Sei sulla pagina 1di 59

Screening

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
FACOLTA’ DI MEDICINA E CHIRURGIA
CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

Anno Accademico 2017-2018


CORSO DI IGIENE GENERALE E APPLICATA

METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA

Martino Trapani
PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICI

Interventi di sanità pubblica di


provata efficacia

Obiettivo

Ridurre la mortalità nella


popolazione bersaglio
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
COSA SONO GLI SCREENING?

Gli screening sono esami condotti a tappeto


su una fascia più o meno ampia della
popolazione allo scopo di individuare una
malattia o i suoi precursori (quelle anomalie
da cui la malattia si sviluppa) prima che si
manifesti con sintomi.

Obiettivo: riduzione della mortalità specifica


attraverso la riduzione della incidenza delle
forme incurabili.
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
COSA SONO GLI SCREENING?

In particolare gli screening oncologici o interventi di


prevenzione secondaria, servono a individuare
precocemente i tumori, o i loro precursori, quando non
hanno ancora dato segno di sé. (si mira a individuare la
malattia quando è più facilmente curabile.)

Mentre con la prevenzione primaria si cerca di evitare


l'insorgenza del cancro, per esempio attraverso interventi
sugli stili di vita o sull'ambiente;

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
COSA SONO GLI SCREENING?

Nello stadio iniziale il cancro è normalmente circoscritto a


una ristretta area dell'organismo e, il più delle volte, non dà
sintomi.

In questa fase il tumore può spesso essere affrontato con


maggiore efficacia e minori effetti collaterali con trattamenti
chirurgici, farmacologici o di radioterapia e maggiori sono le
probabilità di cura.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
I REQUISITI PER LA PREVENZIONE

Malattia Rilevante

storia naturale nota (periodo preclinico)

effettivo beneficio da diagnosi precoce

Popolazione definita e identificabile

• sensibile, specifico, riproducibile,


Disponibilità • conveniente,
• esente da complicazioni,
di un test: • accettabile

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
I REQUISITI PER LA PREVENZIONE

• ETICITA’;

• EQUITA’;

• EFFICACIA;

• EFFICIENZA;

• STRUTTURATO E CODIFICATO;

• CONTROLLATO;

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
QUADRO NORMATIVO

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEGLI
SCREENING?
• è diverso da un accertamento prescritto dal medico per
identificare la natura di un disturbo.

• ha lo scopo di escludere una malattia, mentre gli


accertamenti clinici comprendono un insieme di esami al
fine di capire la natura di un disturbo.

• si rivolgono a persone nella grande maggioranza sane;

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEGLI
SCREENING?
Per essere utilizzato in uno screening un esame deve
rispondere a precisi requisiti:

•Deve essere sicuro:


impone la scelta di test che comportino il più basso livello di
effetti collaterali e rischi per esempio nel caso di esami che
impieghino radiazioni, come la mammografia.

•Deve essere accettabile per le persone che


saranno coinvolte;

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEGLI
SCREENING?
• Deve poter cambiare il decorso della malattia:
In altre parole non ha senso anticipare la diagnosi - e quindi
fornire alla persona la consapevolezza di essere affetta
da una patologia - se non sono disponibili trattamenti in
grado di curarla o rallentarne il decorso in maniera
significativa.

• Deve avere un costo sostenibile per la


collettività:
è in genere pagato dal sistema sanitario, occorre coniugare
l'efficacia diagnostica del test alla sostenibilità
economica del programma.
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEGLI
SCREENING?
• Deve essere il più possibile attendibile

Non esistono test diagnostici perfetti: un test è tanto più


affidabile quanto più sa coniugare sensibilità e
specificità.

Un test è tanto più sensibile quanto più individua le persone


effettivamente con il tumore tra quelle sottoposte al test,
dando il minor numero possibile di falsi negativi.

Un test è tanto più specifico quanto meno diagnostica


erroneamente una malattia in chi non ce l'ha, dando il
minor numero possibile di falsi positivi.
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
OBIETTIVI DEGLI SCREENING?

• aumentare al massimo le probabilità di individuare la


malattia riducendo quanto più possibile i rischi derivanti
dall'attività diagnostica.

• Lo screening si rivolge alle popolazioni a maggior


rischio

• Lo screening va effettuato a intervalli regolari


La fascia di età in cui si può sviluppare un tumore è in
genere piuttosto ampia. Inoltre non tutti i tumori crescono
alla stessa velocità: alcuni possono impiegare decenni
prima di dare segni visibili, altri lo fanno in breve tempo.
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
OBIETTIVI DEGLI SCREENING ?

