Sei sulla pagina 1di 33

---<jl

'**È=;
si" f+*,:
FRANCESCO BUTTAZZO

quidaii t

d t?Lrro
Canti per la preghiera

ffi,,,"
EDITORIALE AU DIOVISIVI
FRANCESCO BIJTIAZZO. Scalabriniano, sacerdote dal 'l 995. Ha vissuto isuoi primi tre anni di
ministero in Brasile, lavorando nella pastorale giovanile e nella promozione vocazionale. Dopo
altre brevi esperienze missionarie in Europa e in Sud ,Africa, è stato vicario parrocchiale e direttore
del Centro Giovanile G. B. Scalabrini a Roma, nella parrocchia del SS. Redentore; poi a Ginevra,
per la pastorale dei giovani di lingua francese, spagnola. portoghese e italiana. Attualmente
svolge il suo ministero a Londra, a servizio dei migranti di lingua italiana e portoghese.
Appassionato di musica, utilizza questo "mezzo privilegiato" per coinvolgere i giovani in una
gioiosa ricerca di Dio e impegno di vita cristiana. Dal 1992 collabora con le Paoline pubblicando
proposte per Ia liturgia, in particolare canti per la Messa con i giovani. ln collaborazione con altri
autori ha pubblicato canti per la liturgia e la catechesi.
Altre informazioni sul sito: www.scalamusic.org - e-mai l: buttazzo@scalabrini.net

INDICE
GUIDATI NEL DESERTO pag.
È eTLLO PER NOI STARE OUI pag.
DAMMI DA BERE pa9. 9

LA SUA CASA pag. 11


LA VERA LUCE pag. 14
DIO HA TANTO AMATO IL MONDO pag. 17
FACCIAMO FESTA pag. 20
GRIDA FORTE IL MIO NOME pag. 24
CHI PERDE LA SUA VITA pag. 27
ENTRIAMO A GERUSALEMME pag. 30

O FSB Roma 2012. Tutti i diritti riservati


.DE.SE-KJC,
îòOVLLA tOCr- îòf îòfO Lrft| rOKJE

l
l deserto è uno dei luoghi più significativi nella storia della salvezza: per il popolo di
f
I Dio, per il Figlio di Dio e per tanti uomini di ogni tempo, anche del nostro.
ll deserto è anche un luogo teologico, cioè occasione esistenziale.dove più facilmente
l'uomo fa esperienza di Dio, dove Dio può rivelarsi per parlare "più liberamente" con
lui, o per metterlo alla prova.
ll deserto è stato, e spero lo sia spesso, Iuogo teologico per me che scrivo queste righe:
occasioni belle e meno belle che mi hanno "costretto" a guardarmi dentro, e quindi a
guardare e ascoltare Dio, con sincerità.
Ouesto tipo di deserto è anche un'immagine per descrivere l'esperienza della
preghiera, dimensione centrale nella vita del credente: tempo in cui l'uomo riesce a
"tagliare" con tutto ciò che lo distrae, con i rumori, gli affanni, le abitudini della vita
quotidiana, e si mette in ascolto di Dio, perché allora la sua voce è più forte e il cuore
dell'uomo più ricettivo.
Anche per Gesù il deserto è un luogo prezioso: è la "rampa di lancio" della sua vita
pubblica, è la "montagna" della sua trasfigurazione, è la "sponda" sempre pronta ad
accogliere i suoi ritiri in solitudine, è la "scuola" che ospita tanti dei suoi discepoli.
ll deserto abitato da Gesù ò stato il motivo che ha ispirato e guidato la scrittura di questi
Canti per Ia preghiera: dieci brani che nascono da un'esperienza di preghiera e di
meditazione su alcuni awenimenti decisivi della sua vita, quasi tutti ambientati nel
deserto o in situazioni simili.
ll filo conduttore che li lega ò il Vangelo, in particolare temi che la Liturgia della Parola
nella Messa, come in altri Sacramenti, spesso propone per la nostra meditazione; brani
che l'Eucaristia domenicale del Tempo di Ouaresima indica per un intenso percorso
liturgico e spirituale dei fedeli, dalle tentazioni di Gesù nel deserto al suo ingresso a
Gerusalernme.
Guidati ne/ deserto è una proposta dedicata alle assemblee domenicali, per un
arricchimento del repertorio liturgico, come pure ai gruppi di preghiera o gruppi di
giovani, per l'animazione di incontri di riflessione o di catechesi, dove si utilizzi il canto
come strumento ed espressione di lode.

