Sei sulla pagina 1di 31

Introduzione al

METODO DEGLI

ELEMENTI FINITI
Osservazioni sui metodi variazionali
approssimati classici

Le funzioni approssimanti devono:


• Soddisfare i requisiti di continuità
• Essere linearmente indipendenti e completi
• Soddisfare le condizioni al contorno (essenziali)

Difficoltà:
• Selezionare idonee funzioni approssimanti per domini complessi
• Definire una procedura sistematica per definire le funzioni approssimanti

Metodo degli elementi finiti 2


Requisiti di una buona procedura
computazionale
• Il metodo deve avere una base fisica ed un’impostazione
matematica
• Il metodo non deve soffrire di limitazioni per problemi definiti su
domini complessi
• La formulazione della procedura non deve dipendere dalla
specifica forma geometrica del dominio
• Il metodo deve essere sufficientemente flessibile da poter
incrementare l’accuratezza della soluzione cercata senza riformulare
tutto il problema
• Il metodo deve poter essere implementato semplicemente ed in
modo automatico in un codice di calcolo

Metodo degli elementi finiti 3


Problema 1D della barra

f
EA P

EA u’’ + f =0 equazione di campo

u(0) = 0 condizioni al contorno


EA u’(L) = P

Metodo degli elementi finiti 4


Idea di base
Energia potenziale totale
1
L
L 
       EA  u '  dx    f u dx  P uL 
2

20 0 
N
Metodo variazionale approssimato u( x )  U j j ( x )
j 1
1
L N N  L N N 
   EAU i i 'U j j 'dx    f  U i i dx  P U i i ( L) 
20 i 1 j 1 0 i 1 i 1 
Stazionarietà dell’energia potenziale totalei

L N L 
0   EA i ' U j j 'dx    f  i dx  P i ( L) 
U i 0 j 1 0 
Si ottiene un sistema di N equazioni in N incognite, risolvibile se le
funzioni approssimanti sono scelte in modo adeguato.

Metodo degli elementi finiti 5


N
u ( x )  U j  j ( x )
j 1

1 2 3 4 5

U1 U2 U3 U4 U5

Metodo degli elementi finiti 6


1 2 3 4 5
=
U1 U2 U3 U4 U5

+
U1 1 1

+
U2 1 2

+
U3 1 3

+
U4 1 4

U5 5 1

Metodo degli elementi finiti 7


Schema FEM

1. Discretizzazione del dominio in un insieme di elementi

2. Derivazione delle equazioni per ogni elemento della mesh

3. Assemblaggio di tutte le equazioni ottenute per i singoli


elementi per determinare le equazioni del sistema strutturale
completo

4. Imposizione delle condizioni al contorno

5. Soluzione del sistema di equazioni

6. Postprocessing della soluzione

Metodo degli elementi finiti 8


Schema FEM

1. Discretizzazione del dominio in un insieme di elementi


• Definizione della mesh
• Numerazione dei nodi e degli elementi
• Assegnazione delle proprietà agli elementi

2. Derivazione delle equazioni per ogni elemento della mesh


• Formulazione variazionale
• Approssimazione
• Matrice di rigidezza, vettore delle forze

Metodo degli elementi finiti 9


Schema FEM

3. Assemblaggio di tutte le equazioni ottenute per i singoli


elementi per determinare le equazioni del sistema strutturale
completo
• Condizioni di continuità tra elementi contigui
• relazione di connettività elemento – nodi
• relazione tra i gradi di libertà globali del sistema ed i nodi
• Identificazione delle condizioni di equilibrio tra le variabili
secondarie
• Assemblaggio delle equazioni di elemento nelle equazioni del
sistema

Metodo degli elementi finiti 10


Schema FEM
4. Imposizione delle condizioni al contorno
• Identificazione dei gradi di libertà assegnati
• Identificazione delle variabili secondarie assegnate

5. Soluzione del sistema di equazioni

6. Postprocessing della soluzione


• Calcolo della derivata (deformazione) della soluzione
• Calcolo delle tensioni
• Rappresentazione grafica della soluzione: deformata, curve
di livello delle tensioni, tensioni equivalenti

Metodo degli elementi finiti 11


1. Discretizzazione del dominio
P
f
Problema fisico O x
L

f P= EA u’(L)
Modello matematico O x
L

elementi nodi

P= EA u’(L)
f
Discretizzazione agli O he x
elementi finiti
L

Metodo degli elementi finiti 12


Discretizzazione del dominio

• Definizione della mesh • Numerazione dei nodi e degli


elementi
elemento Elemento Nodo 1 Nodo2
1 1 2
1 2 3 4
2 2 3
1 2 3 4 5 3 3 4
4 4 5

• Assegnazione delle proprietà


agli elementi:

nodo EA = (per ogni elemento)

