Sei sulla pagina 1di 6

Così ho udito.

Una volta il Beato soggiornava presso Rajagaha sul


picco degli avvoltoi. Devadatta se ne era andato da non molto e il
Beato, facendo riferimento a Devadatta, si rivolse ai monaci con le
seguenti parole: " o monaci, qui un file di nobile famiglia in virtù della
fede, lascia la famiglia e abbraccia la vita ascetica. Egli dice ' sono
vittima della nascita, della vecchiezza e della morte, delle pene, dei
lamenti, dei disagi, delle angosce e della mancanza di serenità; sono
sopraffatte dominato dal dolore. Sicuramente può essere conosciuto
un modo per porre fine a tutta questa massa di sofferenza '.

Dopo che egli ha abbandonato in tal modo la vita mondana, ottiene


successo, onore fama: egli era rallegrato da questo successo, onore
e fama, lassù aspettativa è soddisfatta.

A causa di ciò che egli loda se stesso e scredita gli altri al mondo ' io
ho successo e fama, ma questi altri monaci sono sconosciuti, non
godono di alcuna reputazione '. Egli si intossica con il successo,
l'onore e la fama, accresce la sua negligenza, cade nella negligenza
e, negligente, vive nella sofferenza.

Supponete, o monaci, che un uomo abbia bisogno del durame di un


albero, che cerchi durame di un albero e, vagando alla ricerca di
esso, giunga i piedi di un grande albero ricco di durame. Non
prendendo in considerazione il durame, l'alburno, la corteccia interna
e la corteccia esterna, egli prende tagliare i rami e le foglie
dell'albero, ritenendo che essi siano il durame.

A quel punto, un uomo di buona vista, vedendolo, potrebbe dire '


questo buon uomo non conosceva il durame, l'alburno, la corteccia
interna, la corteccia esterna, i rami e le foglie. Così, mentre aveva
bisogno del durame di un albero, mentre cercava il durame di un
albero e, vagando alla ricerca di esso, giungeva ai piedi di un grande
albero ricco di durame, tralasciando il durame, l'alburno, la corteccia
interna e la corteccia esterna, egli tagliò i rami e le foglie dell'albero,
ritenendo che essi fossero il durame. Qualsiasi cosa egli abbia avuto
in mente di fare con il durame, il suo proposito non potrà essere
soddisfatto '.

Analogamente, o monaci, un figlio di nobile famiglia in virtù della fede


vive nella sofferenza. Questo, monaci, è detto " un monaco che ha
preso le foglie rami della santa vita e si è accontentato di essi".

O monaci, qui, un figlio di nobile famiglia, in virtù della fede, lascia la


famiglia e abbraccia la vita ascetica. Egli dice: ' sono vittima della
nascita, della vecchiezza e della morte, delle pene, nei lamenti, dei
disagi, delle angosce e della mancanza di serenità; sono sopraffatto
e dominato dal dolore. Sicuramente può essere conosciuto un modo
per porre fine a tutta questa massa di sofferenza '.

Dopo che egli ha abbandonato in tal modo la vita mondana, ottiene


successo, onore e fama: egli non è rallegrato da questo successo,
onore e fama, e la sua aspettativa non è soddisfatta.

A causa di ciò che egli non loda se stesso e non scredita gli altri. Egli
non si intossica con il successo, l'onore e la fama, non accresce la
sua negligenza, non cade nella negligenza e, diligente, realizza
l'ottenimento della virtù. Egli è rallegrato da quest'ottenimento della
virtù e la sua aspettativa è soddisfatta.

A causa di ciò egli loda se stesso e scredita gli altri così: ' io sono
virtuoso, di buon carattere, ma questi altri monaci sono immorali, di
cattivo carattere '. Egli diviene intossicato da quell'ottenimento di
virtù, accresce la sua negligenza, cade nella negligenza e,
negligente, vive nella sofferenza.

Supponete, o monaci, che un uomo abbia bisogno di durame di un


albero, che cerchi durame di un albero e, vagando alla ricerca di
esso, giunga i piedi di un grande albero ricco di durame. Non
prendendo in considerazione il durame, l'alburno, e la corteccia
interna, e gli prenda tagliare la corteccia esterna dell'albero,
ritenendo che essa sia il durame.