Francesco Buttazzo

,ffi
lltlìtt
(+/" EDITORIALE AUDIOVISIVI
GUIDATI NEL DESERTO
Musica di Francesco Buttazzo

Dal-lo Spi - ri - to gui-da - ti nel de - seÍ - to con

sib RemT/Ir Solm/Fa ra brsib

ta - ti-in que sto

Solm Solm/Fa Mib Fa4 Fa Sir4 Sib Mib Fa

Non di so - lo pa ne vi - vc l'uo ma di o-91ìi pa-ro-la del Si-

sib sibT+ sib6 sibT+ Dom Fa

gno- Ie Af - fi - dia - mo-a 1ui ia no - stra fa-me e lui La no-stra vi - ta

Famsi b 4/7 Mi b La Rem Solm Dom Sib/Re Mit

sa - zie - rà. Dal-lo Spi - ri - to gui-da - ti nei de - ser - to con Ge - sù.

Fa Mib/sol Fa/La Sit RemTlta Solm Solm/Fa N{ib Fa Rem Labisib

ta - ti-in que - sto tem - po, cam-mi - nia - mo in - sie - me a lu-j

Mi b Re Solm SolmlFa Mi, Fa4 Fa Sib4 sib Mib Fa

Di - o so-1oòde gno di,o - gni 1o ai Si - gno-re la ve'ra-a-do - ra -

Si l'7+ sib6 si b7+ Dom

Af -fi -dia-mo,a lui,il no - sffo a-mo - fe eLa sua for -za in noi di -

Fam si b4l7 Rem Solm

O FSB Roma 2012. Tutti i diritti rìservati


mo - rc - rà. Dal-lo Spi - ri - to gui-da - ti nel de - ser - to con Ge - sù,

Spi - ri - to gui da - ti nel de

Spi - ri - to gui da - ti nel de

Fa Mib/sol Fa/La sib RemT/Ia Solm Solm/Fa

ta - tr_ln que - sto tem - po, cam-m1 - nla-mo ln-s1e - m9 a

ta - t1_rn que - sto tem - poJ cam - ml nta-motn-ste-mea

ta - ti-rn que - sto ila - mo.ln - sle - me. a

Solm/Fa Fa4 Fa Sib4sib


sib4sib

non ton - te-re Di-o,ò Pa-dre, noi sia-mo-i fi - gli

sib6 sibT+ Dom

Af - fi - dia-moalui 1a no - stla

sho pie-de non in - ciam - pe - rà. Dal-lo Spi-ri - to gui-da - h nel dc-

Fa Mib/sol Fa/La RemT/Ia Solm

lrfln
,4.I" ED]TORIALE AU DIOVISIVI
to con Ge - sir, in-vi-ta sto tem - po,

Mib Fa Rem r,a blsi b Solm Solm/Fa

I per lLrrre
mo in me..a lLu - i

ila-mo,m-sle-me,a

nia-mo,in-sìe-me,a lu - i. Dal-Io

si t4 sib

GUIDATI NEL DESERTO


Testo di Francesco Buttazzo

Dallo Spirito guidati


nel deserto con Gesù,
tnvitati in guesto tempo,
camminiamo insieme a lui.

Non di solo pane vive l'uomo,


ma di ogni parola del Signore.
Affidiamo a lui la nostra fame
e lui la nostra vita sazierà.

Dio solo è degno di ogni lode,


al Signore la vera adorazione.
Affidiamo a lui il nostro amore
e la sua forza in noi dimorerà.

ll Signore noi non tenteremo:


Dio è Padre, noi siamo i figli suoi.
Affidiamo a lui la nostra vita
e il nostro piede non inciamperà.

