Sei sulla pagina 1di 137

Energia dalle biomasse

Tecnologie e prospettive
Energia dalle biomasse
Tecnologie e prospettive

2008 ENEA
Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente

Lungotevere Thaon di Revel, 76 - Roma

ISBN 88-8286-171-6
REGIONE SICILIANA
ASSESSORATO INDUSTRIA

Energia dalle biomasse


Tecnologie e prospettive

a cura di
Francesco Paolo Vivoli

contributo ai testi di
Enzo Benanti, Giacobbe Braccio
Nicola Colonna, Vincenzo Motola

Ente per le Nuove tecnologie,


l’Energia e l’Ambiente
Presentazione

Il volume viene pubblicato nell’ambito del programma SICENEA, finanziato


dall’Assessorato Industria della Regione Siciliana per promuovere una maggiore con-
sapevolezza riguardo i problemi energetici e ambientali e sensibilizzare all’impiego delle
fonti rinnovabili e all’uso razionale dell’energia nei vari settori produttivi e civili.
Obbiettivo di rilievo del programma è sollecitare l’attenzione di Enti locali, Imprese,
progettisti, installatori e energy manager sulle opportunità di sviluppo e crescita di un
mercato e un’industria locale delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, in grado
di incidere sulla crescita di competitività del sistema produttivo regionale.

Le biomasse, ovvero ogni sostanza organica di origine biologica, in forma non fossile,
prodotta direttamente o indirettamente dalla fotosintesi, possono essere impiegate per
la produzione di energia utilizzando diversi processi di conversione.
Questo volume ha l’obbiettivo di fornire, in particolar modo ai tecnici operanti nel set-
tore energetico siciliano, un’ampia panoramica sulla natura delle biomasse, sugli aspet-
ti tecnici, economici e normativi correlati al loro sfruttamento a fini energetici e sulle
potenzialità offerte dalle diverse tecnologie.
Indice

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

Capitolo Uno
Le biomasse e la conversione energetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.1 Comparto forestale e agroforestale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.2 Comparto agricolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.3 Comparto zootecnico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.4 Comparto industriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.5 Comparto dei rifiuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.6 I vantaggi delle biomasse e le problematiche connesse al loro utilizzo . . 20
1.7 Le tecnologie di conversione energetica della biomassa . . . . . . . . . . . . 22

Capitolo Due
La conversione biochimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.1 La digestione anaerobica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Biomasse impiegabili nel processo di digestione anaerobica . . . . 27
Codigestione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Le tecnologie di digestione anaerobica applicabili . . . . . . . . . . . . . 30
2.2 Biocarburanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Il bioetanolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Il biodiesel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

Capitolo Tre
La conversione termochimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3.1 L’essiccazione della biomassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
3.2 Pirolisi e tecnologie applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
3.3 Il processo HTU (Hydro Thermal Upgrading) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
3.4 La gassificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
Gassificatori a letto fisso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Gassificatori a letto fluido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
3.5 La combustione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Impianti per la produzione di elettricità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Impianti per la produzione di energia termica . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
8 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Capitolo Quattro
Aspetti ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
4.1 Il bilancio delle emissioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
4.2 Confronto tra le emissioni inquinanti dei principali combustibili
di origine vegetale e fossile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
4.3 Altri benefici ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

Capitolo Cinque
Aspetti economici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.1 Gli incentivi alla produzione di biomasse energetiche
da colture dedicate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
5.2 Gli incentivi ai biocarburanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
5.3 Gli incentivi alla produzione di energia elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120

Capitolo Sei
La Sicilia e le biomasse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
6.1 Il programma di sviluppo rurale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
6.2 Il progetto Fi.Sic.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
6.3 Il potenziale di biomasse in Sicilia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130

Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Premessa

Negli ultimi decenni, lo stile di vita dei paesi industrializzati ha modificato sensibilmen-
te il panorama e le prospettive energetiche a livello mondiale. La sempre maggiore
richiesta di energia infatti, unitamente all’impennata dei prezzi del petrolio, all’incer-
tezza dell’approvvigionamento e ai timori connessi con il riscaldamento globale, ha reso
ancora più chiara la consapevolezza che questa risorsa oggi non può più considerarsi
come un qualcosa di scontato.
Mossa da queste motivazioni, la Comunità Europea si è pertanto impegnata ad accre-
scere nel mix degli approvvigionamenti, attraverso un quadro normativo organico, il ricor-
so alle energie rinnovabili; le quali, integrando e in parte sostituendo le fonti fossili, per-
mettono di realizzare sia la diversificazione nell’approvvigionamento energetico, che la
riduzione delle emissioni di carbonio. In quest’ottica trova spazio una proposta integra-
ta in materia di energia e cambiamenti climatici (nota come “pacchetto 20–20–20”) che,
varata dall’UE il 23 gennaio 2008, pone per il 2020 i seguenti obbiettivi:
 riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 20% rispetto ai livelli del 1990;
 raggiungimento di un consumo di energia da fonti rinnovabili pari al 20% del totale;
 riduzione dei consumi energetici del 20% rispetto alle proiezioni attuali;
 incremento dell’uso dei biocarburanti nei trasporti con una quota minima obbliga-
toria del 10% dei consumi totali.
Come è facile comprendere si tratta di obbiettivi molto ambiziosi dato che attualmen-
te la quota delle energie rinnovabili in Europa è mediamente pari all’8,5%. Appare chia-
ro dunque che per poter raggiungere l’obiettivo del 20% entro il 2020 saranno neces-
sari notevoli sforzi da parte di tutti i settori dell’economia e di tutti gli Stati membri.
Per far si che lo sforzo necessario sia ripartito equamente, la commissione ha stilato
una serie di obbiettivi nazionali, calcolati per ciascun paese applicando una compo-
nente fissa di base e una componente variabile in funzione del PIL di ogni membro.
L’Italia dovrà così, entro il 2020, soddisfare il 17% dei propri consumi finali di energia
ricorrendo alle risorse rinnovabili, (nel 2007 queste rappresentavano il 7,3% dei consu-
mi interni lordi) e nello stesso tempo ridurre le emissioni di CO2 del 13% rispetto ai
valori del 2005.
Per raggiungere questi target è previsto l’ntervento in tre settori: quello relativo alla
produzione di energia elettrica, quello del riscaldamento e del raffreddamento e quel-
lo dei trasporti. Ogni stato membro avrà perciò la possibilità di decidere, in relazione
alle proprie esigenze, in quale misura ciascuno di questi comparti andrà a contribuire
al conseguimento del relativo obiettivo nazionale. Se da un lato dunque i paesi
dell’Unione godono della massima discrezionalità nella scelta della composizione del
proprio mix energetico, la stessa cosa non vale invece per i biocarburanti per i quali è
fissato, come visto, un sotto–target vincolante che pone gli stati membri nella condi-
zione di sostituire, entro il 2020, almeno il 10% della benzina e del gasolio usato in
autotrazione. Questo obiettivo di per se è ancora più ambizioso di quello inerente le
FER nel loro complesso, se si considera che nel 2005 la quota di biocarburanti era
dell’1,08% nell’UE a 27 membri e pari a solo lo 0,43% in Italia (Fonte: Eurostat).
10 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

In risposta alle indicazioni fornite dall’Unione Europea con il “pacchetto 20-20-20” lo


stato italiano ha emanato nel settembre 2007 un position paper nel quale viene ripor-
tata una valutazione preliminare delle massime potenzialità nazionali riguardo la pro-
duzione di energia da fonti rinnovabili. Partendo dai livelli di sfruttamento attuali e con-
siderando fattori quali il territorio, il clima, la dotazione di risorse naturali e il livello tec-
nologico è stato possibile stimare un potenziale massimo teorico al 2020 di circa 20,97
Mtep. In questa proiezione rientrano ovviamente anche le biomasse impiegate sia per
la produzione di energia elettrica, per la quale si ritiene si possano raggiungere al 2020
anche i 14,5 TWh contro i 6,16 TWh del 2005, che per la generazione di energia ter-
mica e frigorifera, con un potenziale verosimilmente pari a 9,32 Mtep (1,88 Mtep nel
2005). Non va poi dimenticato l’utilizzo delle biomasse nella sintesi dei biocarburanti
per i quali, come detto, è stato fissato un target estremamente ambizioso consideran-
do l’attuale livello di sfruttamento. Per raggiungere infatti l’obiettivo del 10% al 2020
si stima sia necessario impiegare una superficie agricola pari a 5 milioni di ettari, cor-
rispondenti al 16,7% del territorio nazionale o al 60% circa della superficie attualmen-
te coltivata a seminativi. È evidente dunque che al di là dei possibili risvolti negativi
sulle filiere alimentari, l’Italia, per poter raggiungere la soglia del 10%, dovrà necessa-
riamente ricorrere alle importazioni da paesi esteri dotati di grandi territori coltivabili
non utilizzati. Le possibilità a livello nazionale indicano infatti una produzione massima
non superiore a 800.000–1.000.000 di tonnellate all’anno di biocarburanti contro i 5,5
milioni necessari per rientrare negli obbiettivi europei.
Dalle stime appena viste appare dunque evidente che, per incrementare la produ-
zione di biomasse a fini energetici (così come in generale di ogni altra FER), è neces-
sario intraprendere nel nostro paese uno sforzo importante che venga equamente
ripartito sul territorio attraverso un maggior coordinamento tra stato e regioni. La
Sicilia, in relazione alle proprie potenzialità e alle proprie peculiarità territoriali, dovrà
quindi fissare i propri obbiettivi e definire roadmaps chiare ed efficienti da qui al 2020.
Fondamentale è anche il perfezionamento tecnologico da attuare sui dispositivi di
sfruttamento e conversione energetica delle biomasse così da incrementarne i livel-
li di efficienza e abbatterne i costi di sviluppo e gestione. In questo ambito indispen-
sabile è poi la necessità di disporre di incentivi differenziati per tecnologia e mirati
a favorire soprattutto la ricerca e le applicazioni che si trovano ancora oggi in fase
di sperimentazione.
Questo volume comincia con l’individuare i principali comparti di provenienza di que-
sta risorsa rinnovabile, disponibile in varie forme e con proprietà chimico-fisiche assai
differenti, passando poi ad una dettagliata analisi dello stato dell’arte delle tecnologie
di conversione energetica delle biomasse, sia di quelle industrialmente disponibili sia
di quelle in corso di sviluppo e messa a punto e che presentano le più interessanti pos-
sibilità di ingegnerizzazione a breve e medio termine.
In particolare, tra le tecnologie biochimiche, la trattazione si sofferma sul processo
di digestione anaerobica, per la produzione di biogas da sostanze ad elevato carico
organico, e sulle tecniche di preparazione di biocarburanti come etanolo e biodie-
sel a partire rispettivamente da colture alcoligene e oleaginose. Vengono quindi
affrontati i processi termochimici di pirolisi, gassificazione e combustione diretta con
11 Premessa

particolare attenzione alle tecnologie impiantistiche oggi più affermate, e alle appli-
cazioni per la produzione di energia elettrica e di energia termica. Un capitolo è dedi-
cato ai vantaggi ambientali connessi allo sfruttamento energetico delle biomasse e
un altro individua i principali strumenti di incentivazione riconosciuti sia a livello nazio-
nale che europeo.
Un ultimo capitolo, infine, è dedicato alla situazione nella Regione Siciliana, in rela-
zione agli aspetti normativi e alle misure previste dal Programma di Sviluppo Rurale
(PSR) 2007-2013, e ai progetti dimostrativi avviati, concludendo con la stima del
potenziale di produzione annua di biomassa residuale agricola e forestale nelle pro-
vince della Sicilia.
Capitolo Uno
Le biomasse e la conversione energetica

Secondo il decreto legislativo 29 dicem- mente circa 2·1011 tonnellate di carbo-


bre 2003, n. 387 (che recepisce a livello nio all’anno, con un contenuto energe-
nazionale la direttiva europea tico equivalente a 70 miliardi di tonnel-
2001/77/CE sulla promozione di ener- late di petrolio, circa 10 volte l’attuale
gia elettrica prodotta da fonti rinnova- fabbisogno energetico mondiale. Per
bili) per biomassa si intende la parte tale motivo la biomassa è considerata
biodegradabile dei prodotti, rifiuti e una risorsa rinnovabile e inesauribile,
residui provenienti dall’agricoltura, dalla se opportunamente utilizzata, ovvero
silvicoltura e dalle industrie connesse; se il ritmo di impiego della stessa non
nonché la parte biodegradabile dei rifiu- supera la capacità di rigenerazione
ti industriali e urbani. Più semplicemen- delle formazioni vegetali. In realtà le
te si può affermare che, in ambito ener- biomasse non sono illimitate quantita-
getico, la biomassa è qualsiasi sostanza tivamente, ma per ogni tipologia utiliz-
organica, di origine vegetale o animale, zata la disponibilità dipende dalla
da cui sia possibile ricavare energia o superficie ad essa destinata, nonché
attraverso un impiego diretto o previa dalle condizioni climatiche e ambien-
trasformazione in un combustibile soli- tali le quali tendono a limitare in ogni
do, liquido o gassoso. regione le specie che vi possono cre-
Appare dunque evidente che quando scere in modo conveniente ed econo-
si parla di biomassa in realtà si inten- mico. L’utilizzo a fini energetici delle
de un insieme di materiali con caratte- biomasse può essere vantaggioso
ristiche molto diverse tra loro, ma che quando queste si presentano concen-
tuttavia presentano una natura comu- trate nello spazio e disponibili con suf-
ne che li vede essere la forma più sofi- ficiente continuità nell’arco dell’anno,
sticata di accumulo dell’energia solare. al contrario invece, un’eccessiva
Mediante il processo di fotosintesi, dispersione sul territorio o una troppo
infatti, i vegetali sono in grado di con- concentrata stagionalità dei raccolti
vertire l’energia radiante in energia rendono più difficili e onerose le ope-
chimica, stoccandola sotto forma di razioni di raccolta, trasporto e stoccag-
molecole complesse, a elevato conte- gio. Le biomasse impiegate a fini ener-
nuto energetico come carboidrati, getici sono disponibili in varie forme
lignina, proteine e lipidi. In questo che vengono tipicamente suddivise in
modo vengono fissate complessiva- funzione del comparto di provenienza.
14 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

[1.1] zionali tronchetti di legno. Quest’ultimi, in


Comparto forestale particolare, rappresentano l’assortimento
e agroforestale più utilizzato negli ambienti rurali o mon-
tani, dove la raccolta della legna e il suo
Si fa in questo caso riferimento ai residui, stoccaggio in ciocchi di opportune dimen-
perlopiù di tipo legnoso, delle operazio- sioni è un’attività che sopravvive alle
ni selvicolturali o delle attività agroforesta- attrattive offerte dalle sempre più moder-
li. La biomassa legnosa che si ricava da ne tecnologie per il riscaldamento resi-
questo comparto per poter essere desti- denziale.
nata a fini energetici deve possedere L’aspetto che rende forse più interessan-
requisiti specifici in termini di densità, te lo sfruttamento energetico delle bio-
composizione chimica e tenore di umidi- masse forestali è sicuramente l’ampia
tà. Questi fattori infatti, variabili in funzio- disponibilità di questa fonte a livello
ne della specie, dell’età e delle condizio- nazionale, basti ricordare infatti che ben il
ni stagionali, incidono in maniera rilevan- 32% del territorio italiano è coperto da
te sul potere calorifico del legno e quin- boschi e foreste. Tuttavia però non man-
di sono determinanti nell’efficienza e nella cano elementi di criticità legati soprattut-
qualità dei processi di combustione a cui to all’attività di reperimento di questa
i prodotti del comparto forestale vengo- risorsa che richiede ad esempio una via-
no quasi esclusivamente destinati. Nella bilità forestale sufficientemente sviluppa-
tabella 1.1 si riassumono le principali ta e fruibile dai comuni mezzi di raccolta
caratteristiche chimico fisiche della bio- e trasporto. L’assenza in molti casi delle
massa legnosa. necessarie infrastrutture, come ad esem-
La biomassa legnosa viene generalmente pio nelle aree montane dove si sviluppa-
immessa sul mercato in pezzature molto no formazioni boschive in zone acciden-
diverse sia per forma che per grado di tate e a pendenza elevata, pone difficol-
umidità, quelle più comuni, nonostante il tà logistiche non indifferenti che si tradu-
sempre maggiore interesse verso prodot- cono inevitabilmente in un aggravio dei
ti densificati come pellets e bricchetti, costi di raccolta.
rimangono comunque il cippato e i tradi-

[1.2]
Tabella 1.1 – Principali caratteristiche della biomassa legnosa
Comparto agricolo
Composizione
Questo comparto fornisce un’ampia
Cellulosa 50% della ss gamma di materiali che possono trovare
Emicellulosa 10-30% della ss facilmente impiego a fini energetici; ad
Lignina 20-30% della ss esso fanno riferimento sia i residui delle
Caratteristiche fisiche ed energetiche attività agricole a scopo alimentare altri-
Umidità 25-60% sul t.q. menti non utilizzabili (paglie di cereali,
stocchi, sarmenti di vite, ramaglie di pota-
Densità di massa 800-1.120 kg/m3
tura, ecc.), che le colture energetiche
p.c.i. (considerando un’umidità del 12-15%) 3.600-3.800 kcal/kg dedicate. Si tratta in quest’ultimo caso di
Fonte: AREA Science Park biomasse coltivate specificatamente per
15 Le biomasse e la conversione energetica

lo sfruttamento energetico o per la realiz- sto quantitativo di materiale che è possi-


zazione di combustibili; queste possono bile eventualmente asportare per desti-
essere sia terrestri, di natura lignocellulo- narlo alla produzione di energia. Un
sica, alcoligena o oleaginosa; oppure pos- secondo fattore di criticità nei riguardi di
sono essere biomasse acquatiche, e in un impiego intensivo dei residui agricoli a
questo caso tipicamente si parla di alghe fini energetici è sicuramente quello lega-
o microalghe. to alle quantità disponibili per unità di
Per quanto riguarda i residui colturali c’è superficie; queste in genere sono relativa-
da dire che, sebbene rappresentino una mente modeste e spesso non giustifica-
fonte energetica facilmente accessibile, no la raccolta, l’asportazione e il traspor-
ad essi si possono ricondurre alcune criti- to della biomassa alla centrale termica.
cità legate soprattutto al loro sfruttamen- Per quanto attiene infine alla composizio-
to e in particolare agli impieghi alternati- ne chimica dei residui agricoli va eviden-
vi ai quali possono essere destinati, alla ziato che un alto contenuto in cenere può
loro bassa produttività per unità di super- comportare complicazioni in fase di impie-
ficie e alla loro composizione chimica. Un go della biomassa: in linea generale infat-
primo aspetto da non sottovalutare quin- ti, la presenza di ceneri determina un
di è che attraverso l’impiego energetico incremento nella formazione di scorie e
di alcuni residui colturali (tipicamente deri- depositi, con conseguente danno per i
vati del mais), che normalmente vengono bruciatori, nonché un aumento delle emis-
interrati nello stesso campo in cui si sono sioni di particolato in atmosfera. Le prin-
raccolti, si sottrae a questi siti produttivi un cipali caratteristiche dei sottoprodotti
prezioso apporto di sostanze organiche agricoli sono riassunte in tabella 1.2.
indispensabili per migliorare la struttura e Come è possibile notare si hanno sostan-
mantenere la fertilità dei terreni. Sebbene zialmente due differenti categorie di resi-
l’interramento di tale materiale sia una dui agricoli: quelli di natura erbacea e
pratica valida in linea generale, non lo è quelli di natura arborea. Tra i primi il pro-
in senso assoluto: l’interramento della dotto più comune è sicuramente la paglia
paglia, ad esempio, nonostante a volte derivante dalla coltivazione dei cereali
venga comunque eseguito, può alterare autunno vernini; questa, nonostante le
l’equilibrio del terreno a causa dell’eleva- criticità mostrate in precedenza, risulta
to rapporto tra carbonio e azoto (rappor- essere in realtà un buon combustibile,
to C/N) che rende successivamente grazie soprattutto al bassissimo tenore di
necessario l’arricchimento del terreno con umidità, al p.c.i. paragonabile con quel-
composti azotati di origine chimica. La lo del legno e alla possibilità di compri-
destinazione dei residui agricoli a fini merla in rotoballe o presse di forma rego-
energetici deve quindi essere valutata di lare, facilmente alimentabili in caldaia.
volta in volta, ricordando che essa, in linea Alla seconda categoria fanno invece
generale, non è consigliabile quando parte tutte le porzioni legnose che con le
comporta dei risvolti negativi a livello periodiche operazioni di potatura vengo-
agronomico; un’approfondita conoscenza no asportate dagli impianti arborei. Allo
delle caratteristiche chimico–fisiche del stato attuale però non esistono sistemi
terreno si rivela dunque sempre necessa- automatici di raccolta (se non alcuni pro-
ria al fine di definire correttamente il giu- totipi messi a punto per i sarmenti della
16 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Tabella 1.2 – Principali caratteristiche dei sottoprodotti agricoli


Sottoprodotto Umidità alla Produzione Rapporto Ceneri p.c.i.
raccoltà (%) media (t/ha) C/N (% in peso) (kcal/kg ss)
Paglia frumento tenero 14-20 3-6 120-130 7-10 4.100-4.200
Paglia frumento duro 14-20 3-5 110-130 7-10 4.100-4.200
Paglia altri cereali
14-20 3-5,5 60-65 5-10 3.300-3.400
autunno-vernini
Paglia riso 20-30 3-5 60-65 10-15 3.700-3.800
Stocchi mais 40-60 4.5-6 40-60 5-7 4.000-4.300
Tutoli e brattee di mais 30-55 1,5-2,5 70-80 2-3 4.000-4.300
Sarmenti vite 45-55 3-4 60-70 2-5 4.300-4.400
Frasche di olivo 50-55 1-2,5 30-40 5-7 4.400-4.500
Residui fruttiferi 35-45 2-3 47-55 10-12 4.300-4.400
Fonte: ITABIA – Italian Biomass Association

vite e le frasche dell’olivo), pertanto per ne combinata di energia termica ed elet-


questa categoria di materiali la filiera è trica in impianti di cogenerazione. Alcuni
tutta da costruire, anche nei casi in cui la fattori devono però essere attentamente
vicinanza oggettiva degli impianti rende- valutati prima di scegliere la specie che
rebbe questa fonte di approvvigionamen- maggiormente si adatta a subire un pro-
to davvero competitiva. Come preceden- cesso di combustione. In linea generale
temente ricordato il comparto agricolo si può dire che le biomasse erbacee
fornisce, oltre a residui colturali di vario poliennali sono caratterizzate da costi di
genere, anche un’altra tipologia di bio- produzione decisamente inferiori rispet-
massa la quale, prodotta con coltivazioni to alle biomasse provenienti da colture
specificatamente destinate all’impiego legnose; questo aspetto però non com-
energetico, può avere natura lignocellu- pensa una serie di ostacoli che di fatto
losica, oleaginosa o alcoligena. limitano decisamente l’utilizzo delle
Le colture lignocellulosiche comprendo- perenni erbacee nella produzione di calo-
no specie erbacee caratterizzate da un re ed elettricità. Tra i principali inconve-
ciclo di vita annuale (canapa, sorgo, nienti si riscontra ad esempio la minor
kenaf), specie erbacee poliennali (canna efficienza durante la combustione, se
comune, miscanto, panico) e specie comparata con l’utilizzo di biomassa
legnose (ginestra, pioppo, salice). Le bio- legnosa, ma anche il minor peso specifi-
masse lignocellulosiche da colture dedi- co, il minor potere calorifico per unità di
cate, esattamente come le biomasse di peso e il maggiore contenuto di ceneri e
origine forestale e i residui agricoli, pos- di altri composti indesiderati in quanto
sono trovare impiego come combustibili corrosivi, quali potassio, fosforo, zolfo,
nei moderni impianti di riscaldamento, azoto e cloro.
autonomi o centralizzati, mentre più rara- Particolare attenzione deve essere invece
mente vengono utilizzate per la produzio- rivolta alle specie arboree dedicate, come
17 Le biomasse e la conversione energetica

il pioppo, la ginestra, il salice, la robina e come materia prima per ricavarne, attra-
l’eucalipto, coltivate come ceduo a brevis- verso specifici processi biochimici, com-
simo turno (Short Rotation Forestry – SRF) bustibili alternativi quali biodiesel e bioe-
e, data la loro elevata velocità di accresci- tanolo, da utilizzare nei motori a combu-
mento, tagliate ogni 1–3 anni. In genera- stione interna in alternativa ai tradiziona-
le la densità di impianto è molto elevata li derivati del petrolio. Tra le colture olea-
(8.000–12.000 piante/ha), così come la ginose vanno annoverate molte specie,
meccanizzazione che copre di fatto tutte diffuse su scala mondiale, sia di natura
le fasi colturali: dall’impianto delle talee, arborea, come la palma da cocco, sia di
alla raccolta che viene effettuata con fal- natura erbacea, come il girasole, la colza
cia–trincia–caricatrici di ultima realizzazio- o la soia. Tra le colture alcoligene ritenu-
ne che permettono di ottenere circa 30 te tipicamente idonee alle condizioni
ton/ora di biomassa. Il prodotto principa- pedoclimatiche italiane si ricordano inve-
le è costituito da cippato di legno fresco ce: la barbabietola da zucchero e il sorgo
che può avere varie destinazioni d’uso tra zuccherino per quanto riguarda le specie
cui soprattutto l’industria della carta, del saccarifere, ovvero quelle costituite da
pannello truciolare e, ovviamente, del- zuccheri semplici (in primis saccarosio e
l’energia. Un altro vantaggio della SRF è glucosio), il frumento e il mais per quan-
poi quello di non richiedere particolari to riguarda le specie amilacee, cioè quel-
attenzioni sotto il profilo dell’assistenza le caratterizzate da zuccheri in forma
nutrizionale e fitosanitaria; basta infatti complessa (amido).
solamente apportare al terreno non più di La coltura energetica ideale deve avere un
4–6 kg di elementi nutrienti (N–P–K) per ridotto fabbisogno di apporti chimici e
tonnellata di s.s. asportata così da mante- nutrizionali, bassi livelli umidità alla raccol-
nere un adeguato livello di fertilità e un ta, soprattutto nel caso di specie lignocel-
buon livello di produzione annua (variabi- lulosiche, e in generale un’ottima efficien-
le mediamente da 11 ton s.s./ha, con il za nell’utilizzazione della radiazione sola-
turno annuale, a 22 ton s.s./ha con il turno re. La resa potenziale, infatti, è sicuramen-
triennale). te uno dei parametri più importanti da
Le colture oleaginose e alcoligene inve- prendere in considerazione nella scelta
ce, a differenza delle biomasse finora cita- della miglior tipologia di coltura da
te, non sono impiegate direttamente impiantare, scelta che comunque non
come biocombustibile, ma adoperate deve trascurare l’aspetto riguardante
anche la qualità del prodotto. Le colture
energetiche sono potenzialmente impian-
Figura 1.1 tabili sia nei terreni “set–aside” cioè messi
Un impianto
di short rotation a riposo forzato perché eccedentari per
forestry quel che riguarda le produzioni alimenta-
al momento ri, sia nei terreni marginali ovvero non più
della raccolta
utilizzati da almeno un decennio, per
motivi perlopiù di natura ambientale,
sociale, economica e strutturale, la cui
disponibilità risulta oggi in costante
aumento a causa soprattutto della riduzio-
18 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

ne delle attività agricole. Quest’ultima sottoprodotto fisiologico degli animali:


condizione, insieme alle continue ricerche quindi feci e urine. Le deiezioni zootecni-
volte ad aumentare i livelli di produttività che presentano una composizione estre-
e a migliorare le tecnologie di meccanica mamente variabile non solo in funzione
agraria per la raccolta, lo stoccaggio e il dell’origine (bovina, suina, avicola, ecc.),
trasporto all’industria di trasformazione, ma anche in funzione delle modalità di
rendono sempre più diffusa la convinzio- allevamento e di gestione dello stesso; è
ne che la bioenergia derivata da colture bene qui ricordare ad esempio che il
energetiche assumerà nei prossimi anni quantitativo di acqua e quindi, all’oppo-
un ruolo sempre più rilevante. Ciò per- sto, il contenuto in sostanza secca, gioca-
metterà di valorizzare pienamente le risor- no un ruolo determinante già nella scel-
se naturali e le potenzialità produttive del ta del sistema di trattamento più idoneo.
nostro sistema agricolo e forestale, e In figura 1.2 viene illustrata la classifica-
costituirà un passo importante per l’affer- zione delle deiezioni zootecniche sulla
mazione di un nuovo ruolo dell’agricoltu- base del contenuto percentuale in
ra, produttrice non solo di alimenti, ma di sostanza secca; è possibile già anticipare
una vasta gamma di materie prime per come la porzione che ricade nella defini-
l’industria e l’energia, nel quadro più zione di liquame (suino, bovino) sia quel-
generale di un migliorato rapporto fra le la che meglio si presta allo sfruttamento
attività produttive, la tecnologia e l’am- energetico mediante il processo di dige-
biente. stione anaerobica che verrà successiva-
mente descritto.

[1.3]
Comparto zootecnico [1.4]
Comparto industriale
Fanno parte di questo settore le biomas-
se che vanno sotto il nome di deiezioni Rientrano in questo comparto sia i residui
zootecniche con le quali si intende comu- provenienti dalle industrie per la lavorazio-
nemente l’insieme dei prodotti di scarto ne del legno e della carta, che quelli deri-
(o reflui) di un allevamento, risultato della vati dalle industrie agroalimetari. Quando
miscela di feci, urine, acqua, lettiera, peli si fa riferimento all’industria del legno si
e residui alimentari. Quando invece si individuano generalmente tre tipologie di
parla di deiezioni tal quali o propriamen- scarti di lavorazione:
te dette, ci si riferisce tipicamente al solo  scarti di legno vergine, costituiti da resi-
dui di legno naturale di varia pezzatura
(segatura, trucioli, cippato, ecc.) prove-
Fig. 1.2
Suddivisione delle deiezioni zootecniche nienti da segherie, carpenterie e fale-
sulla base del contenuto percentuale di sostanza secca
gnamerie;
 scarti di legno trattato, costituiti da resi-
dui con presenza di colle e/o prodotti
vernicianti provenienti tipicamente da
industrie, come i mobilifici, dove si pro-
ducono pannelli a base di legno;
19 Le biomasse e la conversione energetica

 scarti di legno impregnato, costituiti da Tra i residui dell’industria agroalimenta-


residui legnosi impregnati con preser- re si ricordano il siero, proveniente dal
vanti a base di sali che vengono in settore lattiero caseario, gli scarti di
genere utilizzati nella produzione di macellazione della carne o di lavorazio-
manufatti particolari, quali pali telefoni- ne del pesce, gli effluenti derivanti dalla
ci o traversine ferroviarie. fase di trattamento del melasso nell’indu-
A scopo energetico, salvo nel caso di stria saccarifera, nonché tutti i residui, ad
impianti dotati di particolari sistemi di alto contenuto organico, che si produco-
controllo delle emissioni e abbattimento no nelle industrie di lavorazione di
degli inquinanti, possono essere utilizza- bevande come succhi di frutta, birra e
ti come biocombustibili solo i residui e i distillati.
sottoprodotti legnosi non trattati chimi-
camente o trattati con prodotti che però
non contengano sostanze tossiche come [1.5]
metalli pesanti o composti alogenati Comparto dei rifiuti
organici. Ciò esclude di fatto l’impiego
energetico degli scarti di legno impre- Si considerano in questo caso sia i residui
gnato, che in realtà rappresentano solo delle operazioni di manutenzione del
una piccola percentuale di tutti i residui verde pubblico, tipicamente di natura
legnosi prodotti in ambito industriale. Gli lignocellulosica, che la frazione umida di
scarti di legno vergine o trattato invece, rifiuti solidi urbani. Il recupero di questo
perlopiù provenienti da segherie e mobi- materiale a scopo energetico permette di
lifici, hanno allo stato attuale un vasto cambiare completamente la prospettiva
mercato che li vede impiegati soprattut- da cui considerare l’annosa questione
to nell’industria della carta e dei trucio- dello smaltimento e della gestione dei
lati e in minore misura per fini energeti- rifiuti; questi infatti, nell’ottica di uno sfrut-
ci o come materia prima per la produzio- tamento energetico, non vengono più
ne di pellet. Una così vasta richiesta di guardati come scarti di cui doversi libera-
residui legnosi comporta non poche dif- re nel modo più indolore possibile, ma
ficoltà di approvvigionamento, il quale, in come un bene, come una ricchezza da
assenza di un sufficiente mercato interno, sfruttare opportunamente. Gli scarti vege-
viene fatto spesso all’estero con un con- tali, nonostante presentino caratteristiche
seguente aggravio in termini di costi fortemente disomogenee che variano in
sostenuti. Si possono poi ricondurre al funzione della percentuale di frazione
comparto industriale tutti quei materiali erbacea o legnosa presente, possono tro-
di scarto provenienti dalle lavorazioni vare utilmente impiego, dopo condiziona-
dell’industria agroalimentare i quali, per mento, in impianti per la produzione di
il loro elevato carico organico e il loro calore e/o elettricità mediante combustio-
alto tenore di umidità, si prestano parti- ne. La frazione organica dei rifiuti solidi
colarmente al recupero energetico urbani, a maggiore contenuto di umidità,
mediante digestione anaerobica attra- può essere invece utilizzata nella produ-
verso la quale è possibile ottenere una zione di biogas, sfruttando i processi di
produzione specifica di biogas compre- fermentazione in condizioni di anaerobio-
sa mediamente tra 0,25 e 0,35 m3/kg ss. si (digestione anaerobica).
20 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

[1.6] forme innovative di impresa quale può


I vantaggi delle biomasse essere l’energy farm o la semplice vendi-
e le problematiche connesse ta dei residui colturali come combustibi-
al loro utilizzo le. In ambito agro – industriale, invece, le
difficoltà che si incontrano sono minori in
In molti paesi, tra cui purtroppo anche quanto le biomasse in gioco (noccioli,
l’Italia, le biomasse che si producono dif- sanse esauste, segatura, ecc.) per loro
fusamente sul territorio e che non hanno natura, si trovano già concentrate in siti
come fine specifico lo sfruttamento ener- industriali, costituendo un rifiuto da smal-
getico, sono viste più come rifiuti che tire onerosamente oppure un combusti-
come fonti rinnovabili, e non rientrano bile da valorizzare. Questa classe di bio-
pertanto in adeguati circuiti di raccolta. masse, a differenza di quelle di origine
Gli agricoltori, gli allevatori e le industrie agricola, maggiormente dispersa sul ter-
agroalimentari tendono generalmente a ritorio e a bassa intensità energetica, per
disfarsi dei sottoprodotti bruciandoli o accessibilità e consistenza, è candidata
abbandonandoli nell’ambiente, creando ad essere impiegata elettivamente per la
così un danno sia ambientale che econo- produzione di energia.
mico. La decomposizione incontrollata Le piena diffusione delle biomasse come
delle biomasse porta infatti al rilascio in fonti alternative, richiede un’ottimizzazio-
atmosfera di gas climalteranti come CO2 ne della filiera cioè della sequenza di ope-
e CH4, che potrebbero invece essere razioni e procedimenti che consentono di
opportunamente trattenuti, con la possi- ottenere energia partendo dalla materia
bilità inoltre di utilizzare il metano a fini prima vegetale o animale. Il processo di
energetici. Analogamente la combustio- ottimizzazione dei diversi segmenti si rea-
ne nei campi di sostanze vegetali deter- lizza in generale riducendo i costi e mas-
mina un rilevante quantitativo di emissio- simizzando i benefici finali; questi obbiet-
ni inquinanti che potrebbero essere sen- tivi però possono essere raggiunti solo in
sibilmente ridotte se i sottoprodotti agri- seguito ad una attenta analisi territoriale
coli venissero bruciati in appositi impian- che identifichi nello specifico le condizio-
ti da cui sarebbe possibile ottenere, come ni di approvvigionamento della materia
ulteriore vantaggio, anche la produzione prima. È necessario verificare infatti la
di energia. La valorizzazione energetica piena disponibilità di biomassa sul territo-
delle biomasse permette poi di sottrarre rio e qualora questa presenti il carattere
allo smaltimento in discarica decine di della stagionalità, è bene diversificare le
milioni di tonnellate di residui ogni anno, fonti, servendosi di materiale boschivo, di
garantendo di conseguenza anche in residui agroalimentari e dell’industria del
questo caso risparmi non indifferenti. I legno, di pellets o di colture dedicate. La
maggiori problemi nella sensibilizzazione riduzione dei costi e quindi la possibilità
ad un utilizzo proficuo delle biomasse si di rendere la biomassa competitiva nei
hanno soprattutto per il contesto agrico- confronti sia dei combustibili tradizionali
lo che in Italia è costituito perlopiù da pic- che verso utilizzi non energetici, si realiz-
cole aziende, estese pochi ettari, e da za attraverso interventi specifici su i diver-
una proprietà non sufficientemente moti- si segmenti di filiera.
vata ad associarsi per intraprendere È bene meccanizzare le operazioni di rac-
21 Le biomasse e la conversione energetica

colta, sminuzzare la materia prima per  La possibilità di stimolare la crescita


aumentarne la densità prima della fase di delle industrie operanti nel settore della
trasporto e migliorare quest’ultima ad bioenergia.
esempio creando infrastrutture (strade,
piste) per garantire così un più facile A livello sociale
accesso agli addetti, alle macchine e alle  L’apertura del mercato dell’energia agli
attrezzature. operatori agricoli.
Interventi auspicabili sono poi quelli mira-  La creazione di opportunità occupazio-
ti alla ottimizzazione della fase di stoccag- nali in aree con elevato tasso di disoc-
gio da farsi in funzione della capacità del- cupazione.
l’impianto di conversione, delle caratteri-  La possibilità di contrastare fenomeni di
stiche e dei tempi di rifornimento della spopolamento delle campagne e
materia prima e sulla base del degrado a degrado di aree marginali.
cui va incontro col passare del tempo la
biomassa immagazzinata. Infine appare A livello ambientale
evidente la necessità di aumentare l’effi-  La riduzione delle emissioni di sostan-
cienza energetica al fine di ridurre sia i ze clima alteranti come ad esempio la
costi di produzione che le emissioni; in CO2. L’utilizzazione delle biomasse per
questo senso un ruolo da protagonista e fini energetici, infatti, non contribuisce
svolto da i sistemi di cogenerazione even- ad aumentare il fenomeno dell’effetto
tualmente integrati, la dove possibile, con serra in quanto la quantità di anidride
reti di teleriscaldamento o teleraffresca- carbonica rilasciata durante la decom-
mento. posizione, sia che essa avvenga natural-
Come già detto uno sviluppo armonico mente, sia per effetto della conversio-
dell’intera filiera delle biomasse nel suo ne energetica, è equivalente a quella
complesso, consente positive ricadute sul assorbita durante la crescita della bio-
territorio con vantaggi a livello economi- massa stessa; non vi è, quindi, alcun
co, sociale e ambientale. Tra questi si contributo netto all’aumento del livello
ricorda: di CO2 in atmosfera, a meno natural-
mente della porzione prodotta dalle
A livello economico attività di raccolta e trasporto.
 La diversificazione dell’offerta energeti-  La riduzione delle emissioni in atmo-
ca e quindi la riduzione dell’energia sfera dei principali inquinanti di origine
importata. fossile (SOX, CO, benzene) grazie all’im-
 La riconversione, diversificazione e inte- piego, in alternativa ai prodotti petroli-
grazione delle fonti di reddito nel set- feri, di biocombustibili derivanti da
tore agricolo. sostanze vegetali.
 La valorizzazione economica dei sotto-  La riforestazione dei terreni marginali,
prodotti e dei residui organici, attual- con un contributo al controllo dell’ero-
mente in gran parte smaltiti in maniera sione e del dissesto idrogeologico di
non corretta. zone collinari o montane.
 Il risparmio nei costi di depurazione e  La razionalizzazione delle cure colturali
smaltimento per i residui prodotti da boschive favorendo così la prevenzione
attività agroindustriali e industriali. degli incendi.
22 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Nonostante tuttavia il crescente interesse canza di informazione e consapevolezza


maturato nei confronti delle biomasse e il sull’argomento, sia a livello di classe poli-
pressoché unanime riconoscimento dei tica, sia a livello di opinione pubblica. È
vantaggi legati alla loro diffusione, nel innegabile comunque che, negli ultimi
contesto economico italiano queste risor- anni, dopo la Conferenza di Kyoto, la
se non hanno ancora pienamente rag- Conferenza Nazionale Energia e Am-
giunto una dimensione di mercato. Ciò è biente, la pubblicazione del PNERB e del
riconducibile ad una complessa serie di Libro Bianco per le Rinnovabili, questo
fattori e barriere, che ne rallentano tutto- panorama stia lentamente mutando e
ra lo sviluppo. Tra queste vanno ricordate che, dunque, i tempi possano a breve
ad esempio quelle di natura tecnologica: essere maturi per un considerevole rilan-
malgrado infatti la maggior parte delle cio del settore bioenergetico.
tecnologie siano state già ampiamente
sviluppate, alcune di queste rimangono a
livello pre–commerciale in quanto richie- [1.7]
dono ancora attività di studio e perfezio- Le tecnologie di conversione
namento. Tra i principali ostacoli alla dif- energetica della biomassa
fusione delle bioenergie vi è poi il prezzo
di mercato dei combustibili fossili che, La conversione energetica delle biomasse
nonostante i continui rincari, rimane tut- viene attuata mediante due differenti tipo-
tavia sufficientemente basso da rendere logie di processi: processi biochimici e
ancora poco competitiva qualsiasi altra processi termochimici. I primi permettono
fonte di energia. Tale mancanza di com- di ottenere energia grazie alle reazioni chi-
petitività è legata in realtà anche all’attua- miche prodotte da enzimi, funghi e micror-
le sistema dei prezzi, che non tiene conto ganismi, che si formano nella sostanza trat-
delle esternalità e dei costi sociali connes- tata sotto particolari condizioni. Tali pro-
si allo sfruttamento delle risorse fossili cessi sono particolarmente adatti per tutte
(danni alla salute pubblica, degrado dei quelle biomasse che presentano un rap-
monumenti, cambiamento climatico, porto C/N < 30 e un’umidità alla raccolta
ecc.). Un’altra importante barriera di natu- superiore al 30%; sono quindi sicuramen-
ra economica è poi quella legata agli te utilizzabili le colture acquatiche, alcuni
ancora troppo alti costi iniziali di investi- sottoprodotti colturali, i reflui zootecnici
mento per tali tecnologie che soffrono del nonché la frazione organica dei rifiuti soli-
loro carattere innovativo e dell’attuale di urbani (FORSU). I processi di conversio-
limitata diffusione sul mercato. A tutto ne termochimica sono basati, invece, sul-
questo si aggiungono poi i consueti osta- l’azione del calore il quale trasforma la bio-
coli di natura istituzionale e politica che, massa di partenza o direttamente in ener-
almeno fino al recente passato, hanno gia termica, attraverso un comune proces-
reso difficile l’avvio dell’iniziativa privata so di combustione, o in altri prodotti, soli-
nel mercato dell’energia, nonché l’intera- di, liquidi o gassosi, successivamente
zione tra settori diversi, come quello agri- impiegabili sempre a scopi energetici. Nei
colo e quello energetico. Come diretta processi termochimici sono utilizzabili le
conseguenza di tutto ciò, la diffusione biomasse di natura ligneo cellulosica in
delle bioenergie ha sofferto della man- cui il rapporto C/N abbia valori superiori
23 Le biomasse e la conversione energetica

a 30 e il contenuto d’umidità non superi il solidate e già utilizzate su scala industria-


30%. Le biomasse più adatte a subire que- le, come la combustione diretta, l’estrazio-
sta tipologia di processi sono la legna e ne di oli, la fermentazione alcolica e la
tutti i suoi derivati (segatura, trucioli, ecc.), digestione anaerobica, sia le tecnologie
i più comuni sottoprodotti colturali di tipo ancora in fase di sperimentazione come la
ligno–cellulosico (paglia di cereali, residui gassificazione, la pirolisi e la digestione
di potatura della vite e dei fruttiferi, ecc.) aerobica, per le quali è necessario ancora
e taluni scarti di lavorazione (lolla, pula, condurre attività di ricerca e sviluppo al
gusci, noccioli, ecc.). Nei capitoli successi- fine di ridurre i costi e aumentare i rendi-
vi verranno descritte sia le tecnologie con- menti di conversione.

