Sei sulla pagina 1di 443

DOPO IL LEVIATANO

BIBLIOTECA COMUNALE DELL ARCHIGINNASIO


Bologna
651498
G51498

G.fflRRAIIAO «DOPO IL
LEVIATANO1 GIAPPICHELLI
ED. (10)

eeaer3A
GIACOMO MARRAMAO

DOPO IL LEVIATANO
INDIVIDUO E COMUNITÀ
NELLA FILOSOFIA POLITICA

GIAPPICHELLI EDITORE ­ TORINO
© Copyright 1995 ­ G. GIAPPICHELLI EDITORE ­ TORINO VIA PO,
21 ­ TEL.: 011/81.27.623 ­ FAX: 81.25.100

ISBN 88­348­4192­1

Composizione-. La Fotocomposizione ­ Torino
Stampa-. Stampatre s.a.s. ­ Torino
NESSUNA PARTE DI QUESTO VOLUME PUÒ ESSERE RIPRODOTTA IN QUALSIASI
FORMA A STAMPA, FOTOCOPIA, MICROFILM O ALTRI SISTEMI, SENZA IL PERMESSO
SCRITTO DELL'EDITORE.
Nel ricordo di Anna
Maria Battista
I
... the Multitude so united in one Versori, ìs called a
COMMON­WEALTH, in latine CIVITAS. This is the
Generation of that great LEVIATHAN, or rather (to
speake more reverently) of that Mortali God, to wich wee
owe, under the Immortali God, our peace and defence.

Thomas Hobbes

Staat   heisst   das   kàlteste   aller   kalten   Ungeheuer.


Kalt   lugt   es   auch;   und   diese   Luge   kriecht   aus
seinem Munde: "Ich, der Staat, bin das Volk".

Friedrich Nietzsche

\
I
X AVVERTENZA

AVVERTENZA

Questo libro raccoglie, in forma rielaborata e secondo un arti­
colazione   tematica,   alcuni   saggi   e   interventi   precedentemente
apparsi in varie sedi italiane e straniere. Per quanto talora legati
a occasioni e momenti diversi, essi gravitano tutti attorno a un
unico   nucleo:   la   metamorfosi   dei   "modelli   di   ordine"   in   età
moderna e contemporanea.
I   testi   erano   apparsi,   in   precedente   versione,   nelle   seguenti
sedi:
­ Parte introduttiva: Sezione B, in Filosofìa e democrazia, a cura
di D. Fiorot, Torino 1992, e in "Revista Internacional de Filosofia
Politica", a. I, n. 1, abril 1993;
­ Parte prima: cap. I, in "Laboratorio politico", 1993, n. 1, e, in
trad. castigliana, in X. Palacios­F. Jarauta (Eds.), Razón, Ètica y
Politica,  Barcelona   1988,   e   in  Pensar   la   Politica,  a   cura   di   M.
Rivero,   Mexico   1990;   cap.   II,   in  Storia   del   marxismo,  voi.   IV,
Torino 1982; cap. Ili, ivi, voi. III/l, Torino 1980;
­ Parte seconda: cap. I, come saggio introduttivo all'ed. italiana di
F. Borkenau,  La transizione dall'immagine feudale all'immagine
borghese   del   mondo,  Bologna   1984;   cap.   II,   in  Lessico   della
politica, a cura di G. Zaccaria, Roma 1987, e, in trad. castigliana,
in  Illustración   y   Revolución  ("Anales   de   la   Catedra   Francisco
Suarez", n. 29/1989); cap. Ili, in  Effetto Foucault,  a cura di P.A.
Rovatti, Milano 1986; cap. IV, come introduzione all'ed. italiana di
V.   Volkoff,  II   re,  Napoli   1989;   cap.   V,   in   E.   Fano­S.   Rodotà­G.
Marramao (a cura di),  Trasformazioni e crisi del Welfare State,
Bari   1983;   cap.   VI,   come   introduzione   all'ed.   italiana   di   N.
Luhmann, Come è possibile l'ordine sociale, Roma­Bari 1985;
­ Parte   terza:   cap.   I,   in   G.   Vattimo   (a   cura   di),  Filosofia   '87,
Roma­Bari   1988   (e   successivamente,   con   alcune   modifiche,   in
trad. inglese,  francese,  castigliana e catalana);  cap.  II, in "Reli­
gioni e società", a. II (1987), n. 3; cap. Ili, in "Iride", a. I (1988),
n. 1; cap. IV, in Velocità. Tempo sociale e tempo umano, a cura di
M.   Manzoni­S.   Scalpelli,   Milano   1988,   e   poi,   con   progressive
integrazioni e modifiche, in "Paradigmi", a. VII (1990), n. 22, e in
Figure   dell'individualità   nella   Francia   tra   Otto   e   Novecento,  a
cura   di   M.   Donzelli­M.P.   Fimiani,   Genova   1993.   La   Sezione   A
della Parte introduttiva è inedita.

Il volume documenta così una traccia di riflessione e di ricerca
su questioni di etica, filosofia politica e "storia concettuale", da me
portata   avanti   nell'arco   di   un  quindicennio.   E,  in  questo   senso,
rappresenta anche un approfondimento e uno sviluppo di due miei
precedenti   libri,   ormai   lontani   nel   tempo:  II   politico   e   le
trasformazioni, Bari 1979, e Potere e secolarizzazione, Roma 1983,
19852  (ed.   tedesca   riveduta   e   bibliograficamente   aggiornata:
Macht und Sàkularisierung, Frankfurt am Main 1989).
Proprio al fine di mantenere questo carattere di "documento" e
di attestazione di un work in progress, ho resistito alla tentazione
di   modificare   o   integrare   i   testi,   limitandomi   a   una   semplice
rielaborazione   formale.   Per   dirla   con   il   grande   Montaigne:
J'adjouste, mais je ne corrige pas.

G.M.

ottobre 1994
X AVVERTENZA

PARTE INTRODUTTIVA DIMENSIONI
DELL'OLTRESTATO

SOMMARIO:  Sezione  A.  Il   Sovrano   assente:   la   dottrina   dello   Stato   come
"triste scienza". ­ Sezione B. La democrazia, la comunità e i paradossi dell
universalismo.
SEZIONE A
IL SOVRANO ASSENTE: LA DOTTRINA DELLO STATO
COME "TRISTE SCIENZA"

SOMMARIO: 1. Melancholia politica I. ­ 2. Melancholia politica IL ­ 3. "Morte di 
Dio" e 'nuovo politeismo".

1. Melancholia politica I

C'era una volta  la  politica. Miracoloso frutto di quella sostan­


tivazione degli aggettivi che permise alla cultura greca di «porre il
generale come un determinato» ­ assieme alle nozioni di giusto, di
bello e di buono ­ essa sembra appartenere a una dimensione e a
un   tempo   irrevocabilmente   consunti.   Rivive   nell'Europa   della
christianitas,  ma   assorbita   dentro   un   universalismo   teologico­
morale   che   la   sussume   sotto   di   sé,   trasvalutandone   i  signa.
Nell'era cosiddetta moderna sembra "rinascere", irrompere a cielo
aperto dalle crepe di quel plurisecolare edificio, ricostituirsi come
autonoma  ars:  orgogliosamente sottratta all'etica, beffardamente
svincolata dalla "scienza di Dio". Apparenza ingannevole. Poiché
quell'arte nulla ha più da spartire con l'accezione originaria della
politiké téchne,  imperniata suìYareté:  nulla ha più in comune con
quel   concetto   di   "generale"  {koinés),  che   postulava   un   agire
secondo   giustizia   nel   cerchio   della   polis.   In   epoca   moderna,   la
politica è costretta a rifugiarsi, raccogliersi e concentrarsi in quel
mirabile ma draconiano congegno che, a partire da Machiavelli,
prende ­ in virtù di un'astrazione dal latino status reipublicae ­ il
nome di "Stato": «Tutti li stati, tutti e' dominii che hanno avuto et
hanno imperio sopra li uomini,» si legge nell'incipit del  Principe,
«sono stati e sono o republiche o principati». Durissime, oltremodo
restrittive,   tutte   e   tre   le   condizioni   sopradette:  rifugio,
raccoglimento, concentrazione.
16 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

Ma non basta. Quando, nel secolo della rivoluzione scientifica,
questa   "astrazione"   si   sincronizzerà   ai   tempi   e   agli   stili   di
un'indagine   naturale   che   ha   rotto   definitivamente   i   ponti   con
l'universalismo e il giusnaturalismo teocratico, risolvendo Dio in
mera   "ipotesi   di   lavoro",   verrà   alla   luce   un'ulteriore,   decisiva
implicazione   che   quelle   condizioni   restrittive   racchiudevano:   la
politica   può   darsi   soltanto   come   funzione   negativa,   frontiera
invalicabile   tra   la   "razionalità"   e   la   "vita".   Nella   costruzione
hobbesiana,   l'agire   politico   ­   una   volta   trovato   il   suo   punto   di
massimo coagulo simbolico nel  Covenant  ­ viene a coincidere con
un dispositivo tecnico teso a neutralizzare lo "stato di natura". Da
quel   momento,   tutti   gli   attributi   dellapolitiké   téchne  vengono
legittimamente trasferiti al Leviatano, che diviene così l'esclusiva
fons et origo  di ogni  auctoritas  e, attraverso di essa, di ogni  lex:
«auctoritas, non veritas, facit legem».
Questa stilizzazione in chiave negativa, «tecnico­neutrale», del
Leviatano   ­   situata   sul   delicato   crinale   della   soglia   tra   giu­
snaturalismo   e   positivismo   giuridico,   e  pertanto  destinata   a
miglior   sorte   presso   la   tradizione   "territoriale"   del   continente
europeo   che   non   presso   l'immaginario   "oceanico"  dell'insula
britannica   ­   sembrava   rispondere,   ad   onta   di   ogni   astrattezza
razionalistica, a un'esigenza fin troppo reale e concreta: il sistema
moderno   degli   Stati   nato   dalla   pace   di   Westfalia   (1648:
esattamente   tre   anni   prima   della   pubblicazione   della   classica
opera   hobbesiana)   dovette   definirsi  in   antitesi  alle  potestates
indirectae  (dalla   Chiesa   alle   "potenze"   socioeconomiche,   dagli
interessi alle corporazioni di "ceto") che, nella struttura in equi­
librio  dello  Stàndestaat,  si   "rappresentavano"  al   Principe,   costi­
tuendo rispetto a quest'ultimo una polarità insopprimibile. Ed è
appunto il ritorno delle  potestates indirectae  dia ingenerare, nella
società contemporanea, l'entropia di quell'Artificial Man di cui lo
stesso   Hobbes   aveva   a   chiare   lettere   denunciato   il   carattere
pereunte:   ad   onta   di   ogni  facies  di   onnipotenza,   il  nuovo
Leviathan  è,   in  quanto  umano  prodotto,   un  «Dio  mortale»   e,   in
quanto simbolo malefico, destinato a divenire oggetto di odio non
meno che di culto. Gioiello dello  jus publicum europaeum,  zenit
del   «razionalismo   occidentale»,   esso   è   una   struttura   solo   in
apparenza minacciosa e possente: in realtà è un congegno delicato
e   precario,  un'utopia   macchinale  destinata   ben   presto   ad
incrinarsi   e   ad   infrangersi   sotto   la   pressione   di   corpi   "alieni"
rannicchiati nei suoi interstizi e protetti dai suoi dispositivi. Le
ripercussioni delle spinte egualitarie indotte dalla temperie illu­
ministica e dalla rivoluzione francese hanno dapprima svuotato il
17 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

magnus   homo  della   sua   anima,   espungendone   (con   Tanti­rito


della decapitazione) la «persona rappresentativo­sovrana»; quindi
trasformato il meccanismo vitale in inerte meccanica riproduttiva
ed estensiva di «norme» (in mero apparato tecnico di calcolabilità
e   generalizzabilità   della   forma   giuridica);   infine   invertito
diametralmente   la   conversione   razionale   del   simbolo,
ripristinandone   ­   contro   le   originarie   intenzioni   di   Hobbes   ­   il
significato mitico­negativo di Moloch onnidivorante.
Questo, nelle sue linee generali, il racconto del Politico quale ci
è offerto da alcuni suoi grandi "apologeti" (nel senso letterale di
defensores)  europei:   a   partire   da   Cari   Schmitt   e   dagli   storici   e
costituzionalisti che ne hanno, più o meno fedelmente, ricalcato le
orme (Hintze, Brunner, Forsthoff, Bòckenfòrde, innanzitutto; e poi
Schnur,   Koselleck,   Meier   ...);   ma   anche   ­   con   segno   valutativo
rovesciato ­ da alcuni suoi critici e detrattori (da Leo Strauss a
Eric Voegelin, da Karl Lowith a Hannah Arendt). Si è sottolineato
"racconto":   i   loro   discorsi,   infatti,   sono   attraversati   da   un
sotterraneo   pathos   mitopoietico,   anche   quando   vorrebbero
assumere le sembianze di fredda e distaccata "diagnosi". Ma per
rendere  completa la definizione si dovrebbe a rigore aggiungere
"racconto  melanconico":  scegliendo, tra i vari significati moderni
di "melanconia", quello di «un'inclinazione puramente soggettiva»
attribuita per traslato al mondo oggettivo, per cui si può parlare
di «malinconia dell'autunno», di «malinconia della sera» (o, come il
principe   Hai   di   Shakespeare,   di   «malinconia   di   Moor­ditch»).   E
sarebbe davvero istruttivo, a questo proposito, verificare fino a che
punto i due (certo variegatissimi) fronti non si ritrovino, a dispetto
di ogni antitesi assiologica, sul comune terreno di una percezione
"melanconica" della modernità.
Ma   poiché   una   tale   verifica   percorre   in   lungo   e   in   largo   i
confini   tematici   di   questo   libro,   ci   limiteremo   a   osservare   per
inciso   che   Schmitt,   ogni   qual   volta   pone   in   opera   uno   schema
diagnostico, viene ad imbattersi in una sottile contraddizione, che
conferisce   al   suo   stile   una   tonalità   ambigua,   oscillante   tra
melanconia  e  ferocia.  Le ragioni  dell'ambiguità, tuttavia,  si  tro­
vano   situate   ben   più   in   profondo   di   un   piano   meramente   sin­
tomatologico:   non   dipendono,   in   altri   termini,   da   uno   "stato
d'animo", ma sono piuttosto radicate in una caratteristica ambi­
valenza teorica. La propensione "melanconica" prevale infatti ogni
qualvolta   egli   deve   comunicarci   che   la  malattia   mortale  del
Leviatano   è   iscritta   a   chiare   lettere   nel   suo   codice   genetico,
essendo   ad   esso   consustanziale   e   cooriginaria   la   funzione   neu­
tralizzante e spoliticizzante: di qui ­ ci viene suggerito con ama­
rezza   ­   l'inevitabile   binomio   secolarizzazione­indebolimento,   con
18 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

l'evolversi   dello   Stato   assoluto   in   Stato­di­diritto   e   il   ribaltarsi


della legge da contrassegno della decisione sovrana in strumento
tecnico «to put a hook into the nose of the Leviathan». L'attitudine
"feroce"   prende   invece   il   sopravvento,   quando   Schmitt   ­   in
evidente contraddizione con le sue stesse premesse ­si accanisce
contro   fattori   "esogeni"   che,   nelle   sembianze   di   subdoli  hostes,
avrebbero   tramato   al   fine   di   svuotare   lo   Stato   delle   sue
prerogative  sovrane.   Accade   così   che   quella   stessa  scissione   fra
interno ed esterno  (coscienza  e obbedienza, legge morale e legge
positiva,   convinzione   e   convenzione),   individuata   come   vizio   di
nascita   o   difetto   di   fabbricazione   della  Machina   machinarum,
venga poi sussunta sotto una teoria della cospirazione e ascritta al
perfido   "complotto"   giudaico   espresso   dalla   «linea   che   va   da
Spinoza a Moses Mendelssohn». Più pacatamente, in Glossarium
(testo postumo che raccoglie le annotazioni autografe redatte da
Schmitt   tra   il   1947   e   il   1951   ),   la   «   separazione  (Trennung)
hobbesiana   tra   esterno   e   interno»,   con   la   conseguente
enfatizzazione   del   primo   termine,   viene   ricondotta   al   gusto
barocco della «facciata» (nota del 12.11.1947). Ma questa facciata
non è mera «parvenza» (Schein). È, piuttosto, paravento del nucleo
arcano che salda insieme, in una trama invisibile, potere e morte :
«La vita è la facciata della morte (Barocco). Il Leviatano stesso è
una   facciata:   la   facciata   del   dominio  davanti   al   potere».   Di   qui
l'incolmabile distanza tra Hobbes e Spinoza: «Il barocco Hobbes ha
ancora   una   sfera   pubblica  (Óffentlichkeit)  sostanziale   (Spinoza
non   è   barocco);   ragion   per   cui   il   Barocco   possiede   ancora
legittimità   e   non   solo  legalità;   dominio  (Herr­schaft)  e  non  solo
potere (Macht)» (nota del 15.11.1947).
D'altronde, anche nella sua produzione matura ­ dalla quale si
è estrapolato, e tanto enfatizzato, il tema della  Ent­ortung,  dello
sradicamento del «Nomos della terra», con l'inevitabile corollario
del privilegiamento dell'antitesi mare­terra come chiave di lettura
cosmicostorica dell'egemonia angloamericana e dell'emarginazione
del «Vecchio continente» ­ Schmitt lascia intravedere la possibilità
di un ritorno in grande del Politico, di un ripristino della coppia
Ordnung­Ortung  (ordinamento­localizzazione):   di   quella
justissima tellus, o regolarità territoriale della Legge, che sarebbe
stata violata da una hybris ebraica colpevole di aver trasmesso al
mondo il suo spirito di avventura, marginalità, deriva (ma perché,
allora,   non   anche  hybris  cristiana?   non   è   forse   agostiniana   la
matrice della distinzione tra "foro esterno" e "foro interno"? Sono
queste le domande ­davvero  decisive,  dirimenti ­ che il  cattolico
Schmitt ha sempre , accuratamente evitato di porsi).
19 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

In una importante discussione con Ernst Jùnger sulF«antitesi
planetaria   Oriente­Occidente»,   Schmitt   porta   a   compimento
un'orbita di riflessione avviata con i lavori hobbesiani degli anni
'30 (e la cui conclusione parrebbe già adombrata sia in Der Nomos
der   Erde,  sia   nell'articolo   redatto   per   il   tricente­nario   del
Leviathan):  l'enfasi   sulla   svolta   in   senso   marittimo   impressa
dall'Inghilterra   al   corso   della   storia   mondiale   acquista   qui
connotati   squisitamente   descrittivi,   del   tutto   scevri   di
connotazioni assiologiche positive. È in questa temperie "oceanica"
e   "nomade"   che   s'inseriscono   movimenti   e   correnti   nei   cui
confronti   il   giurista   di   Plettenberg   non   nutre   simpatia   alcuna:
dalla rivoluzione industriale, all'economia politica classica (intesa
come   «una   sovrastruttura   sociologica   e   concettuale   di   questo
primo stadio di una tecnica basata su un'esistenza marittima»), al
marxismo   (inteso   come   «una   continuazione   di   questa   economia
politica classica»). Ma nell'odierna globale Zeit
10 scenario   si   presenta   radicalmente   mutato:   l'attuale   «duali­
smo   mondiale»   non   costituisce   più   una   tensione   bipolare,   ma
una vera e propria antitesi «storico­dialettica» tra terra e mare.
Di   qui   la   «nuova   domanda»   circa   il   significato   simbolico
dell'odierno   «appello   della   storia».   E   l'inequivocabile   risposta:
questo   appello   non   è   certamente   più   «identico   a   quello
dell'epoca   in   cui   gli   oceani   si   spalancarono».   Vano   sarebbe   il
tentativo   di   dare   all'«appello   odierno»   la   vecchia   risposta   con
le sue prosecuzioni ulteriori: «le disperate, ulteriori spinte verso
11 cosmo di una tecnica inarrestabile, che hanno soltanto il
signi­
ficato   di   fare  dell'astro   da   noi   abitato,   la   Terra,   una   nave   spa­
ziale».   Il   pericolo,   in   altri   termini,   è   che   gli   uomini   evitino   la
nuova   domanda,   e   il   «nuovo   rischio»   che   essa   comporta,
restando   prigionieri   della   Storia:   «ritenendo   di   essere   storici   e
attenendosi a ciò che è stato vero in passato, gli uomini dimen­
ticano che una verità storica è vera una volta sola».
Tutto bene. Salvo il fatto che la risposta prospettata da Sch­
mitt nel corso della sua riflessione appare non già "inattuale" ­ nel
senso nietzscheano dell'anticipazione di una verità che il "secolo"
non è ancora in grado di afferrare­comprendere ­quanto piuttosto
ancora   più   "vecchia"   e   superata   dell'attualità   stessa.   Di   qui   il
sapore   nostalgico   del   suo   richiamo   al   fondamento   «terraneo»   di
ogni  nomo­thesia,  e il retrogusto  minaccioso del  suo rimando al
triplice   legame  con   cui   la   terra   tiene   avvinto   a   sé   il   diritto:
celandolo  dentro   di   sé,  nella   forma   di   ricompensa   del   lavoro;
mostrandolo in sé,  in quanto confine e «recinzione»; recandolo su
20 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

di   sé,  come  justissima   tellus   ­  segno  pubblico  dell'Ordinamento,


frontiera invalicabile del binomio Ordnung­ Ortung.

2. Melancholia politica II

Di   segno   valutativo   opposto,   ma   non   meno   melanconica   e


"spaesata",   la   cartella   diagnostica   sulle   condizioni   del   "politico"
approntata   dalle   punte   più   avanzate   della   ricerca   sociale   con­
temporanea,   che   negli   ultimi   anni   si   sono   venute   sempre   più
concentrando   sui   fenomeni   del  pluralismo  e   del  corporatismo.
Minimo   comun   denominatore   delle   nuove   indagini   è   un   con­
vincimento   radicato   e   diffuso   dell'inservibilità   delle   «antiche
mappe   dello   Stato,   della   società   e   dell'economia».   Anche   qui   ­a
dispetto,   o   forse   proprio   a   cagione,   della   matrice   liberalde­
mocratica ­ affiora come elemento unificatore dell'analisi il sen­
timento   di   una   condizione   che,   non   diversamente   dalla  Kul­
turkritik  europea, trova espressione nelle  metafore nautiche del
naufragio e della deriva in mare aperto. Ciò che fa da collettore
alle diverse indagini  è ­ ancor prima di un'astratta piattaforma
metodologica   ­   l'acuta   sensazione   che   «le   società   industriali
occidentali»   hanno   ormai   intrapreso,   «senza   indicatori   e   senza
bussola», un viaggio dalle tappe e dalla destinazione sconosciute.
Nessuno dei vecchi parametri topografici può più esserci d'aiuto:
«la   natura   del   territorio   è   mutata   e   le   mappe,   che   peraltro
descrivevano l'antico stato delle cose solo in modo approssimativo
e anche falso, non sono state aggiornate e non riportano la nuova
fisionomia del paesaggio». Ma il dato più sorprendente e vistoso è
che   i   fattori   di   scompaginamento   delle   coordinate   spaziali
tradizionali messi a fuoco dalla scienza politica d'oltreoceano sono
esattamente identici a quelli indicati da Schmitt e dalla grande
"dottrina dello Stato" fra le due guerre: il fenomeno dei gruppi di
interesse   ­   intesi   come   nuove  pote­states   indirectae  sottratte
all'orbita della sovranità statale ­ e le teorie che li riflettono (cfr.
S.   Berger,  Organizing   Interests   in   Western   Europa.  Pluralism,
Corporatism and the Transformation of Politics, Cambridge 1981;
G.   Lehmbruch­Ph.C.   Schmitter,  Patterns   of   Corporatists   Policy­
Making, London 1982).
Queste  teorie   hanno   svolto   una   funzione   rilevante  nello   svi­
luppo   della   ricerca   intorno  alle  nuove  forme   di   intermediazione
tra Stato e società: è stato proprio il dibattito sul pluralismo e la
sovranità  a  segnare la nascita della  politicai  science.  Ma ora la
21 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

moltiplicazione di queste insorgenze è tale da destabilizzare ogni
centro e ogni Nomos: ogni «situazione di predominio stabile». Le
voci di questa diagnosi sono ampiamente note a chiunque abbia
una qualche dimestichezza con la discussione attuale sulla "crisi
della   politica":   divisioni   trasversali   della   società,   sovrapporsi
all'universalismo   della   cittadinanza   dell'appartenenza   a   gruppi
diversi,   crescente   mobilità   sociale,   proliferare   di   "politiche   della
differenza".   Anche   sotto   questo   profilo,   la   convergenza   con
l'attuale riflessione politica europea di ascendenza "schmittiana"
appare sorprendente: mentre da un lato la politica in senso stretto
(ossia: la logica del sistema e del ceto politico) tende a divenire
sempre più "autoreferenziale" e svincolata dalla dinamica sociale,
dall'altro   «associazione   e   dissociazione   stanno   subendo   una
trasformazione tale che il politico risulta sempre più disperso, e
ad   una   più   ampia   partecipazione,   nonché   ad   una   crescente
estensione   dello   spazio   di   iniziativa   politica,   corrisponde   un
indebolimento   di   tutte   le   istanze   politiche,   almeno   per   quanto
riguarda quelle protette».
La conclusione che l'apologetica "continentale" del politico evita
di   trarre   da   questa   interpretazione   è   che   da   essa   dovrebbe
risultare necessariamente incrinato non solo il "modello giuridico
della   sovranità",   imperniato   sull'equazione   lineare   (di   matrice
hobbesiana e di derivazione giuspubblicistica) tra diritto e Stato,
ma   la   stessa   definizione   schmittiana   del   «criterio   del   politico»
come «grado di intensità di un'associazione o di una dissociazione
di   uomini»:   se   è   vero,   infatti,   che   le  «pote­states   indirectae
diventano sempre più forti», che la trama delle loro connessioni si
è   infittita   al   punto   che   è   impossibile   venirne   a   capo   con   una
decisione "gordiana", ne consegue che il politico non è solo il luogo
in cui vengono prese decisioni, ma anche la dimensione simbolica
in cui si verificano i "giochi di reciprocità" e gli effetti secondari e
preterintenzionali   dell'agire.   Non  a   caso,   le  scienze  sociali   ­  nel
tentativo   di   venire   a   capo   dei   nuovi   problemi   ­   si   sono   viste
costrette ad approntare quella categoria del  potere­influenza  che
si   presenta   oggi   come   nuova   sfida   non   solo   alla   progettazione
moderna   dello   Stato­apparato,   ma   allo   stesso   modello   classico
dellapolitiké   téchne:  «Non   è   difficile   vedere»,   scriveva   anni   fa
David Easton in una ricognizione sistemica della politica costretta
(per sottrarsi alle secche del comportamentismo e del fattualismo)
a   ripartire   proprio   da   Aristotele,   «che  la   ricerca   politica   difetta
nelle   sue   conoscenze   sostanziali   e   nella   formulazione   delle
intuizioni   che   pur   essa   possiede.   A   che   cosa   è   dovuta   questa
mancanza   di   progresso?   Si   è   tentati   di   rispondere,   forse   con
qualche   esagerazione:   lo   scienziato   politico   americano   è   nato
22 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

libero,   ma   dovunque   è   in   catene,   legato   ad   un   passato   di


iperfattualismo.   L'assenza   di   conoscenza   più   attendibile   origina
direttamente   dall'aver   trascurato   senza   alcun   limite   la   teoria
generale».
"Disillusione"   e   "disagio"   sono   dunque   le   parole­chiave   di
un'inchiesta   sullo   «stato   della   scienza   politica   in   America»   che
pare   soggiacere   ­   non   meno   della   dottrina   dello   Stato   "vete­
roeuropea"   ­   all'immagine   della   decadenza   e   del   «declino   della
teoria   politica   moderna».   La   crisi   di   ogni  Ortung,  di   ogni   col­
locazione­localizzazione del politico, si evidenzierebbe oggi in uno
storico  turning point  in cui non si dà più soglia stabile, certezza
nomotetica,   in   grado   di   decider   e/dirimere   associazione   e
dissociazione,   dal   momento   che   l'associazione   politica   viene   a
intrecciarsi   con   il   suo   contrario:   la   dissociazione   politica.   Per
affrontare   in   maniera   adeguata   questo   difficile   tornante,   per
produrre   una   interpretazione   efficace   della   crisi   che   investe   la
politica nelle "due metà dell'Occidente", sembra esservi solo una
via: attivare una chiave di lettura simbolica, acquisendo al «con­
cetto   del   politico»   elementi  prima   facie  "alieni",   o   per   così   dire
impuri,  che contaminano giocoforza le pretese di nitore e autoe­
videnza del suo perimetro sacro. Un esempio eloquente di questa
"impurità" è espresso dalla circostanza per cui, data la rilevanza
simbolica   dell'intreccio   di   associazione   e   dissociazione,   ne
risultano scissi non solo i gruppi e le associazioni, ma gli stessi
individui   che   li   "compongono".   Salta   così   uno   dei   presupposti­
cardine dell'atomismo moderno, tradizionale sostegno dei modelli
di razionalità del contrattualismo e dell'utilitarismo classici. Ed è
proprio dall'irruzione del fenomeno dell'"io diviso", o del multiple
self,  che l'analisi sociale  è inesorabilmente spinta a prendere in
esame quel costante intrecciarsi di "interessi" e "valori", "ragioni"
e   "passioni",   e   quel   circolo   vizioso   di   "aspettative"   crescenti   e
"delusioni", prescindendo dal quale sarebbe vana pretesa tentare
di   spiegare   ­   come   ha   dimostrato   nelle   sue   ricerche   Albert   O.
Hirschman ­ la stessa dinamica economica.
Premesso ciò, occorre tuttavia aggiungere che un tentativo di
reagire alla melanconia diffusa che pervade i domini della  social
science,  disegnando   coraggiosamente   una   nuova   mappa   "post­
territoriale"   del   politico,   esiste:   ed   è   la   teoria   della  poliarchia.
Caratteristica fondamentale di questa teoria è quella di porsi su
un   piano   rigorosamente   descrittivo   (e   per   questa   sua
"avalutatività" essa è stata illegittimamente assimilata al descrit­
tivismo comportamentista). In effetti, Robert A. Dahl ­ cui si deve
il conio del neologismo polyarchy ­ vorrebbe con la sua tipizzazione
non solo collocarsi, per dirla con espressione nietzscheana, "aldilà
23 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

del   bene   e   del   male",   prescindendo   da   qualsivoglia   assunto   di


valore prò o contro la poliarchia, ma anche situarsi a un livello di
astrazione intermedio tra modello e realtà. A questo "regime di
mezza luce" sarebbe costretta oggi ad adattarsi la teoria politica,
intesa   come   una   procedura   di   allestimento   di   tavole   sinottiche
improntata   a   un   metodo   tipologico­comparativo.   Un'operazione
siffatta s'intende come funzionale a un preciso obiettivo: saldare le
classiche questioni dell'autorità e della legittimità (che, detto per
inciso,   già   in   Weber   si   trovavano   riformulate   in   un   impianto
"idealtipico"   ricavato   da   procedimenti   comparativi)   a   una
contestazione   pubblica   riconosciuta   a   soggetti   fortemente
differenziati.  Competizione  e  incisività  divengono,   pertanto,   i
requisiti   di   un   modello   politico   fisiologicamente   aperto   a   una
pluralità di «subculture» che si differenziano per religione, lingua,
razza,   gruppo   etnico.   Sta   qui   la   forma   specifica   di   inclusività
(partecipazione)  dellaipoliarchia   competitiva:  anche   il   sistema
politico che si colloca agli antipodi di essa, quello dell'«egemonia
chiusa»,   può   divenire   inclusivo,   senza   per   questo   aprirsi   a   un
processo   di   liberalizzazione   come   quello   che   dà   luogo
all'«oligarchia competitiva».
L'operazione di Dahl presenta un tale tasso di vigilanza meto­
dologica e di sorveglianza sulle proprie articolazioni interne, da
apparire refrattaria a qualunque tentativo di appiattirla ridu­
cendola al rango di una mera descrittivistica apologetica del
multiversum politico: se, d'altronde, l'immagine di un'interazione
"pluriversale" come fattore costitutivo del processo politico reca
senza ombra di dubbio l'impronta della temperie pragmatista che
attraversa ­ talora implicitamente o tacitamente ­l'area culturale
angloamericana, ciò non autorizza in nessun caso a confondere
pragmatismo con "behaviorismo". Il paradigma comportamentista
ha bensì in comune con quello pragmatista l'esigenza di risolvere
la compattezza di un universum di soggetti­sostanze nella
dinamica flessibile di relazioni interattive da cui si generano le
aggregazioni e disaggregazioni dei "gruppi sociali": ma, a
differenza di questo, paga l'operazione al caro prezzo di sostituire
al "meccanismo" classico un "organismo" concepito come
intrinsecamente armonico, miracolosamente esente adi frizioni e
conflitti. Per intendere il senso della concezione di Dahl, invece, è
impossibile prescindere dalla natura tipico­ideale (e non
piattamente descrittiva) delle astrazioni da essa adottate:
approccio metodico che trova il proprio significato e la propria
funzione nel "decostruire" {ergo: deso­stanzializzare) le
tradizionali categorie del politico fondate sull'antitesi polare di
democrazia e totalitarismo. Se "poliarchia" figura adesso come
24 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

nuovo nome per democrazia, ne consegue a fortiori una frattura
epistemologica con la tipologia classica delle forme di governo: e
ciò non solo per la portata assiologia negativa che ­ è bene non
dimenticarlo ­ il termine "democrazia" aveva in Aristotele, ma a
causa piuttosto della rilevanza sostanziale che vi veniva ad
assumere una differenziazione tra "forme" simmetricamente
coordinata allo scarto qualitativo indotto dalla diversa latitudine
(o portata quantitativa) dei "soggetti" del potere ("uno", pochi",
"molti"). Il sistema politico democratico non si identifica per Dahl
sic et simpliciter con l'ampiezza della sua base di consenso: di cui,
come l'esperienza storica ci insegna, non difettano certo alcuni
regimi "totalitari". E neppure con il mero sviluppo di
un'opposizione: che può essere tanto radicale quanto scarsamente
incidente sulla forma di governo. Ma piuttosto con la capacità dei
governi di «soddisfare, in misura continuativa, le preferenze dei
cittadini, in un quadro di eguaglianza politica»: ossia, di
«"rispondere" completamente, o quasi, alle esigenze dei cittadini».
Le curiosità lessicali della definizione ­ su cui è bene riflettere ­
sono   sostanzialmente   tre.  In   primo   luogo,  la   "misura   con­
tinuativa": essa segnala quell'aspetto temporale della durata che,
per quanto ben nota e tradizionalmente presente alla riflessione
sul "governo misto" a cavallo tra antico e moderno (si pensi alla
rilettura machiavelliana del VI libro di Polibio), acquista qui una
declinazione   del   tutto   nuova.  In   secondo   luogo,  l'accento   sulle
"preferenze":   indicatore   di   un'assunzione   della   terminologia
economica nell'ambito della scienza sociale e politica che, almeno
a partire da Weber (non solo, dunque, da Schumpeter
0 da Downs), non dovrebbe sorprendere più di tanto neanche
1più  inguaribilmente  nostalgici  fra   i  teorici   della  politica  "vete­
roeuropei". In terzo luogo, il "quasi": esso segnala il carattere ten­
denziale  ­   mai   "perfetto",   mai   compiutamente   realizzato   ­   della
forma democratica, contrassegnata da una tensione costante tra
ideale e realtà. Una sorta di «paragone ellittico», si sarebbe portati
a dire adottando una celebre espressione crociana (adozione, del
resto, tutt'altro che illegittima: in quanto Croce  è un autore più
volte   citato   da   Dahl,   anche   se   non   esattamente   a   questo   pro­
posito).
La tematica dello scarto e dell'approssimazione tendenziale tra
democrazia ideale e democrazia reale aveva tuttavia già trovato
una   formulazione   rigorosa   in   un   importante   saggio   teorico   che
Dahl   stranamente   non   menziona:  Vom   Wesen   und   Wert   der
Demokratie (1920; 19292) di Hans Kelsen. Nel giurista praghese, e
in   altri   cittadini   di   Cacania   (di   cui   si   tratterà   ampiamente   nel
25 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

corso   del   libro),   il  politicai   scientist  americano   avrebbe   potuto


trovare  ulteriore  conforto  alla  sua  tesi  della   persistente  vitalità
delle «subculture» oltre l'individuo e oltre la divisione di classe:
«Lungi   da   me»,   scrive   Dahl   nel   capitolo   VII   di  Polyarchy  (New
Haven   1971),   «il   dire   che   le   differenze   di   classe   non   abbiano
importanza. Sostengo invece che la classe economica è soltanto un
fattore, che spesso è meno importante, e che può essere specificato
in termini diversi in riferimento a distinte sottoculture, a modi di
vita, a norme, a prospettive, a identità, a lealtà, a organizzazioni,
a strutture sociali differenti. Inoltre, le subculture hanno spesso
una   vitalità   eccezionale   e   durano   oltre   la   vita   di   un   individuo.
Questi   può   cambiare   la   sua   identificazione   di   classe   più
facilmente della sua lingua materna o della religione. Nel corso di
migliaia di anni sono sorte classi e imperi che si sono poi dissolti,
mentre non sono mutati i confini linguistici entro i quali c'è oggi la
Svizzera o il Belgio.  L'identità etnica o religiosa è integrata così
profondamente nella personalità degli individui che i conflitti fra
le   sottoculture  etniche   o  religiose   possono   essere   particolarmente
pericolosi, soprattutto se hanno una localizzazione ben definita».
Con   lo   stesso   argomento   Kelsen   aveva,   mezzo   secolo   prima,
dissolto   il   concetto   di   popolo   come   una   "illusione   metapolitica":
«Diviso   da   contrasti   nazionali,   religiosi   ed   economici,   il   popolo
appare,   agli   occhi   del   sociologo,   piuttosto   come   una   moltepli­di
gruppi   distinti   che   come   una   massa   coerente   di   uno   e   di   un
medesimo   stato   di   agglomerazione».   E   aveva   aggiunto   che
«soltanto   in   senso   normativo»   si   può   parlare   in   democrazia   di
unità   del   popolo.   Ma   fino   a   che   punto   è   possibile   oggi   tenere
insieme  universo   della   norma  e  multiverso   delle   culture,  nel
momento   in  cui   identità   culturali   diverse   ­   basate   sull'etnia,   la
razza,   il   sesso   o   la   religione   ­   contestano   la   legittimità   di   un
sistema di regole che si presume indifferente e neutrale? È questa
(come  vedremo  nella  prossima   sezione  introduttiva)  la  sfida   cui
sono chiamate società sempre più interdipendenti, dotate ­secondo
un'acuta   osservazione   di   Amy   Gutmann   ­   di   «un   potere   di
creazione e distruzione senza precedenti» (cfr.  Multicultura­lism
and «The Politics of Recognition», Princeton 1992). Ma torniamo ­
per concludere su questo aspetto ­ ad esaminare schematicamente
alcune delle principali implicazioni della "teoria della poliarchia".
Una di esse investe il carattere istituzionale delle poliarchie.
In   esse   giocano   un   ruolo   decisivo   due   specie   di   organizzazioni
istituzionali: l'esecutivo, preso in esame nel suo nesso con le «forze
principali   di   un   paese»,   e   il  sistema   dei   partiti.  Come   si   può
notare, viene tagliato fuori il legislativo: il rapporto parlamento­
governo di  weberiana  memoria. Dahl muove infatti  dall'assunto
26 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

che «tutti i regimi competitivi che sono riusciti a tenere in vita le
poliarchie nel corso del XX secolo hanno sviluppato esecutivi forti,
con un'accentuata capacità di agire». Constatazione di fatto cui fa
riscontro   un'altrettanto   inoppugnabile   rilevazione   teorica   su
questo locus classicus  dei sistemi rappresentativi: «Operando con
una   teoria   della   democrazia   rappresentativa   che   metta   in   luce
soprattutto la legittimità esclusiva dell'assemblea elettiva come il
rappresentante supremo della volontà popolare, i costituzionalisti
del XIX secolo incontrarono molte difficoltà al momento di fornire
all'esecutivo   un'autorità   indipendente».   Per   questa   ragione,   la
maggior   parte   delle   poliarchie   si   è   distaccata   dal   modello   del
governo   assembleare,   che   forma,   assieme   al   «sistema
parlamentare   bipartitico»,   uno   dei   «due   modelli   ideali   della
democrazia   rappresentativa».   Dahl   propende   a   favore   della   tesi
per   cui   sistemi   pluripartitici   fortemente   frammentati   (il
pluralismo   estremo   o   polarizzato   di   Sartori)   danno
ineluttabilmente   luogo   a   coalizioni   deboli   e   instabili:   «Come   il
modello   assembleare   è   stato   respinto   praticamente   da   tutte   le
poliarchie   nel   XX   secolo,   così   il  modello  bipartitico   classico  non
può   essere   adottato   con   successo   da   paesi   caratterizzati   da
fratture sub­culturali, vale a dire dalla maggioranza di essi».
Di  là  delle  soluzioni   istituzionali  ­  che  restano  aperte  e  pro­
blematiche ­ ciò che importa qui sottolineare è il requisito di base
che contraddistingue in linea di principio la poliarchia dal modello
"egemonico": si dà propriamente "poliarchia" solo in presenza di
un   sistema   politico   compatibile   non   solo   con   una   dimensione
polimorfa di etnie, culture, religioni, ecc., ma anche con «un alto
grado di variabilità nelle credenze sull'autorità». Di conseguenza,
il   modello   poliarchico   è   in   grado   di   contemplare   sia   il   conflitto
aperto,   sia   la   cooperazione   o   il   compromesso.   O   meglio:   di
assumere «il conflitto politico come elemento di cooperazione più
articolato».   E   tuttavia   ­   precisa   Dahl   quasi   giocando   d'anticipo
sulla prevedibile accusa di ottimismo ­ non vi è alcuna garanzia né
ineluttabilità   naturale   che   assicuri   il   passaggio   dal   modello
egemonico a quello poliarchico: «Non v'è dubbio che gli eventi di
questo secolo abbiano confermato la tesi che la democrazia non è
destinata   a   trionfare   irresistibilmente  su   tutti   gli   ostacoli   posti
lungo il suo cammino». La sola indicazione che la realtà ci fornisce
è   che   «la   varietà   delle   circostanze   in   cui   una   poliarchia   può
emergere è proprio una delle caratteristiche più chiare della scena
mondiale».
Lasciamo ora da parte i complessi risvolti politico­istituzionali
che una tale ibridazione di piano modellistico e piano pragmatico
solleva, per rivolgerci alla temperie culturale di cui la teoria della
27 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

poliarchia partecipa: una temperie alla quale ­ come vedremo tra
poco ­ sono tutt'altro che estranee le tematiche filosofico­teologiche
di quest'ultimo scorcio di secolo. Lo scenario delineato da Dahl ­
imperniato   com'è   sul   distacco   da   tutti   i   modelli   "monisti"   e
rigidamente "nomocratici" di  government ­viene a convergere con
altre   diagnosi   della   civiltà   contemporanea   nel   «minimo   comune
denominatore   della   sensibilità   moderna»,   costituito   dalla
rappresentazione dell'Occidente come «sfera culturale esplosa» (D.
Miller).   L'adozione   del   termine  polyarchy  trova,   infatti,   un
puntuale   riscontro   in   altre   analoghe   tendenze   del   pensiero
"postmetafisico":   nel   senso   e   nell'essere   «polimorfici»   di   cui
parlano,   in   ambito   psicologico,   Charles   Baudouin   e   Norman   O.
Brown; nella conoscenza e nella comunicazione «plurisignifìcante»
di Philip Wheelwright; nella «polisemia» del discorso immaginale
che definirebbe, per Ray Hart, la dimensione profonda delle nostre
espressioni   culturali;   nella   irriducibile   «plurietnia»   che,   secondo
Michael   Novak,   segmenterebbe   la   comunità;   e,   infine,   nel
«multiverso»   etico­politico   dei   pragmatisti:   per   i   quali   la   realtà
non  esiste  come  «universo   unitario»,  e  somiglia   piuttosto  a  una
repubblica federale che a una monarchia.

3. "Morte di Dio" e 'nuovo politeismo"

Autori   come  Nietzsche   e  Weber  avevano  dato  a   tutto  questo


complesso   di   fenomeni   un   nome   preciso:  politeismo.  A   questa
espressione essi avevano attribuito ­ certo ­ una radicalità e una
drammaticità che invano tenteremmo di rintracciare negli autori
sopra   menzionati.   E   tuttavia   è   difficile   sbarazzarsi   della
sensazione   che,   proprio   in   questo   scorcio   di   fine   secolo,   la   loro
"inattualità" sia divenuta fin troppo "attuale". Non diversamente
sembra pensarla, del resto, Alasdair Maclntyre, quando, in  After
Virtue (Notre Dame 1981 ; 1984 2), afferma ­ con dichiarato disap­
punto   ­   che   «la   visione   del   mondo   contemporanea   è   in   misura
predominante   [...]   una   visione   weberiana»   e,   di   conseguenza,
nietzscheana: in quanto «le categorie di pensiero fondamentali di
Weber   presupponevano   la   tesi   fondamentale   di   Nietzsche».   Si
tratta, allora, di scoprire per quali vie la radicalità di quella tesi si
sia   potuta   stemperare   al   punto   di   trasformarsi   in  topos
dell'attualità e, per così dire, in moneta corrente.
In cosa consiste, dunque, la radicalità e drammaticità di cui si
parla? Essa sta, innanzitutto, nel prendere atto di una frattura, di
28 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

una "crisi", che richiede, nel senso più rigoroso e pregnante del
termine,   una   decisione.   Ma   ­   ecco   il   passaggio   saliente   ­   tale
decisione, benché venga fatta coincidere con l'assunzione piena del
nichilismo,  non   è   una   decisione   "qualsiasi",   "occasionale",   un
romantico  ludus   globi  fungibile   a   qualsivoglia   contenuto.   È,
piuttosto,   una   decisione  eticamente   condizionata.  È   la
conseguenza   letteralmente   radicale   della   percezione   dell'   «
acquiescenza   volgarizzata   dell'espressione   morale   moderna»:
maschera  universalmente   disponibile  per   «qualsiasi   volto».   In
quanto   "sovvertitore"   che   diametralmente  rovescia  la   forma
dell'enunciazione   morale   dell'Occidente,   Nietzsche   non   è   un
filosofo morale fra gli altri, ma, per dirla ancora con Maclntyre, «il
filosofo morale della nostra epoca». Ma la "decisione" non è solo
rovesciamento   e   sovvertimento.   È   anche  distacco.  E   distacco
duplice.  Distacco dall'uniformità razionalistica della  connessione­
di­colpa,  fondamento  del   bisogno  (pratico)   di   rassicurazione  che
permea   di   sè   lo   stesso   ideale   (teoretico)   di   conoscenza:   l'idea
scientifico­naturale   di   "causa"   non   è   per   Nietzsche   che   una
proiezione ed estensione metaforica del suo originario significato
giuridico­penale.   E   distacco   dall'uniformità   etica   di   una   Norma
impersonale e onniomologante: da una  mono­crazia,  dunque, che
coincide perfettamente con una nomo­crazia. Di qui la superiorità
e   il   "vantaggio"   del   politeismo   rispetto   non   solo   al   monoteismo
d'impronta   ebraico­cristiana,   ma   a   tutta   una   persistente
attitudine   monoteistica   che   contrassegnerebbe  Yepisteme
occidentale sin  dai  suoi  esordi,  a  partire dall'ideale platonico  di
stabilizzazione   del   linguaggio:   «Che   il   singolo»,   si   legge
nell'aforisma  143  di  Die fróhliche  Wis­senschaft,  «si  eriga  il suo
proprio  ideale e derivi da esso la sua legge, le sue gioie e i suoi
diritti   ­   questa   fino   a   oggi   è   stata   considerata   come   la   più
mostruosa di tutte le umane aberrazioni e come idolatria in sé: in
realtà   quei   pochi   che   osarono   ciò,   hanno   sempre   sentito   la
necessità   di   una   apologia   davanti   a   se   stessi,   ed   essa   di   solito
s'esprimeva   in   questi   termini:   "Non   io!   non   io!   ma  un   Dio
attraverso di me!" Fu nell'arte e nella forza mirabile di plasmare
dèi ­ il politeismo ­ che questo istinto potè disgravarsi, purificarsi,
giungere   a   perfezione,   nobilitarsi   [...]   Il   monoteismo,   invece,
questa rigida conseguenza della dottrina di un uomo normativo e
unico ­ la fede quindi in un dio normativo, accanto al quale non ci
sono che dèi falsi e bugiardi ­costituì forse il pericolo più grande
nel corso dell'umanità fino ad oggi [...] Nel politeismo era come
preformata   la   libertà   di   spirito   e   la   multiforme   spiritualità
dell'uomo: la forza di crearsi occhi nuovi e personali, sempre più
29 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

nuovi e personali: cosicché per l'uomo soltanto, in mezzo a tutti gli
animali, non esistono orizzonti e prospettive eterne».
Ovunque appare il prefisso "poli­", siamo dunque per Nietzsche
in   presenza   di   qualcosa   di   estremamente   reale   e   concreto,   che
incide nel profondo della nostra esistenza. Da quella frattura in
poi, il passaggio  dall'astrazione  alla  vita  costituirà un cammino
obbligato: nessun "astratto" potrà placidamente riposare nella sua
autoconsistenza   logica   senza   dovere   incessantemente   misurarsi
con  l'incolpevolezza  del   divenire   (sulla   natura   "post­istorica"   di
questo passaggio non è il caso, per il momento, di pronunciarsi).
La   multiformità   della   vita   e   la   pluralità   delle   norme
rappresentano la costante di una Uberwelt, di un "oltremondo", al
cui   volto   è   stata   imposta   la   maschera   di   un'«unica   e   ultima
norma»:   l'Uomo.   Attitudine   monoteistica   e   umanismo   appaiono
qui saldate insieme in un vincolo indissolubile: essi formano, in
scenso proprio, un'unica e medesima struttura di pensiero.
Ma   non   è   tutto.   L'adozione   del   lemma   "politeismo"   allude
anche   ad   altro:   a   una   condizione   culturale,   a   una   "situazione
spirituale del tempo", tale da esigere una motivazione di ordine
rigorosamente   teologico   (ben   poco   radicale   sarebbe   infatti
l'accezione   del   termine   qualora   si   limitasse   a   suggerire   blande
metafore o pallide analogie). Più precisamente: una motivazione
capace di delinearne i caratteri per rottura con la fisionomia della
condizione  antropo­teo­logica  rispetto alla quale essa si presenta
come   discontinua.   Lungi   dal   configurare   un   presupposto,   il
monoteismo appare come «rigida conseguenza della dottrina di un
uomo normativo e unico»: esso non è che il prodotto dell'umanismo
come «legge di ogni eticità». È riposta qui la radice del nesso tra la
dimensione   metafisica   (o  onto­teologica)  e   quella   culturale   (o
antropo­storica)  che   verrà   configurandosi   nell'accezione
nietzscheana di "nichilismo" (assimilabile non senza forzature al
significato che il termine verrà poi ad assumere nella filosofia di
Heidegger).   Ed   è   precisamente   tale   nesso   ad   essere   investito,
nell'aforisma 125, dal celebre apof­tegma della "morte di Dio". Il
Dio   di   cui   si   parla   in   questo   celeberrimo   passo   non   è  sic   et
simpliciter  il Dio unico del monoteismo. È il Dio­Uno in quanto
deus   otiosus  che   pigramente  presiede  all'Ordine  immutabile  del
mondo:   allo   svolgersi   inerziale   degli   automatismi   logici,   al
reiterarsi delle astrazioni e dei progetti razionali­costruttivi che
hanno fino  ad oggi plasmato  la vita e  la cultura dell'Occidente.
Proviamo, dunque, a rileggerlo per rivisualizzarne la scena  alla
luce   delle   considerazioni   finora   svolte:   «Dio   è   morto!   Dio   resta
morto!   E   noi   lo   abbiamo   ucciso!   Come   ci   consoleremo   noi,   gli
assassini   di   tutti   gli   assassini?   Quanto   di   più   sacro   e   di   più
30 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

possente il mondo possedeva fino ad oggi, si è dissanguato sotto i
nostri   coltelli;   chi   detergerà   da   noi   questo   sangue?   Con   quale
acqua   potremmo   noi   lavarci?   Quali   riti   espiatori,   quali   giuochi
sacri   dovremo   noi   inventare?   Non   è   troppo   grande,   per   noi,   la
grandezza   di   questa   azione?  Non  dobbiamo noi  stessi   diventare
dèi, per apparire almeno degni di essa? Non ci fu mai un'azione
più grande: tutti coloro che verranno dopo di noi apparterranno,
in virtù di questa azione, ad una storia più alta di quanto mai
siano state le storie fino ad oggi!».
Teniamo adesso ferme ­ per un attimo ­ le circostanze in cui
Nietzsche   colloca   il   suo   dirompente   "annuncio".   Il  momento,
innanzitutto:   intempestivo,   "inattuale"   («Vengo   troppo   presto»,
dichiarerà   subito   dopo   «il   folle»:   «non   è   ancora   il   mio   tempo»,
poiché   «questo   enorme   avvenimento   è   ancora   per   strada   e   sta
facendo il suo cammino»; poiché «il lume delle costellazioni vuole
tempo, le azioni vogliono tempo, anche dopo essere state compiute,
perché siano vedute e ascoltate» ­ mentre quest'azione è, per ora,
astralmente   lontana   dalla   vigile   coscienza   di   coloro   stessi   «che
l'hanno compiuta»). E, dopo il momento, il luogo, il luogo in cui il
grido viene a cadere: orbene, questo luogo è il «mercato». Indizio
illuminante. In tutti i sensi: poiché, in apparenza, nulla vi  è al
mondo di più trasparente delle relazioni di scambio, dei  negotia
che   incessantemente   si   svolgono   tra   gli   uomini.   E   infatti:   il
mercato   è   immerso   nella   «chiara   luce   del   mattino».   Eppure,   il
«folle uomo» sente il bisogno di recarvisi con una lanterna accesa:
come ad indicare qualcosa  che la translucida evidenza del giorno
non   consente   di   scorgere.   In   cosa   consiste,   allora,   questo
"qualcosa"? Ecco la domanda cruciale, senza porsi la quale non si
afferra il senso dell'annuncio nietzscheano della "morte di Dio". E
la   risposta   la   ritroviamo   leggendo   fra   le   righe,   frugando   nelle
pieghe   dell'aforisma,   là   dove   esse   ci   segnalano   ­   attraverso   il
paradosso di una lanterna accesa nella «chiara luce del mattino» ­
la logica di un'"attualità", di una "moderna" conformità­al­tempo,
che fa tutt'uno con la connessione­di­accecamento: ciò che proprio
il  «mercato», l'illuminata  evidenza diurna  delle relazioni sociali,
non consente di scorgere è l'insostenibile gravità di un atto di cui
gli   stessi   autori,   così   "ovviamente"   miscredenti   (la   folla   del
mercato altro non era, infatti, che la moltitudine «di quelli che non
credevano in Dio»), rifiutano di farsi carico.
In   questo   aforisma   troviamo   così  in   nuce,  come   incapsulata,
tutta la drammatica ambivalenza del nesso che stringe l'annuncio
della "morte di Dio" e la nozione nietzscheana di politeismo. Ma
riprendiamo, alla luce degli elementi appena acquisiti, le fila del
ragionamento   sopra   avviato.   Abbiamo   dunque   visto   come
31 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

l'inattuale «Dio è morto» della Gaia scienza decreti il decesso di un
modo monoteistico di pensare Dio che faceva tutt uno con uno stile
monoteistico di comprensione e progettazione dell'essere umano. Si
tratta ora di verificare fino a che punto questo nesso (eticamente
condizionato) tra dimensione ontoteo­logica e dimensione antropo­
storica non finisca per coinvolgere la stessa dimensione politica:
fino a che punto, cioè, sia lecito istituire un parallelismo tra morte
di   Dio   e   morte   del   Leviatano.   Gli   odierni   teorici   del   "nuovo
politeismo"   non   sembrano,   al   riguardo,   sfiorati   dal   dubbio:
«L'annuncio   della   morte   di   Dio»,   ha   scritto   ad   esempio   David
Miller,   «fu   il   necrologio   di   una   norma   inutile,   unilaterale   e
unidimensionale,   propria   di   una   civiltà   che   è   stata
preminentemente   monoteistica   non   solo  nella   sua   religione,   ma
nella sua politica, nella sua storia, nell'ordine sociale, nella sua
etica   e   nella   sua   psicologia».   Ma   vediamo,   prima   di   passare   al
vaglio   questi   esiti,   di   esaminare   intanto   il   ruolo   giocato   dal
concetto di politeismo nella riflessione weberiana.
Altrettanto radicale che in Nietzsche e, se il termine non fosse
oggi   ampiamente   abusato,   tragica   l'assunzione   in   Weber   del
«politeismo   dei   valori».   A   differenza   delle   coeve   teorizzazioni
pragmatiste d'oltreoceano, la pluralità dei centri di valore non ha
qui un'attitudine armonizzante o conciliativa, non possiede alcuna
inclinazione   naturale   al   compromesso   e   alla   mediazione,   non   è
spinta da alcuna innata socievolezza dell'uomo a far quadrare il
cerchio   con   la   formula   magica   dell'unità­nella­diversità   (dando
luogo a un assoluto "vitale" e "dinamico" ben più onnicomprensivo
dell'assoluto   "meccanico"   e   "causale"   del   vecchio   monismo).   Gli
«antichi dèi», per quanto anch'essi soggetti a radicale disincanto,
per quanto «spogliati del loro fascino personale e perciò ridotti a
potenze impersonali», non recedono affatto dal loro inconciliabile
conflitto.   E,   in   questa   «eterna   contesa»,   ciascuno   di   essi,   lungi
daLTadattarsi ad occupare una nicchia nell'armonica architettura
di   un   Pantheon,   pretende   di   essere   elevato   a   unico   centro
normativo   dell'ordine   sociale:   all'immagine   del  pan­theon
dovrebbe   perciò   a   rigore   subentrare   quella,   ben   più   congrua   e
legittima, del  pan­daemonium.  Tanto meno il politeismo può per
Weber   significare,   come   in   molte   interpretazioni   oggi   correnti,
qualcosa di prossimo o identico al  relativismo dei valori  (secondo
l'equazione lineare: morte di Dio­fine delle ideologie­permutabilità
di ogni valore). Ogni essere umano è, in fatto di valori, «enoteista»:
non può venerare che un Dio alla volta. La compresenza di diversi
imperativi di valore nella stessa comunità (o addirittura in uno
stesso   individuo)   può   bensì   darsi:   e,   di   fatto,   spesso   si   dà.   Ma
sempre  nella   forma   della   lacerazione   o   del   conflitto.
32 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

L'incommensurabilità   delle   opzioni   di   valore   o   delle


Weltanschauungen  significa soltanto che esse non possono essere
né sinteticamente composte in una gerarchia stabile né bilanciate
in un equilibrio "ottimale" e durevole. Ma in nessun caso adombra
una loro generica scambiabilità o relativistica disseminazione: a
meno   che   con   quest'ultimo   termine   non   s'intenda   la   diffusione
molecolare del «demone interiore».
Che il Valore (con la maiuscola) sia morto, che Dio sia morto,
rappresenta ­ per Weber non meno che per Nietzsche ­ un dato
inoppugnabile,   da   assumere   in   tutto   il   peso   della   sua   irrevoca­
bilità: senza anacronistici rimpianti o ripiegamenti nostalgici. Ma
questo dato rappresenta ­ per entrambi ­ anche un  factum:  non
una   mera   insorgenza,   ma   il   risultato   di   una   Storia.   Di   qui
l'impietosita della diagnosi: Dio è morto di una malattia chiamata
monoteismo.  E di qui anche tutto il dramma o, se si preferisce,
tutta la tragedia che il politeismo dei valori reca con sé.
Non sempre tuttavia ­ si diceva all'inizio di questo paragrafo ­
tale   "drammaticità"   e   "tragicità"   sono   state   intese   alla   stessa
maniera di un Nietzsche o di un Weber. Rilevanti sono anzi i casi
in   cui   i   termini   della   diagnosi   hanno   subito   un   diametrale
rovesciamento: al punto da ascrivere la causa di tutti i mali della
civiltà   contemporanea   proprio   all'avvento   della   temperie
politeistica. Producendo una lacerazione profonda nel tessuto del
monoteismo, tale temperie avrebbe determinato la perdita di ogni
Centro, di ogni stabile coordinata di riferimento per l'etica come
per la politica, per la scienza come per l'azione. Per illustrare tesi
di   questa   natura   si   è  soliti,   com'è   noto,   attingere  alla   generosa
fonte   della   critica   mitteleuropea   della  Zivi­lisation,  cui   il
neoilluminismo   dei   nostri   giorni   ama   contrapporre   il   sobrio
impianto   della   cultura   anglosassone.   Senonché,   ciò   che   il
razionalismo neoilluminista si rifiuta di vedere è: in primo luogo,
che   la   cultura   angloamericana   è,   a   differenza   del   "laicismo"
europeo,   intrisa   di   elementi   religiosi   e   teologici;   e,   in   secondo
luogo,   che   è   proprio   dall'interno   di   questa   cultura   che   si   è
generata  tanto  la   nuova   temperie  politeistica,   quanto  una   delle
più   energiche   e   radicali   offensive   contro   il   politeismo
contemporaneo.
Basti pensare, tanto per fare un esempio, a un testo non molto
considerato   dalla   riflessione   europea   innamorata   dei   prefissi
"post­"  e  "poli­",  come  Radicai Monotheism and Western Culture
(New   York   1970)   di   Henry   Richard   Niebuhr.   Per   il   teologo
americano, la condizione contemporanea (che oggi si ama definire
"postmoderna") è contrassegnata dal proliferare di contenuti etico­
culturali   politeistici   dentro   una   cornice   istituzionale   ancora
33 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

monoteistica. La moltiplicazione dei nuovi dèi ­ «centri di valore»,
«nuclei di pregio», secondo le suggestive definizioni di Niebuhr ­
insidia ormai da vicino T«anello d'oro» della religione monoteistica
mettendone   a   dura   prova   la   tenuta.   L'analisi   si   caratterizza
pertanto   per   un   intimo   nesso   tra   dimensione   teologica   e
dimensione socioculturale: «Tutto quello che [Niebuhr] dice sugli
"dèi"»,   ha   osservato   a   questo   proposito   David   Miller,   «è
interpretato come se fosse collegato con i comportamenti umani
nell'ordine   sociale.   Gli   "dèi"   sono   valori   sociali,   sono   i   principi
dell'essere in un mondo la cui caratteristica principale è concepita
in termini di gruppi umani impegnati in vari tipi di relazioni che
variano   di   volta   in   volta».   Benché   inoppugnabilmente   connoti
l'epoca attuale, la temperie politeistica non costituisce tuttavia un
problema peculiare del Moderno, ma è piuttosto latente in tutte le
fasi   della   civiltà.   Appoggiandosi   alle   tesi   di   Walter   Lippmann,
Niebuhr scorge nella «fede sociale» il contrassegno perenne della
condizione umana: è proprio dell'uomo abbracciare un principio o
un valore rendendolo supremo entro la propria sfera. Ciò vale non
soltanto per  le posizioni  religiose,  ma  anche  per quelle  laiche  e
atee   radicali   (anche   l'ateismo   è,   a   suo   modo,   una   "fede").   Ed   è
precisamente   in   questo   senso,   squisitamente   weberiano,   che   i
valori   di   ciascun   individuo   sono   per   Lippmann
«incommensurabili»:   crollati   i   fondamenti   sostanziali   su   cui   si
reggeva la pretesa di assolutezza dell'Ordine morale, non vi è più
«alcun   punto   di   riferimento  esterno  in   base   al   quale   si   possa
determinare il valore relativo di ideali in conflitto tra loro». Anche
se   la   cultura   occidentale   si   è   faticosamente   modellata   sul
monoteismo   giudaico­cristiano,   conclude   pertanto   Niebuhr,   «la
nostra   religione   naturale   è   politeistica».   Ma,   poiché   l'odierno
pluralismo   dei   valori   è   caratterizzato   da   un   assetto
irriducibilmente   conflittuale   (in   cui   «ogni   dio   [...]   esige   una
devozione assoluta e un rifiuto delle esigenze degli altri dèi»), ne
consegue che «la grande tragedia del politeismo»  è quella di un
pólemos  che   mette   ineluttabilmente   capo   dapprima   alla
lacerazione   interiore,   poi   all'isolamento,   e   infine   al   «vuoto
dell'assenza di significato».
La diagnosi del teologo americano si colloca così agli antipodi
di   quella   di   Nietzsche:  non   è   il   monoteismo,   ma   la   sua   dis­
soluzione politeistica, a condurre alla catastrofe del senso.  Il solo
rimedio ipotizzabile nella situazione di progressivo svuotamento
in cui versa il nostro tempo potrebbe essere ­ come Niebuhr era
venuto precisando in una celebre controversia con Eric Voegelin ­
un   «monoteismo   radicale»   capace   di   rigenerare   lo   spirito   del
cristianesimo   primitivo,   della   religiosità   alto­medioe­vale,
34 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

dell'umanesimo rinascimentale e dell'etica puritana della Nuova
Inghilterra.   Ed   è   curioso   notare   come   una   tale   disposizione
d'animo   si   muovesse   in   rotta   di   collisione   con   le   tematiche
politeistiche   provenienti   dal   dibattito   europeo  entre   les   deux
guerres,  ma approdate sull'altra sponda dell'Atlantico addirittura
al principio degli anni '70: è di questo periodo, infatti, l'edizione
americana (parziale) di Les Dieux (1934) di Alain (uno dei maestri
di Simone Weil) e di  Le mauvais demiurge  di Émile Cioran, che
appare   con   il   sintomatico   titolo  The   New   Gods.  Se   all'opera   di
Alain si deve la definizione degli dèi come «momenti dell'uomo» e
l'idea ­ che ha poi trovato uno sviluppo originale nella Weil ­ di un
«oltrepassamento»   del   cristianesimo   attraverso   il   «sublime   del
paganesimo»,  adi  pamphlet  di   Cioran  scaturiva   invece  non  solo
una   condanna   ­   di   inequivocabile   sapore   nietzscheano   ­   del
monoteismo   come   «regresso»,   non   solo   l'affermazione   dell'anima
come   «naturalmente  pagana»,   ma   anche   una   contrapposizione   ­
del tutto scevra di elementi valutativi ­ tra il «politeismo implicito
(o   inconscio)»   della   «democrazia   liberale»   e   il   «monoteismo
mascherato» di «ogni regime autoritario».
Che tali spunti, quantunque scorporati dal contesto di ori­

2. ­ G. MARRAMAO: Dopo il Leviatano.

gine, fossero  destinati ad attecchire sul fertile terreno culturale
angloamericano,   è   documentato   da   numerosi   e   significativi
esempi.   Approfondendo   le   tracce   politeistiche   presenti   nelle
ricerche   psicologiche   di   un  autore   "junghiano"  come  James  Hil­
lman e di un autore "freudiano" come Norman O. Brown, Vincent
Vycinas ha reintrodotto nelle sue opere il tema degli «dèi nascosti»
come   chiave   di   accesso   all'attuale   epoca   di   «rivolgimenti
culturali»,   giungendo   a   declinare   in   senso   "polimitico",   o
pluralistico­mitologico,   la   stessa   filosofia   heideggeriana   (benché
l'ultimo Heidegger avesse, viceversa, qualificato l'epoca presente
come un interludio tra il tempo del non­più degli dèi fuggiti e il
tempo del non­ancora del Dio che sta per venire). Stando, dunque,
alle attuali tendenze politeistiche, si tratterebbe ­ in alternativa
all'«ermeneutica   monoteistica»   ­   di   «combinare   una   teoria   de­
centralizzata del Sé con una teoria de­centralizzata della società»,
attivando un «pluralismo di parapolitiche».
Nella stessa temperie si collocano tanto la tematica del «poli­
simbolico»   di   William   C.   Sheferd   (che   s'inserisce   nella   scia   di
Brown) quanto quella dell'«uomo pluridimensionale» di James A.
Ogilvy (che intende proseguire il lavoro filosofico di Vycinas). È ad
Ogilvy   che   può   esser   fatta   risalire   la   fortuna   di   quella
35 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

contaminano  tra   temi   teologici,   filosofici,   psicologici   e   politici,


riscontrabile sia in un'opera come Changing of the Gods di Naomi
Goldenberg   ­   sintomatico   tentativo   di   saldatura   tra   la
problematica   politeistica   e   le   questioni   aperte   dal   movimento
femminile ­ sia in Gods and Games di David Miller, dove troviamo
una   vera   e   propria   anticipazione   in  chiave  mitologizzante  della
recente moda  "narrativistica". Nella  bancarotta generalizzata di
un   monoteismo   ormai   decaduto   ad   astrazione   della   vita,   e
pertanto   primo   fattore   della   morte   di   Dio,   la   sola  theo­logia
possibile sarebbe la «narrazione delle storie degli Dèi e delle Dee
concretamente personificati». Per quanto abbia in seguito riveduto
queste posizioni, giungendo alla conclusione che la narrazione non
è   da   meno   dei   modelli   nomologico­infe­renziali   d'imputazione
quanto a funzioni di legittimazione ideologica e di rassicurazione
dell'io, non per questo Miller ha ritenuto di dover abbandonare la
prospettiva   politeistica:   ne   ha   anzi   accentuato   la   curvatura
mitologica   tramite   un'adozione   surrettizia   dell'"immaginale"
corbiniano.
È   quanto   mostra   a   chiare   lettere   un'opera   come  The   New
Polytheism (Zùrich­New York 1981). Il ruolo in precedenza svolto
dalla   "teologia   narrativa"   viene   in   questo   libro   saldamente
occupato dalla  theologia imaginalis.  L'agognata "pluralità" non è
più,   adesso,   quella   della   Narrazione,   ma   quella   dischiusa   da
«un'immagine sconvolgente (un umore, una grande confusione, un
uomo,   una   donna,   un   Angelo)»   che   «manda   in   frantumi   la
continuità   narrativa   della   storia   personale   di   una   vita».   I   toni
adottati   per   legittimare   questa   operazione   sono   quelli   dei   due
autori  cui in effetti  si deve la definizione  filosofica  più  rigorosa
dell'"immaginale":   Gaston   Bachelard   e,   soprattutto,   Henry   Cor­
bin. I contenuti e i concetti risultano, però, radicalmente diversi.
Richiamandosi a Bachelard (e, per il tramite di questi, a Schel­
ling),   Miller   batte   sì   l'accento   sulla   "verticalità"   dell'immagine
come   cesura   o   "pausa"   del   movimento   "orizzontale"   della   nar­
razione;   ma   solo   per   enfatizzare   il   complesso   onirico­immagi­
nifico,   il   «pleroma   della   ricchezza   politeistica»   che   tale   frattura
dischiude, trascurando del tutto di approfondire la radice latente
di quella verticalità. Un analogo trattamento subisce la nozione
corbiniana   di  mundus   imaginalis.  Ma   qui   le   conseguenze   sono
ancora   più   gravi,   perdendosi   della   nozione   il   peculiare   sfondo
teologico,   senza   il   quale   essa   è   inevitabilmente   condannata   a
restare   incompresa   o   a   venire   ­   come   nel   caso   in   questione   ­
equivocata.   L'equivoco   consiste   nell'interpretare   in   senso
"naturalmente"  politeistico  un complesso   dispositivo  di   passaggi
36 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

logici imperniato su un concetto di cesura radicale assai prossimo
a quello heideggeriano di "differenza ontologica".
A  un  tale  risultato  il   grande   iranista   era   pervenuto   (cfr.  Le
paradoxe du monothéisme, Paris 1981) ripensando, sulla scorta di
Mohyìddìn Ibn 'Arabi, la distinzione tra un tawhid teologico e un
tawhid  ontologico:   tra   la   «professione   di   fede»   del   monoteismo
essoterico   (Non   Deus   nisi   Deus,  "Non   c'è   altro   Dio   all'infuori   di
Dio")   e   quella   del   monoteismo  esoterico  ("Non   c'è   altro   Essere
all'infuori di Dio"). La catastrofe originaria del monoteismo risale
alla   confusione   tra   piano   dell'essere   (arabo  wojud,  latino  esse,
greco elvai, tedesco das Sein) e piano dell'ente (mawjud, ens, <JV,
das   Seiende).  Tale   confusione   induce   il   monoteismo   a   far
coincidere   Dio   non   già   con   l'Essere   ma   con  l'Ens   supremum,
facendone così un Superente. Di qui la "morte di Dio", che  è in
realtà morte dell'Essere causata dal «monismo esistenziale»: dallo
scambio dell'unità dell'esse con una pseudounità dell'ens, per sua
essenza molteplice. Il monoteismo perisce così proprio all'apice del
suo   trionfo:   imponendosi   come  stato­delle­cose,  come   «idolatria
metafisica».   Risolvendo   la   questione   di   Dio   nella   definizione
dell'"Ente   supremo",   esso   non   fa   che   «scolpire   un   nuovo   idolo
mettendolo al di sopra di quelli che condanna nel politeismo, la
cui natura stenta a comprendere». A questo  primo  paradosso del
monoteismo   ne   seguono   altri   due.   Il  secondo  paradosso   sta   nel
fatto   che   il   monoteismo   può   salvarsi   solo   attingendo   ­   secondo
l'insegnamento di Hay­dar Amolì, il maggiore dei discepoli sciiti di
Ibn   'Arabi   ­   al   suo  tawhid  esoterico:   solo   costituendosi   come
rigoroso teo­monismo. Ma poiché anche questo livello è esposto al
rischio dei possibili equivoci in ordine al significato della parola
"essere",  occorre scongiurare il pericolo instaurando un'«ontologia
integrale», in cui il piano del Dio­Uno sia in grado di fondare,  eo
ipso, il pluralismo degli enfia. Da questo terzo e ultimo paradosso
del   monoteismo   viene   alla   luce   come   Corbin,   attraverso   un
percorso   squisitamente  teologico  (sia   pure   nel   senso   "altro",
irriducibilmente ostile alla dogmatica, della gnosi islamica o della
teosofia   ismailitica),   giunga   a   riproporre   con   straordinaria
intensità   la   questione   della   differenza   ontologica.   Soltanto   una
teologia apofatica (o negativa) è in grado di venire a capo di quel
mistero   dell'Essere,   la   cui   rimozione   metafisica   sembra   aver
condotto   la   teologia   catafatica   all'autoannientamento,   e   al
conseguente   propagarsi   nella   civiltà   occidentale   di   una   "nihili­
tudine" passiva. Solo una volta ripristinato il significato autentico
dell'esse come l'Uno che porta­ad­essere  ogni  ens,  sarà possibile
"salvare" ­ simultaneamente ­ le ragioni del monoteismo e quelle
del politeismo: in tal caso, infatti, l'unità dell'Essere corrisponderà
37 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

3. 1 x 1 x 1 x 1 ,   ecc., mentre l'unità degli enti sarà rappresentata
da  1   +   1   +   1   +   1,  ecc.   Sta   qui   il   segreto   di   quella   «perfetta
armonia»   tra   Uno   e   Molti,   che   appare   alla   «coscienza   ingenua»
della metafisica solo nella forma del paradosso, e che può essere
colta solo lungo il crinale della  differenza  tra l'Uno che pone­in­
essere   la   molteplicità   degli  entia  e   l'Uno   in   quanto   principio
ordinatore   e   vertice   della   serie.   Ed   è   precisamente   a   questo
proposito   che   Corbin   si   avvale   del   commento   al  Parmenide  di
Proclo: la differenza appena evocata si può esprimere ­sulla scorta
di quel celebre "commentario" ­ anche come distinzione tra theótes
e theós. L'unicità è prerogativa esclusiva non di un theós, ma della
theótes:  vera e propria  deitas abscondita  antecedente sia il  theós
che i theói. Anziché escludere tutti gli altri dèi, la theótes richiede,
condiziona e garantisce la «pluralità dei theói», esattamente come
Tessere costituisce il presupposto della molteplicità degli enti. Il
Non Deus nisi Deus  diviene così un Non Deus nisi Dii:  non si dà
"divino",   in altri   termini,   se  non  nella   forma   di   «Dio degli   Dèi»
(secondo un'espressione che Corbin mutua dal mistico iraniano del
XII   secolo   Shihà­boddìn   Yahyà   Sohrawardi).   In   virtù   del
discrimine così istituito tra piano "ontologico" e piano "ontico", il
teomonismo non esclude affatto, ma al contrario include in sé a
pieno titolo la rinascita degli dèi in quanto teofanie della theótes:
«Il teomonismo non professa [...] che TEssere divino è il solo ente,
bensì Tessere­Uno, e proprio questa unitudine dell'essere fonda e
rende   possibile   la   moltitudine   delle   sue   epifanie,   che   sono   gli
enti».  La deitas abscondita  aspira a rivelarsi, e non può rivelarsi
che, in un numero molteplice, anzi illimitato, di forme teofa­niche
(da   cui   la  «necessità  dell'angelologia»).  Talem   eum   vidi   qualem
capere   potui:  è  in  questa   funzione   epifanica   ­   comune   agli   Dèi­
Angeli   di   Proclo,   ai   dodici   Imam   del   neoplatonismo   sciita,   alle
dieci   Sefiroth   della   Cabala   ­   che   si   colloca   la   dimensione   del
mundus   imaginalis.  Ma   "immaginale"   ­   sente   il   bisogno   di
precisare   Corbin   in   una   lettera   a   Miller   ­   «non   va   confuso   con
l'immaginario».   Esso   è   si,   infatti,   il   luogo   della   «rinascita   degli
Dèi». Ma questa rinascita non potrebbe aver­luogo senza il wojud­
Dio  che pone­in­essere ogni cosa. Motivo politeista e motivo teo­
monista si richiamano Tun l'altro in un vincolo circolare che è, al
tempo stesso, una tensione reciproca: è in virtù della theótes che i
theói  si   danno;   ma   ­   per   converso   ­è   in   virtù   delle   molteplici
teofanie che «il Dio degli gnostici non può mai morire, perché è
egli stesso (il luogo del)la rinascita degli Dèi e delle Dee». Ed  è
nell'interstizio   lasciato   aperto   da   questa   tensione   che   viene   a
collocarsi,  appunto,   il  mundus  imaginalis.  La  sua   dimensione  è
propriamente  outopica:  poiché esso esprime non già un  tópos,  un
38 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

"luogo", quanto piuttosto lo stesso aver­luogo della manifestazione
del molteplice.
Sarebbe interessante ­ alla luce di questa rassegna ­ vagliare il
coefficiente   di   originalità   di   alcuni   dei   contributi   filosofici   e
teologici oggi in voga. E certo risulterebbe appassionante andare a
verificare in che misura la distinzione e calibratura reciproca dei
due   "piani"   operata   da   Corbin   sia   in   realtà   rivelatrice   di   un
dispositivo   "archetipico"   puntualmente   ricontrabile   ­   perlomeno
come scena influente ­ anche in ambiti in apparenza
39 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

remoti: dalla teologia politica del "doppio corpo" regale al pattern
magico   della   stessa   formula   giuridica   (con   la   sua   virtualità   di
tenere insieme l'Uno e i Molti, unità dell'ordinamento e pluralità
delle sue manifestazioni normative). Ma un tale sondaggio ­ per
fin troppo ovvie ragioni ­ cade al di fuori dell'orbita discorsiva di
questo libro.
Ciò che, per il momento, mette conto segnalare  è che la pro­
blematica di Corbin può essere facilmente equivocata qualora la si
assuma ­ espungendo o smorzando il rigore delle premesse, sopra
rapidamente   schizzate   ­   solo   dal   versante   degli   esiti:   la
liberazione   dal   "blocco   totalitario"   del   monoteismo   e   delle   sue
forme secolari. Ma per questa via il tema dell'"immaginale" finisce
ineluttabilmente per smarrire la propria radicalità (antiteologica
e   per   tradursi   in   una   sorta   di   ermeneutica   decostruzio­nistica
imperniata   sulla   categoria   di  immaginazione   etica:  «Mi
piacerebbe   immaginare»,   esclama   molto   significativamente
Miller,   «che   la   prospettiva   politeistica   producesse   piuttosto
mythos   dall'ethos  invece   che   sistemi   morali   a   partire   dai   miti
classici».
È un buon esempio di quanto si diceva. E, insieme, un docu­
mento   eloquente   dell'odierna   temperie   politeistica:   di   cui   pas­
seremo ora a trattare i risvolti più propriamente etico­politici.
SEZIONE B
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI
DELL'UNIVERSALISMO

SOMMARIO:   1.  Trasparenza   democratica   e   opacità   delle   differenze.   ­  2.  Il


ritorno   della   comunità.   ­  3.  Cittadinanza   e   appartenenza.   ­  4.  Etiche   in
conflitto. ­ 5. Democrazia e universale sradicamento.

