Sei sulla pagina 1di 13

TESTI DE "IL SIGNORE DELLE

FOGNE"
Il giorno della ceppa
una miriade di cazzi da lontano arriver
piano piano scenderanno in mezzo a tutte le citt
poveracci i nostri culi che brutta fine che faranno
tutti quanti sbudellati tra Natale e Capodanno
caro culo te saluto, oggi e' il giorno della ceppa
inutile che scappi prima o poi tanto te becca
Il giorno della ceppa ormai e' arrivato
non ci resta che pregare
perch il culo ormai e' spacciato
ormai non c' e' piu' scampo, la morte anale arriver
e quest'esercito di mazze alla fine vincer
non possiamo fare niente, oddio mio che dolore
e me sa che alla fine arriver il MENTULATORE
(Rit.)
questa mandria di uccelloni finalmente se n' andata
e noi c'abbiamo il culo a fette e la prostata squagliata
e le chiappe frantumate, fatte a pezzi per davvero
ma da dove son venuti quei cazzoni un mistero
(Rit.)

No Seg
Mi tiro una pippa ogni 3 minuti,
ci i coglioni che son tutti sgretolati
che cosa posso fare questa una mania
mi tiro pi seghe io di mio cugino Geremia,
madonna mia che schifo son proprio uno zozzone,
la cappella sta fumando sembra un termosifone
non ce la faccio pi con queste zaganelle
me devo regge er cazzo co 'n paro de bretelle
NO-SEG (x 4)
Sono un pervertito sono un gran porcone
mi tiro seghe a pranzo a merenda e a colazione
me le tiro in cucina me le tiro in soggiorno
me le sparo anche davanti a un bel giornaletto porno
s andato dal dottore quello m'ha avvertito
se non smetto di spipparmi rimango scoglionato
ma io non posso pi fermarmi gi non resisto pi
perci mi faccio un maniglione forza fattelo anche tu
NO-SEG (x 4)
Ancora trenta seghe questa volta ho esagerato
il pisello sta fischiando tutto viola diventato
l'ho ficcato sotto l'acqua ma stavolta sono guai
il topone schioppato nella merda son finito
il peggio arrivato, il cazzo se n' andato
s rimasto senza palle senza ceppa ne gelato,
cosa diavolo far se non posso smanettare
sono in crisi di astinenza ci potrei anche restare
NO-SEG (x 4)

Dora daccela ancora


e io mi ricordo Dora ancora di te lo vuoi sapere perch
perch eri veramente un mito anche se
adesso non ci sei pi, ce la davi solo tu
e ora sono disperato perch
quando mi faccio il bid, ripenso sempre a te
e alle orge fatte sopra il parquet
e alle ammucchiate che poi facevi sempre con noi
pure in metropolitana:
Dora, daccela ancora
io non resisto se tu non me la dai
Dora, daccela ancora, dall'aldil tu ritornare dovrai
Dora, daccela ancora
senza di te io quando piu` tromber
Dora, daccela ancora
o nell'oltretomba io cercarti dovr
Io ho provato a sconsigliarti lo so, di far quell'orgia per
non mi ti sei cagata nemmeno un p,
ma quei sei negri (aim) erano troppi x te
tu non li hai retti e sei schioppata perch
adesso cosa far senza trombarti non so
un monumento costruir ti far, in piazza lo metter
e sar come un palazzo e avr la forma di un gran cazzo
(Rit)
Ormai un mito e per sempre vivr... Dora la divinit (x 4)

Vacce te
se mi guardo allo specchio vedo un pazzo depravato
ancor + stronzo di una volta e una cifra piu` incazzato
la triste confessione di un cantante demenziale
che ha sempre detto parolacce e praticato il coito anale
quando ho smesso di studiare per cantare 'ste porcate
tutti ho fatto incazzare ma in finale che volete
sono uno di quei tipi paraculi e deficienti
che se li mandi a fare in culo ti rispondon sorridenti
vacce te (X 2)
ma nel mondo della musica gli stronzi sono tanti
tutti avidi e cornuti sempre pronti a coglionarti
prima dicono va bene, poi rispondono cor cazzo
ma io davvero non abbozzo
e se mi mandano a fanculo dico:
vacce te (X 2)
non importa se sono volgare, non importa se sei mejo te
canto quello che cazzo me pare, non mi puoi criticare perch
qui la gente si stufata di ascoltare cappellate,
io racconto la realt a modo mio con le cazzate
e se mi va di dire fregna io lo urlo a squarciagola
che lo faccio da 'na vita sin da quando stavo a sqla
e invece tu che sei 'na sla e che racconti favolette
fai pure il finto moralista e mi censuri culi e tette
se poi accendi la TV per ti becchi questi e altro
ma l tutto consentito e tu a fanculo m` hai mandato (stronzo)
vacce te (X 2)
e' inutile che non lo ammetti, l'ignoranza pi viva che mai
e lo squallore andove lo metti, c' sempre un cazzo ovunque tu
vai
quando un giorno me ne sar andato, di sicuro mi rimpiangerai
e le scureggie che hai condannato tu di nuovo sentire vorrai
brutto stronzo tu lo sai, ora sono cazzi tuoi
nello specchio questa sera ho rivisto il mio faccione
cari miei non son cambiato sono sempre un gran coglione
che si illude di poter cantare sempre in questo modo
ma tu non l'hai mai capito e a fanculo m'hai mandato e allora
vacce te... vacce te...

