utilizzo previsto

Lo IOLMaster deve essere utilizzato per la misurazione della lunghezza


assiale, della curvatura corneale, della profondità della camera anteriore
e occasionalmente per determinazioni White-To-White"
(Bianco-A-Bianco") dell'occhio umano, nonché per il calcolo della
necessaria lente intraoculare.L'utente è l'unico responsabile per
eventuali utilizzi diversi rispetto a quello previsto.
Lo strumento può essere utilizzato soltanto insieme ad accessori
approvati da Zeiss. Per quanto riguarda l'utilizzo di altri accessori, si
prega di consultare Zeiss o un rappresentante autorizzato del servizio di
assistenza.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


8 Descrizione dello strumento

Comandi

6 7

13

14
9
10
11 12 15

18

17 16

Fig. 1 Comandi dello IOLMaster

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Descrizione dello strumento 9

1 Joystick con pulsante di attivazione


per regolare lo strumento sui piani orizzontale (X, Y) e verticale
(Z, tramite rotazione)
2 Display
3 Contrassegni rossi
indica il livello degli occhi del paziente per l'allineamento ottico
4 Appoggio per la fronte
5 Piastra dei raccordi
6 Connettore del display
7 Connettore del comando dell'apparecchio
8 Connettore del mouse
9 Connettore della tastiera
10 Pulsante sinistro del mouse
11 Pulsante destro del mouse
12 Touchpad per il movimento del cursore
13 Appoggio per il mento
14 Spilli per fermare i blocchi di carta
utilizzati anche per l'allineamento degli occhi di prova
15 Manopola per l'allineamento del paziente
16 Disk drive da 3,5"
soltanto per il servizio di assistenza tecnica
17 Targhetta di certificazione
18 Manopola per il blocco dello strumento

Accessori facoltativi disponibili

q Interruttore a pedale
q Stampante per stampare i risultati
q Supporto per tastiera
q Tavolino portastrumenti IT 3L
q Software, Opzione A
q Software, Opzione B

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


10 Descrizione dello strumento

Installazione

In generale, le seguenti operazioni verranno eseguite da personale Zeiss


o da altro personale autorizzato.
q Togliere e aprire la scatola contenente gli accessori.
q Togliere con cura lo strumento dalla scatola. Sollevare o trasportare
lo strumento afferrandolo esclusivamente per la base.
q Togliere i fermi per il trasporto:
Ć Allentare la manopola di bloccaggio dello strumento (19, Fig. 1).
Ć Ruotare il joystick in senso orario (un solo giro) per spostare lo
strumento verso l'alto ed estrarre la piastra rossa posta sotto l'asse
di base (dal lato del paziente).
Ć Togliere i cuscinetti rossi dalla scatola degli ingranaggi posta alla
base dello strumento.
q Collegamento elettrico (vedere Fig. 2):
Ć Collegare i cavi del display e dello strumento e fissarli.
Ć Collegare i cavi della tastiera e del mouse.
Ć Opzionale: Collegare e fissare la stampante (a LPT 1), il mouse,
l'interruttore a pedale e il cavo di interfaccia (a COM 1).
Ć Collegare il cavo di alimentazione.

1 2 3 4 5

9 8 7 6

* Se si collega un PC 1 Interruttore di alimentazione


esterno, il proprietario/ 2 Connettore per cavo di alimentazione 6 Connettore della stampante (LPT 1)
3 Connettore per interruttore a pedale 7 Porta seriale (COM 1)*
operatore deve assicurarsi
4 Connettore dell'apparecchio 8 Connettore della tastiera
di rispettare i requisiti di 5 Connettore del display 9 Connettore del mouse
sicurezza stabiliti dallo
IECĂ60601-1-1 (apparecchi Fig. 2 Pannello dei connettori dello IOLMaster
elettrici medicali)!
Utilizzare l'interruttore di alimentazione per accendere lo strumento.
Dopo il corretto svolgimento di un breve test interno, si può iniziare a
far funzionare lo strumento. Alcuni parametri di funzionamento sono
impostati dalla fabbrica e possono essere cambiati attraverso il menu
Setup.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Descrizione dello strumento 11

Descrizione funzionale

Lo IOLMaster è uno strumento biometrico combinato che misura i


parametri dell'occhio umano necessari per il calcolo delle lenti
intraoculari. Misura in modo rapido e preciso i seguenti parametri
dell'occhio:
q Lunghezza assiale (distanza fra il velo lacrimale e la retina; vedere
anche a pagina 63)
q Curvatura corneale
q Profondità della camera anteriore
q White-To-White" (facoltativo)

Tutte le misurazioni vengono effettuate senza contatto, e ciò


rappresenta una grande comodità per il paziente.
La misurazione della lunghezza assiale si basa su un metodo ottico di
interferenza brevettato noto con il nome di Interferometria a coerenza
parziale (PCI). I risultati visualizzati delle misurazioni della lunghezza
assiale sono comparabili con le misurazioni a immersione ultrasonica
della lunghezza assiale tramite l'impiego di un algoritmo interno di
calcolo verificato statisticamente.
La curvatura corneale viene determinata misurando la distanza fra le
immagini della luce riflessa come nella cheratometria convenzionale.
La profondità della camera anteriore viene determinata come la
distanza fra le sezioni ottiche della lente del cristallino e la cornea
prodotte da un'illuminazione a fessura laterale.
Il White-To-White" viene determinato dall'immagine dell'iride.
Le misurazioni biometriche dell'occhio effettuate con lo IOLMaster si
possono imparare molto rapidamente senza corsi di addestramento,
che comportano un notevole dispendio di tempo.
Molte caratteristiche integrate di sicurezza garantiscono sia al paziente
che all'operatore la massima sicurezza quando viene utilizzato lo
IOLMaster.
Il software dello IOLMaster funziona nell'ambiente del sistema
operativo Windows 95. Il display a cristalli liquidi funziona sia per
l'allineamento degli occhi del paziente che come interfaccia per i risultati
e il calcolo. Lo strumento è controllato tramite il joystick e la tastiera del
computer con un touchpad integrato (mouse).
Il computer integrato calcola la lente intraoculare ottimale in base ai
valori misurati e alle formule di calcolo internazionali. Vengono fornite
in dotazione 5 formule.
Prima dell'impiego, devono essere inseriti nel database i dati delle lenti
desiderate.
In base ai risultati di rifrazione postoperatoria, le costanti delle lenti che
vengono inserite nelle formule di calcolo possono essere ottimizzate a
livello individuale (personalizzate) per ciascun utente. Nel fare ciò,
dovrebbero essere esclusi i record dei dati dei pazienti che hanno subito
interventi di chirurgia rifrattiva della cornea.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


12 Funzionamento

Controllo del programma

Osservazioni generali

Il computer di controllo dello IOLMaster funziona con il sistema


operativo Windows 95. Per motivi di sicurezza, il sistema operativo non
è accessibile da parte dell'utente.
Le note convenzioni operative di Windows si applicano in modo analogo
all'interfaccia utente del software dello IOLMaster. Ciò si riferisce
all'utilizzo del mouse/touchpad, al funzionamento dei pulsanti, al lavoro
con i riquadri di dialogo e i menu, la conferma con il doppio clic, ecc.
Nota:
Il sistema non supporta tutte le combinazioni di tasti di
WindowsĂ'95. I tasti speciali di Windows presenti su alcune
tastiere sono inefficaci.

Il software dello IOLMaster utilizza soltanto alcuni processi forzati.


L'utente può facoltativamente commutare fra le modalità disponibili.

In rari casi, può succedere che sul display a cristalli liquidi appaiano
messaggi di errore di Windows. Questo si potrebbe verificare, per
esempio, nel caso in cui venisse influenzato il funzionamento del
programma (perlopiù a causa di disturbi esterni).

I rischi alle persone sono decisamente preclusi dall'esistenza di molteplici


dispositivi di blocco di sicurezza nell'hardware e nel software dello
strumento.

Se compare un messaggio di avvertimento, spegnere lo strumento e


contrassegnarlo come difettoso. Quindi, chiamare il Servizio di
assistenza autorizzato Zeiss.

Lo strumento può essere controllato tramite:


q Pulsanti (utilizzando cursore, touchpad/mouse),
q tastiera o
q menu.

Alcune funzioni vengono azionate alternativamente


q dal pulsante sul joystick, o
q dall'interruttore a pedale (opzionale).

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 13

Funzionamento tramite touchpad e tastiera

1 Touchpad 1 2 3
2 Pulsante sinistro del mouse
3 Pulsante destro del mouse
Fig. 3 Funzionamento tramite touchpad e tastiera

q Spostare il cursore toccando il touchpad con un dito e muovendolo


come si desidera.
q È possibile fare clic singoli e doppi battendo con il dito sul touchpad
o con il pulsante sinistro del mouse.
q Per trascinare il cursore, tenere premuto il pulsante sinistro del mouse
mentre si sposta il dito sul touchpad.
q Il pulsante destro del mouse serve soltanto per:
Ć Ripristinare la funzione di zoom (vedere pagina 58).
Ć Posizionamento di precisione continuo del cursore mentre si
effettua il trascinamento (vedere pagina.ā62).

Clic semplice Selezione di menu, casella di testo o inserimento.


Funzionamento di tutti i pulsanti
Doppio clic OK, conferma di azioni.

q Oltre al controllo di programma tramite il mouse e il touchpad, si


possono anche attivare particolari menu premendo tasti singoli o
combinazioni di tasti (vedere panoramica dei menu a pagina 18 e
panoramica dei tasti abbreviati a pagina 15).

Funzionamento tramite tastiera opzionale e mouse

Invece che attraverso la tastiera con touchpad integrato in dotazione,


si può anche fare funzionare lo strumento tramite tastiere e mouse
standard per PC con un raccordo PS/2 reperibile nei negozi di
informatica. Collegare questi elementi agli appositi connettori (vedere
Fig. 2, pag. 10).

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


14 Funzionamento

Disposizione dello schermo

barra dei
menu
campo di visualizzazione
delle immagini video

campo di campo di
visualizzaĆ visualizzaĆ
zione dei zione dei
risultati risultati
dell'occhio dell'occhio
destro sinistro

suggerimenti
operativi
barra dei
pulsanti barra delle
informazioni

messaggi di sistema/ nome cognome occhio


barra di avanzamento
modalità di misurazione
e numero di misure in modaĆ
lità ALM

Fig. 4Ą Disposizione dello schermo (con l'opzione A del software installata)

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 15

Panoramica dei pulsanti e dei tasti abbreviati

PulĆ Tasto Funzione Osservazioni


sante
Attiva lo schermo di Per inserire nuovi
<N> inserimento dati. pazienti e anche per
richiamare i dati di
pazienti nell'arco degli
ultimi 5-100 giorni.
L'inserimento dei dati dei
pazienti è obbligatorio.
Attiva la modalità Per l'allineamento
<O> panoramica e approssimativo prima
l'illuminazione del campo della misurazione.
circostante.
Attiva la modalità di
<A> lunghezza assiale.
Attiva la modalità di
<K> misurazione del raggio
della cornea.
Attiva la modalità della
<D> profondità della camera
anteriore.
Attiva la determinazione WTW = White To White
<W> WTW (opzionale).
Attiva il calcolo della IOL. Il calcolo è possibile
<I> dopo la misurazione di
un occhio. Dopo un
intervento di chirurgia
rifrattiva alla cornea, è
necessario determinare la
rifrazione della cornea.
Stampa i risultati.
<P>
Esporta i dati. Richiede il collegamento * Se si effettua il
<S> di un apposito computer collegamento con un PC
alla porta seriale.* esterno, il proprietario/
Invia i dati al dischetto. Richiede l'inserimento operatore deve assicurarsi
<X> del dischetto nel disk di rispettare i requisiti di
drive. sicurezza stabiliti dalla
IECĂ60601-1-1 (apparecchi
Esce dal software In caso di problemi: elettrici medicali)!
<E> IOLMaster e Windows. Spegnere l'interruttore
principale e scollegare il
cavo di alimentazione.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


16 Funzionamento

Tasto Funzione Osservazioni


<Barra Cambiamento ciclico delle
spaziatrice> modalità: ALM, KER, ACD,
ALM, WTW
Pulsante sul Continuazione del Efficace in modalità
joystick programma panoramica: commuta in
modalità ALM.

Attivazione delle misurazioni Efficace in modalità ALM,


KER, ACD e WTW.
<Del> Cancella dall'elenco le Efficace soltanto in modalità
misure ALM o KER ALM, KER e WTW.
selezionate.
<Ctrl> + <D> Efficace in modalità ALM: ALM: Un solo grafico.
Stampa l'immagine del
grafico selezionato.
Efficace in modalità WTW:
stampa l'immagine WTW: Occhio destro +
selezionata dell'occhio. occhio sinistro

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 17

Riassunto delle visualizzazioni dei risultati in


modalità lunghezza assiale

Visualizz Significato Spiegazioni


azione
Viene selezionata la terza Viene visualizzato il grafico
misurazione della lunghezza della lunghezza assiale di
assiale (22.55 mm). questa misurazione.

Risultato non affidabile Sopra il grafico della lunghezza


1.6 < SNR < 2.0 assiale compare il messaggio
SNR =Rapporto BorderlineSNR. La validità
Segnale-Rumore del risultato dovrebbe essere
verificata dall'utente.
Risultato errato Sopra il grafico della lunghezza
SNR < 1.6 assiale compare il messaggio
Error!".
Il risultato è stato manipolato. * Remains displayed even if
manipulation was undone!

SNR: Rapporto Segnale-Rumore Valori del picco sotto il cursore


6.4 (SNR) e lunghezza assiale di misurazione.
AL: vicino al grafico della
23.38 lunghezza assiale.
Il cursore di misurazione è È necessaria la conferma della
sempre situato sopra il picco di corrispondenza del cursore con
segnale con la massima il picco di segnale RPE.
ampiezza assoluta.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


18 Funzionamento

Panoramica dei menu

L'illustrazione seguente mostra una panoramica dei menu e dei


submenu disponibili per il funzionamento del programma tramite i
comandi da menu.

Patient Functions Options


Test Eye
New Undo Per le misurazioni sull'occhio di
Carica la maschera di inserimento Per cancellare l'ultimo valore prova.
dei dati del paziente per KER/ACD.
l'inserimento dei dati del nuovo User Database
paziente. L'inserimento è Overview O Per inserire i dati dell'utente e
necessario per la misurazione. Axial Length Measurement A della IOL; ottimizzazione delle
costanti delle lenti;
Erase Del Corneal Radius MeasurementK memorizzazione/copiatura del
Cancella un paziente dall'elenco database delle lenti.Setup.
Rename <Ctrl>+R Anterior Chamber Depth MeaĆ
Rinomina un paziente
surement D Setup
Export X IOL Calculation I Date/Time
Invia i dati al dischetto (opzionale) Impostazione della data/orario del
sistema
Send S Program Settings
Invia i dati tramite la porta seriale
Lingua; visualizzazione dell'acuità
ALSettings visiva; orario di memorizzazione dei
Remark Accessibile esclusivamente in gruppi di dati; display
Per inserire i commenti specifici sui modalità ALM cheratometrico; inserimento
pazienti. dell'indice rifrattivo per l'utilizzo del
Phakic
cheratometro; stampa del calcolo
Print... P della IOL.
Inizia la stampa standard. Aphakic Regional Settings
Print Current Graph Corrispondente a Windows
Ctrl+P Pseudophakic Silicone
Tastoboard
Stampa il grafico selezionato Pseudophakic Memory Corrispondente a Windows
(soltanto in modalità ALM)
Pseudophakic PMMA Add Printer
Print current WTW
Installazione di una nuova
images <Ctrl>+D Pseudophakic Acryl stampante.
Stampa le immagini attuali
(soltanto in modalità WTW). SWĆOption
Silicone Filled Eye Installazione di software opzionale
Print
Ändern Preview
des Datenbank Passwortes (opzionale).
Anteprima della stampa Silicone Filled Eye,Aphakic
Install
visualizzata.
Remove
Printer Setup...
Update
Impostazione delle opzioni
specifiche della stampante. Per installare una nuova versione
? del software
Exit E
Esce dall'applicazione e da About IOLMaster Service
Windows. Esclusivamente per l'assistenza
Informazioni sul software, sulla
tecnica (protetta da password).
versione del software, eccetera.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 19

User Database

Dato che, in uno studio associato o in una clinica, lo strumento può


essere utilizzato da più chirurghi, possono essere creati dei record
specifici per i chirurghi. Questo si ottiene tramite User Database nel
menu Options.
Ÿ Nel menu a tendina Options, cliccare su User Database. Questo farà
apparire la finestra di dialogo per l'inserimento dei dati specifici del
chirurgo.

