Sei sulla pagina 1di 91

Dispensa del corso

Introduzione alla psicoterapia cognitivo-comportamentale


Dott.ssa Sabrina Plet

Gli argomenti inseriti in questa dispensa sono stati tratti, rielaborandoli e riassumendoli, dai seguenti testi: Sanavio, E., (1998). "Psicoterapia cognitiva e comportamentale". Ed. Carocci (CAP: 3) Mosticoni, R., (1984). "La ricerca nevrotica dell'equilibrio". Ed. Bulzoni (CAP: 1 - 2 - 3) Cionini, L., (1998). "Psicoterapie - Modelli a confronto". Ed. carocci (CAP: 4) Lorenzini, R. e Sassaroli, S., (2000). "La mente prigioniera". Ed. R. Cortina (CAP: 1- 2- 3- 4- 6-7)

INDICE Introduzione .........................................................................................................................................3 Insoddisfazione per il paradigma psicoanalitico..............................................................................4 Terapie cognitivo-comportamentali.....................................................................................................5 Psicologia del comportamento .....................................................................................................6 Terapia del comportamento .........................................................................................................7 Condizionamento classico............................................................................................................9 Condizionamento operante ........................................................................................................12 Concezione della patologia secondo il comportamentismo.......................................................13 Genesi dei disturbi nevrotici ......................................................................................................13 Lassessment comportamentale .................................................................................................17 Strategie .....................................................................................................................................19 Disturbi fobici ................................................................................................................................19 Biografia.....................................................................................................................................23 Strategia terapeutica...................................................................................................................25 Disturbo ossessivo-compulsivo .....................................................................................................27 Biografia.....................................................................................................................................32 Strategia terapeutica...................................................................................................................34 Modelli psicoterapeutici cognitivisti..................................................................................................37 Cognitivismo razionalista ..............................................................................................................39 Albert Ellis .................................................................................................................................41 Aaron Beck ................................................................................................................................42 Cognitivismo costruttivista ............................................................................................................43 Assunti fondamentali della terapia cognitivo-costruttivista.......................................................45 Il modello terapeutico di Lorenzini e Sassaroli .............................................................................45 Scopi ..........................................................................................................................................46 Valutazioni .................................................................................................................................47 Emozioni ....................................................................................................................................48 Costruzione di buone mappe......................................................................................................48 Capacita Predittiva ....................................................................................................................49 Come scegliere su quali scopi impegnarsi .................................................................................50 Credenze.....................................................................................................................................52 Emozioni, gli scopi e invalidazioni............................................................................................52 Ostacoli al cambiamento............................................................................................................55 Come resistere alle invalidazioni ...............................................................................................60 Stili di crescita della conoscenza ...............................................................................................61 ESPLORAZIONE......................................................................................................................62 ELUSIONE ................................................................................................................................62 OSTILIT..................................................................................................................................64 IMMUNIZZAZIONE ................................................................................................................64 Stili di conoscenza e attaccamento.............................................................................................66 Illusione di controllo ..................................................................................................................68 Rimuovere gli ostacoli al cambiamento.....................................................................................69 Strategie terapeutiche.................................................................................................................69 INCREMENTO DELLA METACOGNITION.........................................................................70 INTERRUZIONE DEGLI AUTOMATISMI............................................................................71 RIMOZIONE DELLE CREDENZE DOLENTI .......................................................................71 Disturbi fobici ................................................................................................................................76 Strategia terapeutica...................................................................................................................81 Disturbo ossessivo-compulsivo .....................................................................................................82 Strategia terapeutica...................................................................................................................86 2

Introduzione
Non esiste un unico tipo di psicoterapia ma esistono invece molti modelli diversi di psicoterapia e la variet di questi modelli di intervento psicoterapeutico comporta una difficolt a trovare una definizione univoca di psicoterapia che possa essere condivisa da qualsiasi scuola o da tutti i terapeuti. Tuttavia la maggior parte di questi modelli dovrebbe poter concordare almeno su alcuni aspetti generali: in primo luogo c un vasto accordo tra i clinici sul fatto che la psicoterapia rappresenti una modalit di intervento psicologico finalizzata ad aiutare le persone nella soluzione dei propri problemi affettivi, emotivi, comportamentali, interpersonali di vario genere e che essa sia finalizzata anche a incrementare la qualit della vita dei pazienti. Quindi si pu dire che lobiettivo di ogni psicoterapia sia quello di portare a cambiamenti personali del paziente che implichino uno sviluppo del suo modo di vedere, pensare, sentire e agire. Frank, un autore comportamentista, ha cercato di vedere quali sono le caratteristiche in comune tra i vari tipi di psicoterapie, e ha trovato che le psicoterapie di diversi indirizzi, non solo quelle cognitivo-ccomportamentali, condividono quattro caratteristiche: 1. Il primo aspetto che tutte le psicoterapie hanno in comune il fatto che la relazione interpersonale che si instaura fra paziente e terapeuta di un tipo del tutto particolare, diversa dalle altre relazioni che le persone hanno nella loro vita. Questa relazione, in ogni psicoterapia, comporta unalleanza a esclusivo beneficio del paziente. 2. Una seconda caratteristica che ogni tipo di psicoterapia condivide con le altre quella di definire un luogo specifico, chiamato setting, allinterno del quale si svolge la relazione tra paziente e terapeuta. Il setting viene sempre definito come un luogo sicuro nel quale tutto ci che avviene confidenziale e distinto dal resto delle normali attivit e relazioni interpersonali. 3. Inoltre, allinterno di ogni intervento terapeutico, c sempre lofferta al paziente da parte del terapeuta di nuove prospettive, nuovi modi di vedere o fare le cose. Il terapeuta propone al paziente nuovi punti di vista che sono diversi da quelli abituali del paziente e che spesso sono in grado di aiutare a dare un senso a sensazioni confuse e indefinite che il paziente porta in terapia. 4. Infine, ogni approccio psicoterapeutico dotato di un insieme di procedure o tecniche che specificano il modo di operare del terapeuta. A parte aspetti generali di questo tipo, ogni approccio terapeutico differisce dagli altri sotto molteplici punti di vista. Infatti, ogni modello si basa su assunti teorici diversi e fa riferimento a uno specifico modello di uomo e del suo funzionamento psichico. Ogni approccio psicoterapeutico, come diretta conseguenza della teoria su cui si basa, sviluppa poi diversi modi di impostare il contratto terapeutico e il setting, e usa diversi sistemi diagnostici per definire la psicopatologia. Inoltre ogni approccio psicoterapeutico propone uno stile specifico per impostare e utilizzare la relazione terapeutica e ovviamente propone diverse modalit tecniche e procedurali di condurre il trattamento. La differenza nelle tecniche deriva proprio dalla diversa concettualizzazione di malattia e cura propria di ogni modello. Quindi i diversi approcci psicoterapeutici hanno diverse concettualizzazioni delleziologia del disturbo psichico e di quella che viene definita la teoria della cura, cio i vari modelli definiscono in modo diverso in cosa consiste il cambiamento e cosa, allinterno del processo terapeutico, dovrebbe indurlo. In generale, ogni diverso tipo di psicoterapia pu rappresentare un intervento per affrontare e risolvere una situazione acuta di crisi in un momento di emergenza psicologica, una psicoterapia pu essere una fonte di sostegno e aiuto nellaffrontare le difficolt in situazioni nelle quali la persona si sente temporaneamente incapace di cavarsela da sola; pu anche essere un modo per 3

alleviare direttamente alcuni sintomi psicopatologici; e pu rappresentare, infine, un veicolo di promozione della crescita individuale mediante il cambiamento di alcuni aspetti strutturali di s. Nonostante le differenze tra le diverse tipologie di intervento psicoterapeutico, tutte le psicoterapie si propongono come obiettivo il cambiamento del modo di funzionare del paziente.

Insoddisfazione per il paradigma psicoanalitico


La prima terapia, in ordine di tempo, che stata sviluppata quella che deriva dalla psicoanalisi. Infatti Freud stato il primo ad attirare lattenzione su aspetti del comportamento umano prima di allora trascurati. Poi si sono sviluppati altri approcci, come ad esempio quello di Rogers, ma nessuno di questi era scientificamente fondato. In particolare, il problema della scientificit della psicanalisi stato molto dibattuto e ha suscitato molte polemiche. La comunit scientifica sostiene infatti che c' un insufficiente livello di elaborazione della struttura logica e dello statuto scientifico della teoria psicoanalitica. In particolare, la comunit scientifica non considera la psicoanalisi una scienza per tre ordini di problemi: 1. Il primo motivo per cui la psicoanalisi non scientifica che formulata in modo da essere inconfutabile, le affermazioni teoriche infatti non soddisfano il requisito della falsificabilit, fondamentale perch si possa parlare di scienza nel senso di Popper. 2. In secondo luogo, non esistono metodi adeguati per accettare i dati sui quali fondata la teoria n per controllare le previsioni che ne derivano; e non viene usata una metodologia scientifica. 3. Infine la metapsicologia freudiana affidata a concetti che contraddicono in punti fondamentali i risultati acquisiti in altre scienze (es. memoria). Inoltre non esiste una conferma dellefficacia terapeutica della psicoanalisi e delle terapie psicoanalitiche. Laffermazione che la psicoanalisi determini, a differenza di altri trattamenti, cambiamenti durevoli e permanenti priva di supporto. Tra laltro, non esiste nella consuetudine psicoanalitica la pratica del follow-up. Inoltre, non mai stato dimostrato attraverso studi controllati che i metodi impiegati da questi approcci terapeutici costituiscano una terapia efficace. Molte ricerche hanno dimostrato che le percentuali di guarigione sono uguali a quelle di remissione spontanea. Circa 50anni fa, psicologi e psichiatri iniziarono a interessarsi degli studi scientifici del comportamento umano che venivano fatti ormai da parecchio tempo nellambito della ricerca di base in psicologia e cominciarono ad applicare queste conoscenze alla terapia. Cominci cos a delinearsi lapproccio terapeutico comportamentale che caratterizzato proprio dal tentativo di costruire una terapia basata su scoperte scientifiche, cio sui risultati ottenuti mediante lutilizzo del metodo sperimentale e non attraverso il metodo filosofico.

Terapie cognitivo-comportamentali
Fin dalla nascita le varie correnti comportamentali e cognitivo-comportamentali hanno sottolineato la necessit per la psicologia e la psicoterapia di avere una base sperimentale e usare un metodo scientifico, collocandosi allinterno delle scienze naturali. Attualmente esiste un approccio generale cognitivo-comportamentale che combina la terapia cognitiva (cambiamento del modo di pensare) con la terapia comportamentale (cambiamento del comportamento). Attraverso ricerche sperimentali in cui viene utilizzato un metodo scientifico, la terapia cognitivocomportamentale ha mostrato risultati superiori o almeno uguali agli psicofarmaci nel trattamento della depressione e dei disturbi d'ansia, ma si dimostrata assai pi utile degli psicofarmaci nel prevenire le ricadute. La terapia cognitivo-comportamentale si fonda quindi sui risultati della ricerca di base, e valuta la sua efficacia mediante ricerche sperimentali. Anche nellambito della terapia cognitivo-comportamentale esistono molti approcci diversi che vanno tutti sotto il nome di terapie cognitivo-comportamentale. Tutte le terapie cognitivocomportamentali condividono tre concetti teorici fondamentali: 1. Il primo aspetto che condividono che lattivit cognitiva influenza il comportamento; cio le valutazioni cognitive degli eventi possono influenzare la risposta a quegli eventi. In breve, lattivit cognitiva, i nostri pensieri, le nostre valutazioni, hanno la funzione di mediare le risposte dellindividuo al proprio ambiente ed, entro certi limiti, possiamo dire che la nostra attivit cognitiva definisce il nostro grado individuale di adattamento o di maladattamento allambiente. Molti approcci cognitivo-comportamentali, pur condividendo questo concetto, si orientano verso principi e tecniche comportamentali nella conduzione della terapia e si basano su delle valutazioni comportamentali del cambiamento per documentare il progresso terapeutico, altri invece usano tecniche cognitive e valutano il cambiamento cognitivo, e non il cambiamento del comportamento, per monitorare landamento della terapia. 2. Un altro aspetto teorico condiviso dai vari approcci cognitivo-comportamentali che lattivit cognitiva pu essere monitorata e modificata. In pratica si presuppone che noi possiamo accedere allattivit cognitiva e siamo anche in grado di valutarla. 3. Un assunto teorico importante poi che il cambiamento desiderato del comportamento pu essere facilitato dal cambiamento cognitivo. Questo concetto rappresenta la naturale conseguenza delladozione del modello di mediazione cognitiva che implica che il cambiamento del comportamento pu essere ottenuto anche attraverso la modificazione cognitiva, e non solo attraverso lerogazione di rinforzi e punizioni come invece viene sostenuto dalla terapia comportamentale. Quindi si parla di terapia cognitivo-comportamentale solo nei casi in cui nellintervento pu essere dimostrata la mediazione cognitiva come causa del cambiamento. Ad esempio, consideriamo una persona fobica che non riesce avvicinarsi alloggetto temuto a meno di 3 metri. Se la persona viene trattata con la Desensibilizzazione Sistematica standard con un approccio graduale, associando il rilassamento, possibile prevedere e dimostrare che questa persona otterr una maggiore capacit di avvicinarsi alloggetto temuto, ma sar impossibile dedurre che sia avvenuta una mediazione cognitiva nel cambiamento del comportamento. Se la stessa persona viene trattata con una forma di intervento cognitivo, ad esempio con un avvicinamento immaginativo alloggetto temuto, e poi tale persona manifesta il medesimo tipo di cambiamento nel comportamento, cio riesce ad avvicinarsi alloggetto temuto, allora si pu ritenere plausibile il ruolo della mediazione cognitiva in quel cambiamento comportamentale. Inoltre, se quella stessa persona fobica manifesta cambiamenti del comportamento nei confronti di oggetti temuti in precedenza, ma per i quali non stata trattata in modo specifico, allora la mediazione cognitiva di questo cambiamento comportamentale evidente per via del fatto che deve 5

esistere una corrispondenza cognitiva tra loggetto trattato e laltro oggetto della generalizzazione. Tutte le terapie cognitivo-comportamentali hanno anche altri punti in comune che per non sono centrali sul piano teorico. Cio ci sono delle modalit dello svolgimento dellintervento che si assomigliano ma che non dipendono tanto dalla teoria di riferimento. Il primo aspetto condiviso la durata limitata nel tempo della terapia: le terapie cognitivocomportamentali, a differenza ad esempio di quelle psicoanalitiche tradizionali, tentano di realizzare rapidamente il cambiamento del paziente. Inoltre, ogni intervento cognitivo-comportamentale si focalizza su disturbi specifici: data la natura limitata della durata delle terapie cognitivo-comportamentali, quasi tutte le applicazioni di questo approccio terapeutico generale sono rivolte a problemi specifici, quindi il modo di procedere individuare i disturbi e trattare ciascun disturbo con gli strumenti adeguati. La focalizzazione delle terapie cognitivo-comportamentali su problemi specifici deriva dallimportanza attribuita dalla terapia comportamentale, da cui deriva quella cognitivocomportamentale, alla raccolta di dati di efficacia dei propri trattamenti. Ci consente ai terapeuti di selezionare la terapia pi efficace per i problemi dei loro pazienti. Un altro punto condiviso dalle terapie cognitivo-comportamentali la convinzione che i pazienti siano responsabili della loro sofferenza e quindi del loro cambiamento: questo vuol dire che c la convinzione che i pazienti siano gli artefici delle loro sfortune e perci che abbiano il controllo sui propri pensieri e sulle proprie azioni. Quindi anche la responsabilit del cambiamento del paziente, che lo raggiunge collaborando con il clinico. Nella maggioranza delle terapie cognitivocomportamentali la relazione terapeutica quindi simmetrica e basata su un piano di parit dove terapeuta e paziente lavorano insieme per risolvere i problemi del paziente. Molti approcci cognitivo-comportamentali, ma non tutti, comprendono anche linsegnamento da parte del terapeuta del modello terapeutico al paziente e la spiegazione delle basi teoriche della terapia. Questo tipo di interazione educativa tra terapeuta e paziente un elemento che molti approcci condividono e che li separa dalle altre scuole di terapia. Tutte le terapie cognitivo-comportamentali hanno lobiettivo implicito che i pazienti imparino alcune cose sul procedimento terapeutico, in modo da acquisire un metodo per affrontare problemi futuri. Quindi nellintervento cognitivo-comportamentale non c solo lobiettivo che i pazienti superino i problemi che riferiscono nel corso della terapia e per i quali chiedono aiuto, ma c anche lobiettivo che imparino qualcosa del processo terapeutico. Nel caso in cui avranno delle ricadute o altri tipi di problemi emotivi o comportamentali, avranno anche degli strumenti e un metodo per affrontarli.

Psicologia del comportamento


Il punto di vista nel quale la terapia del comportamento si colloca concepisce la psicologia clinica, la psicopatologia e la psicoterapia in termini di scienze applicate, cio dirette emanazioni della psicologia di base e delle discipline ad essa connesse. In particolare, la terapia del comportamento si basa in primis sulle scoperte delle discipline psicobiologiche. In altre parole, la terapia del comportamento non costituisce un dominio separato, con propri contenuti, propri metodi, propri strumenti, propri criteri di verit, ecc., ma invece una estensione, della psicologia generale e della psicobiologia. Possiamo considerare la terapia del comportamento come unestensione delle acquisizioni, dei contenuti, dei metodi e degli strumenti che derivano dal contesto pi ampio degli sviluppi della psicologia generale e della psicobiologia. La terapia del comportamento lapplicazione delle scoperte della psicologia sperimentale e delle scienze connesse al problema di aiutare le persone a modificare gli aspetti del proprio comportamento e della propria esperienza che procurino loro disagio. (British Association for Behavioural Psychotherapy) 6

La teoria di base della terapia del comportamento viene delineata nelle opere di Watson (scritte tra il 1913 e il 1919). Negli scritti di questo autore si trovano articolati in forma sistematica gli enunciati di base di un vero e proprio manifesto programmatico per una rifondazione della psicologia. Secondo Watson, la psicologia va concepita come una scienza empirica, obiettiva e sperimentale, al pari delle altre scienze che indagano la natura, come la fisica o la biologia. La psicologia ha invece poco ha a che fare con discipline di tipo umanistico, filosofico, etico, sociale, pedagogico e filantropico. Unaltra assunzione fondamentale di Watson che loggetto della psicologia il comportamento degli individui, cio quello che le persone fanno e dicono. Tali aspetti del comportamento umano diventano loggetto di studio della psicologia in quanto si possono osservare in modo obiettivo e soprattutto si possono misurare. Secondo Watson, lo scopo della psicologia deve essere la previsione del comportamento degli individui, cos come lo scopo della scienza la conoscenza di leggi della natura e la previsione dei fenomeni naturali. Quindi Watson, nelle sue opere, esplicita il fatto che la psicologia strutturata esattamente come ogni altra scienza ha gli stessi obiettivi. Dato che la psicologia scientifica si basa su dati obiettivi e osservabili, lintrospezione non pu essere uno strumento di lavoro. Quindi lanalisi del comportamento studia e descrive le propriet della relazione fra lorganismo e lambiente e i suoi obiettivi sono la previsione e il controllo. Lanalisi del comportamento studia le relazioni fra lorganismo e lambiente nel loro divenire, considera le risposte degli organismi che interagiscono allinterno di un contesto e con un contesto che attribuisce funzione e significato agli stimoli specifici che sono presenti nellambiente.

Terapia del comportamento


La terapia del comportamento trova le sue origini sul finire degli anni 50 come un sistema clinico definito, fondato sui risultati della ricerca di base iniziata trentanni prima. Sebbene si consideri spesso la "Behavior Therapy" una diretta applicazione al campo clinico dei principi derivati dalle ricerche condotte da Pavlov e Watson, va comunque precisato che tra questi studi e le prime applicazioni terapeutiche di stampo comportamentale intercorrono pi di trent'anni durante i quali la ricerca di base si evoluta velocemente e lungo direttrici spesso divergenti. Individuare, quindi, con precisione un punto di inizio della "Behavior Therapy" diviene un compito quasi impossibile e forse inutile. I primi lavori dedicati alla terapia e alla modificazione del comportamento si suddividono in due gruppi: luno rivolto alla esposizione delle differenti tecniche, laltro rivolto allo studio delle differenti classi di disturbi. In questo periodo vari autori cercano di integrare i diversi contributi teorici e le molteplici evidenze empirico-sperimentali all'interno di un modello terapeutico coerente ed alternativo alla terapia psicodinamica che era imperante in quel periodo. I primi autori ad usare il termine di "Behavior Therapy" furono Skinner e Lindsey nel 1954, anche se bisogna aspettare il 1959 affinch questa espressione venga impiegata, da parte di Eysenck, per riferirsi ad un approccio terapeutico sistematico ed alternativo alla psicoanalisi. La terapia del comportamento viene generalmente ricondotta all'operare di tre gruppi di lavoro distinguibili sia dal punto di vista dell'orientamento epistemologico che geografico. Il primo gruppo operava in Sud-Africa ed era formato da Wolpe, Lazarus e Rachman. La pi famosa tecnica di intervento sviluppata da Wolpe una delle primissime e pi efficaci tecniche della terapia del comportamento, la Desensibilizzazione Sistematica, che essenzialmente basata sul principio dell'inibizione reciproca. Come nasce la messa a punto di questa tecnica cos potente ed efficace? Nasce dalla scoperta di Wolpe del fatto che la risposta d'ansia ad un determinato stimolo poteva essere inibita associando a quest'ultimo (presentato in modo graduale) una risposta antagonista, a livello fisiologico e 7

comportamentale, all'ansia. Questa risposta antagonista fu individuata da Wolpe nel rilassamento muscolare secondo la tecnica di Jacobson. Il merito di Wolpe e della sua proposta terapeutica stato quello di progettare una tecnica altamente formalizzata, dalla provata efficacia, derivante direttamente dai principi del condizionamento classico. L'opera di Wolpe, dunque, rappresenta un esempio emblematico di come la BT non si possa considerare una semplice tecnologia, ma un approccio terapeutico strettamente legato ai principi teorici ed alle evidenze sperimentali della ricerca di base. Il gruppo di Eysenck opera a Londra. Tra i molteplici contributi di questo autore, due sono di notevole importanza per l'origine e l'affermazione della terapia del comportamento. In primo luogo, Eysenck cerca di fornire una visione sistematica della "Behavior Therapy", presentando un Manifesto che evidenzia i punti di fondamentale disaccordo con l'approccio psicodinamico. Il secondo contributo, forse ancora pi rilevante per il nascere della terapia del comportamento, dato dalle ricerche valutative sull'efficacia della terapia psicanalitica, a partire dal 1952. La nascita della "Behavior Therapy" viene infatti generalmente fatta risalire, da un lato, all'estensione in campo clinico dei principi dell'apprendimento derivanti dalla ricerca di laboratorio e, dall'altro, alla crescente insoddisfazione verso le terapie di stampo psicoanalitico. stata proprio questa insoddisfazione a spingere vari autori, pur di formazione psicodinamica (come ad esempio lo stesso Wolpe), ad esplorare procedure terapeutiche alternative. Comunque, un colpo fondamentale alla credibilit della psicoanalisi ed alle sue pretese di efficacia stato inferto proprio da Eysenck, il quale nella sua ricerca del 1952, confront un gruppo di soggetti sottoposti a trattamento psicoanalitico ed uno di controllo, evidenziando che l'intervento psicoanalitico, nonostante costi estremamente elevati, non produceva risultati migliori da quelli prodotti dalla remissione spontanea dei sintomi che si verificava nel gruppo di controllo. Infine abbiamo Skinner, che lavora negli Stati Uniti. Se a Wolpe si deve una delle migliori applicazioni cliniche dei principi del condizionamento pavloviano, a Skinner si deve la proposta di una seconda forma di condizionamento, quello operante, sintetizzabile nella formula RispostaStimolo (R-S), esattamente invertita rispetto al condizionamento classico, che era invece StimoloRisposta (S-R). Ci sono alcuni aspetti che caratterizzano fin dall'inizio la terapia del comportamento. Per quanto riguarda gli aspetti di ordine storico va ricordato che la "Behavior Therapy" si sviluppata in contrapposizione alle terapie psicodinamiche. Da qui nata la necessit di una netta differenziazione a livello epistemologico, teorico e metodologico dalla psicoanalisi. Per quanto riguardo gli aspetti concettuali: va ricordato il famoso concetto del comportamentismo del primato delle tecniche. Le ricerche valutative che gli scienziati comportamentali facevano molto spesso davano come risultato che lapplicazione corretta di una certa tecnica, appropriata a una determinata malattia, fosse di per s necessaria e sufficiente ai fini del cambiamento e davano risultati estremamente incoraggianti riguardo allefficacia delle tecniche comportamentali. Queste ricerche mostravano che le tecniche erano efficaci a prescindere dalle caratteristiche del terapeuta che le applicava o del paziente che le riceveva. Una conferma di questo venne da quegli studi i quali dimostrarono lefficacia di procedure di Desensibilizzazione sistematica automatizzata, in cui linterazione terapeuta-paziente estremamente limitata. Ci sono infine gli aspetti metodologici specifici della terapia del comportamento. Abbiamo gi detto dello sforzo dei comportamentisti di fare una psicologia scientifica. Per rendere la psicologia e la psicoterapia scientifica la cosa fondamentale far progredire la conoscenza utilizzando un metodo scientifico. E cos vediamo che la "Behavior Therapy" basata sullelaborazione di teorie e pratiche cliniche in cui vengono incluse solamente le variabili che possono essere definite in modo operazionale, al fine di poterle misurare e manipolare. I primi autori comportamentali hanno 8

pertanto rinunciato a considerare le variabili di difficile operazionalizzazione come quelle in gioco nellestremamente complesso processo della relazione terapeutica e si sono concentrati su variabili facilmente misurabili. Una posizione centrale nella formulazione dei sistemi teorici di ordine pi generale della psicologia e della terapia del comportamento viene occupata dallapprendimento. Lapprendimento ha infatti costituito un riferimento costante per la terapia del comportamento tanto che teoria dellapprendimento e teoria del comportamento divengono espressioni per molti versi interscambiabili, una volta che si assuma, come hanno fatto gli autori comportamentisti, che il comportamento umano sia in grande misura risultato di apprendimento e che la sua funzione sia quella di modificare l'ambiente. Una definizione di apprendimento sufficientemente generale da essere ampiamente accettata la seguente: lapprendimento il processo con cui si origina o si modifica una attivit reagendo ad una situazione incontrata, ammesso che le caratteristiche del cambiamento dellattivit non possano essere spiegate sulla base di tendenze a rispondere innate, di maturazione o di stati temporanei dellorganismo. Il concetto di apprendimento molto vicino a quello di cambiamento. Lapprendimento non implica di necessit una direzionalit positiva n contenuti di carattere conoscitivo, cio lapprendimento non coincide con laumento della conoscenza, con listruzione, che solo una forma di apprendimento.

Condizionamento classico
La terapia del comportamento si sviluppata sulla base delle ricerche sperimentali nellambito delle teorie dellapprendimento e su ricerche elaborate in ambito clinico. Il primo modello sperimentale quello del condizionamento classico o rispondente. La scuola fisiologica pavloviana si servita del metodo dei riflessi condizionati per studiare lattivit nervosa superiore, che a quei tempi difficilmente poteva essere analizzata con metodi pi fini. Uno dei meriti principali di Pavolov stato quello di connettere sempre fisiologia e psicologia e di adottare un rigoroso metodo sperimentale nello studio del comportamento. Watson ha fondato le sue idee sul comportamentismo proprio su questo modello di apprendimento. Il condizionamento classico o condizionamento rispondente, fu elaborato da Pavlov, attraverso sperimentazioni con cani. In breve, il ricercatore russo si accorse che i cani presentavano un aumento di salivazione senza la presenza di cibo, quando si creavano delle condizioni tipiche che anticipavano l'arrivo del nutrimento. Egli prov quindi a definire una situazione di laboratorio per studiare tale fenomeno. Quando ad un cane viene presentato del cibo, questi ha un riflesso automatico di aumento della salivazione. Il cibo viene definito "stimolo incondizionato" in quanto in grado di provocare una risposta automatica ovvero un "riflesso (o reazione) incondizionato". Nella sperimentazione di Pavlov, ai cani veniva presentato uno stimolo neutro artificiale (ad esempio un campanello oppure una luce), cio uno stimolo non in grado di produrre di per s un aumento della salivazione. Successivamente alla presentazione di tale stimolo veniva presentato il cibo (stimolo incondizionato). Il cibo ovviamente faceva scattare la risposta innata di salivazione. Dopo un certo numero di sequenze "stimolo neutro" (campanello) - "stimolo incondizionato" (cibo) si verific nei cani un aumento di salivazione alla sola presentazione dello stimolo neutro. Tale stimolo venne definito "stimolo condizionato" e la risposta da esso provocata "riflesso condizionato" o "reazione condizionata". Quindi si pu concludere che i cani modificano il loro comportamento grazie a un apprendimento associativo. I riflessi incondizionati sono tutti i riflessi fisiologici innati (alimentari, di difesa, sessuali, ...). Questi riflessi sono congeniti e questo vuol dire che dispongono, al momento della nascita, di una base strutturale gi pronta e si manifestano appena si fornisce lo stimolo corrispondente, cio adeguato al riflesso. Unesigenza di tutte le forme di adattamento dellanimale alle condizioni dellambiente circostante di poter in qualche modo anticipare eventi che si manifestano con frequenza elevata nel mondo 9

esterno, cio gli eventi che un individuo ha pi probabilit di vivere. Essere dotati di un corpo in grado di anticipare quello che succeder nellimmediato futuro, permette di potersi preparare in modo adeguato per affrontare le varie situazioni. I riflessi incondizionati modificano le risposte fisiologiche dellorganismo proprio al fine di prepararlo allevento futuro, pertanto hanno una funzione di previsione e quindi contribuiscono all'adattamento della specie. A differenza dei riflessi incondizionati, quelli condizionati non sono innati ma acquisiti e vengono elaborati nel corso della vita individuale dellorganismo; costituiscono dei legami nervosi temporanei e instabili, che gradualmente scompaiono se divengono inadeguati a condizioni di esistenza che subiscono modificazioni. Come i riflessi incondizionati, anche quelli condizionati hanno un carattere di segnale, di previsione, anticipano cio il corso di eventi esterni che si svolgono successivamente, e in questo modo contribuiscono all'adattamento dell'individuo. Nella condizione di laboratorio elaborata da Pavlov, si visto quindi che due stimoli contigui producono un fenomeno associativo attraverso cui: uno stimolo prima neutro (ovvero non in grado di produrre la risposta automatica prodotta dallo stimolo adeguato) pu produrre gli stessi effetti di uno stimolo incondizionato. Lo stimolo neutro si trasforma in stimolo condizionato, capace di dare la reazione di salivazione anche in assenza dello stimolo incondizionato. Il fenomeno per il quale uno stimolo neutro diventa "condizionato" ovvero in grado da solo di produrre quella che abbiamo definito una "reazione condizionata" definito acquisizione o apprendimento. Questa forma di apprendimento molto semplice pu essere notevolmente complicata da una gran quantit di variazioni sperimentali. La reazione condizionata, essendo basata su un legame temporaneo, un fenomeno dinamico; pu infatti generalizzarsi, differenziarsi, estinguersi o essere recuperata. Attraverso le osservazioni di laboratorio, stato possibile osservare il fenomeno della generalizzazione dello stimolo: Si osservato che stimoli simili per alcune costanti ma non identici allo stimolo condizionato possono produrre lo stesso effetto di quest'ultimo. Quindi, se un individuo ha imparato a emettere una risposta ad uno stimolo, la emetter anche in presenza di stimoli simili. Le somiglianze tra gli stimoli possono essere di tipo spazio-temporale oppure di tipo semantico. Sempre in una situazione sperimentale si visto come sia possibile l'estinzione del comportamento appreso (riflesso condizionato) dopo un certo numero di presentazioni dello stimolo condizionato non associato alla presentazione di cibo (stimolo incondizionato). Quando per, dopo l'estinzione, si ripresenta il nesso associativo tra lo stimolo condizionato e lo stimolo incondizionato, l'acquisizione della reazione condizionata (salivazione nel nostro esempio) molto pi rapida rispetto alla prima volta. Si parla quindi in questo caso di riacquisizione. Questo fenomeno dimostra come l'estinzione sia un processo attivo, in grado di inibire la risposta appresa e non di eliminarla. Nevrosi apprese Il comportamentismo si forma sul metodo sperimentale e sostiene che c continuit tra comportamento normale e patologico. Da ci deriva che i primi teorici comportamentali sostenevano che le nevrosi e i disturbi del comportamento possono essere studiati in laboratorio, secondo i metodi e le leggi della psicologia sperimentale. La prima e anche la pi famosa dimostrazione di questo si deve a Watson e Rayner (1920). Si tratta di uno dei rarissimi esempi di nevrosi sperimentale indotta che si ritrovano in ambito umano: il caso di Albert. Albert era un bambino di undici mesi, figlio di uninfermiera che lavorava nellospedale dove si trovava il laboratorio di Watson. Il bambino era stato sottoposto a tutta una serie di prove per valutare le sue risposte emozionali, in particolare gli fu mostrato un ratto bianco, un coniglio, un cane, una scimmia, maschere con e senza capelli, batuffoli di cotone, ecc. La risposta pi usuale, nel caso di questi stimoli, era la manipolazione; in nessun caso il bambino mostr segni di paura. Soltanto rumori forti e improvvisi erano in grado di elicitare risposte di paura e pianto, ad esempio

10

il suono prodotto sbattendo un martello contro una sbarra di acciaio sospesa in alto, alle spalle del bambino. In virt della sue stabilit emotiva, Albert fu prescelto come soggetto di ricerca per un tentativo di indurre sperimentalmente delle risposte di paura. La procedura sperimentale si svolse cos:
1. Dei ratti bianchi furono improvvisamente estratti da un cesto e presentati ad Albert. Inizialmente questi cerc di raggiungere il ratto con la mano sinistra. Non appena tocc lanimale, venne colpita immediatamente la sbarra di acciaio collocata dietro la sua testa. Il bambino fece un salto violento e cadde in avanti, nascondendo la faccia in un materasso. Tuttavia non pianse. 2. Non appena la mano destra tocc il ratto, venne nuovamente colpita la sbarra. Ancora una volta il bambino fece un salto violento e questa volta cominci a piagnucolare. Non si effettuarono altre prove in quella settimana, per non infastidire troppo il bambino.

Dopo sette giorni, Albert fu riportato in laboratorio e furono ripetute prove analoghe: allo stimolo neutro (ratto) veniva associato lo stimolo incondizionato (rumore). Furono necessarie sette associazioni perch si instaurasse la risposta condizionata:
8. Ratto da solo. Nel momento stesso in cui il ratto venne presentato, il bambino inizi a piangere. Quasi immediatamente, Albert si pieg verso sinistra e cadde, si mise a carponi ed inizi ad allontanarsi dal posto dove era stato situato il ratto, con tanta velocit che fu solo con difficolt che pot essere fermato prima che raggiungesse lorlo del tavolo.

Albert fu condotto di nuovo in laboratorio dopo cinque giorni e furono valutate una seconda volta le sue risposte emozionali ai vari stimoli. Watson ebbe modo di osservare il fenomeno che, in seguito, divenne noto come generalizzazione dello stimolo: oltre che in presenza del ratto, si manifestavano risposte di paura alla presentazione di stimoli che prima erano indifferenti, come il coniglio, il cane, una pelliccia, il cotone, una maschera con lunghi capelli bianchi, i capelli bianchi dello sperimentatore, ma non alla presentazione dei cubi di legno e di altri oggetti del laboratorio che non fossero bianchi e pelosi. Watson osserva che probabilmente molte delle fobie studiate in psicopatologia siano delle vere e proprie risposte emozionali condizionate e scherza anche sulle erronee interpretazioni che farebbe uno psicoanalista che, non sapendo questo, facesse ad Albert una analisi freudiana. Non stato possibile sperimentare su Albert un intervento per fargli passare la paura indotta in laboratorio. Ci fu invece possibile anni dopo, per Mary Cover Jones (1924), una collaboratrice di Watson. Mary Cover Jones trov Peter, un bambino che aveva le stesse paure che erano state indotte ad Albert. Peter infatti aveva paura di cose bianche e pelose. Se anche Peter, come Albert, aveva appreso ad aver paura a questo tipo di stimoli, allora era possibile mettere in atto una procedura di decondizionamento. Dato che Peter pi di tutto mostrava di aver paura di un coniglio bianco si scelse questo animale per il decondizionamento. In sostanza, volta dopo volta, il coniglio veniva avvicinato a Peter, prima in gabbia e poi libero, veniva associato al cibo preferito di Peter e a situazioni di gioco con altri bambini che non avevano paura del coniglio. Questa procedura port Peter a giocare con il coniglio tranquillamente e a non manifestare pi risposte di paura. In conclusione si pu dire che nella prima met del secolo scorso si sviluppata una modalit originale di far ricerca e di sviluppare conoscenze in ambito psicopatologico. Accanto alle tradizionali modalit cliniche, stato reso possibile il ricorso a modelli di laboratorio e a una modellistica animale che simulava larchitettura psicobiologica di alcuni aspetti della psicopatologia. Giunti a questo punto, per i comportamentisti cos possibile non accontentarsi di osservare i fenomeni, ma si possono manipolarne intenzionalmente alcune variabili.

11

Condizionamento operante
La modellistica del condizionamento classico per ben lontana dallaver risolto i problemi nei quali si imbattuta la terapia del comportamento e questi suoi primi passi ci interessano solamente per motivi storici. Infatti ci si rese ben presto conto che il modello Stimolo-Risposta (S-R) di Pavlov non riusciva a spiegare l'ampia gamma dell'apprendimento degli organismi, soprattutto non includeva il ruolo attivo dell'essere vivente sull'ambiente circostante. Infatti, tutti noi possiamo osservare che ogni comportamento produce un effetto sullambiente, e che l'effetto prodotto a sua volta in grado di produrre delle conseguenze sull'individuo. L'effetto del comportamento sull'ambiente stato studiato per primo da Thorndike che defin una ormai nota situazione sperimentale: un gatto veniva chiuso in una gabbia dotata di un meccanismo (un chiavistello) che ne permetteva l'apertura. Il gatto veniva posto in una situazione di problem solving. Quando l'animale riusciva, per tentativi ed errori, a risolvere il problema "uscire dalla gabbia" si notava un incremento delle azioni finalizzate e una riduzione esponenziale delle attivit inutili allo scopo. Questo tipo di apprendimento venne definito "apprendimento strumentale" in quanto il comportamento dell'animale poteva essere considerato strumentale alla risoluzione del problema e alla ricerca di una ricompensa. Si ipotizzarono quindi due leggi legate all'apprendimento: la legge dell'effetto e la legge dellesercizio. Secondo la legge delleffetto l'organismo tende a ripetere i comportamenti che producono effetti benefici mentre tende ad abbandonare i comportamenti inutili o che producono effetti deleteri. Secondo la legge dell'esercizio una risposta pi probabilmente ripetibile nella misura in cui essa stata ripetuta. Una lettura integrata delle due leggi permette di prevedere, ad esempio, che comportamenti in grado di produrre maggiori risposte benefiche hanno una maggiore probabilit di essere appresi. Gli studi di Thorndike hanno permesso a Skinner di sviluppare il modello del condizionamento operante. Mentre nel condizionamento classico sono classificate come rispondenti le risposte elicitate da stimoli conosciuti e identificabili, come i riflessi condizionati, secondo il condizionamento operante esistono anche risposte (la maggioranza), chiamate operanti, non necessariamente in relazione con uno stimolo, che producono conseguenze nellambiente. La natura di tali conseguenze opera a sua volta sullindividuo. Il comportamento operante fa parte del repertorio del soggetto e pu essere aumentato o diminuito in funzione del rinforzo che lo segue. Quindi la probabilit di emissione di un comportamento aumenta o diminuisce in virt dei suoi conseguenti. Skinner chiama conseguenti linsieme delle situazioni e interazioni che seguono immediatamente il comportamento. I conseguenti possono avere due tipi di effetti sul comportamento. rinforzante tutto ci che aumenta la probabilit di emissione di una risposta, mentre punitivo tutto ci che segue il comportamento e diminuisce la probabilit che venga riemesso. La situazione sperimentale studiata da Skinner la seguente: una cavia viene messa in una gabbia (nota a tutti come la Skinner Box) dotata di un dispositivo erogatore di cibo collegato ad una leva che ne permette l'attivazione. La cavia lasciata "libera" di muoversi all'interno della gabbia senza "condizionamenti sperimentali". La cavia incontra la leva casualmente e vede che l'effetto prodotto la comparsa del cibo. Esponenzialmente si vede che la cavia aumenta le pressioni della leva e finalizza sempre di pi le proprie azioni verso l'erogazione di cibo. L'operante l'insieme delle risposte simili (pressione della leva) dal punto di vista delle conseguenze che esse stesse producono, cio una modificazione dell'ambiente (erogazione di cibo). La tipologia delle conseguenze prodotte da un comportamento determina la probabilit che esso si ripeta. Quindi il rinforzo definibile come quella specifica condizione in grado di aumentare la probabilit che una risposta si verifichi. Nel comportamento superstizioso i rinforzi possono essere anche casuali, non dipendenti dal comportamento. Il rinforzo definibile come rinforzo positivo, quando produce una risposta la cui conseguenza sar la ricompensa. Il rinforzo positivo (cibo) un evento che rinforza, aumenta la frequenza, le risposte 12

(schiacciamento di una leva) che determinano la presentazione dello stimolo rinforzante. Lo stimolo rinforzante positivo presentato contingentemente alloperante. Il rinforzo negativo in grado di produrre una risposta che avr come conseguenza l'eliminazione dello stimolo nocivo (es. un shock). Il rinforzo negativo rinforza, fa aumentare, le risposte di fuga e di evitamento che rimuovono la presentazione dello stimolo avversivo. Infine c la punizione, da non confondere con il rinforzo negativo. da sottolineare che la punizione non sinonimo di rinforzo negativo, infatti la punizione non un rinforzo in quanto essa ha come conseguenza la diminuzione di un comportamento (anche se magari solo temporaneo), mentre il rinforzo, sia positivo che negativo, aumenta la probabilit di emissione di un comportamento. Questo modello del condizionamento operante, al pari di quello pavloviano, pu essere notevolmente complicato dando un quadro assai pi complesso del comportamento e dellapprendimento.

Concezione della patologia secondo il comportamentismo


Dopo aver spiegato il comportamento normale si pu prevedere abbastanza facilmente quale sar la concezione comportamentale del comportamento deviante. Il comportamentismo assume che anomalia e patologia della vita comportamentale e emozionale non costituiscano fenomeni di ordine qualitativo diverso da quelli normali e non richiedono principi e leggi propri. Quindi i comportamenti e le emozioni patologiche sono qualitativamente uguali a quelli normali e pertanto non richiedono principi e leggi diverse. I comportamenti devianti sono infatti spiegabili mediante i medesimi fondamenti identificati nello studio del comportamento umano normale. I fenomeni patologici si collocano senza soluzione di continuit con i fenomeni di normale indagine da parte della psicologia di base e sono spiegabili, in linea di principio, mediante i medesimi fondamenti che sono stati identificati nello studio del comportamento umano normale. I fenomeni della devianza sono di conseguenza rimediabili mediante lutilizzo dei principi di base della psicologia sperimentale. In particolare, possibile considerare il comportamento nevrotico come un comportamento appreso. Nella terapia del comportamento il modello della devianza psicopatologica si contrappone dunque al cosiddetto modello medico della devianza (quadri morbosi che raggruppano sotto ununica diagnosi vari aspetti comportamentali) e a quello psicodinamico, secondo il quale il comportamento nevrotico pura espressione epifenomenica (cio il sintomo) di una causa (che considerata la vera malattia) di carattere inconscio.