O FSP Roma 2012. Tutti i diritti riservati


È SELLO PER NOI STARE OUI
Musíca di Francesco Buttazzo

be1 - 1o per no - i sta-re E be1 - 1o,a-sco1-ta-re Ia tua

Sol Do Sol Re Mim Do

bel - 1o guar-da - re 1a tua Lu - ce, la gLo - ria di Di - o,in mez-zo-a

Do si7 Mim NIim/Re Do LalDofl

bcl - 1o per no - i sta-re qui con te È be1 - lo.-a - scol - ta - re la tua

Sol Do Sol Mim Do

È tel - lo guar-da-re La tua 1u - ce, \a g1o - ria di Di-o-in mez-zo-a

Si7 Mim Mim/Re Do Re

Ci chia - mi-in di - spar - te-a sa - 1i - re con te

Sol Sol4 Sol Sol4

mon - te al-to di Di - o,

Mim Do Si4l7 Do Re Si/Refl Mim

sce - po - li-e a-mi - ci tuo - i. È beL - lo per no - i sta-rc qui con te.

bel - 1o per no-i sta-re

Do Inm Re4i7 Sol Do Sol Re

bel - io a-sco1 - ta - rc la tua vo - ce E be1 - 1o guar-da - re la tua lu - ce,

bel - lo,a - scol - ta - re la tua be1 - 1o guar-da - re la tua

Mim Mim/Re

llt#t
,!P-T EDITORIALE AU DIOVISIVI v
ia di Di - o-in mez-zo,a

glo - ria dl Di - o-in mez - zo-a

È eello PER Not srARE oul


Testo di Francesco Buttazzo

È bello per noi stare qui con te.


È bello ascoltare la tua voce.
È bello guardare la tua luce,
la gloria di Dio in mezzo a noi.
È be//o per noi stare qui con te...
Ci chiami in disparte a salire con te
sul monte alto di Dio,
per fare una nuova Alleanza con noi,
discepoli e amici tuoi.

È be//o per noi stare quí con te...

Ci chiami in disparte ad entrare con te


nel grande disegno del Padre.
La Legge e i Profeti ci portano a te,
il Figlio di Dio con noi.
È bello per noi stare quicon te...

Ci chiami ad andare nel mondo con te


e senza timore annunciare
la buona notizia di Dio per noi,
che abbiamo la vita in te.

È bello per noi stare quí con te...

O FSP. Roma 2012. Tutti i diritti rìservati


DAMMI DA BERE
Musica di Francesco Buttazzo

3. Tu doni lo spirito Santo di Dio


Ho se - te e ven-go, Si - gno -re da te: dam-mi da be - re
2. Cercavo un amore che ancora non c'è

Mim Iam Lam Sol


mi chiami a vivere
dam-mi da be - re Co - no-sco i1 gran-de
Invano ho adorato

R€ SolT+ Lam/Fafl Mim si7 Mim Iam


nella verità
do-no di Di - o: dam-mi dabe - re 1'ac - qua che hai, dam-mi da be - re
un Dio che non è

Sol Re SolT+ Lam/Fafl

gno - re, noi sap - pia - mo che sei tu la sor-

gno - re, noi sap - pia - mo che seì

Sol Sol/Si

de1-1'ac-qua de1 - 1a vi - ta. noi sap - pia - mo che sei

del - l'ac - qua del - la

Do Re7 SolT+ Ianr/Fafr

I l,2, l
tu la sa1. - vez-za dell'u-ma-ni ltà.

vez-zà del-l'u - ma-ni

si4n

gno - re, noi sap - pia - mo che sei

"4n
fttuî
U-T EDITORIALE AU DIOVìSIVI {f
gen te dcl-l'ac-qua de1 - la Si - gno - re, noi

del - 1'ac - qua de1 - la gno - re, noi sap - pia - mo che sei

Lam/Fafl

de1 -l'u - ma

vez-z^ del-l'u - ma-ni

DAMMI DA BERE
Iesto di Francesco Buttazzo

Ho sete e vengo, Signore da te:


dammi da bere l'acqua che hai,
dammi da bere quello che sei.
Conosco il grande dono di Dio:
dammi da bere l'acqua che hai,
dammi da bere quello che sei.
Signore, noi sappiamo che sei tu
la sorgente dell'acqua della vrta.
Signore, noi sappiamo che sei tu
la salvezza dell' umanità.
Cercavo un amore che ancora non c'è:
dammi da bere l'acqua che hai,
dammi da bere quello che sei.
lnvano ho adorato un dio che non è:
dammi da bere l'acqua che hai,
dammi da bere quello che sei.
Signore, noi sappiamo che sei tu...
Tu doni lo Spirito Santo di Dio:
dammi da bere I'acqua che hai,
dammi da bere quello che sei.
Mi chiami a vivere nella verità:
dammi da bere l'acqua che hai,
dammi da bere quello che sei.
Sígnore, noi sappiamo che sei tu...

O FSP, Roma 2012. Tufti i diritti riservati


LA SUA CASA
Musica dí Francesco Buttazzo

si Mi7+

Que-sta è la ca - sa di Di

h.
si Mim6/Sol -T
M1m/Fd$ o"H;
tem - pio di pre - ghie - ra per l'uo luo-go de1-fin-con-tro con 1u -

si

dia-1o-go de1 -1'a-ni-ma col cuo - re di Di

:lm7 Dofrm7 Mi Fafl4 Refl/Sol

Lui che ha cre - a - to.-o - gni co luo-le di-mo-ra-re vi -ci -

Solflm Reflm7 Mi si

no a noi Non ò fat-ta dal-le ma-ni del - l'uo 1a

Fafl,t aH Refi/sol Solflm Refim7

ca - sa,-il tem - pio di Di [,asua c - sa

FUH Mi Fafl

"ffi
1lÍ*1'
U-.'- EDITORIALE AU DIOVISIVI 4rl
It
cuo - te che lui

l'uo - mo, è lì che lui u - ve con no1.

l'uo - mo. è 1ì che lui vi - ve con noi. La mia

Fafl 7

La di-mo ta di Di

è la di-mo - ra di Di

ca - sa, la mia è la di -mo - ra di Di

ca-saènel

Mi7+ Mi Sig Si Mir/Sol

cuo - fc de1 - l'uo - mo. ò u - ve con no1.

l'uo - mo. è lì che 1ui u - ve con n(n. La mia

l'uo - mo. è li che lui !'l - ve con noi. La mia

IL
O FSP, Roma 2012. Tutti i dirìtti riservati
la mia ò la di-mo ra di Dio

è la dì-mo - îa di Dio.

è la dì -mo - îà dì Dio.

Fafi 7+/Do fl FaH6,Dofl DoH 9 FaHrVLa Fafim/Solfl Doil

Fap,1 r FaFó Dol 9/Fa1 Faflmil,a I Faflm/Solfl

LA sUA CASA
Testo di Francesco Buttazzo

Ouesta è la casa di Dio,


tempio di preghiera per l'uomo,
luogo dell'incontro con lui:
dialogo dell'anima col cuore di Dio.
Lui che ha creato ogni cosa
vuole dimorare vicino a noi.
Non è fatta dalle mani dell'uomo
la vera casa, il tempio di Dio.

La sua casa è nel cuore dell'uomo,


è /i che lui vive con noi.
La mia casa, la mia vita
è Ia dimora di Dio.

Ouesta è la casa di Dio,


tempio del Signore risorto,
luogo dell'incontro con lui,
dove la speranza rinasce in noi.
Toglie dalla vita dell'uomo
ciò che nel suo cuore prende il posto di Dio,
lui che ha scritto dentro il cuore dell'uomo
l'immagine, il volto di Dio.

La sua casa è nel cuore dell'uomo...

@ rorro*ralE AU Drovrsrvì IJ
LA VERA LUCE
Musíca di Francesco Buttazzo

Tu sei ve-nu - toin-con - tro.ame

La Re Sol/La Re Faflm

Tu hai a-pef to glloc - chi miei. ln o-gnico ve - do già

Faflm

ri-fles-sa 1a tua no - vi-tà.. Ti sei chi-na - to

Solm Si/Refl

ed hai toc-ca -to gii-oc - chi miei. O- ra io cam - mi - ne-rò

Sim Sim/La

die-tro te, 0 La ve-ra lu - ce hai do-na

Faflm7

Si-gno-re Di-

hai,il-lu-mi-na - to,i gior - ni miei.