Fig. 5 Menu OptionsĄ

Fig. 6 Finestra di dialogo per la creazione di un profilo del chirurgo

Nota:
Alla consegna dello strumento, lo User Database contiene
soltanto l'amministratore senza nessuna specifica di password.

Soltanto l'amministratore è autorizzato ad aggiungere o a cancellare i


chirurghi e a editare i loro database.

Avvertenza:
I singoli chirurghi possono editare i loro database soltanto se è stata
impostata la protezione tramite password. Se non è stata impostata
nessuna protezione tramite password, i database sono accessibili a tutti
gli utenti!

L'amministratore può attivare la protezione tramite password dopo aver


controllato nella casella Change Password.
Ÿ Scrivere la password nelle caselle di testo Password e Comparison.
Ÿ Confermare l'inserimento con OK.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


20 Funzionamento

Ÿ Per creare un nuovo database del chirurgo, l'amministratore apre il


suo database personale selezionando l'opzione Administrator nella
casella dell'elenco Name.
Appare una finestra di dialogo nella quale possono essere aggiunti
nuovi chirurghi.

Fig. 7Ą User Manager per l'inserimento di un nuovo utente e il backup dei dati

Ÿ Scrivere il nome del nuovo chirurgo.


Ÿ Se diversi chirurghi condividono lo strumento, si raccomanda di
specificare una password per ciascuno, che deve essere ripetuta nella
casella di testo Comparison.
Ÿ Se è stato aggiunto un nuovo chirurgo, utilizzare il pulsante ADD,
oppure utilizzare il pulsante SET se è stata modificata la password di
un chirurgo esistente.
Ÿ Se si vogliono cancellare i dati di un chirurgo dal database, cliccare
sul pulsante ERASE dopo aver selezionato il nome nella finestra di
sinistra.
Ÿ Cliccare OK per confermare gli inserimenti effettuati e per registrare
nuovi chirurghi nel database.
Ÿ Per l'inserimento dei dati delle lenti, fare riferimento a Riempimento
del database IOL (pagina 38Ăe seguenti).

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 21

Data backup
Backup (Creare una copia di backup) Con la funzione Backup, si
possono memorizzare su un dischetto i dati dei pazienti utilizzati per
l'ottimizzazione delle costanti IOL e i dati IOL di tutti gli operatori e delle
corrispondenti lenti utilizzate per il calcolo.
Indipendentemente dalla data di cancellazione impostata, vengono
salvati i seguenti dati dei pazienti: Cognome, Nome, Data di nascita,
Numero ID, dati refrattivi, acuity visiva, remarks, data dell'esame, Valori
della lunghezza Assiale, Valori della curvatura corneale (il valore medio
utilizzato per il calcolo IOL), Valori della profondità camera anteriore, e
dati WTW. Il processo di backup comprende anche le tabelle utilizzate
per l'ottimizzazione delle costanti IOL (assegnazione dell'operatore/
lente/paziente/occhio/dati postoperatori).
Inoltre, per tutti gli operatori, verranno salvate le costanti IOL attualĆ
mente utilizzate per il calcolo.
Nota:
In questo modo, possono essere salvati tutti i dati significativi dei
pazienti e della IOL e i dati necessari per l'ottimizzazione delle
lenti.
I singoli valori della lunghezza assiale, della curvatura/potere di
rifrazione della cornea, della profondità della camera anteriore,
di WTW non vengono salvati e possono andare perduti, per
esempio nel caso di un guasto allo hard disk.
Pertanto, si consiglia di salvare regolarmente questi dati su un
dischetto utilizzando la funzione Export (X), in modo da
minimizzare la perdita dei dati nel caso di un guasto allo
strumento.

Per creare una copia di backup, seguire questa procedura:


Ÿ Nello User Manager attivare Administrator.
Ÿ Cliccare sul pulsante BACKUP per iniziare il processo di backup.
Ÿ Inserire nel disk drive un dischetto formattato.
Ÿ Confermare con OK.
Ÿ Se il dischetto dovesse contenere dei file, viene richiesta la conferma
della sovrascrittura dei file con YES.. La risposta NO alla domanda del
programma fa abortire il processo di backup.
Mentre i dati vengono copiati su dischetto, una barra di avanzaĆ
mento informa sullo stato attuale del processo di copiatura.
Ÿ Infine, si riceverà l'informazione che il backup dei dati è stato
completato con esito positivo.
Nota:
Se il dischetto dovesse contenere una precedente copia di backup
del database o altri file, questi verranno cancellati prima che
venga copiato il database IOL.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


22 Funzionamento

Restore
Utilizzando la funzione Restore, si possono ritrasferire i dati salvati sullo
IOLMaster.

Per ripristinare i dati salvati, seguire questa procedura:


Ÿ Nello User Manager attivare Administrator.
Ÿ Cliccare su RESTORE.
Ÿ Inserire il dischetto con l'ultima copia di backup; confermare con OK.
Ÿ Una richiesta di programma chiederà se tutti gli operatori attualĆ
mente memorizzati nello IOLMaster, i corrispondenti dati IOL e i dati
dei pazienti disponibili per l'ottimizzazione delle costanti IOL possono
essere sovrascritti.
Alla conferma con YES, i dati del database vengono copiati nello
IOLMaster.
Una barra di avanzamento informa sull'attuale stato del processo di
copiatura.
Ÿ Infine, il programma informerà se l'azione di ripristino ha avuto
successo.
Nota:
Dopo il ripristino dei dati di backup, lo stato del database utente
nello User Manager corrisponde a quello del momento del
backup.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 23

Import
La funzione Import consente di trasferire nello IOLMaster i dati IOL
(nome e costanti IOL corrispondenti) di un database salvati su un
dischetto. I dati importati possono essere assegnati a uno o più
operatori. L'Import avrà successo soltanto se i dati sul dischetto hanno
la necessaria struttura di archiviazione.

Per importare i dati IOL, seguire questa procedura:


Ÿ Nello User Manager attivare Administrator.
Ÿ Cliccare il pulsante IMPORT.
Ÿ Inserire il dischetto contenente il database da importare e
confermare con OK.

Fig. 8Ą Finestra di dialogo per l'importazione dei dati IOL

Ÿ Per aprire l'elenco delle lenti disponibili, cliccare su Lens constants


<+>".
Ÿ Scegliere le lenti desiderate; selezionare diverse lenti con <CTRL> +
cursore + clic (le lenti selezionate appaiono evidenziate in blu).
Ÿ Selezionare l'operatore (uno o più di uno) con <CTRL> + cursore + clic
(gli operatori selezionati appaiono evidenziati in blu); se non sono
stati ancora inseriti, innanzitutto inserire i nuovi operatori.
Ÿ Per copiare i dati, cliccare su <>>>.
Ÿ Una barra di avanzamento informa sullo stato del processo di
copiatura. I dati delle lenti selezionate verranno aggiunti agli
operatori selezionati.
Ÿ Uscire dalla finestra di dialogo con EXIT.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


24 Funzionamento

Setup submenu

Ÿ Il submenu Options Setup fornisce le seguenti impostazioni:


Ć Date/Time
Ć Program Settings
Ć Regional Settings
Ć Tastoboard
Ć Add Printer
Ć SWĆOption
Ć Update

Fig. 9 Submenu SetupĄ


Date/Time
Questa opzione consente di impostare la data e l'orario del sistema
Windows 95.

Program Settings/Program
Fig. 10 Date TimeĄ
Questo submenu consente le seguenti opzioni (i valori di default sono
scritti in grassetto):
Ć Lingua del software:
IOLMaster dialoga in tedesco, in English o in altre lingue (la sua
modifica richiede il riavvio del sistema).
Ć Visualizzazione dell'acuità visiva: Decimale o Snellen.
Inserimento dell'acuità visiva nella finestra di dialogo Patient Data.
Ć Tempo di memorizzazione dei gruppi di dati: 5 ... 20 ... 100 giorni.
Sono consentite tutte le cifre comprese fra 5 e 100.
Ć Esportazione dei dati:
Ć Choose old, se il sistema di gestione per ufficio collegato consente
soltanto l'importazione di dati delle versioni dei software di
Fig. 11 Program SettingsĄ interfaccia 1.01 ... 2.02 (dati dei pazienti, valori misurati).
Choose new, se il sistema di gestione per ufficio collegato consente
soltanto l'importazione di dati della versione dei software di
interfaccia 3.0 e superiori.
Ć Display del cheratometro: Radius o Corneal K's per il calcolo dello
IOL.
Ć Display del cheratometro: one measure o list of measures.
Attivando l'opzione list of measures" si possono contempoĆ
raneamente mostrare tre misurazioni (joystick azionato tre volte),
costituite da 5 misurazioni interne singole ciascuna.Si può eseguire
numero facoltativo di misurazioni singole, ma verranno mostrati
soltanto i risultati delle ultime tre misurazioni.
Ć Keratometer Display: - Cylinder o + Cylinder.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 25

Ć Indice di rifrazione cheratometrica:


Inserimento dell'indice di rifrazione equivalente per la conversione
dei raggi della cornea in K corneale.
Default: n = 1,3375. Scrivere l'indice di rifrazione implementato sul
proprio cheratometro (fare riferimento al Manuale di funzionaĆ
mento del cheratometro).
Ć Stampa del calcolo IOL:
Scegliere se si vogliono fare stampare le IOL calcolati di both eyes
su un'unica pagina o soltanto un occhio per pagina.

Program Settings/Export (Option A)


In questo submenu, si possono scegliere i dati da salvare sul dischetto:
Ć Patient ID:
Last Name, First Name, Date of Birth, Exam. Date, ID Number.
Ć Measured values:
Axial length (mean value, individual measured values),
Keratometer (current value; list of measured values),
Anterior chamber depth,
WhiteĆToĆwhite (current value; list of measured values).

Regional Settings
Corrispondenti a Windows. Fig. 12 Impostazioni di
programma / programma

Tastoboard
Cambiamento della versione della tastiera corrispondente a Windows.

Add Printer
Installazione di una stampante per Windows.
Avvia la cartella stampanti di Windows 95.

Software Option
Installazione o disinstallazione di una versione del software.

Update
Inizia l'installazione di aggiornamento di una nuova versione del softĆ
ware da un disco.
Ÿ Inserire il disco.
Ÿ Cliccare su Update. La routine di installazione inizia con l'aggioĆ
rnamento del software.
Seguire le indicazioni che compaiono sullo schermo.
Ÿ Togliere dal drive il disco di installazione.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


26 Funzionamento

Preparazione per le misurazioni

Accensione

Ÿ Accendere l'interruttore generale. Lo IOLMaster inizia eseguendo


un'autodiagnosi. Poi, appare lo schermo di inserimento dati (Fig. 13).

Inserimento dei dati dei pazienti

barra dei voci minime


menu nrcessarei

inserimento dei dati


campo del sulla rifrazione e
database sull'acuità visiva
(facoltativi)

campo dei
commenti

Fig. 13 Schermo di inserimento dei dati dei pazienti

I dati personali dei pazienti non ancora elencati nel database (New
Patient) devono essere inseriti tramite tastiera (usare soltanto cifre",
lettere", .", - e _"; gli altri caratteri speciali non sono accettati!).
Ÿ Per spostare il cursore di testo alla casella di testo successiva,
utilizzare il tasto <TAB> o <ENTER> oppure il mouse.
Nota:
Per motivi di sicurezza, è assolutamente necessario inserire il
cognome, il nome e la data di nascita. I dati vengono salvati a
mano a mano che vengono scritti (in lettere maiuscole o
minuscole). La data di nascita viene accettata nel formato
mm/gg/aa e viene effettuato un controllo di plausibilità. L'anno
può essere anche inserito come numero di quattro cifre (aaaa).
Con i pazienti di età superiore a 10anni, questo formato di
inserimento è indispensabile.
L'inserimento dei dati sull'acuità visiva è possibile soltanto nel
formato dei dati impostato tramite Options ć Setup / Program
Settings.
Ÿ Per il lavoro con il campo del database, fare riferimento alla pagina
51 e seguenti.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 27

Ÿ Terminare l'inserimento cliccando il pulsante <NEW> o premendo il


tasto <ENTER>. Questo attiverà automaticamente la modalità
Panoramica" [OVW]. La luce di fissazione e i LED di illuminazione
sono accesi.
Ÿ Se necessario, si può uscire dall'applicazione e da Windows cliccando
sul pulsante Exit.

Allineamento dello strumento al paziente

I due contrassegni circolari rossi (13, Fig. 1) sulle guide laterali


dell'appoggiatesta (3, Fig. 1) servono per effettuare una regolazione
verticale approssimativa del paziente. Gli occhi del paziente dovrebbero
essere sempre alla stessa altezza di questi segni.
Ÿ In modalità Panoramica, allineare lo strumento all'occhio del
paziente utilizzando il joystick (1, Fig. 1). La regolazione verticale
viene effettuata ruotando la manopola di controllo. Dire al paziente
di guardare sempre la luce di fissazione gialla al centro.
Nota:
In modalità ALM, la luce di fissazione è rossa"; altrimenti è
sempre gialla".
Ÿ Regolare la distanza fra lo strumento e il paziente fino a quando i sei
punti luminosi (1,ĂFig. 14) appaiono a fuoco.
Nota:
Il cerchio di luci dovrebbe essere all'incirca centrato con la pupilla
e la mira (2, Fig. 14).

1 Cerchio di punti luminosi per la messa a fuoco


2 Mira
Fig. 14 Immagine video dell'occhio con lo strumento allineato correttamente

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


28 Funzionamento

Misurazione della lunghezza assiale [ALM]


Tasto Pulsante Ÿ Attivare la modalità ALM utilizzando il
Ć pulsante ALM o il
A; Ć tasto <A> o il
pulsante sul Ć (pulsante sul joystick).
joystick
Nota:
Con il pulsante ALM e il tasto <A>, si possono iniziare le misurazioni
della lunghezza assiale da tutte le modalità. Il pulsante sul joystick
funzionerà soltanto in modalità Panoramica.

Per misurare gli occhi afachici o pseudoafachici o gli occhi pieni di


silicone, selezionare la modalità corrispondente dal menu ALSettings.
Questa modalità speciale AL viene visualizzata nel campo dell'immagine
video e rimarrà attiva fino a quando non la si ripristinerà tramite il menu.
Lo strumento si ripristinerà nella modalità fachica" anche cambiando
il lato (l'altro occhio) o eseguendo le misurazioni a un nuovo paziente.

Nota:
Nella misurazione degli occhi pseudofachici e con specifiche lenti
intraoculari, possono comparire due picchi. Il primo picco più alto
Fig. 15 ALSettings è un massimo laterale della IOL, mentre il secondo picco viene
prodotto dalla retina. In questo caso, è necessaria la correzione
manuale (vedere valutazione dei risultati ALM).

All'attivazione della modalità ALM, lo strumento cambia automaticaĆ


mente l'ingrandimento: una sezione più piccola dell'occhio diventa
visibile con il riflesso della luce di allineamento (2, Fig. 16) e una linea
verticale (1, Fig. 16).

