Sei sulla pagina 1di 40

BIBLIOTECA DELL' «ARCHIVUM ROMANICUM»

Serie II: Linguistica


55

GIULIO M. FACCHETTI ± MARIO NEGRI

CRETA MINOICA
SULLE TRACCE DELLE
Á
PIU ANTICHE SCRITTURE D'EUROPA

LEO S. OLSCHKI EDITORE


MMIII
INDICE SOMMARIO

Avvertenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 9

I. LINGUE E SCRITTURE DELL'ANTICA CRETA . . . . . . . . . . . . . . . . » 11


1. Quadro storico generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 11
2. Sistemi scrittori connessi e derivati . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 17
3. La documentazione minoica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 18
4. Un confronto ``funzionale'' tra lineare A e lineare B . . . » 19

II. LA SITUAZIONE ETNOLINGUISTICA DEL MEDITERRANEO ORIEN-


TALE ALLA FINE DELL 'ETAÁ DEL BRONZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 23

III. LA QUESTIONE DELLA LETTURA E DELLA DECIFRAZIONE DELLA


LINEARE A.......................................... » 29
1. Rassegna storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 29
2. Ancora su alcune recenti proposte ``identificative'' del mi-
noico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 35
3. La traslitterazione on line del corpus della lineare A . . . . » 37
4. La questione della leggibilitaÁ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 37
5. Nuovi approcci al problema della traslitterazione . . . . . . » 41
6. Alcuni rilievi sulle frequenze dei sillabogrammi . . . . . . . . » 44
7. Nuovi testi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 49
8. La questione ma / qe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 50
9. Nuovi dati confermativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 52
10. Le letture ba, bu, jo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 60

IV. LA LINGUA MINOICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 65


1. L'``interpretazione'' del minoico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 65
2. Dati statistici ed elementi morfematici . . . . . . . . . . . . . . . » 66

Ð 5 Ð
INDICE SOMMARIO

3. Antroponimi in -a-re . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 69
4. Elementi non onomastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 70

V. I TESTI AMMINISTRATIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 77
1. Caratteri generali dei documenti amministrativi . . . . . . . » 77
2. Parallelismi testuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 79
3. Il caso di minoico ki-ro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 86
4. Liste confrontabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 88

VI. GLI IDEOGRAMMI DELLA LINEARE A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 95

VII. LE MISURE MINOICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 103


1. Considerazioni generali sui rapporti tra sistemi metrologi-
ci minoici e micenei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 103
2. La questione dell'attribuzione dei valori alle frazioni mi-
noiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 109
3. I metrogrammi frazionari minoici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 110

VIII. LE FORMULE DEDICATORIE DELLE TAVOLE DA LIBAGIONE E I TE-


STI ``NON AMMINISTRATIVI'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 125
1. I testi ``non amministrativi'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 125
2. La ``formula primaria'' della libagione . . . . . . . . . . . . . . . » 127
3. La ``formula secondaria'' della libagione . . . . . . . . . . . . . . » 131
4. Lo spillone di Mavro Spilio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 132
5. Minoico (i-)da-ma-te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 134
Sinossi delle ``formule di libagione'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 137

APPENDICE I. IL GEROGLIFICO CRETESE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 141


1. La scrittura ``geroglifica'' di Creta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 141
2. La lingua del geroglifico cretese: spunti di indagine . . . . » 146

APPENDICE II. IL DISCO DI FESTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 157


1. Scoperta e datazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 157
2. La questione della decifrabilitaÁ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 164
3. Nel ``labirinto'' del disco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 175
4. Spunti per un'indagine sperimentale sul contenuto del
disco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 178

Ð 6 Ð
INDICE SOMMARIO

APPENDICE III. ARCANA CRETAE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 183


1. I documenti minoici di Troia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 183
2. Documenti egei in Baviera? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 185
3. L'iscrizione su blocco da Cnosso {KN Ze 44 . . . . . . . . . » 186
4. Minosse in Sicilia? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 187
5. L'idoletto di Monte Morrone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 188

Abbreviazioni bibliografiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 193

Ð 7 Ð
AVVERTENZA*

Questo lavoro eÁ stato scritto a quattro mani da Giulio Facchetti e Ma-


rio Negri, ed entrambi gli autori ne condividono, di conseguenza, in totum
la responsabilitaÁ scientifica (solo in rari casi ± segnalati naturalmente ± uno
dei due autori ha avanzato riserve su di una posizione illustrata nel testo).
Tuttavia, alcune parti sono da attribuirsi specificamente a un autore:
G. M. FACCHETTI: il paragrafo 1.4; l'intero capitolo 2; i paragrafi 3.1;
3.4-6; 3.10, 4.2; 4.4; 5.3-4; 7.3; 8.2-3; le intere Appendici I e II e, della
III, i paragrafi III.1 e III.5;
M. NEGRI: i paragrafi 3.2-3; 3.7-9; 4.3; 5.1-2; l'intero capitolo 6; inoltre
i paragrafi 7.1-2; 8.1; 8.4; III.2-4.
PoicheÂ, com'eÁ del resto ovvio, trattandosi di opera che ambisce a porsi
come sintesi (naturalmente provvisoria) di piuÁ di un decennio di ricerche
condotte, per lo piuÁ separatamente, sulle scritture di Creta nel II millennio
(peraltro, Negri ha invece lavorato in strettissima collaborazione con Carlo
Consani, con cui ha pubblicato TMT), in moltissimi casi eÁ stato d'obbligo
alludere a interventi scritti singolarmente da uno dei due autori: la difficol-
taÁ formale eÁ stata risolta, speriamo in modo soddisfacente, citandone il solo
cognome, e riferendone in terza persona.

* Dal momento che il lettore ha comunque a disposizione, oltre all'editio maior costituita da
GORILA, quella traslitterata di TMT, ambedue recanti i diacritici che segnalano lettura incerta,
abbiamo ritenuto, vista la natura di quest'opera, di non appesantirne l'aspetto con la loro nota-
zione (fatti salvi casi particolari).

Ð 9 Ð
VRYSINAS: Sito da cui provengono solo testi ``non amministrativi''.
MALLIA: Sito da cui provengono anche archivi.
KHANIA: Sito da cui provengono solo archivi.

Fig. 1. Carta di Creta indicante i siti di ritrovamento della lineare A (da GORILA 4: aggiornamento in TMT pp. 32-33).
APPENDICE II

IL DISCO DI FESTO

1. SCOPERTA E DATAZIONE

«Un trovamento di eccezionale importanza eÁ stato fatto la sera del 3


luglio 1908. Nel piccolo vano rettangolare che si stende dal muro meridio-
nale delle fossette 6, 7 fino alla roccia di astraci, presso l'angolo nord-ovest
e a circa m. 0.55 sopra il fondo roccioso di esso, in mezzo a terra scura
commista a cenere, carboni e frammenti ceramici, si eÁ rinvenuto un disco
di terracotta avente ambedue le facce coperte di segni pittografici. Pochi
centimetri piuÁ a sud-est, nel vano stesso, quasi alla medesima profonditaÁ
giaceva un frammento di tavoletta fittile recante segni della scrittura minoi-
ca lineare. Il disco poggiava al suolo di costa, non verticalmente ma alquan-
to inclinato verso nord, mostrando al disopra la faccia che reca nel centro
una rosetta. Lo strato di terra su cui trovavasi il disco, sebbene coprisse
inuguaglianze del fondo roccioso del vano e pietre sporgenti dalla sua pa-
rete ovest, tuttavia non sembrava corrispondere ad un vero e proprio pa-
vimento, perche la terra non era neppure battuta e conteneva, tanto al li-
vello del disco quanto sotto, avanzi ceramici dello stesso genere e della stes-
sa epoca. In ogni modo, data la posizione in cui trovavasi, apparisce chiaro
che il disco non restava in situ, ma piuttosto laÁ dove era caduto da un'im-
palcatura superiore, probabilmente insieme alla tavoletta».1
Le precise parole con cui Luigi Pernier, responsabile della missione ita-
liana a Festo al momento della scoperta del disco, descrive le circostanze
del rinvenimento possono essere utilmente integrate dalle recenti note di
Louis Godart: «Questi frammenti ceramici, secondo Pernier, sono in gran
parte attribuibili alla fine del medio minoico. Sempre secondo Pernier vi
erano una ventina di frammenti Kamares fino, a decorazione bianca su ne-

1 PERNIER 1908, p. 261 s.

Ð 157 Ð
APPENDICE II

Fig. 16. Faccia A del disco di Festo (da Godart).

ro, nonche una ventina di frammenti di Kamares rustico a ornati in color


rosso-bruno sul fondo giallognolo della terracotta e frammenti di pithoi
con sgocciolature di tinta rossa e bruna. Questa ceramica di Kamares, rin-
venuta per la prima volta nella stessa grotta, a nord del palazzo di Festo, eÁ
una ceramica di corte, tipica del periodo dei primi palazzi, molto fine, dal-
l'argilla ben depurata. I vasi in ceramica di Kamares venivano esportati sia
in Egitto sia nel Levante. Lo scopritore del disco considera come un esem-
plare ceramico a parte, forse attribuibile al periodo miceneo, un pezzo di
tazzetta a cono rovescio, di argilla assai fine, dipinta con una larga fascia
intorno all'orlo e con fasce concentriche piuÁ sottili in nero sul fondo rossic-
cio della terracotta. Tuttavia Pernier sottolinea la presenza, in mezzo al va-

Ð 158 Ð
IL DISCO DI FESTO

sellame tipico della fine del medio minoico, di un'ansa di terracotta giallo-
gnola con fascia bruna appartenente a una hydria ellenistica e il fondo di
un vaso dipinto interamente a vernice rosso-corallina lucente come quella
dei vasi aretini. La presenza di questo materiale significa in modo inoppugna-
bile che la zona dalla quale proviene il disco era stata perturbata nel corso
della storia e che sulla base dei dati stratigrafici qualsiasi certezza circa la da-
tazione precisa del disco stesso eÁ impossibile da raggiungere. Inoltre Pernier
segnala che il tipo di costruzioni e il genere di suppellettili concordano nel
designare lo strato in cui furono trovati il disco e la tavoletta come contem-
poraneo dell'ultimo periodo di esistenza del primitivo palazzo festio e dell'e-
poca in cui s'iniziava la ricostruzione della grande reggia di Cnosso. Il vasel-
lame associato ai due documenti scritti corrisponde perfettamente a quello
che giaceva sui pavimenti, sui banchi, nei ripostigli del primo palazzo di Fe-
sto al momento della catastrofe che lo colpõÁ, e a quello trovato nei vani piuÁ
antichi del rinnovato palazzo cnossio, per esempio nelle cassette sotterranee
del magazzino 4 e nel tesoro della dea con i serpenti. Le fossette di cui ab-
biamo parlato presentano incredibili analogie con i ripostigli sotterranei di
Cnosso e di Hagia Triada; si tratta di ripostigli come le ``caselle'' di Cnosso,
in particolare come quelle dei magazzini occidentali del lungo corridoio adia-
cente, e del santuario della dea con i serpenti. Il vano 8, dove fu trovato il
disco assieme alla tavoletta, presenta poi una stretta e forse non casuale so-
miglianza con la stanza del tesoro (ove erano i talenti di bronzo) del palazzet-
to di Hagia Triada e con il vano della reggia cnossia in cui si conservava il piuÁ
ricco deposito di tavolette scritte con caratteri geroglifici. Tutti i piccoli vani
di questi tre palazzi sono non soltanto simili fra loro per la struttura, ma for-
se anche contemporanei, cioeÁ della fine del medio minoico (minoico medio
III di Evans). EÁ probabile che le fossette di Festo e il vano dove fu trovato il
disco servissero come ripostigli o depositi di oggetti importanti o preziosi».2
La tavoletta in lineare A trovata vicino al disco eÁ PH 1, un documento
spezzato e iscritto sulle due facce:
PH 1a
2
] di-ra-di-na *316 H.L [
]-ja *316 1 CYP H
] [.]
PH 1b
du-na , pa-[.] [
Ç Ç 2FK [
FICI

2 GODART 1994a, p. 19 s.

Ð 159 Ð
APPENDICE II

Fig. 17. Faccia B del disco di Festo (da Godart).