Sim Iam Re

o, sei lu - ce per l'u-ma-ni-tà.

l'u-ma-ni-tà.

Sim Simll-a Sol

O FSP, Roma 2012.Tufti i diritti riservati


mr X*O
poi segue

La ve-ra lu - ce har hzi i1 -1u - mi-na-

hai,il - lu - mi - na -

Lz ve-ra 1u hai,il-lu - mi-na-

to-i gior - ni miei. sol-tan-to tu

lu - ce per

sei lu - ce per l'u - ma - nr-tà.

lî - ma - ni-rà.

Sim/La Sol

,íffi
E-Y rnnoBtAlE AtJ Dtovtstvt
LA VERA LUCE
Testo di Francesco Buttazzo

Tu sei venuto incontro a me.


Tu hai aperto gli occhi miei.
ln ogni cosa vedo già
riflessa la tua novità.
Ti sei chinato su di me
ed hai toccato gli occhi miei.
Ora io camminerò
dietro te, Signore.
La vera luce hai donato a me,
haí illuminato i giorni miei.
Signore Dio, soltanto tu
sei /uce per I'umanità.

Tu hai guardato dentro me


ed hai lavato gli occhi miei.
Nella tua luce è vinto già
il freddo dell'oscurità.
Tu hai parlato proprio a me
ed hai toccato il cuore mio,
nella tua fede io vivrò
un amore vero.

La vera luce hai donato a me,


hai illuminato i giorni mieí.
Signore Dio, soltanto tu
sei /uce per I'umanità.

La vera luce hai donato a me..

'!ó O FSB Roma 2012.Tultli i diritti riservati


DIO HA TANTO AMATO IL MONDO
Musica di Francesco Buttazzo

2. Come luce è venuto


Xoi -n non ha man-da-to il

La si4/7 lli Lz Si4/7 N',Ii LalMi Mi LalMi Si/Mi


tra noi per illuminare il Mondo ma il cuore che ha paura
Fi - glio tra noi giu-di - ca-re-il mon

LalN{i si/\{i SimA{i


di Dio vive nell'oscurità
cre - da in lui e si sa1 - vi per 1a sua le-de1 -tà.. ha tan-to.-a - ma - to.-il

ha tan-to a - ma - to il

La si7 t4 \Ti

mon do do - na - re.-a noi suo Fi - glio e chi - un - que crc - dc,in

da do - na - re,a noi suo chi - un - que cre - de,in

Si Doflm solHl solfl FailT-^il

a-vrà 1a vi-ta.-e - ter - na.

natX at0
lui a-wà la vì-lae poi segue

LalDofr Lal}{i

ha tan-to,a-ma-to-il do - na - te.-a noi suo

ha tan - to.a - ma - to,il da do - na - re..a noi suo

ha tan - to-a - ma - to,il da do - na-rea nol suo

,?fr4
xf.ft7t
U /" ED]TORIALL AUDJOVISIVI
chi - un-que cre-de,in lui a-wà la vi-ta_e - ter - na

chi - un - que cre - de-in lui a-wà la lr-tae

chi - un - que cre - de,ìn lui a - wÈr 1a vì -ta e

SolH4 solfl Fafi,{LaÈ

non cre - de nel - 1'a - mo - re di Dio

Mi LalMi

co-no-sce-rà Ia v1 chi a-ma,e cer-ca

siTiMi Mi

ve-ri-tà nel Re

ha tan - to-a - ma - to,i1 do - na - re,a noi suo

ha tan - to-a - ma - to,il da do - na - re_a noi suo

ha tan - to..a - ma - to.il da do-na-rea noi suo

chi - un - que cre-de-in a-vîiL Ia vi-tae - tef - na-

chi - un - que cre - de,in lui a-rrà ia vi-tae

chi - un - que cre - de,in lui a-wà la vi-tae

L^4 La Mib Do/Mi

O FSP, Roma 2012.Tulli i diritti riservati


l2
I
lui wà la vi - ta-e

tui a-vrà 7a vi-tae

a-wà la vi-tae

DIO HA TANTO AMATO IL MONDO


îesto di Francesco Buttazzo

Dio non ha mandato il Figlio tra noi


per giudicare il mondo,
ma perché il mondo creda in lui
e si salvi per la sua fedeltà.