Capitolo Due
25 La conversione biochimica

La conversione biochimica

[2.1] organica, contenuta sia nei vegetali che


La digestione anaerobica nei sottoprodotti di origine animale, in
biogas ovvero in una miscela costituita
La digestione anaerobica è un processo principalmente da metano (50–70%) e ani-
biologico complesso per mezzo del quale dride carbonica (20–30%). La concentra-
dei microrganismi; operando in assenza di zione di queste sostanze nel biogas, che
ossigeno e all’interno di reattori a tempe- contiene in realtà anche piccole percen-
ratura costante, trasformano la sostanza tuali di idrogeno, monossido di carbonio,
idrocarburi saturi e tracce di acido solfidri-
co e ammoniaca, dipende quasi esclusi-
vamente dal tipo di sostanza organica
Fig. 2.1 Fasi del processo di digestione anaerobica
digerita e dalle condizioni nelle quali si
realizza la digestione. Come illustrato in
SOSTANZA ORGANICA COMPLESSA
figura 2.1, il processo di digestione anae-
PROTEINE CARBOIDRATI LIPIDI
robica si realizza in tre fasi distinte nelle
quali lavorano in serie diversi ceppi bat-
BATTERI terici.
IDROLISI IDROLITICI
La prima fase è quella idrolitica, essa
AMMINOACIDI ZUCCHERI avviene ad opera dei batteri idrolitici che
ACIDI GRASSI
riducono i carboidrati, le proteine e i lipi-
FERMENTAZIONE di contenuti nella sostanza organica di
BATTERI
(ACIDOGENESI)
FERMENTANTI
partenza rispettivamente in monosaccari-
ACIDIVOLATILI di, amminoacidi e acidi grassi, ovvero in
composti organici più semplici. Succes-
FERMENTAZIONE
BATTERI
sivamente, nella fase di fermentazione, tali
(ACIDOGENESI)
ACETOGENICI sostanze vengono trasformate, in un
ACETATO/IDROGENO
primo stadio, in acidi organici mediante
reazioni di acidogenesi e quindi in aceta-
METANOGENESI
to, anidride carbonica e idrogeno, attra-
BATTERI
METAGENICI verso processi di acetogenesi. Per finire si
CH4 - CH2 ha poi la fase metanigena, in cui i batteri
metanigeni, appunto, convertono i pro-
Fonte: AREA Science Park dotti precedentemente formatisi in meta-
26 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

no (CH4) e anidride carbonica (CO2), che in uno svariato numero di applicazioni. È


rappresentano, come detto, i principali possibile infatti impiegarlo nell’alimenta-
costituenti del biogas. Quest’ultimi batte- zione di caldaie a gas per produrre calo-
ri poi, oltre ad avere un tasso di crescita re, in motori a combustione interna (di
particolarmente lento, lavorano in manie- derivazione navale e basso numero di giri)
ra ottimale solo con pH compreso tra 7 e per produrre energia elettrica, in impian-
7,5; ciò di fatto rende la fase di conversio- ti turbogas o a ciclo combinato (di poten-
ne/metanizzazione particolarmente deli- za superiore ai 5 MWe), in sistemi di coge-
cata e difficile da realizzare tanto che essa nerazione come le microturbine o ancora
rappresenta indubbiamente lo step mag- nei motori diesel predisposti in configura-
giormente limitante per l’intero processo zione dual fuel. Generalmente poi una
di conversione biochimica. Complessi- parte del biogas prodotto (circa il 30%)
vamente dunque, attraverso il meccani- viene bruciato, all’interno dello stesso
smo della digestione anaerobica, la com- impianto, per mantenere in temperatura
ponente organica delle biomasse trattate il reattore e consentire quindi lo svolgi-
viene degradata liberando, sotto forma mento del processo di digestione. Un
di biogas, l’energia chimica in essa con- ulteriore applicazione molto promettente
tenuta, in misura variabile generalmente è quella che riguarda la produzione di
dal 30 all’85%. Come è possibile intuire, biometano ottenuto eseguendo sul bio-
l’esito del processo, quindi la produzione gas un processo di upgrading e compres-
di biogas, dipende dall’azione coordina- sione fino a 220 bar, il prodotto è puro al
ta e sequenziale di tutti i gruppi microbi- 98% e può essere impiegato con succes-
ci coinvolti. A tale scopo è indispensabi- so come carburante nei normali veicoli a
le che l’ambiente di reazione sia il risulta- metano. Dall’attività di digestione anaero-
to di un compromesso tra le esigenze dei bica si ottengono, oltre al biogas (utilizza-
singoli ceppi batterici, compromesso che bile come visto per fini energetici), anche
può realizzarsi mediante uno stretto con- due sottoprodotti: ovvero un liquido sur-
trollo dei principali parametri di processo, natante da trattare prima dello scarico e
come ad esempio temperatura, pH, dei fanghi humificati e mineralizzati.
tempo di permanenza idraulico del sub- Quest’ultimi contengono in forma mine-
strato nel digestore, produzione e compo- ralizzata, quindi non più degradabile,
sizione del biogas, acidità volatile e alca- sostanze quali azoto, fosforo e potassio;
linità. inoltre essendo anche umificati sono pra-
Il prodotto ottenuto da questa conversio- ticamente metastabili ovvero non putre-
ne biochimica è dunque un gas combu- scibili, inodore e soggetti a una decom-
stibile ad elevato potere calorifico che posizione molto lenta; hanno quindi tutte
addirittura supera quello del syngas (pro- le proprietà di un ottimo fertilizzante e
prio per l’alta concentrazione di metano) proprio per questo sono utilizzabili in agri-
e che raggiunge un valore medio di circa coltura pur se nei limiti imposti dalla nor-
23 MJ/Nm3. Una volta estratto dal dige- mativa, in quanto il contenuto residuo di
store il biogas prodotto viene raccolto, azoto nel digestato prodotto dagli
essiccato, purificato da sostanze non desi- impianti a biogas deve essere conteggia-
derate, compresso e immagazzinato per to nella redazione dei piani di concimazio-
essere poi utilizzato come combustibile ne, al fine di evitare di superare la soglia
27 La conversione biochimica

di unità di azoto ad ettaro soprattutto di acqua per idrolisi enzimatica, può


nelle aree classificate come vulnerabili raggiungere alte concentrazioni, inibire
secondo la direttiva europea sui nitrati.. il processo di digestione e dare luogo
a forti emissioni nella fase di stoccag-
Biomasse impiegabili nel processo gio del digestato. Inoltre, frequente-
di digestione anaerobica mente la pollina contiene inerti che
Come precedentemente accennato, la sedimentando possono causare proble-
digestione anaerobica può essere appli- mi operativi e ridurre il volume utile dei
cata su sostanze organiche sia di natura reattori.
vegetale che di natura animale, risultano  Colture non alimentari ad uso energe-
quindi impiegabili: tico: la coltivazione di piante specifiche
 Liquame suino: questo tipo di effluen- da avviare alla digestione anaerobica
te zootecnico è caratterizzato da un per la produzione di biogas può esse-
contenuto di sostanza secca o solidi re, in Europa, una soluzione per ridurre
totali (1–6%) e di sostanza organica o la sovrapproduzione agricola, ma anche
solidi volatili estremamente variabile a una valida alternativa per l’utilizzo di
causa delle differenti tipologie di alle- aree incolte e a riposo (set aside) o di
vamento comunemente presenti sul aree irrigate con acque recuperate dai
territorio. depuratori urbani. Nel corso degli ulti-
 Liquame bovino: ad esso, nelle stalle, mi anni molti studi sono stati effettuati
viene aggiunta spesso della paglia la su mais, sorgo, foraggi (ma anche altre
quale determina un incremento nel colture hanno dimostrato di possedere
contenuto di solidi totali rispetto a un buon potenziale) per valutarne le
quanto visto per il liquame suino caratteristiche ai fini del loro utilizzo
(8–15%). L’effetto di diluizione della energetico e per stabilirne la resa in
sostanza organica è comunque minimo biogas. Le tecnologie impiantistiche
rispetto a quello che si ha con le deie- attualmente in via di sviluppo sono
zioni suine anche a causa del fatto che orientate all’utilizzo di tali sostanze, sia
normalmente le zone calpestate dal liquide che solide, come co–substrati
bestiame vengono pulite e risciacqua- alle deiezioni animali al fine di ottimiz-
te con basse quantità di acqua. Come zare la produzione di biogas e favorire
nel caso dei suini, anche nelle deiezio- il riciclo dei nutrienti.
ni bovine il contenuto di solidi totali  Scarti organici e acque reflue del-
dipende fortemente dal sistema di alle- l’agro–industria: tipici sottoprodotti e
vamento degli animali. scarti agro–industriali sono ad esem-
 Deiezioni avicole (pollina): tra le varie pio, il siero di latte, contenente protei-
deiezioni avicole, la pollina di galline ne e zuccheri dall’industria casearia, e i
ovaiole è quella che più si presta alla reflui liquidi dall’industria che processa
digestione anaerobica, perché l’alleva- succhi di frutta o che distilla alcool. Di
mento in gabbie non prevede l’uso di interesse per la digestione anaerobica
lettiera. Le deiezioni asportate fresche sono anche diversi scarti organici liqui-
presentano un contenuto in solidi tota- di e/o semisolidi dell’industria della
li del 18–20% e alto contenuto di azoto. carne (macellazione e lavorazione della
L’ammoniaca, che si libera in presenza carne), quali grassi, sangue, contenuto
28 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

stomacale, budella (vedi Regolamento genere tra il 25 e il 35% in peso. La


CE n. 1774/2002 “Norme sanitarie rela- composizione media di questa frazione
tive ai sottoprodotti di origine animale se derivante da raccolta differenziata
non destinati al consumo umano”). Tali secco–umido non differisce in modo
residui, ad esempio, possono essere sostanziale dall’organico raccoglibile da
addizionati sempre come co–substrati utenze selezionate, quali mercati all’in-
nella digestione di liquami zootecnici grosso dell’ortofrutta e dei fiori, merca-
e/o fanghi di depurazione. ti ittici e rionali, esercizi commerciali di
 Fanghi di depurazione: sono il residuo generi alimentari, punti di ristoro (piz-
del processo di depurazione delle zerie, ristoranti, ristorazione collettiva);
acque reflue urbane e industriali e sono per il quale la presenza di piccole quan-
costituiti da biomassa batterica e da tità di plastica e vetro è in genere infe-
sostanza inerte, organica e inorganica. riore al 5% sul totale. Queste frazioni
Il principale obiettivo che si pone la organiche presentano un elevato grado
digestione anaerobica dei fanghi di di putrescibilità e umidità (> 65%) che
depurazione è quello di stabilizzare la le rende particolarmente adatte alla
sostanza organica presente, distrug- digestione anaerobica; tuttavia però
gendo gli eventuali microrganismi pato- l’utilizzo di tale substrato non è consi-
geni, e rendendo così più facile lo smal- gliabile, a causa delle problematiche
timento finale. In questo caso quindi, la connesse alle attuali normative italiane
produzione di biogas assume in realtà di riferimento, per la codigestione in
un ruolo secondario e addirittura, a impianti di biogas aziendali per liqua-
causa delle problematiche connesse mi zootecnici. Utilizzando poi i rifiuti di
alle attuali normative italiane di riferi- origine organica nel processo di dige-
mento, l’impiego dei fanghi di depura- stione oltre ad avere un vantaggio ener-
zione, come cosubstrato in digestori getico con la produzione di biogas, si
aziendali di liquami zootecnici è gene- ottiene anche una sensibile riduzione
ralmente sconsigliato. delle emissioni liquide e gassose pro-
 Frazioni organiche di rifiuti urbani: nei dotte durante la fase di decomposizio-
rifiuti urbani domestici la percentuale di ne in discarica.
frazione organica umida è compresa in Nella tabella 2.1 è riportata la resa indi-

Tabella 2.1 – Resa indicativa in biogas per vari tipi di biomasse


Materiali m3 biogas/t SV
Deiezioni animali (suini, bovini, avicunicoli) 200 – 500
Residui colturali (paglia, colletti barbabietole, ecc.) 350 – 400
Scarti organici agroindustria (siero, scarti vegetali, lieviti, fanghi e reflui di distillerie, birrerie e cantine, ecc.) 400 – 800
Scarti organici macellazione (grassi, contenuto stomacale e intestinale, sangue, fanghi di flottazione, ecc.) 550 – 1.000
Fanghi di depurazione 250 – 350
Frazione organica rifiuti urbani 400 – 600
Colture energetiche (mais, sorgo zuccherino, erba, ecc.) 550 – 750
Fonte: CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali
29 La conversione biochimica

cativa in biogas (m3 per ton di solidi vola- rame, nichel, cromo, zinco, piombo
tili) per le varie biomasse e scarti organi- possono risultare dannosi se presenti in
ci destinabili al processo di digestione: in concentrazioni superiori a 1 mg/l.
generale vale il principio secondo cui
maggiore è il contenuto in sostanza orga- Codigestione
nica del prodotto in digestione, maggio- Sulla base dell’esperienza maturata con
re è il suo potenziale energetico in termi- differenti tipologie di biomassa, è possi-
ni di produzione di biogas. bile affermare che le migliori prestazioni
Oltre alla quantità di sostanza organica nel processo di conversione si raggiungo-
presente è altrettanto importante consi- no comunque utilizzando porzioni diffe-
derare la qualità del materiale digerito in renti di sostanza organica; proprio per
quanto tale aspetto può condizionare sen- questo ad esempio la codigestione di
sibilmente il rendimento in biogas e il con- effluenti zootecnici con altri scarti organi-
tenuto in metano. I fattori di particolare ci, al fine di aumentare la produzione di
rilievo sono: biogas, è una pratica standard in Europa
 La composizione del materiale: questa ormai da diversi anni. L’interesse che spin-
condiziona la velocità di degradazione ge gli operatori del settore verso la codi-
(degradabilità) del substrato; un liqua- gestione si giustifica in quanto la vendita
me bovino, a maggior contenuto di di una maggior quantità di biogas, unita-
materiale cellulosico, presenta una mente agli introiti ricevuti dai produttori
velocità di degradazione superiore a del rifiuto organico utilizzato come
un liquame suino più ricco in grassi co–substrato, permette di ottenere gua-
che, tra l’altro, sono la sostanza che dagni maggiori rispetto a quelli realizza-
consente di ottenere maggiori rendi- bili utilizzando una sola specie organica.
menti di biogas. La miscelazione di diversi prodotti, inoltre,
 La presenza di elementi essenziali: il consente di compensare eventuali fluttua-
carbonio, l’azoto, il fosforo e lo zolfo zioni stagionali nella disponibilità di bio-
sono elementi essenziali alla crescita massa, si mantiene così più stabile e
dei batteri responsabili del processo costante il processo di conversione, evi-
di fermentazione. È necessario per- tando sovraccarichi o al contrario carichi
tanto che questi elementi siano pre- inferiori alla capacità stessa del digesto-
senti nel digestato, ma nelle giuste re. Diversi problemi tuttavia possono
proporzioni; si spiega così la necessi- nascere da un utilizzo non congruo delle
tà di avere, per il processo di digestio- varie matrici; un’aggiunta incontrollata di
ne anaerobica una biomassa con rap- oli e grassi, ad esempio, può determina-
porto tra carbonio e azoto (C/N) non re un’eccessiva formazione di schiume,
superiore a 30. mentre rifiuti contenenti considerevoli
 Presenza di elementi tossici: si tratta quantità di inerti, quali sabbia, pietre e
spesso micronutrienti quali sodio, terra, possono favorire la formazione di
potassio, calcio, magnesio, ammonio, sedimenti nel digestore con conseguen-
zolfo che, se presenti in eccesso, pos- te riduzione del volume attivo o addirittu-
sono indurre tossicità e ostacolare o ra blocco di valvole e tubazioni. Se poi ad
addirittura bloccare il processo di dige- esempio si impiega come co–substrato
stione. Anche i metalli pesanti quali un quantitativo eccessivo di deiezioni avi-
30 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

cole, a causa dell’elevata concentrazione Le tecnologie di digestione


di ammoniaca che queste determinano, è anaerobica applicabili
possibile che si arrivi addirittura alla morte L’esperienza accumulata nel corso degli
dell’intera flora metanigena contenuta anni, grazie a numerosi studi e applicazio-
all’interno del reattore. Le matrici attual- ni, ha condotto allo sviluppo di differenti
mente più utilizzate nella codigestione di tecnologie di digestione anaerobica, prin-
effluenti zootecnici sono gli scarti organi- cipalmente distinguibili in funzione del
ci agroindustriali e le colture energetiche. tenore di sostanza secca contenuta nel
Gli scarti organici da utilizzare come substrato alimentato al reattore. È possi-
cosubstrati provengono dalle più svariate bile pertanto individuare due principali
fonti e possiedono quindi forti differenze categorie di processi:
nella composizione chimica e nella bio-  processi di digestione ad umido (wet),
degradibilità. Alcune sostanze quali per- che si utilizzano quando il substrato in
colati, acque reflue, fanghi, oli, grassi e digestione ha un contenuto di sostan-
siero sono facilmente degradabili za secca inferiore al 10%; tipico è l’uti-
mediante digestione anaerobica senza lizzo di questa tecnologia per il tratta-
richiedere particolari pretrattamenti, altre mento di liquami zootecnici;
invece, come gli scarti di macellazione, i  processi di digestione a secco (dry),
residui colturali e la frazione organica dei che invece si applicano con substrati
rifiuti solidi urbani, richiedono vari step di aventi un contenuto di sostanza secca
pre–trattamento tra i quali anche la superiore al 20%.
necessità di effettuare una forte diluizio- Si hanno in realtà anche dei processi a
ne con il substrato base (effluenti zootec- semisecco (semi–dry), molto meno
nici liquidi), al fine di limitare la formazio- comuni, che operano con substrati aven-
ne di metaboliti inibitori del processo di ti un contenuto di parti solide intermedio
conversione (si veda ad esempio l’ammo- ai valori precedentemente visti (quindi
niaca). Se poi si manda in codigestione tra il 10% e il 20%). Il processo di dige-
la frazione organica dei rifiuti solidi urba- stione anaerobica può anche essere sud-
ni (FORSU) uno dei trattamenti innovati- diviso in:
vi di recente comparsa sul mercato è  processo monostadio, in cui le fasi di
quello della pressatura–spremitura. Il idrolisi, fermentazione acida e metani-
materiale subisce in questo caso una vera gena avvengono contemporaneamen-
e propria spremitura (ad opera di una te in un unico reattore;
coclea posta all’interno di un cilindro  processo bistadio, nel quale l’idrolisi e
forato) attraverso la quale si separano la fermentazione del substrato organi-
due frazioni: la frazione liquida, ottima co avvengono in un primo reattore,
per l’invio a digestione anaerobica, e la mentre la fase metanigena viene con-
frazione solida che viene invece destina- dotta separatamente in un secondo
ta al compostaggio. Nonostante il gran- digestore.
de interesse però, il ricorso a questo trat- Un’ulteriore distinzione tra le diverse tec-
tamento specifico è ad oggi ancora limi- nologie può essere fatta poi consideran-
tato soprattutto a causa del numero do sia la tecnica di alimentazione, che può
ridotto in Italia di impianti a doppia linea essere in continuo o in discontinuo, che la
anaerobica–aerobica. modalità con la quale la biomassa si
31 La conversione biochimica

dispone all’interno del reattore; in que- fili), sono caratterizzati da rendimenti varia-
st’ultimo caso infatti è possibile avere o un bili in funzione sia della stagione dell’anno
substrato completamente miscelato, che dei tempi di permanenza dei liquami
oppure un substrato, in movimento lungo in vasca, che sono mediamente pari a 60
l’asse longitudinale, che attraversa fasi di giorni. Gli impianti dotati invece di sistema
processo via via diverse (flusso a pistone). di riscaldamento, con calore fornito dal-
La digestione anaerobica può, inoltre, l’impiego del biogas, consentono di man-
essere condotta a diverse condizioni di tenere un regime di mesofilia (35–37 °C)
temperatura: si hanno pertanto sia condi- e di ottenere rendimenti più elevati e più
zioni mesofile (con temperatura media di costanti durante l’intero arco dell’anno.
processo di circa 35 °C), che termofile Facendo riferimento ad esempio ad un
(temperatura compresa tra 50 e 65 °C), liquame suino, le produzioni annuali di bio-
le quali determinano in genere anche la gas sono di circa 25 m3/100 kg di liquame,
durata (tempo di residenza) del processo nei sistemi psicrofili, mentre si aggirano
di conversione. Mediamente in mesofilia intorno a i 35 m3/100 kg negli impianti che
si hanno tempi compresi nel range 15–40 operano in condizioni mesofile.
giorni, mentre in termofilia il tempo di Le coperture gasometriche hanno il com-
residenza è in genere inferiore ai 20 gior- pito di trattenere e di accumulare il bio-
ni (con i liquami zootecnici e i reflui agroin- gas prodotto e possono essere principal-
dustriali). Con impiantistica di tipo sempli- mente a cupola o galleggianti. Le coper-
ficato è possibile operare anche in psicro- ture a cupola (brevetto ENEA–Agrisilos)
filia (10–25 °C): i sistemi che lavorano in sono costituite da due o tre strati sovrap-
queste condizioni vengono detti general- posti di membrane in tessuto poliestere
mente “a freddo” e i tempi di residenza che vengono fissati al bordo della vasca
che richiedono sono sempre superiori ai allo scopo di recuperare e immagazzina-
30 giorni, con massimi anche di 90. Le re direttamente i grandi quantitativi di bio-
tipologie impiantistiche attualmente gas sviluppati da digestori aventi ridotte
disponibili vanno da sistemi estremamen- dimensioni planimetriche. Le due mem-
te semplificati, applicati per lo più al trat- brane più esterne costituiscano una vera
tamento di reflui zootecnici in scala azien- e propria camera d’aria che funge da ele-
dale, a quelli molto sofisticati ad elevato mento di spinta pneumatica sulla terza
contenuto tecnologico, che si prestano membrana, la più interna, che racchiude
maggiormente alla conversione di tutte le il biogas prodotto. Nonostante esistano
altre tipologie di biomasse. poi delle versioni con due sole membra-
ne, una esterna e una di separazione, i
Impianti semplificati sistemi a tre strati di poliestere sono tut-
Questa tipologia di impianto, che prevede tavia preferiti in quanto i teloni più inter-
solamente una vasca di stoccaggio per la ni, a contatto tra loro, evitano la formazio-
raccolta dei liquami ricoperta da una ne di miscele aria–gas. Quando si impie-
copertura gasometrica, trova come detto gano coperture di questo tipo poi, lo sca-
grandi possibilità applicative nel settore rico del biogas è generalmente realizzato
zootecnico, grazie proprio alla sua sempli- con valvole di sovrappressione, regolate
cità costruttiva e gestionale. I sistemi più da appositi sensori che rilevano lo stato di
semplici, ovvero quelli “a freddo” (psicro- riempimento del digestore.
32 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Le coperture galleggianti, sempre costitui- variabile, anch’essi costituiti da due o tre


te da membrane in tessuto di fibre polie- membrane in poliestere.
steri, sono invece caratterizzate da un Gli impianti semplificati dunque, sebbene
sistema di galleggiamento su liquame offrano, rispetto a quelli più avanzati, una
realizzato con tubi flessibili e sfilabili in notevole facilità realizzativa, presentano
opera, che vengono riempiti di acqua. tuttavia una serie di svantaggi che è bene
Questa tipologia di zavorra, tipicamente prendere in considerazione quando si sce-
utilizzata nella copertura di vasche di gran- glie il tipo di digestore da adottare. Un
di dimensioni, consente di mantenere ad primo aspetto molto importante è ad
una pressione di qualche centimetro di esempio la mancanza di un sistema di agi-
colonna d’acqua il biogas prodotto dalla tazione del liquame; per tale motivo le
fermentazione anaerobica di liquami di porzioni solide del refluo, che possono
qualsiasi origine. essere anche in notevole quantità, tendo-
Nei casi in cui vi è la necessità di una mag- no nel tempo a solidificarsi in una crosta
giore capacità di accumulo di biogas, è rigida superficiale che può generare una
poi possibile ricorrere all’utilizzo di gaso- serie di problemi, primo fra tutti l’accumu-
metri esterni, di forma sferica e volume lo di biogas sotto di essa. Inoltre, l’assen-
za di una miscelazione forzata determina
una disomogeneità nella concentrazione
Fig. 2.2 Impianto semplificato con copertura a cupola della sostanza organica da trattare e nei
batteri anaerobici, ma anche nella tempe-
ratura e nel livello di pH all’interno della
vasca. Questo fa si che alcune zone del
digestore rimangano meno attive di altre
nella degradazione della biomassa, con il
conseguente permanere di sostanze non
trattate anche in uscita dall’impianto che
quindi garantirà, rispetto ai sistemi dota-
ti di miscelazione, una minor resa in bio-
gas. L’assenza poi di un trattamento pre-
Fonte: CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali
liminare di equalizzazione della biomassa,
crea una forte dipendenza della resa del
digestore dalla qualità, dalla composizio-
Fig. 2.3 Copertura gasometrica galleggiante
ne, dalla freschezza e dalle altre caratteri-
stiche chimico fisiche del liquame entran-
te; il che significa forte variabilità nei para-
metri di ingresso e, di conseguenza, di
quelli del biogas in uscita.

Impianti ad umido (wet)


La biomassa, prima di essere caricata nel
reattore anaerobico, subisce un tratta-
mento finalizzato al raggiungimento del
Fonte: CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali giusto tenore di solidi totali (< 10%) e di
33 La conversione biochimica

un buon grado di omogeneizzazione; tale ne infatti è quella che, come dimostra


trattamento consiste principalmente in l’esperienza, garantisce per questi impian-
una diluizione effettuata mediante ti il maggior livello di conversione. La pro-
aggiunta di acqua (ricircolata dal digesto- duzione di biogas dipende sensibilmente
re stesso) e in una rimozione sia di even- anche dalla tipologia di biomassa tratta-
tuali schiume che di eventuali plastiche, ta; a causa delle caratteristiche fisiche
inerti e altri materiali grossolani potenzial- disomogenee di quest’ultima infatti, risul-
mente dannosi per la meccanica dell’im- ta spesso estremamente difficile ottenere
pianto. L’alimentazione così ottenuta è una buona omogeneizzazione dell’ali-
introdotta all’interno di un classico reatto- mentazione e la stratificazione di materia-
re completamente miscelato (CSTR – li più e meno leggeri all’interno del dige-
Completely Stirred Reactor) dove si rea- store è un’evenienza tutt’altro che infre-
lizza in un solo stadio e a ciclo continuo quente. Per limitare questi inconvenienti
la conversione della biomassa in biogas. si realizza allora una rimozione periodica
Questo reattore, realizzato a forma di silos degli strati più leggeri, dalla parte supe-
in acciaio e cemento armato, lavora o in riore del reattore, e di quelli più pesanti
condizioni di mesofilia o di termofilia; esso dal fondo; tuttavia però con questa ope-
pertanto è munito di un sistema di riscal- razione non si riesce ad eliminare comple-
damento a scambiatore di calore e di coi- tamene né il rischio di danni ai sistemi
bentazione perimetrale per limitare le meccanici di miscelazione né la cosiddet-
dispersioni termiche. Al suo interno il ta “corto–circuitazione” idraulica che con-
materiale da digerire viene miscelato siste nella fuoriuscita dal digestore di
mediante agitatori meccanici a basso regi- materiale non completamente degradato
me di rotazione (15–50 rpm), oppure, nei a cui corrisponde di fatto una minor pro-
casi in cui il rischio di formazione di schiu- duzione di biogas. Nella figura 2.5 si rias-
me è limitato, attraverso sistemi di tipo sume lo schema di un processo in conti-
idraulico (gaslifter) che consistono nel ricir- nuo monostadio ad umido, che rappre-
colo dello stesso biogas compresso all’in- senta oggi la tecnologia più diffusa.
terno del reattore.
Nei processi ad umido si opera general- Impianti a secco (dry)
mente con carichi organici compresi tra 2 La digestione di tipo a secco è stata svi-
e 5 kg SV/m3 giorno, questa concentrazio- luppata per consentire il trattamento della
biomassa senza necessità di diluizioni,
operando con tenori di sostanza secca
Figura 2.4 superiori al 20%. È evidente che il mate-
Impianto riale organico digerito in questo tipo di
centralizzato sistema (perlopiù destinato alla frazione
a doppio stadio,
Spilamberto organica dei rifiuti urbani) è molto più con-
(MO) centrato e viscoso di quello utilizzato negli
impianti ad umido, proprio per questo,
pertanto, la tecnologia dei reattori e dei
sistemi di trasporto, pompaggio e misce-
lazione deve essere completamente adat-
tata alle caratteristiche di un’alimentazio-
34 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Fig. 2.5 Layout di un impianto in continuo, monostadio, ad umido nica viene introdotto giornalmente dal-
l’estremità superiore del reattore men-
tre il materiale digerito viene contem-
poraneamente rimosso dalla parte infe-
riore. Quest’ultimo poi viene in parte
riciclato, reintroducendolo all’interno
del digestore, e in parte sottoposto ad
ulteriori trattamenti (ad es. disidratazio-
ne) al fine di ottenere un prodotto utile
sotto il profilo agronomico. Una parti-
colarità del sistema Dranco è che all’in-
terno del reattore la biomassa non è
agitata da nessun sistema meccanico e
Fonte: CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali la sola miscelazione che avviene è quel-
la naturale che si origina dal movimen-
to a pistone verso il basso del materia-
ne meno diluita. L’unico pretrattamento le in digestione. Il contenuto di solidi
che in questo caso viene normalmente totali dei substrati comunemente utiliz-
realizzato sulla biomassa, prima dell’in- zati varia nell’intervallo 20–40%, i tempi
gresso nel digestore, è una vagliatura di ritenzione tra 15 e 30 giorni, la tem-
grossolana che consenta di rimuovere le peratura d’esercizio tra 50 e 58 °C e
frazioni con dimensioni > 40 mm. Il fatto le rese in biogas dichiarate tra 100 e 200
di limitare i pretrattamenti sul materiale m3/t di substrato alimentato.
fresco rappresenta un indubbio vantaggio  Processo Kompogas. Questo sistema,
in quanto consente di contenere la perdi- sviluppato in Svizzera, utilizza ancora
ta di sostanza organica biodegradabile substrati ad alto tenore di solidi che
utile alla produzione di biogas. Il tipo di vengono trattati, in regime termofilo,
reattore che comunemente viene utilizza- all’interno di un reattore cilindrico oriz-
to in questi casi è il reattore cosiddetto zontale dove, grazie ad un movimento
plug–flow (a pistone) in cui il liquame a pistone, la sostanza organica, intro-
viene fatto scorrere orizzontalmente da dotta giornalmente da una estremità,
un’estremità all’altra. Questo sistema, viene rimossa dopo circa venti giorni
dotato sempre di riscaldamento, agitato- dall’estremità opposta sotto forma di
ri e gasometro, viene però, per motivi di materiale digerito. All’interno del reat-
natura tecnica ed economica, utilizzato tore è presente un sistema di agitazio-
esclusivamente in scala ridotta con volu- ne che mescola la massa in modo inter-
mi massimi di 300–400 m3. La tecnica di mittente, favorendo così la liberazione
digestione anaerobica a secco trova oggi del biogas formatosi e la risospensione
applicazione in diversi processi, tra questi del materiale inerte grossolano depo-
si ricordano: sitatosi sul fondo. L’esperienza accumu-
 Processo Dranco. Questo sistema, svi-
lata con questa tecnologia ha dimostra-
luppato in Belgio, opera con substrati to che la massima efficienza di conver-
ad alto tenore di solidi e in regime di sione si realizza con l’impiego di sub-
temperatura termofilo; la materia orga- strati aventi un tenore di solidi intorno
35 La conversione biochimica

al 25%; concentrazioni inferiori favori- Oggi la tecnologia di digestione a secco


scono infatti la precipitazione delle fra- si trova ancora in fase pre–commerciale,
zioni più pesanti, mentre con concen- è comunque possibile prevedere una sua
trazioni maggiori viene generalmente ampia diffusione nel prossimo futuro gra-
ostacolato il flusso orizzontale del mate- zie soprattutto alla maggior velocità nella
riale all’interno del reattore. Anche in produzione del biogas (rispetto ai sistemi
questo caso poi il materiale digerito wet) e ai più alti rendimenti di conversio-
viene in parte ricircolato e in parte disi- ne rispetto ai sistemi wet.
dratato e ulteriormente trattato per fini
agronomici Impianti a semi–secco (semi–dry)
 Processo Valorga. Si tratta di un sistema A metà strada tra i processi wet e dry si
sviluppato in Francia nel quale, substra- collocano i sistemi semi–dry, in cui si lavo-
ti ad alto contenuto di sostanza secca ra con un contenuto di sostanza secca in
(25–35%) rimangono per circa 18–25 digestione intorno al 12–18%. Questi
giorni, all’interno di reattori di forma sistemi dal punto di vista tecnologico pre-
cilindrica in cui il flusso di materiale è di sentano indiscutibili vantaggi tra i quali
tipo circolare e il mescolamento avvie- spicca ad esempio la semplicità delle
ne grazie all’introduzione in pressione e apparecchiature di pompaggio e miscela-
ad intervalli di tempo prestabiliti di parte zione e la possibilità di trattare la frazione
del biogas prodotto. Generalmente la organica dei rifiuti urbani senza pretratta-
miscelazione viene effettuata in modo menti particolarmente impegnativi. Il reat-
soddisfacente mediante ricircolo di solo tore maggiormente utilizzato rimane quel-
biogas e non dell’effluente anche se, lo completamente miscelato (CSTR), ope-
dato il posizionamento degli iniettori sul rante in regime sia mesofilo che termofi-
fondo del reattore, esiste la possibilità lo, all’interno del quale la miscelazione
che si verifichino problemi di intasamen- del materiale viene effettuata principal-
to degli stessi. mente attraverso sistemi meccanici coa-
diuvati talvolta anche da iniezioni di bio-
gas. Il volume di questi reattori è normal-
Fig. 2.6 Riassunto delle più comuni tecnologie di digestione a secco mente inferiore rispetto a quello dei dige-
stori wet; tuttavia però, la necessità di
diluire rifiuti aventi una concentrazione di
sostanza secca maggiore del 20–25%, può
comportare un significativo aumento delle
dimensioni, oltre che naturalmente ad un
incremento della produzione di acque di
processo e quindi dei costi di esercizio per
il mantenimento della temperatura otti-
male.

Fattibilità e convenienza economica


La valutazione sulla fattibilità e la conve-
nienza economica di un impianto di dige-
Fonte: CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali stione anaerobica richiede la piena cono-
36 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

scenza di tutta una serie di aspetti di fon- rifiuti solidi urbani soprattutto in codige-
damentale importanza. È sicuramente stione con deiezioni animali o altri scarti
indispensabile conoscere le caratteristi- organici industriali. Secondo fonti CRPA
che del prodotto da trattare nonché i nel 2007, in Italia e particolarmente nelle
quantitativi disponibili al fine di dimensio- regioni settentrionali, sono stati individua-
nare in maniera opportuna i sistemi di ti 149 impianti di trattamento anaerobico
stoccaggio, garantendo contemporanea- di liquami zootecnici, di cui 40 di tipo sem-
mente regolarità nell’alimentazione e plificato e 30 ancora in fase di costruzio-
tempi di giacenza non eccessivi della bio- ne.
massa i quali potrebbero causare un ele- In conclusione è possibile affermare che
vato impatto odorigeno dell’installazione. la digestione anaerobica è una tecnologia
Gli elevati costi fissi e di manutenzione in continua evoluzione che presenta
trovano giustificazione solo se l’impianto buone potenzialità sia dal punto di vista
garantisce sufficienti ricavi o risparmi dal- energetico–ambientale, che dal punto di
l’utilizzo del biogas prodotto e dalla ven- vista economico in quanto rappresenta
dita della sostanza digerita ad esempio una possibile fonte di reddito integrativo
come fertilizzante. I costi di investimento per settori zootecnico e agroalimentare. I
per un impianto che produce biogas varia- digestori anaerobici vengono realizzati
no in funzione sia della tipologia di instal- infatti, non solo allo scopo di recuperare
lazione (wet, dry, semi–dry) che dei mate- energia rinnovabile, il biogas, ma anche
riali avviati a digestione (liquami zootecni- per controllare le emissioni maleodoranti
ci, liquami zootecnici + colture energetiche e per stabilizzare i reflui prima del loro uti-
e/o scarti agroindustriali, ecc.); è quindi lizzo agronomico. Non va inoltre dimenti-
difficile definire in maniera univoca dei cato che la digestione anaerobica,
costi di investimento di riferimento. decomponendo in maniera controllata
Indicativamente, comunque, per la mag- liquami e altri composti organici, contri-
gior parte degli impianti, ad esclusione di buisce in modo significativo anche alla
quelli di tipo semplificato, che prevedono riduzione delle emissioni di metano in
solamente delle coperture in materiale atmosfera che come noto, presentando
plastico o delle vasche di stoccaggio non un elevato potenziale di riscaldamento
riscaldate e prive di miscelatori, si può globale, è uno dei maggiori responsabili
definire un intervallo di costo di 250–700 dell’effetto serra. Oggi il settore zootec-
€ per metro cubo di digestore anaerobi- nico rappresenta indubbiamente la prin-
co oppure di 2.500–7.500 € per kW elet- cipale forza motrice per lo sviluppo su
trico installato in cogenerazione. larga scala di questa tecnologia che vede
Oggi questa tecnologia è molto diffusa in anche in Italia una forte incentivazione; si
Europa per la stabilizzazione dei fanghi di vedano ad esempio il meccanismo dei
depurazione o per il trattamento delle certificati verdi per la produzione di ener-
acque reflue, si hanno anche numerose gia elettrica da fonti rinnovabili o anche il
istallazioni che operano su liquami zootec- reg. CE 1774/2002. Necessaria è comun-
nici, soprattutto in Austria, Germania, que una maggiore razionalizzazione e la
Danimarca, Svezia e Italia; mentre si regi- semplificazione delle procedure autorizza-
stra una progressiva diffusione anche per tive, sia per la costruzione e la gestione
il trattamento della frazione organica dei degli impianti sia per l’allacciamento alla
37 La conversione biochimica

rete elettrica nazionale, qualora si lavori in ri costi di gestione riconducibili princi-


cogenerazione. palmente all’energia spesa per realizza-
Da non confondere con la digestione re l’aerazione dei fanghi.
anaerobica è invece il processo di stabi-
lizzazione biologica aerobica che consi-
ste nella metabolizzazione delle sostan- [2.2]
ze organiche per opera di microorgani- Biocarburanti
smi, il cui sviluppo è condizionato dalla
presenza di ossigeno. Questi batteri Il Bioetanolo
convertono sostanze complesse in altre Il Bioetanolo, conosciuto anche come
più semplici, liberando CO2 e H2O e pro- alcool etilico, è un liquido limpido e inco-
ducendo un elevato riscaldamento del lore che può essere ottenuto, attraverso
substrato che è in genere proporziona- un processo di fermentazione alcolica,
le all’attività metabolica creata. Il calore da qualsiasi materia prima contenente
prodotto può essere così trasferito zuccheri o carboidrati con struttura più
all’esterno, mediante scambiatori a flui- complessa come amido, cellulosa e emi-
do, e utilizzato come una vera e propria cellulosa.
fonte di energia termica. In Europa è dif- Il bioetanolo, per le sue caratteristiche chi-
fuso il processo di digestione aerobica mico–fisiche, si presenta come un carbu-
termofila autoriscaldata (Autoheated rante particolarmente affine alla benzina
Termophilic Aerobic Digestion) che alla quale può essere miscelato o, in alcu-
nasce con l’obiettivo di realizzare il trat- ni casi e mediante opportuni accorgimen-
tamento delle acque di scarico e la sta- ti, sostituto interamente nell’alimentazione
bilizzazione biologica dei fanghi di degli autoveicoli. L’utilizzo del bioetanolo
depurazione. Quest’ultimi infatti subi- anidro (ovvero con residuo di acqua pari
scono una riduzione di volume, che al 5% del volume) in sostituzione alla ben-
rende più semplice e meno oneroso il zina è già una realtà nei paesi del sud
trasporto e lo smaltimento finale, non- America e in particolar modo in Brasile,
ché una riduzione del grado di putresci- dove i motori sono stati predisposti a que-
bilità grazie ad un effetto stabilizzante sto uso già a partire dagli anni settanta in
sulle componenti organiche. Costrut- concomitanza con la crisi energetica che
tivamente, un digestore aerobico è fece emergere, in tutta la sua gravità, il
costituito da una vasca, all’interno della problema della sicurezza degli approvvi-
quale viene insufflata dell’aria, e in cui i gionamenti petroliferi. Come detto, per
fanghi, alimentati in modo continuo o poter alimentare un veicolo con bioetano-
discontinuo a seconda delle dimensioni lo puro, è necessario predisporre alcune
dell’impianto, permangono il tempo modifiche sui motori a benzina. Gli inter-
necessario per la loro stabilizzazione. venti che si rendono necessari in tale ipo-
Nonostante i minori costi di impianto, i tesi di impiego riguardano principalmen-
processi aerobici non sono comunque te la modifica del sistema di iniezione del
così diffusi come quelli anaerobici (negli motore, che dovrà essere adattato ad un
Stati Uniti e in Canada questa tecnolo- composto che presenta nella sua moleco-
gia si è sviluppata solo recentemente), è la un maggiore contenuto di ossigeno
questo è dovuto soprattutto ai maggio- rispetto alla normale benzina. Inoltre, poi-
38 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

ché i combustibili a base di alcool posso- è diffuso soprattutto negli Stati Uniti e in
no erodere alcuni elastomeri e accelerare Canada. La miscela ad alta percentuale di
la corrosione di alcuni metalli, spesso si etanolo più comune è la E85 in cui la con-
rende necessaria anche la sostituzione pre- centrazione di alcol etilico raggiunge
ventiva di determinati componenti, parti- l’85%. Questa, per poter essere utilizzata,
colarmente suscettibili al deterioramento. richiede comunque delle modifiche sui
Una delle caratteristiche del bioetanolo motori che non sono invece necessarie
poi è che questo presenta, rispetto alla quando si adottano miscele a bassa per-
benzina, una minore densità energetica (in centuale, come ad esempio la E10 (10%
volume), ciò pertanto si riflette inevitabil- di bioetanolo), il cui impiego comporta
mente in un maggior consumo di combu- addirittura un lieve incremento nelle pre-
stibile per chilometro che può superare stazioni generali del veicolo.
anche del 50% quello normalmente rea- Attualmente dunque i propulsori debbo-
lizzato. Per ovviare al problema della no essere modificati quando il bioetano-
bassa densità energetica, un altro accor- lo in miscela supera il 10%; tuttavia recen-
gimento che usualmente si prende quan- ti studi, condotti perlopiù in Europa e
do si converte un veicolo a benzina al fun- negli Usa, hanno in realtà evidenziato la
zionamento con bioetanolo è quello di possibilità di evitare interventi sulla com-
aumentare il volume del serbatoio, al fine ponentistica del motore fino a miscele
di compensare così la ridotta autonomia. con addirittura il 23,5% di alcol etilico. I
Tra i maggiori inconvenienti che si hanno composti a basso contenuto di bioetano-
nell’impiego del bioetanolo puro non va lo consentono in più un ulteriore vantag-
dimenticata poi la difficoltà di avviamen- gio: essi infatti non richiedono strutture
to che i veicoli incontrano durante la sta- dedicate o reti di distribuzione specifiche
gione fredda, quando a causa delle basse (come accade invece per l’E85) che
temperature questo biocombustibile potrebbero in qualche modo limitarne
tende ad evaporare con maggiore difficol- l’utilizzo, ma vanno semplicemente sosti-
tà. Per ovviare a questo problema e tuirsi alla benzina entrando nella stessa
migliorare quindi l’accensione dei moto- linea di distribuzione. Uno dei progressi
ri, il bioetanolo in forma anidra, ossia privo più significativi raggiunti di recente è lo
di acqua, può essere unito a percentuali sviluppo di veicoli “flex–fuel” (FFVs) che
più o meno elevate di benzina creando sono in grado di operare sia con miscele
così miscele di diverso tipo il cui impiego di benzina e bioetanolo, fino anche alla
E85, che con la sola benzina. Ciò è reso
possibile da un avanzato sistema di con-
Figura 2.7 trollo che individua automaticamente le
Veicolo
Flex–Fuel caratteristiche del combustibile utilizzato
rifornito con E85 e regola di conseguenza, in modo auto-
matico, i tempi di iniezione e rapporti di
miscelazione tra aria e carburante.
Il bioetanolo viene impiegato anche nella
produzione di ETBE (Etil Ter Butil Etere)
ossia di un composto antidetonante ad
alto numero di ottani ottenuto appunto
39 La conversione biochimica