Genesi dei disturbi nevrotici


Nellintervento psicoterapeutico comportamentale si privilegia lanalisi della situazione (sia della situazione hic et nunc, sia degli antecedenti storici) in cui il paziente vive e soffre, rispetto allanalisi di tratti e caratteristiche personologiche del soggetto. I dati che derivano da questionari, scale di valutazione e test, anche se sono coerenti tra loro, hanno un valore limitato per prevedere il comportamento effettivo del soggetto nelle specifiche situazioni, che invece lobiettivo dellassessment comportamentale. Lassessment comportamentale, che viene fatto allinizio della terapia, una descrizione analitica, precisa e dettagliata del singolo caso clinico, calato nella situazione in cui vive il soggetto in quel momento, attento al contesto relazionale e sociale. Lo scopo dellassessment comportamentale di indagare e descrivere dettagliatamente tutti gli elementi del contesto relazionale e sociale, contesto in cui hanno luogo i comportamenti, sia patologici e che non patologici. Bisogna precisare che per il comportamentismo sono comportamenti sia le azioni motorie, sia le espressioni verbali, sia i pensieri e le emozioni. Secondo lottica comportamentista lelaborazione, la modifica, il mantenimento, la differenziazione o lestinzione di tutti i comportamenti sono regolati dalle leggi dellapprendimento. Tenendo presenti questi concetti vediamo ora la genesi dei disturbi nevrotici, secondo lottica del condizionamento operante. La genesi del disturbo nevrotico avviene in tre momenti della storia del disturbo nevrotico stesso. 13

Il primo momento il momento dellinsorgenza. Per insorgenza si intende un complesso insieme di antecedenti, contingenze ambientali, situazioni interpersonali, status psicofisico che hanno costellato la cronaca della prima volta che il disturbo si presentato. Affinch un episodio sia patologico deve essere seguito da una serie di episodi simili, la cui presenza indica che il comportamento patologico stato appreso. Se un comportamento patologico viene appreso significa che in qualche modo stato rinforzato. Una volta che il comportamento stato rinforzato e appreso aumenta di frequenza e quindi capiter che venga emesso anche in situazioni diverse da quella originaria, per effetto del principio di generalizzazione. Se viene ancora rinforzato il comportamento si generalizza ancora di pi e si stabilizza e inizia la fase del mantenimento, il momento in cui il paziente di solito chiede lintervento psicoterapeutico. Nel momento dellinsorgenza, sul piano delle leggi di apprendimento si assiste al fallimento delle capacit predittive del paziente: si osserva che i comportamenti precedentemente appresi e mantenuti secondo certe regole di rinforzo caratterizzate da ben precise contingenze, vengono ad essere sconvolti per il cambiamento delle regole e delle contingenze di rinforzo in maniera del tutto inconoscibile e incontrollabile da parte del paziente. Questo significa che quello che succede al momento dellinsorgenza che i comportamenti appresi precedentemente, e quindi efficaci per il paziente in certe circostanze, non vengono pi rinforzati nello stesso modo, ottengono anche effetti indesiderati, punizioni, e il paziente non ha pi strumenti per affrontare situazioni di vita abituali, quelli che conosceva non funzionano pi come prima, il paziente non capisce come mai e soffre. C poi il momento in cui il disturbo si sviluppa per l effetto della legge del rinforzo operante: il comportamento che si presentato ed stato rinforzato verr riemesso in situazioni classificate come simili. Se accade che questo comportamento riceva un rinforzo anche nelle nuove situazioni accade che il comportamento viene emesso pi volte e pi volte rinforzato. Questo avviene per tutti i tipi di comportamenti. Infatti, sia i comportamenti normali che patologici seguono questo percorso, e si espandono nella vita del paziente. Infine, durante la fase di mantenimento, il disturbo dopo essere insorto e essersi sviluppato nel tempo e nella quantit, si stabilizzato. A questo punto si osserva un paradosso: comportamenti riconosciuti come generatori di sofferenza, di limitazioni, di difficolt (conseguenti aversivi) si mantengono. E si mantengono a causa del fatto che rinforzi e punizioni vengono erogati insieme (in questo caso prevalgono effetti dei rinforzi), oppure accade che i rinforzi precedono, anche se di poco, le punizioni. Si osserva quindi che lesser malato viene rinforzato dallambiente. Durante lo stato di malattia il paziente scopre che essendo malato ottiene rinforzi, in genere di tipo interpersonale dallambiente abituale. Non viene quindi rinforzato solo il comportamento sintomatico ma la malattia in s. Il paziente chiede aiuto in questa fase. Bisogna fare attenzione al fatto che ovviamente il paziente non fa apposta a stare male allo scopo di ottenere i rinforzi che riceve dallambiente ogni volta che si comporta in modo patologico, ma accade esattamente il contrario: il paziente mentre soffre per il suo status morboso viene tuttavia rinforzato proprio per questo. La difficolt vera dellintervento psicoterapeutico di far piazza pulita proprio di questi rinforzi interpersonali. Questo non significa indurre il paziente a rinunciare a questi rinforzi, ma significa insegnargli nuove e meno faticose vie per ottenerli ugualmente. Le ricadute e le cosiddette sostituzioni del sintomo vanno imputate ad interventi terapeutici che avevano trascurato e lasciato inalterato il contesto interpersonale allinterno del quale la sintomatologia veniva rinforzata. La generalizzazione gioca un ruolo importantissimo nello sviluppo della patologia e questo perch la generalizzazione ha un vantaggio economico. Se ho imparato cosa fare in una data situazione applicher questa conoscenza a situazioni simili senza dover imparare ogni volta dallinizio. Quindi il meccanismo della generalizzazione fa risparmiare tempo e fatica di sperimentare comportamenti nuovi in ogni situazione. Ma se viene esagerata, estesa in modo improprio, controproducente. Quello che osservano i comportamentisti che qualsiasi forma di patologia frutto di una generalizzazione troppo estesa: progressivo allargarsi dei comportamenti anomali e disadattivi 14

emessi in un numero sempre maggiore di situazioni. Un conto sapere per conoscenza pi o meno diretta che esiste uno strumento che si chiama cacciavite e che serve per far girare oggetti rotondi in appositi alloggiamenti. Questo servir per risparmiarsi tempo e fatica e non sperimentare ogni volta strumenti diversi come pinze e martelli per avvitare una vite. Un altro conto tentare di far girare tutti gli oggetti rotondi con il cacciavite, tipo una ruota di un mulino. Se vero che la generalizzazione svolge un ruolo importante nella qualit dellesistenza umana altrettanto vero che se viene estesa in modo inappropriato diventa patologia. Qualsiasi forma di patologia si fonda sul riconoscimento di una situazione come simile a quella originaria di apprendimento. Per esempio, nel caso delle fobie c una generalizzazione troppo estesa delle situazioni pericolose, nel caso delle ossessioni c una generalizzazione dei comportamenti che vengono emessi pi e pi volte quando una volta sarebbe sufficiente, nel caso del delirio c una generalizzazione troppo estesa delle situazioni in cui si dialoga con qualcuno (e quindi si dialoga anche se non c nessuno). Ma quando due situazioni vengono classificate come simili? C somiglianza quando molte variabili sono identiche in entrambe le situazioni. In genere, quello che si osserva, che i pazienti utilizzano poche variabili per descrivere le situazioni e quindi pi facile che situazioni che hanno in comune poche variabili e che sono anche diverse per molte altre, che per non vengono prese in considerazione dal paziente, vengano considerate come simili. Come mai di una certa situazione vengono osservate solo certe caratteristiche e non le altre, che pur sono presenti? perch si osservano gli elementi di una situazione, in base ai quali si valuta, si descrive una situazione, per mezzo dellattenzione selettiva. Lattenzione selettiva seleziona gli elementi delle situazioni da valutare per decidere quale comportamento emettere. Come per qualsiasi altro comportamento, le persone apprendono, in modo operante, a cosa far attenzione. Le persone osservano gli aspetti delle situazioni a cui hanno imparato a far attenzione, e classificano le situazioni come simili o diverse confrontandole su queste caratteristiche a cui fanno attenzione. Cos facendo non vedono altri aspetti che segnalerebbero loro la diversit di due situazioni che invece vengono valutate come simili. Nel corso degli anni, soprattutto durante linfanzia in cui viene appreso il vocabolario, ovvero labilit di definire, di dare un nome alle cose, avviene che lambiente (familiare e culturale) ponga particolare rilievo su determinati elementi e non su altri. Ci sono delle macro-aree di interesse su cui finisce lattenzione selettiva dei gruppi familiari. Queste aree sono il corpo e sue modificazioni; lambiente e i suoi oggetti; le persone e i loro atteggiamenti e comportamenti. Esiste un deciso spartiacque per quanto riguarda lattenzione selettivamente prestata dentro e fuori la pelle. Ad esempio, nel caso di pazienti ipocondriaci, lattenzione selettiva orientata principalmente dentro, mentre nei paziente ossessivi, a parit di biografia, lattenzione orientata fuori. La generalizzazione delle situazioni seguir la strada indirizzata dallattenzione selettiva. Ad esempio, nellanamnesi di un paziente si possono scoprire affermazioni familiari del tipo: fai attenzione allinvidia altrui, in quanto tutti cercano sempre di approfittarsi delle tue possibilit economiche. Le donne sono tutte interessate, meglio diffidarne perch volubili. Allinterno di un rapporto affettivo, magari per scherzo, porr lattenzione sulla dispendiosit della vita familiare facendone carico alla partner, e anche eventi accidentali verranno riconosciuti sulla base delladdestramento ricevuto e come tali evocheranno certi comportamenti. Questo avr indotto una riduzione del repertorio comportamentale ma anche delle possibilit di riconoscimento di altri comportamenti delle donne che non siano quelli definiti in modo ridondante dalla famiglia. Il paziente avr difficolt di cogliere nella partner altri atteggiamenti che non siano quelli legati ad aspetti economici e glieli rinfaccer .Questo produrr delle liti ma nonostante questo i suoi comportamenti non si modificheranno. Come mai? Perch il paziente non fa mai dei riconoscimenti sbagliati, vede tutti i comportamenti che sono effettivamente dispendiosi e quindi non sbaglia e il suo comportamento di riconoscimento sar sempre rinforzato (un regalo una manifestazione di affetto di cui il paziente vede solo la dispendiosit). Il suo errore che non vede altro. Inoltre la sua attenzione viene rinforzata anche dalle altre persone che lo considerano serio, affidabile. Anche 15

davanti alla tristezza dellaltra cercher di risolvere tutto in termini economici. Non funzioner e lui vedr confermata ancora una volta la sua idea sulle donne (volubili). Le categorie di rinforzi che hanno il loro effetto una volta che il comportamento stato messo in atto sono la sensazione di autonomia, la sensazione di certezza e i rinforzi interpersonali. Secondo la teoria del comportamento, lantecedente di ogni comportamento una situazione che richieda di essere modificata per essere vissuta. La funzione del comportamento quella di modificare una condizione in unaltra pi favorevole. Si pu dire che il fine di ogni comportamento sia il tentativo di proclamare e concretizzare una situazione di autonomia, perch sono io che con il mio comp cambio una situazione come voglio io. Anche tutte le situazioni definite simili a tale situazione richiederanno di essere modificate. Possiamo osservare che tutte le situazioni che ci costringono, ci limitano, ci impongono di fare certe cose, di effettuare certe scelte, di pensare e parlare in un certo modo, richiedono comportamenti volti a modificarle, per arrivare a una situazione di autonomia. Per autonomia si intende la situazione in cui la persona detta le proprie regole di comportamento e quando ce la fa questo funziona da rinforzo. Quindi, una situazione di autonomia una situazione in cui la persona detta le proprie regole di comportamento, non cio sottoposta alla pressione delle regole esterne. Nella patologia il paziente crea proprie regole di comportamento, diverse da quelle che gli altri si aspettano o vorrebbero che egli seguisse. Lautonomia, lidentit, la possibilit di dire io, assumono caratteristiche rinforzanti che si riscontrano ogni giorno nel rapporto con gli altri. Proprio questo fatto rinforza la patologia. Un altro rinforzo fortissimo la situazione di certezza. Forse da sempre luomo cerca dei punti fermi, delle certezze, che quindi sono rinforzanti per ogni comportamento. Probabilmente nasce da questo desiderio la ricerca filosofica, ma anche la religione, che tentano di conoscere in qualche modo il futuro. Tutto ci che ignoto, non certo, segnale di pericolo per lessere vivente. Il comportamento adattivo il comportamento dellindividuo che identifica la pericolosit con la situazione; di fronte a questi segnali sar volto a modificare gli elementi pericolosi per garantirsi la sopravvivenza e questo comportamento sar garantito dalla sopravvivenza stessa. E questo un comportamento adattivo, cio lincertezza viene valutata come segnale, come allarme che ci indica che una situazione pu essere pericolosa. Nella patologia si osserva invece una cosa diversa. lindividuo identifica la pericolosit con i segnali di incertezza, cio scambia un segnale di pericolo con il pericolo stesso, tender ad emettere comportamenti che modificano i segnali e non la situazione pericolosa, per garantirsi la certezza (rinforzo). Quindi basta eliminare i segnali di incertezza per sentirsi al sicuro. Leliminazione della paura rinforza (rinforzo negativo) questo comportamento, che presto diventa patologico. Ad esempio, un paziente agorafobico dice: ho paura delle piazze anzich dire: ho paura in quelle piazze perch potrebbe accadermi qualcosa di male. Le piazze sono segnali di luoghi in cui potrebbe capitare che si senta male. Lo star male la situazione pericolosa. Il comportamento di evitamento delle piazze adeguato alla modificazione dei segnali (e non della situazione pericolosa) ed rinforzato dalla loro scomparsa. Il comportamento fobico per non modifica la probabilit di sentirsi male. La patologia nasce dalla discrepanza tra ci che si teme e ci che si evita. Pertanto, nella patologia il paziente riesce a garantirsi certezze in modi artificiosi. Dato che il paziente considera il risultato del suo comportamento come certezza, questa certezza essa rinforza il comportamento patologico. Lultima classe di rinforzi che particolarmente importante per il mantenimento della patologia quella dei rinforzi interpersonali. Possiamo dire che vero che lessere umano vive in un ambiente scandito da contingenze materiali, ma ancora pi vero che vive in un continuo scambio con altri esseri umani. Se ci soffermiamo a pensare a noi stessi, alle nostre esperienze, ai nostri ricordi, possiamo vedere che in altissima percentuale essi riguardano le altre persone, i loro rapporti con noi, cosa ci hanno detto o fatto. Quindi i rapporti interpersonali sono la maggior fonte di rinforzi e 16

punizioni dei nostri comportamenti. I conseguenti interpersonali dei nostri comportamenti sono costituiti dallatteggiamento degli altri nei nostri confronti che rinforza o punisce i nostri comportamenti. Quello che succede durante la malattia che la malattia garantisce un certo atteggiamento da parte degli altri o almeno esclude con sicurezza certi altri atteggiamenti. Cos il comportamento patologico non si pu estinguere. per questo motivo che non si pu impostare un intervento psicoterapeutico mirato esclusivamente al sintomo. Finch il comportamento patologico, o la patologia stessa, verr rinforzata, non ci potr essere un miglioramento stabile, per la legge dellapprendimento operante. La strategia terapeutica non pu non tenere conto di questi rinforzi cos determinanti, pertanto necessario garantire al paziente che alla scomparsa dei sintomi seguir lapprendimento di nuovi comportamenti che consentano di ottenere gli stessi effetti sugli altri e sul mondo in generale.

Lassessment comportamentale
Lassessment comportamentale deve essere molto dettagliato. Lesame del paziente parte dal racconto della sua patologia, in modo da rispondere alla domanda come fatto il comportamento patologico? Bisogna individuare e descrivere dettagliatamente: le caratteristiche motorie, emozionali; - in quali situazioni viene emesso il comportamento, (dove, come, quando, con chi)con quale frequenza, con quale durata, come- cosa accade dopo, cosa dicono o fanno gli altri o che cosa non accade, non dicono o non fanno gli altri. Le cose che accadono pi frequentemente sono sicuramente dei rinforzi. Se i rinforzi sono pi di uno allora lestinzione impraticabile. Lesame del paziente consentir nei vari stadi del trattamento di valutare il cambiamento confrontando un prima e un dopo, descritti in modo obiettivo. Lesame del paziente consentir anche di prevedere il comportamento del paziente nelle varie situazioni. Lesame sar completo quando saremo in grado di prevedere il suo comportamento dati certi stimoli. Per sapere quando siamo in grado di fare delle previsioni corrette baster fornire uno stimolo e valutare se il suo comportamento corrisponde a quello atteso. necessario andare alla ricerca delle condizioni di apprendimento che hanno favorito linsorgere, lo sviluppo e il mantenimento del comportamento patologico. E quindi necessario chiedersi: Come stato appreso il comportamento patologico? necessario conoscere le condizioni di apprendimento perch conoscerle ci permette di utilizzarle a ritroso, in quanto, se sono state cos potenti da generare la patologia probabile che possano essere utilizzate per favorire il ritorno alla normalit. Nellassessment comportamentale si ripercorre la storia degli apprendimenti individuando le leggi di apprendimento che hanno governato i comportamenti del paziente (sia patologici che non patologici) nel corso della sua vita, indagando diverse aree: infantile e familiare; scolastica; sociale e affettiva. Ci interessa scoprire come sono nati tutti i comportamenti e quali erano le contingenze di rinforzo. Dovremo ottenere informazioni sulla vita infantile del paziente e gli chiederemo di raccontarci la sua storia. Gli chiederemo una descrizione dei genitori e degli altri conviventi, delle regole di rapporto fra loro (chi decide, come, quando, cosa). Gli chiederemo quali premi e gratificazioni, punizioni e critiche riceveva; con quale frequenza, con quali modalit, in quali occasioni Importante per avere una visione delle caratteristiche della famiglia chiedere quali erano i temi prevalenti nei discorsi a tavola e infine su quali temi nella sua famiglia non si transigeva. Si chiede al paziente soltanto di descrivere e di obiettivare, non si chiede mai perch o di compiere astrazioni. Poi cercheremo di ottenere informazioni sulla vita infantile del paziente. e gli chiederemo di raccontarci i suoi primi giorni di scuola (distacco dalla famiglia); come erano i rapporti e le amicizie con compagni e quali rapporti aveva con gli insegnanti. Gli chiederemo inoltre di raccontarci quali erano le sue materie preferite e le materie che per lui erano difficili, come viveva le interrogazioni davanti alla classe; come affrontava gli esami e in base a cosa ha scelto le scuole da frequentare.

17

Ad esempio, importante sapere come il paziente studiava perch questa informazione pu darci indicazioni su come comportarci in terapia: se cominciava a fare i compiti prima dalle materie pi impegnative per finire con quelle che gli piacevano di pi, in seduta il lavoro pi importante non conviene farlo prima, ma verso la fine. Se le materie erano affrontate al contrario ovviamente appena entra cominceremo subito con la parte del lavoro pi importante. Indagare la biografia sociale del paziente significa chiedergli di raccontarci come erano le sue prime amicizie e i giochi con coetanei. Per conoscere come iniziavano i suoi rapporti interpersonali indagheremo le iniziative di contatto: se era lui che prendeva liniziativa o se aspettava di essere contattato dagli altri. Ci faremo descrivere gli amici uno per uno indagheremo le caratteristiche che devono avere le persone per risultare gradevoli e quali caratteristiche hanno le persone che gli danno fastidio. Infine dovremo conoscere la storia affettiva del paziente. Chiederemo informazioni sui suoi primi innamoramenti (persone e vissuti) e come comunicava i suoi sentimenti. Per le relazioni sentimentali gli si chieder chi prendeva liniziativa, quali erano le regole di questi rapporti, come ha vissuto eventuali separazioni, se stato lasciato o se stato lui a lasciare. Gli chiederemo di descriverci i partner che ha avuto e infine gli chiederemo anche informazioni sulla sua attivit sessuale. Al termine di questa raccolta di informazioni dovremo essere in grado di ricavare per ogni comportamento unequazione: stimoli controllo comportamento rinforzo. Per quanto riguarda i comportamenti sintomatici, la patologia si pu distinguere secondo due grossi parametri: (1) patologia da mancato apprendimento o estinzione (comportamenti mai appresi o estinti precocemente in quanto non seguiti da rinforzi). (2) patologia da comportamenti presenti in modo inappropriato (comportamenti al momento sbagliato) . Per la patologia da mancato apprendimento o estinzione (comportamenti mai appresi o estinti precocemente in quanto non seguiti da rinforzi) c' un comportamento sintomatico ridotto o assente: patologie a carattere depressivo o autistico. Nella depressione si osserva proprio una estinzione generalizzata e cronica che consiste fondamentalmente in una estrema riduzione di tutto il repertorio comportamentale. Un tipo particolare di estinzione quella che coinvolge il comportamento di avvicinamento. Se vi un antecedente (ad esempio la presenza di ospiti in casa) ed un comportamento (ad esempio un abbraccio espansivo) da parte di un bambino, al quale i genitori dicono subito dopo (conseguente) di essere pi riservato, meno espansivo, magari con molta severit, e se questa sequenza di esperienze si ripete un sufficiente numero di volte, il comportamento del bambino si estingue totalmente. Per generalizzazione dello stimolo probabilmente verr estinto il contatto fisico verso chiunque; per generalizzazione del comportamento, potr essere soggetto ad estinzione anche il semplice comportamento di contatto verbale o visivo. Per la patologia da comportamenti presenti in modo inappropriato (comportamenti emessi al momento sbagliato) si osserva un comportamento sintomatico inadeguato. Torniamo allesempio del nostro bambino che ha estinto il suo comportamento di avvicinamento verso gli ospiti. Quando si estingue un comportamento resta libero dello spazio che in genere viene riempito con un altro comportamento. Il bambino, ad esempio, quando sente suonare il campanello pu andare in camera sua a giocare. Questo nuovo comportamento non seguito da punizioni e quindi un comportamento di evitamento, in quanto consente di evitare le conseguenze negative del comportamento di avvicinamento. Questo apprendimento appreso grazie al rinforzo negativo ed caratteristico dei disturbi dansia. Nei disturbi fobici e ossessivi accade che un comportamento stato seguito da un conseguente avversivo (danno, rimproveri o ansia). Un comportamento alternativo al primo viene invece seguito da rinforzo negativo (rimozione del danno, dellansia, dellincertezza). Se il comportamento viene seguito da un rinforzo positivo abbiamo patologie isteriche e di tipo psicosomatico. A questi pazienti cio accaduto di emettere accidentalmente un comportamento 18

sintomatico che poi stato seguito da un conseguente positivo (ad esempio, attenzione, riguardi). E questi conseguenti, di solito di tipo interpersonale, hanno incrementato e mantenuto il comportamento sintomatico.

Strategie
A questo punto dellassessment possiamo ipotizzare quali siano state le modalit e le esperienze di apprendimento relative al comportamento patologico. Il nostro intervento andr a modificare la situazione patologica riproponendo esperienze compatibili con le esperienze di apprendimento del paziente e attraverso modalit analoghe a quelle in cui avvenuto lapprendimento del comportamento patologico. Per quanto riguarda il comportamento sintomatico ridotto o assente, che tipico della patologia depressiva e di quelle autistiche, nella strategia terapeutica si tratter di agire sul legame stimolocomportamento. Si tratter di costruire attraverso un opportuno shaping quei comportamenti che consentano al paziente di affrontare efficacemente quei problemi (azioni ed emozioni che il paziente depresso non riesce pi a fare, ad affrontare), che affrontati con un repertorio comportamentale ridotto, non vengono risolti. Pertanto si attuer un programma che mira alla costruzione graduale di comportamenti adattivi attraverso limpiego programmato di rinforzi. Nel caso del comportamento sintomatico inadeguato si pu agire sia sulla prima che sulla seconda parte dell'equazione comportamentale. Quando si agisce sulla prima, che il legame stimolocomportamento, si far un contro-condizionamento degli stimoli-controllo: far s che certe situazioni perdano il potere di evocare il comportamento sintomatico ridefinendo, cambiando il significato dello stimolo, modificando il legame associativo tra stimolo e comportamento (fornendo associazioni diverse). Quello che stato fatto con il piccolo Peter. Quando si agisce sulla seconda parte dellequazione comportamentale, che il legame comportamento-rinforzo, si pu ad esempio praticare lestinzione del comportamento sintomatico: togliere i rinforzi o contro-condizionare i conseguenti (isolando il rinforzo condizionato dal rinforzo reale, cambiando il significato da promessa di un rinforzo reale a minaccia di non ottenerlo). Il contro-condizionamento dei conseguenti utile quando non abbiamo la possibilit di privare il comportamento dei suoi rinforzi abituali, soprattutto quelli interpersonali su cui non abbiamo controllo. Se ad esempio in una situazione un paziente emette un comportamento sintomatico che richiama (e ne rinforzato) lattenzione degli altri per la propria clamorosit, non avremo alcuna possibilit di evitare che lemissione sintomatica sia rinforzata, in quanto si richiederebbe un nostro impensabile controllo sullintero ambiente del paziente. Possiamo invece contro-condizionare lattenzione altrui, anche allinterno della relazione terapeutica, mostrando che la nostra attenzione data al sintomo pu anche significare rifiuto come persona.

Disturbi fobici
Per fobia si intende la presenza contemporanea sia di una paura immotivata o esagerata verso certi oggetti/situazioni, che la tipica definizione che anche le persone comuni sanno dare della fobia. Per parlare di fobia ci deve essere per anche un comportamento di evitamento. Il paziente chiede aiuto proprio a causa della sofferenza causata dalle limitazioni indotte dalla presenza del comportamento di evitamento. Come abbiamo gi visto in termini generali, la patologia si articola in tre momenti: Il primo momento quello dellinsorgenza (che pu essere traumatica o non-traumatica), poi c la fase di sviluppo (che la fase della generalizzazione del comportamento patologico) e infine la fase del mantenimento (in cui agiscono soprattutto i rinforzi interpersonali).

19

Se non si verifica levitamento non si pu parlare di fobia ma di stato dansia. Lo studio dellapprendimento e del mantenimento dei disturbi fobici, pertanto, lo studio dellapprendimento e del mantenimento delle risposte condizionate di evitamento. Linsorgenza traumatica avviene quando il paziente vive una situazione che evoca paura. A questo punto la situazione viene connotata come ansiogena. A causa dellansia, che agisce da punizione, si estingue il comportamento di avvicinamento. A questo punto si verifica un comportamento di fuga anticipata ai primi segnali della situazione ansiogena che seguita dallassenza della paura o del danno (rinforzo negativo). Quindi la fobia ha origine dallestinzione del contatto e dal rinforzo dellevitamento. Ad esempio, nella fobia dei cani levitamento consiste nel tenersi a debita distanza da animali di diversa taglia, colore, postura a causa dellesposizione passata del soggetto a una o pi esperienze di pericolo, in cui sia stato aggredito da un cane, con conseguente risposta di paura. Il comportamento di evitamento sarebbe soggetto a estinzione solo qualora si riuscisse a emettere il comportamento di contatto senza linibizione successiva, senza cio che ci sia il conseguente avversivo (aggressione); invece il comportamento di evitamento avviene prima e dunque non consente mai lemissione del comportamento di contatto. Il comportamento di contatto non potr quindi essere mai rinforzato dallassenza del conseguente avversivo che originariamente laveva estinto. Visto che levitamento consiste in una fuga di fronte a stimoli condizionati che segnalano la possibile occorrenza della situazione fobigena originaria importante descrivere quali sono gli elementi della situazione originaria che vengono utilizzati come criterio per decidere quali situazioni sono simili alla prima e richiedono il comportamento di evitamento. Una fobia pu essere appresa anche senza che ci sia stata uninsorgenza traumatica. In questo caso il comportamento di evitamento pu essere evocato, controllato, anche da stimoli connotati come fobigeni anche se il soggetto non vi mai entrato in contatto. In questo caso ovviamente, la connotazione degli stimoli come fobigeni non viene preceduta dallestinzione di un comportamento di avvicinamento precedentemente presente, ma avviene per via vicaria, di trasmissione culturale, o per modeling, e non sulla base dellesperienza diretta. Ad esempio, si pu sviluppare una fobia dei cani anche senza entrare in contatto pericoloso con cani, perch alla persona viene mostrato o riferito che i cani sono pericolosi. In questo caso linsorgenza del comportamento fobico non stata preceduta dallestinzione di un comportamento di avvicinamento precedentemente presente. La connotazione degli stimoli come fobigeni avvenuta per linfluenza dellambiente, delleducazione che hanno definito determinate situazioni come pericolose e dunque da evitare. In questo caso lapprendimento del comportamento fobico non deriva da unesperienza diretta con una situazione pericolosa, ma viene appreso perch insegnato da altri. Dal punto di vista della costruzione del comportamento patologico successivo il risultato identico a quello della fobia traumatica dellesempio precedente. Anche il mantenimento avviene per le stesse ragioni che mantenevano il comportamento fobico appreso per esperienza diretta. Le fobie semplici non arrivano quasi mai nello studio di un terapeuta. Le persone ricorrono allo specialista quando c uneccessiva generalizzazione degli stimoli controllo (tante cose temute da rendere complicata la vita). Tanto maggiore la generalizzazione tanto maggiore linvalidit indotta dalla patologia, e quindi tanto pi c bisogno di essere aiutati. Quindi non lintensit dellansia sperimentata che determina se uno si rivolger o meno a un terapeuta. Visto che le fobie sono inaccessibili alla critica impossibile convincere il paziente fobico ad accostarsi alla situazione temuta allora il trattamento preveder lestinzione del comportamento di evitamento (inibizione reciproca tra gli stati di attivazione (desensibilizzazione sistematica, abituazione allo stimolo, costruzione di condotte alternative di avvicinamento). Per intervenire correttamente ed efficaciemente necessario individuare e obiettivare quali sono oggetti/situazioni evitati: chiedere non che cosa il paziente teme ma che cosa evita. Ad esempio, se si chiede ad un paziente agorafobico che cosa temi? La risposta tipica del paziente agorafobico sar luoghi lontani da casa. Ma se chiediamo che cosa eviti?, avremo molta pi informazione 20

perch la sua risposta tipica sar stare da solo in luoghi non sicuri o conseguenze negative di un eventuale malore. Quello che poi deve fare il terapeuta osservare e obiettivare il comportamento di evitamento del paziente. Nel caso in cui, ad esempio, il sintomo sia individuabile in un allontanamento motorio da certe situazioni, intuitivo che laspetto evitato costituito dal contatto con quelle situazioni (oltre che dalla connotazione della situazione come paurosa, che per fornisce indicazioni sulla natura del trauma e non sulla situazione attuale di mantenimento). Nel caso in cui invece il sintomo sia costituito dal volgere lo sguardo altrove laspetto evitato sar identificabile prima di tutto con il contatto visivo, e lo stesso elemento evitato sar anche nel caso che la persona riesca a parlare con gli altri al telefono ma non di persona. Le fobie sociali sono le uniche fobie, non agorafobiche, che in genere si presentano in terapia. Possono presentarsi con diverse articolazioni e con diversi gradi di gravit. Lansia pu essere legata allambiente scolastico, alle relazioni interpersonali. Se chiediamo al paziente con ansia sociale se tu facessi la cosa che teme cosa potrebbe accadere? Troveremo che il conseguente aversivo sar il timore di giudizio, di critica, di prendere una decisione, di svalutazione. Oltre a questo, quello che il terapeuta deve indagare sono le caratteristiche della situazione evitata: et, sesso e numero degli interlocutori, se conosciuti o meno, se il paziente. che si rivolge agli altri o viceversa, se gli vengono richieste prestazioni o opinioni personali. Vanno quindi cercate quali sono le variabili che fanno scattare il comportamento di evitamento. In genere, rispetto al numero degli interlocutori, avviene che fino ad un certo punto lintensit dellansia direttamente proporzionale al numero. Ma oltre a un certo numero cessa (in mezzo alla folla). Le caratteristiche della situazione evitata possono essere, per esempio, legate allambiente scolastico: lansia da esame pu arrivare ad estinguere il comportamento di studio (non solo si evita di sostenere gli esami ma anche di prepararli, giungendo allabbandono degli studi). Spesso il problema dellansia da esame legato ad una singola prova (un concorso, lesame della patente, ecc) dinnanzi al quale ci si blocca. Ci pu essere unestrema attivazione avvicinandosi alla data dellesame che poi viene sostenuto, lansia scompare e questo rinforza negativamente proprio la risposta dansia che quindi verr riemessa al prossimo esame. Oppure ci pu essere un evitamento dellesame: non si fa lesame, passa la data e lansia scompare, rinforzando negativamente il comportamento di evitamento dellesame. Lansia interpersonale si pu manifestare con balbuzie o in maniera pi aspecifica con senso di disagio in situazioni di gruppo. La consultazione richiesta quando il comportamento di evitamento talmente generalizzato che la persona trova un ostacolo insormontabile e incompatibile con le situazioni di lavoro, di vita. Il primo tipo di intervento che si attua con questi paziente il decondizionamento degli stimoli fobigeni (es. desensibilizzazione sistematica). Con il decondizionamento degli stimoli fobigeni si estingue lassociazione tra la situazione fobigena, la risposta dansia evocata e il comportamento emesso. Estinta la risposta dansia, si estingue anche il comportamento di evitamento. Quindi il risultato di questo intervento lestinzione del legame situazione fobigena ansia. Contemporaneamente a questo, si deve anche costruire un comportamento alternativo di carattere opposto allevitamento. Il risultato dellintervento sar che il paziente impara un nuovo comportamento di avvicinamento. La contestuale costruzione di un comportamento alternativo di avvicinamento produrr una maggior rapidit nel mutamento delle contingenze ambientali che avevano consentito linsorgere e lo svilupparsi della patologia. Essendo un comportamento adattivo non avremo la necessit di preoccuparci di rinforzarlo ulteriormente, perch ricever i naturali rinforzi dallambiente che lo manterranno anche in seguito. Lagorafobia (paura di luoghi aperti) caratterizzata dalla condotta di evitamento delle situazioni fobigene, quindi questi pazienti hanno una condotta di evitamento di determinati luoghi. Inoltre 21

questo tipo di fobia caratterizzata dalla presenza di strategie per riuscire ad avvicinarsi, nonostante lansiogenit, alla situazione temuta, e cio, quello che succede nella maggiorparte dei casi che il paziente si fa accompagnare da qualcuno. Si tratta fondamentalmente di due categorie di comportamenti: i pazienti riescono ad affrontare luoghi e situazioni temuti facendosi accompagnare da qualcuno (affettivamente significativo). In proporzione pi ridotta questo accompagnamento sostituito dal possesso su di s di farmaci o altri oggetti rassicuranti. Sappiamo che la natura e la qualit dellevitamento consentono di definire loggetto evitato. Se il comportamento di evitamento consiste nel farsi accompagnare, nellessere in compagnia, la situazione fobigena evitata sar la solitudine. A conferma della centralit della solitudine nello sviluppo e nel mantenimento dei comportamenti fobici ci sono le verbalizzazioni dei pazienti, che parlano di paura di svenire, timore dellinfarto, paura di impazzire. Lattenta descrizione delle situazioni ambientali in cui si manifestano le condotte sintomatiche condurr alla precisazione del paziente che tutto accade esclusivamente quando si trova a dover affrontare le situazioni temute da solo. Con un modesto supplemento di indagine, possiamo vedere che per questi pazienti la solitudine una categoria concettuale con notevoli errori o lacune di apprendimento. Quindi la situazione fobigena evitata la solitudine, che per il paziente una categoria concettuale con errori e lacune di apprendimento. I pazienti chiamano solitudine anche situazioni di separazione, distacco, o non comunicabilit con le figure che li accompagnano. Questa semplice osservazione ci sar di aiuto nella scoperta dei rinforzi positivi interpersonali e per la ricostruzione della genesi della malattia. La fobia viene riferita quasi sempre dal paziente. come la difficolt e la restrizione di autonomia che risultano dal non potersi recare da solo in una serie di luoghi. Quello che il paziente riferisce quando gli viene chiesto che cosa teme, che ha paura dellidea che qualora non riuscisse ad evitare di accostarsi a quelle situazioni sarebbe atterrito dalla possibilit che lansia cresca fino a diventare incontrollabile, con conseguenze imprevedibili, ma comunque terribili sul piano fisico o psichico. Da questo si vede come laccompagnatore che si scelto abbia per lui un effetto ansiolitico. Infatti il paziente afferma che la presenza dellaccompagnatore gli serve a garantirlo che anche nellipotesi peggiore laltro potrebbe soccorrerlo o quantomeno sostituirsi a lui ed evitare di restare in balia degli eventi che non controlla pi. In questo senso le figure di accompagnamento sono tutte accumunate dal fatto che il paziente, in misura maggiore o minore, nutre fiducia in loro al punto da considerare rassicurante la possibilit che esse si assumano i suoi atti decisionali, qualora non fosse in grado di esercitarli; o che curino i suoi interessi e la sua immagine qualora egli non fosse in grado di farlo da solo. Il soccorso materiale lultima cosa a cui pensano: se si chiede un elenco delle persone da cui vorrebbe farsi accompagnare i medici non compaiono. Quindi il soccorso materiale non un rinforzo al comportamento sintomatico: il medico non ridurrebbe lansiogenit della distanza dalle figure affettive, che si conferma come il principale stimolo evitato. Nella presenza della figura affettiva il paziente impara ben presto a scorgere la possibilit di sapere, di controllare la vita dellaltro, riducendo cos il rischio di sorprese e in ultima analisi, quello di essere abbandonato. Il partner non per una vittima passiva: Se vero che il paziente lo tiene sotto controllo vero anche viceversa. Nel caso del partner il controllo sul paziente ancora pi esteso in quanto dispone di una maggior quantit di dati sulle possibili attivit del paziente, che in quanto malato, molto prevedibile. Cos anche il partner viene garantito nei confronti di un possibile abbandono e spesso, proprio per questo motivo, osteggia la terapia. Possiamo quindi concludere che attraverso la malattia il paziente impone le proprie regole e quindi si mette in una situazione di alta prevedibilit che una situazione rinforzante. Perci dalla situazione di imprevedibilit che ha dato origine alla patologia si arriva a una situazione di prevedibilit proprio attraverso la malattia. Dallanalisi degli antecedenti e dei conseguenti sappiamo quindi che lorigine del comportamento fobico limprevedibilit su di s, sugli altri, sulle cose. La patologia mette il paziente in una situazione di prevedibilit, ottenuta attraverso limposizione di regole proprie.

22

La generalizzazione delle situazioni temute legata al particolare tipo di attenzione selettiva a cui il paziente stato addestrato nel corso della sua vita. Se lattenzione selettiva era stata orientata verso linterno la connotazione di imprevedibilit riguarder eventi di tipo somatico e si articoler verso possibili malattie improvvise. In questo caso non esistono luoghi sicuri e spesso il paziente porta sempre con s farmaci rassicuranti o fa tantissimi controlli medici. Linsorgenza coincide con occasioni che hanno fatto vacillare la connotazione di prevedibile e di sotto-controllo nei confronti del proprio corpo. Nel caso in cui la generalizzazione dipenda dallattenzione selettiva che il paziente rivolge verso lesterno,e in particolare verso le persone, limprevedibilit viene attribuita ai pensieri, agli atteggiamenti e alle comunicazioni delle persone. Se lattenzione selettiva verso lesterno riguarda gli oggetti o le situazioni si osserva invece che il paziente nota che potrebbe accadere qualcosa di inaspettato, e dunque anche qualcosa di terribile in un numero crescente di situazioni. Quel potrebbe sufficiente a connotare una situazione come non prevedibile e quindi verranno evocati comportamenti finalizzati alla riduzione del margine di imprevedibilit. La fobia insorge a partire da episodi specifici e solo poi soggetta a generalizzazione. Il paziente comincia a evitare luoghi dove ha sperimentato la possibilit di star male, estende levitamento a luoghi sconosciuti e larea topografica accessibile si restringe sempre di pi. Lo star male tuttavia non riconosciuto nemmeno dal paziente come valido motivo per la patologia. In genere sono le conseguenze del sentirsi male a dover essere evitate ad ogni costo. Queste conseguenze dello star malesono l ipotetico evento di perdere il controllo; che per il paziente pu essere ad esempio il timore di perdere i sensi, di impazzire, di essere tanto confuso a causa dellansia da non riuscire a comunicare adeguatamente il proprio stato di emergenza. Quello che si osserva quindi una situazione di paura della paura stessa. Il livello di gravit della patologia si misura con il grado di autonomia che rimasto al paziente, cio la gravit una funzione inversa dellautonomia personale. Tanto pi ristretto il territorio entro il quale il paziente pu muoversi e agire liberamente, senza il bisogno di dipendere dalla disponibilit degli altri, tanto pi grave la patologia. Il paziente decide di entrare in terapia solo quando i luoghi che egli costretto ad evitare sono troppi, cio quando la generalizzazione troppo estesa e quando i comportamenti volti alla ricerca di sicurezza rendono difficile lesistenza quotidiana.

Biografia
In terapia la prima cosa da fare di ottenere informazioni sulla storia del paziente. Si indaga la biografia per andare alla ricerca delle condizioni di apprendimento che hanno favorito linsorgere, lo sviluppo e il mantenimento del comportamento patologico. La prima cosa che ci interessa sapere come sono nati i comportamenti patologici. Allora chiederemo al paziente di descriverci la prima volta che si ricorda di essersi sentito male. Per conoscere quali sono stati i rinforzi che hanno consentito lo sviluppo e il mantenimento del comportamento patologico indagheremo quali sono state le reazioni delle altre persone e cosa accaduto subito dopo. Lindagine dellatteggiamento generale dellambiente serve per conoscere le contingenze dei rinforzi. La storia dellagorafobia presenta caratteristiche ricorrenti. Si ritrovano due tipologie di persone: 1. persone estroverse, amanti degli stimoli forti e dei colori accesi, socievoli disponibili al rapporto interpersonale, deduttive (soprattutto femmine); 2. persone introverse, riservate, solitarie (soprattutto maschi). Le pazienti estroverse durante linfanzia di solito hanno ricevuto gratificazioni sociali dirette alla loro socievolezza, sono state addestrate alla comunicazione non verbale. Le loro caratteristiche di simpatia hanno ricevuto attenzione da parte degli altri, le loro azioni hanno ottenuto attenzione, e da questo le persone hanno imparato che gli altri sono osservatori attenti e si rafforzata lattenzione selettiva verso le reazioni e i comportamenti degli altri nei loro confronti. 23

Nella storia di queste persone si osserva quasi sempre che i rapporti interpersonali sono brillanti ma poco duraturi. Per quanto riguarda i rapporti affettivi si osserva che ogni volta che aumenta il coinvolgimento o la paziente prevede che sar lasciata, interrompe il rapporto. In questo modo, essendo lei a decidere di chiudere il rapporto, la paziente a stabilire le regole (autonomia) e tale comportamento viene rinforzato dal fatto che il comportamento seguito da prevedibilit, in quanto pi prevedibile un mondo in cui le leggi sono dettate da chi ci vive. Queste pazienti hanno molti flirt, in genere con persone brillanti, piene di iniziativa, di interessi, attive, espansive. La paziente si lascia corteggiare, sedurre, e dopo uniniziale ritrosia accetta lo stabilirsi di una relazione che per raramente considera seria e coinvolgente. Quando il partner aumenta il livello di coinvolgimento, alza il limite delle richieste, tenta di imporre regole pi rigide, la paziente si disimpegna lasciandolo. Lo stesso succede se invece prevede di essere abbandonata. come se nel rapporto la paziente avesse stabilito la regola: voglio essere accettata e amata da tutti, ma tutti devono stare a distanza debita da me, stabilita da me. La paziente stabilisce una regola che le consente di rendere prevedibile ogni rapporto, e quindi proprio la prevedibilit che rinforza questo tipo di comportamento. Laltro tipo di pazienti affetti da agorafobia sono introversi e sono soprattutto maschi. Queste persone, a differenza di quelle estroverse, durante linfanzia hanno ricevuto gratificazioni sociali dirette alla loro timidezza, al loro non chiedere. Le loro caratteristiche di riservatezza hanno ricevuto attenzione da parte degli altri, le loro non-azioni hanno ottenuto attenzione e ci ha rafforzato lattenzione selettiva verso le reazioni del proprio corpo. Per quanto riguarda i rapporti personali si osserva che questi pazienti hanno avuto pochi rapporti di amicizia ma che questi rapporti sono stati duraturi e gli amici sono stati scelti sempre allinterno dellambito familiare. Per quanto riguarda i rapporti sentimentali, questi paziente di solito hanno avuto poche relazioni e hanno strutturato dei rapporti stabili. Non raro che finiscano per sposare la prima e unica partner della propria giovent. Bench tra le due tipologie di pazienti ci siano queste marcate differenze, esse hanno anche delle caratteristiche in comune. Ad esempio, hanno in comune alcune caratteristiche dei loro genitori. Indagando la biografia famigliare di questi pazienti si trova che i loro genitori avevano anchessi delle caratteristiche fobigene. Sono proprio i genitori che insegnano ad aver paura e concedono poco spazio allautonomia fisica. Inoltre i genitori di entrambi questi tipi di paziente prestano attenzione alla salute fisica (tanto preziosa e tanto effimera). Andando avanti con la storia del paziente si scopre che nellinfanzia ha vissuto una sofferta esperienza di separazione: vacanze dai nonni, ricovero in ospedale, scuola, ecc. Per quanto riguarda la scuola di solito questi pazienti non riferiscono nessun tipo di problemi. Quindi il periodo scolastico trascorre senza problemi di rendimento. Il paziente vive linfanzia circondato da attenzioni e gratificazioni, lontano da tutto ci che sconosciuto e imprevedibile. Intorno alladolescenza capita un episodio in cui sperimenta lassenza di controllo, si rende conto per la prima volta che su alcune cose non si pu intervenire. Questo episodio di drammatica assenza di controllo per diverso per le due tipologie di pazienti. I pazienti estroversi sperimentano la perdita di controllo vivendo situazioni in cui una figura di attaccamento muore o si ammala o parte. Cio i pazienti sperimentano il distacco da una di quelle persone la cui disponibilit era garantita sia dai propri comportamenti che dal loro ruolo. Mentre per i pazienti introversi la perdita di controllo associata al provare delle sensazioni somatiche forti. Questo episodio mette in discussione la prevedibilit e la manipolabilit del mondo circostante. Si arriva quindi al I episodio fobico che vissuto come la perdita di sicurezza e bisogno di compagnia. Questo episodio si estingue dopo pochi mesi. A questo punto entra in gioco il meccanismo della generalizzazione. Quando la mancanza di controllo legata al distacco delle 24

figure di attaccamento viene evocato un comportamento di evitamento del coinvolgimento affettivo quale prevenzione dellansia. Nella vita adulta ad un certo punto la paziente estroversa incontra una persona chiusa, che non manifesta molto interesse verso di lei, una persona che per lei imprevedibile in quanto non corrispondente allo stereotipo di persone che abituata ad incontrare. Dal momento che limprevedibilit qualcosa di terribile, per ricondurre anche questo rapporto entro i canali noti, lunico comportamento che la paziente conosce trasformarlo in un rapporto affettivo e lo fa manifestando per prima il proprio coinvolgimento. Il coinvolgimento relazionale viene rinforzato dal fatto che stato voluto autonomamente dalla paziente. Il partner non cambia la sua personalit: continua a non dare le garanzie che la paziente cerca e che poi trova nella formalizzazione del rapporto (matrimonio, figli). Tuttavia, quella stessa storia di apprendimento che aveva portato limprevedibilit e le sue successive generalizzazioni ad essere origine dei comportamenti della paziente conteneva anche episodi in cui aveva imparato ad evitare, come misura preventiva, il coinvolgimento emozionale. La paziente quindi vive un vero e proprio paradosso: scopre che il coinvolgimento lunico comportamento che sia rinforzato dal controllo su quel partner (nel senso di rendere prevedibile il comportamento del partner). Ma la paziente aveva imparato anche che il coinvolgimento qualcosa da evitare. A questo punto la realt diventa nuovamente incontrollabile, imprevedibile. Il repertorio di connotazioni con le quali la paziente descriveva la realt, compresa quella affettiva, a questo punto non pi utilizzabile. La realt diventa nuovamente imprevedibile e incontrollabile e si creano le premesse per linsorgenza della patologia, che avviene dopo 6-18 mesi da quando il rapporto viene definito stabile. Il primo episodio della patologia viene di solito raccontato cos: Mi trovavo da sola in quel posto... Ho avuto una vertigine (o dolore al torace, o altro) stavo per svenire (o gridare, o impazzire). Questa la sensazione di perdere il controllo. Oltre a questo c la sensazione di solitudine o gi il rinforzo di essere con qualcuno. La paziente pu dire: non cera nessuno che potesse aiutarmi oppure per fortuna che cera mio marito. Dal primo episodio in poi aumentano le situazioni connotate come imprevedibili, per somiglianza fisica o semantica a causa del meccanismo della generalizzazione . Il denominatore comune di tutte le situazioni sar lassenza, la distanza, lirraggiungibilit delle figure rassicuranti. Pertanto molto probabile che la paziente scopra presto che farsi accompagnare gli riduce lansia. E quindi il comportamento di farsi accompagnare viene emesso quasi subito. Siamo cos arrivati alla fase di mantenimento del disturbo. Labbassamento dellansia, levitamento della solitudine e il controllo sul partner mantengono infatti la malattia.

