Sei sulla pagina 1di 8

ANNUNCIO PASQUALE Exsultet

Musica di Antonio Parisi - Testa dalla Liturgia



Solo

- gli An- ge - Ii,

e - sulti I'assemblea ce - le- ste: un in - no di glo- ria sa-Iu - ti

~i'

il trionfo del Signo - re ri - sor-to.

I

gran - r

r

splen - do- re:

I

Gioisca la terra inondata da COSI

I

I If .. I
~ -r i ~ -
i !o~
la luce del Re e - - ter - no ha vinto Ie tene bre del - do.
~ J. 1 i

Gio - isca la madre

Chie - sa,

splen - dente della gloria del suo Si

gno - re,

~ I

i'

tem - pio tut - to

J~J.

I

r

~i'

po-Io in fe - sta.

I I

ri - suo- ni

per Ie acclamazioni del po -

e que- sto

~J.

J

I

I

I

I

1

Soprani

Bassi

8

Solo

Tutti

Solo

( ~ ~ ........_, ~ - ~ I '"
r I ~ ~ I I I
~ u
II Signore sia con vo - i. E con il tu - 0 Spi - ri - to. In alto i no - stri cuo - rio
{ J J I j.
.
.
I I r I ~ ~ Tutti - '" I Solo '" n ri r--, ~
.J U f I I .~ I I

Sono rivolti al Si - gno- reo Ren- ~a- mo ja- zie al Si - gno - re no- stro Di- O.
fi J. ,~\ j 1.
f r I f
~ ~ Tutti - '" I Solo
.J • r - r i' '" r ~
i
E' co- sa buo- na e giu - sta. E' veramente cosa buo na e giu - sta esprimere con il
I I _fl ~J. -e- r

~ I

-

rI I

r

canto I'esultanza dello spi - ri - to

.... u

r

u

e in - neg - giare al Dio invi si- bi-Ie,

(~~-e-~~~~~I~~~~~~~J~~~~~I~

I I I

Padre onnipo - ten- te,

'" I

I '-"~ U i'

e al suo unico Fi-glio, Ge- su Cri-sto no-stro Si - gno- reo Egli ha pagato per noi all'eterno

~~o~~~~J~~~j~~J~~~h~I~~~~~~~~~

( t:" II I 'r

u

f II

Padre iI debito

~ r

di A - da - mo

h I

e con il sangue sparso per la nostra

i sal - Vj~

za

" I

I

9

f\ II ~ I
~ I ~r·
ha cancellato la condanna della col pa an ti ca.
I I
I I Questa e la vera Pasqua, in cui e ucciso iI vero Agnello, che con iI suo sangue consacra Ie case

I~JJ1~J

I

Que- sta e la not - te

in cui hai liberato i figli d'israele, nostri pa - dri,

d'E - git - to,

e Ii hai fatti passare illesi attraver

so il mar Ros - so.

la

in cui hai vinto Ie tenebre del pec -

not - te

- ca - to

J 67

( "'11ft ~ ).. I = I
.. I -
i· I r LJ
~
con 10 splendore della colon - na di fuo - co. Tu sei la
-a ,.j J .rJ
ti -
( .
.
I I r
- 10

e la not - te

che salva su tutta la terra i creden

ti nel Cri - sto

del

~~r:--

mon - do,

dall'oscurlta del peccato e dalla corruzione

sacra all'amore del Padre e Ii unisce nella comunio

ne dei san - ti.

e la not - te

in cui Cristo, spezzando i vincoli della

mor- te,

( 1\ ~ ~ -
~ I I I -
j' I r LJ
tJ
risorge vincitore dal se - pol - cro. Tu sei la
e. j .J .r-l
LL -
( .
.

I I - 11

LJ

te, Si

del tuo a - more per no - i!

o i - ne - sti- ma- bi - Ie segno di bon - til:

I .It ~ 1\ I
~ I ..., ITr
per ri - scat - ta - re 10 schia - vo, hai sacrifi cato iI tuo Fi - glio!
J.L J J J. I
I I u

Davvero era necessario il peccato di A -

r - r·

che e stato distrutto con la mor - te del Cri-sto.

r

da-mo,

(~J.L~~~~~~J.~io~~~~~j~~J~. ~

I I I

to di avere un COSI grande reden

- Ii - ce

che meri

col - pa,

to - reI

r

II santo mistero di questa notte sconfigge il rna- Ie, lava Ie colpe, restituisce I'innocenza ai pec-ca- to- ri,

12

la gioia

a - gli af - flit - ti.

