Sei sulla pagina 1di 261

Raffaella Gelleti, Roberto Jodice, Giovanni Mauro, Daniela Migliardi,

autori

Denis Picco, Michela Pin, Elisa Tomasinsig, Luca Tommasoni


C.E.T.A. – Centro di Ecologia Teorica ed Applicata di Gorizia
Damiana Chinese, Barbara Monaco, Gioacchino Nardin, Patrizia Simeoni
Università degli Studi di Udine - Dipartimento di Energetica e Macchine

Energia
l’argomento

dalle biomasse
Le tecnologie, i vantaggi
per i processi produttivi,
i valori economici
e ambientali
a cura di

24
numero
Lo studio è stato ideato
e coordinato dal
Unione Europea
Obiettivo 2 - FESR Servizio Trasferimento
Tecnologico di
AREA Science Park
Ministero dell’Economia e finanziato con il
e delle Finanze
contributo del
Fondo Europeo per
lo Sviluppo Regionale.

Copyright © 2006 by
Consorzio per l’AREA di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste
AREA Science Park
Padriciano, 99 - 34012 Trieste

prima edizione: Aprile 2006


I marchi citati nella presente pubblicazione sono di proprietà dei rispettivi titolari
progetto grafico: Mariangela Paludo
redazione: Luca Borraccino
coordinamento: Giada Cadei
stampato presso la Tipografia Filacorda Udine
AREA Science Park
per la diffusione dell’innovazione

AREA Science Park, dal 2005 Ente pubblico di ricerca nazionale di


primo livello del MIUR, è uno dei principali parchi scientifici multi-
settoriali d’Europa.

Ospita attualmente 84 centri, società e istituti, con oltre 1800 addetti


impegnati in attività di ricerca e sviluppo, trasferimento tecnologico,
formazione e servizi qualificati.

Suo obiettivo principale è favorire lo sviluppo del territorio attraver-


so la leva dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, grazie alla
creazione di un legame stabile tra il mondo della ricerca e il sistema
imprenditoriale.

In particolare nella zona Obiettivo 2 del Friuli Venezia Giulia AREA


ha attivato “Progetto Novimpresa”, un’iniziativa cofinanziata da
Unione Europea, Stato e Regione che offre alle imprese del territorio
numerosi servizi a sostegno dello sviluppo tecnologico e della loro
competitività.

Dall’attività a fianco delle imprese sono stati evidenziati alcuni temi


di particolare interesse per gruppi di imprese o settori produttivi. In
questa collana vengono pubblicati i risultati degli approfondimenti e
degli studi.

AREA Science Park - Progetto Novimpresa


Padriciano, 99 - 34012 Trieste
tel. 040.375.5125 - fax 040.226698
e-mail: novimpresa@area.trieste.it
www.area.trieste.it - www.area.trieste.it/novimpresa
IV
Indice
AREA Science Park
per la diffusione dell’innovazione p. IV

Presentazione p. IX

Introduzione p. XI

Capitolo 1
Identità della biomassa p. 1
1.1 Definizioni e classificazione p. 2
1.2 Origine e natura p. 3
1.2.1 Il comparto forestale e agroforestale p. 3
1.2.2 Il comparto agricolo p. 8
1.2.3 Il comparto zootecnico p. 21
1.2.4 I residui delle attività industriali p. 23
1.2.5 I residui urbani p. 27
1.3 Forme commerciali p. 29
1.3.1 Le biomasse combustibili allo stato solido p. 29
1.3.2 Le biomasse combustibili allo stato liquido p. 38
1.3.3 Le biomasse combustibili allo stato gassoso p. 42

Capitolo 2
Applicazioni tecnologiche p. 45
2.1 Metodi e processi di preparazione del combustibile p. 45
2.1.1 Tecniche di condizionamento e di preparazione
delle biomasse lignocellulosiche p. 45
2.1.2 La fermentazione metanica per la produzione di biogas p. 54
V
2.1.3 La fermentazione alcolica da glucidi semplici e complessi p. 66
2.1.4 La conversione chimica degli oli p. 72
2.1.5 La biogenesi dell’idrogeno p. 76
2.2 Metodi e processi termochimici di conversione energetica p. 78
2.2.1 La produzione di energia termica p. 78
2.2.2 La produzione di energia elettrica p. 99
2.2.3 La cogenerazione p. 111
2.2.4 La trigenerazione p. 125
2.2.5 L’utilizzo diretto di oli vegetali nei motori
a combustione interna p. 130

Capitolo 3
Aspetti economici p. 135
3.1 I costi di produzione dei combustibili da biomassa p. 135
3.1.1 L’ottenimento della materia prima p. 135
3.1.2 Le fasi di preparazione del combustibile p. 138
3.2 I prezzi di vendita dei combustibili da biomassa p. 144
3.3 Valutazione economica degli impianti energetici
alimentati a biomassa p. 146
3.4 Principali strumenti d’incentivo p. 148
3.4.1 Gli incentivi alla produzione di biomasse energetiche
da colture dedicate p. 148
3.4.2 Gli incentivi ai biocarburanti p. 150
3.4.3 Gli incentivi alla produzione di energia elettrica:
i certificati verdi p. 152
3.4.4 Altri strumenti: la leva fiscale p. 153

Capitolo 4
Aspetti ambientali p. 155
4.1 La riduzione delle emissioni in atmosfera p. 155
4.1.1 Il bilancio delle emissioni di anidride carbonica (CO2) p. 157
4.1.2 Confronto tra le emissioni inquinanti dei principali
combustibili di origine vegetale e fossile p. 160
4.2 Altri benefici ambientali p. 163
4.3 Il bilancio energetico dei combustibili da biomassa p. 164
VI
Capitolo 5
Esempi applicativi di utilizzo delle biomasse
a fini energetici p. 167
5.1 Centrale termica a cippato di legna a servizio
dell’Istituto Scolastico IPSSC di via Baden Powell,
nel comune di Monfalcone (GO) p. 167
5.1.1 Dimensionamento della caldaia a biomassa p. 168
5.1.2 Caratteristiche costruttive e schema di funzionamento
della caldaia p. 169
5.1.3 Circuiti e dispositivi di sicurezza p. 170
5.1.4 Caratteristiche e dimensionamento del deposito
di cippato p. 171
5.2 Centrale termica a cippato di legna a servizio della sede
della Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo,
nel comune di Staranzano (GO) p. 172
5.2.1 Dimensionamento della caldaia a biomassa p. 173
5.2.2 Caratteristiche costruttive e schema di funzionamento
della caldaia p. 174
5.2.3 Circuiti e dispositivi di sicurezza p. 175
5.2.4 Caratteristiche e dimensionamento del deposito
di cippato p. 176
5.3 Impianto dimostrativo con ciclo ORC integrato ottimizzato
a Lienz (Austria) p. 177
5.4 Teleriscaldamento e cogenerazione da legno cippato
a Fondo – Val di Non (TN) p. 180
5.5 Impianto dimostrativo per lo sfruttamento di energia
e materiali da reflui zootecnici presso l’azienda
“Francesco Ricchieri” di Fiume Veneto (PN) p. 182
5.5.1 Sezioni operative dell’impianto p. 184

Capitolo 6
Allegati p. 187
6.1 Allegato 1: schede colturali delle principali specie a fini
energetici p. 187
6.1.1 Colture da biomassa lignocellulosica p. 187
6.1.2 Colture oleaginose p. 200
6.1.3 Colture alcoligene p. 208
VII
6.2 Allegato 2: composizione chimica media
di alcune biomasse p. 215
6.3 Allegato 3: disponibilità di biomasse a fini energetici
nella regione Friuli Venezia Giulia p. 219
6.3.1 Le biomasse forestali p. 219
6.3.2 Le biomasse agro-forestali p. 221
6.3.3 I residui agricoli p. 222
6.3.4 Le colture oleaginose dedicate p. 224
6.3.5 Le colture alcoligene dedicate p. 225
6.3.6 Il comparto industriale p. 226
6.3.7 I rifiuti p. 228

Glossario p. 229

Bibliografia p. 241
VIII
Presentazione

Ricerca, conoscenza, creazione di innovazione: è questa la catena del valore


in cui si inserisce l’impegno quotidiano di AREA Science Park a favore
del mondo produttivo regionale.
Da quasi un decennio, attraverso Progetto Novimpresa, la nostra sfida
è sostenere la competitività delle imprese aiutandole ad anticipare e a
rispondere ai cambiamenti e alle trasformazioni tecnologiche in atto.
Come? Conoscendole direttamente, in un rapporto “faccia a faccia”
che crea fiducia, raccogliendo sul campo le loro esigenze di innova-
zione, trasformando idee, conoscenza e risultati della Ricerca in pro-
getti di innovazione con ricadute concrete, impegnando le migliori
competenze disponibili in sforzi progettuali che creano reale valore
per l’impresa.
Consapevoli che i temi del risparmio energetico e del ricorso a fonti
rinnovabili, quali soluzioni per rispondere alla domanda crescente di
energia, all’aumento dei prezzi dei combustibili tradizionali e alle dif-
ficoltà di approvvigionamento, risultano oggi di particolare interesse
e attualità, abbiamo realizzato e pubblichiamo il manuale Energia dalle
biomasse.
Le innovazioni tecnologiche degli ultimi anni hanno riportato l’atten-
zione sulle enormi possibilità offerte dalle biomasse non solo nel setto-
re del riscaldamento ma anche in quello della produzione di energia in
cogenerazione, dello sfruttamento del biogas e, soprattutto, nel settore
dei biocarburanti.

Obiettivo del manuale è fornire una panoramica il più possibile ampia


sulla natura e sulle caratteristiche delle biomasse e dei combustibili da
esse derivati, nonché sulle potenzialità offerte dalle diverse tecnologie
di sfruttamento energetico (rendimenti, potenzialità d’impiego, fattori
di criticità), anche dal punto di vista della redditività degli investimen-
ti. La presentazione di esempi applicativi delle tecnologie descritte
IX
sulla base di esperienze condotte sia in ambito regionale che extrare-
gionale, consente inoltre ai lettori di verificare la fattibilità di alcune
ipotesi realizzative.

Un nuovo esempio concreto di come AREA voglia mettere al servizio


della competitività dell’Impresa un sistema collaudato di operatori del
trasferimento tecnologico, esperienze e strumenti.
Una tradizione di innovazione che accompagna le imprese nel futuro.

prof.ssa Maria Cristina Pedicchio


Presidente
AREA Science Park Trieste
X
Introduzione

La tematica dell’impiego delle fonti rinnovabili di energia è ritornata


di attualità, soprattutto nell’ultimo anno, alla luce dei ben noti avve-
nimenti quali l’aumento dei prezzi dei combustibili fossili e le diffi-
coltà del loro approvvigionamento. Si tratta di un interesse ciclico, se
visto nell’arco degli ultimi trent’anni, dovuto a momenti contingenti
di aumento dei prezzi del petrolio, alla fonte.
Questa volta però vi è piena coscienza che la crisi è strutturale, ossia
non più contingente, ma dovuta al sistema dei consumi di energia
(elevati) della nostra società, alla diminuzione contestuale delle di-
sponibilità delle fonti fossili e all’aumento della domanda a livello
mondiale. Il ricorso alle fonti rinnovabili e all’uso efficiente dell’ener-
gia si impone quale scelta strategica, irreversibile.
E l’assunto assume una importanza di rilievo nel nostro Paese, che
importa oltre l’80% del fabbisogno di energia dall’estero, in termini
di combustibili, di carburanti e anche di energia elettrica.
Il presente manuale, realizzato su iniziativa di AREA Science Park, di
cui sono autori i tecnici del CETA, suscita un’attenzione particolare
poiché attiene alla produzione e all’impiego delle biomasse, una tra
le fonti rinnovabili di energia di più spiccato interesse, poiché diffusa
su tutto il territorio nazionale, già ampiamente sperimentata con l’au-
silio di tecnologie che attualmente risultano consolidate e “mature”.
L’argomento è però restato patrimonio di un numero ristretto di ope-
ratori, per lo più circoscritti alla filiera legno/energia, ossia al com-
parto dell’impiego delle risorse forestali legnose e a quello dell’utiliz-
zo dei residui legnosi ottenuti nelle industrie di lavorazione del legno
stesso (segherie, mobilifici, ecc.). A livello nazionale la produzione
complessiva di biomasse per scopi energetici è stimata in 3.255 ktep,
su 14.092 ktep ottenuti da fonti rinnovabili (dati 2003), pari al
23,01%.
Attualmente l’interesse si è aperto anche alle altre materie prime di
origine vegetale e animale, nell’ottica di un recupero completo di
XI
tutte le risorse disponibili: combustibili legnosi di origine forestale e
agricola, effluenti degli allevamenti zootecnici e reflui organici agroin-
dustriali che producono biogas, biocarburanti di “nuova” concezione
quali il biodiesel e il bioalcool.
Per quanto attiene alle previsioni sullo sviluppo della bioenergia nei
prossimi anni, i documenti programmatici redatti dalle amministra-
zioni pubbliche competenti sono relativamente scarni poiché si basa-
no su un livello di informazione di base certamente carente.
Volendo fornire un dato indicativo in merito alla disponibilità del
territorio destinabile alle colture energetiche, si può assumere, nell’ot-
tica di un quadro di riferimento e non di una valutazione puntuale,
la stima di oltre 1 milione di ha il territorio che potrebbe essere desti-
nato alla riconversione a colture annuali o poliennali per la produzio-
ne di biomassa da energia. Uno studio recente, elaborato dal CETA a
livello nazionale, stima che entro pochi anni, attuando una politica di
interventi decisa e mirata, potrebbero essere ottenute energie dalle
biomasse agricole e forestali pari ad oltre il 6% dei consumi odierni,
con un incremento dall’attuale 12% rappresentato da tutte le rinnova-
bili al 18% complessivo. La dimensione è sicuramente rilevante.

Il manuale assume una valenza ulteriore poiché non limita la tratta-


zione esclusivamente alla produzione di biomasse, nelle differenti fi-
liere, ma la estende alle tecnologie di immediato riscontro applicati-
vo, ossia concretamente utilizzabili dagli utenti finali, siano essi di
piccola o grande taglia. Compendia altresì le tecnologie che potranno
essere perfezionate ed impiegate nel breve-medio periodo, previo un
ulteriore sforzo tecnologico, alle varie scale applicative.
Di rilievo è stato l’impegno degli autori nel considerare e descrivere
le tecnologie di piccola e media dimensione produttiva, anche con la
finalità di impiegare le risorse al livello territoriale consono, in un
ambito di piena sostenibilità ambientale.
È un testo rivolto agli operatori del Friuli Venezia Giulia, ma non
solo ad essi, poiché la trattazione induce un interesse scientifico e
tecnico che supera i limiti territoriali regionali.

Luigi Rossi
Direttore Unità Biotecnologie,
Protezione della Salute e degli Ecosistemi
ENEA - Centro Ricerche Casaccia Roma
XII
Principali unità di misura e fattori di conversione

Unità di misura simbolo grandezza

Caloria cal calore

Joule J calore

Wattora Wh energia

Equivalenze tra unità di misura di energia e calore

kJ kcal kWh

1 kJ 1 0,2388 0,000278

1 kcal 4,1868 1 0,001163

1 kWh 3.600 860 1


Capitolo 1
Identità della biomassa

Il termine biomassa riunisce una gran quantità di materiali di natura


estremamente eterogenea. Con alcune eccezioni, si può dire che è
biomassa tutto ciò che ha matrice organica. Sono da escludere le pla-
stiche e i materiali fossili che, pur rientrando nella chimica del carbo-
nio, non hanno nulla a che vedere con la caratterizzazione che qui
interessa dei materiali organici.
La biomassa rappresenta la forma più sofisticata di accumulo del-
l’energia solare. Mediante il processo di fotosintesi, infatti, i vegetali
sono in grado di convertire l’energia radiante in energia chimica e
stoccarla sotto forma di molecole complesse, a elevato contenuto
energetico. Per tale motivo la biomassa è considerata una risorsa rin-
novabile e inesauribile, se opportunamente utilizzata, ovvero se il
ritmo di impiego della stessa non superi la capacità di rigenerazione
delle formazioni vegetali.
Al contempo la biomassa è anche una fonte energetica considerata neu-
trale ai fini dell’incremento delle emissioni di gas a effetto serra: durante
il processo di crescita i vegetali, mediante la fotosintesi, contribuiscono
alla sottrazione dell’anidride carbonica atmosferica e alla fissazione del
carbonio nei tessuti. A seguito della combustione della biomassa si gene-
rano emissioni di anidride carbonica, tuttavia la quantità emessa è pari a
quella assorbita dalla pianta e rientra pertanto nel ciclo naturale. Per

DEFINIZIONE DI BIOMASSA SECONDO IL DECRETO


LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2003, N. 387
Biomassa: “la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui
provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali ed animali)
e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte
biodegradabile dei rifiuti industriali ed urbani”.
1
questo motivo l’impiego a fini energetici della biomassa è considerata
una delle priorità di sviluppo delle politiche post Kyoto.

1.1 Definizioni e classificazione

La definizione di biomassa data dalla direttiva 2001/77/CE sulla pro-


mozione dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e recepita
a livello nazionale dal decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387,
riunisce un’ampia categoria di materiali di origine vegetale e anima-
le, compresa la parte biodegradabile dei rifiuti.
Per semplicità le biomasse idonee alla trasformazione energetica, sia che
essa avvenga utilizzando direttamente la biomassa o previa trasforma-
zione della stessa in un combustibile solido, liquido o gassoso, possono
essere suddivise per comparto di provenienza nei seguenti settori:
● comparto forestale e agroforestale: residui delle operazioni selvicol-
turali o delle attività agroforestali, utilizzazione di boschi cedui, ecc;
● comparto agricolo: residui colturali provenienti dall’attività agri-
cola e dalle colture dedicate di specie lignocellulosiche, piante
oleaginose, per l’estrazione di oli e la loro trasformazione in bio-
diesel, piante alcoligene per la produzione di bioetanolo;
● comparto zootecnico: reflui zootecnici per la produzione di biogas;
● comparto industriale: residui provenienti dalle industrie del legno
o dei prodotti in legno e dell’industria della carta, nonché residui
dell’industria agroalimentare;
● rifiuti urbani: residui delle operazioni di manutenzione del verde
pubblico e frazione umida di rifiuti solidi urbani.
Si comprende quindi che nel termine biomassa sono raggruppati mate-
riali che possono essere anche molto diversi tra loro per caratteristiche
chimiche e fisiche. Di conseguenza anche le loro utilizzazioni, a fini ener-
getici, possono essere molteplici. In linea generale, come si vedrà in
dettaglio nel capitolo 3, i processi di trasformazione possono essere rag-
gruppati in due diverse categorie: i processi di conversione biochimica
permettono di ricavare energia attraverso reazioni chimiche dovute alla
presenza di enzimi, funghi e altri micro-organismi che si formano nella
biomassa mantenuta in particolari condizioni; i processi di conversione
termochimica hanno come fondamento l’azione del calore che permette
lo sviluppo delle reazioni chimiche necessarie a trasformare la materia in
energia. I fattori discriminanti che indirizzano la scelta verso uno dei
2
due processi sono il rapporto carbonio/azoto (C/N) e il tenore di umi-
dità alla raccolta: quando il rapporto C/N è inferiore a 30 e il contenuto
di umidità supera valori del 30% si utilizzano generalmente processi
biochimici, in caso contrario sono più idonei processi termochimici.

Di seguito vengono descritte nel dettaglio le diverse tipologie di bio-


massa, suddivise per comparto di provenienza, e le principali carat-
teristiche a fini energetici delle stesse. Successivamente saranno ap-
profonditi i sistemi tecnologici di conversione energetica.

1.2 Origine e natura

1.2.1 Il comparto forestale e agroforestale

Il principale strumento tecnico della selvicoltura naturalistica è costi-


tuito da operazioni di taglio e di eliminazione di alcune piante (albe-

SELVICOLTURA E SISTEMI SELVICOLTURALI


La selvicoltura è definita come la scienza e la pratica di coltivare i boschi,
applicando i principi dell’ecologia forestale all’impianto (distribuzione), alla
rinnovazione (ricostituzione del bosco) ed agli interventi attuati per
condizionare la struttura, la composizione specifica dei popolamenti
forestali, lo stato fitosanitario in un’ottica di equilibrio tra le esigenze
economiche della società e le esigenze ecologiche della foresta.
Per sistema selvicolturale si intende invece l’insieme delle operazioni
attuate per la coltivazione, l’utilizzazione e la rinnovazione del bosco. I
singoli interventi si distinguono principalmente in funzione della forma
di governo del bosco adottata.
Per governo del bosco si intende il modo in cui questo si rinnova. Le
due modalità di rinnovo del bosco sono a ceduo e a fustaia. Nella
forma di governo a ceduo l’accrescimento delle piante viene interrotto
con tagli periodici. La rinnovazione del bosco, in questo caso, avviene
principalmente tramite propagazione vegetativa ovvero dal ricaccio
delle piante dalle singole ceppaie. Le gemme che ricacciano dalle
ceppaie si chiamano polloni e la modalità di propagazione è tipica delle
latifoglie. Il governo a fustaia si ha invece quando il bosco è formato da
piante lasciate crescere fino alla maturità e la rinnovazione del bosco
avviene, per lo più, mediante propagazione sessuata (tramite seme).
3
ri, ma anche arbusti) che consentano l’utilizzazione della produzione
legnosa senza inficiare il processo di perpetuazione del bosco. Le
operazioni che vengono eseguite contribuiscono a “regolare” la con-
correnza tra piante della stessa età o di età diversa nonché di control-
lare la composizione, la struttura spaziale (distribuzione orizzontale e
verticale) e l’evoluzione della comunità vegetale. I residui forestali,
risultanti dai diversi tipi di intervento selvicolturale, vengono comu-
nemente indicati come biomassa forestale.
Le operazioni interessanti ai fini del prelievo di biomassa forestale a
fini energetici comprendono sia interventi selvicolturali in boschi go-
vernati a fustaia sia interventi in boschi governati a ceduo. Nel primo
caso un esempio di operazione può essere il prelievo degli assorti-
menti minori, comunemente lasciati in bosco, in seguito a interventi
di taglio degli assortimenti forestali maggiori (diametro dei tronchi
maggiore a 18 cm) per usi commerciali.
Ulteriore fonte di approvvigionamento è costituita dal materiale le-
gnoso derivante dai tagli intercalari ovvero dagli interventi applicati
alle giovani fustaie o alle fustaie in via di ricostituzione per aumen-
tarne la stabilità, per regolamentarne la composizione specifica e per
accrescerne la produzione di valore. Anche l’utilizzazione dei boschi
cedui rappresenta sicuramente una fonte importante di biomassa fo-
restale: i cedui italiani, infatti, costituiti nella quasi totalità da piante
ceduate a ceppaia, sono destinati per lo più alla produzione di bio-
massa combustibile e di pali per uso agricolo.
Un’ulteriore fonte di approvvigionamento di biomasse legnose è rap-
presentata dai materiali di provenienza agroforestale, ossia dalle
biomasse che derivano da attività di forestazione in ambito pretta-
mente agricolo. Le fonti di biomassa a fini energetici, in questo caso,
sono principalmente da ricondursi ai residui derivanti dalle utilizza-
zioni a fini commerciali di coltivazioni legnose, alle utilizzazioni
delle formazioni lineari (come siepi e filari o piccoli boschetti) nonché
alle utilizzazioni delle formazioni boschive dedicate realizzate su su-
perfici agricole. Per quest’ultima si fa riferimento principalmente, alla
pioppicoltura: i residui possono derivare sia dalle potature eseguite
nel corso del ciclo di crescita della pianta, sia dagli scarti delle utiliz-
zazioni a fini commerciali (comunemente viene utilizzato il tronco,
mentre le ramaglie vengono lasciate in campo).
Le caratteristiche fisiche delle biomasse legnose rilevanti a fini ener-
getici sono il tenore di umidità e la densità. Questi due fattori, accan-
to alla composizione chimica del materiale, incidono infatti sul potere
calorifico del legno.
4
IL POTERE CALORIFICO INFERIORE (p.c.i.)
Il potere calorifico inferiore (p.c.i.) esprime la quantità di calore che si
sviluppa con la combustione completa di 1 kg di legno, considerando
l’acqua allo stato di vapore a 100 °C, ossia considerando la sola quota
parte di calore effettivamente utilizzabile.
Il p.c.i. si misura in Kcal/Kg.

L’umidità viene definita dal rapporto tra la quantità d’acqua contenu-


ta nel legno e il peso dello stesso. Questa variabile assume un’impor-
tanza significativa perché, oltre ad agire sui meccanismi di combu-
stione, ha un’influenza sulle caratteristiche chimiche del legno e sul
suo peso specifico. La quantità d’acqua contenuta nel materiale varia
in funzione di diversi fattori quali la specie, l’età, la parte di pianta
considerata (rami, fusti, ecc.), la stagione del taglio, ecc. In generale si
hanno tenori di umidità più bassi nelle latifoglie rispetto alle conife-
re, nelle parti basse rispetto alle parti alte della pianta, in estate ri-
spetto all’inverno.

L’UMIDITÀ
L’umidità, riferita allo stato umido, viene definita come segue:
Manidro - Mumido
Uanidro = x100
Manidro
dove Mumido è il peso della biomassa tal quale (umida) e Manidro è il
peso della biomassa allo stato anidro, ovvero della sostanza secca.

La densità è la massa per unità di volume e si misura in kg/m3. Può


essere calcolata considerando il legno allo stato fresco o il legno allo
stato secco. La densità rappresenta il più comune indicatore di qualità
del combustibile legnoso perché il potere calorifico del legno è diretta-
mente proporzionale ad essa. Anche la densità è variabile. Essa varia
in funzione delle condizioni stazionali, della specie (generalmente ri-
sulta più elevata la densità delle latifoglie rispetto alle conifere), del-
l’età, della parte della pianta, della forma di governo del bosco. La
densità del legno, in linea generale, varia tra 800 e 1.120 kg/m3, se rife-
rita allo stato fresco, e tra 360 e 810 kg/m3, se riferita allo stato secco1.

1 Zilli, 2002.
5
LA DENSITÀ
La densità si misura come segue:

D = Mumido / Vumido

dove Mumido è il peso e Vumido è il volume della biomassa umida.

Relativamente alle principali caratteristiche analitiche che qualificano


la biomassa forestale e agroforestale a fini energetici, assume rilievo
la composizione chimica del legno.
I principali polimeri costituenti la biomassa legnosa sono:
● la lignina, che conferisce rigidità alla pianta, è presente in percen-
tuali che variano dal 20 al 30% del peso secco e ha un alto potere
calorifico (circa 6.000 kcal/kg);
● la cellulosa, il principale componente del legno (costituisce circa il
50% del peso secco), ha anch’essa un potere calorifico elevato (pa-
ri a circa 3.900 kcal/kg);
● l’emicellulosa, presente nella parete cellulare delle piante negli
spazi lasciati liberi dalla cellulosa, costituisce dal 10 al 30% del
legno e ha un potere calorifico più modesto.

Rispetto alla sua composizione elementare, il legno è costituito quasi


interamente da tre elementi: il carbonio (49-51%), l’ossigeno (41-45%)
e l’idrogeno (5-7%). Al contempo presenta relativamente basse quan-
tità di azoto (0,05-0,4%), di zolfo (0,01-0,05%) e di altri elementi mine-
rali che vanno a costituire le ceneri (0,5-1,5%)2.
La quantità e soprattutto il rapporto tra gli elementi costituenti la bio-
massa sono molto importanti al fine di verificarne il valore come combu-
stibile. In particolare sono molto importanti il rapporto tra idrogeno (H)
e carbonio (C), e quello tra ossigeno (O) e carbonio (C), nonché le quan-
tità di azoto e ceneri: in linea generale un alto contenuto di carbonio e
idrogeno determina un alto potere calorifico, mentre elevate presenze di
ossigeno, azoto e ceneri hanno un effetto opposto3.

2 Alberti, 2002; Righini, 2003.


3 APAT, 2003.
6
Nella tabella 1 vengono riassunte le principali caratteristiche chimico-fi-
siche ed energetiche della biomassa legnose. Ulteriori specifiche concer-
nenti le principali essenze legnose vengono fornite nel paragrafo 6.2
(Allegato 2).

Tabella 1 - Principali caratteristiche chimico-fisiche della biomassa legnosa

Composizione
Cellulosa 50% della ss
Emicellulosa 10-30% della ss
Lignina 20-30% della ss
Caratteristiche fisiche ed energetiche
Umidità 25-60% sul t.q.
Densità di massa 800-1.120 kg/m3
p.c.i. (considerando un’umidità del 12-15%) 3.600-3.800 kcal/kg
ss = sostanza secca

La biomassa proveniente dal bosco viene venduta sul mercato in pez-


zature molto diverse per forma e grado di umidità. In taluni casi
viene avviata alla produzione di forme densificate (pellet e bricchet-
ti), come si vedrà nel dettaglio nel paragrafo 3.1). Le pezzature più
comuni sono i tronchetti di legno (l’assortimento più utilizzato negli
ambienti rurali o montani, dove la raccolta della legna e il suo stoc-
caggio in ciocchi di opportune dimensioni è un’attività che sopravvi-
ve alle attrattive offerte dalle moderne tecnologie per il riscaldamento
residenziale) e il cippato.
L’ampia disponibilità della fonte a livello nazionale (è sufficiente pen-
sare che il 32,3% del territorio nazionale è coperto da boschi e foreste)
rende interessante lo sfruttamento energetico delle biomasse forestali.
Tuttavia il principale elemento di criticità al reperimento della bio-
massa in bosco può essere rappresentato dalle difficoltà logistiche e
in particolare dalla presenza o meno di una viabilità forestale fruibile
dai comuni mezzi di raccolta e trasporto e sufficientemente sviluppa-
ta. Soprattutto in ambito montano le formazioni boschive non sono
sempre facilmente raggiungibili: in condizioni di pendenze elevate il
recupero del materiale legnoso richiede una densità di strade piutto-
sto alta per garantire un agevole accesso dei mezzi. In alternativa
spesso si rende necessaria la realizzazione di infrastrutture apposite
come teleferiche o risine, utili al trasporto in condizioni orografiche
accidentate con un aggravio dei costi di reperimento della biomassa.
7
1.2.2 Il comparto agricolo

Il comparto agricolo svolge, e svolgerà, un ruolo sempre più prepon-


derante nella produzione di combustibili da biomassa. Questo com-
parto, infatti, può fornire un’ampia gamma di materiali che possono
trovare utilmente impiego a fini energetici, che comprende sia pro-
dotti residuali di altre coltivazioni sia materiali derivanti da coltiva-
zioni specialistiche dedicate alla produzione di biomassa combustibi-
le. I principali prodotti del settore agricolo sono:
● i residui colturali legnosi provenienti dalla gestione di vigneti e
frutteti;
● altri residui colturali, di natura composita, provenienti dalle colti-
vazioni di cereali e altri seminativi;
● le biomasse lignocellulosiche da colture arboree ed erbacee dedi-
cate;
● i prodotti delle colture oleaginose (semi, ecc.) per la produzione di
oli vegetali e biodiesel;
● i prodotti delle colture alcoligene (tubercoli, granella, ecc.) per la
produzione del bioetanolo.

I residui agricoli

I residui agricoli comprendono l’insieme dei sottoprodotti derivanti dal-


la coltivazione di colture, generalmente a scopo alimentare, altrimenti
non utilizzabili o con impieghi alternativi marginali. Non tutti i residui
provenienti da questo comparto sono utilmente destinabili alla produ-
zione di energia sia a causa delle loro caratteristiche fisiche ed energeti-
che sia a causa di barriere economiche (costi di raccolta, bassa densità
per unità di superficie) che ne limitano le possibilità di impiego.
Sono ritenuti idonei alla trasformazione energetica4 i seguenti pro-
dotti residuali:
1. paglie dei cereali autunno-vernini (frumento tenero e duro, orzo,
avena, segale);
2. stocchi, tutoli e brattee di mais;

4 In questa sede non viene trattata la granella da mais per produzione energetica, in quanto considerata
prodotto agricolo principale. Pare comunque opportuno sottolineare che, qualora la presenza di micotos-
sine e aflatossine nella granella sia superiore ai limiti posti dalla regolamentazione UE, si può considerare la
possibilità di utilizzare questo prodotto come biocombustibile (Gubbiani, Lazzari, 2004).
8
3. paglia di riso;
4. sarmenti di potatura della vite;
5. ramaglia di potatura dei fruttiferi;
6. frasche di olivo.

Le paglie dei cereali autunno-vernini (frumento tenero e duro, or-


zo, avena e segale)
Le paglie che restano sul campo dopo la trebbiatura rappresentano il
principale sottoprodotto dei cereali autunno-vernini, coltivati per la
produzione di granella. Sebbene questo materiale frequentemente ven-
ga lasciato sul campo per essere interrato oppure venga raccolto e uti-
lizzato come lettiera o, più raramente, come alimento per gli animali,
può trovare utilità anche a fini energetici: la paglia è infatti caratteriz-
zata da un p.c.i. che varia tra 3.300-4.200 kcal/kg di sostanza secca (ss)
e ha un’umidità alla raccolta del 14-20%. Tuttavia la quantità disponi-
bile, per ettaro di superficie, è piuttosto bassa e varia tra 3 e 6 t/ha
anno, in proporzione alla quantità di granella raccolta. Quando è pre-
vista la raccolta, le paglie vengono lasciate in andane (file parallele)
dalla mietitrebbiatrice e, successivamente, confezionate in balle. Il pe-
riodo utile per tale operazione è di 15-45 giorni dopo la raccolta della
granella, in funzione del periodo di trebbiatura (giugno-luglio), del-
l’andamento climatico e dell’ordinamento colturale (tale periodo si ri-
duce a pochi giorni qualora il cereale preceda una coltura di secondo
raccolto come nel caso, ad esempio, dell’orzo seguito dal mais).

La paglia di riso
Le caratteristiche energetiche della paglia di riso sono buone: la bio-
massa presenta un p.c.i. di 3.700-3.800 kcal/kg di ss e un’umidità alla
raccolta del 20-30%. La produttività media varia da 3 a 5 t/ha anno. La
paglia di riso tuttavia è un residuo agricolo che presenta un recupero
relativamente problematico. La raccolta, che deve avvenire dopo quel-
la del prodotto principale, si effettua infatti nel periodo autunnale, ca-
ratterizzato da un’elevata piovosità, e su terreni con difficoltà di sgron-
do delle acque. Attualmente la paglia di riso viene utilizzata come let-
tiera per animali. Il suo impiego come combustibile avviene general-
mente nell’ambito dello stesso ciclo produttivo del prodotto principale
e, in particolare, in fase di essiccazione dello stesso.

Stocchi, tutoli e brattee di mais


I sottoprodotti del mais da granella sono gli stocchi, i tutoli e le brat-
9
tee di mais. I tutoli e le brattee di mais hanno un p.c.i. di 4.000-4.300
kcal/kg di ss e un’umidità alla raccolta del 30-55%. Il quantitativo
complessivamente raggiungibile, raccolto direttamente dalla mieti-
trebbiatrice, varia tra 1,5 e 2,5 t/ha, in base alle condizioni della col-
tura al momento della trebbiatura e alle caratteristiche costruttive
della barra di raccolta.
Gli stocchi sono caratterizzati da un p.c.i. di 3.700-3.800 kcal/kg di ss
e da un’umidità alla raccolta del 40-60%. La produttività è di circa 4-5
t/ha anno. Attualmente sono utilizzati per lo più come lettiera negli
allevamenti ma possono trovare impiego anche a fini energetici.
Possono essere recuperati successivamente alla raccolta della granel-
la. Il periodo utile per la raccolta risulta essere indicativamente di
30-40 giorni, se tale operazione è effettuata prima dell’inverno, di 50-
90 giorni se l’intervento è realizzato nella primavera successiva (nel
caso del mais in monosuccessione). La raccolta tardo-autunnale gene-
ralmente comporta maggiori criticità dovute all’elevato tasso di pio-
vosità media tipico di questo periodo che aumenta l’umidità del
prodotto e quindi ne riduce la qualità (sviluppo con muffe, perdite di
sostanza secca sia in pre che in post raccolta, imbrattamento con fan-
go), oltre a generare difficoltà nella transitabilità del terreno. La rac-
colta meccanica degli stocchi non presenta particolari difficoltà tecni-
co-operative: i cantieri di lavoro attualmente adottati prevedono la
trinciatura (riduzione del materiale in piccole scaglie) e l’andanatura
(disposizione del materiale in campo lungo file lineari) prima del
confezionamento in balle cilindriche. In taluni casi alla trinciatura
segue il trasporto diretto allo stoccaggio.

Sottoprodotti delle colture arboree da frutto (vite, ulivo, altri fruttiferi)


Derivano dalle operazioni di potatura dei frutteti che si eseguono in
epoche e con cadenze variabili in funzione delle colture attuate, nel
periodo di riposo vegetativo. Nella pratica, tale materiale viene al-
lontanano dall’appezzamento per evitare lo sviluppo di possibili
fitopatologie. La possibilità di recuperare i residui di potatura (sar-
menti di vite, frasche di olivo, ramaglie di frutteti) per un loro uti-
lizzo a fini energetici è legata alla possibilità di procedere alla rac-
colta del materiale e, quindi, in funzione alla densità d’impianto,
alle modalità di potatura e al conseguente accrescimento delle pian-
te (la forma di allevamento) nonché alla disposizione (grado di
frammentazione e pendenza) del terreno.

Le principali caratteristiche chimico-fisiche delle biomasse agricole


10
vengono sintetizzate nella tabella che segue5. Per una caratterizzazio-
ne più dettagliata si veda il paragrafo 6.2 (Allegato 2).

Tabella 2 - Principali caratteristiche chimico-fisiche dei residui colturali

Umidità alla Produzione Rapporto Ceneri p.c.i.


Sottoprodotto agricolo
raccolta (%) media (t/ha) C/N (% in peso) (kcal/kg ss)

Paglia frumento tenero 14-20 3-6 120-130 7-10 4.100-4.200

Paglia frumento duro 14-20 3-5 110-130 7-10 4.100-4.200


Paglia altri cereali
14-20 3-5,5 60-65 5-10 3.300-3.400
autunno-vernini
Paglia riso 20-30 3-5 60-65 10-15 3.700-3.800

Stocchi mais 40-60 4.5-6 40-60 5-7 4.000-4.300

Tutoli e brattee di mais 30-55 1,5-2,5 70-80 2-3 4.000-4.300

Sarmenti vite 45-55 3-4 60-70 2-5 4.300-4.400

Frasche di olivo 50-55 1-2,5 30-40 5-7 4.400-4.500

Residui fruttiferi 35-45 2-3 47-55 10-12 4.300-4.400

Sebbene i residui colturali rappresentino una fonte energetica facil-


mente accessibile vanno considerate alcune criticità legate allo sfrut-
tamento degli stessi e in particolare gli impieghi alternativi del mate-
riale, la bassa produttività per unità di superficie e la composizione
chimica delle biomasse.
Per quanto riguarda il primo aspetto, legato al ruolo agronomico dei
residui colturali, c’è da rilevare che le pratiche agricole normalmente
in uso trattano in maniera differente i diversi residui: se i residui di
potatura vengono comunque raccolti e asportati dal campo, i residui
colturali del mais, sono normalmente lasciati sul campo e interrati;
questa operazione permette infatti l’apporto di sostanze organiche al
terreno al fine di migliorarne la struttura e di mantenerne la fertilità.
Sebbene l’interramento di tale materiale sia una pratica valida in li-
nea generale, non lo è in senso assoluto: l’interramento della paglia,
ad esempio, nonostante a volte venga comunque eseguito, può alte-
rare l’equilibrio del terreno a causa dell’elevato rapporto tra carbonio

5 Riva,1990; ITABIA, 1999.


11
e azoto (rapporto C/N) che rende successivamente necessario l’arric-
chimento del terreno con composti azotati di origine chimica. La de-
stinazione dei residui agricoli a fini energetici deve quindi essere va-
lutata di volta in volta, tenendo presente che essa non è consigliabile
quando ciò comporti dei risvolti negativi a livello agronomico.
Un’approfondita conoscenza delle caratteristiche chimico-fisiche del
terreno agricolo si rivela dunque sempre necessaria al fine di definire
correttamente un equilibrato livello di asportazione6.
Un secondo aspetto riguarda le quantità disponibili per unità di su-
perficie. Queste in genere sono relativamente modeste e spesso non
giustificano la raccolta, l’asportazione e il trasporto della biomassa
alla centrale termica. Il basso peso specifico del materiale inoltre fa
aumentare il costo di trasporto per unità trasportata (il trasporto è un
punto chiave della logistica) e diventa importante, quindi, anche la
distribuzione sul territorio di tali residui.
Per quanto attiene infine alla composizione chimica dei residui agrico-
li va evidenziato che un alto contenuto in cenere può comportare com-
plicazioni in fase di impiego della biomassa: in linea generale la pre-
senza di ceneri aumenta il pericolo della formazione di scorie e depo-
siti a danno dei bruciatori ed aumenta le emissioni di particolato.

Le colture dedicate

La necessità di dare una visione multifunzionale all’agricoltura attra-


verso la tutela del territorio e l’utilizzo di modelli colturali a basso
input, attribuisce alle colture dedicate un ruolo strategico nelle attua-
li politiche agricole. A ciò si somma la necessità di favorire lo svilup-
po di un’alternativa alle produzioni con finalità alimentari per le
quali sono prevedibili, a breve, situazioni assai complesse sul piano
della competitività economica, soprattutto a causa dell’allargamento
dei mercati e di una prevedibile minor protezione comunitaria a que-
sto tipo di colture.
Con il termine “colture dedicate”, o “colture energetiche”, si fa riferi-
mento a coltivazioni allestite allo scopo di produrre biomassa da de-
stinare alla produzione di energia elettrica e/o termica.
Le colture dedicate possono essere raggruppate in tre categorie principali:
1. colture da biomassa lignocellulosica;

6 Le fonti bibliografiche indicano coefficienti di asportazione alquanto variabili (30-70%).


12
2. colture oleaginose;
3. colture alcoligene.

Nella tabella 3 si riporta un elenco delle principali specie utilizzabili


e dei biocombustibili da esse ottenibili7.

Tabella 3 - Specie utilizzabili per le coltivazioni energetiche e loro caratterizzazione

Ciclo di Prodotto Prodotto


Specie
produzione intermedio trasformato
Kenaf Erbacea annuale Fibra
Canapa Erbacea annuale Fibra
Miscanto Erbacea poliennale Fibra
Canna comune Erbacea poliennale Fibra
Lignocellulosiche

Sorgo da fibra Erbacea annuale Fibra


Legno e fibre
Cardo Erbacea poliennale Fibra sminuzzate (chips)
Panico Erbacea poliennale Fibra
Fascine di residui
Robinia Legnosa poliennale Legno
Ginestra Legnosa poliennale Legno
Eucalitto Legnosa poliennale Legno
Salice Legnosa poliennale Legno
Pioppo Legnosa poliennale Legno
Colza Erbacea annuale Semi oleosi
Oleaginose

Girasole Erbacea annuale Semi oleosi


Soia Erbacea annuale Semi oleosi Olio vegetale
Ricino Erbacea annuale Semi oleosi
Cartamo Erbacea annuale Semi oleosi
Barbabietola
Erbacea annuale Rizoma
da zucchero
Alcoligene

Sorgo zuccherino Erbacea annuale Stelo


Zuccheri/alcoli
Topinambur Erbacea poliennale Tubercolo
Mais Erbacea annuale Granella
Frumento Erbacea annuale Granella

7 ITABIA, 2004.
13
Colture da biomassa lignocellulosica
Le colture lignocellulosiche comprendono specie erbacee o legnose
caratterizzate dalla produzione di biomassa costituita da sostanze
solide composte principalmente da lignina e/o cellulosa. Queste col-
ture possono essere suddivise in tre gruppi.

Colture erbacee annuali


Comprendono specie erbacee caratterizzate da un ciclo di vita annua-
le. Le più interessanti si trovano nel genere dei sorghi, oltre a mais,
kenaf, canapa, ecc. Le specie ritenute più adatte alle condizioni pedo-
climatiche della regione Friuli Venezia Giulia sono il mais, il sorgo da
fibra e, in misura minore, il kenaf.
Queste colture offrono il vantaggio di non occupare il terreno agricolo
in modo permanente, perciò si inseriscono bene nei cicli tradizionali di
rotazione colturale e possono essere coltivate anche su terreni tenuti a
riposo secondo il set-aside rotazionale. Tale flessibilità di coltivazione è
un fattore importante per quanto riguarda l’impatto che può avere la
coltivazione di specie a destinazione energetica sugli agricoltori: il fatto
che il terreno non sia vincolato in modo duraturo li rende infatti più
propensi alla coltivazione di specie per loro inusuali.

Colture erbacee poliennali


Il numero delle specie erbacee poliennali sfruttabile per la produzio-
ne di biomasse lignocellulosiche è molto elevato. Le più importanti,
anche in relazione alle condizioni pedoclimatiche locali, sono la can-
na comune, il miscanto e il panico.
Queste specie presentano un maggior impatto sull’organizzazione del-
l’azienda agricola in quanto occupano il suolo per diversi anni (10-15
anni) e presentano un elevato costo d’impianto. A loro vantaggio risul-
ta invece il fatto che una volta entrata in produzione, la coltura fornisce
una notevole quantità di biomassa per più anni e con bassi costi ag-
giuntivi (rispetto alle specie annuali). Inoltre, il loro impatto ambienta-
le non è alto poiché queste specie sono generalmente poco esigenti: ri-
chiedono cioè aggiunte modeste di prodotti chimici quali fertilizzanti,
antiparassitari, ecc. e leggere lavorazioni del terreno.

Colture arboree
Le coltivazioni energetiche legnose sono costituite da specie selezio-
nate per l’elevata resa in biomassa e per la capacità di rapida ricresci-
ta in seguito al taglio. Le specie legnose coltivate a scopi energetici
hanno generalmente turni di ceduazione brevi (2-3 anni) e presenta-
14
no un’elevata densità d’impianto variabile dalle 6.000 alle 14.000
piante/ha. Si parla in questo caso di Short Rotation Forestry (SRF).
Generalmente nelle SRF si utilizzano specifici cloni appositamente
selezionati e la ceduazione delle piante, annuale o biennale, è com-
pletamente meccanizzata mediante l’utilizzo di apposite cippatrici 8.
Tra le colture arboree coltivabili a turno breve sono ritenuti interes-
santi i salici, i pioppi, la robinia, gli eucalitti e la ginestra (arbustiva).
Le specie ritenute più adatte alle condizioni pedoclimatiche della re-
gione Friuli Venezia Giulia sono la robinia e il pioppo.

I principali parametri analitici di interesse ai fini della caratterizza-


zione delle specie lignocellulosiche sono riportati nel paragrafo 6.2
(Allegato 2). Nella tabella 4 sono sintetizzate le caratteristiche fisiche
ed energetiche delle principali specie vegetali.

Tabella 4 - Principali parametri produttivi ed energetici della biomassa da colture dedicate


Produzione Umidità Produzione
di sostanza media di sostanza p.c.i.
fresca alla raccolta secca
(t/ha anno) (%) (t/ha anno) (kcal/kg di ss)
Sorgo da fibra 50-100 25-40 20-30 4.000-4.050
Kenaf 70-100 25-35 10-20 3.700-3.900
Miscanto 40-70 35-45 15-30 4.200-4.250
Canna comune 45-110 35-40 15-35 3.950-4.150
Panico 25-60 35-45 10-25 4.100-4.200
Pioppo 20-30 50 10-15 4.100-4.200

RAPPORTO TRA P.C.I. E UMIDITÀ DELLA BIOMASSA


È opportuno sottolineare che il p.c.i. della biomassa è fortemente influenzato
dal contenuto in acqua della biomassa: il p.c.i. diminuisce all’aumentare
dell’umidità del materiale, non solo perché diminuisce la quantità di sostanza
secca effettivamente presente nell’unità di peso considerata, ma anche perché
una parte dell’energia liberata nel processo di combustione viene assorbita
dall’evaporazione dell’acqua e quindi si rende indisponibile per l’uso termico
desiderato. L’importanza del contenuto di acqua nella biomassa e delle
ricadute che ha sulla filiera verrà sottolineata nella sezione di preparazione e
condizionamento della biomassa.

8 Mareschi et al., 2005.


15
Le biomasse lignocellulosiche da colture dedicate, esattamente come
le biomasse di origine forestale e i residui agricoli, possono trovare
impiego come combustibili nei moderni impianti di riscaldamento,
autonomi o centralizzati. Più raramente vengono utilizzate per la
produzione combinata di energia termica ed elettrica in impianti di
cogenerazione. Per l’alimentazione di impianti automatizzati con i
prodotti delle SRF e delle coltivazione erbacee poliennali, quali canna
comune e miscanto, si preferisce generalmente procedere alla cippa-
tura del materiale raccolto al fine di renderlo omogeneo per dimen-
sioni. Le rimanenti colture sono più adatte alla densificazione in
bricchetti e pellet. Sebbene tale mercato non esiste ancora in quanto,
ad oggi, la materia prima esclusiva per tale produzione è il legno.
Il principale ostacolo alla diffusione delle colture dedicate a fini ener-
getici è oggi rappresentato dalla scarsa conoscenza delle opportunità
che possono offrire al mondo agricolo. Tuttavia la riforma della
Politica Agricola Comunitaria (PAC), che contrarrà ulteriormente la
redditività delle colture alimentari, in primis quella del mais, consen-
tiranno nuove opportunità alle colture energetiche.
Alcuni fattori devono però essere attentamente valutati nella scelta
delle specie più indicate.
In generale, le biomasse di origine erbacea provenienti da colture
perennanti, a parità di quantità di biomassa prodotta, sono caratteriz-
zate da costi di produzione decisamente inferiori rispetto alle bio-
masse provenienti da colture legnose. Il vantaggio di costi inferiori
della materia prima non compensa però una serie di ostacoli che ne
limitano decisamente l’utilizzo nella produzione di calore ed elettrici-
tà: tra i principali si riscontra la minor efficienza durante la combu-
stione, se comparata con l’utilizzo di biomassa legnosa9, ma anche il
minor peso specifico, il minor potere calorifico per unità di peso e il
maggiore contenuto di ceneri e di altri composti indesiderati in quan-
to corrosivi, quali potassio (K), fosforo (P), zolfo (S), o inquinanti
quali zolfo (S), azoto (N) e cloro (Cl)10.

Le strategie per ridurre nella biomassa le concentrazioni di questi


elementi includono: l’utilizzo di piante con ciclo fotosintetico C4 in
luogo di piante con ciclo fotosintetico C3, in quanto più efficienti
nell’uso della risorsa idrica (la silice, in forma di acido silicico, è

9 Samson, Mehdi, 1998.


10 Kavalov, Peteves, 2004.
16
CENERI E MICROINQUINANTI: IMPLICAZIONI IN FASE DI
COMBUSTIONE

Elevati contenuti in cenere implicano un tendenziale aumento del


numero medio degli interventi di gestione della caldaia e in particolare
di quello relativo allo svuotamento del box delle ceneri, un contestuale
aumento del pericolo di formazione di scorie e depositi (con la
conseguente possibile formazione di incrostazioni negli scambiatori di
calore e l’inevitabile riduzione del rendimento finale della caldaia), ed un
aumento delle emissioni di particolato.
Elevate concentrazioni di alcuni importanti microelementi possono
comportare invece problemi agli impianti (rischi di corrosione, ecc.) e
la produzione di emissioni inquinanti in atmosfera: un elevato contenuto
di cloro (Cl) e zolfo (S), ad esempio, è potenzialmente responsabile
della formazione di acido cloridrico (HCl) e ossidi di zolfo (SOx), che
oltre a comportare rischi di corrosione, sono inquinanti atmosferici.
Un aumento del contenuto di potassio (K) porta invece ad un
abbassamento del punto di fusione delle ceneri e quindi aumenta il
pericolo di formazione di depositi e scorie fuse (clinker) nella caldaia;
inoltre si ha un aumento della quantità degli aerosols che si formano
durante la combustione, con conseguente imbrattamento del boiler e
un incremento delle emissioni di particolato11.

infatti facilmente traslocata alla pianta mediante assorbimento del-


l’acqua); evitare l’utilizzo di fertilizzanti contenenti cloro; preferire
la coltivazione su terreni sabbiosi piuttosto che argillosi (è stato di-
mostrato infatti che, nel primo caso, il contenuto di ceneri alla rac-
colta è inferiore12). Infine, la raccolta effettuata nel tardo inverno,
ove il ciclo colturale lo rende possibile come nel caso delle colture
erbacee perennanti, favorisce la traslocazione di elementi quali il
potassio e il cloro dagli apparati epigei (parte aerea della pianta)
agli apparati radicali, riducendo in tal modo la concentrazione di
questi inquinanti nella biomassa raccolta13. Per alcune specie (gra-
minacee), inoltre, la silice è presente in maggiore quantità nelle fo-

11 Obernberger, Thek, 2002.


12 Sander, 1997.
13 Samson et al., 2000.
17
glie e nelle infiorescenze e quindi la permanenza in campo della
coltura in inverno, periodo durante il quale la pianta subisce la de-
fogliazione, garantisce un deciso decremento del contenuto di silice
e di ceneri nel raccolto14.
In conclusione una adeguata scelta delle colture da impiegare, della
tipologia di terreno e una opportuna tecnica agronomica, in partico-
lar modo nell’individuazione del periodo ottimale di raccolta, in-
fluenzano fortemente la qualità finale della biomassa erbacea.

Colture oleaginose
Le colture oleaginose e le colture alcoligene si differenziano dalle
colture finora trattate poiché non forniscono direttamente il biocom-
bustibile, bensì la materia prima da cui ricavare lo stesso attraverso
trasformazioni chimiche e biochimiche (vedi il paragrafo 3.2).
Tra le colture oleaginose vanno annoverate molte specie, diffuse su
scala mondiale, sia arboree (la palma da cocco), sia erbacee (il giraso-
le, il colza e la soia).
In linea generale le colture oleaginose producono semi caratterizzati
da un elevato contenuto in oli: nel girasole il contenuto in oli è in
media del 48% con punte del 55% mentre nel colza è in media del
41% con picchi del 50%. I semi di soia presentano delle concentrazio-
ni inferiori comprese, in media, tra il 18 e il 21%; per tale motivo, ai
fini della destinazione energetica, questa coltura risulta spesso sfavo-
rita rispetto alle precedenti.
Gli oli grezzi ottenuti dalle colture oleaginose sono caratterizzati da
un elevato potere calorifico inferiore (in media di 9.400 kcal/kg), per
cui possono essere utilizzati come biocarburanti, in sostituzione del
gasolio, per la produzione di energia termica ed elettrica e in cogene-
razione. La loro conversione in biodiesel ne consente l’impiego anche
per l’autotrazione15.
Le rese colturali in termini di disponibilità di biocarburante per ettaro
sono riportate nella tabella 5. Ulteriori dettagli, relativamente alle
esigenze edafiche (del suolo) e climatiche delle colture, sono riportati
nel paragrafo 6.1 (Allegato 1).

14 Samson, Mehdi, 1998.


15 www.cti2000.it
18
Tabella 5 - Rese delle colture oleaginose in termini di produzione di semi, di olio grezzo e di
biodiesel16

Coltura oleaginosa Resa in semi Resa in olio Resa in


grezzo estratto biodiesel

t/ha t/ha t/ha

Colza 2,7 1,0 0,9

Girasole 3,0 1,1 1,0

Colture alcoligene
Con il termine alcoligene ci si riferisce a quelle colture atte alla pro-
duzione di biomassa dagli elevati contenuti in carboidrati fermente-
scibili che possono essere destinati, mediante un processo di fermen-
tazione, alla produzione di bioetanolo da utilizzarsi quale biocarbu-
rante in sostituzione della benzina o dei composti antidetonanti (ad
esempio MTBE).
La materia prima da avviare alla filiera di produzione del bioetanolo
può essere costituita da zuccheri semplici (in primis saccarosio e glu-
cosio), o da zuccheri complessi (amido) ed è ottenuta, rispettivamen-
te, dalle colture dedicate saccarifere o da quelle amilacee.
Tra le colture saccarifere, quelle ritenute adatte alle condizioni del
terreno e del clima in Italia, sono la barbabietola da zucchero e il
sorgo zuccherino, tra le colture amilacee il frumento tenero, soprat-
tutto nell’Italia meridionale, e il mais, in particolare nell’Italia set-
tentrionale.
Le colture saccarifere presentano un elevato contenuto in zuccheri sem-
plici: l’estratto zuccherino fermentescibile nella barbabietola costituisce
in media il 20% della biomassa secca raccolta, nel sorgo il 18%.
Le colture amilacee contengono l’amido in forma di granuli e i resi-
dui di glucosio che lo compongono possono essere idrolizzati e, suc-
cessivamente, fermentati a bioetanolo: il frumento tenero presenta un
contenuto in amido corrispondente al 70%, il mais pari al 78%.
Le principali caratteristiche delle colture alcoligene saccarifere e ami-
lacee menzionate, in termini di resa in bioetanolo per ettaro di super-
ficie coltivata, sono illustrate nella tabella 6.

16 www.cti2000.it/biodiesel.htm
19
Tabella 6 - Rese produttive delle colture alcoligene in termini di bioetanolo17

Coltura Resa in bioetanolo


t/ha
Barbabietola da zucchero 5,5
Sorgo zuccherino 4,5
Frumento tenero 2,5
Mais 3-6

Ulteriori approfondimenti in merito alle colture energetiche dedicate


sono esposti nel paragrafo 6.1 (Allegato 1) dove sono presentati, in
schede, per ogni singola specie le principali caratteristiche botaniche
e morfologiche, alcuni cenni sulle tecniche colturali, le potenzialità
produttive nell’ambito del territorio regionale.
Il ricorso alle colture dedicate per la produzione del bioetanolo si presta,
tuttavia, ad alcune osservazioni. Uno studio, condotto dall’ENEA in col-
laborazione con l’Università degli Studi dell’Aquila, infatti, solleva il te-
ma dell’impegno, in termini di superficie agricola investita, necessario a
sostenere tali coltivazioni. Nello studio si evidenzia come, nell’ipotesi di
utilizzare in Italia il bioetanolo come biocarburante in sostituzione dei
combustibili fossili, si dovrebbero destinare alle colture alcoligene
60.000-70.000 km2 di terreno agricolo, pari al 40% della SAU (Superficie
Agricola Utilizzata) e al 20% dell’intero territorio nazionale18.
Contestualmente, è necessario sottolineare come la concorrenza rap-
presentata dal settore alimentare costituisca un forte elemento di fre-
no allo sviluppo in Italia della filiera del bioetanolo a partire da que-
ste colture.
Assume pertanto un’importanza crescente, la possibilità di valorizza-
re in termini energetici i residui produttivi il cui reperimento incide
in misura molto più contenuta sui costi di produzione del biocarbu-
rante. A questo scopo si prestano gli scarti della produzione ortofrut-
ticola, che si possono avvalere delle stesse tecnologie impiegate per le
materie prime derivanti dalle colture dedicate saccarifere e amilacee.
Un ruolo di notevole rilievo può essere svolto anche dai residui li-
gnocellulosici provenienti dalle lavorazioni agricole e dalla frazione
organica dei rifiuti solidi urbani; per tali materie prime la filiera pro-
duttiva è in corso di ottimizzazione.

17 INRA, TEAGSC Crop Research Center, McALoon, NREL, 2000.


18 Zimbardi et al., 2002.
20
1.2.3 Il comparto zootecnico

Con il termine deiezioni zootecniche vengono definiti i prodotti di


scarto (o reflui) di un allevamento, risultato della miscela di feci, uri-
ne, acqua, lettiera, peli, residui alimentari, ecc. Si parla invece di
deiezioni tal quali o propriamente dette, quando ci si riferisce sola-
mente al sottoprodotto fisiologico degli animali (feci e urine).
Le deiezioni zootecniche presentano una composizione estremamente
variabile non solo in funzione dell’origine (bovina, suina, avicola,
ecc.), ma anche in funzione delle modalità di allevamento e di gestio-
ne. In particolare l’apporto di acqua e quindi, all’opposto, il contenu-
to in sostanza secca, gioca un ruolo determinante nella scelta della
modalità di trattamento/smaltimento più idonea.
In figura 1 viene illustrata la classificazione delle deiezioni zootecni-
che sulla base del contenuto in sostanza secca.

Figura 1 - Classificazione delle deiezioni zootecniche in funzione del contenuto di sostanza


secca

� � �� �� �� �� �� �� ��

�������������������
������� ���� ������
������

Le deiezioni zootecniche, ricadenti nella definizione di liquame, sono


quelle che meglio si prestano allo sfruttamento energetico mediante
digestione anaerobica in quanto il loro contenuto di sostanza secca è
inferiore al 10-12%.
Il potenziale energetico dei liquami zootecnici è in diretto rapporto
con il contenuto in sostanza organica. Infatti è proprio la sostanza
organica che, attraverso il processo di fermentazione o di digestione
anaerobica (vedi par. 3.3.1), dà luogo alla formazione di biogas, com-
bustibile ad alto potere calorifico.
21
Come si evince dai dati riportati nella tabella 7, è questo il caso dei
liquami bovini e suini, caratterizzati appunto da un elevato tenore di
sostanza organica (o solidi volatili).