Fig. 16 Immagine video dell'occhio con lo strumento correttamente allineato

Ÿ Chiedere al paziente di guardare la luce di fissazione rossa. Sul display


compare una mira (3, Fig. 16) con un cerchio al centro.
Ÿ Allineare lo strumento con precisione, in modo tale che all'interno del
cerchio compaia il riflesso della luce di allineamento.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 29

Ÿ Iniziare la misurazione usando


Ć il pulsante sul joystick o
Ć l'interruttore a pedale.
Nota:
Prima di eseguire la misurazione, dire ancora una volta al paziente
di fissare la luce di fissazione rossa, che nel corso della misurazione
brilla in modo più intenso. Se l'acuità visiva del paziente è scarsa,
chiedere se riesce a vedere il punto di fissazione! Se non ci riesce,
non si possono escludere misurazioni errate.Nel caso di scarsa
acuità visiva/elevata ametropia (> ± 6 D), è consigliabile effettuare
la misurazione attraverso gli occhiali. Se vengono prese scrupoĆ
losamente, tali misurazioni non produrranno risultati errati.
Le misurazioni fatte attraverso le lenti a contatto porteĆ
ranno a errori di misurazione e perciò non dovrebbero
essere eseguite.

Nella barra di stato, compare una barra di avanzamento blu. Il


corrispondente campo di visualizzazione a fianco dell'immagine video
mostra la lunghezza assiale misurata. All'immagine video viene
sovrapposto un grafico simile a quelli noti provenienti dagli strumenti di
misurazione ultrasonici. Contemporaneamente, vengono visualizzati la
lunghezza assiale e il rapporto segnale-rumore (SNR) del segnale di
misurazione. L'SNR è una misura della qualità della misurazione. Le
misurazioni con un SNR compreso fra 1,6 e 1,9 presentano un punto
esclamativo dopo il valore misurato. Contemporaneamente, sul display
compare il messaggio Borderline SNR" (Fare riferimento alla sezione
Editing dopo l'esecuzione delle misurazioni della lunghezza assiale,
pagina 59 e seguenti, per la valutazione dell'SNR".
Con maggiori opacità delle lenti, può essere consigliabile sfocare lo
strumento. Si può scegliere un riflesso (2, Fig. 16) grande quanto il
cerchio sul display. Se anche in questo caso le misurazioni sono
impossibili, mettere nuovamente a fuoco lo strumento e spostare il
riflesso verso il margine inferiore e/o superiore del cerchio sul display
variando la regolazione verticale (ruotando il joystick).
Nota:
Sfocare e spostare il riflesso all'interno del cerchio non ha
nessun effetto sul risultato, perché la misurazione della
lunghezza assiale interferometrica è assolutamente
indipendente dalla distanza.
Se si ottiene una misurazione valida, si può supporre che il risultato
visualizzato corrisponda alla lunghezza assiale corretta.
Ÿ Premendo il pulsante sul joystick, si attiva la misurazione successiva
di quest'occhio. In un giorno, è possibile effettuare fino a 2di queste
misurazioni per occhio.
Attenzione:
Evitare le misurazioni di occhi affetti da distacco della retina. In questo
caso, non si possono escludere misurazioni errate.
000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003
30 Funzionamento

Dopo la seconda misurazione, comparirà la media delle misure della


lunghezza assiale. Questo valore verrà ricalcolato e aggiornato a ogni
nuova misurazione. Se il risultato di una misurazione differisce di più di
0,2 millimetri dall'altro/dagli altri, al posto della media verrà visualizzato
il messaggio Evaluation". Ciò indica che i risultati della misurazione
devono essere indicati successivamente (vedere Editing dopo l'esecuĆ
zione delle misurazioni della lunghezza assiale, pagina 59 e seguenti).
L'ultimo valore misurato è sempre evidenziato da uno sfondo blu.

Ÿ Si può cancellare immediatamente il valore attuale, se si tratta


ovviamente del risultato di una misurazione errata, premendo il tasto
<DEL> e confermando l'azione con il tasto <ENTER> (vedere anche
Editing dopo l'esecuzione delle misurazioni della lunghezza assiale,
pagina 59).

Nel campo Mode della barra di stato a fianco di ALM", il numero di


misurazioni di ciascun occhio eseguite oggi viene conteggiato in modo
progressivo. Se il conteggio arriva a 20, per oggi non è più possibile
eseguire ulteriori misurazioni di quest'occhio. Non è possibile nemmeno
reimpostare il contatore. I valori misurati cancellati (vedere sopra) non
influenzano il conteggio delle misurazioni.

Fig. 17 Immagine video dopo la misurazione della lunghezza assiale

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 31

Misurazione della curvatura corneale [KER]

Ÿ Per attivare la modalità cheratometro [KER], premere: Tasto Pulsante


Ć la barra <SPACE> (soltanto dopo la precedente modalità [ALM])
Ć o l'apposito pulsante o il K;
Ć tasto <K>. barra
spaziatrice
Dire al paziente di fissare la luce gialla.
Ÿ Allineare lo strumento in modo tale che i sei punti di misurazione
periferica siano simmetrici con la mira circolare e appaiano
perfettamente a fuoco. Il punto centrale in genere non è a fuoco.
Questo punto non viene analizzato per la misurazione cheratoĆ
metrica!
Nota:
Assicurarsi che tutti e sei i punti periferici siano visibili e posizionati
nel campo compreso fra i due cerchi ausiliari sul display. È
consigliabile far battere le ciglia al paziente poco prima della
misurazione per produrre un velo lacrimale adeguato. Questo
migliorerà la riflettività della cornea. I punti di misurazione
Fig. 18 Regolazione per la misuĆ
dovrebbero essere circolari o di forma ellissoidale. Se i punti di
razione della curvatura
misurazione sono irregolari (cioè, in caso di cicatrice corneale), la corneale
misurazione non è possibile.
Sono possibili misurazioni precise soltanto se sul display i sei punti
di misurazione periferici compaiono perfettamente a fuoco.
In caso di occhi secchi, è possibile che la somministrazione di una
soluzione lacrimale possa aiutare a ottenere un risultato di
misurazione corretto.
Ÿ Iniziare la misurazione utilizzando:
Ć il pulsante del joystick o
Ć l'interruttore a pedale.

In un lasso di tempo di 0,5 s vengono fatte cinque misurazioni e ne viene


visualizzata la media. La fine delle misurazioni è indicata da un breve
segnale acustico. Vengono mostrati i seguenti elementi: curvatura
corneale (in mm o diottrie K) dei meridiani principali con gli assi
corrispondenti. Se la cornea è sferica, verrà mostrato soltanto un raggio
o un valore del potere rifrattivo. Sul display, una barra di avanzamento
blu nella barra di stato indica l'avanzamento del calcolo. Se lo si
desidera, le misurazioni cheratometriche possono essere ripetute.Se si
eseguono diverse misurazioni della curvatura corneale in modalità one
measure", i valori precedentemente misurati verranno sovrascritti nel
display. Per ripristinare gli ultimi risultati (appena sovrascritti), premere Tasto
il tasto abbreviato <CTRL> + <Z> (funzione UNDO" in una sola fase).
Ctrl + Z
Nota:
La funzione UNDO" stessa non può essere annullata!

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


32 Funzionamento

Misurazioni cheratometriche multiple

Se in Options ć Setup / Program Settings si sceglie l'opzione one


measure", verrà mostrato un solo risultato di misurazione, ottenuto
attraverso cinque misurazioni interne singole.

Se in Options ć Setup / Program Settings si sceglie l'opzione list of


measures", possono essere visualizzati due risultati di misurazione (il
joystick viene azionato tre volte), ciascuno ottenuto tramite 5 misuĆ
razioni interne singole. Anche se si può fare un numero opzionale di
misurazioni, verranno indicate soltanto le ultime tre.

Fig. 19 Misurazione cheratometrica multipla

Ÿ Come sopra, si può cancellare l'ultima misurazione premendo <CTRL>


+ <Z>.
Ÿ Per cancellare una delle tre misurazioni indicate, selezionare la
misurazione da cancellare e premere il tasto <DEL>. Confermare
l'azione di cancellazione con Yes".

Se i risultati delle ultime tre misurazioni differiscono di > 0,5 D (valore


medio di entrambi i raggi) oppure se è stata superata la tolleranza di
>Ă0,08 ... 0,1 mm (a seconda di n), il display visualizza il messaggio
Evaluation!". In questo caso, controllare il velo lacrimale dell'occhio
esaminato, se è necessario far battere le ciglia al paziente e ripetere le
misurazioni. Le misurazioni errate devono essere cancellate, poiché
nello stato di Evaluation" i valori misurati ottenuti non verranno
accettati per la misurazione ACD, per il calcolo IOL e per il database per
l'ottimizzazione delle costanti.
Fig. 20 Valori di misurazione con
tolleranze troppo elevate. Ÿ Evidenziare i risultati da utilizzare per il calcolo IOL: per default,
l'ultimo risultato verrà evidenziato in blu.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 33

Misurazione della profondità della camera anteriore


[ACD]

Nota:
La misurazione cheratometrica deve essere eseguita prima della
misurazione della profondità della camera anteriore!
Ÿ Per attivare la modalità ACD, utilizzare la: Tasto Pulsante
Ć barra <SPACE> (soltanto dalla modalità [KER]), o il
Ć pulsante ACD, o il D;
Ć tasto <D>. barra spaĆ
ziatrice
Il sistema si convertirà automaticamente a una illuminazione laterale a
fessura. Ai pazienti, quest'illuminazione appare soggettivamente molto
brillante. Il paziente dovrebbe continuare a guardare la luce di fissazione
gialla.
Ÿ Eseguire un allineamento preciso dello strumento in modo tale che:
Ć l'immagine del punto di fissazione appaia perfettamente nitida
all'interno del riquadro del display, the square on the display,
Ć l'immagine della cornea non sia disturbata dai riflessi,
Ć il bordo anteriore del cristallino sia perfettamente visibile.
In generale, l'immagine del punto di fissazione si trova fra le immagini
della cornea e del cristallino. Dovrebbe essere situata vicino alla (ma non
inclusa nella) sezione ottica del cristallino! L'immagine della cornea non
è nitida a causa della progettazione del sistema.

Fig. 21 Allineamento per la misurazione della profondità della camera anteriore

Nota:
L'allineamento dello strumento, particolarmente in caso di pupille
piccole, richiede sia abilità da parte dell'operatore che collaboĆ
razione da parte del paziente. La procedura di allineamento è più
facile su una pupilla dilatata (vedere anche Suggerimenti sulla
misurazione della profondità della camera anteriore", pag.74 e
seguenti).

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


34 Funzionamento

Ÿ Iniziare la misurazione utilizzando:


Ć pulsante sul joystick o
Ć interruttore a pedale.
Nota:
Prima della misurazione, dire al paziente di osservare la luce di
fissazione gialla e non la fessura laterale tremolante nel corso della
misurazione.
Dopo aver eseguito la misurazione, per maggiore comodità del
paziente spostare lo strumento da una parte. Lo strumento
calcola i valori ACD, un'operazione che richiede circa quindici
secondi.

Spiegazione: Il calcolo della profondità della camera anteriore richiede


l'inserimento del raggio della cornea. Se prima della misurazione della
profondità della camera anteriore è stata eseguita una misurazione
cheratometrica, il sistema utilizzerà automaticamente il raggio misurato
per eseguire il calcolo.
Se con lo IOLMaster non si riuscisse a misurare la curvatura corneale,
apparirà una finestra che chiede di inserire il raggio (in caso di cornea
astigmatica, i valori di entrambi i meridiani principali).
Ÿ Inserire un valore compreso fra 4,0 e 13,0 mm (utilizzare il punto
decimale). Proseguire con il tasto <OK> or <ENTER> key.
Se è stata scelta la visualizzazione Refractive Index", inserire per
cortesia un numero compreso fra 26 e 80. Quando si inserisce il
potere rifrattivo, assicurarsi che sullo IOLMaster sia impostato lo
stesso indice di rifrazione cheratometrica impostato sul cheratoĆ
metro utilizzato per la misurazione (à pagina 18).

Nel campo di visualizzazione a fianco dell'immagine video, sono elencati


cinque risultati ACD insieme con loro media.

Nella barra dei messaggi, comparirà una barra di stato blu. Nel campo
di visualizzazione vicino all'immagine video, sono elencati cinque
risultati ACD insieme al valore medio calcolato.

Se lo si desidera, si può ripetere la misurazione della profondità della


camera anteriore.

Se si eseguono ulteriori misurazioni della profondità della camera


anteriore, i valori misurati in precedenza verranno sovrascritti.
Tasto Per ripristinare gli ultimi risultati (appena sovrascritti), premere il tasto
abbreviato <CTRL> + <Z> (funzione UNDO" in una sola fase).
Ctrl + Z
Nota:
La funzione UNDO stessa non può essere annullata!

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 35

Determinazione del White-To-White" [WTW]


(opzionale)

Ÿ Attivare la modalità WTW ( Bianco-Bianco ) come segue: Tasto Pulsante


Ć <Spazio> (soltanto quando ci si trova in modalità ACD) o
Ć icona o Spazio
Ć tasto <W>. W
Fare osservare al paziente la luce di fissazione gialla!
Allineare lo strumento in modo tale che i sei punti periferici di misuĆ
razione siano simmetrici rispetto alla mira e che le strutture dell'iride o
il bordo della pupilla appaiano perfettamente a fuoco.

Nota:
Chiedere al paziente se vede il punto di fissazione. Se il paziente
non riesce a fissare correttamente, l'asse visivo non è rilevato
correttamente, e questo può comportare degli errori nella
misurazione.
Ÿ Iniziare la misurazione utilizzando:
Ć il pulsante sul joystick o
Ć l'interruttore a pedale.

Fig. 22 Determinazione del WTW

L'iride viene visualizzato e ne viene determinato centro. Il risultato WTW


presenta il diametro dei segmenti di cerchio visibili sullo schermo come
se fossero disposti intorno all'iride.
L'immagine viene valutata individuando la posizione e determinando la
transizione dalla congiuntiva (bianco) alla cornea (iride colorato).

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


36 Funzionamento

Oltre al valore WTW, viene visualizzata la deviazione dell'asse visivo dal


centro dell'iride. I rispettivi valori vengono espressi in millimetri facendo
riferimento a un sistema di coordinate cartesiane la cui origine si
suppone si trovi nel centro dell'iride. Se l'asse visivo si trova al di sopra
del centro dell'iride, il valore Y sarà positivo; se si trova al di sotto, i valori
saranno negativi. I valori X a sinistra del centro sono negativi; quelli a
destra del centro sono positivi.

Dopo aver attivato la misurazione tramite il joystick, viene mostrata


un'immagine dell'occhio. Dopo aver controllato la rilevazione corretta
dell'iride, bisogna confermare i risultati ottenuti. Soltanto allora i dati
possono essere stampati e salvati.
Nota:
Se l'illuminazione ambientale è inadatta, il software potrebbe non
riuscire a rilevare l'iride del punto di fissazione in modo sufficienteĆ
mente valido.
È consigliabile tenere le luci parassite lontano dal pannello
anteriore dello strumento e dall'occhio esaminato.
Si otterranno i migliori risultati quando la stanza in cui viene
effettuato l'esame è in leggera penombra.

Qualora lo si desideri, la misura WTW può essere ripetuta.

Misurazione dell'altro occhio

Il sistema registra automaticamente quale occhio viene misurato (OD


oppure OS).
Tutti i valori misurati esistenti di questo paziente sono ancora in
memoria e, volendo, possono essere richiamati.
Ÿ La misurazione dell'altro occhio deve essere eseguita in modo simile
all'occhio precedentemente misurato.
Nota:
Dopo ogni passaggio all'altro lato, viene automaticamente
attivata la modalità panoramica per l'allineamento grossolano
dello strumento.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 37

Stampa dei risultati

Quando le misurazioni sono terminate, è possibile stampare i valori


misurati e una curva di misurazione della misurazione della lunghezza
assiale che possiede il rapporto segnale-rumore più elevato, una
rappresentazione simbolica dell'iride, della pupilla e del valore WTW. Se
si desidera stampare il grafico di una diversa misurazione della
lunghezza assiale, selezionarla utilizzando il cursore (pulsante sinistro
del mouse) e premere il tasto abbreviato <Ctrl> + <P>.