1. Trasparenza democratica e opacità delle differenze

In questa  seconda  sezione  introduttiva  accosterò  l'argomento


del   libro  a  partire  da   un'angolazione  specifica:   quella   dei   para­
dossi dell'universalismo. Scelta impegnativa, che comporta ­ come
tenterò   di   argomentare   soprattutto   nell'ultima   parte   ­   l'assun­
zione di un vertice ottico insolito rispetto a ciò che comunemente
(o "disciplinarmente") s'intende sotto le denominazioni, sia pure
opportunamente distinte, di "filosofia", "teoria" e "scienza" della
politica.
Il tema dei paradossi dell'universalismo chiama infatti diret­
tamente   in   causa   quella   dimensione  simbolica  e  culturale  del
conflitto   dei   valori,   che   viene   generalmente   rimossa   o   relegata
sullo   sfondo   dai   modelli   prescrittivi   che   hanno   dominato   negli
ultimi anni (fino al secondo Ottantanove europeo e fino al crollo
del Muro di Berlino) il campo della cosiddetta filosofia pubblica:
neoutilitarismo e neocontrattualismo.
Devo,   dunque,   precisare   subito   che   assumo   l'espressione   nel
suo   senso   più   rigoroso.   Non   intendo   parlare   genericamente   di
"contraddizioni",   "limiti",   "effetti   perversi",   "controfinalità",   ecc.
Ma   ­   alla   lettera   ­  ài   para­dossi:  ossia   di   qualcosa   che   è   in
contrasto con la  dóxa,  con l'opinione corrente e il senso comune
intorno all'"universalismo". Tenterò pertanto di evidenziare quelli
che a me paiono i taciti risvolti (o l'"impensato", come si diceva
una volta) dell'universalismo. Operazione ardua, che si articolerà
in passaggi critici molto serrati e radicali.
41 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

L'obiettivo  che   essa   persegue   tuttavia   ­   e  lo  dico   per   tradire


subito le mie intenzioni ­ non è la denuncia o la destituzione di
fondamento   della   piattaforma   universalistica.   Ma   piuttosto
l'approfondimento delle sue  ragioni  (al plurale) e della sua (sta­
volta   al   singolare)   originaria  premessa  culturale,   non   meno  che
della  sua iniziale  promessa  emancipativa.  Che una  tale  verifica
sia   essenziale,   anzi   addirittura   preliminare,   alla   corretta   impo­
stazione della domanda (cara a uno studioso come Steven Lukes)
What   is   left?  ­   che   cosa   è   (rimasto   della)   Sinistra   ­   è   di   così
palmare evidenza che non vale certo la pena soffermarvisi.
Le rare volte in cui i discorsi sulla politica trascendono l'emer­
genza dei singoli casi, passando a considerare ciò che li origina
0 eventualmente li accomuna, capita di assistere a un fenomeno
curioso:   i   paradossi   dell'universalismo   vengono   a   gravitare
ossessivamente attorno a un unico centro. Tendono, cioè, a rac­
cogliersi   sotto   lo   stesso   slogan,   che   vorrebbe   valere   anche   da
passe­partout:  il   carattere   etnocentrico   dell'orizzonte   "univer­
salistico"   occidentale.   Si   tratta   di   qualcosa   di   ben   diverso
dall'«evidente disparità» ­ di cui parla Tzvetan Todorov all'inizio
di Nous et les autres ­ «tra le parole di cui si ammantavano
1 rappresentanti   del   potere   e   la   vita   che   conducevano   e   che   ci
facevano condurre». Si tratta di un fenomeno assai più profondo
della stessa «perdita di significato delle parole più nobili ­libertà,
eguaglianza, giustizia ­ che servivano a coprire la repressione, i
favoritismi, le stridenti disparità di trattamento tra gli individui».
Il   paradosso,   come   è   sopra   declinato,   starebbe   piuttosto   ad
indicare che gli universali emancipativi dell'Occidente (dall'idea di
Ragione comunicativa a quella di Libertà del volere) sottostanno
ab originibus a una clausola monoculturale. In altri termini, essi
costituirebbero   sì   un   parco   di   valori   e   principi­guida   validi   per
tutti   gli   uomini   in   ogni   tempo   e   sotto   ogni   clima;   ma   si
troverebbero confezionati dentro un involucro unidimensionale in
tutto e per tutto tipico della specifica matrice culturale che li ha
generati:   ossia   letteralmente   "concepiti",   messi   al   mondo.   E   la
matrice   recherebbe   a   sua   volta   un   contrassegno   preciso   e
inconfondibile:   la  logica   dell'identità   e   dell'identificazione.
Sarebbe   il   dispositivo   proprio   del   Logos   occidentale,   solcato   sin
dalla nascita da una profonda e invisibile ferita: l'astrazione dalla
corporeità, dalla naturalità, dalla bisezione originaria della specie.
Non   è   qui   la   sede   per   insistere   sulla   portata   decisiva,   davvero
dirimente,   di   questo  tema:   mi   accontenterò   di   notare,   giusto   di
passaggio,   che   sarebbe   vana   illusione,   prima   che   un   errore
funesto, sperare di esorcizzarlo a causa del pur indiscutibile (e a
volte francamente insopportabile) manierismo con cui la critica al
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 42

cosiddetto   logocentrismo   viene   ancora   prospettata   da   certi


"attualissimi"   portaparola   del   pensiero   francoitalico   della
différence.  Intendo   perciò   concentrarmi,   tenendo   ben   presente
questa profondità di campo del problema, su quelli che ormai da
due   secoli   rappresentano   gli   indicatori   del   razionalismo
occidentale   moderno:   sui   tre   grandi   principi   di   libertà,
eguaglianza e fratellanza, che fungono ancora oggi ­ e a maggior
ragione   dopo   il   "secondo   Ottantanove"   europeo   ­   da   riserva
simbolica (e risorsa di legittimazione) delle organizzazioni e delle
istituzioni politiche dell'Occidente.
Di qui un primo, cruciale interrogativo: quello concernente la
"tenuta" di questi principi dinanzi alla sfida di un "età globale"
segnata dall'irrompere di irriducibili differenze etico­culturali. La
domanda, com'è ovvio, investe direttamente i destini della forma
democratica   e   del   contenuto   storico­emancipativo   in   essa
incapsulato.   Poiché   quei   principi,   che   descrivono   l'orizzonte
dell'universalismo politicamente influente, sono anche ­ come già è
stato detto ­ le «parole maestre» della teoria democratica.  Parole
giganti,  che   estendono   la   propria   portata   sull'intera   latitudine
della politica e che si dividono il mondo non malgrado, ma proprio
grazie al crollo dei vecchi muri ideologici.  Parole "iperdense",  che
sembrano   concentrare   su   di   sé   il   massimo   di   significato   e   di
verità. Parole­nucleo: centri attorno a cui gravitano le nostre idee,
ma anche i nostri conflitti.  Parole "cardinali",  che ci indicano lo
zenit e il nadir, il vecchio e il nuovo, il Nord e il Sud, l'alto e il
basso,   la   sinistra   e   la   destra.   Sono,   infine,   delle  parole
"strategiche": ossia fortezze delle nostre credenze.
È mia ferma convinzione che queste parole siano ormai dive­
nute   "proprietarie"   della   realtà:  dunque   iperreali.  E   per   questo
credo   anche   che,   dietro   la   loro   apparente   evidenza,   si   celino
risvolti ed enigmi che vanno enucleati innanzitutto attraverso una
rigorosa   analisi   concettuale,   ma   anche   attraverso   una   lettura
impregiudicata   della   realtà:   un   confronto   spregiudicato   con   i
fenomeni reali.
Se vogliamo, dunque, essere davvero preparati a fronteggiare
le sfide del nostro tempo, dobbiamo avere il coraggio di assumere
analiticamente   e   padroneggiare   teoricamente   due   fenomeni
distinti   ma   fra   loro   intensamente   interagenti:   la   «sproporzione
prometeica» ­ come la chiamava Gùnther Anders ­tra l'uomo e il
mondo dei prodotti dell'uomo (ossia l'armamentario strumentale­
linguistico   della   tecnica),   e   il  dislivello   culturale  prodotto   dal
conflitto tra i valori e la loro traduzione esistenziale, tra i principi
dell'universalismo   politicamente   influente   e   la   loro   pratica
realizzazione   in   assetti   di   "Costituzione   materiale".   Tenere
43 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

insieme, in produttiva tensione, questi due aspetti rappresenta la
sola  chance  di   credibilità   e   di   rilancio   della   democrazia
contemporanea.
Si sarebbe a questo punto portati a chiudere il discorso ricor­
rendo alla vecchia, ma pur sempre valida esortazione:  Hic Rho­
dus, hic salta!  Ma è consigliabile non precipitarsi. Poiché quanto
si è finora detto non è che il prologo in cielo del nostro problema.

2. Il ritorno della comunità

Se vogliamo tentare un'approssimazione adeguata al problema,
se   non   vogliamo   restare   irretiti   dagli   scenari   appena   delineati,
dobbiamo   accuratamente   evitare   due   atteggiamenti,   insieme
sterili  e  rischiosi.  Dobbiamo,  in  primo  luogo,  bandire  dai   nostri
discorsi le "sentenze da premio Nobel": vale a dire, quelle formule
generiche che il linguaggio della politica (ancora fermo a canoni
ottocenteschi, ad onta delle rivoluzioni che in questo secolo hanno
investito,   dall'arte   alla   scienza,   le   forme   espressive   e   il   modo
stesso di guardare all'esperienza) sembra avere perniciosamente
trasmesso   anche   agli   "intellettuali"   chiamati   a   pronunciarsi   su
tutto.   L'archetipo   di   queste   sentenze   è   rappresentato,
naturalmente,   dalla   sconvolgente   "scoperta"   che   la   situazione
attuale dell'Umanità è segnata dall'alternativa tra grandi pericoli
e grandi potenzialità future.
In   altre   parole,   e   più   specificamente,   si   tratta   di   evitare   il
"doppio" perverso del postmoderno: la sua oscillazione pendolare
tra   un'ermeneutica   dell'euforia   (pensiero   debole,   teoria   dei
simulacri,  et   similia)  e   un'euristica   della   paura   (atteggiamento
comune al suo versante "nero": dallaposthistoire di Arnold Geh­len
allo stesso "principio­responsabilità" di Hans Jonas). Ma, d'altra
parte,   dobbiamo   anche   evitare   di   allestire   ogni   volta   un   nostro
"divano   occidentale­orientale"   (ricordate   il  West­òstlicher   Diwan
del vecchio Goethe?), sproloquiando qualche ennesima (e in realtà
andiliuviana) "trovata" sui rapporti Oriente­Occidente.
Cerchiamo  allora  di  afferrare   il  toro  per  le  corna   (nella  spe­
ranza   che   non   sia,   invece,   proprio   lui,   il   toro,   ad   incornarci):
l'Occidente si presenta  oggi come una  sfera culturale  esplosa.  E
l'esplosione,   di   cui   ci   troviamo   adesso   ad   amministrare   i   fram­
menti, si è prodotta non malgrado, ma in conseguenza dell'appa­
rente vittoria del suo modello su scala globale. Cosa caratterizza,
allora, la "situazione spirituale" del nostro tempo? L'imposizione
omologante dei parametri occidentali sotto ogni cielo e su tutte le
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 44

culture? Non questo, a mio avviso. O almeno: solo in parte questo.
Siamo   piuttosto   in   presenza   di   un   nodo   nevralgico,   che   va   qui
segnalato   ­   andando   davvero,   una   volta   tanto,   controcorrente   ­
rispetto   alla  discordia   concors  di   tutti   quegli   intellettuali,
"apocalittici"  o  "integrati",  i  quali,  dall'interno   dell'Occidente,  si
limitano a salutare trionfalisticamente la (presunta) affermazione
sull'intero   orbe   terraqueo   del   Modello   Occidentale   oppure   a
blaterare disfattisticamente contro l'Omologazione Universale che
esso   avrebbe   indotto,   senza   accorgersi   che  da   tempo   ormai   il
bastone   è   stato   piegato   in   un   verso   diametralmente   opposto   a
quello dell'universalismo.
La   temperie   che   minaccia   di   segnare   questo   scorcio   di   fine
secolo   è   rappresentata   da   una   ribellione   sempre   più   estesa   ed
intensa  nei  confronti  del modello  universalistico  occidentale.  Mi
riferisco ­ per chi non l'avesse ancora afferrato ­ alla battaglia dei
communitarians  americani   nei   confronti   non   solo   dell'ideologia,
ma dello stesso patto democratico. Si tratta di un fenomeno assai
più   sottile   e   insidioso   del   "tribalismo"   nazionalistico   e
subnazionalistico   che   sta   dilaniando   il   continente   europeo   a
partire   dal   crollo   del   muro   e   dal   successivo   sgretolamento
dell'impero sovietico. La battaglia dei "neocomunitari" ha infatti
un segno socio­culturale prima ancora che direttamente politico. E
per   questo   essa   minaccia   di   attecchire   in   gruppi   etnici   e   strati
della popolazione tradizionalmente indifferenti alle vicende della
politique   politicienne.  Per   questi   fondamentalismi   "indigeni"
dell'Occidente   le   istituzioni   dell'universalismo   rappresentano   il
regno   del   "grande   freddo"   (del   Big   Chili),   perché
irrimediabilmente segnate da una fisiologica neutralità e "apatia"
nei   confronti   delle  differenze:  nei   confronti,   cioè,   di   quei   vincoli
solidaristici che possono darsi non tra individui atomisticamente
separati (secondo lo schema del "contratto sociale" da Hobbes in
poi), ma tra soggetti concreti  culturalmente affini.  Si cominciano
così a delineare i profili inquietanti della sfida "comunitarista".
Etnocentrico,   nella   sua   prospettiva,   non   è   soltanto   il   dispo­
sitivo   strategico­strumentale   dell'universalismo   (le   tecniche,   le
convenzioni, le regole formali della democrazia), ma anche la sua
"ragione   comunicativa":   ossia   lo   stesso   ideale   del   dialogo
razionale.   La  persuasione  viene   in   altri   termini   percepita   come
una   forma   incivilita   del   modello   di  conversione  del   "barbaro"   e
dell'"infedele":   una   forma   essenzialmente   rivolta   alla   neutraliz­
zazione di ogni "alterità" culturale. In secondo luogo, l'insistenza
sulla   concretezza   delle   forme   di   vita   tende   a   ricondurre   entro
l'alveo   delle   specificità   culturali   il   tema   della   solidarietà   e   dei
valori condivisi.
45 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

Dinanzi   alle   formule   più   estreme   del   comunitarismo   e   del


"multiculturalismo"   (altra   espressione­chiave   di   questi   anni)   è
forte la tentazione di scorgervi nient'altro che un "già visto", un
mero   fenomeno   di   anacronistica   reazione   alle   conquiste   del
movimento   operaio,   della   democrazia   e   del   razionalismo   occi­
dentale.   Ma   far   ciò   significherebbe   soltanto   chiudere   gli   occhi,
trincerandosi in una sterile e patetica difesa delle nostre certezze.
Vorrebbe dire non "comprendere" le ragioni di una sfida che sta
attraendo nella sua orbita non solo gruppi sociali consistenti, ma
anche   intellettuali   eticamente   agguerriti   e   tecnicamente
attrezzati:  da   Robert  Bellah  ad  Alasdair  Maclntyre,   da   Charles
Taylor   a   Martha   Nussbaum,   da   Michael   Sandel   al   compianto
Christopher   Lasch,   fino   alle   brillanti   ibridazioni   "libe­
ralcomunitariste"   di   un   Walzer   o   di   un   Rorty.   D'altronde,   e   a
proposito   di   "certezze":   siamo  davvero   convinti   che   i   temi   della
solidarietà e del vincolo comunitario si trovino già adeguatamente
riassunti   nelle   grandi   equazioni   dell'universalismo?   Per
rispondere   alla   domanda,   vi   chiedo   adesso   di   seguirmi   in   una
rapida   analisi   delle   componenti   del   "trittico"   rivoluzionario­
emancipativo lìberté­égalité­fraternité.
3. Cittadinanza e appartenenza

Si   accennava   prima   che,   dietro   la   loro   apparente   evidenza,


questi tre principi dell'universalismo moderno celano in realtà dei
risvolti enigmatici e paradossali che attendono ancora di essere
enucleati. I paradossi dell'universalismo inteso in questo senso ­
di quello che ho definito l'universalismo politicamente influente,
ossia: costitutivo della politica e delle libertà dei moderni ­ sono
essenzialmente di due tipi: si tratta di a)  paradossi inerenti alla
struttura   ideale­concettuale  e   di   b)  paradossi   inerenti   alla
dinamica   e   alla   sperimentazione   storica.  Passiamo,   quindi,   ad
esaminare nell'ordine i due aspetti.

a)   Come   tutti   sappiamo,   la   disputa   ormai   secolare   tra   libe­


ralismo,   socialismo   e   democrazia   si   è   pressoché   esclusivamente
concentrata sui due poli della libertà e dell'eguaglianza, ponendosi
ora   il   problema   di   distinguere   tra   le   due   dimensioni,   ora   di
coniugarle in una sintesi superiore o semplicemente accettabile.
Su   questa   tensione   bipolare   si   è   lungamente   esercitato   il
complesso di dottrine politiche, economiche e sociali che si riferiva
a ciascuna  di  quelle grandi  opzioni  ideali  o ai loro,  più  o  meno
fortunati,   tentativi   di   composizione:   liberaldemocrazia,
socialdemocrazia, "socialismo liberale". Dentro questa vicenda, la
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 46

fraternité  si   presenta   ­   almeno   sotto   il   profilo   teorico   ­   come   la


dimensione   dimenticata.  Raramente   capita   di   trovare   una   spe­
cifica   voce   dedicata   ad   essa   nei   lessici   politici:   non   a   caso   (per
limitarci a un'autorevole opera italiana) una tale voce non è rin­
venibile neppure  nell'edizione aggiornata del  Dizionario di poli­
tica  (Torino 1983) di Norberto Bobbio, Nicola Matteucci e Gian­
franco Pasquino. Lacuna non ininfluente, visto che si tratta di uno
dei principi­chiave del "trinomio".
Una   ragione   profonda   di   questa   assenza   tuttavia   esiste:   il
problema della "fratellanza" rappresenta una vera e propria spina
nel   fianco   per   la   triade   dell'universalismo   moderno,   proprio   in
quanto   pone   la   questione   del   legame,   del   vincolo   soli­daristico­
comunitario, che nessuna  logica della pura libertà o della mera
eguaglianza è in grado di "implementare" o risolvere. La logica a
cui   rispondono   i   valori   di   libertà   e   eguaglianza   (enfatizzati
rispettivamente   dai   due   grandi   complessi   dottrinali   del
"liberalismo" e del "socialismo")  è infatti la logica ­ prettamente
moderna   ­   che   soggiace   al   modello   culturale,   storicamente   e
antropologicamente   determinato,   dell'autodecisione   individuale:
modello   che   in   ultima   analisi   poggia   su   un   fondamento
individualistico.
Nella   stessa   struttura   concettuale   e   simbolica   dell'universa­
lismo vi è dunque un conflitto latente tra logica (generale) della
cittadinanza  e   logica   (specifica)  dell'appartenenza.  È   pertanto
inevitabile che  proprio quei  movimenti  e quelle tendenze demo­
cratiche   che   intendono   presentarsi   come   "partito   dei   diritti"
(Bobbio)   debbano   assumere   per   intero   la   crucialità   di   questo
paradosso.   Di   qui   la   questione  principe,  la  questione  delle  que­
stioni: come essere portatori di diritti senza contrastare la logica
dell'appartenenza?   come   coniugare  universalismo  e  differenze?
Per dare un'idea della difficoltà del problema basterà evocare due
esempi storici.
Già   nella   fase   rivoluzionaria,   la  fraternità  cerca   e   trova   un
aggancio non episodico nel referente della  Nation:  ma è proprio
questo   referente   ad   innescare   il   contrappasso   della   "nazio­
nalizzazione   delle   masse"   (G.   Mosse):   per   cui   gli   Stati   postri­
voluzionari europei ­ a partire dalle guerre napoleoniche ­ assu­
mono   il   fattore   nazionale   come   momento   identificante   di   rico­
noscimento   e   di   appartenenza   in   funzione   critica   rispetto   alla
pretesa   francese   di   imporre,   per   il   tramite   della   legittimazione
universalistico­rivoluzionaria, i propri specifici interessi nazionali
e espansionistici.
L'altra   spina  nel  fianco  del  modello  universalistico  è  rappre­
sentata dalla logica di classe: anch'essa, al pari ma diversamente
47 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

da   quella   nazionale,   pone   il   problema   di   un'appartenenza   e   di


un'identificazione   simbolica   che   non   è   di   per   sé   dato   dai   due
termini della libertà e dell'eguaglianza.
Entrambe queste rivendicazioni di appartenenza hanno funto
da limite e da freno alla logica dei diritti, intesa come dinamica
espansiva   di   regole   e   dispositivi   formali   di   garanzia
universalmente validi. A voler essere schematici, si potrebbe dire
che   la   classe,   a   differenza   dalla   nazione,   presenta   due   tipi   di
sezionamento: un sezionamento orizzontale, che è alla base della
sua   vocazione   transnazionale   (o,   come   una   volta   si   diceva,
"internazionalistica");   un   sezionamento   verticale,   che   sostiene
invece   il   carattere   "forte"   (e  originariamente   esclusivo)  dei   suoi
criteri di identità­appartenenza. Anche la proiezione storica della
"classe" appare tuttavia contrassegnata da un profilo anticipe, se
si   vuole   da   un   inestirpabile   ambiguità:   basti   pensare,   per   un
verso, alle polemiche che per tutta una fase il movimento operaio
ha condotto in nome dell'ideale illuministico "cosmopolita" contro i
"ripiegamenti nazionalistici" delle borghesie e, per l'altro verso, ai
suoi reiterati inviti a "raccogliere le bandiere" lasciate cadere nel
fango   dall'inettitudine   delle   élites   dirigenti.   Del   resto   la   stessa
vicenda   della   socialdemocrazia   europea   è,   come   sappiamo,
tutt'altro   che   esente   da   tentazioni   nazionalistiche   (oltre   che
statalistiche), senza tuttavia giungere alla soluzione estrema del
leninismo: in cui Classe e Stato tendono ad avvitarsi l'un l'altra
dando luogo a un modello assai lontano da quello originariamente
delineato da Marx e dalla Prima Internazionale (e, in parte, anche
da quello elaborato ­ in ben più durevole e complessa temperie ­
dalla Seconda).

b) Veniamo ora ai paradossi inerenti alla dinamica e alla spe­
rimentazione storica dei principi dell'universalismo. Per afferrarli,
dobbiamo riprendere e approfondire un tema che era chiaro allo
sguardo disincantato di un Tocqueville o di un Weber, ma anche
all'occhio   "infernale",   spietatamente   demistificante,   del   vecchio
Marx:   il   processo   della   modernità   capitalistica   costituisce   un
evento unico, assolutamente eccezionale, nel contesto delle società
umane, proprio perché si realizza attraverso un rivoluzionamento
dei   valori   e   una   radicale   rottura   dei   vincoli   comunitari   che
facevano consistere le cerchie di vita tradizionali.
L'affermarsi dell'universalismo moderno viene così a coincidere
con   l'esperienza   dell'universale   sradicamento.  Ma   questa
esperienza altro non è che l'effetto del dispiegarsi del presupposto
culturale   dell'universalismo:   del   suo   nucleo   irriducibilmente
individualistico.  È il "modello individualista" dunque, e non (per
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 48

adottare   la   coppia   opposizionale   di   Louis   Dumont)   il   "modello


olista",   la   base  dello  stesso   principio  di   eguaglianza   (cfr.  Homo
aequalis, I, Paris 1977). Ed è questa base che va appunto ricercata
la spiegazione della sua inaudita forza espansiva: una volta che
l'eguaglianza   ha  fatto  irruzione  nella  storia,   diceva   Tocqueville,
non può esserne più scacciata. Vuoisi però il caso ­ e anche questo
era chiaro ai nostri tre autori ­ che  dif­ferenziante  per eccellenza
sia stato sempre il modello olistico (proprio, paradossalmente, per
la sua intrinseca natura organico­gerarchica); mentre il modello
individualistico è (giustappunto per la sua vocazione intimamente
egualitaria) per eccellenza omologante.
Paradosso cruciale, che Tocqueville, Marx e Weber mettono ­
ciascuno a suo modo ­ potentemente a fuoco. Ma, a questo punto,
dispettosamente   ci   lasciano:   poiché,   per   ragioni   diverse   se   non
proprio   opposte,   nulla   ci   dicono   su   come   risolverlo.   Il   primo   e
l'ultimo, come si conviene a disincantati diagnostici, propongono
un'etica   per   fronteggiare   il   "destino",   non   certo   una   teoria   per
"fare la storia". Il secondo, che la storia voleva invece farla e certo
l'ha sensibilmente condizionata, prospetta sì una soluzione, ma ­ a
ben guardare ­ nel senso di una coincidenza finale di realizzazione
individualistica   e   appagamento   collettivo:   chi   non   ricorda   la
centralità   del   "ciascuno"   come   mittente  e  destinatario  di   "tutti"
nelle   proposizioni   del  Manifesto  o   in   quelle   della  Critica   del
programma di Gotha?  Contrariamente a quanto oggi si crede, la
proliferazione di "false vie" nella Sinistra di ispirazione marxista
non è dipesa, in questo secolo, da un eccesso, ma al contrario da
un   deficit   di   prescrizione   dell'opera   di   Marx.   È   stata   proprio
l'assenza di indicazioni di medio raggio circa il "che fare" ­ a fronte
della   proiezione   "irenica"   di   lungo   periodo   e   delle   tante   analisi
rivolte all'attualità e al breve periodo ­ a lasciare le organizzazioni
politiche   delle   varie   Internazionali   alle   prese   con   i   paradossi
dell'emancipazione universale. Mentre per un verso il movimento
operaio   dichiarava   di   portare   avanti   l'idea   illuministica   di
emancipazione calandola nella materialità dei conflitti reali, per
l'altro   esso   brandiva   la   logica   di   classe   come   un'arma   contro   il
modello   dell'omologazione   individualistica.   L'appartenenza   di
classe,   in   altri   termini,   ha   sempre   rappresentato   un'alterità   e
un'insolubile  aporia   dell'universalismo,   fungendo  da   coagulo del
legame   sociale   contro   la   frammentazione   indotta   dal   principio
individualista.  Guardando  adesso  a  ritroso  alla  storia   di   questo
drammatico   secolo,   si   ha   l'impressione   che   quell'aporia   si   sia
duplicata,   dando   luogo   a   due   fenomeni   fra   loro   divaricati,   e
tuttavia in qualche modo interagenti.
49 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

Il primo di questi fenomeni storici  è rappresentato dallo sfo­
ciare del determinismo latente nell'idea di "legge di movimento"
(aspetto che in Marx convive e cospira con le radicali premesse
individualistiche) nella feticizzazione del Collettivo: per questa via
si è prodotta ­ con tutte le alterazioni e legittimazioni "ortodosse"
della   dottrina   ­   la   tragica   esperienza   del   comunismo   reale.   Il
secondo   fenomeno   è   costituito   invece   dall'affiorare   di
controtendenze   o   zone   di   resistenza   all'universalismo,   che   con­
sistono   nel   rivendicare   l'autonomia   irriducibile   di   soggetti   par­
ziali,   siano   essi   reali   o   mitologicamente   costruiti:   razza,   etnia,
Volk. Sarebbe davvero interessante, a questo proposito, analizzare
le varie manipolazioni cui  è andato soggetto nel nostro secolo il
concetto di "popolo": e troveremmo certo impreviste e inquietanti
collusioni tra "destra" e "sinistra". Ma credo che, ancora una volta,
abbia ragione un antropologo come Dumont (a differenza di tanti
scienziati   della   politica),   nell'affermare  (Essais   sur
l'individualisme, Paris 1983) che il totalitarismo contemporaneo
non   è   affatto   un'"aberrazione"   o   un   "evento   eccezionale"   ­
eccezione   che   confermerebbe   la   norma   delle   nostre   "magnifiche
sorti   e   progressive"   ­   ma   una   creatura   partorita   dalle   viscere
dell'universalismo   individualista:   benché   lo   rovesci
diametralmente   di   segno,   affidando   a   una   Identità   o   Feticcio
collettivo   le   prerogative   (individualistiche)   della   volontà   di
potenza  e  di   dominio  sul   mondo.  Non  è  certo  per  incidente  che
proprio dall'analisi della dinamica delle masse nel nostro secolo
sia emersa l'esigenza di scavare nel "cuore di tenebra" dell'Occi­
dente, per portarne alla luce gli elementi costitutivi. Senonché ­ e
vengo con questo al punto più delicato della mia argomentazione ­
affrontare il problema in questi termini vuol dire inevitabilmente
imbattersi   nei   limiti   di   un   approccio   di   tipo   razio­nalistico­
utilitaristico ai fenomeni sociali.

4. Etiche in conflitto

Per   evidenziare   questi   limiti   introdurrò   un   tema   oggi   diri­


mente non solo sul piano teorico, ma anche a livello della sfida
socioculturale   alla   democrazia   rappresentata   dai  communita­
rians: il tema del conflitto di valori. Non solo la filosofia, ma anche
la   politica   occidentale   è   stata   sempre   propensa   ­   salvo   alcune
significative eccezioni ­ a considerare i conflitti di valori come un
accidente   patologico.   Un   rilievo   siffatto   non   investe   tuttavia
soltanto   il   paradigma   utilitarista,   ma   la   stessa   idea   kantiana
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 50

dell'uomo   come   agente   morale.   Dissolto   il   determinismo   e   il


sostanzialismo causalistico, abbiamo assistito in questi anni a un
ritorno   in   grande   dell'etica.   E   tuttavia   questo   ritorno   appare
viziato alla base da un vecchio pregiudizio filosofico: la dottrina
del comportamento razionale. Secondo questa dottrina, che ha in
Kant   il   suo   capostipite  più  blasonato,   ogni   uomo  è  un   soggetto
etico­trascendentale   capace   di   agire   secondo   principi   universali,
indipendentemente   dalla   sua   situazione   esistenziale   e   dal   suo
radicamento storico­culturale specifico. Si tratta ora di vedere se
una tale dottrina possa costituire una piattaforma adeguata per
fronteggiare le sfide del nostro tempo, o se questa nobilissima idea
non   rechi   invece   in   sé   la   matrice   del   paradosso   etnocentrico
dell'universalismo occidentale: quel paradosso, appunto, che lo fa
essere un veicolo tanto più potente quanto più sottile e flessibile
di "colonizzazione" delle altre culture. Andiamo allora a verificare,
a partire da questa premessa, in che senso il tema del conflitto di
valori fa esplodere le due principali versioni contemporanee della
dottrina   del   comportamento   razionale:   il   neoutilitarismo   e   il
neocontrattualismo.
Per questa verifica mi riferirò in prima battuta positivamente,
e   in   seconda   battuta   criticamente,   a   due   autori   che,   nell'area
anglosassone,   rappresentano   a   mio   avviso   un   risultato   partico­
larmente   maturo   e   complesso   dell'elaborazione   etico­politica
contemporanea: Bernard Williams  (Problems of the Self,  London
1973; Adorai Luck, ivi 1981; Ethics and the Limits ofPhilo­sophy,
Cambridge, Mass. 1985) e Isaiah Berlin  {Four Essay on Liberty,
Oxford 1969; Vico and Herder, London 1976; The Crooked Timber
of Humanity, ivi 1990). Per entrambi, il limite del neoutilitarismo
è ravvisabile nella pretesa di ridurre il conflitto di valori a un caso
di   incoerenza   logica,   mentre   il   limite   del  neocontrattualismo
consiste   nel   presupporre   un'elevata   omogeneità   culturale   dei
soggetti e dei gruppi che si collocano nella "posizione originaria".
Sotto   questo   profilo,   la   critica   rivolta   a   John   Rawls   dai
comunitaristi   appare   tutt'altro   che   infondata:   il   "velo   di
ignoranza" che sta a presupposto della "posizione originaria" del
contratto   è   in   realtà   troppo   sottile;   occorre   aumentarne   lo
spessore,   se   si   vuole   includere   anche   soggetti   che   non   sono   al
corrente   di   fatti   come   la   Rivoluzione   francese,   o   comunque
tutt'altro che disposti ad attribuire ai valori da essa scaturiti un
significato universale.
Ma è proprio questa la difficoltà dinanzi a cui si trovano oggi le
società democratiche dell'Occidente: fronteggiare le rivendicazioni
di cittadinanza di individui e gruppi culturalmente differenziati,
che   mentre   reclamano   strumentalmente   il   riconoscimento   dei
51 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

propri   diritti,   non  sono  tuttavia  disposti   (se  non  tatticamente  o


strumentalmente)   a   riconoscere   legittimità   universale   al
formalismo   democratico.   Sia   per   Berlin   che   per   Williams
(nonostante  le  sensibili   diversità   di   linguaggio  e  d'impostazione
teorica), la tradizione filosofica occidentale incontra il suo limite
proprio là dove considera i conflitti di valore come una patologia,
un ostacolo da rimuovere, un inconveniente cui porre riparo al più
presto.   La   tendenza   filosofico­politica   dominante   dell'Occidente
poggia infatti, secondo Berlin, su un "treppiede", su tre asserzioni
fondamentali:

1. per ogni quesito autentico c'è un'unica risposta corretta, che
esclude   tutte   le   altre   come   erronee,   non­vere:   non   c'è   inter­
rogativo, purché formulato con chiarezza logica, al quale si pos­
sano dare due risposte diverse che siano entrambe corrette (e va
da sé che, se non esiste risposta corretta, il quesito è da ritenersi
inautentico);
2. esiste, sempre e comunque,  un  metodo per trovare le rispo­
ste logicamente giuste;
3. tutte le risposte corrette devono essere compatibili fra loro.

Una   tradizione   così   strutturata   è   in   realtà   in   grado   di   "tol­


lerare"  solo  il   conflitto   di   interessi;   mentre  il   conflitto   di   valori
viene da essa recepito come patologico  scatenamento:  ossia ­alla
lettera   ­   distacco,   fuoriuscita   dalla   catena   dell'essere,   collasso
della coerenza logica, deficit di razionalità. La realtà del contesto
sociale è invece costituita da una pluralità di valori che possono
entrare in conflitto e che non sono necessariamente riducibili l'uno
all'altro.   Questo   conflitto   si   traduce   pertanto   in  conflitto   di
obbligazioni,  di imperativi reciprocamente incompatibili, che non
possono essere assolutamente trattati come un caso di incoerenza
logica ­ se non al prezzo di pensare e operare secondo un modello
etnocentrico e colonialistico di Ragione.
In breve: vi è una drammatica tipologia di casi, che potremmo
chiamare  "tragici",   in  cui   ci   troviamo  in  presenza   di   una  esclu­
sività   incommensurabile  (Williams)   tra   gerarchie   di   valore
diverse. È questo ormai il caso non solo del confronto tra la civiltà
occidentale e le altre culture, ma anche di un conflitto di valori
che   attraversa   il   cuore   stesso   di   Cosmopolis,   della   realtà
metropolitana dell'Occidente.
Dalla diagnosi di questi due autori emerge così la chiara con­
sapevolezza   che,   con   il   globalizzati   del   modello   occidentale,   il
problema dell'alterità culturale non si configura soltanto come un
urto con l'esterno, ma come  un'aporia interna al funzionamento
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 52

della   società   occidentale   stessa.  È  Berlin,   tuttavia,   ad   avvertire


con   particolare   acutezza   la   crucialità   del   problema.   La   sua
riflessione  recente,   infatti,   mentre  investe   direttamente  il   tema
del declino delle utopie, pone indirettamente la domanda: perché
il fallimento dell'idea dell'"uomo nuovo" e della "società perfetta"
non si esaurisce con il crollo del comunismo reale, ma si ripercuote
drammaticamente   da   Est   a   Ovest?   E,   nel   tentare   la   difficile
risposta, egli muove da un nesso tra l'Utopia occidentale e l'idea di
una   natura   (etico­razionale)   omogenea   e   universale   dell'Uomo.
Tutte   le   varianti   utopiche   troverebbero   un   saldo   ancoraggio
nell'originaria vocazione universalistica della cultura occidentale.
L'intero  arco  della  loro vicenda  storica   ­  dalle  «utopie  coloniali»
alla «colonizzazione del futuro» (O. Paz) ­ riceverebbe il suo sigillo
dall'immagine   dell'«appagamento   universale»:   di   una   statica
perfezione   intesa   come   restaurazione   di   un'unità   originaria
infranta.   Dal   suggestivo  affresco   storico­dottrinale  di   Sir   Isaiah
Berlin affiora così la proposta del pluralismo come unica soluzione
plausibile   agli   opposti   ma   simmetrici   inconvenienti
dell'universalismo e del relativismo culturale. Ma in che modo, e
con quali argomenti, viene prospettata una tale soluzione?

5. Democrazia e universale sradicamento

Il passaggio  fondamentale dell'argomentazione di  Berlin  con­


siste   nell'opporre   al   modello   universalistico   l'altra   faccia   della
filosofia illuministica (e,  mutatis mutandis,  hegeliana) della sto­
ria: l'idea dell'autonomia irriducibile delle culture prospettata da
Herder (e, prima ancora, da Vico). All'utopia di una Storia intesa
come   transito  progressivo   (lineare   o   dialettico)   alla   trasparenza
della   Ragione   farebbe   così   riscontro   la   "salutare"   opacità   delle
differenze  culturali,   comprese   nella   loro   incommensurabile
individualità.   Nessuna   etica,   nessuna   razionalità   dell'agire   si
forma da sola, ma in un alveo di tradizione e di linguaggio: in una
parola, in un simbolismo specifico. Ogni cuitura, dunque, dispone
di parametri propri e di una propria gerarchia di valori diversa
dalle  altre.   Postulare  un  criterio  di   merito che   presupponga   un
unico   metro   di   misura   circa   il   "comportamento   razionale"   è
pertanto una prova di cecità verso ciò che rende umani gli esseri
umani:   la   capacità   di   differenziarsi   culturalmente.   Il   monito   di
Berlin è estremamente severo: o la democrazia si spoglia delle sue
tradizionali   prerogative   di   autoctonia   culturale   e   abbandona   il
feticcio   universalistico   e   monistico   di   un   Soggetto   sostanziale
53 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

omogeneo,   oppure   essa   si   troverà   inevitabilmente   irretita   nella


massa   critica   dei   suoi   paradossi:   risucchiata   nella   spirale   della
self­refuting prophecy.
E tuttavia tanto appare rigorosa in Berlin l'impostazione del
problema,   quanto   insoddisfacente   la   soluzione   prospettata.
L'inadeguatezza va rintracciata essenzialmente nel suo modo di
intendere   la   democrazia   della   "differenza",   che   egli   interpreta
nell'accezione   di   democrazia   pluralistica   o  delle  differenze.   Si
tratta, beninteso, di un'accezione per nulla "debole": essa implica,
al   contrario,   il   conflitto   come   momento  costitutivo  del   processo
democratico   e   la   ricerca   del   "bene   comune"   come   equilibrio
instabile tra le aspirazioni dei vari gruppi. Ma una tale accezione
consente   di   fuoriuscire   solo   retoricamente   dagli   orizzonti   del
relativismo   etico   di   stampo   kelseniano,   o   al   massimo   di
correggerlo  e  integrarlo attraverso   la  nozione  antropologica  (del
resto   tutt'altro   che   estranea   allo   stesso   Kelsen)   di  pluralismo
culturale.  E   ciò   perché   nell'analisi   di   Berlin   rimangono
sostanzialmente inevase due questioni  decisive,  di vitale impor­
tanza per la teoria democratica.
In primo luogo (i) la questione relativa alla premessa di valore
della   democrazia:   l'intangibilità   dei   diritti   umani   intesi   come
diritti   individuali,   diritti   inalienabili   del   singolo   (cfr.   E.   Den­
ninger,  Der gebàndigte Leviathan,  Baden­Baden 1990). Il relati­
vismo etico e filosofico kelseniano include tale valore ultimo nello
schema   rigorosamente   condizionale  "se   ...   allora':   se  opti   per   il
principio del diritto alla vita e alla libertà di ciascuno, allora non
puoi che preferire la forma democratica. Una fuoriuscita coerente
dalle secche del relativismo induce viceversa ad assumere questo
valore come momento di sfida e di confronto con le culture "altre"
che   lo   negano   o   lo   subordinano   ad   altri   valori   (il   Collettivo,   lo
Stato,   la   Nazione,   il   Popolo,   ecc.).   Ma   ciò   impone   anche   il
superamento   dell'assioma   dell'incommensurabilità   delle   culture
proprio   di   una   certa   antropologia   e   l'adozione   di   un'ottica
comparativa   capace   di   contemplare   il   momento  dell'interazione
simbolica  tra contesti culturali. L'assegnazione della dimensione
simbolica   all'esclusivo   momento   della   differenziazione   segnala,
infatti,   il   pesante   retaggio   di   un   pregiudizio   etnocentrico
largamente presente negli studi antropologici: e, a ben guardare,
l'enfasi sulle differenze (che tuttavia si atteggiano, ciascuna nella
sua cerchia,  come irriducibili  identità)  non  è affatto un'antitesi,
ma il rovescio della medaglia dell'universalismo omologante.
L'abbandono   dell'idea   universalistico­sostanziale   di   "bene
comune"   non   deve   dunque   necessariamente   risolversi   nell'ab­
bracciare  lo  scenario  herderiano di   culture che  si  rapportano   le
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 54

une alle altre come autoconsistenze insulari o come monadi senza
porte né finestre. La globalizzazione del mondo determinatasi con
il crollo dei muri tra Est e Ovest ci ha improvvisamente proiettati
contro una parete talmente vasta da non riuscire a distinguerne i
contorni. E i contorni sono quelli di un problema così macroscopico
da passare inosservato: un effettivo confronto tra le grandi culture
del pianeta non è ancora avvenuto. Questo confronto è in procinto
di   imporsi   come   un'urgenza   assoluta,   nel   momento   in   cui   le
democrazie   occidentali   ereditano   nel   proprio   seno   componenti
sempre più attive e cospicue di altri contesti culturali.
Tutto ciò si verifica in presenza di una soglia critica: una soglia
che   abbiamo   appena   silenziosamente   varcato,   quasi   senza
avvedercene,   e  che  coinvolge  in  modo  radicale la  stessa   idea   di
"natura"   alla   quale   eravamo   abituati   (e   sulla   quale   avevamo
costituito,   a   partire   dall'età   moderna,   i   nostri   Ordini   politici   e
Contratti sociali). La natura era stata finora concepita dalla cul­
tura occidentale essenzialmente in due modi: natura come "tem­
pio",   cosmo   ordinato   e   contenitore   invalicabile   di   eventi   che
ciclicamente   si   succedevano   (secondo   l'accezione   classica,   dalla
civiltà   grecoromana   fino   all'epoca   medioevale);   natura   come
"laboratorio",   sezione   dell'universo   fisico   ritagliabile   per   gli
esperimenti   (secondo   un'accezione   invalsa   dalla   rivoluzione
scientifica del Seicento a tutta l'epoca industriale). Oggi vediamo
emergere una nuova idea, in virtù della quale i confini stessi tra
natura   e   artificio   tendono   a   sbiadirsi:   la   natura   come   "codice"
(idea   nuovissima,   postmoderna   se  si   vuole,   ma   al   tempo   stesso
antichissima:   essa  evoca  infatti  il  tradizionale  tema,  ermetico  e
cabalistico, della cifra e della decifrazione). E a partire di qui che
dobbiamo ripensare, attraverso e oltre la cultura ambientalista o
ecologista,   la   stessa   idea   di   contratto   (che   originariamente
postulava   la   natura   come   uno   "stato",   un   presupposto
immodificabile su cui erigere l'artificio statuale: il "Dio mortale", il
"grande e onnipotente" Leviatano). Ed è da questa prospettiva che
occorre   rilanciare   la   sfida   dell'universalismo   prospettando   un
nuovo ventaglio di possibili per il destino della specie sul pianeta.
Quale   compito   spetta   allora   ­   su   questo   sfondo   a   dir   poco
"perturbante"   ­   alla   democrazia?   Innanzitutto   essa   deve   farsi
carico   della   radicale   trasformazione   che   ha   investito   alcuni   dei
problemi­chiave con i quali si era storicamente misurata: a partire
dal   tema   dello   sfruttamento,   che   oggi   tende   sempre   più   a
risolversi   in   quello   dell'emarginazione.   Ma   lo   stesso   fenomeno
dell'emarginazione   non   può   più   essere   visualizzato   nei   termini
classici,   poiché   viene   ormai   direttamente   a   coinvolgere   la
dimensione  critico­culturale.  Nel corso di una recente riflessione
55 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

Shmuel   N.   Eisenstadt   (un   sociologo   che   come   pochi   ha   saputo


accostarsi   con   un   approccio   comparativistico   alle   conseguenze
culturali   della   "modernizzazione")   ha   fornito   un'interpretazione
illuminante dei fondamentalismi contemporanei: spiegando come
essi   non   siano   affatto   trainati   da   ceti   sfruttati   e   poveri,   ma
piuttosto   da   quegli   strati   della   popolazione   che   si   sentono
emarginati   dal   "centro"   della   società   (cfr.  Fondamentalismo   e
modernità,  Roma­Bari   1994).   Questo   sentimento   di  emargina­
zione   dal   centro  costituisce   un   aspetto   essenziale   non   solo   per
l'analisi sociologica, ma per una ridefinizione radicale dello stesso
concetto   di   democrazia.   Assumerlo   pienamente   significa   andare
alla radice di questo concetto, attivando un confronto tra le  due
metà dell'Occidente. E andando a verificare, senza pregiudizi, se il
"modello oceanico" dei paesi di  common law  non sia per caso più
idoneo   del   "modello   continentale"   dei   paesi   di  civil   law  a   fare
interagire   i   due   poli  deìYuniversalismo  e   della  differenza.  Ma
riconoscere   ciò   vorrebbe   dire   per   la   teoria   come   per   la   prassi
democratica   rinunciare   una   volta   per   tutte   all'idea   dello   Stato
come "leva" dell'emancipazione. Vorrebbe dire ... oublier Paris.
Attivare   un'ottica   comparativa   delle   culture   diviene   dunque
un'operazione   essenziale   alla   ricostruzione   di   un   concetto   di
politica   all'altezza   dei   tempi:   essa   appare   oggi   di   vitale   impor­
tanza per stabilire quella relazione tra invarianza e mutamento
nelle forme del potere su cui si giocano i destini della "terza fase"
(R.   Dahl)   della   democrazia:   di   una   democrazia   transnazionale
capace   di   lasciarsi   definitivamente   alle   spalle   gli   obsoleti
"referenti" delle precedenti fasi ­ il demos e lo Stato­nazione. Ma
porre una tale esigenza, significa per la cultura democratica (nella
sua   duplice  variante:   Zz&eraZ­democratica   e  socialdemocratica)
misurarsi con una serie di nodi concettuali irrisolti. Mi limiterò ad
elencarne i principali, da inserire in un ideale agenda.
In primo luogo, il confronto tra i due paradigmi soggiacenti alle
diverse   concezioni   dell'ordine   e   del   conflitto:   il   paradigma   del
comportamento   razionale   (o   "teoria   volontaristica   dell'azione")   ­
che muove dall'attore e dalla sua razionalità, ruotando attorno a
nozioni   come   "preferenza",   "intenzionalità",   "modello   di   scopo",
"progetto", ecc. ­ e il paradigma concorrente, per cui la dimensione
individualistica   dell'agire   sarebbe   invece   sovra­determinata   da
sistemi   simbolici,   vissuti   e   agiti   innanzitutto  inconsciamente.
Siamo davvero certi che il tema ­ oggi quanto mai cruciale ­ dei
valori  condivisi  sia   interamente   sussumibile   sotto   il   primo
paradigma? Siamo sicuri ­ a voler essere schematici ­ che esso sia
risolvibile   dentro   la   prospettiva   di   Weber,   senza   aver   prima
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 56

attentamente vagliato le "ragioni" di un Durkheim o di un Mauss,
oltre che (last but not least...) del vecchio Sigmund Freud?
In secondo luogo,  il tema del "sacro": ineludibile costante del
potere  e  del   legame sociale,  una   volta   che  si   assuma   la  società
come un complesso simbolico, e dunque come qualcosa di più o di
altro   dalla   semplice   somma   degli   individui   che   la   compongono.
Anche a chi non sia disposto ad abbracciare la nozione radicale di
"sociologia   sacra"   affacciata   negli   anni   trenta   dal   Collège   de
Sociologie di Georges Bataille e Roger Caillois, sarà difficile non
convenire   con   Clifford   Geertz   sull'asserzione   che   «una   società
interamente   desacralizzata   sarebbe   una   società   completamente
depoliticizzata». Ma se il motivo del sacro si identifica con quello
della persistenza dei rituali e dei modelli iterativi che presiedono
ai meccanismi di identificazione simbolica (sulla cui rilevanza per
la   teoria   democratica   si   è   acutamente   soffermato,   negli   anni
passati,   anche   un   sociologo   come   Alessandro   Pizzorno),   ne
consegue  un'altra   esigenza:   quella   di  una   revisione  radicale  dei
concetti di "secolarizzazione" e "razionalismo occidentale" quali si
trovano   elaborati   nella   grande   indagine   comparativa   di   Max
Weber.   La   secolarizzazione,   in   altri   termini,   non   comporta   una
lineare   "desacralizzazione";   così   come   la   crisi   delle   cosiddette
"centralità"   (dal   Soggetto­Popolo   al   Soggetto­Stato)   non   induce
necessariamente   un   attenuazione   o   un   indebolimento   dei
meccanismi   di   identificazione   simbolica.   Valga   qui   per   tutte
l'analisi   dell'interscambio   simbolico   tra  auctoritas  religiosa   e
potestas  politica svolta da  Marc  Bloch in quell'autentico gioiello
della storiografia del '900 che sono Les rois thaumaturges (1924):
il   plurisecolare   conflitto   tra   i   due   poteri  non  mette  capo   a   una
differenziazione lineare. Ma piuttosto a un gioco di specchi in cui
l'uno   tende   ad   assumere   le   prerogative   dell'altro:   la   Chiesa   si
"statalizza"   (assumendo   i   caratteri   della   centralizzazione   e
razionalizzazione   burocratica)   e   lo   Stato   si   "ecclesiasticizza"
(incrementando le proprie caratteristiche sacrali e  ritualizzando
le proprie procedure).
In terzo  luogo,  il  pattern  mitico­rituale della  sovranità:  tema
emergente   dalle   ricerche   etnologiche   coordinate   da   Hooke   al
principio   degli   anni   trenta,   e   documentate   dalle   raccolte  Myth
and Ritual (1933) e The Labyrinth (1935). La rilevanza di queste
indagini   non   consiste   soltanto   nell'evidenziare   (alcuni   decenni
prima   di   Michel   Foucault)   la   persistenza   del   complesso   mitico­
rituale   indipendentemente   dall'esistenza   o   meno   di   un   Centro
sovrano   topologicamente   identificabile   e   visibile,   ma   piuttosto
nell'infrangere quel "disprezzo per il rituale" in cui Mary Douglas
scorge   uno   dei   contrassegni   negativi   della   teoria   sociale
57 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

contemporanea.   Nel   dimostrare,   infatti,   la  derivazione   del   mito


dalla   pratica   rituale  (e   non   viceversa:   secondo   una   formula
risalente   alla   tradizione   culturale   tedesca,   e   in   specie   al
fenomenologismo   della   scuola   di   Frobenius),   quelle   ricerche
segnalavano   infatti   l'importanza   della   cornice   spaziale   per   il
potere.   Ma,   per   questa   via,   esse   finivano  per   riabilitare  la  fun­
zione del latino  ritus  (termine di cui, non per caso, non si ha un
corrispettivo   adeguato   nella   lingua   greca).   Il   rito   (terreno   di
coltura   di   quel   sistema   di   regole   e   procedure   che   chiamiamo
"diritto") è la "scatola nera" che connette tra loro i due momenti­
chiave del simbolismo del potere:  Yaugurium  e il  regnum, Yauc­
toritas e la potestas regale, che traduce Yaugmentum, l'incremento
di   senso   (e   il   conferimento   di   autorità)   implicito   nella   funzione
augurale, in dispositivo di segni. Come è stato infatti documentato
da   Benveniste,   l'etimo   di  rex,   regere,  rimanda   al   significato   di
"segnare",   tracciare   in   linea   retta,   dunque:   delimitare   e
perimetrare   uno   spazio.   L'espressione  rex   regit   regio­nes  sta,
pertanto,   originariamente   a   significare:   "il   segnatore   segna   i
segni". La coppia  augurium­regnum  ­ con il nesso, ma anche con
l'irresolubile  tensione,   che  vi   si   istituisce   ­   viene  in  tal   modo  a
configurarsi   come   la   costante   che   sorregge   il   simbolismo   del
potere   e   del   legame   sociale,   pur   nelle   sue   molteplici   varianti   e
metamorfosi storiche: la dinamica del potere pone costantemente
il   problema   di  un'eccedenza   di   senso  che   deve   di   volta   in   volta
tradursi in un (intrinsecamente coerente)  sistema di segni.  È da
questa   coppia,   dalla   sua   insolubile   tensione,   che   si   origina   la
segreta   logica   che   presiede   a   tutti   i   miti   di  fondazione:  la
mitologia   della   fonte   unica   e   "sovrana"   del   potere.   Ed   è,
conseguentemente,   dalla   scollatura   dei   due   poli
dell''augurium/augmentum/auctoritas e del regnum/regere  pote­
stativo   che   si   produce   sempre   quella   che   chiamiamo  crisi   di
legittimità  di un ordinamento o di un regime politico. Se  è vero
che una tale crisi investe oggi la forma democratica, ne consegue
che per fronteggiarla vi è un solo modo: interrogarsi ancora una
volta   sulla   sua   "essenza"   e   sul   suo   "valore"   (da   cui   in   ultima
analisi dipendono anche le sue "tecniche"). Verificare se (e dove)
essa   rechi   ancora   in   sé   una   riserva   simbolica   ­   un'"augurale"
ridondanza di senso ­ che i suoi attuali segni non riescono più a
trasmettere. Ma è dubbio che una tale verifica possa aver luogo
senza   sottoporre   i   due   poli   di   "individuo"   e   "comunità"   a   un
approfondimento   che   vada   ben   oltre   i   termini   in   cui   la   loro
relazione è stata pensata dai paradigmi dominanti del liberalismo
e del socialismo.
LA DEMOCRAZIA, LA COMUNITÀ E I PARADOSSI 58

Vengo così, in conclusione, all'altro punto ­ più squisitamente
teorico   ­   tralasciato   dalla   diagnosi   di   Isaiah   Berlin.   Il   punto
investe   (ii)   la   questione   relativa   a   quello   che   ­   per   riprendere
Robert   Dahl   ­   potremmo   chiamare   il   "concetto   ombra"   della
democrazia.   Esso   consiste   non   già   in   un   "oltrepassamento"   in
chiave   relativistica   o   pluralistica   del   suo   statuto   metafisico­
sostanziale,   quanto   piuttosto   in   un'attivazione   del   suo   risvolto
antimetafisico,   in   grado   di   sottrarsi   alla   morsa   costituita   dal
dilemma teorico tra ì'apriori fattuale dei comunitaristi e ì'apriori
trascendentale  evocato   dalla   "comunità   della   comunicazione"
(Kommunikationsgemeinschaft)  di   Karl­Otto   Apel   e   dallo   stesso
"agire   comunicativo"  (kommunikatives   Handeln)  di   Jùrgen
Habermas. Se è vero che la vocazione della democrazia, in quanto
istituzione politico­culturale tipica dell'Occidente, è data
59 DIMENSIONI DELL'OLTRESTATO

­ come ben sapevano Tocqueville, Marx e Weber ­ dalla cifra dello
sradicamento, la sua definizione più congrua sarà quella di luogo
comune   dello   sradicamento.  Solo   a   partire   di   qui   ­   da   questo
recupero che è anche un ripensamento alternativo del potenziale
della   tradizione   ­   si   apre   la   possibilità   di   un   confronto   con   le
"alterità"   culturali   in   grado   di   sfuggire   agli   opposti   e   speculari
rischi   dell'universalismo   egemonico   e   del   relativismo.   La
democrazia ­ e solo la democrazia ­ può chiamarsi a pieno titolo
comunità   paradossale:  comunità   dei   senza­comunità.  Non
malgrado,   ma   proprio   in   virtù   delle   sue   regole   formali   che,
limitando   la  tàxis,  la   sfera   di   esercizio   del   potere,   garantiscono
l'autonomo   svolgimento   delle   sfere   di   vita.   La   democrazia   è
sempre "ad­venire", proprio perché non sacrifica mai all'utopia di
una trasparenza assoluta l'opacità della frizione e del conflitto. La
democrazia   non   gode   di   un   clima   temperato,   né   di   una   luce
perpetua e uniforme, proprio perché si nutre di quella  passione
del  disincanto  che  tiene uniti  ­   in  una   tensione  irresolubile  ­  il
rigore della forma e la disponibilità ad accogliere "ospiti inattesi".
Per questo essa sa che precipiterebbe in rovina se dimenticasse
anche solo per un istante il solo presupposto che la tiene in vita: il
totum è il totem.
PARTE  PRIMA 

VERSO UN NUOVO POLICRATICUS
Ri C E R C H E

SOMMARIO:   I.   L'entropia   del   Leviatano.   Quadrante   meta­politico.   ­   IL


Politica   e   complessità:   lo   "Stato   postmoderno"   come   categoria   e   come
problema teorico. ­ III. La Vienna di Wittgenstein e la Vienna di Bauer.
CAPITOLO PRIMO
L'ENTROPIA   DEL  LEVIATANO
QUADRANTE META­POLITICO

SOMMARIO:  1.  Gioco   di   specchi.   ­  2.  Attore   e   sistema:   un'alternativa?   ­3.


Strategia   e   comunicazione.   ­  4.  L'altro   lato   dello   specchio.   ­  5.  Società
polimorfa, o della sovranità introvabile.

1. Gioco di specchi

Quale   destino   per   la   politica   è   iscritto   nei   precipitosi   muta­


menti   che   investono   attualmente   le   democrazie   industriali?   A
quale   sorte   andranno   incontro   quelle   forze   ­   politiche,   sociali,
economiche   ­   che   hanno   in   questi   decenni   costruito   la   propria
identità e la propria funzione sulla prospettiva e sulla promessa di
una politica espansiva? Il venir meno delle possibilità di una tale
politica   non   comporta   forse   ­   in   modo   necessario   ­   un
restringimento   progressivo   dello   spazio   non   tanto   dei   partiti,
quanto piuttosto della politica come tale?
A ripercorrere lo spettro di interrogativi che emerge dal dibat­
tito   della   teoria   politica   e  sociale  di   questi   anni,   si   ha   la   netta
sensazione   che   il   baricentro   della   ricerca   si   sia   spostato   dalla
questione  dell'ordine  e  del   conflitto  ­ costitutiva   dei  modelli  più
influenti di scienze sociali nella prima metà del nostro secolo ­ a
quella   del   progresso   e   delle   sue   controfinalità.   Mai   come   oggi
(neppure   nel   fragoroso   dibattito   del   primo   dopoguerra   sul
"tramonto dell'Occidente") l'industrialismo era stato sottoposto a
una così radicale rimessa in discussione (Strasser/Traube 1981).
Mai   come   oggi   il   tema   della   "lunga   durata",   della   pluri­
dimensionalità   del   tempo   storico,   della   persistenza   di   strati
profondi della memoria e della mentalità collettiva coesistenti con
la modernizzazione, o addirittura evocati e riportati alla superficie
dalle brusche alterazioni del tessuto tradizionale che
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 64

l'accelerazione   modernizzatrice   comporta,   è   apparso   così   con­


dizionante e pervasivo in vasti settori d'indagine, che lambiscono i
territori della storia, dell'antropologia e della sociologia.
I  tratti  più  innovativi  e interessanti  del   dibattito  in  corso   si
danno,   tuttavia,   proprio   laddove   non   ci   si   lascia   sedurre   dalla
figura del Ritorno: ossia dall'interpretazione della crisi dell'indu­
strialismo in chiave di riemergenza o ripristino di una condizione
antecedente   lo   "stato   febbrile"   dell'era   della   crescita.   Volenti   o
nolenti,   le   sociologie   del   "riflusso"   sono   figlie   ­   alcune,   magari,
illegittime ­ di questa figura. E proprio per questo è significativo
che esse stiano oggi (forse in virtù di una relazione simpatetica
con il proprio oggetto d'indagine) "rifluendo", lasciando il posto a
una   scena   teorica   più   intricata,   ma   anche   più   complessa,   e   di
conseguenza   più   ricca.   Il   dato   da   cui   le   analisi   più   avvertite
partono (il tratto innovativo di cui sopra si diceva), e nelle quali
esse paiono ritrovarsi ­ nonostante le vistose differenze ­ come in
un minimo comun denominatore, è quello dell'irreversibilità delle
linee di tendenza che stanno all'origine delle crescenti  difficoltà
della politica nei paesi occidentali (Benjamin 1980).
L'aspetto   della   irreversibilità   dei   fenomeni   di   mutamento
sociale in atto  è sottolineato sia in rapporto al paradigma della
"crisi   del   Welfare",   sia   in   rapporto   a   quello   della   "crisi   di   rap­
presentanza":  tanto dalle interpretazioni che insistono sulle dif­
ficoltà delle politiche economiche e sociali come effetto del venir
meno   del   modello   espansivo   retrostante   la   democrazia   redi­
stributiva dello Stato sociale, quanto da quelle che riconducono la
crisi delle politiche statali alla perdita di efficacia dei tradizionali
canali   di   rappresentanza   (quelli   propri   di   una   democrazia
parlamentare   strutturata   dal   sistema   dei   partiti).   Nella
discussione   europea   recente   i   due   paradigmi   sono   stati   sovente
confusi   (e   quindi   identificati   di   fatto)   piuttosto   che   intrecciati
(intrecciarli   è   evidentemente   possibile   ­   e   in   una   certa   misura,
forse,  necessario;  ma non  è indifferente se, nell'operazione com­
binatoria,   si   subordina   la  crisi   del   Welfare  alla   crisi   di   rappre­
sentanza   o   viceversa:   ne   risultano,   infatti,   differenze   profonde
nella valutazione dei tempi e della struttura della crisi). Al di là
delle eventuali divergenze diagnostiche e terapeutiche, si è venuta
costituendo   in   questi   anni   una   vasta   e   significativa   area   di
accordo sul piano descrittivo, circa l'irreversibilità dei trends
65 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

di mutamento delle società industriali:  trends  che si sono mani­


festati precocemente in un paese come gli Stati Uniti; poi, sulla
sua   scia,   in  Francia,   Inghilterra   e  Germania   federale;   e  infine,
tardivamente, in Italia (dove solo con le elezioni del 1979 hanno
assunto rilevanza al livello del sistema politico i problemi propri
della società post­industriale). Per un verso, hanno fatto ingresso
sulla   scena   nuove   domande   e   identità   collettive,   solo
inadeguatamente   rappresentabili   da   forme   di   organizzazione
politica   strutturalmente   orientate  a   recepire   interessi   «relativa­
mente   stabili,   con   una   base   territoriale,   professionale   o   sociale
definita». Per l'altro, è venuta accentuandosi la crisi dei partiti­
ideologia   e   la   loro   inesorabile   trasformazione   (prevista   da   Kir­
chheimer   nel   suo   famoso   saggio   del   1966)   in  catch­ali   parties
istituzionalmente  incorporati   nell'apparato  di   governo  e  in  poli­
ticai machines  addette professionalmente alla soluzione di «pro­
blemi» (Panebianco 1983; Melucci 1982).
L'irreversibilità   della   tendenza   verso   un   nuovo   assetto   delle
relazioni   sociopolitiche   acquista   piena   rilevanza   solo   una   volta
trasferita e riflessa sul piano dei modelli teorici: a questo livello,
la descrizione dei trends sopra schematicamente indicati serve ad
isolare altrettanti «segni del punto di non ritorno a cui è giunta la
crisi del vecchio paradigma» (Melucci, 1982, 21). I tratti distintivi
delle   nuove   identità   collettive   e   dei   nuovi   «movimenti»   ­   1)
carattere segmentale, 2) stato di latenza, 3) carattere "puntuale"
(per issues)  delle aggregazioni ­ vengono infatti riassunti sotto la
categoria   del   «post­politico».   Mentre   la   struttura  in   fieri  della
nuova   costellazione   sociale   viene   presentata   come   tale   da   non
tollerare   più   le   tradizionali   distinzioni   invalse   nella   storia   dei
sistemi   politici   occidentali   (destra/sinistra,   pro­
gresso/conservazione,   ecc.),   ma   da   essere   più   adeguatamente
espressa da una «nuova frattura» : quella establishment/anti­esta­
blishment) vale a dire, «la contrapposizione fra gruppi sempre più
consistenti   di   cittadini   da   una   parte   e   le   grandi   organizzazioni
burocratiche   dall'altra:   i   partiti   conservatori   ma   anche   i   partiti
socialisti,   le   organizzazioni   imprenditoriali   ma   anche   le   grandi
centrali sindacali, ecc.» (Panebianco 1983, 134).
Il  problema  che  qui  si   pone non  è  certo  quello  di   contestare
l'affidabilità o la pertinenza descrittiva di queste analisi (a nostro
avviso inoppugnabili). Ma piuttosto quello di verificare la validità
dei nuovi schemi categoriali proposti per interpretare il «sociale»
che sta sorgendo sotto i nostri occhi (o, se si preferisce, al di là dei
nostri   occhiali   ideologici).   Innanzitutto:   questi   modelli   sono
veramente   "nuovi"?   O   non   sono   invece   una   rivisitazione,
sociologicamente   aggiornata,   dei   vecchi   schemi   binari?   Più
precisamente: in che misura è valida la proposta di sostituire (o
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 66

anche sussumere) la «frattura datori di lavoro/prestatori d'opera
(la   frattura   di   classe)»   con   la   frattura  establishment/anti­
establishment?
Sono   proprio   questi   interrogativi   che   ci   inducono   a   proble­
matizzare   l'uso   della   categoria   di   post­politico.   La   sua   efficacia
sta, a ben guardare, non solo nel segnalare la natura irreversibile
delle nuove forme di identità collettiva, ma soprattutto nel porle
in un nesso logico­storico consequenziale con un intero ciclo della
politica   occidentale.   Nel   vederle   cioè   come   effetti   di   un   lungo
processo   di   politicizzazione   della   società   che   coincide   con   la
parabola   dello   «Stato   del   benessere»:   sotto   questa   angolatura
prospettica,   il   post­politico   non   è   soltanto   ciò   che   "viene   dopo"
l'intervento   politico   del   Welfare,   ma   indica   anche   lo   stato   di
ipersensibilità di un sociale che percepisce le forme della politica
tradizionale come un  déjà­vu,  un percorso  già esperito e ­ nella
sua   logica   di   fondo   ­   già   consumato.   Il   che   non   toglie,
evidentemente, che questa acquisita consapevolezza possa trovare
forme   puntuali   di   raccordo   con   il   politico   istituzionalmente   e
professionalmente inteso, allo stesso modo in cui la nuova frattura
"culturale",   che   taglia   trasversalmente   tutti   gli   schieramenti
classici della società industriale, dovrà trovare una qualche forma
di   combinazione   con   la   persistente   divisione   di   "classe".   Ma   è
appunto per questa ragione che il discorso deve ritornare, ancora
una volta, sulla politica, o meglio: sulla logica delle interrelazioni
"ambientali" che condizionano la politica (e il "fare politica") nelle
democrazie industriali.
È in conformità a questo ordine di problemi ­ non solo, dunque,
per   una   comprensibile   ripulsa   verso   l'orgia   dei   «post»   che
caratterizza la cultura (in particolare italiana e francese) di questi
anni ­ che si è preferita alla categoria di post­politico ­ che pure
noi   stessi   avevamo   proposta,   in   sordina,   in   alcuni   precedenti
lavori (Marramao 1980 e 1983) ­ un'altra chiave di lettura, che
riassumiamo   nel   concetto   di  meta­politica.  Con   questo   termine
intendiamo   non   tanto   una   neosintesi   del   politico   ­una   sorta   di
"superpolitica" ­, quanto piuttosto l'esigenza di con­cettualizzare
un campo semantico dal profilo ancipite, che accentua e traduce a
un   livello   di   maggiore   complessità   la   "dualità"   connaturata   al
moderno   concetto   di   "politico".   La   problematica   sottesa   alla
categoria di metapolitica implica: in primo luogo, che il dispositivo
ermeneutico   per   catturare   le   odierne   condizioni   di   praticabilità
della politica deve indirizzarsi verso  dati obliqui,  verso aree che,
secondo   la   topologia   classica,   si   presentano   come   remote   o
eccentriche   rispetto   alle   nomenclature   politiche   tradizionali;  in
secondo luogo, che per decifrare la potenziale rilevanza politica di
questi   ambiti   occorre   tentare   di   dar   forma   ai  reticoli   simbolici
67 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

prodotti   dalle   nuove   interrelazioni   conflittuali.   Questo   secondo


aspetto   ha   una   sottoimplicazione   ben   precisa:   la   possibilità   di
assumere l'ipotesi di una lettura in termini "sistemici" di queste
interrelazioni: di ipotizzare, cioè, che nelle aree del post­politico
non si intersecano o accavallano soltanto forze, ma anche logiche.
Proprio per  questo motivo la chiave di  lettura  imperniata  sulla
categoria di metapolitica è in grado di assumere l'ottica sistemica
senza cadere vittima del ricatto di accettare o rigettare in toto le
varie edizioni generali del paradigma sistemico in sociologia come
in   teoria   politica.   Si   tratta,   per   dirla   in   breve,   di   recepire   il
contributo   più   fecondo   dell'approccio   sistemico   ­   quello   che
riguarda   l'affinamento   degli   strumenti   di   analisi   dei   codici
simbolici su cui si reggono le relazioni sociali ­ proprio al fine di
formalizzare   quegli   elementi   che  l'esprit   de   systèrne  dei   teorici
funzionalisti   e   cibernetici   ha   rimosso   o   esorcizzato,
ipostatizzandoli   in  una   nomenclatura   desunta  ex  negativo  dalla
sociologia   dell'ordine:   «razionalità   materiale»,   «mondi   vitali»,
«ambiente».   Uno   degli   scopi   che   questo   libro   si   prefigge   è,
appunto,   quello   di   dimostrare   come   gran   parte   della   scienza
politica  mainstream  e   della   sociologia   dei   «nuovi   movimenti»,
limitandosi   a   rovesciare   il   valore   posizionale   delle   coppie   di
razionalità formale/razionalità materiale, sistema/ambiente, ecc.,
non   faccia   che   aggiungere   un   ulteriore   capitolo   a   quei   modelli
superclassici del pensiero politico e sociale della modernità che ­
da Hobbes a Marx, da Durkheim a Parsons ­ hanno inquadrato il
discorso   politico   dentro   lo   schema   binario   ordine­conflitto
(Almond­Coliman 1960; Almond­Powell 1970; Easton 1953).
Prima di entrare nel merito di tale questione, resta tuttavia da
fare un'ulteriore precisazione preliminare  in merito  alla  parola­
chiave metapolitica. Lungi dal limitarsi a ricalcare la distinzione ­
del resto ben nota al discorso classico ­ tra "politico" e "statuale",
essa segnala che, oggi come ieri (ed in misura considerevolmente
maggiore),   la   legittimità   sia   delle   «categorie»,   sia   dell'operare
pratico, del politico dipende da nuclei simbolici e da costellazioni
semantiche che ne costituiscono i prerequisiti (metafisici, religiosi,
etici) e, in un certo senso, il luogo di pre­formazione normativa. In
questo senso l'espressione «metapolitica» chiama direttamente in
causa la categoria di secolarizzazione (Schrey 1981).
Dovendo, in questa sede, prescindere dall'accezione che questo
termine   è   venuto   assumendo   nel   dibattito   teologico­filoso­fico
(dove   non   coincide   affatto   né   con   la   «laicizzazione»   né   con   la
«desacralizzazione»),   la   assumeremo   secondo   la   definizione   ­
rigorosamente sociopolitologica ­ offertane da Gino Germani. La
nozione di secolarizzazione è definita da Germani ­ sulla base di
una ripresa e di uno sviluppo della impostazione webe­riana ­ in
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 68

riferimento  a  tre   princìpi  fondamentali:   1)  azione   elettiva  o  per


scelta (o principio della decisione individuale); 2) differenziazione
e specializzazione di ruoli, status e istituzioni; 3) legittimazione o
istituzionalizzazione del mutamento.  Una tale definizione reca in
sé   due   implicazioni.   La   prima   di   esse   investe   il   problema
dell'individuazione,  intendendo con questo termine il progressivo
emergere   dell'autodeterminazione   individuale   e   della   «coscienza
di   sé   stesso»:   questo   aspetto   comporta   un   particolare   modo
culturale ­ caratteristico dell'Occidente ­di stabilire quella linea di
demarcazione tra soggettività e oggettività e che è alla base (come
propone   Germani   sulla   scorta   dell'approccio   fenomenologico   di
Schùtz,   Berger   e   Luckmann)   della   costruzione   della   «realtà
sociale». La seconda implicazione riguarda il fatto che l'affermarsi
del principio elettivo (e con esso di un legame sociale che si fonda
in modo crescente su relazioni di ordine contrattuale piuttosto che
di ordine comunitario) lascia di per sé impregiudicata l'adozione
del   criterio   di   scelta,   che   può   essere   ­   stando   alla   celebre
distinzione   webe­riana   ­   di   tipo   razionale­strumentale   o   di   tipo
emozionale,   affettivo,   fideistico,   ecc.   Ciò   che   tuttavia   importa
sottolineare   è   che   i   tratti   distintivi   della   "secolarizzazione",
astrattamente   riassunti   nei   tre   principi   dell'elettività,   della
specializzazione   e   del   mutamento,   ­   benché   costituiscano   «il
risultato della confluenza nel tempo e nello spazio di una serie di
processi   di   lunga   durata   analiticamente   distinguibili   e   a   volte
concretamente o storicamente identificabili» ­ sono oggi «giunti ad
una   forma   estrema,   portando   alle   ultime   conseguenze   logiche
l'estensione   della   sfera   dell'agire   sociale   e   interindividuale»
(Germani 1980, 184­187).
A chi condivida, nelle sue linee generali, questa diagnosi non
sarà   difficile   comprendere   per   quale   ragione   la   considerazione
metapolitica appaia oggi la sola adeguata a far luce sulle difficoltà
e le strozzature dell'operare politico. Si potrebbe a questo punto
replicare che queste difficoltà e strozzature investono, appunto, la
forma di organizzazione politica fino ad ogni invalsa, e come tali
non intaccano la validità della tesi sui "nuovi movimenti", ma ne
costituiscono al contrario il saldo ancoraggio di partenza. Una tale
obiezione (con la relativa dichiarazione di autosufficienza teorica)
sarebbe tuttavia legittima se non intervenisse a turbare il quadro
un   ulteriore   elemento:   la   constatazione,   cioè,   che   le   vicende   ­
spesso   vere   e   proprie   parabole   conchiuse   ­   dei   movimenti
riproducono le stesse difficoltà e strozzature delle organizzazioni
politiche   tradizionali.   Non   si   può,   dunque,   che   sottoscrivere
quanto ha notato, a questo proposito, Rossana Rossanda: «Non mi
sembra più di grande interesse la crisi dei partiti, grandi e piccoli:
essa   è   indiscutibile,   quanto   lenta.   In   compenso,   è   molto
69 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

interessante la crisi dei movimenti, che è stata invece precipitosa
e non discussa affatto» (Rossanda 1983, 137). L'approfondimento
di   questo   aspetto   rappresenta,   senza   ombra   di   dubbio,   un   pas­
saggio   decisivo   dell'analisi.   Ma   come   può   esso   darsi   realmente
senza   uscir   fuori   dal   gioco   di   specchi   tra   politica­istituzione   e
politica­movimento ?
La   dinamica   di   secolarizzazione   stilizzata   da   Germani   sul
versante   sociologico   dei   processi   di   modernizzazione   ha   un   suo
preciso contrappunto anche nell'ambito della teoria politica. Nella
concezione funzionale della politica come dispositivo di risposta a
"problemi" sempre più pressanti che provengono dall'"ambiente"
si è definitivamente maturato il distacco non solo dalla concezione
classica della TTOXITIKT] KOLVCOVLCL ­ che postulava una unità "naturale"
di dominio politico e società nella polis (Riedel 1975) ­, ma anche
dall'idea moderna dello Stato­macchina: «Il legame fondamentale
tra   le   due   valenze   del   concetto   di   "politico"   è   quello   della
concezione  del   sistema   collettivo  di   conseguimento  dei   fini,   cioè
della tendenza di un sistema di azione a mutare la relazione tra il
sistema   stesso   e   certe   caratteristiche   del   suo   ambiente   in
direzione di una più piena soddisfazione delle necessità funzionali
del sistema, che grosso modo corrisponde alla perdita di "tensione"
tra il sistema e l'ambiente riguardo agli aspetti rilevanti. Il pieno
conseguimento   di   un   sistema   di   fini   costituirebbe   dunque   un
punto   di   equilibrio   in   cui   cesserebbero   le   tensioni   per   il   suo
raggiungimento» (Parsons 1969, 584).
È importante sottolineare quelli che a me paiono i tre momenti
salienti   di   questa   ridefinizione   parsonsiana   del   concetto   di
"politico"  (che   trapasseranno   pressoché   integralmente   nell'opera
di Luhmann).  In primo luogo,  la particolare accezione che viene
ad assumere il concetto di "ambiente", che ­ in quanto inclusivo
dei sistemi culturali cui gli individui fanno riferimento ­ rimanda
implicitamente   al   problema   della   secolarizzazione:   «noi
concepiamo   l'ambiente   di   un   sistema   sociale   come   comprensivo
non solo dell'ambiente fisico e degli altri sistemi sociali ­ come le
"nazioni" ­ ma anche degli organismi e delle personalità dei suoi
membri,   e   dei   sistemi   culturali   rilevanti».   In  secondo   luogo,  il
"comportamento"   strettamente   "reattivo"   ­   quasi   da   variabile
dipendente   ­   che   il   "politico",   come   sistema   collettivo   di
conseguimento   dei   fini,   viene   ad   assumere   rispetto   alle   spinte
secolarizzanti   dell'ambiente   (che   si   presenta   così   come   una
riformulazione   sostanziale   tanto   della   nozione   hobbesiana   di
"stato   di   natura",   quanto   di   quella   weberiana   di   "razionalità
materiale"): «Ne consegue che un problema di conseguimento dei
fini   per   il   sistema   sociale,   cioè,   nel   nostro   senso   analitico,   un
problema politico, può sorgere ogni qual volta si presenti questo
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 70

tipo di tensione nel sistema di relazioni ambientali, sia riguardo
alle varie parti del sistema, sia riguardo alle caratteristiche del
suo ambiente». In  terzo luogo,  la qualifica del "politico" non già
come   funzione   di   gruppi   o   agglomerato   di   individui,   ma   come
«sistema di azione» (Parsons 1969, 584­585). Quest'ultimo aspetto
ci conduce direttamente a un'ulteriore articolazione del discorso:
quella   relativa   all'opposizione   tra   teoria   del   sistema   e   teoria
dell'azione   come   antitesi   tuttora   costitutiva   del   discorso
sociologico intorno ai movimenti.

2. Attore e sistema: un'alternativa?

Prendiamo ad esempio un recente saggio di Alain Touraine, dal
titolo  ­  che,   nel   corso   della   lettura,   si   rivelerà   programmatico  ­
Une sociologie sans société (1981). Il saggio è significativo, in linea
generale,   in   quanto   rappresenta   al   tempo   stesso   una   sorta   di
bilancio ideale della ricerca svolta dall'autore nell'arco di oltre un
ventennio e una sua autointerpretazione e sistemazione teorica in
rapporto   ai   diversi   indirizzi   presenti   nel   campo   delle   scienze
sociali.   E  ­  rispetto   al   discorso   che  stiamo portando   avanti   ­  in
quanto   ci   esibisce   l'esatto   rovescio   dello   schema   interpretativo
delle   concezioni   funzionaliste   e   sistemiche   sui   problemi   sempre
più   acuti   posti   all'ordine   politico   dall'aumento   del   tasso   di
contingenza   "ambientale".   La   pressione   crescente   esercitata   da
quella dinamica del mutamento socioculturale che queste teorie
esorcizzano,   trasfigurandola   nel   concetto   di   "ambiente",   ha
portato   sul   piano   scientifico   alla   dissoluzione   dei   modelli
macrosociologici che hanno dominato fino agli anni '60 lo scenario
delle scienze sociali: quei modelli che ­ da Durkheim a Parsons ­
avevano fondato l'idea di società attraverso un "assemblaggio" dei
concetti   di  istituzione  e  di  evoluzione.  La   dissoluzione  di   questi
modelli e dell'idea di società che essi avevano costruito comporta
per   la   sociologia   una   drastica   perdita   di   oggetto   e,
conseguentemente, di identità. Il vuoto lasciato aperto da questa
perdita può essere colmato, secondo Touraine, solo facendo leva
sull'opposizione   tra   teoria   del   sistema   (che   domina   le  sociologie
ottocentesche, da Comte a Marx, e concepisce il fenomeno sociale
in termini di leggi e di meccanismi oggettivi da cui gli individui
sarebbero metadeter­minati e "vissuti") e teoria dell'azione (che, a
partire da Weber,  pone alla base del fenomeno sociale la logica
dell'agire): tra «sociologia delle istituzioni, vale a dire del sistema»
e «sociologia del cambiamento, vale a dire degli attori» (Touraine
71 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

1981, 7). A partire da questa opposizione ­ che viene di fatto ad
assumere un carattere assiomatico («tra Durkheim e Weber non
esiste quasi comunicazione alcuna») ­, Touraine propone una rico­
stituzione   dell'«unità   del   campo   sociologico»   a   partire   dai   tre
«concetti   principali»   di  azione,   rapporti   sociali  e  movimenti
sociali.  Si tratta, tuttavia, di una «sociologia senza società», che
non   postula   mai   un   sistema   o   un   ordine   stabilito,   ma   lo   vede
sempre come prodotto di un'azione e di un cambiamento costanti.
I movimenti sociali sono, appunto, gli attori collettivi che operano
questa «produzione della società», creando i rapporti sociali.
Cerchiamo   di   passare   rapidamente   al   vaglio   i   postulati   che
reggono l'argomentazione di Touraine.
Innanzitutto, l'antinomia perentoriamente dichiarata tra teoria
del sistema e teoria dell'azione. Se una tale contrapposizione può
essere ritenuta legittima in rapporto alle sociologie ottocentesche
(ma anche in questo caso essa andrebbe ulteriormente motivata e
problematizzata), appare invece difficilmente sostenibile rispetto
agli   sviluppi   del   pensiero   sociologico   del   nostro   secolo:   com'è
costruito, infatti, il concetto di sistema sociale in Parsons se non
come   un   derivato   e   uno   sviluppo   logico   della   teoria   weberiana
dell'azione? Derivazione e sviluppo che potranno essere ­ certo ­
contestati   nel   merito.   Ma   non   al   punto   da   eludere   il   problema
epistemologico costituito dal fatto che i paradigmi funzionalisti e
sistemici contemporanei non pongono più il problema dell'ordine a
partire da "leggi di movimento" che regolano il funzionamento del
"corpo   sociale",   bensì   a   partire   proprio   da   quel   problema   della
razionalità   dell'agire   che   Touraine   vorrebbe   diametralmente
contrapposto   al   "paesaggio   lunare"   raffigurato   dalla   teoria
parsonsiana. Il fatto che Parsons si sia occupato in misura molto
minore   di   Weber   degli   attori   collettivi   potrà   essere   pure
legittimamente imputato ­oltre che al più esiguo spessore storico
della  sua ricerca  ­ a  una  propensione  ideologica  soggettiva  (che
indubbiamente condiziona in modo pesante la sua reimpostazione
del «problema hobbesiano dell'ordine»). Ma non esclude affatto la
possibilità   di  un'analisi   "sistemica"   degli   stessi   movimenti,
condotta sulla base di un uso rigoroso dello strumentario offerto
dalla teoria dell'azione.
In secondo luogo, il postulato su cui si regge l'assegnazione del
primato all'azione collettiva dei movimenti. Non si tratta, a questo
riguardo, di rivolgere a Touraine una generica quanto inoffensiva
accusa   di   parzialità,   per   il   fatto   di   privilegiare   i   movimenti   a
discapito   delle   istituzioni,   il   mutamento   a   discapito   della
persistenza. Egli, infatti, non rinuncia a una prospettiva ­ in certo
qual   modo   ­  "sintetica"   (benché   si   tratti   di   una   sintesi   fatta   di
"intersecazioni"   piuttosto   che   di   sistematiche   costruite   con   il
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 72

criterio delle scatole cinesi). L'aporia del discorso di Touraine non
risiede   in   una   presunta,   o   genericamente   intesa,   parzialità   di
ottica, ma ­ propriamente ­ nel presupposto su cui si regge tutta la
sua   proposta   di   rifondazione   della   sociologia   come   conoscenza
delle logiche che regolano la produzione delle «situazioni sociali»:
il   postulato   "bergsoniano"   del   carattere  creativo  dell'agire
collettivo   del   movimento,   vera   e   propria   fonte   produttrice   dei
«rapporti sociali». La centralità che viene ad assumere la nozione
di "rapporti sociali" neli'impo­stazione del sociologo francese non
deve, dunque, trarre in inganno: questa centralità ­ che consegue
dal dissolvimento dell'idea di società ­ può darsi solo «a condizione
di  contrapporre  nella  maniera  più  esplicita  il nuovo concetto  di
rapporti sociali al vecchio concetto di relazione sociale» (Touraine
1981,   10).   La   frattura   epistemologica   che   intercorre   tra   queste
due nozioni è infatti la stessa che il sociologo francese istituisce
tra azione e sistema, mutamento e ordine. In quegli attori collet­
tivi   per   antonomasia   che   sono   i   movimenti   s'incarna   non   solo
un'attività   trasformatrice,   ma   più   precisamente   un'«azione
creatrice». Il loro agire non è dell'ordine della npà£is ma piuttosto
dell'ordine della JTOÌT\GIS.
Touraine non sembra avvedersi delle implicazioni racchiuse in
queste   premesse   assiomatiche:   proprio   la   sottolineatura
dell'aspetto "autopoietico" dei movimenti sociali chiama in causa
la necessità di una loro analisi in chiave simbolica e sistemica; per
cui, anche una volta ammesso (e  non concesso)  questo carattere
naturaliter creativo dell'azione collettiva, non vi è ragione alcuna
per escludere un'analisi simbolica del funzionamento delle stesse
strutture   codificate   della   società.   Detto   in   breve,   l'analisi
sistemica   acquista   valore   solo   quando   viene   assunta   nel   suo
caratteristico   intreccio   con   l'analisi   simbolica:   di   conseguenza,
come   può   darsi   la   possibilità   di   analizzare   un   movimento
collettivo in termini di "sistema", così può darsi ­per converso ­ la
possibilità   di   analizzare   il   sistema   sociale   in   chiave   simbolica,
come   movimento   circolare   e   flusso   «autopoietico»
(Maturana/Varela,   1980).   Per   il   binomio   movimento­istituzione,
vale   pertanto   quanto   sostenuto   di   recente   da   Luh­mann   a
proposito   della   falsa   antinomia   di   ordine   e   conflitto:   «[...]   una
controversia impostata in modo errato, che ha tentato di servirsi
della   teoria   del   conflitto   o   anche   della   teoria   dei   giochi   per
contrapporle   alla   teoria   dei   sistemi,   ha   fallito   in   pieno   i   suoi
intenti. Ciò vale in modo particolare quando i teorici del conflitto
rimproverano   ai   teorici   dei   sistemi   di   dare   troppo   peso
all'integrazione, o addirittura alla coercizione. Proprio  i conflitti
sono   sistemi   sociali   estremamente   integrati,  dal   comportamento
quasi   coercitivo.   [...]  Quando   i   teorici   del   conflitto  attribuiscono
73 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

questo   aspetto   di   eccessiva   integrazione   a   coloro   che   ritengono


loro avversari, perdono in tal modo l'occasione per
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 74

afferrare   proprio   il   tema   al   quale   sono   interessati»   (Luhmann


1982, 12).
L'impossibilità  di assiomatizzare in antitesi le coppie ordine­
conflitto e istituzioni­movimenti chiama ora in causa l'illegittimità
di un'altra antinomia che percorre il dibattito delle scienze sociali
contemporanee: quella tra agire strumentale (o strategico) e agire
comunicativo.