Metodo degli elementi finiti 13


2. Derivazione delle equazioni per ogni elemento
c.c. essenziali
L’equazione differenziale
u(xA)=u1(e) u(xB)=u2(e) EA u’’ = f deve essere
soddisfatta in tutti i punti
-N(xA) = P(e)1 e N(xB)=P(e)2 della trave. In particolare
dovrà essere soddisfatta
xA xB nell’elemento e=(xA,xB).

c.c. naturali

Energia B x B x
1
 (u )  EA   u ' dx   f u dx   P1( e )u ( x A )  P2( e )u ( xB ) 
2
potenziale
per l’elemento 2 xA xA

Metodo degli elementi finiti 14


Derivazione delle equazioni
2
Approssimazione per il singolo elemento ue   u j ( e ) j ( x )
j 1

1 2 2  B  (e) (e) 
x

     EA i '( x ) j '( x ) dx  u j ui 


(e) (e)

2 i 1 j 1  x A 
 

2   xB  
    f  i ( x ) dx  P1  i ( x A )  P2  i ( xB )  dx ui 
(e) (e) (e) (e) (e) (e)

i 1   x A
 
 
1 2 2 2
   Kij u j ui     Fi ( e ) ui ( e ) 
(e) (e) (e)

2 i 1 j 1 i 1

xB
dove Kij( e )    
(e) (e)
EA i '( x ) j '( x ) dx
xA
xB

Fi (e)
   i ( e ) ( x ) f dx  P1( e ) i ( e ) ( x A )  P2( e ) i ( e ) ( xB )
xA

Metodo degli elementi finiti 15


Stazionarietà dell’energia potenziale totale del singolo elemento

 2
0  ( e )    Kij( e ) u j ( e )   Fi ( e )
ui j 1

2 equazioni di equilibrio (approssimato)

Metodo degli elementi finiti 16


Funzioni di approssimazione Derivazione delle equazioni
per l’elemento xB  x
 (e)

xB  x A
1
elemento x A  x  xB
e x  xA
 2( e ) 
A
e
B xB  x A
he  xB  x A dimensione dell’elemento
nodo
Funzioni di interpolazione di Lagrange
e u1(e) spostamento per x = xA
1
1(e) u2(e) spostamento per x = xB
i(e)(xj) = 0 se i # j
2(e) 1 i(e)(xj) = 1 se i = j
1(e)(x) + 2(e)(x) = 1

Metodo degli elementi finiti 17


Derivazione delle equazioni
Matrice di rigidezza, vettore delle forze
xB  x 1 x  xA 1
 1( e )   1( e ) '   ,  2( e )   2( e ) ' 
he he he he
matrice di rigidezza
xB xB
1 1 EA
K11( e )     ' dx   EA dx 
(e) (e)
EA 1 ' 1
xA xA
he he he
1 1
xB xB
EA
K12( e )   1 2 ' dx 
   EA dx  
(e) (e)
EA '
xA xA
he he he
1 1
xB zB
EA
  2 1 ' dx 
   EA dx  
(e) (e) (e)
K 21 EA '
xA zA
he he he
xB xB
1 1 EA
  EA ' 2 ' dx   EA dx 
(e) (e) (e)
K 22 2
xA xA
he he he

Metodo degli elementi finiti 18


Derivazione delle equazioni
vettore delle forze
xB  x
xB xB
1
F 1
(e)
  1
(e)
( x ) f dx  P
1
(e)
  f dx  P1  f he  P1( e )
(e)

xA xA
he 2
x  xA
xB xB
1
F2( e )    2 ( e ) ( x ) f dx  P2( e )   f dx  P2( e )  f he  P2( e )
xA xA
he 2

In definitiva, la matrice di rigidezza ed il vettore delle forze valgono:


EA  1 1 1  P1( e ) 
 K  
(e)

he  1 1  F   f he     ( e ) 
(e) 1
2 1  P2 
Equilibrio
EA  1 1 u1  1  P1( e ) 
(e)
1
   f he     ( e ) 
he  1 1 u2( e )  2 1  P2 

Metodo degli elementi finiti 19


3. Assemblaggio 1 2 3 4 5

1 2 U1 U2 U3 U4 U5

u1(1) = U1 u2(1) = U2 2 3

u1(2) = U2 u2(2) = U3
3 4
Parametri locali
– 4 5
u1(3) = U3 u2(3) = U4
Parametri globali
u1(4) = U4 u2(4) = U5

u1(1) = U1 u2(1) = U2 = u1(2) u2(2) = U3 = u1(3) u2(3) = U4 = u1(4) u2(4) = U5

Metodo degli elementi finiti 20


Matrice Booleana di connettività: Assemblaggio

Nodo 1
Nodo 2
1 2
2 3
B 
3 4 elemento
 5
4
Esempio
L’elemento 3 ha nodi 3 e 4.
K11(3) si va sommare al termine K33 della matrice globale della struttura
K12(3) si va sommare al termine K34 della matrice globale della struttura