Come si osserva, il contenuto attiene a registrazioni o assegnazioni di


quantitaÁ (anche in frazioni dell'unitaÁ di misura) di generi alimentari (tra
cui il vegetale indicato dall'ideogramma *316, il cipero e i fichi).
Una delle entrate eÁ intestata a di-ra-di-na, parola molto verosimilmente
da connettere (probabilmente come mera variante) con il di-re-di-na di Ha-
gia Triada (elemento presumibilmente onomastico in HT 98a).
Ancora sul tema della datazione dello strato di ritrovamento del disco,
Godart aggiunge alcune considerazioni, che ci sembrano condivisibili: «la
presenza nella ``casella'' 8 del palazzo di Festo di vasellame appartenente
non soltanto al periodo del cosiddetto minoico medio ma anche ad altri pe-
riodi piuÁ bassi della storia cretese significa che il disco potrebbe apparte-
nere, teoricamente, a qualunque momento della storia di Creta situato

Ð 160 Ð
IL DISCO DI FESTO

tra il 1700 a.C. e il periodo ellenistico, al quale sembrano risalire gli esem-
plari piuÁ recenti di cocci provenienti dal vano 8. Tuttavia tale conclusione,
basata sulla sola lettura del materiale dello scavo non prende in esame tre
argomenti, anch'essi di notevole peso. Prima di tutto, dalla relazione stessa
di Pernier, risulta evidente che i reperti minoici trovati all'interno del vano
8 sono di gran lunga preponderanti; percioÁ l'intromissione negli strati piuÁ
bassi di cocciame posteriore potrebbe essere connessa a un incidente tec-
nico legato allo scavo vero e proprio. Sappiamo che Pernier si presentava
sullo scavo piuttosto tardi e ``tirato a lucido'', e i capomastri gli portavano
gli oggetti venuti alla luce nella mattinata; in queste circostanze non si puoÁ
certo escludere che qualche coccio ellenistico si sia intrufolato in mezzo ai
reperti minoici. In secondo luogo, piuÁ ci avvicina nel tempo, piuÁ aumenta-
no le possibilitaÁ di raccogliere informazioni sulle cose del passato. Qualora
il disco di Festo fosse stato prodotto da una civiltaÁ piuÁ prossima alla nostra
di quella minoica ± pensiamo in particolare alla civiltaÁ cretese del periodo
ellenistico-romano ± le probabilitaÁ di trovare riscontri e riferimenti alla
scrittura singolare che lo ricopre sarebbero automaticamente cresciute di
molto. L'isolamento grafico del disco di Festo eÁ quindi un argomento a fa-
vore della sua relativa antichitaÁ. In terzo luogo, la presenza sul disco di raf-
figurazioni identiche a realtaÁ attestate nella Creta del II millennio a.C. co-
stituisce, a nostro parere, la prova decisiva della sua appartenenza al mon-
do e all'orizzonte culturale minoico-miceneo. PercioÁ crediamo di poter af-
fermare che, malgrado le incertezze legate alla stratigrafia, il disco di Festo
eÁ un prodotto di una delle civiltaÁ del bacino orientale del mediterraneo ap-
partenente al II millennio a.C.».3
Il terzo argomento eÁ senza dubbio il piuÁ forte e costituisce una delle piuÁ
importanti acquisizioni che si traggono dall'analisi formale dettagliata di
ciascun carattere del disco, con plausibili realia di riferimento, condotta
in GODART 1994a (i risultati di quest'analisi sono schematicamente riassun-
ti a p. 132 s.).
Va rimarcato che il piuÁ volte citato libro di Godart eÁ, dal punto di vista
iconografico, pressoche perfetto: le splendide fotografie a colori e i facsimi-
li consentono di lavorare sul testo del disco quasi come sull'originale. A
queste si accompagna una serie di osservazioni ± ovviamente in parte giaÁ
da altri fatte, ma qui riverificate e comunque raccolte ± decisive per muo-
vere i primi passi sul testo, e preliminari a ogni ulteriore progresso (capitolo
quarto di GODART 1994a):

3 GODART 1994a, p. 142 s.

Ð 161 Ð
11
APPENDICE II

± il verso di lettura va dalla periferia al centro (e quindi da destra ver-


so sinistra);
± la faccia A (quella con la rosetta al centro) precede, nell'ordine (di
impressione dei segni e dunque) di lettura, la faccia B.
Queste acquisizioni fondamentali sono argomentate da Godart con
grande rigore filologico, e i dati corroborati da una nuova autopsia fuori
vetrina: esse sono richiamate in NEGRI 2000, pp. 56, 58-61, in cui, per
quanto concerne la direzione della scrittura, si aggiunge ad abundantiam
un ulteriore notevole argomento probativo, giaÁ osservato da Evans, ossia
la constatazione che sul disco tutti i segni asimmetrici raffiguranti umani
o animali ``guardano'' verso quella che sarebbe l'origine del rigo, e non ver-
so la fine, come eÁ norma ben nota per altre scritture (dell'area e del tempo
in esame) con caratteri iconici, come il geroglifico egiziano o il geroglifico
``anatolico'' (la tipologia ideografica o fonetica di queste scritture non rile-
va, trattandosi qui di un fatto meramente grafico).
Altre importanti conclusioni, che Godart sintetizza nel suo capitolo ot-
tavo, riguardano:
± il contentuto, con la massima verosimiglianza, non amministrativo
del testo;
± il carattere quasi certamente sillabico del sistema di scrittura; 4
± la mancanza di qualsiasi connessione o associazione veramente atten-
dibile con altre scritture cretesi o dell'intero bacino del Mediterraneo.
Su quest'ultimo punto Godart spende parole di particolare efficacia:
«Tuttavia l'argomento decisivo, sempre di ordine epigrafico, che consente
di respingere decisamente l'abbinamento disco di Festo-scritture cretesi eÁ
un altro: delle centinaia di segni (sillabogrammi, cifre, frazioni e interpun-
zioni) attestati nelle scritture cretesi, soltanto due sillabogrammi dal trac-
ciato particolarmente semplice e poco significativo somigliano a due segni
del disco di Festo. CioÁ non basta a dimostrare che il disco, a sua volta, ap-
partenga alla cultura cretese! Da un esame dei segni di altre scritture sparse
per il mondo, potremmo scoprire affinitaÁ ben piuÁ convincenti con i segni
del disco di Festo senza peraltro ipotizzare una qualche parentela tra l'iscri-
zione del disco e le scritture in questione. Ad esempio, tra i famosi petro-
glifi attestati nella cosiddetta civiltaÁ dei camuni, vi sono segni che sembrano
copie perfette di alcuni segni del disco di Festo: nella categoria dei segni

4 Anche se la perentorietaÁ di GODART 1994a, p. 139, eÁ forse eccessiva.

Ð 162 Ð
IL DISCO DI FESTO

che raffigurano armi o utensili vari, e che sono quindi molto piuÁ complessi
dei segni 22 e 45 chiamati in causa per sostenere la parentela tra il disco e le
scritture lineari cretesi, troviamo almeno due petroglifi. il segno I 7 e il se-
gno II 3,5 che sono identici ai segni 15 e 23 del disco di Festo. Ma nessuno
si eÁ mai sognato di avvicinare la scrittura del disco di Festo alle incisioni
rupestri attestate nella Valcamonica: l'abisso geografico e cronologico
che separa la cultura cretese da quella camuna evidenzia subito l'assurditaÁ
di una tale ipotesi. Orbene, dal punto di vista grafico, il confronto tra i se-
gni 22 e 45 del disco e i segni AB 31 e 76 delle scritture lineari cretesi eÁ
assai meno convincente del paragone tra i petroglifi camuni e i tipi della
nostra misteriosa iscrizione; non ci si puoÁ basare sulla vaga somiglianza
tra alcuni segni presenti in due o piuÁ scritture diverse per ritenere che le
scritture in questione siano apparentate».6
Questo discorso rende bene l'idea, anche se il confronto eÁ stato in ef-
fetti instaurato tra i segni di una scrittura vera e propria (quella del disco) e
i petroglifi di una pittografia (ossia un'espressione pre-scrittoria): in en-
trambi i casi, tuttavia, si tratta di segni grafici veicolanti, con modalitaÁ e
gradi di convenzionalitaÁ diversi, un certo messaggio.
Non ci sentiamo peroÁ del tutto d'accordo con le conclusioni completa-
mente scoraggianti tracciate in GODART 1994a, p. 139 s., informate al piuÁ
totale pessimismo circa i tentativi di decifrabilitaÁ.
Certamente eÁ vero che operare con un unico testo, tra l'altro sprovvisto
di evidenti ideogrammi o grafemi impiegati come ausilii semantici, eÁ un'im-
presa che si sottopone a un larghissimo margine di incertezza e di ipoteti-
citaÁ. Nondimeno le 61 ``parole'' e i 242 segni che compongono il disco co-
stituiscono un insieme non esiguo e un testo di cospicua lunghezza, su cui
indagini ermeneutiche di tipo combinatorio sono piuÁ che legittime.
Con questa considerazione non vorremmo, d'altro lato, incoraggiare o
avallare i ``decifratori integrali'', che, giaÁ per conto loro, spuntano sempre
piuÁ, ``come funghi'', e le cui ``intepretazioni'', come vedremo nel prossimo
paragrafo, pur nella loro apparente incredibile variabilitaÁ, seguono pochi e
piuttosto banali schemi ``fissi''.

5 Si segue qui la classificazione dei segni proposta nella tipologia e cronologia dei petroglifi

camuni nel volume I Camuni. Alle radici della civiltaÁ europea, Milano 1982.
6 GODART 1994a, p. 122 s.

