Sei sulla pagina 1di 56

Città di Vigevano

Verso expo 2015

Vigevano
CittÁ ideale
Città di Vigevano
Verso expo 2015

Vigevano
CITTÁ IDEALE

Con il patrocinio di:


Città di Vigevano
Vigevano ha un rapporto stretto con Milano, sia per la posizione geografica
essendo distante solo 35 km dal capoluogo lombardo, sia per il legame
storico-artistico. I Visconti, gli Sforza, Leonardo da Vinci, Donato Bramante sono
i personaggi che hanno lasciato un segno importante e indelebile nella nostra
Città, ancora apprezzabile percorrendo le vie del centro storico o della frazione
Sforzesca. La Piazza Ducale, con la sua unicità e bellezza, è una celebrazione
dell’epoca rinascimentale, a tal punto da essere conosciuta e apprezzata in tutto
il mondo; il Maschio del Castello, con le sue splendide e immense sale dopo
lunghi lavori di recupero torna a vivere; la Strada Coperta, che durante il restauro
conclusosi nel 2013 ha dato alla luce nuove scoperte archeologiche, è un ponte
che sovrasta la città per legarla al territorio non solo lomellino, ma dell’intera
pianura lombarda.
Vigevano è ricca di gioielli storici, che vivono ancora grazie ai nostri cittadini e
ai numerosi turisti attratti dal loro valore: le ricchezze rinascimentali, che hanno
fatto connotare la nostra Città come il “salotto” di Milano, rappresentano un
patrimonio italiano da “raccontare” a tutto il mondo. expo 2015 è una grande
occasione di promozione turistica e culturale: la nostra Città merita di essere
scoperta da nuovi visitatori. Noi siamo pronti ad accoglierli…

Il sindaco
Andrea Sala
Città di Vigevano
Vigevano si distingue per lo splendido patrimonio storico caratterizzato da location
ideali per ospitare i numerosi momenti “Fuori expo”, cioè quegli eventi,
conventions, manifestazioni, ecc… che le Istituzioni o i singoli Paesi vorranno
organizzare in occasione della prossima esposizione universale.
L’eredità storica e artistica non rappresenta l’unica ricchezza del territorio:
Vigevano è nota nel mondo per la tradizione calzaturiera, attività antica oggi
focalizzata nella produzione di scarpe di moda di alta qualità, oltre a essere
leader mondiale nella costruzione di macchine per calzature, pelletteria e accessori.
Il tessuto imprenditoriale locale - formato da piccole aziende, parte delle quali
si stanno costituendo in reti d’impresa per acquisire una sempre maggiore
competitività sul mercato – è un fiore all’occhiello della nostra terra.
Le nostre aziende rappresentano il partner adatto per le attività connesse al
mondo fieristico, dalla progettualità alla realizzazione dei padiglioni, dalla
fornitura di arredi alla realizzazione dei diversi materiali utili per ogni struttura,
fino all’offerta dei servizi logistici in loco (hostess, catering, vigilanza…) e di transfer.
La Provincia di Pavia – e tutto il territorio vigevanese – rappresenta il primo
produttore di riso a livello europeo, un prodotto di eccellenza da gustare
attraverso numerosi piatti della cucina tradizionale.
La nostra è la Città dove soggiornare durante la propria visita a expo, in cui è
possibile trascorrere momenti di relax, per godere delle eccellenze gastronomiche,
per fare shopping, per scoprire gli itinerari storico-culturali e naturalistici di cui
Vigevano è protagonista.
La città “ideale”, salotto bello della vicina metropoli milanese, immersa nello
splendido Parco del Ticino riconosciuto dall’uNeSCO fra le più importanti aree
fluviali del mondo.

L’Assessore
Commissario expo
Barbara Robecchi
brobecchi@comune.vigevano.pv.it
“Adì 2 di febraio 1494 alla Sforzesca
ritrassi scalini 25 di 2/3 di braccio
l’uno largo braccia 8”
(Leonardo da Vinci - Manoscritto H, foglio 65 v.)
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