Fig. 2.8 Reazione di formazione dell’ETBE bili con elevato potere emulsionante (5%).
In queste percentuali l’aggiunta di alcol
CH3 CH3
etilico non richiede alcun tipo di modifi-
C=CH2 + CH3 – CH2 – OH CH3 – C – O – CH2 – CH3 che ai motori i quali, tra l’altro, hanno
dimostrato una riduzione nelle emissioni
CH3 CH3
di particolato.
Isobutene Etanolo ETBE Interessanti prospettive di impiego del
Fonte: ITABIA – Italian Biomass Association bioetanolo si hanno anche con i processi
di steam reforming catalitico in cui gli
alcoli vengono convertiti, per trattamen-
dalla combinazione di etanolo (47%) e iso- to con vapore acqueo, in un gas costitui-
butene (53%). to da H2, CO, CO2, CH4 e H2O che può
L’ETBE può essere utilizzato nella benzina essere utilizzato in diverse applicazioni e,
come additivo ossigenato in sostituzione se particolarmente ricco in idrogeno,
del benzene e dell’MTBE (Metil Ter Butil anche per l’alimentazione delle celle a
Etere), entrambi composti che presenta- combustibile. Si tratta però di una tecno-
no criticità per la salute umana e per l’am- logia relativamente recente; infatti, nono-
biente: il benzene infatti è un prodotto stante la ricerca in questo settore si sta
con effetti cancerogeni mentre l’MTBE rapidamente sviluppando, non esistono
presenta un’alta capacità inquinante ancora impianti a livello commerciale. I
soprattutto a carico delle acque sotterra- principali studi riguardano la selezione del
nee. Rispetto ad essi, l’ETBE presenta un catalizzatore più idoneo, e la ricerca delle
minore impatto sull’ambiente e sulla salu- condizioni operative ottimali (temperatu-
te umana; inoltre ha il vantaggio di pre- ra, velocità spaziale dell’etanolo, contenu-
sentare migliori capacità antidetonanti: se to d’acqua, pressione), allo scopo di otte-
infatti viene usato in miscela con la ben- nere la migliore selettività verso l’idroge-
zina al 15%, a questa viene conferito un no e il contenimento dell’energia richie-
numero di ottani pari a 110, valore più sta per la reazione.
elevato rispetto al 95/98 che invece è tipi-
co degli antidetonanti tradizionali. La produzione del bioetanolo
Meno comune poi, ma tecnicamente pos- Il bioetanolo può essere attualmente pro-
sibile, è l’utilizzo del bioetanolo in misce- dotto sia dai carboidrati semplici come
la con il gasolio (o biodiesel) nei veicoli glucosio, saccarosio e mannosio, che dai
diesel heavy–duty. Tale composto, cono- polisaccaridi a catena lunga ovvero
sciuto come E–diesel, viene creato all’in- amido, cellulosa ed emicellulosa. Le mate-
terno del motore stesso atomizzando e rie prime da impiegare nel processo di
immettendo nel condotto di aspirazione fermentazione possono derivare, pertan-
dell’aria una piccola percentuale di etano- to, dalle colture dedicate alcoligene, siano
lo che poi verrà, all’interno del cilindro, esse saccarifere (barbabietola da zucche-
miscelato e combusto con il diesel tradi- ro, canna da zucchero, sorgo zuccherino)
zionale. Prove condotte in Europa hanno o amidacee (frumento tenero e granotur-
avuto un discreto successo utilizzando co), nonché dai residui lignocellulosici. Il
miscele composte da gasolio tradiziona- ricorso alle colture dedicate per la produ-
le (80%), bioetanolo (15%) e additivi solu- zione del bioetanolo si presta, tuttavia, ad
40 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

alcune osservazioni. Uno studio, condot- residui lignocellulosici; quest’ultimi, natu-


to dall’ENEA in collaborazione con l’Uni- ralmente, rappresentano l’alternativa eco-
versità degli Studi dell’Aquila, infatti, ha nomicamente più interessante dato che
messo in evidenza che per poter rimpiaz- non richiedono, a differenza delle colture
zare interamente i combustibili fossili, dedicate, lavorazioni specifiche che inci-
attualmente utilizzati in Italia, con bioeta- dono in modo sostanziale sul costo di
nolo, sarebbe necessario destinare alle acquisto finale della materia prima.
colture alcoligene 60.000–70.000 km2 di La filiera produttiva è articolata in tre sezio-
terreno agricolo, pari al 40% della SAU ni ciascuna delle quali è caratterizzata da
(Superficie Agricola Utilizzata) e al 20% un livello di maturità differente e da solu-
dell’intero territorio nazionale. Appare zioni tecnologiche peculiari. La prima
dunque evidente che un impiego intensi- sezione che si prende in considerazione è
vo di queste biomasse, a soddisfacimen- quella saccarifera; questa ovviamente è
to dell’intero fabbisogno di combustibili finalizzata alla conversione energetica
nel settore dei trasporti, è assolutamente degli zuccheri ottenuti principalmente da
improponibile anche in ragione della con- colture come la barbabietola da zucchero,
correnza esercitata dal settore alimentare. la canna da zucchero o il sorgo zuccheri-
Assume pertanto un’importanza crescen- no. Allo stato attuale questo comparto è
te la possibilità di valorizzare in termini tecnologicamente maturo tuttavia però, a
energetici i residui produttivi come ad causa della concorrenza esercitata della
esempio gli scarti della produzione orto- filiera alimentare, esso non si è ancora pie-
frutticola, che possono essere convertiti in namente sviluppato a livello commerciale.
bioetanolo mediante le stesse tecnologie Da un punto di vista tecnologico poi, la
impiegate per le colture dedicate sacca- filiera energetica ricalca in linea generale
rifere e amilacee. Un ruolo di notevole quella alimentare; essa infatti prevede un
rilievo può essere poi svolto anche dai processo produttivo distinto in tre fasi:
estrazione degli zuccheri dai tessuti vege-
tali, mediante delle operazioni di frantu-
Figura 2.9
Sorgo zuccherino
mazione e setacciatura più volte ripetute,
fermentazione alcolica dei glucidi e infine
distillazione dell’etanolo. La fermentazio-
ne alcolica è un processo micro–aerofilo
condotto generalmente mediante l’utiliz-
zo del lievito di birra (Saccharomyces cere-
visiae); questo, unito all’impasto prece-
dentemente preparato attraverso l’ope-
razione di sminuzzamento della sostanza
vegetale, favorisce la fermentazione degli
zuccheri che vengono quindi trasformati
in alcol e anidride carbonica. Questa ope-
razione viene attuata utilizzando partico-
lari bioreattori all’interno dei quali vengo-
no ricreate le condizioni ideali per favori-
re il metabolismo anaerobico del lievito;
41 La conversione biochimica

quindi basse concentrazioni di ossigeno, rie prime ricche di amido, tipicamente


temperature comprese tra i 5 e i 25 °C grano o mais. In questo caso è necessa-
e un intervallo di pH variabile tra 4,8 e 5,0. rio trattare l’amido attraverso una reazio-
La separazione dell’etanolo dalla frazione ne di idrolisi, per rendere fermentescibile
liquida prodotta con il processo di fer- il glucosio in esso contenuto. A questo
mentazione avviene per distillazione, ossia scopo le cariossidi (grani) di frumento e di
sfruttando le diverse temperature di ebol- mais vengono triturate e disidratate pro-
lizione dei componenti presenti nella ducendo così una pasta d’amido che
miscela precedentemente ottenuta; al ter- viene successivamente gelificata median-
mine della distillazione si ricava etanolo in te l’utilizzo di vapore diretto alla tempe-
concentrazione pari al 95% in peso con un ratura di 175 °C e alla pressione di 2 atm
contenuto residuo in acqua del 5%. Se il (≈2x105 Pa). L’idrolisi è generalmente con-
bioetanolo deve essere miscelato alla dotta utilizzando un enzima, denominato
comune benzina, è necessaria come noto amilasi, che ha la proprietà di liberare le
una profonda disidratazione che può rea- molecole di glucosio contenute inizial-
lizzarsi utilizzando sia setacci molecolari, mente nelle catene di amido. Questo trat-
sia membrane di separazione in materia- tamento è condotto a una temperatura
le selettivo idrofilo la cui efficacia però inferiore a 60 °C, e la resa in zuccheri fer-
presenta ancora ampi margini di miglio- mentescibili è circa dell’80%. Conclusa la
ramento. Questa tecnica di separazione fase di idrolisi il processo di produzione
prevede che la miscela, a valle della fer- del bioetanolo si completa, così come
mentazione, sia portata in fase vapore accade per la sezione saccarifera, con le
prima di essere filtrata dalle membrane; fasi di fermentazione e distillazione. La
quello che si ottiene è etanolo con un resi- sezione amidacea, che riveste un ruolo di
duo di acqua pari al 3%. Più efficace, seb- primo piano soprattutto nel mercato sta-
bene ciò comporti un significativo incre- tunitense, da luogo inoltre ad un sottopro-
mento nei costi di produzione, è invece il dotto costituito dai residui ricchi in olio,
processo di distillazione frazionata. proteine e fibre, noti come DDGS
Questo è di fatto un vero e proprio pro- (Distillers Dried Grains with Soluble), che
cesso di distillazione in cui però alla misce- sono destinati perlopiù alla preparazione
la di partenza, derivante dalla fase di fer- dei mangimi zootecnici.
mentazione alcolica, si aggiunge del ben- Il bioetanolo può essere infine prodotto
zene che permette di estrarre etanolo con utilizzando anche materie prime ricche di
un residuo di acqua non superiore all’1% cellulosa ed emicellulosa come ad esem-
in peso. La sezione saccarifera, che si è fin pio paglia, stocchi di mais o residui legno-
qui descritta e a cui è possibile attribuire si provenienti dal comparto agricolo, fore-
la quasi totalità del bioetanolo prodotto, stale o industriale. L’impiego di questi
assume particolare rilievo soprattutto in materiali, più diffusi ed economici, prefi-
Brasile dove molte automobili funzionano gura una valida possibilità di sviluppo
con etanolo ottenuto da canna da zuc- della filiera del bioetanolo soprattutto nei
chero utilizzato sia sotto forma di alcol climi temperati dove le sole colture zuc-
puro che miscelato alla benzina. cherine o amidacee non riescono a garan-
Si ha poi la sezione amidacea in cui il tire da sole alti livelli di produttività, come
bioetanolo è ottenuto a partire da mate- avviene invece nelle zone della fascia tro-
42 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

picale. La produttività media europea re soltanto in scala di laboratorio, sono


infatti, che dipende ovviamente dalla col- stati già realizzati con l’obbiettivo di per-
tura utilizzata, è attualmente stimata intor- fezionare, da un punto di vista tecnologi-
no ai 2.790 litri per ettaro in virtù di una co, i diversi punti della filiera. Dei princi-
resa media in semi di circa 7 tonnellate pali componenti della biomassa lignocel-
per ettaro e di una capacità estrattiva di lulosica (cellulosa, emicellulosa e lignina),
400 litri per tonnellata. Tale valore è net- soltanto la cellulosa e l’emicellulosa sono
tamente inferiore rispetto a quello realiz- costituite da zuccheri fermentescibili, per-
zabile nei paesi a clima tropicale come il tanto solo queste possono essere utiliz-
Brasile ad esempio in cui la canna da zuc- zate per la produzione dell’etanolo. Uno
chero ha una resa media di 69 tonnellate dei punti critici che caratterizza perciò
per ettaro; che significa, considerando un questa sezione della filiera è la separazio-
rapporto di conversione in etanolo di 90 ne fisica della cellulosa e dell’emicellulo-
litri per tonnellata, 6.200 litri di biocom- sa dalla lignina. Questo obiettivo può
bustibile prodotti per ogni ettaro di ter- essere perseguito mediante trattamenti
reno impiegato. Alti tassi di produttività chimico–fisici (il più studiato utilizza il
si hanno anche in India dove si raggiun- vapore saturo ad alta pressione ed è
gono circa 5.300 litri per ettaro. Cifre di denominato steam explosion), chimici
tale portata riferite ai paesi sopraccitati (con acidi) o meccanici (con sistemi di
portano a serie riflessioni in materia di presse). Una volta liberate dalla lignina, la
convenienza energetica dell’importazione cellulosa e l’emicellulosa vengono quin-
di bioetanolo per il mercato europeo: se di sottoposte ad un processo di idrolisi
infatti il bioetanolo da canna da zucche- che potrà realizzarsi o per via chimica,
ro dovesse diventare una commodity attraverso l’impiego di acidi, o per via
mondiale, appare scontato che regioni enzimatica.
come il Sud America, l’India, il Sud–est L’idrolisi acida può essere condotta secon-
Asiatico e l’Africa diventeranno i maggio- do due diverse modalità, o in un’unica
ri esportatori. Risulta quindi fondamenta- fase utilizzando un acido concentrato,
le ottimizzare la conversione di biomasse oppure in due stadi separati attraverso
altamente produttive alle nostre latitudi- l’impiego di un acido diluito. Nel primo
ni: sebbene attualmente non vi sia a livel- caso al materiale cellulosico viene aggiun-
lo mondiale una produzione industriale di to, in rapporto 1,25:1 e alla temperatura
etanolo di origine cellulosica, la possibi- di 50 °C, acido solforico concentrato (al
lità di valorizzare, attraverso questa via, i 70–77%); questo dopo aver decristallizza-
residui lignocellulosici sta suscitando to la struttura vegetale, viene diluito
molto interesse soprattutto in considera- mediante l’aggiunta di acqua che attiva la
zione dei modesti costi che è necessario vera e propria fase di idrolisi. Quella che
sostenere per il reperimento della mate- si forma è una sostanza colloidale che
ria prima. La volontà dunque di puntare viene poi sottoposta a pressatura per divi-
alla sezione cellulosica per la produzione dere la componente “acido/zuccheri” dal
di bioetanolo appare evidente; nonostan- residuo solido. Infine, mediante un pro-
te infatti siano necessari ancora notevoli cesso di distillazione, si andranno a sepa-
investimenti soprattutto nel settore della rare, dalla porzione acida, gli zuccheri
ricerca, molteplici impianti pilota, seppu- (xilosio e glucosio) che potranno così
43 La conversione biochimica

essere convertiti in bioetanolo mediante gravando significativamente sulla sua eco-


il consueto processo di fermentazione nomicità, ne limita a pieno lo sviluppo. Per
alcolica. Come detto poi, l’idrolisi acida tale motivo sono in corso di ottimizzazio-
può compiersi anche impiegando un ne alcune soluzioni impiantistiche che ten-
acido diluito. In questo caso però la con- dono a semplificare questo processo pro-
versione della biomassa vegetale in zuc- duttivo; tra le principali, in riferimento alla
cheri si realizza in due stadi distinti. Il scissione di tipo enzimatica, si ricordano:
primo è diretto all’attacco dell’emicellulo-  Impianti SHF (Separated Hydrolysis and
sa che risulta più facilmente idrolizzabile; Fermentation). Sono previsti quattro
in esso si opera con acido solforico in con- reattori per i quattro stadi del proces-
centrazione dello 0,7% e a una tempera- so produttivo: produzione dell’enzima
tura di 190 °C per circa 3 minuti. Con il cellulasi, idrolisi enzimatica della cellu-
secondo stadio si realizza invece l’idrolisi losa e dell’emicellulosa, fermentazione
della cellulosa (più resistente), la quale degli zuccheri a sei atomi di carbonio,
viene ridotta in glucosio impiegando, fermentazione degli zuccheri a cinque
sempre per tre minuti, H2SO4 alla concen- atomi di carbonio.
trazione dello 0,4% e a una temperatura  Impianti SSF (Simultaneous Saccharifi-
di 215 °C. cation and Fermentation). Sono previ-
In alternativa all’idrolisi acida è possibile sti tre reattori ed è introdotta una certa
attuare l’idrolisi enzimatica: in essa, la scis- simultaneità tra gli stadi del processo:
sione delle catene di cellulosa ed emicel- un reattore è utilizzato per la produzio-
lulosa avviene utilizzando particolari enzi- ne delle cellulasi, uno per l’idrolisi enzi-
mi detti cellulasi, scoperti inizialmente nel matica della cellulosa e dell’emicellulo-
microrganismo Trichoderma reesei, ma sa e per la contemporanea fermenta-
poi individuati anche in altri gruppi micro- zione degli zuccheri a sei atomi di car-
bici tra cui alcuni batteri anaerobici, alcu- bonio, e infine uno per la fermentazio-
ni attinomiceti e alcuni funghi. L’idrolisi ne degli zuccheri a cinque atomi di car-
enzimatica rappresenta la soluzione tec- bonio.
nologica più recente ed è oggi preferibi-  Impianti SSCF (Simultaneous Saccharifi-
le rispetto a quella di tipo chimico. In cation and Co–Fermentation). È incre-
generale dunque dal processo di idrolisi mentato il grado di simultaneità e sono
attuato su biomasse cellulosiche si otten- previsti due reattori: uno per la produzio-
gono sia zuccheri tipo C6 (a sei atomi di ne delle cellulasi, l’altro per l’idrolisi enzi-
carbonio), come il glucosio, che risultano matica della cellulosa e dell’emicellulosa
facilmente fermentescibili, sia zuccheri e per la fermentazione degli zuccheri.
tipo C5 (a cinque atomi di carbonio) che  Impianti DCM (Direct Microbial
invece sono fermentati ad etanolo con Conversion). L’intero processo produtti-
maggiore difficoltà. I primi si sviluppano vo è realizzato in un unico reattore ed è
sia dall’idrolisi della cellulosa che dell’emi- caratterizzato da una completa simulta-
cellulosa, i secondi solo dalla scissone di neità tra la produzione delle cellulasi,
quest’ultima. La sezione cellulosica per la l’idrolisi della cellulosa e dell’emicellulo-
produzione del bioetanolo, sebbene sia sa e la fermentazione degli zuccheri.
quella più promettente, soffre ancora oggi In merito alla produzione del bioetanolo
di una certa complessità tecnologica che, una delle questioni più controverse è valu-
44 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

tare l’effettiva convenienza energetica di di acqua per l’irrigazione o cattivo sfrutta-


questo processo di conversione ovvero mento del terreno e trattato poi in impian-
stabilire se l’energia contenuta nel com- ti non cogenerativi o privi di processi effi-
bustibile finale sia realmente maggiore cienti in termini energetici. È dunque dif-
rispetto a quella richiesta per la trasforma- ficile fare una stima univocamente valida
zione della materia prima. Un recente stu- sul bilancio energetico del processo di
dio condotto negli USA ha evidenziato produzione del bioetanolo, questa infatti
come, considerando una coltivazione di dipende da fattori estremamente variabi-
grano e un impianto di produzione di eta- li come: tipo di coltura adottata, condizio-
nolo di efficienza media, l’energia totale ni pedoclimatiche del luogo e caratteristi-
utilizzata per far crescere il grano e trasfor- che dell’impianto di conversione.
marlo in un litro di etanolo e altri prodot- Appare comunque chiaro che se il merca-
ti ammonti a circa 22,6 MJ. Considerando to dell’etanolo subirà un’espansione, le
poi che l’etanolo contiene 23,5 MJ per colture cellulosiche, più che quelle amida-
litro e che l’energia immagazzinata negli cee e zuccherine, diventeranno probabil-
altri co–prodotti è pari a circa 7,7 MJ, è mente la fonte primaria per la produzio-
possibile ritenere che nel complesso i pro- ne di questo biocombustibile. Le colture
dotti del processo di conversione conten- cellulosiche, quali gli alberi a crescita rapi-
gono 31,2 MJ di energia, con un guada- da, rappresentano infatti la filiera più inte-
gno per litro di etanolo ottenuto pari dun- ressante, in quanto usano relativamente
que 8,6 MJ. Tale valore può raggiungere poco fertilizzante, e necessitano di meno
anche i 16,2 MJ per litro, considerando energia per la raccolta rispetto alle coltu-
processi di produzione e trasformazione re annuali, consentendo quindi, di rag-
ad alta efficienza, o addirittura assumere giungere rapporti di conversione molto
valori negativi nel caso in cui il grano sia più alti di quelli ottenibili sfruttando bio-
coltivato con bassa efficienza, con spreco masse zuccherine e cerealicole.

La steam explosion
La steam explosion (SE) è un trattamento idrotermico innovativo, a basso impatto
ambientale, mediante il quale è possibile ottenere una vasta gamma di prodotti, utiliz-
zando come materia prima le biomasse vegetali (colture energetiche, RSU, residui agri-
coli e forestali). Queste, attraverso l’impiego di vapore saturo ad alta pressione (15–30
kg/cm2), vengono riscaldate rapidamente all’interno di appositi reattori, nei quali si rea-
lizza la separazione delle tre frazioni che comunemente compongono i substrati vege-
tali, ovvero emicellulosa, cellulosa e lignina. In questo modo si garantisce un’utilizza-
zione totale delle biomasse ottenendo sia prodotti direttamente commerciabili (pasta da
carta, pannelli in fibra, mangimi, ecc.), che composti utilizzabili in molteplici settori
(autotrazione, industrie tessili, dolciarie e della chimica di base). L’emicellulosa ad esem-
pio, essendo un polimero costituito da zuccheri con 5 o 6 atomi di carbonio, può esse-
re usata per produrre dolcificanti (xylitolo) o solventi; la cellulosa, polimero del gluco-
sio, è invece impiegata come materia prima nella preparazione della carta, delle fibre
tessili o come substrato fermentabile per la produzione di alcool (anche etanolo) e infi-
ne dalla lignina, composto aromatico, si può ottenere sia energia termica che svariati
bio–polimeri come gli asfalti o le fibre di carbonio.
Nel processo di steam explosion il materiale organico viene tenuto alla temperatura
45 La conversione biochimica

Rappresentazione schematica di un desiderata (180–230 °C) per un breve


Fig. 2.10
reattore per la steam explosion periodo (1–10 minuti) nel corso del
quale l'emicellulosa viene idrolizza-
ta e resa solubile. Alla fine di questo
intervallo di tempo, la pressione
viene rapidamente riportata al valo-
re atmosferico ottenendo così una
decompressione esplosiva che sfibra
ulteriormente la biomassa liberando
gli elementi costituenti. I settori che
beneficiano di questo pretrattamen-
to sono:
 Produzione di bioetanolo da scar-
ti lignocellulosici.
 Industria cartaria. Lo sfibramen-
to delle matrici lignocellulosiche e la
rottura dei legami chimici tra cellu-
losa, emicellulosa e lignina che avvengono durante il processo di steam explosion,
costituiscono un requisito indispensabile nei processi cartari. Negli Usa questa tecni-
ca viene già applicata su scala semi–industriale in alcuni impianti produttivi di pasta
da carta dove l’effetto positivo del trattamento è stato riscontrato per matrici di tipo
erbaceo (paglia, mischantus, Kenaf) o legnoso (pioppo, pino, eucalipto).
 Industria dei pannelli. Con materiali provenienti dal processo di steam explosion sono stati
costruiti pannelli di tipo “truciolato” con buone caratteristiche meccaniche; tra le matrici
utilizzate anche la lolla di riso, che risulta difficilmente utilizzabile in altre circostanze.
 Industria dei materiali compositi. Le fibre di alcuni vegetali (lino, paglia), sottoposte
a trattamento di steam explosion e quindi opportunamente trattate, sono state utiliz-
zate nella preparazione di materiali compositi dalla caratteristiche molto interessanti.
 Industria dei mangimi. La rottura dei legami intermolecolari per mezzo della SE
aumenta la digeribilità, da parte del bestiame, dei vegetali ad alto contenuto di ligni-
na; in questo ambito pertanto mangimi a base di legno e paglia sono già stati svi-
luppati e brevettati.
 Produzione di substrati per processi biotecnologici. I materiali derivanti dalla steam
explosion possono essere anche utilizzati in processi biotecnologici come fonte di car-
bonio per la crescita dei microrganismi o come substrati di processi fermentativi; par-
ticolarmente studiata, in quest’ultimo caso, è la produzione di bioetanolo da biomas-
se lignocellulosiche trattate.
 Produzione di zuccheri. Alcuni tipi di zuccheri presenti nelle piante sono particolar-
mente interessanti per l'industria dolciaria. Lo xilosio, per esempio, può dare il sapo-
re dolce agli alimenti senza procurare carie dentaria perchè non è metabolizzabile
dai batteri. Questo zucchero si trova in gran quantità nella emicellulosa e può esse-
re estratto semplicemente con acqua calda dopo il trattamento di steam explosion.
 Produzione di composti aromatici. La lignina presente nei vegetali è un polimero com-
plesso del propilbenzene, è cioè costituita da molecole aromatiche fortemente legate
tra loro a formare un solido reticolo tridimensionale che da rigidità alle piante. Il
trattamento di steam explosion riesce a rompere tale reticolo e i costituenti della ligni-
na possono essere recuperati con una semplice estrazione con soda calda. La ligni-
na così recuperata costituisce una fonte di sostanze aromatiche utilizzabile nell'in-
dustria chimica per la produzione di polimeri, asfalti e altre sostanze complesse.
Nel centro ricerche ENEA di Trisaia è stato realizzato un impianto pilota di steam explo-
sion (STELE – STeam Explosion LEgno) che è uno dei più importanti al mondo e vi si
possono trattare fino a 300 kg/h di sostanza vegetale a ciclo continuo.
46 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Il Biodiesel caratteristiche su citate, ma soprattutto la


Un’ulteriore possibilità di sfruttamento tendenza del bio–olio alla polimerizza-
energetico della biomassa per la produ- zione, determinano non pochi inconve-
zione di biocombustibili è rappresentata nienti al funzionamento dei motori, tra
dall’estrazione di oli vegetali da piante questi si ricordano: la possibilità di avere
oleaginose quali palma, soia, girasole o dei depositi sugli iniettori, l’usura delle
colza. Tali oli, ottenuti da un processo di pareti metalliche, la produzione di eleva-
spremitura a freddo dei semi con succes- ta fumosità e l’aumento del consumo di
siva filtrazione, sono, a tutti gli effetti e carburante rispetto all’alimentazione con
senza ulteriori fasi di raffinazione, dei normale gasolio. Per ovviare a questi pro-
combustibili e, come tali, possono trova- blemi sono in fase di studio, in partico-
re un impiego nel settore energetico lare per i motori diesel di grosse dimen-
(principalmente per il riscaldamento) sioni come quelli navali, sistemi di ali-
analogamente a quanto avviene per i mentazione in grado di compensare gli
combustibili liquidi di origine fossile. effetti indotti dall’alta viscosità e dal
Seppur caratterizzato da un elevato pote- basso numero di cetano, che per gli oli
re calorifico, in media paria a 37,5 MJ/kg, vegetali varia in genere tra 33 e 43. Più
l’olio vegetale puro (PVO) presenta diffusi, specialmente nel contesto delle
rispetto al comune gasolio una viscosità macchine agricole, sono invece i motori
fino a 20 volte maggiore, un punto di adattati con “sistema a due serbatoi”
infiammabilità nettamente più elevato e ovvero a doppia alimentazione,
una maggiore instabilità termica. PVO/gasolio. Queste macchine, grazie
Questo pregiudica di fatto l’utilizzo del alla presenza di un’apposita centralina
PVO come combustibile per l’autotrazio- elettronica, sono alimentate a gasolio
ne, a meno naturalmente di non attuare nelle fasi di avviamento e arresto mentre,
importanti modifiche nella progettazione durante il funzionamento a regime e in
dei motori, che però allo stato attuale condizioni ottimali, sono fatte lavorare
non sono giustificate da reali vantaggi esclusivamente con olio combustibile.
tecnologici, economici o ambientali. Le Per superare tutte queste difficoltà e uti-
lizzare un prodotto derivato da biomas-
se anche nei comuni motori diesel per
Figura 2.11 autotrazione, è possibile fare riferimento
Olio Vegetale Puro – PVO ad un derivato dell’olio vegetale puro,
ovvero al biodiesel. Questo biocombusti-
bile in realtà può essere ottenuto, oltre
che da PVO, anche da grassi di animali
o grassi di cucina riciclati attuando, in
condizioni di bassa temperatura e pres-
sione, un processo di transesterificazio-
ne. Ricordando che gli oli vegetali sono
costituiti prevalentemente da trigliceridi
(acidi grassi + glicerina) e acidi grassi
liberi, è possibile affermare che con la
reazione di esterificazione la componen-
47 La conversione biochimica

Figura 2.12 trova una giustificazione in ragione del-


Trattore John Deere modifica- l’ampliamento dei possibili scenari di
to con sistema a due serbatoi
e centralina elettronica che impiego per questo biocombustibile. Il
controlla in continuo l’alimen- biodiesel infatti può essere utilizzato sia
tazione olio vegetale/gasolio nell’alimentazione di caldaie e gruppi
(Sistema Landtechnik GRAML)
elettrogeni, sia, come detto, in sostituzio-
ne del gasolio, per l’autotrazione dei
mezzi dotati di motori diesel.
Quest’ultima possibilità appare oggi par-
ticolarmente interessante, non solo per-
ché è già teoricamente possibile alimen-
tare i veicoli attualmente in commercio
con una miscela di gasolio e biodiesel,
ma anche perché è in vigore, in ambito
sia comunitario che nazionale, una poli-
tica di forte incentivazione, promozione
e defiscalizzazione di questo biocarbu-
rante.
In ambito motoristico è dunque possibi-
le impiegare questo prodotto sia puro,
te alcolica di origine (glicerolo) viene sia in miscela con il normale diesel. Nel
convertita in un estere e ciò permette di primo caso è necessario apportare delle
ridurre la viscosità del PVO, che è come semplici modifiche sulla componentisti-
detto più alta di quella dei carburanti di ca del motore, in particolar modo sul cir-
origine fossile. Per poter essere impiega- cuito d’iniezione e sui condotti e le guar-
to, senza particolari problemi, in sostitu- nizioni in gomma che devono essere
zione al comune gasolio, è dunque sostituite con altri materiali più compati-
necessario che il biodiesel possieda spe- bili come rame, acciaio al carbonio, otto-
cifiche caratteristiche variabili a seconda ne, gomme fluorurate o polietilene.
che venga usato come carburante per la Queste correzioni, che vanno sicuramen-
trazione o come combustibile nel riscal- te eseguite sui veicoli più vecchi, nor-
damento. Nel primo caso si fa riferimen- malmente non sono invece necessarie
to alla norma UNI 10946 (EN 14214), sui motori di recente concezione. Se uti-
mentre nel secondo vale la UNI 10947 lizzato poi in miscela con il gasolio, fino
(EN 14213). Il confronto tra le principali ad una concentrazione del 20% (B20), il
caratteristiche di biodiesel, PVO e diesel biodiesel è impiegabile in tutti i mezzi
di origine fossile è riportato in tabella trasporto dotati di motore diesel, di qua-
2.2. lunque età e senza la necessità di nessun
Per effetto del processo di raffinazione accorgimento tecnico. Recentemente
chimica, la produzione di biodiesel richie- alcuni studi, condotti in Austria e in
de ovviamente un maggior investimento Germania, hanno tra l’altro evidenziato
di capitali rispetto a quelli necessari per che la concentrazione limite per evitare
avviare la filiera di utilizzo diretto degli oli interventi sul motore può addirittura rag-
vegetali, investimento che comunque giungere il 30%. L’aggiunta di biodiesel
48 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Tabella 2.2 – Confronto tra le principali caratteristiche di biodiesel, PVO e diesel di origine fossile
Unità Diesel Biodiesel EN 14214 Olio di girasole Olio di colza
Potere calorifico MJ/kg 42,7 37,2 37,7 37,6
Densità a 15 °C kg/l 0,83 0,86-0,9 0,92 0,91
Contenuto energetico (volumetrico) MJ/l 35,2 32,7 34,8 34,2
Viscosità a 40 °C mm2/s 2-4,5 3,5-5 31,4 36
Punto di infiammabilità °C > 55 ≥ 120 253 > 220
Fonte: AIEL – Associazione Italiana Energie Agroforestali

al comune gasolio dunque, può teorica- atm, dove 1 atm ≈105 Pa). Un altro aspet-
mente avvenire in qualunque proporzio- to molto importante ai fini dell’utilizzo
ne grazie alla perfetta miscibilità tra que- poi è che questo biocombustibile può
sti due prodotti; nonostante questo però considerarsi un prodotto estremamente
spesso si raccomanda di non usare quan- sicuro sia da maneggiare che da traspor-
titativi troppo elevati di questo biocom- tare; esso non è infatti soggetto al feno-
bustibile nei motori in quanto i livelli di meno dell’autocombustione ed è per-
missioni di NOX, certificati dalle case tanto stoccabile negli stessi serbatoi del
costruttrici, potrebbero essere superati. diesel e distribuibile impiegando le infra-
Oltre ad un incremento nelle emissioni di strutture e le reti di distribuzione già esi-
ossidi di azoto, la maggior presenza di stenti. Tra gli inconvenienti si ricorda
ossigeno è causa anche del ridotto pote- invece che questo prodotto tende a soli-
re calorifico inferiore che il biodiesel ha dificare nelle giornate fredde proprio per
rispetto al gasolio di origine petrolifera. effetto della sua elevata viscosità; per
Questa riduzione del contenuto energe- tale motivo si possono presentare diffi-
tico, in parte compensata dalla maggior coltà nella fase di pescaggio dal serba-
densità, si manifesta principalmente con toio o durante gli avviamenti a freddo del
un lieve aumento dei consumi e con una motori, difficoltà che comunque posso-
riduzione delle prestazioni del motore no essere facilmente risolte utilizzando
dell’8–15%. Il biodiesel si può poi adope- riscaldatori, agitatori o additivi fluidifi-
rare, puro o in miscela, negli impianti di canti.
riscaldamento per l’alimentazione dei In funzione delle possibili applicazioni e
bruciatori a gasolio. Anche in questo in generale per quanto detto fin ora, il
caso sono necessari alcuni interventi cor- biodiesel si propone dunque come un’al-
rettivi sul generatore di calore: questi ternativa molto interessante ai tradiziona-
riguardano soprattutto la regolazione li prodotti petroliferi. A frenare in manie-
degli ugelli di polverizzazione, il control- ra sensibile la sua diffusione però contri-
lo del rapporto tra aria e carburante (è buisce in modo significativo il prezzo
necessaria una minore quantità di aria finale su cui gravano ancora elevati costi
immessa sulla fiamma primaria, nel caso di produzione (perlopiù dovuti all’estra-
di bruciatori multistadio) e la taratura zione dell’olio), di stoccaggio delle
della pompa volumetrica (pressione di sostanze vegetali e di distribuzione. Tutto
mandata leggermente superiore, 1–1,5 questo rende quindi il biodiesel allo stato
49 La conversione biochimica

attuale non conveniente rispetto al gaso- vegetale. Ciò avviene in step successivi
lio convenzionale perlomeno fino a quan- che prevedono (figura 2.13): la pulizia
do non si considera l’esenzione dal paga- dei semi, la macinazione degli stessi con
mento delle accise. successivo riscaldamento e condiziona-
mento, l’estrazione dell’olio per via mec-
La produzione del biodiesel canica o chimica e infine la sua purifica-
Come già anticipato le materie prime uti- zione per depurazione o per raffinazione.
lizzate per la produzione del biodiesel La pulizia dei semi, ricavati dalle colture
possono essere sia oli ottenuti da coltu- oleaginose, viene attuata generalmente
re come colza, girasole o soia, sia oli tramite elettrovagli e magneti, che elimi-
recuperati da usi alimentari mediante nano gli eventuali materiali grossolani
opportuni sistemi di raccolta differenzia- derivanti dalle fasi di raccolta; a questa
ta e successiva rigenerazione. Tali mate- operazione segue poi il processo di
rie prime possono essere utilizzate diret- macinazione con cui si realizza la fuoriu-
tamente come combustibili oppure pos- scita degli oli dalle cellule. Per favorire
sono essere sottoposte alla reazione di tutto ciò, quindi la lisi delle cellule, la dif-
transesterificazione per l’ottenimento del fusione della materia grassa dai semi e
biodiesel. Nonostante il recupero ener- la separazione dalle componenti di natu-
getico degli oli alimentari esausti possa ra proteica, il prodotto della macinazio-
rappresentare una soluzione particolar- ne subisce una fase di riscaldamento, che
mente interessante, anche in ragione del viene condotta ad una temperatura di
valore aggiunto di questa filiera, che con- 80–90 °C e ad un’umidità compresa tra
corre alla riduzione della produzione di il 7 e il 10%.
rifiuti e all’alleggerimento del carico Si ha quindi l’estrazione degli oli dai semi
inquinante in ingresso negli impianti di macinati, questa può essere realizzata
depurazione delle acque reflue civili, allo per via meccanica o per via chimica. La
stato attuale sono però le colture dedi- scelta tecnologica è dettata principal-
cate ad incidere più significativamente mente dal contenuto in materia grassa:
sulla produzione di biodiesel. È, quindi, per contenuti superiori al 20% in peso è
in direzione della conversione alle coltu- preferita l’estrazione meccanica, che
re energetiche dei terreni a riposo oppu- richiede dei costi d’investimento minori;
re dei terreni destinati attualmente ad per contenuti in materia grassa inferiori
altri seminativi che sono rivolte le princi- al 20% in peso generalmente si propen-
pali decisioni di politica agricola comu- de per l’estrazione di tipo chimica.
nitaria. Le coltivazioni tipiche in Europa L’estrazione meccanica si avvale di pres-
sono quelle del girasole (Francia, se a vite o di presse idrauliche che pos-
Spagna, Italia) e della colza (Germania, sono avere diverse dimensioni e diverse
Francia, Gran Bretagna e Danimarca) capacità operative a seconda che siano
mentre negli Stati Uniti e nei paesi del impiegate in piccole realtà aziendali, in
sud America (Brasile, Argentina) è diffu- centri di macinazione specifici, magari a
sa principalmente la soia. vocazione cooperativa, o in veri e propri
La prima operazione da effettuare per impianti industriali.
produrre biodiesel è dunque quella di Come co–prodotto della spremitura
estrarre dalla pianta oleaginosa l’olio meccanica a freddo dei semi si ha un
50 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Operazioni da condurre per l’estrazione è condotto il processo di estrazione chi-


Fig. 2.13
dell’olio vegetale da semi oleaginosi mica; fissando un rapporto seme–solven-
te pari a 1:18, una temperatura dell’am-
biente di reazione di 50 °C e tempi di
contatto pari a due ore per la colza e
un’ora per il girasole, è possibile ottene-
re un ottima efficienza con un residuo di
materia grassa non estratta pari solamen-
te all’1%. La modalità di contatto tra
seme e solvente è scelta in base alla gra-
nulometria ottenuta nel corso della maci-
nazione: per granulometrie fini, prossi-
me a farine, è preferita l’immersione, per
granulometrie più grossolane è adottata
panello proteico utilizzabile nel settore invece la percolazione in controcorrente
zootecnico per l’alimentazione del per gravità. Va ricordato infine che l’ope-
bestiame. Nella tabella 2.3 viene ripor- razione di estrazione chimica può essere
tata la composizione media del panel- condotta sia in continuo, come avviene
lo di girasole il cui prezzo sul mercato negli impianti che trattano almeno
è di circa 100–120 €/t. Esso costituisce 250–500 t/giorno di semi, che in discon-
perciò una risorsa che gioca un ruolo tinuo (batch). Le due soluzioni estrattive
molto importante soprattutto nell’ambi- descritte fin ora possono in realtà esse-
to dell’analisi costi–benefici, la quale re integrate anche in un unico processo
permette di valutare la reale convenien- nel quale, sostenendo un più elevato
za economica della filiera produttiva del costo di investimento, è possibile ottene-
biodiesel. re delle rese molto più elevate, addirit-
L’estrazione chimica prevede invece l’im- tura prossime al 100% (si riesce cioè ad
piego di solventi organici; quelli mag- estrarre dai semi tutta la materia grassa
giormente utilizzati sono: il tricloroetile- in essi contenuta). Adottando quest’ulti-
ne, l’esano, il solfuro di carbonio, il pro- mo sistema, la materia prima macinata
pano, l’etano, il pentano e i fluidi super- viene inizialmente sottoposta a una spre-
critici, ossia gas (ad esempio CO2 e SO2) mitura meccanica parziale, che lascia un
liquefatti a pressioni elevate e a tempe- residuo di materia grassa del 20–24%, e
rature basse. Generalmente la resa in olio poi ad una estrazione chimica che ridu-
vegetale dipende dalle condizioni in cui ce praticamente a zero tale rimanenza. Al

Figura 2.14 - Presse per


l’estrazione di olio vegetale da
50 e da 300 kg/h
51 La conversione biochimica

Tabella 2.3 – Composizione del panello di girasole to, risiede soprattutto nella minore acidi-
Umidità 6-8% tà di quest’ultimo; si tratta di una carat-
Grasso 15-23% teristica molto apprezzata ed è proprio
per questo che il processo di raffinazio-
Proteine 19-23%
ne è quello che viene maggiormente
Ceneri 5-6% adottato nella pratica. Comprendendo
Fibra grezza 25-28% infine nell’operazione di estrazione anche
Estratti inazotati 16-18% la fase di purificazione si può ritenere
Fonte: AIEL – Associazione Italiana Energie Agroforestali che la resa complessiva in olio vegetale
è pari a circa il 34,4% in peso.
Come già precedentemente accennato,
termine della fase estrattiva la quantità di per valorizzare energeticamente il PVO,
olio vegetale grezzo ottenuta è media- la strada maggiormente seguita è quel-
mente pari al 37% in peso del quantita- la di convertirlo chimicamente in biodie-
tivo di semi oleaginosi avviati al proces- sel attraverso un processo noto con il
so di estrazione. Le caratteristiche quali- nome di transesterificazione, in cui i gras-
tative del prodotto così ottenuto non si contenuti nell’olio vegetale reagisco-
sono però ancora compatibili con l’even- no, in presenza di un catalizzatore, con
tuale conversione chimica in biodiesel, un alcol, generalmente metanolo (ma si
che necessita invece di una preventiva può in alternativa usare anche l’etanolo),
operazione di purificazione dell’olio grez- per formare estere metilico (biodiesel
zo estratto. Tale operazione può essere appunto) e, come prodotto secondario,
condotta secondo due diverse modalità glicerina grezza. Tale processo ha come
che si differenziano per il livello qualita- principale risultato quello di ridurre la
tivo conseguito, più elevato se si attua viscosità degli oli di partenza rendendo-
una raffinazione, meno se invece si opta li compatibili con alcuni usi energetici e
per una depurazione. Quest’ultima è in particolare con l’uso del biodiesel
diretta alla rimozione delle impurità (cere, come carburante per l’autotrazione.
resine, pigmenti e mucillagini) presenti Industrialmente esistono fondamental-
nell’olio grezzo ed è condotta con acido mente due modalità per realizzare la
solforico, con soluzioni acquose di sali transesterificazione: utilizzare come cata-
oppure mediante la percolazione attra- lizzatore una base (NaOH o KOH), oppu-
verso delle terre adsorbenti. La raffinazio- re realizzare una catalisi acida. In gene-
ne permette di rimuovere le impurità rale il metodo più utilizzato è il primo,
operando invece con soluzioni saline, questo infatti, oltre a garantire una mag-
con acido fosforico oppure con acido giore efficienza di conversione, pari
citrico; essa inoltre riduce l’acidità degli mediamente al 98%, risulta anche econo-
oli mediante neutralizzazione fisica (a una micamente più vantaggioso, dato che
temperatura di 240–260 °C e in condi- sono richieste temperature e pressioni
zioni di sottovuoto, 1 mbar) o chimica operative più basse. Si procede allora ad
(operando con sodio idrossido a una una breve descrizione del processo di
temperatura di 60–80 °C e a pressione esterificazione in ambiente basico che,
atmosferica). La principale differenza, come è possibile vedere dalla figura
dunque, tra olio depurato e olio raffina- 2.15, si sviluppa in step successivi.
52 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Inizialmente si crea una miscela tra il to dei suoi svariati utilizzi e quindi del suo
catalizzatore e il metanolo, con una ecce- elevato valore economico. La glicerina
denza di quest’ultimo per assicurare la ottenibile, che è circa il 10% in peso del-
totale conversione dei trigliceridi in este- l’estere prodotto, ha infatti oltre 800
re; tale miscela è quindi introdotta all’in- diversi impieghi specialmente nell’indu-
terno di un reattore chiuso dove si trova stria farmaceutica e cosmetica. Una volta
l’olio vegetale e qui viene lasciata per un completata l’operazione di transesterifi-
tempo variabile da una a otto ore nelle cazione i due prodotti subiscono: un pro-
quali avviene prima la conversione degli cesso di purificazione, per l’eliminazione
acidi grassi liberi e successivamente la dei residui catalitici, una distillazione sot-
rottura delle molecole di trigliceridi. tovuoto (stripping) per la rimozione del
Quando la reazione di transesterificazio- metanolo, che viene poi accumulato per
ne ha avuto luogo i prodotti sono neu- il riutilizzo, e infine una neutralizzazione
tralizzati mediante l’aggiunta di acidi. dai saponi formatisi nel reattore dai quali
All’interno del reattore si hanno adesso è possibile ottenere dei sali eventual-
due fasi distinte e facilmente separabili: mente impiegabili come fertilizzanti. Se
nella parte alta si accumula l’estere meti- il processo base per la produzione di bio-
lico, indicato anche con la sigla FAME diesel è quello appena descritto, le solu-
(Fatty Acid Methil Esters), mentre nella zioni impiantistiche per la sua realizzazio-
parte basse si deposita, essendo più ne possono essere differenti, a seconda
pesante, la glicerina. Quest’ultima, che delle condizioni imposte nell’ambiente
costituisce il principale sottoprodotto di reazione. La scelta tecnologica scatu-
ricavabile dalla sintesi del biodiesel, ha risce principalmente dalla valutazione
un notevole valore aggiunto per l’impian- delle quantità da trattare, della periodi-
to di esterificazione soprattutto per effet- cità con cui le materie prime sono dispo-
nibili nel bacino afferente e della qualità
degli oli in ingresso nell’impianto.
Fig. 2.15 Conversione del PVO in Biodiesel Le principali tecnologie, che si distinguo-
no soprattutto per la temperatura e la
pressione di processo, sono le seguenti:
 Impianto a temperatura ambiente. Il
processo è svolto a 20 °C, a pressio-
ne atmosferica e tramite la catalisi da
parte dell’idrossido di potassio o del-
l’idrossido di sodio. È indicato per il
trattamento in batch, con produzioni
di biodiesel fino a 3.000 t/anno. Il
tempo di reazione è di 8 ore.
 Impianto a temperatura medio–alta.
La reazione è condotta a 70 °C, a pres-
sione atmosferica e ancora tramite
catalisi con KOH o NaOH. Questo
sistema è indicato per il trattamento in
continuo e in batch, con produzioni
53 La conversione biochimica

fino a 25.000 t/anno. Il tempo di rea- denti ed è pertanto giustificata solo


zione è di circa 1 ora. per produzioni di biodiesel superiori
 Impianto ad alta temperatura e pres- alle 25.000 t/anno, sia in continuo, sia
sione. La transesterificazione è in in batch. A differenza di quanto visto
questo caso eseguita a 200 °C e alla fin ora la conversione viene condot-
pressione di 50 MPa. Questa soluzio- ta in catalisi acida attraverso l’impie-
ne impiantistica presenta dei costi di go di acido solforico che consente il
installazione e di gestione ben più trattamento di oli vegetali ad eleva-
elevati rispetto alle tipologie prece- ta acidità.