Nella vecchia tromberia


nella vecchia tromberia ia ia
c' quella troia de mi zia ia ia
te fa na sega (x2), te fa na se-se-sega
costa solo mille lire quella troia de mi zia
nella vecchia tromberia ia ia
c' quella zoccola de Maria ia ia ,
t fa na pompa, te fa na po-po-pompa
costa solo dumila lire lire quella zoccola de Maria
Nella vecchia tromberia ia ia ,
c' quella vacca di nonna Pia ia ia ,
te fa na raspa (x2), te fa na ra-ra-raspa
ti fa una raspa nonna Pia, nella vecchia tromberia
nella vecchia tromberia ia ia
chiavi un ora e poi vai via ia ia
c' m zia, c' Maria e poi c' no-no-nonna Pia
per due sacchi la dan via, nella vecchia tromberia

Traves
quando mi sento solo e depresso,
rincoglionito sulla tazza del cesso
lo prendo e lo uso per un p
bello grosso va a pile o a corente
lo saprebbe usare anche un deficiente
oddio che bello meno male che c' lui (al)
Traves cosa farei senza di te
che m'impali sul parquet
che mi sfondi nel bid
Traves fammi il culo in 1000 pezzi
spaccami le chiappe coi tuoi attrezzi
sfondami il bucio cosa aspetti (non lo so)
Lo tengo nascosto sempre dentro al cassetto
poi quando mi va nel bucio me lo sbatto
che bello 40 cm. di analit
lo uso sempre senza vasellina
al limite ci metto un p di ovomaltina
e allora l'intestino esploder (ol)
(Rit)
Non passa piu` un giorno che non me lo metto
lo uso in cucina, in salotto sul tetto
se mi scopre mamma me se f
ogni volta che a casa rimango da solo
senza nessuna esitazione m'impalo
e allora urlo di felicit (ol)
(Rit)

Pajarulo
vorrei saper in mezzo a quelle chiappe
quante fave son passate ormai
e perch continui a zoppicare
ma tu non mi rispondi mai
vorrei sapere se ce sei o ce fai
vorrei sapere perch dai via il culo
ma l'altro buco invece proprio mai
ma tu mi guardi sorridente
e dici "fatti i cazzi tuoi
non lo vedi che sto a lavor
ma te ne voi and"
amore perch batti?! di me tu te sbatti
te conosco da d ore e s d ore che fotti
con la ralla affumicata
alla quinta inculata,
la formaggia ormai si spreca
ma andove sta la fica
ma tanto temo che che non lo sapr mai
se lei c' o non c'
se quando siamo soli scopo io
o me t'enculi te
se quando siamo al dunque scopro
che ce l'hai pi lungo te
Vorrei sapere quelle tue labbrone
se ce sei nata o sono al silicone,
vorrei sapere come cazzo fai
a trombare come un caprone
se quelle due tettone sfatte
s tue o s rifatte
vorrei sapere quello strano bozzo
che cii davanti se davvero un cazzo
se stata tutta una coincidenza
o sei davvero senza
e i tarzanelli ormai
s tutti sparmati
ormai per ho scoperto tutta la verit
ti sei tolta le mutande
ce potevo anche rest
per adesso son felice
e ti spiego anche perch
Pajarulo... son pi frocio io di te
Pajarulo... il pi frocio sono me

Una figa promessa


siamo i ragazzi di oggi con la mano ormai stanca
siamo arrapati neri perch la figa manca
la fame ci fa impazzire, ci tiriamo due seghe al giorno
davanti al televisore o con un giornaletto porno
sto a rosic (x2) che devo fa (x2)
siamo ragazzi di oggi ci spariamo una pippa ogni ora
e sul pisello cos c venuta limpugnatura
e stiamo sempre in un angolo con le ceppe barzotte
ma non abbiamo una lira per andarcene a mignotte
finch qualcosa cambier, finch qualcuna ci dar
una Figa promessa, un buco pi bello
e l'uccello felice sar
non ci lamenteremo, perch chiaveremo
e la mano si riposer
siamo i ragazzi di oggi cresciuti col cazzo in mano
che aspettiamo con ansia un buco assai lontano
con le faccie sudate e le palle ormai consumate
preghiamo il nostro messia che qualcuna ce la dia
e prima o poi arriver qualcuna che ci regaler
(Rit.)