leonardo da Vinci
e la visione della “Città ideale”
La permanenza di Leonardo da Vinci nel vigevanese
è documentata dalla rilevante eredità culturale le cui
origini sono rinvenibili nella stagione sforzesca.
Figura evocatrice del connubio tra tecnologia e arte,
il Genio ha lavorato come ingegnere ducale per
Ludovico Sforza, detto Il Moro, per oltre vent’anni.
Grandi testimonianze sono il Castello e la Piazza
Ducale, che evocano senza alcun dubbio i disegni
della “Città Ideale”, ma anche la Sforzesca, con la rete
dei navigli, dei mulini e il Colombarone, primo modello
di cascina lombarda.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Costruita tra il 1492 e il 1494 per volontà di Ludovico


il Moro, rappresenta uno dei primi modelli di piazza

Piazza ducale rinascimentale ed è fra i migliori esempi di architettura


lombarda del XV secolo.
Tra gli architetti che operavano alla corte del Signore
di Milano coinvolti nella realizzazione dell’opera,
sicuro è l’intervento di Donato Bramante.
La Piazza nacque per dare lustro alla città in quanto
sede privilegiata del Ducato. Anticamera di ingresso
all’imponente Castello visconteo-sforzesco, in origine
presentava una rampa in pietra che permetteva
ai Duchi l’ingresso trionfale alla residenza castellana.
Cuore pulsante della città, è circondata da portici e
arcate sorretti da 84 colonne con capitelli che
presentano fogge differenti tra loro: deve l’attuale
forma architettonica al Vescovo Architetto Juan
Caramuel y Lobkowitz che nel 1680 edificò la facciata
barocca del Duomo.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Cattedrale
di Sant’ambrogio La costruzione del Duomo dedicato
a Sant’Ambrogio, Vescovo di Milano,
fu avviata dal Duca Francesco II Sforza
nel1532 su disegno di Antonio da Lonate
e ultimata nel 1606.
La facciata barocca – progettata dal Vescovo
Juan Caramuel y Lobkowitz - fu giustapposta
per rimediare all’asimmetria dell’edificio con
la piazza antistante.
L’interno conserva notevoli opere d’arte,
tra cui pregevoli dipinti di Macrino d’Alba
e Bernardino Ferrari.
Adiacente alla Cattedrale di Sant’Ambrogio
si trova il Museo del Tesoro del Duomo che
conserva, oltre a preziosi corali e codici
miniati da Ferrante Decio, un preziosissimo
reliquiario in argento cesellato d’oro di
scuola lombarda, arazzi fiamminghi e un
paramentale cinquecentesco utilizzato a
Monza per l’incoronazione di Napoleone
Bonaparte.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

le architetture
del duca
Il complesso monumentale costituito dalla Piazza Ducale
e dal Castello Visconteo-Sforzesco, così come lo vediamo
ancora oggi, è il risultato di lavori durati due secoli durante
le dinastie milanesi dei Visconti e degli Sforza.
In questo periodo Vigevano raggiunse il suo massimo splendore,
divenendo residenza ducale e centro commerciale di notevole
importanza. La città si è sviluppata a ”chiocciola” attorno
al Castello che rappresenta uno dei complessi fortificati più grandi
d’Europa: l’insieme di edifici che lo compongono
occupano una superficie di oltre 70 mila metri quadrati.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Fino alla metà del 1300 il Maschio


– che corrisponde all’antico “castrum” il Palazzo
probabilmente di origine longobarda
– svolgeva una funzione di difesa
per coloro che vi abitavano e di rifugio
ducale
sicuro per gli abitanti del borgo e dei
sobborghi. A partire dal 1345 inizia la sua
trasformazione in Palazzo Ducale:
fu soprattutto Ludovico il Moro con il
contributo di Donato Bramante a conferirgli
l’aspetto di un palazzo rinascimentale.
Grazie all’opera di artisti e artigiani lombardi
gli ampi saloni si presentavano affrescati e
magnificamente arredati per accogliere la corte
ducale, personaggi illustri e sovrani. Sono ancora
visibili alcuni affreschi della seconda metà del XV
secolo: di particolare valore quello presente nella
Sala dell’Affresco che raffigura una scena di
caccia, passatempo preferito dai Duchi di Milano.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