3. Strategia e comunicazione

Riguardo all'insostenibilità  (e  sterilità  pratico­analitica)  della


contrapposizione   tra   razionalità   strategica   e   razionalità   comu­
nicativa ­ sostenuta da autori come Habermas e Apel ­ abbiamo
poco   da   aggiungere   a   quanto  a   suo   tempo   già   osservato   da   noi
stessi e da altri (Marramao 1982; Rusconi 1986).
Un'operazione siffatta è resa possibile solo grazie a un indebito
scambio   di   piani:   per   cui   quelle   che   «avrebbero   dovuto   essere
distinzioni   analitiche   (astrazioni   dell'osservatore)   assurgono   a
segni di "ambiti vitali" separati, collocati su una scala di valori
differenziati» (Rusconi 1982, 10). La netta linea di demarcazione
che   viene  così   tracciata   tra   «agire  orientato  al  successo»   e  «atti
dell'intendersi»   (Habermas   1981,   185)   tradisce   una   sotterranea
parentela   con   «l'approccio   che   enfatizza   i   tratti   solidaristici   dei
movimenti collettivi al punto da farne la sostanza della loro stessa
identità». In questo modo, i «tratti strumentali, utilitaristici, egoi­
stici   dell'agire   dei   movimenti   collettivi   vengono   teoricamente
elusi, quando non attribuiti ­ ingenuamente ­ agli avversari». In
una   tale   contrapposizione   viene   meno   non  solo   la   possibilità   di
leggere l'inestricabile intreccio di razionalità­rispetto­allo­scopo e
di razionalità comunicativa ­ di gerarchia strumentale e di soli­
darismo ­ presente nei processi di costituzione delle identità col­
lettive. Ma anche la possibilità di cogliere i tratti specifici della
razionalità  politica,  che  non  si   lascia   iscrivere   in  nessuna  delle
due forme di agire isolatamente presa (Rusconi 1982, 10­11).
Seguendo   una   trama   argomentativa   strettamente   affine   alla
nostra   ­   quantunque   orientata   da   finalità   tematiche   diverse
­Rusconi ha opportunamente ripreso e valorizzato i contributi sul
concetto   di   agire   strategico   prodotti   da   Thomas   Schelling   dagli
anni   '60   a   oggi.   L'obiettivo   perseguito   da   Rusconi   era   tuttavia
prettamente   sociologico   (o   più   precisamente:   di   critica   ai
paradigmi   dominanti   in   sociologia):   mostrare   l'unilateralità   dei
modelli costruiti sulle nozioni di razionalità strumentale (e le sue
75 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

varianti   utilitaristiche)   e   di   razionalità   comunicativa   (la   con­


cezione   habermasiana   del   "discorso").   Il   nostro   scopo   consiste
viceversa nel segnalare come la nozione di agire strategico investa
un nucleo problematico di ordine propriamente metapoìi­tico: non
tanto lo spazio politico come tale, dunque, ma piuttosto la vasta
gamma   delle   condizioni   logiche,   sistemiche   e   simboliche   che
concorrono a determinare la razionalità politica. Per dare un'idea
dell'intreccio   di   aspetti   "comunicativi"   e   "strumentali",
"cooperativi"   e   "conflittuali",   presente   in   modo   costitutivo
nell'ambito dell'agire strategico, ci limiteremo ad alcune rapide e
succinte considerazioni.
L'analisi   impostata   dal   pensiero   americano   di   questo   dopo­
guerra   intorno   alla   logica   dell'azione   strategica   ha   come   suo
dichiarato punto di partenza il classico per eccellenza del pensiero
strategico continentale: il Vom Kriege di Clausewitz. Rispetto alla
"grammatica", su cui si fondava il modello clausewitziano, esso si
presenta tuttavia come un tentativo di ulteriore formalizzazione e
tecnicizzazione.   Il   segno   di   questa   razionalizzazione­
convenzionalizzazione   è   rappresentato   da   una   categoria   chiave:
quella   di  dissuasione.  Essa   appare   come   equipollente   alla   cate­
goria   della   forza,   che   fondava   l'impalcatura   della   polemologia
"classica": la minaccia del ricorso alla forza assume rilevanza ­e
viene,   conseguentemente,   "misurata"   ­   in   rapporto   al   potere   di
dissuasione   che   essa   detiene   sull'avversario.   Per   questa   via   la
nozione   di   "contrattazione"   entra   costitutivamente   a   far   parte
della logica dell'azione strategica: il bargaining si situa al crocevia
tra paradigma competitivo e paradigma cooperativo. Ciò significa
però   anche   che   la   sua   efficacia   "razionalizzante"   rispetto   al
conflitto è tutta consegnata a questo suo carattere di passaggio­
limite.   Per   questa   stessa   ragione,   la   condotta   strategica   è   irri­
ducibilmente  risky behavior:  condotta "arrischiata" in cui "razio­
nalità" e "irrazionalità" sono non solo indistinte di fatto, ma indi­
scernibili di diritto. Di più: essa è un comportamento  hazardous
che ­ non potendo più gli avversari verificare le intenzioni con le
azioni, gli scopi con le pratiche strategiche ­ vanifica in partenza
ogni   possibilità   di   calcolo   utilitaristicamente   inteso:   «Non   vi   è
nessuna garanzia che i termini del conflitto riflettano l'aritmetica
della violenza potenziale»; non vi è «la semplice mate­
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 76

matica della contrattazione che assegnerebbe ai due campi quello
che   ciascuno   può   razionalmente,   in   modo   tale   che   essi   non
abbiano che da prendere atto insieme di questa soluzione logica»
(Schelling  1960,   107  e  134).  La  compiuta  razionalizzazione  pre­
sente in questa "violenza diplomatizzata", che  è però anche una
"diplomazia   della  violenza",  sta   nel  fatto  che gli  attori  non  agi­
scono più soltanto mediante ma per  il calcolo politico che li orga­
nizza:   il   quale   finisce   così   per   determinare   non   solo   lo   scopo
(Zweck) ma anche il fine (Ziel) dell'azione strategica.
Il   meccanismo   simbolico   della   dissuasione   latente   in   questa
"solidarietà   competitiva"   potrebbe,   già   di   per   sé,   spingere   ad
avanzare l'ipotesi della rilevanza sistemica del concetto di agire
strategico: del suo potenziale carattere di strumento ermeneutico
in   grado   di   dar   conto   del   funzionamento   dei   sistemi   complessi
contemporanei; delle peculiari interrelazioni che ivi si stabiliscono
tra   gli   "attori   collettivi"   (concetto   che,   in   un'accezione   rigorosa,
dovrebbe  indicare  non  solo  i  movimenti  ma   anche   i  partiti   e  le
istituzioni);   dell'intreccio   inestricabile   di   aspetti   cooperativi   e
conflittuali,   comunicativi   e   strumentali,   da   cui   la   loro   azione   è
costituita.
Abbiamo   così   considerato   un   tipico   caso   in   cui   la   rilevanza
sistemica   procede   di   pari   passo   con   la   rilevanza   simbolica.   E
abbiamo visto come questa combinazione sia tale da sottoporre a
tensione   le   pretese   euristiche   del   paradigma   utilitaristico.
Vedremo adesso come questo aspetto si evidenzi ulteriormente in
rapporto a un'altra questione squisitamente metapolitica: quella
dell'identità (e dell'identificazione).

4. L'altro lato dello specchio

Il paradigma neoutilitarista in politica ­ che si autointer­preta
come   «teoria   economica   della   democrazia»   ­   implica,   secondo   la
classica   definizione   di   Downs,   che   «se   un   osservatore   teorico
conosce   i   fini   di   un   attore,   può   predire   le   azioni   che   verranno
condotte per conseguirli nel modo seguente: 1) calcolando la via
più ragionevole che ha quell'attore per il conseguimento di quei
fini,   e   2)   assumendo   che   quella   via   verrà   effettivamente   scelta
perché quell'attore è razionale» (Downs 1957, 4). In un importante
saggio,   Alessandro   Pizzorno   ha   sottoposto   questa   teoria   a   una
critica serrata e rigorosa, che si rivela tanto più efficace, in quanto
si   discosta   dalle   facili   ritorsioni   ideologiche   (come,   ad   esempio,
quelle   che   si   limitano   a   riprendere   la   critica   marxiana   alle
77 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

"robinsonate",   proprie   delle  concezioni   che  assumono  l'individuo


come   isolato   dalla   società).   L'argomentazione   di   Pizzorno   si
compone di  tre tesi  fondamentali:  1)  il  concetto di  utilità  di un
bene   implica   «il   riconoscimento   intersoggettivo   dei   valori   che   a
quell'utilità   conducono»:   per   cui   ne   consegue   che   «i   processi   di
soddisfazione   dei   bisogni   variano   secondo   le   diverse   identità
collettive che li sostengono (che li riconoscono)»; 2) dal momento
che il calcolo individuale degli effetti di una determinata azione è
possibile   solo   nel   breve   periodo   (solo   se   i   costi   e   i   benefici
dell'azione sono molto vicini nel tempo), è grazie all'identificazione
collettiva (che conferisce stabilità e persistenza nel tempo all'iden­
tità dell'individuo) che si dà la possibilità di un calcolo razionale
degli interessi  di lungo periodo; 3) per spiegare l'azione politica
occorre   sostituire   a   una   «logica   dell'utilità»   una   «logica
dell'identificazione» (Pizzorno 1983, 38­39).
Ciò  che   le   teorie   neoutilitaristiche   non  riescono   a   spiegare   è,
dunque,   proprio   la   dimensione   della   politica   come   spazio   costi­
tutivo di «collettività identificanti», che si avvale delle componenti
simboliche   della  solidarietà,  della  ritualità  (intesa   come
rafforzamento   della   solidarietà   nei   momenti   di   incertezza   o   di
disaffezione) e della teatralità,  intesa come uso spettacolare della
ritualità (Pizzorno 1983, 16­19).
Non  si   può  non  riconoscere   l'importanza   delle  considerazioni
svolte da Pizzorno. Esse ci paiono tuttavia condizionate ­ al di là
della   critica   alle   teorie   neoutilitariste   ­   da   un   insufficiente
approfondimento   dell'aspetto   simbolico   del   problema:   insuffi­
cienza   che   rimanda,   più   in   generale,   a   un   limite   dell'approccio
puramente   sociologico   al   tema   dell'identità   (il   cui   nocciolo   duro
può   essere   isolato   solo   attraverso   una   considerazione   di   ordine
filosofico e antropologico). È impossibile, in altri termini, risolvere
il   problema   dell'identità   e   dell'identificazione   nella   nozione   di
intersoggettività sociologicamente intesa.  Su questo aspetto mette
conto   soffermarsi,   sia   pure   rapidamente:   dal   momento  che   esso
contiene   implicazioni   di   rilievo   per   un'analisi   combinata   tra
simbolismo degli attori e simbolismo delle strutture.
Alle   spalle   dello   scambio   sociale   opera   sempre   un   grumo   di
presocializzazione   in   cui   le   virtualità   "socializzanti"   dell'inter­
soggettività si trovano ancora allo stato di condensazione: devono,
cioè,   ancora   sciogliersi   in   una   dinamica   interattiva   tra   soggetti
attivi­passivi della comunicazione sociale. Vi è dunque sempre un
livello pre­sociale e pre­comunicativo in cui si stabilisce un codice
simbolico che è bensì vissuto, ma non ancora agito dagli individui.
Naturalmente,   è   impossibile   operare   una   netta   distinzione   tra
intersoggettività condensata e intersoggettività fluida, interna e
esterna alle motivazioni dell'agire individuale: è, in ogni caso, dal
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 78

loro   intreccio   che  si   costituisce   il   complesso  di   scambi  simbolici


che   solitamente   indichiamo   con   il   termine   di   "sociale".   Sarebbe
perciò riduttivo  pretendere  di spiegare l'intero fenomeno sociale
nella chiave proposta dalla «teoria volontaristica dell'azione». Ciò
comporterebbe infatti, dietro l'alibi della critica al determinismo,
un letterale azzeramento del tratto più profondo del pensiero di
Marx   e   di   Freud:   vale   a   dire   l'idea   che   ­   accanto   all'elemento
intersoggettivo­linguistico   ­   è   componente   insopprimibile   della
società   e   del   suo   funzionamento   un   elemento   opaco,
metaindividuale, metadiscorsivo e extralinguistico che opera come
condensato simbolico "alle spalle" della coscienza.
Si elude dunque il nocciolo duro dell'identità se la si riduce a
una mera faccenda intersoggettiva. Ciò vale, analogamente, anche
per i processi identificanti. Basti soltanto pensare alla differenza
che intercorre tra l'identificazione per alterità (in cui, in virtù di
un decentramento, ci si identifica con un  alter  intersoggettivo) e
l'identificazione  per   messa   in  scena   o  identificazione  costitutiva
(quella che Nietzsche chiama l'identificazione del non­identico). Si
tratta di forme complementari, che operano in modo intrecciato, la
cui   differenza   è   stata   opportunamente   paragonata   a   quella   tra
ontogenesi   e   filogenesi   (Genovese   1983).   Del   resto,   lo   stesso
elemento   scenico   che   cristallizza   i   rapporti   sociali   in   ruoli   non
presuppone forse l'operare di "fissità", di "coazioni a ripetere", di
"postulati della riproduzione", spiegabili soltanto in riferimento a
una zona opaca retrostante la dimensione della intersoggettività
come coscienza?

5. Società polimorfa, o della sovranità introvabile

Veniamo  così  all'ultimo  passaggio  di  questa  nostra   rapida  (e


rapsodica)   panoramica   circolare   dei   paradigmi   a   confronto   sul
tema   della   politica   e   della   sua   crisi.   Se   non   vi   è   dubbio   che   il
reticolo delle  interrelazioni  simboliche  del  conflitto  si  trova  oggi
teoricamente   stilizzato   negli   sviluppi   più   recenti   dell'approccio
sistemico   luhmanniano,   è   tuttavia   altrettanto   indubbio   che
l'enfasi   posta   sulla   crescente   pressione   dei   problemi   e   delle
domande conflittuali provenienti dall'ambiente e sulla modifica e
alterazione dei meccanismi retroattivi che di qui si produce non
milita   certo   a   favore   di   un   modello   espansivo   della   politica
(Pasquino   1985;   Barcellona   1988).   Da   questo   punto   di   vista   lo
svolgimento del  discorso  di  Luhmann sul  conflitto  si  pone  esat­
tamente  agli  antipodi   di  quello  di  Julien Freund  (la  cui   analisi
aveva pur offerto al teorico dei sistemi non pochi addentellati di
79 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

partenza: basti solo pensare all'idea di conflitto come cessazione di
uno stato di crisi e incertezza soggettiva, in quanto stabilizzazione
delle aspettative attraverso l'individuazione del "nemico"). Mentre
gli ultimi sviluppi della ricerca di Freund tendono a portare alle
estreme conseguenze la distinzione tra "politico" e "statuale", nel
senso   di   una  politique   éclatée,  vale   a   dire   di   una   tendenziale
coincidenza   tra   conflitto   diffuso   e   generalizzazione   di
comportamenti improntati alla logica strategica dell'amico/nemico
(Freund 1983), la traiettoria d'indagine luh­manniana propone un
modello   restrittivo   della   politica   proprio   nel   momento   in   cui   si
evolve   teoricamente   nel   senso   della   recezione   del   tema   della
instabilità  e   del   conseguente   distacco   dal   paradigma
dell'equilibrio come fondamento della stabilità dell'ordine: l'ordine
appare sempre più come prodotto di un'instabilità permanente.
Vediamo ora più da vicino come si presentano questi due corni
del   discorso.   È   singolare,   intanto,   notare   come   un   teorico   dei
sistemi quale è Luhmann enfatizzi il carattere acentrato di una
società   complessa   che   ­   nel   corso   del   suo   processo   di   seco­
larizzazione ­ ha visto dissolversi tutte le tradizionali impalcature
gerarchiche,   in   modo   non   dissimile   dai   contemporanei   sociologi
dei  movimenti  e  dell'azione  collettiva:  la società  odierna  è «una
società  senza   vertice   e   senza   centro.  La   società   non   è   più
rappresentata   nella   società   da   un   proprio,   per   così   dire
genuinamente   sociale,   sottosistema.   Nella   storia   dei   sistemi
sociali   del   vecchio   mondo   era   proprio   questa   la   funzione   della
nobiltà: essere le  maiores partes.  L'etica della nobiltà ne teneva
conto,   e   religione   e   politica   [...]   concorrevano   al   primato
dell'ordinamento sociale. La società era considerata come societas
civilis  e come  corpus Chris ti.  Le condizioni strutturali di questo
rappresentarsi   di   tutto   nel   tutto   risiedono,   tuttavia,   in   una
differenziazione   sistemica   stratificata   gerarchicamente   e   sono
scomparse   con   questa.   La   società   moderna   è   un   sistema   senza
portavoce   e   senza   rappresentanza   interna.   Proprio   per   questo   i
suoi valori di base diventano ideologie. Invano si cerca all'interno
dei sistemi funzionali della società un a priori, e persino invano si
annuncia il tramonto della cultura e la crisi di legittimazione. Si
tratta   di   un   fenomeno   strutturalmente   condizionato   dalle
condizioni   della   complessità   e   dalla   di   volta   in   volta
funzionalmente   specifica   capacità   di   prestazione   della   moderna
società» (Luhmann 1981, 55). Una parte consistente della teoria
politica   otto­novecentesca   ha   tentato,   da   versanti   filosofici   e
politici molto diversi ­ da Hegel a Treitschke, da Leo Strauss a
Hannah   Arendt   ­,   di   opporsi   ideologicamente   a   questa   linea   di
tendenza   e   di   ripristinare   lo   Stato   e   la   politica   come   centri   di
controllo,   eticamente   responsabilizzati,   della   società.   Contro
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 80

l'illusione ­ coltivata dalla "filosofia della polis" e dalla tendenza
alla   "riabilitazione   della   filosofia   pratica"   ­   di   un   ritorno   al
concetto greco, platonico e aristotelico, di politica, la questione di
fondo   di   un   orientamento   teorico­politico   che   voglia   essere   al
passo con le trasformazioni in atto è «se si possa tollerare l'idea di
una società senza centro e proprio in ciò vedere le condizioni per
una politica capace di democrazia» (Luhmann 1981, 56).
L'altro lato del discorso di Luhmann investe l'oggetto, non solo
diagnostico ma anche propositivo, della forma politica adeguata a
risolvere i problemi posti dall'impasse in cui si è venuto a trovare
lo   "Stato   del   benessere".   La   proposta   di   una   politica   intesa   in
senso   non   più   espansivo   ma   restrittivo   dipende   direttamente
dall'analisi storico­sistemica del Welfare State. Lo Stato sociale ­
producendo un'inclusione della popolazione nel circolo dispositivo
della   politica   ­   ha   prodotto   un'alterazione   profonda   del
meccanismo   di   differenziazione   funzionale:   non   si   può   infatti
«centrare sulla politica una società funzionalmente differenziata
senza distruggerla» (Luhmann 1981, 56). Erede dell'ideologia del
connubio salvifico tra Stato e progresso, il Welfare ha identificato
la realizzazione della democrazia con «la fine della limitazione ai
compiti dello Stato». Ne è così derivato un processo di «inclusione
sempre   crescente   dei   bisogni   e   degli   interessi   della   popolazione
nell'ambito   dei   possibili   temi   politici».   Ciò   ha   finito   per   far
convergere   sulla   politica   tutta   una   serie   di   pretese   sollecitate
dall'iniziativa   dello   Stato,   ma   che   ­   in   una   società   complessa   e
altamente   differenziata   ­   non   possono   essere   interamente
soddisfatte   in   sede   politica.   Lo  "Stato   del   benessere"   non  è   per
Luhmann in grado di far fronte al sovraccarico del sistema politico
determinato   dall'inflazione   delle   pretese   in   quanto   esso,   a
differenza   dello   Stato   di   diritto,   non   è   che   un   assemblaggio   di
pratiche   "intervenzioniste"   che   si   sommano   cumulativamente
senza   alcun  criterio  di   formalizzazione  costituzionale.   Proprio   a
causa   del   suo   carattere   di   Costituzione   materiale   (non
formalizzabile, del resto, senza produrre pericolose alterazioni del
sistema   della   differenziazione   funzionale:   "Stato  sociale'  non   è
forse un ossimoro?) il Welfare State può operare solo attraverso
nix   feedback  positivo,   mai   attraverso   un  feedback  negativo.   In
altri   termini:   esso   produce   complessità   senza   al   tempo   stesso
essere in grado di predisporre filtri selettivi atti a "ridurla" o a
controllarla. La soluzione della crisi che così si viene a prospettare
può   darsi,   si   diceva,   per   Luhmann   solo   se   si   rompe
definitivamente con la «concezione politica espansiva» che sta alla
base dell'ideologia «veteroeuropea» dello Stato­del­benessere, per
la   quale   «la   politica   sarebbe   l'ultimo   destinatario   di   tutti   i
problemi   che   restano   irrisolti,   sarebbe   una   sorta   di   vertice
81 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

gerarchico,   sarebbe   l'ultima   istanza».   Ad   essa   dovrà   subentrare


una «concezione politica restrittiva»: la sola adeguata all'attuale
stadio   dell'evoluzione   sociale,   proprio   in   quanto   in   grado   di
delimitare rigorosamente lo spazio specifico che la  politica  deve
occupare   come   «una   determinata   funzione   tra   molte   altre»
(Luhmann 1981, 181­82).
Si   potrà   anche,   e   del   tutto   legittimamente,   scorgere   negli
argomenti   usati   da   Luhmann   una   tipica   torsione   diagnostico­
terapeutica della letteratura neoconservatrice di questi anni. Quel
che   tuttavia   importa   è   la   pertinenza   del   piano   analitico   e
descrittivo su cui il suo ragionamento si regge e che, non a caso, si
incontra con altre analisi della crisi del Welfare come effetto di un
«ingorgo» (Nora/Mine 1978, 125) determinato dalla proliferazione
delle   pratiche   negoziali.   È   significativo,   ad   esempio,   come
dall'indagine   svolta   da   autori   fra   loro   molto   distanti   come
Luhmann,   Pizzorno   e   Offe   risulti   una   convergenza   proprio
nell'individuazione   della  impasse  politica   attuale   nell'inflazione
delle pressioni neocorporative. Il che non toglie, evidentemente, la
presenza di vistose differenze proprio riguardo all'interpretazione
generale   del   Welfare   State:   per   Luhmann   si   tratta,   come   si   è
visto,   di   un   ideologia   influente,   che   si   è   incarnata   in   pratiche
effettive,   ancorché   "perverse";   per   Pizzorno   esso   rappresenta
invece sì un'ideologia, ma sostanzialmente ininfluente sulla prassi
effettivamente   svolta   dallo   Stato,   pragmaticamente   orientata
sulle variabili del conflitto sociale; per Offe, viceversa, la categoria
possiede una sua validità anche in sede teorica, e sta ad indicare
il   luogo   di   origine   di   una   serie   di   soggetti,   conflitti   e
comportamenti   collettivi   che   si   vengono   sempre   più   carat­
terizzando per una propensione di tipo post­materialistico o post­
acquisitivo.
Non   meno   significativa   è,   d'altronde,   la   convergenza   che   si
riscontra   in   una   fascia   di   posizioni   sempre   più   vasta   sul   tema
relativo   alla   difficoltà   di   reperire,   nelle   democrazie   industriali
contemporanee,   un   indiscutibile   centro   decisionale   o   vertice
sovrano. Il Welfare State esibirebbe così, nella fase della sua crisi,
due   figure   dissolutive:   l'entropia   del   Panopticon   e   quella   del
Leviatano. Alla affermazione luhmanniana, per cui «non c'è alcun
luogo   privilegiato   (cioè   una   centrale  onnisciente)   da   cui   l'intero
sistema,   compreso   lo   stesso   sistema   centrale,   possa   essere
scrutato»   (Luhmann   1981,   81),   fa   eco   la   conclusione   a   cui
pervengono Simon Nora e Alain Mine nel loro celebre rapporto su
L'informatisation de la société: «La volontà dello Stato non è una
ma   molteplice,   è   cioè   un   insieme   di   volontà   il   più   delle   volte
incoerenti,  espresse  dalle cellule  amministrative di  base.  Il loro
condizionamento comporta una serie infinita di mediazioni che si
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 82

elidono fra di loro, si sovrappongono e si trovano infine di fronte a
un detentore ultimo di potere che o decide in maniera arbitraria a
costo di schiacciare gli altri o rischia il soffocamento per ingorgo»
(Nora­Mine   1975,   125).   Le   difficoltà   di   usare   il   paradigma
sistemico   di   Luhmann   per   un   rilancio   delle   idee   di
Programmazione e di Riforma ­ come ha tentato di fare, per altro
egregiamente, Giorgio Ruffolo (1980) ­ risiedono nella semplice ma
fondamentale   circostanza   che   quell'approccio   non   comporta
soltanto   un   "disincantamento"   dell'idea   di   rivoluzione,   ma   della
stessa   idea   di   riforma   come   figura   sintetica   del   cambiamento.
Sotto   questo   profilo,   la   rigorosa   delimitazione   luhmanniana
dell'ambito   del   "politico"   non   si   discosta   molto   dalle   posizioni
sostenute   dai   teorici   dei   movimenti   sociali:   «un   sistema   sociale
non è mai sovrano. È situato in una società, dunque non in una
unità politica, ma in un sistema di produzione, di forze e rapporti
sociali [...]; lo Stato non appare più come il campo dei principi, dei
discorsi e del bene comune, e diviene soprattutto [...] il luogo di
negoziati tra forze sociali» (Touraine 1974, 102­103).
Se   una   differenza   va   individuata   tra   l'odierno   approccio
"movimentista" e quello "sistemico" (tra teoria dell'azione e teoria
del   sistema)   ­   quali   appaiono   emblematicamente   rappresentati
dalle  attuali   posizioni   di   Touraine  e  di   Luhmann  ­  essa   non   è,
dunque, da ricercare nel concetto e nello spazio della politica. A
questo   riguardo,   anzi,   i   due   approcci   convergono   perfettamente
nella   descrizione   di   un   sistema   ormai   incomprensibile   «con   le
vecchie teorie della tradizione politica orientate al dominio»: e che,
soprattutto, «non può essere più sufficientemente criticato tramite
esse» (Luhmann 1981, 77). La differenza risiede, piuttosto, in una
diversa   «assunzione   di   valore»,   che   si   traduce   nell'opposta
accentuazione dell'istituzione e del movimento: della "persistenza"
e del "cambiamento". Ma, in questo caso, l'opposizione finisce per
dar luogo a un gioco di specchi. Se, infatti, il discorso di Touraine ­
ad   onta   di   tutte   le   avvertenze   a   non   scollare   la   dinamica   dei
movimenti  dai sistemi  di  rapporti  sociali  che essi  "producono"   ­
tradisce pressoché costantemente una propensione a contrapporre
la   "vita"   alle   "forme",   il   costituente   al   costituito,   Gurvitch   a
Parsons,   il   discorso   di   Luhmann   appare,   dal   canto   suo,
irriducibilmente   restio   a   qualsivoglia   tentativo   di   trattare   i
problemi   dell'"ambiente"   se   non   definendoli  ex   negativo  per
rapporto   alle   questioni   che   essi   pongono   al   "sistema".   La
specularità   delle   premesse   si   replica   puntualmente   anche   sul
versante delle conseguenze di queste opposte "propensioni": da un
lato, la prospettiva teorica di Touraine si preclude la possibilità di
analizzare   quelle   "reiterabilità",   quelle   "coazioni   a   ripetere"
proprie dell'intersoggettività condensata, che ­ nella loro qualità
83 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

di strutture simboliche, prima ancora che di istituzioni e ordina­
menti coattivi\esteriori ­ operano come componente costitutiva (e
non   già   come   pera   figura   degenerativa)   all'interno   degli   stessi
"movimenti";  dall'altro,  la   prospettiva   di   Luhmann   si   ostina
assiomaticamente ad escludere la possibilità di un'analisi "siste­
mica"   dei   fattori   di   mutamento   neutralizzati   nella   nozione   di
ambiente, anche nel momento in cui è costretta a riconoscere che
«l'ambiente   comincia   a   diventare   fattore   centrale   del   futuro»
(Luhmann 1981, 56).
L'esigenza   di   un'analisi   degli   sconvolgimenti   intervenuti
nell'ultimo   periodo   nelle   strutture   simboliche   della   complessità
"ambientale" nasce dal fatto che, a partire dagli anni '70, hanno
imboccato   una   rotta   di   collisione   due   diversi   ordini   critici   del
mutamento:   la   crisi   generata   dall'incremento   cumulativo   dei
processi di differenziazione funzionale e quella risultante dal fatto
che le politiche espansive di sviluppo e di modernizzazione sono
venute   rapidamente   approssimandosi   a   una   soglia   critica.   Tra
questi   due   aspetti   tende   ora   a   stabilirsi   lo   stesso   legame   di
reciprocità   che   intercorre   tra   complessità   e   semplificazione.
Bloccata   dal   postulato   apodittico   del   carattere   meramente
quantitativo­incrementale della complessità, la teoria sociologica
dei sistemi non tiene adeguatamente in conto che la complessità
ha sempre un valore relativo e, di conseguenza, esprime sempre
una certa "qualità" della relazione che essa instaura: non soltanto,
dunque,   quello   che   per   un   verso   si   presenta   come   processo   di
complessificazione  dovrà   necessariamente   apparire   per   un   altro
come   processo   di   semplificazione   (una   complessità   come   valore
assoluto non  ha,   evidentemente,   senso  e  coincide  perfettamente
con   la   semplicità   assoluta);   ma   entrambi   questi   aspetti   devono
assumere una caratterizzazione qualitativa precisa. È, pertanto,
ipotizzabile   che   il   processo   "complessificante"   della
differenziazione   funzionale   trovi   oggi   il   suo   risvolto
"semplificante" proprio nel fatto che esso favorisce (attraverso il
generalizzarsi   dell'informazione   e   della   comunicazione)   il
costituirsi di una soglia di resistenza critico­culturale al modello e
alla prassi dominante dell'industrialismo.
Quest'aspetto   comporta   delle   conseguenze   decisive   per
T'ambiente" e per le prospettive di un'analisi delle trasformazioni
intervenute   nella   sua   struttura   simbolica   (che   è   poi   quella   che
aveva   trovato   la   propria   sistemazione  weltanschaulich,
"ideologica",   nel   concetto   di   Modernità):   analisi   che   ­   come   ho
tentato di argomentare in altra sede (Marramao 1983) ­dovrebbe
percorrere   una   duplice   traiettoria,   affrontando   sia   il   tema   dei
social   limits   to   growth  (Hirsch   1976),   sia   quello   dell'inversione
intervenuta   oggi   nel   rapporto   tra   «spazio   di   esperienza»   e
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 84

«orizzonte   di   aspettativa»   (Koselleck   1979).   Tale   inversione


acquista intanto un significato simbolico decisivo, in quanto muta
radicalmente   la   funzione   svolta,   nell'era   dell'espansione,   dalla
prospezione futurologica

È   da   questo   ambito  metapolitico  che   dipende   oggi   la   prati­


cabilità delle singole  politiche:  sia a livello del "governo" che sul
terreno della "società" e dei "movimenti". Su questo scoglio sono
naufragate,   infatti,   le   politiche   di   pluralismo   "centrato"   ­
fondamentalmente operaio­industrialiste e arroccate attorno a un
idea   di   Stato   come   istanza   di   Programmazione   centrale   ­   delle
socialdemocrazie. E se è vero che la linea neoconservatrice ­ che
adotta simultaneamente una spregiudicata politica del  bricolage
modernizzante   sul   piano   sociale   e   una   politica   di   tagli   "senza
prospettiva"   sul   piano   statuale   ­   risponde   solo   in   termini   di
riduzione   quantitativa   all'attualizzarsi   di   una   soglia   critica
socioculturale   (prima   ancora   che   di   risorse   materiali)   che   ha
inesorabilmente eroso le basi di legittimazione del Welfare, non è
meno vero che la sinistra reagisce alle difficoltà poste dalla nuova
situazione esasperando nevroticamente una terminologia che ha
ormai definitivamente perduto il proprio oggetto.
Solo  una   chiara   e   disincantata   consapevolezza   che   la   crisi   è
ormai alle nostre spalle ­ e che noi viviamo già non solo la fase
iniziale   del  dopo­crisi  (Mine   1982)   ma   anche   quella,   ben   altri­
menti   "decisiva",  dell'oltrestato  ­   potrebbe   costituire   un   valido
punto di partenza per una nuova teoria e una nuova politica. Ma
ciò presuppone, per l'appunto, una diagnosi metapolitica e siste­
mica   dei   meccanismi   simbolici   che   guidano   il   funzionamento
dell'assetto  sociale  che  si   viene  profilando:   un  assetto  polimorfo
che, da un lato, si caratterizza ­ in virtù della nuova rivoluzione
tecnologica   ­   per   una   crescente   identificazione   di   problemi   eco­
nomici e di problemi sociali (segnale del passaggio dalla fase della
«economicizzazione   della   società»,   propria   dell'industrialismo
classico, a quella della «socializzazione dell'economia»); dall'altro
comporta non già una sorta di nuovo pluralismo neutralizzante (in
cui le forze in conflitto si elidono lasciando aperto il varco a una
manipolazione autoritaria della società da parte dello Stato), ma
al contrario una tendenza di queste forze a compattarsi contro lo
Stato e le forme di «socialcorporatismo» che in esso si organizzano
e si trincerano (Mine 1982, 147 ss.; 231 ss.).
Una   politica   che   voglia   essere   adeguata   alle   trasformazioni
sociali in atto  deve, dunque, osservare simultaneamente le con­
dizioni poste dai due piani di difficoltà sopra considerati: quello
della   "complessità"   e   quello   della   "semplificazione",   quello   della
"società polimorfa" e quello dei fattori critico­culturali che si
85 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

oppongono   ai   modelli   industrialisti   e   statalisti   di   modernizza­


zione.
Tenendo   conto,   però,   che  entrambi  appartengono  a   una   con­
figurazione dei rapporti sociali foto coelo diversa da quella su cui
erano state plasmate le categorie portanti della filosofia politica
moderna.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

G.A. ALMOND­J. COLEMAN (a cura di), The Politics of Developing Areas,
Princeton 1960. G.A. ALMOND­G.B. POWELL, Comparative Politics, Boston 
1966. P. BARCELLONA, L'individualismo proprietario, Torino 1988. R. BENJAMIN, 
The Limits of Politics. Collective Goods in Postindustrial
Societies, Chicago 1980. A. BOLAFFI­O. KALLSCHEUER, Die Grilnen: 
Farbenlehre eines politischen
Paradoxes, in «Prokla», Heft 51, 1983.
C. DONOLO, Sociale, in «Laboratorio politico», n. 1, 1982.
A. DOWNS, An Economie Theoiy of Democracy, New York 1957.
D. EASTON,  The   Politicai   System,  New   York   1953   (II   ed.   1971   [trad.
it., Milano 1973]).
J. FREUND, L'essence du politique, Paris 1965. J. 
FREUND, Sociologie du conflit, Paris, 1983. R. GENOVESE,
Teoria di Lulu, Napoli 1983.
G. GERMANI, Democrazia e autoritarismo nella società moderna, in
«Storia contemporanea», a. XI, n. 2, 1980. J. HABERMAS, Theorie des 
kommunikativen Handelns, 2 voli., Frankfurt
am Main 1981.
F.  HIRSCH,  Social   Limits   to   Growth,  Cambridge,   Mass.   1976   [trad.   it.  Milano
1981].
M.   ILARDI,  Appropriazione,   consumo,   identità:   conflitti   e   movimenti   negli   anni
settanta, in «Democrazia e diritto», n. 3, 1983.
O.  KIRCHHEIMER,  The Transfoimation of the Western European Party Sistems,  in
Politicai   Parties   and   Politicai   Development,  a   cura   di  J.  La   Palombara­M.
Weiner, Princeton  1966  [trad. it.  in  Sociologia  dei  partiti   politici,  a  cura  di
Giordano Sivini, Bologna 1971].
R. KOSELLECK, Vergangene Zukunft, Frankfurt am Main 1979.
N. LUHMANN, Politische Theorie im Wohlfahrtsstaat, Mùnchen­Wien 1981 [trad. it.
Milano 1983].
N. LUHMANN, Konflikt und Rechi, trad. it. in «Laboratorio politico», n. 1, 1982.
L'ENTROPIA DEL LEVIATANO 86

G. MARRAMAO, Il paradigma dell'ingovernabilità, in «Pace e guerra», a. I, n. 1, 
1980.
G. MARRAMAO, Il Moderno e il pathos dell'autenticità, in «Casabella», n. 480, 
1981.
G. MARRAMAO, Potere e secolarizzazione, Roma 1983.
H.R. MATURANA­F.J. VARELA, Autopoiesis and Cognition: The
Realisation of the Living, Dordrecht 1980. A. MELUCCI, Verso movimenti post­
politici, in «Il Mulino», n. 6, 1982. A. MINC, L'après­crise est commencé, Paris, 
1983. S. NORA­A. MINC, L'informatisation de la société, Paris 1978 [trad. it.
parziale, Milano 1979]. C. OFFE, Ingovernabilità e mutamento delle 
democrazie, Bologna 1982. A. PANEBIANCO, Utopie della felicità e utopie della 
libertà, in AA.W.,
La politica possibile, a cura di Vittorio Dini e Luigi Manconi,
Napoli 1983.
G. PASQUINO, La complessità della politica, Roma­Bari 1985.
T. PARSONS, Politics and Social Structure, New York 1969.
A. PIZZORNO, Sulla razionalità della scelta democratica, in «Stato e
mercato», n. 7, 1983. M. RIEDEL, Metaphysik und Metapolitik, Frankfurt am 
Main 1975. R. ROSSANDA, Ripartire dagli anni Sessanta, ancora, in AA.W., La
politica possibile, cit., 1983. G. RUFFOLO, Complessità e democrazia: il ruolo 
dell'informazione, in
«Critica marxista», n. 5, 1975. G.E. RUSCONI, Minaccia. Comunicazione e 
agire strategico, in
«Laboratorio politico», n. 4, 1982. G.E. RUSCONI, Introduzione a J. 
HABERMAS, Teoria dell'agire
comunicativo, Bologna 1986. T.C. SCHELLING, The Strategy of Conflict, 
Cambridge 1960. H.H. SCHREY (a cura di), Sàkularisierung, Darmstadt 1981. J. 
STRASSER­K. TRAUBE, Die Zukunft des Fortschritts. Der Sozialismus
und die Krise des Industrialismus, Bonn 1981. A. TOURAINE, Production de la
société, Paris 1973 [trad. it., Bologna
1975].
A. TOURAINE, Pour la sociologie, Paris 1974 [trad. it., Torino 1978]. A. 
TOURAINE, Une sociologie sans société, in «Revue francaise de sociologie», a. XXII, 
1981.
CAPITOLO SECONDO
POLITICA E COMPLESSITÀ: LO "STATO
POSTMODERNO" COME CATEGORIA E COME
PROBLEMA TEORICO

SOMMARIO:  1.  Crisi   di   legittimazione   e   teoria   dello   Stato:   il   problema   del­


l'"ingovernabilità". ­ 2. Le categorie del politico nella tradizione post­marxista:
cronaca di un naufragio. ­ 3. Struttura, evoluzione e mutamento di forma: il
"Weber dimezzato" della Scuola di Francoforte. ­ 4. Excursus 1. Corporatismo e
democrazia   collettiva:   Neumann   e   Fraen­kel.   ­   5.   Excursus   2.   La
"Constitutional Crisis": Neumann e Laski. ­ 6. Equilibrio, compromesso politico
e "dittatura senza sovrano": la politologia critica di Kirchheimer. ­ 7. I confini
della razionalità politica: una polemica con Habermas e Offe.

La considerazione  di alcuni momenti  dell'odierna  discussione


sullo   Stato   presenta   considerevoli   difficoltà   espositive   e
metodologiche, per chi intenda restituirne la mappa problematica
con adeguata approssimazione alla molteplicità degli spunti, delle
differenziazioni interne e dei progressi esperiti negli ultimi anni
dalla ricerca e dal lavoro di riflessione e affinamento categoriale.
Le difficoltà si aggravano poi inevitabilmente laddove si tratti ­
come nel nostro caso ­ di una considerazione oltremodo rapsodica
e   necessariamente   selettiva.   Si   è   così   ritenuto   che   una
distribuzione della materia in chiave tematica (piuttosto che per
autori o gruppi di posizioni) militasse più efficacemente a favore
della chiarezza e del giusto equilibrio tra analisi e sintesi. Il fatto
che   i   richiami   e   gli  excursus  storici   svolgano   qui   una   funzione
subordinata   rispetto   al   taglio   prevalentemente   sistematico
dipende   in   modo   esclusivo   da   ragioni   di   opportunità   legate   al
"regime interno" del presente capitolo, non certo da un'opzione di
valore generale. Siamo anzi convinti che l'attuale dibattito teorico
sullo   Stato   ­o   meglio   ancora:   l'accentuato   interesse   teorico   al
tema­Stato   ­investa   ormai   in   forme   sempre   più   consapevoli
cruciali prò
89 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

blemi di periodizzazione storica: non è un caso che la rinnovata
strategia   dell'attenzione   verso   la   cosiddetta   "questione   isti­
tuzionale"   sia   emersa   in   concomitanza   con   una   crescita   e   una
rapida   moltiplicazione   degli   studi   sulla   storia   dello   Stato
moderno,   la   maggior   parte   dei   quali   tendono   ­   a   partire   da
approcci   culturali,   disciplinari   e   metodologici   molto   diversi   ­   a
delinearne la vicenda, dalla genesi e formazione all'attuale fase di
smantellamento del Welfare, come una parabola unitaria.

1. Crisi di legittimazione e teoria dello Stato: il problema 
dell'"ingovernabilità "

Schematizzando   all'estremo,   si   potrebbe   sostenere   che   la


concezione neomarxista o postmarxista ­ nelle sue diverse e ormai
numerosissime "varianti" ­ si trova, non meno di quella liberale,
seriamente insidiata e sottoposta a tensione da due interrogativi.
Il   primo   investe   la   difficoltà   di   afferrare   il   momento  attuale   di
trasformazione dello Stato  alla luce  del concetto di crisi: non si
tratta   tanto   di   emendare,   integrare   e   revisionare   una   nozione
riduzionistica (in senso economico) della crisi, quanto piuttosto di
rimettere   radicalmente   in   discussione   la   semantica   stessa   del
concetto, strettamente dipendente dalla metafora medico­biologica
(e pertanto postulante un disvalore: la crisi rappresenta sempre
un fenomeno patologico da rimuovere, una malattia da risanare).
Anche il concetto di crisi si troverebbe così implicato nel processo
di secolarizzazione che ha investito tutte le categorie della storia e
della   scienza   sociale   e,   con   particolare   riguardo,   i   modelli
macrosociologici   di   spiegazione   dell'evoluzione   storica:   dal
positivismo,   al   marxismo,   al   funzionalismo.   La   crisi   non
rappresenterebbe   più   quel  memento   mori  del   sistema   che   nella
vulgata marxista secondo e terzin­ternazionalista figurava come
necessario viatico alla tesi della fuoriuscita dal capitalismo, intesa
come   passaggio   da   un   sistema   perennemente   "in   crisi"   a   un
sistema basato sulla trasparenza e sul consenso: su un ideale di
armonia,   alla   fin   dei   conti,   non   molto   distante   da   quello   che   i
teorici   liberali   assegnavano   alla   sfera   del   mercato.   Il   concetto
subisce   così   un   duplice   emendamento:   sul   piano   dello   statuto
teorico, tende a perdere la connotazione globale e in un certo qual
modo olistica ad esso tradizionalmente assegnata nel quadro di un
marxismo   inteso   come   filosofia   della   storia   "trasformazionista"
(caratterizzata,   cioè,   da   una   dialettica   antagonistica   di
compimento­esaurimento   e   ribaltamento­superamento   tra   le
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 90

formazioni sociali); sul piano dell'analisi storica, le epoche di crisi
o le fasi "critiche" del ciclo vengono studiate come periodi positivi
di   produzione   di   nuovi   assetti,   e   non   soltanto   come   periodi   di
declino, di blocco, oppure di dispersione. Per esprimerci in termini
insieme più tecnici e più sintetici: la crisi non è sempre e neces­
sariamente   la   premessa   o   la   causa   delle   innovazioni,   ma   ne   è
spesso la conseguenza o addirittura l'effetto.
Il secondo interrogativo investe il problema relativo alla stessa
utilizzabilità   del   concetto   di   Stato,   a   fronte   del   processo   di
crescente   differenziazione   e   complessificazione   del   processo
politico­amministrativo:   per   alcune   interpretazioni   si   tratta   di
trasferire il baricentro del discorso ad un ambito relazionale più
ampio  di   quello  tradizionalmente  abbracciato  dal   termine  Stato
(quale, ad esempio, la nozione di "sistema politico"); per altre si
tratta   invece   di   afferrare   il   fenomeno   del   venir   meno   delle
configurazioni   classiche,   "sintetiche",   dell'autorità   politica   come
indicatore di una tendenza storica, o addirittura epocale, di crisi
dello   Stato   moderno:   la   fase   attuale   rappresenterebbe   così   una
dinamica dissolutiva in cui il Leviatano compirebbe a ritroso ­ nel
senso   della   destrutturazione   ­   le   tappe   della   sua   genesi   e
costituzione  (e   in   cui,   pertanto,   si   troverebbero   pericolosamente
"liberati" poteri e conflitti corporativi).
La simultanea rimessa in questione delle nozioni di crisi e di
Stato   familiari,   e   in   un   certo   senso   consustanziali,   alle   due
maggiori tradizioni di pensiero politico e sociale dell'ultimo secolo
­   liberalismo   e   marxismo   ­   viene   oggi   assunta,   dalle   punte   più
critiche   e   avvertite   della   ricerca   contemporanea,   come   il   logico
precipitato  di   una   crisi   dalle  modalità   singolari   e  inedite,   che  i
paradigmi   più   blasonati   e   consolidati   provenienti   da   quelle
tradizioni  riescono  nel  migliore  dei  casi  a  descrivere,   ma  non  a
diagnosticare.
In un saggio giustamente famoso, Claus Offe ­ analizzando le
diverse   teorie   sulla   crisi   e   1'"ingovernabilità"   che   affollano   lo
scenario della  discussione internazionale  a  partire dal 1974  ­ha
notato le sorprendenti "affinità strutturali" che ormai intercorrono
tra   interpretazioni   neoconservatrici   e  interpretazioni   di   sinistra
della fase attuale. Dal confronto si evidenzia non solo
la   mutata   collocazione   socio­politica   delle   visioni   macrosocio­
logiche e politologiche della crisi nel loro insieme, ma soprattutto
la tendenza della critica neoconservatrice ad assumere in proprio
quel concetto di "crisi strutturale" che un tempo era appannaggio
esclusivo   dei   marxisti1.   Non   si   tratterebbe   tanto   di   un   caso   di
1
Cfr. C. OFFE, «Unregierbarkeit». Zur Renaissance konservativer Kri­sentheorien,  in J.
HABERMAS  (a cura di),  Stichworte zur «Geìstigen Situation der Zeit»,   voi.  I:  Natìon una
Republik,  Frankfurt am Main 1979, p. 295 (trad. it. in C.  DONOLO­F.  FICHERA,  II
governo debole. Forine e limiti della razionalità politica, Bari 1981, p. 108).
2
Cfr.  C.   KOCH­W.D.   NARR,  Kris   e   ­   oder   das   falsche   Prìnzip   Hoffnung,  in
«Leviathan», 1976, n. 4, pp. 291­327.
3
Cfr.  The   Crisis   of   Democracy.   Report   on   the   Govemability   of   Democracies   to   the
Trilateral Commission, New York 1975 (trad. it. Milano 1977, p. 15).
91 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

usurpazione, ma piuttosto della logica conseguenza della tendenza
inerziale   e   stagnazionistica   della   cultura   marxista,   che   ­   come
avevano   notato   già   nel   1976   C.   Koch   e   W.D.   Narr 2  ­   avrebbe
routinizzato la ricerca (concettuale ed empirica) sulla crisi in una
scolastica   amministrazione   di   apparati   categoriali.   Questa
introiezione dello statuto concettuale della teoria marxista della
crisi   renderebbe,   a   giudizio   di   Offe,   gli   scenari   elaborati   dai
neoconservatori assai più resistenti alla "critica dell'ideologia;  di
quanto   non   lo   fossero,   negli   anni   '20,   le   "false   apocalissi"  à   la
Spengler.   Dietro   la   facciata   esteriore   e   più   banalmente
pubblicistica   di   una   coscienza   borghese   che   sparge   ovunque
considerazioni   catastrofiche   su   se   stessa   (il   "tramonto
dell'Occidente"   era   stato,   d'altronde,   evocato   ­   sia   pure   come
spauracchio   ­   dallo   stesso   Brzezinski   nella   nota   introduttiva   al
famoso  rapporto   della   Commissione  trilaterale 3)  si   fa  avanti   un
approccio che, lasciate ormai cadere come inutile zavorra le visioni
ottimistico­apologetiche  in voga   negli   anni   del   boom  postbellico,
muove  dal  riconoscimento  del  conflitto  come dato  permanente e
insopprimibile   che   altera   gli   equilibri   delle   società   industriali
sviluppate,   minacciandone   costantemente   i   principi   di
organizzazione   e   di   ordine.   Mentre   dunque   per   Offe   le   teorie
marxiste   della   crisi   continuano   parassitariamente   ad   ammi­
nistrare   vecchi   schemi   concettuali   che   girano   ormai   a   vuoto,   a
migliaia   di   piedi   di   altitudine   dalle   reali   dinamiche   di   trasfor­
mazione   che   investono   i   sistemi   industriali   contemporanei,   il
nuovo   approccio   emergente   nel   campo   delle   teorie   "borghesi"
allarga gli orizzonti della ricerca dal terreno delle "contraddizioni
strutturali"   e   dei   "rapporti   di   lavoro   salariato"   a   quello
dell'intreccio,   sempre   più   intricato,   tra   ambito   socioeconomico   e
ambito politico­istituzionale: intreccio che caratterizza, in misura
e forma diverse, tutte le odierne democrazie di massa. Il problema
della Unregierbarkeit, dell'ingovernabilità, si configura dunque in
questo   approccio   come   crisi   della   forma   democratica,   e   del
complesso delle istituzioni democratiche, in società caratterizzate
da   un   alto   tasso   di   conflittualità   diffusa:   «Ciò   che   i   marxisti
mettono   erroneamente   nel   conto   dell'economia   capitalistica»,
scrive   significativamente   Samuel   Huntington,   «è   in   realtà   un
risultato del processo politico democratico»  4. A queste analisi le
posizioni   marxiste   rispondono   in   modo   per   lo   più   difensivo,
sottolineando la logica degli interessi economici dominanti, da cui
dipenderebbero in ultima analisi paradossi della democrazia: ma
in   tal   modo   esse   finiscono   per   lasciare  in   ombra   proprio   quegli
aspetti   più   propriamente   politici   e   istituzionali   della   crisi   che
appaiono   refrattari   ad   una   "deviazione   logica"   dai   meccanismi
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 92

economici della crisi, e la cui mancata comprensione appare come
una   delle   principali   ragioni   dello   stallo   teorico   del   marxismo
contemporaneo.

La propensione difensiva tradisce dunque una pericolosa ten­
denza  alla  subalternità  e all'arroccamento  della teoria  marxista
davanti a problemi che investono non solo singoli aspetti empirici,
ma   la   stessa   forma   teorica   mutuata   dalla   tradizione   (e,
segnatamente,   il   connubio   che   in   essa   veniva   a   instaurarsi   tra
tematica   della   crisi   e   tematica   dello   Stato).   Di   qui   una   prima
avvertenza,   di   natura   metodologica,   proveniente   dal   saggio   di
Offe: la critica non si rafforza se si esorcizzano le "ragioni" rac­
chiuse   nella   posizione   del   contendente   (anche,   anzi   soprattutto,
quando questo contendente si configura come avversario), ma solo
se si viene a capo del nuovo livello problematico da essa investito.
Stando a queste premesse, il teorema della governabilità viene
ad  assumere,   nell'analisi  di   Offe,   una   vera  e  propria   configura­
zione paradigmatica, riconducibile al comune denominatore

4
 S.P. HUNTINGTON, The United States, in The Crisis of Democracy cit., p. 75.
93 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

della crisi da "sovraccarico". La tesi fondamentale enunciata dal
paradigma   imputa  l'organica  impotenza   dello  Stato  nelle  demo­
crazie occidentali a un'incapacità di fronteggiare la pressione delle
aspettative   eccedenti   (termini   come   "eccesso",   "eccedenza",   ecc.,
indicano   il  gap  che,   in   condizioni   di   concorrenza   partitica,   si
produce   tra   volume   delle   esigenze   e   rigidità   dell'offerta).
All'interno del paradigma si situa un ampio ventaglio di terapie,
ordinabile tuttavia secondo due varianti strategiche principali: a)
strategia   di   riduzione   della   domanda,   tendente   a   diminuire   il
sovraccarico   del   sistema   politico­amministrativo;  b )  strategie  di
potenziamento delle capacità di prestazione­controllo del sistema
politico­amministrativo. Queste varianti principali (corrispondenti
ai   due   lati   diagnostici   del   paradigma:   a   seconda   che   si   guardi
dalla   prospettiva   della   domanda,   o   consenso,   oppure   da   quella
dell'offerta,  o decisione)  comprendono  a  loro volta  delle sottova­
rianti   terapeutiche   formalizzabili   (con   una   schematizzazione
ulteriore rispetto all'analisi di Offe) nel modo seguente:

al)   strategia   di   "privatizzazione"   o   "destatalizzazione"   delle


funzioni pubbliche;
al)   strategia   di   "austerità":   questa   sotto   variante   strategica
consiste   nel   promuovere   i   valori   di   rinuncia,   disciplina,   senso
comunitario,   ecc.,   rivolgendosi   agli   agenti   e   alle   istituzioni   che
regolano la formazione e l'osservanza delle norme sociali;
a3)  strategia di "selettività": essa dà luogo all'installazione di
meccanismi di filtraggio delle domande "eccedenti", consistenti in
prestazioni   conoscitive   svolte   da   istituzioni   o   istanze   gene­
ralmente sovrapartitiche, le quali (operando controlli sulla legit­
timità delle richieste) intervengono a "schermare" lo Stato dalla
pressione inflattiva della domanda, ammortizzando l'impatto sul
terreno statuale di quella che è stata chiamata «rivoluzione delle
aspettative   crescenti»   (Corte   costituzionale,   staff   consultivi,
commissioni di esperti, ecc.);
b l)   strategia   amministrativa   di   elevazione   delle   prestazioni
statali:   ampliamento   dell'orizzonte   informativo   e   operativo   del
governo   e   della   pubblica   amministrazione   attraverso   riforme
strutturali   oppure   attraverso   il   potenziamento   degli   indicatori
sociali e delle tecniche di programmazione dei bilanci;
b2 )  strategia   politica   di   elevazione   delle   prestazioni   statali:
istituzionalizzazione di alleanze e di meccanismi di negoziazione e
accordo di tipo "neocorporatista".
Rispetto   alla   spiccata   tendenza   all'astrattezza   o   all'unilate­
ralità che caratterizza tanto le teorie oggettivistiche quanto quelle
soggettivistiche   della   crisi   trasmesse   dalla   tradizione   marxista
(anche   nella   forma   della   sintesi   dialettica   dei   due   lati),   Offe
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 94

sottolinea   la   forte   pertinenza   descrittiva   del   paradigma   neo­


conservatore   (le   cui   varianti,   sopra   stilizzate,   non   configurano
alternative   ma   piuttosto   aspetti   complementari   o   comunque
compresenti dello stesso ambito operazionale): la sua capacità cioè
di rendere visibili le interdipendenze che legano inestricabilmente
i vari aspetti di una crisi che, incrinando la sistematicità del nesso
Stato­partiti­società,   scuote   alle   fondamenta   il   complesso
istituzionale   entro   cui   sono   cresciute   in   questo   dopoguerra   le
grandi strategie riformatrici dell'Occidente ­ e i relativi progetti di
espansione della democrazia. Malgrado questo vantaggio, anche il
paradigma neoconservatore dell'ingovernabilità soffre di un'aporia
interna, o meglio: di un doppio grado di incongruenza.
In primo luogo,  un'incongruenza dovuta al fatto che nessuna
delle terapie prospettate fa i conti con il deficit di consenso che
caratterizza   i   sistemi   politici   contemporanei:   deficit   che   viene
periodicamente colmato in modo surrettizio o attraverso politiche
di allarme sociale o deviando su obiettivi esterni ­ ad esempio una
particolare   congiuntura   politica   internazionale   ­   l'attenzione,   lo
scontento e le frustrazioni del corpo sociale. È quanto accade alle
proposte di incremento politico delle capacità di prestazione dello
Stato:   poiché   le   piattaforme   neocorporative,   ipotizzando   un
massiccio   ricorso   a   sistemi   di   combinazione­associazione   tra   lo
Stato  e  i   grandi   gruppi   organizzati,   prospettano   in  realtà   come
soluzione   un   modello   che   rischia   di   portare   alla   sclerosi   e
all'impotenza   delle   istituzioni   politiche,   necessariamente
dipendenti da una molteplicità di spinte e controspinte, le quali
potrebbero addirittura neutralizzarsi a vicenda in un sistema di
veti   incrociati.   Ma   è   quanto   accade   anche   alle   strategie
amministrative   di   elevazione   delle   capacità   d'intervento   dello
Stato: alla "Neue Sachlichkeit" di chi, affidandosi all'«ogget­tività
delle   strutture   tecnocratiche,   si   illude   di   risolvere   i   problemi
politici con i mezzi di una conoscenza non politica»5.

5
 C. OFFE, «Unregierbarkeìt», trad. it. cit., p. 122.
95 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

In secondo luogo, abbiamo invece un'incongruenza di livello più
profondo:   inerente   cioè   al   modo   in   cui   il   paradigma   del­
l'ingovernabilità   è   costruito.   A   giudizio   di   Offe,   infatti,   ad   esso
manca ­ sempre per restare nell'ambito della metafora medica ­il
momento dell'eziologia: la spiegazione delle cause da cui si origina
il   fenomeno   dell'ingovernabilità.   Per   questa   stessa   ragione   il
paradigma non è in grado di produrre una vera e propria teoria:
«Nell'immagine   conservatrice   del   mondo,   la   "crisi   di   ingo­
vernabilità" è un incidente imprevisto, di fronte al quale devono
essere abbandonate le vie troppo complesse della modernizzazione
politica e occorre  far riacquistare  valore a principi  d'ordine non
politico come la famiglia, la proprietà, la prestazione, la scienza» 6.
L'apparente persuasività delle strategie di decentramento e di
"destatalizzazione" ­ e in particolare del loro sostegno dottrinale:
le teorie di Friedman sul ripristino dei meccanismi di mercato e
sulla soluzione della crisi politica "per alleggerimento", attraverso
la deviazione spoliticizzante delle domande dallo Stato al mercato
­   è   dunque   dovuta   al   fatto,   rilevato   con   perspicacia   da   C.B.
Macpherson7, che essa cela abilmente, sotto un livello descrittivo
particolarmente agguerrito e probante, l'incongruenza di secondo
grado di cui si diceva: quella che Offe definisce come incapacità di
trascorrere   dal   piano   descrittivo   al   piano   diagnostico   vero   e
proprio.   La   carenza   di   spiegazione   eziologica   è   dovuta   alla
circostanza   che   al  Weltbild,  all'immagine   del   mondo,   del
neoconservatorismo   riesce   inafferrabile   «il   decisivo   "difetto   di
costruzione"   dei   sistemi   sociali   che   soffrono   dei   sintomi   di
ingovernabilità»8.   L'individuazione  di   questo  "difetto"  è  vista   da
Offe come la  conditio sine qua non,  oltre che «per prognosticare
l'insuccesso delle strategie di risanamento che si dispiegano sotto i
nostri   occhi»,   per   «replicare   teoricamente   (e   non   solo   politica­
mente) ai teorici dell'ingovernabilità e alle loro concezioni prag­
matiche»  9. L'errore di costruzione, che rimane occultato al para­
digma dell'ingovernabilità, è definito da Offe in termini che, in

6
Ivi, p. 123.
Cfr.  C.B.  MACPHERSON,  The   Life   and   Times   of   Liberal   Democracy,   Oxford  1977
7

(trad. it. Milano 1980).
8
C. OFFE, «Unregierbarkeit», trad. it. cit., p. 124.

9
Ibidem.
96 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

un certo senso, richiamano la già ricordata critica di Macpher­son
(ma anche di altri, come ad esempio J. Goldthorpe) a Fried­man:
la dottrina di quest ultimo riposa sull'ignoranza delle differenze
che   distinguono  il   mercato   del   lavoro   da   tutti   gli   altri   mercati.
Rispetto a queste critiche Offe opera addirittura un aggancio tra
struttura   dicotomica   (che   egli   enuncia,   al   pari   di   Habermas,   in
termini   di   "contraddizione")   del   mercato   del   lavoro   e   eziologia
dell'ingovernabilità:   le   cause   da   cui   si   origina   la   patologia
dell'ingovernabilità   vanno,   in   definitiva,   ricercate   nel   carattere
particolare   della   merce   forza­lavoro   e,   conseguentemente,   nella
struttura contraddittoria che attraverserebbe l'intero mercato del
lavoro e i tentativi di ristrutturarlo e governarlo.
In base a questo assunto, l'ingovernabilità viene intesa come
"caso" che s'inserisce coerentemente nel quadro di una «patologia
generale   dei   sistemi   sociali»,   la   quale   tuttavia   riceve   una
declinazione   affatto   peculiare   nelle   società   industriali   capitali­
stiche.   Ogni   sistema,   per   riprodursi,   deve   trovare   una   forma
strutturalmente e storicamente determinata di compatibilità tra
l'aspetto "oggettivo" delle strutture e dei nessi funzionali e quello
"soggettivo" dell'agire normativo e dotato di senso dei suoi mem­
bri:   tra   regolarità   che   s'impongono   indipendentemente   o   al   di
sopra dei soggetti e regole­norme, di azione o di comportamento,
effettivamente seguite dagli individui. Questo dualismo si esprime
nella   distinzione   tra   "integrazione   sistemica"   e   "integrazione
sociale".   La   compatibilità   tra   le   due   forme   di   integrazione   può
essere realizzata secondo due modalità che Offe stesso definisce,
weberianamente, "idealtipiche": o attraverso fasce protettive che
rendano   le   strutture   e   le   leggi   funzionali   completamente
impermeabili   alle   perturbazioni   provenienti   dal   contesto
ambientale   dell'agire;   oppure   attraverso   la   possibilità   che   i
sistemi   determinino   le   loro   stesse   condizioni   strutturali   di   fun­
zionamento   mediante   l'agire   normativo   dotato   di   senso.   In
entrambi questi casi, e in modi antitetici, gli effetti della discre­
panza tra i due tipi di integrazione sono ovviati, e la "governa­
bilità"   assicurata.   "Ingovernabili"   diventano   invece   i   sistemi
sociali   nei   casi   designati   da   un'altra   alternativa   "idealtipica":
quando attraverso le regole seguite dagli attori si violano le leggi
di funzionamento del sistema; oppure, quando l'agire dei soggetti
avviene   in   forme   che   impediscono   o   addirittura   bloccano   il
funzionamento delle leggi e dei vincoli strutturali. 
Definito   così   il   contesto   generale   della   governabilità   come
problema strutturale di tutte le forme sociali, la peculiarità della
società   industriali   capitalistiche   viene   individuata   in   una   mec­
canica paradossale: esse perseguono infatti contemporaneamente
97 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

ambedue   le   "soluzioni   idealtipiche"   sopra   schizzate.   O,   che   è   lo


stesso,   affrontano   il   problema   della   riproduzione   ­   nel   senso   di
un'evoluzione   che   avviene   nel   mantenimento   e   nella
preservazione   dei   propri   fondamentali   attributi   di   "identità
strutturale" ­ imboccando vie antitetiche:

Le società capitalistiche si distinguono da tutte le altre non per il problema
della   loro   riproduzione:   di   rendere   compatibile   l'integrazione   sociale   e
l'integrazione sistemica, ma per il fatto che esse elaborano questo problema
fondamentale   di  tutte   le  società  in   modo  da   prendere   contemporaneamente
due strade mutuamente esclusive: la differenziazione o privatizzazione della
produzione e nello stesso tempo la sua socializzazione e politicizzazione 10.

Per un verso, infatti, il tratto caratterizzante della formazione
sociale   capitalistica   è   dato   da   quella   «neutralizzazione   politico­
normativa della sfera della produzione» che trova il suo spazio di
rappresentazione  nella   forma­mercato:  con   questo   sganciamento
della   produzione   materiale   dai   meccanismi   politici
tradizionalmente vincolanti, gli "interessi", per usare una celebre
formula   di   Hirschman,   subentrano   alle   "passioni".   Per   l'altro
verso,   però,   il   fenomeno   di   secolarizzazione   che   questa
neutralizzazione­spoliticizzazione   dell'ambito   economico­pro­
duttivo induce (relativizzazione, prima, erosione, poi, dei vincoli
normativi   tradizionali   costitutivi   della   genesi   del   capitalismo)
chiama in causa la necessità di nervature istituzionali capaci di
garantire   non   solo   le   condizioni   generali   di   funzionamento   del
mercato,   ma   anche   ­   poiché   il   meccanismo   può   funzionare   solo
grazie e attraverso l'agire di coloro che vi sono inseriti: di quella
che   Marx   chiamava   la   «forza­lavoro   viva»   ­   il   carattere   di
"disciplinamento"   della   sfera   produttiva.   Negli   sviluppi   storici
della   formazione   sociale   industriale­capitalistica   la   logica   della
razionalizzazione e del disciplinamento funge da complemento e
insieme   da   contraltare   alla   logica   della  hidden   hand.  La
reintroduzione   di   elementi   di   istituzionalizzazione   rappresenta
per la dinamica capitalistica una necessità vitale. Ma, al tempo
10
 Ivi, p. 127.
stesso,   anche   il   rischio   di   una   violazione   del   codice   genetico
originario e di una conseguente perdita di identità. La radice del
paradosso sta per Offe in quel particolare carattere della merce
forza­lavoro (e in quel particolare connotato che contraddistingue
il   mercato  del  lavoro  da   tutti  gli   altri   mercati),  per   cui   in essa
integrazione   sistemica   e   integrazione   sociale   ("funzionare"   e
"agire")   si   trovano   inestricabilmente   intrecciate:   e   ciò   per   la
semplice ma fondamentale ragione che l'inerenza alla forza­lavoro
del momento della soggettività rappresenta un fattore ineludibile
98 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

e   ineliminabile.   Si   produce   così   il   fenomeno   paradossale   ­   ma


operante   su   scala   macroscopica   nella   storia   del   capitalismo   di
questo secolo, a partire dalla prima razionalizzazione taylorista ­
di   un  contrasto   sistematico   tra   momento  economico   e  momento
sociopolitico   del   processo   riproduttivo:   mentre   da   un   lato   la
differenziazione di una sfera di mercato neutralizzata rispetto alle
norme, ossia "privatizzata" e "spoliticizzata", tende a risolvere il
problema della riproduzione tenendo separato il livello funzionale
da quello dell'agire, dall'altro la razionalizzazione ­ intesa come
principio   di   organizzazione   del   lavoro   che   incorpora
istituzionalmente   scienza   e   tecnologia   ­   spinge,   per   quanto   si
ponga come complemento e interfaccia della "privatizzazione", in
una direzione esattamente opposta: «il processo di accumulazione
non può funzionare senza la regolazione politica che a sua volta
ha bisogno di legittimazione»11. Le società capitalistiche si trovano
così costantemente a fronteggiare il dilemma di dovere astrarre
dal riferimento alle regole normative del senso dell'agire, ma al
tempo   stesso   di   non   poterne   mai   prescindere.   In   tal   modo,   la
«neutralizzazione politica della sfera del lavoro, della produzione e
della distribuzione» si trova ad essere ­ secondo l'efficace formula
riassuntiva adottata da Offe ­ «contemporaneamente affermata e
revocata» 12.

Conformemente   a   questa   parabola   argomentativa,   l'ingover­


nabilità   viene   a   delinearsi   come   una   caratteristica   permanente
dei   sistemi   industriali   capitalistici,   i   quali   «non   dispongono   di
nessun meccanismo per rendere compatibili le norme e i valori

11
Ibidem.
12
Ibidem.
99 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

dei loro membri con le condizioni di funzionamento sistemico a cui
essi   sono   soggetti»  13.   Una   volta   venute   meno   le   circostanze
favorevoli  che  avevano dato  luogo al  "periodo di  prosperità",  gli
effetti   dell'ingovernabilità   hanno   cominciato   a   manifestarsi   in
tutto   il   loro   peso   strutturale.   Ma   l'eziologia   del   fenomeno   è
individuabile   proprio   in   quella   tendenza   al   neutralizzarsi   reci­
proco   delle   due   logiche   che   rimanda   a   sua   volta   all'errore   di
costruzione della formazione capitalistica: la coazione a ripetere la
simultaneità dei due modi idealtipici di integrazione.
Con   questo   schema   ­   che   riprende   nei   punti   sostanziali,   ma
sviluppa e innova in aspetti non secondari, precedenti lavori suoi
e di Habermas sulle condizioni di legittimazione, di riproduzione e
di crisi dello Stato nel "tardo capitalismo"  (Spàtka­pitalismus)  ­
Offe ripropone la necessità di una teoria della crisi dotata di uno
statuto   teorico   in   senso   forte,   ma   al   tempo   stesso   capace   di
colmare la discrepanza  che i paradigmi liberali e marxisti della
crisi   ­   opposti   negli   intenti,   ma   singolarmente   simmetrici   nei
costrutti   ­   hanno   accusato   negli   ultimi   decenni   rispetto   alla
problematica   istituzionale   e   di   teoria   politica   in   genere.
L'aggancio "eziologico" operato da Offe tra l'incapacità dei sistemi
capitalistici di realizzare il cosiddetto "obiettivo eu­funzionale" ­
ossia   il   coordinamento   tra   le   due   strategie   logicamente
escludentisi   ­   e   lo   schema   "contraddittorio"   inerente   alla   merce
forza­lavoro   ci   indurrebbe   a   collocare   anche   questa   sua   ultima
proposta nel grande solco delle teorie marxiste della crisi, se non
altro  per  la   persistenza   della   metodologia   "essen­zialistica",   che
ricava   la   diagnosi   dell'esito   "critico"   risalendo   la   catena   delle
determinazioni   causali.   Tuttavia   questa   spiegazione   viene   ad
assumere una codificazione complessa, difficilmente riconducibile
al modello della deduzione monolineare. In sostanza, la posizione
di Offe si tiene in equilibrio tra due esigenze in sé eterogenee: per
un verso, non intende rinunciare all'idea di crisi come problema
teorico (nel senso classico, marxiano, della spiegazione causale a
partire   da   un   nucleo   dicotomico   originario);   per   l'altro,   questa
stessa   "spiegazione"   deve   oggi   tener   conto   di   un   numero   di
variabili enormemente maggiore di quello ipotizzabile al tempo di
Marx,   e   dunque   integrare   nel   proprio   orizzonte   categorie   e
strumenti   provenienti   da   altri   codici   o   paradigmi:   in   specie   ­
secondo la scelta di Offe, ma anche dell'ultimo Habermas 14 ­ quelli
offerti dalle teoriche funzionaliste e sistemiche. In un passaggio
centrale del saggio sulla ingovernabilità Offe enuncia in termini
molto netti una direttrice di revisione della "teoria della crisi" che,
in condizioni evidentemente molto diverse, era stata tracciata ­ in
campo marxista ­ dalla celebre riflessione critica di Gramsci del
'26:

oggi sappiamo che le crisi economiche non favoriscono soltanto (sebbene
certo anche) motivi di una opposizione di principio, ma anche la disponibilità
all'adattamento e all'integrazione. Altrettanto problematico è sapere se una sia

3
 Ibidem.
100 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

pur grave radicalizzazione delle richieste, l'aumento delle domande, una sia
pur   drastica   demotivazione   possano   davvero   bloccare   seriamente   il
funzionamento del meccanismo di accumulazione15.

Non riescono a fornire una risposta esauriente a questo pro­
blema   né   il   modello   concettuale   delle   teorie   oggettivistiche   (del
tipo: «difficoltà di valorizzazione che si acutizzano sempre di più»),
né   quello   delle   teorie   soggettivistiche   della   crisi   (del   tipo:
«coscienza critica del sistema che si diffonde sempre di più»). Né,
ancora,   quello   che   potrebbe   risultare   da   una   loro   interazione   o
"sintesi": poiché essi  danno ragione  di questo o  quell'aspetto,  di
questa o quella congiuntura storica, ma non della «struttura del
sistema capitalistico nel suo insieme» 16. Per il modo monocausale
in   cui   sono   costruiti,   i   paradigmi   soggiacenti   alle   teorie
oggettivistiche e soggettivistiche della crisi non sono in grado di
rendere   «adeguatamente   conto   della   elasticità   dei   vari
sottosistemi» 17.
Nel momento stesso in cui ripropone la necessità dell'adozione
integrativa   dell'ottica   sistemica   (segnalata   dal   ricorso   ­costante
nel   lavoro   di   Offe,   ancor   più   accentuatamente   che   in   quello   di
Habermas   ­   al   codice   della   "differenziazione   funzionale"  e   della
complessità come relazionalità e interazione tra i

14
Ci riferiamo in particolare al saggio introduttivo al già citato volume col­
lettaneo  Stichworte   zur   «Geistigen   Situation   der   Zeit»   e   all'opera   ­   che   pare
costituire   fino   ad   oggi   la   summa  delle   ricerche   havermasiane   ­  Theorie   des
kommunikativen Handelns, 2 voli., Frankfurt am Main 1981.
15
C. OFFE, «Unregierbarkeit», trad. it. cit., pp. 124­25.
16
Ivi, p. 125.

3
 Ibidem.
101 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

diversi   sottosistemi),   l'attuale   approdo   della   ricerca   postfran­


cofortese sullo Stato sembra dichiarare l'impossibilità di elevare
quest'ultimo a teoria generale o modello complessivo: e quindi ­
indirettamente, e con un grado di autoconsapevolezza non sempre
scontato   ­   a   pregiudicare   l'adottabilità   stessa   della   nozione   di
sistema   a   designare   il   capitalismo   contemporaneo.   Il   codice
«valore d'uso/valore di scambio» continua sì a configurare il nucleo
essenziale dei sistemi sociali nei quali viviamo, rendendoli ancora
passibili   della   denominazione   di   "capitalistici".   Ma   solo   a
condizione   di   non   accoglierlo   nell'accezione   originariamente
assegnatagli   nell'ambito   della   «critica   dell'economia   politica».
Valore d'uso e valore di scambio vanno piuttosto assunti come una
coppia   concettuale   che   ­   al   pari   di   Io   ed   Es,   agire   e   struttura,
volontà e bisogni, Stato e società ­esprime e declina la distinzione
fondamentale   tra   integrazione   sociale   e   integrazione   sistemica.
Tale   espressione   e   declinazione   sta   ad   indicare   come   lo   stesso
livello   economico   sia   attraversato   da   una   dicotomia   e   cesura
simbolica   che   l'economia   politica   classica   aveva   tentato   di
neutralizzare nella forma­mercato (e che la critica di Marx ­ in
questo   senso  epochemachend  ­   era   riuscita   ad   infrangere   e
"smascherare").
Ci   troviamo   così   di   fronte   a   un   cospicuo   aggiornamento   del
programma   teorico   enunciato   un   decennio   fa   da   Offe   nei   saggi
raccolti in  Strukturprobleme des kapitalistischen Staates  18  e da
Habermas   in  Legitimationsprobleme   irti   Spdtkapitalismus  19:
aggiornamento   tuttavia   tale   da   circoscrivere   e   specificare,   non
certo   da   risolvere,   la   gamma   delle   questioni   allora   sollevate   e
poste,   con   indubbia   originalità,   sul   tappeto   della   discussione
internazionale sullo Stato. Scopo del presente capitolo è appunto
quello   di   isolare   alcune   di   tali   questioni:   individuandone
"genealogicamente"   le   matrici   e   "sincronicamente"   le
interrelazioni.

18
Frankfurt am Main 1972.
19
Frankfurt am Main 1973.
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

102

2. Le categorie del politico nella tradizione postmarxista: cronaca 
di un naufragio

Abbiamo visto come nel saggio sulla ingovernabilità Offe ­pur
continuando a sostenere la necessità di una teoria della crisi nel
senso   della   individuazione   del   meccanismo   causale,   di
quell'eziologia   di   cui   i   teoremi   dell'ingovernabilità   sarebbero
assolutamente carenti ­ consideri improponibile, almeno allo stato
attuale della ricerca, la pretesa, da parte di tutte le concezioni che
si contendono il campo della discussione, di produrre un modello
unico e complessivo di spiegazione della crisi. Resta da chiedersi
se la sua proposta di integrazione tra codici diversi ­ fondata su
un'ampia base di riflessione sociologico­filosofica da Habermas in
Theorie des kommunikativen Han­delns ­ rappresenti una misura
transitoria   ("in   attesa"   di   una   nuova,   più   comprensiva   sintesi)
oppure la ratifica definitiva di uno stato di necessità: un invito ad
accogliere,   facendoli   mutuamente   interagire,   più   punti   di   vista
come   logica   conseguenza   della   dissoluzione   ­   in   questo   senso
inevitabile,  e dunque liberatoria  ­ di  tutti  i "grandi  sistemi",  di
tutti   i   modelli   macrosociologici   di   comprensione   della   dinamica
sociale contemporanea.
A   giudicare   dagli   ultimi   lavori,   Offe   appare   propenso   a   far
cadere il programma complessivo di "terza via" teorica enunciato
nel   suo   libro   del   1972.   Nella   denominazione   forse   fin   troppo
schematica di "terza via" assumiamo la problematica allora deli­
mitata   da   Offe   grazie   a   una   doppia   demarcazione:   da   un   lato,
rispetto   al   dibattito   marxista   tedesco   sulla   "deduzione"  {Ablei­
tung)  della   forma­Stato   dall'apparato   concettuale   di   una   critica
dell'economia   politica   finalmente   restituita   (dopo   decenni   di
riduzioni   e   deformazioni)   al   suo   statuto   originario;   dall'altro,
rispetto   al   metodo   della  comparative   politics,  che   frantuma   il
concetto   di   capitalismo   in   una   moltitudine   (sostanzialmente
irrelata)   di   specificità   nazionali.   Della   prima   unilateralità
­improntata,   secondo   Offe,   a   un   oggettivismo   categoriale   che   si
sottrae  a   ogni   verifica   storica   o   empirica   in   genere   ­   sarebbero
responsabili tutte quelle posizioni che ancorano la propria critica
a   un   «concetto   di   tipo   deduttivo»   della   crisi   e   della   «classe
rivoluzionaria»:   un   tale   metodo,   che   si   colloca   solo   apparente­
mente nel solco deU'"ortodossia" marxista, eleva in realtà a pre­
messa teorica ciò che andrebbe prima dimostrato, vale a dire il
carattere   classista   degli   apparati   del   dominio   politico   e   del
principio di organizzazione che li regge; e ­ assegnando un ruolo
103 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

secondario   o   addirittura   irrilevante   ai   modi   storici   concreti   di


esercizio del dominio, ­ finisce per cadere in difficoltà non dissimili
da quelle proprie di una critica di tipo normativistico (dando luogo
a   un   formalismo   in   ultima   analisi   metastorico).   Della   seconda
unilateralità   sarebbero   affette   invece   quelle   procedure
comparativistiche che, isolando con la clausola  ceteris paribus  le
regole   di   esclusione   che   distinguono  un  sistema   da   un   altro,   si
precludono la possibilità di individuare le concordanze eventuali
tra   sistemi   che,   pur   fortemente   diversificati   sul   piano  storico   e
socioculturale,  presentano  regole di  selettività  e  di  esercizio del
potere   politico   funzionalmente   equivalenti,   o   addirittura
logicamente   comuni.   La   capacità   ermeneutica   del   concetto   di
capitalismo andava dunque affermata, secondo Offe, contro queste
due prassi scientifiche consolidate, che ne eludevano lo specifico
livello di astrazione in duplice senso: restando al di sotto di esso (e
scegliendo   ad   oggetto   di   indagine   un   dato   sistema   di   Stato­
nazione   con   la   sua   peculiare   storia);   oppure   oltrepassandolo   in
una generalità idealtipica che riportava le coordinate del concetto
a un comun denominatore riscontrabile indifferentemente in tutte
le   società   industriali   sviluppate   (del   tipo:   «separazione   dei
produttori dai mezzi di produzione»), e pertanto incapace di dar
conto dell'eterogeneità delle diverse forme di esercizio del dominio
politico   (non   è   un   caso   che   tutte   le   strategie   deduttivistiche
sfocino poi, implicitamente o esplicitamente, in una teoria della
convergenza tra capitalismo e socialismo)20.
Analoghe   considerazioni   svolgeva   Habermas   in  Legiti­
mationsprobleme im Spdtkapitalismus, allorché schizzava il suo
lucido quadro sinottico delle teorie della crisi 21. Le concezioni che
collegano teoria della crisi e teoria dello Stato in base al postulato
dell;«autonomia   relativa   della   politica»   sostengono   che,   nella
storia   della   formazione   economico­sociale   capitalistica,   la
20
Cfr.   C.  OFFE,  Spdtkapitalismus.   Versuch   einer   Begriffsbestimmung,   in  ID.,
Strukturprobleme   des   kapitalistischen   Staates   cit.  (trad.   it.   in   C.  OFFE,  LO  Stato
nel   capitalismo   maturo,  Milano   1977,   pp.   17   ss.   [la   raccolta   italiana   è   diversa
e più ampia di quella tedesca]).
21
Cfr.  J.   HABERMAS,  Legitimationsprobleme   im   Spàtkapitalismus  cit.  (trad.
it. Bari 1975, pp. 37 ss.).

costituzione non­politica del potere sociale di fatto (della Macht o
"potenza") mediante l'approvazione privata del plusvalore non si è
mai   riprodotta   con   mezzi   capitalistici,   ma   ha   richiesto   funzioni
statali di integrazione degli "automatismi" di mercato, a loro volta
non subordinate, ma "relativamente" autonomizzate dalla logica
di mercato stessa. In breve la Macht, la potenza o potere di fatto,
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

104

presuppone la  Herrschaft,  il dominio politico inteso come potere


legittimo, la cui autonomia relativa si incarna nell'esistenza di un
ceto  politico   e  burocratico   sociologicamente  distinto  dalla   classe
borghese. In questo senso, per tali teorie il bonapartismo viene a
rappresentare,   piuttosto  che  un  caso  tipico,   la   quintessenza   del
"politico"   capitalistico:   un'incarnazione   della   necessità   che   lo
Stato, in quanto noncapitalista, s'imponga ai capitali singoli e ai
differenziati interessi interni alla borghesia per affermare ­ con
funzione  vicaria   ­   quella   «volontà   capitalistica   globale»   che   non
può   prodursi   spontaneamente   dalla   sfera   della   concorrenza
reciproca.

La   tesi   dell'autonomia   relativa   rappresenta   così   una   media­


zione­compensazione   delle   due   interpretazioni   "paradigmatiche"
dello   Stato  prevalse   nella   tradizione   marxista:   il  a)   paradigma
"strumentalista" e il b ) paradigma del "capitalista collettivo".

a)  Il primo paradigma afferma ­ in modo non necessariamente
rigido o schematico ­ il carattere in ultima istanza strumentale
dei rapporti intercorrenti tra apparato di Stato e classi (o frazioni
di   classe)   socio­economicamente   dominanti.   Per   "strumentalità"
non si intende qui il rapporto mezzo­scopo (poiché sotto il profilo
di   un  tale  rapporto   ­   a   meno  di   non  abbracciare   una   posizione
"statolatra" ­ lo Stato non può che essere uno strumento, mai un
"fine in sé"). Si vuole piuttosto designare la dipendenza che viene
ad   istituirsi   tra   sfera   politica   e   classe   o   gruppo   dominante
nell'ambito delle relazioni economico­sociali. Su questo paradigma
si   fondano   tutte   le   strategie   più   o   meno   esplicitamente
statalistiche   di   transizione   al   socialismo:   emblematica,   sotto
questo   profilo,   la  Stamokaptheorie  (o   teoria   del   capitalismo
monopolistico di  Stato),  che  riattualizza  l'assunto centrale della
concezione dello Stato­strumento sotto la forma della «fusione di
Stato e monopoli». Nei teorici dello
Stamokap, la contraddizione tende a configurarsi come potenziale
divaricazione antagonistica tra le "funzioni pubbliche" dello Stato
e   la   sua   strumentalizzazione   a   fini   "privati"   o   "corporativi"   da
parte dei «gruppi monopolistici più potenti»22.

b ) Il secondo paradigma muove invece dalla celebre definizione
engelsiana dello Stato come «capitalista collettivo ideale». Ma per
investirla   di   una   radicale  revisione   storico­strutturale,   espressa
dalla   sostituzione   dell'aggettivo  ideale  con   l'aggettivo  reale.
105 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Mentre,   secondo   quella   che   lo   stesso   Habermas   denota   come


"posizione ortodossa", lo Stato capitalistico, in quanto rimane solo
idealmente un capitalista complessivo, non supera in alcun modo
il   carattere   spontaneo   della   produzione   di   merci   (la   limita,   la
condiziona con prestazioni regolative, ma non la domina nel senso
di «un'istanza pianificatrice capitalistica­glo­bale»), nelle odierne
versioni   dello   Stato   come  Gesamtkapitalist  le   trasformazioni
capitalistiche di questo secolo vengono interpretate in chiave di
progressivo decremento della concorrenza conflittuale tra capitali
singoli   e   di   espansione   sempre   più   vasta   dello   sfruttamento
gestito  dallo  Stato.   Tipica   di   questo  paradigma   ­  che   accomuna
molteplici   varianti   della   concezione   dello   "Stato   autoritario"   o
dello "Stato­piano" ­  è una connotazione univoca dei processi  di
razionalizzazione   e   di   socializzazione   sotto   il   segno   della
pianificazione   totale,   che   porta   a   definire   il   complesso   delle
attività   statali   come   altrettante   funzioni   del   processo   di
valorizzazione.