Strategia terapeutica
I pazienti chiedono lintervento terapeutico per lansia che procurano loro certi luoghi e la solitudine e per il fatto che il comportamento di evitamento li fanno sentire non autonomi. Lintervento sintomatico asseconder questa richiesta. Ma altrettanto importante tenere in considerazione il rinforzo alternativo interpersonale che riceve la situazione di malattia. Per quanto riguarda la modificazione dellantecedente, loggetto di tale intervento la perdita di controllo. La perdita di controllo rappresentata dallimpossibilit di prevedere o di escludere con certezza qualcosa, e questo fa soffrire. Per modificare lantecedente si pu mettere in atto una desensibilizzazione alla perdita di controllo in relazione alle occasioni e ai concetti di solitudine e di costrizione. Nel caso della solitudine, perdere il controllo significa per il paziente non avere dati sufficienti a prevedere che cosa sta facendo in quel momento il proprio partner. Una ridefinizione lessicale del termine solitudine, cio far vedere che essere soli una cosa diversa che essere lontani

25

dal partner, in genere sufficiente a ridurre la generalizzazione semantica delle occasioni in cui scoprirsi solo e pertanto si riducono le occasioni in cui emettere il sintomo. Nel caso di situazioni di costrizione invece, perdere il controllo significa trovarsi in una situazione da cui non si pu uscire. Lintervento si basa sul far sperimentare al paziente che non esistono forme di costrizione totale, a parte quella fisica. facile dimostrare al paziente che la sua descrizione di situazioni come di situazioni in cui impossibile decidere di sottrarsi inappropriata, arbitraria e non vera. Quando ci che temuto dal paziente la perdita di controllo su di s (paura di impazzire, di morire), utile mostrare che pensare costantemente ad un evento terribile ma indipendente dalla volont inutile, controproducente e dannoso. Pensare costantemente allinfarto o alle guerre non ha mai evitato n luno n le altre. Anzi lo stress della preoccupazione continua pu favorire un episodio cardiopatico, senza contare che la vita risulta limitata e condizionata, come se realmente si fosse gi avuto un infarto. Per intervenire sul rinforzo interpersonale si tratter di costruire un comportamento che faccia avere al paziente in modo rapido, non ansiogeno ed efficace il controllo e la prevedibilit dellaltro che il paziente ricerca. Il comportamento fobico mette il partner nella condizione di non potervisi sottrarre, di non poter dire di no e il paziente continua a ricevere il rinforzo positivo interpersonale. Questo rinforza sia il singolo comportamento di evitamento sia lessere malato in s. Il comportamento patologico consente al paziente di assicurarsi controllo (previsione) sullambiente in generale e su quello interpersonale pi prossimo. Lobiettivo del terapeuta la sostituzione del comportamento sintomatico con un repertorio pi adattivo col quale il paziente possa ottenere gli stessi rinforzi. Il comportamento alternativo sar il comportamento assertivo, che garantir gli stessi vantaggi. Il comportamento assertivo sar poi rinforzato dai medesimi conseguenti di quello patologico. Il terapeuta deve sottolineare al paziente la possibilit di chiedere, di esprimere le proprie esigenze e i propri stati danimo, ma anche insegnargli aspetti della comunicazione in modo che sia in grado di rendere il suo messaggio il pi chiaro possibile. Dato che la psicoterapia caratterizzata da un rapporto personale del tutto particolare tra paziente e terapeuta dobbiamo far in modo di sfruttare questa relazione a vantaggio del paziente. La relazione terapeutica va quindi utilizzata in modo strategico, e per questo non aspecifica. Il rapporto paziente-terapeuta comportamentista importante in quanto pu essere assimilato alla contingenza ambientale. Sappiamo che lesistenza di certe regole, di certi legami tra quello che faccio e quello che succede fa s che io continui a fare ci o lo faccia di meno o di pi. Il comportamento appreso per scambio tra individuo e ambiente circostante. In terapia lambiente formato, oltre che da quello fisico, anche e soprattutto dalle persone coinvolte dal processo terapeutico. Il rapporto umano pu quindi essere utilizzato in modo strategico dal terapeuta, proprio facendo leva su quelle che sono le leggi che abitualmente mantengono gli scambi tra la persona e lambiente. Il terapeuta deve mettersi nellottica di dire io sono lambiente del paziente e quindi ci che faccio, dopo quello cha ha fatto lui, modifica o pu modificare quello che ha fatto lui, modifica o pu modificare quello che far lui. Si tratta di costruire un piano strategico dove i comportamenti del paziente possono essere previsti come conseguenza del comportamento del terapeuta e pertanto utilizzati: ogni volta che lui far questo io far sempre questaltro. Latteggiamento generale che deve avere il terapeuta con un paziente fobico quello di far entrare il paziente in contatto con le cose temute, parlandone, senza mostrare emozioni negative, parlandone spesso, non evitandole. Spesso i pazienti, soprattutto quando hanno instaurato una buona relazione terapeutica, basata sulla fiducia e sulla stima del terapeuta, chiedono consigli e soluzioni a problemi pratici della loro vita. Il terapeuta deve astenersi dal fornire soluzioni, risposte a problemi pratici concreti per evitare la dipendenza del paziente. Latteggiamento terapeutico proprio in quanto la fonte principale di rinforzi, punizioni, estinzioni, allinterno del setting terapeutico. Ovviamente va modellato sul tipo particolare di paziente e sul problema che presenta. Questo non vuol dire che il terapeuta non

26

autentico, che recita, che finge con il proprio paziente, ma solo che fa certe cose in certi momenti, e le cose che fa sono quelle che saranno utili al suo paziente. Lanamnesi sociale del paziente, cio del suo stereotipo interattivo, interpersonale, ci fornisce la fonte principale per porre in atto latteggiamento pi efficace terapeuticamente nei suoi confronti. Il terapeuta sa cosa rinforzante e punitivo per il paziente e user questa conoscenza per erogare rinforzi a suoi comportamentii adattivi e punizioni a suoi comportamenti che lo fanno star male. Latteggiamento terapeutico viene quindi modellato sul tipo particolare di paziente. Visto che sappiamo che le altre persone con cui il paziente pi frequentemente in contatto mantengono la sua malattia, sappiamo che per non rinforzarla dovremo comportarci in modo diverso rispetto a come si comportano le altre persone. Con i fobici bisogner evitare di spingere il paziente a forzare levitamento, come fanno gli altri che ha intorno, rassicurandolo piuttosto e fornendogli spiegazioni che illustrino come sia meglio soggiacere per il momento allevitamento piuttosto che affrontare i rischi di un aumento dellansia per non avercela fatta. Nella relazione terapeutica si pu inoltre mettere in atto lapproccio implosivo. Lapproccio implosivo consiste nel conoscere esattamente ci che temuto dal paziente. Quello che il terapeuta deve fare dimostrare al paziente che ci pu verificarsi in molte pi occasioni di quelle considerate dal paziente. (cio mostrargli linsufficienza dellevitamento). sempre possibile fare ci perch non c mai una certezza possibile. Lobiettivo di questa tecnica che il paziente ad un certo punto si dica: allora tutto quello che faccio non serve a niente. In questo caso il comportamento di evitamento ad un certo punto si estinguer proprio perch verr a mancargli il conseguente rinforzante principale, che la riduzione dellansia e del pericolo. Questo tipo di atteggiamento, definito implosivo, necessita quindi di una conoscenza precisa di che cosa il paziente teme. Non bisogna mai dirgli che tutto quello che fa non serve a niente, perch non lo possiamo dimostrare, ma possiamo facilmente dimostrare che insufficiente. A differenza di quanto il paziente sperimenta nella sua vita quotidiana, il terapeuta che segua questo tipo di approccio, fondamentalmente accetta il punto di vista del paziente e si limita nel corso delle sedute a cercare di mettere il paziente in pace con se stesso.

Disturbo ossessivo-compulsivo
Il paziente ossessivo decisamente introverso e facilmente condizionabile. Questo vuol dire che molto rapido nellapprendere e generalizzare nuovi comportamenti. chiuso, poco socievole, rigido, scarsamente disponibile alla comunicazione e allespressione diretta di sentimenti e emozioni (non le esprime ma le rielabora internamente, le cerebralizza). Inoltre poco disponibile a porre in discussione le proprie convinzioni e le proprie opinioni. In generale il disturbo ossessivo-compulsivo presente in una persona che lamenta di trovarsi, di sentirsi costretta, a fare certe cose che essa stessa riconosce come irragionevoli, inutili, parassite e di cui per non riesce a fare a meno. Il tipico modo di verbalizzare il problema dire: non facendo queste cose sto peggio anzich dire facendo queste cose sto meglio. Si tratta spesso di comportamenti motori, i rituali. Il paziente ossessivo pi difficile da trattare rispetto a un paziente fobico. I comportamenti ossessivi sono di due tipi: covert, cio pensieri ripetuti che il paziente non pu fare a meno di pensare e overt, cio azioni che il paziente non pu fare a meno di fare. I comportamenti ossessivi di tipo covert, sono comportamenti ideativi, e sono sempre presenti in un paziente ossessivo. I comportamenti covert possono essere di due tipi, impulsi e ruminazioni: 1. Impulsi: il paziente riferisce di provare un impulso a fare qualcosa di dannoso per s o per altri e il timore di non farcela a controllarlo. In realt non si tratta di provare limpulso a quanto 27

piuttosto di temere di provare limpulso a. Il paziente dice: temo che mi possa venir voglia di . uccidere, far del male a qualcuno, investire un passante, uccidere i miei figli, fare del male a me stesso. Questa paura, questo stato di tensione emerge non quando il paziente si trova davanti alle persone a cui ha paura di fare in qualche modo del male, ma quando si trova nella situazione in cui pu agire quello che teme anche se le persone non sono presenti. Ad esempio, un paziente ossessivo diceva temo che mi possa venir voglia di gettare i miei figli sotto il tram. La paura dellimpulso insorgeva non in presenza dei figli, ma del tram, anche se i figli in quel in quel momento non erano presenti. Un altro paziente che aveva paura che gli venisse l'impulso di accoltellare i suoi figli notava che la paura insorgeva in presenza di coltelli e non dei figli. Quindi c il timore dellinsorgenza di un impulso e il timore di non farcela a controllarlo. Limpulso incoercibile, il paziente pensa: non posso scacciarlo dalla mente, non posso non pensarci. 2. Idee fisse e le ruminazioni. Per idee fisse e pensieri intrusivi si intende pensieri di tipo parassita che si fissano nella mente del paziente e lo distraggono da altre attivit e pensieri riducendo le sue capacit e le possibilit di affrontare in modo adattativo le situazioni della normale vita di relazione con lambiente. Ci possono essere pensieri intrusivi egodistonici, come le bestemmie, o idee fisse egosintoniche come per un appassionato di volo pensare in continuazione "si voler domani?" e guardare in continuazione le previsioni del tempo. Le ruminazioni sono rappresentate da un oggetto mentale analogo, cio il paziente non pu fare a meno di non farle, ma hanno la caratteristica di essere orientate a tentativi di soluzione di un problema conoscitivo. Il paziente pensa: ma le cose come stanno realmente? Il paziente si ripropone domande di questo tipo in modo ripetitivo nella vana ricerca di una risposta. Oppure il paziente pensa: di fronte a questo problema, cosa mi conviene veramente fare? Qual la soluzione migliore? ed anche qui il quesito viene riproposto pi e pi volte, sempre alla ricerca di una vana risposta. Quindi i pazienti si ripropongono tali domande iterativamente nella vana ricerca di una risposta. Bisogna notare che la ruminazione diversa da una riflessione. La differenza fra una riflessione, anche prolungata e tormentata, ed una ruminazione consiste nel fatto che la riflessione cerca di apportare nuovi dati alla conoscenza della situazione-problema, di manipolarli per prevedere gli esiti e immaginare soluzioni (da verificare poi). Una riflessione genera ipotesi nuove e stabilisce i modi in cui possono essere verificate. La ruminazione invece riverbera continuamente i dati del problema senza riuscire ad utilizzarli. Latteggiamento ruminatorio, tra laltro, pu manifestarsi non solo a livello personale, ma anche in termini relazionali allinterno di contesti interpersonali. Non raro il caso in cui, in un contatto con una di queste persone si instauri una relazione allinterno della quale un interlocutore propone una soluzione di un problema dellaltro, ma essa, anzich essere accettata o discussa, viene limitata da ulteriori dubbi e incertezze. Ad ogni proposta dellaltro il paziente risponde: s, ma ci sono altri elementi da considerare. Allinterno del problema il paziente ossessivo oscilla da una possibile soluzione ad unaltra senza trovare via di sblocco, riproducendo quindi a livello interpersonale e dal punto di vista della comunicazione quanto si era osservato per la ruminazione personale. I comportamenti di tipo overt, cio i comportamenti che si possono osservare dallesterno sono le compulsioni. Le compulsioni sono i rituali, che sono dei comportamenti iterativi, ripetuti pi volte, oppure dei comportamenti che hanno una durata pi lunga del necessario e che in generale classifichiamo come: rituali di accumulazione, di lentezza e magici. Nei rituali di accumulazione il paziente raccoglie oggetti o informazioni. I rituali di lentezza vengono fatti per essere sicuri che le cose siano fatte bene e quasi sempre si riferiscono a comportamenti che riguardano labbigliamento e la cura personale. La caratteristica di 28

lentezza pu servire ad assicurare che quel comportamento sia stato correttamente eseguito. Ad esempio,una persona perde ogni giorno due ore per pettinarsi per essere sicura di uscire in ordine. I rituali di magici sono rituali che apparentemente non hanno legami con lazione svolta. Sono quei comportamenti che non hanno nessuna pertinenza con quanto si sta facendo, assomigliano a condotte superstiziose e il paziente si lamenta del fatto che sono troppi e non ce la fa pi a starci dietro. I rituali vengono emessi in situazioni specifiche: esistono cio degli stimoli-controllo, peculiari per ogni paziente, che evocano questi comportamenti, per cui non raramente al comportamento ossessivo spesso associato un comportamento fobico. I rituali vengono emessi in (fatti scattare da) situazioni specifiche (peculiari per ogni paziente). Il paziente, per evitare a se stesso la fatica del rituale o di altro comportamento ossessivo, evita gli stimoli-controllo: quando non gli possibile evitarli allora costretto ad eseguire il rituale. Il paziente evita di toccare le maniglie, che potrebbero essere infette per risparmiarsi il suo rituale che prevede 20 cicli di 100 lavaggi delle mani. Quindi, per evitarsi la fatica del rituale il paziente evita le situazioni fobigene, cio quelle che gli fanno paura. A volte per gli capita di non riuscire ad evitarle. In questo caso, se non riesce ad evitarle (o non possibile farlo), costretto a eseguire il suo rituale. Il paziente ossessivo pu presentare idee, rituali, impulsi, ruminazioni di diverso tipo, con contenuti molto diversi, ma la gravit della patologia in funzione della quantit di occasioni in cui vengono emessi i sintomi e non della presenza di pi sintomi differenti o strani. La presenza di condotte di evitamento possono complicare il processo diagnostico ponendo la necessit di discriminare tra un quadro fobico e uno ossessivo. Un primo criterio di diagnosi differenziale fa riferimento allosservazione che il paziente fobico non pu essere convinto ad affrontare la situazione temuta, in quanto evita lesposizione e il contatto con essa. Il paziente ossessivo pu essere persuaso a farlo, tanto poi mette in atto i rituali e ... recupera. Unaltra caratteristica che differenzia un fobico da un ossessivo che il paziente fobico non capace di rinviare levitamento mentre lossessivo s. Quindi al fobico non possiamo chiedergli di farlo mentre all'ossessivo s. In genere, poi la patologia ossessiva presenta unampiezza della generalizzazione decisamente maggiore di quella fobica e invalida di pi rispetto a quella fobica. Si potrebbe dire che un paziente ossessivo ossessivo sempre, mentre il fobico tale solo davanti alle sue situazioni fobigene. Mentre funzionano bene gruppi di auto-aiuto per i fobici non funzionano assolutamente per gli ossessivi. I pazienti ossessivi possono raccontare di essere costretti a fare le cose pi strane. La specificit del rituale non elemento importante: spesso un rituale scompare, perch non gli viene pi in mente di farlo, per cedere il posto ad un altro. la quantit complessiva di tempo dedicato ai rituali a rimanere costante. Non raramente i paziente ricorrono alla similitudine con una nave piena di falle: se ne tappa una e subito se ne apre unaltra. In adolescenti introversi compaiono comportamenti ossessivi quasi fisiologicamente e poi spontaneamente scompaiono. Si tratta quasi sempre di rituali legati alladdormentamento: precauzioni fisse che ladolescente prende prima di addormentarsi o andare a letto. Solo in alcuni casi questi rituali, se ricevono rinforzi, si mantengono e danno origine alla patologia. I comportamentisti hanno due ipotesi per descrivere linsorgenza di un particolare sintomo: Un comportamento ossessivo pu originarsi a causa di una mancanza di regole esplicite o per uno sfalsamento di una regola. Nel primo caso pu accadere ad esempio che il paziente chieda mamma posso uscire? e la mamma risponda ma sei uscito laltro ieri. In questo caso la regola sottintesa potrebbe essere non puoi uscire perch sono passati solo due giorni. Ma possibile che la mamma avesse invece in mente unaltra regola del tipo: se me lo ha chiesto solo una volta non gli sta a cuore. Se insisse 4-5 volte dar il permesso. In questo caso, poich la regola non esplicitata, lintesa, se avviene, occasionale. Oppure pu capitare che per caso il richiedente, indossando un maglione rosso chiede il permesso di uscire. La mamma dice di s e non dice altro. Quello che potrebbe accadere, in assenza di regole, 29

dedurre che per ottenere il permesso di uscire la regola sia indossare un maglione rosso. In questo caso si apprende un comportamento superstizioso. Ma senza arrivare al maglione rosso, possibile che il permesso venga ottenuto se richiesto con tono lamentoso. Questo elemento allinterno della regola del tutto irrilevante, ma essendo lultimo comportamento emesso prima del rinforzo tende ad incrementarsi e a mantenersi in tutte le sue caratteristiche. Un comportamento ossessivo pu venire appreso anche in una situazione in cui si verifica uno sfalsamento di una regola. Un esempio di sfalsamento di una regola pu essere il caso di un bambino inappetente, che tiene a lungo il boccone in bocca: La mamma dice: se mastichi, poi ti compro il gelato. Il bambino mastica a lungo, poi sputa. La mamma non gli compra il gelato nonostante la regola fosse quella. La madre ha dettato una regola mentre ne intendeva unaltra ti compro il gelato se mangi. Questo uno sfalsamento di una regola. Il bambino potrebbe per esesempio dedurre che non ha masticato sufficientemente a lungo, perpetuando cos sia la situazione di non rinforzo, sia lincomprensione reciproca. Lo sfalsamento di regole porta a comportamenti rinforzati accidentalmente. In assenza di comprensione o di chiarezza delle regole, il comportamento che viene mantenuto quello rinforzato anche accidentalmente per ultimo, e viene mantenuto in tutte le sue caratteristiche qualitative e quantitative. Si pu spiegare cos perch nel rituale elementi che apparentemente non hanno nulla a che vedere con la situazione attuale ma erano presenti nella costellazione del comportamento emesso per ultimo. Le ricerche dimostrano che la maggiore o minore disadattivit del comportamento patologico nellossessivo, la maggiore o minore stranezza e incomprensibilit, sono correlate positivamente con il livello di introversione del paziente. Tanto pi introverso tanto pi condizionabile e tanto pi facilmente apprender anche comportamenti strani e disadattivi emessi accidentalmente e con le contingenze errate. Unulteriore caratteristica di sfalsamento delle regole si pu rintracciare nelladeguatezza che il comportamento patologico mostra relativamente ai suoi start e stop naturali. Ad esempio, il comportamento adattivo di lavarsi le mani ha come start naturale le mani sporche e come stop naturale le mani pulite. Mentre il lavaggio delle mani per un paziente ossessivo ha start e stop diversi: parte dal fatto che non pulito a lui provoca ansia; il lavaggio porta a una riduzione dellansia; cos il paziente ottiene un senso di sicurezza nella pulizia. In ogni comportamento, quando lo start si discosta per eccesso di generalizzazione da quello naturale pu nascere un comportamento ossessivo. Se poi a non-pulito sostituiamo, per generalizzazione, infetto, alla domanda: questo oggetto infetto? si pu rispondere con meno certezza. Latteggiamento pi sicuro considerarlo infetto. Lo stop in questo caso sar dato dalla cessazione della sensazione di incertezza, in quanto ad un certo punto si sar sicuri di non essere infetti. E si sar rinforzati dalla cessazione del dubbio, non dalla obiettiva verifica che loggetto non infetto, che impraticabile. Per tutti e in particolare per gli ossessivi, il dubbio sentito come stressante, inaccettabile e quindi da modificare. Questo avvenuto sulla base di condizionamenti precoci e prolungati che connotavano negativamente le situazioni di dubbio nellambito familiare e per generalizzazione tutte le situazioni di non certezza assoluta. Oppure esso sentito inaccettabile sulla base delle esperienze di frustrazione che lindividuo pu aver patito in un ambiente particolarmente confuso e ambiguo nella formulazione delle regole di comportamento, anche magari per la carenza di un sufficiente scambio di comunicazioni. Il rituale viene perpetuato dal paziente anche se egli stesso lo ritiene faticoso e (a volte) inutile, perch presente contemporaneamente un rinforzo (abbassamento dellansia) e una punizione (faticosit, sofferenza). Il paziente non in grado di emettere un comportamento pi adattivo quando sperimenta ansia e ci dovuto al fatto che il comportamento adattivo stato seguito da punizioni senza altri rinforzi finch si estinto e il rituale ne ha preso il posto. Poich lansia e la frustrazione sono legate alla avversivit della non risolvibilit (non discriminano sulla base delle conseguenze) del problema e delle situazioni connotate come tali dal paziente attraverso lattenzione selettiva, ovvio che quale che sia il comportamento emesso, non sar in 30

grado di escludere efficacemente tale ansia e allora il paziente si dir: qualunque cosa faccia non serve a nulla, tanto vale che ne faccia una qualsiasi. I comportamenti ossessivi sono quei comportamenti che vengono appresi attraverso esperienze di condizionamento rinforzante accidentale Quindi il comportamento ossessivo viene appreso come qualsiasi comportamento superstizioso. Ad esempio, un soggetto facilmente condizionabile come il paziente ossessivo pu facilmente mantenere tali comportamenti anche in assenza di regole precise di mantenimento. I rituali magici vengono dalla sera alla mattina, poi non si complicano, al pi aumentano di numero, ma sono diversi per contenuto. E poi cos come sono venuti se ne vanno, sostituiti da un altro rituale magico. Facciamo un esempio. Un paziente di 17 anni allinsorgenza: i controlli erano limitati: si limitava ad es. a controllare le biglie di vetro che aveva in vaso. Le contava nel timore che ne mancasse qualcuna. Linsorgenza di questo specifico comportamento di controllo legata alle istruzioni che la mamma gli dava nellinfanzia: stai attento con quelle biglie! Non lasciarle per casa! Le hai raccolte tutte?. Il suo comportamento di controllo, allepoca, era rinforzato e gratificato dalla madre. Poi ha smesso di contare le biglie e ha cominciato a girare i vestiti prima di vestirsi e di uscire, per essere certo che durante la giornata non gli succedesse niente di male. Appare piuttosto chiaro che questo comportamento magico di controllo delle biglie veniva emesso in condizioni nelle quali veniva sperimentata incertezza, e infatti la generalizzazione successiva era poi avvenuta emettendo altri sintomi in relazione a situazioni di dubbio circa le proprie azioni, e non rendendo pi complesso quel particolare sintomo, la cui emissione, almeno nelle prime occasioni di patologia era legata al fatto che fosse gi precedentemente ed accidentalmente presente nel repertorio comportamentale. Sarebbe infatti inutile e infondato prevedere che tutti i pazienti ossessivi contino le biglie di vetro che magari non hanno mai avuto. Il fatto di continuare ad emettere i comportamenti al di l degli effettivi rinforzi che ricevono funzione della presenza di contingenze intermittenti nella realt: Come il giocatore dazzardo che per il fatto che una volta ha vinto o ha visto vincere continua a giocare anche per anni senza vincere. Lassenza del rinforzo non viene letta come estinzione ma come intervallo fra un rinforzo e il successivo. Le occasioni in cui emettere il comportamento sintomatico sono esposte ad un rapido e vasto incremento in quanto tutto ci che presente contestualmente ad uno stimolo-controllo acquista il potere di evocare il sintomo: tutto pu divenire a propria volta uno stimolo-controllo condizionato. Lunico limite a questa generalizzazione posto dalla presenza di precise linee di attenzione selettiva, per cui solo alcuni elementi vengono notati (e quindi condizionati) nel contesto che accompagna le prime situazioni in cui il sintomo si manifesta. Il rituale viene emesso in una situazione di dubbio, incerta, non ben definita. Quindi il paziente non sa in che modo il rituale pu modificare la situazione, dato che non sa definire la situazione se non come incerta. Esempio di un rituale magico: Una paziente ossessiva contava fino a 5 prima di compiere quasi ogni atto, anche banale, della vita quotidiana. Il limitare il conteggio a 5 era legato al numero di figli, mentre la necessit del rituale era spiegata col desiderio che non accadesse loro nulla di pericoloso. La paziente non era in grado di prevedere o immaginare come contare fino a 5 potesse modificare la situazione temuta, cio il danneggiamento accidentale dei figli.Lincomprensibilit razionale dellefficacia presunta del rituale nel sopprimere le conseguenze temute tuttavia espressa non come tale, ma come esperienza dincoercibilit dellatto (non posso farci niente, pi forte di me). Quando ci accade, il paziente pu collocare allesterno la causa dei suoi atti. Un paziente ossessivo da anni raccontava di complicatissimi rituali come il mezzo pi semplice per evitare di dover compiere rituali di altro tipo pi faticosi e pericolosi. Quando si trov a riconoscere anche i conseguenti temuti come rituali e come ugualmente irragionevoli, teorizz che evidentemente cera una forza pi grande di lui, una specie di burattinaio, che lo obbligava a pensare in un certo modo e al quale egli non poteva opporsi. Di volta in volta il burattinaio assunse le vesti del destino, di

31

presunti traumi del passato, ma sempre conservava la qualit di essere unentit esterna. Questa spiegazione viene utilizzata per giustificare e non per modificare il comportamento inadeguato. A differenza del paziente fobico che vive la sua incapacit, il suo timore, come esclusiva sofferenza, il paziente ossessivo vive la propria paura come sofferenza, ma contemporaneamente struttura pensieri e comunicazioni che hanno come obiettivo e risultato quello di connotare lossessione come immodificabile (le cose stanno cos e non potete dimostrarmi che quello che temo certamente infondato). Fin dalla prima seduta bisogna farsi descrivere i comportamenti overt e covert, quali sono gli antecedenti e i conseguenti. Bisogna individuare quali caratteristiche hanno i rituali e le ruminazioni, di fronte a quali sintomi si presentano, quanto durano, quante volte sono presenti, cosa accade se non pu assecondare i sintomi, cosa accadrebbe se non li assecondasse, come si sente fintantoch non ha fatto quello che deve fare. Da questa indagine possiamo ad esempio ricavare informazioni sul fatto se il paziente in grado o meno di rinviare gli atti sintomatici. Lidea che guida lesame del paziente quella di descrivere il conseguente che il paziente cerca di evitare con i rituali e le ruminazioni, cio il suo conseguente avversivo. Il terapeuta chiede: che cosa potrebbe accadere (anche se poco probabile e irrazionale) se non emettesse quel comportamento? Il paziente pu dire di sapere che non accadrebbe nulla, ma il terapeuta insister, eventualmente anche proponendo esempi, per sapere: se accadesse quello che teme, cosa sarebbe? Fino ad evidenziare il conseguente aversivo che comprime il suo repertorio comportamentale. Si ripercorrer poi la storia dellevoluzione del comportamento ossessivo: quando insorto, se si modificato nel tempo, quali sono i rapporti del paziente con gli altri in presenza della patologia. Va tenuto presente che abitualmente il paziente ossessivo pesa molto nellambiente familiare, impone infatti determinate regole di comportamento, limitazioni, e spesso i parenti sono costretti a comportarsi come se fossero ossessivi anche loro. Il terapeuta si interessa di approfondire quali sono le procedure e i criteri che il paziente usa per stabilire se una data situazione richiede un rituale. Spesso infatti il contenuto delle ruminazioni che accompagnano il sintomo proprio questo: il paziente pensa se tale situazione richiede un rituale o no, e poi finisce per farlo.

Biografia
Come per i paziente fobici, anche per i paziente ossessivi si ritrovano degli elementi comuni nelle loro storie. Di solito il paziente ossessivo-compulsivo introverso (impoverito nelle sue modalit di contatto, non si coinvolge. Non c un vero scambio con gli altri, non c comunicazione di s. Per quanto riguarda la sua famiglia, si osserva di solito che il padre uno che d regole (qualcosa di assodato) del tipo: non farti fregare, stai attento! potresti essere fregato. si sa che tutti cercano di fregare gli altri. Non una istruzione fobigena ma una regola, qualcosa di assodato. La madre formalmente esautorata, per agisce dietro le quinte e finisce per decidere lei. Di fatto la madre ha un certo potere allinterno della famiglia, anche se formalmente le decisioni le prende il padre, alla fine per si scopre che lei a decidere. Lambiente familiare spesso non ha dei confini ben definiti di privacy: esiste sempre unaltra famiglia, altre persone, che possono ficcare il naso allinterno del privato. Spesso le famiglie dei parenti abitano molto vicino, allinterno dello stesso stabile. I temi familiari prevalenti riguardano soprattutto argomenti economici e malattie. In famiglia si dice: Mi sono impoverito, arricchito, guarito, ammalato. Non si dice io/Mario sto/sta bene. Ci sono solo comunicazioni sulle malattie. O una persona sta male o appena guarita, o sta morendo, ma non si dice che sta bene. Non che non si parli daltro, ma di queste cose si parla di pi. Gli atteggiamenti familiari nei confronti dei comportamenti emessi dal paziente sono in genere punizioni e critiche per i comportamenti di autonomia, cio ogni volta che il paziente si d una regola da solo e la segue viene punito. 32

Per quanto riguarda il modo di vivere vengono date precise indicazioni dalla famiglia, ad esempio: le cose si fanno perch si devono fare. Questa ingiunzione non sottolinea i tipi di rinforzi che il comportamento pu avere. Si fanno e basta. Non si dicono quali sono le conseguenze. Cos il paziente non impara a discriminare le situazioni sulla base delle conseguenze. Inoltre c il bisogno assoluto di prevedere con estrema accuratezza le conseguenze delle proprie azioni (prima di fare una cosa devi essere sicuro di quello che accadr dopo). Questa necessit di prevedere minuziosamente poi responsabile dellatteggiamento ruminatorio nei confronti delle decisioni da prendere. Ogni comportamento di dubbio, incertezza, blocco, proprio basato sulla necessit di prevedere: finch non prevedo non decido e finch non decido non emetto il comportamento. Dopo aver dato queste indicazioni al bambino, di fatto, il controllo delegato a entit astratte (coscienza, Dio). Inoltre c un disinteresse della famiglia per i comportamenti privati del paziente. C indifferenza, disattenzione, su ci che il ragazzo desidera, pensa, sente e sul suo mondo emotivo e affettivo. Il privato non interessa e questo si riflette poi sul pensiero del paziente: le cose mie sono mie e basta, non sono divisibili con nessuno, non deve importargli niente a nessuno. l'unico spazio che resta al paziente per agire secondo le proprie regole e non essendo mai condiviso non pu confrontarsi con gli altri, non pu apprendere dagli altri e dall'ambiente regole migliori per s. C invece attenzione, controllo da parte dei genitori, per i comportamenti pubblici, che devono rispettare le regole e convenienze sociali. Ad esempio, un paziente che veniva punito dai genitori quando diceva parolacce, poteva invece andare a 12 anni con prostitute, tanto nessuno lo vede, nessuno lo verr a sapere. Quando il paziente cresce i genitori puniscono le scelte autonome: pi che critica aperta o impedimento delle scelte, c il mancato rispetto delle conseguenze di eventuali decisioni. da una parte gli si chiede cosa voglia scegliere (scuola) e dallaltra lo si frustra senza dare spiegazioni (lo si iscrive ad unaltra scuola). In genere il periodo scolastico trascorre senza lode n demerito. Per i genitori, se il bambino va bene a scuola vuol dire che ha fatto il suo dovere, altrimenti non ne fanno una tragedia. I rapporti interpersonali sono caratterizzati dal fatto di non essere coinvolgenti, c una totale indifferenza per le convinzioni profonde degli altri, che possono essere al pi osservate da spettatore ma senza partecipazione. Sono rapporti in cui la reciproca autonomia si traduce in reciproca indifferenza. E lo stesso tipo di indifferenza viene riversata nei rapporti coniugali. Anche nei rapporti coniugali ci sar un rispetto formale del partner, un garbato interesse per la salute o il lavoro dellaltro. Verso la fine delladolescenza il paziente viene esposto a una esperienza di morte, o comunque distacco, (non necessariamente di qualcuno a cui era legato) e la vive come fatto irreparabile e incontrollabile. La morte non rispetta nessuno. In seguito gli capita unesperienza di perdita, tipo essere abbandonato dalla partner, o di inevitabile e incontrollabile costrizione (es. servizio militare). Le situazioni scatenanti sono esperienze in cui il paziente vede confermata, rinforzata nella sua ansiogenit, limpossibilit di controllare eventi di perdita. Si ritrovano pi frequentemente situazioni in cui lincontrollabilit vissuta come sinonimo di costrizione, che non mai costrizione fisica reale. Queste situazioni scatenanti sono situazioni formalizzate e in cui ci sia difficolt di recedere: non controllabilit come sinonimo di costrizione (non cera motivo o spazio per comportarsi in modo diverso e dunque era come se si fosse costretti a fare ci che si fatto). Un esempio lassunzione di un lavoro stabile: il paziente immagina che dopo averlo tanto desiderato non pu permettersi di rinunciarvi senza dover fornire una quantit enorme di giustificazioni e perdite economiche. Lui vede la situazione attuale come lunica possibile e pertanto costrittiva e non come la migliore che pu esserci. Non gli interessa che sia la migliore, vede solo che costrittiva. Di fronte a situazioni indecidibili vengono emessi comportamenti ossessivi. In situazioni in cui non sono io a decidere, in cui non posso decidere,

33

vengono emessi comportamenti ossessivi, che permettono al paziente di fare qualcosa secondo le proprie regole, o almeno non secondo le regole imposte dall'esterno. Allinizio i comportamenti ossessivi sono emessi in momenti in cui il paziente subisce una frustrazione o costrizione, in momenti in cui il paziente riceve un divieto o un diniego come risposta, e in momenti in cui il paziente si trova di fronte a situazioni incerte. I comportamenti ossessivi poi si generalizzano. Lambiente, di fronte a questi nuovi comportamenti inizia a proporre dei rinforzi operanti. Il paziente scopre che la presenza delle ossessioni gli consente finalmente di ottenere i primi rinforzi interpersonali rispetto alle sue richieste, che possono essere l'acquiescenza o la comprensione degli altri. Questi rinforzi possono essere anche di tipo negativo: il paziente pu ottenere l'evitamento delle eventuali prevaricazioni da parte dellambiente. Il paziente acquista cos la possibilit di imporre delle regole agli altri e a se stesso, di stabilire da solo cosa fare: io faccio questo, perch sono cos. Il paziente impara che solo su stesso pu esercitare il potere senza rischiare delusioni, e lo esercita in maniera esacerbata. In genere, il paziente ossessivo ha imparato nel corso della sua vita che se vuole imporre il suo punto di vista deve faticare, lottare e spesso ha dovuto tirarsi indietro. Lunico soggetto dal quale pu pretendere ed aspettarsi rispetto e assoluta obbedienza, senza rischiare delusioni, se stesso. E su se stesso si ritira e esercita il suo potere. Di fronte a situazioni che non pu modificare perch non dipendono da lui allora modifica se stesso, certo che questa possibilit non potr mai essergli tolta. Il darsi regole poi diventa anche dare regole agli altri. Ad esempio, un paziente ossessivo seguiva una terapia farmacologica. Non poteva comprarsi le medicine perch temeva che entrando in farmacia sarebbe rimasto infettato. E allora diceva alla moglie: ho bisogno dei farmaci ma non posso andarli a comprarli a causa delle mie idee. Non le chiedeva esplicitamente che ci andasse lei, si limitava ad esporre le cose come le vedeva lui. La moglie non poteva rifiutarsi di andarle a prendere esplicitamente, in quanto lui non le aveva chiesto nulla. Come accade quasi sempre, la moglie si abituata presto al ruolo di fattorino. Quindi darsi delle regole diventa anche un modo per dare regole agli altri ed esercitare anche sugli altri un certo potere. Questo potere espressione di autonomia., che fino a quel momento non gli era stato possibile esercitare. Dopo questi rinforzi operanti interpersonali che gli danno la sensazione di autonomia la situazione precipita. I rituali e le ruminazioni vengono emessi in tutte quelle situazioni in cui dallesterno siano proposte richieste, esercitate pressioni, o pi semplicemente siano effettuate previsioni sul suo comportamento o sui suoi pensieri. In tutti questi casi il paziente considera sinonimi previsione e controllo. Un comportamento che viene previsto dagli altri vissuto come non frutto di libera scelta, di autonomia, questo evoca ansia, e fa scattare rituali e ruminazioni, prevedibili ma abbastanza strani da garantire lidentit, lautonomia. Possiamo quindi dire che il comportamento ossessivo il tentativo apparente di modificare le cose per renderle certe, attraverso la manipolazione ripetuta e la riflessione protratta. finch si illude di aver raggiunto certezza col sintomo compensato. Il paziente si rivolge ad un terapeuta quando il paziente si rende conto che la certezza , per forza di cose, apparente, il sintomo, anche se ormai appreso stabilmente, diviene pesante e nasce la motivazione ad abbandonarlo.

Strategia terapeutica
Per elaborare una strategia cominciamo a considerare cosa ci propone il paziente. Il paziente ci propone degli obiettivi apparentemente minimali: non credo che i miei sintomi scompariranno mai del tutto, mi sarebbe sufficiente che fossero meno intensi, meno limitati. O se la sintomatologia solo covert: vorrei esser capace di non pensarci pi, perch per quanti sforzi faccia per oppormici, non riesco a scacciarli dalla mente. Lobiettivo proposto strettamente limitato allestinzione della sintomatologia presente. La strategia dovr cominciare con lestinzione del comport patologico.