torre del Bramante

Rappresenta il simbolo di Vigevano in quanto


sorge nel punto più alto della città.
Venne edificata a più riprese, a partire dal 1198.
Fu sopraelevata per volontà di Ludovico il Moro
e sua moglie Beatrice d’este nel 1492 – 1494
diventando l’ingresso d’onore al Castello.
La sua particolare sagoma fu modello nel XIX
secolo per la ricostruzione della Torre di Filerete
nel Castello Sforzesco di Milano: a corpi scalari,
offre dalle sue merlature una panoramica completa
sulla Piazza, sul Castello e sull’intera città.
Il capolino di bronzo fu aggiunto in epoca barocca
in sostituzione dell’originaria guglia conica.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Falconiera
elegante loggiato aereo da cui all’epoca dei Signori di Milano
si praticava l’arte della falconeria. Recentemente restaurato,
è attribuito a Donato Bramante: presenta arcate a tutto sesto
sostenute da esili colonnine di granito con capitelli simili a
quelli delle scuderie ducali. Sulle arcate sono state recuperati
affreschi con motivi decorativi d’epoca rinascimentale.

loggia delle dame


Fu realizzata intorno al 1490 da Donato Bramante su incarico
di Ludovico il Moro accanto al Palazzo Ducale e si affacciava
originariamente su un giardino pensile, detto “Giardino della Duchessa”,
sotto il quale si sviluppavano le cantine del Castello.
La Loggia presenta i caratteri tipici degli edifici bramanteschi: il profilo
è a sette arcate a tutto sesto in marmo bianco che poggiano su colonne
dai raffinati capitelli in pietra scura e a motivi floreali.
era questa la parte “femminile” del Castello, la residenza riservata
a Beatrice d’este e alla sue dame.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Scuderie
Tre lunghe scuderie delimitano l’area
del Castello dalla città. Scuderie importanti,
una delle quali - fatta costruire da Ludovico
il Moro – ricorda i disegni di Leonardo da Vinci
per la sua “stalla modello” ripresa nel Codice B
di Parigi e nel Codice Trivulziano.
una scuderia è sede permanente del Museo
Archeologico Nazionale della Lomellina,
mentre le altre due sono sede di mostre temporanee.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Strada coperta e
Sotterranea
La “Strada coperta” o “Livello Superiore” rappresenta un
manufatto unico in tutta l’architettura castellana europea.
Fu fatta costruire a partire dal 1340 da Luchino Visconti.
La sua realizzazione come ponte fortificato rispondeva a
uno scopo ben preciso: proteggere il transito dei Signori
di Milano e unire con un passaggio sicuro il Castello con
la Rocca Vecchia.
Il tratto elevato della Strada ha di conseguenza permesso
di ricavare degli spazi al piano della città che vengono
chiamati “Sotterranee” o “Livello Inferiore”. Le Sotterranee
si incuneano nell’architettura del Palazzo Ducale e vengono
utilizzate per mostre temporanee. Da questo livello si possono
ammirare parte degli imponenti lavori di fondazione del
Palazzo Ducale.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Cavallerizza
Maestoso edificio con una bellissima struttura a capriate
in legno, fu realizzato nel 1837 sull’area della distrutta
Rocca Vecchia. Nata come maneggio coperto, fu
successivamente ristrutturata: ricopre una superficie
di oltre 1500 metri quadrati utilizzata per eventi, mostre,
conventions e varie iniziative. Lo spazio comprende
anche un giardino che comunica con la Strada Coperta
e le Sotterranee del Castello.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Museo della Calzatura


Il Museo della Calzatura ‘’Pietro Bertolini” di Vigevano rappresenta l’unico museo
pubblico in Italia dedicato alla storia e alla evoluzione della calzatura.
Collocato nella suggestiva sede quattrocentesca del Castello Sforzesco, il museo è nato
per esprimere, attraverso la narrazione del prodotto, sia la storia e l’economia
di Vigevano, che l’evoluzione internazionale della scarpa intesa nel suo valore di oggetto
di design e moda. Propone quattro sezioni tematiche: storica, etnica, moderna e
curiosità. Vigevano è nota in tutto il mondo per la sua tradizione calzaturiera,
una tradizione antica testimoniata da uno Statuto comunale risalente al 1392.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Pinacoteca
Sopra la scuderia di Ludovico il Moro ha trovato sede
la Pinacoteca Civica “Casimiro Ottone” che raccoglie
le maggiori opere di artisti lomellini. Composta da 10 sale
speculari, ospita anche strappi di affreschi originali della
Piazza Ducale del XV-XVI secolo e una preziosa opera
risalente al 1515 del Maestro lombardo Bernardino Ferrari.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Civico teatro Cagnoni