Entrambe queste concezioni riproducono il teorema economico
della   crisi   in   una   forma   impura,   revisionata   e   talora   anche
eclettica. La stessa teoria del capitalismo monopolistico di Stato
prende   avvio   dall'assunto   che   il   contesto   originario   della   ripro­
duzione   capitalistica   è   stato   profondamente   alterato   dall'inter­
ventismo   statale:   la   continuità   della   produzione   di   plusvalore
verrebbe ormai assicurata "distaccando" ­ sia pure parzialmente ­
dal   meccanismo   di   mercato   le   decisioni   sugli   investimenti.   La
reductio   ad   unum,  operata   dai   teorici   del   «cervello   capitalistico
collettivo» mediante una sostanzializzazione­per­sonificazione del
concetto di  Gesamtkapitalist,  avviene nei teorici dello  Stamokap
22
  Sulle   teorie   dello  Stamokap,  cfr.  E.   ALTVATER,  La   teoria   del   capitalismo
monopolistico   di   Stato   e   le   nuove   forme   di   socializzazione   capitalistica,   in  Storia   del
marxismo­Einaudi, IV, Torino 1982, pp. 649­699.

con   il   ricorso   alla   "teoria   dell'agenzia"   che   riprende,


aggiornandola, la nota tesi del governo politico come "comitato d
affari" della borghesia. Ma in ambedue i casi la "centrale" politica
dipende   in   modo   cogente   e   vincolante   dall'obiettivo   finale   della
valorizzazione:   e   la   crisi   economica   viene   pertanto
immediatamente ad assumere una forma politica.

Nei confronti di questa prospettiva teorica, Habermas solleva
due   obiezioni:   1)   in   primo   luogo,   non   si   dà   la   possibilità   di
«fondare empiricamente l'ipotesi che l'apparato statale, quali che
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

106

siano gli interessi che rappresenta, sia in condizione di pianificare
attivamente,   di   sviluppare   e   attuare   una   strategia   economica
centralizzata»;   2)   in   secondo   luogo,   è   altrettanto   impossibile
«dimostrare   empiricamente   l'ipotesi   che   lo   Stato   operi   come
agente   dei   monopolisti   unificati»23.   Così   come   i   teoremi   dello
"Stato autoritario", dello "Stato­piano", ecc., misconoscono ­ al pari
delle   teorie   della   tecnocrazia   ­   i   limiti   di   razionalità   della
pianificazione   amministrativa   statale   di   fronte   alla   molteplicità
degli interessi parziali organizzati, allo stesso modo la concezione
dello  Stamokap  sopravvaluta   ­   al   pari   delle   teorie   elitiste   ­
«l'importanza   dei   contatti   personali   e   delle   norme   dirette   per
l'azione»24.
Habermas sembra dunque propenso ad accogliere ­ come del
resto   anche   Offe   ­   la   proposta   di   sostituzione   del   criterio   della
causalità/dipendenza   con   quello   della   funzionalità   avanzata   dal
teorema   dell'autonomia   relativa.   Anche   a   quest'ultimo   viene
tuttavia   rivolta,   per   quanto   implicitamente,   una   obiezione
decisiva: la mancata periodizzazione delle diverse fasi di sviluppo
del sistema capitalistico, con il conseguente rischio di stilizzare lo
Stato   bonapartista   come   una   sorta   di   invariante   del   "politico"
borghese.
È importante sottolineare il valore che viene qui ad assumere
la   periodizzazione:   periodizzare   significa,   infatti,   cogliere   i
mutamenti   di   forma   della   crisi   e   del   valore   posizionale   del
"politico"   nell'evoluzione   del   modo   di   produzione   capitalistico.
L'emergere   del   problema   dello   Stato   come   problema   cruciale   è
comprensibile   solo   da   una   prospettiva   teorica   capace   di   fare

J. HABERMAS,  Legitimationsprobleme,  trad. it. cit., p. 67.  Ivi,  pp.


67­68.

interagire   il   momento   struttural­funzionale   con   quello   storico­


evolutivo. Se ad Offe si deve l'elaborazione più incisiva e coerente
del   primo  aspetto  ­  con  l'energica   sottolineatura   della   necessità
del   ricorso   al   codice   funzionalista   e   sistemico   per   penetrare   la
logica   di   funzionamento   delle   istituzioni   politiche   e
amministrative   e   per   riformulare   una   teoria   della   legittimità
conforme ai tempi ­ non va però dimenticato che essa s'inserisce in
quella interpretazione sincronico­diacronica del capitalismo che è
stata   tentata   da   Habermas   sulla   base   di   una   vera   e   propria
"metacritica" dell'economia politica.
107 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Passeremo adesso ad analizzare in primo luogo la proposta di
rifondazione metodologica, per poi affrontare la periodizza­zione
(e,   dunque,   la   teoria   dell'evoluzione)   ad   essa   sottesa.   Faremo
quindi  emergere  il complesso   rapporto  di  continuità/rottura  che
questo   programma   "ricostruttivo"   intrattiene   con   le   tematiche
originarie della Scuola di Francoforte.

3. Struttura, evoluzione e mutamento di forma: il "Weber 
dimezzato" della Scuola di Francoforte

Si è visto precedentemente come la proposta teorica avanzata
da Offe nel libro del '72 si tenga in un difficile equilibrio tra due
poli:   da   un   lato,   infatti,   egli   dichiara   che   «il   ricorso   all'analisi
marxiana   del   capitalismo   contemporaneo   non   è   in   grado   di
spiegare o anche solo di ordinare teoricamente tutti i fenomeno
delle   formazioni   "tardo­capitalistiche"»;   dall'altro   aggiunge   però
che   «tanto   meno   le   scienze   sociali   stabilite,   in   particolare   le
scienze   politiche,   sono   oggi   in   grado   di   porre   la   questione
fondamentale, affrontata da Marx, delle leggi di movimento del
capitale e della struttura sociale determinata del suo movimento,
e   ancor   meno   di   trovare   una   risposta   a   tali   problemi».   La
definizione   teorica   dei   «sistemi   sociali   "occidentali"   altamente
industrializzati» chiama dunque in causa tre ordini di problemi:
1)   in   base   a   quali   criteri   e   dati   fattuali   essi   possano   definirsi
ancora capitalistici; 2) il significato del termine "tardocapitalismo"
{Spdtkapitalismus)]  3)   la   motivazione   del   rifiuto   di   tipologie
generali   o   categorie   idealtipiche   diffuse   soprattutto   nell'area
anglosassone   ­   del   tipo   "società   post­industriale",   "società   post­
moderna", "società tecnotronica", e simili25.
Criterio di individuazione del capitalismo non è quello che Offe
un   po'   sbrigativamente   definisce   l'indicatore   "statico"   della
proprietà, ma il «modo di disposizione concreto e tipico» 26: modo
che   nei   sistemi   sociali   odierni   include   anche   il   programma
istituzionalizzato concernente le opzioni strategiche dominanti. Il
concetto non rappresenta pertanto l'indice generale descrittivo di
una   data   struttura   sociale,   bensì   la   logica   endogena   di   un
determinato   modello   di   sviluppo.   Questa   precisazione   pone   in
rilievo il fatto che alla base dell'analisi di Offe opera una specifica
interpretazione del  trend  caratterizzante la dinamica strutturale
della   formazione   sociale   capitalistica,   intitolata   alla   tesi   del
»mutamento di funzione dell'imprenditore». La lettura della logica

25
Cfr. C. OFFE, Spàtkapitalismus, trad. it. cit, p. 18.
26
Ibidem.
27
Sul concetto di "capitalismo  organizzato"  in Hilferding  si veda H. A.   WINK­
LER,  Eirdeitende   Bemerkungen   zu   Hilferdings   Theorie   des   Organisierten   Kapita­
lismus, in AA.W., Organisierter Kapitalismus, Gòttingen 1974, pp. 9­18.
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

108

evolutiva   del   sistema   capitalistico   come   tendenza   alla


dissociazione   crescente   tra   proprietà   e   gestione   dei   mezzi   di
produzione   ­   caposaldo   delle   teoriche   della   razionalizzazione   ­
costituisce un fondamentale tratto di collegamento tra i lavori di
Offe   e   Habermas   e   le   tematiche   affrontate   dal   marxismo
"revisionato" della socialdemocrazia tedesca e austriaca fra le due
guerre:   come   dimostra,   tra   l'altro,   l'adozione   da   parte   di
Habermas   del   concetto   hilferdinghiano   di   "capitalismo   orga­
nizzato"27. I vantaggi di questa linea di riflessione, lungo la quale
avvengono   le   più   significative   intersezioni   tra   i   punti   alti   del
dibattito   socialdemocratico   e   della   ricerca   scientifica   in   campo
sociale (da Weber fino allo Schumpeter di  Capitalism, Socialism
and   Democracy),  sono   assolutamente   fuori   discussione:
soprattutto se li si confronta con la funzione frenante svolta da
quel   marxismo   secondo   e   terzointernazionalista   che   ha
concentrato   l'intera   attenzione   teorica   e   pratica   sulla   struttura
proprietaria. Vi è tuttavia nel «clima culturale ... dominato dalla
"scoperta"   della   dissociazione   tra   proprietà   e   controllo»   ­e   che
«trova il conforto della rilevazione sociologica» ­ un rischio

fondamentale:   quello   di   trascurare   il   «nucleo   duro   della   pro­


prietà»28. Per "nucleo duro" intendendo non solo il fenomeno ­ che
«una   riflessione   teorica   più   approfondita   e   taluni   insuccessi
pratici hanno indotto a riportare al centro dell'attenzione» ­ del
"ritorno" dellaproperty machine, che riesce «a stritolare sofisticati
meccanismi   costruiti   tutti   sul   versante   del   controllo»  29,   ma
piuttosto il ruolo svolto dall'idea di proprietà, su un piano per così
dire   "metasociologico",   come   categoria­chiave   della   storia
occidentale (basti pensare al ruolo determinante svolto, sia pure
con   declinazioni   opposte,   dall'idea   di   "riappropriazione"   nel
liberalismo   e   nel   marxismo).   Se   oggi   il   tema   della   proprietà
appare   nuovamente   come   un   tema   cruciale,   come   il   "campo   di
battaglia" di cui parlava Tocqueville, ciò non accade perché ci si
trovi   di   fronte   ad   un   "ritorno",   ad   "una   vicenda   pendolare"   (il
fondamentale   conflitto   dell'Occidente   tra   pubblico   e   privato,
mercato e pianificazione, libertà e controllo si riprenseta oggi in
termini radicalmente mutati), ma al contrario perché «sono venuti
emergendo   interessi   e   situazioni   sempre   più   difficilmente
28
S.  RODOTÀ,  La   rinascita   della   questione   proprietaria,   in  ID.,  Il   terribile
diritto, Bologna 1981, pp. 18­19.
29
Ivi, p. 19.
30
Ibidem.
31
Cfr.   soprattutto   la   relazione   tenuta   da   C.   Offe   al   convegno   su   «Indivi­
duo   e   Stato»   promosso   dalla   Canadian   Broadcasting   Corporation   e   dall'Euro­
pean   Studies   Commitee   for   International   Studies   dell'Università   di   Toronto
(Toronto,   febbraio   1979)   e   pubblicata   con   il   titolo,   Stato,   ingovernabilità   e
ricerca   del   "non   politico",  in   «Fenomenologia   e   società»,   1979,   n.   8,   pp.   324­
34.
32
C. OFFE, Spdtkapitalismus, trad. it. cit., p. 24.
109 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

riducibili   alla   cifra   proprietaria»  30.   Di   questo   rischio   sembra


avvertito Offe ­ non solo nei suoi più recenti lavori, che tentano di
tematizzare   proprio   il   problema   adesso   sollevato   della   nuova
costellazione di interessi e di conflitti, improntata a una logica di
tipo "post­materialistico" o "post­acquisitivo"31, ma già nel saggio
di   apertura   del   libro   sullo   Stato,   dedicato   alla   definizione
concettuale di Spdtkapitalismus ­ allorché afferma che «il concetto
di   appropriazione  privata  non   è   circoscritto   all'ambito   del   suo
sanzionamento formale  nei  rapporti  giuridici privati, oggi meno
che mai»32. Le categorie di "proprietà" e di "privatezza" continuano
a   costituire   punti   di   riferimento   fondamentali   non   solo   per   la
spiegazione dello sviluppo storico del modo di produzione capitali­
stico, ma soprattutto per individuare in esso quella insufficienza
«tendenzialmente   autodistruttiva»   che   ha   radice   nel   deficit
strutturale di un consapevole controllo sociale sulle risorse e sullo
sviluppo della vita (sviluppo che risulta bensì socializzato, ma in
termini "puramente fattuali")33. Al di là di ogni riduzione di tipo
giuridico­formale o psicologico (come, ad esempio, quella che parte
dalla nozione di "egoismo" per spiegare la "ricerca di profitto" da
parte dei proprietari di capitale) «la categoria di privatezza coglie
invece   una   realtà   economico­sociale   costituita   dallla   astrazione
strutturale   rispetto   ad   esigenze,   gruppi   e   classi   che   non   sono
contemplati   automaticamente   dal   meccanismo   strutturale   della
valorizzazione   del   capitale   in   vista   del   profitto» 34.   La   coppia
proprietà/privatezza   resta,   dunque,   per   Offe   fondamentale   per
qualificare un sistema sociale nel quale «i valori d'uso compaiono
soltanto come ipo­fenomeni dei valori di scambio»35.

Il  nesso   tra   privatezza   e  irrazionalità­inconsapevolezza   resta


decisivo per la individuazione e riformulazione di quella che Offe
continua a chiamare contraddizione fondamentale:

Il nostro approccio individua la contraddizione fondamentale delle società
capitalistiche   nel   contrasto   tra   l'estensione   inconsapevole   (al   di   là   delle
intenzioni, solo di fatto) dei rapporti di interdipendenza all'interno del processo
di socializzazione da un lato, e, dall'altro, la mancanza di una organizzazione e
di una pianificazione consapevoli di questo processo36.

Il   fattore   di   opacità   è   rappresentato   sul   piano   oggettivo   dai


rapporti   di   appropriazione   privata   intesi   come   rapporti   di   pro­
duzione   specificamente   capitalistici,   sul   piano   soggettivo   dalla
pervasività o persistenza delle strategie private di investimento
che   bloccano   o   limitano   l'organizzazione   e   la   pianificazione

33
Ivi, p. 25.
34
Ivi, p. 24.
35
Ibidem.
36
Ivi, p. 21.
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

110

consapevoli.   L'approccio   metodologico   che   presiede   all'analisi


svolta   da   Offe   intorno   ai   limiti   della   razionalità   politico­ammi­
nistrativa   tardocapitalistica,   prende   le   mosse   dalla   necessità   di
ridefinire   il   teorema   marxiano   dello   Stato   e   della   crisi,   inte­
grandolo con il paradigma sistemico. Tale necessità è desunta da
una   rassegna   puntuale   dei   tentativi   intrapresi   dalle   «inter­
pretazioni   "strutturalistiche"   dell'apparato   categoriale   elaborato
da Marx» da un lato, e delle controversie che hanno contrapposto
questa   interpretazione   a   «quelle   varianti   della   teoria   marxista
criticate   da   parte   degli   "strutturalisti"   come   "storicistiche"»
dall'altro37.

Pur ritenendo filologicamente e teoricamente corretta la deli­
mitazione epistemologica del concetto di "capitalismo" modellato
sulla critica marxiana dalle accezioni fornitene dai "classici" come
dai   "neoclassici"   (né   l'"uso"   dei   mezzi   di   produzione,   né   il
predominio e  la  libertà  d'azione dell'imprenditore  singolo,  né  la
forma del "mercato anonimo" costituiscono infatti criteri autonomi
per definire in modo adeguato la formazione sociale capitalistica),
Offe rileva la scarsa produttività ­ per uno sviluppo originale e
creativo del complesso teorico ereditato da Marx ­ di «definire il
capitalismo   unicamente   sulla   base   della   logica   di   movimento   o
della "totalità del processo"»  38. L'apparato categoriale è, detto in
breve,   condannato   alla   sterilità   se   non   è   in   grado   di   darsi
strutture analitico­operative: di produrre, cioè, concrete ricerche
sociali.   Come   è   fondamentale   alla   definizione   dello   status
epistemologico   della   teoria   marxiana   la   distinzione   tra   logico   e
storico,   altrettanto   fondamentale   è   per   una   "teoria   del
capitalismo" realizzare l'intreccio tra categorie logiche e categorie
sociologiche. È una tale distinzione a sorreggere la critica che Offe
rivolge   alle   interpretazioni   struttu­ralistiche   di   Marx:
l'identificazione   o   il   tacito   scambio   che   esse   (Offe   si   riferisce
segnatamente   alla   posizione   di   Godelier)   instaurano   tra   piano
logico e piano sociologico fa sì che il problema della contraddizione
venga   ridotto   a   problema   di   "compatibilità   funzionale"   fra
strutture, senza che si riesca mai ad individuare i portatori e gli
agenti dell'antagonismo sociale. Una barocca combinatoria viene
così a surrogare il faticoso lavoro di scomposizione analitica e di
ricerca storico­sociologica, volto a illuminare le specifiche forme di
costituzione degli attori (classi e gruppi sociali) e gli specifici, e
37
Ibidem.
38
Ivi, p. 26.
111 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

spesso   plurivoci,   collegamenti   che   queste   intrattengono   con   la


dinamica strutturale. Un tale scambio tra livello logico e livello
sociologico,   una   tale   stilizzazione   strutturologica   del   problema
delle classi e dell'antagonismo, può funzionare, secondo Offe, solo
per la fase del "paleocapitalismo", per la quale è legittimo riferire
la categoria dinamico­processuale di antagonismo a un substrato
di   classe   ad esso   direttamente e  funzionalmente  corrispondente
(da un lato la minoranza che concentra sotto di sé la proprietà dei
mezzi di produzione, dall'altro la formazione di una classe priva di
proprietà per la quale la propria forza­lavoro era l'unica fonte di
sussistenza).   Questo   aggancio   operato   da   Offe   tra   epoca   pro­
tocapitalistica (o di capitalismo liberale­concorrenziale) e duplice
funzione   denotativa   del   concetto   di   classe   ­   che   designa
simultaneamente   il   livello   logico   dell'antagonismo   strutturale   e
quello   sociologico­empirico   dei   gruppi   e   degli   aggregati   che   lo
rendono   funzionalmente   operativo   ­   chiama   in   causa,   come   si
vedrà   tra   breve,   il   criterio   di   periodizzazione   che   legittima   lo
statuto   teorico   assegnato   alla   categoria   di  Spàtkapitali­smus,  e
che   trova   in   Habermas   la   propria   compiuta   sistemazione
all'interno   di   un   complesso   rapporto   con   l'eredità   della   Teoria
critica   francofortese.   Ciò   che   importa   tuttavia   per   il   momento
rilevare   è   il   significato   metodologico   generale   conferito   da   Offe
alla   critica   del   teoreticismo   strutturalista.   Esso   non   va   inteso
tanto come corrente di pensiero specifica, quanto piuttosto come
attitudine   mentale   o   tendenza   latente   a   caricare   il   concetto
marxiano   di   autocontraddittorietà   del   modo   di   produzione
capitalistico di «elementi di una situazione di fatto»: la struttura
logica del concetto di capitale finisce così per assumere la portata
di   una   «forza   storica   indipendente,   cumulativa,   irreversibile,
orientata in senso teleologico»39.

L'esito di questa critica ­ l'impossibilità di dedurre dalle leggi
dinamiche evolutive  (Bewegungsgesetze)  il giudizio su una situa­
zione   fattuale   o   la   prognosi   su   uno   stato   futuro   ­   sottende   la
valutazione fornita da Offe dei diversi approcci  marxisti al pro­
blema dello Stato. Il difficile equilibrio della posizione di Offe si
manifesta   con   evidenza   tutta   particolare   proprio   su   questo
terreno.   Le  impostazioni  marxiste  si   ritrovano  sotto  un  minimo
39
 Ivi, p. 28.
comun   denominatore:   l'assunzione   del   carattere   di   classe   dello
Stato. Questa assunzione, secondo Offe, non deve essere rifiutata
ma fortemente problematizzata. Pur rigettando la tesi dello Stato
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

112

come   capitalista   collettivo   reale,   egli   ritiene   ­   in   polemica   con


Miliband40  ­  che  si  possa  e si debba  parlare comunque  di  Stato
capitalistico,   e   non   semplicemente   di   Stato  nella  società
capitalistica. Offe tenta qui di tenere insieme due esigenze fra loro
in   attrito   (o   talora   addirittura   in   alternativa):   quella   della
definizione   del   carattere   capitalistico   dello   Stato   nelle   società
industriali   dell'Occidente   e   quella   della   rimozione   dell'aporia
implicita   in   quel   "riduzionismo   classista"   che   nega   allo   Stato
qualsivoglia   funzione   generale,   risolvendolo   in   mero   strumento,
apparato   della   classe   o   delle   frazioni   di   classe   socioeconomi­
camente dominanti. L'aporeticità di questa interpretazione ­non
genericamente "strumentale" ma, più specificamente, "gruppista"
­   dello   Stato   (che   buona   parte   del   marxismo   condivide   con   il
pluralismo   di   ascendenza   utilitaristico­liberale)   sta   nella   sua
impossibilità   di   trovare   un   ancoraggio   argomentativo   capace   di
spiegare in modo convincente dove il potere politico reperisca la
propria fonte di legittimità, e quindi la possibilità di riprodursi,
fuori della benthamiana "paura del dolore" inflitto dalla sanzione:
ma in tal caso il problema della legittimità viene a risolversi tout
court  in   quello   della   forza   (come   capita,   in   sintonia   solo
apparentemente paradossale, alle soluzioni utilitariste e a certe
soluzioni marxiste del problema della politicai obli­gation)41.

Inadeguate   appaiono   a   Offe   ambedue   le   varianti   di   questa


interpretazione   all'interno   del   marxismo:  le  a)   teorie   dell'in­
fluenza e le  b )  teorie della costrizione. Se le prime, infatti, con­
fondono l'interesse di classe con i gruppi di interesse empirici, le
seconde rendono  addirittura  pervasivo  lo  schema di spiegazione
40
Cfr.   R.  MILIBAND,  The   State   in   Capitalist   Society,  London   1969   (trad.   it.
Bari   1970),   e   la   critica   di  OFFE,  Klassenherrschaft   una   politisches   System.   Die
Selektivitàt   politischer   Institutionen,  in  Strukturprobleme   des   kapitalistischen
Staates  cit.   (trad.   it.   in  ID.,  LO  Stato   nel   capitalismo   maturo  cit.,   pp.   123­24).
Di   Miliband   si   veda   anche   il   più   recente   Marxism   and   Politics,  Oxford   1977
(trad. it. Bari 1978).
41
Cfr.   J.  BENTHAM,  A   Fragment   on   Government,  Oxford   1948,   p.   107   nota.
Sulla   questione   si   veda   pure  A.   PASSERIN  D'ENTREVES,  Sulla   natura   dell'obbligo
politico,  in   «Rivista   internazionale   di   filosofia   del   diritto»,   XLIV,   luglio­set­
tembre   1967,   ora   in  ID.,  Obbedienza   e   resistenza   in   una   società   democratica,
Milano 1970, pp. 67 ss.

esterno, traducendo il problema della logica specifica del potere
politico   nel   concetto   meccanico   di   influenza.   Nessuna   delle   due
teorie s'interroga sul tipo e sul grado di razionalità inerente allo
Stato   in   quanto   artefatto   storico   della   borghesia   capitalistica.
Limitandosi a studiare «le condizioni esterne che attribuiscono ai
113 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

processi   politici   un   contenuto   di   classe»,   esse   sono   «entrambe


inutilizzabili per dimostrare il carattere di classe dello Stato»  42. Il
postulato   implicito   dell'interpretazione   "gruppista"   del   potere
politico è  dunque quello della  «neutralità dell'apparato statale»:
strumento   che   ­  per   quanto  riguarda   la   sua   struttura   e   la   sua
razionalità   interna   ­   potrebbe   essere   in   linea   di   principio
utilizzato   anche   per   l'affermazione   di   interessi   diversi   o
addirittura opposti.

Se questo è il livello critico del discorso, ancora più complesso
si presenta il versante propositivo delle interpretazioni di Haber­
mas e Offe. Scartate le soluzioni di tipo funzional­strutturalista
inclini a fare del bonapartismo una sorta di invariante paradig­
matica dello Stato borghese (è una linea variamente rappresen­
tata all'intèrno di  ambedue  le tradizioni  storiche  del marxismo,
che trova un fecondo campo di applicazione nell'analisi del fasci­
smo   ­   basti   fare   i   nomi   di   Thalheimer,   Stawar,   Bauer,   o   degli
stessi Gramsci e Trockij ­ ma che assume tuttavia la curvatura
teorica   funzional­strutturale,   attraverso   una   consapevole   rece­
zione   di   Parsons,   solo   con   l'althusserismo   "riadattato"   di   Nicos
Poulantzas43), la sola possibile definizione dello Stato capitalistico
è quella che muove dalla dinamica della forma di merce e dalle
sue trasformazioni storico­sistematiche. L'intreccio tra i due lati ­
storico e sistematico ­ è fondamentale per comprendere il senso
42
C. OFFE, KLassenherrschaft und politisches System, trad. it. cit., p. 126.
43
Si   veda   come   esempio   la   conclusione   radicale   cui   Nicos   Poulantzas   per­
viene   nel   saggio  The   Problem   of   the   Capitalist   State,  in   «New   Left   Review»,
1969, n. 58, p. 73: «it can be said that the capitalist State best serves the inte­
rests   of   the   capitalist   class   only   when   the   members   of   this   class   do   not   parti­
cipate   directly   in   the   State   apparatus,   that   is   to   say   when   ruling   class  is   not
the  politically   goveming   class».  E   interessante   notare   ­   seguendo   un   acuto
rilievo   di   G.   Therborn   (What   Does   the   Ruling   Class   Do   When   it   Rules?,   Lon­
don   1978   [trad.   it.  Roma   1981,   p.   173])   ­   come   Offe   sostenga   una   posizione
analoga   a   quella   di   Poulantzas   (rilevabile   soprattutto   in   Pouvoir   politique   et
classes   sociales  e   in  Fascisme   et   dictature)  relativamente   alla   questione  dell'inte­
resse   di   classe  (e   come,   pertanto,   si   imbatta   nella   stessa   difficoltà   di   conferire
a questo concetto un preciso significato empirico).
della proposta di Habermas e Offe di un passaggio dall'economia
politica alla sociologia (o meglio, a una scienza sociale e politica,
intesa   in   senso   critico­materialistico).   L'incontro   tra   le
costellazioni categoriali del marxismo e delle  Sozialwissenschaf­
ten  avviene sì ­ come del resto in altre prospettive neomarxiste
contemporanee   ­   in   ossequio   alla   convenienza­produttività   del
confronto tra le due rilevanti tradizioni di critica del paradigma
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

114

massimizzante   di   razionalità   proprio   dell'economia   politica.   Ma


acquista   un   significato   tutto   particolare   solo   se   lo   si   considera
come il risultato di uno sviluppo e di un distacco specifici rispetto
alla tradizione francofortese della Teoria critica.

Non è qui il caso di ricordare i fili conduttori dell'analisi della
società di massa svolte dalla Scuola di Francoforte, e tantomeno
di   ribadirne   la   portata   innovativa   nell'ambito   della   cultura   di
sinistra (marxista e non): soprattutto per la straordinaria capa­
cità che quelle analisi ebbero di avvalersi di una spregiudicata e
al contempo rigorosa strumentazione interdisciplinare. Tuttavia,
ad onta di questa apertura culturale e disciplinare, la piattaforma
teorica che caratterizza la linea maggioritaria della Teoria critica
(quale si viene a costituire nella ricerca e nel dibattito degli anni
'30 e '40) è improntata ad un'ortodossia marxista che potremmo
definire   "congelata":   mantenuta   come   in   ibernazione.   Se
prendiamo ad esempio i modelli di analisi delineati in Autoritàrer
Staat  di   Max   Horkheimer   o   in  State   Capitalism  di   Friedrich
Pollock, si nota come in essi sia visibile ­ malgrado l'indiscutibile
esigenza di integrare il quadro concettuale marxista con quelli che
oggi   si   chiamerebbero   "paradigmi   concorrenti",   allo   scopo   di
adeguarlo   alla   morfologia   del   "nuovo   ordine"   ­   un   singolare
aspetto aporetico: l'essenzialismo marxiano e la sua dottrina delle
'leggi   di   natura   sociali"   non   vengono   mai   messi   veramente   in
discussione   (lo   stesso   Adorno,   del   resto,   in   pieni   anni   '60,
dichiarerà   ancora   valide   le   teorie   marxiane   del   valore   e   delle
classi44). La controtendenza dello

44
  Cfr.  TH.W. ADORNO,  È superato Marx?,  in  AA.W.,  Marx vivo,  Milano  1969,  pp.
19­35.  Per   questa   interpretazione   della   Scuola   di   Francoforte   mi   permetto   di
rinviare a G. MARRAMAO, Il politico e le trasformazioni, Bari 1979, pp. 36 ss., 193 ss.

"Stato   autoritario",   per   quanto   venga   ad   assumere   una   portata


"epocale",   non   rimuove   ma   blocca   la   tendenza   al   crollo   (la   cui
fondamentalità   resta   pertanto   sostanzialmente   inconfutata),
finendo così per renderne fissi, in una dimensione destorificata, i
risultati   sociali,   Sotto   questo   profilo,   appare   assolutamente
emblematico  Yincipit  del   saggio   dedicato   da   Horkheimer   allo
Stato autoritario: «Le previsioni storiche sul destino della società
borghese si sono avverate»45. L'interrogativo che va a questo punto
sollevato è da dove discenda questa "ortodossia congelata" che fa

45
  M.  HORKHEIMER,  Autoritàter   Staat  (1942),   in  ID.,  Gesellschaft   im   Ubergang,
Frankfurt am Main 1972 (trad. it. Torino 1979, p. 9)
115 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

da   sfondo   a   tutto   il   filone   maggioritario   dell'«Insti­tut   fur


Sozialforschung».   L'origine   va   a   mio   avviso   rintracciata
nell'equazione ­ che i francofortesi ricavano dal Lukàcs di Storia e
coscienza   di   classe  ­   di   capitalismo   e  Tauschabstraktion
(astrazione dello scambio): nell'idea, cioè, che la ratio formale del
valore   costituisca   l'unico   contrassegno   adeguato   del   "nucleo
essenziale"   della   società   capitalistica,   in  quanto  società   fondata
sulla   produzione   di   merci.   Nella   riflessione   della   Teoria   critica
degli anni  '30  è già compiutamente radicata l'idea  ­ che si per­
fezionerà   ulteriormente   nella   riflessione   adorniana   del   dopo­
guerra   ­   per   cui   le   innumerevoli   variazioni   "fenomeniche"   del
fondamento non dissolgono il nucleo essenziale, anche se sono in
grado di pregiudicarne l'operatività e la trasparenza: di tenerne
imbrigliati   gli   effetti   per   mezzo   del   cemento   controtendenziale
della violenza istituzionalizzata. Il contesto formato dalla latenza
del  trend  catastrofico   e   dalla   costante   razionalizzazione   e
automatizzazione del controllo istituzionale viene così a costituire
un  meccanismo   unico,  la   cogenza   della   cui   logica   è   tale   da
sopprimere ogni margine di autonomia del "civile" e del "privato" ­
prerogativa dell'emancipazione individuale del soggetto borghese ­
e   si   riproduce   attraverso   un   dominio   che   spoliticizza
preventivamente  le masse,  garantendosi,  con  l'ausilio  dei  mass­
media   e   delle   tecniche   di   manipolazione,   la   loro   lealtà   agli
imperativi dell'accumulazione e della valorizzazione. Più che un
aumento   del   coefficiente   di   integrazione   di   "Stato"   e   "società
civile",   il   nuovo   ordine   autoritario   rappresenta   per   i   teorici
francofortesi una vera e propria espropriazione ed esautorazione
del secondo termine.

Sotto questo profilo, la Kritische Theorie ­ con la sua immagine
della transizione al nuovo ordine autoritario vista sotto il segno
non   già   di   una   crescita,   ma   piuttosto   di   un   decremento   di
complessità ­ partecipa della stessa temperie culturale di quelle
analisi   (alcune   di   provenienza   socialdemocratica)   che   ­da
Mannheim a Lederer e (con sensibili differenze) Hannah Arendt ­
connettono   il   fenomeno   del   totalitarismo   alla   disgregazione   del
46
Cfr.   K.  MANNHEIM,  Ideologie   und   Utopie,  Bonn   1929   (trad.   it.   Bologna
1957);  ID.,  Mensch   und   Gesellschaft   im   Zeitalterdes   Umhaus,  Leiden   1935   (trad.
it.   Milano   1959);  E.   LEDERER,  State   of   the   Masses,  New   York   1940;  H.   ARENDT,
The   Origins   of   Totalitarianism,   New   York   1951   (trad.   it.  Milano   1967).   Per   una
lucida   e   puntuale   rassegna   dei   dibattiti   su   totalitarismo   e   società   di   massa,   si
veda  E.   SACCOMANI,  Le   interpretazioni   sociologiche   del   fascismo,  Torino   1977,
pp. 37 ss.
47
L.  FEBVRE,  De   l'Etat   historique   à   l'Etat   vivant,  in  Encyclopédie   Frangaise,
tomo   X,   Paris   1935,   pp.   1­15   (trad.   it.   in   R.   RUFFILLI  [a   cura   di],  Crisi   dello
Stato   e   storiografia   contemporanea,  Bologna   1979).   Si   comprende,   così,   Tinte­
resse   che   poteva   rivestire   per   Febvre   l'analisi   del   processo   costitutivo   della
politica   e   della   scienza   moderna,   condotta   nel   1934   da   F.   Borkenau   (su   cui
vedasi ultra, Parte Seconda, cap. I).
48
Cfr.   K.  SONTHEIMER,  Der   Tatkreis,  in  AA.W.,  Von   Weimar   zu   Hitler   1930­
1933, a cura di G. Jasper, Kòln­Berlin 1968.
POLITICA   E   COMPLESSITÀ:   "LO   STATO   POSTMODERNO"

116

"sistema   classista"  46.   Ma,   nell'ambito   culturale   tedesco,


l'anticipazione   della   tesi   del   nuovo   ordine   degli   anni   '30   come
caratterizzato   dal   ritorno   dello   Stato   (tema,   questo,   allora
largamente   circolante   per   tutta   l'Europa,   come   aveva   magi­
stralmente   registrato   nel   '35   Lucien   Febvre 47)   e   dalla   drastica
inversione del rapporto politica­economia rispetto al capitalismo
concorrenziale,   la   troviamo   soprattutto   nelle   analisi   svolte   dal
circolo che si raccoglieva attorno a "Die Tat", il mensile diretto da
Ferdinand Fried48. Le posizioni del Tatkreis sono l'esatto rovescio
del   paradigma   neoclassico   dominante:   l'epoca   della   rivoluzione
industriale   è   definitivamente   tramontata,   e   ad   essa   sta   per
subentrare la «rivoluzione politica totalitaria», caratterizzata da
una   costante   mutazione   tecnologica   dell'organismo   sociale;   al
compiersi   di   questa   «rivoluzione»,   il   politico   prenderà   il   posto
dell'economico quale centro nevralgico e propulsore della società.
Riletta oggi, l'analisi di Fried ci appare una sconcertante, eppure
lucidissima anticipazione delle tesi con cui Alfred Sohn­Rethel ­
un intellettuale scoperto di recente, ma anch'egli formatosi nella
temperie  entre   les   deux   guerres  ha   sostanzialmente   corretto   e
integrato   le   analisi   francofortesi   sulla   nuova   morfologia
capitalistica, portando l'accento su un aspetto sovente trascurato:
i processi subcutanei di razionalizzazione e di socializzazione del
processo lavorativo49. Identica è la tesi di partenza dei due autori
(pure così diversi per formazione e opzione politica): l'idea della
razionalizzazione   come   fattore   di   massificazione­omologazione
operante   attraverso   la   dissociazione   progressiva   di   proprietà   e
gestione dei mezzi di produzione («il possessore è frantumato in
una   massa   anonima»;   «l'impresario   capitalistico   è   diventato
anch'esso   un   funzionario»)50.   Ma   identica   è   anche   la   pezza
d'appoggio   documentaria:   l'analisi   di   Schmalenbach   sul   fatale
andamento   dell'economia   capitalistica   «dalla   concorrenza   al
regime  vincolato»,   dovuto  al   prevalere   di   un'economia   di   "spese
fisse"   per   l'azienda   (di   fronte   alle   quali   i   salari   assumono
un'importanza sempre minore)51.
117 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Tra queste analisi e quelle della Scuola di Francoforte, nono­
stante   numerose   analogie   esteriori,   intercorre   tuttavia   una   dif­
ferenza   fondamentale.   Nella   linea   Horkheimer­Pollock­Adorno,
l'affermarsi   di   uno   schema   unidimensionale,   pur   presentandosi
come una sottolineatura dell'autonomia dello Stato, rappresenta
in   realtà   il   derivato   di   una   cogente   logica   di   dominio   che
scaturisce   dalla   "sostanza"   stessa   del   rapporto   sociale   fondato
sulla forma di merce. Nelle analisi del Tatkreis e di Sohn­Rethel si
insiste invece ­ con accenti e esiti molto diversi ­ sui processi

49
La   principale   opera   di   Sohn­Rethel   è  Geistige   und   kórperliche   Arbeit,
Frankfurt   am   Main   1970   [trad.   it.   ­   condotta   sulla   seconda   edizione,   riveduta
e   ampliata,   del   1972   ­   Milano   1977].   Ma   fondamentale   è   anche,   soprattutto
per   un'applicazione   storica   della   sua   tesi,   il   libro   sul   nazismo:   Okonomie   und
KLassenstruktur   des   deutschen   Faschismus,  Frankfurt   am   Main   1973   (trad.   it.
Bari 1978).
50
F.  FRIED,  La   fine   del   capitalismo,  Milano   1932,   p.   211.   La   tesi   Mediana
dell'estinzione   tecnologica   del   capitalismo   industri   alista   ­   che   s'inserisce   nella
temperie   della   "Konservative   Revolution",   ossia   in   un   ambito   tematico   già   in
parte   perimetrato   da   Sombart,   Simmel   e   dallo   Spengler   di  Preussentum   und
Sozicdismus  ­   fornisce   gli   incunaboli   di  quelle   tesi   del   postindustriale   che   diver­
ranno   celebri   nel   dopoguerra   attraverso   i   lavori   di   Daniel   Bell   e   Alain   Tou­
raine.   Che   un'anticipazione   così   lucida   e   precoce   di   queste   tesi   a   noi   vicine   si
sia   generata   negli   ambienti   della   cultura   di   destra   è   una   circostanza   su   cui
varrebbe la pena di riflettere.
51
Cfr.  ibidem,  pp.   209­13;   A.  SOHN­RETHEL,  Okonomie   und   KLassenstruktur
des deutschen Faschismus, trad. it. cit., pp. 41 ss.
118 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

che mettono irreversibilmente in crisi il valore di scambio come
funzione egemone, come funzione di «sintesi sociale»52.
Questo   aspetto   ci   avvicina   maggiormente   all'esigenza   teorica
avanzata   da   Habermas,   cui   va   assegnato   il   merito   di   avere
infranto   l'ortodossia   congelata   della   tradizione   francofortese,
rimettendo  in   primis  in   discussione   la   validità   della   teoria   del
valore.   Al   di   là   di   ogni   meccanica   combinatoria   di   tendenza
fondamentale e controtendenze, la storia del capitalismo va letta
come   una   dinamica   di   trasformazione   specifica   dei   rapporti   di
produzione   (e,   con   essi,   del   grado   di   razionalità   interna   che   ne
governa l'organizzazione e riproduzione). La «trasformazione dei
rapporti di produzione»53  nel tardo capitalismo contemporaneo  è
caratterizzabile   secondo   tre   aspetti   principali:   1)   una   forma
modificata   della   produzione   di   plusvalore;   2)   una   struttura
salariale para­politica che esprime un compromesso di classe; 3) il
crescente fabbisogno di legittimazione del sistema politico (che fa
entrare   in   gioco   rivendicazioni   orientate   a   valori   d'uso).
Contestualmente, l'analisi dello Stato nel capitalismo organizzato
non   può   essere   per   Habermas   che   un'analisi   di   mutamenti   di
forma.   A   definire   la   morfologia   contemporanea   della   crisi   non
basta più ­ come nella fase protocapitalistica ­ l'organizzazione di
un   piano   di   adeguazione   tra   livello   dinamico­analitico   e   livello
statico­descrittivo,   ma   occorre   piuttosto   individuare   il   ruolo
specifico cui assolve il sistema politico e le modalità in cui esso
concorre a determinare una dimensione del conflitto sociale e un
funzionamento degli stessi meccanismi economici diversi da quelli
che   si   manifestavano   nella   fase   libero­concorrenziale.   La
trasformazione   dei   rapporti   di   produzione   induce,   in   ultima
analisi,   una   dislocazione   del   baricentro   della   crisi.   Chiare,   a
questo   proposito,   le   formulazioni   rinvenibili   in
Legitimationsprobleme   im   Spdtkapitalismus:  «Nel   corso   dello
sviluppo   capitalistico   il   sistema   politico   ha   spostato   le   sue
frontiere facendole avanzare non solo nel sistema economico, ma
anche in quello socio­culturale»54. L'effetto di questo spostamento
sta nel fatto che «la crisi di razionalità ... prende il posto della crisi
economica»,   e   che,   di   conseguenza,   «la   logica   dei   problemi   di
Cfr.   A.  SOHN­RETHEL,  Geistige   und   kòrperliche   Arbeit,  trad.   it.   cit.,   pp.   132
52

ss.;  ID.,  Die   ókonomische   Doppelnatur   des   Spdtkapitalismus,  Darmstadt­


Neuwied 1972, pp. 43 ss.
53
J. HABERMAS, Legitimationsprobleme im Spdtkapitalismus, trad. it. cit., p.
valorizzazione   non   solo   si   riproduce   in   un   altro   strumento   di
controllo,  appunto  in  quello  del  potere  legittimo,  ma,  in  seguito
allo  spostamento  degli   imperativi   di   controllo  contraddittori   dal
traffico   di   mercato   al   sistema   amministrativo,   muta   anche   la
logica della crisi»55.

62.
119 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

La   novità   incontrovertibile   del   discorso   rispetto   alla   linea


maggioritaria   della   tradizione   francofortese   sta,   dunque,   nella
sottolineatura del mutamento di forma ­ e di logica ­ della crisi. Al
tempo stesso occorre però notare che questo mutamento di forma
assume una curvatura diacronica, oltre che sincronica: si verifica,
cioè, come un moto di dislocazione che ha comunque il suo punto
di partenza nella crisi dell'economico. Lo Stato è in tanto costretto
dalla «logica dei suoi mezzi di controllo» a recepire «un numero
sempre   crescente   di   elementi   esterni   al   sistema»,   in   quanto
«compensa   le   debolezze   di   un   sistema   economico   che   blocca   se
stesso e si assume compiti complementari al mercato»56. L'attività
fondamentale   dello   Stato   tardo­capitalistico   si   biforca   così   nelle
funzioni   ­   distinte   ma   simmetriche   ­   dell'accumulazione   e   della
legittimazione.   Mentre   lo   spostamento   di   frontiera   del   sistema
politico ha come effetto storico specifico una ri­politicizzazione dei
rapporti di produzione.
La chiave per afferrare il significato di questo esito del discorso
habermasiano   (e   di   questa   definizione)   è   data   dal   persistere
dell'equivalenza di capitalismo e astrazione dello scambio: anche
se da questo assunto si sviluppano poi uno svolgimento tematico e
una periodizzazione storica sensibilmente diversi da quelli di un
Pollock o di un Horkheimer. La peculiarità storica del capitalismo
sta originariamente per Habermas ­ che si muove in un campo di
problemi a cavallo tra Marx e Weber ­ nella rottura del rapporto di
omologia   che   nelle   società   tradizionali   (o   precapitalistiche)
intercorreva tra forma giuri­

54
Ivi, p. 53.
55
Ibidem.
56
Ibidem.

62.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        120

dica e rapporti di produzione. Mentre nel sistema feudale ­ dove
vigeva la forma del diritto diseguale, che rispecchiava fedelmente
le   diseguaglianze   reali   ­   i   rapporti   di   produzione   avevano   una
rilevanza immediatamente politica, nel capitalismo essi vengono
invece   spoliticizzati,   dal   momento   che   il   potere   non   viene   più
esercitato nella forma della dipendenza politica, ma attraverso la
mediazione del calore di scambio e della sua immagine speculare,
la forma del "diritto eguale": «Nella società borghese liberale la
legittimazione   del   dominio   è   dedotta   dalla   legittimazione   del
mercato,   ossia   dalla   "giustizia"   dello   scambio   di   equivalenti
presente nel rapporto di scambio»57.
Mediante   questa   argomentazione,   Habermas   legittima   sto­
ricamente anche la deduzione marxiana della teoria della crisi e
della  critica  della politica dalla specularità di forma  giuridica e
forma   di   merce:   Marx   ­   si   legge   infatti   in  Technik   und   Wis­
senschaft   ah   Ideologie   ­  «ha   compiuto   la   critica   dell'ideologia
borghese sotto forma di economia politica: la sua teoria del lavoro
come fonte  del valore distrusse  l'apparenza della  libertà, con la
quale l'istituto giuridico del libero contratto di lavoro aveva reso
irriconoscibile il rapporto di potere sociale sottostante al rapporto
di lavoro salariato»58. E, in  Erkenntnis und Interesse,  Habermas
ritorna su questo tema con chiarezza ancora maggiore:

Marx analizza una forma di società che istituzionalizza l'antagonismo delle
classi  non più  nella  forma di una dipendenza  immediatamente  politica e  di
potere  sociale,  ma  nell'istituto   del  libero contratto  di  lavoro che  imprime  la
forma di merce all'attività produttiva. Questa forma di merce è un'apparenza
oggettiva poiché rende irriconoscibile ad entrambe le parti, ai capitalisti come
ai salariati,  l'oggetto del loro conflitto e restringe la  loro comunicazione.  La
forma  di merce del  lavoro  è ideologia   poiché  allo  stesso  tempo nasconde ed
esprime l'oppressione di un rapporto dialogico privo di costri­
59
zione   .

57
J.   HABERMAS,  Erkenntnis   und   Interesse,  Frankfurt   arn   Main  1968  (trad.
it. Bari 1970, p. 174).
58
ID.,  Technik   und   Wissensschaft   als   Ideologie,   Frankfurt   am   Main  1968
(trad.   it.   in  ID.,  Teoria   e   prassi   nella   società   tecnologica,  a   cura   di   Carlo   Donolo,
Bari 1969, p. 213).
59
ID., Erkenntnis und Interesse, trad. it. cit., p. 63.
Con   la   crisi   degli   automatismi   di   mercato   s'incrina   irrever­
sibilmente   la   legittimazione   del   potere   borghese   mediata   dalla
60
Cfr.  ID.,  Bedingungen   filr   cine   Revolutionierung   spàtkapitalistischer   Gesel­
Ischaftssysterne  (1968),   in   AA.W.,  Marx   und   die   Revolution,  Frankfurt   am   Main
1970, pp. 30­21.
61
Cfr.   A.  SOHN­RETHEL,  Okonomie   und   KLassenstruktur   des   deutschen   Faschi­
smus,  trad.   it.   cit.,   pp.   147   ss.  Può   essere   forse   di   un   certo   interesse   ricordare
che Sohn­Rethel si era laureato nel 1928 a Heidelberg con Emil Lederer, discu­
tendo   una   tesi   di   dottorato   di   "epistemologia   economica"   che   si   ricollegava
direttamente   ai   lavori   di   Schumpeter.   La   dissertazione   venne   poi   pubblicata
con   il   titolo  Von   der   Analytik   des   Wirtschaftens   zur   Theorie   der   Volkswirtschaft,
Emsdetten 1936.
121 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

spontaneità   "quasi   naturale"   del   rapporto   di   scambio,   e   al   suo


posto   si   costituisce   una   nuova   forma   di   legittimazione,   basata
sulla   «programmazione   compensativa»  60.   Anche   per   Habermas
dunque,   come   per   Sohn­Rethel,   il   passaggio   dal   capitalismo
concorrenziale   al   capitalismo   organizzato   segna   la   crisi   irre­
versibile del valore di scambio come funzione di "sintesi sociale",
come  medium  astratto   del   processo   di   socializzazione.   Solo   che
Habermas,   a   differenza   di   Sohn­Rethel,   ritiene   impossibile   la
produzione   di   una   teoria   concettualmente   rigorosa   e   al   tempo
stesso   sociologicamente   efficace   del   "tardo­capitalismo"   fuori   da
un'analisi   delle   modalità   di   funzionamento   e   di   emergenza   del
livello   politico­istituzionale   come   fattore   sostitutivo   (sul   piano
della   razionalità)   del   nesso   "spontaneo"   di   socializzazione   e
valorizzazione. In Sohn­Rethel, invece, l'istanza del potere politico
appare ­ come nel caso dell'analisi del nazionalsocialismo ­ nella
funzione   di   mero   collante   esterno   della   discrasia   fondamentale
che   rischia   perennemente   di   paralizzare   la   formazione   tardo­
capitalistica:   della   frattura,   cioè,   tra   "economia   di   produzione",
che   risponde   alla   logica   della  Ver­gesellschaftung,
schumpeterianamente   "liberata"   dalla   razionalizzazione,   ed
"economia   di   mercato",   che   continua   a   seguire   la   logica
propriamente capitalistica della valorizzazione61. Ma è proprio qui
che si riaffaccia la peculiare aporia originaria della Teoria critica
francofortese, nel senso sopra esplicitato. Lo Stato continua infatti
ad   essere,   sebbene   in   modo   diverso,   subordinato   alla   "legge
fondamentale"   dello   scambio:   non   più   in   qualità   di   garante
universale­astratto di un processo di valorizzazione "autogestito"
dal   mercato,   ma   in   qualità   di   fattore   che   è   costretto
continuamente   a   intervenire   per   sanare   le   "disfunzioni"   del
meccanismo   concorrenziale.   L'emergenza   dello   Stato
intervenzionista   si   presenta   così,   nel   quadro   teorico   haberma­
siano,   come   mera   conseguenza,   come   risposta   dipendente   dalla
crisi del mercato e delle forme di legittimazione dello Stato bor­
ghese   "classico".   Ritorna   in   questo   modo   la   contraddizione   tra
sottolineatura del carattere politico della crisi tardocapitalistica ­
in   cui   il   meccanismo   di   legittimazione   sembra   aver   relegato
l'ambito   dell'economico   al   rango   di   semplice   subsistema   ­   e
definizione   puramente   negativo­reattiva   del   ruolo   dello   Stato.
Quella   che   abbiamo   chiamata   aporia   originaria   si   manifesta
d'altronde   con   nettezza   di   contorni   nell'interpretazione   del
mutamento di forma della crisi come spostamento lineare del suo
centro e del suo asse di svolgimento dalla sfera economica a quella
politica, a quella socioculturale: e, come vedremo più innanzi, non
si   tratta   soltanto   di   una   malintesa   filosofia   del   materialismo
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        122

storico,   diacronicamente   diluita,   ma   soprattutto   di   una


concettualizzazione inadeguata della storia reale dei rapporti tra
Stato e mercato nella formazione sociale contemporanea.

Analoghi   problemi   affiorano   in   Offe   allorché   trascorre   dalla


critica   ­   acuta   e   pertinente   ­   delle   diverse   varianti   interne
dell'analisi   marxista   dello  Stato  alla  costruzione  del  concetto  di
"Stato   tardo­capitalistico"   alla   luce   di   una   «metodologia   mate­
rialistica della politologia». Al riguardo sembra utile fare ricorso,
più   ancora   che   ai   saggi   raccolti   in  Strukturprobleme   des
kapitalistischen   Staates,  a   un   testo   successivo,   scritto   in   colla­
borazione con Volker Ronge: le  Thesen zum Begriffdes Konzepts
des   "kapitalistischen   Staates"   und   zur   materialistischen   Poli­
tikforschung  62. La saldatura tra l'aspetto generale (sistemico) e
quello parziale (interesse di classe) del funzionamento dello Stato
è   ottenuta,   in   base   alla   già   considerata   critica   delle   inter­
pretazioni in chiave strumentalista­gruppista del potere politico,
in virtù della seguente argomentazione: lo Stato capitalistico, se
da   un   lato   tutela   e   formalizza   istituzionalmente   il   rapporto   di
produzione capitalistico con il complesso delle relazioni sociali che
attorno ad esso si articolano, dall'altro assolve a questo compito
non   già   nel   difendere   settariamente   o   "corporativamente"   gli
62
  Le   tesi   sono   pubblicate   nel   volume   collettaneo   Rahmenbedingungen   und
Schranken staatlichen Handelns,  Frankfurt am Main 1976 (trad. it. in AA.W.,  Stato e
crisi delle istituzioni, a cura di Lelio Basso, Milano 1978).

interessi di questo o quel gruppo socioeconomico, ma piuttosto nel
porsi   come   tutore   e   garante   degli   "interessi   comuni"   di   tutti   i
membri di una «società di classe capitalistica» 63. La funzione cui è
chiamata   ad   assolvere   ogni   strategia   statale   caratterizzata   in
senso capitalistico è di creare le condizioni perché ogni "cittadino"
sia immesso nella relazione di scambio.

Ma   poiché   lo   Stato   capitalistico   ha   il   proprio   punto   archi­


medico nella forma di merce, la sua struttura portante e la sua
razionalità   hanno   cominciato   storicamente   a   vacillare   a   partire
dal momento in cui, con la crisi del mercato autoregolato, si sono
inceppati i meccanismi che collegavano fra loro le singole unità di
valore   per   il   tramite   dell'astrazione   dello   scambio.   Per
fronteggiare   gli   effetti   disgregatori   e   delegittimanti   della   crisi
degli   automatismi   "classici",   il   riassetto   statale   successivo   alla
grande  crisi   del   '29  non  può   limitarsi   alla   funzione  negativa   di
garanzia e tutela, ma deve porsi direttamente il compito di uni­
123 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

versalizzare la forma di merce, come unica condizione di stabilità
delle   due   componenti   fondamentali   (o   strutture   parziali,
Teilstrukturen)  della   società   capitalistica:   la   "politica"   e   ^eco­
nomia".
Il   passaggio   allo   Stato   "intervenzionista"   è   dunque   reso
necessario dalla «perdurante tendenza, che emerge apertamente
sul   piano   storico   e   su   quello   empirico   della   dinamica   dello   svi­
luppo capitalistico, alla paralisi della "commerciabilità" del valore
e   dunque   alla   interruzione   della   relazione   di   scambio» 64.
Giustamente   Offe   aveva   sottolineato   a   questo   proposito   come   i
teoremi   elaborati   dal   "neomarxismo"   (ossia   dal   marxismo  "revi­
sionato",   fin   dai   primi   decenni   del   secolo,   dalla   lezione   del
neokantismo,   di   Mach   e   dei   neoclassici,   di   cui   si   tratterà   nel
prossimo   capitolo)   nel   tentativo   di   fornire   una   spiegazione  con­
vincente   della   perdita   di   funzionalità   del   meccanismo   equili­
bratore spontaneo fossero stati vari e controversi. È una disparità
di opzioni e di approcci  che si riproduce,  quasi insensibilmente,
anche nel marxismo del secondo dopoguerra. A con­

Cfr. ivi,  pp. 37 ss. Ivi,
p. 39.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        124

ferma dell'osservazione di Offe si potrebbe citare, da parte nostra,
per un verso la tesi sostenuta da Baran e Sweezy in  Monopoly
Capital 65, imperniata sull'assunto dell'inadeguatezza del mercato
a   recepire   il   flusso   dei   profitti   provocato   dalla   concentrazione
monopolitistica; per l'altro quella di Alfred Sohn­Rethel, il quale ­
muovendo   da   un'analisi   del   processo   di   razionalizzazione   e
massificazione della  produzione sorprendentemente  affine,  come
abbiamo visto, a quella di Ferdinand Fried e del Tatkreis ­ spiega
la   crisi   della   funzione   riequilibratrice   dello   scambio   con   la
crescente differenziazione tra le varie branche (spesso interne alla
stessa grande impresa razionalizzata) da cui si origina ­ a causa
dell'incremento   della   quota   di   capitale   fisso   investito   nella
produzione   ­  una  sempre   più  accentuata   specializzazione  e  una
sempre   minore   flessibilità   e   capacità   di   adattamento   in   altri
settori.
Qualunque sia l'interpretazione che s'intende abbracciare (e al
riguardo né Habermas né Offe entrano granché nel merito), resta
incontrovertibile un dato di fatto: la grande crisi ha fatto crollare
anche   "in   campo   borghese"   la   tradizionale   fiducia   nell'efficacia
dell'autoregolazione spontanea del mercato. Al punto che neppure
i   liberali   più   ortodossi   sono   ormai   disposti   a   dar   credito   alle
aspettative   di   reintegrazione   automatica   delle   unità   di   valore
espulse.
Il   compito   dello   Stato   politico   capitalistico   è   dunque,   come
abbiamo visto, quello di massimizzare sia per il capitale che per la
forza­lavoro le possibilità di ingresso nella relazione di scambio.
E,   in   virtù   del   passaggio   da   un'azione   negativa   a   un'azione
positiva che questa massimizzazione comporta, la politica statale
viene   oggi   «purificata   in   modo   metodico   tanto   dei   residui   di
concezioni   feudali   quanto   delle   restrizioni   ideologiche   dei
programmi   e   delle   ricette   liberali» 66.   Il   "nuovo   corso",   tuttavia,
lungi daireliminare le disfunzioni, le rende addirittura organiche.
Come  risponde   allora   lo  Stato  al   problema   strutturale   costi­
tuito dalla paralisi dei meccanismi di scambio? Scartata, per che
rivelatasi   irrimediabilmente   inefficace   e   "antiquata",   l'ipotesi
neoliberista   di   un   ripristino   puro   e   semplice   dei   meccanismi
65
New York  1966  (trad.  it.  Torino 1968).  Per  la  critica  di Sohn­Rethel alle
tesi   di   Baran   e   Sweezy   si   veda   Die   òkonomische   Doppelnatur   des   Spdtkapitali­
smus cit., pp. 16 ss.
66
C OFFE­V. RONGE, Thesen, trad. it. cit., p. 42.
riequilibratori,   non   resta   altra   alternativa   che   puntellare
mediante sussidi le unità di valore che non riescono a mantenersi
nella   relazione   di   scambio.   Di   qui   l'adozione   di   metodi   di
"assistenza" statale per risolvere il problema delle unità di valore
"demercificate".   A   questo   proposito   Offe   e   Ronge   tendono   ad
125 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

evidenziare   l'insorgenza   di   un'alternativa   ulteriore:   quella   che


essi   definiscono   strategia   di   «rimercificazione   per   via   ammini­
strativa».   Questa   strategia   va   intesa   come   una   sorta   di   terza
soluzione   rispetto   al  «laissez­faire  liberistico»   e   alla   «politica
protezionistica» degli Stati assistenziali. Essa non punta soltanto
al   "risanamento   passivo"   di   quei   settori   che   non   riescono   a
mantenersi   nella   sfera   dello   scambio,   ma   in   generale   alla
«instaurazione mediante strumenti politici delle condizioni per la
sussistenza di un meccanismo di scambio tra i soggetti di diritto,
ovvero tra i soggetti economici» 67.

Senonché   ­   e  giungiamo   così   al   passaggio  cruciale  della   tesi


­partito con l'obiettivo di universalizzare la forma di merce, questo
tipo   di   intervento  dello   Stato   finisce   per   produrre   un  effetto   di
"espropriazione   parziale"  tra   i   possessori   di   capitale,   che   a   sua
volta minaccia le relazioni di scambio tra i possessori di merci. Le
misure riformistiche non producono  pertanto come esito né una
razionalizzazione dello Stato a funzione primaria del processo di
valorizzazione   (come   vorrebbero   i   sostenitori   della   tesi   del
"capitalista collettivo" o dello "Stato­piano"), né una sua riduzione
a   strumento   dei   gruppi   socioeconomici   dominanti   (secondo   la
versione marxista classica e il suo aggiornamento nella teoria del
«capitalismo   monopolistico   di   Stato»):   esse   entrano   piuttosto   in
contraddizione   con   gli   interessi   della   classe   capitalistica,   come
dimostra la «forte resistenza che esse non di rado incontrano da
parte delle organizzazioni politiche di questa classe» 68. Ma dove
risiede   il   meccanismo   genetico   di   questo   nuovo   livello   della
contraddizione (la cui riformulazione richiede, come abbiamo visto
in   precedenza,   l'ausilio   del   codice   categoriale   della   teoria
sociologica dei sistemi)? Esso sta per

67
Ivi, p. 44.
68
Ivi, p. 47.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        126

Offe   ­   come   d'altronde   anche   per   Habermas   ­   nel   fatto   che   «i


tentativi dello Stato per salvaguardare e universalizzare la forma
di   merce   esigono   delle   forme   di   organizzazione   il   cui   modo   di
operare travalica i limiti della forma di merce» 69.
La   complessa   teoria   della   crisi   e   dello   Stato   "tardo­capitali­
stici",   elaborata   da   questi   importanti   sviluppi   della   tradizione
francofortese,   sfocia   così   in   una   riformulazione   del   paradigma
marxiano   della   contraddizione   (forze   produttive/rapporti   di   pro­
duzione) nell'«antinomia fra la logica perdurante della produzione
capitalistica,   rivolta   "anarchicamente"   alla   produzione   di
"astratti"   valori   di   scambio,   e   la   logica   "razionalizzatrice"
dell'intervento dello Stato, chiamato non a produrre direttamente
valori di scambio, ma a promuovere e a sostenerne la produzione
mediante prestazioni regolative e pianificatrici che corrispondono
allo schema della produzione di valori d'uso "concreti"» 70. Ma ­ e
qui sta per noi il punto decisivo ­ una riformulazione siffatta non
si   stacca   dallo   schema   "classico"   di   dipendenza,   benché
riformulato   in   termini   non   più   meccanicistici   ma,   come   nel
marxismo socialdemocratico degli anni '20, funzionalistici (è dalla
revisione specifica operata da quel marxismo, e segnatamente da
Hilferding, che si genera il concetto di «capitalismo organizzato»
fatto   proprio   da   Habermas).   Anche   il   "nuovo"   schema   finisce
infatti   per   ribadire   la   dipendenza   del   potere   politico   dalle
regolarità (movimento di squilibrio­rie­quilibrio) dell'economico: e
la   riformulazione   non   oltrepassa   il   paradigma   della
fondamentalità della contraddizione ­ con la persistente pretesa di
produrre un modello unitario di spiegazione causale della crisi ­
ma si limita a rifondarlo con l'ausilio della teoria dei sistemi.
Si riaffaccia così anche in queste analisi ­ che pure hanno, lo
ripetiamo, il grande merito di far piazza pulita di tanti pregiudizi
radicati nella tradizione marxista e di schiudersi agli apporti più
avanzati delle scienze politiche e sociali ­ la vecchia idea filosofica
del   capitalismo   come   alienazione.   È,   dunque,   del   tutto
conseguente che vi rientri dalla finestra la tradizionale scollatura
tra lato oggettivo (crisi) e lato soggettivo (critica):

69
Ivi, p. 48.
70
D. ZOLO, Introduzione a OFFE, LO Stato nel capitalismo maturo, cit., p. 8.

Lo   sfaldamento   del   tessuto   morale   ­   concludono   Offe   e   Ronge   nel   loro


saggio ­ ovvero del fondamento normativo­morale della società dello scambio,
che ha le sue radici proprio in quei provvedimenti e in quelle strategie che
tendono alla universalizzazione della forma di merce, non rappresenta, di per

5. ­ G. MARRAMAO: Dopo il Leviatano.
127 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

sé, una "tendenza al crollo". E tuttavia questa contraddizione strutturale può
certo divenire, sul piano ideologico, il punto di coagulo dei conflitti sociali e
delle   lotte   politiche,   l'inizio   del   superamento   della   forma   di   merce   come
principio di organizzazione del processo di riproduzione sociale 71.

Come si è detto in precedenza a proposito di Habermas ­nella
cui riflessione questa scollatura si evidenzia nella proposta della
razionalità   critico­discorsiva   della   "sfera   pubblica"
(Òffentlichkeit),  la   cui   unica   possibilità   è   quella   di   sfruttare   gli
interstizi  di  comunicazione  ancora   liberi­da­dominio ­  non  si   ha
qui   a   che   fare   soltanto   con   il   riemergere   di   un'antica   aporia
teorica, ma soprattutto con un inquadramento storico inadeguato
e   deformante   del   passaggio   dal   capitalismo   concorrenziale   al
capitalismo organizzato. Esso viene infatti concet­tualizzato come
transizione da un generico sistema del "mercato autoregolato" a
un   altrettanto   generico   "Stato   interven­zionista".   Il   margine   di
indeterminatezza   di   questo   schema   ermeneutico­storico   è
talmente   ampio   da   risultare,   agli   effetti   pratico­analitici,
mistificante:   e   poco   importa   che,   ad   avallo   della   tesi,   venga
restituita una copia rilevante di osservazioni empiriche.
Il   limite   teorico   dell'identificazione   "francofortese"   del   capi­
talismo come sistema di mercato "spoliticizzato" si presenta anche
come   limite   storico­politico   dell'analisi.   Il   mercato   capitalistico,
infatti, non è mai stato "invertebrato". Non è mai stato in senso
proprio un "ordinamento impolitico" (come sostiene Habermas in
Technik und Wissenschaft ah Ideologie 72), proprio in quanto esso
ha sempre storicamente rappresentato nella società moderna, la
forma   di   "neutralizzazione"   del   conflitto   propria   di   una   fase
determinata   dell'egemonia   borghese.   Nella   varietà   delle   sue
concrezioni storiche ­ e al di là delle rappresentazioni ideologiche ­
il   mercato   si   è   sempre   configurato   come   la   risultante   di
determinati rapporti di potere fra soggetti diversi: i quali, nella
71
OFFE­RONGE, Thesen, trad. it. cit., p. 51.
72
Cfr.  J.   HABERMAS,  Technik  una  Wissenschaft   als   Ideologie,  trad.   it.   cit.,   p.
215.
loro   reciproca   conflittualità,   intenzionavano   politicamente   le
relazioni   astratte   dello   scambio.   A   rendere   la   perio­dizzazione
meno   netta   e   lineare   di   quanto   non   risulti   dallo   schizzo
habermasiano   concorre   ­   anche   a   prescindere   da   questa
considerazione   di   carattere   generale   ­   una   circostanza   storica
determinata,   e   tuttavia   rilevantissima   per   la   comprensione   del
mondo   in   cui   viviamo:   negli   ultimi   decenni   del   secolo   scorso,   a
partire   dalla   Grande   Depressione,   si   affacciano   sul   sistema   di
mercato di quasi tutti i paesi capitalistici nuove  potestates indi­
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        128

rectae:  nuove figure e soggetti collettivi (konzern, monopoli, sin­
dacati, associazioni) che condizionano, e in larga misura alterano
e trasformano, le precedenti simmetrie e "regole del gioco" sulle
quali si fondava il funzionamento del potere politico. Le spinte che
portano   all'affermazione,   nella   maggioranza   degli   Stati
industriali,   del   suffragio   universale   non   sono   che   gli   indicatori
sociali   di   questo  trend  di   trasformazione   delle   società
capitalistiche.

Per   documentare   l'incidenza   morfologica   di   questo   fenomeno


non   vi   è   alcun   bisogno   di   scomodare   gli   ormai   cospicui   apporti
della   storia   sociale   tedesca   e   anglosassone:   basterebbe
riconsiderare   il   dibattito   che   si   svolge   nelle   scienze   sociali   mit­
teleuropee dall'età di Bismarck alla grande guerra, dai "socialisti
della cattedra" alle ricerche del "Verein fur Sozialpolitik". Già in
Weber, d'altronde, è forte l'attenzione alle modifiche apportate al
sistema   di   mercato   dai   "nuovi   soggetti   della   socializzazione".
Questo   aspetto   della   riflessione   weberiana   sfugge   invece
completamente sia al filone maggioritario della Teoria critica, sia
­ almeno in buona parte ­ alla riforma habermasiana. Se il Weber
di   Habermas   è   quello   della   "legittimazione",   il   Weber   di
Horkheimer,   Adorno   e   Marcuse   è   quello   della  ratio  come
dimensione   onnipervasiva,   come   "totalità   negativa"   della
Herrschaft  capitalistica.   Seguendo   la   lezione   di  Geschichte   und
Klassenbewusstsein  (dai   cui   esiti   teorico­politici   tuttavia   si
distaccano), i "francofortesi" operano una ricostruzione puramente
filosofica   del   nesso   razionalità­dominio,   e   pertanto   non   si
interrogano   sui   fattori   storici   di   potere   che   stanno   dietro   la
scomposizione   calcolistica.   Vi   leggono   soltanto   il   contrassegno
dell'alienazione   capitalistica:   effetto   dell'essenza   dis­umana   del
modo di  produzione  fondato sullo scambio  di merci  (mentre  per
Weber   razionalità   formale   e   calcolabilità   costituiscono   i   con­
trassegni dell'intero sviluppo del "razionalismo occidentale")73. In
tal   modo   essi   si   precludono   anche   la   possibilità   di   cogliere   la
portata   politica   di   un   processo   di   razionalizzazione   che   ­   come
aveva anticipato una componente rilevante, e tuttavia fino ad oggi
piuttosto trascurata, della teoria politica weimariana ­ avrà come
effetto immediato la messa in crisi degli equilibri postulati dalla
dottrina neoclassica (e quindi di ogni ipotesi di "neutralizzazione"
orientata   a   quello   che   Keynes   chiamava   l'«   assioma   delle
parallele»:   ossia   al   criterio   della   "concorrenza   perfetta")   e   come
risultato a lungo termine la "deformalizzazione" dello Stato e la
"pluralizzazione" della stessa élite dominante.

5. ­ G. MARRAMAO: Dopo il Leviatano.
129 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

4. Excursus 1. Corporatismo e democrazia collettiva: Neumann e 
Fraenkel

Nel saggio del 1937Der Funktionswandeldes Gesetzes imRecht
der bùrgerlichen Gesellschaft,  Franz Neumann svolge una critica
radicale  delle  false  periodizzazioni  alimentate  da   quella   «critica
fascista   e   socialriformista»   che   saluta   l'epoca   presente   come
l'epoca dello Stato: epoca che segnerebbe una netta soluzione di
continuità rispetto alla precedente fase liberale. Le due critiche si
trovano   accomunate   nel   considerare   lo   Stato   liberale   come   uno
Stato   "negativo":   entrambe   accettano   cioè   ­   incoraggiate   in   ciò
dalla   stessa   ideologia   liberale   ­   la   nota   definizione   lassalliana
dello Stato liberale come "guardiano notturno" 74. «Si cadrebbe però
vittime  di   un  errore   in  sede   storica,   ­  osserva   Neumann,   ­se  si
dovesse equiparare "negatività" e "debolezza"»75. Lo Stato liberale,
infatti,   «è   sempre   stato   tanto   forte   quanto   richiedevano   la
situazione   politica   e   sociale   e   gli   interessi   della   società»76.
73
Si  veda  la   rigorosa  ricostruzione  delle  tesi  weberiane   svolta  da  Wolfgang
Schluchter   in  Die   Entwicklung   des   okzidentcden   Rationalismus ,   Tùbingen  1979.
Spunti   importanti   anche   nella   raccolta   dei   suoi   saggi   Rationalismus   der   Welt­
beherrschung. Studien zu Max Weber, Frankfurt am Main 1980.
74
Cfr.   F.  NEUMANN,  Der   Funktionswandel   des   Gesetzes   im   Recht   der   bùrger­
lichen   Gesellschaft,  in   «Zeitschrift   fur   Sozialforschung»,   VI,  1937,  pp.   542   ss.
(trad.   it.   in  ID.,  LO  Stato   democratico   e   lo   Stato   autoritario,   Bologna  1973,  pp.
245 ss.).
Semplicemente, esso ha espresso la sua forza solo in quelle aree
nelle quali doveva essere forte, per le quali la forza era richiesta:
ha condotto guerre per difendere o estendere le proprie frontiere;
ha protetto i propri investimenti e mercati con l'aiuto di potenti
flotte; ha schiacciato scioperi e ristabilito "pace e ordine" usando
la forza coercitiva interna della polizia. L'approccio di Neumann
non nega ­ lo stesso titolo del saggio sta d'altronde a testimoniarlo
­   l'esigenza   di   considerare   le   vicende   dello   Stato   capitalistico
contemporaneo attraverso la chiave di lettura del «mutamento di
forma e di funzione». Solo che l'operazione teorica non può basarsi
su   una   periodizzazione   storica   arbitraria,   poiché   quest'ultima
finirebbe   col   pregiudicare   la   stessa   attendibilità   ed   efficacia
dell'impianto categoriale: occorre invece indagare la metamorfosi
della politica borghese ­ e in particolare dei rapporti che in essa di
volta in volta si sono costituiti tra Stato e diritto ­ muovendo dalla
constatazione storica della funzionalità dell'assetto e della forma
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        130

di   razionalità   del   potere   politico   alle   esigenze   di   governo   del


conflitto sociale.

Nell'ambito   dell'Institut   fiir   Sozialforschung   emigrato   negli


Stati Uniti, la ricerca di Franz Neumann (insieme a quella di Otto
Kirchheimer)  rappresenta   quell'indirizzo politologico destinato a
contrastare   vivacemente   la   linea   maggioritaria   della   Teoria
critica, con il suo anticapitalismo filosofico aggregato attorno alla
categoria di "Stato autoritario". Per oltre un trentennio (dalla crisi
di Weimar al confronto tra i sistemi giuri­dico­politici dell'Europa
continentale e quello anglosassone, fino alla morte, avvenuta per
un   incidente   automobilistico   nel   1954)   essa   s'incentra
sull'assunzione   del   carattere   anticipatore   e   in   un   certo   senso
paradigmatico   di   quel   sistema   weimariano   che   nel   corso   degli
anni '20 si era espanso fino a divenire «il più razionalizzato del
mondo»77  sotto   il   profilo   della   regolamentazione   giuridica   dei
rapporti   di   lavoro   e   del   controllo   democratico­costituzionale   dei
conflitti sociali:

Ibidem.
Ibidem.

Durante   il   periodo   del   capitalismo   monopolistico,   che   in   Germania   ha


avuto inizio con la Repubblica di Weimar, la teoria e la pratica giuridica hanno
subito   cambiamenti   decisivi.   Per   facilitare   la   comprensione   di   questi
cambiamenti   può   essere   utile   considerare   la   struttura   politica   della
democrazia   di   Weimar   più   che   descriverne   gli   sviluppi   economici   ...   La
caratteristica politica più importante della Repubblica tedesca dopo il 1918 era
il  peso che  aveva  assunto  il movimento  dei lavoratori.  Le  classi  medie  non
potevano più ignorare l'esistenza di conflitti di classe, come avevano fatto i
liberali delle epoche precedenti; dovettero invece prendere atto di questi con­
flitti e, avendoli presenti, trovare il modo di darsi una costituzione. Anche in
questo  caso,  il  mezzo tecnico adoperato  fu  il contratto,  l'unico che  rendesse
necessario il compromesso politico78.

Neil   approccio   interpretativo   di   Neumann,   quale   viene


profilato   in   questo   fondamentale   saggio   e   in   altri   lavori   dello
stesso   periodo,   si   trovano   condensati   e   intrecciati   tre   ordini   di
considerazioni:

1) una   considerazione   di   ordine   metodologico   generale,   che


potrebbe essere schematicamente sintetizzata nel modo seguente:

5. ­ G. MARRAMAO: Dopo il Leviatano.

78
Ibidem.
79
Ivi, p. 273.
131 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Weimar rappresenta un caso eclatante di mutamento di forma di
un   sistema   sociale   capitalistico   sviluppato,   tale   da   sottoporre   a
tensione  sia   lo  schema   liberale  tradizionale  sia   quello  marxista
classico   (esso   richiede   infatti   uno   sforzo   di   individuazione   della
specificità della struttura politica e della sua evoluzione interna);
2) una considerazione storico­comparativa, per la quale il tipo di
"razionalità"   di   quel   sistema   andava   assunto   non   solo   in   senso
genericamente   strutturale   (ossia   sotto   il   mero   profilo   della
"prevedibilità")   ma   anche   in   senso   "prettamente   sociale":   a
differenza  dell'Inghilterra, dove l'esistenza di una razionalità in
difesa   dello  statu   quo  era   garantita   da   uno   «sviluppo   del   tutto
inadeguato delle leggi a tutela dei poveri», nella prima repubblica
tedesca   «i   vantaggi   della   razionalità   della   legge   andavano   a
beneficio della classe lavoratrice» 79;
3) una considerazione in chiave di teoria e storia costituzionale,
che   individua   la   peculiarità   del   sistema   weimariano   nella
relazione   biunivoca   tra   compromesso   politico   e   forma­contratto:
l'incidenza   del   "politico"   sul   "sociale"   si   esplica   nella   rilevanza
specifica che vengono ad assumere le relazioni contrattuali come
fattori di rimodellamento della società ­ della stratificazione e del
conflitto sociale.

Il   carattere   quasi­paradigmatico,   di   laboratorio,   della   Ger­


mania   weimariana   sta   dunque   in   sostanza,   per   Neumann,   nel
fatto  che  qui   si   verificavano «nella   forma   più pura»  fenomeni   o
«tendenze   parallele»   riscontrabili   anche   in   altri   paesi   (come
llnghilterra e la Francia). Questa struttura "tipica", analizzabile
quasi "allo stato puro", rispondeva ­ nella terminologia invalsa nei
dibattiti   di   teoria   politica   degli   anni   ;20   ­   alla   definizione   di
"democrazia   collettiva":   «Il   sitema   di   Weimar   è   stato   chiamato
"democrazia   collettiva"   perché   alla   formazione   di   decisioni
politiche   si   doveva   giungere   non   solo   tramite   la   somma   delle
volontà   dei   singoli   elettori   ma   anche   con   la   rappresentanza   di
organizzazioni sociali autonome»80.
Diversi anni prima, nella fase alta della vicenda e della discus­
sione   weimariana,   un   altro   politologo   socialdemocratico   (col­
80
Ivi, p. 275.
81
Ibidem.
82
E.  FRAENKEL,  Kollektive   Demokratie,  in   «Die   Gesellschaft»,   1929,   pp.   103
ss.,   poi   in   T.  RAMM  (a   cura   di),  Arbeitsrecht   und   Politik.   Quellentexte   1918­1933,
Neuwied­Berlin   1966,   pp.   79   ss.   (trad.   it.   in   AA.W.,   Laboratorio   Weimar,  a
cura   di   Gianni   Arrigo   e   Gaetano   Vardaro,   Roma   1982,   pp.   89   ss.).   L'antologia
italiana,   che  riprende  solo  parzialmente   quella   tedesca  curata   da  Thilo   Ramm,
ha   il   merito   di   introdurre   e   contestualizzare   autori   scarsamente   noti   in   Italia
come   lo   stesso   Fraenkel   e   Hugo   Sinzheimer,   caposcuola   degli   studi   di   diritto
del lavoro in Germania all'epoca della Repubblica di Weimar.
83
Dibattito   sollecitato   sul   piano   storiografico   soprattutto   dalla   ricerca   com­
parativa   di   CS.  MAIER,  Recasting   Bourgeois   Europe.   Stabilization   in   France,
Germany   and   Italy   in   the   Decade   after   World   War   I,   Princeton   1975   (trad.   it.,
Bari 1979).  Si vedano in specie, per le questioni sollevate dal caso weimariano,
le pp. 356­86 e le conclusioni.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        132

laboratore   anch'egli,   come   Neumann   e   Kirchheimer,   della   hil­


ferdinghiana   «Die   Gesellschaft»)   aveva   tentato   di   tracciare   un
modello   della   democrazia   collettiva   come   sistema   che,   pur   non
ignorando   il   conflitto   di   classe,   mirava   a   «trasformarlo   in   una
forma   di   cooperazione   interclassista»81.   Il   saggio   di   Ernst
Fraenkel, pubblicato nel 192982, costituisce un indicatore per più
rispetti emblematico di un ambito di ricerca che, a nostro avviso,
rappresenta una lucida e sorprendente anticipazione del dibattito
sul   "corporatismo"   e sul   "pluralismo  corporatista" 83,   che  in  anni
recenti   ha   prodotto   ­   tra   Germania   e   Stati   Uniti   ­rilevanti
contributi sia sul piano dell'indagine storica  che su quello della
ricerca sociologica (e che condiziona, in notevole misura, gli stessi
lavori   di   Habermas   e   Offe,   oltre   che   di   politologi   come   Narr,
Naschold, Schàfer e Agnoli)84.

Sarebbe   un   facile   esercizio   di   profetismo   rivolto   al   passato


notare che molte delle stilizzazioni ­ alcune addirittura enfatiche ­
degli   sviluppi   esperiti   dall'ordinamento   socio­istituzionale   (da
quello che nella terminologia giuridico­politica tedesca prende il
nome di Verfassung) della Repubblica di Weimar erano intrise di
eccessivo   ottimismo.   Vanificare   l'intera   validità   del   tentativo   di
"modellizzazione"   dell'esperienza   costituzionale   wei­mariana
operato   da   Fraenkel   appare   infatti   scorretto   sotto   un   duplice
profilo. Da una parte, per una ragione di ordine storico: Fraenkel
considerava   ­   come   del   resto   tutta   la   sinistra   weima­riana   ­   la
situazione   politica   ancora   aperta   all'esito   positivo   di
un'espansione   ulteriore   del   processo   di   democratizzazione.
Dall'altra, per un motivo connesso a una considerazione di ordine
strutturale:   i   principali   tratti   morfologici   individuati   persistono
attraverso   e   oltre   l'esperienza   del   nazionalsocialismo 85.   Il   con­
tributo   più   rilevante   che   sortirà   dagli   sforzi   di   considerazione
retrospettiva compiuti nel corso degli anni '30 da Neumann, Kir­
chheimer e dallo stesso Fraenkel consisterà  proprio nel cogliere
un aspetto che l'intellettualità socialdemocratica weimariana ten­
deva ad eludere (e che l'intellettualità comunista tendeva invece
ad ipostatizzare in formulari "crollisti" poco utili ad afferrare la
specificità   della   congiuntura):   e   cioè   che   quelle   cospicue   tra­
sformazioni dell'assetto giuridico e istituzionale della repubblica ­
e in particolare la rilevanza costituzionale assunta dal diritto del
lavoro   con   il   passaggio   dal   contratto   individuale   al   contratto
collettivo ­ non si limitavano, evoluzionisticamente, ad attuare o
promuovere   un   semplice   inveramento   democratico   della   Costi­

84
Si   rinvia   ai   contributi   e   ai   dibattiti   ospitati   nel   corso   degli   anni   70   da
riviste   come   «Leviathan»,   «Gesellschaft»,   «Politische   Vierteljahresschrift»,
5. ­ G. MARRAMAO: Dopo il Leviatano.
«Kòlner Zeitschrift fur Soziologie und Sozialpsychologie», ecc.
85
Si   vedano   a   questo   proposito   le   osservazioni   di   G.E.  RUSCONI,  La   «Kol­
lektive   Demokratie»   di   Fraenkel   e   il   corporatismo   contemporaneo,  in   «Giornale
di diritto del lavoro e di relazioni industriali», 1980, n. 8, pp. 593­99.
133 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

tuzione, ma si ponevano piuttosto come fattori di crisi, di discon­
tinuità e di blocco tendenziale del sistema politico.