Metodo degli elementi finiti 21


Assemblaggio
Elemento 1
 1 1 0 0 0 U1  1   P1(1) 
 1 1 0 0 0 U 2  1   P (1) 
  
   2 
EA  1 
0 0 0 0 0 U 3   f h1 0   0 
h1   2
0 0 0 0 0 U 4  0  0 
     
 0 0 0 0 0 U 5  0  0 

Elemento 2
0 0 0 0 0 U1  0   0 
0 1 1 0 0 U 2  1   P (2) 
EA     1    (2) 
1

 0 1 1 0 0 U 3   f h2 1    P2 
h2   2
0 0 0 0 0 U 4  0   0 
     
0 0 0 0 0 U 5  0   0 

Metodo degli elementi finiti 22


Assemblaggio
Elemento 3
0 0 0 0 U1 
0 0   0 
0 0 0 0 U 2 
0 0   0 
EA     1    (3) 
0 0 1 1 0 U 3   f h3 1    P1 
h3   2
0 0 1 1 0 U 4  1   P (3) 
     2 
0 
0 0 0 0 U 5  0   0 
Elemento 4
0 0 0 0  U1 
0 0   0 
0 0 0 0  U 2 
0 0   0 
EA     1    
0 0 0 0 0  U 3   f h4 0    0 
h4   2
0 0 0 1 1 U 4  1   P (4) 
     1(4) 
0 0 0 1 1  U 5  1   P2 

Metodo degli elementi finiti 23


Assemblaggio

Sommando le equazioni ottenute per i singoli elementi si ottiene:

 1 1   h1   P1
(1)

 h  0 0 0  U1 
 1
h1
      
 1 1 1 1     
 h   0 0  U 2   h1  h2   P2(1)  P1(2) 
 1
h1 h2 h2
      
   
 
0  U 3 
1 1 1 1 f    
EA  0      h2  h3    P2(2)  P1(3) 
h2 h2 h3 h3 2
     
 1 1 1 1      
 0 0     U 4   h3  h4   P2  P1 
(3) (4)
h3 h3 h4 h4      
 
 1 1      
 0 0 0 U   h4   P (4) 
 h4 h4   5   2 

Metodo degli elementi finiti 24


4. Condizioni al contorno

e e+1
P1(e) P2(e) P1(e+1) P2(e+1)

P2(e) + P1(e+1) = 0
Non sono presenti forze
applicate nei nodi interni

Metodo degli elementi finiti 25


Condizioni al contorno

1
P1(1) P2(2)

U1 = 0 4
Spostamento nullo P1(4) P2(4)
per x = 0
P2(4) = P
Forza assegnata
per x = L

Metodo degli elementi finiti 26


Condizioni al contorno
In definitiva

Vettore degli spostamenti Vettore delle forze


0  h1   P1(1) 
     
     
U 2   h1  h2   0 
     
    
  f    
U 3  h2  h3    0 
  2   
     
U 4  h3  h4   0 
     
     
U 5   h4   P 

Metodo degli elementi finiti 27


5. Soluzione del sistema di equazioni

 1 1  0  h1   P1(1) 
 h  0 0 0 
 1
h1
      
 1 1 1 1       
 h   0 0  U 2   h1  h2   0 
 1
h1 h2 h2
      
    f    

1 1 1
 
1     
EA  0 0  U 3   
 2 3  0 
h h 
h2 h2 h3 h3   2   
 
 1 1 1 1      
 0 0     U 4   h3  h4   0 
h3 h3 h4 h4      
 
 1 1       
 0 0 0 U 5   h4   P 
 h4 h4 

Metodo degli elementi finiti 28


Sistema di equazioni

1 1  f h1
a) EA  0  U 2    P1(1)
 h1 h1  2

1 1 1 
h  h  0 0  U 2   h1  h2   0 
     
h2
 1 2

 1 1 1 1      

 h   0  U 3   h2  h3   0 
   f    
h2 h3 h3
EA    
2
b) 
 1 1 1 1 2
 0     U 4  h3  h4   0 
h3 h3 h4 h4      
      
 1 1      
 0 0
h4   5 
U  h4   P 
 h4

Metodo degli elementi finiti 29


Sistema di equazioni

Si risolve il sistema b).


Noti gli spostamenti nodali U2, U3, U4 e U5, si sostituiscono nel
sistema a) e si ricava P1(1) che rappresenta la reazione del vincolo.

Metodo degli elementi finiti 30


6. Postprocessing della soluzione

Calcolo delle tensioni interne


Interpretazione della soluzione
Rappresentazione grafica dei risultati

Metodo degli elementi finiti 31