Sei sulla pagina 1di 1

La presente ricerca ha come fine la rivalutazione in chiave �������� ����� �����

����� ���������
antropologica e culturale del fenomeno della banda musicale, sia ������ ����� ���������
come palestra e fucina di ottimi musicisti a fiato, sia come
strumento di aggregazione sociale. A tal proposito, dopo aver
enucleato le caratteristiche che definiscono l’organico della banda,
il suo repertorio di esecuzione musicale e la sua storia, si analizzerà
�� �����
una realtà di eccellenza in tal senso: l’Orchestra di Fiati "Paolo COME STRUMENTO FORMATIVO,

�� ����� ���� ��������� ���������� ��������� � �������


Ragone" di Laureana di Borrello, piccolo comune di circa 5 000 EDUCATIVO E SOCIALE
abitanti in provincia di Reggio Calabria. Di questa realtà, venuta
alla ribalta grazie all’interessamento nientemeno che del Maestro
Riccardo Muti, bisogna rendere merito all’eroico lavoro del
direttore, il Maestro Maurizio Managò, che, in un contesto dove le
iniziative culturali sono quantomeno limitate, ha fatto in modo
che l’Orchestra di Fiati rappresentasse per i ragazzi un modo per
impegnare il loro tempo in qualcosa di costruttivo, bello,
formativo, impedendo loro, non con le armi, ma con la forza della
cultura, di prendere una cattiva strada.

����� ����