J

o notte vera

men - te

glo - rio - sa,

, loI

(. ~j.

che

"""J

jc67
- ~ I loI * I I
*j" I
suo crea - to - reI
I I J.L d
I . I j"

ter - ra al cie - 10

ri - con - giungi la

e I'uomo al

I

I

I

Tutti

cio di 10 - de,

r

tuoi mi - ni - stri,

nella solenne liturgia del

ce- ro,

Itj"

simbolo della nuo- va lu- ceo

j I r r

Ti pre-ghia-mo dun-que, Si-gno-re,

J 'J I I

frutto del lavoro delle api,

I

I

I

I

I

I

13

che questo cero, offerto in onore del tuo

no-me

per iIIuminare l'oscurlta di que- sta not - te,

( , d



ri - splenda di luce che

u J J

(~~~~~~~~~~~~

con - fonda con Ie stel - Ie del cie - 10.

II ~ r--,
._) '""'j r j .
quel-Ia stella che non cono - sce tra- mon- to:
'"""~ J
I
'\ II ~ ~ I
._) u r
fa risplendere sugli uomini la sua luce se - re - na
on J. Lo tro- vi ac - ceso la stella del mat - ti - no,

Cristo, tuo Figlio, che risuscitato dai

on

r

mor - ti,

J.

I

e vive e regna nei seco - Ii dei se - co - Ii.

(~~~~~~~~~~~J~~~~

I I

j 67 Tutti

fI II ~ - I I I l"""""""1 I - I I
,

._) r r r I r r I
~ - men. A - men. A - - - men. A - J- J - mjn.
u I I I j
( .
.

I I I r I 14

, ~ ~ oprani I I ~ I - I I
~ .1 1 1 1 r m~n. t 1 r r
Contralti A _ men. A - men. A - - - - - - men.
Ten[1ri ~ ~ ~ ~ I I ~ J. ~ ~ J I
·
·
Bassi I I -- I
A - men. A - men. A - - men. A - - - - - men.
1\ ~ ~ Assemblea I I I ~ I - I I
,

~ 1 1 1 r r r I r
A - men. A - men. A - - men. A - J - j - - men.
J I I I J J I
·
·
I r I . s

Per /'esecuzione: E un recitativo non secco ma melodico e cantabile. Va eseguito evidenziando molto bene it testo. Ci sono vari moduli sonori che si ripetono: alcuni sono narrativi ("Egli ha pagato ... ". "Davvero era necessario ... "), altri sono affermativi e solenni ("Questa e la notte ... ". ecc.), altri sono piu line! ("0 lmmensite ... ". "Ti preghiamo ... "); occorre mettere in evidenza i vari livelli sonori ed espressivi. Occorre inoltre un buon soliste, sicuro e convinto. Anche I'accompagnamento organistico deve evidenziare, con Ie diverse sonorite dell'organo, i vari passaggi espressivi.

II ritornello-acclamazione deve essere una esplosione di gioia di tutta I'assemblea. Ho previs to una battuta di lntroduzione, ma se I'assemblea e capace e preparata, la sl pub ellmlnere, in modo che I'attacco risulti immediato e preciso.

L 'Amen finale va eseguito anche due 0 tre volte: si crea cosi un clima di gioia e di profonda partecipazione.

L 'assemblea potrebbe anche ripetere "Tu sei la luce", mentre if cora canta I'Amen; 10 si pub ''giocare'' in vari modi anche all'interno dell'assemblea: tutti cantano "Tu sei la luce" e poi una parte continua a cantare it ritornello e gli altri cantano l'Amen con il cora che sovrappone Ie quattro voci.

Insomma, I'esecuzione dovrebbe creare veramente una esplosione di gioia pasquale: e it momento dell'annuncio ufficiale della risurrezione di Gesu.

II solista dovrebbe essere una bella voce maschife; fare attenzione a qualche passaggio un po' alto (Rei).

E importante non deludere Ie "attese" dell'assemblea e specialmente quelle della Liturgia festosa e solenne della Veglia pasquale.

15