Sei sulla pagina 1di 2

Un sabato italiano di Sergio Caputo

G6 E9 Am7 D7 G7+ E9 Am7 D7


Am7 D7
Il fetido cortile ricomincia a miagolare
G D5+ G E7
L'umore e' quello tipico del sabato invernale
Am7 D7
La radio mi pugnala con il festival dei fiori
G Em7 Am7 D7
Un angelo al citofono mi dice vieni fuori

Am7 D7
Giu' in strada per fortuna sono ancora tutti vivi
G D5+ G E7
L'oroscopo pronostica sviluppi decisivi
Am7 D7
Guidiamo allegramente e' quasi l'ora delle streghe
G Em7 Am7 D7
C'e' un aria formidabile le stelle sono accese

G Em7 Am7 D7
E sembra un sabato qualunque, un sabato italiano
G7+ Em7 Am7 Am6
Il peggio sembra essere passato
Bm Em Am D7
La notte e' un dirigibile che ci porta via lontano

Am7 D7
Cosi' ci avventuriamo nella Roma felliniana
G D5+ G E7
Equilibristi in bilico sul fine settimana
Am D7
E sulle immagini di sempre nei discorsi e nei pensieri
G Em7 Am7 D7
Dilaga anacronistica la musica di ieri

Am7 D7
Malinconia latente nei momenti piu' felici
G E7 G E7
Abissi imperscrutabili le donne degli amici
Am D7
E questa storia imprevedibile d'amore e dinamite
G Em7 Am7 D7
Mi rende tollerabile perfino la gastrite

G Em7 Am7 D7
E in questo sabato qualunque, un sabato italiano
G7 Em7 Am7 Am6
Il peggio sembra essere passato
Bm Em Am D7
La notte e' un dirigibile che ci porta via lontano

G Em9 Em9 Am7 D6 D9m Bm7 E7 Am7 D6


Am7 D7
E adesso navighiamo dentro un sogno planetario
G D5+ G E7
Il whisky mi ritorna su divento letterario
Am D7
Ma perche' non vai dal medico, e che ci vado a fare
G Em7 Am7 D7
Non voglio mica smettere di bere e di fumare

G Em7 Am7 D7
E in questo sabato qualunque, un sabato italiano
G7 Em7 Am7 Am6
Il peggio sembra essere passato
Bm Em Am D7
La notte e' un dirigibile che ci porta via lontano