Al di là, dunque, dell'enfasi ottimistica che vi si può legittima­
mente  ravvisare,   il   concetto  di   democrazia   collettiva   rimandava
alla faccia socio­istituzionale della linea di tendenza stilizzata nel
'27 da Hilferding sotto la categoria di "capitalismo organizzato".
Più precisamente, l'aggettivo indicava un punto di passaggio cru­
ciale della dinamica evolutiva: sulla questione del "corporatismo" ­
dei corpi intermedi tra individui e Stato ­ si gioca il destino della
democrazia nella società post­liberale. Il saggio di Fraenkel  è di
estrema utilità proprio in quanto indica come allora fosse un dato
culturale acquisito della sinistra weimariana un aspetto che oggi
sembra   invece   essere   andato   smarrito,   e   che   occorre   costante­
mente riproporre  come esigenza:  la  necessità  di  non  caricare  la
tematica del "corporatismo" (e termini quali "corporatista" o "cor­
porativo") di una portata assiologica negativa, di disvalore, e di
vedervi invece un momento storico­strutturale oggettivo di com­
plicazione ­ attraverso il passaggio da una dinamica di contrat­
tazione individuale a una collettiva ­ dei meccanismi di rappre­
sentanza "classici" (quelli, cioè, contemplati dalla tradizione libe­
rale del rute oflaw e da quella dello Stato di diritto). Storicamente,
è possibile parlare di "democrazia collettiva" dal momento in cui
alla   formazione   delle   decisioni   politiche   concorre   istituzional­
mente non solo la somma delle singole volontà degli elettori, ma
anche e soprattutto la rappresentanza di organizzazioni collettive.
Questa dinamica è alla base di un fenomeno decisivo, che per
Fraenkel assume un valore caratterizzante rispetto al momento
storico:   quello   che   egli   definisce   «mutamento   di   funzione   del
parlamento»86.   Benché   nella   Costituzione   di   Weimar   permanga
«l'idea   dominante   e   di   principio   che   il   parlamento   è   organo
supremo   e   permanente   dello   Stato»87,   esso   non   possiede   più   di
fatto centralità:

In un analisi retrospettiva di dieci anni di applicazione della Costituzione
di Weimar non si può fare a meno di ricordare che l'aspettativa dei padri della
Costituzione,   secóndo   cui   il   parlamento   avrebbe   dovuto   essere   il   centro   di
formazione della volontà dello Stato, il motore dell'attività dello Stato, non si è
realizzata nel modo che lasciavano prevedere i lavori stessi della costituente88.

86
E. FRAENKEL, Kollektive Demokratìe, trad. it. cit., p. 92.
87
Ivi, p. 90.
88
Ibidem.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO"        134

Mentre   la   Costituzione   prevedeva   una   dipendenza   parla­


mentare  dei  vertici  governativi e una diretta influenza del par­
lamento sull'apparato burocratico­amministrativo, nei fatti ­nota
Fraenkel   ­   «la   dipendenza   dei   ministri   dal   parlamento   si   è
dialetticamente   rovesciata   nel   suo   contrario» 89,   per   cui,   da   un
punto   di   vista   politico­sociologico,   è   possibile   affermare   che   il
parlamento   dipende   già   dalla   burocrazia.   Il   Funktionswandel
dell'istituto parlamentare è indicato dal modo in cui la burocrazia
vede   i   ministri:   come   «paraurti»90  nei   confronti   della   rap­
presentanza   popolare   (oggi   si   direbbe,   secondo   la   terminologia
invalsa   nella   discussione   intorno   alla   "crisi   della   democrazia":
come   "filtri   selettivi"   di   domande   di   cui   i   canali   classici   della
rappresentanza   sono "sovraccarichi").  L'emergere  dell'idea di  un
asse   governo­apparato   burocratico­amministrativo   in   funzione
selettiva e di controllo della dinamica rappresentativa costituisce
l'indicatore di una svolta scientifica condizionata in buona parte
dall'interrompersi   della   prima   fase   espansiva   del   processo   di
democratizzazione (1919­23), ma i cui esiti si proiettano ben al di
là   di   considerazioni   congiunturali.   Basti   pensare   alla   revisione
autocritica del rapporto democrazia­burocrazia operata da Kelsen
tra la prima (1920) e la seconda edizione (1929, lo stesso anno del
saggio  di   Fraenkel)   di  Vom   Wesen   und   Wert   der   Demok­ratie  :   dove   si
giunge   a   un'idea   della   razionalità   burocratico­ammi­nistrativa
come   necessaria   autolimitazione   del   principio   democratico­
partecipativo   ­   vera   e   propria   condizione   di   esistenza   della
democrazia,   che   senza   quel   limite   e   quel   controllo   si   destrut­
turerebbe in una proliferazione incontrollata di spinte centrifughe
alla autodeterminazione locale tendenzialmente contrastanti con
il criterio della legalità ­ che anticipa logicamente l'odierna tematica della
forma democratica come equilibrio instabile tra "conservazione" e "riduzione" della
complessità 91.

89
Ibidem.
90
Ivi, p. 91.
91
Fondamentale,   in   questo   senso,  la   polemica   tra   Luhmann   e   Naschold   su
«complessità   e   democrazia»:   F.  NASCHOLD,  Komplexitàt   und   Demokratie,  in   «Poli­
tisene Vierteljahresscrmft», 1968, pp. 494 ss.; N. LUHMANN,  Komplexitàt und Demok­
ratie,   ivi,  1969,   pp.   314   ss.   (la   critica   di   Luhmann,   successivamente   raccolta   in
Politisene Planung,  Opladen 1971, si può ora leggere in traduzione italiana in  ID.,
Stato   di   diritto   e   sistema   sociale,   Napoli   1978,  pp.   65   ss.;   la   replica   di  Naschold   è
uscita sempre sulla «Politische Vierteljahresschrift», 1969, pp. 326 ss.).
Vi è tuttavia, nell'impostazione data da Fraenkel al problema
della   crisi   della   rappresentanza,   uno   spunto   che   non   solo   tra­
scende   i   termini   dell'approccio   kelseniano,   ma   tende   anche   a

5. ­ G. MARRAMAO: Dopo il Leviatano.
135 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

situarsi oltre il modo in cui Weber aveva affrontato la questione dei
rapporti   tra   parlamento   e   governo.   Tra   i   due   termini   non
intercorre più un rapporto di dualità, ma piuttosto di vettoria­lità,
di   spostamento   del   baricentro   decisionale   dal   primo   verso   il
secondo:   «Col   venir   meno   del   dualismo   parlamento­governo,   il
parlamento  ha   perso   quella   funzione  di   stimolo  che  lo  rendeva,
agli occhi delle grandi masse, il centro del loro interesse politico»
92
.   Questo   fenomeno   è   afferrabile   concettualmente   solo   se   si
assume in senso forte ­ paradigmatico ­ la crisi che investe quella
nozione di «rappresentanza politica»   (politische Repràsentation)  che lo
Stato   moderno   ha   ereditato,   per   le   modalità   storiche   specifiche
che   hanno   presieduto   alla   sua   genesi   e   formazione,   dalla
tradizione   dello  Stàndestaat.  Il   paradosso   della   crisi   della
rappresentanza   è   individuato   da   Fraenkel   in   modo   lucido   e
sintetico:

Il parlamento rappresenta certamente tutt'ora il popolo. Ma esso non è più
rappresentante  del  popolo in  termini  di  perfetta  corrispondenza.   Infatti,   un
rapporto   di   rappresentanza   del   popolo   è   possibile   solo   quando   c'è   una
controparte   del   rappresentato.   Naturale   controparte   del   parlamento   è   il
governo.   Ma   come   possono   Hermann   Mùller   o   Gustav   Stresemann,   come
dirigenti   di   gruppi   parlamentari,   rappresentare   se   stessi   contro   Hermann
Mùller, cancelliere del Reich, e Gustav Stresemann, ministro degli esteri? 93.

L'aspetto forse più rilevante dell'analisi di Fraenkel sta proprio
nello   sforzo   di   saldare   questo   ordine   di   considerazioni   circa
l'aspetto   paradigmatico   della   crisi   di   rappresentanza   con   lo
straordinario   campo   di   sperimentazione   offerto   dalle   modifiche
intervenute di fatto nell'operare della costituzione weimariana. La
valenza tipica di quest'ultima consisteva in un gioco di   checks and
balances  in   cui,   nelle   intenzioni   dei   «padri   della   costituzione»,   il
potere   assegnato   alla   struttura   burocratico­amministrativa   e
quello   attribuito,   attraverso   il   famoso   articolo   48   della
Costituzione, al Reichspràsident avrebbero dovuto

92
È. FRAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 92.
93
Ivi, pp. 91­92.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 136

­ secondo una tendenza che Cari Schmitt nella Verfassung­slehre
94
  ricondusse correttamente alla tradizione tedesca dello Stato di
diritto (che intende il principio di legalità come un dispositivo di
controllo preventivo e di freno del principio democratico) ­ fungere
da garanzie tendenti ad impedire che la sovranità del parlamento
si   convertisse   in   una   «dittatura   del   parlamento»95.   Il   ricorso
aLTistituto della presidenza a suffragio diretto ­ auspicato, com'è
noto,   da   Max   Weber,   e   rispondente   all'intento   ambizioso   di
integrare   la   storia   costituzionale   europea   con   l'esperienza
americana   ­   avrebbe   dunque   dovuto,   in   linea   di   principio,
«temperare   le   potenziali   spinte   centrifughe   o   "totalitarie"   della
democrazia parlamentare» 96. Ma l'evoluzione del sistema politico­
giuridico   weimariano   dette   luogo   a   sviluppi   apertamente
contrastanti con queste aspettative: il fenomeno della progressiva
trasformazione   della   dipendenza   giuridica   del   governo   dal
parlamento   in   subordinazione   politica   del   parlamento   alla
burocrazia   risultò   infatti   non   solo   imprevista   ma   addirittura
incomprensibile all'«ispirazione fondamentalmente razionalistica»
che aveva permeato i lavori preparatori della carta costituzionale.
Razionalistica è, secondo un'accezione allora largamente invalsa,
l'impostazione   legata   all'equazione   di   razionalità   formale   (nel
senso weberiano) e legalità. È alla luce di essa, per Fraenkel, che
è   possibile   «spiegare   la   sopravvalutazione,   operata   dalla
Costituzione   di   Weimar,   dell'autorità   della   legge,   oltre   che   del
potere legislativo» 97.
Il limite del formalismo sta per Fraenkel nella sua incapacità
di   cogliere  la  novità   strutturale  dei   fattori   che  scompaginano  il
quadro   dell'equilibrio   dei   poteri   originariamente   intenzionato
dalla carta costituzionale. Novità che è invece colta, a suo modo (e
comunque   in   termini   difficilmente   omologabili   a   quelli   della
vecchia   tradizione   reazionaria),   dal   fascismo:   «È   significativo   a
tale riguardo il fatto che la costituzione dello

94
Cfr. C. SCHMITT, Verfassungslehre, Berlin 1928, pp. 201 ss.
95
E. FRAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 89.
96
A.  BOLAFFI,  Introduzione  a  O.   KIRCHHEIMER,  Costituzione   senza   sovrano.
Saggi   di   teoria   politica   e   costituzionale,  Bari  1982,  p.   LXXXIII.   Al   saggio   intro­
duttivo   di   Bolaffi   si   rimanda   anche,   in   generale,   per   una   documentatissima
ricostruzione del dibattito sulla Costituzione di Weimar.
Stato fascista italiano, la quale si oppone consapevolmente all'idea
razionalistica  di costituzione, propria  di Weimar,  pone  al primo
gradino del sistema statale non il legislativo, ma l'esecutivo» 98. La
crucialità del momento dell'esecutivo ­ su cui Fraenkel insisterà
98
Ibidem.
99
Cfr.   H.  HELLER,  Ziele   und   Grenzen   einer   deutschen   Verfassungsreform,  in
«Neue Blàtter fiir den Sozialismus. Zeitschrift fiir geistige und politisene Gestal­
tung»,  1931,  n.  2,  pp.  576  ss.;  O.   KIRCHHEIMER,  Die   Verfassungsreform,  in   «Die
Arbeit»,  IX,   1932,  n.  12  (trad.   it.   in  ID.,  Costituzione   senza   sovrano  cit.,   pp.  172
ss.).97 Per   una
E. F   ricostruzione   del   contesto   del   dibattito   sulla   riforma   costituzio­
RAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 93.
nale   si   veda   la   prefazione   di   Fraenkel   a   Zur   Soziologie   der   KLassenjustiz   und
Aufsàtze   zur   Verfassungskrise   1931­1932,  Darmstadt  1968,  come   pure   la   rac­
colta Reformismus und Pluralismus, Hamburg 1973.
100
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 137

negli anni successivi, fino alla proposta di riforma costituzionale
avanzata nel '32, sulla quale interverranno decisamente Hermann
Heller   e   Otto   Kirchheimer   99  ­   va   affermata   proprio   in   una
prospettiva   tesa   a   riqualificare   l'istituto   parlamentare,
sottraendolo  alla  tendenza   (altrimenti   inevitabile)  alla   graduale
perdita di centralità. Questo aspetto relativo alla necessità di una
doppia   e   simultanea   riqualificazione   dell'esecutivo   e   del
parlamento   non   è   presente   nel   saggio   del   '29:   ancora   fiducioso
nella possibilità di risolvere positivamente il problema strutturale
della   governabilità   con   un'espansione   del   partecipazionismo
istituzionale che finirà per arenarsi nelle secche di quello che  è
stato   chiamato,   di   volta   in   volta,   "contrattualismo   bloccato"   o
"compromesso   neutralizzante.   Ma   è   tuttavia   potenzialmente
racchiuso   nel   collegamento   ivi   istituito   tra   la   persistenza   della
posizione   difensivistica   e   in   ultima   analisi   conservatrice   dei
"razionalisti"   ad   oltranza   e   lo   «spostamento   di   potere   dal
legislativo   al   giudiziario»  10°.   Lo   svuotamento   delle   istituzioni
rappresentative   ­   e  in   primis  dell'istituto   della   rappresentanza
universale   territoriale   ­   si   produce   ad   opera   di   un   potere
giurisdizionale   che   ha   talmente   esteso   il   proprio   raggio
d'intervento   da  non  porsi   più  come  un  semplice  esecutore   della
volontà della legge, ma piuttosto come una vera e propria autorità
decisionale   autonoma   che   «tende   sempre   più   a   considerare   le
norme   positive  come   un   fastidioso   imbrigliamento  della   propria
attività» 101.

Fraenkel   individua   qui   la   breccia   attraverso   cui   irrompe   la


crisi del sistema politico weimariano: in assenza di una iniziativa
riformatrice   della   sinistra   a   livello   delle   istituzioni,   e   sotto   la
spinta   della   battaglia   culturale   condotta   da   un   fronte   inter­
namente   variegato   (da   Sombart   e   Spengler   al  konservativer
Sozialismus  di   Moeller   van   der   Bruck,   fino   alla   posizione   sch­
mittiana e all'enfasi da essa posta sulla "vera democrazia" come
necessario sbocco della critica al formalismo)102, la magistratura
finisce   per   surrogare   quella   funzione   decisionale   che   la
democrazia parlamentare ­ per la sua incapacità di esprimere una
direzione politica ­ non appare più in grado di produrre. Questa
surroga   si   realizza   attraverso   lo   svincolamento   del   giudice
dall'osservanza   della   singola   norma   positiva   e   la   correlazione
della sua attività all'interpretazione dello spirito dell'ordinamento
nel   suo   complesso   (secondo   l'interpretazione   data   da   Hermann
Isay,  in  un suo libro dedicato  ai rapporti  tra norma  giuridica e
decisione103, all'art. 102 della Costituzione di Weimar) . Fraenkel
102
Cfr.   K.  SONTHEIMER,  Antidemokrutisches   Denken   in   der   Weimarer   Repu­
blik,  Mùnchen  19642.  Per   una   ricostruzione   delle   tendenze   interne   al   dibattito
della   socialdemocrazia   weimariana   sul   problema   della   crisi   sociale   e   politica
si   rimanda   all'opera   collettiva   curata   da  W.   LUTHARDT,  Sozialdemokratische
Arbeiterbewegung und Weimarer Republik, 2 voli., Frankfurt am Main 1978.
97
103
E. FRAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 93.
H. ISAY, Rechtsnorm und Entscheidung, Berlin 1929, p. 212.
104
Cfr.  H.   KELSEN,  Vom   Wesen   und   Wert   der   Demokratie,  Tùbingen  19292
(trad.   it.   in  ID.,  La   democrazia,  Bologna  1981,  pp.  57­60);  F.L.   NEUMANN,  Der
Funktionswandel des Gesetzes, trad. it. cit., p. 278.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 138

cita   al  riguardo,   per   addurre   l'esempio   più  emblematico   di   una


siffatta tendenza, la posizione di Triepel (un autore allora molto
influente nel dibattito, e considerato d'altronde polemicamente sia
da Kelsen nel saggio sulla democrazia, sia da Neumann nel già
ricordato   lavoro   del   '37)104:   la   sua   affermazione   per   la   quale   la
"sacralità"  compete   al  diritto  e  non  alla   legge  esprime   a   chiare
lettere «la tendenza a sganciare la giurisprudenza dalle norme di
diritto   positivo,   dalla   legge   approvata   in   parlamento»   105.
Richiamandosi   a   un  saggio  di   Neumann  uscito   in   quello   stesso
anno su «Die Gesellschaft», Fraenkel scorge nella combinazione di
questo  trend  (che fa ormai assurgere la questione della libertà o
dipendenza   del  giudice  rispetto   alla   legge a   «questione  centrale
della politica del

97
E. FRAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 93.
139 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

diritto   del   nostro   tempo») 106  con   il   prevalere   di   un   indirizzo   di


teoria costituzionale (rappresentato da Cari Schmitt e dalla   Inte­
grationslehre  di   Rudolf   Smend) ,   volto   ad   assegnare   un   ruolo
107

preminente   e   immodificabile   ad   alcuni   "principi   fondamentali"


(allo scopo di esercitare attraverso di essi un controllo giudiziario
sull'attività   del   parlamento),   un   sintomo   allarmante   di
«progressiva erosione del potere del parlamento» 108.
Fraenkel appariva tuttavia in questo saggio abbastanza otti­
mista   circa   le   possibilità   di   contrastare   e   invertire   questa   ten­
denza   che,   perdurando,   avrebbe   condotto   a   un   drastico   ridi­
mensionamento  dell'istituto  parlamentare  «quale  fattore  di  pro­
duzione legislativa all'interno della struttura statale»  109. E il fat­
tore in grado di contrastare quella tendenza veniva individuato
proprio   nella   piena   realizzazione   di   quell'aspetto   della   "demo­
crazia   collettiva"   che   consisteva   nell'idea   funzionale   di   rappre­
sentanza:   intesa  non  già  come  alternativa,   ma  come  necessaria
integrazione   della   rappresentanza   parlamentare   nella   fase   del
capitalismo post­liberale. Questa idea era racchiusa nell'articolo
165   della   Costituzione,   che   contemplava   l'edificazione   di   una
Wirtschaftsverfassung,  di   una   costituzione   economica,   la   quale   ­
notava Fraenkel ­ «non solo non si è compiuta, ma dopo il 1920
non si è mai tentato seriamente di realizzar[e] nel senso voluto
dalla   stessa   carta   costituzionale»110.   La   realizzazione   dell'idea
funzionale   racchiusa   nell'art.   165   RV   consentirebbe   dunque   di
invertire il  trend  di emarginazione e svuotamento del parlamento
106
Ibidem.  Il   saggio   di   Neumann   a   cui   Fraenkel   fa   riferimento   è   Gegen   ein
Gesetz   ilber   Nachprùfung   der   Verfassungsmàssigkeit   von   Reichsgesetzen,   in   «Die
Gesellschaft», 1929, pp. 517 ss.
107
La  «dottrina  dell'integrazione»   di Smend  (di  cui  si  veda  soprattutto   Ver­
fassung   und   Verfassungsrecht,  Miinchen­Leipzig  1928;  successivamente   ripub­
blicato   in  ID.,  Staatsrechtliche   Abhandlungen,  Berlin  1955)  s'inserisce   nella   tem­
perie   dominata   dal   dibattito   su   quella   che   Hermann   Heller   definì   «crisi   della
dottrina   dello   Stato».  Cfr.   H.  HELLER,  Die   Krisis   der   Staatslehre,   in   «Archiv   fur
Sozialwissenschaft   und   Sozialpolitik»,   LV,  1925,  pp.  289  ss.,   ora   in  ID.,  Gesam­
melte   Schriften,  voi.  II,   Leiden  1971,  pp.  5  ss.   Per   una   ricostruzione   delle   tesi
di   Smend   si   rimanda   al   lavoro   di   U.  POMARICI,  La   teoria   dell'integrazione   in
Rudolf   Smend,  in   «Democrazia   e   diritto»,  1982,  n.  2,  pp.  109  ss.   Fondamen­
tale,   non   solo per   l'opera di  Heller  ma  per  l'intero contesto del  dibattito  scien­
tifico­politico   weimariano,   è   il   libro   di   W.  SCHLUCHTER,  Entscheidung   fur   den
sozialen Rechtstaat, Kòln­Berlin 1968.
attraverso   «l'integrazione   della   democrazia   politica   con   le   forze
109
Ibidem.
no
Ivi, p. 96.
economiche»:   attraverso   «il   completamento   della   democrazia
individuale con quella collettiva» 111.

108
E. FRAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 95.
140 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Questa   «nuova   forma   di   amministrazione   collettivo­demo­


cratica» è per Fraenkel l'unica in grado di risolvere la situazione
di   stallo   istituzionale   ­   con   le   conseguenze   degenerative   sopra
considerate   ­   consentendo   «una   partecipazione   dei   cittadini
all'amministrazione   e   alla   giustizia   in   modo   assai   più   efficace
della   vecchia   forma   individualistico­liberale»   112.   Tuttavia,   nel
modo come la proposta   è formulata, gli elementi cooperativi, di
coazione   al   compromesso,   sopravanzano   di   gran   lunga   gli
elementi   conflittuali.   Fraenkel   si   richiama   agli   enunciati   orga­
nicistici della Integrationslehre a un punto tale da avvertire il bisogno
di   distinguere   la   propria   proposta   di   assorbimento   dei   corpi
intermedi   di   rappresentanza   funzionale   dentro   la   compagine
statuale   dal   modello   fascista.   E   tuttavia   il   solo   elemento   ­   per
quanto   decisivo   ­   di   differenza   che   venga   addotto   è   il
«riconoscimento   della   libertà   di   associazione»:   «Sta   qui   la   fon­
damentale differenza tra l'ideologia fascista dello Stato e la realtà
dello   Stato   fondato   sulla   democrazia   collettiva   che   si   sta
delineando   in   Germania»113.   Il   legame   di   forte,   anche   se   sot­
terranea, continuità con la tradizione dello statalismo tedesco di
questa   posizione   ­   pure   espressiva   di   un   punto   alto   di   ela­
borazione della cultura di sinistra weimariana ­  è segnalato dal
netto rifiuto di soluzioni volte a salvaguardare, oltre alla libertà
di   associazione   (precondizione   perché   si   possa   parlare   di   per­
sistenza   della   forma   democratica),   l'autonomia   contrattuale   dei
partners  sociali   (come   nel   modello  anglosassone,   dove  lo  Stato   si
rapporta   al   pluralismo   delle   associazioni   come   a   una   sfera   di
negoziazione rispetto alla quale esso può fungere sì da arbitro e
garante,   ma   non   interferire   con   interventi   autoritativi):   «La
democrazia   collettiva,   ­   scrive  Fraenkel,   ­   non  deve   essere   rap­
presentata   come   un'autonoma   costituzione   sociale   parallela   a
quella statale, ma deve invece divenire parte integrante dello

111
Ivi, p. 98.
112
Ivi, p. 100.
113
Ivi, p. 102.

108
E. FRAENKEL, Kollektive Demokratie, trad. it. cit., p. 95.
141 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Stato» 114. In un altro luogo, il testo di Fraenkel si tradisce ancora
più   scopertamente,   individuando   il   tratto   caratterizzante   della
democrazia   collettiva   nella   cristallizzazione   istituzionale   delle
organizzazioni:

Le organizzazioni liberamente costituite si cristallizzano in misura sempre
maggiore in fattori di integrazione della vita statale, sono mezzi funzionali di
integrazione dello Stato ... Il loro campo di intervento  è l'amministrazione e,
parzialmente,   la   giustizia;   ma   quanto   più   lo   Stato   cessa   di   vivere   nella
prospettiva liberale, quanto più esso si trasforma in uno "Stato del benessere",
tanto più viene accettata da larghe masse la preminenza dell'esecutivo, tanto
più   le   organizzazioni,   che   sono   inserite   nel   potere   esecutivo,   assurgono   a
simbolo di una costante ricostruzione e neoriproduzione dell'intero organismo
statale115.

Affermazioni   eloquenti,   che   non   richiedono   alcun   ulteriore


commento.   E   che   rivelano   fino   a   qual   punto   l'accezione   wei­
mariana   di   "democrazia"  fosse   impregnata,   anche  nelle  sue   più
elevate   teorizzazioni,   di   inequivocabili   elementi   di   organicismo
statalista.

5. Excursus 2. La "Constitutional Crisis": Neumann e Laski

La   tendenza,   ad   enfatizzare   gli   elementi   di   cooperazione   a


discapito   di   quelli   di   conflitto,   fino   al   rischio   di   una   ricaduta
nell'organicismo,   derivava   a  Fraenkel  ­   come  del  resto   a  tutti   i
teorici dell'idea funzionale di rappresentanza ­ da un tipico tratto
che accomunò fino agli anni '30 tutte le versioni del pluralismo.
Ma   dietro   l'enfasi   si   celava   un'aporia   logica   della   concezione
pluralista, presente anche nello spregiudicato antistatalismo delle
varianti   pragmatistiche   anglosassoni.   L'aporia   investiva   la
congruità   del   nesso   tra   premesse   e   conseguenze   della   dottrina
pluralista, coinvolgendone i postulati atomistici e  behavioristici.
Ed  è  indicata  con  straordinaria   lucidità  ­  e  in  termini   a  nostro
avviso   ancora   carichi   di   indicazioni   attuali  da   Franz   Neumann
nella   introduzione   al  Behemoth:  l'opera   pubblicata   nel   1942   sul
114
Ibidem.
115
Ivi, pp. 98­99.
sistema di potere nazionalsocialista.

In origine,   lo  scopo   della  dottrina   politica   pluralistica   era   in


fondo un prolungamento di quella liberale. Era necessario ricol­
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 142

locare l'individuo, nelle sue associazioni liberamente costituite, in
opposizione al potere statale centrale:

Alla base del principio pluralista v era il disagio dell'individuo, inerme di
fronte   a   una   macchina   statale   strapotente.   Man   mano   che   la   vita   diviene
sempre   più   complessa   e   le   funzioni   dello   Stato   si   moltiplicano,   l'individuo
isolato accresce la sua protesta contro il suo abbandono a forze che non può
comprendere né controllare. Egli aderisce così a organizzazioni indipendenti.
Affidando   funzioni   amministrative   decisive   a   questi   organismi   privati,   i
pluralisti speravano di raggiungere due scopi: colmare il divario fra lo Stato e
l'individuo, e dare una base concreta all'identità democratica fra governanti e
governati. Nonché di raggiungere il massimo di efficienza assegnando funzioni
amministrative a organizzazioni competenti116.

Tuttavia,   partito   come   «risposta   del   liberalismo   individuali­


stico all'assolutismo dello Stato», il pluralismo finisce per fallire il
suo   obiettivo,   trovandosi   costretto   ad   assumere   esiti   para­
dossalmente contraddittori alle sue stesse premesse. Per un verso,
attraverso   la   sua   destrutturazione   decentralizzazione   (che
equivale di fatto a una dissoluzione) del concetto di sovranità, il
pluralismo concepisce   lo Stato come  una  fra  le  tante istituzioni
(dotato cioè di un'autorità non superiore a quella di un sindacato o
di   un'associazione   professionale,   di   un   partito   politico   o   di   una
chiesa). Per l'altro si trova a dovere affrontare lo spinoso problema
del   fattore   costitutivo   dell'unità   del   corpo   sociale   (condizione
perché   il   pluralismo   delle  organizzazioni   non  rimanga   un   mero
assemblaggio di potenze irrelate), e pertanto a dovere giocoforza
ammettere   che   ­   una   volta   venuto   a   cadere   il   potere   coercitivo
supremo   ­   «solo   un   patto   fra   i   singoli   organismi   sociali
predominanti   all'interno   della   comunità   può   offrire   concreta
soddisfazione agli interessi comuni»117.

116
F.   NEUMANN,  Behemoth.   The   Structure   and   Practice   of   National   Socia­
lismi, New York 1942 (trad. it. Milano 1977, p. 33).

117
Ivi, p. 33.
143 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Accade   così   che  quella   stessa   unità,   che   era   stata   destituita   di
fondamento (e bollata come mera funzione giuridica) riguardo alla
teoria della sovranità, venga di fatto riproposta sotto la forma del
postulato   dell'armonia   (condizione   dell'integrazione   funzionale).
Perché  la pratica  di  negoziazione sia  possibile,  deve darsi  «una
base   comune   di   intesa   fra   i   vari   gruppi   sociali:   la   società,
insomma, deve essere fondamentalmente armoniosa. Ma poiché,
di fatto, la società è antagonistica, la dottrina pluralista prima o
poi viene a cadere».
Queste   considerazioni   critiche   di   Neumann   rappresentano   il
punto d'approdo di un decennio di ricerca che, nel corso degli anni
'30,   si   era   incontrata   con   un   altro   importante   tracciato   di
considerazione   critica   (o   meglio:   autocritica)   della   teoria   plu­
ralista:  quella svolta  di  Harold J. Laski. L'incontro  tra Laski  e
Neumann, che risale al soggiorno inglese di quest'ultimo (1933­
36), avviene proprio nel momento in cui l'intellettuale laburista
sta   portando   a   compimento   un   radicale   processo   di   revisione
teorica   che   lo   aveva   portato   a   criticare   prima   i   postulati   del
pluralismo   di   matrice   ghildista,   poi   quelli   del   fabianesimo,   e
infine   ad   impostare   la   questione   dei   rapporti   democrazia­capi­
talismo   alla   luce   di   un'idea   di   antagonismo   sociale   e   di   crisi
politica aperta a una recezione critica del marxismo118.
Il   sodalizio   tra   due   figure   intellettuali   così   diverse   per   pro­
venienza   e   tradizione   teorica,   ma   unificate   dalla   comune   riso­
luzione   a   porre   al   centro   del   proprio   lavoro   il   problema   delle
condizioni   di   funzionamento   e   di   sviluppo   della   democrazia,
costituisce   un   momento   rilevante,   benché   finora   pressoché
ignorato119, dei rapporti tra marxismo e teoria politica in questo
secolo. La svolta maturata da Laski tra il 1927 e il 1933 ­svolta
che è stata vista ufficialmente come un passaggio al marxismo e
118
Cfr.  H.   DEANE,  The   Politicai   Ideas   of   Harold   L   Laski,  New   York   1955.
Sostanzialmente   continuiste   le   interpretazioni   degli   sviluppi   del   pensiero
laskiano   fornite   da   C  HAWKINS,  Harold  7.  Laski   A   Preliminary   Analysis,  in   «Poli­
ticai   Science   Quarterly»,   LXV,   1950;   J.C.  REES,  La   teoria   politica   di   Harold
Laski,  in   «Il   Politico»,   1951,   n.   3;   e   E.  SCIACCA,  Alcune   osservazioni   sul   pensiero
di   Harold   Laski,  in   «Rivista   internazionale   di   filosofia   del   diritto»,   XXXVIII,
1961. Molto accurata e precisa nella caratterizzazione delle diverse fasi  è invece
la   ricerca   di   C  PALAZZOLO,  La   libertà   alla   prova.   Stato   e   società   in   Laski,   Pisa
1979.
119
Lo   stesso   Alfons   Sòllner,   lo   studioso   tedesco   cui   va   il   merito   di   avere
maggiormente   contribuito   alla   conoscenza   dell'opera   di   Neumann,   dedica   nei
suoi   lavori   scarsi   cenni   al   versante   Laski   della   comparazione,   per   il   quale   si
appoggia al volume di Deane: cfr. A. SOLLNER, Geschichte und Herrschaft, Frank­

un   tradimento   in   piena   regola   dell'eredità   liberale   ­   investe   la


valutazione   di   fondo   di   questioni   decisive   non   solo   sul   piano
dell'analisi   del   "processo   politico",   ma   anche   su   quello   più
propriamente   metodologico:   la   diagnosi   che   Laski   conduce   dei
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 144

fattori   di   crisi   della   democrazia   (analisi   che   anticipa   sor­


prendentemente molti dei temi della discussione attuale intorno
alla   "crisi   della   democrazia"   e   alla   "governabilità")   è   infatti
mediata da una revisione radicale dell'utilitarismo bentha­miano,
cui   facevano   ancora   riferimento   tanto   le   opere   del   periodo
pluralista   (da  Authority   in   the   Modem   State  ai   saggi   sulla
sovranità)120 quanto quelle del periodo fabiano (e in particolare il
famoso volume del 1925, A Grammar of Politics 121, che resta forse
­   per   sistematicità   e   respiro   concettuale   ­  Yopus   magnum  del
teorico laburista).

Il principale punto di convergenza con la riflessione di Franz
Neumann   (che   si   era   anch'essa   decisamente   rivolta   all'analisi
delle cause che avevano innescato il meccanismo della crisi wei­
mariana) va tuttavia ben oltre la generalità di un mero interesse
metodologico   a   intrecciare   gli   apporti   del   metodo   marxista   con
quelli   del   metodo   della  politicai   science:  esso   va   ricercato,   più
specificamente, nella comune attitudine ad assumere il punto di
vista   marxista   sulla   società   antagonistica   all'interno   di   una
prospettiva che continua a privilegiare fortemente l'aspetto poli­
tico e costituzionale di una crisi che appare ad entrambi crisi di
passaggio ad un assetto post­liberale del sistema sociale. Sia in
Laski che in Neumann, il richiamo alla costellazione categoriale
della   lotta   di   classe   e   dell'antagonismo   non   coincide   mai   con
l'assunzione   di   una   dogmatica,   ma   piuttosto   con   l'esigenza   di
individuare nella constitutional crisis un campo oggettuale in cui
le   tematiche   della   scienza   politica   s'incrocino   con   le   categorie
critiche del marxismo122.
furt am Main 1979, pp. 96 ss.; ID., Franz­ L. Neumann ­ Skizzen zu einer intel­lektuellen
und   politischen   Biographie,  introduzione a F.  NEUMANN,  Wirtschaft,  Staat,  Demokratie.
Aufsàtze   1930­1954,  Frankfurt   am   Main   1978.   Per   converso   nessuna   delle
monografie su Laski fa menzione alcuna di Neumann (neppure quella recente ­ e
per il resto ben documentata ­ di C. Palazzolo).
120
Cfr.   H.J.  LASKI,  Authority   in   the   Moderni   State,  New   Haven­London
1919;  ID.,  The   Foundations   of   Sovereignty   and   Other   Essays   (1921),   Freeport
1968.
121
ID., A Grammar of Politics (1925), London 1948.

La persistenza del rilievo assegnato al momento politico della
crisi testimonia, per quanto riguarda Laski, come nella cosiddetta
«svolta   marxista»   degli   anni   '30   non   fossero   andate   disperse   le
acquisizioni analitiche di fondo della fase precedente: quella del
superamento   dei   presupposti   antistatalistici   del   pluralismo
ghildista.

117
Ivi, p. 33.
145 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

La fase "fabiana" di Laski, emnlematicamente rappresentata
dal volume A Grammar of Politics (opera cui l'autore attese dopo il suo
importante soggiorno negli Stati Uniti), si caratterizza infatti per
una presa di distanze dall'idea ghildista di democrazia funzionale
e dall'ingenua critica al "burocratismo" e ali'"efficientismo" che la
sorreggeva (critica che, fino al principio degli anni '20, lo trova in
sintonia   con   Cole,   sulla   scorta   della   recezione   della
Genossenschaftstheorie  di   Gierke   operata   da   Maitland   e   Figgis) .
123

Neil'avanzare l'esigenza  di  un'analisi  dello  specifico   modus   agendi


del   "politico"   e   dell'operare   logicamente   autonomo   delle   sue
tecniche rispetto alle funzioni della   civil society,  Laski tende ora a
sottolineare ­ in polemica  con Cole ­  due aspetti aporetici  della
concezione   pluralista:   in   primo   luogo,   la   non   pertinenza
dell'identificazione   del   livello   della   coercizione   e   del
"burocratismo"   con   l'ambito   statuale   e   della   dimensione   della
libertà   e   "autonomia"   con   l'ambito   delle   associazioni   (poiché   le
tendenze   coercitive   e   burocratiche   sono   presenti   anche   nei
gruppi)124;   in   secondo   luogo,   l'impossibilità   di   risolvere   la   pur
necessaria   critica   al   liberalismo   (la   cui   "bancarotta"   veniva
individuata, già nella fase pluralista, nella mancata connessione
tra   libertà   e   eguaglianza)   nella   sostituzione   della   group­person
all'individual­person,  senza affrontare alla radice quel problema del
rapporto   tra   interesse   privato   e   interesse   pubblico,   la   cui
soluzione   non   può   essere   affidata   alla   presunta   armonia   che
caratterizzerebbe   la   dinamica   dei   gruppi,   ma   richiede   piuttosto
122
Cfr. A. SÓLLNER, Franz L. Neumann cit., pp. 221 ss.
123
Come   noto   ilpluralistic   movement,  alla   cui   scuola   Laski   si   era   formato
durante   gli   studi   a   Oxford,   ha   inizio   con   Frederick   Maitland,   anche   se   per­
viene   alla   formulazione   di   una   dottrina   coerente   solo   con   Neville   Figgis.   Era
stato   Maitland   a   curare   e   introdurre,   alle   soglie   del   secolo,   Das   deutsche   Genos­
senschaftsrecht  di   Gierke   (O.  GIERKE,  Politicai   Theories   ofthe   Middle   Age,  Lon­
don  1900).  Si   veda   al   riguardo  J.D.  LEWIS,  The   Genossenschaft­theory   of   Otto
von Gierke. A Study in Politicai Thought, Madison 1935.
124
Cfr. HJ. LASKI, A Grammar of Politics cit., p. 138.
l'impiego   di   specifiche   tecniche   di   mediazione   da   parte   dello
Stato125. L'affermazione della necessità delle tecniche di controllo
sociale   approntate   dal   "politico"  versus  la   tendenza   spontanea
all'atomizzazione degli interessi nella società, è motivata da Laski
attraverso   una   vera   e   propria   destituzione   di   fondamento   del
termine  pluralism  nell'accezione   del   socialismo   ghildista:   le
associazioni   spontanee,   volontarie,   non   sono   affatto   "pluraliste"
bensì   monofunzionali;   pongono,   cioè,   in   risalto   un   solo   aspetto
della   vita   sociale126.   Il   vero   pluralismo   è   invece   quello   che   si
realizza   all'interno   della   vita   statuale,   di   un'istanza   capace   di
abbracciare   simultaneamente   e   compensare   punti   di   vista   e
interessi diversi.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 146

A differenza  del Laski degli  Studies in the Problem of Sove­


reignty, il Laski del '25 non colloca, dunque, più lo Stato e i gruppi
volontari   su   un   piano   di   parità.   Non   considera   più   lo   Stato
un'istituzione fra le altre ­ imbattendosi così nell'aporia di Cole: di
dover  ricorrere,  per   risolvere  il  problema   dei  valori  comuni  che
rendono   possibile   la   concorrenza   e   la   cooperazione   tra   le
associazioni,   all'istanza   equilibratrice   suprema   della   «corte
democratica di equità funzionale». Ma piuttosto come l'istituzione
capace di costituire il contesto e il fondamento di razionalità cui
possano far riferimento, nelle loro azioni, individui e gruppi. Tale
contesto è, al tempo stesso, pluralistico e unitario: benché anche
le associazioni cooperino al common good, lo Stato va considerato
«la   fonte   ultima   delle   decisioni»,   una   sorta   di  community   of
communities 127. La formula hege­lianizzante indica che Laski, per
fornire   una   soluzione   propositiva   e   convincente   alla   questione
dell'alternativa   tra   centralismo   e   federalismo,   unità   e
molteplicità,   decisione   e   partecipazione,   è   costretto   a
riconsiderare radicalmente l'intero arco te

125
Cfr.  ivi.,  pp.   247   ss.   È   curioso   notare   come,   in   un'opera   pure   ricca   di
spunti   felici,   Rainer   Eisfeld   tratti   disinvoltamente   A   Grammar   of   Politics  come
un'opera   "pluralista":   cfr.  Pluralismus   zwischen   Liberalismus   und   Sozialismus,
Stuttgart 1972 (trad. it. Bologna 1976).
126
Cfr.   HJ.  LASKI,  The   Recovery   of   Citizenship,  in  ID.,  The   Dangers   of   Ohe­
dience & Other Essays (1930), New York 1968, p. 67.
127
Cfr. ivi, p. 87; ID., A Grammar of Politics cit., pp. 38 e 105.

matico del pluralismo con un approccio al problema che risulta ­
paradossalmente   ­   di   stampo   continentale:   il   vero   pluralismo   è
quello delle istituzioni dentro lo Stato (che appare così come la
sola autentica sintesi di freedom e authority). Se per un verso questo
esito della critica laskiana al   pluralism  consentiva un'acquisizione
complessa e non riduttiva dell'ambito politico­statuale, per l'altro
esso   mostrava   un   aspetto   fortemente   problematico.   Esso   era
ravvisabile  nell'emergere   di  una   teoria   della   programmazione  e
dell'interventismo   statale   ­   concepiti   in   opposizione   diametrale
alla   funzione   "ostruzionistica"   (in   senso   greeniano) 128  del  laissez­
faire   ­  che si agganciava al gradualismo ottimistico proprio della
posizione   fabiana,   e   al   tempo   stesso   appariva   affine   alle   coeve
posizioni di Rudolf Hilferding sul "capitalismo organizzato". Sotto
questo   profilo,   il   fabianesimo   di   Laski   ­   fortemente   influenzato
dalle   tematiche   portate   avanti   in   quegli   anni   da   Tawney,   da
Hobhouse e dai Webb ­pare assumere, come ha felicemente notato
un suo biografo, le sembianze di un «benthamismo socializzato»
129
.   Lo   Stato   ­assunto   nell'equazione,   prettamente   fabiana,   con
128
Cfr.  T.H.   GREEN,  Lectures   in   the   Principles   of   Politicai   Obligation,  in  ID.,
Works,  a   cura   di   R.L.   Nettleship,   voi.  II,  London  1885  (trad.   it.   Catania  1973,
in specie p.
117  117  [dove s'istituisce una relazione diretta tra azione statale e fine
Ivi, p. 33.
del common good~\).
129
H. DEANE, The Politicai Ideas of Harold J. Laski cit., p. 8.
130
J.R. MACDONALD, Socialism and Society, London 1908, p. 12.
147 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

l'apparato   amministrativo   ­   appare   come   una   forza   coercitiva


neutrale   capace   di   realizzare   «senza   soluzione   di   continuità»   (è
documentabile,   d'altronde,   l'incidenza   di   Bernstein   sugli   scritti
laskiani   degli   anni   '20)   il   passaggio   dalla   libertà   negativa   alla
libertà positiva, dal garantismo giuridico al garantismo economico
e   sociale.   Secondo   la   formula   schiettamente   classica   ­quasi
"neoaristotelica"   ­   di   MacDonald:   lo   Stato   non   deve   limitarsi   a
«garantire   la   vita»,   ma   deve   «promuovere   la   vita   buona»   130.   Il
governo democratico appare pertanto, nella dottrina fabiana degli
anni   '20,   come   un   governo   "virtuoso"   capace   di   avviare   una
transizione pacifica dal capitalismo al socialismo, mediata da una
graduale   riconversione   in   senso   sociale   dei   principi   della
liberaldemocrazia.   Lo   stesso   Tawney   d'altronde,   nel   manifesto
redatto su incarico del Labour Party per le elezioni del 1929, parla
della   linea   di   trasformazione   socialista   come   progressiva
estensione   dell'intervento   pubblico   nell'economia   in   termini
analoghi a quelli adoperati da Laski in A Grammar of Politics 131.

La svolta operata da Laski al principio degli anni '30 ­ a par­
tire da Liberty in the Modem State e da An Introduction to Politics
132
 ­ nasce da un'insoddisfazione nei confronti dell'idea statalistica
di   compromesso   come   tecnica   di  social   change  mediata
politicamente. Questa insoddisfazione non ha soltanto un'origine
teorica,   ma   è  fortemente   condizionata   dall'esperienza   storica   di
quegli anni: dalla sconfitta del Labour Party alle elezioni del '31
(che   ha   come   conseguenza   l'uscita   di   consistenti   gruppi   intel­
lettuali)133 ai tragici esiti della crisi tedesca e austriaca. Ritenendo
fallita, perché troppo armonicistica e ottimistica, la piattaforma di
"compromesso"   tra   liberalismo   e   socialismo   tentata   in  A
Grammar   of   Politics,  Laski   si   era   così   avviato   autonomamente
verso   una   conclusione   analoga   a   quella   di   alcuni   giuristi   e
politologi   socialdemocratici   weimariani:   ogni   "dottrina   del­
l'integrazione"  (Integrationslehre)  è minacciata dall'antagonismo,
la cui dinamica conflittuale sembra evolversi in un senso molto
distante   dall'immagine   fabiana   del   "buon   governo".   L'aspetto
"funzionale" della riflessione sembra qui deperire a vantaggio di
quello giuridico­economico e giuridico­politico: al di là del grado
maggiore o minore di razionalizzazione del dominio di classe (vale
a dire di separazione tra titolo proprietario e gestione dei mezzi di
131
Nel   corso   di   questi   anni,   del   resto,   intercorrono   stretti   rapporti   perso­
nali,   intellettuali   e   politici   tra   Laski   e   Tawney,   al   quale   dedicherà   nel   '30   la
raccolta The Dangers of Ohedience & Other Essays.
132
HJ.  LASKI,  Liberty   in   the   Modem   State,  London   1930   (trad.   it.  Bari   1931);
ID., An Introduction to Politics (1931), London 1971.
133
Cfr.   G.D.H.  COLE,  La   Gran   Bretagna   negli   anni   trenta,   in  ID.,  Storia   del
pensiero socialista, voi. V: Socialismo e fascismo, Bari 1968, pp. 74 ss.
134
Significativa,   sotto   questo   profilo,   la   radicale   revisione   cui   l'utilitarismo
utilitaristico   benthamiano   è   sottoposto   da   Laski   nel   saggio   Machiavelli   and   the
Present   Time,  in  The   Dangers   of   Ohedience   cit.   Di   questo   processo   di   revisione
della   razionalità   massimizzante   offre   una   testimonianza   anche   il   carteggio   con
Holmes: cfr. Holmes­Laski Letters. The Correspondance of mr lustice Holmes
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 148

produzione), ogni qualvolta la struttura proprietaria è minacciata
dallo scontro sociale e dalla crisi politica, i margini di mediazione
e   di   manovra   si   restringono   drasticamente,   pregiudicando
l'agibilità stessa del peaceful change 134.

Malgrado il pessimismo dichiarato a proposito dell'idea labu­
rista di un passaggio senza rotture dallo Stato di diritto allo Stato
sociale   (idea   fondata   a   suo   avviso   sul   metodo   illusorio   della
persuasione   e   della   "resa   spontanea"   della   classe   capitalistica),
Laski   si   tiene   tuttavia   ben   discosto   dal   radicalismo   di   uno
Strachey135,   affermando   un'idea   di  revolution   by   consent  che
continua   a   valorizzare   fortemente   quell'attenzione   al   livello
politico­istituzionale che costituisce l'acquisizione più importante
del periodo fabiano. In effetti, come è stato molto opportunamente
notato, allo stesso modo in cui, dopo le opere di riconsiderazione
del   marxismo   del   periodo   1922­27   (dal  Karl   Marx  a
Communism)136,   viene   operato   un   netto   distacco   da   Proudhon,
precedentemente   elogiato   come   profeta   dell'autogestione   e  della
sintesi   creativa   di   liberismo   e   socialismo,   e   valorizzato   il
contributo scientifico del Marx analista della società industriale e
studioso dei meccanismi di funzionamento del capitalismo, così,
dopo  A   Grammar   of   Politics,  non   è   più   consentito   eludere   o
trascurare la funzione specifica svolta dal governo politico «nella
disciplina delle relazioni sociali» 137.
Nel   libro   del   '33  Democracy   in   Crisisì3S,  la   crisi   della   forma
democratica   è   individuata   a   livello   dell'autorità.   Essa   appare
quindi come crisi di quei valori­prescrizioni senza i quali l'equi­
librio   tra   coercizione   e   consenso   viene   irrevocabilmente   ad
incrinarsi:

La   crisi   della   democrazia   capitalistica   è   essenzialmente   una   crisi   di


autorità   e   di   disciplina.   La   forza   di   esigere   l'obbedienza   ai   suoi   principi   è
diminuita perché la gente si rifiuta sempre più di accettare i suoi fini come
manifestamente giusti. In qualunque campo si esamini la pretesa del rispetto
della legge, è chiaro che il suo potere sui suoi sudditi è andato declinando. E
questo declino non dipende semplicemente ­ come nel caso della proibizione in
America ­ dalla messa in esecuzione di disposizioni legislative non buone in
qualche particolar campo della condotta degli uomini. Non è lo sbocco di una
crescente ondata di consapevole e deliberato illegalismo apprezzato per il suo
and Harold J. Laski 1916­1935,   Cambridge (Mass.)  1953,  p. 1059  (lettera di Laski a
Holmes del 28 maggio 1928).
135 per  f^gj   un'idea   della   netta   diversità   tra   le   due   posizioni,   cfr.   J.  STRA­
CHEY,  The   Corning   Struggle   for   Power,   London  1932;  H.J.  LASKI,  Revolution   by
Consent, in «The Nation», 22 marzo 1941.
136
Cfr. ID., Karl Marx. An Essay, London 1922; ID., Communism, London 1927.
137
C. PALAZZOLO, La libertà alla prova cit., p. 203.
138
HJ.  LASKI,  Democracy   in   Crisis  (1933),  New   York  1969  (trad.   it.  Bari
1935).

117
Ivi, p. 33.
149 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

proprio fine. La gran massa del popolo oggi, come al tempo di Burke, non ha
interesse a fabbricare il disordine. La mancanza di rispetto verso l'autorità non
è dovuta a qualche improvviso scoppio di entusiasmo per l'anarchia; essa trova
la sua radice nell'esser venuta meno la fede nei principi per i quali l'autorità
era stata organizzata nella società capitalistica139'.

La correlazione qui stabilita da Laski tra crisi politica e crisi
dei   valori­obiettivi   propri   della   democrazia   capitalistica   (intesa
come democrazia acquisitiva) implicava l'aggancio a un ulteriore
livello teorico del  discorso:  il livello  della critica  e  della  crisi  di
quella "razionalità benthamiana" che nel periodo fabiano fungeva
ancora   da   piattaforma   di   conversione   del   liberalismo   in
socialismo. Il distacco da questo postulato e dalle relative ipotesi
armonizzanti è, del resto, ampiamente documentato dall'opera del
1935  The  State   in  Theory  and  Practice  140'. Qui il punto d'approdo del
lungo   itinerario   autocritico   di   Laski   trova   una   significativa
espressione   nell'abbandono   definitivo   sia   della   dottrina
utilitarista   sia   di   quella   tendenza   riformatrice   dell'idealismo
oxoniense che risponde al nome di Green, e che tanta parte aveva
avuto   ­   nonostante   le   polemiche   ­   nella   sua   formazione
intellettuale.   Con   la   sua   tendenza   a   recuperare   l'istanza
garantista in una sorta di neosintesi di filosofia idealistica e libe­
ralismo, Green si era posto infatti nel dibattito anglosassone come
un teorico del passaggio dallo Stato di diritto allo Stato sociale 141.
Questa metamorfosi non appare invece più a Laski come il frutto
di   una   regolarità   evolutiva   poggiante   su   una   misteriosa   legge
dell'armonia   sociale,   ma   piuttosto   come   un   effetto   della
combinazione­tensione  tra   spinta   antagonistica   e   reazione   della
logica   capitalistica,   che   intenziona   la   propria   sopravvivenza
attraverso una rigorosa «organizzazione della scarsità» 142.

139
Ivi, p. 130.
140
ID., The State in Theory and Practive, London 1935.
141
Cfr.   E.  BARKER,  Politicai   Tliought   in   England   1848­1914  (1915),  London
19473.
142
H.J.   LASKI,  Reason   and   Civilization.   An   Essay   in   Historical   Analysis ,   Lon­
don 1944, p. 47.
La   stessa   democrazia   politica   non   è   che   l'effetto   del   campo   di
tensione   che   si   è   venuto   configurando   tra   tendenza   e   contro­
tendenza: essa rappresenta  pertanto ­ secondo una tesi che era
stata già molti anni prima enunciata da Kelsen e, in una decli­
nazione diversa, dai teorici austromarxisti ­ «il prezzo che nella
civiltà occidentale la classe media ha dovuto pagare per acquisire
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 150

il   consenso   delle   masse   nella   sua   lotta   per   il   potere   con   l'ari­
stocrazia feudale» 143.
Queste   considerazioni,   tratte   da   uno   scritto   del   1943,   erano
state del resto già ampiamente anticipate in  Democracy in Cri­
sis.  La   democrazia   politica   (che   Laski,   secondo   una   tradizione
terminologica cara ai teorici del guild socialism,  continua a chia­
mare   "democrazia   capitalistica")   ha   rappresentato   la   forma   di
Stato   idonea   a   garantire   e   riprodurre   la   preminenza   di   quelle
"classi medie" che sono state condotte al potere dalla rivoluzione
industriale.   Essa   ha   rappresentato   una   struttura   stabile  fino  a
quando   non   sono   insorti   i   movimenti   egualitari   che   puntavano
all'obiettivo   del   suffragio   universale.   Non   scorgendo   che   dietro
questa   insorgenza   si   celava   «una   nuova   lotta   per   il   potere»,   le
classi   dominanti   concedettero   a   tutti   i   cittadini   una   porzione
dell'autorità   politica   «sul   presupposto   non   dichiarato   che
l'eguaglianza compresa nell'ideale democratico non cercherebbe di
invadere la sfera economica»  144. Ma un siffatto presupposto non
poteva   essere   mantenuto,   per   il   semplice  ma   decisivo   fatto  che
nella dinamica innescata dalla stessa democrazia politica è insita
la tendenza all'abolizione dei privilegi di ogni ordine, e una tale
abrogazione può essere differita solo fino a quando le conquiste
del   regime   parlamentare   siano   tali   da   offrire   alle   masse   un
miglioramento costante del loro tenore di vita. L'origine lontana
della   crisi,   «il   centro   del  malaise  della   democrazia
rappresentativa»   sta,   dunque,   per   Laski,   nel   fatto   che   i   capi
politici non sono stati in grado di soddisfare le richieste ad essi
rivolte. E ciò per una ragione strutturale:

il sistema si trovava di fronte al dilemma che proprio quando i suoi processi
produttivi erano allo zenit del loro potere esso era

143
ID., Reflections on the Revolution of Our Time (1943), London 1968, p.

144
ID., Democracy in Crisis, trad. it. cit., p. 43.

neirimpossibilità   di   risolvere   il   problema   della   giustizia   distributiva,   in


quanto, per continuare ad esistere, esso era costretto ad abbassare il tenor di
vita proprio nel momento in cui l'aspettazione democratica assisteva alla sua
drammatica   espansione   in   corrispondenza   dell'incremento   della   potenza
produttiva145.

L'antagonismo   storico   che   di   qui   si   genera   investe,   ad   un


tempo, la struttura economica, materiale, delle relazioni sociali e
la forma di razionalità che la sostiene. La crisi di razionalità si
esplica   nella   "peculiare   difficoltà"   della   classe   dominante   ad

117
Ivi, p. 33.
151 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

«adattare le sue forme sociali alle nuove condizioni», di superare
cioè quella ratio massimizzante che si esprime nella "persona­tipo"
dell'uomo d'affari: figura per la quale «ogni forma di attività ha
come   punto   di   riferimento   la   misura   del   profitto»  146.   Dalla
struttura "dilemmatica" della democrazia politica e dalla crisi di
razionalità   (e   di   valori)   che   la   investono   Laski   ricava   dunque
quell'analisi   della   logica   specifica   della   crisi   politica,   e   insieme
della complessità delle sue interrelazioni con gli altri livelli della
crisi   e   del   "mutamento   di   funzione",   incentrata   sull'ambiguità
della categoria e dell'istituto della rappresentanza, che lo accosta
sensibilmente agli sviluppi della riflessione di Neumann.
È significativo che uno dei documenti più interessanti ­ e fino a
pochi anni fa praticamente sconosciuti ­ dell'incontro tra Laski e
Neumann sia costituito proprio dalla dissertazione che il secondo
discusse,   sotto   la   guida   e  la   presentazione   del   primo,   nel   1936
presso   la   London   School   of   Economics   and   Politicai   Science.   Il
lavoro, che reca il titolo  The Governance of the Rule of Law   (e che nella
versione  originale  si trova  tuttora allo stato di  dattiloscritto) 147,
costituisce l'ampia base di ricerca empirica, ricostruzione storico­
critica   e   sistemazione   categoriale   i   cui   risultati   si   trovano
condensati nel saggio sui Mutamenti della funzione della legge nella società
borghese.  Fondamentale,   in   questa   dissertazione,   è   non   solo
l'indagine   storico­comparativa   sugli   sviluppi   della   tradizione
anglosassone del  rule oflaw  e di quella continentale del  Rechtsstaat  ­
145
Ivi, p. 44.
146
Ivi, p. 45.
147
II   lavoro   è   stato   finora   pubblicato   solo   in   Germania   (F.  NEUMANN,  Die
Herrschaft   des   Gesetzes,   Frankfurt   am   Main  1980).  Significativo   dello   stesso
periodo   il   saggio  Zur   marxistischen   Staatstheorie,  in   «Zeitschrift   fur   Soziali   ­
smus»,   II,  1935,  pp.  865­72  (sotto   lo   pseudonimo   di   Leopold   Franz);   ora   in   F.
NEUMANN, Wirtschaft, Staat, Demokratie cit., pp. 134 ss.
intese   come   varianti   interne   a   una   vicenda   di   trasformazione
dello Stato caratterizzata dalla costante compresenza di diritto e
forza,   "razionalità"   e   "coercizione"   ­,   ma   soprattutto   quella
distinzione tra le tre grandi fasi storiche del compromesso politico
(quella   liberale,   quella   del   capitalismo   organizzato   e   quella   del
fascismo)   che   molto   avrebbe   influito   sul   dibattito   successivo.
Tanto l'ultima parte della dissertazione quanto il saggio del 1937
ruotano  attorno   a   due   punti   cari   alla   riflessione   laskiana   dello
stesso periodo.

Anzitutto   un'ermeneutica   delle   trasformazioni   del   sistema


politico (maggiormente avvertita sul piano metodologico di quella
di   Laski,   per   il   quale   è   del   resto   difficile   documentare   una
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 152

recezione   dell'opera   di   Max   Weber),   in   cui   l'aspetto   dell'inte­


grazione si viene ad intrecciare strettamente con quello del con­
flitto,   l'aspetto   della   cooperazione   con   quello   dell'antagonismo,
l'aspetto del contratto con quello del potere:

nella   sfera   del   diritto   pubblico   come   in   quella   del   diritto   privato   il
contratto   è   necessariamente   creatore   di   potere.   In   altre   parole,   il   sistema
contrattuale anche nella sfera politica contiene in sé gli elementi della propria
distruzione. Quei fautori del pluralismo che vorrebbero realizzare lo "Stato del
popolo"   mediante   la   limitazione   del   ruolo   indipendente   della   burocrazia,
dell'esercito   e   della   polizia   e   la   conclusione   di   accordi   tra   associazioni
volontarie,   in   realtà   finiscono   con   l'accrescere   il   potere   della   burocrazia   e
ridurre il peso politico e sociale delle associazioni volontarie, rafforzando così
quelle tendenze che portano verso lo Stato autoritario148.

In secondo luogo, il carattere paradigmatico dell'analisi della
constitutional crisis  weimariana come anatomia esemplare della crisi
della forma democratico­rappresentativa:

L'idea   della   generalità   della   legge,   ricomparsa   sotto   la   repubblica   di


Weimar e applicata indiscriminatamente sia alle libertà personali e politiche
sia   a   quelle   economiche,   fu   strumentalizzata   per   restringere   il   potere   del
parlamento   che   non   rappresentava   più   gli   esclusivi   interessi   dei   grandi
latifondisti,   dei   capitalisti,   dell'esercito   e   della   burocrazia.   Ora   la   legge
generale, applicata nella sfera economica,  veniva impiegata per mantenere i
rapporti di proprietà esistenti, proteggendoli contro ogni intervento ritenuto
incompatibile con gli interessi dei suddetti gruppi149'.
ID., Der Funktìonswandel des Gesetzes, trad. it. cit., p. 276.

Risiedeva   qui   il   meccanismo   profondo   da   cui   si   generava   la


tendenza ­ individuata  da Fraenkel  in  Kollektive  Demokratie  ­a
conferire un enorme potere discrezionale al giudice a discapito del
«principio  della   razionalità   formale»  15°.   La  Verfas­sungskrise  si
caratterizza   cioè  per   un  graduale  deperimento   della   razionalità
della   legge   a   favore   di   un   risorgente   giusnaturalismo   di   segno
controrivoluzionario. Il tentativo schmittiano di operare una netta
distinzione ­ adottando la teoria americana dei «limiti inerenti al
potere di emendamento» ­ tra riforme costituzionali che emendano
e   riforme   costituzionali   che   violano   la   costituzione,   segnalava
come  il   «ricorso   alle  idee di   eguaglianza   e  generalità   giuridica»
fosse   in  realtà   «un risorgere   mascherato  del   diritto naturale,   il
quale ora adempiva funzioni controrivoluzionarie» 151.

6. Equilibrio, compromesso politico e "dittatura senza sovrano": la
politologia critica di Kirchheimer

117
Ivi, p. 33.
153 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

La   tematica   neumanniana   delle   tre   fasi   di   trasformazione


funzionale del  sistema  politico nella  società  borghese trova  uno
sviluppo significativo nel saggio di Otto Kirchheimer Changes in
The Structure of Politicai Compromise   152. Il lavoro ­ che si situa
nella   polemica   che,   sul   finire   degli   anni   '30,   divise   i   membri
dell'Institute   of   Social   Research   sul   problema   della   natura   del
regime nazionalsocialista e in generale sulle tendenze di sviluppo
della società di massa ­ contesta l'inversione lineare del

149
Ivi, p. 280.
150
Ivi, p. 283.
151
Ivi, p. 281.
152
O.   KIRCHHEIMER,  Changes   in   the   Structure   of   Politicai   Compromise,   in
«Studies   in   Philosophy   and   Social   Science»   (=   «Zeitschrift   fur   Sozialfor­
schung»),   IX,   1941,   pp.   264­89   (trad.   it.   in   AA.W.,   Tecnologia   e   potere   nelle
società   post­liberali,  Introduzione   e   cura   di   Giacomo   Marramao,   Napoli   1981,
pp. 103­36).

rapporto   marxista   ortodosso   di   dipendenza   della   politica


dall'economia operata da Horkheimer, Pollock e Marcuse (e, con
accentuazioni   diverse,   dalla   riflessione   dell'ultimo   Hilferding,
consegnata   in   scritti   come  State   Capitalism   and   Totalita­rian
State   Economy  e  Das   historische   Problem)  153.   In   contrasto   con
questa linea teorica, esso assume un approccio ermeneutico per
molti versi analogo all'indagine che Neumann stava portando a
compimento sulla «struttura e pratica del nazionalsocialismo» 154.
In un certo senso, anzi, il saggio kirchhei­meriano appare animato
dall'intenzione   di   sistematizzarne   i   risultati   conoscitivi   in   un
quadro teorico più generale e comprensivo. Il tratto di maggiore
originalità dell'impianto metodologico e categoriale del Behemoth
­ un'opera che negli Stati Uniti s'impose come un vero e proprio
classico   della   scienza   politica   contemporanea   ­   consisteva
nell'intreccio   dell'analisi   strutturale   (economico­politica)   con
un'analisi sociologica combinata di teoria delle classi e teoria delle
élites.   La   novità   dell'analisi   neumanniana   della   "struttura
quadripartita" del sistema di potere nazionalsocialista non stava
nella mera rilevazione dei caratteri, delle funzioni e dei modelli di
comportamento  di   un'elite  politico­istituzionale  sociologicamente
distinta dalla borghesia: questo aspetto, infatti, benché ripreso e
153
In   questi   ultimi   scritti   (uno   dei   quali   postumo)   Hilferding   porta   a   com­
pimento   l'inversione   del   rapporto   marxista   ortodosso   di   dipendenza   della   poli­
tica   dall'economia   avviata   negli   anni  '20:  cfr.   R.  HILFERDING,  State   Capitalism
or   Totalitarian   State   Economy,  in   «Socialist   Courier»,   New   York  1940  (ristam­
pato   in   «Modem   Review»,  1,1947);   ID.,  Das   historische   Problem,  uscito   postumo
a cura di Benedikt Kautsky, in «Zeitschrift fur Politik»,  I,  1954  (trad. it. Roma
1958).  Si   veda   in   proposito  W.   GOTTSCHALCH,  Strukturverànderungen   der   Gesel­
lschaft   und   politisches   Handeln   in   der   Lehre   von   Rudolf   Hilferding,   Berlin  1962,
pp. 242 ss.
154
Sull'argomento   della   ricerca   Neumann   aveva   riferito   a   più   riprese   in
discussioni e seminari all'interno dell'Institute of Social Research. Per un inqua­
dramento   di   quel   dibattito   mi   permetto   di   rinviare   alla   mia   introduzione   alla
già citata antologia Tecnologia e potere nelle società post­liberali.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 154

sviluppato in anni recenti dal lavoro teorico di Nicos Poulantzas a
sostegno   di   una   rinnovata   analisi   marxista   dello   Stato   capi­
talistico,   era  stato  più ampiamente  evidenziato  da  quelle  inter­
pretazioni che ­ all'interno della socialdemocrazia come pure dello
stesso   movimento   comunista   ­   erano   partite   dall'analogia   tra
bonapartismo e  fascismo (e dunque dall'ipotesi  dell'applicabilità
ai   regimi   fascisti   e   all'autoritarismo   di   massa   in   genere   del
modello analitico approntato da Marx in opere come  Il 18 brumaio e
Le lotte  di  classe in  Francia):  adi Thalheimer a Stawar, da Gramsci a
Trockij,   da   Otto   Bauer   a   Richard   Lòwenthal.   La   novità   stava
piuttosto   altrove:   nel   portare   alla   luce,   mediante   un'anatomia
spietata della struttura economica e di potere del regime, l'assetto
costituzionalmente conflittuale delle relazioni tra i quattro gruppi
di pressione che condividevano il controllo dello Stato: industria,
esercito,   burocrazia   statale   e   partito.   Il   tratto   innovativo   e
dirimente   dell'approccio   ermeneutico   neumanniano   consisteva
dunque   nella   demistificazione   del   carattere   ideologico
dell'immagine   di   ordine   e   di   pianificazione   razionale   che   il
nazismo tendeva a dare di se stesso: nello svelare come neppure
una società terroristica e repressiva come quella nazista fosse in
grado   di   realizzare   un   dominio   totale,   espungendo   dal   proprio
sistema   politico   l'assetto   pluralistico­conflittuale   che   tutte   le
soluzioni  statuali  successive  alla  grande crisi  avevano ereditato
dalla società di massa prodotta dalla razionalizzazione degli anni
'20.

Tuttavia, se in questo dirompente effetto di demistificazione e
di   disincanto   stava   l'incontrovertibile   risultato   dell'analisi   con­
dotta   nel  Behemoth,  non   meno   vistoso   appariva   un   aspetto   apo­
retico   ad   esso   inestricabilmente   inerente,   e   visibile   nella   defi­
nizione del nazionalsocialismo come "non­Stato", come regno del
"caos"  e  dell'"anarchia"  (in  conformità,  appunto,   alla  simbologia
biblica di Leviathan e Behemot ripresa da Hobbes) 155. La difficoltà
di   operare   un'organica   saldatura   tra   le   categorie   della   critica
economica marxista e quelle weberiane del potere, tra analisi di
classe e teoria delle élites, conduce Neumann a un'aporia opposta
­ benché, in certo qual modo, speculare ­ a quella in cui si erano
imbattute   le   analisi   dello   Stato   autoritario   condotte   da
Horkheimer   e   Pollock.   Egli   è   sì   capace   di   mettere   a   nudo   e
descrivere con rara lucidità e perspicacia le contraddizioni interne
e i conflitti tra i corpi dominanti. Ma non è in grado di spiegare
quale   sia   la   logica   ­   l'intima   "razionalità"   ­   che   li   tiene   uniti,
consentendo così la riproduzione del sistema di potere. Una spia
di   questa   difficoltà   di   saldatura   è   la   definizione   del   sistema

117
Ivi, p. 33.
F. NEUMANN, Behemoth, trad. it. cit., pp. 416 ss.
155 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

nazista   come   «capitalismo   monopolistico   totalitario»:   definizione


che, detto tra parentesi, sembra contraddire il rifiuto di Neumann
di assegnare un valore interpretativo e analitico alla nozione di
"Stato   totale".   Partita   dall'esigenza   di   produrre   una
visualizzazione   intrecciata   dei   fattori   di   potere   e   dei   fattori   di
profitto nel nuovo ordinamento della Germania nazista, l'analisi
del Behemoth sembrava dunque sfociare in un paradossale dualismo
tra razionalità "individuale", interna ai singoli gruppi di potere, e
razionalità   "collettiva",   che   veniva   a   coincidere   con   una   vera   e
propria irrazionalità del complesso (nel senso di un assemblaggio
di potenze eterogenee, tenute insieme dall'esclusivo collante della
tendenza espansionistica). In ultima istanza, l'interpretazione di
Neumann rischiava pertanto di giocare ­ contro le intenzioni dello
stesso autore ­ a favore della tesi dell'"eccezionalità" o "alterità"
del   fenomeno   fascista   rispetto   alle   tendenze   generali   di
trasformazione della società capitalistica post­liberale156.

Il saggio di Kirchheimer rappresenta, appunto, un tentativo di
superare   questa   aporia,   trovando   un   criterio   di   saldatura   tra
analisi di classe e rappresentazione teorica dei mutamenti inter­
venuti   nella   sfera   del  government.  Ciò   permette   di   inquadrare   il
"caso"   del   nazionalsocialismo   all'interno   delle   trasformazioni
storiche che,  nel  corso  della  democrazia di  massa,  hanno modi­
ficato profondamente le relazioni intercorrenti  tra potere e con­
flitto, forma politica e società, e, con esse, lo stesso indice delle
variazioni di questa dinamica e del rapporto tra ceti rappresentati
e ceti esclusi dalla rappresentanza: la struttura del compromesso
politico.
Nella   sua   analisi   Kirchheimer   muove   dall'assunto   dell'esi­
stenza di uno «stretto rapporto tra compromesso politico e governo
delle società industriali evolute»  157. E, nel corso del saggio, egli
ripropone la correlazione in forma ancora più generale e quasi­
assiomatica,   affermando   che   il   compromesso   è   proprio   di   «ogni
società che possieda un alto grado di stratificazione sociale». In
base   a   questo   assunto   egli   interpreta   in   termini   di   crescita   di
complessità   le   metamorfosi   della   struttura   del   compromesso
156
Cfr.   G.  STOLLBERG,  Der   vierkòpfige   Behemoth.   Franz   Neumann   und   die
moderne   Auffassung   vom   pluralistischen   Herrschaftssystem   des   Faschismus,   in
«Gesellschaft. Beitràge zur Marxschen Theorie», 1976, n. 6, p. 100.
157
O.  KIRCHHEIMER,  Changes   in   the   Structure   of   Politicai   Compromise,  trad.
it. cit., p. 103.  Avvertiamo il lettore che le citazioni di Kirchheimer che seguono
sono tratte, salvo indicazioni diverse, da questo saggio.

corrispondenti alle tre forme politiche che hanno caratterizzato la
storia costituzionale europea:
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 156

1) il sistema rappresentativo liberale: in cui il compromesso politico è
costituito dal complesso degli accordi di lavoro tra rappresentanti
parlamentari e tra questi e il governo (asse parlamento­governo);
2) la democrazia di massa: nella quale il compromesso si presenta
come un sistema di accordi tra associazioni volontarie (ed  è qui
interessante notare che Kirchheimer data in modo molto preciso
l'inizio dell epoca della mass democracy: intorno al 1910­11);
3) il  fascismo:  dove   il   compromesso   consiste   nella   struttura
pattizia «con cui i capi dei ceti più coercitivi distribuiscono potere
e compensi».

Facendo   espresso   riferimento   alla  Philosophie   des   Geldes  di


Simmel,   Kirchheimer   istituisce   una   simmetria   tra   declino   del
sistema   rappresentativo   (che,   peraltro,   «nella   sua   forma   relati­
vamente pura» ebbe in Europa una durata e un'estensione geo­
grafica   molto   limitate)   e   declino   della   posizione   centrale   dèi
denaro   come  unità   di   misura   universale:   mentre   nella   fase   del
"capitalismo   liberale"   la   moneta   costituiva   il   "filtro   onnicom­
prensivo"   che   «condizionava   profondamente   le   istituzioni   politi­
che», nell'epoca odierna del capitalismo organizzato e della demo­
crazia di massa la funzione del denaro è quella di uno strumento
di   potere.   «Ma   questa   funzione   puramente   tecnica   del   denaro,
­precisa Kirchheimer, ­ è un fenomeno che non emerge se non nel
periodo monopolistico». Il fattore che produce il declino del ruolo
onniregolativo   della   forma­denaro   è,   infatti,   la   crescente
«autonomia   di   rappresentanza»   della   società   strutturata   mono­
polisticamente. Uno degli effetti più caratteristicamente vistosi di
questa "autonomia di rappresentanza" sul sistema politico della
democrazia   di   massa   è   costituito,   fino   alla   grande   crisi,
dall'«antagonismo   tra   controllo   pubblico   del   governo   e   controllo
privato   delle   banche   centrali»   (benché   questo   stesso   controllo
privato   avesse,   a   sua   volta,   «funzioni   pubbliche   della   massima
importanza»). Nella fase successiva (che coincide all'incirca con gli
anni   '30),   la   svalutazione   in   diversi   paesi,   il   controllo  dei   com­
merci   e   dello   scambio   estero   e   l'abbandono   della   tradizionale
dottrina dell'equilibrio  del bilancio  eliminano «il problema  della
dipendenza   del   governo   dall'estro   spesso   capriccioso   dei   ban­
chieri».   Con   la   trasformazione   dello   Stato   in   «maggior   cliente
dell'industria» viene meno la spada di Damocle che era rimasta
sospesa sulla testa dei governi occidentali nella fase antecedente
la crisi: la possibilità, cioè, che gli interessi finanziari esercitas­
sero il loro veto per sconvolgere il sistema valutario.
Ma le novità più vistose e radicali del periodo successivo al '29
­   l'abbandono   definitivo   della   «supremazia   del   denaro   come

117
Ivi, p. 33.
157 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

regolatore  automatico dei rapporti  sociali» e il  sistema di  spese


governative implicante una rottura con la dottrina della «ripresa
spontanea» prodotta dalle forze di mercato ­ non contrastano per
Kirchheimer (che, anche al riguardo, presenta una posizione assai
affine   a   quella   di   Neumann   e   implicitamente   polemica   nei
confronti   di   quella   di   Pollock)   «il   sistema   di   produzione   della
ricchezza da parte dell'iniziativa privata e dell'impresa privata»,
ma viceversa lo rafforzano. Allo stesso modo, da queste novità non
risultano   modificate   nella   sostanza   le   gerarchie   e   la   «scala   dei
valori sociali prevalenti». Vi è tuttavia una modifica strutturale
fondamentale,  che investe  direttamente le relazioni  tra  sistema
politico e società: le «pulsioni che accompagnano le trasformazioni
dei   rapporti   tra   governo   e   comunità   finanziaria   e   industriale»
dipendono   adesso   dalla   forma   del   rapporto   intercorrente   tra   le
diverse   forze   sociali.   Lo   Stato   si   presenta   così   ­   secondo
un'espressione   adottata   sia   da   Laski   che   da   Neumann   in
riferimento   all'istituzionalismo   ­   come   «un   parallelogramma   di
forze»:   come   «una   comunità   che   poggia   organicamente   su   altre
comunità di ordine inferiore» 158.
Per   illustrare   questo   aspetto,   Kirchheimer   segnala   un   fon­
damentale elemento di discontinuità rispetto alla fase precedente
la   crisi:   mentre   allora   i   «simboli   della   politica»   esprimevano   in
modo diretto il diagramma "equilibrato" dei rapporti del governo
con le associazioni d'interesse finanziarie e industriali (per cui le
loro   trasformazioni   costituivano   una   variabile   dipendente   delle
decisioni prese nella sfera economico­produttiva), a partire dagli
anni '30 «l'equilibrio si sta definitivamente spostando a favore del
governo,   caratterizzando   una   tendenza   mondiale   che   si   è   già
158
  F.  NEUMANN,  Der   Funktionswandel   des   Gesetzes,  trad.   it.   cit.,   p.   291.  La
problematica   del  «parallelogramma   delle   forze   sociali»   è   affrontata  da   Laski   in
Reflection on the Revolution of Our Time cit., p. 213.

compiuta nei paesi più apertamente autoritari».

È importante non perdere di vista il ruolo strategico giocato da
questa   affermazione   nell'economia   complessiva   del   discorso
kirchheimeriano: è, infatti, per questa via che il caso della Ger­
mania   nazista   viene   inserito   nel   quadro   delle   trasformazioni
strutturali del compromesso politico. Queste stesse metamorfosi
non possono tuttavia essere interpretate nel senso di un passaggio
(sostanzialmente lineare) da un omogeneo potere indiretto a un
altrettanto   omogeneo   e   acontraddittorio   potere   diretto   (come
sostengono, in una paradossale simmetria degli opposti, apologeti
e critici irriducibili dei regimi fascisti).
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 158

Riprendendo   una   tematica   teorico­politica   già   affrontata   al


principio   degli   anni   '30   ­   nel   quadro   dell'acceso   e   drammatico
dibattito sulla Costituzione di Weimar ­ Kirchheimer afferma che
la transizione dal «potere indiretto» al «potere diretto» non ha un
mero   significato   tecnico­strumentale,   ma   indica   che   è   venuto
meno   il   tradizionale   iato   tra   Stato   e   società:   che   «non   c'è   più
contraddizione   tra   contenuto   sociale   e   forma   politica   di   una
società» (in quanto ­ per adottare una terminologia habermasiana
­   i   rapporti   sociali   di   produzione   sono   stati   investiti   da   un
processo   di   ripoliticizzazione).   Anche   per   Kirchheimer   questa
trasformazione,   lungi   dal   segnalare   una   soppressione   o
un'attenuazione   della   struttura   antagonistica   nella   società   di
massa del capitalismo organizzato, indica piuttosto che essa si è
spostata e generalizzata al sistema politico stesso:

In   realtà   ...   le   contraddizioni   non   sono   diminuite   di   intensità   e   si   è


modificata solamente la forma e la struttura del compromesso. La tendenza
generale di questo mutamento comporta un passaggio dalla forma liberale del
compromesso,   che   era   essenzialmente   una   delimitazione   di   settori   di
competenza tra individuo e governo, a un compromesso tra gruppi di potere in
conflitto.

La   dinamica   evolutiva   che   è   alla   base   di   questo   passaggio


­interpretata  da   Burke  nel   secolo scorso   come  uno spostamento
del baricentro del potere nelle società europee verso le «oligarchie
plutocratiche»,   avviato   da   quella   politica   rivoluzionaria   delle
confische che aveva portato alla "volatilizzazione della pròprieta '
e   alla   creazione   di   «una   ricchezza   comune   fondata   sul   "gioco
d'azzando"»159 ­ viene ora illustrata da Kirchheimer alla luce degli
sviluppi della riflessione ideologica sul compromesso.
Uno   dei   primi   tentativi   di   teorizzazione   è   quello   fornito   da
Herbert   Spencer   in  The   Study   of   Sociology  160,   che   definisce   il
compromesso politico come un mezzo sempre più necessario man
mano che si procede verso forme sociali più evolute, vale a dire
più   "organizzate"   e   "complesse".   La   dottrina   liberale   del
compromesso trova comunque la sua espressione caratterizzante
nella   distinzione   introdotta   da   John   Morley   tra   compromesso
"legittimo"   e   compromesso   "illegittimo" 161:   legittimo   è   solo   quel
compromesso   che   contempla   la   salvaguardia   del   diritto   al
dissenso della minoranza o dello stesso individuo. Questa tesi ­
che  Kirchheimer  definisce  «tipicamente  individualistica»  ­  viene
parzialmente riveduta da John Stuart Mill nelle   Considerations  on
Representative   Government   .   Il   nocciolo   di   questa   fondamentale
162

revisione sta nel fatto che il compromesso non viene più stipulato
tra   singoli   individui,   ma   tra   gruppi:   la   sua   funzione   starebbe

117
Ivi, p. 33.
159 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

pertanto   nell'evitare   la   possibile   prevaricazione   di   un   gruppo


sociale sugli altri.
Si affaccia così l'idea dell'equilibrio come indispensabile requi­
sito del   compromesso   legittimo in  regime  democratico,  e  quindi
della relazione biunivoca tra compromesso e democrazia, in una
prospettiva teorica caratterizzata dal passaggio dal concetto puro
e   radicale   di   democrazia   (nel   senso   classico,   rousseauiano,   che
trasferisce   al   soggetto­popolo  l'attributo sostanziale  della   sovra­
nità)   a   un   concetto   realistico,   e   pertanto   relativistico,   di   demo­
crazia, intesa come compensazione ottimale degli interessi, asse­
stamento del loro conflitto su un punto medio. Questa idea della
"democrazia   di   compromesso",   che   svolge   ­   come   vedremo   ­   un
ruolo   determinante   nella   riflessione   kelseniana   degli   anni   '20,
assume   secondo   Kirchheimer   (su   cui   molto   avevano   pesato   le
elaborazioni teoriche dell'austromarxismo, e segnatamente di

159
Cfr. E. BURKE, Collected Works, Boston 1977, voi. Ili, pp. 485 ss.
H.  SPENCER,  The   Study   of   Sociology,  New   York  1874  (il   rapporto   tra
160

compromesso e società complesse è istituito a p. 396).
161
Cfr. J. MORLEY, On Compromise, London 18772, p. 209.
162
Oxford 19482 (trad. it. Milano 1946).
Max   Adler,   nella   sua   diagnosi   della   Costituzione   weimariana
come  Verfassung   ohne   Entscheidung,  «Costituzione   senza
decisione»  163) «una delle forme più estreme» nella teoria di Otto
Bauer   (con   la   quale   aveva   vivacemente   polemizzato,   nel   '30,
quello   stesso   Arka­dij   Gurland   che   appare   in   questi   anni   come
uno   dei   protagonisti   del   dibattito   interno   ah'Institute   of   Social
Research)164.
La traiettoria teorica delineata dal dibattito tra Kelsen e gli
"austromarxisti"   acquista   per   Kirchheimer   una   vera   e   propria
portata riflessiva rispetto a una dinamica di sviluppo entro cui «la
sfera   del   compromesso   si   espandeva   con   la   transizione   del
capitalismo  concorrenziale  al capitalismo monopolistico». Il pas­
saggio dal compromesso tra individui (conforme all'idea di "società
competitiva"   propria   dell'ordinamento   liberale)   al   compromesso
tra gruppi d'interesse si configura come uno slittamento dal piano
del  garantismo individuale a  quello del  garantismo  corporativo.
Tale slittamento comporta come conseguenza la distruzione delle
forme di associazione personalizzate e il sorgere di «un'intricata
intelaiatura   di   accordi   lavorativi   tra   i   monopoli   che   uscivano
vincitori dall'era liberale». Al compromesso quotidiano che, nella
società   liberale,   il   rappresentante   parlamentare   stipulava   con   i
suoi colleghi e con il governo,  è subentrato il «compromesso tra
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 160

grandi   organismi   sociali   e   politici   nello   Stato   "pluralistico"».


