Sei sulla pagina 1di 2

Conservatorio di Musica «San Pietro a Majella» - Napoli

Istituzione di Alta Formazione Artistica e Musicale

DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI


SCUOLA DI JAZZ

DCPL 03 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN BASSO ELETTRICO


D.M. n. 238 del 18 ottobre 2010

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDIO

1. Obiettivi formativi - Teoria.


Al termine degli studi relativi al Diploma Accademico di primo - Storia del Jazz.
livello in Basso elettrico, gli studenti devono aver acquisito 2) Prova pratica:
competenze tecniche e culturali specifiche tali da consentire loro - Esecuzione di due standards a piacere di cui uno ballad
di realizzare concretamente la propria idea artistica. A tal fine e uno in tempo medium/up: accompagnamento
sarà dato particolare rilievo allo studio del repertorio più (walking) e assolo
rappresentativo dello strumento — incluso quello d’insieme e - Lettura estemporanea ed esecuzione di un brano
quello dell’accompagnamento pianistico — e delle relative prassi proposto dalla commissione: accompagnamento
esecutive, anche con la finalità di sviluppare la capacità dello (walking) e assolo
studente di interagire all’interno di gruppi musicali diversamente -
composti. Tali obiettivi dovranno essere raggiunti anche La commissione si riserva senza preavviso la facoltà di
favorendo lo sviluppo della capacità percettiva dell’udito e di approfondire gli esami con ulteriori prove o modificarne
memorizzazione e con l’acquisizione di specifiche conoscenze alcune fasi se opportuno.
relative ai modelli organizzativi, compositivi ed analitici della
musica ed alle loro interazioni. Specifica cura dovrà essere b) accertamento del livello di competenze musicali di base,
dedicata all’acquisizione di adeguate tecniche di controllo tramite test di teoria musicale e verifiche di lettura ritmica,
posturale ed emozionale. Al termine del Triennio gli studenti intonazione e scrittura sotto dettatura.
devono aver acquisito una conoscenza approfondita degli aspetti Sono esentati da suddette verifiche gli studenti in possesso della
stilistici, storici ed estetici generali e relativi al proprio specifico licenza triennale per strumentisti o quadriennale di Teoria,
indirizzo. È obiettivo formativo del corso anche l’acquisizione di solfeggio e dettato musicale del previgente ordinamento. Agli
adeguate competenze nel campo dell’informatica musicale studenti in possesso della licenza di Teoria, solfeggio e dettato
nonché quelle relative ad una seconda lingua comunitaria. musicale ramo cantanti saranno attribuiti debiti formativi
inerenti agli ambiti della percezione musicale e della lettura
2. Prospettive occupazionali ritmica.
Il corso offre allo studente possibilità di impiego nei seguenti
ambiti: c) (limitatamente ai candidati stranieri) prova scritta ed orale per la
- strumentista solista; verifica di un’adeguata conoscenza della lingua italiana che sarà
- strumentista in gruppi da camera; valutata secondo gli standard riconosciuti in ambito europeo. Il
- strumentista in formazioni orchestrali da camera; candidato che non dimostri una conoscenza riferibile al livello
- strumentista in formazioni orchestrali sinfoniche; B1 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue
- strumentista in formazioni orchestrali per il teatro musicale. è tenuto a frequentare apposite attività formative propedeutiche.