Capitolo Tre
55 La conversione biochimica
termochimica

La conversione termochimica

[3.1] queste subiscono un fisiologico parzia-


L’essiccazione della biomassa le decadimento del contenuto d’acqua
nei mesi tardo invernali e al termine
Prima di essere impiegata in un qualun- della stagione vegetativa, quindi, se si
que processo termochimico di conversio- effettua la raccolta sfruttando questa
ne energetica, la biomassa subisce gene- condizione stagionale favorevole si ha
ralmente un’operazione di essiccazione la possibilità di ottenere della biomas-
con la quale si cerca di abbassarne il livel- sa già sostanzialmente secca che non
lo di umidità. Per realizzare ciò esistono richiede ulteriori particolari trattamenti.
fondamentalmente tre diversi modi di Per quanto riguarda infine le colture
operare che possono anche essere adot- erbacee annuali, l’impiego di macchine
tati in successione al fine di ottimizzare i falcia–condizionatrici consente, attra-
costi e i consumi energetici: verso la rottura e lo schiacciamento
 Essiccazione naturale della materia degli steli, di creare già nelle operazio-
prima. La biomassa legnosa, composta ni di raccolta un’efficace disidratazione
dai tronchi e dalle ramaglie raccolte in naturale che garantisce un’umidità fina-
bosco, può essere lasciata ad essicca- le della balla compresa tra il 35% e il
re direttamente in loco sia in forma tal 40%.
quale sia previa riduzione in tronchetti.  Essiccazione naturale della materia
Il grado di umidità finale dipende lavorata. Questo processo si applica
essenzialmente dalla durata della fase soprattutto al cippato, in particolar
di stagionatura e può variare dal 40 al modo a quello proveniente dalle Short
55% dopo la prima stagione, fino ad Rotation Forestry, caratterizzato da un
arrivare a valori compresi tra 18–25% contenuto di umidità elevato. Nono-
dopo due stagioni. Anche sostanze stante i chips possano essere stoccati al
come ad esempio il grano vengono coperto, durante i mesi invernali, lo
tipicamente lasciate nei campi ed espo- stoccaggio estivo realizzato all’aperto è
ste agli agenti climatici così da ridurre comunque da preferire, soprattutto
in maniera significativa il contenuto perché più economico considerando la
alcalino e il cloro che possono portare bassa densità del materiale e le ampie
problemi di corrosione durante la fase superfici necessarie per l’essiccamen-
di conversione. Per quanto concerne to. L’altezza del cumulo di chips non
invece le colture erbacee perennanti, deve essere in ogni caso superiore ai
56 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

7–8 metri a causa del naturale riscalda- essere sfruttata per generare internamen-
mento delle parti interne della massa te al reattore l’energia termica richiesta,
(sopra i 60 °C) che può innescare feno- proprio mediante la parziale combustio-
meni di autocombustione. Il processo ne della sostanza organica. Questa, come
di essiccamento si accompagna alla noto, è costituita generalmente da una
naturale decomposizione biologica miscela di emicellulosa, cellulosa, lignina
della biomassa con una conseguente e altre sostanze organiche presenti in
perdita di peso del materiale. quantità minori che tendono a subire il
 Essiccazione forzata della materia lavo- processo di pirolisi in diversa misura e tra-
rata. L’utilizzo di questa tipologia di mite differenti meccanismi. In questo
essiccamento consiste nell’esposizione ambito nonostante alcune ricerche siano
della biomassa a sorgenti di calore (tipi- state condotte relativamente ai singoli
camente aria calda) e comporta gene- componenti, la maggior parte degli studi
ralmente un notevole consumo d’ener- e delle sperimentazioni finora effettuate
gia, che di fatto riduce l’efficienza ener- ha riguardato solamente la biomassa nella
getica complessiva dell’impianto di con- sua interezza, e ciò a causa soprattutto
versione e aumenta i costi di utilizzazio- degli alti costi necessari per la separazio-
ne. Questo sistema dovrebbe essere ne dei costituenti elementari. È comun-
pertanto adottato solo in particolari casi: que possibile affermare che il grado di
quando ad esempio l’essiccazione natu- decomposizione raggiunto da ciascuno di
rale non è sufficiente ad ottenere il livel- questi componenti dipende essenzial-
lo di umidità voluto, oppure quando mente da alcuni parametri caratteristici
l’energia termica è ottenuta impiegan- come: temperatura di reazione, velocità di
do calore residuo derivante da altri pro- riscaldamento della biomassa, tempo di
cessi di lavorazione. residenza all’interno del reattore, dimen-
sione e forma fisica del materiale da trat-
tare nonché eventuale presenza di cata-
[3.2] lizzatori. Questi fattori unitamente alla
Pirolisi composizione specifica della sostanza
e tecnologie applicabili organica influenzano in definitiva la resa
dei diversi prodotti di pirolisi che si distin-
La pirolisi è un processo di decomposizio- guono in:
ne termochimica della biomassa ottenu-  una frazione gassosa a basso–medio
to mediante l’applicazione di calore a potere calorifico contenente CO, CO2,
temperature comprese tra 400 e 800 °C, idrocarburi (CH4, C2H4, C3H6), H2O, H2;
in completa assenza di elementi ossidan-  una frazione liquida oleosa contenente
ti, o al più impiegando una ridottissima catrame, acqua e composti organici a
quantità di ossigeno (parziale gassifica- basso peso molecolare come aldeidi,
zione). acidi, chetoni, alcoli;
Sebbene il calore necessario a tale pro-  un prodotto solido costituito da residui
cesso sia quasi sempre prodotto esterna- a più alto peso molecolare come por-
mente e fornito in maniera indiretta alla zioni carboniose, ceneri, inerti e specie
biomassa da trattare, la presenza di una metalliche.
ridotta quantità di agenti ossidanti può La temperatura gioca sicuramente un
57 La conversione termochimica

ruolo determinante nel definire le propor- diversi prodotti ottenibili, metta in eviden-
zioni tra le varie frazioni; all’aumentare di za come in realtà il processo di pirolisi
questa infatti si ha in generale un incre- possa avvenire secondo diverse modalità;
mento della fase gassosa per effetto le più comuni sono: pirolisi lenta, pirolisi
soprattutto delle reazioni di devolatilizza- convenzionale, pirolisi veloce e pirolisi
zione che tendono a prendere il soprav- ultraveloce.
vento rispetto a quelle di charring (carbo-
nizzazione), maggiormente presenti ai Pirolisi lenta
bassi regimi termici. Ciò fa si che si realiz- Si tratta di un processo caratterizzato da
zi una rapida diminuzione del residuo soli- temperature di reazione particolarmente
do nel quale tra l’altro, per effetto delle basse che tipicamente sono comprese tra
alte temperature, si riducono le porzioni i 300 e i 500 °C. Le velocità di riscaldamen-
catramose a vantaggio soprattutto di car- to del combustibile sono anch’esse parti-
bonio fisso e ceneri. La parte liquida inve- colarmente limitate, mentre i tempi di per-
ce, che è quella energeticamente più inte- manenza in assenza di ossigeno sono
ressante, presenta un massimo di produ- molto lunghi e possono variare dai 5 ai 30
zione a circa 500 °C e comunque quando minuti. Questo particolare tipo di pirolisi
i tempi di raffreddamento sono compresi viene generalmente impiegato per pro-
tra 0,5 e 2 secondi. In queste condizioni i durre elevate quantità di solidi carboniz-
vapori di tar, che cominciano a liberarsi zati (char) che possono raggiungere anche
dalle particelle di biomassa per tempera- il 35% in peso della biomassa inizialmen-
ture superiori ai 200 °C, vengono fatti con- te introdotta nel reattore. La parti liquide
densare prima che subiscano dei feno- e gassose, che in genere costituiscono
meni di cracking (favoriti proprio da tem- rispettivamente il 30 e il 35% della mate-
perature e tempi di residenza elevati) che ria organica iniziale, sono in questo caso
porterebbero alla formazione di un mag- considerati come dei co–prodotti da uti-
gior quantitativo di prodotti gassosi: mag- lizzare ad esempio nell’industria chimica,
giore è la permanenza della sostanza o come combustibili per la generazione
organica all’interno reattore minore sarà la dell’energia termica necessaria allo svol-
resa in frazione liquida mentre superiore gimento dello stesso processo di pirolisi.
risulterà, a seconda del regime termico Una tipica applicazione di questa metodo-
adottato, la resa in specie gassose o char logia di conversione è ad esempio la car-
(solidi carbonizzati). In conseguenza a bonizzazione della biomassa legnosa,
quanto detto finora, una elevata velocità conosciuta sin dai tempi più antichi, e
di riscaldamento della biomassa, indicati- mediante la quale si procede al recupero
vamente compresa tra 10 e 200 °C/s, non della sola frazione solida, che prende il
può che aumentare la produzione della nome di carbone vegetale, minimizzando
fase liquida a scapito naturalmente degli contestualmente le altre componenti.
altri composti.
Pirolisi convenzionale
Le tecnologie di pirolisi applicabili La pirolisi convenzionale viene realizzata
La possibilità che si ha di modificare, adoperando velocità di riscaldamento
come visto, i principali parametri operati- della biomassa moderate, pari a circa 20
vi al fine di regolare le proporzioni tra i °C/s, temperature di reazione inferiori ai
58 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

600 °C e tempi di residenza variabili da 10 rire lo sviluppo di frazioni carbonizzate.


secondi a 10 minuti. Adottando queste Per realizzare questa condizione, come si
condizioni operative quello che si ottiene vedrà, o si utilizzano particelle di biomas-
sono quantità pressoché comparabili sa di dimensioni ridotte, come si fa ad
delle tre frazioni, ovvero di char, gas e esempio nei reattori a letto fluido, oppu-
liquido. Si tratta tuttavia di una tecnologia re si cerca di riscaldare rapidamente la
non particolarmente diffusa a causa superficie esterna della sostanza organica
soprattutto dell’elevato numero di pro- a contatto con la sorgente di calore, come
dotti difficilmente trattabili e commercia- invece accade nella pirolisi ablativa. La
lizzabili, della più bassa efficienza nella tecnica della fast pirolisi è quella prevalen-
produzione di gas e liquido e dei proble- temente adottata in virtù proprio dell’ele-
mi connessi alla trasmissione di calore al vato quantitativo di sostanza liquida otte-
reattore. nibile che viene comunemente definita
“bio–oil” o “bio–crude–oil”.
Pirolisi veloce (fast pirolisi) L’olio di pirolisi, che viene ottenuto sotto-
Come già accennato operando con tem- ponendo i vapori formatisi all’interno del
perature di circa 500 °C e tempi di con- reattore ad un rapido raffreddamento
tatto relativamente brevi, tipicamente (quenching) per contatto con liquidi ad
inferiori a 2 secondi, si riesce a massimiz- una più bassa temperatura, si presenta
zare la resa della frazione liquida che può generalmente di colore marrone scuro e
in questo caso raggiungere anche l’80% con una composizione che è fondamen-
in peso della sostanza organica introdot- talmente la stessa della biomassa da cui
ta nel reattore. Ciò e quello che viene deriva. Esso può esse considerato come
fatto in un processo di pirolisi veloce in cui una micro emulsione dove la fase conti-
l’obbiettivo è portare rapidamente le par- nua, costituita da una soluzione acquosa
ticelle di biomassa alla temperatura otti- di prodotti derivanti dalla decomposizio-
male, minimizzando contemporaneamen- ne della cellulosa, stabilizza la fase discon-
te la loro esposizione ai regimi termici tinua che è invece formata da macromo-
intermedi per i quali si andrebbe a favo- lecole di lignina.
Il bio–olio è dunque una miscela com-
plessa di idrocarburi ossigenati con una
Figura 3.1 percentuale considerevole di acqua deri-
Bio–Olio vante sia dall’umidità originaria, che dal
cracking delle sostanze chimiche costi-
tuenti la biomassa. La percentuale tipica
è generalmente compresa tra il 15 e il
30% in peso e dipende dal materiale di
alimentazione nonché dalle modalità di
produzione e di raccolta. Per avere valori
medi (≈ 22%) si consiglia di adoperare
della sostanza organica già essiccata e
con una umidità residua non superiore al
10% poiché, sia questa che l’acqua di rea-
zione (circa il 12% se si utilizza materiale
59 La conversione termochimica

secco), finiscono nel prodotto liquido e se no all’interno del reattore vengono ripuli-
presenti in percentuali superiori al 35–40% ti, mediante l’impiego di sistemi a ciclone
possono generare in esso instabilità e e con non poche difficoltà, da ceneri e fra-
separazioni di fase. Confrontando la com- zioni carbonizzate. Il char recuperato, se
posizione del bio–olio con quella di un caratterizzato da un baso contenuto di
normale olio combustibile (tabella 3.1) si ceneri, possiede un potere calorifico infe-
evidenzia, oltre ad una maggiore percen- riore relativamente alto e pari a circa 30
tuale di ossigeno, anche l’assai più eleva- GJ/t; per tale motivo esso può essere uti-
to quantitativo di acqua che determina lizzato come combustibile sia nello stes-
un ridotto potere calorifico superiore (pari so processo di pirolisi, che eventualmen-
a circa la metà di quello dei normali oli te per realizzare il solo essiccamento della
minerali) e un basso livello di pH favorito biomassa in ingresso. L’operazione di puli-
dal notevole contenuto di acidi volatili zia è dunque assolutamente necessaria
come acido acetico e formico. soprattutto considerando il fatto che un
L’acqua, la cui presenza comporta come elevato contenuto di solidi sospesi e/o
aspetto positivo la riduzione della viscosi- particolato di grosse dimensioni pregiudi-
tà, risulta però difficile da eliminare soprat- ca la possibilità di utilizzare il bio–olio in
tutto a causa dei cambiamenti chimi- maniera efficace. Il char infatti, oltre a cata-
co–fisici che si manifestano nel bio–olio lizzare le reazioni di cracking secondario,
quando questo viene fatto evaporare o se contenuto nel liquido condensato con-
distillare a temperature superiori ai 100 tribuisce ad accelerare in esso processi di
°C. Per tale motivo, spesso, si preferisce polimerizzazione con conseguenti proble-
utilizzare questo combustibile tal quale, mi di instabilità e incremento del livello di
come prodotto di bassa qualità destinato viscosità. L’olio pirolitico non può poi
ad esempio all’alimentazione delle calda- essere miscelato con nessun combustibi-
ie. Prima di essere condensati in forma le convenzionale derivato dal petrolio e
liquida i vapori di pirolisi che si sviluppa- questo pone non pochi problemi di stoc-
caggio tra l’altro accentuati dalla necessi-
tà, per evitare fenomeni di degrado, di
Tabella 3.1 – Confronto tra la composizione chimica del bio–crude e quella evitare contatti con luce, ossigeno ed
dell’olio combustibile di origine fossile
esposizioni a temperature superiori ai 50
Bio-olio da pirolisi (1) Olio combustibile (2)
°C. Buoni risultati in questo senso si sono
Acqua (%) 15-30 <0,05 - 1,5 ottenuti conservando questo prodotto
Densità (kg/m3) 1,20 0,950 - 0,980 all’interno di cilindri di acciaio e plastica
Carbonio (%) 56,4 86 - 87 che hanno permesso, anche dopo diver-
Idrogeno (%) 6,2 10,5 - 11,5 si anni, un utilizzo sicuro e senza fenome-
ni di deterioramento. Rimane tuttavia
Ossigeno (%) 37,3 1-2
fisiologica la tendenza ad un graduale
Azoto (%) 0,1 0,2 - 0,4
aumento della viscosità nel tempo che, in
Zolfo (%) - 0,3 - 4 casi di estreme variazioni della tempera-
Ceneri (%) 0,1 <0,05 - 0,20 tura, potrebbe condurre anche ad una
Potere calorifico superiore (MJ/kg) 16-19 42,5 - 43,5 separazione di fase con formazione di resi-
(1) Dati di letteratura duo solido. Per aumentare la qualità degli
(2) Database SSC – (Stazione Sperimentale per i Combustibili) oli pirolitici su di essi vengono eseguiti dei
60 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

processi di upgrading con i quali si cerca di sviluppo; pertanto l’applicazione diret-


essenzialmente di ridurre il contenuto di ta del bio–olio o di suoi derivati in ambi-
ossigeno, il peso molecolare, la viscosità to motoristico, in sostituzione dei prodot-
e contemporaneamente aumentare la sta- ti di origine petrolifera, appare oggi non
bilità in funzione della temperatura, la particolarmente immediata. La stessa cosa
miscibilità con i combustibili fossili e l’im- vale anche per la gassificazione, median-
miscibilità con l’acqua. A tal uopo le tec- te ossigeno, dell’olio pirolitico in gas sin-
niche principali sono: tetico da cui si potrebbe addirittura rica-
 zeolite cracking, con la quale, attraver- vare attraverso un processo di reformng
so l’utilizzo di catalizzatori selettivi (zeo- catalitico, idrogeno da utilizzare nell’ali-
liti), si convertono i composti ossigena- mentazione di celle a combustibile.
ti provenienti dalla biomassa in un pro- Attualmente però la strada più facilmen-
dotto ricco di composti organici alchi- te percorribile e quella che vede il
lati con punto di ebollizione nel campo bio–crude–oil impiegato ad esempio nelle
tipico della benzina; caldaie per la produzione di calore o in
 hydrotreating, in cui l’olio di pirolisi con- campo industriale per il riscaldamento dei
densato viene fatto reagire con idroge- forni di cottura di cemento e calce in sosti-
no per rimuovere l’ossigeno e renderlo tuzione del tradizionale olio combustibile
meno volatile. Si tratta di fatto di una tec- di origine fossile. Per quanto riguarda
nica basata sul tipico processo utilizzato invece la produzione di energia elettrica
nelle raffinerie e include: idrogenazione c’è da dire che al momento uno dei mag-
deossigenazione e raffinazione; i prodot- giori problemi è quello legato alla quali-
ti ottenuti con questa tecnica sono idro- tà dei prodotti di pirolisi, che non ha anco-
carburi nel campo delle benzine. ra raggiunto un livello sufficientemente
Questi processi, seppur tecnicamente adeguato con riferimento alle applicazio-
possibili, sono allo stato attuale estrema- ni, sia con turbine a gas che con motori
mente costosi e tra l’altro ancora in fase diesel. Comunque, in prospettiva futura e
con riferimento alle taglie degli impianti,
i cicli combinati ad olio pirolitico appaio-
Fig. 3.2 Layout di un processo di pirolisi veloce no i più promettenti, soprattutto in appli-
cazioni di grande taglia, mentre motori a
ciclo diesel, utilizzanti prodotti di pirolisi,
sembrano più adatti ad impianti di picco-
la potenzialità.
Per quanto riguarda poi la frazione solida
e gassosa c’è da dire che queste, nella fast
pirolisi, rappresentano di fatto dei sotto-
prodotti il cui quantitativo alla fine del
processo di conversione non supera quasi
mai il 12–13% in peso della biomassa ori-
ginaria. Dato che carbone e gas general-
mente contengono rispettivamente il 25%
e il 5% dell’energia contenuta nei mate-
riali di alimentazione e che per realizzare
61 La conversione termochimica

la decomposizione pirolitica è necessario processi di pirolisi, quella più prometten-


circa il 15% dell’energia contenuta nella te, numerosi aspetti hanno ancora carat-
sostanza organica, appare evidente che tere prettamente empirico e richiedono
solo il carbone può essere impiegato per pertanto studi e sperimentazioni mirate
produrre il calore necessario al funziona- principalmente miglioramento della qua-
mento del reattore. In alternativa il char lità del prodotto finale. Dal punto di vista
recuperato dal fondo del ciclone, può tecnologico infatti, si sono fin ora realiz-
essere, in configurazioni impiantistiche più zati solamente impianti pilota o dimostra-
avanzate, gassificato e trasformato in un tivi e lo stato di avanzamento della tecno-
gas con un più basso potere calorifico. logia può ritenersi ancora ad un livello
Questo potrà comunque essere bruciato pre–commerciale. Problemi di natura tec-
con maggiore efficacia e in maniera più nica si riscontrano ad esempio nella fase
pulita evitando tra l’altro la potenziale for- di trasferimento del calore alla biomassa
mazione di scorie che invece tende a veri- e nella modalità con cui eseguire il quen-
ficarsi con la combustione diretta del car- ching (spegnimento) rapido per bloccare
bone. Per quanto riguarda infine la parte al reazione allo stadio voluto. Oggi poi
non condensabile, ovvero la frazione gas- ricerca e sviluppo mirano anche al miglio-
sosa, essa, che è costituita principalmen- ramento dell’affidabilità e delle prestazio-
te da una miscela di CO, CO2, CH4 e H2, ni degli impianti, alla riduzione di costi (al
viene generalmente utilizzata per essicca- fine di rendere il bio–olio economicamen-
re la biomassa, per fluidizzare il letto del te competitivo con l’olio combustibile tra-
reattore o ancora come combustibile dizionale) e alla possibilità di integrale la
all’interno di motori a gas. tecnologia della pirolisi con sistemi di
In conclusione si può ritenere che, tra le cogenerazione. Studi devono essere con-
diverse tecnologie, la pirolisi veloce è sicu- dotti inoltre sul bio–olio al fine di limitar-
ramente quella prevalentemente adotta- ne l’acidità, che tende ad aumentare alle
ta soprattutto in virtù del fatto che come alte temperature per le quali si attiva un
prodotto si ottiene un combustibile liqui- vero e proprio processo di invecchiamen-
do che risulta più facilmente stoccabile e to con reazioni di polimerizzazione e for-
trasportabile (con risparmi anche in termi- mazione di acidi organici che abbassano
ni economici) rispetto alla materia prima il pH a valori compresi tra 2 e 4. Negli USA
da cui deriva. Questa in teoria può esse- infine si stanno conducendo delle ricerche
re di qualunque tipo purché risponda a nel tentativo di utilizzare gli oli pirolitici in
requisiti specifici soprattutto in termini di applicazioni alternative e non energeti-
umidità. Per questo motivo oltre a diver- che. Se opportunamente separati infatti,
se tipologie di legnami, è stata testata i preziosi componenti contenuti nel
l’idoneità all’impiego in un processo di bio–olio (vedasi i fenoli) possono essere
pirolisi veloce di circa 100 specie differen- impiegati anche per la preparazione di
ti di biomassa tra cui: colture energetiche chemicals come ad esempio nylon, disin-
come il miscanto e il sorgo, scarti foresta- fettanti, nonché adesivi e resine destinati
li come le cortecce degli alberi e residui alla produzione di legno compensato.
dell’attività agricola come paglia, noccio-
li d’oliva e gusci di noce. Nonostante Pirolisi ultra veloce (flash pirolisi)
comunque la tipologia fast sia, tra tutti i Viene condotta a temperature superiori ai
62 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Reattori

Per quanto detto fin ora il reattore rappresenta l’elemento chiave in un processo di piro-
lisi nonostante di fatto esso costituisca solamente il 10 o al più il 15% del costo del-
l’intero impianto di conversione. Su questo dispositivo si sono nel corso degli anni foca-
lizzate numerose ricerche e progetti di sviluppo mirati principalmente al miglioramen-
to sia dei sistemi di controllo che della qualità del combustibile liquido ottenuto. Di
reattori ne esistono per la verità numerose tipologie e attualmente più di 150 compa-
gnie nel mondo stanno introducendo sul mercato diverse tecniche innovative di piro-
lisi, tra cui le più importanti e utilizzate sfruttano:
 Letti fluidi bollenti (BFB),
 Letti fluidi circolanti (CFB),
 Letti fluidi trascinati (EFB),
 Forni ablativi,
 Forni a cono rotante,
 Forni a letto mobile sottovuoto.
Questi sistemi si differenziano principalmente per: la quantità di calore richiesta per
sostenere il processo di pirolisi, la necessità o meno di utilizzare del gas come agente
veicolante, la pressione operativa (vuoto o atmosferica) e la dimensione elementare della
sostanza organica in ingresso. Per quanto riguarda i reattori a letto fluido (BFB, CFB,
EFB), questi sono fondamentalmente analoghi a quelli impiegati nei processi di gassi-
ficazione, pertanto una loro descrizione verrà data successivamente. Adesso ci si sof-
ferma invece sulle altre tipologie che sono state studiate appositamente per realizzare
la conversione pirolitica. Tra queste ad esempio vi sono i sistemi ablativi in cui la bio-
massa viene pressata con forza sulla parete calda del reattore per mezzo o della forza
centrifuga, come accade nel brevetto NREL, o di una azione meccanica come invece si
verifica nella soluzione messa appunto dall’Aston University. Per realizzare la conver-
sione e favorire la formazione di bio–olio si deve inoltre avere un elevata velocità rela-
tiva tra le particelle e la parete del reattore la cui temperatura superficiale deve comun-
que mantenersi al di sotto dei 600 °C. Così facendo il fronte di pirolisi si propaga attra-
verso la sostanza organica a partire dalla zona di contatto dove, in seguito a queste
condizioni, si forma uno strato di olio che evaporando viene quindi raccolto per con-

Rappresentazione Rappresentazione
schematica del processo di pirolisi Fig. 3.4 schematica di un reattore
Fig. 3.3
ablativa secondo la metodologia a cono rotante
studiata dall’Aston University
63 La conversione termochimica

densazione similmente a quanto accade con tutti gli altri sistemi di pirolisi. A differen-
za dunque dei reattori a letto fluido, per riscaldare rapidamente le particelle, non è neces-
sario ridurre al minimo le loro dimensioni, ma è sufficiente agire sul grado di pressio-
ne, sulla velocità relativa con la parete e sulla temperatura di quest’ultima. Questa tec-
nologia non pone pertanto, almeno in teoria, nessun limite sulle dimensioni della bio-
massa utilizzabile, essa inoltre non richiede la presenza di gas fluidizzanti e di conse-
guenza le installazioni sono piccole e potenzialmente più economiche.
Un’altra possibilità è rappresentata dai forni a cono rotante. In essi si introducono, nella
parte bassa, delle particelle di biomassa miste a materiale inerte, tipicamente sabbia, che
per effetto della rotazione sono spinte verso l’alto con un percorso a spirale mentre riman-
gono contemporaneamente in contatto con le pareti calde del reattore (600 °C) che ruota
a circa 900 giri al minuto. Sulla superficie si formano così vapori e aerosol che vengo-
no poi raccolti e processati come negli altri sistemi. Dalla sommità del cono si estrag-
gono inoltre sia la sabbia che le frazioni carbonizzate, quest’ultime sono quindi inviate
in un reattore secondario a letto fluido bollente dove, per mezzo di un gas fluidizzante,
sono bruciate in modo da riscaldare il materiale inerte che viene poi ricircolato all’in-
terno del forno. Nonostante sia necessaria una certa quantità di gas veicolante (comun-
que inferiore a quella richiesta nei reattori a letto fluido) per alimentare il combustore
del char e trasportare le particelle di sabbia, questi sistemi risultano abbastanza compat-
ti e in grado di produrre una frazione liquida pari a circa il 60% in peso della biomas-
sa iniziale.
Per concludere si dà un breve descrizione anche dei reattori a letto mobile sottovuoto.
In questi sistemi la biomassa, caricata dall’altro, per effetto della gravità e della rotazio-
ne di elementi raschianti, si muove attraverso diversi piani di pirolisi in cui la tempera-
tura aumenta progressivamente passando da 200 a circa 400 °C. I vapori ottenuti dalla
decomposizione della sostanza organica sono quindi rimossi rapidamente tramite l’au-
silio di una pompa a vuoto che mantiene all’interno del reattore una pressione di circa
15 kPa. La frazione liquida, creata ancora una volta all’interno di un condensatore, varia
generalmente dal 35 al 50% in peso della biomassa introdotta, pertanto il quantitativo
di char prodotto con questa soluzione tecnologica è sicuramente maggiore rispetto a quel-
lo ricavato con altri sistemi. Per
tale motivo e per gli elevati tempi
Fig. 3.5 Rappresentazione schematica
di un reattore a letto mobile sottovuoto
di residenza, le applicazioni con
letto mobile sottovuoto non pos-
sono considerarsi come dei veri e
propri processi di fast pirolisi ma
piuttosto sono da ritenere inter-
medie tra questi e i sistemi di
pirolisi convenzionale. I princi-
pali vantaggi sono l’assenza di
gas fluidizzante e la possibilità di
trattare particelle di biomassa
anche di grosse dimensioni, tra gli
inconvenienti, invece, c’è da
segnalare la particolare comples-
sità tecnologica di questi reatto-
ri, che risulta ulteriormente
accentuata dalla necessità di
lavorare praticamente in condi-
zioni di vuoto.
64 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

650 °C e con tempi di contatto inferiori al toprodotti poi, si hanno anche composti
secondo, quindi ancora più brevi rispetto organici in soluzione acquosa sui quali è
alla metodologia precedente. A queste possibile attivare un processo di digestio-
condizioni dalla sostanza organica si ottie- ne anaerobica per la produzione di bio-
ne perlopiù materiale gassoso costituito gas. Il bio–greggio è un liquido organico
principalmente da una miscela di monos- viscoso di colore nero costituito da una
sido di carbonio e idrogeno con piccole miscela di diversi idrocarburi, ha un pote-
percentuali di anidride carbonica. In re calorifico inferiore di circa 30–36 MJ/kg
seguito ad un rapido raffreddamento è e quantitativo di ossigeno relativamente
poi possibile anche in questo caso ricava- basso che lo rende più stabile rispetto
re una frazione liquida che presenta però, all’olio pirolitico. Dal bio–greggio si pos-
rispetto al bio–olio prodotto con la piro- sono separare diverse frazioni: quelle più
lisi veloce, un variazione di composizione pesanti sono utilizzabili in co–combustio-
più ristretta. ne con il carbone negli impianti di poten-
za o per la preparazione di chemicals,
quelle più leggere possono invece esse-
[3.3] re raffinate per produrre un combustibile
Il processo HTU con qualità simili a quelle del diesel sfrut-
(Hydro Thermal Upgrading) tando ad esempio un processo di idrode-
ossigenazione con il quale si rimuove l’os-
È un processo nel quale la biomassa viene sigeno e lo si sostituisce con l’idrogeno.
decomposta in acqua per produrre un Questa tecnologia però, pur essendo suf-
liquido simile all’olio greggio detto ficientemente nota nella raffinazione di
bio–greggio. Uno dei principali vantaggi combustibili fossili, richiede ancora, per il
di questa tecnologia è che possono esse- trattamento del bio–greggio, una attenta
re utilizzate diverse tipologie di prodotti, fase di ricerca e sviluppo mirata soprattut-
inclusi i residui agricoli o la parte organi- to alla determinazione delle migliori con-
ca dei rifiuti solidi urbani. Il primo step dizioni operative. La stessa cosa vale del
consiste nel trattare la biomassa con resto per il processo HTU nel suo com-
acqua ad una temperatura di 200–250 °C plesso, in questo caso infatti sono da risol-
e ad una pressione di circa 30 bar; si passa vere numerose problematiche riguardan-
quindi alla fase di riscaldamento subito ti perlopiù il trattamento dei reflui organi-
seguita dalla sezione in cui avviene, in un ci, le procedure di alimentazione riscalda-
tempo compreso tra i 5 e i 10 minuti, la mento e conversione della biomassa, non-
conversione vera e propria ad una pres- ché le modalità di pulizia del prodotto
sione di 120–180 bar e ad una tempera- finale.
tura di 300–350 °C. Oltre al bio–greggio,
che rappresenta comunque il principale
prodotto di reazione (50%), dall’HTU si [3.4]
ottiene anche una frazione gassosa (30%) La gassificazione
costituita essenzialmente da CO2
(70–90%) e in minor misura anche da H2 La gassificazione è una tecnologia di con-
(20–30%) e da piccoli quantitativi di meta- versione termochimica per mezzo della
no e monossido di carbonio. Come sot- quale legno, biomasse lignocellulosiche
65 La conversione termochimica

coltivate, residui agricoli o rifiuti solidi bonizzata (char) e le ceneri (non vaporiz-
urbani sono trasformati in un gas combu- zabili) entrano quindi in contatto con il
stibile, noto come syngas o gas di gaso- mezzo di gassificazione che può essere
geno, a basso contenuto energetico, ma aria, ossigeno, vapore o una miscela di
molto più versatile da utilizzare rispetto questi tre elementi. Da questa parziale
alle materie prime da cui deriva. Il proces- ossidazione si sviluppa dunque il calore
so di gassificazione consiste di fatto in necessario a mantenere attivo l’intero pro-
una ossidazione incompleta che si realiz- cesso di conversione; calore che viene poi
za ad una temperatura variabile tra assorbito dalle reazioni endotermiche di
800–1.000 °C e ad una pressione che riduzione dalle quali si formano i costi-
dipende dal tipo di tecnologia impiega- tuenti del gas di sintesi. Quando avviene
ta. Indipendentemente comunque dalle in questa modalità, ovvero con il calore
modalità con cui avviene questa conver- necessario prodotto all’interno del gassi-
sione termochimica, una volta introdotta ficatore, la gassificazione si dice diretta, se
all’interno del reattore, la biomassa subi- invece l’energia termica è generata ester-
sce le seguenti quattro fasi: essiccazione, namente al reattore, la gassificazione si
pirolisi, ossidazione (parziale) e riduzione. dice indiretta o pirolitica.
Inizialmente si ha la fase di essiccazione In quest’ultimo caso si utilizza come
che determina, per temperature superio- mezzo di gassificazione il vapore e quel-
ri ai 100 °C, l’eliminazione per evaporazio- lo che si ottiene è un gas di sintesi a
ne del contenuto d’acqua residuo presen- medio potere calorifico inferiore (circa 10
te nella biomassa (5–35%); questa subisce MJ/Nm3). Il contenuto energetico del syn-
quindi una decomposizione pirolitica in gas è però estremamente variabile; esso
assenza di ossigeno che produce, finché può arrivare infatti anche a 14 MJ/Nm3, se
la temperatura all’interno del gassificato- si adopera ossigeno puro, o addirittura
re è intorno ai 600 °C, la vaporizzazione ridursi fino a circa 4 MJ/Nm3 quando si
dei componenti più volatili della sostanza adoperano i comuni gassificatori ad aria.
organica con formazione di gas di pirolisi In funzione del mezzo adottato comun-
(syngas a basso potere calorifico variabi- que, non solo cambiano le caratteristiche
le tra 3,5 e 9 MJ/Nm3) e char. La parte car- energetiche del syngas prodotto, ma si
modificano anche le concentrazioni degli
elementi costituenti che sono principal-
Fig. 3.6 Rappresentazione schematica di un processo di gassificazione mente monossido di carbonio, idrogeno,
anidride carbonica e metano. A questi si
sommano poi anche: azoto, specialmen-
te nella gassificazione ad aria, vapore e
piccole tracce di idrocarburi come etilene
ed etano. In tabella sono riassunte le per-
centuali volumetriche dei principali com-
ponenti del gas di gasogeno distinte in
funzione del tipo di gassificazione effet-
tuata; i valori riportati sono comunque
indicativi dato che essi dipendono anche
dalle caratteristiche specifiche del reatto-
66 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

re utilizzato e dal tipo di biomassa conver- quello che si ottiene è dunque un com-
tita. bustibile estremamente versatile; esso
Non va dimenticato poi che il prodotto può essere infatti impiegato per la produ-
della gassificazione contiene anche molte zione di calore, in normali caldaie, per
impurità come ad esempio ceneri, catra- l’alimentazione di motori a combustione
mi, ma anche acidi solforati, HCN, HCl, interna (ciclo otto e ciclo diesel) o per la
ammoniaca e metalli pesanti, che rendo- generazione di energia elettrica in impian-
no pertanto indispensabile la presenza di ti turbogas. Quest’ultima applicazione, in
una fase di depurazione a valle del pro- particolare, giustifica a pieno l’operazione
cesso di conversione prima che il gas di di pulizia condotta precedentemente: per
sintesi sia impiegato a fini energetici. La evitare danni alle turbine è infatti di fon-
pulizia del syngas, specialmente dai resi- damentale importanza avere nei gas com-
dui bituminosi (tar) e dalle polveri, viene busti un limitato quantitativo residuo di
perlopiù condotta utilizzando sia metodi particelle solide, metalli alcalini nonché di
a bassa temperatura, come ad esempio il tar, i quali, addirittura, devono essere
water scrubbing, che metodi ad alta tem- assenti o presenti solo sotto forma di
peratura (hot–gas cleanup) basati princi- vapori. Se impiegato come combustibile
palmente sull’uso di filtri ceramici. Tali tec- nelle turbine a gas, inoltre, è bene che il
nologie, pur rappresentando un aggravio syngas abbia anche un adeguato potere
economico non indifferente sull’intero calorifico inferiore, pari ad almeno 8–10
processo di conversione, consentono MJ/Nm3, valore che di fatto esclude da
comunque di ridurre sensibilmente il cari- questo tipo di applicazione il gas svilup-
co inquinante posseduto dal syngas che pato tramite processi ad aria, che come
quindi, qualora dovesse essere bruciato, detto presenta un contenuto energetico
darebbe luogo ad un livello di emissioni sensibilmente più basso. Un’ulteriore
di diversi ordini di grandezza inferiore applicazione poi è quella che vede il gas
rispetto a quello prodotto dalla biomassa di gasogeno impiegato come combusti-
di partenza utilizzata tal quale. bile nei forni per la produzione di cemen-
A conclusione delle fase di gascleaning to o di laterizi o in generale per l’alimen-
tazione di impianti energetici esistenti sui
quali viene eseguito tipicamente un inter-
vento di retrofitting. Interessante è anche
Tabella 3.2 – Percentuali volumetriche di principali componenti del syngas sud-
divise in relazione al tipo di gassificazione effettuata la possibilità di eseguire sui prodotti della
Aria Ossigeno Vapore gassificazione un’operazione di steam
CO 12 -15 30 - 37 32 - 41 reforming con la quale, utilizzando vapore
acqueo ad alta temperatura (820–870 °C)
H2 9 - 10 30 - 34 24 - 26
e un catalizzatore normalmente a base di
CH4 2-4 4-6 12.4 nichel, si riesce a convertire il metano e gli
C2H4 0,2 - 1 0,7 2,5 altri idrocarburi presenti nel syngas in una
CO2 14 - 17 25 - 29 17 - 19 miscela di idrogeno e monossido di car-
N2 56 - 59 2-5 2,5 bonio impiegabile ad esempio per l’ali-
mentazione di celle a combustibile a car-
PCI (MJ/Nm3) 4-5 10 12 -13
bonati fusi (MCFC). Molto promettenti,
Resa gas (Nm3/kg legno secco) 2-3 1,3 - 1,5 - nonostante le difficoltà di gestione, sono
67 La conversione termochimica

poi le celle ad ossidi di zolfo (SOFC) le potere antidetonante, ridotto livello di


quali, essendo prive di catalizzatori date emissioni) e gli stessi difetti (difficoltà di
le alte temperature operative, possono accensione a freddo e necessità di inter-
essere alimentate direttamente con il gas venire con modifiche sui motori se impie-
di sintesi prodotto dalla gassificazione gato puro o comunque miscelato alla
della biomassa senza la necessità di alcun benzina in percentuali maggiori al 15%). In
processo di reforming. prospettiva futura un’altra interessante
Sebbene siano possibili, come visto fin applicazione del syngas ricavato da bio-
ora, numerose applicazioni, l’utilizzazione massa potrebbe essere la produzione di
del gas di gasogeno, quale vettore ener- dimetilestere, un composto che attual-
getico, crea non poche difficoltà nelle fasi mente è utilizzato esclusivamente nell’in-
di immagazzinamento e trasporto soprat- dustria cosmetica o come propellente
tutto a causa del suo basso contenuto spray, ma che per le sue proprietà, estre-
energetico per unità di volume. Tali incon- mamente simili a quelle del diesel, si can-
venienti tuttavia possono essere superati, dida ad esserne un valido sostituto. Il
trasformando il syngas in una serie di bio- bio–DME infatti, a parte una più bassa
combustibili liquidi come ad esempio densità energetica rispetto al gasolio e la
metanolo, DME e Fisher–Tropsch diesel. necessità di stoccarlo in pressione (perché
Per poter procedere a questa conversio- alla temperatura ambiente si trova in fase
ne però il gas di sintesi deve subire, dopo gassosa), garantisce, se impiegato nell’ali-
la fase di steam reforming, anche una rea- mentazione degli autoveicoli, notevoli
zione di shift che serve ad incrementare la vantaggi tra cui: una minor produzione di
concentrazione di idrogeno nella miscela NOX, assenza di fuliggine allo scarico,
precedentemente formata e a fissare il minor rumore, mancanza di problemi nelle
giusto rapporto tra H2 e CO, che sarà dif- fasi di avviamento a freddo e ridotti effet-
ferente in funzione del tipo di biocombu- ti corrosivi sulle componenti del motore.
stibile desiderato. La sintesi di questi pro- Simile al gasolio di origine fossile, soprat-
dotti, favorita dall’impiego di specifici tutto in relazione al suo contenuto ener-
catalizzatori, viene condotta all’interno di getico, alla sua densità e alla sua viscosi-
appositi reattori; i composti liquidi che qui tà, è anche il Fisher–Tropsch diesel. Que-
si sviluppano subiscono poi processi di sto prodotto, ottenuto impiegando nel
purificazione e distillazione che ne miglio- reattore di sintesi catalizzatori di ferro o di
rano le qualità e ne rendono possibile cobalto, presenta addirittura delle carat-
l’utilizzo in sostituzione dei tradizionali teristiche migliori rispetto al diesel tradi-
derivati petroliferi. Come detto uno dei zionale. È infatti possibile realizzare una
biocombustibile è l’alcool metilico o combustione più pulita con ridotte emis-
metanolo (CH3OH), che può essere age- sioni di particolato, NOX e assenza di ossi-
volmente utilizzato per l’azionamento dei di di zolfo; esso è poi dotato di un più alto
motori a combustione interna in sostitu- numero di cetano e ciò si traduce di con-
zione alla tradizionale benzina. Questo seguenza in una migliore accendibilità che
prodotto, caratterizzato da un potere significa per il motore maggiori prestazio-
calorifico inferiore dell’ordine di 21 MJ/kg, ni e maggiore rendimento. A differenza
ha caratteristiche molto simili all’etanolo poi del DME il Fisher–Tropsch diesel si
tanto che presenta gli stessi pregi (alto presenta liquido nelle condizioni ambien-
68 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

te e questo rappresenta un indubbio van- L’elevato livello di impurità e sostanze


taggio soprattutto per quanto riguarda lo nocive (polveri, catrami e metalli pesan-
stoccaggio; esso è inoltre completamen- ti) presenti in questo prodotto rendono
te miscelabile con il gasolio tradizionale, però non trascurabile il problema della
pertanto può essere impiegato, senza la messa in sicurezza degli impianti di con-
necessità di modifiche, sia negli attuali versione i quali posso subire, se non
motori diesel che nelle infrastrutture e opportunamente protetti, significativi
nelle reti di distribuzione già esistenti. fenomeni di corrosione. Il processi di
Nonostante tutto ciò però, questo pro- gassificazione richiedono poi una carat-
dotto così come gli altri biocombustibili terizzazione della biomassa estremamen-
derivati dal gas di sintesi, presenta costi te precisa in termini di qualità, pezzatu-
di produzione troppo alti rispetto ai tradi- ra e contenuto di umidità: ciò comporta
zionali derivati petroliferi e pertanto la sua costi di preparazione del combustibile
diffusione su scala commerciale appare non indifferenti che contribuiscono a ral-
oggi ancora lontana. lentare il lancio di questa tecnologia su
Il syngas, di cui si è parlato finora, rappre- scala industriale che rimane invece allo
senta dunque l’obbiettivo principale di un stato attuale solo in fase dimostrativa.
processo di gassificazione; bruciare infat- Interessanti sono anche le prospettive di
ti un combustibile gassoso anziché bio- impiego del pellet come alimentazione,
massa allo stato solido, è assolutamente mentre si stanno conducendo ricerche
conveniente anche se con questa conver- su metodi per gassificare altri combusti-
sione termochimica si perde parte del- bili a base di biomassa come ad esem-
l’energia posseduta dalla materia organi- pio la frazione organica dei rifiuti solidi
ca originaria. La combustione di un gas, urbani. Per accelerare il processo di dif-
rispetto a quella di una sostanza solida, è fusione dei sistemi di gassificazione,
infatti più facile da regolare e controllare, ricerca e sviluppo operano oggi nel ten-
non porta alla formazione di ceneri e per- tativo di migliorare la flessibilità di que-
mette il raggiungimento di temperature sti impianti rispetto alle caratteristiche
più elevate dato il ridotto eccesso d’aria del materiale di alimentazione, allo
utilizzato e la presenza di preriscaldamen- scopo di ridurre così i costi di gestione.
ti più completi ed efficienti. Oltre al gas Si cerca inoltre di perfezionare i tratta-
di sintesi, come sottoprodotti del proces- menti per la riduzione delle impurità, di
so di gassificazione si hanno degli scarti studiare accorgimenti tecnici per attuare
solidi costituiti principalmente da cenere, la cogenerazione e aumentare in gene-
che può essere dispersa nel terreno senza rale l’affidabilità dell’intero processo di
conseguenze ambientali, e carbonella conversione. Si passano ora in rassegna
che, avendo un p.c.i. di circa 23 MJ/kg, le diverse tecnologie di gassificazione
può essere riutilizzata nello stesso impian- che si differenziano principalmente per il
to o rivenduta come combustibile. modo con cui la biomassa viene messa
Per quanto detto fin ora la gassificazio- a contatto con l’agente gassificante; è
ne è dunque una tecnologia termochimi- pertanto possibile distinguere due prin-
ca particolarmente interessante soprat- cipali classi di reattori: a letto fisso
tutto alla luce dei possibili impieghi a cui (updraft e downdraft) e a letto fluido. Il
può essere destinato il gas di sintesi. 75% dei gassificatori esistenti in commer-
69 La conversione termochimica

cio sono downdraft, il 20% sono a letto metria uniforme e con un basso contenu-
fluido (BFB e CFB), il 2,5% sono updraft to di particelle fini, così da evitare intasa-
e il 2,5% di altri tipi. menti del letto e garantire un sufficiente
“spazio vuoto” per il passaggio dei gas
Gassificatori a letto fisso attraverso la griglia. A seconda della dire-
Questi rappresentano la tecnologia più zione assunta dal flusso d’aria all’interno
antica e collaudata per eseguire il proces- del reattore, i gassificatori a letto fisso si
so di gassificazione, essi sono costituiti tipi- possono ulteriormente dividere in gassifi-
camente da una griglia posta nella parte catori downdraft, updraft e crossflow.
bassa che sostiene la biomassa e consen-
te contemporaneamente il passaggio del- Gassificatori updraft o controcorrente
l’aria e lo scarico delle ceneri. Tali reattori In questo tipo di gassificatore, costituito
sono caratterizzati da temperature di eser- da un cilindro in acciaio rivestito interna-
cizio indicativamente comprese tra gli 800 mente con materiale refrattario, la bio-
e i 1.400 °C, basse velocità di reazione e massa viene introdotta dall’alto mentre
taglie generalmente inferiori ai 10 MW. La l’aria, ovvero l’agente gassificante, é
biomassa può avere una pezzatura anche immessa alla base del reattore al di sotto
abbastanza grossolana (sono ad esempio della griglia di sostegno. Immediatamente
impiegabili potature di alberi, pellet o al di sopra di quest’ultima, la biomassa
stocchi di mais); purché in fase di alimen- carbonizzata, cioè la porzione solida rima-
tazione si abbia comunque una granulo- nente dopo il rilascio delle sostanze vola-
tili, subisce un processo di ossidazione
parziale in cui si raggiungono, come
Schema semplificato detto, temperature anche superiori ai
Fig. 3.7
di un gassificatore updraft
1.000 °C. Questa fase da luogo sia alla for-
mazione di ceneri, che precipitano attra-
verso la griglia e si depositano sul fondo,
sia alla produzione di gas caldi che ten-
dono a spostarsi verso l’alto trasferendo
così il calore nella zona dove si realizza il
processo di riduzione con la formazione
dei principali costituenti del syngas.
Salendo ancora all’interno del gassificato-
re è possibile individuare poi la sezione
pirolitica, dove vengono rilasciati i compo-
nenti volatili, e quella in cui la biomassa
viene disidratata per effetto dell’energia
termica fornita dal gas di sintesi che viene
raffreddato fino a 200–300 °C prima di
uscire dalla parte alta del reattore.
I vantaggi principali di questo tipo di gas-
sificatore sono:
 la semplicità costruttiva e di funziona-
mento,
70 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

 l’elevata capacità di combustione della realtà è meno rilevante quando il syngas


porzione carbonizzata, il cui residuo è impiegato nell’alimentazione di normali
finale nelle ceneri è minimo, caldaie; in questo caso infatti l’elevata con-
 l’ottimo scambio termico interno tra le centrazione di catrami e idrocarburi può
correnti opposte di biomassa e di syn- addirittura rappresentare un vantaggio
gas che comporta basse temperature di dato l’incremento che subisce, per la loro
uscita dello stesso e quindi un’alta effi- presenza, il potere calorifico inferiore del
cienza termica. combustibile. In tutti gli altri casi di utiliz-
Il difetto maggiore è invece quello connes- zo, specialmente quando si ha a che fare
so all’elevato contenuto di ceneri sinteriz- con turbine, è sempre necessario esegui-
zate e soprattutto di catrame all’interno re un processo di pulizia particolarmente
del gas prodotto. I tar in particolare, che spinto che come detto viene attuato
si formano principalmente durante la fase mediante cicloni, scrubbers o filtri a mani-
di pirolisi, sono la causa di molti problemi che in acciaio sinterizzato. Nei gassificato-
negli impianti alimentati con gas di gaso- ri updraft, a causa del minor rischio di inta-
geno, in quanto essi tendono a conden- samento della griglia, i requisiti per la gra-
sare facilmente provocando così frequen- nulometria della biomassa di alimentazio-
ti intasamenti. Questo inconveniente in ne sono meno severi che nelle altre tipo-
logie a letto fisso; i reattori in controcor-
rente sono poi già presenti in commercio
Schema semplificato con taglie che vanno generalmente da 1
Fig. 3.8
di un gassificatore downdraft
a 10 MW e portate massime di circa 4 t/h
di materia organica gassificata.