Fenomeno   strettamente   concomitante   di   questa   dinamica   ­   e
oltremodo rilevante sotto il profilo dei mutamenti costituzionali ­
è   la   metamorfosi   dei   diritti   liberali   dell'individuo   (ossia   della
garanzia  individuale che Morley voleva riconosciuta  al dissenso
come prerequisito per il funzionamento del compromesso stesso)
in   un   ventaglio   di   garanzie   per   l'esistenza   di   gruppi   sociali
allineati nel compromesso.
Chiaramente   influenzato   dalle   considerazioni   svolte   dal   suo
maestro   Cari   Schmitt   in  Freiheitsrechte   und   institutionelle
Garantien   der   Reichsverfassung  165,   Kirchheimer   osserva   ­   in
modo non dissimile da quanto avevano fatto Fraenkel, nel saggio
del   '29,   e   Neumann,   nei   lavori   del   periodo   1933­37   ­   che   un
163
Cfr.  O.   KIRCHHEIMER,  Weimar   ­   und   was   dann?   Entstehung   und
Gegenwart   der   Weimarer   Verfassung,   Berlin   1930,   ora   in  ID.,  Politik   und   Ver­
fassung,  Frankfurt   am   Main   1964,   pp.   9   ss.  (trad.   it.   in  ID.,  Costituzione   senza
sovrano, cit., pp. 45 ss.).
164 per tutti questi aspetti si rinvia al prossimo capitolo.
165
Berlin   1931.   Per   i   rapporti   Schmitt­Kirchheimer   si   rinvia   al   già   citato
saggio   introduttivo   di   Angelo   Bolaffi   a  O.   KIRCHHEIMER,  Costituzione   senza
sovrano.

siffatto   processo,   «rilevabile   in   tutto   il   mondo»,   era   evidente


soprattutto nella Costituzione di Weimar, dove la compresenza di
libertà tradizionali e garanzia dello statu quo sotto la voce piuttosto
ambigua   di   diritti   fondamentali   offriva   un   eccellente   punto   di
partenza giuridico per questi sviluppi: diritti, garanzie, dispositivi
di tutela si davano ormai soltanto per i gruppi organizzati, non
per gli individui. La struttura che regolava i rapporti tra i gruppi
era, a sua volta, una struttura pattizia che solo a livello ideologico
poteva essere rappresentata come una comunità organica, mentre
in   realtà   era   intrinsecamente   instabile   e   fisiologicamente
attraversata   dal   conflitto.   La   struttura   del   compromesso   nel
regime nazista presenta un'evoluzione perfettamente conforme a
questa   tendenza   generale:   «L'integrazione   automatica   della
struttura politica per mezzo del denaro nel diciannovesimo secolo
e   l'uso   sistematico   dell'apparato   creditizio   a   questo   fine   nel
periodo della democrazia di massa hanno ceduto il passo a forme
di   potere   economico   mediate   da   monopoli   istituzionalizzati.
Queste trasformazioni si sono realizzate nella forma più evidente
in Germania».

Il peculiare trend  che caratterizza gli sviluppi della democrazia
di   massa   ­   l'assorbimento   tendenzialmente   totale   dei   diritti
individuali nei diritti di gruppo ­ raggiunge la sua forma estrema
allorché   «il   sempre   più   effettivo   asservimento   al   diktat   di   un

117
Ivi, p. 33.
161 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

gruppo dominato dal monopolio» si trasforma in «un asservimento
legalizzato».   Adottando   un'espressione   ben   nota   alla   storia
costituzionale   tedesca,   è   possibile   definire   lo   status   dei   diversi
gruppi d'interesse in Germania dal loro grado di appropriazione
del privilegium de non appellando,  vale a dire: dalla misura in cui essi
sono   riusciti   a   conquistare   il   privilegio   di   privare   il   singolo
individuo   facente   parte   del   gruppo   della   facoltà   di   appellarsi   a
organismi   esterni   per   salvaguardare   i   propri   diritti   individuali
contro   le   decisioni   del   gruppo   stesso.   Questo   aspetto   era   stato
svolto  ampiamente  da   Kirchheimer  in  altri   lavori   dal   carattere
più spiccatamente specialistico: il capitolo sulle «nuove tendenze
nella   politica   penale   durante   il   fascismo»,   da   lui   scritto   ad
integrazione   della   ricerca   di   Georg   Rusche,  Punìshment   and   Social
Structure,  e i saggi  Criminal Law in National Socialist Germany  e The Legai
Order   of   National   Socialism,  entrambi   apparsi   negli   «Studies   in
Philosophy   and   Social   Science»   (prosecuzione   in   lingua   inglese
della   «Zeitschrift   fur   Sozialforschung»)166.   In   questi   lavori   si
evidenzia come la dottrina giuridica nazista avesse sì superato la
vecchia separazione liberale fra settore privato e settore pubblico:
ma al prezzo della liquidazione del primo. Solo in alcuni ambiti ­
come   la   legislazione   antisemitica   e   le   misure   a   favore
dell'incremento   demografico   ­   era   stata   perseguita   nei   fatti   la
politica   "concreta"   promessa   dagli   slogan   propagandistici   del
regime, mentre in altri settori, come l'agricoltura, si era data via
libera   (ad onta  della   retorica  del  Blut   und   Boden)  alle  esigenze  di
modernizzazione.
La tendenza di fondo dei mutamenti di forma della legge sotto
il nazionalsocialismo era dunque bensì improntata a un criterio di
"razionalità".   Ma   questo   criterio   non   era   tanto   quello   della
razionalità   formale­legale:   era   piuttosto   quello   della   razionalità
funzionale, tecnologica, su cui tanto aveva insistito Marcuse nel
suo intervento al dibattito dell'Institute of Social Research 167. A
questa puntualizzazione occorre aggiungere che per Kirchheimer
la nozione di razionalità non allude affatto in questo caso all'idea
di   un   piano   onnicomprensivo   e   universalmente   applicabile,   ma
piuttosto alla riduzione senza residui del "privato" al "pubblico":
"razionalità"   significa   soltanto   che   l'intero   apparato   del   diritto
viene   posto   direttamente   al   servizio   delle   corporazioni   che   si
ripartiscono il potere. Una volta individuato nei mutamenti della
forma   giuridica   (e   nella   subordinazione   funzionale   del   concetto
166
Cfr.   G.  RUSCHE­0.  KIRCHHEIMER,  Punìshment   and   Social   Structure,  New
York  1939  (trad.   it.   Bologna  1978);  0.  KIRCHHEIMER,  Criminal   Law   in   National
Socialist   Germany,  in   «Studies   in   Philosophy   and   Social   Science»,   Vili,  1939,
pp.  444­63;   ID.,  The   Legai   Order   of   National   Socialism,   ivi,  IX,   1941,  pp.  456­
75  (trad.   it.   in  AA.W.,  Tecnologia   e­potere   nelle   società   post­liberali  cit.,   pp.  193­
219).  Si   avverte   il   lettore   che   tutte   le   prossime   citazioni   di   Kirchheimer   sono
tratte da quest'ultimo saggio.
167
H.  MARCUSE,  Some   Social   Implications   of   Modem   Technology,   in   «Stu­
dies in Philosophy and Social Science»,  IX, 1941,  pp.  414­39  (trad. it. in  AA.W.,
Tecnologia   e   potere   nelle   società   post­liberali  cit.,   pp.  137­70).  Per   una   inter­
pretazione   dei   rapporti   tra   razionalità   normativa   e   razionalità   politico­deci­
sionale   nel   fascismo,   diversa   sia   da   quella   di   Neumann   e   Kirchheimer   che   da
quella di Marcuse, si veda E. FRAENKEL, The Dual State, New York 1940.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 162

razionale  di  legge  ai  meccanismi   di  decisione  politica)  il  punto­
limite   della  ratio  strumentale   ­   il   punto   in   cui   la   weberiana
«razionalità   rispetto   allo   scopo»   si   converte   nel   suo   contrario:
nell'arbitrio e nell'assenza di regole ­, Kirchheimer reintroduce il
tema   neumanniano   del   conflitto   tra   i   gruppi   di   pressione
dominanti   come   elemento   di   demistificazione   dell'assunto
ideologico   che   sta   a   fondamento   della   «teoria   costituzionale
ufficiale»: ad essa (e qui egli allude evidentemente, benché non lo
citi,   a   Cari   Schmitt)   «non   dispiace   considerare   il   rapporto   tra
Stato e partito come  un  rapporto  tra un sistema  squisitamente
tecnico   e   un   movimento   politico,   in   cui   il   primo   si   attiene   alle
direttive del secondo, che si ritiene essere espressione della vita e
della   volontà   della   Nazione».   In   realtà   il   partito,   lungi   dal
costituire «un'unità indissolubile», svolge una duplice funzione: da
un lato esso rappresenta, in un certo senso, «l'erede dei partiti di
massa   esistiti   nell'era   della   democrazia   di   massa»;   dall'altro
funziona invece, nel suo intreccio con la burocrazia di Stato, come
«un organo di dominio di massa». Il partito non si limita cioè ad
operare come "strumento" di determinati interessi di classe, né ad
andare incontro alle rivendicazioni dei suoi membri o sostenitori
(che   formano,   tra   l'altro,   un   seguito   estremamente   eterogeneo),
«ma incorpora anche nella sua struttura la concezione di un nuovo
ordine politico». L'eterogeneità sociale della sua base di consenso
fa sì che esso debba costantemente porre l'accento sugli «elementi
puramente politici del nuovo ordine rispetto alla base economica»,
atteggiandosi   in   forma   ideologico­propagandistica   proprio   per
«non scomporre e dissociare il suo seguito in componenti sociali
separate». Questa caratteristica spiega perché proprio nel partito
si   riproducano   le   contraddizioni   più   acute   e   significative   del
regime: «Anche se il rapporto tra partito e burocrazia può dar vita
a   pompose   dispute   giurisdizionali,   non   è   qui   che   ritroviamo   i
conflitti   più   profondamente   radicati,   ma   nella   struttura   dello
stesso partito».

Il «pattern  permanente» che qui emerge segnala un dualismo di
rappresentanza nella struttura del partito: alcuni settori di que­
sto ­ e della burocrazia statale ­ «fungono da cinghia di trasmis­
sione» per i gruppi più forti e capaci di dar voce autonomamente
ai   propri   diritti;   altri,   e   precisamente"   quelli   che   esercitano   le
Betreuungsfunktionen,  le funzioni assistenziali di «organi di custodia
delle   masse»,   «rappresentano   il   non­rappresentato».   Sulla   base
del   diagramma,   così   puntualmente   disegnato,   delle   relazioni
intercorrenti   tra   indice   delle   variazioni   strutturali   del
compromesso   politico,   mutamenti   della   forma   giuridica   (e   dei

117
Ivi, p. 33.
163 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

rapporti   tra   assetto   normativo   e   decisione)   e   rilevanza


istituzionale della pròporzione tra ceti rappresentati e ceti esclusi
dalla   rappresentanza,   Kirchheimer   può   collegare   la   dinamica
conflittuale   del   nazionalsocialismo   alle   tendenze   generali   di
trasformazione dei  sistemi politici occidentali, ponendo,  rispetto
alla  pur  basilare ricerca  di  Neumann,  «l'antico problema:  com'è
possibile ridurre a un comune denominatore l'interesse dei diversi
"compagni   di   compromesso",   e   cioè   i   monopoli,   l'esercito,
l'industria   e   l'agricoltura,   oltre   agli   strati   diversificati   della
burocrazia di partito?».
La risposta data da Kirchheimer a questo interrogativo non si
discosta tuttavia in modo sensibile né da quella di Neumann, né
da quella che verrà successivamente fornita dalle più fondate e
attendibili interpretazioni del fascismo. Essa fa leva infatti sulla
«interdipendenza tra l'indiscutibile autorità del gruppo dirigente e
il   programma   di   espansione».   Solo   a   una   considerazione   di
superficie   può   dunque   apparire   paradossale   la   conclusione
kirchheimeriana,   per   cui   ­   dal   punto   di   vista   della   dottrina
politica classica ­ la decisione del Fùhrer era in realtà, ad onta dei
suoi   tratti   arbitrari   e   mostruosamente   repressivi,   molto   poco
"sovrana": essa registrava infatti ­ nel suo carattere strettamente
"funzionale"   di   ultima   istanza   cui   ricorrere   nel   caso   che   «i
rispettivi  gruppi   di  monopolio  non  riuscissero  a  prendere  da  sé
una   decisione»   ­   la   dissoluzione   dell'idea   omogenea   e
sostanzialistica di "sovranità". La decisione "suprema" del Fùhrer
veniva   accettata   solo   in   quanto   realizzava  l'unico   punto   di
convergenza   possibile  tra   gli   interessi   dei   diversi   gruppi   in
conflitto: solo in quanto assumeva «la forma e la funzione di una
garanzia permanente dell'ordine imperialista».
Pur rappresentando un'anticipazione significativa ­ e, sotto il
profilo   metodologico   e   analitico,   più   lucida   ­   delle   successive
discussioni   storiografiche   tra  Totalitarismustheorie  e  Plurali­
smustheorie  intorno ai dilemmi interpretativi che s'incontrano in
sede di comparazione tra liberalismo, democrazia e fascismo come
tre   forme   diverse   di   esercizio   del   potere   politico   nella   società
industriale (autonomia/eteronomia del sistema politico, "primato
della politica'V'primato dell'economia")168, le analisi di Neumann e
di Kirchheimer avevano finito, in opposizione speculare all'esito
horkheimeriano,   per   privilegiare   nettamente   il   momento
168
  Cfr. E.  NOLTE  (a cura di),  Theorien ùber den Faschismus,  Kòln­Berlin  1967.  Il
dibattito su «primato della politica» o «primato dell'economia» nel regime nazista si
era svolto tra il  1965  e il  1968  sulla rivista  «Das  Argument» (con  interventi di
Mason, Czichon, Eichholtz e Grossweiler). Per una valuta­

dell'instabilità   e   dell'antagonismo   rispetto   a   quello


dell'integrazione. L'insistenza sull'aspetto dell'anarchia del com­
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 164

plesso   e   sulla   casualità   del   processo   decisionale   finiva   così   per


risultare   elusiva   del   problema   relativo   al   mutamento   di   forma
della razionalità politica, di cui i regimi fascisti costituivano, sia
pure   in   forme   perverse,   un'espressione.   Non   a   caso,   il   saggio
kirchheimeriano ­ pure così teoricamente fondato e ricco di stimoli
­   non   era   riuscito   a   portare   fino   in   fondo   l'analisi   sull'altro
versante   della   comparazione:   le  trasformazioni   strutturali   del
compromesso   nella   democrazia   di   massa.   Lo   sviluppo   di   una   siffatta
analisi avrebbe rischiesto infatti una specificazione del rapporto
di analogia e/o differenza intercorrente tra la forma di razionalità
politica   di   una   democrazia   post­liberale   (o   ­   per   adottare   la
terminologia   di   Dahl   ­   di   una   "poliarchia")   e   la   forma   di
razionalità politica di uno Stato autoritario (sia nel senso di una
"egemonia   chiusa",   sia   in   quello   di   una   "egemonia   inclusiva").
Tutt'altro   che   incidentale   appare   allora,   sotto  questo   profilo,   la
scarsa considerazione nella quale Neumann mostra di tenere la
teoria   istituzionale   nella   dissertazione   inglese   del   '36.   E   la
sottovalutazione   diventa   addirittura   liquidazione   in  Der
Funktionswandel des Gesetzes 169'.

7.1 confini della razionalità politica: una polemica con Habermas e Offe

Le analisi svolte nel periodo fra le due guerre dai politologi di
provenienza   weimariana   sembrano,   dunque,   affrontare   (ad   un
livello e con uno strumentario analitico adeguato alla loro epoca)
lo   stesso   problema   di   Habermas   e   Offe.   Ma   ponendo   l'enfasi
proprio su quegli aspetti del discorso di questi ultimi che, in un
bilancio complessivo, risultano più carenti. Anche in Habermas e
Offe, la ricognizione del piano storico dei mutamenti di forma e di
zione del  Behemoth  in rapporto agli sviluppi attuali del dibattito sul fascismo si
rimanda   a   G.  SCHAFER,  «Behemoth»   und   die   heutige   Faschismusdiskussion,   poscritto
all'edizione tedesca del Behemoth, Kòln 1976.
169
 Cfr. F. NEUMANN, Der Funktionswandel des Gesetzes, trad. it. cit., pp. 291­
funzione   delle   strutture   istituzionalmente   qualificanti   gioca   un
ruolo centrale nel programma di «ricostruzione del materialismo
storico»  170  e   di   conversione,   all'interno   di   esso,   del   paradigma
della critica dell'economia politica con quelli delle scienze sociali e
politiche.   Anche   nelle   loro   analisi   il   processo   di   passaggio
dall'assetto   liberaldemocratico   a   quello   del   capitalismo
organizzato e della democrazia di massa si caratterizza attraverso
una crescente complessificazione del sistema sociale. Tuttavia la

117
Ivi, p. 33.
165 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

"complessità sociale" viene ad assumere qui un significato diverso
da   quello   proprio   della   tradizione   marxista   e   dello   stesso
marxismo revisionato degli anni '20­30. Essa non designa infatti
tanto l'aspetto della complicazione della stratificazione di classe
(aspetto   d'altronde   segnalato   con   forza   nell'ambito   della
discussione   marxista   sin   dalla  Bernstein­Dehatte),  quanto   piuttosto
l'aspetto   della   differenziazione   tra   le   diverse   forme   dell'agire:
secondo   una   linea   di   ricerca   che   ­   da   Weber,   a   Parsons,   a
Luhmann   ­   consuma   fino   in   fondo   la   rottura   con   la   tradizione
classica   di   origine   aristotelica   che,   raccogliendosi   attorno   alla
metafora   della   società­organismo,   postula   un   rapporto   organico
parte­tutto. In sostanza, l'individuo non rappresenta più la cellula
della società. E la struttura costitutiva del legame sociale non  è
più   data   dal   rapporto   individuo­società,   bensì   dal   nesso   di
razionalità e forme dell'agire171. Questo privilegiamento del piano
formale­astratto della razionalità e delle sue metamorfosi ­ che in
Habermas e Offe si qualifica per un continuo interscambio con il
codice sistemico della differenziazione funzionale ­ non è tuttavia
privo di conseguenze. E ciò in un duplice senso, che possiamo per
comodità espositiva enunciare distinguendo il lato debole dal lato
forte dei loro approcci.

Per   quanto   epistemologicamente   più   attrezzati   rispetto   alle


analisi sopra trattate del periodo fra le due guerre, essi esprimono
due carenze: a)  in primo luogo un difetto di periodizza­zione: con
la tendenza ­ di cui si è già detto ­ a semplificare nello spartiacque
170
  J. HABERMAS,  Zur Rekonstruktion  des historischen  Materialismus,  Frankfurt am
Main 1976 (trad. it. Milano 1979).
ni per  una discussione teorica di questi problemi mi permetto di rinviare ai miei
volumi  Potere   e   secolarizzazione.   Le   categorie   del   tempo,  Roma   19852,   e  L'ordine
disincantato, Roma 19862.

del   '29   il   momento   del   passaggio   dalla   fase   del   mercato


autoregolato   a   quella   del   capitalismo   "politicizzato",   che
trasferisce   sul   piano   della   «programmazione   compensativa»
l'obiettivo  dell'equilibrio  precedentemente   demandato  al  "libero"
meccanismo di mercato;  b )  in secondo luogo un deficit analitico­
categoriale,   che   trova   un   indicatore   eloquente   nella   difficoltà   a
trascorrere   ­   ad   onta   di   tutte   le   assicurazioni   preliminari   in
contrario   ­   dal   piano   concettuale   astratto   al   piano   empirico.
Questo secondo ordine di difficoltà (di cui fornisce un sintomo il
dissidio   tra   Habermas   e   Offe   circa   la   possibilità   di   dimostrare
teoricamente,   e   non   soltanto   sul   piano   pratico­decisionistico,   la
natura di classe dello Stato tardo­capitalistico  172) va ricondotto, a
nostro giudizio, all'inosservanza di un aspetto invece ben presente
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 166

alla riflessione neu­manniana (e kirchheimeriana) degli anni '30:
l'aspetto, cioè, per cui la tendenza pluralistico­corporatista che i
sistemi   politici   successivi   al   '29   introiettano,   non   costituisce
affatto   il   semplice   epifenomeno   di   una   contraddizione
antagonistica   nascosta   o   latente,   ma   è   piuttosto   una   delle
espressioni   peculiari   del   conflitto   nell'odierna   "società
postindustriale".   La   questione   della   rilevanza   dei   conflitti
intersettoriali per la stessa tematica della crisi della razionalità
sembra   pertanto   sfuggire   ai   modelli   di   Habermas   e  Offe   (come
d'altronde al paradigma keynesiano, per le modalità storiche in
cui   esso   ha   operato:   privilegiando   nettamente   l'aspetto
macroeconomico   a   discapito   di   quello   microeconomico).   Con   la
differenza   fondamentale   che   in   essi   l'innesto   del   codice   della
teoria   dei   sistemi   (basato   sulla   coppia   complessità­riduzione)
finisce   per   operare   nel   senso   di   un   riflusso   teorico   di   sapore
"neoclassico" (sia pure di un neoclassico "riformato")173.

Anche sotto questo profilo le analisi di Habermas e Offe risultano
problematiche. Esse riescono senza dubbio a svolgere da un lato
una funzione innovativa: inaugurando in campo marxista una
172
La   critica   di   decisionismo   è   rivolta   da   Habermas   a   Offe   in   conclusione
di Legitimationsprobleme im Spdtkapitalismus , trad. it. cit., pp. 159­59.
173
Come   ho   cercato   di   dimostrare   più   ampiamente   altrove   (Il   politico   e   le
trasformazioni  cit.),   Habermas   e   Offe   riprendono,   con   una   strumentazione   ana­
litica   estremamente   più   sofisticata,   alcuni   dei   tratti   caratterizzanti   del   marxi­
smo   "revisionato"   (che   poi   è   il   marxismo   più   interessante   e   vitale)   del   periodo
fra le due guerre.

considerazione dell'operare specifico del potere politico
improntata al criterio della differenziazione funzionale, e distin­
guendo così i tratti peculiari dello "scambio politico" versus l'intera
gamma delle varianti di quella «teoria economica della
democrazia» che ha la sua paternità legittima nelle note tesi di
Schumpeter e le sue prosecuzioni nelel tesi di Buchanan, Tul­lock
e Downs, ispirate alla microeconomia marginalista174, in quelle di
Huntington, ispirate alla teoria dello sviluppo economico 175, o
ancora in quelle liberali sofisticate di Hernes e Cole­man176. Ma,
d'altro canto, s'imbattono in un'aporia analoga a quella inerente
alla revisione "neoclassica" del marxismo socialdemocratico
tentata da Hilferding (autore cui essi sembrano ispirarsi ben oltre
i richiami espliciti) negli anni '20: la compresenza di una "cattiva"
autonomia del politico con una visione strutturalfunzionale del
rapporto Stato­economia. Il luogo in cui questo aspetto aporetico
prende forma e si evidenzia è dato dalla definizione del sistema
politico come filtro istituzionale selettivo delle domande e delle
tendenze del conflitto sociale funzionali agli interessi capitalistici

117
Ivi, p. 33.
167 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

complessivi. È qui che viene a profilarsi il rischio in cui incorre la
riformulazione delle categorie della critica dell'economia politica
per il medium del codice sistemico. Rischio duplice e simultaneo: di
autonomiz­zare l'ambito delle strutture legittimanti e di porlo, al
tempo stesso, in un rapporto di interdipendenza diretta con il
"bisogno di valorizzazione" e gli imperativi della riproduzione
sociale. La cogenza della determinazione permane anche quando
le necessità di mantenimento dell'equilibrio e del controllo sociale
costringono ad adottare misure che appaiono orientate in senso
esattamente inverso: come nel caso delle prestazioni regolati ve
che producono "valori d'uso".

Sostenere che lo Stato operi con registri opposti per reagire allo
stesso meccanismo significa, in ultima analisi, ribadirne la stretta
dipendenza logico­strutturale dalle 'leggi" della relazione di
174
Cfr.  J.   BUCHANAN­G.   TULLOCK,  The   Calculus   of   Conserti,  Michigan  1962;
A. DOWNS, An Economie Theory of Democracy, New York 1957.
Cfr.  S.   HUNTINGTON,  Politicai   Or   der   in   Changing   Societies,   New   Haven
175

1968 (trad. it. Milano 1975).
176
Cfr.  G.   HERNES,  Makt   og   avmakt,  Oslo  1975;   J.   COLEMAN,  The   Mathema­
tics of Collective Action, London 1973.

scambio e dalle loro disfunzioni. Se è da queste ultime che si
genera il meccanismo di coazione all'intervento regolativo
dell'amministrazione statale, ciò vuol dire che la contraddizione
logica del sistema capitalistico, di cui Habermas e Offe continuano
a parlare, non ha in realtà sede, neanche nella sua fase "tarda" o
"matura", nello Stato, ma soltanto nella sfera dello scambio.
Autonomia del politico e sua dipendenza assoluta vengono così
paradossalmente a coincidere, o meglio a rappresentare le due
facce di un'unica aporia: e il richiamo alla "complessità sociale"
rischia pertanto di fungere da rimando empirico completamente
scollato dalla forma teorica del discorso177.

Nonostante   la   pertinenza   della   critica   metodologica   che   essi


rivolgono alle teorie pluraliste ed elitiste per la loro tendenza a
sopravvalutare   le   forme   interpersonali   di   dominio   (critica   che
presenta alcune analogie con le posizioni sostenute da Bach­rach
e   Baratz,   e   più   recentemente   da   Lukes,   circa   gli   effetti   di
contrazione della teoria della democrazia in «teoria del dominio
democratico   delle   élites»   indotti   da   concezioni   come   quelle   di
Lipset,   Kornhauser,   Truman   e   Dahrendorf) 178,   le   analisi   di
177
Si   veda   al   riguardo   la   critica   delle   posizioni   di   Offe   svolta   da   T.  KRA­
MER­BADONI,  Crisi   e   potenziale   di   crisi   nel   capitalismo   avanzato,   in  AA.W.,  Stato
e   crisi   delle   istituzioni   cit.,   pp.  99  ss.   L'autore   appare,   tuttavia,   troppo   nostal­
gico della "totalità" per portare la sua critica fino in fondo.
178
Cfr.  J.   HABERMAS,  Legitimationsprobleme   im   Spdtkapitalismus,  trad.   it.
cit.,   pp.  136­37;   W.D.   NARR­F.   NASCHOLD,  Theorie   derDemokratie,  Stuttgart  1971,
pp. 22 ss.
179
Cfr.   C  OFFE,  Klassenherrschaft   und   politisches   System,  trad.   it.   cit.,   pp.
136 ss.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 168

Habermas e Offe non riescono a fornire risposta a una questione
cruciale:   come   mai   la   mediazione   politica   riesce   a   filtrare   la
«borsa   degli   interessi   pluralistici»   senza   restare   investita   dal
conflitto   tra   le   "corporazioni"179?   Eludendo   il   problema   del
carattere   non   epifenomenico,   ma  morfologicamente  rilevante,   del
processo   storico   di   pluralizzazione  dell'interesse   di   classe   in  un
agglomerato   di   interessi   eterocliti   ricomponibili   soltanto
congiunturalmente,  in equilibri  costantemente  precari,  la teoria
del «filtro selettivo istituzionale» rischia ­ al pari delle versioni più
riduttivamente neoclassiche e armonizzanti dello

"scambio   politico"   ­   di   non   andare   oltre   una   rappresentazione


puramente   descrittiva   delle   prestazioni   funzionali   dello   Stato
contemporaneo: di intendere cioè quest'ultimo come mero riflesso
di   un  conflitto   sociale   autosufficiente,   che   esso   si   limiterebbe   a
registrare,   risolvendo   così   il   proprio   esercizio   in   un   semplice
controllo amministrativo e/o repressivo.
Contrapporre pertanto le analisi di Habermas e Offe alle varie
ortodossie vetero­marxiste può essere anche legittimo; ma ha tut­
tavia buone probabilità di restare una battaglia di retroguardia.
Più   attuale   ci   sembrerebbe   invece   verificare   quanto   nel   filone
postfrancofortese rimanga di eresia inconseguente. O, compiendo
un passo avanti ulteriore, se esso non riproduca ­ nel linguaggio
del funzionalismo e della teoria sociologica dei sistemi ­il limite
proprio   di   ogni   rifondazione   neoclassica   dei   postulati   marxisti.
Nella   visione   dello   Stato   come   ambito   internamente   omologato
della   razionalità   amministrativa   ­   istanza   intrinsecamente
omogenea di controllo­filtraggio delle "domande" provenienti dal
conflitto   sociale   ­   viene   ripristinata   una   sorta   di   "legge   di   Say
della   politica":   si   perde,   cioè,   quell'aspetto   dinamico­tra­
sformativo che era alla base della rottura epistemologica operata
da   Keynes  nei   confronti  dell'«assioma   delle  parallele»   a  cui   era
fermo il paradigma neoclassico dominante nella teoria economica
(rottura della quale, peraltro, non resta che una labile traccia nel
keynesismo dei nostri giorni). La logica d'intervento dello Stato
risponde funzionalmente (qui sta in generale il limite dell'ottica
sistemica, malgrado il cospicuo aggiornamento culturale da essa
apportato al dibattito delle scienze sociali europee) ad esigenze di
mera   "governabilità"   dei   diversi   sottosistemi:   non   ha
assolutamente   come   effetto   la   produzione   di   figure   e   di   nessi
sociali nuovi; non mette in crisi ­ come in Keynes (e nello stesso
Schumpeter) ­ i precedenti equilibri e il piano di "governabilità"
su cui si fondava l'assetto liberale.

117
Ivi, p. 33.
169 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Si radica qui la differenza specifica tra il quadro teorico aperto
dalla   rivoluzione   keynesiana   ­   che   attende   ancora   una   risposta
adeguata da parte dei "paradigmi concorrenti" ­ e i tentativi vec­
chi e nuovi di rifondazione neoclassica o funzionalistico­siste­mica
del   marxismo.   In   questi   modelli   marxisti   "revisionati"   lo   Stato
interviene   sempre  ex   post  per   riparare   alle   disfunzioni   e   agli
squilibri che la crisi del meccanismo di scambio autonomamente
produrrebbe, e interviene ex ante solo in funzione
"negativa", per vanificare la possibilità di formazione di interessi
"generalizzabili". La cesura epistemologica keynesiana individua,
per converso, lo spazio di un mutamento di funzione e di struttura
dello   Stato   con   maggiore   chiarezza   e   incisività   di   quanto   non
avvenga in qualunque altro teorico della «rivoluzione degli anni
'30», Schumpeter compreso. La teoria keynesiana possiede infatti
un aspetto politico­prescrittivo che  è assente dalla problematica
schumpeteriana: dove il governo della crisi si presenta come un
momento   interno   alla   "normalità"   della   crisi   stessa   e   il
riaggiustamento   ha   un   carattere   assolutamente   endogeno,   non
influenzabile   dall'intervento   pubblico.   Il   governo   politico   della
crisi   non   può   avere   un'autonomia   neanche   relativa:   la   sola
autonomia   è   quella   del   ciclo.   Non   a   caso   emerge   qui   in
Schumpeter   una   sorta   di   «sezione   orizzontale   del   programma
critico»  18°,   rappresentata   dal  continuum  logico­storico   dell'azione
generale   economica,   in   cui   viene   ritagliato   un   ambito   (sia   pur
limitato)   di   operatività   per   il   paradigma   neoclassico.   Nel
sottolineare   questa   frattura   profonda   che,   dietro   «l'apparente
uniformità   di   vedute»,   divide  Keynes  e  Schumpeter,   è  doveroso
tuttavia ricordare ­ come ha fatto, del resto, lucidamente Augusto
Graziani181  ­   che   Schumpeter   si   è   rivelato   più   lungimirante   di
Keynes nelle sue prognosi. Egli è infatti l'autore che, assieme a
Michal   Kalecki,   ha   saputo   cogliere   con   maggiore   acutezza   gli
effetti   politici   del   modello   keynesiano:   vale   a   dire,   quelle
controtendenze   politiche   della   classe   imprenditoriale   al   pieno
impiego, che  segnano il passaggio  storico  dal ciclo  economico al
"ciclo politico" e dislocano l'asse dell'antagonismo verso il rapporto
piena occupazione­stabilità (controllo) sociale182.
Il  discorso   ritorna   allora   dalla   polarità   descrittiva   Stato­eco­
nomia ai "soggetti" e "fattori" critici che determinano con le loro
intenzionalità   conflittuali   la   dinamica   del   mutamento   sociale.
Paradossalmente,   è   proprio   dalla   prospettiva   odierna   del   cosid­
detto   «declino   del  Welfare   State»  e   della   cosiddetta   «crisi   delle
politiche   keynesiane»   (crisi   che   si   caratterizza   per   la   crescente
difficoltà ad osservare il prerequisito delle politiche d'intervento
180
Cfr.  D.   GIVA,  Storia   dell'analisi   economica   e   teoria   dello   sviluppo.   Note
su Schumpeter, in «Annali della Fondazione Luigi Einaudi», XI, 1977, p. 50.
181
Cfr.   A.  GRAZIANI,  Introduzione  a   J.A.  SCHUMPETER,  Il   processo   capitali­
stico. Cicli economici, Milano 1977, p. 24.
182 per qUesta  lettura storico­critica di Kalecki rinvio a F.  DE  FELICE­G. MAR­
RAMAO­M. TRONTI­L. VILLARI, Stato e capitalismo negli anni trenta, Roma 1979.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 170

dello Stato: la determinabilità  ex ante  delle variabili conflittuali)


183
 che si dà oggi la possibilità di cogliere la portata dei tentativi di
rinnovamento   teorico   operati   fra   le   due   guerre   da   teorici
democratici del "politico" come Franz Neumann, Harold J. Laski e
Otto  Kirchheimer.   A  partire   dall'architettura   della   stabilità   del
primo dopoguerra, lo Stato esperisce un mutamento profondo non
solo di funzione, ma anche di struttura: a modificarsi è l'intera
compagine costituzionale. A partire dagli anni '20 e, con intensità
e  ampiezza  ulteriore dal  secondo  dopoguerra,  il  sistema  politico
diviene  infatti  il  quadro  che   dà  forma  e  direzione  allo  sviluppo
economico (costituendone in un certo senso il presupposto). Ma al
tempo stesso, allargandosi fino ad abbracciare istituzioni e ambiti
dapprima appartenenti alla sfera del "sociale" o del "privato", esso
si   trasforma   in   un   terreno   di   conflittualità   permanente   e   ­
pertanto  ­   anche   in   luogo   naturale   delle   alleanze   e   dei
compromessi.   Il   "compromesso   politico",   o   se   si   preferisce   lo
"scambio   politico",   tra   soggetti   collettivi   diviene   allora   il
prerequisito di ogni strategia di intervento anticrisi dello Stato.
Ma   proprio   perché   frutto   di   un   compromesso,   la   politica
economica e sociale non  è pianificata sulla base del riferimento
monofunzionale a un unico e omogeneo interesse (sia pure quello
"comune"), ma è piuttosto  il vettore che di volta in volta emerge
dal conflitto tra le diverse tlautonomie" in cui il sistema politico è
costituzionalmente diviso.

L'adozione del paradigma dello "scambio politico" 184  è tuttavia


legittima   ­   in   conformità   al   discorso   finora   svolto   ­   solo   a
condizione d'introdurre una duplice avvertenza:

a)   un'avvertenza   di   ordine  storico  relativa   alla   difficoltà   di


tradurlo in un modello omogeneo e coerente (data la varietà degli
strati   sociali   e   dei   soggetti   collettivi   che   nella   storia   del
capitalismo hanno partecipato, attivamente o passivamente, alle
relazioni di "scambio politico";

183
Sul   significato   «paradigmatico»   della   crisi   delle   politiche   keynesiane   si
veda   il   fondamentale   contributo   di   E.   TARANTELLA  II   ruolo   economico   del   sin­
dacato. Il caso italiano, Bari 1978.
184
Si   veda   la   pregnante   ricostruzione   dei   profili   di   questo   concetto   in   G.E.
RUSCONI,  Scambio   politico,  in   «Laboratorio   politico»,   1981,   n.   2,   pp.   65   ss.;   ora
in ID., Scambio, minaccia, decisione, Bologna 1984, pp. 19 ss.

b) un'avvertenza di ordine teorico, volta a distinguere l'accezione
critica   del   concetto   da   quella   irriflessa   e   "neutralizzante":   per
quest'ultima,  infatti,  è sempre  valida l'obiezione ­  risalente non

117
Ivi, p. 33.
171 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

solo a Marx, ma anche alla grande teoria sociale di questo secolo,
da Weber a Keynes ­ che dietro la relazione politica di scambio
(come del  resto  dietro  il mercato  economico)  operano comunque
potestates,  soggetti individuali o collettivi che esprimono rapporti e
proiezioni   di   potere,   e   pertanto   inducono   nel   rapporto   sociale
effetti di squilibrio e di instabilità permanenti.

La  Integrationslehre  implicita   nelle   versioni   sdrammatizzate,


funzional­armoniciste, dello "scambio politico" vedrebbe così il suo
senso declinato alla rovescia: il fatto che non si diano che solu­
zioni   transattive,   dunque   provvisorie   e   impianifìcabili,   del   con­
flitto sociale, lungi dall'essere univocamente interpretabile in ter­
mini di "integrazione", costituisce il segno manifesto che la logica
delle   opzioni   alternative   (o   "antagonistiche")   è   entrata   a   pieno
titolo ­ e in modo irreversibile ­ nello stesso sistema politico.
Nell'approccio di Habermas e di Offe vi è tuttavia, spesso ine­
stricabilmente intrecciato al "lato debole" e pertanto difficilmente
estrapolabile da esso, un "lato forte": l'attenzione al processo di
metamorfosi   di   quella   sfera   della   "razionalità"   cui   ineriscono   i
prerequisiti di legittimità dello stesso "compromesso politico". Il
mutamento di forma viene a coincidere nelle loro analisi con un
allargamento progressivo delle maglie della razionalità rispetto al
"modello   di   scopo"   weberiano.   Anche   sotto   questo   profilo   essi
muovono dall'assunzione in positivo degli emendamenti apportati
a   questo   modello   dalla   teoria   strutturale­funzionale   di   Parsons
prima,   e   dalla   versione   sociologica   della   teoria   dei   sistemi   di
Luhmann,   poi.   L'innovazione   è   espressa   dal   rilievo   dell'ina­
deguatezza della concezione "monopolistica" del potere alla realtà
della   "società   complessa":   in   una   società   caratterizzata   da   un
tasso elevato di differenziazione (e di interrelazione) funzionale, il
potere non può costituire  «una sfera  perfettamente autarchica»,
ma dipende da altri fattori, sia relativamente alle condizioni in
cui esso può essere esercitato, sia relativamente ai bisogni e alle
pretese cui è legato185. Ma, se in una società complessa

Cfr. N. LUHMANN, Macht, Stuttgart 1975 (trad. it. Milano 1979, p. 7).
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 172

il potere cessa definitivamente di essere un fenomeno transitivo,
per   trasformarsi   pienamente   in   un   processo   relazionale­funzio­
nale, ne consegue che il rapporto di potere non può più rispondere
a una logica di trasmissione verticale e monocausale.
In   un   saggio   del   1974   dedicato   al   problema   dei   limiti   della
razionalità amministrativa186, Offe muove da un assunto identico
a quello da cui era partito Luhmann in un suo lavoro di dieci anni
prima (ricavandone tuttavia conclusioni diverse): l'assunto per cui
il  macchinismo  burocratico­amministrativo   non   può   più   essere
inteso, weberianamente, come «il modo formalmente più razionale
di esercizio del potere»  187. In quel saggio del '64 Luhmann aveva
affermato che la correlazione in parallelo istituita da Weber tra
schema  di   scopo   e  struttura   gerarchica  di   comando  riposava   su
una   premessa   tipica   della   concezione   classica   della   razionalità:
che esistesse cioè solo «una forma giusta idealtipica e ottimale di
razionalità   interna   del   sistema»,   e   che   la   sua   realizzazione   ed
estensione all'intera società dovesse comportare meccanicamente
l'instaurazione di «un rapporto armonico con l'ambiente»   188. Ma
un   sistema   regolato   da   un   tale   dispositivo   di   razionalità   si
traduce, di fatto, in  un'utopia  macchinale:  un sistema­macchina che,
per   poter   funzionare,   presuppone   «un   ambiente   univocamente
modellato» e che, secondo il modello del pensiero ontologico, può
accettare di volta in volta solo una condizione di esistenza (esclu­
dendo automaticametne tutte le altre). Il limite di un tale sistema
sta   dunque   nel   fatto   che   ai   mutamenti   dell'ambiente   esso   può
reagire soltanto «in un modo unico e quindi sempre prevedibile»
189
.
Analogamente,   Offe   sostiene   che   Weber   ha   potuto   in   tanto
operare questa correlazione  biunivoca tra  burocrazia  e principio
della   razionalità   formale­legale,   in   quanto   ha   assolutizzato   un
modello di razionalità riposante «sulla totale disgiunzione tra le
186
Cfr.   C.  OFFE,  Rationalitdtskriterien   und   Funktionsprobleme   politisch­
administrativen   Handelns,  in   «Leviathan»,   1974,   n.   3   (trad.   it.   in   AA.W.,   Le
trasformazioni dello Stato, Firenze 1980, pp. 70 ss.).
La   celebre   affermazione   di   Weber  {Economia   e   società,  voi.   I,   Milano
187

1968, p. 217) è riportata da C. OFFE, Rationalitdtskriterien, trad. it. cit., p. 95.
188
Cfr.   N.  LUHMANN,  Zweck­Herrschaft­System.   Grundbegriffe   und   Pràmis­
sen   Max   Webers,  in   «Der   Staat»,  III,  1964,   pp.   129;   poi   in  ID.,  Politische   Pla­
nung  cit.  (trad.   it.   in  ID.,  Stato   di   diritto   e   sistema   sociale   cit.,   pp.   173   ss.).   Le
citazioni sopra riportate sono a p. 178.
premesse   dell'azione,   da   una   parte,   e   l'apparato   esecutivo
dall'altra»  190.   Ma   oltre   alla   «razionalità   che   consiste
nell'applicazione   di   regole   astratte,   propria   di   un   modello   di
azione», esiste anche un altro criterio di razionalità: quello della
razionalità   funzionale,   che   si   misura   in   base   al   grado   di
corrispondenza «alle esigenze funzionali e ai bisogni di una società

189
Ivi, p. 201.
173 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

capitalistica industriale altamente sviluppata, il soddisfacimento
dei quali è compito dell'amministrazione statale»  191. Il limite di
Weber   sta   dunque,   per   Offe,   nel   non   aver   distinto   questi   due
diversi   criteri   di   razionalità,   fondando   invece   un  continuum
concettuale   tra   razionalità   dell'agire   burocratico   e   processo
storico­mondiale di razionalizzazione. D'altra parte non è neppure
ipotizzabile un'armonizzazione dei due criteri ­ che Offe definisce
anche   come   concetto   "buro­cratico­sociologico"   (dipendenza
dell'azione   burocratica   da   norme   generali)   e   concetto   "politico­
scientifico" di razionalità (rapporto tra prestazione dei sistemi e
richieste   funzionali   dell'ambiente   sociale)   ­,   in   quanto   «nelle
condizioni   dello   Stato   capitalistico   assistenziale   sviluppato»   la
razionalità   burocratica   non   solo   non   garantisce   ma   addirittura
ostacola la razionalità politica192.

Fin   qui   l'analisi   di   Offe   e   quella   di   Luhmann   procedono   in


perfetta   sintonia:   non   solo   nel   contestare   la   tesi   weberiana   del
dominio burocratico come «carattere strutturale imprescindibile di
tutte le società future»  193, e nell'affermare di conseguenza la sua
superabilità   storica   da   parte   della   più   avvertita   nozione   di
"razionalità sistemica" 194 ; ma anche nel ricavare di qui l'esigenza
di una radicale ridefinizione dei tradizionali rapporti tra politica e
amministrazione.   Se   questa   è,   però,   la   loro   base   comune   di
partenza,   diversi   sono   gli   sviluppi   che   i   loro   rispettivi   discorsi
imboccano; e divaricate, o addirittura opposte, le conclusioni cui
essi pervengono. La ragione di questa drastica divergenza non sta

190
C. OFFE, RationaUtàtskriterien, trad. it. cit., p. 97.
191
Ibidem.
192
Ivi, p. 98.
193
Cfr. ivi, p. 97.
194
Cfr.  N.   LUHMANN,  Zweckbegriffund   Systemrationalitàt,  Frankfurt   am   Main
19732, pp. 55 ss.

soltanto   nella   diversa   ispirazione   politica   dei   due   autori,   ma


soprattutto   nell'operare   di   due   codici   categoriali   geneticamente
estranei: l'uno fondato sulle coppie sistema­ambiente e riduzione­
complessità, l'altro sull'idea delle due logiche antagonistiche che
attraversano l'intera scala della complessità sistemica. Mentre per
Luhmann,   dunque,   le   "crisi"   infrasistemiche   non   sono   che
disfunzioni prowisorie o movimenti di assestamento nei rapporti
tra   i   sottosistemi,   e   il   limite   reale   (e   incolmabile)   posto   alla
razionalità proviene soltanto dal gap tra complessità ambientale e
selettività   sistemica,   per   Offe   invece   i   limiti   della   razionalità
politica e amministrativa derivano dalla sua crescente incapacità
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 174

di   rispondere   a   una   spinta   antagonistica   che   si   è   ormai


generalizzata a tutti i livelli e che ha origine nella crescita delle
«richieste funzionali»195.

Per   Luhmann   ­   che   segue   una   impostazione   molto   diffusa


(comune del resto sia alle posizioni "opportunistiche" che a quelle
"incrementalistiche"  à   la  Lindblom196),   tesa   a   identificare   la
razionalità amministrativa con uno svincolamento tat­ticistico dai
contenuti ­ il grado più efficace di formalizzazione e di selettività
sistemica   coincide   con   il   "programma   condizionale"   del
sottosistema (e, all'interno di quest'ultimo, del sotto­sotto sistema
giurisdizionale). È all'amministrazione, e non al sottosistema dei
partiti (o sistema politico "in senso stretto"), che compete dunque
per   Luhmann   la   funzione^   di   vertice   del   processo   decisionale.
Nella   «legittimazione   per   procedura»  (Legitimation   durch
Verfahren)  della   pubblica   amministrazione   il   sistema   raggiunge
infatti   il   più   alto   grado   di   autonomizzazione   e   di   capacità
selettiva,   svincolando   il   meccanismo   decisionale   dai
condizionamenti del «mercato politico» e dalle interferenze  della
concorrenza interpartitica197.
195
Cfr. C. OFFE, Rationalitdtskriterien, trad. it. cit., p. 97.
196
Cfr.  C.   LINDBLOM,  The   Intelligence   of   Democracy,   New   York  1965;   ID.,
Politics   and   Market,   New   York  1977  (trad.   it.   Milano  1979);  N.  LUHMANN,  Oppor­
tunismus   und   Programmatile   in   der   óffentlichen   Verwaltung,   in  ID.,  Politische
Planung  cit.  (trad.   it.   in  DONOLO­FICHERA,  Il   governo   debole  cit.,   pp.  253  ss.).   Per
tutti   questi   aspetti   del   dibattito   sui   rapporti   politica­amministrazione   (per   il
quale   vanno   almeno   menzionati   i   contributi   fondamentali   di   Renate   Mayntz
e   Fritz   Scharpf)   si   veda   G.  LENHARDT­C.   OFFE,  Staatstheorie   und   Sozialpolitik,
in   «Kòlner   Zeitschrift   fur   Soziologie   und   Sozialpsychologie»,   quaderno   spe­
ciale 19, 1977 (trad. it. Milano 1979).
Secondo Offe, invece, una tale prospettiva teorica ­ che s'inse­
risce nel solco di una tendenza alla «riduzione dello Stato e della
democrazia a categorie del procedere che data dalla prima guerra
mondiale e tuttora progredisce»  198  ­ fornisce una visualizzazione
del   tutto   inadeguata   e   irrealistica   dei   rapporti   tra   politica   e
amministrazione: l'asettica divisione del lavoro, in cui la "politica"
serve   alla   produzione   generale   di   consenso   mentre
1'"amministrazione" sviluppa e attua i programmi, non regge per
il  semplice ma fondamentale  fatto  che  quanto più gli interventi
dell'amministrazione   diventano   specifici   e   concreti,   tanto   meno
essa   può   trincerarsi   dietro   un   autosufficiente   "programma
condizionale" iperformalizzato: tanto meno, cioè, essa può evitare,
affinché i suoi programmi incontrino comprensione e disponibilità
di cooperazione, di farsi carico in prima persona del problema del
consenso. «La nostra tesi, ­ scrive al riguardo Offe ­ è che oggi la
pubblica amministrazione per i compiti che ha da risolvere si vede
197
Cfr. N. LUHMANN, Legitimation durch Verfahren, Neuwied­Berlin 1969.
198
L189ENHARDT­OFFE, Slaatstheorie und Sozicdpolìtik, trad. it. cit., p. 18.
199 Ivi, p. 201.
C. OFFE, Rationalitàtskriterìen, trad. it. cit., p. 107.
200
Ivi, p. 100.
201
Ivi, p. 98.
175 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

di fronte una situazione nella quale l'esecuzione dei piani e delle
funzioni statali non può essere compiuta da lei sola, ma piuttosto
devono partecipare, con funzione esecutiva, il singolo cittadino e le
sue organizzazioni sociali» 199. Il «modello strutturale della politica
amministrativa   dello   Stato   sociale»   rovescia   pertanto
diametralmente   non   solo   il   criterio   weberiano   dell'agire
burocratico   (poiché   adesso   le   premesse   dell'azione,   in   base   alle
quali l'agire amministrativo si razionalizza, sono obiettivi concreti
e determinati)  200,  ma  anche lo  schema  classico  dei rapporti  tra
decision­making  ed esecuzione amministrativa. Ciò finisce però per
provocare   una   divaricazione,   un   dualismo   tendenzialmente
antagonistico   nell'operare   dell'amministrazione   stessa,
limitandone   progressivamente   i   caratteri   di   razionalità:   si
produce, cioè, una «sproporzione tra struttura interna e rapporto
con   l'ambiente»,   tra   "struttura"   e   "funzione"201.   Questa
contraddizione non può essere risanata

­   come   vorrebbero   le   ricette   per   il   ripristino   dell'equilibrio


approntate   dalla   sociologia   dell'organizzazione   ­   «per   mezzo   di
riforme della struttura organizzativa» 202. L'origine della crisi e dei
limiti   della   razionalità   amministrativa   (limiti   che   non   la   con­
ducono al fallimento completo solo per «circostanze contingenti»203)
non   risiede   infatti   per   Offe   in   una   deficienza   o   arretratezza
tecnica   dell'organizzazione,   bensì   nel   fatto   che   daLT'ambiente
socio­economico"   provengono   ormai   «pretese   che   vanno   oltre   la
capacità   di   prestazione   delle   strutture   dell'amministrazione
statale così definite»  204. Una volta accettato che la divaricazione
tra  razionalità  strutturale  e razionalità  funzionale  non  è  che la
dislocazione  nella  sfera   politico­amministrativa  dell'antagonismo
tra   le  due   logiche   inerenti   al   sistema   capitalistico,   ne  consegue
necessariamente   che   «questo   scarto   tra   paradigma
dell'amministrazione   e   richieste   funzionali   che   provengono
dall'esterno   non   è   ricomponibile   per   mezzo   di   una   riforma
dell'amministrazione, ma solo per mezzo di una "riforma" di quelle
stesse strutture ambientali le quali determinano la contraddizione
tra   struttura   e   capacità   di   prestazione   nella   e
dell'amministrazione» 205.
Anche a questo livello così complesso e argomentato di analisi,
affiora dunque tra le pieghe del discorso di Offe un contrasto tra
rifiuto dello schema causale per la descrizione della razionalità e
dei   suoi   mutamenti   di   forma,   da   un   lato,   e   persistenza   di   un
paradigma   causale   di   crisi,   dall'altro.   Paradigma   che   ci   viene
riproposto addirittura attraverso la sua correlazione genealogico­
concettuale alla nozione giuridica di "imputazione": la riduzione di

202
Ivi, p. 99.
203
Ivi, p. 114.
204
Ivi, p. 99.
205
Ibidem.
POLITICA E COMPLESSITÀ: "LO STATO POSTMODERNO" 176

complessità   funzionale   alla   «semplificazione   della   situazione


decisionale» risulta possibile ­ sostiene Offe ­ solo fino a quando
un'interpretazione funzionale della crisi (del tipo: «una crisi è una
situazione   in   cui   deve   essere   fatto   X»)   prevale   su
un'interpretazione causale (del tipo: «la crisi è il prodotto di certi
interessi, azioni, trascuratezze, rapporti di forza»). Ragion per cui:
«solo le crisi per le quali non esiste colpevole, e che in questo senso
sono anonime, hanno questo potere di semplificazione»206.

Il   problema   lasciato   aperto   dalla   riflessione   di   Offe   ­   e   che


l'ultimo Habermas sembra riformulare nei termini di un'antitesi
tra "agire comunicativo" e "agire strumentale" ­ è, pertanto, quello
relativo   alla   possibilità   di   una   ridefinizione   dei   concetti   di
"antagonismo"   e   di   "società   antagonistica"   adeguata   al   ripen­
samento teorico che ha investito, da Weber in poi, la nozione di
razionalità,   e   più   specificamente   quella   di   razionalità   politico­
amministrativa.
L'ulteriore,  e  forse  ancora   più  radicale,  interrogativo verso  il
quale   ci   spingono   tanto   la   riflessione   filosofica   habermasiana
quanto le ricerche e le analisi dei politologi weimariani, può essere
forse disaggregato in una serie di domande ­ e di compiti di lavoro
­   fra   loro   strettamente   interdipendenti:   se   le   trasformazioni
politico­istituzionali   che   hanno   così   profondamente   ridefinito   il
diagramma  dei rapporti  ra  "potere di  fatto"  e "potere  legittimo"
(Macht  e  Herrschaft),  Costituzione  formale  e  Costituzione  "in  senso
materiale",   hanno   veramente   come   esito   un   processo   di
"deformalizzazione"   (quale   è   registrato   sia   dalla   tematica   dei
limiti di razionalità, sia da quella della plu­ralizzazione/perdita di
centralità   del   processo   decisionale),   che   senso   ha   mantenere   il
termine   Stato?   Ha   ancora   un   senso   adoperare   questo   concetto
sintetico   per   designare   il   vastissimo   complesso   di   funzioni,
istituzioni, apparati, associazioni e organizzazioni d'interesse che
concorrono a determinare il "processo politico"? La vicenda dello
Stato sociale non rappresenta forse il punto terminale della storia
dello   Stato   moderno   quale   è   stato   codificato   e   trasmesso   dalla
tradizione   dello  jus   publicum   euro­paeuml  E   infine,   se   la   crisi   dello
Stato moderno è interpretabile come una metamorfosi del potere, e non
semplicemente come un esito dissolutivo di  ogni  autorità, quale
"astrazione   reale"   ha   preso   allora   il   posto   di   ciò   che
tradizionalmente costituiva l'oggetto della marxiana (e marxista)
"critica dello Stato"?

189
206 Ivi, p. 201.
 Ivi, pp. 112­13.
CAPITOLO TERZO
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN
E LA VIENNA DI BAUER

SOMMARIO: 1. Tradizione e innovazione. ­ 2. Metamorfosi dell'austro­marxismo.
­   3.   Alle   origini   del   "modello   consociativo":   Stato   pluriclasse   e   governo   di
coalizione.  ­  4.  Dalla  "grande Vienna",  alla   "Vienna  rossa".  ­  5.  Democrazia
sostanziale versus "democrazia senza qualità": la controversia con Hans Kelsen.

1. Tradizione e innovazione

Nel   settembre   1917   faceva   ritorno   a   Vienna   un   Otto   Bauer


profondamente segnato dai tre anni di prigionia trascorsi in Rus­
sia.   In   modo   particolare   aveva   pesato   su   di   lui   la   breve,   ma
intensa esperienza politica vissuta nei mesi intercorsi tra la sua
liberazione (avvenuta con la rivoluzione di Febbraio) e l'autorizza­
zione a rientrare in patria !. A segnalare il sensibile spostamento
di   Bauer   dalle   posizioni   moderate   del   periodo   anteguerra   a   un
atteggiamento  decisamente   internazionalista   e  aperto   alla   com­
prensione   del   processo   rivoluzionario   avviato   in   Russia   furono
proprio i suoi vecchi compagni di partito: a cominciare dallo stesso
Victor Adler, il quale, in una lettera a Kautsky del 14 novembre
1917, confessò di trovarlo «un po' troppo bolscevico»2. La

1
Cfr.   0.  LEICHTER,  Otto   Bauer.  Tragèdie   oder   Triumph,  Wien   1970,   pp.   163   ss.
Avvertiamo   subito   che   ci   limiteremo   a   citare   i   testi   e   le   fonti   documentarie
strettamente   funzionali   all'esposizione.   Per   ulteriori   informazioni   e   dati
bibliografici,  oltre che per   un   inquadramento  complessivo  dell'opera  di Bauer  e
della teoria austromarxista in genere, rimandiamo ai nostri lavori:  Austro­marxismo
e socialismo   di sinistra  fra  le  dvie  guerre,   Milano 1977  (II ed. 1980)  e   II  ­politico  e  le
trasformazioni. Critica del capitalismo e ideologie della crisi tra anni venti e anni trenta,  Bari
1979.
2
V.  ADLER,  Briefwechsel   mit   August   Bebel   und   Karl   Kautsky,   a cura di F. Adler,
Wien 1954, p. 646.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 178

voce di un Bauer ritornato «sovversivo», puntualmente registrata
dai rapporti di polizia sulla sua attività e i suoi scritti (che in quei
mesi apparvero quasi tutti sotto pseudonimo, essendo egli ancora
in   servizio   militare,   e   come   tale   destinato   a   una   sezione   del
Ministero della Guerra), si diffuse in rapido volger di tempo anche
negli  ambienti  diplomatici  europei:  al punto  che un comunicato
dell'ambasciata tedesca a Vienna del 24 gennaio 1918 indicava in
Bauer   ­   qualificato   addirittura   «emissario   di   Trockij»   ­   il
fomentatore dell'ondata di scioperi che, partita dalle fabbriche di
Wiener   Neustadt,   si   stava   espandendo   anche   ad   altre   regioni
dell'Impero3.
In  realtà,   benché   Bauer   avesse  avuto in  precedenza   contatti
con Trockij e con Rjazanov, la sua posizione politica aderiva ­come
aveva d'altronde già chiarito egli stesso in una lettera a Kautsky
del 28 settembre 1917 ­ a quella espressa dal "centro marxista" di
Martov; in particolare si  era legato a Fèdor  Dan  (più tardi suo
stretto   collaboratore   nell'ala   sinistra   dell'Internazionale   operaia
socialista)   e   a   sua   moglie   Lydia   Ossipovna   (sorella   di   Martov),
presso   i   quali   aveva   soggiornato   diverse   settimane   prima   del
rientro a Vienna4.

In   generale   ­   scriveva   dunque   Bauer   a   Kautsky   appena   una   settimana


dopo il ritorno ­ io mi riconosco nel punto di vista di Martov e dei suoi amici. I
menscevichi in senso proprio hanno fatto, a mio giudizio, una politica assurda
[...]   D'altra   parte,   però,   i   bolscevichi   hanno   perseguito   una   politica
avventuristica delle più pericolose. La sopravvalutazione della propria forza.
[...] ha trovato un'espressione fedele nella tattica di Lenin e di Trockij. Alla
fideistica   illusione   giacobina   nell'onnipotenza   della   ghigliottina   è  stata
sostituita a Pietroburgo un'altrettanto fideistica illusione nell'onnipotenza del
fucile. Tra questi due estremi l'ala internazionalista dei menscevichi ha tenuto
una giusta posizione intermedia. Anche là [in Russia], dunque, la ragione sta
dalla parte del "centro marxista"5.

Da questa lettera prendeva avvio un'analisi della rivoluzione
russa che ­ per quanto destinata, negli anni successivi, a essere
sottoposta a emendamenti e a revisioni sostanziali ­ conteneva già
3
Cfr. Il rapporto dell'ambasciata tedesca a Vienna, n. 24, 24 gennaio 1916, cit.
in 0. LEICHTER, Otto Bauer cit., p. 116.
4
Cfr. ivi, p. 164.
5
Kautsky­Nachlass,  Internationaal   Instituut   voor   Sociale   Geschiedenis,
Amsterdam (d'ora in avanti IISG), D.IL500.
in embrione quell'atteggiamento positivo di fondo che si delineerà
in   termini   di   sempre   più   accentuato   contrasto   con   la   posizione
kautskiana:  «Le conquiste  sociali  della rivoluzione sono enormi.
179 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Andrebbe spiegato soprattutto alla democrazia francese e inglese
cosa possono significare per la democratizzazione dell'Europa  la
vittoria o la sconfitta della rivoluzione russa»   6. La "devianza" di
tale impostazione dalla linea di valutazione prevalente all'interno
della   socialdemocrazia   europea   è   di   un'evidenza   palmare.   Ma
almeno   altrettanto   evidente   è   la   consapevolezza,   in   Bauer,   del
contrasto che così  si apriva: per cui  l'auspicio,  da lui formulato
nella   lettera,   che   la   sua   posizione   trovasse   in   Kautsky   pieno
consenso   e   potesse   costituire   la   base   per   una   proficua
collaborazione   politica,   sembra   assumere   il   carattere   di
preoccupata sollecitazione e, insieme, di ricercata diplomazia 7. Le
condizioni   politiche   interne   e   internazionali,   d'altronde,   erano
troppo tese e drammatiche perché fosse possibile proseguire sulla
linea   di   composizione   formale   delle   divergenze,   che   aveva
caratterizzato   i   rapporti   tra   socialdemocratici   austriaci   e
socialdemocratici tedeschi prima della guerra.

Nell'opuscolo  Die   russische   Revolution   und   das   europàische


Proletariat8, pubblicato da Bauer (con lo pseudonimo di Heinrich
Weber)   poche   settimane   prima   dello   scoppio   della   rivoluzione
d'Ottobre (la prefazione ­ dedicata significativamente agli «amici
russi»  ­  porta la  data del  10 ottobre 1917), ritroviamo lo stesso
concetto   di   interdipendenza   tra   rivoluzione   russa   e  proletariato
europeo affermato nell'ultima parte della lettera a Kautsky. Ma,
questa   volta,   congiunto   a   una   dura   e   inequivocabile   critica
all'Internazionale socialista, dimostratasi incapace di guidare la
lotta per la pace e per una solidarietà attiva con i rivoluzionari
russi:   «Il   governo   del   proletariato   europeo   dipende   tutto   dalla
vittoria   della   rivoluzione   russa.   E   tuttavia   llnternazionale   è
incapace di aiutare la rivoluzione russa!»9.

6
Ibidem.
7
Ibidem.  Si veda anche  Kautsky­Nachlas,  IISG, D.11.503 (lettera del 4 gennaio
1918).
8
H.  WEBER  [0.  BAUER],  Die   russische   Revolution   und   das   europàische   Proletariat,
Wien 1917, ora in O. BAUER, Werkausgabe, voi. II, Wien 1976, pp. 39 ss.

Nei   mesi   immediatamente   successivi,   l'analisi   baueriana   si


specifica   e   si   approfondisce   sotto   la   spinta   della   rivoluzione
d'Ottobre, i cui effetti vengono a intrecciarsi con due avvenimenti
che   influenzano   in   modo   determinante   la   rapida   evoluzione
politica del partito austriaco nell'ultimo anno di vita dell'Impero: i
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 180

grandi scioperi operai di gennaio e il precipitare del processo di
sfaldamento dello Stato asburgico con l'esplosione definitiva delle
tendenze autonomistiche in seno alle diverse nazionalità10. Non è
certo   un   caso   se   gli   sviluppi   dell'analisi   del   leninismo   e   della
rivoluzione   d'Ottobre   procedono,   in   Bauer,   in   stretta
concomitanza   con   il   maturare   di   una   drastica   rottura   con   la
soluzione   federalistica   del   problema   delle   nazionalità,
tradizionalmente   sostenuta   a   partire   dal   momento   in   cui   essa
venne adottata come programma ufficiale al Congresso di Brùnn
(Brno)   del   1899.   E   dagli   effetti   della   svolta   si   produce   una
sostanziale   revisione   della   sua   stessa   teoria   delle   nazionalità,
quale   si   trova   formulata   nel   più   importante   dei   suoi   scritti
d'anteguerra:  Die Nationalitàtenfrage und die Sozicddemokra­tie
n
.
La sci a ndo   per   il   momento   da   pa rte   q uesto   a spetto,
di   cru ci al e   importa nza   per   comprendere   l a   sv ol ta   dell a
soci a l demo cra zia   austri a ca   nel   pa ssa g gi o   dell 'I mpero
a i   pri mi   anni   di   vi ta   del la   Repub bl i ca ,   v a   subi to
sottoli nea to   che   i   fa ttori   ri v ol uzi o na ri   innesca ti   dal l a
ri v ol uzi one   d'O ttob re   non   fung ono   da   ca usa   effi ci ente
o   da   detona tore,   ma   pi uttosto   da   mol ti pli ca tore   di
tendenze   pol i ti che   gi à   i n   atto   al l 'i nterno   del   pa rti to
a ustri a co.   Al l orch é   Ba uer   fa   ri torno   a   Vi enna,   i
presup posti   dell a   sv ol ta   sono   in   b uona   mi sura   g i à
da ti :   i l   suo   meri to   sta r à   nel   sa perl i   "a mmi ni stra re"   e
pi l ota re   v erso   un   esito   pol i ti co­ org a ni zza ti v o
fa v orev ol e   al la   si ni stra   (l ung o   una   tra i ettoria ,
dunq ue,   a ssai   di v ersa   da   q uel la   seg ui ta   dal l a
soci a l democra zi a   tedesca ).   Esa t ta mente   due   a nni
pri ma   (2 1   ottob re   1 91 6 ),   i nfa tti ,   i l   cel eb re   "g esto"   di
9
Ivi, p. 40.
10
Cfr.   in   proposito   R.  NECK,  Arbeiterschaft   und   Staat   im   ersten   Weltkrieg
1914­1918, Wien 1964.
11
In   «Marx­Studien»,   voi.   II,   Wien  1907,  ora   in  0.  BAUER,  Werkausgabe  cit.,
voi. I, pp. 49 ss.
F ri edri ch   Adl er   (che   av ev a   fredda to   con   q ua ttro   col pi
di   ri v ol tell a   i l   conte   St ùrg kh,   presi dente   del   Consi g li o
del l 'I mpero   a sb urg i co   e   pri nci pa l e   responsa b i l e   dell a
dra sti ca   sv ol ta   a utori ta ri a   a vv ia ta   nel   l ug li o   1 91 4   con
l o   sci og li mento   del   Pa rla mento)   av eva   b rusca mente
ri a perto   nel l 'a rea   soci a l demo cra ti ca   il   di ba tti to   sull a
g uerra   e   sul l 'i nterna zi onal i smo,   ri la n ci a ndo
a ll 'i nterno   del   pa rti to  a ustria co   un'opposi zi one   di   si ni ­
181 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

stra   a ncora   mi nori ta ri a   (a l cuni   mesi   pri ma   l a


Rei chskonfere nz   av eva   b occi a to   la   ri chi esta   di
a desi one   al la   pi atta forma   di   Zi m­ merwa l d   formula ta
da   F ri tz   Adl er   e   dal   g ruppo   degl i   "i nterna zi ona li sti ")
12
.

Prima   dello   scoppio   del   conflitto   mondiale,   l'opposizione   di


sinistra   all'interno   della   socialdemocrazia   austriaca   poteva   con­
tare soltanto sul ristretto numero di militanti che si raccoglieva
attorno al circolo "Karl Marx". Del circolo facevano parte, oltre a
Friedrich   Adler   (il   quale,   nell'imminenza   della   guerra,   aveva
incominciato   ad   animare   ­   in   polemica   con   il   padre   Victor
­un'intensa campagna contro la politica di tregua), Gabriele Proft,
Robert   Danneberg,   Max   Adler,   Therese   Schlesinger,   Leo­pold
Winarski, Anna Stròmer­Hornik e Franz Koritsschoner (nipote di
Rudolf   Hilferding   e   futuro   fondatore   del   partito   comunista
austriaco)13. Tuttavia, come ricorderà molti anni più tardi Trockij
nella sua autobiografia14, fino al cosiddetto "Congresso mancato"
di   Vienna   (il   congresso   dell'Internazionale   che   avrebbe   dovuto
aver luogo nell'estate del 1914) le posizioni complessive del partito
austriaco non si distinguevano in modo rilevante da quelle della
socialdemocrazia   tedesca15.   In   effetti,   l'opposizione   di   sinistra
incominciò ad assumere una chiara fisionomia soltanto nel corso
del   1915,   sotto   l'impressione   suscitata   dal   crollo   della   II
Internazionale,   a   partire   dalla   decisa   opposizione   di   Karl
Liebknecht al rinnovo dei crediti di guerra e dalla Conferenza di
Zimmerwald.   Il   3   dicembre   dello   stesso   anno,   la   minoranza
austriaca   rendeva   nota   la   propria   adesione   ai   principi
12
Cfr.   F.  ADLER,  Die   Emeuerung   der   Internationale,  Wien   1918,   pp.   87   ss.
(il   volume   raccoglie   gli   articoli   sul   «rinnovamento   dell'internazionale»   scritti
da   Adler   soprattutto   negli   anni   della   guerra).   Inoltre  E.   COLLOTTI,  Introduzione
a   F.  ADLER,  La   guerra   e   la   crisi   della   socialdemocrazia,   Roma   1972.   Il   resoconto
della   Reichskonferenz   del   marzo   1916   si   può   leggere   in  L.   BRÙGEL,  Geschichte
der òsterreichischen Sozialdemokratie, voi. V, Wien 1925, pp. 251­58.
13
Cfr. Y. BOURDET, Otto Bauer et la revolution, Paris 1968, pp. 23 ss.
14
Cfr. L. TROTZKI, La mia vita, Milano­Roma­Verona 1933, pp. 1777 ss.
15
Cfr.  J.   BRAUNTHAL,  Victor   und   Friedrich   Adler.  Zwei   Generationen   Arbei­
terbewegung, Wien 1965, pp. 218 ss.

zimmerwaldiani con il Manifesto degli internazionalisti d'Austria
agli internazionalisti di tutti i paesi ­ che suscitò una notevole eco
nel   movimento   operaio   internazionale   e   venne   riprodotto
contemporaneamente su diversi giornali ­, per ribadirla con forza
Tanno   successivo   alla   Reich­skonferenz   della   socialdemocrazia
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 182

austriaca (25­27 marzo 1916)ló. In questa occasione ­ nella quale la
sinistra   usciva   per   la   prima   volta   allo   scoperto   con   una
piattaforma   autonomamente   definita   ­   Friedrich   Adler   prese   la
parola  contro  la  politica  "socialpatriottica"  perseguita  dal   padre
(che ancora rimaneva il leader indiscusso del partito) e polemizzò
violentemente   con   Karl   Renner,   la   cui   linea   puntava   a   un
recupero, entro un processo di "democratizzazione", della cornice
plurinazionale dello Stato asburgico17. Nonostante la portata dello
sforzo,   la   Reichskonferenz   si   concluse   per   la   sinistra   con   un
insuccesso.   E   proprio   da   tale   insuccesso,   e   dal   naufragio   dei
successivi   tentativi   compiuti   dalla   sinistra   con   appelli   rivolti
all'indirizzo   del   partito   e   del   Bureau   socialista   internazionale,
Adler   trasse   il   convincimento   della   necessità   di   un   gesto
clamoroso   ed   esemplare   capace   di   infrangere   la   passività   e   la
sclerosi di un partito che si era pericolosamente distaccato dalle
masse   in   un   momento   in   cui   queste   erano   costrette   a   subire,
accanto  ai sacrifici provocati  dalla  guerra,  il peso di  una  feroce
repressione poliziesca.

La vasta eco suscitata dal gesto di Adler nel movimento ope­
raio internazionale, le innumerevoli polemiche che ne seguirono
sul "terrorismo politico" e sulle condizioni di legittimità del ricorso
ad  esso  in  situazione  critica,   sono  cose  ormai   fin  troppo   note  e
studiate   perché   occorra   ancora   soffermarvisi18.   Ciò   che,   invece,
mette contro sottolineare è che l'autentico momento di svolta fu
rappresentato,   ancor   più   che   dal   gesto   in   sé,   dalla   celebre
autodifesa   al   processo   (18­19   maggio   1917),   che   venne   a
intrecciarsi   con  una   fase  di   grande   espansione  degli   scioperi   di
massa   scoppiati   in   Austria   alla   notizia   dell'abbattimento   dello
16
Cfr. L. BRUGEL, Geschichte cit., pp. 253 ss.
17
Cfr.  R.A.  KANN,  Karl   Renner   (december   14.   1870   ­   december   31.   1950),   in
«Journal   of   Modem   History»,  1951,  pp.  244  ss.;   J.  HANNAK,  Karl   Renner   und
seine Zeit, Wien 1965.
18
Si veda al riguardo E. COLLOTTI, Introduzione cit.
Stato  zarista   da   parte  della   rivoluzione  di   Febbraio  19.   Da   quel
momento   Friedrich   Adler   era   diventato   per   la   classe   operaia
austriaca   il   simbolo   della   lotta   contro   l'assolutismo   e   la
degenerazione socialsciovinista del partito. Il suo nome venne così
affiancato di frequente a quello di Karl Liebknecht e, nei volantini
diffusi   dagli   operai   durante   i   grandi   scioperi   di   gennaio,   fra   le
varie rivendicazioni figurava anche la sua liberazione immediata.
Questa sarebbe venuta soltanto il 2 novembre 1918, alla vigilia
183 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

della proclamazione della Repubblica, mentre la pena di morte gli
era stata commutata dalla Suprema corte di giustizia in diciotto
anni di penitenziario già nel settembre dell'anno precedente: ed
era   stato   come   l'estremo   tentativo   di   un   potere   imperiale
disperatamente   proteso   ­   dopo   la   rivoluzione   di   Febbraio   e
l'entrata in guerra degli Stati Uniti ­a scongiurare il crollo 20.

L'importanza del gesto di Adler e delle sue conseguenze poli­
tiche   si   misura   tuttavia   soprattutto   in   rapporto   alla   vicenda
interna della socialdemocrazia austriaca. Il suo effetto immediato
fu, infatti, il potenziamento dell'opposizione di sinistra, la quale
potè   così   prender   parte   alla   III   Conferenza   del   movimento   di
Zimmerwald, tenutasi a Stoccolma il 5 settembre 1917. Quando,
pochi giorni dopo, Bauer fece ritorno a Vienna, trovò già in larga
misura   preparato   il   terreno   sul   quale   eserciterà   la   propria
iniziativa   politica   a   favore   della   sinistra,   redigendone   subito   la
dichiarazione   programmatica   al   congresso   del   partito   (19­24
settembre)21.
L'apporto di Bauer si rivelerà presto decisivo, grazie alla tat­
tica   unitaria   da   lui   adottata   nei   confronti   della   direzione   del
partito.   Come   testimonia   una   lettera   di   Robert   Danneberg   a
Kautsky   del   15   aprile   191822,   Bauer   riuscì   a   sfruttare   politica­
mente il processo   di radicalizzazione  delle  lotte operaie  dopo la
rivoluzione d'Ottobre per imprimere una decisiva spinta in avanti
agli equilibri politici interni del partito: convincendo la sinistra a
non   costituirsi   in   frazione   organizzata   contrapposta   alla
19
Cfr. R. NECK, Arbeiterschaft und Staat cit., pp. 319­20.
20
Cfr. E. COLLOTTI, Introduzione cit., p. 55.
21
Cfr. L. BRUGEL, Geschichte cit., pp. 311­12.
22
Kautsky­Nachlass, IISG, D.VII.319. .

direzione, riuscì alla morte di Victor Adler (avvenuta pochi giorni
prima   della   proclamazione   della   Repubblica)   ad   assumere   la
guida del partito. Questo passaggio di direzione politica, oltre a
evitare alla socialdemocrazia austriaca le lacerazioni e le scissioni
che travagliarono la socialdemocrazia tedesca, è all'origine della
profonda   diversità   di   linea,   di   composizione   e   di   quadro   dei
rapporti di forza interni che intercorre tra il movimento operaio
austriaco e quello weimariano.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 184

Proprio   questa   svolta   imboccata   dalla   socialdemocrazia


austriaca alle soglie del nuovo Stato repubblicano finì col rendere
sin   dall'inizio   inesorabilmente   minoritario   lo   spazio   di   tutte   le
altre   forze   di   sinistra,   e   nella   fattispecie   del   partito   comunista
austriaco (Kpò), le cui tendenze putschiste (che, alimentate dagli
effimeri   successi   della   rivoluzione   in   Baviera   e   in   Ungheria,
faranno   da   drammatico   contrappunto   al   primo   anno   di   vita
dell'Austria   tedesca)   rappresentano   solo  in  parte  la  causa   della
sua   emarginazione:   mentre   appaiono   più   verosimilmente   come
l'effetto   di   un'emarginazione   già   avvenuta   all'interno   nel   movi­
mento consiliare23.
Le   violente   polemiche   sul   tradimento   della   rivoluzione   da
parte di «Bauer e soci» (rei di avere bloccato la rivoluzione «per le
strade   di   Vienna»)   sollevate   allora   dall'Internazionale   comu­
nista24, e ancora oggi riproposte da una tendenza storiografica di
derivazione   trockista   che   si   appoggia   agli   studi   di   Roman
Rosdolsky   sulla   «situazione   rivoluzionaria   in   Austria» 25  non
sembrano ­ con la mistica dell'"occasione mancata" che le carat­
terizza ­ tenere in debito conto una fondamentale circostanza: lo
spazio   di   manovra   per   una   soluzione   di   rottura   di   tipo   insur­
rezionale era stato reso impraticabile sin dai primi mesi di vita
della   Repubblica   dall'iniziativa   politica   del   partito   socialdemo­
cratico,   la   cui   linea,   largamente   maggioritaria   all'interno   del
movimento consiliare26, era particolarmente forte a Vienna (il 1°
23
Cfr.  R.   REVENTLOW,  Zwischen   Alliierten   und   Bolschewiken.   Arbeiterràte   in
Osterreich 1918 bis 1923, Wien 1969.
24
Cfr.   A.D.   Low,  The   First   Austrian   Republic   and   Soviet   Hungary,   in   «Jour­
nal of Central European Affairs», voi. XX, luglio 1960, n. 2, p. 184.
25
R.   ROSDOLSKY,  Studien   iiber   revolutionàre   Taktik.  Zwei   unveróffentlichte
Arbeiten   uber   die   IL   Internationale   und   die   òsterreichische   Sozialdemokratie,
West­Berlin 1973 (trad, it. Milano 1979, con introduzione di A. Moscato).

marzo  1919  Friedrich   Adler  era   stato  eletto dalla   I  Conferenza


degli   Arbeiterràte   alla   presidenza   del   Comitato   esecutivo   dei
consigli). Nulla di comparabile, dunque, all'attitudine repressiva
manifestata   dalla   direzione   socialdemocratica   tedesca   nei
confronti della rivolta spartachista.

Particolare significato assumono, sotto questo profilo, i termini
nei quali Bauer condusse la polemica con Béla Kun ­ che allora
presiedeva la Repubblica dei consigli di Ungheria ­ in occasione
del fallito tentativo di putsch del 15 giugno 1919:
185 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Io credo ­ scriveva Bauer il giorno immediatamente successivo al tragico
esisto   della   sortita   insurrezionale,   in   una   lettera   inviata   a   Béla   Kun
attraverso Robert Danneberg ­ che noi ci troviamo nella prima o nella seconda
fase della rivoluzione  mondiale.  Questa però io me la configuro assai meno
lineare e molto più faticosa, complicata, multiforme e differenziata a seconda
del   tempo   e  del  luogo,  di  quanto   non   se  la   immagini   la   maggior   parte   dei
Vostri amici più stretti: e qui sta la radice delle nostre divergenze tattiche27.

La   sottolineatura   della   complessità   del   processo   di   trasfor­


mazione   rivoluzionaria   costituisce   l'elemento   di   differenziazione
più   intenso   e   drammatico   della   linea   di   riflessione   di   Bauer
rispetto alle posizioni espresse in quegli stessi anni da Kautsky e,
insieme,   un   momento   di   sutura   non   episodico,   all'interno   della
sua   stessa   ricerca,   tra   questioni   strategiche   ed   evoluzione   del
giudizio   e   dell'analisi   della   rivoluzione   d'Ottobre.   Come   si
evidenzia soprattutto da  Bolscevismo  o socialdemocrazia?  28  ­ lo
scritto più importante di questo periodo, se non altro per il suo
carattere   di   prima   sistemazione   delle   analisi   avviate   nella   fase
cruciale della conclusione della guerra e del crollo dell'Impero e di
primo   bilancio   del   lavoro   di   direzione   politica   avviato   nel
novembre del 1918 ­ l'argomentazione baueriana tende a staccarsi
nettamente   dalla   tradizionale   piattaforma   teorica   della   II
Internazionale,   tanto   nella   conduzione   della   critica   al
26
Cfr.  Stenographisches   Protokoll   der   II.   Reichskonferenz   der   Arbeiterràte
Deutschòsterreichs   am   30.   Inni   1919  (ms),   Arbeiterkammer,   Wien;  Steno­
graphisches   Protokoll   der   Kreiskonferenz   des   Wiener   Arbeiterrates   vom   17.   Inni
1919, Spò­Parteiarchiv, Wien.
Cfr.  Hans­   Hof­   und   Staatsarchiv,   Wien,   G.   Fasz­   262.   Pràsidialakte   des
27

Staatssekretàrs, Dr. Otto Bauer, 1918­19, Folder IX­b: Ungarn und varia.
28
Bolschewismus   oder   Sozialdemokratie?,   Wien  1920,  ora   in  O.   BAUER,
Verkausgabe cit., voi. II, pp. 223 ss.

bolscevismo,   quanto  nell'impostazione   del   problema   che   sarà   al


centro della sua riflessione negli anni successivi: il problema della
democrazia.

A differenza di Kautsky, Bauer rifugge dall'applicazione mec­
canica   dello   schema   di   relazione   forze   produttive­rapporti   di
produzione   propria   di   quei   teorici   socialdemocratici   che   si   limi­
tavano a etichettare la rivoluzione d'Ottobre come un parto pre­
maturo senza lunghe prospettive di vita. Il partito di Lenin è per
lui   un   «partito   indubbiamente   rivoluzionario   e   indubbiamente
socialista»29.   Per   una   valutazione   critica   delle   sue   concezioni   e
delle sue scelte pratiche occorre liberarsi del fardello dottrinario
del marxismo secondinternazionalista, introducendo un criterio di
analisi   differenziale   del   «processo»   rivoluzionario.   L'indicazione
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 186

metodica   di   Bauer   si   trova   espressa   nitidamente   sin   dalla


prefazione, dove è introdotta una chiave di lettura alla quale egli
si   manterrà   fedele  anche   nel   corso   delle  successive   revisioni   di
giudizio: mentre la rivoluzione d'Ottobre ha un significato storico
universale,   il   bolscevismo   non   possiede   nessuna   prerogativa   di
onnivalidità.   Il   bolscevismo   non   è   la  clavis   universalis,  l'unico
metodo possibile della rivoluzione30. Esso trae piuttosto la propria
giustificazione   genetica   dalle   particolari   condizioni   di   lotta   del
proletariato industriale russo, il quale si è trovato a operare in un
contesto   socioeconomico   prevalentemente   agricolo.   Da   questo
angolo visuale, la teoria leniniana del partito e della rivoluzione
viene   restituita   a   uno   spazio   e   a   una   funzione   specifica:   né
semplice   riflesso,   né   forzatura   violenta   e   arbitraria   di   una
"situazione   arretrata",   ma   piuttosto   espressione   politica   attiva
dell'impellente   necessità   storica   di   invertire   il   processo   di
disgregazione   sociale   del   paese,   rovesciando   l'isolamento   del
ristretto nucleo di classe operaia industriale in funzione di avan­
guardia e di direzione consapevole delle forze produttive.
Affermare   simultaneamente   l'universalità   dell'Ottobre   e   la
pluralità delle vie al socialismo (Bauer lo farà in termini espliciti
nella   prefazione   alla   riedizione   del   1921   del   suo   "piano   di
socializzazione"31) non costituisce affatto una contraddizione, ma
piuttosto   l'esito   coerente   di   un'analisi   non­ideologica   della
29
Ibidem.
30
Ibidem.
rivoluzione russa.