Nota:
Per il funzionamento della stampante, utilizzare il manuale di funzionaĆ
mento fornito con la stampante stessa.

Per impostare una stampante adatta, cliccare il menu Options, Setup,


Add Printer. Questo farà comparire una finestra di dialogo per la
selezione e la configurazione della stampante. Le opzioni disponibili
dipendono dall'hardware e dal software della stampante.
Nota:
Si prega di utilizzare soltanto stampanti raccomandate da Zeiss.

La stampa dei valori misurati può essere avviata da qualunque modalità


di misurazione (ALM, KER, ACD, WTW). La stampa comprenderà tutti
i risultati ottenuti finora (anche quelli dell'altro occhio, se sono già Fig. 23 Menu Options
disponibili). È consigliabile iniziare la stampa soltanto se sono disponibili
tutti i valori misurati di entrambi gli occhi.
Nota:
Mentre si è in fase di stampa, non eseguire ulteriori misurazioni.
Ÿ Per iniziare la stampa: Tasto Pulsante
Ć cliccare il pulsante della stampante o il
Ć tasto <P>.
P
Ÿ Per iniziare la stampa in modalità WTW:
Ć icona o
Ć tasti <Ctrl> + <P>.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


38 Funzionamento

Calcolo IOL

Se sono stati determinati tutti i valori misurati (a seconda della formula


di calcolo) il chirurgo può utilizzare lo IOLMaster per generare opzioni
IOL per combinare i suoi requisiti chirurgici e postoperatori.

Riempimento del database IOL

Prima che il sistema calcoli le opzioni IOL, nel database devono essere
inseriti i tipi di lenti desiderati.
Ÿ L'utente apre una finestra del database per l'inserimento dei dati
relativi a lenti specifiche tramite Options ć User Manager inserendo/
selezionando il suo nome (possibilmente, un'ulteriore inserimento
della password) (per aggiungere un nuovo utente, fare riferimento
a pag. 16).

Fig. 24 Finestra del database per l'inserimento dei dati delle lenti

Ÿ Nei campi Name, A Const. Manufact e ACD Manufact, scrivere i dati


corrispondenti del produttore o i valori specificati cataloghi o nei
talloncini dei pacchetti.
Nota:
Se la costante ACD non dovesse essere disponibile, si può cliccare
sul pulsante ADD dopo l'inserimento del campo A Const.
Manufact. Tutti i parametri verranno calcolati automaticamente
da A Constant in base a formule standard.
Ÿ Nei campi A Const SRK II, A Const. SRK/T, a0, a1, a2, pACD ed SF si
possono inserire o editare costanti personalizzate per le diverse
formule di calcolo.
Ÿ Se si utilizzano lenti graduate a intervalli di 0,25 D (in futuro), attivare
il pulsante radio Power 1/4 D.
Ÿ Per salvare i dati nel database, utilizzare il pulsante ADD.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 39

Ÿ Per cancellare i dati del tipo di lente selezionato nel campo Lenses,
cliccare il pulsante ERASE.
Ÿ Cliccando il pulsante SET, i dati esistenti di una lente verranno
sovrascritti dai dati precedentemente editati.
Ÿ Per inserire i dati della lente successiva, sovrascrivere il nome della
lente. Uscire da User Manager cliccando su OK.

Calcolo della IOL dopo la chirurgia rifrattiva della cornea


(opzionale)

Prima di calcolare una proposta per una lente intraoculare, deve essere
determinata la rifrazione della cornea.
Ÿ Iniziare il calcolo per mezzo del: Taste Pulsante
Ć pulsante (calcolo della IOL) o del
Ć tasto <I>. I

Poi:
Ÿ Selezionare il separatore Prior refractive surgery".
Nota:
Questo passo del funzionamento è necessario soltanto con
cornee precedentemente sottoposte a chirurgia rifrattiva. Con
cornee non trattate, il calcolo della IOL viene iniziato istantaĆ
neamente alla selezione della formula biometrica (vedere calcolo
della IOL).

La rifrazione della cornea è il fattore quantitativamente significativo


utilizzato nel calcolo della IOL. Attualmente, è impossibile misurare
esattamente la rifrazione della cornea sottoposta a chirurgia rifrattiva
corneale (per esempio per mezzo di RK, PRK, LTK, Lasik o Lasek). Questo
è il motivo per cui la rifrazione della cornea deve essere determinata in
modo diverso. Per questo, sono disponibili due metodi:
q Metodo della storia rifrattiva e
q Metodo della lente a contatto.

Per il Metodo della storia rifrattiva, devono essere noti i seguenti valori:
q Rifrazione corneale preoperatoria (cioè prima della chirurgia
rifrattiva corneale),
q Rifrazione preoperatoria,
q Rifrazione post-operatoria stabile e
q Distanza del vertice corneale.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


40 Funzionamento

Così come la variazione della rifrazione è stata ottenuto per mezzo della
variazione della rifrazione della cornea, la rifrazione effettiva della
cornea deriva direttamente dalla differenza fra la rifrazione preoperaĆ
toria e quella postoperatoria, corretta dalla distanza del vertice
corneale. Il metodo di calcolo viene descritto nella letteratura tecnica.
Se i corrispondenti dati del paziente sono disponibili, il Metodo della
storia rifrattiva offre i risultati più precisi.

Con il Metodo della lente a contatto (sovrarifrazione della lente a


contatto), si cerca di determinare la rifrazione effettiva della cornea per
mezzo di due misure di rifrazione, una con e una senza lenti a contatto
rigide e `piatte.

Sono necessari i seguenti parametri:


q Rifrazione con lenti a contatto,
q Rifrazione senza lenti a contatto,
q Potere rifrattivo della lente a contatto rigida (senza correzione o
quasi) ć potere rifrattivo della superficie posteriore della lente a
contatto e
q Distanza del vertice corneale.

Nel caso ideale, il potere rifrattivo della superficie posteriore della lente
a contatto è uguale alla rifrazione incognita della cornea. Da quel punto
di vista, dovrebbero essere disponibili diverse lenti a contatto rigide
piatte con rifrazioni della superficie posteriore comprese fra 30 e 45 D.
Per il calcolo della rifrazione della cornea, inserire i dati necessari del
paziente nella maschera dei dati sullo schermo.

Fig. 25 Correzione della rifrazione della cornea

Per il calcolo della IOL, i K Corneali scelti dall'esaminatore con <Apply>


verranno trasferiti nella tabella di calcolo della IOL. Alla selezione della
formula biometrica, si può iniziare il calcolo della IOL.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 41

Calcolo della IOL

Ÿ Iniziare il calcolo della IOL utilizzando


Ć l'apposito pulsante o Tasto Pulsante
Ć tasto <I>.
I
Compare la finestra per il calcolo della IOL. I valori misurati di entrambi
gli occhi vengono inseriti automaticamente nei campi corrispondenti. I
risultati cheratometrici vengono visualizzati in valori Corneali K (D) o in
Raggio (mm) a seconda della scelta effettuata nel menu Program
Settings sotto Keratometer Display (pag. 18).

Calcolo della correzione della rifrazione della cornea per


cornee pretrattate rifrattivamente (opzionale)

Apre la lista dei


chirurghi oculisti

Apre l'elenco dei


tipi di lenti

Fig. 26 Calcolo della IOL e della correzione rifrattiva della cornea (dopo la chirurgia rifrattiva della cornea)

Ÿ Le formule della IOL formulas HofferQ, Holladay, Haigis, SRK/I® ed


SRK II® sono elencate in alto.
Cliccare sull'apposito separatore per selezionare una formula
desiderata.
Ÿ Selezionando il suo nome dalla casella dell'elenco dei chirurghi,
l'operatore può accedere ai suoi tipi di lente specifici salvati sul suo
database.
Ÿ Se lo si desidera, i valori misurati possono essere editati.
Ÿ Poi, cliccare sull'occhio di cui dovrà essere calcolata la IOL.
Ÿ Inserire la rifrazione target desiderata. (L'assenza di inserimento
significa piatta).
Ÿ Selezionare le lenti apposite fra i tipi di lenti disponibili.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


42 Funzionamento

Ÿ Dopo l'inserimento dei dati necessari, cliccare sul pulsante IOL CALCUĆ
LATION per iniziare il calcolo della IOL per ciascun tipo di lente
selezionata e per ciascun occhio misurato. Sullo schermo, vengono
mostrati soltanto i dati dell'occhio selezionato. Per vedere i dati IOL
calcolati per l'altro occhio, attivare il pulsante dell'altro Occhio
Chirurgico.

Fig. 27 Calcolo della IOL

Nelle colonne sotto le lenti specificate, si troveranno i poteri di rifrazione


calcolati e le rifrazioni target per quelle lenti. La linea centrale in
grassetto indica la corrispondente rifrazione della IOL, che si avvicina
maggiormente alla rifrazione target desiderata.
Attenzione:
Il calcolo della IOL è valido soltanto se la misurazione biometrica è stata
compiuta in modo corretto, se è stata scelta una formula adatta per il
calcolo della IOL e se le costanti IOL sono state ottimizzate prima per
l'applicazione specifica.
Ÿ Per stampare i dati calcolati della IOL da impiantare, cliccare il
pulsante PRINT IOL CALCULATION DATA. La stampa corrisponde
all'opzione selezionata nel menu Program Settings (pag. 18), che
visualizza i dati della IOL di entrambi gli occhi su una pagina unica
oppure su pagine separate.
Ÿ I valori misurati e la IOL precedentemente selezionata verranno
trasferiti su un PC correttamente integrato (Sistema di gestione
d'ufficio) (fino alla versione software 3.0, senza l'Opzione A).
Marcare la IOL per mezzo di un clic del mouse (marcare: >…<). Si può
marcare soltanto una IOL. Sulla stampa, il segno di marcatura non
compare.
Ÿ Con il software versione 3.0 più l'Opzione A e l'apposita selezione nel
menu Program Settings/Export, verranno trasferite tutte le
formule, tutte le lenti selezionate, tutti gli occhi e tutte le lenti
proposte.
Ÿ Clicccare su OK per terminare il calcolo della IOL.
000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003
Funzionamento 43

Ottimizzazione delle costanti delle lenti

I dati delle lenti disponibili nel database possono essere ottimizzati


tramite la seguente procedura.
Ÿ Nel menu Options, attivare User Manager. Selezionare il rispettivo
operatore e confermare la propria scelta con OK per aprire la finestra
di dialogo User Manager.
Ÿ Scegliere una lente. La maschera di inserimento contiene delle
costanti non ottimizzate calcolate da A Constant of Manufacturer"
oppure costanti precedentemente ottimizzate.

Fig. 28 Scelta dei dati di un tipo di lente

Ÿ Cliccare sul pulsante OPTIMIZE.


Nella finestra di dialogo della lente selezionata, le costanti delle lenti
appariranno nella colonna Basis".

Fig. 29 Tipo di lente caricata


000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003
44 Funzionamento

Ÿ Cliccando sul pulsante LOAD, verranno caricati i record dei dati di tutti
i pazienti disponibili per l'ottimizzazione.

Fig. 30 Record di dati selezionabili

Speciali funzioni di filtro consentono la selezione rapida dei dati dei


pazienti. La colonna a destra mostra l'elenco di tutti i pazienti disponibili
per l'ottimizzazione.
Ÿ Selezionare da questo elenco il record dei dati del paziente
desiderato.
Ÿ Scegliere l'occhio che dovrà essere utilizzato per il calcolo
dell'ottimizzazione. I campi sottostanti mostrano i dati misurati dello
IOLMaster.
Ÿ Se si vuole che i dati dell'altro occhio vengano tenuti nella tabella dei
dati per l'ulteriore processo di ottimizzazione, attivare la casella da
marcare keep the other side in table (immettere il segno di spunta).
Ÿ Cliccare sul pulsante << per caricare il record di dati selezionato nella
tabella di sinistra. Questi record di dati sono destinati all'ottiĆ
mizzazione della IOL.
Ÿ In questo modo, caricare almeno 1record di dati nella tabella di
ottimizzazione.
Ÿ Se si vuole ritrasferire un record di dati dalla tabella a sinistra alla
tabella a destra, selezionarlo e cliccare il pulsante >>.
Ÿ Per cancellare un record di dati dalla tabella a destra o da quella a
sinistra, selezionarlo e cliccare sul pulsante DELETE.
Fig. 31 Record di dati selezionati Ÿ Se la tabella a sinistra comprende tutti i record di dati che si
desiderano usare, cliccare su OK. Il programma riporterà alla finestra
di dialogo dell'ottimizzazione (Fig. 32).
Ÿ Negli ulteriori processi di ottimizzazione qui di seguito, si possono
aggiungere altri record di dati dei pazienti all'elenco a sinistra.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 45

Nota:
I dati contenuti nel database (tabelle a destra e a sinistra) non
verranno automaticamente cancellati. Perciò, sono disponibili
anche per ulteriori ottimizzazioni successive.
Dato che non si possono mai escludere del tutto i difetti del disco
fisso, è consigliabile trasferire regolarmente i dati a un sistema di
gestione per ufficio o stampare i dati.

Fig. 32 Record di dati caricati per l'ottimizzazione

Ÿ Evidenziare il record dei dati di un paziente.


Ÿ Nella casella di testo Impl. IOL (D), scrivere il potere della IOL
impiantata.
Ÿ Nella casella di testo Post Op Ref, scrivere la rifrazione postĆ
operatoria.
Ÿ L'inserimento della Surgery Date e della Post Op Date è facoltativo.
Quando i dati verranno inseriti, tuttavia, ne verrà controllata la
plausibilità.
Nota:
Fra la Surgery Date e la Post Op Date dovrebbe trascorrere un
periodo di almeno 8 settimane. (Questo periodo, tuttavia, non
verrà controllato!)

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


46 Funzionamento

Nota:
Se un record di dati viene evidenziato in rosso, o non sono stati
inseriti i dati della IOL e/o della Post Op Ref, oppure per questo
record di dati manca un valore misurato (AL o KER)!

Fig. 33 Record di dati preparati per l'ottimizzazione

Ÿ In questo modo, completare tutti i record di dati selezionati. Nel


campo Data Records, è specificato il numero di record di dati
contenenti dati IOL e Post Op Ref (prima cifra) e il numero totale di
record di dati caricati.
Ÿ Le caselle di testo in basso mostrano il numero di record di dati nelle
gamme specificate delle lunghezze assiali.

Se sono stati inseriti tutti i dati della IOL e della Post Op Ref, sono stati
soddisfatti i requisiti per il calcolo dell'ottimizzazione.
Nota:
Se un record di dati è evidenziato in giallo, non contiene ancora
nessun valore ACD: a (formula Haigis) non sarà ottimizzato con
tale record di dati!
Nota:
Il record di dati che appare su fondo bianco contiene tutti i dati
necessari per l'ottimizzazione.
Ÿ Iniziare il calcolo dell'ottimizzazione cliccando sul pulsante OPTIMIZE.
A seconda del numero di record di dati da elaborare, il processo di
elaborazione può richiedere alcuni secondi.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 47

Quindi, le costanti delle lenti ottimizzate verranno visualizzate nella


colonna new".
Nota:
Il valore avisualizzato non prende in considerazione il record di dati
evidenziati in giallo!

Fig. 34 Costanti delle lenti ottimizzate

Ÿ Per inserire i record dei dati non disponibili nella tabella dei risultati
dello IOLMaster, cliccare sul pulsante NEW.
Ciò visualizzerà una maschera di inserimento per la creazione di un
nuovo record di dati per l'ottimizzazione.
Questo record di dati, tuttavia, può essere utilizzato soltanto per
l'ottimizzazione, ma non per il calcolo della IOL. Non compare
nemmeno nel database del paziente.
Fig. 35 Maschera di inserimento
per la creazione di un
nuovo record di dati

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


48 Funzionamento

Attenzione:
Nei campi per i dati preoperatori, si possono inserire soltanto dati
misurati sullo IOLMaster! Quando si inserisce il potere rifrattivo, assiĆ
curarsi che sullo IOLMaster sia impostato lo stesso indice di rifrazione
cheratometrica del cheratometro utilizzato per la misurazione
(paginaĂ18).
L'inserimento dei dati misurati su dispositivi a ultrasuoni daranno
risultati errati!
Ÿ Completare le voci nella maschera di inserimento.