Gassificatori downdraft
o equicorrente
A differenza di quanto visto precedente-
mente, nei gassificatori downdraft la cor-
rente del gas di sintesi è discendente e
quindi concorde con quella del combusti-
bile solido che viene caricato ancora una
volta dall’alto. Questi reattori sono gene-
ralmente caratterizzati da una strizione
che prende il nome di gola in corrispon-
denza della quale si realizza la fase di ossi-
dazione: lo scopo è quello di creare una
zona compatta a elevata temperatura
dove far passare i gas di pirolisi e realiz-
zare così il cracking dei tar.
L’aria necessaria a realizzare il processo di
gassificazione, che si ricorda essere in
difetto rispetto a quella stechiometrica,
viene introdotta ad alta temperatura in
Fonte: CAEMA s.r.l. corrispondenza proprio della sezione di
71 La conversione termochimica

gola attraverso un tubo centrale di ali- rimanere in sospensione. Altri difetti sono:
mentazione o mediante ugelli posiziona- la maggiore probabilità di intasamenti
ti sulle pareti. Nella zona di riduzione, che legati proprio alla presenza della gola, ciò
si colloca adesso tra la strizione e la gri- pertanto impone requisiti più severi circa
glia di sostegno della biomassa, avviene la granulometria della biomassa che deve
come sempre la formazione del syngas. essere compresa tra 1 e 30 cm;
Questo, grazie proprio alla particolare la minore efficienza dell’essiccazione inter-
forma ad imbuto del reattore, presenta na che comporta la necessità di adopera-
dunque un ridotto contenuto di catrami re biomassa con un ridotto tenore di umi-
che è possibile stimare addirittura in 1/3 dità (inferiore al 20%);
di quelli presenti nei gas derivanti da gas- la temperatura relativamente alta del gas
sificatori updraft. La stessa cosa non si in uscita (900–1.000 °C) che si traduce in
può dire invece per quel che riguarda la una minore efficienza termica.
percentuale di particolato che risulta in Grazie al basso contenuto di tar nel gas
questo caso molto più alta. Ciò è dovuto di sintesi, questi gassificatori si prestano
al fatto che il gas di gasogeno, essendo bene ad essere combinati con turbine a
estratto alla base del reattore, passa attra- gas o motori a combustione interna
verso la griglia di sostegno così come le soprattutto per la produzione in piccola
ceneri e le polveri che quindi tendono a scala di energia elettrica. Le taglie sono
variabili da 10 kW a 1 MW, mentre allo
stato attuale la portata massima per que-
Schema semplificato sto tipo di sistemi è dell’ordine di 500
Fig. 3.9
di un gassificatore crossdraft
kg/h di biomassa secca.

Gassificatori crossdraft
In questa tipologia di gassificatori l’aria
viene introdotta trasversalmente rispetto
alla direzione assunta dalla biomassa che
come al solito si muove all’interno del
reattore dall’alto verso il basso. In prossi-
mità del punto in cui viene immesso
l’agente ossidante si forma una zona ad
elevata temperatura dove si concentrano
le reazioni di ossidazione e riduzione della
sostanza organica. Il calore che qui si svi-
luppa favorisce poi nella parte sovrastan-
te l’attivazione dei processi di pirolisi e di
essiccazione, mentre come al solito le
ceneri si accumulano nella parte bassa
della colonna di gassificazione. Una volta
prodotto, il syngas viene estratto dal lato
opposto rispetto punto di ingesso del
flusso d’aria, ma allo stesso livello; la sua
temperatura in uscita è di circa 800–900 °C
72 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

pertanto, come già visto nel caso del gas- contenuti nella cenere. Quando pertanto
sificatore di tipo downdraft, i rendimenti si è in presenza di biomasse ad alto con-
energetici globali di conversione risultano tenuto di cenere è bene sostituire questo
piuttosto bassi. Per tale motivo e per la agente fluidificante con allumina o com-
difficoltà di convertire gli idrocarburi com- posti metallici come ad esempio sabbia
plessi, che tendono a rimanere nel gas cromitica. Nelle applicazioni in cui è
sotto forma di tar, questa tecnologia di necessario invece l’uso di catalizzatori,
conversione è di fatto poco considerata. quando cioè si deve favorire il processo di
gassificazione o si intende modificare la
Gassificatori a letto fluido composizione finale del gas di sintesi, i
I gassificatori a letto fluido, ampiamente materiali inerti precedentemente menzio-
utilizzati in passato per la gassificazione nati possono essere sostituiti proprio dal-
del carbone, sono diventati recentemen- l’agente catalitico. Le temperature di eser-
te oggetto di studio, sviluppo e commer- cizio, uniformi su tutto il reattore, sono
cializzazione anche per quanto concerne mediamente pari a 800–900 °C, mentre le
la conversione della biomassa. Per letto taglie sono sempre superiori a 1 MW. Il
fluido si intende in generale una sospen- syngas ottenuto da questa categoria di
sione di particelle solide in una corrente gassificatori contiene comunque un signi-
ascendente di gas, questa, raggiunta una ficativo quantitativo di tar (superiore
determinata velocità, fa si che il letto, rispetto a quello presente nel gasogeno
composto da fase solida e da fase gasso- sviluppato dai gassificatori downdraft)
sa, si comporti come un vero e proprio li- nonché di particelle solide (char, cenere,
quido. Applicata alla gassificazione, la tec- sabbia) e pertanto le operazioni di pulizia
nologia del letto fluido garantisce un’ot- sono ancora una volta necessarie. Con
tima miscelazione tra l’agente gassifican- questi sistemi poi è possibile operare
te e la biomassa che viene immessa dal- anche in maniera pressurizzata, il vantag-
l’altro con una pezzatura generalmente gio è quello di aumentare la capacità pro-
inferiore ai 20 mm. Questo modo di ope- duttiva, e ridurre, o eliminare del tutto, la
rare fa si che, rispetto ai sistemi a letto compressione a monte della turbina; que-
fisso, si abbia una più uniforme distribu- sto nel caso in cui ovviamente il syngas
zione di temperatura nella zona di gassi- venga utilizzato per alimentare un impian-
ficazione, un aumento della velocità di to turbogas. Operando ad alta pressione
reazione e una maggiore resa complessi- poi diminuisce anche la tendenza a sinte-
va in syngas. All’interno del reattore può rizzare della cenere e si ha la possibilità di
essere poi presente anche del materiale avere, rispetto ai gassificatori atmosferici,
inerte fluidizzante (sabbia silicea, allumina, dimensioni più contenute dei reattori. Se
ossidi refrattari), che ha il compito di questi sono i principali aspetti positivi, non
migliorare la diffusione del calore tra le mancano tuttavia gli inconvenienti come
varie particelle di sostanza organica. Tra i ad esempio:
maggiori problemi di questa tecnologia  la difficoltà nell’alimentazione della bio-
però bisogna ricordare la tendenza, per massa nel reattore;
effetto delle alte temperature, alla sinte-  i costi di investimento maggiori rispet-
rizzazione della sabbia silicea che tende to a quelli sostenuti per i gassificatori
poi a reagire con i metalli alcalini (Na e K) atmosferici, bilanciati comunque da
73 La conversione termochimica

rendimenti più elevati (la convenienza fasi. Le temperature operative, che vengo-
economica si ha a partire da potenze di no regolate tramite il semplice controllo
30–50 MWe); del rapporto aria/biomassa, sono com-
 i dispositivi di pulizia a caldo del gas, prese tipicamente tra i 700 e i 900 °C e ciò
che sono costosi e ancora in fase di svi- permette di ottenere un syngas con un
luppo. basso contenuto di catrami, che general-
Allo stato attuale comunque l’utilizzo più mente non supera i 3 g/Nm3. Differente è
efficace dei reattori PFB (pressurized fluid invece i discorso relativo alle ceneri.
bed), per taglie superiori ai 100 MW, è Queste, oltre ad essere presenti nel gas
quello connesso alla predisposizione di di sintesi in quantità abbastanza rilevanti
impianti IGCC (Integrated Gassifier Com- (superiori rispetto ai gassificatori a letto
bined Cycle) dove la produzione di ener- fisso), tendono, se la temperatura interna
gia elettrica può raggiungere rendimenti è troppo alta, a raggiungere la condizio-
anche del 35–40%. ne di fusione, creando così un pericoloso
intasamento del reattore. Per tale motivo
Gassificatori a letto fluido bollente si preferisce utilizzare come combustibili
(BFB – Bubbling Fluidized Bed) biomasse che presentano un elevato
In questi sistemi (figura 3.10), l’altezza del punto di fusione delle ceneri (> 1.000 °C);
letto, ovvero la regione nella quale il flus- risultano quindi idonee quelle di natura
so ascendente di gas mantiene in sospen- legnosa, mentre sono sconsigliabili i pro-
sione la fase solida, è tipicamente com- dotti erbacei che porterebbero, per evita-
presa tra 1 e 2 metri; queste ridotte di- re questo problema, a limitare la tempe-
mensioni si giustificano con il fatto che ratura di esercizio del reattore. Il regime
l’agente gassificante (aria, ossigeno o termico, che si cerca comunque di man-
vapore) viene immesso, alla base del reat- tenere limitato per scongiurare il fenome-
tore, ad una velocità non particolarmente no della sinterizzazione, può considerarsi,
elevata e comunque mai superiore ai 2 grazie anche alla presenza di materiale
m/s. All’interno di questa zona fluidizzata, inerte in sospensione nella colonna ascen-
che si colloca nella parte bassa del gassi- dente di gas, praticamente costante su
ficatore subito sopra la griglia, la biomas- tutto il letto fluido. Questa caratteristica,
sa, introdotta lateralmente, viene piroliz- unitamente al buon grado di agitazione
zata a formare componenti gassose e presente all’interno del reattore, fa si che
parti carbonizzate che sono al loro volta la velocità di reazione sia particolarmente
convertite in syngas mediante processi di elevata con conseguenti tempi di residen-
cracking. Nel letto fluido si formano quin- za della biomassa nel gassificatore estre-
di delle vere e proprie bolle di gas che, mamente brevi. I reattori BFB, nei quali è
una volta raggiunta la superficie, si libera- possibile introdurre anche opportuni
no andandosi ad accumulare nella parte agenti catalitici per favorire il cracking dei
alta del reattore dove è presente una zona tar o modificare la composizione finale
costituita unicamente da fase gassosa. La del syngas prodotto, sono generalmente
formazione di queste bolle, poi, crea nel alimentabili con diverse tipologie di bio-
letto una sorta di ebollizione che ha l’ef- massa anche di diverse dimensioni granu-
fetto di migliorare ulteriormente l’agitazio- lometriche. A questa estrema flessibilità in
ne interna e la miscelazione tra le varie termini di pezzatura e composizione della
74 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Schema semplificato reattore che pertanto è affiancato, nella


Fig. 3.10
di un gassificatore BFB parte sommitale, da un ciclone che sepa-
ra dal gas tali componenti le quali, al loro
volta, vengono reintrodotte, tramite un
apposito condotto, alla base del gassifica-
tore: da qui appunto il nome di letto cir-
colante. Il combustibile viene inserito nella
parte inferiore del corpo del gassificatore,
ad una certa distanza al di sopra della gri-
glia di distribuzione dell’aria. Una volta
all’interno le particelle di biomassa comin-
ciano a disidratarsi per poi subire in modo
abbastanza rapido il processo di pirolisi.
Da questo come noto si sviluppa sia una
componente gassosa, che si muove verso
la parte superiore del reattore, che una fra-
zione carbonizzata che in parte rimane
all’interno del letto e in parte viene trasci-
nata dai gas e dagli altri elementi circolan-
ti verso il filtro a ciclone. Dopo la separa-
zione i char trattenuti vengono come visto
rimandati nel gassificatore dove, per
mezzo dell’aria (o dell’ossigeno) insufflata,
carica, si aggiungono la facilità di accen- avviene la loro parziale ossidazione e la
sione e spegnimento del reattore e la sua successiva riduzione con formazione dei
elevata capacità volumetrica (10–15 t/h di principali componenti del syngas. Nella
biomassa secca); di contro va invece colonna principale del reattore si possono
segnalata la presenza di carboni nelle allora distinguere, a partire dal basso, tre
ceneri e l’alta temperatura del gas prodot- zone differenti:
to, sintomi entrambi di una efficienza di  fase densa, caratterizzata da una eleva-
conversione non particolarmente elevata. ta densità e dalla formazione di bolle di
gas che tendono a salire in superficie;
Gassificatori a letto fluido circolante  fase intermedia, dove il flusso delle par-
(CFB – Circulating Fluidized Bed) ticelle solide si manifesta creando delle
In questi impianti il reattore si sviluppa nuvole a diversa densità in cui si crea un
soprattutto in altezza arrivando sino a 8 fenomeno di instabilità analogo a quel-
metri; il diametro invece, a differenza dei lo della formazione delle bolle;
sistemi a letto fluido, risulta abbastanza  fase diluita, in cui la miscelazione del
limitato mentre molto più elevata è la velo- solido nel gas è ormai omogenea e la
cità di fluidizzazione che supera i 4 m/s. densità risulta essere minore.
Tutto ciò fa si che le particelle solide (char In questa tipologia di gassificatori non esi-
ed eventualmente materiale inerte) venga- ste dunque, come accade nei sistemi BFB,
no trascinate in sospensione fino addirit- il pelo libero del letto fluido o una zona
tura ad uscire dalla colonna principale del costituita dalla sola fase gassosa; questa
75 La conversione termochimica

Schema semplificato quanto riguarda le ceneri poi, queste, con


Fig. 3.11
di un gassificatore CFB un simile regime termico, tendono a rag-
giungere lo stato liquido e ciò di fatto
consente di realizzare una loro più facile
rimozione. Appare evidente dunque che
questa categoria di gassificatori è partico-
larmente indicata proprio per il trattamen-
to delle biomasse, fermo restando co-
munque che a causa dei sofisticati dispo-
sitivi di controllo, molto onerosi dal punto
di vista economico, l’utilizzo di questa tec-
nologia si giustifica solamente in impian-
ti di grande scala. Tipicamente l’agente
ossidante impiegato è ossigeno puro o
vapore acqueo surriscaldato.

Gassificatori dual bed


per gassificazione pirolitica
Come già accennato precedentemente,
quando si parla di gassificazione piroliti-
ca si ha a che fare con una tecnologia in
cui la biomassa, anziché subire un pro-
cesso di ossidazione parziale, viene con-
infatti, per tutta l’altezza del reattore, risul- vertita in syngas attuando su di essa ope-
ta miscelata alla componente solida che razione di riscaldamento indiretto. L’im-
tende ad addensarsi maggiormente negli pianto, in questo caso, è costituito da due
strati bassi solamente per effetto della reattori a letto fluido: un gassificatore CFB
gravita. I gassificatori a letto fluido circo- e un combustore (BFB o CFB). Nel gassi-
lante, specialmente quelli atmosferici, ficatore il calore necessario per la decom-
sono adatti ad una grande varietà di bio- posizione della biomassa viene ceduto dal
masse; le portate di alimentazione sono materiale inerte (sabbia silicea), che è
maggiori alle 15 t/h, mentre le taglie opportunamente riscaldato nel combu-
vanno dai pochi MWt fino a circa 100 MWt store e continuamente ricircolato all’inter-
e in futuro si prevede la possibilità di rea- no dell’impianto, mentre la fluidizzazione
lizzare sistemi CFB con potenze anche viene realizzata mediante l’impiego di
maggiori. vapore. Il gas di sintesi prodotto poi,
quando esce dal gassificatore, trascina
Gassificatori a letto trascinato con se le particelle di sabbia e char; que-
(Entrained bed) ste vengono allora separate da un ciclo-
La caratteristica principale di questi siste- ne e quindi portate al combustore, dove
mi è quella di avere temperature operati- il char viene bruciato e la sabbia riscalda-
ve molto alte, superiori anche ai 1.200 °C, ta. Quest’ultima una volta assorbita l’ener-
che permettono di ottenere un syngas gia termica è trasportata dai gas combu-
con contenuto di tar pressoché nullo. Per sti all’interno di un secondo ciclone che la
76 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

separa dagli esausti e la prepara per esse- nologico, nonostante i continui perfezio-
re nuovamente introdotta nel gassificato- namenti appartati, è senza ombra di dub-
re. Come è possibile intuire la complessi- bio il processo di combustione diretta.
tà di questo processo rende pertanto dif- Chimicamente esso di fatto consiste in
ficile sia la realizzazione di impianti di una reazione esotermica di ossidazione
grandi dimensioni che il mantenimento di nel corso della quale l’energia chimica
bassi costi di investimento. Il vantaggio contenuta nel combustibile viene liberata
principale risiede allora nell’utilizzo di sotto forma di calore. Una vota introdot-
vapore come mezzo di fluidizzazione che ta all’interno della camera di combustio-
permette di produrre un gas a medio ne, la trasformazione della sostanza orga-
potere calorifico (grazie all’elevato conte- nica di partenza avviene, secondo gli
nuto di metano) senza ricorrere all’impie- schemi classici, in quattro fasi distinte,
go di costoso ossigeno. Gli inconvenien- ovvero riscaldamento ed essiccazione,
ti invece sono: bassa conversione del car- pirolisi, gassificazione e infine combustio-
bonio in tar, in quanto parte del char viene ne. A caratterizzare questi diversi momen-
utilizzato nella combustione, e elevato ti, come già ricordato, contribuiscono
contenuto di catrami nel syngas, che essenzialmente la temperatura raggiunta
comunque possono essere limitati dalla biomassa e il quantitativo di aria
aggiungendo opportuni catalizzatori a comburente immesso nel combustore che
base di dolomite o nichel. viene generalmente distinto in due frazio-
Dopo aver passato in rassegna le princi- ni: aria primaria e aria secondaria.
pali tecnologie di gassificazione oggi Facendo riferimento a delle condizioni di
disponibili, si può ritenere che il sistema regime, nelle quali il processo di combu-
più interessante nelle applicazioni di larga stione si sostiene autonomamente, la
scala è quello a letto fluido circolante, prima fase che si verifica, ogni qual volta
mentre per le piccole istallazioni, la tipo- si introduce in caldaia della nuova sostan-
logia downdraft è quella che riscuote il za organica, è la perdita da parte di que-
maggior successo. I gassificatori dunque, st’ultima dell’acqua in essa contenuta per
che nel passato hanno ricoperto un ruolo effetto di una disidratazione che tende a
importantissimo soprattutto nella conver- manifestarsi fino a circa 200 °C. Con l’au-
sione del carbone, stanno oggi vivendo mentare della temperatura, dalla biomas-
una seconda giovinezza legata proprio sa cominciano a liberarsi alcune sostanze
alla possibilità di sfruttare energeticamen- volatili (gas di pirolisi) le quali, grazie alla
te le biomasse che tra l’altro stanno for- presenza dell’aria primaria, vengono in
nendo un forte contributo allo sviluppo in parte bruciate ricavando così il calore
chiave moderna di questa tecnologia. necessario sia per la fase di pirolisi appe-
na descritta, che per la successiva gassifi-
cazione del char e dei composti catramo-
[3.5] si precedentemente formati. I gas in tal
La combustione modo sviluppati, costituiti essenzialmen-
te da idrocarburi, CO, CH4 e H2, vengo-
Tra i vari processi di conversione termo- no poi miscelati alla frazione secondaria di
chimica delle biomasse fin ora analizzati, aria comburente e quindi successivamen-
quello più maturo da un punto di vista tec- te bruciati, realizzando così la fase di com-
77 La conversione termochimica

bustione vera e propria che conclude il tiscono in generale una buona penetrazio-
processo di conversione termochimica ne del comburente tra le porzioni di com-
della biomassa. bustibile le quali, al fine di aumentare la
Quanto detto fin ora viene sempre realiz- superficie di contatto, vengono general-
zato adottando un quantitativo di aria che, mente mescolate mediante fluidizzazione
rispetto a quella teoricamente necessaria o movimentazione del letto. Si può rite-
(quantità stechiometrica), può essere da nere in generale che il processo di com-
una volta e mezza a due volte superiore. bustione venga attuato con buoni rendi-
Tale eccesso di comburente ha come menti se si utilizzano sostanze ricche di
obiettivo quello di rendere l’ossidazione, glucidi strutturati (cioè cellulosa e lignina)
che generalmente si verifica a temperatu- e con bassi contenuti di acqua (inferiori al
re comprese tra 1.000 e 1.500 °C, il più 35%). Forti tenori di umidità comportano
possibile completa, evitando la presenza infatti alcuni inconvenienti come la dimi-
di residui incombusti e lasciando tra i pro- nuzione del potere calorifico e della tem-
dotti finali solamente ceneri finissime la peratura nel combustore, nonché l’abbas-
cui presenza si giustifica a causa delle pic- samento del rendimento d’impianto e
cole quantità minerali (potassio, calcio o l’aumento del rischio di fenomeni di con-
silicio) generalmente contenute nel mate- densazione al camino. I prodotti tipica-
riale di partenza. Bisogna fare attenzione mente utilizzabili sono allora: legname in
comunque a non eccedere nel quantita- tutte le sue forme (compresi i residui
tivo di aria in quanto, valori troppo eleva- legnosi di potatura di piante da frutto e
ti porterebbero ad eccessive dispersioni di di piante forestali), paglie di cereali, scar-
calore nei fumi con conseguente calo del- ti delle industrie agrarie e residui derivan-
l’efficienza globale del processo. Gli altri ti dalla raccolta di legumi secchi, di pian-
parametri caratteristici, che influenzano la te oleaginose (ricino, catramo, ecc.) o di
completezza della combustione, sono poi: piante da fibra tessile (cotone, canapa,
la temperatura di reazione, la pezzatura e ecc.).
l’omogeneizzazione del combustibile. Per Come noto, durante il processo di com-
quanto riguarda la temperatura, se da un bustione, questi prodotti vengono com-
lato valori sufficiente alti garantiscono un pletamente bruciati generando CO2, H2O,
buon grado di ossidazione della sostanza piccole quantità di SO2 e naturalmente
organica con ridotta produzione di incom- ceneri il cui quantitativo dipende dal tipo
busti, dall’altro un eccessivo regime termi- di biomassa utilizzata. La percentuale tipi-
co tende a favorire lo sviluppo di compo- ca è nelle paglia compresa tra lo 0,3 e lo
sti inquinanti come ad esempio gli ossidi 0,6%, mentre nelle sostanze legnose que-
di azoto. sta varia generalmente tra il 4 e il 7%.
Appare chiaro dunque che per andare Ognuna di queste diverse tipologie di
incontro a queste opposte esigenze, rag- biomassa influenza poi sia la scelta del
giungendo così le migliori prestazioni, è tipo di caldaia, specialmente per quanto
necessario affidarsi a sistemi apposita- riguarda i dispositivi di alimentazione e
mente controllati ed efficienti come sono regolazione, che il costo di produzione
oggi le moderne caldaie. Un altro para- dell’energia (in termini sia economici che
metro determinante è poi la pezzatura energetici) generalmente variabile in rela-
della biomassa: dimensioni piccole garan- zione alle spese sostenute per la costru-
78 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

zione dell’impianto, per la raccolta e il tra- alcune decine di kW fino a qualche MW,
sporto della materia prima nonché per i che la produzione di energia elettrica (tipi-
tipi di pretrattamenti da essa subiti. camente in cogenerazione) per la quale
Quest’ultimi, effettuati per migliorare la vengono invece allestite istallazioni con
maneggevolezza, l’immagazzinamento e potenze più elevate.
per limitare i costi di trasporto e la neces-
sità di ricorrere a impianti di combustione Impianti per la produzione
eccessivamente costosi, comprendono di elettricità
tipicamente la riduzione delle dimensio- Si tratta di impianti che, ad eccezione del
ni, il compattamento, l’essiccazione e il sistema di combustione, si presentano
lavaggio. Nonostante poi queste opera- identici alle comuni centrali termoelettri-
zioni, soprattutto quando avvengono con che; il calore sviluppato viene infatti impie-
consumo di energia, determinano spesso gato per produrre vapore surriscaldato
un incremento nel costo del kWh prodot- che va poi ad espandersi all’interno di una
to da biomassa, la loro presenza è comun- tradizionale turbina generando così ener-
que indispensabile al fine di migliorare gia elettrica con un rendimento variabile
l’efficienza degli impianti, ridurre le emis- dal 20 al 25%. Le taglie sono generalmen-
sioni e sfruttare prodotti che altrimenti te funzione sia della tipologia di combu-
verrebbero considerati inadeguati. store adottato che ovviamente della
Una volta attuato il processo di combu- disponibilità di sostanza organica in loco
stione, il calore sviluppato viene trasferi- e vanno da qualche MWe a valori anche
to, mediante appositi scambiatori, a dei di 50 MWe. Nonostante siano teoricamen-
fluidi di processo (acqua, aria, olio diater- te possibili installazioni di potenza anche
mico, ecc.) successivamente utilizzati nelle maggiore, allo stato attuale si preferisce
varie applicazioni. Generalmente tale però non superare questi limiti soprattut-
scambio termico viene realizzato sempre to per ragioni di carattere organizzativo e
all’interno delle caldaie tranne che nei casi gestionale della filiera di approvvigiona-
in cui si bruciano sostanze con elevato mento del legname o di altri tipi di bio-
carico di ceneri, per le quali si preferisce masse. I sistemi di combustione più comu-
invece condurre queste fasi (combustione ni sono fondamentalmente suddivisibili in
e scambio termico) in due ambienti sepa- 3 differenti categorie: a letto fisso a letto
rati così da realizzarne un miglior control- fluido e a polvere di biomassa.
lo. La quantità di energia termica ricava-
bile è in linea generale una funzione del Combustori a letto fisso
tipo di biomassa utilizzata, della quantità Questi rappresentano indubbiamente le
di ceneri e del contenuto di umidità per- tipologia impiantistica più diffusa nei pro-
tanto, se si fa riferimento al potere calori- cessi di combustione in quanto godono di
fico inferiore, essa normalmente oscilla tra notevoli vantaggi in termini di semplicità,
10,5 e 19 MJ/kg. Le applicazioni possibili economicità e affidabilità di funzionamen-
di questo processo di conversione termo- to. Essi generalmente possono essere ali-
chimica, come si vedrà successivamente, mentati con biomasse di diversa natura e
riguardano sia la produzione di energia con diverso tenore di umidità, presentan-
termica, realizzata in ambito civile e indu- do rendimenti accettabili (70–80%) nono-
striale con impianti di potenza variabile da stante gli elevati eccessi d’aria richiesti. Il
79 La conversione termochimica

comburente è suddiviso in due frazioni: invece sconsigliabile l’impiego congiunto


l’aria primaria, che insufflata attraverso il di legno e biomasse erbacee (ad esempio
combustibile favorisce le fasi di pirolisi e paglia di cereali) in quanto queste potreb-
gassificazione, e l’aria secondaria, che bero causare problemi per effetto del loro
iniettata nella zona sovrastante il letto differente comportamento in fase di com-
determina la completa ossidazione dei bustione, del loro basso contenuto in umi-
gas precedentemente formati. Si può rea- dità, e della bassa temperatura di fusione
lizzare anche la cosìddetta combustione a delle loro ceneri. Per massimizzare l’effi-
stadi in cui le fasi precedenti sono condot- cienza di conversione di questi sistemi è
te in due camere separate; nella prima necessario ottimizzare la geometria e i
avvengono i processi pirolitici e di gassi- dispositivi di controllo della griglia al fine
ficazione, mentre nella seconda si comple- di garantire una distribuzione omogenea
ta la conversione termochimica e realizza sia del combustibile, la cui pezzatura non
il trasferimento dell’energia al fluido. deve essere troppo piccola, che dell’aria
Quando si sceglie questa soluzione è primaria tipicamente introdotta dal basso.
necessario limitare, anche a scapito di un Avere infatti una distribuzione dell’agen-
mixing aria/gas combusti non ottimale, la te ossidante non regolare o comunque
turbolenza nella camera primaria al fine di non conforme alle necessità può determi-
avere un letto di braci che si mantenga il nare deformazioni della griglia, un più alto
più possibile stabile. La turbolenza viene contenuto di ceneri disperse o in genera-
invece ricercata nella camera secondaria le lo svolgimento di un processo di com-
dove spesso si creano appositamente dei bustione non completo. Per tale motivo i
vortici per migliorare il contatto tra bio- sistemi a griglia hanno subito nel corso
massa e agente ossidante. I combustori a degli anni continui perfezionamenti come
letto fisso comprendono essenzialmente: l’introduzione di sempre più sofisticati
i forni a griglia e gli underfeed stokers. dispositivi di movimentazione, l’adozione
di sensori ad infrarossi per il controllo del-
Forni a griglia l’altezza delle braci o l’utilizzo di portate
L’elemento determinante di un forno di d’aria differenti a seconda dello stato di
questo tipo è ovviamente la griglia, alla avanzamento del processo di conversio-
quale è affidato il compito di sostenere e ne. Oltre al comburente introdotto da
far avanzare all’interno dello camera di sotto la griglia, che assume normalmente
combustione la sostanza organica favo- quantità stechiometriche, per favorire il
rendone così l’essiccamento e la sua com- completamento della combustione si fa
pleta combustione. Questi sistemi vengo- uso della così detta aria secondaria che
no alimentati generalmente con biomas- viene invece insufflata al di sopra del letto
se solide, eterogenee sia nella forma che di materiale organico. A seconda poi della
nella composizione ed eventualmente direzione assunta dalla fiamma rispetto al
caratterizzate anche da un elevato conte- percorso fatto dallo biomassa si possono
nuto di umidità e di ceneri. Si possono avere (figura 3.12):
pertanto utilizzare combustibili costituiti  Sistemi con flusso in equicorrente
dalla miscela di specie legnose diverse (fiamma nella stessa direzione del com-
talvolta miste anche a residui agroindu- bustibile) che vengono invece impie-
striali come vinacce, graspi o potature. È gati quando si è in presenza di combu-
80 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

stibili secchi (residui di legno e paglia) fenomeno della sinterizzazione delle


oppure in impianti che usano aria com- ceneri sulle pareti, garantendo così un
burente preriscaldata. Con questa me- aumento della vita media del refrattario.
todologia si aumenta il tempo di resi-  Sistemi con flusso in controcorrente
denza dei gas combusti sul letto e per- (fiamma in direzione opposta rispetto al
tanto si favorisce la riduzione delle combustibile) tipicamente adoperati
emissioni di NOX grazie proprio al pro- quando si hanno combustibili a basso
lungato contatto dei gas con il combu- potere calorifico come corteccia umida,
stibile carbonizzato. Questo può però chips di legno o segatura. In questo
favorire il trasporto delle ceneri volatili caso i gas caldi passano sulla biomas-
fuori dalla camera di combustione e sa fresca e umida con la quale si realiz-
dunque una attenta progettazione dei za uno scambio termico convettivo che,
flussi d’aria nel forno si rende sempre aggiungendosi a quello di natura ra-
necessaria per evitare questo tipo di diante (comunque dominante), favori-
inconveniente. sce sia il processo di essiccamento che
 Sistemi con flusso incrociato (il gas fuo- l’allontanamento del vapore dal letto.
riesce al centro della fornace) che di Per evitare poi incombusti all’interno
fatto rappresentano una via di mezzo tra del boiler, che porterebbero tra l’altro
le precedenti metodologie e sono tipi- ad un incremento del livello di emissio-
camente utilizzati in impianti con came- ni, è necessario assicurare un buon
ra di combustione secondaria verticale. mixing tra i gas combusti e l’aria secon-
Il controllo della temperatura è general- daria introdotta.
mente effettuato o tramite il ricircolo La griglia è costituita da un insieme di ele-
dei gas combusti, dopo che questi sono menti detti “barrotti” realizzati in una spe-
stati ripuliti dalle fly ash, oppure ciale lega di acciaio al nichel–cromo in
mediante il raffreddamento con acqua grado di sopportare, grazie anche al siste-
delle pareti della camera di combustio- ma di raffreddamento ad acqua, tempera-
ne. Mentre la prima soluzione assicura ture di esercizio fino anche a 1.100 °C. La
in linea di massima un miglior grado di forma di questi barrotti, nonché i mecca-
regolazione, con la seconda, invece, si nismi adottati per il loro movimento e i
riesce ad evitare più efficacemente il sistemi di avanzamento della biomassa
caratterizzano le diverse tipologie di com-
bustori che possono essere: “travelling
Direzioni tipicamente assunte dai flussi d’aria grate”, “a griglia fissa”, “a griglia mobile”
Fig. 3.12
all’interno di un combustore a griglia
(inclinata o orizzontale), “a griglia vibran-
te”, “cigar burners” e “a griglia rotante”
(alimentata dal basso o a cono). In linea
generale i forni a griglia, che arrivano a
potenze di circa 20 MWe, sono considera-
ti tipicamente come sistemi tutto somma-
to semplici, economici, affidabili e dotati
di una buona versatilità di funzionamento
data la loro capacità di operare, tramite il
controllo dell’aria primaria, anche al 25%
81 La conversione termochimica

Figura 3.13
Sistema travelling grate

del carico. Si tratta dunque di una tecno- Nei combustori travelling grate (figure
logia che può considerarsi oggi sufficien- 3.13–3.15) la sostanza organica da sotto-
temente matura nonostante i continui porre al processo di combustione viene
miglioramenti apportati, tra cui l’impiego disposta su una griglia trascinata da un
di nuovi materiali, l’ottimizzazione della meccanismo a rulli, simile a quello usato
griglia o i perfezionamenti fluidodinamici. nell’azionamento delle scale mobili, il cui
Se in passato infatti si lavorava con un ele- movimento è realizzato tramite dispositi-
vato eccesso d’aria in modo da mantene- vi meccanici o idraulici.
re la temperatura dei fumi sotto i 700 °C, Una particolarità di questi sistemi è la pos-
oggi, grazie ai progressi compiuti, si ten- sibilità di regolare la velocità di avanza-
dono a raggiungere anche i 1.200–1.300 mento della griglia (e quindi i tempi di
°C. Questo può essere realizzato se si residenza) secondo le esigenze richieste
effettua un opportuno pretrattamento dal tipo di biomassa utilizzata al fine di
della biomassa, al fine di aumentarne il realizzarne naturalmente la completa
p.c.i., se si riduce l’inclinazione e la lun- combustione. Sfruttando poi questo mo-
ghezza della griglia, se si adotta un effica- vimento a cingolo si riesce a realizzare sia
ce sistema di raffreddamento e se si limi- un facile smaltimento della cenere, che
ta l’eccesso d’aria utilizzato. viene riversata in modo automatico all’in-

Particolare della griglia Rappresentazione schematica di


Fig. 3.14 Fig. 3.15
e del meccanismo a rulli un combustore travelling grate
82 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

terno di una apposita cavità, sia un’effica- più semplice tipologia di combustori uti-
ce raffreddamento della griglia che avvie- lizzabili per le applicazioni di valorizzazio-
ne, quando questa non è rivolta verso la ne energetica delle biomasse, essi tra l’al-
camera di combustione, utilizzando il flus- tro sono i primi ad essere stati adottati
so di aria primaria proveniente dal basso. presso gli impianti di incenerimento dei
Per quanto riguarda poi il sistema di l’ali- rifiuti solidi urbani. La caratteristica pecu-
mentazione del combustibile, questo può liare è la presenza di un unico piano gri-
essere o a vite (screw conveyor) od a gliato fortemente inclinato dove la sostan-
spruzzo (spreader–stoker). Quest’ultimo za organica, che viene introdotta dall’al-
in particolare è molto apprezzato soprat- to, mano a mano che perde consistenza
tutto quando si utilizzano biomasse non per effetto della combustione avanza fino
omogenee le quali, essendo introdotte a cadere in un apposito bacino di raccol-
da un’altezza variabile da 1 a 4 metri sopra ta delle scorie collocato nella parte bassa.
il piano della griglia, permettono di evita- La griglia, oltre alla funzione di sostegno
re disuniformità nello spessore e nella della biomassa permette poi sia il pas-
composizione del letto di sostanza orga- saggio dell’aria primaria attraverso il letto
nica. Tra i principali vantaggi si hanno: la che la fuoriuscita delle ceneri più fini.
possibilità di condurre in modo uniforme Oggi per la verità questa soluzione trova
il processo di combustione, ridotte emis- un ridottissimo impiego (limitato tra l’al-
sioni di particolato e facilità nelle opera- tro agli impianti di piccola potenza), a
zioni di manutenzione. Rispetto a sistemi causa soprattutto delle difficoltà che si
a griglia mobile, che verranno descritti incontrano durante le fasi di trasporto e
successivamente, la tecnologia travelling distribuzione del combustibile all’interno
grate presenta però alcuni inconvenienti della camera di combustione.
tra cui: tempi di combustione più lunghi I combustori a griglia mobile (moving
e un maggior fabbisogno di aria primaria. grate furnaces, figura 3.16), nonostante il
I sistemi a griglia fissa rappresentano la costo elevato, risultano essere oggi quel-
li maggiormente utilizzati tra tutti i siste-
mi a letto fisso grazie soprattutto alla loro
Rappresentazione schematica estrema versatilità di funzionamento. Tra
Fig. 3.16
di un combustore a griglia mobile inclinata
questi la tipologia più diffusa è sicuramen-
te quella con griglia inclinata nella quale
la pendenza è generalmente compresa
tra il 15 e il 35%. Su di essa, una volta river-
sato il combustibile mediante dispositivi a
vite o semplici tramogge, è possibile
distinguere più zone in ciascuna delle
quali si localizza una fase specifica del pro-
cesso di conversione termochimica che
come noto prevede: essiccazione, piroli-
si/gassificazione e infine combustione.
Queste griglie sono costituite da file di
barrotti mobili alternate con file di barrot-
ti fissi; i primi, azionati da attuatori elettri-
83 La conversione termochimica

ci o idraulici, si sovrappongono ai secon- no maggiormente gli underfeed stokers


di con un movimento avanti–indietro alter- che, come si vedrà successivamente, rap-
nato la cui corsa ha frequenza e lunghez- presentano la soluzione più economica. A
za regolabili. Quest’ultimo aspetto rap- seconda delle modalità con cui si realizza
presenta di fatto un grande punto di forza il raffreddamento i combustori a griglia
di questa tecnologia: regolando infatti la mobile si distinguono in:
velocità della griglia, la quantità di com-  air–cooled moving grate furnaces, nei
bustibile introdotto e l’aria fornita è pos- quali si utilizza l’aria primaria per raffred-
sibile bruciare una grande varietà di bio- dare la griglia (adatta per corteccia
masse con caratteristiche anche estrema- umida, segatura, chips di legno);
mente diverse.  water–cooled moving grate furnaces, in
Generalmente poi le griglie a movimento cui invece si fa uso di acqua (adatta per
alternato sono suddivise in tre o quattro combustibili secchi, con bassa tempe-
sezioni che si alternano lasciando tra loro ratura di fusione delle ceneri).
un piccolo salto con lo scopo di incre- Per quanto detto fin ora dunque i forni a
mentare ulteriormente il mescolamento griglia mobile inclinata presentano parec-
della sostanza organica. Ogni singola chi aspetti positivi tra cui: la possibilità di
sezione viene inoltre interessata dalla utilizzare combustibili molto diversi in ter-
insufflazione dell’aria comburente e ha mini di umidità e pezzatura, la possibilità
una propria tramoggia per la raccolta rimescolarli in modo assolutamente effica-
delle ceneri. In alternativa a quelle appe- ce, la facilità di rimozione delle ceneri,
na descritte si hanno poi le griglie a movi- che grazie al movimento non si accumu-
mento alternato con spinta inversa, così lano sulla griglia e quindi non portano a
definite in quanto presentano un movi- fenomeni di sinterizzazione e bloccaggio,
mento dal basso verso l’alto opposto e infine l’opportunità di avere alte effi-
rispetto a quello della biomassa impiega- cienze di conversione visto l’effetto irrag-
ta che invece tende a scendere per effet- giante prodotto dalla volta. Non manca-
to della gravità. Indipendentemente no tuttavia gli inconvenienti connessi
comunque dalle modalità di movimenta- all’impiego di questi sistemi che risultano,
zione della griglia, questa tipologia di data la struttura estremamente comples-
combustori sono spesso dotati di una sa e la presenza di elementi ingombranti,
volta di materiale ceramico che consente ancora particolarmente costosi. A diffe-
di riflettere in modo particolarmente effi- renza poi dei forni travelling grate la rego-
cace il calore sviluppato nel letto, favoren- lazione della velocità di movimento della
do così l’essiccamento e la conseguente griglia risulta più complicata inoltre, se
accensione della sostanza organica anche questa è troppo alta, si rischia di avere: o
quando questa presenta un elevato teno- un’elevata concentrazione di materiale
re di umidità. Le griglie mobili inclinate incombusto nelle ceneri o una disunifor-
infatti sono popolari nel nord Europa e mità nel letto di materiale organico con
principalmente in Scandinavia proprio per conseguente riduzione dell’efficienza di
la loro capacità di convertire biomassa combustione. Un ulteriore svantaggio è
anche non essiccata; quando invece si ha poi rappresentato dall’elevata inerzia ter-
a che fare con un combustibile a ridotto mica di questi sistemi che, per effetto del
contenuto di umidità ad esse si preferisco- grande quantitativo di biomassa trattata e
84 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Rappresentazione schematica di un combustore bustibile sulla griglia per effetto della gra-
Fig. 3.17
a griglia mobile orizzontale vità a cui fa seguito una più omogenea
distribuzione della biomassa nel letto, la
mancanza di punti caldi e quindi di feno-
meni di sinterizzazione delle ceneri e infi-
ne la possibilità di avere combustori di
dimensioni più contenute che è necessa-
rio però precaricare all’avvio evitando così
che le particelle di combustibile cadano
tra le barre della griglia prima di essere
state completamente bruciate.
Il sistema a griglia vibrante (figura 3.18),
utilizzato particolarmente negli Stati Uniti
per bruciare soprattutto residui legnosi, è
caratterizzato da un griglia composta da
una parete inclinata di tubi che viene posi-
zionata sopra delle molle. La biomassa,
introdotta tramite spruzzatori, sistemi a
dell’eventuale presenza di superfici in vite o idraulici, durante la fase di combu-
materiale ceramico, hanno di fatto una stione è soggetta a della vibrazioni inter-
limitata capacità di rispondere rapidamen- mittenti generate da due o più motori
te ai cambiamenti di carico richiesti. eccentrici (vibro–drive) che facilitano il
Meno utilizzata è invece la soluzione con processo di mescolamento. Queste oscil-
griglia a barre completamente orizzonta- lazioni ad intervalli brevi evitano la forma-
li (figura 3.17) nonostante questa presen- zione, in camera di combustione, di sco-
ti alcuni vantaggi rispetto alla tecnologia rie di grosse dimensioni ed è per tale
precedente. Tra questi si ricordano: l’as- motivo che questa tipologia di forni viene
senza di movimenti involontari del com- principalmente utilizzata là dove si ha una
sostanza organica che presenta problemi
di sinterizzazione e formazione di grandi
Rappresentazione schematica quantitativi di residui e agglomerati (si
Fig. 3.18
di un combustore a griglia vibrante
veda ad esempio la paglia o taluni scarti
legnosi). I maggiori inconvenienti riguar-
dano: l’elevata emissione di ceneri volati-
li per effetto delle vibrazioni della griglia
e l’alta concentrazione di monossido di
carbonio nei gas combusti, indice que-
st’ultimo di una combustione non comple-
ta che si spiega soprattutto a causa distur-
bi periodici indotti dalle oscillazioni sul
letto di materiale combustibile.
I cigar burners (figura 3.19) sono stati svi-
luppati in Danimarca specificatamente per
rispondere alle esigenze del settore agri-
85 La conversione termochimica

colo; essi infatti consentono la combustio- vapori alcalini che possono portare, se
ne diretta di grosse balle di paglia e non opportunamente contenuti, alla for-
cereali le quali vengono introdotte in mazione di depositi o alla corrosione delle
maniera continua per mezzo di un siste- strutture di scambio termico. Infine si
ma a pistone idraulico. Già all’interno del ricorda che è bene evitare sistemi di ali-
tunnel di alimentazione comincia a realiz- mentazione semi–continui con introduzio-
zarsi il processo di gassificazione della bio- ne in camera di combustione di balle inte-
massa che, una volta raggiunta la camera re ad intervalli regolari di tempo, in quan-
di combustione, si presenta di fatto quasi to in questo caso si tendono ad avere pic-
totalmente carbonizzata. A questo punto, chi nelle emissioni di monossido di carbo-
in seguito all’introduzione dell’aria com- nio durante il funzionamento del forno.
burente, si ha la vera e propria fase di I forni a griglie rotanti alimentate dal
ossidazione del carbone prodotto da cui basso (underfeed rotating grates, figura
si liberano ceneri e incombusti che, depo- 3.20) sono una nuova tipologia di forni di
sitandosi sulla griglia, vengono successi- origine finlandese caratterizzati dalla pre-
vamente scaricati nella parte bassa del senza di una griglia a forma di cono, nella
combustore. Estremamente importante in quale l’alternanza di sezioni che ruotano
questi impianti è poi il controllo della tem- in senso orario e antiorario determina il
peratura che, in condizioni di funziona- mescolamento della biomassa e il suo
mento normale, non dovrebbe mai supe- avanzamento verso la zona di raccolta
rare i 900 °C considerando proprio il basso delle ceneri. L’aria primaria viene insuffla-
punto di fusione che hanno le ceneri pro- ta dal basso nella camera di combustione
dotte da biomasse come paglia e cerea- primaria (subito sopra la griglia) favoren-
li. I sistemi di raffreddamento comune- do così lo sviluppo di gas combustibili
mente utilizzati prevedono allora l’utilizzo che vengono quindi bruciati in una secon-
di acqua o il ricircolo degli stessi gas com- da camera che può essere verticale o oriz-
busti. Tra i principali inconvenienti si zontale. La prima tipologia, adatta alla
segnala soprattutto l’altra concentrazio- produzione sia di acqua calda che di
ne, nei gas combusti, di ceneri volatili e vapore, è utilizzata in impianti con poten-
ze tra 1 e 10 MWt, la seconda invece si
ritrova tipicamente in installazioni più pic-
Fig. 3.19 Rappresentazione schematica di un cigar burner cole, tra 1 e 4 MWt, utilizzate solamente
la produzione di acqua calda. Il combusti-
bile viene introdotto dal basso tramite
dispositivi a vite (similmente a quanto si
vedrà per i forni underfeed stokers) per-
tanto la sua pezzatura deve mantenersi
inferiore ai 50 mm. Anche questi sistemi
hanno la peculiarità di accettare biomas-
se ad alto contenuto di umidità come cor-
tecce, segatura o chips di legno appena
tagliati, ma addirittura possono bruciare
persino prodotti legnosi misti a fanghi di
origine biologica.
86 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Rappresentazione schematica di un forno verso una lenta rotazione attorno ad un


Fig. 3.20
a griglia rotante alimentata dal basso asse inclinato rispetto all’orizzontale, ne
facilita il mescolamento. La biomassa, che
viene caricata con continuità dall’alto, si
accumula dunque all’interno della griglia
conica che in questa configurazione si
comporta come una sorta contenitore.
Come visto anche per gli altri sistemi l’aria
necessaria per realizzare il processo di
combustione viene suddivisa in due frazio-
ni: quella primaria viene insufflata attraver-
so la griglia, solamente nella parte coper-
ta dal combustibile, mentre quella secon-
daria è iniettata tangenzialmente e ad ele-
vata velocità nella sezione cilindrica del
forno. Tra gli aspetti più interessanti di
questa tipologia di combustori vi è sicu-
ramente la possibilità di operare con un
eccesso d’aria intorno a circa il 20–30%
che rappresenta, per la tecnologia a letto
I forni a cono rotante (figura 3.21) sono fisso, un valore particolarmente basso e
una particolare tipologia di combustori, che di fatto dimostra la capacità di rag-
messi a punto in Germania, nei quali una giungere elevati rendimenti di combustio-
griglia a forma di cono capovolto accoglie ne. Altre caratteristiche positive sono poi
la sostanza organica da bruciare e, attra- il basso quantitativo di prodotti volatili
presenti nei gas combusti (per effetto del
flusso rotazionale indotto dall’aria secon-
Rappresentazione schematica
Fig. 3.21
di un forno a cono rotante daria) e la possibilità di trattare biomassa
con caratteristiche estremamente variabi-
li in termini di dimensioni, contenuto di
umidità e temperatura di fusione delle
ceneri. Come inconveniente spicca inve-
ce la necessità di disporre di un bruciato-
re ausiliario per realizzare l’avvio del forno
il quale tra l’altro deve periodicamente
fermarsi affinché possa essere effettuata la
rimozione dei grossi agglomerati di cene-
re che man mano vanno accumulandosi al
centro della griglia.