Ridurre la mortalità per un tumore


attraverso la riduzione
dell’incidenza delle forme incurabili

Grazzini G., et al. Ministero della Salute. Roma, 2006.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
PERCORSO DEGLI SCREENING

Uno screening non è un singolo test, ma un percorso in cui


sono previsti sia la ripetizione degli esami a intervalli
regolari, sia gli eventuali passi successivi a seconda
dell'esito degli esami.

Di fronte a un esito positivo al primo test, occorre eseguire


ulteriori esami in grado di confermare o escludere la
presenza della malattia (è quello che viene definito "secondo
livello dello screening").

Soltanto in caso di esito positivo confermato si passa al


trattamento, che costituisce a sua volta una parte del
percorso dello screening stesso.
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
PERCORSO DEGLI SCREENING

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
PERCORSO DEGLI SCREENING

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
EFFICACIA DI UN PROGRAMMA DI
SCREENING
si misura soprattutto in relazione a specifici parametri, fra i
quali:

•La riduzione della mortalità


•Uno screening è tanto più efficace quanto più è in grado di
evitare e quindi di ridurre i decessi per la malattia che
indaga.
•Non è invece utile se aumenta soltanto il numero di tumori
individuati.
•Per misurare se uno screening riduce la mortalità di una
malattia occorrono diversi anni.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
EFFICACIA DI UN PROGRAMMA DI
SCREENING
La riduzione dell'incidenza, ovvero dei nuovi casi.

Uno screening è tanto più efficace quanto più è in grado di


intercettare lesioni tumorali iniziali o addirittura pre-tumorali
e quindi ridurre il numero di casi in fase avanzata o di evitare
che i tumori si sviluppino.

Questo vale per esempio nel caso degli screening per il


tumore del collo dell’utero e del colon retto, che permettono
di individuare e rimuovere lesioni pretumorali o tumorali
precoci.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
EFFICACIA DI UN PROGRAMMA DI
SCREENING
Test di screening efficace:
• semplice, non dannoso, affidabile, validato;

• riproducibile e accurato;

• consenso sulla definizione di test positivo;

• accordo sul protocollo di approfondimento


diagnostico e sulle opzioni disponibili per i soggetti
positivi al test;
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
Gli screening sono costantemente
controllati
L'intero processo dei programmi di screening, dalle
modalità di esecuzione degli esami alle qualità delle
diagnosi fino ai tempi di attesa per eseguire un
intervento, è monitorato da enti preposti.

In Italia a sovrintendere all'attività dei programmi di


screening è l’Osservatorio nazionale screening, che
opera per conto delle Regioni e del Ministero della
salute.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING DI MASSA

Tutta la popolazione esposta al rischio

Malattie ad elevata incidenza Malattie rare ma gravi

Esempio: Tumore del colon-retto Esempio: Fenilchetonuria,


Ipotiroidismo congenito,
Mucoviscidosi

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING SELETTIVO

Gruppi a rischio particolarmente elevato per patologia

Lavoratori esposti a fattori nocivi Soggetti con familiarità

Esempio: silicosi fra i minatori Esempio: diabete, ipertensione,


poliposi familiare

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING ORGANIZZATO

Offerta gratuita e attiva (invito personale) alla popolazione a


rischio per età di un test di screening che abbia un
rapporto favorevole tra i costi (economici, psicologici,
sociali) ed i benefici (riduzione di possibilità di ammalare
e/o di morire per la malattia).

•Interventi di sanità pubblica compresi nei LEA.

•Possibilità di anticipare una diagnosi di tumore deve


essere garantita universalmente.

DPCM 29 novembre 2001

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
I NUMERI DEGLI SCREENING

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING MAMMOGRAFICO

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING MAMMOGRAFICO

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING MAMMOGRAFICO

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING COLON-RETTALE

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING COLON-RETTALE

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING COLON-RETTALE

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING CERVICE

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING CERVICE

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING CERVICE

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
Incidenza e Mortalità nel Mondo- donne:

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
Incidenza e Mortalità nel Mondo -uomini:

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
DATI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
DATI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
DATI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
DATI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
DATI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
DATI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING DI PROVATA EFFICACIA

• CERVICOCARCINOMA;

• CANCRO DELLA MAMMELLA;