Vi è tuttavia un ulteriore aspetto che merita di essere sotto­
lineato.   Alla   base  del   parallelo,   per   più   rispetti   discutibile,   che
Bauer   (e,   analogamente,   Friedrich   Adler,   Dan   e   Abramovic 32)
aveva instaurato tra bolscevichi e giacobini stava un assunto che
spingeva a problematizzare dal di dentro le nozioni di democrazia
e   di   via   democratica:   la   distinzione   tra   elemento   politico   ed
elemento   sociale   del   processo   rivoluzionario.   Il   parallelo   con   la
rivoluzione   francese   dell'89,   in   contrapposizione   a   quella
"puramente politica" (e quindi borghese) del '48, viene evocato da
Bauer per definire la rivoluzione russa una rivoluzione sociale, di
contro al carattere politico della rivoluzione tedesca e austriaca, e
per   giungere   quindi   alla   conclusione   che   la   dittatura   del
proletariato   instaurata   da   Lenin   non   rappresenta   un
187 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

superamento o una soppressione irreversibile, bensì una fase di
sviluppo verso la democrazia33.
Se   nel   corso   dell'analisi   condotta   in  Bolscevismo   o   socialde­
mocrazia? egli aveva ipotizzato la possibilità che la Russia sovie­
tica   approdasse   a   «forme   sociali   miste   che   la   nostra   scienza,
risultante da un processo di astrazione operato sulla base delle
esperienze   del   passato,   non   è   ancora   in   grado   di   classificare»,
nelle   opere   successive   questa   previsione   troverà   un   costante
ancoraggio nel postulato della riformabilità del sistema sovietico
in   quanto   sistema   socioeconomico   centralmente   pianificato,   e,
pertanto,   nell'auspicio   (che   costituirà   anche   uno   dei   principali
obiettivi della sua battaglia internazionalista per il fronte unico)
che   l'Unione   Sovietica   riuscisse   gradualmente   a   eliminare   le
forme di "statalismo" e di "socialismo dispotico" attorno alle quali
tendeva inesorabilmente a coagularsi la fase di assestamento del
processo di trasformazione34.

31
Cfr.  Der   Weg   zum   Sozicdismus,  Wien  1919,  ora   in  0.   BAUER,  Werkausgabe
cit., voi. II, pp. 91 ss. (trad. it. Città di Castello 1920).
32
Cfr.   in   proposito   M.L.  SALVADOR!,  Kautsky   e   la   rivoluzione   socialista   1880­
1938, Milano 1976, pp. 272 ss.
33
Cfr.  0.   BAUER,  Bolscevismo   o   socialdemocrazia?,  in   G.  MARRAMAO,  Austro­
marxismo cit., pp. 174 ss.
34
Cfr. ivi, p. 180.
Se la previsione­auspicio di una democratizzazione del sistema
di   potere   sovietico,   intesa   ­   secondo   uno   schema   interpretativo
riscontrabile, oltre che in Dan e Abramovic, nello stesso Trockij ­
come semplice adeguamento della  sovrastruttura   politica  a una
struttura   tendenzialmente   socialista,   peccava   di   "sociologismo",
nondimeno   essa   rivelava   lo   sforzo   di   superare   alcuni   pesanti
limiti   ideologico­dottrinari   dell'approccio   di   Kautsky.   Questi,
muovendo   sin   dal   suo   scritto   del   1918,  Die   Diktatur   del
Proletariats,   dal   presupposto   che   «non   esiste   socialismo   senza
democrazia»35,   era   arrivato   nel   1921   ­   a   conclusione   della   sua
celebre   polemica   con   Trockij36  ­   a   chiudere   definitivamente   il
discorso sull'esperienza bolscevica, bollandola come irriformabile
dittatura   antisocialista.   Indipendentemente   da   ogni   valutazione
di   merito,   non   va   dimenticato   che   questo   atteggiamento   di
preclusione   di   Kautsky   si   era   già   compiutamente   delineato
quando ancora le vicende interne alla Russia sovietica e al campo
comunista europeo in formazione presentavano una mobilità, una
apertura   conflittuale   e   una   ricchezza   di   dibattito   che   verranno
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 188

bruscamente   stroncate   dalla   svolta   settaria   imboccata


dall'Internazionale comunista negli anni della grande crisi: la dra­
stica equazione tra leninismo e bonapartismo (socialmente dege­
nerato)   cui   approderà   nel   1930   il   vecchio   padre   ideologico   del
marxismo secondinternazionalista non è, se non in minima parte,
una reazione alle tendenze involutive del movimento comunista,
ma piuttosto l'esito naturale di quelle lontane premesse 37.
L'esigenza che, proprio in questa fase, spinge gli austro­marxi­
sti a promuovere l'iniziativa dell'Unione dei partiti socialisti per
l'azione   internazionale   (meglio   nota   come   "Internazionale   di
Vienna",  o ancor più con l'appellativo ironico  di "Internazionale
due e mezzo", conferitole da Karl Radek 38), come pure la polemica
che esploderà negli anni '30 fra Kautsky e Fritz Adler sulle basi
del   fronte   unico   con   i   comunisti39,   si   spiegano   in   tutto   il   loro
significato solo se si tiene in debito conto la differenza che inter­
corre  tra   l'analisi   kautskiana   e  l'analisi   baueriana   del   bolscevi­
35
K. KAUTSKY, Die Diktatur des Proletariats, Wien 1918, pp. 4­5.
36
Cfr. ID., Von der Demokratie zur Staatssklaverei, Berlin 1921.
37
Cfr. ID., Der Bolschewismus in der Sackgasse, Berlin 1930, pp. 98­99.
38
K. RADEK, Theorie und Praxis der 2 1/2 Internationale, Hamburg 1921.
39
Cfr.   K.  KAUTSKY,  Demokratie   und   Diktatur,  in   «Die   Gesellschaft»,   Vili,
voi.   I,   1931,   pp.   45­48;  F.   ADLER,  Zur   Diskussion   ilber   Sowjetrussland,  in   «Der
Kampf», XXVI, 1933, pp. 58­69.

smo. Mentre Bauer, infatti, nella sua opera del 1931,  Rationali­
sierung­Fehlrationalisierung  40  (inizialmente   concepita   come
primo volume di un ampio lavoro che avrebbe dovuto abbracciare
le trasformazioni del capitalismo e del socialismo dopo la guerra
mondiale),   approfondirà   e   sottoporrà   a   parziale   revisione   la
propria   interpretazione,   prendendo   atto   del   consolidamento
dell'economia   sovietica   (che   smentiva   tutte   le   previsioni   fatte
negli   anni   '20   dai   critici   liberal­borghesi   come   dai   teorici
socialdemocratici), Kautsky continuerà a dichiararsi convinto «sia
dell'inevitabilità che della utilità del crollo del bolscevismo»41.

2. Metamorfosi delVaustrornarxismo

La   traiettoria   delle   riflessioni   baueriane   nel   periodo   imme­


diatamente successivo alla guerra e alla rivoluzione d'Ottobre può
40
0.   BAUER,  Kapitalismus   und   Sozicdismus   nach   dem   Weltkrieg,   voi.  I:  Ratio­
nalisierung­Fehlrationalisierung,  Wien  1931,  ora   in  ID.,  Werkausgabe  cit.,   voi.
Ili, pp. 721 ss.
41
M.L. SALVADORI, Kautsky cit., p. 287.
42
Per   un   inquadramento   culturale   dell'austro­marxismo   si   veda   il   saggio
di  G.  NENNING  nell'Indexband  del  reprint del (Griinberg) «Archiv  fur  die  Geschi­
chte   des   Socialismus   und   der   Arbeiterbewegung»,   Graz  1973.  Su   Vienna   cfr.
ora CE. SCHORSKE, Fin­de­siècle Vienna. Politics and Culture, London 1980.
189 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

essere   schematicamente   assunta   sotto   una   duplice   ottica:   dal


punto di vista politico essa rappresenta una notevole innovazione
rispetto   alle   posizioni   precedenti   del   partito   austriaco   (e   dello
stesso gruppo austromarxista), in quanto presa d'atto, nell'ambito
della socialdemocrazia europea, di un passaggio di fase da cui si
sono   prodotte   condizioni   interne  e  internazionali   assolutamente
nuove   che   rendono   irrimediabilmente   obsolete   le   vecchie
piattaforme programmatiche e strutture organizzative; dal punto
di   vista   teorico   si   configura   invece   come   valorizzazione   di   un
patrimonio culturale e, soprattutto, di un metodo di lavoro che il
milieu  austromarxista era venuto delineando sin dai primi anni
del   secolo,   a   contatto   con   lo   straordinario   clima   culturale   della
"grande Vienna" 42.

Se  sul   piano   delle   opzioni   politico­organizzative   l'austro­


marxismo   anteguerra   appare   sostanzialmente   schierato   con
Kautsky (in sintonia, del resto, con il sapiente pragmatismo con
cui   Victor   Adler   aveva   orchestrato,   a   partire   dal   Congresso   di
Hainfeld del  1889,  la composita struttura del partito), sul piano
teorico   esso   si   mostra   invece   più   vicino   a  queir  «utopismo   cri­
ticamente  agile»   in  cui   Siegfried   Marck   avrebbe  più  tardi   indi­
viduato il connotato peculiare del revisionismo bernsteiniano 43.
Bernstein,   com'è   noto,   aveva   aspramente   criticato   l'equipa­
razione   kautskiana   di   teoria   e   movimento,   in   base   alla   quale
l'esistenza  della   socialdemocrazia   finiva   per   essere   l'argomento
principe   a   favore   del   marxismo,   la   sua   autentica   «pietra   ango­
lare»44.   Per   ovviare   ai   rischi   di   giustificazionismo   che   una   tale
concezione recava in sé, Bernstein aveva sottolineato la necessità
di dar mano alla costruzione di una «marxistica»  {Marxisti!^  45,
intendendo con questo termine (che egli mutuava da Dùhring e
Hòchberg)   un   complesso   teorico   contrassegnato   da   una
scientificità   rigorosa   e   da   una   costante   verifica   delle   proprie
proposizioni  descrittive  e  predittivo­prescrittive  in  rapporto   agli
sviluppi   conoscitivi   delle   diverse   discipline   storico­sociali:   la
marxistica,   in   breve,   avrebbe   dovuto   porsi   come   antidoto   alle
tendenze apologetiche da cui era ormai irreversibilmente affetto il
"marxismo" nella sua accezione kautskiana. Nel momento in cui il
gruppo austromarxista, che nel  1903  si era raccolto attorno allo
Zukunft­Verein   (embrione   di   quella   che   più   tardi   sarebbe
diventata  la  vasta  e capillare struttura   pedagogica  della  social­
democrazia   austriaca),   decide   di   organizzare   il   proprio   lavoro
43
Cfr.   S.  MARCK,  PhiloSophie  des   Revisionismus,   in  ID.,  Grundsàtzliches   zum
Tageskampf. Festgabe fiir Eduard Bernstein, Breslau 1925, p. 26.
44
E.  BERNSTEIN,  Polemisches   ilber   Polemik,  in   «Sozialistische   Monatsgefte»,
VI,   voi.   I,   1902,   p.   364;   si   veda   anche  ID.,  Der   Marx­Cultus   und   das   Recht   der
Revision. Ein Epilog, ivi, VII, voi. I, 1903, pp. 255 ss.
45
ID.,  Dokumente   des   Sozialismus,  voi.   V,   Berlin   1905,   p.   418.   Inoltre   cfr.   K.
HÒCHBERG,  Der   Sozialismus   und   die   Wissenschaft,   in   «Die   Zukunft»,   I,   1877,   p.
4; F. MEHRING, Zwanzìg Jahre, in «Die Neue Zeit», XXI, voi. I, 1902­903, p. 2.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 190

attraverso organi teorici autonomi ­ fondando nel 1904 le "Marx­
Studien"   e   nel  1907  "Der   Kampf"   ­,   esso   intende   con   tale
operazione distinguersi nettamente dall'impostazione kautskiana
del nesso teoria­movimento, assumendo come base di partenza il
postulato   "revisionista"   della   non­identità   di   marxismo   e
socialismo. Sarà Bauer stesso, in quel denso e commosso bilancio
dell'esperienza   politico­culturale   delTaustromarxismo   che   è
rappresentato   dal   necrologio   di   Max   Adler,   a   indicare   nella
Bernstein­Debatte  il   fattore   propulsivo   che   dette   avvio   alla   for­
mazione della «giovane scuola marxiana di Vienna», la quale ­da
Max Adler a Gustav Eckstein, da Rudolf Hilferding a Karl Renner
­ «si trovava più vicina ai filoni culturali del tempo di quanto non
lo   fosse   la   precedente   generazione   marxista   dei   Kautsky,   dei
Mehring, dei Lafargue e dei Plechanov» 46.

La   prefazione   al   primo   volume   delle   "Marx­Studien"   (in   cui


vedono   la   luce   tre   scritti   di   fondamentale   importanza   come   la
critica   di   Hilferding   a   Bòhm­Bawerk,  Die   soziale   Funktion   der
Rechtsinstitute  di   Renner   e  Kausalitàt   und   Teleologie  di   Max
Adler)   presenta   programmaticamente   lo   sviluppo   del   marxismo
come   «collegamento   consapevole   dei   risultati   e   dei   metodi   di
pensiero marxisti con il complesso della vita spirituale moderna,
cioè con il contenuto del lavoro filosofico e sociologico del nostro
tempo»47. Fra le righe dell'impostazione delle "Marx­Studien" era
dunque possibile leggere una stretta correlazione tra il dibattito
sul revisionismo e i temi del Metho­denstreit. Conrad Schmidt, nel
recensire   il   volume   sull'"Archiv   fur   Sozialwissenschaft   und
Sozialpolitik",   non   aveva   mancato   di   cogliere   questo   aspetto,   e
aveva anzi sottolineato la «convergenza» tra la problematica della
nuova rivista e quella di Max Weber48.
L'esigenza di fare reagire i risultati della "disputa sul metodo"
con i punti nevralgici della  Revisionismus­D ebatte  stava, per gli
austromarxisti (e, in particolare, per Max Adler) nel fatto che lo
stallo in cui si era venuta a trovare la discussione marxista era da
ricondurre   a   un   uso   acritico   e   indeterminato   della   nozione   di
"scienza"49. Tale rilievo polemico investiva in primo luogo quello
che,   nell'interpretazione   kautskiana,   figurava   come   il   correlato

46
0.  BAUER,  Max   Adler.   Ein   Beitrag   zur   Geschichte   des   «Austromarxismus»,
in «Der Kampf», IV, Praha 1937, p. 297.
47
«Marx­Studien», voi. I, 1904, pp. VII­VIII.
48
C.  SCHMIDT,  Neuere   Schriften   von   und   ilber   Karl   Marx,   in   «Archiv   fiir
Sozialwissenschaft und Sozialpolitik», voi. XX, 1905, p. 397.
49
Cfr.   al   riguardo   soprattutto   M.  ADLER,  Kausalitàt   und   Teleologie   im   Streite
um   die   Wissenschaft,  in   «Marx­Studien»,   voi.   TV,  Wien   1904   (trad.  it.   Bari  1976,
con introduzione di R. Racinaro).
191 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

naturale   e   imprescindibile   della   scientificità   del   marxismo:   il


concetto di necessità.

Il   rapporto   con   le   questioni   di   metodo   e   di   contenuto   delle


scienze   sociali   fluidifica   gli   schieramenti   interni   al   "marxismo
della II Internazionale", impedendone una classificazione secondo
la drastica quanto mistificante alternativa tra "ortodossia" e "revi­
sionismo". Ne risulta così, anche da questo punto di vista, la fra­
gilità di una categoria come quella di "kautskismo", elaborata da
Matthias   sotto   la   diretta   influenza   del   "marxismo   critico"   kor­
schiano50.   Questa   chiave   interpretativa   tiene   in   troppo   scarso
conto la mobilità e la ricchezza del quadro teorico del marxismo
europeo a partire dai primi anni del secolo, senza avvedersi che
l'esigenza di una scientificità, di una criticità specifiche e di una
riproblematizzazione   del   rapporto   marxismo­filosofia   capaci   di
sottrarsi a quel dilemma non fu posta per la prima volta, al prin­
cipio degli anni '20, dai giovani Lukàcs e Korsch, ma era già alla
base del programma di lavoro di una rivista come "Der Kampf".
L'austromarxismo   si   presenta   come   l'esempio   più   vistoso   di
quei contatti tra indirizzo marxista e grande cultura europea che
si estendono e si intensificano a cavallo tra i due secoli, e in modo
ancora più accentuato dopo la rivoluzione russa del 1905. Come
ha opportunamente fatto notare Eric J. Hobsbawm, prendendo in
esame   il   lato   reciproco   del   rapporto   che   stiamo   considerando,
ossia   l'aspetto   della   diffusione   del   marxismo   nella   cultura
scientifica e accademica,

sulla   rivista   di   Max   Weber   "Archiv   fur   Sozialwissenschaft   und


Sozialpolitik" furono pubblicati solo 4 articoli sull'argomento fra il 1900 e il
1904, ma 15 fra il 1905 e il 1908, mentre in Germania il numero delle tesi di
dottorato sul socialismo, sulla classe.operaia e su argomenti analoghi passò da
2 o 3 negli anni '90, a una media di 4 fra il 1900 e il 1905, di 10,2 nel periodo
1905­909 e di 19,7 nel 1909­12 51.

Il   collegamento   instaurato   dall'austromarxismo   tra  Metho­


denstreit  e dibattito sul revisionismo tende ­ come si è già accen­
nato   ­   a   investire   in   primo   luogo   la   categoria   di   necessità.   La
profonda revisione cui questo concetto viene sottoposto, e la critica
50
E.   MATTHIAS,  Kautsky   und   der   Kautskyanismus.   Die   Funktion   der   Ideolo­
gie   in   der   deutschen   Sozialdemokratie   vordem   ersten   Weltkriege,   in   «Marxismus­
Studien», 2a serie, Tùbingen 1957, pp. 151­97 (trad. it. Bari 1971).
51
E.J.   HOBSBAWM,  La   cultura   europea   e   il   marxismo   fra   Otto   e   Novecento,
in Storia del marxismo, voi. II, Torino 1979, p. 65.

che di qui viene fatta discendere alla concezione monolineare delle
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 192

"leggi di tendenza storiche", è alla base della reinterpretazione del
problema degli intellettuali e della stessa visione del rapporto tra
forme dello sviluppo capitalistico e ruolo dello Stato.

La sensibilità per questi problemi era profondamente radicata
nel partito austriaco, per il confronto a tutto campo che lo aveva
visto   impegnato   sin   dalla   nascita   con   i   problemi   dello   Stato
asburgico: l'unificazione tra "moderati" e "radicali" sancita dalla
dichiarazione   dei   principi   approvata   a   Hainfeld   aveva   fatto  del
partito   la   prima   organizzazione   capace   di   abbracciare   l'intera
struttura plurinazionale dell'Impero 52. L'assiduo commercio con la
questione  delle  nazionalità   e  l'esistenza   di   un   gruppo   dirigente
formato in massima parte da un'intelligencija ebraica di cultura
mitteleuropea rappresentano, già negli anni '90, i due principali
tratti   distintivi   della   socialdemocrazia   austriaca   rispetto   alla
socialdemocrazia tedesca. Diversi gruppi intellettuali provenienti
dalla media borghesia colta si erano raccolti sin dal 1886 (prima
dello  stesso   Congresso   di   Hainfeld)   attorno   al   settimanale   "Die
Gleichheit" fondato da Victor Adler, e, a partire dal 1895, attorno
alla   "Arbeiter­Zeitung".   Victor   Adler,   medico   di   professione   e
amico   di   Sigmund   Freud   (con   il   quale   si   era   anche   battuto   in
duello da giovane), era un transfuga del liberalismo, al pari degli
altri  leader  carismatici che guidavano i  raggruppamenti  politici
più attivi al volgere del secolo: dal cristiano­sociale Karl Lueger
(che   divenne   celebre   come   borgomastro   di   Vienna)   al
pangermanista   Georg   Ritter   von   Schònerer   al   sionista   Theodor
Herzl. Se la defezione di questi intellettuali è dovuta al fallimento
del   liberalismo   asburgico,   che   si   rivelò   incapace   di   governare   i
problemi   della   crescita   urbana   e   di   rivolgersi   con   efficacia   agli
interessi emergenti da una società industriale che la rivoluzione
tecnologica di fine secolo aveva fatto crescere rapidamente in un
contesto agrario e piccolo­borghese, per converso la forza  che si
dimostrò   capace   di   affrontare,   almeno   per   una   fase,
costruttivamente   i   problemi   lasciati   insoluti   o   addirittura
moltiplicati   e   inaspriti   da   quel   tentativo   abortito,   fu   proprio   la
socialdemocrazia.   La   sua   sensibilità   per   le   problematiche   della
52
  Cfr.   H.  MOMMSEN,  Die   Sozialdemokratie   und   die   Nationalitàtenfrage   im
Habsburgischen Vielvòlkerstaat 1867­1907, Wien 1963.

politica   e   dell'ideologia,   la   sua   capacità   di   abbracciare


organizzativamente   una   realtà   socioculturale   estremamente
diversificata e multiforme (tenendo unito al suo interno un arco
politico   che   andava   dagli   anarchici   ai   monarchici),   la   sua
193 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

aderenza   fin   troppo   responsabile   alle   complesse   esigenze


istituzionali,   giustificano   appieno   l'ironico   appellativo   di   "k.k.
Sozialdemokratie" ­ "socialdemocrazia imperial­regia" o, per usare
la  celebre   espressione   musiliana,   "cacanica"  ­  coniatole  da   Karl
Lueger,   che   fu   uno   dei   suoi   più   abili   e   icastici   avversari.   Ma
spiegano   anche   l'attrattiva   che   essa   era   in   grado   di   esercitare
sugli intellettuali e sullo stesso mondo scientifico e accademico. Le
università   austriache   non   procedettero   pertanto,   come   quelle
tedesche,   «a  una  sistematica   discriminazione»   degli  intellettuali
marxisti53.   È   tutt'altro   che   casuale,   dunque,   il   fatto   che   Cari
Grùnberg   ­   dopo   aver   fondato   nel   1893,   assieme   a   Ludo   M.
Hartmann   e   a   Stefan   Bauer,   una   rivista   che,   con   la   testata
"Vierteljahrschrift   fur   Soziai­   und   Wirt­schaftsgeschichte",
divenne   uno   dei   più   importanti   organi   di   storia   economica   e
sociale dell'area di lingua tedesca ­ desse vita nel 1910, dalla sua
cattedra viennese, all'"Archiv fur die Geschichte des Sozialismus
und   der   Arbeiterbewegung",   aperto   a   teorici   socialisti   di
formazione   intellettuale   non   kautskiana.   Come   strumento   di
politica culturale aperta e flessibile, il "Grùnberg­Archiv" aveva il
suo   corrispettivo   nel   campo   delle   discipline   storico­sociali
accademiche   proprio   nell'"Archiv"   webe­riano,   che   Hobsbawm
definisce   «forse   l'unica   pubblicazione   di   scienze   sociali   tedesca
aperta alla collaborazione di scrittori vicini al socialismo, oppure
influenzati da esso o addirittura portati a identificarsi con esso» 54.

Che la maggiore intensità e ampiezza di rapporti con il "mul­
tiverso" delle nuove competenze intellettuali che contraddistingue
la   socialdemocrazia   austriaca   rispetto   alla   socialdemocrazia
tedesca   non   potesse   alla   lunga   mancare   di   incidere   anche   su
aspetti non secondari delle rispettive visioni teorico­politiche, era
apparso chiaro sin dal dibattito sulla revisione del programma di
Hainfeld,   avviato   in   preparazione   del   Congresso   di   Vienna   del

Cfr. E.J. HOBSBAWM, La cultura europea cit., p. 80. Ibidem.

1901. Era stato proprio Victor Adler, in apertura di dibattito, a
prendere le distanze dalla teoria catastrofica deirimmiserimento
crescente  (Verelendungstheorie),  polemizzando   con   quanti   la
concepivano come "legge bronzea" anziché come "tendenza". Ma, a
fronte   della   tendenza,   andava   per   Adler   messa   in   conto   la
controtendenza costituita dal movimento operaio organizzato che
si oppone con la sua volontà attiva all'oggettività della "legge di
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 194

movimento": la tendenza all'immiserimento incontrerebbe, così, il
proprio   ostacolo   proprio   nella   soggettività   politica   del
proletariato55.

La posizione di Victor Adler ­ che trova riscontro nell'impor­
tante modifica apportata dal congresso al programma di Hainfeld,
sopprimendo   il   passo   sull'"immiserimento   crescente"   ed
emendando   in   modo   sostanziale   quello   relativo   al   concetto   di
"necessità storica"56  ­ si poneva in continuità con l'atteggiamento
duttile  manifestato  due   anni   prima   nella   recensione   ai  Presup­
posti   del   socialismo  di   Bernstein   (e   i   cui   sviluppi   possono,
d'altronde, essere agevolmente percorsi attraverso l'epistolario)57.
Un'analoga   duttilità,   non   scevra   di   elementi   di   diplomazia,
caratterizza l'atteggiamento di Bauer nella delicata fase  di fon­
dazione e di avviamento di "Der Kampf": rivista che si poneva ­
nonostante   tutte   le   sue   assicurazioni   di   complementarità   nel
quadro di una comune ricerca presenti nelle lettere a Kautsky di
questo   periodo58  ­   in   concorrenza   diretta   con   la   "Neue   Zeit".
Tuttavia, malgrado lo "spirito unitario" che Bauer condivideva con
la tradizione del partito austriaco, egli non potè fare a meno di
porre   pubblicamente   sul   tappeto   i   termini   di   un   sostanziale
dissenso allorché Kautsky, nel 1909, espose in termini compiuti la
propria visione della fase e della strategia.

Cfr.   V.  ADLER,  Zur   Revision   des   Programma,  in   «Arbeiter­Zeitung»,   22   set­


55

tembre 1901.
56
Cfr.  Protokoll   ilber   die   Verhandlungen   des   Gesamtparteitages   des   Sozial­
demokratischen   Arbeiterpartei   Osterreichs,   Abgehalten   zu   Wien   vom   2.   bis   6.
November 1901, p. 52; si veda anche p. 101.
57
V.  ADLER,  Bernsteins   Theorie   und   Taktik,  in   «Arbeiter­Zeitung»,   2   aprile
1899. Cfr. inoltre ID., Briefwechsel cit., pp. 267 e 297­98.
58
Cfr. Kautsky­Nachlass, IISG, D.II.476 e 477.
Nel recensire  La via al potere  sulla rivista59, Bauer, pur acco­
gliendo le conclusioni "gradualistiche" dell'analisi kautskiana, ne
respingeva con decisione il presupposto teorico che pretendeva di
fondare la politica del movimento operaio sulla inevitabilità del
radicalizzarsi   degli   interessi   economici   immediati   delle   classi
antagonistiche:

Proprio perché consideriamo giusto il risultato a cui perviene la ricerca
kautskiana   sulla   "via   al   potere",   ci   sembra   pericoloso   appoggiarne   la
195 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

dimostrazione su presupposti errati o assai precari. Noi non crediamo che il
proletariato   diventi   maturo   per   sferrare   la   lotta   decisiva   per   il   potere   solo
quando esso non può più conquistare nessun successo parziale sotto il dominio
borghese. Al contrario!60.

In termini pressoché identici Bauer si sarebbe espresso subito
dopo in una lettera a Kautsky del 26 aprile 1909:

Condivido   in   generale   il   Vostro   punto   di   vista   sul   carattere   dell'epoca


storica, alle cui soglie ci troviamo ... Considero però una parte della Vostra
argomentazione contestabile, o più precisamente: pericolosa. I pragmatici del
nostro   movimento   politico   e   sindacale   hanno   bisogno   della   possibilità,   o
almeno   dell'illusione   della   possibilità,   di   un   successo   immediato   ...   Il
proletariato, per iniziare, appena se ne dia la possibilità, la lotta per obiettivi
generali, non ha bisogno necessariamente di trovarsi in una situazione che non
gli consente più alcun ulteriore successo parziale61.

Al   cospetto   di   queste   affermazioni,   riesce   davvero   difficile


immaginare per quale via alcuni studiosi, pure assai bene infor­
mati, deU'austromarxismo siano arrivati a scorgere nella rifles­
sione baueriana  di  questo  periodo «l'accentuazione del  rovescia­
mento improvviso del capitalismo in socialismo e l'aspettativa del
crollo  capitalistico»  62.   Tutta   la   polemica   di   Bauer   nei   confronti
della   visione   kautskiana   della   "via   al   potere"   si   basa   un
un'argomentazione esattamente inversa, tesa a sottolineare che i
processi   di   concentrazione   capitalistica   non   rispondono   a   mec­
canismi ciechi che semplificano la dinamica strutturale e la stra­
59
O. BAUER, Der Weg zur Macht, in «Der Kampf», II, 1909, pp. 337­44.
60
Ivi, p. 340.
61
Kautsky­Nachlass, IISG, D.II.479.
62
E  la   singolare   posizione   sostenuta   da  N.   LESER,   in  Zwischen   Reformi­
smus   und   Bolschewismus.  Der   Austromarxismus   ah   Theorie   und   Praxis,  Wien
1968, p. 103 (trad. it. parziale, Roma 1979).

tificazione  sociale del capitalismo. Questi processi  di trasforma­


zione sono piuttosto il segno di una novità qualitativa, di nuovi
elementi di coscienza (di intenzionalità politica), di conoscenza (di
"sapere",   di   scienza)   e   di   organizzazione   (di   tecniche)   che
penetrano   nel   meccanismo   dello   sviluppo   inducendovi   compli­
cazioni e dissimmetrie sostanziali e che spezzano la linearità del
vecchio automatismo concorrenziale. Mentre nella precedente fase
del   «capitalismo   individuale»   le   «leggi   della   concorrenza»
operavano come «potenze naturali che sfuggivano al controllo non
solo del singolo o di un'organizzazione, ma dello stesso Stato», ora
esse   devono   passare   «per   le   teste   degli   uomini»:   ogni   evento
storico­sociale   (compresi   gli   accadimenti   economici)   diviene   così
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 196

«un   atto   cosciente   delle   organizzazioni»  63.   «Il   liberismo   di


Manchester   è   morto»,   esclama   Bauer   in   conclusione   del   suo
ragionamento:   «Tutte   le   organizzazioni   economiche   tentano   di
porre  lo  Stato  al   loro   servizio:   non  chiedono  più  che  si   limiti   a
proteggere   la   proprietà,   ma   vogliono   che   esso   intervenga   diret­
tamente   nella   vita   economica»;   anche   lo   Stato,   pertanto,   si   sta
ormai trasformando "in un'organizzazione di questo tipo» 64.

Benché   ponesse   l'accento   quasi   esclusivamente   sulle   nuove


funzioni   economiche   dell'intervento   statale,   l'articolo   di   Bauer
anticipava alcuni dei temi centrali di quella discussione sul "capi­
talismo organizzato" che avrebbe impegnato la socialdemocrazia
tedesca   e   austriaca   intorno   alla   metà   degli   anni   '20.   La   sot­
tolineatura del ruolo dei Wirtschaftsfilhrer e della nuova committenza
tra le grandi organizzazioni industriali e finanziarie e lo Stato  è
sintomatica   di   una   ricerca   destinata   a   procedere   in   rotta   di
collisione con alcuni postulati di fondo del marxismo prevalente
nella   II   Internazionale,   e   in   specie   con   l'idea   dello   sviluppo
capitalistico come effetto di un meccanismo "anarchico" 65.
Ma importante è sottolineare l'esito politico della polemica

63
0. BAUER, Der Weg zur Macht cit., p. 342.
64
Ibidem.
65
Cfr.  O.   BAUER.,  Die   Teuerung.   Eine   Enfuhrung   in   die   Wirtschaftspolitik   der
Sozicddemokratie,  Wien   1910,   ora   in  ID.,  Werkausgabe  cit.,   voi.  I,  pp.   643   ss.   Si
veda   in   proposito   il   saggio   di   E.  ALTVATER,  II   capitalismo   si   organizza:   il   dibat­
tito   marxista   dalla   guerra   mondiale   alla   crisi   del   29,   in  Storia   del   marxismo,  voi.
m/1, Torino 1980, pp. 819 ss.
di Bauer con Kautsky, che chiama direttamente in causa un altro
tema   centrale   dell'austromarxismo   anteguerra:   quello   del
rapporto intellettuali­socialismo. Il senso della critica baueriana
non si afferra se non nel contesto della reimpostazione generale di
quel   tema   che   gli   austromarxisti,   e   in   primo   luogo   Max   Adler,
erano   venuti   operando   proprio   in   questa   fase.   E   dell'anno
successivo, infatti, l'opuscolo di Max Adler  Der Sozialismus und
die   Intellektuellen  66,   in   cui   ­   con   un   ribaltamento   diametrale
dell'economicismo   kautskiano,   che   risolveva   la   questione
dell'intelligencija  scientifica  in  un'analisi  della  proletarizzazione
del ceto intellettuale e dunque in una sociologia dell'espansione
quantitativa dell'organizzazione ­ l'accento fondamentale verteva
sulla   specificità   del   ruolo   politico   dell'intellettuale   in   quanto
"portatore di scienza". Nella stessa direzione si muove la polemica

66
  Wien  1910  (trad. it. in  M. ADLER,  II socialismo e gli intellettuali,  a cura di L.
Paggi, Bari 1974).
197 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

di   Bauer   contro   l'ipostatizzazione   propagandistica   dello   "scopo


finale"  {Endziel)  in   Kautsky.   Di   fronte   alla   complessità   della
nuova   configurazione   organizzata   dell'economia   capitalistica,   la
politica   del   movimento   operaio   non   poteva   più   risolversi   nella
mera   agitazione   e   diffusione   dello  Endziel  socialista   (non
essendovi   più   ­   come   continuava   a   sostenere   Kautsky
­un'indistinta   massa   proletarizzata   e   immiserita   pronta   a   rac­
cogliervisi   attorno),   ma   doveva   piuttosto   rispondere   al   salto   di
qualità compiuto dal potere capitalistico con un salto di qualità
della  propria   organizzazione:  con una  profonda  riconsiderazione
"culturale" dei propri strumenti teorici. Lo stesso Endziel doveva,
pertanto,   essere   disaggregato,   criticamente  ritradotto  in  spettro
metodico   duttile   e   aperto   all'apporto   del   lavoro   intellettuale,
venendo   così   a   configurarsi   come   funzione   di   ridefinizione   dei
ruoli   specifici   dell'intelligencija,   in  un  progetto  di   riunificazione
tendenziale dei segmenti "specialistici" del sapere sociale. Di qui il
significato   eminentemente   politico   della   reimpostazione   del
rapporto   marxismo­filosofia   nella   riflessione   di   Max   Adler   (che
non   esclude   ma   implica   lo   scambio   continuo   con   i   metodi   e   i
risultati   delle   scienze   sociali),   come   pure   della   sottolineatura
baueriana   (ritrovabile   anche   negli   anni   del   dopoguerra)   del
momento   della  revolutionàre   KLeinarbeit,  del   carattere
rivoluzionario del piccolo, minuto lavoro quotidiano:

Non è stata la grande catastrofe geologica a cambiare l'aspetto della terra;
sono le piccole rivoluzioni  all'interno degli atomi,  impercettibili  ed  invisibili
anche   al   microscopio,   che   trasformano   il   mondo   e   creano   l'energia   che   si
scatena   poi   un   giorno,   dando   luogo   ad   una   catastrofe   geologica.   Il   piccolo,
l'impercettibile,   ciò   che   noi   definiamo   lavoro   minuto:   questo   è   l'autentico
lavoro rivoluzionario67.

In   questa   affermazione   dell'importanza   del   "piccolo",   delle


microdislocazioni,   delle   trasformazioni   "impercettibili",   non   è
tanto da rilevare l'eventuale o presunto limite insito nel parallelo
istituito con la fisica ­ ricavandone magari il convincimento di una
continuità senza soluzione di sorta con la tradizione engelsiano­
leniniana68. Ciò che pare invece importante è la sintonia di una
fascia   spesso   trascurata   della   riflessione   baueriana   con
l'atmosfera   culturale   "grande   Vienna":   una   sintonia   perdurante
anche attraverso i bruschi tornanti della guerra, della rivoluzione
e della crisi. Ad essa non è certo estranea neppure quella nozione
di   transizione,   affidata   alla   diffusione   molecolare   di   "elementi"
della nuova società, di cui Bauer parla nel 1918 introducendo il
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 198

volume   di   Gustav   Eckstein,  Der   Marxismus   in   der   Praxis  69.


Vedere il processo di trasformazione della società capitalistica in
società   socialista   non   più   disposto   secondo   i   tempi   di   un
meccanismo   logico­storico   unitario   e   omogeneo,   bensì   come
risultante   di   una   moltiplicazione   e   proliferazione   dei   fattori
endogeni di mutamento dei rapporti di produzione e di potere, se
per   un   verso   implica   sul   piano   teorico   un   grande   sforzo   di
disaggregazione empirico­analitica della previsione morfologica di
Marx  e sul piano politico  un oltrepassamento  della mistificante
alternativa tra "riforme" e "rivoluzione", per l'altro non comporta
affatto un'opzione di tipo evoluzionistico: quasi che il socialismo
sia realizzabile "in dosi omeopatiche" 70.
Ma è proprio intorno a questo passaggio nevralgico dalle pre­
messe metodologiche ed epistemologiche alle conseguenze pratico­
politiche   che   si   produce   una   frattura   all'interno   della  Gei­
stesgemeinschaft austromarxista. E, anche in questo caso, la data
periodizzante,   lo   spartiacque   che   spinge   i   diversi   esponenti   del
67
0.  BAUER,  Revolutiondre   KLeinarbeìt,  Wien   1928,   p.   10,   ora   in  ID.,  Werkau­
sgabe cit., voi. Ili, p. 588.
68
Cfr. N. LESER, Zwischen Reformismus cit., pp. 105 ss.
69
H.   WEBER  [O.   BAUER],  Prefazione  a  G.   ECKSTEIN,  Der   Marxismus   in   der
Praxis, Wien 1918, p. 25.
gruppo   a   scelte   radicali   e   a   prese   di   posizione   chiarificatrici,   è
rappresentato dalla guerra.

3. Alle origini del "modello consociativo": Stato pluriclasse e 
governo di coalizione

Per   una   valutazione   corretta   ed   effettivamente   critica   del


fenomeno   austromarxista   è   indispensabile   sottrarsi   alla   tenta­
zione   di   assumere   separatamente   i   due   aspetti   in   precedenza
sottolineati:   l'aspetto   della   precocità   della   recezione,   all'interno
della «giovane scuola marxiana di Vienna», di quella cultura della
crisi che esprime ad alto livello la complessità di un capitalismo
che   si   trasforma   incorporando   nella   dinamica   dello   sviluppo
elementi   di   "scienza"   e   di   "organizzazione",   e   l'aspetto   più
propriamente   "strutturale",   costituito   dal   processo   di   crisi   e   di
disgregazione dello Stato asburgico, da cui si sprigionano le forze
centrifughe delle nazionalità.
199 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

È Bauer stesso, d'altronde, a suggerire questa chiave di lettura
della «storia dell'austromarxismo» nel già ricordato necrologio di
Max   Adler   del   '37.   In   primo   luogo,   egli   tende   a   sottolineare   il
carattere   eminentemente   politico   del   lavoro   di   ricomposizione
filosofica   svolto   dal   gruppo   austromarxista,   e   in   particolare   da
Max Adler, nei primi anni del secolo: a differenza  di una larga
fascia di intellettuali e dirigenti socialisti ­ da Conrad Schmidt a
Staudinger, da Vorlànder a Kurt Eisner, fino allo stesso Bernstein
­ Adler si oppose fermamente a ogni appiattimento pragmatico ed
evoluzionistico della politica del movimento operaio: «non accolse
il neokantismo per combinarlo ecletticamente, come i revisionisti,
con   il  marxismo,  bensì   per  difendere,   proprio   con   gli  strumenti
della   critica   kantiana   della   conoscenza,   la   scienza   sociale
marxista   da   ogni   annacquamento   revisionistico,   separandola
nettamente da qualsivoglia fondazione etica del socialismo»71. In
secondo   luogo,   Bauer   individua   però   il   momento   della   cesura
politica vera e propria nel periodo della guerra e della rivoluzione:
«la guerra e la rivoluzione avrebbero ... più tardi frantumato la
71
 O. BAUER, Max Adler cit., p. 299.
comunità   spirituale  (Geistesgemeinschaft)  della   scuola
"austromarxista"   di   allora:   nel   periodo   1914­18   Renner   e
Hilferding imboccheranno vie diverse da quella di Max Adler» 72.
Se, dunque, già nel primo decennio del secolo l'austromarxismo si
configura   come   un   complesso   teorico   e   analitico   irriducibile   a
mera   variante   di   quello   che   impropriamente   è   stato   chiamato
"kautskismo" ­delineando un ricco e articolato contesto culturale
che, per essere colto nella sua originalità richiede un'analisi non
schematica   del   cosiddetto   «marxismo   della   II   Internazionale»,
capace   di   dissolvere   la   maggior   parte   dei   pregiudizi   politici   e
storiografici   tradizionali   e   aperta   alla   comprensione   delle   sue
interne   multiformità   e   diversificazioni   regionali73  ­,   è   solo   a
partire dal '14 che esso viene ad assumere una precisa fisionomia
politica:   nel   momento   in   cui   deve   misurarsi   con   gli   scottanti
problemi posti alla socialdemocrazia europea dalla teoria e dalla
prassi del leninismo e, all'indomani del crollo dell'Impero, con i
compiti   del   governo   dell'economia   e   della   direzione   dello   Stato.
Non   a   caso   ­   come   ricorda   ancora   Bauer   in   un   articolo   uscito
anonimo nel 192774 ­ è proprio alla vigilia della guerra che, negli
ambienti della borghesia mitteleuropea, s'incomincia a parlare di
«austromarxismo»   come   di   una   pericolosa   tendenza   intermedia
tra la socialdemocrazia riformista e il bolscevismo.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 200

Abbiamo accennato in precedenza   al rapido  processo  di  poli­


ticizzazione che, in questi anni, aveva condotto Bauer a prendere
nettamente le distanze dalla concezione di Renner, fiduciosa nella
praticabilità   di   una   riforma   istituzionale   che   mantenesse   le
nazionalità entro la cornice dello Stato asburgico. In un articolo
apparso su "Der Kampf" nel gennaio 1918, in concomitanza con la
grande   ondata   di   scioperi   per   la   cessazione   immediata   del
conflitto, Bauer si schierava a sostegno della rivendicazione del
72
Ivi, p. 297.
73
È   l'esigenza   ripetutamente   avanzata   (e   operativamente   applicata)   da
Georges   Haupt   nelle   sue   fondamentali   ricerche.   Si   veda,   solo   come   esempio,
La II Internazionale, Firenze 1973.
74
Austromarxismus,  in   «Arbeiter­Zeitung»,   3   novembre   1927,   ora   in   AA.W.,
Austromarxismus,  a   cura   di   H.J.   Sandkuhler   e   R.   De   la   Vega,   Frankfurt   am
Main­Wien 1970, pp. 49­52.
diritto   di   autodecisione   delle   nazioni.   L'attacco   al   programma
renneriano   di   "autonomia   regionale",   bollato   come   espressione
emblematica di una «concezione riformista» che «ha scisso tanto
l'internazionale   mondiale,   quanto   anche   il   partito   nel   suo
insieme»75,   costituiva   indubbiamente   un   fatto   politico
d'importanza   decisiva.   È   possibile   tuttavia   rintracciare   le
premesse   teoriche  di questo significativo esito  nello  stesso libro
del 1907 sulla questione delle nazionalità.

La   teoria,   contenuta   in   questo   libro,   della   nazione   come


"comunità   di   destino",   complesso   di   qualità   storico­culturali   in
trasformazione non inseribili in una relazione di continuità con lo
Stato (allo stesso modo in cui la volontà collettiva concreta non
può   venire   identificata   con   la   volontà   politica   astratta),   pre­
sentava ­ al di là della soluzione politica convergente ­ delle dif­
ferenze   sostanziali  dalla  concezione  di  Renner,   che  faceva  della
nazione, intesa come soggetto giuridico, una componente in tutto
e per tutto organica della compagine pluralistica dello Stato. La
convergenza nella soluzione pratica allora prospettata per il pro­
blema delle nazionalità ha contribuito in misura determinante a
distogliere   l'attenzione   dall'accentuata   distanza   dei   rispettivi
percorsi teorici. Mentre Renner, attraverso la critica a quella che
egli chiamava «concezione atomistico­centralistica», era pervenuto
a   un'idea   organicistica   di   Stato   come   unità   dinamica   del
pluralismo delle nazioni76, Bauer aveva optato per un approccio
genetico,   che   lo   aveva   portato   a   ricondurre   il   fenomeno   della
nazione al carattere complesso delle lotte di classe che attraver­
201 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

sano   lo   sviluppo   della   formazione   sociale:   di   qui   la   sua   teoria


dell'odio   nazionale   come   «odio   di   classe   trasformato»   e   la   sua
celebre descrizione del «risveglio delle nazioni senza storia»77.
Un altro elemento discriminante della teoria delle naziona

75
O.   BAUER,  Die   Voraussetzungen   der   Internationale,   in   «Der   Kampf»,  XI,
1918, p. 9.
76 per  gjj   sviluppi   della   concezione   di   Renner   da   Staat   und   Naion  (Wien
1899)  alla   guerra   si   veda  A.   AGNELLI,  Questione   nazionale   e   socialismo,   Bolo­
gna 1969, pp. 50 ss.
77
0.   BAUER,  Die   Nationalìtàtenfrage  cit.,   pp.  215  ss.,   ora   in  ID.,  Werkausgabe
cit., voi. I, pp. 270 ss.

lità   di   Bauer   rispetto   a   quella   renneriana,   è   costituito   dalla


stretta interrelazione tra epoca del capitalismo organizzato, con­
notata   da   un   accelerato   processo   di   cartellizzazione   e   tristiz­
zazione, e mutamento di funzione del principio di nazionalità che,
abbandonato   dalla   borghesia,   diventa   uno   degli   obiettivi   e   dei
terreni di lotta privilegiati della classe operaia. Si comprende così
il motivo per cui Lenin in un primo tempo prenderà le difese di
Bauer ­  e,  con  lui,  di Eckstein e Pannekoek ­  contro  le  critiche
della   Luxemburg78.   Malgrado   le  distorsioni   "neoar­monicistiche"
del pensiero di Marx ­ che verranno più tardi imputate alla sua
interpretazione   degli   schemi   di   riproduzione,   nel   corso   del
dibattito sull'imperialismo e l'accumulazione del capitale79 ­ Bauer
aveva   infatti   impostato,   indipendentemente   da   Hobson,   una
traccia di analisi che sarebbe stata ripresa  e portata avanti tre
anni dopo da Hilferding nel Capitale finanziario 80. A prescindere
dalle   deformazioni   psicologistiche,   severamente   denunciate   da
Lenin nel suo scritto  Sul diritto di autodecisione delle nazioni  81,
la   ricerca   baueriana   aveva   saputo   delineare,   già   prima   della
guerra,   una   chiave  di   lettura   non  piattamente  economicistica   e
non   angustamente   classista   delle   lotte   di   liberazione   nazionali
antimperialistiche, che avrebbero nei decenni successivi segnato
l'intero   sviluppo   della   storia   mondiale   e   profondamente
condizionato il riassetto delle relazioni internazionali. Per cui, nel
presentare   nel   1924   la   seconda   edizione   del   suo   libro,   Bauer
poteva   legittimamente   affermare:   «Sul   programma   politico   di
soluzione del problema delle nazionalità austro­ungariche, che io
ho   propugnato   nel   1907,   è   passata   sopra   la   storia.   Ma   la   mia
78
Cfr.  A.   KOGAN,  The   Social   Democrats   and   the   Conflicts   of   Nationalities   in
the Habsburg Monarchy, in «Journal of the Modem History», 1949, pp. 210 ss.
79
Particolarmente   dura   la   critica   rivolta   a   Bauer   da   H.  GROSSMANN,  Das
Akkumulations­   und   Zusammenbruchsgesetz   des   kapitalistischen   Systems,   Leip­
zig 1929 (trad. it. Milano 1977).
80
R.  HILFERDING,  Das   Finanzkapital,  in   «Marx­Studien»,   voi.   Ili,   Wien  1910
(trad. it. Milano 1961).
81
Cfr. V. LENIN, Opere scelte, Roma 1965, pp. 487 ss.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 202

esposizione storica della genesi e dello sviluppo delle nazioni non
è stata rettificata dagli avvenimenti e dalle indagini successive,
ma solo confermata»: il «risveglio delle nazioni senza storia», che
egli   aveva   descritto   come   «uno   dei   più   importanti   fenomeni
concomitanti   del   moderno   sviluppo   economico   e   sociale»,   si   era
rivelato   infatti   «una   delle   forze   rivoluzionarie   della   nostra
epoca»82.

Neanche in questa prima fase, dunque, Bauer aveva condiviso
l'entusiasmo per il "mito asburgico" di uno Stato plurinazionale
come   luogo   di   armonica   composizione   dei   conflitti.   Entusiasmo
che   restò   invece   a   lungo   radicato   in   Renner,   il   quale   nel   1918
polemizzava con l'identificazione, istituita da Friedrich Meinecke,
di volontà politica e «volontà di costituire la nazione territoriale» ­
ossia   con   quella   idea   della   volontà   nazionale   come  Wille   zum
Staat,  di   cui   parlerà   più   tardi   Hermann   Heller   ­,   arrivando   a
liquidare il principio di autodecisione delle nazioni come utopia
quarantottesca83.   A   questi   temi,   già   fortemente   marcati   nello
scritto del 1914, Die Nation ah Rechtsidee und die Internationale
84
,   si   accompagnava   l'accentuato   rilievo   conferito   al   tema   dello
Stato   come   istanza   di   "gestione   generale"   della   società
progressivamente   autonomizzata   dagli   interessi   "particolari"   di
classe.   Contro   questa   linea   interpretativa   delle   trasformazioni
prodotte dalla guerra nella struttura e nella funzione dello Stato ­
tema centrale di tutta quella  Kriegsliteratur  che, da Troeltsch a
Plenge,   da   Sombart   a   Scheler,   avrebbe   investito   delle   sue
problematiche   i   grandi   dibattiti   degli   anni   successivi   sulla
democrazia   e   sulla   crisi   del   parlamentarismo   ­   polemizzarono
vivacemente Max Adler e lo stesso Kautsky 85. Quest'ultimo parlò
addirittura   di   «marxismo   di   guerra»86,   riferendosi   alle   tesi
contenute   nel   libro   del   1917,  Marxismus,   Krieg   und
Internationale:  dove Renner, portando alle estreme conseguenze
la   logica   del   suo   discorso,   aveva   affermato   che   la   vera
Selbstbestimmung, l'autodeterminazione che realizza la «massima
autarchia»   e   «unità   armonica»   può   essere   soltanto   quella   dello
82
O.   BAUER,  Die   Nationalitàtenfrage   und   die   Sozicddemokratie,  2a  ed.,   Wien
1924, p. XI, ora in ID., Werkausgabe cit., voi. I, p. 53.
83
Cfr.   J.  DROZ,  L'Europe   centrale.   Evolution   historique   de   l'idée   de   «Mitte­
leuropei», Paris 1960, pp. 182­84.
84
K.  RENNER,  Die   Nation   ah   Rechtsidee   und   die   Internationale,   Wien   1914,
pp. 10­12.
85
Cfr.  ID.,  Zur   Krise   des   Sozialismus,  in   «Der   Kampf»,  LX,  1916,   pp.   87­97;
M.  ADLER,  Proletarische   oder   biirgerliche   Staatsideologie,   ivi,   pp.   129   ss.   Sulla
Kriegsliteratur  si   veda  L.   CANFORA,  Intellettuali   in   Germania   tra   reazione   e   rivo­
luzione, Bari 1979 e ID., Ideologie del classicismo , Torino 1980.
86
K.   KAUTSKY,  Kriegsmarxismus,  in   «Marx­Studien»,   voi.  I,  Wien   1918,   pp.
121   ss.  (e   si   vedano   in   proposito   le   considerazioni   di  R.   RACINARO  nell'intro­
duzione   a   M.  ADLER,  La   concezione   dello   Stato   nel   marxismo,   Bari   1979,   p.
XXXI).
203 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Stato. A fondamento di questa affermazione stava  tuttavia una
chiave interpretativa delle gigantesche trasformazioni del periodo
bellico   (che   Renner   avrebbe   ulteriormente   sviluppato   nel   corso
degli anni '20), per la quale la posta in gioco della lotta di classe
nel   capitalismo   organizzato   si   esprimerebbe   nel   crescente
antagonismo tra  l'economia, che continua a servire  gli  interessi
della classe capitalistica, e lo Stato che, accollandosi sempre più
compiti   di   amministrazione   sociale,   serve   in   modo   sempre   più
predominante il proletariato87.

In Die Nationalitàtenfrage troviamo ­ accanto agli spunti ana­
litici che spiegano la successiva rottura con queste posizioni ­quel
tema del "comune destino" di Òsterreichertum  e Deutsch­tum che
è alla base dell'esito più clamoroso cui Bauer perviene alla fine
della guerra: la proposta di Anschluss della Repubblica austriaca
alla   Germania.   Alla   base   dell'obiettivo   dell'annessione   ­   per   il
quale Bauer si batté strenuamente per tutto il breve ma intenso
periodo in cui tenne il ministero degli Esteri ­ non vi era soltanto
l'illusione di rinverdire il sogno bebeliano di una  Grossdeutsche
Republik democratico­popolare, che superasse la grande divisione
storica   della   nazione   tedesca   tra   Asburgo   e   Hohenzollern.   Vi
erano   anche,   come   è   stato   da   più   parti   già   osservato,   delle
pressanti   ragioni   economiche,   connesse   alla   posizione   di   netta
inferiorità in cui veniva a trovarsi la piccola Austria nel contesto
del   mercato   mondiale:   le   più   importanti   strutture   industriali
dell'Impero si trovavano infatti dislocate al di fuori del territorio
di lingua tedesca, mentre la maggior parte della sua produzione
agricola era fornita dall'Ungheria; inoltre, la giovane Repubblica
si   trovava   a   ereditare   un   enorme   settore   terziario   che   era
cresciuto   a   supporto   di   un   grande   capitale   operante   su   scala
mitteleuropea, e che adesso si presentava pletorico e difficilmente
convertibile88. Ma, a parte le ragioni eco

87
K. RENNER, Marxismus, Krieg und Internationale, Wien 1917, p. 27.
Si  veda al riguardo,  oltre all'ancora  valido  lavoro di C.A.  GULICK,  Austria
88

from   Habsburg   to   Hitler,   2   voli.,   Berkeley­Los   Angeles   1948,   A.D.   Low,   Die
Anschlussbewegung   in   Osterreich   und   Deutschland,   1918­1919,   und   die   Pariser
Friedenskonferenz,  Wien   1975,   e  H.   HAAS,  Otto   Bauer   und   der   Anschluss,   in
Sozialdemokratie   und   «Anschluss»,  a   cura   di  H.  Konrad,   Schriftenreihe   des
Ludwig   Boltzmann­Instituts   fur   Geschichte   der   Arbeiterbewerung,   9,   Wien
1978, pp. 36­44.
nomiche, dietro il progetto  àiAnschluss  di Bauer vi era, a nostro
giudizio,   anche   una   forte   motivazione   politica.   Con   ogni   pro­
89
Cfr. 0. BAUER, Acht Moriate auswàrtiger Politik, Rede, gehalten am 29. Juli
1919,  Wien  1919,  ora in  LD.,  Werkausgabe  cit., voi.  II,  pp.  187  ss. Si veda inol­
tre CA. GULICK, Austria cit., voi. II, pp. 1364 ss.
90
Cfr. S. MILLER, Das Ringen um «die einzige grossdeutsche Republik». Sozial­
demokratie   in   Òsterreich   und  im  Deutschen   Reich  zur   Anschlussfrage   1918/19,
in «Archiv fur Sozialgeschichte», 1971, n. 11, pp. 1­67.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 204

babilità, Bauer sperava di arrivare, attraverso l'annessione, a un
partito   socialdemocratico   unitario   che   riunisse   in   sé   la   grande
tradizione e forza di massa operaia della socialdemocrazia tedesca
con   la   complessa   visione   teorico­politica   dell'"intelligenza
marxista"   austriaca.   Tale   supposizione   sembrerebbe   ricevere
conferma dal fatto che la politica estera perseguita da Bauer con
tenacia   e   vigore   dal   novembre   1918   al   maggio   1919   non   fu
avversata   solo   dall'Intesa,   ma   anche   dal   governo
socialdemocratico   moderato   della   Germania   di   Weimar.
Attraverso i documenti di archivio  è possibile infatti ricostruire
come egli si fosse servito, durante il periodo del suo ministero, di
tutti   i   mezzi   diplomatici   nel   vano   tentativo   di   conquistare   il
governo   tedesco   alla   causa   dell'annessione89.   L'ostilità
manifestata proprio da Scheidemann verso il progetto di Bauer è
sintomatica   di   quanto   forte   fosse   la   diffidenza   politica   della
socialdemocrazia maggioritaria nei confronti di quelli che allora
cominciavano   ad   esser   chiamati   (con   una   precisa   intenzione
polemica)   "austromarxisti"   :   i   quali,   d'altronde,   non   avevano
nascosto,   sin   dagli   anni   della   guerra,   le   loro   simpatie   per   i
socialdemocratici indipendenti (nel gennaio 1918, al I Congresso
dei consigli operai tedeschi, la delegazione austriaca, guidata dal
noto   esponente   della   sinistra   Robert   Danneberg   ­   che   avrebbe
svolto una funzione di grande rilievo nell'amministrazione della
"Vienna rossa" ­, aveva fatto blocco con quella della Uspd); così
come   non   avevano   lesinato   critiche   talvolta   anche   durissime
(come nel caso di Friedrich Adler nella sua autodifesa al processo
e di Max Adler e dello stesso Bauer negli scritti e interventi di
quegli   anni)   ai   "maggioritari"   della   Mspd,   che   presiedevano
appunto   con   Scheidemann   la   coalizione   governativa   da   loro
formata con il partito cattolico del Zentrum e la Demokratische
Partei90.

Qualunque giudizio si voglia dare del progetto di Anschluss,  è
indubbio che il suo fallimento produsse proprio la situazione che
Bauer aveva tentato con la sua politica di scongiurare: un partito
socialdemocratico   costretto   a   gestire   il   drammatico   isolamento
dell'Austria tedesca, aggravato dall'anomalia di una capitale, la
cui pachidermica struttura terziaria si era venuta a trovare priva
del referente dei poli industriali e che purtuttavia continuava a
costituire   un   elemento   condizionante   per   la   pregnanza   della
propria   tradizione   e   per   la   concentrazione   di   un   blocco   operaio
aderente   nella   sua   stragrande   maggioranza   alla   politica   del
205 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

partito  91.   Tutta   la   successiva   esperienza   e   riflessione


dell'austromarxismo   appare   dunque   condizionata  ab   initio  da
questo   limite  oggettivo.   L'esito  della   parabola   comincerà   a   pro­
filarsi proprio nel momento in cui si produrrà una traslazione di
questa   anomalia   dal   terreno   delle   premesse   "strutturali"   al
terreno politico: grazie all'abile tattica del partito cristiano­sociale
guidato   da   Seipel,   la   socialdemocrazia   austriaca   si   troverà   a
gestire   una   città   sempre   più   isolata   dal   resto   del   paese   e
progressivamente accerchiata da un contrattacco conservatore (e
poi apertamente reazionario) che farà leva sui ceti rurali e piccolo­
borghesi.
I   presupposti   della   sconfitta   si   verranno   così   a   costituire,
paradossalmente,   in   rapporto   diretto   ai   successi   dell'ammini­
strazione   socialdemocratica   della   capitale:   proprio   mentre
l'esperienza  di governo della  "Vienna rossa" prendeva  la  forma,
come scrisse Polanyi, di «uno dei più spettacolari trionfi culturali
della storia occidentale»92. Ma, dietro l'isolamento di Vienna e le
sue   tragiche   conseguenze,   non   vi   è   soltanto   il   naufragio   della
politica di  Anschluss.  Non meno determinanti sono infatti, altre
due   concause   di   ordine   strettamente   politico:   il   fallimento   del
piano di socializzazione e la sconfitta dell'ipotesi di riunificazione
del   movimento   operaio   internazionale   lanciata
dall'"Internazionale due e mezzo".
Alla   mitologia   dell'"occasione   mancata"   che   inesorabilmente
riaffiora   (magari   al   di   là   delle   intenzioni)   nella   maggior   parte
delle   critiche   "di   sinistra"   all'austromarxismo   ­   dai   primi   atti
d'accusa   terzinternazionalisti   alle   più   recenti   disamine   storio­
grafiche   di   ispirazione   trockista,   che   hanno   visto   la   causa   ori­
91
Cfr. R. DANNEBERG, Das neue Wien, Wien 1930.
92
K.   POLANYI,  Speenhamland   e   Vienna,  in  ID.,  La   grande   trasformazione
(1944), Torino 1974, p. 359.
ginaria   della   disfatta   subita   nel   '34   dal   movimento   operaio
austriaco neh' « opportunistico rifiuto» della dittatura del prole­
tariato o dell' « alternativa consiliare» da parte di Bauer 93 ­ sem­
bra   sfuggire   completamente   che   la   debolezza   della   socialde­
mocrazia   di   dimostrò   proprio   nei   suoi   rapporti   con   lo   Stato,
nell'inadeguatezza   delle   sue   analisi   della   congiuntura   e,   conse­
guentemente,   degli   strumenti   di   intervento   economico­istitu­
zionali da essa prospettati.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 206

Emblematico   delle   aporie   palesate   su   questo   terreno   dalla


socialdemocrazia austriaca ­ aporie diverse, ma non meno gravi di
quelle della Spd weimariana94 ­ durante un'esperienza di governo
di coalizione che la vide inizialmente avvantaggiata sotto il profilo
dei rapporti di forza quantitativi, è il piano di socializzazione di
Bauer. Pubblicato in opuscolo al principio del '19 con il titolo Der
Weg   zum   Sozialismus  95,   esso   costituì   una   delle   principali
piattaforme di lavoro e di discussione della Commissione statale
per   la   socializzazione   (Staatskommission   fur   Sozialisierung),   di
cui   Bauer   era   presidente.   Il   piano   è   sorretto   da   un'idea   di
socializzazione   intesa   come   redistribuzione   di   ricchezza   ed
espropriazione   regolare   centrata   sul   sistema   tributario.   Simile
concezione aveva il vantaggio di concepire la statalizzazione come
il compimento ­ attraverso un'accelerazione politicamente pilotata
­ di un processo di organizzazione produttiva e riproduttiva già in
atto con la tendenza all'emarginazione dell'imprenditore singolo e
alla sua trasformazione in rentier,  in tal senso essa si distaccava
da   una   vulgata   marxista   che   concepiva   l'economia   capitalistica
come   tout   court   "irrazionale"   e   "anarchica",   e   mostrava   alcuni
punti di contatto con le tesi allora avanzate da un grande esperto
borghese come Joseph A. Schumpeter96 (che in quei mesi sedette a
93
Cfr.,   per   citare   gli   esempi   più   recenti,   R.  LOEW,  The   Politics   of   Austro­
Marxism,  in   «New   Left   Review»,   novembre­dicembre  1979,  n.  118,  e  P.   KULE­
MANN, Am Beispiel des Austromarxismus, Hamburg 1979.
94
Cfr.,  G.E.   RUSCONI,  La   crisi  di   Weimar.  Crisi  di   sistema   e  sconfitta   ope­
raia, Torino 1977.
95
O.  BAUER,  Der   Weg   zum   Sozialismus  cit.   Sulla   prima   fase   della   Soziali­
sierungskommission, si veda il discorso tenuto da Bauer alla  nona seduta della
Costituente,   in  Stenographisches   Protokoll   der  9.  Sitzung   der   Konstituierenden
Nationalversammlung   vom   24.   Aprii   1919,  pp.  208  ss.   Cfr.   al   riguardo   il   sag­
gio di  E. WEISSEL,  L'Intemazionale socialista e il dibattito sulla socializzazione,
in Storia del marxismo, voi. DI/1, cit., pp. 193 ss.

fianco   di   Bauer   come   ministro   delle   finanze   del   governo   di


coalizione). Ma, per un altro verso, tale impostazione non andava
oltre   il   modello   combinatorio   comune   anche   ad   altri   teorici
contemporanei della socializzazione ­ da Korsch allo stesso Max
Adler97  ­,   che   prevedeva   una   reciproca   compensazione   tra
programmazione   dall'alto   e   controllo   dal   basso   da   parte   dei
consigli   dei   produttori   e   dei   rappresentanti   dei   consumatori.   Il
grave limite di questo modello stava nella sua pressoché assoluta
inefficacia   pratica.   In   termini   operativi,   infatti,   esso   finiva   per
risolversi   nella   proposta   di   commissioni   miste   deputate   alla
rappresentanza di tutti gli interessi ­ da quelli generali (aventi a
loro organo lo Stato con i suoi istituti rappresentativi), a quelli
207 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

degli operai e impiegati d'azienda (rappresentati dai sindacati), a
quelli   dei   consumatori   (rappresentati   dalle   cooperative   di
consumo)   ­,   senza   affrontare   di   petto   la   questione   principale:
quella   relativa   ai   finanziamenti   dei   progetti   di   esproprio
dell'industria e di municipalizzazione dell'edilizia98.

Questo   limite   ­   questo   deficit   operativo   ­   del   progetto   fu


polemicamente   rilevato   da   Schumpeter 99,   che   accusò   i   social­
democratici di eccessiva timidezza e di mancanza di radicalità per
non   riuscire   ad   affrontare   il   problema   della   socializzazione   in
termini   di   razionalità­funzionalità   tecnica   e   per   volere   a   ogni
costo   introdurre   nel   discorso   sulla   democrazia   «contenuti   di
valore». Lo stesso Bauer, alcuni anni dopo, nel fornire un bilancio
retrospettivo di questa esperienza, dovrà ammettere che persino
esperti borghesi della Staatskommission fiir Sozialisierung, come
Grùnberg   e   Schwiedland,   «non   di   rado   criticavano   la
96
Si   rimanda   in   proposito   a   G.  MARRAMAO,  Il   politico   e   le   trasformazioni
cit., pp. 23 ss.
97
Cfr.   M.  ADLER,  Demokratie   und   Ràtesystem,  Wien  1919  (trad.   it.   Bari
1970);  K.  KORSCH,  Schriften  zur  Sozialisierung  1919­1920,  Frankfurt am Main­
Wien 1968.
98
Cfr.  Der Weg zum Sozialismus,  cit., pp.  18  ss. Inoltre K.  LEICHTER,  Erfah­
rungen   des   òsterreichischen   Sozicdisierungsversuchs,  in  Der   lehendige   Marxi­
smus.   Festgabe   zum   70.   Geburtstage   von   Karl   Kautsky,  a   cura   di   O.   Jenssen,
Jena 1924, pp. 195 ss.
99
Cfr. J.  SCHUMPETER,  Sozialistische Mòglichkeiten von beute,  in «Archiv fur
Sozialwissenschaft   und   Sozialpolitik»,   voi.  XLVIII,  1920­21,  pp.  305  ss.,   ora
in ID., Aufsàtze zur òkonomischen Theorie, Tùbingen 1952, pp. 455 ss.

socialdemocrazia   perché   affrontava   i   grandi   compiti   in   modo


troppo   esitante»  10°.   Gli   effetti   pratici   di   questa   impostazione
inadeguata non tardarono a farsi sentire: la socialdemocrazia non
riuscì a far passare la linea di nazionalizzazione né per rAlpine­
Montangesellschaft, la maggiore impresa mineraria austriaca, né
per   l'industria   carbonifera   ed   edilizia,   mentre   la   legge
sull'espropriazione   delle   imprese   del  30  maggio  1919  restava
lettera morta.

Con   l'uscita   dei   socialdemocratici   dalla   coalizione,   il   pro­


gramma   di   socializzazione   finì   per   ripiegare   sull'esemplarità
dell'amministrazione   viennese,   concentrandosi   sul   settore   dei
servizi   e   sulle   istituzioni   di   immediato   interesse   operaio.   Ma
questo ritiro delle trincee di lotta dalle istituzioni centrali dello

100
O,  BAUER,  Die  òsterreichische   Revolution,  Wien   1923,  p.  166,   ora  in  ID.,
Werkausgabe cit., voi. II, pp. 489 ss.
101
I.   SCHUMPETER,  Sozialistische   Mòglichkeiten  cit.,   p.   356   (e   si   veda   al
riguardo R. RACINARO, Introduzione  a H. KELSEN, Socialismo e Stato, Bari 1978,
pp. XCIII ss.).
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 208

Stato   alla   municipalità   della   capitale   non   può   essere   visto   sol­
tanto come il frutto spontaneo di una necessità oggettiva: esso è
anche   il   risultato   di   una   scelta.   Subito   dopo   il   fallimento   della
coalizione   Schumpeter   aveva   individuato   nel   superamento   gra­
duale dell'anomalia costituita dal "problema Vienna", attraverso
un   progressivo   decentramento   delle   strutture   finanziarie   e   ter­
ziarie volto a livellare la vistosa sproporzione rispetto al resto del
paese,   «il   compito   della   politica   austriaca,   il   solo   che   [andasse]
preso   seriamente   e   dinanzi   al   quale   ...   ogni   altro   compito
passa[va]   completamente   in   secondo   piano»  101.   L'opzione   della
socialdemocrazia austriaca sarebbe andata in senso esattamente
inverso   a   questa   realistica   e   lungimirante   indicazione,
proponendosi di assumere Vienna a modello ed emblema di quella
nuova   qualità   del   lavoro   e   dei   rapporti   sociali   auspicata   nelle
linee   programmatiche   del   "piano   di   socializzazione"   di   Bauer.
Scegliendo  di  esaltare  l'isolamento  e  la  distanza   culturale  della
capitale   ­   grazie   anche   alla   larga   autonomia   conferita   al   suo
Landrat dalla Costituzione del 1920 (alla cui redazione contribuì
in   misura   rilevante   Hans   Kelsen)   ­   la   politica   austro­marxista
sarebbe   incorsa   nel   paradosso   di   gestire   anacronisticamente   la
perdita   d'identità   di   Vienna   mediante   la   sua   trasformazione   in
grande   macchina   filantropica   e   pedagogica.   Una   macchina
certamente   suggestiva   nelle   sue   forme   esteriori,   ma   in   realtà
funzionale alla salvaguardia e alla legittimazione di un'economia
capitalistica essenzialmente statica102.

4. Dalla «grande Vienna» alla «Vienna rossa»

Il contesto sopra delineato e la contemporanea parabola dell' «
Internazionale  due e  mezzo»   103  dovrebbero  costituire i  punti  di
102
Si   veda   al   riguardo   C.A.  GULICK,  Austria  cit.,   pp.   407   ss.,   nonché   i   con­
tributi   sulla   «Vienna   rossa»   di   M.  TAFURI,  Austro­marxismo   e   città.   Das   rote
Wien,  in   «Contropiano»,   1971,   n.   2,   e   soprattutto,  «Das   rote   Wien».   Politica   e
forma della resistenza nella Vienna socialista 1919­1933,  in  Vienna rossa,  Milano
1980.
103 per  ja  trattazione   di   questo   tema   rimando   a  G.   MARRAMAO,  Austro­
marxismo cit., pp. 58 ss.
104
Un   acuto   ed   equilibrato   bilancio   della   nuova   recezione   dell'austro­marxi­
smo   si   trova   in   una   conferenza   tenuta   da   Franz   Marek   poco   prima   della   sua
morte,   e   adesso   stampata,   con   il   titolo  Renaissance   des   Austromarxismus,  in
«Der Kreidekreis», Bozen 1979­80, pp. 2­8.
105
K.  NOVY,  «Sozialisierung   von   unten»   ­   Uberlegungen   zur   vergessenen
Gemeinwirtschaftsbewegung   im   «Roten   Wien»   1918   bis   1934,  Aachen   1978;   P.
GORSEN,  Zur   Dialektik   des   Funktionalismus   beute.   Das   Beispiel   des   kommuna­
len Wohmingsbau im Wien der zwanziger Jahre,  in  J. HABERMAS  (a cura di),  Sti­
chworte zur «Geistigen Situation der Zeit», 2 voli., Frankfurt am Main 1979,
^vol. II: Politik und Kultur, pp. 688­705.
209 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

riferimento fondamentali per ogni analisi che intenda sottrarsi al
rischio   opposto,   ma   speculare,   a   quello   in   cui   incorrono   le
liquidazioni   pregiudiziali   della   teoria   e   della   prassi
dell'austromarxismo   come   piatto   "riformismo"   camuffato   da
"rivoluzionarismo verbale" e da una raffinata quanto mistificante
attrezzatura culturale: il rischio, intendo, di una sua apologetica
riscoperta   e   riattualizzazione104.   Questa   avvertenza   critica   ci   è
suggerita,   tra   gli   altri,   dai   recenti,   e   peraltro   assai   ben
documentati, contributi di Klaus Novy e di Peter Gorsen, dedicati
rispettivamente alla politica sociale e allo sfondo culturale della
politica edilizia della "Vienna rossa"   105. Entrambi questi autori,
dal giusto rilievo dell'originalità di questa esperienza, tendono a
trascorrere a una sua astorica riproposizione come modello ancora
attuale,   o   addirittura   anticipatore   di   esperienze   politiche   e
amministrative dei giorni nostri106. Per Gorsen anche la politica
edilizia della "Vienna rossa" esprimerebbe quell'opzione a favore
di   una   «terza   via»   in   cui   consisterebbe   l'odierna   attualità   e
ricchezza d'insegnamenti dell'austromarxismo: una sorta di terza
via  architettonica  tra  modernismo e  tradizionalismo,  monotonia
ed   espressività,   Neue   Sach­lichkeit   e   ornamentalismo107.   La
soluzione   architettonica   prevalsa   nella   "Vienna   rossa"   avrebbe,
rispetto   all'avanguardismo   funzionalista   dei   Le   Corbusier,   dei
Gropius e del Deutscher Werkbund e rispetto all'essenzialità da
Loos astrattamente attribuita alla mentalità del "ceto medio", il
vantaggio di adattarsi alla reale contraddittorietà delle forme di
coscienza   investite   dai   processi   di   modernizzazione   e   alla
complessità  che caratterizza  le  forme  di  socializzazione operaie,
colte nel loro rapporto con le radici comunitarie del  Mittelstand.
Nel suo eclettismo e nella sua incoerenza, essa rifletterebbe così
quella "sincronia dell'asincronico" su cui tanto avrebbero insistito
Bloch   e   Kracauer108.   Espressione   della   compresenza
contraddittoria   di   vecchio   e   nuovo,   nostalgia   comunitaria
dell'ornamento   e   desiderio   di   innovazione   e   di   semplicità,
l'architettura   della   "Vienna   rossa"   ­   misconosciuta,   non   a   caso,
tanto   dai   critici   borghesi   che   da   quelli   sovieto­marxisti   ­   si
presenterebbe, a giudizio di Gorsen, più realistica, più concreta,
più   aderente   al   tempo   storico   della   «coscienza   di   classe»,   e,   in
definitiva,   «più   umana»   del   razionalismo   funzionalista   che,
secondo   un   classico   meccanismo   di   rimozione,   presuppone
astrattamente   l'avvenuto   superamento   delle   forme   di
socializzazione e di vita «preindustriali» 109.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 210

Fin qui Gorsen. Non vi è dubbio che si tratti di un'interpre­
tazione   suggestiva:   di   una   chiave   di   lettura   idonea   a   catturare
importanti, e spesso trascurati, punti di intersezione tra i diversi
livelli d'intervento della politica austromarxista. A ben guardare,
106
Cfr.   K.  NOVY,  Volkswohnpalàste   im   roten   Wien,  in   «Stadt­Revue   Kòln»,
1977, n. 10, p. 38.
107
Cfr. P. GORSEN, Zur Dialektik cit., p. 690.
108
E. BLOCH,  Erbschaft dieser Zeit,  Zùrich  1935,  ora in  ID.,  Gesamtausgabe,
voi.  IV,  Frankfurt am Main  1962;  S.  KRACAUER,  Die Angestellten  (1929),  in  ID.,
Schriften, voi. I, Frankfurt am Main 1971 (trad. it. Torino 1980).
109
P. GORSEN, Zur Dialektik cit., pp. 701­2.
tuttavia,   questo   approccio   riproduce,   entro   un   ambito   di
considerazione specifico, una vistosa aporia riscontrabile anche in
altre   ricostruzioni   eccessivamente   ripropositive   e   "sintetiche"
dell'esperimento viennese: oltre a passare sotto silenzio una cir­
costanza che da sola potrebbe invalidarla ­ ossia le notevoli dif­
ficoltà che la politica socialdemocratica austriaca incontrò proprio
con   il   "ceto   medio"   ­,   questa   ipotesi   finisce   per   fornire   una
motivazione   debole   della   sconfitta,   per   ricondurla,   cioè,   o   a
insormontabili   ostacoli   oggettivi   o   a   "errori"   squisitamente   sog­
gettivi. Parlare di "terza via" a proposito dell'austromarxismo nel
periodo  fra  le due  guerre  può avere,  pertanto,  un  senso solo in
quanto si voglia riportare alla luce un patrimonio di riflessioni e
di politiche lasciato in ombra dalle due tradizioni maggioritarie
del movimento operaio: sotto questo profilo, il ritardo con cui si è
iniziato a studiare l'austromarxismo fuori dei pregiudizi è senza
dubbio una spia della permanenza di cospicue zone di opacità sia
in   campo   comunista   (o   post­comunista)   che   in   campo
socialdemocratico.   L'uso   dell'espressione   non   può,   tuttavia,   non
essere al tempo stesso condizionato dal riferimento a un tentativo
storicamente   esperito   e   sfociato   in   un   esito   tragicamente
fallimentare: esso può dunque legittimamente rinviare solo a un
groviglio   di   problemi   drammaticamente   aperti   ­   non   certo   a
presunte "soluzioni". Ed è proprio nella sua contraddittorietà che
ha un senso oggi assumere a oggetto di studio la complessa rete di
interdipendenze, la fitta ragnatela di rimandi reciproci che collega
gli   sviluppi   della   teoria   politica   dell'austromarxismo   alle
trasformazioni   dell'ambiente   culturale   nel   passaggio   dalla
"grande Vienna" alla "Vienna rossa".

Il  dibattito austromarxista degli anni '20 non volge  le spalle


alla cultura della "grande Vienna", ma intreccia con essa un dia­

110
  Die   Auflósung   des   Austromarxismus,  in   «Unter   dem   Banner   des   Marxi­
smus», I, 1925­26, pp. 474­557; II, 1928, pp. 76­83.
211 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

logo serrato i cui sviluppi appaiono particolarmente significativi
proprio nel campo della teoria politica. Contrariamente a quanto
scrisse allora August Thalheimer  no, questo periodo non coincise
affatto   con   la   «dissoluzione   dell'austromarxismo»,   bensì   con   la
fase più intensa della sua riflessione sul problema del rapporto
Stato­democrazia e della sua più estesa influenza all'interno del
movimento operaio europeo.

Non   meno   fallace   di   quella   di   Thalheimer   si   era   rivelata   la


previsione   formulata   nel   1921   da   Karl   Radek   in  Theorie   und
Praxis der 2 1/2  Internazionale.  Nel corso della sua aspra e sfer­
zante   polemica   ­   che   non   gli   aveva   tuttavia   impedito,   diversa­
mente   da   quanto   accadrà   a   successive   prese   di   posizione   di
esponenti   dell'Internazionale   comunista,   di   riconoscere   il   carat­
tere   «non   controrivoluzionario   »   dei   dirigenti  deìì'Arbeitsge­
meinschaft  e   l'autenticità   della   carica   ideale   che   ne   contraddi­
stingueva l'atteggiamento rispetto alla II Internazionale ­, Radek
aveva tentato di spiegare la "variante viennese" con il ricorso al
classico   schema   interpretativo   dell'"aristocrazia   operaia":   Bauer
veniva   pertanto   definito   «un   allievo   di   Kautsky   e,   insieme   a
Rudolf Hilferding, il massimo rappresentante del kautskismo»  H1.
Ma, proprio nel momento in cui segnalava il punto, a suo modo di
vedere,   "più   debole"   della   posizione   austro­marxista   nella
mancata opzione per una propaganda improntata al concetto di
«inevitabilità   della   lotta   rivoluzionaria»  112,   egli   esibiva
involontariamente   quell'aspetto   aporetico   della   visione
terzinternazionalista del processo rivoluzionario ­ la previsione di
un rapido precipitare della tendenza alla crisi capitalistica e di un
necessario, quasi automatico, passaggio delle lotte proletarie dalle
rivendicazioni parziali allo scontro generalizzato ­ che viziava alla
base la sua concezione del "fronte unico" (riscontrabile soprattutto
nelle tesi sulla tattica approvate dal IV Congresso il 5 dicembre
1922)113.
Muovendo da una prognosi esattamente inversa ­ che scorgeva
nella crisi i profili di un nuovo assetto economico e di potere della
società   capitalistica   ­   Bauer   aveva   avviato,   nella   fase
immediatamente   successiva   al   fallimento   della   coalizione   e   al
ribaltamento dei rapporti di forza nelle elezioni del 1920 (in cui il
partito cristiano­sociale era passato al primo posto con 82 seggi,
contro   i   66   dei   socialdemocratici),   una   problematizzazione
complessiva delle sua analisi della "rivoluzione austriaca".

111
K. RADEK, Theorie und Praxis cit., p. 4.
112
Ivi, p. 46.
113
Tesi   del   IV   Congresso   sulla   tattica   del   Comintern   (5   dicembre   1922),  in
A. AGOSTI,  La  Terza Internazionale. Storia documentaria,  Roma 1979;  voi. I, 2,
Roma 1974, in specie p. 644.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 212

La correzione principale investiva la teoria dei «fattori sociali
di potere» delineata in  Boscevismo o socialdemocrazia?  114.  Abbiamo già
accennato   in   precedenza   come   in   quest'opera   Bauer   avesse
abbozzato ­ sia pure in modo ancora vago e impreciso ­ una traccia
di elaborazione politica intermedia tra Tipo­stasi kautskiana della
democrazia e il "modello soviettista" di Lenin. La conclusione cui
egli   era   pervenuto   seguendo   questa   traccia   era   solo
apparentemente   affine   a   quella   di   Kautsky.   L'esito
dell'argomentazione   baueriana   era,   infatti,   fortemente
relativizzato   ai   paesi   dell'Europa   occidentale,   e   pertanto   non
stava in contraddizione con l'affermazione della pluralità delle vie
al socialismo cui sarebbe approdato l'anno successivo. L'entità dei
processi di trasformazione attraversati dall'economia capitalistica
nell'Occidente   europeo   escludeva,   per   Bauer,   la   possibilità   di
perseguire con successo una via rivoluzionaria intesa nella forma
della   rottura   violenta:   di   conseguenza,   l'autentica   via
rivoluzionaria   doveva   in   questi   paesi   dimostrarsi   capace   di
pilotare   il   passaggio   a   un   nuovo   ordine   socio­economico   senza
spezzare la continuità del meccanismo produttivo e statale ­ pena
l'avventuristica   esposizione   ai   contraccolpi   reazionari   (come
insegnava   il   tragico   epilogo   delle   Repubbliche   consiliari   di
Ungheria e di Baviera).
I passaggi analitici attraverso i quali Bauer era giunto a que­
sto risultato presentano concomitanze non episodiche con la linea
di ricerca che Hilferding stava contemporaneamente conducendo
sui caratteri del "capitalismo organizzato", le cui radici teoriche
affondavano   anche   nell'impostazione   antimeccanicistica,   e
tendenzialmente   antieconomicistica,   con   cui   l'austro­marxismo
aveva affrontato prima della guerra il problema del rapporto tra
sviluppo   capitalistico   e   politica   del   movimento   operaio:
sensibilmente diversa era tuttavia, come si vedrà più innanzi, la
funzione   assegnata   da   Bauer   al   momento   politico­istituzionale,
nel suo rapporto interattivo con le trasformazioni sociali. Il rifiuto
dei   modelli   consiliari   "puri"   ­   propri   del   radika­ler   Utopismus
rappresentato dai Dàumig e dai Mùller in Germania, dai Gorter
in   Olanda   ­   veniva   motivato   con   il   fatto   che   la   dittatura   dei
consigli, rendendo d un colpo impossibile la direzione capitalistica

Cfr. trad. it. in G. MARRAMAO, Austromarxismo cit., pp. 219 ss.
dell'impresa, determinava in tutti i settori produttivi un'anarchia
che doveva poi essere soppressa (a causa non solo dei contraccolpi
e   delle   disfunzioni   che   si   producevano   nel   tessuto   delle
interdipendenze tecnico­organizzative e nella divisione del lavoro
tra i diversi settori economici, ma anche degli effetti centrifughi di
213 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

insubordinazione sociale che ssa induceva) da un potere statale la
cui   dinamica   finiva   per   diventare   incontrollabile   e
inevitabilmente coercitiva.