Fig. 36 Maschera per un nuovo record di dati debitamente compilata

Nota:
L'inserimento della data di misurazione è indispensabile!
L'inserimento di ACD data, Surgery Date e Post Op Date è
facoltativo.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 49

Nota:
Fra la Surgery Date e della Post Op Date, ci dovrebbe essere un
periodo di almeno 8 settimane. (Questo periodo, tuttavia, non
verrà controllato!)
Ÿ Se si vogliono rifiutare gli inserimenti fatti e si vuole ritornare al
calcolo dell'ottimizzazione, premere il pulsante CANCEL.
Ÿ Per confermare il nuovo record di dati e aggiungerlo all'elenco dei
record di dati da utilizzare per l'ottimizzazione, cliccare sul pulsante
OK. Il nuovo record di dati compare sull'elenco dei record di dati ed
è incluso nel campo Data Records.

nuovo record
di dati

Fig. 37 È stato aggiunto un nuovo record di dati

Ÿ I record di dati che non si vogliono utilizzare per una nuova


ottimizzazione, ma che si desidera tenere per un possibile riutilizzo
futuro, possono essere selezionati dopo aver cliccato sul pulsante
LOAD e aver ritrasferito la tabella dei risultati con un clic sul pulsante
>>. Cliccando sul pulsante ERASE, tuttavia, i record dei dati selezionati
verranno eliminati in modo definitivo.
Ÿ Cliccare sul pulsante OPTIMIZE per iniziare un nuovo calcolo di
ottimizzazione.
Ÿ Per rifiutare l'ultima elaborazione di ottimizzazione, cliccare su
CANCEL. In questo caso, le costanti ottimizzate non saranno salvate nel
database delle lenti anche se è stato inserito un nuovo record di dati.
Ÿ Confermare le nuove costanti delle lenti ottimizzate cliccando sul
pulsante << a destra del campo Basis. In questo caso, tutte le costanti
ottimizzate verranno accettate. Se si vuole accettare soltanto una
costante speciale (per es., a0), cliccare sul pulsante << a destra di
questa costante.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


50 Funzionamento

Ÿ Cliccare su OK per ritornare a User Manager.


Le costanti delle lenti ottimizzate verranno salvate soltanto nel
database delle lenti e poi utilizzate per le future determinazioni della
IOL se vengono confermate con OK!

Fig. 38 Costanti delle lenti ottimizzate accettate

Ÿ Cliccare su OK per ritornare al modulo principale dello IOLMaster.


Nota:
Il record di dati con un potere IOL di D" non verranno inclusi nel
processo di ottimizzazione.
Nel calcolo dell'ottimizzazione, per il record dei dati di ogni
paziente vengono calcolate quelle costanti delle lenti che ci si
sarebbe aspettati in base ai dati misurati e ai risultati dell'interĆ
vento chirurgico. Quindi, vengono calcolate la media (somma di
tutte le costanti delle lenti divise per il numero dei pazienti) e la
deviazione standard.
Il programma cancellerà quelle costanti delle lenti che mostrano
uno scostamento rispetto alla media superiore al doppio della
deviazione standard. La media così risultante verrà visualizzata
come la costante ottimizzata.
Per ottenere costanti ottimizzate, bisognerebbe escludere i
pazienti con complicazioni preoperatorie, intraoperatorie o postĆ
operatorie che potrebbero influenzare lo stato di rifrazione.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 51

Nuovo paziente

Per aggiungere un nuovo paziente al database, utilizzare il Tasto Pulsante


Ć pulsante apposito o il
Ć tasto <N>.
N
I risultati del paziente precedente mostrati sulla destra e/o sulla sinistra
vengono eliminati dal display. Tuttavia, rimangono salvati nel database
interno per un periodo compreso fra i 5 e i 100 giorni (à Program
Settings, pag. 24). Sullo schermo, ricompare la finestra di dialogo per
l'inserimento dei dati del paziente.
Nota:
I dati dei pazienti e i risultati della misurazione non verranno
cancellati dalle tabelle dei dati per l'ottimizzazione delle costanti
delle lenti (Fig. 30 e Fig. 32).
Ÿ Dopo aver inserito e confermato i dati del nuovo paziente, il proĆ
gramma passerà nuovamente al campo Panorama con l'illuminaĆ
zione del campo circostante per aiutare l'allineamento del paziente.
Nota:
L'ordine delle misurazioni sopra riportato è soltanto un esempio.
È anche possibile eseguire le misurazioni sopra descritte in un
ordine diverso. L'unico requisito necessario è che la misurazione
con il cheratometro preceda la misurazione della profondità della
camera anteriore.

Utilizzare il database del paziente

casella di
testo per inĆ
serire la
parola da
cercare

Fig. 39 Schermo per l'inserimento dei dati del paziente

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


52 Funzionamento

Lo IOLMaster conserva un archivio interno dei pazienti per un periodo


di tempo limitato. I dati sono salvati in quel file e possono essere
richiamati (per la revisione, l'edizione, la stampa e l'esportazione dei dati
tramite porta seriale, esportazione su un dischetto) per un periodo
compreso fra i 5 e i 100 giorni (à Program Settings, pag. 18).
Nota:
Lo IOLMaster non è destinato ad archiviare i dati dei pazienti e i
risultati delle misurazioni.

Il campo del database è strutturato come Windows Explorer. Un segno


+" sulla ramificazione indica che il database contiene già dei risultati
di misurazione per questo paziente.
Ÿ Se si clicca sul segno +", i dati della/e precedente/i misurazione/i
diventano visibili.
Se si clicca sul segno -, il ramo collassa nuovamente.

I record di dati del file vengono ordinati alfabeticamente per cognome.


Per accedere rapidamente a un record di dati, si può usare la casella di
testo Search. Se si posiziona il cursore in questa casella e si scrive il
cognome desiderato, verranno elencati tutti i relativi record di dati.

Se un paziente si sottopone a una nuova visita prima che termini il


periodo di tempo scelto per la cancellazione, i suoi dati possono essere
trasferiti immediatamente all'area di inserimento cliccando il nome del
paziente stesso.

Ÿ Se si vuole effettuare una nuova misurazione, cliccare il pulsante


<NEW> o il tasto abbreviato <ALT> + <N>.

Richiamare i risultati di misurazioni precedenti

Il sistema consente di rivedere i record di dati di misurazioni precedenti.


Ÿ Cliccare sul segno +" davanti al nome del paziente.
Ÿ Utilizzare il cursore per selezionare la data che interessa.
Ÿ Per richiamare il record di dati, cliccare sul pulsante OPEN o sul tasto
abbreviato <ALT> + <O>, oppure fare doppio clic sulla data.

Si può vedere ed editare il record di dati.


Ÿ Il rilevamento automatico destra/sinistra è disattivato.
Per scegliere un lato, premere il tasto <R> o <L>, oppure cliccare con
il mouse sul lato desiderato.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 53

Cancellare un paziente

Per eliminare un paziente dall'elenco, scegliere una delle seguenti


opzioni:
Ÿ Selezionare il paziente (cliccando sul nome) e premere il tasto <DEL>
oppure.
Ÿ Sul menu Patient, attivare la funzione Erase.
Ÿ Confermare l'azione di cancellazione con YES.
Fig. 40 Menu Patient"

Rinominare un paziente

Se si vuole editare il cognome, il nome, la data di nascita o il numero di


identità di un paziente, seguire questa procedura:
Ÿ Selezionare il paziente (cliccando sul nome). Quindi, sul menu
Patient, attivare la funzione Rename oppure premere <CTRL> + <U>.

Fig. 41 Rinominare un paziente

Ÿ Alla comparsa della finestra di dialogo con i dati del paziente, editare
le voci desiderate.
Ÿ Al momento della conferma, con un clic sul pulsante RENAME, i dati
del paziente verranno modificati in tutti i file relativi.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


54 Funzionamento

Esportazione dei dati (facoltativa)

I dati possono essere esportati in sistemi per la gestione d'ufficio,


computer personali collegati o dischetti.
L'esportazione dei dati in sistemi di gestione d'ufficio può essere
implementata esclusivamente dal fornitore di tali sistemi. Si prega di
contattarlo. Prima dell'esportazione dei dati, selezionare la modalità di
esportazione adatta al sistema di gestione d'ufficio collegato tramite
Options à Setup àProgram Settings.
Per l'esportazione di dati verso un personal computer con un sistema
operativo Windows (Windows 95/98/2000/NT/ME), Zeiss fornisce gli
accessori corrispondenti. Fra questi si trovano un cavo seriale (niente
modem, raccordi femmina/femmina) e software (su CD-ROM) da
installare sul PC. I dati vengono memorizzati su un database sul PC. Da
quel punto, i dati possono essere esportati ad altri formati di file. I grafici
delle misure di lunghezza assiale sono messi a disposizione in formato
JPEG.

L'esportazione di dati comprende i dati del paziente, i valori misurati e


le IOL calcolate. Per attivare l'esportazione dei dati verso un sistema di
Tasto Pulsante gestione per ufficio o un PC, cliccare il
Ć pulsante corrispondente o
Ć premere il tasto <S>.
S
I dati vengono trasmessi al PC connesso tramite il cavo seriale.
Nota relativa all'esportazione di dati a un PC:
Ć Il PC deve essere stato acceso e il software per la ricezione dei dati
deve essere stato avviato.
Ć Sullo schermo dello IOLMaster deve essere visibile una barra di
avanzamento dell'esportazione.
Ć I dati possono essere archiviati sul PC o elaborati in modo
opportuno.

I dati dei pazienti possono essere esportati anche dal sistema per la
gestione d'ufficio allo IOLMaster.

Tasto Pulsante Per l'esportazione di dati su un dischetto:


Ć Cliccare il pulsante corrispondente, oppure
Ć Premere il tasto <X>.
X
I dati sono messi a disposizione in un file di testo (IOLMexport.csv) per
l'archiviazione e l'analisi dei dati.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Funzionamento 55

Spegnimento dello IOLMaster

Nota:
La procedura descritta qui sotto non è valida se c'è un problema
oppure se lo strumento non risponde agli inserimenti!
Se si verifica ciò, spegnere immediatamente lo strumento e
scollegare il cavo di alimentazione. Contrassegnare lo strumento
come difettoso e chiamare l'assistenza tecnica Carl Zeiss Meditec.
Ÿ Dopo aver eseguito tutte le misurazioni e i calcoli, uscire dal Tasto Pulsante
programma utilizzando il
Ć pulsante apposito oppure il
E
Ć tasto <E>.
Ÿ Confermare l'operazione con <OK> o <ENTER>.
I dati dell'attuale (ultimo) paziente verranno salvati automaticaĆ
mente.
Ÿ Quando Windows si è chiuso (attendere il messaggio corrisponĆ
dente!), si può spegnere lo strumento con l'interruttore generale
(1,ĂFig. 2).
Nota:
Il mancato spegnimento dello strumento come descritto
(emergenza) può comportare una perdita di dati e danni al
software.
Per riavviare la macchina, osservare le istruzioni date nella Sezione
Che cosa fare in caso di problemi o in caso di errori del sistema,
pagina 84).

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


56 Valutazione dei risultati ALM

Campioni di curve di segnale delle misurazioni


della lunghezza assiale

Curve di segnale valide

Massimi secondari (specifici del sistema) - distanza di circa 0,8 mm


dal picco massimo

Ć Segnali ottimi (rapporto segnale-rumore > 10).


Ć Diversi massimi secondari visibili (specifici del sistema).
Ć Occhio trasparente, il paziente fissa correttamente.
Ć Debole ametropia.

Ć Segnale chiaro (SNR > 2,0).


Ć Massimi secondari visibili.
Ć Mezzi relativamente trasparenti.

Ć Segnale nella gamma Borderline SNR" compresa fra 1,6 ... 2,0.
Ć Ripida ascesa del segnale di misurazione.
Ć Sul display, i risultati tali misurazioni sono segnati con un punto
esclamativo. Inoltre, compare il messaggio Borderline SNR".

Questo risultato di misurazione può essere utilizzato dopo la verifica e


il confronto con altri dati di questa serie di misurazioni.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Valutazione dei risultati ALM 57

Curve di segnale non valide

Ć Basso segnale (rapporto segnale-rumore <1,6).


Ć Viene mostrato un messaggio di errore.
Ć Il segnale di misurazione non si riesce a distinguere chiaramente dal
rumore.
Possibili motivi:
Ć Paziente incostante (non fissa),
Ć forte ametropia,
Ć forte opacità mediale lungo l'asse visivo.

Ripetere la misurazione!
Chiedere al paziente di fissare costantemente.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


58 Valutazione dei risultati ALM

Zoomata del display grafico

Il sistema consente di zoomare i grafici in quattro fasi per migliorare


l'interpretazione delle curve di segnale:
Ÿ Spostare il cursore sull'asse delle lunghezze (asse X) fino alla posiĆ
zione che dovrà trovarsi al centro dell'immagine ravvicinata e
premere il pulsante sinistro del mouse. Si può ripetere questa proceĆ
dura quattro volte.
Ÿ Per ritornare alla vista iniziale (zooming out) mettere il cursore in
qualunque posizione sull'asse delle lunghezze e premere il pulsante
destro del mouse.

Pulsante sinistro
del mouse

Pulsante sinistro Pulsante destro


del mouse del mouse

Nota:
Pulsante sinistro Pulsante destro
Nelle viste zoomate, la scala del mouse del mouse
delle lunghezze assiali non
è visibile.

Pulsante sinistro Pulsante destro


del mouse del mouse

Pulsante destro
del mouse

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Valutazione dei risultati ALM 59

Editing post-elaborazione delle misurazioni della

I risultati delle misurazioni della lunghezza assiale devono essere


interpretati in base al rapporto segnale-rumore e all'aspetto dei grafici
(vedere Esempi di curve di segnale delle misurazioni della lunghezza
assiale", pagina 56).
Le illustrazioni sotto riportate non contengono l'immagine video.

Fig. 42 Presentazione del grafico della quinta misurazione della lunghezza assiale
(23,00 mm; SNR: 6,6) sull'occhio destro (mostrata senza l'immagine video).

Categorie dell'SNR

Durante il calcolo interno della lunghezza assiale in base al segnale di


interferenza, il sistema automaticamente analizza l'SNR.
SNR > 2.0 --> Il valore misurato è valido.

SNR compreso fra 1,6 e 2,à Il valore misurato non è affidabile


(Fig. 43).

Il rapporto segnale-rumore può essere basso per i seguenti motivi:


Ć densa opacità oculare lungo l'asse visivo,
Ć pazienti agitati,
Ć l'allineamento dello strumento all'occhio del paziente non è
ottimale,
Ć altissima ametropia (> 6 D),
Ć cicatrici corneali, Fig. 43 Valore non affidabile
Ć patologia alla retina.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


60 Valutazione dei risultati ALM

Nota:
In questo caso, Borderline SNR" non significa un risultato errato,
ma servirà solo come ricordo per verificare questa misurazione!

Si possono determinare precisi picchi di segnale facendo il confronto


con altri valori della serie di misurazioni di quest'occhio (e dell'altro
occhio, se necessario). Vedere anche le sezioni Esempi di curve di
segnale delle misurazioni della lunghezza assiale", pagina 56, e
Spostamento del cursore di misurazione" sotto riportato.

SNR < 1,6 (Il valore misurato è inutilizzabile).


Sul display verrà segnato un risultato errato (Fig. 44).
Questo significa che il vero segnale di misurazione non risalta
chiaramente rispetto al rumore. In generale, i risultati di tali misurazioni
non sono utilizzabili e dovrebbero essere cancellati. Si possono cancelĆ
Fig. 44 Risultato errato lare dall'elenco utilizzando il tasto <DEL> dopo averli evidenziati.
Nota:
Nel calcolo del valore medio, i risultati errati (display: Error) non
vengono considerati!