Tabella 7 - Rendimento in biogas di liquami bovini e suini

Materiale Sostanza secca Sostanza organica Rendimento


(ss) (solidi volatili - sv) biogas

% % sulla ss Nm3/kg SV

Liquame suino 3-8 70-80 0,25-0,50

Liquame bovino 5-12 75-85 0,20-0,30

Oltre alla quantità di sostanza organica presente è altrettanto impor-


tante considerare la qualità del materiale in quanto tale aspetto può
condizionare il rendimento in biogas e il contenuto in metano. I fatto-
ri di particolare rilievo sono:
● composizione del materiale: condiziona la velocità di degrada-
zione (degradabilità) che, in senso decrescente, può essere così
schematizzata: lignina → cellulosa → grassi → proteine → carboi-
drati. Un liquame bovino, a maggior contenuto di materiale cellu-
losico, presenta una velocità di degradazione superiore a un liqua-
me suino più ricco in grassi che, tra l’altro, sono la sostanza che
consente di ottenere maggiori rendimenti di biogas;
● presenza di elementi essenziali: il carbonio, l’azoto, il fosforo e
lo zolfo sono elementi essenziali alla crescita dei batteri respon-
sabili del processo di fermentazione. Il rapporto tra carbonio e
azoto (C/N) non deve mai superare il valore di 35, con un otti-
mo di 30;
● presenza di elementi tossici: sono spesso micronutrienti quali
sodio (Na+), potassio (K+), calcio (Ca2+), magnesio (Mg2+), ammo-
nio (NH4+), zolfo (S2-) che, se presenti in eccesso, possono indurre
tossicità. Anche i metalli pesanti quali rame (Cu2+), nichel (Ni2+),
cromo (Cr), zinco (Zn2+), piombo (Pb2+) possono risultare dannosi
se presenti in concentrazioni superiori a 1 mg/l. Altre sostanze
capaci di bloccare la digestione sono i detergenti e i composti chi-
mici di sintesi.
22
1.2.4 I residui delle attività industriali

L’industria del legno

L’industria del legno produce tre tipologie di scarti di lavorazione:


● scarti di legno vergine provenienti da segherie, carpenterie e fale-
gnamerie, ecc. e costituiti da residui di legno naturale di varia
pezzatura (segatura, trucioli, cippato, ecc.);
● scarti di legno trattato provenienti dalla produzione di pannelli a
base di legno e dalla produzione di mobili e arredi in legno costi-
tuiti da residui con presenza di colle e/o prodotti vernicianti
(compreso polverino di levigatura o sagomatura);
● scarti di legno impregnato provenienti dalla produzione di manu-
fatti particolari, quali pali telefonici e traversine ferroviarie, e costi-
tuiti da residui legnosi impregnati con preservanti a base di sali19.

Ai fini energetici, salvo nel caso di impianti dotati di tecnologia anti-


inquinamento, possono essere utilizzati solo i residui e i sottoprodot-
ti legnosi non trattati chimicamente (ad esempio residui da scortec-
ciatura, taglio, pressatura, ecc.) o trattati con prodotti non contenenti
metalli pesanti o composti alogenati organici (questi ultimi sono tipi-
ci del legno trattato con preservanti o con altre sostanze chimiche20).
Tali raccomandazioni sono dettate dalla necessità di evitare che in
fase di combustione possano svilupparsi gas nocivi.
Le principali caratteristiche dei residui derivanti dal comparto del-
l’industria del legno sono sintetizzate nella tabella 8.

Tabella 8 - Caratteristiche peculiari dei principali residui dell’industria del legno

Tipologia Tipologia Umidità Granulometria


di lavorazione di scarto
Segheria Cippato Elevata (50%) Grossolana
Segatura Elevata (50%) Fine
Falegnameria/Mobilifici Trucioli Bassa (15-17%) Grossolana
Segatura Bassa (15-17%) Fine
Polverino Bassa (15-17%) Fine

19www.federlegno.it/servizi/una/pdf.combustionelegno.pdf: Settore legno-arredamento: l’importanza della


combustione degli scarti legnosi. Il caso del Triveneto.
20www.cti2000.it: “Raccomandazione CTI sui biocombustibili solidi: Specifiche e Classificazione”. CTI
R03/01, aprile 2003.
23
In base a uno studio condotto da Cerullo e Pellegrini21, la produzio-
ne di scarti legnosi da parte del sistema legno arredamento italiano
ammonta a oltre 4,6 milioni di tonnellate all’anno, di cui il 55% è
legno non trattato. Questa grande quantità di residui ha già, allo
stato attuale, un mercato: in linea di massima è utilizzato a fini
energetici oppure quale materia prima secondaria per la produzio-
ne di pellet, di pannelli e nella produzione di carta. Le aziende
compiono la scelta tra le diverse destinazioni in funzione alle neces-
sità energetiche degli impianti, alle capacità di investimento in tec-
nologie per il riutilizzo dei materiali, alle condizioni di mercato
nonché agli obblighi di legge22.
C’è inoltre da dire che il mercato energetico delle biomasse legnose
soffre la concorrenza proprio del settore che le fornisce una quota
parte della materia prima. L’industria, e quindi il mercato, dei pan-
nelli truciolari e dell’MDF (Medium Density Fibreboard) assorbe quote
consistenti di scarti legnosi: i primi vengono realizzati in parte con
materiale non “vergine”, come i residui di imballaggi, mobilio, edili-
zia, ecc., unitamente a biomasse “più pulite”, purché reperibili a con-
dizioni convenienti; l’MDF è costituito da materiale lignocellulosico
ridotto allo stato di pura fibra, poi ricompattato ad elevata tempera-
tura, al fine di ottenere un prodotto con particolari caratteristiche fi-
sico-meccaniche, utilizzando prevalentemente materiale di alta quali-
tà derivante direttamente dalle risorse forestali.
Tale concorrenza comporta una certa difficoltà a reperire la biomassa
grezza, tanto che l’approvvigionamento avviene spesso all’estero, a
un prezzo sostenuto.

L’industria della cellulosa e della carta

I residui di produzione dell’industria cartaria sono idonei al recupero


sia di materia che di energia. Tali residui si presentano principalmen-
te sotto forma di fanghi e sono generalmente prodotti dal processo di
depurazione delle acque, sia chimico-fisico che biologico. Gli scarti di
lavorazione, gli sfridi e i foglicci, sono invece riavviati direttamente
in testa all’impianto e rimessi in produzione.
Minore importanza hanno i rifiuti di vario genere, quali scarti di fer-

21 Cerullo, Pellegrini, 2002.


22 APAT, 2003.
24
ro, legno e plastica provenienti dalla gestione degli imballaggi, gli oli
esausti e i rifiuti assimilabili agli urbani23.
Una menzione a parte va fatta per i residui del processo di riciclo
della carta da macero. Si tratta essenzialmente di scarti di pulper (de-
rivanti dalla separazione della fibra dalle impurità più grossolane) e
fanghi di disinchiostrazione (ottenuti a seguito della separazione del-
l’inchiostro dalla fibra cellulosica).
Negli ultimi anni si è registrato un incremento nella generazione di
rifiuti dovuto, essenzialmente, al potenziamento delle capacità di
trattamento degli impianti di depurazione delle acque e all’aumenta-
to impiego del macero, caratterizzati da un più elevato contenuto di
impurità e di fibra non riutilizzabile.
Nel grafico riportato in figura 2 è presentata l’attuale tipologia di ri-
fiuti di cartiera24 dove si evidenzia come la maggior parte dei residui
della produzione della carta siano fanghi.

Figura 2 - Tipologia dei residui di cartiera

���������������������
��������������
���
���� ����
���������������������
���������

����������������
����

����������������������������

����
��������������������

���� ����������

La mancanza di un quadro normativo certo non ha comunque per-


messo lo sviluppo di forme avanzate di trattamento dei rifiuti, come
già avvenuto in altri Paesi della Comunità Europea. È da segnalare

23 APAT, ARPA, 2003.


24 ARPA FVG, Assocarta, Associazione degli Industriali, 2005.
25
infatti come, in Italia, la percentuale di residui dell’industria cartaria
avviati al recupero energetico è pari al 12,5%, mentre la media euro-
pea (Italia inclusa) si attesta su un valore superiore al 50%25. Inoltre,
non tutti i residui da produzione cartaria sono riconosciuti quale
combustibile adeguato e pulito (Direttiva Europea 2000/7626) e ciò
comporta l’obbligo dello smaltimento in discarica di residui altrimen-
ti utilizzabili per il recupero di energia.

L’industria agroalimentare

Alcuni materiali di scarto provenienti dalle lavorazioni dell’industria


agroalimentare si prestano al trattamento mediante digestione anae-
robica per il loro elevato carico organico e il loro alto tenore di umi-
dità. I principali scarti dell’industria agroalimentare, che possono es-
sere sfruttati per il recupero energetico mediante biometanazione con
una produzione specifica di biogas compresa tra 0,25-0,35 m3/kg ss,
vengono di seguito riportati.

Settore lattiero caseario

Il rifiuto principale della lavorazione del formaggio è indubbiamente


il siero. Esso costituisce infatti circa l’80-90% del latte lavorato; deri-
vano pertanto ingenti quantità, prodotte giornalmente. Dato l’elevato
carico organico, un litro di siero corrisponde a una quantità di refluo
equiparabile a quello prodotto da 40-45 abitanti equivalenti (A.E.)27
Da secoli il metodo più diffuso di utilizzazione del siero è il conferi-
mento per alimentazione animale, in particolare per quella suina,
grazie al suo elevato contenuto calorico e proteico. Oggi, tuttavia, la
graduale riduzione del prezzo di vendita del siero ha favorito la ri-
cerca di alternative per la valorizzazione di questo materiale, sia at-
traverso il recupero delle proteine, sia attraverso la valorizzazione
energetica mediante produzione di biogas da digestione anaerobica
(in codigestione con altri substrati al fine di evitare una eccessiva
acidificazione). Il rendimento in biogas è stimato mediamente in 0,35
Nm3/kg ss.

25 Assocarta, 2004.
26Direttiva Europea 2000/76 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 dicembre 2000 sull’inceneri-
mento dei rifiuti.
27 A.E. (abitante equivalente): unità che genera un carico organico giornaliero di 60 gBOD/giorno.
26
Comparto della macellazione

La produzione di carne per l’alimentazione umana comporta la pa-


rallela produzione di una grande quantità di rifiuti e sottoprodotti
che, in linea indicativa, rappresentano circa il 40-50% del peso vivo
dell’animale di partenza. Gli effluenti presentano alti carichi organici
dovuti alla presenza di sangue, grasso e materiale stercorario, oltre
che di deiezioni. La qualità degli effluenti, comunque, dipende dalle
precauzioni che vengono adottate nel recupero/gestione del sangue,
dei grassi e dei contenuti intestinali.

Lavorazione e conservazione di pesce

Le attività che riguardano la preparazione di pesce fresco e dei mol-


luschi finalizzate alla produzione di prodotti congelati o in scatola,
producono effluenti ricchi di residui a base di carne, sotto forma per
lo più di acque di lavaggio.

Industria delle bevande

Rivestono particolare interesse i residui a elevato carico organico


(zuccheri, alcol, ecc.) provenienti dalla lavorazione di succhi di frutta,
birra (lieviti esausti e acque di lavaggio), distillati (borlande di distil-
lazione, acque di lavaggio).

Industria saccarifera

Gli effluenti derivati in particolare dalla fase di lavorazione del me-


lasso, grazie all’elevato contenuto in sostanza organica, possono veni-
re utilizzati per lo sfruttamento a scopi energetici mediante digestio-
ne anaerobica con produzione di biogas.

1.2.5 I residui urbani

Data la composizione merceologica dei rifiuti solidi urbani (RSU),


evidenziata nella tabella 9, le componenti che rientrano nella defini-
zione di biomassa e che quindi possono essere considerate fonti rin-
novabili d’energia, comprendono tutta la frazione verde biodegrada-
bile, che può essere suddivisa in una componente formata da scarti
lignocellulosici e da una componente organica umida.
27
Tabella 9 - Composizione merceologica dei rifiuti28

Frazioni merceologiche dei rifiuti solidi urbani Valori percentuali


Sottovaglio 11,7-12,7
Frazione organica 25,4-29,8
Scarti lignocellulosici 3,6-5,8
Carta e cartoni 21,8-24,7
Plastiche leggere 6,9-8,3
Plastiche pesanti 2,7-3,8
Vetro e inerti pesanti 6,7-7,6
Tessili 5,4-6,0
Metalli 2,8-3,5
Cuoio e gomma 2,4-3,3
Pannolini 1,7-2,8

Fanno parte degli scarti lignocellulosici i residui urbani che derivano


dalla gestione di giardini e di viali pubblici e privati interni ai centri
abitati. Una notevole quantità di biomassa è ricavabile da tali opera-
zioni, che vengono condotte con regolarità dalle Amministrazioni lo-
cali, attraverso la raccolta differenziata, mediante la creazione di ap-
posite aree di ritiro o mediante il ritiro su chiamata dell’azienda mu-
nicipalizzata. Le caratteristiche analitiche di queste biomasse sono
fortemente disomogenee e variano in funzione della percentuale di
frazione erbacea o legnosa presente. Si tratta comunque di una bio-
massa con contenuto di umidità e pezzatura molto variabile. Sebbene
questa frazione di rifiuti urbani, quando raccolta in modo differenzia-
to, venga avviata generalmente a compostaggio, può trovare utilmen-
te impiego, dopo condizionamento, in impianti per la produzione di
calore e/o elettricità mediante combustione.
La frazione organica dei rifiuti a maggiore contenuto di umidità può
invece trovare utilmente impiego nella produzione di biogas, sfrut-
tando i processi di fermentazione in condizioni di anaerobiosi (dige-
stione anaerobica). Tali processi si verificano anche nelle discariche
con un elevato livello di compattazione del materiale. In questi casi,
mediante appositi sistemi di captazione (discariche controllate), è
possibile il collettamento e l’accumulo del biogas che può venire in
tal modo impiegato a scopi energetici.

28 www.federambiente.it
28
1.3 Forme commerciali

1.3.1 Le biomasse combustibili allo stato solido

Le biomasse lignocellulosiche, prima di essere immesse sul mercato,


subiscono generalmente un processo di trasformazione più o meno
complesso volto a conferire loro caratteristiche fisiche ed energetiche
idonee all’impiego nei più comuni impianti energetici. Le principali
forme commerciali per tale categoria di biomasse sono: legna da ar-
dere (in ciocchi o tronchetti), cippato, pellet e bricchetti.

Legna da ardere
La legna è generalmente venduta in ciocchi o tronchetti, con pezzatu-
re che vanno dai 50 ai 500 mm, e tenori in umidità inferiori al 50% a
seconda del tempo e della tipologia di stagionatura a cui è sottoposta
la biomassa. L’utilizzo di questa tipologia di biocombustibile, operata
quasi esclusivamente a livello domestico in piccoli impianti alimenta-
ti manualmente, è oramai in declino a favore di forme densificate
quali bricchetti e, soprattutto, pellet. Le caldaie a legna, infatti, oltre e
non offrire possibilità di automazione nel caricamento del combusti-
bile hanno in genere una minore efficienza energetica (50-60% com-
parata con 75-90% per caldaie a chips e pellet legnosi).

Cippato
Per rendere omogenea la composizione dei materiali, legnosi e non, e
renderli quindi adatti anche all’alimentazione automatica degli im-
pianti energetici, si può ricorrere alla cippatura, operazione meccani-
ca che riduce gli assortimenti in scaglie di piccole dimensioni deno-
minate chips, da cui il nome. Tale operazione può essere applicata
indifferentemente alle biomasse legnose e a quelle erbacee.

Figura 3 - A sinistra cippato di coltura erbacea poliennale (Arundo donax); a destra cippato di
biomassa legnosa
29
La geometria dei chips varia con le tecniche di taglio adottate, in fun-
zione delle dimensioni richieste dal tipo di impianto di trasformazione
energetica e, soprattutto, del suo sistema di alimentazione: essi hanno
tipicamente una lunghezza variabile da 15 a 50 mm, una larghezza
pari a circa la metà della lunghezza e uno spessore variabile da un
quinto a un decimo della lunghezza. Una dimensione tipica è
40x20x3mm. L’omogeneità (ottenuta con la calibratura tramite vagli) è
il parametro più importante per i chips destinati alla combustione, da-
to che la presenza di chips di dimensioni disomogenee provoca spesso
fastidiosi bloccaggi dei sistemi d’alimentazione degli impianti.
Il tenore di umidità desiderato è tipicamente ottenuto previo stoccag-
gio in cumulo, per un tempo idoneo: le tecnologie disponibili per la
combustione del cippato accettano biomassa con un’umidità massi-
ma del 50%. Importante è anche il tenore di umidità della biomassa
di partenza che deve essere compreso tra il 25% e il 50%: valori al di
sotto o al di sopra di queste soglie possono infatti causare problemi al
funzionamento della cippatrice.

Sul mercato italiano esistono delle cippatrici di varia potenza in grado


di lavorare legname di diversa qualità e dimensione (fino a diametri di
30 cm), con capacità di lavoro variabili da qualche tonnellata fino a
qualche decina di tonnellate l’ora, sia automotrici, sia portate da
trattrici agricole. Le cippatrici si distinguono per il sistema di taglio che
può essere a disco (più diffuso e usato nelle cippatrici portate di
piccole potenze) o a tamburo (disponibili in versioni molto pesanti e
potenti)29. Per la trinciatura di biomasse erbacee spesso si usano falcia-
trincia-caricatrici, macchine che operano direttamente in campo
tagliando alla base i fusti, sminuzzandoli e spingendoli, mediante sistema
a pistone, direttamente sul rimorchio.

Forme densificate: il pellet

Con il termine pellet si intende un biocombustibile densificato, nor-


malmente di forma cilindrica, ottenuto comprimendo della biomassa
polverizzata con o senza l’ausilio di agenti leganti di pressatura.

29 Spinelli, Hartsough, 2001.


30
Il grande interesse che sta suscitando il pellet, la cui produzione na-
zionale è stata stimata attorno alle 240.000 tonnellate nella stagione
2004/2005 e con un trend in forte crescita30, risiede nel fatto che esso
si comporta, nella movimentazione, similmente ai fluidi. Ciò permet-
te un elevato grado di automazione degli apparecchi e degli impianti
di combustione, al punto che nelle modalità di impiego essi si avvici-
nano agli impianti alimentati con olio combustibile, kerosene o GPL,
e, per il solo esercizio, persino a quelli del gas naturale. Questa im-
portante proprietà del pellet è dovuta alla particolare forma, dimen-
sione e omogeneità dei suoi elementi, che possono venir convogliati
al forno di combustione per mezzo di semplici congegni meccanici
(es. coclee), con tutti i vantaggi in fatto di regolazione automatica,
dosatura e alimentazione continua.

Figura 4 - Pellet

Ad oggi, il mercato del pellet è a esclusivo appannaggio della bio-


massa legnosa, in particolare di quella proveniente dai comparti di
prima e seconda lavorazione del legno; tuttavia, diversi sono gli studi
rivolti a sviluppare la filiera del pellet da colture erbacee o da una
miscela di queste con biomasse legnose. Tuttavia la diversa qualità
della biomassa di partenza, soprattutto in termini di potere calorifico
e di contenuto in ceneri, porta a una inevitabile diversa qualità finale
del pellet, come diversa sarà la destinazione d’uso. Invariata, invece,
risulta essere la tecnologia e la filiera di produzione del pellet per le
due diverse tipologie di biomassa (vedi paragrafo 3.1).

30 Riva, 2004.
31
I VANTAGGI DEL PELLET
Rispetto alle biomasse non densificate, come la segatura, il cippato, le
ramaglie, ecc., il pellet presenta notevoli vantaggi che gli permettono di
essere molto più apprezzato sul mercato, rispetto al materiale di
partenza. Tra i più importanti ricordiamo i seguenti:
Elevata densità apparente (bulk density): questo fattore, che può
variare tra i 650 ed i 780 kg/m3, dipende dalla forma e dalle dimensioni
del materiale, dall’umidità e dalla porosità. Il pellet presenta mediamente
una densità 7 volte superiore alla segatura e 3 volte superiore al
cippato31, e ciò ne ottimizza il trasporto e lo stoccaggio.
Basso contenuto in umidità: le normative austriaca e svedese
prescrivono un limite massimo del 10%. Tale valore è stato preso
come riferimento anche dal Comitato Termotecnico Italiano
(Raccomandazione CTI R04/05) sulla qualità del pellet. Il basso
contenuto idrico migliora il rendimento della combustione e
contribuisce a ridurre i costi di trasporto; un ulteriore vantaggio si ha
nello stoccaggio del combustibile che non rischia di incorrere in
fenomeni fermentativi.
Alto potere calorifico per unità di peso: il potere calorifico del
pellet è determinato dalla composizione e dalla struttura della biomassa
impiegata per la sua fabbricazione. Il pellet di legno ha un p.c.i. di circa
4.000 kcal/kg, valore energetico elevato tra i biocombustibili.

Equivalenza energetica tra pellet e combustibili fossili


Pellet gasolio gasolio olio gas GPL carbone
us=9% combust. naturale
kg litri kg kg m3 kg kg
1 kg di pellet us=9% 1,00 0,46 0,40 0,41 0,49 0,37 0,58
1 litro di gasolio 2,17 1,00 0,86 0,89 1,06 0,80 1,25
1 kg di gasolio 2,52 1,16 1,00 1,04 1,24 0,93 1,46
1 kg di olio
combustibile 2,43 1,12 0,96 1,00 1,19 0,89 1,40
1 m3 di
gas naturale 2,04 0,94 0,81 0,84 1,00 0,75 1,18
1 kg di GPL 2,72 1,26 1,08 1,12 1,33 1,00 1,57
1 kg di carbone 1,73 0,80 0,69 0,71 0,85 0,64 1,00
p.c.i. (kWh/quantità) 4,70 10,19 11,86 11,40 9,59 12,79 8,14

Omogeneità del materiale sia dal punto di vista delle caratteristiche


fisiche che qualitative: le prime, unite alle piccole dimensioni del pellet,
permettono una facilità di movimentazione del prodotto mediante coclee,

31 Nocentini, Faini, 2004.


32
nastri trasportatori o sistemi pneumatici di aspirazione e la possibilità di
utilizzo in caldaie automatizzate, mentre le seconde permettono una
migliore regolazione della combustione e un miglior controllo delle
emissioni. Inoltre il vantaggio di un prodotto standardizzato, quale si vuol
far diventare il pellet facendo rispettare precise norme qualitative, e
riportando le informazioni sulle caratteristiche chimico-fisiche in etichetta,
riduce il rischio di incorrere in materiale di scarsa qualità (eccessiva
umidità, impurità, contenuto in ceneri, pezzatura disomogenea, ecc.).
Flessibilità operativa nella produzione: un impianto di
pellettizzazione può operare con diverse tipologie di materiale
lignocellulosico, riuscendo così a sfruttare tutte le possibili fonti di
biomassa, dagli scarti di segheria, con qualità omogenea e produzione
costante nel tempo, alle colture dedicate e ai residui colturali che sono

In Italia attualmente mancano specifiche normative volte a regola-


mentare la produzione di pellet, con riferimento sia alle caratteristi-
che dell’assortimento sia ai requisiti degli apparati utilizzatori; ciò è
probabilmente dovuto al fatto che lo sviluppo del mercato del pellet
nel nostro Paese è recente. Le uniche norme tecniche e legislative at-
tualmente in vigore sono atte a regolamentare il materiale d’origine e
il relativo utilizzo su impianti termici generici.

IL DECRETO COMBUSTIBILI
Il “DPCM Combustibili”32, che individua le biomasse combustibili e le
relative condizioni di utilizzo ai fini dell’impiego negli impianti di
combustione civile e industriali, ammette come materia prima per la
produzione di biocombustibili le seguenti fonti:
- coltivazioni dedicate (energetiche);
- trattamento esclusivamente meccanico di coltivazioni non dedicate;
- interventi selvicolturali, da manutenzioni forestali e da potatura;
- lavorazione esclusivamente meccanica di legno vergine e costituito da
corteccia, segatura, trucioli, chips, refili e tondelli di legno vergine,
granulati e cascami di legno vergine, di sughero vergine, tondelli, non
contaminati da inquinanti, aventi le caratteristiche previste per la
commercializzazione e l’impiego;
- lavorazione esclusivamente meccanica di prodotti agricoli aventi le
caratteristiche previste per la commercializzazione e l’impiego.

32 Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri – DPCM 8 marzo 2002: “Disciplina delle caratteri-
stiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell’inquinamento atmosferico, nonché delle
caratteristiche degli impianti di combustione”. (GU n. 154 del 3/7/02)
33
Il Comitato Termotecnico Italiano (CTI), anticipando il legislatore nella
definizione di una specifica normativa di regolamentazione, ha fornito
una raccomandazione per la caratterizzazione del pellet a fini energetici,
che ha la finalità di migliorare le condizioni di commercio di questo ma-
teriale e di migliorare i rapporti tra gli attori del sistema (costruttori di
impianti di pellettizzazione, produttori di pellet, costruttori di impianti
di combustione, commercianti e utenti finali). In tale documento il CTI
fornisce una caratterizzazione del pellet mediante l’individuazione di 4
categorie distinte, definite in funzione della materia prima d’origine e
delle caratteristiche fisiche e chimiche del prodotto finito. Due di queste
categorie (B e C) contemplano anche l’uso di biomassa derivante da col-
ture e residui erbacei, nonché da residui agroindustriali (tabella 10). È da
ricordare che le direttive europee n. 2000/76 e n. 2001/80 CEN/TC 335
contemplano anche l’uso di scarti dell’industria agroalimentare.

Forme densificate: il bricchetto

Al pari della pellettizzazione, la bricchettatura rappresenta una tec-


nologia di rilevante interesse in quanto, riducendo notevolmente la
densità del materiale, consente di concentrare elevate riserve energe-
tiche in un volume contenuto. Il bricchetto, infatti, è un biocombusti-
bile, solitamente in forma di parallelepipedo o cilindro, ottenuto
comprimendo della biomassa polverizzata con o senza l’ausilio di
additivi di pressatura.
La densificazione della biomassa in bricchetti, presenta gli stessi van-
taggi e svantaggi della trasformazione in pellet: in seguito al processo
di bricchettatura si ottiene infatti un miglioramento delle caratteristi-
che fisiche della biomassa (densità, omogeneità, ecc.), una riduzione
dei volumi, una riduzione dei costi di stoccaggio e trasporto e un
miglioramento del comportamento durante la combustione. Al con-
tempo però il processo di bricchettatura, al pari della pellettizzazio-
ne, necessita di un preventivo condizionamento del materiale e in
particolare dell’essiccazione della biomassa fino a valori di umidità
pari all’8-10%, al fine di ottenere bricchetti con umidità del 6-8%,
condizione per la quale questi mostrano buona resistenza, non si fes-
surano e il processo di bricchettatura offre buone rese. È necessaria
anche una fase di triturazione della biomassa, sino ad ottenere una
granulometria di 6-8 mm, per raggiungere il migliore grado di com-
pattazione del materiale e le migliori rese di bricchettatura.
Nella tabella 11 vengono presentate alcune caratteristiche di biomas-
se bricchettabili e il grado di idoneità alla bricchettatura.
34
Tabella 10 - Caratterizzazione del pellet su proposta del CTI33

Parametro Unità Categoria

A A
B C
senza additivi con additivi

-Biomassa legnosa non


-Tronchi di latifoglie
trattata
-Tronchi di conifere
-Biomassa erbacea non -Materie prime
-Legno non trattato dell’industria del legno privo di
Origine(a) - trattata ammesse per la
corteccia
-Frutti e semi non trattati categoria B
-Legno non trattato post-consumo privo di corteccia
-Miscele e miscugli delle
-Miscele e miscugli delle categorie precedenti
categorie precedenti(b)

10 ± 0,5 ≤ D ≤ 25
Diametro (D) mm D = 6 ± 0,5 D = 8 ± 0,5 D = 6 ± 0,5 D = 8 ± 0,5 D = 6 ± 0,5 D = 8 ± 0,5
± 1,0

D≤L≤5 D≤L≤4 D≤L≤5 D≤L≤4 D≤L≤5 D≤L≤4


Lunghezza (L) mm D≤L≤4xD
xD xD xD xD xD xD

Umidità % peso t.q. ≤ 10 ≤ 10 ≤ 10 ≤ 15

Ceneri % peso s.s. ≤ 0,7 ≤ 0,7 ≤ 1,5 Indicare il valore

Durabilità
% peso ≥ 97,7 ≥ 97,7 ≥ 95,0 ≥ 90,0
meccanica

Polveri % peso ≤ 10 ≤ 10 ≤ 10 Indicare il valore


(segue)

33 “Raccomandazione CTI sui biocombustibili solidi: Specifiche e Classificazione”. CTI R03/01, aprile 2003. www.cti2000.it
35
36
(continua)

Parametro Unità Categoria

A A
B C
senza additivi con additivi

Indicare tipologia e
Agenti leganti % peso m.p. Non presenti Indicare tipologia e q.tà (c) Indicare tipologia e q.tà (c)
q.tà (c)

Azoto % peso s.s. ≤ 0,3 ≤ 0,3 ≤ 0,3 Indicare valore

Cloro % peso s.s. ≤ 0,03 ≤ 0,03 Indicare il valore Indicare valore

Zolfo % peso s.s. ≤ 0,05 ≤ 0,05 ≤ 0,05 Indicare valore

Densità
Kg/m3 620 ≤ BD ≤ 720 620 ≤ BD ≤ 720 600 ≤ BD ≤ 720 ≥ 550
apparente BD

MJ/kg t.q.
≥ 16,9 ≥ 16,9 ≥ 16,2
p.c.i. (kcal/kg Indicare il valore
(≥ 4.039) (≥ 4.039) (≥ 3.870)
t.q.)

t.q. = tal quale; s.s. = sostanza secca; m.p. = massa pressata

(a) Definizioni tratte dalla classificazione CEN per le biomasse; tra le materie prime consentite sono escluse quelle che hanno subito un
trattamento diverso da quello meccanico secondo quanto stabilisce la legislazione vigente.

(b) Vanno indicate le tipologie e le percentuali in peso delle diverse biomasse impiegate.

(c) Sono ammessi soltanto alcuni agenti leganti, come ad esempio amido di mais, olio vegetale grezzo estratto mediante spremitura meccanica ecc.

È necessario specificarne tipologia e quantità impiegata.


Tabella 11 - Caratteristiche di idoneità alla bricchettatura per alcune biomasse
Biomassa Granulometria Umidità Ceneri Idoneità
segatura fine <10 1,3 ottima
paglia irregolare 10-15 1,5 ottima
cippato irregolare 10-20 - buona
pula di riso fine 10 22,4 buona
gusci di noce grossolana <10 6,0 ottima
cotone irregolare 10-15 4,6 buona
gusci di caffè regolare 10 4,3 ottima

I bricchetti possono essere utilizzati in sostituzione della legna da ardere


e del carbone, adeguando opportunamente alcuni parametri operativi,
come ad esempio la distribuzione dell’aria primaria e secondaria: rispet-
to a questi due combustibili, infatti, i bricchetti richiedono una maggior
quantità di aria secondaria e una minore quantità di aria primaria34.
I bricchetti sono considerati un combustibile “migliore” rispetto alla
legna non compattata in quanto hanno una capacità termica maggio-
re, ossia trattengono il calore per un periodo maggiore e mantengono
la temperatura elevata all’interno del forno in modo tale da consenti-
re una combustione agevole del combustibile nuovo in ingresso.
Le applicazioni più frequenti di questo tipo di combustibile sono sia
di carattere domestico che industriale.

IDONEITÀ DELLE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE


ALLA TRASFORMAZIONE IN FORME COMMERCIALI
Le diverse tipologie di biomasse lignocellulosiche (arboree, erbacee perenni,
erbacee annuali), si prestano in modo differente alla diverse lavorazioni.
- Biomasse legnose: si prestano sia alla vendita in ciocchi o tronchetti
di legna, dopo una semplice operazione di parziale essiccazione
naturale, sia alla cippatura, sia, ancora, alla trasformazione in pellet o
bricchetti. Nel primo caso l’utilizzo è limitato ai piccoli impianti di
riscaldamento domestici, mentre la cippatura è eseguita quando la
biomassa è destinata all’impiego in grandi impianti industriali di
generazione di calore. I bricchetti si presentano quali ottimi sostituti
della legna da ardere. I pellet di bassa qualità, non idonei al commercio
di biocombustibili per l’alimentazione dei piccoli impianti, possono
essere efficacemente utilizzati in impianti industriali35.

34 Grover, Mishra, 1996.


35 Kavalov, Peteves, 2004.
37
- Biomasse erbacee: si prestano alla produzione di chips o pellet.
Tuttavia, vista la minor qualità del combustibile che si ottiene, sia esso
cippato o densificato, non si rende appropriato l’utilizzo nei piccoli
impianti, ma è consigliabile l’utilizzo negli impianti di grandi dimensioni
dotati di opportuni accorgimenti per ottimizzare la combustione. Un
possibile scenario futuro è la miscelazione di biomasse erbacee e legnose
al fine di sfruttare sinergicamente le peculiarità dei due combustibili.

1.3.2 Le biomasse combustibili allo stato liquido

Gli oli vegetali

Gli oli estratti dai semi di colza e girasole sono, a tutti gli effetti e
senza ulteriori modifiche, dei combustibili e, come tali, possono tro-
vare un impiego nel settore energetico analogamente a quanto avvie-
ne per i combustibili liquidi di origine fossile. Le principali caratteri-
stiche energetiche, poste a confronto con quelle del gasolio, sono ri-
portate nella tabella 12.
Tabella 12 - Confronto tra le proprietà come carburanti degli oli combustibili vegetali e del gasolio36
Oli combustibili
Parametri Unità di misura Gasolio
vegetali
p.c.i. kcal/kg 9.000-9.500 10.200
Flashpoint °C 230-290 60
Numero di cetano - 30-40 54
Densità kg/m3 0,915 0,839
Viscosità a 38ºC mm2/s 27-53 2,7

Le attuali applicazioni energetiche degli oli vegetali sono relative al-


l’impiego in motori diesel. L’alimentazione di impianti di produzione
energetica in sostituzione al gasolio pone tuttavia alcune problemati-
che: i bruciatori devono essere parzialmente modificati per sopperire
alla maggiore viscosità degli oli vegetali rispetto a quella del gasolio.
Gli interventi richiesti, in particolare, sono a carico degli ugelli di pol-
verizzazione ai quali devono essere cambiate le geometrie (al fine di
ottenere l’angolatura, ottimale, di 45°), della temperatura di preriscal-
damento (che deve essere impostata a 65°C) e della pressione di ato-
mizzazione (che deve essere pari a 2,2 MPa)37.

36 www.biodiesel.org
37 www.cti2000.it/biodiesel.htm
38
L’elevata viscosità esclude, allo stato attuale, l’applicazione degli oli
vegetali tal quali per l’autotrazione. In questo caso, infatti, sarebbero
necessarie importanti modifiche nella progettazione dei motori. In
Germania e in Austria, tuttavia, sono in atto alcune esperienze per il
loro utilizzo in mezzi nautici e in flotte vincolate, rese possibili da una
forte politica di defiscalizzazione di tale tipo di biocarburanti.

Il biodiesel

La limitazione dell’utilizzo degli oli vegetali in alcune tipologie di


motori, e in particolare di quelli per autotrazione, imposta dall’eleva-
ta viscosità del combustibile, è superabile mediante la trasformazione
degli oli in biodiesel.

Gli oli vegetali sono costituiti prevalentemente da trigliceridi. La loro


viscosità è più alta di quella dei carburanti di origine fossile: per gli oli
vegetali è in media pari a 40 mm2/s, per il gasolio è pari a 3 mm2/s.
La trasformazione in biodiesel ha l’effetto di convertire i trigliceridi in
esteri metilici. Ciò riduce la viscosità del prodotto. La miscela di esteri
metilici, denominata biodiesel, ha una viscosità simile a quella del
gasolio, corrispondente in media a 5 mm2/s.

A fronte, quindi, di capitali investiti superiori a quelli necessari al-


l’avvio della filiera finalizzata all’utilizzo energetico diretto degli oli
vegetali, si ampliano i possibili scenari di impiego.
Come biocarburante, il biodiesel presenta alcune proprietà simili a
quelle del gasolio; il confronto è riportato nella tabella 13.

Tabella 13 - Confronto tra le proprietà come carburanti del biodiesel e del gasolio38
Parametri Unità di misura biodiesel Gasolio
p.c.i. kcal/kg 8.900 10.200
Flashpoint °C 85-178 63
Viscosità a 38°C mm2/s 4,78 3,12
Numero di cetano - 48-56 54
Densità kg/m3 885 839

38 www.cti2000.it/biodiesel.htm
39
I principali impieghi del biodiesel come prodotto energetico prevedono
la sostituzione del gasolio per l’autotrazione dei mezzi dotati di motori
diesel e per l’alimentazione delle caldaie e dei gruppi elettrogeni.
L’impiego del biodiesel come carburante per l’autotrazione appare parti-
colarmente interessante sia perché è già teoricamente possibile alimenta-
re i motori diesel attualmente in commercio con una miscela di gasolio e
biodiesel, sia perché vi è attualmente un forte interesse da parte della
Commissione Europea a sviluppare la filiera dei biocarburanti.

La direttiva 2003/30 del Parlamento Europeo e del Consiglio


dell’8 maggio 2003 sulla promozione dell’uso dei biocarburanti o di altri
carburanti rinnovabili nei trasporti prevede che ogni Stato membro fissi
i suoi obiettivi relativi alla quota di biocarburanti immessi sul mercato,
che dovranno essere basati sui livelli di riferimento della direttiva
stessa, ossia 2% sul totale di biocarburanti (benzina e diesel) immessi
entro il 31 dicembre 2005 e 5,75 % entro il 31 dicembre 2010.
Il decreto legislativo 128/2005 recepisce a livello nazionale la
direttiva 2003/30 e stabilisce per l’Italia l’obiettivo dell’1% al 31
dicembre 2005 e del 2,5% al 31 dicembre 2010.

Attualmente in Italia il biodiesel può essere utilizzato solo per misce-


le con il gasolio solo fino al 5%. Alcuni studi, condotti in Austria e in
Germania, hanno evidenziato come non siano necessarie delle modi-
fiche sulla componentistica del motore per l’utilizzo del biodiesel in
miscela fino al 30%39. L’impiego del biodiesel puro richiede, invece,
la sostituzione delle guarnizioni in gomma con altre in materiali com-
patibili (rame, acciaio al carbonio, ottone, gomme fluorurate, gomma
alto nitrilico, polietilene).
È infine possibile impiegare il biodiesel, puro o in miscela, nei brucia-
tori a gasolio. In questo caso sono necessari alcuni interventi, peraltro
di modesta entità, soprattutto a carico degli ugelli di polverizzazione al
fine di cambiarne l’angolatura (quella ottimale è a 60° con apertura
centrale), della regolazione del rapporto tra l’aria e il carburante (è
necessaria una minore quantità di aria immessa sulla prima fiamma,
nel caso di bruciatori multistadio) e infine della pompa volumetrica
(pressione di mandata leggermente superiore, 1-1,5 atm)40.

39 www.ufop.de
40 www.cti2000.it
40
Il bioetanolo

Il bioetanolo è un carburante di origine vegetale, ottenuto dalla fer-


mentazione alcolica di zuccheri e carboidrati più complessi, quali
l’amido, la cellulosa e l’emicellulosa. Per la produzione di bioetanolo
appaiono particolarmente interessanti le opportunità offerte dalla colti-
vazione dedicata di specie vegetali ad alto contenuto di zuccheri e
carboidrati fermentescibili, come quelle descritte nel paragrafo 2.2.2.
Il bioetanolo presenta delle caratteristiche chimico-fisiche che lo ren-
dono un carburante affine alla benzina, alla quale può essere miscela-
to o, in alcuni casi e mediante opportuni accorgimenti, sostituto nel-
l’alimentazione degli autoveicoli. Nella tabella 14 sono poste in evi-
denza le principali caratteristiche energetiche del bioetanolo a con-
fronto con quelle della benzina.

Tabella 14 - Confronto tra le proprietà come carburanti del bioetanolo e della benzina41
Parametri Unità di misura Bioetanolo Benzina

p.c.i. kcal/kg 6.500 10.500

Flashpoint °C 13 21

Temperatura di ebollizione °C ad 1 atm 78 105

L’utilizzo del bioetanolo anidro (con residuo di acqua del 5%) in so-
stituzione alla benzina è attualmente una realtà in Brasile, dove i
motori sono stati predisposti a questo uso già a partire dagli anni
Settanta, quando è emerso in tutta la sua gravità il problema della
sicurezza degli approvvigionamenti. Gli interventi che si rendono
necessari in tale ipotesi di impiego riguardano la regolazione delle
valvole e la sostituzione dei componenti suscettibili di corrosione.
Negli USA e in Canada il bioetanolo anidro è utilizzato invece in mi-
scela con la benzina al 10% in motori non modificati e all’85% in
motori predisposti. Questi ultimi, denominati con la sigla FFV (Flexible
Fuel Vehicles) possono essere alimentati indifferentemente con delle
miscele di benzina e bioetanolo o con la sola benzina, poiché sono
dotati della regolazione automatica dei tempi di iniezione e dei rap-
porti di miscelazione tra l’aria e il carburante42. Alcuni ulteriori studi

41 www.eere.energy.gov; www.visionengineer.com/env/alt_bioethanol_prop.php
42 www.abengoabioenergy.com
41
condotti in Europa e negli USA hanno evidenziato come sia possibile
l’impiego del bioetanolo in miscela fino al 23,5% senza intervenire
sulla componentistica del motore. Allo stato attuale in Europa è con-
sentita la presenza del bioetanolo anidro, ossia privo di acqua resi-
dua, nella benzina in concentrazione fino al 5%.
Quale alternativa all’uso del bioetanolo è possibile impiegare l’ETBE
(Etil Ter Butil Etere), composto da esso derivato, che trova impiego
come antidetonante ad alto numero di ottani. L’ETBE può essere uti-
lizzato in sostituzione del benzene e dell’MTBE (Metil Ter Butil Etere),
entrambi composti che presentano criticità per la salute umana e per
l’ambiente: il benzene infatti è un prodotto con effetti cancerogeni
mentre l’MTBE presenta un’alta capacità inquinante soprattutto a
carico delle acque sotterranee. Rispetto ad essi, l’ETBE presenta un
minore impatto sull’ambiente e sulla salute umana; oltre a ciò ha il
vantaggio di presentare un numero di ottano più elevato (se usato in
miscela con la benzina al 15% conferisce alla stessa un numero di ot-
tano pari a 110, valore più elevato rispetto al 95-98 tipico degli anti-
detonanti tradizionali43).
È stata infine dimostrata la possibilità di impiegare il bioetanolo an-
che in miscela al gasolio: fino a miscele del 15% non è necessaria al-
cuna modifica ai motori diesel.

1.3.3 Le biomasse combustibili allo stato gassoso

Il biogas

Il biogas è un combustibile ad elevato potere calorifico (4.500-6.500


kcal/m3 in funzione della composizione chimica del gas) ottenuto
in seguito alla digestione anaerobica della sostanza organica.
L’energia racchiusa nei legami chimici dei composti organici viene
infatti rilasciata durante il processo di degradazione e immagazzi-
nata principalmente nelle molecole di metano (CH4) che, assieme a
quella di anidride carbonica (CO2), sono le principali costituenti del
biogas. Altre sostanze presenti in minor percentuale sono l’ossido di
carbonio (CO), l’azoto (N 2), l’idrogeno (H 2), l’idrogeno solforato
(H2S).

43 www.visionengineer.com/env/alt_bioethanol_prop.php
42
La composizione media del biogas è rappresentata nella tabella 15.

Tabella 15 - Composizione media del biogas


Componenti % (su gas secco)

Metano (CH4) 50-80

Anidride carbonica (CO2) 35-45

Idrogeno solforato (H2S) 0,02-0,2

Vapore d’acqua saturazione

Idrogeno, ammoniaca tracce

Ossigeno, azoto tracce

Equivalenza energetica tra 1 m3 di biogas e i principali combustibili

benzina 0,8 l
alcol etilico 1,3 l
metano 0,7 m3
carbone di legna 1,4 kg
legna 2,7 kg

POTERE CALORIFICO DEL BIOGAS: 4.500 - 6.500 kcal/Nm3

Prima del suo utilizzo a fini energetici il biogas deve essere sottoposto
a opportuni trattamenti (vedi l’approfondimento al paragrafo 3.3.1)
necessari ad aumentare la percentuale di metano a discapito di quella
degli altri gas al fine di accrescerne il potere calorifico. Infatti il potere
calorifico finale del gas è determinato dalla concentrazione di metano
nella miscela: maggiore è la percentuale di questo gas e maggiore è il
p.c.i.; effetto contrario è determinato dalla presenza di anidride carbo-
nica, azoto e acqua. Il trattamento a cui è sottoposto il biogas ha la
funzione, inoltre, di ridurre la presenza di sostanze che si comportano
da agenti corrosivi, quali ad esempio l’idrogeno solforato, che possono
causare sensibili danni agli impianti di utilizzazione.
Come evidenziato nella tabella 16 la scelta del trattamento o dei trat-
tamenti più opportuni dipende sia dalle caratteristiche di partenza
del biogas sia dalle utilizzazioni previste.
43
Tabella 16 - Trattamento del biogas in funzione dell’utilizzo previsto

Inquinante Conseguenza Trattamento Utilizzo

Acqua Formazione di Separatori di condensa In caldaia


condensa che provoca apparati frigoriferi di Cogenerazione
malfunzionamenti; azione condensazione ≅ gas naturale
corrosiva potenziale

H2S Corrosione dei motori, Filtri di ossidi di ferro In caldaia*


elementi elettrici Filtri di carbone attivo Cogenerazione*
Biofiltri ≅ gas naturale
Lavaggio con NaOH
Lavaggio con soluzione di
sali di ferro

CO2 La rimozione della CO2 è Assorbimento in acqua ≅ gas naturale


necessaria per aumentare con successivo strippaggio
il tenore di metano del ed emissione in atmosfera;
biogas (≅ gas naturale) Membrane semipermeabili
che trattengono
selettivamente il CH4

* solo in caso di presenza eccessiva di H2S

Attualmente i principali impieghi del biogas sono relativi alla produzio-


ne di energia termica e/o elettrica. Nel dettaglio è possibile produrre:
● calore, sotto forma d’acqua calda, di vapore o d’aria calda, con un
rendimento energetico medio dell’80-85%;
● elettricità, generalmente in motori con turbine a vapore o con tur-
bine a gas, per gli impianti di più ampia capacità, il cui rendimen-
to medio è del 30-35%;
● produzione combinata di calore e di elettricità (cogenerazione) in
motori endotermici con rendimenti medi complessivi dell’80-85%;
(rendimento termico medio: 50% rendimento elettrico medio: 35%).
Questa risulta attualmente la soluzione più comunemente adottata.

Altre possibilità di applicazione emergenti sono:


● la produzione di carburante per veicoli;

● la produzione di gas naturale per iniezione nella rete pubblica di


trasporto e distribuzione;
● la produzione di freddo (trigenerazione), per esempio con macchi-
ne ad assorbimento;
● l’utilizzo in forni industriali come combustibile primario o ausiliario.
44
Capitolo 2
Applicazioni tecnologiche

2.1 Metodi e processi di preparazione del combustibile


2.1.1 Tecniche di condizionamento e di preparazione
delle biomasse lignocellulosiche

La preparazione del combustibile è un passaggio fondamentale per


rendere idonea la biomassa al suo impiego nella maggior parte degli
impianti di produzione energetica. Una generazione efficiente di
energia dalle biomasse richiede infatti una combinazione ottimale tra
il combustibile e la tecnologia utilizzata in quanto il processo di tra-
sformazione energetica deve essere propriamente registrato in con-
formità alle caratteristiche del combustibile impiegato.
In figura 5 è schematizzato il percorso, dalla materia prima all’impie-
go energetico, dei biocombustibili di origine lignocellulosica.

Figura 5 - Possibili e praticabili percorsi tecnologici delle biomasse lignocellulosiche finalizzati


alla generazione di energia
RISORSE BIOENERGIA

BIOMASSA LEGNOSA BIOMASSA ERBACEA

LEGNA DA SHORT SEGATURA TRUCIOLI RESIDUI COLTURE PAGLIA


ARDERE ROTATION ERBACEE
FORESTRY DEDICATE

CHIPS LEGNOSI PELLETS BRICCHETTI

PRIVATI (casa) PICCOLI IMPIANTI GRANDI IMPIANTI DI GENERAZIONE


DI GENERAZIONE CALORE CALORE PUBBLICI E PRIVATI

RISCALDAMENTO RISCALDAMENTO RISCALDAMENTO RISCALDAMENTO INDUSTRIA DEL


SINGOLE ABITAZIONI IN AGRICOLTURA SINGOLI GRANDI DISTRETTI VAPORE
EDIFICI
45
I percorsi attinenti all’utilizzo della biomassa legnosa sono ben cono-
sciuti e sviluppati; non altrettanto lo sono quelli riguardanti la biomas-
sa erbacea essendo abbastanza innovativi e con un numero di espe-
rienze ancora limitato. La volontà è comunque quella di sviluppare le
tecnologie per lo sfruttamento di queste biomasse al fine di poterle
utilizzare quali fonti rinnovabili d’energia alla stregua del legno.

La filiera delle biomasse lignocellulosiche, dalla raccolta alla trasfor-


mazione, segue un percorso comune a tutte le tipologie di materiale,
ben riassunto nella figura 6.

Figura 6 - Filiera delle biomasse dalla raccolta alla trasformazione

BIOMASSE
RESIDUALI COLTURE ENERGETICHE

SUL SUOLO ALTRI


USI AGRICOLI
RACCOLTA RACCOLTA

DISCARICA
(PRE-TRATTAMENTO)
TRASPORTO
VALORIZZAZIONE
PRE-TRATTAMENTO

DENSIFICAZIONE
PELLETS, BRICCHETTE STOCCAGGIO
CONVERSIONE
TERMOCHIMICA, BIOCHIMICA, CHIMICA

GASSOSI
CALORE E/O ELETTRICITÁ BIOPRODOTTI LIQUIDI
SOLIDI

I fattori che incidono sui pre-trattamenti del combustibile sono relati-


vi alla forma e alla misura della biomassa a disposizione, nonché al
tenore di umidità della biomassa di partenza.
Per quanto riguarda la forma e le misure, le biomasse possono trovarsi in
forma di polveri, segatura, cippato, ramaglie e perfino tronchi. Le biomas-
se legnose provenienti dal bosco o da colture dedicate sono generalmente
disponibili in forma di pezzi di legno di varia forma e dimensione che
possono essere successivamente ridotti in cippato; le biomasse erbacee
possono essere analogamente ridotte in chips, quando la specie lo permet-
te (come ad esempio per canna comune e miscanto), o conferite come
46
materiale imballato (come per il panico e alcuni tipi di residui colturali,
quali ad esempio la paglia); i residui di prima o seconda lavorazione del
legno sono tipicamente in forma di polveri e segature.
Un’altra importante distinzione riguarda il contenuto di umidità.
Una pianta forestale appena tagliata presenta un contenuto di umidi-
tà di circa il 50%, come anche il cippato ottenuto dalle Short Rotation
Forestry (SRF). Gli scarti di lavorazione dell’industria del legno pos-
sono avere umidità variabile tra il 15% e il 40%, a seconda della tipo-
logia di scarto. Valori di umidità inferiori si hanno nelle colture erba-
cee poliennali, se vengono raccolte in inverno/primavera; in questo
caso il cippato presenta una umidità compresa tra il 20-30%. Colture
erbacee annuali, come ad esempio il sorgo da fibra, tipicamente pre-
sentano invece elevate concentrazioni di acqua alla raccolta, con tassi
di umidità anche del 60-70%.

L’essiccazione della biomassa

L’operazione di essiccazione è funzionale alla riduzione del contenu-


to di umidità della biomassa prima che essa possa essere idoneamen-
te sottoposta ad un processo termo-chimico di conversione energeti-
ca. Ci sono tre diversi modi per diminuire il contenuto di umidità
nella biomassa, i quali possono essere adottati anche in successione al
fine di ottimizzare i costi e i consumi energetici:
● essiccazione naturale della materia prima: la biomassa legnosa,
composta dai tronchi e dalle ramaglie raccolte in bosco, può essere
lasciata ad essiccare direttamente in loco sia in forma tal quale sia
previa riduzione in tronchetti; il grado di umidità finale dipende
essenzialmente dalla durata della fase di stagionatura e può variare
dal 40 al 55% dopo la prima stagione, fino ad arrivare a valori del
18-25% dopo due stagioni. Per quanto concerne invece le colture
erbacee perennanti un parziale decadimento del contenuto d’acqua
nelle piante è fisiologico al termine della stagione vegetativa, nei
mesi tardo invernali. La raccolta effettuata in questo periodo con-
sente di ottenere biomassa già sostanzialmente secca. Per quanto
riguarda infine le altre colture erbacee, come il sorgo da fibra o il
panico, alla quali si applica una raccolta mediante fienagione a due
tempi, l’impiego di macchine falcia-condizionatrici consente di
rompere e schiacciare gli steli, permettendo una più veloce ed effi-
cace disidratazione naturale e consentendo in tal modo di ottenere
un’umidità finale della balla a valori compresi tra il 35% e il 40%.
47
● essiccazione naturale della materia lavorata: essa si applica so-
prattutto al cippato, in particolar modo a quello proveniente dalle
Short Rotation Forestry, caratterizzato da un contenuto di umidità
elevato. I chips possono essere stoccati all’aperto, in estate, o al
coperto nei periodi invernali. Lo stoccaggio estivo all’aperto è pre-
feribile, in quanto più economico, data la bassa densità del mate-
riale e le ampie superfici necessarie per l’essiccamento. Il contenu-
to di acqua nella biomassa, dopo essiccazione in cumulo, può
passare dal 50% al 30%. L’altezza del cumulo di chips non deve
essere in ogni caso superiore ai 7-8 metri a causa del naturale ri-
scaldamento delle parti interne della massa (sopra i 60°C) che può
innescare fenomeni di autocombustione. Il processo di essicca-
mento si accompagna alla naturale decomposizione biologica
della biomassa con una conseguente perdita di peso del materiale.
La biomassa persa a causa della degradazione biologica può esse-
re elevata in particolare con biomassa molto umida e nei primi
mesi di stoccaggio. In tali casi si possono registrare perdite anche
superiori al 5% al mese, per poi scendere, dopo il terzo/quarto
mese, a perdite dell’1-2%.
● essiccazione forzata della materia lavorata: si ottiene mediante
l’esposizione della biomassa a sorgenti di calore (tipicamente aria
calda) in modo forzato. L’utilizzo di questa tipologia di essiccamen-
to, proprio perché è fonte di consumi d’energia, riduce l’efficienza
energetica complessiva e aumenta i costi. Dovrebbe essere pertanto
adottata solo in particolari casi: in linea di massima è applicata
quando l’essiccazione naturale non è sufficiente ad ottenere il teno-
re di umidità voluto (come ad esempio nel processo di pellettizza-
zione) oppure quando l’energia termica necessaria al processo di
essiccazione è ottenuta impiegando calore residuo da altri processi
di lavorazione e che, in caso contrario, verrebbe dissipato.

La fabbricazione del pellet

La tecnologia della fabbricazione del pellet a partire dal legno o da


altro tipo di biomassa lignocellulosica, deriva dalla molto più antica
impiantistica dell’industria mangimistica.
In maniera schematizzata il processo di fabbricazione del pellet viene
suddiviso nelle seguenti fasi: essiccazione, triturazione, pellettizzazione,
raffreddamento, separazione, immagazzinamento/insaccamento. In al-
cuni casi (quando la tipologia di biomassa lo richiede), a monte dell’es-
48
siccazione si rendono necessarie altre due importanti fasi: la macinazio-
ne di sgrossatura e la deferrizzazione. Lo schema a blocchi di un impian-
to industriale per la produzione di pellet è rappresentato nella figura 7.

Figura 7 - Schema a blocchi di un impianto di pellettizzazione


CARICAMENTO

TRATTRICE CON PALA

TRAMOGGIA DI ALIMENTAZIONE
MACINAZIONE

MACINATO DI SGROSSATURA

DEFERRIZZATORE
ESSICAZ.

ESSICATORE CALDAIA

MULINO A MARTELLI
CONDIZIONAMENTO

TRAMOGGIA DI ALIMENTAZIONE

CONDIZIONATORE

PELLETTATRICE
RAFFREDD.

IMPIANTO DI VENTILAZIONE
VAGLIATURA

SEPARATORE
49
La prima macinazione della biomassa è prevista nel caso in cui il
materiale da lavorare si presenti in forma grossolana (ad esempio in
tronchetti o ramaglie), in tal caso, mediante l’ausilio di un rotore a
coltelli, la biomassa subisce una riduzione volumetrica in scaglie.
Prima dell’introduzione nel macinatoio, il materiale grezzo viene so-
litamente separato, mediante l’azione di appositi magneti, da even-
tuali elementi ferrosi (deferrizzazione) che, se introdotti nella trafila,
potrebbero causare ingenti danni.
Con le tecnologie più diffuse, il materiale grezzo inoltre non può essere
pressato se presenta un contenuto elevato di umidità: è quindi necessa-
rio, dopo la macinazione primaria, eseguire un’essiccazione attraverso
l’esposizione ad aria calda, vapore e acqua. In questo modo viene con-
ferito al materiale il grado di umidità appropriato e viene data possibi-
lità alla lignina, contenuta nella materia prima, di svolgere il ruolo di
materiale legante. Le tecnologie per l’essiccamento della biomassa pre-
vedono per lo più l’utilizzo di essiccatoi rotativi, nelle varianti in equi-
corrente e controcorrente. Per ciascun tipo di variante il riscaldamento
può essere diretto o indiretto. Negli essiccatoi a riscaldamento diretto il
materiale umido entra in contatto con i gas caldi che possono essere
costituiti dai prodotti della combustione (essiccazione a fumi diretti) o
da aria riscaldata (essiccazione ad aria calda). Il primo metodo più
semplice ed economico, viene adottato quando il materiale può entrare
in contatto con i prodotti della combustione, mentre il secondo viene
adottato nel caso in cui il materiale non debba entrare in contatto con i
prodotti della combustione. Nel caso del riscaldamento indiretto, il
tamburo è montato in una cassa a fuoco rivestita con mattoni refrattari
ed è riscaldato esternamente.
Al termine di questa fase l’umidità raggiunge un valore massimo del
10%, valore che permette di effettuare le fasi successive del trattamento.
Alcune tecnologie utilizzate per la pellettizzazione non prevedono
l’utilizzo del calore per estrarre l’umidità dalla biomassa: esistono in
commercio macchinari in grado di lavorare con umidità dei materiali
in ingresso variabile dal 10% al 35%, che provvedono all’estrazione
dell’acqua in eccesso per depressione44. La capacità produttiva di
questi macchinari, contraddistinti da un consumo elettrico relativa-
mente ridotto, risulta comunque fortemente influenzata dal contenu-
to iniziale di umidità della biomassa.

44 Grassi, 2004.
50
Nella seconda fase di macinazione, o prima fase di macinazione, se il
materiale in entrata al ciclo produttivo è gia di piccole dimensioni
(trucioli, segatura, chips legnosi o erbacei, ecc.), il materiale viene
triturato per ridurre e uniformarne la grandezza fino a circa 3 mm
(triturazione). Queste dimensioni permettono l’alimentazione alla
pellettatrice di un flusso costante che conferisce al prodotto caratteri-
stiche standardizzate. Spesso in questa fase vengono impiegati muli-
ni a martello.
Il materiale triturato viene quindi avviato alla sezione di condiziona-
mento, dove viene preparato per entrare nella trafila della pellettiz-
zatrice. In questa fase possono anche essere incorporati agenti leganti
o additivi (melasso e grassi). Un sistema molto utilizzato per il condi-
zionamento della biomassa è l’impiego di vapore acqueo secco in
modo da ammorbidire le fibre legnose ed effettuare una parziale ge-
latinizzazione della biomassa. Ciò conferisce al pellet una maggior
compattezza e, al contempo, una maggior lubrificazione alla trafila
nella fase di pellettizzazione.
La pellettizzatrice, che agisce per compressione, ha quali elementi
principali degli stampi perforati (comuni a tutti i processi di estrusio-
ne) cilindrici o piani, detti anche matrici, attraverso i cui fori la bio-
massa condizionata viene spinta ad elevata pressione (fino a 200 at-
mosfere) mediante idonei sistemi a rulli. Negli impianti con matrici
cilindriche l’estrusione generalmente avviene verso l’esterno, ma esi-
stono anche pellettizzatrici con direzione di estrusione opposta. Il
pellet si forma grazie alle trasformazioni che subisce la lignina pre-
sente nella biomassa: tali trasformazioni si verificano nel passaggio
delle fibre attraverso i fori di estrusione quando la temperatura au-
menta sino a 90°C; a queste temperature la lignina fluidifica ed esce
dalle strutture cellulari; ciò consente alle fibre di legarsi tra loro.
L’estruso che fuoriesce dai fori delle matrici, materiale compresso e
bachelizzato in superficie, viene tagliato alla lunghezza voluta da
apposite lame, generalmente fisse.