Underfeed stokers
Oltre ai forni a griglia, di cui si è data
un’ampia descrizione delle principali solu-
zioni tecnologiche attualmente presenti
87 La conversione termochimica

sul mercato, nella famiglia dei combusto- della seconda frazione di comburente.
ri a letto fisso si possono inserire anche i Considerato il meccanismo di alimentazio-
così detti underfeed stokers. Questi rap- ne, le biomasse utilizzabili (chips, pellet,
presentano indubbiamente la tecnologia segatura) è bene che abbiano un basso
più economica e affidabile per le applica- contenuto di cenere e una pezzatura
zioni di taglia medio–piccola (< 6 MW) generalmente inferiore ai 50 mm così da
soprattutto quando si ha a che fare con scongiurare pericoli di intasamenti e bloc-
sostanza organiche caratterizzate da un chi. Gli underfeed stokers, che sono gene-
basso tenore di umidità. La peculiarità che ralmente integrati alla caldaia, possono,
li distingue è la modalità con cui la bio- per alcune applicazioni, essere costruiti
massa viene introdotta all’interno del anche separatamente e adattati a diverse
sistema. Il dispositivo di alimentazione tipologie di impianti. Il vantaggio princi-
prevede infatti la presenza di una coclea pale che si può riscontrare nell’utilizzo di
che conduce il combustibile alla base di questi sistemi risiede indubbiamente nella
una cavità a forma piramidale dalla quale, possibilità di lavorare in maniera ottimale
per effetto della spinta indotta dalla vite, ai carichi parziali vista la facilità di gestio-
questo risale fino a fuoriuscire nella prima ne e controllo del dispositivo di alimenta-
camera di combustione propagandosi zione del combustibile. Un inconveniente
nelle varie direzioni. In questa zona viene non ancora risolto è invece quello che si
introdotta, come di consueto, solamente manifesta per effetto della presenza di
l’aria primaria la quale, passando attraver- cenere sinterizzata: questa tende infatti a
so il combustibile, ha il compito di attiva- ricoprire la parte superiore del letto di
re il processo di ossidazione che verrà poi sostanza organica e qualora tale strato
completato nella parte alta della camera venga lacerato dalla biomassa o dal pas-
di combustione in seguito all’immissione saggio dell’aria primaria, il processo di
combustione tende a diventare rapida-
mente instabile.
Rappresentazione schematica
Fig. 3.22
di un underfeed stoker
Combustori a letto fluido
Si tratta di sistemi basati sulla stessa tec-
nologia già vista nell’abito dei processi di
pirolisi e gassificazione. Questi combusto-
ri sono infatti costituiti essenzialmente da
una camera cilindrica verticale (riser), all’in-
terno della quale il combustibile da bio-
masse brucia in un letto di materiale iner-
te (normalmente costituito da sabbia)
mantenuto in sospensione per mezzo di
un flusso d’aria comburente introdotto dal
basso. In alternativa la sabbia può essere
anche sostituita con sostanze come calca-
re o dolomite che hanno la capacità di
abbattere gli inquinanti acidi, eventual-
mente presenti nella materia organica
88 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

trattata, ed evitare la fusione delle ceneri avanzamento del fronte di fiamma. Grazie
nelle condizioni operative del combusto- all’ottimo miscelamento poi, la flessibilità
re. La predisposizione di un letto fluido di questi sistemi nell’utilizzo di miscele di
permette in generale di avere un maggio- diversi combustibili o di combustibili con
re controllo del processo di combustione diverso potere calorifico è sicuramente
grazie soprattutto alla più equilibrata e elevata. Più attenzione bisogna invece
uniforme distribuzione del calore che prestare alle dimensioni della biomassa
quindi consente, a parità di efficienza, di utilizzata e alle impurità in essa contenu-
avere una minore temperatura di eserci- te: nella maggior parte dei casi sono infat-
zio rispetto ai tradizionali impianti al letto ti necessari dei pretrattamenti per attua-
fisso. Questa, che normalmente oscilla tra re la pulizia della sostanza organica e per
gli 800 e i 900 °C in relazione anche al tipo ridurre la sua pezzatura a misure omoge-
di biomassa bruciata, deve comunque nee e idonee per la fluidizzazione del
mantenersi relativamente bassa (solita- letto.
mente 100–200 °C al di sotto di quella Nonostante però i progressi compiuti da
delle caldaie a letto fisso) per evitare feno- un punto di vista tecnologico, i combusto-
meni di sinterizzazione delle ceneri. Per ri a letto fluido manifestano ancora alcu-
realizzare il raffreddamento controllato di ne problematiche di utilizzo. Tra queste ad
questi sistemi si utilizzano allora: scambia- esempio si segnala l’elevato contenuto di
tori di calore interni, dispositivi per il ricir- polveri nei gas, che rende quasi sempre
colo dei gas combusti o iniezioni di acqua. necessaria la presenza di precipitatori e di
L’elevato grado di miscelamento raggiun- sistemi di pulizia del boiler, in grado di
to tra i tre principali attori del processo, limitare i fenomeni di agglomerazione di
ovvero combustibile, comburente e iner- ceneri basso fondenti e quindi scongiura-
te, consente poi di ottenere un’efficace re il pericolo di defluidificazione. Al fine di
trasmissione del calore che viene realizza- facilitare lo scarico delle parti incombuste
ta sostanzialmente per convezione e solo sono allora stati messi a punto reattori a
in modo trascurabile per irraggiamento. letto fluido rotante nei quali, grazie ad
Queste sono dunque condizioni ottimali una differenzazione nella velocità di ali-
per raggiungere una completa combu- mentazione dell’aria lungo la piastra infe-
stione con una bassa richiesta di aria in riore di distribuzione, si creano moti rota-
eccesso; che tra l’altro, non superando tori che favoriscono l’allontanamento
generalmente il 40%, permette inoltre di delle scorie. Un altro inconveniente è poi
minimizzare sia le emissioni di NOX che il la perdita frequente, con le ceneri e i fumi,
volume di gas effluente attraverso la di una parte del materiale inerte costi-
canna fumaria. Il riscaldamento del com- tuente il letto fluido che deve pertanto
bustibile avviene quasi sempre rapida- essere periodicamente reintegrato. Atri
mente con un’ossidazione piena in tutti i svantaggi sono: il mal funzionamento ai
punti del reattore; e questo soprattutto carichi parziale e gli elevati tempi di avvio
grazie alla turbolenza e alla miscelazione che possono raggiungere anche le 15 ore,
trasversale con le quali si riduce al mini- utilizzando bruciatori ad olio o a gas.
mo la formazione, all’interno della calda- Come noto in questo ambito si distinguo-
ia, delle cosiddette zone fredde che pos- no due diverse tipologie di combustori:
sono costituire un ostacolo al regolare quelli a letto fluido bollente (BFB –
89 La conversione termochimica

Fig. 3.23 Combustore a letto fluido bollente – BFB Bubbling Fluidised Bed) e quelli al letto
ricircolante (CFC – Circulating Fluisised
Bed). Trattandosi di due tecnologie già
descritte nel contesto dei processi di gas-
sificazione, qui si da solo un breve cenno
delle principali peculiarità. I combustori
BFB sono caratterizzati da un letto fluidiz-
zato costituito da granelli di sabbia silicea
di circa 1 mm, che tende a mantenersi
nella parte inferiore dell’impianto per
effetto delle basse velocità di fluidizzazio-
ne (1–2,5 m/s). A differenza dei BFB a car-
bone, il combustibile, che deve presenta-
re dimensioni inferiori agli 80 mm, non è
introdotto “sopra” il letto, ma “dentro” il
letto stesso e questo a causa della mag-
giore reattività posseduta dalla biomassa
rispetto al carbone. I combustori CFC
Fonte: AKER KVAERNER sono invece caratterizzati da una maggio-
re velocità di fluidizzazione (5–10 m/s) che
consente, rispetto alla tipologia prece-
Fig. 3.24 Combustore a letto fluido ricircolante – CFB dente, di aumentare il mescolamento tra-
sversale della sostanza organica nel reat-
tore, producendo così una migliore turbo-
lenza, un più efficace scambio termico e
una più uniforme distribuzione di tempe-
ratura nel letto. La conclusione è dunque
una combustione più stabile ed efficiente
che viene condotta su una biomassa con
minori dimensioni medie rispetto ai siste-
mi BFB (0,1–40 mm), e con un minore
volume di gas combusti. La pezzatura più
piccola del combustibile pone però alcu-
ni inconvenienti tra cui: costi di pretratta-
mento maggiori e difficoltà nella fase di
alimentazione, visti l’elevata velocità di
fluidificazione e la bassa densità di tali
prodotti. Maggiori sono in generale anche
i costi di istallazione, per effetto soprattut-
to delle dimensioni e della presenza di
cicloni che hanno il compito di separare il
materiale inerte (sabbia con granulometria
variabile da 0,2–0,4 mm) dal flusso di gas
Fonte: AKER KVAERNER in uscita. Nonostante ciò però i combusto-
90 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

ri a letto fluido ricircolante, la cui taglia va bustione del materiale carbonizzato si


generalmente dai 30 agli 80 MW, soffro- verificano rapidamente e in maniera quasi
no comunque un più elevato carico di contemporanea. Appare dunque chiara la
sabbia nei fumi che sfugge in parte al necessità di utilizzare efficaci sistemi di
separatore e che quindi deve essere rein- controllo del caricamento che possano
tegrato con una maggior frequenza garantire, vista la situazione, una rapida
rispetto ai BFB. sostituzione della sostanza organica
In conclusione si può ritenere che le cal- impiegata.
daie a letto fluido, nonostante rappresen- Considerando poi l’elevato grado di
tino una tecnologia indubbiamente sofi- miscelamento raggiungibile, questi com-
sticata e dispendiosa, stanno oggi rice- bustori richiedono spesso limitati eccessi
vendo sempre maggiori consensi per di aria (tipicamente forniti con la frazione
effetto soprattutto dei numerosi vantaggi secondaria) e questo contribuisce ad
che sono in grado di garantire. Si tratta avere alte efficienze di conversione non-
tuttavia di sistemi che trovano spazio per- ché basse emissioni di ossidi di azoto. La
lopiù in applicazioni di grande taglia (> 30 fornace, che è generalmente soggetta ad
MWe) mentre negli impianti più piccoli elevati livelli di temperatura dovuti all’al-
rimangono ancora economicamente più ta densità energetica della biomassa,
vantaggiosi i tradizionali combustori a viene tipicamente raffreddata con sistemi
letto fisso. ad acqua. Questo però spesso non basta
ad evitare il rapido deterioramento del
Combustori a polvere di biomassa materiale isolante che comunque tende a
Questi sistemi vengono utilizzati per la danneggiarsi sia causa dell’elevato stress
combustione di biomasse polverulenti e termico, che per effetto dell’azione corro-
leggere come ad esempio lolla di riso, siva esercitata dalle particelle di biomas-
segatura, polvere di legno o paglia tritu- sa in moto vorticoso. Un’altra particolari-
rata nelle quali le dimensioni delle singo- tà è poi la presenza di un bruciatore ausi-
le particelle non supera i 20 mm e il teno- liario che realizza la fase di start–up del-
re di umidità si mantiene al di sotto del l’impianto: tramite questo dispositivo cioè
20%. Tali combustibili, le cui qualità devo- si provvede ad accendere la carica all’in-
no essere estremamente omogenee, ven- terno della camera di combustione finché
gono iniettati pneumaticamente all’inter- la temperatura di quest’ultima non rag-
no del forno in miscela con la corrente di giunge valori tali da consentire il funzio-
aria primaria che li trasporta e li mantiene namento autonomo del forno.
in sospensione. Il flusso, che viene immes-
so tangenzialmente, produce all’interno Criticità
della camera di combustione cilindrica un Dopo aver analizzato i principali sistemi di
moto vorticoso rotazionale che può, in combustione si può in definitiva ritenere
alcune applicazioni, esser favorito anche che tali tecnologie sono oggi sufficiente-
dal ricircolo dei gas combusti provenien- mente mature per garantire buone effi-
ti dal camino. Per effetto di queste condi- cienze di conversione e nello stesso
zioni, ma soprattutto per le ridotte dimen- tempo una gestione ottimale delle cene-
sioni delle particelle di combustibile, i pro- ri e delle emissioni inquinanti prodotte.
cessi di gassificazione e successiva com- Nonostante comunque l’elevato grado di
91 La conversione termochimica

avanzamento industriale, alcune condizio- pesantemente svantaggiati dall’aggravio


ni rimangono determinanti per favorirne la delle tasse, il valore della biomassa diven-
piena diffusione di questi impianti; è ta più che mai rilevante, e non solo da un
necessario ad esempio garantire l’approv- punto di vista sociale e ambientale. La
vigionamento della biomassa a lungo ter- produzione di energia termica può realiz-
mine e a prezzi contenuti insieme natural- zarsi mediante l’impiego di tre diverse
mente a limitati costi capitali e buoni rica- tipologie di generatori di calore che si dif-
vi dalla vendita dell’elettricità. La realizza- ferenziano in funzione della forma com-
zione di impianti per la produzione di merciale assunta dalla biomassa lignocel-
energia elettrica dalla combustione di bio- lulosica che, come detto, è quella più ido-
masse, infatti, è tanto più economicamen- nea a subire un processo di combustione
te conveniente quanto maggiore è la diretta. Si hanno allora:
disponibilità di questa risorsa in grandi  caldaie per la combustione di legna in
quantità, localizzate geograficamente e ciocchi,
uniformemente distribuite nel tempo.  caldaie a cippato,
Queste condizioni si rendono necessarie  caldaie a pellet.
a causa della bassa densità energetica In tutti e tre i casi il recupero del calore
della sostanza vegetale rispetto ai comu- avviene in maniera indiretta per mezzo di
ni combustibili di origine fossile; basti un fluido vettore (ad esempio acqua).
pensare infatti che per produrre 1 kWh di Questa operazione, oltre a rendere dispo-
energia elettrica sono mediamente neces- nibile l’energia termica sviluppata in fase
sari 1 kg materiale legnoso contro sola- di combustione, risulta assolutamente
mente gli 0,3 kg di gasolio. Ricerca e svi- necessaria per raffreddare i fumi in uscita
luppo in questo campo sono principal- dal combustore (si può arrivare anche a
mente impegnate sia nel tentativo di 1.200 °C) su i quali andranno a realizzarsi
migliorare la flessibilità verso l’impiego di i processi di pulizia e abbattimento delle
biomassa diversificata, che nell’individua- emissioni. Questi dispositivi inoltre vengo-
zione delle migliori modalità per favorire no generalmente dimensionati per la
con più efficacia le applicazioni cogene- copertura del “base load” in quanto un
rative. loro funzionamento intermittente ne ridu-
ce sensibilmente l’efficienza. Per raggiun-
Impianti per la produzione gere questa condizione si utilizzano gene-
di energia termica ralmente degli accumulatori termici (ser-
La produzione di calore per mezzo di una batoi d’acqua che fungono da volano)
risorsa come la biomassa può considerar- che, venendo collegati direttamente alla
si assolutamente efficace sia nel settore mandata della caldaia, permettono a que-
prettamente domestico e civile, per il st’ultima di funzionare in maniera continua
riscaldamento degli ambienti o per la pro- e regolare indipendentemente dalle esi-
duzione di acqua calda sanitaria, che in genze dell’utenza. Un’altra possibilità poi
qualunque altro contesto in cui si presen- è quella di ripartire la potenza su più
ti un’utenza termica a bassa temperatura dispositivi, utilizzando un tradizionale
(serre, piscine, ecc.). In questi casi, infatti, combustore a gas o a gasolio per segui-
essendo i combustibili sostituiti general- re gli eventuali picchi nella richiesta.
mente metano o gasolio, che risultano A queste tre diverse tecnologie, che si
92 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

configurano come impianti di riscalda- ne. Questa tecnologia è oggi in fase di


mento centralizzato, in realtà è possibile diffusione anche nei generatori di calore
aggiungere anche una serie di sistemi di di piccole dimensioni e consente, non
riscaldamento ausiliario, come stufe di solo la riduzione dei gas tossici immessi
vario tipo e caminetti, che garantiscono nell’ambiente, ma anche un aumento del
un apporto di calore complementare rendimento termico del sistema con con-
magari in quei locali più utilizzati della seguente risparmio economico ed ener-
casa, creando nel contempo una piacevo- getico.
le atmosfera. La stufa a legna in partico- Proprio da un punto di vista economico si
lare, ampiamente utilizzata in passato, ha può affermare che allo stato attuale,
negli ultimi anni riacquistato un sempre essendo gli impianti di riscaldamento a
maggiore interesse quale dispositivo per biomassa caratterizzati da alti costi d’inve-
la produzione di calore. Durante la stagio- stimento e bassi costi di esercizio, le istal-
ne invernale infatti, essa può rappresen- lazioni di maggiore potenza, seppur tec-
tare un’ottima soluzione per l’integrazio- nologicamente più complesse, sono
ne del riscaldamento centralizzato, innal- generalmente più convenienti rispetto a
zando la temperatura nei locali più utiliz- quelle di taglia minore. Risulta assoluta-
zati e lasciando appunto all’impianto cen- mente efficace allora l’integrazione di
tralizzato solamente la fornitura del “cari- questi sistemi in reti di teleriscaldamento
co base”. Le stufe devono presentare una in cui, piccoli combustori, più o meno effi-
costruzione a camera stagna, per evitare cienti e bisognosi di singoli rifornimenti,
che eventuali spifferi d’aria causino una vengono sostituiti con grosse caldaie a
combustione non controllata della bio- biomassa ad elevate prestazioni e con-
massa in esse contenuta. La sostanza trollate da tecnici esperti 24 ore su 24.
organica è generalmente costituita da un Molti di questi impianti sono attualmente
certo numero di ceppi i quali, sorretti da dislocati nei comuni delle valli alpine,
una griglia, tendono a bruciare contem- dove per motivi climatici la richiesta di
poraneamente grazie all’aria fornita sia energia termica si protrae per lunghi
dal basso (tramite la griglia), che attraver- periodi all’anno e dove inoltre si può fare
so un’apposita apertura posta al di sopra affidamento su notevoli quantità di mate-
del focolare. Questa soluzione ha come riale legnoso di origine prevalentemente
obbiettivo quello di ricreare, anche in tali locale.
sistemi, il meccanismo della combustione Negli ultimi tempi l’offerta di tecnologie
a stadi. Uno dei maggiori inconvenienti di combustione ambientalmente compa-
delle stufe a legna è infatti l’elevata pro- tibili ha raggiunto livelli di efficienza, affi-
duzione di CO che si verifica per effetto dabilità e comfort del tutto simili a quelli
del raffreddamento indotto nel letto di degli impianti tradizionali a gas o gasolio.
combustibile, ogni qual volta si introduce Basti pensare che una moderna stufa o
della nuova biomassa. Appare chiaro dun- caldaia alimentata a biomassa arriva ad
que che il modo migliore per controllare avere rese prossime al 90% limitando
la produzione di questo pericoloso inqui- enormemente, rispetto ai vecchi caminet-
nante è quello di attuare la postcombu- ti e stufe, gli sprechi di biocombustibile e
stione dei fumi mediante l’introduzione di ottimizzando il controllo sulle emissioni. A
aria secondaria in camera di combustio- tale aspetto va poi associata la progressi-
93 La conversione termochimica

va evoluzione nel settore dei biocombu- ze, comprese le conifere o legni leggeri
stibili solidi che, oltre alla legna da arde- come il pioppo; tuttavia i risultati miglio-
re in ciocchi, offre legno sminuzzato (cip- ri, in termini soprattutto di durata della
pato) o macinato e pressato (pellet e bri- combustione, si ottengono con essenze
quettes) più comodi da movimentare e forti come robinia, faggio o quercia.
stoccare. In definitiva questo mercato di Questa tipologia di caldaie hanno poten-
nicchia per la produzione di energia ter- za limitata e trovano un impiego ottimale
mica da biomassa sta oggi mostrando un nel riscaldamento di case isolate com-
costante incremento, e le cause non si prendenti uno o pochi appartamenti.
limitano alla sola convenienza economica, Tra i principali vantaggi spiccano perlopiù
ma riguardano anche una sempre più dif- quelli di natura economica: i costi di inve-
fusa sensibilità della gente verso l’uso di stimento sono contenuti così come i costi
fonti energetiche rinnovabili. di gestione grazie soprattutto al basso
prezzo della legna da ardere rispetto ad
Caldaie per la combustione altre tipologie di biomassa. Trattandosi
di legna in ciocchi poi di una tecnologia ampiamente col-
Si tratta di sistemi che utilizzano legna da laudata essa risulta anche particolarmen-
ardere in ciocchi o tronchetti aventi pez- te sicura e in grado di garantire buoni ren-
zature variabili dai 50 ai 500 mm e tenori dimenti energetici, i quali possono rag-
di umidità preferibilmente inferiori al 25% giungere anche il 60–70%. Rappresenta
al fine di ridurre la fumosità e la formazio- indubbiamente uno svantaggio invece la
ne di condensati corrosivi. Possono esse- necessità di eseguire, mediamente ogni
re utilizzate praticamente tutte le essen- 1–3 giorni a seconda delle condizioni di
funzionamento, la carica manuale della
legna all’interno della camera di combu-
Fig. 3.25 Caldaia a fiamma inversa stione; questo determina un minor confort
di utilizzo da parte dell’utente che deve
preoccuparsi di preparare periodicamen-
te il combustibile il quale, tra l’altro, richie-
dendo molto spazio per lo stoccaggio,
esclude di fatto l’impiego di questa tec-
nologia in molte realtà urbane.
Attualmente la tipologia di caldaie più dif-
fusa per legna in ciocchi è quella a fiam-
ma inversa in cui la camera di combustio-
ne è situata sotto il vano in cui viene cari-
cata la legna. Queste caldaie sono gene-
ralmente provviste di sistemi per la circo-
lazione forzata dell’aria: in alcuni modelli
(ad aria soffiata), la ventola, posta sul lato
anteriore della caldaia, spinge l’aria all’in-
terno facendola fluire attraverso il combu-
stibile; in altri invece (detti ad aria aspira-
ta) la ventola, situata posteriormente sulla
94 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

bocca di uscita dei fumi, aspira i gas com- ad un processo di essiccazione che pre-
busti creando di fatto una depressione cede la combustione vera e propria.
nella camera di combustione che consen-
te il richiamo dell’aria comburente dal- Caldaie a cippato
l’esterno. Il principio di funzionamento dei Le caldaie a cippato utilizzano come com-
sistemi a fiamma inversa si basa sulla sud- bustibile del legno vergine (privo cioè di
divisione dell’aria in due flussi distinti. Un sostanze inquinanti come ad esempio ver-
primo flusso, detto di aria primaria, viene nici) che, attraverso una operazione mec-
introdotto in caldaia immediatamente canica di sminuzzamento (comunemente
sopra la griglia sulla quale è disposta la detta cippatura), viene ridotto in piccoli
legna, consentendo così l’avvio del pro- pezzi della dimensione di qualche centi-
cesso di combustione. Questa porzione di metro che possono così essere facilmen-
comburente, inferiore a quella necessaria te, introdotti in maniera automatica, all’in-
per il completamento del processo di ossi- terno del generatore di calore. A differen-
dazione, in realtà non fa altro che innesca- za quindi dei sistemi per la combustione
re un processo di gassificazione della bio- di legna in ciocchi, gli impianti a cippato
massa legnosa, con conseguente sviluppo sono totalmente automatizzati e inoltre
di un gas combustibile che, trascinato in non hanno limiti dimensionali, potendo
basso attraverso la griglia, viene bruciato raggiungere potenze anche di diversi MW
nella camera sottostante, grazie alla pre- termici. Ciò quindi li rende particolarmen-
senza di un flusso di aria secondaria. te indicati per il riscaldamento di edifici di
Con questo meccanismo a “fiamma inver- dimensioni medie o grandi quali alber-
sa” dunque, la legna non prende total- ghi, scuole, condomini, ospedali, centri
mente fuoco nel vano di carico, ma bru- commerciali o più unità abitative collega-
cia solo in prossimità della griglia; questo te insieme da reti di teleriscaldamento.
determina una migliore erogazione della Come gia anticipato, essendo il caricamen-
potenza e una combustione più control- to dei chips in caldaia realizzato in modo
lata, a tutto vantaggio quindi di una mag- automatico, è necessario che nelle vicinan-
giore efficienza termica e di un minor ze del generatore termico sia predisposta
quantitativo di emissioni inquinanti. I una vasca (comunemente detta anche silo)
modelli più avanzati si avvalgono poi siste- per lo stoccaggio del combustibile. Tale
mi di regolazione a microprocessore che, vasca deve essere di fatto una vera e pro-
sfruttando il segnale di una apposita pria struttura adeguata al volume di com-
sonda lambda, ottimizzano costantemen- bustibile da contenere; nel caso di impian-
te la quantità di aria comburente introdot- ti caratterizzati da piccole potenze, essa
ta, garantendo così alla caldaia di rag- può essere realizzata anche con sistemi pre-
giungere rendimenti, in condizioni di fabbricati in ferro o calcestruzzo che vengo-
potenza nominale, anche superiori al 90%. no tipicamente disposti in posizione adia-
Grazie a queste condizioni di alta efficien- cente al locale caldaia e in modo da con-
za si riduce sensibilmente anche il consu- sentire ai mezzi di trasporto del cippato
mo di biomassa che tra l’altro, in caldaie l’accessibilità e i necessari spazi di manovra.
a fuoco inferiore ben concepite, può esser Il silo va dimensionato tenendo conto
impiegata anche con alti tassi di umidità della potenza e del rendimento della cal-
essendo poi soggetta nel vano di carico daia, delle caratteristiche del combustibi-
95 La conversione termochimica

Cippato

Come detto il combustibile adoperato è sotto forma di scaglie (chips) che vengono pro-
dotte generalmente utilizzando legname di qualità medio bassa, come i residui delle
potature boschive, agricole e urbane (ramaglie, cimali), o i sottoprodotti e gli scarti pro-
venienti dalle industrie di lavorazione del legno. L’operazione di cippatura è effettuata
con delle macchine dette appunto cippatrici, presenti sul mercato in diversi modelli, e
distinguibili in funzione del sistema di taglio che può essere o a disco o a tamburo. Il
taglio a disco è generalmente realizzato nelle macchine di piccola potenza, che hanno
una capacità di lavoro di qualche tonnellata l’ora e che vengono portate da trattori
agricoli; i sistemi a tamburo sono invece installati in versioni molto più pesanti e poten-
ti, quasi sempre automotrici e in grado di lavorare legname con dimetri fino a 30 cm.
L’operazione di sminuzzatura, attuata quasi sempre nel sito di raccolta, presenta sia aspet-
ti positivi che negativi.
Tra i principali vantaggi vi è senz’altro la possibilità di ottimizzare l’impiego della bio-
massa legnosa disponibile, in quanto si può cippare anche quel materiale che non potreb-
be essere trasformato in alcun assortimento convenzionale perché piccolo o difettoso.
In pratica quindi la sminuzzatura consente di recuperare un 15–20% di biomassa che
altrimenti sarebbe abbandonata in bosco come residuo; cippare anche questo materia-
le non solo aumenta la resa a ettaro, ma risolve lo spinoso problema dei residui di uti-
lizzazione, che le misure di prevenzione degli incendi boschivi impongono tra l’altro
di asportare o eliminare. Un altro aspetto sicuramente positivo legato all’operazione di
cippatura è che, grazie ad essa, è possibile ridurre sensibilmente il volume apparente
degli scarti forestali, facilitandone così la movimentazione e il trasporto: una tonnel-
lata di cippato fresco infatti occupa circa tre metri cubi, contro i dieci necessari per
contenere la stessa quantità di ramaglia non lavorata. Ovviamente ciò vale solo per il
materiale minuto in quanto il volume occupato dal cippato è comunque superiore, quasi
doppio, all’ingombro di un peso equivalente di legname tondo; la logica conclusione
quindi è che conviene sminuzzare ramaglia, scarti e piante di piccole dimensioni, men-
tre è meglio ridurre in ciocchi le piante medio–grosse, soprattutto se la distanza di tra-
sporto è elevata.
A questi aspetti positivi si contrappongono però alcuni svantaggi; uno tra tutti ad esem-
pio è quello legato alla notevole richiesta di potenza delle attuali cippatrici, inconve-
niente che si ripercuote inevitabilmente sia sul costo della macchina che sul consumo
di combustibile da parte di quest’ultima. Nonostante questo però il mercato del cippato
offre prezzi di acquisto non particolarmente elevati che tuttavia però non sono riusciti
a sviluppare sufficientemente questa risorsa e a renderla una vera alternativa ai combu-
stibili tradizionali. Tra i problemi relativi all’utilizzo del cippato spicca poi quello lega-
to alla sua scarsa conservabilità particolarmente accentuata per tenori di umidità supe-
riori al 35–40%. Il legno umido infatti è un substrato eccellente per la crescita di vari
microrganismi xylofagi, funghi e batteri da cui la pianta normalmente si protegge gra-
zie alla presenza della corteccia; in seguito alla sminuzzatura però viene prodotta
un’enorme quantità di legno non protetto, e pertanto, moltiplicandosi la superficie ricet-
tiva all’attacco dei microrganismi, si innesca un processo di rapido deterioramento che
è bene tenere sotto controllo evitando ad esempio al cippato lunghi periodi di stoccag-
gio. Generalmente l’attacco microbiologico inizia gia poche ore dopo che il legno è stato
cippato e può andare avanti per diverse settimane, fino a che la temperatura generata
dalla respirazione microbica non diventa talmente elevata da inibire l’ulteriore prolife-
razione dei microrganismi che ne sono la causa. Una delle conseguenze di questo pro-
cesso di deterioramento è innanzitutto la perdita di una notevole quantità di sostanza
96 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

secca che, venendo divorata dai microrganismi, non è più disponibile per la produzio-
ne di energia. Con uno stoccaggio prolungato in condizioni sfavorevoli si può arrivare
infatti a riduzioni di massa superiori anche al 20% con evidente danno economico per
il proprietario dell’impianto. Per meglio rendersi conto dell’importanza del problema basti
pensare che, essendo il valore del cippato funzione del calore prodotto, perdere un 20%
del potere calorifico sul materiale consegnato in deposito significa innalzarne di fatto il
suo costo di un quinto. Altri inconvenienti conseguenti all’attacco microbico sono poi:
l’enorme sviluppo di spore, che possono indurre reazioni allergiche nei soggetti sensibi-
li rendendo così il deposito del cippato un ambiente di lavoro particolarmente insalu-
bre, nonché il rischio di autocombustione a cui può andare incontro la catasta di chips
per effetto delle alte temperature dovute all’azione dei microrganismi. Quest’ultimo pro-
blema, abbastanza raro in realtà negli impianti di riscaldamento per uso civile, tende a
verificarsi quasi esclusivamente nei depositi di grosse dimensioni, contenenti diverse
migliaia di tonnellate di materiale legnoso, e nei quali lo stoccaggio si prolunga oltre i
6–10 mesi. A parità di condizioni (umidità e pezzatura) tutte le specie sono attaccate in
modo più o meno grave: pioppo e salice sono quelle più vulnerabili, mentre in genera-
le le conifere hanno una maggiore resistenza grazie soprattutto alla resina che garanti-
sce loro una limitata protezione.
A seconda delle caratteristiche possedute dalla massa legnosa che viene sottoposta al
processo di cippatura, è possibile distinguere tre tipologie di cippato:
 cippato bianco, che deriva dalla sminuzzatura di solo legno, ovvero di fusti o tron-
chetti preventivamente scortecciati;
 cippato marrone, che contiene anche porzioni di corteccia le quali, frantumandosi in
particelle di piccole dimensioni, riempiono parte degli interstizi tra i cips creando così
un aggregato più compatto e a maggior massa volumica rispetto alla categoria pre-
cedente; questa tipologia di cippato è quella più frequente, sia nella produzione fore-
stale sia in quella industriale;
 cippato verde, che, essendo ottenuto dalla riduzione in cips di piante intere o di por-
zioni di chioma, contiene anche fogliame e soprattutto aghi i quali conferiscono all’am-
masso una maggiore umidità che può creare fenomeni indesiderati di compattamen-
to all’interno delle strutture di stoccaggio.
La geometria e la dimensione dei chips, che dipendono dal tipo di cippatrice impiegata
e da parametri operativi quali velocità di rotazione dell’organo di taglio o velocità di
avanzamento del pezzo di legno, vengono definite in funzione del tipo di caldaia uti-
lizzata ma soprattutto, in funzione del suo sistema di alimentazione che ha il compito
di introdurre in camera di combustione il cippatto proveniente dal sito di stoccaggio.
Questi chips presentano tipicamente una lunghezza compresa tra i 15 e i 50 mm, una
larghezza pari a circa la metà della lunghezza e uno spessore variabile da un quinto a
un decimo della lunghezza; pertanto una dimensione tipica è ad esempio 40 x 20 x 3
mm. La granulometria del cippato e ancor più la sua omogeneità (ottenuta con la cali-
bratura tramite vagli) sono parametri estremamente importanti ai fini dell’impiego negli
impianti di riscaldamento ad alimentazione automatica, in quanto particelle disomoge-
nee in dimensioni e forma possono causare inconvenienti nel funzionamento e blocchi
del sistema di alimentazione della caldaia. Un altro parametro da tenere in considera-
zione è il tenore di umidità: attualmente infatti le tecnologie disponibili per la combu-
stione del cippato accettano solamente biomassa con un’umidità massima del 50%; dei
limiti si hanno anche per quanto riguarda il materiale legnoso di partenza, il cui livel-
lo di umidità deve essere compreso tra il 25% e il 50% dato che valori al di sotto o al
di sopra di queste soglie possono causare problemi al funzionamento della cippatrice.
97 La conversione termochimica

Figura 3.26 dei costi di investimento. Sul fondo del


Silo per lo stoccaggio silo viene posizionato l’estrattore del cip-
del cippato
pato, che preleva il combustibile e lo con-
voglia nel canale della coclea di traspor-
to la quale, almeno nelle piccole e medie
applicazioni, rappresenta il sistema più
comune di alimentazione della caldaia.
Nei piccoli impianti, per potenze fino a
300–500 kW, e capienze fino a circa 100
m3, come estrattore viene generalmente
usato un sistema a braccio rotante, che
richiede tipicamente una sezione del silo
circolare o quadrata. Per impianti di mag-
giore potenza invece vengono usati
estrattori a fondo mobile, costituiti da una
o più rastrelliere parallele ad azionamen-
to idraulico che, con un lento movimento
avanti e indietro spingono il cippato nel
canale della coclea. In linea generale tra
le, dell’autonomia richiesta e dell’organiz- il sistema a rastrelli a pavimento e i brac-
zazione che presiede agli approvvigiona- ci rotanti è da preferire quest’ultimo, per
menti. Per quanto riguarda quest’ultimo la sua maggiore flessibilità di movimenta-
aspetto infatti va ricordato che, tanto più zione del cippato, per il suo minor costo,
sicuri sono i rifornimenti, tanto minori pos- la minore potenza elettrica impegnata e
sono essere i volumi di scorta per garan- la minore rumorosità.
tire la continuità di funzionamento del- A seconda delle tipologie costruttive, le
l’impianto a cippato; avere infatti un faci- caldaie si possono dividere in varie cate-
le accesso a questo tipo di combustibile gorie, tuttavia il primo e più significativo
permette di utilizzare dei silos di ridotte criterio per classificarle resta la definizio-
dimensioni con conseguente riduzione ne della tipologia di camera di combustio-
ne adottata: a griglia fissa, con alimenta-
zione inferiore, o a griglia mobile. La
Figura 3.27 prima tipologia è particolarmente indica-
Coclea di trasporto del cippato
ta per la conversione termica del cippato
di piccole dimensioni, con basso tenore di
umidità e contenuto di ceneri inferiore al
2%, la seconda invece consente di brucia-
re pezzature più grosse, ad alto contenu-
to di ceneri (fino al 10%) e umidità anche
del 50%. La possibilità di avere un impian-
to meno esigente in fatto di umidità e
pezzatura del combustibile potrebbe
indurre a pensare che il sistema con came-
ra di combustione a griglia mobile sia
98 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Fig. 3.28 Estrattore di cippato a fondo mobile dispendiosi apparati di monitoraggio, ren-
dono di fatto questa tecnologia più adat-
ta alle installazioni più grosse, con poten-
ze anche superiori al MW.
Nelle caldaie a griglia mobile, il movimen-
to della griglia può essere sia traslatorio
alternato che rotatorio, con quest’ultimo
tipo è possibile migliorare la combustione
e quindi il rendimento nominale utile del
generatore di calore che risulta in questo
caso particolarmente indicato per ogni tipo
di biomassa e per potenze oltre i 2.000 kW.
Le caldaie che oggi si trovano in commer-
cio, aventi una potenza tipicamente com-
presa tra i 30 e i 3.000 kW, permettono di
raggiungere rendimenti nominali anche
del 70–80%, a seconda del tipo di cippa-
to utilizzato, del suo tenore di umidità e
quello più flessibile e quindi universal- quindi del potere calorifico inferiore
mente adottabile; in realtà però il suo (mediamente pari a circa 10 MJ/kg). I siste-
maggior costo e i maggiori problemi di mi più avanzati sono dotati di un micropro-
regolazione ai bassi carichi, che si mani- cessore che, in base alla richiesta di ener-
festano specie in assenza di altrettanto gia dell’utenza e alla temperatura e con-

Fig. 3.29 Esempio di caldaia a cippato ad alimentazione inferiore


99 La conversione termochimica

Esempio di caldaia a cippato con griglia le pause di funzionamento, permettendo


Fig. 3.30
a movimento traslatorio alternato così la riaccensione immediata al riavvio
dell’impianto. Dispositivi indispensabili
invece negli impianti a cippato sono quel-
li di sicurezza destinati ad impedire even-
tuali ritorni di fiamma dalla caldaia al silo
di stoccaggio. Tra i più comuni vi sono
sicuramente le serrande tagliafiamma che
garantiscono l’interruzione del flusso del
flusso di combustibile; non mancano poi
anche le valvole di sicurezza termica le
quali, collegate alla rete idrica, immettono
in caso di emergenza acqua nel canale
della coclea impedendo così il propagar-
si del ritorno di fiamma.

centrazione di ossigeno dei fumi, regola in Caldaie a pellet


continuo il flusso del cippato e la potenza Si tratta di sistemi aventi caratteristiche
erogata, mantenendo così la combustione molto simili alle caldaie a cippato; a diffe-
ottimale anche con combustibili diversi. renza di queste ultime però, viene brucia-
L’accensione del cippato può avvenire sia to un prodotto densificato, normalmente
manualmente, sia automaticamente per di forma cilindrica detto pellet che, per la
mezzo di dispositivi sia elettrici che a com- sua alta densità energetica e facilità di
bustibile liquido. In alcuni modelli esiste movimentazione, rappresenta il combu-
poi la funzione di mantenimento braci che stibile vegetale più indicato per impianti
consente alla caldaia di mantenere una di riscaldamento automatici di tutte le
piccola quantità di brace accesa durante dimensioni.