Lo spettacolo dal vivo, a Vigevano, va in scena al Civico Teatro Cagnoni.
Musica, prosa, danza, opere e operette, comici e spettacoli di beneficenza.
Da 140 anni generazioni di attori e di spettatori si sono alternati per recitare,
cantare e vivere emozioni indimenticabili.
Il Teatro è dotato di 602 posti, suddivisi tra platea, palchi disposti su tre ordini
e un loggione centrale. Il Ridotto del Teatro viene utilizzato per incontri,
cerimonie e può ospitare fino a 70 persone.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Chiesa di Il primo documento in cui si trovano cenni alla Chiesa


di San Dionigi risale al 1323: in origine collocata nelle

San dionigi
vicinanze del Maschio del Castello, fu pensata come oratorio
pubblico ad uso della Confraternita della Misericordia.
L’edificio, che venne ampliato nel XVI secolo, era costituito
da un vano rettangolare e ruotato di 90 ° rispetto ad oggi.
Ulteriori lavori iniziarono nel 1750.
All’interno della chiesa è possibile ammirare due pregevoli
opere: un gruppo ligneo policromo costituito da otto statue
raffiguranti la deposizione nel sepolcro - opera di bottega
lombarda o piemontese del XV secolo - e una tela del Cerano
raffigurante il Martirio di San Dionigi.
Dal 2011 la chiesa di San Dionigi è diventata Auditorium
della Fondazione di Piacenza e Vigevano, dove si
svolgono concerti, incontri culturali, convegni - ed è visitabile
gratuitamente tutti i fine settimana.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Palazzo Merula
Realizzato nel Seicento, rappresenta un gioiello barocco
nel cuore della città. Antico convento ed ex orfanotrofio
maschile, è oggi sede dell’Archivio Storico Comunale.
Lo spazio conserva antichi documenti, pergamene,
incunaboli, cinquecentine. In Palazzo Merula è, inoltre,
ospitato il Museo dell’Imprenditoria vigevanese.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

i mulini
Leonardo da Vinci, durante la sua permanenza presso il Ducato di Milano,
ebbe modo di progettare lavori di bonifica di gran parte del territorio vigevanese
ritraendo e studiando i diversi mulini già esistenti all’epoca. Tra quelli recuperati
il Mulino di Mora Bassa, donato, nel 1494, da Ludovico il Moro alla moglie
Beatrice d’este come dono di nozze. Dotato di due grandi ruote idrauliche,
è ora sede permanente della mostra delle macchine leonardesche, che comprende
modelli in legno funzionanti.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

il Colombarone
della Sforzesca
Il Colombarone è per eccellenza il modello di azienda
agricola in area lombarda. Il complesso presenta la
disposizione tipica dei castelli, con quattro corpi di
fabbrica lungo i lati e quattro palazzotti agli angoli,
chiamati appunto “colombaroni”, intorno ad un cortile
centrale di forma pressoché quadrata. I colombaroni sono
ornati da finestre ad arco acuto e fregi “a dente di sega”.
Costruito a partire dal 1486, è diventato in seguito
l’esempio di organizzazione agricola del territorio della
pianura padana. Si trova nella frazione Sforzesca di
Vigevano in prossimità del Parco del Ticino, località in cui
soggiornò anche Leonardo da Vinci collaborando al
miglioramento del territorio con progetti idraulici per
permettere una migliore irrigazione dei campi.
Nel Codice Leicester sono presenti disegni che ritraggono
il “molino della Scala”, una struttura a scalini dove scorreva
l’acqua, ancora presente ai giorni nostri.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

il nostro territorio

Vigevano è il centro più importante della Lomellina,


regione storico-geografica della Pianura Padana compresa
tra il Sesia, il Po, il Ticino e confinante con il basso novarese.
Terra di risaie, di opere idrauliche, di castelli vanta numerose
eccellenze. Prima fra tutte: essere una pianura rimasta intatta e
costellata di un grande patrimonio artistico, faunistico e naturalistico.
Questa terra è interessante da visitare in ogni stagione dell’anno:
i colori della campagna, le tradizioni ancora molto radicate,
le numerose rievocazioni storiche e le eccellenze gastronomiche
la rendono unica ed affascinante.
Vigevano, con i suoi 60mila abitanti, ha il grande pregio di essere
una città “a misura d’uomo”: vicina a Milano - dista solo 35 km -
ma ancora lontana dai ritmi di vita metropolitani.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