Il maggior produttore di pellet in Norvegia ha recentemente sviluppa-


to e sperimentato un impianto di produzione che conferisce al pellet
caratteristiche di maggior durezza, maggior peso specifico, minor sen-
sibilità all’umidità e minore contenuto in polveri. Il processo di produ-
zione innovativo, denominato Steam Explosion (SE), prevede il condi-
zionamento della biomassa in un reattore mediante l’uso di vapore
saturo ad alta pressione. La riduzione improvvisa della pressione nel
reattore fa “esplodere” la biomassa riducendola in fibre e facendone
51
fuoriuscire la lignina ammorbidita. Ciò rende la biomassa estremamen-
te facile da pellettizzare. I maggiori vantaggi di questo processo riguar-
dano la più elevata qualità del pellet, la riduzione degli impatti am-
bientali e il raddoppio della capacità oraria della pellettatrice45.
La sezione di raffreddamento del prodotto estruso e tagliato a misura,
è importante: al fine di ridurre l’umidità sprigionata in fase di pressa-
tura e di ridurre la temperatura del pellet in uscita dalla macchina che
raggiunge valori di circa 90-95°C. Inoltre durante la fase di raffredda-
mento si ha l’indurimento del prodotto. Ciò contribuisce a migliorare
le potenzialità di preservarne le caratteristiche qualitative nel tempo. Il
raffreddamento del pellet avviene tramite impianti di ventilazione.
Nella sezione di separazione viene infine eliminato il pellet non inte-
gro che viene reimmesso nel sistema di estrusione, al fine di evitare
successivi problemi di intasamento causati da un eccesso di polveri
nei contenitori per lo stoccaggio.
Al termine del ciclo il pellet viene immagazzinato in silos o insaccato
(fase di immagazzinamento/insaccamento). In questo secondo caso,
viene solitamente utilizzata una macchina pesatrice/insaccatrice au-
tomatica collocata in coda alla linea di produzione. Il basso contenuto
in acqua finale del pellet (circa 10%) consente una conservazione non
problematica dal punto di vista dello sviluppo di muffe e batteri.
Il trasporto del pellet infine non presenta criticità: il pellet infatti, a
differenza di altri combustibili, non causa danni all’ambiente in caso
di dispersione accidentale del prodotto; l’ecosistema non viene altera-
to e non sono necessarie operazioni di bonifica. Inoltre non ci sono
pericoli di esplosioni o contaminazioni.

La fabbricazione dei bricchetti

Una linea completa di bricchettatura è solitamente formata da stadi


successivi che trasformano la biomassa grezza, con caratteristiche di
umidità e pezzatura variabili, in un bricchetto standardizzato pronto
per essere immesso sul mercato.
Le fasi in cui si compone la linea, sono molto simili a quelle della
pellettizzazione, sebbene la tecnologia è relativamente più semplice.
In linea generale si procede con un pre-trattamento della biomassa,
seguito dalla compattazione e trasformazione in bricchetti.

45 Geisshofer et al., 2000.


52
La fase di pre-trattamento comprende a sua volta la triturazione,
l’essiccazione e il riscaldamento della biomassa al fine di raggiungere
le caratteristiche di granulometria e contenuto d’acqua ottimali.
Il prodotto ottenuto viene quindi convogliato alla bricchettatrice me-
diante un sistema di alimentazione costituito da un tubo mantenuto
in depressione o da un nastro trasportatore. La biomassa pretrattata
viene compattata e trasformata in bricchetti all’interno della bricchet-
tatrice. A seconda della pressione applicata i sistemi di bricchettatura
si distinguono in sistemi a bassa, media e alta pressione. Mentre i
primi due prevedono la miscelazione delle biomasse con una sostan-
za legante, quelli ad alta pressione vengono applicati alla biomassa
tal quale dato che le forze di coesione tra le particelle, quindi l’effetto
legante, si sviluppano in seguito alle elevate pressioni esercitate.
Tra i sistemi di bricchettatura ad alta pressione, le tecnologie più uti-
lizzate sono46:
● bricchettatura a vite;

● bricchettatura a pistone (meccanica e oleodinamica).

Nel processo di bricchettatura a vite, la biomassa viene estrusa in


continuo per effetto della rotazione di una o più viti senza fine all’in-
terno di una camera tronco conica. L’effetto combinato della pressio-
ne elevata e della temperatura esercitata (la camera viene riscaldata
durante il processo) migliora l’adesione tra le particelle. La parziale
carbonizzazione della superficie esterna del bricchetto, dovuta alla
elevata temperatura di processo, e la presenza di un foro centrale allo
stesso, tipico di questo sistema, migliorano la successiva accensione
del fuoco e la combustione del materiale. La bricchettatura con pisto-
ne meccanico consente invece la compattazione della biomassa per
mezzo di un pistone alternativo mosso da un motore elettrico attra-
verso un manovellismo. I bricchetti prodotti hanno mediamente un
diametro di 60 mm. La bricchettatura con pistone a circuito oleodina-
mico prevede invece un sistema a due pistoni che comprimono il
materiale in direzioni ortogonali e che vengono azionati dall’olio
mantenuto in pressione in un circuito chiuso.
Il sistema a pistone è il più utilizzato nella realtà in quanto consente
di trattare una biomassa con maggiore umidità e il migliore controllo
della pressione applicata. In commercio esistono diverse soluzioni

46 Grover, Mishra, 1996.


53
tecnologiche a circuito oleodinamico che vanno da una produzione di
30-50 kg/h a 1.000-1.200 kg/h. I bricchetti presentano un diametro
variabile da 50 a 90 mm e lunghezze da 50 a 300 mm.

Tabella 17 - Confronto tra la pressa a vite e a pistone


Pressa Pressa
Caratteristica
a pistone a vite
Umidità ottimale della biomassa (%) 10-15 8-9
Usura della parti meccaniche - bassa elevata
Prodotto bricchettato in blocchetti in continuo
Consumo medio di energia (kWh/t) 50 60
Peso specifico bricchetto (kg/m3) 1.000-1.200 1.000-1.400
Comportamento a combustione del bricchetto medio molto buono
Carbonizzazione esterna assente presente
Omogeneità del bricchetto scarsa buona

La trasformazione finale del prodotto ottenuto dalla fase di bricchet-


tatura comprende le fasi di eventuale taglio del bricchetto, solo per i
sistemi a vite dove il materiale esce in continuo (in quelli a pistone
vengono invece prodotti blocchetti di lunghezza predefinita), di
eventuale raffreddamento, solo per sistemi a vite con riscaldamento
(nel caso di bricchettatrice a pistone il bricchetto subisce infatti solo
un lieve aumento della temperatura), di confezionamento e di stoc-
caggio finale dei bricchetti.

2.1.2 La fermentazione metanica per la produzione


di biogas

La fermentazione metanica, nota anche come digestione anaerobica, è


un processo naturale complesso che consiste nella biodegradazione
della sostanza organica in condizioni di assenza di ossigeno (anaero-
biosi), con formazione di biogas.
Come illustrato nella figura 8, il processo di digestione anaerobica
avviene in tre fasi successive a carico di diversi gruppi batterici che
agiscono in serie. Nella prima fase (idrolisi) i batteri idrolitici spezza-
no i composti organici complessi, cioè carboidrati, proteine e grassi,
in sostanze più semplici. Successivamente (fase di fermentazione),
tali sostanze vengono trasformate, in un primo stadio, in acidi orga-
nici mediante reazioni di acidogenesi e quindi in acetato, anidride
carbonica e idrogeno, attraverso processi di acetogenesi.
54
Nell’ultima fase, quella più delicata (metanogenesi), i batteri metani-
geni trasformano i prodotti formatisi nella fase precedente in metano
(CH4) ed anidride carbonica (CO2), principali costituenti del biogas.
Complessivamente quindi la componente organica viene degradata
liberando l’energia chimica in essa contenuta sotto forma di biogas,
in misura variabile dal 30 all’85%.

Figura 8 - Fasi del processo di digestione anaerobica

SOSTANZA ORGANICA COMPLESSA

PROTEINE CARBOIDRATI LIPIDI

IDROLISI BATTERI IDROLITICI

AMMINOACIDI, ZUCCHERI
ACIDI GRASSI
FERMENTAZIONE
(ACIDOGENESI)
BATTERI FERMENTANTI
ACIDI VOLATILI

FERMENTAZIONE BATTERI ACETOGENICI


(ACIDOGENESI)

ACETATO/IDROGENO

BATTERI METAGENICI
METANOGENESI

CH4 - CO2

Come è possibile intuire, l’esito del processo, quindi la produzione di


biogas, dipende dall’azione coordinata e sequenziale di tutti i gruppi
microbici coinvolti. A tale scopo è indispensabile che l’ambiente di
reazione sia il risultato di un compromesso tra le esigenze dei singoli
gruppi coinvolti, mediante uno stretto controllo dei principali para-
metri di processo, come sarà successivamente esposto in dettaglio.
55
Il processo di digestione anaerobica può avvenire in tre “fasce” di
temperatura e quindi in condizioni di “psicrofilia”, “mesoflia” o “ter-
mofilia”.

PSICROFILIA: la temperatura del processo si mantiene inferiore ai


20°C. I sistemi che operano in queste condizioni vengono denominati
anche “a freddo”.
MESOFILIA: la temperatura del processo è compresa tra 20-40°C.
TERMOFILIA: quando la temperatura del processo è compresa tra
50-65°C.

Da un punto di vista strettamente tecnico è possibile riprodurre e


forzare i processi sopra descritti in ambienti confinati come ad esem-
pio in un reattore anaerobico (per la digestione di liquami o reflui ad
elevato carico organico) o in una discarica controllata (per la digestio-
ne della componente organica di rifiuti solidi).
Verranno di seguito descritte le principali tipologie impiantistiche di
reattori anaerobici più diffusi.

Tipologie impiantistiche applicabili a liquami o reflui

Le tipologie impiantistiche dei sistemi di digestione anaerobica at-


tualmente disponibili vanno da sistemi estremamente semplificati,
applicati per lo più al trattamento di reflui zootecnici in scala azien-
dale, a quelli molto sofisticati ad elevato contenuto tecnologico, che si
prestano per lo più al trattamento di reflui industriali (filtri anaerobi-
ci, reattori UASB, ecc.).

Impianti semplificati

Questa tipologia di impianto trova grandi possibilità applicative nel


settore zootecnico, grazie alla semplicità costruttiva e gestionale. Essi
infatti sono costituiti da una vasca di stoccaggio, spesso preesistente,
dotata di copertura gasometrica.
I sistemi più semplici sono quelli “a freddo”(psicrofili) e sono caratte-
rizzati da rendimenti variabili in funzione della stagione dell’anno e
56
dei tempi di permanenza elevati, tipicamente intorno ai 60 giorni.
Indicativamente per un liquame suino le produzioni annuali di bio-
gas sono circa 25 m3/100 kg di peso vivo.
I sistemi dotati invece di sistema di riscaldamento, con calore fornito
dall’impiego del biogas, consentono di mantenere un regime di me-
sofilia (35-37°C) e di ottenere rendimenti più elevati e più costanti
durante l’anno, con tempi di ritenzione più ridotti e pari mediamente
a 20 giorni. Le produzioni annuali di biogas da liquame suino, in
questo caso, si aggirano intorno ai 35 m3/100 kg di peso vivo.
Le coperture gasometriche hanno il compito di trattenere e di accu-
mulare il biogas e possono essere principalmente a cupola o galleg-
gianti:
- Copertura a cupola semplice: non è pressurizzata ed è costituita
da un telone di materiale flessibile ancorato sul perimetro della
vasca. Il gas, essendo a pressione molto bassa, viene estratto e in-
viato agli utilizzi per mezzo di una soffiante.
- Copertura a cupola a doppia o tripla membrana: sono fissate al
bordo della vasca e costruite con due o tre strati sovrapposti di
membrane; le membrane più esterne costituiscono una camera
d’aria che funge da elemento di spinta pneumatica sulla membra-
na più interna che racchiude il biogas (figura 9). Lo scarico del
biogas è realizzato con valvole di sovrappressione, regolate da
appositi sensori.
- Copertura galleggiante: sono membrane dotate di un sistema di
zavorra realizzato con tubi flessibili riempiti con acqua, per garan-
tire la pressione di accumulo del biogas (figura 10).

Figura 9 - Impianto semplificato con copertura a cupola (fonte: CRPA)


57
Figura 10 - Copertura gasometrica galleggiante (fonte: CRPA)

In caso di necessità di una maggiore capacità di accumulo di biogas è


possibile ricorrere all’utilizzo di gasometri esterni, di forma sferica,
costituiti da due o tre membrane di volume regolabile (figura 11).
Figura 11 - Gasometro

Sulla base di un censimento effettuato alla fine del 2004, gli impianti di
tipo semplificato costituivano il 70% degli impianti di digestione
anaerobica presenti in Italia; nel 1999 risultavano il 24%47.

Reattori miscelati
Rappresentano la tipologia di digestore più classica (figura 12). La loro
struttura, in cemento armato o in acciaio, è configurata a forma di silos.

47 Centro Ricerche Produzioni Animali (CRPA) – Reggio Emilia.


58
Sono reattori riscaldati con funzionamento in regime di mesofilia o di
termofilia, per cui sono muniti di sistema di riscaldamento costituito
da uno scambiatore di calore e di coibentazione perimetrale.
Figura 12 - Schema di reattore a miscelazione completa

Il materiale da digerire viene miscelato mediante agitatori meccanici


a basso regime di rotazione (15-50 rpm48). A seconda del numero e
della posizione dell’agitatore, il reattore può essere completamente o
parzialmente miscelato.
Un altro sistema di miscelazione può essere quello di tipo idraulico (ga-
slifter). Tale sistema consiste nel ricircolo dello stesso biogas compresso
ed è attuabile in casi di basso rischio di formazione di schiuma.
Sulla sommità del reattore è posizionata la calotta gasometrica (gaso-
metro), per lo più costituita da un telo polimerico che ha il compito
di trattenere il biogas, protetto da una copertura in acciaio o cemento
armato.
Questa tipologia di reattore consente il trattamento di liquami con un
contenuto in sostanza secca < 10%, con tempi di permanenza medi in
funzione della composizione del substrato e della temperatura di
processo, compresi tra 15-35 giorni.

48 Rivoluzioni per minuto.


59
Le configurazioni impiantistiche più diffuse sono quelle a flusso con-
tinuo, preferite a quelle a flusso discontinuo (batch). In caso di sepa-
razione della fase di digestione e dello stoccaggio è possibile ottenere
un ulteriore recupero del biogas nella fase di stoccaggio qualora tale
vasca venga dotata di copertura gasometrica.

Reattori “plug-flow”

Sono reattori con scorrimento del liquame a flusso orizzontale, dotati


di sistema di riscaldamento, agitatori e gasometro (figura 13).
Vengono utilizzati esclusivamente a scala ridotta, in quanto motivi
tecnici ed economici ne limitano il volume a un massimo di 300-400
m3. Questi sistemi sono particolarmente adatti al trattamento di li-
quami con contenuto in sostanza secca fino al 13%, e ciò consente di
ottenere rendimenti in biogas superiori rispetto ai reattori miscelati, a
parità di temperatura.

Figura 13 - Schema di reattore plug-flow

Nelle tipologie impiantistiche descritte sino ad ora, il tempo di per-


manenza idraulico (HRT) risulta pari al tempo di permanenza della
biomassa attiva all’interno del reattore (Φ). Al fine di consentire una
sosta più lunga dei microrganismi, senza dover necessariamente au-
mentare eccessivamente il volume del reattore, alcune soluzioni pro-
pongono il disaccoppiamento di questi due parametri mediante di-
verse configurazioni, di seguito presentate.
60
Reattori per contatto

Analogamente ad un sistema a fanghi attivi, il fango anaerobico fatto


decantare in un sedimentatore viene ricircolato nel reattore (figura
14). Il tempo di permanenza idraulico (HRT) risulta così dell’ordine
di ore. Tuttavia l’esigenza di degassificare il fango prima della sedi-
mentazione (onde evitare problemi in quella fase), ha limitato l’appli-
cazione di questa tecnologia.
Figura 14 - Schema di reattore per contatto

Filtro anaerobico

La biomassa attiva viene immobilizzata su materiale inerte (pietra,


plastica), posto all’interno del reattore (figura 15). Oltre a consentire
ridotti tempi di permanenza idraulica (HRT = 1-2 giorni), questa so-
luzione permette di ottenere una elevata superficie attiva per unità di
volume.
Al fine di evitare fenomeni di intasamento, questi sistemi si prestano
al trattamento di reflui a basso contenuto in sostanza secca (< 2%);
risultano quindi particolarmente adatti al trattamento di reflui di tipo
industriale ad elevato carico organico.
61
Figura 15 - Schema di un filtro anaerobico

Reattore UASB (Upflow Anaerobic Sludge Blanket)

La biomassa aggregata in granuli viene trattenuta all’interno del reat-


tore (figura 16). Il refluo pre-riscaldato attraversa dal basso verso
l’alto il letto anaerobico. Nella parte superiore del reattore un separa-
tore a tre fasi permette la divisione del biogas, il liquido e i granuli,
che sedimentano nuovamente verso la base.
Questi sistemi sono particolarmente adatti al trattamento di reflui ad
elevato carico organico ridotto contenuto in solidi (reflui di zuccheri-
fici, industria di succhi di frutta, distillerie, ecc.). I tempi di perma-
nenza idraulica (HRT) sono dell’ordine di qualche ora.
Figura 16 - Schema di reattore UASB
62
La codigestione

Gli sviluppi nel trattamento dei rifiuti degli ultimi decenni hanno
determinato l’insorgenza di impianti di codigestione.

CODIGESTIONE: è l’utilizzo simultaneo di diverse tipologie di


substrato (co-substrati) in diversa proporzione. I co-substrati utilizzabili
possono essere liquami zootecnici, fanghi di depurazione, frazione
organica di RSU, residui agricoli, rifiuti dell’industria agroalimentare, ecc.

Generalmente i sistemi di codigestione sono costituiti da reattori a mi-


scelazione completa, dove il substrato viene normalmente diluito fino a
ottenere una concentrazione di sostanza secca compresa tra 8 e 15%.
La presenza di questa tipologia di impianti, per lo più di tipo consor-
tile, non solo consente di ottenere maggiori rendimenti di biogas, ma
determina anche la possibilità di ricavare un introito extra per il ge-
store dell’impianto.
Gli impianti consortili a grande scala presentano maggiori vantaggi
economici rispetto a quelli di piccola taglia, con tempi di ritorno del-
l’investimento compresi tra 3 e 10 anni. Tuttavia la condizione per
ottenere un successo economico è una accurata progettazione e ge-
stione, con un occhio di riguardo anche per gli aspetti e le problema-
tiche ambientali e gestionali relative allo smaltimento/riutilizzo del
materiale digerito.

I parametri di processo

Data la complessità delle reazioni biochimiche che avvengono all’in-


terno dei reattori anaerobici risulta di estrema importanza effettuare
il monitoraggio di alcuni parametri di processo fondamentali, come
ad esempio temperatura, pH, tempo di permanenza idraulico, produ-
zione di biogas, composizione del biogas, acidità volatile, alcalinità
(tabella 18).
63
Tabella 18 - Principali parametri di processo
Temperatura - sistemi in condizioni di termofilia → t°= 50-65°C
- sistemi in condizioni mesofilia → t° = 20-40°C
- sistemi in condizioni psicrofilia o “a freddo” → t°< 20°C
pH deve essere compreso da un minimo di 6,6-7,6, ad un
massimo di 7,5-8,5.
Tempo di permanenza esprime il tempo medio trascorso dal substrato
idraulico (HRT) nel digestore e deve essere superiore al tempo di
raddoppiamento dei batteri, che è funzione delle
caratteristiche di biodegradibilità del substrato.
Produzione di biogas è un parametro valido in caso di carico organico pressoché
costante
Qualità del biogas un forte aumento nel contenuto di CO2 (per es. > 40% per
i liquami suini), può essere sintomo di malfunzionamento.
Acidità volatile deve essere orientativamente < 15 meq/l.
Alcalinità deve essere orientativamente > 50 meq/l il rapporto tra
alcalinità e acidità volatile deve risultare almeno di 2-3:1.

Il collettamento del biogas in discariche di rifiuti solidi

La gestione dei rifiuti e particolarmente lo smaltimento finale in di-


scariche controllate con un elevato livello di compattazione del mate-
riale, consentono l’instaurarsi delle condizioni di anaerobiosi necessa-
rie alla produzione di biogas in seguito alla decomposizione della
frazione organica presente nei rifiuti. In questi casi è possibile, me-
diante adeguati sistemi di captazione e di collettamento, intercettare
il biogas prodotto. Come di seguito spiegato ciò risulta necessario
fondamentalmente per motivi di sicurezza sebbene tale pratica apra
la possibilità allo sfruttamento del potenziale energetico.

Da una stima effettuata dall’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente degli


Stati Uniti (U.S.EPA)49, le discariche provocano la maggior percentuale di
emissioni di metano - pari al 34% - da fonti antropogeniche.

Il processo di generazione del biogas può essere schematizzato in


quattro fasi caratteristiche di tutto il ciclo di vita della discarica (figu-
ra 17). La durata delle varie fasi dipende dalle condizioni presenti in

49 www.epa.org
64
discarica (composizione del rifiuto, umidità, carica batterica, pH, ca-
ratteristiche progettuali, ecc.) e dalle condizioni climatiche esterne.

Figura 17 - Fasi del processo di produzione di biogas e relativa composizione

����������������������������
� �� ��� ��
���

��������������������������������� ��
� ��
�� ��
��
���
�� ��

�� ���

�� ��

�� ������������

��������������������

����� ����������� ������� � � �


� �� ���������� �������������
� ��� �������� ���������
����� ������������������������������������ ������������
� ��� ���������������������������������� ���������
�����������������������������������������������������������

Durante la prima fase, che inizia subito dopo lo smaltimento dei ri-
fiuti e che si svolge in condizioni di aerobiosi, viene principalmente
prodotta CO2.
La seconda fase, anossica (cioè in assenza di ossigeno libero, ma ricco
di ossigeno combinato ad altri elementi chimici come ad es. NO3-,
NO2-, SO4=, ecc.), è caratterizzata da una forte diminuzione della con-
centrazione di ossigeno e dalla produzione di CO2, H2 e acidi volatili.
Nella terza fase, anaerobica, inizia la generazione di CH4 associata a
una riduzione della CO2 precedentemente prodotta.
Nella quarta e ultima fase la produzione di biogas raggiunge condi-
zioni di quasi stazionarietà e la composizione del biogas rimane pres-
soché costante (circa il 50% di CH4, circa 50% di CO2 e tracce di altri
gas come ad esempio H2S, mercaptani, ecc.).
Sulla base di monitoraggi effettuati su diverse discariche degli Stati
Uniti, indicativamente vengono riportate produzioni di biogas com-
prese tra 0,05 e 0,40 m3/kg di rifiuto smaltito (Ham, Barlaz, 1989).
La presenza del CH4 nelle discariche di rifiuti deve essere monitorata
65
attentamente a causa delle sue caratteristiche esplosive in ambienti
confinanti, non appena la sua concentrazione risulta essere compresa
tra il 5% e il 15%. Per di più, oltre alla già nota pericolosità del meta-
no come gas a effetto serra, esso risulta dannoso sia per l’uomo (può
provocare asfissia in ambienti chiusi), sia per la vegetazione (a causa
dell’asfissia delle radici se in contatto col gas nel sottosuolo).
Per motivi di sicurezza quindi le discariche controllate sono dotate
di un sistema di collettamento del biogas costituito da una serie di
pozzi verticali, dai quali si dipartono a raggiera delle tubazioni fes-
surate disposte orizzontalmente. Il gas viene raccolto e asportato
grazie alla pressione alla quale è sottoposto all’interno del corpo
della discarica.
Alla semplice soluzione di bruciare il biogas in una torcia di combu-
stione oggi sta sempre di più prendendo piede la possibilità di sfrut-
tare il biogas a fini energetici (figura 18).

Figura 18 - Filiera di produzione di energia da biogas prodotto in discarica controllata di rifiuti


solidi urbani (RSU)

2.1.3 La fermentazione alcolica da glucidi semplici


e complessi

La finalizzazione energetica della fermentazione alcolica non è una


scoperta di recente acquisizione; già nel 1938, infatti, su forte impulso
66
da parte di Henry Ford la produzione del Kansas (USA) di bioetano-
lo per l’autotrazione era di circa 54.000 t/anno50. Tale risultato, per
quanto transitorio e ridimensionato già nel secondo dopoguerra, fu
possibile poiché questo processo biotecnologico è uno di quelli di più
antica scoperta da parte dell’uomo ed è stato ampiamente consolida-
to nei secoli nell’ambito delle filiere alimentari.
Dal momento che la valorizzazione energetica del bioetanolo è desti-
nata a confrontarsi con la concorrenza da parte sia delle collocazioni
alimentari del prodotto fermentato, sia dell’utilizzo per l’autotrazione
dei carburanti di origine fossile, nel tempo la filiera produttiva si è
intensamente articolata per massimizzare la diversificazione delle
materie prime. Per rendere competitiva la filiera energetica la princi-
pale tendenza seguita dall’evoluzione tecnologica è stata indirizzata
soprattutto allo sfruttamento delle materie prime non destinabili al-
l’alimentazione umana.
Il bioetanolo può essere attualmente prodotto dai carboidrati sempli-
ci (glucosio, saccarosio, mannosio) e dai polisaccaridi a catena lunga
(amido, cellulosa, emicellulosa). Le materie prime possono derivare,
pertanto, dalle colture dedicate alcoligene siano esse saccarifere (bar-
babietola da zucchero, canna da zucchero, sorgo zuccherino) o ami-
dacee (frumento tenero e granoturco), nonché dai residui lignocellu-
losici. È evidente come rispetto alle colture dedicate, che richiedono
delle lavorazioni specifiche ed evidenziano, dunque, dei costi elevati
per il reperimento della materia prima, i residui lignocellulosici costi-
tuiscano l’ipotesi economicamente più interessante.
La filiera produttiva è articolata in tre sezioni ciascuna delle quali è
caratterizzata da un livello di maturità differente e da soluzioni tec-
nologiche peculiari.

Il bioetanolo può essere prodotto dagli zuccheri semplici, provenienti


dalle colture dedicate saccarifere (barbabietola da zucchero, canna da
zucchero e sorgo zuccherino), dai cereali da granella (frumento tenero
e granoturco) o dalle materie prime lignocellulosiche derivate dalle
lavorazioni agricole.

50 www.assodistil.it
67
La sezione saccarifera della filiera per la produzione del
bioetanolo

La sezione saccarifera è finalizzata alla conversione energetica degli


zuccheri ottenuti dalla barbabietola da zucchero, dalla canna da zuc-
chero e dal sorgo zuccherino. Allo stato attuale la sezione è tecnolo-
gicamente matura sebbene, per la sua realizzazione, essa sia influen-
zata significativamente dalla concorrenza esercitata dalla filiera ali-
mentare.
Da un punto di vista tecnologico, la filiera energetica ricalca in li-
nea generale quella alimentare e prevede l’estrazione degli zuc-
cheri dai tessuti vegetali, la loro fermentazione e la distillazione
dell’etanolo.
La fermentazione è condotta generalmente dal lievito Saccharomyces
cerevisiae. Viene attuata riproducendo in bioreattori le condizioni
ideali per favorire il suo metabolismo di tipo anaerobico (ossia in
presenza di basse concentrazioni di ossigeno), alla temperatura com-
presa tra 5-25°C e in un intervallo di pH variabile tra 4,8 e 5,051.
La separazione dell’etanolo avviene per distillazione, ossia sfruttan-
do le diverse temperature di ebollizione dei componenti presenti
nella miscela precedentemente ottenuta: al termine della distillazione
si ricava etanolo in concentrazione pari al 95% in peso con un conte-
nuto residuo in acqua del 5%.
Per conseguire delle concentrazioni di etanolo prossime al 100%, seb-
bene ciò comporti un significativo incremento nei costi di produzio-
ne, si possono adottare i processi della distillazione frazionata o, in
alternativa, della separazione tramite pervaporazione.
La distillazione frazionata è eseguita aggiungendo alla miscela di
partenza il benzene: in questa ipotesi l’etanolo al termine della sepa-
razione presenta un residuo in acqua pari all’1% in peso.
Nella separazione tramite pervaporazione la miscela a valle della
fermentazione è portata in fase di vapore e filtrata attraverso delle
membrane di materiale selettivo idrofilo; al termine della separazione
l’etanolo presenta un residuo in acqua del 3% in peso52.
La sezione saccarifera della filiera assume particolare rilievo in
Brasile dove il bioetanolo è ottenuto dalla canna da zucchero. Ad essa
è attribuibile la quasi totalità del bioetanolo prodotto.

51 Sheoran et al., 1999.


52 Ikegami et al., 2004; Ortiz et al., 2005.
68
La sezione amidacea della filiera per la produzione del
bioetanolo

Nella sezione amidacea il bioetanolo è ottenuto a partire da materie


prime ricche di amido. In questo caso è necessario trattare l’amido
attraverso una reazione di idrolisi, per rendere fermentescibile il glu-
cosio in esso contenuto.
A questo scopo le cariossidi (grani) di frumento e di mais sono tritu-
rate e disidratate dando origine alla pasta d’amido. L’amido è succes-
sivamente gelificato con vapore diretto alla temperatura di 175°C e
alla pressione di 2 atm. L’idrolisi è generalmente condotta utilizzando
un enzima, denominato amilasi, che ha la proprietà di liberare le mo-
lecole di glucosio incluse nelle catene di amido. Questo trattamento è
condotto a una temperatura inferiore a 60°C, e la resa in zuccheri
fermentescibili è dell’80%.
La restante parte della sezione amidacea è del tutto simile a quella
saccarifera.
Tale sezione riveste un ruolo di primo piano, soprattutto nel mercato
statunitense per la produzione del bioetanolo.
Il principale sottoprodotto della sezione amidacea della filiera è costi-
tuito dai residui ricchi in olio, proteine e fibre, noti come DDGS
(Distillers Dried Grains with Soluble), che sono destinati alla prepara-
zione dei mangimi zootecnici.

La sezione cellulosica della filiera per la produzione del


bioetanolo

La produzione di bioetanolo in questo caso è ottenuta a partire da


materie cellulosiche ovvero ad alto contenuto di cellulosa ed emicel-
lulosa. La sezione richiede ancora importanti investimenti nel settore
della ricerca per l’ottimizzazione tecnologica di diversi punti della
filiera.
Sebbene attualmente non vi sia a livello mondiale una produzione in-
dustriale di etanolo di origine cellulosica, la possibilità di valorizzare
attraverso questa via i residui lignocellulosici sta alimentando molte-
plici attività di ricerca e sviluppo, soprattutto negli USA, dove per ora
sono realizzate soltanto in scala di laboratorio o pilota. L’importanza,
che è riservata in questa sede alla sezione cellulosica va interpretata
come una prospettiva futura auspicabile soprattutto in considerazione
dei modesti costi per il reperimento della materia prima.
69
Dei principali componenti della biomassa lignocellulosica (cellulo-
sa, emicellulosa e lignina), soltanto la cellulosa e l’emicellulosa
sono costituite da zuccheri fermentescibili e, dunque, possono
essere utilizzate per la produzione dell’etanolo. Uno dei punti cri-
tici che caratterizza perciò questa sezione della filiera è la separa-
zione fisica della cellulosa e dell’emicellulosa dalla lignina. Questa
finalità può essere perseguita mediante trattamenti chimico-fisici
(il più studiato utilizza il vapore saturo ad alta pressione ed è de-
nominato steam explosion), chimici (con acidi) e meccanici (con si-
stemi di presse).
La successiva idrolisi dell’emicellulosa e della cellulosa può essere
eseguita per via chimica o enzimatica. L’idrolisi chimica acida può
essere condotta in un’unica fase con acido solforico (H2SO4) concen-
trato (in concentrazione del 70-77%), addizionato al materiale cellulo-
sico in rapporto 1,25:1 e alla temperatura di 50°C, oppure in due
stadi applicando acido solforico diluito: il primo stadio è diretto al-
l’attacco dell’emicellulosa (opera con H2SO4 in concentrazione del
0,7% e a una temperatura di 190°C) mentre il secondo è finalizzato
all’attacco della cellulosa (opera con H2SO4 in concentrazione dello
0,4% e a una temperatura di 215°C).
Con l’idrolisi enzimatica la scissione delle catene di cellulosa ed
emicellulosa avviene utilizzando invece enzimi detti cellulasi, sco-
perti nel microrganismo Trichoderma reesei ma individuati successi-
vamente anche in molti altri gruppi microbici, tra cui alcuni batteri
anaerobici (Clostridium spp. e Ruminococcus spp.), alcuni attinomice-
ti (Cellulomonas spp. e Thermobifida spp.) e alcuni funghi (Humicola
insolens)53. Questa soluzione è ritenuta generalmente preferibile ri-
spetto a quella chimica.
In seguito al processo di idrolisi della cellulosa si ottengono molecole
di glucosio, ossia uno zucchero a sei atomi di carbonio facilmente
fermentescibile; l’idrolisi dell’emicellulosa fornisce anche zuccheri a
cinque atomi di carbonio che sono fermentati ad etanolo con maggio-
re difficoltà.
La resa complessiva in bioetanolo di questa sezione è un elemento di
ancora elevata criticità, soprattutto per quanto concerne l’emicellulo-
sa. Per ovviare a questo limite, sono in fase di studio alcuni microrga-
nismi, da utilizzare in alternativa al tradizionale Saccharomyces cerevi-
siae, tra cui Thermoanabacter mathranii ed Escherichia coli.

53 Lynd et al., 2002.


70
L’evidente complessità di questa sezione della filiera grava signifi-
cativamente sulla sua economicità. Per tale motivo sono in corso di
ottimizzazione alcune soluzioni dirette a semplificarla da un punto
di vista impiantistico. Le principali soluzioni studiate sono le se-
guenti:

● SHF (Separated Hydrolysis and Fermentation). Sono previsti quattro


reattori per i quattro stadi del processo produttivo: la produzione
dell’enzima cellulasi, l’idrolisi enzimatica della cellulosa e dell’emi-
cellulosa, la fermentazione degli zuccheri a sei atomi di carbonio, la
fermentazione degli zuccheri a cinque atomi di carbonio.

● SSF (Simultaneous Saccharification and Fermentation). Sono previsti


tre reattori ed è introdotta una certa simultaneità tra gli stadi del
processo: un reattore per la produzione delle cellulasi, un reattore
per l’idrolisi enzimatica della cellulosa e dell’emicellulosa e per la
contemporanea fermentazione degli zuccheri a sei atomi di carbo-
nio, un reattore per la fermentazione degli zuccheri a cinque ato-
mi di carbonio.

● SSCF (Simultaneous Saccharification and Co-Fermentation). È incre-


mentato il grado di simultaneità e sono previsti due reattori: uno
per la produzione delle cellulasi, l’altro per l’idrolisi enzimatica
della cellulosa e dell’emicellulosa e per la fermentazione degli
zuccheri.

● DCM (Direct Microbial Conversion). L’intero processo produttivo è


realizzato in un unico reattore ed è caratterizzato da una completa
simultaneità tra la produzione delle cellulasi, l’idrolisi della cellu-
losa e dell’emicellulosa e la fermentazione degli zuccheri54,55.

Il principale sottoprodotto della sezione cellulosica della filiera pro-


duttiva del bioetanolo è rappresentato dalla lignina, destinabile alla
valorizzazione energetica, al pari delle materie prime lignocellulosi-
che di altra provenienza.

54 Lynd, 1996.
55 Lynd et al., 2002.
71
2.1.4 La conversione chimica degli oli

Le materie prime utilizzate per la produzione del biodiesel sono gli


oli ottenuti dalle colture di colza, girasole, soia, ecc… e quelli recupe-
rati dagli usi alimentari mediante opportuni sistemi di raccolta diffe-
renziata. Nel primo caso il processo attuato è quello dell’estrazione
degli oli vegetali, nel secondo caso si parla invece di rigenerazione
degli oli vegetali. I prodotti ottenuti al termine dei due processi pos-
sono essere utilizzati direttamente quali combustibili oppure possono
essere sottoposti alla reazione di transesterificazione per l’ottenimen-
to del biodiesel.
Nonostante il recupero energetico degli oli alimentari esausti possa
rappresentare una soluzione particolarmente interessante, anche in
ragione del valore aggiunto di questa filiera che concorre alla ridu-
zione della produzione di rifiuti e all’alleggerimento del carico inqui-
nante in ingresso negli impianti di depurazione delle acque reflue
civili, allo stato attuale sono le colture dedicate ad incidere più signi-
ficativamente sulla disponibilità della risorsa. È, quindi, in direzione
della conversione alle colture energetiche dei terreni a riposo (ai sensi
degli incentivi concessi nell’ambito del set aside no-food – vedi para-
grafo 4.4) oppure dei terreni destinati attualmente ad altri seminativi
(ai sensi degli incentivi promossi attraverso la riserva di premi sulla
base dell’art. 69 della PAC – vedi paragrafo 4.4), che sono rivolte le
principali decisioni di politica agricola comunitaria.

L’estrazione degli oli vegetali

Le fasi di estrazione degli oli vegetali dalle colture oleaginose, in li-


nea generale, sono le seguenti:

1. pulizia (con elettrovagli e magneti);

2. macinazione;

3. riscaldamento e condizionamento (80-90°C, umidità 7%);

4. estrazione meccanica (presse idrauliche o a vite) o chimica (sol-


venti);

5. purificazione per depurazione o per raffinazione (neutralizzazio-


ne degli acidi grassi liberi) nell’eventualità di destinare gli oli alla
produzione di biodiesel.
72
I semi derivanti dalle colture dedicate oleaginose sono puliti tramite
elettrovagli e magneti, per eliminare gli eventuali materiali grossolani
residui della raccolta e successivamente sono decorticati. La successi-
va macinazione consente la fuoriuscita degli oli dalle cellule. La lisi
delle cellule, la diffusione della materia grassa dai semi e la separa-
zione dalle componenti di natura proteica sono favorite dal riscalda-
mento e dal condizionamento, condotti a 80-90°C e ad un tenore di
umidità del 7-10%.
L’estrazione degli oli dai semi macinati può essere realizzata per via
meccanica o per via chimica. La scelta tecnologica è dettata principal-
mente dal contenuto in materia grassa: per contenuti superiori al 20%
in peso è preferita l’estrazione meccanica, che richiede dei costi d’in-
vestimento minori; per contenuti in materia grassa inferiori al 20% in
peso generalmente si propende per l’estrazione chimica.
L’estrazione meccanica si avvale di presse a vite o di presse idrauli-
che e lascia un residuo di materia grassa del 5-12%.
L’estrazione chimica prevede invece l’impiego di solventi organici.
Quelli a più largo impiego nell’estrazione di oli a fini energetici sono
il tricloroetilene, l’esano, il solfuro di carbonio, il propano, l’etano, il
pentano e i fluidi supercritici, ossia gas (ad esempio CO2 e SO2) li-
quefatti a pressioni elevate e a temperature basse. La resa dell’estra-
zione chimica è influenzata dalle condizioni in cui è condotta. Allo
stato attuale sono ritenuti ottimali un rapporto seme-solvente pari a
1:18, una temperatura dell’ambiente di reazione di 50°C, nonché tem-
pi di contatto pari a due ore per il colza e un’ora per il girasole. In
queste ipotesi il residuo di materia grassa non estratta è pari all’1%.
La modalità di contatto è scelta in base alla granulometria, ottenuta
nel corso della macinazione: per granulometrie fini, prossime a fari-
ne, è preferita l’immersione, per granulometrie più grossolane è adot-
tata la percolazione in controcorrente per gravità. Le estrazioni chimi-
che possono essere condotte in continuo o in discontinuo (batch): la
prima soluzione tecnologica è giustificata per impianti che trattino
almeno 250-500 t/giorno.
Le due soluzioni estrattive possono essere integrate. Nonostante un
più elevato costo di investimento la resa è prossima al 100%. In que-
sta ipotesi, inizialmente la materia prima macinata è sottoposta a
un’estrazione meccanica parziale che lascia un residuo di materia
grassa del 20-24%; ad essa subentra poi l’estrazione chimica.
Al termine della fase estrattiva la quantità di olio grezzo è in media
del 37% in peso. Le caratteristiche qualitative dell’olio grezzo ottenu-
to non sono però compatibili con l’eventuale conversione chimica in
73
biodiesel. In questo caso si rende pertanto necessaria la purificazione
degli oli. Essa può essere condotta secondo due modalità, la depura-
zione e la raffinazione, che si differenziano per il livello qualitativo
conseguito, più elevato nel secondo caso. I due processi si diversifica-
no a valle di una comune fase di centrifugazione.
La depurazione è diretta alla rimozione delle impurità (cere, resine,
pigmenti e mucillagini) presenti nell’olio grezzo ed è condotta con
acido solforico, con soluzioni acquose di sali oppure mediante la per-
colazione attraverso delle terre adsorbenti.
La raffinazione è diretta a rimuovere le impurità operando invece
con soluzioni saline, con acido fosforico oppure con acido citrico.
Inoltre la raffinazione riduce l’acidità degli oli per neutralizzazione
che può essere condotta per via fisica (a una temperatura di 240-
260°C e in condizioni di sottovuoto - 1 mbar) oppure per via chimica
(operando con sodio idrossido a una temperatura di 60-80°C e a pres-
sione atmosferica). La migliore qualità dell’olio raffinato, rispetto a
quello depurato, è riconducibile soprattutto alla riduzione dell’acidi-
tà degli oli grezzi. Per tale motivo questo processo è quello più usato
nella pratica.
Al termine della purificazione la resa in olio vegetale è del 34,4%.
Il principale sottoprodotto dell’estrazione degli oli vegetali è il pan-
nello proteico; la sua resa produttiva pari al 58% in peso e le sue ap-
plicazioni in zootecnia assumono importanza nell’ambito dell’analisi
costi-benefici in fase di valutazione della fattibilità dell’avvio della
filiera56.

La rigenerazione degli oli vegetali di origine alimentare

Tra gli oli vegetali esausti di origine alimentare che possono essere
recuperati per la valorizzazione energetica, vanno annoverati quelli
provenienti dalle lavorazioni industriali (da forni e friggitrici) e dalle
utenze domestiche (oli di frittura e oli per la conservazione degli ali-
menti). L’utilizzo alimentare, tuttavia, provoca un parziale deteriora-
mento delle materie prime, che necessitano quindi di una rigenera-
zione a monte della trasformazione in biodiesel.

56 www.cti2000.it
74
La rigenerazione si articola in fasi successive: la rimozione delle im-
purità grossolane mediante le fasi successive di filtrazione, neutraliz-
zazione e disidratazione.
Gli oli vegetali esausti rigenerati possono essere assimilati a quelli
ottenuti dalle colture dedicate e da questo punto in poi seguono la
medesima filiera.

La transesterificazione

La reazione di sintesi del biodiesel è nota come transesterificazione,


processo in cui gli oli reagiscono con il metanolo, in presenza di un
catalizzatore, per formare estere metilico e, come prodotto seconda-
rio, glicerina grezza. In altri termini la reazione comporta la rottura
delle molecole di trigliceridi costituenti i grassi vegetali per ottenere
una miscela di esteri metilici degli acidi grassi. Tale processo ha come
principale risultato quello di ridurre la viscosità degli oli di partenza
rendendoli compatibili con alcuni usi energetici e in particolare con
l’uso del biodiesel come carburante per l’autotrazione.
A fronte di una resa media della conversione degli oli vegetali in biodiesel
pari al 98%, le soluzioni impiantistiche per la sua realizzazione sono diver-
sificate, a seconda delle condizioni imposte nell’ambiente di reazione. La
scelta tecnologica scaturisce principalmente dalla valutazione delle quan-
tità da trattare, della periodicità con cui le materie prime sono disponibili
nel bacino afferente e della qualità degli oli in ingresso nell’impianto.
Le principali tecnologie, che si distinguono soprattutto per la tempe-
ratura e la pressione di processo, sono le seguenti:
- Impianto a temperatura ambiente. Il processo è svolto a 20°C a
pressione atmosferica, tramite la catalisi da parte del potassio
idrossido o del sodio idrossido. È indicato per il trattamento in
batch, con produzioni di biodiesel fino a 3.000 t/anno. Il tempo di
reazione è di 8 ore.
- Impianto a temperatura medio-alta. La reazione è condotta a 70°C a
pressione atmosferica, tramite catalisi con potassio idrossido o sodio
idrossido. È indicato per il trattamento in continuo ed in batch, con
produzioni fino a 25.000 t/anno. Il tempo di reazione è di 1 ora.
- Impianto ad alta temperatura e pressione. La transesterificazione
è eseguita a 200°C, alla pressione di 50 MPa. Questa soluzione
impiantistica presenta dei costi di installazione e di gestione più
elevati ed è giustificata per produzioni superiori alle 25.000 t/an-
no, sia in continuo, sia in batch. Rispetto alle soluzioni precedenti,
75
consente il trattamento di oli ad elevata acidità (fino al 4%), poi-
ché adotta la catalisi acida con acido fosforico.

In tutte le soluzioni tecnologiche sono previsti il recupero del meta-


nolo in eccesso per distillazione sottovuoto (stripping) e il suo riutiliz-
zo in testa all’impianto.
Il principale sottoprodotto della transesterificazione è il glicerolo, ca-
ratterizzato da una resa dell’11%, che ha un’elevato valore economico
per le sue applicazioni farmaceutiche e cosmetiche.

2.1.5 La biogenesi dell’idrogeno

L’idrogeno non è una fonte primaria di energia ma un vettore energe-


tico. L’idrogeno infatti, pur essendo presente in natura in enormi
quantità nella forma semplice, H2, è pressoché inesistente o è disper-
so in altri gas, come ad esempio nell’atmosfera, in percentuali molto
basse (in questo caso prossime allo 0,01%). L’idrogeno molto più fre-
quentemente si presenta legato ad altri elementi in una molecola più
o meno complessa. Per produrre idrogeno nella forma H2 è pertanto
necessario operare su tali molecole attraverso processi che richiedono
un consumo energetico molto spesso talmente elevato da non com-
pensare l’energia ricavabile dalla combustione di questo elemento.
Tali considerazioni, nella situazione attuale, non rendono vantaggio-
so questo tipo di approvvigionamento energetico. Rimane tuttavia
indispensabile il sostegno al settore della ricerca affinché vengano
individuati i processi tecnologici che rendano fattibile lo sviluppo di
questa filiera.
Per la produzione di idrogeno, attualmente, si opera mediante steam
reforming, l’ossidazione parziale degli idrocarburi di origine petrolife-
ra oppure mediante elettrolisi dell’acqua. La biogenesi (ovvero la
produzione biologica dell’idrogeno) è invece limitata a una nicchia
strettamente sperimentale e non significativa nella produzione su
scala mondiale dell’idrogeno. Tuttavia, rispetto ai processi chimici, la
biogenesi dell’idrogeno offre prospettive più sostenibili.
La biogenesi dell’idrogeno molecolare (H2) ha luogo in alcuni organi-
smi procarioti (batteri anaerobici e cianobatteri) ed eucarioti (alghe
verdi) come prodotto di vie metaboliche57.

57 Schlegel, Schneider, 1978; Aoyama, 1997.


76
È stato evidenziato come alcuni batteri fotosintetici non sulfurei pro-
ducano l’idrogeno molecolare gassoso nel corso della loro crescita a
partire da numerosi substrati organici e, contestualmente, come altri
batteri sulfurei utilizzino per la stessa finalità le forme inorganiche
dello zolfo, in primis i solfuri. I cianobatteri, ad esempio, si sono di-
mostrati in grado di produrre l’idrogeno molecolare in presenza della
radiazione solare ad opera di un enzima, detto nitrogenasi, come
meccanismo di protezione nei confronti del potere ossidante dell’os-
sigeno58.
La fotobiogenesi dell’idrogeno, scoperta in particolare nelle alghe
verdi, è un processo che risulta promettente59. Nel corso della fase
luminosa della fotosintesi clorofilliana un enzima, detto idrogenasi,
prende parte a una reazione di ossidoriduzione che genera una mole-
cola di idrogeno gassoso. Attualmente la potenzialità tecnologica di
questo processo non è espressa, poiché tale enzima è reversibile e
inattivato per feedback negativo dall’accumulo dell’ossigeno molecola-
re, che avviene nel corso della fotosintesi stessa. È, dunque, in dire-
zione della separazione spaziale o temporale a livello cellulare del-
l’idrogeno e dell’ossigeno che le principali attività di ricerca si stanno
concentrando60.
Una maggiore maturità caratterizza, invece, la sintesi dell’idrogeno
attraverso la gassificazione tradizionale e supercritica e la digestio-
ne anaerobica della biomassa; ciascuna di esse porta a uno stadio
intermedio, caratterizzato dalla produzione di un gas (syngas nel
caso della gassificazione, biogas nel caso della digestione anaerobi-
ca), a cui segue un trattamento di steam reforming, diretto a incre-
mentare la frazione di idrogeno molecolare presente nella miscela
gassosa61.

58 Mitsui et al., 1983.


59 Melis et al., 2000.
60 Benemann, 1996.
61 Van Thuijl, Van Ree, De Lange, 2003.
77
2.2 Metodi e processi termochimici di conversione
energetica

2.2.1 La produzione di energia termica

Tipologie impiantistiche

Le tipologie di generatori termici alimentati a legno disponibili sono


fondamentalmente tre e si differenziano sulla base della forma fisica
delle tre principali categorie di combustibili vegetali (figura 19):
● legna da ardere in ciocchi;
● legno sminuzzato (cippato);
● pastiglie di legno macinato e pressato (pellet).

Figura 19 - Campi di applicazione delle tecnologie di combustione della biomassa ligneocellulosica

�������������
���������� ����������������������
����������
������������������

�����������������

�������
�������������� �����������������
���������������
����������������
�����������
������������������������

�������������������������������

Per potenzialità medio-basse (indicativamente fino a 100-200 kW) è an-


cora possibile il caricamento manuale con combustibile ridotto in tron-
chetti. La norma dei sistemi medio-grandi, e la regola per quelli più
grandi, è di avere la camera di combustione alimentata con legno smi-
nuzzato attraverso sistemi automatici (a coclea, a nastro) che trasportano
il combustibile dal deposito locale (silo) alla camera di combustione.
78
Caldaie per la combustione di legna in ciocchi

La combustione della legna da ardere rimane la forma più diffusa di


conversione energetica delle biomasse. Tuttavia, a causa della neces-
sità di carica manuale dei ciocchi, le caldaie a legna hanno potenza
limitata e trovano un impiego ottimale per il riscaldamento di case
isolate comprendenti uno o pochi appartamenti.
Attualmente la tipologia di caldaie più diffusa per legna in ciocchi è
quella a fiamma inversa (figura 20) in cui la camera di combustione è
situata sotto il vano in cui viene caricata la legna. Queste caldaie sono
provviste di sistemi per la circolazione forzata dell’aria comburente:
il ventilatore può essere posto sul lato anteriore della caldaia, veico-
lando l’aria comburente all’interno e facendola fluire attraverso il
combustibile fino allo scarico dei fumi (ad aria soffiata); in altri mo-
delli il ventilatore è situato sulla bocca di uscita dei fumi e aspira i
gas combusti creando una depressione in caldaia che consente il ri-
chiamo dell’aria comburente dall’esterno (ad aria aspirata).

Figura 20 - Caldaia a fiamma inversa per la combustione di legna in ciocchi (fonte AIEL)

Una parte dell’aria (primaria) viene introdotta in caldaia immediata-


mente sopra la griglia sulla quale è appoggiata la legna. L’aria prima-
ria permette l’avvio della combustione (gassificazione), con formazio-
ne di uno strato di braci a contatto della griglia e lo sviluppo di gas
79
combustibili derivanti dalla pirolisi del legno (monossido di carbonio
e idrogeno); questi ultimi, trascinati in basso attraverso la griglia,
giungono nella camera sottostante dove l’aria secondaria consente il
completamento della combustione attraverso un suo moderato ecces-
so. L’esatto quantitativo di aria, la temperatura e la turbolenza eleva-
te nella camera di combustione, nonché la permanenza dei gas caldi
nel focolare per un tempo sufficiente al completamento delle reazioni
termochimiche di combustione, rappresentano i fattori essenziali al
fine di una combustione ottimale.
L’inversione della fiamma consente di avere una combustione pro-
gressiva della legna, che non prende totalmente fuoco nel vano di
carico, ma brucia in prossimità della griglia: ciò rende la potenza ero-
gata dalla caldaia più stabile nel tempo e permette un maggior con-
trollo della combustione (a tutto vantaggio del rendimento termico e
delle emissioni inquinanti). I modelli più avanzati, dotati di sistemi
di regolazione a microprocessore, raggiungono rendimenti termici
superiori al 90% alle condizioni di potenza nominale.
La regolazione dell’aria di combustione avviene in base al fabbisogno
di ossigeno misurato nei fumi con la sonda lambda (vedi glossario) che
consente di ottimizzare l’afflusso di aria durante il funzionamento del-
la caldaia a legna. In generale il locale dove è alloggiata la caldaia deve
avere sezioni libere, comunicanti con l’esterno e non intercettabili, per
consentire il passaggio d’aria necessaria alla combustione.

Caldaie a cippato

Gli impianti a cippato sono totalmente automatizzati e non hanno li-


miti dimensionali, potendo raggiungere potenze anche di diversi
MW termici. I rendimenti sono analoghi a quelli delle caldaie a gas/
gasolio. Per le caratteristiche di automazione e risparmio di esercizio,
gli impianti a cippato sono particolarmente indicati per il riscalda-
mento di edifici di dimensioni medie o grandi quali alberghi, scuole,
condomini, ospedali, centri commerciali o più unità abitative collega-
te da una rete di teleriscaldamento.
Poiché il caricamento del combustibile in caldaia avviene in modo au-
tomatico, è necessario che accanto al locale caldaia venga predisposto
un locale (silo) per lo stoccaggio del combustibile, in grado di garantire
l’alimentazione del generatore termico per 1-3 giorni. Dal silo di ali-
mentazione il cippato viene estratto automaticamente e convogliato,
per mezzo di una coclea dosatrice, nella caldaia, dove avviene la com-
bustione mediante l’immissione di aria primaria e secondaria.
80
La combustione avviene in caldaie a griglia che può essere:

● fissa, per bruciare materiali fini e a basso contenuto di umidità;

● mobile, per bruciare combustibili a pezzatura grossolana, ad alto


contenuto di ceneri e a umidità fino al 50% in peso di acqua, qua-
li ad esempio le biomasse forestali fresche di taglio.

Nei sistemi più avanzati, il flusso di cippato e la combustione sono


regolati in continuo da un microprocessore in base alla richiesta di
energia dell’utenza e alla temperatura e concentrazione di ossigeno
dei fumi. Il sistema può modulare la potenza erogata mantenendo la
combustione ottimale anche con combustibili diversi. L’accensione
del cippato può avvenire sia manualmente, sia automaticamente per
mezzo di dispositivi sia elettrici che a combustibile liquido. In alcuni
modelli esiste la funzione di mantenimento braci che consente alla
caldaia di mantenere una piccola quantità di brace accesa durante le
pause di funzionamento, permettendo così la riaccensione immediata
al riavvio dell’impianto.
Importanti dispositivi di sicurezza che dovrebbero essere sempre in-
stallati negli impianti termici a cippato riguardano il sistema di ali-
mentazione del combustibile e sono volti a impedire eventuali ritorni
di fiamma dalla caldaia al silo di stoccaggio. Un primo essenziale si-
stema ha lo scopo di interrompere la continuità fisica del flusso del
cippato dal silo alla caldaia. Per questo motivo gli impianti a cippato
comprendono sovente una tramoggia di caduta del combustibile in-
terposta tra due differenti coclee, delle quali una proviene dal silo e
l’altra porta il materiale in caldaia. Il flusso del cippato, in caduta li-
bera nella tramoggia, può essere facilmente interrotto in caso di
emergenza da una serranda tagliafiamma, oppure da una valvola
stellare che mantiene permanentemente la separazione fisica tra due
ambienti.
Nella parte terminale della coclea proveniente dal silo può inoltre
essere installata una valvola di sicurezza termica collegata all’acque-
dotto che, in caso di emergenza, immette acqua nel canale della co-
clea impedendo il propagarsi del ritorno di fiamma.
Condizioni favorevoli al ritorno di fiamma verso il silo si possono
instaurare quando nel focolare si verifica una pressione positiva,
mentre il rischio è minimo se la camera di combustione viene costan-
temente mantenuta in depressione. Per tale motivo diversi modelli di
caldaie a cippato sono dotati di dispositivi atti al controllo della de-
pressione nel focolare.
81
CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI A CIPPATO
Per il dimensionamento degli impianti di riscaldamento a cippato
possono essere seguiti criteri simili a quelli relativi ad impianti
convenzionali a gas/gasolio. Nel caso in cui si preveda di installare o di
mantenere in esercizio una caldaia a gas/gasolio con funzione di scorta
o emergenza, la caldaia a cippato può essere dimensionata intorno al
70% della potenza di picco stimata. Ciò consente di risparmiare sui
costi di acquisto e di installazione. Poiché i picchi di fabbisogno di
potenza sugli impianti di riscaldamento sono generalmente di breve
durata, e limitati ad alcuni giorni del mese più freddo, con questo
accorgimento si riesce comunque a coprire, con l’energia da biomassa,
in generale oltre il 90% del fabbisogno totale di calore.
Nel caso in cui un’unica caldaia a cippato debba provvedere al
riscaldamento di numerose utenze collegate da una rete di
teleriscaldamento, la potenza della caldaia a biomassa corrisponde alla
somma delle potenze di tutte le utenze allacciate moltiplicata per un
coefficiente di contemporaneità (inferiore a 1) che tenga conto delle
caratteristiche del prelievo termico delle varie utenze. Il valore di
questo coefficiente va valutato caso per caso, ed è spesso compreso
tra 0,6 e 0,7.

Caldaie a pellet

L’elevata densità energetica e la facilità di movimentazione rendo-


no il pellet il combustibile vegetale più indicato per impianti di
riscaldamento automatici di tutte le dimensioni. Esso può essere
utilizzato nelle caldaie a cippato oppure in caldaie appositamente
progettate.
In tutti i casi l’accensione è automatica e molto rapida, per mezzo di
una resistenza elettrica. Nei sistemi più avanzati la regolazione del-
l’aria comburente e del flusso di combustibile vengono effettuate au-
tomaticamente ad opera di un microprocessore. Tali caratteristiche di
semplicità d’uso e di automazione conferiscono agli impianti di ri-
scaldamento a pellet un elevato livello di affidabilità.
L’elemento qualificante per la sicurezza di una caldaia a pellet è co-
stituito dai dispositivi contro il ritorno di fiamma dal bruciatore ver-
so il serbatoio. Il sistema più diffuso consiste nell’interporre un tratto
di caduta libera del pellet tra la coclea di trasporto e la caldaia.
Questo tratto è generalmente costituito da un tubo flessibile. Altri si-
82
stemi prevedono serrande tagliafiamma o valvole stellari. In caso di
mancanza di corrente elettrica o di guasto della pompa di circolazio-
ne, il rischio di ebollizione dell’acqua è molto minore rispetto alle
caldaie a legna, per la piccola quantità di combustibile presente nel
focolare. Tuttavia, poiché in molti casi le caldaie a pellet sono predi-
sposte anche per la combustione di legna da ardere e sono dotate di
scambiatore di calore di emergenza, è buona pratica operativa allac-
ciare questo a una presa di acqua fredda e installare una valvola di
sicurezza termica, come già descritto per le caldaie a legna.

CALDAIE COMBINATE PELLET/GASOLIO


È anche possibile utilizzare il pellet in alcuni modelli di caldaie a gasolio,
per mezzo di speciali bruciatori. I bruciatori per pellet da utilizzare in
caldaie a gasolio si applicano sulla parte anteriore della caldaia. Essi
vengono alimentati dall’alto e bruciano il pellet sviluppando una fiamma
orizzontale che si proietta nella caldaia, al pari di quanto avviene negli
impianti a gasolio.

Figura 21 - Caldaia a cippato o a pellet di piccola e media potenza (fonte AIEL)

83
Figura 22 - Caldaia a cippato o a pellet di grande potenza (fonte AIEL)

Modelli principali di camere di combustione

Impianto a griglia fissa


Impianto ad alimentazione inferiore per combustibile secco: consiste in una
caldaia ad alimentazione inferiore. La speciale struttura del focolare
impedisce la formazione di scorie anche nel caso di materiale molto
secco e trucioli.

Tabella 19 - Caratteristiche principali degli impianti a griglia fissa ad alimentazione inferiore per
combustibile secco

Gamma di potenze ottimali 10-3.000 kW

Campo di regolazione della potenza 20-100%

Umidità relativa del combustibile 10-37%

Contenuto ceneri fino a 1%

Rendimento nominale utile da 75 a 80%


84
Impianto ad alimentazione inferiore per combustibile umido: per le gamme
di potenza medio-piccole gli impianti ad alimentazione inferiore co-
stituiscono un sistema valido anche per la combustione di biomassa
proveniente dal bosco. I vantaggi principali sono un’ottima possibili-
tà di regolazione e una costruzione compatta.