Dio ha tanto amato íl mondo


da donare a noi suo Figlío
e chiunque crede in lui
avrà Ia vita eterna.

Come luce è venuto tra noi


per illuminare il mondo.
Ma il cuore che ha paura di Dio
vive nell'oscurità.

Dio ha tanto amato il mondo...


Chi non crede nell'amore di Dio
non conoscerà la vita.
Ma chi ama e cerca la verità
nel Regno di Dio dimorerà.

Dio ha tanto amato il mondo...

@ ro*o*rALE AU D rovr srvr ta


FACCIAMO FESTA
Musica di Francesco Buttazzo

Fac-cia - mo le - sta: mio fi - glio,ò

Do Rem./Do N{im/Do Fa Sol Do Sol 4 /? Do

na - to, tof-na-to,al - la vi-ta con Fac - cia - mo fe - sta:

Sol4/1 Do Sol4/7 Mi4 Mi7 Mim

fi -g1io-ha tro-va - to la stra-da che por - ta da me. +_-rac-cla - mo

Fa Do Re/Fafl Sol4 Sol Do

le - sta con te, Pa - dre buo-no, pa-zien-te con chi ò lon - ta - no da te.

Fa Do Lam

Fac - cia - mo fe - sta per - do-ni,e

Do Mi Do Do/Mi
do-ni Ia vi - ta_a da te. strum.

Mim,{Do

n"r X
poi segue
rS
R€ri./Do N[im/Do Fa Sol

Fac - cia - mo fe - sta con te, Pa - dre buo-no, pa - zien-f.e con chi è 1on-

Fa Do Sol Iam Mim

da te Fac-cia - mo fe - sta per - ché per-do-ni-e

O FSP Roma 2ú2.fulú i dirifti riservati


la tua fe - dei - tà, la vi-taa chi tor-na

Do/N{i

Rem./Do Mim,Do Sol Do Rem/Do Mim,iDo

Fac - cia - mo fe - sta un fi -glio,,u - mi - 1ia - to, chc.-ha pff - so

Sol411 Sol 4/7

,li1 Lam Fa

di nuo-vo con noi. Fac -cia - mo fe - sta

Re Sol Do Fa Do

buo - no, 1on-ta-no da te. Fac-cia - mo

1a tua fe - del - tà,

Iam Fa Do/Mi

chi tor - na da te-

Do/Sol Sol Do Rem/Do Mim,iDo

/tf#i
@ I rorronrALE AUDrovrsrvr
Rem/Do MimiDo Fa Sol La

gno - re_e ve-nu-to pef fa-re-a - mi-ci-zia no1.

Re/Ia La Re Re/h La Fafi 4 F"fl

vi-ci-no non ci,ab - ban - do - na. ci chia - ma-al

Fac-cia - mo fe - sta con te, Pa - dre buo-no,

La Re Sol

lon-ta-no da te. Fac - cia - mo fe - sta

Sim Fafim La Re Fufi

ché per-do-ni,e tua fe - del-tà, ri-do-ni

Fafim/Re

lz O FSP, Roma 2012. Tutti i dirìtti riservati


FACCIAMO FESTA
Testo dí Francesco Buttazzo

Facciamo festa: mio figlio è tornato,


tornato alla vita con me.
Facciamo festa: mio figlio ha trovato
la strada che porta da me.

Facciamo festa con te, Padre buono,


paziente con chi è lontano da te.
Facciamo festa perché
perdoni e rinnovi la tua fedeltà,
ridoni la vita a chi torna da te.
Facciamo festa: mio figlio era morto,
perduto lontano da me.
Solo nel mondo, illuso e deluso,
si è alzato, è tornato da me.

Faccíamo festa con te, Padre buono...