Ð 163 Ð
APPENDICE II

2. LA QUESTIONE DELLA DECIFRABILITAÁ

Il disco di Festo eÁ stato plasmato con argilla depuratissima, ora di co-


lore rossastro, e (a differenza delle tavolette d'archivio minoiche che veni-
vano solo fatte seccare al sole, per poi forse riutilizzarne il materiale, scio-
gliendole in acqua alla fine dell'anno contabile) cotto intenzionalmente do-
po la scrittura.
Il testo, come eÁ noto, si svolge a spirale e la linea che delimita il rigo eÁ
stata incisa (senza dubbi dalla periferia verso il centro) con una specie di
stilo, mentre i 242 segni sono stati impressi con appositi punzoni, che in
GODART 1994a (p. 82) si presume, con argomenti, che dovessero essere
d'oro.
«Si tratta probabilmente del primo caso nella storia di un'iscrizione
realizzata con l'aiuto di caratteri mobili. PiuÁ di una volta questa caratteri-
stica eÁ stata giustamente enfatizzata e si puoÁ davvero proporre un paragone
con l'invenzione di Laurens Coster, l'olandese vissuto alla fine del trecento
al quale si attribuisce l'invenzione dei caratteri mobili, riutilizzabili a varie
riprese, per la stampa di testi».7
La questione di questa precocissima ``invenzione'' dei caratteri mobi-
li eÁ certamente molto affascinante e forse potrebbe perfino aprire alcuni
spiragli sul ``mistero'' dell'origine del disco. Sarebbe infatti cosõÁ assurdo
immaginare che i punzoni siano stati fatti realizzare da un'autoritaÁ poli-
tica, come ``modelli'' ufficiali (e non pensando, almeno in principio, al-
l'utilitaÁ pratica dei caratteri mobili), al momento dell'introduzione di
una riforma del sistema di scrittura? Se questo fosse avvenuto a Creta
(a Festo, per la precisione, verso la fine dei Primi Palazzi), il che sembre-
rebbe appoggiato, oltreche dai dati del ritrovamento e dall'analisi forma-
le dei segni,8 anche dal carattere assai verosimilmente sillabico della scrit-
tura stessa, si sarebbe trattato di una riforma davvero radicale (che poi
sarebbe stata travolta e dimenticata in seguito alla catastrofe che distrus-
se i Primi Palazzi, nel 1700 a.C. ca.), almeno per quanto concerne il trac-
ciato dei singoli sillabogrammi. Una ``riforma senza seguito'', come quel-

7 GODART 1994a, p. 81.


8 Che, come si eÁ giaÁ visto e si sottolinea bene in GODART 1994a, non sono in realtaÁ per
niente compatibili con le forme dei segni dei sillabari cretesi, pur raffigurando, con grande ico-
nismo, realia culturalmente inquadrabili nel mondo egeo (e cretese in particolare) dell'EtaÁ del
Bronzo.

Ð 164 Ð
IL DISCO DI FESTO

la ipotizzata, spiegherebbe abbastanza bene lo sconcertante ``isolamen-


to'' in cui si trova un reperto che, sotto molti punti di vista (tecnici, epi-
grafici, culturali, linguistici), ha un'importanza eccezionale. Tuttavia sia-
mo ben consci che, senza elementi concreti di sostegno, si brancola del
regno delle semplici congetture.
Riproduciamo di seguito i 45 caratteri attestati sul disco (capovolti rispet-
to all'originale, per rendere coerente la nostra trascrizione da sinistra a destra,
contraria a quella del disco) 9 e ordinati secondo il loro numero di catalogo in
quattro colonne da dieci e una da cinque (piuÁ i tre tipi di segno diacritico o
interpunzione, cioeÁ il trattino obliquo aggiunto sotto alcuni segni, sempre in
fine di ``parola'', il tratto verticale semplice, separatore di ``parole'' nella spi-
rale, e il tratto verticale complesso, che indica l'inizio del rigo su ogni faccia).

Il testo completo del disco eÁ quindi trascrivibile come segue:

9 Diversamente GODART 1994a, nelle trascrizioni in testo, mantiene i segni nella loro posi-

zione originale (cioeÁ ``rivolti'' a destra), ma trascrive le ``parole'' da sinistra verso destra (al con-
trario del disco), con il risultato, ci pare, di una meno precisa confrontabilitaÁ tra i gruppi di segni
trascritti e quelli impressi sul disco.

Ð 165 Ð
APPENDICE II

Che possiamo dire delle miriadi di interpretazioni fiorite attorno a que-


sto documento?
La quantitaÁ di contributi sul disco di Festo eÁ davvero smisurata: come
anticipato per lo piuÁ si tratta di pretese ``traduzioni'' integrali proposte da
linguisti o da ogni genere di dilettanti.
L'idea che i dilettanti possano spesso riuscire meglio laÁ dove non arri-
vano gli specialisti, ``ingessati'' nelle strutture mentali accademiche, investe,
trovandovi apparente conferma, anche lo studio delle scritture antiche e di-
menticate.
C. W. Ceram nel suo celebre libro CiviltaÁ sepolte (p. 55) 10 richiama, a
proposito delle imprese archeologiche di Heinrich Schliemann, queste pa-
role di Arthur Schopenhauer: «Dilettanti! Dilettanti! CosõÁ vengono chia-
mati con disprezzo coloro che si occupano di una scienza o di un'arte,
per amore di essa e per la gioia che ne ricevono, per il loro diletto, da quanti
si sono dedicati agli stessi studi per il proprio guadagno, perche costoro si
dilettano solo del denaro che con tali studi si procurano. Un tale disprezzo
deriva dalla meschina convinzione, che nessuno possa prendere qualcosa
sul serio senza lo sprone della necessitaÁ, del bisogno e dell'aviditaÁ. Il pub-
blico ha lo stesso atteggiamento e la stessa opinione: di qui nasce il suo ri-
spetto per gli ``specialisti'' e la sua sfiducia verso i dilettanti. La veritaÁ eÁ, al
contrario, che per il dilettante la ricerca diventa uno scopo, mentre per il
professionista rappresenta solo un mezzo, ma solo chi si occupa di qualcosa
con amore e con dedizione puoÁ condurla al termine in piena serietaÁ. Da tali
individui, e non da servi mercenari, sono sempre nate le grandi cose».
Quindi Ceram, dopo aver enumerato un numero impressionante di impor-

10 I brani riportati sono tratti dalla traduzione pubblicata da Einaudi (Torino).

Ð 166 Ð
IL DISCO DI FESTO

tanti scoperte scientifiche compiute nel corso della storia da «dilettanti,


outsiders o addirittura autodidatti», che «non conobbero i paraocchi degli
specialisti» aggiunge di suo (p. 56): «La serie eÁ illimitata. Se si volessero
eliminare questi uomini e la loro opera dalla storia delle scienze, tutto l'e-
dificio scientifico crollerebbe. Eppure, ai loro tempi, essi furono oggetto di
ironie e di scherni. La serie continua anche nella storia della scienza di cui
qui ci occupiamo. William Jones, che effettuoÁ le prime buone traduzioni
dal sanscrito, non era un orientalista, ma giudice nel Bengala. Grotefend,
che per primo decifroÁ la scrittura cuneiforme, era un filologo classico. Il
suo continuatore Rawlinson era un ufficiale e un uomo politico. I primi
passi sulla lunga strada che avrebbe condotto alla lettura dei geroglifici fu-
rono percorsi da Thomas Young, un medico. E Champollion, che perven-
ne al termine di questo cammino, era professore di storia. Humann, lo sca-
vatore di Pergamo, era ingegnere ferroviario. Non eÁ sufficiente questa lista
per quanto vogliamo dimostrare? Beninteso il valore di tutto cioÁ che di-
stingue lo specialista non puoÁ neppure essere discusso. Ma quando i mezzi
sono onesti, non eÁ infine il risultato cioÁ che piuÁ conta? E non abbiamo
quindi il dovere di tributare agli outsiders la nostra particolare gratitu-
dine?».
A parte il fatto autoevidente che le pittoresche immagini di Schopen-
hauer di specialisti avidi e che «si dilettano solo del denaro che con tali stu-
di si procurano» si attagliano ben poco agli archeologi o, tanto meno, ai
glottologi, quello che non si dice (e spesso non si capisce) chiaramente eÁ
che tutti quei ``dilettanti'' che sono riusciti nello svelamento di antichi co-
dici scrittoÁri dimenticati (giusto per attenerci strettamente alla disciplina di
cui qui ci occupiamo: e alla lista andrebbe aggiunto ovviamente l'architetto
inglese Michael Ventris, decifratore della lineare B) si sono strettamente at-
tenuti all'applicazione di metodi scientifici di analisi crittografica e combi-
natoria, anche sulla base della comparazione tipologica con le altre forme
di scrittura nota,11 fondando frequentemente i loro risultati sulla ricerca di
``appigli'' onomastici (es. i nomi dei re persiani per Grotefend o i nomi di
cittaÁ cretesi per Ventris).
Del resto la proliferazione, attorno al disco di Festo, di lavori dilettan-
teschi del tutto infondati eÁ indubbiamente favorita dall'assoluto ``isolamen-
to'' di questa testimonianza scritta, fatto che daÁ quasi la sensazione di poter
scrivere ``di tutto'' e ``liberamente'': nessuno comunque potraÁ smentire.
Se l'interpretazione di un testo scritto non pone problemi al soggetto

11 Si legga in particolare FACCHETTI 2002b, per i casi delle decifrazioni del geroglifico egi-

ziano e della scrittura maya.

Ð 167 Ð
APPENDICE II

che conosca scrittura e lingua, quando queste conoscenze vengono a man-


care (e non sono piuÁ recuperabili perche la scrittura eÁ ``dimenticata'' e/o la
lingua soggiacente estinta o ignota) sorgono grosse difficoltaÁ che si possono
classificare su tre livelli principali:
1. Scrittura nota e lingua ignota.
2. Scrittura ignota e lingua nota.
3. Scrittura e lingua ignote.
Il primo ordine di difficoltaÁ concerne il caso in cui la documentazione
disponibile sia scritta in un codice conosciuto (eventualmente in parte ria-
dattato), ma la lingua soggiacente, estinta, sia poco o per niente compren-
sibile. Dunque, in linea di principio, e grossolanamente, si ``legge'', ma non
si capisce. Gli esempi concreti di questo genere di documentazione presen-
tano tuttavia gradazioni di leggibilitaÁ e di comprensibilitaÁ diverse e descri-
vibili solo caso per caso. In generale la lingua estinta testimoniata solo da
documenti leggibili si deve considerare ``ignota'' solo se risulta genealogi-
camente isolata, vale a dire che non si puoÁ scientificamente dimostrare la
sua includibilitaÁ in nessuna della famiglie linguistiche note. Un esempio eÁ
fornito dal hurrico, lingua in uso nel II millennio a.C. e propria del regno
di Mittani. L'unica lingua con cui si eÁ dimostrata una sicura parentela eÁ l'u-
rarteo del I millennio a.C. (anch'essa, peraltro, lingua di attestazione limi-
tata ed esclusivamente epigrafica), con cui forma una famiglia linguistica a
se stante, quantunque si sia tentato, senza riuscirci, di collegare il gruppo
hurro-urarteo con le lingue caucasiche. I testi hurrici sono leggibili in quan-
to scritti col sillabario cuneiforme accadico, tuttavia l'isolamento genealo-
gico (l'urarteo, come visto, non puoÁ essere di grande aiuto) rappresenta
un grosso ostacolo per una ricostruzione precisa delle complesse caratteri-
stiche grammaticali del hurrico. D'altro lato la presenza di bilingui, anche
di una certa importanza, e perfino di liste lessicali e vocabolari plurilingui
(trovati a Ugarit) rappresentano un aiuto molto prezioso per la faticosa
opera ermeneutica condotta dagli specialisti sui documenti hurrici. Ancora
peggiore eÁ il caso della lingua etrusca, ben leggibile in quanto trascritta con
un alfabeto derivato da quello greco, ma presentante tuttavia gravi proble-
mi di interpretazione, dal momento che tale lingua, estinta senza discen-
denti, si presenta dal punto di vista genealogico completamente isolata.
Mancando inoltre vocabolari come quelli hurrici e dato che le bilingui co-
nosciute sono brevissime (peraltro la lunga ``traduzione'' fenicia delle lami-
ne di Pyrgi non eÁ letterale), l'ermeneusi dei testi etruschi ha richiesto e ri-
chiede grandi sforzi, fondati soprattutto su uno studio combinatorio inter-
no (anche sulla base del confronto con testi ``paralleli'', ossia di contenuto

