Sei sulla pagina 1di 4

64 GIULIO CESARE, REDUCTION

3              
   


  
ma ni, l a ni ma, mia gui da te? Em pi, la scia te, che al mio co re, al mio
    




6            
    

be ne io por ga al men gli ul ti mi ba ci. Ahi pe ne!
     

1-32 SESTO. Son nato a sospirar, e il dolce


CORNELIA. Son nata a lagrimar, e il dolce


Largo.

SESTO.  12
8

CORNELIA.

 12
8
 

 12         

8 
p f p f
  
un poco più f
  12    
8
p
un poco più f

5 

      
    

 
 
Son na ta a la gri mar,
  
e il dol ce mio con for

to, ah, sem pre pian ge

    
       

 pp 
 
pp
  
p
  

pp senza Cembalo.
ATTO PRIMO, SCENA XI. 65

9      
    
 

Son na to a so spi rar, e il dol ce mio con for to, ah, sem pre pian ge rò, ah, sem pre pian ge
  

 


rò;
      
 

 
 
 


13
   
        

rò, ah sem pre, ah sem pre, ah sem pre, sem pre pian ge rò; son
    
         

  
 
ah,

ah,

ah
 
sem pre pian ge rò;
  
son na ta a la gri mar,  
     
    
   
    
  
 



17
 
        


na ta a so spi rar, e il dol ce mio con for to, ah, sem pre pian ge rò, ah
   
     

    
       
e il dol ce mio con for to, ah, sem pre pian ge rò,
   

  

     



21
   
        
 
sem pre pian ge rò, ah, ah, ah sem pre pian ge
         


    
    
ah sem pre, ah sem pre,

ah sem pre, sem pre pian ge

  

  
     


66 GIULIO CESARE, REDUCTION


24
  
            
rò, ah sem pre, ah, ah, ah sem pre pian ge
           

      
rò, ah sem pre, ah, ah, ah sem pre pian ge
  
  



  
   


28

    
rò. Se il
    

 
rò.
  
      
      


   
f p p
  

f p
Fine.


32

   
     


fa to ci tra dì, se re no e lie to dì mai più spe rar po trò, mai
      
    
  

  
  
Se il fa to ci tra dì, se re no e lie to dì
  
mai più spe rar po trò,
 
mai

    

 

     
 

ATTO PRIMO, SCENA XI. 67


36
 
        

più, mai più, mai più spe rar po trò.
    
   

   
più,

mai più, mai più spe rar po trò. 
      
    
 
   
f
   
 
Dal Segno.

FINE DELL ATTO PRIMO.