Facciamo festa: un figlio, umiliato,


che ha perso la sua dignità.
Ora è tornato, un figlio, un fratello
che vive di nuovo con noi.

Facciamo festa con te, Padre buono...

Facciamo festa: il Signore è venuto


per fare amicizia con noi.
Lui è vicino e non ci abbandona,
ci chiama alla sua libertà.

Facciamo festa con te, Padre buono...

Éffi
{- EDITORIALE AUDIOVISIVI
GI z5
GRIDA FORTE IL MIO NOME
Musica di Francesco Buttazzo

Cre - do

Solm Dom Dom/Si b Re4l7

gno - fe, mra ri - sur - fe - zio-ne,e mia sal - vez-za. fon-te de1-1a ve-ra lì-ber-

Fa MibT+ Sotm 9 MibT+

tà. Dal mio bu - io. da1 mio nul - Ia tu mi

sib Solm 9 RemT Dom LalDofi

vi-ta A - pri,il mio se - pol cro, Si - gro - re,

Re4 Re Do/Re Re Do

chia - ma -mi,ai - la vi ta con la

Re Sol SolT+

Gri-da for-te il mio no-me Ge - sù! Gri-da for - te,il mio no-me

Sot/Fa Do/Mi

Vie - ni in me, Si - gno - re,

Sol Dom/Sol Sol Dom Re

spez-za 1e ca-te-ne del ti - mo-re, scio-gli - mi 1e Con la

Solm9 vri bz+

del mio pian - to

Re4 Re Do/Re Re

O FSP. Roma 2O12.fuffi i diritti riservati


chia-ma-mi al-la vi ta con

A-pri-il mio se-pol - cro. Si

A-pri,il mio se-pol - cro. Si

Lam Re

To - gli - mi la pie - tra dal cuo - re. _ Gri - da for - te il mio no - me, Ge -

'lo - glì - mi la pie - tra dal for - te il mio no - me- Ge -

To - gli - mi la pie - tra dal for - te il mio no - me. Ge -

Gri -da for - te,i1 mio no-meJ

for - te jl mio no - me, Ge

lor - te.il mio no - mc, Gc

Do/Re si

To-g1i-mi 1a pie - tra dal

To - gli - mi la pie - tra dal

To - gli - mi la pic - ha dal

,^n
1ÍÍlì:l
QLT EDI TORIALF AUDIOV]SIVI ZJ
Crri-da lor - te

for - te il mio no - me. Ge -

for - tc il mio no - me, Ge -

te,il m10

for - te-il mio no - me,

for - te,il mio no - nlc.

GRIDA FORTE IL MIO NOME


Testo dí Francesco Buttazzo

Credo in te, Signore.


mia risurrezione e mia salvezza,
fonte della vera libertà.
Dal mio buio, dal mio nulla
tu mi chiami alla vita.
Apri tl mio sepolcro, Signore,
chiamami alla vita con te!
Toglimi Ia pietra dal cuore.
Grida forte il mio nome, GesùJ
Grida forte il mio nome, Gesù/

Vieni in me, Signore,


spezza le catene del timore,
scioglimi le ali dell'amore.
Con la voce del mio pianto
grido a te la mia preghiera.
Apriil mio sepolcro, Signore...
Toglimi la pietra dal cuore...

O FSP, Roma 2O12,fuîfi i diritti riservati


CHI PERDE LA sUA VITA
Musíca di Francesco Buttazzo

Mim La4/7

Re Re/Fal

a-ma la sua vi - ta,in quc - sto mon - do e-hapa-u-ra di,a-ma

Re7+ Re6 Re7+

a-mà Ià sua vi - ta più di tut - to

Mim MimT+ NIimT

chi a - ma Ia sua vi - ta,in que - sto mon - do e-ha pa -

Sol La Re7+ Re6

u - ra di-a-ma - re, chi L- ma Ià sua vi - ta più di tut - to

Mim MimT+ NIimT

Chi per-de la sua vì-ta-in que-sto mon - do, in lui

Sol/La Sol La Sol LalSol

La vi - ta-e-ter - na fio - ri - rà. Chi per - de Ia sua vi - ta per à-

Faflm si4t7 Mim

mo - re, la ri-tro - ve-rà. È-un se - me che, pian - ta - to ne1 - 1a

,n
Ift.tÌ,
IW.T" EDI IORIALE AUDIOVISJVI
nuo - va

Dol4t7 Faf,m si 4t7

se, ca - du-to-in ter - ra, lui non da so-1o re-stc - rà.