3. Requisiti d’accesso 3. La valutazione degli esami di ammissione è espressa con le


1. Possono presentare domanda d’accesso al corso i candidati in seguenti indicazioni: idoneo (I), idoneo con debiti formativi
possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro (I/DF), non idoneo (NI). Ai candidati idonei viene attribuito un
titolo di studio equipollente conseguito all’estero e riconosciuto voto espresso in trentesimi ai fini della formazione di una
idoneo, senza limiti di età e di nazionalità. In caso di spiccate graduatoria per l’accesso ai posti disponibili.
capacità e attitudini, lo studente potrà essere ammesso anche in 4. L’idoneità con debiti formativi è attribuita a quegli studenti a
assenza di diploma di scuola secondaria superiore, il quale dovrà cui siano stati rilevate carenze di specifiche competenze relative
in ogni caso essere conseguito prima della prova finale. alle prove b) e c) dell’esame di ammissione.
2. Il programma di ammissione al corso è articolato nelle 5. I debiti formativi dovranno essere assolti attraverso la
seguenti prove: frequenza di apposite attività formative propedeutiche, da
a) concludersi entro e non oltre la prima sessione di esami del
1) Esame di cultura musicale generale: primo anno del corso.
- Solfeggio cantato. 6. Possono optare al primo anno del corso, senza sostenere
- Lettura estemporanea di esercizi sullo esame di ammissione, gli studenti del Conservatorio di Musica di
strumento. Napoli iscritti al vecchio ordinamento della Scuola prescelta in
possesso delle competenze richieste per l’esame di ammissione; a
tal fine gli studenti presenteranno apposita istanza al consiglio di 6. Esami
corso, previo nulla osta del professore della materia principale. 1. Gli esami possono essere sostenuti esclusivamente dallo
studente che abbia assolto l’obbligo di frequenza dei relativi
insegnamenti, nel rispetto delle propedeuticità previste. Gli
4. Piano dell’offerta didattica studenti sostengono gli esami dinanzi ad una commissione che
1. Il piano degli studi per il conseguimento del diploma ne assicura il carattere pubblico nei limiti della normativa
accademico di primo livello in Basso elettrico è articolato in vigente.
attività formative obbligatorie e in attività formative a scelta 2. Il professore responsabile dell’attività formativa relativa
dello studente, queste ultime pari al 10%. Le attività formative all’esame fa parte di diritto della commissione; gli altri
obbligatorie sono riportate nell’allegata tabella 1, approvata con componenti sono scelti tra i professori della stessa disciplina o di
D.M. n. 238 del 18 ottobre 2010. Le attività a scelta dello discipline affini. Il Direttore ha facoltà di far parte della
studente vengono individuate in sede di programmazione commissione; in tale caso ne assume di diritto la presidenza.
annuale dal consiglio accademico, su proposta delle strutture
didattiche; lo studente può inoltre frequentare ulteriori annualità 7. Prova finale
di discipline ricomprese nel piano dell'offerta formativa o 1. La prova finale è svolta nella disciplina interpretativa
ulteriori moduli di discipline caratterizzanti, inserire attività d’indirizzo del corso di studi.
formative svolte presso altre istituzioni di livello universitario, o 2. La prova finale del corso di diploma accademico di primo
laboratori, seminari, tirocini, stages, produzione artistica, valutati livello in Basso elettrico è costituita dalle seguenti prove:
annualmente dai consigli di corso. a) prova interpretativo-esecutiva (obbligatoria): esecuzione
2. Lo studente presenta entro i termini stabiliti annualmente dal di un programma da concerto concordato con il docente. La
consiglio accademico il piano individuale degli studi, contenente prova potrà comprendere composizioni già presentate in altri
le attività formative opzionali o scelte autonomamente in esami del corso accademico, purché in misura non superiore al
coerenza con il curriculum di studi prescelto. 30% della durata totale del programma.
3. All’atto dell’iscrizione lo studente dovrà optare tra curriculum b) prova teorica (facoltativa): discussione di un elaborato di
full-time e curriculum part-time ai sensi dell’art. 14 del adeguato valore scientifico coerente con il programma
Regolamento didattico del Conservatorio. Lo studente potrà presentato.
richiedere il passaggio ad altro curriculum entro i termini previsti Lo studente è ammesso alla prova finale previo conferimento
per l’iscrizione agli anni successivi. Tale facoltà potrà essere dei relativi CFA dai docenti che ne hanno curato le attività di
esercitata una sola volta. preparazione.
4. La frequenza minima obbligatoria delle lezioni previste per 3. Il voto d’accesso alla prova finale è calcolato, sulla base delle
ogni attività formativa è pari all’80%. L’assolvimento votazioni riportate in tutti gli esami di profitto, in base ai
dell’obbligo di frequenza è attestato dai singoli docenti ed è seguenti parametri:
vincolante ai fini dell’accesso ai relativi esami o del a) calcolo del coefficiente del singolo esame (cse), ossia
conseguimento dell’idoneità. moltiplicazione del voto dell’esame per il numero di CFA
5. Gli insegnamenti hanno durata annuale o semestrale. Hanno corrispondenti alla disciplina;
durata annuale gli insegnamenti che prevedono un minimo di 40 b) calcolo del coefficiente totale degli esami (cte), ossia somma
ore di lezione frontale; hanno durata semestrale gli insegnamenti di tutti i coefficienti dei singoli esami (cse);
che prevedono meno di 40 ore di lezione frontale, fatto salvo c) calcolo della media ponderata in trentesimi, ossia divisione del
quanto previsto dall’art. 7 c. 3 del Regolamento didattico del coefficiente totale (cte) per la somma dei CFA conseguiti (ctc),
Conservatorio. esclusi quelli conseguiti con idoneità;
6. Gli insegnamenti di durata annuale possono essere suddivisi in d) calcolo della media ponderata rappresentata in centodecimi,
moduli didattici, con verifica unica finale. ossia moltiplicazione della media ponderata in trentesimi per 110
7. Nell’ambito delle attività formative relative alla Lingua e divisione del risultato ottenuto per 30;
straniera comunitaria, il Conservatorio di Musica di Napoli attiva e) arrotondamento della media ponderata in centodecimi, per
discipline finalizzate all’acquisizione di competenze difetto (es. 102,50 = 102) o per eccesso (es. 102,51 = 103).
corrispondenti al livello B1 del Quadro comune europeo di riferimento 4. Il voto d’accesso può essere integrato dalla commissione con
per la conoscenza delle lingue. Sulla base della programmazione un punteggio non superiore a punti sei.
didattica annuale, potranno essere attivate discipline relative a
una o più lingue straniere comunitarie. 8. Disposizioni conclusive
Per quanto non esplicitato dal presente testo si applica il
5. Propedeuticità, ripetizione della frequenza e decadenza Regolamento didattico del Conservatorio di Musica “San Pietro
1. Oltre a quanto stabilito dall’ art. 18 c. 2 del Regolamento a Majella di Napoli approvato con D.M. n. 238 del 18 ottobre
didattico del Conservatorio, l’ordinamento didattico del corso 2010.
prevede i seguenti obblighi di propedeuticità:
-gli esami relativi a Lettura cantata, intonazione e ritmica e Teoria della
musica sono propedeutici agli esami di Fondamenti di acustica e
Semiografia della musica;
2. In caso di mancato assolvimento degli obblighi di cui all’art.
20 c. 1, lo studente ha diritto alla ripetizione della frequenza. In
presenza di motivate esigenze di ordine didattico, su richiesta
dello studente previo assenso del professore, tale ripetizione può
essere altresì concessa per una sola volta nell’ambito della
medesima disciplina.
3. È dichiarato decaduto lo studente che non abbia superato
esami o altre forme di verifica per un periodo massimo di tre
anni accademici.