Tabella 20 - Caratteristiche principali degli impianti a griglia fissa ad alimentazione inferiore per
combustibile umido

Gamma di potenze ottimali 10-3.000 kW

Campo di regolazione della potenza 25-100%

Umidità relativa del combustibile 20-55%

Contenuto ceneri fino a 2%

Rendimento nominale utile da 70 a 75%

Figura 23 - Camera di combustione ad alimentazione inferiore (fonte: Requisiti tecnici per im-
pianti a cippato superiori a 350 kW, Energia e Ambiente)

Impianto a griglia mobile


Con movimento di avanzamento-arretramento: nella manutenzione dei
boschi e nelle segherie vengono prodotti gli assortimenti legnosi più
disparati, a volte con alto contenuto d’acqua o cortecce. Se si vuole
utilizzare convenientemente tali assortimenti legnosi, direttamente
dal bosco alla caldaia, la griglia mobile ad avanzamento-arretramen-
to è il sistema ideale (figura 24). Questo tipo di impianto è di facile
manutenzione e ha un’elevata tollerabilità di combustibile.
85
Figura 24 - Caldaia a griglia mobile con movimento traslatorio alternato (fonte: Requisiti tecnici
per impianti a cippato superiori a 350 kW, Energia e Ambiente)

La caldaia a griglia mobile viene utilizzata negli impianti di potenza


maggiore, anche per la combustione di legno secco.

Tabella 21 - Caratteristiche principali degli impianti a griglia mobile

Gamma di potenza ottimale 50-3.000 kW

Campo di regolazione della potenza 30-100%

Umidità relativa del combustibile 9-60%

Contenuto ceneri fino a 10%

Rendimento nominale utile da 80 a 85%

Con movimento di rotazione: si tratta di caldaie indicate per ogni tipo di


biomassa e per potenze elevate (oltre i 2.000 kW). In questa situazio-
ne l’avanzamento si realizza per gravità sagomando e disponendo
opportunamente gli elementi della griglia (figura 25). I rendimenti
sono intorno al 70%. Nella fattispecie la camera di combustione ro-
tante migliora la combustione e quindi il rendimento nominale utile
della caldaia; in generale è caratterizzata da maggiori eccessi d’aria
rispetto alle tipologie precedenti.
86
Figura 25 - Caldaia a griglia mobile con movimento rotatorio (fonte: Requisiti tecnici per im-
pianti a cippato superiori a 350 kW, Energia e Ambiente)

Principi di dimensionamento di impianti termici a biomassa

Il generatore termico a biomassa


Per dimensionare la caldaia è necessario calcolare il fabbisogno ter-
mico in condizioni di progetto ovvero la potenza dell’impianto da
installare; questa sarà fondamentalmente funzione della temperatura
esterna di progetto e delle dispersioni dell’edificio.
Il corretto dimensionamento dell’impianto è un punto critico: l’ec-
cessivo sovradimensionamento di una caldaia a biomassa può infat-
ti ridurre sensibilmente il rendimento medio stagionale dell’impian-
to. Ciò è dovuto al fatto che anche durante le fasi di stand-by la
caldaia deve rimanere in temperatura per essere in grado di ripren-
dere il carico alla richiesta. Nei grandi impianti può essere utile
suddividere la potenza tra più caldaie; questa possibilità, oltre ad
ovviare in parte al problema del sovradimensionamento (potendo
parzializzare, ad esempio, il carico a seconda delle stagioni), serve
anche ad aumentare la sicurezza dell’impianto in caso di anomalie
o guasti ad un generatore. Analogamente, è possibile affiancare al-
l’impianto a biomassa un’altra caldaia a combustibile tradizionale,
da utilizzare per integrare le punte di richiesta, per emergenza o
87
eventualmente durante le stagioni di basso carico, ad esempio nel
caso si debba fornire una quantità di acqua sanitaria o di altri servi-
zi in misura insufficiente per mantenere in marcia vantaggiosamen-
te la caldaia a biomassa.
Le caldaie a biomassa hanno costi di investimento molto superiori
alle caldaie tradizionali alimentate a gas/gasolio; è quindi opportuno
installare le caldaie a biomassa per la base del carico della domanda
di energia termica e caldaie tradizionali per le punte del carico e in
caso di malfunzionamento delle prime.

Il silo di stoccaggio per impianti a cippato o a pellet


Il silo va dimensionato sulla base della potenza e del rendimento
della caldaia, delle caratteristiche del combustibile e dell’autonomia
richiesta. Il volume utile del silo deve contenere il combustibile ne-
cessario al funzionamento della caldaia per il periodo che intercorre
fra una fornitura e quella successiva, più un’opportuna scorta (del-
l’ordine del 20%). Tale volume deve essere determinato in funzione
del consumo durante il periodo di tempo calcolato nelle condizioni
di massimo carico termico medio effettivo.
Il silo di stoccaggio del cippato dovrebbe essere posto in un vano
adiacente al locale caldaia o situato nelle immediate vicinanze: infatti
una delle più importanti condizioni per la fattibilità di un impianto
di riscaldamento a cippato è la disponibilità di un ambiente per lo
stoccaggio situato in posizione accessibile ai mezzi di trasporto del
combustibile. Al fine di facilitare le operazioni di scarico del cippato
dai mezzi di trasporto, il silo è spesso situato al di sotto del piano
stradale.
Il silo di stoccaggio può essere ricavato da un locale preesistente o
costruito ex novo. In ogni caso deve essere accuratamente protetto da
infiltrazioni di acqua.
Sul fondo del silo viene posizionato l’estrattore del cippato che prele-
va il combustibile e lo convoglia nel canale della coclea di trasporto.
Nei piccoli impianti, per potenze fino a 300-500 kW e capienze fino a
circa 100 m3, viene generalmente usato un estrattore a braccio rotante
che richiede una sezione del silo circolare o quadrata.
Per impianti di maggiore potenza vengono usati estrattori a fondo
mobile, costituiti da una o più rastrelliere parallele ad azionamento
idraulico che, con un lento movimento traslatorio alternato, veicola-
no il cippato nel canale della coclea (figura 26).
88
Figura 26 - Sistemi di estrazione del cippato (fonte ITABIA)

Le caldaie a pellet di piccola potenza sono dotate di un serbatoio per


il combustibile di capacità generalmente limitata a qualche centinaio
di litri. Nei sistemi più semplici questo contenitore viene caricato a
mano svuotandovi sacchetti di pellet. Per aumentare l’autonomia e
quindi l’affidabilità è opportuno predisporre un silo di stoccaggio,
nel quale il pellet viene scaricato direttamente da un’autobotte. In
base al potere calorifico del pellet e ai rendimenti di conversione, il
consumo orario di combustibile alla potenza nominale della caldaia è
di circa 0,25 kg/h (0,35 dm3/h) per kW di potenza.
Se invece il silo è situato più lontano, fino a dieci metri e oltre dal loca-
le caldaia, il trasporto può essere effettuato con coclee flessibili o con
sistemi pneumatici (figura 27). In ogni caso va posta la massima cura
nel preservare il silo di stoccaggio da infiltrazioni di acqua che possono
provocare il rigonfiamento del pellet fino a renderlo inservibile.
Il sistema basato sulla consegna del pellet sfuso è analogo a quello in uso
per il rifornimento del gasolio e, per rapidità e semplicità, è il più indicato
per tutti gli impianti di riscaldamento a pellet. Il rifornimento può essere
effettuato fino a 20-30 metri dal luogo in cui si ferma il camion.

Figura 27 - Sistemi di alimentazione delle caldaie a pellet (fonte ITABIA)


89
L’accumulo termico inerziale
L’installazione ottimale di una caldaia a legna prevede la presenza di
un accumulatore inerziale: esso è costituito da un serbatoio d’acqua
termicamente isolato, collegato direttamente alla mandata della cal-
daia tramite un’apposita pompa. L’acqua contenuta nell’accumulato-
re è pertanto la stessa che circola in caldaia e nell’impianto di riscal-
damento (figura 28).

Figura 28 - Schema ottimale di un impianto di riscaldamento alimentato da caldaia a biomassa:


sono presenti l’accumulo termico inerziale, il bollitore per l’acqua sanitaria e la centralina di
controllo (fonte AIEL)

L’accumulatore inerziale svolge le seguenti importanti funzioni:

● consente alla caldaia di funzionare in modo regolare, evitando


interruzioni dovute a una insufficiente richiesta di energia da par-
te dell’impianto di riscaldamento; l’energia accumulata si renderà
disponibile nel momento in cui il progressivo esaurimento del
combustibile determinerà una riduzione della potenza erogata
dalla caldaia; inoltre il funzionamento senza interruzioni riduce la
fumosità delle emissioni e lo sporcamento del camino, protegge la
caldaia da dannose formazioni di condensati catramosi, aumen-
tando il rendimento globale dell’impianto;

● costituisce un “volano” termico per l’impianto di riscaldamento e


fa aumentare il comfort di esercizio, rendendolo simile a quello di
impianti automatici a gas/gasolio.
90
Ai fini del dimensionamento dell’accumulatore, in linea generale, è
possibile affermare che la cubatura dell’edificio da riscaldare influisce
sulla dimensione dell’accumulatore in modo negativo: a parità di
caldaia a legna, tanto più piccola è l’abitazione e tanto più grande
dovrà essere l’accumulatore per compensare i minori assorbimenti
termici delle utenze. In alcuni modelli avanzati di caldaie a legna con
regolazione a microprocessore la temperatura dell’accumulatore vie-
ne rilevata in diversi punti e la potenza erogata può essere automati-
camente ridotta per evitare una troppo rapida saturazione dell’accu-
mulatore inerziale.

Produzione di acqua calda sanitaria


Il sistema più semplice di produzione di acqua calda sanitaria consi-
ste nell’utilizzare un bollitore con scambiatore interno collegandolo
all’impianto mediante una pompa e un termostato. Il sistema può
essere attuato sia in impianti dotati di accumulatore inerziale sia in
impianti privi di questo. Un accumulatore inerziale termicamente
ben isolato consente durante l’estate di ricaricare più volte il bollitore
sanitario senza dover riaccendere la caldaia. Particolare attenzione va
dedicata al dimensionamento dell’impianto, tenendo conto che le
caldaie a legna, a differenza di quelle a gas o a gasolio, devono per
quanto possibile funzionare in continuo e senza interruzioni.

Aspetti ambientali dei generatori termici a biomassa


Il camino è un importante componente dell’impianto di riscalda-
mento a legna. La sua funzione non è solamente quella di allontana-
re e disperdere i fumi, ma di assicurare, grazie a un adeguato tirag-
gio, il buon funzionamento della caldaia. Il tiraggio può essere na-
turale o forzato; il primo è tanto migliore quanto più caldi rimango-
no i fumi che percorrono il camino: per questo motivo il camino
dovrebbe essere dotato di un buon isolamento termico. Un altro
motivo importante per isolare termicamente il camino è quello di
evitare che la temperatura dei fumi scenda al di sotto della soglia di
condensa, nel qual caso si potrebbe verificare un rapido sporcamen-
to delle pareti del camino stesso, fino a giungere all’intasamento.
Ottime prestazioni sono fornite dalle canne fumarie in acciaio inos-
sidabile coibentate.
I valori di concentrazione degli inquinanti emessi in forma gassosa e
di particolato devono essere mantenuti entro i limiti previsti dal
DPCM 8 marzo 2002, che determina anche le dotazioni minime ri-
chieste per gli impianti termici a biomasse (tabella 22 e tabella 23).
91
Tabella 22 - Dotazioni minime richieste per gli impianti termici a biomasse dal DPCM 8 marzo
2002

Potenza termica nominale (P) (MW)


P>1 P>3 P>6 P>20
Alimentazione automatica combustibile ✓ ✓ ✓ ✓
Misura in continuo di Temperatura e O2 in
✓ ✓ ✓
camera di combustione
Regolazione automatica aria/combustibile ✓ ✓ ✓
Bruciatore pilota ✓ ✓
Misura in continuo di T, CO, NOx ed H2Ovap
✓ ✓
nell’effluente gassoso
Misura in continuo di polveri e Carbonio

Organico Totale nell’effluente gassoso

Tabella 23 - Valori limite delle emissioni inquinanti in funzione della taglia dell’impianto fissati dal
DPCM 8 marzo 2002 [mg/Nm3]

Potenza termica nominale complessiva


installata (P) MW
0,15<P<
–3 3<P<
–6 6<P<
–20 P>20
Polveri totali 100 30 30 30
Carbonio Organico Totale (COT) - - 30 20
Monossido di carbonio (CO) 350 300 250 200
Ossidi di azoto (espressi come NO2) 500 500 400 400
Ossidi di zolfo (espressi come SO2) 200 200 200 200

I valori limite di emissione vanno in ogni caso verificati in base alla


normativa vigente.
Per poter mantenere i valori delle polveri al di sotto dei valori limite
di emissione si può ricorrere all’utilizzo di filtri a maniche se i fumi
sono secchi. Per quanto riguarda la depolverizzazione dei fumi, i
multicicloni bastano per la gran parte delle situazioni, essendo in
grado di portare entro i parametri richiesti la maggior parte dei casi.
Con necessità particolari, o per maggiori esigenze, oltre al separatore
a multiciclone si possono aggiungere svariati sistemi di filtrazione:
da quelli elettrostatici, ai lavaggi, alla condensazione, ad altri appara-
ti sempre comunque costosi e quindi applicabili solo a grandi im-
pianti dove se ne ammortizza e giustifica il costo.
92
Il teleriscaldamento

Oggi nella prevalenza delle città italiane ogni edificio provvede auto-
nomamente al riscaldamento: il calore viene quindi prodotto separa-
tamente dall’elettricità, con notevole spreco di energia (sia dal punto
di vista quantitativo che qualitativo).
Il teleriscaldamento è un servizio energetico urbano mediante il qua-
le il calore per il riscaldamento degli edifici e per altri usi a bassa
temperatura (come l’acqua calda per uso igienico-sanitario) viene di-
stribuito tramite una rete di tubazioni interrate precoibentate che
connettono il generatore termico con le utenze finali attraverso uno
scambiatore. Il distanziamento spaziale permette di utilizzare il com-
bustibile in modo più concentrato e tecnicamente più avanzato (cal-
daie a maggior rendimento, cogenerazione di energia elettrica e calo-
re) con vantaggi sia dal punto di vista energetico che ambientale, at-
traverso un maggiore controllo delle emissioni.
In termini generali, il teleriscaldamento risulta economicamente van-
taggioso, rispetto ad altre soluzioni, laddove i maggiori investimenti
rispetto alla normale metanizzazione (soprattutto per quanto riguar-
da la rete di distribuzione) sono compensati dalla minor spesa per
l’acquisto dei combustibili primari e dalla produzione combinata di
energia elettrica e calore. Sono pertanto da prendere in considerazio-
ne quartieri cittadini ad alta densità di consumi energetici, zone di
sviluppo artigianali e terziario, ospedali, ecc.

Figura 29 - A sinistra: tubazioni interrate per teleriscaldamento. A destra: rappresentazione sem-


plificata di una rete di riscaldamento urbano (fonte AIRU rielaborata)
93
Il teleriscaldamento è solitamente associato agli impianti di
cogenerazione: a livello urbano un unico impianto di questo tipo è in
grado di produrre energia elettrica e, contestualmente, di fornire
calore ad uno o più quartieri, rendendo superflue le caldaie
condominiali. Il teleriscaldamento a cogenerazione è definito dalla
norma UNI 8887.

Il teleriscaldamento è una soluzione impiantistica che può garantire


rilevanti economie di scala nella produzione dell’energia e benefici
non solo per le aziende, ma anche per le utenze, grazie alla semplici-
tà, comodità, sicurezza (poiché non si distribuisce combustibile bensì
acqua calda) e alle tariffe più convenienti rispetto ad altri sistemi di
riscaldamento (eliminando l’onere d’acquisto del combustibile,
l’utente paga il calore “già pronto all’uso”, a consumo effettuato). È
possibile stimare un risparmio complessivo che va dal 5 al 20% l’an-
no, secondo il combustibile utilizzato; i prezzi sono fissati conceden-
do di norma uno sconto rispetto ai vettori concorrenziali con formule
di tipo “binomio” (quota fissa di potenza e quota variabile legata ai
consumi). Inoltre non sono più necessarie tutte le infrastrutture legate
ai tradizionali sistemi individuali di produzione interna del calore: la
caldaia, la cisterna del gasolio, la canna fumaria, gli scarichi di sicu-
rezza, tutte infrastrutture che occupano spazio e necessitano di perio-
diche e costose manutenzioni; infine le apparecchiature della sotto-
centrale sono semplici, quindi gli oneri di manutenzione si riducono
al minimo. È bene però precisare che la convenienza economica deve
essere di volta in volta verificata tenendo conto di aspetti che sono
diversi per ogni impianto, quali la disponibilità del materiale, la nu-
merosità e densità delle utenze, ecc…
Nei moderni impianti di teleriscaldamento la contabilizzazione del
calore può essere ottenuta attraverso sub-contatori individuali con-
trollati dall’utente.
I vantaggi per l’utente non sono solo economici: l’assenza di combu-
stibili e di fiamme dirette in locali annessi agli edifici da riscaldare,
sostituiti dalla fornitura diretta di acqua calda o surriscaldata, rendo-
no il teleriscaldamento un sistema intrinsecamente sicuro ed esente
da rischi di scoppi o crolli, incendi, fughe di gas e avvelenamento da
fumi. La combustione, infatti, viene realizzata presso la centrale di
cogenerazione, ubicata in un luogo lontano dalle abitazioni e comun-
que sotto il controllo di personale specializzato.
94
Il teleriscaldamento aggiunge al valore dell’edificio un oggettivo pregio,
in quanto va nella moderna direzione di dare al cittadino il “prodotto
finito” lasciando agli esperti industriali, controllati dai pubblici
amministratori del territorio, la scelta e la manipolazione delle materie
prime (combustibili). Esso permette di attuare una razionale politica
nell’uso delle fonti energetiche con ampia possibilità di adattamento alle
mutevoli situazioni del mercato energetico nazionale ed internazionale.

Dal punto di vista ambientale, inoltre, i vantaggi sono molteplici e


riconducibili in primo luogo agli ottimi risultati di efficienza e di ri-
sparmio conseguibili: il teleriscaldamento contribuisce validamente
al miglioramento della qualità dell’aria negli ambiti territoriali più
compromessi, come i centri urbani; l’inquinamento termico delle ac-
que da raffreddamento di centrali termiche tradizionali (acqua di
fiumi o di mare) può essere minimizzato se il calore viene recuperato
anziché disperso. In generale è possibile affermare che pochi e grandi
impianti adeguatamente localizzati determinano alterazioni ambien-
tali meno marcate rispetto alla miriade di impianti condominiali di
ridotta potenzialità sparsi sul territorio: l’elevata efficienza dei gene-
ratori impiegati nella centrale cogenerativa e la costante sorveglianza
degli stessi da parte di personale specializzato, contribuiscono, unita-
mente alla presenza di apparecchiature per il controllo della combu-
stione e della depurazione dei fumi di scarico più sofisticati, a un
determinante beneficio ambientale che si traduce in minori emissioni
in atmosfera e pertanto nella diminuzione dell’effetto serra e delle
piogge acide.

Aspetti tecnici dei generatori di energia termica

In un impianto di teleriscaldamento si trovano normalmente più cen-


trali termiche, ognuna delle quali è normalmente composta da più
unità produttive per ragioni di modularità di costruzione e di eserci-
zio e con funzioni di riserva. Le caldaie possono essere a vapore (con
scambiatore vapore di caldaia/acqua di rete) o ad acqua calda o sur-
riscaldata (nel caso in cui l’acqua di rete si riscaldi nell’attraversare
direttamente le caldaie).
L’opportunità di suddividere la potenza complessiva su più unità
deriva, anche per impianti di modeste dimensioni, dalla convenienza
di esercire il più possibile, e per tutto il periodo di funzionamento, le
caldaie a carichi elevati con conseguenti alti rendimenti: per caldaie
95
di grosse dimensioni, complete di preriscaldatori d’aria, si arriva a
rendimenti di circa il 90%. Il rendimento effettivo medio annuo delle
caldaie di condominio è, invece, un dato estremamente variabile;
concorre a farne abbassare il valore una molteplicità di fattori come il
dimensionamento eccessivo della caldaia e quindi una marcia a cari-
chi troppo parzializzati, la cattiva regolazione, la scarsa manutenzio-
ne, l’insufficiente coibentazione, il funzionamento a temperatura
troppo alta, la combinazione caldaia-preparatore d’acqua calda per
uso igienico-sanitario, ecc. Si può pertanto stimare, in via prudenzia-
le, che la differenza di rendimento fra le utenze funzionanti con im-
pianto autonomo a gas o a combustibile liquido e quello delle stesse
utenze allacciate al teleriscaldamento, sia di circa il 15%. Le perdite di
distribuzione non superano il 6-8%, in termini annui.

Aspetti tecnico-impiantistici delle reti di distribuzione

La rete di trasporto e distribuzione


La rete di trasporto e distribuzione viene realizzata con due tubazioni
affiancate di uguale diametro: una per la mandata e una per il ritor-
no. Una volta ceduto il calore, l’acqua del teleriscaldamento ritorna in
centrale per essere riportata alla massima temperatura e per ripercor-
rere successivamente il suo ciclo. La rete può essere configurata se-
condo quattro soluzioni principali: ramificata, ad anello, a maglie e
inversa. Tra queste la rete ramificata è quella più diffusa e consente il
minor sviluppo di tubazioni tra tutte le configurazioni. Per contro è
quella che garantisce la minore affidabilità in caso di disfunzione del
servizio. La rete a maglie, adatta per zone più densamente edificate,
consente una continuità di servizio maggiore a scapito di un costo
più elevato. La rete inversa, analogamente a quella ad anello, si pre-
sta all’alimentazione di utenze distribuite uniformemente in una cer-
ta area e si differenzia, da quelle precedentemente viste, per il percor-
so del fluido termovettore al suo interno.
Per il trasporto del calore possono essere utilizzati diversi tipi di flui-
di, quali l’acqua, il vapore e i fluidi diatermici.
96
Schematizzazione di una rete ramificata

Schematizzazione di una rete ad anello

Schematizzazione di una rete a maglie

Il sistema di regolazione
Un altro aspetto sicuramente di primaria importanza per la realizza-
zione e la gestione di un sistema di teleriscaldamento è quello riguar-
dante la regolazione dello stesso affinché sia garantito l’equilibrio tra
l’energia termica circolante in rete e quella richiesta dall’utenza. Per
fare ciò è necessario operare su diversi livelli e precisamente su:
● regolazione in corrispondenza dell’utenza, che è quella che definisce
la potenza termica necessaria in rete; effettuando la somma delle
richieste di energia che si susseguono nel tempo da parte di tutte
le sottostazioni, si ottengono le curve del carico termico del siste-
ma nel corso della singola giornata e dell’anno; il sistema di rego-
lazione situato in corrispondenza delle sottostazioni è piuttosto
complesso dato che, oltre a dosare il calore prelevato dall’utenza,
97
a seconda delle necessità deve anche garantire la sicurezza del-
l’esercizio e il rispetto dei limiti contrattuali riguardo al prelievo
di potenza termica;
● regolazione della rete di distribuzione, che avviene ricorrendo princi-
palmente a due metodi che comportano, l’uno la variazione della
portata (la portata prelevata nelle varie sottostazioni varia in fun-
zione dei fabbisogni istantanei e questo modifica l’andamento
delle pressioni in rete) e l’altro la variazione della temperatura del
fluido termovettore;
● regolazione dell’impianto di produzione del calore, attraverso la quale
si verifica che la potenza termica prodotta sia in equilibrio con
quella richiesta dalla rete.

Le sottostazioni
Le sottostazioni sono l’insieme dei componenti che servono a prele-
vare il calore proveniente dalle reti di teleriscaldamento e utilizzarlo
per usi sanitari e di riscaldamento.
Gli elementi che sostituiscono una sottostazione sono:
● gli scambiatori a piastre;
● le pompe di circolazione;
● il vaso d’espansione;
● il contabilizzatore del calore;
● gli organi di telecontrollo e di sicurezza.

Figura 30 - A sinistra: sottostazione per medie e grandi utenze. A destra: sottostazione per
utenze domestiche monofamiliari (fonte Intensys APV)
98
LA CONTABILIZZAZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL
CALORE TRA LE UTENZE ALLACCIATE
Se la sottostazione è al servizio di più utenze, sussiste il problema della
corretta suddivisione del corrispettivo del calore prelevato; tale
problema può essere risolto nel modo più semplice - ma impreciso -
attraverso la ripartizione in millesimi del volume dell’edifico tra le
singole utenze, tenendo eventualmente conto dell’esposizione dei vari
appartamenti: in questa maniera si toglie però al singolo utente la
possibilità di gestire autonomamente il proprio consumo.
In alternativa è possibile installare un contatore di calore in
corrispondenza di ogni singola utenza, ma ciò è realizzabile solo negli
impianti del tipo “a zone” e non in quelli “a colonne montanti” poiché
in quest’ultimo caso sarebbero necessari un numero elevatissimo di
contatori (in pratica uno per ogni corpo scaldante).
Un altro sistema molto semplice è quello di misurare la portata
d’acqua calda che attraversa l’impianto dell’utenza e da questa
grandezza ricavare l’energia prelevata; il costo dell’apparecchiatura
necessaria a raggiungere lo scopo è in questo caso molto contenuto
ma, per contro, il metodo risulta piuttosto approssimativo.

2.2.2 La produzione di energia elettrica

La gassificazione

La gassificazione è una tecnologia di conversione termochimica per


mezzo della quale un combustibile solido è trasformato in un combu-
stibile gassoso, caratterizzato da facilità di combustione completa
senza la richiesta di elevati eccessi d’aria, facilità di accensione, facili-
tà di trasporto e pulizia della combustione. Lo svantaggio è la spesa
energetica richiesta dal processo di gassificazione, che implica un
minor contenuto energetico del gas prodotto rispetto a quello del
materiale di partenza.

Tra i processi di conversione termochimica, in cui le biomasse vengono


trasformate in combustibili gassosi o solidi grazie a reazioni che
vengono fatte avvenire ad elevata temperatura, la gassificazione è il
processo che desta il maggior interesse: non è ancora una tecnologia
diffusa a livello commerciale, anche se nell’ultimo decennio sono stati
messi in funzione diversi impianti che utilizzano sistemi di gassificazione.
99
Il gas da gassificazione di biomassa prende il nome di producer gas ed
è costituito da una miscela di monossido di carbonio, idrogeno, ani-
dride carbonica, metano, tracce di idrocarburi (etilene, etano), vapo-
re, azoto (nella gassificazione in aria) e contiene vari contaminanti,
come particelle di cenere e di char (agglomerato di natura complessa
costituito prevalentemente da carbonio), tar (miscela complessa di
idrocarburi condensabili) e oli.
Il producer gas può essere prodotto mediante combustione parziale
della biomassa (utilizzando aria od ossigeno) o mediante gassifica-
zione pirolitica (utilizzando vapore). Con la gassificazione in aria
viene prodotto un gas a basso potere calorifico, mentre con la gassifi-
cazione in ossigeno o in vapore un gas a medio potere calorifico.
Nella gassificazione pirolitica (o a riscaldamento indiretto) si rende
necessaria una fornitura esterna di calore.
In tutti i processi di gassificazione sono presenti, con modalità di-
verse a seconda della tecnologia utilizzata, le seguenti quattro fasi:
essiccazione, pirolisi, ossidazione e riduzione. L’essiccazione è
l’eliminazione per evaporazione del contenuto d’acqua della bio-
massa quando questa è introdotta nel reattore. La pirolisi è la de-
composizione della biomassa che avviene in seguito all’esposizio-
ne a elevate temperature in assenza di ossigeno: i prodotti sono
gas di pirolisi e char. Nella fase di ossidazione avvengono le rea-
zioni esotermiche che forniscono il calore necessario alle reazioni
di riduzione (endotermiche), dalle quali si formano i costituenti
del producer gas.

REAZIONI ESOTERMICHE E REAZIONI ENDOTERMICHE


Le reazioni esotermiche sono quelle che avvengono con rilascio di
energia. In questo tipo di trasformazione è necessario soltanto un
piccolo apporto di energia dall’esterno per rompere i legami tra gli
atomi dei reagenti e avviare la reazione. Le reazioni endotermiche
sono invece quelle che comportano l’assorbimento di una certa
quantità di energia dall’esterno: oltre a quella necessaria per rompere i
legami tra gli atomi reagenti (energia di attivazione) è necessaria
dell’energia in più per formare i legami dei prodotti, più forti di quelli
dei reagenti. Le reazioni esotermiche sono più comuni di quelle
endotermiche proprio perché necessitano di apporto minore di energia
dall’esterno, vale a dire, della sola energia di attivazione.
100
Sono state sviluppate diverse tecnologie di gassificazione, che si dif-
ferenziano principalmente per il modo con cui la biomassa viene
messa a contatto con l’agente gassificante; è possibile distinguere due
principali classi di reattori: a letto fisso (updraft e downdraft) e a letto
fluido. Il 75% dei gassificatori esistenti in commercio sono downdraft,
il 20% sono a letto fluido (BFB e CFB), il 2,5% sono updraft e il 2,5%
di altri tipi.

Gassificatori a letto fisso

Sono la tecnologia più antica e collaudata per la gassificazione. Le


dimensioni massime sono limitate e le velocità di reazione sono bas-
se: il loro utilizzo è limitato alle piccole potenze. Sono affetti da nu-
merosi problemi, tra cui il rischio di intasamenti nel letto. Il materiale
di alimentazione deve avere granulometria uniforme e un basso con-
tenuto di particelle fini, per evitare intasamenti e garantire “spazio
vuoto” sufficiente al passaggio dei gas attraverso il letto.

Gassificatori updraft o controcorrente


Il reattore è costituito da un cilindro in acciaio e rivestito interna-
mente con materiale refrattario. Nella parte superiore sono presenti
il sistema di alimentazione della biomassa e di uscita del producer
gas. Nella parte inferiore del reattore è presente una griglia che ha
la funzione di sostenere il letto di materiale solido, lasciando passa-
re l’aria immessa dal basso e la cenere che scende e viene raccolta
nel fondo.
I vantaggi principali di questo tipo di gassificatore sono:

● la semplicità costruttiva e di funzionamento;

● l’elevata capacità di combustione del charcoal, il cui residuo finale


è minimo;

● l’ottimo scambio termico interno tra le correnti opposte di biomas-


sa e di producer gas che comporta basse temperature di uscita dello
stesso e quindi un’alta efficienza termica;

● l’efficace essiccazione del combustibile grazie allo scambio termi-


co interno: ciò permette l’utilizzo di combustibili con una elevata
umidità (fino al 60%).
101
Figura 31 - Gassificatore updraft

����

���
�����������

�����������������
��������������

����������
�����
���
���

Il principale difetto è il grande contenuto di tars nel producer gas. I tars


si formano principalmente durante la pirolisi e in questo tipo di gas-
sificatore i gas di pirolisi si uniscono al producer gas senza essere pri-
ma bruciati. I tars sono la causa di molti problemi negli impianti ali-
mentati dal producer gas, in quanto condensano facilmente e provoca-
no intasamenti. Ciò è di importanza minore se il gas è utilizzato in
una caldaia, mentre l’utilizzo in turbine o motori richiede una pulizia
accurata del gas. Nei gassificatori updraft i requisiti per la granulome-
tria della biomassa di alimentazione sono meno severi che nei gassi-
ficatori downdraft, in quanto i rischi di intasamento sono minori. Essi
possono arrivare a portate massime dell’ordine di 4 t/h di materiale
secco.

Gassificatori downdraft o equicorrente


Nei gassificatori downdraft la corrente di producer gas è discendente e
quindi concorde con quella del combustibile solido. Il gas lascia il
reattore dal basso. Generalmente sono provvisti di una gola a forma
di V, al vertice della quale si trova la zona di ossidazione: lo scopo è
quello di creare una zona compatta a elevata temperatura dove far
passare i gas di pirolisi e realizzare il cracking dei tars; l’aria viene
immessa direttamente in questa zona attraverso un tubo centrale di
alimentazione o mediante ugelli posizionati sulle pareti della gola.
102
Figura 32 - Gassificatore downdraft

Il pregio principale dei gassificatori downdraft è il basso contenuto di


tar del producer gas.
I difetti maggiori sono:
● l’elevato contenuto di particelle solide nel producer gas, conseguen-
za del fatto che il gas di pirolisi passa attraverso la zona di ossida-
zione, dove raccoglie cenere e polvere;
● la presenza della gola, che impone requisiti più severi per la gra-
nulometria della biomassa, in quanto sono più facili gli intasa-
menti;
● l’umidità della biomassa, che deve essere bassa (minore del 35%)
in quanto l’essiccazione interna è meno efficiente rispetto ai gassi-
ficatori updraft;
● la temperatura relativamente alta del gas in uscita che riduce l’ef-
ficienza termica.

Allo stato attuale la portata massima per un gassificatore downdraft è


dell’ordine di 500 kg/h di biomassa secca. I gassificatori downdraft
atmosferici sono attraenti per le applicazioni in piccola scala fino a
circa 1,5 MWth.
103
Gassificatori a letto fluido

Un letto fluido è una sospensione di particelle solide in una corren-


te ascendente di gas. Il gas viene introdotto in pressione dal fondo
del reattore, mentre le particelle sono immesse dall’alto. Quando il
solido rimane in sospensione si parla di condizione di fluidizzazio-
ne che viene raggiunta per una determinata velocità del gas in cui il
letto fluido, composto da fase solida e da fase gassosa, si comporta
come un liquido. Applicata alla gassificazione, la tecnologia del let-
to fluido garantisce un’ottima miscelazione tra la biomassa (ridotta
in piccole particelle) e l’agente gassificante, con il conseguente au-
mento delle velocità di reazione. Nel letto può essere presente an-
che materiale inerte fluidizzante (sabbia silicea, allumina, ossidi re-
frattari), con la funzione di uniformare la temperatura facilitando il
trasferimento di calore tra le particelle di combustibile. Un proble-
ma tipico del letto fluido è la sinterizzazione della sabbia silicea
dovuta alle elevate temperature e alla reazione con i metalli alcalini
(Na e K) contenuti nella cenere. In presenza di biomasse con alto
contento di cenere al posto della sabbia silicea è quindi necessario
utilizzare allumina o composti metallici (ad esempio sabbia cromiti-
ca). Nelle applicazioni in cui è necessario l’uso di catalizzatori (per
favorire la gassificazione o per modificare la composizione del gas),
il materiale inerte può essere sostituito dal catalizzatore. A differen-
za di quanto avviene nel letto fisso, il letto fluido è caratterizzato da
una temperatura uniforme in tutto il reattore (tipicamente di 800-
850°C). Il contenuto di tar nel producer gas è intermedio tra quello
che si ottiene dal gassificatore updraft e dal gassificatore downdraft.
All’uscita del reattore il gas ha inoltre un più alto contenuto di par-
ticelle solide (char, cenere, sabbia).

Gassificatori a letto fluido bollente (BFB: Bubbling Fluidized Bed)


L’altezza del letto è limitata (1÷2 m) e la velocità del gas è la minima
necessaria a mantenere in sospensione la fase solida (0,8÷2 m/s). Al
di sopra del letto esiste una regione dove si ha unicamente fase gas-
sosa. All’interno del letto avviene la formazione di bolle di gas che,
liberandosi in superficie, ricordano il fenomeno dell’ebollizione dei
liquidi; ciò provoca un’agitazione interna nel letto, con un’ulteriore
miscelazione tra le fasi. Nei reattori BFB in genere non è presente
materiale inerte. Le temperature sono più alte rispetto ai letti fluidi
circolanti e perciò si ha un minor contenuto di tar nel producer gas, ma
anche il maggior pericolo di fusione delle ceneri.
104
Figura 33 - Gassificatore BFB

Le caratteristiche del letto fluido bollente sono:


● alte velocità di reazione;
● migliore controllo della temperatura rispetto al letto fisso;
● elevato contenuto di particelle solide nel producer gas;
● basso contenuto di tar nel producer gas;
● portate massime dell’ordine di 10-15 t/h di biomassa secca;
● flessibilità per la granulometria della biomassa di alimentazione;
● a parità di dimensioni, i gassificatori a letto fluido hanno potenze
maggiori di quelli a letto fisso;
● facilità di accensione e spegnimento;
● possono essere aggiunti al letto catalizzatori per il cracking dei tars;
● a parità di portata, il diametro del reattore è significativamente
maggiore rispetto ai gassificatori CFB;
● perdite di carbonio nella cenere.
I gassificatori atmosferici a letto fluido bollente sono adatti a diversi
tipi di biomassa e ad applicazioni con potenze medio piccole fino a
25 MWth.

Gassificatori a letto fluido circolante (CFB: Circulating Fluidized Bed)


Il reattore si sviluppa in altezza (fino 8 m) e ha un diametro limitato.
La velocità del gas è elevata (superiore a 4 m/s): come conseguenza
le particelle solide (char e sabbia) sono trascinate fino a uscire dalla
105
colonna principale, per poi essere separate dal gas mediante un ciclo-
ne e reintrodotte nel fondo del reattore.
Nel letto si possono distinguere, a partire dal basso, tre zone:
● fase densa: è caratterizzata da elevata densità e dalla formazione
di bolle di gas;
● fase intermedia: è la zona più instabile, caratterizzata da regioni a
diversa densità;
● fase diluita: la miscelazione del solido nel gas è omogenea e la
densità è bassa.

Figura 34 - Gassificatore CFB

Per l’effetto dello strato limite, la velocità è minore alle pareti, lungo le
quali le particelle ricadono dando luogo a un’ulteriore miscelazione.
I gassificatori CFB differiscono dai gassificatori BFB fondamental-
mente per le seguenti caratteristiche:
● utilizzo per portate di biomassa maggiori di 15 t/h;
● per le basse potenze, costi più elevati rispetto ai gassificatori BFB;
● difficoltà di realizzazione del cracking catalitico dei tars all’interno
del letto.
I gassificatori atmosferici a letto fluido circolante sono adatti ad una
grande varietà di biomasse, con potenze che vanno pochi MWth fino
a 100 MWth. In futuro potranno essere realizzati gassificatori CFB con
potenze anche maggiori. Questa tecnologia sembra essere la più adat-
ta per le applicazioni in larga scala.
106
Gassificatori dual bed per gassificazione pirolitica
La gassificazione non avviene mediante ossidazione parziale, ma attra-
verso riscaldamento indiretto della biomassa (gassificazione pirolitica).
L’impianto è costituito da due reattori a letto fluido: un gassificatore
CFB e un combustore (BFB o CFB). Nel gassificatore il calore necessa-
rio per la decomposizione della biomassa è ceduto dalla sabbia in ricir-
colo nell’impianto, che viene riscaldata nel combustore. Come gas
fluidizzante si utilizza vapore. Il producer gas in uscita dal gassificatore
trascina le particelle di sabbia e char, che vengono separate da un ciclo-
ne e portate al combustore, dove il char viene bruciato. Il calore gene-
rato è assorbito dalla sabbia che viene trascinata all’esterno del combu-
store dai gas di scarico. Un secondo ciclone provvede alla separazione
della sabbia dal gas esausto, permettendone la reintroduzione nel gas-
sificatore dove cede alla biomassa il calore assorbito.

Figura 35 - Gassificatore dual bed

La complessità del processo rende difficile la realizzazione di impian-


ti di grandi dimensioni e mantiene elevati i costi di investimento. Il
vantaggio principale di questo tipo di gassificatore è l’utilizzo di va-
pore che permette di produrre un gas a medio potere calorifico (gra-
zie all’elevato contenuto di metano) senza l’utilizzo di ossigeno. La
conversione del carbonio in gas è bassa, in quanto parte del char deve
essere utilizzata per la combustione. Il contenuto di tars nel producer
107
gas è elevato: è comunque possibile l’aggiunta nel letto di catalizzato-
ri per il cracking dei tars.

Gassificatori a letto fluido pressurizzato


Quando il producer gas viene utilizzato come combustibile negli im-
pianti a turbina a gas deve essere immesso nel combustore ad alte
pressioni (10-25 bar). Se la gassificazione avviene in un reattore atmo-
sferico, il gas caldo deve essere raffreddato e compresso, con una so-
stanziale spesa di energia. Il raffreddamento del gas prima della com-
pressione è necessario perché:
● la temperatura del gas aumenterebbe ulteriormente in seguito alla
compressione;
● la resistenza al calore delle parti del compressore è limitata;
● i gas caldi occupano volumi maggiori e richiedono un lavoro di
compressione maggiore.
L’alternativa è la gassificazione a letto fluido pressurizzato, con la
quale viene prodotto direttamente gas ad alta pressione. I vantaggi di
questa soluzione sono:
● il basso consumo energetico interno (e quindi rendimenti maggio-
ri), in quanto viene risparmiata la compressione del gas;
● alle alte pressioni diminuisce la tendenza a sinterizzare della cenere;
● i gassificatori pressurizzati hanno dimensioni più contenute dei
gassificatori atmosferici;
● poiché il gas non viene raffreddato prima dell’utilizzo si riduce il
pericolo di condensazione.
I difetti sono:
● la difficoltà nell’alimentazione della biomassa nel reattore;
● i costi di investimento maggiori rispetto a quelli dei gassificatori
atmosferici, bilanciati comunque da rendimenti maggiori: la con-
venienza economica si ha a partire da potenze di 30-50 MWe;
● i dispositivi di pulizia a caldo del gas, che sono costosi e ancora in
fase di sviluppo.

Applicazioni del producer gas

L’utilizzo più interessante del gas riguarda la produzione di energia


elettrica. Il campo della produzione di energia elettrica dalle biomas-
108
se è attualmente dominato dagli impianti a vapore, caratterizzati pe-
rò da bassi rendimenti, nei quali si realizza la combustione diretta
della biomassa.
Un’opzione interessante per l’utilizzo di producer gas è il co-firing con
combustibili tradizionali in impianti a vapore. Questa tecnologia per-
mette un notevole risparmio di combustibili fossili ed è caratterizzata
da bassi costi di investimento (in quanto applicabile in impianti esi-
stenti dopo piccole modifiche).
La tecnologia che sembra presentare il potenziale maggiore è quella
dei cicli combinati gas-vapore integrati con la gassificazione (IGCC:
Integrated Gasification Combined Cycle). In impianti con potenze del-
l’ordine delle decine di MW, è stato previsto il raggiungimento di
rendimenti globali molto elevati (fino al 50%). I progetti finora propo-
sti per un utilizzo commerciale sono essenzialmente di tre tipi:
● gassificazione atmosferica a letto fluido con aria e pulizia del gas
mediante lavaggio a umido;
● la gassificazione pressurizzata a letto fluido con aria e pulizia a
caldo del gas;
● la gassificazione atmosferica a riscaldamento indiretto con lavag-
gio umido.

Attualmente i sistemi IGCC non sono ancora competitivi a livello com-


merciale, ma lo possono diventare a breve termine, soprattutto grazie
alla possibilità di realizzare impianti di cogenerazione. Nei Paesi indu-
strializzati, le possibili applicazioni riguardano l’industria della carta.
Nei Paesi in via di sviluppo potenziali applicazioni includono l’indu-
stria dello zucchero e del metanolo ottenuti da canna da zucchero.

ALCUNE ESPERIENZE REALIZZATE:

L’impianto con sistema IGCC a Varnamo (Svezia). È un impianto a


ciclo combinato gas-vapore di 18 MWth integrato con gassificatore CFB
pressurizzato (IGCC). Il gassificatore opera a 20 bar e a 950-1.000°C e
produce un gas a basso potere calorifico (5-6 MJ/Nm3). Per questo motivo
i combustori della turbina sono stati maggiorati. Come materiale di
alimentazione si utilizzano cippato di legno e cortecce. L’aria per la
gassificazione viene in parte compressa dal compressore del ciclo Joule, in
parte da un booster che la porta a 20 bar. La pulizia del producer gas
109
avviene a caldo mediante filtri ceramici. Il gas esausto uscente dalla turbina
a gas passa attraverso uno scambiatore per la generazione di vapore
(HRSG: Heat Recovery Steam Generator). L’impianto produce anche calore
per teleriscaldamento attraverso il condensatore del ciclo a vapore.

Figura 36 - Schema dell’impianto IGCC di Varnamo in Svezia (fonte: Stahl, Neergaard, 1998)

L’impianto con sistema di co-firing: Lahti (Finlandia). È un impianto


a ciclo Rankine per la produzione di energia elettrica (200 MWe) e
calore (250 MWth). La caldaia, originariamente alimentata con solo
carbone, è attualmente alimentata contemporaneamente con polverino
di carbone (50%), gas naturale (35%) e producer gas (15%). Il producer
gas viene prodotto da un gassificatore atmosferico CFB integrato
all’impianto, alimentato con biomassa umida e rifiuti solidi urbani e
industriali. La biomassa (cortecce, cippato, segatura, scarti di legno non
trattato) è costituita mediamente per il 20-60% da acqua per il 40-80%
da combustibile e per l’1-2% da cenere. Come agente gassificante è
utilizzata aria, che viene immessa mediante un compressore dopo
110
essere stata pre-riscaldata. La temperatura del letto fluido è circa
850°C. Per la separazione delle particelle solide viene utilizzato un
ciclone. Prima dell’immissione nella caldaia, il gas attraversa uno
scambiatore che serve a pre-riscaldare l’aria. Nel processo il
biocombustibile non viene essiccato prima dell’immissione nel
gassificatore (l’umidità può arrivare fino al 60%). Nella caldaia i
bruciatori del producer gas sono montati sotto i bruciatori del carbone.
Quando il biocombustibile è umido, il potere calorifico del producer è
molto basso (2,2 MJ/Nm3, con umidità del 50%). Dal punto di vista
ambientale, l’aggiunta del gassificatore ha portato a una diminuzione
delle emissioni di NOx, di SOx e di polveri, mentre ha portato a un
aumento delle emissioni di HCl.

Figura 37 - Schema del generatore di vapore dell’impianto di Lahti (fonte: Krvela M., Lathi Energia 2002)

2.2.3 La cogenerazione

La cogenerazione (CHP: Combined Heat and Power Production) è la ge-


nerazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso sistema
di produzione. Secondo la Legge 10/91 (art.1 – comma 3) la cogenera-
zione – intesa come produzione combinata di energia elettrica (o
meccanica) e di calore – è considerata fonte di energia assimilata alle
fonti rinnovabili.
111
LA DEFINIZIONE DI COGENERAZIONE SECONDO LA
NORMATIVA NAZIONALE

La norma UNI 8887/1987 definisce il processo di cogenerazione


come “l’insieme delle operazioni volte alla produzione combinata di energia
meccanica/elettrica e calore, entrambi considerati effetti utili, partendo da
una qualsivoglia sorgente di energia. Il processo di cogenerazione deve
realizzare un più razionale uso dell’energia primaria rispetto a processi che
producono separatamente le due forme di energia. La produzione di energia
meccanica/elettrica e calore deve avvenire in modo sostanzialmente
interconnesso in cascata”.
La Delibera AEEG n. 42/02 definisce l’impianto di produzione
combinata di energia elettrica e calore come “un sistema integrato che
converte l’energia primaria di una qualsivoglia fonte di energia nella
produzione congiunta di energia elettrica e di energia termica (calore)
entrambe considerate effetti utili, conseguendo, in generale, un risparmio di
energia primaria ed un beneficio ambientale rispetto alla produzione
separata delle stesse quantità di energia elettrica e termica. In luogo della
produzione di energia elettrica in forma congiunta alla produzione di energia
termica, è ammessa anche la produzione di energia meccanica”.

La produzione di energia meccanica o elettrica e di calore deve avve-


nire in modo sostanzialmente interconnesso, implicando un legame
tecnico e di mutua indipendenza tra produzione elettrica e utilizzo in
forma utile del calore, anche attraverso sistemi di accumulo. Il calore
generato viene trasferito all’utilizzazione in forme diverse, tra cui
vapore, acqua calda, aria calda, e può essere destinato a usi civili di
riscaldamento, raffrescamento o raffreddamento o a usi industriali in
diversi processi produttivi.
L’analisi del risparmio energetico attribuibile a un impianto di coge-
nerazione richiede delle semplificazioni. Infatti, dovendo confrontare
i consumi energetici di un impianto di cogenerazione con i consumi
energetici che si avrebbero con la produzione separata delle stesse
quantità di energia elettrica e di calore utile, è necessario far riferi-
mento alle modalità tecnico-produttive con le quali tali quantità di
energia verrebbero generate separatamente.
La figura 38 rappresenta in maniera semplificata l’efficienza della
cogenerazione confrontata con la produzione separata di energia elet-
trica e termica: si può affermare, in prima approssimazione, che la
112
cogenerazione richiede tipicamente solo il 75% dell’energia primaria
necessaria alla generazione tradizionale di calore ed energia elettrica.
Ciò riduce il consumo di combustibile con evidenti benefici dal pun-
to di vista ambientale.

Figura 38 - Efficienza della cogenerazione in confronto con un sistema tradizionale di produzio-


ne separata di energia termica ed elettrica

���������������
�����������

��������������

��������������
�����������
������� �������������
��������� �������
��������������� �����������
��������� ������

�����������
�������� ������������� �������
�������������

��������������� �������������
����������� �����������

L’entità del risparmio di energia primaria fornito dalla produzione


mediante cogenerazione può essere calcolato secondo la formula ri-
portata nella Direttiva 2004/8/CE.

Vantaggi e limiti della cogenerazione

Dalle semplici considerazioni appena esposte risulta evidente come


gli impianti per la produzione combinata di energia elettrica e calore
consentano un uso più completo delle fonti energetiche, in particolar
modo attraverso l’associazione della produzione di energia pregiata
(elettricità) con il recupero del calore residuo.

I principali vantaggi conseguibili sono di natura:


● economico-strategica: la cogenerazione comporta un miglioramento
dei rendimenti globali di utilizzo e quindi una diminuzione dei
consumi (a parità di potenza) delle fonti energetiche tradizionali,
limitando così la dipendenza da queste ultime;
113
● ambientale: a parità di energia utile ricavata, si usa una minor
quantità di combustibile e si ha un’emissione più contenuta di
prodotti della combustione;
● di salvaguardia delle risorse: la cogenerazione consente un utilizzo
più efficiente delle risorse energetiche tradizionali (petrolio, carbo-
ne, gas naturale), riducendone gli sprechi.

Il limite principale della cogenerazione riguarda la corrispondenza


tra produzione e domanda, sia sul lato elettrico, che su quello ter-
mico: risulta necessario quindi ottenere rendimenti complessivi il
più elevati possibile ma anche usare razionalmente le energie pro-
dotte. Le utenze assorbono l’energia elettrica e il calore con leggi
sostanzialmente indipendenti e, considerando che l’elettricità non è
praticamente accumulabile e il calore lo è solo per brevi periodi, la
cogenerazione è proponibile quando le domande di energia elettrica
e termica sono contemporanee. Inoltre, poiché i massimi rendimenti
di un impianto cogenerativo variano a seconda della soluzione im-
piantistica adottata e si attuano nell’intorno di un determinato valo-
re del rapporto energia elettrica/energia termica, è necessario che la
domanda di elettricità e calore da parte dell’utenza si collochi all’in-
terno del campo di valori del rapporto caratteristico della macchina
impiegata. Sotto il profilo logistico, affinché si realizzi una conve-
nienza economica per l’impianto, le utenze termiche ed elettriche
devono trovarsi nelle vicinanze del sistema di generazione energeti-
ca, in particolare per quanto riguarda la rete di distribuzione del
calore.

I limiti applicativi possono essere così sintetizzati:


● la cogenerazione è tanto più vantaggiosa quanto minore è la tem-
peratura del calore richiesto;
● il sistema cogenerativo è economicamente e tecnicamente vantag-
gioso solo se la potenza richiesta dall’utenza supera una determi-
nata soglia minima, variabile con la tipologia costruttiva dell’im-
pianto stesso.

La diffusione dei sistemi cogenerativi è stata finora ostacolata so-


prattutto dagli alti costi iniziali di impianto imputabili alla maggio-
re complessità di tali sistemi, se confrontati coi costi dei sistemi
tradizionali.
114
Analisi comparativa dei sistemi cogenerativi

Gli elementi fondamentali di un sistema di cogenerazione, che si ri-


trovano in tutte le soluzioni impiantistiche, sono:

● il motore primo che attua la conversione dell’energia termica in-


trodotta in energia meccanica;

● il generatore elettrico accoppiato al motore primo che trasforma


l’energia meccanica in energia elettrica;

● gli scambiatori di calore intermedi nella rete termica;

● gli scambiatori di calore dispersivi, atti a dissipare il calore in ec-


cesso rispetto alle esigenze dell’utenza;

● eventuali dispositivi di introduzione aggiuntiva di calore (post-


combustori e caldaie supplementari);

● le reti di distribuzione del calore (ad uno o più livelli termici);

● la strumentazione di regolazione e controllo dell’impianto;

● l’impianto elettrico di allacciamento allo stabilimento;

● i sistemi di antinquinamento e di insonorizzazione della centrale


cogenerativa.

La realizzazione di un tale sistema può avvenire secondo tre possibi-


li cicli termodinamici di base:

● ciclo di turbina a vapor d’acqua;

● ciclo di turbina a gas;

● ciclo di motore diesel, a cui competono organizzazioni impianti-


stiche differenti.

Ciascuna tipologia di impianto è caratterizzata da un suo specifico


campo di applicazione, all’interno del quale si realizzano i massimi
rendimenti termodinamici e/o la massima convenienza economica,
aspetti che verranno debitamente messi in luce. Le principali caratte-
ristiche dei diversi sistemi cogenerativi sono riportate nelle tabelle
seguenti.
115
116
Tabella 24 - Tavola riassuntiva delle tecnologie dei sistemi cogenerativi

sistema vantaggi svantaggi taglie disponibili


cogenerativo
turbina a gas alta affidabilità richiede gas ad alta pressione o compressori da 500kW a 40MW
basse emissioni interni
calore disponibile di elevata qualità basse efficienze a basso carico
sistemi di raffreddamento non necessari diminuzione degli output all’aumentare della
temperatura ambiente
microturbina numero ridotto di parti in movimento costi elevati da 30kW a 350kW
dimensioni compatte e peso leggero efficienza meccanica relativamente bassa
basse emissioni cogenerazione limitata ad applicazioni a bassa
sistemi di raffreddamento non necessari temperatura
motore alternativo elevata efficienza associata a flessibilità di cogenerazione limitata ad applicazioni a bassa < 5MW
ad ignizione diretta parzializzazione del carico temperatura
tempi di avviamento brevi elevati costi di manutenzione
costi di investimento relativamente bassi emissioni relativamente alte
motore alternativo utilizzabili in modo isolato con buone capacità di devono essere raffreddati anche se il calore alte velocità (1200
ad accensione per inseguimento del carico recuperato non viene utilizzato rpm) <– 4MW
compressione/diesel possono essere revisionati in loco dai normali alti livelli di rumorosità alle basse frequenze
operatori basse velocità (60-
operano con gas a bassa pressione 275 rpm) <– 65MW
turbina a vapore elevata efficienza globale lento avviamento da 50kW a 250MW
può utilizzare qualunque combustibile basso rapporto En.Elettrica/En.Termica
soddisfacimento di più richieste di calore
alta affidabilità e tempi lunghi di esercizio
possibilità di variare il rapporto En. Elettrica/En. Termica
celle a combustibile basse emissioni e bassa rumorosità costi elevati da 200 kW a 250kW
alta efficienza a livello del carico bassa durevolezza e densità di potenza
modularità trattamento combustibili se non utilizzato
idrogeno
turbina a motore cella a
tecnologia motore a gas turbina a gas microturbina
vapore diesel naturale combustibile
efficienza energetica 15-38% 27-45% 22-40% 22-36% 18-27% 30-63%
efficienza globale 80% 70-80% 70-80% 70-75% 65-75% 65-80%
efficienza elettrica effettiva 75% 70-80% 70-80% 50-70% 50-70% 60-80%
taglie tipiche (MWe) 0,2-800 0,03-5 0,05-5 1-500 0,03-0,35 0,01-2
rapporto tipico En.Ele/En.Ter 0,1-0,3 0,5-1 0,5-1 0,5-2 0,4-0,7 1-2
funzionamento a carico parziale possibile buono possibile scarso possibile buono
costi di installazione ($/kWe) 300-900 900-1500 900-1500 800-1800 1300-2500 2700-5300
costi di gestione ($/kWhe) <0,004 0,005-0,015 0,007-0,02 0,003-0,0096 0,01 0,005-0,04
disponibilità ~100% 90-95% 92-97% 90-98% 90-98% >95%
ore di manutenzione >50000 25000-30000 24000-60000 30000-50000 5000-40000 10000-40000
tempo di avviamento 1ora-1giorno 10 secondi 10 secondi 10minuti-1ora 60 secondi 3ore-2giorni
pressione del combustibile (psi) - <5 1-45 120-500 40-100 0,5-45
combustibili utilizzabili tutti diesel, oli gas naturale, gas naturale, biogas, gas naturale, biogas, idrogeno,
esausti biogas, propano, olio comb. propano, olio comb. gas naturale,
propano, gas di propano,
discarica metanolo
rumorosità alta alta alta moderata moderata bassa
utilizzi dell’eneria termica vapore a acqua calda, acqua calda, acqua calda o acqua calda o acqua calda,
bassa o alta vapore a bassa vapore a bassa surriscaldata, vapore a surriscaldata, vapore a vapore a bassa o
pressione pressione pressione bassa o alta pressione bassa pressione alta pressione
densità energetica (kW/m2) >100 35-50 35-51 20-500 5-70 5-20
117
Cogenerazione con turbina a vapore

Questo tipo di impianti è basato sul ciclo termodinamico Rankine-


Hirn a vapore surriscaldato. Gli impianti industriali con turbine a
vapore reali forniscono calore di recupero ad alta temperatura sebbe-
ne siano caratterizzati da valori del rendimento termico globale bassi.
Dal momento che tali turbine utilizzano il vapore proveniente da un
opportuno generatore, esse permettono l’adozione di qualsiasi com-
bustibile, in particolar modo di quelli non pregiati.
La tecnologia degli impianti a vapore è ormai matura e ciò comporta
un’elevata affidabilità di esercizio unita alla facilità di condotta e ad
una maggior efficacia del sistema di regolazione. Grazie al buon bi-
lanciamento ottenibile dei rotori, le rumorosità sono estremamente
basse, come basso risulta anche il consumo di lubrificanti (cosa che si
traduce in moderati oneri di manutenzione).
Accanto alla scarsa flessibilità, gli impianti a vapore presentano una
complessità d’impianto: necessitano infatti di una progettazione ac-
curata e devono essere adattati ad ogni caso specifico di applicazione.
Gli schemi impiantistici possibili in cogenerazione sono sostanzial-
mente due:
● impianti a contropressione, o a recupero totale;

● impianti a condensazione e spillamento, o a recupero parziale.

Impianti a contropressione
Questa soluzione impiantistica è caratterizzata dal fatto che l’intera
portata di vapore generato viene fatta espandere in turbina finché il
vapore non ha raggiunto le condizioni entalpiche tali da soddisfare la
richiesta di energia termica; attraverso degli scambiatori il calore vie-
ne poi prelevato, provocando la condensazione del fluido operatore.
Successivamente, inviato ad un serbatoio di condensa, il fluido ritor-
na tramite un’apposita pompa al generatore di vapore.
Un’alternativa a questo schema, sovente adottata, è quella di colloca-
re a valle della turbina un “condensatore caldo”, in cui il calore viene
ceduto ad un fluido ausiliario (ad esempio acqua surriscaldata) che
alimenta la rete delle utenze termiche.
Questo tipo di configurazione richiede un andamento del carico elet-
trico parallelo al diagramma del carico termico, fatto che risulta for-
temente penalizzante per quelle utenze con andamento temporale
dei carichi molto diverso.
118
Impianti a condensazione e spillamento
Per ovviare alla limitazione che gli impianti a contropressione pre-
sentano nella regolazione dei carichi termico ed elettrico, il ciclo ter-
modinamico può essere modificato permettendo al diagramma del
carico elettrico di avere un andamento diverso da quello termico. La
modifica consiste nell’estrarre dalla turbina una parte del vapore che
si trova a una pressione sufficiente a soddisfare i fabbisogni di ener-
gia termica degli scambiatori di processo; la restante parte viene fatta
espandere fino alla pressione di condensazione.
Poiché la portata del vapore spillato può essere variata (in genere fi-
no a un massimo del 30% della portata totale), si realizza una parzia-
le indipendenza tra le produzioni di energia elettrica e termica. Il si-
stema acquista quindi una maggiore flessibilità di esercizio, a scapito
però di un minor risparmio di combustibile nelle condizioni di carico
parziale.