34

Usare la punizione per estinguere il comportamento non adatto: non c controllo sullambiente esterno in modo da essere sicuri di erogarla sempre dopo il comportamento (se non sempre rinforzo intermittente, cio lopposto di quello che si vuole fare). E non si pu neanche essere sicuri di riuscire ad erogarla prima del rinforzo (aumenterebbe solo la sofferenza del paziente). Lobiettivo privare la malattia dei suoi rinforzi: il rinforzo alla patologia la riduzione del margine di incertezza, che viene poi riferita dal paziente come certezza. Il terapeuta deve far s che lincertezza non si riduca. In realt la riduzione dellincertezza non nei fatti, ma nella connotazione che il paziente ha appreso di dare alle situazione. Quindi se si riesce a modificarla in seduta, si ha la garanzia di averla modificata sempre, in qualunque situazione e non occorre controllare lambiente materialmente. il paziente che determina quando sentirsi certo (se ho fatto questo gesto 7 volte posso star sicuro). Si instilla allora un ragionevole dubbio (c sempre la possibilit razionale, materiale, e reale, di dimostrare che comunque non si raggiunta certezza: al massimo una elevata probabilit, ma certezza mai). Losservazione clinica evidenzia come, il comportamento, dopo essersi esteso, si estingue per assenza di rinforzo. Questo atteggiamento, che si chiama implosivo, pu essere adottato durante tutta la terapia, facendo attenzione a non perdere alcuna occasione per intervenire. Si pu anche intervenire a monte dello stimolo. Per ridurre lansiogenit dello stimolo si riduce il potere evocante dello stesso attraverdesensibilizzazione sistematica). Quanto pi vasto lambito di comportamenti ossessivi, tanto meno questa tecnica appropriata. Per ridurre le ruminazioni utile far apprendere a discriminare tra situazioni differenti. Ricordiamo che il paziente non sa discriminare le situazioni in base alle conseguenze. Il paziente assume unaffermazione, la chiama problema, cerca la soluzione, che non trover mai visto che ha formulato unaffermazione e non un problema. Unaltra strategia lestinzione del comportamento con il blocco dei rituali ripetuto. Questa strategia consiste nellesporre il paziente alla situazione evocante e gli si impedisce di compiere il rituale, impegnandolo, in questo intervallo di tempo, in attivit per lui rinforzanti. trascorso un tempo superiore alla base-line gli si consente di eseguire il suo rituale. L'attivit piacevole rinforza il suo non fare il rituale. Quando il rituale un evitamento passivo (non posso toccare loggetto): si costruisce un comportamento di approccio, ad esempio attraverso il modeling. Inoltre si pu mettere in atto la tecnica del Fading, che consiste nellaggiungere un atto cognitivo volontario prima dellemissione del comportamento. Con questa tecnica si fornisce al paziente un mezzo per controllare il sintomo. Per esempio, cera un paziente ossessivo medico, che riferiva impulsi ossessivi ad iniettare bolle daria ai suoi paziente, durante i prelievi di sangue: pertanto evitava di fare prelievi. La generalizzazione, per era talmente ampia da procurargli gli stessi impulsi se destate in autobus vedeva una donna con le braccia nude. Quando accadeva, il pensiero non lo abbandonava pi. Praticare il fading significa dare la seguente istruzione: quando vedi un braccio femminile e ti viene in mente lidea ossessiva, pensaci pure, aggiungendo la costatazione: sono io a pensarlo. Listruzione eseguibile in quanto prescrive di fare una cosa che avverrebbe comunque e aggiunge un pensiero che vero in assoluto. In seguito, per il criterio di contiguit (fading), la ruminazione successiva sar controllata dalla verbalizzazione sono io a pensarlo e non dallo stimolo esterno. In questo modo viene fornita al paziente lesperienza e viene dato il mezzo per controllare il sintomo. Visto che il paziente fugge lincontrollabilit, intuitivo prevedere che la controllabilit rinforzer il nuovo apprendimento. Relazione terapeutica Il paziente ossessivo non delirante, per quanto assurde e irragionevoli siano le sue ruminazioni e i suoi rituali. Non riferisce sensi di inadeguatezza per le sue paure o idee ma lamenta la pesantezza delle ruminazioni e dei rituali e chiede una sostituzione con altri sintomi pi facili da sopportare. La relazione terapeutica verr impostata esattamente come quella con i fobici, perch rituali e ruminazioni sono come i comportamenti di esitamento. A differenza del fobico, il paziente

35

ossessivo tende a dire che i sintomi sono pi forti di lui, e questo vero almeno per lui, mentre gli altri lo esortano a fare uno sforzo di volont. Latteggiamento del terapeuta deve essere non rinforzante, il che vuol dire che il terapeuta non deve fare ci che fanno gli altri. Ad esempio non deve chiedergli uno sforzo di volont per ridurre i suoi sintomi: se ne fosse capace sarebbe gi guarito. Estremamente importante non dare mai rassicurazioni al paziente ossessivo, non solo perch sarebbero dannose e rinforzerebbero la patologia, ma anche perch niente pu essere certo, anche se estremamente probabile. Il terapeuta deve attenersi rigidamente ad un atteggiamento che stabilisca come in realt levento temuto possa realmente verificarsi e non dire mai che la sintomatologia esagerata, ma semmai che insufficiente. Infatti, sempre possibile aderire alla richiesta che vuole un evento sempre possibile, anche se estremamente improbabile.

36

Modelli psicoterapeutici cognitivisti


I modelli psicoterapeutici cognitivisti sono apparsi e si sono consolidati negli anni 60 e 70. Un impulso importante al sorgere di questi nuovi orientamenti teorico-clinici di matrice cognitiva va rintracciato nella maggiore disponibilit di molti terapeuti comportamentali a riconsiderare con attenzione il ruolo dei processi cognitivi nel funzionamento mentale sano e patologico. L'essenza del pensiero cognitivista pu essere riassunto da questa frase di Epiteto: le persone sono disturbate non dalle cose, ma dallinterpretazione che essi ne danno. La psicologia cognitiva sostiene che ogni essere vivente per interagire con il proprio ambiente e mettere in atto tutti quei comportamenti funzionali alla propria sopravvivenza necessita di un sistema di conoscenza, pi o meno primitivo e sofisticato, che gli permetta di percepire e di conoscere ci che di rilevante avviene nel mondo intorno a lui e di coordinarlo con le proprie azioni. Gli organismi viventi pi elementari sono dotati di sistemi nervosi primitivi con un limitato numero di funzioni che hanno la caratteristica di essere fisse, rigide, scarsamente articolate e differenziate, anche se sufficienti alle loro necessit di sopravvivenza. Procedendo nella scala biologica il sistema nervoso sempre pi complesso e ha funzioni sempre pi sofisticate. Negli organismi dotati di corteccia cerebrale il sistema nervoso ha a disposizione un centro supremo di coordinamento di tutte le funzioni cognitive e la capacit di costruire rappresentazioni mentali. Da qui deriva che lobiettivo della psicologia cognitiva quello di costruire modelli in grado di spiegare le modalit di funzionamento delluomo in quanto sistema conoscente. La conoscenza: non si riferisce solo a conoscenze esplicite, razionali e verbalizzabili, ma a tutto quellinsieme di informazioni, consapevoli o meno, verbalizzabili o meno, concettuali, motorie, emotive, che ciascun individuo possiede e utilizza nella sua interazione con lambiente. La funzione della conoscenza di rappresentare la realt e formulare previsioni su ci che pu accadere. in base a tali anticipazioni o aspettative che luomo definisce dei piani di azione e organizza il proprio comportamento in relazione a determinati scopi. Lapproccio cognitivo propone un modello di uomo come elaboratore di dati, come generatore di significati e conoscenze personali. Al pari di uno scienziato, luomo costruisce modelli di s e del mondo che determinano ci che percepisce e che gli permettono di formulare ipotesi e aspettative che possono essere messe alla prova, validate o invalidate, tramite esperimenti (i propri comportamenti). Le informazioni che costituiscono la nostra conoscenza sono immagazzinate permanentemente in memoria. Per poter essere utilizzate rapidamente ed efficacemente devono essere organizzate in maniera economica (per non occupare eccessivo spazio), ordinata e coordinata (per poter essere recuperate rapidamente al momento del bisogno). Al fine di descrivere le modalit di funzionamento della mente e dei suoi processi (percezione, memoria, apprendimento, linguaggio, ragionamento, emozioni, abilit motorie, ecc.) la psicologia e la scienza cognitiva hanno proposto diversi modelli di rappresentazione della conoscenza. Tenendo conto della complessit del fenomeno, nessuno di questi modelli pu essere considerato esaustivo, per quanto ognuno ne rappresenti una buona approssimazione esplicativa. Uno dei modelli pi frequentemente utilizzato quello che ipotizza che la conoscenza sia organizzata in strutture dette schemi. Gli schemi non sono fedeli rappresentazioni di situazioni particolari, fotografie di eventi, ma strutture flessibili di conoscenza generalizzata rispetto al s e al mondo. Gli schemi definiscono ci che possibile attendersi in ciascuna situazione, guidano la previsione degli eventi successivi e di conseguenza le decisioni relative alle nostre azioni. Pertanto gli schemi limitano la conoscenza: solo gli oggetti per il quale il sistema possiede gi un qualche tipo di rappresentazione schematica possono essere costruiti e conosciuti dal soggetto. In certi casi accade che le informazioni disponibili nellambiente vengono ignorate, non vengono elaborate, quando si privi degli schemi che permettono di interpretarle (il rumore di un motore di unautomobile guasta pu essere un chiarissimo sintomo di diagnosi per il meccanico che lo ascolta, mentre del tutto privo di significato per il proprietario del mezzo che non possieda quella stessa 37

competenza). Gli schemi sono quindi strutture soggettive anche se alcuni, quelli relativi a situazioni condivisibili socialmente, possono essere stati costruiti in maniera analoga, comunque non identica, da individui diversi. Ad esempio, lo schema casa presumibilmente abbastanza simile tra individui appartenenti alla nostra cultura e, viceversa, diverso per la maggior parte degli abitanti della Nuova Guinea. Gli schemi sono organizzati in maniera gerarchica, ci sono quelli che rappresentano oggetti o azioni concreti e specifici e altri pi astratti. Ogni schema del nostro sistema conoscitivo legato ad altri che possono essere sovra o sotto ordinati a esso, cos le nostre conoscenze risultano organizzate in una struttura complessiva di tipo gerarchico. Ad esempio, lo schema tetto sotto-ordinato allo schema casa e sovra-ordinato allo schema tegola. Anche lorganizzazione gerarchica degli schemi strutturata in maniera soggettiva e individuale, tuttavia ai livelli pi elevati troviamo sempre gli schemi relativi al s, connessi allidentit personale, mentre ai livelli sotto ordinati ci sono gli schemi legati alla nostra conoscenza del mondo esterno. Gli schemi, cio le nostre conoscenze, generano aspettative. Quando unaspettativa viene invalidata il sistema si trova a dover ad avere la necessit di dover rivedere i propri schemi, di renderli pi articolati e complessi in modo che risultino pi utili per fare previsioni accurate. Proprio attraverso linvalidazione delle aspettative il sistema costruisce dei modelli della realt pi funzionali al proprio adattamento, cio produce nuove previsioni utilizzandole per raggiungere i propri scopi. Pi un sistema articolato migliori saranno le sue previsioni e meglio si adatter alla realt. Un sistema si articola se accoglie le invalidazioni, cio se flessibile e si modifica di fronte alle invalidazioni. Nella patologia possiamo osservare che gli schemi del paziente, invece di essere flessibili, sono lassi oppure rigidi. Gli schemi lassi sono caratterizzati dal fatto che la struttura di ogni schema e le relazioni tra gli schemi sono definite in maniera ambigua e cos le falsificazioni non vengono riconosciute. Ad esempio, se lo schema comportamento affettuoso lasso il paziente non sa decidere se il comportamento di unaltra persona pu rientrare o meno nella categoria di manifestazioni di affetto. E anche se riesce a definirlo cos, se i legami tra questo schema e quello sovra-ordinato di persona interessata a me sono a loro volta poco definiti, non sapr se questo e altri comportamenti simili possono essere considerati prove di interesse affettivo. Nellincertezza cercher continue conferme, magari cercando di controllare laltro che potr sentirsi costretto e essere indotto ad allontanarsi. Al contrario, negli schemi rigidi la struttura di ogni schema e le relazioni tra gli schemi sono definite in maniera unica e assolutamente certa. Un sistema di questo tipo in grado di accettare solo linformazione strettamente congruente con le sue previsioni non riuscendo ad accogliere le invalidazioni, che tendenzialmente vengono escluse dai propri processi cognitivi. In questo caso, quando uninvalidazione di uno schema sotto-ordinato viene accolta, la rigidit dei legami con lo schema sovra ordinato fa s che anche lo schema sovra-ordinato risulti invalidato, con un effetto a catena che porta allinvalidazione degli schemi del S con effetti devastanti per lintero sistema e lidentit personale. Lobiettivo della psicoterapia quello di cambiare emozioni e comportamenti disadattivi cambiando il modo di valutare le esperienze di vita (il modo di valutare le esperienze dipende dagli schemi e dal tipo di legami tra gli schemi). La psicoterapia cognitiva si basa quindi sui modelli di funzionamento mentale sviluppati dalla psicologia cognitiva. Si fonda soprattutto sulla teoria lineare di elaborazione dellinformazione e le prime teorie valutative delle emozioni, secondo cui le emozioni sono il risultato dellelaborazione concettuale di stati di attivazione fisiologica per il quale il soggetto non ha una immediata spiegazione (Schachter e Singer, 1962). Le emozioni vengono considerate come degli effetti della valutazione cognitiva e quindi, per comprendere le reazioni emotive individuali necessario e 38

sufficiente individuare i processi di pensiero che le hanno precedute. Pertanto i cognitivisti sostengono che i pensieri causano le reazioni emotive e i comportamenti. I disturbi psicologici vengono pertanto considerati l'espressione di emozioni non adeguate. Il modo in cui il soggetto pensa determina le sue emozioni sia normali che patologiche, quindi se pensa in un modo disfunzionale questo suo modo di pensare causer un disturbo psicologico. Pertanto i pensieri disfunzionali sono responsabili dei disturbi psicologici. La conseguenza clinica che, per intervenire sulle emozioni disturbanti, il terapeuta deve ristrutturare quei processi distorti di pensiero che le hanno determinate. Nella terapia cognitiva ci si propone di arrivare alle emozioni della persona attraverso le sue cognizioni. Correggendo le credenze errate si possono estinguere o rettificare le reazioni emotive inappropriate ed eccessive. Quello che viene mostrato dalle ricerche cliniche sulla terapia cognitiva che modificare i pensieri disfunzionali produce un miglioramento dei sintomi e che modificare le credenze disfunzionali porta a miglioramenti pi duraturi nel tempo.

Cognitivismo razionalista
I modelli psicoterapeutici cognitivisti, apparsi e consolidatisi negli anni 70, possono essere rappresentati in maniera abbastanza esaustiva, sia nei loro presupposti teorici che nelle loro modalit applicative, dall'opera di Beck e da quella di Ellis, sebbene non possano essere considerate sovrapponibili. Albert Ellis propone un approccio che chiama terapia razionale emotiva (RET)- e i pensieri che causano sofferenza emotiva li chiama credenze irrazionali. Aaron Beck propone un approccio che chiama terapia cognitiva standard (CBT) e i pensieri che causano sofferenza emotiva li chiama distorsioni cognitive. Va notato che questi autori tengono a sottolineare che i loro rispettivi modelli terapeutici non sono limitati alla sfera cognitiva, ma considerano le complesse interazioni tra cognizioni, comportamenti ed emozioni . Non a caso Ellis ha inizialmente mutato la definizione di "terapia razionale" in "terapia razionale emotiva" (RET) e, ultimamente, in "terapia razionale emotiva comportamentale (REBT). Di conseguenza, tanto Beck quanto soprattutto Ellis, propongono un intervento multimodale che, accanto alle tecniche di ristrutturazione cognitiva, contempla compiti comportamentali e tecniche emotive. Tuttavia, al di l dell'elaborazione teorica formulata da Ellis riguardo alla necessit di accompagnare le tecniche cognitive a quelle comportamentali ed emotive, di norma egli usa solo la procedura della discussione cognitiva delle idee irrazionali. Rimane dunque il ruolo privilegiato dei processi di pensiero. Dalla loro maggiore o minore funzionalit, appropriatezza e razionalit, dipende l'adattamento o, viceversa, il disadattamento patologico degli individui. In breve, il modo in cui il soggetto pensa (a se stesso, agli altri, al mondo, al futuro) determina le sue emozioni sia normali che patologiche, ribaltando cos il nesso causale che lega emozioni e cognizioni, rispetto all'ottica psicoanalitica. Tanto Beck quanto Ellis elaborano la loro opera prima di quella rivoluzione epistemologica che ha portato all'affermazione di un'ottica costruttivista. Ma che cosa vuol dire cognitivismo razionalista? Beck ed Ellis appartengono ad un cognitivismo cosidetto razionalistico, condividono cio l'assunto fondamentale secondo cui vi sia una realt data, indipendente da ogni osservatore; e soprattutto l'idea che luomo pu giungere ad una conoscenza oggettiva di questa realt; attraverso le proprie strutture conoscitive, i propri schemi . Come afferma Cionini (1991) a proposito di Beck (concetto tuttavia riferibile anche alla RET), "l'assunto di base di questo modello l'esistenza di un isomorfismo fra strutture conoscitive e realt esterna". proprio dalla maggiore o minore approssimazione delle convinzioni, delle conoscenze e delle idee della persona alla realt data che si origina il disturbo psichico;

39

Ultimamente Ellis ha mostrato un maggior interesse per gli approcci di tipo costruttivista. Questi sviluppi, tuttavia, non alterano sostanzialmente la struttura della RET per come si configurata nel corso degli anni 70 e 80. Dall'idea che esiste una realt oggettiva, che l'essere umano la pu conoscere e che se non la conosce in modo obiettivo svilupper un disturbo psicologico deriva che la persona con un disturbo psichico pu essere aiutata a giungere ad una conoscenza della realt pi obiettiva. E lo scopo della terapia cognitva proprio quello di aiutare il paziente ad acquisire modi pi obiettivi e quindi pi funzionali di conoscere la realt. Questa impostazione teorica (o meglio epistemologica) ha una ricaduta sul modo in cui Beck ed Ellis vengono a configurare gli scopi del loro intervento terapeutico e le modalit della sua concreta attuazione. Se il disturbo psichico del soggetto attribuito ad una visione distorta della realt e se, cosa ancora pi importante, si ritiene che il soggetto, adeguatamente aiutato, possa, giungere ad una conoscenza pi obiettiva della realt stessa, segue necessariamente che l'obiettivo di una psicoterapia sia quello di aiutare il paziente ad individuare le sue conoscenze inappropriate e le sue idee irrazionali, aiutarlo a confutarle ed a sostituirle con altre pi adeguate (ristrutturazione razionale). Nella prassi psicoterapeutica lo schema di analisi e di lavoro comunemente adottato sintetizzabile nellequazione ABC, in cui A= evento attivante interno o esterno allorganismo (Activating event) B= sistema di convinzioni (Belief System) sistema di convinzioni, pensieri, immagini che rappresentano il bagaglio cognitivo dellindividuo in funzione del quale vengono effettuate le analisi descrittive, inferenziali e valutative dellevento attivante A C= effetti dellelaborazione cognitiva sul piano emotivo e comportamentale (Consequences) Attraverso l'assessment iniziale del paziente il terapeuta deve identificare le cognizioni relative ai problemi del paziente; una volta che ha individuato i pensieri che procurano sofferenza al paziente deve aiutarlo a riconoscere le relazioni (causali) tra queste, le sue emozioni e i suoi comportamenti. Ad esempio pu illustrare, anche attraverso molti esempi , il modello dell'ABC, facendo vedere che indipendentemente da A, cio indipendentemente da una situazione che si trova a vivere, quello che prover e quello che far dipende da come avr valutato quella situazione, cio dipender da tutto quello sta in B. Se quello che produce sofferenza sono le convinzioni del paziente, le idee che ha di se stesso e della realt in generale, il terapeuta deve aiutarlo a esaminare le prove a favore e a sfavore delle sue convinzioni e incoraggiarlo a verificare concettualizzazioni alternative e a sostituirle con modalit pi razionali e adattive di pensiero. Il terapeuta deve far in modo che il paziente corregga le rappresentazioni irrazionali o le modalit distorte di elaborare linformazione, in modo da acquisire la capacit di utilizzare questi pensieri corretti per costruire, descrivere e valutare le proprie esperienze. Una volta identificati gli errori logici processuali o lirrazionalit dei contenuti, si ripropone latteggiamento dellapproccio comportamentale, per eliminare la sintomatologia e migliorare le capacit adattive del paziente, gli errori devono essere corretti e i contenuti irrazionali sostituiti con altri pi razionali, proposti in gran parte dal terapeuta. Allanalisi dellABC seguono le fasi D ed E: D= discussione, finalizzata alla ristrutturazione razionale, sui contenuti cognitivi e sui processi messi in atto per elaborare levento attivante. E= verifica (evaluation) degli effetti che la nuova concettualizzazione degli eventi produce sul piano dei comportamenti e delle emozioni. Pur allinterno di una cornice concettuale simile, la terapia razionale emotiva di Ellis e la terapia cognitiva di Beck sono differenti per alcuni aspetti.

40

Albert Ellis
Ellis si soffermato prevalentemente su ci che definisce il sistema di convinzioni, concentrandosi sulle idee irrazionali, idee che, mancando di corrispondere alla realt oggettiva, interferiscono con il benessere individuale. In un primo momento si occupato di identificare ed elencare le pi frequenti convinzioni irrazionali, proponendone una lista di dodici; successivamente si orientato verso criteri pi formalizzati, raccogliendo le forme di pensiero irrazionale in alcune categorie di base. Queste categorie sono 4: DOVERIZZAZIONE Io devo assolutamente... Tu devi assolutamente... Gli altri o le cose devono assolutamente; CATASTROFIZZAZIONE tremendo... Sarebbe terribile... una cosa orrenda...; BASSA TOLLERANZA ALLA FRUSTRAZIONE Io non tollero che... Non sopporto che...; DEMONIZZAZIONE Sei uno stupido... Sono un verme ; Per Ellis il paziente ha subito nel corso degli anni un tale indottrinamento (ed autoindottrinamento) riguardante convinzioni irrazionali e patogene, che si trova bloccato in esse. La sua capacit di collaborare e partecipare attivamente al processo di cura (capacit invece enfatizzata da Beck) notevolmente ridotta, se non addirittura, temporaneamente, assente. Il compito del terapeuta di attaccare le convinzioni irrazionali del paziente (non il paziente). Questo attacco alle convinzioni irrazionali del paziente gli permetter di giungere a una visione della realt meno distorta. Naturalmente si presume che il terapeuta possieda una maggiore razionalit accompagnata da un migliore equilibrio mentale. A questa conoscenza, secondo Ellis, il paziente non pu giungere da solo, in quanto troppo immerso nelle sue autoverbalizzazioni distruttive, ma vi deve essere attivamente guidato dal terapeuta. Quindi il terapeuta ha un ruolo attivo-direttivo. Il terapeuta insegna al paziente le modalit per riconoscere i propri pensieri irrazionali e per sostituirli con altri pi razionali. L'enfasi posta da Ellis sul ruolo attivo-direttivo del terapeuta risulta evidente nel momento di trattare il tema della "resistenza" del paziente nel corso della terapia. Secondo Ellis, la resistenza del paziente una normale reazione alla scadente tecnica del clinico. Pi nello specifico, una reazione alla passivit del terapeuta che si rifiuta di dare un aiuto attivo ad un paziente che si reca in terapia proprio per ricevere un aiuto sostanziale. In generale Ellis ritiene che la resistenza del paziente sia un fatto del tutto naturale: si tratta della resistenza ad abbandonare una strada percorsa per anni (anche se causa di sofferenza) per percorrerne una nuova, in parte sconosciuta. Di fronte alla resistenza del paziente, il terapeuta della RET dovrebbe assumere l'atteggiamento proprio dell'insegnante nei confronti della resistenza offerta dagli studenti ad apprendere nuove nozioni, atteggiamento consistente in un attacco continuo a questa resistenza, in un processo di logorio che porti al suo superamento. Lo stile terapeutico vigoroso e deciso di Ellis ha una ricaduta importante su specifici strumenti utilizzati nel corso dell'intervento terapeutico. Per Ellis ci deve essere una accettazione incondizionata del paziente, perch essa crea unatmosfera terapeutica adeguata per lintervento di ristrutturazione delle convinzioni irrazionali, in cui il terapeuta, senza svalorizzare la persona, attacca esclusivamente i pensieri del paziente che gli causano sofferenza. In terapia non c invece spazio per empatia e approvazione, in quanto potrebbero consolidare i pensieri irrazionali del paziente devo essere approvato ed amato da tutti e devo sempre essere aiutato da tutti, influenzando negativamente lesito della terapia. Secondo Ellis il terapeuta non deve essere flessibile. Ellis non condivide la necessit di rendere flessibile latteggiamento del clinico nella relazione terapeutica, in modo da adattarlo ai diversi momenti di una psicoterapia e ai diversi stili interattivo comportamentali del paziente. Infine, la responsabilit del processo di cura va assegnata interamente al clinico..

41

Aaron Beck
Beck ha rivolto la sua attenzione prevalentemente alle modalit processuali di elaborazione delle informazioni distorte e irrealistiche, definendo come obiettivo principale del lavoro terapeutico lidentificazione di quellinsieme di regole generali che ciascun individuo utilizza per interpretare la propria esperienza, per definire i propri standard e i propri scopi personali e per monitorare, mediante il sistema di autoistruzioni, le proprie risposte comportamentali. Queste regole e pensieri che, a partire da certi eventi, determinano le reazioni emotive individuali, possono essere o meno immediatamente disponibili alla coscienza. In questultimo caso Beck parla di pensieri automatici, pensieri che tendono a non essere riconosciuti dal soggetto per lestrema rapidit della loro attivazione. Pertanto per Beck, quello che succede che il paziente si trova a vivere una situazione, la valuta secondo le sue convinzioni consapevoli ma anche secondo quelle che sono diventate automatiche, e ha determinate reazioni sia di tipo emotivo che comportamentale. Secondo l'approccio cognitivo di Beck la difficolt a riconoscere i pensieri automatici non dipende da resistenze o da meccanismi di difesa, ma dalla abitudine a porvi attenzione e a metterli a fuoco. Il compito del terapeuta di indurre il paziente a spostare la sua attenzione e a identificare quei pensieri automatici che hanno provocato le sue emozioni disturbanti. Se ci riesce possibile che il paziente riesca ad acquisire consapevolezza di questi pensieri automatici e quindi, successivamente, a ristrutturarli in termini pi razionali. La psicoterapia rappresenta la prima occasione per il paziente di esaminare i propri significati nascosti, e testare la validit sia delle regole che utilizza, sia dei processi mediante i quali elabora le informazioni. Beck attua unanalisi pi attenta e, in parte, pi innovativa della relazione terapeutica rispetto a quanto avviene in Ellis. Lidea di collaborazione centrale nel modo in cui Beck concettualizza il rapporto terapeutico. Beck, diversamente da Ellis, affida la responsabilit del processo di cura, in modo equilibrato, sia al paziente che al terapeuta. Il rapporto terapeutico si configura, per Beck, come un rapporto consulenziale, che permette ai due attori di lavorare insieme, su un piano di parit, per risolvere problemi. La maggiore differenza rispetto allottica di ellis e alle concettualizzazioni della relazione terapeutica dei clinici comportamentali negli anni 60 e 70 proprio la base di parit tra i due partecipanti su cui si articola il rapporto. In Beck c unimpostazione della relazione come un rapporto consulenziale tra un cliente e un professionista, che mette le sue conoscenze e tecniche a disposizione dellaltro per cercare di risolvere un problema ben definito. In Beck rimane un elemento di continuit rispetto alla terapia comportamentale di quegli anni. Infatti Beck sostiene che la relazione necessaria ma non sufficiente ad ottenere un cambiamento terapeutico. Le tecniche divengono inefficaci senza un adeguato rapporto clinico-paziente. Questo rapporto condizione per un successo terapeutico. Per resta lidea che la relazione non ha valore in s come strumento terapeutico. Ancora non presente la possibilit che il cambiamento passi attraverso luso della relazione terapeutica, come verr proposto, invece, negli anni seguenti, quando lattenzione di molti clinici cognitivo-comportamentali si concentrer su concetti quali quelli di schemi interpersonali e i sistemi di attaccamento. Beck sottolinea che il terapeuta deve saper adattare il suo atteggiamento e quindi la strutturazione del rapporto in base sia ai diversi momenti di una terapia, che a differenze nello stile relazionale dei diversi pazienti. Nelle fasi iniziali il paziente, gravato dai suoi problemi di depressione o ansia, si trova in una situazione di passivit e paralisi. Il terapeuta deve allora assumere un atteggiamento pi attivo nello spingere il paziente ad individuare le sue idee disfunzionali e a ricercare le prove che possano portare ad una loro confutazione e sostituzione con pensieri pi realistici. Proseguendo nella terapia si attenuano i sentimenti depressivi del paziente grazie anche agli effetti di un rapporto terapeutico caldo ed empatico. A questo punto il terapeuta deve essere meno attivo, lasciando che il paziente cominci ad agire in modo pi autonomo. Dato che una terapia non pu risolvere tutti i problemi di cui un soggetto portatore, n pu prevenire i problemi che il paziente 42

potr incontrare finita la terapia, allora necessario che egli apprenda un metodo di risoluzione dei problemi, che quello scientifico, da generalizzare a tutte le situazioni di vita. Il terapeuta, se non vuole che lintervento fallisca, deve individuare le modalit interattive del paziente lungo la dimensione autonomia-dipendenza e deve saper rendere il proprio stile interattivo complementare. Beck sottolinea quindi la necessit che il terapeuta sappia adattare la sua posizione terapeutica con lo stile generale di ogni paziente. Un paziente serio e conservatore richieder un approccio differente dal paziente che preferisce linformalit. Con il paziente autonomo il terapeuta dovr essere pi passivo, lasciando che laltro eserciti questa sua autonomia e indipendenza. Imporre infatti a questo tipo di paziente un rapporto molto confidenziale e coinvolgente potrebbe portare ad una rottura del rapporto stesso. Con un paziente dipendente sar utile un rapporto caldo ed empatico ed un atteggiamento pi attivo del clinico che si deve porre come un punto fermo, un appoggio, un alleato (come direbbe Bowlby, una base sicura da cui partire per esplorare il mondo). Con il paziente che ad un tempo autonomo e dipendente, che desidera lintimit ma ha dei problemi a tollerarla (teme di essere rifiutato, controllato e umiliato dal terapeuta) il terapeuta deve essere molto flessibile nelle modalit interattive. Labilit del terapeuta e le sue possibilit di successo risiedono non solo e non soltanto nella capacit di applicazione di procedure di assessment e di tecniche specifiche, ma soprattutto in quella di creare e rendere funzionale il rapporto terapeutico, attraverso un adeguato accomodamento delle proprie modalit interattivo-comportamentali a quelle del paziente. Per stile collaborativi si intende lutilizzo congiunto, da parte di terapeuta e paziente, del metodo scientifico (ricavare i dati grezzi, stabilire la validit dei dati introspettivi, analizzare i presupposti sottostanti, avviare gli esperimenti).

Cognitivismo costruttivista
La rivoluzione epistemologica, che caratterizza lo scenario della ricerca scientifica durante gli anni 80, differenzia le proposte teoriche empiristico-neopositivistiche da quelle che si fondano su un impianto costruttivistico-strutturalistico. Molti clinici cognitivi recuperano in questo periodo lopera di Kelly (1955), il maggior esponente di un approccio costruttivista nel campo della psicologia e della psicoterapia, secondo il quale lessere umano uno scienziato che crea ipotesi allo scopo di rendere gli eventi pi facilmente prevedibili, interpretabili e comprensibili. Quindi luomo cerca di prevedere come andranno le cose per prepararsi ad affrontarle meglio, e, nel far ci, elabora attivamente ipotesi sul mondo, di cui poi cerca conferme o confutazioni nel confronto con la realt. Da qui deriva la fortunata ipotesi delluomo come scienziato. Sia l'uomo in generale che lo scienziato seguono lo stesso metodo. Questo metodo consiste nella formulazione di ipotesi e nella ricerca nella realt delle validazioni/invalidazioni di dette ipotesi. Lo scienziato, nel senso di Popper, parte dalla formulazione di ipotesi per poi testarle contro la realt, ben sapendo che il proprio rapporto con il mondo esterno non potr mai essere diretto, ma sar sempre mediato dai propri schemi interpretativi, dalle proprie ipotesi di partenza o, come direbbe Kelly, dal proprio sistema di costrutti. Tali ipotesi sono costrutti personali, di natura fondamentalmente bipolare, concettualizzati come dimensioni del significato che permettono di vedere due eventi come simili, che rappresentano un polo del costrutto, e differenziarli da altri eventi, che rappresentano il polo opposto del costrutto (freddo-caldo, vicino-lontano). La conoscenza della realt avviene pertanto solo attraverso il proprio sistemi di costrutti, il proprio sistema di ipotesi sul funzionamento del mondo. La validit di una teoria individuale non risiede nella sua corrispondenza con la realt, come per Ellis e Beck, ma nella capacit di aumentare la capacit predittiva degli eventi e di affrontare in modo adattivo i problemi posti dal suo ambiente di vita. Ne deriva che la funzione della conoscenza di aumentare la capacit predittiva degli eventi.

43

La patologia interviene quando il sistema di costrutti personali (cio le teorie individuali) si irrigidisce, non andando incontro a dei mutamenti quando riceve delle invalidazioni. In pratica quando non si cambia idea dopo che si rivelata inutile, imprecisa, dannosa. Per restare allinterno della metafora dellindividuo come scienziato, come se lo scienziato insistesse in una determinata teoria, nonostante essa sia stata ripetutamente falsificata dagli esperimenti condotti. In terapia si tratta, allora, di vedere se il soggetto un buono o cattivo scienziato, se applica correttamente o meno la metodologia di verifica delle ipotesi di partenza, se il processo formulazione di ipotesi conferma/confutazione eventuale revisione delle ipotesi si bloccato ed irrigidito. La relazione tra terapeuta e paziente si viene cos caratterizzando come la relazione tra il supervisore di una ricerca scientifica e lo studente ricercatore. Il supervisore-terapeuta conosce meno dello studente lo specifico campo della ricerca (al quale invece lo studente dedica tutto il suo interesse), ma ha maggiore familiarit con i metodi di ricerca ed cos in grado di guidare correttamente lo studente nello svolgimento del suo lavoro, che sostanzialmente quello di formulare e testare le ipotesi. Lo studente-paziente conosce indubbiamente meglio di chiunque altro il suo sistema di costrutti, ma pu rimanere impigliato nella rete di test e retest interminabili delle medesime ipotesi, non essere in grado di accogliere le implicazioni dei dati che raccoglie o incorrere in altri problemi metodologici o procedurali. Il terapeuta pu essere daiuto al suo studente proprio in quanto esperto nei problemi di metodo, e in grado quindi di definire in modo euristicamente pi proficuo il problema e indicare i passi che lo studente pu compiere (ad esempio gli esperimenti comportamentali volti alla verifica o alla falsificazione delle ipotesi di lavoro del paziente). Il compito del terapeuta quello di offrire al paziente il metodo di indagine scientifica per ottenere il cambiamento. La relazione terapeutica si struttura su un piano di forte simmetria. Al di l del metodo, il terapeuta non interviene nel merito delle ipotesi migliori o peggiori in assoluto, ma solo rispetto al singolo individuo. Lesito finale dellintervento sar di esclusiva pertinenza del paziente, in quanto lunico che pu sapere quale evoluzione del sistema di costrutti sia per lui migliore, pi adeguata. Questa concettualizzazione della relazione terapeutica comporta un aumento di potere e responsabilit del paziente nei confronti del proprio processo di cura. Nel rapporto terapeutico il paziente pu percepire il terapeuta in molti modi: come un protettore, un assolutore di colpe, una figura di autorit o di prestigio, un proprio possesso, uno stabilizzatore rispetto alla minaccia di cambiamenti troppo rapidi o lui stesso una minaccia, un compagno ideale e altro ancora. Tuttavia, il raggiungimento degli obiettivi terapeutici desiderati viene facilitato quando il terapeuta in grado di portare il paziente a costruirlo come un rappresentante della realt contro cui validare il proprio sistema di costrutti. Kelly individua alcune qualit che deve avere un buon terapeuta che sono comuni ad altri approcci terapeutici. Il terapeuta deve essere flessibile, cio in grado di confrontarsi con situazioni diverse e deve essere abile di osservare. Altre qualit individuate da Kelly sono comprensibili solo allinterno della cornice concettuale della psicologia dei costrutti personali, come ad esempio laggressivit, che viene definita da Kelly come lelaborazione attiva del campo percettivo. Essa permette al terapeuta di verificare attivamente le capacit predittive del proprio sistema di costrutti, spingendo il paziente a fare altrettanto. Il terapeuta, per mettersi in relazione con il paziente, deve inoltre essere capace di costruire i processi attraverso cui il paziente costruisce la propria conoscenza della realt. Questo concetto risulta vicino a quello di empatia usato dalla scuola rogersiana, cio la capacit di calarsi nei panni delaltro, cogliendo dallinterno la sua particolare visione del mondo. Kelly esplicita in modo operativo come ci sia possibile: il sistema dei costrutti del terapeuta deve permettergli di costruire le costruzioni del paziente, in modo da poter comprendere in maniera non distorta le costruzioni del paziente.

44

Se vero che non possiamo accostarci alla realt prescindendo dal nostro sistema di costrutti, allora, inevitabilmente, anche nel corso della relazione clinica ognuno dei due partecipanti tender a costruire laltro e la relazione in base ai propri schemi costruttivi. In questottica, quindi anche la relazione viene costruita in base agli schemi costruttivi del paziente e del terapeuta.

Assunti fondamentali della terapia cognitivo-costruttivista


Ogni conoscenza del reale una costruzione operata dallosservatore, soggettiva. Nelle terapie cognitivo-razionaliste, il primato attribuito ai processi razionali e lassunto che sia possibile stabilire oggettivamente - da un punto di vista esterno al paziente - quali comportamenti siano pi adattivi in determinate situazioni di vita e quali elaborazioni cognitive pi corrette e idonee, comportano che il terapeuta si ponga come il detentore di un qualche tipo di verit; verit che il paziente deve giungere a riconoscere e fare propria. La prospettiva razionalista, quindi, se da un lato condivide la considerazione che le rappresentazioni soggettive della realt corrispondano a processi costruttivi individuali e peculiari, presuppone contemporaneamente che esistano modalit pi corrette e meno corrette di costruire le proprie esperienze. Viceversa la concezione della conoscenza del costruttivismo radicale sostituisce al concetto di simmetria tra costruzioni soggettive e mondo reale, quello di percorribilit. In altre parole, il concetto di adeguatezza delle costruzioni individuali non viene valutato mediante un confronto - considerato inattuabile - con la realt, ma attraverso il parametro del successo/insuccesso delle azioni nel raggiungere i propri scopi. Da qui deriva che il disturbo psichico ha origine da una scarsa adeguatezza delle convinzioni, delle conoscenze e idee della persona ai propri scopi. Il compito del terapeuta non pi quello di valutare se e quanto le costruzioni del paziente corrispondano alla realt esterna, quanto quello di chiedersi se siano internamente coerenti e in grado di fargli raggiungere i propri obiettivi. Al criterio della razionalit si sostituisce il criterio della coerenza interna fra costruzioni soggettive, scopi individuali e azioni. La persona con un disturbo psichico pu essere aiutata a costruire una conoscenza della realt coerente internamente e in grado di fargli raggiungere i propri scopi. Poich qualsiasi logica soggettiva non definibile a priori da parte di un osservatore esterno, il primo obiettivo della psicoterapia comprendere la logica interna del paziente. La sintomatologia nevrotica e la sofferenza emotiva sono segnali di difficolt del sistema conoscitivo a mantenere un sufficiente grado di coerenza integrativa fra le sue parti e non sono una corrispondenza inadeguata fra le rappresentazioni individuali della realt e la realt medesima come nel cognitivismo razionalista. Il terapeuta non si pone come obiettivo solo eliminare i sintomi, ma si propone anche di comprenderne quale funzione adattiva stiano svolgendo. Solo dopo che il paziente sia riuscito a ricostruire quale funzione svolgono i sintomi ai fini del suo equilibrio interno possibile che riesca a sostituirli con modalit di reazione che, pur adempiendo la medesima funzione adattiva, riescano a soddisfare anche altre esigenze individuali. Pertanto, lobiettivo della psicoterapia anche quello di sostituire i sintomi con modalit di reazione in grado di soddisfare le sue esigenze.

Il modello terapeutico di Lorenzini e Sassaroli


Oltre alle teorie della scienza cognitiva, alla teoria dei costrutti personali di Kelly, la psicoterapia cognitivo-costruttivista, questo modello fa riferimento alle teoria dellattaccamento di Bowlby, teoria che permette di spiegare i processi di sviluppo e di costruzione del sistema conoscitivo individuale. Bowlby definisce comportamento di attaccamento quel comportamento che si manifesta in una persona che consegue o mantiene la prossimit nei confronti di unaltra ritenuta in grado di offrire aiuto, conforto e protezione. Particolarmente evidente durante linfanzia nel rapporto fra il bambino 45

e le figure genitoriali (o altre figure di accudimento), esso pu essere tuttavia osservato durante lintero ciclo di vita, specialmente nei momenti di emergenza (come quando viene chiesto un aiuto psicoterapeutico). Il sistema comportamentale dellattaccamento si attiva, al momento della nascita, in base a una predisposizione innata e regola i primi comportamenti interpersonali. In funzione delle risposte che riceve dalle figure di attaccamento il bambino inizia a strutturare le prime rappresentazioni riguardanti il s e gli altri, i primi schemi di conoscenza, che gli permettono di organizzare un nucleo primordiale di autoconoscenza. Durante linfanzia, lampliamento delle relazioni interpersonali e lo sviluppo delle capacit di rappresentazione mentale rendono possibile la strutturazione di una prima immagine autonoma del s che nel periodo adolescenziale si trasforma in vera e propria identit personale. Lidentit emerge quindi durante lo sviluppo a partire dalle caratteristiche delle prime relazioni di attaccamento e si costruisce gradualmente dando luogo a quellinsieme organizzato di schemi cognitivi, emotivi e motori che definiscono il sistema personale di conoscenza. In questo processo di costruzione graduale ogni fase si struttura sulla precedente e a sua volta determina i confini dei possibili sviluppi della successiva, cos il prodotto finale riflette ed esprime lintero processo costruttivo. Queste considerazioni hanno due tipi di conseguenze sul piano della gestione del rapporto psicoterapeutico. Da un lato, diviene essenziale che il paziente - in determinati momenti delliter terapeutico - riesca a rileggere la propria storia di attaccamento e le esperienze precoci di relazione affettiva al fine di costruire una diversa e pi funzionale immagine di s. Dallaltro, poich gli schemi di attaccamento tendono a essere riapplicati sulla figura del terapeuta, la considerazione delle loro peculiarit sar essenziale per gestire adeguatamente la relazione paziente-terapeuta. Questo un modello e come tale non rappresenta effettivamente la realt. I modelli non colgono la vera essenza delle cose, ma si limitano ad essere strumenti pi o meno efficaci per intervenire su di essa ed proprio la loro efficacia la cosa che conta e sulla quale vanno misurati. Visto che questi autori si basano sul costruttivismo di Kelly, vedono l'uomo che funziona creando modelli della realt. Il modello della realt che percettivamente costruisce un essere umano molto diverso da quello che sviluppa un pipistrello, una rana o un cane; ma guai a pensare che quello giusto sia quello degli esseri umani perch i pipistrelli non vedono, le rane non percepiscono i colori e i cani danno retta soprattutto allolfatto. Noi percepiamo quello che utile per perseguire i nostri scopi di umani esattamente come i pipistrelli vedono il mondo dal loro punto di vista e ci gli consente di raggiungere al meglio i propri scopi di pipistrelli; se le rane vedessero le cose come noi non acchiapperebbero al volo neanche la pi sprovveduta delle mosche e presto morirebbero di fame. La mente svolge il compito di regolare il comportamento al fine di raggiungere degli scopi. Il comportamento dunque finalisticamente regolato; ogni azione tesa a produrre una modificazione della situazione attuale in una considerata pi favorevole. Noi tutti possiamo osservare che ogni persona produce sia azioni e che rappresentazioni. Delle azioni ci occuperemo pi avanti. Rispetto alle rappresentazioni possiamo dire che sostanzialmente sono due le categorie di oggetti rappresentati: gli scopi e le credenze. Esaminiamoli separatamente anche se tanto separati non sono.

Scopi
Nel loro insieme gli scopi costituiscono il sistema motivazionale dellindividuo.(Weiner B. 1992). Sono loro ad orientare il comportamento, a costituirne il fine. Qualsiasi individuo che stia facendo qualcosa sa rispondere alla domanda perch stai facendo ci? La risposta ci indica uno scopo rappresentato nella mente del soggetto. Se vi risponder che sta preparando la legna per il camino vorr dire che avere della legna pronta da ardere un suo scopo. Ma il gioco dei perch non finisce qui e noi potremmo continuare e chiedere : perch vuoi la legna pronta da ardere? In questo caso il paziente interlocutore ci dir che vuole accendere il camino e ci costituisce uno scopo di livello gerarchico superiore del precedente e che potrebbe essere perseguito anche in altro modo, ad esempio facendosi portare la legna gi tagliata. Se incuranti dellascia che il nostro signore agita 46

sempre pi nervosamente continuerete il gioco dei perch scoprirete che vuole accendere il camino per non sentire freddo, vuole non sentire freddo per non ammalarsi, vuole non ammalarsi per partire per le vacanze in montagna, vuole partire per le vacanze per stare con Rita, vuole stare con Rita per tentare di conquistarla, vuole conquistarla per sentirsi un vero uomo. Giunto ad un certo punto il nostro interlocutore non sapr pi che rispondere alle nostre domande e se non passer direttamente alle vie di fatto vi dir ch non c alcun ulteriore perch, che ci per lui un bene in s , che non rimanda a nientaltro. Siamo arrivati ad uno scopo che chiameremo terminale in quanto al vertice di una gerarchia di scopi che hanno la loro ragion dessere nel porsi come mezzi per raggiungere lo scopo terminale: questi scopi intermedi sono detti strumentali. Naturalmente uno scopo strumentale pu servire pi padroni cosicch tagliare la legna oltrech per sentirsi un vero uomo, pu servire a risparmiare del denaro, a fare dellesercizio fisico e dimagrire, a produrre rumore per infastidire lodiato vicino di casa, a dare un esempio di laboriosit ai figli. Allo stesso modo uno scopo terminale pu essere raggiunto attraverso gerarchie di scopi strumentali molto diverse e Rita pu essere sedotta regalandole una mercedes, oppure ci si pu sentire uomini vincendo il campionato interregionale di culturismo, o conquistando il posto di capoufficio o, ancora, facendoselo ripetere dalla propria mammina che ad ogni visita sobbalza dalla poltrona gridando garrula oh! Ecco il mio ometto! Il pi grande di tutti!. A proposito di scopi occorre sottolineare che non tutti sono rappresentati nella mente anche se regolano il comportamento esattamente come se lo fossero. Si tratta di quegli scopi, simili a riflessi, che hanno una evidente funzione adattiva e sono dunque stati selezionati per questo motivo. Evitare il vuoto, fuggire da rumori molto forti, ricercare un ambiente caldo e soffice, avvicinarsi alla sorgente del latte sono tutti comportamenti presenti alla nascita che non necessitano di un apprendimento e non sono guidati da scopi rappresentati nella mente anche se pi avanti alcuni di essi possono diventarlo. Ad esempio tutti i comportamenti pi strettamente connessi alla sopravvivenza individuale e della specie come il coito e lalimentazione non sono normalmente messi in atto dichiaratamente per raggiungere tale scopo ma semplicemente perch, connotati come sono di piacevolezza (grazie al buon senso di madre natura che non voleva li dimenticassimo), sono diventati loro stessi scopi terminali. Tali scopi non esplicitamente rappresentati hanno dunque una evidente funzione adattiva per lindividuo e per la specie ma tale funzione adattiva non deliberata ed intenzionale. Il soggetto riconosce semplicemente la piacevolezza o il desiderio di mettere in atto certi comportamenti senza essere consapevole del loro valore adattivo.