Fig. 3.31 Schema di una centrale termica a cippato


100 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Pellet

Il pellet di legno nasce nel 1973 in Idaho negli Stati Uniti, quando, a seguito della crisi
petrolifera, un ingegnere mise a punto questo nuovo tipo di combustibile legnoso. Ideato
inizialmente per l’impiego industriale, ben presto venne immesso sul mercato delle cal-
daie domestiche, diventando oggi, anche in Europa, una validissima alternativa a pro-
dotti come il gasolio il GPL e persino il gas naturale. Il pellet deriva da un processo
industriale attraverso il quale la segatura, i trucioli o le scaglie di legno vergine (ovve-
ro non trattato con colle o vernici) polverizzate appartenenti a diverse specie vengono
trasformate, per mezzo di idonee macchine pellettizzatrici, in piccoli cilindri di diame-
tro variabile tra 6 e 12 mm e lunghezza oscillante tra 12 e 18 mm.
In maniera schematizzata il processo di fabbricazione del pellet viene suddiviso nelle
seguenti fasi: essiccazione, triturazione, pellettizzazione, raffreddamento, separazione e
immagazzinamento–insaccamento. In alcuni casi poi, quando la tipologia di biomassa
lo richiede, a monte dell’essiccazione si rendono necessarie altre due importanti fasi: la
macinazione di sgrossatura e la deferrizzazione. In figura 3.33 è riportato lo schema a
blocchi di un impianto industriale per la produzione di pellet.
La macinazione di sgrossatura è un’operazione che viene eseguita, sulla tutta quella
biomassa che si presenta, prima della fase di essiccazione, in forma grossolana; in que-
sto caso infatti i tronchetti di legno o le ramaglie, subiscono, mediante l’ausilio di un
rotore a coltelli, una vera e propria riduzione volumetrica in scaglie. Prima dell’intro-
duzione nel macinatoio poi, il materiale grezzo viene solitamente separato, tramite l’azio-
ne di appositi magneti, da eventuali elementi ferrosi (deferrizzazione) che, se introdot-
ti nella trafila di produzione, potrebbero causare ingenti danni. Con le tecnologie oggi
più diffuse, il materiale legnoso di partenza inoltre non può essere utilizzato per la pro-
duzione di pellet se presenta un contenuto di umidità superiore in media al 12%: è
quindi necessario, dopo la macinazione primaria, eseguire un’essiccazione attraverso
l’esposizione ad aria calda, vapore e acqua. In questo modo si raggiunge il grado di
umidità desiderato e viene data possibilità alla lignina, contenuta nella materia prima,
di svolgere nella successiva fase di pressatura il ruolo di legante tra le diverse particel-
le di legno.
Le tecnologie per l’essiccamento della biomassa maggiormente utilizzate prevedono per

Figura 3.32 – Pellet di legno


101 La conversione termochimica

lo più l’utilizzo di essiccatoi rotativi, in equicorrente o in controcorrente e con riscal-


damento che può essere diretto o indiretto. Negli essiccatoi a riscaldamento diretto il
materiale umido entra direttamente in contatto con un gas caldo che può essere costi-
tuito o da prodotti di combustione (essiccazione a fumi diretti) o semplicemente da aria
riscaldata (essiccazione ad aria calda). Nei sistemi a riscaldamento indiretto invece, il
materiale grezzo non entra in contatto con nessuna sostanza, ma anzi rimane all’inter-
no del tamburo rotativo che, montato su una cassa rivestita con mattoni refrattari, viene
riscaldato esternamente.
Una volta essiccato il materiale grezzo (trucioli, segatura o i chips precedentemente lavo-
rati) viene poi sottoposto ad un processo di triturazione con riduzione in piccoli gra-
nuli di dimensioni omogenee (circa 3 mm) che consentono sia l’alimentazione a flus-
so continuo della pellettizzatrice, che la possibilità, eventualmente, di miscelare diffe-
renti specie legnose e scarti di lavorazione. Questa fase viene spesso realizzata impie-
gando mulini a martello. Il materiale così triturato viene quindi avviato alla sezione di
condizionamento, dove viene preparato per entrare nella trafila della pellettizzatrice.
Una pratica comune in questo caso è quella di utilizzare del vapore acqueo secco per
ammorbidire le fibre legnose ed
effettuare una parziale gelatiniz-
Schema a blocchi di un impianto
Fig. 3.33 zazione della biomassa, in modo
di pellettizzazione
da ottenere un pellet più compat-
to e, al contempo, una maggior
lubrificazione alla trafila nella
fase di pellettizzazione. Nono-
stante poi per la produzione di
questo combustibile non sia
richiesto l’utilizzo di leganti, che
addirittura sono vietati da diver-
se normative, durante la fase di
condizionamento è comunque
possibile miscelare al materiale
legnoso alcune sostanze naturali
come ad esempio amido, melassa,
oli vegetali o sulfonato di ligni-
na, che permettono di migliorare
la consistenza finale dei cilindret-
ti densificati.
Il materiale così trattato passa
quindi all’interno della pellettizza-
trice; questa macchina, che agisce
per compressione, ha quali ele-
menti principali degli stampi per-
forati (comuni a tutti i processi di
estrusione) cilindrici o piani, detti
anche matrici, attraverso i cui fori
la biomassa condizionata viene
spinta ad elevata pressione (fino
a 200 atmosfere, ≈ 200 · 105 Pa)
Fonte: AREA Science Park mediante idonei sistemi a rulli.
102 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Queste condizioni pressorie inducono nella massa legnosa temperature prossime ai


90 °C le quali, a loro volta, favoriscono la fluidificazione della lignina che esce dalle
strutture cellulari e, polimerizzando, compatta i diversi granuli garantendo così la per-
fetta coesione del cilindretto densificato. L’estruso, che fuoriesce dai fori delle matri-
ci, si presenta come un materiale compresso e bachelizzato in superficie; esso viene
quindi tagliato, da apposite lame, alla lunghezza voluta e ridotto nei tradizionali cilin-
dretti dai quali deriva appunto il nome di pellet.
Terminato così il processo di pellettizzazione vero e proprio, che presenta una produt-
tività variabile da 800 a 4.000 kg/h, si ha la fase di raffreddamento del combustibile
che viene generalmente condotta in appositi impianti di ventilazione. Questa operazio-
ne riveste un ruolo particolarmente importante in quanto, oltre a ridurre la temperatu-
ra del pellet e l’umidità sprigionatasi con la pressatura, si realizza anche un rapido indu-
rimento del prodotto che contribuisce a preservarne nel tempo le caratteristiche quali-
tative. Nella sezione di separazione è infine eliminato il combustibile non integro che
viene reimmesso nel sistema di estrusione, al fine di evitare successivi problemi di inta-
samento causati da un eccesso di polveri nei contenitori per lo stoccaggio. In alterna-
tiva ai tradizionali silos il pellet può essere anche conservato all’interno di appositi sac-
chi che vengono riempiti da una macchina pesatrice/insaccatrice automatica collocata
in coda alla linea di produzione.
Ad oggi il mercato del pellet è a esclusivo appannaggio della biomassa legnosa, in par-
ticolare di quella proveniente dai comparti di prima e seconda lavorazione del legno;
diversi però sono anche gli studi rivolti a sviluppare la filiera del pellet da colture erba-
cee o da una miscela di queste con biomasse legnose. La diversa qualità della biomas-
sa di partenza, soprattutto in termini di potere calorifico e contenuto in ceneri, porte-
rà però inevitabilmente a un prodotto densificato con caratteristiche differenti da quel-
le del pellet di legno, caratteristiche che ne modificheranno di conseguenza anche la
destinazione d’uso ma non la tecnologia e la filiera di produzione che invece rimar-
ranno invariate a prescindere dal tipo di biomassa utilizzata.
In Europa è la Svezia il più grande produttore e utilizzatore di questa tipologia di pro-
dotto, che è comunque diffuso in molti altri paesi europei. In Italia l'utilizzo del pellet
non è particolarmente esteso anche se negli ultimi anni si sta registrando un trend di
crescita decisamente positivo. Oggi la produzione italiana è stimata intorno alle 500
tonnellate annue, valore comunque non comparabile a quello di paesi come la Svezia,
dove si superano le 500.000 tonnellate, la Danimarca (≈ 150.000 ton) o l’Austria (≈
35.000 ton). Per non deludere nel nostro paese le aspettative di un mercato sempre più
in espansione è necessario garantire standard opportuni sia sulla qualità del pellet
(dimensione, umidità, densità, contenuto delle ceneri, potere calorifico, ecc), che sugli
apparati utilizzatori; introducendo allo scopo specifiche norme tecniche.
Il Comitato Termotecnico Italiano (CTI), anticipando il legislatore nella definizione di
una specifica normativa di regolamentazione, ha fornito una raccomandazione (R 04/5)
proprio sulla caratterizzazione del pellet a fini energetici. Questo documento si pone
come obbiettivo sia il miglioramento delle condizioni di commercio di questo prodot-
to, da realizzarsi attraverso l’intensificazione del confronto tra tutti gli attori del siste-
ma pellet (costruttori di impianti di pellettizzazione, produttori di pellet, costruttori di
impianti di combustione, commercianti e utenti finali), sia la definizione di riferimen-
ti tecnici utili al legislatore per facilitare l’implementazione della normativa in mate-
ria. Il CTI fornisce una caratterizzazione del pellet mediante l’individuazione di 4 cate-
gorie distinte, definite in funzione della materia prima d’origine e delle caratteristiche
103 La conversione termochimica

Come per gli impianti a cippato, anche niente è stato messo a punto un secondo
fisiche e chimiche del prodotto finito. La raccomandazione, nelle categorie B e C, con-
per quelli a pellet è necessario predispor- tipo di caldaia, a caricamento dal basso;
templa anche l’uso di biomassa derivante da colture e residui erbacei, nonché agroin-
redustriali;
in prossimità
non è della
invececaldaia
previsto unl’utilizzo,
conteni-come inmateria
questoprima, caso, degli
il funzionamento
scarti dell’industriaè com-
tore per lo stoccaggio; questo, a causa pletamente automatizzato
agroalimentare che invece sono considerati in ambito europeo dalle direttive n. 2000/76 e tutti i para-
dell’alta densità energetica
e n. 2001/80 CEN/TC 335. del combusti- metri di esercizio, come quantità di aria
bile che alle
Rispetto dovrà contenere,
biomasse presenta
non densificate, comecomburente
la segatura, ilecippato, flusso lediramaglie,
combustibile,ecc.,
il pellet presenta
dimensioni notevoli vantaggi
paragonabili a quelleche deigli permettono
sono controllati di essere molto elettronicamen-
e regolati più apprezza-
to sul serbatoi
comuni mercato, per rispetto al materiale
gasolio. Nei silosdiil partenza.
te per Tra mezzo i piùdi importanti ricordiamoTali
un microprocessore. i
seguenti:
combustibile a pellet è introdotto utiliz- caratteristiche di semplicità d’uso e di
 elevata densità apparente (bulk density); questo fattore, che può variare tra i 650 e i
zando i sistemi di pompaggio delle auto- automazione conferiscono agli impianti di
780 kg/m3, dipende dalla forma e dalle dimensioni del materiale, dall’umidità e dalla
bottiporosità.
adibite Ilalpellet
trasporto;presenta sistemi pre- unariscaldamento
tali mediamente densità 7 voltea pellet superioreun elevato
alla segaturalivelloedi
sentano
3 volte tubazioni
superiore di aldistribuzione
cippato, e ciò lunghe affidabilità
ne ottimizza e rendimenti
il trasporto istantanei di com-
e lo stoccaggio;
anche
 basso trenta metri in
contenuto e un dispositivo
umidità; le normative bustionee superiori
che, austriaca anche al 90%.
svedese prescrivono un limiteNon
per massimo
evitare ladel diffusione
10% dadicalcolarsi
polveri nell’am-
sul secco; tale mancano
valore poi altripreso
è stato significativi vantaggi.
come riferimento
bienteanche dal Comitato
durante la fase Termotecnico
di scarico, preleva Italiano (Raccomandazione
In primo luogo va CTI R04/05)il minor
ricordato sulla qua-inve-
l’aria durante il pompaggio e la fa ricirco- stimento iniziale rispetto all’istallazioneedi
lità del pellet; il basso contenuto idrico migliora il rendimento della combustione
contribuisce a ridurre i costi di trasporto; un ulteriore vantaggio si ha nello stoccag-
lare. Similmente agli impianti a cippato, il un impianto a cippato; una caldaia a pel-
gio del combustibile che non rischia di incorrere in fenomeni fermentativi con la for-
trasporto del pellet dal serbatoio alla cal- let infatti ha mediamente un costo varia-
mazione di muffe e batteri;
daia
 alto potere quasi
si realizza sempre
calorifico per utilizzando
unità di peso; un il bile
potere tracalorifico
2.200 e 4.500 ? e pertanto
del pellet è determinato essa si
dalla composizione e dalla struttura della biomassa impiegata per la sua fabbricazio-in
sistema a due coclee: una prima, detta di presta particolarmente all’impiego
estrazione, preleva
ne. Il pellet il combustibile
di legno ha un p.c.i.dal silo 4.000
di circa utenze domestiche
kcal/kg, anche di bassa
valore energetico poten-
particolar-
e lomente
invia al elevato
canale neldicampo dei biocombustibili;
alimentazione, qui za (inferiore ai 10 kW). In generale il costo
 omogeneità
interviene poi del
unamateriale
secondasiacoclea dal puntoche di vista
di una delle caratteristiche
caldaia con serbatoio fisichediche qua-
stoccag-
litative; granulometria ridotta e omogeneità di forma
conduce il pellet direttamente all’interno gio a capacità settimanale si può riteneregarantiscono una estrema faci-
lità nella movimentazione del prodotto che avviene generealmente mediante coclee,
della camera di combustione. Ciò avvie- paragonabile a quello di un comune
nastri trasportatori o sistemi pneumatici di aspirazione; si ha quindi la possibilità di
ne di regola quando il silo di stoccaggio impianto a gasolio, se invece si desidera
utilizzo in caldaie automatizzate con tutti i vantaggi che ne conseguono in termini
è adiacente al locale
di regolazione, caldaia,
dosatura se invece il continua
e alimentazione una riserva stagionale ovviamente
del combustibile; il grande inte- si va
deposito
resse neiè più lontanodel
confronti (fino a dieci
pellet, metri
forse, risiedeincontro
proprio ad nelun investimento
fatto che esso simaggiore;
comporta,in
e oltre),
nellailmovimentazione,
trasporto può essere effettuato
similmente ai fluidi;entrambi
ciò permettei casi un
comunque il livello
elevato grado di di com-
auto-
mazione degli apparecchi e degli impianti di combustione,
con coclee flessibili o con sistemi pneu- fort garantito dai sistemi a pellet è di fatto al punto che nelle moda-
lità di impiego essi si avvicinano agli impianti
matici. alimentati
identico con olio
a quello delcombustibile,
gasolio o di kero-
altri
sene o GPL; questo combustibile gode poi di una
Le caldaie per la combustione del pellet combustibili fossili. Per quanto riguardaelevata regolarità nella sua com-
posizione e ciò permette di avere una migliore regolazione del processo combustio-
sono classificabili sostanzialmente in due poi l’asportazione delle ceneri, questa
ne e un miglior controllo delle emissioni. Inoltre il vantaggio di avere un prodotto
categorie, che si differenziano
standardizzato, quale si vuolper tipo generalmente
far ildiventare il pellet facendo deve essereprecise
rispettare fatta una volta
norme
di alimentazione. Quelle alimentate dal- ogni due o tre
qualitative e riportando le informazioni sulle caratteristiche chimico–fisiche in eti- mesi; nel pellet di buona
l’altochetta,
sono riduce
state ledi prime
fatto ilarischio incorrerequalità,
esserediintro- infatti,di
in materiale il contenuto
scarsa qualità in ceneri
dotatoè adpari
dotte, esse consentono
esempio di eccessiva di ottenere
umidità, rendi-
di una circa disomogenea
pezzatura allo 0,5% delo volume di un alto totale, ovvero
contenuto
menti di impurità e di ceneri.
di combustione molto elevati, ma per ogni metro cubo di combustibile bru-
Un ulteriore aspetto qualificante
sono particolarmente sensibili a un è conte-
rappresentato ciato dalsi ridotto
producono quantitativo
meno didi3ceneri kg di pro-
cene-
dotto durante il processo di combustione; in relazione
nuto in ceneri nel combustibile superiore re; quantitativo particolarmente proprio al contenuto in basso
ceneri, e
i combustibili a pellet sono differenziabili in tre classi: classe “premium” con produ-
all’1% il quale può determinare un’ostru- inferiore a quello di altri prodotti legnosi.
zione di ceneri inferiore al 1%, classe “standard” con livelli compresi tra l’1 e il 2% e
zione
classe delle prese d’aria
“industriale”, nondel generatore
utilizzata di nelle
di fatto Oltre ai vantaggi
comuni gestionali illustrati,
caldaie commerciali, e avente vi
calore per semplice agglomerazione
un contenuto in ceneri pari o addirittura superiori al 3%. o sono anche significativi vantaggi economi-
vetrificazione. Per ovviare a tale inconve- ci che fanno prevedere un crescente inte-
104 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Un’altra forma densificata: i briquettes

I briquettes sono un’altra forma densifcata di biocombustibile ottenuta dalla pressatu-


ra di residui legnosi più grossolani rispetto a quelli utilizzati nella produzione del pel-
let, essi si presentano generalmente o come dei tronchetti cilindrici, aventi una lun-
ghezza di 30 cm e un diametro di 7–8 cm, o come elementi di forma parallelepipeda
più facili da utilizzare e da stoccare.
La densificazione della biomassa in bricchetti, presenta gli stessi vantaggi e svantag-
gi della trasformazione in pellet, in seguito al processo di bricchettatura si ottiene infat-
ti: un miglioramento delle caratteristiche fisiche del materiale di partenza (densità, omo-
geneità, ecc.), una riduzione dei volumi, una riduzione dei costi di stoccaggio e tra-
sporto e un miglioramento del comportamento durante la combustione. Al contempo
però l’operazione di bricchettatura, al pari della pellettizzazione, necessita di un pre-
ventivo condizionamento del materiale legnoso di partenza che deve essere essiccato
fino a raggiungere valori di umidità intorno all’8–10%, così da produrre bricchetti con
umidità del 6–8%, i quali mostrano buona resistenza, non si fessurano e garantisco-
no un processo di produzione ad alta efficienza. Successivamente è necessaria anche
una fase di triturazione della biomassa, sino ad ottenere una granulometria di 6–8
mm, che possa così garantire il migliore grado di compattazione del materiale e le
migliori rese produttive.
In linea generale quindi i pretrattamenti necessari per eseguire una corretta bricchet-
tatura sono molto simili a quelli attuati nell’ambito della pellettizzazione, sebbene
comunque le tecnologie impiegate siano relativamente più semplici. Definita la gra-
nulometria e il contenuto d’acqua ottimale il materiale grezzo viene quindi convoglia-
to alla bricchettatrice mediante un sistema di alimentazione costituito da un tubo man-
tenuto in depressione o da un nastro trasportatore. A seconda della pressione appli-
cata i sistemi di bricchettatura si distinguono in sistemi a bassa, media e alta pressio-
ne. Mentre i primi due prevedono la miscelazione delle biomasse con una sostanza
legante, quelli ad alta pressione vengono applicati alla biomassa tal quale in quanto
le forze di coesione tra le particelle, quindi l’effetto legante, si sviluppano in seguito
alle elevate pressioni esercitate. Tra i sistemi ad alta pressione, le tecnologie più uti-
lizzate sono: la bricchettatura a vite e la bricchettatura a pistone (meccanica e oleo-
dinamica). Nel primo caso, la biomassa viene estrusa in continuo per effetto della rota-
zione di una o più viti senza fine all’interno di una camera tronco conica, dove l’ef-
fetto combinato di pressione e temperatura
Figura 3.34 – Briquettes
(la camera viene riscaldata durante il pro-
cesso) garantisce l’adesione tra le particelle.
La parziale carbonizzazione della superficie
esterna del bricchetto poi, dovuta alla ele-
vata temperatura, e la presenza di un foro
centrale, tipico delle estrusioni realizzate
con sistemi a vite, garantiscono una facile
accensione di questo combustibile all’inter-
no delle caldaie nonché un’efficace proces-
so di combustione. Con la bricchettatura a
pistone meccanico, invece, la compattazio-
ne della biomassa viene condotta per mezzo
di un pistone alternativo mosso da un moto-
105 La conversione termochimica

Tabella 3.3 – Confronto tra la pressa a vite e quella a pistone


Caratteristica Presa a pistone Presa a vite
Umidità ottimale della biomassa (%) 10-15 8-9
Usura delle parti meccaniche - bassa elevata
Prodotto bricchettato in blocchetti in continuo
Consumo medio di energia (kWh/t) 50 60
Peso specifico bricchetto (kg/m3) 1.00-1.200 1.000-1.400
Comportamento a combustione del bricchetto medio molto buono
Carbonizzazione esterna assente presente
Omogeneità del bricchetto scarsa buona
Fonte: AREA Science Park

Tabella 3.4 – Principali tipologie di biomasse bricchettabili


Biomassa Granulometria Umidità Ceneri Idoneità
Segatura fine <10 1,3 ottima
Paglia irregolare 10-15 1,5 ottima
Cippato irregolare 10-20 - buona
Pula di riso fine 10 22,4 buona
Gusci di noce grossolana <10 6,0 ottima
Cotone irregolare 10-15 4,6 buona
Gusci di caffè regolare 10 4,3 ottima
Fonte: AREA Science Park

re elettrico attraverso un manovellismo. I bricchetti prodotti in questo caso hanno


mediamente un diametro di 60 mm. Infine si ha anche la bricchettatura oleodinami-
ca: essa prevede un sistema a due pistoni che comprimono il materiale in direzioni
ortogonali e che vengono azionati dall’olio mantenuto in pressione all’interno di un
circuito chiuso. Quest’ultimo sistema è quello in realtà maggiormente utilizzato in quan-
to consente sia di trattare biomasse con elevati livelli di umidità, che di realizzare un
migliore controllo sulla pressione di bricchettatura. In commercio esistono diverse solu-
zioni tecnologiche a circuito oleodinamico che vanno da una produzione di 30–50
kg/h a circa 1.000–1.200 kg/h. I bricchetti realizzati presentano un diametro variabi-
le da 50 a 90 mm e lunghezze da 50 a 300 mm.
Eseguita come detto la bricchettatura si hanno quindi: la fase di taglio, solo per i siste-
mi a vite dove il materiale esce in continuo (in quelli a pistone vengono invece pro-
dotti blocchetti di lunghezza predefinita), la fase di raffreddamento, anche in questo
caso solo dopo la bricchettatura a vite in cui si realizza un riscaldamento (nel caso di
bricchettatrice a pistone il bricchetto subisce infatti solo un lieve aumento della tem-
peratura), e infine il confezionamento e lo stoccaggio finale dei bricchetti. Nella tabel-
la vengono presentate alcune caratteristiche di biomasse bricchettabili e il grado di
idoneità alla bricchettatura.
106 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

I bricchetti possono essere utilizzati in sostituzione della legna da ardere e del carbo-
ne adeguando opportunamente alcuni parametri operativi del generatore termico,
come ad esempio la distribuzione dell’aria primaria e secondaria. Rispetto a questi due
combustibili, infatti, i bricchetti richiedono una maggior quantità di aria secondaria e
una minore quantità di aria primaria. I bricchetti sono poi considerati in generale un
combustibile “migliore” rispetto alla comune legna non compattata, ciò è dovuto al
fatto che essi presentano una maggiore capacità termica, ossia trattengono il calore
per un maggior periodo di tempo, e questo gli consente di mantenere, all’interno della
caldaia, una temperatura particolarmente elevata che facilita e velocizza l’intero pro-
cesso di combustione. Le applicazioni più frequenti di questo tipo di combustibile sono
sia di carattere domestico che industriale.

resse per questo tipo combustibile soprat- sto comparto, alla luce anche dei continui
tutto da parte di un’utenza medio picco- rincari energetici, vi sono significativi mar-
la come quella del settore civile. Questa gini per proporre un combustibile alterna-
infatti acquista l’energia (derivante dal- tivo a prezzi più vantaggiosi.
l’uso di combustibili fossili) ai massimi Per contro, vi sono però alcuni inconve-
prezzi di mercato e quindi proprio in que- nienti derivanti dall’utilizzo di queste cal-
daie: esse sono abbastanza rumorose e,
superando mediamente i 45 decibel,
vanno collocate in vani isolati spesso
Fig. 3.35 Esempio di caldaia a pellet
appositamente predisposti. Inoltre, poi-
ché la coesione dei cilindretti di legno è
ottenuta esclusivamente per pressione
meccanica, questi ultimi sono particolar-
mente sensibili alle variazioni di umidità,
ne deriva pertanto che i serbatoi di accu-
mulo, se separati dalla caldaia, devono
essere perfettamente isolati, in modo da
mantenere quanto più costante l’umidità
relativa dell’ambiente e impedire infiltra-
zioni d’acqua. Come accade per le calda-
ie a cippato poi, è necessario porre molta
attenzione al problema del ritorno di fiam-
ma dal bruciatore verso il serbatoio: il
sistema di sicurezza più diffuso consiste
nell’interporre un tratto di caduta libera
del pellet tra la coclea di trasporto e la cal-
daia, tratto costituito generalmente da un
tubo flessibile in cui si inseriscono serran-
de tagliafiamma o valvole stellari. Infine è
bene ricordare che è molto importante
porre attenzione anche all’omogeneità e
107 La conversione termochimica

alla qualità del combustibile utilizzato per non è ancora ben affermato in relazione
non compromettere il buon funzionamen- alla scarsa conoscenza da parte del pub-
to e il rendimento della caldaia. In defini- blico e alla necessità di costruire un’ade-
tiva, le caldaie a pellet sono una tecnolo- guata filiera di tale combustibile, che
gia ormai matura che offre i vantaggi garantisca il consumatore finale circa la
socio–economici propri dei combustibili continuità dell’approvvigionamento e lo
legnosi alternativi. Il mercato italiano però standard qualitativo del materiale.

Capitolo Quattro
109 Aspetti ambientali

Aspetti ambientali

Come più volte ricordato nel corso di no dell’effetto serra in quanto il loro
questa trattazione, l’impiego di biomas- sfruttamento energetico non comporta
se a fini energetici produce indiscussi un incremento della concentrazione
benefici di carattere ambientale, bene- atmosferica di anidride carbonica.
fici che comunemente si manifestano Questa infatti, dopo essere stata rila-
ogni qual volta si attua la sostituzione di sciata in fase di combustione, viene,
fonti di natura fossile con fonti rinnova- durante la crescita delle piante e per
bili. In generale infatti, oltre a determi- mezzo del processo di fotosintesi cloro-
nare una riduzione nell’utilizzo di risor- filliana, nuovamente riassorbita e fissa-
se che per loro natura sono esauribili, lo ta nei tessuti vegetali sia degli apparati
sfruttamento energetico delle biomasse, epigei (tronchi, steli, foglie, ecc.), che di
o di qualunque altra fonte rinnovabile, quelli ipogei (apparati radicali annuali o
contribuisce anche a limitare in manie- perennanti, ecc.). Il ciclo della CO2 per
ra sensibile le emissioni di gas serra, la biomassa può dunque ritenersi chiu-
nonché in generale quelle di tutti i com- so, ma alla condizione che il ritmo di
posti, come SOX, NOX, polveri, che nor- impiego di questa risorsa non superi la
malmente si sviluppano nei processi di capacità di ricrescita della stessa.
combustione dei prodotti petroliferi. Per Va comunque precisato che, se si con-
tale motivo il ricorso alle biomasse è sidera l’intero ciclo di vita dei combusti-
stata indicata come una delle possibili bili da biomassa, indipendentemente da
strategie per la mitigazione dei cambia- quale sia il comparto di provenienza, il
menti climatici in atto e, più in genera- bilancio della CO2 non potrà più consi-
le, per la riduzione degli impatti derarsi nullo dato che in generale le fasi
ambientali connessi all’impiego delle di produzione, di lavorazione e di tra-
fonti energetiche di origine fossile. sporto, richiedendo un consumo di
materie prime ed energia, produrranno
inevitabilmente degli impatti negativi
[4.1] sull’ambiente. Analizzando le diverse
Il bilancio delle emissioni tipologie di biomassa, si può ritenere
che, durante le fasi di produzione della
Le biomasse sono fonti che vengono materia prima vegetale, il maggior livel-
considerate neutrali rispetto al fenome- lo di inquinamento si raggiunge nell’am-
110 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Figura 4.1
Rappresentazione schematica
del ciclo della biomassa

bito della filiera delle colture dedicate, zioni di taglio, allestimento (sramatura,
subito seguita da quelle dei residui fore- depezzatura, scortecciatura, ecc.), con-
stali, agricoli e industriali. centramento (trasporto della biomassa
Nel primo caso, quello cioè relativo alla lungo vie attrezzate fino al punto di rac-
coltivazione di specie vegetali per usi colta per il trasferimento fuori foresta)
energetici, le principali fonti di emissio- ed esbosco.
ne sono determinate perlopiù dall’utiliz- Se si prende in considerazione anziché
zo di mezzi agricoli (macchine per la la fase di produzione della materia
lavorazione del terreno, ecc.) e dal- prima quella relativa alla trasformazio-
l’eventuale impiego in modo sistemati- ne di quest’ultima in prodotti diretta-
co di prodotti come fertilizzanti e diser- mente utilizzabili per le diverse applica-
banti. Questi strumenti di fatto rendono zioni energetiche, allora i maggiori con-
la coltivazione di biomassa energetica sumi di energia, e quindi le maggiori
particolarmente impattante dal punto di emissioni in atmosfera, si registrano
visto ambientale, soprattutto facendo perlopiù durante le operazioni di essic-
riferimento alla emissioni atmosferiche, cazione della biomassa realizzate ad
che comunque possono essere sensibil- esempio per la produzione di pellet e
mente ridotte adottando pratiche agri- bricchetti. In questo caso il consumo
cole poco invasive e scegliendo le spe- energetico e la quantità di emissioni
cie vegetali più adatte alle condizioni dipendono ovviamente dal grado di
pedoclimatiche locali. umidità della sostanza vegetale in
Per quanto concerne invece la filiera ingresso, dalle tecnologie adottate e
delle biomasse forestali i principali fat- della fonte energetica impiegata per
tori di emissione sono rappresentati l’essiccazione. Relativamente a quest’ul-
dalle macchine impiegate nelle opera- timo aspetto è possibile infatti sostene-
111 Aspetti ambientali

re che l’impatto sarà massimo nell’ipo- combustibili di origine fossile e consen-


tesi di utilizzare energia elettrica e mini- tire sensibili riduzioni sul quantitativo di
mo nel caso in cui ci si serva dei residui emissioni inquinanti. Di seguito si ripor-
di lavorazione delle biomasse stesse o tano i dati più significativi per quei bio-
di cascami termici di qualunque natura. combustibili (bioetanolo, biodiesel, bio-
Un altro settore da non trascurare, in gas) che, presentando allo stato attuale
relazione alle problematiche ambienta- delle tecnologie di produzione ormai
li, è poi quello dei biocarburanti in cui mature, sono già disponibili a livello
i processi produttivi sono anche in que- commerciale.
sto caso particolarmente complessi e L’utilizzo del bioetanolo in autotrazione,
energivori. puro o in miscela con la benzina, per-
Non va dimenticato infine che una fase mette di ottenere sia la riduzione delle
comune a tutte le filiere che può pre- emissioni in atmosfera generate dal traf-
sentare un impatto anche molto rile- fico veicolare, che in generale anche un
vante sull’ambiente è quella del tra- aumento della loro qualità. Tutto ciò
sporto della biomassa: la densità di trova giustificazione nella struttura chi-
quest’ultima infatti, nonché le modalità mica del bioetanolo che, rispetto alla
di trasporto, le capacità di carico e la benzina, presenta un maggior quantita-
distanza tra il luogo di produzione e il tivo di ossigeno molecolare con una
sito di trasformazione e/o combustione concentrazione in peso superiore di
incidono sulla percorrenza media dei circa il 35% rispetto a quella del tradi-
mezzi, sul numero di viaggi e quindi, zionale derivato petrolifero. La maggior
indirettamente, sulla quantità di emis- presenza di ossigeno, infatti, favorisce in
sioni rilasciate in atmosfera. Da qui la linea generale il completamento del
necessità di sostenere lo sviluppo di processo di combustione, con evidenti
filiere locali in grado di produrre, tra- riflessi sia sulla quantità dei prodotti
sformare e consumare la biomassa in incombusti, che tendono sensibilmente
ambiti territoriali quanto più possibile a ridursi, che sulla durata media dei
circoscritti. motori.
Se dunque i prodotti di parziale ossida-
zione (in particolare monossido di car-
[4.2] bonio e idrocarburi incombusti), sono
Confronto tra presenti allo scarico in misura tanto
le emissioni inquinanti minore quanto maggiore è la percen-
dei principali combustibili tuale di bioetanolo in miscela con la
di origine vegetale e fossile benzina, ciò non è valido in assoluto
per tutti gli altri composti inquinanti
Nel corso della trattazione si è visto che come ad esempio gli ossidi di azoto
una delle possibili modalità per realizza- (NO X) e l’acetaldeide, che invece
re lo sfruttamento energetico delle bio- aumentano all’aumentare della presen-
masse è quella di mettere a punto dei za di ossigeno nel carburante. Per
proocessi di produzione di biocombusti- quanto riguarda l’acetaldeide, nono-
bili, o “biofuel”, in grado di sostituirsi ai stante si possa raggiungere un incre-
112 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Tabella 4.1 – Variazioni percentuali di alcune emissioni inquinanti nell’uso del in sostituzione dei normali antidetonan-
bioetanolo o dell’ETBE rispetto alla benzina
ti in percentuale pari al 15%.
Bioetanolo in miscela ETBE in percentuale Analogamente a quanto riportato fino-
al 5,5% al 15%
ra per il bioetanolo, anche il biodiesel
Inquinante Variazione Variazione
può contribuire a ridurre il livello di
Monossido di carbonio -10% -3%
emissioni prodotte dai veicoli a moto-
Composti organici volatili -5% -7% re, soprattutto là dove la loro presen-
Ozono nr -20% za richiede maggiore attenzione: ovve-
Benzene -25% -28% ro in ambito urbano. Per effetto di un
Butadiene -11% -14% più elevato contenuto di ossigeno (11%
in peso) rispetto a quello del normale
Formaldide +2% +29%
gasolio, il biodiesel è infatti soggetto
Acetaldeide +67% +21%
a una migliore e più completa combu-
nr = dato non riportato
stione la quale determina, di conse-
Fonte: Energia Dalle Biomasse, AREA Science Park
guenza, una riduzione delle emissioni
di monossido di carbonio, di idrocarbu-
mento della sua concentrazione fino al ri incombusti e di particolato. Come un
400% in miscele di bioetanolo al 35% qualunque altro prodotto derivato da
con la benzina, la sua presenza come biomasse poi, anche questo biocombu-
inquinante è tuttavia tollerata poiché stibile non contribuisce di per sé ad
tale composto è caratterizzato da un incrementare il fenomeno dell’effetto
potere cancerogeno da 10 a 60 volte serra e proprio in merito a questo si è
inferiore rispetto a quello dei principa- stimato che per ogni kg di gasolio
li inquinati, quali ad esempio il benze- sostituito si evita una emissione di CO2
ne, che si originano dalla combustione in atmosfera pari a circa 2,5 kg. Il bio-
dei prodotti di natura fossile. diesel inoltre ha il vantaggio di essere
Relativamente alle emissioni di ossidi un prodotto non tossico e complessiva-
di azoto invece si ritiene che queste mente biodegradabile dato che, se
possano essere sensibilmente ridotte, disperso nell’ambiente, si dissolve nel-
già entro i prossimi 15 anni, introducen- l’arco di pochi giorni. Questo, che rap-
do miglioramenti nei sistemi di abbat- presenta sicuramente un beneficio dal
timento catalitico. punto di vista ecologico, può però
Infine va ricordato che benefici di carat- diventare un inconveniente dal punto
tere ambientale, dovuti all’utilizzo del di vista dello stoccaggio, dato che ele-
bioetanolo si possono attenere anche vata biodegradabilità significa anche
dall’impiego di questo prodotto come minore stabilità chimica. Un altro
additivo antidetonante nella benzina indubbio vantaggio ottenuto sostituen-
(ETBE), in sostituzione al benzene o do il comune gasolio con del biodiesel
all’MTBE. A titolo di esempio, in tabel- si ha per il fatto che quest’ultimo, non
la 4.1 sono esposte le variazioni per- contenendo composti solforati, rende
centuali nelle emissioni atmosferiche praticamente nulle le emissioni di ossi-
nell’ipotesi di utilizzare il bioetanolo in di di zolfo, che invece sono presenti,
miscela al 5,5% con la benzina e l’ETBE anche se in minima quantità, nei pro-
113 Aspetti ambientali

Tabella 4.2 – Variazione percentuale di alcune emissioni atmosferiche rispetto al aldeidico dall’odore fortemente irritan-
gasolio
te noto con il nome di acroleina. In
Riduzione tabella 4.2 sono sintetizzati i valori rela-
Inquinante Biodiesel al 100% Biodiesel al 20% tivi alle variazioni dei principali gas
Monossido di carbonio -42,3% -12,6% inquinanti nella combustione del bio-
Particolato -55,4% -18,0% diesel, puro o in miscela, rispetto al
Idrocarburi incombusti -56,3% -11,0% gasolio.
Fonte: US Department of Energy – DOE
Un minore impatto ambientale rispet-
to ai tradizionali prodotti di origine fos-
sile si ottiene anche utilizzando per fini
Tabella 4.3 – Confronto tra le principali emissioni del biogas rispetto ai principali
combustibili fossili energetici il biogas derivante dai pro-
SO2 NOx Polveri cessi di digestione anaerobica; il con-
[kg/TJ] [kg/TJ] [kg/TJ] fronto, per quanto riguarda le emissio-
ni, con i principali combustibili fossili è
Oli minerali 140 90 20
riportato in tabella 4.3.
Gas 3 90 2
Carbone minerale 300 150 20
Biogas 3 50 3 [4.3]
Fonte: US Department of Energy – DOE Altri benefici ambientali

È importante sottolineare che l’impiego


dotti di origine fossile. Contrastanti a fini energetici della biomasse general-
sono poi i dati relativi agli idrocarburi: mente si accompagna a ulteriori bene-
se da un lato infatti si riducono le emis- fici ambientali connessi principalmente
sioni di idrocarburi monociclici aroma- alle realizzazione di filiere produttive
tici (dal 20 all’80%), di idrocarburi poli- che estendono i loro effetti positivi sia
ciclici aromatici (fino al 98%) e di ace- sui comparti di provenienza della mate-
taldeide (tra il 20 e il 40%), dall’altro ria prima che sulle componenti ambien-
aumentano quelle relative agli idrocar- tali ad essi correlate. Per rendersi conto
buri a catena corta, con un incremento di ciò basti pensare ad esempio a quan-
percentuale compreso tra il 10 e il 20%. to già detto per le biomasse da coltu-
Essendo poi il biodiesel un composto re dedicate; queste favoriscono da un
ossigenato, così come accade per il lato lo sviluppo del comparto agricolo,
bioetanolo, aumentano anche in que- rinforzando l’economia delle zone rura-
sto caso le emissioni di ossidi di azoto li, e dall’altro la presenza di benefici
in percentuali variabili tra il 5 e il 23% ambientali che si manifestano principal-
che comunque saranno verosimilmen- mente su i suoli o sulle falde acquifere.
te ridotte nei prossimi anni attuando In relazione ad essi, un aspetto molto
miglioramenti nelle prestazioni dei importante è quello legato alla possibi-
catalizzatori. Infine è bene non trascu- lità di ridurre il loro livello di inquina-
rare, quando si utilizza biodiesel come mento grazie soprattutto al fatto che le
combustibile nei motori, il problema biomasse energetiche, a differenza di
causato dalla presenza di un composto quelle alimentari, richiedono per la loro
114 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

crescita un apporto minore di fertiliz- Ci sono poi i prodotti della digestione


zanti e diserbanti ovvero di prodotti chi- anaerobica; il loro sfruttamento rappre-
mici che comunque producono un senta un’opportunità di rilievo non solo
impatto e quindi un danno a livello perché orientata all’ottenimento di una
ambientale. Lo sviluppo di colture dedi- fonte energetica rinnovabile (il biogas)
cate in territori privi di vegetazione, ma, più in generale, perché volta a
oltre a favorire un generale migliora- garantire la corretta gestione agrono-
mento della qualità paesaggistica, con- mica dei liquami zootecnici. È sufficien-
tribuisce poi, per effetto delle azioni di te pensare che l’impatto ambientale,
copertura e di trattenimento del terre- generato dallo spandimento dei reflui
no da parte degli apparati radicali, provenienti dagli allevamenti zootecni-
anche alla conservazione del suolo e ci intensivi, negli anni si è accentuato
alla riduzione dei fenomeni di erosione in relazione alla maggiore concentra-
superficiale prodotti tipicamente dagli zione degli allevamenti e al modificato
agenti atmosferici. uso del suolo. Il processo di digestio-
Per quanto riguarda poi la biomassa ne anaerobica favorisce invece la stabi-
forestale, si è già detto che per attuare lizzazione dei liquami grazie alla mine-
un proficuo sfruttamento energetico di ralizzazione della sostanza organica,
questa risorsa è necessario predisporre alla riduzione della carica patogena,
un apposito piano di gestione del alla riduzione delle sostanze fitotossi-
bosco che sia in grado di garantire che nonché all’abbattimento degli
comunque le principali funzioni di que- odori. Inoltre, da un punto di vista più
sto ecosistema; tra cui ad esempio in generale, questa trasformazione bio-
quella di regolazione del regime idrico chimica, determina un miglioramento
del terreno sottostante per la preven- delle proprietà fertilizzanti del materia-
zione dei rischi idrogeologici. Le ope- le digerito grazie alla riduzione del rap-
razioni di esbosco, quali il diradamen- porto C/N e alla maggior presenza di
to delle fustaie o il taglio delle forma- azoto ammoniacale prontamente di-
zione boschive a ceduo, attuate nel- sponibile per la nutrizione delle pian-
l’ambito di un programma che prevede te. La sostituzione dei liquami tal quali
lo sfruttamento energetico del legna- con fanghi umificati prodotti in dige-
me, possono inoltre contribuire alla stione anaerobica per la concimazione
riduzione del rischio di eventi dannosi dei terreni ne migliora la fertilità non-
per l’ecosistema forestale quali ad ché la stabilità; inoltre il processo anae-
esempio gli incendi boschivi o le infe- robico riduce, rispetto ai sistemi di tipo
stazioni di insetti. Gli interventi selvicol- aerobico convenzionali, la superficie di
turali devono però essere regolati da suolo sfruttata per il trattamento e l’eli-
piani di assestamento forestali, redatti minazione dei reflui. Oltre a tutto ciò la
da tecnici competenti, con lo scopo di captazione del biogas e la sua utilizza-
ottenere una produzione legnosa rego- zione a fini energetici consente di ridur-
lare e continua del tempo, senza com- re le emissioni in atmosfera di metano
promettere l’evoluzione e rinnovazione (CH4) che, come noto, ha un’incidenza
del bosco. sull’effetto serra 21 volte superiore a
115 Aspetti ambientali

quello dell’anidride carbonica: premes- in oltre il 50%, rispetto alle emissioni


so che vengano minimizzate le perdite che si originano da una gestione con-
in metano nella fase di stoccaggio (ad venzionale dei liquami (stoccaggio
es. dotando di copertura la vasca di senza copertura e spandimento agro-
accumulo), la riduzione è stata stimata nomico).