Cogenerazione con turbina a gas

Il motore primo è costituito da una turbina a gas azionata dai fumi


provenienti da un’apposita camera di combustione. Il fluido di lavo-
ro compie complessivamente le trasformazioni termodinamiche di un
ciclo Brayton.
Le turbine a gas sono macchine relativamente giovani, il cui sviluppo
ha subito un notevole impulso negli ultimi 50 anni. Nel corso degli
ultimi decenni si sono superati i rendimenti a ciclo semplice dell’or-
dine del 30%, adottando temperature di ingresso in turbina maggiori
di 1.000°C (1.400÷1.500°C) e rapporti di compressione maggiori di 11.
Negli impianti cogenerativi che utilizzano la turbina a gas esiste la
possibilità di effettuare una post-combustione per incrementare la
produzione di energia termica: infatti i gas di scarico in uscita dalla
turbina presentano un contenuto di ossigeno molto elevato che può
essere utilmente impiegato come comburante in un ulteriore combu-
store. Questi impianti sono caratterizzati da una larga indipendenza
della potenza termica disponibile da quella meccanica prodotta, il
che si traduce in una maggiore flessibilità di esercizio. Inoltre, grazie
alla buona standardizzazione dei componenti, questi impianti sono
caratterizzati da semplicità costruttiva e tempi di realizzazione e di
consegna piuttosto brevi, il che incide positivamente sui costi di in-
stallazione. Anche gli standard di automazione oggi raggiunti com-
portano basso fabbisogno di personale e costi di manutenzione limi-
119
tati. Una grossa limitazione connessa con le turbine a gas è la neces-
sità di impiego di combustibili pregiati, quali gas e oli leggeri, al fine
di evitare fenomeni di corrosione e abrasione delle palette della tur-
bina. Per contro, ciò ha anche i suoi lati positivi: utilizzando il gas
metano come combustibile, i gas di scarico hanno un impatto am-
bientale minimo, essendo praticamente inerti, e possono venire im-
piegati direttamente in molti processi industriali, in particolare nel-
l’essiccazione. Ai fini economici e di valutazione degli investimenti,
c’è da osservare come, data la grande dinamica della tecnologia delle
turbine a gas, il superamento tecnologico di questi impianti è assai
rapido a causa della continua evoluzione delle tecniche costruttive.

Cogenerazione con motori endotermici alternativi

Questa soluzione impiantistica prevede l’utilizzazione di motori ad


accensione comandata (secondo il ciclo Otto) oppure ad accensione
spontanea (basata sul ciclo Diesel).
Essi provvedono alla generazione di energia meccanica – convertita
poi in elettrica – tramite apposito alternatore. Il recupero termico vie-
ne invece effettuato su tutti i fluidi operanti nel motore: aria di sovra-
limentazione, acqua di raffreddamento, olio di lubrificazione, gas di
scarico. Il maggior recupero di calore si ottiene dai gas di scarico (cir-
ca la metà del totale) e dall’acqua di raffreddamento delle camicie dei
cilindri.

Figura 39 - Incidenza percentuale dei fluidi operativi sul recupero termico in un motore alter-
nativo a combustione interna

Un impianto ad energia totale basato su motori alternativi è caratte-


rizzato da una totale indipendenza della generazione elettrica da
quella termica, dal momento che le utenze termiche vengono alimen-
tate con i cascami energetici della produzione elettrica. I motori endo-
termici realizzano elevati rendimenti nella produzione di elettricità,
120
anche ai carichi parziali, garantendo una grande prontezza nel segui-
re le variazioni del carico elettrico. Rispetto alle turbine a gas, i moto-
ri alternativi dispongono di un’ampia gamma di combustibili: sia li-
quidi (nafte pesanti) che gassosi (metano, GPL), compresi gas poveri,
gas d’altoforno, da biomasse, di distillazione del carbone. Il grande
punto di forza della soluzione di cogenerazione impostata sui motori
endotermici, specie per le taglie minori, è la modularità con cui i
gruppi vengono realizzati. Ciascuna unità viene equipaggiata con
generatore elettrico, con sezioni per il recupero del calore e con tutti i
componenti ausiliari, ed assemblata in un unico gruppo direttamente
alla produzione. Questa spinta modularità agevola la manutenzione,
riducendo i rischi di interruzioni complete del servizio, garantendo
nel contempo flessibilità di installazione e di esercizio. Per contro si
assiste a un aumento dell’incidenza dei costi di manutenzione (parti-
colarmente per l’olio di lubrificazione), la cui quota percentuale può
andare dal 2 al 4% dei costi di investimento.
Il principale aspetto negativo della scelta motoristica risiede però
nella scarsa capacità di soddisfare utenze termiche richiedenti calore
ad alta temperatura (oltre i 140°C). Dal punto di vista dell’impatto
ambientale, i motori alternativi sono caratterizzati da rumorosità e
vibrazioni maggiori di quelle delle altre macchine, inoltre si hanno
significative emissioni di NOX, da limitare con appositi dispositivi
secondo la normativa in vigore. Si possono ottenere sensibili riduzio-
ni degli incombusti e delle percentuali di CO e NOX facendo ricorso
alla sovralimentazione, la cui adozione comporta anche un aumento
della potenza specifica e una riduzione del consumo specifico.

Cogenerazione con cicli combinati gas-vapore.

Un’ulteriore evoluzione dei sistemi di cogenerazione già analizzati si


basa sull’utilizzo contemporaneo di una o più turbine a gas e di una
turbina a vapore. Dal punto di vista termodinamico si utilizzano per-
ciò un ciclo Rankine combinato a un ciclo Brayton.
I gas prodotti in camera di combustione, dopo essersi espansi in turbina
con conseguente produzione di energia meccanica/elettrica, essendo
dotati di temperature elevate, vengono inviati a un generatore di vapore.
Il vapore prodotto viene dapprima utilizzato per azionare una turbina a
vapore e poi inviato alle utenze per assolvere il servizio termico.
Gli impianti a ciclo combinato possono essere realizzati secondo due
modalità:
● senza combustione (unfired): il vapore viene prodotto dai gas di
121
scarico della turbina a gas tramite un semplice scambiatore di ca-
lore; in questi impianti la potenza erogata dalla turbina a gas è
maggiore della potenza erogata dalla turbina a vapore, con rap-
porti compresi tra:
0,35 ≤ PTV ≤ 0,7;
PTG
● con caldaia di recupero (fully fired): si fa uso di una caldaia nella
quale viene attivata una ricombustione indipendente dei gas; essa
utilizza un combustibile meno pregiato di quello adoperato per la
sezione gas. In questa tipologia di impianti la sezione a vapore
prevale su quella a gas.

Volendo utilizzare il carbone come combustibile, una tecnologia inte-


ressante attualmente adottata è quella con ciclo combinato con gassi-
ficazione del carbone integrato (IGCC): aggiungendo questa ulteriore
complicazione impiantistica si possono ottenere combustibili poveri
da usare nel generatore di vapore, con conseguente riduzione dei
costi di esercizio, nel caso in cui la sezione d’impianto a valle della
turbina a gas alimentata col gas povero proveniente dal processo di
gassificazione si integri in un normale circuito di cogenerazione. Ma
la convenienza economica si realizza solo per potenze molto elevate
e dunque i campi applicativi di tale soluzione sono piuttosto limitati.
In tutti i casi, gli impianti a ciclo combinato consentono di realizzare
rendimenti di produzione elettrica molto elevati, da 44% a 50% con
punte addirittura del 60%. Sono inoltre caratterizzati da una buona
flessibilità di esercizio e possibilità di modulazione dei carichi termi-
ci, specie considerando l’eventualità di utilizzare la post-combustio-
ne. Per contro, si tratta di impianti che hanno alti costi di installazio-
ne, data la loro complessità. A ciò si aggiunga che, sebbene la caldaia
di recupero possa essere alimentata con nafte pesanti o altri combu-
stibili a basso costo, la sezione gas richiede grossi quantitativi di
combustibili pregiati, il che fa lievitare inevitabilmente i costi di eser-
cizio globali.

Cogenerazione con ciclo Rankine a fluido organico

I turbogeneratori basati sul ciclo Rankine a fluido organico (ORC:


Organic Rankine Cycle) sono una soluzione molto promettente per la
cogenerazione a biomassa, con potenza nominale tipicamente com-
presa tra 400 e 1.500 kWe per unità. I vantaggi di questa tecnologia
122
sono l’elevata disponibilità, i costi di manutenzione contenuti, il fun-
zionamento completamente automatico senza intervento di personale
e l’alta efficienza elettrica. Questi impianti sono adatti alla produzio-
ne – competitiva dal punto di vista economico – di energia elettrica,
soprattutto in relazione agli incentivi per la produzione di energia da
fonti rinnovabili.

Figura 40 - Campi di applicazione della tecnologia ORC e dei vari sistemi cogenerativi

��


���������������

� ������������������
��������������
������������������

� �������������
�����������
���������������
���
����������� �������������
����������������
���
��� ����������������
��� �����������������
����

����

����
���� ���� �� �� ��� ��� ���� ���� ����
�����������������������

Il principio di generazione di energia elettrica attraverso un ciclo


ORC corrisponde al ciclo Rankine convenzionale: la differenza so-
stanziale consiste nell’utilizzo di un fluido di lavoro organico avente
proprietà termodinamiche più favorevoli rispetto all’acqua. La bio-
massa è bruciata in una caldaia costruita seguendo le tecniche conso-
lidate in uso per le caldaie ad acqua calda.
Il processo ORC è connesso alla caldaia attraverso un circuito a olio dia-
termico. I vantaggi legati all’utilizzo di questo fluido termovettore sono:

● la bassa pressione nella caldaia;


123
● l’elevata inerzia termica (stabilità nei cambiamenti di carico);

● la semplicità e la sicurezza di regolazione e controllo;

● la temperatura utilizzata (circa 300°C) nella parte calda dell’im-


pianto assicura lunga durata all’olio diatermico;
● consente il funzionamento senza un operatore patentato (come
invece è richiesto per i sistemi a vapore).

Il fluido di lavoro organico pressurizzato viene vaporizzato e surri-


scaldato per mezzo dell’olio diatermico nell’evaporizzatore e succes-
sivamente espanso in una turbina assiale direttamente connessa al
generatore asincrono. In un secondo momento, il fluido organico pas-
sa attraverso un rigeneratore (dove avviene un recupero di calore)
prima di entrare nel condensatore. La condensazione del fluido di
lavoro avviene a un livello di temperatura che permette l’utilizzazio-
ne del calore recuperato in sistemi di teleriscaldamento o in processi
industriali.

Figura 41 - Impianto ORC da 1000 kWel (fonte: Turboden Srl, Brescia)

Per ottenere un’elevata efficienza elettrica dell’unità ORC stessa, è


necessario tenere la pressione in uscita dalla turbina più bassa possi-
bile così da minimizzare la temperatura al condensatore: ciò può es-
sere realizzato ottimizzando le operazioni di controllo della rete di
teleriscaldamento e attraverso un’adeguata integrazione idraulica.
124
Per realizzare tale obiettivo, l’ORC dovrebbe essere connesso diretta-
mente al ritorno della rete di teleriscaldamento e la temperatura del-
l’acqua di alimentazione in uscita dall’ORC dovrebbe essere tenuta
più bassa possibile, mettendo l’economizzatore di acqua calda e la
caldaia dell’ORC a valle. Seguendo questo approccio, l’ORC può la-
vorare a temperature dell’acqua che si aggirano sugli 80°C. Gli im-
pianti ORC sono abbastanza silenziosi (le emissioni sonore più alte
sono da attribuire al generatore incapsulato e ammontano a circa 85
dB(A) a una distanza di 1 metro). Dal momento che il ciclo ORC è
chiuso e che non sussistono perdite del mezzo di lavoro, i costi
d’esercizio sono bassi. I costi per il consumo di lubrificanti e le spese
di manutenzione sono moderati. Il tempo di vita delle unità ORC è
maggiore di venti anni.

2.2.4 La trigenerazione

L’uso razionale delle fonti primarie di energia, i benefici derivanti da


un sistema di produzione dell’energia elettrica meno centralizzato, le
opportunità offerte dall’introduzione del nuovo mercato dell’energia
elettrica e non ultimo il risparmio energetico, sono le tematiche che,
soprattutto oggi, destano maggiore attenzione verso forme di conver-
sione dell’energia che impiegano impianti di cogenerazione di picco-
la taglia. La cogenerazione distribuita, intesa come produzione com-
binata di energia elettrica e calore in loco, consentendo una migliore
utilizzazione dell’energia primaria, determina un aumento di effi-
cienza globale da parte dell’intero sistema elettrico ed energetico,
abbattendo inoltre i costi di trasmissione e distribuzione dell’energia
elettrica e alleggerendo il sistema di produzione nazionale.

Cogenerazione e trigenerazione

La cogenerazione rappresenta una delle tecnologie più efficienti per


un uso razionale delle risorse energetiche, consentendo uno sfrutta-
mento ottimale delle stesse. Essa trova un impiego ottimale nel setto-
re industriale e negli edifici, laddove esiste una richiesta contempora-
nea di elettricità e calore e le ore previste di funzionamento d’impian-
to sono pari almeno a 4.000 ore/anno.
Non sempre però l’impianto di cogenerazione è posto a servizio di
una struttura industriale che richieda, oltre a una fornitura di energia
elettrica, anche un’adeguata fornitura di energia termica che consenta
di impiegare, senza sprechi, tutta la produzione energetica dell’im-
125
pianto. Anche nell’impiego civile, nel quale la produzione termica
dell’impianto di cogenerazione è destinata essenzialmente al riscal-
damento delle strutture residenziali, la richiesta di calore, in partico-
lare nei Paesi a clima temperato, è limitata ai mesi invernali. Esiste
invece una significativa richiesta di freddo per il condizionamento
estivo degli edifici durante i mesi estivi.
La trigenerazione è il sistema di produzione congiunta di energia
elettrica, termica e frigorifera mediante l’utilizzo di un solo combusti-
bile. La trigenerazione (CHCP: Cogeneration of Heat, Cooling and
Power) unisce alle due funzioni della cogenerazione anche quella di
condizionamento dell’aria e di raffrescamento. Il raffrescamento è
prodotto tramite l’impiego del normale ciclo frigorifero in grado di
trasformare l’energia termica in energia frigorifera, realizzando la
trasformazione di stato del fluido refrigerante in combinazione con
una sostanza utilizzata quale assorbente.
Figura 42 - Diagramma di processo della trigenerazione

�����������������

���

���������������������
������������� ��������������
����
������� ��������������
���

��

�����������������������

L’acqua refrigerata così ottenuta può essere utilizzata per il condizio-


namento degli ambienti industriali, degli uffici o delle abitazioni
adiacenti ecc. Come nel caso dei sistemi di cogenerazione, anche la
trigenerazione offre grandi risparmi energetici dovuti alla produzio-
ne congiunta di energia elettrica, calore e raffrescamento.

I sistemi per la trigenerazione consentono di produrre energia elettrica


recuperando e convertendo il calore residuo in freddo.
126
Le macchine per la produzione di freddo

Sistemi ad assorbimento - Refrigerazione ad assorbimento con bro-


muro di litio o ammoniaca
Nello schema generale, questi impianti sono costituiti da sistemi di coge-
nerazione (CHP) combinati con un gruppo frigorifero ad assorbimento.
Il gruppo frigorifero, ovvero l’apparato che produce freddo utilizzan-
do il calore del processo di cogenerazione, costituisce una parte fon-
damentale dell’impianto di trigenerazione. I gruppi ad assorbimento
basano il loro funzionamento sui principi della condensazione e del-
l’evaporazione per produrre freddo, utilizzando una serpentina di
raffreddamento per l’espansione del refrigerante.
Nella sua forma più semplice una macchina ad assorbimento è costi-
tuita da un evaporatore, da un assorbitore, da un condensatore, da un
generatore, da alcune pompe e da una serie di dispositivi di controllo.
L’operazione, propria dei sistemi di refrigerazione, di sfruttare il calo-
re latente di alcuni fluidi nelle loro fasi di cambiamento di stato, per
sottrarre calore da una sorgente fredda e trasferirlo in una a più ele-
vata temperatura, nel processo ad assorbimento si compie lasciando
evaporare e alternativamente condensare il fluido refrigerante conte-
nuto in una soluzione con il fluido solvente dal quale viene assorbito.
La soluzione utilizzata dal ciclo è solitamente una miscela: general-
mente acqua (solvente/refrigerante) e bromuro di litio (soluto), op-
pure ammoniaca (solvente/refrigerante) e acqua (soluto).
Nell’evaporatore, in cui è mantenuta una bassa pressione, il refrigeran-
te evapora assorbendo calore dal fluido da raffreddare e si concentra.
Tutto il resto del ciclo ha la funzione di recuperare il solvente-refrige-
rante che deve essere riusato. L’igroscopicità del bromuro di litio pro-
voca l’assorbimento del vapor d’acqua da parte della soluzione con-
centrata che è presente nell’assorbitore, proveniente dal generatore.
La soluzione così si diluisce e viene quindi pompata nel generatore,
dove una maggiore temperatura, mantenuta dall’apporto di calore
proveniente dall’acqua surriscaldata calda o dal vapore d’alimenta-
zione, provoca l’ebollizione della soluzione. Tale fenomeno dà luogo
alla fuoriuscita di vapor d’acqua dalla soluzione e al conseguente
arricchimento di quest’ultima, che viene convogliata nell’assorbitore
dove riprende il ciclo.
Il vapor d’acqua sprigionatosi nel generatore affluisce nel condensa-
tore nel quale, dapprima, condensa in virtù della sottrazione di calore
effettuata da parte dell’acqua di condensazione e, poi, viene avviato
nell’evaporatore dove riprende il ciclo. Per aumentare l’efficienza
127
della trasmissione di calore, il refrigerante, cioè l’acqua che circola
all’interno dell’evaporatore e la soluzione concentrata che circola nel-
l’assorbitore, vengono spruzzate sui fasci tubieri.
L’assorbitore e il generatore sostituiscono il compressore elettrico pre-
sente nei normali gruppi frigoriferi a compressione di vapore.
L’apporto energetico dell’elettricità richiesto nelle macchine con com-
pressore è sostituito, nel ciclo ad assorbimento, da energia termica
con temperatura a partire da 85°C.
Il refrigerante e la soluzione assorbente utilizzati nel ciclo di assorbimen-
to costituiscono una coppia di lavoro. A tutti gli effetti le coppie di lavo-
ro effettivamente utilizzate nei processi industriali sono quella bromuro
di litio/acqua e quella ammoniaca/acqua. La coppia ammoniaca/acqua
è maggiormente impiegata nelle applicazioni di refrigerazione industria-
le con basse temperature di evaporazione, sotto lo 0ºC, mentre la coppia
acqua/bromuro di litio è ampiamente usata per applicazioni di condi-
zionamento dell’aria, dove non sono necessarie temperature sotto lo 0ºC.
I livelli di pressione nella macchina ammoniaca/acqua sono general-
mente maggiori della pressione atmosferica, mentre le macchine acqua/
bromuro di litio funzionano di solito in un vuoto parziale.
L’efficienza di una macchina frigorifera ad alimentazione termica
viene misurata attraverso il coefficiente termico di prestazione (COP),
definito come rapporto tra il calore assorbito dal ciclo frigorifero at-
traverso l’evaporatore e il calore richiesto per far funzionare il ciclo
stesso. Le macchine standard, qualora vengano sfruttate tutte le op-
portunità di recupero del calore, presentano un coefficiente di presta-
zione (COP) di circa 0,7 per il sistema acqua/bromuro di litio e intor-
no a 0,6 per il sistema ammoniaca/acqua.
Il COP può essere significativamente migliorato utilizzando i sistemi
denominati a doppio effetto che incorporano due blocchi di generato-
re-assorbitore in fasi diverse affinché il calore fornito venga recuperato
due volte. Al primo generatore il calore ha una temperatura di circa
170ºC e viene rilasciato dal corrispondente condensatore per motoriz-
zare il secondo generatore a una temperatura più bassa, circa 100ºC.
La temperatura minima della fonte di calore, di norma fornita dal
sistema di cogenerazione, per i sistemi di raffrescamento a bromuro
di litio/acqua, deve essere pari a 60-80°C per i sistemi a singolo effet-
to e di 150°C per i sistemi a doppio effetto. I sistemi ad ammoniaca
richiedono invece una temperatura minima della sorgente termica
pari a 100-120°C (sistema monostadio o a singolo effetto).
Le potenze frigorifere tipiche delle macchine ad assorbimento sono
dell’ordine di parecchie centinaia di kW.
128
Refrigerazione ad adsorbimento
La macchina frigorifera ad adsorbimento utilizza, quale fluido di pro-
cesso, l’acqua. Il principio dell’adsorbimento consiste nell’impiego di
un materiale igroscopico, solitamente gel di silice, allo stato solido il
quale è in grado di trattenere vapore d’acqua e di rilasciarlo quando
viene fornito calore. Il calore richiesto per il rilascio dell’acqua può
essere fornito a temperatura relativamente bassa, fino a circa 50°C; la
tecnologia risulta infatti adatta anche per applicazioni particolari
quali il raffrescamento mediante energia solare. La macchina è divisa
in una parte a bassa pressione (dell’ordine di 0,01 bar), che ospita
l’evaporatore, alla quale corrisponde una temperatura di evaporazio-
ne ridotta (dell’ordine di 12°C). L’ambiente da refrigerare si trova al-
lora a una temperatura superiore rispetto a quella di evaporazione
(normalmente come condizione di progetto si assume 26°C in estate)
e può fornire il calore richiesto per l’evaporazione del fluido frigori-
geno. La zona a pressione superiore ospita invece il condensatore. Il
processo richiede che la temperatura di condensazione del fluido sia
superiore alla temperatura dell’ambiente esterno (in estate fino a 35-
40°C), in modo che il fluido possa cedere calore. Nelle condizioni
specificate una pressione di 0,1 bar è sufficiente per fare avvenire la
condensazione. Evaporatore e condensatore sono separati da due ca-
mere che svolgono le trasformazioni termodinamiche, sostituendo la
compressione meccanica tipica delle macchine a compressione di va-
pore. Le due camere sono poste alternativamente in contatto l’una
con l’evaporatore e l’altra con il condensatore; alla camera in contatto
con il condensatore è fornito calore, mentre dalla seconda è asportato
calore. Un sistema di valvole automatiche mosse alternativamente
consente di mantenere tra il condensatore e l’evaporatore la necessa-
ria differenza di pressione, nonché di effettuare la commutazione di
funzionamento delle due camere. Attualmente solo poche aziende
asiatiche sono in grado di produrre macchine frigorifere ad adsorbi-
mento.
Le tipiche condizioni operative con una temperatura di alimentazione
della sorgente calda di circa 80°C consentono di raggiungere un COP
pari a circa 0,6, pur se il funzionamento delle macchine è comunque
garantito anche a temperature pari a 60°C. Il range delle potenze frigo-
rifere di queste macchine è compreso tra i 50 e i 500 kW.
La semplicità costruttiva delle macchine frigorifere ad adsorbimento
e la loro robustezza rappresentano indubbi vantaggi. Non sussiste
alcun pericolo per la cristallizzazione e, di conseguenza, non esistono
limiti per la temperatura dell’acqua di raffreddamento.
129
All’interno della macchina non è prevista una pompa per la soluzio-
ne e il consumo elettrico è limitato. Gli svantaggi sono costituiti dalle
dimensioni, tutt’altro che trascurabili, e dal peso. Inoltre, a causa del
numero limitato di produttori, il prezzo delle macchine frigorifere ad
adsorbimento è relativamente elevato. Per le future generazioni di
queste macchine è auspicabile un miglioramento delle prestazioni
degli scambiatori di calore all’interno dei due compartimenti e una
conseguente riduzione del loro peso e del loro volume.

Cogenerazione o trigenerazione con utilizzo di biogas

Il biogas derivante dai fenomeni connessi alla trasformazione anaerobica


delle sostanze organiche contenuti nei rifiuti è costituito, mediamente, dal
50-60% di metano, da anidride carbonica, composti solforati e acqua.
Dopo la captazione e la depurazione può essere utilizzato come energia
primaria per alimentare i motori endotermici di un sistema di cogenera-
zione. Oltre a grandi impianti per il recupero del biogas dalle discariche
per alimentare cogeneratori collegati a reti di teleriscaldamento e raffresca-
mento, oggi esiste la possibilità di avere sistemi di piccola/media taglia,
con diverse varianti funzionali, ad hoc per utenti privati e consorzi che di-
spongono di rifiuti organici dai quali è possibile ricavare biogas.

2.2.5 L’utilizzo diretto di oli vegetali nei motori


a combustione interna

La produzione di energia attraverso l’utilizzo diretto di oli vegetali in


motori diesel negli ultimi anni ha destato notevole interesse, tanto
che numerose aziende costruttrici hanno avviato sperimentazioni in
merito all’impiego di oli vegetali nei loro motori. L’impiego infatti di
bio-oli nei motori diesel deve essere valutato con attenzione in riferi-
mento anche ai diversi oli vegetali, al fine di determinarne le caratte-
ristiche di combustione e le emissioni. Gli oli vegetali possono essere
prodotti da colza, girasole, noce di cocco o soia. Il loro impiego come
carburanti per motori diesel viene proposto in considerazione delle
loro buone qualità di combustione.
La loro elevata viscosità si traduce tuttavia in una limitata atomizza-
zione, nel rischio di blocco dell’iniettore e nella contaminazione del-
l’olio lubrificante tanto che spesso tali oli vengono utilizzati in misce-
la con il gasolio. In questo caso, però, le emissioni di CO, idrocarburi
e particolato risultano superiori a quelle derivanti dall’impiego di
carburante diesel puro.
130
ESPERIENZE...

Le prime esperienze nell’utilizzo di oli vegetali nei motori diesel sono


dovute allo stesso Rudolf Diesel che utilizzò quale combustibile per il
suo motore olio di arachidi. In occasione dell’Esibizione Universale di
Parigi del 1900, la Otto Company presentò un piccolo motore capace
di funzionare sia con gasolio che con olio vegetale o animale.
Diversi anni dopo l’ingegnere francese Gautier fece dei test
approfonditi su motori diesel marini da 250/550 kW a basso numero di
giri (390/420) alimentati con olio di arachidi, di palma e di ricino
valutando la risposta del motore in varie condizioni di funzionamento. I
risultati che ottenne non furono molto diversi da quelli rilevati durante
la sperimentazione negli attuali motori diesel, con variazioni non
significative per quanto riguarda il comportamento termodinamico del
motore e i suoi consumi.
Anche durante la Seconda guerra mondiale furono realizzate alcune
esperienze d’impiego di oli vegetali in motori edotermici: 100 t/mese di
olio di palma furono consumate nel porto di Abidjan (Costa d’Avorio) in
motori da 40 a 700 kW; mentre olio di arachidi fu utilizzato come
carburante per i camion adibiti ai trasporti tra Dakar e Algeri (3.500 km).
Lo sviluppo tecnologico degli ultimi decenni ha portato a un uso quasi
esclusivo dei combustibili fossili. I combustibili vegetali furono infatti
abbandonati a causa principalmente dell’alto costo produttivo e della
qualità non costante del prodotto. L’orientamento tecnologico fu
fortemente influenzato anche dalla politica di sviluppo dei Paesi
industrializzati legata ai bassi costi del combustibile fossile e alla
massimizzazione della produzione agricola alimentare.
I motori diesel hanno subito una forte evoluzione che, se da una lato
ne ha migliorato le prestazioni, dall’altro ha reso la macchina più
sensibile alle caratteristiche del combustibile utilizzato, soprattutto per
ciò che riguarda gli iniettori e i sistemi di controllo, a tal punto da
renderla poco flessibile per l’utilizzo con carburanti diversi dal gasolio.
A partire dal 1990 sono stati realizzati vari impianti di esterificazione
degli oli vegetali, soprattutto a livello comunitario, grazie anche al
surplus alimentare e alle produzioni no-food ottenute sui terreni a set-
aside. Gli oli infatti possono essere utilizzati come combustibili nello
stato in cui vengono estratti oppure dopo esterificazione. L’impiego di
esteri di oli vegetali (ottenuti per reazione degli oli con alcol) riveste
grande interesse dal momento che essi sono caratterizzati da una
minore viscosità e da un più elevato numero di cetano rispetto agli oli
131
vegetali e consentono pertanto l’impiego diretto del combustibile nei
motori tradizionalmente alimentati a gasolio (autotrazione, produzione
di energia).
La semplicità tecnica del processo di produzione degli oli vegetali,
rispetto ai corrispondenti esteri metilici, li rende particolarmente
interessanti per quelle realtà (Paesi in via di sviluppo) dove i principali
obiettivi sono l’autoproduzione di energia a bassi costi e il massimo
vantaggio energetico (l’energia per estrarre l’olio è una minima parte
rispetto all’energia contenuta nell’olio).
Tuttavia anche nei Paesi industrializzati l’olio grezzo può essere
utilizzato in impianti di media taglia (5-15 MWe) con motori diesel per
la produzione di calore ed elettricità.

Problematiche d’impiego

L’uso degli oli vegetali come carburanti nei motori diesel presenta
alcuni inconvenienti (deposito sugli iniettori, usura delle parti metal-
liche, gelificazione degli oli nei carter, produzione di elevata fumosi-
tà, aumento del consumo nel tempo), che tuttavia possono essere ri-
solti con una messa a punto specifica del motore e un impianto di
alimentazione opportunamente modificato.
L’elevata viscosità dell’olio vegetale rappresenta infatti uno dei pro-
blemi più significativi in merito all’impiego degli SVO (Straight
Vegetable Oil62), poiché può essere causa di una combustione incom-
pleta dovuta all’incapacità degli iniettori ad atomizzare l’olio grezzo.
Le prestazioni del motore non sono pertanto costanti e nel lungo pe-
riodo i componenti più utilizzati, quali gli iniettori, le valvole e le
fasce elastiche, possono essere deteriorati. Si formano normalmente
depositi di carbone nella camera di combustione e l’olio lubrificante
si contamina facilmente.
L’olio vegetale grezzo può dunque essere utilizzato nei motori sia puro
che in miscela con gasolio, ma obbliga ad eseguire alcune modifiche
meccaniche e tecniche a causa della sua elevata viscosità. Esistono al-
cuni motori concepiti per funzionare a olio, ma sono di difficile reperi-
mento sul mercato, quindi allo stato attuale è conveniente:

62 La definizione “olio vegetale non modificato o SVO” (Straight Vegetable Oil), a volte anche citato come olio
vegetale puro PPO (Pure Plant Oil) è, secondo quanto indicato nelle direttive della Commissione Europea,
il termine usato per definire “olio vegetale puro dalle piante oleifere”. Si tratta in effetti di olio vegetale
invariato come l’olio del seme di ravizzone, l’olio di semi della senape, l’olio del seme di girasole, ecc.
132
● utilizzare l’iniezione indiretta e iniettori autopulenti;
● prevedere un sistema di pre-riscaldamento del combustibile per
non ostruire i filtri (attorno ai 60°C);
● favorire l’accensione del motore con gasolio in ambienti freddi;

● aumentare il flusso di carburante per mantenere potenza e coppia


simili a quelle dell’alimentazione a gasolio;
● utilizzare olio lubrificante con alto potere detergente;

● evitare frequenti accensioni e spegnimenti, che potrebbero causare


problemi dovuti alla particolare curva di distillazione dell’olio.

Aspetti ambientali

La letteratura scientifica in merito alle prestazioni ambientali dei mo-


tori alimentati a olio vegetale è alquanto limitata. La maggior parte di
questi studi fin oggi realizzati, tuttavia, sono stati sviluppati utiliz-
zando motori standard senza alcuna modifica che consentisse di otti-
mizzare la combustione in funzione del combustibile. Il quadro che
emerge dalle prove sui motori modificati indica invece che le emis-
sioni della maggior parte delle sostanze inquinanti sono piuttosto più
basse nel caso degli oli vegetali, mentre c’è un aumento nelle emissio-
ni di NOx e di particelle ultra fini. Tuttavia, poiché lo zolfo è pratica-
mente assente dal combustibile, le emissioni dovute all’impiego di oli
vegetali dovrebbero essere facilmente ridotte con l’impiego di sistemi
di after-treatment del gas di scarico, consentendo miglioramenti signi-
ficativi nelle emissioni, se confrontate con il campione non trattato.
Per quanto riguarda le emissioni di CO2, i test eseguiti mostrano che
i livelli dell’emissione sono simili a quelli del diesel fossile. Bisogna
ricordare però che nel caso degli oli vegetali la CO2 restituita in atmo-
sfera dal processo di combustione è pari a quella assorbita durante le
fasi di accrescimento della pianta, come avviene per i combustibili
lignocellulosici. In tal senso, la riduzione indicativa dell’emissione di
CO2 rispetto a diesel fossile, considerando l’intero ciclo di vita, è
compreso nel range di 80-96%. Secondo la normativa tedesca relativa
alla classificazione di rischio dell’acqua, infine, l’olio vegetale risulta
inoffensivo nel caso di infiltrazione in acqua freatica; ciò significa che
eventuali spandimenti d’olio non causano danno significativo all’am-
biente. Il biodiesel invece appartiene a una categoria classificata a ri-
schio di contaminazione dell’acqua come il petrolio greggio viscoso,
l’olio pesante e un certo numero di altri oli minerali e chimici.
133
Aspetti economici e di mercato

Esperienze in merito all’impiego industriale di oli vegetali per l’ali-


mentazione di motori diesel hanno avuto avvio già nei primi anni
Novanta. Al momento attuale è possibile reperire sul mercato motori
diesel adatti all’impiego con oli vegetali di taglie comprese tra 1 e 10
MW di potenza elettrica. I costi per impianti di produzione di energia
elettrica da oli vegetali sono stimati tra i 500 e i 1.000 euro per kW di
potenza installata, in funzione dell’economia di scala riconosciuta
agli impianti di taglia più grossa.
134
Capitolo 3
Aspetti economici

3.1 I costi di produzione dei combustibili da biomassa

3.1.1 L’ottenimento della materia prima

La filiera delle biomasse forestali

Il costo di acquisizione della biomassa di origine forestale è determinato


dalle seguenti componenti: il costo di approvvigionamento in bosco del
materiale legnoso (comprensivo delle fasi di cantiere quali il taglio, l’al-
lestimento e il carico all’imposto), il condizionamento, il trasporto e lo
stoccaggio del combustibile.
Escludendo in questa sede la disamina dei costi relativi al trasporto e
allo stoccaggio della biomassa, per il numero delle variabili in gioco
(distanza percorsa, tipo di automezzo, costo orario operaio, tipo di
biocombustibile, ecc.), di seguito sono riportati, a titolo di esempio, i
costi medi relativi alle fasi di approvvigionamento e di condiziona-
mento del combustibile. Tali dati sono stati reperiti nell’ambito di
una serie di prove ed esperienze di valutazione dei costi di produzio-
ne in campo, successivamente confrontati con i valori forniti dalla
bibliografia63. Resta inteso che tali costi hanno valore puramente in-
dicativo in quanto essi sono fortemente soggetti alle condizioni del
mercato energetico. Inoltre, questi dati, presentano un’elevata varia-
bilità interna (la deviazione standard varia tra valori da 4 a oltre 10
€/t), imputabile alle diverse condizioni in cui si svolgono le opera-
zioni di cantiere forestale.

63 Montibeller, 2005; Verani, Sperandio, 2005; Spinelli, Nati, Magagnotti, 2003; Pedrolli, 2001; Vettraino, Carlino,
Rosati, 2005; Socris, 2003.
135
Per quanto attiene alla fase di cantiere, sono state trattate distintamente le
filiere produttive relativamente alle diverse fonti di approvvigionamento
in quanto, anche in questo caso, i costi possono variare sensibilmente.

Tabella 26 - Costi indicativi delle operazioni di cantiere forestale

FILIERA Abbattimento e
Esbosco Totale
PRODUTTIVA allestimento

€/t €/t €/t

Ceduo – taglio raso 14-20 11-15 25-35

Interventi in fustaia 30-42 17-19 47-61

Diradamento fustaia 17-23 17-19 34-42

Filari agricoli 12-14 16-18 28-32

La filiera dei residui colturali

La produzione di biomassa combustibile a partire dai residui agricoli


è un’operazione semplice e relativamente economica sia perché le
macchine impiegate in fase di raccolta e condizionamento sono già
normalmente in uso nella maggior parte delle aziende agricole sia
perché non vi sono criticità particolari che possano incidere sul costo
complessivo. A questa filiera non vengono infatti imputati i costi di
produzione del prodotto principale il quale ha un mercato diverso e
in assenza del quale non si svilupperebbe la filiera energetica dei
sottoprodotti.
Vengono di seguito riportati alcuni costi indicativi della fase di rac-
colta e condizionamento del materiale secondo modalità diverse.
Anche in questo caso sono escluse le operazioni di trasporto relative
al conferimento del materiale.
Tabella 27 - Costi indicativi della raccolta e condizionamento dei residui agricoli

Raccolta e
FILIERA PRODUTTIVA
condizionamento
€/t
Trinciatura stoppie 4-5
Imballatura e carico di rotoballe 10-13,5
Imballatura e carico di balle parallelepipede grandi 4-5
Cippatura (residui di potatura) 6-11
136
Non essendo attualmente sviluppata la preparazione di pellet a par-
tire dai residui colturali non si dispongono di costi relativi a questa
fase.

La filiera delle colture dedicate

I costi di produzione delle colture energetiche dedicate sono forte-


mente eterogenei e dipendono in gran parte dalla coltura (erbacea o
arborea), dalla durata dell’impianto (annuale o pluriennale) e dal
fabbisogno di input colturali della singola specie.
In generale, le colture annuali sono caratterizzate da elevati costi di
produzione. Essendo infatti la biomassa energetica il prodotto princi-
pale di queste colture, il costo di produzione è comprensivo di tutte
le operazioni agronomiche (lavorazioni, fertilizzazioni, irrigazioni,
ecc.) necessarie allo sviluppo e alla crescita delle piante.
Nella tabella 28 sono presentati i costi indicativi di produzione agro-
nomica di alcune colture erbacee annuali. Nel calcolo sono esclusi i
costi della manodopera.

Tabella 28 - Costo di produzione di alcune colture erbacee annuali nel Nord Italia64
Costo totale Resa Costo a
(€/ha) (t/ha) tonnellata (€/t)
Semi di colza 437 2,4 175
Semi di girasole 377 3,1 122
Radici di barbabietola da zucchero 8387 50,4 17
Granella di frumento tenero 593 4,5 132
Granella di mais 328 10 33

Le colture poliennali, rispetto a quelle a ciclo annuale, sono caratte-


rizzate da costi unitari inferiori. A fronte infatti di maggiori spese di
impianto, imputabili al maggiore costo del materiale di propagazione
(ad esempio, è elevato quello dei rizomi di canna comune e delle ta-
lee di pioppo in Short Rotation Forestry) e alle più onerose operazioni
di impianto, i bassi costi di gestione e la produttività sostanzialmente
costante nel tempo riducono fortemente la spesa per unità di biomas-
sa prodotta.
Nella tabella 29 sono esposti i costi di produzione di alcune colture
poliennali con ciclo decennale.

64 INEA, 2004.
137
Tabella 29 - Costo di produzione di alcune colture poliennali (€/ha per anno) considerando un
ciclo decennale65

Canna
Miscanto SRF Pioppo
comune

Costi mezzi tecnici (€/ha per anno) 383 126 186

Costi mezzi meccanici (€/ha per anno) 690 519 530

Costo totale (€/ha per anno) 1.073 645 716

Resa (t/ha) 30,9 22,6 17,2

Costo a tonnellata (€/t di s.s.) 34,6 28,8 41,6

Nonostante i maggiori costi della biomassa prodotta le colture dedicate


presentano dei vantaggi non trascurabili sia in termini economici, in
quanto forniranno all’agricoltore nuove opportunità di reddito in assen-
za delle sovvenzioni tradizionali alle colture alimentari, sia in termini
ambientali, in quanto la diversificazione colturale migliora il paesaggio e
la biodiversità delle campagne e, rispetto a colture più esigenti, si ha una
riduzione degli impatti ambientali dell’agricoltura.

3.1.2 Le fasi di preparazione del combustibile

La produzione del pellet

Un’analisi economica della filiera di produzione del pellet deve tener


conto delle molteplici fonti e tipologie di materiale a disposizione. In
base alla qualità della biomassa lignocellulosica, alla pezzatura, alla
percentuale di umidità, alla volontà dell’imprenditore di operare con
una o con diverse qualità di biomassa e ulteriori fattori, varieranno i
costi di acquisto della materia prima, i costi di investimento degli im-
pianti e i costi per l’energia impiegata durante la pellettizzazione.
Attualmente il mercato del pellet è basato nella quasi totalità da pel-
let originato da biomassa legnosa derivante dagli scarti dell’industria
del legno. In seguito verranno presentati i risultati di alcuni studi re-
lativi all’analisi economica della filiera del pellet a partire da questa
tipologia di materiale, sebbene gli stessi impianti possano operare,
applicando le opportune tecnologie, con tutte le altre tipologie di
biomasse lignocellulosiche.

65 Bonari et al., 2004.


138
In uno studio di Paviz e Pettenella66 sono stati stimati i costi di pro-
duzione del pellet ipotizzando tre filiere produttive a partire da diffe-
renti tipologie di biomassa.

Tabella 30 - Costo di produzione del pellet in funzione della tipologia di materia prima

Impianto 1 Impianto 2 Impianto 3

Dimensione pellettificio Piccola Media Grande

Residui legnosi
Acquisto differenti Acquisto
autoprodotti
Tipologia di biomassa tipologie di segatura
(segatura secca
biomassa asciutta
e trucioli)

Frantumazione
Operazioni preliminari necessarie Frantumazione -
Essiccazione

Costo della biomassa (€/t) 0 20 60

Consumo energetico (kWh/t) 110 200 110

Costo dell’energia impiegata (€/t) 17,49 31,80 15,90

Valore impianto a nuovo (€) 146.000 1.320.000 2.000.000

Valore impianto finale (€) 9.730 88.000 100.000

Costo di ammortamento (€/anno) 13.627 123.200 190.000

Produzione annua (t) 400 6.000 25.000

Costo di ammortamento (€/t) 34,07 20,23 7,60

Costo del personale (€/t) 4 15 12,10

Costo totale di produzione (€/t) 55,53 87,03 95,60

Da ricordare che il Comitato Termotecnico Italiano (CTI) indica un


costo di produzione del pellet variabile tra i 50 e i 160 €/t a fronte di
un prezzo all’ingrosso compreso tra 110 e i 210 €/t e un prezzo al
dettaglio compreso tra 210 e 300 €/t. Il prezzo di produzione cala nel
caso di pellettifici che impiegano segatura e cascami67.

66 Paniz, Pettenella, 2004.


67www.cti2000.it: Attività PROBIO 2000 (II° anno) della Regione Lombardia. Energia dall’agricoltura – Pellet.
Allegato 3: La produzione del pellet di legno – Analisi tecnico-economica di una filiera per la produzione del
pellet di legno. Gennaio 2004.
139
Lo sviluppo di nuove tecnologie permette una sensibile riduzione dei
costi di investimento e di produzione grazie alla possibilità di pellet-
tizzare materiale grezzo con umidità superiori al 35% e con un innal-
zamento della temperatura più moderato68 che consente di evitare i
passaggi di essiccatura del materiale, che avviene in maniera simulta-
nea al processo di densificazione e di raffreddamento del pellet a fine
processo.

La produzione del bricchetto

La filiera del bricchetto si sviluppa in modo molto simile a quella del


pellet: i costi da sostenere per la realizzazione di un impianto di bric-
chettatura, e quindi il costo finale del prodotto, sono fortemente in-
fluenzati dalla tipologia di biomassa utilizzata.
Uno studio di Sorlini e Zoni69, a seconda della potenzialità della mac-
china, indica costi di produzione variabili tra 0,14 a 0,26 €/kg, rispet-
tivamente per impianti con bricchettatrice con produttività di 350 e
50 kg/h.

La produzione del bioetanolo

La trattazione degli aspetti economici relativi al bioetanolo necessita


di una differenziazione nelle tre sezioni della filiera, come descritte
nel corso dell’elaborato, poiché il contenuto e la maturità tecnologici
risultano profondamente diversi e incidono significativamente sui
costi di approvvigionamento e di condizionamento del combustibile,
nonché sui costi di investimento e di gestione degli impianti.

La sezione saccarifera della filiera del bioetanolo


Questa sezione della filiera produttiva del bioetanolo è influenzata
da una forte concorrenza nell’utilizzazione della materia prima dal-
l’industria alimentare e ciò concorre a mantenerne un prezzo relativa-
mente alto.
Nel caso della barbabietola da zucchero i costi di acquisto della ma-
teria prima sono stimati in 324 €/1.000 litri di bioetanolo prodotti.
Tale valore può scendere nell’eventualità di colture con destinazione

68 Grassi, 2004.
69 Sorlini, Zoni, 2001.
140
esclusivamente energetica in considerazione degli incentivi previsti
dalla PAC nell’ambito del set aside no-food, fino a valori prossimi a 200
€/1.000 litri70.
I costi relativi alla conversione industriale sono stimati in 218 €/1.000
litri di bioetanolo prodotti, con un’incidenza della materia prima
prossima al 50% dell’importo complessivo71 (tabella 31).

Tabella 31 - Costi di produzione del bioetanolo per la sezione saccarifera

Ipotesi senza incentivi Ipotesi con incentivi

€/1.000 litri €/1.000 litri

Acquisto materia prima 324 200

Conversione industriale 218 218

Ricavi dai sottoprodotti 3 3

Costi produttivi totali 539 415

La sezione amidacea della filiera del bioetanolo


Il principale vantaggio di questa sezione è rappresentato dal fatto
che, allo stato attuale, le colture amidacee sono già parte del panora-
ma agricolo europeo e che la filiera si avvale di soluzioni tecnologi-
che già mature e disponibili.
Anche in questo caso, tuttavia, il costo della materia prima è un ele-
mento che incide sensibilmente sul costo finale del bioetanolo. In base
alle fonti consultate il grano fa registrare dei costi pari a 343 €/1.000
litri di bioetanolo, che potrebbero però ridimensionarsi a 220 €/1.000
litri nell’ipotesi di usufruire degli incentivi nell’ambito del set aside no-
food72.
I costi relativi alla trasformazione industriale sono stati stimati in 284
€/1.000 litri di bioetanolo, con un ricavo dai sottoprodotti pari a 145
€/1.000 litri (tabella 32). Questi valori mettono in evidenza come
l’incidenza della materia prima sui costi finali del prodotto energetico

70 Statistic and Prospects, Directorate for Agriculture, European Commission.


71 Enguidanos et al., 2002.
72 Statistic and Prospects, Directorate for Agriculture, European Commission.
141
sia maggiore del 60%73. L’analisi economica della filiera evidenzia
inoltre come un importante margine di ricavo possa derivare anche
dai sottoprodotti.
Tabella 32 - Costi di produzione del bioetanolo per la sezione amidacea

Ipotesi senza incentivi Ipotesi con incentivi

€/1.000 litri €/1.000 litri

Acquisto materia prima 343 220

Conversione industriale 284 284

Ricavi dai sottoprodotti 145 145

Costi produttivi totali 482 359

La sezione cellulosica della filiera del bioetanolo

Da un punto di vista tecnologico questa sezione è in fase di ottimizza-


zione. I costi legati alla produzione del bioetanolo di origine cellulosica
presentano, di conseguenza, un importante margine di miglioramento
che risulta profondamente influenzato dagli investimenti che il mondo
scientifico intenderà attuare nel breve e medio termine nel settore della
ricerca e dello sviluppo. I dati attualmente disponibili sui costi di pro-
duzione sono da ritenersi pertanto puramente indicativi della situazio-
ne contingente e sono destinati a subire importanti fluttuazioni.
È evidente come in questo caso vi sia una forte incidenza della con-
versione industriale sul costo complessivo del prodotto energetico,
corrispondente al 63,7%.
Per quanto riguarda le proiezioni future nel medio-lungo termine, le in-
dicazioni fornite dal NREL (US National Renewable Energy Laboratory)
propendono per la possibilità di una riduzione dei costi di produzione
del bioetanolo di origine cellulosica entro il 2015 di 0,12 €/litri74.

73 Enguidanos et al., 2002.


74 “Outlook for biomass ethanol production and demand”, Department of Energy (USA).
142
Tabella 33 - Costi di produzione del bioetanolo per la sezione cellulosica

Costi

€/1.000 litri

Acquisto materia prima 240

Conversione industriale 355

Ricavi dai sottoprodotti 38

Costi produttivi totali 557

La produzione del biodiesel

Anche la produzione del biodiesel, al pari di quella del bioetanolo,


comporta costi di produzione diversi in funzione della filiera produtti-
va considerata, a sua volta influenzata dalla materia prima in ingresso
al processo: oli vegetali di diversa provenienza, oli esausti, ecc.
A titolo di esempio sono esposti di seguito i costi di produzione del
biodiesel presupponendo impianti di differente taglia e che impiega-
no differenti materie prime. I valori sono desunti dal mercato statuni-
tense dove sono più frequenti le applicazioni. Non si dispongono di
dati relativi alla situazione italiana per la scarsità di esperienze realiz-
zate nel contesto nazionale. Va sottolineato come nel mercato statuni-
tense il costo di produzione risulti generalmente inferiore a quello
riscontrato nell’Unione Europea.

Tabella 34 - Costi per la realizzazione di alcuni impianti di biodiesel75

Olio vegetale Oli e grassi Oli da colture Olio


esausto animali dedicate di soia

Taglia impianto (l/anno) 45.317.000 45.317.000 45.317.000 45.317.000

Capitale investito (€) 11.600.000 10.400.000 11.600.000 9.600.000

Costi operativi (€) 13.019.000 16.900.000 15.182.500 20.303.500

Costi del biodiesel (€/l) 0,29 0,37 0,34 0,45

75“Statewide Feasibility Study for a Potential New York State Biodiesel Industry”, Final report of “Renewable
& Indigenous Energy R&D Program” (RFP 734-02).
143
La taglia d’impianto incide sul costo di produzione del biodiesel gra-
zie alla possibilità di godere di alcune economie di scala al crescere
della potenzialità produttiva dell’impianto. Per taglie d’impianto più
piccole (11.500.000 litri/anno), per le diverse filiere produttive, il co-
sto in media può crescere fino a 0,03 €/litri.
La produzione di biodiesel dalle colture dedicate di colza e girasole è
influenzata dal costo per il reperimento della materia prima; esso in-
cide per percentuali variabili tra il 50 e l’80%76 sul costo totale. In li-
nea generale il costo di produzione a partire dal girasole è di poco
inferiore a quello ottenuto impiegando quale materia prima la soia.

3.2 I prezzi di vendita dei combustibili da biomassa


La continua crescita del prezzo del petrolio e di conseguenza del
prezzo dei prodotti derivati dal petrolio o dei combustibili il cui prez-
zo, a livello nazionale, è fissato in base al prezzo del petrolio (ad
esempio il gas metano) sta rapidamente spostando la convenienza
economica verso l’utilizzo a fini energetici delle biomasse in sostitu-
zione dei combustibili fossili. A dimostrazione di ciò è sufficiente
procedere con un confronto tra i prezzi di mercato, per unità energe-
tica prodotta (kWh), dei principali combustibili dal quale emerge che
il costo dell’energia da biomassa è, in tutti i casi, nettamente inferiore
a quello delle fonti fossili.
A titolo di esempio sono riportati in tabella 35 i prezzi di mercato di
alcuni combustibili da biomassa, quelli per i quali già attualmente
esiste un mercato, e alcuni combustibili di origine fossile. I dati, ag-
giornati ad ottobre 2005, sono ovviamente indicativi della situazione
contingente. È presumibile che in futuro il costo dei prodotti di origi-
ne petrolifera possa ulteriormente salire.
Per alcuni combustibili derivati dalle biomasse, come anticipato, non
esiste ancora un sistema di mercato in grado di esprimere un prezzo
di riferimento significativo. È il caso ad esempio dei residui agricoli,
delle biomasse dedicate e di alcuni prodotti da essi derivati (cippato
e pellet da erbacee). Tale prezzo è stato pertanto stimato sulla base
delle esperienze degli autori. In altri casi, come ad esempio in quello
del biodiesel, è possibile prendere come riferimento il prezzo del car-

76“Statewide Feasibility Study for a Potential New York State Biodiesel Industry”, Final report of “Renewable
& Indigenous Energy R&D Program” (RFP 734-02),
144
burante su mercati esteri dove già attualmente viene venduto sebbe-
ne non siano possibili immediati confronti con il prezzo delle fonti
energetiche nazionali a causa principalmente della diversa struttura
del sistema delle imposte. Sul mercato tedesco, il biodiesel in miscela
con il gasolio è venduto, alla pompa, a un prezzo di 0,740 €/l (prez-
zo aggiornato ad ottobre 2005).

Tabella 35 - Prezzi medi di mercato per unità energetica resa dei principali combustibili

Prezzo
Prezzo medio
udm p.c.i. medio
di mercato77
unitario

kWh/udm €/udm €/kWh

Carburanti

Benzina l 8,9 1,34 0,15

Gasolio per autotrazione l 9,9 1,22 0,12

GPL per autotrazione l 7,2 0,60 0,08

Combustibili per uso


riscaldamento

Gasolio per riscaldamento l 9,9 1,14 0,11

GPL per riscaldamento (sfuso) l 7,2 0,97 0,13

Metano Nm3 9,6 0,3-0,6 0,03-0,06

Combustibili per uso industriale

Olio combustibile fluido BTZ 1%S kg 11,4 0,70 0,06

Olio combustibile denso BTZ kg 11,2 0,37 0,03

Combustibili da biomasse

Legna secca da ardere all’imposto kg 4,3 0,04-0,06 0,01-0,014

Legna secca da ardere franco acquirente kg 4,3 0,09-0,13 0,02-0,03

Cippato di legna (U =12-15%) kg 4,3 0,04-0,05 0,01-0,012

Cippato da erbacee (U = 25) kg 3,5 0,03-0,04 0,009-0,01

Pellet kg 4,6 0,20-0,25 0,043-0,055

77I prezzi di riferimento per i prodotti petroliferi sono quelli diffusi dal Ministero delle Attività Produttive e
sono calcolati alla data del 17 ottobre 2005.
145
3.3 Valutazione economica degli impianti energetici
alimentati a biomassa

Le valutazioni di natura economica in merito all’impiego a fini ener-


getici della biomassa possono essere effettuate stimando, a partire dal
costo di investimento iniziale necessario a dotarsi dell’impianto e dai
successivi costi annui di gestione e di alimentazione della caldaia al
netto dei risparmi conseguibili dalla sostituzione dei combustibili
tradizionali, i principali risultati economici e finanziari per la valuta-
zione degli investimenti. Gli indici normalmente utilizzati sono il
Valore Attuale Netto (VAN), il tempo di ritorno dell’investimento (o
payback) e il tasso interno di rendimento.

PRINCIPALI INDICI ECONOMICI


Il Valore Attuale Netto (VAN) è uno strumento finanziario utilizzato
per dare indicazioni sulla “bontà” di un investimento, ovvero sulla sua
redditività. Il procedimento di calcolo del VAN tiene conto del costo
del denaro (il tasso di interesse medio di mercato) e della durata
dell’investimento e rappresenta, sinteticamente, il valore che hanno al
momento attuale i flussi di cassa negativi (costi) e positivi (ricavi o
risparmi) che si generano nel corso degli anni.
Il Tempo di Ritorno dell’Investimento (TRI) stima il numero degli anni
necessari a far sì che i flussi di cassa netti generati dall’investimento
(ovvero la differenza tra ricavi e costi annuali), coprano la somma investita.
Il Tasso Interno di Rendimento (TIR) è un altro criterio utilizzato
per valutare la redditività di un investimento. Il TIR rappresenta il tasso
che rende l’operazione equa, ovvero è il tasso al quale il valore attuale
dei ricavi futuri equivale al valore attuale dei costi futuri. Per dare un
giudizio sulla redditività dell’investimento è necessario confrontare il
TIR con tassi di rendimento di investimenti alternativi, di uguale durata
e livello di rischio.

A titolo di esempio si riportano nella tabella 36 i principali risultati


economici stimati nell’ipotesi di realizzare una caldaia a cippato. I dati
presi come riferimento sono quelli relativi all’impianto dimostrativo a
cippato di legna realizzato presso un istituto scolastico sito a Monfalcone
(GO) di cui si parla in modo maggiormente approfondito al paragrafo
6.1. Preme sottolineare che i dati esposti sono da intendersi come
esempio puramente indicativo. La variabilità relativa ai costi d’impian-
to e spesso anche a quelli del combustibile (nel caso di combustibile
autoprodotto, ad esempio, i costi da considerare dovrebbero essere
146
quelli di produzione e non quelli di mercato), nonché le economie di
scala conseguibili con la taglia d’impianto, rendono appropriata un
stima basata sui costi effettivi del singolo caso considerato.

Tabella 36 - Principali risultati economici stimati per una caldaia alimentata a cippato con una
potenza nominale di 300 kW

Costo caldaia da 300 kW € 56.000

Opere civili, elettriche e meccaniche € 94.000

Costo installazione € 10.000

IVA 10% € 16.000

Totale investimento € 176.000

Costi di gestione e manutenzione €/anno 6.500

Costo combustibile €/anno 7.500

Totale costi annuali €/anno 14.000

Risparmio da non uso di combustibili fossili (gasolio) €/anno 41.000

Totale risparmi annuali €/anno 41.000

VAN (dopo 15 anni al tasso del 4%) € 107.000

Tempo di ritorno dell’investimento anni 7,5

Tasso Interno di Rendimento % 11%

È riportato di seguito un esempio relativo alla produzione di energia


termica ed elettrica impiegando oli vegetali in un motore cogenerati-
vo. Nel caso esposto si ipotizza l’autoconsumo della produzione ter-
mica. La produzione elettrica viene in parte autoconsumata e in parte
ceduta alla rete a un prezzo medio di 0,6 €/kWh. Il costo di acquisto
del combustibile vegetale (olio di girasole e colza) è stato stimato
pari a 0,55 €/l. La taglia d’impianto è tra le più piccole di quelle at-
tualmente in commercio per questa tipologia di motori.
147
Tabella 37 - Principali risultati economici stimati per un impianto di cogenerazione alimentato a
olio di girasole e colza con una potenza nominale elettrica di 5.300 kWe

Costo motore da 5.300 kWe € 3.000.000

Opere accessorie e installazione € 1.500.000

IVA 10% € 450.000

Totale investimento € 4.950.000

Costi di gestione e manutenzione €/anno 200.000

Costo combustibile €/anno 5.200.000

Totale costi annuali €/anno 5.400.000

Risparmio di energia termica €/anno 120.000

Risparmio di energia elettrica €/anno 500.000

Cessione alla rete di energia elettrica €/anno 2.050.000

Ricavi di vendita da Certificati Verdi €/anno 4.100.000

Totale risparmi e ricavi annuali €/anno 6.770.000

VAN (dopo 8 anni al tasso del 4%) € 3.900.000

Tempo di ritorno dell’investimento anni 4,5

Tasso Interno di Rendimento % 17,5%

3.4 Principali strumenti d’incentivo

3.4.1 Gli incentivi alla produzione di biomasse


energetiche da colture dedicate

Un importante strumento di sostegno alle colture energetiche dedica-


te è rappresentato dalla riforma della Politica Agricola Comunitaria
(PAC): attraverso il suo più recente Regolamento 1782/2003/CE del
29 settembre 2003, si aprono infatti varie forme di incentivazione alla
coltivazione di biomasse energetiche. Nel dettaglio, i principali stru-
menti di incentivazione sono i seguenti:

● Coltivazione su terreni ritirati dalla produzione dei seminativi (set aside


no-food): attualmente ai sensi dell’art. 55 del Regolamento 1782/2003
è stabilita l’esenzione dall’obbligo di ritiro dalla produzione, impo-
148
sto dall’art. 54, quando le superfici sono destinate alla produzione
di prodotti non destinati al consumo umano o animale. In questa
categoria rientrano quindi anche le colture energetiche dedicate. Il
Regolamento n. 1973/2004 (articoli dal 143 al 169) stabilisce le nor-
me per l’uso delle superfici ritirate dalla produzione a scopo non
alimentare. Le disposizioni specifiche riguardano l’obbligo dei con-
tratti fra agricoltore e primo trasformatore, il versamento della cau-
zione, la definizione delle rese minime da ottenere, l’individuazione
del sistema dei controlli. L’obbligo del contratto è superato se l’agri-
coltore utilizza le produzioni come combustibili all’interno della
propria azienda agricola o come materia prima per la trasformazio-
ne in biocarburanti o per la produzione di biogas, quando la tra-
sformazione avviene all’interno dell’azienda agricola stessa.
L’obbligo inoltre non sussiste quando i terreni ritirati sono destinati
alla coltivazione di specie contenute in un elenco fornito in allegato
al Regolamento (rientrano ad esempio le SRF e il miscanto).

● Regime di aiuto per le colture energetiche su terreni abbinati a diritti


standard: come da Regolamento 1782/2003 (articoli dal n. 88 al n.
92), disciplinato dal Regolamento 1973/2004 (capitolo 8, articoli
dal 23 al 44). L’aiuto, fissato nella misura di 45 € per ettaro, ed
entro una superficie massima garantita a livello comunitario pari
a 1.500.000 ettari, è concesso alla produzione di colture energeti-
che, ovvero di prodotti destinati alla trasformazione in biocarbu-
ranti o di biomasse per la produzione di energia elettrica e termi-
ca. Il premio è concesso soltanto per le superfici la cui produzione
è oggetto di un contratto stipulato tra l’agricoltore e l’industria di
trasformazione, ad eccezione del caso in cui la trasformazione sia
effettuata dall’agricoltore stesso all’interno dell’azienda. Le super-
fici che godono di questo incentivo non possono essere considera-
te ritirate dalla produzione, ossia non possono essere inserite tra
le superfici a set aside (caso precedente).