Ð 168 Ð
IL DISCO DI FESTO

evidentemente affine, scritti in lingue note) dei documenti disponibili. Pur


essendo l'etrusco una lingua ``ignota'', nel senso di estinta e genealogica-
mente isolata, non eÁ peroÁ esatto dire che di esso ``si ignora tutto o quasi'',
perche grazie al lungo e paziente lavoro di molti studiosi si eÁ riusciti ad ac-
cumulare un patrimonio di conoscenze, circa la grammatica e il lessico,
davvero considerevoli. Un ultimo, interessante esempio di documenti leg-
gibili, ma poco o per niente comprensibili eÁ rappresentato, ovviamente,
dalla scrittura minoica lineare A. Anche la lingua minoica, come l'etrusco,
non rivela affinitaÁ evidenti con altre lingue; nel caso del minoico, in parti-
colare, l'effettiva scarsitaÁ di materiale non-onomastico disponibile incide
moltissimo sul problema della dimostrazione scientifica di possibili paren-
tele. Tuttavia, come in etrusco, anche senza bilingui o glossari, lo studio
combinatorio dei testi consente di ricavare, come visto nei capitoli prece-
denti, il significato di alcune parole minoiche, come ku-ro ``totale''; ki-ro
``ammanco''; a-ta-i-jo-wa-ja, teonimo; (j)a-sa-sa-ra-me, probabile nome d'of-
ferta sacra, e cosõÁ via (supra, soprattutto capitoli 3 e 8).
Il secondo caso in cui l'interpretazione di un testo scritto pone proble-
mi comporta la presenza di un codice scrittorio ignoto perche ``dimentica-
to'', mentre si conosce come dato certo o altissimamente probabile qual eÁ
la lingua soggiacente. Veramente questa situazione non si verifica molto
frequentemente, percheÂ, in linea di massima, conoscendo il codice lingua
soggiacente, con un adeguato studio del materiale (specie se disponibile
in quantitaÁ non irrisorie) dovrebbe in via di principio essere sempre possi-
bile giungere alla decifrazione. La situazione di ``scrittura ignota e lingua
nota'' rappresenta per la veritaÁ l'ultimo stadio (ovviamente dopo il supera-
mento di una precedente fase di ``scrittura e lingua ignote'') prima di qua-
lunque decifrazione; cosõÁ Champollion, superato a fatica l'errato dogma
della pura ideograficitaÁ dei geroglifici egiziani, vide ``esplodere'' la decifra-
zione allorquando comincioÁ ad applicare la ``chiave'' del copto (che si sa-
peva discendere direttamente dalla lingua degli antichi Egiziani); ugual-
mente Ventris, superato l'errato dogma (originato da Evans) dell'``impossi-
bile grecitaÁ'' delle tavolette micenee, si trovoÁ di fronte a un'impressionante
proliferazione di conferme incrociate, quando comincioÁ ad applicare la
``chiave'' della lingua greca. Alle volte, peroÁ, la condizione di ``scrittura
ignota e lingua nota'' puoÁ rappresentare anche il punto di partenza, come
nel caso della scrittura maya (dato che la lingua maya non si eÁ affatto estin-
ta): in tal caso la lentezza del processo di decifrazione (che, tra l'altro, a
partire dall'impulso di Knorozov, continua, segno per segno, ancor oggi)
eÁ dovuto alla complessitaÁ del sistema, che comporta anche l'impiego di
molte varianti di uno stesso segno, nonche di elaborate composizioni e le-

Ð 169 Ð
APPENDICE II

gature. In una situazione attuale di ``scrittura ignota e lingua nota'' perma-


ne il sistema della scrittura rongorongo dell'Isola di Pasqua,12 tuttora inde-
cifrata, e cioÁ a causa dell'estrema complessitaÁ del codice scritto. Non pare
infatti esserci dubbio che la lingua soggiacente sia quella indigena, una va-
rietaÁ antica del rapanui (appartenente alla famiglia linguistica polinesiana)
ancora oggi parlato dai discendenti degli abitanti originari.
Il terzo caso, di ``scrittura e lingua ignote'', eÁ invece esemplarmente
rappresentato proprio dal disco di Festo o dalla scrittura della Valle del-
l'Indo o anche, in diversa misura, dal geroglifico cretese, tutte situazioni
in cui ``non si legge e non si capisce''.
A prescindere dai ``risultati'' (ossia dal contenuto del testo ricavato dal-
le pretese ``traduzioni''),13 i metodi di approccio di tutti i ``decifratori'' del
disco (dilettanti o ``specialisti'') ricalcano schemi fissi.
Infatti il problema primario, per chi vuole si propone di ``ottenere'' una
``decifrazione'' integrale, eÁ quello di attribuire valori, fonetici o semantici,
ai singoli segni.
Possiamo identificare due gruppi fondamentali di ``approcci'' al pro-
blema della ``lettura'' dei segni:
1. Ipotesi del codice puramente ideografico.
2. Ipotesi del codice propriamente scrittorio (ideografico o fonetico).
Il primo ``metodo'', praticamente tipico dei soli dilettanti piuÁ sprovve-
duti, assume che la scrittura del disco di Festo non sia una scrittura vera e
propria (in cui, cioeÁ, almeno in parte, i testi contengano anche segni [fono-
grammi] riconducibili alla fonetica della lingua soggiacente),14 bensõÁ una
mera sequenza di ideogrammi. Tale ``metodo'', se vogliamo chiamarlo cosõÁ,
consiste nel reputare che ogni segno trascriva una parola o un concetto (e
dunque i gruppi di segni separati sul disco non sarebbero ``parole'', ma fra-
si), mentre i connettori sintattici (congiunzioni, preposizioni) e gli elementi
morfologici, considerati come ``sottintesi'', vengono integrati ``a piacimen-
to'' dall'``interprete'' di turno. Questo sistema, palesemente prescientifico e

12 Sui cui v. l'appendice di FACCHETTI 2002b.


13 Classificando ``per generi'', si va dall'inno religioso, alla narrazione storica, al calendario
astronomico o almanacco (idea molto popolare), alla trattazione di un teorema geometrico, al-
l'inno militare, al testo didattico, al servizio funerario, alla formula magica, al documento di
Atlantide, a una specie di ``computer disk'', a un testo iniziatico di Osiride, a un gioco dell'oca,
ecc. ecc.; ma la lista sarebbe quasi infinita. Non eÁ neppure mancato chi ha pensato di ``identifi-
carvi'' una bilingue (la faccia A in greco e la B in ``minoico'').
14 V. ASPESI in ALFABETI , p. 24.

Ð 170 Ð
IL DISCO DI FESTO

antiscientifico, fu applicato, nel Seicento, anche da Athanasius Kircher nel


suo totalmente erroneo tentativo di tradurre i geroglifici egiziani. Per esem-
pio egli interpretava la semplice e ricorrente formula:

dd mdw i$n Wsi$r


Å«parole dette (o da dire) da parte di Osiride»

con: «la vita delle cose dopo la vittoria sul tifone, l'umiditaÁ della natura,
grazie alla vigilanza di Anubis'': secondo Kircher, ``ovviamente'', la linea
ondulata (segno per n) simboleggiava ``l'umiditaÁ della natura'' e l'occhio
(segno per i$r) la ``vigilanza di Anubis''. Un esempio di applicazione di
questo medodo strampalato e dei suoi pazzeschi risultati eÁ fornito in Negri
2000, p. 50 ss., laddove, tra le (giuste) doglianze per aver trovato un libro
sul disco di Festo, informato a un simile ``metodo interpretativo'', in ven-
dita nello shop dello stesso Palazzo (e accostato, come se niente fosse, a
un'opera scientifica come GODART 1994a), se ne espone parte del contenu-
to: la sequenza , ultimo gruppo della faccia A, viene ``letta'' alla ro-
vescia (oltretutto!), come se fosse il gruppo iniziale; significherebbe
``reale'', significherebbe ``pacificatore'' e significherebbe ``morte'':
tutta la ``frase'' risulterebbe dunque ``traducibile'' con: «(eÁ la storia del) Pa-
cificatore reale (che ha incontrato) la morte», e via dicendo. Kircher, nel
Seicento, avrebbe forse potuto fare di meglio. Una scrittura, propriamente
detta, che sia puramente composta da ideogrammi (o segni-parola), infatti,
non esiste ne eÁ mai esistita,15 ma, oltre a cioÁ, eÁ evidente, anche dai soli po-
chi esempi forniti, che il tasso di arbitrarietaÁ nell'assegnazione dei pretesi
``significati'' ai segni scritti eÁ infinito (senza contare le libere ``integrazioni''
necessarie per ottenere frasi coerenti), cosõÁ che ciascuno, operando in tale
modo, potrebbe costruirsi la sua personale ``traduzione''.
Il secondo metodo, o ``del codice scrittorio'', identifica invece la scrit-
tura del disco in uno dei due grandi gruppi dei sistemi di scrittura: 16 cioeÁ
tra i codici (prevalentemente) ideografici oppure tra i codici fonetici (in
quest'ultimo caso di solito si individua una scrittura di tipo sillabico). La
semplice ``identificazione'' in astratto del sistema di scrittura non eÁ di
per se un'operazione illegittima, anzi essa eÁ un'ipotesi di lavoro che si

15 FACCHETTI 2002b, pp. 29 s.; 93 s.


16 FACCHETTI 2002b, p. 29.

Ð 171 Ð
APPENDICE II

puoÁ sempre formulare (si eÁ visto sopra che vari indizi farebbero propende-
re per una scrittura fonetica di tipo sillabico, ma sulla questione torneremo
nel prossimo paragrafo). I problemi sorgono, peroÁ, quando questi ``inter-
preti'' cercano di attribuire valori fonetici o semantici ai segni. Quando l'at-
tribuzione del valore a ciascun segno non eÁ spudoratamente ingiustificata
(avente, cioeÁ, l'unico scopo di ``far scaturire'' la traslitterazione che fa
piuÁ comodo all'``interprete''), essa eÁ ottenuta tramite uno di questi sistemi
(o tramite entrambi, in modo combinato):
I. Attribuzione basata sulla piuÁ o meno remota rassomiglianza dei segni
del disco con quelli di un'altra forma di scrittura.
II. Attribuzione basata sul metodo acrofonico.
Nel caso I si eÁ impiegato, spesso, come termine di confronto, l'insieme
dei sillabogrammi delle scritture lineari minoica e micenea. Prescindendo
dai dilettanti, abbiamo due esempi di studiosi noti, distintisi in altri settori
della filologia e della linguistica storica: si tratta di Cyrus H. Gordon e di
Paul Faure. In Gordon 1966, in margine all'ipotesi dell'identificazione del
minoico come semitico cui si eÁ accennato supra, in § 3.1, si trova (alle pp.
40-42) un parziale tentativo di traduzione del disco; a parte che la lettura
avviene al contrario (cioeÁ dal centro alla periferia, e la scelta non eÁ giusti-
ficata da altro se non dall'``utilitaÁ'' della pretesa interpretazione), le letture
sono ottenute con il sistema I nella maggioranza dei casi (e la scrittura di
riferimento eÁ il sillabario minoico-miceneo). Ad esempio i segni del disco 17

sono letti, rispettivamente 'i, pe, pu, taÂ, te, ti, to, da, ku, ma, na, no, laÂ, se,
su, sulla base della vaga (o vaghissima) ``rassomiglianza'' con i segni lineari:

Gordon ``avvalora'' la lettura di alcuni di questi segni con il ricorso


(``confermativo'') anche al sistema acrofonico (di cui diremo tra poco), in
base al quale attribuisce un valore fonetico anche a

letti pa, ha, pi, kr (!), perche il primo raffigurerebbe una ``casa'' (in semitico
bayt) e gli altri Çtre una ``mammella'' (sem. haynõÃq ``succhiare''), un ``angolo''

17 V. la griglia (Provisional Values of Some Phaistos Disc Signs) in GORDON 1966, plate XII.

Ð 172 Ð
IL DISCO DI FESTO

(ebreo pinnaÅ) e un ``corno'' (sem. karn-: la ``lettura'' kr torna comoda a


Gordon per ``trovare'' sul disco la parola per ``cittaÁ''). Un Ç criterio analogo,
fondato sulle ``rassomiglianze'' coi segni dei sillabari lineari eÁ applicato da
Paul Faure in un articolo intitolato Les diviniteÂs de Phaistos,18 in cui il disco
eÁ ``tradotto'', stavolta integralmente, come se fosse scritto in una specie di
greco. Va detto che anche Faure legge al contrario (rispetto alla direzione
che si eÁ ora potuta stabilire grazie agli studi piuÁ avanzati) e che l'arbitrio
nella scelta delle rassomiglianze (e nella conseguente attribuzione dei valori
fonetici) eÁ portato all'estremo. Tra le altre fa sensazione l'``identificazione''
del segno della ``mammella'' con trattino sottoscritto ( ) con il segno linea-
re della ``doppia ascia'' ( )! 19 Del resto i quindici segni ``letti'' da Gordon
come 'i, pe, pu, taÂ, te, ti, to, da, ku, ma, na, no, laÂ, se, su, sono trascritti da
Faure (e sulla base di un analogo ``confronto'' con i sillabari minoico e mi-
ceneo), rispettivamente, come di?, ze?, e, ta2?, ti, sa?, te, so?/po?, (y)a, yo,
ni, no, ra2, na, n(a)u. Inutile insistere sul fatto che a volte ``rassomiglianze''
piuÁ prossime vengono tranquillamente trascurate, per far ``tornare i conti''
della propria interpretazione. Per esempio il segno del disco assomiglie-
rebbe, in qualche modo, al segno lineare (letto qe), eppure Gordon e
Faure gli attribuiscono, rispettivamente e ingiustificatamente, i valori ko
e re(i) (i sillabogrammi lineari con queste letture sono e ). Eppure l'ar-
bitrarietaÁ nell'attribuzione di valori ai segni (e dunque l'inaffidabilitaÁ scien-
tifica dei risultati) puoÁ perfino essere accresciuta quando si ricorre a ``con-
fronti formali'' con una scrittura ideografica, presumendo percioÁ tout court
(cioeÁ senza la minima discussione preliminare) che anche la scrittura del
disco sia ideografica, con la conseguenza di sentirsi legittimati ad attribuire
ai segni la funzione e il valore di fonogrammi e/o di ideogrammi, a seconda
delle convenienze. Un ``bell'''esempio in tal senso eÁ offerto in BEST-WOU-
DHUIZEN 1988 (in cui il disco di Festo eÁ tradotto come se fosse scritto in lu-
vio). Il confronto (spesso assai banale e quasi sempre palesemente forzato:
v. pp. 40 s. e 44 s.) eÁ condotto con i segni della scrittura luvia geroglifica.
Particolarmente eclatanti sono i casi di , letto come un fonogramma (tu),
mentre eÁ confrontato con un segno che nei testi luvii eÁ sempre ideografico,
e del trattino sottoscritto /, che eÁ incredibilmente reputato come un sillabo-
gramma autonomo (letto ta/i), mentre eÁ ovvio, dalla scrittura del disco, che
esso non eÁ stato impresso con un proprio punzone, come tutti gli altri se-
gni, ma eÁ stato inciso con lo stilo (e cioÁ, sommato alla constatazione che il

18 FAURE 1973.
19 FAURE 1973, p. 190.

Ð 173 Ð
APPENDICE II

segno ricorre sempre sotto l'ultimo segno di una ``parola'', induce forte-
mente a ritenere che si tratti di una specie di interpunzione).
La seconda strategia di attribuzione dei valori ai segni eÁ il ``metodo
acrofonico'': essa eÁ particolarmente adottata dai dilettanti di ogni genere,
ma non solo, e spesso eÁ combinata con la prima strategia, del confronto
tra scritture, come si eÁ visto per Gordon. L'applicazione del metodo acro-
fonico si fonda sul presupposto di aver ``intuito'' quale sia la lingua soggia-
cente: percioÁ ci si sente autorizzati a verificare l'``intuizione'' attribuendo
come valori fonetici ai segni l'inizio del loro nome nella lingua ``individua-
ta'': cosõÁ Aartun, posto tra gli esempi ``da non imitare'' in NEGRI 2000 (p.
53 s.), credendo che il disco sia scritto in una lingua semitica, legge il segno
della ``testa piumata'' come ka (ma anche ak!), perche esso, secondo lui,
raffigurerebbe un ``sacerdote'' (il cui termine semitico corrispondente eÁ ap-
punto kaÅhinu), e cosõÁ via. Va detto che l'idea di riconoscere un principio
acrofonico nella creazione di scritture eÁ tutt'altro che assurda, anzi eÁ del
tutto normale: si eÁ visto l'esempio del segno lineare (A e B) (stilizzazione
di una cetra), il cui valore fonetico bu pare con ogni verosimiglianza tratto,
acrofonicamente, dalla parola ``minoica'' burta- ``cetra'',20 appunto. Molti,
poi, sapranno che i nomi delle lettere greche sono in realtaÁ la trascrizione
dei nomi fenici dell'oggetto raffigurato dalla lettera stessa. Infatti i Fenici,
primi inventori dell'alfabeto (da cui discende anche il nostro), applicarono
semplicemente il principio acrofonico, attribuirono, cioeÁ, il valore fonetico
della consonante iniziale all'oggetto rappresentato: (antenato della no-
stra A) trascriveva il suono consonantico ' (colpo di glottide), dato che raf-
figurava schematicamente una testa di bue (fenicio 'aleph); (antenato
della nostra B) si leggeva b e raffigurava una casa (fenicio beÃth); (ante-
nato delle nostre C e G) si leggeva g e raffigurava la gobba di un cammello
(fenicio gimel); (antenato della nostra D) si leggeva d e raffigurava una
porta (fenicio daleth), e cosõÁ via. Il fatto eÁ, peroÁ, che queste precise (e tri-
plici) corrispondenze (segno : oggetto raffigurato [spesso in modo assai sti-
lizzato e praticamente irriconoscibile se non a posteriori] : termine su cui si
applica l'acrofonia) possono essere determinate e ricostruite ``a ritroso'' so-
lo quando e perche si conosce con certezza il valore dei segni e la lingua dei
creatori del codice scrittorio (e anche in questo caso resta adito ad alcuni
dubbi). Un simile percorso non eÁ invece ragionevolmente praticabile se
non si puoÁ stabilire con certezza la lingua soggiacente, perche l'altissimo
tasso di discrezionalitaÁ toglie automaticamente ogni valore scientifico e

20 NEUMANN 1982.

Ð 174 Ð
IL DISCO DI FESTO

ogni affidabilitaÁ ai risultati. Gli ``interpreti'' di questo tipo possono infatti


scegliere ``a piacere'' la lingua (o, peggio ancora, la famiglia linguistica) cui
ritengono di poter ``affiliare'' il testo del disco, dopodiche decidono (tra
svariate possibilitaÁ) qual eÁ l'oggetto raffigurato dal segno (il piuÁ delle volte,
come si eÁ visto, l'identificazione eÁ piuÁ che ambigua), e a questo punto scel-
gono (e tra eventuali sinonimi o varianti nell'ambito di un'intera famiglia
linguistica!) il termine che designa l'oggetto, per applicare infine l'acrofo-
nia. Per esempio, se decidessimo che il disco eÁ scritto in una lingua affine al
latino, potremmo ``stabilire'' che raffigura una ``testa'' o un ``sacerdote''
o un ``soldato'' o un ``giovane'' o un ``nemico'' o un ``comandante'', ecc.,
potendo conseguentemente scegliere tra i valori fonetici, acrofonicamente
stabiliti, ca (lat. caput ``testa''), sa o fla (lat. sacerdos ``sacerdote'', flamen ``ti-
po di sacerdote''), mi o be (lat. miles ``soldato'', bellator ``guerriero''), iu o
pu (lat. iuvenis ``giovane'', puer ``ragazzo''), ho (lat. hostis ``nemico''), du o i
(lat. dux ``comandante'', imperator ``capo vittorioso''), ecc. Si osserva che il
numero di scelte consentite, per ogni segno, eÁ sterminato: dunque, prima o
poi, si puoÁ ``far saltar fuori'' il valore fonetico che si attaglia alla propria
``interpretazione''.
In veritaÁ, come ben visto dal Godart, la scrittura del disco non ha con-
nessioni plausibili con le altre scritture cretesi neÂ, tanto meno, con altre
scritture dell'area mediterranea. Rimarchevole e condivisibile eÁ la dimostra-
zione del carattere pseudoepigrafico dell'ascia di Arcalochori (Creta), che,
per alcuni, avrebbe riportato un testo in scrittura assimilabile a quella del
disco.21
Osserviamo che, se il disco resta chiuso a questi approcci anti- (o para-)
scientifici, che costituiscono peroÁ la stragrande maggioranza della ``lettera-
tura'' sull'argomento, tuttavia studi e lavori significativi e affidabili esistono
e rappresentano un ottimo punto di partenza per indagini ulteriori. Oltre a
GODART 1994a, possiamo citare almeno OLIVIER 1973 e DUHOUX 1977.