Valutazioni
proprio attraverso il sistema motivazionale costituito dalla gerarchia degli scopi che noi operiamo delle valutazioni e quindi delle scelte. Ogni valutazione che operiamo, ogni giudizio che ci fa dire che una cosa buona o cattiva origina sempre dal punto di vista di uno scopo. buono ci che facilita o consente il raggiungimento di uno scopo ed, al contrario, cattivo ci che lo ostacola o lo impedisce. Le cose, i fatti, le azioni non sono buone o positive in assoluto ma sempre in riferimento a degli scopi: se non avessimo degli scopi saremmo del tutto impossibilitati ad esprimere qualsiasi seppur minima valutazione. questo il motivo per cui lo stesso evento valutato in modo molto difforme da osservatori diversi: dipende da quali sono i loro scopi. Linfortunio del centravanti della mia squadra valutato da me molto negativamente ma invece molto positivo per i miei avversari e del tutto indifferente per il mio collega che si interessa solo di base-ball. Se ho lo scopo di piantare un chiodo valuter molto positivamente il martello, piuttosto mediocre una tenaglia e del tutto negativamente il cacciavite. Ma se il mio scopo cambiasse e dovessi avvitare una vite la gerarchia dei valori si ribalterebbe completamente: il valore non sta dunque nelloggetto in s ma nel potere che io gli riconosco di permettermi di raggiungere il mio scopo. Tutto ci molto importante per il lavoro clinico perch di fronte alle molteplici valutazioni che il paziente esprime e che sono spesso motivo 47

della sua sofferenza quando riguardano se stesso e le persone care interessante chiedersi Da quale punto di vista egli giudica in tal modo questo evento? Quale lo scopo in gioco nel produrre tale valutazione?

Emozioni
Detto della dipendenza delle valutazioni dagli scopi sar immediatamente evidente il rapporto tra scopi ed emozioni, rapporto, appunto, mediato dalle valutazioni (Gordon R M., 1987). Le emozioni altro non fanno che tenerci informati sullo stato di successo o fallimento attuale e previsto che abbiamo nel raggiungere i nostri scopi. La loro espressione, invece, tiene informati gli altri su come ci stanno andando le cose (Marchetti A., 1997). Le emozioni gradevoli ci dicono che stiamo andando bene ed il successo si sta avvicinando; le emozioni come la paura e lansia ci segnalano la previsione di un fallimento; la tristezza ci ricorda che il fallimento gi avvenuto. La variegata molteplicit delle emozioni dovuta allarticolarsi delle varie valutazioni di successo o fallimento rispetto a scopi specifici: cos la vergogna segnaler un fallimento ma relativo allo specifico scopo della buona immagine sociale, la colpa ci segnaler che non abbiamo raggiunto lo scopo di essere come volevamo essere e cos via. Per ogni emozione potremmo dunque definire a quale scopo o insieme di scopi attiene e se ci segnala il successo o il fallimento. Tutto ci estremamente importante per lattivit clinica che nella maggior parte dei casi si occupa proprio di emozioni sgradevoli; sono queste infatti che spingono il paziente a chiedere aiuto ad un terapista , non sono i comportamenti bizzarri ma il fatto di stare male che conducono i pazienti nelle nostre sale dattesa. Il clinico dunque si dovr chiedere, di fronte ad una sofferenza perdurante: Di che emozione esattamente si tratta? Da quale valutazione pi o meno sommersa essa scaturisce? Quale lo scopo che il paziente giudica molto importante e che contemporaneamente vede minacciato?

Costruzione di buone mappe


Se lo scopo terminale assoluto, seppure non esplicitamente rappresentato, sembra essere ad un osservatore esterno la sopravvivenza individuale e della propria popolazione esogamica; seppure in definitiva ad esso sembrano rinviare tutti gli altri scopi terminali, talvolta esplicitamente e consapevolmente, talaltra implicitamente ed inconsapevolmente, assumere come criterio esplicativo del comportamento dei viventi lo scopo generale della sopravvivenza rischia di essere troppo generico ed astratto per costruire modelli operativi in grado di fare previsioni e, soprattutto, di spiegare le situazioni di sofferenza e disagio. A noi (lorenzini e Sassaroli) sembra che questo sia invece possibile considerando quale principio esplicativo del divenire dei sistemi viventi la modalit privilegiata che essi hanno per garantirsi la sopravvivenza: costruire delle mappe dellambiente e di se stessi in rapporto allambiente sempre pi efficaci nel consentire loro di raggiungere i propri scopi. La costruzione di buone mappe pi che un vero e proprio scopo, paragonabile agli altri, da considerare una regola di funzionamento dei sistemi: regola che permette di attribuire valore ai singoli scopi e di scegliere di volta in volta quali perseguire. Ma che rapporto c tra questa tendenza generale di massimizzare la propria capacit predittiva e gli scopi che guidano le azioni della vita quotidiana? Quando ci si rade al mattino, o si entra in una discoteca o si prenotano le vacanze al mare o si gioca in borsa si sta facendo qualcosa che sembra molto distante da una smania epistemica che ci renderebbe sopra ogni cosa insaziabili conoscitori delluniverso? Come possibile sostenere che stiamo cercando di migliorare le nostre mappe per sopravvivere pi a lungo e mettere al mondo qualche altro figlio? Forse il rapporto che lega queste cose meno astruso di quanto appare ma richiede un attimo di attenzione per seguire un ragionamento che parte da pi lontano. Dunque partiamo: per Miceli e 48

Castelfranchi (1992) acquisire delle conoscenze una attivit dei sistemi cognitivi strumentale al perseguimento degli scopi, scrivono infatti: Non a caso un sistema regolato da scopi, quanto pi complesso ed evoluto, tanto pi sar dotato di scopi epistemici, cio di scopi relativi allacquisizione di conoscenze che al momento non gli servono, ma potrebbero servire in futuro, in circostanze in cui lindividuo potrebbe non avere modo o tempo per acquisirle Per noi la prospettiva assolutamente ribaltata: gli scopi sono tali proprio in quanto consentono di aumentare la capacit predittiva dellindividuo sul suo ambiente e tanto maggiore lincremento previsto tanto pi elevato il valore dello scopo stesso. Non stiamo parlando della lettura di una enciclopedia che mi fornisce informazioni su un lontano paese che un giorno mi potrei trovare a visitare e neppure del piacere ricavato dallacquisizione di nuove conoscenze sulla storia egizia o sullarte medievale, a ci si applica correttamente quanto detto da Castelfranchi e Miceli, si tratta di scopi epistemici. Quando parliamo di massimizzazione della capacit predittiva ci riferiamo a qualcosa di diverso che necessita di essere definito con maggiore chiarezza.

Capacita Predittiva
La capacit predittiva (C.P.) di un sistema rispetto ad un certo evento la ricchezza di previsioni con la quale lo stesso evento costruito dal sistema. Tanto pi un evento riccamente costruito tanto pi gestibile dallindividuo per il perseguimento dei propri scopi. Quello che noi sosteniamo che il soggetto rappresenta come scopi terminali quelle costruzioni del S che gli consentono di avere una maggiore predittivit e controllo delle situazioni. La regola della massimizzazione della C.P. afferma perci che il sistema tende, preferisce, opera per raggiungere quegli stati del Se ricchi di implicazioni costruttive. Se dunque gli esseri umani perseguono quello che ritengono buono per loro stessi, noi sosteniamo che ci che giudicato buono lo in quanto , nella mente del soggetto, raggiungerlo comporta un aumento della sua capacit di comprensione e gestione della sua realt e dunque, in definitiva, un incremento delle sue possibilit di sopravvivenza. Il risvolto della medaglia ha notevoli implicazioni in ambito clinico in quanto possiamo affermare che giudicato non buono o peggio, terribile tutto ci che poco ricco di implicazioni e dunque tutti quegli stati del Se poco conosciuti ed articolati. Sembra che i sistemi cognitivi abbiano una sorta di Horror Vacui per cui temono di finire in situazioni di scarsa prevedibilit e ricercano costantemente di raggiungere costruzioni del Se che consentano un dominio cognitivo forte delle situazioni. Cos un neonato ricerca la vicinanza della figura di attaccamento , piange se perde il contatto con essa e si rassicura quando viene di nuovo preso in braccio: ma perch per lui preferibile la condizione di vicinanza? Perch solo attraverso la figura di attaccamento garantita la sua sopravvivenza e la costruzione delle prime metaregole per lapprendimento( Lorenzini, Sassaroli, 95). Cos la sua conoscenza innata tutta dedicata a creare e mantenere un legame con essa; senza questo legame egli sperduto in un universo che non controlla e che, per questo, gli appare minaccioso. Le situazioni pi temute spesso sono tali perch sconosciute tanto vero che poi quando ci si trova a sperimentarle effettivamente si scopre, in genere, che non sono cos terribili come si pensava perch il solo fatto di affrontarle comporta un certo arricchimento della loro costruzione ; da cui il detto secondo il quale il Diavolo non poi cos brutto come lo si dipinge. Del resto questo predominio della motivazione a conoscere su tutto il resto ( la nostra massimizzazione della capacit predittiva ) riconosciuto anche da Liotti (1995 )che in un recente articolo di commento alla teoria motivazionale dello psicoanalista Lichtenberg scrive : 49

Da queste speculazioni di neuropsicologia evoluzionista , si potrebbe desumere che il sistema esploratorio-assertivo di cui parla Lichtenberg sia dunque , proprio per il suo essere l'espressione pi pura e completa delle attivit neo-corticali , in qualche modo gerarchicamente sovraordinato agli altri sistemi motivazionali...... Per entrambi i metodi (il metodo osservativo-empatico di Lichtenberg e quello etologico-evoluzionista di Liotti), infatti , esiste una gerarchia dinamica di sistemi motivazionali , e per entrambi , al vertice di questa gerarchia ( pur mutevole in funzione delle contingenze che attivano in modo dominante ora un sistema , ora l'altro )tende a porsi nell'uomo un insieme di processi motivazionali il cui scopo la conoscenza di s e del mondo , e l'affermazione del senso di competenza e padronanza personale nel porsi di fronte al mondo. Di qui naturalmente la visione della psicoterapia come modo non solo per aiutare il funzionamento armonico dei vari sistemi motivazionali , ma anche e sopratutto per restituire al paziente appunto il perduto senso della capacit di esplorare , comprendere e padroneggiare adeguatamente la propria condotta ed il proprio mondo relazionale .

Come scegliere su quali scopi impegnarsi


Dunque gli scopi sono costruzioni euristiche del S che consentono, se raggiunti, di avere una forte padronanza della propria situazione e dunque di perseguire con pi successo lo scopo terminale della sopravvivenza. Ma come scegliere quale scopo perseguire in un determinato momento? Non capita forse spesso di osservare nel lavoro clinico persone che soffrono proprio perch due scopi entrano in conflitto ed i poveretti non sanno quale dei due accantonare e quale soddisfare? Possiamo ragionevolmente immaginare che la scelta di perseguire uno scopo scaturisca da due diverse variabili. La prima consiste nel confronto tra la situazione percepita e la situazione desiderata per cui lo scopo di mantenere il mio corpo riscaldato a 37 gradi si attiva quando la temperatura scende sotto i 15 gradi o quando sale oltre i 40. Allo stesso modo il bambino attiva lo scopo di avvicinarsi alla madre quando percepisce una distanza eccessiva da lei. Quando la situazione percepita si allontana troppo dalla situazione ideale genera emozioni sgradevoli che segnalano il rischio di fallimento di uno scopo e cos il sistema si attiva per ripristinare la situazione desiderata. Ma questo non basta, unaltra variabile entra in gioco nella decisione di attivarsi per perseguire uno scopo ed la valutazione della possibilit di avere successo. Se evidentemente uno scopo non perseguibile in un dato contesto del tutto inutile ed anzi assolutamente dannoso spendere energie in unimpresa chiaramente destinata al fallimento. Lo scopo di stare vicini ad una persona amata viene, di solito, abbandonato quando ci rendiamo conto che la persona in questione non potr mai essere raggiunta o perch non ne vuole sapere di noi o perch morta. Quando ci non avviene e si continua a perseguire uno scopo manifestamente irraggiungibile ci si genera costante sofferenza e prima o poi si rischia di finire da uno psicoterapeuta. In questo senso la volpe della favola di Esopo ha molto da insegnarci in quanto sa rinunciare allo scopo di raggiungere luva quando si avvede che i suoi salti reiterati e faticosi non portano a nulla. Ma, verrebbe da chiedersi, come mai non ammette candidamente che luva per lei irraggiungibile? Perch deve autoingannarsi? La risposta talmente ovvia che non merita spiegazioni complesse: in questo modo salvaguarda lo scopo dellautostima e, se ci fossero stati degli spettatori, anche quello dellimmagine sociale. Lo scopo di essere coccolato e accudito da una figura femminile se anche potrebbe attivarsi trovandosi lontani da casa nel bel mezzo di una autostrada statunitense tra le montagne rocciose, per il gap tra situazione percepita e situazione desiderata, resterebbe probabilmente silente se la compagnia al motel fosse solo quella di nerboruti camionisti. In sintesi la decisione di attivare uno scopo frutto di un bilancio tra il bisogno percepito ( che a sua volta una misura della distanza tra la situazione percepita e quella desiderata, oggetto dello scopo) e la perseguibilit dello scopo stesso ( intesa come stima delle probabilit di successo dei propri sforzi). Questo naturalmente quando le cose funzionano bene mentre nella psicopatologia vediamo 50

spesso incepparsi questi meccanismi per cui ad esempio: si continuano a perseguire scopi che sono stati gi raggiunti oppure non si perseguono scopi ritenuti importanti pur se il loro raggiungimento evidentemente compromesso come se difettasse il confronto tra situazione presente e situazione desiderata; oppure si investono energie in scopi francamente irraggiungibili senza riuscire a rinunciare, o viceversa si rinuncia troppo facilmente quando il successo sembrava a portata di mano. Esempi concreti delle quattro situazioni patologiche appena descritte sono nellordine: un uomo che continua ad accumulare denaro quando non ne ha pi bisogno, non si rende conto che arrivato ad essere ricco come voleva e continua a fare la vita di sempre; al contrario sta il caso di chi soffre fortemente per la situazione coniugale ed avrebbe lo scopo di modificarla radicalmente ma non fa alcunch in tale direzione; ancora la difficolt a rinunciare ad uno scopo la si vede frequentemente allopera in tutte quelle persone che si cimentano in operazioni per loro francamente impossibili e che sono una costante fonte di fallimenti; infine leccessiva facilit alla rinuncia stata in passato descritta come paura del successo ed anche, forse meglio, come intolleranza alla frustrazione: il soggetto ritiene che una delle caratteristiche che deve avere uno scopo per essere mantenuto quella di essere facilmente raggiungibile e di non richiedere sforzi. In realt abbiamo dato una risposta di traverso alla domanda iniziale che chiedeva quali criteri siano adottati per scegliere quale scopo perseguire tra due scopi tra loro in conflitto, infatti ci siamo limitati a spiegare quando e perch uno scopo venga attivato: tutto ci era necessario ma non sufficiente. Il problema su cui ragionare : nel motel tra le montagne rocciose oltre ad uno struggente bisogno di coccole ho anche una sete incontenibile: cosa faccio? Secondo la regola della perseguibilit se non c nessuna figura femminile mi dedicher esclusivamente alla birra, mentre se tutti i liquidi sono esauriti ma c una meravigliosa commessa rimander alla prossima stazione di servizio il desiderio di bere e mi tratterr con lei in gradevolissima conversazione. Ma cosa far se c sia la birra che la commessa ( per portare avanti lesempio perch abbia un senso nel nostro discorso occorre escludere la possibilit a cui tutti avete certamente pensato e cio di conquistare la commessa, dissetandosi contemporaneamente con un enorme boccale di birra sul tavolo, perch in questo caso non c conflitto tra gli scopi e non si pone un problema di scelta )? Sceglier di perseguire lo scopo che ha pi elevato il prodotto tra valore e perseguibilit; dove il valore consiste, come detto in precedenza, nella potenzialit euristica che il sistema prevede di acquisire se lo scopo sar raggiunto e la perseguibilit nella stima probabilistica delle possibilt di successo. Detto in parole povere: ipotizzando che sia molto pi importante per il S immaginarsi come un irresistibile amante piuttosto che come un dissetato la scelta di cosa fare dipender dalla stima dellaccessibilit della birra e della donna: se presumo che quasi certamente andr in bianco il pur importante desiderio di piacere e di conquista sar dilazionato e mi fermer al bancone come farei pure se, pur certo della disponibilit della donna, non bevessi da due giorni con un conseguente innalzamento del valore dello scopo. ovvio che tutte queste scelte nelle normali attivit della vita quotidiana avvengono automaticamente, senza star l a pensarci con il rischio di veder sparire la birra e la donna. Nel concludere la parte dedicata agli scopi del sistema e prima di passare ad occuparci delle credenze, vale la pena di sottolineare che non si tratta di oggetti mentali sostanzialmente diversi infatti uno scopo esprimibile come una credenza nella bont di un certo stato. Avere lo scopo di essere ricco altro non che avere la credenza Essere ricco una cosa buona per me: tutte le credenze che non si limitano ad esprimere conoscenze ma esprimono valutazioni positive o negative su un certo stato svolgono il ruolo di scopi motivanti il comportamento. La terapia in grado di modificare il sistema degli scopi proprio in quanto lavora sulle credenze che li sostengono.

51

Credenze
Alcuni pezzi della mappa della realt li abbiamo fin dalla nascita in quanto sono iscritti nel nostro patrimonio genetico, come ad esempio gli organi di senso e la stessa struttura corporea, che contengono gi della conoscenza intesa come previsione dellambiente che il piccolo si trover ad affrontare. Nel pelo folto e bianco degli orsi polari c implicit la previsione di vivere tra i ghiacci, mentre il piccolo umano nasce incapace di cavarsela da solo ma con grandi capacit di entrare in relazione con adulti il che contiene la previsione di incontrarli. Altri pezzi della mappa sono le credenze, che non sono innate ma sono invece il frutto dellesperienza individuale, dellapprendimento sociale e dellapprendimento dalle figure che per noi sono autorevoli. Le credenze non sono oggetti mentali diversi dagli scopi infatti ogni scopo esprimibile come una credenza nella bont di un certo stato. Le credenze generano previsioni: sono un sistema di pregiudizi per cui data una certa caratteristica presente in una situazione mi aspetto che ce ne siano anche altre che nella mia esperienza passata sono risultate associate a questa caratteristica; ci mi consente di muovermi avendo a disposizione pi elementi conoscitivi, anche se sono solo degli elementi ipotetici. Quindi ho a disposizione pi elementi di quanti avrei se mi affidassi esclusivamente ai dati percettivi. Questi utilissimi pregiudizi consentono di produrre delle previsioni che guidano il comportamento e sono aggiornate, proprio grazie ai fallimenti previsionali. Le nostre credenze generano delle previsioni che guidano il nostro comportamento ma, a loro volta, i risultati del nostro comportamento, successi e fallimenti, modificano le credenze stesse, in un rapporto di costante ricorsivit. Se il sistema funziona bene si instaura questo circolo virtuoso. Il sistema cognitivo serve dunque a produrre previsioni che guidino il comportamento per il raggiungimento degli scopi. Quanto pi le previsioni sono accurate tanto pi probabile che gli scopi siano raggiunti. Non si prevede ci che si desidera ma ci che alla luce dei propri costrutti verosimile che accada perch solo in questo modo si aumentano le possibilit di influenzare positivamente il corso degli eventi. La regola per un buon adattamento, per un buon funzionamento, potrebbe essere sintetizzata in questo modo: Fai previsioni sensate e cambiale rapidamente quando non lo sono, perch solo cos potrai fare in modo di trovarti nelle situazioni che preferisci e cio quelle molto costruite e predittivamente ricche. Fare previsioni sensate strumentale rispetto al mantenimento di situazioni con alta capacit predittiva che lo scopo generale del sistema. Quando invece siamo davanti a un disturbo psicologico vuol dire che questo meccanismo di aggiornamento delle credenze, del sistema cognitivo in generale, si inceppato. Il disturbo psicologico viene definito come la mancanza di aggiornamento delle credenze nonostante i fallimenti previsionali. Un esempio estremo di mancanza di aggiornamento delle credenze nonostante i fallimenti previsionali il delirio che costituisce, per certi versi, il prototipo di tutti i disturbi mentali intesi come impossibilit di cambiamento delle credenze.

Emozioni, gli scopi e invalidazioni


Adesso vediamo le relazioni che ci sono tra le emozioni, gli scopi e le invalidazioni delle credenze. Prima di tutto dobbiamo notare che le emozioni non sono direttamente collegate alle previsioni, nel senso che non giudicato positivamente aver ragione e negativamente avere torto, ma sono invece direttamente connesse agli scopi. Cos se prevedo di fallire uno scopo importante il fatto di scoprire di aver sbagliato previsione generer una emozione positiva e viceversa, se prevedo di raggiungere uno scopo e ci non si verifica prover invece unemozione sgradevole. Pertanto, il fallimento o il realizzarsi di una previsione non sono in s causa di emozioni. Le emozioni invece dipendono esclusivamente dagli scopi e soltanto gli scopi forniscono le prospettive di valutazione delle situazioni. Lunica emozione che si genera direttamente dallinvalidazione di una previsione, sia che essa sia positiva sia che sia negativa per gli scopi del sistema, la sorpresa. Infatti la sorpresa, al contrario 52

di tutte le altre emozioni non ha in s un connotato positivo o negativo, si pu essere sorpresi e addolorati e sorpresi e felici: la sorpresa soltanto la presa datto improvvisa che una propria previsione che veniva ritenuta fortemente certa si dimostrata errata. In sintesi, non si deve cadere nellerrore per cui dato che il sistema tende a massimizzare la propria capacit predittiva gioisce necessariamente del fatto di avere ragione; il sistema tende a massimizzare la propria capacit predittiva nel senso che persegue degli scopi che dal suo punto di vista gli danno una maggiore padronanza dellambiente, ma per far questo genera delle previsioni che devono semplicemente essere pi verosimili possibile. Quando queste previsioni verosimili prevedono un fallimento di uno scopo ben contento di vederle smentite. Il sistema non ci tiene ad aver ragione, ci tiene piuttosto a raggiungere gli scopi. decisivo dunque che il sistema riveda costantemente le sue credenze per produrre previsioni sempre pi attendibili. La cosa da chiedersi ora come avviene questa costante revisione e aggiornamento del sistema cognitivo e come possibile che invece certe volte ci non avvenga, generando quel blocco del cambiamento che alla radice della sofferenza psicopatologica. Nella patologia si osserva che il sistema cognitivo non prende atto dei propri fallimenti , non impara dall'esperienza e continua a ripetere sempre gli stessi errori. Le domande che dovrebbero sorgere a questo punto sono: Come si spiega questo comportamento che limita il processo di crescita della conoscenza e dunque sembra incompatibile con quella che noi abbiamo identificato come la motivazione fondamentale degli essere viventi? Come mai il sistema tende a rifiutare in vari modi le invalidazioni che riceve ? Che vantaggio ne ha ? Quali sono le credenze che vengono attivamente protette dalle invalidazioni e perch ? Per iniziare a rispondere a queste domande possiamo dire prima di tutto che il sistema cognitivo tende a rifiutare quelle invalidazioni che lo priverebbero improvvisamente di una grande quantit di capacit predittiva e dunque tende a rifiutare quelle invalidazioni che riguardano costruzioni di s altamente preferite. Ad esempio, l'identit sessuale in un individuo adulto una credenza molto centrale, la cui alternativa opposta poco articolata e dunque povera di capacit predittiva: per tale motivo una invalidazione relativa all'identit di genere non sarebbe accettata dal sistema con facilit. Ogni credenza ha una potenziale resistenza al cambiamento che data dal prodotto di due variabili: la sua centralit e la sua certezza. La centralit dipende dal numero di credenze che una data credenza supporta, dal numero di credenze da cui supportata e dalla inerenza con gli scopi stessi del sistema. Si pu immaginare la centralit come lampiezza della parte del sistema che dovrebbe cambiare se la credenza in questione cambiasse. La certezza di una credenza invece dipende dall'autorevolezza e dalla solidit della fonte da cui abbiamo appreso questa credenza e dal numero delle fonti concordanti. Ad esempio, il grado di certezza dell'idea che tutti gli uomini sono inaffidabili sar diverso se me lo dice mia madre e io l'ho sperimentato vedendo che mio padre se ne andato di casa e avendo delle amiche che sono appena state lasciate e che mi confermano questa idea oppure se sento dire che gli uomini sono inaffidabili in TV. In conclusione, possiamo dire che nonostante le invalidazioni siano un elemento indispensabile per il processo di crescita della conoscenza, il sistema cognitivo tende a proteggere le credenze che hanno una elevata centralit ed un elevata certezza perch abbandonarle significherebbe rimanere senza significati in un area importante che riguarda la costruzione del s e dunque gli scopi del sistema stesso. Quindi il principio della massimizzazione della capacit predittiva rispettato in quanto in quel preciso frangente massimizzare significa evitare di perdere capacit predittiva piuttosto che cercare di incrementarla rischiando per una drastica riduzione. Quindi a volte meglio per il sistema cognitivo non accogliere invalidazioni di credenze centrali per far in modo di non perdere la capacit predittiva che ha. A questo punto risulta decisivo chiedersi come possa accadere che siano rese impraticabili entrambe le strategie di cambiamento (limpegno e la rinuncia di uno scopo), che normalmente si attivano di fronte al fallimento previsto o attuale di uno scopo, e come mai sia impossibile per il 53

sistema qualsiasi cambiamento nellarea in questione, per cui continua ad attribuire grande valore ad uno scopo evidentemente irraggiungibile o/e a mettere in atto sempre le stesse strategie di perseguimento che gi si sono dimostrate fallimentari. La risposta va ricercata nellarchitettura del sistema cognitivo che costituita dalle credenze le quali formano il patrimonio conoscitivo del sistema ma, contemporaneamente, giustificano e sostengono la gerarchia degli scopi. Ad esempio, accumulare denaro fondato sulla credenza secondo la quale chi ha pi denaro vive meglio e pi a lungo; ancora lo scopo di essere amato dalle donne pu essere perseguito attraverso lo scopo strumentale di apparire forti, muscolosi e decisi se si ha la credenza che alle donne piacciano gli uomini fatti cos oppure attraverso lo scopo strumentale di apparire gentili, disponibili e devoti se si ha la credenza opposta che alle donne piacciano tali uomini. Le credenze sono dunque alla base della gerarchia degli scopi: uno scopo tale perch c una credenza che valuta positivamente il raggiungimento dello stato oggetto dello scopo. Ma le credenze sono anche alla base della scelta delle strategie utilizzabili per il perseguimento di uno scopo: Vediamo ora un esempio di una persona che non pu abbandonare n scopo n strategia nonostante ottenga sempre dei fallimenti. Ammettiamo che la persona abbia come scopo il fatto di non essere abbandonata dal partner e contemporaneamente abbia appreso la credenza che gli altri sono sempre a pronti a mollare e che per non farsi mollare necessario controllarli costantemente da vicino. Da questa credenza deriva la strategia di controllare in modo asfissiante il partner per raggiungere il proprio scopo. Il risultato della strategia che il partner non ne pu pi di essere controllato e la lascia. A questo punto siamo davanti a un fallimento che genera sofferenza. Per evitarsi in futuro questa sofferenza la persona dovrebbe cambiare qualcosa, ma invece non lo fa. In futuro non cambier n scopo da perseguire n la strategia perch il risultato viene interpretato non come invalidazione della credenza che bisogna controllare gli altri ma come conferma della credenza gli altri sono sempre pronti a mollarti. Cos la persona entrer in un terribile circolo vizioso che generer sofferenza perch far scappare le persone che le saranno vicine. Cos se una persona continua a collezionare grandi sofferenze a causa di ripetuti abbandoni nelle relazioni affettive e continua a impegnarsi per non farsi lasciare attraverso un controllo sempre pi asfissiante del partner, controllo che spesso proprio la causa dellabbandono, perch continua ad intrattenere una credenza del tipo gli altri sono sempre pronti a mollarti e per evitare che ci avvenga occorre controllarli istante per istante. Unaltra persona invece continua a tormentarsi perch la sua presenza poco gradita nei gruppi e finisce per non essere mai invitata nelle occasioni sociali e ogni volta che si trova con altre persone si sforza disperatamente di dare il meglio di s ponendosi ad ogni costo ed in ogni situazione al centro dellattenzione, motivo per cui risulta agli altri assolutamente intollerabile. Ma perch fa cos? Perch nella sua mente c una credenza che recita pressappoco cos: per essere accettati occorre apparire brillanti e sempre preparati su tutto. Entrambe le persone di questi due esempi hanno una credenza che determina una strategia inefficace per il raggiungimento dello scopo ed il conseguente fallimento rinforza la credenza stessa che allorigine della strategia e dello scopo. La nostra indagine verso il centro del problema del blocco del cambiamento deve fare un ulteriore passo avanti: quello che diventa ora decisivo chiedersi come sia possibile che una credenza non si modifichi nonostante lesperienza di ripetuti fallimenti nel prevedere gli eventi e nellindirizzarne il corso verso gli scopi del sistema. Non si pu cambiare idea se non ce ne sono altre o perlomeno se non ce ne sono altre migliori. Per idee migliori si intende idee che siano in grado di ampliare il panorama conoscitivo del soggetto, la sua possibilit di dare senso al suo universo. Forse non un caso che nel linguaggio comune si dica cambiare idea piuttosto che abbandonare unidea. Questo modo di dire quasi sottolinea che unidea pu essere abbandonata solo se ce n unaltra pronta a sostituirla. Questo implica che gli esseri umani tendono a mantenere quelle convinzioni che consentono loro di dare prevedibilit e controllo sul proprio mondo. 54

La prevedibilit ed il conseguente controllo sugli eventi sembrano essere la prima cosa cui un sistema conoscitivo aspira. Vediamo dunque quali possono essere le diverse cause per cui una persona non pu abbandonare una vecchia idea, per quanto dimostratasi fallimentare, per adottarne una nuova. Si pu dire che non si cambia idea per tre ordini di motivi. Queste tre cause della difficolt di cambiare idea sono: povert del sistema - automatismi - inerzia al cambiamento delle credenze centrali

Ostacoli al cambiamento
POVERTA DEL SISTEMA In primo luogo dobbiamo considerare la semplice incapacit del sistema, dovuta a povert. Per avere una nuova idea occorre generarla oppure apprenderla dallesterno e questo non sempre possibile in sistemi poco dotati che funzionano con poche credenze, poco sofisticate e molto generalizzate. Distinguere il mondo in buoni e cattivi convinzione piuttosto semplice e primordiale presente in quasi tutti i bambini che funziona per loro come un importante mappa di riferimento per le loro manovre di avvicinamento ed allontanamento dagli altri; tuttavia tale convinzione viene progressivamente articolata cosicch i buoni si differenziano in disinteressati ed interessati, che conoscono i tuoi bisogni e che li ignorano, che hanno potere o che non lo hanno, che si comportano da buoni o che lo sono veramente, buoni sempre o a seconda dellumore, buoni con tutti o solo con alcuni e cos via. Altrettanto avviene per i cattivi con ulteriori diverse sottoclassi. Quanto pi il sistema complesso ed articolato, tanto pi sar in grado di costruire situazioni numerose e di produrre previsioni destinate al successo. Se al contrario dovesse mantenere, per mancato apprendimento, soltanto loriginale e grossolana distinzione tra buono e cattivo facile immaginare gli insuccessi cui andrebbe incontro: ad esempio continuerebbe a scambiare per buoni tutti coloro che hanno un comportamento da buoni, coloro che ti offrono le caramelle, in quanto non possibile definirli semplicemente cattivi dal loro comportamento anche se non sono buoni. Intendiamo dunque per povert del sistema tutte quelle situazioni in cui lindividuo non ha sviluppato, indipendentemente da quali ne siano le cause, una mappa complessa della realt in cui vive e dunque agisce in riferimento a poche discriminazioni grossolane e legate alla concretezza dei fenomeni; in tale situazione le alternative costruttive rispetto ad uno stesso evento sono scarse o addirittura nulle ed dunque difficile cambiare idea: non facile cambiare punto di vista quando si stenta gi ad averne uno Questo aspetto della povert del sistema il quale non risulta in grado di inventare soluzioni creative che gli consentano di superare il disagio pi frequente di quanto non si ritenga soprattutto come concausa associata agli altri fattori pi tipicamente psicologici che esamineremo pi avanti. Non bisogna limitarsi a pensare al vero e proprio deficit mentale con Q.I. molto inferiore alla media o alle situazione di deterioramento demenziale in quanto in questi casi sono anche molto modesti i compiti esistenziali che il soggetto chiamato ad affrontare. E invece pi frequente trovare sofferenze psicopatologiche dovute a questa povert di base in soggetti che pure hanno raggiunto con grande sforzo un adattamento sociale e, talvolta, lavorativo appena sufficiente e che riescono ad avere prevedibilit ed a muoversi in un ambiente ristretto, ben conosciuto, assolutamente ripetitivo, che non li espone a richieste impegnative o mutevoli. Fino a che la situazione si mantiene immobile il soggetto riesce a cavarsela mettendo in atto sempre gli stessi copioni e le semplici risposte preconfezionate che ha appreso tanto che ad un osservatore esterno pu sfuggire la precariet di questo apparente equilibrio. E sufficiente tuttavia un modesto cambiamento, che richiederebbe una modificazione delle strategie del soggetto, per evidenziare la drammatica incapacit del sistema a produrre una qualsiasi alternativa alla situazione precedente, un qualsivoglia cambiamento adattivo. Questo fenomeno ben descritto in quelle sindromi che nella nosografia tradizionale prendevano il nome di psicosi dinnesto: la psicosi con i suoi deliri, le allucinazioni e il ritiro autistico, andava a 55

sovrapporsi ad un marcato deficit di base che costituiva il tronco che le dava linfa e nutrimento. Spesso si verifica che fino a quando il bambino rimane allinterno del mondo domestico, magari in una famiglia allargata e protettiva, mostra esclusivamente un ritardo nello sviluppo intellettivo pi tardi quando inizia a confrontarsi con lambiente extra-familiare sconosciuto sperimenta una situazione di totale mancanza di prevedibilit e controllo con un vissuto di ansia estrema e catastrofe imminente che conduce poi alla costruzione di una realt privata, delirante in cui rifugiarsi. Si tratta di casi estremi , a sintomatologia psicotica la cui identificazione non difficile attraverso la ricostruzione anamnestica. Tuttavia lo stesso fenomeno, in maniera meno evidente, pu originare da deficit molto pi lievi e quasi inavvertibili ad una osservazione superficiale e dar luogo a sintomatologie dello spettro nevrotico. In questo caso il soggetto riesce a mantenere un modesto adattamento non soltanto nella famiglia dorigine ma anche nellambiente immediatamente circostante se semplice, conosciuto e ricco per lui di sostegni e riferimenti ma cede clamorosamente di fronte alla necessit di qualche significativo cambiamento; non rifugiandosi nel delirio ma con una sintomatologia nevrotica spesso multipla che altro non se non il disperato tentativo di aumentare quantitativamente le strategie che fino a poco tempo prima gli avevano garantito ladattamento senza riuscire a modificarle (sempre la stessa cosa, sempre di pi). La presenza di una tale concausa da povert del sistema andrebbe indagata con maggior accuratezza e forse la si troverebbe presente in pi casi di quanto non si pensi. Con ci non vogliamo sostenere che un elevato Q.I. sia una garanzia certa contro linsorgere di sofferenze psicopatologiche, ma certamente la stupidit non aiuta a cavarsela e rende tutte le situazioni pi difficili da prevedere, controllare ed affrontare e dunque pi stressanti. AUTOMATISMI Un secondo ostacolo che si incontra nel tentativo di cambiare idea e/o comportamento costituito dagli automatismi. Questaspetto spesso sottovalutato nelle nostre riflessioni psicopatologiche che si muovono sempre da una sorta di premessa implicita del tipo dietro ogni manifestazione psichica, soprattutto se sintomatica, c una precisa causa che lha prodotta. Ci naturalmente vero e la scoperta delle cause della singola sofferenza forse laspetto pi entusiasmante del lavoro di psicoterapeuta, ma non tutto. Riteniamo tuttavia che ci che produce una manifestazione non necessariamente debba essere il motivo del suo mantenimento. Intendiamo per automatismo una manifestazione ripetitiva (che sia un comportamento o un pensiero non cambia) che ha perso il suo scopo che pure un tempo lo aveva generato. Facciamo un esempio: tutti coloro che da giovincelli hanno iniziato a fumare lo hanno fatto per motivi evidentemente psicologici; solo il desiderio di sentirsi adulti, la voglia di essere accettati nel gruppo, la trasgressione delle norme imposte dai genitori possono giustificare lo sforzo per superare il disgusto e la nausea che le prime sigarette provocano. Tuttavia quei giovincelli diventati ormai adulti e anziani continuano perlopi a fumare nonostante che le motivazioni che li avevano spinti ad iniziare siano ormai del tutto venute a mancare: la ritualit del fumare diventata unabitudine, un automatismo. Se imparate a guidare tenendo sempre il piede appoggiato sulla frizione per essere pi pronti ad usarla e nessuno vi insegna a non farlo, dopo sar molto difficile smettere questo automatismo anche se razionalmente capite che dannoso e se dietro non ci sono particolari psicologici profondi motivi per farlo . Del resto il ripetere le stesse sequenze di azioni una componente fondamentale del gioco infantile: i giochi si ripetono secondo un copione immutabile, le favole vengono interrotte da proteste quando un particolare viene cambiato, i film sono visti e rivisti decine di volte . cosa rende cos interessate la ripetizione? Forse per capirlo occorre mettersi nei panni del bambino e guardare il mondo con i suoi occhi; un mondo che gli appare grande e di cui conosce pochissimo ignorando i meccanismi che ne regolano il funzionamento; un mondo completamente imprevedibile, poco controllabile e dunque minaccioso. Nel ripetersi delluguale il bambino sperimenta la possibilit di prevedere e dunque di controllare e tutto ci motivo di grande rassicurazione, occasione per incominciare a fissare le prime regole che consentono di prevedere ci che avverr. Un legame molto forte ed a carattere quasi magico lega la 56

ripetitivit alla prevedibilit ed al controllo come drammaticamente si manifesta nei disturbi ossessivo compulsivi. Gli automatismi, del resto, sono un aspetto estremamente importante della nostra vita e presentano molteplici vantaggi in quanto si tratta di un modo per rendere automatiche intere sequenze di azioni finalizzate ad uno scopo senza ogni volta dover scegliere i singoli comportamenti che invece vanno di nuovo posti sotto il controllo cosciente se si decide di comportarsi diversamente da come di consueto.Ci comporta un enorme risparmio di energia e libera la mente per altri compiti. Pensiamo allapprendimento della guida: allinizio lapprendista tutto preso dal suo compito ogni singolo gesto delle mani e dei piedi sotto il controllo corticale cosciente (e per questo anche goffo e poco fluido),non riesce a concentrarsi altro che sul guidare e dopo unora di esercizio stanco come se avesse svolto un lavoro faticoso. Via via che lesperienza aumenta il guidare diventa una sorta di automatismo; il guidatore sa dove deve andare ma non si accorge delle singole azioni che compie per perseguire questo scopo: non sa in che marcia sta, se non ci pone l'attenzione, eppure cambia al momento giusto cos come mette la freccia prima di girare e frena allapparire del giallo. Addirittura se il percorso ben conosciuto pu compiere anche questo automaticamente, senza rendersene conto, e ritrovarsi al punto di arrivo senza avere prestato attenzione alle zone attraversate. In tutto questo tempo la sua mente libera e pu ascoltare la radio, conversare con i passeggeri , scrivere degli appunti di lavoro o telefonare animatamente. Il comportamento automatico si interromper solo se si verifica un imprevisto che attira lattenzione: un rumore dal motore, un improvviso calo di potenza, una spia che si accende, il volante che tira da un lato. Limprevisto una invalidazione delle previsioni ed il guidatore cesser di conversare con i passeggeri e porr tutta lattenzione su quanto di nuovo sta succedendo. Gli automatismi dunque semplificano enormemente la nostra vita e ci tanto vero che anche ai nostri Personal Computer si insegnano delle ripetitivit quali ad esempio le procedure che si attivano automaticamente per default invece di doverle scegliere ogni volta o quelle lunghe frasi che , essendo usate spesso, vengono scritte automaticamente non appena se ne scrive linizio. Come ogni cosa anche gli automatismi hanno un risvolto negativo e sono appunto le cattive abitudini che si imparano precocemente e sono difficili da mandar via. Tuttavia essendo questo un manuale di psicoterapia piuttosto che un galateo di buone maniere laspetto su cui conviene soffermare lattenzione quello inerente la componente di automatismo che c in un sintomo psicopatologico. Senza assolutamente mettere in discussione la psicogenesi del sintomo non dobbiamo tuttavia trascurare lautomatismo che il sintomo stesso costituisce e che spesso ne causa il mantenimento anche quando i motivi che lo avevano generato sono cessati o sono stati risolti con la psicoterapia e dunque nellintervento terapeutico occorrer preoccuparsi oltre che della rimozione delle cause del sintomo anche della perdita di tale automatismo. Immaginiamo una persona che per dieci anni ha passato met della sua giornata a lavarsi le mani ed a chiudere ermeticamente i cassetti oppure unaltra che da dodici anni articola la sua giornata intorno alla spesa, al conto delle calorie, allabbuffata, al senso di colpa, al vomito, oppure ancora unaltra che da sempre ha imparato a non uscire mai di casa senza avere un accompagnatore di fiducia: la loro vita riempita da automatismi che la occupano grandemente e che se venissero improvvisamente a mancare lascerebbero un vuoto enorme. Un buon terapista deve dunque preoccuparsi dellaspetto ripetitivo ed automatico del sintomo che va disappreso con paziente allenamento e non scompare miracolosamente con la semplice risoluzione del problema che aveva generato il sintomo stesso e deve altres preoccuparsi di mettere qualcosa nello spazio lasciato libero dal sintomo che ingombrava ma anche dava senso allesistenza del paziente. Il sintomo pu dunque avere degli aspetti automatici nel senso che si ripete come una sequenza comportamentale generatasi per uno scopo ma che si automantiene anche quando sono andati perduti tali scopi e dunque appare come un comportamento afinalistico. Tuttavia in questa parte del volume ci stiamo occupando della patologia generale e non ancora dellintervento terapeutico e il cenno agli automatismi stato fatto nel contesto dellanalisi dei 57

meccanismi che impediscono al sistema di cambiare, che di fatto abbiamo visto trattarsi di un cambiamento di credenze, costringendolo a permanere in uno stato di sofferenza. Quello dunque che ci preme sottolineare che come esistono dei comportamenti automatici che si ripetono sempre uguali, cos esistono delle credenze apprese precocemente che indipendentemente dalla loro centralit ed importanza (il ch costituirebbe una motivazione attiva) vengono intrattenute dal sistema senza mai essere sottoposte a critica. Il soggetto le d per scontate e non pensa nemmeno che possano essere messe in discussione. In genere appartengono a questa categoria non tanto le credenze implicate direttamente nella genesi della sofferenza in quanto su di esse la persona spinta a riflettere e spesso a rimuginare abbondantemente (anche se spesso neppure a lui sono ben chiare le credenze che costituiscono le premesse inferenziali delle credenze che sono poi allorigine della sofferenza) quanto piuttosto credenze inerenti il modo di risolvere i problemi, le proprie capacit di gestire lesistenza, il potere degli altri nei confronti dei suoi stati danimo, cio credenze inerenti quelle che pi avanti analizzeremo dettagliatamente e che vengono comunemente chiamate Teorie Psicologiche Naive. Ancora fanno parte di questi automatismi cognitivi credenze che sostengono scopi che sono estremamente radicati in una certa cultura e che soltanto un osservatore di una cultura esterna pu evidenziare mentre per gli appartenenti a quella cultura sono cose scontate e fuori discussione come laria che si respira. Il fatto che la terra viva e va rispettata per i pellerossa o la credenza che fare carriera sia un bene o che un matrimonio deve reggersi sullamore reciproco per il mondo occidentale e tante altre cose del genere che dallesterno possono sembrare molto originali e per nulla scontate. Abbiamo voluto distinguere queste credenze automatiche e considerate cos scontate da non essere mai sottoposte a revisione critica da quelle che andremo a descrivere ora e che oppongono una attiva resistenza al cambiamento per motivi inerenti alla struttura stessa del sistema, in quanto le prime non hanno particolari ragioni per essere mantenute se non il fatto che sono talmente date per scontate da non essere sottoposte mai a vaglio critico. INERZIA AL CAMBIAMENTO DELLE CREDENZE Se deficit e automatismi cognitivi possono essere degli ostacoli al cambiamento ,il motivo di gran lunga pi importante costituito dallinerzia al cambiamento che hanno le credenze tanto pi sono centrali nellarchitettura del sistema cognitivo e tanto pi sono riferite al se e, soprattutto, tanto pi non hanno alternative costruite. Immaginiamo la normale difficolt che tutti abbiamo ad abbandonare, o anche solo a modificare in parte, unidea relativa a noi stessi; cosicch se ci siamo descritti sempre come buoni avremo difficolt a riconoscere in noi atteggiamenti, pensieri e stati danimo contrastanti con questa idea e di fronte ad un sentimento di invidia diremo che si tratta di spirito di giustizia in quanto la persona invidiata non si meritava ci che ha avuto e pu costituire un pessimo esempio per le generazioni future. Normalmente ci comportiamo da confermazionisti nel senso che andiamo a cercare le prove che ci consentono di continuare a mantenere le credenze che abbiamo ed escludiamo o manipoliamo le prove contrarie. Ci si verifica sia che lidea di noi stessi che manteniamo sia positiva che negativa: limportante mantenere una coerenza e la prevedibilit su noi stessi e sul mondo. In proposito scrive Maria Miceli (LAutostima, Il Mulino 1998) : Alcune ricerche di psicologia sociale hanno dimostrato che le persone preferiscono interagire con chi condivide e conferma il loro personale concetto di se (autovalutazioni incluse); in altre parole scelgono di avere a che fare con chi pensa di loro ci che loro pensano di se stessi. E, per quanto possa sembrare strano, se hanno unidea di se negativa, scelgono chi conferma loro questidea negativa, anche quando potrebbero optare per uninterazione pi gratificante con qualcuno che non la condivide. Questa tendenza allautoverifica dimostra limportanza tuttaltro che trascurabile del bisogno di riuscire a controllare e prevedere la realt, ed in particolare noi stessi, anche se si tratta di una realt difficile o sgradevole. 58