● Coltivazione con premio ai sensi dell’articolo 69 del Regolamento


1782/2003: l’art. 69 del Regolamento 1782/2003 consente di tratte-
nere fino al 10% degli aiuti e di utilizzare le risorse derivanti da
questa operazione per sostenere tipi specifici di agricoltura che
siano diretti alla tutela dell’ambiente e al miglioramento della
qualità e della commercializzazione dei prodotti agricoli. Tale pa-
gamento supplementare non è compatibile con l’aiuto per le coltu-
re energetiche o con l’aiuto per la messa a riposo, con o senza
produzioni alimentari.
149
● Contributi nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale: a livello regio-
nale, la politica agricola è regolamentata attraverso il Piano di
Sviluppo Rurale (PSR). Esso si configura come un documento
programmatico, emesso in attuazione del Regolamento
1257/1999/CE nell’ambito di Agenda 2000 e rappresenta uno
strumento per l’attivazione di misure atte a sostenere la compe-
titività delle imprese, lo sviluppo del territorio rurale, la salva-
guardia e la valorizzazione delle risorse ambientali. Nell’ambito
del PSR del Friuli Venezia Giulia, in vigore per il periodo 2000-
2006, lo sviluppo delle colture energetiche rientra in due diverse
misure:
– misura F (misure agroambientali), sottomisura F1 (diffusione
di sistemi di produzione agricola a basso impatto ambientale),
azione 2 (sensibile riduzione dell’impiego di concimi e fitofar-
maci mediante l’introduzione delle colture da biomassa per la
produzione di energia e per altri usi industriali). La misura si
applica all’intero territorio regionale e la superficie minima di
adesione è di un ettaro. L’aiuto è concesso per unità di SAU
(superficie agricola utilizzata) ed è pari a 600 €/anno per etta-
ro. L’aiuto non può essere concesso su terreni ritirati dalla
produzione;
– misura H (imboschimento delle superfici agricole), azione 4
(impianti di cloni selezionati, ecc. a ciclo breve). Tale misura
prevede un sostegno finanziario per le spese di impianto.
L’importo è commisurato ai costi effettivamente sostenuti dal
beneficiario e non può eccedere i 5.000 €/anno per ettaro. Per
il soggetto privato tale contributo è pari all’80% delle spese,
mentre per il soggetto pubblico è pari al 100%.

3.4.2 Gli incentivi ai biocarburanti

Nel corso della trattazione è emerso come i costi di produzione dei


biocarburanti siano elevati, soprattutto per quanto concerne le voci
relative al reperimento della materia prima.
Per sopperire a questo fattore di ritardo il legislatore europeo ha pro-
mosso delle iniziative per incentivare sia la conversione agricola in
direzione delle colture energetiche, sia la defiscalizzazione dei pro-
dotti energetici di origine vegetale (bioetanolo, ETBE, biodiesel).
In materia di defiscalizzazione, la Direttiva 2003/96/CE del Consiglio
del 27 ottobre 2003 ristruttura il quadro comunitario per la tassazione
150
dei prodotti energetici e dell’elettricità e modifica il quadro comuni-
tario relativo alle accise sugli oli minerali, anche mediante l’abroga-
zione della Direttiva 92/81/CE, per consentire l’applicazione di ali-
quote ridotte sulle miscele contenenti biocombustibili.
La Legge Finanziaria 2005 (L. 311/2004) stabilisce per l’Italia l’esen-
zione totale dell’accisa per 200.000 tonnellate all’anno di biodiesel e
l’allocazione di 219 milioni di euro per la riduzione dell’accisa per
350.000 tonnellate di bioetanolo in tre anni (2005-2007).
La defiscalizzazione dei biocarburanti costituisce uno strumento vali-
do per incrementare la loro competitività, poiché le tasse incidono
per percentuali rilevanti sul prezzo alla pompa dei carburanti.

La struttura del prezzo della benzina e del gasolio, rispetto alla


situazione rilevata il 17 ottobre 2005.
Benzina Gasolio
Costo di produzione 0,548 0,600
Accisa 0,564 0,413
I.V.A. 20 % 0,222 0,203
Prezzo alla pompa 1,334 1,216

L’incentivo per la diffusione dei biocarburanti in contesto nazionale è


funzionale al rispetto degli obiettivi che lo Stato italiano ha fissato
per incrementare la presenza dei biocarburanti nel mercato dei carbu-
ranti nazionali (su indicazione della Direttiva 2003/30/CE del
Parlamento Europeo e del Consiglio dell’8 maggio 2003 sulla promo-
zione dell’uso dei biocarburanti o di altri carburanti rinnovabili nei
trasporti). Essa prevede che ogni Stato membro fissi i suoi obiettivi
relativi alla quota di carburanti immessi sul mercato, che dovranno
essere basati sui livelli di riferimento della Direttiva stessa, ossia 2%
sul totale di carburanti (benzina e gasolio) immessi entro il 31 dicem-
bre 2005 e 5,75% entro il 31 dicembre 2010.
Il D.Lgs. 128/05 ha recepito tale Direttiva e ha fissato gli obiettivi
nazionali nei valori dell’1,0% al 31 dicembre 2005 e del 2,5% al di-
cembre 2010.
151
3.4.3 Gli incentivi alla produzione di energia elettrica:
i certificati verdi

Il Decreto 79/99, che liberalizza il mercato dell’energia elettrica, intro-


duce al contempo uno strumento di sostegno alle fonti rinnovabili im-
ponendo, a carico di produttori e importatori di energia elettrica, l’ob-
bligo di immettere nella rete una quota di energia prodotta da fonti
rinnovabili e concedendo la precedenza al dispacciamento dell’energia
prodotta da impianti che utilizzano tali fonti e l’assoluta priorità nelle
piccole reti isolate. In particolare l’obbligo è rivolto a produttori e/o
importatori di energia elettrica da fonti fossili i quali devono garantire
l’immissione nella rete di una quota di energia da fonti rinnovabili,
inizialmente fissata pari al 2%, dell’energia prodotta e/o importata, al
netto della cogenerazione, degli autoconsumi di centrale e delle espor-
tazioni, per quote eccedenti i 100 GWh annui. Successivamente, con
D.Lgs n. 387 del 29/12/2003, è stato previsto un incremento della
quota obbligatoria dello 0,35% annuo a decorrere dal 2004 e fino al
2006. Tale obbligo può essere soddisfatto mediante autoproduzione
oppure acquistando i relativi diritti da altri operatori.
Il decreto introduce lo strumento dei “certificati verdi” quali attestati
dell’avvenuta produzione di energia da fonti rinnovabili in impianti
entrati in esercizio o potenziati, limitatamente alla producibilità ag-
giuntiva, in data successiva all’entrata in vigore del decreto stesso.
Ogni certificato verde attesta la produzione di 50 MWh elettrici da
fonti rinnovabili (come da Legge n. 239 del 23/08/2004); è questa,
attualmente, la taglia minima di produzione che dà diritto al certifi-
cato verde.
I certificati sono liberamente negoziabili in un sistema di mercato,
dove la domanda è costituita dall’obbligo introdotto dal D.Lgs.
79/99, mentre l’offerta è rappresentata dai certificati emessi a favore
di impianti privati che hanno ottenuto la qualificazione dal Gestore
della rete (GRTN). Per l’anno 2002 il valore della domanda è stato di
3,3 TWh, riferita a 35 operatori soggetti a quest’obbligo, mentre l’of-
ferta è stata di circa 1,2 TWh. Per l’anno 2003, il valore della doman-
da è cresciuto a 3,46 TWh, riferita a 42 operatori, mentre l’offerta è
cresciuta a 1,3 TWh. Per l’anno 2004 il valore della domanda è stato
pari a 3,89 TWh, mentre l’offerta è stata di 2,89 TWh.
La domanda residuale è coperta annualmente dal GRTN che emette
certificati propri. Il prezzo al quale il GRTN offre i propri certificati
verdi rappresenta il valore di riferimento per il mercato. Tale prezzo
per l’anno 2005 è stato pari a 10,892 EuroCent/kWh.
152
3.4.4 Altri strumenti: la leva fiscale

Con Legge 449/1997 e successive leggi finanziarie sono state intro-


dotte alcune agevolazioni fiscali a favore degli interventi volti al ri-
sparmio energetico e all’impiego delle fonti rinnovabili di energia.
In particolare, la detrazione fiscale spettante per gli interventi di re-
cupero del patrimonio edilizio, in misura pari al 41% (come da finan-
ziaria 2006) degli importi a carico del contribuente, da ripartire in
dieci quote annuali di pari importo, spetta anche per gli interventi
inerenti l’installazione di impianti di riscaldamento a uso civile ali-
mentati a biomassa, purché con un rendimento superiore al 70%. La
detrazione si applica sulla quota effettivamente a carico del contri-
buente, quindi sulla somma effettivamente versata per l’acquisto de-
gli impianti al netto dell’eventuale contributo in conto capitale usu-
fruito.
È stato inoltre previsto l’assoggettamento del costo degli impianti a
un’aliquota IVA agevolata, pari al 10%.

22 Piano Nazionale per la riduzione delle emissioni di gas responsabili dell’effetto serra, 2002.
153
Capitolo 4
Aspetti ambientali

4.1 La riduzione delle emissioni in atmosfera

Il principale beneficio di carattere ambientale derivante dall’impiego delle


biomasse a fini energetici è connesso alla sostituzione delle fonti fossili con
fonti rinnovabili. Ciò si ripercuote sia in termini di riduzione dell’impiego
di fonti che per loro natura sono esauribili, sia in termini di riduzione delle
emissioni inquinanti prodotte dal processo di combustione. La combustio-
ne di prodotti petroliferi libera infatti nell’atmosfera l’anidride carbonica
immagazzinata nei tessuti vegetali miliardi di anni fa, con un riflesso im-
mediato sull’aumento della concentrazione di gas serra e di altri inquinan-
ti inquinanti quali ad esempio gli ossidi di azoto e di zolfo, polveri, ecc.
Sebbene anche la combustione delle biomasse generi emissioni inqui-
nanti in atmosfera, in linea generale, esse sono meno pericolose ed
emesse in minore quantità rispetto a quelle generate dalla combustio-
ne delle fonti fossili.
Per tale motivo le biomasse sono state indicate come una delle possi-
bili strategie per la mitigazione dei cambiamenti climatici in atto e,
più in generale, per la riduzione degli impatti ambientali connessi
all’impiego delle fonti energetiche di origine fossile.

GLI EFFETTI SULL’UOMO E SULL’AMBIENTE PROVOCATI


DAI PRINCIPALI INQUINANTI ATMOSFERICI
Anidride carbonica: è innocua per l’uomo ma la variazione della sua
concentrazione in atmosfera provoca danni all’ambiente in quanto
influenza notevolmente l’effetto serra. La presenza di gas serra
nell’atmosfera terrestre consente la filtrazione di parte delle radiazioni
solari dirette verso la terra e, al contempo, ostacola la dispersione di
parte delle radiazioni che una volta assorbite dalla superficie terrestre
vengono riemesse sotto forma di raggi infrarossi (calore) verso lo spazio.
155
Ciò consente il mantenimento del clima terrestre entro valori che
permettono la vita. Una variazione della composizione atmosferica per
effetto dell’aumento della concentrazione dei gas serra ostacola però
eccessivamente il riverbero di calore verso lo spazio, provocando in tal
modo un continuo innalzamento della temperatura della terra.
Ossidi di azoto: l’ossido di azoto (NO) e il biossido d’azoto (NO2)
sono le specie presenti in concentrazioni più elevate. Si originano dalla
reazione dell’azoto contenuto nei combustibili fossili con l’ossigeno
atmosferico quando si raggiungono temperature elevate. Il biossido
d’azoto presente in atmosfera può essere ossidato ad acido nitrico
(HNO3), composto quest’ultimo piuttosto volatile e solubile nelle nuvole
e nella pioggia. Tale composto può dare luogo al fenomeno delle “piogge
acide” con conseguenze negative a danno, soprattutto, della vegetazione
(danni all’apparato fogliare, rallentamento del processo di fotosintesi) e
dei manufatti (corrosione di alcuni materiali, in particolare quelli da
costruzione, con alto contenuto di calcare, marmo, ecc.).
Anidride solforosa: il biossido di zolfo o anidride solforosa è riconosciuto
come pericoloso inquinante dell’atmosfera urbana. Viene originato nei
processi di combustione dall’ossidazione di materiali contenenti zolfo (es.
prodotti petroliferi). È pericoloso per l’uomo in quanto irritante delle vie
respiratorie. Produce inoltre danni alla vegetazione (defoliazione e
inaridimento). È inoltre responsabile del fenomeno delle piogge acide.
Polveri sospese: sono date dall’insieme delle particelle solide o liquide
sospese nell’aria, le cui dimensioni possono variare da pochi angstrom a
qualche centinaia di micron. La pericolosità delle polveri è legata, oltre
che all’occlusione delle vie respiratorie, alla possibile presenza di
microinquinanti che possono essere tossici o cancerogeni (ad esempio
gli idrocarburi policiclici aromatici, amianto, alcuni metalli pesanti). Gli
effetti sulla salute umana dipendono dalla dimensione e dalla
composizione chimica delle particelle inalate o ingerite. Sono
particolarmente dannose le PM10, ovvero le particelle con dimensione
inferiore a 10 micron, che rappresentano la frazione inalabile.
Composti organici volatili: comprendono diversi elementi
caratterizzati da natura organica (cioè contenenti carbonio) e volatilità.
Vi fanno parte migliaia di elementi che, a seconda della struttura,
possono essere suddivisi in ciclici o aciclici e aromatici. Dal punto di
vista degli effetti sulla salute, gli idrocarburi aromatici sono i più
pericolosi. Tra questi il più importante è il benzene, che, a seconda della
dose assunta, può provocare un’intossicazione acuta e anche la morte,
oltre ad avere effetti cancerogeni. Sono pericolosi per la salute umana
anche gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), formati da uno o più
anelli benzenici, i quali hanno un forte effetto cancerogeno.
156
4.1.1 Il bilancio delle emissioni di anidride carbonica (CO2)

Le biomasse sono fonti energetiche considerate neutrali ai fini dell’ef-


fetto serra in quanto la loro combustione non comporta un incremen-
to della concentrazione atmosferica di anidride carbonica. Il ciclo
della CO2, infatti è chiuso poiché le quantità di anidride carbonica
emessa in fase di combustione equivale a quella assorbita dai vegeta-
li durante il processo di crescita.

IL RUOLO DELLE BIOMASSE NELLA RIDUZIONE


DELL’ANIDRIDE CARBONICA
Le biomasse possono contribuire alla mitigazione degli effetti
dell’aumento della concentrazione di anidride carbonica (CO2) in
atmosfera in due modi:
- Immobilizzazione della CO2 atmosferica nei tessuti. Le biomasse
contribuiscono alla sottrazione dell’anidride carbonica atmosferica e alla
fissazione del carbonio nei tessuti vegetali, sia negli apparati epigei (tronchi,
steli, foglie, ecc.), sia negli apparati ipogei (apparati radicali annuali o
perennanti, ecc.) per effetto del processo di fotosintesi clorofilliana.
- Sostituendo le fonti fossili nella produzione di energia. L’anidride
carbonica rilasciata nella combustione è nuovamente fissata dalla
biomassa in fase di crescita. Il ciclo dell’anidride carbonica si chiude
però solo se il ritmo di impiego della vegetazione non supera la
capacità di ricrescere della stessa.

Il ciclo dell’anidride carbonica78

78 Tratto da: www.ekes.org


157
Il bilancio della CO2, tuttavia non è nullo se si considera l’intero ciclo
di vita dei combustibili da biomassa, indipendentemente da quale sia
il comparto di provenienza. Va rilevato infatti che le fasi di produzio-
ne, di lavorazione e di trasporto delle biomasse sono spesso respon-
sabili di impatti negativi sull’ambiente determinati da consumi di
energia e materie necessari a sostenere i processi.
Le emissioni generate nelle fasi di produzione della materia prima
sono maggiori nelle filiere delle biomasse da colture dedicate, seguite
dai residui forestali e, per finire, dai residui agricoli e da quelli indu-
striali. Nel primo caso le principali fonti di emissione sono determi-
nate dall’impiego dei mezzi agricoli (macchine per la lavorazione del
terreno, ecc.) e dall’eventuale impiego di fertilizzanti, diserbanti, ecc.:
tali emissioni possono essere minimizzate adottando pratiche agrico-
le poco invasive e scegliendo le specie vegetali più adatte alle condi-
zioni pedoclimatiche locali. Per quanto concerne invece la filiera delle
biomasse forestali i principali fattori di emissione sono rappresentati
dalle macchine impiegate nelle fasi di taglio, allestimento (sramatura,
depezzatura, scortecciatura, ecc…), concentramento (trasporto della
biomassa lungo vie attrezzate fino al punto di raccolta per il trasferi-
mento fuori foresta) ed esbosco.
Le fasi di trasformazione della biomassa a cui si riconducono i mag-
giori consumi energetici (e le maggiori emissioni in atmosfera) sono
quelle connesse all’essiccazione della biomassa (filiera produttiva
del pellet e dei bricchetti). Il consumo energetico, e quindi la quan-
tità di emissioni, è funzione del grado di umidità della biomassa in
ingresso, delle tecnologie adottate (vedi paragrafo 3.1.1) e della fon-
te energetica impiegata (l’impatto è massimo nell’ipotesi di impie-
gare energia elettrica e minimo nel caso in cui si utilizzino residui
di lavorazione delle biomasse stesse). È piuttosto complessa ed
energivora anche la produzione di biocarburanti, sia bioetanolo che
biodiesel.
Una fase comune a tutte le filiere che può presentare un impatto
anche molto rilevante sull’ambiente è quella del trasporto della bio-
massa: la densità della biomassa trasportata, la modalità di traspor-
to, le capacità dei singoli mezzi e la distanza tra il luogo di produ-
zione e il sito di trasformazione e/o combustione incidono sulla
percorrenza media dei mezzi e sul numero di viaggi e quindi, indi-
rettamente, sulla quantità di emissioni rilasciate in atmosfera. Da
qui la necessità di sostenere lo sviluppo di filiere locali in grado di
produrre, trasformare e consumare la biomassa in ambiti territoriali
quanto più circoscritti.
158
Nella tabella 38 è riassunto il bilancio delle emissioni di anidride car-
bonica delle principali filiere produttive dei combustibili da biomas-
sa. Le emissioni evitate sono state stimate in funzione del combusti-
bile fossile sostituito (carbone, gasolio, metano) tenendo conto dei
rispettivi poteri calorifici.

Tabella 38 - Emissioni di anidride carbonica evitate e prodotte [t CO2/m3] per le principali


filiere dei combustibili da biomassa

Emissioni Emissioni Bilancio


evitate prodotte medio

Biomassa legnosa kg CO2/m3 kg CO2/m3 kg CO2/m3


Tronchetti 450-750 40-55 400-700
Cippato (essiccato all’aria) 200-350 25-35 170-320
Pellet e bricchetti 650-1100 90-95 560-1000
Residui agricoli kg CO2/ha kg CO2/ha kg CO2/ha
Paglia cereali autunno-vernini 300-1100 20-75 350-1050
Stocchi, tutoli e brattee di mais 800-1600 50-110 720-1520
Paglia di riso 300-850 25-65 250-800
Sottoprodotti di colture arboree
1200-6000 15-60 1250-5950
da frutto
Biomasse lignocellulosiche
kg CO2/ha kg CO2/ha kg CO2/ha
da colture dedicate
Sorgo da fibra 22.000-50.000 700-1800 20.000-48.000
Kenaf 10.000-35.000 700-1600 9.000-34.000
Miscanto 17.000-58.000 500-1500 16.000-57.000
Canna comune 16.000-66.000 500-1500 15.000-65.000
Panico 11.000-50.000 500-1500 10.000-49.000
Pioppo 11.000-28.000 500-1500 10.000-27.000
Biocarburanti kg CO2/kg kg CO2/kg kg CO2/kg
biocarburante biocarburante biocarburante
Bioetanolo da amilacee 2 0,5-1,1 0,9-1,5
Bioetanolo da saccarifere
2 0,4-1,1 0,9-1,6
(barbabietola)
Biodiesel da girasole 2,7 1,2-1,5 1,2-1,5
Biodiesel da colza 2,7 0,8-2,4 0,3-0,9
159
4.1.2 Confronto tra le emissioni inquinanti dei principali
combustibili di origine vegetale e fossile

Il bioetanolo

L’utilizzo del bioetanolo in autotrazione, puro o in miscela con la


benzina, favorisce il miglioramento delle emissioni in atmosfera ge-
nerate dal traffico veicolare in quanto riduce la quantità dei gas in-
quinanti emessi. La migliore qualità delle emissioni è legata alla
maggiore presenza di ossigeno nella composizione chimica del bioe-
tanolo, pari al 34,7% in peso, rispetto alla benzina. L’ossigeno permet-
te una combustione completa del carburante, con evidenti riflessi
sulla quantità dei composti incombusti, oltre che nella durata media
dei motori.
In via generale la riduzione delle emissioni aumenta all’aumentare
della percentuale di bioetanolo in miscela con la benzina. In alcuni casi
però la riduzione delle emissioni aumenta in modo più che proporzio-
nale. Il monossido di carbonio, ad esempio, fa registrare delle rimozio-
ni nelle emissioni in atmosfera tanto più importanti quanto maggiore è
la presenza del bioetanolo nella miscela. Di segno contrario è la ten-
denza relativa alle emissioni degli ossidi di azoto (NOx), che aumenta-
no all’aumentare della presenza di ossigeno nel carburante79.
È emerso infatti che l’utilizzo del bioetanolo, proprio a causa del
maggiore tenore di ossigeno, sia responsabile talora di un aumento
delle emissioni di alcuni gas inquinanti quali gli ossidi di azoto e
l’acetaldeide. Le emissioni di ossidi di azoto si ritiene possano essere
ridotte, già entro i prossimi 15 anni, introducendo miglioramenti nel-
l’abbattimento catalitico. La presenza dell’acetaldeide, composto can-
cerogeno, è tollerata anche se in elevate concentrazioni (l’incremento
raggiunge valori fino al 400% per miscele e al 35% con la benzina80)
poiché tale composto è caratterizzato da un potere cancerogeno da 10
a 60 volte inferiore rispetto a quello dei principali inquinati originati
dalla combustione dei prodotti di origine fossile81, quali ad esempio
il benzene.
Anche l’utilizzo del bioetanolo come antidetonante (ETBE), in sosti-
tuzione al benzene o all’MTBE, contribuisce a ridurre le emissioni in

79 Natural Resources Defence Council (NRDC) “Growing energy”, Dic. 2004.


80 US Department of Energy (DOE) - National Renewable Energy Laboratory.
81 Natural Resources Defence Council (NRDC) “Growing energy”, Dic. 2004.
160
atmosfera di alcuni pericolosi inquinanti. A titolo di esempio, sono
esposte nella tabella 39 le variazioni percentuali nelle emissioni atmo-
sferiche nell’ipotesi di utilizzare il bioetanolo in miscela al 5,5% con
la benzina e l’ETBE in sostituzione dei normali antidetonanti in per-
centuale pari al 15%.

Tabella 39 - Variazioni percentuali di alcune emissioni inquinanti nell’uso del bioetanolo o del-
l’ETBE rispetto alla benzina

Bioetanolo in miscela ETBE in percentuale


al 5,5% al 15%
Inquinante Variazione Variazione
Monossido di carbonio - 10% - 3%
Composti organici volatili - 5% - 7%
Ozono nr - 20%
Benzene - 25% - 28%
Butadiene - 11% - 14%
Formaldeide + 2% + 29%
Acetaldeide + 67% + 21%

nr = dato non riportato

Il biodiesel

Anche il consumo di biodiesel, analogamente a quanto riportato per


il bioetanolo, può contribuire a ridurre l’impatto ambientale, soprat-
tutto in ambito urbano, legato all’uso dei veicoli. In considerazione di
un contenuto in ossigeno (11% in peso) più elevato di quello del ga-
solio, il biodiesel è soggetto infatti a una combustione migliore alla
quale sono associate ridotte emissioni di monossido di carbonio, di
particolato e di idrocarburi incombusti. Le riduzioni dei principali
inquinanti sono migliori adottando alcuni accorgimenti nelle caratte-
ristiche costruttive dei motori: le emissioni di monossido di carbonio,
ad esempio, sono più accentuate nei motori a combustione diretta
(40% rispetto al 15-20% dei motori a iniezione indiretta); le emissioni
di particolato nei gas di scarico sono correlate al regime di rotazione
e sono minori nei regimi alti rispetto a quelli bassi82. Le emissioni di

82 US Department of Energy (DOE) - National Renewable Energy Laboratory.


161
ossidi di zolfo, infine, vengono del tutto evitate in quanto la materia
prima non contiene composti solforati.
Contrastanti sono gli effetti relativi agli idrocarburi: si riducono infat-
ti le emissioni di idrocarburi monociclici aromatici (dal 20 all’80%), di
idrocarburi policiclici aromatici (fino al 98%) e di acetaldeide (tra il 20
e il 40%) mentre aumentano quelle degli idrocarburi a catena corta
(tra il 10 e il 20%). Gli ossidi di azoto presentano invece aumenti va-
riabili tra il 5 e il 23%83. I gas di scarico dei motori alimentati a bio-
diesel, inoltre, evidenziano un odore caratteristico, attribuito alla
presenza dell’acroleina.
Nella tabella 40 sono sintetizzati i valori relativi alle variazioni dei
principali gas inquinanti nella combustione del biodiesel, puro o in
miscela, rispetto al gasolio.

Tabella 40 - Variazione percentuale di alcune emissioni atmosferiche rispetto al gasolio84

Riduzione
Inquinante Biodiesel al 100% Biodiesel al 20%
Monossido di carbonio - 42,3% - 12,6%
Particolato - 55,4% - 18,0%
Idrocarburi incombusti - 56,3% - 11,0%

Il biogas

Come accennato, l’utilizzo del biogas prodotto dalla digestione anae-


robica a fini energetici permette di ridurre le emissioni atmosferiche
connesse all’impiego delle fonti fossili. Nella tabella 41 è riportato il
confronto tra le emissioni generate da diversi combustibili per unità
di energia prodotta.

Tabella 41 - Confronto tra le principali emissioni del biogas rispetto ai principali combustibili fossili
SO2 NOx Polveri
[kg/TJ] [kg/TJ] [kg/TJ]
Oli minerali 140 90 20
Gas 3 90 2
Carbone minerale 300 150 20
Biogas 3 50 3

83 www.cti2000.it/biodiesel.htlm
84 US Department of Energy (DOE) - National Renewable Energy Laboratory.
162
4.2 Altri benefici ambientali

È importante sottolineare che l’impiego a fini energetici della biomas-


se generalmente si accompagna a ulteriori benefici ambientali con-
nessi alle realizzazione di una filiera di produzione e impiego che
dispiega i suoi effetti positivi anche sui comparti di provenienza del-
la materia prima (ad esempio lo sfruttamento delle biomasse dedica-
te contribuisce all’economica delle zone rurali) o sulle componenti
ambientali correlate (ad esempio la produzione di biomasse da coltu-
re dedicate può contribuire al miglioramento della qualità dei suoli).
Per quanto riguarda le biomasse forestali, ad esempio, una corretta
gestione del bosco garantisce il mantenimento delle principali funzio-
ni di questo ecosistema quali ad esempio la funzione di protezione (il
bosco stabilizza il terreno e la neve, regola il regime idrico riducendo
i rischi idrogeologici, ecc…), la funzione ricreativa (il bosco fornisce
zone adatte al tempo libero nonché conferisce qualità al paesaggio) e
la funzione di produzione (il bosco viene normalmente utilizzato per
ricavare legname da opera, per usi energetici o per altri usi privati).
Le operazioni di esbosco, quali il diradamento delle fustaie o il taglio
delle formazione boschive a ceduo, possono inoltre contribuire alla
riduzione del rischio di eventi dannosi per l’ecosistema forestale qua-
li ad esempio gli incendi boschivi, le infestazioni di insetti, ecc…
Lo sfruttamento energetico delle colture dedicate presenta positivi
risvolti agroecologici. Lo sviluppo di tali colture può dispiegare bene-
fici effetti sull’inquinamento dei suoli e delle falde acquifere in quan-
to tali colture, rispetto a quelle alimentari, presentano minori fabbiso-
gni di fertilizzanti, diserbanti, ecc.; può contribuire alla conservazione
del suolo e alla riduzione dei fenomeni di erosione superficiale grazie
alle azioni di copertura del terreno dall’azione battente della pioggia
e di trattenimento del suolo grazie agli apparati radicali; può favorire
il miglioramento della qualità paesaggistica dei territori rurali intro-
ducendo una diversificazione colturale. Non è infine da dimenticare
il ruolo che queste colture possono svolgere per il mondo agricolo
che può trovare nuove opportunità di reddito.
Lo sfruttamento dei prodotti della digestione anaerobica rappresen-
ta un’opportunità di rilievo non solo perché orientata all’ottenimen-
to di una fonte energetica rinnovabile (il biogas) ma, più in genera-
le, perché volta a garantire la corretta gestione agronomica dei li-
quami zootecnici. È sufficiente pensare che l’impatto ambientale
generato dallo spandimento dei reflui provenienti dagli allevamenti
zootecnici intensivi85 negli anni si è accentuato in relazione alla
163
maggiore concentrazione degli allevamenti e al modificato uso del
suolo. Il processo di digestione anaerobica favorisce invece la stabi-
lizzazione dei liquami dovuta alla mineralizzazione della sostanza
organica, la riduzione della carica patogena, la riduzione delle so-
stanze fitotossiche nonché l’abbattimento degli odori. Inoltre, più in
generale, si ha un miglioramento delle proprietà fertilizzanti del
materiale digerito grazie alla riduzione del rapporto C/N e alla
maggior presenza di azoto ammoniacale prontamente disponibile
per la nutrizione delle piante, un miglioramento delle caratteristi-
che del suolo per l’incremento o la stabilizzazione dell’humus pre-
sente, una riduzione del volume dei fanghi prodotti (dal 50 al 75%)
e una riduzione di uso del suolo rispetto a sistemi di tipo aerobico
convenzionali.
Oltre a ciò la captazione del biogas e la sua utilizzazione a fini ener-
getici consente di ridurre le emissioni in atmosfera di metano (CH4)
che, come noto, ha un’incidenza sull’effetto serra 21 volte superiore
a quello dell’anidride carbonica: premesso che vengano minimizza-
te le perdite in metano nella fase di stoccaggio (ad es. dotando di
copertura la vasca di accumulo), la riduzione è stata stimata in oltre
il 50%, rispetto alle emissioni che si originano da una gestione con-
venzionale dei liquami (stoccaggio senza copertura e spandimento
agronomico).

4.3 Il bilancio energetico dei combustibili da biomassa

Ai fini di valutare la sostenibilità dal punto di vista energetico del-


l’impiego delle biomasse in sostituzione ai combustibili fossili, ovve-
ro la capacità delle stesse di fornire più energia di quanta spesa per la
loro produzione, trasformazione e trasporto, è importante analizzare
il bilancio energetico delle diverse filiere. Un indicatore spesso utiliz-
zato è il rapporto tra l’output energetico, ovvero l’energia resa dal
combustibile da biomassa, e l’input energetico, ovvero l’energia con-
sumata nel ciclo produttivo dello stesso. Tale rapporto pone in evi-
denza infatti la capacità del biocombustibile di “ripagare” l’energia
spesa per ottenerlo.

85 Se si confronta con un refluo di tipo urbano, un liquame zootecnico genera un refluo molto più concen-
trato; un liquame suinicolo ad esempio produce un inquinamento pari a circa 3 abitanti equivalenti.
164
Tabella 42 - Rapporto tra energia resa ed energia risparmiata nella filiera delle biomasse ener-
getiche

Energia resa/energia consumata

Biomassa legnosa

Tronchetti 8-8,7

Cippato (essiccato all’aria) 7,8-8,3

Pellet e bricchetti 13-15,4

Residui agricoli

Paglia cereali, stocchi, tutoli e brattee di mais 18

Cippato da biomasse dedicate

Erbacee annuali 7-8

Erbacee poliennali 10-11,5

Legnose 7-9,5

Pellet da biomasse dedicate

Erbacee annuali 3,5-6

Erbacee poliennali 4-8,5

Legnose 3-5

Biocarburanti

Bioetanolo da amilacee 1,2-3,7

Bioetanolo da saccarifere (barbabietola) 1-1,7

ETBE da barbabietola 1,3

Biodiesel da girasole 2,3

Biodiesel da colza 2,4

Biogas 2-3
165
Capitolo 5
Esempi applicativi di utilizzo delle
biomasse a fini energetici

5.1 Centrale termica a cippato di legna a servizio


dell’Istituto Scolastico IPSSC di via Baden Powell,
nel comune di Monfalcone (GO)

L’intervento, realizzato nel comune di Monfalcone (GO) nell’ambito


delle attività di studio e sperimentazione del Programma Nazionale
Biocombustibili (PROBIO), ha previsto la trasformazione di una cen-
trale termica alimentata a gasolio, a servizio di un complesso scolasti-
co di proprietà della Provincia di Gorizia, in una innovativa caldaia
alimentata a cippato di legna della potenza di 300 kW.
L’istituto interessato dall’intervento è l’I.P.S.S.C. di via Baden Powell,
Monfalcone (GO).

Scheda tecnica dell’edificio

Indirizzo: Via Baden Powell, Monfalcone

Proprietario: Provincia di Gorizia

Destinazione d’uso: Edificio scolastico, scuola secondaria

Descrizione edificio: Edificio risalente agli anni ’70, su due livelli fuori
terra, con tetto piano, vetrate a nastro, pareti in
pannelli prefabbricati in calcestruzzo, tetto piano

Dimensioni: Superficie in pianta: 1.450 m2

Volumetria riscaldata: 10.585 m3


167
Scheda dell’impianto di riscaldamento in uso prima dell’intervento
Centrale termica (CT): Corpo di fabbrica separato, annesso alla
palestra con una caldaia a gasolio Belleli PR1,
potenza termica resa 349 kW, potenza al
focolare 387 kW
Uso: Solo riscaldamento invernale
Dimensioni CT: 5,9 m x 7,3 m x h 3,3 m
Distribuzione: Tubazioni interrate attraverso il cortile,
distribuzione interna all’edificio parte sotto
traccia, parte a vista, insolazioni non ottimali
Terminali: In corso di sostituzione, nuovi corpi scaldanti
ventilconvettori, in parte radiatori

5.1.1 Dimensionamento della caldaia a biomassa

Le problematiche di dimensionamento principali sono state le se-


guenti:
● stima dei fabbisogni energetici dell’edificio;
● calcolo della potenza massima necessaria alle condizioni di pro-
getto della potenza media;
● adozione di soluzioni realizzative compatibili con gli spazi e i vo-
lumi esistenti.

I fabbisogni termici dell’edificio sono stati stimati sulla base dei con-
sumi medi annui registrati negli ultimi anni antecedenti l’intervento:
la centrale termica a gasolio negli ultimi tre anni ha registrato consu-
mi medi di gasolio compresi tra 30.000 e 40.000 litri anno, con un
orario di funzionamento di 10 ore al giorno, con punte di 12 ore.
Sulla base del fabbisogno termico stimato la potenza media prelevata
dalla centrale termica è risultata di poco inferiore ai 200 kW mentre
la potenza massima alle condizioni di progetto è stata calcolata in 320
kW, con funzionamento intermittente. Per tale motivo è stato scelto
un generatore di calore di potenza resa nominale da 300 kW, con pos-
sibilità di modulazione della potenza da 80 a 300 kW.
L’eventuale modesto deficit di potenza massima rispetto ai valori
calcolati è gestito eliminando l’intermittenza nei periodi più freddi e
168
mantenendo un bruciatore a gasolio anche con funzioni di sicurezza.
Per limitare ulteriormente i pendolamenti di funzionamento (proble-
mi dovuti allo spegnimento e alla riaccensione del combustibile, mes-
sa a regime della combustione, ecc.), è stato inserito un volano termi-
co costituito da un serbatoio d’accumulo da 3.000 litri che consente di
assorbire il calore prodotto in circa 15 minuti di funzionamento alla
potenza minima.

5.1.2 Caratteristiche costruttive e schema di


funzionamento della caldaia

La caldaia scelta per l’intervento è una caldaia a cippato di legna a


funzionamento automatico regolato da specifico quadro elettrico a
microprocessore. La caldaia è composta dal corpo con camera di
combustione rotativa ad asse orizzontale, con funzione di depolvera-
tore, scambiatore di calore a tubi di fumo, ventilatore soffiante
d’estrazione fumi dalla caldaia.
Il combustibile viene fatto affluire da una coclea primaria con dispo-
sitivi d’arresto e di sicurezza, quale la valvola di spegnimento con
iniezioni d’acqua e la farfalla automatica; nella coclea primaria è in-
corporato un dispositivo a flusso d’aria calda per il pre-riscaldamen-
to e la modesta deumidificazione del combustibile.
La combustione del cippato avviene in due fasi: nella prima si ha
l’ignizione del combustibile solido, una prima combustione, con tra-
sformazione del materiale legnoso in gas ancora combustibili, CO, e
con la produzione di ceneri e residui solidi; nella seconda parte della
combustione si ha l’ossidazione più completa possibile dei gas prece-
dentemente sviluppati. Alla fine del processo i fumi, già depurati
delle polveri e della cenere, vengono espulsi dal ventilatore soffiante
che li immette nel camino.
La combustione primaria avviene in una apposita cassetta di com-
bustione con griglia di combustione oscillante; sotto quest’ultima si
trova la griglia di raccolta ceneri e l’accenditore automatico a resi-
stenza elettrica. Dalla camera di combustione primaria il gas svilup-
pato passa alla camera di combustione rotativa, posta superiormen-
te; qui, grazie all’apporto controllato di aria comburente secondaria,
avviene la combustione completa dei prodotti della gassificazione.
Al termine di questa si attua l’abbattimento delle polveri per inie-
zione e forza centrifuga. I fumi caldi di risulta attraversano lo scam-
biatore di calore principale e vengono estratti forzatamente dalla
soffiante fumi.
169
Il generatore di calore è caratterizzato da un consistente volume d’ac-
qua, pari a circa 900 litri, di molto superiore a quello di una caldaia a
combustibili fossili, liquidi o gassosi.
All’interno del volume d’acqua dello scambiatore principale è inseri-
to lo scambiatore d’emergenza a serpentino che interviene in caso di
sovratemperatura dell’acqua di caldaia; tale scambiatore è alimentato
da acqua di acquedotto a perdere, azionata da una valvola termosta-
tica di scarico termico con bulbo immerso nel corpo caldaia.
La caldaia è inoltre corredata di un quadro di comando e controllo,
con microprocessore, a cui sono collegati i motori ausiliari, i sensori,
i dispositivi di controllo e di sicurezza.
Visto che era già disponibile, si è deciso di utilizzare uno dei due
bruciatori a gasolio preesistenti quale sistema ausiliario in grado di
garantire una sorgente energetica alternativa in caso di indisponibili-
tà del cippato a causa di un mancato approvvigionamento o a causa
di disservizi del sistema di deposito e alimentazione.

5.1.3 Circuiti e dispositivi di sicurezza

I dispositivi di sicurezza adottati sono i seguenti: valvole di sicurezza


con pressione di taratura 3 bar presso stato di sicurezza, doppio ter-
mostato di esercizio e sicurezza a riarmo manuale, circuito idraulico
di raffreddamento d’emergenza alimentato da acqua d’acquedotto e
comandato da valvola di scarico termico.
Per la sicurezza nei confronti della propagazione dell’incendio sono
installati due dispositivi sulla coclea d’alimentazione combustibile:
un secondo blocco combustibile e tagliafuoco a comando automatico
termostatico, iniezione d’acqua a caduta nel meccanismo di alimenta-
zione proveniente da serbatoio indipendente e comandata da valvole
di scarico termico.
I circuiti idraulici sono caratterizzati da alcune peculiarità, per cui
questo tipo di impianti differiscono dagli equivalenti serviti da cal-
daie a gas o a gasolio: vi è una divisione tra circuito primario di cal-
daia e circuiti secondari di alimentazione delle utenze termiche e il
punto di scambio tra primario e secondario è dato dal serbatoio di
accumulo termico. Sul circuito primario è inserita una valvola a tre
vie che assicura sempre il mantenimento in temperatura del corpo
caldaia: in caso di ritorno troppo freddo dall’impianto questa valvola
limita la portata dall’impianto e tende a ricircolare l’acqua in caldaia;
grazie a questo dispositivo vengono evitati sia shock termici allo
170
scambiatore che riduzioni troppo marcate della temperatura dei fu-
mi, che porterebbero a fenomeni di condensa indesiderati.
La caldaia funziona con una impostazione di temperatura a punto fis-
so per ottimizzare la combustione; vi è però una regolazione dell’ad-
duzione di combustibile, pilotata dal microprocessore, che consente di
modulare la potenza generata secondo le esigenze del carico.
La regolazione climatica è affidata ai circuiti secondari che sono dota-
ti di valvole miscelatrici a tre vie, comandate da regolatori climatici.

5.1.4 Caratteristiche e dimensionamento del deposito


di cippato

Sulla base dei consumi energetici medi stagionali è stato stimato un


fabbisogno annuo di 150 t di legna sotto forma di cippato, corrispon-
denti a circa 300 m3. L’incertezza relativamente alle caratteristiche del
combustibile approvvigionato ha sconsigliato l’adozione di un silo
troppo capiente, a causa dei fenomeni di fermentazione che si posso-
no innescare della possibile formazione di blocchi e la conseguente
difficoltà di movimentazione del cippato in caso di stoccaggi troppo
prolungati.
Ci si è perciò orientati su una autonomia compresa tra 15 e 30 giorni,
in funzione delle diverse condizioni climatiche invernali. La capacità
utile prescelta, di circa 60 m3, corrisponde grosso modo alla capienza
di due trasporti su autocarro.
È stato realizzato un deposito seminterrato in calcestruzzo con una
sporgenza dal terreno inferiore al metro e una profondità sotto il pia-
no di campagna non superiore ai 2 metri.
Il deposito è dotato di un doppio rastrello di movimentazione del
cippato che aumenta la velocità di trasporto e la sistemazione all’in-
terno del silo. Qualora si fosse impiegato il consueto rastrello singolo
vi sarebbero state difficoltà nel distribuire il carico anche di soli 20 sec
in un tempo ragionevole.
Tale sistema consente il trasferimento progressivo del cippato verso
la tramoggia d’estrazione posta nel vano macchine adiacente al depo-
sito: qui sarà spostato con un altro meccanismo ortogonale ai prece-
denti, in modo da renderlo disponibile alla coclea d’estrazione e ali-
mentazione dalla centrale termica, che sale obliquamente, uscendo
dal silo e pervenendo alla centrale termica.
La copertura del silo è stata impermeabilizzata con guaina bitumosa
a caldo con finitura ardesiata, stesa in due strati incrociati, con lembi
sovrapposti.
171
5.2 Centrale termica a cippato di legna a servizio della
sede della Riserva Naturale Regionale della Foce
dell’Isonzo, nel comune di Staranzano (GO)

La centrale a cippato posta a servizio della Riserva Naturale Regionale


della Foce dell’Isonzo offre un caso rappresentativo di una realizza-
zione di piccolo taglio.
Il progetto, nel suo complesso, prevede la realizzazione di una cen-
trale termica alimentata a biomassa, di un impianto fotovoltaico per
la produzione di energia elettrica e di un impianto solare termico per
la produzione di acqua calda.
La realizzazione della centrale termica è prevista a servizio dell’edifi-
cio rappresentato dal Centro Visite della Riserva (Casa Bonazza). Tale
edificio è già dotato di impianti termici: è servito in parte da un cir-
cuito radiatori (con funzionamento solo invernale) e in parte da un
circuito ventilconvettori, originariamente previsto anche per il fun-
zionamento estivo. Esiste anche un circuito in teleriscaldamento,
realizzato con tubazioni d’acciaio, che serve l’edificio che funge da
museo, osservatorio e punto di ristoro, posto a una distanza di circa
60 m dal centro visite.
In origine la sorgente termica dell’impianto di riscaldamento era co-
stituita da due cogeneratori a motore alternativo, ciclo Otto (ormai
dismessi) a cui potevano essere collegate due pompe di calore con la
facoltà di separarle dall’impianto e non farle funzionare. Recentemente
è stata inoltre installata una caldaia a condensazione a GPL della po-
tenza di 60 kW. Tale caldaia è stata mantenuta anche nella configura-
zione impiantistica a biomasse.

Scheda tecnica dell’edificio


Indirizzo: Casa Bonazza, Isola della Cona, Staranzano
Proprietario: Comune di Staranzano
Destinazione d’uso: Centro visite, foresteria, laboratori
Descrizione edificio: Edificio risalente agli anni ’70, su due livelli fuori
terra, con tetto piano, vetrate a nastro, pareti in
pannelli prefabbricati in calcestruzzo, tetto piano
Dimensioni: Superficie in pianta: 410 m2
Volumetria riscaldata: 2.950 m3
172
Scheda dell’impianto di riscaldamento in uso prima
dell’intervento

Centrale termica (CT): Caldaia condensazione a GPL, posta all’esterno,


potenza termica resa 24-60 kW
Uso: Riscaldamento invernale e produzione acqua
calda sanitaria
Dimensioni CT: 3,2 m x 3,4 m x h 2,6 m
Distribuzione: Tubazioni interrate verso l’osservatorio
principale, distribuzione interna all’edificio sotto
traccia, insolazioni secondo L.10/91
Terminali: Ventilconvettori, radiatori

5.2.1 Dimensionamento della caldaia a biomassa

Non esistendo dati storici sui consumi di combustibile i fabbisogni


energetici sono stati stimati su base stagionale deducendone la ripar-
tizione della potenza richiesta all’impianto di produzione di calore.
Dai calcoli eseguiti risulta che il complesso utilizza una potenza ter-
mica media di circa 22 kW e che la potenza massima necessaria alle
condizioni di progetto è pari a 50 kW, con funzionamento intermit-
tente. I valori di riferimento sono riportati nella seguente tabella:

Tabella 43 - Valori di riferimento al dimensionamento della caldaia

novembre dicembre gennaio febbraio marzo aprile stagionale


Temperatura
media esterna 10 6,5 4,3 5,8 9 13
(°C)
Potenza media
40% 54% 63% 57% 44% 30%
percentuale
Fabbisogno
energetico 35.000 56.000 64.000 50.000 32.000 15.000 252.000
(MJ)
Volume
9,2 14,7 16,8 13,2 8,4 4 66
cippato (smc)
173
Nello specifico, la caldaia a biomassa concorrerà a soddisfare il fabbi-
sogno termico del complesso centro visite-osservatorio e sarà in gra-
do di coprire almeno l’80% della richiesta di energia termica annua;
la quota rimanente, pari a un massimo del 20% del fabbisogno termi-
co, costituito dai picchi di richiesta caratteristici delle giornate più
fredde dell’inverno, sarà coperto mediante l’utilizzo a integrazione
della caldaia a GPL già presente presso la sede del centro visite uten-
ze che verrà pertanto integrata nell’impianto termico, anche in ragio-
ne del fatto che è praticamente nuova.

5.2.2 Caratteristiche costruttive e schema di


funzionamento della caldaia

La caldaia a cippato ha una potenza di targa pari a 50 kW; di seguito


sono elencate le sue caratteristiche principali:
● processo di combustione con alte rese e basse emissioni;

● combustione priva di fumi;

● modulazione della potenza in funzione del carico termico richiesto;

● spegnimenti e riaccessioni automatizzati e veloci;

● possibilità di adeguare e modificare con facilità i parametri di


combustione in funzione del tipo di combustibile;
● pulizia ed estrazione della cenere automatizzata;

● possibilità di telecontrollo di tutto il sistema;

● certificazioni europee (EN 303-5) sulla costruzione, sul rendimen-


to e sulle emissioni.

Le principali caratteristiche prestazionali e costruttive della macchina


prescelta sono:
● potenza nominale: 50 kW
● rendimento a potenza nominale: 91,9
● larghezza: 765 mm
● altezza: 1.580 mm
● profondità: 940 mm
● diametro condotto fumi: 180 mm
174
La caldaia è realizzata in acciaio speciale per caldaie. Lo scambiatore
termico si presenta come fascio di tubi posti verticalmente. Nei tubi
dello scambiatore termico si trovano i turbolatori che servono sia per
agitare i gas combusti che a far sì che la pulizia dello scambiatore
termico avvenga in maniera completamente automatica e il rendi-
mento sia costante.
Il dispositivo di pulizia automatica può essere programmato per far
muovere i turbolatori con tempi impostabili a piacere. Un isolamento
a doppia lana di vetro riduce al minimo le perdite di calore.

La struttura del bruciatore è la seguente:


● piatto di combustione primaria alimentato dal basso con interca-
pedine e iniezione di aria primaria;
● piastre laterali inox per la combustione secondaria con intercape-
dine, raffreddamento ad aria e ugelli per aumentare la turbolenza
dell’aria secondaria;
● ventilatore radiale con regolazione elettronica del numero di giri;

● coclea di alimentazione rivestita di metallo duro alle estremità di


carico e di spinta, montata su cuscinetti a sfere;
● involucro in piastre refrattarie atte a mantenere alta la temperatu-
ra nel bruciatore.

L’accensione del combustibile avviene in maniera completamente


automatica tramite un soffiante ad aria calda.
La cenere prodotta in fase di combustione cade dalla griglia mobile
propria del bruciatore e dallo scambiatore termico, nella parte infe-
riore della caldaia. Sotto la griglia mobile un altro disco forato pressa
la cenere che cade nel cassetto sottostante. Il contenitore della cenere,
a seconda del combustibile usato e della potenza richiesta dall’im-
pianto, va svuotato circa da 2 a 4 volte al mese.

5.2.3 Circuiti e dispositivi di sicurezza

I dispositivi di sicurezza adottati nella soluzione proposta prevedono


i seguenti elementi:
● interruttore di limitazione della temperatura a 100°C per evitare il
surriscaldamento della caldaia;
● una saracinesca antincendio;
175
● sensore meccanico di livello del combustibile con dispositivo elet-
tronico di sorveglianza per la misurazione della velocità di com-
bustione;
● dispositivo di estinzione di emergenza, composto da un serbatoio
d’acqua di 15 litri dotato di sensore di livello di riempimento mi-
nimo e di un sensore termico per l’estinzione automatica della
combustione;
● dispositivo di sorveglianza della temperatura all’interno del silo o
del serbatoio del combustibile.

5.2.4 Caratteristiche e dimensionamento del deposito


di cippato

Sulla base dei consumi energetici medi stagionali è stato stimato un


fabbisogno annuo di 20 t di legna sotto forma di cippato, corrispon-
denti a circa 66 m3.
Ci si è orientati su un’autonomia non superiore ai 30-40 giorni, in
funzione delle diverse condizioni climatiche invernali. La capacità
utile prescelta, di circa 14 m3, corrisponde grosso modo alla capienza
di un trasporto su autocarro di medie dimensioni.
Il dispositivo di estrazione diretta da silo è costituito da un rotore
paralleli del diametro di 2,5 m, composto da un disco in lamiera d’ac-
ciaio con due lame intercambiabili realizzate in acciaio per molle è
fissato su un meccanismo di trasmissione a vite costantemente lubri-
ficato. L’azionamento del dispositivo di estrazione avviene tramite
un motore esterno a trifase (da 0,55 kW) posto a lato della caldaia
all’inizio della coclea di estrazione. Una saracinesca antincendio, do-
tata di una guarnizione, è posta sotto al terminale della coclea di
estrazione. In caso di mancanza di corrente elettrica si chiude auto-
maticamente e garantisce assoluta sicurezza contro i pericoli di com-
bustione nel serbatoio. Una cellula fotoelettrica controlla ed evita il
riempimento eccessivo del serbatoio.
La sezione deposito è dotata di tetto scorrevole completamente apri-
bile per il carico dall’alto del cippato tramite pala meccanica o nastro
trasportatore. La sezione deposito cippato è realizzata con due pareti
in grigliato aperto fatto con tavole in legno massiccio rimuovibili:
queste aperture assicurano la ventilazione della massa combustibile,
migliorandone le caratteristiche di essiccazione, impedendo fenome-
ni fermentativi e riducendo con ciò i problemi di agglomerazione del
cippato.
176
5.3 Impianto dimostrativo con ciclo ORC integrato
ottimizzato a Lienz (Austria)

L’impianto di cogenerazione a biomassa di Lienz, localizzato nel


Tirolo orientale, fornisce energia elettrica e termica attraverso una
rete di teleriscaldamento. I sistemi di riscaldamento civili e industria-
li sostituiti sono principalmente caldaie a gasolio: è evidente il bene-
ficio ambientale che ne è conseguito.
Figura 43 - Produzione annuale di energia termica ed elettrica dell’impianto di cogenerazione e
teleriscaldamento di Lienz86
����������������������������������������������

������ �������������������������
������������������������������
������ ������������������
�������������������
����������������������
������ �������������������������������
����������������������

������

�����


��� ������ ������ ������ ������ ������ ������ �����
���������������������������������

La caldaia a olio diatermico, con una potenza nominale di 6.000


kWth, copre il carico di base; la caldaia ad acqua calda, con una po-
tenza nominale di 7.000 kWth, serve a coprire i carichi medi, mentre i
picchi di domanda sono soddisfatti da una caldaia a gasolio.
L’unità di recupero del calore, con una potenza nominale di 2.000
kWth, comprende un economizzatore a olio diatermico, localizzato a
valle della caldaia a olio diatermico, e un economizzatore ad acqua
calda che recupera energia dai gas di scarico di entrambe le caldaie a
biomassa. L’unità di recupero del calore aumenta l’efficienza globale

86 Obernberger, Thonhofer, Reisenhofer, 2002.


177
dell’impianto. Il collettore a pannelli solari, situato sul tetto dell’im-
pianto, ha una superficie di 630 m2 e fornisce una potenza termica di
circa 350 kWth. La parte più innovativa dell’impianto di Lienz consi-
ste nel sistema a ciclo Rankine a fluido organico che ha una potenza
nominale elettrica di 1.000 kWe e una potenza termica nominale di
4.400 kWth.
L’efficienza globale elettrica dell’impianto di cogenerazione è stata
aumentata considerevolmente attraverso un approccio innovativo di
interconnessione della caldaia a olio diatermico con un economizza-
tore a olio diatermico e un pre-riscaldatore d’aria. In questo modo
l’efficienza termica della caldaia a biomassa utilizzante olio diatermi-
co raggiunge l’82%. L’aumento di efficienza termica si traduce in un
aumento dell’efficienza elettrica globale dell’impianto di cogenera-
zione a circa il 15%. Il rendimento elettrico netto dell’impianto ORC
è circa 18% in corrispondenza del carico nominale e di circa 16,5% al
50% del carico con una temperatura dell’acqua di 85°C. La domanda
elettrica dell’impianto per gli ausiliari (pompe) ammonta a 60 kW in
condizioni nominali. La caldaia a olio diatermico a biomassa, l’econo-
mizzatore a olio diatermico e il pre-riscaldatore d’aria sono dotati di
un sistema di pulizia automatico ad aria compressa.

Figura 44 - Schema impiantistico della tecnologia ORC adottata a Lienz

���������������������
����������

���������������������
�������������
���������� �����
���
�������� ������������
�����������

������ ������������
������� �����
����������

��
����������������� ��������������������� �����������������
���������������
��������������
����
����������
178
L’analisi economica di questo tipo di impianto ha suddiviso i costi in
quattro tipologie:
● costi del capitale, basati su costi di investimento aggiuntivi che
considerano solo la spesa maggiore per il sistema cogenerativo
confrontata con un sistema tradizionale di combustione della bio-
massa con caldaia ad acqua calda e la stessa produzione di ener-
gia termica;
● costi di gestione, relativi al costo del personale e ai costi di manu-
tenzione;
● costi imputabili al consumo di combustibile, agli ausiliari, ecc.;

● altri costi, come ad esempio costi di amministrazione o assicurazione.

Tabella 44 - Dati tecnici dell’impianto ORC di Lienz


Dati tecnici dell’impianto di cogenerazione a biomassa
Collettore termico solare 630 m2
Potenza nominale - caldaia olio diatermico 6.000 kW
Potenza nominale - economizzatore olio diatermico 500 kW
Potenza nominale - caldaia acqua calda 7.000 kW
Potenza nominale - economizzatore acqua calda 1.500 kW
Potenza nominale - caldaia gasolio (picchi) 11.000 kW
Massima potenza termica - collettore solare 350 kW
Produzione di energia termica da biomassa 60.000 MWh/a
Produzione di energia termica da energia solare 250 MWh/a
Produzione di energia elettrica da biomassa 7.200 MWh/a
Dati tecnici del processo ORC
Potenza termica in ingresso - ORC a carico nominale 5.560 kW
Potenza elettrica netta in uscita - ORC a carico nominale 1.000 kW
Potenza termica in uscita - ORC a carico nominale 4.440 kW
Efficienza elettrica netta - ORC a carico nominale 18 %
Efficienza termica a carico nominale 80 %
Perdite elettriche e termiche 2 %
Fluido termovettore - Olio diatermico
Temperatura in ingresso 300 °C
Temperatura in uscita 250 °C
Fluido di lavoro - Olio silicico
Fluido di raffreddamento - Acqua
Temperatura in ingresso 80 °C
Temperatura in uscita 60 °C
179
5.4 Teleriscaldamento e cogenerazione da legno
cippato a Fondo – Val di Non (TN)

L’impianto realizzato a Fondo – Val di Non (TN) prevede la produzio-


ne di energia termica per il riscaldamento delle utenze domestiche (la
popolazione residente è di circa 1.500 abitanti) e industriali e la produ-
zione di energia elettrica mediante un motore a vapore (in totale 220
utenze). L’impianto utilizza come combustibile scarti di segheria com-
patibilmente con la disponibilità locale e i residui legnosi derivanti
dalle lavorazioni forestali e dalla pulizia dei boschi. Lo stoccaggio del
cippato ha una capacità di 5.500 m3 che consente un’autonomia di ali-
mentazione di circa 25 giorni. Il carico del materiale avviene attraverso
una pala meccanica che lo scarica in due silos; il sistema di alimenta-
zione a spintore alimenta le caldaie in modo automatico.

Figura 45 - Schema impiantistico dell’impianto di Fondo87

87 Alpenergywood / Interreg III B.


180
Nella centrale termica sono installati due generatori di vapore, com-
pleti dei dispositivi per il trattamento dei fumi e del caricatore del
combustibile. Il vapore generato dalla caldaia fluisce attraverso il
motore e fornisce l’energia necessaria per la conversione. Lo stesso
vapore fuoriuscente dal motore è fatto affluire in uno scambiatore
vapore/acqua per l’alimentazione della rete di teleriscaldamento. Il
motore a vapore è avviato manualmente. Il gruppo motore e il relati-
vo alternatore sono controllati automaticamente e disattivati a distan-
za in caso di errore.
Tutto il sistema di cogenerazione, compresa la rete di teleriscalda-
mento, è telegestito e telecontrollato. I rendimenti elettrici si attesta-
no attorno al 18-19%. Il sistema di trattamento dei fumi è composto
da due batterie a cicloni per l’abbattimento delle polveri e da un
elettrofiltro. In condizioni di funzionamento alla massima potenzia-
lità dei due bruciatori a biomassa si producono all’incirca 170-200
kg/h di cenere. L’energia proveniente dalla combustione della bio-
massa produce vapore con pressione di 15 bar ridotta a 0,5 bar. Nel
cogeneratore il vapore è immesso in uno scambiatore vapore/acqua
ed è introdotto in un sistema di tubazioni nella rete di teleriscalda-
mento. Ogni utenza allacciata alla rete preleva l’energia (acqua cal-
da di mandata) tramite una sottostazione composta da uno scam-
biatore di calore, da una valvola meccanica, da manometro, termo-
metro e contacalorie.

Tabella 45 - Dati tecnico-economici dell’impianto di Fondo (TN)

Dati tecnico – economici


Potenza delle caldaie 3,5 MWt + 2,5 MWt
Tipo di caldaia a griglia mobile
Consumo annuale di combustibile 7.500 t (umidità: 35-40%)
Prezzo del combustibile 45 €/t
Lunghezze rete di distribuzione stradale 5,5 km
Lunghezza stacchi di allacciamento 2,6 km
Volumetria lorda riscaldata 183.750 m3
Potenza elettrica di cogenerazione installata 220 kW
Produzione di energia elettrica (3.556 ore/anno) 1.200 MWh
Energia media annua erogata 7.000 MWh/anno
Rendimento medio annuo delle caldaie 90%
Investimento complessivo 6.040.000 €
181
5.5 Impianto dimostrativo per lo sfruttamento
di energia e materiali da reflui zootecnici
presso l’azienda “Francesco Ricchieri”
di Fiume Veneto (PN)

L’intervento consiste in un impianto per il trattamento di liquami


bovini prodotti presso l’azienda “Francesco Ricchieri”, sita nel comu-
ne di Fiume Veneto e di proprietà della Provincia di Pordenone.
L’azienda, dal netto carattere sperimentale, ospita l’Associazione
Nazionale Allevatori Bovini di Razza Pezzata Rossa Italiana
(A.N.A.P.R.I.), la cui attività è rivolta al miglioramento della razza
bovina Pezzata Rossa, selezionando i futuri maschi riproduttori attra-
verso il performance-test individuale. Inoltre l’azienda ospita parte
delle prove condotte in provincia di Pordenone dal Centro Regionale
per la Sperimentazione Agraria.
L’azione si inserisce all’interno del Programma Nazionale Biocombu-
stibili (PROBIO), con lo scopo di fornire a livello dimostrativo un’al-
ternativa ambientalmente più compatibile all’attuale pratica dello
spandimento dei liquami zootecnici tal quali sul terreno.
È stata proposta, in altri termini, un’azione che coniugasse l’applica-
zione di tecnologie “tradizionali” con altre aventi un netto carattere
innovativo e che nell’insieme costituiscano un sistema integrato, os-
sia una filiera di depurazione e di recupero energetico con fasi forte-
mente interconnesse tra loro.
Gli obiettivi specifici dell’intervento sono:
● ottenere una frazione chiarificata a basso contenuto di sostanza
organica, sanitizzata e deodorizzata, a elevato potere fertilizzante,
da utilizzarsi agronomicamente anche con impianti irrigui;
● ottenere una frazione solida stabilizzata, igienizzata, facilmente
trasportabile anche a distanza da utilizzare come ammendante
organico (compost);
● produrre energia da biogas in grado di soddisfare il fabbisogno di
energia termica ed elettrica dell’impianto stesso e di altre utenze
aziendali;
● ridurre l’impatto ambientale conseguente allo stoccaggio e alla
distribuzione agronomica dei liquami, importante soprattutto per
gli allevamenti siti in prossimità di centri abitati.