• CANCRO COLON-RETTO;

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
SCREENING

CANCRO ETA’ OBIETTIVO PERIODO I LIVELLO II LIVELLO


DI SALUTE

MAMMELLA 50-69 MORTALITA’ MAMMOGRAFIA 2 ANNI MAMMOGRAFIA


BILATERALE: 2 VISITA
PROIEZIONI ECO
CITO
ISTO

CERVIVE 25-64 MORTALITA’ PAP TEST 3 ANNI COLPOSCOPIA


INCIDENZA

COLON 50-74 MORTALITA’ SANGUE 2 ANNI COLONSCOPIA


INCIDENZA OCCULTO FECI

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
ORGANIZZAZIONE E GESTIONE SCREENING

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
ORGANIZZAZIONE E GESTIONE SCREENING

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA – TUMORE MAMMELLA

Il tumore della mammella è il più diffuso fra le donne nei


Paesi occidentali: si stima che 1 donna su 8 lo svilupperà nel
corso della sua vita.
In Lombardia ogni anno è diagnosticato a circa 9900 donne
ed è causa di circa 2000 decessi.
• Donne 50 – 69 anni;
• Test di screening (I livello): Mammografia bilaterale in
doppia proiezione ogni 2 anni;
• Approfondimento diagnostico (II livello): Visita, ecografia,
mammografia, Agoaspirato, Core biopsy;
• III livello Trattamento chirurgico: (Quadrantectomia,
Mastectomia) e/o chemioterapico;
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA– TUMORE MAMMELLA

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA– TUMORE MAMMELLA

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE COLON RETTO

Il tumore del colon retto è un tumore che colpisce l’ultima


parte dell’intestino (colon retto).
Si stima che 1 uomo ogni 10 ed una donna ogni 17 lo
svilupperanno nel corso della loro vita.
In Lombardia ogni anno è diagnosticato a oltre 5100 uomini
e 4100 donne ed è causa complessivamente di circa 3200
decessi.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE COLON RETTO

è rivolto a uomini e donne dai 50 ai 69 anni e prevede ogni 2


anni la ricerca del sangue occulto fecale (non visibile ad
occhio nudo).
In caso di positività al test della ricerca del sangue occulto
nelle feci viene eseguita una colonscopia di
approfondimento.

•Approfondimento diagnostico (II livello): Colonscopia,


Biopsia, Se colonscopia non è eseguibile: RX colon con
clisma a doppio contrasto, colonografia tc;

•III livello Intervento chirurgico;

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE COLON RETTO

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE COLON RETTO

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE CERVICE UTERINA

Il tumore della cervice uterina è invece un


tumore relativamente raro, infatti si stima che 1 donna su
163 lo svilupperà nel corso della sua vita.
In Lombardia ogni anno è diagnosticato a circa 220 donne ed
è causa di circa 100 decessi.
Lo screening viene eseguito solo nelle fasce d’età dove è
considerato efficace eseguire una ricerca preventiva nella
popolazione sana.

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE CERVICE UTERINA

è rivolto alle donne tra i 25 e i 64 anni e prevede l’esecuzione


di un pap test ogni 3 anni.
Da gennaio 2010, è possibile richiedere la vaccinazione
antiHPV (Human Papilloma Virus) presso ambulatori
specialistici di strutture accreditate.

In caso di positività al pap test vengono eseguiti:


•Approfondimento diagnostico (II livello): E’ differente a
seconda della lesione diagnosticata con Pap Test:
ripetizione pap test, colposcopia con o senza biopsia;
•III livello Trattamento chirurgico: (vaporizzazione laser,
crioterapia, diatermia radicale, conizzazione) follow up a 6
mesi;
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
IN LOMBARDIA- TUMORE CERVICE UTERINA

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
Bibliografia:
Testi:

•Barbuti, Fara, Giammamco et al. “IGIENE”, Monduzzi Editore

•Carlo Signorelli “Igiene Epidemiologia Sanità Pubblica”, Società Editrice Universo

•F. Auxilia, M. Pontello “Igiene e Sanità Pubblica”, Piccin

Risorse online:

www.who.int; www.cdc.org; www.istat.it; www.epicentro.iss.it

Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE
GRAZIE
Martino Trapani MAIL: mtrapani@asst-rhodense.it
trapanimartino@yahoo.it
WEB: https://trapanimartino.wordpress.com
Martino Trapani
Direzione Medica P.O. Garbagnate Milanese –ASST RHODENSE