3. NEL ``LABIRINTO'' DEL DISCO

Tutto quanto si eÁ asserito nel paragrafo precedente non significa peroÁ


che ogni approccio ermeneutico al testo del disco si debba reputare escluso
a priori.
In effetti un attento confronto tra i gruppi del disco permette di ipotiz-

21 GODART 1994a, pp. 123-132.

Ð 175 Ð
APPENDICE II

zare fondatamente l'identificazione di elementi morfematici (``prefissi'' o


``suffissi''), come nei casi seguenti:

Il confronto eÁ particolarmente significativo quando la ricorrenza di cer-


ti ``elementi morfematici'' si puoÁ verificare da piuÁ accostamenti diversi: eÁ
questo il caso delle terminazioni (flessionali?) - e - o del ``prefisso'' .
Incidentalmente la riconoscibilitaÁ incrociata di questi elementi morfe-
matici, assieme al numero dei segni attestati (45) e alla lunghezza media
dei gruppi di segni, ci conferma nell'idea che troviamo di fronte a una scrit-

Ð 176 Ð
IL DISCO DI FESTO

tura fonetica di tipo sillabico (e forse a una lingua di tipo flessivo o agglu-
tinante).
Peraltro, finche disporremo di questo solo documento isolato, la via da
percorrere verso un eventuale tentativo di interpretazione si potraÁ immagi-
nare come una specie di labirinto o come una serie di cunicoli ramificati.
La ``via di uscita'', ossia la corretta interpretazione, eÁ una sola, eppure,
ad ogni via che imbocchiamo, ci troviamo di fronte due o piuÁ percorsi al-
ternativi tra cui scegliere.
Una volta entrati nel ``labirinto'' del disco la prima scelta, a rigore, ri-
guarderebbe la questione del doverlo considerare un documento autentico
o una falsificazione. In realtaÁ, se si prescinde dal suo eccezionale ``isolamen-
to'' (rotto in parte, tuttavia, come rilevato in GODART 1994a, da corrispon-
denze formali importanti tra i segni del disco e alcuni notevoli dati archeo-
logici e iconografici della cultura minoico-micenea), non esistono motivi
per sospettare di un falso. Nondimeno, reputandolo un documento auten-
tico e antico, abbiamo giaÁ fatto una scelta precisa.
Proseguendo, ci troviamo di fronte ai due cunicoli relativi al sistema di
scrittura: ideografico o fonetico. Si eÁ visto sopra per quali motivi riteniamo
che si possa entrare con una certa confidenza nel cunicolo delle scritture
fonetiche e, di fronte alla successiva divaricazione (tra alfabeti e sillabari),
si possa scegliere la via delle scritture sillabiche.
A questo punto siamo avanzati abbastanza nel ``labirinto'' del disco, ma
eÁ qui che ci dobbiamo fermare, perche ci troviamo di fronte alla scelta tra
una serie praticamente infinita di cunicoli.
Bisogna infatti scegliere fra il numero mostruosamente alto delle com-
binazioni di valori sillabici che si possono attribuire ai segni. Scelti i giusti
valori, si avrebbe la corretta traslitterazione del testo e, se la lingua soggia-
cente fosse conosciuta o conoscibile (perche ``imparentata'' con altre cono-
sciute), la decifrazione sarebbe cosa fatta.
Purtroppo peroÁ la scrittura del disco non eÁ confrontabile con nessuna
delle conosciute e l'applicazione del metodo acrofonico eÁ, come si eÁ visto,
destituita di ogni fondamento scientifico.
Ventris, di fronte alla lineare B, si trovava davanti una situazione simile.
Simile, ma non uguale. Anzitutto un gruppetto di segni della lineare B era-
no praticamente identici a quelli della giaÁ decifrata scrittura cipriota (che
era pure un sillabario e dal dato archeologico ben si sapeva che le civiltaÁ
di Creta e di Cipro avevano certamente intessuto stretti contatti fin dall'EtaÁ
del Bronzo): poi si sarebbe verificato che i valori fonetici erano effettiva-
mente gli stessi (confermando cosõÁ l'affinitaÁ genetica tra scritture lineari
cretesi e sillabario cipriota). Inoltre Ventris disponeva di una documenta-

Ð 177 Ð
12
APPENDICE II

zione molto piuÁ vasta su cui lavorare: centinaia di tavolette, tutte di carat-
tere amministrativo e ripiene di ideogrammi esplicativi (che davano un'idea
piuÁ o meno precisa del contenuto, ancor prima di ``leggere''). Un altro pun-
to che permise a Ventris di avanzare nell'attribuzione dei giusti valori fone-
tici fu la riconoscibilitaÁ di elementi onomastici, specialmente di toponimi,
altrimenti noti perche sopravvissuti nelle etaÁ successive.
Ora, noi concordiamo con Godart nel riconoscere che i dati ricavabili
dall'analisi combinatoria del disco siano insufficienti per riconoscere la lin-
gua soggiacente (che, oltretutto, potrebbe essere comunque sconosciuta e
genealogicamente isolata, come il minoico: semmai, come s'eÁ visto poco so-
pra, si potrebbe ipotizzare qualcosa sulla tipologia flessiva o agglutinante);
nondimeno non condividiamo del tutto l'idea che ``circa il contenuto del
messaggio stampato sul disco'' non si possa aggiungere nulla, oltre al fatto
che ci si trova, con ogni probabilitaÁ, di fronte a un testo di carattere non
contabile.22

4. SPUNTI PER UN'INDAGINE SPERIMENTALE SUL CONTENUTO DEL DISCO

In NEGRI 2000, p. 63 s., si eÁ posta in nuova luce la rimarchevolezza di


un articolo di Piero Meriggi,23 studioso che ha contribuito in modo fonda-
mentale alla decifrazione del luvio geroglifico. Egli, riprendendo una vec-
chia idea di R. A. Stewart Macalister, e corroborandola con l'accostamento
di possibili ``testi paralleli'' (in particolare la tavoletta di Ugarit RSÏ 17.251)
ad alcune parti della struttura testuale del disco, presenta elementi per ipo-
tizzare che il disco di Festo possa contenere un documento giuridico.
Le osservazioni del Meriggi, opportunamente modificate e ampliate, ci
permettono ora forse di costruire un modello interpretativo per l'elabora-
zione di ipotesi fondate sul possibile contenuto del testo del disco. CioÁ che
interessa sottolineare non sono tanto i concreti risultati dello specifico ten-
tativo qui condotto, quanto piuttosto il metodo euristico che se ne puoÁ
evincere.
Il Meriggi parte dalla constatazione che il gruppo ricorre spesso
sul disco e sempre in posizione iniziale; le parole con tale digrafo iniziale si
trovano tutte, a eccezione di una, nella faccia A del disco (che il Meriggi
indicava come la B).

22 GODART 1994a, p. 137.


23 MERIGGI 1974.

Ð 178 Ð
IL DISCO DI FESTO

In sostanza Macalister e Meriggi ipotizzano che funzionasse co-


me titolo o determinativo (per ``signore'', ``capo'' o simili) e che percioÁ nel-
la faccia A del disco sia riconoscibile una lista di antroponimi, seguiti dalle
rispettive qualifiche identificative, sul modello delle liste di testimoni o con-
tributori che compaiono su tanti atti giuridici o di fondazione delle tavolet-
te e delle iscrizioni cuneiformi.
In particolare Meriggi era propenso a credere che potesse fungere
da vero e proprio ideogramma-determinativo (per ``uomo'') preposto al-
l'antroponimo che seguiva. In effetti esso ricorre (seguito o non da )
soltanto in posizione iniziale di parola.24 CioÁ parrebbe collidere con l'idea,
da noi sostenuta, di una scrittura puramente sillabica (l'uso di un ideo-
gramma per identificare meglio gli antroponimi costituirebbe comunque
un'eccezione comprensibile), tuttavia non si puoÁ escludere che la sua esclu-
siva ricorrenza iniziale (esso compare in dieci ``parole'' che cominciano con
e all'inizio di cinque altre ``parole''), sia in realtaÁ da imputare al fatto
che trascriveva una vocale (le quali, come si eÁ visto, nelle scritture silla-
biche hanno elevatissime ricorrenze iniziali).
Questo tipo di ragionamento eÁ significativamente suffragato da un'ana-
lisi della struttura del testo che tenga (come non ha fatto Meriggi) conto dei
trattini posti alla fine di alcuni gruppi, come per separare parole o sintag-
mi, non eÁ assurdo (anzi eÁ plausibile) credere a mo' di interpunzione (come i
nostri , ; : .).25
Sulla faccia A si identificano cosõÁ dieci gruppi:
A.1.

A.2.

A.3.

24 DUHOUX 1977, p. 45 s.
25 Cfr. l'Edizione del testo con disposizione dei gruppi di segni secondo trattini, in GODART
1994a, p. 67 s.

Ð 179 Ð
APPENDICE II

A.4.

A.5.

A.6.

A.7.

A.8.

A.9.

A.10.

Nella prospettiva dell'ipotesi Macalister-Meriggi il gruppo A.3 pre-


senta una struttura in cui un termine (un appellativo? per ``testi-
moni''? ``garanti''? ``contributori''?) sembrerebbe introdurre una lista di
quattro ``persone'', tre delle quali accompagnate da possibili qualifiche
identificative (sul modello della tavoletta di Ugarit proposta dal Me-
riggi):

Ð 180 Ð
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

AGOSTINIANI L. 1986: Sull'etrusco della stele di Lemno e su alcuni aspetti del consonantismo
etrusco, «Archivio Glottologico Italiano», 71, pp. 15-46.
ALFABETI: M. NEGRI (a cura di), Alfabeti. Preistoria e storia del linguaggio scritto, Colo-
gnola ai Colli, Demetra, 2000.
ALEXIOU S. - BRICE W. C. 1972: A Silver Pin from Mavro Spelio with an Inscription in Linear
A: Her. Mus. 540, «Kadmos», 11, 1972, pp. 113-124.
ARAVANTINOS V.-GODART L.-SACCONI A. 1995: Sui nuovi testi del palazzo di Cadmo a Tebe.
Note preliminari, «Rendiconti dell'Accademia dei Lincei», serie 9, vol. 6, pp. 1-37.
ARAVANTINOS V.-GODART L.-SACCONI A. 2001: TheÁbes. Fouilles de la CadmeÂe I. Les tablettes
en lineÂaire B de la Odos Pelopidou, Pisa-Roma, IEPI.
ASPESI F. 1996a: Possibili connessioni egee di ebraico 'adamaÃ: a proposito di lineare A (i-)da-
ma-te, in KPHTH, pp. 121-135.
ASPESI F. 1996b: Lineare A (-)du-pu2-re: un'ipotesi, in KPHTH, pp. 137-145.
ASPESI F. 1996c: Greco kabt*qimho|, ebraico debõÃr, in KPHTH, pp. 147-181.
BARTONEÆK A. 2003: Handbuch des mykenischen Griechisch, Heidelberg, Carl Winter Verlag.
BENNETT E.L. 1972: Linear B Sematographic Signs, Acta Mycenaea. Proceedings of the Fifth
International Colloquium on Mycenaean Studies: Salamanca, 30 march - 3 april 1970
(M.S. RUIPEÂREZ ed.), Salamanca, Universidad de Salamanca, pp. 55-72.
BENNETT E.L. 1980: Linear A Fractional Retractation, «Kadmos», 19, pp. 12-23.
BERNABOÁ BREA L. 1952: Segni grafici e contrassegni sulle ceramiche dell'EtaÁ del Bronzo delle
isole Eolie, «Minos», 2, pp. 5-29.
BEST J.G.P. 1972: A Linear A Inscription on a Pithos from Epanoà Zakro, «Talanta», 4, pp.
82-84.
BEST J.G.P. 1982-1983: The Zakro Pithos Inscription, Again, «Talanta», 14-15, pp. 9-15.
BEST J.G.P.-WOUDHUIZEN F. 1988: Ancient Script from Crete and Cyprus, Leiden-New
York-Kùbenhavn-KoÈln, Brill.
BOSKAMP A. 1982: Die minoischen Maûeinheiten: ein Zwischenbericht, «Kadmos», 21, pp.
15-25.
BOSKAMP A. 1985: Die minoischen Maûeinheiten - weitere U Èberlegungen, «Kadmos», 24, pp.
23-25.
BOSKAMP A. 1990: An Early Inscription on Stone at Knossos, «Kadmos», 29, pp. 11-15.
BRICE W.C. 1961: Inscriptions in the Minoan Linear Script of Class A, London, Oxford Uni-
versity Press.
CARPENTER R. 1969: Clima e storia, Torino, Einaudi.

Ð 193 Ð
13
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

CASTELLANA G. 2002: La Sicilia nel II millennio a.C., Caltanissetta, S. Sciascia Editore.