Il progetto, dimensionato per il trattamento di 7 m3/giorno di liqua-


182
mi prodotti da 220 tori allevati in azienda, si compone essenzialmen-
te di cinque sezioni operative (figura 46):
1. digestione anaerobica;
2. separazione solido-liquido;
3. fitodepurazione della frazione liquida;
4. compostaggio della frazione solida;
5. cogenerazione.

Figura 46 - Schema di flusso del processo

183
5.5.1 Sezioni operative dell’impianto

Digestione anaerobica

Il liquame tal quale (ss = 12%) subisce un trattamento di digestione


anaerobica che consente da un lato di ottenere un materiale stabiliz-
zato e deodorizzato e, dall’altro, il biogas utilizzato per la contestuale
produzione di energia elettrica e termica in un cogeneratore.
Il trattamento del refluo viene attuato in un digestore a miscelazione
completa, monostadio, operante in regime di mesofilia (t° = 35-37°C).

Tabella 46 - Caratteristiche tecniche della sezione di digestione anaerobica

Temperatura di processo 35-37°C (mesofilia)

Volume utile 300 m3

HRT 40 giorni

Materiale acciaio inox

Copertura gasometrica telo polimerico

Coibentazione perimetrale

Miscelatore 1 x 10 kW

Separazione dei solidi

Il refluo digerito viene avviato a una sezione per la separazione mec-


canica dei solidi costituita da un estrattore centrifugo ad asse oriz-
zontale (decanter).
I liquami digeriti in entrata presentano un contenuto di sostanza sec-
ca dell’ordine del 5%; in uscita si ottiene una frazione ispessita con
un contenuto in sostanza secca del 20-25%.

Tabella 47 - Caratteristiche tecniche della sezione di separazione dei solidi

Capacità 3-4 m3/h


Potenza installata 7,68 kW
Dosaggio flocculanti Si
ss frazione ispessita 20-25%
184
Fitodepurazione a flusso verticale

La frazione liquida in uscita dalla centrifugazione viene depurata in


un impianto di fitodepurazione con lo scopo di abbattere ulterior-
mente il carico organico residuale, ridurre l’azoto ammoniacale, sani-
ficare e deodorizzare ulteriormente la frazione liquida.

Tabella 48 - Caratteristiche tecniche della sezione di fitodepurazione

Tipologia flusso sub-superficiale verticale


Superficie utile 250 m2
Portata giornaliera 5 m3/g
Impermeabilizzazione guaina PEAD
Substrato ghiaia-sabbia
Distribuzione del refluo intermittente
Specie vegetale coprente canna comune (Arundo donax L.)

L’acqua in uscita dalla fitodepurazione viene stoccata e utilizzata a


fini fertirrigui mediante spandimento nei campi aziendali.

Compostaggio

I solidi ottenuti dopo la centrifugazione del liquame digerito subiscono


una ulteriore stabilizzazione e mineralizzazione mediante il processo
di compostaggio, con l’obiettivo di ottenere un ammendante organico.
Il materiale da compostare, con aggiunta di altre biomasse (comprese
quelle ottenute dalla fitodepurazione), viene disposto in andane (file)
e rivoltato periodicamente per un periodo di circa 4 settimane.
Il compost così ottenuto presenta caratteristiche qualitative e analitiche
conformi ai requisiti della normativa, ai fini dell’utilizzo in agricoltura.

Tabella 49 - Caratteristiche tecniche della sezione di compostaggio

Lunghezza tunnel 25 m
Copertura film plastico
Larghezza andana 2m
Altezza andana 1,2 m
Rivoltamenti 2 volte/settimana
Macchina rivoltatrice 15 kW
185
Cogenerazione

Il biogas prodotto dalla digestione anaerobica, in quantità pari a 250-


300 m3/giorno, viene utilizzato in un cogeneratore dalla potenza
elettrica di 20 kWe, in grado di garantire una produzione di energia
termica sotto forma di acqua a 85°C, e di energia elettrica.
Nel periodo più freddo dell’anno (gennaio/febbraio) l’energia termi-
ca prodotta viene utilizzata quasi esclusivamente per la termostata-
zione del digestore. Nel restante periodo dell’anno il surplus di ener-
gia termica può essere utilizzato nell’impianto di essiccazione artifi-
ciale dei foraggi in alternativa all’utilizzo di combustibili di origine
fossile.
L’energia elettrica viene autoconsumata e la parte in eccedenza viene
ceduta alla rete di distribuzione.
La produzione di energia elettrica consente l’emissione di due certifi-
cati verdi.

Tabella 50 - Caratteristiche tecniche della sezione di separazione dei solidi

Disponibilità annua di biogas 90.000 m3

Potenza elettrica 20 kWe

Potenza termica 30 kWt

Ore annue di funzionamento 6.000 ore

Rendimento elettrico di funzionamento 28%

Rendimento termico di funzionamento 45%

Energia elettrica annua producibile 120.000 kWh

Energia termica annua producibile 180.000 kWh


186
Capitolo 6
Allegati

6.1 Allegato 1: schede colturali delle principali specie


a fini energetici

Vengono presentate alcune schede riguardanti le principali colture de-


dicate, interessanti nell’ambito della regione Friuli Venezia Giulia.
Sono dapprima presentate le colture da biomassa lignocellulosica, con
una suddivisione tra le biomasse erbacee, annuali (kenaf e sorgo da
fibra) e perennanti (canna comune, miscanto, panico), e le biomasse
legnose (pioppo e robinia); in seguito, verranno presentate le colture
oleaginose (girasole e colza) e le colture zuccherine e alcoligene (barba-
bietola da zucchero, frumento tenero, mais e sorgo zuccherino).

6.1.1 Colture da biomassa lignocellulosica


Kenaf (Hibiscus cannabinus L.)
L’ibisco cannabino (Hibiscus cannabinus L.), più noto col nome inglese
di origine persiana kenaf, è una dicotiledone annuale appartenente alla
famiglia delle Malvacee, tribù Hibiscae; il gruppo racchiude oltre 150
specie, diffuse soprattutto nelle regioni tropicali di tutti i continenti,
con utilizzazioni alimentari, ornamentali e per la produzione di fibra.
Figura 47 - Campo di kenaf
187
Caratteristiche botaniche e morfologiche
Il kenaf è una pianta erbacea annuale, longinotturna, generalmente
autoimpollinante, a stelo eretto, cilindrico o subangoloso, glabro o
con piccole spine, di altezza variabile da 1 a 4 metri a seconda della
varietà e delle condizioni di coltura. Anatomicamente il fusto è com-
posto da una parte esterna corticale, che fornisce la fibra lunga, da
una parte centrale legnosa (kenapulo), a fibra corta, al centro è pre-
sente una piccola quantità di midollo. I fiori sono solitari, ermafrodi-
ti, posti all’ascella delle foglie e portati da brevi peduncoli. La radice
è fittonante con radici avventizie che possono raggiungere la profon-
dità anche di 2 m ed espandersi lateralmente per 50-60 cm.

Ciclo biologico ed esigenze pedoclimatiche


La durata del ciclo biologico dipende dalla varietà ed è influenzata
da condizioni climatiche e pedologiche e in particolare dalla risposta
al fotoperiodo; ogni varietà, infatti, ha una soglia rappresentata dalla
lunghezza del periodo di buio sotto alla quale non fiorisce. Esistono
varietà ultra-precoci (ciclo 70-100 giorni), varietà medio-precoci (100-
120 giorni) e varietà tardive (120-160 giorni) che alle nostre latitudini
non sempre raggiungono la fioritura per il sopraggiungere del fred-
do. Le condizioni di sviluppo ottimali si hanno con temperature rela-
tivamente elevate, piogge abbondanti, forte soleggiamento e giorno
lungo. Una soddisfacente germinazione può essere ottenuta con tem-
peratura del terreno attorno ai 12°C mentre la temperatura base per
l’emergenza è di 9°C. La temperatura minima per l’accrescimento è
di 16°C e quella ottimale è di 25-26°C.
La coltura si avvantaggia di una disponibilità idrica ben distribuita
durante il ciclo vegetativo, ma è in grado di superare periodi di sicci-
tà con un temporaneo rallentamento della crescita; può vantare una
resistenza alla siccità migliore di mais e canapa.
Riguardo le caratteristiche del terreno il kenaf non è particolarmente
esigente adattandosi anche a condizioni molto diversificate; in genere
fornisce le più elevate produzioni in terreni profondi, freschi e ben
dotati di azoto, a granulometria fine e in grado di mantenere una
buona riserva di acqua utile. Non tollera ristagni idrici, specie nelle
fasi iniziali di sviluppo.

Tecnica colturale
Il kenaf è una coltura che si semina in primavera inoltrata ed è rac-
colta a fine autunno o a fine inverno; ne consegue che nell’avvicenda-
mento colturale potrà seguire tanto un cereale autunno-vernino
188
quanto una coltura primaverile estiva quale mais, soia e bietola. Da
evitare, in precessione o in successione, specie suscettibili od ospiti
del nematode galligeno Meloidogine spp.
La lavorazione principale del terreno, e i successivi lavori di prepara-
zione del letto di semina, non differiscono da quelli normalmente
praticati per altre colture da rinnovo seminate nella primavera avan-
zata quali, ad esempio, mais e sorgo.
La scelta dell’epoca di semina varia in funzione della zona di produ-
zione: negli areali settentrionali la semina non va anticipata oltre la
prima decade di maggio. La semina può essere effettuata con semina-
trici da frumento o, preferibilmente, con quelle di pneumatiche di
precisione, con una densità variabile da 20 a 40 piante/m2. La conci-
mazione azotata sembra non influenzare la produttività della pianta.
La coltura del kenaf è generalmente effettuata in asciutto, nelle zone
dove la piovosità naturale è in grado di soddisfare le sue esigenze
idriche.
Per quanto riguarda il diserbo, il kenaf è soggetto a competizione con
le malerbe solo nelle fasi giovanili. In seguito l’ombreggiamento che
riesce ad esercitare risulta efficace nel contenere la maggior parte
delle infestanti a nascita tardiva.
Epoca e modalità di raccolta sono strettamente legate alla destinazio-
ne del prodotto e alle caratteristiche richieste dall’utilizzatore. Nel
caso la coltura sia destinata alla produzione di energia, l’epoca di
raccolta deve essere, compatibilmente con le condizioni ambientali, la
più tardiva possibile per consentire un più elevato livello di produ-
zione di sostanza secca. La raccolta può essere effettuata mediante
una falcia-condizionatrice e successiva rotoimballatura, o mediante
una falcia-trincia-caricatrice a fine inverno, con una umidità inferiore
al 20%.
I livelli produttivi sono estremamente variabili e si va da 7 a 20 t/ha/
anno di sostanza secca.

Sorgo da fibra (Sorghum bicolor L.)

Il sorgo da fibra appare una coltura di estremo interesse, sia per fini
energetici che cartari, viste le elevate rese che può raggiungere nel
nostro ambiente e per la relativamente semplice tecnica colturale.
Appartenente alla specie Sorghum bicolor (famiglia delle Poaceae), co-
me quello da granella, da zucchero e da scope, il sorgo si adatta alla
coltivazione in zone temperate come coltura a ciclo primaverile-esti-
vo. Nelle varietà da fibra la parte esterna del culmo è fibrosa, mentre
189
la parte centrale appare spugnosa. Dal punto di vista morfologico, tra
sorgo da fibra e sorgo zuccherino non si rilevano differenze sostan-
ziali, tanto che spesso la linea di demarcazione tra l’uno e l’altro è
piuttosto incerta. La composizione analitica della pianta, invece, di-
verge notevolmente tanto da giustificarne il differente impiego, infat-
ti i due tipi estremi mostrano una diversa destinazione del carbonio
organicato durante la fotosintesi: nel tipo da fibra prevale la produ-
zione di carboidrati strutturali, in particolare di cellulosa; nel tipo da
zucchero, invece, almeno il 30% di tutta la sostanza secca accumulata
è costituito da zuccheri semplici (saccarosio, glucosio e fruttosio).
Il sorgo è originario dell’Africa centro-orientale (Sudan, Etiopia) e
attualmente molto diffuso in Africa e negli USA. Poco diffusa in
Europa, la sua coltivazione in Italia è limitata alle Marche, Emilia
Romagna, Toscana e Molise.

Figura 48 - Sorgo da fibra

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il sorgo da fibra è una pianta erbacea, C4, brevidiurna, annuale, con
ciclo primaverile-estivo. Presenta un apparato radicale fascicolato, un
fusto eretto di altezza medio-alta (da 0,5 a 7 m). Le foglie sono di
forme varie in dipendenza dei tipi e l’infiorescenza è un panicolo a
impollinazione autogama.
190
Esigenze pedoclimatiche
Il sorgo presenta un minimo di temperatura per la germinazione di
13°C, mentre una ottimale di accrescimento di 24-25°C. Predilige ter-
reni di medio impasto ed è moderatamente tollerante alla salinità. Il
sorgo da fibra è una coltura caratterizzata da un’elevata efficienza
nell’uso dell’acqua e può essere coltivata nel nostro ambiente in con-
dizioni di limitato sussidio idrico, intervenendo in particolare dopo
la semina per favorire una pronta emergenza delle piantine nel caso
di mancanza di piogge. Per quanto riguarda la concimazione azotata
risultano sufficienti limitati apporti (100 kg /ha di N) per determina-
re concreti incrementi della produzione di sostanza secca.

Tecnica colturale
La semina del sorgo si effettua da fine aprile a maggio con una semi-
natrice di precisione e con una temperatura del terreno di almeno
15°C. Le densità di investimento ottimali variano tra le 20 e le 30
piante/m2 con una interfila di 45 cm.
Riguardo la scelta varietale i materiali più adatti alla produzione di
fibra ligneo-cellulosica sono ibridi. Da prove sperimentali si rileva
una certa variabilità nella resa in biomassa, compresa mediamente
tra le 15 e oltre le 40 t/ha di sostanza secca. Tra gli ibridi che hanno
fornito le migliori performances vanno citati, oltre all’ABF 20 pro-
dotto da A.Biotec, con una produzione superiore a 40 t/ha di so-
stanza secca, H 173, H 132, H 252, della Protosemences (Francia) e
Abetone della Mycogens (USA). Queste varietà associano alla alta
resa in biomassa un contenuto in sostanza secca alla raccolta di cir-
ca il 30% e una buona resistenza all’allettamento. Nel nostro areale
di coltivazione si prediligono ibridi a ciclo medio-tardivo (periodo
emergenza-fioritura superiore a 90 giorni) capaci di sfruttare tutto il
periodo di vegetazione a loro disposizione e fornire la massima resa
con la presenza della minore quantità di granella al momento della
raccolta.
La raccolta può essere effettuata 10-20 giorni prima della fase di fio-
ritura quando risulta massimo l’accumulo di sostanza secca e cellulo-
sa nel culmo e va eseguita prima delle piogge autunnali al fine di
evitare un innalzamento dell’umidità del prodotto e un precoce dete-
rioramento della qualità della biomassa.
La tecnica di raccolta può essere mediante una rotoimballatura, pre-
via asciugatura a terra della biomassa, o mediante falcia-trincia-cari-
catrice; in tal caso la biomassa presenterà elevati contenuti di umidità
e, non risultando conservabile, andrà utilizzata immediatamente.
191
Canna comune (Arundo donax L.)

Graminacea perenne, la canna comune (Arundo donax L.) è una specie


tipica delle regioni mediterranee dove la si può rinvenire allo stato
spontaneo oppure coltivata in piccole superfici, prevalentemente per la
produzione di sostegni per la vite o per colture ortive. In Italia vegeta
dal piano sempreverde al submontano, in terreni freschi, lungo i fiumi,
in collina, in prossimità del mare, in boscaglie dette “canneti”.

Figura 49 - Veduta di canneto di Arundo donax

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il genere Arundo conta sei specie, diffuse nei paesi caldi. In Italia si
ritrova anche la Canna del Reno (Arundo Plinti Turra) e la Phragmites.
La canna comune si differenzia da queste per il rizoma grosso e tube-
roso e i culmi rivestiti per gran parte dalle guaine. Il culmo termina
con un’ampia pannocchia deformata da tre spighette peduncolate,
ognuna con tre fiori che non fruttificano. La parte ipogea è costituita
da un ricco sistema di rizomi di notevoli dimensioni e radici fascico-
late che possono estendersi molto in profondità. I fusti, che si svilup-
pano in un’annata, possono raggiungere un’altezza di 6-7 m. La spe-
cie, essendo sterile, si propaga per via vegetativa mediante rizomi,
talee di fusto e piantine micropropagate. Grazie all’elevata capacità
produttiva la coltura può a ben diritto ascriversi tra quelle più inte-
ressanti per la produzione di energia.

Esigenze pedoclimatiche
La canna comune è sensibile alle basse temperature. Queste possono
compromettere anche la vitalità dei rizomi quando sono posti a poca
192
profondità. Non è una pianta acquatica e teme il ristagno idrico.
Relativamente ai terreni, è ampiamente adattabile, preferisce quelli
profondi, sabbiosi, ricchi di sostanza organica con una reazione alca-
lina e ricchi di calcio. Non sono adatti quelli argillosi, superficiali,
impermeabili.

Tecnica colturale
Nel caso in cui il materiale di propagazione sia rappresentato da rizo-
mi, l’impianto è da effettuare tra febbraio e marzo, epoca nella quale le
gemme risultano ancora dormienti e le temperature minime giornalie-
re sono di norma di qualche grado sopra 0°C. Le talee, invece, devono
essere messe a dimora più tardi, cioè al rigonfiamento delle gemme.
In un impianto con rizomi la densità di impianto ottimale è attorno ai
15.000 rizomi/ha, anche per l’elevato costo unitario dei rizomi che non
rende conveniente una densità superiore di impianto. I rizomi vengono
piantati in file, con una distanza di 1,5 m tra le file e 0,5 m sulla fila.
Diverse sperimentazioni su canna comune hanno messo in luce le
potenzialità di questa coltura. Le rese produttive mostrano che a par-
tire dal secondo anno si possono ottenere rese superiori alle 40 t/ha
di sostanza secca. L’effetto dell’apporto idrico risulta apprezzabile
solo in presenza di una falda freatica molto profonda.
La propagazione e l’impianto rappresentano due aspetti della tecnica
agronomica non ancora risolti e che di certo influenzano notevolmen-
te l’economicità della coltura. Sono in corso studi rivolti all’indivi-
duazione di soluzioni adeguate per la raccolta dei rizomi.
La raccolta della biomassa avviene in autunno o in inverno mediante
una macchina falcia-trincia-caricatrice. Nel caso di una raccolta inver-
nale si ha una lieve perdita di sostanza secca, vista la perdita dell’ap-
parato fogliare, potendo contare però su di un contenuto di umidità
inferiore (circa 40%).

Miscanto (Miscanthus sinensis L.)

Il miscanto (Miscanthus sinensis L.) appartiene alla famiglia delle


Graminaceae. È una pianta originaria del Sud-Est dell’Asia e fu ini-
zialmente introdotta in Europa, una cinquantina di anni fa, come
pianta ornamentale.

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il miscanto è una graminacea perenne, cespitosa, con ciclo fotosinte-
tico C4, caratterizzato da un ricco sistema di radici e rizomi, e da
193
germogli che raggiungono un’altezza variabile dai 3 ai 5 metri. Le
foglie sono alterne e hanno una lunghezza che va dai 30 ai 135 cm. I
fiori sono raccolti in spighette. Grazie all’elevato ritmo di accresci-
mento e alla considerevole capacità produttiva in termini di biomas-
sa, la specie è divenuta oggetto di numerose ricerche atte a verificare
la possibilità di una sua utilizzazione industriale quale fonte alterna-
tiva di materiale lignocellulosico per impieghi energetici o cartari.
Figura 50 - Canneto di Miscanthus sinensis L.

Esigenze pedoclimatiche
Il miscanto si è ben adattato ai climi temperati e risulta essere resisten-
te alle basse temperature; i germogli e le foglie possono risultare dan-
neggiati a temperature prossime a 0°C, mentre i rizomi, se ben svilup-
pati, possono rimanere vitali a temperature inferiori a 0°C, anche per
un lungo periodo. Relativamente ai terreni, è ampiamente adattabile,
preferisce quelli profondi, sabbiosi, ricchi di sostanza organica. Il mi-
scanto si avvantaggia notevolmente dell’apporto idrico e quindi estrin-
seca appieno le proprie potenzialità produttive in comprensori irrigui.

Tecnica colturale
L’interesse per questa specie è recente e di conseguenza sono molto
scarsi gli studi relativi alla variabilità genetica sia per i caratteri mor-
fologici che produttivi. Attualmente il genotipo più utilizzato in tutte
le prove sperimentali, non solo in Italia, è il Giganteus. Quest’ultimo
deriva dall’incrocio interspecifico tra un M. sinensis e un M. sacchari-
florus. Le diverse sperimentazioni pluriennali effettuate con tale ge-
194
notipo indicano che le rese medie nel periodo di massimo accumulo
di sostanza secca sono pari a circa 30 t/ha/anno a partire dall’anno
successivo a quello di impianto.
La varietà attualmente più diffusa, la Giganteus, essendo sterile, deve
essere propagata per via vegetativa, utilizzando rizomi o piantine micro-
propagate. A tal riguardo, per effettuare il passaggio alla fase di coltura
estensiva occorre in primo luogo mettere a punto le due diverse tecniche
di propagazione; la scelta, poi, dell’una o dell’altra tecnica deve essere
effettuata sulla base di una attenta valutazione dei costi di produzione
del materiale. La moltiplicazione per rizomi si può realizzare mediante
estirpazione meccanica su piante madri di un anno: esiste la possibilità
di frammentare le ceppaie in rizomi di dimensioni accettabili mediante
una zappatrice rotativa e di poter utilizzare le macchine in commercio,
opportunamente modificate, per la raccolta dei rizomi da terra.
L’epoca di impianto del miscanto è marzo-aprile, con sesti di impian-
to di 0,5 x 0,5 metri, con un investimento di 4 piante per metro qua-
drato. L’irrigazione è indispensabile nell’anno di impianto. Apporti
crescenti di concime azotato non determinano rilevanti incrementi di
biomassa, vista la presenza di un apparato radicale avventizio ben
sviluppato che permette alla coltura di mobilizzare i nutrienti dagli
strati più profondi del suolo.
L’epoca di raccolta ottimale è nel periodo invernale (gennaio, febbraio
e marzo a seconda dell’andamento stagionale), nonostante si verifichi
un calo produttivo dovuto alla perdita di foglie e infiorescenze. Il ta-
glio effettuato in questo periodo offre diversi vantaggi: un ampliamen-
to dell’epoca di raccolta, un migliore utilizzo delle macchine operatrici,
una più precoce ripresa vegetativa della coltura e soprattutto la possi-
bilità di raccogliere un materiale a basso contenuto di umidità. Infatti,
nel corso dell’inverno si verifica una progressiva diminuzione del-
l’umidità della biomassa, fino al 20-30%. Nel caso del miscanto, effet-
tuando la raccolta a marzo, si esclude la necessità di una ulteriore es-
siccazione e ciò consente lo stoccaggio per lunghi periodi.

Panico (Panicum virgatum L.)

Il panico (Panicum virgatum L.) appartiene alla famiglia delle grami-


naceae (Poacea). Si tratta di una pianta erbacea, C4, rizomatosa, peren-
ne, nativa del Nord America dove si è diffusa dal 55° N di latitudine
sino al Messico come importante specie erbacea nelle praterie. È una
pianta molto utilizzata in America per la produzione di energia, di
fibra, per scopi alimentari e come pianta ornamentale.
195
Caratteristiche botaniche e morfologiche
Basandosi sulle caratteristiche morfologiche e gli habitat di preferen-
za, vengono definiti due ecotipi di panico: Lowland, generalmente
distribuito nelle pianure alluvionali, di più elevata taglia e maggior
velocità di sviluppo, e l’ecotipo Upland, diffuso in genere sugli alto-
piani siccitosi. La pianta presenta culmi eretti, di forma tondeggiante,
molto robusti e può superare i 2 m di altezza. Le foglie sono di colore
grigio verde, glabre, lunghe 10-60 cm, larghe 3-15 mm, finemente
scanalate; con nervatura centrale biancastra e nettamente marcata.
L’infiorescenza è a pannocchia molto grande, lassa (15-50 cm) con
numerose ramificazioni divise. Il panico si presenta con grandi cespi
e con numerosi rizomi corti e striscianti. La riproduzione avviene sia
mediante rizomi che mediante seme.

Esigenze pedoclimatiche
Il panico è una coltura poco esigente, si adattata a resistere in condizioni
di stress idrico e a lunghi periodi di freddo intenso. Riguardo le caratte-
ristiche del terreno, il panico in genere predilige suoli umidi e limosi.

Tecnica colturale
La lavorazione principale del terreno e i successivi lavori di prepara-
zione non differiscono da quelli normalmente praticati per altre col-
ture da rinnovo seminate nella primavera avanzata, quali, ad esem-
pio, mais e sorgo.
L’epoca di semina varia da maggio a metà luglio, con una densità va-
riabile da 200 a 400 piante per metro quadrato. La scelta di una così
elevata densità di semina non va a influenzare la produzione finale di
sostanza secca, ma migliora la densità delle piante e quindi la copertu-
ra del terreno. Il panico richiede una preparazione del letto di semina
ottimale al fine di ottenere una buona emergenza delle piante. Il primo
anno di coltura è necessario il controllo delle malerbe.
La concimazione azotata sembrerebbe non influenzare la produttività
della pianta, altro fattore che mette in evidenza la moderata necessità
di input di questa coltura.
È possibile trovare varietà provenienti dall’America che si adattano alle
condizioni climatiche dei nostri areali. Risulta estremamente importante
la latitudine di origine della varietà al fine di determinare l’adattamento
della coltura: in genere varietà originatesi a basse latitudini possono ave-
re una maggior produzione in sostanza secca, ma possono anche au-
mentare l’eventualità di mancato attecchimento il primo anno e di mo-
strare un calo della produzione negli anni successivi.
196
Il primo anno di coltura sono attesi livelli di produzione in sostanza
secca da 6 a 12 t/ha, mentre negli anni successivi si passa da 14 a 24
t/ha di sostanza secca.

Pioppo (Populus spp. L.)

Appartengono alla famiglia delle Salicaceae che comprende i due ge-


neri Salix e Populus. Populus alba e P. nigra sono specie indigene e il
loro areale comprende l’Europa centro-meridionale, l’Asia occidenta-
le e l’Africa settentrionale; P. deltoides è originario dell’America del
Nord tra le pianure centro-occidentali e l’oceano Atlantico; P. x eura-
mericana è un ibrido tra il P. nigra e il P. deltoides.

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Si tratta di alberi di media grandezza (15-20 m); hanno foglie alterne,
semplici e caduche palminervie e di varia forma (subtriangolare nel
P. nigra, palmato-lobate nel P. alba). I fiori sono unisessuali e riuniti in
amenti peduncoli; il frutto è una capsula che si apre a maturità.

Esigenze pedoclimatiche
I pioppi sono entità eliofile e igrofile, necessitano di una temperatura
media annua compresa tra gli 8,5°C e i 17°C e precipitazioni annue di
almeno 700 mm; temono le siccità estive prolungate e vegetano bene
su terreni non troppo tenaci e con un pH compreso tra 5,5 e 7,5, men-
tre rifuggono da quelli troppo pesanti o sciolti.
Figura 51 - Pioppo in Short Rotation Forestry
197
Tecnica colturale
Nella Short Rotation Forestry (SRF) si utilizzano ibridi di pioppo selezio-
nati per sopportare le elevate densità di impianto e per ottenere accre-
scimenti particolarmente rapidi. La raccolta, che può essere annuale,
biennale, o quadriennale, è completamente meccanizzata, e non preve-
de la rimozione dell’apparato radicale. Nel caso di raccolta biennale,
sono previsti 4-5 raccolti per una durata complessiva dell’impianto di
8-10 anni. Alla fine del ciclo l’eliminazione della ceppaia non presenta
particolare laboriosità essendo sufficiente un passaggio con una parti-
colare fresa sul terreno; non c’è quindi la necessità di scalzare la cep-
paia, con i conseguenti costi onerosi. Le piantagioni hanno una densità
che varia dalle 6.000 alle 14.000 piante/ha. Il materiale può essere di-
sposto in campo su file semplici o su file binate.
I lavori di impianto, così come tutte le altre operazioni, sono comple-
tamente meccanizzati. Vengono messe a dimora talee legnose di circa
22 cm di lunghezza che, in seguito ad opportune cure colturali, nel-
l’arco di una/due stagioni vegetative danno origine a piante pronte
per la trinciatura.
Nel caso di trinciatura annuale si vanno a raccogliere piante alte 4
metri, mentre nel caso di trinciatura biennale le piante hanno rag-
giunto altezze nell’ordine di 7-8 metri. La raccolta si esegue durante
il periodo di riposo vegetativo, da novembre ad aprile. È importante
che le operazioni di raccolta siano eseguite con un terreno in buone
condizioni onde evitare che le macchine operatrici danneggino l’ap-
parato radicale delle piante, compromettendo la futura produzione. I
polloni hanno uno sviluppo molto vigoroso grazie ai robusti appara-
ti radicali delle ceppaie e sono in grado di raggiungere in una sola
stagione vegetativa, in condizioni ottimali, l’altezza di 6-7 metri.
La preparazione del letto di impianto prevede un’aratura a 30 cm e,
nel caso non si abbiano impianti con telo pacciamante biodegradabi-
le, si necessita di un trattamento diserbante antigerminativo in pre-
emergenza. Durante il ciclo vegetativo sono necessari degli interventi
di pulizia dell’interfila mediante erpicatura. Nella concimazione gli
apporti vanno calcolati in base alle asportazioni relative alla raccolta
utile del prodotto e al tipo di terreno.
Diverse sono le problematiche con questi impianti a ciclo breve: si ricorda
che si necessita di cloni che resistano a sesti di impianto fitti, e che presen-
tino resistenza a diversi patogeni fungini e non (Venturia sp., Melamspora
sp., Marssonina sp., necrosi corticale, macchie brune, virus del mosaico).
Importanti risultano anche i trattamenti contro gli insetti dannosi e un
accurato controllo delle infestanti il primo anno di coltura.
198
Diversi sono i cloni disponibili sul mercato al giorno d’oggi, specifi-
catamente selezionati per la loro adattabilità alle diverse condizioni
pedoclimatiche. In generale si tratta di cloni che presentano una spic-
cata dominanza apicale, una elevata tolleranza alle avversità e un
periodo vegetativo che si aggira attorno ai 165 giorni.
La raccolta si effettua a 2-4 anni dall’impianto, quando il diametro al
colletto è al massimo di 10 cm. Si interviene durante il riposo vegeta-
tivo, con due modalità di raccolta: una eseguita con macchine falcia-
trincia-caricatrici che permette l’ottenimento di un prodotto cippato
con alto contenuto in umidità (50-55%) e pertanto facilmente deterio-
rabile; la seconda prevede la raccolta di piante intere con la formazio-
ne di cataste a bordo campo consentendo l’essiccazione naturale al-
l’aria del materiale. La produzione in sostanza secca annualmente si
aggira sulle 10-12 t/ha.

Robinia (Robinia pseudoacacia L.)

La robinia (Robinia pseudoacacia L.), appartenente alla famiglia delle


Leguminosae, è originaria dell’America nord-orientale (Monti
Appalachi) ed è stata introdotta in Europa agli inizi del ‘600. È una
specie rustica, frugale, in grado di migliorare il terreno attraverso la
fissazione dell’azoto atmosferico.

Caratteristiche botaniche e morfologiche


La robinia presenta un fusto eretto e slanciato, alto fino a 20 m. Le
foglie sono caduche, alterne, imparipennate, formate da 5-12 paia di
foglioline. I fiori, con corolla bianca e papilionacea, sono portati in
grappoli penduli all’ascella delle foglie. I frutti sono legumi schiaccia-
ti, coriacei, lisci e di color bruno.

Esigenze pedoclimatiche
È una specie rustica, caratterizzata da una notevole adattabilità pedo-
climatica, nei nostri climi può vegetare dal livello del mare fino ad
oltre 1.000 m di quota. Predilige suoli liberi da calcare, sciolti e ben
drenati, ma si adatta anche a quelli compatti. Nelle prime fasi di svi-
luppo può tollerare un certo grado di ombreggiamento, in seguito
diviene spiccatamente eliofila.

Tecnica colturale
L’impianto prevede l’utilizzo di semenzali di un anno a radice nuda.
La messa a dimora viene effettuata con le comuni trapiantatrici fore-
199
stali o per l’orticoltura. In questo ultimo caso, il materiale deve essere
sottoposto a potatura allo scopo di ridurre a 10 cm l’apparato epigeo
e quello ipogeo. Nelle Short Rotation Forestry (SRF), la densità è di
10.000-15.000 piante per ettaro. Il materiale può essere disposto in
campo su file semplici o su file binate. La specie non necessita di
concimazioni azotate, avvantaggiandosi della fissazione simbiotica
dell’azoto atmosferico ad opera di batteri del genere Rhizobium.
Fosforo e potassio vengono invece somministrati durante i lavori
preparatori del terreno. La lotta alle malerbe si effettua con diserbo
chimico al momento della preparazione del terreno; in seguito, dopo
la messa a dimora delle talee, si interviene con prodotti residuali con
azione antigerminello; nell’interfila vanno eseguite delle sarchiature.
L’irrigazione della coltura non è economicamente proponibile, sono
previsti interventi di soccorso nelle primavere particolarmente sicci-
tose per favorire l’attecchimento delle talee e dei semenzali.
La raccolta va effettuata a 2-4 anni dall’impianto, quando il diametro
al colletto è al massimo di 10 cm. Si interviene durante il riposo vege-
tativo, con due modalità di raccolta: una eseguita con macchine “fal-
cia-trincia-caricatrici” che permette l’ottenimento di un prodotto cip-
pato con alto contenuto in umidità (50-55%) e pertanto facilmente
deteriorabile; la seconda prevede la raccolta di piante intere con la
formazione di cataste a bordo campo consentendo l’essiccazione na-
turale all’aria del materiale (combustibile più asciutto). Nel caso della
robinia, al termine del ciclo produttivo, quando si effettua la tritura-
zione delle ceppaie, occorre prevedere anche un trattamento con un
disseccante per eliminare il ricaccio dei polloni. La produzione in
sostanza secca si aggira sulle 5 t/ha.

6.1.2 Colture oleaginose

Girasole (Helianthus annuus L.)

Il girasole, Helianthus annuus, appartiene alla famiglia delle Asteraceae


(Compositae), ed è la più importante tra le 100 specie del genere
Helianthus. Il nome “girasole” deriva dal caratteristico movimento
eliotropico che le piante di questa specie presentano durante la fase
giovanile: esse possono ruotare, mediante torsione del peduncolo, in
modo da mantenere l’apice sempre rivolto verso il sole. All’alba le
calatidi sono rivolte verso Est, poi iniziano a ruotare per trovarsi, al
tramonto, rivolte verso Ovest; durante la notte il peduncolo si torce
in senso opposto. Questa particolare caratteristica cessa prima che le
200
calatidi giungano a maturazione, dopo di che le calatidi rimangono
costantemente rivolte verso Nord - Nord Est.

Figura 52 - Fiore di girasole

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il girasole è una pianta erbacea annuale, caratterizzata da un notevo-
le sviluppo dei suoi organi, sia per quanto riguarda la lunghezza
dello stelo che la larghezza dell’infiorescenza. Il fusto si presenta eret-
to, tendenzialmente cilindrico, robusto, rugoso, ispido e ripieno al-
l’interno di midollo. Le specie da olio hanno in genere un’altezza
compresa tra 0,6 e 2,2 metri. Il fusto è eretto solo a maturazione e si
piega nella parte terminale per il peso della calatide. Le foglie (pre-
senti in numero variabile tra 12 e 40) sono alterne, grandi, semplici,
lungamente picciolate, cordate od ovate, acute, dentate. Il girasole
presenta un’infiorescenza terminale a capolino detta “calatide”, costi-
tuita da un ricettacolo discoidale piatto circondato da una doppia o
plurima serie di brattee. Nelle varietà coltivate le calatidi hanno un
diametro di 15-50 cm e sono formate da 700-3.000 fiori (nelle varietà
da olio). L’impollinazione è entomofila. Il frutto è un achenio (frutto
secco indeiscente) di forma allungata, costituito da un pericarpo duro
e fibroso aderente al seme, di colore variabile dal bianco al nero, mol-
to spesso grigio scuro, con striature più o meno chiare a seconda
della varietà.
L’apparato radicale è fascicolato e molto sviluppato, soprattutto nei
primi 40 cm di terreno.
201
Esigenze pedoclimatiche
Il girasole è una pianta a ciclo primaverile estivo che dimostra buona
adattabilità e non presenta esigenze eccessive. Essendo originaria di
ambienti a clima temperato, predilige temperature relativamente alte;
le esigenze termiche sono maggiori nelle prime fasi di crescita e dimi-
nuiscono leggermente alla maturazione: la temperatura ottimale di
germinazione è di 15°C, per le prime fasi di sviluppo di 18°C, mentre
per la fioritura e maturazione di 18-22°C.
Il girasole non ama i substrati troppo sciolti, in quanto tendenzial-
mente sterili e incapaci di trattenere l’acqua, e quelli pesanti e freddi;
predilige terreni di medio impasto, profondi oppure quelli organici.
È moderatamente tollerante della salinità.

Tecnica colturale
Nonostante il suo apparato radicale abbia struttura fittonante, il gira-
sole non possiede forte capacità penetrativa nel terreno, pertanto ne-
cessita di adeguati interventi preparativi, in particolar modo nei ter-
reni più tenaci. Per quanto riguarda le concimazioni si prevede la
distribuzione di 100 unità/N/ha in un’unica distribuzione di coper-
tura al momento della sarchiatura o, in alternativa, dosi lievemente
superiori in pre-semina; per il fosforo si distribuiscono 50 unità/P/ha
localizzate alla semina o, in alternativa, 70 a pieno campo. È possibile
eliminare del tutto la concimazione fosfatica nei terreni ben dotati
(orientativamente al di sopra di 20 ppm di P Olsen); per il potassio
vale il principio di non concimare i terreni a dotazione medio-buona,
intervenendo solo in quelli carenti con una dose di circa 60 unità per
ettaro, più che compensativa delle reali asportazioni.
L’epoca ottimale per la semina varia dalla fine di marzo ad aprile. La
densità è compresa tra 50.000 e 70.000 piante/ha; si possono impiegare
seminatrici da mais o da barbabietola. La distanza tra le file è quindi
normalmente compresa tra i 45 e i 70 cm. La quantità di seme necessa-
ria varia da 5 a 7 kg/ha. Per quanto riguarda la lotta alle malerbe, il
girasole, grazie alla rapidità del suo sviluppo, ha normalmente effetto
soffocante sulle erbe infestanti; va tuttavia protetto nelle fasi iniziali del
ciclo. La lotta viene effettuata con sarchiature, finché l’altezza delle
piante lo permette (40 cm), e/o con trattamenti chimici.
La raccolta viene fatta quando gli acheni, il cui contenuto in acqua è
inferiore al 10%, si staccano facilmente dalla calatide; ciò avviene cir-
ca 15-20 giorni dopo la maturazione completa che si raggiunge quan-
do la calatide e le foglie si presentano secche e gli steli sono di color
bruno. In Italia il girasole viene raccolto dalla metà di agosto (nelle
202
zone più calde) alla metà di settembre, utilizzando le mietitrebbiatrici
da frumento adattate o con testata da mais dotata di spartitore per
ogni fila.
Come è noto il legislatore comunitario ha posto in essere il Regola-
mento (CE) n. 2461/1999 della Commissione, in data 19/11/1999,
recante modalità d’applicazione del regolamento (CE) n. 1251/1999
sull’uso di superfici ritirate dalla produzione per ottenere materie
prime per la fabbricazione di prodotti non destinati al consumo uma-
no o animale.
Sulla scia di quanto previsto dal legislatore comunitario, l’Agea
(Agenzia per le erogazioni in agricoltura) ha ritenuto opportuno
emanare la Circolare 1 marzo 2004, n. 5 (in G.U. n. 58 del 10/03/2004)
che stabilisce per ogni Provincia italiana le rese preventive da appli-
care ai terreni a riposo e destinati alla trasformazione industriale per
uso non alimentare. Le rese sono considerate rappresentative e appli-
cabili alla campagna 2004/2005 per i contratti delle colture che risul-
tano coltivate su terreni ritirati dalla produzione allo scopo di ottene-
re materiali per la fabbricazione nella Comunità di prodotti non de-
stinati al consumo umano o animale.
Vengono qui di seguito riportate le rese preventive del girasole non
food da applicare ai terreni messi a riposo, nella regione Friuli
Venezia Giulia per la campagna 2004/2005 (tabella 51).

Tabella 51 - Rese preventive per zone omogenee per la coltura del girasole (t/ha)

Provincia Nome zona Resa 04/05 (t/ha)

Udine Montagna int. 1,33

Udine Collina int. 1,85

Udine Pianura 2,41

Gorizia Collina int. 1,25

Gorizia Pianura 2,43

Trieste Collina lit. 1,20

Pordenone Montagna int. 1,10

Pordenone Collina int. 1,82

Pordenone Pianura 2,22


203
Colza (Brassica Napus L.)

Il colza (Brassica napus L. var. oleifera D.C.) appartiene al gruppo delle


piante oleaginose, in particolare alla famiglia delle Cruciferae e al gene-
re Brassica. Spontanea in Europa e nel nord-ovest dell’Africa, si ritiene
sia stata addomesticata dopo che fu apprezzato il valore nutritivo del
seme di questa malerba, spesso infestante dei campi di cereali.

Figura 53 - Piante di colza (fonte: www.kulak.ac.be)

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il colza coltivato è una pianta erbacea annuale. L’apparato radicale è
fittonante, non molto profondo e si espande soprattutto nei primi 35-
40 cm di suolo. Il fusto si presenta eretto e ramificato, normalmente
raggiunge un’altezza di 1,5 m e differenzia circa 20 foglie; nei primi
stadi di crescita si presenta molto raccorciato ed è formato da una
rosetta di foglie; negli stadi successivi gli internodi superiori dello
stelo si allungano (levata).
L’infiorescenza a grappolo è terminale, formata da 150-200 fiori erma-
froditi, aventi la struttura tipica delle Cruciferae. La fioritura è scalare
basipeta, procede cioè dalla base verso l’apice dei vari rami dell’infio-
rescenza, e dura circa un mese. Il colza è autofertile ed entomofilo, ed
è possibile sia la fecondazione autogama che allogama. Il frutto che si
204
sviluppa dal fiore fecondato è una siliqua (frutto secco deiscente). La
deiscenza delle silique ha da sempre rappresentato un grave proble-
ma pratico, in quanto la sgranatura alla raccolta comporta ingenti
perdite di prodotto. Proprio per risolvere questo inconveniente sono
state selezionate nuove varietà di colza che presentano un grado di
indeiscenza sufficiente a consentire un certo ritardo nella raccolta
senza eccessivo danneggiamento. I semi sono piccoli, lisci e sferici,
con tegumento di colore bruno rossastro che diventa più scuro col
procedere della maturazione.

Biologia
Nel clima italiano il ciclo biologico del colza è autunno-primaverile.
Seminato tra la fine di settembre e i primi di ottobre, emerge dal
terreno dopo 10-15 giorni con le due foglie cotiledonari; successiva-
mente emette nuove foglie che formano una rosetta. È proprio que-
sto lo stadio di massima resistenza al freddo (6-8 foglie, fittone di
15-20 cm e colletto del diametro di 6-7 mm): fino a diversi gradi
sotto zero (-15°C), purché non vi siano ristagni d’acqua.
Nel corso dell’inverno, sotto l’azione delle basse temperature (verna-
lizzazione) avviene il viraggio dell’apice, che cessa di formare foglie
per formare gli abbozzi fiorali. È fondamentale dire che le varietà
autunnali non entrano nella fase riproduttiva se non sono state sotto-
poste a un periodo di vernalizzazione che si realizza con la perma-
nenza, per almeno 40 giorni, a temperature inferiori a 10°C.
La levata inizia nella seconda metà di marzo, quando il fusto è lungo
circa 20 cm ed è già visibile l’infiorescenza principale. Nella prima deca-
de di aprile, nonostante la pianta non abbia terminato la crescita vegeta-
tiva, inizia la fioritura; non è raro osservare sulla stessa infiorescenza la
presenza contemporanea di fiori in boccio, fiori in antesi e silique.
Dopo 30-40 giorni dalla fecondazione i semi cominciano a riempirsi
di materiali di riserva: il contenuto di olio raggiunge il massimo va-
lore dopo circa 60 giorni. Il seme giunge a maturazione dopo 80 gior-
ni dalla fioritura. Alla maturità delle silique la pianta si presenta in
gran parte defogliata e con la parte terminale dello stelo e delle rami-
ficazioni secche.

Esigenze pedoclimatiche
Il colza è una pianta microterma e non necessita quindi di temperatu-
re elevate per svilupparsi. Lo zero di vegetazione è a 6-8°C. Questa
coltura teme periodi siccitosi soprattutto durante le fasi di levata e
fioritura. Il colza predilige climi temperati, umidi, non troppo soleg-
205
giati. La pianta, nel complesso, non è particolarmente esigente: predi-
lige terreni profondi, freschi, fertili e leggeri, si adatta a quelli argillo-
si, calcarei e torbosi, purché ben drenati. Tollera sufficientemente la
salinità e il pH del terreno.

Tecnica colturale
Nelle regioni asciutte del Centro-Nord Italia il colza può avvicendar-
si al frumento. Consegue ottimi risultati dopo leguminose pratensi o
da granella mentre non risulta conveniente la successione a se stesso,
soprattutto quando si verificano attacchi di Phoma lingam, agente fun-
gino responsabile del cancro del fusto delle Brassicaceae.
Particolare attenzione deve essere riservata alla preparazione del let-
to di semina, in quanto i semi sono di dimensioni ridotte. Normalmente
viene eseguita un’aratura di media profondità (25-30 cm). Nel caso in
cui il terreno si presentasse troppo soffice al momento della semina è
necessaria una rullatura.
Il colza ha fabbisogni nutritivi abbastanza contenuti. Alla fine del ciclo
la coltura contribuisce ad arricchire il terreno di sostanza organica e di
elementi nutritivi con l’abbondante massa dei suoi residui colturali. Si
sottolinea anche che, compiendo buona parte del suo ciclo nei mesi
freddi e piovosi, esplora attivamente il terreno, intercettando e assor-
bendo nitrati, contribuendo così a limitare il rischi di lisciviaggio.
Le concimazioni consigliate sono di 80-120 unità N/ha in un’unica
distribuzione alla ripresa vegetativa di fine inverno; di 50 unità P/ha
in pre-semina a pieno campo, o localizzate; è possibile eliminare del
tutto la concimazione fosfatica nei terreni ben dotati (P Olsen oltre 20
ppm). Normalmente non necessita di concimazione con potassio.
Il colza presenta un seme di dimensioni minute che richiede un letto
di semina ben preparato in quanto la profondità di deposizione deve
essere necessariamente minima. Il periodo per la semina varia in fun-
zione dell’ambiente di coltivazione. In linea generale si opera in mo-
do da far raggiungere alla pianta lo stadio di rosetta al sopraggiunge-
re dei primi freddi. Per quanto riguarda le coltivazioni italiane, la
data consigliabile è compresa tra la metà di settembre e quella di ot-
tobre. La semina viene effettuata a file continue, distanti 15-20 cm,
con 10-12 kg/ha di seme, alla profondità di 2-3 cm, adottando una
seminatrice da grano. Con l’impiego di seminatrici pneumatiche di
precisione si può ridurre la quantità di seme a 5-8 kg/ha e adottare
una distanza tra le file fino a 45 cm e 2-2,5 cm sulla fila, in maniera
da consentire la sarchiatura meccanica, particolarmente efficace per il
controllo di infestanti (soprattutto crucifere). Molto importante è assi-
206
curare una densità ottimale alla raccolta intorno alle 40 piante/m2,
tenendo presente che densità elevate predispongono le piante all’al-
lettamento e le rendono più soggette a danni da freddo.
La raccolta viene effettuata quando l’umidità del seme è inferiore al
14%, in tali condizioni le piante sono secche e i semi sono neri. La
data è compresa, al Nord Italia, tra la seconda e la terza decade di
giugno. Si impiegano mietitrebbie con testata per frumento opportu-
namente regolate.
Le attuali produzioni medie sono dell’ordine di 2,6 t/ha, con punte
di oltre 3 t/ha nel Nord Italia. Queste ultime, quindi, sono da ritene-
re un obiettivo fattibile per le superfici a set-aside. A questo proposito
si sottolinea che le rese medie nel Centro-Europa (Francia-Germania)
variano dalle 3 alle 4 t/ha a seconda del clima.
Anche per il colza si riporta la Circolare 1 marzo 2004, n. 5 (in G.U. n.
58 del 10/03/2004) dell’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltu-
ra) riguardante le rese preventive da applicare ai terreni a riposo e
destinati alla trasformazione industriale per uso non alimentare. Le
rese, qui riferite quelle riguardanti la regione Friuli Venezia Giulia
(tabella 52), sono considerate rappresentative e applicabili alla cam-
pagna 2004/2005 per i contratti delle colture che risultano coltivate
su terreni ritirati dalla produzione allo scopo di ottenere materiali per
la fabbricazione nella Comunità di prodotti non destinati al consumo
umano o animale.

Tabella 52 - Rese preventive per zone omogenee per la coltura del colza (t/ha)

Provincia Nome zona Resa 04/05 (t/ha)

Udine Montagna int. 1,00

Udine Collina int. 1,75

Udine Pianura 1,80

Gorizia Collina int. 1,00

Gorizia Pianura 1,86

Trieste Collina lit. 1,00

Pordenone Montagna int. 1,00

Pordenone Collina int. 1,19

Pordenone Pianura 1,32


207
6.1.3 Colture alcoligene

Barbabietola da zucchero (Beta vulgaris var. saccharifera)

Pianta base per la produzione di zucchero, venne sfruttata solo dal


1700 per questa sua attitudine, permettendo allo zucchero, una volta
prodotto solo da canna da zucchero, di diventare un prodotto di uso
generalizzato. Lo zucchero prodotto è il saccarosio, ovvero un disac-
caride composto da glucosio e fruttosio.

Caratteristiche botaniche e morfologiche


La barbabietola da zucchero appartiene alla famiglia delle Chenopodia-
ceae e ha un ciclo biologico biennale. Nel primo anno si sviluppa una
rosetta di foglie ampie, spesse, lisce o bollose. Nel corso dell’inverno si
arresta la vegetazione, riprendendo nella primavera del secondo anno
con lo sviluppo di un fusto fiorale di circa un metro di altezza, provvi-
sto di numerose ramificazioni portanti fiori verdastri. I semi, piccoli e
bruni, sono racchiusi in un involucro rugoso, detto glomerulo.
Nella coltura per la produzione dello zucchero, la barbabietola è ma-
tura per la raccolta nel primo anno, quando il fittone ha cessato di
ingrossarsi e di accumulare saccarosio, e le foglie ingialliscono. La
radice fittonante, di forma conica, ha un contenuto medio in saccaro-
sio pari al 15% del suo peso.

Esigenze pedoclimatiche
La coltivazione della barbabietola si avvantaggia particolarmente di
terreni profondi e permeabili, capaci di trattenere elevate quantità
d’acqua, ma ben drenati. La tessitura del terreno influenza il risultato
nelle sue componenti produttive e qualitative, in quanto nei terreni
limoso-sabbiosi si conseguono tenori zuccherini contenuti, ma eleva-
te rese, mentre nei terreni argillosi si verifica un andamento opposto.
Buona tolleranza ai terreni salini.
Riguardo le esigenze climatiche, la temperatura minima di germina-
zione ed emergenza è di 6°C; temperature comprese tra i 10°C e i
20°C e alta intensità luminosa favoriscono l’accumulo dello zucchero
nel fittone.

Tecnica colturale
La preparazione del terreno per la barbabietola viene fatta seguendo
le normali pratiche agricole e in funzione della tipologia di terreno: è
208
da ricordare che il fittone deve poter penetrare in profondità senza
trovare strati che ne limitino lo sviluppo e che la coltura è sensibile ai
ristagni idrici. Si procede quindi a una lavorazione superficiale, unita
a una rippatura, specie in terreni argillosi, al fine di garantire un pro-
filo omogeneo e con buona riserva d’acqua.
La scelta relativa all’epoca di semina è correlata alla natura dei terre-
ni, infatti, nei terreni freddi che presentano inizialmente uno svilup-
po rallentato della vegetazione, risulta opportuno posticipare le semi-
ne alla prima decade di marzo. Negli altri terreni le semine procedo-
no dalla seconda metà di febbraio. La profondità ottimale di semina
è correlata all’epoca di semina: nelle semine più precoci si hanno pro-
fondità pari a 2-3 cm, in quelle tardive 3-4 cm. Gli investimenti hanno
l’obbiettivo finale di 10-12 piante/m2, con una distanza tra le file di
45 cm. L’avvicendamento è essenziale per la barbabietola, infatti, vi-
sto l’elevato numero di parassiti (cercospora e nematodi), la coltura
deve tornare sullo stesso terreno ogni quattro anni e nella rotazione
non si possono prevedere colture come colza o altre crocifere in quan-
to ospiti di nematodi.
Per quanto riguarda la concimazione, la barbabietola necessità di
60-100 unità N/ha distribuite alla semina e ulteriori 40-60 unità N/ha
in copertura se necessario, mentre il fosforo viene distribuito in ma-
niera localizzata alla semina, 70-90 unità P2O5/ha, visto il suo effet-
to starter. In terreni normalmente dotati non si necessita di concima-
zione potassica. In certi areali del Friuli Venezia Giulia si possono
riscontrare carenze di alcuni microelementi, come il boro o il man-
ganese.
La qualità della barbabietola da zucchero è fortemente influenzata
dalle modalità di raccolta delle radici. La tara per terra, le modalità
di scollettatura, le ferite o rotture dei fittoni e la conservazione sono
fattori che influenzano fortemente il prodotto finale. La raccolta si
effettua tra agosto e i primi di settembre, mediante apposite macchi-
ne che provvedono alla scollettatura e defogliazione delle piante,
alla estirpazione e al carico. La produzione in fittoni varia tra le 45
e le 50 t/ha.

Frumento tenero (Triticum aestivum L.)

Il frumento tenero (Triticum aestivum L.) appartiene alla famiglia delle


Graminaceae. È una pianta che è stata, ed è, un alimento centrale per
le popolazioni europee. La coltura risale a 6.000-10.000 anni fa, dap-
prima in Asia minore sino a diffondersi nel Mediterraneo. Ad oggi il
209
frumento tenero è coltivato dai 67°N, di Finlandia e Russia, ai 45°S
dell’Argentina, e si trova anche in alcune zone tropicali e subtropica-
li come Kenya e Mozambico.
Figura 54 - Spighe di frumento tenero (fonte: www.cermis.it)

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il frumento tenero è un cereale autunno-vernino, microtermo. La
pianta presenta un apparato radicale fascicolato e un fusto con nodi e
internodi, e con foglie a bandiera. Le diverse fasi fenologiche preve-
dono la fuoriuscita del coleoptile dal seme, l’accestimento, la levata,
la fioritura e la spigatura.
Il culmo può arrivare a 70-80 cm di altezza, a seconda delle condizio-
ni ambientali e delle caratteristiche genetiche: altezze superiori pos-
sono aumentare il rischio di allettamento della pianta. Il culmo pre-
senta 5-8 nodi e internodi ed è cilindrico e cavo. Dopo che la plantula
ha emesso 3-4 foglie dai nodi basali si originano culmi secondari (ac-
cestimento). Le foglie sono da 5 a 8. L’apparato radicale fascicolato
prevede la presenza iniziale delle radici primarie che vengono poi
sostituite dalle radici avventizie, le quali si sviluppano dai primi nodi
del fusto a 2-3 cm sotto la superficie del terreno. L’infiorescenza è una
spiga al cui rachide seghettato sono attaccate 18-20 spighette. Il frutto
è una cariosside amidacea.
Le diverse varietà di frumento vengono classificate mediante un
indice sintetico di qualità (ISQ) che prevede, in base ad alcuni para-
metri tecnologici, la suddivisione nelle classi di destinazione d’uso:
frumenti di forza (FF), frumenti panificabili superiori (FPS), fru-
210
menti panificabili (FP), frumenti da biscotto (FB) e frumenti per altri
usi (FAU).

Esigenze pedoclimatiche
Il frumento tenero si adatta soprattutto ai terreni ben dotati, di medio
impasto e argillosi, mentre dà produzioni scadenti in suoli sabbiosi,
poveri o a reazione acida. Le varietà a semina invernale coltivate in
Italia sopportano bene i freddi invernali e richiedono a partire dalla
levata, temperature crescenti. In fase di maturazione il frumento si
avvantaggia di un clima caldo e poco piovoso anche se gli eccessi di
temperatura, accompagnati da vento caldo, possono determinare la
formazione di granella striminzita e scarse rese. È una pianta con
medie esigenze idriche, concentrate soprattutto nel periodo tra la le-
vata e le prime fasi di maturazione; teme fortemente, specie nei pe-
riodi freddi, il ristagno di acqua nel terreno a seguito del quale si
verificano sviluppo stentato per asfissia radicale e attacchi parassita-
ri; teme inoltre i forti venti e i temporali primaverili in quanto causa
di allettamento.

Tecnica colturale
La pratica più diffusa per la preparazione del letto di semina prevede
una aratura, più o meno profonda, e successive operazioni di affina-
mento. Negli ultimi anni comunque si stanno mettendo in mostra dei
sistemi alternativi, con lavorazioni semplificate del terreno, che van-
no dalla riduzione della profondità dell’aratura tradizionale alla mi-
nima lavorazione, sino ai casi estremi di non lavorazione del terreno,
tecnica conservativa radicale. Ciò al fine di ridurre i costi colturali e
per risolvere alcuni problemi di tipo ambientale e agronomico.
L’epoca di semina, nel Nord Italia, va da ottobre ai primi di novembre
e vengono utilizzati circa 180 kg di seme/ha. La profondità di semina
va dai 3 ai 5 cm per i terreni umidi o sciolti rispettivamente. Riguardo
alla scelta varietale, oltre alle caratteristiche qualitative, vanno conside-
rate per i loro riflessi sulla qualità e sulla difesa, la fertilità della pianta,
la resistenza all’allettamento e la sensibilità ai parassiti, che vanno cor-
relate all’ambiente in cui si opera. Per quanto riguarda le concimazioni,
come per le altre colture si rende necessaria una stima delle asportazio-
ni della coltura. Si consigliano 50-80 unità N/ha in fase di accestimento
della coltura e 70-90 unità N/ha in fase di levata; per quanto riguarda
fosforo e potassio non si effettuano fertilizzazioni in terreni normal-
mente ben dotati, mentre si possono dare alla semina 70 e 60 unità/ha
di fosforo e potassio, rispettivamente, nei rimanenti terreni.
211
La raccolta si esegue a maturazione piena della granella quando
l’umidità della stessa è inferiore a 13,5%, che è il limite massimo per
una buona conservazione. Il periodo di raccolta va da giugno a lu-
glio. Le produzioni medie di granella sono di 8 t/ha (13% umidità).
Da ricordare che, con il miglioramento genetico, è stato modificato
l’harvest index del frumento tanto che oggi è 1:1, ciò a dire che per 1 t
di granella si ha 1 t di paglia, la quale è un’altra importante fonte di
biomassa.

Mais (Zea mais L.)

Originario delle zone a clima tropicale e subtropicale del continente


americano, il mais è stato importato in Europa ai tempi di Cristoforo
Colombo. Alcuni reperti archeologici e paleobotanici hanno permesso
di stabilire con una certa sicurezza che il mais era già conosciuto in
Messico fin dall’epoca preistorica (tra i 2500 e i 5200 anni a.C.).
Introdotto in Spagna nel 1493, il mais si diffuse abbastanza rapida-
mente negli altri Paesi europei prima a scopo ornamentale, un secolo
dopo come risorsa alimentare. Dall’Europa, soprattutto per opera dei
Portoghesi, il mais si diffuse in Africa e in Asia, mentre fu portato in
America settentrionale dagli Inglesi.