Fotturion
pi mi guardo intorno e pi mi rendo conto...
ci stiamo pervertendo, siamo sempre pi zozzoni
un tempo solo seghe mo ci facciamo anche i rasponi
Playboy, Playman, Le Ore, Moana Pozzi e Cicciolina
ci trombiamo zie e nonne e perch no la filippina
Fotturion, la nuova generazione
fatta di mignotte e pervertiti, e di qualche bel frocione
l'invasione porno ormai proprio cominciata
ci troviamo tette e culi pure dentro l'insalata
non c' tregua non c' scampo, cazzi e fighe a tutto campo
non c' modo di scappare dal cazzone nucleare
(Rit.)
alla radio e in TV si parla solo di inculate
e se vai a vedere un film ti becchi un mucchio di trombate
ma che cosa devo fare io che sono un bacchettone
devo andare a suicidarmi o devo fare anch'io il porcone?
(Rit.)

Tronco cionco
se cii voja, d'en gelato, un gelato speciale
vai di corsa dal barista e chiedi il gelato anale... lui ti dar
tronco cionco (x2) con la tua merda cipollata
tronco cionco (x2) cii la merenda assicurata
dentro c' un p di merda e un p di cancrena
e` farcito con due stronzi all'amarena
ci sta la panna anale, la vaniglia mestruale
su che aspetti lo devi assaggiare
ma dopo non vomitare
tronco cionco (x2) con la tua sbobba nocciolata
tronco cionco (x2) ma che incredibile cagata
e' ricoperto di zabaione nasale, e di pistacchio intestinale
ce so` le mosche secche d pedalini arrotolati
e `n p de caccoloni avariati
oddo quant' bono
tronco cionco (x2) con il tuo moccio vanigliato,
tronco cionco (x2) chi l'ha mangiato poi crepato (e te credo!)
tronco cionco (x2) con la tua nutella anale
tronco cionco (x2) cii mannato all'ospedale (al)

Senza una palla


mi rode una cifra il culo baby, e tu lo sai
perch lo hai fatto io non capisco, lady, t'ammazzerei
e adesso io son menomato
mortacci tua m'hai rovinato
cosa far... sono fottuto
per colpa tua adesso son rimasto
senza una palla, come cazzo far
senza una palla, io per sempre rester
senza una palla, ma che sfiga che ci
senza una palla, mejio mor
io mi fidavo ciecamente cazzo... che pirlone
quand'ho sentito quella fitta in basso
ar cazzo? no a un coglione
e tu eri l, che masticavi
ed io non capivo cosa facevi,
poi ho realizzato, e son svenuto
al mio risveglio poi mi son trovato
(Rit.)
ma quando poi io ti avr trovato
ti far sputare quello che hai ingoiato
ma tanto ormai me s abituato
e non ho pi paura di restare
senza una palla, anche meglio perch
senza una palla, so pi sverto a fa er bid
senza una palla, io sto proprio da dio
senza una palla, me gratto pi veloce io

Voci dall'oltrechiavica
mamma e pap ti dicono fai il bravo
se fumi te meno, se bevi te sdrumo
prima di dormire d una preghiera
e la Domenica a messa e non uscire la sera
non dire parolacce o all'inferno andrai|
non farti le pippe che peccato lo sai
e tagliati i capelli che sembri un drogato
non far questo fai quello devi dire cos
ma che cazzo state a d
questo e bene questo male perch
c' gi qualcuno che decide x te
ma se liberarti adesso tu vuoi
segui la chiavica e felice sarai
ascolta le voci dall'oltrechiavica
(adesso puoi, adesso dovrai)
ascolta il messaggio dello schifo universale
comincia a fare l'animale
Il ppa dice non usate i preservativi
e tu l'aids a momenti beccavi
devi esser come quello perch meglio di te
prendi esempio da lui prendi esempio da me
se cii i capelli corti sei un bravo ragazzo
se ce l'hai invece lunghi sei una testa di cazzo
se vuoi esser accettato in questa societ
non devi esser te stesso senn passi x fesso
ti dovrai sempre atteggiar
solo noi ci andiamo in mezzo lo sai
mentre il peggio invece non muore mai
come sei dentro che je ne p freg
ma se ti vesti armani hip hip hurr
ascolta le voci dall'oltrechiavica
(adesso puoi, adesso dovrai)
ascolta le voci dell'analit
(ascolta i PROPHILAX)
ascolta le voci dall'oltrechiavica
(se adesso vuoi, sarai uno di noi)
ascolta il rutto che dice libert
pisciamo su questa societ
chi dice che deve andar sempre cos
ma chi le ha scritte queste regole qui
non giudicarmi cosa cazzo na sai
superficiale fatti i cazzacci tuoi
(rit.)