Cambiare una credenza significa cambiare anche tutte quelle ad essa collegate inferenzialmente e modificare una credenza centrale significa ristrutturare gran parte del sistema cognitivo ed i lavori di ristrutturazione sono molto costosi, non si sa mai dove si va a finire ed infatti tutti cercano di evitarli (ci vorrebbero gli incentivi del 41% anche per le ristrutturazioni cognitive! potrebbe essere uniniziativa dellalbo degli psicoterapeuti per un anno allo slogan Rottamate le vecchie credenze). chiaro che cambiare una credenza marginale come quella riguardante la mia abilit nel gioco delle bocce di cui mi importa poco senzaltro pi facile che modificare le convinzioni inerenti le mie preferenze sessuali o peggio ancora la mia stessa identit sessuale. Questa difficolt a cambiare credenze centrali grandemente accentuata dalla mancanza di alternative costruite per cui il soggetto cadrebbe in un vuoto predittivo se dovesse abbandonare la vecchia credenza che pure risulta ripetutamente invalidata alla prova dei fatti (Adams Webber 1982, 1989). Ad esempio immaginiamo un signore che ha di se limmagine di uomo sposato come di fatto da quindici anni e che tuttavia conosce bene la vita da single per esserlo stato lungamente e per avere molti amici in tale condizioni, sa quali sono i pregi e i difetti dello stare da solo e complessivamente preferisce di gran lunga la condizione dello sposato. In questo caso egli capace di prevedersi sia da sposato che da single e seppure abbia una inequivocabile preferenza a vedersi sposato, nel caso dovessero verificarsi eventi tali per cui la moglie del nostro signore decida di andarsene di casa non sarebbe una tragedia ed il signore potrebbe prendere atto, seppure, forse, con dolore, della invalidazione subita. Immaginiamo ora invece un altro signore che sin da piccolo si descritto come buono frequentando lazione cattolica ed ogni gruppo possibile di volontariato e mettendo sempre gli altri al primo posto fino a sposare la pi bruttina della classe perch si era affezionata a lui e non aveva il coraggio di farla soffrire essendo incontenibilmente buono. Se potessimo con un microscopio esplorare a livello molecolare il sistema cognitivo di questo signore (lo possiamo fare con strumenti che illustreremo nella parte dedicata alla diagnosi) scopriremmo che mentre sa perfettamente come si buoni, cosa si prova e cosa si pensa ad essere buoni, come si comportano gli altri con un buono, cosa c da aspettarsi ad essere buoni, ignora completamente cosa vuol dire essere cattivi o ne ha solo unidea confusa e per nulla articolata. Attenzione perch questaspetto assolutamente decisivo: proprio il fatto che il mondo dal punto di vista del cattivo gli del tutto sconosciuto che gli fa apparire orribile la prospettiva di scoprirsi tale e che lo fa sforzare cos tanto ad essere buono; tutto ci che ci sconosciuto ci spaventa. Se lui dovesse improvvisamente considerarsi cattivo tutta la sua capacit predittiva su di se e sul mondo verrebbe gravemente compromessa e non saprebbe pi come comportarsi, quali reazioni aspettarsi, cosa fare e cosa pensare. Questa assenza di alternative costruite il motivo principale di paralisi nella sofferenza psicopatologica in quanto impedisce sia la rinuncia allo scopo causa della sofferenza sia il cambiamento delle strategie di impegno. Concretamente vediamo cosa potrebbe succedere al signore se al piano superiore al suo andasse ad abitare un grande prepotente che lo infastidisce continuamente, si approfitta di lui e della sua famiglia. Lui deve comportarsi da buono per cui cerca di andargli incontro di essere gentile e disponibile, ma laltro non si converte anzi, visto il pollo, prevarica sempre di pi. Il buono, se fosse per lui, lascerebbe perdere sopportando con cristiana rassegnazione, ma non pu farlo perch ne subiscono un danno evidente sia la moglie che i figli. in una trappola, non riesce a immaginare una qualsiasi strategia per arginare il vicino (ricambiare colpo su colpo, trovare qualche punto debole su cui ricattarlo, avvertire le forze dellordine, cercare delle alleanze con altri condomini, ecc) perch tutte le possibili strategie sono scartate ancor prima di essere prese seriamente in considerazione in quanto il solo pensarle lo fa sentire cattivo e questo per lui impensabile nel senso letterale del termine (non ha pensieri sulla cattiveria ma solo il vuoto). Come fa a pensarsi cattivo? Dovrebbe buttare a mare tutta limpostazione di una vita : impossibile, non pu rinunciare allo scopo di essere buono ma al tempo stesso il dover essere buono gli impedisce qualsiasi soluzione del problema e si scopre incapace di proteggere i suoi cari dalle prepotenze altrui e dunque motivo della loro sofferenza e dunque cattivo. 59

Ecco il tipico empasse psicopatologico, il conflitto, lincoerenza interna che paralizza il sistema: una credenza centrale del sistema impedisce che uno scopo sia raggiunto e contemporaneamente che sia abbandonato. La rinuncia e limpegno sono entrambi impraticabili e non resta che ripercorre sempre lo stesso tentativo e andare regolarmente incontro allo stesso fallimento. Nel proseguio analizziamo i motivi e le modalit di questo tipo di blocco (Miceli M. Castelfranchi C. 1995, Laughlin H.P. 1970).

Come resistere alle invalidazioni


Ma come possibile che il sistema non prenda atto delle invalidazioni che riceve rispetto alle credenze pi centrali? In che modo riesce a farlo? Il primo quesito che ci corre l'obbligo di affrontare riguarda la definizione stessa di invalidazione : in cosa consiste esattamente una invalidazione? Si ha una invalidazione quando c' una drastica riduzione del grado di certezza di una credenza : l'invalidazione in s non va pi in l di questo. Quello che giunge al sistema previsionale soltanto un "no" e non una nuova credenza o una credenza alternativa: la costruzione di nuove credenze o l'aumento di certezza di una credenza alternativa gi presente (almeno potenzialmente per la stessa natura bipolare dei costrutti ) un processo successivo che pu attivarsi oppure no, che pu avere successo o fallire ma che comunque non fa parte del momento dell'invalidazione come la ricostruzione non fa parte del terremoto e non sempre ne una conseguenza necessaria. L'invalidazione , il "no", pu giungere per via sociale, inferenziale o percettiva e non si impone al sistema come una fucilata ma anch'esso costruito soggettivamente e pu avere un coefficente di certezza variabile tra 0 e 1. L'impatto sulla credenza bersaglio dell'invalidazione sar funzione del suo coefficente di certezza che non necessariamente assoluto e quindi non necessariamente azzera il coefficente di certezza della credenza interessata ma magari lo diminuisce semplicemente favorendo lo sviluppo di credenze alternative. Ma concretamente come fa il sistema a rifiutare una invalidazione? Per mettere in atto le strategie di rifiuto deve aver preso coscienza del contenuto dell'invalidazione e quindi come pu far finta di niente? Se il sistema si difende vuol dire che conosce cosa lo minaccia e dunque come fa ad ignorarlo ? Si tratta di un problema che riguarda tutti i meccanismi di difesa tradizionali; ad esempio la coscienza deve conoscere i contenuti rimossi altrimenti perch avrebbe scelto di rimuoverli e cos via. In primo luogo opportuno ribadire che l'invalidazione in s non un contenuto alternativo , non una nuova costruzione ma semplicemente un "no" ( a certezza variabile ) riferito ad una aspettativa precedente che il sistema sperimenta come una minaccia pi o meno grande non a seconda del suo contenuto che non c' , ma a seconda del potere euristico della credenza che direttamente o inferenzialmente riguarda. Il "no" pu essere oggetto di metaconoscenza solo se la credenza che va ad interessare a sua volta oggetto di metaconoscenza altrimenti non lo . Esistono dunque delle invalidazioni di cui il soggetto consapevole che riguardano credenze che il soggetto sa di avere ed altre invalidazioni di cui il soggetto non consapevole che riguardano conoscenze che il soggetto non sa di avere. Ci che sicuramente escluso dalla metaconoscenza sono i meccanismi che il sistema stesso utilizza per ridurre o annullare l'effetto dell'invalidazione e lo scopo stesso che li attiva , vale a dire il mantenimento della capacit predittiva di fronte al pericolo di caos previsionale. Infine il prodotto finale del lavoro dei meccanismi di riduzione e di annullamento dell'effetto di una invalidazione della conoscenza che pu essere o meno oggetto di metaconoscenza: lo se si tratta di una nuova credenza che ne sostituisce una precedente che era a sua volta oggetto di metaconoscenza , altrimenti non necessario che lo sia.

60

Comunque l'aspetto fondamentale che merita di essere ribadito che non c' alcunch da rimuovere in quanto l'invalidazione soltanto un "no" rispetto ad una aspettativa e non una aspettativa alternativa. L'invalidazione non ha nessun contenuto che il sistema cognitivo deve prima conoscere , poi valutare pericoloso e quindi far finta di non conoscere. L'invalidazione soltanto la perdita di certezza di una credenza alla quale associato un certo grado di riduzione della capacit predittiva dell'intero sistema a seconda della centralit della credenza stessa : se il sistema valuter troppo massiccia tale riduzione cercher di ridurre od annullare gli effetti dell'invalidazione stessa utilizzando modalit caratteristiche che sono rappresentate dagli stili di crescita della conoscenza.

Stili di crescita della conoscenza


Gli stili di crescita della conoscenza sono delle strategie caratteristiche con le quali il sistema cognitivo pu ridurre o eliminare gli effetti di una invalidazione che colpisce una credenza con alto valore epistemico. importante saperli riconoscere e fronteggiare perch sono il modo con cui il soggetto si blocca sulle posizioni di sofferenza e si impedisce di cambiare e di prendere atto della realt. Nella teoria di Kelly dei costrutti personali, si ritiene che vi sia un modo sano e positivo di aumentare le conoscenze del sistema: esso consiste nellesplorazione attiva di s e dellambiente. Questo stile di conoscenza si chiama esplorazione. Lesplorazione lo stile di conoscenza che aumenta pi degli altri le probabilit di incontrare delle invalidazioni e di modificare di conseguenza il proprio sistema cognitivo per dare ragione delle invalidazioni. Preserva quindi meglio degli altri dalla psicopatologia. Normalmente un sistema cognitivo preferisce prendere atto delle invalidazioni in quanto attivano il processo di modificazione delle sue credenze rendendole pi verosimili e quindi pi adatte a raggiungere gli scopi individuali. Anche se nell'immediato una invalidazione comporta sempre una certa riduzione della capacit predittiva che il sistema credeva di possedere essa accettata di buon grado perch propedeutica ad un successivo incremento della capacit predittiva. Ma talvolta la riduzione talmente drastica per la centralit della credenza coinvolta che seppure probabilmente (ma non necessariamente) transitoria inaccettabile e vanno messe in atto delle strategie di riduzione /eliminazione degli effetti dell'invalidazione. Sono stati individuati altri tre stili di conoscenza che tendono a fuggire lesplorazione di s e del mondo circostante per evitare qualsiasi prova che invalidi uno o pi costrutti del sistema. Questi stili svuotano il sistema cognitivo delle sue capacit predittive, facendolo divenire statico, cio non si imparano pi cose nuove. Questi tre stili di conoscenza predispongono alla patologia perch non consentono allindividuo di aumentare le sue conoscenze di se stesso e dellambiente in cui vive. Questi tre stili sono: ELUSIONE: evitare di esplorare, al fine di non trovare prove che invalidano il proprio sistema di costrutti. Si restringe lattenzione per tener fuori linvalidazione attraverso la scotomizzazione, la rimozione e levitamento. IMMUNIZZAZIONE: incapsulare linvalidazione nel proprio sistema modificando non le proprie credenze ma i processi inferenziali interni al sistema. Vengono stravolte le regole:dellimplicazione (se P allora Q) e dellistanziamento (ci che appartiene ad una classe appartiene anche ai singoli membri della classe.). OSTILIT: ridurre il coefficiente di certezza di uninvalidazione attraverso la manipolazione della fonte o diminuendo la credibilit della fonte. Le modalit di fronteggiare le invalidazione e di minimizzarne gli effetti hanno anche un significato adattivo in quanto concorrono a mantenere la stabilit del sistema che altrimenti sarebbe in continuo pericolo, la loro patogenicit emerge quando tali meccanismi diventano pervasivi, coatti e stereotipati e rendono il sistema del tutto impermeabile alle invalidazioni in certe aree (Shapiro D. 1965). L'importanza di saperli riconoscere e fronteggiare assolutamente evidente per un terapeuta : essi sono infatti il modo in cui il soggetto mantiene il suo equilibrio seppur precario ed questo il loro 61

aspetto positivo, ma sono anche il modo in cui il soggetto si blocca sulle posizioni di sofferenza e si impedisce di cambiare e di prendere atto della realt.

ESPLORAZIONE
Lo stile di conoscenza Esplorazione naturalmente quello pi fruttuoso per la crescita della conoscenza ed messo in atto ogni qualvolta il sistema non si sente minacciato dall'invalidazione ricevuta ed in grado di sopportare la transitoria riduzione della sua capacit predittiva. Di fronte ad una invalidazione comunque sempre possibile una nuova ricostruzione costituita dalla polarit opposta. Cos ad esempio se io ritengo di essere bravo e ritengo anche che chi non bravo un incapace e ritengo infine che gli esami sono un test cruciale per stabilire se uno bravo o meno, di fronte ad una bocciatura posso cambiare la mia idea di me stesso e pensare che sono un incapace . Tale modalit di ricostruzione degli eventi sempre disponibile per la caratteristica bipolarit dei costrutti ed praticabile se non comporta un crollo drammatico della capacit predittiva ( ad esempio se pensarmi incapace del tutto impossibile perch totalmente sconosciute le possibili implicazioni ). Tale ricostruzione non modifica sostanzialmente il sistema cognitivo in quanto lascia inalterati i nessi di vario genere esistenti tra le credenze , l'unica cosa che avvenuta lo spostamento dell'elemento "S" da una polarit all'altra del costrutto bravo - incapace . Sono tuttavia possibili altre ricostruzioni che, invece, comportano la modifica dei nessi tra le credenze e dunque una sofisticazione del sistema ad esempio: - non basta essere bravi per essere promossi bisogna anche studiare , il che vuol dire che l'esito dipende da due variabili e dunque posso continuare a considerarmi bravo e spiegare la bocciatura con il mancato studio; - al risultato di un esame non concorre solo la bravura ma anche la fortuna e lo stato d'animo del professore ( la bocciatura cessa di essere un test cruciale sulla bravura ); non si bravi in assoluto ma soltanto in alcune materie ( in questo modo il costrutto bravo incapace non predica pi direttamente sul Se ma su delle prestazioni del Se ); - non sono bravo ma questo non significa che non possa aver successo nella vita come molti uomini di grande fama hanno dimostrato ( in questo caso si modificano i nessi tra lo scopo strumentale di essere bravo e lo scopo terminale di avere successo nella vita ). Senza addentrarci in una disquisizione squisitamente tecnica degli esempi sopracitati, quello che avviene una ricostruzione che comporta o la modifica del coefficiente di certezza di alcune credenze o la modificazione dei nessi tra le varie credenze sia dello stesso livello gerarchico sia di livelli differenti. In questo modo il sistema cognitivo diviene pi complesso e genera nuove credenze che consentono una lettura meno grezza degli eventi. Questo peraltro il normale modo in cui avviene la crescita dei sistemi cognitivi che progressivamente si gerarchizzano e si fanno pi articolati e complessi proprio per dare ragione delle invalidazioni che incontrano.

ELUSIONE
Lo stile di conoscenza Elusione trova la sua essenza nel restringimento del campo di attenzione in modo da escludere l'invalidazione tenendola " fuori dalla porta". Le operazioni con cui l'elusione viene messa in atto sono sostanzialmente di tre tipi ( M. Miceli , C. Castelfranchi , 1995) : 1) La Scotomizzazione che relativa al presente e consiste essenzialmente nel distogliere l'attenzione dall'evento invalidante (Krohne H.W. 1993, Cioffi G. 1989). L'attenzione , normalmente , richiamata proprio da cose impreviste e dunque proprio dall'invalidazione di aspettative in quanto il sistema si trova di fronte ad una sorpresa. Per distogliere l'attenzione indispensabile concentrarla su qualcos'altro e non semplicemente non far caso allo stimolo imprevisto . Si pensi all'efficacia in tal senso dei meccanismi ossessivi che permettono al soggetto 62

di distogliere completamente l'attenzione da tutto ci che non sia strettamente connesso al rituale compulsivo in corso. Concordiamo con Castelfranchi che ipotizza , e argomenta sulla base di dati sperimentali a cui rimandiamo , l'esistenza di processi di segregazione degli stimoli all'attenzione ; sia che si tratti di stimoli esterni ( percezioni ) , sia che si tratti di stimoli interni ( pensieri , emozioni , inferenze ). I soggetti con problematiche fobiche utilizzano frequentemente questo meccanismo e cos il loro mondo interiore risulta a loro stessi del tutto estraneo; emozioni e pensieri interni non sono avvertiti se non quando, proprio perch sconosciuti, vengono scambiati per malessere e scatenano il panico. questo che fa dire ad un osservatore esterno che sono assolutamente carenti di insight. Altrettanto fanno nei confronti del mondo esterno evitando qualsiasi verifica rispetto alle proprie convinzioni: in tutti i modi cercano di non andare a scoprire le carte. Tuttavia tutti tendono un p a scotomizzare i dati contrari alle proprie aspettative, ad ignorare ci che non congruente con il proprio modo di vedere le cose ed questo il motivo per cui due tifosi di squadre opposte in un confronto al termine hanno, in perfetta buona fede, due visioni notevolmente diverse su come sono andate le cose: ognuno ha ben presente i fatti che avvalorano la propria tesi e non ricorda o non ha neppure notato quelli contrari. Lo stesso succede nelle coppie, e questo capita di sovente allosservazione clinica, quando vi una crisi del rapporto: ascoltati separatamente forniranno versioni dei fatti cos inconciliabili che viene il sospetto non facciano parte della stessa coppia. 2) La Rimozione , termine con una lunga storia in campo psicoanalitico , che si riferisce all'elusione di conoscenze acquisite nel passato e che consiste essenzialmente nel riporre alcune credenze in una memoria di difficile accesso dove non possono essere oggetto n di attenzione n di coscienza riflessa e quindi non possono essere utilizzate nel lavoro cognitivo in situazioni normali ( Goleman D. 1985; Bagnara S. 1984; Cioffi G. 1989, Weiner B. 1968) Spesso durante il lavoro terapeutico riemergono queste conoscenze che il soggetto riconosce come proprie e attive in un tempo lontano ma che poi erano state apparentemente dimenticate perch incongruenti con un nuovo paradigma che aveva dominato il campo.La stessa memoria non appare come un archivio stabile e immodificabile delle esperienze passate, archivio dal quale, tuttal pi vengono eliminati i fascicoli pi antichi per lasciar posto ai nuovi. I ricordi e lattribuzione ad essi dei significati un processo attivo in cui la attuale visione di s e del mondo riorganizza in modo ad essa congruente i frammenti del passato modificandone i particolari e soprattutto il significato. Cos, ad esempio, la assoluta disponibilit di una persona era giudicata tale fino a che essa era considerata amica, ma dopo un tradimento gli stessi episodi vengono letti come manovre destinate ad ingannare conquistando stima ed amicizia al fine di approfittarsene successivamente. In tal senso la memoria un cantiere in continua ristrutturazione in quanto lingegnere che cura i lavori cambia continuamente il progetto. Gli elementi troppo inconciliabili con la attuale visione delle cose non trovano posto e finiscono accantonati, dimenticati in un angolo, rimossi; salvo poter essere ripescati quando un nuovo progetto si fa strada. 3) L'Evitamento relativo al presente ed al futuro e consiste nel tenersi lontano da quei luoghi , circostanze e situazioni in cui l'invalidazione si precedentemente verificata o pur senza essersi mai verificata prima ha pi possibilit di verificarsi in futuro. Il sistema cognitivo non vuole pi sperimentare rischiando di mettere in dubbio credenze con alto valore epistemico a cui crede di non poter rinunciare e dunque si tiene a distanza di quelli che potrebbero essere esperimenti cruciali , rinuncia ad andare a scoprire le carte , rinuncia a vincere per la paura di una sconfitta troppo drammatica. Inutile sottolineare come tale modalit costituisca una strategia esistenziale per i pazienti affetti da fobie che progressivamente restringono il loro campo di azione per non rischiare di incorrere in una situazione che ritengono insopportabile e devastante per loro ma cos facendo si impediscono di poter cambiare idea rispetto a ci, costringendosi ad evitamenti sempre pi estesi e penosi.

63

Tutti e tre questi meccanismi sono accomunati dal tentativo di tenere lontana l'invalidazione stessa restringendo il campo di coscienza con la disattenzione , l'oblio e l'evitamento . Il loro scopo di eliminare l'esistenza stessa dell'invalidazione. Esplorazione ed evitamento costituiscono una sorta di opposti : con l'esplorazione si ricerca la novit , mentre con l'evitamento ci si preserva dai suoi possibili effetti negativi ; l'esplorazione allarga i confini , l'evitamento li restringe e li sottolinea. Entrambi le strategie hanno valore adattivo e l'evitamento diventa disfunzionale solo quando acquista carattere coattivo. L'evitamento in s non negativo ed anzi pu risultare molto utile quando si prevede che le novit siano cos minacciose da destabilizzare il sistema stesso ; la scelta se esplorare od evitare di fronte ad uno stimolo sconosciuto dipende dalla valutazione che il sistema fa della probabilit che esso ha di soccombere di fronte al nuovo.

OSTILIT
Lo stile di conoscenza Ostilit opera un tentativo diverso da quello dello stile Elusione che cercava di ignorare la stessa invalidazione. Lo scopo quello di ridurre il coefficiente di certezza dell'invalidazione e quindi la sua forza d'impatto sulle credenze bersaglio intervenendo sulla fonte dell'invalidazione. In questo caso la fonte dell'invalidazione prevalentemente sociale e l'intervento si attua principalmente in due modi: 1) Manipolando la fonte ad esempio con la minaccia o la seduzione per ottenere una smentita dell'invalidazione stessa ( tali meccanismi sono caratteristici dei disturbi di personalit borderline , narcisistico , istrionico ed antisociale tutti appartenenti al Dramatic - emotional cluster ). Quante volte il terapeuta che sta mettendo in discussione una credenza centrale del soggetto fatto oggetto di minacce di interrompere la terapia stessa o, al contrario, viene corteggiato per carpirne la benevolenza. 2) Diminuendo la sua credibilit con l'attribuzione di una intenzionalit negativa nei confronti del soggetto o di incompetenza. E esperienza comune affermare che chi ci ha appena detto qualcosa di sgradevole uno stupido, un incompetente o guidato da altri fini e dunque in malafede. In questo caso l'invalidazione pienamente avvertita dal sistema cognitivo ma il suo effetto sulla struttura sospeso. Il sistema non abbandona la credenza colpita ( in questo senso si pu parlare di ostilit in senso kelliano ) ed interviene sulla fonte per ottenere una conferma a tutti i costi : o la fonte ritratta o inattendibile.

IMMUNIZZAZIONE
Mentre con l'Elusione l'invalidazione non era neppure avvertita e con l'Ostilit era avvertita ma osteggiata e privata di validit agendo sulla sua fonte , nel caso dell'Immunizzazione raggiunge il sistema cognitivo ma i suoi effetti sul sistema cognitivo sono limitati dalla modificazione dei nessi delle credenze connesse a quella invalidata. Il lavoro fatto sui processi inferenziali interni al sistema per incapsulare l'invalidazione e limitarne il potere invasivo e dunque gli effetti. Le regole dell'inferenza sono principalmente due ( M. Miceli , C. Castelfranchi 1995 ): - Regola dell'implicazione vale a dire " Se P allora Q " il che significa che se P realizzato allora anche Q necessariamente realizzato; - Regola dell'istanziamento secondo la quale ci che appartiene ad una classe appartiene anche ai singoli membri della classe. Queste due regole che regolano i processi inferenziali vengono stravolte e manipolate a piacimento pur di non far giungere per via inferenziale l'invalidazione alla credenza con alto valore epistemico ( si vedano in proposito i nostri lavori sulla soluzione schizofrenica e la soluzione paranoica come difesa dall'invalidazione ; R .Lorenzini, S .Sassaroli 1992 a , 1992 b ).

64

Un modo di manipolare la regola dell'implicazione quella di svuotare progressivamente la classe dei potenziali falsificatori della credenza ritenuta di alto valore epistemico per cui non esiste pi alcun evento in grado di falsificarla e tutti gli eventi non possono far altro che confermarla : si tratta di quella che abbiamo definito come soluzione paranoica. Ipotizziamo che Q sia l'opposto della credenza che si vuole salvaguardare sufficiente che P sia una classe vuota perch l'invalidazione non si realizzi mai in quanto non c' alcun P che possa implicare Q e dunque invalidare il suo contrario . Poniamo ad esempio che io preferisca grandemente considerarmi eterosessuale piuttosto che omosessuale e che tenti di difendere ad ogni costo questa mia credenza . Ma poniamo altres che io mi scopra avere alcuni comportamenti che consideravo predittori di omosessualit , vale a dire che hanno un legame di implicazione con l'omosessualit del tipo " Se P allora Q " come ad esempio " Se uno gentile e raffinato allora omosessuale " . Immaginiamo ancora che alcuni di questi eventi siano : guardare le persone del proprio sesso , usare cosmetici , non avere eccitazione sessuale con persone dell'altro sesso e che io li sperimenti tutti ; posso tuttavia dirmi che il fatto di guardare le persone del proprio sesso frutto dell'aumentata ambiguit tra maschi e femmine per cui sempre pi facile confondersi ; che l'uso di cosmetici segno semplicemente di maggiore cura della persona proprio allo scopo di piacere alle donne e che la mancata eccitazione indice dello stress a cui siamo esposti. Cos facendo , con il proliferare delle ipotesi ad hoc non esiste pi un evento in grado di falsificare la credenza che io sia eterosessuale ( la classe di eventi P rimasta vuota ) e qualsiasi cosa avvenga non pu che confermarla : il contenuto empirico del costrutto eterosessuale omosessuale applicato a me stesso diventato nullo in quanto non predice alcunch di concreto , non prevede e non esclude nulla. La teoria sulla mia eterosessualit non pi una teoria empirica ma diventata una teoria metafisica , inattaccabile e dunque paranoica. Questo meccanismo che utilizzato in dosi modeste si manifesta solamente con un p di testardaggine se applicato massicciamente genera deliri strutturati di tipo paranoico. Un delirio una credenza la cui classe di potenziali falsificatori vuota. Per un paranoico tutto conferma la sua idea delirante e nulla pu smentirla, anche ci che a prima vista sembrerebbe del tutto contrario ad essa ne diviene unulteriore prova a sostegno perch se gli altri si comportano cos semplicemente per ingannarlo e portarlo fuori strada. In alternativa pu essere manipolata la regola dell'istanziamento con il risultato di rendere le previsioni cos vaghe e mutevoli da essere prive di contenuto empirico e dunque , anche in questo caso , prive di potenziali falsificatori. Il meccanismo adottato quello di considerare vera non solo la regola dell'istanziamento secondo la quale " ci che appartiene ad una classe appartiene anche ai singoli membri " ma anche il suo opposto per cui "ci che appartiene ad ogni singolo membro appartiene anche alla classe e dunque ad ogni singolo membro " il risultato di ci il crollo della struttura gerarchica delle previsioni. I legami di equivalenza uniscono tutti gli elementi appartenenti ad una classe ; per cui ad esempio nella classe della sfericit si pu dire che un pallone , la terra ed una bolla di sapone sono equivalenti per la forma sferica ma contemporaneamente sono diversi per tutte le altre caratteristiche ,cos come un canarino , un limone ed un cinese sono equivalenti rispetto al colore ma diversi per tutto il resto. Se invece utilizzo la forma inversa della regola dell'istanziamento i legami di equivalenza diventano legami di identit perch sufficiente l'equivalenza rispetto ad un attributo e quindi l'appartenenza ad una stessa classe per determinare l'identit di tutti gli altri attributi e quindi l'identit stessa degli oggetti. Tutto ci rende il sistema continuamente mutevole e le sue previsioni vaghe e confuse perch nelle aree dove tale processo attuato ogni elemento sostituibile con qualsiasi altro. Questo processo di creazione di sacche di identit dove ogni discriminazione divenuta impossibile massicciamente presente nel pensiero schizofrenico ma la si ritrova anche nel pensiero normale in aree dove il potere di risoluzione del sistema di costrutti al suo limite e , particolarmente , nel pensiero infantile. Scrive Arieti (1974): Una malata credeva di essere la Vergine Maria. Il procedimento del suo pensiero era il seguente: La Vergine Maria era vergine; io sono vergine; perci io sono la 65

Vergine Maria. La conclusione delirante fu raggiunta perch lidentit del predicato delle due premesse (lo stato di verginit) fece accettare alla paziente lidentit dei due soggetti (la Vergine Maria e la paziente).......Un malato citato da Bleuler (1913) pensava di essere la Svizzera. Come si pu spiegare un pensiero cos bizzarro? Anche allepoca di Bleuler la Svizzera era uno dei pochi paesi liberi del mondo, e il paziente aveva scelto questo nome per il concetto di libert col quale aveva la necessit impellente di identificarsi. la Svizzera ama la libert, io amo la libert, io sono la Svizzera. Il terapeuta che avr diagnosticato lo stile di conoscenza del suo paziente avr un vantaggio in quanto potr prevedere a che tipo di processazione andranno incontro le invalidazioni che egli tenta di inviare al paziente e come sar pi opportuno presentarle perch penetrino nel sistema cognitivo in maniera efficace. Avr tuttavia anche un compito ulteriore che , se portato a termine , render pi stabili i risultati della terapia e ridurr la possibilit di ricadute nella sofferenza. Si tratter infatti di esaminare insieme al paziente il suo privilegiato stile di conoscenza soprattutto quando si presenta in modo pervasivo e coatto per riuscire a modificarlo e poter riappropriarsi anche della modalit esplorativa che quella che meglio garantisce lo sviluppo positivo del sistema cognitivo ( si veda in proposito R.Lorenzini , S:Sassaroli 1995)

Stili di conoscenza e attaccamento


Lorenzini e Sassaroli associano gli stili di conoscenza ai pattern di attaccamento e propongono che gli stili di conoscenza sarebbero direttamente correlati alla storia di attaccamento vissuta. Chi ha vissuto un attaccamento sicuro, ha imparato che pu esplorare lambiente, potendo per sempre contare su una base sicura affidabile. Le attese innate di incontrare un adulto disponibile e capace di rispondere ai bisogni del bambino sono state confermate. L'accesso alla madre incondizionato, non dipende dalle sue prestazioni, ha la certezza di essere accettato ed quindi libero di alternare vicinanza e allontanamento. Il bambino esplora perch sicuro delle proprie capacit di risolvere i problemi testando ipotesi per eliminare quelle errate. Non teme le invalidazioni delle ipotesi perch sa generarne di nuove. Tutti nascono con l'attesa di incontrare un adulto accettante e nella realt l'adulto pu essere tale, ma pu essere anche assente, rifiutante o minaccioso. I quattro pattern di attaccamento sono la risposta a questo incontro. Il soggetto con attaccamento Evitante un soggetto ha sperimentato difficolt ad accedere alla madre, ha imparato a farne a meno. Cerca di contare solo su di s, non si riconosce nessuna debolezza. Non chiede il soccorso degli altri, mira all'autosufficienza. Ha la certezza del rifiuto, dell'impossibilit della relazione. L'intimit un territorio sconosciuto a cui rinuncia svalorizzandolo. Non manifestare il bisogno della madre il modo migliore che il bambino ha trovato per non farla allontanare ancora di pi. Il distacco, come ogni altro comportamento di attaccamento, ha lo scopo di mantenere comunque la massima vicinanza possibile con la madre. Tutto il S centrato sulla fiducia nel fare. Il soggetto con attaccamento evitante ha uno stile di conoscenza basato sullimmunizzazione. I dati della realt, essendo ricostruiti ad hoc, perdono di significato. La consensualit con l'altro senza una relazione interpersonale perde di importanza. Il soggetto considera il suo mondo di significati l'unico esistente e quindi non riconoscer gli altri, n le informazioni da essi provenienti. Pertanto non riconoscer neanche le invalidazioni che vengono dagli altri, si baser sulle proprie regole inferenziali e modificher tali regole per eliminare l'esistenza dell'invalidazione. Chi invece ha sviluppato un pattern di attaccamento Resistente-Ambivalente, ha sperimentato l'incertezza dell'esito del rapporto. La madre era capace di vicinanza e protezione ma non sempre disposta a concederle. Per contrastare l'imprevedibilit il bambino attribuisce a S il merito o la

66

colpa di conquistare o perdere la vicinanza e pensa 'tutto dipende da me". La propria amabilit acquista rilevanza centrale perch dalle proprie caratteristiche dipende l'esito del rapporto. L'amore dell'altro deve essere meritato attraverso le proprie prestazioni, che non sempre raggiungono l'obiettivo. Cos l'altro diventa sia un premio che un giudice. Il problema della propria amabilit resta sempre irrisolto: "se sono accettato sono amato, altrimenti no". Il soggetto che ha sviluppato uno stile di conoscenza basato sullelusione mette in atto una vicinanza serrata per controllare l'altro e diminuire la sua imprevedibilit. Quando raggiunge l'intimit scappa per paura che l'altro scopra le sue caratteristiche negative e lo abbandoni. Ha paura della solitudine perch non ha imparato a stare da solo e a contare su di s. Perci il soggetto ha sviluppato uno stile di conoscenza basato sullelusione: meglio non esplorare, n in s n nellambiente, per evitare cos di incorrere in prove che confermino la propria scarsa amabilit, perdendo cos la vicinanza della figura di attaccamento. Infine, il soggetto con attaccamento Disorientato-Disorganizzato ha vissuto la figura di attaccamento con un senso di minaccia e di pericolo. Questo avviene nei casi in cui la madre aggressiva, ma anche nei casi in cui la madre semplicemente triste o preoccupata. In questo caso, a differenza di quello che accade negli altri tipi di attaccamento, non c' pi l'aspettativa che la vicinanza alla madre abbia dei vantaggi. L'adulto confondente perch il bambino si aspettava altro ed minaccioso proprio perch chi doveva proteggere dal pericolo la fonte del pericolo. Le tre strategie per mantenere la vicinanza minima dalla madre sono inutilizzabili e si disorganizzano. Lo scopo non pi la distanza minima ma il potere. La previsione del rapporto non sta pi sull'asse accettazione-rifiuto, ma su quello della pericolosit. La valutazione del s ruota attorno alla propria forza, alla propria capacit di fronteggiare un pericolo. Non ha niente a che fare con il problema della propria amabilit: non si tratta di stabilire se si in grado di suscitare reazioni positive nell'altro, quanto di valutare l'abilit di fronteggiare una minaccia con la fuga, con lattacco, o con il congelamento. Il bambino con un attaccamento Disorientato-Disorganizzato svilupper uno stile cognitivo ostile. Tender allora a relazionarsi agli altri come nemici, cui imporre la propria visione delle cose. Una persona con questo stile di conoscenza impone all'altro le proprie scelte senza tener conto delle sue obiezioni. Interpreta l'invalidazione come un gesto ostile da parte dell'altro e accettarla diventa prova della propria debolezza. Dato che ha imparato che per sopravvivere bisogna essere forti, non pu accettarla. Il terapeuta avr a che fare con un peculiare stile di conoscenza del paziente, espressione del suo schema di attaccamento. Ne derivano precise indicazioni operative. Nel caso del soggetto con stile di conoscenza improntato alla immunizzazione, associato a un attaccamento evitante, il problema risiede nel fatto che gli altri non vengono riconosciuti, a causa del forte egocentrismo cognitivo del soggetto che manipola le regole del suo sistema cognitivo per fa fronte alle invalidazioni. In questo caso il terapeuta deve porsi come presenza discreta. La relazione terapeutica diviene loccasione ideale perch il paziente possa riconoscere laltro, senza viverlo n in maniera evitante n in maniera aggressiva. Una persona che ha uno stile di conoscenza basato sullelusione non ha potuto vivere unesperienza relazionale nel passato che gli permettesse di esplorare lambiente e di mostrare se stesso (anche nei lati negativi) senza paura di perdere la vicinanza della figura di attaccamento (pattern resistenteambivalente). In questo caso, il terapeuta dovr agire soprattutto come base sicura. Ci permetter al paziente di sperimentare che pu esplorare lambiente ed essere pienamente se stesso, senza che ci implichi il perdere la vicinanza della figura di attaccamento. Infine, il soggetto con uno stile basato sullostilit associato a un attaccamento disorientatodisorganizzato ha imparato a percepire gli altri come nemici e tender a vedere e a trattare anche il terapeuta in modo ostile. Sar allora fondamentale che il terapeuta eviti di partecipare a queste transazioni negative, continuando a mantenere un atteggiamento collaborativo. Gradualmente,

67

anche il paziente imparer che esistono relazioni basate sulla fiducia e sullaiuto reciproco, in vista di un obiettivo congiunto. In sintesi possiamo dire che la relazione terapeutica utilizzata per cambiare gli stili di conoscenza, definiti come modalit tipiche, apprese nella relazione dattaccamento, di fronteggiare le invalidazioni e di minimizzarne gli effetti. necessario che il terapeuta guardi il mondo con gli occhi del paziente per poi fargli sperimentare nuove modalit di conoscenza. Questa riflessione mostra la possibilit e lutilit dellintegrazione e non di una semplice giustapposizione, di contributi diversi, come ad esempio, la teoria dellattaccamento di Bowlby e la teoria dei costrutti personali di Kelly, al fine di giungere ad una visione della relazione terapeutica articolata, complessa, con una sua specificit rispetto al modello di intervento di stampo cognitivocomportamentale.

Illusione di controllo
Tessiamo ora un elogio dellincertezza come stato da cui procede la crescita della conoscenza e dunque dellimportanza di saper tollerare un certo grado di insicurezza. Abbiamo visto come i sistemi cognitivi abbiano interesse a costruire mappe della realt sempre pi verosimili essendo questa la strada migliore per poter perseguire con successo i propri scopi e abbiamo visto, altres, come nonostante latteggiamento tendenzialmente confermazionista che porta a cercare di limitare leffetto delle invalidazioni sulle credenze centrali, sia proprio il riaggiustamento delle credenze successivo ad una invalidazione a condurre ad un aumento della capacit predittiva. Tuttavia spesso la patologia la risposta ad un evento stressante che altro non se non una situazione in cui il soggetto avverte la sua incapacit a prevedere e controllare quanto sta accadendo. Non esistono situazioni stressanti in se, ci che rende stressante lincapacit di dominare levento: stare ai comandi di un aereo di linea con trecento passeggeri a bordo non affatto stressante per un comandante esperto che pu vivere questa esperienza come una noiosa routine mentre un comune mortale incanutirebbe in un istante; allo stesso modo coloro che eseguono le autopsie tutti i giorni lo fanno chiacchierando di come hanno trascorso il week-end e poggiando la sigaretta sul bordo del tavolo autoptico tra una tirata e laltra o quando hanno bisogno di entrambi le mani per impugnare la sega elettrica, mentre i poveri studenti assiepati intorno sentono le gambe vacillare, una leggera nebbiolina affollare la testa e lo stomaco girovagare per tutto laddome e rimarranno con quelle immagini impresse nella mente per molto tempo; un attore che si esibisce di fronte ad un folto pubblico non stressato affatto ma sguazza perfettamente a suo agio in quella situazione che conosce benissimo e che per lui esaltante ma che invece sarebbe uno stress micidiale per una persona con ansia sociale. Ad esempio quando il DSM IV sostiene che i traslochi siano un evento altamente stressante non tiene conto della categoria dei traslocatori o degli attori girovaghi. Se vero che i sistemi tendono a costruire mappe sempre pi attendibili ed efficaci per perseguire i propri scopi, altrettanto vero che laspettativa di controllo assoluto delle situazioni genera delle strategie per giungere a questa impossibile meta che sono spesso la causa della psicopatologia: un sistema ben funzionante riesce a tollerare un margine di incertezza generato dallinvalidazione senza affannarsi per il fatto di non avere il dominio assoluto che non di questo mondo. Ad esempio di fronte allincertezza alcuni tentano disperatamente e senza successo di aumentare il controllo su alcuni aspetti del se e si infilano in loop senza fine: i fobici tentano il controllo sullarea delle emozioni e pi falliscono pi provano emozioni sgradevoli dalle quali si illudono di uscire aumentando ancora di pi il controllo in una spirale senza fine; altrettanto fanno gli ossessivi sullarea delle prestazioni per essere certi di non avere colpa, mentre gli ipocondriaci scelgono larea della certezza di assenza di malattia per lanciare la loro sfida impossibile. Coloro che soffrono di disturbi alimentari preferiscono larea dellalimentarsi ma la battaglia comunque sempre la stessa: il controllo assoluto su di se. Altri ancora scelgono di rivolgere il tentativo di controllo non su di se ma sugli altri dando origine a tutte quelle patologie che sono caratterizzate dal tentativo di manipolazione degli altri e che fanno 68

parte dei disturbi di personalit del Dramatic Cluster (Disturbo narcisistico, Disturbo Istrionico, Disturbo Borderline, Disturbo Antisociale): il risultato altrettanto insoddisfacente e generatore di ulteriori circoli viziosi. Infine nei disturbi di personalit dellOdd Cluster ed ancor pi nei disturbi psicotici il tentativo di controllo in vista di una certezza assoluta sembra aver successo attraverso una manipolazione dura dei dati di realt ma si tratta di un successo soltanto apparente in quanto il prezzo pagato la perdita di consensualit con gli altri e la creazione di una verit privata dove si ha sempre ragione ma si finisce per essere disperatamente soli in un mondo autarchico. Tutte e tre queste grandi categorie psicopatologiche coltivano con strategie diverse lillusione di raggiungere un controllo assoluto e si arrovellano continuamente per tentare inutilmente di arrivare ad un dominio assoluto.Tanto pi aumenta il livello di incertezza e tanto pi aumenta il tentativo di annullarla, tentativo tanto faticoso quanto inutile (si pensi agli ossessivi) (Salkovskis P.M. 1996). Al contrario il depresso vive pienamente questa sconfitta ; sconfitta che tuttavia tale solo a partire dalla stessa premessa che il controllo assoluto, la certezza, la prevedibilit senza ombre di dubbio sia raggiungibile. Tutte le patologie sembrano dunque originarsi dallo stesso tronco comune: lillusione di controllo assoluto. Illusione di controllo che per taluni riguarda il se, per altri gli altri, per altri ancora si esercita sugli stessi dati percettivi ed inferenziali e per alcuni si infrange nella certezza del fallimento e genera il sentimento di fallimento della depressione. Al contrario sembra che i sistemi ben funzionanti pur ricercando il massimo grado di prevedibilit possibile accettano di non essere onnipotenti e di mantenere un certo livello di incertezza e di dubbio. Di nuovo sembra quasi che il delirio sia il polo verso cui tutta la psicopatologia tende e che tutti gli altri disturbi costituiscano una sorta di fallimento ricorsivo verso laspirazione alla certezza assoluta che si realizza soltanto nel delirio.

