Sei sulla pagina 1di 7

Analisi II - Elettronici 2017/18

c Politecnico di Torino - P.Boieri

Calcolo differenziale per funzioni di piu variabili - Parte prima

Lo spazio Rn
Curve in Rn
Topologia di Rn
Funzioni scalari di piu variabili
Continuita e limiti
Funzioni da Rn in Rm

1 - Lo spazio Rn

Vettori di Rn
Il prodotto scalare e la norma
Punti e vettori

1
Analisi II - Elettronici 2017/18
c Politecnico di Torino - P.Boieri

Vettori di Rn (1/2)

Una n-upla ordinata di numeri reali (x1, x2, . . . , xn) e un vettore


Per indicare un vettore utilizziamo il grassetto (x) oppure una freccia (~
x)
Le componenti del vettore sono scritte in riga

x = (x1, x2, . . . , xn)

oppure in colonna

x1
x2
x=
...

xn

2
Analisi II - Elettronici 2017/18
c Politecnico di Torino - P.Boieri

Vettori di Rn (2/2)
Linsieme dei vettori (x1, x2, . . . , xn), dotato delle operazioni di somma e di moltiplicazione
per un numero reale, costituisce lo spazio vettoriale Rn
I vettori e1 = (1, 0, . . . , 0), e2 = (0, 1, . . . , 0), en = (0, 0, . . . , 1) costuiscono la
base canonica di Rn
In R2 si usa la notazione i e j invece di e1 ed e2
In R3 si usa la notazione i, j e k invece di e1, e2 ed e3

3
Analisi II - Elettronici 2017/18
c Politecnico di Torino - P.Boieri

Il prodotto scalare e la norma (1/2)


Definizione 1. Dati due vettori x = (x1, x2, . . . , xn) e y = (y1, y2, . . . , yn) di Rn si
definisce prodotto scalare di x e y il numero reale

n
X
x y = x1y1 + x2y2 + . . . + xnyn = xiyi
i=1

Se x y = 0 i vettori x e y sono ortogonali.

4
Analisi II - Elettronici 2017/18
c Politecnico di Torino - P.Boieri

Il prodotto scalare e la norma (2/2)


Definizione 2. La norma euclidea di un vettore x = (x1, x2, . . . , xn) Rn e il numero reale
non negativo
q
kxk = xx= x21 + x22 + . . . + x2n

Un vettore di norma unitaria e chiamato versore

Il prodotto scalare di due vettori della base canonica e



1 se i = j
ei ej = ij =
0 se i 6= j

I vettori della base canonica sono ortonormali.

5
Analisi II - Elettronici 2017/18
c Politecnico di Torino - P.Boieri

Vettori e punti (1/2)


Definizione 3. La distanza di un punto P di coordinate x dallorigine e
q
d(P, O) = kxk = x21 + x22 + . . . x2n .

Definizione 4. La distanza di due punti P e Q di coordinate x e y e


q
d(P, Q) = kx yk = (x1 y1)2 + (x2 y2)2 + . . . (xn yn)2 .

6
Analisi II - Elettronici 2017/18
c Politecnico di Torino - P.Boieri

Vettori e punti (2/2)


Vettore x = (x1, x2, . . . , xn) = Punto P di coordinate (x1, x2, . . . , xn)

Norma di x = Distanza di P da O

Vettore y = (y1, y2, . . . , yn) = Punto Q di coordinate (y1, y2, . . . , yn)

Vettore y x = Vettore che congiunge Q e P ; infatti (y x) + x = y

Norma di x y = Distanza di P da Q

Fissato r > 0 linsieme dei punti {x : kxk = r} e:

in R2 la circonferenza centrata nellorigine e raggio r


in R3 la sfera (superficie sferica) centrata nellorigine e raggio r

Fissati x0 Rn e r > 0 linsieme dei punti {y : kx0 yk = r} e:

in R2 la circonferenza centrata in x0 lorigine e raggio r


in R3 la sfera (superficie sferica) centrata in x0 e raggio r