Alice nel paese dei cazzi


c`hai 15 anni e scopi come na jena
chiavi in balcone e pure sull'altalena
lo pigli in culo anche quando dormi, ma come fai?
ormai lo prendi in quantit industriali
e se non chiavi per un giorno t'ammali
senza nerchia tu non vivi proprio pi
l'aiddiesse te fa proprio na sega
basta che trombi a te che cazzo te frega
ti sei scopata anche babbo natale e Peter Pan (e Marino Sumo)
tra un raspone una sega e una pompa
quel pro culo tra un p te se smonta
e se ti becca tuo padre t'ingroppi pure lui
Alice nel paese dei cazzi (x2)
in culo lo prendi anche da quelli piu` orendi
chiunque arriva te lo trombi ma come te va!
Alice nel paese dei cazzi (x2)
a tutti la d ma chi se la sfonder
con lo scolo e la sifilide si ritrover
a sqla sempre durante le lezioni
in fondo all'aula succhia due piselloni
tanto il preside se l' strombato da quel d
quando va al bagno lei si tromba i bidelli
a ricreazione prende anche due piselli
e poi a casa col trattore anale lei giocher
la fica ormai ce l'ha ridotta una fogna
un culo nuovo lei se lo sogna
con le ovaie ormai ci gioca a ping pong (o a pong ping)
e dice sempre che la sua una missione
trombarsi tutti quanti anche un bel caprone
Dora una sua grande amica, chiss perch?!
Alice nel paese dei cazzi (x2)
col culo a brandelli succhia ancora piselli
l'aiddiesse je rimbalza e per sempre vivra'
Alice nel paese dei cazzi (x2)
tra una nerchia e una trave, tra una ceppa e due fave
con Gaetana, Abdula e Dora sempre salter
Alice nel paese dei cazzi (x2)
il culo ormai andato, l'intestino crepato
e con l'utero a freesby ormai giocare tu puoi
Alice nel paese dei cazzi (x2)
ormai stai alla frutta ti hanno sfondata tutta
ancora un paio di ceppe e poi morire potrai

Questo piccolo grande bucio


quel faccione da mignotta
l'avrei riconosciuto
in mezzo a mille zoccole
co quer culo de ricotta
che ha preso piu' cazzi lui
de quello de Sandra Milo
e grosse mazze nel culo
anche quella di un mulo
e poi una pompa in balcone
un par di seghe, un raspone
e gi chiavate a valanga
fra le chiappe una spranga
e tu eri tutta sudata...
dio mio che trombata
sei mezza azzoppata
come mai non sei ancora schioppata?
e lei... lei mi guardava sorridendo
e s'infilava in culo un'altra trave di cemento
e intanto mi faceva un bel pompone
e io nun m'ero accorto
che me se stava a squaja' 'n cojone
perch lei, lei era un
piccolo grande bucio
solo un piccolo grande bucio
da sfondare tutti i giorni senza piet
quando lo vedo brucio
quel suo piccolo grande bucio
adesso che arrivato anche Lucio
adesso che anche Carlo e' venuto
adesso che...
te se sfonnamo tutti e tre
quelle tette adipose
madonna mia che schifo non me ce f pens
quelle pompe clamorose
che me faceva pure
quando stavo al cesso a cac (PLOF)!!!
e masticare tre cazzi
e' una cosa da pazzi
un'altro po' e t'ammazzi
ma tu mi dici "STICAZZI"!
e allora t'infilo di dietro
una spranga di un metro
il grosso cazzo di un negro
una mazza di vetro
la ceppa di Pietro
il ramo di un cedro
non puoi tirarti piu' indietro
e lei, piu' arrapata di un caimano
c'aveva sei pinne in bocca
due ner naso e una in mano
(e pure tre nell'ano)
e ormai, ormai c'aveva l'aiddiesse
ma come avra' mai fatto a piasselo?
no! non po' esse
perch lei, lei era
un piccolo grande bucio
solo un piccolo grande bucio
da sfondare a picconate senza pag!
ma ormai s'e' presa l'aiddiesse
sta gran baldracca (come po' da esse?)
ma chi se ne frega
m me tiro 'na sega
insieme a Lucio
e poi dopo me brucio
perch lei era...
era un piccolo grande bucio!