le risaie
In europa le prime notizie di coltura risicola si riferiscono
proprio a questo territorio, alla località Villanova situata a
pochi chilometri da Vigevano.
Oggi Vigevano si trova all’interno del triangolo del riso:
le province di Pavia, Novara e Vercelli insieme rappresentano
la zona di maggiore produzione risicola europea.
A settembre, in contemporanea con la mietitura, nel Castello
di Vigevano si svolge “Rice”, una prestigiosa manifestazione
completamente dedicata al riso. un importante evento il cui
scopo principale è quello di identificare, attraverso questo
prodotto di eccellenza, non solo il territorio ma anche saperi
antichi, tradizioni, tecniche di coltivazione e lavorazione e
prodotti strettamente legati alle terre di produzione del riso stesso.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Parco del ticino


Vigevano è nel territorio del Parco del Ticino, riserva fluviale
che fa parte delle aree naturali M.A.B. - Man and Biosphere
riconosciute dall’uNeSCO tra le più importanti riserve naturali
del mondo. I boschi compresi nel territorio vigevanese sono tra
i più importanti per biodiversità.
Il fiume Ticino è percorribile con barche e canoe: inoltre,
i sentieri che penetrano nel parco congiungono Vigevano con
Pavia attraverso un percorso naturalistico di assoluto pregio.
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

Prodotti tipici
VA
E

N
.VIG

O.
.
D e .C .O
La gastronomia vigevanese è composta da piatti
della tradizione lombarda e alcuni prodotti De.C.O.
- Denominazione Comunale d’Origine, come il
“Figadej” cioè il salume a base di fegato di maiale,
il biscotto “Cent Franc” e la torta “La Viginuna”.
Anche il Dolce Riso del Moro è annoverabile tra
i prodotti di pregio, a base di riso, seguendo un’antica
ricetta di epoca sforzesca.
I numerosi ristoranti e trattorie dislocate nel centro
e nelle campagne circostanti danno la possibilità
di degustare i piatti tipici, con menu studiati per
celebrare le ricchezze gastronomiche del territorio.
G L I S P A z I A L L e S T I T I

Gli spazi presentati nelle pagine precedenti,


sicuramente di valore inestimabile per storia e bellezza,

sono location ideali per accogliere


diverse tipologie di manifestazioni.
Tra le mura del complesso monumentale costituito

dal Castello Sforzesco, ma anche nei bei palazzi circostanti,

negli anni sono stati ospitati mostre di prestigio,


conventions, cene di gala, grandi eventi ecc…
organizzati da operatori privati o dalle Istituzioni cittadine.

MOSTRE - CONVENTIONS - EVENTI MUSICALI - MANIFESTAZIONI - CENE DI GALA


Vigevano
VERSO
E X P O

PalaZZO MeRUla
2 0 1 5

CaValleRiZZa

StRada COPeRta

SeCONda SCUdeRia
CORtile del CaStellO
L A M A P PA D e I Lu O G H I D I I N T e R e S S e

LEGENDA
1 TORRE DEL BRAMANTE
2 PIAZZA DUCALE
In questa pubblicazione abbiamo parlato 3 CATTEDRALE DI SANT’ AMBROGIO

dei luoghi storici di maggior pregio 4 CASTELLO SFORZESCO

che caratterizzano la Città di Vigevano: D A


B
Palazzo Ducale
Falconiera
D C Loggia delle Dame
A
pubblichiamo qui a fianco una D
D Scuderie e Musei

B C
mappa semplificata
5 STRADA COPERTA
che ne rappresenta la collocazione.
6 MUSEI CIVICI