A quel punto, un uomo di buona vista, vedendolo, potrebbe dire: '


questo buon uomo non conosceva il durame, l'alburno, la corteccia
interna, la corteccia esterna, i rami e le foglie. Così, mentre aveva
bisogno del durame di un albero, mentre cercava il durame di un
albero e, vagando alla ricerca di esso, giungeva ai piedi di un grande
albero ricco di durame, tralasciando il durame, l'alburno e la corteccia
interna, egli tagliò la corteccia esterna dell'albero, ritenendo che essa
fosse il durame. Qualsiasi cosa egli abbia avuto in mente di fare con
il durame, il suo proposito non potrà essere soddisfatto '.

Analogamente, o monaci, un figlio di nobile famiglia in virtù della fede


vive nella sofferenza. Questo, o monaci, è detto " un monaco che ha
preso la corteccia esterna della santa vita e si è accontentato di essa
".

O monaci, qui un figlio di nobile famiglia, in virtù della fede, lascia la


famiglia e abbraccia la vita ascetica. Egli dice ' sono vittima della
nascita, della vecchiezza e della morte, delle pene, dei lamenti, dei
disagi, delle angosce e della mancanza di serenità; sono sopraffatto
e dominato dal dolore. Sicuramente può essere conosciuto un modo
per porre fine a tutta questa massa di sofferenza '.

Dopo che egli ha abbandonato in tal modo la vita mondana, ottiene


successo, onore e fama: e non è rallegrato da questo successo,
onore e fama, della sua aspettativa non è soddisfatta... Diligente,
realizza l'ottenimento della virtù.

Egli è soddisfatta con quell'ottenimento della virtù alla sua aspettativa


non è soddisfatta. A causa di ciò egli non loda se stesso né scredita
gli altri. Egli non diviene intossicato da quell'ottenimento di virtù, non
accresce la sua negligenza, non cade nella negligenza e, diligente,
realizza la concentrazione.

Egli è soddisfatta di quell'ottenimento di concentrazione e la sua


intenzione è soddisfatta.

A causa di ciò egli loda se stesso e scredita gli altri così ' io sono
concentrato, la mia mente è unificata, ma questi altri monaci sono
privi di concentrazione, le loro menti sono distratte '. Egli diviene
intossicato con quell'ottenimento di concentrazione, accresce la sua
negligenza, cade nella negligenza e, negligente, vive nella
sofferenza.

Supponete, monaci, che un uomo abbia bisogno dei programmi di un


albero, che cerchi durame di un albero e, vagando alla ricerca di
esso, giunga ai piedi di un grande albero ricco di durame. Non
prendendo in considerazione il durame e l'alburno, egli prende
tagliare la corteccia interna dell'albero ritenendo che essa sia il
durame.

A quel punto, un uomo di buona vista, vedendolo, potrebbe dire '


questo buon uomo non conosceva il durame, l'alburno, la corteccia
interna, la corteccia esterna, i rami e le foglie. Così, mentre aveva
bisogno del durame di un albero mentre cercava il durame di un
albero e, vagando alla ricerca di esso, giungeva ai piedi di un grande
albero ricco di durame, tralasciando il durame e l'alburno, egli tagliò
la corteccia interna dell'albero, ritenendo che essa fosse il durame.
Qualsiasi cosa egli abbia avuto in mente di fare con il durame, il suo
proposito non potrà essere soddisfatto '.

Analogamente, o monaci, un figlio di nobile famiglia in virtù della


fede... vive nella sofferenza. Questo, o monaci, è detto " un monaco
che ha preso la corteccia interna della santa vita e si è accontentato
di essa ".

O monaci, qui un figlio di nobile famiglia, in virtù della fede, lascia la


famiglia e abbraccia la vita ascetica. Egli dice ' sono vittima della
nascita, della vecchiezza e della morte, delle pene, dei lamenti, dei
disagi, delle angosce e della mancanza di serenità; sono sopraffatto
e dominato dal dolore. Sicuramente può essere conosciuto un mondo
per porre fine a tutta questa massa di sofferenza '.

Dopo che egli ha abbandonato in tal modo la vita mondana, ottiene


successo, onore e fama: egli non è rallegrato da questo successo,
onore e fama, e la sua aspettativa non è soddisfatta... Egli realizza
l'ottenimento della virtù. Egli è soddisfatto di quell'ottenimento di virtù,
ma la sua aspettativa non è soddisfatta... Essendo diligente egli
realizza l'ottenimento della concentrazione.

Egli è soddisfatto con quell'ottenimento della concentrazione, ma la


sua aspettativa non è soddisfatta. A causa di ciò egli non loda se
stesso né scredita gli altri. Egli non diviene intossicato da
quell'ottenimento di concentrazione, non accresce la sua negligenza,
non cade nella negligenza e, diligente, ottiene la perfetta
conoscenza. Egli è soddisfatto di quella perfetta conoscenza e la sua
intenzione è soddisfatta.