3 volte
poi segue

Sol Re/Fafl Mim Re

LalSol Fafim Si4 Si

E,un se:me che, pian - ta - to nel - la

Re4 Re Sol

vi-ta nuo - va por - te

Dofr4t7 Faflm si4/7

se, ca - du-to,in tù - ra, lui non muo fe, da so-1o te-ste - rà.

Sol RdFafi Mim Re

RdFafi La4l'l

O FSP, Roma 2012. Tutti i diritti riservati


CHI PERDE LA SUA VITA
Testo di Francesco Buttazzo

Chi ama la sua vita in questo mondo


e ha paura di amare,
chi ama la sua vita più di tutto
la perderà.
Chi ama la sua vita in questo mondo
e ha paura di amare,
chi ama la sua vita più di tutto
la perderà.

Chi perde Ia sua vita in questo mondo,


in lui Ia vita eterna fiorirà.
Chi perde la sua vita per amore,
la ritroverà.
È un serne che, piantato nella terra,
morendo, vita nuova porterà,
ma se, caduto in terra, lui non muore,
da solo resterà.

Chi vuol servire Dio in questo mondo


e seguire Gesù,
sarà come il Signore in ogni cosa
e l'amore vivrà.
Chi vuol servire Dio in questo mondo
e seguire Gesù,
sarà come il Signore in ogni cosa
e l'amore vivrà.
Chi perde Ia sua vita in questo mondo...

Chi vuole amare Dio in questo mondo


e ogni uomo in lui,
in sé dovrà morire,
ma con lui risorgerà.
Chi vuole amare Dio in questo mondo
e ogni uomo in lui,
in sé dovrà morire,
ma con lui risorgerà.

Chi perde la sua vita in questo mondo...


È un serne che, piantato nella terra...
,rr9
1ftH4
GL T EDITORIALE AUDIOVISIVI ZY
ENTRIAMO A GERUSALEMME
Musíca dí Francesco Buttazzo

Do7+ Re Sim? Re6 Re Sol

tra - mo Si - gno al Fi - glio di Da - vi - de.

Mi/Solfl

tria - mo,a Ge-ru - sa - 1em - he, se - guia-mo_i1 no - sho t,

Lam Re Sim Re6 Rc Sol

san - ta cit - tà Di-o, ac - co - gli,il hro Sal - va - to - te:

Si Mim Sol Mi/Solfl

do-na1a ve-fa li - ber

Si4/7 N{im Rem

Can - tia - mo al al Fi - glio di Da - vi

Fi - glio di Da - vi

tia - mo al Si Fi - glio di Da - ri

Sol

En - tria - mo,a Ge-ru - sa

rna - moa Ge - ru - sa

rria - moa Ge - ru - sa

Mi/Solfl

O FSP, Roma 2012. Tutti i diritti riservati


gula

guia - mo-il no - stro

ENTRIAMO A GERUSALEMME
Testo di Francesco Buttazzo

Cantiamo al Signore,
al Figlio di Davide.
Entriamo a Gerusalemme,
seguiamo il nostro re!

O santa città di Dio,


accogli il tuo Salvatore:
ti dona la vera pace,
ti guida alla libertà.
Seduto su un asinello,
lui entra con umiltà
e annuncia un nuovo regno
d'amore e di verità.

Benedetto colui che viene


nel nome del Signore!
Con rami d'ulivo e palme
cantiamo e acclamiamo a Dio.

Accolto con grande festa


dai poveri e gli umili,
lui compie la sua missione:
darà la sua vita a noi.

Vicina è la sua Pasqua:


la croce rivelerà
l'amore del nostro Dio
per tutta l'umanità.

Éffi EDITORìALE AUDIOVISIVI


Urf aa