Il valore misurato può essere trasferito nell'elenco dei valori misurati


tramite un clic sul cursore di misurazione (punto bianco).
Accertarsi che i valori misurati siano omogenei.

Spostamento del cursore di misurazione

Il cursore di misurazione (punta bianca) viene posizionato automaticĆ


amente al centro del picco del segnale con l'ampiezza assoluta più
elevata. Il corrispondente valore della lunghezza assiale viene indicato
a fianco del grafico e nel campo di visualizzazione. L'SNR viene calcolato
e mostrato per questo picco del segnale. Il cursore di misurazione è
posizionato al centro fra le regioni corrispondenti a metà dell'ampiezza
massima. Se la curva di segnale è simmetrica (curva gaussiana), il cursore
è posizionato esattamente sopra il massimo del segnale. Per
l'interpretazione delle misurazioni della lunghezza assiale (pagina 63),
può essere necessario spostare il cursore di misurazione per verificare la
concordanza della lunghezza assiale fra i valori di una serie di
misurazioni.
Ci sono due modi per spostare il cursore di misurazione a un altro picco.
In entrambi i casi, è consigliabile farlo con la curva di segnale zoomata:
1. Posizionamento automatico su un picco remoto":
Ÿ Posizionare il cursore del mouse (freccia) nel cursore di misurazione
(punta bianca). Tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse,
spostare il cursore di misurazione sul picco desiderato. Per orientarsi
in modo più semplice, sotto il cursore di misurazione comparirà una
linea verticale blu. Questa linea si sposterà insieme al cursore.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Valutazione dei risultati ALM 61

Ÿ Quando si rilascia il pulsante del mouse, il cursore di misurazione si


fermerà" automaticamente sopra il picco desiderato.

Quindi, il display mostrerà il corrispondente valore della lunghezza


assiale e il corrispondente SNR, che sarà sempre inferiore all'SNR
massimo trovato automaticamente. Questo valore misurato ricalcolato
comparirà nel campo di visualizzazione contrassegnato da un
asteriscoĂ(*) (Fig. 45).
Esempio:

tenere premuto il pulsante


sinistro del mouse trascinare! Fig. 45 Valore che denota la
manipolazione

la linea blu si sposta insieme al


cursore
rilasciare il pulsante del mouse

SNR e lunghezza assiale ricalcolate

Fig. 46 Spostamento del cursore di misurazione a un picco diverso (curva del


segnale avvicinata 3 volte)

Spiegazione:
Questa manipolazione funzionerà soltanto se il cursore di misurazione
viene spostato completamente fino al massimo (locale) del picco target
desiderato. Questa procedura è necessaria perché l'algoritmo di ricerca
trovi con sicurezza il picco desiderato senza ritornare e senza fermarsi
sopra il picco originale (più alto). I picchi molto ravvicinati (doppi picchi)
non possono essere distinti da questo metodo automatico, a meno che
la curva che li congiunge non scenda al di sotto di un valore inferiore a
metà dell'ampiezza del loro massimi.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


62 Valutazione dei risultati ALM

Nota:
Mentre si trascina il cursore di misurazione, il valore originale della
lunghezza assiale e l'SNR rimangono visualizzati a fianco della
curva di segnale. Il nuovo valore della lunghezza assiale e la
corrispondente SNR verranno calcolati e mostrati soltanto
quando viene rilasciato il pulsante del mouse.

2. Spostamento fine del cursore di misurazione


Nota:
Questa manipolazione richiede sempre un precedente avvicinaĆ
mento con lo zoom!
Ÿ Procedere come descritto sopra al punto 1, ma usare il pulsante
destro del mouse per trascinare il cursore di misurazione. In questo
modo, il rilevamento automatico dei picchi viene disattivato e la
punta bianca può essere posizionata in qualunque punto della curva
di misurazione.
Ÿ Quando viene rilasciato il pulsante del mouse, verranno calcolati e
visualizzati l'attuale lunghezza assiale e il nuovo SNR.

Questo genere di manipolazione è consigliabile con picchi doppi o tripli


molto ravvicinati.
Anche in questo caso, la lunghezza assiale ricalcolata viene contrasĆ
segnata nel campo del display da un asterisco (*).

Spiegazione:
Anche se si cancellano le manipolazioni con il cursore di misurazione
(riportandolo al picco massimo trovato automaticamente) e i valori
misurati concordano con quello iniziale, l'asterisco dopo il valore
misurato non scomparirà. Questo serve per indicare che la curva è stata
manipolata!
Le descritte manipolazioni del cursore di misurazione possono essere
compiute sia in modalità di misurazione della lunghezza assiale (dopo
la misurazione attuale singola) che in modalità editing dopo la
misurazione.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Valutazione dei risultati ALM 63

Interpretazione delle misurazioni della lunghezza


assiale

Normalmente, se la luce di misurazione viene riflessa dal velo lacrimale


e dall'epitelio pigmentato della retina dell'occhio, si produce un segnale
di interferenza. Questo segnale viene utilizzato per le misurazioni della
lunghezza assiale.
Nota:
Gli strumenti biometrici ultrasonici misurano la lunghezza assiale
come distanza fra la cornea e la membrana limite interna, perché
le onde sonore vengono riflesse a livello di questa membrana. Per
garantire che i valori misurati ottenuti con lo IOLMaster siano
compatibili con quelli ottenuti per mezzo della misurazione
acustica della lunghezza assiale, il sistema si regola automaticaĆ
mente sulla differenza di distanza fra la membrana limite interna
e l'epitelio pigmentato. I valori della lunghezza assiale visualizzati
sono così direttamente confrontabili con quelli ottenuti dagli
ultrasuoni a immersione!
È indispensabile ripersonalizzare le costanti delle lenti" da
usare con lo IOLMaster prima di applicare i suoi valori di calcolo per
determinare il potere delle lenti e la tecnica chirurgica. Fare riferiĆ
mento alla letteratura specialistica e alle pubblicazioni degli autori
delle formule IOL relative alla personalizzazione delle costanti.

Informazioni aggiornate sono disponibili su Internet agli indirizzi:


http://www.meditec.zeiss.com/iol_master e/o
http://www.augenklinik.uniĆwuerzburg.de/eulib/

Con uno strumento perfettamente allineato, un buon SNR e una debole


ametropia (approssimativamente ≤ 6 D), si vedranno i massimi secondari
posizionati simmetricamente su ogni lato del picco di misurazione
(Fig. 47).
Questi massimi dipendono dalla sorgente luminosa.
La distanza di ciascuno dei massimi secondari dal segnale di picco è di
circa 0,8 mm. I massimi secondari sono sempre visibili nelle misurazioni
dell'occhio di prova fornito.

Fig. 47 Segnale di misurazione


non disturbato con
massimi secondari

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


64 Valutazione dei risultati ALM

Il sistema di misurazione dello IOLMaster è in grado di definire strutture


fini del fondo dell'occhio.
A seconda delle condizioni anatomiche dell'occhio misurato, può
succedere che il raggio di misurazione produca delle interferenze
quando viene riflesso a livello della membrana limite interna e/o del
coroide.

Ciò viene indicato da


Ć picchi di segnale della curva di misurazione più ampi,
Ć variazioni dei dati della lunghezza assiale di circa 0,15 ... 0,35 mm
in una sola serie di misurazioni e
Ć visualizzazione di Evaluation" al posto del valore medio.

Esempio:

or or or

Tali curve di misurazione o serie di misurazioni devono essere assolutaĆ


mente verificate. Questo si può eseguire sia fra le misure individuali (in
modalità ALM) che in editing post-misurazione (senza che il paziente stia
seduto davanti). L'interpretazione o l'editing post-misurazione dovrebĆ
bero essere realizzati sempre con l'aiuto della funzione zoom.
Nota:
La risoluzione di strutture retiniche fini è chiaramente distinguibile
dai massimi secondari precedentemente citati. I massimi seconĆ
dari (2) sono molto più distanti dal picco di segnale dell'epitelio
pigmentato retinico e sono a esso simmetrici.
La distanza fra il picco massimo e la membrana limite interna o
coroide è di 0,15 ... 0,35 mm (mentre i massimi secondari sono
spostati di circa 0,8 mm rispetto al picco massimo!).

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Valutazione dei risultati ALM 65

Segnali provenienti dalla membrana limite interna (ILM)

Abbastanza spesso la luce di misurazione viene riflessa a livello della


membrana limite interna, e anche questo produce un segnale di
interferenza. Il corrispondente picco di segnale ILM appare a sinistra del
picco di misurazione per l'RPE a una distanza di 0,15 ... 0,35 mm. Se il
cursore di misurazione è posizionato sull'ILM, produrrà un valore di
lunghezza assiale impreciso più breve compreso fra 0,15 e 0,35
millimetri. Questo è il motivo più probabile per cui non viene generato
un valore medio di lunghezza assiale per una serie. Nella vista zoomata
della curva di misurazione, entrambi i picchi possono essere chiaraĆ
mente distinti l'uno dall'altro (Fig. 48).
RPE
ILM

Fig. 48 Picco doppio prodotto a livello della membrana limite interna (sinistra) e
dell'RPE (destra) (zoom triplo)

Generalmente, il segnale dell'ampiezza del picco prodotto dalla


membrana limite interna è più piccolo di quello dell'indice di riflessione
dell'epitelio pigmentato. In tal caso, l'algoritmo automatico trova la
lunghezza assiale corretta.
Nota:
Non spostare mai manualmente il cursore di misurazione sul picco
(sinistro) prodotto dalla membrana limite interna!
In casi rari, può succedere che l'ampiezza del segnale della membrana
limite interna sia superiore a quello della luce riflessa dall'epitelio
pigmentato. In questo caso, il rilevamento automatico del picco
posizionerà erroneamente il cursore sopra il picco dell'ILM.

ILM
RPE

Fig. 49 Curva di segnale con il segnale più alto proveniente dalla membrana limite
interna (picco sinistro) (doppio zoom)

Nella serie di misurazioni, tali misurazioni singole si distinguono per le


deviazioni comprese fra 0,15 e 0,35 mm circa verso le lunghezze assiali
più brevi. Si può correggere il valore misurato spostando il cursore di
misurazione a destra sul picco minore (quello prodotto dall'epitelio
pigmentato). Questa manipolazione è consentita soltanto con le altre
curve di segnale di questa serie di misurazioni!
000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003
66 Valutazione dei risultati ALM

Segnali dalla coroide

Picchi tripli

In casi rari, può succedere che la luce di misurazione venga riflessa anche
dai vasi della coroide.

segnale di primo massimo


secondario

ILM coroide
RPE

0.15 Ć 0.25 mm
0.15 Ć 0.35 mm

circ. 0.80 mm

Fig. 50 Raro picco triplo (triplo zoom)

Il picco di misurazione prodotto dalla coroide sembra spostato verso


lunghezze assiali più lunghe di circa 0,15 ... 0, 25 mm rispetto al picco
dell'epitelio pigmentato.
Nell'esempio illustrato sopra, il segnale della RPE (picco centrale) ha
l'ampiezza più elevata. Il sistema automatico per la rilevazione dei picchi
ha posizionato correttamente qui il cursore per rilevare la corretta
lunghezza assiale. Non è necessario nessun ulteriore movimento del
cursore. Questo raro tipo di picco triplo è chiaramente diverso dai
massimi secondari prodotti tramite la sorgente luminosa dalla distanza
dal picco riflesso RPE (Fig. 50).

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Valutazione dei risultati ALM 67

In casi rari, a seconda delle condizioni anatomiche dell'occhio misurato,


può succedere che il segnale prodotto dall'epitelio pigmentato non
abbia l'ampiezza più elevata.

ILM

RPE
coroide

Fig. 51 Picco triplo (doppio zoom)

Nella Fig. 51 il sistema automatico per il rilevamento dei picchi troverà


un valore di lunghezza assiale troppo breve di circa 0,15 ... 0,35 mm.
Dopo aver confrontato tutti i valori misurati e le curve per quest'occhio,
il cursore di misurazione deve essere spostato manualmente al picco
centrale (RPE più piccolo) prodotto dall'RPE. Questo valore misurato può
essere corretto (con il corrispondente asterisco) o cancellato.

Picchi doppi

In casi molto rari può succedere che i segnali siano prodotti sia
dall'epitelio pigmentato che dalla coroide.

RPE

coroide

Fig. 52 Picco doppio prodotto dall'epitelio pigmentato e dalla coroide


(doppio zoom)
Nella Fig. 52, il sistema automatico per il rilevamento dei picchi ha
posizionato il cursore di misurazione nella posizione corretta all'RPE e il
cursore di misurazione non deve essere spostato manualmente.
Nota:
Una tale curva può essere valutata correttamente soltanto
osservando tutte le curve di misurazione di quest'occhio. Tale
curva deve essere distinta chiaramente dai picchi doppi prodotti
dalla membrana limite interna e dall'RPE (vedere Fig. 49)! Può
essere necessario cancellare curve sospette e fare altre misuĆ
razioni (2è il numero massimo di misurazioni possibili per un
occhio in un solo giorno).

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti
68 per la misurazione cheratometrica

Come regolare i segni di misurazione

Chiedere al paziente di guardare la luce di fissazione gialla. Se il paziente


non riesce a vedere la luce di fissazione, pregarlo/a di guardare direttaĆ
mente davanti nello strumento.
Nota:
I segni di misurazione periferici infrarossi sono invisibili per il
paziente (tuttavia, in una stanza in penombra, un osservatore
attento può percepire i segni di misurazione come deboli punti
rossi quando osserva nei proiettori del cheratometro).

Quando si allinea lo strumento, fare attenzione che tutti e sei i segni


periferici di misurazione siano visibili e che siano disposti il più
concentricamente possibile al rispetto ai due cerchi ausiliari sul display.
Variando la distanza fra il paziente e lo strumento, mettere
perfettamente a fuoco sul display le immagini dei sei segni periferici
di misurazione. Le immagini dei segni di misurazione dovrebbero essere
circolari o ellissoidali.
Per migliorare la riflettività della cornea, è consigliabile chiedere al
paziente di chiudere e aprire gli occhi diverse volte. In questo modo, si
ricostituisce il velo lacrimale e le immagini dei segni di misurazione
migliorano.
Solo come ricordo, quando viene attivata la modalità cheratometrica
sotto l'immagine video comparirà un apposito messaggio.

Immagine del punto


di fissazione
(irrilevante per le
misurazioni)

Fig. 53 Strumento allineato perfettamente (senza mira e cerchi ausiliari; il punto


centrale di fissazione è decisamente più debole dei sei punti periferici di
misurazione).

Spiegazione:
A seconda della riflettività della cornea, l'immagine del punto centrale
di fissazione raffigurata sul display può essere scarsamente visibile. Ciò
è insignificante per il calcolo della curvatura corneale. La cosa più
importante è la precisa messa a fuoco dei segni periferici.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti
per la misurazione cheratometrica 69

Errori di misurazione

Il messaggio Error" può avere due cause fondamentali:


q I valori misurati delle singole misurazioni interne variano di più di
0,05Ămm (molto raramente o in caso di sfocatura dello strumento).
q Le mire non sono riconosciute oppure vengono riconosciute come
tali soltanto in modo parziale (i segni di misurazione non riconosciuti
verranno identificati sullo schermo dopo la misurazione).

I possibili motivi di quanto sopra vengono descritti qui sotto:

Cattiva regolazione

Segni di misurazione sfocati

Fig. 54Ą Immagine con strumento sfocato

Le immagini dei segni di misurazione sono troppo grandi a causa del Causa
fatto che lo strumento è sfocato. Il sistema non può calcolare un valore
misurato. Il campo del display indica Error".