Caratteristiche botaniche e morfologiche


Il nome scientifico, Zea mays L., deriva dalla parola greca Zao che signi-
fica “vivere” e dalla parola Mayze che significa “pane”; in definitiva la
traduzione del nome botanico del mais potrebbe essere “pane di vita”.
Il mais appartiene alla famiglia delle Graminacee, tribù delle Maydeae; si
tratta di una pianta dotata di fotosintesi con sistema C4 ed è caratteriz-
zata da un’alta capacità produttiva. È una pianta monoica, di taglia
notevole (2-4 m); l’infiorescenza maschile è un pannicolo, detto pen-
nacchio, ed è portato all’apice del fusto grosso e carnoso, detto stocco.
L’infiorescenza femminile è una spadice detta impropriamente pan-
nocchia, la quale è costituita da un grosso asse centrale, il tutolo, sul
quale si inseriscono un numero variabile di file di spighette riunite in
coppie (14-20) e che hanno un solo fiore fertile. La fecondazione è allo-
gama e anemofila. Il frutto è una cariosside.
La pianta ha un unico asse con una modesta capacità di accestimento.
Le foglie sono disposte alternativamente sui due lati dello stocco, una
per nodo; hanno portamento eretto con lamina di forma lanceolata e
nervatura mediana grossa.
Il mais presenta radici seminali, la cui funzione si esaurisce nei primi
212
stadi (5-6 foglie aperte), radici avventizie del tipo fascicolato, che
hanno origine dalla corona, e radici aeree che prendono origine dai
primi 2-3 nodi fuori terra e hanno funzione di ancoraggio.

Esigenze pedoclimatiche
Il mais è una pianta a ciclo estivo e viene seminata in primavera per
utilizzare maggiormente la stagione utile; è sensibile al freddo, spe-
cialmente durante i primi stadi di sviluppo. La temperatura minima
di germinazione è di 10°C, mentre quella ottimale di sviluppo varia
tra i 24-30°C, in funzione dello stadio vegetativo della pianta. Per
quanto riguarda le esigenze pedologiche, ottimi sono i terreni profon-
di con pH tra 6 e 6,5.

Tecnica colturale
Il mais è coltura con esigenze idriche elevate, ha taglia grande e un
apparato radicale che raggiunge 1,5-2 m di profondità. La lavorazio-
ne tradizionale si basa sull’aratura a 25 cm per terreni sciolti e a 30-35
cm in terreni pesanti. Dopo l’aratura occorre affinare il terreno con
operazioni di erpicatura. La tendenza è di arare in autunno in modo
che il terreno in primavera sia già in parte preparato.
L’epoca ottimale di semina si ha quando la temperatura media del
suolo raggiunge almeno i 9-10°C, il che avviene normalmente nel
mese di aprile. L’epoca di semina varia anche in funzione della classe
dell’ibrido utilizzato; generalmente per ogni ibrido viene consigliato
l’investimento ottimale: maggiore per gli ibridi precoci (7-8 piante/
m2) rispetto agli ibridi più tardivi (5-6 piante/m2) e per la produzione
di insilato rispetto alla produzione di granella. La semina del mais
viene fatta con una distanza tra le file di 75 cm.
Il mais è una specie molto esigente che necessita orientativamente
200-250 kg/ha di N, 120 kg/ha di P 2O 5 e di 100 kg/ha di K 2O.
L’azoto viene assorbito quasi esclusivamente in forma nitrica. Spesso
la disponibilità idrica risulta uno dei fattori limitanti, dovendo essere
forniti circa 300-400 m3/ha di acqua mediante irrigazione.
Per la raccolta di mais trinciato (silomais) si utilizza una falcia-trincia-
caricatrice e si effettua nella seconda metà di agosto, a seconda della
classe utilizzata, quando sopraggiunge la maturazione cerosa della
granella. Le piante vengono trinciate intere, con una umidità attorno al
65%. Le produzioni in sostanza secca variano da 22 a 26 t/ha.
La raccolta della granella si effettua allo stato umido con una umidità
compresa tra il 21-28%, in genere 10-15 giorni dopo la maturazione
fisiologica. Una ulteriore riduzione di umidità in campo può portare
213
all’insorgenza di problematiche riguardo la presenza di aflatossine e
altre micotossine. La raccolta si effettua con una trebbiatrice da mais.
La produzione media di granella in Regione nel 2004 è stata di 7,7
t/ha, ma altamente variabile in funzione del terreno e degli input
colturali, sino ad arrivare a produzioni di 14-15 t/ha.

Sorgo zuccherino (Sorghum bicolor L. var.saccharatum)

Il sorgo zuccherino appartiene alla specie Sorghum bicolor (famiglia


delle Poaceae) come quello da granella, da zucchero e da scope. Dal
punto di vista morfologico, tra sorgo da fibra e sorgo zuccherino non
si rilevano differenze sostanziali, tanto che spesso la linea di demar-
cazione tra l’uno e l’altro è piuttosto incerta. La composizione analiti-
ca della pianta, invece, diverge notevolmente tanto da giustificarne il
differente impiego: infatti i due tipi estremi mostrano una diversa
destinazione del carbonio organicato durante la fotosintesi; nel tipo
da fibra prevale la produzione di carboidrati strutturali, in particolare
di cellulosa; nel tipo da zucchero, invece, almeno il 30% di tutta la
sostanza secca accumulata è costituito da zuccheri semplici (saccaro-
sio, glucosio e fruttosio).
Il midollo, nei tipi zuccherini, è ricco in saccarosio (15-20%), ma la
presenza di glucosio e fruttosio liberi ostacola la cristallizzazione del
saccarosio rendendo tecnicamente impossibile l’utilizzazione del sor-
go zuccherino per la produzione di zucchero cristallizzato.
Il sorgo zuccherino è solitamente utilizzato come foraggio o per la
produzione di melassa.
Le esigenze pedoclimatiche e le principali tecniche colturali sono del
tutto simili a quelle del sorgo da fibra.
L’elevato contenuto in sostanze zuccherine e l’elevato contenuto in
acqua degli steli delle piante causano grossi problemi per lo stoccag-
gio della biomassa raccolta, vista la facilità ad andare in contro a fe-
nomeni fermentativi.
Per quanto riguarda la tipologia raccolta, oltre alle tecniche già accen-
nate per il sorgo da fibra, sono state realizzate specifiche macchine
atte alla raccolta della canna intera di sorgo che ne permette lo stoc-
caggio per 30 giorni ed evitare perdite di zuccheri.
Le produzioni in sostanza fresca si aggirano sulle 80 t/ha mentre
quelle in zucchero tra le 7 e le 8 t/ha.
214
6.2 Allegato 2: composizione chimica media di alcune
biomasse

Vengono presentati i valori tipici di alcuni biocombustibili.


Simboli e abbreviazioni:
d – sostanza secca
daf – secco e privo di ceneri
w/w – peso/peso

Tabella 53 - Valori informativi per biomassa legnosa vergine, senza o con modesta presenza di
corteccia, foglie e aghi88
Conifere Latifoglie
Unità
Parametro Variazione Variazione
di misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 0,3 0,2-0,5 0,3 0,2-0,5
p.c.i. kcal/kg daf 4.600 4.500-4.700 4.500 4.400-4.600
Carbonio, C % w/w daf 51 47-54 49 48-52
Idrogeno, H % w/w daf 6,3 5,6-7,0 6,2 5,9-6,5
Ossigeno, O % w/w daf 42 40-44 44 41-45
Azoto, N % w/w daf 0,1 < 0,1-0,5 0,1 < 0,1-0,5
Zolfo, S % w/w daf 0,02 < 0,01-0,05 0,02 < 0,01-0,05
Cloro, Cl % w/w daf 0,01 < 0,01-0,03 0,01 < 0,01-0,03
Silicio, Si mg/kg d 150 100-200 150 100-200

Tabella 54 - Valori informativi per cortecce vergini89


Corteccia di Conifere Corteccia di Latifoglie
Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 4 2-6 5 2-10
p.c.i. kcal/kg daf 4.800 4.500-5.000 4.800 4.500-5.000
Carbonio, C % w/w daf 54 51-56 55 52-56
Idrogeno, H % w/w daf 6,1 5,9-6,5 6,1 5,9-6,5
Ossigeno, O % w/w daf 40 36-43 40 36-43
Azoto, N % w/w daf 0,5 0,3-1,2 0,3 0,1-1,0
Zolfo, S % w/w daf 0,1 0,02-0,2 0,1 < 0,02-0,2
Cloro, Cl % w/w daf 0,02 < 0,01-0,05 0,02 < 0,01-0,05
Silicio, Si mg/kg d 2.000 500-5.000 10.000 2.000-20.000

88 CTI, 2003.
89 CTI, 2003.
215
Tabella 55 - Valori informativi per biomassa legnosa vergine, residui di potatura90
Conifere Latifoglie
Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 2 1-4 1,5 0,8-3
p.c.i. kcal/kg daf 4.800 4.650-4.800 4.500 4.400-4.550
Carbonio, C % w/w daf 52 50-53 52 50-53
Idrogeno, H % w/w daf 6,1 5,9-6,3 6,1 5,9-6,3
Ossigeno, O % w/w daf 41 40-44 41 40-44
Azoto, N % w/w daf 0,5 0,3-0,8 0,5 0,3-0,8
Zolfo, S % w/w daf 0,04 0,01-0,08 0,04 0,01-0,08
Cloro, Cl % w/w daf 0,01 < 0,01-0,05 0,01 < 0,01-0,02
Silicio, Si mg/kg d 3.000 200-10.000 150 75-250

Tabella 56 - Valori informativi per biomassa legnosa vergine, cedui a turno di rotazione breve91
Salice (Salix) Pioppo
Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 2 1,1-4 0,8-3
p.c.i. kcal/kg daf 4.500 4.400-4.600 4.450-4.550
Carbonio, C % w/w daf 49 47-51 47-51
Idrogeno, H % w/w daf 6,2 5,8-6,7 5,8-6,7
Ossigeno, O % w/w daf 44 40-46 40-46
Azoto, N % w/w daf 0,5 0,2-0,8 0,2-0,8
Zolfo, S % w/w daf 0,05 0,02-0,1 0,02-0,1
Cloro, Cl % w/w daf 0,03 < 0,01-0,05 < 0,01-0,05
Silicio, Si mg/kg d - 2-7.200

Tabella 57 - Valori informativi per residui colturali pagliosi, senza o con modesta presenza di granella92
Paglia di grano, segale, orzo Residui colturali del colza
Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 5 2-10 5 2-10
p.c.i. kcal/kg daf 4.400 4.200-4.650 4.400 4.200-4.650
Carbonio, C % w/w daf 49 46-51 50 47-53
Idrogeno, H % w/w daf 6,3 6,0-6,6 6,3 6,0-6,6
Ossigeno, O % w/w daf 43 40-46 43 40-46
Azoto, N % w/w daf 0,5 0,2-1,6 0,8 0,3-1,6
Zolfo, S % w/w daf 0,1 < 0,05-0,2 0,3 < 0,05-0,8
Cloro, Cl % w/w daf 0,4 < 0,1-1,2 0,5 < 0,1-1,2
Silicio, Si mg/kg d 10.000 1.000-20.000 1.000 100-3.000

90 CTI, 2003.
91 CTI. 2003.
92 CTI, 2003.
216
Tabella 58 - Valori informativi per la scagliola arundinacea (Phalaris arundinacea)93
Raccolta estiva Raccolta ritardata
Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 6,4 2,5-10 5,6 2,0-9,5
p.c.i. kcal/kg daf 4.550 4.450
Carbonio, C % w/w daf 49 49
Idrogeno, H % w/w daf 6,1 5,8
Ossigeno, O % w/w daf 43 44
Azoto, N % w/w daf 1,4 0,9
Zolfo, S % w/w daf 0,2 0,1
Cloro, Cl % w/w daf 0,6 0,1
Silicio, Si mg/kg d 12.000 18.000

Tabella 59 - Valori informativi per fieno in genere e miscanto94


Fieno in genere Miscanto
Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 7 4-10 4 1-6
p.c.i. kcal/kg daf 4.400 4.400
Carbonio, C % w/w daf 49 49
Idrogeno, H % w/w daf 6,3 6,4
Ossigeno, O % w/w daf 43 44
Azoto, N % w/w daf 1,4 0,7
Zolfo, S % w/w daf 0,2 0,2
Cloro, Cl % w/w daf 0,8 0,2
Silicio, Si mg/kg d 15.000 3.000-25.000 - 2.000-10.000

Tabella 60 - Valori informativi per la paglia di mais95


Paglia di mais
Parametro Unità di misura
Valore tipico Variazione tipica
Ceneri % w/w d 11,5 9,7-13,5
p.c.i. kcal/kg daf 4.950 4.850-5.000
Carbonio, C % w/w daf 52,7 50,5-55,5
Idrogeno, H % w/w daf 6,4 6,0-7,0
Ossigeno, O % w/w daf 44,8 42,5-47,3
Azoto, N % w/w daf 0,8 0,6-0,9
Zolfo, S % w/w daf 0,09 0,07-0,13
Cloro, Cl % w/w daf - -
Silicio, Si mg/kg d - -

93 CTI, 2003.
94 CTI, 2003.
95 CTI, 2003.
217
Tabella 61 - Valori informativi per paglia di girasole e ramaglie da potature di vite96

Paglia di girasole Ramaglie di potatura vite


Unità di
Parametro Variazione Variazione
misura Valore tipico Valore tipico
tipica tipica
Ceneri % w/w d 11 8,8-12,9 2,6 2,2-3,1
p.c.i. kcal/kg daf 3.900 3650-4.300 4.300 4.400-4.700
Carbonio, C % w/w daf 45 42,7-46,8 48,5 47,6-49,3
Idrogeno, H % w/w daf 5,1 4,8-5,6 6 5,9-6,0
Ossigeno, O % w/w daf 44,5 43,7-45,4
Azoto, N % w/w daf 1,1 0,3-1,9 0,83 0,77-0,88
Zolfo, S % w/w daf 0,11 0,03-0,21 0,03 0,01-0,07
Cloro, Cl % w/w daf 0,72 0,52-0,90 0,09 0,07-0,14
Silicio, Si mg/kg d - - - -

Tabella 62 - Valori informativi per altre colture energetiche

Unità di Arundo Hibiscus Sorgum Panicum


Parametro
misura donax97 cannabinus98 bicolor99* virgatum100

p.c.i. kcal/kg daf 4.350 4.300 3.900 4.450

Ceneri % w/w 3,40 3,60 5,60 10,1

Carbonio, C % w/w daf 48,7 48,4 40,3 53,2

Idrogeno, H % w/w daf 6,0 6,0 7,6 6,40

Ossigeno, O % w/w daf 44,3 44,3 51,4 39,0

Azoto, N % w/w daf 0,62 1,04 0,5 1,30

Zolfo, S % w/w daf 0,12 0,15 0,1 0,11

* dati riferiti sulla sostanza secca con ceneri

96 CTI, 2003.
97 Miles et al., 1995.
98 Wilén, Moilanen, Kurkula, 1996.
99 Angelini, Ceccarini, Bonari, 1999.
100 http://edv1.vt.tuwien.ac.at/AG_HOFBA/BIOBIB/Biobib.htm (1997).
218
6.3 Allegato 3: disponibilità di biomasse a fini
energetici nella regione Friuli Venezia Giulia

6.3.1 Le biomasse forestali

La superficie boscata della regione Friuli Venezia Giulia è pari a circa


285.000 ha (resinose 40%, latifoglie 60%) per un indice di boscosità pa-
ri al 36%, superiore all’indice nazionale (22,7%)101. Il tipo di governo
prevalente è ad altofusto (circa il 67%), concentrato principalmente
nella zona alpina. La restante parte è a ceduo composto (14%) e a ce-
duo semplice (19%)102 prevalentemente in zona prealpina e collinare.
Circa 200.000 ha vengono gestiti, mentre il rimanente 30% è costituito
da boschi che sono lasciati all’evoluzione naturale per fini di protezio-
ne idrogeologica e ambientale. I boschi vocati alla produzione legnosa
sono prevalentemente di proprietà pubblica (collocati in genere nel-
l’area alpina), anche se una consistente percentuale (oltre il 40%) è di
proprietà privata (prevalentemente in area prealpina o collinare e ca-
ratterizzati da una marcata frammentazione della proprietà).
Figura 55 - Le formazioni forestali del Friuli Venezia Giulia

101 APAT, 2003.


102 ISTAT, 1997.
219
Le foreste di proprietà pubblica appartengono per la maggior parte
agli enti comunali e sono interamente pianificate. Le principali for-
mazioni forestali in Friuli Venezia Giulia 103 sono le seguenti (figu-
ra 55): 1) Carpineti e Querco-Carpineti; 2) Rovereti e Castagneti; 3)
Orno-Ostrieti e Orno-Querceti; 4) Aceri-Frassineti; 5) Faggete; 6)
Pinete di Pino nero e Pino silvestre; 7) Piceo-Faggeti; 8) Abieteti; 9)
Peccete; 10) Lariceti.
Applicando alle diverse formazioni forestali i rispettivi coefficienti di
produttività e sulla base delle condizioni relative al tipo di gestione e
all’accessibilità del territorio, si stima che i residui forestali utilizzabi-
li in Friuli Venezia Giulia siano pari a circa 218.000 t/anno di sostan-
za fresca, corrispondenti a circa 220.000 m 3/anno104. L’incremento
corrente annuo è stimato pari a circa 815.000 m3/anno.
Figura 56 - Residui forestali utilizzabili per bacino

103 Del Favero, 1998.


104 Giordano, 1955.
220
6.3.2 Le biomasse agro-forestali

L’estensione dei pioppeti nella regione Friuli Venezia Giulia può esse-
re valutata pari a 6.300 ha, suddivisa tra i territori della Bassa e quel-
la della Media Pianura Friulana dove la tessitura del suolo e la pro-
fondità della falda freatica garantiscono le condizioni ecologiche mi-
gliori per la pioppicoltura. La quantità di biomasse (sostanza fresca)
derivabili possono essere valutate pari a circa 18.950 t/anno da resi-
dui di potatura e circa 11.300 t/anno da ceppaie, per un totale di
30.250 t/anno, corrispondenti a circa 37.500 m3/anno.
Per quanto concerne la biomassa legnosa derivabile da formazioni linea-
ri e piccoli boschetti, localizzata prevalentemente nelle zone di pianura e
collina, si stima che nel Friuli Venezia Giulia l’estensione dei filari (filari
di alberi e siepi) sia pari a circa 4.619 km, dei boschetti pari a circa 380
ha, mentre delle aree rimboscate pari a 908 ha. La maggior parte di que-
sta biomassa (il 60% del totale) viene già attualmente utilizzata come
fonte di approvvigionamento di legna da ardere, principalmente da par-
te delle aziende agricole. La restante parte viene invece utilizzata a soste-
gno delle attività agricole come paleria. Partendo da queste considera-
zioni, la quantità di biomassa retraibile e utilizzabile a fini energetici
viene stimata pari a circa 30.000 t/anno di sostanza fresca corrisponden-
te a 29.500 m3/anno. Per quanto attiene alle piccole superfici boscate a
ceduo, la produttività può essere stimata di 6.000 m3/anno105 con un
volume medio di circa 115 m3/ha (turno di 25 anni).

Tabella 63 - Disponibilità di biomassa forestale e agro-forestale in FVG

Disponibilità potenziale di biomassa 35.000.000 m3 815.000 m3/anno


forestale

di cui utilizzabile: 220.000 m3/anno

Disponibilità di biomassa agro-forestale Pioppicoltura 37.500 m3/anno

Siepi e boschetti 35.500 m3/anno

Prelievi ad uso energetico106 54.000 m3/anno

Disponibilità annua accessibile 239.000 m3/anno

105 APAT, 2003.


106 ISTAT, 2003.
221
6.3.3 I residui agricoli

In Friuli Venezia Giulia è particolarmente diffusa la coltivazione dei


seminativi (i principali sono frumento tenero, mais, soia), presenti nel
90% delle aziende e sul 73,5% della SAU (superficie agricola utilizza-
ta). Le coltivazioni legnose agrarie sono praticate dal 38,2% delle
aziende, dedite prevalentemente alla coltura della vite, localizzata
prevalentemente nella fascia collinare orientale (Collio), oltre che nel-
l’area di Casarsa della Delizia. I dati disponibili sulle superfici colti-
vate, ripartite a livello comunale, riguardano le principali coltivazioni
erbacee e legnose agrarie107. Sulla base di questi dati sono state valu-
tate dapprima le superfici coltivate relative alle colture dai cui residui
si può derivare biocombustibile, quindi sono stati applicati i coeffi-
cienti di produzione e gli indici di asportazione per stimare (tabella
64) e localizzare (figure 57 e 58) la disponibilità di residui agrari a fini
energetici.
Per quanto attiene alla disponibilità di materiale per scopi energetici,
sono stati assunti differenti indici di disponibilità, a seconda delle ti-
pologie delle colture. Per quelle legnose da frutto (drupacee, vite,
pomacee e altri fruttiferi) il valore considerato è 0,2 (20%) poiché il
residuo è costituito essenzialmente da scarti di potatura che per lo
più vengono poi recuperati all’origine dall’agricoltore. Nel caso delle
colture cerealicole invece il residuo è costituito da paglia e stocchi più
facilmente recuperabili e utilizzabili per una ipotesi di recupero ener-
getico centralizzato; l’indice di asportazione assunto è pari a 0,7
(70%)108.

Tabella 64 - Stima della disponibilità dei residui del comparto agricolo utilizzabili a fini energetici

Frumento Olivo Fruttiferi


Altri cereali Vite (tralci)
(paglia) (potature) (potature)

PN 3.056 106.160 5.109 5 621


GO 4.860 10.782 2.635 1 76
UD 17.254 198.010 5.525 9 746
TS 23 51 143 11 8
Totale 25.194 315.003 13.412 27 1.451

107 ISTAT, 2002.


108 CETA, 1994.
222
Figura 57 - Residui di biomasse agricole retraibili, derivanti da cereali (frumento e mais) su base
comunale

Figura 58 - Residui di biomasse agricole detraibili, derivanti da legnose (potature di vite, di olivo
e di fruttiferi) su base comunale

223
6.3.4 Le colture oleaginose dedicate

A livello nazionale queste colture, in seguito alle regole della PAC di


Agenda 2000, valide in pratica fino al raccolto 2004, hanno subito una
netta riduzione dell’ettarato a causa della progressiva riduzione, fino
alla completa abolizione, dell’aiuto differenziato: il girasole ha subito
una contrazione di circa il 70%, la soia ha subito una contrazione del
45% e si è avuta conferma dell’abbandono pressoché totale del colza
da parte dei produttori italiani.
Nel 2005 con la nuova riforma PAC e il pagamento unico aziendale,
disaccoppiato dalla produzione, si è intravista una ripresa delle olea-
ginose a livello nazionale e soprattutto nel Centro Italia dove il gira-
sole ha recuperato superfici sfruttando i terreni rimasti liberi in segui-
to ai disinvestimenti da grano duro109.
A livello regionale dal 2001 si è registrata una progressiva contrazio-
ne delle superfici per le colture oleaginose (tabella 65): la limitata
diffusione di girasole e colza hanno mitigato il calo delle superfici
investite osservato a livello nazionale, ma decisa è stata la riduzione
della superficie coltivata a soia.

Tabella 65 - Superfici riservate alle colture oleaginose in Friuli Venezia Giulia (ha) 110

2001 2002 2003 2004 2005

Soia (ha) 36.030 34.920 31.000 27.220 27.220

Girasole (ha) 440 540 485 455 455

Colza (ha) 390 285 195 195 253

Sulla base delle superfici coltivate a girasole e colza nel 2004, anche
se per utilizzo esclusivamente alimentare, e sui dati produttivi medi
ricavati dai dati congiunturali sulle coltivazioni dell’ISTAT per l’anno
2004, è possibile stimare la produzione potenziale di olio combustibi-
le o biodiesel in regione. Tale stima è riportata nella tabella 66.

109 www.sementi.it
110 www.istat.it: dati congiunturali sulle coltivazioni 2001-2005 Friuli Venezia Giulia.
224
Tabella 66 - Stima della produzione potenziale di olio combustibile o biodiesel in Friuli Venezia
Giulia nell’anno 2004

Stima Stima
Produttività Produzione
Superficie produzione olio produzione
media Totale
(ha) combustibile biodiesel
(t/ha) (t)
(t) (t)

Girasole 455 2,42 1.100 407 363

Colza 195 2,04 397 147 131

Totale 650 - - 554 494

6.3.5 Le colture alcoligene dedicate

Nella tabella 67 viene presentata la situazione, negli ultimi cinque


anni, degli investimenti con colture potenzialmente alcoligene in re-
gione; il sorgo zuccherino è pressoché assente.

Tabella 67 - Superfici destinate alle principali colture alcoligene in Friuli Venezia Giulia (ha) 111

2001 2002 2003 2004 2005

Frumento tenero
3.020 6.040 4.900 5.100 5.507
(ha)

Mais (ha) 126.788 128.258 108.308 108.808 107.804

Barbabietola da
4.456 5.811 1.514 4.732 -
zucchero (ha)

Sulla base delle superfici coltivate con le principali colture alcoligene


nel 2004, anche se per utilizzo esclusivamente alimentare, e sui dati
produttivi medi ricavati dai dati congiunturali sulle coltivazioni del-
l’ISTAT per l’anno 2004, è possibile stimare la produzione potenziale
di bioetanolo in regione. Tale stima è riportata nella tabella 68.

111 www.istat.it: dati congiunturali sulle coltivazioni 2001-2005 Friuli Venezia Giulia.
225
Tabella 68 - Stima della produzione potenziale di bioetanolo in Friuli Venezia Giulia nell’anno
2004

Produttività Produzione Stima produzione


Superficie
media Totale bioetanolo
(ha)
(t/ha) (t) (t)

Frumento tenero 5.100 4,88 24.900 9.450

Mais 108.308 7,72 836.100 275.900

Barbabietola
4.732 73,74 348.900 34.890
da zucchero

Totale 118.140 - - 320.250

6.3.6 Il comparto industriale

Industria del legno

In base a uno studio condotto da Cerullo e Pellegrini112, la produzio-


ne di scarti legnosi da parte del sistema legno arredamento italiano
ammonta ad oltre 4,6 milioni di tonnellate all’anno, sia vergini che
trattati. Sul totale, i residui non trattati ammontano al 55%, pari a 2-
2,5 milioni di tonnellate all’anno. Questa grande quantità di residui
ha, attualmente, varie destinazioni: può essere utilizzata a fini ener-
getici o può essere utilizzata quale materia prima secondaria per la
produzione di pellet, di pannelli e nella produzione di carta.
In Friuli Venezia Giulia sono presenti due distinti distretti industriali
per la lavorazione del legno: il Distretto Industriale della Sedia, costi-
tuito da oltre 1.000 aziende distribuite in un’area geografica ristretta,
il cosiddetto Triangolo della Sedia, comprendente in via prioritaria i
comuni di Manzano, San Giovanni al Natisone e Corno di Rosazzo
ma con ramificazioni significative anche nei comuni limitrofi e il Di-
stretto del Mobile comprendente un migliaio di aziende distribuite
fra i comuni di Azzano X, Brugnera, Budoia, Caneva, Chions, Fonta-
nafredda, Pasiano di Pordenone, Polcenigo, Prata, Pravisdomini, Saci-
le, tutti situati in provincia di Pordenone113.
Uno studio dell’Università degli Studi di Udine (Dipartimento di
Energetica e Macchine) del 1997 ha valutato che il solo Distretto Indu-

112 Cerullo, Pellegrini, 2002.


113 www.arpa.fvg.it
226
striale della Sedia produce 140.000 t/anno di residui legnosi. Un
analogo studio della Federlegno-Arredo Triveneto, nel 1998, ha valu-
tato una produzione di scarti in tutto il Triveneto pari a 1.200.000 t/
anno, con una percentuale del 75% degli scarti combusti per il recu-
pero termico. La rimanente frazione è destinata al recupero in altre
forme.
Attualmente si valuta che almeno il 50% della produzione di scarti
sia già impiegato per la produzione di energia dalle aziende stesse,
principalmente energia termica per svolgere alcune attività di proces-
so e per il riscaldamento degli ambienti di lavoro114.

Industria della carta

Gli stabilimenti, secondo i dati raccolti da Assocarta relativi all’anno


2001, operanti nel settore cartario presenti in Italia sono oggi 200, con
un numero di addetti di poco inferiore alle 25.000 unità.
Nella regione Friuli Venezia Giulia sono attualmente presenti 9 stabili-
menti con un numero di addetti che si aggira sulle 1.500 unità.
All’interno del territorio regionale vengono prodotti pressoché tutte le
tipologie di carta ad eccezion fatta per la carta sottile da sigarette. Gli
stabilimenti, sempre dislocati in vicinanza di fiumi o canali visti gli
enormi quantitativi di acqua necessari per la produzione, sono:
● la Cartiera Burgo di Duino e la cartiera di Monfalcone in prossimi-
tà del canale Locovaz;
● lo stabilimento di Ovaro sulle sponde del torrente Degano;

● lo stabilimento di Moggio Udinese sulle sponde del fiume Fella;

● la Cartiera Burgo di Tolmezzo in prossimità del fiume


Tagliamento;
● lo stabilimento di Basaldella nelle vicinanze del fiume Cormor e
della Roggia di Udine;
● lo stabilimento di Cordenons in prossimità della Roggia Viazol;

● lo stabilimento di Rivignano in una zona ricca di risorgive, come


anche quello di Portonogaro.

114 Cerullo, Pellegrini, 2002.


227
La quantificazione dei residui utilizzabili (in genere si considerano
gli sfridi di lavorazione, quali possono essere le cortecce), risulta es-
sere difficile: il consumo di fibra vergine, e quindi la conseguente
produzione di sfridi di lavorazione, assume valori diversi a seconda
della tipologia di prodotto che si considera ottenere e dalle materie
prime utilizzate. Ci sono stabilimenti che producono l’impasto par-
tendo esclusivamente da carta da macero e che quindi non hanno
consumi di fibra vergine, altri che usano come materie prime sia la
cellulosa che la pastalegno e infine certi che adoperano unicamente
fibra vergine115.

6.3.7 I rifiuti

Nella tabella 69 sono sintetizzate le produzioni di rifiuti urbani e del-


la raccolta differenziata nelle diverse province del Friuli Venezia
Giulia nel 2003116, per quanto riguarda la frazione contraddistinta dal
codice CER 20 02 (rifiuti prodotti da giardini e parchi) e in particolare
il codice CER 20 02 01 che comprende i rifiuti biodegradabili.

Tabella 69 - Raccolta differenziata di rifiuti provenienti da giardini e parchi, frazione biodegrada-


bile, nel Friuli Venezia Giulia nell’anno 2003 (t/ha)

Frazione raccolta
Codice CER 20 02 01
(t/anno)

Udine 12.481

Pordenone 9.254

Gorizia 3.568

Trieste 85

Friuli Venezia Giulia 25.388

115Gruppo di lavoro nazionale APAT-ARPA. Analisi ambientale per comparto produttivo. Comparto cartario.
Giugno 2003. www.apat.gov.it/site/_files/Industria_Cartaria.pdf
116 Dati ARPA FVG – Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia.
228
Glossario

A A

Acetogenesi
Produzione di acido acetico (nonché di acido formico, CO2 ed H2),
a partire dai substrati formatisi nel corso della fase di idrolisi e aci-
dificazione (acidi organici volatili, e alcoli) da parte di batteri aceto-
genici.

Acidogenesi
Trasformazione biochimica della sostanza organica idrolizzata in aci-
di organici volatili da parte di batteri acidogeni.

Agenti leganti
Si esprime come la percentuale in peso della massa pressata e si rife-
risce al contenuto di agenti leganti aggiunti alla materia prima, allo
scopo di migliorare la coesione delle particelle di biomassa e di favo-
rire il processo di estrusione migliorando lo scorrimento del materia-
le all’interno della trafila. Sono ammessi come agenti leganti materia-
li come amido di mais, olio vegetale grezzo estratto mediante spremi-
tura meccanica, melasso, ecc.

Anaerobico
Ambiente totalmente privo di ossigeno disciolto.

Anossico
Ambiente privo di ossigeno disciolto, ma ricco di ossigeno combinato
(NO3-, NO2-, SO4=, ecc.).
229
B B

Biocombustibile
Combustibile prodotto direttamente o indirettamente da biomassa.

Biodiesel
Combustibile liquido, ottenuto per reazione chimica dagli oli vegeta-
li, estratti dalle colture dedicate oleaginose o recuperati dagli usi ali-
mentari. È caratterizzato da impieghi energetici sovrapponibili a
quelli del gasolio.

Bioetanolo
Combustibile liquido, ottenuto dalla fermentazione dei carboidrati,
derivanti dalle colture dedicate alcoligene, dai residui della produzio-
ne ortofrutticola e della lavorazione agricola e dalla frazione organica
degli RSU. Può essere utilizzato in sostituzione della benzina o con-
vertito in ETBE e impiegato come antidetonante altottanico.

Biogas
Miscela gassosa costituita in prevalenza da anidride carbonica e me-
tano, risultato dei processi di digestione anaerobica.

Biomassa
Rappresenta la forma più sofisticata di accumulo dell’energia solare.
Secondo la direttiva 2001/77/CE si intende la parte biodegradabile
dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (compren-
dente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie
connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e ur-
bani.

Bricchetto
Si intende un biocombustibile densificato, solitamente in forma di
parallelepipedo o cilindro, ottenuto comprimendo la biomassa polve-
rizzata con o senza l’ausilio di additivi di pressatura. In genere, il
bricchetto è ottenuto utilizzando una pressa a pistone.
230
C C

Catalizzatore
Sostanza in grado di aumentare la velocità di una reazione chimica,
agevolandola dal punto di vista termodinamico, in quanto ne abbas-
sa l’energia d’attivazione, apparentemente senza parteciparvi, dato
che al termine della reazione la si ritrova inalterata.

Char
Agglomerato di natura complessa costituito prevalentemente da car-
bonio.

Cippato
Si intende la biomassa, di natura legnosa o erbacea, ridotta in parti-
celle di piccole dimensioni, chips, mediante un’azione meccanica di
taglio (cippatura).

Codigestione
Utilizzo simultaneo di diverse tipologie di substrato (co-substrati) in
diversa proporzione. I co-substrati utilizzabili possono essere liquami
zootecnici, fanghi di depurazione, frazione organica di RSU, residui
agricoli, rifiuti dell’industria agro-alimentare, ecc.

Cogenerazione (CHP)
Si intende la produzione combinata, sequenziale o contemporanea, di
energia elettrica e calore a partire da un’unica fonte energetica (CHP
– Combined Heat and Power production).

Colture dedicate o energetiche


Si intendono le coltivazioni allestite allo scopo di produrre biomassa
da destinare alla produzione di energia elettrica e/o termica. Possono
essere suddivise in colture lignocellulosiche, colture oleaginose e col-
ture alcoligene.

Contenuto in ceneri
Si esprime come la percentuale in peso sulla sostanza secca. È uno
dei parametri fondamentali per la classificazione della biomassa: un
elevato contenuto in ceneri crea problemi di gestione soprattutto nei
231
C piccoli impianti; influenza negativamente il contenuto in polveri nei
fumi e quindi le prestazioni ambientali degli impianti.

Contenuto in polveri
Si esprime come percentuale in peso della massa pressata e rappre-
senta la frazione di polveri con diametro inferiore ai 3,15 mm che
vengono generate dalle trafile durante la produzione del pellet. È un
parametro che rivela la qualità del processo produttivo e, come la
durabilità, risulta legato a problemi di sicurezza (es. possibilità di
incendi durante la movimentazione del materiale), di manutenzione/
gestione degli impianti di combustione e di corretto funzionamento
dei sistemi di trasporto e di alimentazione.

D D

Densità apparente
Viene espressa in kg/m3. Rappresenta la massa dell’unità di volume
del biocombustibile. È un parametro importante soprattutto per la
commercializzazione della biomassa. Influisce sul rendimento del-
l’impianto in particolare per i dispositivi di alimentazione a “volu-
me”. Si utilizza per calcolare la densità energetica.

Densità energetica
È il rapporto tra il contenuto energetico della biomassa e il volume
sterico in cui è compreso, che si esprime anche come rapporto tra il
potere calorifico inferiore del volume solido e del volume apparente.
È generalmente espresso in MJ/ms o kWh/ms.

Digestione anaerobica
Processo di fermentazione mediante il quale la sostanza organica vie-
ne trasformata in biogas (o in altro composto organico ridotto come
etanolo, acido lattico, ecc.), in assenza di ossigeno.

Distillazione
È una tecnica di separazione di due o più componenti di una miscela,
che sfrutta le differenze tra le loro temperature di ebollizione. Nel
caso dell’etanolo in soluzione acquosa, porta a una miscela azeotropi-
ca, caratterizzata da una concentrazione di etanolo del 95% in peso e
da un contenuto residuo in acqua del 5% (→ etanolo azeotropico).
232
La distillazione frazionata è eseguita, aggiungendo alla miscela di D
partenza, il benzene, che, avendo una temperatura di ebollizione in-
feriore sia a quella dell’acqua, sia a quella dell’etanolo, consente la
completa disidratazione dell’etanolo stesso (contenuto residuo in ac-
qua pari all’1% in peso).

Durabilità meccanica
Si esprime come la percentuale di combustibile densificato che rima-
ne integro dopo una sollecitazione meccanica. Fornisce una indica-
zione sul grado di pressatura del materiale e sulla resistenza allo
sfaldamento. È strettamente correlato a problemi di sicurezza (es.
possibilità di incendi durante la movimentazione del materiale), di
manutenzione/gestione degli impianti di combustione e di corretto
funzionamento dei sistemi di trasporto e di alimentazione soprattutto
nei piccoli impianti.

E E

Energia
In generale, si misura in J (Joule); viene misurata anche in cal (calo-
rie) e Wh (Wattora).
1 Wh = 3.600 J; 1 cal = 4.186 J; 1 Wh = 860 cal

Etanolo azeotropo o miscela azeotropica di etanolo


Soluzione di etanolo e acqua, ottenuta al termine della distillazione e
caratterizzata dalla concentrazione dell’etanolo pari al 95% (v/v) e da
un residuo d’acqua del 5% (v/v).
In generale, un azeotropo è una miscela di due o più liquidi, caratte-
rizzata da un punto di ebollizione più basso o più alto di quello di
ognuno dei componenti della miscela. Nel primo caso è detto azeo-
tropo bassobollente, nel secondo azeotropo altobollente. La miscela
azeotropica di etanolo e acqua è bassobollente.
In conseguenza di questa sua peculiarità, un azeotropo si comporta
come una sostanza a sé; quando bolle, produce una miscela di vapo-
ri, la cui composizione è la stessa della fase liquida. A differenza,
quindi, di una generica miscela di due liquidi diversi, un azeotropo
non può venire separato nei suoi componenti per semplice distilla-
zione.
233
F F

Feedback
Influenza dei prodotti sull’andamento della reazione che li produce.
È definito positivo, se l’aumento della concentrazione dei prodotti
stimola la reazione della loro sintesi; è detto negativo se l’aumento
della loro concentrazione inibisce la reazione di sintesi.

Fermentazione alcolica
Reazione biochimica tipica degli ambienti microaerobici e anaerobici,
attraverso cui avviene la trasformazione dell’acido piruvico in alcol
etilico (o etanolo) e anidride carbonica. L’organismo ne trae un vantag-
gio energetico, poiché ossida nuovamente a NAD+, il NADH formato-
si nel corso della glicolisi. Nelle vie metaboliche aerobiche questo risul-
tato è conseguito con un’efficienza nettamente superiore attraverso la
fosforilazione ossidativa, che ha come principale attore l’ossigeno.

Flashpoint
È una misura dell’infiammabilità di un carburante, poiché esprime la
temperatura più bassa alla quale può formarsi una miscela infiamma-
bile con aria. A tale temperatura il vapore cessa di bruciare nel mo-
mento in cui la sorgente infiammabile è rimossa. L’unità di misura
utilizzata è il grado centigrado.

Fluido supercritico
Si tratta di gas liquefatti a pressioni elevate e a temperature basse,
utilizzati come solventi nel corso dell’estrazione chimica degli oli
vegetali nella filiera produttiva del biodiesel. Possono essere utilizza-
ti composti, quali l’anidride carbonica, l’ossido di azoto, l’anidride
solforosa, l’etano, il propano, il butano.

Fotosintesi clorofilliana
Si tratta di un processo fotochimico che ha luogo nelle cellule vegeta-
li, grazie alla presenza di clorofilla, e permette la trasformazione
dell’energia luminosa in energia chimica, rendendo così possibile la
sintesi di sostanze organiche complesse, partendo da sostanze inorga-
niche semplici. L’importanza della fotosintesi clorofilliana per tutti gli
esseri viventi è dovuta al fatto di essere il meccanismo fondamentale
in grado di trasformare il carbonio inorganico, inutilizzabile dagli
organismi viventi, in carbonio organico assimilabile.
234
G G

Gassificazione
È il processo di trasformazione di combustibili liquidi o solidi in pro-
dotti gassosi utili sia come combustibili, sia come materia prima per
diversi processi chimici. La gassificazione si può effettuare per piroli-
si (limitatamente ai combustibili liquidi), oppure, secondo diversi tipi
di reazione, con aria, ossigeno, vapor d’acqua in base al tipo di pro-
dotto che si desidera ottenere. Nonostante nel processo di gassifica-
zione vada persa una parte dell’energia del combustibile e a volte sia
addirittura necessario somministrarne dall’esterno, l’operazione ri-
sulta conveniente in quanto la combustione con combustibili gassosi
risulta più controllabile, non porta alla formazione di ceneri e per-
mette il raggiungimento di temperature più elevate.

I I

Idrolisi
Reazione chimica in cui una molecola è scissa in due o più parti per
inserimento di una molecola di acqua. Nella filiera di produzione del
bioetanolo è una fase necessaria ai fini dell’utilizzo dell’amido, della
cellulosa e dell’emicellulosa, per ottenere degli zuccheri più semplici
fermentescibili. Può essere condotta per via chimica (con un cataliz-
zatore chimico) o enzimatica (con enzimi, ossia catalizzatori biologi-
ci) (→ catalizzatore).

M M

Massa sterica
È impiegata per gli ammassi dei combustibili lignocellulosici tal qua-
li (legna da ardere, cippato e pellet) che presentano al loro interno
degli spazi vuoti, più o meno grandi in funzione della pezzatura e
della forma. Si esprime in kg/unità di volume sterico (metro stero
alla rinfusa e metro stero accatastato).

Massa volumica
Si riferisce al peso e al volume del corpo legnoso (corpo poroso) o al
singolo pezzo di combustibile densificato (pellet e bricchetti); compo-
sti da un insieme di sostanze e da vuoti (lumi vascolari, ecc.) riempi-
ti da aria e/o acqua. Si esprime in kg/m3.
235
M Mesofilia
Condizioni in cui la temperatura di reazione è compresa tra 20 e
40°C, valori ottimali per lo sviluppo di microrganismi “mesofili”.

Metanogenesi
Processo mediante il quale la sostanza organica viene trasformata in
metano in assenza di ossigeno; in senso stretto viene indicata la fase
finale del processo di digestione anaerobica in cui i batteri metanige-
ni trasformano acetato, idrogeno e anidride carbonica in metano.

Microanaerobiosi
Ambiente caratterizzato da una bassa pressione parziale di ossigeno,
in cui prevalgono le reazioni biochimiche anaerobiche (ad esempio le
fermentazioni).

N N

Numero di cetano
È un parametro che esprime la qualità dell’infiammabilità di un car-
burante, posta a confronto con il comportamento di un idrocarburo
ritenuto ideale, quale il cetano (C16), a cui è attribuito un numero di
cetano pari a 100. Esso si riflette nel comportamento all’accensione e,
quindi, influenza l’avviamento a freddo, la combustione e la rumoro-
sità del motore. Più è alto il suo valore, maggiore è la prontezza del
combustibile all’accensione. È espresso come numero puro.

Numero di ottano
Grandezza che misura la capacità di un carburante di resistere alla
detonazione. Il numero di ottano si misura con appositi motori a rap-
porto di compressione variabile e numero di giri costante e fornito di
un sistema di rivelazione acustico e di detonazione. Mediante questo
motore si confronta il comportamento del carburante in esame con
quello di un carburante di riferimento, costituito da una miscela di
due idrocarburi a cui si attribuisce un numero di ottano convenziona-
le (n-eptano con un numero di ottano zero, isoottano con un numero
di ottano di 100). Si dice che una benzina ha un numero di ottano
pari a 95 quando il suo comportamento alla detonazione nel suddetto
motore standard equivale a quello di una miscela che contiene il 95%
di isoottano e il 5% di n-eptano.
236
P P

Pellet
Si intende un biocombustibile densificato, normalmente di forma ci-
lindrica, ottenuto comprimendo della biomassa polverizzata con o
senza l’ausilio di agenti leganti di pressatura. In genere il pellet è ot-
tenuto utilizzando un estrusore a trafila.

Pervaporazione
Tecnica di separazione dei componenti presenti in una miscela che
opera, percolando la miscela stessa, portata in fase di vapore, attra-
verso delle membrane di materiale idrofilo selettivo. Nella filiera
della produzione del bioetanolo questa strategia è utilizzata per otte-
nere l’etanolo quasi anidro (97% in peso).

Pirolisi
È il processo di scissione termica impiegato soprattutto nell’industria
del petrolio per ridurre il peso molecolare degli idrocarburi attraver-
so la rottura dei legami carbonio-carbonio della molecola. Viene chia-
mato anche cracking. La pirolisi viene effettuata con metodi puramen-
te termici o termico-catalitici (→ catalizzatore).

Potere calorifico
Esprime la quantità di calore che viene liberato nella combustione
completa dell’unità in peso o in volume di un combustibile. Si distin-
guono un potere calorifico inferiore (p.c.i.) e un potere calorifico su-
periore (p.c.s.), a seconda che l’acqua, formata per combustione del-
l’idrogeno eventualmente presente nel combustibile, si consideri allo
stato di vapore o di liquido. La differenza tra i due tipi di potere ca-
lorifico corrisponde appunto al calore di vaporizzazione dell’acqua
formatasi nella combustione. Nella pratica interessa sempre il potere
calorifico inferiore, perché i fumi vengono sempre scaricati in condi-
zione di temperatura per cui l’acqua è presente sotto forma di vapo-
re. Viene espresso in MJ/kg t.q. e per comodità anche in kcal/kg t.q..
Viene utilizzato per calcolare la densità energetica.

Psicrofilia
Condizioni in cui la temperatura di reazione si mantiene inferiore ai
20°C, valori ottimali per lo sviluppo di microrganismi “psicrofili”.
237
R R

Reforming
Processo di trasformazione tendente ad aumentare il numero di otta-
no di benzine mediante isomerizzazione e ciclizzazione degli idrocar-
buri costituenti le stesse.

S S

Saponificazione
Reazione chimica che avviene tra i trigliceridi e l’idrossido di sodio o
di potassio. I saponi che si ottengono sono duri nel caso si utilizzi il
sodio idrossido, molli nel caso si impieghi il potassio idrossido.
Nell’ambito della filiera del biodiesel è utilizzata per ridurre l’acidità
degli oli prima di sottoporli alla trasformazione a biodiesel nella fase
detta di neutralizzazione.

Sonda lambda
È il sensore, detto anche sensore ossigeno, che fornisce informazioni
relative alla quantità di ossigeno presente nei gas di scarico, al fine di
mantenere un’ottimale composizione della miscela aria-benzina.

Sostanza secca
Condizione nella quale il biocombustibile è privo d’acqua.

Sostanza secca senza ceneri (daf)


Condizione nella quale il biocombustibile è privo d’acqua e di mate-
riale inorganico.

T T

Tar
Miscela complessa di idrocarburi condensabili.

TEP – Tonnellata equivalente di petrolio


Unita di misura dell’energia adottata per misurare grandi quantità,
ad esempio nei bilanci energetici e nelle valutazioni statistiche. Viene
utilizzata per confrontare le risorse di energia che si possono ottenere
238
da fonti diverse. Equivale all’energia sviluppata dalla combustione di T
una tonnellata di petrolio. Essendo il potere calorifico del petrolio
grezzo pari a 41.860 kJ/kg, un Tep equivale a 41.860*103.

Termofilia
Condizioni in cui la temperatura di reazione è compresa tra 50-65°C,
valori ottimali per lo sviluppo di microrganismi “termofili”.

Trigenerazione (CHCP)
Si intende il sistema di produzione congiunta di energia elettrica,
termica e frigorifera a partire da un unico combustibile (CHCP –
Cogeneration of Heat, Cooling and Power).

V V
Vacuolo
Organulo cellulare tipico delle cellule vegetali, preposto all’immagaz-
zinamento di alcuni prodotti anabolici, tra cui i grassi, e alla regola-
zione del turgore.

Viscosità cinematica
La viscosità cinematica è una proprietà fisica dei fluidi, che dipende
dalla natura chimica del fluido stesso e dalla temperatura: è tanto
maggiore, quanto più alta è la coesione che si instaura tra le molecole
all’interno del fluido; nei liquidi decresce all’aumentare della tempe-
ratura, nei gas, invece, aumenta. L’unità di misura comunemente
impiegata è mm2/s (cSt = centi Stokes).
239
Bibliografia

Alberti M., 2002, La gestione delle ceneri da biomassa: un problema da risolvere.


Progetto Fuoco, Verona
Angelini L., Ceccarini L., Bonari E., 1999, “Resa, composizione chimica e valu-
tazione energetica della biomassa di specie erbacee annuali per la produzione
di energia”, in Bona S. (ed), Atti XXXIII Convegno Annuale Società Italiana di
Agronomia. Le colture non alimentari, Legnaro (PD), 20-23 settembre 1999
Aoyama K., Uemura I., Miyake J., Asada Y., 1997, “Fermentative metabo-
lism to produce hydrogen gas and organic compounds in a cyanobacterium,
Spirulina platensis”, J. Ferment. Bioenerg., 83, pp. 17-20
APAT, 2003, “Le biomasse legnose: un’indagine sulla potenzialità del settore
forestale italiano nell’offerta di fonti di energia”, Rapporti, 30/2003, Roma,
www.sinanet.apat.it
APAT, ARPA, 2003, Analisi ambientale per comparto produttivo. Comparto carta-
rio, giugno, www.apat.gov.it/site/_files/Industria_Cartaria.pdf
ARPA FVG, Assocarta, Associazione degli Industriali, 2005, Analisi ambientale
del Comparto produttivo Cartario, 01/08/2005, www.apat.gov.it
Assocarta, 2004, Rapporto ambientale dell’industria cartaria italiana 2004, www.
assocarta.it
Benemann J.R., 1996, “Hydrogen biotechnology: progress and prospects”,
Nature Biotechnol., 14, pp. 1101-1103
Bonari G., Picchi G., Guidi W., Piccioni E., Fraga A., Villani R., Ginanni M.,
2004, “Le colture da energia”, Le colture dedicate ad uso energetico: il progetto
Bioenergy Farm, Quaderno ARSIA 6/2004
Cerullo S., Pellegrini A., 2002, “Stime sulle quantità di residui legnosi prodotti
in Italia”, Atti convegno Programma Nazionale Biocombustibili – PROBIO – Pellet
per l’energia: Mercato, Tecnologie, Normative, Prospettive, Verona, 23 marzo 2002.
Comitato Termotecnico Italiano Regione Lombardia-Agricoltura
CETA, 1994, Banca dati delle biomasse recuperabili dai rifiuti civili ed agroalimentari
prodotti nel Friuli-Venezia Giulia
241
CTI, 2003, “Raccomandazione CTI sui biocombustibili solidi: Specifiche e
Classificazione”, CTI R03/01, aprile, www.cti2000.it
Del Favero R. (a cura di), 1998, La vegetazione forestale e la selvicoltura nella regione
Friuli-Venezia Giulia, Vol. I, Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, Direzione
Regionale delle Foreste e della Caccia - Servizio della Selvicoltura, Udine
Enguidanos M., Soria A., Kavalov B., Jensen P., 2002, “Techno-economic
analysis of bio-alcohol production in the EU: a short summary for decision-
makers”, European Commission, Report EUR 20280 EN
Geisshofer A., Hahn B., Hartmann H., Huber R., Kessler D., Jauschenegg H.,
Malisius U., Nillson B., Rapp S., Schmidl H., Whitfield J., 2000, Woodpellets in
Europe, St. Pölten, Austria: Umbera GmbH
Giordano G., 1955, Tecnologia del legno, UTET, Milano
Grassi G., 2004, Refined Bio-Fuels Pellets and Briquettes. Characteristics, uses and
recent innovative production technologies, LAMNET Latin America Thematic
Network on Bioenergy (Project no. ICA4-CT-2001-10106), www.bioenergy-
lamnet.org
Grover P.D., Mishra S.K., 1996, Biomass briquetting: technologies and practies, FAO
Field Document n. 46, Bangkok, http://www.rwedp.org/acrobat/rm46.pdf
Gubbiani R., Lazzari M., 2004, “Combustione della granella di mais per pro-
duzione di calore per utenze civili”, Notiziario ERSA, Anno XVII, n. 4
Ham R.K., Barlaz M.A., 1989, “Measurement and Prediction of Landfill Gas
Quality and Quantity”, in Chistensen T.H., Cossu R., Stegmann R., Sanitary
Landfilling: Process, Technology and Environmental Impact, Academic Press, New
York, pp. 155-158
Ikegami T., Kitamoto D., Negishi H., Iwakabe K., Imura T., Sano T., Haraya
K., Yanagishita H., 2004, “Reliable production of highly concentrated bioetha-
nol by a conjunction of pervaporation using a silicone rubber sheet-covered
silicalite membrane with adsorption process”, Journal of chemical technology
and biotechnology, vol. 79, issue 8, pp. 896-901, www3.interscience.wiley.com
INEA, 2004, L’agricoltura italiana conta, www.inea.it/pubbl/itaco.cfm
ISTAT, 1997, Coltivazioni agricole e foreste
ISTAT, 2002, “Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia”, V°
Censimento dell’Agricoltura
ISTAT, 2003, Analisi dei prelievi forestali in Friuli Venezia Giulia
ITABIA, 1999, “Le coltivazione da biomassa per un’energia alternativa”,
Agricoltura, n. 293
ITABIA, 2004, “Le biomasse per l’energia e l’ambiente”, Rapporto 2003,
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, www.itabia.it
242
Kavalov B., Peteves S.D., 2004, Bioheat applications in the European union:
an analysis and perspective for 2010, Petten, The Netherlands, European
Commission, Directorate general, www.ie.jrc.cec.eu.int
Lynd L.R., 1996, “Overview and evaluation of fuel ethanol from cellulosic bi-
omass: technology, economics, the environment and policy”, Ann. Rev. Energy
Environ., 21, pp. 403-465
Lynd L.R., Weimer P.J., Van Zyl W.H., Pretorius I.S., 2002, “Microbial cellulose
utilization: fundamentals and biotechnology”, Microbiology and Molecular
Biology Reviews, Sept. 2002, pp. 506-577
Mareschi L., Paris P., Sabatti M., Nardin F., Giovanardi R., Manazzone S.,
Scarascia Mugnozza G., 2005, “Le nuove varietà di pioppo da biomassa ga-
rantiscono produttività interessanti”, L’Informatore Agrario, 18, pp. 49-53
Melis A., Zhang L., Forestier M., Ghirardi M.L., Seibert M., 2000, “Sustained
photo biological hydrogen gas production upon reversible inactivation of
oxygen evolution in the green alga Chlamydomonas reinhardtii”, Plant Phy-
siol., 122, pp. 127-136
Miles T.R., Miles Jr T.R., Baxter L., Bryers R.W., Jenkins B.M., Oden L.L., 1995,
Alkali deposits found in biomass power plants. A preliminary investigation of their
extend and nature, NREL/TP-433-8142, p. 82
Mitsui A., Phlips E.J., Kumazawa S., Reddy K.J., Ramachandran S., Matsu-
naga T., 1983, “Progress in research toward outdoor biological hydrogen
production using solar energy, sea water and marine photosynthetic micro-
organisms”, Annals of the NewYork Academy of Sciences
Montibeller S., 2005, “Le biomasse: risorsa per il futuro”, Terra Trentina, n. 2,
febbraio, pp. 20-23, Trento
Nocentini G., Faini A., 2004, “Le azioni dimostrative e divulgative del pro-
getto Bioenergy Farm”, Le colture dedicate ad uso energetico: il progetto Bioenergy
Farm. Quaderno ARSIA 6/2004
Obernberger I., Thek G., 2002, “Physical characterisation and chemical com-
position of densified biomass fuels with regard to their combustion behav-
iour”, Proceedings of the 1st World Conference on Pellet, Sept 2002, Stockholm,
Sweden, pp. 115-122, Swedish Bioenergy Association (ed), Stockholm
Obernberger I., Thonhofer P., Reisenhofer E., “Description and Evaluation of
the new 1,000 kWel Organic Rankine Cycle process integrated in the biomass
CHP plant in Lienz, Austria”, Euroheat & Power, vol. 10/2002
Ortiz I., Gorri D., Casado C., Urtiaga A., 2005, “Modelling of the pervapora-
tive flux through hydrophilic membrane”, Journal of chemical technology and
biotechnology, vol. 80, issue 4, pp. 397-405
Paniz A., Pettenella D., 2004, Il mercato del pellet in Italia. Da prodotto di nicchia
243
a biocombustibile di massa?, AIEL Associazione Italiana Energia dal Legno,
Legnaro (PD), www.aiel.cia.it
Pedrolli M., 2001, Disponibilità e costi di raccolta delle biomasse per usi energetici,
Provincia Autonoma di Trento, Servizio Foreste, Trento
Righini W., 2003, Indagine conoscitiva sulle caratteristiche di campioni di biomasse
legnose prelevate presso l’impianto della società Teleriscaldamento-Cogenerazione
Valcamonica, Valchiavenna spa, Valtellina
Riva G., 1990, Approvvigionamento energetico e tecnologie di conversione, Edizioni
Agricole, Bologna
Riva G., 2004, “Il Pellet: aspetti generali”, Atti convegno Programma Nazionale
Biocombustibili – PROBIO – Pellet per l’energia: Stato dell’arte e prospettive fu-
ture. Progetto Fuoco, Verona, 19 marzo 2004, Comitato Termotecnico Italiano
Regione Lombardia-Agricoltura
Samson R., Mehdi B., 1998, “Strategies to reduce the ash content in perennial
grasses”, Research reports. BioEnergy ’98: Expanding BioEnergy Partnerships.,
R.E.A.P., Canada, www.reap-canada.com
Samson R., Mulkins L., Drisdelle M., Lapointe C., Duxbury P., 2000, “The use
of Switchgrass Biofuel Pellets as a Greenhouse Gas Offset Strategy”, Bioenergy
2000 Conference, Buffalo, New York, October 15-19, www.reap-canada.com
Sander B., 1997, “Properties of Danish biofuels and the requirements for
power production”, Biomass and Bioenergy, 12, 177-183
Schlegel H.G., Schneider K., 1978, Hydrogenases: their catalytic activity, structure
and function, Göttingen, Germany, pp. 15-44
Sheoran S., Yadav B.S., Nigam P., Singh D., 1999, “Continuous ethanol
production from sugarcane molasses using a column reactor immobilized
Saccharomyces cerevisiae HAU-1”, Journal of basic microbiology, vol. 38, issue
2, pp. 123-128, www3.interscience.wiley.com
SOCRIS, 2003, Innovazione nell’uso della legna a fini energetici, Obiettivo 2,
Regione Emilia-Romagna
Sorlini S., Zoni S., 2001, Stato dell’arte della bricchettatura ed eventuali applicazioni,
Punto Energia di Brescia – Università degli Studi di Brescia, www.energoclub.it
Spinelli R., Hartsough B., 2001, “Indagine sulla cippatura in Italia”, Contributi
scientifico-pratici per una migliore conoscenza ed utilizzazione del legno, XLI, CNR,
Istituto per la ricerca sul legno, Firenze
Spinelli R., Nati C. Magagnotti N., 2003, Raccolta di legno cippato dalle giovani
peccete artificiali del Feltrino, Associazione Montegrappa
Stahl K., Neergaard M., 1998, IGCC Power Plant for Biomass Utilization, Biomass
and Bioenergy, pp. 205-211
244
Van Thuijl E., Van Ree R., De Lange T.J., 2003, “Biofuel production chains”,
framework of the EC-supported project “Clear Data Clean Fuels”, NNE5 -
2001 - 00649
Verani S., Sperandio G., 2005, “La meccanizzazione nella raccolta della legna
da ardere in alcune regioni dell’Italia meridionale”, Forest@2, (2), pp. 233-241
Vettraino B., Carlino M., Rosati S., 2005, La legna da ardere in Italia - Logistica,
organizzazione e costi operativi, Dossier CEAR
Wilén C., Moilanen A., Kurkula E., 1996, “Biomass feedstock analyses”, VTT
publications, 282
Zilli M., 2002, Bosco ed Energia. Editori Associati per la Comunicazione,
Milano
Zimbardi F., Viola E., Gallifuoco A., De Bari I., Cantarella M., Barisano D.,
Braccio G., 2002, Overview of the bioethanol production, ENEA - Università
degli Studi de L’Aquila

245
Finito di stampare nel mese di Aprile 2006