7 CAVALLERIZZA
8 CIVICO TEATRO CAGNONI
9 PALAZZO MERULA
10 CHIESA DI SAN DIONIGI

11 COLOMBARONE DELLA SFORZESCA


12 MULINI
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

VIA MORA 12
BASSA

UR
AVO
S OC
COR VIA DE A
MICIS

VIA NAV. S
VIA
CE
SA
9

FO
RE
A

RZE
UELE
8

SCO
LA
VIA D
ANT VIA MERU

N
E
10

VIA S

C.SO VITTORIO EMA


VIA CARDUCCI

DI

VIA GIR
CE
IBAL CRO

CI
ILVA

DA VIN
ANTA
GAR

VIA DECEMBRIO
ONA
VIA XXVI APRILE

VIA S
SO

VIA L.
COR

VIA
CA
VA
LLO
TTI VIA ROMA VIA BUOZZI

O
1

OL
2

OP
LP
3
VIA BO

VIA R
DE
ONC
ALLI 4
VIA
DIAZ

CONI
LDRINI

VIA
CORS

VIA ROCCA VECCHIA

VIA MAR
O
GARIB

6
IA
ALDI

VI

UBBL
ICA ER 5
A

EP IB VIA M
CA

LA R AR ARAZ
O DEL VI ZANI
RR

CORS
OB
BI

VIA C
7
O

I
ZIN
AIRO
VIA

Z
CORS

L.IL
A

MA
OST

VIA SAPORITI

LI
MO
RO

LE
LA C
O

VIA RIBERIA

VIA
GENO

DEL

S
EF
VI
VA

VIA
A
DE
I

VIA PERSANI

ION
M
UL

VIA
IN
I

CA
IRO

Z
LI
CORSO PAVIA

STA
VIA DEL CARMINE VIA
DEL
CAR
MIN
E

DIREZIONE PAVIA

FRAZIONE 11
SFORZESCA
COMe RAGGIuNGeRe VIGeVANO

Vigevano si trova in una posizione strategica, quasi equidistante da Milano (35 km),
Novara (27 km) e Pavia (37 km).

Da Milano in auto: Dagli aeroporti milanesi al centro di Milano:


si percorre la Tangenziale Ovest e si imbocca la SP ex Gli aeroporti milanesi sono collegati (con treno o con
SS 494 in direzione Abbiategrasso; oppure si prende navetta) al centro di Milano. Da lì è possibile prendere
l’Autostrada Milano – Genova, uscita Gropello Cairoli. la Metropolitana M2 per la Stazione ferroviaria di
Porta Genova.
Da Milano in treno:
si raggiunge da Milano P.ta Genova (MM2) o Milano Gli operatori privati vigevanesi
San Cristoforo (MM2) direzione Mortara – Alessandria. Alcuni operatori privati di Vigevano si stanno
organizzando per offrire servizi “tailor made”
Dall’aeroporto Milano Linate ai propri ospiti, tra cui transfer diretti da Vigevano
in macchina: seguire la direzione Bologna/Tangenziale a expo 2015 e ritorno.
Ovest - uscire a Vigevano-Lorenteggio, direzione per
Vigevano.

Dall’aeroporto Milano Malpensa:


in macchina: prendere la superstada SS 336 direzione Per tutte le informazioni e le news inerenti a
Magenta; seguire poi le indicazioni per Abbiategrasso “VIGeVANO VeRSO eXPO 2015” visitare i siti:
e Vigevano. Attraversare Robecco sul Naviglio e poi www.vigevanoversoexpo2015.com
Abbiategrasso e proseguire per Vigevano. www.comune.vigevano.pv.it
Vigevano
VERSO
E X P O
2 0 1 5

MALPENSA

-TO
NOVARA A4 MI

Magenta
MILANO
LINATE
A26

Abbiategrasso I-AL
FS M

E G
VIGEVANO

MI-
A7
I-AL
Mortara
FS M
PAVIA
Informazioni

Per richiedere informazioni relative alle location e alle modalità di affitto degli spazi,
inviare una mail a Gian Paolo Degli Agosti gdegliagosti@comune.vigevano.pv.it

Per richiedere informazioni di carattere turistico contattare:


Ufficio Iat: iat@comune.vigevano.pv.it | tel. 0381690269
oppure gognibene@comune.vigevano.pv.it | tel. 0381691636
e visitare i siti www.vigevanoversoexpo2015.com
www.comune.vigevano.pv.it

Vigevano
CITTÁ IDEALE

Editore: © Comune di Vigevano Per le immagini si ringraziano:


Grafica e impaginazione: Roberta Dondè D. Bassanini, V. Cantone, G. P. Degli Agosti,
Stampa: Logos Media s.r.l. - Garlasco (Pv) S. Facoetti, Studio Fassini, G. Gnemmi,
Finito di stampare aprile 2014 J. Lattari, V. Li Vigni, M. Russo, F. Sacchiero,
C. Vassalli.
Città di Vigevano
Verso expo 2015

Vigevano
CITTÁ IDEALE

w w w. v i g e v a n o v e r s o e x p o 2 0 1 5 . c o m