Capitolo Cinque
117 Aspetti economici

Aspetti economici

[5.1] ti dall’obbligo di ritiro dalla produzione,


Gli incentivi alla produzione obbligo che l’Unione Europea impone al
di biomasse energetiche fine di regolamentare il mercato e ridurre
da colture dedicate le eccedenze di prodotti destinati al con-
sumo umano o animale. Con il Regola-
Un primo importante provvedimento mento n. 1973/2004 (articoli dal 143 al 169)
volto a sostenere la produzione di bio- è stata poi data ai produttori agricoli la
masse a fini energetici è stato il Dlgs 30 possibilità di utilizzare le superfici ritirate
aprile 1998, n. 173 che, insieme al succes- dalla produzione alimentare per scopi non
sivo decreto attuativo del MIPAF (n. 401 alimentari, ovvero per la produzione ad
dell’11 novembre 1999), ha istituito un esempio di materie prime da utilizzarsi
regime di aiuti in favore della produzione nella comunità e quindi anche per la col-
e della utilizzazione di fonti energetiche tivazione di biomasse destinate ad usi
rinnovabili nel settore agricolo. Attraverso energetici. In generale vige l’obbligo della
questo intervento legislativo, infatti, si è stipula di un contratto tra agricoltore e
cercato di indurre le aziende di trasforma- primo trasformatore della materia prima,
zione e di commercializzazione dei pro- obbligo che naturalmente viene superato
dotti agricoli ad investire nelle colture se l’agricoltore, all’interno della propria
dedicate e più in generale in tutti quei azienda agricola, utilizza le produzioni
sistemi idonei a ridurre i costi energetici come combustibili oppure le trasforma in
di produzione, l’inquinamento e l’impat- biocarburanti o in biogas. L’obbligo inol-
to ambientale. tre non sussiste quando i terreni ritirati
Una svolta significativa nel sostegno delle sono destinati alla coltivazione di specie
biomasse energetiche si è avuta però con contenute in un elenco fornito in allega-
la riforma della Politica Agricola Comu- to al Regolamento in cui rientrano ad
nitaria (PAC) che, attraverso il Regola- esempio le SRF e il miscanto. I regolamen-
mento 1782/2003/CE del 29 settembre ti europei fissano poi un aiuto nella misu-
2003, ha introdotto varie forme di incen- ra di 45 € per ettaro, per una superficie
tivazione in favore delle colture dedicate. massima garantita a livello comunitario di
Ai sensi dell’art. 55 del Regolamento, ad 2.000.000 di ettari, in favore dei produtto-
esempio, è stabilito che i terreni destina- ri di colture energetiche, ovvero di prodot-
ti a colture non alimentati, quindi anche ti destinati alla trasformazione in biocarbu-
colture energetiche dedicate, siano esen- ranti o di biomasse per la produzione di
118 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

energia elettrica e termica. Il premio è ne del PNERB ovvero del programma


concesso soltanto per le superfici la cui nazionale energia rinnovabile da bio-
produzione è oggetto di un contratto sti- massa promosso dal ministero delle poli-
pulato tra l’agricoltore e l’industria di tra- tiche agricole e forestali il 24 giugno
sformazione, ad eccezione del caso in cui 1998 e avente come obbiettivi la riduzio-
la trasformazione sia effettuata dall’agri- ne dell’uso di fonti fossili con la produ-
coltore stesso all’interno dell’azienda. In zione di 8–10 Mtep di energia da bio-
ambito nazionale queste direttive sono masse agroforestali e zootecniche entro
state recepite con il decreto ministeriale il 2012.
15 marzo 2005 che ha subito di recente In questo contesto è stato inserito anche
delle modificazioni con il decreto 2 gen- un programma nazionale di valorizzazio-
naio 2008. ne delle biomasse agricole e forestali
Nel 2007 è stata superata la soglia di 2 (PNVBAF) che, precedendo di qualche
milioni di ettari beneficiari dell’aiuto. La mese il progetto PROBIO, ne anticipava
Commissione europea ha stabilito un limi- in qualche modo i contenuti fissando gli
te massimo dello stanziamento disponibi- obiettivi di sviluppo delle filiere agroe-
le per questa misura di aiuto pari a 90 nergetiche per l’ottenimento di biocom-
milioni di € e ha previsto che al supera- bustibili solidi destinati ad usi elettrici e
mento della soglia la superficie per la termici e di biocombustibili per l’autotra-
quale ciascun agricoltore può richiedere zione e il riscaldamento.
l’aiuto è ridotta proporzionalmente, appli- Il programma PROBIO, approvato con
cando un coefficiente tale da garantire delibera CIPE il 15 febbraio 2000, pone-
che non sia superato lo stanziamento va come obbiettivo prioritario l’incenti-
disponibile. Poiché la superficie nel 2007 vazione di attività dimostrative, divulga-
ha raggiunto i 2,8 milioni di ettari è stato tive e progetti regionali a forte caratte-
applicato un coefficiente di riduzione pari re territoriale che avessero come ogget-
a 0,703. Tradotto operativamente, gli agri- to la promozione delle filiere bioenerge-
coltori riceveranno un aiuto di 45 € per tiche e in particolare lo stimolo del set-
ettaro per poco più del 70% della super- tore dei biocombustibili. Il programma
ficie per cui hanno richiesto l’aiuto. che ha tentato di coinvolgere in partico-
lare le amministrazioni locali, ma anche
gli imprenditori agricoli e industriali, era
[5.2] articolato su due livelli. A livello centra-
Gli incentivi ai biocarburanti le, le azioni venivano coordinate dal
MIPAF con il contributo di un gruppo di
Un primo significativo stimolo al merca- supporto tecnico–scientifico e delle
to dei biocombustibili si era avuto con regioni, che operavano invece su base
la legge 2 dicembre 1998, n. 428 la quale territoriale nella gestione dei progetti
ha autorizzato, a partire dal 1999 e per dimostrativi proposti. Numerose regioni
tre anni, la spesa di circa 2,58 milioni di hanno usufruito dei fondi PROBIO, tra
€ da parte del MIPAF per la realizzazio- queste si ricordano: la Basilicata, l’Emilia
ne di un “Programma Nazionale Bio- Romagna, la Lombardia, il Piemonte, la
combustibili” (PROBIO). Esso rappresen- Toscana, l’Umbria, la Valle D’Aosta e il
tava in realtà uno strumento di attuazio- Veneto.
119 Aspetti economici

Sempre nell’ambito del progetto PRO- 3, in particolare, fissava degli obbiettivi


BIO, si sono poi attivate numerose linee strategici, secondo i quali gli stati mem-
di ricerca sulle bioenergie, tra queste si bri dovevano provvedere affinché si
ricordano ad esempio il progetto avesse, entro il 31 dicembre 2010, la
“Prisco” e il progetto “Tisen”. Con il sostituzione del 5,75% dei carburanti di
primo si sono condotti studi volti origine fossile, consumati nel settore dei
all’identificazione di colture alternative trasporti, con biocarburanti di origine
da fibra e cellulosa, da energia, da oli agricola. Il Dlgs 30 maggio 2005 n. 128
industriali, da amido e biopolimeri non- ha recepito tale direttiva adeguando così
ché di quelle destinate ad usi diversi. la legislazione italiana sui biocarburanti
Con il secondo invece si è cercato di alle indicazioni fornite da Bruxelles.
ottimizzare la produzione e la sostenibi- In materia di defiscalizzazione, la Direttiva
lità di specie erbacee annuali, di valuta- 2003/96/CE del Consiglio del 27 ottobre
re e costituire nuovo materiale genetico 2003 ha ristrutturato, mediante l’abroga-
e di identificare itinerari colturali soste- zione della Direttiva 92/81/CE, il quadro
nibili per la produzione e la trasformazio- comunitario sulla tassazione dei prodot-
ne industriale. ti energetici e dell’elettricità, modifican-
Uno degli aspetti di maggiore debolez- do in particolare il panorama relativo alle
za e criticità nell’utilizzo dei biocarbu- accise sugli oli minerali e applicando ali-
ranti risiede, come visto nel corso della quote ridotte sulle miscele contenenti
trattazione, negli ancora troppo alti costi biocombustibili.
di produzione, soprattutto per quanto Sul fronte della detassazione dei biocar-
concerne le voci relative al reperimento buranti, e in particolar modo del biodie-
della materia prima. Per sopperire a que- sel, l’Italia si dimostra particolarmente
sto inconveniente il legislatore europeo impegnata; tanto che già con la finanzia-
ha promosso delle iniziative per incenti- ria 2001 (legge 388/200), viene imposto,
vare sia la conversione agricola in dire- nell’ambito di un programma triennale
zione delle colture energetiche, sia la (dal 1 luglio 2001 al 30 giugno 2004), un
defiscalizzazione dei prodotti energetici contingente annuo esente da accisa pari
di origine vegetale quindi bioetanolo, a 300.000 tonnellate. Tale quantità viene
ETBE e biodiesel. ridotta con la finanziaria 2005 (legge 30
In ambito comunitario una prima linea dicembre 2004 n. 311) a 200.000 tonnel-
guida sulle politiche di sviluppo dei bio- late, con lo scopo di favorire anche lo svi-
combustibili era stata già data nel 1997 luppo del bioetanolo per cui vengono
con la stesura del libro bianco sulle fonti stanziati 219 milioni di € in previsione di
energetiche rinnovabili in cui la prima attuare, anche su questo biocarburante,
priorità individuata riguardava proprio la una riduzione dell’accisa. Il contingente
riduzione dei costi di produzione e del annuo di biodiesel esente viene ritocca-
livello di tassazione. Nel 2003 l’Europa to poi dalla finanziaria 2006 che lo porta
ha dato un ulteriore forte impulso allo a 220.000 tonnellate e infine anche dalla
sviluppo dei biocombustibili attraverso finanziaria 2007 (legge 27 dicembre 2006
la direttiva 2003/30/CE sulla “promozio- n. 296) che fissa, per il triennio 2007–2010
ne dell’uso dei biocarburanti o di altri e per 250.000 tonnellate, un’aliquota di
carburanti rinnovabili nei trasporti”. L’art. accisa agevolata pari al 20% di quella
120 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

prevista per il normale gasolio. Accise sul consumo di biocarburanti che, entro
ridotte sono applicate anche a bioetano- il 2020, non dovrà essere inferiore al 10%
lo, ETBE e ad altri additivi e riformulati rispetto ai consumi complessivi di benzi-
da biomasse con un limite di spesa pub- na e gasolio per autotrazione.
blica comunque non superiore a 73 Tale direttiva a seguito delle problemati-
M€/anno. Il biodiesel immesso sul mer- che food e non food e della effettiva
cato nazionale viene quasi completa- attuabilità a livello nazionale ed Europeo,
mente utilizzato nel settore dei trasporti si sta rinegoziando e si prevede un impe-
per ottenere miscele al 5% con gasolio gno alla copertura soprattutto con biocar-
di origine fossile; allo stato attuale il con- buranti di seconda e terza generazione.
tingente esente viene ripartito tra i diver-
si impianti di produzione in relazione alla
rispettiva capacità produttiva e alla quan- [5.3]
tità venduta negli anni precedenti. La Gli incentivi alla produzione
politica di defiscalizzazione attuata in di energia elettrica
questi anni dall’Italia costituisce sicura-
mente un ottimo strumento per incre- La principale forma di incentivazione del-
mentarne la competitività nei confronti l’energia elettrica prodotta da fonti rinno-
dei prodotti di origine petrolifera su cui, vabili, quindi anche da biomassa, è quel-
come noto, le tasse incidono in percen- la dei certificati verdi introdotti con il
tuali rilevanti, anche superiori al 50%, sul decreto Bersani (Dlgs 16 marzo 1999, n.
prezzo alla pompa. Tra gli ultimi interven- 79), il quale, tra l’altro, ha ridisegnato il
ti legislativi attuati in favore dello svilup- quadro istituzionale e normativo del set-
po dei biocarburanti si ricordano infine la tore elettrico italiano attuandone la libe-
finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, ralizzazione del mercato. Il Decreto
n. 244) e il decreto–legge 1 ottobre 2007, Bersani, che ha subito nel corso degli anni
n. 159 ad essa collegato. La prima ha ele- numerose modificazioni, ha sancito l’ob-
vato la quota minima di biocarburanti da bligo per tutti i produttori e gli importa-
immettere sul mercato nel 2009, quota tori di energia elettrica da fonti fossili (che
posta pari al 3% del totale di benzina e introducono in rete più di 100 GWhe/anno
gasolio posto al consumo nell’anno sola- di energia), di immettere nel sistema elet-
re precedente. Con il secondo provvedi- trico nazionale una quota pari al 2% di
mento si è invece stabilito che gli impren- energia prodotta a mezzo di fonti rinno-
ditori agricoli che producono oli vegeta- vabili, biomassa compresa. Per risponde-
li non modificati chimicamente e li impie- re agli obiettivi fissati dall’unione europea
gano per autoconsumo, quale carburan- con la direttiva 2001/77/CE (raggiungere
te, nel parco macchine aziendale, fino ad entro il 2010 una quota di energia elettri-
un quantitativo annuo di 5 tonnellate, non ca da fonti rinnovabili pari al 22% del con-
sono soggetti al regime di deposito fisca- sumo interno lordo), tale obbligo è stato
le relativo alla produzione, trasformazio- negli anni incrementato; prima dello
ne e cessione dei prodotti soggetti ad 0,35% ogni anno dal 2004 al 2006 attraver-
accisa. Infine si ricorda il “pacchetto so il Dlgs 29 dicembre 2003, n. 387 (che
20–20–20” con il quale l’UE ha fissato per ha recepito la direttiva), poi dello 0,75%
tutti gli stati membri una quota minima annuo per il periodo 2007–2012 così come
121 Aspetti economici

previsto dall’ultima legge finanziaria vazione dei certificati verdi, per tutti gli
(legge 24 dicembre 2007, n. 244). I produt- impianti IAFR autorizzati in data successi-
tori/importatori di energia elettrica per va al 31 dicembre 2007, ha subito impor-
poter dunque adempiere a tali obblighi tanti modifiche. In particolare, nell’ambito
hanno due possibilità: o immettere in rete delle biomasse, si è stabilito che a tutti gli
elettricità effettivamente prodotta da fonti impianti alimentati con prodotti e sotto-
rinnovabili, oppure acquistare da altri pro- prodotti agricoli, forestali e di natura zoo-
duttori (titolari di impianti IAFR) titoli com- tecnica, derivanti da filiere corte (cioè otte-
provanti l’avvenuta produzione di energia nuti entro un raggio di 70 chilometri dal-
“pulita”. Questi titoli, chiamati certificati l’impianto che li utilizza per produrre ener-
verdi, vengono rilasciati dal GSE e costi- gia elettrica) è riconosciuta per 15 anni l’in-
tuiscono per il proprietario del impianto centivazione indicata in tabella 5.1.
alimentato a fonte rinnovabile una forma Tuttavia al momento manca ancora il rela-
di incentivazione dato che essi possono tivo decreto attuativo a seguito di alcune
essere commercializzati in un apposito osservazioni fatte a livello comunitario per
mercato o venduti attraverso semplici garantire il regime di concorrenza.
accordi bilaterali tra operatori del settore. Per quanto riguarda invece le biomasse di
Con il decreto–legge 1 ottobre 2007, n. origine vegetale provenienti da filiera
159 (poi convertito in legge) collegato alla lunga e per la parte biodegradabile dei
finanziaria 2008, il meccanismo di incenti- rifiuti industriali e urbani il decreto colle-
gato alla finanziaria prevede comunque
un regime di sostegno, sempre della
Tabella 5.1 – Incentivazione per impianti alimentati con prodotti e sottoprodotti durata di 15 anni, in cui però il fattore
agricoli, forestali e di natura zootecnica, derivanti da filiere corte
moltiplicativo per l’assegnazione dei cer-
Impianti con potenza installata > 1MWe
tificati verdi è ridotto a 1,1 e la tariffa omni-
A questi impianti vengono riconosciuti dei certificati verdi “agricoli” in nume- comprensiva posta pari a 0,22 €/kWh. Tali
ro pari ai MWh prodotti moltiplicati per un coefficiente pari a 1,8. Il prezzo valori, nonché quelli previsti per biomas-
di riferimento di tali certificati sarà fissato a partire dal 2008 dalla differen-
se da filiera corta, potranno essere aggior-
za tra il valore di 180 € per MWh e il valore medio annuo del prezzo di ces-
nati ogni 3 anni con decreto del Ministro
sione dell’energia elettrica definito dall’Autorità per l’energia elettrica.
dello sviluppo economico di concerto con
L’incentivazione è riconosciuta per 15 anni.
il Ministro delle politiche agricole alimen-
Impianti con potenza installata ≤ 1MWe tari e forestali. Sono ammessi agli incen-
A questi impianti è riconosciuta, a scelta del produttore, o la stessa tipologia tivi anche ai cosiddetti impianti ibridi, che
di incentivazione vista per le taglie superiori al Megawatt, oppure, in alter- utilizzano cioè sia biomassa sia altri tipi di
nativa, una tariffa fissa omnicomprensiva pari a 0,30 €, che viene liquidata combustibili, in questo caso però l’incen-
mensilmente, per ogni kWh prodotto e immesso in rete. Si da inoltre la pos- tivo verrà erogato solamente per la quota
sibilità agli impianti di potenza fino ai 200 kWe di accedere al servizio di parte di energia prodotta da fonte rinno-
scambio sul posto con modalità simili a quelle già previste dalla finanziaria vabile. Attualmente è inoltre prevista la
2007 per i sistemi fotovoltaici attraverso l’incentivazione in “conto energia”. possibilità di cumulare tali contributi con
Un ulteriore agevolazione per gli impianti di piccola taglia (< 200 kWe) è rap- altri incentivi pubblici di natura nazionale,
presentata dal fatto che questi, per poter accedere agli incentivi, non sono
regionale, locale o comunitaria in conto
soggetti ad autorizzazione, ma ad una semplice dichiarazione di inizio atti-
capitale o in conto interessi con capitaliz-
vità (DIA), che permette di abbreviare sensibilmente i tempi burocratici.
zazione anticipata, purché non eccedenti
L’incentivazione è riconosciuta per 15 anni.
il 40% del costo totale dell’investimento e
122 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

solo per gli impianti che entreranno in


Autorizzazioni per impianti energetici
funzione entro il 31/12/2008.
La realizzazione sul territorio di un impianto energetico richiede una Per quanto detto fin ora si è quindi di
serie di autorizzazioni il cui rilascio, a causa del decentramento ammi- fronte ad un sistema incentivante che rap-
nistrativo, viene sempre più demandato alle amministrazioni locali. presenta un’opportunità molto interessan-
Per quanto riguarda gli impianti RES (alimentati con fonti rinnova- te sotto il profilo economico e che per-
bili) di potenza inferiore ai 50 MWt si fa riferimento, relativamente metterà di sviluppare un modello di filie-
a realizzazione, esercizio e emissioni in atmosfera, al Dlgs 387/03, seb- ra corta o filiera integrale, in cui saranno
bene sia comunque necessario effettuare verifiche direttamente con
proprio gli agricoltori che, oltre a produr-
le amministrazioni locali di competenza. Per questi impianti viene rila-
re le colture energetiche, le trasformeran-
sciata un’autorizzazione unica una volta presentata:
no in energia elettrica attraverso impianti
 la modulistica predisposta dall’autorità locale competente;
 il progetto definitivo con i relativi elaborati tecnici di supporto;
gestiti direttamente da loro e senza l’in-
 la relazione tecnica impiantistica ed emissioni; termediazione dell’industria. Per una
 la relazione antincendio ai vigili del fuoco. piena applicazione delle ultime disposizio-
Se il combustibile utilizzato rientra poi nella normativa sui rifiuti, la ni di legge dovranno comunque essere
richiesta di autorizzazione unica deve essere fatta ai sensi dell’art. 208 emanati i necessari decreti attuativi indi-
del Dlgs 152/06 per quanto riguarda la realizzazione e l’esercizio del- spensabili a chiarire maggiormente alcu-
l’impianto, nonché ai sensi dell’art. 269 dello stesso decreto per quan- ni aspetti procedurali di estrema impor-
to riguarda le emissioni in atmosfera. tanza. Sarà infatti necessario ad esempio
Gli impianti energetici di potenza superiore ai 50 MWt sono invece indicare le modalità con le quali gli ope-
assoggettati all’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA, procedura
ratori sono tenuti a garantire la tracciabi-
IPPC) così come disposto dal Dlgs 59/2005. Questa comprende le auto-
lità e la rintracciabilità della filiera, stabili-
rizzazioni relative a realizzazione ed esercizio dell’impianto, emissio-
re i criteri per la destinazione delle bio-
ni in atmosfera e scarico delle acque, e tutti i pareri e nulla–osta in
precedenza necessari. La documentazione per l’AIA dovrà compren- masse combustibili a scopi alimentari,
dere i seguenti elaborati: industriali ed energetici, o ancora defini-
 progetto definitivo con relazione tecnica, tavole e planimetrie; re le modalità per assicurare la transizio-
 studio di impatto ambientale, ne dal precedente sistema di incentivazio-
 modulistica e relazioni tecniche IPPC. ne ai nuovi meccanismi, con particolare
Per quanto riguarda infine la procedura di VIA (Valutazione di Impatto riferimento al nuovo conto energia per gli
Ambientale), questa, condotta ai sensi del DPCM 377/88 e successi- impianti inferiori al MW.
ve integrazioni e/o modifiche, dovrà essere avviata: La legge 24 dicembre 2007, n. 244 (finan-
 per impianti energetici di capacità > 50 MWe; ziaria 2008) dà inoltre la possibilità di
 per impianti energetici di capacità > 50 MWt che ricadono in aree
accedere fino al 31 dicembre 2010, pro-
protette;
rogando così di fatto il comma 344 della
 per impianti energetici di capacità > 50 MWt che pur non ricaden-
finanziaria 2007, alla detrazione fiscale
do in aree protette presentino, a giudizio della regione, particolari
caratteristiche di impatto secondo quanto riportato nell’all. IV, parte IRPEF del 55% prevista per le spese
II del Dlgs 152/06. sostenute e documentate relative ad
La documentazione per la VIA dovrà comprendere i seguenti elabo- interventi di riqualificazione energetica
rati: di edifici esistenti. In questo ambito è
 progetto definitivo con relazione tecnica, tavole e planimetrie; possibili far rientrare anche la sostituzio-
 relazioni tecniche specifiche, ove richieste (rumore, diffusione delle ne del generatore di calore con una cal-
emissioni, ecc.); daia alimentata a biomassa che di fatto
 studio di impatto ambientale. rende pari a zero il fabbisogno di ener-
gia primaria per la climatizzazione inver-
123 Aspetti economici

nale. Per poter accedere allo sgravio co abilitato; inoltre, ai sensi della norma-
fiscale è comunque necessario rispetta- tiva vigente, è obbligatorio il rispetto dei
re dei requisiti minimi di efficienza ener- limiti di emissione fissati dal Dlgs 3 apri-
getica, così come previsto dall’art. 6 del le 2006, n. 152. È inoltre previsto che per
DM 20/7/2004. In particolare, per le cal- le forniture di componenti considerati
daie a biomassa di potenza inferiore ai “non significativi” per l’impianto, nonché
300 kW, l’efficienza deve essere compa- per le prestazioni di servizi (come instal-
tibile con la classe 3 della norma EN lazione o manutenzione), il proprietario
303–5; mentre per le caldaie di potenza paghi un’aliquota IVA ridotta al 10%. Se
superiore ai 300 kW si deve verificare un il bene fornito è “significativo”, come ad
rendimento superiore all’82%. La rispon- esempio la caldaia, allora l’IVA da appli-
denza a tali requisiti deve essere riporta- carsi va calcolata ai sensi dell’art. 7 della
ta nell’asseverazione compilata dal tecni- legge 488/99.

Capitolo Sei
125 La Sicilia e le biomasse

La Sicilia e le biomasse

[6.1]  al risparmio energetico e alla produzio-


Il Programma ne di energia da fonti rinnovabili in
di Sviluppo Rurale impianti di capacità inferiore a 1 MW,
 alla realizzazione di nuovi impianti di
Un importante strumento di incentivazio- piantagioni arboree a ciclo breve (short
ne del settore agro–energetico siciliano è rotation), per la produzione di biomas-
rappresentato dal Programma di Sviluppo se a finalità energetica purché sosteni-
Rurale (PSR) 2007–2013. Con esso si sono bili dal punto di vista ambientale.
pianificati, per un periodo di sette anni, gli Gli aiuti finanziari vengono erogati in favo-
interventi necessari a sostenere sia lo svi- re degli imprenditori agricoli singoli o
luppo del settore agricolo, alimentare e associati (in forma di cooperative, di socie-
forestale, che la conservazione e valoriz- tà di persone o di società di capitali)
zazione sostenibile dei territori rurali della dando priorità ai giovani o a coloro che
regione. Il Programma si articola su quat- appartengono ad organizzazioni di pro-
tro “Assi” e circa 30 “Misure”, ognuna duttori riconosciute (OO.PP). Le imprese
delle quali definisce uno specifico ambi- devono però:
to di intervento. Tra le varie priorità si ha,  possedere, al momento della presenta-
ad esempio, sia quella di aumentare la zione della domanda, un livello minimo
produzione di biomassa, attraverso un raf- di reddito che dipende essenzialmente
forzamento del comparto agricolo e fore- dalla loro collocazione sul territorio
stale, che quella di ridurre le emissioni di regionale (suddiviso in 4 aree rurali),
gas serra (in particolare metano e protos-  presentare un piano aziendale degli
sido di azoto), favorendo la diffusione di investimenti,
pratiche agronomiche e di allevamento a  soddisfare dei requisiti minimi in mate-
basso impatto ambientale e realizzando ria di ambiente, igiene e benessere
l’ampliamento della superficie boschiva degli animali.
regionale. Le misure che interessano il set- Il contributo economico, che può essere
tore agro–energetico sono: erogato in conto capitale, in conto inte-
ressi o in forma combinata, sarà:
Misura 121: ammodernamento  per le zone montane, per le zone carat-
delle aziende agricole terizzate da svantaggi naturali o per
In essa si da sostegno alla realizzazione di quelle ricadenti nei territori “Natura
investimenti mirati: 2000” (zone ad alto valore naturale inse-
126 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

rite nel sistema regionale delle aree nuti per la realizzazione del progetto di
protette), pari al 60% o al 50% del costo cooperazione. Il livello contributivo è pari
dell’investimento ammissibile, a secon- al 100% dell’importo complessivamente
da che questo sia realizzato da giovani ammesso a finanziamento, nel quale pos-
agricoltori o non; sono rientrare ad esempio le spese soste-
 per le altre zone, pari al 50% del costo nute per:
dell’investimento ammissibile, se richie-  l’acquisto di beni e attrezzature stretta-
sto da giovani, al 40% se richiesto da mente necessarie allo sviluppo di nuovi
altri agricoltori. prodotti, processi e tecnologie,
La dimensione finanziaria massima dell’in-  l’acquisto di brevetti, software, licenze,
vestimento complessivo per ciascuna studi,
azienda per il periodo 2007–2013 non  consulenze specialistiche finalizzate
potrà comunque eccedere 1.500.000 €, all’acquisizione di know how,
per gli investimenti riguardanti la fase pro-  attività professionali realizzate dal per-
duttiva, e 2.500.000 € nel caso di investi- sonale dipendente delle imprese bene-
menti di filiera. ficiarie, nel limite dei tempi specificata-
mente dedicati alla realizzazione del
Misura 124: cooperazione per lo progetto,
sviluppo di nuovi prodotti, processi e  spese generali nei limiti del 10% delle
tecnologie nei settori agricolo e spese ammissibili del progetto.
alimentare, e in quello forestale
La misura sostiene progetti di cooperazio- Misura 214/1C: adozione di
ne tra i produttori primari nei settori agri- avvicendamenti colturali per il
colo e forestale e i soggetti, pubblici o pri- miglioramento della struttura del suolo
vati, operanti nel settore della ricerca e L’obbiettivo è quello di contribuire alla
della sperimentazione pre–competitiva. riduzione dei fenomeni di erosione/dilava-
Attraverso il coordinamento da parte mento e diminuzione della fertilità dei
dell’Assessorato regionale dell’agricoltu- suoli che hanno interessato, in maniera
ra, si favorisce così: rilevante, soprattutto il comparto dei
 il trasferimento applicativo e il collaudo cereali autunno–vernini coltivati in mono-
dei risultati della ricerca (ottenuti anche successione. A tal fine la misura prevede
in ambito extraregionale) all’interno un aiuto economico per tutti gli impren-
delle imprese, in modo da incentivare ditori agricoli, singoli o associati, proprie-
lo sviluppo dell’economia agro–foresta- tari di almeno 20 ha in aree a rischio di
le regionale e nello specifico la produ- desertificazione o aree che presentano un
zione di biomasse per energia rinnova- rischio di erosione superiore a 2
bile, t/ha/anno. Tale aiuto viene concesso a
 l’introduzione, e la relativa diffusione, di coloro che attuino una rotazione coltura-
azioni innovative riguardanti i processi, le almeno triennale che preveda l’alter-
i prodotti e le tecnologie connesse con nanza di: una coltura da rinnovo, una col-
le varie fasi della filiera. tura cerealicola e una miglioratrice (come
Il sostegno economico, erogato in conto leguminose da granella o da foraggio)
capitale per un massimo di 1 milione di €, che abbia effetti positivi sulla fertilità com-
è finalizzato dunque a coprire i costi soste- plessiva del suolo e che contrasti il decli-
127 La Sicilia e le biomasse

no della sostanza organica. Con questa  piccoli impianti di produzione e stoc-


forma di incentivazione si favorisce dun- caggio di bio–combustibili (biodiesel),
que il minor impiego di fertilizzanti azota-  impianti di co–generazione per la pro-
ti (responsabili delle emissioni di protos- duzione combinata di elettricità e calo-
sido di azoto, pericoloso gas serra) e l’au- re,
mento nella produzione di biomassa per  impianti ausiliari finalizzati alla realizza-
usi energetici vista la necessità di preve- zione delle tipologie previste ai punti
dere, in una possibile rotazione quinquen- precedenti.
nale, almeno due “colture proteaginose Tali investimenti, condotti all’interno del-
e/o colture no food”. Il sostegno, conces- l’azienda agricola, devono comunque es-
so su base annua per l’avvicendamento sere finalizzati alla realizzazione di impian-
del seminativo, è pari a 100,00 €/ha e non ti aventi potenza fino ad un massimo di 1
potrà essere cumulato con gli incentivi MW e, una volta costruiti, dovranno esse-
previsti dalla PAC (Regolamento CE re mantenuti operativi per un periodo di
1782/2003) per i seminativi o per le coltu- almeno 5 anni. Gli interventi devono poi
re energetiche. essere corredati di un progetto definitivo
di fattibilità, provvisto di tutte le autoriz-
Misura 311: diversificazione zazioni necessarie, e di un piano che
verso attività non agricole dimostri che le operazioni di approvvigio-
Questa misura si prefigge l’obbiettivo di namento e trasporto della biomassa pre-
consolidare l’occupazione nelle aree rura- sentino un bilancio ambientale vantaggio-
li sostenendo lo sviluppo di attività pro- so. Se il beneficiario non è in grado di
duttive che possano integrare il normale coprire autonomamente le fasi di produ-
reddito dell’imprenditore agricolo. Tra le zione della sostanza organica, trasforma-
possibili forme di diversificazione vi è ad zione e vendita del prodotto finale si
esempio la produzione di energia da fonti richiede allora la presentazione di un pro-
rinnovabili, con la quale è possibile ridur- getto di filiera che deve essere sottoscrit-
re i costi di approvvigionamento energe- to da tutti i partecipanti. Gli aiuti saranno
tico, e talvolta realizzare anche un aumen- erogati sotto forma di contributi in conto
to dei ricavi grazie alla vendita della fra- capitale e/o in conto interessi, o in forma
zione energetica eccedente i fabbisogni combinata, con un’intensità pari al 45%
aziendali. Gli investimenti, connessi al set- delle spese ammesse; inoltre gli impren-
tore delle biomasse, per i quali è previsto ditori agricoli che accedono a questa
un aiuto economico riguardano la realiz- forma di incentivazione non potranno, per
zazione di: gli stessi interventi, usufruire degli aiuti
 impianti di raccolta, cippatura, pellettiz- previsti nell’ambito della misura 121.
zazione e stoccaggio di biomasse
agro–forestali, Misura 312: sostegno alla creazione
 centrali termiche con caldaie alimenta- e allo sviluppo di micro–imprese
te prevalentemente a cippato o a pel- Si tratta di una misura per molti versi simi-
let, le alle precedente con la quale si da soste-
 impianti per la produzione di biogas gno a tutte quelle iniziative rivolte alla
dai quali ricavare energia termica e/o creazione e al rafforzamento di microim-
elettrica, prese in settori extra–agricoli, che riman-
128 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

gano comunque fortemente collegate e/o possono superare l’importo massimo di


integrate al settore primario e al territorio. 300.000 €.
Tra le attività oggetto di finanziamento vi
è ad esempio la produzione e vendita di Per investimenti più costosi, o per la rea-
energia da fonti rinnovabili che potrà, rela- lizzazione di impianti di potenza superio-
tivamente al comparto delle biomasse, re a 1 MW, si fa riferimento invece all’as-
realizzarsi attraverso gli stessi interventi se 2 del POR FESR 2007–2013 (Program-
visti nella misura 311. Il livello contributi- ma Operativo Regionale Fondo Europeo
vo riconosciuto, concesso ancora in conto Sviluppo Regionale). Attraverso questo
capitale, in conto interessi, o in forma strumento la regione, tra i vari obiettivi,
combinata, è pari al 75% del costo dell’in- intende anche sostenere la realizzazione
vestimento, con un importo complessivo di impianti alimentati da fonti rinnovabili,
massimo erogabile ad una medesima privilegiando in particolar modo gli inter-
impresa che non può superare i 200.000 venti in grado di attivare filiere produttive
€ nell’arco di tre esercizi finanziari. riguardanti le tecnologie energetiche,
agroenergetiche e i biocarburanti. Il POR
Misura 321: servizi essenziali si può dunque ritenere in sinergia sia con
per l’economia e la popolazione rurale le azioni di incentivazione alla produzione
La misura è volta a favorire lo sviluppo di di colture energetiche no food, già previ-
servizi essenziali, per la popolazione e per ste nell’ambito della PAC, che con le misu-
le imprese, funzionali al miglioramento re contenute nel programma di sviluppo
della qualità della vita nelle aree rurali, rurale.
così che si possa rallentare l’esodo della
popolazione (in particolare di quella gio-
vanile) e migliorare l’attrattività del terri- [6.2]
torio per la localizzazione di nuove azien- Il progetto Fi.Sic.A
de. Tra le iniziative finanziabili vi è anche
quella legata alla realizzazione in edifici Un primo passo verso l’implementazio-
pubblici di piccole centrali termiche ali- ne di una filiera agro energetica in Sicilia
mentate da biomasse agro–forestali di si è compiuto nel 2006 con l’istituzione,
provenienza locale. In questo ambito i da parte del dipartimento interventi
potenziali beneficiari del contributo eco- infrastrutturali dell’assessorato regiona-
nomico possono essere: la regione le agricoltura e foreste, del progetto
Siciliana (nella figura dell’assessorato del- Fi.Sic.A. (Filiera Siciliana per
l’agricoltura e delle foreste), enti locali l’Agroenergia). Obbiettivo del progetto
territoriali (in forma singola o associata) o è quello di identificare e valutare coltu-
enti pubblici e loro consorzi. Per le pic- re energetiche agronomicamente ed
cole e medie imprese, in forma singola e economicamente idonee ad entrare in
associata, l’aiuto è erogato con un’inten- rotazione con il grano duro evitando così
sità pari al 45% della spesa ammessa, l’abbandono dei terreni e garantendo
mentre per i soggetti pubblici si può arri- un surplus di reddito agli agricoltori. Una
vare fino al 100%. In ogni caso comunque prima sperimentazione è stata avviata
i progetti, finanziati dal FEASR (Fondo nell’annata agraria 2006/2007 in 28 dif-
Europeo Agricolo Sviluppo Rurale) non ferenti aziende agricole dislocate in sette
129 La Sicilia e le biomasse

delle nove province dell’isola. Su una stato l’assoluta idoneità alle applicazio-
superficie complessiva di 56 ha si sono ni motoristiche da parte di questo pro-
ottenuti circa 650 quintali di Brassica dotto che presenta addirittura caratteri-
Carinata (varietà Sincron), una coltura stiche mediamente migliori rispetto a
oleaginosa a destinazione energetica, quelle dei più comuni oli vegetali grez-
particolarmente apprezzata per la possi- zi (olio di girasole). In particolare si ha:
bilità di ricavare dai suoi semi olio da  potere calorifico superiore alla media
destinarsi alla produzione di biodiesel. I (≈40 MJ/kg),
motivi che hanno condotto alla scelta di  basso contenuto di fosforo, al di sotto
questa specie vegetale sono sostanzial- dei limiti imposti dalle specifiche di
mente: alcuni costruttori,
 adattabilità alle condizioni pedoclima-  valori di viscosità e contenuto di
tiche siciliane e in particolare alle acqua nella media degli oli grezzi.
ampie escursioni termiche (fino anche Interessanti sono anche le applicazioni
a 20 gradi), cui può essere destinato il panello pro-
 elevato contenuto di olio, teico derivante dalla spremitura dei semi
 capacità di competere con le piante che trova impiego non solo come ferti-
infestanti, lizzante organico ma anche come bio-
 buona resistenza alla deiscenza, massa per fini energetici. Nonostante
 possibilità di utilizzare lo stesso parco infatti un contenuto di ceneri medio alto
macchine impiegato nella coltivazione (intorno al 7%), questo prodotto, grazie
del grano duro. al basso tenore di umidità e alla porzio-
Le analisi condotte sul bio–olio estratto ne residua di sostanza oleosa non estrat-
(resa media del 43%) hanno poi manife- ta, presenta un soddisfacente potere

Figura 6.1 – Varie fasi della coltivazione della Brassica carinata


130 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

calorifico superiore che può raggiunge- Brassica carinata al fine di aumentar-


re anche i 20 MJ/kg. C’è però da consi- ne la resistenza al freddo, alla deiscen-
derare anche la bassa temperatura di za e quindi ottenere una maggiore
fusione delle ceneri (prossima agli 800 resa,
°C) che può creare problemi in fase di  verificare gli effetti dell’avvicendamen-
combustione, favorendo la formazione to Brassica carinata – grano duro,
di agglomerati. Tale panello, opportu-  migliorare la valorizzazione dei sotto-
namente miscelato con biomasse carat- prodotti.
terizzate da ceneri alto fondenti, è quin- L’obbiettivo finale in sostanza è quello di
di impiegabile in caldaie di medio–gran- creare una filiera corta, così che ogni
di dimensioni nelle quali è più efficace il agricoltore, attraverso i fondi del PSR,
controllo della temperatura di combu- possa essere messo in condizione di col-
stione. tivare e nello stesso tempo convertire
Altro sottoprodotto ottenuto dalla colti- energeticamente il proprio raccolto.
vazione della Brassica carinata è la
paglia, che da un punto di vista energe-
tico è paragonabile a del materiale [6.3]
lignocellulosico con basso tenore di umi- Il potenziale da biomassa
dità (il p.c.i., che risulta paria a circa 13 in Sicilia
MJ/kg, è nella media) e alto contenuto
in ceneri (temperatura di fusione molto Un elemento cruciale nel valutare la fatti-
bassa, ≈600 °C). L’applicazione più pro- bilità di un impianto di produzione ener-
mettente appare, come per il panello, la getica da biomasse è quello di analizzare
combustione in caldaie medio–grandi, in dettaglio l’approvvigionamento di que-
mentre non si è dimostrato finora inte- sta risorsa, sia nel caso in cui si intenda
ressante l’impiego nella produzione di produrre biomassa tramite colture dedica-
pellet commerciale, a meno di non con- te, sia quando il progetto da realizzare sia
siderare l’eventualità di miscelare la basato sull’uso di residui ottenibili dal set-
paglia con residui vegetali (ad esempio tore agroforestale o da quello agroindu-
tralci di vite) caratterizzati da ceneri alto striale. L’approvvigionamento deve infatti
fondenti. assicurare la quantità di biomassa neces-
Nonostante i buoni risultati fin qui rag- saria ad un costo compatibile con la remu-
giunti, l’attività di ricerca è in pieno svol- neratività della costruzione ed esercizio
gimento grazie anche al sempre maggio- dell’impianto. Il costo della biomassa
re interesse mostrato in questo senso dal dipende da molteplici fattori, tra i quali la
mondo agricolo e industriale che ha por- quantità, la tipologia e la distanza tra
tato a stipulare, per l’annata agraria luogo di produzione/raccolta e impiego
2007/2008, contratti di coltivazione per finale. Questi elementi riguardano prima-
circa 600 ha in cui è garantito il ritiro del- riamente coloro che promuovono la
l’intera produzione ad un prezzo di 26 costruzione di un impianto di generazio-
€/q. Gli studi sono in particolare mirati a: ne di energia, ma sono sicuramente di
 affinare la tecnica colturale, quindi le interesse anche per l’amministrazione
operazioni di semina, diserbo, ecc., pubblica che è chiamata ad approvare e
 attuare miglioramenti genetici sulla autorizzare l’opera valutando, in relazione
131 La Sicilia e le biomasse

Tabella 6.1 – Produttività annua teorica di biomassa su base provinciale


Province Paglie Potature Sarmenti Frasche Totale Legno Legno Totale Totale
alberi di olivo Potature da conifere da latifoglie legno biomassa
da frutto forestale legnosa
ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno ton s.s./anno
Trapani 128.720 306 128.508 26.250 155.064 2.153 6.301 8.453 163.517
Palermo 304.640 8.537 33.020 28.588 70.145 57.921 18.868 76.789 146.934
Messina 6.828 25.681 3.298 43.903 72.881 149.522 4.819 154.341 227.222
Agrigento 154.882 32.976 54.862 32.144 119.982 9.610 20.470 30.081 150.063
Caltanissetta 183.052 17.129 20.904 10.863 48.895 31.530 1.100 32.630 81.525
Enna 213.040 26.118 1.050 20.325 47.493 44.404 3.428 47.832 95.325
Catania 125.900 12.712 16.312 16.888 45.911 44.550 10.454 55.003 100.914
Ragusa 84.680 14.058 8.522 8.063 30.643 1.066 9.944 11.011 41.654
Siracusa 70.238 16.967 3.912 13.875 34.754 13.160 2.364 15.524 50.278
Totale 1.271.981 154.483 270.388 200.897 625.768 353.916 77.748 431.664 1.057.432

alla reale disponibilità/potenzialità della cipali (ovvero frutta, cereali, legumi, ecc.),
biomassa in un dato territorio, gli eventua- stimati annualmente dall’ISTAT, e i residui
li impatti legati alla logistica (movimenta- ad esse associati. L’analisi condotta per la
zione) di questa risorsa e la sostenibilità di regione Sicilia ha preso in considerazione
lungo periodo dell’iniziativa. È quindi utile le seguenti specie colturali:
disporre di informazioni circa il potenzia-  erbacee: frumento tenero e duro, orzo
le di biomassa producibile o disponibile e avena, che danno come prodotto
in un dato ambito territoriale al fine di residuale la paglia, (altre colture sono
determinare se e come uno o più impian- state escluse in quanto poco significa-
ti possano trovare biomassa sufficiente, tive in termini di superfici investite e/o
per quantità e tipologia, al proprio funzio- caratterizzate da scarti difficilmente
namento in continuo. recuperabili);
La tabella 6.1 riporta il quantitativo di bio-  arboree: vite da vino, olivo, agrumi,
massa (residuale agricola e forestale) teo- pesco, albicocco, melo, pero, mandor-
ricamente producibile annualmente nelle lo e nocciolo dalle cui operazioni di
diverse province siciliane e utilizzabile per potatura è possibile ricavare biomassa
scopi energetici. La stima è stata effettua- legnosa (i criteri di inclusione e esclu-
ta applicando una metodologia statistica sione sono analoghi a quelli visti per le
sviluppata dall’ENEA in collaborazione colture erbacee).
con l’AIIA (Associazione Italiana A questa tipologia di biomassa si aggiun-
Ingegneria Agraria). Tale procedura di cal- ge poi quella di natura lignocellulosica
colo, ad esempio, per definire con ragio- ricavabile dal comparto forestale in segui-
nevole accuratezza le quantità di scarti to a operazioni di manutenzione (taglio e
agricoli su base provinciale fa riferimento raccolta) di boschi di conifere e di latifo-
al rapporto esistente tra produzioni prin- glie. In tabella 6.1 sono riportati i risulta-
132 Energia dalle biomasse. Tecnologie e prospettive

Disponibilità massima di paglie di cereali grosso potenziale disponibile è quello dei


Fig. 6.2
nelle diverse province siciliane
sottoprodotti delle colture agricole, cioè
di paglie di cereali e di potature (sarmen-
ti di vite, frasche di olivo e potature di
agrumi); mentre più limitata è la disponi-
bilità di biomassa legnosa derivante dal
comparto forestale.
È importante rimarcare che la stima sopra
riportata si riferisce alla producibilità mas-
sima teorica, e tiene conto delle superfi-
ci agricole coltivate e delle estensioni
forestali nel 2006, con una produttività
massima che appare di poco superiore
alle 2.300 kton/anno (paglie + totale bio-
massa legnosa).
Per effettuare una stima della disponibili-
tà agli usi energetici è necessario sottrar-
Disponibilità massima di potature (sarmenti di vite, frasche re alla producibilità teorica i quantitativi di
Fig. 6.3
di olivo e potature di agrumi) nelle diverse province siciliane
paglia, legna e residui agroindustriali che
sono stati conferiti al mercato e riutilizza-
ti in azienda. Una stima di questo gene-
re, condotta nel 1990, aveva rilevato un
quantitativo disponibile di 1.300 kton
annue.
L’analisi del mercato siciliano delle bio-
masse è attualmente in corso (il Ministero
dello Sviluppo Economico ha finanziato
l’indagine con un accordo di programma
CERSE affidato a ENEA); i risultati di que-
sto studio permetteranno di stimare il
valore aggiornato di disponibilità agli usi
energetici.
I dati a cui si perverrà restituiranno un
dato di potenziale netto al territorio, cioè
ti dell’analisi disaggregati per provincia; i la quantità di biomassa che, al netto dei
valori, espressi in tonnellate di sostanza riusi aziendali/locali, è potenzialmente
secca producibile annualmente, esprimo- disponibile sul territorio, cioè presso le
no la disponibilità massima teorica di bio- singole aziende agricole e forestali e/o
massa per usi energetici, disponibilità che presso le strutture di trasformazione agro-
nella realtà operativa subisce l’influenza di industriale.
diversi fattori tra cui: tecnica colturale, Tale dato costituisce una prima informa-
condizioni pedoclimatiche, tecniche di zione di natura quantitativa ed evidenzia
raccolta, aspetti fitopatologici, ecc.. che entro determinati confini territoriali, in
Come appare evidente, in Sicilia, il più questo caso le province, esistono quanti-
133 La Sicilia e le biomasse

Disponibilità massima di legno forestale tà significative di biomasse suscettibili di


Fig. 6.4
nelle diverse province siciliane impiego. Questo potenziale è comunque
teorico e sono necessarie altre elaborazio-
ni per arrivare a definire il potenziale reale,
cioè quella quantità di biomassa che nelle
condizioni economiche, organizzative e
tecnologiche date può essere raggiunta,
raccolta e concentrata per usi energetici.
Per poter effettivamente ragionare in ter-
mini di politiche e/o di azioni e trasforma-
re tale potenziale in una reale opportuni-
tà per il territorio, arrivando a ipotizzare
quale tipologia di impianti, di quale taglia
e dove realizzarli, è necessario conoscere
per prima cosa la effettiva distribuzione di
tali biomasse, nello spazio e nel tempo,
cioè il loro livello di dispersione e la loro
Disponibilità massima complessiva di biomassa legnosa stagionalità e incrociare tali informazioni
Fig. 6.5
(potature + legno forestale) nelle diverse province siciliane
con il peso che assumono altri fattori
immodificabili come la morfologia del ter-
ritorio, l’ampiezza e la posizione delle
aziende agricole e la disponibilità della
rete stradale. Gli strumenti di analisi spa-
ziale dei moderni GIS consentono, quan-
do siano disponibili dati adeguati, di arri-
vare a definire il potenziale reale.
Di seguito vengono infine riportate, a
titolo di esempio, alcune mappe temati-
che raffiguranti la disponibilità massima
delle suddette biomasse nel territorio
siciliano.

Bibliografia

AA.VV., L’impatto ambientale di centrali elettriche alimentate a biomasse legnose. Esperienze e valu-
tazioni, a cura di Mario Conti, ENEA, Roma, 2003.
AIGR, Potenzialità energetica da biomasse nelle regioni italiane, rapporto redatto su contratto
ENEA (non pubblicato), 1994.
ANPA-ITABIA, Biomasse agricole e forestali, rifiuti e residui organici: fonti di energia rinnovabile.
Stato dell’arte e prospettive di sviluppo a livello nazionale, 2001
APAT, Le Biomasse Legnose, Rapporto APAT 30/2003.
Bartolelli V., Disponibilità di biomasse sul territorio italiano e aspettative reali di sfruttamento, ITA-
BIA, 2003.
Bioenergy in the United States: progress and possibilities, in Biomass and Bioenergy, Vol 18, n.6 pp
441-445, 2000.
Braccio G., Matera D.A., Motola V., Biomass Availability from Agricultural Residues as Renewable
Energy Source, 2nd World Conference and Technological Exhibition on Biomass for Energy, Industry
and Climate Protection, Rome, Italy, 10-14 May 2004.
Cardinale M., D’Alessandro A., Matera D.A., Motola V., Braccio G.: Valutazione GIS del potenziale
energetico da biomasse lignocellulosiche nella regione Basilicata, Rapporto tecnico ENEA, 2006.
Castellazzi L., Le tecnologie di utilizzo delle biomasse: aspetti tecnicie economici, corsi SICENEA,
www.sicenea.it, 2008.
Chiaramonti D., Martelli F., Galante R., Celli M., Colognesi D., Zoppi M., Produzione di idrogeno da
fonti fossili e rinnovabili, Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Energetica “S. Stecco”
e CNR – IFAC, 2004.
Consorzio SEED, Utilizzo energetico della Biomassa, 2001.
Cook J., Beyea J., Biomass, energy, and enviromental Forest Ecology and Management, Vol. 95,
Issue 1, pp 93-98, July 1, 1997.
CRPA, Energia dal biogas - Soluzioni possibili per l’azienda zootecnica, Centro Divulgazione Agricola,
2005
ENEA, Compendio del Rapporto Energia e Ambiente 2004.
Gelleti R., Jodice R., Mauro G., Migliardi D., Picco D., Pin M., Tomasinsig E., Tommasoni, L. Chinese
D., Monaco B., Nardin G., Simeoni P., Energia dalle biomasse, CETA e Università degli Studi di Udine
– Dipartimento di Energetica e Macchine, AREA Science Park, 2006.
INFC, Risultati della prima fase di campionamento (2004), Ministero delle Politiche Agricole e
Forestali, Corpo Forestale dello Stato.
ITABIA, Caldaie a biomasse per impianti di riscaldamento domestico, 2003.
Lai G., Riva G., Fiala M., Applicazione a livello territoriale delle metodologie ENEA-A.I.I.A. alle regio-
ni Emilia-Romagna e Abruzzo: sintesi dei risultati, ENEA-RT-ERG, 1996.
Lupia F., Pulicani P., Colonna N., Analisi spaziale delle componenti di costo per lo sfruttamento ener-
getico di biomasse legnose. Atti Conferenza ASITA, Bolzano, Novembre 2006.
135 Bibliografia

Pellizzi G., Riva G., Fiala M., Potenzialità energetica da biomsse nelle Regioni Italiane, ENEA-AIGR,
1994.
Progetto OPTIRES – A Planning Tool for the Optimal Regional Integration of Renewable Energy
Sources.
Programma Nazionale Energia Rinnovabile da biomasse (P.N.E.R.B.), Ministero per le politiche agri-
cole e forestali (MIPAF), 1998.
Progetto ENERWOOD – Il potenziale energetico da biomasse nella regione Molise, Regione Molise,
Isernia, Giugno 2008.
Programma di sviluppo rurale Sicilia 2007/2013, Regione Siciliana – Assessorato Agricoltura e Foreste.
Scoditti E., La Biomassa: Descrizione e utilizzo energetico, ENEA, 2006.
Van Thuijl E., Roos C.J., Beurskens L.W.M., An overview of biofuel technologies, market and poli-
cies in Europe, ECN Policy Studies, 2003.
Vivoli F.P. (a cura di), corso FAD ENEA–UNESCO – Biomass energy, odl.casaccia.enea.it, 2006.
Edito dall’ENEA

Unità Comunicazione e Rapporti con il Pubblico

Lungotevere Thaon di Revel, 76 - Roma

www.enea.it

Edizione del volume a cura di Antonino Dattola

Finito di stampare nel mese di Ottobre 2008


da Fabiano Group Srl – Canelli (AT)