Rimuovere gli ostacoli al cambiamento


Abbiamo visto che lessenza della patologia sta nel blocco del processo di cambiamento che dovrebbe attivarsi di fronte al mancato raggiungimento di uno scopo a causa di ostacoli al processo di cambiamento. Questi ostacoli sono costituiti da una o pi credenze che impediscono sia il cambio della strategia di perseguimento dello scopo che la rinuncia allo scopo stesso. Tali ostacoli altro non sono che delle credenze che appaiono immodificabili per povert del sistema, per abitudine o, nella grande maggioranza dei casi, per la centralit e la mancanza di alternative delle stesse. Lessenza della terapia consister nella rimozione degli ostacoli che impediscono il cambiamento. Tutto il percorso terapeutico consiste essenzialmente nellidentificazione delle credenze dolenti e nella loro rimozione attraverso la creazione di alternative e dunque la creazione di nuovi universi di significato che vanno a riempire spazi dove cera soltanto il vuoto predittivo dando al soggetto la possibilit di scegliere e di cambiare. La terapia un itinerario che conduce allaumento dei gradi di libert del sistema, eliminando dei vincoli, togliendo divieti e cecit piuttosto che insegnando la soluzione giusta che non esiste.

Strategie terapeutiche
Fino ad ora ci siamo occupati di quegli aspetti della mente del soggetto, credenze, aspettative, modalit di funzionamento, che pur non essendo direttamente coinvolti nella genesi del problema psicopatologico causante sofferenza contribuiscono grandemente al suo mantenimento ed interferiscono in modo significativo con il processo terapeutico riduncendone lefficacia che oggi al centro di attente riflessioni e valutazioni (Morosini P. et al. 1992; Roth A., Fonagy P.1996). Ora ci corre lobbligo di andare ad analizzare il lavoro terapeutico vero e proprio che come gi detto consister essenzialmente nellidentificare e rimuovere le credenze che costituiscono un ostacolo al 69

cambiamento piuttosto che nellindicare la direzione del cambiamento.Il primo passo naturalmente consiste nel porre una diagnosi; diagnosi che avr degli aspetti categoriali quando identificher gli schemi prevalenti con cui il soggetto costruisce la sua realt e d significato al suo universo (le ben note organizzazioni cognitive) e aspetti dimensionali quando sottolineer la centralit, la pervasivit e la mancanza di alternative di tali schemi. Quando diciamo che un soggetto ha unorganizzazione fobica indichiamo che egli costruisce se stesso come fragile ed il mondo come pericoloso e che il tema della sopravvivenza e del pericolo sono in primo piano; ma esistono fobici e fobici: alcuni gravemente sintomatici ed altri no, alcuni con altri schemi costruttivi ricchi e sviluppati ed altri senza di essi. Laspetto categoriale e dimensionale considerati insieme ci danno una visione complessiva pi ampia e pi utile allintervento (Guidano V., Liotti G. 1983; Pancheri P. 1995; Frances 1982; Clikin, Widiger et Al 1983; Frances, Widiger 1986; Livesley e coll 1994). Fatta la diagnosi vediamo dunque di esaminare le operazioni decisive da compiere in un ordine che seppure non rigidamente tende ad essere quello cronologico rimandando al capitolo sullintervento terapeutico per un esame dettagliato delle tecniche utilizzabili per compiere queste operazioni.

INCREMENTO DELLA METACOGNITION


La prima di queste manovre quella che possiamo chiamare operazione elicottero nome che rappresenta con un immagine la visione dallalto dei propri problemi che si cerca di far acquisire al cliente. La visione dallalto comporta nello stesso tempo il distacco e la consapevolezza. Probabilmente si tratta di una operazione che con nomi diversi e con tecniche diverse viene messa in atto da tutte le molteplici diverse psicoterapie. Si tratta infatti di una sorta di premessa generale al cambiamento: il soggetto invece di limitarsi a vivere i problemi e le sofferenze di cui si lamenta si osserva mentre ci avviene, si rende conto di quali siano le situazioni che scatenano il disagio, di quali pensieri gli passino in quel momento per la testa, di quali siano gli scopi irrinunciabili che muovono il suo comportamento ed attivano le sue emozioni. Non si tratta di cosa di poco conto perch questo osservarsi da fuori fa subito si che si sviluppi un punto di vista allinterno del soggetto che fuori dal problema presentato; ad esempio c molta differenza tra lessere furiosamente arrabbiati ed osservare la propria rabbia comprendendone gli elementi attivanti, i pensieri, i comportamenti. Mentre si compie questa operazione il punto di vista dal quale si osserva la propria rabbia non arrabbiato, dunque non si completamente preda della rabbia ma pi semplicemente una parte di s, sotto osservazione sta sperimentando rabbia. E da notare che con i nostri occhi possiamo osservare ogni cosa che ci circonda, il comportamento degli altri, il nostro comportamento ed il nostro stesso corpo tranne una parte di esso che sono appunto gli occhi, il punto di vista dal quale guardiamo le cose non pu essere oggetto di osservazione se non con un strumento esterno che funge da specchio e forse possiamo descrivere il ruolo dello psicoterapeuta in questa fase iniziale proprio come una funzione di specchio . Lo psicoterapeuta infatti interessato ad aumentare la consapevolezza del proprio cliente su quelli che sono gli schemi di significato pi superordinati che regolano il suo comportamento e che quindi sono difficilmente a lui direttamente accessibili. In qualche modo potremmo dire che il terapeuta non interessato tanto alla predica quanto a evidenziare la struttura del pulpito, le premesse tacite e scontate dalle quali il soggetto parte per le sue argomentazioni e valutazioni. La domanda che si pone di fronte ad un affermazione del suo cliente sostanzialmente: da quali premesse parte questa persona per dire ci, quali sono le cose a cui da importanza, gli scopi che persegue, lidea di s e del mondo che lo guida?. Immaginiamo il signor Carlo che si rivolge ad un terapista preoccupato per il fatto che sta sempre pi diventando dipendente dagli altri in particolare in campo affettivo e citi a riprova di ci che avendo conosciuto una sua coetanea quarantacinquenne sul lavoro ha provato un paio di volte il desiderio di chiamarla a casa durante una settimana di assenza dal lavoro e gli capitato pi volte durante il giorno di pensarci, cosa che non gli era mai capitata neanche durante lunica storia di amore della sua vita, avuta a sedici anni e durata due mesi. 70

Immaginiamo ancora un altro signore di nome Giovanni e di trentanni che invece chiede aiuto per il progressivo drammatico inaridimento del suo cuore incapace a suo dire di provare le emozioni di un tempo ed in particolare di innamorarsi. Egli riferisce quasi con vergogna il fatto che durante lultimo week-end, nonostante la sua fidanzata fosse lontana da lui per motivi di lavoro, era stato bene, laveva cercata al telefono soltanto due volte e non aveva provato quella straziante lacerazione interiore che sperimentava ad ogni seppur minimo distacco che costituisce il segno inequivocabile dellamore: dunque, ne deduceva, non era pi in grado di amare. Le due situazioni sono speculari e sottolineano la differenza fondamentale tra ci che il soggetto dice di se, a lui ben cosciente, ed il punto di vista dal quale lo dice che invece e poco consapevole e comunque esente da possibilit di autocritica. Carlo si lamenta di essere troppo dipendente ma il punto di vista dal quale fa questa valutazione sembra essere una modalit di attaccamento evitante assolutamente patologica della quale non ha consapevolezza alcuna. Giovanni, invece, riferisce un problema di distacco emotivo e di incapacit di coinvolgimento ma dice ci partendo da una visione dei rapporti assolutamente simbiotica che sembra dare assolutamente per scontata. Entrambi sembrano scambiare una novit che va verso un riequilibrio ed un miglioramento per un segno di insorgente patologia. In sintesi se ovviamente molto importante ascoltare quello che il cliente dice di s, non meno importante chiedersi quale sia il punto di vista, per lui implicito, dal quale dice quelle cose. In fondo si tratta di invitare il cliente ad osservarsi fornendogli uno specchio che gli permetta di vedere ci che necessariamente a lui invisibile aumentando cos la sua metacognition. Avere consapevolezza delle credenze e degli scopi che regolano il proprio stare al mondo la premessa indispensabile per sottoporli a revisione critica

INTERRUZIONE DEGLI AUTOMATISMI


La seconda operazione consiste nellattacco al sintomo nei suoi aspetti pi comportamentali per attenuare la sofferenza che esso comporta e per incentivare limpegno del cliente con dei risultati tangibili. A tale proposito si ricordi quanto detto sopra a proposito dellaspetto di abitudine del sintomo che seppure iniziato per specifici motivi psicologici e comunque da essi mantenuto, acquista nel tempo un carattere di ripetitivit abitudinaria che tende ad automantenersi generando peraltro dolorosi, ripetitivi problemi secondari. E dunque importante analizzare meticolosamente le sequenze comportamentali del sintomo e creare delle alternative che servano ad annullare i vecchi automatismi ed a sostituirli con nuovi possibili schemi. Anche in questo caso lacquisizione di consapevolezza sul meccanismo di attivazione e sviluppo del comportamento sintomatico il primo fondamentale passo per riacquisirne il controllo e poterlo dunque sostituire con qualcosaltro, prima con uno sforzo cosciente, poi sempre pi automaticamente.I passi da compiere in successione rispetto allautomatismo sintomatico sono dunque quello di accorgersene consapevolmente e descriverne le sequenze e poi di iniziare a pilotarlo fino a poterlo rimandare e modificare ed infine giungere ad annullarlo La terapia cognitiva comportamentale tradizionalmente ricca di tecniche utilizzabili a tale scopo che saranno descritte pi in dettaglio nel capitolo dedicato allintervento.

RIMOZIONE DELLE CREDENZE DOLENTI


Il terzo momento costituisce il corpo centrale della terapia, il lavoro pi impegnativo e duraturo ed anche quello che riapre le porte al meccanismo del cambiamento che si era inceppato generando la sofferenza patologica. Si tratta della rimozione delle credenze dolenti che bloccano sia le strategie dellimpegno che quelle della rinuncia. E chiaro che tale operazione pu essere compiuta solo quando le credenze dolenti, bersaglio dellintervento, sono state identificate. Lo scopo non di sostituire una vecchia credenza con una nuova magari suggerita dal terapeuta ma di eliminare la

71

vecchia credenza lasciando poi spazio al processo creativo del cliente per produrre delle alternative idonee a armonizzarsi con il suo modo generale di intendere la vita. Molteplici sono le tattiche per attaccare le credenze dolenti e pur senza scendere nellanalisi delle singole specifiche tecniche opportuno spendere qualche parola sulle strade maestre che si possono seguire per compiere questa operazione. La storia di apprendimento La prima, e forse la pi importante, la ricostruzione della storia di apprendimento delle credenze dolenti stesse. In pratica si tratta di chiedersi insieme al paziente: ci siamo accorti insieme che lei agisce sempre partendo dallidea che.. e che questo modo di fare spesso causa della sua sofferenza e dei guai in cui va a cacciarsi. Sarebbe interessante scoprire insieme come lei abbia fatto a mettersi in testa questa idea in modo cos radicale e assoluto e come abbia fatto a mantenerla in tutti questi anni. E chiaro che tutta la ricostruzione anamnestica cambia prospettiva. Non si tratta infatti di ricordare ed assommare una serie di eventi ma di compiere unopera di archeologia andando a ricercare le origini di qualcosa di cui ancor oggi si vedono gli effetti e le vestigia. In pratica si segue un fil rouge nella ricostruzione della storia del soggetto costituito dalle credenze dolenti. Limportanza di scoprire il contesto dove avvenuto lapprendimento ed i successivi rinforzi decisiva per poi relativizzare la credenza stessa in quanto ci si avvede facilmente di come tale convinzione sia stata generata da poche esperienze che potevano avere spiegazioni diverse e soprattutto che stata assolutamente generalizzata estendendola a contesti impropri. Facciamo un esempio: un cliente si rende conto che tutta la sua vita dedicata alla ricerca dellapprovazione degli altri dei quali ritiene di aver assoluto bisogno data la sua debolezza e che tuttavia, proprio a motivo di tale debolezza, non pu essere davvero apprezzato e amato da nessuno. Finora aveva agito secondo tale prospettiva senza neppure rendersene ben conto, ora invece ne consapevole ma non per questo ha cambiato prospettiva. Ora si va a ricostruire dove ha imparato l'idea relativa alla sua debolezza e conseguentemente al bisogno degli altri e alla sua non amabilit. Cos si scopre che la madre ,probabilmente con un disturbo fobico, non voleva mai rimanere da sola e dunque non faceva altro che dire al figlio che affrontare il mondo era molto pericoloso e che lui con le sue deboli forze non ce la avrebbe fatta e dunque gli conveniva rimanere accanto a lei che, solo in quanto sua madre, poteva volergli bene. Il padre che pur continuando a vivere in casa si era fatto unaltra famiglia con una nuova compagna dalla quale aveva avuto due figlie femmine, non faceva altro che rimproverarlo dicendogli che era un buono a nulla e paragonandolo costantemente con le altre due figlie di cui affermava cose meravigliose dicendo che era un vero piacere stare con loro mentre quando stava a casa non vedeva l'ora di andarsene. Il nostro cliente aveva iniziato a pensare che fosse per colpa sua che il padre se ne era andato di casa e si sforzava in ogni modo per riparare cercando di essere accondiscendente, servizievole e gradevole ai suoi occhi ma ottenendo delle costanti disconferme. Questo contesto dapprendimento non era ovviamente chiaro al nostro cliente nel momento in cui lo stava vivendo ma ora lo era diventato e dunque le credenze su di s e sul mondo che giustificavano il suo comportamento sintomatico potevano essere fortemente ridimensionate. Poteva dirsi non pi sono debole ma pi precisamente mia madre mi diceva di essere debole per tenermi sempre vicino a lei soprattutto dopo che mio padre laveva lasciata e mio padre mi diceva che non valevo niente per giustificare ai suoi occhi il pessimo comportamento che aveva con la nostra famiglia e le sue costanti assenze. Io mi sono imbarcato in una impresa senza speranza perch non dipendente da me cio quella di far tornare insieme mio padre e mia madre e non riuscendovi mi sono convinto di essere un incapace. E evidente che dopo questa ricostruzione pi facile assumere un atteggiamento critico rispetto alla credenza circa la propria assoluta debolezza. sempre molto importante far comprendere al cliente che lidea che oggi lo fa soffrire non stata generata per caso ma che in un certo contesto essa aveva ragione di essere ed ha avuto persino un 72

significato adattivo; il guaio successo quando la credenza stata assolutizzata, non pi sottoposta a critica ed applicata in contesti molto diversi da quelli in cui aveva senso. Per certi versi si pu dire che tutta la patologia abbia origine dalla mancata percezione del tempo che passa e degli scenari che cambiano per cui si continua a ripetere la stessa recita in teatri totalmente diversi dove non ha pi senso. Cos il bambino ha ragione di credere di avere assoluto bisogno dellaffetto degli altri, tale idea non affatto disfunzionale in quanto la sua stessa possibilit di sopravvivenza affidata alle cure degli adulti; ma tutto ci diventa incongruo e dannoso se uno continua a pensare di avere assoluto bisogno dellaffetto di tutti gli altri a quarantanni e in riferimento a tutti, colleghi di lavoro e condomini compresi. I pattern di attaccamento insicuri con gli internal working models che li sostengono sono funzionali al mantenimento della relazione con la figura di attaccamento allinterno della quale si sviluppano ma diventano in seguito disfunzionali in quanto operano una incongrua generalizzazione rapportandosi a tutte le persone come se si trattasse sempre delloriginaria figura di attaccamento. Cos se per mantenere un qualsivoglia rapporto con quella particolare madre era necessario mantenere le distanze e non farle troppe richieste di vicinanza imparando a contare su di s, improprio pensare che non ci si pu affidare a nessuno e che la vicinanza pericolosa e foriera di pericolosi abbandoni e cos vivere una vita senza legami affettivi. Altrettanto improprio pensare che tutti siano imprevedibili e pronti a fuggire e quindi che sia necessario non mollarli un istante e controllarli continuamente solo perch successo cos nella propria vicenda infantile con la madre. La discussione critica Oltre la ricostruzione della storia di apprendimento unaltra tattica fondamentale di cambiamento costituita dalla discussione critica in cui la Terapia Razionale Emotiva di Ellis maestra. Gli esseri umani adulti sono ragionevoli e normalmente riescono a cambiare idea se si dimostra loro che hanno torto o che quel particolare modo di vedere che non pu essere giudicato ne vero ne sbagliato non trattandosi di una affermazione scientifica ma di una sorta di ideologia, comunque dannoso per il loro benessere. Forse tale modalit non idonea al modo di affrontare le cose di molti clienti che non utilizzano il ragionamento razionale e la logica aristotelica per affrontare i problemi ma con alcuni invece assolutamente efficace ed apprezato: molto dipende dall'adesione del paziente stesso a questo modo di procedere. Probabilmente pi sono precocemente apprese le credenze e pi difficile affrontarle esclusivamente con questa modalit che comunque non va mai trascurata perch quella che comunque consente al cliente una sitematizzazione del processo terapeutico e gli fornisce uno strumento che pu utilizzare in proprio anche dopo il termine della terapia. La falsificazione per sperimentazione Ancora una tattica di assoluto rilievo, che al contrario della precedente, utilizzabile anche con soggetti non particolarmente usi alla riflessione teorica sui problemi la falsificazione per sperimentazione. Non dimentichiamo che le credenze sono state modellate su esperienze reali vissute dal soggetto e non c alcuna ragione perch attraverso altre esperienze le stesse credenze non possano essere messe in discussione, falsificate ed abbandonate. Anzi il normale processo di cambiamento durante lesistenza non avviene, per fortuna, solo grazie alla psicoterapia ma a seguito delle invalidazioni delle aspettative che costringono a rivedere le nostre posizioni ed a cambiare idea. Le esperienze dissonanti con i nostri schemi non vengono solo assimilate agli schemi, a meno che non si tratti di situazioni deliranti, ma comportano un accomodamento degli schemi stessi. Le esperienze possono avere come teatro situazioni reali provocate ad hoc ( i tradizionali homework) per testare particolari credenze oppure utilizzare gli accadimenti quotidiani della settimana per vedere se la lettura che ne ha dato il paziente lunica possibile o se invece ci sono altri modi, per lui inconsueti, di costruire i fatti. Tale rilettura critica pu essere fatta, molto utilmente, anche rispetto ad eventi passati che il paziente ritiene particolarmente importanti come prova della verit delle credenze che si sta 73

tentando di mettere in discussione. Cos si pu discutere quali altre spiegazioni possono esserci del fatto che la sua ragazza lo ha improvvisamente lasciato dopo soli due mesi che stavano insieme oltre quella che lui ha da subito adottato e che lo descrive come un buono a nulla; oppure ci si pu chiedere se la mancata promozione sul lavoro sia da attribuire necessariamente alla sua scarsa capacit, verificando se gli altri sono pi capaci di lui, cosa ha determinato la promozione del collega, quanti sono i diversi motivi per cui si pu far carriera, come viene giudicato normalmente dagli altri e cos via. Tuttavia il banco di prova pi efficace per la falsificazione delle credenze la stessa relazione terapeutica ed l principalmente che possono avvenire esperienze falsificatorie. La maggior parte delle credenze implicate nei problemi psicopatologici riguardano la relazione del s con gli altri, ed ovvio che siano utilizzate per orientarsi in una relazione importante come quella terapeutica. Cos evidente che il cliente che porta un problema di anassertivit e di dipendenza sar anassertivo e dipendente anche con il terapeuta; quello che manifesta un tema persecutorio sar sospettoso anche con il terapeuta e quello che si sente sempre giudicato temer il giudizio del terapeuta e sar reticente nel dire delle cose che ritiene possano ledere la sua immagine. Si potrebbe continuare con esempi allinfinito ma questo tema sar ripreso esaminando la peculiarit della relazione terapeutica nei singoli quadri psicopatologici con le relative attenzioni che deve tenere il terapeuta. Quello che in questa parte generale vale la pena di sottolineare che il terapeuta deve osservare quanto accade nella relazione terapeutica in quanto lunico osservatorio in diretta dei problemi del paziente, tutto il resto ci che lui ci riferisce ed inevitabilmente filtrato dal suo punto di vista che esattamente ci che celato e che ci interessa pi di ogni altra cosa scoprire. In secondo luogo il terapeuta deve essere consapevole che con il suo comportamento pu validare o invalidare gli schemi relazionali che il paziente gli propone e che tali conferme o disconferme sono estremamente pi efficaci di quanto detto a parole e che in caso di contraddizione tra i due livelli di comunicazione, il paziente dar fede alla comunicazione pragmatica. Ad esempio se il terapeuta si mostrer pi accogliente , comprensivo ed affettuoso dopo che il paziente avr messo in atto dei comportamenti di dipendenza ed anassertivit a nulla varr sostenere a parole che spesso sono le persone pi decise ad essere apprezzate; quello che il paziente capir che essere passivi e mostrarsi deboli funziona e come. Insomma la relazione terapeutica il teatro dove si svolge per lennesima volta la recita consueta del paziente intitolata cosa penso di me e degli altri e cosa faccio per starci insieme: questo tema non soltanto ripreso nel contenuto dei dialoghi ma anche il canovaccio nascosto che guida ogni azione scenica, ogni interazione tra paziente e terapeuta. La costruzione dellombra Contemporaneamente al tentativo di rimuovere le credenze dolenti, dopo averle evidenziate, va portata avanti unaltra decisiva operazione terapeutica senza la quale il lavoro resta incompleto e instabile; si tratta di quella che, in omaggio al grande C.G.Jung ci piace chiamare la costruzione dellombra. Essa consiste essenzialmente nel costruire alternative praticabili alle vecchie modalit di pensare e di essere. Il vecchio pu essere abbandonato solo in quanto c qualcosa con cui sostituirlo in quanto i sistemi cognitvi non rinunciano ad una spiegazione dei fatti per cadere in uno stato di incertezza predittiva se non hanno qualche altra spiegazione migliore della precedenza. Abbiamo visto in precedenza come le credenze mostrano una inerzia tanto pi forte al cambiamento tanto pi sono centrali e senza alternative perch proprio questo che le rende un baluardo indispensabile di fronte al possibile caos, quindi costruire delle alternative aprire la strada al cambiamento. Il paziente teme di abbandonare certe credenze, soprattutto relative a se stesso, perch non immagina neppure lontanamente cosa ci possa essere oltre. Il mostro che immaginiamo esserci oltre i confini del conosciuto tale solo perch ignoto, avvolto nellombra; se facciamo luce , se rendiamo pensabile quello che prima era impensabile scopriremo, come al solito, che il diavolo, seppure non bellissimo, non certo brutto come lo si dipinge. Un signore ossessivo quarantenne sposato e con due figli temeva di scoprirsi omosessuale ed i rituali e le ruminazioni erano finalizzati a rassicurarlo rispetto a questa evenienza. Egli conosceva 74

benissimo luniverso di significati che aveva costruito intorno allessere un uomo onesto e generoso, un buon padre di famiglia ed un affidabile marito e temeva che tutto questo si sgretolasse alla scoperta di essere omosessuale. Al contrario del mondo gay non conosceva quasi nulla se non alcune immagini stereotipate e caricaturali per cui credeva che tutti i gay fossero effeminati, travestiti e non facessero altro che prostituirsi in calze a rete e tacchi a spillo tra la derisione generale. Una parte importante della terapia consistita nella conoscenza pi adeguata del mondo gay attraverso letture e conoscenze per cui lentamente il mostro diventato meno tale e sono cessati i rituali che servivano a preservare da esso. Il nostro signore ha continuato ad essere eterosessuale come era sempre stato ma aveva smesso di temere lomosessualit perch laveva conosciuta, laveva resa pensabile. esperienza comune di tutti gli esseri umani temere eventi, quali ad esempio i lutti, che si immaginano definitivamente devastanti per la propria psiche mentre quando poi si verificano, pur nel dolore, il soggetto sopravvive e addirittura si meraviglia di se stesso e delle sue insospettate risorse. In terapia utilissimo far costruire al paziente questi scenari di possibilit concrete laddove prima cera soltanto il nulla, il terribilmente sconosciuto. Una signora fobica che non si muoveva se non accompagnata dal marito, dal padre o dalla madre fu invita a pensare, durante una seduta di gruppo, alleventualit della morte per incidente stradale di tutti e tre i suoi accompagnatori in un colpo solo. Dopo il primo momento di sgomento e ripetute affermazioni di non poterci neppure pensare fu incalzantemente invitata dai componenti del gruppo a pensare cosa concretamente avrebbe fatto nei primi dieci minuti, poi nella prima ora, nel primo giorno , nella prima settimana e cos via. Di fronte al suo smarrimento gli altri le ricordavano le esigenze irrinunciabili della vita quotidiana come vestirsi, andare in bagno, mangiare, dormire che la riportavano costantemente su di un piano di concretezza. Progressivamente riusc ad immaginare delle strategie per trovare un lavoro e per ricostruirsi una vita di relazione. Non che a questo punto levento di perdita non fosse considerato molto negativamente ma era diventato pensabile, ella aveva a disposizione delle mappe da adoperare in caso tale evenienza si fosse verificata e ci la rendeva meno orribile. Questa la parte pi creativa della terapia in cui il cliente sollecitato a inventare nuovi panorami, a esplorare territori sconosciuti, ad immaginare possibilit impensate di essere, ad esplodere tutti i gradi possibili di libert che erano imprigionati nelle vecchie credenze che fungevano da vincolo invalicabile. Per fare ci ogni strumento buono: limmaginazione, losservazione degli altri a lui pi o meno vicini, la lettura, i film, i sogni, le fantasie guidate. Lo strumento pi idoneo dipende dalle capacit e dalle preferenze del soggetto e spesso sar lui stesso a suggerirlo. Il consolidamento del nuovo Lultima tappa della terapia consiste nella sperimentazione e nel consolidamento del nuovo modo di funzionare che allinizio non sar spontaneo ma frutto di unattivit consapevole tesa, ogni volta, a identificare il vecchio modo automatico di funzionare, bloccarlo, evidenziare e criticare le credenze che lo sostenevano, sostituirle con il nuovo modo di pensare, mettere in atto il nuovo modo di fare: tutto ci indubbiamente farraginoso ma indispensabile. Via via che questesercizio si ripete le nuove abitudini sostituiscono le vecchie ed il comportamento torna ad essere sentito come spontaneo. Il paziente riferisce spesso che le cose funzionano ormai diversamente ma egli costretto a porre attenzione al nuovo modo di funzionare, questo indice certo che la terapia pu essere diradata ma non ancora opportuna una sospensione perch il nuovo modo di funzionare non ancora divenuto un automatismo. La rivisitazione del percorso La terapia dovrebbe poi chiudersi con una rivisitazione di tutto il percorso terapeutico per rendere consapevole il cliente delle metodologie che hanno reso possibile la riattivazione del processo naturale del cambiamento che si era inceppato generando la sofferenza psicopatologica; in tal modo

75

egli lascer la terapia non soltanto con un problema risolto ma con il metodo per risolvere i problemi che, normalmente, non mancano mai.

Disturbi fobici
I cognitivisti standard dellultima generazione sostengono che vi sia da parte delle persone soggette a panico e agorafobia una esagerata attenzione verso i messaggi corporei e che questa attenzione faccia s che vi sia una deformazione, in senso catastrofista, di qualsiasi messaggio casuale che provenga dal corpo: questa interpretazione fuorviante produce ansia, la quale aumenta lattenzione e cos via, in un circolo vizioso che si automantiene. Pertanto, secondo i cognitivisti i disturbi fobici sono caratterizzati dal circolo vizioso che inizia con una esagerata attenzione da parte dei paziente fobici ai messaggi corporei, che porta a una catastrofizzazione di qualsiasi messaggio casuale che provenga dal corpo. Ovviamente questo provoca ansia e si chiude il circolo vizioso perch lansia aumenta lattenzione ai messaggi corporei. Durante l'attacco d'ansia il paziente non costruisce lansia, cio non spiega i correlati fisiologici dellansia come un'emozione intensa d'ansia, anche perch i suoi tentativi di controllarla falliscono e lui crede che invece l'ansia sia controllabile. Allora si convince di essere in preda a qualcosa di estraneo, di cui in totale balia, e che lo porter a perdere il controllo sul proprio corpo e sulla propria mente. Questa previsione non aiuta a diminuire l'ansia. Una persona pu ad esempio scambiare per malattia dei brividi di freddo o leccitazione sessuale. La tendenza allinterpretazione catastrofica vista come dipendente da esperienze di apprendimento precoce o dalle reazioni che medici, parenti o amici hanno verso il primo attacco di panico. Tutte queste ipotesi sono state sottoposte a sperimentazione con successo, confermando la tendenza dei paziente con panico a interpretare in modo catastrofico le sensazioni corporee, diversamente da chi non soffre di panico. Le procedure che attivano le distorte interpretazioni catastrofiche delle sensazioni corporee aumentano il panico in pazienti con panico, questo vuol dire che se ridurr la tendenza del paziente a interpretare in modo catastrofico le sue sensazioni allora ridurr anche il panico. La moderna terapia cognitiva porta avanti riguardo ai disturbi dansia, un punto di vista che Salkovskis sintetizza cos: Poich i paziente sono impauriti da certe sensazioni testano in modo ripetitivo il corpo alla ricerca del pericolo, notano sensazioni che gli altri trascurano, da cui traggono la conclusione che allora vero che sono malati. La messa in atto di molti comportamenti evitanti impediscono ai paziente di disconfermare le loro ipotesi (errate) che quindi permangono nel tempo. In tutti i disturbi dansia presenti: Emozioni dansia; Visione di s come deboli; Comportamenti di evitamento. Mentre per i comportamentisti lansia e levitamento sono sufficienti per identificare un disturbo dansia, per i cognitivisti, oltre allansia e allevitamento, sempre presente il fatto che il paziente si considera debole, vulnerabile. Nellepoca precedente allesordio, tra i fobici si riscontrano due tipologie di persone diverse: i deboli e i forti. I deboli sono coloro che da sempre e con consapevolezza e coerenza si sono visti deboli, dipendenti dagli altri che li devono proteggere. I forti sono coloro che si vedevano forti, capaci di esplorare il mondo autonomamente, e si comportavano come temerari esploratori, seduttori o giramondo. Vedremo come poi lesordio della malattia unir i destini di queste persone cos diverse in una comune visione di debolezza e impotenza. Abbiamo quindi definito due patologie, entrambe con credenze di debolezza sopraordinate ma divise dal fatto che un gruppo si comporta cos da sempre e si vede debole senza alternative e dipendente dagli altri che li devono proteggere, mentre laltro prima dellesordio si vede forte e capace di esplorare il mondo autonomamente. La scuola cognitiva italiana, pi di ogni altra al mondo, ha contribuito a studiare e valorizzare la patologia dellattaccamento come elemento fondamentale nel favorire lo sviluppo delle fobie, 76

attraverso la rappresentazione di s come debole. La storia di attaccamento che porta allo sviluppo di fobie e ansia facilmente riconoscibile: si tratta di una serie di comportamenti relazionali o attitudini o interpretazioni fornite al figlio, o eventi traumatici che segnalano il disastro incombente come concreta possibilit. Nella maggior parte dei casi i genitori dei futuri fobici sono essi stessi ansiosi. Anche quando non c una palese presenza dellansia nei genitori, si riscontra il comportamento attivo da parte di un genitore che spinge il figlio a evitare lesplorazione autonoma del mondo. In alcuni casi c un malato o un depresso in famiglia, oppure si parla di malattie passate o si parla della paura di malattie future, o ancora vi stata unimprovvisa perdita di un membro importante della famiglia. La morte o la malattia di qualche famigliare fa sentire tutti in pericolo e a rischio di non farcela a sostenere il peso delle responsabilit che la vita impone. Alle volte ci si trova davanti a famiglie che hanno paura del mondo esterno, di tutti i pericoli che ci possono essere al di fuori del contesto famigliare. In queste famiglie, il bambino futuro fobico cresce completamente chiuso, sospettoso nei confronti degli estranei, ha paura che si verifichi unintrusione da parte di altri nella sua famiglia e quindi concentrato a cercare di proteggere il proprio piccolo mondo sicuro che la realt esterna minaccia. In generale, questi casi sono i pi gravi dal punto di vista dello sviluppo della patologia, perch la persona non mai in condizione di sperimentare la non totale pericolosit del mondo e neanche non pu mai sperimentare che in grado di far fronte a determinati pericoli, non impara che pu impare a difendersi . Sono proprio questi comportamenti iperprotettivi dei genitori che contribuiscono a far sviluppare nel bambino una costruzione di s come fragile e incapace di affrontare il mondo. A volte ci sono anche casi di paziente fobici che da bambini hanno realmente avuto bisogno di questa maggiore protezione perch sono stati malati, pertanto ci sono casi anche di genitori che con il figlio che vedevano pi fragile, debole, ad es perch era malato, hanno avuto comportamenti iperprotettivi che magari non hanno messo in atto con altri figli. Al di l delle ragioni per le quali i genitori hanno cercato di proteggere in modo esagerato il figlio, ci che conta che questa iperprotezione ha fatto s che il bambino si formasse lidea di s come debole. A volte anche una situazione di abbandono o perdita reale, in cui il bambino si trova a vivere una separazione improvvisa dalla famiglia, contribuisce a dare al bambino questa visione di debolezza di s che non pu controllare le persone da cui dipende. Questi scenari familiari favoriscono nel bambino unidea di s come perennemente a rischio o almeno una marcata tendenza a evitare situazioni poco conosciute. Anche chi si comportava da forte prima dellesordio aveva il timore di sentirsi debole e una tendenza a tenere tutto sotto controllo, e proprio questa necessit di fronteggiare la propria debolezza porta i pazienti a cercare di controllare il pi possibile il mondo esterno comportandosi quasi in modo caricaturale. In una ricerca (1987) stato trovato che il 70% dei fobici ha un: attaccamento insicuro-resistente, e che il 30% ha un attaccamento insicuro-evitante (nei casi in cui era pi forte la presenza di una situazione di ipercontrollo con distacco o perdite subite nellinfanzia). fondamentale ricostruire la storia di attaccamento nei fobici nel corso delle prime sedute perch consente di ragionare sulla percezione di debolezza e incapacit. La rappresentazione di s come deboli il problema di partenza di tutte le malattie dansia ed anche quello che mantiene la sofferenza. la rappresentazione di s come deboli che legittima il paziente a impaurirsi tanto dalla crisi dansia e a incominciare a evitare luoghi pericolosi. Ma la crisi dansia insieme allevitamento che rafforza queste spiegazioni che il paziente si d e cos continua a descriversi come debole. Di solito la motivazione alla terapia molto forte nei casi di fobie, anche il paziente che soffre dansia in quanto sente di poter perdere il controllo sulla propria vita, o assillato dal timore di morire o di impazzire, arriva in terapia molto motivato. La motivazione ad andare da uno psicoterapeuta non coincide con unautomatica motivazione a cambiare, in modo particolare con i 77

paziente fobici. Il tema del cambiamento particolarmente delicato in quanto si riferisce allabbandono di luoghi, pensieri e comportamenti rassicuranti perch conosciuti e gi esplorati, per passare a un nuovo che per il fatto di non essere esso stesso sotto il controllo del paziente richiama idee e timori di inadeguatezza. Quello che si deve fare prima di iniziare lintervento vero e proprio ricordarsi che non conviene affrontare le ulteriori fasi della terapia senza prima aver trascorso del tempo insieme al paziente ragionando sulla sua motivazione al cambiamento e sulle resistenze ad affrontarlo. Occorre trovare una strada condivisa per costruire una relazione di fiducia che non oscilli tra unidea vaga e irrealistica di affidamento assoluto, che il paziente non si pu permettere, e una sfiducia assoluta a causa dei limiti del terapeuta. necessaria una modulazione pi realistica delle condizioni alle quali il paziente possa sentire di fidarsi quindi lunica strada da percorrere. Senza questo passo inutile impegnarsi in una terapia. Il lavoro di modulazione del concetto di fiducia deve per essere una meta esplicitata e ben chiarita, senza che si perdano su di essa decine di sedute, e invocata dal terapeuta come la condizione per continuare a lavorare con il paziente. Vediamo ora alcuni ostacoli al cambiamento che possono avere questi paziente. Gli ostacoli sono sempre vantaggi secondari, dei rinforzi che si ottengono nonostante la sofferenza, e vincoli metacognitivi che sono le interpretazioni che il paziente d della sua sofferenza. Il vantaggio secondario principale che il paziente guadagna con la crisi dansia deriva dal farsi accompagnare. In particolare, i pazienti agorafobici sono pazienti che in media hanno molte risorse da spendere in terapia al di fuori della patologia. I pazienti che stanno male da pi anni hanno la tendenza a proteggere maggiormente gli aspetti esistenziali guadagnati con le crisi dansia, come ad es per una donna il fatto di essere accompagnata dal marito a fare la spesa o di venire aiutata dalla mamma che cucina per tutti perch altrimenti lei si stanca. Ovviamente questi aspetti sono tanto pi forti quanto pi la paziente ha costruito intorno alla patologia alcuni vantaggi secondari non facilmente abbandonabili, come il fatto di richiamare lattenzione altrui. In questi casi importante lavorare per costruire vantaggi nuovi, che la paziente abbia voglia di esplorare, ma in una fase pi avanzata della terapia. I vincoli metacognitivi: sono invece un punto cruciale. linterpretazione della propria sofferenza spesso fatalistica, del tipo noi in famiglia siamo tutti deboli, dei perdenti nella vita oppure dalla morte di mio padre che ho pensato che la morte poteva venire da un momento allaltro e io non potevo certo farci niente, se non stare attento. Gli esiti nefasti possono essere di due tipi: il primo un atteggiamento passivo in attesa che il terapeuta faccia qualcosa. Ill secondo esito coerente con laspettativa che qualcosa cambi in modo miracoloso , senza che ci si impegni nella costruzione del cambiamento. Questo genere di aspettative in realt presente in qualche momento della terapia, di solito, ma non necessariamente, allinizio, ogni volta che ci si trova davanti a dei nodi da superare in cui maggiore sia la necessit di un atteggiamento esplorativo personale. Lo stile di conoscenza uno stile di evitamento (o elusione) e si esprime ogni volta che il paziente si trova davanti a novit improvvise, quindi non precontrollate dalla sua ininterrotta attivit preparatoria e ripetitiva mentale. Egli tende a evitare, a chiudere gli atti esplorativi; cos facendo, inoltre, si rassicura ed sempre convinto che quella sia lunica strada per la salvezza. Questo stile conoscitivo non permette al paziente di falsificare le sue credenze rendendosi conto che si pu rischiare di pi e genera un circolo vizioso e perpetua la paura di qualcosa che non si conosce. Fin dai primi contatti emerge un quadro coerente, una sintomatologia ansiosa, la tendenza ad aspettarsi di essere salvato, una certa passivit e la tendenza a evitare il confronto con il nuovo (tra cui il nuovo della terapia). Si osserva il desiderio di affidarsi agli altri, o dipendere dagli altri. In una famiglia che inibisce lesplorazione, una persona impara a vedersi incapace di esplorare e in generale fragile e bisognoso di esercitare un ampio controllo sulle cose che affronta, nuove e pericolose, e sulle proprie emozioni. Il paziente ha quindi imparato che le emozioni sono estremamente pericolose e da evitare, oppure che sono sconosciute e misteriose e quindi ancora da evitare. Ma come pu accadere questo? 78

Questo accade perch qualsiasi attivazione emotiva del figlio letta dai genitori come un pericolo. Ad es. il fatto che un compagno di scuola labbia aggredito con male parole o che si senta triste o che pianga perch preoccupato e angosciato, o che sia tutto eccitato e felice allidea di un evento che lo emoziona. La lettura accompagnata dalla preoccupazione di qualsiasi attivazione emotiva nel figlio comporta spesso un intervento per negare, sminuire lemozione, o tranquilizzare il bambino. Lo stato auspicato dal genitore lassenza di attivazione emotiva. In questo modo il bambino impara che quando sperimenta un'attivazione neurovegetativa non importante usarla come fonte di conoscenza su se stesso e per questo abituarsi a differenziarla e definirla, a dargli un nome, ma impara a interpretarla solo come segnale di pericolo generalizzato da cui difendersi al pi presto facendo cessare l'attivazione stessa. Inoltre, i genitori considerano la solitudine come pericolosa e non lasciano che il bambino la sperimenti. La solitudine del bambino vista come una situazione in cui egli, al di fuori del controllo esercitato sul suo stato danimo dagli adulti, pu star male, perdersi e angosciarsi, lo si chiama ininterrottamente, si va a vedere cosa fa, ci si lascia andare a generalizzazioni sui pericoli dello stare da soli. Spesso i bambini che si trovano a vivere in questo tipo di ambiente familiare presentano precocemente delle difficolt se, ad es. si trovano in casa in una stanza lontani dalla madre. Quindi questi bambini non sono abituati ad affrontare la noia, laggressivit, la rabbia, sono invece sempre alla ricerca del contatto con gli altri. Non stando mai da soli non costruiscono il proprio mondo interiore, che resta sconosciuto e quindi pericoloso. I genitori bloccano l'esplorazione sia del mondo interiore che del mondo esterno. Cos i bambini hanno difficolt a muoversi ed esplorare il mondo, e apprendono questa modalit di rapporto faticoso con il mondo. Anche nelle persone che poi diventano pi capaci di affrontare gli stati ansiosi, il sospetto di unincapacit se non si prevede tutto e sempre per bene molto presente. Lemozione dominante con cui cresce il futuro ansioso, anche quando si impegna in attivit di esplorazione, unemozione di paura e attesa di qualcosa di pericoloso. Manca in lui la capacit di costruire, riconoscere ed esplorare le emozioni, sia in se stessi che negli altri. Il disorientamento che viene dalla mancanza di poter utilizzare questi segnali porta alla necessit del controllo. Cio, la difficolt ad orientarsi nei segnali emotivi un elemento importante di smarrimento nel cammino esistenziale e porta alla necessit di controllare ogni passo per garantirsi dal disorientamento, per evitarlo. Anche nelle relazioni con gli altri lincapacit di riconoscere con chiarezza le emozioni e la loro intensit porta a sopravvalutare la minacciosit della maggior parte delle espressioni emotive. Lattitudine mentale inconsapevole, che si riscontra spesso nel paziente prima dellesordio dei disturbi fobici, un rimuginio ininterrotto sulla realt e su se stesso per prevedere che non accadano cose pericolose che lo trovino impreparato e privo di difese. Essa evidente nei paziente con disturbi fobici i quali da sempre evitano di assumere un atteggiamento esplorativo e di muoversi nel mondo delle relazioni interpersonali con desiderio di approfondimento e condivisione, ed meno evidente nei paziente che si erano imposti un atteggiamento esplorativo per poi accorgersi, una volta che abbia avuto luogo lesordio, di quanto poco in realt ci si impegni in relazioni intime e emozioni sconosciute. Liperattenzione mentale ruba risorse e richiede molta attenzione al controllo delle emozioni e dei comportamenti propri e altrui. I paziente, hanno imparato presto a sospettare un punto di debolezza o a vedersi dichiaratamente pi fragili degli altri (da qui lattenzione esagerata ai segnali corporei e propriocettivi), e la propria incapacit emotiva lo conferma in continuazione; si sogna allora una vita tranquilla, sotto controllo, e dove il nuovo non accada quasi mai, se non accuratamente costruito e previsto. In tutti i tipi di fobici lesordio segna un confine tra la vita di prima e il dopo, un evento ben identificato, stampato in mente e chiaramente ricordato da tutti. La prima crisi dansia diversa dalle successive. La prima crisi diventa il paradigma della paura, e dalla seconda in poi si pu parlare di paura della paura. Nei fobici levento che costituisce linvalidazione che non pu essere incorporata nel sistema cognitivo e che precede lesordio avviene qualche mese prima che abbia 79

luogo la prima crisi. Di solito il paziente non in grado di ricostruirlo se non dopo attenta indagine. Ma se si indaga emerge un evento, un pensiero, unimmagine di s come debole o con troppe responsabilit o abbandonato e solo o malato. Il paziente insomma comincia a pensare che il controllo ordinato che credeva di avere sulla propria vita, sui progetti e sulle emozioni pu non funzionare pi. Cos pu pensare: il controllo che credevo di avere sulla mia vita pu non funzionare pi. Egli non riesce a vedersi capace di controllo sulla sua esistenza, o ha il dubbio che questo non sia pi possibile. Il paziente dopo le crisi dansia tende a pensare solo a questa cosa, a non pensare pi al prima che relega nel mondo delle fantasie e dei desideri irraggiungibili (o se potessi tornare a essere quello di prima!). Il racconto e lanalisi dellevento invalidante diventa un momento importante di confronto con elementi della sua vita e della sua storia che egli trascura, un esercizio di riflessione su se stesso e sulla propria esistenza. Quel che avvenuto che un punto centrale della sua costruzione di s andato in crisi. Il paziente comincia a rimuginare e tenta di rassicurarsi sulle possibilit di un controllo, che ormai sospetta essere impossibile. Pi rimugina e tenta di controllare, pi aumenta lattenzione a eventuali minacce, pi le minacce arrivano e pi egli tenta di esercitare un controllo. Percorsi di sviluppo della fobia A seconda della situazione pre-morbosa e di quale polo della costruzione di S viene invalidato si svilupperanno percorsi diversi che condurranno comunque tutti al disturbo fobico. 1. Situazione pre-morbosa: Il paziente si costruito come Debole/Attaccato. Questo costrutto stato scelto dalla persona perch massimizza la sua capacit predittiva. I poli Forte e Solo non sono costruiti, per cui vive nella costante angoscia di perdere la figura di attaccamento, incapace di sopportare i distacchi e sfiduciato nella propria capacit di farsi amare. Non sicuro n di s n degli altri e sottopone entrambi a una costante verifica. 1a. Capita un evento di distacco o perdita che invalida il polo Attaccato. Il paziente si ritrova Solo (costrutto che non costruito, il paziente non sa che cosa significhi stare solo). Il polo Debole non viene invalidato e cos si ritrova Debole e Solo. Questo lo porta ad una situazione di imprevedibilit, nel senso che non ha pi un costrutto per fare previsioni, che lorigine della fobia. 1b. Capita un evento in cui il paziente ha successo o un aumento di responsabilit che invalida il polo Debole. Il paziente si ritrova Forte (costrutto che non costruito, il paziente non sa che cosa significhi essere forte). Quindi Attaccato (polo non invalidato) e Forte. In fase acuta il paziente cerca di fare previsioni con questo costrutto ma non riesce perch Forte non ha implicazioni, non ha alternative. Lansia diventa una malattia incontrollabile e arriva cos a sviluppare la fobia. 2. Situazione pre-morbosa: Il paziente si costruito come Forte/Solo. una persona estremamente autonoma che esplora il mondo in modo quasi caricaturale. 2a. Capita al paziente di sperimentare un evento che per lui imprevisto, come una malattia o di sentirsi in pericolo. . Il paziente si ritrova Debole (costrutto che non costruito, il paziente non sa che cosa significhi essere debole, perch sempre stato autonomo, autosufficiente e ha sempre avuto un controllo completo della sua vita). Il polo Solo non viene invalidato e cos si ritrova Debole e Solo. Questo lo porta ad una situazione di imprevedibilit che lorigine della fobia. 2b. Infine, pu capitare che una persona Forte e Sola restringa di maggiormente un legame affettivo. A questo punto non pu pi usare il costrutto Folo perch diventato Attaccato, ha il costrutto Attaccato e Forte che non ha per lui nessuna capacit predittiva e arriva cos a sviluppare la fobia.