A causa di ciò egli loda se stesso e scredita gli altri così ' io vivo
conoscendo e vendendo perfettamente, ma questi altri monaci vivono
senza conoscere e senza vedere '. Egli diviene intossicato con quella
perfetta conoscenza, accresce la sua negligenza, cade nella
negligenza e, negligente, vive nella sofferenza.

Supponete, o monaci, che un uomo abbia bisogno del durame di un


albero, che cerchi il durame di un albero e, vagando alla ricerca di
esso, giunga ai piedi di un grande albero ricco di durame. Non
prendendo in considerazione il tuo rame, che egli prende tagliare
l'alburno dell'albero ritenendo che esso sia il durame. A quel punto,
un uomo di buona vista, vedendolo, potrebbe dire ' questo buon
uomo non conosceva il durame, l'alburno, la corteccia interna, la
corteccia esterna, i rami e le foglie. Così, mentre aveva bisogno del
durame di un albero, mentre cercava il durame di un albero e,
vagando alla ricerca di esso, giungeva ai piedi di un grande albero
ricco di durame, tralasciando il durame, egli tagliò l'alburno
dell'albero, ritenendo che esso fosse durame.
Qualsiasi cosa egli abbia avuto mente di fare con il durame, il suo
proposito non potrà essere soddisfatto '.

Analogamente, o monaci, un file di nobile famiglia in virtù della fede...


Vive nella sofferenza. Questo, o monaci, è detto " un monaco che ha
preso l'alburno della santa vita e si è accontentato di esso ".

O monaci, qui un figlio di nobile famiglia, in virtù della fede, lascia


famiglia e abbraccia la vita ascetica. Egli dice ' sono vittima della
nascita, della vecchiezza e della morte, delle pene, dei lamenti, dei
disagi, delle angosce della mancanza di serenità; sono sopraffatto e
dominato dal dolore. Sicuramente può essere conosciuto un modo
per porre fine a tutta questa massa di sofferenza '. Dopo che egli ha
abbandonato in tal modo la vita mondana, ottiene successo, onore e
fama: egli non è rallegrato da questo successo, onore e fama, e la
sua aspettativa non è soddisfatta... Diligente, realizza l'ottenimento
della virtù.

Egli è rallegrato da quest'ottenimento di virtù alla sua aspettativa non


è realizzata... Realizza l'ottenimento della concentrazione. Egli è
rallegrato dall'ottenimento della concentrazione, alla sua aspettativa
non è realizzata... ottiene la perfetta conoscenza. Egli era legato con
quella perfetta conoscenza, ma la sua aspettativa non è realizzata.

A causa di ciò non loda se stesso e non scredita gli altri. Egli non
diviene intossicato con quella perfetta conoscenza, non accresce la
sua negligenza, non cade nella negligenza. Essendo diligente,
ottiene la liberazione perpetua ed è impossibile che quel monaco
possa ricadere da quella liberazione perpetua.

Supponete, o monaci, che un uomo abbia bisogno durame di un


albero, che cerchi durame di un albero e, vagando alla ricerca di
esso, giunga ai piedi di un grande albero ricco di durame: egli prende
a tagliare proprio durante e la porta via sapendo che esso era il
durame. A quel punto, un uomo di buona vista, vedendolo, potrebbe
dire ' questo buon uomo conosceva naturale, l'alburno, la corteccia
interna, la corteccia esterna, i rami e le foglie. Così, avendo bisogno
del durame di un albero, mentre cercava il durame di un albero e,
vagando alla ricerca di esso, giungeva ai piedi di un grande albero
ricco di durame, egli tagliò il durame, sapendo bene che esso era il
durame. Qualsiasi cosa egli abbia avuto mente di fare con il durame,
il suo proposito potrà essere soddisfatto '.

Analogamente, monaci, qui un figlio di nobile famiglia in virtù della


fede... Ottiene la liberazione perpetua ed è impossibile per quel
monaco decadere da tale liberazione perpetua .

Così, questa santa vita, o monaci, non ha, come beneficio, il


successo, onore, la fama, l'ottenimento di virtù, l'ottenimento di
concentrazione, conoscenza in visione. Lo scopo di questa santa
vita, il suo durame, il suo fine è questa irreversibile liberazione della
mente ".

Questo è ciò che il Buddha disse. I monaci furono soddisfatti e


deliziati dalle parole del Beato.