CERAM C.W. 1968: CiviltaÁ sepolte. Il romanzo dell'archeologia, Torino, Einaudi.
CHADWICK J. 1973: Lineare B. L'enigma della scrittura micenea, Torino, Einaudi.
CHADWICK J. 1985: I Dori e la creazione dei dialetti greci, Le origini dei Greci. Dori e mondo
egeo (a cura di D. MUSTI), Roma-Bari, Laterza, pp. 3-12.
CHADWICK J. 1988: The Women of Pylos. Studies Bennett (supplemento a «Minos», 10),
Salamanca, Universidad de Salamanca, pp. 43-96.
CHAPOUTHIER F. 1930, Les eÂcritures minoennes au palais de Mallia, Paris, Geuthner.
CHIC: J.-P. OLIVIER-L. GODART (avec la collaboration de J.-C. POURSAT), Corpus Hierogly-
phicarum Inscriptionum Cretae, Paris, De Boccard, 1996.
CONSANI C. 1981: Regole grafiche, contesto e tipologia scrittoria. Considerazioni sull'ortogra-
fia dei testi in lineare B e delle iscrizioni cipriote classiche, «Studi Classici e Orientali»,
31, pp. 205-225.
CONSANI C. 1983: Per la ricostruzione della fonologia `minoica': le liquide e i glides, Studi di
linguistica minoico-micenea ed omerica, Pisa, Giardini.
CONSANI C. 1984: Per uno studio complessivo dei segni `fuori sistema' nella lineare B,
«AIXM», 6, pp. 197-237.
CONSANI C. 1992: Le tavolette delle classi J-Z di Pilo. Saggio di traduzione, Roma, Il Calamo.
CONSANI C. 1996a: Fenomeni di prestito e di adattamento di scritture nell'Egeo del II e del I
millennio a.C., in KPHTH, pp. 1-15.
CONSANI C. 1996b: AB 118/dwo tra minoico e miceneo, in KPHTH, pp. 71-81.
CONSANI C. 1996c: Sulle `doppie scritture' nella lineare A, in KPHTH, pp. 83-99.
CONSANI C. 1996d: Lapsus ed errori di scrittura nei documenti in lineare A, in KPHTH, pp.
101-119.
CONSANI C. 1998a: Preliminari ad uno studio delle iscrizioni minoiche di carattere non am-
ministrativo, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici», 40, pp. 205-217.
CONSANI C. 1998b: A/JA-SA-SA-RA-ME, Simposio italiano di Studi Egei dedicato a Luigi
BernaboÁ Brea e Giovanni Pugliese Carratelli, Roma, SAIA, pp. 245-247.
CONSANI C.-NEGRI M. 2002, Riflessi della terminologia alimentaria nei testi minoici e mice-
nei, Atti del Convegno Internazionale «Saperi e sapori mediterranei». Napoli, 13-16
ottobre 1999 (a cura di D. SILVESTRI, A. MARRA, I. PINTO), Napoli, IUO, 2002, 3,
pp. 837-846.
CORDANO F. 1997: Tavola rotonda su: ``Un progetto di trascrizione e interpretazione del cor-
pus della lineare A'', «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici», 39, pp. 299-300.
CREMONA M.V.-MARCOZZI D.-SCAFA E.- SINATRA M. 1978: La toponomastica cretese nei do-
cumenti in lineare B di Cnosso, Roma, CNR, 1978.
CREVATIN F. 1975: La lingua `minoica': metodi d'indagine e problemi, Studi triestini di anti-
chitaÁ in onore di Luigia Achillea Stella, Trieste, FacoltaÁ di Lettere e Filosofia, pp. 1-63.
CTLA: J. RAISON-M. POPE, Corpus transnumeÂre du lineÂaire A, Louvain-la-Neuve, 1994.
DUHOUX Y. 1977: Le disque de Phaestos, Louvain, Peeters.
DUHOUX Y. 1982: L'eÂteÂocreÂtois, Amsterdam, Gieben.
DUHOUX Y. 1989: Le lineÂaire A: probleÁmes de deÂchiffrement, Problems in Decipherment
(Y. DUHOUX, TH.G. PALAIMA, J. BENNET eds.), Louvain, Peeters, pp. 59-119.

Ð 194 Ð
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

EÂM: Y. DUHOUX (ed.), EÂtudes minoennes I. Le lineÂaire A, Louvain, 1978.


FACCHETTI G.M. 1994: Linear A Metrograms, «Kadmos», 33, pp. 142-148.
FACCHETTI G.M. 1996: Comparable name-lists in Linear A, «Kadmos», 35, pp. 100-104.
FACCHETTI G.M. 1999a: Statistical Data and Morphematic Elements in Linear A, «Kadmos»,
38, pp. 1-11.
FACCHETTI G.M. 1999b: Non-Onomastic Elements in Linear A, «Kadmos», 38, pp. 121-136.
FACCHETTI G.M. 2001: Qualche osservazione sulla lingua minoica, «Kadmos», 40, pp. 1-38.
FACCHETTI G.M. 2002a: Appunti di morfologia etrusca. Con un'appendice sulla questione del-
le affinitaÁ genetiche dell'etrusco, Firenze, Olschki.
FACCHETTI G.M. 2002b: Antropologia della scrittura. Con un'appendice sulla questione del
rongorongo dell'Isola di Pasqua, Milano, Arcipelago.
FACCHETTI G.M. 2002c: Minoico ki-ro, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici», 44, pp. 173-197.
FACCHETTI G.M. 2002d: La lineare B: una scrittura contabile e largamente imperfetta, «Kad-
mos», 41, pp. 141-147.
FAURE P. 1973: Les diviniteÂs de Phaistos, AntichitaÁ Cretesi. Studi in onore di Doro Levi,
Catania, Istituto di Archeologia, pp. 186-196.
FORSDYKE E.J. 1926-1927: The Mavro Spelio Cemetery at Knossos, «BSA», 28, pp. 243-296.
GARBINI G. 1997: I Filistei, Milano, Rusconi.
GARCIÂA TRABAZO J.V. 1998: Lineal A: estado actual de la investigacioÂn, Actas del Congreso
«El MediterraÂneo en la AntiguÈedad: Oriente y Occidente», 2, Sapanu. Publicaciones
en Internet.
GIMBUTAS M. 1997: Il linguaggio della dea, Vicenza, Neri Pozza.
GODART L. 1976: La scrittura lineare A, «La Parola del Passato», 31, pp. 30-47.
GODART L. 1979: Le lineÂaire A et son environnement, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici»,
20, pp. 27-42.
GODART L. 1985: L'interpretazione e la traduzione dei testi minoici e micenei, «AIXM», 7,
pp. 101-115.
GODART L. 1992: L'invenzione della scrittura, Milano, Einaudi.
GODART L. 1994a: Il disco di Festo. L'enigma di una scrittura, Torino, Einaudi.
GODART L. 1994b: La scrittura di Troia, «Rendiconti dell'Accademia dei Lincei», serie 9,
vol. 5, pp. 457-460.
GODART L.-OLIVIER J.-P. 1976: Sur l'eÂpingle de Mavro Spelio, «Bulletin de Correspondance
HelleÂnique», 100, pp. 309-314.
GORDON C.H. 1966: Evidence for the Minoan Language, Ventnor (N.J.), Ventnor Publis-
hers.
GORILA: L. GODART-J.P. OLIVIER, Recueil des inscriptions en lineÂaire A, 1-5, Paris, Geuth-
ner, 1976-1985.
GRUMACH E. 1968: The Minoan Libation Formula - Again, «Kadmos», 7, pp. 7-26.
HALLAGER E. 1996: The Minoan Roundel and Other Sealed Documents in the Neopalatial
Linear A Administration, «Aegeum», 14, 2 voll.
HEUBECK A. 1982: L'origine della lineare B, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici», 23, pp.
195-207.

Ð 195 Ð
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

HOOD S. 1990: The Third International Congress on Santorini (Thera), «Kadmos», 29, pp.
84-86.
HUTCHINSON R.W. 1976: L'antica civiltaÁ cretese, Torino, Einaudi.
IFRAH G. 1983: Storia universale dei numeri, Milano, Mondadori.
JAKOBSON R. 1971: Il farsi e il disfarsi del linguaggio, Torino, Einaudi.
KACZYNSKA E. 2002: Greek ida `Battle, Fight, Combat': a Term of Minoan Origin?, «Kad-
mos», 41, pp. 137-140.
KOPAKA K. 1989: Une nouvelle inscription en lineÂaire A de Zakros, «Kadmos», 28, pp. 7-13.
KPHTH: F. ASPESI-C. CONSANI-M. NEGRI, Jqg*sg si| cai&$ e>rsi. Studi e ricerche intorno ai testi
minoici, Roma, Il Calamo, 1996.
LAROCHE E. 1959: Dictionnaire de la langue louvite, Paris, Maisonneuve.
MANNI E. 1990: SikelikaÁ kaÁi ItalikaÁ, 1-2, Roma, Bretschneider.
MELENA J.L. 1976: Sobre ciertas innovaciones tempranas del griego (el tratamiento de yod ini-
cial y la alternancia pt/p-, informe provisional, Salamanca, (s. ed.).
MELENA J.L. 1987: On Untransliterated Syllabograms *56 and *22, Tractata Mycenaea. Pro-
ceedings of the Eighth International Colloquium on Mycenaean Studies (P.HR. ILIEVSKI,
L. CREPAJAC eds.), Skopje, pp. 203-231.
MERIGGI P. 1962: Hieroglyphisch. Hethitisches Glossar, Wiesbaden, Harrassowitz.
MERIGGI P. 1974: Il cilindro ciprominoico d'Encomi e il disco di Festo, Anatolian Studies
Presented to Hans Gustav GuÈterbock on the Occasion of his 65th Birthday (K. BITTEL,
PH.H.J. HOUWINK TEN CATE, E. REINER eds.), Istanbul, NHAI, 1974.
NEGRI M. 1989: Linee d'innovazione e aree di conservazione del greco in etaÁ micenea, Inno-
vazione e conservazione nelle lingue. Atti del convegno della S.I.G. (Messina, 9-11 no-
vembre 1989), Pisa, Giardini, pp. 35-75.
NEGRI M. 1991: Le tavolette delle classi A, C, E, F, G di Pilo. Saggio di traduzione, Roma, Il
Calamo.
NEGRI M. 1992: Miceneo *31 SA: Sabanon?, «Incontri Linguistici», 15, p. 59.
NEGRI M. 1994: Prima del greco, ContinuitaÁ e discontinuitaÁ nella storia del greco. Atti del
convegno della S.I.G. (Palermo, 24-26 ottobre 1994), Pisa-Roma, IEPI, pp. 31-59.
NEGRI M. 1994-1995: Jqgsija+ cqa*llasa, «Minos», 29-30, pp. 87-94.
NEGRI M. 1995: Fattori ambientali nella preistoria del Mediterraneo: la ``grande carestia del
1200 a.C.''. Quarto Convegno Internazionale di Studi «La Sardegna nel mondo medi-
terraneo» (a cura di P. BRANDIS e G. SCANU), 9, Bologna, PaÁtron, pp. 303-309.
NEGRI M. 1996a: Recensione di Kjell Aartun, Die Minoische Schrift. Sprache und Texte,
«Studi Epigrafici e Linguistici», 13, pp. 83-92.
NEGRI M. 1996b: Si puoÁ leggere la lineare A?, in KPHTH, pp. 29-37.
NEGRI M. 1996c: Nuovi documenti egei, in KPHTH, pp. 55-65.
NEGRI M. 1996d: Ancora sulla pietra di Kafkania, in KPHTH, pp. 67-69.
NEGRI M. 1999: Note di commento ai testi di Pilo, 1. La geografia. 2. Le razioni, Roma, Il
Calamo.
NEGRI M. 2000: L'enigma della cifra, Milano, Arcipelago Edizioni.
NEGRI M. 2001a: Onomastica minoica: i nomi in -a-re, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici»,
43, pp. 75-91.