Dopo aver corretto la regolazione della messa a fuoco per minimizzare Soluzione
le dimensioni dei segni periferici, si può riprendere la misurazione (il
vecchio valore verrà automaticamente sovrascritto). Alle volte, con una
messa a fuoco perfetta, intorno ai 6 punti periferici di misurazione si
possono vedere dei piccoli cerchi (come degli aloni). In questo caso, la
messa a fuoco è perfetta.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti
70 per la misurazione cheratometrica

Mancanza dei segni di misurazione

Fig. 55Ą I due segni di misurazione superiori sono nascosti dalla palpebra

Causa Il campo di visualizzazione indica il messaggio Error". Questo errore


può verificarsi anche se il paziente batte le ciglia nel corso della
misurazione (0,5 s). Questo può verificarsi in particolare con pazienti
ansiosi o che non seguono la procedura.

Chiedere al paziente di spalancare gli occhi e di ripetere la


Soluzione
misurazione.Se ciò non risolve il problema, sollevare con cura la
palpebra superiore senza premere sul globo oculare.
La compressione del globo oculare produrrà una misurazione errata.
Alle volte, con una messa a fuoco precisa, intorno ai 6 punti periferici
di misurazione si possono vedere dei piccoli cerchi (come degli aloni). In
questo caso, la messa a fuoco è perfetta.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti
per la misurazione cheratometrica 71

Altre scoperte

Occhi pseudofachici

Riflessi della
cornea

Riflessi dalla
superficie
anteriore della
IOL (artefatti)

Fig. 56Ą Occhi pseudofachici

INella misurazione degli occhi pseudofachici, può succedere che delle Causa
immagini prodotte sul lato anteriore della lente intraoculare siano visibili
vicino ai riflessi della cornea.
I riflessi della IOL sono più deboli e non nitidi.

Se, dopo la messa a fuoco dei segni periferici di misurazione dalla Soluzione
cornea, non si ottiene nessuna misurazione, allontanare lo strumento
dall'occhio del paziente di circa 1 mm (sfocatura) e attivare la
misurazione. Le immagini prodotte a livello della cornea saranno
leggermente più grandi, mentre gli artefatti della IOL diventano meno
nitidi, tanto che il processo di valutazione possibilmente non identiĆ
ficherà i riflessi della IOL come punti di misurazione. Se questa procedura
non dà esito positivo, la curvatura corneale non può essere misurata.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti
72 per la misurazione cheratometrica

Occhio secco

Fig. 57Ą Riflessi multipli prodotti da un occhio secco

Fig. 58Ą Scia di luce (in basso) provocata da un occhio secco (in alto, l'ulteriore
disturbo prodotto da una ciglia)

Causa Se il velo lacrimale viene bruscamente interrotto, in questi punti la


riflettività della cornea verrà notevolmente ridotta. Se un segno di
misurazione viene proiettato su quest'area, l'immagine altrimenti
circolare o ellissoidale del segno di misurazione diventerà irregolare. Si
vedranno segni irregolari e/o riflessi multipli. In questo caso, non sarà
possibile una misurazione precisa della curvatura corneale. I risultati
varieranno, oppure verrà mostrato il messaggio Error".

Soluzione Fare chiudere e aprire gli occhi al paziente diverse volte per ripristinare
il velo lacrimale sulla cornea e subito dopo eseguire le misurazioni.
Per aiutare la misurazione, possono essere utilizzati anche integratori
del velo lacrimale.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti
per la misurazione cheratometrica 73

Irregolarità della superficie della cornea (cicatrici)


Le cicatrici e le irregolarità locali sulla superficie della cornea deteriorano Causa
la qualità dell'immagine dei segni di misurazione. A seconda
dell'estensione e della posizione di queste irregolarità possono verificarsi
misurazioni errate.

Fig. 59Ą Cicatrice locale della cornea che deteriora i punti di misurazione a
ore 3 e a ore 5.
Cercare di posizionare il segno di misurazione a fianco, sopra o sotto la Soluzione
cicatrice spostando leggermente lo strumento rispetto all'occhio. Poi,
azionare la misurazione. In tali casi, è consigliabile ripetere diverse volte
la misurazione. A seconda del grado di irregolarità, possono verificarsi
fluttuazioni o risultati errati.

Fig. 60Ą Condition after keratoplasty

Nella Fig. 60, è impossibile eseguire una misurazione cheratometrica


usando lo IOLMaster.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
74 profondità della camera anteriore

Come regolare lo strumento

Chiedere al paziente di osservare sempre la luce di fissazione gialla. Se


il paziente non riesce a vedere la luce di fissazione, farlo/a guardare nello
strumento diritto davanti a sé. Quando viene accesa la modalità della
profondità della camera anteriore, il sistema attiva automaticamente
l'illuminazione dalle fessure laterali. L'illuminazione proviene sempre da
una direzione temporale rispetto all'occhio.
Al paziente, l'illuminazione delle fessure apparirà soggettivamente
intensa. Tuttavia, i valori misurati dell'intensità luminosa (vedere Dati
tecnici, pagina 90) è inferiore di qualche livello di grandezza rispetto agli
esami eseguiti con la lampada a fessura.
Quando viene attivata la misurazione, l'illuminazione proveniente dalle
fessure laterali inizia a tremolare.
(Nota: Guardare nel proiettore a fessura non è pericoloso in nessun
caso, ma porterà a valori errati della profondità della camera anteriore).

Fig. 61 Sezione ottica regolata perfettamente per la misurazione della profondità


della camera anteriore
Sul display, è visibile un'immagine simile a quella della lampada a
fessura. Rappresenta una sezione ottica attraverso la parte anteriore
dell'occhio. Allineare lo strumento all'occhio del paziente con un
aggiustamento laterale utilizzando il joystick fino a quando:
q l'immagine del punto di fissazione appare perfettamente a fuoco nel
riquadro del display,
q l'immagine della cornea (all'esterno o in posizione temporale rispetto
alle due sezioni ottiche) è relativamente priva di riflessi (anche se non
è nitida, va bene ugualmente) e
q l'immagine del bordo anteriore del cristallino è visibile nella pupilla.
Nota:
L'immagine del punto di fissazione dovrebbe essere vicina alla
(ma non all'interno della!) immagine riflessa della lente del
cristallino.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
profondità della camera anteriore 75

Se lo strumento è stato allineato correttamente, le immagini del punto


di fissazione e della superficie anteriore del cristallino saranno
contemporaneamente nitide, dato che si trovano approssimativamente
sullo stesso piano.
In generale, se lo strumento è perfettamente allineato, l'immagine del
punto di fissazione si trova fra l'immagine della lente anteriore e quella
della cornea.
Nota:
L'immagine del punto di fissazione non si deve trovare nell'immagine
della lente o della cornea!

Fig. 62 Sezione ottica perfettamente regolata (cristallino con cataratta)

Le Fig. 61 e Fig. 62 mostrano sezioni ottiche dell'occhio destro. Le


formazioni a sinistra dell'immagine corneale sono riflessi diretti
dell'apertura luminosa di emissione della luce del proiettore a fessura
laterale. Questi riflessi non sono necessari per il calcolo della profondità
della camera anteriore. Non devono influenzare l'immagine della
cornea (vedere qui sotto).Al margine sinistro dell'immagine, sono visibili
ulteriori riflessi prodotti dall'ambiente (in questo caso, una finestra) che
si trovano davanti al paziente. A seconda delle condizioni di
illuminazione della stanza dove si effettua l'esame, può anche essere
possibile vedere il lato anteriore dello IOLMaster prodotto dalla cornea.
Questi artefatti non disturbano la misurazione della profondità della
camera anteriore, a meno che dettagli significativi dell'immagine
(immagini della cornea e del cristallino) nonché l'immagine del punto di
fissazione siano considerevolmente più deboli di qualche tipo di luce
estranea. Questo disturbo può essere ridotto oscurando leggermente la
stanza in cui viene eseguito l'esame.

Se i requisiti di cui sopra non vengono soddisfatti, i risultati saranno o


errati o impossibili. A causa della complessità delle immagini misurate,
potrebbe succedere che, in certi casi, misure errate non siano
riconosciute come tali.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
76 profondità della camera anteriore

Lo IOLMaster deve essere regolato con grande attenzione per le


misurazioni della profondità della camera anteriore.
La misurazione della profondità della camera anteriore su occhi con
pupille molto piccole (per esempio soggette a glaucoma) è
particolarmente problematica e richiede un po' di abitudine.
La profondità della camera anteriore dell'occhio umano dipende anche
dallo stato di accomodamento dell'occhio. Questo non può essere
valutato da una sezione ottica del segmento anteriore.
Nota:
È consigliabile misurare in ciclopegia i pazienti mentre si trovano
in fase di accomodamento.

Errori di misurazione

Come nelle misurazioni cheratometriche, ci possono essere due ragioni


fondamentali che portano a visualizzare il messaggio Error" sul display:
q I risultati delle cinque misure interne singole variano di oltre 0,15 mm
(molto raro) oppure
q le immagini prodotte (sezioni ottiche) non contengono strutture
rilevanti (normalmente, il bordo del cristallino) oppure dei disturbi ne
impediscono la rilevazione.

Occhi che non possono essere misurati:

Gli occhi afachici non possono essere misurati, poiché il calcolo della
profondità della camera anteriore si basa sulla valutazione (misurazione
della distanza) dell'immagine della sezione ottica.

Fig. 63 Sezione ottica di un occhio afachico; non è visibile nessuna lente

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
profondità della camera anteriore 77

Lo stesso vale per occhi pseudofachici se la lente intraoculare non


diffonde in modo sufficiente la luce proveniente dalla fessura.

Fig. 64Ą Sezione ottica di un occhio pseudofachico. Sulla destra è visibile il riflesso
non nitido del lato posteriore della IOL.

In certe circostanze, su occhi pseudofachici può essere visibile un forte


riflesso, prodotto dalla superficie posteriore della lente.

Quando viene eseguita una misurazione della profondità della camera


anteriore in un caso simile, il software di valutazione interpreterà il
riflesso brillante come la superficie anteriore del cristallino. Lo strumento
mostrerà quindi un valore misurato compreso fra 5 e 6 mm.
Questo valore non corrisponde alla profondità esatta della
camera anteriore!

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
78 profondità della camera anteriore

Regolazione difettosa

Strumento sfocato

Fig. 65 Immagine con strumento notevolmente sfocato

Causa Se lo strumento non è perfettamente a fuoco, l'immagine del punto di


fissazione diventa più ampia e meno nitida. Contemporaneamente, le
immagini del margine anteriore della lente e/o della cornea possono
diventare così poco nitide da non poter essere riconosciute come tali. In
tal caso, il sistema visualizza un messaggio Error" e un testo esplicativo
indica quali dettagli dell'immagine mancano oppure potrebbero non
essere correttamente riconosciuti.

Soluzione In generale, una lieve carenza nella messa a fuoco dello strumento non
ha conseguenze significative sulla misurazione della profondità della
camera anteriore.
Nota:
In generale, una lieve carenza nella messa a fuoco dello strumento
non ha conseguenze significative sulla misurazione della
profondità della camera anteriore.

Assenza di immagine della lente con occhi fachici


Particolarmente nel caso di occhi con pupille ridotte, può succedere che
nell'ottica di osservazione dello strumento non venga riflessa nessuna
luce. Un piccolo difetto di allineamento laterale può rendere invisibile la
lente. Questo problema può presentarsi anche con pazienti inquieti o
che non riescono a fissare bene.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
profondità della camera anteriore 79

Fig. 66 Immagine della fessura sull'iride (lente invisibile)

In questo caso, l'immagine della fessura sull'iride è (quasi) interamente Causa


visibile. Il software di valutazione automatica non riconosce questo
genere di regolazione difettosa. Il sistema mostrerà valori troppo
piccoli.Questi valori non corrispondono all'effettiva profondità della
camera anteriore, ma rappresentano la distanza compresa fra la cornea
anteriore e l'iride. Assicurarsi che la sezione della lente si trovi sulla
sezione anteriore del cristallino.

Regolare lateralmente lo strumento fino a quando la lente anteriore Soluzione


diventa visibile. Se è necessario, chiedere al paziente di guardare
costantemente la luce di fissazione. Poi, ripetere la misurazione.
Nota:
Sarà sufficiente che sia visibile una sezione relativamente piccola
della lente. L'immagine sotto riportata mostra un allineamento
che consente una misurazione precisa.

Fig. 67 Parte anteriore del cristallino minimamente visibile

Quest'immagine è sufficiente per il calcolo della profondità della camera


anteriore. (In questa fotografia, è visibile la parte anteriore dello
IOLMaster come un oggetto che non disturba).

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
80 profondità della camera anteriore

Immagine del punto di fissazione nell'immagine del cristallino

Fig. 68 Punto di fissazione che si trova nell'immagine del cristallino

Causa Se l'immagine ha un difetto di allineamento laterale, può succedere che


l'immagine del punto di fissazione si trovi all'interno dell'immagine del
cristallino.

Soluzione Posizionare lo strumento in modo tale che il punto di fissazione si trovi


fra le immagini del cristallino e della cornea. Quindi, ripetere la
misurazione.

Riflessi nell'immagine corneale

Fig. 69 Riflesso nell'immagine corneale a causa di un difettoso allineamento laterale

Causa La regolazione laterale dello strumento non è corretta. Nell'immagine


corneale si possono vedere i riflessi dell'illuminazione della fessura e il
punto di fissazione si trova all'interno dell'immagine del cristallino.

Soluzione Regolare lo strumento lateralmente fino a quando l'immagine corneale


è priva di disturbi. In generale, il punto di fissazione sarà allora compreso
fra l'immagine della parte anteriore del cristallino e quella della cornea.
Ripetere la misurazione.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
profondità della camera anteriore 81

Scoperte patologiche

Occhio secco

Fig. 70 Sezioni ottiche di occhi secchi

Un velo lacrimale disturbato a livello locale modifica sensibilmente le Causa


proprietà di diffusione della cornea. Per questo motivo, la sezione ottica
della cornea può diventare irregolare.

Far chiudere e aprire gli occhi al paziente varie volte per ripristinare il velo Soluzione
lacrimale sulla cornea. Effettuare la misurazione subito dopo, oppure
utilizzare un integratore lacrimale per impedire una presenza di lacrime
di durata troppo breve.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la misurazione della
82 profondità della camera anteriore

Irregolarità della superficie della cornea (cicatrici)

Fig. 71Ą Problemi dopo la cheratoplastica (lo stesso occhio mostrato nella Figura 60,
pag. 68, sezione Suggerimenti per la misurazione cheratometrica)

Causa Le cicatrici e le irregolarità locali della parte anteriore della cornea


deteriorano la qualità dell'immagine della sezione ottica della cornea.
A seconda dell'estensione e del grado di queste irregolarità, queste
possono portare a errori nella misurazione.

Soluzione In tal caso, il punto di fissazione ha un'immagine simile a una nuvola"


ed è impossibile migliorarne la regolazione. Se, nonostante ciò, vengono
visualizzati dei risultati della profondità della camera anteriore
apparentemente plausibili, questi possono essere considerati soltanto
come dei punti di riferimento.

Per ottenere dei dati affidabili, nella valutazione dovrebbero essere


compresi tutti gli altri fatti e scoperte ben noti relativi a questo occhio.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Suggerimenti per la
misurazione della WTW (opzionale) 83

Come regolare lo strumento

Chiedere al paziente di guardare in modo rilassato la luce di fissazione


gialla.
Mettere a fuoco l'iride, non i punti periferici. Un'opportuna illuminaĆ
zione della stanza faciliterà il rilevamento della struttura dell'iride.
Evitare l'esposizione diretta dell'occhio e del pannello anteriore dello
strumento a una luce estranea.
Fare particolare attenzione al fatto che il bordo destro e sinistro visibili
dell'iride non siano disturbati da riflessi provenienti da lampade e da
finestre.
Se la struttura dell'iride non dovesse essere distinguibile, mettere a
fuoco il bordo dell'iride o della pupilla.
Dopo aver registrato l'immagine, l'operatore dovrebbe controllare se il
software ha rilevato correttamente il bordo dell'iride. Se i segmenti di
cerchio disegnati nell'immagine non dovessero definire correttamente
l'iride, scartare il risultato. Cliccare su OK per confermare i risultati e
memorizzare i dati.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


84 Cura e manutenzione

Che cosa fare in caso di problemi o di errore del siĆ


stema?