80

Se il nostro candidato alla fobia non fosse un candidato alla fobia ma un normale soggetto con una crisi dansia, di fronte a questo fulmine a ciel sereno, cio l'evento invalidante, tenterebbe di capire cosa successo e non drammatizzerebbe le conseguenze di ci che accaduto. A tutti noi capitato di avere una crisi dansia, che semplicemente un segnale-cognitivo-emotivo-corporeo che qualcosa di minaccioso dentro o fuori di noi potrebbe accadere. Abbiamo tentato di capire di che cosa si tratta e non ci siamo preoccupati pi di tanto. Per il nostro soggetto, invece, che si illudeva di potersi difendere in modo ingenuo dai rischi del vivere, la crisi di panico rappresenta unincombente, improvvisa minaccia di morte o di pazzia. E linterpretazione che ne d instaura il circolo vizioso. Il circolo vizioso perpetua, aggrava e generalizza lattenzione ai segnali corporei aumentando lipervigilanza e di conseguenza i comportamenti di evitamento e la percezione di impotenza personale. La paura dellansia diventa una paura invadente e domina la vita dellansioso. Il tentativo mentale di prevederla e di prevenirla costituisce la reazione che stabilizza e mantiene la sofferenza nel tempo. Ladozione di comportamenti di evitamento non permettono ulteriori esplorazioni, e non permettono soprattutto che il paziente si renda conto che lansia legata a un pericolo inesistente. Lentamente si riduce la conoscenza del mondo e la malattia si generalizza rendendo il soggetto sempre pi convinto che fragile e che il mondo non fatto per lui.

Strategia terapeutica
Nella fase iniziale della terapia il compito che il terapeuta si prefigge duplice: 1. Lettura condivisa con il paziente della sua rappresentazione di s come debole e di come essa sia stata appresa in una determinata storia, e perpetuata nel tempo senza venire mai messa in discussione, e senza che si sia potuta costruire una maniera nuova di rappresentare se stessi. 2. Blocco dei comportamenti di evitamento che rinforzano lapparato cognitivo ed emotivo su cui si fondato il circolo vizioso. Mentre si comprende insieme al paziente la struttura della sua sofferenza, se ne interpreta la rete, si relativizza e si scoprono nuovi modi di raccontarsi, necessario operare con determinazione per interrompere i circoli viziosi che perpetuano lansia e i comportamenti di evitamento che rendono lesistenza difficile. Le prime sedute sono divise in 2 parti: - comprensione del circolo vizioso, di scopi e credenze che lo sostengono - costruzione delle alternative del modo di rappresentarsi disfunzionale del paziente. Nella maggior parte dei casi il paziente dopo poche sedute in grado di ricominciare ad esplorare, a interpretare lansia in modo meno drammatico, non come malattia o minaccia di morte o pazzia ma come emozione. Il paziente diventa capace di mettere in atto comportamenti adeguati a esplorare il mondo che lo circonda. Lo schema generale quello di far svolgere al paziente nuovi cicli di esperienza: elaborare nuove ipotesi, sottoporle a controllo, rivedere le teorie alla luce dei risultati. Per superare il circolo vizioso necessario che il paziente non sperimenti pi lansia e i propri stati interni come imminente perdita di controllo. Si deve far invalidare la teoria secondo cui emozioni spiacevoli possono portarlo a una catastrofe psichica o fisica. Vengono dati homework per lesplorazione, mentre in seduta si discute sulle credenze del paziente relative a s (vissuti di fragilit e indegnit). Vengono dati homework anche per addestrarlo al riconoscimento degli stati emotivi negativi coerenti con il vecchio modo di pensare, e per addestrarlo a non evitare le situazioni descritte come ansiogene o difficili. La relazione con questi paziente costituisce il punto centrale dellintervento, e attraverso lapprendimento di una relazione non intrusiva e non minacciosa, ma accettante e disponibile, il paziente impara a modulare la fiducia e mettersi alla prova con relazioni nuove.

81

Disturbo ossessivo-compulsivo
Siamo di fronte a un disturbo bizzarro che genera pensieri e comportamenti che appaiono insensati agli osservatori ma anche alla stessa persona sofferente che, spesso molto logica e razionale in tutti gli altri campi della sua esistenza, non sa darsi ragione di questo suo modo di fare e teme di essere sullorlo della follia. Allinizio del trattamento lobiettivo sar quelo di trovare un senso a ci che sembra allapparenza non averlo. Tale operazione in assoluto la prima da compiere e decisamente propedeutica rispetto alla definizione del contratto terapeutico. Si tratta di scomporre i vari pezzi dellespressione sintomatologica complessiva per coglierne i nessi e comprenderne il senso. Che cosa innesca lossessione? Gli eventi attivanti possono essere esterni o interni. Quando levento attivante esterno lattenzione selettiva del paziente rivolta a stimoli considerati segnali dellevento temuto, con il risultato di coglierli con una frequenza superiore alle altre persone. Ad esempio, chi ha paura di infettare vedr ovunque macchie microscopiche che potrebbero essere di sangue, liquidi di sospetta natura organica, disattenzioni igieniche delle persone con cui sta per entrare in contatto, ferite non sufficientemente protette da cerotti, possibili legami con persone malate, ecc. Coloro che temono di compiere dei gesti auto ed etero-aggressivi in preda a raptus noteranno con elevata frequenza coltelli, finestre e ponti senza adeguate protezioni, liquidi potenzialmente tossici, pistole, corde, vetri acuminati e quantaltro utilizzabile per uccidere. Spesso per si tratta di un evento mentale che attiva lossessione. Quando levento attivante interno accade che un evento mentale affiora e il paziente cercher inutilmente di non pensarci a quanto gli venuto in mente (tentare di tenere fuori dalla mente un contenuto non fa altro che ottenere leffetto opposto di riattivarlo). Esempi di eventi attivanti interni sono una parola blasfema, unimmagine legata a unespressione sessuale o aggressiva, laffiorare di un desiderio giudicato negativamente., ecc. Una volta che il disturbo si stabilizzato lattivante interno sar spesso identico o simile e il paziente inizier una battaglia interna per tenerlo lontano dalla mente con quali insoddisfacenti e penosi risultati facile immaginare. Provate ad esempio di sforzarvi attivamente di non pensare a un cavallo e vi accorgerete che il pensiero e limmagine del cavallo non faranno che aumentare. Levento attivante tale perch solleva un dubbio, che costituisce la pietra angolare del disturbo ossessivo-compulsivo. Non esiste disturbo ossessivo-compulsivo senza lelemento essenziale del dubbio che investe persino la certezza della propria diretta esperienza percettiva. Levento attivante mostra al paziente. la possibilit che possa verificarsi un certo evento temuto. Esempi di eventi temuti tipici sono il contagio, la morte per asfissia da gas, luccidere qualcuno presi da un raptus, finire in prigione, non salvare una persona in pericolo di vita, traviare sessualmente i propri figli, rovinare la propria famiglia con la disattenzione, ecc. Tutti gli eventi temuti dai pazienti ossessivi hanni la caratteristica di essere dannosi e sgradevoli a parere di tutti. Infatti, tutti gli esempi che abbiamo visto sono cose che nessuno si augura che gli succedano e chi pi chi meno cerca di non farle accadere anche se limprobabilit di tali eventi fa s che non ci si pensi quasi mai a meno che non si sia esposti a situazioni di evidente rischio: non controllo se ogni sfumatura di rosso del divano a fiori sia una macchia di sangue rappreso, ma mi metto i guanti e sto attento a non bucarmi con una siringa se ho praticato uniniezione a un seriopositivo. Il paziente mette poi in connessione il verificarsi dellevento temuto con il suo operato (sia ci che ha fatto sia ci che non ha fatto ma avrebbe potuto fare): si stabilisce cos un nesso di responsabilit tra levento e il soggetto che dunque si considera colpevole del possibile danno. Lossessione non parte se il paziente non vede un collegamento tra il suo operato e il danno, se la sua colpa certamente esclusa. Che qualcuno in questo stesso istante si stia infettando da qualche parte del mondo di malattie terribili e certamente mortali non suscita alcuna emozione al nostro paziente se lui certo di non essere il veicolo di questo contagio. Secondo queste osservazioni, lansia associata al dubbio del verificarsi di un evento dannoso, sgradevole, di cui il paziente ha la colpa. Del resto lansia segnala 82

che un importante scopo della persona (non infettare/infettarsi, non uccidere,...) minacciato, sta per fallire. Quindi un evento attivante, esterno o interno, ha fatto sorgere il dubbio che possa verificarsi un certo evento giudicato dannoso e la cui responsabilit attribuibile al paziente che prova immediatamente unintensa ansia vedendo minacciato un suo importante scopo. Allora che far ragionevolmente il paziente? Mette in atto dei comportamenti volontari (compulsioni), che possono essere azioni o pensieri, con i quali il paziente tenta di risolvere il dubbio e di scongiurare con assoluta certezza che levento temuto accada. All'inizio dell'intervento necessario chiarire quale sia levento temuto, in questo modo diventa immediatamente chiaro il senso delle compulsioni. Cos, se temo di infettare gli altri, avr senso lavarsi in continuazione le mani, far bollire i vestiti per disinfettarli, distruggere le pentole dove sono stati bolliti che potrebbero essere a loro volta infette, controllare ogni possibile fonte di contagio per sfuggirla, lavare con alcool tutte le pareti di casa ogni giorno, ecc. Queste compulsioni non sono insensate come potrebbero apparire al primo sguardo, per altrettanto fuori discussione che le persone normali, pur condividendo lo stesso scopo (es. non infettarsi) non investono tanto tempo e energie alla ricerca di una certezza assoluta, peraltro irraggiungibile, che levento temuto non si verifichi. Abbiamo visto che si pu trovare un senso agli strani contenuti delle compulsioni. Quello che ancora non ha senso l'investimento esagerato di risorse che queste compulsioni comportano. Tutti noi temiamo le stesse cose che temono gli ossessivi e cerchiamo di evitarle, ma non impegnamo tanto tempo e tante risorse per farlo come gli ossessivi. Lossessivo sembra fare un investimento esagerato rispetto alla posta in palio; ma allora c da chiedersi se la posta in palio non sia unaltra, se levento temuto non sia lultimo ma il penultimo e che rimandi a un evento ultimo temuto, tanto grave da giustificare pienamente un tale investimento di energie attraverso le compulsioni. Levento ultimo sempre una constatazione di una colpa schiacciante che comporter il rifiuto di tutti condannandolo a unesistenza di dolore rispetto alla quale la morte percepita come un sollievo. Perch le compulsioni cessano pur non avendo raggiunto la certezza? Si potrebbe attribuire la cessazione del singolo comportamento compulsivo al fatto che il paziente si rende conto che i suoi sforzi di raggiungere la certezza sono inutili, ma ci non corrisponde a realt; infatti i pazienti che tutte le sere ripetono estenuanti rituali per coricarsi, dopo che tutto sia messo perfettamente a posto, sanno bene per averlo ripetuto centinaia di sere, che quando spegneranno la luce due ore dopo, non saranno affatto certi che tutto sia veramente a posto esattamente come al momento in cui hanno iniziato il rituale. Il rituale, faticoso e doloroso, (anche perch se no non vengono in terapia) attenua la sensazione di colpa e lansia diminuisce. Il paziente pensa: ho fatto tutto quello che potevo per scongiurare che levento che temo accada. Ma se il singolo rituale compulsivo finisce per estinguersi, la categoria generale della compulsione come strategia per risolvere linsorgere delle ossessioni continua. La compulsione rimane come strategia per risolvere i dubbi ossessivi in quanto rinforzata dal fatto che levento temuto non si verificato, il che dimostra che la strategia funziona. Cos posso dire che aver aperto e chiuso i cassetti dellarmadio ha fatto in modo che i miei figli non morissero, come desideravo; la prova sta nel fatto che non sono morti. La compulsione viene sempre rinforzata dalla riduzione dellansia: il rituale riduce la responsabilit e il senso di colpa. Il circolo vizioso si chiude: il tentativo di non avere colpe e di non essere rifiutato conducono il paziente al rifiuto degli altri stanchi dei suoi rituali insulsi. questo il momento in cui il paziente chiede laiuto di uno specialista e svela la sua sofferenza per tanto tempo nascosta agli altri (perch spesso se ne vergogna). Spesso si gi sovrapposta una sintomatologia depressiva: lo stesso fatto di avere questi sintomi diventa prova evidente dellindegnit del paziente e del danno che provoca agli altri. 83

Il paziente si rende conto di aver fallito il suo scopo pi importante, cio non essere rifiutato. Nelle prime sedute si giunge con il paziente a fare chiarezza sul meccanismo ossessivo-compulsivo del paziente che non appare pi senza senso e ci comporta un modesto sollievo. Il paziente acquista finalmente consapevolezza del suo comportamento. Terminata lanalisi dellanatomia del sintomo, inizia la seconda fase del processo valutativo che prevede lidentificazione della storia di apprendimento delle credenze alla base del disturbo. In generale, nel rapporto di attaccamento con le figure parentali il bambino costruisce la valutazione della propria amabilit intesa come la capacit di suscitare reazioni positive nella figura di attaccamento. Il bambino testa quali sono le performance relazionali apprezzate dallinterlocutore (e in questo modo costruisce gli schemi relativi al s e agli altri). Tale compito difficile da portare avanti nelle famiglie degli ossessivi, caratterizzate da genitori iperattivi nella comunicazione e ipoattivi a livello motorio, c' scarsa comunicazione non verbale. Ci sono limitazioni delle espressioni emotive (in particolare di felicit e di piacere, considerati sentimenti volgari); limitazioni delle espressioni relative a sessualit e aggressivit di cui non si tende a parlare per niente e una riduzione delle relazioni sociali (pochi amici e pochi contatti esterni e comunque con formalit). In questo clima familiare freddo e distaccato il paziente non riesce a capire quali suoi comportamenti lo rendano accettabile, come fare per conquistarsi gli altri, quali atteggiamenti producono vicinanza e quali lontananza. costretto a costruire la propria amabilit su qualche altra cosa piuttosto che sulle performance relazionali, che per lui non sono fonte di dati, di informazioni per costruire il proprio s. Il bambino incapace di rispondere alla domanda: cosa farebbe piacere allaltro del mio comportamento? In genere rispondono a livello di prestazioni eseguite bene, in pratica quando sono bravi, rispettano le regole dell'educazione e della morale, ma solo in presenza degli altri. Questa incapacit vale tanto per le relazioni affettive attuali quanto per quelle dellinfanzia. I padri sono spesso incapaci di immedesimarsi nel bambino e di giocare con lui assumendone gli atteggiamenti. Non sanno comunicare con il bambino al suo livello. I genitori sono autoritari, teorizzano che per motivi igenici i figli non vadano toccati, coccolati, baciati, altrimenti verranno dei viziati. Non c' comunicazione affettiva. Non sanno consolare il bambino, essergli vicino affettivamente a una richiesta di vicinanza a cui invece rispondono con un discorso teorico astratto. Richiedono al bambino lesecuzione di compiti impegnativi, sproporzionati allet e alle sue capacit, non riguardanti il rapporto interpersonale. Non si tratta di richieste che riguardano il loro rapporto interpersonale ma prestazioni esterne. Per quanto riguarda il linguaggio, i genitori non utilizzano il canale non-verbale e forniscono sempre spiegazioni logiche. Il bambino cos si trova in difficolt nel tentativo di misurare la propria amabilit personale attraverso il monitoraggio di ci che avviene nella relazione tra se stesso e i propri genitori e deve trovare altre strade che suppliscano alla mancanza del feed-back relazionale per costruire i propri schemi e aumentare la sua capacit predittiva. Una prima soluzione, sollecitata dagli imperativi morali presenti nel clima familiare. Dalle elevate aspettative in tal senso che ci sono nei suoi confronti, lo conduce a compiere lequazione amabile = bravo: per essere accettati bisogna essere bravi, meglio se perfetti; sbagliare equivale a deluderli e a essere rifiutato. E si comporter secondo questa regola. Il bambino conclude che la propria amabilit e laffetto che susciter negli altri non dipender dal modo in cui sta con loro ma dalle sue prestazioni individuali. Gli scenari attraverso cui si pu giungere a tale convinzione possono essere anche altri (meno frequenti). Del resto non importante come abbia raggiunto una credenza, ci che conta che sia attiva. Ad esempio, il bambino pu essere cresciuto con estranei, preoccupati pi della sua disciplina che interessati allo scambio affettivo con lui. Oppure la sua famiglia pu aver subito lutti o rovesci economici, ecc. Tali situazioni impediscono alle figure di accudimento di impegnarsi in scambi affettivi con il figlio, che pensa di dover fare la sua parte essendo bravo per non creare altri problemi. 84

Abbiamo visto che il bambino non riuscendo a capire cosa possa far piacere allaltro, sceglie la strada dellessere bravo per essere accettato. Tuttavia esiste unaltra strada parallela a questa facilmente percorribile. Il bambino sa comunque cosa non fare per non fare dispiacere allaltro, dal momento che i disgusti sono pi universali dei gusti. Conoscere i disgusti un apprendimento pi primitivo e meno sofisticato. Il bambino non sa discriminare i gusti, che sono personali, allora si concentra su quello che sicuramente disgustoso o dannoso, che vale per tutti. Proprio a questo dovuto il sempre presente tema del danno a s e agli altri: il paziente orienta il suo comportamento relazionale non sulla base delle preferenze dellaltro (che non conosce e non sa come scoprire perch quando ci ha provato ha fallito) ma sulla base di quello che non piace a nessuno. Ci sono dei vincoli metacognitivi che ostacolano il cambiamento naturale del sistema cognitivo: I pazienti ritengono che la mente funzioni in modo normale quando si riesce ad avere un controllo assoluto sui propri processi mentali. Paziente ha particolari credenze sul pensiero: Controllo del pensiero: pensieri coatti si impongono alla coscienza del paziente contro la sua volont; dubbi lo assalgono senza che possa scacciarli; impulsi orribili si presentano alla sua mente. In realt la frequenza dei pensieri intrusivi non superiore alla norma, mentre i paziente pensano che sia una cosa anomala e quindi ci fanno attenzione. Da questo punto di vista metacognitivo giudicano il loro funzionamento come fuori controllo, mentre i normali non si preoccupano di ci e non vi pongono attenzione. Il paziente pone attenzione a questi pensieri, giudica patologico il proprio funzionamento mentale o comunque sbagliato. La conseguenza logica di ci che far continui sforzi per allontanare i pensieri intrusivi. Questi sforzi non fanno altro che rendere impossibile che questi pensieri svaniscano. Da qui nasce il circolo vizioso: tentare di non pensare a qualcosa non fa altro che incrementarne la presenza e ci la conferma dellincontrollabilit dei pensieri che porta allaumento dei tentivi di controllarli, alimentando cos il circolo vizioso, associato a forte ansia, segnale di qualcosa di incontrollabile, quindi imprevedibile, quindi sconosciuto. Unaltra meta-credenza presente nei paziente ossessivi a proposito del loro funzionamento mentale che non esista una sostanziale differenza tra pensieri e azioni. Per questi pazienti pensare a qualcosa equivale a farla. Ad esempio, per un paziente ossessivo pensare a una donna e desiderarla pu essere equivalente ad averla violentata e essere uno stupratore. Ed per questo che fanno di tutto per controllare i pensieri e allontanare quelli cattivi: pensare a unazione cattiva equivale ad avere la responsabilit di averla messa in atto. Le due meta-credenze sullequivalenza tra pensiero e azione e sulla necessit di controllo assoluto dei propri processi mentali si sostengono a vicenda. Cos lo stupratore si impegna in pensieri di salvare una donna dallo stupro ogni volta che gli viene un'immagine erotica. Nelle compulsioni interne (ruminazioni) il paziente compensa e annulla i pensieri cattivi con pensieri buoni opposti che, a suo avviso, neutralizzano i primi. Caratteristico degli ossessivi lo stile elusivo di conoscenza, che comporta un restringimento delle aeree in cui il paziente si impone di essere perfetto e di non danneggiare gli altri. Dato che sarebbe impossibile essere perfetti in tutto, il tentativo di essere perfetti e di non danneggiare gli altri si concentra su una precisa area dellesperienza (non infettare, non scandalizzare sessualmente, impedire che vengano lasciati bambini nei cassonetti, ecc.). Tutto si concentra in un ambito ben definito, dove il soggetto pensa di poter controllare tutte le evenienze per portare a termine il suo impossibile compito. Le compulsioni invadono gran parte della giornata e tutto il resto dellesistenza si impoverisce, man mano che passa il tempo la loro durata aumenta e non lasciano spazio per altro. La presenza dei Rituali impediscono la sperimentazione di strategie alternative per ridurre lansia esattamente come levitamento dei fobici. Senza sperimentazione non c' invalidazione e non c' apprendimento di strategie migliori.

85

Fino a quando la sintomatologia resta contenuta nel suo progressivo crescere, non viene percepita come problema ma considerata unespressione della propria scrupolosit e bont, che pongono il paziente al di sopra degli altri uomini (considerati superficiali e menefreghisti). A un certo punto tuttavia la situazione diventa insostenibile e il paziente si accorge che la stessa sintomatologia lo porta a quello che cerca di evitare mettandola in atto. Scoppia la crisi quando la sintomatologia diventa motivo di critiche e di rifiuto da parte degli altri (cio porta proprio a quello che la sintomatologia doveva evitare).

Strategia terapeutica
Lequilibrio mantenuto dalla sintomatologia si spezza dando origine alla disperazione. Ed in questo momento che il paziente cerca aiuto. Ma quale tipo di aiuto cerca? Lui guarda ancora il suo problema dal punto di vista che sta dentro il problema stesso. Che cosa chieder al terapeuta? Richiesta al terapeuta: aiutami ad essere perfetto e fai in modo che non abbia alcuna responsabilit di fare del male a qualcuno. Non viene detto con queste parole ma il senso sempre questo. Si tratta di una chiamata a collaborare con gli scopi esistenziali del paziente, impraticabili e folli, alla base della sua sofferenza. Il paziente egodistonico rispetto ai rituali, che giudica assurdi e faticosi, ma egosintonico con gli scopi che danno origine al proprio disturbo e non chiede di mettere in discussione questi, ma solo di eliminare i comportamenti sintomatici che ne derivano. Richiede dunque qualcosa di impossibile, ma ci vorr tempo per fargli capire limpraticabilit della sua richiesta. Inizialmente ci si dovr accontentare del fatto che il paziente comprenda la prospettiva in cui si muove la terapia. L'intervento si configura come un processo ricorsivo: inizia con la fase di valutazione per delineare il quadro della storia del paziente nel suo insieme; e poi prosegue con l'identificazione delle credenze e il contesto in cui sono state apprese. Questo discorso viene ripreso pi volte nella fase di intervento terapeutico, approfondendo vari aspetti, allo scopo di favorire la presa di distanza critica delle credenze dolenti e facilitare la loro sostituzione. Il primo obiettivo che si prefigge la terapia che il paziente descriva se stesso non pi come uno che ha un problema di: contaminazione, controllo, ecc., ma come uno che ha un problema di paura di: contaminazione, controllo, ecc. Ogni volta che il paziente pone il problema sul piano di realt (ho paura di avere una malattia), bisogner concentrare lattenzione non sulla possibilit che levento si sia verificato o possa verificarsi, ma sulla sua paura, considerandola come problema. necessario considerare il problema come psicologico, iniziando a operare quella discriminazione tra pensiero e realt, diventata labile negli ossessivi. Il paziente ossessivo fa spesso richieste di rassicurazioni sul piano di realt al terapeuta. Il fatto che le chieda rivela che il paziente considera ancora reale il problema e non lo vede come problema psicologico. Il terapeuta si deve astenere dal fornire rassicurazioni per due motivi: 1. leffetto della rassicurazione di breve durata 2. rassicurare significa accettare il piano di lettura del problema come reale e non psicologico, proprio il punto di vista del paziente che si vuole cambiare. Fornire rassicurazioni sarebbe una contraddizione con il cercare di fare capire al paziente che questo punto di vista va combattuto e che nessuno pu dargli la certezza di qualcosa. Tutto questo si verificher pi volte ma bisogna essere pazienti. All'inizio della terapia il paziente ha alcune credenze tipiche sul terapeuta. Il paziente crede che il terapeuta possa insegnargli il giusto modo di affrontare le cose, che ne esista solo uno e che seguendolo riuscir a vivere sereno e certo di non avere mai colpe senza tuttavia dover fare tutti i rituali che impegnano il suo tempo. Il paziente che si vede posseduto da una forza pi forte di lui che gli impone comportamenti e pensieri percepisce il terapeuta come un mago o un sacerdote in grado di liberarlo attraverso la terapia, vista come un rito magico.

86

Tali idee vanno indagate e discusse prima di iniziare il trattamento vero e proprio, perch, se rimanessero cos divergenti da quelle del terapeuta la terapia sarebbe destinata al fallimento. Bisogna arrivare a una condivisione del significato di terapia altrimenti si resta su piani diversi e non ci si incontra mai. Se tutto ci vale per qualsiasi disturbo, ancora di pi per questo, dove il fatto che si tratti di un disturbo psicologico piuttosto che di un problema reale non del tutto chiaro al paziente, e il livello di egodistonia molto scarso per quanto riguarda gli scopi del comportamento (essere perfetti e non avere colpe), anche se invece elevato rispetto alla ritualit compulsiva che indubbiamente fastidiosa e invalidante. Il lavoro terapeutico vero e proprio inizier mettendo a fuoco i principali schemi cognitivi disfunzionali implicati nella genesi del disturbo. Si fisser la consapevolezza di tali schemi in modo che il paziente possa riconoscerli e vederli allopera mentre guidano il suo comportamento e le sue emozioni. Vediamo quali sono i blocchi di convinzioni da indagare in modo accurato dei quali poi il paziente dovr acquisire consapevolezza per poterli falsificare e costruire altre credenze alternative. Credenze sulla responsabilit Il primo schema importante da evidenziare quello relativo alle idee che riguardano la responsabilit che si collega poi a quello di colpa. In sintesi possiamo dire che lossessivo sperimenta una responsabilit assoluta, che non condivisa con nessun altro ed legata sia alle azioni sia alle omissioni. Il paziente si considera totalmente responsabile di qualsiasi evento negativo sul quale abbia un remotissimo potere di influenza sia nel determinarlo che nel prevenirlo. Qualsiasi possibile influenza su un determinato esito equivale alla completa responsabilit per tale esito, e poich i nessi tra gli eventi sono quasi infiniti se si vogliono trovare, il paziente pu considerarsi responsabile praticamente di tutto. Anche stendere un lenzuolo ad asciugare a Roma pu far aumentare lumidit nellaria e concorrere ad aumentare lafa negli Stati Uniti e quindi aumentare il numero di morti dovuto allondata di caldo. La responsabilit riguarda anche le omissioni, per cui non sforzarsi al massimo di prevenire un evento equivale a volerlo causare. Il senso di responsabilit si attenua se il paziente lo pu condividere con altre persone o si trova a operare in situazioni in cui non ha potere. Quando questi pazienti vengono ricoverati in ospedale stanno meglio da subito. Lo stare meglio non dovuto alle cure che ricevono, ma al fatto che ritengono che non colpa loro se non possono eseguire i rituali. Il senso di responsabilit collegato alla percezione di uneccessiva influenza personale sugli eventi che fa sentire il paziente onnipotente, come se tutto dipendesse da lui (sia le sue azioni sia i suoi pensieri). Questi pazienti pensano di essere in grado di controllare e di prevedere con assoluta certezza il futuro e di cambiarlo per il verso giusto; da questa idea deriva quella per cui, visto che possono controllare e prevenire, se non lo fanno sono colpevoli. Il paziente ossessivo, fino a prova contraria, sicuramente colpevole. La prova contraria che l'evento temuto non si verificato dopo che ha eseguito i rituali. Le credenze sulla responsabilit rendono difficoltoso il processo di decisione: Qualsiasi decisione comporta una responsabilit enorme e dunque va valutata attentamente in tutte le possibili conseguenze. Questo un tratto caratteristico presente spesso anche prima dellesordio. La preoccupazione di sbagliare conduce a un evitamento delle scelte al punto che il paziente finisce per non sapere pi cosa preferisce e desidera. Sovrastima del rischio Un altro blocco di idee riguarda leccessiva stima del rischio che levento temuto si verifichi. La posta in palio per lossessivo non il verificarsi di un certo evento ma avere la colpa del fatto che quellevento si verificato. Il paziente cerca di scovare tutte le possibili fonti di pericolo e di 87

controllarle, ed per questo che non tollera lambiguit e lincertezza. Non si tratta di unulteriore caratteristica cognitiva a s stante, come era stato proposto da alcuni autori, (poi le ricerche hanno dimostrato che non cos), ma della necessaria conseguenza delle precedenti idee sulla responsabilit e del disperato terrore circa la possibilit di essere colpevole. Il paziente ritiene che preoccupandosi previene gli eventi dannosi, quindi non preoccuparsi appare ai suoi occhi colpevole (ci rappresenta un serio ostacolo allabbandono dei rituali che servono a mettergli la coscienza a posto). I pazienti ossessivi partono dallidea che sia possibile raggiungere la certezza assoluta e il loro modo di ragionare dei paziente ossessivi analitico. Tutti noi utilizzaiamo le euristiche per ragionare, che sono delle scorciatoie del pensiero le quali consentono di arrivare a conclusioni plausibili senza analizzare tutte le strade possibili ma improbabili. Data la limitata capacit di elaborazione delle informazioni del cervello le euristiche sono comode in quanto necessitano di tenere conto di una ridotta quantit di dati; sono indispensabili perch consentono di prendere una decisione anche disponendo di informazioni incomplete, evitando il blocco comportamentale. In situazioni in cui la logica porta a una risposta di indecidibilit l'essere umano riesce a decidere comunque grazie alle euristiche. I pazienti ossessivi invece ragionano senza utilizzare euristiche: utilizzano algoritmi, che sono procedure logiche di soluzione dei problemi altamente formalizzate e di natura computazionale, che, se le informazioni a disposizione sono complete e si dispone di uno strumento capace di elaborarle (computer), portano alla certezza assoluta, tanto ricercata dagli ossessivi. Ma siccome i dati che abbiamo sono sempre incompleti (derivano dagli organi di senso) e il cervello ha una capacit limitata, la certezza non arriva mai. Il modo di ragionare che va alla ricerca della certezza assoluta non fa che aumentare il senso di insicurezza perch la rassicurazione perfetta non arriva mai. Cos al paziente non restano che i rituali magici, che ci si augura ottengano ci che il rigido ragionamento logico non consente. Credenze sul pensiero Unaltra credenza che: gli effetti di un pensiero o di unazione siani intenzionali. Se penso alla possibilit che un mio amico muoia ci indica che voglio la sua morte e se temo la possibilit di dare scandalo durante la messa gridando parole blasfeme ci vuol dire che ho desiderio di farlo. Tutto ci accresce il senso di responsabilit e la necessit di controllo. Nonostante tale modo di pensare sia unevidente stupidaggine e nella vita di tutti i giorni constatiamo che le nostre azioni hanno spesso effetti del tutto indesiderati e assolutamente contrari alla nostra intenzionalit, gli ossessivi lo condividono con diversi psicologi che teorizzano che dove c un timore sotto sotto, magari nella profondit dellinconscio, si trova sempre un desiderio inespresso. Lincontro tra le due categorie devastante, per i pazienti. Credenze su valore e amabilit Infine facciamo un accenno alle convinzioni rispetto al proprio valore personale e alla propria amabilit che abbiamo visto connesse alla patogenesi del disturbo. Il paziente ossessivo pensa che si deve evitare ogni sbaglio per essere degni di valore. Commettere un solo errore equivale a fallire e ci intollerabile. I pazienti ossessivi credono che se falliscono non verranno pi accettati dagli altri e non avranno la forza di sopravvivere (pensano che ci valga solo per loro e non per gli altri, forse a causa delle elevate aspettative che i genitori riponevano in loro). Alcuni pazienti interpretano certi aspetti di iper-responsabilit e di controllo come segno di superiorit morale e dunque tendono volontariamente a esasperarli a loro danno. Per ciascuno di questi grandi blocchi di convinzioni relative alla responsabilit, alla valutazione del rischio, al pensiero e allamabilit, il primo passo consister nel far acquisire consapevolezza di ognuno dei blocchi utilizzando compiti di auto- osservazione da far eseguire tra una seduta e laltra. Questi compiti, come la costruzione di ABC delle situazioni di disagio e il diario delle emozioni 88

servono al paziente per acquisire la consapevolezza che i suoi modi di fare e di sentire sono determinati dalla volont di non avere nessuna responsabilit nellavere causato o evitato di prevenire eventi di cui pu essere considerato colpevole. consigliabile mantenere distinti i vari temi, cos da concentrarsi su uno per volta separatamente, cominciando dalla responsabilit. Questo modo di procedere sar ordinato e piacer ai paziente ossessivi, contribuendo a migliorare la relazione terapeutica. Una volta che le credenze disfunzionali relative a responsabilit, valutazione del rischio, funzionamento del pensiero e amabilit siano state chiaramente evidenziate e il paziente sia ben consapevole di quanto la loro azione nella sua vita sia costante e deleteria, si tratter di iniziare la strada per la loro sostituzione. Questa strada prevede le seguenti fasi: degeneralizzazione discussione critica sperimentazione costruzione di alternative, che andranno anche sottoposte a sperimentazione. consolidamento del nuovo. decatastrofizzazione di omega Degeneralizzazione Per raggiungere la degeneralizzazione, cio la relativizzazione delle credenza, si costruisce: la storia di apprendimento che ha lo scopo di rispondere alla domanda: come ti sei messo in testa questa idea che oggi ti fa comportare in questo modo che ritieni folle e che causa la tua sofferenza? Si scoprir che le idee del paziente sono state apprese in un contesto, normalmente quello infantile, in cui erano adattive e si sono mantenute al cambiare del contesto diventando disfunzionali. Ripetiamo ancora una volta che possibile che un bimbo pensi di avere assoluto bisogno dellaffetto degli altri per sopravvivere e che di fronte a un genitore incapace di dimostrargli affetto pensi che lunico modo per sopravvivere sia quello di essere bravo. Questa strategia poteva essere la migliore nel momento in cui sorta ma diventa disadattiva se da adulto continua a pensare di avere bisogno dellaffetto di tutti ed essere perfetto sempre e con tutti per ottenerlo. Ricollocare la credenza nel contesto in cui si formata aiuta a operare la degeneralizzazione affinch il paziente arrivi a pensare: una volta funzionava e aveva senso pensare in questo modo, ora le cose sono cambiate e pensare cos non pi utile, anzi dannoso. Discussione critica Una seconda modalit di attacco alle credenze dolenti quella della discussione critica particolarmente efficace con i paziente ossessivi in quanto utilizza la razionalit, che una modalit di affrontare i problemi a loro consono e familiare. Attraverso la razionalit, si invita il paziente a dimostrare che le credenze sono vere e utili per la sua esistenza. E ovviamente il paziente non ci riesce completamente perch impossibile riuscirci. La RET ha messo a punto questa tecnica e anche se non si sceglie il modello della RET come modello teorico di riferimento, indispensabile conoscerla e in questo caso usarla. Si agir per interrompere gli automatismi solo dopo che il paziente giunto a evidenziare e a iniziare a mettere in discussione le idee sulla responsabilit e si continuer a farlo per tutta la terapia. Anticiparlo rispetto a tale momento per ottenere subito qualche successo che rinforzi limpegno del paziente nella terapia rischia di ottenere leffetto opposto: pu sentirsi incapace e incolparsi per questo, o ritenere non adatto a lui questo tipo di terapia. Sperimentazione Un altro modo per cambiare le credenze dolenti la sperimentazione in vivo per falsificare le credenze disfunzionali. 89

La sperimentazione viene attuata facendo fare al soggetto dei compiti tra una seduta e laltra. Ad esempio, per falsificare le idee del paziente sullamabilit, un compito che gli si pu assegnare chiedere agli amici come hanno scelto il loro partner e cosa rende amabile una persona. Scopriranno cos che non sempre la bravura a rendere amabili. Si potr poi fargli ripercorrere la storia dei suoi legami affettivi per scoprire i criteri con i quali ha scelto le persone che sono diventate importanti per lui. Poi potremo chiedergli di fare qualcosa che lui ritiene sconveniente e fargli valutare se i suoi rapporti affettivi sono cambiati (ad es. per certi pazienti il fatto di arrivare in ritardo di cinque minuti una cosa molto sconveniente e rischiosa che noi possiamo chiedere loro di provare a fare). Ogni esercizio va inventato su misura per il paziente, tenendo conto della credenza che si vuole mettere in discussione, della sua storia e delle sue risorse personali. Lesercizio non va solo messo in atto, ma su di esso si deve poi lavorare in seduta per trarne le conseguenze e per vedere limpatto che ha avuto sulle credenze disfunzionali, che non saranno tanto facilmente smantellate essendo in funzione da tanto tempo. Discussione critica e sperimentazione in vivo si intrecciano strettamente e precedono di poco laltro decisivo tassello dellintervento sulle credenze che la costruzione di nuove alternative. Costruzione di nuove alternative Una vecchia idea, per quanto disfunzionale e causa di sofferenza non viene abbandonata se non ce n una nuova pronta a sostituirla. Il terapeuta non pu suggerire le alternative, in quanto ce ne sono tantissime e diverse: il paziente deve trovare le proprie, che siano in sintonia con la propria storia e i propri valori. Il terapeuta suggerisce le strade per costruire le alternative suggerendo ad esempio di osservare i comportamenti degli altri (di quelli che il paziente ama e stima); oppure di chiedersi secondo quali credenze essi agiscono. Il terapeuta pu anche far fare al paziente esercizi di immaginazione: mettersi nei panni di chi non soffre di questo disturbo e immaginare cosa si dice e prova in situazioni problematiche. Infine il terapeuta aiuter il paziente a valutare vantaggi e svantaggi del cambiare modo di pensare. Le nuove credenze non saranno opposte alle vecchie ma conterranno meno aspetti assolutistici, Ci sar meno esasperazione del senso del dovere, e anche meno previsioni catastrofiche, aumentando i gradi di libert del paziente, permettendogli di fare scelte prima impraticabili e aumentando la qualit della vita. Ad esempio, alla fine del trattamento un paziente dovrebbe riuscire a dirsi: essere delle brave persone solo una delle strade per essere apprezzati dagli altri; sbagliare umano e non significa non essere delle brave persone; preferibile essere accettati dagli altri ma se non succede al massimo si pu provare tristezza per il rifiuto e non una catastrofe. Una volta che le nuove credenze iniziano a essere messe a fuoco, di nuovo prender avvio un periodo di attiva sperimentazione per mettere alla prova il nuovo modo di pensare e vedere se funziona. Si dovranno inventare sperimentazioni mirate, di crescente difficolt, in cui il paziente andr a recitare una parte, che seppur gli piace perch stato lui a costruirla e il terapeuta gli ha solo indicato come fare, non sente ancora come sua. Prima dir che si sforzato di comportarsi nel nuovo modo, dato che non facile abbandonare il vecchio modo usato molto a lungo. Prima di diventare automatico, il nuovo modo di pensare, di funzionare, dovr infatti essere sperimentato molteplici volte. La terapia continua dopo la scomparsa dei sintomi e termina allacquisizione di questo nuovo automatismo. Decatastrofizzazione di Omega Per Omega si intende levento ultimo temuto dal paziente, che la previsione di essere colpevole e rifiutato. Tra le credenze del paziente ossessivo, la pi temuta e pertanto egli non ci vuole nemmeno pensare. Proprio il non pensarci lha resa cos orribile. utilissimo far costruire al paziente questo scenario di possibilit concreta di essere rifiutato dagli altri laddove c soltanto il nulla, il terribilmente sconosciuto.Pu infatti capitare anche a un

90

ossessivo di essere realmente colpevole di qualche cosa e pu anche succedere che tale colpa sia irreparabile e che a motivo di essa molti lo allontanino. Immaginando insieme al paziente come sarebbe lesistenza in questa condizione si scopre che, seppure non sia una situazione gradevole e nessuno la auspichi per s, sarebbero possibili ancora molte cose e lesistenza sarebbe ancora possibile e avrebbe un senso.

91