Rivoluzione effettiva  è dunque, nei paesi capitalistici ad alto
tasso di "razionalizzazione", solo quella che riesce a salvaguardare
la continuità del processo sociale di produzione e di circolazione e
che ­ senza affidare le proprie sorti a un mitico "controllo operaio"
o   a   una   brusca   statalizzazione   globale   ­   si   dimostra   capace   di
imboccare la via di una «trasformazione pianificata, sistematica»,
in  cui   l'espropriazione   graduale  si   concentri   in   primo   luogo   sui
settori chiave della produzione e del commercio e l'espulsione e
l'isolamento   delle   funzioni   del   singolo   imprenditore   avvenga   in
continuità con le condizioni già poste dallo sviluppo.
La   forma   politica   adeguata   di   questo   processo   ­   che   vede   il
conflitto   industriale   svolgersi   nell'ambito   di   una   stratificazione
sociale resa complessa dalla crescente importanza del ruolo svolto
da figure intermedie come i manager (i  Wirtschaftsfuh­rer),  i tecnici,
gli   impiegati,   i   "lavoratori   intellettuali"   ­   è   per   l'appunto   la
democrazia. Per fondare la correlazione tra forma democratica e
razionalizzazione   equilibrata,   Bauer   introduceva   la   nozione   di
«fattori   sociali   di   potere»   di   una   classe,   distinguendola
formalmente   da   quella   ­   reciproca   e   complementare   ­   di
«strumenti   materiali   di   potere»:   i   primi   consistono   nella   forza
numerica   e   organizzativa   di   una   classe,   nei   suoi   strumenti   di
potere   economici   e   nella   sua   forza   d'attrazione   ideologica   e   di
orientamento culturale non solo rispetto ai membri della propria
classe,   ma   anche   rispetto   a   quelli   di   altre   classi;   i   secondi
consistono   invece   nella   forza   materiale   (ossia   nel   potenziale
quantitativo e qualitativo di  lotta)  e  nell'organizzazione  armata
della classe. La democrazia è quella forma di governo nella quale
le   funzioni   dello   Stato   sono   determinate   esclusivamente   dai
fattori   sociali   di   potere,   senza   che   l'impiego   degli   strumenti
materiali intervenga in alcun modo a turbare questo equilibrio:
nello   Stato   democratico   la   "volontà   generale"   si   configura,   per­
tanto, come la risultante spontanea dei fattori sociali di potere.
Bauer   doveva   presto   avvedersi   delle   aporie   e   incongruenze
implicite in questa sua teoria dei fattori sociali di potere, aspra­
mente   criticata   da   Lenin   al   II   Congresso   delllnternazionale
comunista115. Se per un verso, infatti, essa esprimeva una visione
della   democrazia   tesa   a   travalicare   gli   steccati   di   una
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 214

delimitazione   puramente   giuridica   della   stessa   e   a   metterla   in


rapporto   con   la   dinamica   dei   processi   di   socializzazione   e   dei
rapporti   complessivi   fra   le  classi,   per   l'altro   tendeva   a   sottova­
lutare   il   versante   specificamente   politico­istituzionale   di   quella
dinamica, disarticolandolo dal momento del consenso, che finiva
così   per   assumere   (come   testimoniava   l'enfasi   "sociolo­gizzante"
posta sulla Intelligenz come produttrice deLT'opinione pubblica") un
peso preponderante, se non addirittura esclusivo.
Il  processo   di  profonda   revisione  cui  Bauer  sottopone  questa
tesi   giunge   a   compimento   nel   libro   del   1923   sulla   rivoluzione
austriaca. Il rapporto tra i due lati del "politico" e del "sociale" ­
che   in  Bolscevismo   o   socialdemocrazia?  tendeva   pericolosamente   a
divaricarsi   o   a   disporsi   lungo   una   linea   retta   ­viene   qui
fortemente problematizzato. L'accento batte adesso sui processi di
trasformazione della democrazia e i loro possibili esiti. La maggior
parte delle critiche all'austro­marxismo ha centrato, al riguardo,
la   propria   attenzione   sull'appellativo   di   "Stato   popolare"
(Volksstaat)  assegnato   da   Bauer   alla   Repubblica   austriaca,   per
liquidare   il   complesso   delle   tesi   sostenute   in   Die   òsterreichische
Revolution  come   espressione   emblematica   di   un   cieco   "ottimismo
democratico" comune a tutta la socialdemocrazia, cui sarebbe da
ricondurre   la   tragica   sconfitta   della   classe   operaia   in   Austria
come   nella   Germania   di   Weimar.   In   realtà   queste   critiche,
operando   un'estrapolazione   indebita   di   alcune   espressioni   dal
contesto   dell'analisi   baueriana,   dimostrano   semplicemente   di
ignorare   sia   le   diverse   tappe   evolutive   del   dibattito
austromarxista sia l'intreccio delle coordinate con cui i termini di
Volksstaat  e   di  Volsrepublik  ricorrevano   nella   discussione   di   quel
periodo:   discussione   che   ebbe   come   protagonisti   non   solo
intellettuali marxisti ma anche scienziati sociali di altre tendenze.
115
  Cfr. al riguardo H.  STEINER,  Am Beispiel Otto Bauers ­ Die Oktoberrevo­
lution   und   der   Austromarxismus,  in   «Weg   und   Ziel»,   luglio   1967   (trad.   it.   in
«Critica marxista», 1967, n. 4­5, p. 147).

Bauer   pone   il   concetto   di   "Repubblica   popolare"   in   rapporto


biunivoco  con   quello   di   «equilibrio   delle   forze   di   classe».   Ma   la
correlazione  viene  ora   assunta   entro  una   traiettoria   analitica   e
prognostica tutt'altro che ottimistica, in cui solo con una forzatura
arbitraria è possibile separare la prospettiva teorica dal bilancio
dell'esperienza politica compiuta dalla socialdemocrazia nei primi
anni di vita della Repubblica. L'espressione «periodo di equilibrio
delle forze di classe» sta a denotare la fase attraversata in Austria
dal '19 al '22: dall'avvio della coalizione al trattato di Ginevra si
profila in termini sempre più netti il contrattacco borghese alle
215 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

postazioni democratico­autoge­stionali create dalla classe operaia
nel biennio 1918­19. Ma  in  questa relativizzazione storica  della
nozione di Gleichgewichts­zustand sta appunto il tratto distintivo della
problematica   baueriana   rispetto   a   precedenti   e   contemporanee
formulazioni di questo concetto in ambito marxista116.
Nell'accezione   engelsiana   dell'Origina  della   famiglia,  la   situa­
zione di equilibrio è riferita al periodo storico della nascita della
monarchia   assoluta,   e   cioè   a   una   fase   caratterizzata   dalla   coe­
sistenza di rapporti di produzione feudali e rapporti di produzione
borghesi: essa si configura pertanto come equilibrio tra borghesia
e ceti dominanti tradizionali. Il concetto si ripresenta anche nelle
opere storico­politiche di Marx, dove sta parimenti a indicare una
situazione   di   stallo   della   lotta   di   classe,   da   cui   si   origina   il
fenomeno del bonapartismo. Ma, mentre in ambedue questi casi
storici lo Stato si era autonomizzato come «potere indipendente»
{selbstàndige   Macht)  che   assoggettava   a   sé   tutte   le   classi,   nella
situazione specifica della democrazia austriaca le classi si trovano
di fatto «a dover condividere il potere statale»   117. L'innovazione
fondamentale   introdotta   da   Bauer   nell'uso   di   questa   nozione
rispetto all'originario contesto marx­engelsiano consiste pertanto
nella sua stretta correlazione con il processo di crescita politica
che, favorito e accelerato dalla guerra, ha infranto la tradizionale
omogeneità   di   classe   dello   Stato,   portando   i   partiti   operai   a
partecipare a governi di coalizione.

116
Cfr. 0. BAUER, Die òsterreichische Revolution cit., pp. 196 ss.
117
Ivi, pp. 243­44.
Non   sarebbe   difficile   rintracciare   i   molteplici   addentellati,
anche   terminologici,   che   connettono   questi   sviluppi   della   rifles­
sione teorica di Bauer a coeve revisioni intraprese da altri intel­
lettuali   socialdemocratici.   Estrapolarli   dal   contesto   significhe­
rebbe però inevitabilmente smarrire delle differenze sostanziali.
Anche Kautsky, in quegli anni, fonda la sua tesi dell'inevitabilità
del   governo   di   coalizione   attraverso   la   chiave   di   lettura   dello
"stato di equilibrio"118. Ma, mentre in Kautsky esso si configura
come  una   denotazione  adeguata   dell'intera  fase  storica  di   tran­
sizione allo «Stato del futuro» (Zukunfts staat) ­ sostituendo così a
pieno titolo la nozione di "dittatura del proletariato" ­, per Bauer
caratterizza   invece   una   situazione   intrinsecamente   irrisolta,
dall'assetto labile e provvisorio, e pertanto foriera di drammatici
sviluppi. È precisamente in questa accezione che Bauer istituisce
una correlazione biunivoca tra nozione di "equilibrio" e concetto di
Volksrepublik:  intendendo   con   esso   connotare   non   già   un
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 216

definitivo   e   felice   approdo   ­   nel   senso   dell'«illusione   piccolo­


borghese»  di  una  soppressione  dei  conflitti  ­  quanto  piuttosto il
reperto dinamico per cui lo Stato austriaco postrivolu­zionario non
è   «né   uno   strumento   del   dominio   di   classe   della   borghesia   sul
proletariato,   né   uno   strumento   del   dominio   di   classe   del
proletariato   sulla   borghesia»,   bensì   «un   risultato   dell'equilibrio
delle forze di classe» 119.
Misurandosi   con   i   risvolti   di   teoria   politica   impliciti   nella
constatazione   dell'assoluta   novità   della   fase   istituzionale   inau­
gurata dalla crescita politica del movimento operaio, la traiettoria
della   riflessione   baueriana   interferiva   inevitabilmente   con   le
tematiche affrontate dalla grande scienza politica e sociale che, a
partire dalla guerra, aveva avviato un ripensamento del concetto
di   democrazia   alla   luce   delle   trasformazioni   del   diritto   e   dello
Stato. Era proprio Hans Kelsen a evidenziare in un saggio su "Der
Kampf"  dedicato alle «teorie politiche  di  Otto  Bauer»   120  i taciti
risvolti di "revisione" presenti nell'applicazione

118
Cfr.   K.  KAUTSKY,  Die   proletarische   Revolution   und   ihr   Programm,   Berlin
1922, pp. 105­6.
119
O. BAUER, Die òsterreichische Revolution cit., p. 244.
H.  KELSEN,  Otto   Bauerspolitisene   Theorien,  in   «Der   Kampf»,   XVII,   1924,
120

pp. 50 ss.
del   concetto   di  «equilibrio delle  forze  di   classe»   alla   Repubblica
austriaca del periodo 1919­22. Riprendendo ­ ma in parte anche
precisando e sviluppando ­ le tesi formulate quattro anni prima in
Sozialismus   und   Staat   (e   con   le   quali   aveva   vivacemente
121

polemizzato   Max   Adler   in  Die   Staatsauffassung   des   Marxi­smus   ì22)}  il


giurista   viennese   rivolgeva   alla   linea   di   Bauer   un   duplice
appunto:   di   essere   sostanzialmente   diversa   dalla   «concezione
marx­engelsiana dell'essenza, della nascita e del tramonto dello
Stato»   (che   vede   in   quest'ultimo   uno   «strumento   specifico   della
lotta   di   classe»,   la   cui   dissoluzione   procederà   pertanto   di   pari
passo con i progressi della collettivizzazione e con la soppressione
delle antitesi di classe);  di contraddire questa sua importante e
feconda   revisione   nel   momento   in   cui   pretende   ancora   di
appellarsi   sull'ideologia   dello   «scopo   finale»,   idoleggiando   un
chimerico   «Stato   del   futuro»   interamente   egemonizzato   dalla
classe operaia123. L'idea dello Stato democratico come "Repubblica
popolare", come Stato «non­di­classe» ­ obiettava ancora Kelsen ­
non   ha   alcun   riscontro   nelle   opere   di   Marx   ed   Engels,   i   quali
consideravano  l'unità   del   popolo  nient'altro  che   un'«ingannevole

121
Leipzig 1920 (trad. it. cit.).
122
In «Marx­Studien», IV, Wien 1922, n. 2 (trad. it. cit.).
123
H. KELSEN, Otto Bauers politische Theorien cit., p. 56.
124
Ivi, p. 51.
125
Ivi, p. 55.
217 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

finzione  della   borghesia»  124.   Inoltre,   dal   momento  che   fonda   la


sua  analisi sulla considerazione  dei rapporti  di forza,  e dunque
degli aspetti quantitativi, di «progresso», connessi alle conquiste
delle classi lavoratrici, Bauer dovrebbe coerentemente ammettere
che la rottura non è intervenuta soltanto con il crollo dell'Impero e
l'avvento della Repubblica, ma è piuttosto «il risultato di un lungo
processo iniziato, ben prima della guerra, con il rafforzamento del
proletariato»  125. Se la classe operaia era riuscita a produrre un
processo di dislocazione dei rapporti di forza già prima del 1918,
conquistando   quella   fondamentale   "riforma"   che   è   il   suffragio
universale, ciò significa che non è una differenza qualitativa, ma
soltanto una differenza quantitativa, quella che intercorre fra lo
Stato   «prerivoluzionario»   e   quello   «postrivoluzionario»   e   che,   di
conseguenza,   «sarà   soltanto   una   differenza   di   grado   quella   che
distinguerà questo Stato dalla forma sociale (sozia­les Gebilde) futura
rispondente all'ideale socialista: differenza di grado che è possibile
colmare   attraverso   una   risoluta   riforma,   ma   che   non   deve
necessariamente   scaturire   dalla   rottura   qualitativa   di   una
rivoluzione»  126.   Contro   il   marxismo   rivoluzionario   "classico"   (di
cui   erano   a   suo   avviso   legittimi   esecutori   testamentari   i
bolscevichi   e   i   loro   seguaci   nelle   file   della   socialdemocrazia
austriaca,   come   Max   Adler127),   Kelsen   rivendicava   pertanto   il
principio della distinzione tra possibilità e necessità, ascrivendo
questa   a   una   visione   ancora   mitico­ideologica   della   storia
moderna,   che   «vede   antitesi   di   principio,   qualitative,   là   dove
esistono soltanto differenze quantitative»  128, quella a una visione
più autenticamente dinamica del fenomeno sociale, e proprio per
questo aperta a un'attiva e consapevole azione riformatrice.

Nella   nuova   linea   della   socialdemocrazia   austriaca   Kelsen


credeva   pertanto   di   ravvisare   (malgrado   le   contraddizioni   rile­
vate) una chiara tendenza al superamento della vecchia dottrina
marxista sulla politica ­ che egli non esitava a definire una «teoria
anarchica», propria di «una opposizione ancora ristretta che, non
avendo   influenza   alcuna   sulla   direzione  dello  Stato,   conduce   la
propria lotta come lotta contro lo Stato in generale» ­ e a operare
«una   svolta   da   Marx   a   Lassalle»,   attraverso   il   significativo
riconoscimento che «questo Stato può essere anche, anzi è, il "suo"
Stato»  129. Con la sua critica, per molti versi perspicace, a quelle
che riteneva delle residue incongruenze imputabili all'elementare
esigenza pratico­ideologica di non recidere il cordone ombelicale
con   la   tradizione,   Kelsen   puntava   ­   come   risulta   con   chiarezza
ancora   maggiore   dal   saggio  Marx   und   Lassalle.   Wandlungen   in   der
126
Ibidem.
127
Ibidem.
128
Ibidem.
129
Ibidem.
130
Leipzig  1924  (trad. it. in appendice a  H. KELSEN,  Socialismo e Stato  cit.,
pp. 191 ss.).
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 218

politischen Theorie des Marxismus   , che riprende (talvolta addirittura
130

letteralmente)   i   motivi   contenuti   nell'intervento   su   Bauer   ­   a


separare nettamente gli sviluppi  della riflessione  baueriana dal
radicalismo filosofico "filoleninista" di Max Adler, assimilandole a
quelle posizioni che ­ da Cunow a Hilferding a Renner ­ avevano
preso atto di un passaggio storico di fase e coerentemente avviato
una riconversione in termini "costruttivi" della dottrina marxista
del diritto e dello Stato. Se Heinrich Cunow (definito da Kelsen
«uno dei migliori teorici del marxismo»), nel suo libro del 1920  Die
Marxsche  Geschichts­,  Gesellschafts­   und   Staats­theorie,   «la fa finita con la
teoria   politica   di   Marx   ed   Engels»   e   ­   lasciatasi   alle   spalle
T«ipotesi, costruita a partire da un rivo­luzionarismo semiutopico­
anarchico,   di   una   distruzione   o   dissoluzione   dello   Stato»   ­
introduce il discorso sullo «Stato nuovo» come «Stato economico e
amministrativo   socialista»  131,   la   motivazione   storica   più
significativa   della   «svolta   della   teoria   politica   del   marxismo
dall'anarchismo   a   un   energico   statalismo»   si   ritrova   nel   saggio
programmatico  Probleme   der   Zeit  con   cui   Rudolf   Hilferding   apre,
proprio nel '24, la sua nuova rivista "Die Gesellschaft", subentrata
alla "Neue Zeit". E, nelle parole di Hilferding, Kelsen non manca
di scorgere la portata di questo passaggio di direzione teorica:

In   questo   saggio   Hilferding   dichiara   che   la   collocazione   del   movimento


operaio e del socialismo rispetto allo Stato è divenuta diversa. Non è più il caso
di negare lo Stato, bensì di utilizzare il potere dello Stato in favore della classe
operaia.  È  molto   interessante   e,   nell'essenziale,   esatto   ciò   che   Hilferding
adduce a spiegazione di questa svolta. Egli riconduce l'atteggiamento negatore
dello Stato da parte del marxismo prima della rivoluzione a due circostanze:
all'atteggiamento di rifiuto dello Stato, che escludeva il proletariato da ogni
partecipazione   alla   formazione,   decisiva   dal   punto   di   vista   politico,   della
volontà,   e   alla   teoria   della   classe   dominante,   che   identificava   lo   Stato
storicamente concreto con lo Stato tout court. Il marxismo prendeva in parola
questa   teoria  quando   conduceva   la  sua  lotta   contro uno  Stato   storicamente
determinato come una lotta contro lo Stato in generale 132.

Il   richiamo   alle   posizioni   hilferdinghiane   coglieva   indub­


biamente nel segno. Soprattutto se si tiene presente che, dietro il
rilievo assunto dal formalismo istituzionale nella costituzione del
concetto di "capitalismo organizzato" (introdotto

131
Ivi, pp. 217­18.
132
Ivi, p. 216.

133
 Sugli sviluppi della teoria del 'capitalismo organizzato" in Hilferding si veda
soprattutto   W.  GOTTSCHALCH,  Strukturverànderungen   der   Gesellschaft   und
politisches Handeln in der Lehre von Rudolf Hilferding, West­Berlin 1962, pp. 189
ss. Inoltre H.A. WINKLER,  Einleitende Bemerkungen zu Hilferdings Theo­rie des
Organizierten   Kapitalismus,  in  AA.W.,  Organisierter   Kapitalismus,  Gòt­tingen
1974, pp. 9­18; G.E. RUSCONI, La crisi di Weimar cit.; E. ALTVATER, Il capitalismo
si organizza cit.
219 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

da   Hilferding   a   più   riprese   a   partire   da   un   articolo   del   1915


apparso proprio su "Der Kampf", delineato nelle sue implicazioni
strategiche   al   Congresso   di   Heidelberg   del   1925   e   portato   a
definizione compiuta due anni dopo al Congresso di Kiel 133), opera
quell'idea   del   "lato   attivo"   come   "controtendenza"   e   rela­
tivizzazione   delle   "leggi   di   necessità   storiche"   che   aveva   rap­
presentato   agli   inizi   del   secolo   il   contributo   originale   della
socialdemocrazia   austriaca   al   dibattito   sul   revisionismo.   Non
deve, perciò, meravigliare l'affermazione del carattere attivistico
del retaggio marxista che ritroviamo nel contesto schiettamente
evoluzionistico della relazione del 1927 a Kiel. Centrale è, infatti,
nello   "Hilferding   politico"   del   dopoguerra   l'aspetto   relativo   alla
funzione svolta dal movimento operaio nella trasformazione della
dinamica interna del sistema capitalistico e nel risvegliare in esso
le   «tendenze   rivoluzionarie».   L'ingresso   di   grandi   masse
organizzate   introduce   nella   logica   dello   sviluppo   una   variabile
decisiva, un elemento qualitativamente nuovo. L'effetto che in tal
modo si produce non è però di rottura rivoluzionaria (la "coscienza
di classe" in cui la "legge oggettiva" si invera, facendo precipitare
un   presunto   decorso   catastrofico),   bensì   di   progressivo
potenziamento   delle   capacità   adattive   dei   meccanismi   del
sistema.   La   presenza   organizzata   e   "attiva"   della   classe   ha
invertito   il   trend   verso   l'immiserimento   e,   risvegliando   le
tendenze modernizzatrici del capitale, ha condotto il movimento
operaio a significative conquiste sul terreno salariale e legislativo.
Questa   trasformazione   interna   della   dinamica   capitalistica   non
può   non   avere   incidenza   sulle   forme   politico­istituzionali,   che
vengono gradualmente a perdere le loro prerogative di opacità e
anelasticità.   Cade   dunque   per   primo   il   vecchio   caposaldo
ideologico   del   marxismo,   la   distinzione   fra   struttura   e
sovrastruttura: «Nella forma della Repubblica», aveva affermato
Hilferding   al   II   Congresso   dell'Internazionale   socialista,   «la
sovrastruttura viene infatti influenzata dal potere, dalla coscienza
di classe, dalla forza organizzativa del proletariato» 134.

Il nuovo quadro di relazioni interattive si esprime per il neo­
marxismo socialdemocratico degli anni '20 ­ non diversamente che
per   Kelsen   ­  come   passaggio  dalla   "necessità"   alla   "possibilità":
l'attuazione   dello  Endziel,  della   prospettiva   socialista,   non   è
garantita   da   alcuna   necessità,   ma   è   soltanto   possibile.   La
"legalità" o "conformità a legge" (Gesetzmàssigkeit) dello sviluppo
economico   produce,   con   l'avvento   del   capitalismo   organizzato
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 220

(inaugurato   dai   cartelli   e   dalla   regolamentazione   statale   del


rapporto capitale­lavoro salariato), nuove condizioni oggettive che
rappresentano per il movimento operaio una chance politica (in
senso   weberiano).   La   trasformazione   socialista   ­   che   Hilferding
continua   a   concepire   come   pianificazione   integrale,   armonica   e
non   contraddittoria   ­   della   società   cessa   di   essere   garantita   da
una «legge di natura sociale» per divenire materia di un progetto
consapevole.   Strumento   fondamentale   di   questo   progetto   è   per
Hilferding lo Stato democratico: «alla nostra generazione si pone
il  compito di trasformare,  con l'ausilio dello  Stato, ossia di  una
regolamentazione   sociale   consapevole,   questa   economia
organizzata e diretta dai capitalisti in un'economia diretta dallo
Stato democratico» 135.
Una   versione   più   sistematica   di   un   analogo   approccio
costruttivo alla «teoria politica dello Stato» (secondo l'espressione
adoperata dallo stesso Hilferding in una lettera a Kautsky del 19
luglio   1924136)   la   si   ritrova   in   Karl   Renner:   l'intellettuale
socialista che ­ secondo il giudizio formulato da Kelsen nel saggio
su  Bauer  ­  meglio di  ogni  altro aveva  saputo  «riconoscere   nello
Stato   un   mezzo   indispensabile   della   tecnica   sociale»  137Non
diversamente   da   Hilferding,   Renner   interpreta   lo   sviluppo
capitalistico   postbellico   come   progressiva   attenuazione   delle
contraddizioni   (appellandosi,  fra   l'altro,   a una   lettura   in  chiave
gradualistico­lineare   della   teoria   marxiana   del   ciclo).   Anch'egli
prende   le   mosse   dalla   "razionalizzazione"   come   progressiva
134
Zweiter   Kongress   der   Sozialistischen   Arbeiter­Intemationale   in   Marseille
22­27 August 1925, Berlin s.d, p. 260.
135
R.  HILFERDING,  Die   Aufgahen   der   Sozicddemokratie   in   der   Republik,   in  Pro­
tokoll   iìber   die   Verhandlungen   des   Sozicddemokratischen   Parteitages,   abgehalten
zu Kiel, Berlin 1927, p. 169.
136
Kautsky­Nachlass, IISG, D.XII.636.
137
H. KELSEN, Sozialismus und Staat cit., p. 67.
sottrazione   al   capitalista   del   proprio   ruolo   direttivo   e   come
simmetrica   emergenza   della   nuova   intelligencija   tecnico­
scientifica della produzione (ossia da quel «mutamento di funzione
deLTimprenditore»   che   sarà   il   tema   principe   della   teoria
schumpeteriana   della   "transizione")138.   Ma   ancora   più   netta   e
inequivocabile   che   in   Hilferding   è   la   torsione   tecnico­giuridica
dell'intreccio   tra   democrazia   e   socializzazione.   Se   capitalismo   e
classe operaia formano, congiuntamente, il contesto del processo
di trasformazione ­ i cui presupposti sono consegnati dalla stessa
«automatica del capitale» (Automatik des Kapitals) ­ il soggetto che ne
attua le virtualità storiche latenti è lo Stato. In questa riedizione
221 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

della lassalliana "leva del socialismo" filtrata attraverso la lettura
kelseniana   di   Weber,   lo   "Stato   democratico"   appare,   al   tempo
stesso,   strumento   e   involucro   formale   ("garantista")   della
transizione.   Rispetto   all'«epoca   di   Max   Weber»,   che   è   stata
«l'epoca della socializzazione della produzione», i compiti attuali
del   movimento   operaio   consistono   nel'estensione   di   questo
processo alla sfera della circolazione139. Il limite del capitalismo
organizzato sta nel dar luogo a unità economiche "razionalizzate"
che sono società soltanto  de facto,  ma non  de jure.  Se l'esistenza di
fasce   di   società   dirette   e   controllate   dalla   nuova   intelligencija
tecnico­scientifica   fa   crollare   tutte   le   obiezioni   libero­
concorrenziali   al   socialismo   ­   dimostrando   come   sia   lo   stesso
capitalismo   che,   con   il   dispiegarsi   della   "razionalità"   in   esso
implicita, emargina dal processo economico la figura del singolo
imprenditore,   ciò   non   deve   tuttavia   far   perdere   di   vista   la
distanza che separa questo stato di fatto dal  de jure: dallo Stato di
diritto.   Colmare   questa   distanza   è   appunto   il   compito   della
socializzazione.   E   la   transizione   altro   non   è   che   il   periodo   di
riforme graduali che sarà necessario a coprirla140.

La problematica sviluppata da Renner negli anni '20 è diffi

138
Cfr.  J.A.  SCHUMPETER,  Capitalìsm,  Socialism and  Democracy,  New  York
1942 (trad. it. Milano 1967).
139
K. RENNER, Die Wirtschaft ah Gesamtprozess und die Sozialisierung, Wien
1924, p. 369.
140
Cfr. ivi, pp. 370 ss.
cile da comprendere fuori dal riferimento al contesto culturale di
quella "Vienna rossa" in cui si erano svolte le famose polemiche su
economia   di   mercato   e   pianificazione   accese   dal   "manifesto
liberale"   di   von   Mises   e   le   discussioni   sull'economia   di   guerra
come   grande   laboratorio   del   "capitalismo   organizzato"   e   sul
calcolo   economico   in   una   società   socialista   che   Otto   Neurath
aveva portato addirittura dentro il consiglio operaio di Monaco di
Baviera.   Ed   erano   quegli   stessi   assi   di   riferimento   culturale   ­
come   Kelsen   aveva   acutamente   rilevato   ­   a   fornire   le   basi   di
ancoraggio   dell'aggiornamento   baueriano   della   teoria
dell'«equilibrio delle forze di classe», malgrado la marcata diver­
genza dalle conclusioni politiche di Renner. La parte teoricamente
più significativa della risposta di Bauer a Kelsen ­ quella relativa
alla critica del «marxismo volgare»  (Vulgàrmarxismus) ­ha come suo

141
0.  BAUER,  Das   Gleichgewicht   der   Klassenkràfte,  in   «Der   Kampf»,  XVII,
1924, pp. 57 ss., ora in AA.W., Austromarxismus cit., p. 90.
142
Die   Geschichte   eines   Buches,  in   «Die   Neue   Zeit»,  XXVI,  voi.  I,   1907­
1908, pp. 23 ss.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 222

retroterra di riferimento culturale l'epistemologia di Ernst Mach e
la   sua   sostituzione   dei   concetti   di   causa   e   di   sostanza   con   il
concetto di relazione funzionale. La critica di Kelsen colpisce al
cuore   soltanto   il  Vulgàrmarxismus,  che   opera   una  reductio  del
complesso   categoriale   marxiano   agli   «assiomi   generali»,   i   quali,
«estrapolati dal loro contesto storico­sistematico», vengono da esso
«affastellati»   e   «dogmatizzati»  141.   Uno   di   questi   "assiomi"   è
appunto   quello   dello   Stato   come   strumento   della   dittatura   di
classe,   che,   propagatosi   con   la   vulgata   (resa   storicamente
necessaria   ­   come   Bauer   aveva   già   sottolineato   in   un   lontano
articolo del 1907 sul  Capitale  142  ­ dall'esigenza di trasmettere alle
masse   in   lotta   lo   scheletro   delle   teorie   marx­engelsiane),   viene
identificato   dai   critici   borghesi   (che   puntano   ­   secondo
l'espressione che Bauer adopererà più tardi nel necrologio di Max
Adler   ­   a  entrevolutionieren,  a   «derivoluzionare»,   il   movimento
operaio) come la sola proposizione che il marxismo abbia saputo
emettere intorno alla natura e alla dinamica dello Stato moderno.
L'efficacia   del   marxismo   critico   nei   confronti   del   "marxismo
volgare" sta invece nella capacità di relativizzare gli assiomi alla
realtà attraverso  YAnnàherungsverfah­ren,  vale a dire mediante quel
"metodo dell'approssimazione" o

"procedimento   d'approccio"   che   Bauer   mutua   direttamente


dall'epistemologia machiana, le cui tesi egli tende a trasferire sul
terreno della «scienza politico­sociale»:

Ogni   scienza   riproduce   fatti  (Tatsachen)  in   pensieri  (Gedanken).  Ma


nessuna   scienza   può   riprodurre   i   fatti   compiutamente:   deve   semplificarli,
tipizzarli,   simboleggiarli.   Le   conoscenze   di   ogni   scienza,   anche   quelle
dell'"esatta"   scienza   della   natura,   rappresentano   quindi   sempre   e   soltanto
delle approssimazioni ai fatti  (Annàherungen an die Tatsachen).  Il grado di
approssimazione ai fatti che appare soddisfacente al ricercatore dipende dallo
scopo pratico della ricerca. «Quando noi ­ dice Mach ­ riproduciamo dei fatti in
pensieri, non riproduciamo mai i fatti in generale, ma soltanto gli aspetti per
noi importanti. In questo caso il nostro obiettivo scaturisce, immediatamente o
mediatamente, da un interesse pratico» 143.

L'approdo di Bauer al machismo era avvenuto, dopo un breve
periodo   di   adesione   al   neokantismo   (attestato   dall'articolo   del
1906  Marxismus   und   Ethik  144),   negli   anni   della   guerra,   forse   sotto
l'influenza di Friedrich Adler (che in un suo libro del '18 aveva
tentato   una   fusione   delle   teorie   di   Mach   con   il   marxismo,
riprendendo   la   polemica   del   '10   con   Mehring 145),   ma   probabil­
mente anche in seguito ai contatti con l'ambiente culturale men­
223 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

scevico presi durante la prigionia in Russia:  è a questo periodo,
d'altronde,   che   risale   la   prima   stesura   di   Das   Weltbild   des   Kapi­
talismus, uno scritto che risente fortemente dell'influsso delle teorie
machiane.  Le  possibilità di un uso  in  chiave teorico­politica  del
machismo   in   funzione   critica   verso   un'idea   meccanicistica   del
materialismo storico, inteso come fabbrica di leggi universali, era
stata  già  indicata  da   Gustav  Eckstein   (un altro  intellettuale  di
spicco   del   gruppo   austro­marxista,   morto   in   guerra)   in   Der
Marxismus in der Praxis:

Come dice Mach, compito della scienza  è di sintetizzare nella forma più
ridotta le esperienze umane, così da risparmiare agli uomini ulteriori cattive
esperienze.   Ma   la   scienza   non   potrà   mai   sostituirsi   del   tutto   all'esperienza
individuale:   il   singolo   può   infatti   venire   raggiunto   soltanto   da   quelle
conoscenze scientifiche a cui le sue esperienze l'hanno predisposto. Ciò vale
143
O.  BAUER,  Das Gleichgewicht der KLassenkràfte  cit., p. 88 (la citazione si
riferisce a Die Mechanik di Ernst Mach [trad. it. Torino 1977]).
144
In «Die Neue Zeit», XXIV, voi. II, 1905­906, pp. 485­99.
F.   ADLER,  Ernst   Machs   tìberwindung   des   mechanischen   Materialismus,
145

Wien 1918 (trad. it. a cura di Antimo Negri, Roma 1978).

anche per il marxismo e per la sua politica146.

L'eco   di   questa   esigenza,   così   efficacemente   formulata   da


Eckstein,   risuona   nella   risposta   di   Bauer   a   Kelsen.   L'approssi­
mazione graduale degli assiomi generali ai fatti  è per Bauer la
conditio sine qua non per approntare una risposta adeguata alla sfida
di   Kelsen,   nella   cui   critica   egli   scorge   la   presenza   di   un   nodo
reale, connesso alla novità delle trasformazioni politiche in atto e
al   carattere   inedito   dei   compiti   che   si   pongono   alla
socialdemocrazia.   Essa   non   può   più   continuare   a   cullarsi
nell'alveo ottimistico di una visione cosmico­storica che ­ ponendo
un'identificazione o una dipendenza lineare tra piano morfologico
delle  "leggi  di movimento" e piano storico  della  loro operatività
effettuale ­ prescriveva alla lotta di classe un decorso ineluttabile
al   culmine   del   quale   stava   la   meta   finale   del   socialismo.   La
"stagnazione" teorica si supera soltanto con un rinnovamento del
marxismo:   determinando   e   articolando,   cioè,   quell'abbozzo
generale   di   teoria   politica   che   Marx   aveva   soltanto   impostato,
attraverso il confronto con una costellazione storico­sociale assai
più   complessa.   Sviluppare   concettualmente   e   praticare
analiticamente   ­   attraverso  YAnnàhe­rungsverfahren  ­   il   campo   di
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 224

tensione situato tra gli "assiomi generali" e i "fatti" è la sola via
per raggiungere tale obiettivo. Di conseguenza lo stesso "stato di
equilibrio" non deve essere soltanto formulato nei termini di una
teoria generale ­ da giustapporre di volta in volta meccanicamente
ai   diversi   casi   concreti   ­   ma   piuttosto   predicato   negli   aspetti
particolari che esso assume nella fase odierna147.
L'espressione peculiare del Gleichgewichtzustand nell'attuale epoca
storica è per Bauer la crisi della democrazia formale, puramente
rappresentativa. Ma, se la «crisi del parlamentarismo tradizionale
è una forma di manifestazione dell'equilibrio delle forze di classe»
148
, ne consegue che quest'ultimo non ha luogo necessariamente in
presenza di un governo di coalizione, ma è anzi indipendente dalla
sua «forma di espressione politica»:
146
G. ECKSTEIN, Der Marxismus in der Praxis cit., p. 42.
147
O. BAUER, Das Gleichgewicht der Klassenkràfte cit., pp. 88­90.
148
Ivi, p. 91.

Una tale spartizione del potere di Stato tra le classi può sussistere sotto un
governo di coalizione  (come in  Austria dall'autunno 1919  all'autunno  1920),
ma   anche   sotto   governi   borghesi   (come   in   Austria   sotto   i   governi   Mayr   e
Schober) oppure sotto governi socialisti (come in Svezia sotto Branting o forse
prossimamente in Inghilterra sotto un governo operaio). D'altra parte abbiamo
visto anche governi di coalizione che non erano espressione di un reale equili­
brio delle forze di classe, come ad esempio il secondo governo Stre­semann in
Germania o l'attuale governo di coalizione in Cecoslovacchia 149'.

Per  quanto  Bauer  accentuasse  gli  elementi  di  dissenso   dalle


posizioni politiciste di Renner e privilegiasse ­ in contrasto sia con
il formalismo kelseniano sia con lo statalismo che contrassegnava
i   contemporanei   approdi   di   Kautsky   e   di   Bernstein   ­l'aspetto
sociale  della  situazione  di  equilibrio  rispetto  alla  sua   «forma   di
espressione   politica»  (politische   Ausdrucksform)  15°,  egli   si   avvaleva
nella sua anticritica dello stesso strumentario epistemologico di
Kelsen e di Renner. Se si prescinde dal complesso rapporto con le
teorie di Mach (e di Pearson) 151, è impensabile tanto la concezione
kelseniana della democrazia come equilibrio di compromesso ­ che
presuppone il superamento degli antagonismi e delle "opposizioni
reali"   nel  Zusam­menwirken,  nella   relazione   di   funzionalità­
reciprocità tra le forze sociali152 ­, quanto l'esigenza renneriana di
costruzione di un «socialismo empirico­induttivo nell'ambito della
teoria»   contro   la   «tattica   deduttivistica»   della   sinistra
tradizionale153.
225 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Ma la metamorfosi dell'influenza delle teorie di Mach nel
passaggio dalla "grande Vienna" alla "Vienna rossa" si accom­
pagna a un paradosso. Il machismo che feconda i dibattiti delle
149
Ivi, p. 87.
150
Ibidem.
151 per  l'influenza   di   Mach   e   Pearson   su   Kelsen   si   veda  R.   RACINARO,  Intro­
duzione a H. KELSEN, Socialismo e Stato cit., pp. XII ss.
152
Cfr.   H.  KELSEN,  Die   philosophischen   Grundlagen   der   Naturrechtslehre   und
der   Rechtspositivismus   (Vortràge   von   der   Kant­Gesellschaft),   Charlottenburg
1928   (trad.   it.   in   appendice   a  Teoria   generale   del   diritto   e   dello   Stato,   Milano
1952).
153
K. RENNER, Der taktische Streit, in «Der Kampf», XII, 1918, p. 24.
scienze sociali e favorisce il superamento della vecchia dottrina
secondinternazionalista da parte delle nuove elaborazioni poli­
tiche che fioriscono in campo socialdemocratico è un machismo
arretrato rispetto agli sviluppi dell'epistemologia tra le due
guerre: è il machismo del Wiener Kreis e del Verein "Ernst Mach",
fondato alle soglie degli anni '20 da Otto Neurath 154. Prevale in
tutti questi filoni d'indagine, all'interno come all'esterno del
marxismo, un'idea "rappresentazionale" dell'astrazione
scientifica, che postula una simmetria, una corrispondenza, e
quindi un discrimine puramente quantitativo tra dati reali e dati
psichici, rappresentazioni generali e "fatti": anche per Bauer,
come si è visto, gli assiomi riproducono la realtà empirica,
quantunque in misura semplificata. Otto Neurath, sotto questo
profilo, non è che l'indice di un fenomeno più generale di
accostamento di ampie fasce dell'intellettualità viennese al
socialismo a partire dagli anni della guerra (fenomeno, d'altronde,
documentato dalle autobiografie di Popper e di Carnap) 155.
L'attività di Neurath fu l'elemento catalizzante che, al principio
degli anni '20, trasformò in movimento filosofico ufficiale il
fermento di idee e di ricerche che si era spontaneamente formato
a Vienna attorno a Moritz Schlick, il quale nel 1922 era
subentrato a Mach nella direzione della cattedra di filosofia delle
scienze induttive.

In netto contrasto con l'assunto "fisicalista" retrostante l'idea
della   «corrispondenza   tra   il   linguaggio   significante   e   la   realtà
sensibile» (per cui le asserzioni del linguaggio significante «sono

154
Cfr.  J.T.  BLACKMORE,  Ernst Mach. His  Work, Life  and  Influence,  Berke­
ley­Los   Angeles­London   1972,   in   specie   pp.   186   ss.   e   235   ss.  All'ambiente   cul­
turale   attorno   all'austro   marxismo   è   dedicato   un   capitolo   della   storia   sociale
degli intellettuali austriaci dal 1848 all'occupazione nazista di  W.M. JOHNSTON,
The Austrian Mind.  An Intellectual and Social History 1848­1938,  Berkeley­Los
Angeles­London 1972, pp. 98 ss.
155
K.  POPPER,  La ricerca non ha fine,  Roma 1976; R.  CARNAP,  Tolleranza e
logica, Milano 1978.
156
F.  BARONE,  Introduzione  a O.  NEURATH,  II Circolo di Vienna e l'avvenire
dell'empirismo logico, Roma 1977, p. 31.
LA VIENNA DI WITTGENSTEIN E LA VIENNA DI BAUER 226

riducibili ad esperienze vissute, a dati immediati di senso»  156) è il
fronte più avanzato della cultura viennese: la linea ideale

che congiunge Kraus, Loos e Schònberg. Vi è uno stretto rapporto
tra lo Schònberg che riprende la nozione krausiana di "fantasia" ­
fons et origo della creatività, ma solo a condizione che attraversi una
ferrea   disciplina   logica   e   una   tecnica   rigorosa   ­   e   scorge   il
momento   fondamentale   neLTarticolazione   logica   interna   della
musica, e non già nell'effetto del suono, nella trovata decorativa,
nella mozione dei sentimenti di chi ascolta, e il Loos che, alleato
dei   "quadri   neri"   di   Kokoschka   contro   il   "terrore   dello   stile",   si
rifiuta di concedere alcunché ai "gusti" del pubblico 157. In questo
fronte culturale si riconosce anche Wittgenstein, che, a differenza
di   quanto   comunemente   si   crede   sulla   scorta   di   superficiali
ricostruzioni d'ambiente, non segue la linea di Mach bensì quella
di autori tuttora poco considerati (malgrado Cassirer) come Hertz
e Boltzmann158:  ìeDar­stellungen  non sono più, per Wittgenstein, le
rappresentazioni   machiane,   ma   costruzioni   scientifiche,   modelli
matematici internamente rigorosi, regole del gioco per conoscere e
governare la realtà nei limiti del possibile, senza alcuna armonia
prestabilita che le componga con esse. I simboli non sono più copie
o  nomi di  sensazioni­esperienze  reali, poiché  il loro fondamento
non   è   psicologico­descrittivo,   ma   logico­matematico159.   Fedele   a
questa   linea   di   critica   del   rappresentazionismo   e   dell'estetismo
Wittgenstein rimane anche quando trascorre all'analisi funzionale
dei   termini,  alla  teoria  della   funzionalità  dei  termini  e dei   loro
giochi alle "forme di vita". È corretta dunque ­ anche alla luce di
una ricostruzione "ambientale" ­ l'interpretazione di chi scorge nel
passaggio dal "primo" al "secondo" Wittgenstein non una cesura
ma «una traslazione da un punto all'altro di un sistema, intorno
ad   un   medesimo   centro:   una   traslazione   in   cui   qualcosa   va
perduto per salvare qualcos'altro che nel nuovo orizzonte trova la
sua sede più appropriata» 16°. La stessa

157
Cfr. al riguardo R. CALASSO, Una muraglia cinese, Introduzione a K. KRAUS,
Detti e contraddetti, Milano 1972, pp. 18 ss.
158
Cfr.  A.   JANIK­S.  TOULMIN,  Wittgenstein  S  Vienna  (trad.   it.  Milano  1975),
ma soprattutto le considerazioni svolte da M.  CACCIARI  nel saggio  La Vienna di
Wittgenstein,  in «Nuova corrente»,  1977,  n.  72­73,  pp.  59  ss., e successivamente
riprese in Dallo Steinhof. Prospettive viennesi delprimo Novecento, Milano 1980.
159
Cfr. A. JANIK­S. TOULMIN, Wittgenstein's Vienna cit., pp. 141­47.
160 TRINCHERÒ, Introduzione  a L. WITTGENSTEIN,  Osservazioni sopra i fon­
damenti della matematica, Torino, p. XXIX.
227 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

nozione   di   "forme   di   vita"   come   contesto   dei   giochi   linguistici


all'interno   dei   quali   le   espressioni   acquistano   significato   è,
d'altronde, chiaramente derivata da Loos: per il quale ogni pro­
dotto   significante   va   determinato   relativamente   all'ambito   cul­
turale in cui è usato161.
Se   si   allarga   appena   l'orizzonte   della   ricostruzione,   balzano
dinanzi   agli   occhi   ulteriori   interdipendenze.   Basti   addurre   ad
esempio il tragitto di Hofmannsthal, che abbandona la lirica fon­
data   sul  Bild  poetico   per   dei   drammi   morali   che   riguardano   il
gesto.   Anche   Hofmannsthal,   infatti,   era   partito  ­   come  Broch   e
Musil ­ dall'assunto machiano della correlazione stenografica tra
dati e sensazioni, ma per arrivare a motivarla con la concezione
platonica   della  preesistenza:   sulla   base  delle  teorie  di   Mach,   si
deve giungere alla conclusione che è il poeta, e non lo scienziato,
colui   che   è   più   capace   di   esprimere   la   "corrispondenza"   («ho
esperienza di una deliziosa azione reciproca ... È come se il mio
corpo   consistesse   di   sole   cifre,   le   quali   mi   danno   la   chiave   di
tutto»)162.   Lo   stesso   Friedrich   Adler,   con   una   traslazione
dell'epistemologia machiana dalla fisica alla storia, era arrivato a
concludere che «la storia può essere tanto arte quanto scienza» :

Quando riproduce un determinato caso concreto, è arte; quando stabilisce
leggi  che   derivano   per   astrazione   l'universale   da   una   molteplicità   di   casi
concreti,   è   scienza.   Il   lavoro   artistico   si   serve   consapevolmente   o
inconsapevolmente   di  leggi,  ma  l'opera  d'arte  costruita   non   contiene  alcuna
formulazione  di leggi. Il rapporto tra l'opera d'arte e l'astrazione  scientifica
viene ristabilito solo attraverso commenti che fanno vedere la legge generale
nel caso concreto163.

Seguendo   un   percorso   interno   più   rigoroso,   Hofmannsthal


applicava   le   conclusioni   di   Mach,   per   così   dire,  ad   hominem,
strappandone   la   psicologia   e   l'epistemologia   all'artificialità
161
Cfr.  Wittgenstein   und   der   Wiener   Kreis.   Gespràche,   aufgezeichnet   von   F.
Waismann,  Frankfurt   am   Main­Oxford  1967  (trad.   it.  Firenze  1975).  Si   veda
inoltre A.G. G  ARGANI,  Tecniche descrittive e procedure costruttive,  in AA.W,  La
razionalità scientifica,  a cura di Umberto Curi, Abano Terme  1978,  ora in  Stili
di   analisi,  Milano  1980.  Per   la   nozione   di   "forme   di   vita"   sono   importanti   i
lavori   di  E.   SPRANGER,  Lebensformen,   Geisteswissenschaftliche   Psychologie   und
Ethik   der   Persònlichkeit,  Halle  1922;  Der   Sinn   der   Voraussetzungslosigkeit   in
den Geisteswìssenschaften (1929), Darmstadt 1963.
162
Cfr. H. BROCH, Hofmannsthad und scine Zeit. Bine Studie, in ID., Gesam­
melte Werke, Dichten und Erkennen, Essays, voi. I, Zurich 1955, pp. 102 ss.
163
F. ADLER, Ernst Machs Uberwindung cit., p. 144.
dell'astrazione scientifica. E nel portare ­ come d'altronde Musil ­
alle   estreme   conseguenze   l'aporia   racchiusa   nell'assunto   della
corrispondenza tra linguaggio e realtà, egli finiva per incontrare il
tema dei limiti del linguaggio: poiché «sull'isomorfismo che rende
228
LA   VIENNA   DI   WITTGENSTEIN   E   LA
VIENNA DI BAUER

significante   il   linguaggio   della   scienza   non   si   può   parlare


mediante   questo   stesso   linguaggio,   rimane  accanto   alla   scienza
una sfera del mistico e dell'indicibile» 164.

L'aderenza   di   quelli   che   pure   costituiscono   gli   sviluppi   più


avanzati della teoria politica austromarxista a una visione "rap­
presentazionale"   dell'equilibrio   ­   e   in   generale   del   rapporto   tra
contenuto sociale della tensione inerente alle forze di classe e sua
forma   di   manifestazione   istituzionale   ­   può   gettar   luce   su   un
limite da cui dipendono (certo, non in termini banalmente causali)
alcune vistose aporie strategiche che sarebbero di lì a poco emerse
al   Congresso   di   Linz.   In   ogni   caso   esso   spiega   a   sufficienza   le
scelte di politica culturale prevalse nel gioco dei dibattiti e delle
polemiche   svoltesi   nella   "Vienna   rossa"   tra   il   '20   e   il   '23,   che
portarono   alla   sconfitta   del   progetto   cultural­archi­tettonico   di
Loos (in un primo tempo assunto come architetto capo del settore
delle   abitazioni   del   Comune),   espresso   dal   "modello­Siedlung"
(sistema   basato   sul   «   decentramento   combinato   di   industrie   e
residenze   in   sistemi   integrati   e   autosufficienti»),   e   alla
conseguente  vittoria   del   "modello­Hof"  (intervento  accentrato  in
superblocchi   muniti   al   loro   interno   di   tutti   i   servizi   collettivi   ­
dalle cucine ai laboratori artigiani, dalle lavanderie alle scuole e
agli   spazi   verdi   ­,   che   nella   loro   compattezza   simboleggiano
l'irriducibile   "alterità"   delle   nuove   forme   di   socializzazione
operaie)165.
Gli esiti strategici dell'austromarxismo degli anni '20 si deli­
neeranno   sempre   più   come   l'esatto   riscontro   di   questa   impo­
stazione  culturale:   i   paradossi   della   "Repubblica   popolare"   ­così
acutamente rilevati da Bauer in   Die òsterreichische Revolution  e nella
polemica   con   Kelsen   ­   verranno   affrontati   con   una   tattica
attendistica   e   dilatoria,   oscillante   tra   prediche   parlamentari   in
difesa   della   costituzione   e   arroccamento   della   classe   operaia
dentro le compatte trincee conquistate "nel sociale": fino al limite
estremo dell'autoisolamento e dell'autodifesa armata.
64
Cfr. F. BARONE, Introduzione cit., p. 31.
65
Cfr. M. TAFURI, «Das rote Wien» cit., pp. 22 ss.

5. Democrazia sostanziale versus «democrazia senza qualità»: la controversia 
con Hans Kelsen
229 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Nell'opuscolo Der Kampf um die Macht ­  importante per la compiuta
delineazione   che   esso   contiene   della   politica   di   alleanze   della
socialdemocrazia austriaca ­ Bauer sembra mutare radicalmente
la propria previsione: la sua prospettiva volge infatti nel senso di
un atteggiamento ottimistico che appare in netto contrasto con la
drammatica problematicità delle analisi svolte in  Die òsterreichische
Revolution e nella replica alle critiche di Kelsen. Il radicalizzarsi del
confronto tra i due blocchi contrapposti della socialdemocrazia e
dei   "partiti   borghesi"   viene   visto   non   più   soltanto   come   una
minaccia,   ma   soprattutto   come   un   fattore   di   accelerazione   del
passaggio   decisivo   alla   presa   del   potere:   «Adesso   la   lotta   non
riguarda   più   delle   misure   e   delle   riforme   isolate:   oggi   la   lotta
concerne la totalità, concerne il potere. Ed il potere ci è così vicino
che possiamo quasi toccarlo» 166.
Qual   è  la   ragione  del   mutato  atteggiamento  di   Bauer?   Essa
non va ricercata soltanto nel successo alle elezioni dell'ottobre del
'23 (dove la socialdemocrazia austriaca aveva visto aumentare in
modo   cospicuo   i   propri   suffragi   rispetto   alle   elezioni   del   '20,
portandosi a 1.311.882 voti contro il 1.494.298 dei cristiano­sociali
e i 419.274 dei fautori dei pantedeschi e dell'unione agraria), ma
soprattutto  nell'affermazione  della   legge  per  la  protezione  degli
inquilini   con   cui   la   municipalità   viennese   aveva   risposto
efficacemente   al   contrattacco   dei   proprietari   ai   sistemi   di
requisizione167.   Il   successo   ottenuto   con   questa   importante
conquista   legislativa   ­   che   rappresentava   il   provvedimento   più
radicalmente antiliberista nel settore in tutta l'Europa del primo
dopoguerra   ­   sembrò   rafforzare   lo   splendido   isolamento   della
"Vienna rossa", conferendole un significato, più che emblematico,
166
O. BAUER,  Der Kampf um die Macht,  Wien  1924,  ora in  ID.,  Werkausgabe
cit., voi. II, pp. 935 ss. (trad. it. in G. MARRAMAO, Austromarxismo cit., p. 256).
167
CA. GULICK, Austria cit.; M. TAFURI, «Das rote Wien» cit., pp. 14 ss.
di vera e propria avanguardia. In un articolo sulla "Weltbùhne",
Ernst Toller rende con grande efficacia lo scalpore allora suscitato
dall'esperienza viennese, riportando l'allarmato commento di un
industriale   austriaco,   suo   occasionale   compagno   di   viaggio   sul
treno Vienna­Berlino:

Parliamo   della   politica   comunale   viennese.   L'argomento   gli   provoca


un'indicibile ira: «Voi in Germania avete socialisti ragionevoli ­ egli dice ­ ma i
nostri   sono   peggio   dei   bolscevichi.   Il   borghese   non   conserva   più   le   sue
prerogative   a   Vienna.   Il   capitalista   viene   strozzato   in   modo   freddo.   Senza
strepiti. Con graduali salassi. Di recente ho osservato uno dei grandi palazzi
operai: pensavo di essere lì lì per scoppiare dalla rabbia. La gente come me è
costretta  a  limitarsi  sempre di più!  Cosa  fare  ancora?  Ho licenziato  la  mia
230
LA   VIENNA   DI   WITTGENSTEIN   E   LA
VIENNA DI BAUER

quarta domestica e il mio autista. Pensi: per la prima domestica debbo pagare
50 scellini di imposta, per la seconda 150, per la terza 600, per la quarta 1200.
Ciò è intollerabile.  Vienna degenera. I proprietari dei locali  notturni hanno
dichiarato   che   chiuderanno,   se   Breitner   non   aprirà   gli   occhi.   Uno   dei   miei
amici,   proprietario   di   un   locale   notturno,   mi   racconta   che   una   bottiglia   di
spumante francese costa  8  scellini.  Si  aggiungano 16   scellini  di dogana:   su
questi 24 scellini Breitner preleva il 60 per cento per le imposte comunali».
Anch'io   consideravo   qualche   tempo   fa   l'operato   del   consiglio   comunale
viennese   a   forte   maggioranza   socialista,   e   i   risultati   concreti   che   potevo
osservare   distruggevano   con   meravigliosa   forza   il   senso   di   depressione   che
ogni socialista radicale tedesco porta dentro di sé. Ciò spiega perché il partito
comunista   austriaco   non   ha   seguito.   I   radicali   qui   restano   nel   partito
socialista. Solo la Russia opera culturalmente al medesimo livello 168.

Ma è proprio da questo splendido isolamento che comincia a
prodursi quella sorta di "illusione ottica" che induce Bauer e la
dirigenza   del   partito   a   convincersi   della   possibilità   di   un   pro­
gressivo e inesorabile sfondamento nel sociale a partire dal saldo
punto  d'appoggio  delle  "rocche  rosse"   viennesi:   «In  pochi  anni   ­
scriveva   ancora   in  Der   Kampf   um   die   Macht  ­   potrà   essere
abbattuto   il   dominio   della   grande   borghesia,   e   il   potere   repub­
blicano potrà passare nelle mani della classe operaia» 169. L'illu­

168
E.   TOLLER,  Das   sozìalistische   Wien,  in   «Die   Weltbùhne»,  XXIII,  n.  11,
1927, p. 407 (trad. it. in appendice a Vienna rossa cit., p. 231).
169
O. BAUER, Der Kampf um die Macht (trad. it. p. 254).
231 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

sione ottica produce una drammatica accentuazione delle aporie
racchiuse nell'impostazione generale degli anni precedenti, dando
luogo a un duplice esito: la disarticolazione strategica dell'analisi
dei   paradossi   della   democrazia   in   una   logica   di   blocchi
contrapposti;   lo   smarrimento   del   carattere   dinamico
dell'intervento  politico­statuale  (concertato   dall'abile  politica   del
cancelliere cristiano­sociale Ignaz Seipel) su quegli «strati sociali
intermedi»,   la   cui   conquista   Bauer   considerava   decisiva   per
risolvere a favore della socialdemocrazia l'equilibrio delle forze di
classe. Ma vediamo di analizzare, sia pure molto sinteticamente,
questi due aspetti.
Abbiamo   visto   in   precedenza   i   passaggi   teorici   attraverso   i
quali   Bauer   arriva   a   individuare   l'espressione   peculiare   dello
"stato   di   equilibrio",   nell'attuale   epoca   storica,   nella   crisi   del
parlamentarismo.   Ma   proprio   l'esigenza   di   integrazione   delle
istanze   di   democrazia   rappresentativa   con   alcune   istanze   di
"democrazia funzionale" (o industriale), nel quadro di una visione
non ingenuamente evolutiva o lineare dello sviluppo della forma
democratica,   per   quanto   gli   consenta   di   sottrarsi   agli   evidenti
rischi di ricaduta nello statalismo impliciti in una posizione come
quella   di   Renner,   implica   tuttavia   problemi   non   meno   ardui.
L'accentuazione   degli   aspetti   di   "organicismo   cul­turale­
indutriale" perculiare a tutta una tradizione di pensiero tedesca è
infatti presente proprio in quegli autori che sottolineano la crisi
del parlamentarismo: in questo senso, la concezione baueriana si
imbatte nelle stesse difficoltà di fronte alle quali fece naufragio il
grande   pensiero   democratico   o   neoliberale   della   Repubblica   di
Weimar:   da   Rathenau  a   Troeltsch   a   Meinecke.   Tale  limite  non
può   essere   tuttavia   semplicisticamente   ricondotto   alla
permanenza   (o   al   ricorso)   del   tema   della  Gemeinschaft:  della
comunità   intesa   come   società   organica   (contro   il   carattere
artificiale­meccanico   della  Gesellschaft).  In   primo   luogo,   infatti,   i
temi della  Gemeinschaft  e del  Volksstaat  non coincidono, anche se si
presentano sovente intrecciati. In secondo luogo, il ricorrere del
tema   della   comunità   o   del  Gemeinwesen  non   comporta   di   per   sé
implicazioni organicisti­che, dal momento che compare anche in
un   autore   estremamente   vigile   e   aspramente   critico   verso
l'organicismo   come   Hans   Kelsen.   Non   è   indifferente,   quindi,   la
portata   di   una   distinzione   che   serpeggia   nel   dibattito   tedesco­
austriaco degli anni
'20:   la   distinzione   tra   un'accezione   formal­giuridica   della
"comunità"  (Rechtsgemeinschaft)  e   una   demonazionale  (Volk­
sgemeinschaft). In Hilferding e in Renner, ad esempio, le tematiche
LA   VIENNA   DI   WITTGENSTEIN   E   232
LA
VIENNA DI BAUER

del  Gemeiwesen  e   della  Gemeinschaft  non   stanno   affatto   in


contraddizione con il formalismo istituzionale, che rappresenta il
tratto   distintivo   delle   loro   concezioni.   Né,   d'altronde,   il
programma   di   assorbimento   istituzionale   del   sindacato   e   delle
altre   istanze   partecipative   come   Gemeinschaftskòrper  ("corpi
comunitari")   mette   mai   in   discussione   la   centralità   dell'istituto
parlamentare, visto ­ non diversamente da Kelsen ­ come il luogo
naturale   del   compromesso   e,   quindi,   come   "organo"   deputato   a
tutelare la stabilità dell'equilibrio:

Il corpo legislativo ­ scriveva Renner già nel 1901 ­ è l'organo unitario più
eminente dello Stato moderno ed una sua disarticolazione sarebbe un peccato
mortale contro l'organo stesso... Nel risultato della decisione unitaria sta la
funzione essenziale del Parlamento... Ma questa decisione coagula gli interessi
contrapposti in un interesse medio generale che spesso non coincide affatto con
gli interessi di nessun singolo partito. Ogni maggioranza parlamentare poggia
in  sé già su di un  compromesso con  la  minoranza,  cui essa deve rendere il
compromesso   almeno  passivamente  accettabile.   Chiunque   veda   questa
ricomposizione di interessi e ne riconosca la funzione essenziale non mancherà
di   individuare   l'errore   fondamentale   della   cosiddetta   rappresentanza   di
interessi,   del   sistema   per   classi.   Per   questo   sistema,   infatti,   il   compito
principale consiste nel mettere a nudo tutti gli interessi contrapposti ­ cosa che
peraltro  riesce  assai   raramente   ­   fino  al   punto   di   distruggere   o  di  limitare
fortemente la possibilità di arrivare alla decisione unitaria170.

Le riflessioni di Hilferding e di Renner hanno il vantaggio di
operare un netto e definitivo distacco dal giusnaturalismo ancora
presente   in   quel   marxismo   che   «idolatra   le   leggi   di   natura»   e
impedisce di «analizzare la società come un sistema che ha il suo
fulcro nel diritto e nello Stato» 171 : ragion per cui esse si configu­
rano  nel   dopoguerra   come  piattaforme  teoriche  non  assimilabili
all'"attendismo rivoluzionario" secondinternazionalista. Malgrado
ciò esse finiscono tuttavia per concepire lo Stato democratico come
un soggetto sintetico, accogliendo l'equazione kelseniana di diritto
e Stato (con la riduzione, in essa implicita, del tema weberiano

R. SPRINGER  [K. RENNER],  Staat und Parlament,  Wien  1901,  pp.  5­7.  K.


RENNER, Marxismus, Krieg und Internationale cit., p. 59.

della   legittimità   alla   legalità).   La   stessa   problematica   della


razionalizzazione   come   costante   trasformazione   delle   strutture
proprietarie e mutamento di funzione dell'agire imprenditoriale ­
che le accomuna per molti versi a Schumpeter ­ presenta a ben
guardare   una   curvatura   evoluzionistica   e   aconflittuale
esattamente antitetica alla traiettoria schumpeteriana.
233 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

Il tratto distintivo della concezione di Bauer si evidenzia pro­
prio   attraverso   la   polemica   con   questa   duplice   curvatura   del
weberismo "depoliticizzato" di Renner e di Hilferding: la   reductio
dello   Stato   a   sintesi   formalistico­istituzionale   (della   legittimità
alla   legalità)   e   l'illusione   della   socializzazione   come   equi­
libramento   stabile   e   tendenzialmente   aconflittuale   delle   forze
sociali.   L'elemento   di   maggiore   interesse   della   posizione   baue­
riana non va dunque, a nostro avviso, rintracciato nella soluzione
combinatoria che sta alla base del suo modello di democrazia e di
Sozicdisierung.  Ma piuttosto nel suo tentativo di coniugarlo, almeno
a   partire   dal   '23,   con   un'ipotesi   conflittua­lista.   La   tematica
baueriana   della   "democrazia   funzionale"   risente   infatti
dell'influenza   del   gildismo   britannico   (rappresentato
segnatamente dalla  teoria  "pluralista" di  Cole, Laski  e  Stafford
Cripps)   non   meno   delle   elaborazioni   di   Hilferding   ­che   nel   '21
aveva introdotto il libro di Cole sull'« autogestione nell'industria»
172
  ­   e   dello   stesso   Renner,   il   quale   tendeva   a   sottolineare   la
compatibilità della propria  concezione con la  dottrina  pluralista
del Guild Socialism:

Lo Stato è solo un gruppo sociale accanto agli altri. Fin qui il socialismo
delle   gilde   ha   senz'altro   ragione.   Tuttavia   il   gruppo   "Stato"   mi   sembra   si
distingua   da   tutti   gli   altri,   poiché   la   sua   funzione   è   proprio   quella   di
ricomporre e riequilibrare la molteplicità dei gruppi in lotta fra loro173.

Per   quanto   sottolinei   con   forza   il   carattere   articolato   e   plu­


ralista   della   propria   soluzione   istituzionale,   questa   sintesi   di
"democratizzazione"   e   "politica   sociale",   "centralità"   e   "decen­
tramento", "democrazia borghese" e "consigli", "unità dello Stato"
172
G.D.H.  COLE,  Selbstverwaltung   in   der   Industrie,  Einleitung   von   Rudolf
Hilferding, Berlin 1921.
173
K. RENNER, Demokratie und Ràtesystem, in «Der Kampf», XIV, 1921, p.
e   "corporazioni"   degli   interessi   e   delle   competenze   ­   sintesi   che
accomuna una fascia della teoria socialdemocratica degli anni '20
al   postliberalismo   dei  Vernunftrepublikaner  wei­mariani   (e   dello
stesso   Rathenau,   che   pure   si   dimostra   assai   più   avvertito   di
Hilferding   nell'individuare  le  aporie  della   "socializzazione")  174  ­
non   si   sottrae   a   slittamenti   in   senso   organici­stico.   Bauer
condivide fino in fondo il limite di questa tendenza. Dalla quale
però  si   distacca   su  un punto,   decisivo  anche  per  la  spiegazione
della   scelta   politica   imboccata   al   Congresso   di   Linz:   quello
relativo   alla   stabilità   del   compromesso   tra   "riformismo
capitalistico" e "riformismo operaio"175.
LA   VIENNA   DI   WITTGENSTEIN   E   234
LA
VIENNA DI BAUER

È attraverso la critica all'illusione di stabilità dell'"equilibrio
democratico"   ­   illusione   che   la   sinistra   austromarxista   vedrà
ufficialmente ratificata nei deliberati del Congresso di Kiel della
Spd   ­   che   viene   ad   assumere   in   questi   anni   una   posizione   di
assoluta centralità un altro tema curciale: la questione del rap­
porto democrazia­dittatura.
La   sistemazione   teorica   di   questo   rapporto   fu   opera   di   Max
Adler,   le   cui   tesi   costituirono   un   punto   di   riferimento   fonda­
mentale   del   dibattito   congressuale   del   '26.   Motivo   conduttore
dell'impostazione   adleriana   era   la   distinzione   tra   "democrazia
politica"   e   "democrazia   sociale":   mentre   la   prima,   e   in   genere
«tutte le altre forme che vengono designate come democratiche»,
rappresenta   (in   quanto   muove   dal   presupposto   liberale
dell'atomizzazione   della   società   in   individui   astratti)   la   costi­
tuzione formale di una "volontà generale" in funzione degli inte­
ressi particolari di una classe che domina sulle altre, e pertanto
una   forma   di   dittatura,   la   seconda   viene   a   coincidere   con   la
democrazia   reale,   attuabile   nella   sua   pienezza   soltanto   in   una
società   senza   classi.   Ragion   per   cui   la   democrazia   politica,   così
come è stata una delle forme in cui si è storicamente esercitata la
dittatura borghese, può essere anche una delle forme di esercizio
della   dittatura   del   proletariato:   la   «sostituzione   della   dittatura
borghese   con   la   dittatura   proletaria»,   dunque,   non   deve
necessariamente aver luogo nella forma della dittatura aperta del
174
Cfr.   soprattutto   W.  RATHENAU,  Sozicdisierung   und   kein   Ende   (1919),  in
Gesammelte Schriften,  voi. VI:  Schriften aus Krìegs­ und Nachkriegzueit,  Berlin
1929, pp. 217­43 (trad. it. in M.  CACCIARI,  Walther Rathenau e il suo ambiente,
Bari 1979, pp. 87 ss.).
175
Cfr. M. CACCIARI, Walther Rathenau cit., pp. 65­67.
bolscevismo,   ma   può   svolgersi   anche   (e   questa   è   per   Adler   la
strategia di transizione adeguata ai paesi ad avanzato sviluppo
capitalistico) «nelle forme della democrazia politica» 176.

Come   fece   acutamente   osservare   Arkadij   Gurland177,   l'impo­


stazione adleriana recava in sé un grave aspetto aporetico. Se il
concetto   di   dittatura   ­   così   come   viene   precisato   da   Adler   al
Congresso di Linz e in Politische oder soziale Demokratie 178 ­sta a
denotare, secondo un'accezione marxologicamente più corretta di
quella di Bauer (il quale identificava la dittatura con il "terrore",
ossia   con   il   ricorso   al   «mezzo   politico   della   violenza»),   l'intera
epoca   storica   dello   "Stato   di   classe",   cui   apparterebbe  in   toto
anche   la   "democrazia   politica",   esso   viene   di   fatto   a   designare
null'altro   che   una   "funzione   sociale"   dello   Stato 119.   Ma,   in   tal
235 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

modo,   la   correttezza   filologica   e   la   rigorosa   aderenza   al   testo


marxiano   fanno   svanire   ogni   determinazione   analitica   circa   la
specificità della dittatura come forma politica. L'indeterminatezza
istituzionale   che   contrassegna   in   Adler   (non   diversamente   da
Korsch)180  la   nozione   di   "dittatura   del   proletariato"  si   riverbera
sulla stessa analisi dello Stato presente, lasciando nell'ambiguità
se   essa   sia   uno   «stato   normale»   o   uno   «stato   di   eccezione»,   un
«mezzo adeguato» o un «mezzo eccezionale» 181.
Non   meno  problematici   si   presentano   tuttavia   gli   esiti   della
riflessione baueriana. L'assunto circa il carattere dinamico della
"situazione di equilibrio" viene praticamente svolto solo nei ter­
mini della sua provvisorietà. Ma, una volta affermato il carattere
transitorio dell'equilibrio delle forze di classe, Bauer tende nuo­
vamente   a   disarticolare   l'aspetto   sociale   da   quello   politico­isti­
tuzionale, senza interrogarsi sulle ragioni per cui in Austria (e in
Germania)   la   socialdemocrazia   aveva   perduto   la   battaglia   nel
governo di coalizione, rendendo possibile la sua emarginazione da
tutte le principali leve di controllo degli apparati statali. E non è
176
M. ADLER, Die Staatsauffassung des Marxismus cit., p. 191.
177
Marxismus und Diktatur, Leipzig 1930, pp. 68­73.
178
Berlin 1926 (trad. it. Roma 1945).
179
Cfr. A. GURLAND, Marxismus und Diktatur cit., p. 72.
180
Cfr.  K.   KORSCH,  Revolutiondre   Kommune   II,  in   «Die   Aktion»,   1931,   n.   3­
4,   p.   64   (trad.   it.   in  Scrìtti   politici,   2  voli.,   a   cura   di  G.E.  Rusconi,   Bari   1975,
pp. 265­66).
181
Cfr. A. GURLAND, Marxismus und Diktatur cit., p. 73.

un   caso   che   dal   suo   teorema   dello   Stato   democratico   come


parallelogramma del rapporto di forza tra le classi, Bauer sappia
ricavare ­ in sostanziale convergenza con le conclusioni adle­riane
­   soltanto   l'esile   corollario   della   necessità   di   salvaguardare,
contemporaneamente   ma   separatamente,   l'autonomia   "sociale"
della classe e la "legalità costituzionale" dello Stato182.

L'assenza   sia  in Bauer  che  in  Adler  di   un'analisi   delle  com­


plesse   trasformazioni   che   investivano   la   Costituzione   ­   quale
veniva   in   quegli   anni   impostata   da   politologi   socialdemocratici
weimariani   come   Ernst   Fraenkel,   Franz   Neumann   e   Otto   Kir­
chheimer  183­liporta   ad   abbracciare   come   unica   soluzione   stra­
tegica adeguata quella della "violenza difensiva", cui il movimento
operaio  avrebbe  dovuto  fare  ricorso,   servendosi   del  suo  "braccio
armato"   (lo  Schutzbund),  in   caso   di   violazione   della   legalità
costituzionale da parte della classe borghese:
LA   VIENNA   DI   WITTGENSTEIN   E   236
LA
VIENNA DI BAUER

Il   partito   operaio   socialdemocratico   ­   si   legge   nel   programma   di   Linz   ­


eserciterà   il   potere   nelle   forme   della   democrazia   e   con   tutte   le   garanzie
democratiche ... Se la borghesia dovesse opporsi al rivolgimento sociale, che
costituirà il compito principale del potere statale della classe operaia, con lo
strozzamento   sistematico   della   vita   economica,   con   la   ribellione   violenta
attraverso   la   congiura   con   potenze   controrivoluzionarie   straniere,   la   classe
operaia   sarà   costretta   a   spezzare   la   resistenza   della   borghesia   con   i   mezzi
della dittatura184.

Ma il paradosso della "custodia della Costituzione" con mezzi
completamente   extraparlamentari   ed   extraistituzionali   non
poteva non portare a un progressivo arretramento di quella che si
presentava   come   una   linea   di   mera   difesa   dell'"ordine   repub­
blicano" ­ fino al totale immobilismo del "blocco operaio", esaltato
dall'ideologia   dell'uomo   nuovo   e   dell'autosufficienza   delle   forme
proletarie   di   socializzazione.   La   socialdemocrazia   austriaca   si
182
Cfr.  Der Kampf um die Macht,  trad. it. cit., pp. 250  ss.  (relative al capi­
tolo su Democrazia e violenza armata).
183
Rimando per questi autori al mio libro  II politico e le trasformazioni  cit.,
e,   per   i   rapporti   tra   socialdemocrazia   e   intellettuali   della   Hochschule   fur   Poli­
tile  di Berlino, alla  mia  introduzione  a  W.  ABENDROTH,  Socialismo e  marxismo
da Weimar alla Germania Federale, Firenze 1978.
184 programm   der   Sozialdemokratischen   Arbeiterpartei   Deutschòsterreichs,
beschlossen vom Parteitag  zu Linz am 3. November 1926,  ora in  AA.W,  Austro­
marxismus cit., p. 384.

rivela   non   meno   incapace   di   quella   weimariana   di   analizzare   i


meccanismi   di   funzionamento   del   "capitalismo   organizzato",
scorgendo   all'interno   delle   sue   articolazioni   la   nuova   tattica   di
demolizione della democrazia. La stessa impotenza della politica
di Bauer nei confronti dell'abile strategia di Seipel, che si basava
su un uso spregiudicato degli strumenti di intervento economici e
legislativi   dello   Stato,   rimanda   a   un   altro   limite   della   sua
concezione,   da   noi   precedentemente   segnalato:   la   "filosofia
deflazionistica"   implicita   nella   sua   idea   del   piano   come   "razio­
nalizzazione   equilibrata".   È   proprio   col   successo   del   '23   che   si
evidenziano,   paradossalmente,   i   confini   rigidamente   deflazioni­
stici   dell'antiliberismo   della   socialdemocrazia   austriaca,   che
avrebbe presto portato a una pietrificazione dell'economia e a una
caduta   verticale   della   mobilità   della   forza­lavoro   (come   aveva,
d'altra parte, previsto Schumpeter): con la duplice conseguenza di
una grave crisi creditizia e di un regime di bassi salari. L'assenza
di   dinamismo   di   quella   che   venne   ironicamente   chiamata   la
"democrazia   residenziale"   del   socialismo   austriaco   (e   che
consisteva   nel   mantenimento   di   un   basso   livello   di   consumi
interni, compensato dal consumo sociale del bene casa) era assai
inadeguatamente   compensata   dal   pathos   politico   e   ideale   che
237 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

sorreggeva i discorsi, al Consiglio comunale di Vienna o in Par­
lamento   (particolarmente   suggestivi   quelli   di   Bauer),   contro   la
"parassitaria"   rendita   fondiaria   urbana   e   a   favore   del   capitale
produttivo: a questa linea di austerità si atteneva rigorosamente
la strategia tributaria di Karl Seitz (il popolarissimo borgomastro
di Vienna) che, per quanto colpisse spietatamente gli investimenti
speculativi, comprimeva massicciamente i consumi 185.

Dalle   fratture   sociali   provocate   da   questa   politica   deflattiva


prendeva   le   mosse   il   contrattacco   conservatore   di   Seipel   che,
muovendo dal governo centrale, portava al progressivo isolamento
della   capitale:   la  quale  all'inizio  degli   anni  '30  restava  priva  di
qualsiasi contributo statale per l'edilizia, benché fosse obbligata a
versare allo Stato imposte pari a quelle di tutti gli altri  Lànder.
Attraverso   un   abile   uso   dell'arma   tributaria,   accompagnato   da
una   propaganda   capillare   fra   i   ceti   contadini   e   piccolo­borghesi
della   provincia   contro   la   «Vienna   rossa   e   giudaico­marxista»,   i

Cfr. CA. GULICK, Austria cit., pp. 499 ss.
cristiano­sociali   riuscirono   a   far   breccia   nel   blocco   di   alleanze
socialdemocratico,   e,   a   partire   dal   '27,   usarono   sempre   più
spregiudicatamente le organizzazioni paramilitari reazionarie dei
Frontkàmpfer  e  delle  Heimwehren  per  innescare  un  processo  di
ristrutturazione autoritaria dello Stato186.

Un'analisi intrecciata degli sviluppi teorici e della politica pra­
tica dell'austromarxismo negli anni '20 consente di sottrarsi alla
spiegazione   semplicistica   per   cui   l'austromarxismo   avrebbe
coperto   con   raffinate   teorizzazioni   una   pratica   rinunciataria   e
opportunistica, e al tempo stesso di far luce sulle ragioni di un
fallimento che a prima vista si presenta come il frutto di opzioni
pratiche opposte a quelle "istituzionaliste" della Spd weimariana.
La   "terza   via"   teoricamente   prospettata   dall'austromarxismo   si
traduce nei fatti in una tragedia della non­scelta, mediata da un
recupero   surrettizio   della   visione   dicotomica   (a   onta   dell'enfasi
posta da Bauer sul ruolo dei "ceti medi") all'interno di una logica
del   "blocco   contro   blocco"   che   si   svolge   tutta   nell'ambito   del
"sociale", mentre l'avversario si organizza a partire dallo Stato.
A partire dal Congresso di Linz, le analisi di Bauer e di Max
Adler   conosceranno   una   notevole   fortuna   all'interno   del   socia­
lismo tedesco ed europeo, influenzando rispettivamente il dibat­

Cfr. C. REIMANN, ZU Grò SS fùr Ósterreich. Seìpel und Bauer im Kampf um
186

die Erste Republik, Wien 1968, pp. 350 ss.
187
Rimando per questo aspetto al mio libro Austromarxismo cit., pp. 98 ss.
Cfr.  O.   BAUER,  Kapitalismus   und   Sozicdismus  cit.;  Protokoll   des   Sozial­
188

demokratischen Parteitages, abgehalten vom 13. bis 15. November 1932 in Wien,
Wien 1932, pp. 34ss.;  Mach der deutschen Katastrophe, Die Beschlusse der inter­
nationalen   Konferenz   der   S.A.I.   in   Paris,   August   1933,   und   die   Rede   des   Beri­
chterstatters Otto Bauer, Zùrich 1933.
LA   VIENNA   DI   WITTGENSTEIN   E   238
LA
VIENNA DI BAUER

tito "pianista" e il Linkssozialismus 187 . Ma esse non faranno che
riprodurre in termini sempre più intensi e drammatici le aporie
sopra   analizzate.   Se,   infatti,   le   tappe   più   significative   della
riflessione di  Bauer fino  alla  sconfitta  (il  volume  del  '31  Ratio­
nalisierung­Fehlrationalisierung, le relazioni del '32 al Congresso
della   socialdemocrazia   austriaca   e   del   '33   al   Congresso   del­
l'Internazionale   socialista)188  ripropongono   l'idea   neoclassica   del
piano come "razionalizzazione equilibrata" e la strategia di difesa
della   democrazia   contro   il   fascismo   in   termini   di   pure   alleanze
sociali, Adler dal canto suo approda (nel tentativo di fornire un
organico statuto teorico al "socialismo di sinistra" rilanciato negli
anni   della   crisi   da   Paul   Levi   e   dal   gruppo   berlinese   di   "Klas­
senkampf") a una riassunzione surrettizia della teoria catastrofica
(nel   senso   della  più  comune   versione  sottoconsumistica)   e  a  un
irrigidimento   propagandistico­dottrinario   dello  Endziel189.  In
assenza   di   un'analisi   della   nuova   composizione   del   blocco
dominante   prodotta   dai   processi   di   trasformazione   del   "capita­
lismo organizzato" (lacuna che Bauer colmerà parzialmente solo
dopo   la   sconfitta,   nella   suggestiva   interpretazione   del   fascismo
contenuta   in  Zwischen   zwei   Weltkriegen?190),  la   disamina   strut­
turale dei meccanismi che mettono in crisi il "parlamentarismo"
tende   a   risolversi   in   una   moralistica   denuncia   degli   «errori   del
riformismo» e in una critica puramente negativa dei limiti della
"democrazia   formale".   A   entrambi   viene   drasticamente   con­
trapposta   l'irriducibile   opposizione   ideale   della  Gegengesell­
schaft,  della   controsocietà   operaio­comunitaria   assediata   nelle
"rocche   rosse"   viennesi:   pesante   retaggio   subculturale   che   la
socialdemocrazia austriaca ­ al pari di quella weimariana ­ eredita
dall'"integrazione   negativa"191  del   periodo   anteguerra,   e   che
nell'austromarxismo appare come vistoso correlato organizzativo
di una "teoria della pausa".

Alla disarticolazione di "sociale" e "politico" che caratterizza, su
sponde   opposte,   le   opzioni   tattiche   dei   due   maggiori   partiti
socialdemocratici europei del tempo, fa riscontro un contrattacco
capitalistico   che,   facendo   leva   sugli   apparati   di   potere,   da   esso
saldamente controllati a partire dal 1923­24, organizza ­ come in
Austria ­ il consenso antioperaio del "ceto medio" e della piccola
borghesia agraria o, giocando su un dispositivo mobile di alleanze

189
Cfr.  M.  ADLER,  Die  soziale  Revolution,  in  AA.W.,  Die  Krìse  des  Kapitali­
smus und die Aufgaben der Arbeiterklasse, Berlin [1931], p. 141.
190
Bratislava  1936,  ora in  O.  BAUER,  Werkausgabe,  voi.  IV, pp.  49  ss. (trad.
it.  Torino  1979:  cfr. in  specie le pp.  105  ss., e si  veda al riguardo  l'ampia  intro­
duzione   di   Enzo   Collotti).  Inoltre,  G.   BOTZ,  Austro­Marxist   Interpretation   of
Fascism, in «Journal of Contemporary History», II, 1976, pp. 129­56.
191
Riprendo questa  espressione da D.  GROH,  Negative  Integration  und  revo­
lutionàrer Attentismus, Frankfurt­Berlin­Wien 1973.
192
Cfr.   C.S.  MAIER,  Recasting   Bourgeois   Europe,  Princeton  1975  (trad.   it.
Bari 1979).
239 VERSO UN NUOVO POLICRATICUS

tra   i   diversi   settori   industriali   e   le   diverse   componenti   del


"pluralismo corporatista"192, strumentalizza,

­   come   in   Germania   ­   l'insubordinazione   sociale   (che   il   partito


comunista   tedesco   si   limita,   negli   anni   della   crisi,   a   "rap­
presentare", enfatizzando il "primato dell'economia"), ritorcendola
contro   un   partito   operaio   oggettivamente   compromesso   con   lo
Stato.   L'ottimistica   fiducia   nella   possibilità   di   edificare   un
sozialer   Rechtsstaat,  uno   "Stato   di   diritto   sociale",   che   ­   come
avrebbe   acutamente   osservato   Franz   Neumann193  ­   portò   Hil­
ferding a illudersi sui reali caratteri del "capitalismo organizzato"
e alla fatale sottovalutazione del pericolo nazionalsocialista (che
coincise   con   il   non   meno   fatale   rifiuto   delle   misure
anticongiunturali   proposte,   dall'interno   del   sindacato,   da   Woy­
tinsky,   Tarnow   e   Baade)194  trova   per   noi   riscontro   nell'intran­
sigente   rifiuto   baueriano   di   formare   coalizioni   sotto   il   cancel­
lierato di Seipel: la cui azione di lento logoramento delle trincee
sociali della classe operaia mostrò tutta la sua efficacia allorché
Dollfuss sciolse nel marzo 1933 il Parlamento, smantellando nel
giro di un anno tutti gli strumenti di "contropotere" della classe
operaia195.
L'insurrezione del febbraio 1934, che vide la resistenza operaia
contro   l'esercito   condotta   fino   all'estrema   difesa   delle   "rocche
rosse" viennesi, fu un gesto, prima che eroico, disperato: l'ultimo
atto   di   un   grande   movimento   che,   partito   dall'esigenza   di
superare le opposte unilateralità del "dottrinarismo comunista" e
del "dottrinarismo socialdemocratico", aveva finito per riprodurre
gli errori di entrambi. Il suo esito fu una drammatica oscillazione,
la cui più lucida e lapidaria conferma ci viene proprio dal giudizio
retrospettivo formulato da Bauer in Zwischen zwei Weltkriegen?:
«Noi abbiamo dato al socialismo riformista la grande opera della
Vienna   rossa,   al   socialismo   rivoluzionario   l'atto   eroico
dell'insurrezio