Sei sulla pagina 1di 9

Lambdin 27

Proposizioni e sintagmi
temporali
• In ebraico, una sequenza narrativa è spesso
preceduta da una proposizione temporale.
• Una proposizione temporale è segnata dalla
presenza dei modificatori temporali posizionati
prima della proposizione che modificano.
• Tali modificatori sono composti da
waw-inversivo + una forma del verbo ‫היָ ה‬:
ָ
- nella narrazione al passato → ‫ יְ ִהי( וַ יְ ִהי‬impf. breve di ‫)היָ ה‬
ָ
- nella narrazione al futuro → ‫וְ ָהיָ ה‬
• La proposizione temporale viene seguita dalla
sequenza narrativa principale, con le forme verbali
richieste dall’indicatore temporale.
Frasi con l’indicatore temporale del
passato (NB. ‫ וַ יְ ִהי‬no raddoppiamento della yod)
...‫ וַ יְ ִהי ַב ֹּ֫ב ֶקר וַ יִ ְש ַלח‬- e (lett. fu, accadde, era)
al mattino // egli mandò…

...‫וַ יְ ִהי ַא ֲח ֵרי ַה ְד ָב ִרים ָה ֵֹּ֫א ֶלה וַ יִ ְש ַמע קֹול‬


- e dopo queste cose //egli sentì una voce…
Frasi con l’indicatore temporale del
futuro

...‫אתם‬
ֶ ‫יצ‬
ָ ִ‫ וְ ָהיָ ה ַב ֹּ֫ב ֶקר ו‬- e al mattino //partirete…
• Nelle temporali si incontrano spesso le congiunzioni ‫ַכ ֲא ֶשר‬
(quando, come) e ‫( ִכי‬quando, ogni volta che).
Inoltre, termini con valenza temporale come ‫יֹום‬, ‫ ָשנָ ה‬, ‫ֵעת‬
(tempo) con la preposizione ‫; ְב‬
e anche ‫( ִמ ֵקץ‬alla fine di, dopo).
...‫ וַ יְ ִהי ַכ ֲא ֶשר ָר ָאה א ָתם וַ יִ ְק ָרא‬- e quando
egli li vide// gridò…

…‫ת־ה ְד ָב ִרים ָה ֵֹּ֫א ֶלה ּוזְ ַכ ְר ֶתם‬


ַ ‫וְ ָהיָ ה ִכי ִת ְש ְמעּו ֶא‬
- e (lett. avverrà, accadrà, sarà) ogni volta che ascolterete
queste parole// ricorderete…

• Nelle temporali si usano anche proposizioni participiali, che


richiedono la traduzione “mentre”.
‫וַ יְ ִהי ֵהם ע ְמ ִדים ָשם וַ יִ ְש ְמעּו‬... e mentre essi stavano
lì //sentirono…
Sostantivi femminili terminanti
in -eṯ e -aṯ con i suffissi
• Questi sostantivi si comportano per lo più
come i segolati al singolare davanti ai suffissi:

‫גְ ֶֹּ֫ב ֶרת‬ ‫ גְ ִב ְר ִתי‬- la mia padrona (cfr. ‫) ִק ְב ִרי‬


‫ַ ֹּ֫ד ַעת‬ ‫ ַד ְע ִתי‬- la mia conoscenza
‫ֹּ֫ב ֶשת‬ ‫ ָב ְש ִתי‬- la mia vergogna (cfr. ‫) ָק ְד ִשי‬
• Appartengono a questo gruppo anche quei
sostantivi con forme costrutte accentate sulla
penultima sillaba:

‫ִמ ְל ָח ָמה‬ ‫ִמ ְל ֶֹּ֫ח ֶמת‬ ‫ ִמ ְל ַח ְמ ִתי‬- la mia guerra


‫אכה‬
ָ ‫ְמ ָל‬ ‫אכת‬
ֶ ‫ְמ ֹּ֫ ֶל‬ ְ ‫ ְמ ַל‬- il mio lavoro
‫אכ ִתי‬
NB:
• ‫ ִב ִתי → ַבת‬- la mia figlia
• ‫נֹותי → ָבנֹות‬
ַ ‫ ְב‬- le mie figlie

• ‫ִא ְש ִתי → ִא ָשה‬ - la mia moglie

• ~yvin" → yv;n" - le mie mogli