Ð 196 Ð
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

NEGRI M. 2001b: Minima Minoica, «Studi Epigrafici e Linguistici», 18, pp. 99-104.
NEGRI M. 2002: La scrittura nella Sicilia del II millennio a.C., in CASTELLANA 2002, pp. 164-
176
NEGRI M. in stampa 1: I segni sulle cretule di Hagia Triada del Museo Pigorini. Commento
filologico-linguistico.
NEGRI M. in stampa 2: Ex Thebis lux, Studia Santoro.
NEUMANN G. 1958: Zur Sprache der kretischen Linearschrift A, «Glotta», 36, pp. 156-158.
NEUMANN G. 1960: Minoisch kikina `die Sykomorenfeige', «Glotta», 38, pp. 181-186.
Neumann G. 1962: Mijt*keom, «Glotta», 40, pp. 51-54.
NEUMANN G. 1977: Das Zeichen VINUM in den aegaeischen Schriften, «Kadmos», 16, pp.
124-130.
NEUMANN G. 1982: Zum kretischen Hieroglyphenzeichen H 29, «Kadmos», 21, pp. 5-8.
OLIVIER J.-P. 1967: Les scribes de Cnossos: essai de classement des archives d'un palais
myceÂnien, Incunabula Graeca, 17, Roma.
OLIVIER J.-P. 1973: Encore les corrections du disque de Phaistos, AntichitaÁ Cretesi. Studi in
onore di Doro Levi, Catania, Istituto di Archeologia, pp. 182-185.
OLIVIER J.-P. 1975: `Lire' le lineÂaire A?, Le monde grec. Hommages aÁ Claire PreÂaux, Bru-
xelles, pp. 441-449.
OLIVIER J.-P. 1979: L'origine de l'eÂcriture lineÂaire B, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici», 20,
pp. 43-52.
OLIVIER J.-P. 1986: Le redoublement en lineÂaire A, O-o-pe-ro-si. Festschrift fuÈr Ernst Risch
zum 75. Geburtstag, Berlin-New York, W. de Gruyter, pp. 693-700.
OLIVIER J.-P. 1992: «Cinq» en lineÂaire A?, Historical Philology. Greek, Latin, and Romance.
Papers in Honor of Oswald SzemereÂnyi, 2, Amsterdam-Philadelphia, J. Benjamins, pp.
135-136.
OWENS G.A. 1990-1991: Three Re-Discovered Linear A Inscriptions from Knossos, «Minos»,
25-26, pp. 367-372.
OWENS G.A. 1996: Evidence for the Minoan Language. The Minoan libation formula, «Cre-
tan Studies», 5, pp. 163-207.
OWENS G.A. 1997: GORILA 6 - Gareth Owens Record of Inscriptions in Linear A (1985-
1995), Kritika Daidalika. Evidence for the Minoan Language, Amsterdam, A.H. Hak-
kert, pp. 237-243.
OWENS G.A. 1999: Pre-Hellenic Language(s) of Crete: Debate and Discussion, «The Journal
of Indo-European Studies», 27, pp. 237-253.
OWENS G.A. 2000: The Structure of the Minoan Language, «The Journal of Indo-European
Studies», 28, 2000, pp. 15-55.
PACE D.-SCARASCIA R. 1975: Antiche civiltaÁ peligne, Sulmona, Di Cioccio.
PARISE N.F. 1996: Fondamenti ``minoici'' delle misure ``micenee'', Atti e memorie del Secon-
do Congresso Internazionale di Micenologia: Roma-Napoli, 14-20 ottobre 1991 (a cura
di E. DE MIRO, L. GODART, A. SACCONI), 3, Roma, GEI, pp. 1269-1271.
PACKARD D.W. 1971: Computer Techniques in the Study of the Minoan Linear Script A,
«Kadmos», 10, pp. 52-59.
PALMER, L.R. 1972: Mycenaean inscribed vases, «Kadmos», 11, pp. 27-46.

Ð 197 Ð
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

PALMER L.R. 1979: Minoici e Micenei, Torino, Einaudi.


PERNIER L. 1908: Il disco di Phaestos con caratteri pittografici, «Ausonia», 3, pp. 255-302.
PERUZZI E. 1958: Note minoiche, «Minos», 6, 1958, pp. 9-15.
PERUZZI E. 1960: Le iscrizioni minoiche, Firenze, Olschki.
PLATON N.-BRICE W.C. 1975: Enepigraphoi pinakides kai pithoi grammikou systematos A ek
Zakrou = Inscribed Tablets and Pithos of Linear A System from Zakro, Athina.
POPE M. 1960: The Cretulae and the Linear A Accounting System, «Annual of the British
School at Athens», 55, pp. 200-210.
PUGLIESE CARRATELLI G. 1954: La decifrazione dei testi micenei, «La Parola del Passato», 9,
pp. 81-117.
PUGLIESE CARRATELLI G. 1955: Sui segni di scrittura eoliani di origine minoica, «Kokalos», 1,
pp. 5-9.
PUGLIESE CARRATELLI G. 1957: Sulle epigrafi in lineare A di carattere sacrale, «Minos», 5,
pp. 163-173.
RAISON J.-POPE M. 1977: Index transnumeÂre du lineÂaire A, Louvain, Peeters.
REHAK P.-YOUNGER J.G. 1995: A Minoan Roundel from Pyrgos, Southeastern Crete, «Kad-
mos», 34, pp. 81-102.
RISCH E. 1981: Les diffeÂrences dialectales dans le myceÂnien, Kleine Schriften, Berlin-New
York, W. de Gruyter, pp. 451-458.
RUIJGH C.J. 1970: L'origine du signe *41 (si) de l'eÂcriture lineÂaire B, «Kadmos», 9, pp. 172-173.
ROCCACASALE 1999: L. BRUNETTI-E. BOSCO-R. CARROZZO, Roccacasale. Il castello e il
centro fortificato di Colle delle Fate, Corfinio, Amaltea.
SACCONI A. 1976: La scrittura Lineare B, «La Parola del Passato», 31, pp. 48-65.
SAKELLARAKIS I.-OLIVIER J.-P. 1994: Un vase en pierre avec inscription en lineÂaire A du sanc-
tuaire de sommet minoen de CytheÁre, «BCH», 118, pp. 343-351
SCAFA E. 1994: Su-ki-ri-ta / Rt*bqisa, Sybrita. La valle di Amari fra bronzo e ferro (a cura di
L. Rocchetti), I, Roma, GEI, pp. 165-199.
SCHLIEMANN H. 1874: Atlas trojanischer AlterthuÈmer. Photographische Abbildungen zu dem
Berichte uÈber die Ausgrabungen in Troja, Leipzig, Brockhaus.
STRONK J.P. 1972: A Pithos from Epanoà Zakro, «Talanta», 4, pp. 85-87.
STRONK J.P. 1982-1983: Linear A Liquid Measure: a Contribution, «Talanta», 14-15, p. 27
TMT: C. CONSANI-M. NEGRI (con la collaborazione di F. ASPESI e C. LEMBO), Testi minoici
trascritti. Con interpretazione e glossario, Roma, CNR, 1999.
TSIPOPOULOU M.-HALLAGER E. 1996: Inscriptions with Hieroglyphs and Linear A from Pe-
tras, Siteia, «Studi Micenei ed Egeo-Anatolici», 37, pp. 7-46
VENTRIS M.-CHADWICK J. 1956: Documents in Mycenaean Greek, Cambridge, Cambridge
University Press (II ed. a cura di J. Chadwick, 1973).
VILLAR F. 1997: Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, Bologna, Il Mulino.
WARREN P.-HANKEY V. 1989: Aegean Bronze Age Chronology, Bristol.
WAS D.A. 1971: Numerical Fractions in the Minoan Linear Script A, «Kadmos», 10, pp. 35-51.
WAS D.A. 1972: Numerical Fractions in the Minoan Linear Script A (II), «Kadmos», 11, pp.
1-21.

Ð 198 Ð
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

WAS D.A. 1978: The Land-Tenure Texts from Hagia Triada, «Kadmos», 17, pp. 16-25.
WAS D.A. 1981: The Land-Tenure Texts from Hagia Triada (III), «Kadmos», 20, 1981, p. 7-25.
WITCZAK K.T. 1992: Notes on Cretan place-names in the Linear B tablets, «Kadmos», 31,
pp. 161-163.
WITCZAK K.T 1993: A b-Series in Linear B, «Kadmos», 32, pp. 162-171.

Ð 199 Ð
IL DISCO DI FESTO

Considerati poi gli accostamenti dei gruppi

nell'ambito delle pluriconfermate ricorrenze dei ``suffissi'' e , non sa-


rebbe forse troppo azzardato ipotizzare che, se eÁ un antroponimo (co-
me si ricaverebbe da ), allora nella ``qualifica'' del secondo dei
quattro di A.3, si deve individuare un patronimico (e, conseguente-
mente in si identificherebbe un morfema del ``genitivo'' o un suffisso
aggettivale, come ``Pelide'' = ``(figlio) di Peleo'').
In sostanza si potrebbe ``tradurre'' all'incirca:

«capo? , (figlio) di ».
L'ipotesi sembrerebbe suffragata dalla presenza, alla fine di A.9, della
sequenza

«capo? , (figlio) di ».
Lo stesso ``personaggio'' appena menzionato compare anche, con enfa-
si (separato dal trattino) e in forma ``flessa'' o ``derivata'' (in - ), all'inizio
del documento:
A.1.

A.2.

e, se A.1 si potesse rendere con «di capo? », forse il ``sintagma'' di A.2


celerebbe il nome dell'atto o del negozio descritto sul disco.
In effetti sia - - che - - sono ``radicali'' molto frequenti sul disco
e, come visto sopra, sono ripetutamentente implicati nei confronti presen-
tati per i tentativi di riconoscimento di elementi morfematici.

Ð 181 Ð
APPENDICE II

EÁ notevole che in A.2 la forma suffissata (con - ) preceda la presunta


testa del sintagma ( ), proprio come nella ``qualifica'' del primo dei
quattro di A.3:

«capo? , il per il? (o nel?) »


e nella ``qualifica'' di B.1 (in cui peroÁ la forma eÁ ``flessa'' nel ``genitivo'' in - )

«capo? , il del »
il che sembrerebbe costituire un notevole punto di regolaritaÁ sintattica.
Sono, eÁ doveroso dirlo, ancora soprattutto suggestioni: ma, se valessero
a indicare a chi, sotto il nobile impulso descritto da Schopenhauer, si affa-
tica ``per la gioia che ne riceve'' sul disco, un ``metodo'' sano di ricerca ± un
filo d'Arianna che lo guidi e non si spezzi nel ``labirinto'' ± e a fargli com-
prendere che invano attenderaÁ illuminazioni dalle figure che incontreraÁ via
via inoltrandovisi; e nell'attesa, forse non remota, che vengano alla luce
nuovi documenti ``paralleli''; se tutto questo saraÁ, forse non saraÁ stato un
errore aver osato questo cauto cammino in un ``labirinto'' in cui in ogni se-
gno che si incontra potrebbe peroÁ celarsi, pronto a insidiare l'audax viator,
un diverso, ingannevole Minotauro...

Ð 182 Ð