Per riavviare lo strumento dopo un errore di sistema o dopo essere usciti


dal sistema in modo irregolare:
Ÿ Posizionare l'interruttore di alimentazione su I.
Ć La utility Scandisk verrà eseguita in modo automatico prima
dell'avvio del sistema operativo Windows.
Ć After Scandisk has been finished successfully Windows and the
IOLMaster software will be started. Continue now as normal.

Raramente, lo spegnimento dello strumento tramite l'interruttore di


alimentazione può provocare una perdita di dati o una distruzione dei
moduli del programma.
In tal caso, contattare il Servizio assistenza Zeiss Meditec.

Controllare le funzioni di misurazione


2
4 3
5 Gli occhi di prova (Fig. 72 e Fig. 73) forniti come accessori allo strumento
servono per controllare il corretto funzionamento e la taratura dello
strumento.
6 Usando questi occhi di prova, si possono eseguire delle misure come su
un occhio umano. Anche queste misurazioni prevedono l'inserimento
preliminare di cognome, nome e data di nascita!
Per controllare la funzione di misurazione WTW (opzionale), utilizzare
la scala di taratura in dotazione. Prima della misurazione, applicare la
scala sulla superficie opposta all'occhio di prova (ACD) (questo vale
8
soltanto per gli ultimi aggiornamenti).
7
Advice
È consigliabile controllare la taratura dello strumento ogni giorno
utilizzando gli occhi di prova. A fini di documentazione, si possono
stampare i risultati della taratura.
Se i valori misurati ottenuti con gli occhi di prova escono dalla gamma
di tolleranza specificata, si prega di chiamare la C. Zeiss o il Servizio
1 Supporto per l'occhio di prova assistenza autorizzato.
2 Occhio di prova per AL e KER,
contrassegnato con AL ed R Se sono inseriti, togliere gli spilli per fermare i blocchi di carta (7) vicini
3 Valori nominali e tolleranze
all'appoggio per il mento. Infilare il sostegno asimmetrico (6) nei fori
4 Vite di fissaggio
5 Perno corrispondenti. Il sostegno dell'occhio di prova (1) viene imperniato sul
6 Supporto asimmetrico perno (5) e può essere fissato per mezzo di una vite di fissazione (4).
7 Perni di fissaggio per blocchi di
carta (2x) Ÿ Sul menu Options, selezionare Test Eye.
8 Appoggio per il mento Sul display compare il messaggio Test Eye".
Fig. 72 Montaggio dell'occhio di
prova

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Cura e manutenzione 85

Modalità lunghezza assiale e cheratometro

L'occhio di prova (2), contrassegnato con AL, R e i corrispondenti valori


nominali e tolleranze (3), serve per testare la modalità lunghezza assiale
(AL) e il cheratometro (R).

Se i valori misurati ottenuti (con il cheratometro: il raggio) si trovano


entro la gamma di tolleranza (3) specificata sul sostegno, lo strumento
è tarato in modo corretto.

Modalità profondità della camera anteriore

L'occhio di prova (più grande) (2) posto a fianco del supporto dell'occhio
1
di prova (1), contrassegnato con VKT (ACD), il valore nominale e la
tolleranza, serve per provare la modalità profondità della camera 2
anteriore.
3
La struttura di questa lente simula la cornea. Perciò, deve essere pulita
e priva di velature. Se necessario, pulirla utilizzando un panno secco.
Se i valori misurati ottenuti rientrano nella gamma di tolleranza
specificata, il misuratore della profondità della camera anteriore 4
funziona correttamente.

Spiegazione
Quando si esegue il test della modalità lunghezza assiale e del
cheratometro, non importa quale lato (il destro o il sinistro dell'occhio
simulato) viene utilizzato, dato che i percorsi ottici per la misurazione
sono a simmetria di rotazione rispetto all'asse. Quando si esegue il test 5

del misuratore della profondità della camera anteriore, tuttavia, è


consigliabile ruotare il supporto asimmetrico (4) ed eseguire il test anche
per l'altro lato. Per il confronto fra il lato destro e il lato sinistro, tuttavia,
assicurarsi che in entrambi i test l'occhio di prova (2) sia esattamente
perpendicolare davanti allo strumento.
Osservare l'immagine video per controllare se sono soddisfatti i criteri 1 Sostegno dell'occhio di prova
di regolazione per una sezione ottica perfetta (à Come regolare lo 2 Occhio di prova per ACD; conĆ
strumento, pag. 74). trassegnato con VKT
3 Valori nominali e tolleranza
Nota: 4 Sostegno asimmetrico
Gli occhi di prova sono estremamente utili anche per esercitarsi 5 Foro di montaggio
nel funzionamento dello IOLMaster. Fig. 73 Prova della modalità pro
fondità della camera
La modalità Test Eye" può essere nuovamente disattivata tramite il anteriore
menu Options, Test eye. Se si inserisce un nuovo paziente (<N> o
un'icona appropriata), ciò verrà eseguito automaticamente.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


86 Cura e manutenzione

Controllo della funzione WTW (opzionale)

1 La scala WTW (opzionale) (2, Fig. 74) serve per controllare la precisione
delle misurazioni White-To-White.
Ÿ Attraverso il menu Options ć Test Eye, selezionare lo stato Test
Eye" e la modalità WTW.
2 Ÿ Confermare le istruzioni indicate (Fig. 75) con OK.
Ÿ Iniziare la misurazione:
Se i valori misurati rientrano nella gamma di tolleranza, la funzione WTW
funziona correttamente.
Nota:
La scala WTW deve riempire completamente la finestra video.
La scala (linee nere) deve avere un'immagine nitida.

1 Sostegno dell'occhio di prova


2 Scala WTW
Fig. 74 Scala WTW (opzionale)

Fig. 75 Windows dà le istruzioni sull'utilizzo della scala di taratura WTW

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Cura e manutenzione 87

Rimedi ai problemi di stampante

Si prega di utilizzare soltanto stampanti raccomandate dalla Zeiss


Meditec. Le stampanti attualmente raccomandate possono essere
richiamate su Internet all'indirizzo:
http://www.meditec.zeiss.com/iol_master
Se, nel corso della stampa si verificano dei problemi, per prima cosa
togliere tutti i driver delle stampanti che non si utilizzano:
Ÿ Sul menu OPTIONS, selezionare Setup, Add Printer.

Fig. 76 Cartella delle stampanti

Ÿ Nella finestra delle stampanti selezionare l'icona della stampante


collegata (per esempio Epson Stylus Color 880). Cliccare con il
pulsante destro del mouse per vedere il menu a tendina. Selezionare
Set come default.
Ÿ Selezionare le stampanti non collegate (tranne l'icona Add Printer")
e premere il tasto DEL. Seguire le istruzioni mostrate sullo schermo.
Ÿ Quando è terminata la routine di disinstallazione, chiudere nuovaĆ
mente la cartella Printer.

Se i problemi con una stampante dovessero permanere, si prega di


chiamare il nostro rappresentante per l'assistenza.

Cura dello strumento

Avvertenz:
Prima di effettuare la pulizia, spegnere lo strumento e scollegare il cavo
di alimentazione!

Tutte le superfici verniciate dello strumento possono essere pulite con


un panno umido ma non bagnato.
Non utilizzare detergenti aggressivi o abrasivi.
Eliminare i residui appiccicosi utilizzando un detergente delicato e
acqua.
Per pulire il display e la tastiera, utilizzare i panni per la pulizia di
computer e di monitor che si trovano in commercio.

Avvertenz:
Per evitare danni, assicurarsi che nello strumento o nella tastiera non
entri assolutamente umidità.

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


88 Data tecnici

Tensione di alimentazione 100 ... 240 V AC (± 10 %)


Frequenza 50 ... 60 Hz
otenza assorbita 90 VA
Connessione di alimentazione Cavo di alimentazione con spina dotata di contatto di messa a terra
Protezione dell'involucro IP 20
Classe di protezione I
Tipo di dispositivo B (secondo EN 60601Ć1)
Dimensioni
Ingombro del tavolo 390 mm x 300 mm
Altezza max. 610 mm (appoggiatesta)
Massa Circa 18 kg
Condizioni ambientali per l'uso previsto Temperatura: +10 ... +35 °C
Umidità relativa: 30 ... 75 %
Pressione dell'aria: 800 ... 1060 hPa
Condizioni di conservazione Temperatura: -10 ... +55 °C
Umidità relativa: 10 ... 95 %
Pressione dell'aria: 700 ... 1060 hPa
Condizioni di spedizione (nell'imballo Temperatura: -40 ... +70 °C
originale) Umidità relativa: 10 ... 95 %
Pressione dell'aria: 500 ... 1060 hPa
Gamma di misurazione
Lunghezza assiale
Gamma di lunghezze 14 ... 40 mm
Risoluzione del display dei risultati 0,01 mm
Raggio della cornea
Gamma di lunghezze 5 ... 10 mm (33 ... 67 D)
Risoluzione del display dei risultati 0,01 mm
Profondità della camera anteriore
Gamma di lunghezze 1.5 ... 6.5 mm
Risoluzione del display dei risultati 0,01 mm
White-To-White
Gamma di lunghezze 8 ... 16 mm
Risoluzione del display dei risultati 0,1 mm

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Data tecnici 89

Informazioni sulle misurazioni

Confronto fra i risultati dello IOLMaster rispetto alle misurazioni convenzionali sull'occhio umano*:
Valore medio delle differenze Deviazioni standard
Lunghezza assiale** -0,01 mm ±0,19 mm
Raggio della cornea*** -0,01 mm ±0,05 mm
Profondità della camera anteriore** 0,07 mm ±0,18 mm
Riproducibilità della misurazione dello IOLMaster*:
Relativa alla deviazione standard Relativa alla deviazione standard
all'occhio umano**** dell'occhio modello artificiale
Lunghezza assiale ±0,03 mm ±0,01 mm
Raggio della cornea ±0,02 mm ±0,02 mm
Profondità della camera anteriore ±0,10 mm ±0,10 mm
* Dati su file
** Rispetto a un dispositivo ultrasonico a immersione a elevata precisione
*** Rispetto a un cheratometro manuale
**** Deviazione standard determinata sulla base di x" deviazioni standard singole calcolate

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


90 Data tecnici

Radiazione ottica

Illuminazione del campo circostante/


determinazione WTW
Lunghezza d'onda 880 nm
Potenza prodotta < 100 W (Valore limite1: 275 W)

Misurazione della lunghezza assiale


Sorgente luminosa Semiconductor diode laser (MMLD)
Lunghezza d'onda 780 nm
Potenza massima per la misurazione 450 W (Valore limite1: 1200 W, t = 0,5 s)
Potenza massima per l'allineamento 80 W Valore limite1: 173 W, t = 3104s)
Tempo di misurazione per misurazione
singola, ampiezza dell'impulso 0,5 s
Numero di possibili misurazioni singole 20 per occhio al giorno
(Il valore limite per un solo occhio verrà superato soltanto da
51 misurazioni singole in successione diretta. Questo è impossibile
se viene utilizzato come previsto!)
Classe del laser
Ÿ Per l'uso previsto 1
Ÿ Classe del laser inserito 3B
(non accessibile)
Luce di fissazione per misurazione
cheratometrica e della profondità della
camera anteriore e per determinazione WTW
Lunghezza d'onda 590 nm
Potenza offerta < 1 W (Valore limite1: 1,55 W)
Illuminazione per misurazione cheratometrica
Lunghezza d'onda 880 nm
Potenza offerta < 50 W (Valore limite1: 275 W)
Illuminazione a fessura per misurazione della
profondità della camera anteriore,
irradiamento integrale
UV (300 ... 400 nm) 0,00087 mW cm-2 (Valore limite2: 0,05 mW cm-2)
IR (700 ... 1100 nm) 0,04 mW cm -2 (Valore limitee2: 100 mW cm-2)
(nella regione dello spettro compresa fra 860 e 1100 nm non è
rilevabile alcuna emissione di sorgente luminosa)
LB (occhio fachico) 122,8 W (m2 sr)-1 (Valore limite2: 800 W (m2 sr)-1)
LA (occhio afachico) 125,5 W (m sr)2 -1 (Valore limite2: 800 W (m2 sr)-1)
1 Classe AEL secondo EN 60825Ć1
2 Secondo DIN EN ISO 15004

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Data tecnici 91

Irradiazione spettrale

Irradiazione spettrale (LED bianco) in asse ottico (0°) e in direzione 33°

0,12

0,1
¬ - Emissione 335 - (Ee = 0.814 mW/cm2)

0,08
­ - Emissione 05 - (Ee = 0.91 mW/cm2)

0,06

0,04
­

0,02
¬

0
300 350 400 450 500 550 600 650 700 750 800 850 900

L'"asse ottico" o 05" corrisponde alla visione diretta nel proiettore di illuminazione; 335 è l'angolo per
l'uso previsto nella misurazione della profondità della camera anteriore.

Densità di radiazione fotochimica valutata spettralmente

Densità di radiazione fotochimica dell'illuminazione a fessura (LED bianco) per occhi fachicis
LB = 122,8 W/(m2 sr)
4

3,5

2,5

1,5

0,5

0
300 350 400 450 500 550 600 650 700

000000Ć1254Ć935 IOLMaster 24.03.2003


92 Data tecnici

Densità di radiazione fotochimica dell'illuminazione a fessura (LED bianco) per occhi afachici
LA = 125,5 W/(m2 sr)
4

3,5

2,5

1,5

0,5

0
300 350 400 450 500 550 600 650 700

Nota:
Le densità di radiazione fotochimica valutate spettralmente LB e LA rappresentano una misura della
possibilità di subire danni fotochimici alla retina a causa della luce. LB rappresenta la misura per
l'occhio fachico, LA rappresenta la misura per l'occhio afachico o per gli occhi di bambini molto
piccoli. I valori di LB e di LA superiori a 80 W (m2sr)-1 sono considerati elevati. La dose di radiazione
della retina per un rischio fotochimico viene calcolata come il prodotto della densità della radiazione
e del tempo di esposizione. La dose di radiazioni raccomandata si basa sui calcoli dei Valori limiti di
soglia per le sostanze chimiche e gli agenti fisici (Edizioni: 1995-1996) dell'American Conference of
Governmental and Industrial Hygienists (ACGIH). I valori fotometrici misurati dello IOLMaster sono
molto inferiori ai livelli considerati elevati. Perciò, il rischio di danni provocati dalla radiazione ottica
è estremamente basso. Nondimeno, la misurazione della profondità della camera anteriore con lo
IOLMaster dovrebbe essere limitata al tempo strettamente indispensabile per la diagnosi. Il rischio
di danni può essere più elevato se la fotografia del fondo dell'occhio del paziente da esaminare è
stata fatta nelle ultime 24Ăore.

Dettagli tecnici e contenuto della fornitura soggetti a modifica.

000000Ć1254Ć953 IOLMaster 24.03.2003


Dichiarazione del produttore 93

Legge sui prodotti medicali


Il dispositivo rispetta i requisiti della Direttiva della Comunità Europea
sugli apparecchi medicali 93/42/CE. 0197

Classe del dispositivo secondo MP: IIa

UMDNSĆNo.: 18Ć014

000000Ć1150Ć839 IOLMaster 18.03.2003


94

000000Ć1150Ć839 IOLMaster 18.03.2003


–1
0

Carl Zeiss Meditec AG


Goeschwitzer Str. 51 Ć 52
D-07740 Jena
Germany
Tel.: +49 36 41 220 Ć 333
Fax: +49 36 41 220 Ć 282 000000Ć1150Ć839
Email: info@meditec.zeiss.com IOLMasterą24.03.2003
Internet: www.meditec.zeiss.com Specifiche sogetta a modifica